Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF ARRAS AND OTHERS v. ITALY

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, 06, P1-1

NUMERO: 17972/07/2012
STATO: Italia
DATA: 14/02/2012
ORGANO: Sezione Seconda


TESTO ORIGINALE


Conclusion Remainder inadmissible ; Violation of Art. 6-1; Pecuniary and non-pecuniary damage - award
SECOND SECTION
CASE OF ARRAS AND OTHERS v. ITALY
(Application no. 17972/07)
JUDGMENT
STRASBOURG
14 February 2012
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.
In the case of Arras and Others v. Italy,
The European Court of Human Rights (Second Section), sitting as a Chamber composed of:
Françoise Tulkens, President,
Danutė Jočienė,
Dragoljub Popović,
Işıl Karakaş,
Guido Raimondi,
Paulo Pinto de Albuquerque,
Helen Keller, judges,
and Stanley Naismith, Section Registrar,
Having deliberated in private on 24 January 2012,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 17972/07) against the Italian Republic lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by four Italian nationals, OMISSIS(“the applicants”), on 20 April 2007.
2. The applicants were represented by OMISSIS lawyers practising in Naples. The Italian Government (“the Government”) were represented by Ms Ersiliagrazia Spatafora, Agent of the Government and Ms Paola Accardo, Co-Agent of the Government.
3. The applicants alleged that they had been subject to a legislative interference pending their proceedings which was in breach of their fair trial rights under Article 6.
4. On 3 January 2011 the application was communicated to the Government. It was also decided to rule on the admissibility and merits of the application at the same time (Article 29 § 1).
5. On unspecified dates, following the introduction of the application, OMISSIS passed away. By a letter of 21 October 2010, the Court was informed that their heirs OMISSIS wished to continue with the proceedings. For practical reasons, OMISSIS will continue to be referred to as the applicants in this judgment.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
6. The applicants were born in 1939, 1933, 1933 and 1925 respectively and lived in Italy.
A. Background of the case
7. The applicants are all pensioners (retired prior to 31 December 1990) and former employees of the Banco Di Napoli (a banking group which was originally a public entity and was later privatised).
8. Before their privatisation, the Banco di Napoli and the Banco di Sicilia were subject to exclusive welfare systems according to Articles 11 and 39 of Law no. 486 of 1985. Their employees benefited from a more favourable equalisation mechanism (meccanismo perequativo) than that available to persons registered with the general compulsory insurance (assicurazione generale obligatoria). In particular, the annual pension increase of their pensioners was calculated on the basis of the salary increases of working employees in equal grades of service (perequazione aziendale).
9. In 1990 the Amato reform provided for the privatisation of public banks such as the Banco di Napoli. It suppressed their exclusive pension regimes, replacing them by integrated ones. It provided for the registration of the Banco di Napoli employees with a new welfare management system which was part of the general obligatory insurance managed by the Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (“INPS”), an Italian welfare entity.
10. In 1992 a further partial pension reform took place.
11. In 1993 a number of former employees who had by then retired, entered into a dispute with the Banco di Napoli about the application of certain provisions. In particular, by means of a wide interpretation of section 9 of Law no. 503 of 1992 (hereinafter Law no. 503/92) and section 3 of Law no. 421 of 23 October 1992 (hereinafter Law no. 421/92) (see Relevant domestic law) the Banco di Napoli attempted to suppress the system of perequazione aziendale calculated on the basis of the salary increases of working employees in equal grades of service, also in respect of persons who were already retired, limiting the latter’s perequazione to an automatic one, namely a simple increase according to the cost of living (perequazione legale), which resulted in a less substantial pension.
12. The latter stand was taken notwithstanding that, according to the applicants, Law no. 218 of 30 July 1990 (Amato reform), particularly its section 3 paragraph 1 and 2, and section 3 of Law no. 421 of 23 October 1992 (see Relevant domestic law), limited this suppression solely to persons still employed and not persons already receiving a pension. Indeed persons still employed had been given the option of taking up other benefits as agreed by means of corporate collective bargaining.
B. General domestic proceedings on the matter
13. On an unspecified date a number of pensioners in the applicants’ position instituted civil proceedings contesting the actions of the Banco di Napoli, since as a consequence they were receiving lesser amounts than those they claimed to be entitled to. They highlighted that Laws nos. 503/92 and 421/92 safeguarded any more favourable treatment applicable to persons who had retired prior to 31 December 1990. Thus, they requested the court to find that they had a right to retain the system of perequazione aziendale as applied before the enactment of such laws, and to order the Banco di Napoli to pay the sums it had failed to pay them.
14. By a judgment of 31 October 1994 in Acocella and others v. Banco di Napoli, the domestic court upheld the claimants’ arguments, holding that they had a right to remain under the system of perequazione aziendale even following the entry into force of Law no. 503/92. The same was confirmed in a number of other judgments in various jurisdictions, including the Court of Cassation (for example, judgments nos. 1388/00 and 12912/00) and more specifically the Court of Cassation in its ultimate formation, namely, sitting as a full court (Sezione Unite). The latter in its judgment (no. 9024/01) of 3 July 2001 upheld the claimants’ argument on the basis of the interpretation of Law no. 503/92 and Laws nos. 497 and 449 of 1996 and 1997 respectively, which explicitly made reference to perequazione aziendale, confirming that it had not been abrogated by the 1992 laws. The impugned amendments applied solely to persons still employed and not to persons who had retired on or before 31 December 1990. In consequence, the contested right was legitimately due to the former Banco di Napoli employees who had retired by 31 December 1990, for the period between 1 January 1994 (date when a general suspension of pension adjustments ceased) to 26 July 1996 (date when a new suspension of such adjustments started in respect of the Banco di Napoli).
15. This interpretation continued to be followed uniformly by all the judges sitting in such cases.
C. The enactment of Law no. 243/04
16. Subsequently, various legislative amendments took place attempting to limit the application of the system of perequazione aziendale. These culminated in the enactment of section 1 paragraph 55 of Law no. 243/04, which interpreted the relevant law to the effect that retired employees of the Banco di Napoli could no longer benefit from the system of perequazione aziendale and made it effective retroactively, with effect from 1992.
17. In the meantime, section 59 paragraph 4 of Law no. 449 of 27 December 1997 (legge finanziaria of 1998) had definitively suppressed all systems of perequazione aziendale, as from 1 January 1998.
18. Thus, generally the system of pension adjustment according to perequazione aziendale had been recognised and remained in force from 1994 to December 1997 (just before the entry into force of the legge finanziaria of 1998) for other public banking entities that had previously applied a system of perequazione aziendale, except for the Banco di Napoli. In reality, this benefit had already been suspended in respect of the employees of the Banco di Napoli (and Banco di Sicilia) with effect from 26 July 1996 by means of the Salvabanco law. Thus, for the latter’s employees the system of perequazione aziendale would have applied only from 1 January 1994 to 26 July 1996.
D. The applicants’ domestic proceedings
19. In 1996 the applicants instituted proceedings on the lines of the proceedings mentioned above, namely they argued that Laws nos. 503/92 and 421/92 safeguarded any more favourable treatments applicable to persons who had retired prior to 31 December 1990. Thus, they requested the Naples Tribunal (Labour Section) to find that they had a right to retain the system of perequazione aziendale as applied before the enactment of such laws and to order the Banco di Napoli to pay the sums it had failed to pay them.
20. The applicants expected a favourable outcome in view of the then applicable case-law. Indeed, in accordance with the latter, by a judgment of 26 February 2001, the Naples Tribunal (Labour Section) found in favour of the applicants. It ordered the Banco di Napoli to pay the outstanding amounts with inflation increases and legal interest to run from 1 January 1994.
21. On appeal, by a judgment of 24 April 2004, the Naples Court of Appeal confirmed the first-instance judgment upholding the applicants’ right to be covered by the system of perequazione aziendale, however only for the period from 1 January 1994 (date when a general suspension of pension adjustments ceased) to 26 July 1996 (date when a new suspension of such adjustments started in respect of the Banco di Napoli).
22. The Banco di Napoli appealed.
23. By a judgment (no. 22701/06) of 19 September 2006 deposited in the relevant registry on 23 October 2006 the Court of Cassation reversed the lower courts’ judgments and found against the applicants, ordering the costs of the three court instances to be paid equally between the parties. The Court of Cassation upheld the ground of appeal that the Naples Court of Appeal could not have taken account of Law no. 243/04 - not yet in force at the time of its judgment - an interpretation law applicable retroactively, which was designed to resolve a conflict of interpretation which had been present in domestic case-law and which had ultimately been resolved by the Court of Cassation (Sezioni Unite). Indeed, Law no. 243/04 was enacted to resolve the matter as to whether Articles 9 and 11 of Law no. 503/92 applied only to employees still in service or also to retired pensioners, and provided that as from 1994 onwards a perequazione legale (increase according to the standard of living) had to apply to “all” pensioners, irrespective of their date of retirement.
24. The Court of Cassation rejected a claim of unconstitutionality in so far as this interpretative law had retroactive effects impinging on the principle of legal and judicial certainty. In this respect it referred to previous Constitutional Court judgments which held that the legislator could impose norms specifying the meaning of other norms in so far as the meaning was one of the options emanating from the original text and in conformity with the principle of rationality.
E. Constitutional Court judgment no. 362 of 2008, in analogous proceedings.
25. In 2007, in two different civil cases, the Court of Cassation referred the matter to the Constitutional Court considering that paragraph 55 of Law no. 243/04 raised issues of constitutionality on a number of grounds: i) recourse to norms of authentic interpretation would be unreasonable in such circumstances, it being disproportionate and counterproductive vis-à-vis the aim sought, namely the extinction of contentious proceedings; ii) the impugned law would make the determination of the parties interest dependent on an unconstitutional factor, namely the length of proceedings, and would constitute an inequality of treatment between persons whose proceedings have terminated and others whose proceedings were still pending; iii) the impugned law would unreasonably obliterate the role of the Court of Cassation.
26. By a judgment filed in the registry on 7 November 2008, the Constitutional Court upheld the legitimacy of Law no. 243/04. It considered that the impugned law was an interpretative norm to the provisions of law no. 503/92 which eradicated perequazione aziendale for all pensioners, irrespective of their date of retirement. Indeed, the interpretative nature of the norm was evident since it had confirmed one of the possible meanings of the original 1992 text, which had also been upheld in some jurisprudence. The impugned law had been reasonable because it aimed to achieve recognition of an equal and homogenous treatment of all pensioners under the current integrative regimes. Moreover, this law had not augmented contentious proceedings since it had rendered their outcome foreseeable. As to the other inconveniences mentioned by the Court of Cassation, it considered that these arose from a random number of circumstances and was not sufficient to consider the norm unconstitutional. It further considered that the legislator could enact interpretative laws, once they were based on one of the possible meanings of the original text even if there had been consistent jurisprudence about the matter, and this did not affect the role of the Court of Cassation.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
27. Law no. 218 of 30 July 1990, in so far as relevant, reads as follows:
Section 1
“Employees of public banks will remain subject to the provisions in force on the date of the entry into force of the present law, up to the renewal of the national collective bargaining contract applicable to the relevant category or up to the stipulation of a new additional corporate contract.
Section 2
The foregoing is without prejudice to the said employees’ acquired rights, effects of special laws or laws pertaining to the original nature of the relevant public entity.”
28. Sections 3 and 4 of Law no. 357 of 20 November 1990, in so far as relevant, read as follows:
Section 3
“(3) The pension rates to be paid by the special management system are subject to automatic equalisation of the compulsory general insurance.
(4) Those entitled to pensions or other insurances (in accordance with paragraph 1 ((registration with INPS of bank employees)) retain their right to the more favourable global welfare treatment as provided for by the obligatory invalidity, old-age and survivors’ insurance as provided in the following Article.
Section 4
(1) ... is made without prejudice to a more favourable global welfare payment as provided for by the compulsory invalidity, old age and survivors insurance ... which remains applicable.
(2) The difference between the global welfare payments mentioned in paragraph 1 (tempo per tempo determinato) and the pension, or rate of pension, to be covered by the special management system (according to paragraphs 2 and 3), as increased by automatic equalisation, is to be paid by the employer.”
29. Section 3 paragraph 1 of Law no. 421/92 delegated to the Government the enactment of the relevant law in accordance with the following principles, which in so far as relevant read as follows:
“(p) the principles and criteria mentioned above (...) apply to employees as mentioned in section 2 of Law no. 357/90 (persons in employment on 31 December 1990)”
30. Section 9 paragraphs 2 and 3, of Law no. 503/92, in so far as relevant, reads as follows:
“(2) Sections 2, 3, 8, 10, 11, 12, and 13 apply with respect to supplementary company regimes with which the employees as mentioned in section 2 of Law no. 357/90 (persons in employment on 31 December 1990) are registered.
(3) Variation to pension payments as a result of paragraph 2 weigh upon the global sum (in accordance with section 4 of Law no. 357/90) unless otherwise agreed through collective bargaining.”
31. Section 1 paragraph 55 of Law no. 243/04 (regarding pension norms in the sector of public welfare, in support of complementary welfare and stable occupation and for the reorganisation of welfare entities and compulsory assistance), in so far as relevant, reads as follows:
“In order to extinguish the contentious judicial litigation relative to payments corresponding to each category of pensioners already registered under equivalent welfare regimes, by means of a full recognition of an equal and homogenous payment to all pensioners registered with the supplementary regimes in force, section 3 (1) (p) of Law no. 421 of 23 October 1992 and Article 9 (2) of Legislative Decree no 503 of 30 December 1992, applies to the global payment received by the pensioners in accordance with Article 3 of Legislative Decree no. 357 of 20 November 1990. The relevant expense is to be borne by the obligatory general insurance.”
THE LAW
I. PRELIMINARY ISSUE
32. The Court notes at the outset that the first and third applicants died on unspecified dates after the lodging of their application, while the case was pending before the Court. Their heirs informed the Court that they wished to pursue the application lodged by them (see paragraph 5 above). Although the heirs of a deceased applicant cannot claim a general right for the examination of the application brought by the latter to be continued by the Court (see Scherer v. Switzerland, 25 March 1994, Series A no. 287), the Court has accepted on a number of occasions that close relatives of a deceased applicant are entitled to take his or her place (see Epiphaniou and Others v. Turkey, no. 19900/92, § 18, 22 September 2009 and Taylan and Others v. Turkey, nos. 9209/04, 40056/04 and 22412/05, 14 September 2010).
33. For the purposes of the instant case, the Court is prepared to accept that the heirs of the first and third applicants can pursue the application initially brought by Mr Arras and Mr Dessi.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 OF THE CONVENTION
34. The applicants complained that Law no. 243/04 as interpreted by the Court of Cassation on 23 October 2006, constituted a legislative interference with pending proceedings which was in breach of their fair trial rights under Article 6 of the Convention, which reads as follows:
“In the determination of his civil rights and obligations ... everyone is entitled to a fair ... hearing ... by [a] ... tribunal ...”
35. The Government contested that argument.
A. Admissibility
36. The Court notes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. The parties’ submissions
37. The applicants submitted that the enactment of Article 1 paragraph 55 of Law no. 243/04 (which they considered a legal mess in its formulation and which had been furtively presented in parliament) appeared to interpret a 1992 norm, but in reality amended its content with retroactive effect after twelve years of its application. According to the applicants, its sole purpose was to thwart the consolidated interpretative orientation which had been adopted by the domestic courts (including the highest court – the Court of Cassation in its ultimate formation, sitting as a full court), namely that the relevant provisions of the 1992 law did not apply to persons who had retired by 13 December 1990. Following the enactment of Law no. 243/04 the domestic courts were bound to find against the applicants. Thus, the State had influenced the result of proceedings, defining their merit and rendering further hearings useless, violating the independence of the judiciary and interfering in the administration of justice. Indeed, the introduction of the 1997 law only confirmed that the 1992 law had not abolished harmonisation regarding long-standing pensioners. Otherwise there would have been no need to enact such law. Neither would there have been need to intervene again in 2004. The State had felt the need to introduce the 2004 legislation only because the courts had adopted a unanimous orientation in favour of the applicants and persons in their position. In this light, according to the applicants such a law could not have been foreseeable.
38. The applicants pointed out that there had been no general interest justifying the adoption of Law no. 243/04 which aimed to eliminate retroactively already acquired rights. They noted that the relevant expense in their cases was not borne by the INPS but by the Private Supplementary Fund which was derived from paid up contributions from the employers. Thus, the general public had not benefited in any way, it was solely the two private banks which had benefited since they were able to recover or save the sums which the domestic judges had deemed to be due to pensioners such as the applicants. Moreover, this law only affected pensioners from the two mentioned banks and thus was consciously directed to affect these specific disputes. It therefore had nothing to do with a general pension reform, namely the harmonisation following Law no. 449/97, and in fact the applicants were not contesting the effects of that law.
39. The Government submitted that there had not been a violation of Article 6. Indeed, the Naples Court of Appeal had found in the applicants’ favour, attributing to them the right to perequazione aziendale for the relevant period. While it was true that the Court of Cassation had reversed this decision on appeal, this had been done upon consideration that the laws that had allowed perequazione aziendale had been changed in 1992 by means of laws that aimed to limit public expenditure and to eliminate once and for all this type of perequazione in order to rationalise the novel social security system following the privatisation of banking entities. Moreover, it had been necessary to align national jurisprudence on the matter which had been conflicting. In particular, the State felt bound to satisfy the aim of having a homogenous pension system.
40. The Government submitted that most western states had needed to reform their pension systems which had become unsustainable. Law no. 243/04, together with other laws, had not been aimed at influencing judges’ determination of pending litigation, but had been part of a general reform of national relevance. Thus, the Court of Cassation had changed its view following legislative reforms approved by Parliament which, being an expression of the people, had the right and the duty to promote the reforms it considered necessary.
41. The Government considered that if such reforms had to be contrary to the Convention, then the States would never be able to undertake any reforms. In the present case, the aim of such a law was to abolish a system which had favoured some over others. It was therefore for the Court to determine whether the circumstances of the case had given rise to a violation, bearing in mind the margin of appreciation of the State.
2. The Court’s assessment
42. The Court has repeatedly ruled that although the legislature is not prevented from regulating, through new retrospective provisions, rights derived from the laws in force, the principle of the rule of law and the notion of a fair trial enshrined in Article 6 preclude, except for compelling public-interest reasons, interference by the legislature with the administration of justice designed to influence the judicial determination of a dispute (see, among many other authorities, Stran Greek Refineries and Stratis Andreadis v. Greece, 9 December 1994, § 49, Series A no. 301-B; National & Provincial Building Society, Leeds Permanent Building Society and Yorkshire Building Society v. the United Kingdom, 23 October 1997, § 112, Reports 1997-VII; and Zielinski and Pradal and Gonzalez and Others v. France [GC], nos. 24846/94 and 34165/96 to 34173/96, § 57, ECHR 1999-VII). Although statutory pension regulations are liable to change and a judicial decision cannot be relied on as a guarantee against such changes in the future (see Sukhobokov v. Russia, no. 75470/01, § 26, 13 April 2006), even if such changes are to the disadvantage of certain welfare recipients, the State cannot interfere with the process of adjudication in an arbitrary manner (see, mutatis mutandis, Bulgakova v. Russia, no. 69524/01, § 42, 18 January 2007).
43. While it is true that in the present case, unlike in other cases of legislative interference before the Court (see, for example, Stran Greek Refineries, cited above) the State was not a party to the proceedings, this does not preclude an assessment on the circumstances of the case (see, for example, Vezon v. France, no. 66018/01, 18 April 2006, and Ducret v. France, no. 40191/02, 12 June 2007).
44. The problem raised in the instant case is fundamentally that of a fair trial, and in the Court’s opinion, the State’s responsibility is engaged both in its legislative capacity, if it vitiates the trial or affects the judicial outcome of the dispute, and in its capacity as a judicial authority where the right to a fair trial is violated, including in private law cases between private individuals (see Vezon, cited above § 30, and Ducret, cited above, § 34).
45. The Court reiterates that as regards disputes concerning civil rights and obligations, the Court has laid down in its case-law the requirement of equality of arms in the sense of a fair balance between the parties. In litigation involving opposing private interests, that equality implies that each party must be afforded a reasonable opportunity to present his case under conditions that do not place him at a substantial disadvantage vis-à-vis his opponent (see, Stran Greek Refineries, cited above, § 44 and Forrer-Niedenthal v. Germany, no. 47316/99, § 65, 20 February 2003).
46. In the instant case, the Court notes that Law no. 243/04 did not concern decisions that had become final and it settled once and for all the terms of the disputes pending before the ordinary courts retrospectively. Thus, its enactment in reality determined the substance of the disputes and the application of it by the various ordinary courts made it pointless for an entire group of individuals in the applicants’ position to carry on with the litigation.
47. In these circumstances the Court considers that there cannot be said to have been equality of arms between the two private parties as the State found in favour of one of the parties when it enacted the impugned legislation.
48. The Court further reiterates that only compelling general interest reasons could be capable of justifying interference by the legislature. Respect for the rule of law and the notion of a fair trial require that any reasons adduced to justify such measures be treated with the greatest possible degree of circumspection (see Stran Greek Refineries, cited above, § 49).
49. The Court notes that the domestic courts had consistently applied jurisprudence in favour of the applicants, and this was confirmed also by the Court of Cassation in its highest formation, therefore it cannot be said that there had been diverging jurisprudence as claimed by the Government. As to their argument that the law had been necessary to achieve a homogenous pension system, in particular by abolishing a system which favoured some over others, while the Court accepts this to be a reason of some general interest, it is not persuaded that it was compelling enough to overcome the dangers inherent in the use of retrospective legislation, which has the effect of influencing the judicial determination of a pending dispute. The Government have submitted no other arguments capable of justifying such an intervention in favour of the Banco di Napoli.
50. In conclusion, bearing in mind the above, there was no compelling general interest reason capable of justifying the legislative interference which applied retroactively and determined the outcome of the pending proceedings between private individuals.
51. There has therefore been a violation of Article 6 § 1.
III. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 14 OF THE CONVENTION
52. The applicants complained that the legislative changes were discriminatory in different ways. They relied on Article 14 of the Convention, which in so far as relevant reads as follows:
“The enjoyment of the rights and freedoms set forth in [the] Convention shall be secured without discrimination on any ground such as sex, race, colour, language, religion, political or other opinion, national or social origin, association with a national minority, property, birth or other status.”
53. The Court notes that Article 6 is applicable to the present case and this suffices to hold that Article 14 is also applicable.
54. The Court reiterates that a difference of treatment is discriminatory if it has no objective and reasonable justification, in other words, if it does not pursue a legitimate aim or if there is not a reasonable relationship of proportionality between the means employed and the aim sought to be realised. The Contracting State enjoys a margin of appreciation in assessing whether and to what extent differences in otherwise similar situations justify a different treatment. The scope of this margin will vary according to the circumstances, the subject-matter and the background (see Stec and Others, [GC], nos. 65731/01 and 65900/01, § 51, ECHR 2006-VI).
A. Vis-à-vis persons still employed
55. The applicants submitted that the changes treated persons in different situations in the same way. Indeed, the applicants had by then already reached pensionable age and unlike persons still employed, they could not receive any benefits which according to the reform could be acquired during working life, such as incentives in terms of contributions and taxation to stipulate a supplementary pension and to set up individual pension schemes, together with strengthening their retirement position through collective agreements. The impugned legislative changes affecting persons who were then 85 years of age had the sole intention of affecting specified subjects to the advantage of the two above-mentioned banks just before they were to be taken over by a powerful banking group with exceptional influence.
56. The Government submitted that the retention of perequazione aziendale to the benefit of the applicants, in the context of a general pension reform, would have been in contradiction with the principle of equality of treatment of all pensioners. Thus, the reform had only aimed to remove an added benefit which had only been applicable to the applicants and not to other pensioners.
57. The Court notes that discrimination may arise where States without an objective and reasonable justification fail to treat differently persons whose situations are significantly different (see Thlimmenos v. Greece [GC], no. 34369/97, § 44, ECHR 2000-IV). However, the Contracting State enjoys a margin of appreciation in assessing whether and to what extent differences in otherwise similar situations justify different treatment (see Van Raalte v. the Netherlands, 21 February 1997, § 39, Reports of Judgments and Decisions 1997-I). The scope of this margin will vary according to the circumstances, the subject matter and the background (see Petrovic v. Austria, 27 March 1998, § 38, Reports 1998-II).
58. While it is true that the applicants pertained to a group of persons who had already retired and who therefore could not make up their reduction in pension (as a consequence of Law no. 243/04) by means of other benefits which other persons still employed could obtain throughout their working life, the Court notes that the aim of Law no. 243/04 was to achieve an equality of treatment of all pensioners, current and future. Moreover, the Court notes that a wide margin is usually allowed to the States under the Convention when it comes to general measures of economic or social strategy (see, for example, James and Others v. the United Kingdom, 21 February 1986, § 46, Series A no. 98). It follows that, even if the principle derived from Thlimmenos were applied to the applicants’ situation, there is, in the Court’s view, objective and reasonable justification for not distinguishing in law between persons who had already begun to receive a pension and others who were still working.
59. Thus, this part of the complaint must be rejected as being manifestly ill-founded pursuant to Article 35 §§ 3 and 4 of the Convention.
B. Vis-à-vis other pensioners who had been working for other former public banks
60. The applicants claimed that they had been discriminated against vis-à-vis other pensioners who had been working for other former public banks, as certain favourable legal provisions had been made to the exclusion of the former employees of the Banco di Napoli (the Salvabanco law).
61. The Court reiterates that in order for an issue to arise under Article 14 there must be a difference in the treatment of persons in analogous or relevantly similar situations (see D.H. and Others v. the Czech Republic [GC], no. 57325/00, § 175, ECHR 2007, and Burden v. the United Kingdom [GC], no. 13378/05, § 60, ECHR 2008).
62. The Court notes that under this complaint, the difference complained of appears to relate to the fact that while employees of the Banco di Napoli were originally entitled to (but eventually denied) perequazione aziendale from 1 January 1994 to 26 July 1996 as a consequence of the Salvabanco Law, other former employees of other public banking entities were originally, and remained, entitled to this benefit from 1 January 1994 to December 1997.
63. Both in so far as the complaint relates to the fact that the legislative interference caused the applicants - as Banco di Napoli employees - to receive a different treatment from that of other employees of public banking entities in general, to whom the relevant laws did not apply, and in so far as it relates to the duration of this entitlement, the Court notes that because of their history in the Italian system the employees of the Banco di Napoli (and the Banco di Sicilia) cannot be considered to be in an analogous position to that of employees of other public banking entities.
64. It follows, that this part of the complaint must be rejected as being manifestly ill-founded pursuant to Article 35 §§ 3 and 4 of the Convention.
C. Vis-à-vis other pensioners whose domestic proceedings had terminated
65. The applicants alleged that a further discrimination had arisen, between pensioners of the Banco di Napoli whose domestic proceedings had terminated before the change of case-law, and those who were still pursuing proceedings.
66. See paragraph 54 above in respect of the Government’s submissions. Moreover, the Government made reference to the court’s findings in Maggio and Others v. Italy (nos. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 and 56001/08, 31 May 2011) which concerned similar circumstances.
67. The Court has previously held that the choice of a cut-off date when transforming social security regimes must be considered as falling within the wide margin of appreciation afforded to a State when reforming its social strategy policy (see Twizell v. the United Kingdom, no. 25379/02, § 24, 20 May 2008). However, what needs to be considered is whether in the instant case the impugned cut-off date arising out of the application of Law no. 243/04 can be deemed reasonably and objectively justified.
68. While in the present case, the justification is not as strong as that in the Maggio case invoked by the Government, the Court is ready to accept that Law no. 243/04 was intended to level out any favourable treatment arising from the previous application of the provisions in force, which had guaranteed to persons in the applicants’ position a higher adjustment, namely a perequazione aziendale as opposed to legale. The Court reiterates that in creating a scheme of benefits it is sometimes necessary to use cut-off points that apply to large groups of people and which may to a certain extent appear arbitrary (see Twizell, cited above, § 24). While it is true that in the present case the impugned legislation affected a smaller number of people, mainly octogenarians who were previously employed by the Banco di Napoli and whose proceedings were still pending, the Court considers that, particularly bearing in mind the wide margin of appreciation afforded to States in this sphere, the impugned cut-off date can be deemed reasonably and objectively justified.
69. The fact that the impugned cut-off date arose out of legislation enacted pending the applicants’ proceedings does not alter the above conclusion for the purposes of the examination under Article 14.
70. It follows that, this part of the complaint must be rejected as being manifestly ill-founded pursuant to Article 35 §§ 3 and 4 of the Convention.
III. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1 TO THE CONVENTION
71. The applicants further complained that such a measure constituted an arbitrary interference with their possessions. They relied on Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, which in so far as relevant reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
72. The Government contested that argument.
A. The parties’ submissions
73. The applicants submitted that the retroactive legislation constituted a retroactive expropriation of their possessions, namely acquired rights which had matured thirteen years earlier. It compared the situation with the case of Agrati and Others v. Italy, nos. 43549/08, 6107/09 and 5087/09, 7 June 2011), save that in the present case there had been no public interest.
74. The Government submitted that applying a system of perequazione legale as opposed to aziendale could not constitute an illegitimate interference with property under Article 1 of Protocol No. 1 since the provision allowed States to enforce such laws as deemed necessary to control the use of property in accordance with the general interest. Indeed, according to the Court’s case-law, even assuming that Article 1 of Protocol No. 1 guarantees benefits to persons who have contributed to a social insurance system, it cannot be interpreted as entitling that person to a pension of a particular amount (Kjartan Ásmundsson v. Iceland, no. 60669/00, § 39, ECHR 2004-IX). Moreover, the Government noted that the applicants’ salaries were still subject to adjustment according to the cost of living, thus safeguarding their purchasing power. They further submitted that the aim of the law was to harmonise the pension system, by treating equally all pensioners, and abolishing a distinction between those who had retired before 31 December 1990 and those who retired later. Moreover, the burden imposed on the applicants had been limited and proportionate. The Government made reference to the Court’s case-law on this matter, particularly the case of Maggio and Others v. Italy (nos. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 and 56001/08, 31 May 2011).
B. The Court’s assessment
1. General Principles
75. The Court reiterates that, according to its case-law, an applicant can allege a violation of Article 1 of Protocol No. 1 only in so far as the impugned decisions relate to his “possessions” within the meaning of that provision. “Possessions” can be “existing possessions” or assets, including, in certain well-defined situations, claims. For a claim to be capable of being considered an “asset” falling within the scope of Article 1 of Protocol No. 1, the claimant must establish that it has a sufficient basis in national law, for example where there is settled case-law of the domestic courts confirming it. Where that has been done, the concept of “legitimate expectation” can come into play (see Maurice v. France [GC], no. 11810/03, § 63, ECHR 2005-IX).
76. Article 1 of Protocol No. 1 does not guarantee as such any right to become the owner of property (see Van der Mussele v. Belgium, 23 November 1983, § 48, Series A no. 70; Slivenko v. Latvia (dec.) [GC], no. 48321/99, § 121, ECHR 2002-II; and Kopecký v. Slovakia [GC], no. 44912/98, § 35 (b), ECHR 2004-IX). Nor does it guarantee, as such, any right to a pension of a particular amount (see, for example, Kjartan Ásmundsson v. Iceland, no. 60669/00, § 39, ECHR 2004-IX; Domalewski v. Poland (dec.), no. 34610/97, ECHR 1999-V; and Janković v. Croatia (dec.), no. 43440/98, ECHR 2000-X). However, a “claim” concerning a pension can constitute a “possession” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 where it has a sufficient basis in national law, for example where it is confirmed by a final court judgment (see Pravednaya v. Russia, no. 69529/01, §§ 37-39, 18 November 2004; and Bulgakova, cited above, § 31).
77. The Court reiterates that Article 1 of Protocol No. 1 comprises three distinct rules: “the first rule, set out in the first sentence of the first paragraph, is of a general nature and enunciates the principle of the peaceful enjoyment of property; the second rule, contained in the second sentence of the first paragraph, covers deprivation of possessions and subjects it to certain conditions; the third rule, stated in the second paragraph, recognises that the Contracting States are entitled, amongst other things, to control the use of property in accordance with the general interest. The three rules are not, however, “distinct” in the sense of being unconnected. The second and third rules are concerned with particular instances of interference with the right to peaceful enjoyment of property and should therefore be construed in the light of the general principle enunciated in the first rule” (see, among other authorities, James and Others v. the United Kingdom, 21 February 1986, § 37, Series A no. 98; Iatridis v. Greece [GC], no. 31107/96, § 55, ECHR 1999-II; and Beyeler v. Italy [GC], no. 33202/96, § 98, ECHR 2000-I).
78. An essential condition for interference to be deemed compatible with Article 1 of Protocol No. 1 is that it should be lawful. Moreover, any interference by a public authority with the peaceful enjoyment of possessions can only be justified if it serves a legitimate public (or general) interest. Because of their direct knowledge of their society and its needs, the national authorities are in principle better placed than the international judge to decide what is “in the public interest”. Under the system of protection established by the Convention, it is thus for the national authorities to make the initial assessment as to the existence of a problem of public concern warranting measures interfering with the peaceful enjoyment of possessions (see Terazzi S.r.l. v. Italy, no. 27265/95, § 85, 17 October 2002, and Wieczorek v. Poland, no. 18176/05, § 59, 8 December 2009). Article 1 of Protocol No. 1 also requires that any interference be reasonably proportionate to the aim sought to be realised (see Jahn and Others v. Germany [GC], nos. 46720/99, 72203/01 and 72552/01, §§ 81-94, ECHR 2005-VI). The requisite fair balance will not be struck where the person concerned bears an individual and excessive burden (see Sporrong and Lönnroth v. Sweden, 23 September 1982, §§ 69-74, Series A no. 52).
79. Where the amount of a benefit is reduced or discontinued, this may constitute interference with possessions which requires to be justified (see Kjartan Ásmundsson, cited above, § 40, and Rasmussen v. Poland, no. 38886/05, § 71, 28 April 2009).
2. Application to the present case
80. The Court firstly notes that the present case deals with pension adjustments and not salaries arising out of a contractual relationship as in the case of Agrati and Others cited by the applicants. However, the Court does not consider it necessary to decide whether the applicants had a possession within the meaning of Protocol No. 1, as in any event it considers that there has been no breach of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention for the following reasons.
81. The Court has previously acknowledged that laws with retrospective effect which were found to constitute legislative interference still conformed with the lawfulness requirement of Article 1 of Protocol No. 1 (see, for example, Maggio and Others v. Italy, nos. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 and 56001/08, § 60, 31 May 2011). It finds no reason to deem otherwise in the present case. Reiterating that, because of their direct knowledge of their society and its needs, the national authorities are in principle better placed than the international judge to decide what is “in the public interest”, the Court accepts that the enactment of Law no. 243/04 pursued the public interest (harmonising the pension system by treating equally all pensioners).
82. In considering whether the interference imposed an excessive individual burden on the applicants, the Court has regard to the particular context in which the issue arises in the present case, namely that of a social security scheme. Such schemes are an expression of a society’s solidarity with its vulnerable members (see, mutatis mutandis, Goudswaard-Van der Lans v. the Netherlands (dec.), no. 75255/01, ECHR 2005-XI). Nevertheless, the Court notes that Law no. 243/04 did not affect the applicants’ basic pension, and according to the laws in force their pension was still to be augmented over the years according to a perequazione legale. Accordingly, the applicants only lost the more favourable augmentation according to a perequazione aziendale. Thus, the Court considers that the applicants were obliged to endure a reasonable and commensurate reduction, rather than the total deprivation of their entitlements (see, conversely, Kjartan Ásmundsson, cited above § 45).
83. In consequence, the measure at issue did not result in the impairment of the essence of the applicants’ pension rights. Moreover, this reduction only had the effect of equalizing a state of affairs and avoiding unjustified advantages (resulting from the Banco di Napoli employees having previously had more favourable treatment) for the applicants and other persons in their position. Against this background, bearing in mind the State’s wide margin of appreciation in regulating the pension system and the fact that the applicants endured commensurate reductions, the Court considers that the applicants were not made to bear an individual and excessive burden.
84. It follows that, even assuming the provision is applicable, the complaint is manifestly ill-founded and must be rejected pursuant to Article 35 §§ 3 and 4 of the Convention.
IV. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
85. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
86. The applicants claimed the differential pay-out that they would have received had they not been subject to Law no. 243/04, up to 2010, together with a hypothetical calculation for the years to come according to official statistics on life expectancy and bearing in mind that pensions are transferred to the surviving spouse following death at the rate of 60% of the original pay-out. They therefore claimed the following sums: OMISSIS 31,395.14 euros (EUR), OMISSIS EUR 3,443.16, OMISSIS EUR 8,599.25 and OMISSIS EUR 174,822.19 in respect of pecuniary damage. The applicants also claimed non-pecuniary damage in an amount to be specified by the Court.
87. The Government have not submitted any comments in this respect.
88. The Court notes that in the present case an award of just satisfaction can only be based on the fact that the applicants did not have the benefit of the guarantees of Article 6 in respect of the fairness of the proceedings. Whilst the Court cannot speculate as to the outcome of the trial had the position been otherwise, it does not find it unreasonable to regard the applicants as having suffered a loss of real opportunities (see Zielinski, cited above, § 79 and SCM Scanner de l’Ouest Lyonnais and Others v. France, no. 12106/03, § 38, 21 June 2007). To that must be added non-pecuniary damage, which the finding of a violation in this judgment does not suffice to remedy. Making its assessment on an equitable basis as required by Article 41, the Court awards EUR 9,000 to OMISSIS, EUR 5,500 to OMISSIS, EUR 6,000 to OMISSIS and EUR 30,000 to OMISSIS for all heads of damage combined.
B. Costs and expenses
89. The applicants also claimed EUR 41,043.51 plus tax under this head, namely EUR 24,376.96 for the costs and expenses incurred before the domestic courts and EUR 16,666.55 for those incurred before the Court, plus all amounts due in taxes.
90. The Government made no comments in this respect.
91. According to the Court’s case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum. In the present case, regard being had to the documents in its possession and the above criteria, together with the fact that the domestic courts only attributed half of the costs to the applicants and that the Court only found a violation in respect of Article 6, considers it reasonable to award the sum of EUR 19,000 covering costs under all heads.
C. Default interest
92. The Court considers it appropriate that the default interest rate should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the complaint under Article 6 § 1 admissible and the remainder of the application inadmissible.
2. Holds that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention;
3. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicants, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts
(i) EUR 9,000 (nine thousand euros), plus any tax that may be chargeable, to the heirs of OMISSIS, jointly, in respect of pecuniary and non-pecuniary damage;
(ii) EUR 5,500 (five thousand five hundred euros), plus any tax that may be chargeable, to OMISSIS in respect of pecuniary and non-pecuniary damage;
(iii) EUR 6,000 (six thousand euros), plus any tax that may be chargeable, to the heirs of OMISSIS, jointly, in respect of pecuniary and non-pecuniary damage;
(iv) EUR 30,000 (thirty thousand euros), plus any tax that may be chargeable, to OMISSIS in respect of pecuniary and non-pecuniary damage;
(v) EUR 19,000 (nineteen thousand euros), plus any tax that may be chargeable to the applicants, jointly, in respect of costs and expenses;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amount at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
4. Dismisses the remainder of the applicants’ claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 14 February 2012, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Stanley Naismith Françoise Tulkens
Registrar President

TESTO TRADOTTO

Conclusione Resto inammissibile; Violazione dell’ Art. 6-1; danno patrimoniale e non-patrimoniale - assegnazione
SECONDA SEZIONE
CAUSA ARRAS ED ALTRI C. ITALIA
(Richiesta n. 17972/07)
SENTENZA
STRASBOURG
14 febbraio 2012
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.

Nella causa Arras ed Altri c. Italia,
La Corte europea di Diritti umani (Seconda Sezione), riunendosi che come una Camera, composta di:
Françoise Tulkens, Presidente
Danutė Jočienė,
Dragoljub Popović Işıl Karakaş,
Guido Raimondi Paulo il de di Pinto Albuquerque, Helen Keller, giudici, e Stanley Naismith, Sezione Cancelliere,
Avendo deliberato in privato 24 gennaio 2012,
Consegna la sentenza seguente sulla quale fu adottata quel la data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 17972/07) contro la Repubblica italiana depositata presso la Corte sotto Articolo 34 della Convenzione per la Protezione di Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da quattro cittadini italiani, i richiedenti di OMISSIS(“the”), 20 aprile 2007.
2. I richiedenti furono rappresentati con avvocati di OMISSIS che praticano a Napoli. Il Governo italiano (“il Governo”) fu rappresentato col Sig.ra Ersiliagrazia Spatafora, Agente del Governo ed il Sig.ra Paola Accardo, Co-agente del Governo.
3. I richiedenti addussero che loro erano stati soggetto ad un'interferenza legislativa pendente i loro procedimenti che erano in violazione dei loro diritti di processo equanime sotto Articolo 6.
4. 3 gennaio 2011 la richiesta fu comunicata al Governo. Fu deciso anche di decidere sull'ammissibilità e meriti della richiesta allo stesso tempo (l'Articolo 29 § 1).
5. Su date non specificate, a seguito dell'introduzione della richiesta, OMISSIS morì. Con una lettera di 21 ottobre 2010, la Corte fu informata, che i loro eredi OMISSIS desideravano continuare coi procedimenti. Per ragioni pratiche, OMISSIS continueranno ad essere assegnati a come i richiedenti in questa sentenza.
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
6. I richiedenti nacquero rispettivamente nel 1939, 1933 1933 e 1925 e vissero in Italia.
A. Background della causa
7. I richiedenti sono tutti i pensionati (pensionato prima di 31 dicembre 1990) ed impiegati precedenti del Banco Di Napoli (un gruppo bancario che era originalmente un'entità pubblica e fu privatizzato più tardi).
8. Prima la loro privatizzazione, il Banco di Napoli ed il Banco di Sicilia sia soggetto a sistemi di welfare esclusivi secondo Articoli 11 e 39 di Legge n. 486 di 1985. I loro impiegati trassero profitto da un meccanismo perequativo più favorevole (meccanismo perequativo) di quello disponibile a persone registrate con l'assicurazione obbligatoria generale (assicurazione generale obligatoria). In particolare, l'aumento di pensione annuale dei loro pensionati fu calcolato sulla base degli aumenti salariali di lavorare impiegati in gradi uguali di servizio (perequazione aziendale).
9. Nel 1990 la riforma di Amato previde per la privatizzazione di banche pubbliche come il Banco di Napoli. Soppresse i loro regimi di pensione esclusivi, mentre sostituendoli con uni integrati. Previde per la registrazione del Banco degli impiegati di Napoli con un sistema di gestione di welfare nuovo che era parte dell'assicurazione obbligatoria e generale maneggiato con l'Istituto il Nazionale diPrevidenza Sociale (“INPS”), un'entità di welfare italiana.
10. Nel 1992 un'ulteriore riforma di pensione parziale ebbe luogo.
11. Nel 1993 un numero di impiegati precedenti che avevano poi con pensionato, entrato in una controversia col Banco di Napoli della richiesta di certe disposizioni. In particolare, con vuole dire di un'interpretazione ampia di sezione 9 di Legge n. 503 di 1992 (in seguito la Legge n. 503/92) e sezione 3 di Legge n. 421 23 ottobre 1992 (in seguito la Legge n. 421/92) (vedere diritto nazionale Attinente) il Banco di che Napoli ha tentato di sopprimere il sistema di perequazione aziendale calcolato sulla base degli aumenti salariali di lavorare impiegati in gradi uguali di servizio, anche in riguardo di persone che già furono andate in pensione mentre limitando la perequazione seconda ad un automatico, vale a dire un semplice aumento secondo il costo di vivere (perequazione legale) che risultò in una pensione meno sostanziale.
12. Il posizione secondo fu mantenuto ciononostante che, secondo i richiedenti, Legge n. 218 30 luglio 1990 (Amato riforma), particolarmente la sua sezione 3 paragrafo 1 e 2, e sezione 3 di Legge n. 421 23 ottobre 1992 (vedere diritto nazionale Attinente), limitato questa soppressione solamente a persone ancora assunte e non persone che già ricevono una pensione. Effettivamente persone ancora assunte erano state date la scelta di prendere sugli altri benefici come concordata con vuole dire di mercanteggiamento collettivo e sociale.
B. procedimenti nazionali generali sulla questione
13. In una data non specificata un numero di pensionati nei richiedenti la posizione di ' avviò procedimenti civili che contestano le azioni del Banco di Napoli, poiché come una conseguenza loro stavano ricevendo minore importi che quelli loro dissero di essere concessi a. Loro accentuarono che Leggi N. 503/92 e 421/92 salvaguardarono qualsiasi trattamento più favorevole applicabile a persone che erano andate in pensione prima di 31 dicembre 1990. Così, loro richiesero la corte per trovare che loro avevano diritto a trattenere il sistema di perequazione aziendale siccome fatto domanda di fronte alla promulgazione di simile leggi, ed ordinare il Banco di Napoli per pagare le somme sé era andato a vuoto a pagarli.
14. Con una sentenza di 31 ottobre 1994 in Acocella ed altri c. il di di Banco Napoli, la corte nazionale sostenne i rivendicatori gli argomenti di ', mentre sostenendo che loro avevano diritto a rimanere sotto anche il sistema di perequazione aziendale seguente l'entrata in vigore di Legge n. 503/92. Lo stesso fu confermato in un numero di altre sentenze nelle varie giurisdizioni, incluso la Corte di Cassazione (per esempio, sentenze N. 1388/00 e 12912/00) e più specificamente la Corte di Cassazione nella sua ultima formazione, vale a dire che si riunisce come una piena corte (Sezione Unite). Il secondo nella sua sentenza (n. 9024/01) di 3 luglio 2001 sostenne i rivendicatori l'argomento di ' sulla base dell'interpretazione di Legge n. 503/92 e Leggi N. 497 e 449 di rispettivamente 1996 e 1997 che fecero esplicitamente riferimento a perequazione aziendale confermando che non era stato abrogato dalle 1992 leggi. Gli emendamenti contestati fecero domanda solamente ancora a persone assunte e non a persone su che erano andate in pensione o prima 31 dicembre 1990. In conseguenza, il diritto contestato legittimamente era a causa del Banco di precedente impiegati di Napoli che erano andati in pensione in 31 dicembre 1990, per il periodo fra 1 gennaio 1994 (la data quando una sospensione generale di rettifiche di pensione cessò) a 26 luglio 1996 (la data quando una sospensione nuova di simile rettifiche cominciò in riguardo del Banco di Napoli).
15. Questa interpretazione continuò ad essere seguita uniformemente con tutti i giudici che si riuniscono in simile cause.
C. La promulgazione della Legge n. 243/04
16. Successivamente, i vari emendamenti legislativi ebbero luogo che tenta di limitare la richiesta del sistema di perequazione aziendale. Questi terminarono nella promulgazione di sezione 1 paragrafo 55 di Legge n. 243/04 che interpretarono la legge attinente all'effetto che è andato in pensione impiegati del Banco di Napoli non potrebbero trarre profitto più dal sistema di perequazione aziendale e potrebbero farlo retroattivamente effettivo, con effetto da 1992.
17. Nel frattempo, sezione 59 paragrafo 4 di Legge n. 449 27 dicembre 1997 (legge finanziaria di 1998) aveva soppresso definitivamente tutti i sistemi di perequazione aziendale, come da 1 gennaio 1998.
18. Il sistema di rettifica di pensione secondo perequazione aziendale generalmente era stato riconosciuto così, ed era rimasto in vigore dal 1994 a dicembre 1997 (poco prima che l'entrata in vigore del legge finanziaria di 1998) per altre entità tecniche bancarie pubbliche che prima avevano fatto domanda un sistema di perequazione aziendale, a parte il Banco di Napoli. In realtà, questo beneficio già era stato sospeso in riguardo degli impiegati del Banco di Napoli (ed del Banco Sicilia) con effetto da 26 luglio 1996 tramite la legge Salvabanco. Per gli impiegati secondi il sistema di perequazione aziendale farebbe domanda solamente così, dal 1994 a 26 luglio 1996 di 1 gennaio.
D. I procedimenti nazionali dei richiedenti
19. Nel 1996 i richiedenti avviarono procedimenti sulle linee dei procedimenti menzionate sopra di, vale a dire loro dibatterono che Leggi N. 503/92 e 421/92 salvaguardarono qualsiasi trattamenti più favorevoli applicabile a persone che erano andate in pensione prima di 31 dicembre 1990. Così, loro richiesero il Tribunale di Napoli (Operi Sezione) trovare che loro avevano diritto a trattenere il sistema di perequazione aziendale siccome fatto domanda di fronte alla promulgazione di simile leggi ed ordinare il Banco di Napoli per pagare le somme sé stato andato a vuoto a pagarli.
20. I richiedenti si aspettarono una conseguenza favorevole in prospettiva del poi causa-legge applicabile. Effettivamente, nella conformità col secondo, con una sentenza di 26 febbraio 2001 il Tribunale di Napoli (Operi Sezione) fondi in favore dei richiedenti. Ordinò il Banco di Napoli per pagare gli importi in essere con aumenti di inflazione ed interesse legale per correre da 1 gennaio 1994.
21. Su ricorso, con una sentenza di 24 aprile 2004 la Corte d'appello di Napoli confermò la sentenza di prima -istanza che sostiene i richiedenti il diritto di ' per essere coperto col sistema di perequazione aziendale, comunque solamente per il periodo da 1 gennaio 1994 (la data quando una sospensione generale di rettifiche di pensione cessò) a 26 luglio 1996 (la data quando una sospensione nuova di simile rettifiche cominciò in riguardo del Banco di Napoli).
22. Il ricorso del Banco.
23. Con una sentenza (n. 22701/06) di 19 settembre 2006 depositato nella cancelleria attinente 23 ottobre 2006 la Corte di Cassazione revocata il più basso corteggia le sentenze di ' e fondò contro i richiedenti, mentre ordinando i costi delle tre istanze di corte per essere pagato ugualmente fra le parti. La Corte di Cassazione sostenne la base di ricorso che la Corte d'appello di Napoli non potesse prendere conto di Legge n. 243/04 - non ancora in vigore al tempo della sua sentenza - una legge di interpretazione applicabile retroattivamente che fu disegnato per chiarire un conflitto di interpretazione che era stata presente in diritto nazionale e quale era stato risolto ultimamente con la Corte di Cassazione (Sezioni Unite). Effettivamente, Legge n. 243/04 furono decretati per chiarire la questione come a se gli Articoli 9 e 11 di Legge n. 503/92 fecero domanda solamente ad impiegati ancora in servizio o anche a pensionati, e prevedeva che dal 1994 in avanti una perequazione legale (aumenta secondo lo standard di vita) si doveva applicare a “tutti” i pensionati, a dispetto della loro data di pensionamento.
24. La Corte di Cassazione respinta finora una rivendicazione di incostituzionalità in come questa legge interpretativa aveva effetti retroattivi che urtano contro sul principio della certezza legale e giudiziale. In questo riguardo si riferì a sentenze di Corte Costituzionali e precedenti che contennero che il legislatore potesse imporre norme che specificano finora il significato di altre norme in come il significato era una delle scelte che emanano dal testo originale ed in conformità al principio della razionalità.
E. sentenza della Corte Costituzionale n. 362 del 2008, in procedimenti analoghi.
25. In 2007, in due giudizi civili diversi la Corte di Cassazione si riferì la questione alla Corte Costituzionale che considera che paragrafo 55 di Legge n. 243/04 problemi sollevati della costituzionalità su un numero dei motivi: i) ricorso a norme di interpretazione autentica sarebbe irragionevole in simile circostanze, sé che è sproporzionato e vis-à-vis di counterproductive che lo scopo ha chiesto, vale a dire l'estinzione di procedimenti di contenzioso; l'ii) la legge contestata farebbe la determinazione dell'interesse di parti dipendente su un fattore incostituzionale, vale a dire la lunghezza di procedimenti e costituirebbe un'ineguaglianza di trattamento fra persone i cui procedimenti hanno terminato ed altri i cui procedimenti ancora erano pendenti; l'iii) la legge contestata oblitererebbe irragionevolmente il ruolo della Corte di Cassazione.
26. Con una sentenza registrata nella cancelleria 7 novembre 2008, la Corte Costituzionale sostenne la legittimità di Legge n. 243/04. Considerò che la legge contestata era una norma interpretativa alle disposizioni di legge n. 503/92 quale sradicò perequazione aziendale per tutti i pensionati, irrispettoso della loro data di pensionamento. Effettivamente, la natura interpretativa della norma era evidente poiché aveva confermato uno dei possibili significati del testo originale del 1992 che era stato sostenuto anche in della giurisprudenza. La legge contestata era stata ragionevole perché mirò a realizzare riconoscimento di un uguale e trattamento di homogenous di tutti i pensionati sotto i regimi integrativi e correnti. Inoltre, questa legge non aveva procedimenti di contenzioso di augmented poiché aveva reso la loro conseguenza prevedibile. Come agli altri disturbi menzionati con la Corte di Cassazione, considerò, che questi sorsero da un numero casuale di circostanze e non erano sufficienti per considerare la norma incostituzionale. Considerò inoltre che il legislatore potesse decretare leggi interpretative, una volta loro furono basati uno dei possibili significati del testo originale anche se c'era stata giurisprudenza coerente della questione, e questo non colpì il ruolo della Corte di Cassazione.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
27. Legge n. 218 30 luglio 1990, in finora come attinente, si legge come segue:
Sezione 1
“Impiegati di banche pubbliche rimarranno soggetto alle disposizioni in vigore sulla data dell'entrata in vigore della legge presente, su al rinnovamento del contratto di mercanteggiamento collettivo e nazionale applicabile alla categoria attinente o su alla stipulazione di un contratto sociale supplementare e nuovo.
Sezione 2
Il precedente è senza pregiudizio agli impiegati detti che ' ha acquisito diritti, effetti di leggi speciali o leggi che concernono alla natura originale dell'entità pubblica ed attinente.”
28. Sezioni 3 e 4 di Legge n. 357 20 novembre 1990, in finora come attinente, legga siccome segue:
Sezione 3
“(3) la pensione tassa essere pagata col sistema di gestione speciale è soggetto a perequazione automatico dell'assicurazione generale ed obbligatoria.
(4) quelli a cui sono concesse pensioni o le altre assicurazioni (in conformità con paragrafo 1 ((registrazione con INPS di impiegati di banca)) trattenga il loro diritto al trattamento di welfare globale e più favorevole come previsto per con l'invalidamento obbligatorio, la vecchio-età e superstiti l'assicurazione di ' come previsto nell'Articolo seguente.
Sezione 4
(1)... è reso senza pregiudizio ad un sussidio di assistenza globale e più favorevole come previsto per con l'invalidamento obbligatorio, la maturità ed assicurazione di superstiti... quale rimane applicabile.
(2) la differenza fra i sussidi di assistenza globali menzionati in paragrafo 1 (tempo per tempo determinato) e la pensione, o tasso di pensione, essere coperto col sistema di gestione speciale (secondo paragrafi 2 e 3), siccome aumentato tramite perequazione automatica, sarà pagato col datore di lavoro.”
29. Sezione 3 paragrafo 1 di Legge n. 421/92 delegarono al Governo la promulgazione della legge attinente in conformità coi principi seguenti che in finora come lettura attinente siccome segue:
“(p) i principi e criterio menzionarono sopra di (...) faccia domanda ad impiegati siccome menzionato in sezione 2 di Legge n. 357/90 (persone in lavoro al 31 dicembre 1990)”
30. Sezione 9 divide in paragrafi 2 e 3, di Legge n. 503/92, in finora come attinente, legge siccome segue:
“(2) sezioni 2, 3, 8, 10, 11, 12, e 13 fanno domanda riguardo a regimi di società supplementari con cui gli impiegati siccome menzionato in sezione 2 di Legge n. 357/90 (persone in lavoro 31 dicembre 1990) è registrato.
(3) variazione per assegnare una pensione a pagamenti come un risultato di paragrafo 2 peso sulla somma globale (nella conformità con sezione 4 di Legge n. 357/90) a meno che altrimenti concordò per mercanteggiamento collettivo.”
31. Sezione 1 paragrafo 55 di Legge n. 243/04 (riguardo a norme di pensione nel settore di welfare pubblico, in appoggio di welfare complementare ed occupazione stabile e per il reorganisation delle entità di welfare ed assistenza obbligatoria), in finora come attinente, legge siccome segue:
“Per estinguere il contenzioso la causa giudiziale relativo a pagamenti che già corrispondono ad ogni categoria di pensionati regimi di welfare equivalenti registrarono sotto, con vuole dire di un pieno riconoscimento di un uguale e pagamento di homogenous a tutti i pensionati registrati coi regimi supplementari in vigore, sezione 3 (1) (p) di Legge n. 421 23 ottobre 1992 ed Articolo 9 (2) di Decreto Legislativo nessuno 503 30 dicembre 1992, fa domanda al pagamento globale ricevuto coi pensionati in conformità con Articolo 3 di Decreto Legislativo n. 357 20 novembre 1990. La spesa attinente sarà sopportata con l'assicurazione generale ed obbligatoria.”
LA LEGGE
I. QUESTIONE PREGIUDIZIALE
32. La Corte nota all'inizio che i primo e terzi richiedenti sono morti su date non specificate dopo l'alloggio della loro richiesta, mentre la causa era pendente di fronte alla Corte. I loro eredi informarono la Corte che loro desiderarono intraprendere la richiesta ha depositato con loro (vedere paragrafo 5 sopra). Benché gli eredi di un richiedente deceduto non possano chiedere un diritto generale per l'esame della richiesta portato col secondo per essere continuato con la Corte (vedere Scherer c. Svizzera, 25 marzo 1994 la Serie Un n. 287), la Corte ha accettato su un numero di occasioni che parenti vicini di un richiedente deceduto sono concessi per prendere suo o il suo posto (vedere Epiphaniou ed Altri c. la Turchia, n. 19900/92, § 18, 22 settembre 2009 e Taylan ed Altri c. la Turchia, N. 9209/04, 40056/04 e 22412/05 14 settembre 2010).
33. Per i fini della causa presente, la Corte è preparata per accettare che gli eredi dei primo e terzi richiedenti possono intraprendere inizialmente la richiesta portata col Sig. Arras ed il Sig. Dessi.
II. VIOLAZIONE ALLEGATO DELL’ ARTICOLO 6 DELLA CONVENZIONE
34. I richiedenti si lamentarono che Legge n. 243/04 siccome interpretato con la Corte di Cassazione 23 ottobre 2006, costituì un'interferenza legislativa con procedimenti pendenti che erano in violazione dei loro diritti di processo equanime sotto Articolo 6 della Convenzione che legge siccome segue:
“Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è concesso ad una fiera... ascolti... con [un]... tribunale...”
35. Il Governo contestò quel l'argomento.
A. Ammissibilità
36. La Corte nota che questa azione di reclamo non è mal-fondata manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
B. Meriti
1. Le osservazioni delle parti
37. I richiedenti presentarono che la promulgazione di Articolo 1 paragrafo 55 di Legge n. 243/04 (quale loro considerarono una confusione legale nella sua formulazione e quale era stato presentato furtivamente in parlamento) sembrò interpretare una norma del 1992, ma in realtà il suo contenuto corresse con effetto retroattivo dopo dodici anni della sua richiesta. Secondo i richiedenti, suo risuoli fine era contrastare l'orientamento interpretativo e consolidato che era stato adottato con le corti nazionali (incluso la corte più alta-la Corte di Cassazione nella sua ultima formazione, riunendosi come una piena corte), vale a dire che le disposizioni attinenti della legge del 1992 non fecero domanda a persone che erano andate in pensione in 13 dicembre 1990. Seguendo la promulgazione di Legge n. 243/04 le corti nazionali furono legate per trovare contro i richiedenti. Così, lo Stato aveva influenzato il risultato di procedimenti, mentre definendo il loro merito e rendendo le ulteriori udienze inutile, mentre violando l'indipendenza dell'ordinamento giudiziario ed interferendo nell'amministrazione della giustizia. L'introduzione della legge del 1997 confermò solamente effettivamente, che la legge del 1992 non aveva abolito l’armonizzazione che riguardava pensionati di vecchia data. Non ci sarebbe stato altrimenti nessun bisogno di decretare simile legge. Né sarebbe stato là abbia bisogno di intervenire di nuovo nel 2004. Lo Stato aveva sentito il bisogno di introdurre solamente la legislazione del 2004 perché le corti avevano adottato un orientamento unanime in favore dei richiedenti e persone nella loro posizione. Secondo i richiedenti tale legge non poteva essere prevedibile in questa luce.
38. I richiedenti indicarono che non c'era stato nessun interesse generale che giustifica l'adozione di Legge n. 243/04 quale mirò ad eliminare retroattivamente diritti già acquisiti. Loro notarono che la spesa attinente nelle loro cause non sopportò con l'INPS ma col Fondo Supplementare e Privato che fu derivato da pagato su contributi dai datori di lavoro. Così, il pubblico generale non aveva tratto profitto in qualsiasi il modo, era solamente le due banche private che avevano tratto profitto poiché loro erano in grado recuperare o salvare le somme che i giudici nazionali avevano ritenuto essere dovuti a pensionati come i richiedenti. Inoltre, questa legge pensionati solamente affettati dalle due banche menzionate e così fu diretto consapevolmente per colpire queste specifiche controversie. Aveva perciò nulla per fare con una riforma di pensione generale, vale a dire il harmonisation Legge seguente n. 449/97, ed infatti i richiedenti non stavano contestando gli effetti di quel la legge.
39. Il Governo presentò che non c'era stata una violazione di Articolo 6. Effettivamente, la Corte d'appello di Napoli aveva trovato nei richiedenti il favore di ', mentre attribuendo a loro il diritto a perequazione aziendale per il periodo attinente. Mentre era vero che la Corte di Cassazione aveva invertito questa decisione su ricorso, questo era stato fatto su considerazione con la quale le leggi che avevano concesso perequazione aziendale erano state cambiate nel 1992 vuole dire di leggi che hanno mirato a limitare spesa pubblica ed eliminare una volta e per sempre questo tipo di perequazione per razionalizzare il sistema di previdenza sociale di romanzo che segue la privatizzazione di depositare denaro le entità. Inoltre, era stato necessario per allineare la giurisprudenza nazionale sulla questione che stava contrastando. In particolare, il feltro Statale limitò soddisfare lo scopo di avere un sistema di pensione omogeneo.
40. Il Governo presentò che la maggior parte di stati occidentali aveva avuto bisogno di riformare i loro sistemi di pensione che erano divenuti insostituibili. Legge n. 243/04, insieme con le altre leggi non erano stati puntati contro di influenzando giudici la determinazione di ' della causa pendente, ma era stato parte di una riforma generale di attinenza nazionale. Così, la Corte di Cassazione aveva cambiato la sua prospettiva riforme legislative e seguenti approvate con Parlamento che, essendo un'espressione delle persone, aveva il diritto ed il dovere di promuovere le riforme che ha considerato necessario.
41. Il Governo considerò che se simile riforme dovessero essere contrarie alla Convenzione, poi gli Stati non sarebbero mai in grado impegnarsi qualsiasi le riforme. Al giorno d'oggi la causa, lo scopo di tale legge era abolire un sistema che aveva favoured alcuni su altri. Era perciò per la Corte per determinare se le circostanze della causa avevano generato una violazione, mentre tenendo presente il margine della valutazione dello Stato.
2. La valutazione della Corte
42. La Corte ha deciso ripetutamente che benché alla legislatura non sia impedita di regolare, per disposizioni di retrospettiva nuove diritti derivarono dalle leggi in vigore, il principio dell'articolo di legge e la nozione di un processo equanime custodito in Articolo 6 preclude, a parte irresistibile pubblico-interessi ragioni, interferenza con la legislatura con l'amministrazione della giustizia progettò per influenzare la determinazione giudiziale di una controversia (vedere, fra molte altre autorità, Stran Raffinerie greche e Stratis Andreadis c. la Grecia, 9 dicembre 1994, § 49 la Serie Un n. 301-B; il Cittadino & Edificio Società Provinciale, Leeds Edificio Società Permanente e Yorkshire Building la Società c. il Regno Unito, 23 ottobre 1997, § 112 Relazioni 1997-VII; e Zielinski e Pradal e Gonzalez ed Altri c. la Francia [GC], N. 24846/94 e 34165/96 a 34173/96, § 57 ECHR 1999-VII). Benché regolamentazioni di pensione legali siano responsabili a cambio ed una decisione giudiziale non può essere appellatosi su come una garanzia contro simile cambi nel futuro (vedere Sukhobokov c. la Russia, n. 75470/01, § 26 13 aprile 2006), anche se simile cambi sono allo svantaggio di certi destinatari di welfare, lo Stato non può interferire con l'elaborazione dell'aggiudicazione in una maniera arbitraria (vedere, mutatis mutandis, Bulgakova c. la Russia, n. 69524/01, § 42 18 gennaio 2007).
43. Mentre è vero che nella causa presente, diversamente da nelle altre cause di interferenza legislativa di fronte alla Corte (vedere, per esempio, Stran Raffinerie greche, citato sopra) lo Stato non era una parte ai procedimenti, questo non preclude una valutazione sulle circostanze della causa (vedere, per esempio, Vezon c. la Francia, n. 66018/01, 18 aprile 2006, e Ducret c. la Francia, n. 40191/02, 12 giugno 2007).
44. Il problema sollevato nella causa presente fondamentalmente è che di un processo equanime, e nell'opinione della Corte, la responsabilità dello Stato è impegnata, sia nella sua veste legislativa, se vizia il processo o colpisce la conseguenza giudiziale della controversia, e nella sua veste come un'autorità giudiziale dove il diritto ad un processo equanime è violato, incluso in cause di legge private fra individui privati (vedere Vezon, § 30 sopra e citato, e Ducret, citato sopra, § 34).
45. La Corte reitera che la Corte ha posato in giù nella sua causa-legge il requisito dell'uguaglianza di braccio nel senso di un equilibrio equo come controversie di riguardi riguardo a diritti civili ed obblighi, fra le parti. Nel causa coinvolgere opponendo interessi privati che l'uguaglianza implica che ogni parte deve essere riconosciuta un'opportunità ragionevole di presentare la sua causa sotto condizioni che non lo mettono ad un vis-à-vis di svantaggio sostanziale il suo oppositore (vedere, Stran Raffinerie greche, citato sopra, § 44 e Forrer-Niedenthal c. la Germania, n. 47316/99, § 65 20 febbraio 2003).
46. Nella causa presente, la Corte nota, che Legge n. 243/04 non concernerono decisioni che erano divenute definitivo e stabilì una volta e per sempre in modo retrospettivo i termini delle controversie pendenti di fronte alle corti ordinarie. Così, la sua promulgazione in realtà determinata la sostanza delle controversie e la richiesta di sé con le varie corti ordinarie lo costituì spuntato un gruppo intero di individui nella posizione dei richiedenti di continuare con la causa.
47. In queste circostanze la Corte considera che là non si può dire che sia stato uguaglianza di braccio fra le due parti private come lo Stato, fondò in favore di una delle parti quando decretò la legislazione contestata.
48. La Corte reitera inoltre che obbligare solamente ragioni di interesse generali potesse essere capace di giustificare interferenza con la legislatura. Rispetti per l'articolo di legge e la nozione di un processo equanime richieda che qualsiasi ragioni addotte per giustificare simile misure siano trattate col più grande possibile grado della circospezione (vedere Stran Raffinerie greche, citato sopra, § 49).
49. La Corte nota che le corti nazionali avevano fatto domanda costantemente la giurisprudenza in favore dei richiedenti, e questo fu confermato anche con la Corte di Cassazione nella sua formazione più alta, perciò non può essere detto che là stava divergendo la giurisprudenza siccome chiesto col Governo. Come al loro argomento che la legge era stata necessaria per realizzare un sistema di pensione di homogenous, in particolare con abolendo un sistema che il favoured alcuni su altri, mentre la Corte accetta questo per essere una ragione di alcuno interesse generale, non si persuade che stava obbligando abbastanza a superare i pericoli inerente nell'uso di legislazione retrospettiva che ha l'effetto di influenzare la determinazione giudiziale di una controversia pendente. Il Governo non ha presentato altri argomenti capace di giustificare tale intervento in favore del Banco di Napoli.
50. In conclusione, mentre tenendo presente il sopra, non c'era ragione di interesse generale ed irresistibile capace di giustificare l'interferenza legislativa che fece domanda retroattivamente e deciso la conseguenza dei procedimenti pendenti fra individui privati.
51. C'è stata perciò una violazione di Articolo 6 § 1.
III. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 14 DELLA CONVENZIONE
52. I richiedenti si lamentarono che i cambi legislativi erano discriminatori in modi diversi. Loro si appellarono su Articolo 14 della Convenzione che in finora come letture attinenti siccome segue:
“Il godimento dei diritti e le libertà insorse avanti [il] Convenzione sarà garantita senza la discriminazione su qualsiasi base come sesso, razza, colore, lingua, religione, opinione politica o altra, cittadino od origine sociale, l'associazione con una minoranza nazionale, proprietà, nascita o l'altro status.”
53. La Corte nota che Articolo 6 è applicabile alla causa presente e questo basta sostenere che Articolo 14 è anche applicabile.
54. La Corte reitera che una differenza di trattamento è discriminatoria se non ha nessuna giustificazione obiettiva e ragionevole, nelle altre parole se non intraprende un scopo legittimo o se non c'è una relazione ragionevole della proporzionalità fra i mezzi assunti e lo scopo cercò di essere compreso. Lo Stato Contraente gode un margine della valutazione nel valutare se ed a che misura differenzia in situazioni altrimenti simili giustifici un trattamento diverso. La sfera di questo margine varierà secondo le circostanze, la materia-questione e lo sfondo (vedere Stec ed Altri, [GC], N. 65731/01 e 65900/01, § 51 ECHR 2006-VI).
A. Persone Vis-à-vis ancora assunte
55. I richiedenti presentarono che i cambi trattarono persone in situazioni diverse nello stesso modo. Effettivamente, i richiedenti avuti poi già con raggiunto età pensionabile e diversamente da persone ancora assunte, loro non potevano ricevere, qualsiasi benefici che secondo la riforma potrebbero essere acquisiti durante la vita lavorativa, come incentivi in termini di contributi e tassazione per stipulare una pensione supplementare e preparare schemi di pensione individuali, insieme col fortificando la loro posizione di pensionamento per accordi collettivi. I cambi legislativi e contestati persone toccanti che erano poi 85 anni maggiorenne avevano il risuoli intenzione di colpire materie specificate al vantaggio delle due banche summenzionate poco prima che loro sarebbe preso finito con un gruppo bancario potente con influenza eccezionale.
56. Il Governo presentò che la ritenuta di perequazione aziendale al beneficio dei richiedenti, nel contesto di una riforma di pensione generale sarebbe stata in contraddizione col principio dell'uguaglianza di trattamento di tutti i pensionati. La riforma aveva mirato solamente così, a rimuovere un beneficio aggiunto che era stato solamente applicabile ai richiedenti e non agli altri pensionati.
57. La Corte nota che la discriminazione può sorgere dove Stati senza una giustificazione obiettiva e ragionevole vanno a vuoto a trattare differentemente persone le cui situazioni sono significativamente diverse (vedere Thlimmenos c. la Grecia [GC], n. 34369/97, § 44 ECHR 2000-IV). Comunque, lo Stato Contraente gode un margine della valutazione nel valutare se ed a che misura differenzia in situazioni altrimenti simili trattamento diverso e giustificato (vedere Van Raalte c. i Paesi Bassi, 21 febbraio 1997, § 39 Relazioni di Sentenze e Decisioni 1997-io). La sfera di questo margine varierà secondo le circostanze, l'argomento e lo sfondo (vedere Petrovic c. l'Austria, 27 marzo 1998, § 38 Relazioni 1998-II).
58. Mentre è vero che i richiedenti concernerono ad un gruppo di persone che già erano andate in pensione e che non potevano fare perciò sulla loro riduzione in pensione (come una conseguenza di Legge n. 243/04) con vuole dire di altri benefici che ancora assunsero le altre persone potrebbe ottenere in tutta la loro vita lavorativa, la Corte nota che lo scopo di Legge n. 243/04 erano realizzare un'uguaglianza di trattamento di tutti i pensionati, corrente e futuro. Inoltre, la Corte nota che ad un margine ampio è concesso agli Stati sotto la Convenzione di solito quando viene a misure generali della strategia economica o sociale (vedere, per esempio, James ed Altri c. il Regno Unito, 21 febbraio 1986, § 46 la Serie Un n. 98). Segue che, anche se il principio derivò da Thlimmenos fu fatto domanda ai richiedenti la situazione di ', c'è, nella prospettiva della Corte, obiettivo e la giustificazione ragionevole per non distinto in legge fra persone che già avevano cominciato a ricevere una pensione ed altri che ancora stavano funzionando.
59. Così, questa parte dell'azione di reclamo deve essere respinta come essendo mal-fondata manifestamente facendo seguito ad Articolo 35 §§ 3 e 4 della Convenzione.
Vis-à-vis di B. gli altri pensionati che stavano lavorando per altre banche di pubblico precedenti
60. I richiedenti chiesero che loro erano stati discriminati contro vis-à-vis gli altri pensionati che stavano lavorando per altro pubblico precedente deposita denaro, come le certe disposizioni legali favorevoli era stato reso all'esclusione degli impiegati precedenti del Banco di Napoli (la legge di Salvabanco).
61. La Corte reitera che in ordine per un problema per derivare Articolo 14 sotto ci deve essere una differenza nel trattamento di persone in analogo o pertinentemente situazioni simili (vedere D.H. ed Altri c. la Repubblica ceca [GC], n. 57325/00, § 175, ECHR 2007, e Carico c. il Regno Unito [GC], n. 13378/05, § 60 ECHR 2008).
62. La Corte nota che sotto questa azione di reclamo, la differenza si lamentò di sembra riferire al fatto che mentre impiegati del Banco di Napoli fu concessa originalmente (ma negò infine) perequazione aziendale dal 1994 a 26 luglio 1996 di 1 gennaio come una conseguenza della Legge di Salvabanco, gli altri impiegati precedenti delle altre entità tecniche bancarie pubbliche avevano originalmente, e lo mantennero, diritto a questo beneficio dal 1 gennaio 1994 al dicembre 1997.
63. Sia in finora come l'azione di reclamo riferisce al fatto che l'interferenza legislativa provocò i richiedenti - come di di Banco gli impiegati di Napoli - ricevere un trattamento diverso da che di altri impiegati delle entità di arginatura pubbliche in generale, a chi le leggi attinenti non fecero domanda, ed in finora come sé riferisce alla durata di questo diritto, la Corte nota che a causa della loro storia nel sistema italiano gli impiegati del Banco di Napoli (ed il Banco di Sicilia) non si può considerare che sia in una posizione analoga a, che di impiegati delle altre entità tecniche bancarie pubbliche.
64. Segue, che questa parte dell'azione di reclamo deve essere respinta come essendo mal-fondata manifestamente facendo seguito ad Articolo 35 §§ 3 e 4 della Convenzione.
Vis-à-vis di C. gli altri pensionati i cui procedimenti nazionali avevano terminato
65. I richiedenti addussero che un'ulteriore discriminazione era sorta, fra pensionati del Banco di Napoli i cui procedimenti nazionali avevano terminato di fronte al cambio di causa-legge, e quelli che ancora stavano intraprendendo procedimenti.
66. Vedere paragrafo 54 sopra in riguardo delle osservazioni del Governo. Inoltre, il Governo fece riferimento alle sentenze della corte in Maggio ed Altri c. l'Italia (N. 46286/09, 52851/08 53727/08, 54486/08 e 56001/08 31 maggio 2011) quale circostanze simili ed interessate.
67. La Corte prima ha sostenuto che la scelta di una data d'arresta quando trasformando regimi di previdenza sociale deve essere considerato come incorrere all'interno del margine ampio della valutazione riconobbe ad un Stato quando riformando la sua politica di strategia sociale (vedere Twizell c. il Regno Unito, n. 25379/02, § 24 20 maggio 2008). Comunque ciò che ha bisogno di essere considerato è se nella causa presente la data d'arresta e contestata che sorge fuori della richiesta di Legge n. 243/04 possono essere ritenuti ragionevolmente ed obiettivamente giustificato.
68. Mentre nella causa presente, la giustificazione non è, come forte come che nella causa di Maggio invocata col Governo, la Corte è pronta accettare che Legge n. 243/04 furono intesi di livellare fuori qualsiasi trattamento favorevole che sorge dalla richiesta precedente delle disposizioni in vigore che aveva garantito a persone nei richiedenti ' posiziona una rettifica più alta, vale a dire un perequazione aziendale come opposto a legale. La Corte reitera che nel creare un schema di benefici sé è necessario per usare punti di rottura che fanno domanda ai grandi gruppi di persone e quali qualche volta ad una certa misura sembri arbitrario (vedere Twizell, citato sopra, § 24). Mentre è vero che nella causa presente la legislazione contestata colpì un più piccolo numero di persone, principalmente ottuagenario che prima ebbero un lavoro col Banco di Napoli e di chi procedimenti ancora erano pendenti, la Corte considera che, tenendo presente particolarmente che il margine ampio della valutazione, riconobbe a Stati in questa sfera, la data d'arresta e contestata può essere ritenuta ragionevolmente ed obiettivamente giustificato.
69. Il fatto che la data d'arresta e contestata sorse fuori di legislazione decretata durante i richiedenti i procedimenti di ' non alteri la conclusione sopra per i fini dell'esame sotto Articolo 14.
70. Segue che, questa parte dell'azione di reclamo deve essere respinta come essendo mal-fondata manifestamente facendo seguito ad Articolo 35 §§ 3 e 4 della Convenzione.
III. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1 ALLA CONVENZIONE
71. I richiedenti si lamentarono inoltre che tale misura costituì un'interferenza arbitraria con le loro proprietà. Loro si appellarono su Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione che in finora come letture attinenti siccome segue:
“Ogni naturale o legale persona è concessa al godimento tranquillo delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste per con legge e coi principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggia il diritto di un Stato per eseguire simile leggi come sé ritiene necessario controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o garantire il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
72. Il Governo contestò quel l'argomento.
A. Le osservazioni delle parti
73. I richiedenti presentarono che la legislazione retroattiva costituì un'espropriazione retroattiva delle loro proprietà, vale a dire diritti acquisiti che avevano maturato tredici anni più primo. Comparò la situazione con la causa di Agrati ed Altri c. l'Italia, N. 43549/08, 6107/09 e 5087/09 7 giugno 2011), salvataggio che nella causa presente non era stato interesse pubblico.
74. Il Governo presentò che facendo domanda un sistema di perequazione legale come opposto ad aziendale non poteva costituire un'interferenza illegittima con proprietà sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 poiché la disposizione permise a Stati di eseguire simile leggi siccome ritenuto necessario controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale. Effettivamente, secondo la causa-legge della Corte, presumendo anche che Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 benefici di garanzie a persone che hanno contribuito ad un sistema di assicurazione sociale, non si può interpretare siccome concedendo che persona ad una pensione di un particolare importo (Kjartan Ásmundsson c. l'Islanda, n. 60669/00, § 39 ECHR 2004-IX). Inoltre, il Governo notò che i richiedenti che i salari di ' ancora erano soggetto a rettifica secondo il costo di vivere, mentre salvaguardando così il loro potere d'acquisto. Loro presentarono inoltre che lo scopo della legge era armonizzare il sistema di pensione, con trattando ugualmente tutti i pensionati ed abolendo una distinzione fra quelli che erano andati in pensione prima 31 dicembre 1990 e quelli che andarono in pensione più tardi. Inoltre, il carico imposto sui richiedenti era stato limitato ed era stato proporzionato. Il Governo fece riferimento alla causa-legge della Corte su questa questione, particolarmente la causa di Maggio ed Altri c. l'Italia (N. 46286/09, 52851/08 53727/08, 54486/08 e 56001/08 31 maggio 2011).
B. La valutazione della Corte
1. Principi Generali
75. La Corte reitera che, secondo la sua causa-legge, un richiedente può addurre una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 solamente in finora come le decisioni contestate riferisca a suo “le proprietà” all'interno del significato di quel la disposizione. “Le proprietà” può essere “proprietà esistenti” o i beni, incluso, nelle certe situazioni ben definite, rivendicazioni. Per una rivendicazione essere capace di essere considerò un “il bene” incorrendo all'interno della sfera di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, il rivendicatore deve stabilire che ha una base sufficiente in legge nazionale, per esempio dove là è stabilito causa-legge delle corti nazionali che lo confermano. Dove quel è stato fatto, il concetto di “l'aspettativa legittima” può venire in giochi (vedere Maurizio c. la Francia [GC], n. 11810/03, § 63 ECHR 2005-IX).
76. Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 non garantisce come tale qualsiasi diritto per divenire il proprietario di proprietà (vedere il der di Van Mussele c. il Belgio, 23 novembre 1983, § 48 la Serie Un n. 70; Slivenko c. la Lettonia (il dec.) [GC], n. 48321/99, § 121 ECHR 2002-II; e Kopecký c. la Slovacchia [GC], n. 44912/98, § 35 (b), ECHR 2004-IX). Né garantisce, come così qualsiasi diritto ad una pensione di un particolare importo (vedere, per esempio, Kjartan Ásmundsson c. l'Islanda, n. 60669/00, § 39 ECHR 2004-IX; Domalewski c. la Polonia (il dec.), n. 34610/97, il 1999-V di ECHR; e Janković c. Croatia (il dec.), n. 43440/98, ECHR 2000-X). Comunque, un “la rivendicazione” riguardo ad una pensione può costituire un “la proprietà” all'interno del significato di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 dove ha una base sufficiente in legge nazionale, per esempio dove è confermato con una definitivo sentenza di corte (vedere Pravednaya c. la Russia, n. 69529/01, §§ 37-39 18 novembre 2004; e Bulgakova, citato sopra, § 31).
77. La Corte reitera che Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 comprende tre articoli distinti: “il primo articolo, esposto fuori nella prima frase del primo paragrafo è di una natura generale ed enuncia il principio del godimento tranquillo di proprietà; il secondo articolo, contenuto nella seconda frase del primo paragrafo copre privazione di proprietà e materie sé alle certe condizioni; il terzo articolo, determinato nel secondo paragrafo, riconosce che gli Stati Contraenti sono concessi, fra le altre cose, controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale. Comunque, i tre articoli non sono “distinto” nel senso di essere distaccato. Il secondo e terzi articoli concernono con le particolari istanze di interferenza col diritto a godimento tranquillo di proprietà e dovrebbero essere costruiti perciò nella luce del principio generale enunciata nel primo articolo” (vedere, fra le altre autorità, James ed Altri c. il Regno Unito, 21 febbraio 1986, § 37 la Serie Un n. 98; Iatridis c. la Grecia [GC], n. 31107/96, § 55 ECHR 1999-II; e Beyeler c. l'Italia [GC], n. 33202/96, § 98 ECHR 2000-io).
78. Una condizione essenziale per interferenza per essere ritenuto compatibile con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 è che dovrebbe essere legale. Inoltre qualsiasi interferenza con un'autorità pubblica col godimento tranquillo di proprietà si può giustificare solamente se notifica un pubblico legittimo (o generale) l'interesse. A causa della loro conoscenza diretta della loro società e le sue necessità, le autorità nazionali sono meglio in principio messo che il giudice internazionale per decidere che che è “nell'interesse pubblico.” Sotto il sistema di protezione stabilito con la Convenzione, è così per le autorità nazionali per fare la valutazione iniziale come all'esistenza di un problema di preoccupazione pubblica che garantisce misure che interferiscono col godimento tranquillo di proprietà (vedere Terazzi S.r.l. c. l'Italia, n. 27265/95, § 85, 17 ottobre 2002, e Wieczorek c. la Polonia, n. 18176/05, § 59 8 dicembre 2009). Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 richiede anche che qualsiasi interferenza è ragionevolmente proporzionata allo scopo cercò di essere compreso (vedere Jahn ed Altri c. la Germania [GC], N. 46720/99, 72203/01 e 72552/01, §§ 81-94 ECHR 2005-VI). L'equilibrio equo e richiesto non sarà previsto dove la persona riguardò sopporta un carico individuale ed eccessivo (vedere Sporrong e Lönnroth c. la Svezia, 23 settembre 1982, §§ 69-74 la Serie Un n. 52).
79. Dove l'importo di un beneficio è ridotto o è cessato, questo può costituire interferenza con proprietà che costringono ad essere giustificate (vedere Kjartan Ásmundsson, citato sopra, § 40, e Rasmussen c. la Polonia, n. 38886/05, § 71 28 aprile 2009).
2. Apllicazione alla causa presente
80. La Corte nota in primo luogo che la causa presente tratta con rettifiche di pensione e non salari che sorgono fuori di un vincolo contrattuale come nella causa di Agrati ed Altri citati coi richiedenti. Comunque, la Corte non lo considera necessario decidere se i richiedenti avevano una proprietà all'interno del significato di Protocollo N.ro 1 come in qualsiasi evento che considera che non c'è stata nessuna violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione per le ragioni seguenti.
81. La Corte prima ha ammesso che leggi con effetto di retrospettiva che fu trovato ancora costituire interferenza legislativa adattato col requisito di legalità di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 (vedere, per esempio, Maggio ed Altri c. l'Italia, N. 46286/09, 52851/08, 53727/08 54486/08 e 56001/08, § 60 31 maggio 2011). Non trova nessuna ragione di ritenere altrimenti nella causa presente. Reiterando che, a causa della loro conoscenza diretta della loro società e le sue necessità, le autorità nazionali sono meglio in principio messo che il giudice internazionale per decidere che che è “nell'interesse pubblico”, la Corte accetta che la promulgazione di Legge n. 243/04 intrapresero l'interesse pubblico (armonizzare il sistema di pensione trattando ugualmente tutti i pensionati).
82. Nel considerare se l'interferenza impose un carico individuale ed eccessivo sui richiedenti, la Corte ha riguardo ad al particolare contesto nel quale il problema sorge nella causa presente, vale a dire che di un schema di previdenza sociale. Simile schemi sono un'espressione della solidarietà di una società coi suoi membri vulnerabile (vedere, mutatis mutandis, il der di Goudswaard-Van Lans c. i Paesi Bassi (il dec.), n. 75255/01, ECHR 2005-XI). Ciononostante, la Corte nota che Legge n. 243/04 non colpirono i richiedenti ' pensione di base, e secondo le leggi in vigore la loro pensione ancora doveva essere augmented durante il corso degli anni secondo un perequazione legale. I richiedenti persero solamente di conseguenza, l'aumento più favorevole secondo un perequazione aziendale. Così, la Corte considera che i richiedenti furono obbligati per sopportare una riduzione ragionevole e commisurata, piuttosto che la privazione totale dei loro diritti (vedere, al contrario., Kjartan Ásmundsson, § 45 sopra e citato).
83. In conseguenza, la misura in questione non dia luogo al danneggiamento dell'essenza dei richiedenti ' assegna una pensione a diritti. Questa riduzione aveva solamente inoltre, l'effetto di pareggiando un stato di affari ed evitare vantaggi ingiustificati (essendo il risultato del Banco di impiegati di Napoli che prima hanno avuto trattamento più favorevole) per i richiedenti e le altre persone nella loro posizione. Contro questo sfondo, tenendo presente il margine ampio dello Stato della valutazione nel regolare il sistema di pensione ed il fatto che i richiedenti sopportarono riduzioni commisurate, la Corte considera che i richiedenti non furono resi per sopportare un carico individuale ed eccessivo.
84. Ne segue che, presumendo anche che la disposizione sia applicabile, l'azione di reclamo è manifestamente mal-fondata ed è respinta facendo seguito all’ Articolo 35 §§ 3 e 4 della Convenzione.
IV. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
85. Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se i costatazione di Corte che c'è stata una violazione della Convenzione o i Protocolli inoltre, e se la legge interna della Parte Contraente ed Alta riguardasse permette a riparazione solamente parziale di essere resa, la Corte può, se necessario, riconosca la soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
86. I richiedenti affermarono pagare-fuori il differenziali che loro avrebbero ricevuto li avuti non stato soggetto a Legge n. 243/04, su a 2010, insieme con un calcolo ipotetico per gli anni venire secondo statistiche ufficiali su durata presunta della vita e tenendo presente che pensioni sono trasferite pagare-fuori al coniuge superstite morte seguente al tasso di 60% dell'originale. Loro dissero perciò le somme seguenti: Il Sig. Arras 31,395.14 euro (EUR), OMISSIS EUR 3,443.16, il OMISSIS EUR 8,599.25 ed il OMISSIS EUR 174,822.19 in riguardo di danno patrimoniale. I richiedenti chiesero anche danno non-patrimoniale in un importo per essere specificato con la Corte.
87. Il Governo non ha presentato qualsiasi commenti in questo riguardo.
88. La Corte nota che nella causa presente un'assegnazione della soddisfazione equa può essere basata solamente sul fatto che i richiedenti non avevano il beneficio delle garanzie di Articolo 6 in riguardo dell'equità dei procedimenti. Mentre la Corte non può speculare come alla conseguenza del processo aveva la posizione stato altrimenti, non lo trova irragionevole a riguardo ai richiedenti siccome avendo sofferto di una perdita delle vere opportunità (vedere Zielinski, citato sopra, § 79 e SCM Analizzatore de l'Ouest Lyonnais ed Altri c. la Francia, n. 12106/03, § 38 21 giugno 2007). A quel deve essere aggiunto danno non-patrimoniale che la sentenza di una violazione in questa sentenza non basta rimediare a. Facendo la sua valutazione su una base equa come richiesto con Articolo 41, la Corte assegna EUR 9,000 al Sig. Arras, EUR 5,500 al OMISSIS EUR 6,000 al Sig. Dessi ed EUR 30,000 al OMISSIS per tutti i capi di danno combinati.
B. Costi e spese
89. I richiedenti chiesero anche EUR 41,043.51 più tassa sotto questo capo, vale a dire EUR 24,376.96 per i costi e spese incorse in di fronte alle corti nazionali ed EUR 16,666.55 per quegli incorsi in di fronte alla Corte, più tutti gli importi dovuto in tasse.
90. Il Governo non fece commenti in questo riguardo.
91. Secondo la causa-legge della Corte, un richiedente è concesso solamente finora al rimborso di costi e spese in come sé è stato mostrato che questi davvero e necessariamente sono stati incorsi in e sono stati ragionevoli come a quantum. Al giorno d'oggi la causa, riguardo ad essere aveva ai documenti nella sua proprietà ed il criterio sopra, insieme col fatto che le corti nazionali attribuirono solamente la metà dei costi ai richiedenti e che la Corte trovò solamente una violazione in riguardo di Articolo 6, lo considera ragionevole assegnare 19,000 costi di copertura la somma di EUR sotto tutti i capi.
V. Interesse di mora
92. La Corte lo considera appropriato che il tasso di interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a che dovrebbe essere aggiunto tre punti di percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara l'azione di reclamo sotto Articolo 6 § 1 ammissibile ed il resto della richiesta inammissibile.
2. Sostiene che c'è stata una violazione di Articolo 6 § 1 della Convenzione;
3. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente è pagare i richiedenti, entro tre mesi dalla data sulla quale la sentenza diviene definitivo in conformità con Articolo 44 § 2 della Convenzione gli importi seguenti
(i) EUR 9,000 (nove mila euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, agli eredi del Sig. Arras, congiuntamente in riguardo di danno patrimoniale e non-patrimoniale;
(l'ii) EUR 5,500 (cinque mila cinquecento euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, al OMISSIS in riguardo di danno patrimoniale e non-patrimoniale;
(l'iii) EUR 6,000 (sei mila euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, agli eredi del OMISSIS , congiuntamente in riguardo di danno patrimoniale e non-patrimoniale;
(l'iv) EUR 30,000 (trenta mila euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, al OMISSIS in riguardo di danno patrimoniale e non-patrimoniale;
(v) EUR 19,000 (diciannove mila euro), più qualsiasi tassa che può essere a carico dei richiedenti, congiuntamente in riguardo di costi e spese;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo il semplice interesse sarà pagabile sull'importo sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti di percentuale;
4. Respinge il resto della richiesta dei richiedenti per soddisfazione equa.
Fatto in inglesi, e notificò per iscritto 14 febbraio 2012, facendo seguito all’articolo 77 §§ 2 e 3 ddell’Ordinamento di Corte.
Stanley Naismith Françoise Tulkens
Cancelliere Presidente



DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 07/10/2020.