Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF GLADYSHEVA v. RUSSIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 08, P1-1

NUMERO: 7097/10/2011
STATO: Russia
DATA: 06/12/2011
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

Conclusion Violation of P1-1; Violation of Art. 8 ; Restitution of the disputed property or financial award ; Non-pecuniary damage
FIRST SECTION
CASE OF GLADYSHEVA v. RUSSIA
(Application no. 7097/10)
JUDGMENT
STRASBOURG
6 December 2011
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Gladysheva v. Russia,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Nina Vajić, President,
Anatoly Kovler,
Peer Lorenzen,
Elisabeth Steiner,
Khanlar Hajiyev,
Linos-Alexandre Sicilianos,
Erik Møse, judges,
and André Wampach, Deputy Section Registrar,
Having deliberated in private on 15 November 2011,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 7097/10) against the Russian Federation lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Russian national, OMISSIS (“the applicant”), on 15 January 2010.
2. The applicant was represented by OMISSIS, a lawyer practising in Moscow. The Russian Government (“the Government”) were represented by Mr G. Matyushkin, Representative of the Russian Federation at the European Court of Human Rights.
3. The applicant alleged that she had been dispossessed of her flat contrary to Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention and that she faced eviction in violation of Article 8 of the Convention.
4. On 7 July 2010 the President of the First Section decided to grant the application priority under Rule 41 of the Rules of Court and to give notice of it to the Government. It was also decided to rule on the admissibility and merits of the application at the same time (Article 29 § 1).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. The applicant was born in 1973 and lives in Moscow.
6. On 28 September 2005 the applicant bought a 37.5 square metres flat in Moscow at 59 Novocheryomushkinskaya Street (“the flat”) and has been living there with her son born in 1998. The seller of the flat, Mr V., had bought it from Ms Ye., who had acquired it under the privatisation scheme. The facts relating to the ownership of the flat prior to the applicant’s acquisition of it and the subsequent invalidation of her title may be summarised as follows.
A. Privatisation and sale of the flat
7. Before its privatisation the flat was owned by the City of Moscow. On 10 September 2004 the prefect of Yugo-Zapadnyy circuit allocated the flat to Mr M. as social housing. M. signed a social tenancy contract on 29 October 2004 and was registered as the flat’s principal, and only, tenant on 12 November 2004. No family members were indicated in the moving-in order.
8. On 19 November 2004 the Department of the Interior of the Cheryomushki District of Moscow registered M.’s spouse Ye. at his address. The registration was effected upon M.’s written application, certified by public notary R. on 17 November 2004, and accompanied by Ye.’s and M.’s marriage certificate issued in Kaluga on 15 October 2004. Ye.’s identity was confirmed upon presentation of her passport.
9. On 19 December 2004 M. was found dead. The inquest found that he had fallen out of the window of his flat and concluded that he had committed suicide, as no evidence of any other person’s involvement could be found. It was noted that M. was a former drug addict.
10. On 11 February 2005 Ye. issued a power of attorney to L., authorising him to represent her in all transactions related to the flat and in all privatisation and registration procedures before the property and residence registration authorities. The power of attorney was certified by public notary S., who had indicated in a standard clause that Ye. had signed the authority in her presence and that her identity and legal capacity had been confirmed.
11. On 30 March 2005 the Housing Policy and Housing Fund Department of the City of Moscow (Департамент жилищной политики и жилищного фонда г. Москвы, “the Moscow Housing Department”) concluded a social tenancy contract with Ye. and on the same day signed a privatisation agreement in respect of the flat. Ye. was represented by L. in these transactions.
12. On 6 May 2005 the Moscow Office of the Federal Authority for Registration of Property (Главное управление Федеральной регистрационной службы по г. Москве) registered Ye.’s ownership of the flat in the Consolidated State Register of Real Estate Titles and Transactions (Единый государственный реестр прав на недвижимое имущество и сделок с ним, “the Land Register”).
13. On 23 May 2005 Ye. sold the flat to V. On 6 June 2005 V.’s ownership was registered in the Land Register.
14. On 28 September 2005 V. sold the flat to the applicant. The terms of the purchase included the applicant’s obligation to pay the seller 990,000.00 Russian roubles (RUB) in respect of the flat, an advance payment of 6,000 United States dollars (USD), plus a contribution of RUB 1,465,847 to renovation costs. It also included an undertaking by the seller to buy the applicant an equivalent flat in the event that the applicant lost the title for reasons relating to any defects of the title which pre-dated the purchase of the flat by the applicant.
15. The transfer of title was registered at the Moscow Office of the Federal Authority for the Registration of Property.
16. The applicant and her son moved into the flat and have been living there since.
17. On 3 May 2007 Ye. died, reportedly of natural causes.
B. Challenge to the applicant’s ownership and eviction proceedings
18. On 30 January 2008 the Moscow Department of the Interior informed the Moscow Housing Department of suspected fraud in the privatisation of the flat.
19. On an unidentified date in 2008 the Moscow Housing Department brought an action against the applicant and the previous owners of the flat V. and Ye. They referred to a “check” that had revealed that no marriage had taken place between M. and Ye. and that Ye.’s passport used for the registration and privatisation procedures had been declared lost in 1996; they asked the court to establish that the flat had been fraudulently acquired by Ye. and to declare the privatisation and all the ensuing transactions in respect of the flat null and void. The applicant lodged a counterclaim to have her title to the flat recognised by the court.
20. On 25 July 2008 the Cheryomushkinskiy District Court of Moscow dismissed the authorities’ claim and granted the applicant’s counterclaim, recognising her as the legitimate owner of the flat. It noted, in particular, that the applicant had purchased the flat in good faith (a bona fide buyer) and paid a purchase price for it. Therefore there were no grounds to invalidate the transactions in question. No appeal was lodged within the ten-day statutory limitation period, and the judgment became final and enforceable.
21. On 11 August 2008 the applicant complained to the police that Mr A.B., an official at the Moscow Housing Department, was trying to extort USD 50,000 from her in return for a promise that the Department would not appeal against the judgment of 25 July 2008. On 12 August 2008 the police carried out a covert operation, during which A.B. was caught receiving the aforementioned sum of money from the applicant, who had been primed by the police. On 10 December 2008 A.B. was convicted of embezzlement on account of that episode, and received a custodial sentence.
22. In the meantime, the Moscow Housing Department submitted a request for an extension of the time-limit for appeal against the judgment of 25 July 2008, on the grounds that the prosecution of A.B., who had been in charge of the file, left the Department understaffed and unable to comply with the deadlines. On 14 November 2008 the District Court granted the request and extended the time-limit for the appeal. The appeal hearing took place on 18 December 2008 before the Moscow City Court, which quashed the judgment and remitted the matter back to the District Court for a fresh first-instance examination. It instructed the first-instance court to clarify whether the claims concerned the invalidation of the transactions regulated by Article 167 of the Civil Code, or the reclaiming of property under Article 302 of the Code.
23. On 15 December 2008 criminal proceedings against an “unidentified perpetrator” were instituted on suspicion of fraud in the process of privatisation of the flat. The applicant requested to be granted victim status in these proceedings, but this was refused on the grounds that the damage resulting from the fraud was caused to the Moscow Housing Department, not to the applicant. The decision refusing the applicant victim status was taken by the Moscow City Court on 27 July 2009.
24. On 9 July 2009 the District Court found that the privatisation of the flat by Ye. had been fraudulent. It established, in particular, that the civil act registration authority had found no record of a marriage between M. and Ye. and concluded that their marriage certificate had been forged. Therefore Ye. had had no right to be registered at M.’s address or to privatise his flat after his death. In respect of the applicant, it found that she was a bona fide buyer, within the meaning of Article 302 of the Civil Code. However, it found that the flat, having been fraudulently privatised, had left the possession of the City of Moscow, its lawful owner, without that body having the intention to divest itself of it. Thus, by application of Article 302 of the Civil Code and Constitutional Court ruling 6-P of 21 April 2003, the case fell under one of the two exceptions to the protection of a bona fide buyer’s title, which required that precedence be given to the previous owner. The applicant’s title to the flat was accordingly revoked and the City of Moscow declared the flat’s lawful owner. The court ordered the applicant’s eviction without compensation or an offer of alternative housing. The applicant appealed.
25. On 21 December 2009 the Moscow City Ombudsman wrote to the Mayor of Moscow, asking him to consider offering the applicant a social tenancy of the flat. However, on 19 January 2010 the Moscow Housing Department replied in the negative, stating that this would undermine the order of priority on the waiting list.
26. On 12 February 2010 the investigating authority decided to grant the applicant victim status in the criminal proceedings and questioned her in this capacity. On 23 March 2011, however, they overruled that decision as unfounded, following an order by the prosecutor that they should do so.
27. The criminal investigation of the suspected fraud was then suspended on the grounds that no culprit had been identified. The file, however, contained certain material on the basis of which the courts were able to establish that the privatisation had been carried out improperly. It included, in particular, the finding that all acts relating to Ye.’s registration as a resident of the flat, its privatisation and sale to V. had been carried out using Ye.’s passport, which had been declared lost in 1996. It also contained a reply from the municipal authorities of Kaluga that they had no record of Ye.’s and M.’s marriage having been registered in 2004. The Kaluga passport authorities had replied to the investigator that Ye. had been previously registered as a resident of Kaluga, and her registration there had not been removed until her death in 2007. There was also a reply from public notary R. that she had had no records of M.’s application in her register and she denied having certified it.
28. On 13 May 2010 the appeal against the judgment of 9 July 2009 was rejected in the final instance by the Moscow City Court.
29. The applicant requested a suspension of the execution of the judgment in so far as it concerned the eviction. On 22 July 2010 the court granted her request and adjourned the eviction until 1 February 2011. This term was later extended until 1 June 2011.
30. On 14 December 2010 the Deputy Prosecutor General requested the Supreme Court to examine the applicant’s case in supervisory review proceedings. He considered the revocation of her ownership of the flat unlawful and unjustified. First, he argued that the rule contained in Article 302 § 1 of the Civil Code ordering reinstatement of ownership of the property which was removed from its owner’s possession without the owner’s intention to divest itself of it was inapplicable in her case. He pointed out that the Moscow Housing Department was a party to the transaction in which the flat had been privatised and could not be unaware of it; the Department had never claimed that the official in charge of the privatisation had gone beyond her authority or acted contrary to instructions. Hence it could not be said that the flat had been privatised without the Department having that intention. Therefore, the applicant, as a bona fide buyer, should not have been required to return the flat to its earlier owner, the City of Moscow. Secondly, the Deputy Prosecutor General considered that the judicial decisions had not balanced the interests of the municipality against the lawful rights and interests of the applicant, whereas the protection of individual citizens should have taken priority, in accordance with the Constitution. As a result of a third-party fraud, a single mother and her child faced eviction without compensation and without an offer of alternative housing. He noted that she had no other housing and that all her savings had been put into the purchase of the flat and the costly litigation. Finally, he pointed out that the courts had exceeded their responsibility in applying Article 302 of the Civil Code, in lieu of Article 167 on which the plaintiff had relied, and had thereby granted the award beyond the scope of the claim.
31. On 24 December 2010 the Supreme Court refused the request by the Deputy Prosecutor General, declining to reconsider the case in supervisory-review proceedings. It noted that the applicant’s status as a bona fide buyer had not been in doubt at any stage. However, the courts had correctly applied the law and granted the plaintiff’s lawful claims. It added that the applicant remained free to sue V. for damages.
32. On 31 May 2011 the Cheryomushkinskiy District Court of Moscow rejected the applicant’s application for further suspension of the execution of the judgment of 9 July 2009, noting that there had already been two extensions and there were no grounds for another.
33. On 30 June 2011 the Moscow City Ombudsman wrote to the Mayor of Moscow, alerting him to a growing number of cases of flats being repossessed by the City of Moscow against bona fide buyers on account of irregular privatisation by the previous owners of the flats; all of them were being denied any compensation or substitute housing. In his view, the incidents of fraudulent privatisation should not have been treated by courts as cases where property was removed from possession “without the owner’s intention to divest” within the meaning of Article 302 § 1 of the Civil Code. He pointed out that privatisations were transactions entered into by the State, represented by its public officials, whose duty was to make all the necessary checks and to ensure the procedural integrity of the transaction. The responsibility of the State was thus engaged wherever they failed in this task. In any event, failure to identify documents as forged could not in such circumstances be classified as passage of title without the owner’s intention to divest. He referred to the applicant’s case as one flagrant example of a wrong and unjust outcome of the erroneous interpretation adopted by Moscow courts in such cases. On the same day he sent letters to the Moscow Prosecutor’s Office and the head of the Moscow Department of the Interior, citing the applicant’s case, calling for the thorough investigation of fraud cases of this type, and requesting that the applicant’s victim status be reassessed in the relevant criminal proceedings.
34. According to the applicant’s latest submissions, she has not yet been evicted but considers it imminent.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
35. The Civil Code provides for two different avenues by which one’s property title may be challenged by a previous owner:
Article 167 General Provisions on Consequences of Invalidity of a Transaction
“1. An invalid transaction shall not entail legal consequences, with the exception of those connected with its invalidity, and shall be invalid from the moment of its conclusion.
2. If a transaction has been recognised as invalid, each of the parties shall be obliged to return to the other party all it has received as part of the transaction, and if return is impossible in kind (including where the transaction concerns the use of property, work performed or services rendered), its cost shall be reimbursed in money - unless other consequences of the invalidity of the transactions have been stipulated by law.
3. If it follows from the content of the disputed transaction that it may only be terminated for the future, the court, while recognising the transaction as invalid, shall terminate its operation for the future.”
Article 302 Reclaiming property from a bona fide acquirer
“1. If the property has been purchased for a price from a person who had no right to alienate it, and the acquirer is unaware and could not have been aware (the bona fide acquirer, or the acquirer in good faith), the owner shall have the right to reclaim this property from the acquirer, if the said property was lost by the owner or by the person into whose possession the owner has passed the property, or if it was stolen from one or the other, or if it has left their possession in another way, in the absence of intention on their part to divest themselves of it.
2. If the property has been acquired without consideration from a person who had no right to alienate it, the owner shall have the right to reclaim the property in all cases.
3. Money and securities in respect of the property shall not be reclaimed from the bona fide acquirer.”
36. By its ruling of 21 April 2003, 6-P, the Constitutional Court interpreted Article 167 of the Code as not allowing the first owner to reclaim his property from a bona fide buyer unless there is a special legislative provision to this effect. Instead, a claim vindicating prior rights (виндикационный иск) could be lodged under Article 302 of the Code if the conditions indicated in paragraphs 1 and 2 are met, in particular if the property has left the owner’s possession in the absence of intention on the part of him or her to divest themselves of it, or if the property has been acquired without consideration.
37. Further interpretation of Article 302 of the Civil Code was provided by the Plenary of the Supreme Court of the Russian Federation and the Plenary of the High Commercial Court of the Russian Federation, contained in the second paragraph of item 39 of their joint ruling of 29 April 2010, no. 10/22 “On certain questions arising in judicial practice in respect of resolution of disputes connected with the protection of property rights and other real rights” and in the Constitutional Court’s ruling of 27 January 2011, 188-O-O. They held in particular that there was no automatic link between invalidity of a transaction and an owner’s intention or otherwise, to divest themselves of it. The Constitutional Court’s ruling held, in so far as relevant, as follows:
“... the uncertainty of the legal provisions [including Article 302] challenged by the claimant is eliminated by the interpretation of the Plenary of the Supreme Court of the Russian Federation and the Plenary of the High Commercial Court of the Russian Federation, contained in the second paragraph of item 39 of the [ruling of 29 April 2010, no. 10/22]: ‘the invalidity of the transaction in execution of which the transfer of property was effected does not by itself prove that it left the possession of the owner in the absence of intention to divest on their part; the courts need to establish whether the owner intended to transfer possession to another person’”.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 TO THE CONVENTION
38. The applicant complained that she had been deprived of her possessions in violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, which provides, in so far as relevant, as follows:
Article 1 of Protocol No. 1 (protection of property)
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. The parties’ submissions
1. The Government
39. The Government contested the admissibility of this complaint, as well as the merits. They argued that the applicant’s unfortunate situation had been caused by a private person, Ye., who had fraudulently privatised the flat and unlawfully sold it on to V. The privatisation had been carried out on the basis of forged documents and the flat had therefore left the possession of the Moscow Housing Department in the absence of that body’s intention to divest itself of it. The City of Moscow, like any owner, was entitled under Article 302 of the Civil Code to recover its property from subsequent acquirers. They pointed out that action to reclaim property is rooted in rei vindicatio known in Roman law, and is a well-established procedure under Russian law.
40. The Government claimed that Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention was not applicable to the present case. They referred to the Court’s case-law, which stated that that Article did not concern the regulation of civil-law rights between parties under private law. The domestic courts’ decisions according to the rules of private law cannot be seen as an unjustified State interference with the property rights of one of the parties. They relied on the judgment Zhukovskiye v. Russia (no. 23166/04, 13 January 2011) and two cases cited therein, Kuchař and Štis v. Czech Republic ((dec.), no. 37527/97, 21 October 1998), and S.Ö., A.K., Ar.K. and Y.S.P.E.H.V. v. Turkey ((dec.) 31138/96, 14 September 1999)) and claimed that the subject matter of the present case was precisely a private-law dispute because it related to the contract between the applicant and V. They alleged that the State had not been involved in the sale and purchase contract and had not compelled the parties to conclude it. It was therefore up to the parties to bear the consequences of the transaction. The Government therefore requested that the Court dismiss this complaint as inadmissible ratione materiae.
41. The Government further expressed doubt as to whether the applicant had been a true bona fide buyer, as she had claimed throughout the domestic proceedings. They argued that one would suspect that a flat being resold so soon after its acquisition by V. would have some flaw in its provenance. They further suggested that the applicant must have acted in conspiracy with A.B., a former official at the Moscow Housing Department who was convicted of embezzlement for trying to extort a bribe from the applicant in return for keeping her clear of litigation with the Department (see paragraph 21 above). If so, the applicant must have been involved in unlawful machinations in connection with the flat and was not entitled to legal protection. In addition to that, the applicant’s lack of good faith in entering this transaction was demonstrated, in the Government’s view, by the way the parties defined the price of the flat, dividing it into three parts (see paragraph 14 above) so as not to reach the RUB 1,000,000 income tax threshold under Russian law. They alleged that the applicant had thus committed an offence of tax evasion and also demonstrated “malicious intent”, which she shared with the other party to the transaction, and had thus rendered the whole deal unlawful, of which “all the gain ... shall be transferred into receipts for the Russian Federation”.
42. The Government added that, in any event, the status of bona fide buyer would not have offered the applicant protection under Article 302 of the Civil Code, because there had been no doubt that the flat had left the possession of the Moscow Housing Department in the absence of intention to divest.
43. Furthermore, the Government indicated that the terms of the sale and purchase contract concluded between the applicant and V. foresaw a warranty against any loss of title on account of a defect of the seller’s title (ibid.), which was pre-existing but not known to the parties. They described this clause as “very unusual and even strange” and invited the Court to interpret it as evidence of the applicant’s prior knowledge of a potential flaw in the provenance of the title she was acquiring. They also claimed that the applicant had not exhausted domestic remedies by not using this contractual warranty against V.
44. As to the merits, the Government considered that the interference with the applicant’s property rights pursued the legitimate aim of protecting the rights and interests of others, notably of people on the waiting list for social housing. They pointed out that the Member States enjoyed a generally wide margin of appreciation in social and economic matters such as housing. In the present case they considered it the Moscow Housing Department’s obligation to reinstate the municipality’s ownership and to allocate the flat to those in need. The dispossession in the present case was therefore necessary and did not place an individual excessive burden on the applicant, because the Prosecutor’s Office had intervened in the proceedings on her behalf seeking a supervisory review of the judicial decisions. Moreover, the applicant had been granted victim status in the ongoing criminal proceedings concerning fraud, at least for some time. Finally, the applicant had benefited from a stay of execution proceedings, which had delayed her eviction.
2. The applicant
45. The applicant disagreed with the Government’s submission and maintained her complaints. She insisted, in particular, that her Convention rights had been violated by the State, and not by private persons.
46. She further alleged that she had purchased the flat in good faith and referred to the domestic judicial decisions that had confirmed her status as a bona fide buyer. She claimed that she had been entitled to rely on the title conferred on Ye. by the public authorities under the privatisation procedure. She alleged that if the authorities, having examined Ye.’s file, had allowed Ye. to register at M.’s address as his wife and then to become its owner under the privatisation scheme she should not have been expected to assume that the title had any defects.
47. The applicant strongly denied having committed any offence or entered into conspiracy with any State officials, in particular with A.B., or having conducted any illegal dealings with V., or having evaded tax. She had bought the flat for her own use and lived there with her son, having complied with all the requirements prescribed by law for her to become its lawful owner. The mere fact that the flat was being re-sold within a short period of time did not strike her as unusual, because many people buy real estate for investment and resell it as soon as it becomes commercially sound to do so. V. had been questioned in the criminal proceedings and this had not led the investigating authorities to suspect him of involvement in fraud. The applicant had no reason to doubt that he had bought and re-sold the flat in good faith. She has never been suspected of any illegal dealings and the Government’s allegations of unlawful conduct on her part were unfounded.
48. Furthermore, she contested that the privatisation of the flat by Ye. had taken place against the intention of the Moscow Housing Department. Any fraud on the part of Ye., or another person acting under her name, had no link with the presence, or absence, of an intention on the part of the Moscow Housing Department to divest itself of the property. It had never been suggested that the official in charge of the privatisation file had exceeded her authority or that her signature had been forged. It was therefore wrong to apply Article 302 of the Civil Code and grant the Department’s claim to the flat. In any event, she considered that the privatisation fraud must have involved acquiescence by State officials in charge of the file; the impugned forgery was easy to check, and that was what the relevant bodies were required to do under the existing rules; they must therefore have knowingly accepted forged documents. However, the possible involvement of State officials in the fraud was not properly investigated in the criminal proceedings, which impeded any recourse against them.
49. The applicant also insisted that the loss of the flat placed her under an excessive individual burden. Despite the intervention by the Prosecutor General’s Office and the suspension of the execution proceedings she would still be required to vacate the flat in the near future. She considered it disproportionate that after paying the full market price for the flat she would be stripped of the property for no fault on her part and would have to pay for housing at the market rate, something she could not afford.
50. She finally contended that the criminal investigation into fraud offered her no prospects of relief, because following the death of M. and Ye. further possibilities of gathering evidence were scarce. Moreover, she had been stripped of victim status in these proceedings and was therefore prevented from participating in them effectively.
B. The Court’s assessment
1. Admissibility
51. The Court notes that the Government put forward two reasons for this complaint to be declared inadmissible. The Court will examine them as follows.
(a) Applicability of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention
52. The Government claimed that the present case fell outside the scope of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention as it concerned a dispute between parties under private law. Indeed, the Court has previously underlined that it is not in theory required to settle disputes of a private nature. It will therefore examine if the applicant’s litigation was of that kind.
53. It will first note that in so far as the Government indicated the dispute between the applicant and V. as the subject matter of this case, their argument was misguided. It is sufficiently clear from the decisions by the domestic courts that it was the Moscow Housing Department who sued the applicant on behalf of the City of Moscow; accordingly, the dispute at stake was between the applicant and the municipal body. The applicant’s situation was therefore clearly distinct from the cases of Zhukovskiye and Kuchař and Štis, referred to by the Government and cited above, both of which concerned resolution of disputes between private individuals.
54. The Court further notes that in certain circumstances it may regard a dispute between the State or municipality and an individual as a civil-law matter, as was the case in S.Ö., A.K., Ar.K. and Y.S.P.E.H.V., also referred to by the Government and cited above. In that case the litigation concerned a succession dispute to which the State Treasury was a party as one of the contending heirs, and the Court concluded that the Treasury’s standing in these proceedings was equal to that of an individual heir. It therefore decided that the domestic courts went no further than applying the rules of private law to a civil dispute, and, having noted that the impugned proceedings had not been arbitrary or unfair, declared the complaint under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention inadmissible.
55. In the present case, on the contrary, the Court cannot describe the dispute as a purely civil matter. The essential part of the judgment of 9 July 2009 concerned the finding of fraud in Ye.’s files concerning her residential registration, social tenancy and privatisation. That finding alone was enough for the court to recognise the City of Moscow’s right to reclaim the flat. In other words, the applicant’s dispossession was a direct consequence of the domestic courts’ finding of a defect in the procedure by which the flat was originally alienated by the municipality.
56. The Court observes that the domestic court established that Ye., or another person acting under her name, had registered in the flat, acquired it under a social tenancy and, ultimately, privatised it using forged documents.
57. It notes that in so far as the fraud concerned residential registration, it was an administrative-law matter within the competence of the passport authorities of the Interior. Likewise, the grant of the social tenancy fell within the domain of public welfare regulated by the Housing Code, not the Civil Code, and was administered by the Moscow Housing Department, a structural unit of the Moscow municipal authority. The same body oversaw the privatisation of social housing under the national privatisation scheme, which was a complex regulatory area, comprising legislative provisions of both a public- and a private-law nature. In the context of the present case its function was to apply State regulations to check eligibility to receive and to privatise social housing and to ensure that the passage of title from the State to an individual complied with the procedure prescribed by law. In so doing it exercised the authority of the State, as opposed to entering into private-law contracts on an equal footing with private counterparts.
58. The Court therefore considers that the subject matter of the dispute and the substantive provisions applied in the instant case, comprised, inter alia, significant elements of public law and implicated the State in its regulatory capacity, and not as a private party to a civil-law transaction.
59. In the light of the above the Court is unable to conclude that the proceedings in the present case could be regarded as a resolution of a dispute between parties under private law. Accordingly, it dismisses the Government’s objection as regards the applicability of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention in the present case.
(b) Alleged non-exhaustion of domestic remedies
60. The Government’s second objection concerned the applicant’s alleged failure to exhaust domestic remedies, as she had not sued V. for damages caused to her by the loss of title.
61. The Court notes that the applicant claimed to be a victim of a violation of her right to peaceful enjoyment of her possession as a result of the revocation of her title by a judgment which has become final and enforceable. It observes that no further recourse that may potentially lead to reinstatement of her title lies against that judgment under Russian law
62. It further notes that it is not in possession of any information as to whether the applicant has sought damages from V., or whether she intends to do so. However, it considers that the existence of this possibility cannot deprive her of victim status for the purposes of her complaint under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention; neither may it be regarded as necessary for compliance with the rule of exhaustion of domestic remedies within the meaning of Article 35 § 1 of the Convention. Any damages that she might be able to recover against V. may only be taken into account for the purposes of assessing the proportionality of the interference and, calculation of pecuniary damage if a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention is found by the Court, and if just satisfaction is awarded under Article 41 of the Convention.
(c) Conclusion
63. The Court finds that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
2. Merits
(a) General principles
64. The Court refers to its established case-law on the structure of Article 1 of Protocol No. 1 and the manner in which the three rules contained in that provision are to be applied (see, among many other authorities, J.A. Pye (Oxford) Ltd and J.A. Pye (Oxford) Land Ltd v. the United Kingdom [GC], no. 44302/02, § 52, ECHR 2007-..; Bruncrona v. Finland, no. 41673/98, §§ 65-69, 16 November 2004; and Broniowski v. Poland [GC], no. 31443/96, § 134, ECHR 2004-V).
65. It reiterates that in order to be compatible with the general rule of Article 1 of Protocol No. 1, an interference must comply with the principle of lawfulness and pursue a legitimate aim by means reasonably proportionate to the aim sought to be realised (see, for example, Beyeler v. Italy [GC], no. 33202/96, §§ 108-14, ECHR 2000-I).
66. An interference with the peaceful enjoyment of possessions must therefore strike a “fair balance” between the demands of the public or general interest of the community and the requirements of the protection of the individual’s fundamental rights. The concern to achieve this balance is reflected in the structure of Article 1 as a whole, which is to be read in the light of the general principle enunciated in the first sentence. In particular, there must be a reasonable relationship of proportionality between the means employed and the aim sought to be realised by any measure depriving a person of his possessions or controlling their use. Compensation terms under the relevant legislation are material to the assessment of whether the contested measure respects the requisite fair balance, and, notably, whether it imposes a disproportionate burden on the applicant
(see Former King of Greece and Others v. Greece [GC], no. 25701/94,
§ 89, ECHR 2000-XII).
67. In this connection, the taking of property without payment of an amount reasonably related to its value will normally constitute a disproportionate interference that cannot be justified under Article 1 of Protocol No. 1. This provision does not, however, guarantee a right to full compensation in all circumstances, since legitimate “public interest” objectives may call for reimbursement of less than the full market value (see, among other authorities, Papachelas v. Greece [GC], no. 31423/96, § 48, ECHR 1999-II).
68. Although Article 1 of Protocol No. 1 contains no explicit procedural requirements, the proceedings at issue must also afford the individual a reasonable opportunity to put his or her case to the responsible authorities for the purpose of effectively challenging the measures interfering with the rights guaranteed by this provision. In ascertaining whether this condition has been satisfied, a comprehensive view must be taken of the applicable procedures (see, among other authorities, Jokela v. Finland, no. 28856/95, § 45, ECHR 2002-IV).
(b) Application of these principles in the present case
(i) The existence of “possessions”
69. The Court observes that the applicant settled in the flat after buying it from V. under the conditions and procedure provided for by law. She was recognised as its lawful owner by the State, including the property registration authorities, as well as housing and residence registration bodies. It therefore constituted a “possession” for the purposes of Article 1 of Protocol No. 1.
(ii) The existence and the nature of interference
70. In so far as the Government may be understood as claiming that the judicial decisions in the present case did not constitute an interference with the applicant’s rights guaranteed by Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, as it was a mere resolution of a dispute between parties under private law, this argument was examined and dismissed by the Court under the head of preliminary objection (see paragraphs 52-59 above). It considers that the situation complained of leaves no doubt of the existence of an interference.
71. As to the nature of the interference, the Court finds that the complexity of the legal situation in the present case prevents its being classified in a precise category: on the one hand, the applicant was regarded as the lawful owner of the flat from the moment of its purchase, and her title was not disputed for nearly three years; on the other the courts have established that, in retrospect, the City of Moscow has always remained the owner, to the exclusion of any other title-holders. In any event, the Court does not consider it necessary to rule on whether the second sentence of the first paragraph of Article 1 of Protocol No. 1 applies in this case. It is the Court’s long-standing view that the situation envisaged in the second sentence of the first paragraph of Article 1 is only a particular instance of interference with the right to peaceful enjoyment of property, as guaranteed by the general rule set forth in the first sentence. The Court therefore considers that it should examine the situation complained of in the light of that general rule (see Beyeler, cited above, § 106; Gashi v. Croatia, no. 32457/05, §§ 27-31, 13 December 2007, and Đokić v. Bosnia and Herzegovina, no. 6518/04, §§ 57-58, 27 May 2010).
(iii) As to whether the interference was lawful
72. The Court notes that the applicant contested the lawfulness of the revocation of her title to the flat. She challenged, in particular, the application of Article 302 § 1 of the Civil Code, and contested that the flat had left the City of Moscow’s possession without intention to divest on the part of the Moscow Housing Department. Had this provision not been applied she would have enjoyed protection as a bona fide buyer.
73. The Court observes that Article 302 § 1 of the Civil Code allows property to be reclaimed from a bona fide buyer on condition that it left the possession of its owner, or holder, without that person having the intention to divest itself of it. The interpretation by the Plenary Supreme Court and High Commercial Court, as well as the Constitutional Court (see their rulings of 29 April 2010 and of 27 January 2011, cited in paragraph 37 above), is that for the property to be reclaimed from a bona fide buyer, the original owner had to prove that the property had been alienated without intention to divest on their part . The highest courts explicitly instructed the courts of general jurisdiction to examine the intentions of the owner as a matter separate and distinct from the issue of whether or not the property transfer contract was a valid one.
74. However, neither the Cheryomushkinskiy District Court nor the Moscow City Court examined the intentions of the Moscow Housing Department as regards the transfer of property title. As soon as the courts had established the existence of privatisation fraud, which invalidated that transaction, they automatically concluded that the flat had left the City of Moscow’s possession without intention to divest on its part. In fact, this omission was pointed out in the submissions by the Moscow Ombudsman and the Deputy Prosecutor General, both of whom regarded the approach chosen by the courts in the present case as controversial, but the Supreme Court did not consider the matter worth reopening.
75. In view of the above, the Court cannot rule out that there may have been a certain deficiency, either in the application of the domestic law or in the quality of the law, in that it was not sufficiently clear. However, the Court may dispense with resolving this point because, irrespective of the domestic lawfulness of the interference, it fell short of the requirement of proportionality, as will be set out below.
(iv) Legitimate aim
76. For the same reason the Court will assume that the impugned measure pursued the public interest, in that it catered for the needs of those on the waiting list for social housing, as maintained by the respondent Government. In any event, the Court will generally respect, in spheres such as housing, the legislature’s judgment as to what is in the general interest unless that judgment is manifestly without reasonable foundation
(see Immobiliare Saffi v. Italy [GC], no. 22774/93, § 49, ECHR 1999-V).
(v) Proportionality of the interference
77. The Court reiterates that any interference with property must, in addition to being lawful and having a legitimate aim, also satisfy the requirement of proportionality. As the Court has repeatedly stated, a fair balance must be struck between the demands of the general interest of the community and the requirements of the protection of the individual’s fundamental rights, the search for such a fair balance being inherent in the whole of the Convention. The requisite balance will not be struck where the person concerned bears an individual and excessive burden (see Sporrong and Lönnroth v. Sweden, 23 September 1982, §§ 69-74, Series A no. 52, and Brumărescu v. Romania [GC], no. 28342/95, § 78, ECHR 1999-VII).
78. As noted above, the applicant’s title was invalidated because of fraud in the procedures in which the flat was privatised by a third party, following the discovery of forged documents (see paragraphs 24 and 55 above). The Court has already pointed out that these procedures were conducted by official bodies in the exercise of the authority of the State
(see paragraph 57 above). It further notes that it is not clear from the Government’s submissions why the forgery of documents was discovered in 2008, and not in 2004-05 when the relevant authorities dealt with Ye.’s requests for residential registration, allocation of social housing and privatisation. It appears from the file that the forgery could be, and eventually was, established by making simple enquiries at the Kaluga civil registry, whose stamp was used for the forged marriage certificate, and with the notary in Moscow who had supposedly attested the application by M. Likewise, it would have been a straightforward task for the Moscow passport authorities to identify if a passport had been declared lost, through a basic database check. A further enquiry could also have been made to the passport authorities in Kaluga to confirm the validity of Ye.’s passport and check her residential registration status.
79. In the Court’s view, nothing prevented the authorities in charge of Ye.’s registration, social tenancy and privatisation files from authenticating her documents before granting her requests. It was within the State’s exclusive competence to define the conditions and procedures under which it alienated its assets to persons it considered eligible and to oversee compliance with those conditions. Moreover, the subsequent transactions in respect of the flat were also subject to legalisation by the State, in this case by the Moscow Office of the Federal Authority for Registration of Property, a procedure specifically aimed at providing extra security to the title holder. With so many regulatory authorities having granted clearance to Ye.’s title it was not for the applicant, or any other third-party buyer of the flat, to assume the risk of ownership being revoked on account of defects which should have been eliminated in procedures specially designed to do so. The authorities’ oversight could not justify subsequent retribution against a bona fide buyer of the property in question.
80. The Court further notes that the applicant has been stripped of ownership without compensation, and that she has no prospect of receiving replacement housing from the State. It rejects the Government’s allegations that she was somehow responsible for her situation because of lack of due diligence, or bad faith, or unlawful behaviour, as unsubstantiated and inconsistent with their other submissions and the findings of the domestic courts. The Court reiterates that that the mistakes or errors of the State authorities should serve to the benefit of the persons affected, especially where no other conflicting private interest is at stake. In other words, the risk of any mistake made by the State authority must be borne by the State and the errors must not be remedied at the expense of the individual concerned (see Gashi, cited above, § 40, and, mutatis mutandis, Radchikov v. Russia, no. 65582/01, § 50, 24 May 2007). It therefore concludes that dispossessing her of her flat placed an excessive individual burden on her, and that the public interest was not sufficient justification for doing so.
81. The Government argued that the effects of the applicant’s dispossession could be mitigated if she sued V. for damages. Indeed, the Court accepts that this opportunity is open to her. However, in the particular circumstances of the case it is clear that the payment of damages could not be pushed back as far as the fraudulent party, because the criminal investigation had not yet established the identity of the culprit and the chances of that culprit being found are virtually non-existent at this stage, in particular because the main witnesses, M. and Ye., are deceased. The Government essentially suggest that the applicant pass her excessive individual burden on to another bona fide individual buyer, and it is hard for the Court to see how that would improve the balance between the public interest and the need to protect individuals’ rights. It reiterates, however, that any compensation the applicant might receive from V. would be relevant for the evaluation of her losses, potentially for the purposes of Article 41 of the Convention (see paragraph 62 above).
82. The foregoing considerations are sufficient to enable the Court to conclude that the conditions under which the applicant was stripped of title to the flat imposed an individual and excessive burden on her and that the authorities have failed to strike a fair balance between the demands of the public interest on the one hand and the applicant’s right to the peaceful enjoyment of her possessions on the other.
83. There has accordingly been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 8 OF THE CONVENTION
84. The applicant complained that the eviction is a violation of her right to respect for home. She relied on Article 8 of the Convention which reads as follows:
“1. Everyone has the right to respect for his private and family life, his home and his correspondence.
2. There shall be no interference by a public authority with the exercise of this right except such as is in accordance with the law and is necessary in a democratic society in the interests of national security, public safety or the economic well-being of the country, for the prevention of disorder or crime, for the protection of health or morals, or for the protection of the rights and freedoms of others.”
A. The parties’ submissions
1. The Government
85. The Government’s submissions under Article 8 were essentially the same as those under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention. They considered that the applicant’s eviction was lawful, pursued a legitimate aim of protection of rights of persons eligible to social housing and that it was proportionate to that aim. They stressed that the applicant had already been granted a number of extensions of the deadline for moving out and that she would not have to be put on to the street, because she could move in with her parents, who also lived in Moscow.
2. The applicant
86. The applicant maintained her complaints, claiming that her eviction would not be in the public interest. From being self-sufficient she would become a welfare case, except that the authorities have already declined to provide her with social housing. She also pointed out that the Moscow Housing Department had refused to allow her to live in the flat under social tenancy conditions; having lost in the eviction proceedings she was no longer considered to be lawfully residing in Moscow and would therefore not even qualify for social housing there. Moreover, even if she somehow became eligible to be placed on a waiting list she would have to wait for at least ten years for a vacancy.
87. She further alleged that with her monthly income of about 250 euros (EUR) she would not be able to afford another flat, because the cheapest one-room flat in Moscow was about EUR 150,000, while renting it would cost no less than EUR 500 per month. She would not consider moving to another region, because she could not afford accommodation there either, although it was cheaper than Moscow, and in any event all her family and friends, as well as her job, were in Moscow, and she had no connections elsewhere.
88. Finally, the applicant contended that the extensions granted to her before the eviction did not significantly alter her situation, because the eviction was nonetheless imminent, especially since her latest request for extension had been refused.
B. The Court’s assessment
1. Admissibility
89. The Government did not put forward any objections to the admissibility of this complaint other than those already examined and rejected under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention. The Court considers that these findings apply equally in the context of this complaint under Article 8. It notes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
2. Merits
90. The Court first notes that the applicant has been living in the flat with her minor son since purchasing it from V. in September 2005. Her ownership had been duly registered and recognised by all the regulatory bodies. Her right to live there derived from her title to the property. It is thus undeniably her home, and the Government have never claimed otherwise.
91. The Court will next consider whether there has been an interference with the applicant’s right to respect for her home. It notes that the judgment which revoked her title also ordered her eviction from the premises, and this judgment became final and enforceable. As matters stand, the applicant has no further recourse against the decision that she must vacate the flat, and the courts will grant her no further suspension of the enforcement. The Court reiterates that once the eviction order has been issued it amounts to an interference with one’s right to respect for home, irrespective of whether it has yet been carried out (see Stanková v. Slovakia, no. 7205/02, 9 October 2007; McCann v. the United Kingdom, no. 19009/04, 13 May 2008; and Ćosić v. Croatia, no. 28261/06, 15 January 2009). In the present case, the Government did not expressly contest that there has been an interference with the applicant’s right under Article 8, and, in circumstances such as these, the existence of an interference is beyond doubt.
92. The Court further notes that the lawfulness of the eviction is not in dispute. Under the domestic law it is an automatic consequence of termination of ownership. It will thus consider it lawful. Turning to the existence of a legitimate aim, the Court will accept that the applicant’s eviction is aimed at protecting the rights of welfare recipients, to whom the flat should be reallocated, as the Government claim.
93. It will therefore proceed to the question of whether the interference was “necessary in a democratic society”. In making this assessment the Court will have to examine if it answers a “pressing social need” and, in particular, if it is proportionate to the legitimate aim pursued. It has previously held that the margin of appreciation in housing matters is narrower when it comes to the rights guaranteed by Article 8 compared to those in Article 1 of Protocol No. 1, regard had to the central importance of Article 8 to the individual’s identity, self-determination, physical and moral integrity, maintenance of relationships with others and a settled and secure place in the community (see Connors v. the United Kingdom, no. 66746/01, §§ 81–84, 27 May 2004, and Orlić v. Croatia, no. 48833/07, 21 June 2011, §§ 63-70).
94. The Court observes that an order was made for the applicant’s eviction automatically by the domestic courts after they had stripped her of ownership. They made no further analysis as to the proportionality of the measure to be applied against the applicant, namely her eviction from the flat they declared to be State-owned. However, the guarantees of the Convention require that any interference with an applicant’s right to respect for his or her home not only be based on the law but should also be proportionate, under paragraph 2 of Article 8, to the legitimate aim pursued, regard being had to the particular circumstances of the case. Furthermore, no legal provision of domestic law should be interpreted and applied in a manner incompatible with the respondent State’s obligations under the Convention (see Stanková, cited above, § 24, 9 October 2007).
95. The Court also attaches weight to the fact that the applicant’s home has been repossessed by the State, and not by another private party whose interests in that particular flat would have been at stake (see Orlić, cited above, § 69). The allegedly intended beneficiaries on the waiting list were not sufficiently individualised to allow their personal circumstances to be balanced against those of the applicant. In any event, no individual on the waiting list would have had the same attachment to the flat as the applicant, or would hardly have had a vested interest in that particular dwelling, as opposed to a similar one.
96. Finally, the Court takes into account that the applicant’s circumstances did not make her eligible for substitute housing, and no goodwill had been shown by the Moscow Housing Department in that it would not provide her with permanent, or even temporary, accommodation when she had to move out. The Government’s suggestion that the applicant move in with her parents aside, the authorities made it clear that they would not contribute to a solution of her housing need. It follows that the applicant’s rights guaranteed by Article 8 were entirely left out of the equation when it came to balancing her individual rights against the interests of the City of Moscow.
97. There has therefore been a violation of Article 8 of the Convention in the instant case.
III. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
98. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
99. The applicant claimed 249,547 United States dollars (USD) in respect of pecuniary damage, a sum for which she would be able to purchase a comparable flat to the one she lost. She also claimed 60,000 euros (EUR) in respect of non-pecuniary damage she and her son had suffered (EUR 30,000 each), referring to the anxiety she endured because of the imminent loss of her home. She alleged that she herself and her son were under stress because of the obligation to move out and find a new home, because she had no means to pay for a new home, and because of the litigation she had to conduct over years in order to challenge the repossession and eviction.
100. The Government contested these sums as unmerited, unsubstantiated and excessive. They reiterated that the Court should be sensitive to its subsidiary role and that it should not substitute itself for the domestic courts’ rulings in a civil dispute. They also reiterated that the applicant may still sue V. for damage incurred as a result of her loss of title.
101. The Government further suggested that if the Court is to make an award in the applicant’s favour she should only be eligible for 998,000 Russian roubles (RUB), a sum indicated as the principal amount under the sale contract between the applicant and V. They alleged that the fair market price was intentionally omitted by the parties to avoid taxation. However, if the Court is to decide to make an award on the basis of the current market price, they submitted the official estimates of the Moscow Mayor’s office that the market price at the flat’s location was between RUB 145,000 and RUB 155,000 per square metre in December 2010; accordingly the flat of 37.6 square metres would cost between RUB 5,452,000 and RUB 5,828,000.
102. They also contested the applicant’s claims for non-pecuniary damage. Firstly, the Government pointed out that the applicant’s son was not a party to this application, and therefore no award should be called for on account of his alleged sufferings. They also pointed out that the claim was out of line with awards previously made by the Court in similar cases.
103. As regards the Government’s argument as to the Court’s subsidiary role in civil law matters, the Court has already addressed it under the head of a preliminary objection (see paragraphs 52-59 above) and concluded that the proceedings in the present case could not be regarded as a resolution of a dispute between parties under private law. This finding equally applies here.
104. Turning to the Government’s claim that the applicant might still sue V. for damages, it reiterates its finding above that any compensation received by the applicant from V. would indeed be taken into account for the purposes of calculating pecuniary damage under Article 41 of the Convention. However, the parties made no mention of any compensation received by the applicant, and the Court is not aware of any such claims pending before the domestic courts. It will accordingly assume that as matters stand the applicant has not received any compensation from V. It considers, moreover, that if any related claims come before the domestic courts in future the latter will be entitled to take into account the award made by the Court in this judgment. It will therefore proceed to examine the issue of just satisfaction.
105. The Court refers to its finding above that the authorities violated the applicant’s right to peaceful enjoyment of her possessions guaranteed by Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, having stripped her of the title to the flat (see paragraph 83 above). It also refers to its finding that the applicant’s eviction from the flat, following her dispossession, violated her right to respect for home enshrined in Article 8 of the Convention (see paragraph 97 above). In making this finding the Court has stressed the central importance of the right to home in the Convention hierarchy of rights (see paragraph 93 above), and has taken into account the applicant’s attachment to this particular flat (see paragraph 95 above). It considers that there is a clear link between the violations found and the damage caused to the applicant.
106. The Court reiterates that, normally, the priority under Article 41 of the Convention is restitutio in integrum, as the respondent State is expected to make all feasible reparation for the consequences of the violation in such a manner as to restore as far as possible the situation existing before the breach (see, among other authorities, Piersack v. Belgium (Article 50), 26 October 1984, § 12, Series A no. 85; Tchitchinadze v. Georgia, no. 18156/05, § 69, 27 May 2010; Fener Rum Patrikliği (Ecumenical Patriarchy) v. Turkey (just satisfaction), no. 14340/05, § 35, 15 June 2010, § 198; and Stoycheva v. Bulgaria, no. 43590/04, 19 July 2011). Consequently, having due regard to its findings in the instant case, and in particular having noted the absence of a competing third-party interest or other obstacle to the restitution of the applicant’s ownership, the Court considers that the most appropriate form of redress would be to restore the applicant’s title to the flat and to reverse the order for her eviction. Thus, the applicant would be put as far as possible in a situation equivalent to the one in which she would have been had there not been a breach of Article 8 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
107. In addition, the Court has no doubt that the applicant suffered distress and frustration on account of the deprivation of her possessions and the imminent eviction from her home. The Court has already noted above that the authorities have done nothing to mitigate her anxiety in the face of the loss, even though they recognised her as a party in good faith. While the Court upholds the Government’s argument that as the applicant’s son is not a party to these proceedings no award may be made in his name, it considers that the applicant’s status as the single parent of a minor is a relevant factor, aggravating her anxiety and fear of eviction. The resulting non-pecuniary damage would not be adequately compensated for by the mere finding of a violation. Making its assessment on an equitable basis, the Court awards the applicant EUR 9,000 under this head.
B. Costs and expenses
108. The applicant claimed EUR 10,000 and RUB 23,343 for costs and expenses incurred in the proceedings before the Court and RUB 224,936 for costs and expenses incurred in the domestic proceedings, comprising court fees, lawyer’s fees, notary charges and technical inventory charges. She also claimed compensation for the following expenses: postal services, consisting of RUB 583 and RUB 2,611; RUB 5,150 for the expert valuation of the flat, and RUB 15,000 for translation services. In total, she claimed EUR 10,000 and RUB 271,623. She provided receipts and copies of service agreements in support of her claims under this head.
109. The Government submitted that the applicant had claimed costs and expenses incurred in her own name as well as in the name of her son. They requested the Court to reject the latter, as he was not a party to the proceedings before the Court. In any event, they claimed that the costs and expenses had not been actually and necessarily incurred, and were not reasonable. Finally, Mr Puzanov, the applicant’s lawyer, did not affix his advocate’s stamp confirming his right to practice.
110. The Government requested the Court to reject the claim of RUB 224,936 as regards legal costs incurred by the applicant in the domestic proceedings, as they considered it irrelevant to her case before the Court.
111. They agreed, however, to the claims related to the translation of documents, commission of an expert report and postal expenses.
112. According to the Court’s case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum. The Court notes that Mr Puzanov signed two legal services agreements, one to represent the applicant in the proceedings before the Court and an identical one to represent her son. However, as the Government correctly pointed out, only one applicant, OMISSIS , had lodged this case, and not her son. The Court therefore finds that the part of the claims related to the service agreement on behalf of the applicant’s son, which amounted to EUR 5,000 of her claims for costs and expenses, must be rejected. As to the remaining sums relating to Mr Puzanov’s legal services, the Court acknowledges that he had made substantial submissions on the applicant’s behalf, leaving no doubt that he had rendered her the legal services, as alleged. The Court considers that the applicant must be reimbursed for his services under the agreement with her, irrespective of whether he was in possession of the advocate’s stamp required by the Government.
113. Finally, the Court considers that the costs and expenses incurred in the domestic proceedings were directly relevant to this case and must also be reimbursed, as well as the remainder of the costs and expenses claimed by the applicant.
114. Having regard to the above, the Court awards the applicant EUR 11,245 for costs and expenses.
C. Default interest
115. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the application admissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;
3. Holds that there has been a violation of Article 8 of the Convention;
4. Holds
(a) that the respondent State shall ensure, by appropriate means, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the full restitution of the applicant’s title to the flat and the annulment of her eviction order;
(b) that the respondent State is to pay the applicant, within the same three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention the following amounts, to be converted into Russian roubles at the rate applicable at the date of settlement:
(i) EUR 9,000 (nine thousand euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of non-pecuniary damage;
(ii) EUR 11,245 (eleven thousand two hundred and forty five euros) in respect of costs and expenses, plus any tax that may be chargeable to the applicant;
(c) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
5. Dismisses the remainder of the applicant’s claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 6 December 2011, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
André Wampach Nina Vajić
Deputy Registrar President

TESTO TRADOTTO

Conclusione Violazione di P1-1; Violazione di Art. 8; restituzione della proprietà contestata o assegnazione finanziaria; danno Non-patrimoniale
PRIMA SEZIONE
CAUSA GLADYSHEVA C. RUSSIA
(Richiesta n. 7097/10)
SENTENZA
STRASBOURG
6 dicembre 2011
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Gladysheva c. Russia,
La Corte europea di Diritti umani (Prima la Sezione), riunendosi che come una Camera, composta da:
Nina Vajiæ, Presidente, Anatoly Kovler il Pari Lorenzen, Elisabeth Steiner, Khanlar Hajiyev, Linos-Alexandre Sicilianos, Erik Møse, giudici,
ed André Wampach, Sezione Cancelliere Aggiunto,
Avendo deliberato in privato 15 novembre 2011,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 7097/10) contro la Federazione russa depositata con la Corte sotto Articolo 34 della Convenzione per la Protezione di Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) con un cittadino russo, OMISSIS (“il richiedente”), 15 gennaio 2010.
2. Il richiedente fu rappresentato con OMISSIS, un avvocato che pratica a Mosca. Il Governo russo (“il Governo”) fu rappresentato dal Sig. G. Matyushkin, Rappresentante della Federazione russa alla Corte europea di Diritti umani.
3. Il richiedente addusse che lei era stata spossessata del suo appartamento contrariamente all’Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione e che affrontò lo sfratto in violazione di Articolo 8 della Convenzione.
4. 7 luglio 2010 il Presidente della prima Sezione decise di accordare la priorità applicativa sotto Articolo 41 degli Articoli di Corte e dare avviso di sé al Governo. Fu deciso anche di decidere sull'ammissibilità e meriti della richiesta allo stesso tempo (l'Articolo 29 § 1).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DI LA CAUSA
5. Il richiedente nacque nel 1973 e vive a Mosca.
6. 28 settembre 2005 il richiedente comprò un l'appartamento di 37.5 metri quadrati a Mosca a 59 Strada di Novocheryomushkinskaya (“l'appartamento”) e sta vivendo con suo figlio nato nel 1998 là. Il venditore dell'appartamento, il Sig. V. l'aveva comprato dal Sig.ra Ye. che l'aveva acquisito sotto lo schema di privatizzazione. I fatti relativi alla proprietà dell'appartamento prima dell'acquisizione del richiedente di questa e l'invalidazione susseguente del suo titolo possono essere riassunti siccome segue.
A. Privatizzazione e vendita dell'appartamento
7. Prima la sua privatizzazione che l'appartamento è stato posseduto con la Città di Mosca. 10 settembre 2004 il prefetto del circuito di Yugo-Zapadnyy assegnò l'appartamento al Sig. M. come alloggio sociale. M. firmò un contratto di affitto sociale 29 ottobre 2004 e fu registrato come il direttore dell'appartamento, e solamente, inquilino 12 novembre 2004. Nessuno membro di famiglia fu indicato nell’ ordine di trasferimento.
8. 19 novembre 2004 il Dipartimento dell'Interno del Distretto di Cheryomushki di Mosca registrò la consorte di M. Ye. al suo indirizzo. La registrazione fu effettuata su richiesta di M. scritta, certificata da notaio pubblico R. 17 novembre 2004 ed accompagnato da certificato di matrimonio di Ye. e M. emesso in Kaluga 15 ottobre 2004. L'identità di Ye. è stata confermata su presentazione del suo passaporto.
9. Sul 2004 M. di 19 dicembre fu trovato morto. L'inchiesta fondò che lui era incorso fuori della finestra del suo appartamento e concluse che lui aveva commesso suicidio, come nessuna prova di qualsiasi il coinvolgimento di altra persona potrebbe essere trovato. Si notò che M. era un tossicodipendente di droga precedente.
10. L’ 11 febbraio 2005 Ye ha emesso una procura a L., autorizzandolo a rappresentarla in tutte le operazioni riferì all'appartamento ed in ogni privatizzazione e procedure di registrazione di fronte alla proprietà ed autorità di registrazione di residenza. La procura fu certificata con notaio pubblico S. che aveva indicato in una clausola standard che Ye. aveva firmato l'autorità nella sua presenza e che la sua identità e qualità giuridica erano state confermate.
11. 30 marzo 2005 l'Alloggio Politica e Settore del Fondo dell'Alloggio della Città di Mosca (Департамент жилищной политики и жилищного фонда г. Москвы,, “il Dipartimento degli Alloggi di Mosca”) concluse un contratto di affitto sociale con Ye. e nello stesso giorno firmò un accordo di privatizzazione in riguardo dell'appartamento. Ye. fu rappresentato con L. in queste operazioni.
12. In 6 maggio 2005 l'Ufficio dell'Autorità Federale per Registrazione di Proprietà di Mosca (Главное управление Федеральной регистрационной службы по г. Москве)registrò la proprietà di Ye dell'appartamento nel Registro Statale e Consolidato di Beni immobili Titoli ed Operazioni ((Единый государственный реестр прав на недвижимое имущество и сделок с ним, “il Registro Fondiario ”).
13. Il 23 maggio 2005 Ye ha venduto l'appartamento a V. Il 6 giugno 2005 la proprietà di V. è stata registrata nel Terra Registro.
14. Il 28 settembre 2005 V. vendette l'appartamento al richiedente. I termini dell'acquisto inclusero l'obbligo del richiedente per pagare il venditore 990,000.00 rubli russi (RUB) in riguardo dell'appartamento, un pagamento anticipato di 6,000 dollari di Stati Uniti (USD), più un contributo di RUB 1,465,847 a costi di rinnovamento. Incluse anche un'impresa col venditore per comprare un appartamento equivalente il richiedente nell'evento che il richiedente perse il titolo per ragioni relativo a qualsiasi difetti del titolo che pre-datato l'acquisto dell'appartamento col richiedente.
15. Il trasferimento di titolo fu registrato all'Ufficio di Mosca dell'Autorità Federale per la Registrazione di Proprietà.
16. Il richiedente e suo figlio passarono all'appartamento e stanno vivendo là da allora.
17. Il 3 maggio 2007 Ye morì, a quanto riferito per cause naturali.
B. Contestazione alla proprietà del richiedente e procedimenti di sfratto
18. 30 gennaio 2008 il Settore di Mosca dell'Interno informato il Mosca Alloggio Settore di frode sospettata nella privatizzazione dell'appartamento.
19. Su una data non identificata nel 2008 il Mosca Alloggio Settore portò un'azione contro il richiedente ed i proprietari precedenti del V. piatto e Ye. Loro assegnarono un “controlli” quel aveva rivelato che nessun matrimonio aveva avuto luogo fra M. e Ye. e che Ye. ' passaporto di s usò per la registrazione e procedure di privatizzazione erano state dichiarate perdute nel 1996; loro chiesero alla corte di stabilire che l'appartamento era stato acquisito dolosamente con Ye. e dichiarare la privatizzazione e tutte le operazioni che conseguono in riguardo dell'appartamento privo di valore legale. Il richiedente depositò un'eccezione riconvenzionale per averla intitolare all'appartamento riconosciuto con la corte.
20. 25 luglio 2008 la Corte distrettuale di Cheryomushkinskiy di Mosca respinse le autorità ' chiede e concesso l'eccezione riconvenzionale del richiedente, recognising lei come il proprietario legittimo dell'appartamento. Notò, in particolare, che il richiedente aveva acquistato l'appartamento in buon fede (un acquirente in buona fede) e pagato un prezzo di acquisto per sé. Non c'erano perciò nessuno motivi per invalidare le operazioni in oggetto. Nessun ricorso fu depositato entro la dieci-giorno termine di prescrizione legale, e la sentenza divenne definitivo ed esecutivo.
21. 11 agosto 2008 il richiedente si lamentò alla polizia che il Sig. A.B., un ufficiale al Mosca Alloggio Settore, stava tentando di estorcere USD 50,000 da lei in ritorno per una promessa che il Settore non piacerebbe contro la sentenza di 25 luglio 2008. 12 agosto 2008 la polizia eseguì un'operazione celata durante che A.B. fu preso ricettazione la somma summenzionata di soldi dal richiedente che era stato primed con la polizia. Sul 2008 A.B di 10 dicembre. fu dichiarato colpevole di appropriazione indebita su conto di che episodio, e ricevette una sentenza di custodial.
22. Nel frattempo, il Mosca Alloggio Settore presentò una richiesta per una proroga del tempo-limite per ricorso contro la sentenza di 25 luglio 2008, per motivi che l'accusa di A.B. che era stato in accusa dell'archivio lasciò il Settore a corto di personale ed incapace attenersi coi termine massimo. 14 novembre 2008 la Corte distrettuale accordò la richiesta e steso il tempo-limite per il ricorso. Il ricorso ascolta succedè 18 dicembre 2008 di fronte alla Mosca Città Corte che annullò la sentenza e rinviò di nuovo la questione alla Corte distrettuale per un esame di primo-istanza nuovo. Istruì la corte di primo-istanza a chiarificare se le rivendicazioni concernerono l'invalidazione delle operazioni regolata con Articolo 167 del Codice civile, o il reclaiming di proprietà sotto Articolo 302 del Codice.
23. Sul 2008 procedimenti penali di 15 dicembre contro un “perpetratore non identificato” fu avviato su sospetto di frode nell'elaborazione di privatizzazione dell'appartamento. Il richiedente richiese di essere accordato status di vittima in questi procedimenti, ma questo fu rifiutato per motivi che il danno che è il risultato della frode fu causato al Mosca Alloggio Settore, non al richiedente. La decisione che rifiuta lo status di vittima di richiedente fu impiegata con la Mosca Città Corte 27 luglio 2009.
24. 9 luglio 2009 la Corte distrettuale trovata che la privatizzazione dell'appartamento di Ye. era stato fraudolento. Stabilì, in particolare, che l'autorità di registrazione di atto civile non aveva trovato nessun documento di un matrimonio fra M. e Ye. e concluse che il loro certificato di matrimonio era stato contraffatto. Perciò Ye. aveva avuto nessuno diritto essere registrato a M. ' s rivolgono o privatizzare il suo appartamento dopo la sua morte. In riguardo del richiedente, trovato, che lei era un'acquirente in buona fede, all'interno del significato di Articolo 302 del Codice civile. Comunque, fondò che l'appartamento, stato stato privatizzato dolosamente, aveva lasciato la proprietà della Città di Mosca, il suo proprietario legale senza che corpo che ha l'intenzione di spossessarsi di sé. Con richiesta di Articolo 302 del Codice civile e Corte Costituzionale che decidono 6-P 21 aprile 2003, la causa abbattè sotto così, una delle due eccezioni alla protezione del titolo di un acquirente in buona fede che richiese che precedenza sia data al proprietario precedente. Il titolo del richiedente all'appartamento fu revocato di conseguenza e la Città di Mosca dichiarò il proprietario legale dell'appartamento. L'ordine della corte lo sfratto del richiedente senza il risarcimento o un'offerta di alloggio alternativo. Il richiedente fece appello.
25. 21 dicembre 2009 la Mosca che Difensore civile Urbano ha scritto al Sindaco di Mosca, mentre chiedendo a lui di considerare offrire un affitto sociale dell'appartamento il richiedente. Comunque, 19 gennaio 2010 che il Mosca Alloggio Settore ha risposto nel negativo, mentre affermando che questo minerebbe l'ordine di priorità sulla lista d'attesa.
26. 12 febbraio 2010 l'autorità inquirente decise di accordare lo status di vittima di richiedente nei procedimenti penali e l'interrogò in questa veste. 23 marzo 2011 loro annullarono comunque, che decisione come infondato, seguendo un ordine con l'accusatore che loro dovrebbero fare così.
27. L'indagine penale della frode sospettata fu sospesa poi per motivi che nessuno colpevole era stato identificato. Comunque, l'archivio contenne il certo materiale sulla base della quale le corti erano in grado stabilire che la privatizzazione era stata eseguita impropriamente. Incluse, in particolare, la sentenza che tutti gli atti relativo a Ye. ' registrazione di s come un residente dell'appartamento, la sua privatizzazione e vendita a V. era stata portata fuori usando Ye. ' passaporto di s che era stato dichiarato perduto nel 1996. Contenne anche una replica dalle autorità municipali di Kaluga che loro non avevano nessun documento di Ye. ' s e M. ' matrimonio di s stato stato registrato nel 2004. Le autorità di passaporto di Kaluga avevano risposto all'investigatore che Ye. prima era stato registrato come un residente di Kaluga, e la sua registrazione non era stata rimossa sino alla sua morte nel 2007 là. C'era anche una replica da notaio pubblico R. che lei non aveva avuto nessuno documenti di M. ' la richiesta di s nel suo registro e lei negò l'avendo certificato.
28. In 13 maggio 2010 il ricorso contro la sentenza di 9 luglio 2009 fu respinto nella definitivo istanza con la Mosca Corte Urbana.
29. Il richiedente richiesto finora una sospensione dell'esecuzione della sentenza in come sé concernè lo sfratto. 22 luglio 2010 la corte accordò la sua richiesta ed aggiornò lo sfratto sino a 1 febbraio 2011. Questo termine fu prolungato più tardi sino a 1 giugno 2011.
30. 14 dicembre 2010 l'Accusatore Generale Aggiunto richiese la Corte Suprema per esaminare la causa del richiedente in procedimenti di revisione direttivi. Lui considerò la revoca della sua proprietà dell'appartamento illegale ed ingiustificato. Prima, lui dibattè che l'articolo contenne in Articolo 302 § 1 del Codice civile che ordina reintegrazione di proprietà della proprietà che fu rimossa dalla proprietà del suo proprietario senza l'intenzione del proprietario di spossessarsi di sé era inapplicabile nella sua causa. Lui indicò che il Mosca Alloggio Settore era una parte all'operazione nella quale l'appartamento era stato privatizzato e non poteva sapere di sé; il Settore non aveva affermato mai che l'ufficiale in accusa della privatizzazione era andato oltre la sua autorità o aveva agito contrario ad istruzioni. Da adesso non si poteva dire che l'appartamento era stato privatizzato senza il Settore che ha quel l'intenzione. Perciò, il richiedente, come un acquirente in buona fede non sarebbe dovuto essere richiesto di restituire l'appartamento al suo più primo proprietario, la Città di Mosca. In secondo luogo, l'Accusatore Generale Aggiunto considerò che le decisioni giudiziali non avevano bilanciato gli interessi del municipio contro i diritti legali ed interessi del richiedente, mentre la protezione di cittadini individuali avrebbe dovuto prendere prioritaria, in conformità con la Costituzione. Come un risultato di una frode di terzo-parte, una ragazza madre ed il suo figlio affrontarono sfratto senza il risarcimento e senza un'offerta di alloggio alternativo. Lui notò che lei non aveva altro alloggio e che tutti i suoi risparmi erano stati fissati nell'acquisto dell'appartamento e la causa costosa. Infine, lui indicò che le corti avevano ecceduto la loro responsabilità nel fare domanda Articolo 302 del Codice civile, al posto di Articolo 167 sul quale si era appellato il querelante ed avevano accordato con ciò l'assegnazione oltre la sfera della rivendicazione.
31. 24 dicembre 2010 la Corte Suprema rifiutò la richiesta con l'Accusatore Generale Aggiunto, mentre declinando riconsiderare la causa in direttivo-fa una rassegna procedimenti. Notò che lo status del richiedente come un acquirente in buona fede non era stato incerto a qualsiasi lo stadio. Le corti avevano fatto domanda correttamente comunque, la legge e concesso le rivendicazioni legali del querelante. Aggiunse che il richiedente rimase libero chiamare in giudizio V. per danni.
32. In 31 maggio 2011 la Corte distrettuale di Cheryomushkinskiy di Mosca respinse la richiesta del richiedente per ulteriore sospensione dell'esecuzione della sentenza di 9 luglio 2009, mentre notando che c'erano state già due proroghe e non c'erano motivi per un altro.
33. 30 giugno 2011 la Mosca che Difensore civile Urbano ha scritto al Sindaco di Mosca, alerting lui ad un numero crescente di cause di appartamenti che sono rientrati in possesso di con la Città di Mosca contro acquirenti in buona fede su conto di privatizzazione irregolare coi proprietari precedenti degli appartamenti; tutti di loro erano negati qualsiasi il risarcimento o alloggio di sostituto. Nella sua prospettiva, gli incidenti di privatizzazione fraudolenta non sarebbero dovuti essere trattati con corti come cause dove proprietà fu rimossa da proprietà “senza l'intenzione del proprietario di spossessare” all'interno del significato di Articolo 302 § 1 del Codice civile. Lui indicò che privatizzazioni erano operazioni entrate in con lo Stato, rappresentato coi suoi ufficiali pubblici il cui dovere era fare tutti i controlli necessari ed assicurare l'integrità procedurale dell'operazione. La responsabilità dello Stato fu impegnata così dovunque loro fallirono in questo compito. In qualsiasi l'evento, insuccesso per identificare documenti come contraffatto non poteva in simile circostanze sia classificato come passaggio di titolo senza l'intenzione del proprietario di spossessare. Lui si riferì alla causa del richiedente come un esempio flagrante di una conseguenza sbagliata ed ingiusta dell'interpretazione erronea adottato con corti di Mosca in simile cause. Nello stesso giorno lui spedì lettere all'Ufficio dell'Accusatore in Mosca ed il capo del Settore di Mosca dell'Interno, citando la causa del richiedente, mandando a chiamare l'indagine completa di cause di frode di questo tipo, e richiedendo che lo status di vittima del richiedente sia rimposto nei procedimenti penali ed attinenti.
34. Secondo le ultime osservazioni del richiedente, lei non è stata sfrattata ancora, ma lo è stato considerato imminente.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
35. Il Codice civile prevede per due viali diversi con quale è titolo di proprietà può essere impugnato con un proprietario precedente:
Articolo che 167 Norma Generale sulle Conseguenze dell'Invalidamento di una Operazione
“1. Un'operazione nulla non comporterà conseguenze legali, con l'eccezione di quelli connessa col suo invalidamento e sarà nulla dal momento della sua conclusione.
2. Se un'operazione è stata riconosciuta come nulla, ognuni delle parti saranno obbligati per ritornare all'altra parte tutti ha ricevuto come parte dell'operazione, e se ritorno è impossibile in natura (incluso dove l'operazione concerne l'uso di proprietà, lavoro compiè o servizi resero), il suo costo sarà rimborsato nei soldi - a meno che le altre conseguenze dell'invalidamento delle operazioni sono state convenute con legge.
3. Se segue dal contenuto dell'operazione contestata che può essere terminato solamente per il futuro, la corte mentre recognising l'operazione come nullo, terminerà la sua operazione per il futuro.”
Articolo 302 Reclamo di proprietà da un acquisitore in buona fede
“1. Se la proprietà è stata acquistata per un prezzo da una persona che aveva nessuno diritto alienarlo, e l'acquisitore non sa e non poteva essere consapevole (l'acquisitore in buona fede, o l'acquisitore in buon fede), il proprietario avrà il diritto a ricupero questa proprietà dall'acquisitore, se la proprietà detta fosse persa col proprietario o con la persona in cui la proprietà il proprietario è passato la proprietà, o se fosse rubato da uno o l'altro, o se ha lasciato la loro proprietà in un altro modo, nell'assenza di intenzione da parte loro per spossessarsi di sé.
2. Se la proprietà è stata acquisita senza la considerazione da una persona che aveva nessuno diritto il proprietario avrà il diritto a ricupero la proprietà in tutte le cause alienarlo.
3. Soldi e le sicurezze in riguardo della proprietà non saranno reclaimed dall'acquisitore in buona fede.”
36. Con la sua direttiva di 21 il 2003 aprile 6-P, la Corte Costituzionale interpretò Articolo 167 del Codice come non permettendo il primo proprietario a ricupero la sua proprietà da un acquirente in buona fede a meno che c'è una disposizione legislativa e speciale a questo effetto. Invece, una rivendicazione che rivendica diritti precedenti (виндикационный иск) potrebbe essere depositato sotto Articolo 302 del Codice se le condizioni indicassero in paragrafi 1 e 2 è incontrato, in particolare se la proprietà ha lasciato la proprietà del proprietario nell'assenza di intenzione da parte di lui o lei spossessarsi di sé, o se la proprietà è stata acquisita senza la considerazione.
37. Inoltre interpretazione di Articolo 302 del Codice civile fu offerta con l'Assoluta della Corte Suprema della Federazione russa e l'Assoluto del Tribunale di commercio Alto della Federazione russa, contenuto nel secondo paragrafo di articolo 39 del loro decidere unito di 29 aprile 2010 n. 10/22 “Sulle certe questioni che sorgono in pratica giudiziale in riguardo di decisione di controversie connesse con la protezione di diritti di proprietà e gli altri veri diritti” e nella Corte Costituzionale sta decidendo di 27 il 2011 gennaio 188-O-O. Loro contennero in particolare che non c'era collegamento automatico fra l'invalidamento di un'operazione e l'intenzione di un proprietario o altrimenti, spossessarsi di sé. La direttiva della Corte Costituzionale contenne, in finora come attinente, siccome segue:
“... l'incertezza delle disposizioni legali [incluso Articolo 302] impugnò col rivendicatore è eliminato con l'interpretazione dell'Assoluto della Corte Suprema della Federazione russa e l'Assoluto del Tribunale di commercio Alto della Federazione russa, contenne nel secondo paragrafo di articolo 39 del [decidendo di 29 aprile 2010, n. 10/22]: ‘l'invalidamento dell'operazione in esecuzione del quale il trasferimento di proprietà fu effettuato non prova da solo che lasciò la proprietà del proprietario nell'assenza di intenzione di spossessare da parte loro; le corti hanno bisogno di stabilire se il proprietario intese di trasferire proprietà ad un'altra persona '.”
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 ALLA CONVENZIONE
38. Il richiedente si lamentò che lei era stata privata delle sue proprietà in violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione che prevede in finora come attinente, siccome segue:
Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 (protezione di proprietà)
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Le osservazioni delle parti
1. Il Governo
39. Il Governo contestò l'ammissibilità di questa azione di reclamo, così come i meriti. Loro dibatterono che la situazione sfortunata del richiedente era stata causata con una persona privata, Ye. che aveva privatizzato dolosamente l'appartamento e l'aveva venduto illegalmente su a V. La privatizzazione era stato eseguito sulla base di documenti fucinati e l'appartamento aveva lasciato perciò la proprietà del Mosca Alloggio Settore nell'assenza di che l'intenzione di corpo di spossessarsi di sé. La Città di Mosca come qualsiasi il proprietario, fu concesso sotto Articolo 302 del Codice civile per recuperare la sua proprietà da acquisitore susseguenti. Loro indicarono che azione a proprietà di ricupero è radicata in rei vindicatio saputo in diritto romano, e è una procedura ben stabilita sotto legge russa.
40. Il Governo chiese che Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione non era applicabile alla causa presente. Loro si riferirono alla giurisprudenza della Corte che affermò che questo Articolo non riguardava la regolamentazione di diritti di civile-legge fra parti legge privata sotto. Il nazionale corteggia le decisioni di ' secondo gli articoli di legge privata non può essere considerato un'intromissione dello stato ingiustificata coi diritti di proprietà di una delle parti. Loro si appellarono sulla sentenza Zhukovskiye c. la Russia (n. 23166/04, 13 gennaio 2011) e due cause citarono therein, Kuchař e Štis c. Repubblica ceca ((il dec.), n. 37527/97, 21 ottobre 1998), e S.Ö., A.K., Ar.K. e Y.S.P.E.H.V. c. la Turchia ((il dec.) 31138/96, 14 settembre 1999)) e chiese che l'argomento della causa presente era precisamente una controversia di privato-legge perché riferì al contratto fra il richiedente e V. Loro addussero che lo Stato non era stato comportato nella vendita e contratto di acquisto e non aveva obbligato le parti a concluderlo. Dipendeva perciò dalle parti per sopportare le conseguenze dell'operazione. Il Governo richiese perciò che la Corte respinge questa azione di reclamo come ratione materiae inammissibile.
41. Il Governo espresse inoltre dubbio come a se il richiedente era stato un vero acquirente in buona fede, siccome lei aveva detto in tutto i procedimenti nazionali. Loro dibatterono che uno sospetterebbe che un essere piatto rivendette così presto dopo la sua acquisizione con V. avrebbe del difetto nella sua provenienza. Loro suggerirono inoltre che il richiedente ha dovuto agire in cospirazione con A.B., un ufficiale precedente al Mosca Alloggio Settore che fu dichiarato colpevole di appropriazione indebita per tentare di estorcere un dono dal richiedente in ritorno per tenerla chiaro della causa col Settore (vedere paragrafo 21 sopra). Quindi, il richiedente è dovuto essere comportato in macchinazioni illegali in collegamento con l'appartamento e non è dovuto essere concesso a tutela giuridica. Oltre a che, la mancanza del richiedente della buon fede nel digitare questa operazione fu dimostrata, nella prospettiva del Governo, il prezzo dell'appartamento definì a proposito le parti, mentre dividendolo in tre parti (vedere paragrafo 14 sopra) così come non raggiungere lo RUB 1,000,000 soglia di imposta sul reddito sotto legge russa. Loro addussero che il richiedente aveva commesso così un reato di evasione fiscale ed anche aveva dimostrato “intenzione malevola” che lei divise con l'altra parte all'operazione, ed aveva reso così la quantità intera illegale di che “tutto il guadagno... sarà trasferito in ricevute per la Federazione russa.”
42. Il Governo aggiunse che in qualsiasi l'evento, lo status di acquirente in buona fede non avrebbe offerto la protezione di richiedente sotto Articolo 302 del Codice civile, perché c'era stato senza dubbio che l'appartamento aveva lasciato la proprietà del Mosca Alloggio Settore nell'assenza di intenzione di spossessare.
43. Inoltre, il Governo indicò che i termini della vendita e contratto di acquisto conclusero fra il richiedente e V. previde una garanzia contro qualsiasi perdita di titolo su conto di un difetto del titolo del venditore (l'ibid.) che stava preesistendo ma non noto alle parti. Loro descrissero questa clausola come “molto insolito ed anche strano” ed invitò la Corte ad interpretarlo come prova della conoscenza precedente del richiedente di un difetto potenziale nella provenienza del titolo lei stava acquisendo. Loro dissero anche che il richiedente non aveva esaurito via di ricorso nazionali con non usando questa garanzia contrattuale contro V.
44. Come ai meriti, il Governo considerò, che l'interferenza coi diritti di proprietà del richiedente intraprese lo scopo legittimo di proteggere i diritti ed interessi di altri, notevolmente di persone sulla lista d'attesa per alloggio sociale. Loro indicarono che il Membro Stati goderono un margine generalmente ampio della valutazione in questioni sociali ed economiche come alloggio. Al giorno d'oggi la causa loro lo considerarono l'obbligo del Mosca Alloggio Settore per riabilitare la proprietà del municipio ed assegnare l'appartamento a quegli in bisogno. L'espropriazione nella causa presente era perciò necessaria e non mise un carico eccessivo ed individuale sul richiedente, perché l'Ufficio dell'Accusatore era intervenuto nei procedimenti sul suo conto che chiede una revisione direttiva delle decisioni giudiziali. Inoltre, il richiedente era stato accordato status di vittima nei procedimenti penali ed in corso riguardo a frode, almeno per del tempo. Infine, il richiedente aveva tratto profitto da una sospensione di procedimenti di esecuzione che avevano rimandato il suo sfratto.
2. Il richiedente
45. Il richiedente non fu d'accordo con l'osservazione del Governo e mantenne le sue azioni di reclamo. Lei insisteva, in particolare, che i suoi diritti di Convenzione erano stati violati con lo Stato, e non con persone private.
46. Lei addusse inoltre che lei aveva acquistato l'appartamento in buon fede e si era riferita alle decisioni giudiziali e nazionali che avevano confermato il suo status come un acquirente in buona fede. Lei disse che lei era stata concessa per appellarsi sul titolo conferì su Ye. con le autorità pubbliche sotto la procedura di privatizzazione. Lei addusse che se le autorità, avendo esaminato Ye. ' s registrano, aveva concesso Ye. registrare a M. ' s rivolgono come sua moglie e poi divenire il suo proprietario sotto lo schema di privatizzazione lei non si sarebbe dovuta essere aspettata di presumere che il titolo avesse qualsiasi i difetti.
47. Il richiedente negò avendo commesso fortemente qualsiasi il reato o entrò in cospirazione con qualsiasi ufficiali Statali, in particolare con A.B., o avendo condotto qualsiasi distribuzioni illegali con V., o avendo evaso tassa. Lei aveva comprato l'appartamento per suo proprio uso ed aveva vissuto con suo figlio là, dopo si essendo attenuto con tutti i requisiti prescrisse con legge per lei per divenire il suo proprietario legale. Il fatto mero che l'appartamento era re-venduto entro un periodo breve di tempo non la previde come insolito, perché molte persone comprano beni immobili per investimento e lo rivendono appena diviene commercialmente suono per fare così. C. era stato interrogato nei procedimenti penali e questo non aveva condotto le autorità inquirenti a sospettarlo di coinvolgimento nella frode. Il richiedente non aveva nessuna ragione di dubitare che lui aveva comprato e re-venduto l'appartamento in buon fede. Le non è stato sospettato mai di qualsiasi distribuzioni illegali e le dichiarazioni del Governo di condotta illegale da parte sua erano infondate.
48. Inoltre, lei contestò che la privatizzazione dell'appartamento di Ye. era successo contro l'intenzione del Mosca Alloggio Settore. Qualsiasi frode da parte di Ye., o un'altra persona che agisce il suo nome sotto, non aveva collegamento con la presenza, o l'assenza, di un'intenzione da parte del Mosca Alloggio Settore per spossessarsi della proprietà. Non si aveva suggerito mai che l'ufficiale in accusa dell'archivio di privatizzazione aveva ecceduto la sua autorità o che la sua firma era stata contraffatta. Era perciò sbagliato fare domanda Articolo 302 del Codice civile ed ammettere il ricorso del Settore all'appartamento. In qualsiasi l'evento, lei considerò che la frode di privatizzazione ha dovuto comportare l'acquiescenza con ufficiali Statali in accusa dell'archivio; la falsificazione contestata era facile controllare, e quel era che che i corpi attinenti furono richiesti per fare sotto gli articoli esistenti; loro hanno dovuto accettare perciò di proposito documenti fucinati. Il possibile coinvolgimento di ufficiali Statali nella frode non fu investigato in modo appropriato comunque, nei procedimenti penali che impedirono qualsiasi ricorso contro loro.
49. Il richiedente insisteva anche che la perdita dell'appartamento la mettesse sotto un carico individuale ed eccessivo. Nonostante l'intervento con l'Ufficio dell'Accusatore Generale e la sospensione dei procedimenti di esecuzione lei ancora sarebbe costretta a sgombrare l'appartamento nel futuro vicino. Lei lo considerò sproporzionato che dopo avere pagato il pieno prezzo di mercato per l'appartamento lei si sarebbe stata spogliata della proprietà per nessuna colpa da parte sua ed avrebbe pagare per alloggio al tasso di mercato, qualche cosa che lei non poteva riconoscere.
50. Lei infine contese che l'indagine penale in frode le offrì nessuno prospettive del sollievo, perché seguendo la morte di M. e Ye. inoltre possibilità di raggruppare prova erano scarse. Inoltre, lei si era stata spogliata di status di vittima in questi procedimenti ed era stata ostacolata perciò dal partecipare efficacemente in loro.
B. la valutazione di La Corte
1. Ammissibilità
51. La Corte nota che il Governo mise in avanti due ragioni per questa azione di reclamo per essere dichiarato inammissibile. La Corte li esaminerà siccome segue.
(a) l'Applicabilità dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione
52. Il Governo chiese che la presente causa ricadesse fuori dalla sfera di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione nella misura in cui riguardava una controversia fra parti legge privata sotto. La Corte prima ha sottolineato effettivamente, che non è in teoria richiesto per stabilire controversie di una natura privata. Esaminerà perciò se la causa del richiedente fosse di quel il genere.
53. Prima noterà che in finora come il Governo indicò la controversia fra il richiedente e V. come l'argomento di questa causa, il loro argomento fu fuorviato. È sufficientemente chiaro dalle decisioni con le corti nazionali che era il Mosca Alloggio Settore che chiamò in giudizio il richiedente in favore della Città di Mosca; di conseguenza, la controversia in pericolo era fra il richiedente ed il corpo municipale. La situazione del richiedente era perciò chiaramente distinta dalle cause di Zhukovskiye e Kuchaø e Štis, assegnò a col Governo e citò sopra, sia di che decisione interessata di controversie fra individui privati.
54. La Corte nota inoltre che nelle certe circostanze può considerare una controversia fra lo Stato o municipio ed un individuo una questione di civile-legge, siccome era la causa in S.Ö., A.K., Ar.K. e Y.S.P.E.H.V., anche assegnò a col Governo e citò sopra. In che causa la causa concernè una controversia di successione alla quale la Tesoreria Statale era una parte come uno degli eredi che contendono, e la Corte concluse che la Tesoreria sta stando in piedi in questi procedimenti era uguale a che di un erede individuale. Decise perciò che le corti nazionali andarono nessuno ulteriore che facendo domanda gli articoli di legge privata ad una controversia civile, e, avendo notato che i procedimenti contestati non erano stati arbitrari o ingiusti, dichiarò l'azione di reclamo sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione inammissibile.
55. Al giorno d'oggi causa, sul contrario la Corte non può descrivere la controversia come un puramente la questione civile. La parte essenziale della sentenza di 9 luglio 2009 interessato la sentenza di frode in Ye. ' s registra concernendo la sua registrazione residenziale, affitto sociale e privatizzazione. Che trovare da solo era abbastanza per la corte per riconoscere la Città del diritto di Mosca a ricupero l'appartamento. Nelle altre parole, l'espropriazione del richiedente era una conseguenza diretta del nazionale corteggia ' che trova di un difetto nella procedura con la quale l'appartamento fu alienato originalmente col municipio.
56. La Corte osserva che la corte nazionale stabilì che Ye., o un'altra persona che agisce il suo nome sotto, aveva registrato nell'appartamento, l'acquisì sotto un affitto sociale e, ultimamente, lo privatizzò usando documenti fucinati.
57. Nota che in finora come la frode riguardava la registrazione residenziale, era una questione di amministrativo-legge all'interno della competenza delle autorità di passaporto dell'Interno. Similmente, la concessione dell'affitto sociale incorse all'interno del dominio di welfare pubblico regolato con l'Alloggio Codice, non il Codice civile e fu amministrata col Mosca Alloggio Settore, un'unità strutturale della Mosca autorità municipale. Lo stesso corpo sorvegliò la privatizzazione di alloggio sociale sotto lo schema di privatizzazione nazionale che era un'area regolatore e complessa mentre comprese disposizioni legislative di sia un pubblico - ed una natura di privato-legge. Nel contesto della causa presente la sua funzione era fare domanda regolamentazioni Statali per controllare l'eleggibilità per ricevere e privatizzare alloggio sociale ed assicurare che il passaggio di titolo dallo Stato ad un individuo si attenuto con la procedura prescritta con legge. Nel farlo così l'autorità dello Stato esercitò, come opposto ad entrando in privato-legge contrae su un appiglio uguale con cose uguale private.
58. La Corte considera perciò che l'argomento della controversia e le disposizioni effettive fece domanda nella causa presente, comprendeva inter alia, elementi significativi di legge pubblica ed implicò lo Stato nella sua veste regolatore, e non come una parte privata ad un'operazione di civile-legge.
59. Nella luce del sopra la Corte è incapace per concludere che i procedimenti nella causa presente potrebbero essere considerati una decisione di una controversia fra parti legge privata sotto. Di conseguenza, respinge l'eccezione del Governo come riguardi l'applicabilità di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione nella causa presente.
(b) la non-esaurimento Allegato di via di ricorso nazionali
60. La seconda eccezione del Governo riguardava l'insuccesso allegato del richiedente per esaurire via di ricorso nazionali, siccome lei non aveva chiamato in giudizio V. per danni causati a lei con la perdita di titolo.
61. La Corte nota che il richiedente chiese di essere una vittima di una violazione del suo diritto a godimento tranquillo della sua proprietà come un risultato della revoca del suo titolo con una sentenza che è divenuta definitivo ed esecutivo. Osserva che nessun ulteriore ricorso che può condurre potenzialmente a reintegrazione del suo titolo giace contro che sentenza sotto legge russa
62. Nota inoltre che non è in proprietà di qualsiasi le informazioni come a se il richiedente ha chiesto danni da V., o se lei intende di fare così. Comunque, considera che l'esistenza di questa possibilità non può spogliarla di status di vittima per i fini della sua azione di reclamo sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione; né può essere riguardato come necessario per ottemperanza con l'articolo dell'esaurimento di via di ricorso nazionali all'interno del significato di Articolo 35 § 1 della Convenzione. Qualsiasi i danni che è probabile che lei sia in grado recuperare contro V. può essere preso solamente in considerazione per i fini di valutare la proporzionalità dell'interferenza e, il calcolo di danno patrimoniale se una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione è trovato con la Corte, e se la soddisfazione equa è assegnata sotto Articolo 41 della Convenzione.
(c) la Conclusione
63. La Corte costata che questa azione di reclamo non è mal-fondata manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
2. Meriti
(a) Principi Generali
64. La Corte si riferisce alla sua giurisprudenza stabilita sulla struttura di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 e la maniera nelle quali i tre articoli contennero in che disposizione sarà fatta domanda (vedere, fra molte altre autorità, J.A. Pye (Oxford) Ltd e J.A. Pye (Oxford) la Terra Ltd c. il Regno Unito [GC], n. 44302/02, § 52 ECHR 2007 -..; Bruncrona c. la Finlandia, n. 41673/98, §§ 65-69 16 novembre 2004; e Broniowski c. la Polonia [GC], n. 31443/96, § 134 il 2004-V di ECHR).
65. Reitera che per essere compatibile con l'articolo generale di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, un'interferenza deve attenersi col principio della legalità e deve intraprendere un scopo legittimo con vuole dire ragionevolmente proporzionato allo scopo cercò di essere compreso (vedere, per esempio, Beyeler c. l'Italia [GC], n. 33202/96, §§ 108-14 ECHR 2000-io).
66. Un'interferenza col godimento tranquillo di proprietà deve prevedere perciò un “equilibrio equo” fra le richieste dell'interesse pubblico o generale della comunità ed i requisiti della protezione dei diritti essenziali dell'individuo. La preoccupazione per realizzare questo equilibrio è riflessa nella struttura di Articolo 1 nell'insieme che sarà letto nella luce del principio generale enunciò nella prima frase. In particolare, ci deve essere una relazione ragionevole della proporzionalità fra i mezzi assunti e lo scopo cercò di essere compreso con qualsiasi misura che spoglia una persona delle sue proprietà o controllare il loro uso. Il risarcimento chiama sotto la legislazione attinente è materiale alla valutazione di se la misura contestata rispetta l'equilibrio equo e richiesto, e, notevolmente, se impone un carico sproporzionato sul richiedente (vedere Re Precedente di Grecia ed Altri c. la Grecia [GC], n. 25701/94, § 89 ECHR 2000-XII).
67. In questo collegamento, la presa di proprietà senza pagamento di un importo ragionevolmente riferito al suo valore normalmente costituirà un'interferenza sproporzionata che non può essere giustificata sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. Comunque, questa disposizione non garantisce un diritto al pieno risarcimento in tutte le circostanze, poiché legittimo “interesse pubblico” obiettivi possono mandare a chiamare rimborso di meno che il pieno valore di mercato (vedere, fra le altre autorità, Papachelas c. la Grecia [GC], n. 31423/96, § 48 ECHR 1999-II).
68. Benché Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 non contiene requisiti procedurali ed espliciti, i procedimenti in questione deve riconoscere anche l'individuo un'opportunità ragionevole di fissare suo o la sua causa alle autorità responsabili per il fine di impugnare efficacemente le misure che interferiscono coi diritti garantito con questa disposizione. Nell'accertare se questa condizione è stata soddisfatta, una prospettiva comprensiva deve essere presa delle procedure applicabili (vedere, fra le altre autorità, Jokela c. la Finlandia, n. 28856/95, § 45 ECHR 2002-IV).
(b) Applicazione di questi principi nella causa presente
(i) L'esistenza di “proprietà”
69. La Corte osserva che il richiedente stabilì nell'appartamento dopo l'avere comprato da V. sotto le condizioni e procedura previde per con legge. Lei fu riconosciuta come il suo proprietario legale con lo Stato, incluso le autorità di registrazione di proprietà così come alloggio e corpi di registrazione di residenza. Costituì perciò un “la proprietà” per i fini di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
(ii) L'esistenza e la natura dell’ interferenza
70. In finora come il Governo può essere capito siccome chiedendo che le decisioni giudiziali nella causa presente non costituirono un'interferenza coi diritti del richiedente garantiti con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione, come sé una decisione mera di una controversia era sotto fra parti legge privata, questo argomento fu esaminato e respinse con la Corte sotto il capo di eccezione preliminare (vedere divide in paragrafi 52-59 sopra). Considera che la situazione senza dubbio si lamentò di permessi dell'esistenza di un'interferenza.
71. Come alla natura dell'interferenza, i costatazione di Corte che la complessità della situazione legale nella causa presente ostacola il suo essere classificò in una categoria precisa: sulla mano del una, il richiedente fu considerato il proprietario legale dell'appartamento dal momento del suo acquisto, ed il suo titolo non fu contestato per quasi tre anni; sull'altro le corti hanno stabilito che, in sguardo retrospettivo, la Città di Mosca è rimasta sempre il proprietario, all'esclusione di qualsiasi gli altri titolo-possessori. In qualsiasi l'evento, la Corte non lo considera necessario decidere su se la seconda frase del primo paragrafo di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 fa domanda in questa causa. È la prospettiva di vecchia data della Corte che la situazione ha previsto nella seconda frase del primo paragrafo di Articolo 1 è solamente una particolare istanza di interferenza col diritto a godimento tranquillo di proprietà, come garantito con l'articolo generale insorto avanti la prima frase. La Corte considera perciò che dovrebbe esaminare la situazione si lamentò di nella luce di che articolo generale (vedere Beyeler, citata sopra, § 106; Gashi c. Croatia, n. 32457/05, §§ 27-31, 13 dicembre 2007, e Đokić c. Bosnia e Herzegovina, n. 6518/04, §§ 57-58 27 maggio 2010).
(iii) In merito a se l'interferenza era legale
72. La Corte nota che il richiedente contestò la legalità della revoca del suo titolo all'appartamento. Lei impugnò, in particolare, la richiesta di Articolo 302 § 1 del Codice civile, e contestò che l'appartamento aveva lasciato la Città della proprietà di Mosca senza intenzione di spossessare da parte del Mosca Alloggio Settore. Aveva questa disposizione non stato fatto domanda lei avrebbe goduto protezione come un acquirente in buona fede.
73. La Corte osserva che Articolo 302 § 1 del Codice civile permette a proprietà di essere reclaimed da un acquirente in buona fede a condizione che lasciò la proprietà del suo proprietario, o possessore, senza che persona che ha l'intenzione di spossessarsi di sé. L'interpretazione della Corte Suprema ed Assoluta e Tribunale di commercio Alto, così come la Corte Costituzionale (vedere le loro direttive di 29 aprile 2010 e di 27 gennaio 2011, citò in paragrafo 37 sopra), è che essere reclaimed da un acquirente in buona fede, il proprietario originale doveva provare per la proprietà che la proprietà era stata alienata senza intenzione di spossessare da parte loro. Le corti più alte istruirono esplicitamente le corti di giurisdizione generale ad esaminare le intenzioni del proprietario come una questione separato e distinto dal problema di se o non il contratto di trasferimento di proprietà era un valido.
74. Comunque, né la Corte distrettuale di Cheryomushkinskiy né la Corte Urbana di Mosca esaminò le intenzioni del Mosca Alloggio Settore come riguardi il trasferimento di titolo di proprietà. Appena le corti avevano stabilito l'esistenza di frode di privatizzazione che invalidò che operazione, loro conclusero automaticamente che l'appartamento aveva lasciato la Città della proprietà di Mosca senza intenzione di spossessare da parte sua. Infatti, questa omissione fu indicata nelle osservazioni col Difensore civile in Mosca e l'Accusatore Generale Aggiunto, sia di chi l'approccio scelto con le corti nella causa presente come controverso riguardò, ma la Corte Suprema non considerò la riapertura di valore di questione.
75. In prospettiva del sopra, la Corte non può decidere fuori che c'è potuta essere una certa deficienza, o nella richiesta del diritto nazionale o nella qualità della legge, in che sufficientemente non era in modo chiaro. Comunque, la Corte può dispensare col chiarendo questo punto perché, irrispettoso della legalità nazionale dell'interferenza, incorse brevemente del requisito della proporzionalità, come sarà esposto fuori sotto.
(iv) Scopo Legittimo
76. Per la stessa ragione la Corte presumerà che la misura contestata intraprese l'interesse pubblico, in che approvvigionò per le necessità di quelli sulla lista d'attesa per alloggio sociale, siccome sostenuto col Governo rispondente. In qualsiasi l'evento, la Corte generalmente rispetterà, in sfere come alloggio, la sentenza della legislatura come a ciò che è nell'interesse generale a meno che che sentenza è manifestamente senza fondamento ragionevole (vedere Immobiliare Saffi c. l'Italia [GC], n. 22774/93, § 49 il 1999-V di ECHR).
(v) la Proporzionalità dell'interferenza
77. La Corte reitera che qualsiasi interferenza con proprietà deve, oltre ad essendo legale ed avendo un scopo legittimo, anche soddisfi il requisito della proporzionalità. Siccome ha affermato ripetutamente la Corte, un equilibrio equo deve essere previsto fra le richieste dell'interesse generale della comunità ed i requisiti della protezione dei diritti essenziali dell'individuo, la ricerca per tale essere di equilibrio equo inerente nell'intero della Convenzione. L'equilibrio richiesto non sarà previsto dove la persona riguardò sopporta un carico individuale ed eccessivo (vedere Sporrong e Lönnroth c. la Svezia, 23 settembre 1982, §§ 69-74 la Serie Un n. 52, e Brumărescu c. la Romania [GC], n. 28342/95, § 78 ECHR 1999-VII).
78. Come notato sopra, il titolo del richiedente fu invalidato a causa di frode nelle procedure nelle quali l'appartamento fu privatizzato con una terza parte, mentre seguendo la scoperta di documenti fucinati (vedere divide in paragrafi 24 e 55 sopra). La Corte già ha indicato che queste procedure furono condotte con corpi ufficiali nell'esercizio dell'autorità dello Stato
(vedere paragrafo 57 sopra). Nota inoltre che non è chiaro dalle osservazioni del Governo perché la falsificazione di documenti fu scoperta nel 2008, e non nel 2004-05 quando le autorità attinenti trattarono con Ye. ' s richiede per registrazione residenziale, allocazione di alloggio sociale e privatizzazione. Sembra dall'archivio che la falsificazione potrebbe essere, ed infine era, stabilì facendo semplici indagini presso la cancelleria civile Kaluga il cui timbro fu usato per il certificato di matrimonio fucinato, e col notaio a Mosca che aveva attestato apparentemente la richiesta con M. Likewise, sarebbe stata un compito diritto per identificare, per le autorità di passaporto di Mosca se un passaporto fosse stato dichiarato perduto, per un controllo di database di base. Un ulteriore indagine sarebbe potuto essere reso anche alle autorità di passaporto in Kaluga per confermare la validità del passaporto di Ye. e controllare il suo status di registrazione residenziale.
79. Nella prospettiva della Corte, nulla ostacolò le autorità in accusa di Ye. ' registrazione di s, affitto sociale e privatizzazione registra dall'autenticare i suoi documenti prima di accordare le sue richieste. Era all'interno della competenza esclusiva dello Stato per definire le condizioni e procedure sotto le quali alienò i suoi beni a persone sé considerate eleggibile e sorvegliare ottemperanza con quelle condizioni. Le operazioni susseguenti in riguardo dell'appartamento erano anche inoltre, soggetto a legalisation con lo Stato, in questa causa dell'Ufficio di Mosca dell'Autorità Federale per Registrazione di Proprietà, una procedura specificamente mirò ad offrendo la sicurezza addizionale al possessore di titolo. Con così molte autorità regolatore che hanno accordato rimozione a Ye. ' s intitolano non era per il richiedente, o qualsiasi l'altro acquirente di terzo-parte dell'appartamento, presumere il rischio di proprietà che è revocata su conto di difetti che sarebbero dovuti essere eliminati specialmente in procedure progettato per fare così. Le autorità la svista di ' non poteva giustificare castigo susseguente contro un acquirente in buona fede della proprietà in oggetto.
80. La Corte nota inoltre che il richiedente si è stato spogliato di proprietà senza il risarcimento, e che lei non ha nessuna prospettiva di ricevere alloggio di sostituzione dallo Stato. Respinge le dichiarazioni del Governo che lei era in qualche modo responsabile per la sua situazione a causa di mancanza di diligenza dovuta, o mala fede, o comportamento illegale, come non comprovato ed incoerente con le loro altre osservazioni e le sentenze delle corti nazionali. La Corte reitera che che gli errori o errori delle autorità Statali dovrebbero notificare al beneficio delle persone colpito, specialmente dove è in pericolo nessun altro interesse privato che contrasta. Nelle altre parole, il rischio di qualsiasi errore rese con l'autorità Statale deve essere sopportato con lo Stato e gli errori non devono essere rimediati ad alla spesa dell'individuo riguardata (vedere Gashi, citata sopra, § 40, e, mutatis mutandis, Radchikov c. la Russia, n. 65582/01, § 50 24 maggio 2007). Conclude perciò che spossessandola del suo appartamento mise un carico individuale ed eccessivo su lei, e che l'interesse pubblico non era la giustificazione sufficiente per fare così.
81. Il Governo dibattè che gli effetti dell'espropriazione del richiedente potrebbero essere attenuati se lei chiamasse in giudizio V. per danni. Effettivamente, la Corte accetta che questa opportunità è aperta a lei. Nelle particolari circostanze della causa è comunque, chiaro che il pagamento di danni non poteva essere spinto come lontano come la parte fraudolenta posteriore, perché l'indagine penale non aveva stabilito ancora l'identità del colpevole e le opportunità di che colpevole che è trovato è virtualmente non-esistente a questo stadio, in particolare perché i testimoni principali, M. e Ye., è deceduto. Il Governo essenzialmente suggerisce che il passaggio di richiedente il suo carico individuale ed eccessivo su ad un altro acquirente individuale ed in buona fede, e è duro per la Corte per vedere come quel migliorerebbe l'equilibrio fra l'interesse pubblico ed il bisogno di proteggere individui i diritti di '. Comunque, reitera che qualsiasi il risarcimento è probabile che il richiedente riceva da V. sarebbe attinente per la valutazione delle sue perdite, potenzialmente per i fini di Articolo 41 della Convenzione (vedere paragrafo 62 sopra).
82. Le considerazioni precedenti sono sufficienti per abilitare la Corte per concludere che le condizioni sotto le quali il richiedente si fu spogliato di titolo all'appartamento imposero un carico individuale ed eccessivo su lei e che le autorità sono andate a vuoto a prevedere un equilibrio equo fra le richieste dell'interesse pubblico sulla mano del un'e il diritto del richiedente al godimento tranquillo delle sue proprietà sull'altro.
83. C'è stata di conseguenza una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 8 DELLA CONVENZIONE
84. Il richiedente si lamentò che lo sfratto è una violazione del suo diritto per rispettare per casa. Lei si appellò su Articolo 8 della Convenzione che legge siccome segue:
“1. Ognuno ha diritto al rispetto della sua vita privata e famigliare, della sua casa e della sua corrispondenza.
2. Non ci sarà interferenza da parte un'autorità pubblica con l'esercizio di questo diritto eccetto nel caso fosse in conformità con la legge e necessaria in una società democratica negli interessi della sicurezza nazionale, della sicurezza pubblica o del benessere economico del paese, per la prevenzione del disturbo o del crimine, per la protezione della salute o della morale, o per la protezione dei diritti e delle libertà altrui.”
A. Le osservazioni delle parti
1. Il Governo
85. Le osservazioni del Governo sotto Articolo 8 essenzialmente erano le stesse come quelli sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione. Loro considerarono che lo sfratto del richiedente era legale, intraprese un scopo legittimo di protezione di diritti di persone eleggibile ad alloggio sociale e che era proporzionato a quel lo scopo. Loro sottolinearono che il richiedente già era stato accordato un numero di proroghe del termine massimo per muoversi fuori e che lei non dovrebbe essere porsi alla strada, perché lei potesse muoversi in coi suoi genitori che anche vissero a Mosca.
2. Il richiedente
86. Il richiedente mantenne le sue azioni di reclamo, mentre chiedendo che il suo sfratto non sarebbe stato nell'interesse pubblico. Dall'essere autosufficiente lei diverrebbe una causa di welfare, a meno che le autorità già hanno declinato offrirla con alloggio sociale. Lei indicò anche che il Mosca Alloggio Settore aveva rifiutato concederla per vivere nell'appartamento sotto affitto sociale condiziona; avendo perso nei procedimenti di sfratto era considerato più che lei stesse risiedendo legalmente a Mosca e non uguaglierebbe perciò qualifichi per alloggio sociale là. Inoltre, anche se lei divenne in qualche modo eleggibile per essere messo su una lista d'attesa lei dovrebbe aspettare almeno dieci anni per un posto vacante.
87. Lei addusse inoltre che col suo reddito mensile di approssimativamente 250 euro (EUR) lei non sarebbe in grado riconoscere un altro appartamento, perché l'appartamento di uno-stanza più conveniente a Mosca era di EUR 150,000, mentre affittandolo non costerebbe meno che EUR 500 per mese. Lei non considererebbe muoversi ad un'altra regione, perché lei non potesse riconoscere là o alloggio, benché fosse più conveniente di Mosca, ed in qualsiasi l'evento tutta la sua famiglia ed amici, così come il suo lavoro, era a Mosca, e lei non aveva altrove collegamenti.
88. Infine, il richiedente contese che le proroghe accordarono a lei di fronte allo sfratto non alteri significativamente la sua situazione, perché lo sfratto era nondimeno imminente, specialmente fin dalla sua ultima richiesta per proroga era stato rifiutato.
B. la valutazione di La Corte
1. Ammissibilità
89. Il Governo non fissò in avanti qualsiasi eccezioni all'ammissibilità di questa azione di reclamo altro che quelli già esaminarono e respinsero sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione. La Corte considera che queste sentenze si applicano ugualmente nel contesto di questa azione di reclamo sotto Articolo 8. Nota che questa azione di reclamo non è mal-fondata manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
2. Meriti
90. La Corte prima nota che il richiedente sta vivendo nell'appartamento col suo minore figlio fin da acquistandolo da V. a settembre 2005. La sua proprietà era stata registrata debitamente ed era stata riconosciuta con tutti i corpi regolatore. Il suo diritto per vivere là derivò dal suo titolo alla proprietà. È così innegabilmente alla sua casa, ed il Governo non ha chiesto mai altrimenti.
91. La Corte considererà seguente se c'è stata un'interferenza col diritto del richiedente per rispettare per la sua casa. Nota che la sentenza che revocò anche il suo titolo ordinò il suo sfratto dai locali, e questa sentenza divenne definitivo ed esecutivo. Siccome banco di questioni, il richiedente non ha ulteriore ricorso contro la decisione che lei deve sgombrare l'appartamento, e le corti l'accorderanno nessuna ulteriore sospensione dell'esecuzione. La Corte reitera che una volta l'ordine di sfratto è stato emesso corrisponde ad un'interferenza col diritto di uno per rispettare per casa, irrispettoso di se è stato eseguito ancora (vedere Stanková c. la Slovacchia, n. 7205/02, 9 ottobre 2007; McCann c. il Regno Unito, n. 19009/04, 13 maggio 2008; e Ćosić c. Croatia, n. 28261/06, 15 gennaio 2009). Al giorno d'oggi la causa, il Governo non contestò espressamente che c'è stata un'interferenza col diritto del richiedente sotto Articolo 8, e, in circostanze come questi, l'esistenza di un'interferenza è senza possibilità di dubbio.
92. La Corte nota inoltre che la legalità dello sfratto non è in controversia. Sotto il diritto nazionale è una conseguenza automatica di conclusione di proprietà. Lo considererà così legale. Rivolgendosi all'esistenza di un scopo legittimo, la Corte accetterà che lo sfratto del richiedente che protegge i diritti di destinatari di welfare è tirato, a chi l'appartamento dovrebbe essere riassegnato, come la rivendicazione Statale.
93. Procederà perciò alla questione di se l'interferenza era “necessario in una società democratica.” Nel fabbricare la Corte questa valutazione esaminare avrà se risponde un “pigiando bisogno sociale” e, in particolare, se è proporzionato allo scopo legittimo perseguito. Prima ha contenuto che il margine della valutazione in questioni di alloggio è più stretto quando riguarda i diritti garantiti dall’ Articolo 8 comparato a quegli in Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, riguardo ad aveva all'importanza centrale di Articolo 8 all'identità dell'individuo, autodeterminazione, integrità fisica e morale mantenimento di relazioni con altri ed un posto fisso e sicuro nella comunità (vedere Connors c. il Regno Unito, n. 66746/01, §§ 81–84, 27 maggio 2004, ed Orlić c. Croatia, n. 48833/07, 21 giugno 2011 §§ 63-70).
94. La Corte osserva che un ordine fu costituito automaticamente lo sfratto del richiedente con le corti nazionali dopo che loro l'avevano strappata di proprietà. Loro non fecero ulteriore analisi come alla proporzionalità della misura per essere fatto domanda contro il richiedente, vale a dire il suo sfratto dall'appartamento loro dichiararono essere Statali. Comunque, le garanzie della Convenzione richiedono che qualsiasi interferenza col diritto di un richiedente per rispettare per suo o la sua casa non solo sia basata sulla legge ma dovrebbe essere anche proporzionato, sotto divida in paragrafi 2 di Articolo 8, allo scopo legittimo perseguito riguardo ad essere aveva alle particolari circostanze della causa. Inoltre, nessuna disposizione legale di diritto nazionale dovrebbe essere interpretata e dovrebbe essere fatta domanda in una maniera incompatibile con gli obblighi dello Stato rispondente sotto la Convenzione (vedere Stanková, citata sopra, § 24, 9 ottobre 2007).
95. La Corte allega anche peso al fatto che la casa del richiedente è stata rientrata in possesso di con lo Stato, e non con un'altra parte privata in cui interessa che il particolare appartamento sarebbe stato in pericolo (vedere Orlić, citata sopra, § 69). Il presumibilmente beneficiari intenzionali sulla lista d'attesa sufficientemente non furono individualizzati per permettere alle loro circostanze personali di essere bilanciate contro quelli del richiedente. In qualsiasi l'evento, nessuno individuale sulla lista d'attesa avrebbe avuto lo stesso sequestro all'appartamento come il richiedente, o non avrebbe avuto proprio un interesse assegnato legalmente in che particolare abitazione, come opposto ad un simile.
96. Infine, la Corte prende in considerazione che le circostanze del richiedente non la costituirono eleggibile alloggio di sostituto, e nessun avviamento era stato mostrato col Mosca Alloggio Settore in che non l'avrebbe offerta con permanente, o anche provvisorio, alloggio quando lei doveva muoversi fuori. Il suggerimento del Governo che la mossa di richiedente in coi suoi genitori le autorità lo fecero a parte, chiaro che loro non avrebbero contribuito ad una soluzione del suo bisogno di alloggio. Segue che i diritti del richiedente garantirono con Articolo 8 fu lasciato completamente fuori dell'equazione quando venne a bilanciando i suoi diritti individuali contro gli interessi della Città di Mosca.
97. C'è stata perciò una violazione di Articolo 8 della Convenzione nella causa presente.
III. APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
98. Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
99. Il richiedente chiese 249,547 dollari di Stati Uniti (USD) in riguardo di danno patrimoniale, una somma per la quale lei sarebbe in grado acquistare un appartamento comparabile a quello che lei ha perso. Lei disse anche 60,000 euro (EUR) in riguardo di danno non-patrimoniale lei e suo figlio avevano subito (EUR 30,000 ognuno), riferendosi all'ansia lei sopportò a causa della perdita imminente della sua casa. Lei addusse che lei lei e suo figlio erano sotto stress a causa dell'obbligo per muoversi fuori e trovare una casa nuova, perché lei non aveva nessuno mezzi di pagare per una casa nuova, ed a causa della causa lei doveva condurre su anni per impugnare il riacquisto e sfratto.
100. Il Governo contestò queste somme come immeritato, non comprovato ed eccessivo. Loro reiterarono che la Corte dovrebbe essere sensibile al suo ruolo sussidiario e che non dovrebbe sostituirsi per il nazionale corteggia le direttive di ' in una controversia civile. Loro reiterarono anche che il richiedente ancora può chiamare in giudizio V. per danno incorso in come un risultato della sua perdita di titolo.
101. Il Governo suggerì inoltre che se la Corte è fare un'assegnazione nel favore del richiedente lei dovrebbe essere solamente eleggibile per 998,000 rubli russi (RUB), una somma indicò come l'importo principale sotto il contratto di vendita fra il richiedente e V. che Loro hanno addotto che il prezzo di mercato equo fu omesso intenzionalmente con le parti per evitare tassazione. Comunque, se la Corte è decidere di fare un'assegnazione sulla base del prezzo di mercato corrente, loro presentarono le stime ufficiali dell'ufficio del Sindaco in Mosca fra il quale il prezzo di mercato all'ubicazione dell'appartamento era Strofinano 145,000 e Strofinano 155,000 per metro di piazza a dicembre 2010; di conseguenza l'appartamento di 37.6 metri quadrati costerebbe fra RUB 5,452,000 e RUB 5,828,000.
102. Loro contestarono anche le rivendicazioni del richiedente per danno non-patrimoniale. In primo luogo, il Governo indicò che il figlio del richiedente non era una parte a questa richiesta, e perciò nessuna assegnazione dovrebbe essere richiesta su conto delle sue sofferenze allegato. Loro indicarono anche che la rivendicazione prima era fuori di linea con assegnazioni rese con la Corte in cause simili.
103. Come riguardi l'argomento del Governo come al ruolo di assistente della Corte in diritto civile si importa, la Corte già l'ha rivolto sotto il capo di un'eccezione preliminare (vedere divide in paragrafi 52-59 sopra) e concluse che i procedimenti nella causa presente non potevano essere considerati una decisione di una controversia fra parti legge privata sotto. Questa sentenza fa domanda ugualmente qui.
104. Rivolgendosi alla rivendicazione del Governo che è probabile che il richiedente chiami in giudizio ancora V. per danni, reitera la sua sentenza sopra che qualsiasi risarcimento ricevuto col richiedente da V. sarebbe preso davvero in conto per i fini di calcolare danno patrimoniale sotto Articolo 41 della Convenzione. Comunque, le parti non fecero nessuna menzione di qualsiasi il risarcimento ricevette col richiedente, e la Corte non è consapevole di qualsiasi simile rivendicazioni pendente di fronte alle corti nazionali. Presumerà di conseguenza che siccome banco di questioni il richiedente non ha ricevuto qualsiasi il risarcimento da V. considera, inoltre, che se qualsiasi rivendicazioni relative entrate prima le corti nazionali in futuro il secondo sarà concesso per prendere in considerazione l'assegnazione resa con la Corte in questa sentenza. Procederà perciò esaminare il problema della soddisfazione equa.
105. La Corte si riferisce alla sua sentenza sopra che le autorità violarono il diritto del richiedente a godimento tranquillo delle sue proprietà garantito con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione, l'avendo strappata del titolo all'appartamento (vedere paragrafo 83 sopra). Si riferisce anche alla sua sentenza che lo sfratto del richiedente dall'appartamento, mentre seguendo la sua espropriazione, violò il suo diritto per rispettare per casa custodì in Articolo 8 della Convenzione
(vedere paragrafo 97 sopra). Nel fabbricare la Corte questa sentenza l'importanza centrale del diritto ha sottolineato a casa nella gerarchia di Convenzione di diritti (vedere paragrafo 93 sopra), e ha preso in considerazione l’attaccamento particolare del richiedente a questo appartamento (vedere paragrafo 95 sopra). Considera che c'è un collegamento chiaro fra le violazioni trovate ed il danno causò al richiedente.
106. Normalmente, la Corte reitera che la priorità sotto Articolo 41 della Convenzione è restitutio in integrum, siccome lo Stato rispondente si è aspettato di costituire ogni riparazione fattibile le conseguenze della violazione in tale maniera come ripristinare il più lontano possibile la situazione che esiste di fronte alla violazione (vedere, fra le altre autorità, Piersack c. il Belgio (Articolo 50), 26 ottobre 1984, § 12 la Serie Un n. 85; Tchitchinadze c. la Georgia, n. 18156/05, § 69 27 maggio 2010; Rum di Fener Patrikliği (Patriarcato Ecumenico) c. la Turchia (soddisfazione equa), n. 14340/05, § 35, 15 giugno 2010 § 198; e Stoycheva c. la Bulgaria, n. 43590/04, 19 luglio 2011). Di conseguenza, avendo dovuto riguardo ad alle sue sentenze nella causa presente, ed in particolare avendo notato l'assenza di un interesse di terzo-parte che compete o l'altro ostacolo alla restituzione della proprietà del richiedente, la Corte considera che la forma più appropriata di compensazione sarebbe ripristinare il titolo del richiedente all'appartamento ed invertire l'ordine per il suo sfratto. Il richiedente sarebbe fissato il più lontano possibile così, in una situazione equivalente a quello nel quale lei non si avrebbe avuto stata una violazione di Articolo 8 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo là N.ro 1 alla Convenzione.
107. In oltre, la Corte senza dubbio ha che il richiedente soffrì dell'angoscia e la frustrazione su conto della privazione delle sue proprietà e lo sfratto imminente dalla sua casa. La Corte già ha notato sopra che le autorità non hanno fatto niente per attenuare la sua ansia di fronte alla perdita, anche se loro la riconobbero come una parte in buon fede. Mentre la Corte sostiene l'argomento del Governo che come il figlio del richiedente non è una parte a questi procedimenti nessuna assegnazione può essere reso nel suo nome, considera che lo status del richiedente come il solo genitore di un minore è un fattore attinente, mentre aggravando la sua ansia e paura di sfratto. Il danno non-patrimoniale e risultante non sarebbe compensato adeguatamente per con la sentenza mera di una violazione. Facendo la sua valutazione su una base equa, la Corte assegna EUR 9,000 il richiedente sotto questo capo.
B. Costi e spese
108. Il richiedente chiese EUR 10,000 e Strofina 23,343 per costi e spese incorse in nei procedimenti di fronte alla Corte e Strofina 224,936 per costi e spese incorse in nei procedimenti nazionali, mentre comprendendo parcelle di corte, le parcelle di avvocato notaio accusa ed accuse di inventario tecniche. Lei disse anche il risarcimento per le spese seguenti: servizi postali, consistendo di Strofina 583 e Strofina 2,611; RUB 5,150 per la valutazione competente dell'appartamento, e RUB 15,000 per servizi di traduzione. In totale, lei disse EUR 10,000 e Strofina 271,623. Lei offrì ricevute e copie di accordi di servizio in appoggio delle sue rivendicazioni sotto questo capo.
109. Il Governo presentò che il richiedente aveva chiesto costi e spese incorse in nel suo proprio nome così come nel nome di suo figlio. Loro richiesero la Corte per respingere il secondo, siccome lui non era una parte ai procedimenti di fronte alla Corte. In qualsiasi l'evento, loro dissero che i costi e spese non erano state davvero e necessariamente incorse in, e non era ragionevole. Infine, il Sig. Puzanov, l'avvocato del richiedente non affisse il francobollo del suo difensore che conferma il suo diritto per praticare.
110. Il Governo richiesto la Corte per respingere la rivendicazione di Strofina 224,936 come riguarda spese processuali incorse in col richiedente nei procedimenti nazionali, siccome loro lo considerarono irrilevante alla sua causa di fronte alla Corte.
111. Comunque, loro accettarono le rivendicazioni riferite alla traduzione di documenti, perpetrazione di un rapporto competente e spese postali.
112. Secondo la giurisprudenza della Corte, un richiedente è concesso solamente finora al rimborso di costi e spese in come sé è stato mostrato che questi davvero e necessariamente sono stati incorsi in e sono stati ragionevoli come a quantum. La Corte nota che il Sig. Puzanov firmò due legale ripara accordi, uno per rappresentare il richiedente nei procedimenti di fronte alla Corte ed un identico rappresentare suo figlio. Comunque, come il Governo indicato correttamente, solamente uno richiedente, OMISSIS aveva depositato questa causa, e non suo figlio. La Corte perciò costatazione che la parte delle rivendicazioni ha riferito all'accordo di servizio in favore del figlio del richiedente che corrispose ad EUR 5,000 delle sue rivendicazioni per costi e spese devono essere respinti. Come alle somme rimanenti relativo ai servizi legali dei Sig. Puzanov, la Corte ammette, che lui aveva fatto osservazioni sostanziali sul conto del richiedente, mentre senza dubbio lascia che lui l'aveva resa i servizi legali, come addotto. La Corte considera che il richiedente deve essere rimborsato per i suoi servizi sotto l'accordo con lei, irrispettoso di se lui era in proprietà del francobollo del difensore richiesta col Governo.
113. Infine, la Corte considera che i costi e spese incorsero in nei procedimenti nazionali erano direttamente attinente a questa causa e devono essere rimborsate anche, così come il resto dei costi e spese chiese col richiedente.
114. Avendo riguardo ad al sopra, la Corte assegna EUR 11,245 il richiedente per costi e spese.
C. Interesse di mora
115. La Corte lo considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara la richiesta ammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione;
3. Sostiene che c'è stata una violazione di Articolo 8 della Convenzione;
4. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente assicurerà, tramite mezzi appropriati, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione, la piena restituzione del titolo di proprietà del richiedente sull'appartamento e l'annullamento del suo ordine di sfratto;
(b) che lo Stato rispondente deve pagare il richiedente, entro gli stessi tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione gli importi seguenti da convertire in rubli russi al tasso applicabile in data dell’i accordo:
(i) EUR 9,000 (nove mila euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, in riguardo di danno non-patrimoniale;
(ii) EUR 11,245 (undici mila duecento e quaranta cinque euro) in riguardo di costi e spese, più qualsiasi tassa che può essere a carico del richiedente;
(c) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
5. Respinge il resto della rivendicazione del richiedente per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 6 dicembre 2011, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
André Wampach Nina Vajić
Cancelliere Aggiunto Presidente



DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è sabato 14/11/2020.