Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF SHESTI MAI ENGINEERING OOD AND OTHERS v. BULGARIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, 34, 35, 37, P1-1

NUMERO: 17854/04/2011
STATO: Bulgaria
DATA: 20/09/2011
ORGANO: Sezione Quarta


TESTO ORIGINALE

Conclusion Struck out of the list ; Preliminary objections joined to merits and dismissed (victim, non-exhaustion of domestic remedies) ; Violation of P1-1 ; Pecuniary and non-pecuniary damage - award
FOURTH SECTION
CASE OF SHESTI MAI ENGINEERING OOD AND OTHERS v. BULGARIA
(Application no. 17854/04)
JUDGMENT
STRASBOURG
20 September 2011
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of shesti mai engineering ood and Others v. Bulgaria,
The European Court of Human Rights (Fourth Section), sitting as a Chamber composed of:
Nicolas Bratza, President,
Lech Garlicki,
Ljiljana Mijović,
Sverre Erik Jebens,
Zdravka Kalaydjieva,
Nebojša Vučinić,
Vincent A. De Gaetano, judges,
and Lawrence Early, Section Registrar,
Having deliberated in private on 30 August 2011,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 17854/04) against the Republic of Bulgaria lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) on 3 May 2004. The application was originally lodged by OMISSIS, a Bulgarian limited liability company, and OMISSIS, a Bulgarian national (OMISSIS being wholly owned by OMISSIS and his wife, OMISSIS). They complained, in particular, that the State had interfered with the affairs of a company in which they held shares and with their rights as shareholders in that company. In a letter of 7 July 2004 seven Bulgarian nationals, OMISSIS, and three Bulgarian limited liability companies, OMISSIS, expressed their wish to join the application.
2. The applicants were represented by OMISSIS, lawyers practising in Sofia. The Bulgarian Government (“the Government”) were represented by their Agents, Ms N. Nikolova and Ms S. Atanasova, of the Ministry of Justice.
3. The applicants, who were all shareholders in a limited liability company, complained of interference with their shareholdings and about a number of proceedings in which they had tried to protect themselves against the effects of that interference.
4. On 31 March 2009 the Court (Fifth Section) decided to give notice of the application to the Government. It was also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (Article 29 § 1 of the Convention).
5. On 18 May 2009 the Court received a declaration by one of the applicants, OMISSIS, dated 24 April 2009, in which he expressed his wish to withdraw his complaints, because after the application had been lodged he had transferred all his shares in the above-mentioned company to the second applicant, OMISSIS (see paragraph 14 in fine below).
6. In their submissions, sent on 21 December 2009 in reply to the Government’s observations on the admissibility and merits of the application, the applicants raised further complaints concerning the fairness and the length of proceedings brought by the applicant companies OMISSIS in April 2000 and of impartiality on the part of the courts dealing with those proceedings (see paragraphs 35-39 below).
7. Following the re-composition of the Court’s sections on 1 February 2011, the application was transferred to the Fourth Section.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
8. The applicant companies, OMISSIS are based in Sofia, Varna, Burgas and Gabrovo respectively. The other applicants, OMISSIS, were born in 1946, 1955, 1953, 1956, 1945, 1960, 1947 and 1960 respectively and live in Sofia.
A. The company in which the applicants were shareholders
9. At the material time all applicants were shareholders in OMISSIS (“Международен център по фирмено управление АД” – “MTFU”), a limited liability company active in the field of professional training. When it was formed in 1989, the company had a share capital of 3,000,000 old Bulgarian levs (“BGL”)1, divided into three thousand shares of BGL 1,000 each. Three thousand new shares with a nominal value of BGL 1,000 each were authorised and issued in 1990, the company’s capital thus reaching BGL 6,000,000. In 1998 the nominal value of the shares was increased to BGL 10,000 each, the company’s share capital thus reaching BGL 60,000,000 (which became BGN 60,000 after the July 1999 currency revalorisation – see the footnote below).
10. On 6 April 1990 MTFU entered into an agreement with the Ministry of Finance whereby it acquired the right to use for its professional training business, for a period of fifty years, a training centre consisting of buildings and adjoining land in the village of Bistritsa, close to Sofia. In consideration for the acquisition, MTFU, apart from agreeing to pay BGL 6,078,000 for the right of use (according to the applicants, at that time that sum was equal to the training centre’s fair market value), also undertook to carry out at its own expense reconstruction of and improvements to the premises. It was, however, stipulated that, should the right of use be terminated, the State would remain the owner of the whole property.
11. By a decision of the Council of Ministers of 21 May 1990, the MTFU was formally granted the right of use of the training centre, under the terms laid down in the above-mentioned agreement. Several months later the MTFU made the appropriate payment for the right of use.
12. Between 1990 and 1999 MTFU carried out major renovation and reconstruction works, enlarging the existing buildings of the training centre, constructing new ones and developing the centre’s infrastructure.
13. In 1997 MTFU’s revenue from its professional training business was 390,000 United States dollars (USD), and in 1998 it increased to USD 452,300. Its revenue for the first seven months of 1999 was USD 291,470. In July 1999 the company had one hundred and ten employees. Until that time, the applicant OMISSIS had served as its executive director.
14. In July 1999 the applicants together held 49.83% of MTFU’s capital, or 2,990 shares in total. Their shareholdings broke down as follows:
(i) OMISSIS – 250 shares;
(ii) OMISSIS – 50 shares;
(iii) OMISSIS – 240 shares;
(iv) OMISSIS – 50 shares;
(v) OMISSIS – 610 shares;
(vi) OMISSIS – 600 shares;
(vii) OMISSIS – 390 shares;
(viii) OMISSIS – 200 shares;
(ix) OMISSIS – 100 shares;
(x) OMISSIS – 100 shares;
(xi) OMISSIS – 100 shares; and
(xii) OMISSIS – 300 shares.
On an unspecified date after 2004 OMISSIS transferred all his shares to OMISSIS .
15. In the meantime, in 1992 MTFU went into liquidation. However, in 1995 a general meeting of its shareholders resolved to discontinue the winding-up procedure. By decision no. 6 of 28 July 1995 the Sofia City Court entered that resolution in the register of companies. On 3 August 1996 a general meeting of MTFU’s shareholders adopted new articles of association, which provided that the company would be managed by a board of directors, instead of the managing and supervisory boards which had hitherto existed. However, the meeting did not elect members of the new board of directors.
B. Decision no. 9 of 21 July 1999 and the change of control over MTFU
16. Between 20 and 22 July 1999 Mr B.S., acting on behalf of a company, OMISSIS (“Minstroy”), asked the Sofia City Court (Софийски градски съд) to enter in the register of companies Minstroy’s election as MTFU’s new managing director, as “resolved” by MTFU’s board of directors on 20 July 1999.
17. On 21 July 1999 Judge R.P. of the company division of the Sofia City Court, acting on her own initiative and sitting in private, issued decision no. 9 concerning MTFU. Referring to Article 192 § 2 of the Code of Civil Procedure (see paragraph 53 below) and noting that decision no. 6 of 28 July 1995 (see paragraph 15 above) had not specified who the members of the board of directors of MTFU were, she stated:
“Undoubtedly, that was an obvious error. ... It should be corrected by rectifying decision no. 6 ... and entering a board of directors [in the register].”
Accordingly, the judge entered the names of five members of a new board of directors into the register of companies. All of them, save for OMISSIS, were legal persons.
18. The next day, 22 July 1999, Judge R.P. issued decision no. 10. Citing a “resolution” of the newly registered board of directors of 20 July 1999 (see paragraph 16 above), she erased OMISSIS a s executive director of MTFU, and registered in his place Minstroy, represented by Mr B.S.
19. On 26 July 1999 Mr B.S. and other representatives of Minstroy took control of MTFU’s premises and evicted its erstwhile management, including Mr Evtimov, by force. On 27 July 1999 Mr B.S., in his capacity as representative of the new managing director, issued an order barring OMISSIS from entering the company’s premises.
20. The new management called and conducted two general meetings of MTFU’s shareholders, which took place on 30 September and 15 November 1999. The applicants, as well as some other shareholders, were denied access to those meetings. As a result, they were attended by shareholders representing only 8% of MTFU’s capital. The meetings elected new members of MTFU’s board of directors and a new executive director. The general meeting of 30 September 1999 also resolved that the executive director would “cancel all existing shares and share warrants and issue a new share register and new share warrants”. The applicants submitted that their names were left out of the share register of MTFU drawn up pursuant to that resolution.
21. In view of an interim injunction issued by the Sofia District Court (Софийски районен съд) (see paragraph 25 below), on 30 September 1999 the Sofia City Court postponed the registration of the resolutions taken at the first general meeting. After the injunction was set aside (see paragraph 26 below), on 29 November 1999 the Sofia City Court resumed the registration proceedings and by decisions nos. 11 and 12 of 29 November and 13 December 1999 entered the changes in the register of companies.
22. On 15 November 1999 shareholders of MTFU representing 71.3% of the share capital of MTFU, who opposed the actions of the new management and who had been denied access to the general meetings called by that management, held a “parallel” general meeting. They passed a number of resolutions and elected a new board of directors. On 2 December 1999 the Sofia City Court refused to enter those particulars in the register of companies, noting that the meeting had not been called by the board of directors featuring in the register of companies, and that there was no evidence that it had been regularly conducted. It seems that an appeal by the applicants against that refusal was held to be inadmissible by the Sofia Court of Appeal (Софийски апелативен съд).
23. Between July 1999 and May 2000 OMISSIS and other applicants lodged a number of complaints with the prosecuting authorities, the Ministers of Justice and Economics and other State authorities, asking them to take measures to protect the rights of MTFU’s shareholders.
C. Proceedings brought by the applicants
1. By OMISSIS
24. In September 1999 OMISSIS brought a claim against MTFU, represented by its new management, under Article 431 § 2 of the Code of Civil Procedure 1952 (“the Code”) (see paragraph 51 below). It sought to have decisions nos. 9 and 10 of 21 and 22 July 1999 (see paragraphs 17 and 18 above) set aside. It also sought, making reference to Article 498 of the Code (see paragraph 51 in fine below), to have the corresponding entries in the register of companies annulled. It argued that the decisions were null and void because (i) in 1995 there had been no resolution of MTFU’s shareholders to elect a new board of directors and (ii) such a body had only been envisaged for the first time in MTFU’s new articles of association, adopted in 1996 (see paragraph 15 above). There had therefore been no grounds to correct errors in decision no. 6 of 28 July 1995. Furthermore, the Sofia City Court had accepted that MTFU’s new board of directors had validly elected a managing director on 20 July 1999, a day before that board had been entered in the register of companies and had thus acquired capacity to act. Lastly, the Sofia City Court had disregarded the requirements of Article 192 § 2 of the Code (see paragraph 53 below) because it had acted on its own initiative and had not held a hearing.
25. At the request of OMISSIS, on 21 September 1999 the Sofia District Court, finding that there was a risk that the rights which the company might acquire under a future judgment could be frustrated, granted an interim injunction. It suspended the enforcement of decisions nos. 9 and 10 of the Sofia City Court, barred the new board of directors and executive director of MTFU from taking any managerial decisions and from disposing of company assets, and ordered that the general meeting of MTFU’s shareholders scheduled for 30 September 1999 (see paragraph 20 above) be postponed.
26. On appeal by one of the members of MTFU’s new management, the Sofia City Court set aside the injunction in a final decision of 3 November 1999. It held that there was no genuine risk that the enforcement of any future judgment would be frustrated, because, if OMISSIS’s claim was allowed and decisions nos. 9 and 10 were annulled, that development could be entered in the register of companies. It also held that it was impossible to suspend the enforcement of decisions nos. 9 and 10, because they had already led to changes in the register of companies. It went on to say that by barring MTFU’s new board of directors and executive director from taking managerial decisions and disposing of company assets, the injunction had in effect rendered nugatory decisions nos. 9 and 10 and the changes which they had brought about in MTFU’s registration details, which was inacceptable in interim proceedings. Lastly, the court held that it was not appropriate to prevent a general meeting of shareholders from taking place in connection with a claim for the annulment of pre-existing entries in the register of companies. OMISSIS tried to challenge that decision, but on 15 October 1999 the Sofia Court of Appeal declared its appeal inadmissible.
27. On 21 June 2000 the Sofia City Court allowed OMISSIS’s claims under Articles 431 § 2 and 498 of the Code. On 10 July 2002 and 3 November 2003 respectively its judgment was upheld by the Sofia Court of Appeal and the Supreme Court of Cassation (Върховен касационен съд). The courts were satisfied that the company had standing to bring the claims, because it had shown that it was a shareholder in MTFU on the basis of its share warrants and MTFU’s share register. In particular, the Sofia Court of Appeal found that “those pieces of evidence are unequivocal – they show that the claimant company has acquired and is holding shares in the defendant company”.
28. The courts went on to find that the failure in 1995 to enter a board of directors of MTFU in the register could not have been regarded as an obvious error. The Sofia City Court held:
“Under Article 192 § 2 of the [Code], the court is only competent, on its own initiative or pursuant to a request by the parties, to correct an obvious error in its judgment ... It follows that the court is not competent to enter new circumstances [in the register].”
Therefore, Judge R.P. had not been authorised to act on her own initiative in order to make the entries that she had made on 21 July 1999, and decision no. 9 that she had issued was invalid. In relation to that, the Supreme Court of Cassation held:
“An entry in the register of companies which has not been made at the request of a person authorised by law to make such a request should be regarded as inadmissible.”
29. Accordingly, the courts, by reference to Article 498 of the Code (see paragraph 51 in fine below), annulled the entries in the register of companies made with respect to decision no. 9.
30. The courts made no rulings in relation to decision no. 10. OMISSIS did not seek to have their judgments supplemented in that regard.
2. By OMISSIS
31. On 28 July 1999 OMISSIS also brought a claim against MTFU, represented by its new management, under Article 431 § 2 of the Code and section 71 of the Commerce Act (see paragraphs 51 and 56 below), seeking a declaration that decisions nos. 9 and 10 were null and void. He further sought, under Article 498 of the Code (see paragraph 51 in fine below), to have the entries in the register of companies made pursuant to those decisions annulled. His arguments were similar to those raised by OMISSIS (see paragraph 24 above).
32. On 4 February 2000 the Sofia City Court stayed the proceedings, citing the opening of criminal proceedings for abuse of office against OMISSIS in his former capacity of executive director of MTFU. On 10 February 2000 OMISSIS appealed against the stay, arguing that the matters cited by the Sofia City Court had no connection with his claim. On 24 March 2000 the Sofia Court of Appeal allowed the appeal and the proceedings were resumed.
33. The Sofia City Court gave judgment on 4 December 2001. On 17 March 2003 and 9 March 2004 it was upheld, respectively, by the Sofia Court of Appeal and the Supreme Court of Cassation. Based on MTFU’s share register and share warrants presented by Mr Evtimov, the courts were satisfied that he was a shareholder in the company. They went on to hold, for reasons similar to those given in the proceedings brought by OMISSIS, that decision no. 9 had entered details in the register pertaining to actions which had not taken place. However, this time they considered it inadmissible to examine in the same proceedings an application under Article 498 of the Code, saying that such an application was, in principle, to be examined in non-contentious proceedings.
34. The courts made no ruling in relation to decision no. 10 and Mr Evtimov’s application under Article 498 in respect of it. He did not seek to have their judgments supplemented in that regard.
3. By OMISSIS
35. In April 2000 the two applicant companies brought a claim under Article 431 § 2 of the Code, seeking the annulment of decisions nos. 9, 10, 11 and 12 of the Sofia City Court (see paragraphs 17, 18 and 21 above). They further sought, under Article 498 of the Code (see paragraph 51 in fine below), to have the corresponding entries in the register of companies annulled.
36. On 20 June 2000 the proceedings were stayed pending the outcome of the proceedings brought by OMISSIS (see paragraphs 24-30 above). Following a request by OMISSIS of 16 February 2006, they were resumed on 21 March 2006.
37. On 12 May 2006 the Sofia City Court dismissed the claims. On appeal, on 5 October 2007 the Sofia Court of Appeal partly quashed the City Court’s judgment, and held that the applicant companies no longer had an interest in seeking the annulment of decision no. 9, because that decision and the corresponding entries in the register of companies had already been annulled in the proceedings brought by OMISSIS. It remitted the remainder of the case, concerning decisions nos. 10, 11 and 12, for re-examination.
38. On 29 October 2008 the Sofia City Court gave judgment, which the Sofia Court of Appeal upheld on 6 July 2009. The courts held that the annulment of decision no. 9 did not have retrospective effect and that the annulment of the entries in the register made pursuant to that decision had accordingly taken effect only after the judgment of 3 November 2003, which had concluded the proceedings brought by OMISSIS. Therefore, decisions nos. 10, 11 and 12, made before that annulment and based on the entry in the register made on 21 July 1999, were not invalid. It also noted that Motorengineering OOD and Vitex AD, in so far as they alleged that the general meetings of the shareholders whose resolutions had been registered with decisions nos. 11 and 12 had not been duly convened and conducted, could have challenged those resolutions under section 74 of the Commerce Act 1991 (see paragraph 56 below), but had failed to do so within the applicable time-limits. Accordingly, their claims were dismissed.
39. It is unclear whether OMISSIS sought permission to appeal on points of law to the Supreme Court of Cassation.
D. The disciplinary proceedings against Judge R.P.
40. Following a number of complaints made by OMISSIS, in the beginning of 2000 the Inspectorate of the Ministry of Justice reviewed Judge R.P.’s actions in relation to decision no. 9 (see paragraph 17 above) and concluded that she had breached the relevant rules of procedure in many respects. On the basis of these conclusions, on 22 May 2000 the Minister of Justice proposed to the Supreme Judicial Council (Висш съдебен съвет) that disciplinary proceedings against the judge be opened. This was done, and in a decision of 6 October 2000 the Council’s disciplinary panel gave Judge R.P. a disciplinary warning. It found that in issuing decision no. 9 she had impermissibly acted on her own initiative and not pursuant to a request by the company, had committed a number of procedural violations, and had distorted the evidence in the case file and made perverse findings of fact. Her actions, which had been deliberate and not due to a mere lack of professional experience, had amounted to a breach of her professional obligations. In the panel’s view, Judge R.P. had “in fact created” a new board of directors of MTFU. However, as she had not committed other violations and had not “sought to prejudice the interests of third parties”, there were grounds to impose the most lenient disciplinary punishment – a reprimand.
E. Developments after 1999 concerning MTFU
1. Concerning the training centre
41. On 12 May 2000 the Council of Ministers revoked its decision of 21 May 1990 whereby it had granted to MTFU the right of use of the training centre in Bistritsa (see paragraph 11 above). The new decision was based on paragraph 6 of the transitional and concluding provisions of the State Property Act 1996, which limited the duration of existing contracts concerning the right of use of State property to ten years (see paragraph 59 below). The Council of Ministers also decided that MTFU would be reimbursed the respective part of the consideration that it had paid in 1990 (see paragraphs 10 and 11 above).
42. On 8 June 2000 the regional governor of Sofia ordered MTFU to vacate the property. However, following a Constitutional Court decision whereby paragraph 6 of the transitional and concluding provisions of the State Property Act 1996 was found to contradict the Constitution (see paragraph 60 below), on 10 April 2001 the governor revoked his order.
43. In 2007 MTFU brought an application for judicial review, seeking to have the Council of Ministers’ decision of 12 May 2000 declared null and void, on the grounds that it had been issued on the basis of a legal provision which had subsequently been declared unconstitutional. On 25 June 2009 a three-member panel of the Supreme Administrative Court (Върховен административен съд) dismissed the application, noting that the decision of the Constitutional Court did not have retrospective effect. Therefore, at the time when it had been adopted, the disputed decision had had a sound legal basis.
44. On appeal by MTFU, by a final judgment of 15 December 2009 a five-member panel of the Supreme Administrative Court, with one judge dissenting, reversed and allowed the claim, declaring the Council of Ministers’ decision null and void. It noted, inter alia, that MTFU’s right of use had been extinguished by operation of law with the adoption of paragraph 6 of the transitional and concluding provisions of the State Property Act 1996. Therefore, the Council of Ministers had not been competent to decide on the matter.
45. The Court has not been informed of the practical consequences of those developments and, in particular, whether MTFU continued to use the training centre after 2000.
2. Other developments
46. Further changes in MTFU’s management and board of directors were made between 2000 and 2003. In 2001 and 2003 the new management also brought about an amendment of the company’s articles of association.
47. In October and November 2001 MTFU’s management increased the company’s share capital to BGN 195,000 (before the increase it was BGN 60,000 – see paragraph 9 above) by authorising and issuing new shares. The shares were subscribed for by shareholders who had until then held 8% of the capital (see paragraph 20 above). None of the applicants was offered or allowed to subscribe for any of the new shares. In 2006 and 2008 the share capital of MTFU was again increased through the issuance of new shares, reaching BGN 1,251,500. The applicants were unable to subscribe for any of those new shares.
48. According to MTFU’s annual report for 2008, three companies – none of them among the applicant companies – together held 99.1% of its shares. It is unclear who held the remaining 0.9%. At the end of 2008 the company had two employees. In 2007 and 2008 it did not declare any profit to the tax authorities. It appears that by that time it no longer carried out activities in the field of professional training.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
A. The register of companies
49. The register of companies contains information about companies, including the members of their managing bodies, the amount of their share capital, and the opening and termination of winding-up procedures (at the material time, the register was provided for by section 3(1) of the Commerce Act 1991 (Търговски закон)). It is accessible to the public (at the material time, as provided for by section 5 of the same Act). Particulars entered in the register are deemed to have been notified to third parties from the date they are entered (per, at the material time, Article 493 § 1 of the Code of Civil Procedure 1952). In their dealings with a company, bona fide third parties (that is, third parties who have no actual knowledge of the actual state of the company’s internal affairs) can rely on the information in the register, even if the information presented in the register relates to underlying circumstances which in reality do not exist (per, at the material time, Article 493 § 2 of the same Code). In addition, some transactions and resolutions, such as amendments of the articles of association, increases or decreases in share capital, and the appointment or dismissal of members of the management bodies of limited liability companies (акционерни дружества) take effect only after they have been entered in the register (section 231(3) and (4) of the Commerce Act 1991).
50. At the material time, the register was kept by the territorially competent regional courts (for Sofia, the Sofia City Court) (section 3(1) of the Commerce Act 1991), and entries in it were made pursuant to decisions by those courts, in which there were special company divisions. The registration decisions were given in non-contentious proceedings governed by Articles 424-35 and 489-501 of the Code of Civil Procedure 1952, in force until the end of February 2008. The proceedings could be initiated only by persons acting on behalf of the company, liquidators, or, in some very specific circumstances not relevant to the present case, by State authorities (Article 494). The procedure as a rule did not require a hearing (Article 496 § 1). Decisions granting a request to make the requested entries were not subject to appeal (Article 431 § 1) and were to be put into effect immediately (Article 497).
51. If a court decision making an entry in the register aggrieved any third parties, they could bring contentious proceedings, directing their claim against the person who benefited from the registration, and seek the annulment of the registration decision (Article 431 § 2). Such claims were examined under the general procedure applicable to civil proceedings through the three levels of the court system. If the courts allowed a claim for a judicial declaration that an entry in the register was inadmissible or void, or that the details registered did not correspond to actions which had in fact been taken, the registering court had to erase the entry of its own motion or pursuant to a request by an interested party (Article 498).
B. Other relevant provisions of the Code of Civil Procedure 1952
52. At the relevant time, interim measures could be sought by a prospective or actual claimant under Articles 308-22 of the Code of Civil Procedure 1952, in force until the end of February 2008. A claimant had to establish that, failing such measures, the enforcement of the rights that he or she might obtain under a future court decision could be frustrated or seriously hampered.
53. A final judgment or decision could not be revoked or amended by the court which had given it, except on the court’s own initiative or pursuant to a request by the parties, where it contained an obvious error. Before correcting the error by means of a decision, the court had to inform the parties and hold a hearing (Article 192 §§ 1 and 2 of the same Code).
54. Article 217a of the Code entitled parties to civil proceedings to make complaints about delays in the proceedings. Such complaints were to be examined by the president of the higher court, who could order specific measures to be taken in order to speed up the proceedings.
C. The Commerce Act 1991
55. The rights of shareholders in limited liability companies (акционерни дружества) are governed by the Commerce Act 1991. Shareholders are entitled to vote at a general meeting of shareholders, which is competent to, inter alia, amend the company’s articles of association, increase or decrease the company’s share capital and elect members of the company’s boards (sections 181(1) and 221(1), (2) and (4)). They are also entitled to dividends and parts of the company’s assets upon a winding-up (section 181(1)).
56. Section 71 of the same Act provides that any shareholder can bring a claim to protect his or her rights if they have been violated by a company body. Under section 74(1), any shareholder may apply to the courts to set aside a resolution of the general meeting of shareholders if it is unlawful or in breach of the company’s articles of association. The application must be made no later than three months after the meeting (section 74(2)).
57. The Act also governs the duties of the members of the boards of limited liability companies. Board members must act in the best interest of the company (section 237(2), as in force at the material time). A new subsection 6 of section 237, added in June 2003, specifies that that duty equally applies to individuals who represent legal persons who are members of a company’s board. Board members are jointly and severally liable for any damage that they cause to the company through their fault (section 240(2)). A new section 240a, added in June 2003, makes it possible for shareholders holding at least 10% of a company’s share capital to bring derivative claims against board members.
D. Interpretative decision no. 1 of 2002
58. In order to settle differences in the courts’ case-law concerning legal challenges against resolutions of company bodies and their registration in the register of companies, on 6 December 2002 the General Meeting of the Civil Divisions of the Supreme Court of Cassation issued interpretative decision no. 1 of 2002 (тълк. реш. № 1 от 6 декември 2002 г. по тълк. д. № 1/2002 г., ОСГК на ВКС). It, inter alia: (a) clarified the circumstances in which resolutions of a general meeting of shareholders can be considered null and void and the circumstances in which they are merely liable to be annulled; (b) made clear that resolutions which are null and void can be challenged indefinitely, whereas resolutions which are merely voidable must be challenged by a shareholder under section 74(1) of the Commerce Act 1991 and within the time-limit set by section 74(2) (see paragraph 56 above); (c) held that resolutions of a general meeting of shareholders can be challenged only under section 74, not under section 71 of the Commerce Act 1991, and that claims under section 71 can be directed against resolutions of a company’s board; (d) held that the annulment of a resolution of a company’s board or of a general meeting of its shareholders under, respectively, sections 71 or 74 does not have retrospective effect; (e) held that defects in the resolutions of company bodies cannot be challenged in proceedings under Article 431 § 2 of the Code of Civil Procedure 1952 (see paragraph 51 above), because claims under that provision concern only defects in the registration of such resolutions in the register of companies; (f) specified that a claim under Article 431 § 2 can be brought by a person who considers that the judicial proceedings leading to an entry in the register were flawed or that invalid information has been entered in the register, and that the effect that such a claim would seek to achieve is the rectification of the register under Article 498 of the Code (see paragraph 51 in fine above); (g) held that if a registering court has registered a company resolution which has not in fact been passed, the annulment of its decision does not have retrospective effect vis-à-vis third parties, but does have such effect as regards the relations between the company and its shareholders; (h) held that if a registering court has registered a company resolution which is later declared null and void, the judicial declaration of nullity is to be entered in the register but has no retrospective effect, either as between the company and its shareholders or between the company and third parties; (i) held that it is not open to the courts to grant interim injunctions in relation to claims under section 74 of the Commerce Act 1991.
E. Right of use of State property
59. Until 1996 the legal regime of State property was governed by the Property Act 1951 (Закон за собствеността) and regulations adopted in 1975, which did not restrict the duration of the right of use of such property. Such a restriction was introduced with the adoption of the State Property Act 1996 (Закон за държавната собственост), which superseded the above-mentioned enactments. Section 56(1) of that Act provides that the right of use of State property can be granted only for a period of up to ten years.
60. Paragraph 6 of the transitional and concluding provisions of the State Property Act 1996 specified that this temporal restriction would also be applicable to cases where the right of use of State property had been granted before the Act’s entry into force. In a decision of 10 April 2001, the Constitutional Court found that paragraph 6 ran counter to the provisions of the Constitution of 1991 protecting the right to property (реш. № 7 от 10 април 2001 г. по к. д. № 1 от 2001 г., обн., ДВ, бр. 38 от 17 април 2001 г.).
F. State liability for damage
61. Section 1(1) of the State Responsibility for Damage Caused to Citizens Act 1998 (on 12 July 2006 its name was changed to the “State and Municipalities Responsibility for Damage Act” – “the SMRDA”) provides that the State and municipalities are liable for damage suffered by private persons as a result of unlawful acts or omissions by State or municipal bodies or civil servants, committed in the course of an administrative action. Section 4 provides that compensation is due for all damage which is the direct and proximate result of the unlawful act or omission.
THE LAW
I. PRELIMINARY POINT
62. On 24 April 2009 OMISSIS declared that he wished to withdraw his complaints (see paragraph 5 above). In view of that, the Court considers, in accordance with Article 37 § 1 (a) of the Convention, that it is no longer justified to continue the examination of the application in so far as it concerns OMISSIS. Moreover, noting that the issues raised by his complaints were also raised by those of the remaining applicants, the Court, in accordance with Article 37 § 1 in fine, finds that respect for human rights does not require it to continue examining the application in so far as it concerns Mr Mitev (see, mutatis mutandis, Özgür Gündem v. Turkey, no. 23144/93, §§ 34 and 36, ECHR 2000-III; Stec and Others v. the United Kingdom (dec.) [GC], nos. 65731/01 and 65900/01, § 32, ECHR 2005-X; and Ivanov and Others v. Bulgaria, no. 46336/99, § 32, 24 November 2005). Accordingly, this part of the application shall be struck out of the list.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1
63. The applicants complained that, by issuing decisions nos. 9 and 10, as well as all subsequent decisions registering resolutions of the “illegitimate” board of directors of MTFU and the general meetings of shareholders called by that board, and by refusing to register the resolution of the general meeting conducted by the applicants and other shareholders on 15 November 1999, the Sofia City Court had acted in breach of their rights under Article 6 § 1 of the Convention to a fair trial and an impartial tribunal. They further complained that by issuing those decisions the Sofia City Court had acted in an arbitrary fashion and had allowed persons who had had nothing to do with the company to take control over it, wreck it, and dramatically dilute the applicants’ shareholding in it, all of which had seriously breached their rights under Article 1 of Protocol No. 1. The ensuing failure of the courts and of other authorities to react effectively and in a timely manner to that situation had allowed it to persist for a number of years.
64. In the circumstances of the case, and noting that the gist of the applicants’ grievance concerns the effect of the State’s actions and omissions on their shareholding in MTFU, the Court considers that the complaint should be examined solely under Article 1 of Protocol No. 1 (see, mutatis mutandis, Forminster Enterprises Limited v. the Czech Republic, no. 38238/04, § 59, 9 October 2008). That provision reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
1. Victim status
65. The Government submitted that OMISSIS and OMISSIS could not claim to continue to be victims of a violation, because they had obtained the annulment of decision no. 9 and of the corresponding entries in the register of companies.
66. The applicants submitted that those developments had not wiped out the consequences of decision no. 9. Its annulment had not automatically brought about the invalidation of all subsequent actions taken by the company bodies installed by it, and the applicants had been placed in a situation requiring them to seek the annulment of all those actions and their registration in the register of companies. In any event, that was not possible, because, under the Bulgarian courts’ settled case-law, the annulment of resolutions of company bodies did not have retrospective effect. Thus, the successful outcome of the proceedings brought by OMISSIS and OMISSIS had had “zero legal effect”.
67. The Court observes that a decision or measure favourable to an applicant is not in principle sufficient to deprive him or her of his or her status as a victim unless the national authorities have acknowledged, either expressly or in substance, and then afforded redress for, the breach of the Convention (see, among many other authorities, Scordino v. Italy (no. 1) [GC], no. 36813/97, § 180, ECHR 2006-V).
68. In the present case, the question whether the annulment of decision no. 9 and of the corresponding entries in the register of companies, albeit favourable to the applicants, afforded them sufficient redress is closely related to the substance of the complaint under Article 1 of Protocol No. 1 (see, mutatis mutandis, Bennich-Zalewski v. Poland, no. 59857/00, §§ 76-77, 22 April 2008). The Court therefore decides to join the Government’s objection to the merits.
2. Exhaustion of domestic remedies
69. The Government also argued that the applicants had failed to exhaust domestic remedies, as required under Article 35 § 1 of the Convention, for the following reasons:
(a) the applicants had failed to bring tort claims against the persons responsible for the reduction of their shareholding, had not tried to seek damages from the members of the board of directors registered pursuant to decision no. 9, and had not sought to enforce their shareholder rights under sections 71 and 74 of the Commerce Act 1991;
(b) only OMISSIS and OMISSIS had brought legal challenges against decision no. 9. The remaining applicants had neither tried to join the proceedings brought by those two applicants nor brought separate proceedings; and
(c) the applicants had not tried to bring a claim for damages under section 1 of the SMRDA.
70. The applicants contested those arguments. They submitted that:
(a) they had immediately sought the annulment of decisions nos. 9 and 10 and had sought and obtained an interim injunction in relation to those actions. It had not been apparent that the possibility of bringing a claim for damages against members of the board of directors under the special rules of the Commerce Act 1991 or under the general law of tort had any prospect of success, as there had been no examples of such claims having been prosecuted successfully. As for the claims under sections 71 and 74 of the Commerce Act 1991, those had concerned legal challenges against resolutions of company bodies and could not have provided redress against unlawful judicial decisions. Nor would they have been appropriate in the patently unlawful situation engendered by decision no. 9. Moreover, it had not been clear whether those claims would be available to the applicants. Their shareholdings had been extinguished following the new management’s resolution of 30 November 1999 to annul all existing shares and share warrants, whereas claims under sections 71 and 74 could be brought solely by existing shareholders;
(b) although the remaining applicants had not joined the proceedings initiated by OMISSIS and OMISSIS, they had benefitted from the courts’ rulings in those proceedings in any event. If they had brought separate proceedings, those would have been stayed, as had happened with the proceedings brought by OMISSIS;
(c) the remedy under section 1 of the SMRDA had been inapplicable, because it had only concerned damage caused by acts or omissions of the administrative authorities, not by judicial decisions.
71. The Court considers that the first limb of the Government’s objection, which concerns the availability of remedies allowing the applicants to effectively exercise their shareholder rights vis-à-vis the persons who had taken over their company as a result of decision no. 9, is closely related to the substance of the complaint under Article 1 of Protocol No. 1 (see, mutatis mutandis, Bennich-Zalewski, cited above, § 80). It therefore decides to join it to the merits.
72. As regards the second limb of the objection, the Court observes that, initially, only OMISSIS and OMISSIS sought to challenge decision no. 9 (see paragraphs 24 and 31 above). However, when two other applicants, OMISSIS, also brought a legal challenge against that decision in April 2000, the courts stayed the proceedings to await the outcome of the earlier action brought by OMISSIS. After decision no. 9 and the corresponding entries in the register of companies had been annulled as a result of those earlier proceedings, the proceedings brought by OMISSIS were resumed. However, the courts dismissed their claim, finding that they no longer had an interest in pursuing the matter (see paragraphs 35-37 above). In those circumstances, the Court fails to see how the remaining applicants could have also challenged decision no. 9, as they risked obtaining a similar result (see, mutatis mutandis, Carson and Others v. the United Kingdom [GC], no. 42184/05, §§ 56 and 58, ECHR 2010-...). Nor were they required to join the proceedings brought by OMISSIS and OMISSIS, because they benefitted from their outcome in any event: the annulment of decision no. 9 and the related entries in the register of companies had an erga omnes effect (see paragraph 51 above and, mutatis mutandis, A. Association and H. v. Austria, no. 9905/82, Commission decision of 15 March 1984, Decisions and Reports (DR) 36, p. 187; Erdoğan v. Turkey, no. 19807/92, Commission decision of 16 January 1996, DR 84-A, p. 5; Oğur v. Turkey [GC], no. 21594/93, § 67, ECHR 1999-III; and Yüksel Erdoğan and Others v. Turkey, no. 57049/00, §§ 74-75, 15 February 2007). This limb of the objection must therefore be dismissed.
73. As to the third limb of the objection, the Court observes that the official acts which gave rise to the applicants’ grievance were judicial decisions. The Government have not argued that those decisions could be regarded as administrative action within the meaning of section 1 of the SMRDA (see paragraph 61 above). The Court is therefore not satisfied that a claim under that provision would have stood a reasonable prospect of success (see, mutatis mutandis, Olczak v. Poland (dec.), no. 30417/96, §§ 47-48, 7 November 2002). This limb of the objection must therefore be dismissed as well.
3. Other grounds for inadmissibility
74. The Court considers that the complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention or inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. The parties’ submissions
75. The Government argued that there had been no arbitrary interference with the applicants’ shareholdings in MTFU and that, in any event, the authorities had reacted in an adequate manner, because the courts had annulled decision no. 9 of 21 July 1999 and the corresponding entries in the register of companies. The applicants’ legal challenges to that decision had been examined within a reasonable time. It had been entirely normal that the claims, which concerned a dispute between shareholders, had been examined under the usual procedure applicable to civil proceedings through the three levels of the court system, which had taken approximately four years in the cases of both OMISSIS and OMISSIS. That could hardly be regarded as unreasonable. However, if the applicants had considered that the examination of their cases had been unduly delayed, they could have made complaints about delays under Article 217a of the Code of Civil Procedure 1952. The Government further submitted that the courts had not acted in breach of the interim injunction obtained by OMISSIS, because it had been set aside shortly after being granted. As to the executive authorities, to whom the applicants had addressed numerous complaints, they had not been in a position to interfere with judicial decisions, as the judiciary was independent. In any event, the developments complained of had not had a negative effect on MTFU – it was still a going concern and, in 2010, had had a share capital of BGN 1,251,500. Lastly, it could not be overlooked that the Supreme Judicial Council had taken disciplinary action against Judge R.P.
76. The applicants contested these arguments, considering that the measures referred to by the Government had had no practical effect on their situation. Furthermore, they argued that the Sofia City Court had interfered with MTFU’s corporate affairs in an arbitrary manner and in blatant disregard of the applicable legal provisions and of the requirements of Article 6 § 1 of the Convention for it to be fair, independent and impartial, and to uphold the rule of law. After that, the courts and the authorities had not only made possible, but had also tolerated and sanctioned – at one point in breach of the interim injunction issued by the Sofia District Court – the unlawful actions of the new management of the company, which had, amongst other things, resolved to cancel all existing shares and MTFU’s company register and had thus extinguished the applicants’ shareholdings in the company. Despite the numerous complaints lodged by the applicants, neither the prosecuting nor any other authorities had intervened to prevent that from happening. As for the courts, instead of reacting swiftly to the legal challenges brought by the applicants, they had taken an unreasonably long time to examine them, disregarding the very high stakes involved. Those developments had had a negative effect on MTFU, which had been a successful, growing company before July 1999. As a result of the actions of the new management, it had, in fact, stopped functioning. As of 2010 it had retained only two employees and had declared losses. All of that had amounted to a serious breach of the State’s negative and positive obligations under Article 1 of Protocol No. 1.
2. The Court’s assessment
(a) Applicability of Article 1 of Protocol No. 1
77. The Court observes that the complaint concerns not so much the economic situation of MTFU but, more importantly, the applicants’ shareholdings in it. In July 1999 they held a total of 49.83% of the company’s shares (see paragraph 14 above). Those shares undoubtedly constituted “possessions” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 (see Bramelid and Malmström v. Sweden, nos. 8588/79 and 8589/79, Commission decision of 12 October 1982, DR 29, p. 64; Sovtransavto Holding v. Ukraine, no. 48553/99, § 91, ECHR 2002-VII; Olczak, cited above, § 60; Trippel v. Germany, no. 68103/01, § 18, 4 December 2003; Freitag v. Germany, no. 71440/01, § 51, 19 July 2007; and Marini v. Albania, no. 3738/02, § 164, 18 December 2007). The Court therefore finds that this provision is applicable.
78. The Court further considers that the complexity of the factual and legal position in the present case prevents it from being classified in a precise category. It therefore finds it appropriate to examine it in the light of the general rule, set forth in the first sentence of the first paragraph of Article 1 of Protocol No. 1 and laying down the right to the peaceful enjoyment of possessions (see, mutatis mutandis, Sovtransavto Holding, §§ 92-93, and Marini, § 167, both cited above).
(b) Compliance with Article 1 of Protocol No. 1
79. While Article 1 of Protocol No. 1 is essentially concerned with preventing unwarranted State interference with property rights, in certain situations the effective enjoyment of the rights guaranteed by that provision may entail the adoption of positive measures, even in cases involving litigation between private individuals or companies (see Sovtransavto Holding, cited above, § 96; Broniowski v. Poland [GC], no. 31443/96, § 143, ECHR 2004-V; Fuklev v. Ukraine, no. 71186/01, §§ 90-91, 7 June 2005; Kostić v. Serbia, no. 41760/04, § 66, 25 November 2008; Belev and Others v. Bulgaria, nos. 16354/02, 16485/02, 16878/02, 16885/02, 16886/02, 16889/02, 17333/02, 17340/02, 17344/02, 17613/02, 17725/02, 17726/02, 18410/02, 18413/02, 18414/02, 18416/02, 21023/02, 21024/02, 21027/02, 21029/02, 21030/02, 21033/02, 21038/02, 21052/02, 21071/02, 21284/02, 21378/02, 21800/02, 22430/02, 22433/02, 26478/02, 26498/02, 31049/02, 31333/02, 31518/02, 37816/02, 42567/02, 43529/02, 758/03, 3461/03 and 11219/03, § 85, 2 April 2009; Plechanow v. Poland, no. 22279/04, §§ 99-100, 7 July 2009; Sierpiński v. Poland, no. 38016/07, §§ 68-69, 3 November 2009; and Tunnel Report Limited v. France, no. 27940/07, § 37, 18 November 2010). The boundaries between the State’s positive and negative obligations under Article 1 of Protocol No. 1 do not lend themselves to precise definition. However, whether the case is analysed in terms of a positive duty on the part of the State or in terms of interference by a public authority which needs to be justified, the criteria to be applied do not differ in substance. The first and most important of these is the requirement of lawfulness (see Broniowski, cited above, §§ 144 and 147; Hutten-Czapska v. Poland [GC], no. 35014/97, § 163, ECHR 2006-VIII; Kushoglu v. Bulgaria, no. 48191/99, § 49, 10 May 2007; Belev and Others, cited above, § 86; and Sedelmayer v. Germany (dec.), nos. 30190/06 and 30216/06, 10 November 2009). That presupposes, amongst other things, that domestic law must provide a measure of legal protection against arbitrary interference with property rights (see Capital Bank AD v. Bulgaria, no. 49429/99, § 134, 24 November 2005; Zlínsat, spol. s r.o. v. Bulgaria, no. 57785/00, § 98, 15 June 2006; Družstevní záložna Pria and Others v. the Czech Republic, no. 72034/01, § 89, 31 July 2008; and Forminster Enterprises Limited, cited above, § 69), and that the State must afford judicial procedures that offer the necessary procedural guarantees and enable the domestic courts to adjudicate effectively and fairly on any disputes between private persons (see Ukraine-Tyumen v. Ukraine, no. 22603/02, § 51, 22 November 2007). Indeed, the latter requirement is also one of the positive obligations stemming from Article 1 of Protocol No. 1 (see Sovtransavto Holding, cited above, § 96; Anheuser-Busch Inc. v. Portugal [GC], no. 73049/01, § 83, ECHR 2007-I; Kushoglu, cited above, § 47; Freitag, cited above, § 54; and Marini, cited above, § 171). In ascertaining whether those requirements have been satisfied, the Court must take a comprehensive view of the applicable procedures.
80. As already noted, the applicants’ complaints in the present case concern not so much the economic situation of MTFU but their shareholdings in the company. As a result of the events in issue those shareholdings were radically diluted. In July 1999, taken together, the applicants had a 49.83% stake in it. After several increases of the company’s share capital carried out by the management installed as a result of decision no. 9, at the end of 2008 three other companies held a total of 99.1% of MTFU’s share capital (see paragraphs 47 and 48 above). Therefore, by that time, the applicants held, at best, a total of not more than 0.9% of the company’s shares (see, mutatis mutandis, Sovtransavto Holding, § 92, and Olczak, § 71, both cited above).
81. That was the upshot of a chain of events which started with an official act – decision no. 9 – whereby the Sofia City Court, acting on its own initiative, not basing its decision on any resolution of the company’s bodies, and grossly distorting the rules of procedure, entered new members of MTFU’s board of directors in the register of companies (see paragraphs 17, 28, 33 and 40 above). The court’s decision made possible a change of control of MTFU, which was sanctioned by its subsequent decisions nos. 10, 11 and 12 (see paragraphs 18-21 above). The company’s new management later issued new shares, increasing its share capital by more than twenty times, from BGN 60,000 to BGN 1,251,000, and prevented the applicants from subscribing for those new shares (see paragraphs 9, 47 and 48 above). In view of that, and noting that decision no. 9 was not merely a response to the fraudulent actions of private persons, as would have been the case if it had been made pursuant to a registration application based on forged documents, but was a serious deviation from the normal functions of the Sofia City Court as custodian of the register of companies, the Court is satisfied that the dilution of the applicants’ shareholdings in MTFU was linked to the actions of the State to a degree that is sufficient to justify the conclusion that the authorities interfered with the applicants’ possessions. However, that interference was not comparable to a deprivation of possessions (see Sovtransavto Holding, cited above, § 94), but was rather an act that created a situation in which third parties were able to interfere with the applicants’ possessions (see, mutatis mutandis, Kushoglu, cited above, § 61).
82. One of the effects of decision no. 9, until it was annulled on 3 November 2003, was to confer on persons who had not been elected by MTFU’s shareholders ostensible authority to serve on the company’s board, run the company, and bind it as against third parties. That allowed them to take a number of steps prejudicial to the applicants’ interests as shareholders, both directly, by diluting their shareholdings, and indirectly, by disposing of company assets and by assuming obligations on behalf of the company. Indeed, it seems that among the first steps taken by the fraudulent board of directors were its resolutions to call two general meetings of the shareholders, which the applicants were prevented from attending, with a view to effecting further changes to the company’s constitution and management (see paragraphs 20 above). The Sofia City Court, apparently based on the entry in the register made pursuant to decision no. 9, considered those meetings as validly conducted and entered the resolutions passed by them in the register of companies, while at the same time refusing to enter the resolutions taken at the “parallel” meeting held by the applicants, on the grounds that it had not been called by the legitimate board of directors (see paragraphs 21 and 22 above).
83. Following legal challenges by OMISSIS and OMISSIS, the national courts annulled decision no. 9 and the corresponding entries in the register of companies. They found that it had not been made pursuant to a request by a person entitled to make such a request and did not relate to any resolution of the company’s bodies (see paragraphs 28 and 33 above). In addition, the disciplinary panel of the Supreme Judicial Council found that in issuing the decision Judge R.P. had wilfully breached her professional duties, had committed a number of procedural violations and had distorted the evidence (see paragraph 40 above). The Court sees no reason to question those conclusions, and accordingly concludes that the decision that gave rise to the interference with the applicants’ possessions was manifestly unlawful and arbitrary.
84. It remains to be established whether, as required by the State’s positive obligations under Article 1 of Protocol No. 1, Bulgarian law afforded the applicants effective means of protecting themselves against the harmful consequences of decision no. 9 – in particular, the possibilities that it gave to other private persons to interfere with their shareholdings in MTFU –, and whether the annulment of that decision more than four years after it had been made was sufficient to provide the applicants with effective redress. In the Court’s view, the answer to both of those questions is no, for the following reasons.
85. The applicants sought to prevent the situation created through decision no. 9 from unfolding to their disadvantage in two ways. Two of them – OMISSIS and OMISSIS– almost immediately sought the decision’s annulment (see paragraphs 24 and 31 above). Another two applicants, OMISSIS, also challenged the decision, as well as three subsequent decisions (see paragraph 35 above). In addition, OMISSIS sought and obtained an interim injunction barring the board “created” by that decision from taking any managerial decisions and disposing of company assets, and prohibiting the first general meeting of shareholders called by that board from taking place (see paragraph 25 above). Those steps seem entirely reasonable under the circumstances, for two reasons. First, the situation engendered by decision no. 9 was highly unusual and out of line with the normal way in which the register of companies ought to have operated. Secondly, at that time the Bulgarian courts’ case-law on the procedure to be followed in order to challenge unlawful resolutions of company bodies and erroneous entries in the register of companies and on the availability of interim remedies in connection with such challenges was apparently not settled, as evidenced by the need for the Supreme Court of Cassation to give in December 2002 – more than two years after the events in issue – an interpretative decision resolving the divergences in the courts’ case-law in that domain (see paragraph 58 above). However, as a result of the reaction of the courts to the applicants’ requests, their efforts proved fruitless. That allowed the fraudulent board of directors, unchecked, to take a number of steps in relation to the corporate affairs of MTFU and the applicants’ shareholdings in it.
86. It is true that the applicants could have, in addition, tried to challenge the resolutions of that board under section 71 of the Commerce Act 1991 and the resolutions of the general meetings of shareholders called by it under section 74 of the same Act (see paragraph 56 above). It is also conceivable that they could have tried to seek compensation for the damage occasioned by the actions of that board’s members – or their representatives, such as Mr B.S. – under the special rules providing for liability of board members (see paragraph 57 above) or under the general law of tort. The existence of mere doubts as to the prospects of success of a particular remedy which is not obviously futile does not absolve an applicant from having to use his or her recourse to it (see, among other authorities, Van Oosterwijck v. Belgium, 6 November 1980, § 37, Series A no. 40; Brusco v. Italy (dec.), no. 69789/01, ECHR 2001-IX; Milošević v. the Netherlands (dec.), no. 77631/01, 19 March 2002; and Kamburov v. Bulgaria (dec.), no. 14336/05, § 61 in fine, 6 January 2011). However, the Court does not consider that the applicants can be criticised for not having made use of a remedy which would have been directed to essentially the same end as the ones that they had used and which would not have had a better prospect of success (see Iatridis v. Greece [GC], no. 31107/96, § 47, ECHR 1999-II, and, more recently, Mileva and Others v. Bulgaria, nos. 43449/02 and 21475/04, §§ 77 and 82, 25 November 2010). Moreover, even assuming that such claims would have had a reasonable chance of succeeding, in the very unusual circumstances of this case they would have been unlikely to fully and adequately wipe out the consequences of the interference with the applicants’ possessions and to ensure compliance with the State’s positive obligations under Article 1 of Protocol No. 1, for two reasons. First, as apparent from the fate of the proceedings brought by OMISSIS (see paragraph 36 above), any claim brought by the applicants in relation to the board’s actions would have, in all probability, been stayed to await the outcome of the proceedings against decision no. 9, and would have thus taken many years to examine, possibly allowing the board ample time to shield themselves from liability. Secondly, the applicants would have been required to bring individual challenges against the multitude of resolutions passed by that board throughout the considerable period of time – more than four years – during which it was still considered by the outside world, including the courts, as validly constituted by reason of its featuring in the register of companies. As evident from the Supreme Court of Cassation’s interpretative decision no. 1 of 2002, the annulment of a resolution of a board or of a general meeting of shareholders of a company under sections 71 and 74 does not have retrospective effect (see paragraph 58 above). That would have made it very difficult for the applicants to untangle the board’s actions. That said, their failure to have recourse to those remedies, and to thus try to mitigate their loss, may be taken into account for the purposes of Article 41 of the Convention (see, mutatis mutandis, Hornsby v. Greece, 19 March 1997, § 37 in fine, Reports of Judgments and Decisions 1997-II, and Iatridis, cited above, § 47).
87. In the Court’s view, the precariousness and the patent unlawfulness of the situation engendered by decision no. 9 called for the availability of, first, urgent measures to prevent it from unfolding to the detriment of the applicants and affecting, perhaps irrevocably, their shareholdings in MTFU and, second, swift procedures allowing the applicants to bring the situation to an end.
88. However, in the event, the avenues of redress tried by the applicants did not meet those requirements. The applicants’ attempt to suspend the effects of decisions nos. 9 and 10 and prevent the fraudulent board of directors and managing director installed by them from exercising their powers were fruitless. The interim injunction obtained by OMISSIS on 21 September 1999 was not fully complied with even while it was still in effect, that is until 3 November 1999 (see paragraphs 25 and 26 above). It had ordered, inter alia, that the general meeting of MTFU’s shareholders scheduled for 30 September 1999 be postponed. However, the meeting took place and its decisions were given official sanction by the Sofia City Court, which entered the changes to MTFU’s board adopted by it in the register of companies (see paragraphs 20 and 21 above). More importantly, the Sofia City Court set aside the injunction approximately a month and a half after it had been granted, holding that interim relief was not appropriate in the circumstances (see paragraph 26 above).
89. The legal challenges brought by OMISSIS and OMISSIS, instead of being fast-tracked as required by the urgency of the situation, were examined by the courts under the normal procedure applicable to civil proceedings through the three levels of the court system, which took, in the case of OMISSIS, four years and two months (from September 1999 until 3 November 2003 – see paragraphs 24-27 above), and in the case of OMISSIS, about four years and seven months (from 28 July 1999 until 9 March 2004 – see paragraphs 31-33 above). It then took several years more to examine the claims brought by OMISSIS (see paragraphs 35-38 above). In the circumstances, those periods can hardly be regarded as reasonable. The situation called for a much more expedited response on the part of the courts, because, in the absence of interim remedies, throughout the time in which the main proceedings were pending the applicants had no means of effectively opposing the multitude of steps taken by the persons entered in the register of companies as MTFU’s new management, and of preventing the damaging effect of those steps on their shareholdings in the company.
90. The Court additionally notes that the applicants lodged numerous complaints with other State bodies, which only resulted in disciplinary action against Judge R.P. (see paragraphs 23 and 40 above).
91. In view of the foregoing, the Court concludes that the procedures available under Bulgarian law failed to provide effective redress to the applicants and give them adequate protection from the consequences of the registration decisions that enabled private persons fraudulently to take control of their company (contrast, mutatis mutandis, Bennich-Zalewski, cited above, §§ 94 and 96-97). It follows that the applicants may still be considered as victims of a violation of Article 1 of Protocol No. 1.
92. The Court therefore holds that there has been a violation of this provision on account of the unlawful interference with the applicants’ possessions and the State’s ensuing failure effectively to undo its consequences, and rejects the Government’s objection of lack of victim status and the first limb of their objection of non-exhaustion of domestic remedies.
III. COMPLAINTS RAISED AFTER NOTICE OF THE APPLICATION WAS GIVEN TO THE GOVERNMENT
93. The Court observes that after notice of the application was given to the Government, in their observations in reply to those of the Government the applicants complained under Article 6 § 1 of the Convention about the length and of the alleged unfairness of the proceedings brought by OMISSIS (see paragraphs 6 and 35-39 above). They argued that those complaints were not new, as the proceedings at issue had been mentioned in the initial application, where the applicants had already relied on Article 6 § 1 of the Convention. For their part, the Government contended that those complaints were new and should not be taken up by the Court.
94. The Court notes that in their initial application the applicants raised complaints under Article 6 § 1 of the Convention (see paragraph 63 above). However, those complaints did not concern the fairness of the proceedings brought by OMISSIS, which at that time were still pending before the first-instance court (see paragraph 36 above). In those circumstances, it may be considered that the complaints under Article 6 § 1 of the Convention relating to the fairness and the length of those proceedings are new, and not an elaboration of the applicants’ initial complaints, and that it is therefore not appropriate to take them up separately at this stage (see Nuray Şen v. Turkey (no. 2), no. 25354/94, §§ 199-200, 30 March 2004; Melnik v. Ukraine, no. 72286/01, §§ 61-63, 28 March 2006; Maznyak v. Ukraine, no. 27640/02, § 22, 31 January 2008; Kuncheva v. Bulgaria, no. 9161/02, § 18, 3 July 2008; Lisev v. Bulgaria, no. 30380/03, § 33, 26 February 2009; and Tsonyo Tsonev v. Bulgaria, no. 33726/03, § 24, 1 October 2009). The Court will therefore not examine them. In any event, it already dealt with all material aspects of the case under Article 1 of Protocol No. 1.
IV. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
95. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Pecuniary damage
1. Claims by all applicants in their capacity as shareholders in MTFU
96. In respect of pecuniary damage, the applicants claimed a total of 11,663,010 Bulgarian levs (BGN) (the equivalent of approximately 5,963,202 euros (EUR)), which represented their pro rata share of MTFU’s assets, the most important of which was the right of use of the State-owned training centre in Bistritsa granted to the company in 1990. They arrived at that sum in the following manner. According to an expert report obtained by them in December 2009 (see paragraph 98 below), the fair market value of the right of use at that time was BGN 29,257,000. This sum was to be reduced by twenty per cent, because in July 1999 the right had been already been enjoyed for almost ten years, which represented twenty per cent of its overall duration (fifty years). The resulting sum was BGN 23,405,600. Multiplied by 49.83% (the applicants’ combined stake in MTFU in July 1999), that gave the figure of BGN 11,663,010.
97. The applicants submitted that the damage to their shareholdings in MTFU and the company’s business which had started in July 1999 was irreparable and could not be undone. Before that, MTFU had been doing quite well. After the events in question, its main line of business had been abandoned, and in 2007 and 2008 it had posted no revenue at all from professional training. The number of people employed by the company had also declined. The revenue before the interference had been chiefly due to the company’s main asset – the right of use of the training centre in Bistritsa. In 1990 the company had paid the full value of that right, and later had taken good care of the property, investing considerable amounts of money to maintain and develop it. The value of that asset was therefore a good guide for the pecuniary damage suffered by the applicants as a result of the interference with their shareholdings.
98. The expert report presented by the applicants was drawn up in December 2009 by surveyors retained by them. The report, based on documents and information supplied by the applicants, publicly available documents and an external inspection of the premises in Bistritsa, relied on two methods to determine the fair market value of the training centre. The first method, based on the property’s replacement value, arrived at a figure of BGN 33,373,800. The second method, based on the discounted cash flow of the revenue from the activities that could be developed in the training centre – chiefly conference tourism – arrived at a figure of BGN 25,140,400. The experts then calculated the arithmetic mean of the figures resulting from each of the two methods, obtaining BGN 29,257,100 and then approximating this sum to BGN 29,257,000.
99. The Government submitted that the claims were excessive and speculative. They objected to the applicants’ basing them on the value of the training centre in Bistritsa, pointing out that it was owned by the State. The right of use of the centre had been granted to MTFU in 1990 on preferential terms, and by 2000 had been extinguished. The judgment whereby the Constitutional Court declared paragraph 6 of the transitional and concluding provisions of the State Property Act 1996 unconstitutional had only had prospective effect.
100. The Court reiterates that a judgment in which it finds a breach imposes on the respondent State a legal obligation to put an end to the breach and to make reparation for its consequences in such a way as to restore as far as possible the situation existing before the breach (see, among many other authorities, Brumărescu v. Romania (just satisfaction) [GC], no. 28342/95, § 20, ECHR 2000-I, and Iatridis v. Greece (just satisfaction) [GC], no. 31107/96, § 32, ECHR 2000-XI).
101. However, the nature and the extent of the just satisfaction to be afforded by the Court under Article 41 of the Convention directly depend on the nature of the breach (see Sovtransavto Holding v. Ukraine (just satisfaction), no. 48553/99, §§ 52 in limine and 55 in limine, 2 October 2003; Todorova and Others v. Bulgaria (just satisfaction), nos. 48380/99, 51362/99, 60036/00 and 73465/01, § 8 in limine, 24 April 2008; and Kushoglu v. Bulgaria (just satisfaction), no. 48191/99, §§ 11-15, 3 July 2008). Moreover, there must be a clear causal connection between the damage claimed by the applicant and the breach (see, among other authorities, Stretch v. the United Kingdom, no. 44277/98, § 47, 24 June 2003). In addition, the Court enjoys a certain discretion in the exercise of the power conferred by Article 41, as is borne out by the adjective “just” and the phrase “if necessary” in its text (see Guzzardi v. Italy, 6 November 1980, § 114, Series A no. 39). Indeed, Article 41 empowers the Court to afford the injured party such satisfaction as appears to it to be appropriate if national law does not allow – or allows only partial – reparation to be made (see Comingersoll S.A. v. Portugal [GC], no. 35382/97, § 29, ECHR 2000-IV; Wolkenberg and Others v. Poland (dec.), no. 50003/99, § 76, ECHR 2007-XIV (extracts); Todorova and Others (just satisfaction), cited above, § 7; and Kushoglu (just satisfaction), cited above, § 9). If domestic law and the nature of the injury suffered by the applicant make such reparation possible, the Court takes that into consideration under Article 41, sometimes applying an appropriate reduction of the just satisfaction award (see Todorova and Others (just satisfaction), cited above, §§ 43-46, and contrast De Wilde, Ooms and Versyp v. Belgium (Article 50), 10 March 1972, § 20, Series A no. 14), and sometimes declining to make any award at all (see Patrikova v. Bulgaria, no. 71835/01, §§ 113 and 115, 4 March 2010).
102. In the instant case, the first aspect of the breach of Article 1 of Protocol No. 1 consisted in the unlawful issuance of decision no. 9 by the Sofia City Court, which allowed persons who had nothing to do with the company in which the applicants were shareholders to act on its behalf and to take a number of steps that had a negative impact on the applicants’ shareholdings. The Court has already found that this was not comparable to a deprivation of possessions (see paragraph 81 in fine above). The second aspect of the breach consisted in the ensuing failure of the State to afford the applicants appropriate means of protecting themselves effectively against the actions taken by those persons. That cannot be equated to a deprivation of possessions either. Therefore, the compensation to be set does not necessarily need to reflect the idea of total elimination of the consequences of the breach. That said, had it not been for the breach, the applicants would have, in all probability, kept their shareholdings in the company, which would have entitled them to the payment of dividends and, in the event of a winding-up of the company, to a pro rata share of its remaining assets. They may therefore be regarded as having suffered a real loss of opportunity that the State must indemnify (see, mutatis mutandis, Sovtransavto Holding (just satisfaction), cited above, §§ 55 in fine, 68 and 71, and Sildedzis v. Poland, no. 45214/99, § 58, 24 May 2005). However, the Court is unable to accept the applicants’ proposal for the estimation of the quantum of that head of damage, for several reasons.
103. First, it is based on the premise that full reparation is needed, as if the case concerned deprivation of property, which it does not. Secondly, the Court is not persuaded that the calculation of the damage can be directly based on the value, in 2009, of the assets of the company in which the applicants were shareholders (see, mutatis mutandis, Sovtransavto Holding (just satisfaction), cited above, §§ 56 and 72). Thirdly, there is some doubt as to whether after the adoption of paragraph 6 of the transitional and concluding provisions of the State Property Act 1996, even if account is taken of the provision’s subsequent abrogation by the Constitutional Court, the company continued to have good title in law to the largest and most important of its assets – the right of use of the State-owned training centre in Bistritsa (see paragraphs 41-45 and 59-60 above). Fourthly, the Court cannot overlook the facts that the primary actor in the fraudulent takeover of the applicants’ company were not the authorities but private persons, and that none of the applicants tried to obtain compensation for the damage caused by the persons who fraudulently took control of their company and thus mitigate their losses (see paragraph 86 above). Lastly, the calculation of the loss suffered by the applicants inevitably involves a degree of speculation (see, mutatis mutandis, Zlínsat, spol. s r.o. v. Bulgaria (just satisfaction), no. 57785/00, § 43, 10 January 2008, with further references).
104. In view of those considerations, and observing that a precise calculation of the sums necessary to make good the pecuniary losses suffered by the applicants may be prevented by the inherently uncertain character of the damage flowing from the violation (see, mutatis mutandis, Stretch, cited above, § 49), the Court considers that it must decide on the amounts to be awarded on the basis of equity. Taking into consideration its above findings, as well as the applicants’ respective shares in the company (see paragraph 14 above), the Court awards them the following amounts, plus any tax that may be chargeable to them thereon:
(i) to OMISSIS – EUR 2,500;
(ii) to OMISSIS – EUR 500;
(iii) to OMISSIS – EUR 2,400;
(iv) to OMISSIS – EUR 500;
(v) to OMISSIS – EUR 12,100;
(vi) to OMISSIS – EUR 3,900;
(vii) to OMISSIS – EUR 2,000;
(viii) to OMISSIS – EUR 1,000;
(ix) to OMISSIS – EUR 1,000;
(x) to OMISSIS – EUR 1,000; and
(xi) to OMISSIS – EUR 3,000.
2. Claims by OMISSIS in his capacity as executive director of MTFU
105. Mr Evtimov, who had taken part in MTFU’s management since the formation of the company until deposed by the board of directors “appointed” by the Sofia City Court through decision no. 9, claimed a further BGN 341,725 (the equivalent of EUR 174,721) for loss of salary and related payments for the period since July 1999. He submitted that this loss was a direct consequence of the breach of Article 1 of Protocol No. 1, and could not be made good through the avenues of redress available under labour law, because his relation with the company was not governed by labour law.
106. The Government submitted that there was no causal link between the loss claimed and the breach, that the authorities had not interfered with OMISSIS’s employment, that OMISSIS had not made use of any labour-law remedies to enforce his employment rights, and that the claim, being based on the assumption that OMISSIS would have remained executive director of MTFU until the present, was speculative.
107. The Court observes that the breach found in the present case concerned State actions and omissions in relation to the applicants’ – including OMISSIS’s – shareholdings in MTFU, not OMISSIS’s relations with the company in his capacity as its executive director. In view of that, although the events at issue also had an impact on OMISSIS’s position as an officer of the company, the Court is not persuaded that there exists a sufficient causal link between the damage allegedly suffered by him and the breach of Article 1 of Protocol No. 1, and dismisses his claim under this head.
B. Non-pecuniary damage
108. The applicants who are natural persons submitted that they had suffered serious anguish and frustration as a result of the uncertainty engendered by the State’s interference with MTFU and the ensuing changes in the company, against which the authorities had failed to provide them timely and effective remedies. They had also suffered from the loss of their jobs in the company as a result of their dismissal by the new executive director, and from the passive attitude of the authorities to the arbitrary interference with their shareholdings. The applicant companies, for their part, pointed out that the Court had already accepted that a commercial company could, in principle, be awarded compensation in respect of such damage. They argued that the situation had placed them in a position of uncertainty and inability to conduct their business properly.
109. On that basis, the applicants claimed BGN 50,000 (the equivalent of EUR 25,565) each, except for OMISSIS, OMISSIS and OMISSIS.
110. OMISSIS claimed BGN 200,000 (the equivalent of EUR 102,258), pointing out that it had mounted legal challenges against decisions nos. 9 and 10 of the Sofia City Court and their effects, and had lodged a number of complaints with various State authorities. It had thus suffered additional hardship, especially on account of the excessive duration of the proceedings against the two court decisions.
111. OMISSIS also contended that he had suffered additional hardship, because until July 1999 he had served as the MTFU’s executive director and had been humiliatingly removed from that position as a result of the developments at issue in the case. Furthermore, like OMISSIS, he had brought a legal challenge against decisions nos. 9 and 10, and had lodged complaints with various State authorities. His health had deteriorated as a result of the stress he had endured. On this basis, OMISSIS claimed BGN 300,000 (the equivalent of EUR 153,388).
112. OMISSIS claimed BGN 90,000 (the equivalent of EUR 46,016). She argued that, being a lawyer, she had been particularly affected by the arbitrary and unlawful actions of the authorities and of MTFU’s new management. As OMISSIS’s wife, she had also been affected by his anguish and suffering. Her health had deteriorated as a result.
113. The Government considered that the claims were exorbitant and that OMISSIS’s claim was inadmissible.
114. The Court considers that the applicants who are natural persons must have suffered anguish and frustration as a result of the violation of their rights under Article 1 of Protocol No. 1. Ruling in equity, it awards EUR 4,000 each to OMISSIS. As for OMISSIS, the Court considers that her profession did not put her in a position different from that of the other applicants. Nor does the Court discern a sufficient causal link between the breach and OMISSIS’s stress and suffering as OMISSIS’s wife and the deterioration of her health. Therefore, it awards her the same amount as to the above-mentioned applicants – EUR 4,000. As for OMISSIS, the Court is not persuaded that there exists a sufficient causal link between the violation and the frustration that OMISSIS might have suffered as a result of losing his position as executive director, or the deterioration of his health. However, taking into account his anguish and frustration in his capacity as a shareholder in MTFU, his having a larger stake in the company than the other applicants, and his sustained efforts to rectify the situation, the Court awards him EUR 6,000. To the aforementioned amounts is to be added any tax that may chargeable.
115. Concerning the claims made by the applicant companies, the Court notes that it has indeed not ruled out that a commercial company can be awarded compensation in respect of non-pecuniary damage, which may include heads of claim that are to a greater or lesser extent “objective” or “subjective”. Among these, account should be taken of the company’s reputation, uncertainty in planning and decision making, disruption in the management of the company and lastly, albeit to a lesser degree, anxiety and inconvenience caused to the members of the management team (see, among other authorities, Comingersoll S.A. v. Portugal [GC], no. 35382/97, §§ 32-36, ECHR 2000-IV; Sovtransavto Holding (just satisfaction), cited above, §§ 78-81; and Dacia SRL v. Moldova (just satisfaction), no. 3052/04, § 60, 24 February 2009). However, in the present case there is no indication that the events at issue negatively affected in any significant way the reputations, planning and decision making or management of OMISSIS, for whom owning shares in MTFU does not appear to have been a central part of their businesses (contrast Dacia SRL, cited above, § 61). As for OMISSIS and OMISSIS – companies wholly owned by OMISSIS and OMISSIS (see paragraph 1 above) – the Court does not consider that they suffered any non-pecuniary damage additional to that suffered by those two applicants. In light of these considerations, the Court concludes that the finding of a violation constitutes sufficient just satisfaction for any non-pecuniary damage suffered by the four applicant companies.
C. Costs and expenses
116. The applicants claimed EUR 3,220 for forty-six hours of legal work by their legal representative, OMISSIS, at an hourly rate of EUR 70, after the communication of the present application. In support of that claim, they presented a fee agreement and two time sheets. They requested that any sum awarded under this head be paid directly into OMISSIS’s bank account.
117. In addition, the applicants claimed EUR 1,820 for the work performed after the communication of the application by another lawyer, who did not represent them before the Court. In support of this claim they presented time sheets that had not been signed by that lawyer.
118. The applicants also claimed: (a) EUR 1,200, paid by them for legal services obtained in connection with drawing up of their application; (b) BGN 1,311.70 (the equivalent of EUR 670.66), for postage and translation of documents; and (c) BGN 3,000 (the equivalent of EUR 1,534), for fees paid for the expert report submitted in support of their claims for pecuniary damage (see paragraph 98 above). In support of these claims, they presented the relevant receipts.
119. The Government considered that the claims for legal fees were excessive. They suggested that in assessing the quantum of the award, the Court should have regard to the rules governing the amounts payable to counsel for their appearance before the national courts. Furthermore, they submitted that the expenses for the expert report had not been necessary, given that it had concerned the value of the training centre in Bistritsa, which was property of the State.
120. According to the Court’s case-law, costs and expenses claimed under Article 41 must have been actually and necessarily incurred and reasonable as to quantum. When considering a claim for just satisfaction, the Court is not bound by domestic scales or standards (see, as a recent authority, Mileva and Others, cited above, § 125 in limine, with further references). In the present case, having regard to the above criteria, the Court awards EUR 2,500 in respect of OMISSIS’s legal fees. This sum is to be paid directly into OMISSIS’s bank account. The Court awards in full the expenses outlined in paragraph 118 above, amounting to EUR 3,404.66 in total, finding that they have been necessarily and actually incurred and appear reasonable as to quantum. These are to be paid directly to the applicants.
121. On the other hand, the Court is not persuaded that the sums paid for the services of another lawyer after the communication of the application (see paragraph 116 above) were actually and necessarily incurred, given that this lawyer did not represent the applicants before the Court and has not signed the time sheets presented by them. Accordingly, the Court dismisses these claims.
D. Default interest
122. The Court considers it appropriate that default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Decides to strike the case out of the list in so far as it concerns OMISSIS;
2. Decides to join to the merits the questions of whether the applicants may still claim to be victims of the alleged violation of Article 1 of Protocol No. 1 and whether the applicants should have had resort to the remedies suggested by the Government in the first limb of their non-exhaustion objection;
3. Rejects the second and the third limbs of the Government’s objection of non-exhaustion of domestic remedies;
4. Declares admissible the complaint under Article 1 of Protocol No. 1;
5. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 and rejects the Government’s objection of loss of victim status and the first limb of their non-exhaustion objection;
6. Holds
(a) that the respondent State is to pay, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts, to be converted into Bulgarian levs at the rate applicable at the date of settlement:
(i) to OMISSIS, EUR 2,500 (two thousand five hundred euros) in respect of pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable on that amount;
(ii) to OMISSIS, EUR 500 (five hundred euros) in respect of pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable on that amount;
(iii) to OMISSIS, EUR 2,400 (two thousand four hundred euros) in respect of pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable on that amount;
(iv) to OMISSIS, EUR 500 (five hundred euros) in respect of pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable on that amount;
(v) to OMISSIS, EUR 12,100 (twelve thousand one hundred euros) in respect of pecuniary damage and EUR 6,000 (six thousand euros) in respect of non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable on these amounts;
(vi) to OMISSIS, EUR 3,900 (three thousand nine hundred euros) in respect of pecuniary damage and EUR 4,000 (four thousand euros) in respect of non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable on these amounts;
(vii) to OMISSIS, EUR 2,000 (two thousand euros) in respect of pecuniary damage and EUR 4,000 (four thousand euros) in respect of non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable on these amounts;
(viii) to OMISSIS, EUR 1,000 (one thousand euros) in respect of pecuniary damage and EUR 4,000 (four thousand euros) in respect of non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable on these amounts;
(ix) to OMISSIS, EUR 1,000 (one thousand euros) in respect of pecuniary damage and EUR 4,000 (four thousand euros) in respect of non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable on these amounts;
(x) to OMISSIS, EUR 1,000 (one thousand euros) in respect of pecuniary damage and EUR 4,000 (four thousand euros) in respect of non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable on these amounts;
(xi) to OMISSIS, EUR 3,000 (three thousand euros) in respect of pecuniary damage and EUR 4,000 (four thousand euros) in respect of non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable on these amounts; and
(xii) jointly to all applicants, EUR 5,904.66 (five thousand nine hundred and four euros and sixty-six cents), plus any tax that may be chargeable to the applicants, for costs and expenses, EUR 2,500 (two thousand five hundred euros) of which is to be paid into the bank account of OMISSIS, and the remainder, EUR 3,404.66 (three thousand four hundred and four euros and sixty-six cents), to the applicants themselves;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
7. Dismisses the remainder of the applicants’ claims for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 20 September 2011, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Lawrence Early Nicolas Bratza
Registrar President
1. On 5 July 1999 the Bulgarian lev was revalorized. One new Bulgarian lev (BGN) equals 1,000 old Bulgarian levs (BGL).


TESTO TRADOTTO

Conclusione Cancellata dalla lista; eccezioni Preliminari congiunte ai meriti e respinte (vittima, non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali); Violazione di P1-1; danno Patrimoniale e non-patrimoniale - assegnazione
QUARTA SEZIONE
CAUSA SHESTI MAI ENGINEERING OOD ED ALTRI C. BULGARIA
(Richiesta n. 17854/04)
SENTENZA
STRASBOURG
20 settembre 2011
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa shesti mai engineering ood ed Altri c. Bulgaria,
La Corte europea dei Diritti umani (quarta Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Nicolas Bratza, Presidente,
Lech Garlicki Ljiljana Mijović, Sverre Erik Jebens Zdravka Kalaydjieva, Nebojša Vučinić Vincenzo A. De Gaetano, giudici,
e Lorenzo Early, Cancelliere di Sezione,
Avendo deliberato in privato il 30 agosto 2011,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 17854/04) contro la Repubblica della Bulgaria depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione di Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) in 3 maggio 2004. La richiesta fu depositata originalmente con OMISSIS, una società di limite di responsabilità bulgara, ed OMISSIS, un cittadino bulgaro (OMISSIS che è posseduto completamente con OMISSIS e sua moglie, OMISSIS). Loro si lamentarono, in particolare, che lo Stato aveva interferito con gli affari di una società nei quali loro contennero quote e coi loro diritti come azionisti in quel la società. In una lettera del 2004 sette cittadini bulgari di 7 luglio, OMISSIS, e tre società di limite di responsabilità bulgare, OMISSIS, espresse il loro desiderio per congiungere la richiesta.
2. I richiedenti furono rappresentati con OMISSIS, avvocati che praticano in Sofia. Il Governo bulgaro (“il Governo”) fu rappresentato coi loro Agenti, il Sig.ra N. Nikolova ed il Sig.ra S. Atanasova, del Ministero della Giustizia.
3. I richiedenti che erano tutti gli azionisti in una società di limite di responsabilità si lamentarono di interferenza coi loro portafoglio di azioni e di un numero di procedimenti nel quale loro avevano tentato di proteggersi contro gli effetti di quel l'interferenza.
4. 31 marzo 2009 la Corte (quinta Sezione) decise di dare avviso della richiesta al Governo. Fu deciso anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo come la sua ammissibilità (l'Articolo 29 § 1 della Convenzione).
5. In 18 maggio 2009 la Corte ricevette una dichiarazione entro uno dei richiedenti, OMISSIS, 24 aprile 2009 datato nel quale lui espresse il suo desiderio per ritirare le sue azioni di reclamo perché dopo che la richiesta era stata depositata lui aveva trasferito tutte le sue quote nella società summenzionata al secondo richiedente, OMISSIS (vedere sotto paragrafo 14 in multa).
6. Nelle loro osservazioni, spedì 21 dicembre 2009 in replica alle osservazioni del Governo sull'ammissibilità e meriti della richiesta, i richiedenti sollevarono le ulteriori azioni di reclamo riguardo all'equità e la lunghezza di procedimenti portate con le società di richiedente OMISSIS ad aprile 2000 e dell'imparzialità da parte della distribuzione di corti con quelli procedimenti (vedere divide in paragrafi 35-39 sotto).
7. Seguendo la re-composizione delle sezioni della Corte 1 febbraio 2011, la richiesta fu trasferita alla quarta Sezione.
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
8. Le società richiedenti, OMISSIS con sedi rispettivamente in Sofia, Varna, Burgas e Gabrovo. Gli altri richiedenti, OMISSIS nacquero in 1946, 1955 1953, 1956 1945, 1960 1947 e 1960 rispettivamente e vivono in Sofia.
A. La società nella quale i richiedenti erano azionisti
9. Al tempo attinenti tutti i richiedenti erano azionisti in OMISSIS (“Международен център по фирмено управление АД”-“MTFU”), una società a responsabilità limitata attiva nel campo di addestramento professionale. Quando fu formata nel 1989, la società aveva un capitale di quota di 3,000,000 vecchi levs bulgari (“BGL” )1, divisi in tre mila quote di BGL 1,000 ognuno. Tre mila quote nuove con un valore nominale di BGL 1,000 ognuno fu autorizzato ed emesso nel 1990, il capitale della società che giunge così a BGL 6,000,000. Nel 1998 il valore nominale delle quote fu aumentato a BGL 10,000 ognuno, il capitale di quota della società che giunge così a BGL 60,000,000 (che divenne BGN 60,000 dopo la rivalorizzazione del luglio 1999 della valuta-vedere la nota in calce sotto).
10. Sul 1990 MTFU di 6 aprile entrò in un accordo col Ministero di Finanza da che cosa acquisì usare per i suoi affari di addestramento professionali, per un periodo di cinquanta anni il diritto un centro di addestramento che consiste di edifici e terra adiacente nel villaggio di Bistritsa, vicino a Sofia. Nella considerazione per l'acquisizione, MTFU, separatamente dall'essere d'accordo a pagare BGL 6,078,000 per il diritto di uso (secondo i richiedenti, a che tempo che somma era uguale al valore di mercato equo del centro di addestramento), anche si impegnò portare fuori alla sua propria ricostruzione di spesa di e miglioramenti ai locali. Comunque, fu convenuto che, debba il diritto di uso sia terminato, lo Stato rimarrebbe il proprietario della proprietà intera.
11. Con una decisione del Consiglio di Ministri di 21 maggio 1990, il MTFU fu accordato formalmente il diritto di uso del centro di addestramento, sotto i termini posati in giù nell'accordo summenzionato. Molto mesi più tardi il MTFU costituì il pagamento appropriato il diritto di uso.
12. Fra il 1990 ed il 1999 MTFU eseguì rinnovamento notevole e ricostruzione funziona, mentre allargando gli edifici esistenti del centro di addestramento, mentre costruendo uni nuovi e sviluppando l'infrastruttura del centro.
13. Nell'ufficio imposte di 1997 MTFU dai suoi affari di addestramento professionali era 390,000 dollari di Stati Uniti (USD), e nel 1998 aumentò ad USD 452,300. Il suo ufficio imposte per i primi sette mesi di 1999 era USD 291,470. A luglio 1999 la società aveva cento e dieci impiegati. Sino a che tempo, il richiedente che OMISSIS aveva notificato come il suo direttore esecutivo.
14. A luglio 1999 i richiedenti sostennero insieme 49.83% del capitale di MTFU, o 2,990 quote in totale. I loro portafoglio di azioni si ruppero siccome segue:
(i) OMISSIS-250 quote;
(l'ii) OMISSIS-50 quote;
(l'iii) OMISSIS-240 quote;
(l'iv) OMISSIS-50 quote;
(v) OMISSIS-610 quote;
(il vi) OMISSIS-600 quote;
(il vii) OMISSIS-390 quote;
(il viii) OMISSIS-200 quote;
(l'ix) OMISSIS-100 quote;
(x) OMISSIS-100 quote;
(il xi) OMISSIS-100 quote; e
(il xii) OMISSIS-300 quote.
Su una data non specificata dopo 2004 OMISSIS tutte le sue quote trasferirono ad OMISSIS.
15. Nel 1992 MTFU andò nel frattempo, nella liquidazione. Nel 1995 un'assemblea generale dei suoi azionisti risolse comunque, cessare la procedura serpeggiamento-in aumento. Con decisione n. 6 28 luglio 1995 il Sofia che Corte Urbana è entrata che decisione nel registro di società. 3 agosto 1996 un'assemblea generale degli azionisti di MTFU adottò articoli nuovi dell'associazione che previde che la società sarebbe maneggiata con un consiglio di amministrazione, invece dei direttivi ed assi direttivi che erano esistiti fin qui. Comunque, la riunione non elesse membri dei consiglio di amministrazione nuovi.
B. Decisione n. 9 del 21 luglio 1999 ed il cambio di controllo su MTFU
16. Fra 20 ed il 22 luglio 1999 Sig. B.S., agendo in favore di una società, OMISSIS (“Minstroy”), chiese alla Sofia Città Corte (съд di градски di Софийски) entrare nel registro di società l'elezione di Minstroy come l'amministratore delegato nuovo di MTFU, come “risoluto” coi consiglio di amministrazione di MTFU 20 luglio 1999.
17. Sul 1999 Giudice R.P di 21 luglio. della divisione di società della Sofia Città Corte, agendo su sua propria iniziativa e riunendosi in decisione privata, emessa n. 9 riguardo a MTFU. Riferendosi ad Articolo 192 § 2 del Codice di Procedura Civile (vedere paragrafo 53 sotto) e notando che decisione n. 6 28 luglio 1995 (vedere paragrafo 15 sopra) non aveva specificato i membri del consiglio di direttori di MTFU erano chi, lei affermò:
“Indubbiamente, quel era un errore ovvio. ... Dovrebbe essere corretto con rettificando decisione n. 6... e digitando un consiglio di amministrazione [nel registro].”
Di conseguenza, il giudice digitò i nomi di cinque membri di un consiglio di amministrazione nuovi nel registro di società. Tutti di loro, salvi per OMISSIS, era soggetti giuridici.
18. Il prossimo giorno, 22 luglio 1999, Giudice R.P. decisione emessa n. 10. Citando un “la decisione” del di recente consiglio di amministrazione registrati di 20 luglio 1999 (vedere paragrafo 16 sopra), lei annullò OMISSIS un s direttore esecutivo di MTFU, e registrato nel suo posto Minstroy, rappresentato col Sig. B.S.
19. Sul 1999 Sig. B.S di 26 luglio. e gli altri rappresentanti di Minstroy presero controllo dei locali di MTFU e sfrattarono la sua gestione di principio, incluso il Sig. Evtimov, con vigore. Sul 1999 Sig. B.S di 27 luglio., nella sua veste come rappresentante dell'amministratore delegato nuovo, emesso un ordine eccetto OMISSIS dal digitare i locali della società.
20. La gestione nuova chiamò e condusse due assemblee generale degli azionisti di MTFU che ebbero luogo 30 settembre e 15 novembre 1999. I richiedenti, così come alcuni altri azionisti, fu negato accesso a quelle riunioni. Di conseguenza, loro furono frequentati con azionisti che rappresentano solamente 8% del capitale di MTFU. Le riunioni elessero membri nuovi dei consiglio di amministrazione di MTFU ed un direttore esecutivo e nuovo. L'assemblea generale di 30 settembre 1999 risolse anche che il direttore esecutivo può “annulli tutte le quote esistenti e quota garantisce ed emette un registro di quota nuovo e quota nuova garantisce.” I richiedenti presentarono che i loro nomi furono lasciati fuori del registro di quota di MTFU steso facendo seguito a quel la decisione.
21. In prospettiva di un'ingiunzione provvisoria emessa con la Corte distrettuale di Sofia (съд di районен di Софийски) (vedere paragrafo 25 sotto), 30 settembre 1999 il Corte della Città di Sofiaposticipò la registrazione delle decisioni presa alla prima assemblea generale. Dopo che l'ingiunzione fu accantonata (vedere paragrafo 26 sotto), 29 novembre 1999 il Corte della Città di Sofiariprese i procedimenti di registrazione e con decisioni N. 11 e 12 29 novembre e 13 dicembre 1999 digitarono i cambi nel registro di società.
22. Sul 1999 azionisti di 15 novembre di MTFU che rappresenta 71.3% della capitale di quota di MTFU che oppose le azioni della gestione nuova e che era stato negato accesso alle assemblee generale chiamati con che gestione, sostenne un “parallelo” l'assemblea generale. Loro passarono un numero di decisioni ed elessero un consiglio di amministrazione nuovi. 2 dicembre 1999 il Sofia che Corte Urbana ha rifiutato di digitare quelli dettagli nel registro di società, mentre notando che la riunione non era stata chiamata coi consiglio di amministrazione che rappresentano nel registro di società, e che non c'era nessuna prova che era stato condotto regolarmente. Sembra che un ricorso coi richiedenti contro che rifiuto fu contenuto per essere inammissibile con la Corte d'appello di Sofia (съд di апелативен di Софийски).
23. Fra luglio 1999 e maggio 2000 OMISSIS e gli altri richiedenti depositarono un numero di azioni di reclamo con le autorità che perseguono, i Ministri della Giustizia ed Economie e le altre autorità Statali, chiedendo a loro di prendere misure per proteggere i diritti degli azionisti di MTFU.
C. Procedimenti introdotti dai richiedenti
1. Di OMISSIS
24. A settembre 1999 OMISSIS introdusse una rivendicazione contro MTFU, rappresentato con la sua gestione nuova sotto Articolo 431 § 2 del Codice di Procedura 1952 Civile (“il Codice”) (vedere paragrafo 51 sotto). Cercò di avere decisioni N. 9 e 10 21 e 22 luglio 1999 (vedere divide in paragrafi 17 e 18 sopra) accantoni. Chiese anche, mentre facendo riferimento ad Articolo 498 del Codice (vedere sotto paragrafo 51 in multa), avere le entrate corrispondenti nel registro di società annullò. Dibatté che le decisioni erano privo di valore legale perché (i) nel 1995 non era stata nessuna decisione degli azionisti di MTFU di eleggere un consiglio di amministrazione nuovi e (l'ii) tale corpo era stato previsto solamente per la prima volta negli articoli nuovi di MTFU dell'associazione, adottò nel 1996 (vedere paragrafo 15 sopra). Non c'erano stati perciò nessuno motivi per correggere errori in decisione n. 6 28 luglio 1995. Inoltre, il Sofia che Corte Urbana aveva accettato che i consiglio di amministrazione nuovi di MTFU avevano eletto validamente un amministratore delegato 20 luglio 1999, un giorno di fronte a che asse era stato entrato nel registro di società ed aveva acquisito così veste di agire. Infine, il Corte della Città di Sofiaaveva trascurato i requisiti di Articolo 192 § 2 del Codice (vedere paragrafo 53 sotto) perché aveva agito su suo proprio iniziale e non aveva sostenuto un'udienza.
25. Alla richiesta di OMISSIS, 21 settembre 1999 la Corte distrettuale di Sofia, trovando che c'era un rischio che i diritti che è probabile che la società acquisisca sotto una sentenza futura potrebbero essere frustrati, concesso un'ingiunzione provvisoria. Sospese l'esecuzione di decisioni N. 9 e 10 della Sofia Città Corte, sbarrato i consiglio di amministrazione nuovi e direttore esecutivo di MTFU dal prendere qualsiasi decisioni manageriali e dallo sbarazzarsi dei beni di società, ed ordinò che l'assemblea generale degli azionisti di MTFU elencasse per 30 settembre 1999 (vedere paragrafo 20 sopra) sia posticipato.
26. Su ricorso entro uno dei membri della gestione nuova di MTFU, il Corte della Città di Sofiaaccantonò l'ingiunzione in una definitivo decisione di 3 novembre 1999. Contenne che non c'era rischio genuino che l'esecuzione di qualsiasi sentenza futura sarebbe frustrata, perché, se la rivendicazione di OMISSIS fosse concessa e decisioni N. 9 e 10 furono annullati, che sviluppo potrebbe essere entrato nel registro di società. Contenne anche che era impossibile per sospendere l'esecuzione di decisioni N. 9 e 10, perché loro già avevano condotto a cambi nel registro di società. Seguì a dire che sbarrando i consiglio di amministrazione nuovi di MTFU e direttore esecutivo da prendendo decisioni manageriali e sbarazzarsi dei beni di società, l'ingiunzione aveva in effetto reso decisioni vane N. 9 e 10 ed i cambi che loro avevano provocato nella registrazione di MTFU dettagliano che era inaccettabile in procedimenti provvisori. Infine, la corte contenne che non era appropriato per impedire ad un'assemblea generale di azionisti del succedere in collegamento con una rivendicazione per l'annullamento di entrate che preesistono nel registro di società. OMISSIS tentò di impugnare che decisione, ma 15 ottobre 1999 la Corte d'appello di Sofia dichiarò il suo ricorso inammissibile.
27. 21 giugno 2000 il Corte della Città di Sofiaaccolse le rivendicazioni di OMISSIS sotto Articoli 431 § 2 e 498 del Codice. Il 2002 e 3 novembre 2003 di 10 luglio la sua sentenza fu sostenuta rispettivamente con la Corte d'appello di Sofia e la Corte Suprema di Cassazione (съд di касационен di Върховен). Le corti furono soddisfatte che la società aveva sostenendo portare le rivendicazioni, perché aveva mostrato che era un azionista in MTFU sulla base della sua quota garantisce ed il registro di quota di MTFU. In particolare, la Corte d'appello di Sofia fondò che “quelli pezzi di prova sono inequivocabili -loro mostrano che la società di rivendicatore ha acquisito e sta sostenendo quote nella società di imputato.”
28. Le corti seguirono a trovare che l'insuccesso nel 1995 per digitare un consiglio di amministrazione di MTFU nel registro non poteva essere considerato un errore ovvio. Il Sofia che Corte Urbana ha sostenuto:
“Sotto Articolo 192 § 2 del [il Codice], la corte è solamente competente, su suo proprio iniziale o facendo seguito ad una richiesta con le parti, correggere un errore ovvio nella sua sentenza... Segue che la corte non è competente per digitare circostanze nuove [nel registro].”
Perciò, Giudice R.P. non era stato autorizzato per agire su sua propria iniziativa per fare le entrate che lei aveva reso 21 luglio 1999, e decisione n. 9 che lei aveva emesso era nullo. In relazione a quello, la Corte Suprema di Cassazione sostenne:
“Un'entrata nel registro di società che non sono state rese alla richiesta di una persona autorizzato con legge a fare tale richiesta dovrebbe essere riguardata come inammissibile.”
29. Di conseguenza, le corti, con riferimento ad Articolo 498 del Codice (vedere sotto paragrafo 51 in multa), annullò le entrate nel registro di società reso riguardo a decisione n. 9.
30. Le corti non fecero direttive in relazione a decisione n. 10. OMISSIS non cercò di avere le loro sentenze completato in quel riguardo a.
2. Del Sig. OMISSIS
31. Sul 1999 OMISSIS di 28 luglio anche introdusse una rivendicazione contro MTFU, rappresentato con la sua gestione nuova sotto Articolo 431 § 2 del Codice e sezione 71 del Atto sul Commercio(vedere divide in paragrafi 51 e 56 sotto), chiedendo una dichiarazione che le decisioni N. 9 e 10 erano privo di valore legale. Lui chiese inoltre, sotto Articolo 498 del Codice (vedere sotto paragrafo 51 in multa), avere le entrate nel registro di società rese facendo seguito a quelle decisioni annullate. I suoi argomenti erano simili a quelli sollevati con OMISSIS (vedere paragrafo 24 sopra).
32. 4 febbraio 2000 il Corte della Città di Sofiasospese i procedimenti, mentre citando l'apertura di procedimenti penali per l'abuso di ufficio contro OMISSIS nella sua veste precedente di direttore esecutivo di MTFU. Sul 2000 OMISSIS di 10 febbraio fece appello contro la sospensione, mentre dibattè che le questioni citarono col Corte della Città di Sofianon aveva collegamento con la sua rivendicazione. 24 marzo 2000 la Corte d'appello di Sofia accolse il ricorso ed i procedimenti furono ripresi.
33. La Corte della Città di Sofia diede sentenza 4 dicembre 2001. Il 2003 e 9 marzo 2004 di 17 marzo fu sostenuto, rispettivamente, con la Corte d'appello di Sofia e la Corte Suprema di Cassazione. Basato sul registro di quota di MTFU e garanzie di quota presentarono col Sig. OMISSIS, le corti si soddisfecero che lui era un azionista nella società. Loro seguirono a sostenere, per ragioni simile a quelli determinato nei procedimenti portati con OMISSIS che la decisione n. 9 avevano digitato dettagli nel registro che concerne ad azioni che non avevano avuto luogo. Comunque, questa volta loro lo considerarono inammissibile esaminare negli stessi procedimenti una richiesta sotto Articolo 498 del Codice, dicendo che tale richiesta era, in principio, essere esaminato in procedimenti di non-contenzioso.
34. Le corti non fecero decidendo in relazione a decisione n. 10 e la richiesta del Sig. Evtimov sotto Articolo 498 a riguardodi sé. Lui non cercò di avere le loro sentenze completato in quel riguardo a.
3. Da OMISSIS
35. Ad aprile 2000 le due società di richiedente portarono una rivendicazione sotto Articolo 431 § 2 del Codice, chiedendo l'annullamento di decisioni N. 9, 10 11 e 12 della Sofia Città Corte (vedere divide in paragrafi 17, 18 e 21 sopra). Loro chiesero inoltre, sotto Articolo 498 del Codice (vedere sotto paragrafo 51 in multa), avere le entrate corrispondenti nel registro di società annullò.
36. 20 giugno 2000 i procedimenti furono sospesi durante la conseguenza dei procedimenti portata con OMISSIS (vedere divide in paragrafi 24-30 sopra). Seguendo una richiesta con Motorengineering OOD e Vitex Ad di 16 febbraio 2006, loro furono ripresi 21 marzo 2006.
37. In 12 maggio 2006 il Corte della Città di Sofiarespinse le rivendicazioni. 5 ottobre 2007 la Corte d'appello di Sofia parzialmente annullò la sentenza della Corte Urbana su ricorso, e sostenne che le società di richiedente non avevano più un interesse nel chiedere l'annullamento di decisione n. 9, perché che decisione e le entrate corrispondenti nel registro di società già erano state annullate nei procedimenti portati con OMISSIS. Rinviò il resto della causa, riguardo a decisioni N. 10, 11 e 12, per riesame.
38. 29 ottobre 2008 LA Corte della Città di Sofia diede sentenza che la Corte d'appello di Sofia sostenne 6 luglio 2009. Le corti contennero che l'annullamento di decisione n. 9 non avevano effetto retrospettivo e che l'annullamento delle entrate nel registro reso facendo seguito a che decisione aveva preso di conseguenza solamente effetto dopo la sentenza di 3 novembre 2003 che aveva concluso i procedimenti portata con OMISSIS. Perciò, decisioni N. 10, 11 e 12 resero prima che annullamento e basato sull'entrata nel registro reso 21 luglio 1999, non era nullo. Notò anche che OMISSIS, in finora siccome loro addussero che le assemblee generale degli azionisti le cui decisioni erano state registrate con decisioni N. 11 e 12 non erano stati convenuti debitamente ed erano stati condotti, avrebbe potuto impugnare quelle decisioni sotto sezione 74 del Atto sul Commercio1991 (vedere paragrafo 56 sotto), ma non era riuscito a fare così all'interno dei tempo-limiti applicabili. Di conseguenza, le loro rivendicazioni furono respinte.
39. È poco chiaro se OMISSIS chiesero il permesso di fare appello su questioni di diritto alla Corte Suprema di Cassazione.
D. I procedimenti disciplinari contro il Giudice R.P.
40. Seguendo un numero di azioni di reclamo reso col OMISSIS, all'inizio di 2000 l’Ispettorato del Ministero della Giustizia fece un riesame delle azioni del Giudice R.P. in relazione a decisione n. 9 (vedere paragrafo 17 sopra) e concluse che lei aveva violato gli articoli attinenti di procedura in molti riguardi. In 22 maggio 2000 il Ministro della Giustizia propose al Consiglio Giudiziale e Supremo sulla base di queste conclusioni, (съвет di съдебен di Висш) che procedimenti disciplinari contro il giudice siano aperti. Questo era fatto, ed in una decisione di 6 ottobre 2000 il pannello disciplinare del Consiglio diede Giudice R.P. un avvertimento disciplinare. Fondò che in decisione di emissione n. 9 lei aveva agito in modo non permesso su sua propria iniziativa e non facendo seguito ad una richiesta con la società, aveva commesso un numero di violazioni procedurali, ed aveva distorto la prova nell'archivio di causa e sentenze perverse e rese di fatto. Le sue azioni che erano state intenzionali e non a causa di una mancanza mera dell'esperienza professionale, aveva corrisposto ad una violazione dei suoi obblighi professionali. Nella prospettiva del pannello, Giudice R.P. aveva “infatti creò” un consiglio di amministrazione nuovi di MTFU. Comunque, siccome lei non aveva commesso le altre violazioni e non aveva avuto “chiese a pregiudizio gli interessi di terze parti”, c'erano i motivi per imporre la punizione disciplinare e più clemente - un ammonimento.
Sviluppi di E. dopo 1999 riguardo a MTFU
1. Riguardo al centro di addestramento
41. In 12 maggio 2000 il Consiglio di Ministri revocò la sua decisione di 21 maggio 1990 da che cosa aveva accordato a MTFU il diritto di uso del centro di addestramento in Bistritsa (vedere paragrafo 11 sopra). La decisione nuova fu basata su paragrafo 6 dei di transizione e disposizioni finali della Proprietà Statale Atto 1996 che limitato la durata di contratti esistenti riguardo al diritto di uso di proprietà Statale a dieci anni (vedere paragrafo 59 sotto). Il Consiglio di Ministri decise anche che MTFU sarebbe stato rimborsato la rispettiva parte della considerazione che aveva pagato nel 1990 (vedere divide in paragrafi 10 e 11 sopra).
42. Il governatore regionale di Sofia ordinò che MTFU sgombrasse la proprietà 8 giugno 2000. Comunque, seguendo una decisione di Corte Costituzionale da che cosa paragrafo 6 dei di transizione e disposizioni finali della Proprietà Statale Atto 1996 fu trovato contraddire la Costituzione (vedere paragrafo 60 sotto), 10 aprile 2001 il governatore revocò il suo ordine.
43. Nel 2007 MTFU introdusse una richiesta per controllo giurisdizionale, mentre cercando di avere il Consiglio di Ministri la decisione di ' di 12 maggio 2000 dichiarato privo di valore legale, per motivi che era stato emesso sulla base di una disposizione legale che era stata dichiarata successivamente incostituzionale. 25 giugno 2009 un pannello di tre - membri della Corte amministrativa Suprema (съд di административен di Върховен) respinse la richiesta, mentre notando che la decisione della Corte Costituzionale non aveva effetto retrospettivo. Perciò, al tempo quando era stato adottato, la decisione contestata aveva avuto un suono base legale.
44. Su ricorso di MTFU, un pannello di cinque - membri della Corte amministrativa Suprema, con uno giudice dissentendo revocò con una sentenza definitiva di 15 dicembre 2009 e accolse la rivendicazione, mentre dichiarando il Consiglio di Ministri la decisione di ' privo di valore legale. Notò, inter alia che il diritto di MTFU di uso era stato estinto con operazione di legge con l'adozione di paragrafo 6 dei di transizione e disposizioni finali della Proprietà Statale Atto 1996. Perciò, il Consiglio di Ministri non era stato competente per decidere sulla questione.
45. La Corte non è stata informata delle conseguenze pratiche di quelli sviluppi e, in particolare, se MTFU continuò ad usare il centro di addestramento dopo 2000.
2. Altri sviluppi
46. Ulteriori cambi nella gestione di MTFU e consiglio di amministrazione furono resi fra il 2000 ed il 2003. Nel 2001 e 2003 la gestione nuova provocò anche un emendamento degli articoli della società dell'associazione.
47. In ottobre e novembre la gestione di 2001 MTFU aumentò il capitale di quota della società a BGN 195,000 (di fronte all'aumento era BGN 60,000-vedere paragrafo 9 sopra) autorizzando ed emettendo quote nuove. Le quote furono sottoscritte per con azionisti sino a che avevano poi sostenne 8% del capitale (vedere paragrafo 20 sopra). Nessuno dei richiedenti fu offerto o accolse sottoscrivere per qualsiasi delle quote nuove. Nel 2006 e 2008 la capitale di quota di MTFU fu aumentata di nuovo per l'emissione di quote nuove, mentre giungendo a BGN 1,251,500. I richiedenti erano incapaci per sottoscrivere per qualsiasi di quelle quote nuove.
48. Secondo la relazione annuale di MTFU per 2008, tre società-nessune di loro fra le società di richiedente-insieme sostenne 99.1% delle sue quote. È poco chiaro chi contenne il rimanere 0.9%. Alla fine di 2008 la società aveva due impiegati. Nel 2007 e 2008 non dichiarò qualsiasi profitto alle autorità fiscali. Sembra che con che tempo che non ha eseguito più le attività nel campo di addestramento professionale.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
A. Il registro di società
49. Il registro di società contiene informazioni di società, incluso i membri dei loro corpi direttivi l'importo del loro capitale di quota, e l'apertura e conclusione di serpeggiamento-su procedure (al tempo di materiale, il registro fu offerto per con sezione 3(1) del Atto sul Commercio1991 (закон di Търговски)). È accessibile al pubblico (al tempo di materiale, come previsto per con sezione 5 dello stesso Atto). Dettagli entrati nel registro sono ritenuti per essere stati notificati a terze parti dalla data loro sono entrati (per, al tempo di materiale, Articolo 493 § 1 del Codice di Procedura 1952 Civile). Nelle loro distribuzioni con una società, terze parti in buona fede (quel è, terze parti che non hanno nessuna conoscenza effettiva dello stato effettivo degli affari interni della società) può appellarsi sulle informazioni nel registro, anche se le informazioni presentarono nel registro riferisce a circostanze fondamentali che in realtà non esistono (per, al tempo di materiale, Articolo 493 § 2 dello stesso Codice). In oltre, delle operazioni e decisioni, come emendamenti degli articoli dell'associazione, aumenti o cali in capitale di quota e l'appuntamento o proscioglimento di membri dei corpi di gestione di società di limite di responsabilità (акционерни дружества) prende solamente effetto dopo che loro sono stati entrati nel registro (sezione 231(3) e (4) del Atto sul Commercio1991).
50. Al tempo attinente, il registro fu tenuto col territorialmente corti regionali e competenti (per Sofia, la Sofia Città Corte) (sezione 3(1) del Atto sul Commercio1991), ed entrate in sé furono rese facendo seguito a decisioni con quelle corti in che c'erano divisioni di società speciali. Le decisioni di registrazione furono date in procedimenti di non-contenzioso governati con Articoli 424-35 e 489-501 del Codice di Procedura 1952 Civile, in vigore sino alla fine di febbraio 2008. I procedimenti potrebbero essere iniziati solamente con persone che agiscono in favore della società, liquidatori o, in alcuni circostanze molto specifiche non attinente alla causa presente, con autorità Statali (Articolo 494). La procedura come un articolo non richiese un'udienza (l'Articolo 496 § 1). Decisioni che accordano una richiesta per fare le entrate richieste non erano soggetto a ricorso (l'Articolo 431 § 1) ed immediatamente sarebbe fissato in effetto (Articolo 497).
51. Se una presa di decisione di corte un'entrata nel registro addolorato qualsiasi terze parti, loro potrebbero portare procedimenti di contenzioso, mentre dirigendo la loro rivendicazione contro la persona che trasse profitto dalla registrazione, e chiede l'annullamento della decisione di registrazione (l'Articolo 431 § 2). Simile rivendicazioni furono esaminate sotto la procedura generale applicabile a procedimenti civili per i tre livelli del sistema di corte. Se le corti lasciassero spazio una rivendicazione ad una dichiarazione giudiziale che un'entrata nel registro era inammissibile o evacua, o che i dettagli registrati non corrisposero ad azioni che avevano infatti stato preso, la corte di immatricolazione doveva annullare l'entrata di sua propria istanza o facendo seguito ad una richiesta con una parte interessata (Articolo 498).
B. Le altre disposizioni attinenti del Codice di Procedura Civile 1952
52. Al tempo attinente, misure provvisorie potrebbero essere chieste con un rivendicatore eventuale o effettivo sotto Articoli 308-22 del Codice di Procedura 1952 Civile, in vigore sino alla fine di febbraio 2008. Un rivendicatore doveva stabilire che, fallendo simile misure, l'esecuzione dei diritti che è probabile che lui o lei ottengano sotto una decisione di corte futura potrebbe essere frustrata o potrebbe essere impedita seriamente.
53. Una sentenza o decisione definitiva non potevano essere revocate o potrebbero essere corrette con la corte che l'aveva dato, ometta sulla propria iniziativa della corte o facendo seguito ad una richiesta con le parti, dove contenne un errore ovvio. Prima di correggere l'errore con vuole dire di una decisione, la corte aveva informare le parti e sostenere un'udienza (l'Articolo 192 §§ 1 e 2 dello stesso Codice).
54. Articolo 217a del Codice diede un titolo a parti a procedimenti civili per fare azioni di reclamo di ritardi nei procedimenti. Simile azioni di reclamo sarebbero esaminate col presidente della corte più alta che potrebbe ordinare le specifiche misure per essere presa in ordine ad accelerazione i procedimenti.
C. L’Atto sul Commercio del 1991
55. I diritti di azionisti in società di limite di responsabilità (акционерни дружества) è governato col Atto sul Commercio1991. Azionisti sono concessi per votare ad un'assemblea generale di azionisti alla quale sono competenti inter alia, corregga gli articoli della società dell'associazione, aumento o calo il capitale di quota della società e membri eletti degli assi della società (sezioni 181(1) e 221(1), (2) e (4)). Loro sono concessi anche a dividendi e parti dei beni della società su un serpeggiamento-su (sezione 181(1)).
56. Sezione 71 dello stesso Atto prevede che qualsiasi azionista può portare una rivendicazione per proteggere suo o i suoi diritti se loro sono stati violati con un corpo di società. Sotto sezione 74(1) qualsiasi azionista può fare domanda alle corti per accantonare una decisione dell'assemblea generale di azionisti se è illegale o in violazione degli articoli della società dell'associazione. La richiesta deve essere resa nessuno più tardi che tre mesi dopo la riunione (sezione 74(2)).
57. L'Atto governa anche i doveri dei membri degli assi di società di limite di responsabilità. Membri di Consiglio devono agire nel più buon interesse della società (sezione 237(2), come in vigore al tempo di materiale). Una sottosezione 6 nuova di sezione 237, aggiunse a giugno 2003, specifica ciò che il dovere fa domanda ugualmente ad individui che rappresentano soggetti giuridici che sono membri dell'asse di una società. Membri di Consiglio sono congiuntamente e separatamente responsabili per qualsiasi danno che loro causano alla società per la loro colpa (sezione 240(2)). Una sezione 240a nuova, aggiunse a giugno 2003, rende possibile sé azionisti che sostengono almeno 10% del capitale di quota di una società a portare rivendicazioni derivative contro membri di asse.
D. decisione Interpretativa n. 1 del 2002
58. 6 dicembre 2002 la Generale Riunione delle Divisioni Civili della Corte Suprema di Cassazione emise decisione interpretativa di per stabilire le differenze nelle corti causa-legge di ' che concerne richieste legali contro decisioni di corpi di società e la loro registrazione nel registro di società n. 1 di 2002 (l'òúëê. реш. № 1 от 6 декември 2002 г. по тълк. д. № 1/2002 г., il на di ОСГК ВКС). Sé, inter alia: (un) chiarificò le circostanze nelle quali decisioni di un'assemblea generale di azionisti possono essere considerate privo di valore legale e le circostanze nelle quali loro sono soltanto responsabili per essere annullato; (b) rese chiaro che decisioni che sono privo di valore legale possono essere impugnate indefinitamente, mentre decisioni che sono soltanto annullabili devono essere impugnate con un azionista sotto sezione 74(1) del Atto sul Commercio1991 ed all'interno del tempo-limite esposto con sezione 74(2) (vedere paragrafo 56 sopra); (il c) sostenne che decisioni di un'assemblea generale di azionisti possono essere impugnate solamente sotto sezione 74, non sotto sezione 71 del Atto sul Commercio1991, e che chiede sotto sezione 71 può essere diretto contro decisioni dell'asse di una società; (d) sostenne che l'annullamento di una decisione dell'asse di una società o di un'assemblea generale dei suoi azionisti sotto, rispettivamente, sezioni 71 o 74 non hanno effetto retrospettivo; (e) sostenne che difetti nelle decisioni di corpi di società non possono essere impugnati in procedimenti sotto Articolo 431 § 2 del Codice di Procedura 1952 Civile (vedere paragrafo 51 sopra), perché chiede sotto che approvvigiona preoccupazione solamente difetti nella registrazione di simile decisioni nel registro di società; (f) specificò che una rivendicazione sotto Articolo 431 § 2 può essere portato con una persona che considera che i procedimenti giudiziali che conducono ad un'entrata nel registro furono crepati o che informazioni nulle sono state entrate nel registro, e che l'effetto che tale rivendicazione cercherebbe di realizzare è la rettifica del registro sotto Articolo 498 del Codice (vedere paragrafo 51 in multa sopra); (il grammo) sostenne che se una corte di immatricolazione ha registrato una decisione di società che non ha infatti stato passato, l'annullamento della sua decisione non ha effetto retrospettivo terze parti vis-à-vis, ma ha simile effetto come riguardi le relazioni fra la società ed i suoi azionisti; (h) sostenne che se una corte di immatricolazione ha registrato una decisione di società che è dichiarata più tardi privo di valore legale, la dichiarazione giudiziale della nullità sarà entrata nel registro ma non sarà avuta effetto retrospettivo, o come fra la società ed i suoi azionisti o fra la società e terze parti; (i) sostenne che non è aperto alle corti per accordare ingiunzioni provvisorie in relazione a rivendicazioni sotto sezione 74 del Atto sul Commercio1991.
E. Diritto dell’ uso di proprietà Statale
59. Fino a 1996 il regime legale di proprietà Statale fu governato con la Proprietà Atto 1951 (собствеността di за di Закон) e regolamentazioni adottarono in 1975 che non restrinsero la durata del diritto di uso di simile proprietà. Tale restrizione fu introdotta con l'adozione della Proprietà Statale Atto 1996 (Закон за държавната собственост) che sostituì le promulgazioni summenzionate. Sezione 56(1) di che Atto prevede che il diritto di uso di proprietà Statale può essere accordato solamente per un periodo di su a dieci anni.
60. Divide in paragrafi 6 dei di transizione e disposizioni finali della Proprietà Statale Atto 1996 specificato che questa restrizione temporale sarebbe anche applicabile a cause dove il diritto di uso di proprietà Statale era stato accordato di fronte all'entrata dell'Atto in vigore. In una decisione di 10 aprile 2001, la Corte Costituzionale trovata, che paragrafo 6 funzionò cassa alle disposizioni della Costituzione di 1991 che protegge il diritto a proprietà (il реш. № 7 от 10 април 2001 г. по к. д. № 1 от 2001 г., обн., ДВ, бр. 38 от 17 април 2001 г.).
F. Responsabilità statale per danni
61. La Sezione 1(1) dell’Atto sulla Responsabilità Statale per Danni Causato a Cittadini del 1998 (12 luglio 2006 il suo nome fu cambiato al “Atto sulla Responsabilità dello Stato e dei Municipi per Danni”-“il SMRDA”) prevede che lo Stato e municipi sono responsabili per danno subito con persone private come un risultato di atti illegali od omissioni con Stato o corpi municipali o servitori civili, impegnato nel corso di un'azione amministrativa. Sezione 4 prevede che il risarcimento è dovuto per ogni danno che è il diretto e risultato immediato dell'atto illegale od omissione.
LA LEGGE
I. PUNTO PRELIMINARE
62. Il 24 aprile 2009 OMISSIS dichiarò che lui desiderava ritirare le sue azioni di reclamo (vedere paragrafo 5 sopra). In prospettiva di che, la Corte considera, nella conformità con Articolo 37 § 1 (un) della Convenzione che non è giustificato più per continuare finora l'esame della richiesta in come sé il Sig. Mitev riguarda. Inoltre, notando che i problemi sollevarono con le sue azioni di reclamo fu sollevato anche con quelli dei richiedenti rimanenti, la Corte nella conformità con Articolo 37 § 1 in multa, costatazione che riguardo per diritti umani non lo costringe a continuare esaminare finora la richiesta nella misura in cui riguardava il Sig. OMISSIS (vedere, mutatis mutandis, Özgür Gündem c. la Turchia, n. 23144/93, §§ 34 e 36, ECHR 2000-III; Stec ed Altri c. il Regno Unito (il dec.) [GC], N. 65731/01 e 65900/01, § 32 ECHR 2005-X; ed Ivanov ed Altri c. la Bulgaria, n. 46336/99, § 32 24 novembre 2005). Di conseguenza, questa parte della richiesta sarà colpita del ruolo.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1
63. I richiedenti si lamentarono che, emettendo le decisioni N. 9 e 10, così come tutte le susseguenti decisioni che registravano decisioni del consiglio di amministrazione “illegittimo” di MTFU e le assemblee generale degli azionisti chiamati da questo consiglio, e rifiutando di registrare la decisione dell'assemblea generale condotta dai richiedenti e da altri azionisti il 15 novembre 1999, la Corte della Città di Sofia aveva agito in violazione dei loro diritti sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione ad un processo equanime ed un tribunale imparziale. Si lamentarono inoltre che emettendo quelle decisioni la Corte della Città di Sofia aveva agito in una maniera arbitraria ed aveva permesso a persone che non avevano avuto niente a che fare con la società di prendere il controllo di questa, rovinandola, e diluendo drammaticamente il portafoglio di azioni dei richiedenti in questa, tutto ciò aveva violato seriamente i loro diritti sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. Il conseguente insuccesso delle corti e di altre autorità nel reagire efficacemente ed in una maniera tempestiva a questa situazione gli aveva permesso di persistere per un certo numero di anni.
64. Nelle circostanze della causa, e notando che l'essenza del danno dei richiedenti riguardava l'effetto delle azioni dello Stato e delle omissioni sul loro portafoglio di azioni in MTFU, la Corte considera che l'azione di reclamo dovrebbe essere esaminata solamente sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere, mutatis mutandis, Forminster Enterprises Limited c. Repubblica ceca, n. 38238/04, § 59 9 ottobre 2008). Questo articolo recita come segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Ammissibilità
1. Status di vittima
65. Il Governo presentò che OMISSIS ed OMISSIS non potevano rivendicare di continuare ad essere vittime di una violazione, perché loro avevano ottenuto l'annullamento della decisione n. 9 e delle corrispondenti registrazioni nel registro della società.
66. I richiedenti presentarono che quegli sviluppi non avevano sanato le conseguenze della decisione n. 9. Il suo annullamento non aveva provocato automaticamente l'invalidazione di tutte le susseguenti azioni prese dagli enti di società installati da questa, ed i richiedenti erano stati messi in una situazione che li costringeva a chiedere l'annullamento di tutte quelle azioni e della loro registrazione nel registro della società. In qualsiasi caso questo non era possibile perché, sotto la giurisprudenza consolidata bulgara, l'annullamento di decisioni delle entità di società non aveva effetto retrospettivo. Così, il risultato positivo dei procedimenti introdotti da OMISSIS ed OMISSIS aveva avuto “zero effetto legale.”
67. La Corte osserva che una decisione o una misura favorevole ad un richiedente non è in principio sufficiente a spogliarlo del suo status come vittima a meno che le autorità nazionali hanno ammesso, o espressamente o in sostanza, e poi riconosciuto una compensazione per la violazione della Convenzione (vedere, fra molte altre autorità, Scordino c. Italia (n. 1) [GC], n. 36813/97, § 180 ECHR 2006-V).
68. Nella presente causa, la questione se l'annullamento della decisione n. 9 e delle corrispondenti registrazioni nel registro di società, benché favorevole ai richiedenti, abbia riconosciuto loro una compensazione sufficiente è riferita da vicino alla sostanza dell'azione di reclamo sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere, mutatis mutandis, Bennich-Zalewski c. Polonia, n. 59857/00, §§ 76-77 22 aprile 2008). La Corte decide perciò di congiungere l'eccezione del Governo ai meriti.
2. L'esaurimento delle vie di ricorso nazionali
69. Il Governo dibatté anche che i richiedenti non erano riusciti ad esaurire le vie di ricorso nazionali, come richiesto sotto l’Articolo 35 § 1 della Convenzione, per le seguenti ragioni:
(a) i richiedenti non erano riusciti a introdurre rivendicazioni di illecito civile contro le persone responsabili della riduzione del loro portafoglio di azioni, non avevano tentato di chiedere danni dai membri del consiglio dei direttori registrati in seguito alla decisione n. 9, e non avevano cercato di esercitare i loro diritti di azionisti sotto le sezioni 71 e 74 dell’ Atto sul Commercio del 1991;
(b) solamente OMISSIS ed OMISSIS avevano introdotto richieste legali contro la decisione n. 9. I richiedenti rimanenti non avevano né tentato di congiungere i procedimenti introdotti da quei due richiedenti né avevano introdotti procedimenti separati; e
(c) i richiedenti non avevano tentato di introdurre una rivendicazione per danni sotto la sezione 1 del SMRDA.
70. I richiedenti contestarono quegli argomenti. Loro presentarono che:
(a) loro immediatamente avevano chiesto l'annullamento delle decisioni N. 9 e 10 ed avevano chiesto ed avevano ottenuto un'ingiunzione provvisoria in relazione a quelle azioni. Non era stato evidente che la possibilità di introdurre una rivendicazione per danni contro i membri del consiglio dei direttori sotto gli articoli speciali dell’ Atto sul Commercio del 1991 o sotto la legge generale dell'atto illecito avrebbe avuto una qualsiasi prospettiva di successo, siccome non c’era nessun esempio che simili rivendicazioni erano mai state perseguite con successo. In merito alle rivendicazioni sotto le sezioni 71 e 74 dell’ Atto sul Commercio1991, riguardavano le richieste legali contro delle decisioni di enti di società e non potevano offrire compensazione contro decisioni giudiziali ed illegali. Né loro sarebbero state appropriate nella situazione palesemente illegale procreata dalla decisione n. 9. Inoltre, non era stato chiaro se quelle rivendicazioni sarebbero state disponibili ai richiedenti. I loro portafoglio di azioni erano stato estinto in seguito alla decisione della nuova gestione del 30 novembre 1999 per annullare tutte le quote esistenti e garanzie di quote, laddove le rivendicazioni sotto le sezioni 71 e 74 potrebbero essere introdotte solamente da azionisti esistenti;
(b) benché i richiedenti rimanenti non si fossero uniti ai procedimenti iniziati da OMISSIS ed OMISSIS, loro avevano beneficiato dalle direttive delle corti in quei procedimenti in qualsiasi caso. Se loro avessero introdotti procedimenti separati, quelli sarebbero stati sospesi, come era accaduto coi procedimenti introdotti da OMISSIS;
(c) la via di ricorso sotto la sezione 1 del SMRDA era inapplicabile, perché riguardava solamente il danno causato da atti od omissioni delle autorità amministrative, non da decisioni giudiziali.
71. La Corte considera che il primo Atto sul Commercio dell'eccezione del Governo riguardante la disponibilità delle vie di ricorso che permettono ai richiedenti di esercitare efficacemente i loro diritti di azionisti vis-à-vis alle persone che avevano rilevato la loro società come risultato della decisione n. 9, è riferito da vicino alla sostanza dell'azione di reclamo sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere, mutatis mutandis, Bennich-Zalewski citata sopra, § 80). Decide perciò di congiungerlo ai meriti.
72. Riguardo al secondo margine dell'eccezione, la Corte osserva che, inizialmente, solamente OMISSIS ed OMISSIS cercarono di impugnare la decisione n. 9 (vedere paragrafi 24 e 31 sopra). Comunque, quando altri due richiedenti, OMISSIS introdussero anche loro una richiesta legale contro questa decisione nell’ aprile 2000, le corti sospesero i procedimenti per attendere il risultato della precedente azione introdotta da OMISSIS. Dopo la decisione n. 9 e che le corrispondenti registrazioni nel registro di società erano state annullate come risultato dei precedenti procedimenti, i procedimenti introdotti da OMISSIS furono ripresi. Comunque, le corti respinsero la loro rivendicazione, trovando che loro non avevano più un interesse nel perseguire la questione (vedere paragrafi 35-37 sopra). In quelle circostanze, la Corte va a vuoto nel vedere come i rimanenti richiedenti avrebbero potuto impugnare anche la decisione n. 9, siccome loro rischiavano di ottenere un risultato simile (vedere, mutatis mutandis, Carson ed Altri c. Regno Unito [GC], n. 42184/05, §§ 56 e 58, ECHR 2010 -...). Né loro erano costretti a congiungersi ai procedimenti introdotti da OMISSIS ed OMISSIS, perché loro avrebbero beneficiato del loro risultato in qualsiasi caso: l'annullamento della decisione n. 9 e le relative registrazioni nel registro di società avevano un effetto erga omnes (vedere paragrafo 51 sopra e, mutatis mutandis, Associazione A. e H. c. Austria, n. 9905/82, decisione della Commissione del 15 marzo 1984, Decisioni e Relazioni (DR) 36, p. 187; Erdoğan c. Turchia, n. 19807/92, decisione della Commissione del 16 gennaio 1996 DR 84-un, p. 5; Oğur c. Turchia [GC], n. 21594/93, § 67 ECHR 1999-III; e Yüksel Erdoðan ed Altri c. la Turchia, n. 57049/00, §§ 74-75 15 febbraio 2007). Questo risvolto dell'eccezione deve essere perciò respinto.
73. In merito al terzo risvolto dell'eccezione, la Corte osserva, che gli atti ufficiali che generarono il danno dei richiedenti erano decisioni giudiziali. Il Governo non ha dibattuto che quelle decisioni avrebbero potuto essere considerate un’azione amministrativa all'interno del significato della sezione 1 del SMRDA (vedere paragrafo 61 sopra). La Corte non è soddisfatta perciò che una rivendicazione sotto questo provvedimento avrebbe avuto una prospettiva ragionevole del successo (vedere, mutatis mutandis, Olczak c. Polonia (dec.), n. 30417/96, §§ 47-48 7 novembre 2002). Questo risvolto dell'eccezione deve essere perciò respinto allo stesso modo.
3. Gli altri motivi per l'inammissibilità
74. La Corte considera che l'azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 (a) della Convenzione o inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
1. Le osservazioni delle parti
75. Il Governo dibatté che non c'era stata interferenza arbitraria con il portafoglio di azioni dei richiedenti in MTFU e che in qualsiasi caso, le autorità avevano reagito in una maniera adeguata, perché le corti avevano annullato la decisione n. 9 del 21 luglio 1999 e le corrispondenti registrazioni nel registro di società. Le legittime obbiezioni dei richiedenti a questa decisione erano state esaminate all'interno di un termine ragionevole. Era completamente normale che le rivendicazioni che riguardavano una controversia fra azionisti erano state esaminate sotto la solita procedura applicabile a procedimenti civili per i tre livelli del sistema di corte che aveva impiegato approssimativamente quattro anni nelle cause di OMISSIS ed OMISSIS. Il che non potrebbe essere riguardato proprio come irragionevole. Comunque, se i richiedenti avessero considerato che l'esame delle loro cause era stato differito impropriamente, loro avrebbero potuto introdurre delle azioni di reclamo di ritardi sotto l’Articolo 217a del Codice di Procedura Civile 1952. Il Governo presentò inoltre che le corti non avevano agito in violazione dell'ingiunzione provvisoria ottenuta da OMISSIS, perché era stata accantonata brevemente dopo essere accordata. In merito alle autorità esecutive a cui i richiedenti avevano rivolto le numerose azioni di reclamo, loro non erano stati in una posizione per interferire con le decisioni giudiziali, siccome l'ordinamento giudiziario era indipendente. In qualsiasi caso, gli sviluppi di cui ci si lamentava non aveva avuto un effetto negativo su MTFU- ancora era un'impresa avviata e, nel 2010, aveva avuto una capitale di quota di BGN 1,251,500. Infine, non si poteva trascurare che il Consiglio Giudiziale Supremo aveva intentato una causa disciplinare contro il Giudice R.P.
76. I richiedenti contestarono questi argomenti, considerando che le misure a cui ha fatto riferimento il Governo non aveva avuto effetto pratico sulla loro situazione. Inoltre, loro dibatterono che la Corte della Città di Sofia aveva interferito con gli affari societari di MTFU in una maniera arbitraria e nella noncuranza vistosa delle disposizioni legali ed applicabili e dei requisiti dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione perché sia equo, indipendente ed imparziale, e sostenere la preminenza del diritto. Dopo ciò, le corti e le autorità non solo avevano reso possibili, ma avevano tollerato ed anche sanzionato- ad un certo punto in violazione dell'ingiunzione provvisoria emessa dalla Corte distrettuale di Sofia- le azioni illegali della nuova gestione della società che si era fra le altre cose, risolta ad annullare tutte le quote esistenti ed il registro di società di MTFU ed aveva estinto così il portafoglio di azioni dei richiedenti nella società. Nonostante le numerose azioni di reclamo depositate dai richiedenti, né le autorità perseguenti né qualsiasi altre autorità erano intervenute per ostacolare che ciò accadesse. In merito alle corti, invece di reagire rapidamente alle richieste legali introdotte dai richiedenti, loro avevano impiegato un tempo irragionevolmente lungo per esaminarle, trascurando le poste molto elevate coinvolte. Quei sviluppi avevano avuto un effetto negativo su MTFU che era stata una società di successo, in crescita prima del luglio 1999. Come risultato delle azioni della nuova gestione, essa, infatti, aveva cessato di funzionare. Al 2010 aveva solamente mantenuto due impiegati ed aveva dichiarato delle perdite. Tutti di ciò aveva corrisposto ad una violazione seria degli obblighi negativi e positivi dello Stato sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
2. La valutazione della Corte
(a) l'Applicabilità dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1
77. La Corte osserva che l'azione di reclamo non riguarda molto la situazione economica di MTFU ma, più importante , il portafoglio di azioni dei richiedenti. Nel luglio 1999 loro detenevano un totale di 49.83% delle quote della società (vedere paragrafo 14 sopra). Quelle quote costituivano indubbiamente “la proprietà” all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere Bramelid e Malmström c. Svezia, N. 8588/79 e 8589/79, decisione di Commissione del 12 ottobre 1982, DR 29, p. 64; Sovtransavto Holding c. Ucraina, n. 48553/99, § 91 ECHR 2002-VII; Olczak, citata sopra, § 60; Trippel c. Germania, n. 68103/01, § 18 4 dicembre 2003; Freitag c. Germania, n. 71440/01, § 51 19 luglio 2007; e Marini c. Albania, n. 3738/02, § 164 del 18 dicembre 2007). La Corte perciò costata che questa disposizione è applicabile.
78. La Corte considera inoltre che la complessità della posizione legale e dei fatti nella presente causa le impedisce dall'essere classificata in una categoria precisa. Trova perciò appropriato esaminarla alla luce della norma generale, contenuta nella prima frase del primo paragrafo dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 e che sancisce il diritto al godimento tranquillo della proprietà (vedere, mutatis mutandis, Sovtransavto Sostenendo, §§ 92-93, e Marini, § 167, sia citate sopra).
(b) Ottemperanza con l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1
79. Mentre l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 riguarda essenzialmente la prevenzione dell’intromissione non garantita dello stato con i diritti di proprietà, in certe situazioni il godimento effettivo dei diritti garantito da questa disposizione può coinvolgere l'adozione di misure positive, anche in casi che coinvolgono la causa fra individui privati o società (vedere Sovtransavto Sostenendo, citata sopra, § 96; Broniowski c. la Polonia [GC], n. 31443/96, § 143 il 2004-V di ECHR; Fuklev c. l'Ucraina, n. 71186/01, §§ 90-91 7 giugno 2005; Kostić c. Serbia, n. 41760/04, § 66 25 novembre 2008; Belev ed Altri c. Bulgaria, N. 16354/02, 16485/02, 16878/02 16885/02, 16886/02 16889/02, 17333/02 17340/02, 17344/02 17613/02, 17725/02 17726/02, 18410/02 18413/02, 18414/02 18416/02, 21023/02 21024/02, 21027/02 21029/02, 21030/02 21033/02, 21038/02 21052/02, 21071/02 21284/02, 21378/02 21800/02, 22430/02 22433/02, 26478/02 26498/02, 31049/02 31333/02, 31518/02 37816/02, 42567/02 43529/02, 758/03 3461/03 e 11219/03, § 85 2 aprile 2009; Plechanow c. Polonia, n. 22279/04, §§ 99-100 7 luglio 2009; Sierpiński c. Polonia, n. 38016/07, §§ 68-69 3 novembre 2009; e Relazione di Tunnel Limitò c. Francia, n. 27940/07, § 37 del 18 novembre 2010). I confini fra gli obblighi positivi e negativi dello Stato sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 non si presta a definizione precisa. Comunque, se la causa è analizzata in termini di un dovere positivo da parte dello Stato o in termini di interferenza da parte di un'autorità pubblica che ha bisogno di essere giustificata, il criterio da applicare non differisce in sostanza. Il primo e più importante di questi è il requisito della legalità (vedere Broniowski, citata sopra, §§ 144 e 147; Hutten-Czapska c. Polonia [GC], n. 35014/97, § 163 ECHR 2006-VIII; Kushoglu c. Bulgaria, n. 48191/99, § 49 del 10 maggio 2007; Belev ed Altri, citata sopra, § 86; e Sedelmayer c. Germania (dec.), N. 30190/06 e 30216/06, 10 novembre 2009). Ciò presuppone, fra le altre cose, che il diritto nazionale deve fornire una misura di tutela giuridica contro l’interferenza arbitraria dei diritti di proprietà (vedere Capital Bank Ad c. Bulgaria, n. 49429/99, § 134 24 novembre 2005; Zlínsat, spol. s r.o. c. Bulgaria, n. 57785/00, § 98 15 giugno 2006; záložna di Družstevní Pria ed Altri c. Repubblica ceca, n. 72034/01, § 89 del 31 luglio 2008; ed Forminster Enterprises Limited, citata sopra, § 69), e che lo Stato deve riconoscere procedure giudiziali che offrano le garanzie procedurali necessarie e permettano alle corti nazionali di giudicare efficacemente ed equamente qualsiasi controversia fra persone private (vedere Ucraina-Tyumen c. Ucraina, n. 22603/02, § 51 del 22 novembre 2007). Quest’ultimo requisito è anche effettivamente, uno degli obblighi positivi che scaturiscono dall’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere Sovtransavto Sostenendo, citata sopra, § 96; Anheuser-Busch Inc. c. Portogallo [GC], n. 73049/01, § 83 ECHR 2007-io; Kushoglu, citata sopra, § 47; Freitag, citata sopra, § 54; e Marini, citata sopra, § 171). Nell'accertare se questi requisiti sono stati soddisfatti, la Corte deve prendere una prospettiva comprensiva delle procedure applicabili.
80. Come già noto, le azioni di reclamo dei richiedenti nella presente causa non riguardavano tanto la situazione economica di MTFU ma il loro portafoglio di azioni nella società. Come risultato degli eventi in questione il portafoglio di azioni fu diluito radicalmente. Nel luglio 1999, presi insieme, i richiedenti avevano un pacchetto azionari del 49.83% in questa. Dopo che molti aumenti del capitale di quota della società furono fatti dalla nuova gestione installata come risultato della decisione n. 9, alla fine del 2008 tre altre società avevano un totale del 99.1% del capitale di quota di MTFU (vedere paragrafi 47 e 48 sopra). Perciò, entro questo tempo, i richiedenti detenevano, nella migliore delle ipotesi, un totale di non più del 0.9% delle quote della società (vedere, mutatis mutandis, Sovtransavto Sostenendo, § 92, ed Olczak, § 71, entrambe citate sopra).
81. Questo era l'esito di una catena di eventi che cominciarono con un atto ufficiale-la decisione n. 9-con cui Corte della Città di Sofia, agendo di sua propria iniziativa non basando la sua decisione su qualsiasi decisione dei corpi della società, e distorcendo grezzamente le norme di procedura, registrò nuovi membri del consiglio di amministrazione di MTFU nel registro di società (vedere paragrafi 17, 28 33 e 40 sopra). La decisione della corte rese possibile un cambio di controllo di MTFU che fu sanzionato dalle sue susseguenti decisioni N. 10, 11 e 12 (vedere paragrafi 18-21 sopra). La nuova gestione della società emise più tardi nuove quote, aumentando il suo capitale di quota di più di venti volte, da BGN 60,000 a BGN 1,251,000 ed impedì ai richiedenti di sottoscrivere quelle nuove quote (vedere paragrafi 9, 47 e 48 sopra). Nella prospettiva di ciò, e notando che la decisione n. 9 non era soltanto una risposta alle azioni fraudolente di persone private, come sarebbe stato il caso se fosse stato fatta facendo seguito ad una richiesta di registrazione basata su documenti contraffatti, ma era una deviazione seria dalle funzioni normali della Corte della Città di Sofia come custode del registro di società, la Corte è soddisfatta che la diluizione del portafoglio di azioni dei richiedenti in MTFU era collegata alle azioni dello Stato ad un grado che è sufficiente per giustificare la conclusione che le autorità hanno interferito con la proprietà dei richiedenti. Comunque, questa interferenza non era comparabile ad una privazione di proprietà (vedere Sovtransavto Holding, citata sopra, § 94), ma era piuttosto un atto che ha creato una situazione nella quale terze parti erano in grado interferire con la proprietà dei richiedenti (vedere, mutatis mutandis, Kushoglu citata sopra, § 61).
82. Uno degli effetti della decisione n. 9, finché non fu annullata il 3 novembre 2003, era conferire a persone che non erano state elette dagli azionisti di MTFU l'apparente autorità di aiutare il consiglio di amministrazione della società, gestire la società e vincolarla a terze parti. Ciò permise loro di portare a vanti un certo numero di passi pregiudizievole agli interessi dei richiedenti come azionisti, sia direttamente, diluendo i loro portafoglio di azioni, che indirettamente, disponendo dei beni della società e assumendo obblighi a favore della società. Effettivamente, sembra che fra i primi passi presi dal consiglio di amministrazione fraudolento vi furono le sue decisioni di chiamare due assemblee generali degli azionisti che ai richiedenti fu impedito di frequentare, nella prospettiva di effettuare ulteriori cambi alla costituzione ed alla gestione della società (vedere paragrafi 20 sopra). La Corte della Città Sofia, apparentemente basata sulla registrazione nel registro fatta facendo seguito alla decisione n. 9, considerò quelle riunioni come se fossero state condotte validamente e registrò le decisioni passate da queste nel registro di società, mentre allo stesso tempo si rifiutò di registrare le decisioni prese nel meeting“parallelo” tenuto dai richiedenti, al motivo che non era stato chiamato dal consiglio di amministrazione legittimo (vedere paragrafi 21 e 22 sopra).
83. In seguito alle richieste legali di OMISSIS ed OMISSIS, le corti nazionali annullarono la decisione n. 9 e le corrispondenti registrazioni nel registro di società. Loro trovarono che non era stata fatta facendo seguito ad una richiesta da parte di una persona avente diritto a fare tale richiesta e non fece riferimento a nessuna decisione dei corpi della società (vedere paragrafi 28 e 33 sopra). Inoltre, il pannello disciplinare del Consiglio Giudiziale Supremo trovò che nell'emettere la decisione il Giudice R.P. aveva volontariamente violato i suoi doveri professionali, aveva commesso un numero di violazioni procedurali ed aveva distorto le prove (vedere paragrafo 40 sopra). La Corte non vede nessuna ragione di mettere in dubbio quelle conclusioni, e di conseguenza conclude che la decisione che ha generato l'interferenza con la proprietà dei richiedenti era manifestamente illegale ed arbitraria.
84. Rimane da stabilire se, come richiesto dagli obblighi positivi dello Stato sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, la legge bulgara riconosceva ai richiedenti dei mezzi efficaci per proteggersi contro le conseguenze dannose della decisione n. 9-in particolare, le possibilità che ha dato alle altre persone private di interferire con il loro portafoglio di azioni in MTFU-, e se l'annullamento di questa decisione più di quattro anni dopo essere stata resa era sufficiente per fornire ai richiedenti compensazione effettiva. Nella prospettiva della Corte, la risposta a entrambe le domande è negativa , per le seguenti ragioni.
85. I richiedenti cercarono di ostacolare la situazione creata dalla decisione n. 9 dall’ampliamento del loro svantaggio in due modi. Due di loro -OMISSIS ed OMISSIS-quasi immediatamente chiesero l'annullamento della decisione (vedere paragrafi 24 e 31 sopra). Anche altri due richiedenti, OMISSIS impugnarono la decisione, così come le tre decisioni susseguenti (vedere paragrafo 35 sopra). Inoltre, OMISSIS chiese ed ottenne un'ingiunzione provvisoria che impediva al consiglio “creato” da questa decisione di prendere qualsiasi decisione manageriale e di disporre dei beni di società, e proibendo che avesse luogo la prima assemblea generale di azionisti chiamata da questo consiglio (vedere paragrafo 25 sopra). Questi passi sembrano completamente ragionevoli sotto le circostanze, per due ragioni. Prima, la situazione creata dalla decisione n. 9 era estremamente insolita e fuori linea col modo normale in cui il registro di società avrebbe dovuto operare. In secondo luogo, a quel tempo la giurisprudenza delle corti bulgare sulla procedura da seguire per impugnare delle decisioni illegali di corpi di società e registrazioni erronee nel registro di società e sulla disponibilità di vie di ricorso provvisorie in collegamento con simili richieste non era apparentemente stabilito, come attestato dal bisogno della Corte Suprema di Cassazione per rendere nel dicembre 2002-più di due anni dopo gli eventi in questione-una decisione interpretativa che chiarisse le divergenze nella giurisprudenza delle corti in questo ambito (vedere paragrafo 58 sopra). Come risultato della reazione delle corti alle richieste dei richiedenti comunque, i loro sforzi si dimostrarono senza successo. Ciò permise al consiglio di amministrazione fraudolento, non controllato di intraprendere un certo numero di passi in relazione agli affari sociali di MTFU ed al portafoglio di azioni dei richiedenti in questa.
86. È vero che i richiedenti avrebbero potuto tentare , inoltre, di impugnare le decisioni di questo consiglio sotto la sezione 71 dell’Atto sul Commercio del 1991 e le decisioni delle assemblee generale di azionisti chiamate con questo sotto la sezione 74 dello stesso Atto (vedere paragrafo 56 sopra). È anche concepibile che loro avrebbero potuto tentare di chiedere il risarcimento per il danno causato dalle azioni di questi membri del consiglio-o dai loro rappresentanti, come il Sig. B.S. -sotto gli articoli speciali che prevedono la responsabilità dei membri del consiglio (vedere paragrafo 57 sopra) o sotto il diritto dell'atto illecito generale. L'esistenza di meri dubbi in merito alle prospettive del successo di una particolare via di ricorso che non è evidentemente futile non assolve un richiedente dal dovere di usare il ricorso a questa (vedere, fra le altre autorità, Van Oosterwijck c. Belgio, 6 novembre 1980, § 37 Serie A n. 40; Brusco c. Italia (dec.), n. 69789/01, ECHR 2001-IX; Miloševiæ c. Paesi Bassi (dec.), n. 77631/01, 19 marzo 2002; e Kamburov c. Bulgaria (dec.), n. 14336/05, § 61 in fine 6 gennaio 2011). Comunque, la Corte non considera che i richiedenti possono essere criticati per non essersi avvalsi di una via di ricorso che sarebbe stata destinata essenzialmente alla stessa fine di quelle che loro avevano usato e che non avrebbero avuto una migliore prospettiva di successo (vedere Iatridis c. Grecia [GC], n. 31107/96, § 47, ECHR 1999-II e, più recentemente, Mileva ed Altri c. Bulgaria, N. 43449/02 e 21475/04, §§ 77 e 82, 25 novembre 2010). Inoltre, presumendo anche che simili rivendicazioni avessero avuto un'opportunità ragionevole di avere successo, nelle circostanze molto insolite di questa causa loro avrebbero potuto con ogni probabilità togliere pienamente ed adeguatamente le conseguenze dell'interferenza con la proprietà dei richiedenti ed assicurare l’ottemperanza con gli obblighi positivi dello Stato sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, per due ragioni. Prima, come evidente dal corso dei procedimenti introdotti da OMISSIS (vedere paragrafo 36 sopra) qualsiasi rivendicazione introdotta dai richiedenti in relazione alle azioni del consiglio sarebbe stata, con ogni probabilità, sospesa per attendere il risultato dei procedimenti contro la decisione n. 9, ed avrebbe impiegato così molti anni per esaminare, con ogni probabilità concedendo al consiglio ampio tempo per proteggersi dalla responsabilità. In secondo luogo, i richiedenti sarebbero stati costretti a introdurre richieste individuali contro la moltitudine di decisioni passate da questo consiglio in tutto il considerevole periodo di tempo -più di quattro anni-durante cui ancora veniva considerato dal mondo esterno, incluso le corti, come costituito validamente per la ragione di comparire nel registro di società. Come evidente dalla decisione interpretativa di Cassazione n. 1 del 2002 della Corte Suprema , l'annullamento di una decisione di un consiglio o di un'assemblea generale di azionisti di una società sotto le sezioni 71 e 74 non ha effetto retrospettivo (vedere paragrafo 58 sopra). Sarebbe stato molto difficile per i richiedenti districare le azioni del consiglio. Detto ciò, il loro insuccesso nel ricorrere a quelle vie di ricorso, e tentare così di attenuare la loro perdita, può essere preso in considerazione ai fini dell’ Articolo 41 della Convenzione (vedere, mutatis mutandis, Hornsby c. Grecia, 19 marzo 1997, § 37 in fine Relazioni delle Sentenze e Decisioni 1997-II, ed Iatridis, citata sopra, § 47).
87. Nella prospettiva della Corte, la precarietà e l'illegalità palese delle situazioni procreate dalla decisione n. 9 richiamarono la disponibilità di, prima, misure urgenti per impedirei allargare da il danno dei richiedenti e colpire, forse irrevocabilmente, i loro portafoglio di azioni in MTFU e, secondo, procedure rapide che permettessero ai richiedenti di mettere fine alla situazione.
88. Nel caso, le vie di compensazione tentate dai richiedenti non soddisfecero comunque, quei requisiti. I tentativi dei richiedenti di sospendere gli effetti delle decisioni N. 9 e 10 ed ostacolare il consiglio di amministrazione fraudolento e l’ amministratore delegato designato da lui dall'esercitare i loro poteri rimasero senza successo. Non ci si attenne pienamente all'ingiunzione provvisoria ottenuta da OMISSIS il 21 settembre 1999 nemmeno mentre era ancora in essere cioè fino al 3 novembre 1999 (vedere paragrafi 25 e 26 sopra). Aveva ordinato, inter alia che l'assemblea generale degli azionisti di MTFU programmata per il 30 settembre 1999 venisse posticipata. Comunque, la riunione ebbe luogo e alle sue decisioni fu data sanzione ufficiale dalla Corte della Città che registrò i cambi al consiglio di MTFU adottato da questo nel registro di società (vedere paragrafi 20 e 21 sopra). Più importante, la Corte della Città di Sofia accantonò l'ingiunzione approssimativamente un mese e mezzo dopo che era stata accordata, mentre sostenne che il risarcimento provvisorio non era appropriato nelle circostanze (vedere paragrafo 26 sopra).
89. Le richieste legali introdotte da OMISSIS ed OMISSIS, invece di essere trattate velocemente come richiesto dall'urgenza della situazione, furono esaminate dalle corti sotto la procedura normale applicabile a procedimenti civili per i tre livelli del sistema di corte il che impiegò nella causa di OMISSIS, quattro anni e due mesi (da settembre 1999 fino al 3 novembre 2003-vedere paragrafi 24-27 sopra), e nella causa di OMISSIS, approssimativamente quattro anni e sette mesi (da 28 luglio 1999 fino al 9 marzo 2004-vedere paragrafi 31-33 sopra). Impiegò poi molti anni di più per esaminare le rivendicazioni introdotte da OMISSIS (vedere paragrafi 35-38 sopra). Nelle circostanze, quelli periodi non possono essere riguardati proprio come ragionevoli. La situazione richiedeva una risposta molto più accelerata da parte delle corti, perché, in mancanza di qualsiasi via di ricorso provvisorie, durante il periodo in cui procedimenti principali erano pendenti, i richiedenti non avevano nessun mezzo per opporsi efficacemente alla moltitudine di passi che avevano intrapreso le persone registrate nel registro di società come la nuova gestione di MTFU, e di ostacolare l'effetto dannoso di quei passi su il loro portafoglio di azioni nella società.
90. La Corte nota inoltre che i richiedenti presentarono numerosi reclami presso gli altri corpi Statali che diedero luogo solamente ad un’ azione disciplinare contro Giudice R.P. (vedere paragrafi 23 e 40 sopra).
91. Nella prospettiva del precedente, la Corte conclude, che la procedura disponibile sotto la legge bulgara ha fallito nell’ offrire compensazione effettiva ai richiedenti e nel dare loro la protezione adeguata dalle conseguenze delle decisioni di registrazione che hanno abilitato dolosamente delle persone private a prendere il controllo della loro società (per contrasto, mutatis mutandis, Bennich-Zalewski citata sopra, §§ 94 e 96-97). Ne segue che i richiedenti possono ancora essere considerati come vittime di una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
92. La Corte sostiene perciò che c'è stata una violazione di questa disposizione a causa dell'interferenza illegale con la proprietà dei richiedenti e il conseguente fallimento dello Stato nell’annullare con successo le conseguenze di una modifica, e respinge l'eccezione del Governo di mancanza di status di vittima ed il primo risvolto della loro eccezione di non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali.
III. AZIONI DI RECLAMO SOLLEVATE DOPO CHE L’AVVISO DELLA RICHIESTA FU DATA AL GOVERNO
93. La Corte osserva che dopo avviso della richiesta fu dato al Governo, nelle loro osservazioni in replica a quelli del Governo i richiedenti si lamentarono sotto Articolo 6 § 1 della Convenzione sulla lunghezza e dell'iniquità allegato dei procedimenti portata con OMISSIS (vedere divide in paragrafi 6 e 35-39 sopra). Loro dibatterono che quelle azioni di reclamo non erano nuove, come i procedimenti in questione era stato menzionato nella richiesta iniziale, dove i richiedenti già si erano appellati su Articolo 6 § 1 della Convenzione. Per la loro parte, il Governo contese, che quelle azioni di reclamo erano nuove e non dovrebbero essere prese su con la Corte.
94. La Corte nota che nella loro richiesta iniziale i richiedenti sollevarono azioni di reclamo sotto Articolo 6 § 1 della Convenzione (vedere paragrafo 63 sopra). Comunque, quelle azioni di reclamo non concernerono l'equità dei procedimenti portata con OMISSIS che a che tempo ancora sia pendente di fronte alla corte di primo-istanza (vedere paragrafo 36 sopra). In quelle circostanze, può essere considerato, che le azioni di reclamo sotto Articolo 6 § 1 della Convenzione relativo all'equità e la lunghezza di quelli procedimenti sono nuovi, e non un'elaborazione dei richiedenti ' azioni di reclamo iniziali, e che non è perciò appropriato per prenderli separatamente su a questo stadio (vedere Nuray Şen c. la Turchia (n. 2), n. 25354/94, §§ 199-200 30 marzo 2004; Melnik c. l'Ucraina, n. 72286/01, §§ 61-63 28 marzo 2006; Maznyak c. l'Ucraina, n. 27640/02, § 22 31 gennaio 2008; Kuncheva c. la Bulgaria, n. 9161/02, § 18 3 luglio 2008; Lisev c. la Bulgaria, n. 30380/03, § 33 26 febbraio 2009; e Tsonyo Tsonev c. la Bulgaria, n. 33726/03, § 24 1 ottobre 2009). La Corte non li esaminerà perciò. In qualsiasi l'evento, già trattò con tutti gli aspetti di materiale della causa sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
IV. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
95. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. danno Patrimoniale
1. Rivendicazioni con tutti i richiedenti nella loro veste come azionisti in MTFU
96. A riguardodi danno patrimoniale, i richiedenti chiesero un totale di 11,663,010 levs bulgari (BGN) (l'equivalente di approssimativamente 5,963,202 euro (EUR)) che rappresentò loro pro rata divida dei beni di MTFU il più importante di che erano il diritto di uso del centro di addestramento Statale in Bistritsa accordati alla società nel 1990. Loro arrivarono a che somma nella maniera seguente. Secondo un rapporto competente ottenuto con loro a dicembre 2009 (vedere paragrafo 98 sotto), il valore di mercato equo del diritto di uso a che tempo era BGN 29,257,000. Questa somma sarebbe ridotta entro venti per cento, perché a luglio 1999 il diritto già era stato godè per pressocché dieci anni che rappresentarono venti per cento della sua durata complessiva (cinquanta anni). La somma risultante era BGN 23,405,600. Moltiplicato entro 49.83% (i richiedenti ' combinò gioco in MTFU a luglio 1999), quel diede la cifra di BGN 11,663,010.
97. I richiedenti presentarono che il danno ai loro portafoglio di azioni in MTFU e gli affari della società che avevano cominciato a luglio 1999 era irreparabile e non poteva essere soppresso l'effetto di una modifica. Prima che, MTFU stava facendo piuttosto bene. Dopo gli eventi in oggetto, il suo settore di attività principale era stato abbandonato, e nel 2007 e 2008 non aveva affisso ufficio imposte a tutti da addestramento professionale. Il numero di persone assunto con la società aveva declinato anche. L'ufficio imposte di fronte all'interferenza era stato per lo più a causa del bene principale della società-il diritto di uso del centro di addestramento in Bistritsa. Nel 1990 la società aveva pagato il pieno valore di che diritto, e più tardi si era preso la buon cura della proprietà, mentre investendo importi considerevoli di soldi per sostenere e svilupparlo. Il valore di che il bene era perciò una buona guida per il danno patrimoniale subito coi richiedenti come un risultato dell'interferenza coi loro portafoglio di azioni.
98. Il rapporto competente presentato coi richiedenti fu disegnato su a dicembre 2009 con geometri trattenuti con loro. Il rapporto, basato su documenti ed informazioni approvvigionate coi richiedenti, pubblicamente documenti disponibili ed un'ispezione esterna dei locali in Bistritsa si appellati su due metodi di determinare il valore di mercato equo del centro di addestramento. Il primo metodo, basato sul valore di sostituzione della proprietà, arrivò ad una cifra di BGN 33,373,800. Il secondo metodo, basato sul flusso in contanti e scontato dell'ufficio imposte dalle attività che potrebbero essere sviluppate nel centro di addestramento-turismo di conferenza per lo più-arrivò ad una cifra di BGN 25,140,400. Gli esperti calcolarono poi il mezzo di aritmetica delle cifre che sono il risultato di ognuno dei due metodi, mentre ottenendo BGN 29,257,100 e poi l'approximating questa somma a BGN 29,257,000.
99. Il Governo presentò che le rivendicazioni erano eccessive e speculative. Loro obiettarono ai richiedenti ' che li basa sul valore del centro di addestramento in Bistritsa, mentre indicando che fu posseduto con lo Stato. Il diritto di uso del centro era stato accordato a MTFU nel 1990 su termini preferenziali, ed entro 2000 era stato estinto. La sentenza da che cosa la Corte Costituzionale dichiarò paragrafo 6 dei di transizione e disposizioni finali della Proprietà Statale Atto 1996 incostituzionale aveva avuto effetto solamente eventuale.
100. La Corte reitera che una sentenza nella quale trova una violazione impone sullo Stato rispondente un obbligo legale per porre fine alla violazione e costituire riparazione le sue conseguenze in tale modo come ripristinare il più lontano possibile la situazione che esiste di fronte alla violazione (vedere, fra molte altre autorità, Brumărescu c. la Romania (soddisfazione equa) [GC], n. 28342/95, § 20 ECHR 2000-io, ed Iatridis c. la Grecia (soddisfazione equa) [GC], n. 31107/96, § 32 ECHR 2000-XI).
101. Comunque, la natura e la misura della soddisfazione equa per essere riconosciuto direttamente con la Corte sotto Articolo 41 della Convenzione dipendono dalla natura della violazione (vedere Sovtransavto Holding c. l'Ucraina (soddisfazione equa), n. 48553/99, §§ 52 in limine e 55 in limine, 2 ottobre 2003; Todorova ed Altri c. la Bulgaria (soddisfazione equa), N. 48380/99, 51362/99 60036/00 e 73465/01, § 8 in limine 24 aprile 2008; e Kushoglu c. la Bulgaria (soddisfazione equa), n. 48191/99, §§ 11-15 3 luglio 2008). Ci deve essere inoltre, un collegamento causale e chiaro fra il danno chiesto col richiedente e la violazione (vedere, fra le altre autorità, Tenda c. il Regno Unito, n. 44277/98, § 47 24 giugno 2003). In oltre, la Corte gode una certa discrezione nell'esercizio del potere conferito con Articolo 41, siccome è sopportato fuori con l'aggettivo “equo” e la frase “se necessario” nel suo testo (vedere Guzzardi c. l'Italia, 6 novembre 1980, § 114 la Serie Un n. 39). Effettivamente, Articolo 41 conferisce poteri la Corte per riconoscere la vittima simile soddisfazione siccome sembra a sé per essere appropriato se legge nazionale non concede-o concede solamente parziale-riparazione per essere reso (vedere Comingersoll S.A. c. il Portogallo [GC], n. 35382/97, § 29 ECHR 2000-IV; Wolkenberg ed Altri c. la Polonia (il dec.), n. 50003/99, § 76 ECHR 2007-XIV (gli estratti); Todorova ed Altri (soddisfazione equa), citato sopra, § 7; e Kushoglu (soddisfazione equa), citato sopra, § 9). Se diritto nazionale e la natura del danno subissero col richiedente renda possibile simile riparazione, le prese di Corte che nella considerazione sotto Articolo 41, facendo domanda una riduzione appropriata dell'assegnazione di soddisfazione equa qualche volta (vedere Todorova ed Altri (soddisfazione equa), citato sopra, §§ 43-46, e contrasto De Wilde, Ooms e Versyp c. il Belgio (Articolo 50), 10 marzo 1972, § 20 la Serie Un n. 14), e declinando rendere qualche volta qualsiasi assegnazione a tutti (vedere Patrikova c. la Bulgaria, n. 71835/01, §§ 113 e 115, 4 marzo 2010).
102. Nella causa presente, il primo aspetto della violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 consistè nell'emissione illegale di decisione n. 9 della Sofia Città Corte che permise persone che non avevano niente per fare con la società nella quale i richiedenti erano azionisti per agire sul suo conto e prendere un numero di passi che avevano un impatto negativo sui richiedenti i portafoglio di azioni di '. La Corte già ha trovato che questo non era comparabile ad una privazione di proprietà (vedere paragrafo 81 in multa sopra). Il secondo aspetto della violazione consistito nell'insuccesso che consegue dello Stato per riconoscere i richiedenti appropria vuole dire di proteggersi efficacemente contro le azioni preso con quelle persone. Quel non può essere associato ad o ad una privazione di proprietà. Il risarcimento per essere esposto non ha bisogno di necessariamente riflettere perciò, l'idea sull'eliminazione totale delle conseguenze della violazione. Che detto, l'aveva non stato per la violazione, i richiedenti avrebbero, in ogni probabilità, tenuto i loro portafoglio di azioni nella società che li avrebbe dati un titolo ad al pagamento di dividendi e, nell'evento di un serpeggiamento-su della società, ad una rata del pro divida dei suoi beni rimanenti. Loro si possono riguardare perciò siccome avendo sofferto di una vera perdita di opportunità che lo Stato deve indennizzare (vedere, mutatis mutandis, Sovtransavto Holding (soddisfazione equa), citato sopra, §§ 55 in multa, 68 e 71, e Sildedzis c. la Polonia, n. 45214/99, § 58 24 maggio 2005). Comunque, la Corte non è capace di accettare la proposta di ' i richiedenti per il preventivo del quantum di che capo di danno, per molte ragioni.
103. Prima, è basato sul locale che di piena riparazione è avuta bisogno, come se la causa concernesse privazione di proprietà che non fa. In secondo luogo, la Corte non si persuade che il calcolo del danno può essere basato direttamente sul valore, nel 2009 dei beni della società nei quali i richiedenti erano azionisti (vedere, mutatis mutandis, Sovtransavto Holding (soddisfazione equa), citato sopra, §§ 56 e 72). C'è in terzo luogo, del dubbio come a se dopo l'adozione di paragrafo 6 dei di transizione e disposizioni finali della Proprietà Statale Atto 1996, anche se conto è preso dell'abrogazione susseguente della disposizione con la Corte Costituzionale, la società continuò ad avere il buon titolo in legge al più grande e più importante dei suoi beni-il diritto di uso del centro di addestramento Statale in Bistritsa (vedere divide in paragrafi 41-45 e 59-60 sopra). Fourthly, la Corte non può trascurare i fatti che l'attore primario nel rilevamento fraudolento dei richiedenti la società di ' non sia le autorità ma persone private, e che nessuni dei richiedenti tentò di ottenere il risarcimento per il danno causò con le persone che dolosamente presero controllo della loro società e così attenuano le loro perdite (vedere paragrafo 86 sopra). Infine, il calcolo della perdita subito inevitabilmente coi richiedenti comporta un grado di speculazione (vedere, mutatis mutandis, Zlínsat, spol. s r.o. c. la Bulgaria (soddisfazione equa), n. 57785/00, § 43, 10 gennaio 2008 con gli ulteriori riferimenti).
104. In prospettiva di quelle considerazioni, ed osservando che un calcolo preciso delle somme necessario rendere buono le perdite patrimoniali subite coi richiedenti possono essere ostacolate col carattere inerentemente incerto del danno che fluisce dalla violazione (vedere, mutatis mutandis, Tenda, citato sopra, § 49), la Corte considera che deve decidere sugli importi per essere assegnato sulla base dell'equità. Prendendo nell'esame le sue sentenze sopra, così come i richiedenti ' le rispettive quote nella società (vedere paragrafo 14 sopra), la Corte assegna loro gli importi seguenti, più qualsiasi tassa che può essere a carico di loro thereon:
(i) ad OMISSIS-EUR 2,500;
(l'ii) ad OMISSIS-EUR 500;
(l'iii) ad OMISSIS-EUR 2,400;
(l'iv) ad OMISSIS-EUR 500;
(v) ad OMISSIS-EUR 12,100;
(il vi) ad OMISSIS-EUR 3,900;
(il vii) ad OMISSIS-EUR 2,000;
(il viii) ad OMISSIS-EUR 1,000;
(l'ix) ad OMISSIS-EUR 1,000;
(x) ad OMISSIS-EUR 1,000; e
(il xi) ad OMISSIS-EUR 3,000.
2. Rivendicazioni di OMISSIS nella sua veste di direttore esecutivo di MTFU
105. Il Sig. Evtimov che aveva preso parte nella gestione di MTFU fin dalla formazione della società sino a depose coi consiglio di amministrazione “nominò” con la Sofia Città Corte per decisione n. 9, chiese un ulteriore BGN 341,725 (l'equivalente di EUR 174,721) per perdita di salario e pagamenti relativi per il periodo fin da luglio 1999. Lui presentò che questa perdita era una conseguenza diretta della violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, e non poteva essere reso buono per i viali di compensazione disponibile sotto operi legge, perché la sua relazione con la società non fu governata con operi legge.
106. Il Governo presentò che non c'era collegamento causale fra la perdita chiesta e la violazione che le autorità non avevano interferito col lavoro di OMISSIS, che OMISSIS non si era avvalso di qualsiasi lavorare-legge rimedia ad eseguire i suoi diritti di lavoro, e che la rivendicazione, mentre essendo basato sull'assunzione che OMISSIS sarebbe rimasto direttore esecutivo di MTFU sino al presente, era speculativo.
107. La Corte osserva che la violazione trovata nella causa presente riguardato azioni Statali ed omissioni in relazione ai richiedenti '-incluso OMISSIS-portafoglio di azioni in MTFU, non le relazioni di OMISSIS con la società nella sua veste come il suo direttore esecutivo. In prospettiva di che, benché gli eventi in questione anche aveva un impatto sulla posizione di OMISSIS come un ufficiale della società, la Corte non è persuasa che là esiste un collegamento causale e sufficiente fra il danno subito presumibilmente con lui e la violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, e respinge la sua rivendicazione sotto questo capo.
B. Danno non-patrimoniale
108. I richiedenti che sono persone fisiche presentarono che loro avevano sofferto dell'angoscia seria e la frustrazione come un risultato dell'incertezza procreato con l'interferenza dello Stato con MTFU ed i cambi che conseguono nella società contro la quale le autorità erano andate a vuoto ad offrirloro via di ricorso opportune ed effettive. Loro avevano patito anche la perdita dei loro lavori nella società come un risultato del loro proscioglimento col direttore esecutivo e nuovo, e dall'atteggiamento passivo delle autorità all'interferenza arbitraria coi loro portafoglio di azioni. Le società di richiedente, per la loro parte indicarono che la Corte già aveva accettato che una società commerciale poteva, in principio, sia assegnato il risarcimento a riguardodi simile danno. Loro dibatterono che la situazione li aveva messi in una posizione dell'incertezza e l'incapacità per in modo appropriato condurre i loro affari.
109. Su che base, i richiedenti chiesero BGN 50,000 (l'equivalente di EUR 25,565) ognuno, a parte OMISSIS, OMISSIS ed OMISSIS.
110. OMISSIS chiese BGN 200,000 (l'equivalente di EUR 102,258), indicando che aveva montato richieste legali contro decisioni N. 9 e 10 della Sofia Città Corte ed i loro effetti, ed aveva depositato un numero di azioni di reclamo con le varie autorità Statali. Aveva sofferto così della fatica supplementare, specialmente su conto della durata eccessiva dei procedimenti contro le due decisioni di corte.
111. OMISSIS contese anche che lui aveva sofferto della fatica supplementare, perché sino a luglio 1999 lui aveva notificato come il direttore esecutivo del MTFU ed era stato rimosso umiliantemente da che posizione come un risultato degli sviluppi in questione nella causa. Come OMISSIS, lui aveva portato inoltre, una richiesta legale contro decisioni N. 9 e 10, ed aveva presentato reclami con le varie autorità Statali. La sua salute aveva deteriorato come un risultato dello stress che lui aveva sopportato. Su questa base, OMISSIS chiese BGN 300,000 (l'equivalente di EUR 153,388).
112. OMISSIS chiese BGN 90,000 (l'equivalente di EUR 46,016). Lei dibattè che, essendo un avvocato, lei era stata colpita particolarmente con gli arbitrari ed azioni illegali delle autorità e della gestione nuova di MTFU. Come la moglie di OMISSIS, lei era stata colpita anche con la sua angoscia e subendo. La sua salute aveva deteriorato di conseguenza.
113. Il Governo considerò che le rivendicazioni erano esorbitanti e che la rivendicazione di OMISSIS era inammissibile.
114. La Corte considera che i richiedenti che sono persone fisiche hanno dovuto soffrire dell'angoscia e la frustrazione come un risultato della violazione dei loro diritti sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. Decidendo in equità, assegna ognuno EUR 4,000 ad OMISSIS. Come per OMISSIS, la Corte considera, che la sua professione non la mise in una posizione diverso da che degli altri richiedenti. Né la Corte discerne un collegamento causale e sufficiente fra la violazione e lo stress di OMISSIS e subendo come la moglie di OMISSIS ed il deterioramento della sua salute. Perciò, le assegna lo stesso importo come ai richiedenti summenzionati -EUR 4,000. Come per OMISSIS, la Corte non è persuasa, che là esiste un collegamento causale e sufficiente fra la violazione e la frustrazione delle quali è probabile che OMISSIS avrebbe sofferto come un risultato di perdere la sua posizione come direttore esecutivo, o il deterioramento della sua salute. Comunque, prendendo in considerazione la sua angoscia e la frustrazione nella sua veste come un azionista in MTFU, il suo avendo un più grande gioco nella società che gli altri richiedenti, ed i suoi sforzi sostenuti di rettificare la situazione, la Corte gli assegna EUR 6,000. Agli importi summenzionati sarà aggiunto qualsiasi tassa che può addebitabile.
115. Riguardo alle rivendicazioni rese con le società di richiedente, la Corte nota, che non ha deciso davvero fuori che una società commerciale può essere assegnata il risarcimento a riguardodi danno non-patrimoniale che può includere capi di rivendicazione al quale è un più grande o minore misura “l'obiettivo” o “soggettivo.” Fra questi, conto dovrebbe essere preso della reputazione della società, l'incertezza nel progettare e presa di decisione, la disgregazione nella gestione della società ed infine, benché ad un minore grado, l'ansia e disturbo causarono ai membri dell'organizzazione aziendale (vedere, fra le altre autorità, Comingersoll S.A. c. il Portogallo [GC], n. 35382/97, §§ 32-36 ECHR 2000-IV; Sovtransavto Holding (soddisfazione equa), citato sopra, §§ 78-81; e Dacia SRL c. la Moldavia (soddisfazione equa), n. 3052/04, § 60 24 febbraio 2009). Comunque, al giorno d'oggi la causa non c'è indicazione che gli eventi in questione colpì negativamente in qualsiasi modo significativo le reputazioni, pianificazione e presa di decisione o gestione di OMISSIS per che possedendo quote in MTFU non sembra essere stato una parte centrale delle loro società (il contrasto Dacia SRL, citato sopra, § 61). Come per OMISSIS ed OMISSIS-società possedute completamente con OMISSIS ed OMISSIS (vedere paragrafo 1 sopra)-la Corte non considera che loro subirono qualsiasi danno non-patrimoniale supplementare a quel subì con quelli due richiedenti. In luce di queste considerazioni, la Corte conclude, che la sentenza di una violazione costituisce soddisfazione equa e sufficiente per qualsiasi danno non-patrimoniale subì con le quattro società di richiedente.
C. Costi e spese
116. I richiedenti chiesero EUR 3,220 per quaranta-sei ore di lavoro legale col loro rappresentante legale, OMISSIS, ad un tasso orario di EUR 70, dopo la comunicazione della richiesta presente. In appoggio di che rivendicazione, loro presentarono un accordo di parcella e due strati di tempo. Loro richiesero che qualsiasi somma assegnata sotto questo capo sia pagata direttamente nel conto bancario di OMISSIS.
117. In oltre, i richiedenti chiesero EUR 1,820 per il lavoro compiuto dopo la comunicazione della richiesta con un altro avvocato che non li rappresentò di fronte alla Corte. In appoggio di questa rivendicazione loro presentarono strati di tempo coi quali non erano stati firmati quel l'avvocato.
118. I richiedenti chiesero anche: (un) EUR 1,200, pagò con loro per servizi legali ottenuti in collegamento col disegnando su della loro richiesta; (b) BGN 1,311.70 (l'equivalente di EUR 670.66), per affrancatura e traduzione di documenti; e (il c) BGN 3,000 (l'equivalente di EUR 1,534), per parcelle pagate per il rapporto competente presentato in appoggio delle loro rivendicazioni per danno patrimoniale (vedere paragrafo 98 sopra). In appoggio di queste rivendicazioni, loro presentarono le ricevute attinenti.
119. Il Governo considerò che le rivendicazioni per parcelle legali erano eccessive. Loro suggerirono che nel valutare il quantum dell'assegnazione, la Corte dovrebbe avere, riguardo ad agli articoli che governano gli importi pagabile consigliare per la loro comparizione di fronte alle corti nazionali. Inoltre, loro presentarono che le spese per il rapporto competente non erano state necessarie, determinate che aveva concernito il valore del centro di addestramento in Bistritsa che era proprietà dello Stato.
120. Secondo la causa-legge della Corte, costi e spese chieste sotto Articolo 41 davvero e necessariamente sono dovute essere incorse in e ragionevole come a quantum. Quando in considerazione di una rivendicazione per la soddisfazione equa, la Corte non è legata con scale nazionali o standard (vedere, come una recente autorità, Mileva ed Altri, citato sopra, § 125 in limine, con gli ulteriori riferimenti). Al giorno d'oggi la causa, avendo riguardo ad al criterio sopra, la Corte assegna EUR 2,500 a riguardodelle parcelle legali di OMISSIS. Questa somma sarà pagata direttamente nel conto bancario di OMISSIS. La Corte assegna in pieno le spese delineate in paragrafo 118 sopra, mentre corrispondendo ad EUR 3,404.66 in totale, trovando che loro sono stati necessariamente e davvero incorsi in e sono sembrati ragionevole come a quantum. Questi saranno pagati direttamente ai richiedenti.
121. D'altra parte la Corte non si persuade che le somme pagarono per i servizi di un altro avvocato dopo la comunicazione della richiesta (vedere paragrafo 116 sopra) davvero e necessariamente era incorso in, determinato che questo avvocato non rappresentò i richiedenti di fronte alla Corte e non ha firmato gli strati di tempo presentati con loro. Di conseguenza, la Corte respinge queste rivendicazioni.
D. Interesse di mora
122. La Corte considera appropriato che l’interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Decide di cancellare la causa dal ruolo nella misura in cui riguarda OMISSIS;
2. Decide di congiungere ai meriti la questione se i richiedenti possono ancora rivendicare di essere vittime della violazione addotta dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 e se i richiedenti avrebbero dovuto ricorrere alle vie di ricorso suggerite dal Governo nel primo Atto sul Commercio della loro eccezione di non-esaurimento;
3. Rifiuta il secondo ed il terzo Atto sul Commercio dell'eccezione del Governo del non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali;
4. Dichiara ammissibile l'azione di reclamo sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1;
5. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 e respinge l'eccezione del Governo per la perdita di status di vittima ed il primo Atto sul Commercio della loro eccezione di non-esaurimento;
6. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione i seguenti importi, da convertire in lev bulgari al tasso applicabile in data dell’ accordo:
(i) ad OMISSIS, EUR 2,500 (due mila cinquecento euro) a riguardo del danno patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su quell'importo;
(ii) ad OMISSIS, EUR 500 (cinquecento euro) a riguardo di danno patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su quell'importo;
(iii) ad OMISSIS, EUR 2,400 (due mila quattrocento euro) a riguardo di danno patrimoniale, più qualsiasi tassa sulla quale può essere addebitabile quel l'importo;
(iv) ad OMISSIS, EUR 500 (cinquecento euro) a riguardo di danno patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su quell'importo;
(v) ad OMISSIS, EUR 12,100 (dodici mila cento euro) a riguardo di danno patrimoniale ed EUR 6,000 (sei mila euro) a riguardo di danno non-patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su questi importi;
(vi) ad OMISSIS, EUR 3,900 (tre mila novecento euro) a riguardo di danno patrimoniale ed EUR 4,000 (quattro mila euro) a riguardo di danno non-patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su questi importi;
(vii) ad OMISSIS, EUR 2,000 (due mila euro) a riguardo di danno patrimoniale ed EUR 4,000 (quattro mila euro) a riguardo di danno non-patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su questi importi;
(viii) ad OMISSIS, EUR 1,000 (mille euro) a riguardo di danno patrimoniale ed EUR 4,000 (quattro mila euro) a riguardo di danno non-patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su questi importi;
(l'ix) ad OMISSIS, EUR 1,000 (mille euro) a riguardo di danno patrimoniale ed EUR 4,000 (quattro mila euro) a riguardo di danno non-patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su questi importi;
(x) ad OMISSIS, EUR 1,000 (mille euro) a riguardo di danno patrimoniale ed EUR 4,000 (quattro mila euro) a riguardo di danno non-patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su questi importi;
(il xi) ad OMISSIS, EUR 3,000 (tre mila euro) a riguardo di danno patrimoniale ed EUR 4,000 (quattro mila euro) a riguardo di danno non-patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su questi importi; e
(xii) congiuntamente a tutti i richiedenti, EUR 5,904.66 (cinque mila novecento e quattro euro e sessanta-sei centesimi), più qualsiasi tassa che può essere a carico dei richiedenti, per costi e spese EUR 2,500 (due mila cinquecento euro) di cui sarà pagato sul conto bancario di OMISSIS, ed il resto, EUR 3,404.66 (tre mila quattrocento e quattro euro e sessanta-sei centesimi), ai richiedenti stessi;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’ interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
7. Respinge il resto della richiesta dei richiedenti per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 20 settembre 2011, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Lorenzo Early Nicolas Bratza
Cancelliere Presidente
1. Il 5 luglio 1999 il lev bulgaro era stato rivalorizzato. Un lev nuovo bulgaro (BGN) equivaleva a 1,000 vecchi levs bulgari (BGL).




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 25/01/2021.