Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF VULAKH AND OTHERS v. RUSSIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, 06, P1-1

NUMERO: 33468/03/2012
STATO: Russia
DATA: 10/01/2012
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

Conclusion Violation of Art. 6-2 ; Violation of P1-1 ; Pecuniary damage - claim dismissed ; Non-pecuniary damage - award
FIRST SECTION
CASE OF VULAKH AND OTHERS v. RUSSIA
(Application no. 33468/03)
JUDGMENT
STRASBOURG
10 January 2012
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Vulakh and Others v. Russia,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Nina Vajić, President,
Anatoly Kovler,
Peer Lorenzen,
Mirjana Lazarova Trajkovska,
Julia Laffranque,
Linos-Alexandre Sicilianos,
Erik Møse, judges,
and Søren Nielsen, Section Registrar,
Having deliberated in private on 6 December 2011,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 33468/03) against the Russian Federation lodged with the Court under Article 34 of the Convention by OMISSIS (“the applicants”), on 30 September 2003.
2. The applicants were represented by Mr OMISSIS, a lawyer practising in Moscow. The Russian Government (“the Government”) were represented by Mr P. Laptev and Ms V. Milinchuk, former Representatives of the Russian Federation at the European Court of Human Rights.
3. The applicants alleged that the right to be presumed innocent had been violated in respect of their late relative OMISSIS, and that their own property rights had also been violated.
4. On 17 November 2006 the President of the First Section decided to give notice of the application to the Government. It was also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (former Article 29 § 3 of the Convention).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. The applicants are relatives of the late OMISSIS. The first two applicants are his father and mother, born in 1932 and 1939 respectively, and the third and fourth applicants are his children, born in 1985 and 1984 respectively. They lived in Kurganinsk in the Krasnodar Region.
A. Criminal proceedings involving OMISSIS
6. On an unspecified date a criminal investigation was opened into several counts of murder, robbery and destruction of property committed by a criminal syndicate. It appears that OMISSIS was suspected of being the leader of the syndicate.
7. On 25 March 2002 Mr S., Mr N. and Mr K. were arrested on suspicion of membership of the gang. On learning of their arrest, OMISSIS shot dead his fiancée and committed suicide.
8. On 20 June 2002 the criminal prosecution of OMISSIS was discontinued as a result of his death.
9. On 3 October 2002 the Krasnodar Regional Court convicted Mr S., Mr N. and Mr K. of serious criminal offences and sentenced them to lengthy terms of imprisonment. The judgment mentioned that OMISSIS had been the leader of a criminal enterprise and had told the defendants to murder his business competitor Mr G. It read, in particular, as follows:
“The person who had been the leader of the gang (V[italiy] Vulakh) in respect of whom the case was discontinued because of his death, had money at his disposal, he funded the gang and paid each gang member to commit crimes: he bought cars, paid for their maintenance, petrol and travel expenses...”
10. In these proceedings the victims Mr G., Mr F., Ms B. and Ms V. brought civil claims against the three defendants, seeking compensation for pecuniary and non-pecuniary damage. The Regional Court indicated that these claims should be examined in separate civil proceedings.
11. On 14 October 2002 the first applicant lodged an appeal to the Supreme Court of the Russian Federation. He submitted that the decision on the discontinuation of criminal proceedings against his son had never been notified to him or to his son’s counsel, and that counsel had not been allowed to study the file or plead his son’s innocence.
12. On 6 November 2002 a judge of the Krasnodar Regional Court informed the first applicant that he had no right to lodge an appeal to the Supreme Court because he was not a party to the criminal case. The judge wrote to him that further appeals would also be rejected.
13. It appears that on 2 April 2003 the Supreme Court of the Russian Federation examined appeals by those convicted and upheld the judgment of 3 October 2002. A copy of this judgment was not made available to the Court.
B. Civil proceedings against the applicants
14. On 5 March 2003 a notary public issued the four applicants with a certificate of succession on intestacy, according to which they inherited OMISSIS’s house.
15. On an unspecified date Mr G., Mr F., Ms B., Ms V. and a private company sued the four applicants and the Kurganinskiy dairy factory, of which OMISSIS had been a minority shareholder, for pecuniary and non-pecuniary damages.
16. On 4 September 2003 the Kurganinskiy District Court of the Krasnodar Region found against the applicants and the dairy factory, finding as follows:
“According to Article 42 of the Code of Criminal Procedure of the Russian Federation, the victim shall be compensated for the pecuniary damage caused by the crime, as well as for the costs incurred during the pre-trial investigation and trial...
According to Article 1064 of the Civil Code of the Russian Federation, damage inflicted on the person or property of an individual... shall be reimbursed in full by the person who inflicted the damage.
According to the judgment of the Krasnodar Regional Court of 3 October 2002 and the judgment of the Supreme Court of 2 April 2003, OMISSIS had organised an armed group (gang) composed of Mr S., Mr N. and Mr K. who had committed, under his leadership, serious crimes: the murder of the head of the Kurganinskiy District Council Mr V. and repeated attempts to murder the director general of [a] private company, Mr G.
According to Resolution no. 1 of the Plenary Supreme Court of the USSR of [unreadable] March 1979, entitled ‘On the case-law on application of provisions for compensation for pecuniary damage caused by crime’, those who cause damage through their criminal activities shall be jointly liable for that damage. Thus, OMISSIS, Mr K., Mr S., and Mr N. are jointly liable for the damage caused by their crimes.
According to Article 323 of the Civil Code, in cases of joint liability the creditor may claim satisfaction of debt, in full or in part, either from all the debtors or from each debtor individually.
OMISSIS should have borne liability for the pecuniary and non-pecuniary damage caused by the crimes, but he committed suicide during the pre-trial investigation.
The defendants OMISSIS are heirs to OMISSIS after his death. According to Article 1175 of the Civil Code, heirs who have accepted an inheritance shall be jointly liable for the testator’s debts. Each heir is liable in proportion with the share of the inheritance he received.
Article 1152 of the Civil Code provides that the heir accepting a part of an inheritance is presumed to have accepted the entire inheritance, whatever its form or location... On 5 March 2003 [the four applicants] were issued with an inheritance certificate... in respect of the house.
According to Article 1176 of the Civil Code, the estate of a co-owner of a private company includes that co-owner’s part in the charter capital of the company. According to the audit report of 7 July 2003, the real value of OMISSIS’s part corresponds to 37.49% of the value of the net assets of the Kurganinskiy dairy factory, which amounts to 18,705,260 Russian roubles (RUB).
For that reason, the defendants who have accepted a part of OMISSIS’s estate in inheritance must be considered to have accepted his part in the charter capital of the Kurganinskiy dairy factory.
It follows that compensation in respect of pecuniary and non-pecuniary damage must be recovered from the Kurganinskiy dairy factory whose charter capital comprises a part of the estate inherited by [the applicants]...”
The District Court awarded 33% of OMISSIS’s share in the dairy factory to Mr G.’s company, 19.3% to Mr G., and 25.7% to Ms B., and ordered immediate enforcement of the judgment.
17. On 14 September 2003 the applicants lodged a statement of appeal. They submitted that that OMISSIS had not been found guilty by a court of law and should be presumed innocent. In the absence of a guilty verdict on OMISSIS there were no grounds to impose joint liability on his heirs. A civil claim should have been brought against him, and the court should have examined the matter of procedural succession. Furthermore, the dairy factory could not be held liable for the debts of its owners.
18. On 18 September 2003 the Krasnodar Regional Court examined the appeal and upheld the judgment, endorsing the District Court’s approach and rejecting the applicants’ arguments in the following terms:
“Although the prosecution of Mr V[italiy] Vulakh was discontinued in connection with his death, on 3 October 2002 Mr S., Mr N. and Mr K. were convicted and the conviction entered into legal effect. According to the judgment, Mr V[italiy] Vulakh had been the leader of an armed group (gang) which had committed, under his leadership, serious crimes: the murder of the head of the Kurganinskiy District Council, Mr V., and repeated attempts to murder the director general Mr G. This means that the conviction established that Mr V[italiy] Vulakh’s had been responsible for causing pecuniary and non-pecuniary damage to the plaintiffs.”
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
A. The RSFSR Code of Criminal Procedure (in force at the material time)
19. Criminal proceedings must be discontinued against a deceased person except where a continuation of the proceedings is necessary for his or her rehabilitation or for the reopening of the case in respect of others on account of newly discovered circumstances (Article 5 § 8).
B. The Civil Code of the Russian Federation
20. The Civil Code provides as follows:
Article 87. General provisions on private companies
“1. A private company is a company founded by one or more persons; its charter capital is divided into parts described in its articles of association. Participants of a private company are not liable for its debts...”
Article 93. Transfer of shares in a private company to another person
“6. Shares in the charter capital of a private company are transferred to the heirs of the company’s participants... unless the articles of association provide that such a transfer requires the consent of the other participants...”
Article 1064. General grounds giving rise to liability for damages
“1. Damage inflicted on the person or property of an individual... shall be reimbursed in full by the person who inflicted the damage...
2. The person who inflicted the damage shall be liable for it unless he proves that the damage was inflicted through no fault of his...”
C. The Code of Civil Procedure of the Russian Federation
21. The factual circumstances established by the final judicial decision in an earlier case, are binding on the court (Article 61 § 2). The final judicial decision in a criminal case concerning a particular person is binding on the court examining the civil-law consequences of that person’s actions only to the extent that the criminal court determined whether or not such actions had been committed and whether or not they had been committed by that person (Article 61 § 4).
D. Case-law
22. On 13 June 2002 the Presidium of the Moscow City Court quashed the criminal judgment against three co-defendants in so far as it concerned the alleged participation of two other persons in the crimes. The Presidium held (decision reported in Bulletin of the Supreme Court, no. 9, 2003):
“In breach of Article 314 of the RSFSR Code of Criminal Procedure, the [trial] court erroneously declared Mr B. and Mr E. to have been accomplices to the crime. It follows from the case materials that, by the investigator’s decision of 16 July 1998, the case against them had been severed into separate proceedings in connection with Mr E.’s grave illness and the failure to locate Mr B. A reference to them in the text of the judgment, describing them as persons who had been complicit in the criminal offences committed by the convicts, is not justified because... the merits of the criminal case against them have not been examined by a court of law.”
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 2 OF THE CONVENTION
23. The applicants complained under Article 6 §§ 2 and 3 (c) of the Convention that the findings of the domestic courts had breached OMISSIS’s presumption of innocence. The Court considers that this complaint falls to be examined under Article 6 § 2, which reads as follows:
“Everyone charged with a criminal offence shall be presumed innocent until proved guilty according to law.”
A. Admissibility
24. The Government claimed, for the first time in their additional observations in reply to those by the applicants, that the applicants had not exhausted domestic remedies, because they had not appealed against “the ruling on the dismissal of the criminal case”. In the Government’s submission, such an appeal “could have given legal reasons for reconsideration of the verdict on [account of] newly discovered circumstances and its prejudicial meaning for the decision on a civil matter”.
25. As regards the question of exhaustion of the domestic remedies, the Court observes that the first applicant had attempted to lodge an appeal against the decision by which the proceedings concerning OMISSIS had been discontinued. However, that appeal had been rejected, on the ground that the first applicant had had no standing in the proceedings (see paragraph 12 above). The Government did not explain what newly discovered circumstances could have warranted a reconsideration of that decision. Accordingly, their objection must be dismissed.
26. A further admissibility issue relates to the question whether the applicants have standing as “victims” of the alleged violation. It has been the Court’s constant approach that the principle of the presumption of innocence is intended to protect “everyone charged with a criminal offence” from having a guilty verdict passed on him without his guilt having been proved according to law. It does not follow, however, that a decision whereby the innocence of an individual “charged with a criminal offence” is put in issue after his or her death cannot be challenged by his or her close relatives. They may be able to show both a legitimate material interest in their capacity as the deceased’s heirs and a non-pecuniary interest, on behalf of themselves and of the family, in having their late relative exonerated from any finding of guilt (see Nölkenbockhoff v. Germany, 25 August 1987, § 33, Series A no. 123).
27. The applicants in the instant case are the father, mother, son and daughter of the late OMISSIS, who was allegedly declared guilty after his death in criminal and civil proceedings. The applicants therefore may have a non-pecuniary interest in clearing the name of the deceased from the stigma of that declaration, as well as a pecuniary interest in their capacity as the deceased’s heirs (see below for a detailed examination of the latter aspect from the standpoint of Article 1 of Protocol No. 1).
28. In the circumstances, the Court finds that the applicants may claim to be “victims” of the alleged violation of Article 6 § 2 of the Convention. It also considers that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. As no other grounds for inadmissibility have been established, the Court declares it admissible.
B. Merits
1. Submissions by the parties
29. The Government submitted that the criminal case could not have been comprehensively examined if the reference to the individual who had managed the criminal enterprise had been omitted. Such an omission would have made impossible the determination of the roles which each member of the gang had played. In the Government’s view, this reference did not amount to a breach of the presumption of innocence.
30. As regards the civil proceedings, the Government indicated that the judgments of 4 and 18 September 2003 had proven OMISSIS “guilty in accordance with the law”. His guilt had been established in the Regional Court judgment of 3 October 2002 in respect of other members of the gang, from which it transpired that OMISSIS had substantial funds at his disposal, that he had been the gang leader, had funded the gang and also paid to have crimes committed by gang members. There had therefore been a causal link between the criminal actions of OMISSIS and the pecuniary and non-pecuniary damage caused to the plaintiffs in the civil proceedings.
31. The applicants pointed out that OMISSIS had not been charged with any criminal offence or convicted by a court of law. Accordingly, his guilt could not have been established “in accordance with the law”, as the Government argued. The Regional Court judgment of 3 October 2002 had concerned others, rather than OMISSIS. In the applicants’ view, a declaration that a deceased person was guilty was unacceptable in a State respecting the rule of law.
2. The Court’s assessment
32. The Court reiterates that the presumption of innocence will be violated if a judicial decision or a statement by a public official concerning a person charged with a criminal offence reflects an opinion that he is guilty before he has been proved guilty according to law. It suffices, even in the absence of any formal finding, for there to be some reasoning suggesting that the court or the official regards the accused as guilty. The Court has consistently emphasised the importance of the choice of words by public officials in their statements before a person has been tried and found guilty of a particular criminal offence (see Khuzhin and Others v. Russia, no. 13470/02, § 94, 23 October 2008; Nešťák v. Slovakia, no. 65559/01, §§ 88 and 89, 27 February 2007; Garycki v. Poland, no. 14348/02, § 71, 6 February 2007; Capeau v. Belgium, no. 42914/98, § 22, ECHR 2005-I; Böhmer v. Germany, no. 37568/97, § 54, 3 October 2002; and Allenet de Ribemont v. France, 10 February 1995, § 35, Series A no. 308).
33. The Court observes that OMISSIS did not stand trial. He committed suicide on 25 March 2002, the day his alleged accomplices were arrested. Three months after OMISSIS’s death the criminal proceedings against him were discontinued. In this connection, it is observed that the scope of Article 6 § 2 is not limited to pending criminal proceedings but extends to judicial decisions taken after a prosecution has been discontinued (see Nölkenbockhoff, § 37, and Capeau, § 25, both cited above).
34. The Court reiterates that it is a fundamental rule of criminal law that criminal liability does not survive the person who committed the criminal act (see A.P., M.P. and T.P. v. Switzerland, 29 August 1997, Reports of Judgments and Decisions 1997-V, §§ 46 and 48, and E.L., R.L. and J.O.-L. v. Switzerland, 29 August 1997, Reports 1997-V, §§ 51 and 53). However, in the criminal proceedings against OMISSIS’s co-defendants, the Krasnodar Regional Court expressed the view that OMISSIS had “organised the gang”, that he had “had money at his disposal”, and that he had “funded the gang and paid each member to commit the crimes” (see paragraph 9 above). Those statements were not limited to describing a “state of suspicion” against OMISSIS; they stated as an established fact, without any qualification or reservation, that he had been the leader of a criminal syndicate and that he had coordinated and funded the criminal activities of that syndicate.
35. The wording used in the subsequent civil proceedings concerning the victims’ claims for pecuniary and non-pecuniary damage was even more explicit. Not only did the Kurganinskiy District Court repeat, by reference to the criminal judgment, that OMISSIS had “been the leader of an armed group (gang)” but it went much further and specified that the gang had “committed, under his leadership, serious crimes”, including murder and attempted murder (see paragraph 16 above). The District Court’s pronouncements were reproduced verbatim in the judgment of the Krasnodar Regional Court.
36. The Court emphasises that there is a fundamental distinction to be made between a statement that someone is merely suspected of having committed a crime and a clear judicial declaration, in the absence of a final conviction, that the individual has committed the crime in question. Having regard to the explicit and unqualified character of the impugned statements contained in both the District Court’s and the Regional Court’s judgments, the Court finds that they amounted to a pronouncement on OMISSIS’s guilt before he was proved guilty according to law. The Court underlines that there can be no justification for a court of law to make a premature pronouncement of this kind (see the above-cited case-law, and also Kaźmierczak v. Poland, no. 4317/04, § 54, 10 March 2009; Wojciechowski v. Poland, no. 5422/04, § 54, 9 December 2008; Del Latte v. the Netherlands, no. 44760/98, § 31, 9 November 2004; and, as regards subsequent civil proceedings, Y. v. Norway, no. 56568/00, § 46, ECHR 2003-II (extracts), and Baars v. the Netherlands, no. 44320/98, § 63, 28 October 2003). Such a pronouncement was also at variance with the case-law of Russian courts which considered inappropriate a reference in the criminal conviction to the identities of any alleged accomplices, the charges against whom had not yet been examined, even where such accomplices were designated by their first initials only (see paragraph 22 above). In the instant case Mr Vitaliy Vulakh’s name was spelled out in full and he was clearly identified in all the judgments. In the circumstances, the Court finds that the declarations by the Russian courts to the effect that OMISSIShad been the head of a criminal gang which had committed serious crimes under his leadership, before he was convicted, amounted to a breach of his right to be presumed innocent (compare Popovici v. Moldova, nos. 289/04 and 41194/04, §§ 76-79, 27 November 2007).
37. There has therefore been a violation of Article 6 § 2 of the Convention.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1
38. The applicants complained that their rights to a fair trial and to the peaceful enjoyment of property had been violated by the domestic courts’ decisions holding them financially liable for the crimes allegedly committed by OMISSIS. The Court considers that this complaint falls to be examined under Article 1 of Protocol No. 1, which reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
39. The Court considers that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. Submissions by the parties
40. The Government claimed that there was no violation of Article 1 of Protocol No. 1 because the applicants had been deprived of their inherited possessions in the public interest and on lawful grounds. Pursuant to Article 1175 § 1 of the Civil Code, the heirs who had accepted the estate were jointly liable for the debts of the testator.
41. The applicants contended that Article 1175 of the Civil Code was not applicable in the instant case because late OMISSIS had not contracted any debts. The plaintiffs’ claim had only concerned the damage allegedly caused to them by the actions of Mr OMISSIS. However, his liability for that damage had never been proven or established.
2. The Court’s assessment
42. Article 1 of Protocol No. 1 comprises three distinct rules: the first rule, set out in the first sentence of the first paragraph, is of a general nature and enunciates the principle of the peaceful enjoyment of property; the second rule, contained in the second sentence of the first paragraph, covers deprivation of possessions and subjects it to certain conditions; the third rule, stated in the second paragraph, recognises that the Contracting States are entitled, inter alia, to control the use of property in accordance with the general interest. The three rules are not, however, distinct in the sense of being unconnected. The second and third rules are concerned with particular instances of interference with the right to peaceful enjoyment of property and should therefore be construed in the light of the general principle enunciated in the first rule (see Broniowski v. Poland [GC], no. 31443/96, § 134, ECHR 2004-V).
43. The “possession” at issue in the present case was a minority share in a dairy factory which the applicants inherited from the late OMISSIS by way of succession on intestacy (see paragraph 14 above). Their status as heirs in respect of that property was upheld by the District and Regional Court’s judgments of 4 and 18 September 2003 respectively. By the same judgments, the courts ordered a transfer of the applicants’ share in the factory to the individual plaintiffs as a compensation for pecuniary and non-pecuniary damage caused by OMISSIS’s criminal activities.
44. The present complaint is distinguishable from other cases that have come before the Court in that it does not concern the taking of property by the State or any form of State-imposed control of use. This was a dispute between private parties concerning a compensation claim, and the role of the State was limited to providing, through its judicial system, a forum for the determination of the applicants’ civil rights and obligations. The Court reiterates that the provision of a judicial forum does not automatically engage the State’s responsibility under Article 1 of Protocol No. 1. Nevertheless, the State may be held responsible for losses caused by such determinations if the court decisions were not given in accordance with domestic law or if they were flawed by arbitrariness or manifest unreasonableness contrary to Article 1 of Protocol No. 1 (see, among others, Melnychuk v. Ukraine (dec.), no. 28743/03, ECHR 2005-IX, and Breierova and Others v. the Czech Republic (dec.), no. 57321/00, 8 October 2002). The situation obtaining in the instant case thus falls to be examined from the standpoint of the first rule, set in the first sentence of the first paragraph of Article 1 of Protocol No. 1, that of the principle of the peaceful enjoyment of property.
45. The Court reiterates that even in cases involving litigation between individuals or companies, Article 1 of Protocol No. 1 may entail certain measures necessary to protect the right of property. This means, in particular, that the States are under an obligation to afford judicial procedures that offer the necessary procedural guarantees and therefore enable the domestic courts and tribunals to adjudicate effectively and fairly any disputes between private persons (see Sovtransavto Holding v. Ukraine, no. 48553/99, § 96, ECHR 2002-VII). In other words, the State must ensure in its domestic legal system that property rights are sufficiently protected by law and that adequate remedies are provided whereby the victim of an interference can seek to vindicate his rights (see Blumberga v. Latvia, no. 70930/01, § 67, 14 October 2008).
46. The Court observes at the outset that, by contrast with the situation obtaining in certain previous cases (see, for instance, Denisova and Moiseyeva v. Russia, no. 16903/03, 1 April 2010; Phillips v. the United Kingdom, no. 41087/98, § 52, ECHR 2001-VII; and Raimondo v. Italy, 22 February 1994, Series A no. 281-A), the present case does not contain any facts or evidence which could lead the Court to conclude that it concerned confiscation of money or assets obtained through illegal activities or paid for with the proceeds of crime. It has never been claimed that OMISSIS’s share in the dairy factory was obtained fraudulently or purchased with the proceeds of any criminal activities. The cause of action in those civil proceedings was a delictual claim against the applicants arising out of the wrongful conduct of their deceased relative, which had allegedly caused financial prejudice to the plaintiffs.
47. The Court reiterates that an acquittal in criminal proceedings or their procedural termination should not preclude the establishment of civil liability to pay compensation arising out of the same facts on the basis of a less strict burden of proof (see Ringvold v. Norway, no. 34964/97, § 38, ECHR 2003-II, with further references). In such circumstances the injured party should be able to submit a claim for compensation for the damage under the general principles on the law of torts. By contrast with criminal proceedings, which cannot continue after the defendant’s death, a civil claim for compensation may be brought against the estate of the deceased defendant, and decided upon in accordance with the general rules of civil proceedings to the standard of proof required in those proceedings.
48. Article 1064 of the Russian Civil Code (cited in paragraph 20 above) governed distribution of the burden of proof in compensation proceedings. It was incumbent on the claimant to show that he or she suffered legal injury which was the consequence of wrongful conduct on the part of the alleged perpetrator. The perpetrator could only be relieved from liability if he or she was able to demonstrate the absence of his or her fault, that is that he or she did not act intentionally or negligently or that there was no causal link between the impugned conduct and the injury.
49. Since the alleged perpetrator OMISSIS had died before any proceedings were instituted, it is obvious that he could not be expected to plead the absence of fault himself. The question therefore arises whether such an opportunity was afforded to the applicants, who were named as the respondent party in the compensation proceedings. It appears from the judgment of 4 September 2003 that, in adjudicating the compensation claim, the District Court did not make any independent findings as to the fault of OMISSIS or the applicants, but merely referred back to the judgments pronounced by different courts in the criminal proceedings against Mr S., Mr N. and Mr K. Neither the applicants, nor the late OMISSIS had been a party to those criminal proceedings and, as the Court has found above, the declaration of OMISSIS’s guilt in the criminal judgments – in the absence of a conviction – amounted to a breach of his presumption of innocence. The applicants pointed out this defect in their statement of appeal against the District Court’s judgment, but the Regional Court maintained that the criminal judgment had already established OMISSIS’s guilt. It follows that the domestic proceedings did not offer the applicants the necessary procedural guarantees for a vindication of their property rights.
50. There has therefore been a violation of Article 1 of Protocol No. 1.
III. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
51. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
52. The applicants claimed 5,832,000 euros (EUR) in respect of pecuniary damage, representing the estimated value of the dairy factory and other assets, as well as the estimated loss of profit. They further claimed EUR 21,550 for each applicant in respect of non-pecuniary damage. They did not make a claim for costs or expenses.
53. The Government submitted that the applicants’ claims had been unreasonable and unsubstantiated.
54. As regards the applicants’ claims in respect of pecuniary damage, the Court observes that the applicants’ possessions were transferred to their procedural adversaries as a result of the judicial decisions which it found to have been incompatible with Article 1 of Protocol No. 1. The Court cannot speculate what the outcome of the civil proceedings could have been, had the judges in the civil proceedings avoided relying on the criminal judgment which had allegedly established OMISSIS’s guilt. It is noted that, pursuant to the Russian Constitutional Court’s judgment no. 4-P of 26 February 2010, the Court’s judgments are binding on Russia and a finding of a violation of the Convention or its Protocols by the Court is a ground for reopening civil proceedings under Article 392 of the Code of Civil Procedure and review of the domestic judgments in the light of the Convention principles established by the Court. The Court considers that a re-opening of the civil proceedings and review of the matter in the light of the principles it has identified in this judgment would be the most appropriate means of affording reparation to the injured party. Accordingly, it rejects the applicants’ claim in respect of pecuniary damage.
55. As to non-pecuniary damage, the Court reiterates its constant position that an applicant cannot be required to furnish any proof of non-pecuniary damage he or she has sustained (see, among many others, Antipenkov v. Russia, no. 33470/03, § 82, 15 October 2009; Pshenichnyy v. Russia, no. 30422/03, § 35, 14 February 2008; Garabayev v. Russia, no. 38411/02, § 113, ECHR 2007-VII (extracts); and Gridin v. Russia, no. 4171/04, § 20, 1 June 2006). It further considers that the applicants must have suffered anxiety and frustration on account of the authorities’ declaration that their late relative was guilty and the loss of their possessions in the civil proceedings. Making its assessment on an equitable basis, the Court awards each applicant EUR 4,000 in respect of non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable on it.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the application admissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 6 § 2 of the Convention;
3. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1;
4. Holds
(a) that the respondent State is to pay each applicant, within three months of the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, EUR 4,000 (four thousand euros) in respect of non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable, to be converted into Russian roubles at the rate applicable on the date of settlement;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amount at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
5. Dismisses the remainder of the applicants’ claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 10 January 2012, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Søren Nielsen Nina Vajić
Registrar President

TESTO TRADOTTO

Conclusione Violazione dell’ Art. 6-2; violazione di P1-1; danno Patrimoniale - rivendicazione respinta; danno Non - patrimoniale - assegnazione
PRIMA SEZIONE
CAUSA VULAKH ED ALTRI C. RUSSIA
(Richiesta n. 33468/03)
SENTENZA
STRASBOURG
10 gennaio 2012
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Vulakh ed Altri c. Russia,
La Corte europea di Diritti umani (Prima la Sezione), riunendosi che come una Camera, composta da:
Nina Vajić, Presidente, Anatoly Kovler il Pari Lorenzen, Mirjana Lazarova Trajkovska, Julia Laffranque, Linos-Alexandre Sicilianos, Erik Møse, giudici,
e Søren Nielsen, Sezione Cancelliere,
Avendo deliberato in privato il 6 dicembre 2011,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 33468/03) contro la Federazione russa depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione da OMISSIS (“i richiedenti”), 30 settembre 2003.
2. I richiedenti furono rappresentati dal Sig. OMISSIS, un avvocato che pratica a Mosca. Il Governo russo (“il Governo”) fu rappresentato dal Sig. P. Laptev ed il Sig.ra V. Milinchuk, Rappresentanti precedenti della Federazione russa alla Corte europea di Diritti umani.
3. I richiedenti addussero che il diritto per essere presunto innocente era stato violato in riguardo del loro tardo OMISSIS relativo, e che i loro propri diritti di proprietà erano stati violati anche.
4. 17 novembre 2006 il Presidente della prima Sezione decise di dare avviso della richiesta al Governo. Fu deciso anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo come la sua ammissibilità (Articolo precedente 29 § 3 della Convenzione).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
5. I richiedenti sono parenti di OMISSIS. I primi due richiedenti sono suo padre e sua madre, nati rispettivamente nel 1932 e 1939, ed il terzo e quarto richiedente sono i suoi figli, nati rispettivamente nel 1985 e 1984. Loro vissero a Kurganinsk nella Regione di Krasnodar.
A. procedimenti Penali che riguardano OMISSIS
6. In una data non specificata un'indagine penale fu aperta per molti casi di assassinio, furto e distruzione di proprietà commessi da un’organizzazione criminale. Sembra che OMISSIS fosse sospettato di essere il leader dell’organizzazione.
7. Il 25 marzo 2002 il. S., il Sig. N. ed il Sig. K. furono arrestati su sospetto di appartenenza della banda. Alla saputa del loro arresto, OMISSIS colpì a morte la sua fidanzata e si suicidò.
8. Il 20 giugno 2002 l'azione penale di OMISSIS cessò come risultato della sua morte.
9. Il 3 ottobre 2002 la Corte Regionale di Krasnodar dichiarò colpevole il Sig. S., il Sig. N. ed il Sig. K. di reati penali seri e li condannò all’ergastolo. La sentenza menzionò che OMISSIS era stato il leader un’organizzazione penale ed aveva detto agli imputati di assassinare i suoi competitori in affari il Sig. G.Recita , in particolare, come segue:
“La persona che era stata il leader della banda (V[italiy] Vulakh) in riguardo di cui la causa fu cessata a causa della sua morte, aveva soldi a sua disposizione, lui procurò alla banda e pagò ogni membro di banda per commettere crimini: lui comprò macchine, ha pagato per il loro mantenimento, benzina e spese di viaggio...”
10. In questi procedimenti le vittime che il Sig. G., il Sig. F., il Sig.ra B. ed il Sig.ra V. hanno portato rivendicazioni civili contro i tre imputati, mentre chiedendo il risarcimento per danno patrimoniale e non-patrimoniale. La Corte Regionale indicò che queste rivendicazioni dovrebbero essere esaminate in procedimenti civili e separati.
11. 14 ottobre 2002 il primo richiedente depositò un ricorso alla Corte Suprema della Federazione russa. Lui presentò che la decisione sull'interruzione di procedimenti penali contro suo figlio non era stata notificata mai a lui o al consiglio di suo figlio, e che al consiglio non era stato permesso di studiare l'archivio o supplicare l'innocenza di suo figlio.
12. 6 novembre 2002 un giudice del Krasnodar Corte Regionale informò il primo richiedente che lui aveva nessuno diritto depositare un ricorso alla Corte Suprema perché lui non era una parte alla causa penale. Il giudice scrisse a lui che gli ulteriori ricorsi sarebbero stati respinti anche.
13. Sembra che 2 aprile 2003 la Corte Suprema della Federazione russa esaminò ricorsi con quelli dichiarati colpevole e sostenne la sentenza di 3 ottobre 2002. Una copia di questa sentenza non fu resa disponibile alla Corte.
B. Procedimenti Civili contro i richiedenti
14. Il 5 marzo 2003 un notaio pubblico emise i quattro richiedenti con un certificato di successione secondo il quale loro ereditarono l'alloggio di OMISSIS.
15. In una data non specificata il Sig. G., il Sig. F., il Sig.ra B., il Sig.ra V. ed una società privata chiamarono in giudizio i quattro richiedenti e la fabbrica del caseificio di Kurganinskiy delle quali OMISSIS era stato un azionista di minoranza, per danni patrimoniali e non-patrimoniali.
16. 4 settembre 2003 la Corte distrettuale di Kurganinskiy della Regione di Krasnodar trovata contro i richiedenti e la fabbrica di caseificio, mentre trovando siccome segue:
“Secondo Articolo 42 del Codice di Diritto processuale penale della Federazione russa, la vittima sarà compensata per il danno patrimoniale causato col crimine, così come per i costi incorsi in durante l'indagine preliminare e processo...
Secondo Articolo 1064 del Codice civile della Federazione russa, danno inflisse sulla persona o proprietà di un individuo... sarà rimborsato in pieno con la persona che inflisse il danno.
Secondo la sentenza del Krasnodar Corte Regionale di 3 ottobre 2002 e la sentenza della Corte Suprema di 2 aprile 2003, OMISSIS aveva organizzato un gruppo armato (la banda) composto del Sig. S., il Sig. N. ed il Sig. K. che avevano commesso, sotto il suo comando crimini seri: l'assassinio del capo del Kurganinskiy Distretto Consiglio il Sig. V. e ripetuto tenta di assassinare il direttore generale di [un] società privata, il Sig. G.
Secondo Decisione n. 1 della Corte Suprema ed Assoluta dell'URSS di [illeggibile] marzo 1979, ‘concesso Sulla causa-legge sulla richiesta di disposizioni per il risarcimento per danno patrimoniale causato con ' delittuoso, quelli che provocano danno per le loro attività penali saranno congiuntamente responsabili per quel il danno. OMISSIS, il Sig. K., il Sig. S., ed il Sig. N. sono congiuntamente così, responsabili per il danno causato coi loro crimini.
In cause della responsabilità congiunta il creditore può chiedere soddisfazione di debito secondo Articolo 323 del Codice civile, in pieno o in parte, o da tutti i debitori o da ogni debitore individualmente.
OMISSIS avrebbe dovuto sopportare la responsabilità per il patrimoniale e danno non-patrimoniale causati coi crimini, ma lui commise suicidio durante l'indagine preliminare.
Gli imputati OMISSIS è eredi ad OMISSIS dopo la sua morte. Secondo Articolo 1175 del Codice civile, eredi che hanno accettato un'eredità saranno congiuntamente responsabili per i debiti del testatore. Ogni erede è responsabile in proporzione con la quota dell'eredità che lui ha ricevuto.
Articolo 1152 del Codice civile prevede che l'erede che accetta una parte di un'eredità è presunto per avere accettato l'eredità intera, purchessia la sua forma o ubicazione... 5 marzo 2003 [i quattro richiedenti] fu emesso con un certificato di eredità... in riguardo dell'alloggio.
Secondo Articolo 1176 del Codice civile, l'appezzamento di terreno di un coproprietario di una società privata include, che la parte di coproprietario nel capitale di statuto della società. Secondo il rendiconto di certificazione di 7 luglio 2003, il vero valore della parte di OMISSIS corrisponde a 37.49% del valore dei beni netti della fabbrica di caseificio di Kurganinskiy che corrisponde a 18,705,260 rubli russi (Strofini).
Per che ragione, si deve considerare che gli imputati che hanno accettato una parte dell'appezzamento di terreno di OMISSIS in eredità abbiano accettato la sua parte nel capitale di statuto della fabbrica di caseificio di Kurganinskiy.
Segue che il risarcimento in riguardo di danno patrimoniale e non-patrimoniale deve essere recuperato dalla fabbrica di caseificio di Kurganinskiy il cui capitale di statuto comprende una parte dell'appezzamento di terreno ereditata con [i richiedenti]...”
La Corte distrettuale assegnò 33% della quota di OMISSIS nella fabbrica di caseificio al Sig. G. ' società di s, 19.3% al Sig. G. e 25.7% al Sig.ra B., ed ordinò esecuzione immediata della sentenza.
17. 14 settembre 2003 i richiedenti depositarono una dichiarazione di ricorso. Loro presentarono che che OMISSIS non era stato trovato colpevole con una corte di legge e dovrebbe essere presunto innocente. Nell'assenza di un verdetto colpevole su OMISSIS non erano nessuno motivi per imporre la responsabilità congiunta sui suoi eredi. Una rivendicazione civile sarebbe dovuta essere portata contro lui, e la corte avrebbe dovuto esaminare la questione di successione procedurale. Inoltre, la fabbrica di caseificio non poteva essere contenuta responsabile per i debiti dei suoi proprietari.
18. 18 settembre 2003 il Krasnodar Corte Regionale esaminò il ricorso e sostenne la sentenza, mentre girando l'approccio della Corte distrettuale e respingendo i richiedenti gli argomenti di ' nei termini seguenti:
“Benché l'accusa del Sig. V[italiy] Vulakh fu cessato in collegamento con la sua morte, sul 2002 Sig. S. di 3 ottobre il Sig. N. ed il Sig. K. furono dichiarati colpevole e la condanna entrò in effetto legale. Secondo la sentenza, il Sig. V[italiy] Vulakh era stato il leader di un gruppo armato (la banda) quale aveva commesso, sotto il suo comando, crimini seri: l'assassinio del capo del Kurganinskiy Distretto Consiglio, il Sig. V. e ripetuto tenta di assassinare il direttore Sig. G. generale Questo vuole dire che la condanna stabilì che il Sig. V[italiy] Vulakh era stato responsabile per provocare danno patrimoniale e non-patrimoniale ai querelanti.”
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
A. Il Codice RSFSR di Diritto procedura penale (in vigore al tempo attinente)
19. Procedimenti penali devono essere cessati contro una persona deceduta eccetto dove è necessaria per una continuazione dei procedimenti suo o la sua riabilitazione o per la riapertura della causa in riguardo di altri su conto di circostanze di recente scoperte (l'Articolo 5 § 8).
B. Il Codice civile della Federazione russa
20. Il Codice civile prevede siccome segue:
Articolo 87. Disposizioni Generali sulle società private
“1. Una società privata è una società fondata con uno o più persone; il suo capitale di statuto è diviso in parti descritte nei suoi articoli dell'associazione. Partecipanti di una società privata non sono responsabili per i suoi debiti...”
Articolo 93. Trasferimento di quote in una società privata ad un'altra persona
“6. Quote nel capitale di statuto di una società privata sono trasferite agli eredi dei partecipanti della società... a meno che gli articoli dell'associazione prevedono che tale trasferimento richiede il beneplacito degli altri partecipanti...”
Articolo 1064. Motivi Generali che generano la responsabilità per danni
“1. Danno inflisse sulla persona o proprietà di un individuo... sarà rimborsato in pieno con la persona che inflisse il danno...
2. La persona che inflisse il danno sarà responsabile per sé a meno che lui prova che il danno fu inflitto per nessuna colpa di suo...”
C. Il Codice di Procedura Civile della Federazione russa
21. Le circostanze fattuale stabilite con la definitivo decisione giudiziale in una più prima causa, è vincolante per la corte (l'Articolo 61 § 2). La definitivo decisione giudiziale in una causa penale riguardo ad una particolare persona sta legando sulla corte che esamina le conseguenze di civile-legge di che le azioni di persona solamente alla misura che il tribunale penale ha determinato se o non simile azioni erano state commesse e se o non loro erano stati commessi con che persona (l'Articolo 61 § 4).
D. Giurisprudenza
22. 13 giugno 2002 il Presidium della Mosca Corte Urbana annullò finora la sentenza penale contro tre co-imputati in come sé concernè la partecipazione allegato di due altre persone nei crimini. Il Presidium sostenne (decisione riportò in Bollettino della Corte Suprema, n. 9, 2003):
“In violazione di Articolo 314 del RSFSR Code di Diritto processuale penale, il [il processo] corteggi erroneamente dichiarato il Sig. B. ed il Sig. E. per essere stato complice del crimine. Segue dai materiali di causa che, la causa contro loro era stata troncata in procedimenti separati in collegamento col Sig. E. ' s con la decisione dell'investigatore di 16 luglio 1998, malattia grave e l'insuccesso per localizzare il Sig. B. Un riferimento a loro nel testo della sentenza, descrivendo che li come persone che erano state complici nei reati penali, commessi dai carcerati, non è giustificato perché... i meriti della causa penale contro loro non sono stati esaminati da una corte di legge.”
LA LEGGE
. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 § 2 DELLA CONVENZIONE
23. I richiedenti si lamentarono sotto l’Articolo 6 §§ 2 e 3 ( c) della Convenzione che le sentenze delle corti nazionali avevano violato la presunzione dell'innocenza di OMISSIS. La Corte considera che questa azione di reclamo incorre essere esaminata sotto Articolo 6 § 2 che leggono siccome segue:
“Ognuno accusato di un reato penale sarà presunto innocente sino a che lo si dimostra colpevole secondo legge.”
A. Ammissibilità
24. Il Governo chiese, per la prima volta nelle loro osservazioni supplementari in replica a quelli coi richiedenti, che i richiedenti non avevano esaurito via di ricorso nazionali, perché loro non avevano fatto appello contro “la direttiva sul proscioglimento della causa penale.” Nell'osservazione del Governo, tale ricorso “avrebbe potuto dare ragioni legali per revisione del verdetto su [il conto di] di recente scoprì circostanze ed il suo significato pregiudizievole per la decisione su una questione civile.”
25. Come riguardi la questione dell'esaurimento delle via di ricorso nazionali, la Corte osserva che il primo richiedente aveva tentato di depositare un ricorso contro la decisione con la quale erano stati cessati i procedimenti riguardo ad OMISSIS. Comunque, che ricorso era stato respinto, sulla base che il primo richiedente non aveva avuto stando in piedi nei procedimenti (vedere paragrafo 12 sopra). Il Governo non spiegò che che di recente scoprì circostanze avrebbe potuto garantire una revisione di quel la decisione. Di conseguenza, la loro eccezione deve essere respinta.
26. Un ulteriore problema di ammissibilità riferisce alla questione se i richiedenti hanno posizione come “le vittime” della violazione allegato. È stata l'approccio continuo della Corte che si intende che il principio della presunzione dell'innocenza protegga, “ognuno accusò con un reato penale” dall'avere un verdetto colpevole passato su lui senza la sua colpa che è stata provò secondo legge. Comunque, non segue che una decisione da che cosa l'innocenza di un individuo “accusò con un reato penale” sia fissato in problema dopo suo o la sua morte non può essere impugnata con suo o i suoi vicini parenti. Loro possono essere in grado a show sia un interesse di materiale legittimo nella loro veste come gli eredi del defunto ed un interesse non-patrimoniale, in favore di loro e della famiglia, nell'avere loro defunto parente discolpato da qualsiasi trovando di colpa (vedere Nölkenbockhoff c. la Germania, 25 agosto 1987, § 33 la Serie Un n. 123).
27. I richiedenti nella causa presente sono il padre, madre, figlio e figlia del tardo OMISSIS che fu dichiarato presumibilmente colpevole dopo la sua morte in criminale e procedimenti civili. I richiedenti possono avere perciò un interesse non-patrimoniale nel chiarire il nome del defunto dallo stigma di che dichiarazione, così come un interesse patrimoniale nella loro veste come gli eredi del defunto (vedere sotto per un esame particolareggiato dell'aspetto secondo dal posto d'osservazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1).
28. Nelle circostanze, la Corte trova, che i richiedenti possono chiedere di essere “le vittime” della violazione allegato di Articolo 6 § 2 della Convenzione. Considera anche che questa azione di reclamo non è mal-fondata manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione. Come nessuno altri motivi per l'inammissibilità è stato stabilito, la Corte lo dichiara ammissibile.
B. Meriti
1. Osservazioni delle parti
29. Il Governo presentò che la causa penale non poteva essere esaminata comprensivamente se il riferimento all'individuo che aveva maneggiato l'impresa penale fosse stato omesso. Tale omissione avrebbe reso impossibile la determinazione dei ruoli che aveva avuto ogni membro della banda. Nella prospettiva del Governo, questo riferimento non corrispose ad una violazione della presunzione dell'innocenza.
30. Come riguardi i procedimenti civili, il Governo indicò che le sentenze di 4 e 18 settembre 2003 avevano provato OMISSIS “colpevole nella conformità con la legge.” La sua colpa era stata stabilita nella sentenza di Corte Regionale di 3 ottobre 2002 in riguardo di altri membri della banda dai quali traspirò che OMISSIS aveva finanziamenti sostanziali alla sua disposizione, che lui era stata il leader di banda, aveva procurato la banda ed anche aveva pagato avere crimini commesso con membri di banda. C'era stato perciò un collegamento causale fra le azioni penali di OMISSIS ed il patrimoniale e danno non-patrimoniale causate ai querelanti nei procedimenti civili.
31. I richiedenti indicarono che OMISSIS non era stato accusato con qualsiasi reato penale o dichiarò colpevole con una corte di legge. Di conseguenza, la sua colpa non poteva essere stabilita “nella conformità con la legge”, siccome dibatté il Governo. La sentenza di Corte Regionale di 3 ottobre 2002 aveva riguardato altri, piuttosto che OMISSIS. Nei richiedenti ' vede, una dichiarazione che una persona deceduta era colpevole era inaccettabile in un Stato che rispetta l'articolo di legge.
2. La valutazione della Corte
32. La Corte reitera che la presunzione dell'innocenza sarà violata se una decisione giudiziale o una dichiarazione con un ufficiale pubblico riguardo ad una persona accusata con un reato penale riflette un'opinione che lui è colpevole prima che lui si è dimostrato colpevole secondo legge. Basta, anche nell'assenza di qualsiasi sentenza formale, per là per essere alcuni discutendo suggerendo che la corte o i riguardi ufficiali l'accusato come colpevole. La Corte ha enfatizzato costantemente l'importanza della scelta di parole con ufficiali pubblici nelle loro dichiarazioni di fronte ad una persona è stato tentato e è stato fondato colpevole di un particolare reato penale (vedere Khuzhin ed Altri c. la Russia, n. 13470/02, § 94 23 ottobre 2008; Nešťák c. la Slovacchia, n. 65559/01, §§ 88 e 89, 27 febbraio 2007; Garycki c. la Polonia, n. 14348/02, § 71 6 febbraio 2007; Capeau c. il Belgio, n. 42914/98, § 22 ECHR 2005-io; Böhmer c. la Germania, n. 37568/97, § 54 3 ottobre 2002; ed il de di Allenet Ribemont c. la Francia, 10 febbraio 1995, § 35 la Serie Un n. 308).
33. La Corte osserva che OMISSIS non subì processo. Lui commise suicidio 25 marzo 2002, il giorno che i suoi complici allegato sono stati arrestati. Tre mesi dopo la morte di OMISSIS i procedimenti penali contro lui furono cessati. In questo collegamento, è osservato, che la sfera di Articolo 6 § 2 non è limitato a procedimenti penali e pendenti ma prolunga a decisioni giudiziali prese dopo che un'accusa è stata cessata (vedere Nölkenbockhoff, § 37, e Capeau, § 25 sia citò sopra).
34. La Corte reitera che è un articolo fondamentale di diritto penale che la responsabilità penale non scampa la persona che commise l'atto penale (vedere A.P., M.P. e T.P. c. la Svizzera, 29 agosto 1997, Relazioni di Sentenze e 1997-V di Decisioni §§ 46 e 48, ed E.L., R.L. e J.O. - L. c. la Svizzera, 29 agosto 1997, 1997-V di Relazioni §§ 51 e 53). Comunque, nei procedimenti penali contro i co-imputati di OMISSIS, il Krasnodar Corte Regionale espresse la prospettiva che OMISSIS aveva “organizzato la banda”, che lui aveva “aveva soldi alla sua disposizione”, e che lui aveva “consolidato la banda e pagato ogni membro per commettere i crimini” (vedere paragrafo 9 sopra). Quelle dichiarazioni non furono limitate a descrivendo un “stato di sospetto” contro OMISSIS; loro affermarono come un fatto stabilito senza qualsiasi qualifica o riserva, che lui era stata il leader di un sindacato penale e che lui aveva coordinato e consolidato le attività penali di quel il sindacato.
35. L'enunciazione usata nei procedimenti civili e susseguenti riguardo alle vittime ' chiede per danno patrimoniale e non-patrimoniale era anche più esplicito. Non solo faceva la ripetizione di Corte distrettuale di Kurganinskiy, con riferimento alla sentenza penale che OMISSIS aveva “stato il leader di un gruppo armato (la banda)” ma molto andò ulteriore e specificato che la banda aveva “impegnato, sotto il suo comando, crimini seri”, incluso assassinio e tentato omicidio (vedere paragrafo 16 sopra). Le dichiarazioni della Corte distrettuale furono riprodotte note per nota nella sentenza del Krasnodar Corte Regionale.
36. La Corte enfatizza che c'è una distinzione fondamentale per essere reso fra una dichiarazione che qualcuno è sospettato soltanto di avere commesso un crimine ed una dichiarazione giudiziale e chiara, nell'assenza di una definitivo condanna che l'individuo ha commesso il crimine in oggetto. Avendo riguardo ad all'esplicito e carattere privo dei requisiti necessari delle dichiarazioni contestate contenuti in sia le sentenze della Corte distrettuale e la Corte Regionale, i costatazione di Corte che loro hanno corrisposto ad una dichiarazione sulla colpa di OMISSIS prima che lui si dimostrò colpevole secondo legge. Le sottolineature di Corte che non ci può essere giustificazione per una corte di legge per fare una dichiarazione prematura di qualche genere (vedere la causa-legge sopra-citata, ed anche Kaźmierczak c. la Polonia, n. 4317/04, § 54 10 marzo 2009; Wojciechowski c. la Polonia, n. 5422/04, § 54 9 dicembre 2008; Del Latte c. i Paesi Bassi, n. 44760/98, § 31 9 novembre 2004; e, come riguardi procedimenti civili e susseguenti, Y. c. la Norvegia, n. 56568/00, § 46 ECHR 2003-II (gli estratti), e Baars c. i Paesi Bassi, n. 44320/98, § 63 28 ottobre 2003). Tale dichiarazione era anche a variazione con la causa-legge di corti russe che considerarono improprio un riferimento nella condanna penale alle identità di qualsiasi complici allegato, le accuse contro chi non erano state esaminate ancora, anche dove simile complici furono designati solamente con le loro prime iniziali (vedere paragrafo 22 sopra). Nella causa presente il nome del Sig. Vitaliy Vulakh fu sillabato fuori in pieno e lui chiaramente fu identificato in tutte le sentenze. Nelle circostanze, la Corte trova, che le dichiarazioni con le corti russe all'effetto che OMISSIShad stato il capo di una banda penale che aveva commesso crimini seri il suo comando sotto, prima che lui fosse dichiarato colpevole, corrispose ad una violazione del suo diritto per essere presunto innocente (compari Popovici c. la Moldavia, N. 289/04 e 41194/04, §§ 76-79 27 novembre 2007).
37. C'è stata perciò una violazione di Articolo 6 § 2 della Convenzione.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1
38. I richiedenti si lamentarono che i loro diritti ad un processo equanime ed al godimento tranquillo della proprietà era stato violato dalle decisioni del tribunale nazionale che li riteneva finanziariamente responsabili per i crimini commessi presumibilmente da OMISSIS. La Corte considera che questa azione di reclamo deve essere esaminata sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che si legge come segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Ammissibilità
39. La Corte considera che questa azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 (a) della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
1. Osservazioni delle parti
40. Il Governo affermò che non c'era nessuna violazione dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 perché i richiedenti erano stati privati delle loro proprietà ereditate nell'interesse pubblico e per motivi legali. Facendo seguito all’ Articolo 1175 § 1 del Codice civile, gli eredi che avevano accettato l'appezzamento di terreno erano congiuntamente responsabili per i debiti del testatore.
41. I richiedenti contesero che l’Articolo 1175 del Codice civile non era applicabile nella causa presente perché OMISSIS non aveva contratto nessun debito. La rivendicazione dei querelanti riguardava solamente il danno causato presumibilmente a loro dalle azioni del Sig. OMISSIS. Comunque, la sua responsabilità per quel danno non era stata mai provata o era stata mai stabilita.
2. La valutazione della Corte
42. L’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 comprende tre articoli distinti: il primo articolo, esposto nella prima frase del primo paragrafo è di natura generale ed enuncia il principio del godimento tranquillo della proprietà; il secondo articolo, contenuto nella seconda frase del primo paragrafo copre la privazione della proprietà e la sottopone a certe condizioni; il terzo articolo, determinato nel secondo paragrafo, riconosce che agli Stati Contraenti è concesso, inter alia, controllare l'uso della proprietà in conformità con l'interesse generale. Comunque, i tre articoli non sono distinti nel senso di essere distaccati. Il secondo e il terzo articolo riguardano i particolari casi di interferenza col diritto al godimento tranquillo di proprietà e dovrebbero essere costruiti perciò alla luce del principio generale enunciata nel primo articolo (vedere Broniowski c. Polonia [GC], n. 31443/96, § 134 il 2004-V ECHR).
43. Il “la proprietà” in questione nella presente causa una quota di minoranza era in una fabbrica di caseificio che i richiedenti ereditarono da OMISSIS tramite successione (vedere paragrafo 14 sopra). Il loro status come eredi a riguardo di quella proprietà fu sostenuta rispettivamente dal Distretto e dalle sentenze della Corte Regionale del 4 e del 18 settembre 2003. Con le stesse sentenze, le corti ordinarono un trasferimento delle quote nella fabbrica dei richiedenti ai querelanti individuali come un risarcimento per danno patrimoniale e non-patrimoniale causato dalle attività criminali di OMISSIS.
44. L'azione di reclamo presente è distinguibile dalle altre cause nelle quali sono entrate prima la Corte che non concerne la presa di proprietà con lo Stato o qualsiasi forma di controllo imposto dallo Stato dell’ uso. Questa era una controversia fra parti private riguardo ad una rivendicazione di risarcimento, ed il ruolo dello Stato fu limitato a prevedendo, per il suo sistema giudiziale un foro per la determinazione dei richiedenti i diritti civili di ' ed obblighi. La Corte reitera che la disposizione di un foro giudiziale non impegna automaticamente la responsabilità dello Stato sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. Ciononostante, lo Stato può essere sostenuto responsabile per perdite causate con simile determinazioni se le decisioni di corte non fossero date in conformità con diritto nazionale o se loro fossero crepati con arbitrarietà o contrario di irragionevolezza di manifestazione ad Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 (vedere, fra altri, Melnychuk c. l'Ucraina (il dec.), n. 28743/03, ECHR 2005-IX, e Breierova ed Altri c. la Repubblica ceca (il dec.), n. 57321/00, 8 ottobre 2002). La situazione che ottiene così nella causa presente incorre essere esaminata dal posto d'osservazione del primo articolo, insorga la prima frase del primo paragrafo di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, che del principio del godimento tranquillo di proprietà.
45. La Corte reitera che anche in cause che comportano la causa fra individui o società, Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 può comportare certe misure necessarie a proteggere il diritto di proprietà. Questo vuole dire, in particolare, che gli Stati sono sotto un obbligo di riconoscere procedure giudiziali che offrono le garanzie procedurali e necessarie e perciò abilitano le corti nazionali e tribunali ad aggiudicare efficacemente ed equamente qualsiasi controversia fra persone private (vedere Sovtransavto Holding c. l'Ucraina, n. 48553/99, § 96 ECHR 2002-VII). Nelle altre parole, lo Stato deve assicurare nel suo ordinamento giuridico nazionale che diritti di proprietà sufficientemente sono protetti dalla legge e che via di ricorso adeguate sono offerte da che cosa la vittima di un'interferenza può cercare di rivendicare i suoi diritti (vedere Blumberga c. la Lettonia, n. 70930/01, § 67 14 ottobre 2008).
46. La Corte osserva all'inizio che, con contrasto con la situazione che ottiene nelle certe cause precedenti (vedere, per esempio, Denisova e Moiseyeva c. la Russia, n. 16903/03, 1 aprile 2010; Phillips c. il Regno Unito, n. 41087/98, § 52 ECHR 2001-VII; e Raimondo c. Italia, 22 febbraio 1994 la Serie Un n. 281-un), la causa presente non contiene qualsiasi fatti o prova che potrebbero condurre la Corte a concludere che riguardava il sequestro di soldi o i beni ottenuto per le attività illegali o pagato per con gli incassi di crimine. Non si ha affermato mai che la quota di OMISSIS nella fabbrica di caseificio fu ottenuta dolosamente o acquistò con gli incassi di qualsiasi le attività penali. La causa di azione in quelli procedimenti civili era una rivendicazione penale contro i richiedenti che sorgono fuori della condotta sbagliata del loro deceduto parente che aveva provocato presumibilmente pregiudizio finanziario ai querelanti.
47. La Corte reitera che un'assoluzione in procedimenti penali o la loro conclusione procedurale non dovrebbe precludere la costituzione della responsabilità civile per pagare risarcimento che sorge fuori degli stessi fatti sulla base di un onere della prova meno severo (vedere Ringvold c. la Norvegia, n. 34964/97, § 38, ECHR 2003-II con gli ulteriori riferimenti). In simile circostanze la vittima dovrebbe essere in grado presentare una rivendicazione per il risarcimento per il danno sotto i principi generali sulla legge di illeciti civili. Con contrasto con procedimenti penali che non possono continuare dopo la morte dell'imputato una rivendicazione civile per il risarcimento può essere portata contro l'appezzamento di terreno dell'imputato deceduto, e decise su in conformità con gli articoli generali di procedimenti civili allo standard di prova richiesto in quelli procedimenti.
48. Articolo 1064 del Codice civile russo (citò in paragrafo 20 sopra) governò distribuzione dell'onere della prova in procedimenti di risarcimento. Era in carica sul rivendicatore per mostrare che lui o lei soffrirono di danno legale che era la conseguenza di condotta sbagliata da parte del perpetratore allegato. Il perpetratore potrebbe essere alleviato solamente dalla responsabilità se lui o lei fossero in grado dimostrare l'assenza di suo o la sua colpa che è che lui o lei non agirono intenzionalmente o trascuratamente o che non c'era collegamento causale fra la condotta contestata ed il danno.
49. Fin dal perpetratore allegato OMISSIS era morto prima qualsiasi procedimenti furono avviati, è ovvio che lui non poteva essere aspettatosi di supplicare l'assenza di colpa lui. La questione sorge perciò se tale opportunità fu riconosciuta ai richiedenti che furono chiamati come la parte rispondente nei procedimenti di risarcimento. Sembra dalla sentenza di 4 settembre 2003 che, nell'aggiudicare la rivendicazione di risarcimento, la Corte distrettuale non rese, qualsiasi sentenze indipendenti come alla colpa di OMISSIS o i richiedenti, ma soltanto si riferì di nuovo alle sentenze pronunciate con corti diverse nei procedimenti penali contro il Sig. S., il Sig. N. ed il Sig. K. Neither i richiedenti, né il tardo OMISSIS era stato una parte a quelli procedimenti penali e, siccome la Corte ha trovato sopra, la dichiarazione della colpa di OMISSIS nelle sentenze penali –in assenza di una condanna-corrispose ad una violazione della sua presunzione dell'innocenza. I richiedenti indicarono questo difetto nella loro dichiarazione di ricorso contro la sentenza della Corte distrettuale, ma la Corte Regionale sostenne che la sentenza penale già aveva stabilito la colpa di OMISSIS. Segue che i procedimenti nazionali non offrirono le garanzie procedurali e necessarie i richiedenti per una rivendicazione dei loro diritti di proprietà.
50. C'è stata perciò una violazione dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
III. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
51. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
52. I richiedenti chiesero 5,832,000 euros (EUR) in riguardo di danno patrimoniale, rappresentando il valore di stima della fabbrica di caseificio e gli altri beni, così come la perdita valutata di profitto. Loro dissero inoltre EUR 21,550 per ogni richiedente in riguardo di danno non-patrimoniale. Loro non costituirono una rivendicazione costi o spese.
53. Il Governo presentò che i richiedenti le rivendicazioni di ' erano state irragionevoli e non comprovate.
54. Come riguardi i richiedenti che ' chiede in riguardo di danno patrimoniale, la Corte osserva che i richiedenti le proprietà di ' furono trasferite ai loro avversari procedurali come un risultato delle decisioni giudiziali che fondò essere stato incompatibile con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. La Corte non può speculare che che sarebbe potuta essere la conseguenza dei procedimenti civili, aveva i giudici nei procedimenti civili evitò appellarsi sulla sentenza penale che aveva stabilito presumibilmente la colpa di OMISSIS. È notato che, facendo seguito alla sentenza della Corte Costituzionale russa n. 4-P 26 febbraio 2010, le sentenze della Corte sono vincolanti per Russia ed una sentenza di una violazione della Convenzione o i suoi Protocolli con la Corte è una base per riaprire procedimenti civili sotto Articolo 392 del Codice di Procedura Civile e revisione delle sentenze nazionali nella luce dei principi di Convenzione stabilì con la Corte. La Corte considera che una re-apertura dei procedimenti civili e revisione della questione nella luce dei principi ha identificato in questa sentenza sarebbe il più appropriato vuole dire di riconoscere riparazione alla vittima. Di conseguenza, respinge i richiedenti che ' chiede in riguardo di danno patrimoniale.
55. Come a danno non-patrimoniale, la Corte reitera la sua posizione continua che un richiedente non può essere costretto a fornire qualsiasi prova di danno non-patrimoniale lui o lei hanno subito (vedere, fra molti altri, Antipenkov c. la Russia, n. 33470/03, § 82 15 ottobre 2009; Pshenichnyy c. la Russia, n. 30422/03, § 35 14 febbraio 2008; Garabayev c. la Russia, n. 38411/02, § 113 ECHR 2007-VII (gli estratti); e Gridin c. la Russia, n. 4171/04, § 20 1 giugno 2006). Considera inoltre che i richiedenti hanno dovuto soffrire dell'ansia e la frustrazione su conto delle autorità la dichiarazione di ' che loro defunto parente era colpevole e la perdita delle loro proprietà nei procedimenti civili. Facendo la sua valutazione su una base equa, la Corte assegna EUR 4,000 ogni richiedente in riguardo di danno non-patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su sé.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara la richiesta ammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 6 § 2 della Convenzione;
3. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1;
4. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare ogni richiedente, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione EUR 4,000 (quattro mila euro) a riguardo del danno non-patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, da convertire in rubli russi al tasso applicabile nella data dell’ accordo;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo il’interesse semplice sarà pagabile sull'importo sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
5. Respinge il resto delle richiesta dei richiedenti per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 10 gennaio 2012, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Søren Nielsen Nina Vajić
Cancelliere Presidente



DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 01/07/2020.