Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF CURMI v. MALTA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, 35, 06, P1-1

NUMERO: 2243/10/2011
STATO: Malta
DATA: 22/11/2011
ORGANO: Sezione Quarta


TESTO ORIGINALE

Conclusion Violation of Art. 6-1 ; Violation of P1-1 ; Remainder inadmissible ; Pecuniary damage - reserved ; Non-pecuniary damage - reserved
FOURTH SECTION
CASE OF CURMI v. MALTA
(Application no. 2243/10)
JUDGMENT
(Merits)
STRASBOURG
22 November 2011
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Curmi v. Malta,
The European Court of Human Rights (Fourth Section), sitting as a Chamber composed of:
Nicolas Bratza, President,
Päivi Hirvelä,
George Nicolaou,
Ledi Bianku,
Zdravka Kalaydjieva,
Nebojša Vučinić, judges,
David Scicluna, ad hoc judge,
and Fatoş Aracı, Deputy Section Registrar,
Having deliberated in private on 3 November 2011,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 2243/10) against the Republic of Malta lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Maltese national, Ms OMISSIS (“the applicant”), on 22 December 2009.
2. The applicant was represented by her son OMISSIS, who also brought domestic proceedings on her behalf. The latter is represented by Dr OMISSIS, Dr OMISSIS and Dr OMISSIS, lawyers practising in Valletta. The Maltese Government (“the Government”) were represented by their Agent, Dr Peter Grech, Attorney General.
3. The applicant alleged that her property rights under Article 1 of Protocol No.1 to the Convention had been breached as the taking of her land had not been effected in the public interest and twenty-one years after the land was taken she had not received any compensation. In this respect she complained that no mechanism had been provided whereby the applicant could have initiated proceedings for compensation, contrary to Article 6 of the Convention.
4. On 26 August 2010 the President of the Fourth Section decided to give notice of the application to the Government. It was also decided to rule on the admissibility and merits of the application at the same time (Article 29 § 1).
5. Mr V. De Gaetano, the judge elected in respect of Malta, was unable to sit in the case (Rule 28 of the Rules of Court). The President of the Chamber accordingly appointed Mr David Scicluna to sit as an ad hoc judge (Rule 29 § 1(b)).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
6. The applicant was born in 1922 and lives on the Isle of Man.
A. Background of the case
7. The applicant owned an area of land in Marsaxlokk, Malta, measuring approximately 13,557 sq. m.
8. On 18 March 1988, by means of a President’s declaration made by virtue of Article 3 of the Land Acquisition (Public Purposes) Ordinance, it was declared that the land was required for a public purpose and was thereby being expropriated. According to the Government the site was to be protected as a nature reserve.
9. Following the issue of the relevant permit dated 10 August 1998, in 1999 the boundary of the plot was fenced with a chain-link fence, but no other use has ever been made of the property to date. According to an architect’s report submitted by the applicant the site had been abandoned and allowed to deteriorate. It was completely neglected and not looked after in any way. In consequence the land had been vandalised and the watercourses on the land contaminated by leakages from a nearby pig farm. According to the applicant the land had become a dumping site. The Government contested the veracity of this allegation.
10. The said fencing incorporated an area of land which was effectively larger than that covered by the declaration. In consequence, in relation to this additional land (hereinafter Land B for ease of reference) measuring 362.5 sq. m the applicant claimed that there had been a de facto expropriation which was not in accordance with the law.
11. The entirety of the land was part of the Marsaxlokk Bay Local Plan 1995, which recognised the site as a salt marsh of ecological importance. Nevertheless, the Malta Environment and Planning Authority’s policies authorise development in the area subject to specific conditions.
12. The applicant contended that although the site was declared a Special Conservation Zone in 2005, in 1998 when it was taken there existed no public purpose. In the meantime she was prevented from developing the land in accordance with the relevant policies, since any permit requests she made were refused on the basis of the supposed expropriation.
13. To date, the Commissioner of Lands had not issued a “notice to treat” and the applicant had not received any compensation for the taking of her land.
14. The applicant’s judicial protest of 11 January 2005 requesting the Government to dispossess itself of certain adjoining lands (including Land B) which she claimed had been expropriated illegally, and to pay compensation, was unsuccessful.
2. Constitutional redress proceedings
15. In 2005 the applicant instituted proceedings before the Civil Court (First Hall) in its constitutional jurisdiction, complaining of a breach of her rights as guaranteed by Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention and Article 6. She claimed that no use had been made of the expropriated land, that the taking could not be considered proportionate and that she had not obtained any compensation. Moreover, the delay in initiating compensation proceedings denied her the right of access to court. She further noted that certain adjoining lands were also her property and that notwithstanding her judicial protest of 11 January 2005, which she attached to her application (Rikors promotorju), the State had not taken the desired action.
16. On 4 February 2009 the Civil Court rejected the applicant’s claims. It held that there was no doubt that the land in question was saline marshland that had great ecological importance in Malta. Therefore, its taking for the preservation of a natural reserve had been legitimate and in the public interest. As to Article 6 it held that the applicant could have instituted ordinary proceedings to oblige the Commissioner of Lands to institute proceedings before the Land Arbitration Board (“LAB”) or could have made a request for the relevant Government department to appoint a lawyer to establish the origin of the land. However, she had not taken up any of these procedures.
17. The applicant appealed on the grounds that the public interest upheld by the court was an objective one. However, the Government had failed in the circumstances of the present case to demonstrate how and whether the protection of the said reserve would occur. Moreover, the public interest had to be established at the time of the taking and must persist. However, in the present case the site was declared a Special Conservation Zone only in 2005, seventeen years after the taking and it surely did not persist in view of the state of the land to date. Furthermore, as was clear from the testimony before the first-instance court, the fencing had taken over more land than was covered by the President’s declaration. Thus, as had been argued in the applicant’s submissions, the court should have ordered its release and upheld a violation in the terms explained in her original application (“rikors promotur”).
18. On 26 June 2009, the Constitutional Court found that the applicant’s property rights had not been violated but that there had been a breach of Article 6 in so far as the failure of the Commissioner of Lands to issue a “notice to treat” amounted to a lack of access to court. It awarded the applicant 2,000 euros (EUR) in respect of non-pecuniary damage.
19. The Constitutional Court reiterated that the public interest should persist from the moment of taking the land to the moment when the Government obtained ownership of the land on conclusion of the expropriation procedure. It considered the evidence produced, in particular the witness testimony of the Commissioner of Lands, stating that the Environment Protection Department had requested that such land be expropriated; Departmental correspondence related to the use of the land evidencing that because fencing had been built the property should not be released, whereas it would have been otherwise had nothing been done on site; photographs of the state of the land when it was being taken care of by the applicant’s ancestors; and the witness testimony of an employee at the MEPA who classified the land as saline marshland (Mediterranean sea meadows) hosting rare and healthy flora and fauna communities. He further stated that the land was in a good state although the man in the street might deem otherwise due to the appearance of salt marshes and that the department had added certain species to the site in order to avoid erosion and had carried out engineering works to improve the state of the pools therein. In this light, and having considered subsequent structural plans and assessments confirming the necessity of protecting the biodiverse site, the court held that the taking of the land had been in the public interest, which persisted, notwithstanding that no construction had taken place. It was in fact the aim of the taking of the land to leave the site in its original state, a state which could not have been guaranteed if it had been left in the hands of private individuals.
20. In respect of Land B of the land, while noting that the Commissioner of Lands did not contest the allegation and was willing to give the relevant portion back to the applicant, the court found that the applicant had not made any request in this respect in her application (“rikors”) to the court. It noted that the court had to decide on the case as presented in the application which fixed the parameters of a case at issue. Indeed in the present case no request for rectification of the application had been made in order to include this complaint. The court therefore rejected this ground of appeal.
21. Under Article 6 it held that the applicant, who became aware of the expropriation in 1999, had not solicited the action of the authorities. Nevertheless, it was unacceptable that the Commissioner of Lands, who had the duty to take action, had, in twenty years, failed to pay compensation, or at least to make an offer of such. In consequence this amounted to a violation of Article 6 for lack of access to court.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
22. The Land Acquisition (Public Purposes) Ordinance (Chapter 88 of the Laws of Malta) in so far as relevant read as follows:
Section 3
“The President of Malta may by declaration signed by him declare any land to be required for a public purpose.”
Section 7
“The competent authority may deal with and dispose of land acquired by it in such manner and subject to such conditions as it considers expedient having regard to the public interest or utility.”
23. Articles 2 and 3 of subsidiary legislation 12.09 regarding court practice and procedure and good order rules, read as follows:
Article 2
“Proceedings before the Civil Court, First Hall, under article 46 (1) of the Constitution of Malta and under article 4 (1) of the European Convention Act and proceedings before the Constitutional Court in cases referred to in article 95 (2) of the Constitution of Malta shall be instituted by application.”
Article 3
“(1) An application before the Civil Court, First Hall, shall state concisely and clearly the facts out of which the complaint arises and shall indicate the provision or provisions of the Constitution of Malta or of the European Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms alleged to have been, to be or likely to be contravened.
(2) The application shall also specify the redress sought by the applicant:
Provided that it shall be lawful for the court, if the application is allowed, to give any other redress within its jurisdiction which it may consider to be more appropriate.
(3) In cases referred to in article 95 (2) (a) of the Constitution of Malta, the application before the Constitutional Court shall state clearly and concisely the circumstances out of which the question arises, the demand and the provision or provisions of the Constitution or of any other law on which the applicant relies.
(4) In cases referred to in article 95 (2) (c), (d), (e) and (f) of the Constitution of Malta, the application shall state clearly and concisely the circumstances out of which the appeal arises, the reasons of appeal and the prayer for the reversal or a specific variation of the decision appealed from.
(5) Default of compliance in the application with the requirements of sub-rules (1), (2), (3) and (4) shall not render the application null; but the court may, in any such case, order the applicant to file, within such time as the court shall fix, a note containing the particulars required and the costs of such order shall be borne by the applicant.”
24. Article 1078 of the Civil Code (Chapter 16 of the Laws of Malta), in so far as relevant, read as follows:
“Where the time for the performance of the obligation has been left to the will of the debtor, or where it has been agreed that the debtor shall discharge the obligation when it will be possible for him to do so, or when he will have the means for so doing, the following rules shall be observed:
(a) if the subject-matter of the obligation is the payment of a sum of money, such obligation shall be performed within two years, if the sum is due without interest, or, within six years if the sum is due with interest;
(b) if the subject-matter of the obligation is other than the payment of a sum of money, the time within which the obligation is to be performed shall be fixed by the court according to circumstances.”
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1 TO THE CONVENTION
25. The applicant complained that her property rights had been breached as the taking of her land had not been effected in the public interest and twenty-one years later she had not received any compensation. In this respect she complained that no mechanism had been provided whereby she could have initiated proceedings for compensation. The applicant further complained that Land B had been expropriated illegally and contrary to the requirements of Article 1 of Protocol No. 1 of the Convention, which reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
26. The Government contested that argument.
A. Admissibility
1. The property which was the subject of the President’s declaration
27. The Court notes that this part of the complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
2. Land B
28. The Government submitted that, as noted by the Constitutional jurisdictions, the issue relating to Land B had not been brought before the domestic courts according to the relevant procedure, as it had only been raised at the appeal stage. This part of the complaint was therefore inadmissible for non-exhaustion of domestic remedies. Moreover, if the fence had indeed been installed irregularly, the applicant could also lodge a claim for eviction or for compensation with the ordinary courts.
29. The applicant submitted that she had filed a judicial protest in respect of Land B, reference to which she had made in the constitutional application. Indeed, she had requested the domestic courts to return all her land to her possession, and to decide that the taking of the land by the Government had violated her rights under the Convention. The issue relating to Land B had also been raised in oral arguments, both before the first-instance court and on appeal.
30. The Court reiterates that the complaints intended to be made subsequently at the international level should have been aired before the appropriate domestic courts, at least in substance and in compliance with the formal requirements and time-limits laid down in domestic law (see, among many other authorities, Azinas v. Cyprus [GC], no. 56679/00, § 38, ECHR 2004-III). The Court has previously rejected applications for non-exhaustion of domestic remedies where the applicant, who was represented by a lawyer, failed to lodge his constitutional complaint in accordance with the applicable procedural rules and established practice (Obluk v. Slovakia, no. 69484/01, § 62, 20 June 2006) or had not made use of the constitutional remedy in accordance with the formal requirements, as interpreted and applied by the Constitutional Court (see Lubina v. Slovakia, no. 77688/01, § 63, 19 September 2006). The Court notes that in the present case the Constitutional Court refused to take cognisance of the applicant’s attempted appeal in respect of Land B as the applicant had made no such request in her original application (see paragraph 20 above). Thus, by her own fault, the applicant did not provide the Maltese courts with the opportunity which is in principle intended to be afforded to a Contracting State by Article 35 of the Convention, namely the opportunity of addressing, and thereby preventing or putting right, the particular Convention violation alleged against it (see Azinas, cited above, § 41). It follows that the applicant failed to properly exhaust domestic remedies in this respect.
31. Consequently, this part of the complaint must be rejected as inadmissible, in accordance with Article 35 §§ 1 and 4 of the Convention.
B. Merits
1. The parties’ submissions
32. The applicant submitted that the taking of the property had not been in the public interest. Indeed the site had only been declared a Special Conservation Zone in 2005, and EU law had not been applicable in Malta before 2004. No measures had been taken in respect of the land except for the building of a fence which had also not been maintained in good condition. The property was now derelict (according to an architect’s report) and was not supervised or protected from vandalism. It had moreover been contaminated by nearby pig farms. In the applicant’s view, if she had retained possession of the property she would have kept it in order as she had always done, respecting the ecological balance, and could have developed it according to the relevant local plan issued by the Malta Environment and Planning Authority (MEPA). The latter, although it recognised the site as a salt marsh of ecological importance, nevertheless allowed for development of the site if it took into account the potential effects on the site. However, the applicant had always been precluded from such development because of the supposed expropriation of the said land. Indeed, the applicant’s family had not only taken care of the property but had prepared projects for its development (an environment-friendly yacht marina), which had then been put aside when they discovered the land had been expropriated in 1999.
33. Moreover, the applicant had to date, twenty-one years after the land was taken, not received any compensation. Nor had the relevant procedures been instituted, as the COL had failed to issue a notice to treat. Indeed, Article 1078 of the Civil Code had not been intended for expropriation purposes and the applicant could not be expected to pursue such an action when, according to the legal procedure relevant to expropriation, it was the COL’s duty to institute proceedings. Moreover, local jurisprudence had been unclear as to the effectiveness of such a remedy. Furthermore, the delay could not be blamed on the fact that the owner was unknown or resided abroad, as the law clearly gave the option to institute proceedings by means of a curator, an option the COL had not taken up.
34. Furthermore, the applicant argued that any sum of money awarded as compensation for the taking of the land would only be subject to interest at a rate which would not suffice to redress the delay in the payment of such compensation. It followed that the applicant had been made to suffer an excessive individual burden.
35. The Government submitted that the taking of the land had been in the public interest, namely the land was to be used and conserved as a nature reserve. The area had national and international importance, because of species which grew only in that part of Malta and because of the marshlands in the area. In 1993 the area was protected under the Environment Protection Act and in 2005 the site was declared a Special Conservation Zone, it being a habitat type listed in the pertinent EU Council Directive (21 May 1992). However, this did not mean that the Government could not protect such areas before the relevant legislation entered into force. While the taking of the land had been carried out to conserve the site in its original state, certain development of an ecological nature had been carried out as mentioned by the domestic courts (see paragraph 19 above). The area was also regularly cleaned up, at least twice a year. However no measures could totally protect it from vandalism, to which any property could be subjected. Moreover, the Government rejected the applicant’s argument that she could take better care of the property, particularly in view of the fact that she wanted to develop it, and any such development could not be in line with the preservation of the habitat.
36. The Government submitted that the delay in issuing the relevant notice to treat (containing an offer of compensation, which the applicant could then refuse, in which case it would have been for the COL to institute proceedings before the LAB for the setting of compensation) was due to the fact that the applicant was unknown and resided abroad. The Government submitted that in practice declarations were published in the Government Gazette to allow owners to come forward. It was then for the owners to provide proof of ownership in order for the Government to issue a notice to treat. In respect of the option of the COL to institute proceedings by means of a curator, the Government considered that this was not an appropriate course of action, since it could prevent the owners, once their identity had eventually been established, from contesting the amount of compensation awarded. It further transpired that the applicant only became aware of the expropriation in 1999, and until then had shown absolutely no interest in the property. Thereafter the applicant did not institute ordinary proceedings demanding the performance of an obligation (in this case by the COL) according to Article 1078 of the Civil Code, opting to take constitutional proceedings in 2005. Nor did the applicant cooperate in offering proof of her ownership title, notwithstanding that any related legal costs were paid by the State.
37. The Government submitted that the applicant’s aim was to have her land returned. While this was not possible, the Government noted that the applicant would eventually obtain compensation, with interest. The Government noted that no yacht marina projects could ever be allowed, as the applicant had no right to use land such as the seashore, which was clearly in the public domain. Bearing in mind that the land had no commercial value or development potential, the applicant had not suffered an excessive individual burden.
2. The Court’s assessment
38. The Court reiterates that Article 1 of Protocol No. 1 guarantees, in substance, the right to property and comprises three distinct rules (see, for example, Sporrong and Lönnroth v. Sweden, 23 September 1982, § 61, Series A no. 52). The first, which is expressed in the first sentence of the first paragraph and is of a general nature, lays down the principle of peaceful enjoyment of property. The second rule, in the second sentence of the same paragraph, covers deprivation of possessions and subjects it to certain conditions. The third, contained in the second paragraph, recognises that the Contracting States are entitled, amongst other things, to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties. However, the rules are not “distinct” in the sense of being unconnected: the second and third rules are concerned with particular instances of interference with the right to peaceful enjoyment of property. They must be construed in the light of the general principle laid down in the first rule (see, for example, Air Canada v the United Kingdom, 5 May 1995, §§ 29 and 30, Series A no. 316-A).
39. A taking of property can be justified only if it is shown, inter alia, to be “in the public interest” and “subject to the conditions provided for by law”. The Court reiterates that because of their direct knowledge of their society and its needs, the national authorities are in principle better placed than the international judge to appreciate what is “in the public interest”. Furthermore, the notion of “public interest” is necessarily extensive. The Court will respect the legislature’s judgment as to what is “in the public interest” unless that judgment is manifestly without reasonable foundation (see Jahn and Others v. Germany [GC], nos. 46720/99, 72203/01 and 72552/01, ECHR 2005-VI, § 91; Immobiliare Saffi v. Italy, [GC], no. 22774/93, § 49, ECHR 1999-V; and, mutatis mutandis, Fleri Soler and Camilleri v. Malta, no. 35349/05, § 65, 26 September 2006).
40. Thus, any interference with property must also satisfy the requirement of proportionality. As the Court has repeatedly stated, a fair balance must be struck between the demands of the general interest of the community and the requirements of the protection of the individual’s fundamental rights, the search for such a fair balance being inherent in the whole of the Convention. The requisite balance will not be struck where the person concerned bears an individual and excessive burden (see Sporrong and Lönnroth, cited above, pp. 26-28, §§ 69-74, and Brumărescu v. Romania [GC], no. 28342/95, § 78, ECHR 1999-VII).
41. Compensation terms under the relevant legislation are material to the assessment of whether the contested measure respects the requisite fair balance and, notably, whether it imposes a disproportionate burden on the individuals (see Jahn and Others, cited above, § 94). In this connection, the taking of property without payment of an amount reasonably related to its value will normally constitute a disproportionate interference, and a total lack of compensation can be considered justifiable under Article 1 of Protocol No.1 only in exceptional circumstances (see The Holy Monasteries v. Greece, 9 December 1994, § 71, Series A no. 301-A ). However, while it is true that in many cases of lawful expropriation only full compensation can be regarded as reasonably related to the value of the property, Article 1 of Protocol No. 1 does not guarantee a right to full compensation in all circumstances. Legitimate objectives in the “public interest”, such as those pursued in measures of economic reform or measures designed to achieve greater social justice, may call for reimbursement of less than the full market value (see Urbárska Obec Trenčianske Biskupice v. Slovakia, no. 74258/01, § 115, ECHR 2007-... (extracts)).
42. The Court however reiterates that the adequacy of the compensation would be diminished if it were to be paid without reference to various circumstances liable to reduce its value, such as unreasonable delay. Abnormally lengthy delays in the payment of compensation for expropriation lead to increased financial loss for the person whose land has been expropriated, putting him in a position of uncertainty (see Akkuş v. Turkey, 9 July 1997, § 29, Reports of Judgments and Decisions). The same applies to abnormally lengthy delays in administrative or judicial proceedings in which such compensation is determined, especially when people whose land has been expropriated are obliged to resort to such proceedings in order to obtain the compensation to which they are entitled (see Aka v. Turkey, 23 September 1998, § 49, Reports).
43. The Court notes that it has not been contested that in the present case there has been a deprivation of possessions within the meaning of the first paragraph of Article 1 of Protocol No. 1, and that the taking of this plot of land had been carried out in accordance with procedures provided by law.
44. The Court further accepts the domestic courts’ assessment as to the relevant public interest (see paragraph 19 above). Indeed it considers that conservation does not necessarily entail development of the land, particularly when the aim is to maintain an original habitat. It notes however that in the present case certain measures have been taken by the Government to improve the relevant conditions. Lastly, the Court considers that the State is allowed to take measures in order to ensure ecological conservation, regardless of any international obligations in this respect. It follows that the taking fulfilled the public interest requirement (see, for example, Fredin v. Sweden (no. 1), 18 February 1991, § 48, Series A no. 192; Matos e Silva, Lda., and Others v. Portugal, 16 September 1996, § 88, Reports of Judgments and Decisions 1996-IV; and Posti and Rahko v. Finland, no. 27824/95, § 77, ECHR 2002-VII).
45. As to the proportionality of the measure, the Court considers that, in the light of the circumstances of the case, and particularly the fact that the applicant made no such claims before the domestic court, it is not necessary to determine, at this stage, whether the amount yet to be offered to the applicant could satisfy the requirements of Article 1 of Protocol No. 1.
46. It suffices to say that, having regard to the fact that the applicant has not received any compensation for the expropriation of the property to date, twenty-three years after the taking of the land, the applicant has been required to bear a disproportionate burden.
47. In so far as the Government argued that the delay in paying compensation was due to the owners, the Court notes that, according to the Land Acquisition (Public Purposes) Ordinance, it was up to the authorities to initiate the relevant compensation proceedings (see paragraph 19 above) (see also Bezzina Wettinger and Others v. Malta, no. 15091/06, § 92, 8 April 2008). Whatever the effectiveness of an action under the Civil Code might be, an action of a general nature and in respect of which the Government have not produced any evidence in relation to its prospects of success (see, mutatis mutandis, Horvat v. Croatia, no. 51585/99, § 44, ECHR 2001-VIII, and Marini v. Albania, no. 3738/02, § 156, ECHR 2007-XIV (extracts)), the Court considers that, in such cases, owners could not be expected to incur the expense and burden of instituting proceedings to ensure the authorities’ fulfilment of their legal obligation (see, mutatis mutandis, Apostol v. Georgia, no. 40765/02, §§ 64-65, ECHR 2006-XI, in relation to enforcement proceedings). Moreover, the Court notes that notwithstanding the Constitutional Court judgment, to date no proceedings have been instituted by the COL. Lastly, the Court rejects the Government’s argument that the applicant was not cooperative in proving ownership title. Indeed the Court considers that, in the context of an expropriation mechanism, it can understandably be the responsibility of the Government to identify the relevant owners. This responsibility also entails the necessary research to identify the owners. Moreover, the Court further notes that the Maltese legal system also provided for the possibility of initiating proceedings by means of a curator. It follows that the delay in paying compensation was totally attributable to the State.
48. The Court therefore concludes that in view of the delay in instituting the relevant proceedings and the fact that to date, twenty-three years after the taking of the land, the applicant has not been awarded, let alone paid, any compensation for it, the applicant has been made to bear an excessive individual burden.
49. There has accordingly been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLES 6 AND 13 OF THE CONVENTION
50. The applicant complained that the Constitutional Court which found a violation of Article 6 did not award adequate just satisfaction and did not redress the violation found, as she still did not have a means to oblige the Government to initiate compensation procedures and remains uncompensated to date. She relied on Articles 6 and 13 of the Convention, which read as follows:
Article 6
“In the determination of his civil rights and obligations ... everyone is entitled to a fair hearing within a reasonable time by [a] ... tribunal ...”
Article 13
“Everyone whose rights and freedoms as set forth in [the] Convention are violated shall have an effective remedy before a national authority notwithstanding that the violation has been committed by persons acting in an official capacity.”
51. The Government submitted that the Constitutional Court had held that the COL’s inaction had constituted a violation of the applicant’s right to access to court and to a trial within a reasonable time, and awarded the applicant EUR 2,000. Thus, they considered that the applicant could no longer be considered a victim of a violation of Article 6 § 1. In any case, as explained in the submissions above, the Government considered that the applicant was also partly to blame for the delay in the proceedings.
52. The applicant submitted that she was still a victim of a violation of Article 6 § 1, as she had suffered non-pecuniary as well as pecuniary damage. She had been entitled to compensation, which the constitutional jurisdictions had not taken account of. Moreover, it had not even ordered the COL to institute the relevant proceedings. It followed that the constitutional remedy was highly ineffective in terms of Article 13. As to the merits, she contended that for the reasons referred to above she could not be blamed for the delay in the proceedings.
53. The Court reiterates that a decision favourable to the applicant is not in principle sufficient to deprive him or her of his or her status as a “victim” unless the national authorities have acknowledged, either expressly or in substance, and then afforded redress for the breach of the Convention (see Central Mediterranean Development Corporation Limited v. Malta, no. 35829/03, § 24, 24 October 2006).
54. The Court notes that the Constitutional Court’s acknowledgment that the excessive delay on the part of the Commissioner of Lands in instituting proceedings for compensation amounted to a denial of access to court satisfies in substance the first condition. However, as far as the second condition is concerned, even assuming that the award of EUR 2,000 is comparable to Strasbourg awards, the Court notes that the domestic courts, although empowered to do so, failed to order the COL to initiate proceedings as soon as possible. Indeed, to date in 2011 proceedings have not been instituted. In these circumstances the Court considers that the applicant can still claim to be a victim of a violation of Article 6 § 1.
55. The Government’s objection is therefore dismissed.
56. The Court notes that the complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
57. Having regard to the finding of the Constitutional Court relating to Article 6 § 1 (see paragraph 19 above), the Court considers that it is not necessary to re-examine in detail the merits of the complaint. Also bearing in mind that the situation persists to date, the Court finds that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention on account of the fact that the applicant was denied and continues to be denied access to a court for the determination of the compensation due to her.
58. The Court reiterates that the role of Article 6 § 1 in relation to Article 13 is that of a lex specialis, the requirements of Article 13 being absorbed by the more stringent requirements of Article 6 § 1 (see, for example, Société Anonyme Thaleia Karydi Axte v. Greece, no. 44769/07, § 29, 5 November 2009; Dauti v. Albania, no. 19206/05, § 58; 3 February 2009; Jafarli and Others v. Azerbaijan, no. 36079/06, § 55, 29 July 2010, and Urbanek v. Austria, no. 35123/05, § 70, 9 December 2010).
59. It follows that it is not necessary to examine the complaint under Article 13.
III. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
60. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
61. The applicant claimed EUR 3,700,930 in respect of pecuniary damage. This included EUR 3,141,881 for loss of annual revenue for the planned project of the yacht marina and restoration works on the land and EUR 559,049 representing the value of the land in 2006, in the event that it was not returned to her. She further claimed EUR 24,000 in compensation for non-pecuniary damage.
62. The Government submitted that the yacht marina could never come into existence and any claims in respect of any revenue it could have obtained were totally imaginary and unfounded. The same held for any restoration works which had never been carried out and would not be carried out at the applicant’s expense, since the land was now in the State’s hands. As to the value of the land, the Government submitted that since it had no commercial use but only an ecological one, the land was comparable to waste land and could not be valued at more than EUR 75,000. However, this sum had yet to be determined by the LAB. The Government considered that no compensation for non-pecuniary damage was called for in the circumstances of the present case.
63. The Court considers that the claim for loss of revenue on account of the expansion of a yacht marina does not reflect the realities of the situation and does not take account of the nature of the land and its surroundings or ecological value. In addition, no costs in relation to restoration works have been incurred by the applicant.
64. It therefore rejects these claims.
65. On the other hand, it notes that no compensation has yet been paid to the applicant in respect of the taking of the land. In view of the fact that the domestic proceedings relating to the payment of compensation have not even been instituted more than twenty years after the land was taken, the Court considers that it would be unreasonable to wait for the outcome of those proceedings (see Serrilli v. Italy (just satisfaction), no. 77822/01, § 17, 17 July 2008, and Mason and Others v. Italy (just satisfaction), no. 43663/98, § 31, 24 July 2007). However, in view of the submissions made by the parties at this stage, the question of pecuniary damage in relation to the compensation for the expropriation of the applicant’s land is not ready for decision. Thus, that question, together with the issue of non-pecuniary damage, must accordingly be reserved and a subsequent procedure arranged, having due regard to any agreement which might be reached between the respondent Government and the applicant (Rule 75 § 1 of the Rules of Court).
B. Costs and expenses
66. The applicant also claimed EUR 3,271.65 as per taxed bill of costs, and a further sum of approximately EUR 3,000 covering other legal fees, services and ex parte architect’s fees, for costs and expenses incurred before the domestic courts, and EUR 1,823.68 for those incurred before the Court.
67. The Government submitted that some of the costs incurred in the domestic proceedings were being claimed twice, since they had already been included in the taxed bill of costs. Moreover, bills for ex parte experts should not be reimbursed, since it was the applicant’s choice not to use court-appointed experts.
68. According to the Court’s case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum. In the present case, the Court notes that the applicant has submitted double billing by claiming the amount stated in the taxed bill of costs and then a number of services separately. Regard being had to the violations found, the documents in its possession and the above criteria, the Court considers it reasonable to award the sum of EUR 4,500 covering costs under all heads.
C. Default interest
69. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the complaint under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention in relation to Land B inadmissible and the remainder of the application admissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention in respect of the land subject to the President’s declaration;
3. Holds that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention;
4. Holds that there is no need to examine the complaint under Article 13 of the Convention in conjunction with Article 6 § 1;
5. Holds that, as far as the financial award to the applicant for non-pecuniary and pecuniary damage resulting from the violations found in the present case is concerned, the question of the application of Article 41 is not ready for decision and accordingly,
(a) reserves the said question as a whole in respect of non-pecuniary damage and in part in respect of pecuniary damage, namely in so far as it relates to the award of compensation for the expropriation of the land subject of the President’s declaration;
(b) invites the Government and the applicant to submit, within three months from the date on which this judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, their written observations on the matter and, in particular, to notify the Court of any agreement that they may reach;
(c) reserves the further procedure and delegates to the President of the Section the power to fix the same if need be;
6. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicant, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following amount:
(i) EUR 4,500 (four thousand five hundred euros), plus any tax that may be chargeable to the applicant, in respect of costs and expenses;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amount at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
7. Dismisses the remainder of the applicant’s claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 22 November 2011, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Fatoş Aracı Nicolas Bratza Deputy Registrar President


TESTO TRADOTTO

Conclusione Violazione di Art. 6-1; violazione di P1-1; Resto inammissibile; danno Patrimoniale - riservato; danno Non-patrimoniale - riservato
QUARTA SEZIONE
CAUSA CURMI C. MALTA
(Richiesta n. 2243/10)
SENTENZA
(I meriti)
STRASBOURG
22 novembre 2011
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetto a revisione editoriale.


Nella causa Curmi c. il Malta,
La Corte europea di Diritti umani (quarta Sezione), riunendosi che come una Camera, composta da:
Nicolas Bratza, Presidente, Päivi Hirvelä Giorgio Nicolaou, Ledi Bianku Zdravka Kalaydjieva, Nebojša Vučinić giudici, David Scicluna ad giudice di hoc,
e Fatoş Aracı, Sezione Cancelliere Aggiunto
Avendo deliberato in privato il 3 novembre 2011,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 2243/10) contro la Repubblica del Malta depositata con la Corte sotto Articolo 34 della Convenzione per la Protezione di Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) con un cittadino maltese, il Sig.ra OMISSIS (“il richiedente”), 22 dicembre 2009.
2. Il richiedente fu rappresentato col suo figlio OMISSIS che anche portò procedimenti nazionali sul suo conto. Il secondo è rappresentato col Dr OMISSIS, il Dr OMISSIS ed il Dr OMISSIS, avvocati che praticano in Valletta. Il Governo maltese (“il Governo”) fu rappresentato col loro Agente, il Dr Pietro Grech, Avvocato General.
3. Il richiedente addusse che i suoi diritti di proprietà sotto Articolo 1 di Protocollo No.1 alla Convenzione erano stati violati siccome la presa della sua terra non era stata effettuata nell'interesse pubblico e ventuno anni dopo che la terra fu presa non aveva ricevuto nessun risarcimento. In questo riguardo si lamentava che nessun meccanismo era stato offerto da che cosa il richiedente sarebbe potuto iniziare procedimenti per il risarcimento, contrari all’ Articolo 6 della Convenzione.
4. 26 agosto 2010 il Presidente della quarta Sezione decise di dare avviso della richiesta al Governo. Fu deciso anche di decidere sull'ammissibilità e meriti della richiesta allo stesso tempo (l'Articolo 29 § 1).
5. Il Sig. De di V. Gaetano, il giudice eletto a riguardo di Malta, non era in grado di riunirsi nella causa (Articolo 28 degli Articoli di Corte). Il Presidente della Camera nominò di conseguenza il Sig. David Scicluna per riunirsi come giudice ad hoc (Articolo 29 § 1(b)).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
6. Il richiedente nacque nel 1922 e vive sull'Isola di Man.
A. Background della causa
7. Il richiedente possedeva un'area di terra a Marsaxlokk, Malta, che misurava approssimativamente 13,557 metri quadrati.
8. 18 marzo 1988, con vuole dire della dichiarazione di un Presidente resa con virtù di Articolo 3 della Terra Acquisizione (gli Scopi di pubblica utilità) l'Ordinanza, si dichiarò che la terra fu richiesta per un scopo di pubblica utilità e fu espropriata con ciò. Secondo il Governo il luogo sarebbe protetto come riserva naturale.
9. In seguito al problema della licenza attinente datata 10 agosto 1998, nel 1999 il confine dell'area fu recinto con un recinto di catena-collegamento, ma nessun altro mai si è avvalso della proprietà ad oggi. Secondo il rapporto di un architetto presentato dal richiedente il luogo era stato abbandonato ed era stato lasciato a deteriorare. Fu trascurato completamente e non fu guardato dopo in nessun modo. In conseguenza la terra era stata danneggiata ed i corsi d'acqua sulla terra contaminata con perdite da una fattoria di maiale vicina. Secondo il richiedente la terra era divenuta un luogo di getto. Il Governo contestò la veracità di questa dichiarazione.
10. Il detto scherma incorporava un'area di terra che era effettivamente più grande di quella coperta dalla dichiarazione. In conseguenza, in relazione a questa terra supplementare (in seguito la Terra B per agio di riferimento) misurando 362.5 metri quadrati che il richiedente ha chiesto che c'era stata un'espropriazione de facto che non era in conformità con la legge.
11. L'interezza della terra era parte del Marsaxlokk Bay Piano 1995 Locale che riconobbe il luogo come una palude di sale dell'importanza ecologica. Ciononostante, l'Ambiente di Malta e le politiche di Autorità che Progetta autorizzano sviluppo nell'area soggetto alle specifiche condizioni.
12. Il richiedente contese che benché il luogo fosse dichiarato una Zona di Conservazione Speciale nel 2005, nel 1998 quando fu preso non esistito scopo di pubblica utilità là. Le fu impedita nel frattempo dallo sviluppare la terra in conformità con le politiche attinenti, poiché qualsiasi richieste di licenza che lei ha reso furono rifiutate sulla base dell'espropriazione supposta.
13. Il Commissario di Terre non aveva emesso datare, un “avviso per trattare” ed il richiedente non aveva ricevuto qualsiasi il risarcimento per la presa della sua terra.
14. La protesta giudiziale del richiedente dell’ 11 gennaio 2005 che richiedeva al Governo di spossessarsi di certe terre adiacenti (incluso Terra B) che disse era stata espropriata illegalmente, e pagare il risarcimento, era senza successo.
2. Procedimenti di compensazione costituzionali
15. Nel 2005 il richiedente avviò procedimenti di fronte alla Corte Civile (Prima la Sala) nella sua giurisdizione costituzionale, lamentandosi di una violazione dei suoi diritti come garantito con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione ed Articolo 6. Lei disse che nessun si era stato avvalso della terra espropriata che la presa non poteva essere considerata proporzionata e che lei non aveva ottenuto qualsiasi il risarcimento. Inoltre, il ritardo nell'iniziare procedimenti di risarcimento la negata il diritto di accesso per corteggiare. Lei notò inoltre che le certe terre adiacenti erano anche la sua proprietà e che ciononostante la sua protesta giudiziale di 11 gennaio 2005 che lei allegò alla sua richiesta (promotorju di Rikors), lo Stato non aveva intentato la causa desiderata.
16. 4 febbraio 2009 la Corte Civile respinse le rivendicazioni del richiedente. Contenne che c'era senza dubbio che la terra in oggetto era terreno paludoso salino che aveva la grande importanza ecologica in Malta. Perciò, la sua presa per la conservazione di una naturale riserva era stata legittima e nell'interesse pubblico. Come ad Articolo 6 contenne che il richiedente avesse potuto avviare procedimenti ordinari per obbligare il Commissario di Terre ad avviare procedimenti di fronte al Consiglio dell'Arbitrato della Terra (“il LAB”) o avrebbe potuto costituire una richiesta il reparto Statale ed attinente per nominare un avvocato per stabilire l'origine della terra. Lei non aveva preso su comunque, qualsiasi di queste procedure.
17. Il richiedente fece appello per motivi che l'interesse pubblico sostenne con la corte era un obiettivo. Comunque, il Governo era andato a vuoto nelle circostanze della causa presente a dimostrare come e se accadrebbe la protezione della riserva detta. L'interesse pubblico doveva inoltre, essere stabilito al tempo della presa e deve persistere. Comunque, al giorno d'oggi la causa il luogo fu dichiarato solamente una Zona di Conservazione Speciale nel 2005, diciassette anni dopo la presa e non persistè certamente in prospettiva dello stato della terra per datare. Inoltre, siccome era chiaro dalla testimonianza di fronte alla corte di prima - istanza, la scherma aveva preso su più terra che fu coperto con la dichiarazione del Presidente. Così, siccome era stato dibattuto nelle osservazioni del richiedente, la corte avrebbe dovuto ordinare la sua liberazione ed avrebbe dovuto sostenere una violazione nei termini spiegati nella sua richiesta originale (“rikors promotur”).
18. 26 giugno 2009 la Corte Costituzionale trovata, che i diritti di proprietà del richiedente non erano stati violati ma che c'era stata finora una violazione di Articolo 6 in come l'insuccesso del Commissario di Terre per emettere un “avviso per trattare” corrispose ad una mancanza di accesso per corteggiare. Assegnò 2,000 euro il richiedente (EUR) in riguardo di danno non-patrimoniale.
19. La Corte Costituzionale reiterò che l'interesse pubblico dovrebbe persistere dal momento di portare la terra al momento quando il Governo ottenne proprietà della terra su conclusione della procedura di espropriazione. Considerò la prova prodotta, in particolare la testimonianza di testimone del Commissario di Terre, affermando che il Settore della Protezione dell'Ambiente aveva richiesto che simile terra sia espropriata; corrispondenza Dipartimentale riferì all'uso della terra che attesta che perché recingendo era stato costruito la proprietà non dovrebbe essere rilasciata, mentre sarebbe stato avuto altrimenti nulla stato fatto su luogo; fotografa dello stato della terra quando si era preso cura di con gli antenati del richiedente; e la testimonianza di testimone di un impiegato al MEPA che classificò la terra come terreno paludoso salino (il Mediterraneo prati marittimi) il hosting flora rara e sana e le comunità di fauna. Lui affermò inoltre che la terra era in un buon stato benché l'uomo nello stradale riterrebbe altrimenti a causa della comparizione di paludi di sale e che il reparto aveva aggiunto la certa specie al luogo per evitare erosione ed aveva eseguito pianificando lavori per migliorare lo stato del therein di piscine. In questa luce, ed avendo considerato piani strutturali e susseguenti e valutazioni che confermano la necessità di proteggere il biodiverse situa, la corte contenne che la presa della terra era stata nell'interesse pubblico che persistè nonostante che nessuna costruzione aveva avuto luogo. Era infatti lo scopo della presa della terra per lasciare il luogo nel suo stato originale, un stato che non poteva essere garantito se fosse stato lasciato nelle mani di individui privati.
20. In riguardo di Terra B della terra, mentre notò che il Commissario di Terre non contestò la dichiarazione ed era disposto a dare di nuovo la porzione attinente al richiedente, la corte fondò che il richiedente non aveva reso qualsiasi richiesta in questo riguardo nella sua richiesta (“il rikors”) alla corte. Notò che la corte doveva decidere sulla causa siccome presentato nella richiesta in questione la quale fissò i parametri di una causa. Effettivamente nella causa presente nessuna richiesta per rettifica della richiesta era stata resa per per includere questa azione di reclamo. La corte respinse perciò questa base di ricorso.
21. Sotto Articolo 6 che ha contenuto che il richiedente che divenne consapevole dell'espropriazione nel 1999 non aveva sollecitata l'azione delle autorità. Ciononostante, era inaccettabile che il Commissario di Terre che aveva il dovere di intentare causa aveva, in venti anni, non riusciti a pagare il risarcimento o almeno fare un'offerta di così. In conseguenza questo corrispose ad una violazione di Articolo 6 per mancanza di accesso per corteggiare.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
22. La Terra Acquisizione (gli Scopi di pubblica utilità) l'Ordinanza (Capitolo 88 delle Leggi del Malta) in finora come lettura attinente siccome segue:
Sezione 3
“Il Presidente di Malta può con dichiarazione firmata da lui dichiarare qualsiasi terra richiesta per uno scopo di pubblica utilità.”
Sezione 7
“L'autorità competente può dare con e può sbarazzarsi di terra acquisita con sé in simile maniera e soggetto a simile condizioni come sé considera avere conveniente riguardo ad all'interesse pubblico o l'utilità.”
23. Articoli 2 e 3 di legislazione 12.09 sussidiaria riguardo a pratica di corte e procedura ed i buoni articoli di ordine, legga siccome segue:
Articolo 2
“Procedimenti di fronte alla Corte Civile, Prima la Sala, sotto articolo 46 (1) della Costituzione del Malta e sotto articolo 4 (1) del Convenzione Atto europeo e procedimenti di fronte alla Corte Costituzionale in cause assegnate ad in articolo 95 (2) della Costituzione del Malta sarà avviato con richiesta.”
Articolo 3
“(1) una richiesta di fronte alla Corte Civile, Prima la Sala, affermerà concisamente e chiaramente i fatti fuori di che l'azione di reclamo sorge ed indicherà la disposizione o approvvigiona della Costituzione del Malta o della Convenzione europea per la Protezione di Diritti umani e le Libertà Fondamentali essere stati addusse, essere o probabilmente essere contravvenuto a.
(2) la richiesta specificherà anche la compensazione chiesta col richiedente:
Purché che sarà legale per la corte, se la richiesta è concessa, dare qualsiasi l'altra compensazione all'interno della sua giurisdizione che può considerare essere più appropriato.
(3) in cause assegnate ad in articolo 95 (2) (un) della Costituzione del Malta, la richiesta di fronte alla Corte Costituzionale chiaramente e concisamente affermerà le circostanze fuori di che sorge la questione, la richiesta e la disposizione o approvvigiona della Costituzione o di qualsiasi l'altra legge sulla quale si appella il richiedente.
(4) in cause assegnate ad in articolo 95 (2) (il c), (d), (e) e (f) della Costituzione del Malta, la richiesta chiaramente e concisamente affermerà le circostanze fuori di che sorge il ricorso, le ragioni di ricorso e la preghiera per l'inversione o una specifica variazione della decisione fatta appello da.
(5) contumacia di ottemperanza nella richiesta coi requisiti di supplire-articolo (1), (2), (3) e (4) non renderà la richiesta nullo; ma la corte può in qualsiasi simile causa, ordini che il richiedente registri, all'interno di simile tempo come la corte fisserà, un noti contenendo i dettagli richiesti ed i costi di simile ordine saranno sopportati col richiedente.”
24. Articolo 1078 del Codice civile (Capitolo 16 delle Leggi del Malta), in finora come attinente, legga siccome segue:
“Dove il tempo per l'adempimento dell'obbligo è stato lasciato alla volontà del debitore, o dove è stato concordato che il debitore assolverà l'obbligo quando sarà possibile per lui per fare così, o quando lui avrà i mezzi per fare così, gli articoli seguenti saranno osservati:
(un) se la materia-questione dell'obbligo è il pagamento di una somma di soldi, simile obbligo sarà compiuto entro due anni, se la somma è dovuta senza interesse, o, entro sei anni se la somma è dovuta con interesse;
(b) se la materia-questione dell'obbligo è altra che il pagamento di una somma di soldi, il tempo entro il quale sarà compiuto l'obbligo sarà fissato con la corte secondo circostanze.”
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1 ALLA CONVENZIONE
25. Il richiedente si lamentò che i suoi diritti di proprietà erano stati violati come la presa della sua terra non era stato effettuato nell'interesse pubblico e ventuno anni più tardi lei non aveva ricevuto qualsiasi il risarcimento. In questo riguardo lei si lamentò che nessun meccanismo era stato offerto da che cosa lei sarebbe potuta iniziare procedimenti per il risarcimento. Il richiedente si lamentò inoltre che Terra B era stato espropriato illegalmente ed era stato contrariato ai requisiti di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 della Convenzione che legge siccome segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”

26. Il Governo contestò quell'argomento.
A. Ammissibilità
1. La proprietà che era la materia della dichiarazione del Presidente
27. La Corte nota che questa parte dell'azione di reclamo non è mal-fondata manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
2. Terra B
28. Il Governo presentò che, come notato con le giurisdizioni Costituzionali, il problema relativo a Terra B non era stato portato di fronte alle corti nazionali secondo la procedura attinente, come sé era stato sollevato solamente allo stadio di ricorso. Questa parte dell'azione di reclamo era perciò inammissibile per la non-esaurimento di via di ricorso nazionali. Inoltre, se il recinto fosse stato installato davvero irregolarmente, il richiedente potrebbe depositare anche una rivendicazione per sfratto o per il risarcimento con le corti ordinarie.
29. Il richiedente presentò che lei aveva registrato una protesta giudiziale in riguardo di Terra B, citi a che lei aveva reso nella richiesta costituzionale. Effettivamente, lei aveva richiesto le corti nazionali per restituire tutta la sua terra alla sua proprietà, e decidere che la presa della terra del Governo aveva violato i suoi diritti sotto la Convenzione. Il problema relativo a Terra B era stato sollevato anche in argomenti orali, sia di fronte alla corte di prima - istanza e su ricorso.
30. La Corte reitera che le azioni di reclamo intesero di essere rese successivamente al livello internazionale sarebbe dovuto essere aerato di fronte alle corti nazionali ed appropriate, almeno in sostanza ed in ottemperanza coi requisiti formali e tempo-limiti posati in giù in diritto nazionale (vedere, fra molte altre autorità, Azinas c. la Cipro [GC], n. 56679/00, § 38 ECHR 2004-III). La Corte prima ha respinto le richieste per la non-esaurimento di via di ricorso nazionali dove il richiedente che fu rappresentato con un avvocato non riuscì a presentare il suo reclamo costituzionale in conformità con gli articoli procedurali ed applicabili e stabilito pratichi (Obluk c. la Slovacchia, n. 69484/01, § 62 20 giugno 2006) o non si era avvalso della via di ricorso costituzionale in conformità coi requisiti formali, siccome interpretato e fatto domanda con la Corte Costituzionale (vedere Lubina c. la Slovacchia, n. 77688/01, § 63 19 settembre 2006). La Corte nota che nella causa presente la Corte Costituzionale rifiutata di prendere giurisdizione del ricorso tentato del richiedente in riguardo di Terra B come il richiedente aveva reso nessuno simile richiesta nella sua richiesta originale (vedere paragrafo 20 sopra). Con la sua propria colpa, il richiedente non fornì così, alle corti maltesi l'opportunità che è in principio intese di essere riconosciuto ad un Stato Contraente con Articolo 35 della Convenzione, vale a dire l'opportunità di rivolgere ed ostacolando con ciò o mettendo diritto, la particolare violazione di Convenzione addusse contro sé (vedere Azinas, citata sopra, § 41). Segue che il richiedente non riuscì ad in modo appropriato esaurire via di ricorso nazionali in questo riguardo.
31. Di conseguenza, questa parte dell'azione di reclamo deve essere respinta come inammissibile, nella conformità con Articolo 35 §§ 1 e 4 della Convenzione.
B. Meriti
1. Le osservazioni delle parti
32. Il richiedente presentò che la presa della proprietà non era stata nell'interesse pubblico. Effettivamente il luogo era stato dichiarato solamente una Zona di Conservazione Speciale nel 2005, e la legge di EU non era stata applicabile in Malta di fronte a 2004. Nessuno misure erano state prese in riguardo della terra a parte l'edificio di un recinto che era stato sostenuto neanche in buon condizione. La proprietà ora era derelitta (secondo il rapporto di un architetto) e non fu supervisionato o protetto dal vandalismo. Era stato contaminato inoltre con fattorie di maiale vicine. Nella prospettiva del richiedente, se lei avesse trattenuto proprietà della proprietà lei l'avrebbe tenuto in ordine siccome lei aveva fatto sempre, mentre rispetta l'equilibrio ecologico, e l'avrebbe potuto sviluppare secondo il piano locale ed attinente emesso con l'Ambiente di Malta ed Autorità che Progetta (MEPA). Il secondo, benché riconoscesse il luogo come una palude di sale dell'importanza ecologica, ciononostante lasciò spazio a sviluppo del luogo se prendesse in considerazione gli effetti potenziali sul luogo. Il richiedente era stato precluso sempre comunque, da simile sviluppo a causa dell'espropriazione supposta della terra detta. La famiglia del richiedente non solo si era presa effettivamente, cura della proprietà ma aveva preparato progetti per il suo sviluppo (un porticciolo di yacht ambiente-amichevole) che era stato fissato poi a parte quando loro scoprirono la terra era stata espropriata nel 1999.
33. Il richiedente doveva inoltre, datare, ventuno anni dopo la terra furono impiegati, non ricevette qualsiasi il risarcimento. Né le procedure attinenti erano state avviate, siccome il COL era andato a vuoto ad emettere un avviso per trattare. Effettivamente, Articolo 1078 del Codice civile non era stato proporsi per fini di espropriazione ed il richiedente non poteva essere aspettatosi di intraprendere tale azione quando, secondo la procedura legale attinente all'espropriazione, era il dovere del COL di avviare procedimenti. Inoltre, la giurisprudenza locale era stata poco chiara come all'efficacia di tale via di ricorso. Inoltre, il ritardo non poteva essere biasimato sul fatto che il proprietario era ignoto o risiedeva all'estero, come la legge chiaramente diede la scelta per avviare procedimenti con vuole dire di un amministratore, una scelta che il COL non aveva preso su.
34. Inoltre, il richiedente dibatté che qualsiasi somma di soldi assegnata come risarcimento per la presa della terra sarebbe solamente soggetto ad interesse ad un tasso che non basterebbe compensare il ritardo nel pagamento di simile risarcimento. Seguì che il richiedente era stato reso per soffrire di un carico individuale ed eccessivo.
35. Il Governo presentò che la presa della terra era stata nell'interesse pubblico, vale a dire la terra sarebbe usata e sarebbe conservata come una riserva di natura. L'area aveva cittadino e l'importanza internazionale, a causa di specie nella quale crebbe solamente che parte del Malta ed a causa dei terreni paludosi nell'area. Nel 1993 l'area fu protetta sotto l'Atto della Protezione dell'Ambiente e nel 2005 il luogo fu dichiarato una Zona di Conservazione Speciale, sé che è un tipo di habitat elencato nell'EU Consiglio Direttiva pertinente (21 maggio 1992). Comunque, questo non volle dire che il Governo non potesse proteggere simile aree prima che la legislazione attinente entrò in vigore. Mentre la presa della terra era stata eseguita per conservare il luogo nel suo stato originale, il certo sviluppo di una natura ecologica era stato eseguito siccome menzionato con le corti nazionali (vedere paragrafo 19 sopra). L'area fu pulita anche regolarmente su, almeno due volte per anno. Comunque nessuno misure potrebbero proteggerlo totalmente dal vandalismo a che qualsiasi proprietà potrebbe essere sottoposta. Inoltre, il Governo respinse l'argomento del richiedente che lei potesse prendersi la migliore cura della proprietà, particolarmente in prospettiva del fatto che lei volle svilupparlo, e qualsiasi simile sviluppo non poteva essere in linea con la conservazione del habitat.
36. Il Governo presentò che il ritardo nell'emettere l'avviso attinente per trattare (contenendo un'offerta di risarcimento che potrebbe rifiutare poi il richiedente in che la causa sarebbe stato per il COL per avviare procedimenti di fronte al LAB per stabilire il risarcimento) era dovuto al fatto che il richiedente era ignoto e risiedde all'estero. Il Governo presentò che in dichiarazioni di pratica fu pubblicato nel Governo Pubblichi permettere proprietari di venire in avanti. Era poi per i proprietari per offrire prova di proprietà in ordine per il Governo emettere un avviso per trattare. In riguardo della scelta del COL avviare procedimenti con vuole dire di un amministratore, il Governo considerò che questo non era un corso appropriato di azione, poiché potrebbe ostacolare i proprietari, una volta la loro identità era stata stabilita infine, dal contestare l'importo del risarcimento assegnato. Traspirò inoltre che il richiedente divenne solamente consapevole dell'espropriazione nel 1999, e sino a poi completamente non aveva mostrato interesse nella proprietà. Da allora in poi il richiedente non avviò procedimenti ordinari che esigono l'adempimento di un'obbligazione (in questa causa del COL) secondo Articolo 1078 del Codice civile, optando di prendere procedimenti costituzionali nel 2005. Né il richiedente cooperò nell'offrire prova del suo titolo di proprietà, nonostante che qualsiasi spese processuali relative furono pagate con lo Stato.
37. Il Governo presentò che lo scopo del richiedente era avere la sua terra ritornato. Mentre questo non era possibile, il Governo notò che il richiedente avrebbe ottenuto infine risarcimento, con interesse. Il Governo notò che nessuno progetti di porticciolo di yacht mai potrebbero essere concessi, siccome aveva il richiedente nessuno diritto usare terra come la spiaggia che chiaramente era nel dominio pubblico. Tenendo presente che la terra non aveva nessun valore commerciale o sviluppo potenziali, il richiedente non aveva sofferto di un carico individuale ed eccessivo.
2. La valutazione della Corte
38. La Corte reitera che Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 garanzie, in sostanza il diritto a proprietà e comprende tre articoli distinti (vedere, per esempio, Sporrong e Lönnroth c. la Svezia, 23 settembre 1982, § 61 la Serie Un n. 52). Il primo che è espresso nella prima frase del primo paragrafo e è di una natura generale, posa in giù il principio di godimento tranquillo di proprietà. Il secondo articolo, nella seconda frase dello stesso paragrafo copre privazione di proprietà e materie sé alle certe condizioni. Il terzo, contenuto nel secondo paragrafo riconosce che gli Stati Contraenti sono concessi, fra le altre cose, controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o garantire il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali. Comunque, gli articoli non sono “distinto” nel senso di essere distaccato: il secondo e terzi articoli concernono con le particolari istanze di interferenza col diritto a godimento tranquillo di proprietà. Loro devono essere costruiti nella luce del principio generale posata in giù nel primo articolo (vedere, per esempio, Air Canada c. Regno Unito, 5 maggio 1995 §§ 29 e 30, Serie A n. 316-A).
39. Una presa di proprietà si può giustificare solamente se è mostrato, inter alia, essere “nell'interesse pubblico” e “soggetto alle condizioni previste per con legge.” La Corte reitera che a causa della loro conoscenza diretta della loro società e le sue necessità, le autorità nazionali sono meglio in principio messo che il giudice internazionale per apprezzare ciò che è “nell'interesse pubblico.” Inoltre, la nozione di “interesse pubblico” necessariamente è esteso. La Corte rispetterà la sentenza della legislatura in merito a ciò che è “nell'interesse pubblico” a meno che che sentenza è manifestamente senza fondamento ragionevole (vedere Jahn ed Altri c. la Germania [GC], N. 46720/99, 72203/01 e 72552/01, ECHR 2005-VI § 91; Immobiliare Saffi c. l'Italia, [GC], n. 22774/93, § 49 il 1999-V di ECHR; e, mutatis mutandis, Fleri Soler e Camilleri c. il Malta, n. 35349/05, § 65 26 settembre 2006).
40. Così qualsiasi interferenza con proprietà deve soddisfare anche il requisito della proporzionalità. Siccome ha affermato ripetutamente la Corte, un equilibrio equo deve essere previsto fra le richieste dell'interesse generale della comunità ed i requisiti della protezione dei diritti essenziali dell'individuo, la ricerca per tale essere di equilibrio equo inerente nell'intero della Convenzione. L'equilibrio richiesto non sarà previsto dove la persona riguardò sopporta un carico individuale ed eccessivo (vedere Sporrong e Lönnroth, citata sopra, pp. 26-28, §§ 69-74, e Brumărescu c. la Romania [GC], n. 28342/95, § 78 ECHR 1999-VII).
41. Il risarcimento chiama sotto la legislazione attinente è materiale alla valutazione di se la misura contestata rispetta l'equilibrio equo e richiesto e, notevolmente, se impone un carico sproporzionato sugli individui (vedere Jahn ed Altri, citata sopra, § 94). In questo collegamento, la presa di proprietà senza pagamento di un importo ragionevolmente riferito al suo valore normalmente costituirà un'interferenza sproporzionata, ed una mancanza totale del risarcimento può essere considerata solamente giustificabile sotto Articolo 1 di Protocollo No.1 in circostanze eccezionali (vedere I Conventi Santi c. la Grecia, 9 dicembre 1994, § 71 la Serie Un n. 301-un). Comunque, mentre è vero che in molte cause dell'espropriazione legale che solamente pieno risarcimento può essere considerato ragionevolmente riferite al valore della proprietà, Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 non garantisce un diritto al pieno risarcimento in tutte le circostanze. Obiettivi legittimi nel “interesse pubblico”, come quelli perseguiti in misure di riforma economica o misure realizzare la più grande giustizia sociale disegnò, può mandare a chiamare rimborso di meno che il pieno valore di mercato (vedere Urbárska Obec Trenčianske Biskupice c. la Slovacchia, n. 74258/01, § 115 ECHR 2007 -... (gli estratti)).
42. La Corte reitera comunque che l'adeguatezza del risarcimento sarebbe diminuita se fosse pagato senza riferimento alle varie circostanze responsabile ridurre il suo valore, come ritardo irragionevole. Anormalmente lungo ritardi nel pagamento del risarcimento per piombo di espropriazione a perdita finanziaria ed aumentata per la persona la cui terra è stata espropriata, mentre mettendolo in una posizione dell'incertezza (vedere Akkuş c. la Turchia, 9 luglio 1997, § 29 Relazioni di Sentenze e Decisioni). Lo stesso fa domanda anormalmente lungo a ritardi in procedimenti amministrativi o giudiziali nei quali è determinato simile risarcimento, specialmente quando persone la cui terra è stata espropriata sono obbligate per ricorrere a simile procedimenti per ottenere il risarcimento al quale sono concessi loro (vedere Conosciuto anche come c. la Turchia, 23 settembre 1998, § 49 le Relazioni).
43. La Corte nota che non è stato contestato che nella causa presente è stata una privazione di proprietà all'interno del significato del primo paragrafo di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, e che la presa di questa area di terra era stata eseguita in conformità con procedure previste con legge.
44. La Corte accetta inoltre il nazionale corteggia la valutazione di ' come all'interesse pubblico ed attinente (vedere paragrafo 19 sopra). Effettivamente considera che la conservazione non comporta necessariamente sviluppo della terra, particolarmente quando lo scopo è mantenere un habitat originale. Nota comunque che nella causa presente le certe misure sono state prese col Governo per migliorare le condizioni attinenti. Infine, la Corte considera che allo Stato è permesso per prendere misure per assicurare la conservazione ecologica nonostante qualsiasi obblighi internazionali in questo riguardo. Segue che la presa adempiva il requisito di interesse pubblico (vedere, per esempio, Fredin c. la Svezia (n. 1), 18 febbraio 1991, § 48 la Serie Un n. 192; Matos e Silva, Lda., ed Altri c. il Portogallo, 16 settembre 1996, § 88 Relazioni di Sentenze e Decisioni 1996-IV; e Posti e Rahko c. la Finlandia, n. 27824/95, § 77 ECHR 2002-VII).
45. Come alla proporzionalità della misura, la Corte considera, che, nella luce delle circostanze della causa, e particolarmente il fatto che il richiedente rese nessuno simile rivendicazioni di fronte alla corte nazionale, non è necessario per determinare, a questo stadio, se l'importo ancora essere proposti al richiedente potrebbe soddisfare i requisiti di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
46. Basta dire che, avendo riguardo ad al fatto che il richiedente non ha ricevuto qualsiasi il risarcimento per l'espropriazione della proprietà per datare, ventitrè anni dopo la presa della terra il richiedente è stato costretto a sopportare un carico sproporzionato.
47. In finora come il Governo dibattuto che il ritardo nel pagare il risarcimento era dovuto ai proprietari, la Corte nota che, secondo la Terra Acquisizione (gli Scopi di pubblica utilità) l'Ordinanza, era su alle autorità per iniziare i procedimenti di risarcimento attinenti (vedere paragrafo 19 sopra) (vedere anche Bezzina Wettinger ed Altri c. il Malta, n. 15091/06, § 92 8 aprile 2008). Purchessia è probabile che l'efficacia di un'azione sotto il Codice civile sia, un'azione di una natura generale ed in riguardo del quale non ha prodotto il Governo qualsiasi prova in relazione alle sue prospettive del successo (vedere, mutatis mutandis, Horvat c. Croatia, n. 51585/99, § 44, ECHR 2001-VIII, e Marini c. l'Albania, n. 3738/02, § 156 ECHR 2007-XIV (estratti)), la Corte considera che, in simile cause, proprietari non potevano essere aspettatisi di incorrere nella spesa e carico di avviare procedimenti per assicurare le autorità l'adempimento del loro obbligo legale (vedere, mutatis mutandis, Apostol c. la Georgia, n. 40765/02, §§ 64-65 ECHR 2006-XI, in relazione a procedimenti di esecuzione). Inoltre, la Corte nota che nonostante la sentenza di Corte Costituzionale, non datare procedimenti è stato avviato col COL. Infine, la Corte respinge l'argomento del Governo che il richiedente non era cooperativo nel provare il titolo di proprietà. Effettivamente la Corte considera che, nel contesto di un meccanismo di espropriazione, può essere comprensibilmente la responsabilità del Governo per identificare i proprietari attinenti. Questa responsabilità comporta anche la ricerca necessaria per identificare i proprietari. La Corte nota inoltre, che anche l'ordinamento giuridico maltese prevedeva la possibilità di iniziare procedimenti per mezzo di un amministratore. Segue che il ritardo nel pagare il risarcimento era totalmente attribuibile allo Stato.
48. La Corte conclude perciò che in prospettiva del ritardo nell'avviare i procedimenti attinenti ed il fatto che datare, ventitré anni dopo la presa della terra al richiedente non è stato assegnato, né tanto meno pagato, nessun risarcimento, il richiedente è stato reso per sopportare un carico individuale ed eccessivo.
49. C'è stata di conseguenza una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DEGLI ARTICOLI 6 E 13 DELLA CONVENZIONE
50. Il richiedente si lamentò che la Corte Costituzionale che trovò una violazione di Articolo 6 non assegnò la soddisfazione equa ed adeguata e non compensò la violazione trovata, siccome lei ancora non aveva un mezzi di obbligare il Governo ad iniziare procedure di risarcimento e rimase non compensato per datare. Si appellò su Articoli 6 e 13 della Convenzione che recitano come segue:
Articolo 6
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale indipendente ...”

Articolo 13
“Chiunque i cui diritti e le libertà come riconosciuti [dalla] Convenzione sono violati avrà una via di ricorso effettiva di fronte ad un'autorità nazionale anche se la violazione fosse stata commessa da persone che agiscono in veste ufficiale.”
51. Il Governo presentò che la Corte Costituzionale aveva sostenuto che l'inazione del COL aveva costituito una violazione del diritto del richiedente ad accesso per corteggiare ed ad un processo all'interno di un termine ragionevole, ed assegnò EUR 2,000 il richiedente. Così, loro considerarono che il richiedente non potrebbe essere considerato più una vittima di una violazione di Articolo 6 § 1. In qualsiasi la causa, siccome spiegato nelle osservazioni sopra, il Governo considerò che il richiedente era anche in parte biasimare per il ritardo nei procedimenti.
52. Il richiedente presentò che lei ancora era una vittima di una violazione di Articolo 6 § 1, siccome lei aveva subito non-patrimoniale così come danno patrimoniale. Lei era stata concessa a risarcimento del quale le giurisdizioni costituzionali non avevano preso conto. Non aveva ordinato anche inoltre, che il COL avviasse i procedimenti attinenti. Seguì che la via di ricorso costituzionale era estremamente inefficace in termini di Articolo 13. Come ai meriti, lei contese, che per le ragioni assegnarono a sopra lei non poteva essere biasimata per il ritardo nei procedimenti.
53. La Corte reitera che una decisione favorevole al richiedente non è in principio sufficiente spogliarli lui o di suo o il suo status come un “la vittima” a meno che le autorità nazionali hanno ammesso, o espressamente o in sostanza, e poi riconobbe compensazione per la violazione della Convenzione (vedere Società per azioni dello Sviluppo del Mediterraneo Centrale Limitata c. il Malta, n. 35829/03, § 24 24 ottobre 2006).
54. La Corte nota che il riconoscimento della Corte Costituzionale che il ritardo eccessivo da parte del Commissario di Terre nell'avviare procedimenti per il risarcimento corrispose ad un rifiuto di accesso per corteggiare soddisfa in sostanza la prima condizione. Comunque, come lontano siccome concerne la seconda condizione, mentre presume anche che l'assegnazione di EUR 2,000 è comparabile alle assegnazioni di Strasburgo, la Corte nota che le corti nazionali, benché conferì poteri fare così, non riuscì ad ordinare che il COL iniziare al più presto possibile procedimenti. Effettivamente, datare in 2011 procedimenti non è stato avviato. In queste circostanze la Corte considera che il richiedente ancora può chiedere di essere una vittima di una violazione di Articolo 6 § 1.
55. L'eccezione del Governo è respinta perciò.
56. La Corte nota che l'azione di reclamo non è mal-fondata manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
57. Avendo riguardo ad alla sentenza della Corte Costituzionale relativo ad Articolo 6 § 1 (vedere paragrafo 19 sopra), la Corte considera che non è necessario per riesaminare in dettaglio i meriti dell'azione di reclamo. Tenendo presente anche, i costatazione di Corte che c'è stata una violazione di Articolo 6 § 1 della Convenzione su conto del fatto che il richiedente fu negato e continua ad essere negato accesso ad una corte per la determinazione del risarcimento a causa di lei.
58. La Corte reitera che il ruolo di Articolo 6 § 1 in relazione ad Articolo 13 è che di un specialis della legge, i requisiti di Articolo 13 che è assorbito coi requisiti più severi di Articolo 6 § 1 (vedere, per esempio, Société Anonyme Thaleia Karydi Axte c. la Grecia, n. 44769/07, § 29 5 novembre 2009; Dauti c. l'Albania, n. 19206/05, § 58; 3 febbraio 2009; Jafarli ed Altri c. Azerbaijan, n. 36079/06, § 55, 29 luglio 2010, ed Urbanek c. l'Austria, n. 35123/05, § 70 9 dicembre 2010).
59. Segue che non è necessario per esaminare l'azione di reclamo sotto Articolo 13.
III. APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
60. Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
61. Il richiedente chiese EUR 3,700,930 in riguardo di danno patrimoniale. Questo incluso EUR 3,141,881 per perdita di ufficio imposte annuale per il progetto progettato del porticciolo di yacht e restituzione funziona sulla terra ed EUR 559,049 che rappresenta il valore della terra nel 2006, nell'evento che non è stato ritornato a lei. Lei disse inoltre EUR 24,000 in risarcimento per danno non-patrimoniale.
62. Il Governo presentò che il porticciolo di yacht non potesse entrare mai in esistenza e qualsiasi rivendicazioni in riguardo di qualsiasi ufficio imposte che avrebbe potuto ottenere sia totalmente immaginario ed infondato. Gli stessi contennero per qualsiasi restituzione lavora fuori che non era stato portato mai e non sarebbe eseguito alla spesa del richiedente, poiché la terra ora era nelle mani dello Stato. Come al valore della terra, il Governo presentò, che poiché non aveva uso commerciale ma solamente un ecologico, la terra era comparabile per sprecare terra e non poteva essere valutata a più di EUR 75,000. Questa somma doveva essere determinata ancora comunque, col LAB. Il Governo considerò che nessun risarcimento per danno non-patrimoniale fu richiesto nelle circostanze della causa presente.
63. La Corte considera che la rivendicazione per perdita di ufficio imposte su conto dell'espansione di un porticciolo di yacht non riflette le realtà della situazione e non prende conto della natura della terra ed i suoi dintorni o valore ecologico. In oltre, nessuno costi in relazione a lavori di restituzione sono stati incorsi in col richiedente.
64. Respinge perciò queste rivendicazioni.
65. D'altra parte nota che nessun risarcimento è stato pagato ancora al richiedente in riguardo della presa della terra. In prospettiva del fatto che i procedimenti nazionali relativo al pagamento del risarcimento non sono stati avviati anche più di venti anni dopo la terra fu preso, la Corte considera che sarebbe irragionevole per aspettare la conseguenza di quelli procedimenti (vedere Serrilli c. l'Italia (soddisfazione equa), n. 77822/01, § 17, 17 luglio 2008, e Mason ed Altri c. l'Italia (soddisfazione equa), n. 43663/98, § 31 24 luglio 2007). In prospettiva delle osservazioni resa con le parti a questo stadio, la questione di danno patrimoniale in relazione al risarcimento per l'espropriazione della terra del richiedente non è comunque, pronta per decisione. Così, che questione, insieme col problema di danno non-patrimoniale deve essere riservata di conseguenza ed una procedura susseguente sistemò, mentre avendo dovuto riguardo ad a qualsiasi accordo che sarebbe giunto al Governo rispondente ed il richiedente (l'Articolo 75 § 1 degli Articoli di Corte).
B. Costi e spese
66. Il richiedente chiese anche EUR 3,271.65 come per nota spese tassata, ed un'ulteriore somma di verso EUR 3,000 copertura le altre parcelle legali, servizi ed ex parte le parcelle di architetto, per costi e spese incorse in di fronte alle corti nazionali ed EUR 1,823.68 per quegli incorsi in di fronte alla Corte.
67. Il Governo presentò che alcuni dei costi incorsero in nei procedimenti nazionali era stato chiedendo due volte, poiché loro già erano stati inclusi nella nota spese tassata. Inoltre, conti per ex parte esperti non dovrebbero essere rimborsati, poiché era la scelta del richiedente per non usare esperti corte-nominati.
68. Secondo la causa-legge della Corte, un richiedente è concesso solamente finora al rimborso di costi e spese in come sé è stato mostrato che questi davvero e necessariamente sono stati incorsi in e sono stati ragionevoli come a quantum. Al giorno d'oggi la causa, la Corte nota che il richiedente ha presentato elencazione duplice con chiedendo l'importo affermato nella nota spese tassata e poi un numero di servizi separatamente. Essendo avuti riguardo alle violazioni fondò, i documenti nella sua proprietà ed il criterio sopra, la Corte lo considera ragionevole assegnare 4,500 costi di copertura la somma di EUR sotto tutti i capi.
C. Interesse di mora
69. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara l'azione di reclamo sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione in relazione alla Terra B ed inammissibile il resto della richiesta ammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione a riguardo della terra oggetto della dichiarazione del Presidente;
3. Sostiene che c'è stata una violazione di Articolo 6 § 1 della Convenzione;
4. Sostiene che non c'è nessun bisogno di esaminare l'azione di reclamo sotto Articolo 13 della Convenzione in concomitanza con Articolo 6 § 1;
5. Sostiene che, nella misura in cui è riguardata l'assegnazione finanziaria al richiedente per danno non-patrimoniale e patrimoniale che è il risultato delle violazioni trovato nella causa presente, la questione dell’applicazione di Articolo 41 non è pronta per decisione e di conseguenza,
(a) riserva la detta questione nell'insieme a riguardo del danno non-patrimoniale ed in parte a riguardo di danno patrimoniale, vale a dire nella misura in cui si riferisce all'assegnazione del risarcimento per l'espropriazione della materia di terra della dichiarazione del Presidente;
(b) invita il Governo ed il richiedente a presentare, entro tre mesi dalla data in cui questa sentenza diviene definitiva in conformità con Articolo 44 § 2 della Convenzione le loro osservazioni scritte sulla questione e, in particolare, a notificare alla Corte qualsiasi accordo al quale possono giungere;
(c) riserva l'ulteriore procedura e delega al Presidente della Sezione il potere di fissarla all’occorrenza;
6. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare il richiedente, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con Articolo 44 § 2 della Convenzione l'importo seguente:
(i) EUR 4,500 (quattro mila cinquecento euro), più qualsiasi tassa che può essere a carico del richiedente, a riguardo di costi e spese;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l0interesse semplice sarà pagabile sull'importo sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
7. Respinge il resto della rivendicazione del richiedente per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto 22 novembre 2011, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Fatoş Aracı Nicolas Bratza Cancelliere Aggiunto Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 01/07/2020.