Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF OAO NEFTYANAYA KOMPANIYA YUKOS v. RUSSIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 1 (elevata)
ARTICOLI: 41, 14, 35, 06, 18, P1-1

NUMERO: 14902/04/2011
STATO: Russia
DATA: 20/09/2011
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

Conclusion Preliminary objection dismissed (non-exhaustion of domestic remedies) ; Violation of Art. 6-1+6-3-b ; Violation of P1-1 ; No violation of P1-1 ; No violation of Art. 14+P1-1 ; No violation of Art. 18+P1-1 ; Just satisfaction reserved
FORMER FIRST SECTION
CASE OF OAO NEFTYANAYA KOMPANIYA OMISSIS v. RUSSIA
(Application no. 14902/04)
JUDGMENT
STRASBOURG
20 September 2011
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of OAO Neftyanaya Kompaniya OMISSIS v. Russia,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Christos Rozakis, President,
Nina Vajić,
Khanlar Hajiyev,
Dean Spielmann,
Sverre Erik Jebens,
Giorgio Malinverni, judges,
Andrey Bushev, ad hoc judge,
and Søren Nielsen, Section Registrar,
Having deliberated in private on 24 June 2011,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 14902/04) against the Russian Federation lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by OMISSIS (“the applicant company”), on 23 April 2004.
2. The applicant was represented by Mr P. G., a lawyer practising in London. The Russian Government (“the Government”) were initially represented by Mr P. Laptev and Ms V. Milinchuk, former Representatives of the Russian Federation at the European Court of Human Rights, and subsequently by their Representative, Mr G. Matyushkin.
3. By a decision of 29 January 2009, the Court declared the application partly admissible.
4. The applicant and the Government each filed further written observations (Rule 59 § 1).
5. A hearing took place in public in the Human Rights Building, Strasbourg, on 4 March 2010 (Rule 59 § 3).
There appeared before the Court:
(a) for the Government
Mr G. Matyushkin, Agent,
Mr M. Swainston QC,
Mr T. Brennan QC,
Ms M. Lester,
Mr S. Midwinter,
Mr P. Wright,
Mr Kh. Ivanyan,
Mr V. Starzhenetskiy,
Ms N. Elina,
Ms O. Yurchenko,
Ms I. Koganova,
Ms D. Obyskalova,
Mr G. Abatourov,
Ms V. Utkina,
Mr O. Ovchar,
Ms T. Struchkova,
Mr D. Mikhaylov,
Mr V. Torkanovskiy,
Ms E. Filatova, Advisers;
(b) for the applicant
Mr P. Gardner, Counsel.
The Court heard addresses by Mr Gardner, Mr Matyushkin and Mr Swainston QC, as well as the answers by Mr Gardner and Mr Swainston QC to questions put to the parties.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
6. The applicant, OMISSIS, was a publicly-traded private open joint-stock company incorporated under the laws of Russia. It was registered in Nefteyugansk, the Khanty-Mansi Autonomous Region, and at the relevant time was managed by its subsidiary, OOO “OMISSIS” Moskva, registered in Moscow.
7. The applicant was a holding company established by the Russian Government in 1993 to own and control a number of stand-alone entities specialised in oil production. The company remained fully State-owned until 1995-1996 when, through a series of tenders and auctions, it was privatised.
A. Proceedings in respect of the applicant company’s tax liability for the year 2000
1. Tax assessment 2000
(a) Original tax inspection
8. Between 13 November 2002 and 4 March 2003 the Tax Inspectorate of the town of Nefteyugansk (“the Tax Office”) conducted a tax inspection of the applicant company.
9. As a result of the inspection, on 28 April 2003 the Tax Office drew up a report indicating a number of relatively minor errors in the company’s tax returns and served it on the company.
10. Following the company’s objections, on 9 June 2003 the Tax Office adopted a decision in which it found the company liable for having filed incomplete returns in respect of certain taxes.
11. The decision of the Tax Office was accepted and complied with by the company on 7 July 2003.
(b) Additional tax inspection
12. On 8 December 2003 the Tax Ministry (“the Ministry”), acting as a reviewing body within the meaning of section 87 (3) of the Tax Code, carried out an additional tax inspection of the applicant company.
13. On 29 December 2003 the Ministry issued a report indicating that the applicant company had a large tax liability for the year 2000. The detailed report came to over 70 pages and had 284 supporting documents in annex. The report was served on the applicant company on the same date.
14. The Ministry established that in 2000 the applicant company had carried out its activities through a network of 22 trading companies registered in low-tax areas of Russia (“the Republic of Mordoviya, the town of Sarov in the Nizhniy Novgorod Region, the Republic of Kalmykiya, the town of Trekhgornyy in the Chelyabinsk Region, the town of Lesnoy in the Sverdlovsk Region and the Evenk Autonomous District”). For all legal purposes, most of these entities were set up as entirely independent from the applicant, i.e. as belonging and being controlled by third persons, although their sole activity consisted of commissioning the applicant company to buy crude oil on their behalf from the company’s own oil-producing subsidiaries and either putting it up for sale on the domestic market or abroad, or first handing it over to the company’s own oil-processing plants and then selling it. There were no real cash transactions between the applicant company, its oil-processing and oil-producing subsidiaries and the trading entities, and the company’s own promissory notes and mutual offsetting were used instead. All the money thus accumulated from sales was then transferred unilaterally to the “Fund for Financial Support of the Production Development of OAO Neftyanaya Kompaniya OMISSIS”, a commercial entity founded, owned and run by the applicant company. Since at all relevant times the applicant company took part in all of the transactions of the trading companies, but acted as the companies’ agent and never as an owner of the goods produced and processed by its own subsidiaries and since the compensation paid by the trading entities for its services was negligible, the applicant company’s real turnover was never reflected in any tax documents and, consequently, in its tax returns. In addition, most of the trading companies were in fact sham entities, as they were neither present nor operated in the place of their registration. In addition, they had no assets and no employees of their own.
15. The Ministry found it established, among other things, that:
(a) the actual movement of the traded oil was from the applicant company’s production sites to its own processing or storage facilities;
(b) the applicant company acted as an exporter of goods for the purpose of customs clearance, even though the goods had formally been owned and sold by sham companies;
(c) through the use of various techniques, the applicant company indirectly established and, at all relevant times de facto, controlled and owned the sham entities;
(d) all accounting operations of the companies were carried out by the same two entities, OOO “OMISSIS” FBC and OOO “OMISSIS” Invest, both dependant on or belonging to the applicant company;
(e) the network of sham companies was officially managed by OOO “OMISSIS” RM, all official correspondence, including tax documents, being sent from the postal address of OOO “OMISSIS” Moskva, the applicant company’s managing subsidiary;
(f) the sham companies and the applicant company’s subsidiaries entered into transactions with lowered prices for the purpose of reducing the taxable base of their operations;
(g) all revenues perceived by the sham companies were thereafter unilaterally transferred to the applicant company;
(h) statements by the owners and directors of the trading entities, who confessed that they had signed documents that they had been required to sign by the officials of the applicant company, and had never conducted any independent activity on behalf of their companies, were true;
(i) and, lastly, that the sham companies received tax benefits unlawfully.
16. Having regard to all this, the Ministry decided that the activities of the sham companies served the purpose of screening the real business activity of the applicant company, that the transactions of these companies were sham and that it had been the applicant company, and not the sham entities, which conducted the transactions and became the owner of the traded goods. In view of the above, and also since neither the sham entities nor the applicant company qualified for the tax exemptions in question, the report concluded that the company, having acted in bad faith, had failed properly to reflect these transactions in its tax declarations, thus avoiding the payment of VAT, motorway tax, corporate property tax, tax for improvement of the housing stock and socio-cultural facilities, tax in respect of sales of fuels and lubricants and profit tax.
17. The report also noted specifically that the tax authorities had requested the applicant company to facilitate reciprocal tax inspections of several of its important subsidiaries. Five of the eleven subsidiary companies refused to comply, four failed to answer, whilst two entities filed incomplete documents. It also specified that during the on-site inspection the applicant company failed to provide the documents requested by the Ministry concerning the transportation of oil.
18. The report referred, inter alia, to Articles 7 (3), 38, 39 (1) and 41 of the Tax Code, section 3 of Law no. 1992-1 of the Russian Federation (RF) of 6 December 1991 “On Value-Added Tax”, sections 4 and 5 (2) of RF Law no. 1759-1 of 18 October 1991 “On motorway funds in the Russian Federation”, section 21 (“Ch”) of RF Law no. 2118-1 of 27 December 1991 “On the basics of the tax system”, Article 209 (1-2) of the Civil Code, section 2 of RF Law no. 2030-1 of 13 December 1991 “On corporate property tax”, section 2 (1-2) of RF Law no. 2116-1 of 27 December 1991 “On corporate profit tax”, Decision no. 138-O of the Constitutional Court of Russia of 25 July 2001 and Article 56 of the Tax Code.
19. On 12 January 2004 the applicant company filed its detailed thirty-page objections to the report. The company admitted that for a very short period of time it had partly owned three out of the twenty-two organisations mentioned in the report, but denied its involvement in the ownership and management of the remaining nineteen companies. They maintained this position about their lack of involvement in the companies in question throughout the proceedings.
20. During a meeting between the representatives of the Ministry and the company on 27 January 2004, the applicant company’s counsel were given an opportunity to state orally their arguments against the report.
21. Having considered the company’s objections, on 14 April 2004 the Ministry adopted a decision establishing that the applicant company had a large outstanding tax liability for the year 2000. As the applicant company had failed properly to declare the above-mentioned operations in its tax declarations and to pay the corresponding taxes, in accordance with Article 122 (3) of the Tax Code the Ministry found that the company had underreported its tax liability for 2000 and ordered it to pay 47,989,241,953 Russian roubles (“RUB”) (approximately 1,394,748,234 euros, (“EUR”)) in tax arrears, RUB 32,190,599,501.40 (approximately EUR 935,580,142) in default interest and RUB 19,195,696,780 as a 40% penalty (approximately EUR 557,899,293), totalling RUB 99,375,538,234.40 (approximately EUR 2,888,227,669). The arguments contained in the decision were identical to those of the report of 29 December 2003. In addition, the decision responded in detail to each of the counter-arguments advanced by the company in its objections of 12 January 2004.
22. The decision was served on the applicant company on 15 April 2004.
23. The company was given until 16 April 2004 to pay voluntarily the amounts due.
24. The applicant company alleged that it had requested the Ministry to clarify the report of 29 December 2003 and that the Ministry had failed to respond to this request.
(c) Institution of proceedings by the Ministry
25. Under a rule which made it unnecessary to wait until the end of the grace period if there was evidence that the dispute between the tax authority and the taxpayer was insoluble, the Ministry did not wait until 16 April 2004.
26. On 14 April 2004 it applied to the Moscow City Commercial Court (“the City Court”) and requested the court to attach the applicant company’s assets as a security for the claim.
27. By decision of 15 April 2004 the City Court initiated proceedings and prohibited the applicant company from disposing of some of its assets pending the outcome of litigation. The injunction did not concern goods produced by the company and related cash transactions.
28. By the same decision the court fixed the date of the preliminary hearing for 7 May 2004 and invited the applicant company to respond to the Ministry’s claims.
29. On 23 April 2004 the applicant company filed a motion in which it argued that the City Court had no territorial jurisdiction over the company’s legal headquarters and requested that the case be referred to a court in Nefteyugansk, where it was registered.
30. On 6 May 2004 the Ministry filed a motion inviting the court to call the applicant company’s managing subsidiary OOO “OMISSIS” Moskva as a co-defendant in the case.
(d) Hearing of 7 May 2004
31. At the hearing the City Court examined and dismissed the applicant company’s motion of 23 April 2004. Having regard to the fact that the applicant company was operated by its own subsidiary OOO “OMISSIS” Moskva, registered and located in Moscow, the court established that the applicant company’s real headquarters were in Moscow and not in Nefteyugansk. In view of the above, the court concluded that it had jurisdiction to deal with the case.
32. On 17 May 2004 the applicant company appealed against this decision. The appeal was examined and dismissed by the Appeals Division of the Moscow City Commercial Court (“the Appeal Court”) on 3 June 2004.
33. The City Court also examined and granted the Ministry’s motion of 6 May 2004. The court ordered OOO “OMISSIS” Moskva to join the proceedings as a co-defendant and adjourned the hearing until 14 May 2004.
34. At the hearing of 7 May 2004 the applicant company lodged with the City Court a separate action against the tax assessment of 14 April 2004, seeking to have the assessment decision declared unlawful. The applicant company’s brief came to 42 pages and had 22 supporting documents in annex. This action was examined separately and dismissed as unsubstantiated by the City Court on 27 August 2004. The judgment of 27 August 2004 was upheld on appeal on 23 November 2004. On 30 December 2005 the Circuit Court upheld the decisions of the lower courts.
(e) Hearing of 14 May 2004
35. In the meantime the tax assessment case continued. On 14 May 2004 the City Court rejected the applicant company’s request to adjourn the proceedings, having found that the applicant company’s counterclaim did not require such adjournment of the proceedings concerning the Ministry’s action.
36. OOO “OMISSIS” Moskva also requested that the hearing be adjourned as, it claimed, it was not ready to participate in the proceedings.
37. This request was rejected by the court as unfounded on the same date.
38. At the hearing the respondent companies also requested the City Court to vary their procedural status to that of interested parties.
39. The court rejected this request and, on the applicant company’s motion of 15 April 2004, ordered the Ministry to disclose its evidence. The company’s motion contained a lengthy list of specific documents which, it alleged, should have been in the possession of the Ministry in support of its tax claims.
40. The court then decided that the merits of the case would be heard on 21 May 2004.
41. On 17 May 2004 the Ministry invited the applicant company to examine the evidence in the case file at its premises. Two company lawyers went to the Ministry on 18 May and four lawyers went on 19 May 2004.
42. According to the applicant company, the supporting material underlying the case was first provided to the company on 17 May 2004, when the Ministry filed approximately 24,000 pages of documents. On 18 May 2004 the Ministry allegedly disclosed approximately a further 45,000 pages, and a further 2,000 pages on the eve of the hearing before the City Court, that is, on 20 May 2004.
43. Relying on a record dated 18 May 2008, drawn up and signed by S. Pepelyaev and E. Aleynikova (Ministry representative A. Bondarev allegedly refused to sign it), the applicant company submitted that the documents in question had been presented in an indiscriminate fashion, in unpaginated and unsorted piles placed in nineteen plastic crates (ten of which contained six thousand pages each, with nine others containing some four thousand pages each). All of the documents were allegedly crammed in a room measuring three to four square metres, with two chairs and a desk. No toilet facilities or means of refreshment were provided.
44. According to the Government, the documents in question (42,269 pages - and not 45,000 pages as claimed by the applicant- filed on 18 May 2004, and a further 1,292 - and not 2,000 pages as claimed by the applicant company, filed on 20 May 2004) were well-known to the applicant company; moreover, it had already possessed these accounting and legal documents prior to the beginning of the proceedings. The documents allegedly reflected the relations between the applicant company and its network of sham entities, and the entirety of the management and accounting activities of these entities had been conducted by the applicant company from the premises of its executive body OOO OMISSIS-Moskva, located in Moscow. All of the documents were itemised in the Ministry’s document dated 17 May 2004 and filed in execution of the court’s order to disclose the evidence.
45. The Government also submitted that the applicant company’s lawyers could have studied the evidence both in court and at the Ministry’s premises throughout May, June and July 2004.
(f) First-instance judgment
46. The hearings on the merits of the case commenced on 21 May and lasted until 26 May 2004. It appears that the applicant company requested the court repeatedly to adjourn the proceedings, relying, among other things, on the lack of sufficient time to study the case file.
47. The Government submitted that the first day of the hearings, 21 May 2004, was devoted to hearing and resolving various motions brought by the applicant company and OOO OMISSIS-Moskva. On 24 May 2004, after hearing further motions by OOO OMISSIS-Moskva, the court proceeded to the evidence phase of the trial. The Tax Ministry then explained the evidence that it had submitted to the court. During this phase of the trial, which continued on 25 May 2004, the applicant company’s representatives were able to ask questions, and the defendants made various motions. According to the Government, where the court found that the applicant company had not had an opportunity to review a particular document that the Ministry wished to refer to, the court refused to allow the document to be entered in the record. On 26 May 2004 the applicant company was afforded an opportunity to explain its evidence and to submit additional evidence. The applicant company chose instead to address questions to the Ministry. The applicant company concluded the first-instance hearing of the case with over three hours of pleadings, whilst the Ministry limited its pleadings to brief references to its own tax inspection report, the decision dated 14 April 2004 and the statement of claim.
48. On 26 May 2004, at the end of the hearings, the City Court gave its judgment in which, for the most part, it reached the same findings and came to the same conclusions as in the Ministry’s decision of 14 April 2004. Having confirmed the factual findings of the decision of 14 April 2004 in respect of the relations and transactions between the sham companies and the applicant company with reference to sundry pieces of evidence, including the statements by the nominal owners of the trading companies, acknowledging to the true nature of their relations with the applicant company, the court then reasoned as follows:
“... Under section 3 of RF Law no. 1992-1 of 6 December 1991 ‘On value-added tax’, part 2 of section 5 and section 4 of RF Law no. 1759-1 of 18 October 1991 ‘On motorway funds in the Russian Federation’, subpart ‘ch’ of section 21 of RF Law no. 2118-1 of 27 December 1991 ‘On the basics of the tax system’, the sale of goods (works and services) gives rise to an obligation to pay VAT, motorway users’ tax, tax on the sale of oil and oil products and tax for the maintenance of the housing stock and socio-cultural facilities.
Under part 1 of Article 38 of the Tax Code, objects of taxation may consist of the sale of goods (works and services), assets, profit, value of sold goods (works and services) or other objects having value, quantity or physical characteristics on the presence of which the tax legislation bases the obligation to pay tax.
Under part 1 of Article 39 of the Tax Code, sales are defined as the transfer of property rights in respect of goods. Under subpart 1 and 2 of Article 209 of the Civil Code (taking into account Article 11 of the Tax Code) the owner of goods is the person who has the rights of ownership, use and disposal of his property, that is, the person who is entitled to carry out at his own discretion in respect of this property any actions which are not against the law and other legal acts and do not breach the rights and protected interests of other persons ...
The court established that the owner of the oil sold under contracts concluded with organisations registered in low-tax territories had been OAO OMISSIS. The respondents’ arguments about the unlawfulness of the use of the notion of de facto owner (фактический собственник) on the basis that, according to Article 10 (3) and Article 8 (1) part 3 of the Civil Code ... there existed a presumption of good faith on the part of parties involved in civil-law transactions and that therefore the persons indicated as owners in the respective contracts should be regarded as the owners, are baseless, because the above-mentioned organisations never acquired any rights of ownership, use and disposal in respect of oil and oil products (поскольку прав владения, пользования и распоряжения нефтью и нефтепродуктами у данных организаций не возникало).
OAO NK OMISSIS was therefore under an obligation to pay [the taxes], and this obligation has not been complied with in good time.
Article 41 of the Tax Code establishes that profit is an economic gain in monetary form or in kind, which is taken into account if it is possible to evaluate it and in so far as it can be assessed. Under subparts 1 and 2 of section 2 of RF Law no. 2116-1 of 27 December 1991 ‘On profit tax of enterprises and organisations’ which was then in force, the object of taxation is the gross profit of the enterprise, decreased (or increased) in accordance with the provisions of the present section. The gross profit is the total of revenues (receipts) from the sale of products (works and services), main assets (including plots of land), other property belonging to the enterprise and the profit derived from operations other than sales, less the sum of expenses in respect of these operations. Since it follows from the case file that the economic profit from the sale of oil and oil products was perceived by OAO NK OMISSIS, it was incumbent on [the applicant company] to comply with the obligation to pay profit tax.
Section 2 of RF Law no. 2030-1 of 13 December 1991 ‘On corporate property tax’ taxes the main assets, non-material assets, reserves and receipts which are indicated on the taxpayer’s balance sheet. It follows that the obligation to pay property tax was incumbent on the person who was legally responsible for reflecting the main assets, non-material assets, reserves and receipts on its balance sheet. Since it follows from the materials of the case that OAO NK OMISSIS was under such an obligation, this taxpayer was also under an obligation to pay property tax.
The court does not accept the respondent’s arguments that the tax authorities lacked the power to levy taxes from OAO NK OMISSIS in respect of the sums ... perceived by other organisations. The power of the tax authorities to bring proceedings in courts to ensure the payment of taxes to the budget in cases of bad-faith taxpayers is confirmed by decision no. 138-O of the Constitutional Court of the Russian Federation, dated 25 July 2001. At the same time the bad faith of taxpayer OAO NK OMISSIS and the fact that the proceeds from transactions in oil and oil products were remitted to it is confirmed by the materials of the case file.
The court has also established that the use of tax benefits by organisations which were dependent on OAO NK OMISSIS and participated in the tax-evasion scheme set up by that company was unlawful.
Pursuant to Article 56 of the Tax Code, tax benefits are recognised as preferences provided for in the tax legislation for certain groups of taxpayers in comparison with other taxpayers, including the possibility of not paying a tax or of paying it at a lower rate.
The court believes that tax payers must use their right to such benefits in good faith.
Meanwhile, it follows from the materials of the case that the taxpayers [concerned] used their right in bad faith.
The entities registered on the territory of the Republic of Mordoviya (OOO Yu-Mordoviya ..., ZAO OMISSIS-M ..., OAO Alta-Treyd ..., OOO Ratmir ..., OOO Mars XXII ...) applied benefits governed by Law of the Republic of Mordoviya no. 9-Z of 9 March 1999 ‘On conditions for the efficient use of the socio-economic potential of the Republic of Mordoviya’, which sets out a special taxation procedure for entities, for the purpose of creating beneficial conditions for attracting capital to the territory of the Republic of Mordoviya, developing the securities market and creating additional jobs. Under section 2 of that law, this special taxation procedure applies in respect of entities (including foreign entities operating through permanent representative offices established in the territory of the Republic of Mordoviya), established after the entry into force of the law (with the exception of entities conducting leasing activities, banks and other credit institutions) and whose business meets one of the following conditions: export operations, with the resulting quarterly earnings totalling at least 15% of the whole of the entity’s earnings; wholesale trading of combustibles and lubricants and other kinds of hydrocarbons with the resulting quarterly earning totalling at least 70% of the whole of the entity’s earnings; and other conditions enumerated in that law. Pursuant to sections 3 and 4 of the Law, the Government of the Republic of Mordoviya passed resolutions on the application of the special taxation procedure in respect of the mentioned entities and, consequently, on the application of the following tax rates: at the rate of 0% in respect of profit tax in so far as it is credited to the republican and local budgets of the Republic of Mordoviya; at the rate of 0% on motorway users’ tax in so far as it is credited to the Territorial Road Fund of the Republic of Mordoviya; and at the rate of 0% on corporate property tax. Moreover, the above-mentioned entities were exempted by local government resolutions from payment of tax for the maintenance of the housing stock and socio-cultural facilities.
However, the special taxation procedure is provided for [by this law] for the purposes of creating favourable conditions in order to attract capital to the territory of the Republic of Mordoviya, develop the securities market and create additional jobs. The entities which used those benefits did not actually carry out their activities on the territory of this subject of the Russian Federation, did not attract capital and did not facilitate the strengthening of the Republic’s socio-economic potential, but, on the contrary, inflicted material damage through non-payment of taxes to the budget of the Republic, the local budget and the federal budget. Thus, the use of the tax benefits in respect of these entities was not aimed at improving the economy of the Republic of Mordoviya but pursued the aim of evading taxes on the production, refining and sales operations in respect of oil and oil products by OAO NK OMISSIS and is, as a consequence, unlawful.
The entity registered on the territory of the Republic of Kalmykiya (OOO Sibirskaya Transportnaya Kompaniya ...) did not pay profit tax, property tax, motorway users’ tax, tax on the acquisition of vehicles and other taxes, under Law no. 12-P-3 of the Republic of Kalmykiya of 12 March 1999 ‘On tax benefits to enterprises investing in the economy of the Republic of Kalmykiya’, which establishes advantages in respect of taxes and duties for the ... taxpayers that invest in the economy of the Republic of Kalmykiya and are registered as such enterprises with the Ministry of Investment Policy of the Republic of Kalmykiya. Moreover, the entity in question was exempt from the payment of local taxes and ... of profit tax to the consolidated budget.
At the same time, it follows from the presumption of good faith on the part of taxpayers (Decisions no. 138-O of the Constitutional Court of 25 July 2001, no. 4-O of 10 January 2002 and no. 108-O of 14 May 2002, Rulings of the Presidium of the Supreme Commercial Court no. 9408/00 dated 18 September 2001, no. 7374/01 of 18 June 2002, no. 6294/01 of 5 November 2002 and no. 11259/02 of 17 December 2002 and letter no. С5-5/уп-342 of the Deputy President of the Supreme Commercial Court of 17 April 2002) that, for the use of tax advantages to become lawful, the amount of advantages provided and the sum of investments made by the entity should be commensurate. Since the amounts of benefits declared for tax purposes by the above-mentioned entities and the sums of investment made are obviously not commensurate, application of the advantages is unlawful. The application of tax advantages by the given entity is not aimed at improving the economy of the Republic of Kalmykiya but pursues the aim of tax evasion by OAO NK OMISSIS in respect of the operations of production, refining and sales of oil and oil products and, consequently, is unlawful.
The entity registered in the closed administrative territorial formation (‘ZATO’) town of Sarov in the Nizhniy Novgorod Region (OOO Yuksar ...) concluded a tax agreement on the provision of tax concessions with the Sarov municipal administration. The granting of additional tax advantages on the territory of the Sarov ZATO (Federal Nuclear Centre) in 2000 was regulated by the norms of Articles 21 and 56 of the Tax Code, section 58 of Law no. 227-FZ of 31 December 1999 ‘On the federal budget for the year 2000’, section 5 of Law no. 3297-1 ‘On closed administrative territorial formations’ of 14 July 1992, Item 2 of Paragraph 30 of Decree no. 222 of the Russian Government of 13 March 2000 ‘On measures for implementation of the Federal Law ‘On the Federal Budget for 2000’ and Regulations ‘On the investment zone of the town of Sarov’, approved by a Resolution of the Sarov Duma on 30 December 1999. According to the tax agreement, the Sarov administration confers advantages in respect of taxes payable into the Sarov budget to the entity in question in the form of a reduction in the share of taxes and other compulsory payments to the budget, up to 25% of the sums due in VAT, property tax, tax on the sale of fuel and lubricants, motorway users’ tax, tax on vehicle owners, tax on the acquisition of vehicles, profit tax, tax on operations with securities and excise duties; in exchange, the entity undertakes to participate in investment projects (programmes) implemented in the Sarov investment zone or with its participation, aimed at raising additional budget receipts and solving the problems of Sarov’s socio-economic development by transferring quarterly at least 1% of the sum of the tax advantages.
At the same time, according to Paragraph 1 of section 5 of the Federal Law no. 3297-1 ‘On closed administrative territorial formations’ of 17 July 1992, additional benefits on taxes and duties are granted by the appropriate local government authorities to entities registered as taxpayers with the authorities of the closed administrative territorial formations in compliance with the above-mentioned law. Entities possessing at least 90% of their capital assets and conducting at least 70% of their activities on the territories of the closed administrative territorial formations (including the requirement that at least 70% of the average number of employees on the payroll must be made up of persons who permanently reside on the territory of the formation in question and that at least 70% of the labour remuneration fund must be paid to employees who permanently reside on the territory of the formation in question) enjoy the right to obtain the benefits in question. Given that OOO Yuksar did not actually carry out any activity on the territory of Sarov, was not actually present on the territory of Sarov and that there were no assets and production facilities necessary for the procurement and storage of oil on the territory of Sarov, Nizhniy Novgorod Region, the given entity applied the tax advantages unlawfully.
Thus, the use of tax advantages by the given entity is not aimed at improving the economy of the Sarov ZATO but pursued the aimed of tax evasion by OAO NK OMISSIS in respect of its obligation to pay taxes on production and refining operations and the sale of oil and oil products and is, consequently, unlawful.
Entities registered in the Trekhgornyy ZATO in the Chelyabinsk Region (OOO Kverkus ..., OOO Muskron ..., OOO Nortex ..., OOO Greis ... and OOO Virtus ...) concluded tax agreements with the administration of the town of Trekhgornyy, according to which entities were granted advantages in respect of profit tax, tax for the maintenance of the housing stock and socio-cultural facilities, property tax, land tax, tax on the sale of fuel and lubricants, motorway users’ tax, tax on vehicle users, and tax on the acquisition of vehicles, provided that the entities remitted the sum of 5% of the total amount of tax advantages conferred, for implementation of the town’s socio-economic programmes, to the Trekhgornyy administration... Reasoning from the contents and meaning of the tax agreements, it follows that their purpose was implementation of the particularly important socio-economic task of developing the educational, medical and housing spheres in the Trekhgornyy ZATO. At the same time, the sums which were transferred to the budget by the taxpayers in question were many times lower than the sums of the declared tax advantages (the sum of investments is around 0.006% of the sum of the advantages for each taxpayer). Thus, the investments made by the taxpayers did not influence the development of Trekhgornyy’s economy. On the contrary, since the above-mentioned organisations did not in fact carry out any activities, were never located on the territory of Trekhgornyy, had no assets and none of the production facilities necessary to buy and store oil on the territory of Trekhgornyy, the application of tax advantages by the above-mentioned organisations is contrary to part 1 of section 5 of RF Law no. 3297-1 of 17 July 1992 ‘On closed administrative territorial formations’.
The organisations registered in the Lesnoy ZATO in the Sverdlovsk Region (OOO Mitra ..., OOO Vald-oyl ..., OOO Bizness-oyl ...) concluded tax agreements on the granting of a targeted tax concession under which organisations were granted the concession in respect of profit tax, land tax, tax on the sales of fuel and lubricants, motorway users’ tax, vehicle users’ tax, tax on the acquisition of vehicles, tax for the maintenance of the housing stock and socio-cultural facilities and property tax, whilst the organisations [in question] were under an obligation to transfer to ... the Lesnoy municipal administration sums amounting to 5% of the sums of the granted tax concessions, but no less than 6,000 roubles quarterly, for implementation of the town’s socio-economic programmes. [However], the amounts received from the taxpayers are many times lower than the totals of the declared tax advantages. Accordingly, the investments made by the taxpayers did not influence the development of the economy of the town of Lesnoy because the above-mentioned organisations never carried out any activities on the territory of Lesnoy, were never in fact located on the territory of Lesnoy and had no assets and none of the production facilities required to sell and store oil on the territory of Lesnoy, [and thus] the application of the tax advantages in respect of the above-mentioned organisations is contrary to part 1 of section 5 of RF Law no. 3297-1 of 17 July 1992 ‘On closed administrative territorial formations’.
The organisation registered in the Evenk Autonomous District (OOO Petroleum-Treiding) without in fact carrying out any activity on the territory of the district in question and without in fact being located on the territory of the Evenk Autonomous District, abused its right granted by Law no. 108 of the Evenk Autonomous District of 24 September 1998 ‘On specific features of the tax system in the Evenk Autonomous District’. The mentioned organisation was registered in the given district solely for the purpose of acquiring the right to the tax concession that could be granted in the Evenk Autonomous District. The use of the tax benefits by the organisation in question is not aimed at strengthening of economy of the Evenk Autonomous District, but is instead aimed at tax evasion by OAO NK OMISSIS in respect of extraction and processing transactions and the sale of oil and oil products and is thus unlawful.
Thus, the use of tax concessions by the above-mentioned organisations is not aimed at strengthening the economy of the regions in which they were registered but is aimed at evading the taxes due in respect of the operations of extraction and processing transactions and the sale of oil and oil products by OAO NK OMISSIS and is thus unlawful. ...”
49. The first-instance judgment also responded to the applicant company’s submissions. As regards the argument that the Ministry’s calculations were erroneous in that they led to double taxation and the failure to take account of the right to a refund of VAT for export operations, the court noted that, contrary to the applicant company’s allegations, both the revenues and expenses of the sham entities had been taken into account by the Ministry so as to avoid double taxation. In addition, under Law no. 1992-1 of 6 December 1991 “On value-added tax”, in order to claim a refund of the VAT paid during export operations a taxpayer had to justify the claim in accordance with a special procedure and the applicant company had failed to apply for a refund either in 2000 or at any later date. As to the argument that the Ministry’s claim was time-barred, the court refuted it with reference to Article 113 of the Tax Code and Decision no. 138-O of the Constitutional Court of 21 July 2001. The court held that the rules on limitation periods were inapplicable in the case at issue as the applicant company had acted in bad faith. In response to the company’s argument that the interdependency within the meaning of Article 20 of the Tax Code was only relevant for the purposes of price correction under Article 40 of the Code, the court observed that the interdependency of the sham companies and the applicant company was one of the circumstances on the basis of which the tax authorities had proved that the tax offence had been committed by the applicant company in bad faith.
50. Accordingly, by the judgment of 26 May 2004 the court upheld the decision of 14 April 2004, albeit slightly reducing the payable amounts by reference to the Ministry’s failure to prove the relations of the applicant company with one of the entities mentioned in the decision of 14 April 2004. The court ordered the applicant company to pay RUB 47,989,073,311 (approximately EUR 1,375,080,541) in taxes, RUB 32,190,430,314 (approximately EUR 922,385,687) in default interest and RUB 19,195,606,923 (approximately EUR 550,031,575) in penalties, totalling RUB 99,375,110,548 (approximately EUR 2,847,497,802) and ordered its managing subsidiary OOO “OMISSIS” Moskva to comply with this decision. The judgment could be appealed against by the parties within a thirty-day time-limit.
51. At the hearings of 21 to 26 May 2004 the applicant company and its managing subsidiary were represented by eight counsel. The reasoned copy of the judgment of 26 May 2004 was produced and became available to the parties on 28 May 2004.
(g) Appeal proceedings
52. On 1 June 2004 OOO “OMISSIS” Moskva filed an appeal against the judgment of 26 May 2004.
53. The Ministry appealed against the judgment on 2 June 2004.
54. On 4 June 2004 the Appeal Court listed the appeals of OOO “OMISSIS” Moskva and the Ministry to be heard on 18 June 2004.
55. On 17 June 2004 the applicant company filed its appeal against the judgment of 26 May 2004. The brief came to 115 pages and contained 41 documents in annex. The company complained, in particular, that the time for filing an appeal had been unlawfully abridged, in breach of its rights to fair and adversarial proceedings, that the first-instance judgment was ungrounded and unlawful, that the evidence in the case was unlawful, that the first-instance court had erred in interpretation and application of the domestic law, in that it had lacked legal authority to “assign” the tax liabilities of one company to another, and that the court’s interpretation of the legislation on tax concessions had been erroneous. The company also argued that the lower court had wrongly assessed the evidence in the case and had come to erroneous factual conclusions in respect of the relationships between the applicant company and the sham companies, that in any event some of the operations of the sham companies had been unrelated to the alleged tax evasion and that the respective sums should not be “assigned” to the applicant company, and also that the case should have been tried in the town of Nefteyugansk, where the company was registered.
56. The Government submitted that the applicant company attempted to delay the examination of the case by dispatching the appeal brief to an erroneous address. According to the applicant, the above allegation was unsubstantiated.
57. The appeal hearing in the case lasted from 18 to 29 June 2004.
58. At the beginning of the hearing on 18 June 2004 the applicant company requested the Appeal Court to adjourn the proceedings. The company considered that the hearing had been fixed for too early a date, before the expiry of the statutory time-limit for lodging appeals.
59. The court refused this request as unfounded.
60. At the hearings of 21 and 28 June 2004 the applicant company filed four supplements to its appeal. The company and its managing subsidiary were represented by ten counsel.
61. Under Article 268 of the Code of Commercial Court Procedure the court fully re-examined the case presented by the Ministry rather than simply reviewing the first-instance judgment.
62. At the end of the hearing of 29 June 2004 the court delivered its judgment, in which it reached largely similar findings and came to the same conclusions as the first-instance judgment. The court dismissed the company’s appeals as unfounded, but decided to alter the first-instance judgment in part. In particular, it declared the Ministry’s claims in respect of VAT partly unfounded, reduced the amount of the VAT arrears by RUB 22,939,931 (approximately EUR 649,336) and quashed the corresponding penalty of RUB 10,334,226 (approximately EUR 292,520).
63. The court judgment, in its relevant parts, read as follows:
“... The parties declared under part 5 of Article 268 of the Code of Commercial Courts Procedure that there was a need to verify the lawfulness and grounds of the first-instance judgment and to hold a fresh hearing of the case in full.
The Appeal Court has checked the lawfulness and grounds of the first-instance judgment pursuant to ... Article 268 ... of the Code of Commercial Court Procedure. ...
The Appeal Court does not accept the arguments of the respondents concerning erroneous interpretation and application of the norms of the substantive law by the first-instance court and concerning the factual incorrectness of that court’s conclusions.
[The court went on to review and confirm all factual findings made by the Ministry and the first-instance court in respect of the tax-evasion scheme set up by the applicant company.]
... Bearing in mind the above-mentioned circumstances, the Appeal Court has established that the de facto owner of the oil was [the applicant company]. The acquisition of the oil and its transfer and subsequent sale was in reality carried out by [the applicant company] as the owner, which is proved by the control of [the applicant company] over all operations, and the actual movement of the oil from the extracting entities to processing entities or oil facilities controlled by [the applicant company], which is proved by the materials of the case.
...
The [applicant company’s] ownership of the oil is confirmed by the interdependence of the contracting parties, by the control that [the applicant company] had over them, by the registration of the contracting parties on territories with a low-tax regime, by the lack of activities by these entities at their place of registration, by the fact that the accounting operations for these entities was carried out by OOO OMISSIS-Invest or OOO OMISSIS-FBC, companies officially dependant on [the applicant company], by the fact that the accounting for these entities was filed from the addresses of [the applicant company] and OOO OMISSIS-Moskva, by the fact that their bank accounts were opened in the same banks owned by [the applicant company], by the presence and character of commercial relations between [the applicant company] and the dependent entities, and by the use of promissory notes and mutual offsetting between them.
...
Under the legislation then in force, such as section 3 of RF Law no. 1992-1 of 6 December 1991 ‘On value-added tax’, part 2 of Section 5 and section 4 of RF Law no. 1759-1 of 18 October 1991 ‘On motorway funds in the Russian Federation’, subpart ‘ch’ of section 21 of RF Law no. 2118-1 of 27 December 1991 ‘On the basics of the tax system’, the sale of goods (works and services) gives rise to an obligation to pay VAT, motorway users’ tax, tax on the sale of oil and oil products and the tax for the maintenance of the housing stock and socio-cultural facilities.
Under part 1 of Article 39 of the Tax Code, sales are defined as the transfer of property rights in respect of goods. Under subpart 1 and 2 of Article 209 of the Civil Code (taking into account Article 11 of the Tax Code) the owner of goods is the person who has the rights of ownership, use and disposal of his property, that is, the person who is entitled to carry out at his own discretion in respect of this property any actions which are not against the law and other legal acts and do not breach the rights and protected interests of other persons...
It follows that the person who in fact has the rights of ownership, use and disposal of the property and who, in view of these rights, exercises in reality and at his discretion in respect of his property any actions, including transfers of property to other persons ... is the owner of this property.
Therefore, OAO NK OMISSIS, being the de facto owner of the oil, was under an obligation to pay [the taxes], which has not been complied with in good time.
As was previously established, Article 41 of the Tax Code sets out that profit is an economic gain in monetary form or in kind, which is taken into account if it is possible to evaluate it and in so far as it can be assessed, and determined in accordance with the chapters ‘Taxes in respect of the profits of natural persons’, ‘Taxes in respect of the profits of organisations’, and ‘Taxes in respect of the capital profits’ of the Tax Code of the Russian Federation. Under subparts 1 and 2 of section 2 of RF Law no. 2116-1 of 27 December 1991 ‘On profit tax of enterprises and organisations’ which was then in force, the object of taxation is the gross profit of the enterprise, decreased (or increased) in accordance with the provisions of the present section. The gross profit is the total of revenues (receipts) from the sale of products (works and services), main assets (including land parcels), other property of the enterprise and the profit derived from operations other than sales, less the sum of expenses in respect of these operations. The court established that the economic profit from the sale of oil and oil products was perceived by OAO NK OMISSIS, [and] it was incumbent on [the applicant company] to comply with the obligation to pay profit tax.
Section 2 of RF Law no. 2030-1 of 13 December 1991 ‘On corporate property tax’ taxes the main assets, non-material assets, reserves and receipts which are indicated on the taxpayer’s balance sheet. It follows that the obligation to pay property tax was incumbent on the person who was legally responsible for reflecting the main assets, non-material assets, reserves and receipts on its balance sheet. Since it follows from the materials of the on-site tax inspection that OAO NK OMISSIS was under such an obligation, this taxpayer was also under an obligation to pay property tax.
The Constitutional Court of the RF in its decision of 25 July 2001 no. 138-0 stated that it followed from the meaning of the norm contained in part 7 of Article 3 of the Tax Code of the RF that there is a presumption of good faith on the part of taxpayers. In order to refute this and establish the taxpayer’s bad faith, the tax authorities have the right – in order to strike a balance between public and private interests – to carry out necessary checks and bring subsequent claims in commercial courts in order to guarantee the payment of taxes to the budget.
In view of the above, the tax authorities ... have the right to carry out checks with a view to establishing the de facto owner of sold property and the de facto recipient of the economic profit, and also with a view to establishing [the owner’s] bad faith as expressed in use of the tax-evasion scheme. At the same time, the tax authorities establish the de facto owner with regard to the actual relations between the parties to the transaction, irrespective of whether the persons were declared as owners of the property in the documents submitted during the tax inspections.
The circumstances indicating that OAO NK OMISSIS had in fact the rights of ownership, use and disposal of its oil and oil products and, at its discretion, carried out in this connection any actions, including the sale, transfer for processing, etc., through specially registered organisations dependant on OAO NK OMISSIS is confirmed by the materials of the case.
...
In view of the above, the court does not accept the respondent’s arguments about the unlawfulness and the lack of factual basis of the decision to levy additional taxes from OAO NK OMISSIS as the de facto owner of the oil and oil products.
The respondent’s argument that OAO NK OMISSIS had not perceived any economic profit from the application of benefits by the entities mentioned in the decision of the Ministry contradicts the materials of the case. The court had established that OAO NK OMISSIS received economic profit in the form of unilateral transfers of cash. OAO NK OMISSIS set up the Fund for Financial Support of the Production Development of OAO NK OMISSIS [to this end].
...
The argument of OAO NK OMISSIS that the Ministry is levying taxes in respect of transactions “within the same owner” is unsupported, since the calculations of additional taxes (except for the property tax in respect of which [this is inapplicable]) also take into account the expenses connected with the acquisition of the oil and oil products.
The court does not accept the respondent’s arguments that the tax authorities lacked the power to levy taxes from OAO NK OMISSIS in respect of the sums ... perceived by other organisations. The power of the tax authorities to bring proceedings in courts to ensure the payment of taxes to the budget in cases of bad-faith taxpayers is confirmed by decision no. 138-O of the Constitutional Court of the Russian Federation, dated 25 July 2001. At the same time the bad faith of taxpayer OAO NK OMISSIS and the fact that the proceeds from transactions involving oil and oil products belonged to it is confirmed by the materials of the case file.
The circumstances of the ... acquisition and sale of the oil and oil products, taken in their entirety, as established by the Appeal Court, indicate the presence of bad faith in the actions of OAO NK OMISSIS, which was expressed in intentional actions aimed at tax evasion by the use of unlawful schemes. In accordance with part 2 of Article 110 of the Tax Code of the RF the tax offence is considered intentional if the person who has committed it knew about the unlawful character of the actions (inactions), wished them or knowingly accepted the possibility of the harmful consequences of such actions (inactions).
Since OAO NK OMISSIS intentionally committed actions aimed at tax evasion, and its officers were aware of the unlawful character of such actions, wished or knowingly accepted the possibility of harmful consequences due to such actions, OAO NK OMISSIS must be held liable under part 3 of Article 122 of the RF Tax Code for the non-payment or incomplete payment of taxes due to the lowering of the taxable base or incorrect calculation of the tax or other unlawful actions (inactions) committed intentionally, in the form of a fine equivalent to 40% of the unpaid taxes.
...
Having re-examined the case and verified the lawfulness and grounds of the first-instance judgment in full, having examined the evidence and having heard the arguments of the parties, the Appeal Court has come to the conclusion that the decision of the Ministry dated 14 April 2004 ... is in compliance with the Tax Code as well as with Federal laws and other laws on taxes...
The claims for payment of taxes, interest surcharges and fines made in the decision of the Ministry of 14 April 2004 ... are grounded, lawful and confirmed by the primary documents of the materials of the inspection submitted in justification to the court. ...”
64. The appeal judgment also responded to the applicant company’s other arguments. As regards the alleged breaches of procedure and the lack of time for the preparation of the defence at first instance, the court noted that it had examined this allegation and that there had been no violation of procedure at first instance and that, in any event, the applicant company had had ample opportunities to study the evidence relied on by the Ministry both at the Ministry’s premises and in court. As regards the argument that the evidence used by the Ministry was inadmissible, the court noted that the materials of the case had been collected in full compliance with the requirements of the domestic legislation. The court also agreed with the first-instance court that the three-year statutory time-limit had been inapplicable in the applicant company’s case since the company had been acting in bad faith.
65. The first-instance judgment, as upheld on appeal, came into force on 29 June 2004.
66. The applicant company had two months from the date of the delivery of the appeal judgment to challenge it in third-instance cassation proceedings (кассация).
(h) Cassation proceedings
67. On 7 July 2004 the applicant company filed a cassation appeal against the judgments of 26 May and of 29 June 2004 with the Federal Commercial Court of the Moscow Circuit (“the Circuit Court”). The applicant company’s brief came to 77 pages and had 6 documents in annex. The arguments in the brief were largely similar to those raised by the applicant company on appeal, namely that the judgment was unlawful and unfounded, that the entities mentioned in the report ought to have taken part in the proceedings, that the trial court had had insufficient evidence to conclude that the applicant company and other entities were interrelated, that the evidence used by the trial court was unlawful, that the trial proceedings had not been adversarial and that the principle of equality of arms had been breached. In addition, the company alleged that it had had insufficient time to study the evidence and had been unable to contest the evidence in the case, that the Ministry had unlawfully applied to a court before the applicant company had had an opportunity to comply voluntarily with the decision of 14 April 2004, that the entities mentioned in the report had in fact been eligible for the tax exemptions, that the rules governing tax exemption had been wrongly interpreted, that the Ministry’s claims had been time-barred, that the company had had insufficient time for the preparation of the appeal, and that the case ought to have been examined by a court in Nefteyugansk.
68. A copy of the reasoned version of the appeal judgment of 29 June 2004 was attached to the brief.
69. It appears that on an unspecified date the Ministry also challenged the judgments of 26 May and 29 June 2004.
70. On 17 September 2004 the Circuit Court examined the cassation appeals and upheld in substance the judgments of 26 May and 29 June 2004.
71. In respect of the applicant company’s allegations of unfairness in the appeal proceedings, the court noted that both defendant companies had had ample opportunities to avail themselves of their right to bring appeals within the statutory time-limit, as the appeal decision was not taken until 29 June 2004, which was more than thirty days after the date of delivery of the judgment of 26 May 2004. Furthermore, the court observed that the evidence presented by the Ministry and examined by the lower courts was lawful and admissible, and that it had been fully available to the defendant companies before the commencement of the trial hearings. The court also noted that on 14 May 2004 the City Court specifically ordered the Ministry to disclose all the evidence in the case, that this order had been complied with by the Ministry and that, despite the fact that the evidence was voluminous, the applicant company had had sufficient time to examine and challenge it repeatedly throughout the proceedings between May and July 2004.
72. As regards the applicant company’s complaint that the Ministry had brought proceedings before the expiry of the time-limit for voluntary compliance with the decision of 14 April 2004, the court noted that the Ministry and lower courts had acted in compliance with Article 213 of the Code of Commercial Court Procedure, as there were irreconcilable differences between the parties and, throughout the proceedings, the applicant company had had insufficient funds to satisfy the Ministry’s claims.
73. In respect of the applicant company’s argument that the case should have been tried by a court in Nefteyugansk, the court noted that the City Court had had jurisdiction over the case under Article 54 of the Civil Code and decision no. 6/8 of the Plenary Session of the Supreme Court and Supreme Commercial Court of 1 July 1996.
74. On the merits of the case, the court noted that the lower courts had reached reasoned conclusions that the applicant company was the effective owner of all goods traded by the sham companies registered in low-tax areas, that the transactions of these entities were in fact those of the applicant company, that neither the applicant company nor the sham entities were eligible for the tax exemptions and that the applicant company had perceived the entirety of the resulting profits. The court upheld the lower courts’ conclusion that, acting in bad faith, the applicant company had failed properly to declare its transactions for the year 2000 and to pay corresponding taxes, including VAT, profit tax, motorway users’ tax, property tax, the tax for the maintenance of the housing stock and socio-cultural facilities and tax on the sale of fuel and lubricants.
75. The court noted some arithmetical mistakes in the appeal judgment of 29 June 2004, increasing the penalty by RUB 1,158,254.40 (approximately EUR 32,613) and reducing the default interest by RUB 22,939,931 (approximately EUR 645,917) accordingly.
(i) Constitutional review
76. On an unspecified date the applicant company lodged a complaint against the domestic courts’ decisions in its case with the Constitutional Court. It specifically raised the question of the lower courts’ refusal to apply the statutory time-limit set out in Article 113 of the Tax Code.
77. By decision of 18 January 2005 the Constitutional Court declared the complaint inadmissible for lack of jurisdiction. The court noted that the applicant company did not in fact challenge the constitutionality of Article 113 of the Code but rather insisted that this provision was constitutional and should be applied in its case. Therefore, the applicant company was not complaining about the breach of its rights by the above-mentioned provision and, accordingly, the court had no competence to examine the applicant company’s claims.
(j) Supervisory review
78. Simultaneously to bringing the cassation appeal, on 7 July 2004 the applicant company also challenged the judgments of 26 May and 29 June 2004 by way of supervisory review before the Supreme Commercial Court of Russia.
79. On 31 December 2004 the applicant company’s case was accepted for examination by the Supreme Commercial Court.
80. By a decision of 13 January 2005 the Supreme Commercial Court, sitting as a bench of three judges, decided to relinquish jurisdiction in favour of the Presidium of the Supreme Commercial Court. Addressing one of the applicant company’s arguments, the court noted that the lower courts had decided that the three-year statutory time-bar was inapplicable in the case at issue since the applicant company had been acting in bad faith. It further noted that such an interpretation of the rules governing the time-limits was not in line with the existing legislation and case-law and that therefore the issue should be resolved by the Presidium of the Supreme Commercial Court.
81. On 19 April 2005 the Presidium of the Supreme Commercial Court referred the above-mentioned issue to the Constitutional Court and adjourned the examination of the applicant company’s supervisory review appeal pending a ruling by the Constitutional Court.
82. By a decision of 14 July 2005 the Constitutional Court decided that it was competent to examine the question of the compatibility of Article 113 of the Tax Code with the Constitution, having cited the application of an individual, one G. A. Polyakova, and the referral by the Supreme Commercial Court. At the same time, it noted specifically that it had no competence to decide individual cases and its ruling would only deal with the points of law in abstracto.
83. It appears that the legal issues raised by G. A. Polyakova and the applicant company were different. G. A. Polyakova was dissatisfied with the established court practice which required the tax authorities, rather than the courts, to hold a taxpayer liable for a tax offence within the three-year time-limit set out in Article 113 of the Code. On the facts of her individual case, the decision of the tax authorities was taken on time, whilst later the final decision by the courts was taken outside the specified time-limit. As regards the applicant company, it raised the same point which had been previously declared inadmissible by the Constitutional Court in its decision dated 18 January 2005, namely the refusal of the courts in its case to follow the established practice and to declare the claims of the authorities time-barred, as they related to the year 2000 and were set out in the decision to hold the applicant liable for a tax offence on 14 April 2004, that is, outside the three-year time-limit laid down by Article 113 of the Code.
84. As a result of its examination, the Constitutional Court upheld Article 113 of the Tax Code as compatible with the Constitution, having ruled that the legal provisions on the statutory time-limits ought to be applied in all cases without exception. The court made an abstract review of the provision in question and mentioned the “principles of justice”, “legal equality” and “proportionality” in giving its own “constitutional interpretation” of Article 113. The court noted that the rule set out in Article 113 of the Code was too strict and failed to take into account various relevant circumstances and the actions of taxpayers, including those aimed at hindering tax control and delaying the proceedings. It further ruled that:
“... the provisions of Article 113 of the Tax Code of the Russian Federation in their constitutional and legal sense and in the present legal context do not exclude [the possibility] that, where the taxpayer impedes tax supervision and the conduct of tax inspections, the court may excuse the tax authorities’ failure to bring the proceedings in time ...”
“... In their constitutional and legal sense in the context of the present legal regulation... [these provisions] mean that the running of the statutory time-bar in respect of a person prosecuted for tax offences stops on the date of the production of the tax audit report in which the supported facts of the tax offences revealed during the inspection are mentioned and in which there are reference to the relevant articles of the Tax Code or - in cases where there was no need to produce such a report - from the moment on which the respective decision of the tax authority, holding a taxpayer liable for a tax offence, was taken. ...”
85. Three out of the nineteen judges filed separate opinions in this case.
86. Judge V. G. Yaroslavtsev disagreed with the majority, having noted that the Constitutional Court acted ultra vires and openly breached the principle of lawfulness by creating an exception from the rule set out in Article 113 where there had previously been none.
87. Judge G. A. Gadzhiev concurred with the conclusions of the majority but would have preferred to quash, rather than uphold, Article 113 of the Tax Code as unconstitutional and breaching the principle of equality.
88. Judge A. L. Kononov dissented from the majority ruling, having considered that the Constitutional Court clearly had no competence to decide the matter and that indeed there had been no constitutional issue to resolve as, among other things, there had been no prior difficulties in application of Article 113 of the Tax Code and the contents of this provision had been quite clear. He also criticised the “inexplicable” way in which the Constitutional Court had first rejected the application by the applicant company and had then decided to examine the matter again. Judge Kononov further noted that the decision of the Constitutional Court was vague, unclear and generally questionable.
89. The case was then returned to the Presidium of the Supreme Commercial Court.
90. On 4 October 2005 the Presidium of the Supreme Commercial Court examined and dismissed the applicant company’s appeal. In respect of the company’s argument that the Ministry’s claims were time-barred, the court noted that during the tax proceedings the company had been actively impeding the tax inspections. In view of this and given the Constitutional Court’s ruling, the court concluded that since the Ministry’s tax audit report in the applicant’s case had been completed on 29 December 2003, that is, within the statutory three-year time-limit as interpreted in the Constitutional Court’s decision of 14 July 2005, the case was not time-barred.
2. Enforcement measures relating to the 2000 Tax Assessment
91. Simultaneously with the determination of the case before the courts in respect of the applicant company’s tax liability for the year 2000, the parties also took part in various enforcement proceedings.
(a) Attachment of the applicant’s property
(i) The City Court’s decision of 15 April 2004
92. On 15 April 2004 the City Court accepted for consideration the Ministry’s action in respect of the year 2000 and attached certain of the applicant company’s assets, excluding goods produced by the company and related cash transactions, as a security for the claims. The court also issued writs of execution in this respect (see paragraph 27). This decision was upheld by the Appeal Court on 2 July 2004.
(ii) Enforcement of attachment by the bailiffs
93. By a decision of 16 April 2004 the bailiffs instituted enforcement proceedings in connection with the attachment.
94. On the same day they executed the attachment order by informing the applicant company and the holder of its corporate register, ZAO ‘M-Reestr’, of the decision of 15 April 2004.
95. According to the Government, the applicant company impeded the execution of the writs issued by the court by hiding its corporate register from the bailiffs. In particular, they alleged that a few hours prior to the bailiffs’ visit, the applicant company had cancelled its contracts with ZAO ‘M-Reestr’. The register was then dispatched by ordinary post to a location in Russia so that, over the next weeks, it could not be physically found and the execution writs could not be enforced.
(iii) The company’s offer of 22 April 2004
96. On 22 April 2004 the applicant company filed its first court request to have the attachment of the entirety of its assets replaced by the attachment of shares belonging to it in OAO Sibirskaya neftyanaya kompaniya (“the Sibneft company”, a major Russian oil company which had attempted unsuccessfully to merge with the applicant company in 2003), which were allegedly worth three times as much as the then liability. The applicant company also alleged that the attachment order adversely affected its proper functioning and invited the authorities to opt for less intrusive measures, insisting on the lack of any risk of asset-stripping.
97. By a decision of 23 April 2004 the City Court examined and dismissed this request as unfounded. The court found no evidence that the interim measures affected any of the company’s production activities.
98. On 17 May 2004 the applicant company appealed against the decision of 23 April 2004.
99. The outcome of court proceedings in respect of the applicant company’s appeal of 17 May 2004 is unclear.
100. The Government provided the following background information in connection with the company’s offer of shares in Sibneft. The applicant company had attempted to merge with Sibneft in May-September 2003. As a result of the initial stages of the merger, the applicant company acquired 92% of Sibneft: 20% of these shares were bought for cash, whilst 57.5% were exchanged for 17.2% of the applicant company’s newly issued shares and 14.5% were swapped for 8.8% of the applicant company’s existing shares. In November 2003 it was announced publicly that, at the request of the former Sibneft owners, the parties had decided not to go ahead with the merger. In February 2004 the owners of Sibneft sued the applicant company in this connection, demanding cancellation of the operation whereby the applicant had issued 17.2% of shares. Among other things, on 14 February 2004 they obtained an attachment order in respect of the Sibneft shares remaining in the possession of the applicant company pending the proceedings. On 1 March 2004 the City Court decided to cancel the issue of 17.2% shares by the applicant company. The Government submitted that it was clear from the above-mentioned account that on 22 April 2004, the date on which the applicant company first made the offer of Sibneft shares, the owners of Sibneft already anticipated suing the applicant company again, this time demanding back the 57.5% of Sibneft shares swapped for the cancelled 17.2% of the applicant company’s shares. At the same time, the fate of the remaining issues of Sibneft shares still in the possession of the applicant company was also uncertain.
(iv) The applicant company’s request for an injunction against the attachment
101. On 23 April 2004 the City Court also examined the applicant company’s request for an injunction order against the attachment and rejected it. The court noted that the attachment did not interfere with the company’s day-to-day operations and it was a reasonable measure aimed at securing the Ministry’s claims.
102. On 2 July 2004 the Appeal Court rejected the company’s appeal and upheld the judgment.
103. It does not appear that the applicant company brought cassation proceedings in this respect.
(b) Enforcement of the Tax Ministry’s decision of 14 April 2004
104. In the meantime, on 7 May 2004 the applicant company applied to the City Court with a separate action against the tax assessment of 14 April 2004, seeking its invalidation (see paragraph 34 and 35 above). The company also requested interim measures in this connection.
105. Following the applicant company’s request for interim measures, on 19 May 2004 the City Court stayed the enforcement of the Tax Ministry’s decision of 14 April 2004, having noted that the Ministry could have enforced the decision in the part relating to taxes and default interests even without waiting for the outcome of the Ministry’s claim (Article 46 of the Code of Commercial Court Procedure). The court decided, however, that this might be detrimental to the applicant company and stayed the decision of 14 April 2004 accordingly.
106. On 27 May 2004 the applicant company made a public announcement that:
“... it [was] under an injunction prohibiting it from selling any of its property, including the shares owned by the company. Until the injunction is lifted, the Company is unable to sell its assets in order to obtain liquid funds. Consequently, if the Tax Ministry’s efforts continue, we are very likely to enter a state of bankruptcy before the end of 2004”.
107. It appears that the City Court’s decision of 19 May 2004 to stay the enforcement was appealed against by the Ministry. Having examined the Ministry’s arguments at the hearing of 23 June 2004, the Appeal Court quashed the first-instance decision of 19 May 2004 as unlawful and rejected the applicant company’s request for interim measures as unfounded.
108. It does not appear that the applicant company appealed against this decision before the Circuit Court.
(c) Enforcement of the judgments concerning the 2000 Tax Assessment
(i) First-instance judgment of 26 May 2004 and the appeal decision of 29 June 2004
109. As mentioned above (paragraphs 46-66), by a judgment of 26 May 2004 the City Court found in favour of the Tax Ministry, upholding the Tax Assessment of 14 April 2004. The Tax Assessment was upheld by the Appeal Court with minor reductions and became enforceable on 29 June 2004.
110. On 30 June 2004 the Appeal Court issued the writ of enforcement in this respect. The applicant company was to pay RUB 47,958,133,380 (approximately EUR 1,358,914,565) in reassessed taxes, RUB 32,190,430,314 (approximately EUR 912,129,842) in interest surcharges and RUB 19,185,272,697 (approximately EUR 543,623,045) in penalties.
(ii) Enforcement proceedings in respect of the writ of 30 June 2004
111. On 30 June 2004 the bailiffs instituted enforcement proceedings based on the above judgment and gave the applicant company five days to pay. The applicant company was informed that it would be liable to pay enforcement fees of 7%, totalling RUB 6,953,375,547 (approximately EUR 197,026,920), in the event of failure to honour the debt voluntarily. Upon the Ministry’s application, the bailiffs issued sixteen orders freezing the cash held by the applicant company in its Russian bank accounts. The orders did not concern cash added to the accounts after 30 June 2004.
(iii) The applicant company’s challenge to the decision of 30 June 2004
112. On 7 July 2004 the applicant company challenged the bailiffs’ decision of 30 June 2004.
113. It argued that the decision to open enforcement proceedings had been unlawful as it was in breach of the rules of bailiffs’ territorial competence as the enforcement ought to have taken place in Nefteyugansk and not in Moscow, that the five-day term for voluntary compliance with the court decisions had been too short and that the cash-freezing orders had made such compliance impossible.
114. On 30 July 2004 the City Court examined and dismissed these claims as groundless. The court ruled that the bailiffs had acted lawfully and that the cash-freezing orders did not interfere with its ability or inability to honour its debts, as the applicant company had been free to dispose of any cash not in the frozen accounts and any cash added to those accounts after 30 June 2004.
115. It does not appear that the company brought appeal proceedings against this judgment.
(d) Seizure of 24 subsidiary companies and related proceedings
116. In the meantime, on 1 July 2004 the bailiffs decided to seize 24 subsidiary companies belonging to the applicant company.
117. The applicant appealed against the decision in court.
118. By a first-instance judgment of 17 September 2004 the appeal was dismissed as unfounded. The judgment was produced on 20 September 2004.
119. The applicant did not appeal against the judgment before the Appeal Court, though it did bring further appeal proceedings before the Circuit Court.
120. On 2 February 2005 the judgment was upheld by the Circuit Court.
(e) The applicant company’s proposal of 5 July 2004 and related proceedings
121. In addition to the above attempts to stay the enforcement of the judgments concerning the 2000 Tax Assessment, the applicant company, by a letter dated 2 July and filed on 5 July 2004, suggested to the bailiffs for the second time that it repay its debts by using 34.5% of Sibneft stock allegedly worth over 4 billion United States dollars (“USD”, or some EUR 3.3 billion), citing its vertically integrated structure as a possible reason for seeking to find the least intrusive solution as well as the need to honour its contractual debts.
122. The Government provided the following background information in connection with the applicant’s second offer of Sibneft shares (see paragraph 121 above). At this point, the owners of Sibneft had already obtained a court judgment in their favour by the City Court on 1 March 2004, ordering the applicant company to return the 57.5% of Sibneft shares swapped for the cancelled 17.2% of the applicant company’s shares and on 6 July 2004, that is, on the day after the applicant’s second offer, they had filed court claims demanding the return of 14.5% of the shares previously exchanged for 8.8% of the applicant company’s existing shares. In addition, by a decision of 6 July 2004 the owners of Sibneft had obtained an attachment order in respect of the Sibneft shares in question.
123. On 14 July 2004 the applicant company filed an action against the bailiffs on account of their alleged failure to respond to the company’s offer of 5 July 2004.
124. On 17 August 2004 the City Court dismissed this action, having noted that the failure to respond was lawful and within the scope of the bailiffs’ discretion. The court established that some of the steps undertaken by the applicant company during the unsuccessful merger with the Sibneft company had been contested in a different set of proceedings as unlawful. In addition, the applicant company’s ownership of the Sibneft shares had been contested by third parties in two different sets of proceedings. On the basis of these findings, the court concluded that the bailiff had not breached the law by ignoring the company’s offer.
125. It does not appear that the applicant company appealed against the judgment.
(f) Default notice of 5 July 2004
126. On 5 July 2004 the applicant company received a default notice from syndicated lenders, a group of international banks, who had previously loaned the company USD 1 billion (EUR 821,894,430). The lenders considered that a default had occurred as a result of the recent and well-publicised events in respect of the applicant company and their actual or potential impact on the applicant company’s business and assets. The notice stated that as a result of the default notice the loans were due and payable on demand.
(g) The company’s cassation appeal of 7 July 2004 and the motion to stay the enforcement
127. As set out above (paragraph 67), on 7 July 2004 the applicant company filed a cassation appeal against the court judgments on the 2000 Tax Assessment and at the same time it moved to stay the enforcement proceedings. It argued that its assets were highly valuable, but that it had insufficient cash to honour the debts immediately and that the attachment of assets made any voluntary settlement impossible. The applicant company also argued that enforcement of the court judgments in the case would irreparably damage its business, since a reversal of the enforcement would be impossible.
128. By a decision of 16 July 2004 the Appeal Court agreed to consider the cassation appeal and, having examined the motion to stay the enforcement, dismissed it as unsubstantiated and unfounded, as the circumstances referred to by the applicant company were irrelevant under the domestic law. The court noted that it would be possible to reverse the enforcement, since the plaintiff was the Treasury.
129. This decision was upheld by the Circuit Court on 4 August 2004.
(h) 7% enforcement fee
130. By a decision of 9 July 2004 the bailiffs levied an enforcement fee of 7% in respect of the applicant company’s failure to comply with the execution writs of 30 June 2004 (see paragraph 110 above). The applicant company was to pay RUB 6,848,291,175.45 (approximately EUR 190,481,640)
131. On 19 July 2004 the applicant company challenged this decision in court.
132. By a decision of 3 August 2004 the City Court examined the applicant company’s action and quashed the decision of 9 July 2004 as disproportionate and unjustified. The court decided that the enforcement fee could only be levied if the respondent had acted in bad faith and found that the bailiffs had failed to examine this question. The court also noted that 7% was the highest possible rate and that the bailiffs’ decision failed to explain why the fee could not be lower. Among other things, the court referred to section 3 of Constitutional Court Ruling no. 13-P of 30 July 2001.
133. Following an appeal by the Ministry, on 27 August 2004 the Appeal Court quashed the decision of 3 August 2004 as erroneous and held that the bailiffs’ actions had been lawful and justified. The court noted that the applicant company had failed to demonstrate that it had taken any steps to meet the liabilities. It further noted that the cash in the applicant company’s accounts was only frozen in certain specified amounts and that, above those amounts, the company was free to function as usual. As to the company’s proposal to offer the Sibneft shares as payment, the court noted that this could not be accepted, because the applicant company’s property rights in respect of these shares had been questioned by a third party in a parallel set of proceedings. In addition, the court noted that the applicant company had failed to use a remedy provided in Article 324 of the Commercial Procedure Code.
134. The Circuit Court upheld the appeal decision on 6 December 2004.
(i) Overall debt in respect of 2000
135. Overall, in respect of 2000, the applicant company was ordered to pay RUB 99,333,836,391 (approximately EUR 2,814,667,452)
(j) The applicant company’s proposal of 13 July 2004 and related proceedings
136. On 13 July 2004 the applicant company again repeated its offer of 34.5% of Sibneft shares to the bailiffs. On the next day the offer was amended to include only 20% of Sibneft shares. The domestic courts at three instances analysed this offer in detail in their decisions of 6, 18 August and 25 October 2004 (see paragraphs 139-146 below).
(k) Seizure of shares in OMISSIS
(i) Decision of 14 July 2004
137. On 14 July 2004 the bailiffs seized the shares of OAO Yuganskneftegas, one of the applicant company’s principal production subsidiaries. The decision referred to the applicant company’s inability to meet its liabilities. The attachment did not affect the applicant company’s ability to manage OMISSIS, but rather prevented the company from selling or encumbering those shares.
(ii) The applicant company’s challenge to the decision of 14 July 2004
138. The applicant company appealed against this decision in court. With reference to section 59 of the Enforcement Proceedings Act, it argued that the bailiffs ought firstly to claim assets which were not involved in the production process, secondly those goods and other values which were not related to the production process and, thirdly, immovable objects, raw material and other main assets relating to the production cycle. In addition, the applicant company referred to Ruling no. 4 of the Plenary Supreme Commercial Court “On certain questions arising out of seizure and enforcement actions in respect of corporate shares”, dated 3 March 1999, which suggested, in respect of those companies which had been privatised by the State as parts of bigger holding groups through the transfer of controlling blocks of shares, that the production cycle of the respective production unit should be preserved as much as possible. The company further claimed that the above ruling was applicable to the case at issue, that OAO Yuganskneftegas was a major production unit and that the bailiffs had produced no evidence that the assets and goods and other values not involved in the production process were insufficient. In addition, it reiterated its offer of the shares in Sibneft.
(iii) First-instance proceedings
139. On 6 August 2004 the City Court examined and allowed the applicant company’s challenge of this seizure.
140. At the hearing the Ministry and bailiffs referred to sections 9 (5) and 51 (1-4) of the Enforcement Proceedings Act and Government Decree no. 934 “On seizure of securities” of 12 August 1998. They argued that, under the applicable domestic law, the seizure should be made first in respect of the cash-flow and then, under section 46 (5) of the Enforcement Proceedings, it would be open to the bailiffs to assess and seize the assets depending on their liquidity. They countered the applicant company’s arguments by saying that the latter’s references were invalid in that they related to the other stage of enforcement proceedings (the collection of debt and not the seizure as such). Furthermore, they argued that Ruling no. 4 of the Plenum of the Supreme Commercial Court was inapplicable since, in the case of Yuganskneftegas, the State had transferred only 38% of the shares and not a controlling block. With regard to the offer of Sibneft stock, the Ministry and bailiffs argued that the applicant company’s rights in respect of these shares had been contested in separate sets of court proceedings and it was therefore risky to accept them as a payment. Lastly, they informed the court that the applicant company had recently hidden the shareholder registers of its three major subsidiaries, OAO Yuganskneftegas, OAO Samaraneftegas and OAO Tomskneft, which, in their view, demonstrated the risk of possible asset-stripping by the applicant company.
141. Having examined the parties’ submissions, the court upheld the applicant company’s arguments. It noted that the applicant company’s references to the applicable domestic law were correct. With regard to the non-controlling block argument, the court noted that at the time of transfer of the shares, 25% of shares were privileged and non-voting. For the remaining 75% of the voting stock, the 38% transferred by the State constituted the controlling block. As regards the offer of shares in Sibneft, the court noted that the exact quantity of the contested shares was unclear and that the bailiffs should find out the exact figures and that they should consider the uncontested shares as a possible means of partial settlement. The court concluded that the decision of 14 July 2004 was unlawful and quashed it.
(iv) Appeal proceedings
142. On 9 August 2004 the Ministry challenged the decision of 6 August 2004 on appeal.
143. On 18 August 2004 the Appeal Court quashed the decision, finding that the first-instance court had erred both in law and fact. In particular, the court confirmed that it was up to the bailiffs to choose the most liquid assets and dispose of them with a view to honouring the applicant company’s huge debt. It also noted that Ruling no. 4 of the Plenary Supreme Commercial Court was inapplicable to the case in issue, as the applicant company, in the years following its privatisation, had restructured its initial shareholding in OMISSIS in 1999 in such a manner as to take those shares outside the scope of the exception provided by Ruling no. 4.
(v) Cassation proceedings
144. Following an appeal by the applicant company, on 25 October 2004 the Circuit Court upheld the decision of 18 August 2004.
145. The applicant company’s attempts to bring supervisory review proceedings against this decision proved unsuccessful.
146. The respective complaint was dismissed by a decision of the Supreme Commercial Court dated 17 December 2004.
(l) Seizure of shares of OAO Tomskneft-VNK and OAO Samaraneftegaz
147. In addition to seizing the shares of OMISSIS, on 14 July 2004 the bailiffs also seized the shares of OAO Tomskneft-VNK and OAO Samaraneftegas, the applicant company’s two other principal production units.
148. The applicant company’s complaint against the seizure of OAO Tomskneft-VNK proved unsuccessful.
149. The City Court dismissed its complaint as unfounded on 13 August 2004.
150. The applicant company did not contest that judgment before the Appeal Court.
151. On 5 November 2004 the Circuit Court dismissed the applicant company’s cassation appeal in respect of the judgment of 13 August 2004. The court noted that the seizure was intended to protect the creditor’s claims and that there was no indication that the seizure impeded the production cycle or otherwise disturbed the normal functioning of the company.
152. The company also complained unsuccessfully about the seizure of its shares in OAO Samaraneftegaz.
153. The City Court, acting as a first-instance court, dismissed the appeal on 2 September 2004.
154. The applicant company failed to appeal the judgment before the Appeal Court, although though it did pursue cassation proceedings.
155. On 18 January 2005 the Circuit Court upheld the judgment.
(m) The applicant company’s request to the Ministry of Finance dated 16 July 2004
156. On 16 July 2004 the applicant company wrote a letter to the Ministry of Finance, applying for respite or payment in instalments in respect of the sums due. It appears that this letter remained unanswered. The Government submitted that the Ministry of Finance had not had any authority to respond to the request, as the issue of respite and payment in instalment lay within the competence of the courts.
157. On 12 August 2004 the City Court examined the applicant company’s request to re-pay the 2000 Tax Assessment award in instalments and rejected it as unfounded. The court noted, among other things, that the tax debt had resulted from intentional tax evasion by the applicant company and that the conduct of the debtor in court and during the enforcement proceedings demonstrated that it did not intend to pay the debts voluntarily.
158. It does not appear that the applicant company brought any appeal proceedings in respect of this judgment.
(n) The applicant company’s offer of 9 August 2004
159. On 9 August 2004 the applicant company offered the bailiffs the 20% stake in Sibneft and shares in fifteen other subsidiary companies as a settlement for its debts, requesting that the bailiffs respond within one day.
160. It appears that the bailiffs responded to the company’s offer on 9 September 2004. It does not appear that the company brought any court proceedings in respect of that response.
(o) The Ministry’s response of 22 September 2004
161. It appears that on 22 September 2004 the Ministry responded to four of the applicant company’s letters about the settlement of the debt, rejecting the offers.
162. It does not appear that the company brought any separate court proceedings in this respect.
(p) The applicant company’s announcement in respect of the shares in Sibneft
163. On 8 October 2004 the applicant company announced that it would comply with the City Court’s judgment of 1 March 2004, which had cancelled the issue of additional shares in the applicant company, used for the purpose of acquiring Sibneft. The applicant company, acting in compliance with the court order, instructed the registrar to return its 57.5% stake in Sibneft to its former owners.
B. Proceedings in respect of the applicant company’s tax liability for the year 2001
1. Tax Assessment 2001
(a) Proceedings before the Ministry
164. On 23 March 2004 the Tax Ministry commenced tax inspection in respect of the applicant company’s activities in 2001. The inspection ended on 30 June 2004 and on 5 July 2004 the Ministry served the resultant report on the applicant company.
165. On the basis of the above-mentioned report, by a decision of 2 September 2004 the Ministry issued a tax assessment for the year 2001 (“the 2001 Tax Assessment”), finding the company liable for having used essentially the same tax arrangement as in the previous year. The Tax Assessment 2001 relied on a similarly wide range of evidence as the Tax Assessment 2000, including the documentary evidence and detailed statements of those involved in the nominal ownership and running of the trading companies. This time the applicant company had to pay RUB 50,759,436,900 (approximately EUR 1,424,746,313) in tax arrears, RUB 28,520,204,254 (approximately EUR 800,522,195) in default interest and RUB 40,607,549,520 in penalties (approximately EUR 1,139,797,051). Since the applicant company had recently been found guilty of a similar offence, the penalty was doubled.
(b) The applicant company’s request for a court injunction
166. On 14 September 2004 the applicant company lodged an appeal against the decision of 2 September 2004 and requested an injunction against the immediate enforcement of this decision.
167. On 5 October 2004 the City Court turned down the request for an injunction and on 13 October 2004 it issued execution writs in respect of the Ministry’s decision of 2 September 2004. The court referred to Information Letter no. 83 of the Supreme Commercial Court of 13 August 2004, which recommended that requests for interim measures in such situations be granted only if an applicant could demonstrate some security for a creditor’s future claims. The court noted that, in the present case, the applicant company clearly had insufficient cash to satisfy the creditor’s claims, and had failed to produce any security, and dismissed the claims accordingly.
168. The judgment of 5 October 2004 was upheld by the Appeal Court on 3 December 2004 and by the Circuit Court on 29 March 2005.
2. Enforcement measures relating to the 2001 Tax Assessment
(a) Enforcement of additional taxes and interest surcharges
169. As the 2001 Tax Assessment was similar to the 2000 Tax Assessment, the Ministry decided to enforce it directly in the part relating to additional taxes and interest surcharges, without taking the matter to the courts. The applicant company was to pay the amounts due by 4 September 2004.
170. On 9 September 2004 the bailiffs instituted enforcement proceedings in connection with the decision of 2 September 2004. The company was to pay RUB 50,759,436,900 (approximately EUR 1,424,746,313) in tax arrears and RUB 28,520,204,254 (approximately EUR 800,522,195) in default interest.
171. It appears that the 2001 Tax Assessment, in the part relating to additional taxes and interest surcharges, was upheld by the City Court on 11 October 2004. The judgment of 11 October 2004 was upheld on appeal on 16 February 2005. The Circuit Court upheld the decisions of the lower courts on 9 December 2005.
172. The applicant company’s request for an injunction pending those proceedings was unsuccessful. The City Court dismissed it in its judgment of 5 October 2004. The refusal was upheld by the Appeal Court on 3 December 2004 and by the Circuit Court on 29 March 2005.
(b) Enforcement of penalties
173. On 3 September 2004 the Ministry applied to the City Court to recover the penalties arising from the 2001 Tax Assessment. .
174. It appears that on 11 October 2004 the action was examined and granted by the City Court. The judgment in the case was produced on 15 October 2004.
175. According to the applicant company, its appeal against the judgment of 11 October 2004 was dismissed by the Appeal Court on 18 November 2004. It appears that the Circuit Court upheld these two decisions on 15 November 2005.
176. On 19 November 2004 the bailiffs instituted enforcement proceedings in respect of the Tax Assessment 2001 in the part relating to penalties. The company was to pay RUB 40,607,549,520 in penalties (approximately EUR 1,139,797,051).
(c) 7% enforcement fee in respect of additional taxes and interest surcharges
177. On 20 September 2004 the bailiffs decided to impose a 7% enforcement fee in respect of the applicant company’s failure to abide by the 2001 Tax Assessment in the part relating to taxes and interest surcharges. The applicant company was to pay RUB 5,549,574,880.78 (approximately EUR 155,693,193).
178. The resolution was served on the applicant company on 1 October 2004.
179. On 29 October 2004 the City Court examined and dismissed the challenge to the decision of 20 September 2004 as groundless.
180. It does appear that the company pursued appeal proceedings.
181. On 1 December 2004 the company appealed in cassation against the judgment of 29 October 2004.
182. The appeal was dismissed by the Circuit Court on 3 March 2005.
(d) 7% enforcement fee in respect of penalties
183. On 9 December 2004 the bailiff decided to impose a 7% enforcement fee in respect the applicant company’s failure to abide by the 2001 Tax Assessment in the part relating to penalties. The company was to pay a 7% enforcement fee of RUB 7,102,488,295 or approximately EUR 190,077,377.
184. On 23 December 2004 the company challenged this decision in court.
185. On 3 February 2005 the City Court dismissed the action.
186. The applicant company failed to appeal the judgment of 3 February 2005.
187. The Circuit Court upheld the judgment of 3 February 2005 on 16 June 2005.
(e) Overall debt in respect of 2001
188. Overall, in respect of 2001 the applicant company was ordered to pay RUB 132,539,253,849.78 (approximately EUR 3,710,836,129).
C. Proceedings in respect of the applicant company’s tax liability for the year 2002
1. Tax Assessment 2002
189. On 29 October 2004 the Ministry produced an audit report in respect of the applicant company’s activities for the year 2002. The report was received by the company on 1 November 2004.
190. On 16 November 2004 the Ministry took a decision to levy further tax liabilities, this time in respect of the year 2002 (“the 2002 Tax Assessment”). The applicant company was to pay RUB 90,286,552,485 (approximately EUR 2,425,825,387) in taxes, RUB 31,485,110,355.58 (approximately EUR 845,944,140) in default interest and RUB 72,040,907,796 (approximately EUR 1,935,600,133) in penalties.
191. The decision established the use of the same tax-evasion scheme (in respect of profit tax, VAT, corporate property tax and motorway users’ tax) as in the decisions concerning the years 2000 and 2001. It mentioned that the company had carried out its activities through OOO Ratmir, OOO Alta-Treid, ZAO OMISSIS-M, OOO Yu-Mordoviya, OOO Ratibor, OOO Petroleum treyding, OOO Evoyl, OOO Fargoyl, most of which had also been used by the applicant company in previous years. The entities in question, acting in breach of Article 575 of the Civil Code, which prohibits grants and gifts between independently functioning commercial entities, had transferred the entirety of their profits unilaterally to a fund owned and controlled by the applicant company. The decision mentioned that the transfers had been wrongly reflected in the applicant company’s financial accounting and that the company had failed to explain the origin of these funds and had failed to take these sums into account for tax purposes. Accordingly, the applicant company had failed to pay taxes in respect of these amounts.
192. The decision referred to several other mistakes in the applicant company’s tax declarations. In particular, the tax in respect of the company’s securities transactions was wrongly calculated, there were many general mistakes in the company’s financial accounting, and there were some mistakes in the company’s request for reimbursement of the VAT on export operations (e.g. on one occasion the company failed to submit the required sales contract; it also mentioned one contract but received the money on the basis of a different contract; on some occasions the company failed to submit documents proving customs clearance, indicated wrongly calculated sums, and made multiple mistakes in VAT export documents). There were further multiple mistakes in tax deductions in respect of internal VAT.
193. The decision also established that the applicant company had used sham entities to lower its group taxes, that the entities and the company’s subsidiaries had entered into transactions with reduced prices, that on some occasions the company had declared the extracted oil as “hydrocarbon liquid” in order to lower the applicable price even further, that there were no cash transactions between the entities and subsidiaries and that the company’s own promissory notes and mutual offsetting had been used instead and that the whole set-up, which had no economic purpose other than tax evasion, had resulted in massive tax evasion by the applicant company. The decision also noted that use of tax concessions in the Republic of Mordoviya and the Evenk Autonomous District by the sham entities had been unlawful, because they had failed to qualify for the exemptions and also because they had been sham companies. The decision was detailed in respect of the composition and all the activities of the sham entities: the Ministry analysed the entirety of their activities month by month.
194. The applicant company had until 17 November 2004 to meet the debts voluntarily.
2. Enforcement measures relating to the 2002 Tax Assessment
(a) Enforcement of additional taxes, interest surcharges and penalties
195. By a decision of 18 November 2004 bailiffs proceeded to enforcement of the decision of 16 November 2004 in so far as it related to additional taxes and interest surcharges.
196. The City Court joined the proceedings by which the applicant company tried to contest the decision of 16 November 2004 and on 23 December 2004 it examined and, in the most part, dismissed the applicant company’s appeals against the decision of 16 November 2004. The court declared the Ministry’s conclusions partly unfounded and reduced the company’s tax liability by RUB 325,628,742 (approximately EUR 8,752,543), its default interest payments by RUB 98,515,758 (approximately EUR 2,647,995) and the penalty by RUB 851,419,688 (approximately EUR 22,885,227). The court also ordered the applicant to pay the penalty in question.
197. This decision was upheld by the Appeal Court on 5 March 2005 and the Circuit Court on 30 June 2005.
198. On 28 December 2004 the applicant company also appealed against the Ministry’s decision in respect of the year 2002, in so far as it had ordered that the tax debts and default interest payments be collected directly.
199. It appears that on 7 February 2005 the City Court examined and dismissed the claim as unfounded. The judgment was upheld on appeal on 4 April 2005. The Circuit Court upheld the decisions of the lower courts on 15 June 2005.
(b) 7% enforcement fee in respect of additional taxes and interest surcharges
200. On 9 December 2004 the bailiffs decided to impose a 7% enforcement fee in respect of the applicant company’s failure to comply voluntarily with the 2002 Tax Assessment in the part relating to additional taxes and surcharge interests.
201. On 23 December 2004 the company appealed against this decision in court, initially claiming that the decision had been unlawful and asking to reduce the fee to 1%. The company then withdrew its claim in the part relating to the reduction of the fee.
202. On 10 February 2005 the City Court judgment dismissed the appeal.
203. It does not appear that the company brought any proceedings before the Appeal Court in respect of the judgment.
204. The applicant company’s cassation appeal was examined and dismissed by the Circuit Court on 16 June 2005.
(c) Overall debt in respect of 2002
205. Overall in respect of the year 2002 (excluding the 7% enforcement fee), the applicant company was ordered to pay RUB 192,537,006,448.58 (approximately EUR 4,344,549,434).
(d) Written information report communicated by ZAO PricewaterhouseCoopers Audit to the applicant company’s management in respect of the year 2002
206. In their observations of 15 April 2005 the Government submitted a copy of a report communicated to the applicant company’s management by its auditor ZAO PricewaterhouseCoopers Audit. The applicant company did not comment on the contents of the report.
207. In contrast to “ordinary” audit reports, which were made public, the internal information report was produced exclusively for the applicant company’s management.
208. The report noted specifically that the applicant company’s “Fund for Financial Support of the Production Development of OAO Neftyanaya Kompaniya OMISSIS” was in breach of the domestic law in that the relevant legislation disallowed unilateral transfers and gifts between commercial entities. It also noted that the applicant company’s accounting policy in respect of the operations involving promissory notes had been incompatible with the legislation in force and provided a distorted view of the company’s activities.
209. In addition, on 15 June 2007 the applicant company’s auditor, ZAO PricewaterhouseCoopers Audit, disavowed its audit certifications in respect of the applicant company’s financial statements for the years 1995-2004 on account of the applicant company’s deliberate attempts to conceal its tax-evasion scheme, as well as its failure to disclose all relevant documents during the respective inspections conducted by the company’s auditors at the time.
D. Proceedings in respect of the applicant company’s tax liability for the year 2003
1. Tax Assessment 2003
210. On 28 October 2004 the Tax Ministry commenced a tax inspection in respect of the year 2003, which resulted in an audit report that was dated 19 November 2004 and served on the applicant company on the same date.
211. On the basis of the report, by a decision of 6 December 2004 the Ministry levied tax liabilities for the year 2003 (“the 2003 Tax Assessment”), consisting of RUB 86,228,187,852 (approximately EUR 2,327,114,103) in taxes, RUB 15,235,930,657.66 (approximately EUR 411,185,136) in default interest and RUB 68,939,326,976.40 (approximately EUR 1,860,524,778) in penalties.
212. The decision established that the company was guilty of having evaded taxes (in particular, VAT, profit tax and advertising tax) by using the same arrangement as in previous years. The decision mentioned the following entities registered either in the Republic of Mordoviya or the Evenk Autonomous District: OOO Yu-Mordoviya, ZAO OMISSIS-M, OOO Alta-Treyd, OOO Ratmir, OOO Energotreyd, OOO Makro-Treyd, OOO Fargoyl, and OOO Evoyl. It was alleged that the entities were sham and that they had made unilateral transfers to the applicant company, in breach of Article 575 of the Civil Code, that the applicant company had failed to reflect the transferred amounts as its profits, to account for them and to pay taxes in this connection and that the company had used lowered prices to avoid the payment of taxes. The decision contained a detailed contract-by-contract analysis of the sham entities’ transactions.
213. The decision also mentioned that some of the applicant company’s expenses were unjustifiably deducted from the company’s taxable income, that the company failed to account for some of its operations with promissory notes, that there were some mistakes in calculation of the VAT owed by the company and that the company had evaded payment of advertising tax in Moscow.
214. The applicant company had one day to comply with the decision, that is, until 7 December 2004.
2. Enforcement measures relating to the 2003 Tax Assessment
(a) Enforcement of additional taxes, interest surcharges and penalties
215. On 9 December 2004 the bailiffs proceeded to enforcement of the decision of 6 December 2004 in so far as it related to taxes and interest surcharges.
216. It appears that the City Court joined the proceedings by which the applicant company tried to contest the decision of 9 December 2004 and on 28 April 2005 it examined the company’s challenge. In respect of the company’s request to recalculate automatically the export VAT on operations conducted by the sham entities in the course of these proceedings, the court noted the request was unsubstantiated and also lodged out of time. In particular, the company had failed to submit a proper claim with monthly calculations and evidence that the goods in question had indeed been exported. The court also addressed the applicant company’s argument that Article 75 (3) of the Tax Code prevented the authorities from levying the interest surcharges. It noted that the provision in question only applied to cases in which the sole reason for the taxpayer’s inability to pay tax debts was the seizure of its assets and cash funds. On the facts, the applicant company was unable to pay because it had insufficient funds and not because its assets were frozen. The court concluded that the applicant company’s argument was unfounded. The court also reduced the amount of additional taxes to be paid to RUB 86,221,835,476.37 (EUR 2,399,884,085) and the amount of fines to RUB 68,918,264,491 (EUR 1,918,259,397). The amount of interest surcharges was reduced accordingly. The exact figure of the interest surcharges to be paid by the applicant is unclear.
217. The judgment was upheld on appeal on 16 August 2005.
218. The applicant company appealed on cassation.
219. On 5 December 2005 the Circuit Court upheld the decisions of the lower courts.
220. The bailiffs instituted enforcement proceedings in respect of the payment of fines on 4 October 2005.
(b) 7% enforcement fee
221. On 17 March 2006 the bailiffs decided to impose a 7% enforcement fee in respect of the applicant company’s failure to comply voluntarily with the 2003 Tax Assessment. The applicant company was to pay RUB 7,102,488,296 (EUR 211,872,906) in respect of the unpaid reassessed taxes and interest surcharges and RUB 4,824,278,304 (EUR 143,912,080) in respect of the unpaid fines.
(c) Overall debt in respect of the year 2003
222. Overall, in respect of 2003 (excluding the 7% enforcement fee and the interest surcharges, the exact amount of which is unclear) the applicant company was ordered to pay RUB 155,140,099,967.37 (approximately EUR 4,318,143,482).
E. Forced auctioning of OMISSIS
223. On 20 July 2004 the Ministry of Justice announced the forthcoming evaluation and sale of OMISSIS as a part of its ongoing enforcement procedures.
224. On 22 July 2004 the applicant company announced that:
“...the company management [is] currently making every effort to raise additional funds in order to repay, as soon as possible, the tax liability and to finance current operations. However, should those efforts prove unsuccessful and Yuganskneftegaz [be] sold, in the present circumstances, the management of the Company would be compelled to announce the bankruptcy of Russia’s largest oil company”.
1. Valuation report of 17 September 2004
225. On 17 September 2004 the valuation commissioned by the bailiffs and the Ministry of Justice from Dresdner Kleinwort Wasserstein, the investment branch of Dresdner Bank AG (working in Russia as ZAO Dresdner bank), for the purposes of the enforcement proceedings, estimated that 100% of shares in OAO Yuganskneftegas were worth between USD 15.7 and 18.3 billion (between EUR 15.2 and 17.7 billion), excluding the pending and probable tax liabilities of this entity.
226. The report evaluated 100% of the price of OMISSIS as a separate entity and, having deduced its corresponding obligations, calculated the cost of its shares, on the basis of which it would be possible to calculate the price of one share in OMISSIS.
227. It was specifically mentioned in the report that the valuation was not an opinion concerning the attainable price in the event of the sale of OMISSIS or any kind of recommendation concerning the starting bid of the auction in the event of the sale of Yuganskneftegaz by the Ministry of Justice or any other State institution, or any recommendation concerning particular actions to be undertaken by the Ministry of Justice with a view to levying the judicially determined or estimated amount of the applicant company’s tax debt.
228. Among the basic risks affecting the price of OMISSIS, the report mentioned the tax claims, the validity of oil extraction licences, future oil prices, export quotas etc. The report also mentioned that the price of OMISSIS as a part of the applicant company could be substantially different from the price of OMISSIS as a separate entity. The report also mentioned various valuations of OMISSIS made by third parties, including investment institutions and banks, and ranging from USD 9 to 22 billion (between EUR 7.4 to 18.1 billion). It also mentioned that, because of the size of OMISSIS, not many buyers would be financially capable of acquiring it.
229. The valuation (between USD 15.7 and 18.3 billion or EUR 15.2 and 17.7 billion) did not take account of already pending and probable tax claims against OMISSIS. If and when lodged, these claims would “substantially influence the assessment” of the equity of OMISSIS. The claims already announced (as on that date) were USD 951.3 million.
230. In carrying out the valuation, the report used the following three methods: the method of discounted cash flows, a method based on the analysis of comparable transactions, and a method based on the analysis of comparable publicly-held companies.
231. The report also specifically noted that:
“...the decision concerning the starting bid of the auction is a tactical one and should strike a balance between the desire to reach the highest price on the one hand, and the need to attract the maximum number of potential buyers on the other. Because of this, the starting bid is most likely to be different from the assessment of the price.”
2. Service of the valuation report on the applicant company on 13 October 2004
232. A copy of the valuation report was served on the applicant company on 13 October 2004.
233. It does not appear that the applicant company contested the report’s valuations report before the courts.
234. On 21 October 2004 the bailiffs confirmed to the Ministry that they had collected 79,584,690,127 RUB (approximately EUR 2,183,447,331).
3. The applicant company’s reply of 4 November 2004
235. On 4 November 2004 the applicant company responded to the valuation report. It disagreed with the decision to evaluate and sell OMISSIS, and would have preferred to sell its other assets first. The applicant company informed the bailiffs that it had already honoured a major part of the debt (apparently referring to its tax liability for the year 2000 only) and that the remaining sum was USD 2.5 billion (around EUR 2 billion). The company claimed that it would be more reasonable to lift the seizure and let it dispose of its minor assets in order to honour the remaining debt.
236. As regards OAO Yuganskneftegas, the company referred to independent valuations by JP Morgan PLC, valuing the subsidiary at “no less than USD 14 billion (some EUR 11 billion)” and “between USD 16.1 billion (EUR 12.6 billion) and USD 22.1 billion (EUR 17.378 billion), including tax liabilities” respectively.
237. The letter mentioned that the Ministry had brought tax claims against OMISSIS totalling USD 2.903 billion.
4. The bailiffs’ decision of 18 November 2004
238. On 18 November 2004 the bailiffs noted that the applicant company’s debt to the Ministry on that date was RUB 204,902,386,620 (approximately EUR 5,506,781,584 or USD 7,147,250,717). Having referred to sections 4, 46 (6), 54 (2) and 88 of the Enforcement Proceedings Act, the bailiffs decided to sell 76.79 % of the shares in OAO Yuganskneftegas at an auction which would take place on 19 December 2004. The published minimum bidding price for 76.79 % of the shares in OAO Yuganskneftegas was RUB 246,753,447,303.18 (approximately USD 8.65 billion or EUR 6.63 billion).
239. The sale was entrusted to the Russian Fund of Federal Property (“the Property Fund”), a specialised State Institution in charge of organising sales of federal property and the property of those who had debts towards the State.
240. On the same date, the Property Fund issued a regulation setting out the parameters and rules that would govern the auction, including the number of shares to be sold (43 ordinary shares representing 76.79% of the capital of OMISSIS), the starting price (RUB 248.6 billion or some USD 8.85 billion), the date and place of the auction (19 December 2004), the eligibility requirements for bidders (the auction was open to all perspective bidders, including foreign individuals and legal entities), which included a cash deposit of RUB 49.4 billion (USD 1.7 billion, or 20% of the starting price), to be paid no later than the day before the auction.
5. Court action against the decision of 18 November 2004
241. The decision of 18 November 2004 was challenged in court on 26 November 2004.
242. It appears that on 3 December 2004 the City Court dismissed the appeal against the decision of 18 November 2004.
243. On 21 January and 3 May 2005 that judgment was upheld on appeal and in cassation respectively.
244. The applicant company argued that the valuation report had failed to give a market valuation of the asset and that the decision of 18 November 2004 failed to mention a specific price for OMISSIS. In response, the courts noted that 43 ordinary and 13 privileged shares in OMISSIS had been seized by the bailiffs in satisfaction of the applicant company’s liability, that the shares had been valued by ZAO Dresdner Bank and that the applicant company had been informed of all of the bailiffs’ actions in the course of the enforcement proceedings. They also noted that the seizure of shares in OMISSIS had previously been declared lawful, that the applicant company had been properly notified of all of the steps taken by the bailiffs in the course of the enforcement proceedings and could bring court proceedings against them, that the valuation by ZAO Dresdner Bank had not been contested by the applicant in accordance with the special procedure provided for by the legislation in force, and that the bailiffs had properly indicated the amount of the applicant company’s debt and requested the Fund to sell the amount of shares necessary to satisfy the debt.
6. Announcement about the sale of OMISSIS
245. In the meantime, on 19 November 2004, the Russian Gazette, an official Government newspaper, published an announcement about the sale of 76.79% of shares in OMISSIS at a public auction organised by the Property Fund. The only two conditions for participating in the auction were to file an application between 19 November and 18 December 2004 and to make a deposit payment.
246. On 10 December 2004 OOO Gazpromneft, ZAO Intercom and OAO First Venture Company filed applications with the Federal Antimonopoly Service and thus were expected to bid at the auction.
247. The media reported that OAO Gazprom, a parent company of OOO Gazpromneft, had begun negotiating a financing arrangement with a consortium of international banks to finance its bid at the auction. It was also reported that a number of non-Russian companies, such as ENI, Chevron Texaco, China National Petroleum Corporation and E.ON, had expressed interest in participating in the auction.
248. On 17 December 2004 the bailiffs noted that the applicant company’s consolidated debt on that date, regard being had also to the 2001 Tax Assessment, was RUB 344,222,156,424.22 (EUR 9,210,844,560.93, or USD 12,365,545,256.86).
7. The applicant company’s application for bankruptcy in the United States of America and its request for injunctive relief
(a) Filing of bankruptcy petition and request for injunctive relief
249. On 14 December 2004 the applicant company filed a voluntary petition under Chapter 11 of the U.S. Bankruptcy Code in the U.S. Bankruptcy Court for the Southern District of Texas, Houston Division (“the U.S. Bankruptcy Court”).
250. Simultaneously, the applicant company filed a request for injunctive relief, pursuant to section 105 of the U.S. Bankruptcy Code in order, among other things, to enforce the automatic stay set out in section 362 (a) of the Bankruptcy Code by enjoining certain parties from participating in the Yuganskneftegaz Auction. The request was directed specifically against “... defendants the Russian Federation, OOO Gazpromneft, ZAO Intercom, OAO First Venture Company, ABN Amro, BNP Paribas, Calyon, Deutsche Bank, JP Morgan and Dresdner Kleinwort Wasserstein ...”.
(b) Scope of automatic stay
251. Under U.S. law, an automatic stay went into immediate effect when the applicant company filed for bankruptcy. The automatic stay protected the company’s assets by preventing the creditors from collecting claims that arose prior to the bankruptcy filing or from taking “possession” or “control” of the applicant company’s property covered under the filing.
(c) Temporary restraining order of 16 December 2004
252. On 16 December 2004, having examined the applicant company’s request, the U.S. Bankruptcy Court issued a temporary restraining order barring certain specific entities from taking any actions with respect to the shares in OMISSIS, including participation in the auction. Among other things, Judge Letitia Z. Clark stated the following:
“... The court is mindful of the need for deference to the judicial determination of another jurisdiction. This is ... of exceptional importance when it involves that of agencies of another sovereign state. However, in the instant case, the [applicant company] has made a showing that it needs a short additional time to hold its shareholder meeting scheduled for December 20, 2004 and may elect to file for bankruptcy under Russian law in order to proceed with a more orderly adjustment of its assets and debts in accordance with Russian law or to continue to seek international arbitration ...”.
253. The entities mentioned in the order were (a) the three companies registered to bid at the Auction, including OOO Gazpromneft, ZAO Intercom and OAO First Venture Company, (b) six western financial institutions that had announced their intention to fund OOO Gazpromneft’s bid at the auction (ABN Amro, BNP Paribas, Calyon, Deutsche Bank, JP Morgan and Dresdner Kleinwort Wasserstein) and (c) those persons in active concert or participation with them.
(d) Outcome of the bankruptcy proceedings in the U.S.
254. On 24 February 2005 the U.S. Bankruptcy Court dismissed the applicant company’s petition for bankruptcy with reference to section 1112 (b) of U.S. Bankruptcy Code which gave the court discretion to dismiss a case “in the best interest of the creditors and the estate”.
255. The court noted that most of the applicant company’s assets were oil and gas within Russia, so that the court’s ability to carry out a re-organisation without the cooperation of the Russian government was extremely limited, that the applicant company sought to substitute U.S. law in place of Russian, European Convention and/or international law, that the applicant company had commenced proceedings in other fora, including the European Court of Human Rights, and the court did not feel that it was uniquely qualified or more able that these other fora to consider the issues presented. Lastly, the court noted that the vast majority of the business and financial activities of the applicant company continued to occur in Russia and that the applicant company was one of the largest producers of petroleum products in Russia. The court held that “the sheer size of [the applicant company] and its impact on the entirety of the Russian economy weighs heavily in favour of allowing resolution in a forum in which participation of the Russian government is assured”.
8. Auction of 19 December 2004
256. On 19 December 2004 the Property Fund auctioned 76.79% of the shares in OMISSIS. It appears that media reporters were able to attend the auction.
257. There were two participants in the auction, OOO Baykalfinansgrup and OOO Gazpromneft. OOO Baykalfinansgrup, the only bidder in the auction, made two bids, first of USD 8.65 billion and then of RUB 260,753,447,303.18 (USD 9.4 billion or EUR 7.05 billion). It appears that whilst taking part in the auction OOO Gazpromneft was prevented from bidding by the injunction of 16 December 2004 (see paragraph 253 above).
9. The decisions and reports concerning the outcome of the auction
258. On 21 December 2004 the Ministry of Justice issued a report accepting that the Property Fund had properly carried out the services due under the contract of 18 November 2004.
259. On 21 December 2004 the Property Fund publicly reported the sale of the shares in OMISSIS.
260. On 31 December 2004 the bailiffs issued a resolution confirming the results of the auction. The resolution stated that OOO Baykalfinansgrup had won the auction for 43 shares in OMISSIS (76.79% of its stock) for RUB 260,753,447,303.18 (approximately EUR 6,896,341,940 or USD 9,396,960,842). By the time that resolution was issued, the money had already been transferred to the bailiffs.
10. Takeover of OOO Baykalfinansgrup by OAO Rosneft
261. According to press reports of 31 December 2004, OAO Rosneft, a State-owned oil company, acquired OOO Baykalfinansgrup and thus took control of OAO Yuganskneftegas.
262. In its consolidated financial statements 2003-2005, dated 15 May 2005,OAO Rosneft declared:
“... In late December 2004 [OAO Rosneft] acquired a 100% interest in [OOO Baykalfinansgrup], which a few days earlier had won an auction for the sale of a 76.79% interest in [OMISSIS], which represents 100% of the common shares of [OMISSIS]. ...”
11. Court proceedings in connection with the auction
263. It appears that on 26 May 2005 the applicant company filed an action in the City Court against the Property Fund, OOO Baykalfinansgrup, OAO Rosneft, OOO Gazpromneft, OAO Gazprom and the Ministry of Justice, seeking to annul the auctioning of 43 shares in OAO Yuganskneftegas and the deed of sale. It also claimed damages in excess of RUB 324 billion.
264. The action was examined and dismissed by the City Court on 28 February 2007. The court decided that both the Ministry of Justice and the Property had acted within their statutory powers, that the auction procedure had been fully complied with and that the applicant company’s allegation about the auction participants acting in concert had been unsupported by any evidence.
265. The judgment was upheld by the Appeal Court on 30 May and by the Circuit Court on 12 October 2007.
266. On 27 January 2005 the applicant company also initiated parallel proceedings against OAO Rosneft, OOO Baykalfinansgrup, Deutsche Bank AG, Deutsche Bank AG London, Deutsche Bank Luxembourg S.A., Deutsche Bank Trust Company Americas and the Russian Federation before the U.S. Bankruptcy Court for violation of the automatic stay.
267. The applicant company voluntarily withdrew the entire proceedings on 28 March 2005, after its bankruptcy petition was dismissed by the U.S. Bankruptcy Court.
F. Bankruptcy proceedings
268. It does not appear that any enforcement measures took place in respect of the applicant company after the auctioning of OMISSIS until September 2005.
269. On 8 September 2005 a consortium of foreign banks represented by the French bank Société Générale (“the banks”) filed an application with the City Court for recognition and enforcement of an English High Court judgment ordering the applicant company to re-pay the contractual debt of USD 482 million (around EUR 385 million), resulting from the applicant company’s default under a USD 1 billion loan agreement dated 24 September 2003.
270. On 22 September 2005, at the banks’ request, the bailiffs again attached the applicant company’s property.
271. In October 2005 the applicant company challenged this order.
272. On 30 November 2005 the City Court dismissed the appeal as groundless.
273. The first-instance judgment was upheld by the Appeal Court and by the Circuit Court on 27 February and 12 May 2006 respectively.
274. In the meantime, on 28 September 2005, the City Court allowed recognition and enforcement of the English High Court judgment.
275. On 5 December 2005 the Circuit Court granted the applicant company’s cassation appeal and quashed the judgment of 28 September 2005. It remitted the case for a fresh hearing.
276. On 21 December 2005, having re-examined the case, the City Court allowed the banks’ claims.
277. On 25 January 2006 the applicant company appealed against the judgment of 21 December 2005.
278. On 2 March 2006 the Circuit Court dismissed the appeal.
279. It appears that on 13 December 2005 the banks reached an agreement with the Rosneft company to sell to the latter the applicant company’s debt to the banks.
280. On 6 March 2006 the banks lodged a petition with the City Court to declare the applicant company bankrupt.
281. On 9 March 2006 bankruptcy proceedings were initiated against the applicant company upon the banks’ petition. It appears that the Ministry decided to join the proceedings as one of the bankruptcy creditors in respect of remaining tax debts of the 2000-2003 Tax Assessments still owed by the applicant company.
282. On 14 March 2006 the banks notified the City Court about the decision to sell the debts owed by the applicant company to Rosneft.
283. On 29 March 2006 the City Court substituted Rosneft in the place of the banks as a bankruptcy creditor. By the same decision the court imposed a supervision order on the applicant company and appointed Mr Eduard Rebgun as the applicant company’s interim receiver. It also prohibited the company’s management from disposing of any of its property exceeding RUB 30 million in value.
284. On 6 and 7 April 2006 the applicant company appealed against the decision of 29 March 2006 on all three points.
285. On 27 April 2006 the Appeal Court dismissed the appeals.
286. On 21 June 2006 the applicant company appealed against the lower courts’ decisions to the Circuit Court. The outcome of these proceedings is unclear.
287. On 21 April 2006 the Ministry submitted a claim to the City Court, seeking to be included in the list of the applicant company’s creditors for the amount of 353,766,625,235.66 RUB (approximately EUR 10,435,809,153), along with 2,118 pages of documentation. The claim was based on the company’s reassessed tax liability for the year 2004.
288. In June 2006 the City Court made a number of rulings concerning the formation of the list of creditors. In particular, on 1 and 7 June 2006 the City Court held hearings on the claim. On 14 June 2006 the final hearing of the claim was held. The court allowed the claims in its entirety and dismissed the application for stay.
289. On 21 June 2006 the City Court delivered a full version of the judgment of 14 June 2006. It decided to include the Ministry in the list of the applicant company’s creditors for the amount claimed and refused to stay the proceedings.
290. On 3 and 6 July the applicant company appealed against the judgment of 14 June 2006 concerning the allowed claims.
291. On 4, 7 and 11 August 2006 the Appeal Court heard the applicant company’s arguments.
292. On the latter date the Appeal Court dismissed the applicant company’s appeal.
293. It appears that on 18 August 2006 the Appeal Court delivered a full version of the appeal decision.
294. On 25 July 2006 the Committee of Creditors rejected the rehabilitation plan offered by the management and recommended the applicant company’s liquidation.
295. On 31 July 2006 the applicant company appealed against this decision.
296. On 4 August 2006 the City Court examined the applicant company’s situation, declared that the company was bankrupt and dismissed its management. The court appointed Mr E. Rebgun as the applicant company’s trustee. It also refused the company’s request to stay the proceedings.
297. Both parties appealed on 15 August 2006
298. The judgment was upheld on appeal and entered into force on 26 September 2006.
299. It appears that on 22 August 2006 Mr E. Rebgun, acting as the trustee in the company’s bankruptcy proceedings, revoked the authority of all counsel appointed by the applicant company’s previous management, including Mr P. Gardner.
300. On 23 October 2006 Mr E. Rebgun appointed a consortium of independent appraisers led by ZAO Roseko (“the consortium”), selected through an open tender, to inventory and evaluate the applicant company’s assets with a view to auctioning them.
301. The consortium carried out its evaluation from October 2006 to July 2007.
302. From 27 March to 15 August 2007 Mr E. Rebgun held 17 public auctions at which all of the applicant company’s assets were sold in line with the evaluations which had been made earlier by the consortium. The aggregate proceeds amounted to over RUB 860 billion (around USD 33.3 billion). The assets sold included a 20% stake in OAO Sibneft (sold, along with 12 fully owned subsidiaries, blocks of shares in 5 more entities and some exchange notes, for RUB 151.536 billion, or some EUR 4.387 billion), 9.44% of shares of OAO Rosneft (sold, along with 12 exchange notes of OMISSIS, for RUB 197.840 billion, or some EUR 5.728 billion) and scores of the company’s subsidiary companies.
303. By a decision of 12 November 2007, the full version of which was produced on 15 November, the City Court examined the applicant company’s situation, heard the report by Mr E. Rebgun and decided to terminate the liquidation proceedings. The applicant company ceased to exist, leaving over RUB 227.1 billion (around USD 9.2 billion) in unsatisfied liabilities.
304. On 21 November 2007 a certificate was issued to the effect that the applicant company had been liquidated on the basis of the court decision.
305. It appears that a company Glendale Group Limited and OMISSIS Capital S.A.R.L. contested the decision of 12 November 2007 before the Appeal Court. The appeal of Glendale Group was declared inadmissible for the failure to submit it on time, whilst the appeal of OMISSIS Capital S.A.R.L. has been accepted for examination. The hearing in this respect was scheduled by the Appeal Court on 19 November 2007.
306. The outcome of these proceedings remains unclear.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
A. Tax liability
1. General provisions
307. Under Article 57 of the Constitution of Russia, everyone is liable to pay taxes and duties established by law.
308. Article 44 of the Tax Code of 31 July 1998 no. 146-FZ (as in force at the relevant time) states that an obligation to pay a tax or a duty arises, alters or ceases in accordance with that Code and other legislative acts on taxes and fees.
309. Articles 45 and 80 of the Tax Code provide that, as a general rule, taxpayers must comply with their obligation to pay a tax on their own initiative, and define a tax declaration as the written statement by taxpayers on their revenues and expenses, sources of revenue, tax benefits and the calculated sum of the tax, as well as other data related to calculation and payment of the tax.
310. Under Article 45, in the event of non-payment or incomplete payment of the tax in due time, the tax authorities may levy the tax liability directly from the taxpayer’s bank account.
311. Article 11 (2) of the Tax Code defines a branch of an organisation as a geographically separate department, with stable employment posts.
2. Tax inspections
312. Under Articles 82 and 87 of the Tax Code, the tax authorities may carry out documentary and on-site tax inspections of taxpayers. Such inspections may cover only the three calendar years of the taxpayer’s activity directly preceding the year of inspection. In exceptional cases the authorities are allowed to carry out repeated on-site tax inspections. Such cases include, among other things, on-site inspections conducted by way of supervision of the activities of the tax authority that conducted the initial audit (Article 87 (3) of the Code).
313. Article 101 (4) 2 of the Tax Code states that the tax authority may use as evidence during its inspections documents earlier demanded by the authority from a taxpayer, documents submitted or obtained during documentary and on-site tax inspections of that taxpayer as well as other documents in the possession of the authority.
314. Under Article 100 (5) of the Tax Code a taxpayer has two months to file a detailed reply to the report drawn up by the tax authorities on the outcome of the tax inspection.
315. Under Article 81 of the Tax Code, a taxpayer may not be fined in respect of any errors if, prior to commencement of the on-site tax inspection for the relevant year, it files amended tax returns and voluntarily satisfies the related tax liabilities, including default interest.
316. By order no. BG-3-29/159 dated 2 April 2003 the Tax Ministry decided that the period for performance of the demand to pay tax addressed to a taxpayer may not exceed ten calendar days from the date of its receipt by the taxpayer.
317. The Government relied on the following cases as examples of typical terms given to taxpayers for voluntary payment of reassessed taxes and surcharges:
(a) Case no. A82-11/2003-A/6
318. On 13 November 2000 the Tax Ministry demanded that respondent OAO Slavneft-YANOS pay reassessed taxes and interest surcharges amounting to over RUB 53 million within one day. The court decisions in the case were taken on 11 June 2003, 7 October 2003 and 19 January 2004.
(b) Case no. A33-16983/01-S3a-F02-1826/02-S1
319. On 31 May 2001 the Tax Ministry ordered the Municipal Housing and Utilities Infrastructure of the Kansk District to pay reassessed taxes in the amount of RUB 814,581.54 within one day. The first judgment of 9 April 2002 was upheld by the cassation instance on 16 July 2002.
(c) Case no. F04/1724-594/A27-2004
320. On 23 January 2003 the Tax Ministry ordered FGUP PO Progress to pay reassessed taxes in the amount of RUB 72,827,208 within one day. The court decisions were taken on 4 September, 16 December 2003 and 5 April 2004 respectively.
(d) Case no. A26-8688/03-26
321. On seven occasions in 2003 the Tax Ministry ordered OOO Krasnaya Rybka to pay reassessed taxes and interest surcharges in the overall amount of RUB 760,043.19 within one day. The first-instance judgment in the case, dated 13 February 2004, was upheld by a cassation decision of 16 June 2004.
(f) Case no. F04-2648/2005(10969-A61-37)
322. On 25 August 2004 the Tax Ministry ordered OOO YamalGIS-Servis to pay reassessed taxes in the amount of RUB 268,083 on the same day. The court decisions upholding the demand were taken on 9 December 2004, 24 February and 4 May 2005.
B. Applicable taxes
1. General provisions
323. Article 38 of the Tax Code provides that objects of taxation may be operations involving the retailing of goods, works and services, property, profit, income, value of retailed goods, works and services or other objects having cost, quantitative or physical parameters on the existence of which the tax legislation bases the obligation to pay tax.
324. Article 39 of the Code defines retailing of goods, works and services as, inter alia, the transfer (including exchange of services, works and goods) in return for compensation of property rights in respect of goods and results of works from one person to another, as well as the rendering of services from one person to another in exchange for compensation.
325. Article 41 of the Code defines profits as economic gains in monetary form or in kind.
2. Value-added tax
(a) Before the entry into force of the Second Part of the Tax Code on 1 January 2001
326. Section 3 of RF Law no. 1992-1 of 6 December 1991 “On Value-Added Tax” (as in force at the relevant time) subjects to VAT, among other things, the turnover generated by the retailing of goods, works and services on the territory of Russia, the rates of which range between 10% and 20%. Under section 5 of the Law, exported goods are exempt from payment of the tax. The exemption becomes effective only if the taxpayer properly justifies the claim. Until these documents are filed, the tax remains payable under the non-export rate.
327. Letter no. B3-8-05/848, 04-03-08 of the State Tax Service of Russia and the Ministry of Finance, dated 21 December 1995, stated that taxpayers were to file the following documents to justify this tax exemption: a contract concluded between the legal personality taxpayer registered in Russia with its foreign partner, proof of payment in respect of the goods, and a customs declaration bearing the appropriate stamp of the customs body, confirming the export of goods from the customs territory of Russia.
(b) After the entry into force of the Second Part of the Tax Code on 1 January 2001
328. In respect of VAT, the applicable tax rate is 0% if the traded goods are placed in an “export” customs regime and physically removed from the customs territory of the Russian Federation (Article 164 (1) of the Tax Code). In addition, the taxpayer may claim a refund of the “incoming” VAT already paid in respect of the exported goods.
329. For the zero rate to become effective and in order to claim the VAT refund, it is necessary to justify the claim by filing the following documents with the tax authorities (Article 165 of the Tax Code): the export contract concluded between the taxpayer and the foreign buyer, a bank statement confirming receipt of funds from the foreign buyer by a Russian bank duly registered with the tax authorities, a relevant customs declaration bearing the stamp of the customs bodies confirming the export of the goods from the customs territory of Russia, and copies of relevant transport bills and shipping documents, bearing the stamps of the customs bodies, confirming the export of goods from the customs territory of Russia.
330. On 14 July 2003 the Constitutional Court issued ruling no. 12-P, in which it essentially upheld the constitutionality of Article 165 of the Code. The court distinguished between documents required by public-law norms, such as the taxpayer’s customs declaration bearing the relevant stamps from the customs bodies, and which are mandatory in all cases, and other documents such as contracts, transport bills etc. In view of the different practices of the economic actors, which made the latter type of documents mutually replaceable, the authorities were constitutionally permitted to require a taxpayer to file these documents, but without an excessive degree of formalism.
331. The relevant documents are to be filed with the competent tax authority within 180 days from the date of the customs clearance of the goods in question (Article 165 (9) of the Tax Code). Until these documents are filed, the tax remains payable under the non-export rate. A taxpayer is not precluded from filing the documents in question even after the expiry of the time-limit in question (Article 176 of the Tax Code).
332. By a decision of 28 April 2003 (case no. F09-1159/03-AK) in the case of ZAO Aktsionernaya neftyanaya kompaniya v. the Tax Ministry, the Federal Commercial Court of the Ural District, acting as a cassation review court, rejected the company’s claims for VAT refunds with reference to its failure to satisfy the requirements of Article 165 of the Code. The company could not prove the fact of actual payment for the allegedly exported goods.
333. By a decision of 17 February 2004 (case no. F09-187/04-AK) in the case of OOO Firma Galaktika v. the Tax Ministry, the Federal Commercial Court of the Ural District, acting as a cassation review court, rejected the company’s claims for VAT refunds with reference to its failure to satisfy the requirements of Article 165 of the Code. The company failed to submit a proper bank statement confirming receipt of funds from the foreign buyer.
334. By a decision of 3 May 2005 (case no. A56-31805/04) in the case of ZAO Stroitelnyy trest no. 28 v. the Tax Ministry, the Federal Commercial Court of the North Western District examined the decisions of lower courts whereby the company had been refused VAT refunds at first instance (by a judgment of 11 October 2004 – the company failed to submit the properly stamped customs declaration confirming the actual export of the goods) and had subsequently been granted them on appeal (by a decision of 21 January 2005 – the appeal court decided that the fact of the actual export had been established by a final court decision in a related court dispute). The cassation court quashed the appeal decision, having noted that the requirements set out in Article 165 of the Code were strict and unequivocal and that the law did not allow for any replacement of the customs declaration by other means of proof.
335. By a decision of 9 March 2005 (case no. F09-563/05-AK) in the case of OAO Kachkanarskiy gorno-obogatitelnyy kombinat Vanadiy v. the Tax Ministry, the Federal Commercial Court of the Ural District quashed the decisions of lower courts whereby the company had been granted VAT refunds. The cassation court noted that the requirements set out in Article 165 of the Code were strict and unambiguous and that the law required the taxpayer to prove the actual export solely by means of the properly stamped customs declaration, which had not been done by the company in the present case. Accordingly, the court rejected the company’s claims.
336. By a decision of 27 September 2005 (case no. F09-4252/05-C2) in the case of OAO Nauchno-proizvodstvennyy centr vysokotochnoy tekhniki Izhmash v. the Tax Ministry, the Federal Commercial Court of the Ural District, acting as a cassation review court, rejected the company’s claims for VAT refunds with reference to its failure to satisfy the requirements of Article 165 of the Code in a timely manner, that is, within six months.
3. Motorway fund tax
337. Section 5 (2) of RF Law no. 1759-1 of 18 October 1991 “On motorway funds in the Russian Federation” provides for a 1% motorway users’ tax from the turnover of the retail of goods, works and services, payable by all motorway users. Section 4 also makes subject to a 25% tax the turnover (excluding VAT) of companies trading in fuels and lubricants.
338. This tax was abolished from 1 January 2003.
4. Tax for the maintenance of the housing stock and socio-cultural facilities
339. Section 21 (“Ch”) of RF Law no. 2118-1 of 27 December 1991 “On the foundations of the tax system” imposes a tax of up to 1.5% for the maintenance of the housing stock and socio-economic facilities.
340. This tax was abolished with the entry into force of the Second Part of the Tax Code on 1 January 2001.
5. Corporate property tax
(a) Before the entry into force of the Second Part of the Tax Code on 1 January 2001
341. Section 2 (1-2) of RF Law no. 2030-1 of 13 December 1991 “On corporate property tax” provided for a tax of up to 2% in respect of organisations’ property.
(b) After the entry into force of the Second Part of the Tax Code on 1 January 2001
342. Chapter 30 of the Tax Code provides for a tax of up to 2.2% in respect of organisations’ property. The exact rate is defined by the regional authorities.
6. Profit tax
(a) Before the entry into force of the Second Part of the Tax Code on 1 January 2001
343. Law no. 2116-1 of 27 December 1991 “On profit tax on enterprises and organisations” (sections 2 and 5) provided for a profit tax, the rate of which could vary depending on the type of taxable activity and the rate fixed by the local authorities. The mandatory rate to be transferred to the Federal budget was 11%.
(b) After the entry into force of the Second Part of the Tax Code on 1 January 2001
344. Chapter 25 of the Tax Code provides for a profit tax of up to 24% (6.5% to be transferred to the Federal budget and the rest to the regional budget).
7. Advertising tax
345. Section 21 (1) “z” of RF Law no. 2118-1 of 27 December 1991 “On the foundations of the tax system” imposed a tax in respect of the cost of advertisement services.
346. This tax was abolished from 1 January 2005.
C. Tax advantages
1. General provisions
347. Article 56 of the Tax Code defines a tax benefit as a full or partial exemption from the payment of taxes, granted by the tax legislation.
348. In letter no. 04/06/08, dated 21 October 1998, the Ministry of Finance noted, inter alia:
“...[that] experience in creating and operating free economic zones in the Russian Federation, established pursuant to both federal laws (the special economic zone in the Kaliningrad region) and resolutions of the authorities of constituent entities of the Federation (Kalmykiya, Tuva), [has] demonstrate[d] that the creation of such zones across such vast areas in the absence of a proper analysis of investment projects leads to abuses of the tax and customs incentives granted and, accordingly, to serious losses suffered by the federal and local budgets, as reported by the Ministry of Finance of Russia to the Government of Russia on multiple occasions.”
2. Requirements relating to the registration of taxpayers
349. Under Article 83 (1) of the Tax Code, taxpayers which are legal entities are required to register with the tax authorities at their headquarters (location of their executive bodies), at the location of their branches and at the location of any real estate and places where vehicles belonging to them are registered.
350. Special registration rules applied in respect of large taxpayers, including the applicant company.
351. By Decree no. АП-3-10/399 of the Tax Ministry, dated 15 December 1999, such taxpayers are required to register at their main location, at the location of their branches and at the location of real estate and places where vehicles belonging to them are registered, and in certain specific tax offices (inter-district level or as specifically indicated by the Ministry).
352. Annex 3 to the Decree contains the form “On subsidiary and dependant companies and subsidiary enterprises”, to be filled in by the taxpayer. During registration the taxpayer is required to indicate all of its subsidiary and dependant companies.
353. In respect of domestic off-shore territories, according to commentators, this requirement means that in practice the taxpayer’s executive body should always be physically located and functioning on the territory of the off-shore. If the taxpayer fails to comply with the requirement, the tax authorities could declare its registration void with the subsequent recovery of the entirety of the perceived tax benefits (see A.V. Bryzgalin, Practical Tax Encyclopaedia, Moscow, 2003-2006, Chapter 3 “Methodology of tax optimisation”).
3. Closed administrative-territorial formations (the town of Sarov in the Nizhniy Novgorod Region, the town of Trekhgornyy in the Chelyabinsk Region and the town of Lesnoy in the Sverdlovsk Region)
(a) Legal provisions
354. Under section 5 of Law no. 3297-1 of the Russian Federation “On closed administrative-territorial formations”, tax concessions are provided to businesses if, inter alia, they have at least 90% of their fixed assets and conduct at least 70% of their activities on the territory of the respective formation (including a requirement that at least 70% of their employees be made up of persons permanently residing in the ZATO in question, and that at least 70% of their wage bill be paid to employees permanently residing in that territory).
355. Letter no. AП-6-01/505 of the Tax Ministry, dated 24 June 1999, contained Methodological Directions to the tax bodies on issues concerning the lawfulness of the use of additional tax benefits granted by local authorities in the closed administrative-territorial formations. It stated that the tax authorities ought to verify the actual presence of the taxpayer’s assets on the territory in question by checking its accounting records and financial statements, and by confirming the physical location of the organisation at the indicated address and the fact of genuine performance by the taxpayer’s employees at the taxpayer’s registered location.
(b) Case no. A42-6604/00-15-818/01 (The Tax Ministry v. OOO Pribrezhnoe), referred to by the applicant company
356. The respondent legal entity was OOO Pribrezhnoe, registered in the closed administrative territorial formation town of Snezhnogorsk, which has a privileged tax regime. The Ministry tried unsuccessfully to contest the use of tax concessions by the respondent, by demonstrating that the entity had not been actually present at the place of its registration. The domestic court found for the respondent. They established that the entity had some assets on the territory of Snezhnogorsk, a number of permanent employees (including a lawyer and the cleaning lady), and a cash account in the local bank, which proved that the entity satisfied the criteria provided for in law.
357. The final decision in the case was taken by the Court of Cassation on 5 June 2002.
4. The Republic of Mordoviya
358. Under Law no. 9-FZ of the Republic of Mordoviya of 9 March 1999 “On the conditions of efficient use of the socio-economic potential of the Republic of Mordoviya”, tax concessions are granted to taxpayers whose entities were established after the entry into force of that law and whose activities meet certain conditions, including but not limited to the following:
(a) they conduct export operations, the quarterly proceeds from which account for at least 15%of the business’s total earnings;
(b) they engage in wholesale trade in fuel and lubricants and other types of hydrocarbon raw materials, the quarterly proceeds from which account for at least 70% of the business’ total earnings.
359. Section 1 of the Law states that “this Law establishes concessions with the objective of creating favourable conditions for attracting capital into the territory of the Republic of Mordoviya, strengthening the socio-economic potential of the Republic of Mordoviya, developing the securities market and creating new jobs through special arrangements for the taxation of organisations”.
5. The Republic of Kalmykiya
360. Law no. 12-P-3 of the Republic of Kalmykiya of 12 March 1999 “On tax concessions for companies investing in the Republic of Kalmykiya” provides tax concessions to those who meet the following criteria:
(a) the taxpayer is not a user of mineral resources in the territory of the Republic;
(b) the taxpayer is registered with the Ministry of Investment Policy of the Republic of Kalmykiya as an enterprise investing in the economy of the Republic;
(c) the enterprise’s investment in the economy of the Republic meets the criteria established by the Ministry of Investment Policy of the Republic in accordance with this law.
361. By a decision of 16 April 2002 (case no. F08-1134/2002-402) in the case of OOO Simpleks v. the Tax Ministry, the Federal Commercial Court of the North-Caucasian District quashed the decisions of lower courts and instructed them to investigate further whether the taxpayer had indeed complied with the conditions mentioned in the law, had acted in good faith in this respect and had indeed made any investments in the local economy.
362. By a decision dated 29 April 2002 (case no. F08-1368/2002-506A) in the case of OOO Impuls v. the Tax Ministry, the Federal Commercial Court of the North-Caucasian District quashed the decisions of lower courts and instructed them to investigate further whether the taxpayer had indeed complied with the conditions mentioned in the law, had acted in good faith in this respect and indeed made any investments in the local economy.
363. By a decision of 20 May 2002 (case no. F08-1678/2002-614A) in the case of OOO Sibirskaya transportnaya kompaniya (one of the sham entities belonging to the applicant company) v. the Tax Ministry, the Federal Commercial Court of the North-Caucasian District ruled as follows:
“[b]ased on the content and meaning of the [above-mentioned] law and Resolution no. 7 of the Elista Town Administration, [the purpose of the municipal legislation] is to attract funds from various investors for development of the regional and local economies, given the lack of funds in the regional and local budgets and the need for their replenishment to ensure the activities of the Kalmyk Republic and the town of Elista ...
The case documents show that RUB 27,196 came from the plaintiff for development of the regional and local economies, whereas RUB 6,918,617 did not enter the regional and local budgets directly. Thus, the investments made by [OOO Sibirskaya transkportnaya kompaniya] amount to 0.4% of the amount of taxes that would otherwise have been payable by it. They have no effect on the development of the economy [and] do not cover the budgetary losses related to the granting of incentives to taxpayers; on the contrary, they have consequences in the form of unfair enrichment at the expense of budgetary funds. Thus, given that the amount of the investments made by the plaintiff is incommensurate to the amount of incentives used, the plaintiff abused its right, that is, it acted in bad faith”.
Accordingly, the court quashed the decisions of the lower courts and instructed them to investigate further whether the taxpayer had complied with the above-mentioned conditions and whether it had acted in good faith.
364. By a decision of 28 May 2002 (case no. F08-1793/2002) in the case of ZAO Telekom Zapad Komplekt v. the Tax Ministry, the Federal Commercial Court of the North-Caucasian District ruled that:
“[b]ased on the meaning and contents of the [above-mentioned] law and Resolution no. 7 of the Elista Town Administration, it follows that [the purpose of the municipal legislation] is to attract funds from various investors for development of the regional and local economies, given the lack of funds in the regional and local budgets and the need for their replenishment to ensure the activities of the Kalmyk Republic and the town of Elista...
... [the court has to examine] the proportion between the investments made by the [taxpayer] and the amount of tax that did not enter the budget [in order] to resolve the issue of the plaintiff’s good faith and its abuse of its rights”.
Accordingly, the court quashed the decisions of the lower courts and instructed them to investigate further whether the taxpayer had complied with the above-mentioned conditions and had acted in good faith.
365. By a decision of 4 June 2002 (case no. F08-1864/2002-697A) in the case of ZAO Promyshlennaya korporaciya Shar v. the Tax Ministry, the Federal Commercial Court of the North-Caucasian District quashed the decisions of the lower courts and instructed them to investigate further whether the taxpayer had indeed complied with the conditions mentioned in the law, had acted in good faith in this respect and had indeed made any investments in the local economy.
366. By a decision of 5 August 2002 (case no. F08-2762/2002-1009A) in the case of OOO Promet v. the Tax Ministry, the Federal Commercial Court of the North-Caucasian District quashed the decisions of the lower courts and instructed them to investigate further whether the taxpayer had indeed complied with the conditions mentioned in the law, had acted in good faith in this respect and had indeed made any investments in the local economy.
367. By a decision of 13 August 2002 (case no. F08-2892/2002-1051A) in the case of OOO TD Dion v. the Tax Ministry, the Federal Commercial Court of the North-Caucasian District quashed the decisions of the lower courts and instructed them to investigate further whether the taxpayer had indeed complied with the conditions mentioned in the law, had acted in good faith in this respect and had indeed made any investments in the local economy.
368. By a decision of 29 August 2002 (case no. F08-3158/2002-1140A) in the case of ZAO Stanford v. the Tax Ministry, the Federal Commercial Court of the North-Caucasian District quashed the decisions of the lower courts and instructed them to investigate further whether the taxpayer had indeed complied with the conditions mentioned in the law, had acted in good faith in this respect and had indeed made any investments in the local economy.
369. By a decision of 20 February 2003 (cases nos. F08-270/2003-91A and F08-1679/2002-622A) in a dispute between the Tax Ministry and OOO “Vostochnaya perestrakhovochnaya kompaniya”, the Federal Commercial Court of the North-Caucasian Circuit found as follows:
“The investments made by the [taxpayer] amount to 0.14% of the amount of taxes that would otherwise have been payable by it. They have no effect on the development of the economy... but ... their effect is unfair enrichment .... Therefore, [as] the amount of investments by [the taxpayer] was incommensurate to the amount of the benefits received, [the taxpayer] abused its right, that is, it acted in bad faith”
370. By a decision of 20 February 2003 (case no. F08-268/2003-98A) in the case of OOO Bazis Sekyuritis v. the Tax Ministry, the Federal Commercial Court of the North-Caucasian District quashed the decisions of the lower courts and instructed them to investigate further whether the taxpayer had indeed complied with the conditions mentioned in the law, had acted in good faith in this respect and had indeed made any investments in the local economy.
371. By a decision of 8 April 2003 (case no. F08-1013/2003-383A) in the case of OOO Gravite v. the Tax Ministry, the Federal Commercial Court of the North-Caucasian District quashed the decisions of the lower courts and instructed them to investigate further whether the taxpayer had indeed complied with the conditions mentioned in the law, had acted in good faith in this respect and had indeed made any investments in the local economy.
6. The Evenk Autonomous District
372. Under section 9 of Law no. 108 of the Evenk Autonomous District “On specific features of the tax system in the Evenk Autonomous District” of 24 September 1998, substantially lower tax rates apply to local businesses whose activities meet certain conditions with regard to the special taxation procedure set out in section 8 of that Law.
D. The use and interpretation of terms of civil legislation in tax disputes
373. Under Article 11 of the Tax Code, the institutions, notions and terms of the civil legislation of Russia used in the Tax Code keep their respective meanings, unless specifically stated.
E. General principles governing the status of legal entities
1. Presumption of independence
374. Under Article 2 of Civil Code of 30 November 1994 no. 51-FZ (as in force at the relevant time), the legal status of parties involved in civil-law transactions, the grounds for the creation of ownership and other property rights and the order of exercising those rights are defined by the civil legislation, which also regulates contractual and other obligations.
375. The civil legislation regulates the relations between persons engaged in business activities or in those activities performed with their participation, on the assumption that business activity is an independent activity performed at one’s own risk and aimed at systematically deriving a profit from the use of property, the sale of commodities, the performance of work or the rendering of services by those persons registered in this capacity in conformity with the legally-established procedure.
376. It is formally prohibited to make any unilateral property transfers (gifts, grants or gratuitous loans) between independent commercial legal entities (Articles 575 and 690 of the Civil Code). Unilateral property transfers are permitted by Article 251 (1) 11 of the Tax Code and not counted for the purposes of profit tax if they are made between associated entities, where one of them holds more than 50% of shares in the equity of the other entity.
2. Rules applicable to subsidiary and dependant companies
377. Article 105 of the Civil Code provides that a subsidiary company is one controlled by another company, either through ownership of the subsidiary company’s shares, by virtue of a contract or by any other means.
378. The controlling company is jointly responsible for debts incurred by the subsidiary company as a result of compliance with the controlling company’s instructions. The controlling company may be held vicariously responsible for a debt of the subsidiary company in the event of the latter’s insolvency.
379. Article 106 of the Code provides that a company is dependant when the other company owns over 20% of the first company’s voting stock. A company which purchases over 20% of the voting shares in other companies is obliged to make this information public.
380. Similar rules are established in respect of limited liability companies (обществa с ограниченной ответственностью) by section 6 of Law no. 14-FZ on limited liability companies of 8 February 1998.
F. Definition of a property owner
381. Article 209 of the Civil Code defines an owner as the person who has the rights of possession, use and disposal of his property. In respect of this property, the owner is entitled, at his will, to perform any actions not contradicting the law and the other legal acts, and not violating the rights and legally protected interests of other persons.
G. Contractual freedom and its limits
1. Presumption of good faith and prohibition on abuse of rights
382. Articles 9 and 10 of the Civil Code provide that the parties involved in civil-law transactions are free to act contractually within the limits defined by law.
383. Article 10 (1 and 2) of the Code states specifically that parties involved in civil-law transactions are prohibited from abusing their rights. In such cases, the courts may deny legal protection in respect of the right which is being abused. Article 10 (3) establishes a refutable presumption of good faith and reasonableness of actions on the parties in civil-law transactions.
2. Examples of the case-law of the domestic courts concerning the notion of bad faith
384. In its decision no. 24-P dated 12 October 1998, the Constitutional Court of Russia for the first time made use and interpreted the notion of “bad/good faith” to assess the legal consequence of the conduct of taxpayers in its jurisprudence. In this case this was done to define the moment at which a taxpayer can be said to have discharged his or her constitutional obligation to pay taxes.
385. In its decision no. 138-O dated 25 July 2001, the Constitutional Court of Russia again confirmed that there existed a refutable presumption that the taxpayer was acting in good faith and that a finding that a taxpayer had acted in bad faith could have unfavourable legal consequences for the taxpayer. The case again concerned the definition of a moment at which a taxpayer can be said to have discharged his or her constitutional obligation to pay taxes.
386. The domestic commercial courts applied this approach in a number of cases concerning the eligibility of taxpayers to tax concessions in the Republic of Kalmykiya, such as decision no. F08-1134/2002-402 of 16 April 2002 of the Federal Commercial Court of the North Caucasian Circuit, decision no. F08-1864/2002-697A of 4 June 2002 of the Federal Commercial Court of the North Caucasian Circuit, decision no. F08-2762/2002-1009A of 5 August 2002 of the Federal Commercial Court of the North Caucasian Circuit, decision no. F08-2892/02-1015A of 12 August 2002 of the Federal Commercial Court of the North Caucasian Circuit, decision no. F08-3158/2002-1140A of 29 August 2002 of the Federal Commercial Court of the North Caucasian Circuit, decision no. F08-268/2003-98A of 20 February 2003 of the Federal Commercial Court of the North Caucasian Circuit, decision no. F08-1013/2003-383A of 8 April 2003 of the Federal Commercial Court of the North Caucasian Circuit.
387. In its decision no. 168-O of 8 April 2004 the Constitutional Court noted that it would be inadmissible for bad-faith taxpayers to manipulate the legal civil-law institutions to create and operate schemes for unlawful enrichment at the expense of the State budget. The case concerned the use of exchange notes in the sphere of VAT refunds.
3. Rules governing sham transactions
(a) Statutory law
388. Under Article 153 of the Civil Code, transactions are defined as activities of natural and legal persons creating, altering and terminating their civil rights and obligations.
389. Article 166 of the Civil Code states that a transaction may be declared invalid on the grounds established by that Code, either by force of its being recognized as such by the court (a voidable transaction, оспоримая сделка), or regardless of such recognition (a void transaction, ничтожная сделка).
390. Under Article 167 of the Civil Code, void transactions entail no legal consequences, apart from those relating to their invalidity, and are invalid from the moment they are conducted.
391. Article 170 (2) establishes specific rules in respect of two types of void transactions: ‘imaginary’ transactions (“мнимая сделка”, effected only for form’s sake, without the intention to create the corresponding legal consequences) and ‘sham’ transactions (“притворная сделка”, which are effected for the purpose of screening other transactions). This provision condemns both imaginary and sham transactions as void.
392. It also provides that in the event of sham transactions, the rules governing the transaction that was in fact intended by the parties may be applied by a court, regard being had to the substance of this transaction (the so-called “substance over form” rule).
393. Under Article 45 (2) 3 of the Tax Code the power to re-characterise transactions by a taxpayer with third parties, their legal status and the nature of the taxpayer’s activity in tax disputes lies with the courts (as opposed to executive bodies). Section 7 of Law no. 943-1 of 21 March 1991 “On Tax Authorities in the Russian Federation” vests the power to contest such transactions and recover everything received in such transactions with the State budget.
(b) Academic sources
394. Comments on the Civil Code (O.N. Sadikov, Comments on the Civil Code, Yuridicheskaya firma Kontrakt Infra-M, Moscow, 1998) states, with reference to Bulletin no. 11 of the Supreme Court of RSFSR (page 2), that any evidence admitted by the rules on civil procedure may also serve as proof of the invalidity of sham transactions.
H. General rules on price formation and the price adjustment mechanism
395. Article 40 (1) of the Tax Code requires that the parties trade at market prices. It also establishes a refutable presumption that the prices agreed to by the parties correspond to market levels and are used for taxation purposes.
I. Price adjustment mechanism of the Tax Code
396. Under Article 40 (2) of the Tax Code, the tax authorities are empowered to overrule the above presumption by verifying and correcting the prices for taxation purposes. A finding that the prices were lowered usually leads to the conclusion that the taxpayer understated the taxable base and thus failed properly to pay his taxes (see Article 122 of the Tax Code below).
397. This may happen only (1) when the parties are interdependent within the meaning of Article 20 of the Tax Code; (2) in the event of barter transactions, or; (3) international transactions; (4) when the prices set by a taxpayer during the same short period for certain identical types of goods, work or services fluctuate by more than 20%.
398. Article 20 (1) of the Tax Code defines interdependent parties as natural persons and (or) organisations whose mutual relations may influence the terms or economic results of their respective activities or the activities of the parties that they represent. In particular, (a) one organisation has a direct and (or) indirect interest in another organisation, and the aggregate share of such interest is more than 20%. The share accounted for by the indirect interest held by one organisation in another, through a chain of separate organisations, is defined as the product of the direct interest shares that the organisations in this chain hold in one another; (b) one natural person is subordinate to another natural person ex officio; (c) in the case of individuals, they are spouses, relatives, adopters or adoptees, guardians or wards under the family law of the Russian Federation.
399. Article 20 (2) of the Tax Code provides that the court may recognize persons as interdependent on other grounds, not provided for by Item 1 of that Article, if the relations between these persons may have influenced the results of transactions in the sale of goods (work, services).
J. Applicable tax offences and related penalties
400. Article 122 §§ 1 and 3 of the Tax Code imposes a penalty of 40% of the unpaid tax liability on intentional non-payment or incomplete payment of the tax due, as a result of understating the taxable base. Articles 112 § 2 and 114 § 4 of the Tax Code provide for a 100% increase in this penalty in the event of a repeated offence by the same taxpayer. Article 114 § 3 of the Code also provides for a possibility of reducing the fine by half if there were extenuating circumstances on the facts of the case.
401. Article 114 § 7 of the Code makes it mandatory to recover the penalties in court. This rule does not apply to reassessed fines and interest surcharges.
402. Article 75 of the Tax Code provides for payment of an interest surcharge by taxpayers in cases of late payment of the taxes due. The interest surcharge amounts to one three-hundredth of the statutory rate for each day of the delay. Persons and entities that were unable to meet their tax liabilities in due time because their bank account was suspended by the tax authority or a court are excused from payment of the interest surcharge for the duration of the respective suspension (Article 75 § 3 of the Tax Code).
K. Statutory time-bar
1. Situation prior to the Constitutional Court’s decision of 14 July 2005
(a) Statutory law
403. In accordance with Article 113 § 1 of the Tax Code (Chapter 15 General provisions concerning liability for tax offences), a person could not be held liable for a tax offence under Article 122 of the Code if three years had expired since the first day after the end of the tax period during which the offence was committed. The above provision only applied to the payment of fines. Article 115 of the Code sets out an additional six-month time-limit within which the authorities must collect the fines. It starts running from the date of adoption of the relevant audit report.
404. As regards the reassessed taxes and interest surcharges, Article 87 of the Tax Code (as in force as the relevant time) limited the ability of the authorities to carry out tax inspections by stating that “the[y] ... [may] only be carried out in respect of the activities of the relevant taxpayer ... during the three calendar years immediately preceding the year of the tax inspection” (see also decision no. 3803/01 of the Supreme Commercial Court below).
(b) Practice directions by the Supreme Commercial Court
405. In paragraph 36 of Resolution of the Plenum of the Supreme Commercial Court no. 5 dated 28 February 2001 “On certain issues arising from application of the first part of the Tax Code”, the court indicated to the lower courts that “a taxpayer is considered to have been held liable [within the meaning of Article 113 of the Tax Code] on the date on which the head of the [relevant] tax body or his deputy takes a decision to hold this person liable of a tax offence in accordance with [the rules set out in] the Code”.
406. This interpretation was subsequently used by the Presidium of the Supreme Commercial Court in its decision no. 3803/01 (Averyanov v. the Tax Ministry), taken in 2002, where an offence had been committed in 1996, whilst the time-limit began to run on 1 January 1997 and expired on 1 January 2000. The Ministry’s decision was issued on 25 January 2000 and was, accordingly, time-barred in so far as the fines were concerned.
(c) Case no. F09-3155/05-AK (OAO Bashselstroy v. the Tax Ministry)
407. On 30 September 2003 the Federal Commercial Court of the Ural Circuit reviewed and quashed the lower courts’ decisions in a tax dispute involving the Tax Ministry and a private shareholding. Among other things, the Circuit Court stated that the time-limit set out in Article 113 of the Code started running from the date on which the relevant facts came to the attention of the competent authorities (as a result of a tax inspection or other types of tax control).
(d) Cases referred to by the applicant company
408. In a number of cases pre-dating the decision of the Constitutional Court of 14 July 2005, the courts applied Article 113 in line with an interpretation given by Resolution no. 5 of the Plenum of the Supreme Commercial Court of 28 February 2001 (see decision no. F04/7-1527/A27-2002 of 4 January 2003 of the Federal Commercial Court of the Western Siberia Circuit, decision no. F04/7-1527/A27-2002 of 8 January 2003 of the Federal Commercial Court of the Northern Western Circuit, decision no. F03-A59/03-2/745 of 23 April 2003 of the Federal Commercial Court of the Far-Eastern Circuit, decision no. A48-1188/03-2 of 12 November 2003 of the Federal Commercial Court of the Central Circuit, decision no. A82-471/2004-8 of 8 October 2004 of the Federal Commercial Court of the Volgo-Vyatskyy Circuit, decision no. F03-A73/04-2/947 of 19 May 2004 of the Federal Commercial Court of the Far Eastern Circuit, decision no. A19-3142/04-40-F02-3338/04-C1 of 24 August 2004 of the Federal Commercial Court of the Eastern Siberia Circuit, decision no. A19-9731/03-15-F02-4732/03-C1 of 9 January 2004 of the Federal Commercial Court of the Eastern Siberia Circuit, decision no. A33-15117/03-C3-F02-1877/04-C1 of 2 June 2004 of the Federal Commercial Court of the Eastern Siberia Circuit, decision no. KA-A41/9494-04 of 20 October 2004 of the Federal Commercial Court of the Moscow Circuit, decision no. F09-4221/04AK of 13 October 2004 of the Federal Commercial Court of the Ural Circuit, and decision no. F09-3799/04AK of 4 September 2004 of the Federal Commercial Court of the Ural Circuit). None of these cases involved a situation whereby a taxpayer had hindered a tax inspection or had deliberately sought to delay the tax proceedings.
2. Situation after the Constitutional Court’s decision of 14 July 2005
(a) Case no. KA-A40/5876-06 (OAO Korus-holding v. the Tax Ministry)
409. By a decision of 28 July 2006 the Federal Commercial Court of the Moscow Circuit, acting as a cassation review instance, reviewed the application of the time-limits of Article 113 of the Code. The audit report prepared by the Ministry in respect of the calendar year 2001 was dated 28 February, whilst the decision to hold the taxpayer liable was issued on 29 March 2005. The Circuit Court decided that the authorities could be said to have been acting in time provided that they respected the requirements of Article 87 of the Code, which sets out a three-year time-limit for conducting tax inspections and Article 23 § 8 (1) of the Code, which sets out a four-year time-limit for the maintenance of accounting documents. The Circuit Court also specifically noted the actions of OAO Korus-holding, which had sought to hinder and complicate the tax inspection.
(b) 2006 amendments to Article 113 of the Tax Code
410. The text of Article 113 has been amended by Federal Law no. 137-FZ of 27 July 2006, which came into force on 1 January 2007. The provision now contains § 1.1., which states:
“1.1. The running of the time-limit for holding a taxpayer liable stops if [the taxpayer] actively hindered an on-site tax inspection, thus creating an insurmountable obstacle for that inspection and for the determination by the tax authorities of the amount of taxes due to the budgetary system of the Russian Federation.
The running of the time-limit [in question] is suspended on the date of adoption of a report [setting out the circumstances in which the taxpayer denied the tax authorities access to the relevant documents]. In this case, the running of the time-limit continues on the date when the above-mentioned circumstances no longer exist and a decision on continuation of the on-site tax inspection is taken.”
(c) Case no. F08-2786/2007-1290A (the Tax Ministry v. N. A. Borshcheva)
411. On 31 May 2007 the Federal Commercial Court of the North Caucasian Circuit, acting as a cassation review instance, reviewed the application of the time-limits of Article 113 of the Code. The audit report prepared by the Ministry in respect of the calendar years 2001-2004 was dated 18 July 2006, whilst the decision to hold the taxpayer liable was issued on 4 September 2006. Again, the Circuit Court decided that the authorities had been acting in time, regard being had to the taxpayer’s actions for the purpose of delaying and hindering the tax inspection.
L. Applicable rules on court procedure
1. First-instance proceedings
(a) Territorial jurisdiction
412. Under Article 35 of the Code of Commercial Court Procedure of 24 July 2003 no. 95-FZ (as in force at the relevant time), claims should be brought to a court having jurisdiction over the defendant’s official place of business.
413. Article 54 of the Civil Code defines a company’s official place of business as the place of the company’s registration, unless, in accordance with the law, the company’s articles of association do not specify otherwise.
414. Decision no. 6/8 of the Plenary Session of the Supreme Court and Supreme Commercial Court of 1 July 1996 specifies that the company’s official place of business is the location of its entities.
(b) Interim measures
415. Under Article 91 of the Code of Commercial Court Procedure, a party may apply for proportionate security measures, including attachment of a defendant’s assets, pending the examination of the case by the courts.
(c) Grace period
416. Article 213 of the Code of Commercial Court Procedure provides that in tax cases a court suit may be filed by the authorities when their demands have not been complied with voluntarily, or when the term for voluntary compliance has expired.
(d) Time-limits for examination of cases concerning mandatory payments and penalties
417. Article 215 of the Code of Commercial Court Procedure sets out a two-month time-limit during which a first-instance court is to finalise the examination on the merits of any case which involves mandatory payment and related penalties.
(e) Time-limits for the preparation and examination of the case at first instance
418. Article 134 of the Code of Commercial Court Procedure establishes a two-month time-limit for the preparation of the case for examination at first instance.
419. Pursuant to Article 152 of the Code, the first-instance court should examine the case and deliver its judgment within one month of a decision to list the case for a hearing.
(f) Rules on adding evidence to the case after the beginning of the hearing
420. Article 65 (3) of the Code of Commercial Court Procedure makes it mandatory for a party to disclose all evidence relied upon in their claims or objections prior to the beginning of the hearings in a case.
421. In paragraph 35 of Information Letter no. 82, dated 13 August 2004, the Supreme Commercial Court gave the following recommendation in respect of whether the trial court ought to accept and examine evidence that was previously undisclosed by the parties prior to the beginning of the hearings in a case:
“Any evidence undisclosed by the parties to the case prior to the hearing, but submitted later during the examination of the evidence, shall be examined by the commercial court at first instance regardless of the reasons for which the procedure for disclosure of evidence was breached ...”
(g) Right to lodge an appeal against the first-instance judgment
422. Under Articles 257 and 259 of the Code of Commercial Court Procedure participants in the proceedings have one month from the delivery of the first-instance judgment to lodge an appeal.
2. Appeal proceedings
423. Under Article 267 of the Code of Commercial Courts Procedure, an appeal court must examine an appeal lodged against the first-instance judgment within one month, starting from the date of its filing. This term includes any time necessary for case preparation and for reaching the appeal decision. By federal law no. 205-FZ dated 19 July 2009 the time-limit was increased to two months. By federal law no. 69-FZ dated 30 April 2010 the provision in question has been amended. The time-limit became extendable up to six months depending on the complexity of the case and the number of participants. The provision also made it clear that the time-limit started running on expiry of the time-limit for lodging an appeal.
424. Under Article 268 of the Code, an appeal court fully re-examines the case using the evidence contained in the case and any newly-presented additional evidence. In examining procedural motions by the parties, including requests to call and hear additional witnesses or adduce and examine additional pieces of evidence, the appeal court is not bound by previous refusals of the same motions by the first-instance court.
425. Under Articles 180, 271 and 318 of the Code, the first-instance judgment becomes enforceable on the date of the entry into force of the appeal decision confirming it. The enforcement takes place on the basis on a writ issued by the respective court.
3. Cassation proceedings
426. In accordance with Article 286 of the Code, a cassation instance court, among other things, reviews the lower courts’ decisions and verifies whether the conclusions of the lower courts in respect of both law and fact correspond to the circumstances of the case.
427. Article 283 of the Code provides for a possibility of applying for a stay of enforcement of the lower courts’ decisions. The applicant must show that it would be impossible to reverse the effects of an immediate enforcement of the lower courts’ decisions if the cassation appeal were successful.
M. Domestic courts’ case-law
428. In its rulings no. 7-P dated 6 June 1995, no. 14-P dated 13 June 1996 and no. 14-P dated 28 October 1999, the Constitutional Court formulated and reiterated the principle that the constitutional right to judicial protection could not be respected unless courts examined in substance the factual circumstances of the case, without merely limiting themselves to formalistic application of the legal norms. It has frequently referred to this principle in subsequent rulings.
1. Court disputes involving re-characterisation of sham arrangements
(a) Case no. A40-31714/97-2-312 (the Tax Ministry v. OOO TF Grin Haus)
429. In 1996 the respondent legal entity was involved in a series of intertwined transactions (rent contracts and loan agreements) with two third parties: as a result, the respondent leased a building in central Moscow to the third parties, but was able to avoid inclusion of the rent payments in the taxable base of its operations by claiming that they were interest payments in respect of the loan agreement. The Ministry discovered the tax evasion scheme, re-characterised the transactions in question as rent and ordered the taxpayer to pay RUB 2 billion in back taxes.
430. The case was examined in three rounds of court proceedings by the courts at three levels of jurisdiction. Having regard to the substance of the transactions entered into by the respondent, the terms of payment and execution of the contested contracts, and, generally, to the conduct of the respondent company and the third parties, the courts decided that the contractual arrangement had been sham, re-characterised the arrangement as rent and upheld the Ministry’s decision.
431. In the first round of proceedings the courts adopted their decisions on the following dates: 1 December 1997, 27 January 1998 and 30 March 1998.
432. In the second round of proceedings the decisions were adopted by the first-instance and appeal courts on 26 May 1998 and 21 July 1998. The decision of the cassation court was taken on an unspecified date.
433. The third round of proceedings involved decisions on 17 November 1998, 25 January 1999 and 2 March 1999.
(b) Case no. KA-A40/2183-98 (the Tax Ministry v. AuRoKom GMBH)
434. The respondent legal entity entered into a loan agreement with a third party; the tax authorities considered it a sham, re-characterised it as a rent contract and reassessed the tax due in respect of the profits made. The lower courts disagreed and quashed the tax authority’s decision. By a decision of 17 September 1998 the cassation court quashed the lower courts’ decisions and ordered that the matter be re-examined, giving due regard to all relevant circumstances, including the substance of the transaction. The courts were to reconsider all relevant clauses in the agreement in question, the conduct of the parties and the fact of physical occupation of the allegedly rented space.
(c) Case no. A40/36819/04-75-387 (the Tax Ministry v. OAO AKB Rossiyskiy Kapital)
435. The respondent legal entity is a bank which in 2001-2002 conducted business by buying and then reselling precious metals. To avoid the payment of full VAT on its sales operations in this respect, the bank entered into commission agreements with the sellers from which it bought the metals, in order to be considered not as the owner of the traded goods, but merely as the sellers’ agent.
436. The domestic courts took account of the substance of the bank’s transactions (terms of payment, actual circumstances of delivery and other relevant factual details) and, having established that in reality the bank had been buying and reselling the precious metals, re-characterised the bank’s activity as sales. The courts referred to Article 209 of the Civil Code (containing the legal definition of an owner) and concluded that the bank first bought the precious metals, thus becoming the “owner” within the meaning of the said provision and thereafter resold the goods. They found the bank liable for tax evasion under Article 122 of the Tax Code, ordered it to pay reassessed VAT in the amount of RUB 1,091,123,539.42, default interest of RUB 408,289.76 and penalties of RUB 436,391,918.65.
437. The first-instance judgment was adopted on 3 November 2004 and upheld on appeal on 11 January 2005.
2. Tax evasion schemes involving sham rent agreements and letter-box entities registered in the domestic offshore town of Baykonur
(a) Case no. A41 K1-13539/02 (the Tax Ministry v. OAO Ufimskiy NPZ and ZAO Bort-M)
438. OAO Ufimskiy NPZ, the main production unit of one of the biggest Russian oil companies, OAO Bashneft, physically located in the town of Ufa, used the domestic tax offshore territory situated in the town of Baykonur, the territory rented by Russia from the Republic of Kazakhstan for its space-related projects. The town’s tax regime was similar to that in the closed administrative-territorial formations (see above).
439. On 1 February 2001 the respondents OAO Ufimskiy NPZ and ZAO Bort-M, a letter-box entity registered in Baykonur, entered into a rent agreement whereby the entirety of OAO Ufimskiy NPZ’s production facilities were rented by ZAO Bort-M in exchange for nominal compensation. Since ZAO Bort-M was registered in Baykonur, the activity of OAO Ufimskiy NPZ enjoyed lower rates in respect of excise duties. The tax authorities discovered “the scheme” and contested it in court as sham and therefore null and void.
440. On 8 October 2002 the first-instance court had regard to the substance of the transaction and, having established that, despite the contractual arrangement, OAO Ufimskiy NPZ had continued to operate the facilities in question, that furthermore the letter-box entity was never properly registered and licensed as the operator of oil processing and oil storage facilities in accordance with the relevant law, and that the letter-box entity could not operate the facility because it had rented only one part of the production cycle (which, in technological terms, could not be split in two), that the sole aim and effect of the arrangement was tax evasion and that OAO Ufimskiy NPZ and ZAO Bort-M had “malicious intent” to evade taxes, upheld the tax authorities’ claim.
441. The first-instance judgment was upheld on appeal and in cassation on 17 December 2002 and 19 March 2003 respectively.
(b) Cases nos. A41 K1-13244/02 (the Tax Ministry v. OAO Novo-ufimskiy NPZ and ZAO Bort-M), A41 K1-11474/02 (the Tax Ministry v. OAO Novo-ufimskiy NPZ and OOO Korus-Baykonur), A41 K1-137828/02 (the Tax Ministry v. OAO Ufimskiy NPZ and OOO Korus-Baykonur)
442. These cases are essentially follow-ups to the previous case: OAO Novo-Ufimskiy NPZ is the second main production unit of OAO Bashneft and was involved in exactly the same tax-evasion scheme, using the sham offshore entities ZAO Bort-M and OOO Korus-Baykonur. The domestic courts examined all three cases at three instances and granted the Ministry’s claims. The decisions in the first set of proceedings were taken on 9 October, 16 December 2002 and 13 March 2003. The decisions in the second set of proceedings were taken on 19 September 2002, 5 December 2002 and 28 February 2003. The decisions in the third set of proceedings were taken on 18 December 2002, 20 February 2003 and 26 May 2003.
(c) Case no. A41 K1-9254/03 (the Tax Ministry v. OOO Orbitalnye sistemy and OAO MNPZ)
443. This case concerns exactly the same tax-evasion scheme as in the previous cases, but involves OAO MNPZ, a major oil-processing facility located in Moscow and owned by the Government of Moscow, as the defendant.
444. The decisions in the case were taken on 29 October and 27 December 2004.
(d) Case no. KA-A41/6270-03 (the Tax Ministry v. OOO Ekologiya)
445. This case also concerns the tax-evasion scheme described in the previous cases. The Ministry assessed the company, apparently a sham entity belonging to an oil producer, and found that it owed additional taxes, surcharges and penalties. The entity prevailed at first instance on 15 May 2003. On 10 October 2003 the cassation court quashed the first-instance judgment, as the lower court had failed to take into account the relevance of the entity’s activity for the economy of the town of Baykonur, which was one of the criteria the law considered relevant to the issue of the lawfulness of tax exemptions.
3. Sham rent agreements and letter-box entities registered in the domestic offshore town of Ozersk (closed administrative-territorial formation, ZATO)
(a) Case no. A55-1942/04-24 (the Tax Ministry v. OAO Novokuybyshevskiy NPZ and OOO SK-STR)
446. The case concerns the same tax-evasion scheme as in the previous cases (involving the sham renting agreement), but the offshore territory at issue is the town of Ozersk and the taxpayer is OAO Novokuybyshevskiy NPZ, one of the applicant company’s subsidiary oil-processing units.
447. The scheme operated from January 1999 and was prosecuted in 2004. The first-instance judgment in favour of the Ministry was taken on 13 August 2004. The court applied the same ‘substance over form’ approach as in the previous cases and, having assessed the defendants’ conduct, the character of their relations and statements by the officials of the entities, granted the Ministry’s claims and also ordered OAO Novokuybyshevskiy NPZ to pay RUB 120,688,860 in reassessed taxes.
(b) Case no. A55-5015/2004-33 (the Tax Ministry v. OAO Novokuybyshevskiy NPZ and OOO SK-STR)
448. This is a follow-up to the previous case: in the first-instance judgment the court declared the defendants’ contractual arrangement to be sham and unlawful and ordered OAO Novokuybyshevskiy NPZ to pay RUB 252,963,364 in reassessed taxes.
449. The first-instance judgment in the case, dated 19 October 2004, was upheld on appeal on 19 October 2004.
(c) Case no. A55-1941/2004-40 (the Tax Ministry v. OAO Syzranskiy NPZ and OOO SK-STR)
450. This is a follow-up to the previous cases and involved OAO Syzranskiy NPZ, a production unit belonging to the applicant company. The rent agreement between the letter-box entity and the applicant company’s production unit was declared sham and annulled. OAO Syzranskiy NPZ was ordered to pay RUB 30,309,119 in reassessed taxes.
451. The first-instance judgment of 18 August 2004 was upheld on appeal on 4 November 2004.
4. Sham arrangements and VAT fraud
(a) Case no. 367/96 (the Tax Ministry v. Russian-Austrian Joint Stock Enterprise “Sibservis”)
452. The respondent legal entity is a privately-owned enterprise specialised in importing and assembling computer equipment. In 1995 the respondent disguised a portion of its sales as loan agreements with its clients in order to avoid payment of VAT. The first-instance judgment and the appeal decision in the case were taken on 31 August and 11 October 1995. On 17 September 1996 the Presidium of the Supreme Commercial Court of Russia reviewed the lower courts’ decisions and quashed them, ordering the lower courts to investigate the exact circumstances of the case, including everything relating to “the sales disguised as loans” arrangements.
(b) Case no. A57-11990/01-5 (the Tax Ministry v. FGUP Nizhnevolzhskgeologiya)
453. The respondent legal entity is a State-owned enterprise specialising in geological exploration and identification of oil fields. In 2000 it entered into a series of deliberately unprofitable oil trading transactions with a third party, OOO Roza-Mira Processing. Since the transactions preceded the actual export of oil, the two taxpayers, acting in concert, intended to obtain an artificially increased VAT refund. Having regard to the substance of the transaction and the relevant circumstances of the case, such as the terms of actual payment and execution, the courts decided that the transactions were sham, declared them null and void and refused the respondent’s request for a VAT refund. In addition, the courts recovered the unpaid VAT with penalties.
454. The domestic courts reached their respective decisions on 22 November 2001, 29 April and 8 July 2002.
(c) Case no. 7543/02-16 (the Tax Ministry v. OAO Saratovneftegaz)
455. The respondent legal entity is the main production unit of OAO NK Russneft, a large Russian private oil company, which was involved in a dispute with the Ministry over VAT refunds in respect of its export operations. The courts established that in 2001 the respondent entered into a series of transactions with a number of third parties, aimed at deceiving the Ministry and claiming an artificially increased VAT refund. The courts took account of the overall economic effect of the transactions in their entirety, numerous discrepancies and contradictions between the contractual arrangements, the actual movement of oil, the documents certifying the customs clearance of the goods in question, etc., and refused to recognise them as valid for the purposes of reimbursement of VAT. The courts concluded that the Ministry had been acting lawfully by refusing the respondent company’s request for a refund of export VAT.
456. The domestic courts reached their respective decisions on 30 June 2003, 31 May and 16 September 2004.
(d) Case no. A28-7017/02-301/21 (the Tax Ministry v. OAO Kirovskiy Shinnyy Zavod)
457. This is essentially a follow-up to the previous cases. The courts reached similar conclusions in respect of the respondent company and recovered RUB 5,000,000 in overpaid VAT in favour of the Ministry.
458. The decisions in the case during the first round of proceedings were taken on 19 December 2002, 19 March 2003 and 27 June 2003.
459. The second round of proceedings resulted in the first-instance judgment of 19 December 2002, the appeal decision of 19 March 2003 and the supervisory review decision of 23 December 2003.
(e) Case no. A09-846/03-28 (the Tax Ministry v. ZAO Melkruk, OOO Antareks-Unit, OOO Starlayt-N)
460. The first respondent legal entity is a big producer of grains, cereals and related processed products. It was involved in a dispute with the Ministry over VAT refunds in respect of export operations, whereby it had commissioned the second respondent to sell certain equipment abroad. The equipment was bought by the third respondent and resold “at an economic loss” to an entity registered in a foreign offshore location. Having regard to various circumstances, including the conduct of the entities involved and the fact that no actual hard cash had been paid for the equipment in question, the Ministry applied to court, asking it to invalidate the transactions in question as sham. The first-instance court dismissed the claim but the appeal and cassation review courts subsequently reversed that judgment, essentially upholding the Ministry’s approach.
461. The domestic courts took their respective decisions on 14 April 2003, 4 August 2003 and 10 December 2003.
(f) Case no. A09-1646/03-GK (the Tax Ministry v. OAO Belkamneft, Baxter Trading Inc, OOO Tekhnotreyd)
462. The first respondent legal entity was involved in a dispute with the Ministry over VAT refunds in respect of export operations, whereby it had entered in complex relations with the other two respondents to sell certain goods abroad. Having regard to various circumstances, including the conduct of the entities involved and the fact that no actual hard cash had been paid for the goods in question, the Ministry applied to court, asking it to invalidate the transactions in question as sham and therefore null and void. The courts at three instances upheld the Ministry’s approach.
463. The domestic courts took their respective decisions on 28 December 2002, 10 April 2003 and 1 July 2003.
(g) Case no. F09-1071/03-AK (the Tax Ministry v. OOO Khudozhestvennaya masterskaya “Tvorchestvo”)
464. The respondent entity was involved in a dispute with the Ministry over the latter’s refusal to refund the VAT in respect of the entity’s export operations. The Ministry uncovered an arrangement whereby there had been no hard cash transactions between the parties to the export operation, the respondent had “traded at a loss” and the allegedly exported produce had had nothing to do with the respondent’s usual business activity. Having regard to various circumstances, including the conduct of the entities involved, the courts at three instances upheld the Ministry’s approach.
465. The domestic courts took their respective decisions on 29 October 2002, 6 February 2003 and 17 April 2003.
5. Case-law of the domestic courts concerning the invalidity of sham transactions
466. By a decision dated 15 May 1997 in the case of the Tax Ministry against Commercial Bank Mechel-Bank and OAO Mechel (no. F09-162/97-AK), the Federal Commercial Court of the Ural Circuit quashed the decisions of lower courts in which they had upheld the lawfulness of a “kickback” contract which had been concluded between the respondent bank and the respondent company. The Circuit Court ruled that the lower courts had failed to study and to take account of all of the circumstances relevant to the case at issue. In particular, the court noted the finding that the contract had been concluded specifically to avoid the payment of taxes. Accordingly, it reversed and invalidated the contract as unlawful, contrary to the legal order and morality, and ordered that the proceeds (RUB 1.5 bn) derived by the parties from the contract be seized in favour of the State.
467. In a decision of 9 December 1997 in case no. 5246/97, the Presidium of the Supreme Commercial Court of Russia invalidated a loan secured by a promissory note and a related pay-off agreement as imaginary and sham respectively. The court had regard to the terms of contracts concluded between the parties and the manner of their execution, in particular the fact that the loan had never been used by the borrower; it concluded that the transactions in question covered the sale of a promissory note and invalidated them as sham.
468. In a decision of 6 October 1998 in case no. 6202/97 the Presidium of the Supreme Commercial Court of Russia invalidated two contracts for the sale of securities and a related loan agreement as sham, having regard to the terms of contracts in question, the manner of their execution and the contractual prices. The court established that the sales contracts in fact covered the loan agreement secured by the pledge of securities and remitted the case for re-trial.
N. Enforcement proceedings in respect of a presumably solvent debtor
1. General principles
469. The Enforcement Proceedings Act (Law no. 119-FZ) of 21 July 1997 (as in force at the relevant time) establishes the procedure by which a creditor may enforce a court award against a presumably solvent legal entity debtor. According to Article 46 § 6 of the Act, execution was to be levied against the debtor’s property “in such amount and such scope as is required to ensure the satisfaction of claims set out in the enforcement document”.
470. Russian legislation provides for a set of special procedures in respect of presumably insolvent legal entity debtors (see section O below).
2. Term for voluntary compliance with the execution writ
471. Under section 9 (3) of the Enforcement Proceedings Act, on an application by the creditor, the bailiff institutes enforcement proceedings, fixes the time-limit for enforcement of the execution writ - which may not exceed five days from the date of institution of enforcement proceedings - and notifies the debtor accordingly.
3. Various ways to stay or delay enforcement proceedings
472. Article 324 of the Commercial Procedure Code sets out a procedure whereby a court may alter the method and order of enforcement of a final court decision. Among other thing, it provides as follows:
“1. If there are circumstances which make it difficult to enforce the judicial act, the commercial court which issued a writ may, upon an application by the creditor, debtor or bailiff, grant respite in respect of the enforcement or arrange for the payment in instalments, or otherwise change the method or order of enforcement. ...”
473. At the same time, Articles 62, 64 (1) and (2) of the Tax Code specify that a respite or possibility of repaying in instalments concerns only the taxes, and not the interest surcharges and penalties, and may be granted by a court only for a period from one to six months from the original deadline for payment, may only be granted on specific grounds enumerated in the law and cannot be granted if there are tax proceedings pending against the applicant (Article 62 (1)).
474. The Enforcement Proceedings Act provides for three possibilities, namely: (a) to postpone enforcement actions for a term of up to 15 days (section 19); (b) to suspend the enforcement proceedings (section 21); or (c) to defer the execution of enforcement of a debt or arrange for payment in instalments (section 18).
475. With regard to (a), the bailiff takes the decision in the “appropriate circumstances” either on an application by the debtor or of its own motion.
476. With regard to (b), the decision may only be taken in seven enumerated cases: if the bailiff applied to the court with a request to interpret the judicial act; on a request from a debtor who has been drafted to serve in the army; if the debtor is on a long-term mission; if the debtor is hospitalised and being treated; if the actions of the bailiff are being contested in court; if the debtor himself or his property is being searched for; if the debtor or creditor are on holiday and cannot be contacted.
477. As regards (c), the debtor, creditor or bailiff has the right to request the court to defer the execution of enforcement of a debt or arrange for payment in instalments if there are “circumstances impeding the enforcement actions”.
4. Seizure of the debtor’s assets
478. If the debtor does not comply within the specified time-limit, under section 9 (5) of the Enforcement Proceedings Act the bailiff, on an application by the creditor, has the right to make an inventory of the debtor’s property and to seize it.
479. Under section 9 (5) of the Law on Enforcement Proceedings the bailiff is empowered to seize any of the debtor’s assets to secure enforcement. In seizing the debtor’s assets the bailiffs are obliged to follow the order of priority of arrest and sale set out in section 46 (2) of the Law on Enforcement, which provides:
“... execution under enforcement documents shall, in the first priority, be levied on the debtor’s monetary funds in roubles and in foreign currency, and on other valuables, including those kept in banks and other credit institutions”.
At the same time, the Supreme Commercial Court specified in its Information Letter no. 6, dated 25 July 1996:
“... the freezing of cash ... may not be imposed on the respondent’s account and on amounts that will enter this account in the future ...”.
In its Resolution no. 11 of 9 December 2002 the Plenary Supreme Commercial Court ruled:
“... arrest on cash owned by the debtor shall be imposed not on its account in credit institutions but on cash that is on the accounts, within the limits of the monetary claims ...”
480. Section 46 (5) of the Enforcement Proceedings Act provides that, if a debtor lacks sufficient cash funds to satisfy the creditor’s claims, the debt may be levied from the other forms of the debtor’s property, unless the federal law states otherwise. The debtor has the right to indicate his preferred order of priority, but the final order is determined by the bailiff.
481. Section 51 of the Enforcement Proceedings Act establishes a one-month time-limit for the seizure of the debtor’s property from the date on which the ruling on the institution of enforcement proceedings is served. The seizure is intended, inter alia, to secure the safety of the debtor’s property and the creditor’s claims, which shall be subject to a subsequent transfer to the creditor or to a subsequent sale. The seizure of securities is carried out in conformity with the procedure defined by the Government of the Russian Federation in Decree no. 934 “On the seizure of securities”, dated 12 August 1998.
482. Section 59 of the Enforcement Proceedings Act establishes the order of priority in the seizure and forced sale of a debtor’s property in three stages. Firstly, the bailiff sells property which is not immediately involved in the debtor’s production cycle (securities, cash on the debtor’s deposit and other accounts, currency valuables, cars, office equipment, etc.); secondly, finished products (goods) and other material values not immediately involved in production and not intended to play an immediate part in it; and, thirdly, real-estate objects, as well as raw and other materials, machine-tools and equipment and other fixed assets, intended for immediate involvement in production.
483. In Ruling no. 4 “On certain questions arising out of seizure and enforcement actions in respect of corporate shares”, dated 3 March 1999, the Plenum of the Supreme Commercial Court decided that in respect of companies which had been privatised by the State as parts of bigger holding groups through the transfer of controlling blocks of shares, the production cycle of the respective production unit should be preserved as much as possible.
5. Enforcement fee
484. Section 81 of the Enforcement Proceedings Act penalises a debtor’s failure to comply voluntarily with a writ of execution with a 7% enforcement fee. Under Section 77 of the Act the fee is a priority payment which should be made by the debtor even before it begins repaying the principal debt.
485. In ruling no. 13-P of 30 July 2001 the Constitutional Court of Russia described the enforcement fee as an administrative penal sanction having a fixed monetary expression, exacted by compulsion, formalised by the decision of an authorised official and levied in favour of the State. The Constitutional Court struck the above provision down as unconstitutional, in so far as it did not allow the debtor to excuse his failure to comply with the writ by reference to certain extraordinary, objectively inevitable circumstances and to other unforeseeable and insurmountable obstacles beyond the debtor’s control.
486. The Government referred to over a dozen cases from across Russia which, they claimed, confirmed that that the 7% enforcement fee was levied by bailiffs as a matter of standard practice in the event of the debtor’s failure to pay, routinely and without exceptions, even if the debtor was a State-owned entity or indeed a State body. Here are some examples: enforcement proceedings dated 19 January 2001 no. 6-26/2001, in respect of RUB 304,078,000, owed by a State-owned private-law entity GUP Tatvodokanal; enforcement proceedings dated 18 November 2005 no. 3068/62/2/2006 in respect of RUB 108,083,008.64, owed by the Ministry of Education of the town of Kazan; enforcement proceedings dated 18 December 2002 no. 2-12/2002 in respect of RUB 19,0311,000, owed by OAO Tatavtodor; enforcement proceedings dated 25 February 2004 no. 7-18/04 in respect of RUB 445,336,550.84, owed by OAO Vertolety-MI; enforcement proceedings dated 13 November 2001 no. 5-17/2001 in respect of RUB 917,787,000, owed by FKP Kazanskiy zavod tochnogo mashinostroeniya imeni M. I. Kalinina.
6. Forced sale of arrested assets
(a) Rules concerning valuation of frozen property
487. Section 53 of the Enforcement Proceedings Act requires the bailiff to evaluate the arrested property on the basis of market prices on the date of execution of the enforcement writ. Should valuation be problematic for technical or any other reasons, the bailiff is to appoint a specialist to carry out the valuation.
488. According to a Decree of the Ministry of Justice dated 27 October 1998, the bailiff is obliged to appoint a specialist to conduct the valuation if the seized property is shares or other securities (ценные бумаги). Under the same Decree the bailiff is to inform the debtor and creditor of the resulting valuation.
(b) General rules concerning the sale of frozen property
489. Section 54 of the Enforcement Proceedings Act requires the bailiff to sell the arrested property in satisfaction of the debt within two months of the date of seizure. The sale is carried out by a specialised institution on the basis of a commission contract with the bailiff.
490. According to Government Decree no. 418 “On the Russian Fund of Federal Property” of 29 November 2001 and Government Decree no. 260 “On the Sale of Seized, Confiscated and Other Property ...” of 19 April 2002, the Fund is entrusted with the task, inter alia, of auctioning property seized in satisfaction of the debts owed to Russia.
7. Distribution of levied sums and order of priority in the event of multiple claimants
491. Section 77 of the Enforcement Proceedings Act provides that, in respect of the sums levied from the debtor, including the proceeds from the forced sale of the debtor’s property, the bailiffs first recover enforcement fees and all related payments and the remainder is used in satisfaction of the creditors’ claims.
492. If the proceeds from the forced sale(s) are insufficient to satisfy all creditors, the following order of priority applies (section 78 of the Enforcement Proceedings Act): tort claims, employment and labour-related claims, claims made on behalf of the Pension Fund and the Social Security Fund of Russia, claims made on behalf of the budgets of various territorial levels and finally all other claims.
8. Court appeals against bailiffs’ decisions
493. Under section 90 of the Enforcement Proceedings Act, all actions by the bailiff in the course of enforcement proceedings can be appealed against within ten days from the date of proper notification of the action in question.
494. Any damage inflicted on the debtor as a result of the bailiff’s omission is compensated in accordance with the applicable legislation.
O. Enforcement proceedings in respect of an insolvent debtor legal entity
495. The enforcement of court awards and more generally debt claims against insolvent or presumably insolvent debtor legal entities are regulated by the Insolvency (Bankruptcy) Act of 26 October 2002 (Law no. 127-FZ).
1. Definition of the state of insolvency (bankruptcy)
496. Section 3 of the Insolvency (Bankruptcy) Act defines the state of bankruptcy of a legal entity as follows:
“A legal entity is regarded as being unable to satisfy the claims of creditors in respect of pecuniary obligations and (or) to fulfil its obligations in respect of mandatory payments if the respective obligations and (or) obligation are not complied with within three months of the date on which compliance should have occurred.”
497. In accordance with section 4 of the Act, the obligations are, as a general rule, defined/recognised by the court on the date of examination of the bankruptcy petition.
498. Bankruptcy proceedings in respect of a legal entity may only be instituted by a court if the overall amount of debt claims exceeds RUB 100,000 (section 6 of the Act).
2. Bringing of a bankruptcy petition
499. Under section 7 of the Act the debtor, the debtor’s creditors in respect of pecuniary claims and State bodies competent to take part in bankruptcy proceedings in which the State is a creditor in respect of mandatory payments are entitled to bring a bankruptcy petition.
500. Whilst the executive body of the debtor has the right to file for bankruptcy in circumstances where it is obvious that the debtor would be unable to fulfil its obligation in due time (section 8 of the Act), it has a legal duty to do so if the forced seizure of the debtor’s property in satisfaction of a claim would make the debtor’s economic activity extremely difficult or impossible (section 9 of the Act). In this latter respect, the petition should be brought within one month from the date on which the respective relevant circumstances occurred.
501. Failure to abide by the above rules exposes the offender to civil liability action by virtue of section 10 of the Act and may also make the offender vicariously liable for any resulting damage.
3. Examination of a bankruptcy petition
502. The admissibility of the bankruptcy petition is examined by a single-judge bench (section 48 of the Act). Having declared the petition well-founded (admissible), the judge is to impose a supervision order in respect of the debtor (see below).
503. The merits of the bankruptcy petition should be examined by a court within seven months of the date of its filing (section 51 of the Act).
504. Having examined the merits of the bankruptcy petition, the court takes one of the following decisions (section 52 of the Act): (a) it declares the debtor bankrupt and applies the liquidation procedure in respect of the debtor; (b) it rejects the request to declare the debtor bankrupt; (c) it introduces a “financial improvement order” in respect of the debtor; (d) it applies the procedure of external management; (e) it discontinues the bankruptcy proceedings; (f) it disallows the bankruptcy petition; (g) it approves the friendly settlement of the case.
4. Various solutions available to a court in resolving a bankruptcy case
505. The following five procedures may be applicable in respect of the debtor in a bankruptcy case (section 27 of the Act): (a) supervision order; (b) financial improvement order; (c) external management; (d) liquidation; (e) friendly settlement.
506. A supervision order is defined as the first procedure applied to the debtor (see above). It consists of securing the debtor’s property, analysing its financial condition, composing the list of creditors and carrying out the first assembly of creditors (section 2 of the Act). The decision to impose a supervision order is taken by a judge in accordance with section 9 of the Act. It can be appealed against to a higher court. In the decision, the judge should also appoint an interim receiver.
507. A financial improvement order is a bankruptcy procedure intended to re-establish the debtor’s solvency and consisting in repayment of the debts in accordance with a debt repayment schedule (section 2 of the Act).
508. External management is a bankruptcy procedure intended to re-establish the debtor’s solvency (section 2 of the Act).
509. Liquidation is a bankruptcy procedure applied in respect of a debtor who has been declared bankrupt. It is essentially the sale of the debtor’s property by a court-appointed trustee in proportionate satisfaction of the creditors’ claims (section 2 of the Act).
510. Friendly settlement is a bankruptcy procedure applicable at any stage of bankruptcy proceedings whereby the creditors and the debtor reach an agreement in respect of the debtor’s liability (section 2 of the Act).
5. Supervision order and its consequences
511. The automatic consequences of the decision to adopt a supervision order in respect of the debtor legal entity (section 63 of the Act) are, in particular, the following: all debts due after the date of the decision are recoverable only pursuant to a special procedure; enforcement of execution writs already issued, including any pecuniary claims (with the exception of those relating to payment of salaries and tort claims) against the debtor, is halted, and the seizure in respect of the debtor’s property is lifted.
512. The law also introduces some restrictions in respect of operations with the debtor’s shares and the actions of the debtor itself (section 64 of the Act). However, the debtor’s management team remains in place, subject to limitations restricting their ability to dispose of the debtor’s property above a certain value (more than 5% of the book costs of the debtor’s property) or to indebt the debtor further by contracting loans, issuing guaranties or sureties, transferring debts to third parties or transferring the debtor’s property for external management by a third party.
513. An interim receiver is appointed by a court in accordance with sections 45 and 65 of the Act. At this stage of proceedings, he or she has no management functions and is essentially responsible for securing the debtor’s property, watching over the activities of the debtor’s management, analysing the debtor’s financial condition and identifying the debtor’s creditors. The interim receiver is accountable to a court and is in charge of organising the first meeting of creditors.
514. For a period of thirty days from the date of publication of the supervision order notice, the creditors have the right to file their claims against the debtor (section 71 of the Act). The claims may be included in the list of creditors on the basis of the court’s decision.
515. At least ten days prior to the date of termination of the supervision order, the interim receiver must organise the first meeting of creditors (section 72 of the Act). At the meeting, the creditors are competent, among other things, to decide either: (a) to introduce a financial supervision order and lodge the relevant request with the court; (b) to introduce an external management order and lodge the respective request with the court; or (c) to request the court to declare the debtor bankrupt and impose a liquidation order (section 73 of the Act).
THE LAW
I. COMPLIANCE WITH ARTICLE 35 § 2 (b) OF THE CONVENTION
516. The Court reiterates that it declared this application admissible on 29 January 2009 (see OAO Neftyanaya Kompaniya OMISSIS v. Russia (dec.), no. 14902/04, 29 January 2009) and decided to hold a hearing on the merits of the case. Subsequently, but prior to the hearing, the Court was informed that arbitration proceedings, allegedly brought against the Russian Federation by the applicant company’s former owners, were pending and considered that these developments raised an issue of the applicant company’s compliance with the requirements of Article 35 § 2 (b) of the Convention. It invited the parties to address this question in their submissions at the hearing.
A. The parties’ submissions
517. The Government submitted that in February 2005 the applicant company’s former majority shareholders Hulley Enterprises Ltd, OMISSIS Universal Ltd and Veteran Petroleum Ltd, which had jointly owned over 60% of shares in the applicant company, brought arbitration proceedings against the Russian Federation for the alleged breaches of the Energy Charter Treaty in the Permanent Court of Arbitration in The Hague. The Government pointed out that the applicant company had ceased to exist and that it was obvious that the above-mentioned majority shareholders had been behind the present case in the Court and that they would be the end-beneficiaries of any eventual award in these proceedings. The Government also mentioned a number of arbitration proceedings brought against the Russian Federation by groups of minority shareholders under bilateral investment treaties. Overall, the Government invited the Court to discontinue the case with reference to Article 35 § 2 (b) of the Convention.
518. The applicant company denied any participation in and any knowledge of any other international proceedings that may be of relevance. At the same time, it invited the Court to rule that the parties in the proceedings before this Court (the applicant company) and in The Hague arbitration proceedings (the applicant company’s controlling shareholders) were not the same. According to the applicant company, the subject-matter in the two cases was different. It also claimed that the arbitration proceedings in the Hague were conducted before ad hoc tribunals, constituted by the parties, and were not comparable to the Court in their structure, permanence or authority. Overall, the applicant company argued that its application complied with Article 35 § 2 (b) of the Convention and that any parallel proceedings should not undermine its case before the Court.
B. The Court’s assessment
519. The Court will examine this issue under Article 35 § 2 (b) of the Convention, which reads as follows:
“... 2. The Court shall not deal with any application submitted under Article 34 that ...
(b) is substantially the same as a matter that has already been examined by the Court or has already been submitted to another procedure of international investigation or settlement and contains no relevant new information. ...”
520. At the outset, the Court would reiterate that Article 35 § 2 (b) of the Convention is intended to avoid the situation where several international bodies would be simultaneously dealing with applications which are substantially the same. A situation of this type would be incompatible with the spirit and the letter of the Convention, which seeks to avoid a plurality of international proceedings relating to the same cases (see, among others, Smirnova v. Russia, (dec.) nos. 46133/99 and 48183/99, 3 October 2002, and Calcerrada Fornieles and Cabeza Mato v. Spain, no. 17512/90, Commission decision of 6 July 1992, Decisions and Reports (DR) 73). In determining whether its jurisdiction is excluded by virtue of this Convention provision the Court would have to decide whether the case before it is substantially the same as a matter that has already been submitted to a parallel set of proceedings and, if that is so, whether the simultaneous proceedings may be seen as “another procedure of international investigation or settlement” within the meaning of Article 35 § 2 (b) of the Convention.
521. The assessment of similarity of the cases would usually involve the comparison of the parties in the respective proceedings, the relevant legal provisions relied on by them, the scope of their claims and the types of the redress sought (see Vesa Peltonen v. Finland (dec.), no. 19583/92, 20 February 1995; Cereceda Martin and Others v. Spain, no. 16358/90, Commission decision of 12 October 1992; Smirnova, cited above, and Decision on the competence of the Court to give an advisory opinion [GC], § 31, ECHR 2004-VI).
522. As regards the analysis of the character of parallel proceedings, the Court’s examination would not be limited to a formal verification but would extend, where appropriate, to ascertaining whether the nature of the supervisory body, the procedure it follows and the effect of its decisions are such that the Court’s jurisdiction is excluded by Article 35 § 2 (b) (see Lukanov v. Bulgaria (dec.), 21915/93, Commission decision of 12 January 1995; Decision on the competence of the Court to give an advisory opinion [GC], cited above; Celniku v. Greece, no. 21449/04, §§ 39-41, 5 July 2007, and Peraldi v. France (dec.), no. 2096/05, 7 April 2009).
523. Turning to the case at hand, the Court finds that there is no need for it to examine whether the proceedings in the Hague brought by the company’s majority shareholders or the proceedings brought under the bilateral investment treaties brought by various groups of the company’s minority shareholders may be seen as “another procedure of international investigation of settlement” as it is clear that the cases are not “substantially the same” within the meaning of Article 35 § 2 (b) of the Convention for the following reasons.
524. The Court observes that it was Hulley Enterprises Ltd and Veteran Petroleum Ltd (both registered in Cyprus) and OMISSIS Universal Ltd (registered in the Isle of Man), which in February 2005 initiated arbitration proceedings against the Russian Federation before the Permanent Court of Arbitration in the Hague, referring, among other things, to the same events and proceedings as those complained of by the applicant company in the present application before the Court and alleging numerous violations of their rights as investors under the Energy Charter Treaty. Some of the company’s foreign minority shareholders also initiated similar proceedings under bilateral investment treaties. The Court notes, however, that despite certain similarities in the subject-matters of the present case and of the arbitration proceedings, the claimants in those arbitration proceedings are the applicant company’s shareholders acting as investors, and not the applicant company itself, which at that moment in time was still an independent legal entity.
525. The Court further notes that the present case has been introduced and maintained by the applicant company in its own name. Although the above-mentioned entities could arguably be seen as having been affected by the events leading to the applicant company’s liquidation, they have never taken part, either directly or indirectly, in the Strasbourg proceedings. The Court reiterates that in November 2007 the applicant company was liquidated and that despite this fact in its admissibility decision of 29 January 2009 it nevertheless accepted the application “because the issues raised by the case transcend[ed] the person and the interests of the applicant [company]” and “... striking the application out of the list under such circumstances would undermine the very essence of the right of individual applications by legal persons, as it would encourage governments to deprive such entities of the possibility to pursue an application lodged at a time when they enjoyed legal personality...”, which shows that the Court has throughout placed emphasis on the applicant company in its own right.
526. In these circumstances, the Court finds that the parties in the above-mentioned arbitration proceedings and in the present case are different and therefore the two matters are not “substantially the same” within the meaning of Article 35 § 2 (b) of the Convention. It follows that the Court is not barred, pursuant to this provision, from examining the merits of this case.
II. ALLEGED VIOLATIONS OF ARTICLE 6 OF THE CONVENTION
527. The Court notes that in the admissibility decision in this case it has established that Article 6 applied under its criminal head to the 2000 Tax Assessment proceedings and has declared admissible the company’s grievances that:
(1) the Ministry had brought the action in these proceedings within the grace period;
(2) the time to prepare for trial had been too short;
(3) its lawyers could not obtain from the Ministry answers to all the questions they wished to ask in the hearings before the first-instance court and the first-instance court pronounced its judgment without having studied all the evidence;
(4) the statutory time-limit for appeal had been unjustifiably abridged;
(5) and that the appeal court had delayed the delivery of the reasons for its judgment thereby preventing the applicant company from lodging a cassation appeal.
528. The Court will examine these grievances under Article 6 of the Convention, which, in its relevant parts, provides as follows:
“1. In the determination of his civil rights and obligations or of any criminal charge against him, everyone is entitled to a fair and public hearing within a reasonable time by an independent and impartial tribunal established by law.
...
3. Everyone charged with a criminal offence has the following minimum rights:
(b) to have adequate time and facilities for the preparation of his defence; ...”
A. The parties’ submissions
1. The applicant company’s submissions
529. As regards the first instance proceedings, at the admissibility stage of proceedings before this Court the applicant company argued that the supporting material underlying the Tax Assessment for 2000 had first been provided to it as a result of the City Court’s decision of 14 May 2004. It alleged that the disclosure did not occur until 17 May 2004, when the Ministry filed 24,000 pages of documents, and continued on 18 May 2004 with approximately 45,000 further pages and a further 2,000 pages late on 20 May 2004, i.e. on the eve of the first-instance hearing. The company conceded that its representatives had indeed been given access to all these materials, both prior to the hearings and during the trial, but submitted that the manner and time for such access had been so unsatisfactory that it was of no practical use. It also argued that it had been unable effectively to access the court’s filed documents during the first-instance hearings except during the lunch breaks. Overall, the company insisted that it had had insufficient time to prepare its defence and familiarise itself with the evidence before the court and that it had not had an opportunity to take cognisance of and comment on all of the evidence adduced or observations filed, nor to express its views on every document in the file, contrary to Article 6. It referred to the Ruiz-Mateos v. Spain and Krčmář v. Czech Republic cases. In their post-admissibility observations the company submitted that the Ministry had had sufficient time to disclose the evidence, as the relevant documents had been in the possession of the Ministry and that the Ministry could have disclosed them at any point from 8 December 2003 (some six months before the beginning of the hearing). It further noted that the documents filed by the Ministry had been in complete disorder and had been stored in nineteen plastic crates (ten of them containing six thousand pages each and nine more containing some four thousand pages each) and simply could not be studied properly over such a short period. The documents were kept in a room measuring three to four square metres and containing two chairs, a desk and one window. A request for additional space had been turned down. The above-mentioned conditions were reflected in a record dated 18 May 2004, drawn up by the applicant company’s counsel. The Ministry’s representative had refused to sign it and stated that he disagreed with its contents. More generally, the applicant company criticised the Ministry for bringing an action against it before the expiry of the grace period and argued that the first instance proceedings had been unfair because its lawyers could not obtain from the Ministry answers to all the questions they wished to ask in the hearings and that it was under the impression that the first-instance court had pronounced judgment without having studied all the evidence.
530. As regards the appeal proceedings, the applicant company also insisted on the breach of Article 6. It submitted that the domestic courts had failed to address the question of whether the abridgement of time had affected its substantive right to a fair hearing and that, equally, it did not rely on Article 267 of the Code of Commercial Courts Procedure, referred to by the respondent Government. Also, the rule in Article 267 requiring an appeal to be determined within one month is not respected in practice by the Russian courts; failure to comply with this requirement, even for a whole year, has no consequences for the proceedings. There was, according to the applicant company, no evidence of any particular urgency in listing or resolving the appeal: neither the Ministry, nor the co-appellant, OOO ‘OMISSIS’ Moscow, sought expedition when their appeals were lodged and the co-appellant did not oppose the applicant company’s applications to adjourn the appeal hearing. In response to the Government’s criticism suggesting that the company’s appeal was misaddressed by the omission of part of the postal code from the envelope, the applicant stated that no evidence had been provided of any mistake in this respect and that, after all, the appeal had been received by the court and the tax authorities. In any event, the court had made no criticism of the company in relation to the exercise of this appeal. Overall, the abridgement of the appeal period was a serious interference with the company’s right to prepare for the appeal hearings, which failed to cure but rather accentuated the unfairness of the first-instance proceedings, and no substantive reason has been offered as to why this acceleration was lawful, necessary or consistent with the requirements of a fair trial.
531. The applicant company submitted in respect of the complaint about the delay in the delivery of the appeal judgment that the delay meant that the decision had been immediately enforced against the company, rendering any further cassation appeal nugatory. Only an application for a stay of enforcement pending an appeal in cassation, coupled with a valid appeal in cassation, could have been effective against the enforcement. In the company’s view, such a valid appeal was strictly dependent on filing of the reasons by the appeal court. The appeal decision had become subject to immediate forcible execution, the company had become liable for an additional surcharge of 7% of the total liability and the opportunity to exercise an effective appeal against these measures had been circumvented.
2. The Government’s submissions
532. As regards the argument that the company had insufficient time for preparation of the defence, the Government referred in their admissibility observations to the domestic legislation, which established a two-month time-limit for the examination of the case at first instance (Article 134 of the Code of Commercial Courts Procedure). The applicant company had at least 37 days to prepare its defence from the date of the filing of the suit, which, in view of the above time-limit, had not been unreasonable. Furthermore, the applicant company first became aware of the Ministry’s arguments on 29 December 2003, when the Ministry issued the report indicating the applicant company’s large tax liability and by 12 January 2004 the company had also filed its objections to the report under Article 100 (5) of the Tax Code. Moreover, the principal arguments contained in these objections remained unchanged throughout the proceedings. It could not be said therefore that the applicant company was unprepared to state its case, since it was well aware of the Ministry’s arguments five months prior to the beginning of the court proceedings. In addition, the Government pointed out that the applicant company’s lawyers were given an opportunity to study the evidence both in court and at the Ministry’s premises throughout May, June and July 2004. According to the documents submitted by the Government, counsel for the applicant company availed themselves of this opportunity at least on two occasions, on 18 and 19 May 2004 respectively. Lastly, the Government argued that the applicant company’s arguments about insufficient time for the preparation of the case had been carefully examined and eventually dismissed by the domestic courts as unfounded. In their post-admissibility observations the Government also submitted that the proceedings before commercial courts in Russia were generally conducted without serious delays (referring, for instance, to the lack of any cases against Russia on account of length of proceedings before the commercial courts). They further argued that in its submissions the applicant company had asserted generalities and had never mentioned any specific documents to which they had not had proper access. The evidence in question had been documents which were well known to the applicant company, as the Ministry had requested these documents from it during the on-site inspection (the Government relied on Article 101 (2) 4 of the Tax Code in this respect) and that the documents had been itemised in a register dated 17 May 2004 no. 14-3-02/22-13-1 and had been copies of original documentation reflecting the relations between the applicant company and its sham entities. In addition, the Government argued that any number of the company’s lawyers could have come to study the evidence and that the applicant company had apparently felt no need to do so, since it had been represented by eight lawyers in the first-instance proceedings and only two to four of them had studied the documents. Overall, the Government suggested that the dispute was more legal rather than factual, so that the crux of the applicant company’s objections concerned the interpretation of the domestic law rather than controversy about the particular circumstances of the tax evasion. In addition, the Government argued that the appeal hearing constituted a de novo examination of the case and that by then the applicant company had had a perfectly adequate opportunity to review the documentary record. By asking to adjourn the proceedings the applicant merely intended to delay the delivery of the judgment.
533. As regards the appeal proceedings, in the Government’s view they too were in compliance with Article 6. The applicant company had brought appeal proceedings against the first-instance judgment of 26 May 2004: the possibility of review on both points of fact and law had been expressly provided for by Russian law (Article 268 of the Code of Commercial Courts Procedure) and the company had used it. Under Article 267 of the Code of Commercial Courts Procedure, which requires an appeal court to examine the appeals by the parties within a month of the date on which they were filed, the Appeal Court had to examine the case within a month of 1 June 2004, which was the date on which one party to the case, OOO ‘OMISSIS’ Moskva, first lodged an appeal brief, notwithstanding the fact that the applicant company lodged its appeal on 17 June 2004. The appeal hearings, which represented a full re-trial of the case within the meaning of Article 268 of the Code of Commercial Courts Procedure, started on 18 June and lasted eight days, that is, until 29 June 2004, which was in line with the above rule. In addition, the applicant company deliberately delayed the examination of the case by dispatching the appeal brief to an erroneous address. Lastly, the Government underlined that the appeal decision had not been final and had been appealed against by the applicant company both in cassation instance and by way of supervisory review. The Government submitted that the fact that the reasoned copy of the Appeal Court decision of 29 June 2004 had been produced on 9 July 2004 did not affect the fairness of the proceedings as, in any event, it was open to the applicant company to lodge its cassation appeal within a two-month time-limit from the date of delivery of the appeal decision on 29 June 2004, even in the absence of the reasoned copy of the decision. The applicant company had lodged its cassation appeal on 6 July 2004 in the absence of the reasoned copy of the appeal decision. The cassation appeal was accepted for consideration and on 17 September 2004 its full version was examined and dismissed by the Circuit Court.
B. The Court’s assessment
534. The Court would reiterate that while Article 6 of the Convention guarantees the right to a fair hearing, it is not the Court’s function to deal with errors of fact or of law allegedly committed by a national court and the question which must be answered is rather whether the proceedings as a whole were fair (see, for example, Öcalan v. Turkey [GC], no. 46221/99, §§ 148-49, ECHR 2005-IV; Gäfgen v. Germany [GC], no. 22978/05, §§ 162-88, ECHR 2010-...). The Court will examine the applicant company’s grievances in turn to make an overall conclusion in this connection.
1. The complaint about the bringing of the action by the Ministry
535. Turning to the applicant company’s complaint that in the proceedings before the Moscow City Court the action in respect of the Tax Assessment 2000 and the request to attach the company’s assets as a security for the claim was brought by the Ministry within the grace period (see paragraphs 25 and 26), the Court observes that this argument was examined by the Circuit Court, which dismissed it as unfounded and recognised the Ministry’s action as lawful in this respect (see paragraph 72). The Court recalls the the Ministry’s action was lodged under the rule which made it unnecessary to wait until the end of the grace period if there was evidence that the dispute was insoluble and, regard being had to the circumstances of the case, finds no indication of arbitrariness or unfairness within the meaning of Article 6 of the Convention in this connection.
2. The complaint about the allegedly insufficient time for preparation of the defence at first instance
536. The Court notes that it is common ground between the parties that during the first-instance proceedings the applicant company did not have access to the documents in the court file, other than the report of 29 December 2003, the decision of 14 April 2004 and their annexes, until 17 May 2004 when the Ministry invited the company’s lawyers to study the documents at its premises (see paragraphs 41-45). It is also undisputed that the hearings in the case commenced on 21 May 2004, which is four working days later, and the evidence at issue amounted to at least 43,000 pages (see paragraphs 44 and 46). It is also not in dispute that on a few occasions the applicant company requested to adjourn the hearings referring to, among other things, their wish to study the evidence in the case, and that these requests were turned down by the trial court as unfounded (see paragraph 46).
537. The Court further notes that according to the applicant company this period was manifestly short, whilst the Government argued with reference to the sequence of the events in the proceedings and the applicant company’s conduct that it had no real need to study these documents since the documents came from the company itself and it was entirely familiar with them. The Government also argued that the appeal hearing constituted a de novo examination of the case and that by then the applicant company had had a perfectly adequate opportunity to familiarise itself with the evidence at issue.
538. The Court reiterates that the principle of equality of arms is one feature of the wider concept of a fair trial, which also includes the fundamental right that criminal proceedings should be adversarial. The right to an adversarial trial means, in a criminal case, that both prosecution and defence must be given the opportunity to have knowledge of and comment on the observations filed and the evidence adduced by the other party. Various ways are conceivable in which national law may meet this requirement. However, whatever method is chosen, it should ensure that the other party will be aware that observations have been filed and will get a real opportunity to comment on them (see Brandstetter v. Austria, 28 August 1991, §§ 66 and 67, Series A no. 211; Ruiz-Mateos v. Spain, 23 June 1993, § 67, Series A no. 262; mutatis mutandis, Milatová and Others v. the Czech Republic, no. 61811/00, § 65, ECHR 2005-V and, a fortiori, Krčmář and Others v. the Czech Republic, no. 35376/97, §§ 41-45, 3 March 2000). Furthermore, the Court reiterates that Article 6 § 3 (b) guarantees “adequate time and facilities for the preparation of his defence” and therefore implies that the substantive defence activity on the accused’s behalf may comprise everything which is “necessary” to prepare the trial. The accused must have the opportunity to organise his defence in an appropriate way and without restriction as to the possibility to put all relevant defence arguments before the trial court and thus to influence the outcome of the proceedings (see Can v. Austria, no. 9300/81, § 53, Commission’s report of 12 July 1984, Series A no. 96, and Moiseyev v. Russia, no. 62936/00, § 220, 9 October 2008). The facilities which should be enjoyed by everyone charged with a criminal offence include the opportunity to acquaint himself, for the purposes of preparing his defence, with the results of investigations carried out throughout the proceedings (see C.G.P. v. the Netherlands (dec.), no. 29835/96, 15 January 1997, and Galstyan v. Armenia, no. 26986/03, § 84, 15 November 2007).
539. Turning to the case at hand, the Court observes that the Ministry’s claims to the applicant company in respect of the year 2000 were based on the audit report of 29 December 2003, which became available to the applicant company on the same date and was later used in the decision of 14 April 2004, served on the applicant on 15 April 2004. It is true that these two documents were very detailed, and contained the attachments to substantiate the Ministry’s position, and that the applicant company had on a few occasions opportunity to contest them. The fact remains, however, that the object of the trial court’s examination during the hearings of 21 to 26 May 2004 was neither the audit report of 29 December 2003 and the decision of 14 April 2004 as such, nor the copies of the documents allegedly already in possession of the applicant company, but rather the Ministry’s court claims based on the above-mentioned two documents and the additional body of evidence filed by the Ministry and comprising at least 43,000 pages. It is clear to the Court that in order to provide the applicant company with an adversarial trial and “adequate time and facilities for the preparation of [its] defence” the applicant company should have been given an adequate opportunity to study the entirety of these documents and, more generally, to prepare for the hearings of the merits of the case on reasonable terms.
540. Having regard to the parties’ arguments and the circumstances of the case, the Court is of the view that the trial court failed to reach this objective, as the mere four days during which the applicant company could have access to the case materials were insufficient for the applicant company to prepare properly, no matter the number of lawyers in its defence team or the amount of other resources which the applicant company would have been able to commit during its preparations. As regards the Government’s reference to the applicant company’s conduct during the proceedings and its argument that the company had no real need to study that evidence, the Court finds that it was incumbent on the trial court in the situation at hand to ensure that the applicant company had a sufficiently long period of time during which it could study such a voluminous case file and prepare for the trial hearings and it was up to the applicant company to use this time as it wished. As regards the Government’s argument that the trial court was simply doing its best to comply with the two-month time-limit set out in Article 215 of the Code of Commercial Court Procedure for examination of cases of this category, the Court is of the view that even though it is no doubt important to conduct proceedings at good speed, this should not be done at the expense of the procedural rights of one of the parties, especially given the relatively short overall duration of the proceedings for a case of such magnitude and complexity.
541. Overall, the Court is of the view that the applicant company did not have sufficient time to study the case file before the first instance hearings.
542. The Court takes note of the Government’s argument that any possible defects in the fairness of the proceedings at first instance have been remedied on appeal or in the cassation instance. Since this argument is too closely related to the applicant company’s complaint about the early beginning of the appeal hearings in the 2000 Tax Assessment case, the Court will examine them together below.
3. The complaints about the trial hearings and the allegedly bad quality of the first instance judgment
543. As regards the applicant company’s allegations that its lawyers could not obtain answers from the Ministry to all the questions they wished to ask in the hearings before the court and that the trial court abruptly interrupted the pleadings of the applicant company’s lawyer, the Court finds that these complaints are vague and unspecific and there is nothing in the company’s arguments to suggest that the conduct restrictions imposed by the first-instance or appeal court on the company’s counsel during the hearings were arbitrary or adversely affected the fairness of the proceedings as a whole. The Court also finds unsubstantiated the applicant company’s allegation that the Moscow City Court had given its judgment without having studied the evidence.
4. The complaints about the early beginning of the appeal hearings
544. The Court observes that under Articles 257 and 259 of the Code of Commercial Court Procedure a party has thirty days to file its appeal (see paragraph 422 above). It further notes that the full text of the first-instance judgment of 26 May 2004 became available to the parties on 28 May 2004 and that, despite the applicant company’s requests for adjournment, the appeal hearing in the case commenced on 18 and lasted until 29 June 2004 (see paragraphs 51, 57 and 58).
545. The Court finds that the beginning of the appeal proceedings on 18 June 2004, that is, twenty-one days after the full text of the first-instance judgment on 28 May 2004 had become available, restricted the applicant company’s ability to advance its arguments and, more generally, to prepare for the appeal hearings by shortening the statutory time-limit by nine days. Given the number of the participants, the complexity and magnitude of the case as well as the previous restrictions on the applicant company’s ability to study the case at first instance, the Court finds that the applicant company did not have “adequate time and facilities for the preparation of [its] defence” within the meaning of Article 6 § 3 (b) on account of the restricted time for preparation of the appeal hearing. It also finds that the appeal court failed to acknowledge, let alone to remedy the shortcomings committed by the first-instance court as regards the applicant company’s restricted access to the case file.
546. In so far as the Government relied on Article 267 of the Code of Commercial Court Procedure to justify the promptness in question, the Court would again reiterate that the legitimate goal of conducting proceedings at good speed should not have been achieved at the expense of the procedural rights of one of the parties, especially given the lack of any indication of unjustified delays in the proceedings which lasted at the first two instances for only 3 months and 15 days. In any event, the Court is not persuaded by the interpretation of the text of the provision in question suggested by the Government. It would take note of the fact that recently the domestic authorities themselves have found it necessary to modify and explain the provision in question by amending it (see paragraphs 422 and 423). In its present day version the time-limit in question lasts two months rather than one, and starts running only after the expiry of the time-limit for bringing appeals, and not simultaneously to it, as suggested by the Government in its submissions. In addition, the appeal court now has the discretion to increase the term up to six months, depending on the number of the participants and the complexity of the case.
547. Lastly, in so far as the respondent Government argued that the subsequent examination of the case at the cassation instance had remedied these shortcomings, the Court observes that the cassation hearing took place on 17 September 2004, four months after the disclosure of the evidence and about three months after the appeal hearing which took place between 18 and 29 June 2004. Despite the fact that the company may have had enough time to prepare for the cassation hearing, the cassation court, as a review court, had restricted competence in relation to the assessment of evidence already made by the first-instance and appeal courts (see paragraph 426) and, on the facts, it failed to recognize any shortcomings in the judgments of the lower courts (see paragraph 71).
548. Overall, the Court finds that the early beginning of the appeal hearing impeded the applicant company’s ability to prepare and present properly its case on appeal.
5. The complaint about the alleged delay in the production of a reasoned version of the appeal judgment
549. In so far as the applicant company also complained about the alleged delay in providing the reasons for the Appeal Court’s judgment in the proceedings in respect of the 2000 Tax Assessment, the Court would note that the applicant company did not complain about the proceedings in cassation as such but rather claimed that, in its situation, effective access to the cassation court was impossible without a stay of enforcement of the appeal decision of 29 June 2004. In this respect, the Court observes that the immediate enforcement of the appeal decision did not prevent the company from lodging its cassation appeal and whilst Article 6 provides an applicant with the right of access to court, it does not guarantee, as such, the right to an automatic stay of enforcement of an unfavourable court decision. The Court would underline that the applicant company in the present case had access to courts of two levels of jurisdiction before any enforcement measures were taken and that the enforcement of the appeal decision of 29 June 2004 did not make it impossible for the applicant company to exercise its right to appeal in cassation, or to pursue further proceedings by way of supervisory review or before the Constitutional Court. The applicant company lodged its cassation appeal and additional submissions on the basis of the reasoned copy of the appeal decision of 29 June 2004 on 7 July 2004 (see paragraph 67). The appeal was accepted for consideration, and on 17 September 2004 its full version was examined and dismissed by the Circuit Court (see paragraph 70). Not only the cassation appeal, but also the request to stay the enforcement of the appeal decision of 29 June 2004 were examined by the domestic courts at two instances and eventually dismissed as unfounded (see paragraphs 127-129).
550. Overall, the Court concludes that there is no indication of unfairness within the meaning of Article 6 on account of the alleged restrictions on the applicant company’s access to the cassation instance.
6. Conclusion
551. Having regard to the above, the Court finds that the applicant company’s trial did not comply with the procedural requirements of Article 6 of the Convention for the following reasons: the applicant company did not have sufficient time to study the case file at first instance, and the early beginning of the hearings by the appeal court unjustifiably restricted the company’s ability to present its case on appeal. The Court finds that the overall effect of these difficulties, taken as a whole, so restricted the rights of the defence that the principle of a fair trial, as set out in Article 6, was contravened. There has therefore been a violation of Article 6 § 1 of the Convention, taken in conjunction with Article 6 § 3 (b).
III. ALLEGED VIOLATIONS OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1, TAKEN ALONE AND IN CONJUNCTION WITH ARTICLES 1, 7, 13, 14 AND 18 OF THE CONVENTION
552. Under Article 1 of Protocol No. 1, taken alone and in conjunction with Articles 1, 7, 13, 14 and 18 of the Convention, the applicant company complained about the allegedly unlawful, arbitrary and disproportionate imposition and enforcement of the 2000-2003 Tax Assessments. The company complained furthermore that the sale of OMISSIS had been unlawful, arbitrary and disproportionate.
553. These grievances fall to be examined principally under Article 1 of Protocol No. 1, regard being had, where appropriate, to other Convention provisions relied on by the applicant company.
Article 1 of Protocol No. 1 reads:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
554. The Court reiterates that in accordance with its constant and well-established case-law Article 1 of Protocol No. 1 comprises three distinct rules. The first rule, which is of a general nature, enounces the principle of peaceful enjoyment of property; it is set out in the first sentence of the first paragraph. The second rule covers deprivation of possessions and subjects it to certain conditions; it appears in the second sentence of the same paragraph. The third rule recognises that the States are entitled, amongst other things, to control the use of property in accordance with the general interest, by enforcing such laws as they deem necessary for the purpose; it is contained in the second paragraph. The three rules are not, however, “distinct” in the sense of being unconnected. The second and third rules are concerned with particular instances of interference with the right to peaceful enjoyment of property and should therefore be construed in the light of the general principle enunciated in the first rule (see Sporrong and Lönnroth v. Sweden, 23 September 1982, § 61, Series A no. 52, and James and Others v. the United Kingdom, 21 February 1986, § 37, Series A no. 98).
555. The Court notes that between December 2003 and January 2005 the domestic authorities subjected the applicant company to a number of measures in connection with its alleged failure to pay the correct amount of tax for the years 2000-2003. In particular, as a result of the Tax Assessment proceedings the applicant company was found guilty of repeated tax fraud and was ordered to pay an overall sum of at least RUB 572 billion (around EUR 16 billion) in outstanding taxes, default interest and penalties. In the enforcement proceedings, simultaneously conducted, the applicant company was ordered to pay an additional 7% enforcement fee on the overall amount of the debt: its assets were attached and seized, whilst 76.79 percent of shares in its main production unit, OMISSIS, were sold in satisfaction on the mentioned liability.
556. The Court notes that the parties did not dispute that these measures, whether taken alone or together, constituted an interference with the applicant company’s property rights as guaranteed by Article 1 of Protocol No. 1. The Court further notes that the company complained about the measures separately and that it also complained about the Government’s intentions in connection with those measures. In this latter respect, the applicant company argued that, in bringing the relevant proceedings, the authorities had sought to destroy the company and expropriate its assets. The Court has now to satisfy itself that each instance of such interference met the requirement of lawfulness, pursued a legitimate aim and was proportionate to the aim pursued.
557. Having regard to the circumstances of the case and the nature of the applicant company’s complaints, the Court finds that the complaints concerning the separate decisions and measures in the context of the proceedings against the applicant company fall to be examined under the third rule of Article 1 of Protocol No. 1, taken in conjunction, where appropriate, with other Convention provisions relied on by the applicant company. The Court will examine the complaints in the following order:
(A) the complaints about various aspects of the tax assessment proceedings for the years 2000-2003;
(B) the complaints concerning the measures taken by the domestic authorities to enforce the debt resulting from the tax assessment proceedings on the applicant company and the Government’s related plea of non-exhaustion, which in the decision on admissibility of 29 January 2009 it joined to the merits;
(C) the applicant company’s allegations concerning the Government’s intentions in these proceedings, made under Article 18 of the Convention, taken in conjunction with Article 1 of Protocol No. 1.
A. The complaints about the Tax Assessments 2000-2003
558. The Court reiterates that it was not in dispute between the parties that the Tax Assessments 2000-2003 represented an interference with the applicant company’s property rights. It remains to be determined whether these decisions met the requirement of lawfulness, pursued a legitimate aim, were proportionate to the aim pursued, as required by Article 1 of Protocol No. 1, and whether they were not discriminatory within the meaning of Article 14 of the Convention, taken in conjunction with Article 1 of Protocol No. 1.
1. Compliance with Article 1 of Protocol No. 1
(a) Whether the Tax Assessments 2000-2003 complied with the Convention requirement of lawfulness
559. The Court reiterates that the first and most important requirement of Article 1 of Protocol No. 1 is that any interference by a public authority with the peaceful enjoyment of possessions should be lawful: the second paragraph recognises that the States have the right to control the use of property by enforcing “laws” (see Iatridis v. Greece [GC], no. 31107/96, § 58, ECHR 1999-II). This means that the interference should be in compliance with the domestic law and that the law itself be of sufficient quality to enable an applicant to foresee the consequence of his or her conduct. As regards the compliance with the domestic law, the Court has limited power in this respect since it is a matter which primarily lies within the competence of the domestic courts (see Håkansson and Sturesson v. Sweden, 21 February 1990, § 47, Series A no. 171-A, and, mutatis mutandis, Tre Traktörer AB v. Sweden, 7 July 1989, § 58, Series A no. 159). As regards the quality of the law, the Court’s task is to verify whether the applicable provisions of domestic law were sufficiently accessible, precise and foreseeable (see Hentrich v. France, 22 September 1994, § 42, Series A no. 296-A, and Lithgow and Others v. the United Kingdom, 8 July 1986, § 42, Series A no. 110). In so far as the tax sphere is concerned, the Court’s well-established position is that States may be afforded some degree of additional deference and latitude in the exercise of their fiscal functions under the lawfulness test (see National & Provincial Building Society, Leeds Permanent Building Society and Yorkshire Building Society v. the United Kingdom, 23 October 1997, §§ 75-83, Reports 1997-VII) and that, in view of the complexity of the relevant field of regulation, corporate entities, as opposed to individual taxpayers, may be required to act with additional caution and diligence by consulting competent specialists in this sphere (see Špaček, s.r.o., v. the Czech Republic, no. 26449/95, § 59, 9 November 1999).
560. The applicant company argued in respect of the Tax Assessment 2000 that prosecution for tax evasion had been time-barred. Furthermore, it also argued that the decisions in question had been generally unlawful in that they had not been based on any reasonable and foreseeable interpretation of the domestic law, for which reason there had been no basis in law to impose taxes, double fines or to deny the repayment of VAT in respect of the export of oil and oil products. The applicant company also complained that it had been the first entity ever to have been punished for the tax optimisation scheme, hitherto generally tolerated.
i. The allegation that the prosecution for the alleged tax evasion during the year 2000 was time-barred
α. The applicant company’s submissions
561. The applicant company complained that in the Tax Assessment proceedings for the year 2000 the domestic courts had failed to apply the three-year statutory time-bar set out in Article 113 of the Tax Code. Since the relevant claims by the Ministry had been time-barred by virtue of Article 113 of the Tax Code, the Tax Assessment 2000 had been unlawful, unforeseeable and retroactive in the light of the decision of the Constitutional Court of 14 July 2005. It also noted that this domestic provision applied to tax assessments proceedings in general and not just to fines and that the doubling of the fines for the year 2001 had also been unlawful.
β. The Government’s submissions
562. The Government disagreed. They underlined that the issue only concerned the fines for the year 2000, and not reassessed taxes or surcharges. They argued that the decision of the Constitutional Court of 14 July 2005 had simply confirmed the proper application of Article 113 of the Tax Code for all taxpayers, that it explained the meaning of this norm, that this meaning had been in line with international practice and that it had not been aimed at the applicant individually. The Government also stated that the decision had concerned the specific situation of a bad-faith tax evasion where a taxpayer hinders and obstructs tax inspections, and also relied on examples from foreign jurisdictions, where specific rules apply to taxpayers in such situations. They quoted certain Russian cases where the courts applied the Constitutional Court’s ruling in a manner similar to that in the applicant company’s case and also referred to the Court’s judgment in the case of National & Provincial Building Society, Leeds Permanent Building Society and Yorkshire Building Society v. the UK. They also noted that the three-year time-limit had not been particularly long and that in other countries time-limits were even longer.
γ. The Court’s assessment
563. The Court finds at the outset that this grievance concerns the outcome of the Tax Assessment proceedings for the year 2000 only in the part concerning the imposition of penalties, since Article 113 of the Tax Code which provided for the time-limit in question, only applied to the collection of fines (see paragraph 403) and that no similar Convention issues arise in respect of the collection of additional taxes and interest payments (see paragraph 404). The Court further notes that Article 113 of the Tax Code provided for a three year time-limit for holding a taxpayer liable and that this period ran from the first day after the end of the relevant tax term. According to the practice directions of the Supreme Court dated 28 February 2001, the moment at which a taxpayer was held liable within the meaning of Article 113 of the Tax Code was the date of the relevant decision of the tax authority (see paragraph 405 and 406).
564. On the facts, such a decision in connection with the company’s activities in the year 2000 was adopted on 14 April 2004 (see paragraph 21), which was clearly outside the above-mentioned three year time-limit. In response to the argument raised by the applicant company during the court proceedings, the lower courts decided that the rules on a statutory time-bar were inapplicable because the applicant company had been acting in bad faith (see paragraph 49). Thereafter the supervisory review instance decided that such an interpretation of the rules on the statutory time-limits had not been in line with the existing legislation and case-law (see paragraph 80) and referred the issue to the Presidium of the Supreme Commercial Court, which, in turn, referred it to the Constitutional Court (see paragraph 81).
565. Having initially refused to consider the applicant company’s individual complaint concerning the same issue (see paragraphs 76 and 77), the Constitutional Court accepted the reference from the Presidium of the Supreme Commercial Court and on 14 July 2005 gave a decision in which it disagreed with the lower courts (see paragraphs 82-88), noting that the rules on the limitation period should apply in any event and that, exceptionally, if a taxpayer impeded the inspections by the tax authorities, and thereby delayed the adoption of the relevant decision, the running of the time-limit could be suspended by the adoption of a tax audit report setting out the circumstances of the tax offence in question and referring to the relevant articles of the Tax Code. Thereafter the case was referred back to the Presidium of the Supreme Commercial Court which applied this interpretation to conclude that the applicant company had been actively impeding the tax inspections (see paragraphs 17 and 90). Since the audit report in respect of the year 2000 had been adopted and served on 29 December 2003, the court decided that the Ministry’s claims for 2000 had been brought on time. The Court notes that the Constitutional Court’s decision of 14 July 2005 resulted in a change in the interpretation of the relevant rules on the statutory time-limits of the proceedings. Accordingly, an issue arises as to whether such a change was compatible with the requirement of lawfulness of Article 1 of Protocol No. 1.
566. In making its assessment the Court will take into account its previous finding that the 2000 Tax Assessment proceedings were criminal in character (see OAO Neftyanaya kompaniya OMISSIS (dec.), cited above, § 453) and will also bear in mind that the change in question concerned the collection of fines for intentional evasion of tax. In this connection, it would again reiterate that the third rule of this Convention provision explicitly reserves the right of Contracting States to pass “such laws as they may deem necessary to secure the payment of taxes” which means that the States are afforded an exceptionally wide margin of appreciation in this sphere (see Tre Traktörer AB v. Sweden, 7 July 1989, §§ 56-63, Series A no. 159).
567. The Court reiterates the principle, contained primarily in Article 7 of the Convention but also implicitly in the notion of the rule of law and the requirement of lawfulness of Article 1 of Protocol No. 1, that only law can define a crime and prescribe a penalty. While it prohibits, in particular, extending the scope of existing offences to acts which previously were not criminal offences, it also lays down the principle that the criminal law must not be extensively construed to an accused’s detriment, for instance by analogy. It follows that offences and the relevant penalties must be clearly defined by law. This requirement is satisfied where the individual can know from the wording of the relevant provision and, if need be, with appropriate legal assistance, what acts and omissions will make him criminally liable (see Coëme and Others v. Belgium, nos. 32492/96, 32547/96, 32548/96, 33209/96 and 33210/96, §§ 145-146, ECHR).
568. Furthermore, the term “law” implies qualitative requirements, including those of accessibility and foreseeability (see, among other authorities, Cantoni v. France, 15 November 1996, § 29, Reports of Judgments and Decisions 1996-V; and E.K. v. Turkey, no. 28496/95, § 51, 7 February 2002). These qualitative requirements must be satisfied as regards both the definition of an offence and the penalty the offence in question carries (see Achour v. France [GC], no. 67335/01, § 41, ECHR 2006-IV). The Court has acknowledged in its case-law that however clearly drafted a legal provision may be, in any system of law, including criminal law, there is an inevitable element of judicial interpretation. There will always be a need for elucidation of doubtful points and for adaptation to changing circumstances. Again, whilst certainty is highly desirable, it may bring in its train excessive rigidity and the law must be able to keep pace with changing circumstances. Accordingly, many laws are inevitably couched in terms which, to a greater or lesser extent, are vague and whose interpretation and application are questions of practice (see, mutatis mutandis, Sunday Times v. the United Kingdom (no. 1), 26 April 1979, § 49, Series A no. 30 and Kokkinakis v. Greece, 25 May 1993, § 40, Series A no. 260-A). The role of adjudication vested in the courts is precisely to dissipate such interpretational doubts as remain (see Cantoni, cited above, § 29).
569. Thus, the requirement of lawfulness cannot be read as outlawing the gradual clarification of the rules of criminal liability through judicial interpretation from case to case, “provided that the resultant development is consistent with the essence of the offence and could reasonably be foreseen” (see Kafkaris v. Cyprus [GC], no. 21906/04, § 141, ECHR 2008-...).
570. The Court previously defined limitation as the statutory right of an offender not to be prosecuted or tried after the lapse of a certain period of time since the offence was committed. Limitation periods, which are a common feature of the domestic legal systems of the Contracting States, serve several purposes, which include ensuring legal certainty and finality and preventing infringements of the rights of defendants, which might be impaired if courts were required to decide on the basis of evidence which might have become incomplete because of the passage of time (see Stubbings and Others v. the United Kingdom, 22 October 1996, § 51, Reports 1996-IV).
571. Turning to the facts of the case, the Court would note firstly that the rule which, in the present case, underwent changes as a result of the decision of 14 July 2005, was contained in Article 113 of Chapter 15 “General provisions concerning the liability for tax offences” of the Tax Code (see paragraph 403) and thus formed a part of the domestic substantive law. Even though the rule in itself did not describe the substantive elements of the offence and the applicable penalty, it nevertheless constituted a sine qua non condition with which the authorities had to comply in order to be able to prosecute the relevant taxpayers in connection with the alleged tax offences. Accordingly, Article 113 of the Tax Code defined a crime for the purposes of the Court’s analysis of lawfulness. It remains to be determined whether in the circumstances the decision of 14 July 2005 could be seen as a gradual clarification of the rules on criminal liability which “[was] consistent with the essence of the offence and could reasonably be foreseen” (see Kafkaris, cited above, § 141).
572. In this connection the Court may accept that the change in question did not change the substance of the offence. The Constitutional Court interpreted the existing rules on time-limits in relation to taxpayers who acted abusively. At the same time, the Court is not persuaded that the change in question could have been reasonably foreseen.
573. It observes that the decision of 14 July 2005 had changed the rules applicable at the relevant time by creating an exception from a rule which had had no previous exceptions (see paragraphs 86 and 88). The decision represented a reversal and departure from the well-established practice directions of the Supreme Commercial Court (see, by contrast, Achour, cited above, § 52) and the Court finds no indication in the cases submitted by the parties suggesting a divergent practice or any previous difficulty in connection with the application of Article 113 of the Tax Code at the domestic level (see paragraphs 407-408). Although the previous jurisprudence of the Constitutional Court contained some general references to unfavourable legal consequences which taxpayers acting in bad faith could face in certain situations, these indications, as such, were insufficient to provide a clear guidance to the applicant company in the circumstances of the present case.
574. Overall, notwithstanding the State’s margin of appreciation in this sphere, the Court finds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 on account of the change in interpretation of the rules on the statutory time-bar resulting from the Constitutional Court’s decision of 14 July 2005 and the effect of this decision on the outcome of the Tax Assessment 2000 proceedings.
575. Since the applicant company’s conviction under Article 122 of the Tax Code in the 2000 Tax Assessment proceedings laid the basis for finding the applicant company liable for a repeated offence with a 100% increase in the amount of the penalties due in the 2001 Tax Assessment proceedings, the Court also finds that the 2001 Tax Assessment in the part ordering the applicant company to pay the double fines was not in accordance with the law, as required by Article 1 of Protocol No. 1.
ii. The allegation that the Tax Assessments 2000-2003 had not been based on a reasonable and foreseeable interpretation of the domestic law
α. The applicant company’s submissions
576. The applicant company disagreed with the factual conclusions reached by the domestic courts in respect of the trading companies. In its submission on the admissibility of the case, the applicant company argued that it had been the wrong defendant in the tax assessment proceedings, that there had been no links of dependency between the trading companies and itself, and that there were no grounds for making the applicant company, a holding company with, at the material time, only two employees with highly important but small-scale administrative functions, liable for the trading companies’ tax liabilities and creating a previously virtually unknown concept of “bad-faith taxpayer”. In its submissions on the merits of the case, the applicant company argued that “the OMISSIS Group”, including the trading companies, had operated as a unit and that the authorities had been aware of all the details of this unit’s functioning, including its relations with the trading companies, because all the entities forming the group made regular tax declarations. The company also submitted that the Ministry made regular checks of the whole group, involving the mapping of the entire course of every link in the chain of transactions from the original purchase of oil by the trading companies until its export, and that OMISSIS officials held monthly meetings with the Ministry’s officials to discuss the company’s functioning and tax returns. Overall, the applicant company considered that its tax arrangement had never been secret.
577. The applicant company also submitted that Russian law had contained no legal provision allowing for the attribution of tax liabilities as had occurred in its case, that the denial of VAT reductions had been unlawful, that the use of domestic off-shores by the applicant company had been lawful, that the legal theories used by the authorities in its case had been without legal precedent, that the way in which the authorities had assessed taxes had led to double taxation, and that the payment of interest and fines had been domestically unlawful. As regards the attribution of tax liabilities, the applicant company considered that Russian law contained no provisions that permitted piercing of the corporate veil in order to hold one company liable for the actions of another, whether the latter was a subsidiary, an affiliate or a separate entity. The company claimed that the legal theories used by the Ministry in its tax assessment cases had been unprecedented and it referred to legal remedies that could have been used by the Ministry in this situation but had not been employed. In particular, the applicant company argued that the authorities should have applied the anti-transfer pricing mechanism of Articles 20 and 40 of the Tax Code or that the courts should have invalidated individual transactions by the trading companies so as to make either them or the applicant company’s subsidiaries liable for the allegedly underpaid tax. The applicant company considered that in any event, under the applicable domestic law, the authorities could not have held it directly liable for the actions of the trading companies. Furthermore, the company relied on Article 251 (1) 11 of the Tax Code to justify the unilateral transfers of cash from the trading companies to the applicant company’s Fund. It argued that there had been no such notion as “sham entity” in Russian law and that the “bad faith” doctrine had been too vague a legal tool to be used to prosecute it. The applicant company also submitted to the Court an opinion dated 7 September 2003 by the company’s counsel, the law firm “Pepelyev, Goltsblat i Partnery”, confirming the lawfulness of the arrangement whereby “a subsidiary company makes a transfer of its profits to the parent company, which in turn creates a Fund [out of these monies] to return them to the subsidiary companies for use ... or to pay the dividends” and also relied on case no A42-6604/00-15-818/01 to demonstrate that its tax arrangement had been lawful at domestic level. Lastly, the applicant company considered that the Government’s explanations in this connection and in particular its reference to Articles 168, 169 and 170 of the Civil Code could not justify the authorities’ actions in the tax assessment proceedings, since these provisions had not been relied upon by the domestic courts.
578. The applicant company further argued that the denial of tax benefits to the trading companies and the failure to repay VAT in respect of the export of oil and oil products had been unlawful and unsubstantiated. The applicant argued that the Ministry had known about all of the trading companies’ transactions because of their monthly VAT returns and regular requests for tax refunds, and that since all of the traded oil had been for export and exempt from VAT its use of tax arrangements with the trading companies had not achieved any savings in this connection. Both in its initial application to the Court and in further submissions on the admissibility of the case, the applicant company expressed dissatisfaction with the domestic courts’ refusal to recalculate the amount of the VAT due in the relevant Tax Assessment proceedings, purportedly as a result of the company’s failure to file for VAT refunds in its own name. In its final submissions to the Court at the hearing on 4 March 2010, the company alleged that on 31 August 2004 it had filed the VAT exemption forms in its own name for each of the years 2000 to 2003. In addition, with reference to Article 75 (3) of the Tax Code, the applicant company claimed that it should not have been ordered to pay interest surcharges at all.
β. The Government’s submissions
579. In their admissibility observations the Government stated that the tax inspections in respect of the applicant company had been conducted in accordance with the domestic law and that the company had been acting in bad faith throughout the proceedings, in blatant breach of tax legislation, and had merely been mimicking compliance with the law. In respect of the factual conclusions of the domestic courts, they argued that the applicant company had committed blatant tax evasion, as confirmed by the findings of the domestic courts. The evidence to confirm the Ministry’s claims was abundant and it was clear that the whole setup with trading companies was organised solely for the purpose of tax evasion. During the proceedings the applicant company had been unable to explain the economic reasons for the transactions in question. As an example of the sham nature of the arrangement, the Government referred to the fact, established by the domestic courts in the proceedings against the applicant company, that on one occasion a person managing one of the company’s sham entities signed three contracts simultaneously in three different locations, namely Samara, Nefteyugansk and the Tomsk region, situated at great distances from each other. In addition, the Government referred to an “internal” opinion by the audit company PriceWaterhouseCoopers, which specifically mentioned various problems with the applicant company’s “tax optimisation” scheme, including the Fund used by the company for receiving the money generated by the sham entities, and mentioned by the Appeal Court in its decision of 29 June 2004. This was in breach of the Russian legislation, as money could only be transferred from one independent commercial entity to another independent commercial entity in exchange or payment for services or goods (Article 575 of the Civil Code). In addition, the company misled the public in its reports and financial statements. For example, in February 2004 in its report for nine months of the year 2003 under the US Generally Accepted Accounting Principles standards, the company accounted for the difference between the nominal profit tax rate and the actual rate by its use of affiliate companies registered in foreign tax havens. This statement was not true since, as established by the domestic courts, the applicant company used sham entities located in domestic tax havens. The widespread use of promissory notes was also mentioned by the auditor as being non-compliant with the legislation in force. The Government submitted that the company’s management had used this opportunity to present a distorted picture of the company’s performance and thus attract investors.
580. As regards the lawfulness of the company’s use of domestic tax havens, the Government referred to statements by a senior partner in the law firm “Pepelyaev, Goltsblat i Partnery”, which advised the applicant company and its majority shareholder, Group Menatep. In an interview with the Raschyot magazine of 30 January 2001, he stated that, as time passed, any widely replicated optimisation scheme became known to the tax authorities and they started fighting it. Penalties were being imposed with regard to low quality schemes, but the better quality schemes remained safe. The use of Russian low-tax regions was a crude form: where a company was registered in, for example, Kalmykiya, while the director, office and bank account were in Moscow. In such instances the court would rule that the location of the organisation was Moscow and not Kalmykiya. The scheme would be ruined and the company be forced to pay in Moscow. However, there could be more subtle schemes, where everything was arranged in such a way that the director, accountant and some staff were in Kalmykiya and there was an account in a Kalmyk bank, [and] thus the organisation would appear to have an actual presence there. Certainly, business would be conducted in Moscow but through another company, so that the entire profit went through appropriate contracts to Kalmykiya. Such subtle schemes were left untouched because formally there was nothing to pick on. According to the Government, the applicant company used the schemes described in their crudest form and undoubtedly knew that such schemes were illegal.
581. In respect of the lawfulness of the domestic authorities’ actions, the Government submitted that the company’s tax liability had been established by the domestic courts on the basis of, among other things, Article 122 of the Tax Code, which penalised the understatement of revenues and corresponding taxes, RF Law no. 2116-1 of 27 December 1991 “On profit tax of enterprises and organisations”, RF Law no. 1759-I of 18 October 1991 “On road funds in the Russian Federation”, RF Law no. 2118-I of 27 December 1991 “On the basics of the tax system”, RF Law no. 2030-I of 13 December 1991 “On property tax of enterprises”, RF Law no. 1992-I of 6 December 1991 “On valued-added tax” and RF Law no. 3297-I of 14 July 1992 “On closed administrative territorial entities”, which were all clear and foreseeable at the relevant time.
582. In their post-admissibility observations, the Government submitted that the company’s tax arrangement, consisting of the systemic use of dozens of shell entities which were controlled by the applicant company, organised in special low-tax zones within Russia, transfers of profits from the shell entities to the applicant company and multiple layers of trading activities between the company’s production units and the ultimate customer, had been clearly unlawful and had one and only one aim – to avoid payment of taxes. The applicant company tried to hide its involvement in this scheme by renaming the shell entities on a regular basis and by operating through a complex system of promissory notes’ exchanges aimed at hiding the transfers of profits from the shell entities to the company. The whole setup had been managed by the applicant company, although on paper the shell entities had been owned and managed by third parties.
583. The Government also described instances where the applicant company had actively resisted the authorities by failing to present the necessary tax documents following requests by the Ministry, by attempting to hide its corporate register just prior to its seizure by the bailiffs, by making multiple offers of payment with shares in OAO Sibneft (which in reality had not belonged to the applicant company), by lying about its financial status and by rejecting the Ministry’s tax claims in respect of years 2001 to 2003 instead of cooperating.
584. As regards the lawfulness of the manner in which the authorities had assessed the applicant company’s liability for additional taxes, the Government relied on the Constitutional Court’s judgment no. 14-P dated 28 October 1999, which had endorsed the ‘substance-over-form’ approach, and to the extensive case-law of the commercial courts in interpreting and applying it. In all of these cases, exactly the same method as that used by the authorities in the applicant company’s case had been used – i.e. the courts had looked behind appearances and taken account of the substance of the transactions in question. As regards the bad-faith theory, the Government relied on two decisions of the Constitutional Court, nos. 138-O and 168-O, dated 25 July 2001 and 8 April 2004 respectively, and the case-law of the commercial courts. They also relied on international experience, quoting rules adopting the substance over form approach in the UK, France, Germany, Italy and the US.
585. As regards the VAT repayments, the Government insisted that the domestic law clearly adopted an approach whereby the owner of the goods in question should apply for any VAT reductions and relied on judgment no. 12-P of the Constitutional Court, dated 14 July 2003, and the extensive case-law of the commercial courts to substantiate their point. They also referred to rules in the UK and France to show that these countries used essentially the same approach in respect of VAT refunds. More generally, the Government also argued that the refusal to grant VAT repayment was a direct consequence of the company’s own recklessness in operating its tax optimisation plans and that it had failed to make any attempts to comply with the legal requirements for VAT refunds even after the tax fraud had been exposed. The Government submitted that the applicant company had never made any applications for VAT refunds in its own name.
586. The Government also stated that all of the cases cited in their observations had been available in the legal database Konsultant-Plus. The authorities could not be accused of having tolerated the company’s tax optimisation, as they could not have had any prior knowledge of it on account of its complex and well-masked character. They also argued that the present case had a moral and social dimension, in the sense that the applicant company had been one of the biggest taxpayers in Russia, that many social programmes run by the State had depended on the company’s tax payments, that the company’s resources had been transferred to it during privatisation in exchange for their efficient and honest use, and that the colossal scope of the tax evasion had led to an incorrect redistribution of wealth and the denial of their social responsibility by a small number of the company’s core shareholders. The Government also insisted that the Court take into account the wide margin of appreciation which is mentioned in the Convention and recognised by the Convention case-law in any assessment of the company’s complaints. They disagreed with the applicant company’s argument regarding expropriation, as the Government viewed the events referred to by the applicant company as a mere enforcement of tax laws. In addition, they drew the Court’s attention to the fact that the applicant company had consistently presented incomplete or untrue information in their arguments.
587. Lastly, they again referred to the statements on tax optimisation techniques made in 2001 by a senior partner in a law firm advising the applicant company and its controlling shareholder, in which, in the Government’s opinion, he had openly conceded that the company’s techniques had been unlawful and that everything depended on whether or not the given arrangements would be discovered by the authorities. In the Government’s view, if this adviser knew this, then his clients, the company’s majority shareholders, could not have failed to be aware of the unlawfulness of the arrangement and any associated risk.
γ. The Court’s assessment
588. The Court notes that in this complaint the applicant company challenged the lawfulness of the Tax Assessments 2000-2003 only in the part linked to the payment of reassessed taxes. The examination will therefore be confined to the question of the lawfulness of the additional tax liability. The Court further notes that the company did not seem to dispute that the relevant laws made it clear what taxes were due, at what rate and when. Rather, the company claimed that in 2000, 2001, 2002 and 2003 it used lawful “tax optimisation techniques” which were only subsequently condemned by the domestic courts in 2004, 2005 and 2006. It also complained that any existing legal basis for finding the company liable fell short of the Convention requirements in respect of the quality of the law and that, in any event, the application of the relevant laws contradicted established practice. Accordingly, the Court has to determine whether the relevant tax arrangements were domestically lawful at the time when the relevant transactions took place and whether the legal basis for finding the applicant company liable was sufficiently accessible, precise and foreseeable.
589. Turning to the first question, the Court would note at the outset that the applicant company disputed the findings of the domestic courts concerning the nature of relations between the applicant company and its trading entities. In view of its conclusion that the tax assessment proceedings in respect of the year 2000 did not comply with the requirements of Article 6 §§ 1 and 3 (b) of the Convention, the Court is required to decide whether the factual assessments made by the domestic courts could be used for the purposes of its legal analysis under Article 1 of Protocol No. 1. In this respect, the Court reiterates that according to its well-established case-law it is not its task to take the place of the domestic courts, which are in the best position to assess the evidence before them and establish the facts. The Court will not, in principle, intervene, unless the decisions reached by the domestic courts appear arbitrary or manifestly unreasonable (see, mutatis mutandis, Ravnsborg v. Sweden, 23 March 1994, § 33, Series A no. 283-B; Bulut v. Austria, 22 February 1996, § 29, Reports of Judgments and Decisions 1996-II, and Tejedor García v. Spain, 16 December 1997, § 31, Reports 1997-VIII) or if the court decisions have been issued in “flagrant denial of justice” (compare Stoichkov v. Bulgaria, no. 9808/02, § 54, 24 March 2005).
590. Having examined the materials of the case and the parties’ submissions and despite its earlier conclusions under Article 6 §§ 1 and 3 (b) of the Convention in respect of the 2000 Tax Assessment (see paragraph 551), the Court has little doubt that the factual conclusions of the domestic courts in the Tax Assessment proceedings 2000-2003 were sound. The factual issues in all of these proceedings were substantially similar and the relevant case files contained abundant witness statements and documentary evidence to support the connections between the applicant company and its trading companies and to prove the sham nature of the latter entities (see paragraphs 14-18, 48, 62-63, 165, 191-193, 212 and 213). The applicant company itself did not give any plausible alternative interpretation of this rather unambiguous evidence, as examined and accepted by the domestic courts.
591. From the findings of the domestic courts and the parties’ explanations, the Court notes that the company’s “tax optimisation techniques” applied with slight variations throughout 2000-2003 consisted of switching the tax burden from the applicant company and its production and service units to letter-box companies in domestic tax havens in Russia. These companies, with no assets, employees or operations of their own, were nominally owned and managed by third parties, although in reality they were set up and run by the applicant company itself. In essence, the applicant company’s oil-producing subsidiaries sold the extracted oil to the letter-box companies at a fraction of the market price. The letter-box companies, acting in cascade, then sold the oil either abroad, this time at market price or to the applicant company’s refineries and subsequently re-bought it at a reduced price and re-sold it at the market price. Thus, the letter-box companies accumulated most of the applicant company’s profits. Since they were registered in domestic low-tax areas, they enabled the applicant company to pay substantially lower taxes in respect of these profits. Subsequently, the letter-box companies transferred the accumulated profits unilaterally to the applicant company as gifts. The Court observes that substantial tax reductions were only possible through the mixed use and simultaneous application of at least two different techniques. The applicant company used the method of transfer pricing, which consisted of selling the goods from its production division to its marketing companies at intentionally lowered prices and the use of sham entities registered in the domestic regions with low taxation levels and nominally owned and run by third persons (see paragraphs 14-18, 48, 62-63 for a more detailed description).
592. The domestic courts found that such an arrangement was at face value clearly unlawful domestically, as it involved the fraudulent registration of trading entities by the applicant company in the name of third persons and its corresponding failure to declare to the tax authorities its true relation to these companies (see paragraphs 311, 349-353, 374-380). This being so, the Court cannot accept the applicant company’s argument that the letter-box entities had been entitled to the tax exemptions in questions. For the same reason, the Court dismisses the applicant company’s argument that all the constituent members of the OMISSIS group had made regular tax declarations and had applied regularly for tax refunds and that the authorities were thus aware of the functioning of the arrangement. The tax authorities may have had access to scattered pieces of information about the functioning of separate parts of the arrangement, located across the country, but, given the scale and fraudulent character of the arrangement, they certainly could not have been aware of the arrangement in its entirety on the sole basis on the tax declarations and requests for tax refunds made by the trading companies, the applicant company and its subsidiaries.
593. The arrangement was obviously aimed at evading the general requirements of the Tax Code, which expected taxpayers to trade at market prices (see paragraphs 395-399), and by its nature involved certain operations, such as unilateral gifts between the trading companies and the applicant company through its subsidiaries, which were incompatible with the rules governing the relations between independent legal entities (see paragraph 376). In this connection, the Court finds relevant the warning given by the company’s auditor about the implications of the use of the company’s special fund during the year 2002 (see paragraphs 206-209) and is not persuaded by the applicant company’s reference to case no. A42-6604/00-15-818/01 (see paragraphs 356-357), the expert opinion of its counsel (see paragraph 577) and its reliance on Article 251 (1) 11 of the Tax Code (see paragraph 376).
594. By contrast to the Tax Assessments in issue, the respondent entity in case no. A42-6604/00-15-818/01 was not alleged to have been part of a larger tax fraud and the Ministry failed to prove that it had been sham. The courts established that the entity had some assets, employees and a bank account at the place of its registration and dismissed the Ministry’s claims. As regards the expert opinion and the company’s reference to Article 251 (1) 11 of the Tax Code, the Court finds them irrelevant as they refer to the relations of openly associated companies and not, as was the case at issue, to the use of sham entities fraudulently registered in the name of certain third parties. Thus, the Court cannot agree with the applicant company’s allegation that its particular way of “optimising tax” had been previously examined by the domestic courts and upheld as valid or that it had used lawful “tax optimisation techniques” which were only subsequently condemned by the domestic courts. The above considerations are sufficient for the Court to conclude that the findings of the domestic courts that applicant company’s tax arrangements were unlawful at the time when the company had used them, were neither arbitrary nor manifestly unreasonable.
595. The Court will now turn to the question whether the legal basis for finding the applicant company liable was sufficiently accessible, precise and foreseeable. In this connection, the Court notes that in all the Tax Assessments (see paragraphs 14-18, 48, 62-63, 165, 191-193, 212 and 213) the domestic courts essentially reasoned as follows. The courts established that the trading companies had been sham and had been entirely controlled by the applicant company and accordingly reclassified the transactions conducted by the sham entities as transactions conducted in reality by the applicant company.
596. The courts first decided that the transactions of the sham entities failed to meet the requirements of Article 39 of the Tax Code defining the notion of a sales operation (see paragraphs 48 and 324) as well as Article 209 of the Civil Code describing essential characteristics of an owner of goods (see paragraph 48 and 381). In view of the above and relying on Article 10 (3) of the Civil Code which established a refutable presumption of good faith and reasonableness of actions of the parties in commercial transactions (see paragraph 48 and 382-383), the courts then changed the characterisation of the sales operations of the sham entities. They decided that these were in reality conducted by the applicant company and that it had been incumbent on the latter to fulfil the corresponding obligation to pay various taxes on these activities. Finally, the courts noted that the setting up and running of the sham arrangement by the applicant company resulted in an understating of the taxable base of its operations and, as a consequence, the intentional non-payment of various taxes, which was punishable as a tax offence under Article 122 of the Tax Code (see paragraph 400).
597. Having regard to the applicable domestic law, the Court finds that, contrary to the applicant company’s assertions, it is clear that under the then rules contractual arrangements made by the parties in commercial transactions were only valid in so far as the parties were acting in good faith and that the tax authorities had broad powers in verifying the character of the parties’ conduct and contesting the legal characterisation of such arrangements before the courts. This was made clear not only by Article 10 (3) of the Civil Code relied on by the domestic courts in the Tax Assessment proceedings, but also by other relevant and applicable statutory provisions which were available to the applicant company and other taxpayers at the time. Thus, Article 45 (2) 3 of the Tax Code explicitly provided the domestic courts with the power to change the legal characterisation of transactions and also the legal characterisation of the status and activity of the taxpayer, whilst section 7 of the Law on the Tax Authorities of the Russian Federation granted the right to contest such transactions to the tax authorities (see paragraph 393). In addition, the case-law referred to by the Government indicated that the power to re-characterise or to cancel bad faith activities of companies existed and had been used by the domestic courts in diverse contexts and with varying consequences for the parties concerned since as early as 1997 (see paragraphs 382-393 and paragraphs 428-468). Moreover, in a number of its rulings, including decision of 25 July 2001 no. 138-0 specifically relied upon by the domestic courts in the Tax Assessment proceedings against the applicant company (see paragraphs 384-387), the Constitutional Court confirmed the significance of this principle, having mentioned various possible consequences of a taxpayer’s bad faith conduct.
598. In so far as the applicant company complained that the bad faith doctrine had been too vague, the Court would again reiterate that in any system of law, including criminal law, there is an inevitable element of judicial interpretation and there will always be a need for elucidation of doubtful points and for adaptation to changing circumstances. In order to avoid excessive rigidity, many laws are inevitably couched in terms which, to a greater or lesser extent, are vague and whose interpretation and application are questions of practice (see, among other authorities, Sunday Times, cited above, § 49 and Kokkinakis, cited above, § 40). On the facts, it would be impossible to expect from a statutory provision to describe in detail all possible ways in which a given taxpayer could abuse a legal system and defraud the tax authorities. At the same time, the applicable legal norms made it quite clear that, if uncovered, a taxpayer faced the risk of tax reassessment of its actual economic activity in the light of the relevant findings of the competent authorities. And this is precisely what happened to the applicant company in the case at hand.
599. Overall, having regard to the margin of appreciation enjoyed by the State in this sphere and the fact that the applicant company was a large business holding which at the relevant time could have been expected to have recourse to professional auditors and consultants (see Špaček, s.r.o., cited above, § 59), the Court finds that there existed a sufficiently clear legal basis for finding the applicant company liable in the Tax Assessments 2000-2003.
600. Lastly, the Court observes that the applicant company made a number of additional arguments under this head. In particular, it also alleged that there was no basis in law to deny the repayment of VAT in respect of the export of oil and oil products, that the domestic courts had failed to apply Articles 20 and 40 of the Tax Code, that it should have been dispensed from payment of interest surcharges under Article 75 (3) of the Tax Code and that in respect of the year 2000 the company had been subjected to double taxation in respect of the profits of the sham entities.
601. The Court notes that both Section 5 of Law no. 1992-1 of 6 December 1991 “On Value-Added Tax” governing the relevant sphere until 1 January 2001 as well as Article 165 of the Tax Code applicable to the subsequent period provided unequivocally that a zero rate of value-added tax in respect of exported goods and its refund could by no means be applied automatically, and that the company was required to claim the tax exemptions or refunds under its own name under the procedure set out initially in Letter no. B3-8-05/848, 04-03-08 of the State Tax Service of Russia and the Ministry of Finance and subsequently in Article 176 of the Tax Code to substantiate the requests in order to obtain the impugned refunds (see paragraphs 326-336). In view of the above, the Court finds that the relevant rules made the procedure for VAT refunds sufficiently clear and accessible for the applicant company to able to comply with it.
602. Having examined the case file materials and the parties’ submissions, including the company’s allegation made at the hearing on 4 March 2010 that it had filed the VAT exemption forms for each of the years 2000 to 2003 on 31 August 2004, the Court finds that the applicant company failed to submit any proof that it had made a properly substantiated filing in accordance with the established procedure, and not simply raised it as one of the arguments in the Tax Assessment proceedings, and that it had then contested any refusal by the tax authorities before the competent domestic courts (see paragraphs 49 and 171, 196, 196 and 216). The Court concludes that the applicant company did not receive any adverse treatment in this respect.
603. As regards the company’s argument that Articles 20 and 40 of the Tax Code should have been applied by the domestic courts in their case and that the Ministry’s claims were inconsistent with the above provisions, the Court notes that the Ministry and the domestic courts never relied on these provisions and there is nothing in the applicable domestic law to suggest that they had been under a legal obligation to apply these provisions to the applicant company’s case. Thus, it cannot be said that the authorities’ failure to rely on these provisions rendered the Tax Assessments 2000-2001 unlawful.
604. Finally and in so far as the company disagreed with the interpretation of Article 75 (3) of the Tax Code by the domestic courts and also alleged to have been subjected to double taxation, the Court would again reiterate that it is not its task to take the place of the domestic courts, which are in the best position to assess the evidence before them, establish the facts and to interpret the domestic law. On the facts, the former provision only applied to cases where the taxpayer was unable to pay the tax debt solely due to the seizure of its assets and cash funds (see paragraph 402). The domestic courts established that the company had been unable to pay because of the lack of funds and not because of the injunctions and refused to apply Article 75 (3) of the Tax Code in the applicant’s case (see paragraph 216). The Court does not find this conclusion arbitrary or unreasonable. Likewise, the Court finds nothing in the parties’ submissions or the case file materials to cast doubt on the findings of the domestic courts, which specifically established that the Ministry took account of the sham entities’ profits in calculating their claims so as to avoid double taxation (see paragraph 49).
605. Overall, the Court finds that, in so far as the applicant company’s argument about the allegedly unreasonable and unforeseeable interpretation of the domestic law in the Tax Assessments 2000-2003 is concerned, the Tax Assessments 2000-2003 complied with the requirement of lawfulness of Article 1 of Protocol No. 1.
(b) Whether the Tax Assessments 2000-2003 pursued a legitimate aim and were proportionate
606. The Court is satisfied that, subject to its findings in respect of the lawfulness of fines for the years 2000 and 2001 made earlier, each of the Tax Assessments 2000-2003 pursued a legitimate aim of securing the payment of taxes and constituted a proportionate measure in pursuance of this aim. The tax rates as such were not particularly high and given the gravity of the applicant company’s actions there is nothing in the case file to suggest that the rates of the fines or interest payments can be viewed as having imposed an individual and disproportionate burden, as such, on the applicant company (see Dukmedjian v. France, no. 60495/00, §§ 55-59, 31 January 2006).
(c) Conclusion concerning the compliance with Article 1 of Protocol No. 1 as regards the Tax Assessments 2000-2003
607. Overall, the Court finds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 on account of the 2000-2001 Tax Assessments in the part relating to the imposition and calculation of penalties. Furthermore, the Court finds that there has been no violation of Article 1 of Protocol No. 1 as regards the rest of the 2000-2003 Tax Assessments.
2. Compliance with Article 14, taken in conjunction with Article 1 of Protocol No. 1
(a) The applicant company’s submissions
608. The applicant company argued that the courts’ interpretation of the relevant laws had been selective and unique, since many other Russian companies such as Sibneft and TNK International Ltd. had also used domestic tax havens.
609. The company also submitted that the authorities had tolerated and even endorsed the tax optimisation techniques used by the applicant company in that they had accepted the applicant company’s and its trading companies’ tax returns and payments on a regular basis, and the company’s rate of tax payment had been comparable to or even higher than that of its competitors. In this connection, the applicant company relied on statistical data contained in a report by the Centre for Development, a report of the Financial Research Institute and reports of the Accounts Chamber of Russia. The company also under this heading argued that the legislative framework had permitted the company to use such techniques and that the interpretation of the domestic law in its case had been unique, selective and unforeseeable.
(b) The Government’s submissions
610. The Government responded that the allegations that other taxpayers may have used similar schemes could not be interpreted as justifying the applicant company’s failure to abide by the law. They further contended that the occurrence of illegal tax schemes at a certain stage of Russia’s historical development was not due to failures or drawbacks in the legislation, but rather due to “bad-faith” actions by economic actors and weakened governmental control over compliance with the Russian tax legislation on account of objective criteria, such as the 1998 economic crisis and the difficulties of the transition period.
611. At present, the Government was constantly combating tax evasion and strengthening its control in this sphere. They also referred to statistical data by AK&M and some other news agencies in 2002, which had reported that OAO LUKOIL and OAO Surgutneftegas, two other large Russian oil producers, had posted sales proceeds of RUB 434.92 billion and RUB 163.652 billion and paid RUB 21.190 billion and RUB 13.885 billion in profit tax respectively, whilst the applicant company had posted sales proceeds of RUB 295.729 billion and paid only RUB 3.193 billion in profit tax. The Government submitted that at least two Russian oil majors, OAO Surgutneftegaz and OAO Rosneft, had never engaged in such practices, whilst some, in particular OAO Lukoil, had ceased using them in 2002.
(c) The Court’s assessment
612. The Court will examine this grievance under Article 14 of the Convention, taken in conjunction with Article 1 of Protocol No. 1. This former provision reads:
Article 14 of the Convention
“The enjoyment of the rights and freedoms set forth in [the] Convention shall be secured without discrimination on any ground such as sex, race, colour, language, religion, political or other opinion, national or social origin, association with a national minority, property, birth or other status.”
613. Before considering the complaints made by the applicant company, the Court would reiterate that Article 14 does not forbid every difference in treatment in the exercise of the rights and freedoms recognised by the Convention (see, for example, Lithgow and Others, cited above, § 117). It safeguards persons (including legal persons) who are “placed in analogous situations” against discriminatory differences of treatment; and, for the purposes of Article 14, a difference of treatment is discriminatory if it “has no objective and reasonable justification”, that is, if it does not pursue a “legitimate aim” or if there is not a “reasonable relationship of proportionality between the means employed and the aim sought to be realised” (see, amongst many authorities, Rasmussen v. Denmark, 28 November 1984, §§ 35 and 38, Series A no. 87). Furthermore, the Contracting States enjoy a certain margin of appreciation in assessing whether and to what extent differences in otherwise similar situations justify a different treatment in law; the scope of this margin will vary according to the circumstances, the subject-matter and its background (ibid., § 40).
614. The Court would reiterate that nothing in the case file suggests that the applicant company’s tax arrangements during the years 2000-2003, taken in their entirety, including the use of fraudulently registered trading companies, were known to the tax authorities or the domestic courts and that they had previously upheld them as lawful (see paragraphs 592-594). It thus cannot be said that the authorities passively tolerated or actively endorsed them.
615. As regards the applicant company’s allegation that other domestic taxpayers used or continue to use exactly the same or similar tax arrangements as the applicant company and that the applicant company was the only one to have been singled out, the Court finds that the applicant company failed to demonstrate that any other companies were in a relevantly similar position. The Court notes that the applicant company was found to have employed a tax arrangement of considerable complexity, involving, among other things, the fraudulent use of trading companies registered in domestic tax havens. This was not simply the use of domestic tax havens, which, depending on the exact details of an arrangement, may have been legal or may have had some other legal consequences for the companies allegedly using them. The Court notes that the applicant company had failed to submit any specific and reliable evidence concerning such details. It further notes that it cannot be called upon to speculate on the merits of the tax arrangements of third parties on the basis of data contained in non-binding research and information reports and that therefore it cannot be said that the situation of these third parties was relevantly similar to the situation of the applicant company in this respect.
616. The Court concludes that, in so far as the complaint about discriminatory treatment is concerned, there has been no violation of Article 14 of the Convention, taken in conjunction with Article 1 of Protocol No. 1.
B. The complaints about the enforcement of the debt resulting from the Tax Assessments 2000-2003
617. The Court now has to determine whether the manner in which the domestic authorities enforced the debt resulting from the 2000-2003 Tax Assessment proceedings on the applicant company complied with the requirements of Article 1 of Protocol No. 1.
618. The Court reiterates that the enforcement of the debt resulting from the Tax Assessments 2000-2003 involved the seizure of the company’s assets, the imposition of a 7% enforcement fee on the overall amount of the debt and the forced sale of the applicant company’s main production unit OMISSIS. These measures constituted an interference with the applicant company’s rights under Article 1 of Protocol No. 1 and it remains to be decided whether these measures met the requirement of lawfulness, pursued a legitimate aim and were proportionate to the aim pursued.
1. The applicant company’s submissions
619. The applicant company complained that the enforcement proceedings in its case had been unlawful, disproportionate and arbitrary. In particular, it argued that the authorities ought to have allowed the company to settle the debt and that it had been wrong to sell off its main production unit at auction with such speed. The company complained that the courts ought to have intervened and corrected the assessment of this matter by the bailiffs. The authorities should have first considered and accepted its offers of shares in OAO Sibneft, and/or allowed the company to make deferred payments over a prolonged period. As regards such deferred payments, the company submitted that the domestic law and practice gave priority to such a solution and that OAO Rosneft was able to obtain such a deferral in respect of the tax debts of OMISSIS following the auction of 19 December 2004. The company argued that it could have repaid the debt, entirely or in part, had it not been for the attachment imposed by the court. It further criticised the authorities’ failure to act during the twenty-two months following the auctioning of OMISSIS, as well as the imposition of an unlawful and disproportionate enforcement fee.
620. The applicant company contended that the seizure had been disproportionate in that the authorities had ordered the applicant company to pay and, at the same time, had frozen the company’s assets, which were worth considerably more than the company’s then liability. The authorities refused to use the company’s equity in the Sibneft company or other realistic means of settling the debt. According to the applicant company, the domestic authorities should have accepted those other realistic means of settlement (letter of 5 July 2004, letter of 9 August 2004, letter of 4 November 2004, letter of 23 March 2006) because they were required to do so by precedent in the practice of the commercial courts. The period of merely a couple of days granted to the applicant company for payment was absurdly short.
621. The applicant company was also of the view that the sale of OMISSIS had been unlawful, disproportionate and had resulted in gross undervaluing by means of a clearly controlled auction with the unlawful participation of a sham bidder, OOO Baykalfinansgrup. It disagreed with the decision to sell OMISSIS, arguing that under the domestic legislation OMISSIS should have been the last item to be auctioned, and that the auction had been incapable of generating a reasonably good price because of the limited number of candidates, the widespread perception of the need for political support to acquire the item in question and insufficient time for preparation. The applicant company was also dissatisfied with the decision to sell only the voting shares of OMISSIS, as opposed to all of the shares. The company argued that even though the authorities put no open obstacles in the path of potential buyers, there had been practical obstacles, such as the need for the buyers to comply with internal corporate procedures and to request anti-competition clearance.
622. More generally, the applicant company viewed the auction as a sham, because OAO Gazprom, OAO Rosneft (both State-owned companies with considerable involvement of State officials in their day-to-day management), the organisers of the auction and the bailiffs were acting in concert. It also relied on interviews by the then President of Russia and argued that the State banks had financed the acquisition and that the State had failed to apply anti-monopoly laws in connection with the auction. The company argued that its actions in the US bankruptcy court had had no effect on the outcome of the auction of OMISSIS because neither OAO Rosneft nor OOO Baykalfinansgrup had applied for participation before the company filed for bankruptcy in the U.S.
623. The applicant company argued that the above circumstances showed that the proceedings against it, taken as a whole, were abusive in that the State clearly wanted to destroy the company and to take control of its assets.
624. As regards its alleged failure to exhaust domestic remedies, the applicant company considered that exhaustion had been unnecessary in view of the lack of prospects of success. The domestic courts consistently rejected the company’s attempts to contest the actions of the bailiffs, so other attempts would have been futile. In any event, the company had not contested the valuation report in respect of OMISSIS, since it was not so materially inaccurate as to be realistically challenged in litigation. Furthermore, the company submitted that it did challenge the entire process by which the voting shares in OMISSIS were sold to a state-owned company, OAO Rosneft.
2. The Government’s submissions
625. The Government submitted that the enforcement proceedings in respect of the applicant company had been lawful and proportionate.
626. It argued that the company had failed properly to exhaust domestic remedies in respect of this part of the application. In particular, its complaints about the seizure of property pending the enforcement proceedings, the alleged failure of the bailiffs to grant the company access to the case in the enforcement proceedings, the alleged inaction of the bailiffs in respect of the Sibneft’s shares, the order to pay a 7% enforcement fee and the circumstances of valuation and sale of OMISSIS were inadmissible on account of a failure to exhaust domestic remedies.
627. The Government pointed out that, in the course of the enforcement proceedings, there had been no restrictions on the company’s production cycle or the sale of petroleum and mineral oils and that the applicant company had remained fully operational. In view of the State’s wide margin of appreciation in the fiscal sphere and the applicant company’s abusive conduct, illustrated by its attempts to hinder enforcement action by hiding the register of the shareholders of its three largest subsidiary companies, the Government were of the view that the fair balance between the private and public interests had been struck.
628. The Government further submitted that the procedure for compulsory recovery of arrears of mandatory tax payments had been used in respect of the applicant company, that such tax payments were recovered by way of charging the company’s cash flows on bank accounts, that in the case of insufficient or non-existent funds, the recovery of tax was carried out using the taxpayer’s assets and that the whole procedure was described in detail in the domestic legislation and had been followed by the authorities. In the circumstances, the measures represented the control of the use of property and were in full compliance with the Convention.
629. As regards the seizure of property, the Government referred to the Gasus Dosier and AGOSI cases and considered that, having regard to relevant factors, such as the enormous amount of arrears, the bad-faith conduct of the applicant company and the need for an expedient and efficient recovery of tax to the State budget, the measure in question was in compliance with the requirements of Article 1 of Protocol No. 1. The Government submitted that both the seizure and freezing orders were usual practice, both domestically and internationally, and their use was especially appropriate in the present case because of the unprecedented amounts of the tax debts, the unrepentant and defiant attitude of the applicant company, claims that the authorities’ actions were a “malicious tax racket” and the applicant company’s history, namely its management and core shareholders moving corporate assets into new shell entities and sometimes into foreign tax havens. These measures were merely precautionary in character.
630. In respect of the April injunction, the Government disagreed with the applicant company’s claim that it could have repaid the debt but for the seizure of its assets. The injunction did not cover either cash or cash revenues and the applicant company did subsequently repay a portion of its debt using the cash in the frozen account. The applicant company could have had the injunction lifted had it provided adequate counter-security, which it failed to do, or liquidated some of its foreign assets not covered by the injunction. The Government maintained that instead of selling its foreign assets to meet its tax debts the applicant company simply stripped them away, which in itself proved that the company’s complaint about the injunction was unsubstantiated. As regards the freezing orders, the Government submitted that they had been issued by the bailiffs pursuant to court writs dated 30 June 2004, which froze the company’s accounts in Russian banks as of the date of issue of the respective freezing orders. The company could still dispose of cash added to its frozen accounts after 30 June 2004 and could use its non-seized accounts abroad. The funds in these accounts had been far lower than the company’s then liabilities. The Government further noted that as of 14 July 2004 the applicant company had still to pay 96.5% of its then liability and that the company’s voluntary payment only commenced on 14 July 2004, apparently as a response to the seizure of the shares of OMISSIS. The very fact that the payments had been made through the frozen accounts demonstrated that the company’s allegations about the effects of the cash freezing orders were untrue.
631. As regards the proposals for respite and payment spread, the applicant company first made such a request on 16 July 2004 by sending a letter to the Ministry of Finance. The Government pointed out that the Ministry of Finance had not been the proper authority to grant these measures as only a commercial court could and that the law set out clear rules regarding the conditions that should have been satisfied so that the request could be granted, i.e. the request should have been made one to six months before the original payment deadline and on specific grounds only, such as the risk of bankruptcy. In addition, the law did not allow for respite and payment spread if there were pending tax proceedings against the taxpayer at issue. The applicant not only failed to substantiate its request with reference to the criteria set out in law, but it was also clear that such a request was bound to fail because of the pending tax proceedings against the applicant company.
632. The Government relied on the applicable domestic law and cases to demonstrate that asking a guilty taxpayer to pay within one or two days had been standard and lawful practice followed in all cases. They claimed that this period was sufficient, as taxpayers usually learned about tax claims - with a specific indication of the sums to be paid - in the Ministry’s audit reports, which were usually served from several weeks to a few months in advance. Thus, in the present case the applicant company had first learned of the Ministry’s claims for the years 2000-2003 109, 66, 19 and 18 days in advance. More generally, in such cases the taxpayer usually knew well in advance the sums that had been underpaid (typically during tax evasion), so it cannot claim that it was unprepared. In addition, very similar practices existed internationally.
633. As to the choice of OMISSIS as the first item to be auctioned in satisfaction of the company’s liabilities, the Government pointed out that the offers made by the applicant company had been unacceptable. The first three offers, made on 22 April, 2 July and 13-14 July 2004, all involved various portions of shares of OAO Sibneft, allegedly owned by the applicant company. All three offers were rejected, not only because the company’s ownership of these shares had been contested in various unrelated proceedings by third persons, but also because the offers had been made in violation of injunctions issued by the courts in the above-mentioned unrelated proceedings. In fact, the sale of shares that did belong to the applicant company (some 20%) would have been insufficient to cover the company’s then debt, even in part, let alone satisfy the Ministry’s upcoming claims for the years 2001-2003. It was a minority stake of uncertain value and any such value was in any event insufficient to satisfy the company’s tax arrears. As regards the fourth offer, dated 9 August 2004, it involved 20% of OAO Sibneft and a farrago of shares in fifteen companies (some of them subsidiaries, some of them minority stakes and all of uncertain liquidity). In any event, this offer was “too little and too late” for the Government, since preparation for the auctioning of OMISSIS had been under way. The above-mentioned “shopping list” did not offer any guarantee of a “good chance of fetching a price sufficient to discharge much of [the applicant’s] rapidly increasing tax liabilities” and in addition involved a high risk of third-party claims to the property in question in each case.
634. The Government maintained that the choice of OMISSIS was lawful under Russian law, aimed at securing the payment of taxes and had been effected in full compliance with the provisions of the Federal Enforcement Proceedings Act. Under section 54 (2) of the Enforcement Proceedings Act, the sale of the applicant company’s property was made by a specialised organisation pursuant to the terms of commission and the relevant legislation. On 18 November 2004 the bailiffs decided to sell 43 shares (76.8%) of OMISSIS at auction. The Government noted that OMISSIS was itself the debtor in mandatory payments to the budget totalling RUB 102.09 billion, so that the above arrears inevitably affected the price of the auctioned shares, as defined by the valuation institution and the results of the auction. The date of the auction and invitation to participate in the open auction were published in the mass media in due time. The auction itself was open, both with regard to its participants and to the form of submissions of price bids. Bids were received between 19 November and 18 December 2004. On 19 December 2004 the open auction took place. The winner of the auction was recognised as OOO Baykalfinancegrup, which offered RUB 260,753,447,303.18 for the shares in question. The auction itself was public. The mass media representatives provided extensive media coverage. The results were published in the mass media and broadcast. With regard to the proportionality of the sale, the sum of 260.5 billion roubles generated as a result of the sale did not, however, cover the arrears of OAO OMISSIS entirely. The Government also underlined that the subsequent bankruptcy was not caused by the sale of OMISSIS, but had been initiated by a consortium of foreign banks and that the representatives of the applicant company had allegedly acknowledged that the company had been in good financial condition even despite the sale of OAO Yuganksneftegaz. In sum, the Government considered that there had been no breach of the Convention.
3. The Court’s assessment
635. The applicant company submitted a number of grievances about these proceedings. In particular, the applicant company complained that the enforcement of the tax liability had been deliberately orchestrated with a view to preventing the applicant company from repaying its debts. In this connection the company maintained that the seizure of its assets pending litigation had prevented it from repaying the debt. It was furthermore dissatisfied that it had been ordered to pay a 7% enforcement fee in respect of the entirety of its debt, that the time for voluntary compliance with the Tax Assessments 2000-2003 had been too short and that the sale of the company’s main production unit OMISSIS had been unlawful, arbitrary and generally disproportionate.
636. Before turning to the substance of these complaints, the Court reiterates that in its decision on admissibility it joined to the merits the question of exhaustion of domestic remedies. Thus, the Court needs to determine whether the applicant complied with the requirement to exhaust domestic remedies in respect of this part of the application, as required by Article 35 § 1 of the Convention, which, in its relevant parts, provides:
“1. The Court may only deal with the matter after all domestic remedies have been exhausted, according to the generally recognised rules of international law ...”
637. The Court reiterates that the rule of exhaustion of domestic remedies under Article 35 § 1 of the Convention obliges applicants to use first the remedies which are available and sufficient in the domestic legal system to enable them to obtain redress for the breaches alleged. The existence of the remedies must be sufficiently certain both in theory and in practice, failing which they will lack the requisite accessibility and effectiveness. Article 35 § 1 also requires that complaints intended to be brought subsequently before the Court should have been made to the appropriate domestic body, at least in substance and in compliance with the formal requirements and time-limits laid down in domestic law and, further, that any procedural means that might prevent a breach of the Convention should have been used. However, there is no obligation to have recourse to remedies which are inadequate or ineffective (see, for example, Aksoy, 18 December 1996, §§ 51-52, Reports 1996–VI; Akdivar and Others v. Turkey, 16 September 1996, §§ 65-67, Reports 1996-IV; and, more recently, Cennet Ayhan and Mehmet Salih Ayhan v. Turkey, no. 41964/98, § 64, 27 June 2006).
638. The Court has emphasised that the application of the rule of exhaustion of domestic remedies must make due allowance for the fact that it is being applied in the context of machinery for the protection of human rights that the Contracting States have agreed to set up. Accordingly, it has recognised that Article 35 § 1 must be applied with some degree of flexibility and without excessive formalism. It has further recognised that the rule of exhaustion is neither absolute nor capable of being applied automatically; for the purposes of reviewing whether it has been observed, it is essential to have regard to the circumstances of the individual case. This means, in particular, that the Court must take realistic account not only of the existence of formal remedies in the legal system of the Contracting State concerned but also of the general context in which they operate, as well as the particular circumstances of the applicant. It must then examine whether, in all the circumstances of the case, the applicant did everything that could reasonably be expected of him or her to exhaust domestic remedies (see Akdivar and Others, cited above, § 69; Aksoy, cited above, §§ 53-54; and Tanrıkulu v. Turkey [GC], no. 23763/94, § 82, ECHR 1999-IV).
639. The Court reiterates that at the admissibility stage of the proceedings the Government claimed that the applicant company had failed to exhaust domestic remedies in respect of the attachment and seizure of its assets pending the enforcement proceedings, the alleged failure by the bailiffs to grant the company access to the case in the enforcement proceedings, the bailiffs’ alleged inaction in respect of the Sibneft shares, the orders to pay a 7% enforcement fee and the circumstances of the valuation and sale of OMISSIS.
640. Having examined the case file and the parties’ submissions, the Court finds that in the part concerning the attachment and seizure of the assets the applicant company properly exhausted the available domestic remedies by raising its grievances before the competent domestic courts. The attachment order of 15 April 2004 was reviewed and upheld by the Appeal Court on 2 July 2004 (see paragraph 92) and was also examined and confirmed by the City Court in its decision of 23 April 2004 in the context of the examination of the company’s request of 22 April 2004 (see paragraphs 96-97), and by the City Court and the Appeal Court on 23 April and 2 July 2004 respectively in the context of examination of the company’s request for an injunction against the attachment (see paragraphs 101 and 102). The seizure order of 1 July 2004 was reviewed at first instance on 17 September 2004 and in cassation on 2 February 2005 (see paragraphs 116-120). The seizure of OMISSIS on 14 July 2004 was reviewed by the courts at four instances, on 6, 9 August, 25 October and 17 December 2004 respectively (see paragraphs 137-146). As regards the seizure orders of 14 July 2004 concerning OAO Tomskneft-VNK and OAO Samaraneftegaz, the City Court upheld them by respective judgments of 13 August and 2 September 2004, whilst the Circuit Court confirmed this conclusion by the respective decisions of 5 November 2004 and 18 January 2005 (see paragraphs 147-155).
641. Admittedly, the applicant company did not complain about the attachment order of 15 April 2004 by way of cassation and omitted the appeal procedure when contesting the seizure of its subsidiaries on 1 July 2004 and the seizure order of 14 July 2004 concerning OAO Tomskneft-VNK and OAO Samaraneftegaz. The Court would note, however, that given the circumstances of the applicant company’s tax case, its overall situation at the relevant time, the applicable domestic law and the courts’ responses to the arguments put forward by the applicant company in those proceedings, it is clear that both the attachment order of 15 April 2004 and the subsequent seizure orders of 1 and 14 July 2004 have been properly examined and confirmed by the domestic courts at various levels of jurisdictions and it does not appear that the applicant company’s complaints in this connection had any additional prospects of success, had the company not omitted the above-mentioned judicial instances.
642. As regards the complaints about a 7% enforcement fee, the Court observes that the applicant company was ordered to pay this fee for the years 2000-2003. The company’s challenge to this fee was examined and dismissed by the courts at three instances only in respect of the year 2000 (see paragraphs 130-134), whilst its complaints about the payment of the fee for the year 2001 were examined only at first instance and in cassation (see paragraphs 177-187). Also, it is not entirely clear whether the applicant company brought court proceedings in respect of the entire amount of the fee for the year 2002 (see paragraphs 200-204) and whether it brought any proceedings against such an order for the year 2003 (see paragraph 221). The Court again finds that, given the similarity of the orders for payment of enforcement fees for the years 2000-2003 and in view of other relevant circumstances such as the applicable domestic law and the courts’ answers to the company’s arguments in respect of the fee for the year 2000, there is nothing in the Government’s submissions to suggest that the applicant company’s complaints in this connection would have had any prospects of success had the applicant company appealed against them.
643. As regards the alleged failure by the bailiffs to grant the company access to the case in the enforcement proceedings and the bailiffs’ alleged inaction in respect of the Sibneft shares, the Court notes that the above-mentioned grievances are entirely subsumed by the complaint concerning the method of enforcement of the tax debt and in particular the choice of OMISSIS as the first asset to be sold in satisfaction of the tax claims. In this connection, the Court would note that the applicant company clearly exhausted the available domestic remedies as regards the seizure and the subsequent measures leading to the eventual sale of OMISSIS (see paragraphs 137-146), and it is also clear that the relevant domestic law specifically disallowed the courts to rearrange or otherwise postpone the repayment of the debt (see paragraphs 471-477) if there were, as in the case at hand, pending tax proceedings against the debtor. Thus, the applicant company could not have been expected to bring separate court proceedings in this connection. Overall, it is clear to the Court that the applicant company used all the remedies that it could reasonably be expected to use in connection with this part of the application.
644. Thus, the Court finds that the applicant company has complied with the requirement to exhaust domestic remedies in respect of this part of the application and dismisses the Government’s preliminary objection accordingly.
645. Turning to the substance of the applicant company’s complaints, the Court notes that in April 2004, simultaneously with the Tax Assessment proceedings, the domestic authorities initiated enforcement proceedings aimed at securing their tax claims and later recovering the sums awarded by the courts as a result of the examination of these claims. They attached the company’s assets located in Russia and later partly froze the company’s domestic bank accounts and seized the shares of the applicant company’s Russian subsidiaries. On 20 July 2004 it was decided to auction off the company’s principal production subsidiary OMISSIS, in satisfaction of the company’s tax liability, which at the time amounted to RUB 106.182 billion (some EUR 3.005 billion). As a result of the proceedings with regard to the Tax Assessments 2001 and 2002, the company’s debt to the tax authorities further increased and by the time the auction of OMISSIS took place in December 2004 the company already owed the tax authorities some RUB 431.259 billion (some EUR 11.061 billion). In addition to the payments resulting from the Tax Assessments 2000-2003, the company was also required to pay the bailiffs a 7% enforcement fee on the overall amount of the debt.
646. The Court notes that the authorities used a variety of measures in connection with the enforcement of the debt, such as the attachment and freezing orders, the seizure orders, the orders to pay enforcement fees and the compulsory auction procedure. Though each of these measures could be seen as a separate instance of interference with the applicant company’s rights under Article 1 of Protocol No. 1, their common and ultimate goal was to force the company to meet its tax liabilities. Accordingly, the appropriate way to analyse this part of the application is to examine the enforcement proceedings in their entirety as one continuous event. The Court further notes that the enforcement measures in question fall to be analysed under the third rule of Article 1 of Protocol No. 1, which allows the member States to control the use of property in accordance with the general interest, by enforcing “such laws as [they] deem necessary to secure the payment of taxes or other contributions or penalties”. It follows that the Court’s task is to determine whether the State authorities complied with the Convention requirement of lawfulness and, if so, whether they struck a fair balance between the legitimate state interest in enforcing the tax debt in question and the protection of the applicant company’s rights set forth in Article 1 of Protocol No. 1.
647. As regards the lawfulness of the measures in question, the Court has no reason to doubt that throughout the proceedings the actions of various authorities had a lawful basis and that the legal provisions in question were sufficiently precise and clear to meet the Convention standards concerning the quality of law. The attachment, freezing and seizure orders were reviewed by the domestic courts and found to have been lawful. Likewise, the 7% enforcement fee was upheld by the domestic courts and cannot be said to have been selective, given the domestic case-law cited by the Government. As regards the decisions leading to the forced sale of OMISSIS at auction and the auction process itself, the Court notes that they too were reviewed and upheld by the domestic courts as lawful (see paragraphs 263 and 265) and there is nothing in the case file or the parties’ submissions to cast doubt on these conclusions. The only question that remains is whether the enforcement measures were proportionate to the legitimate aim pursued.
648. In this connection the Court would reiterate that its task is to determine whether a fair balance was struck between the demands of the general interest of the public and the requirements of the protection of the individual’s fundamental rights. It finds it natural that in the tax sphere the Contracting States should enjoy a wide margin of appreciation in order to implement their policies. Nevertheless, the Court cannot fail to exercise its power of review and must determine whether the requisite balance was maintained in a manner consonant with the applicant company’s right to “the peaceful enjoyment of [its] possessions”, within the meaning of the first sentence of Article 1 of Protocol No. 1.
649. At the outset the Court notes the background to this case and, in particular, the fact that the applicant company was one of the largest taxpayers in Russia and that it had been suspected and subsequently found guilty of running a tax evasion scheme, committed consecutively in 2000-2003. From the parties’ submissions and the case file it seems clear that the applicant company had no cash funds in its domestic accounts to pay its tax debts immediately, and in view of the nature and scale of the debt it was unlikely that any third party would agree to assist the company with a loan or some form of security. Regard being had to the scale of the tax evasion, the sums involved for the years 2000-2003, the fact under domestic law that they were payable almost at once after the production of the respective execution writ (see paragraph 471), and even taking into account the Court’s previous findings in respect of the fines for the years 2000 and 2001, it was questionable whether at the time when the authorities decided to seize and auction OMISSIS the company was at all solvent within the meaning of section 3 of the Insolvency (Bankruptcy) Act, which generally expected the solvent debtor to repay its debts “within three months of the date on which compliance should have occurred” (see paragraph 496).
650. In view of the above considerations, the Court finds that the crux of the applicant company’s case did not lay in the attachment of its assets and cash as such, but rather and essentially in the speed with which the authorities demanded the company to pay, in the decision which had chosen the company’s main production unit, OMISSIS, as the item to be compulsorily auctioned in the first instance, and in the speed with which the auction had been carried out.
651. Given the paramount importance of the measures taken by the authorities to the applicant company’s future, and notwithstanding the Government’s wide margin of appreciation in this field, the Court is of the view that the authorities were obliged to take careful and explicit account of all relevant factors in the enforcement process. Such factors were to include, among other things, the character and the amount of the existing debt as well as of the pending and probable claims against the applicant company, the nature of the company’s business and the relative weight of the company in the domestic economy, the company’s current and probable economic situation and the assessment of its capacity to survive the enforcement proceedings. Furthermore, the economic and social implications of various enforcement options on the company and the various categories of stakeholders, the attitude of the company’s management and owners and the actual conduct of the applicant company during the enforcement proceedings, including the merits of the offers that the applicant company may have made in connection with the enforcement were to be properly considered.
652. The Court notes that the authorities examined and made findings in respect of some of these factors (see, for instance, the findings in respect of the offers of shares in OAO Sibneft in paragraph 124 or the findings in respect of request for payment spread in paragraph 157), but it is clear that at no point in the enforcement proceedings did they make an explicit assessment in respect of all of them. In particular, neither the seizure order of 14 July 2004, which set in motion the process of auctioning OMISSIS (see paragraph 137), nor any of the subsequent decisions, including the judicial decisions in the context of the company’s complaints against the actions of the bailiffs (see paragraphs 137-158), mentioned or discussed in any detail possible alternative methods of enforcement and the consequences that they might have on the future of the company.
653. The Court finds this aspect of the enforcement proceedings of utmost importance when striking a balance between the interests concerned, given that the sums that were already owed by the company in July 2004 made it rather obvious that the choice of OMISSIS as the first item to be auctioned in satisfaction of the company’s liability was capable of dealing a fatal blow to its ability to survive the tax claims and to continue its existence.
654. The Court accepts that the bailiffs were bound to follow the applicable domestic legislation which might limit the variety of options in the enforcement procedure. Nonetheless, the Court is of the view that, notwithstanding these constraints, the bailiffs still had a decisive freedom of choice, the exercise of which could either keep the company afloat or eventually lead to its demise. Although the Court, in principle, does not find the choice of OMISSIS entirely unreasonable, especially in view of the overall amount of the tax-related debt and the pending as well as probable claims against the company, it is of the view that before definitively selecting for sale the asset that was the company’s only hope of survival, the authorities should have given very serious consideration to other options, especially those that could mitigate the damage to the applicant company’s structure. This was particularly so since all of the company’s domestic assets had been attached by previous court orders (see paragraph 27), and were readily available, the company itself did not seem to have objected to their sale (see paragraph 159) and there had been virtually no risk of the company seriously opposing these actions.
655. The Court further notes one other factor which seriously affected the company’s situation in the enforcement proceedings. The applicant company was subjected to a 7% enforcement fee in connection with the entire amount of its tax-related liability, which constituted an additional hefty sum of over RUB 43 billion (EUR 1.16 billion), the payment of which could not be suspended or rescheduled (see paragraphs 484-486). This was a flat-rate fee which the authorities apparently refused to reduce, and these sums had to be paid even before the company could begin repaying the main body of the debt (see paragraph 484). The fee was by its nature unrelated to the actual amount of the enforcement expenses borne by the bailiffs. Whilst the Court may accept that there is nothing wrong as a matter of principle with requiring a debtor to pay for the expenses relating to the enforcement of a debt or to threaten a debtor with a sanction to incite his or her voluntary compliance with enforcement writs, in the circumstances of the case the resulting sum was completely out of proportion to the amount of the enforcement expenses which could have possibly been expected to be borne or had actually been borne by the bailiffs. Because of its rigid application, instead of inciting voluntary compliance, it contributed very seriously to the applicant company’s demise.
656. Lastly, the Court would again emphasise that the authorities were unyieldingly inflexible as to the pace of the enforcement proceedings, acting very swiftly and constantly refusing to concede to the applicant company’s demands for additional time. Admittedly, this rigidity may have resulted at least in part from the relevant requirements of the domestic law (see paragraphs 471, 481 and 489). Nevertheless, the Court finds that in the circumstances of the case such lack of flexibility had a negative overall effect on the conduct of the enforcement proceedings against the applicant company.
657. On the whole, given the pace of the enforcement proceedings, the obligation to pay the full enforcement fee and the authorities’ failure to take proper account of the consequences of their actions, the Court finds that the domestic authorities failed to strike a fair balance between the legitimate aims sought and the measures employed.
658. To sum up, the Court concludes that there has been a violation of the applicant company’s rights under Article 1 of Protocol No. 1 on account of the State’s failure to strike a fair balance between the aims sought and the measures employed in the enforcement proceedings against the applicant company.
C. The complaint about the Government’s intentions in the tax and enforcement proceedings against the applicant company
659. The Court notes that, in addition to various specific grievances about the tax and enforcement proceedings already mentioned above, the applicant company also argued that the overall effect of these proceedings showed that the Government had brought and conducted the proceedings with the intent to destroy the company and to take control of its assets.
660. The Court will examine this part of the application under Article 18 of the Convention, taken in conjunction with Article 1 of Protocol No. 1.
Article 18 of the Convention
“The restrictions permitted under [the] Convention to the said rights and freedoms shall not be applied for any purpose other than those for which they have been prescribed.”
1. The applicant company’s submissions
661. The applicant company argued that the circumstances of the tax assessment and enforcement proceedings as well as the allegedly “political” motivation behind the prosecution of Mr M. Khodorkovskiy and other owners and senior officials of the applicant company showed that the proceedings against it, taken as a whole, were abusive in that the State clearly wanted to destroy the company and to take control of its assets.
2. The Government’s submissions
662. The Government disagreed, having maintained that tax assessment and subsequent enforcement proceedings had been lawful and regular and that the applicant company’s demise was the direct result of its carrying out over many years a gigantic tax fraud.
3. The Court’s assessment
663. The Court reiterates that Article 18 of the Convention does not have an autonomous role. This provision can only be applied in conjunction with the Convention provisions protecting substantive rights. It also follows from the terms of Article 18 that a violation can only arise where the right or freedom concerned is subject to restrictions permitted under the Convention (see, for example, Gusinskiy v. Russia, no. 70276/01, § 73, ECHR 2004-IV). The Court further notes that in order to hold a member State liable under this provision an applicant should be able to furnish the Court with an incontrovertible and direct proof in support of his or her allegations.
664. The Court would observe that in its previous analysis under Article 6 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 it has already addressed the applicant company’s points about the nature of its debt to the authorities, and in particular the merits of the 2000-2003 Tax Assessments proceedings. Despite the fact that it found a violation of Article 6 of the Convention on account of the speed with which the courts had conducted the proceedings in the 2000 Tax Assessment case and a violation of Article 1 of Protocol No. 1 on account of the interference by the Constitutional Court with the outcome of the 2000 Tax Assessment case in the part relating to penalties, the Court rejected the applicant company’s claims that the company’s debt had been recognised as a result of an unforeseeable, unlawful and arbitrary interpretation of the domestic law (see paragraphs 605 and 616). The Court also recognised the right of the State to enforce, as such, the court judgments, but reached conclusions concerning the handling of the enforcement proceedings by the domestic authorities which lead to the finding of a violation of Article 1 of Protocol No. 1. In view of these findings, the Court will proceed on the assumption that the company’s debt in the enforcement proceedings resulted from legitimate actions by the respondent Government to counter the company’s tax evasion and the burden of proof would accordingly rest on the applicant company to substantiate its allegations.
665. Regard being had to the case file and the parties’ submissions, including the applicant company’s references to the allegedly political motivation behind the prosecution of the applicant company and its owners and officials, the Court finds that it is true that the case attracted massive public attention and that comments of different sorts were made by various bodies and individuals in this connection. The fact remains, however, that those statements were made within their respective context and that as such they are of little evidentiary value for the purposes of Article 18 of the Convention. Apart from the findings already made earlier, the Court finds no indication of any further issues or defects in the proceedings against the applicant company which would enable it conclude that there has been a breach of Article 18 of the Convention on account of the applicant company’s claim that the State had misused those proceedings with a view to destroying the company and taking control of its assets.
666. To sum up, the Court finds that there has been no violation of Article 18 of the Convention, taken in conjunction with Article 1 of Protocol No. 1, on account of the alleged disguised expropriation of the company’s property and the alleged intentional destruction of the company itself.
D. Alleged violations of Articles 7 and 13 of the Convention
667. Regard being had to the particular circumstances of the present case and to the reasoning which led it to find a violation of Article 6 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, the Court finds that there is no cause for a separate examination of the same facts from the standpoint of Article 7 of the Convention and through the prism of the “effective remedies” requirement of Article 13.
V. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
668. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
669. The applicant company claimed a lump sum of over 81 billion euros and a daily interest payment of EUR 29,577,848 in respect of pecuniary damage, “no less than 100,000 euros” in respect of non-pecuniary damage and EUR 171,444.60 in respect of costs and expenses.
670. The Government disagreed, having contested both the authority of Mr Gardner to make the Article 41 claims on behalf of the applicant company as well as the well-foundedness of the calculations in question.
671. The Court considers that the question of the application of Article 41 is not ready for decision. Accordingly, it shall be reserved and the subsequent procedure fixed having regard to any agreement which might be reached between the applicant company and the respondent Government (Rule 75 § 1 of the Rules of Court).
FOR THESE REASONS, THE COURT
1. Finds by six votes to one that the Court is not barred, pursuant to Article 35 § 2 (b) of the Convention, from examining the merits of the case;
2. Holds by six votes to one that there has been a violation of Article 6 § 1 and 3 (b) of the Convention as regards the 2000 Tax Assessment proceedings on account of the insufficient time available to the applicant company for preparation of the case at first instance and on appeal;
3. Holds by four votes to three that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 on account of the 2000-2001 Tax Assessments in the part relating to the imposition and calculation of penalties;
4. Holds unanimously that there has been no violation of Article 1 of Protocol No. 1 as regards the rest of the 2000-2003 Tax Assessments;
5. Holds unanimously that there has been no violation of Article 14 of the Convention, taken in conjunction with Article 1 of Protocol No. 1;
6. Dismisses by a majority the Government’s preliminary objection as to the exhaustion of the domestic remedies in respect of the attachment and seizure of the applicant company’s assets pending the enforcement proceedings, the alleged failure by the bailiffs to grant the company access to the case in the enforcement proceedings, the bailiffs’ alleged inaction in respect of the Sibneft shares, the orders to pay a 7% enforcement fee and the circumstances of the valuation and sale of OMISSIS; and
7. Holds by five votes to two that there has been a violation of the applicant company’s rights under Article 1 of Protocol No. 1 in the enforcement proceedings against the applicant company in that the domestic authorities failed to strike a fair balance between the legitimate aim of these proceedings and the measures employed;
8. Holds unanimously that there has been no violation of Article 18, taken in conjunction with Article 1 of Protocol No. 1;
9. Holds unanimously that in view of its previous conclusions under Article 6 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 the case requires no separate examination under Articles 7 and 13 of the Convention;
10. Holds unanimously that the question of the application of Article 41 is not ready for decision;
accordingly,
(a) reserves the said question in whole;
(b) invites the parties to submit, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, their written observations on the matter and, in particular, to notify the Court of any agreement that they may reach;
(c) reserves the further procedure and delegates to the President of the Chamber the power to fix the same if need be.
Done in English, and notified in writing on 20 September 2011, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Søren Nielsen Christos Rozakis
Registrar President
In accordance with Article 45 § 2 of the Convention and Rule 74 § 2 of the Rules of Court, the following separate opinions are annexed to this judgment:
(a) Partly dissenting opinion of Judge Jebens;
(b) Partly dissenting opinion of Judge Hajiyev and Judge Bushev.
C.R.
S.N.


PARTLY DISSENTING OPINION OF JUDGE JEBENS
I respectfully disagree with the opinion expressed by the majority that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 in this case in respect of the 2000-2001 Tax Assessments with regard to the imposition and calculation of penalties.
I find it useful to clarify the legal questions and give an outline of the developments in the domestic case-law before explaining my opinion in the case.
The legal question before the Court and the developments in the domestic case-law with respect to the imposition of penalties for tax evasion
The applicant company complains that the imposition of tax penalties violated its right to protection of property, which is secured by Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention. It should be noted that the question before the Court in this respect is not whether there was a legal basis in domestic law for imposing penalties on the company for acts of tax evasion, but whether the imposition of penalties was precluded. The applicant company argues that prosecution for the alleged tax evasion had become time-barred, in that the decision which established its outstanding tax liability for the year 2000 and imposed a requirement to pay tax arrears, default interest and penalties was adopted on 14 April 2004, that is, outside the time-limit set out by the legislation.
The relevant provision, namely Article 113 of the Tax Code, provided for a three-year time-limit for holding a taxpayer liable for tax offences. Under the domestic courts’ practice, that period ran from the first day after expiry of the relevant tax term and ended when the taxpayer was held liable. However, the part of their interpretation of the provision which referred to the end of the period in question was the subject of several subsequent clarifications by the superior domestic courts.
In its resolution of 28 February 2001 the Plenum of the Supreme Commercial Court indicated to the lower commercial courts that “a taxpayer is considered to have been held liable (within the meaning of Article 113 of the Tax Code) on the date on which the head of the (relevant) tax body or his deputy takes a decision to hold this person liable for a tax offence in accordance with (the rules set out in) the Code” (see paragraph 405 of the judgment). This interpretation was subsequently applied by the lower commercial courts. However, while it generally secured a fair balance between the interests of the tax authorities and those of taxpayers, it would seem to be problematic in situations where the taxpayer impeded the inspections by the tax authorities and thereby delayed the adoption of the relevant decision with regard to the time-limit in Article 113.
In the present case several of the applicant company’s subsidiaries had refused to comply at all, while others had failed to provide the documents on oil transactions which the tax authorities had requested during the on-site inspection (see paragraph 17 of the judgment). The lower courts held that in such situations the rules on the statutory time-bar were inapplicable, because the applicant company had acted in bad faith. This opinion was not upheld by the supervisory review instance, which pointed out that setting aside the time-limits would be in clear contradiction of the legislation and the relevant case-law. It therefore referred the issue to the Presidium of the Supreme Commercial Court, which referred it to the Constitutional Court (see paragraph 564).
In its decision of 14 July 2005 the Constitutional Court clarified, firstly, that the rules on time limitation for imposing penalties should apply in any event, regardless of whether the taxpayer had acted in “bad faith”. It went on to note that, exceptionally, if the taxpayer had impeded the tax authorities’ inspections and thereby delayed the adoption of the relevant decision, the running of the time-limit could be suspended by the adoption of a tax-audit report, setting out the circumstances of the tax offence in question and referring to the relevant articles of the Tax Code (see paragraph 565).
Whether there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1
The applicant company complains about the imposition and calculation of tax penalties, but they do not claim that the decision to impose tax penalties lacked a substantive legal basis. There can be no doubt that such a basis existed in the Russian legislation (see Articles 112 § 2 and 114 § 4 of the Tax Code), and that the provision in question was sufficiently clear and foreseeable (see paragraphs 400-402).
Furthermore, although the clarification provided by the Constitutional Court implied a change in the interpretation of Article 113, it was consistent with the essence of the offence and did not broaden the scope of offences which could lead to prosecution for tax evasion and imposition of penalties. It is important that the novel interpretation of Article 113 did not set aside the rules on time limitations for the imposition of penalties due to tax evasion, nor did it shorten the time-limits for the imposition of such measures. In fact, the Constitutional Court merely explained the existing rules on time-limits in order to ensure their fair application to taxpayers who acted improperly.
As regards the foreseeability of the measure, the matter should be seen in the light of the applicant’s individual situation as well as the evolution of the Constitutional Court’s jurisprudence in this sphere. The tax inspection in respect of the applicant company for the year 2000 was instituted in December 2003, and the audit report was adopted and served on the company on 29 December 2003; in other words, both those events occurred within the three-year time-limit specified in Article 113. Therefore, by that date, the company could already have reasonably expected that it was likely to face substantial penalties in connection with tax evasion.
It should also be noted that the acts in question constituted tax offences at the time when they were committed and that the penalties requested by the Ministry and eventually imposed by the courts were not heavier than those applicable at that time (compare Coëme and Others v. Belgium, cited above, § 150). Finally, it is of relevance that the decision of 14 April 2004 was based on the same facts and the same application of the Tax Code as the audit report of 29 December 2003. It remains the fact that the applicant company hoped to avoid liability for tax evasion by actively impeding the tax inspections and delaying the adoption of the relevant decision by the tax authorities (paragraph 17). However, that in itself is, in my view, insufficient to merit protection, given the circumstances of the case.
In addition, the concept of “good faith” within the field of tax legislation and practice was not an entirely novel one. The Constitutional Court first used the concept of “good faith” when assessing the conduct of taxpayers in their relations with tax officials as early as 1998. It subsequently expanded on this notion, explaining in 2001 that there existed a refutable presumption that the taxpayer was acting in good faith and that a finding that a taxpayer had acted in bad faith could have unfavourable legal consequences for the taxpayer. In view of the evolution of the Constitutional Court’s jurisprudence in this sphere (see paragraphs 384-387), the applicant company could, in my opinion, have foreseen that its actions to delay the tax inspection could qualify as bad-faith conduct.
Referring to the circumstances of the case as explained above, the development in the superior domestic courts’ interpretation of the provisions in question and the State’s wide margin of appreciation in this sphere, I conclude that the Tax Assessment for 2000-2001 and the imposition of penalties complied with the requirement of lawfulness of Article 1 of Protocol No. 1.


PARTLY DISSENTING OPINION OF JUDGE BUSHEV, JOINED IN PART BY JUDGE HAJIYEV
The present opinion contains the joint dissenting opinion of Judge Hajiyev and of Judge Bushev with regard to the finding of a violation of Article 1 of Protocol 1 to the Convention (parts 1 and 2 below), and that of Judge Bushev with regard to the remainder of the issues (parts 3 and 4 below).
As to the violation of Article 1 of Protocol 1 to the Convention
Unfortunately, we must dissent from our colleagues’ (hereinafter, the Court) finding that there was a violation of Article 1 of Protocol 1 to the Convention in the case at hand, concerning (1) application of the 3-year limitation period, provided by article 113 of the Tax Code of the Russian Federation, in respect of the imposition of penalties for the years 2000 and 2001, and in respect of (2) certain elements of the enforcement proceedings with regard to court judgments on the debt arising from the Tax Assessments 2000-2003 (hereinafter, the enforcement procedure).
We will now examine each of the aforementioned findings.
1. With regard to application of the 3-year limitation period in respect of the imposition of penalties for the years 2000 and 2001.
1.1. The Court has, in essence, agreed in full with the conclusions of the Russian courts that OMISSIS (hereinafter, OMISSIS) conducted numerous illicit transactions for the sole purpose of systematically and intentionally evading the payment of taxes. In addition, the Court found that the corresponding tax legislation, in form and in content, and the actions of the authorities in pursuing the assessment of tax arrears and surcharges, fully met the high standards of the Convention. Thus, the Russian Government had enough reasonable grounds for levying taxes and surcharges from the applicant. Equally, the Court has not challenged the Russian Government’s finding that OMISSIS actively opposed tax inspections, thus acting mala fides, for the purpose of drawing out the time-limits for their performance.
1.2. As to the levying of penalties for the intentional tax evasion, the Court did not find the rates applied excessively high or disproportional (see § 606 of the judgment). However, the Court’s findings with respect to each of the three tax periods differ, depending on the possibility of applying the 3-year limitation period set out in Article 113 of the Tax Code, to the imposition of tax liability.
Thus, with respect to the penalties imposed in April 2004 for the tax violations committed in the period 2002-2003, the Court has not found any violations of the Convention, since those periods fall within the 3-year limitation period.
In accordance with the rules of application of the 3-year limitation period identified by the Court, it found that imposition of the penalties in 2004 for the tax violations committed in 2000 contradicts the requirements of Article 113 of the Tax Code.
With regard to the third period, concerning the penalties for 2001, the Court, while not doubting the grounds for their imposition, nonetheless challenged the 80 % rate of the penalty. The Court was not convinced by the Government’s argument that, under Article 114 of the Tax Code, the penalty could be increased from 40% to 80% in the event of a repeat conviction. Indeed, following the Court’s logic on the limitation period applicable to the penalties for 2000, there was no repetition in 2001, due to the fact that 2001, not 2000, is the first year for which the limitation period is inapplicable. In other words, the penalties for 2000 could not be treated as the initial instance of imposition of tax liability, and therefore, the increase in the penalty rate from 40% to 80% in 2001 was inadmissible, given that there was no repetition of the offence, for which liability could be imposed.
1.3. In examining the rule on the limitation period set out in Article 113 of the Tax Code, the Court has taken a literal approach, which has led it to find that neither the given provision, nor any other provisions of Russian legislation set out a ground for suspending or amending the limitation period. In the Court’s opinion, the wording of Article 113 of the Tax Code does not render it possible to foresee any exceptions from the rule arising from certain circumstances. In particular, the Court has not supported the Government’s argument that bad faith on the part of the taxpayer, expressed by actively opposing the authorities in establishing and classifying all elements of the corresponding fiscal and legal relationship, is such an exception.
The Court thus considers that the rule set out in Article 113 of the Tax Code did not render it possible for a reasonable person with a fair degree of certainty to foresee any inapplicability of the 3-year limitation period, even where such a person was actively impeding the tax authorities. Hence, as regards the penalties for 2000, the Court believes that the “quality” of Article 113 of the Tax Code did not meet in full the requirement of lawfulness for the Government’s interference in private property.
1.4. We are not convinced by the Court’s arguments.
Indeed, the lawfulness criterion is an indispensable requirement in appraising a Government’s activity in the light of Article 1 of Protocol 1 to the Convention. For this purpose the notion of law has a wide meaning and includes not only the acts of the respective parliament, but also delegated legislation, decrees, court practice, etc. The law has to meet certain requirements as to its form and substance. One of the requirements imposed on law under the Convention is its legal certainty, rendering it possible for private persons and public authorities to foresee the legal consequences of particular conduct. Meanwhile, the case-law of the European Court on Human Rights (the ECHR) follows the assumption that “those consequences need not be foreseeable with absolute certainty: experience shows this to be unattainable” (see Rekvényi v. Hungary [GC], no. 25390/94, § 34, ECHR 1999-III and Hertel v. Switzerland, 25 August 1998, § 35, Reports of Judgments and Decisions 1998-VI, refer also to § 598 of the judgment).
We believe that in the case at hand the statutory wording (its “quality”), and the specific qualities of the offender were reasonable enough for it to foresee the probability that the limitation rules set out in Article 113 of the Tax Code might be inapplicable in the event of its actively opposing (obstructing) tax inspections. Let us clarify this thinking.
1.5. “Legal quality” of Article 113 of the Tax Code.
No legal system enables the domestic legislation to be descriptive enough to provide for every eventuality. Setting out a rule of conduct in statute and comprehending the implicit sense thereof is attained by virtue of various legal techniques, including, in particular, judicial interpretation, the interpretation of a rule within a system of other rules, etc. Russian legislation has been codified in the traditions of a pandectic system of law, which assumes that comprehension of the implicit sense of a given special rule can be provided often by taking into consideration a more general rule. A general rule is by default applicable to a special rule, unless the latter sets out directly (obviously) an exception (waiver) to the former. In such a codification system the interpretation principles assume that every special rule contains the provisions of a more general rule, although the literal text of the said general rule is not included in the literal text of a special rule for the purposes of legal techniques.
Moreover, in the pandectic system a comprehension of the implicit sense of either special or general rules ought to exist through legal principles, which have a universal and exhaustive role. The effect of a legal principle is assumed with respect to each rule of the respective branch of law; every single rule set out in legislation is to be comprehended and applied within the semantic borders of the legal principle and unless the former contradicts the latter.
1.6. One such general legal principle is the principle of non-abuse of one’s rights and the consequent principle of refusal to grant protection to a person who has abused his or her rights. This principle is directly set out in the provisions of the branch of law which regulates property relationships and in the closely-related tax legislation.
Thus, under Article 17 (3) of the Constitution of the Russian Federation, which is applicable directly to any relationship (Article 15(1)), the exercise of individual and civic rights and freedoms must not violate the rights and freedoms of others. As provided by Article 10 of the Russian Civil Code (this rule came in effect in 1995), which regulates property relationships in general, “actions by citizens and legal entities, performed with the express purpose of inflicting damage to another person, and the abuse of civil rights in other forms shall be inadmissible” (paragraph 1), and where a person fails to abide by this requirement a court shall have the right to reject this person’s claim for the protection of that right (paragraph 2).
1.7. With regard to tax relationships, the Russian Constitutional Court has drawn attention to the necessity, in elucidating the special rules of tax legislation, of applying the principle of refusal of protection of rights to persons abusing those rights. The present interpretation was given by the Constitutional Court both prior to the commission of tax violations by OMISSIS in 2000 (Constitutional Court judgment no. 24-P of 12 October 1998) and in the course of the limitation period, when the applicant was actively impeding the tax inspection (Constitutional Court judgment no. 139-O of 25 July 2001, etc.). The Court on the other issue has also acknowledged the possibility of uncertainty in the law, including the criminal law, as well as, in essence, a need to apply the legal principles – when assessing the quality of the law on specific taxes (see § 598 in the judgment).
1.8. Apart from those principles, consideration should be given to a special rule in Russian legislation which could be used in comprehending the implied sense of Article 113 of the Tax Code. Thus, the Court believes that the high rate of penalties (40%) applicable in cases of intentional tax violation creates a similarity between this sanction and measures imposed under the criminal law. Therefore, the Court argues, where such tax liability is imposed, procedural guarantees similar to those applicable in cases of criminal liability should be granted. This conclusion by the Court in respect of the present case is extremely debatable (see paragraphs 3.2 – 3.4 below). Nonetheless, the key issue lies elsewhere. If we follow the Court’s logic, the offender, in assessing the risk of applicability of the limitation period to its case, ought also, in our view, to have (or, at least, could reasonably have) considered the special rule of criminal law. According to Article 78 (3) of the 1996 Criminal Code, “expiry of a limitation period shall be suspended if the person who has committed the crime impedes the investigation or court trial”.
Besides, the rules on suspension or amendment of the limitation period as a result of certain exceptional circumstances are applicable and ultimately similar for all forms of legal liability.
1.9. Thus, Russian legislation contained provisions with sufficient legal certainty for the purpose of foreseeing the consequences of bad faith in opposing tax inspections and the applicability of a limitation period in this regard.
1.10. The Court in its judgment points to certain circumstances that prima facie diminish the “quality” of law and decrease the legal certainty of Article 113 of the Tax Code. Among such circumstances the Court refers to (i) paragraph 36 of judgment no. 5 of the Supreme Arbitration (Commercial) Court Plenum of 28 February 2001 ((§ 405), hereinafter – the SAC judgment of 2001), (ii) the Constitutional Court’s decision of 18 January 2005 ((§ 75), hereinafter – CC Decision of 2005), (iii) the Constitutional Court’s judgment of 14 July 2005 (hereinafter – the CC Judgment of 2005) and, last but not least, (iv) amendments to Article 113 of the Tax Code adopted in Federal Law no. 137-FZ of 27 July 2006 ((§ 410), hereinafter – the 2006 Federal Law). Although all of these circumstances pertain to Article 113 of the Tax Code, their quantity should not affect the comprehension of the “legal quality” of the provision at hand.
In fact, the SAC judgment of 2001 eliminated internal inconsistencies and contradictory court practice regarding the point at which tax liability is imposed (either the point of drawing up a record of a violation, or the point of adopting a resolution on the imposition of tax liability). The issue of bad faith in impeding tax inspections, and the applicability of the limitation period in this regard, was not addressed in the judgment. Neither was it touched upon in the CC Decision of 2005, which affirmatively answered a request by OMISSIS regarding the relevance of the limitation period’s application per se. The Constitutional Court justified its refusal to examine OMISSIS’s claim on the ground that it was inadmissible, as the applicant sought reassessment of the facts as stated by the arbitration (commercial) court, a matter that does not fall within the Constitutional Court’s authority (paragraph 2 of the CC Decision of 2005, paragraph 1.3 of the CC Judgment of 2005).
The CC Judgment of 2005 confirmed the Constitutional Court’s previous finding on the refusal of protection to bad-faith taxpayers, drawing attention to the fact that the said universal principle was also to be applied for the purpose of ascertaining the implicit sense of Article 113 of the Tax Code. Furthermore, the Constitutional Court emphasised that conduct such as impeding a tax inspection might be treated as a taxpayer’s abuse of rights and ought to be regarded as a certain form of bad-faith conduct by the taxpayer. The CC Judgment of 2005 indisputably increased legal certainty in comprehension of the special rule of Article 113 of the Tax Code and thus raised the degree of protection for the property interests of private persons. A comparable effect was gained through the enactment of the 2006 Federal Law. Nevertheless, the same interpretation was reasonably foreseeable on the basis of the previously existing legislative provisions, and the “legal quality” thereof complied fully with the requirements of the Convention.
1.11. The applicant’s subjective ability to comprehend the implicit sense of the law.
In deciding in any given case whether there has been a violation of the Convention in respect of the applicant, the ECHR considers that applicant’s specific situation. Evidently, applicants’ individual ability to interact with the public authorities, the degree of their security, so to speak, their ability to have victim status for the purposes of the Convention, can differ substantially. Nevertheless, in spite of its case-law, the Court in the case at hand failed to examine and refused to consider OMISSIS’ subjective ability to foresee the consequences of its own conduct in actively impeding tax inspections, and to assess the explicit and implicit sense of Article 113 of the Tax Code. Such approach by the Court is not consistent, as on the other issue – assessment of quality of provisions of the special tax laws, i.e. of an element of the tax law offence – the Court has taken into consideration the fact that the applicant was a large holding, capable to consult with experts for risk assessments (see § 599 of the judgment).
1.12. OMISSIS was one of the largest commercial companies in Russia. Running a business (carrying out for-profit activities) at one’s own risks implies consent by a commercial company, in the person of its managing bodies, to accept various consequences resulting from conditions of uncertainty, including the imperfections of legislation. The consequences of such uncertainty might be either positive or negative. Therefore, in regulating relationships involving non-entrepreneurs, especially physical persons (humans), who are able to influence the consequences of their risk to a lesser degree than commercial companies, the legal certainty of legislation should be substantially higher than for entrepreneurs (commercial companies). To paraphrase the above-mentioned principle, for the purposes of the Convention the standard of legal certainty of a legal rule might be lower for commercial companies.
It is undeniable that the applicant possessed an extremely high potential to assess its own legal risks; its consultants (advisors) were able to reasonably foresee all the possible consequences of application of a legal rule. One need only note that in certain proceedings the applicant was represented by 8 to 10 professional lawyers, the company carried out large-scale and legally significant activities both in Russia and abroad, implementing legal solutions that were occasionally unorthodox in the Russian legal sphere (e.g. use of transnational jurisdiction, the creation of multidivisional branches of affiliates (including sham companies) within a large Russian territory, as well as abroad). It should be mentioned that the applicant was aware of the possibility of tax liability well in advance of the expiry of the 3-year limitation period (a long-term tax inspection preceded signing the protocol on 29 December 2003, establishing tax-law violations); the decision imposing tax liability was issued with an insignificant overstepping of the 3-year term (14 April 2004, i.e. 3 and a half months); the tax authorities filed a claim for tax penalties on 14 April 2004, i.e. within the general term for public authorities to respond to tax violations, namely 3 years (the limitation period under Article 113 of the Tax Code) plus 6 months (the term for bringing a lawsuit before a court, Article 115 of the Tax Code).
1.13. Thus, we believe that neither the “quality” of the tax legislation (the objective factor), nor the alleged legal uncertainty with respect to the applicant’s rights (the subjective factor) constituted a violation of Article 1 of Protocol 1 to the Convention in terms of the existence of lawful grounds for an insignificant prolongation of the limitation period for the penalties in respect of 2000.
1.14. Retrospective effect of the CC Judgment of 2005.
We were also not convinced by the Court’s evaluation of the significance of the retrospective effect of the CC Judgment of 2005 with regard to interpretation of Article 113 of the Tax Code. As was mentioned above, the Constitutional Court did not amend the rules on application of the limitation period, it merely increased legal certainty in comprehension of the special rule of Article 113 of the Tax Code, which, in turn, had been reasonably foreseeable. However, even if we assume that the Constitutional Court introduced a new rule on the influence of a taxpayer’s bad faith on the running of the limitation period, the retrospective application of such a “new” rule was admissible in the given circumstances.
The Convention recognizes a wide margin of appreciation for national governments in regulating taxation and levying taxes and penalties. The ECHR respects any decision by the national legislator in this sphere, unless such a decision obviously has no reasonable ground (see Gasus Dosier- und Fördertechnik GmbH v. the Netherlands, 23 February 1995, § 60, Series A no. 306-B). The ECHR’s case-law contains several instances where the Court accepted retrospective amendments to legislation and, correspondingly, the imposition of additional payments on taxpayers (see National & Provincial Building Society, Leeds Permanent Building Society and Yorkshire Building Society v. the United Kingdom, 23 October 1997, § 80, Reports of Judgments and Decisions 1997-VII, Di Belmonte v. Italy, no. 72638/01, 16 March 2010).
It is worth noting that in the instant case the Constitutional Court did not stipulate any additional obligations regarding the rules on charging and paying taxes, nor did it impose a different rate of tax liability. At the moment of committing the tax offence the applicant had been aware of all of the principal conditions for imposing liability. It is unlikely that establishment of a limitation period is aimed at preventing or correcting the socially undesirable conduct of private individuals. Considering the vast amounts of evaded taxes and the long-term period of the tax violations, it is hardly reasonable to assume that the applicant would have not begun evading taxes or impeding tax inspections if it had been aware that the limitation period might have been 3 years and three-and-a-half months rather than 3 years.
1.15. Finally, let us end with a reference to the judgment of 17 May 2010 in the case of Kononov v. Latvia, delivered by the Grand Chamber, in which the Court set out certain standards as to the legal certainty and foreseeability of a legal rule. We would recall that the issue in question in this case was the legal certainty of a rule which had been effective in the distant past and which became the legal ground for imprisonment of the applicant for 6 years in 2000 for “military crimes” committed, according to the Latvian authorities, in 1944. At the moment when the events under consideration occurred, Latvian criminal legislation did not contain any explicit provisions regarding military crimes; moreover, it stipulated general and special limitation periods for criminal liability. Those limitation periods had expired long before the beginning of the criminal proceedings against Kononov. In 1993 the provisions on limitation periods were abolished by a Latvian legislative act. Nevertheless, the ECHR held that serviceman Kononov, who, unlike the applicant in the present case, had no real opportunity to apply to consult legal advisers, relying on a combination of various international conventions and legal customs (including certain that were not officially promulgated) could have foreseen that his conduct might be qualified as a military crime. In this the ECHR was also not troubled by the fact that the limitation period set out in national legislation for any type of crime at the time when Kononov committed the alleged offence (1944) had expired several decades before Kononov was brought to trial in 2000 (see Kononov v. Latvia [GC], no. 36376/04, § 239, 17 May 2010).
The right to liberty is one of the most protected rights under the Convention; it is at the summit in the hierarchy of human rights values, and therefore the standard of legal certainty in respect of it is much higher than in respect of the rules entitling national governments to control the private property of business organisations in the form of levying taxes and penalties.
1.16. The ECHR has repeatedly ruled that the burden of interpretation and enforcement of national legislation is primarily with the competence of national public authorities, and particularly state courts (see Winterwerp v. the Netherlands, 24 October 1979, § 60, Series A no. 33 and Iglesias Gil and A.U.I. v. Spain, no. 56673/00, § 61, ECHR 2003-V). In the case at issue the legal interpretation was given by the Constitutional Court; that interpretation is based on reasonable grounds, is not evidently unsubstantiated or unjust, and, considering the judgment in the Kononov case and the remainder of the case-law, meets the requirements of the Convention.
2. With regard to the enforcement proceedings.
2.1. In assessing the Government’s actions to collect tax arrears from OMISSIS the Court found no breaches of national law; however, the Court held that the measures taken by the public authorities against the offending company were disproportionate (see § 647 of the judgment). According to the Court, the enforcement procedure was executed too rapidly, the applicant in fact had been provided no real opportunity for any alternative ways to pay off its tax debts, the forfeiture of stocks in OMISSIS (OAO “YNG”) (the applicant’s primary business asset) by auction was not justified, etc. (§ 650). At the same time, the Court did not find every single element of the enforcement proceedings to be disproportionate, but only in the cumulative effect of such elements. Further, in the Court’s opinion, the State did not properly take into consideration all of the factors related to the enforcement proceedings (§ 651), though it accounted a few of those (§ 652).
2.2. The width of the State’s margin of appreciation and factors determining its bounderies.
We would reiterate that the ECHR’s case-law relies on the necessity of recognising the wide margin of appreciation enjoyed by national governments in deciding on the exact measures intended to guarantee observance of human rights. The bounds of such discretion can vary depending on the scope and the nature of a certain right, as well as other circumstances developed under the ECHR’s practice (see Buckley v. the United Kingdom, 25 September 1996, § 74, Reports of Judgments and Decisions 1996-IV). For the purposes of levying taxes and penalties a government’s margin of appreciation is deemed to be particularly wide (see § 648 of the judgment).
The ECHR demonstrates even more tolerance towards the public authorities’ actions in respect of private persons in cases where (a) an applicant happens to be a commercial company (see Špaček, s.r.o., v. the Czech Republic, no. 26449/95, § 59, 9 November 1999, Regent Company v. Ukraine, no. 773/03, §§ 60, 61 and 67, 3 April 2008). (b) an applicant’s conduct contributed to his detriment (see Beyeler v. Italy [GC], no. 33202/96, § 116, ECHR 2000-I) (c) the applicant behaved unfairly - mala fides (see AGOSI v. the United Kingdom, 24 October 1986, § 54, Series A no. 108, Sarmin and Sarmina v. Russia (dec.), no. 58830/00, 22 November 2005, Al-Nashif v. Bulgaria, no. 50963/99, § 89, 20 June 2002); (d) there is no consensus among the Contracting States, i.e. governments employ different measures under similar circumstances (see T. v. the United Kingdom [GC], no. 24724/94, §§ 71-72, 16 December 1999), etc. Moreover, the ECHR considers the specific economic and other circumstances in which the governmental action being assessed was carried out (see James and Others v. the United Kingdom, 21 February 1986, § 46, Series A no. 98).
All of these factors, developed in the ECHR’s case-law and cumulatively denoting a need to recognize a much wider margin of appreciation for the Government than in other cases, are present here. However, they have not been taken into consideration properly by the Court.
2.3. OMISSIS at that time was one of the biggest commercial companies, not only in Russia, but throughout the world, and wielded considerable economic and other influence and power. The company engineered and implemented large-scale abusive tax schemes for the sole purpose of systematically and intentionally evading taxes. As a result, the State budget suffered a tremendous amount of damage, unprecedented in the area of tax violations. In the meantime the unpaid funds were at the company’s disposal, having probably enriched substantially both the company and its shareholders. The Government’s actions were aimed only at levying tax arrears and penalties (see § 646 of the judgment) the alleged political motive, and the aim of reallocating assets or another intention, unrelated to the tax collection, and selectiveness (discrimination) by the State, as claimed by the applicant, were held to be unsubstantiated (§§ 616, 666). The scope and rapidity of the State measures against the applicant were determined by the scale of intentional tax violations committed by it, and by the extent of damage inflicted on the State budget (public interest). The company refused to acknowledge the unlawful nature of its activity; the company ignored the advice of its official auditor (ZAO PricewaterhouseCoopers Audit), which informed the company’s management well in advance of the tax inspection of the illegality of certain operations being used to evade taxes (the promissory notes schemes, royalty-free disposal of property, etc.); the company was actively impeding the government in collecting taxes and penalties prior to and during the enforcement proceedings.
We would also note that the impugned events occurred during the international financial crisis at the end of the 1990s/early 2000s, and the subsequent recovery of the Russian economy, i.e. when the violations by OMISSIS were especially harmful to the State budget. The State experienced a period of a transitional economy, which can be attributed to restructuring of the political machinery, assembling and adjustment of legislation, inter alia, in the taxation sphere, and reorganization of State bodies.
2.4. Naturally, whatever the wide margin of appreciation granted to a national Government, even in exceptional circumstances, such a margin cannot be boundless. It is always hypothetically possible to imagine certain cases in which the Government’s actions would be disproportionate. The question is – who is best placed to assess and stipulate the extent of such appreciation? Clearly, a judge of an international court has less opportunity than a national authority, which is in the thick of the action, to appraise all the nuances and shades thereof, and to establish whether or not certain actions by the public authorities in specific circumstances were reasonable and proportionate. Finally, we must admit that a decision deemed inaccurate today might be reappraised at a later stage. An unambiguously correct appraisal, especially in complicated circumstances, is hardly possible. The multidimensional nature of the various elements involved, specific national conditions, and other circumstances that demand that a national government be granted a margin of appreciation do not deprive the ECHR of its capability to assess the boundaries of such discretion in the light of the requirements of the Convention.
2.5. The presumption that the State good faith is acting in good faith.
The ECHR’s case-law relies not only upon a margin of appreciation, granted to public authorities, but also upon the presumption of bona fides on the part of a State. As with most other presumptions, the above presumption is rebuttable. However, the standard of proof to overcome the presumption of bona fides of a State Government is high, and irrefutable evidence must be adduced (see Khodorkovskiy v. Russia, no. 5829/04, § 255-256, 31 May 2011, not final). In the case at hand the Court, in spite of the claims by OMISSIS, found no reasonable legal grounds to overcome a presumption of the Government’s good faith. Moreover, as mentioned above (paragraph 2.3.), the Court did not find any alleged political motive or any intention to liquidate the company or reallocate its assets to the interest of the third parties, or discriminatory actions, as alleged by the applicant.
The Government may act bona fides, enjoying a wide margin of appreciation in selecting various means for protecting the public interest; however, the reverse must also be true. The main criterion in assessing the Government’s activity as regards compliance with the Convention, alongside the criteria of lawfulness in actions for the public interest, is the proportionality test. Clearly, given the variety and diversity of legal solutions and national systems, defining common criteria for the concept of proportionality is hardly possible. Nonetheless, the ECHR has developed some common approaches.
2.6. Proportionality of the actions employed by the State to secure public interest
A selected remedy might be acknowledged to be disproportionate in cases when it is obviously unreasonable (see Gasus Dosier- und Fordertechnik Gmbh (cited above) and other cases). It is worth noting that the above-mentioned test by the ECHR does not include every form of unreasonableness, but only explicit, obvious, doubtless forms. Doubts as to reasonableness can arise on any ground, including the existence of those doubts themselves. We believe that the wider the margin of appreciation granted to the Government, the more evident the unreasonableness should be.
2.7. The ECHR’s case-law also takes account of other factors in assessing proportionality. Thus, the existence of an effective and accessible system for appealing against the Government’s acts before the courts is of great importance (see Immobiliare Saffi v. Italy [GC], no. 22774/93, § 54, ECHR 1999-V). Furthermore, the ECHR examines the availability to a State of less harmful remedies; however, the existence of alternative measures and their non-application in a particular case is not a sufficient and substantive ground to hold the interference in an applicant’s private sphere unjustified (see James and Others (cited above) § 51, Borzhonov v. Russia, no. 18274/04, § 61, 22 January 2009).
2.8. The provision of compensation is a significant criterion in establishing the proportionality of specific measures by a Government. The payment of fair compensation by a State leads, as a general rule, to a finding that the requirement of proportionality has been met. The ECHR tends to apply different approaches to the consideration of proportionality in the case of State interference, depending on whether or not the applicant’s conduct was lawful and whether or not the latter behaved in good faith.
In the event of lawful conduct by the applicant, the compensation should, as a general rule, be equal to the damage suffered for the proportionality test to be met. At the same time, even in the event of lawful conduct by the applicant, the compensation may be less than the harm sustained by a private person (see Jahn and Others v. Germany [GC], nos. 46720/99, 72203/01 and 72552/01, § 94, ECHR 2005-VI, Kozacıoğlu v. Turkey [GC], no. 2334/03, § 64, 19 February 2009, Broniowski v. Poland [GC], no. 31443/96, §§ 182, 186, ECHR 2004-V), or compensation might not be paid at all (see The Holy Monasteries v. Greece, 9 December 1994, Series A no. 301-A). In other words, in certain exceptional circumstances the State, acting in the public interest, is justified in inflicting greater loss than may seem necessary on a private person who has behaved lawfully and in good faith.
Where the applicant has behaved unlawfully and in bad faith the ECHR accepted a much higher scale of loss, and no compensation at all might be awarded. In respect of tax violations the Court recognizes and advocates the right of the Contracting States to inflict high penalties, especially if the applicant behaved mala fides (see Bendenoun v. France, 24 February 1994, §§ 33, 46, Series A no. 284). Where the applicant’s conduct is criminal in nature, the ECHR accepts confiscation as an indispensable and effective measure against committal of a crime, i.e. an interference in private property interests which implies no payment of compensation at all (see Phillips v. the United Kingdom, no. 41087/98, ECHR 2001-VII and Denisova and Moiseyeva v. Russia, no. 16903/03, § 58, 1 April 2010).
This approach is partially supported by the concept of justifiable defence, recognised by most legal systems. As a general rule, the damage sustained by the offender may be slightly higher than the damage prevented. However, in certain exceptional circumstances, subject to the provisions of both civil and criminal law, the infliction of damage (harm) on the offender might be held to be lawful, even if the scope of the damage thus inflicted significantly exceeds the actual damage that might have been sustained were the offender to have completed his actions. In other words, in the event of unlawful conduct an offender accepts the risk of possible infliction of damage (harm).
Under this logic, we believe that the infliction of damage on a bad-faith offender, in respect of the levying of taxes owed and imposition of penalties by the national government, does not constitute a violation of the Convention in this regard. In other words, the offender may suffer certain negative consequences, including, inter alia, those that he might not have foreseen at the moment of the unlawful conduct and others which are additional to the impact he intended to avoid or escape (arrears, default interest rate, penalties and fines, and other adverse consequences that could reasonably be foreseen under the applicable law). The existence of even highly significant damage in such a case does not in itself mean that the proportionality test has not been met.
2.9. Let us look again at the factual circumstances of this case, this time through the prism of proportionality.
The Court did not detect any violation of national legislation in the measures applied by the Government to the company within the enforcement proceedings. Nevertheless, according to the Court, the manner in which these measures were applied – so to say, “excessively harshly” – does not meet the Convention requirement of proportionality. We believe that the Court, in finding disproportionality, substantially deviated from the practice developed in the ECHR’s case-law. Indeed, the judgment states that, in themselves, the measures applied by the Government were not evidently unreasonable (see, for example, § 654 of the judgment). Moreover, the overwhelming majority of decisions rendered by the enforcement bodies were subject to court supervision, on the applicant’s initiative. In some instances those claims were resolved in favour of the applicant.
As to the existence of alternative measures, as was mentioned above, this factor is not decisive. According to the case-file, and the judgment itself, it is not clear whether any other effective remedies existed and whether their adoption would have led to the goal of collecting taxes and penalties, in satisfaction of the public interest. Thus, after the disposal of OAO YNG stocks the funds raised were still insufficient to settle the tax and penalties debt owed to the State budget. The reacquisition (redemption) price was assessed by an independent international appraiser (Dresdner Kleinwort Wasserstein, the investment branch of Dresdner Bank AG), and on the basis of the auction itself. As noted by the Court, before the enforcement proceedings were initiated, the company was probably in a state of pre-insolvency (§ 649), which is proved, particularly, by the fact that the company informed the US Bankruptcy Court of its intention to file a voluntary petition for bankruptcy long before the auction (§ 252). It appears from the case-file that a certain amount of assets was being rapidly transferred abroad. In such circumstances it cannot be ruled out that further procrastination and/or a decision to seize less liquid assets would have significantly reduced the Government’s chances of obtaining payment of the taxes and penalties. The only possible alternative, which was offered by the company itself, was to dispose of OAO Sibneft stocks instead of the stocks in OAO YNG. However, the ownership of OAO Sibneft stocks was subject to litigation, and they were consequently regarded as less liquid.
It follows that the decision to seize the applicant’s primary business asset and the speed of the enforcement proceedings to collect tax payments do not seem clearly unreasonable. The measures applied by the enforcement bodies were to a large extent determined by the company’s actions. The Court recognises the right of national governments to adopt remedies which might grant the State certain privileges over the remaining creditors (see Gasus Dosier und Fordertechnik GmbH (cited above)), i.e. the right to apply exceptional measures.
Let us now turn in more detail to some of the elements of the enforcement procedure. As mentioned above, each of such elements does not appear, in the circumstances of the case, entirely unreasonable, and therefore overall the procedure cannot be said to have been disproportionate to the legitimate aim pursued.
2.10. Specific elements of the enforcement procedure/interim measures.
Interim measures intended to ensure enforcement, including putting a lien on assets, may be adopted in good time, before the final decision comes into effect (see Janosevic v. Sweden, no. 34619/97, ECHR 2002-VII), provided that such measures will not cause material adverse consequences to interested persons at an early stage and will not substantially affect their defence in forthcoming litigation. In the case at hand, considering the applicant’s active impeding of the tax authorities, the use of such interim measure as attachment and freezing orders does not seem unreasonable; the lawfulness of the corresponding State actions was upheld by the national courts. Clearly, interim measures are likely to cause a certain inconvenience in most cases, and might even have adverse consequences for an applicant. However, the applicability of such measures, and the corresponding consequences of their use for OMISSIS were reasonably foreseeable. The interim measures applied to OMISSIS did not affect its business activity; nor could they negatively affect the applicant’s capability to defend itself in court.
2.11. Seven-percent enforcement fee.
As regards the seven-percent enforcement fee, the Court, having recognised that collection of that fee was a common practice in Russia (see § 647 of the judgment), nonetheless considered the amount to be disproportionate, as it significantly exceeded the expenses which could have possibly been expected to be borne by the State for the enforcement proceedings (§ 655). The Court’s reasoning on the compensatory nature of that fee is not fully clear. Indeed, the Constitutional Court in its Judgment № 13-P of 30 July 2001 (§ 485), clearly stated that the enforcement fee is a type of administrative penalty and is not designed for compensation of enforcement expenses. The procedure for such compensation is stipulated in another statutory provision, namely section 82 of the Enforcement Proceedings Act. The penalty in question is imposed by the bailiff should his proposal for voluntary enforcement of the court award not be met (§ 484). Failure to impose the penalty or a reduction in its amount in the case at hand would have amounted to non-compliance by the bailiff with the statutory requirements, and to discrimination against similar non-payers. The Court based its conclusion on this issue on an incorrect interpretation of the national law, having reached its conclusion on the basis of a misunderstanding about the nature and function of the fee in question (compensation, as opposed to a penalty).
2.12. Auctioning of the shares of OAO YNG.
Auctioning of the shares of OAO YNG, one of the key enforcement measures, was not, as stated by the Court entirely (evidently) unreasonable (see § 654 of the judgment), and, therefore, in our view, may not in itself be seen as disproportionate (see paragraph 2.6. above). In addition, the following events, which took place after the auction was completed, deserve attention, since they might implicitly provide evidence of the actual economic meaning of the enforcement proceedings for the company.
More than a year passed between completion of the enforcement proceedings and the initiation of the bankruptcy proceedings; the bankruptcy proceedings were initiated by a consortium (syndicate) of major western banks, seeking debt collection under a credit agreement awarded by a British court judgment; the management of OMISSIS repeatedly announced that the auction had not negatively affected the company’s commercial viability. It is also worth considering that it was not the business assets of OAO YNG that were disposed of in the auction in question, but a controlling block of stocks. Obviously, such a change in the controlling stockholder might eventually lead to certain changes in the respective company’s business. Nevertheless, the respective company’s commercial obligations to third parties, particularly OAO YNG’s obligations to OMISSIS, are based on contractual rather than corporate relations (creditors’ rather than stockholders’ control). Thus, a change in stakeholder (whose opportunity to exercise control over a respective company is limited by law), or even numerous changes in stakeholder, do not automatically lead to a weakening of business commitments. A substitution of the controlling stakeholder is not a legal ground for amendment or termination of commercial contracts, unless the latter explicitly provides otherwise. The case-file does not contain any reliable evidence that OAO YNG breached or failed to perform any of its contractual obligations to OMISSIS, and the latter made no claims to that effect.
2.13. As a conclusion, with due account for the arguments set out above, and for other circumstances (the applicant’s unlawful and bad-faith conduct, the tremendous extent of damage caused by the violations, a lack of consensus among Contracting States, etc.), we believe that the Court, having referred to the concept of a wide margin of appreciation enjoyed by national governments in tax disputes, in fact failed to apply this concept to the case at hand, thus disregarding the ECHR’s own case-law.
As to the violation of Article 6 of the Convention
I cannot support my colleagues (hereafter, the Court) in their finding of a violation of Article 6 §§ 1 and 3 (b) of the Convention for the following reasons.
3.1. In the present case dozens of hearings were held in the national courts at various instances and several hundred procedural actions were taken. Of the numerous uncompromising procedural struggles conducted with varying success by the parties, the Court has identified two counts where, in its opinion, the Government, firstly in the form of the first-instance court, and secondly in the form of the appellate court, acted too speedily. In both instances the applicant was allegedly granted insufficient time to prepare for the court hearings, which had possibly affected the capability of OMISSIS’s legal advisers to counter effectively the tax authorities’ lawyers. Both of those episodes concern only the litigation on the collecting of tax payments for 2000. The Court did not find any procedural violations in the chains of court proceedings on collection of tax payments for 2001, 2002 and 2003 or the litigation regarding the enforcements proceedings.
3.2. My first counter-argument refers to both of the omissions identified by the Court.
The ECHR’s practice in evaluating tax disputes in the light of Article 6 of the Convention is extremely contradictory, in that, under Article 6, tax disputes do not come under either criminal or civil law (see Ferrazzini v. Italy [GC], no. 44759/98, ECHR 2001-VII and Finkelberg v. Latvia (dec.), no. 55091/00, 18 October 2001). The ECHR tends to dismiss such cases. An exception is made for cases in which the rigidity of the liability imposed on the applicant verges toward a criminal sanction. At the same time, the rigidity of the sanction is not the sole criterion inviting application of the standards set out in Article 6. A brief overview of the relevant “for and against” practice is set out in the joint partly dissenting opinion of Judges Costa, Cabral Barreto and Mularoni, joined by judge Caflisch, in the case of Jussila v. Finland ([GC], no. 73053/01, ECHR 2006-XIII). That particular precedent was referred to by the Court when declaring admissible the applicant’s complaint under Article 6 of the Convention (admissibility decision, § 451).
3.3. Nonetheless, in terms of application of Article 6, the present tax case differs substantially from the case of Jussila, and from the other precedent which was taken as a basis for the latter, namely Ezeh and Connors v. the United Kingdom ([GC], nos. 39665/98 and 40086/98, ECHR 2003-X). In both of those cases the judgments were delivered on the basis of applications from physical persons, not a commercial company. In both Finland and the United Kingdom (and in many other European countries), unlike as in Russia, criminal liability of legal entities is not excluded. Although the Convention’s protection extends to the rights of legal entities, one of the four named criteria is qualification of the tax violation as a criminal offence under national legislation. That criterion is not decisive for the purposes of the Convention; however, it must be taken into consideration together with the other criteria.
Under Russian legislation the liability imposed on legal entities is administrative, but not criminal. However, this does not exclude the possibility of simultaneously imposing criminal sanctions on physical persons – including a company’s managers who personally participated in taking an unlawful decision on behalf of a legal entity. It is to physical persons that the guarantees concerning criminal prosecution set out in Article 6 are granted (free assistance of an interpreter, free access to legal representation by a court-appointed lawyer, etc.).
3.4. It should be noted that the judgment in the Jussila case was delivered in November 2006, that is, two years after the events and circumstances assessed in the present case. In this respect, given the contradictions and inconsistency in the ECHR’s previous case-law, the public authorities hardly had an opportunity to take into account the provisions and standards developed therein. Given the above, in any event, I consider that the standard of requirements with regard to Article 6 of the Convention in this case should have been less harsh.
Let us now examine briefly each of the violations detected by the Court in respect of the litigation concerning payments for 2000.
As regards the lack of time granted to the applicant for familiarization with the case file prior to the hearing before the first-instance court (see §§ 536-541 of the judgment)
3.5. The Court found that the mere four days granted to the applicant for familiarisation with the case files in the tax authorities’ (“the Ministry’s”) premises could have adversely affected the capability of OMISSIS’ numerous legal counsel to prepare the applicant’s case efficiently (§§ 540, 551). It is to be recalled that the tax authorities filed the claim with the court on 14 April 2004, and the main court hearing was held more than a month later – from 21 to 26 May 2004 (§ 46). Further to the court’s procedural decision of 15 April 2004 the tax authority provided the applicant with an opportunity to familiarise itself with the case files from 17 to 20 May 2004, that is, four days. In the Government’s submission, which was not disputed by the applicant, the filed documents primarily contained financial and other detailed source documents, which were formerly in OMISSIS’s possession and/or with which it ought to have been familiar.
With regard to the lack of time granted to the applicant for preparing the case, the Court investigated only one of the numerous elements in such preparation – the time for familiarisation with the case files in the tax authorities’ premises. This method of familiarisation is by no means the only one, and, in the present case, was probably far from the primary method for acquiring knowledge of the procedural opponent’s arguments and the relevant evidence. Having found the four-day term insufficient for familiarisation with the case files in the tax authorities’ premises, the Court extended this finding to the remaining stages of preparation of the applicant’s case. The question is therefore whether the relatively short time (four days) for familiarisation with the case file in the tax authorities’ premises could have significantly affected the applicant’s awareness of the case files, and whether the applicant was deprived of other available instruments for familiarisation with the case files and of an opportunity to prepare the defence properly? This question must be answered in the negative.
3.6. The ECHR’s case-law is based on the presumption that failure to provide documents for familiarisation does not in itself constitute a violation of Article 6. What is required is that the content of a document of which the applicant was unaware at a certain point was material and could therefore have affected the applicant’s legal argumentation (see Krčmář and Others v. the Czech Republic, no. 35376/97, §§ 40-44, 3 March 2000).
For instance, the ECHR did not find a violation of Article 6 of the Convention in a criminal case in which the text of a sentence transmitted to the appeal court contained significant digressions and discrepancies from the text of the sentence served on the convicted person. All of these differences were held to be insignificant and not to affect - to an extent inconsistent with the guarantees of Article 6 - the applicants’ right to defend themselves (see Karyagin, Matveyev and Korolev v. Russia, nos. 72839/01, 74124/01 and 15625/02, 28 May 2009)
3.7. I would suggest that, in preparing for the hearing before the first-instance court the applicant was aware, or could have familiarised itself in good time with the content of the documents; the new data which the applicant was allegedly unable to discover from the served documents was not material and could not affect the applicant’s legal argumentation.
Thus, the overwhelming majority of the documents with which the applicant intended to familiarise itself initially originated from the applicant itself; the court proceedings were preceded by a long-term tax inspection; the applicant was capable of familiarising itself with the documents in question not only in the tax authorities’ premises, but also at the court, since documents are filed simultaneously with the court as attachments to the statement of claim; the tax authorities’ arguments with regard to the numerous documents were set out systematically in the tax inspection statement of 29 December 2003 and in the decision (resolution) of 14 April 2004, and remained unchanged throughout the entire court proceedings; the overall duration of the proceedings in the case before all three instances exceeded five months (from 14 April to 17 September 2004); it is not clear from the applicant’s subsequent procedural documents how its statement of defence had significantly changed or might have changed had the applicant been granted more than four days to familiarise itself with the files in the tax authorities’ premises at the initial stage of the proceedings.
As to the commencement of the court proceedings before the appellate court before expiry of the time-limit for lodging an appeal (see § 544-548 of the judgment)
3.8. On 1 June 2004 one of the respondents – OOO “OMISSIS-Moskva” (OMISSIS-Moskva) – lodged an appeal against the first-instance court’s judgment with a court of appeal, as did the tax authority on 2 June 2004. Under a ruling (decision) of 4 June 2004 the hearing was scheduled for 18 June 2004 (see §§ 52-54 of the judgment). On the eve of the hearing, on 17 June 2004, the second respondent – OMISSIS – also lodged its appeal (§ 55). The court hearing lasted several days, from 18 to 29 June 2004, and the applicant (respondent) was represented by 10 attorneys (§§ 57, 60).
The cassation petition was filed by the respondent – OMISSIS – on 7 July 2004, i.e. less than 10 days after the appeal court judgment, and long before expiry of the statutory two-month period for applying to the next court instance. The applicant’s arguments as set out in the cassation petition were the same as those in its submissions to the appellate court (§ 67). The cassation proceedings were held more than two months later, on 17 September 2004 (§ 70).
The court judgments and decisions at all instances provided a detailed response to the applicant’s arguments.
Under the legislation in force at the material time, an appeal had to be judged within a month of being lodged with a court, including the time required to prepare for the proceedings and render a decision (§ 423). The judgment on the appeal lodged by OMISSIS-Moskva on 1 June 2004 was rendered on 29 June 2004, that is, one day before expiry of the statutory one-month term (§ 62).
OMISSIS-Moskva, which was the first party to submit an appeal, served as a management company for OMISSIS (§ 1). In those circumstances, it would be unreasonable to assume that these two respondents had not mutually coordinated and adjusted the other’s positions or, at the least, were not aware of them, and that OMISSIS’ procedural capacities were less than those of the company acting as the applicant’s executive body, namely OMISSIS-Moskva.
Besides, as noted above, the overall duration of the proceedings in the case at all three instances exceeded five months, the case was subject to review at fourth instance, and the overall duration was nearly fifteen months. It is difficult to accept that the overall duration of the proceedings before the national courts was unreasonably short, and that there was therefore a violation of Article 6 § 1 of the Convention in this respect. I would even suggest that, had the duration of the proceedings before the appeal court been extended, the applicant would have alleged, so to speak, the opposite violation of the Convention – namely, that the duration was unreasonably long (compare, for example, the allegation of a violation of the Convention with regard to exceeding - by two days - of the time-limit for preparation of the appeal court’s judgment (decision, § 43, judgment § 527 (5), and the judges’ unanimous opinion that this allegation was ill-founded (§§ 549, 550)).
As mentioned above, the ECHR relies upon the necessity of recognising the supremacy of national courts in ascertaining the facts and circumstances of a given case and interpreting national legislation. The applicant’s arguments concerning the lack of time for preparation of its case and the non-observance of the time-limits for examining the proceedings before the court of appeal were investigated by the Court and found to be insufficient and unsubstantiated (§§ 71, 72 and others).
As to the admissibility of the application – Article 35 of the Convention
On 29 January 2009 the Court issued a decision declaring the application admissible. At the same time, under Article 35 § 4 of the Convention, the Court must reject any application which it considers inadmissible due to any deterrent circumstances at any stage of the proceedings, i.e. also after the decision as to the admissibility of the application has been issued. Let us consider a few circumstances which were not fully reflected in the decision as to admissibility, but were in part assessed by the Court.
The power of attorney of the applicant’s lawyer Piers Gardner
4.1. The ECHR pays particular attention to verification of the validity of the authority held by the applicant’s representative in every case (see, inter alia, Post v. the Netherlands, no. 21727/08, 20 January 2009), and the absence of a duly-issued authority to act is a ground for finding a case inadmissible. Unfortunately, in the case at hand this requirement was not met.
The case file contains a notice by the insolvency administrator appointed in the course of OMISSIS’s bankruptcy procedure – a private person entitled by law to act on behalf of the company – which revokes the authority to act initially granted to Mr Gardner and empowering him to represent the applicant before the ECHR (see § 299 of the judgment). It was Mr Gardner who filed the documents on behalf of the applicant, both prior to and following liquidation of the company, and who, notwithstanding the cancellation of his authority to act, represented the applicant in the hearings. The notice of the revocation of Mr Gardner’s authority was served to the ECHR prior to termination (liquidation) of the company as a legal entity, at a time when executive decisions could be taken only by the insolvency administrator. In addition, the authority to act granted to Mr Gardner by way of delegation, contained numerous legal omissions, affecting its validity and consequently rendering it null and void, irrespective of the insolvency administrator’s notice of revocation, and Professor Valeriy A. Musin, my predecessor as ad hoc judge in this case, rightly drew attention to them by dissenting from the majority in the admissibility decision.
As to the admissibility of the case before the ECHR before all domestic remedies have been exhausted – Article 35 § 1 of the Convention
4.2. As was mentioned above, throughout the enforcement proceedings numerous interim measures were taken for the purpose of compelling the applicant to pay the taxes and penalties. Some of these measures were challenged by the applicant in the domestic courts. However, in respect of many other measures the applicant failed to use the available domestic remedies first, but submitted the application in their respect to the ECHR directly (such as the seizure, certain of the bailiff’s decisions on imposition of the 7% penalty, etc.).
The Court, irrespective of whether a given measure was assessed by a national court, considered the interim measures in their totality and found that their joint application had been disproportionate (see paragraph 2.1. above). As a general rule, the ECHR may examine any given alleged violation of the Convention only after all domestic remedies have been exhausted. In the case at hand, application of that rule on exhaustion would have led to a requirement to dismiss certain interim measures from the Court’s assessment. The absence of certain interim measures from the examined “total” would possibly have mitigated the Court’s finding as to the disproportionality of the totality of the interim measures imposed on the applicant in the enforcement proceedings: the “totality” in this case would have been significantly decreased. However, the Court managed to overcome this possible logical trap by stating that, with regard to the considered measures, it was highly probable that the domestic courts would have rejected the applicant’s claims, and that applying to them would therefore have been pointless. The Court thereby established an exception from the exhaustibility rule in respect of the examined interim measures (see §§ 636–644 and § 6 of the operative provisions of the judgment).
Meanwhile, in spite of their similarities, such cases contain numerous procedural and factual specificities, which could result in different decisions by the national courts. It is to be noted that the applicant was frequently successful in its procedural struggles with the tax authorities on similar measures. For example, the first-instance court, upholding a motion by OMISSIS, suspended enforcement of the tax authority’s decision on payment of 14 April 2004 (§ 105); the same court reversed a bailiff’s decision on imposing a 7% penalty (§ 132) and reversed the bailiff’s decision on seizing the shares (§ 41), etc.; the company repeatedly obtained a reduction in the amounts levied (decision, §§ 42, 53, 66), etc.
In line with the Court’s logic, the following - clearly inaccurate - conclusion might be reached. Where there exists an extensive case-law by the national courts on any given matter, any applicant may apply to the ECHR directly, since the outcome of his or her case before the national courts is foreknown with a high, albeit not 100%, degree of probability. Yet a dispute may contain certain specific factual and procedural features, which may lead to the opposite conclusion [by the domestic courts]. Examination and assessment of such specificities is the priority of the national courts.
In view of the above considerations, I cannot agree with the Court’s finding as to the exhaustion of domestic remedies.
It is also difficult to refrain from a question concerning the exhaustibility of the measures taken to protect the applicant’s interests. Given the national courts’ numerous findings as to various violations of the tax legislation, what was to prevent OMISSIS, its shareholders and other interested parties from claiming compensation directly from those physical persons and legal entities who intentionally took decisions to adopt the abusive tax schemes, resulting in the losses by virtue of their arrogant activity; from those persons who are likely to have enriched themselves as a result of their illicit activity, covered by the OMISSIS corporate veil.
As to examination by the ECHR of a case which is substantially the same as a matter subject to a procedure of international investigation or settlement
4.3. Under Article 35 § 2 of the Convention the Court shall not deal with any application that is substantially the same as a matter that has already been examined by the ECHR or has already been submitted to another procedure of international investigation or settlement and contains no relevant new information.
In the Court’s opinion, the matter accepted for judgment by the Permanent Court of Arbitration in The Hague, pursuant to a legal action by the majority stockholders of OMISSIS (OMISSIS Universal Ltd., and others) against the Russian Federation under the Energy Charter Treaty, was not a bar to further examination of the case by the ECHR. The Court considered that, inasmuch as the parties in both cases were not identical the cases were substantially different (see § 526 of the judgment). Such a formal approach in the case at hand can hardly be accepted. In its arguments, the Court refers to a series of benchmarks developed in the ECHR’s case-law to distinguish different cases depending on the substantive nature of their respective similarities and divergences (the parties to the dispute, the substance and legal grounds of the redress sought, etc. - § 521). Yet in distinguishing between the cases under examination, the Court applied only the criterion of the parties to the respective proceedings. In this case, however, that criterion alone is insufficient to conclude that the cases are substantially distinct, irrespective of the fact that the legal entities acting as applicants in the two sets of proceedings are not formally identical.
Firstly, a legal entity as a legal institution, that is, as a product of legal techniques, a legal fiction, ultimately serves to represent the interests of certain individuals. The use of distinct legal entities in those two sets of proceedings does not itself imply that the judgments in the respective cases will affect the interests of different (distinct) individuals. Bearing in mind the close affiliation of the companies in the OMISSIS Group, it would be reasonable to assume that, most likely, identical individual persons have a stake in the outcomes in each set of proceedings.
The Court failed to explain why it chose not to observe the rule laid down in the case of Cereceda Martin and Others v. Spain (no. 16358/90, Commission decision of 12 October 1992) – the formal identity of the parties in any given case is insignificant when the claim, in essence, is submitted by the same complainants or interested parties.
Secondly, I would suggest that Article 35 § 2 (b) of the Convention, in referring to the substance of the matter, primarily concerns the merits (the substantial part) of the dispute, i.e. those criteria that the Court chose not to consider in the case at hand. Were it otherwise, it would be too simple to overcome the restriction set out in Article 35 § 2 (b) of the Convention by, for example, assigning rights to an affiliate, or submitting identical applications in the name of different stakeholders, etc.
In both sets of proceedings the primary question to be examined by the courts was the same – assessment of the tax schemes applied by OMISSIS and of the State’s corresponding response.


TESTO TRADOTTO

Conclusione Eccezione preliminare respinta (non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali); Violazione del’ Art. 6-1+6-3-b; Violazione di P1-1; Nessuna violazione di P1-1; Nessuna violazione dell’ Art. 14+P1-1; Nessuna violazione dell’ Art. 18+P1-1; soddisfazione Equa riservata
EX PRIMA SEZIONE
CAUSA OAO NEFTYANAYA KOMPANIYA OMISSIS C. RUSSIA
(Richiesta n. 14902/04)
SENTENZA
STRASBOURG
20 settembre 2011
Questa sentenza diverrà definitivo nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetto a revisione editoriale.


Nella causa OAO Neftyanaya Kompaniya OMISSIS c. Russia,
La Corte europea di Diritti umani (Prima la Sezione), riunendosi che come una Camera, compose di:
Christos Rozakis, Presidente, Nina Vajić Khanlar Hajiyev, Dean Spielmann Sverre Erik Jebens, Giorgio Malinverni giudici, Andrey Bushev ad giudice di hoc,
e Søren Nielsen, Sezione Cancelliere
Avendo deliberato in privato 24 giugno 2011,
Consegna la sentenza seguente sulla quale fu adottata quel la data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da in una richiesta (n. 14902/04) contro la Federazione russa depositata con la Corte sotto Articolo 34 della Convenzione per la Protezione di Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) con OMISSIS (“la società di richiedente”), 23 aprile 2004.
2. Il richiedente fu rappresentato col Sig. P. G., un avvocato che pratica a Londra. Il Governo russo (“il Governo”) fu rappresentato inizialmente col Sig. P. Laptev ed il Sig.ra V. Milinchuk, Rappresentanti precedenti della Federazione russa alla Corte europea di Diritti umani e successivamente col loro Rappresentante, il Sig. G. Matyushkin.
3. Con una decisione di 29 gennaio 2009, la Corte dichiarò la richiesta parzialmente ammissibile.
4. Il richiedente ed il Governo ognuno introdusse inoltre osservazioni scritto (l'Articolo 59 § 1).
5. Un'udienza ebbe luogo in pubblico nell'il Diritti umani Costruire, Strasbourg 4 marzo 2010 (l'Articolo 59 § 3).
Là sembrò di fronte alla Corte:
(un) per il Governo il
Sig. G. Matyushkin, Agente, il Sig. M. Swainston QC, il Sig. T. Brennan QC, il Sig.ra M. Lester, il Sig. Midwinter di S., il Sig. P. Wright, il Sig. Kh. Ivanyan, il Sig. V. Starzhenetskiy il Sig.ra N. Elina, il Sig.ra O. Yurchenko Sig.ra io. Koganova, il Sig.ra D. Obyskalova, il Sig. G. Abatourov, il Sig.ra V. Utkina, il Sig. O. Ovchar, il Sig.ra T. Struchkova, il Sig. D. Mikhaylov, il Sig. V. Torkanovskiy, il Sig.ra E. Filatova, Consulenti;
(b) per il richiedente
OMISSIS, Consulente legale.
La Corte ascoltò osservazioni del Sig. G.r, il Sig. Matyushkin ed il Sig. Swainston QC, così come le risposte del Sig. G. ed il Sig. Swainston QC a domande poste alle parti.
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
6. Il richiedente, OMISSIS era una società di giuntura-scorta aperta privata e pubblicamente-commerciata incorporata sotto le leggi della Russia. Fu registrato in Nefteyugansk, il Khanty-Mansi Regione Autonoma, ed al tempo attinente fu maneggiato col suo assistente, OOO “OMISSIS” Moskva, registrato a Mosca.
7. Il richiedente era una società finanziaria stabilita col Governo russo nel 1993 per possedere e controllare un numero delle entità autonome si specializzata in produzione di petrolio. La società rimase completamente Statale sino a 1995-1996 quando, per una serie di navi appoggio e vendite all'asta, fu privatizzato.
A. Procedimenti a riguardo della responsabilità di tassa della società richiedenteper l'anno 2000
1. Accertamento tributario 2000
(a) ispezione di tassa Originale
8. Fra il 2002 e 4 marzo 2003 di 13 novembre la Tassa Inspectorate della città di Nefteyugansk (“il Tassa Ufficio”) condusse un'ispezione di tassa della società di richiedente.
9. 28 aprile 2003 il Tassa Ufficio stese un rapporto che indica un numero di errori relativamente minori nella dichiarazione dei redditi della società come un risultato dell'ispezione, e lo notificò sulla società.
10. Seguendo le eccezioni della società, 9 giugno 2003 il Tassa Ufficio adottò una decisione nella quale trovò la società responsabile per avere registrato incompleto ritorna in riguardo di certe tasse.
11. La decisione del Tassa Ufficio fu accettata e si attenne con con la società 7 luglio 2003.
(b) ispezione di soprattassa
12. 8 dicembre 2003 il Ministero delle Tasse (“il Ministero”), comportandosi come un corpo che fa una revisione all'interno del significato di sezione 87 (3) del Tassa Codice, eseguì un'ispezione di soprattassa della società di richiedente.
13. 29 dicembre 2003 il Ministero emise un rapporto che indica che la società richiedenteaveva una grande responsabilità di tassa per l'anno 2000. Il rapporto particolareggiato venne a più di 70 pagine ed aveva 284 documenti che sostengono in annetta. Il rapporto fu notificato sulla società richiedentesulla stessa data.
14. Il Ministero stabilì che nel 2000 la società richiedenteaveva eseguito le sue attività per una rete di 22 società di commercio introdusse in aree di basso-tassa della Russia (“la Repubblica di Mordoviya, la città di Sarov nella Nizhniy Novgorod Regione la Repubblica di Kalmykiya, la città di Trekhgornyy nella Regione di Chelyabinsk la città di Lesnoy nella Regione di Sverdlovsk e l'Evenk Distretto Autonomo”). Per tutti i fini legali, la maggior parte di queste entità furono esposte su come completamente indipendente dal richiedente, cioè. come appartenendo ed essendo controllato con terza persona, benché loro risuoli attività consistita di commissionare la società richiedenteper comprare petrolio greggio sul loro conto dai propri assistenti petrolio-produttori della società ed uno che lo mette su per vendita sul mercato nazionale o all'estero, o dandolo finito alla propria petrolio-lavorazione della società prima pianta e vendendolo poi. Non c'erano vere operazioni in contanti fra la società di richiedente, la sua petrolio-lavorazione ed assistenti petrolio-produttori e le entità di commercio, ed il proprio vaglia cambiario della società ed compensi reciproci furono usati invece. Tutti i soldi così accumulato da vendite fu trasferito poi unilateralmente il “Fondo per Appoggio Finanziario dello Sviluppo di Produzione di OAO Neftyanaya Kompaniya OMISSIS”, un'entità commerciale fondò, possedette ed amministra con la società di richiedente. Da allora a tutti i tempi attinenti la società richiedenteprese parte in tutte le operazioni delle società di commercio, ma si comportò come le società l'agente di ' e mai come un proprietario dei beni prodotto e trattò coi suoi propri assistenti e poiché il risarcimento pagò con le entità di commercio per i suoi servizi era trascurabile, il vero fatturato della società richiedentenon fu riflesso mai in qualsiasi documenti di tassa e, di conseguenza, nella sua dichiarazione dei redditi. In oltre, la maggior parte delle società di commercio erano infatti le entità fittizie, siccome loro erano né presentino né operarono nel posto della loro registrazione. In oltre, loro non avevano nessuno beni e nessuno impiegati di loro proprio.
15. Il Ministero fondò stabilì, fra le altre cose che:
(a) il movimento effettivo del petrolio commerciato era dalla produzione della società richiedentesitua al suo proprio trattando o installazioni di deposito;
(b) la società richiedentesi comportò come un esportatore di beni per il fine della formalità doganale, anche se i beni erano stati posseduti formalmente ed erano stati venduti con società fittizie;
(il c) per l'uso di varie tecniche, la società richiedentestabilì indirettamente, e, a tutti i tempi attinenti de facto, controllato e possedette le entità fittizie;
(d) tutte le operazioni di contabilità delle società furono eseguite con le stesse due entità, OOO “OMISSIS” FBC ed OOO “OMISSIS” Investa, ambo la persona a carico su o appartenendo alla società di richiedente;
(e) la rete di società fittizie fu maneggiata ufficialmente con OOO “OMISSIS” RM, ogni corrispondenza ufficiale, incluso documenti di tassa che è spedita dall'indirizzo postale di OOO “OMISSIS” Moskva, la società richiedentesta maneggiando assistente;
(f) le società fittizie e gli assistenti della società richiedenteentrarono in operazioni con prezzi chini per il fine di ridurre la base tassabile delle loro operazioni;
(il grammo) tutti gli uffici imposte percepiti con le società fittizie furono trasferiti da allora in poi unilateralmente alla società di richiedente;
(h) dichiarazioni coi proprietari e direttori delle entità di commercio che confessarono che loro avevano firmato documenti che loro erano stati costretti a firmare con gli ufficiali della società di richiedente, e non aveva condotto mai qualsiasi l'attività indipendente in favore delle loro società, era vero;
(i) e, infine, che le società fittizie ricevettero tassa trae profitto illegalmente.
16. Avendo riguardo ad a tutti questo, il Ministero decise, che le attività delle società fittizie notificarono il fine di proteggere il vero esercizio d'impresa della società di richiedente, che le operazioni di queste società erano fittizie e che era stata la società di richiedente, e non le entità fittizie che condussero le operazioni e divennero il proprietario dei beni commerciati. In prospettiva del sopra, ed anche fin da né le entità fittizie né la società richiedentequalificate per le esenzioni dalle imposte in oggetto, il rapporto concluse che la società, mentre avendo agito in mala fede, in modo appropriato non era riuscito a riflettere queste operazioni nelle sue dichiarazioni di tassa, mentre evitando così il pagamento di IVA, tassa autostradale tassa di proprietà sociale, tassa per miglioramento della scorta di alloggio e mezzi socio-culturale tassa in riguardo di vendite di combustibili e lubrificanti e tassa di profitto.
17. Il rapporto notò anche specificamente che le autorità fiscali avevano richiesto la società richiedenteper facilitare ispezioni di tassa reciproche di molto dei suoi importanti assistenti. Cinque delle undici società consociate rifiutarono di attenersi, quattro andarono a vuoto a rispondere, mentre le due entità registrarono documenti incompleti. Specificò anche che durante l'ispezione di su-luogo la società richiedenteandò a vuoto ad offrire i documenti richiesti col Ministero riguardo al trasporto di petrolio.
18. Il rapporto assegnò, inter alia, ad Articoli 7 (3), 38, 39 (1) e 41 del Tassa Codice, sezione 3 di Legge n. 1992-1 della Federazione russa (RF) di 6 dicembre 1991 “Su Tassa Valore-aggiunta”, sezioni 4 e 5 (2) di Legge di RF n. 1759-1 18 ottobre 1991 “Su finanziamenti autostradali nella Federazione russa”, sezione 21 (“Ch”) di Legge di RF n. 2118-1 27 dicembre 1991 “Sulle basi del sistema di tassa”, Articolo 209 (1-2) del Codice civile, sezione 2 di Legge di RF n. 2030-1 13 dicembre 1991 “Su tassa di proprietà sociale”, sezione 2 (1-2) di Legge di RF n. 2116-1 27 dicembre 1991 “Su tassa di utile aziendale”, Decisione n. 138-O della Corte Costituzionale di Russia di 25 luglio 2001 ed Articolo 56 del Tassa Codice.
19. 12 gennaio 2004 la società richiedenteintrodusse le sue eccezioni di trenta-pagina particolareggiate al rapporto. La società ammise che da un periodo molto breve di tempo possedeva in parte tre fuori del ventidue organizzazioni menzionate nel rapporto, ma negò il suo coinvolgimento nella proprietà e gestione del rimanendo diciannove società. Loro mantennero questa posizione della loro mancanza di coinvolgimento nelle società in oggetto in tutto i procedimenti.
20. Durante una riunione fra i rappresentanti del Ministero e la società 27 gennaio 2004, il consiglio della società richiedentefu dato un'opportunità di affermare oralmente i loro argomenti contro il rapporto.
21. Avendo considerato le eccezioni della società, 14 aprile 2004 il Ministero adottò una decisione che stabilisce che la società richiedenteaveva una grande responsabilità di tassa insoluta per l'anno 2000. Siccome la società richiedentein modo appropriato era andata a vuoto a dichiarare le operazioni summenzionate nelle sue dichiarazioni di tassa e pagare le tasse corrispondenti, nella conformità con Articolo 122 (3) del Codice Fiscaleil Ministero trovato che la società aveva sotto riportato la sua responsabilità di tassa per 2000 e l'ordinò per pagare 47,989,241,953 rubli russi (“RUB”) (approssimativamente 1,394,748,234 euros, (“EUR”)) in arretrati di tassa, RUB 32,190,599,501.40 (verso EUR 935,580,142) in interesse di mora e RUB 19,195,696,780 come una 40% sanzione penale (verso EUR 557,899,293), importo totale RUB 99,375,538,234.40 (verso EUR 2,888,227,669). Gli argomenti contenuti nella decisione erano identici a quelli del rapporto di 29 dicembre 2003. In oltre, la decisione rispose in dettaglio ad ognuno dei cassa-argomenti avanzati con la società nelle sue eccezioni di 12 gennaio 2004.
22. La decisione fu notificata sulla società richiedente15 aprile 2004.
23. La società fu data finché 16 aprile 2004 per pagare volontariamente gli importi dovuto.
24. La società richiedenteaddusse che aveva richiesto il Ministero per chiarificare il rapporto di 29 dicembre 2003 e che il Ministero era andato a vuoto a rispondere a questa richiesta.
(c) Istituzione di procedimenti del Ministero
25. Sotto un articolo che lo fece non necessario aspettare sino alla fine del periodo di tolleranza se c'era prova che la controversia fra l'autorità fiscale ed il contribuente era insolubile, il Ministero non aspettò sino a 16 aprile 2004.
26. 14 aprile 2004 fece domanda alla Mosca Tribunale di commercio Urbano (“la Corte Urbana”) e richiese la corte per allegare i beni della società richiedentecome una sicurezza per la rivendicazione.
27. Con decisione di 15 aprile 2004 la Corte Urbana iniziò procedimenti e proibì la società richiedentedallo sbarazzarsi di alcuni dei suoi beni durante la conseguenza della causa. L'ingiunzione non concernè beni prodotti con la società ed operazioni in contanti e relative.
28. Con la stessa decisione la corte fissò la data dell'udienza preliminare per 7 maggio 2004 ed invitò la società richiedentea rispondere alle rivendicazioni del Ministero.
29. 23 aprile 2004 la società richiedenteintrodusse un'istanza nella quale dibattè che la Corte Urbana non aveva giurisdizione territoriale sulla sede centrale legale della società e richiese che la causa si sia riferita ad una corte in Nefteyugansk, dove fu registrato.
30. In 6 maggio 2004 che il Ministero ha registrato un'istanza che invita la corte a chiamare la società richiedentesta maneggiando OOO sussidiario “OMISSIS” Moskva come un co-imputato nella causa.
(d) Udienze di 7 maggio 2004
31. All'Udienze la Corte Urbana esaminata e respinga l'istanza della società richiedentedi 23 aprile 2004. Avendo riguardo ad al fatto che la società richiedentefu operata con suo proprio OOO sussidiario “OMISSIS” Moskva, registrato e localizzò a Mosca, la corte stabilì che la vera sede centrale della società richiedentesia a Mosca e non in Nefteyugansk. In prospettiva del sopra, la corte concluse, che aveva giurisdizione per trattare con la causa.
32. In 17 maggio 2004 la società richiedentefece ricorso contro questa decisione. Il ricorso fu esaminato e respinse con la Ricorsi Divisione della Mosca Tribunale di commercio Urbano (“la Ricorso Corte”) 3 giugno 2004.
33. La Corte Urbana esaminò anche ed accordò l'istanza del Ministero di 6 maggio 2004. L'ordine della corte OOO “OMISSIS” Moskva per congiungere i procedimenti come un co-imputato ed aggiornò l'udienza sino a 14 maggio 2004.
34. All'udienza di 7 maggio 2004 la società richiedentedepositò con la Corte Urbana un'azione separata contro l'accertamento tributario di 14 aprile 2004, cercando che di avere la decisione di valutazione, dichiarò illegale. La breve della società richiedentevenne a 42 pagine ed aveva 22 documenti che sostengono in annetta. Questa azione fu esaminata separatamente e respinse come non comprovato con la Corte Urbana 27 agosto 2004. La sentenza di 27 agosto 2004 fu sostenuta su ricorso 23 novembre 2004. 30 dicembre 2005 la Circuito Corte sostenne le decisioni delle corti più basse.
(e) Udienze di 14 maggio 2004
35. Nel frattempo la causa di accertamento tributario continuò. In 14 maggio 2004 la Corte Urbana respinse la richiesta della società richiedenteper aggiornare i procedimenti, dopo avendo trovato che l'eccezione riconvenzionale della società richiedentenon richiese simile aggiornamento dei procedimenti riguardo all'azione del Ministero.
36. OOO “OMISSIS” Moskva richiese anche che l'udienza sia aggiornata come, chiese, non era pronto partecipare nei procedimenti.
37. Questa richiesta fu respinta con la corte come infondato sulla stessa data.
38. All'Udienze anche le società rispondenti richiesero la Corte Urbana per variare il loro status procedurale a che di parti interessate.
39. La corte respinse questa richiesta e, sull'istanza della società richiedentedi 15 aprile 2004, ordinò il Ministero per rivelare la sua prova. L'istanza della società contenne un lungo ruolo di specifici documenti che, addusse, sarebbe dovuto essere nella proprietà del Ministero in appoggio delle sue rivendicazioni di tassa.
40. La corte decise poi che i meriti della causa sarebbero stati ascoltati in 21 maggio 2004.
41. In 17 maggio 2004 il Ministero invitò la società richiedentead esaminare la prova nell'archivio di causa ai suoi locali. Due avvocati di società andarono al Ministero su 18 maggio e quattro avvocati seguì 19 maggio 2004.
42. Secondo la società di richiedente, il materiale che sostiene che è posto sotto alla causa prima fu offerto alla società in 17 maggio 2004, quando il Ministero introdusse verso 24,000 pagine di documenti. In 18 maggio 2004 il Ministero rivelò presumibilmente verso un ulteriori 45,000 pagine, ed un ulteriori 2,000 pagine nella vigilia dell'udienza di fronte alla Corte Urbana che è in 20 maggio 2004.
43. Appellandosi su un documento datò 18 maggio 2008, disegnato su e firmato con S. Pepelyaev ed E. Aleynikova (il Ministero A. Bondarev rappresentativo rifiutò presumibilmente di firmarlo), la società richiedentepresentò che i documenti in oggetto era stato presentato in una maniera indiscriminata, in unpaginated e pali di unsorted messi in diciannove gabbie di plastica (dieci di che contenne sei mila pagine ognuno, con nove altri contenendo delle quattro mila pagine ognuno). Tutti i documenti furono riempiti presumibilmente in una stanza che misura tre a quattro metri di piazza, con due sedie ed una scrivania. Nessuno installazioni di toletta o vuole dire di rinfresco fu previsto.
44. Secondo il Governo, i documenti in oggetto (42,269 pagine - e non 45,000 pagine siccome chiesto col richiedente - introdusse in 18 maggio 2004, ed un ulteriore 1,292 - e non 2,000 pagine siccome chiesto con la società di richiedente, introdusse in 20 maggio 2004) era notorio alla società di richiedente; già aveva posseduto inoltre, questi la contabilità e documenti legali prima dell'inizio dei procedimenti. I documenti rifletterono presumibilmente le relazioni fra la società richiedentee la sua rete delle entità fittizie, e l'interezza della gestione e le attività di contabilità di queste entità era stata condotta con la società richiedentedai locali del suo corpo esecutivo OOO OMISSIS-Moskva, localizzato a Mosca. Tutti i documenti furono particolareggiati nel documento del Ministero datò 17 maggio 2004 e introdusse in esecuzione dell'ordine della corte per rivelare la prova.
45. Il Governo presentò anche che gli avvocati della società richiedenteavessero potuto studiare la prova sia in corte ed ai locali del Ministero in tutto maggio, giugno e luglio 2004.
(f) sentenza di Prima istanza
46. Le udienze sui meriti della causa cominciati in 21 maggio e durò sino a 26 maggio 2004. Sembra che la società richiedenterichiese ripetutamente la corte per aggiornare i procedimenti, mentre appellandosi, fra le altre cose sulla mancanza di tempo sufficiente per studiare l'archivio di causa.
47. Il Governo presentò che il primo giorno delle udienze, 21 maggio 2004 fu dedicato Udienze e chiarendo le varie istanze portate con la società richiedenteed OOO OMISSIS-Moskva. In 24 maggio 2004, dopo Udienze le ulteriori istanze con OOO OMISSIS-Moskva, la corte procedè alla fase di prova del processo. Il Ministero delle Tasse spiegò poi la prova che aveva presentato alla corte. Durante questa fase del processo che continuò in 25 maggio 2004 i rappresentanti della società richiedenteerano in grado fare questioni, e gli imputati fecero le varie istanze. Secondo il Governo, dove la corte fondò che la società richiedentenon aveva avuto un'opportunità di fare una revisione un particolare documento che il Ministero ha desiderato assegnare a, la corte rifiutò di permettere al documento di essere entrato nel documento. In 26 maggio 2004 la società richiedentefu riconosciuta un'opportunità di spiegare la sua prova e presentare prova supplementare. La società richiedentescelse invece di rivolgere questioni al Ministero. La società richiedenteconclusa la prima istanza ascolta della causa con più di tre ore di note, mentre il Ministero limitò le sue note per riassumere riferimenti al suo proprio rapporto di ispezione di tassa, la decisione datò 14 aprile 2004 e la dichiarazione di rivendicazione.
48. Alla fine delle udienze, la Corte Urbana diede la sua sentenza in 26 maggio 2004, in che, in gran parte, giunse alle stesse sentenze ed entrò alle stesse conclusioni come nella decisione del Ministero di 14 aprile 2004. Avendo confermato le sentenze che riguarda i fatti della decisione di 14 aprile 2004 in riguardo delle relazioni ed operazioni fra le società fittizie e la società richiedentecon riferimento a pezzi diversi di prova, incluso le dichiarazioni coi proprietari nominali delle società di commercio che ammette alla vera natura delle loro relazioni con la società di richiedente, la corte ragionò poi siccome segue:
“... Sotto sezione 3 di Legge di RF n. 1992-1 del 1991 ‘di 6 dicembre Su tassa valore-aggiunta ', parte 2 di sezione 5 e sezione 4 di Legge di RF n. 1759-1 del 1991 ‘di 18 ottobre Su finanziamenti autostradali nella Federazione russa ', sottoparte c ‘' di sezione 21 di Legge di RF n. 2118-1 del 1991 ‘di 27 dicembre Sulle basi del sistema di tassa ', la vendita di beni (lavori e servizi) genera un obbligo per pagare IVA, utenti autostradali che ' tassa tassi sulla vendita di petrolio e prodotti di petrolio e tassi per il mantenimento della scorta di alloggio e mezzi socio-culturale.
Sotto parte 1 di Articolo 38 del Tassa Codice, oggetti di tassazione possono consistere della vendita di beni (lavori e servizi), i beni, tragga profitto, valore di beni venduti (lavori e servizi) o gli altri oggetti che hanno valore, quantità o caratteristiche fisiche sulla presenza della quale la legislazione di tassa basa l'obbligo per pagare tassa.
Sotto parte 1 di Articolo 39 del Tassa Codice, vendite sono definite come il trasferimento di diritti di proprietà in riguardo di beni. Sotto il subpart 1 e 2 di Articolo 209 del Codice civile (prendendo in considerazione Articolo 11 del Tassa Codice) il proprietario di beni è la persona che ha i diritti di proprietà, uso e disposizione della sua proprietà che è la persona che è concessa per eseguire alla sua propria discrezione in riguardo di questa proprietà qualsiasi azioni che non sono contro la legge e gli altri atti legali e non violano i diritti e protetto interessa di altre persone...
La corte stabilì che il proprietario del petrolio venduto sotto contratti conclusi con organizzazioni registrate in territori di basso-tassa era stato OAO OMISSIS. I convenuti gli argomenti di ' dell'illegalità dell'uso della nozione di proprietario de facto (фактический собственник) sulla base che, secondo Articolo 10 (3) ed Articolo 8 (1) parte 3 del Codice civile... là esisteva una presunzione della buon fede da parte di parti coinvolte in operazioni di civile-legge e che perciò le persone indicate come proprietari nei rispettivi contratti dovrebbero essere considerate i proprietari, è senza base, perché le organizzazioni summenzionate non acquisirono mai qualsiasi diritti di proprietà, uso e disposizione in riguardo di petrolio e prodotti di petrolio (владения di прав di поскольку, пользования нефтью di распоряжения di и и нефтепродуктами у данных организаций не возникало).
OAO NK OMISSIS era perciò sotto un obbligo per pagare [le tasse], e questo obbligo non si è stato attenuto con nel buon tempo.
Articolo 41 del Codice Fiscalestabilisce che profitto è un guadagno economico in forma valutaria o in natura che è preso in considerazione se è possibile valutarlo ed in finora come sé può essere valutato. Sotto il subparts 1 e 2 di sezione 2 di Legge di RF n. 2116-1 del 1991 ‘di 27 dicembre Su tassa di profitto di imprese ed organizzazioni ' che era poi in vigore, l'oggetto di tassazione è l'utile lordo dell'impresa, decrebbe (o aumentò) nella conformità con le disposizioni della sezione presente. L'utile lordo è il totale di uffici imposte (le ricevute) dalla vendita di prodotti (lavori e servizi), i beni principali (incluso aree di terra), l'altra proprietà che appartiene all'impresa ed il profitto derivò da operazioni altro che le vendite, meno la somma di spese in riguardo di queste operazioni. Poiché segue dall'archivio di causa che il profitto economico dalla vendita di petrolio e prodotti di petrolio è stato percepito con OAO NK OMISSIS, era in carica su [la società di richiedente] attenersi con l'obbligo per pagare tassa di profitto.
Sezione 2 di Legge di RF n. 2030-1 del 1991 ‘di 13 dicembre Su tassa di proprietà sociale ' tassa i beni principali, i beni di non-materiale, riserve e ricevute che sono indicati sul rendiconto patrimoniale del contribuente. Segue che l'obbligo per pagare tassa di proprietà era in carica sulla persona che era giuridicamente responsabile per riflettere i beni principali, i beni di non-materiale, riserve e ricevute sul suo rendiconto patrimoniale. Poiché segue dai materiali della causa che OAO NK OMISSIS era sotto tale obbligo, questo contribuente era anche sotto un obbligo per pagare tassa di proprietà.
La corte non accetta gli argomenti del convenuto che le autorità fiscali mancò il potere imporre tasse da OAO NK OMISSIS in riguardo delle somme... percepito con le altre organizzazioni. Il potere delle autorità fiscali per portare procedimenti in corti per assicurare il pagamento di tasse al bilancio in cause di contribuenti di cattivo-fede è confermato con decisione n. 138-O della Corte Costituzionale della Federazione russa, 25 luglio 2001 datato. Allo stesso tempo il mala fede di contribuente OAO NK OMISSIS ed il fatto che gli incassi da operazioni in petrolio e prodotti di petrolio furono rinviati a sé è confermato coi materiali dell'archivio di causa.
La corte ha stabilito anche che l'uso di benefici di tassa con organizzazioni che erano dipendente su OAO NK OMISSIS e parteciparono nello schema di tassa-evasione esposte su con che società era illegale.
Facendo seguito ad Articolo 56 del Tassa Codice, benefici di tassa sono riconosciuti come preferenze previste per nella legislazione di tassa per certi gruppi di contribuenti rispetto con gli altri contribuenti, incluso la possibilità di non pagare una tassa o di pagarlo ad un tasso più basso.
La corte crede che contribuenti devono usare il loro diritto a simile benefici in buon fede.
Nel frattempo, segue dai materiali della causa che i contribuenti [interessato] usato il loro diritto in mala fede.
Le entità registrarono sul territorio della Repubblica di Mordoviya (OOO Yu-Mordoviya..., OMISSIS-Mega di ZAO..., OAO Alta-Treyd..., OOO Ratmir..., OOO Marte XXII...) benefici fatti domanda governati con Legge della Repubblica di Mordoviya n. 9-Z del 1999 ‘di 9 marzo Sulle condizioni per l'uso efficiente del socio-economico potenziale della Repubblica di Mordoviya ' che espone fuori una procedura di tassazione speciale per le entità per il fine di creare le condizioni che dà beneficio per attirare capitale al territorio della Repubblica di Mordoviya, sviluppando le sicurezze introduce sul mercato, e creando lavori supplementari. Sotto sezione 2 di che legge, questa procedura di tassazione speciale fa domanda in riguardo delle entità (incluso entità estere che operano per uffici rappresentativi e permanenti stabilite nel territorio della Repubblica di Mordoviya), stabilito dopo l'entrata in vigore della legge (con l'eccezione di entità che conducono attività di leasing, banche e gli altri istituti di credito) e di chi affari soddisfa una delle condizioni seguenti: esporti operazioni, con l'importo totale di guadagni trimestrale e risultante almeno 15% dell'intero dei guadagni dell'entità; commercio all'ingrosso di combustibles e lubrificanti e gli altri generi di idrocarburi con l'importo totale di guadagno trimestrale e risultante almeno 70% dell'intero dei guadagni dell'entità; e le altre condizioni enumerarono in quel la legge. Facendo seguito a sezioni 3 e 4 della Legge, il Governo della Repubblica di Mordoviya passò decisioni sulla richiesta della procedura di tassazione speciale in riguardo delle entità menzionate e, di conseguenza, sulla richiesta delle aliquote d'imposta seguenti: al tasso di 0% in riguardo di tassa di profitto in finora come sé è accreditato ai bilanci repubblicani e locali della Repubblica di Mordoviya; al tasso di 0% su utenti autostradali ' tassa finora in come sé è accreditato allo Strada Fondo Territoriale della Repubblica di Mordoviya; ed al tasso di 0% su tassa di proprietà sociale. Inoltre, le entità summenzionate furono esentate con decisioni di governo locale da pagamento di tassa per il mantenimento della scorta di alloggio e mezzi socio-culturale.
Comunque, la procedura di tassazione speciale è offerta per [con questa legge] per i fini di creare le condizioni favorevoli per attirare capitale al territorio della Repubblica di Mordoviya, sviluppi le sicurezze introducono sul mercato e creano lavori supplementari. Le entità che usarono quelli benefici non eseguirono davvero le loro attività sul territorio di questa materia della Federazione russa, non attirarono capitale e non facilitarono il corroborante della Repubblica socio-economico potenziale, ma, sul contrario, danno di materiale inflitto per non-pagamento di tasse al bilancio della Repubblica, il bilancio locale ed il bilancio federale. Così, l'uso della tassa trae profitto in riguardo di queste entità non fu mirato a migliorando l'economia della Repubblica di Mordoviya ma intraprese lo scopo di evadere tasse sulla produzione, raffinando ed operazioni di vendite in riguardo di petrolio e prodotti di petrolio con OAO NK OMISSIS e è, come una conseguenza, illegale.
L'entità introdusse sul territorio della Repubblica di Kalmykiya (OOO Sibirskaya Transportnaya Kompaniya...) non paghi tassa di profitto, tassa di proprietà, utenti autostradali che ' tassa tassa sull'acquisizione di veicoli e le altre tasse, sotto Legge n. 12-P-3 della Repubblica di Kalmykiya del 1999 ‘di 12 marzo Su benefici di tassa ad imprese che investono nell'economia della Repubblica di Kalmykiya ' per la quale stabilisce vantaggi in riguardo di tasse ed i doveri il... contribuenti che investono nell'economia della Repubblica di Kalmykiya e sono registrati come simile imprese col Ministero di Investimento Politica della Repubblica di Kalmykiya. Inoltre, l'entità in oggetto era esente dal pagamento di tasse locali e... di tassa di profitto al bilancio consolidato.
Allo stesso tempo, segue dalla presunzione della buon fede da parte di contribuenti (le Decisioni n. 138-O della Corte Costituzionale di 25 luglio 2001, n. 4-O 10 gennaio 2002 e n. 108-O di 14 maggio 2002, Direttive del Presidium del Tribunale di commercio Supremo n. 9408/00 18 settembre 2001 datato, n. 7374/01 18 giugno 2002, n. 6294/01 5 novembre 2002 e n. 11259/02 17 dicembre 2002 e lettera n. С5-5/уп-342 del Presidente Aggiunto del Tribunale di commercio Supremo di 17 aprile 2002) che, per l'uso di vantaggi fiscali l'importo di vantaggi previde divenire legale, e la somma di investimenti rese con l'entità dovrebbe essere commisurato. Fin dagli importi di benefici dichiarati per fini di tassa con le entità summenzionate e le somme di investimento rese non è evidentemente commisurato, la richiesta dei vantaggi è illegale. La richiesta di vantaggi fiscali con l'entità determinata che migliora l'economia della Repubblica di Kalmykiya non è tirata ma intraprende lo scopo di evasione fiscale con OAO NK OMISSIS in riguardo delle operazioni di produzione, raffinando e vendite di petrolio e prodotti di petrolio e, di conseguenza, è illegale.
L'entità introdusse nella formazione territoriale amministrativa e chiusa (‘ZATO ') città di Sarov nella Nizhniy Novgorod Regione (OOO Yuksar...) concluso un accordo di tassa sulla disposizione di privilegi tributari col Sarov amministrazione municipale. L'accordare di vantaggi di soprattassa sul territorio del Sarov ZATO (Centre Nucleare e Federale) nel 2000 fu regolato con le norme di Articoli 21 e 56 del Tassa Codice, sezione 58 di Legge n. 227-FZ del 1999 ‘di 31 dicembre Sul bilancio federale per l'anno 2000 ', sezione 5 di Legge n. 3297-1 ‘Su formazioni territoriali amministrative e chiuse ' di 14 luglio 1992, Articolo 2 di Paragrafo 30 di Decreto n. 222 del Governo russo del 2000 ‘di 13 marzo Su misure per attuazione della Legge Federale ‘Sul Bilancio Federale per 2000 ' e Regolamentazioni ‘Sull'investimento suddividono in zone della città di Sarov ', approvata con una Decisione del Sarov Duma 30 dicembre 1999. L'amministrazione di Sarov conferisce vantaggi in riguardo di tasse pagabile nel bilancio di Sarov secondo l'accordo di tassa, all'entità in oggetto nella forma di una riduzione nella quota di tasse e gli altri pagamenti obbligatori al bilancio, su a 25% delle somme dovuto in IVA, tassa di proprietà, tassi sulla vendita di combustibile e lubrificanti, utenti autostradali che ' tassa tassi su proprietari di veicolo, tassi sull'acquisizione di veicoli, tassa di profitto tassi su operazioni con sicurezze ed i doveri di imposta indiretta; in cambio, l'entità si impegna partecipare in progetti di investimento (programmi) implementò nella zona di investimento di Sarov o con la sua partecipazione, mirò a sollevando ricevute di bilancio supplementari e risolvendo i problemi dello sviluppo socio-economico di Sarov con trasferendo almeno trimestrale 1% della somma dei vantaggi fiscali.
Allo stesso tempo, secondo Paragrafo 1 di sezione 5 della Legge Federale n. 3297-1 ‘Su formazioni territoriali amministrative e chiuse ' di 17 luglio 1992, benefici supplementari su tasse ed i doveri sono accordati con le autorità di governo locale appropriate ad entità registrate come contribuenti con le autorità delle formazioni territoriali amministrative e chiuse in ottemperanza con la legge summenzionata. Le entità possedendo almeno 90% dei loro capitali investiti e conducendo almeno 70% delle loro attività sui territori delle formazioni territoriali amministrative e chiuse (incluso il requisito che almeno 70% del numero medio di impiegati sul libro paga devono essere resi su di persone in oggetto che permanentemente risiedono sul territorio della formazione e che almeno 70% del lavori finanziamento di rimunerazione deve essere pagato ad impiegati in oggetto che permanentemente risiedono sul territorio della formazione) goda il diritto per ottenere i benefici in oggetto. Dato che OOO Yuksar non portò davvero fuori qualsiasi l'attività sul territorio di Sarov, non era davvero presente sul territorio di Sarov e che non c'erano nessuno beni ed installazioni di produzione necessari per l'approvvigionamento e deposito di petrolio sul territorio di Sarov, Nizhniy Novgorod Regione che l'entità determinata ha applicato illegalmente i vantaggi fiscali.
Così, l'uso di vantaggi fiscali con l'entità determinata che migliora l'economia del Sarov ZATO non è tirato ma intraprese i mirarono di evasione fiscale con OAO NK OMISSIS in riguardo del suo obbligo pagare tasse su produzione e raffinando operazioni e la vendita di petrolio e prodotti di petrolio e è, di conseguenza, illegale.
Le entità registrarono nel Trekhgornyy ZATO nella Regione di Chelyabinsk (OOO Kverkus..., OOO Muskron..., OOO Nortex..., OOO Greis... ed OOO Virtus...) accordi di tassa conclusi con l'amministrazione della città di Trekhgornyy secondo la quale le entità furono accordate vantaggi in riguardo di tassa di profitto, tassi per il mantenimento della scorta di alloggio e mezzi socio-culturale, tassa di proprietà, tassa di terra tassa sulla vendita di combustibile e lubrificanti, utenti autostradali che ' tassa tassi su utenti di veicolo, e tassi sull'acquisizione di veicoli, purché che le entità rinviarono la somma di 5% dell'importo totale di vantaggi fiscali conferita, per attuazione del programmes socio-economico della città all'amministrazione di Trekhgornyy... Ragionando dai contenuti e volendo dire degli accordi di tassa, segue che il loro fine era attuazione del socio-economico compito particolarmente importante di sviluppare l'istruttivo, medico e sfere di alloggio nel Trekhgornyy ZATO. Allo stesso tempo, le somme in oggetto le quali furono trasferite al bilancio coi contribuenti erano, molte volte abbassano che le somme dei vantaggi fiscali dichiarati (la somma di investimenti è circa 0.006% della somma dei vantaggi per ogni contribuente). Così, gli investimenti resi coi contribuenti non influenzò lo sviluppo dell'economia di Trekhgornyy. Sul contrario, poiché le organizzazioni summenzionate non facevano infatti porti fuori qualsiasi le attività, non fu localizzato mai sul territorio di Trekhgornyy, non aveva beni e nessuni degli installazioni di produzione necessario ad acquisto e petrolio di negozio sul territorio di Trekhgornyy, la richiesta di vantaggi fiscali con le organizzazioni summenzionate è contraria a parte 1 di sezione 5 di Legge di RF n. 3297-1 del 1992 ‘di 17 luglio Su formazioni territoriali amministrative e chiuse '.
Le organizzazioni registrarono nel Lesnoy ZATO nella Regione di Sverdlovsk (OOO Mitra..., OOO Vald-oyl..., OOO Bizness-oyl...) accordi di tassa conclusi sull'accordare di un privilegio tributario designato come bersaglio sotto il quale organizzazioni furono accordate la concessione in riguardo di tassa di profitto, tassa di terra, tassi sulle vendite di combustibile e lubrificanti, utenti autostradali che ' tassa, utenti di veicolo che ' tassa tassano sull'acquisizione di veicoli, tassi per il mantenimento della scorta di alloggio ed installazioni socio-culturali e tassa di proprietà, mentre le organizzazioni [in oggetto] era sotto un obbligo per trasferire a... il Lesnoy amministrazione municipale somma corrispondendo a 5% delle somme dei privilegi tributari concessi, ma nessuno meno che 6,000 rubli trimestrale, per attuazione del programmes socio-economico della città. [Comunque], gli importi ricevuti dai contribuenti sono molte volte abbassano che i totale dei vantaggi fiscali dichiarati. Di conseguenza, gli investimenti resi coi contribuenti non influenzò lo sviluppo dell'economia della città di Lesnoy perché le organizzazioni summenzionate non portarono mai fuori qualsiasi le attività sul territorio di Lesnoy, non era mai infatti localizzò sul territorio di Lesnoy e non aveva beni e nessuni degli installazioni di produzione costrinse a vendere e petrolio di negozio sul territorio di Lesnoy, [e così] la richiesta dei vantaggi fiscali in riguardo delle organizzazioni summenzionate è contraria a parte 1 di sezione 5 di Legge di RF n. 3297-1 del 1992 ‘di 17 luglio Su formazioni territoriali amministrative e chiuse '.
L'organizzazione introdusse nell'Evenk Distretto Autonomo (OOO Petrolio-Treiding) senza infatti portando fuori qualsiasi l'attività sul territorio del distretto in oggetto e senza infatti essendo localizzato sul territorio dell'Evenk Distretto Autonomo, abusò il suo diritto accordato con Legge n. 108 dell'Evenk Distretto Autonomo del 1998 ‘di 24 settembre Sulle specifiche caratteristiche del sistema di tassa nell'Evenk Distretto Autonomo '. L'organizzazione menzionata fu introdusse solamente nel distretto determinato per il fine di acquisire il diritto al privilegio tributario che potrebbe essere accordato nell'Evenk Distretto Autonomo. L'uso della tassa trae profitto con l'organizzazione in oggetto non è mirato a fortificando di economia dell'Evenk Distretto Autonomo, ma è mirato invece ad evasione fiscale con OAO NK OMISSIS in riguardo dell'estrazione e trattando operazioni e la vendita di petrolio e prodotti di petrolio e è così illegale.
Così, l'uso di privilegi tributari con le organizzazioni summenzionate che fortifica l'economia delle regioni nella quale loro furono registrati ma sono mirati ad evadendo le tasse dovuto in riguardo delle operazioni dell'estrazione e trattando operazioni e la vendita di petrolio e prodotti di petrolio con OAO NK OMISSIS e sono così illegale non è tirato. ...”
49. La sentenza di prima istanza rispose anche alle osservazioni della società di richiedente. Come riguardi l'argomento che i calcoli del Ministero erano erronei in che loro condussero a doppia imposizione e l'insuccesso per portare conto del diritto ad un risarcimento di IVA per operazioni di esportazione, la corte notò che, contrari alle dichiarazioni della società di richiedente, sia gli uffici imposte e spese delle entità fittizie erano state prese così in considerazione col Ministero come evitare doppia imposizione. In oltre, sotto Legge n. 1992-1 6 dicembre 1991 “Su tassa valore-aggiunta” per chiedere un risarcimento dell'IVA pagato durante operazioni di esportazione un contribuente doveva giustificare la rivendicazione in conformità con una procedura speciale e la società richiedenteera andata a vuoto ad o fare domanda per un risarcimento nel 2000 o a qualsiasi più tardi la data. Come all'argomento che la rivendicazione del Ministero è stata tempo-sbarrata, la corte lo confutò con riferimento ad Articolo 113 del Codice Fiscalee Decisione n. 138-O della Corte Costituzionale di 21 luglio 2001. La corte contenne che gli articoli su termini di prescrizione erano inapplicabili nella causa in questione come la società richiedenteaveva agito in mala fede. In risposta all'argomento della società che l’interdipendenza all'interno del significato di Articolo 20 del Codice Fiscaleera solamente attinente per i fini di correzione di prezzo sotto Articolo 40 del Codice, la corte osservò che l’interdipendenza delle società fittizie e la società richiedenteera una delle circostanze sulla base della quale avute le autorità fiscali provò che il reato fiscale era stato commesso con la società richiedentein mala fede.
50. Con la sentenza di 26 maggio 2004 la corte sostenne di conseguenza, la decisione di 14 aprile 2004, benché riducendo leggermente gli importi pagabili con riferimento all'insuccesso del Ministero per provare le relazioni della società richiedentecon una delle entità menzionò nella decisione di 14 aprile 2004. L'ordine della corte la società richiedenteper pagare RUB 47,989,073,311 (verso EUR 1,375,080,541) in tasse, RUB 32,190,430,314 (verso EUR 922,385,687) in interesse di mora e RUB 19,195,606,923 (verso EUR 550,031,575) in sanzioni penali, importo totale RUB 99,375,110,548 (verso EUR 2,847,497,802) ed ordinò il suo OOO sussidiario e direttivo “OMISSIS” Moskva per attenersi con questa decisione. La sentenza potrebbe essere piaciuta contro con le parti all'interno di un tempo-limite di trenta giorni.
51. Alle udienze di 21 a 26 maggio 2004 la società richiedenteed il suo assistente che maneggia fu rappresentato con otto consiglio. La copia ragionata della sentenza di 26 maggio 2004 fu prodotta e divenne disponibile alle parti in 28 maggio 2004.
(g) procedimenti di Ricorso
52. Sul 2004 OOO di 1 giugno “OMISSIS” Moskva introdusse un ricorso contro la sentenza di 26 maggio 2004.
53. Il Ministero fece ricorso contro la sentenza 2 giugno 2004.
54. 4 giugno 2004 la Ricorso Corte elencò i ricorsi di OOO “OMISSIS” Moskva ed il Ministero per essere ascoltato 18 giugno 2004.
55. 17 giugno 2004 la società richiedenteintrodusse il suo ricorso contro la sentenza di 26 maggio 2004. La breve venne a 115 pagine e contenne 41 documenti in annetta. La società si lamentò, in particolare, che il tempo per registrare un ricorso era stato compendiato illegalmente, in violazione dei suoi diritti a fiera e procedimenti di opposizione, che la sentenza di prima istanza era infondata ed illegale, che la prova nella causa era illegale, che la corte di prima istanza aveva errato in interpretazione e la richiesta del diritto nazionale, in che sé aveva mancato autorità legale a “assegni” le responsabilità di tassa di una società ad un altro, e che l'interpretazione della corte della legislazione su privilegi tributari era stata erronea. La società dibatté anche che la corte più bassa aveva valutato erroneamente la prova nella causa ed era entrata a conclusioni che riguarda i fatti ed erronee in riguardo delle relazioni fra la società richiedentee le società fittizie che in qualsiasi l'evento alcune delle operazioni delle società fittizie erano stati non correlati all'evasione fiscale allegato e che le rispettive somme non dovrebbero essere “assegnò” alla società di richiedente, ed anche che la causa sarebbe dovuta essere provata nella città di Nefteyugansk, dove la società fu introdusse.
56. Il Governo presentò che la società richiedentetentò di rimandare l'esame della causa con inviando la breve di ricorso ad un indirizzo erroneo. Secondo il richiedente, la dichiarazione sopra era non comprovata.
57. Il ricorso ascolta nella causa durata da 18 a 29 giugno 2004.
58. All'inizio dell'udienza 18 giugno 2004 la società richiedenterichiese la Ricorso Corte per aggiornare i procedimenti. La società considerò che l'udienza era stata fissata per troppo presto una data, di fronte alla scadenza del tempo-limite legale per depositare ricorsi.
59. La corte rifiutò questa richiesta come infondato.
60. Alle udienze di 21 e 28 giugno 2004 la società richiedenteintrodusse quattro supplementi al suo ricorso. La società ed il suo assistente che maneggia furono rappresentati con dieci consiglio.
61. Sotto Articolo 268 del Codice di Procedura di Tribunale di commercio la corte riesaminò pienamente la causa presentata col Ministero piuttosto che facendo una revisione semplicemente la sentenza di prima istanza.
62. Alla fine dell'udienza di 29 giugno 2004 la corte consegnò la sua sentenza nella quale giunse a sentenze estesamente simili e venne alle stesse conclusioni come la sentenza di prima istanza. La corte respinse i ricorsi della società come infondato, ma decise di alterare la sentenza di prima istanza in parte. In particolare, dichiarò le rivendicazioni del Ministero in riguardo di IVA parzialmente infondato, ridotto l'importo degli arretrati di IVA con RUB 22,939,931 (verso EUR 649,336) ed annullò la sanzione penale corrispondente di RUB 10,334,226 (verso EUR 292,520).
63. La sentenza di corte, nelle sue parti attinenti lesse siccome segue:
“... Le parti dichiararono sotto parte 5 di Articolo 268 del Codice di Procedura di Tribunali di commercio che c'era un bisogno di verificare la legalità ed i motivi della sentenza di prima istanza e sostenere un'udienza nuova della causa in pieno.
La Ricorso Corte ha controllato la legalità ed i motivi della sentenza di prima istanza facendo seguito a... Articolo 268... del Codice di Procedura di Tribunale di commercio. ...
La Ricorso Corte non accetta gli argomenti dei convenuti che concernono interpretazione erronea e la richiesta delle norme del diritto sostanziale con la corte di prima istanza e riguardo alla scorrettezza che riguarda i fatti di quel le conclusioni di corte.
[La corte seguì a fare una revisione e confermare tutte le sentenze che riguarda i fatti rese col Ministero e la prima istanza corteggia in riguardo dello schema di tassa-evasione esposto su con la società di richiedente.]
... Tenendo presente le circostanze summenzionate, la Ricorso Corte ha stabilito che il proprietario de facto del petrolio era [la società di richiedente]. L'acquisizione del petrolio ed il suo trasferimento e vendita susseguente era in realtà portata fuori con [la società di richiedente] come il proprietario che è provò col controllo di [la società di richiedente] su tutte le operazioni, ed il movimento effettivo del petrolio dalle entità che estraggono a trattando entità o installazioni di petrolio controllati con [la società di richiedente] che è provò coi materiali della causa.
...
Il [società di richiedente] proprietà del petrolio è confermata con l'interdipendenza delle parti contraenti, col controllo che [la società di richiedente] li aveva su, con la registrazione delle parti contraenti su territori con un regime di basso-tassa, con la mancanza delle attività con queste entità al loro posto di registrazione, col fatto che le operazioni di contabilità per queste entità furono eseguite con OOO OMISSIS-Invest od OOO OMISSIS-FBC, le società ufficialmente la persona a carico su [la società di richiedente], col fatto che la contabilità per queste entità fu introdusse dagli indirizzi di [la società di richiedente] ed OOO OMISSIS-Moskva, col fatto che i loro conti bancari furono aperti nelle stesse banche possedute con [la società di richiedente], con la presenza e carattere di relazioni commerciali fra [la società di richiedente] e le entità dipendenti, e con l'uso di vaglia cambiario ed offsetting reciproco fra loro.
...
Sotto la legislazione poi in vigore, come sezione 3 di Legge di RF n. 1992-1 del 1991 ‘di 6 dicembre Su tassa valore-aggiunta ', parte 2 di Sezione 5 e sezione 4 di Legge di RF n. 1759-1 del 1991 ‘di 18 ottobre Su finanziamenti autostradali nella Federazione russa ', subpart il ch di ‘' di sezione 21 di Legge di RF n. 2118-1 del 1991 ‘di 27 dicembre Sulle basi del sistema di tassa ', la vendita di beni (lavori e servizi) genera un obbligo per pagare IVA, utenti autostradali che ' tassa tassi sulla vendita di petrolio e prodotti di petrolio e la tassa per il mantenimento della scorta di alloggio e mezzi socio-culturale.
Sotto parte 1 di Articolo 39 del Tassa Codice, vendite sono definite come il trasferimento di diritti di proprietà in riguardo di beni. Sotto il subpart 1 e 2 di Articolo 209 del Codice civile (prendendo in considerazione Articolo 11 del Tassa Codice) il proprietario di beni è la persona che ha i diritti di proprietà, uso e disposizione della sua proprietà che è la persona che è concessa per eseguire alla sua propria discrezione in riguardo di questa proprietà qualsiasi azioni che non sono contro la legge e gli altri atti legali e non violano i diritti e protetto interessa di altre persone...
Segue che la persona che infatti ha i diritti di proprietà, uso e disposizione della proprietà e che, in prospettiva di questi diritti, esercizi in realtà ed alla sua discrezione in riguardo della sua proprietà qualsiasi le azioni, incluso trasferimenti di proprietà alle altre persone... è il proprietario di questa proprietà.
Perciò, OAO NK OMISSIS, mentre essendo il proprietario de facto del petrolio, era sotto un obbligo per pagare [le tasse] che non si è stato attenuto con nel buon tempo.
Siccome prima fu stabilito, Articolo 41 del Codice Fiscaleespone fuori che profitto è un guadagno economico in forma valutaria o in natura che è preso in considerazione se è possibile valutarlo ed in finora come sé può essere valutato, e deciso nella conformità coi capitoli ‘Taxes in riguardo dei profitti di persone fisiche ', ‘Taxes in riguardo dei profitti di organizzazioni ', e ‘Tasse in riguardo del capitale trae profitto ' del Codice Fiscaledella Federazione russa. Sotto il subparts 1 e 2 di sezione 2 di Legge di RF n. 2116-1 del 1991 ‘di 27 dicembre Su tassa di profitto di imprese ed organizzazioni ' che era poi in vigore, l'oggetto di tassazione è l'utile lordo dell'impresa, decrebbe (o aumentò) nella conformità con le disposizioni della sezione presente. L'utile lordo è il totale di uffici imposte (le ricevute) dalla vendita di prodotti (lavori e servizi), i beni principali (incluso pacchetti di terra), l'altra proprietà dell'impresa ed il profitto derivò da operazioni altro che le vendite, meno la somma di spese in riguardo di queste operazioni. La corte stabilì che il profitto economico dalla vendita di petrolio e prodotti di petrolio fu percepito con OAO NK OMISSIS, [e] era in carica su [la società di richiedente] attenersi con l'obbligo per pagare tassa di profitto.
Sezione 2 di Legge di RF n. 2030-1 del 1991 ‘di 13 dicembre Su tassa di proprietà sociale ' tassa i beni principali, i beni di non-materiale, riserve e ricevute che sono indicati sul rendiconto patrimoniale del contribuente. Segue che l'obbligo per pagare tassa di proprietà era in carica sulla persona che era giuridicamente responsabile per riflettere i beni principali, i beni di non-materiale, riserve e ricevute sul suo rendiconto patrimoniale. Poiché segue dai materiali dell'ispezione di tassa di su-luogo che OAO NK OMISSIS era sotto tale obbligo, questo contribuente era anche sotto un obbligo per pagare tassa di proprietà.
La Corte Costituzionale del RF nella sua decisione di 25 luglio 2001 n. 138-0 determinato che seguì dal significato della norma contenuto in parte 7 di Articolo 3 del Codice Fiscaledel RF che c'è una presunzione della buon fede da parte di contribuenti. Per confutare questo e stabilire il mala fede del contribuente le autorità fiscali hanno il diritto-per prevedere un equilibrio fra pubblico ed interessi privati-eseguire controlli necessari e portare rivendicazioni susseguenti in tribunali di commercio per garantire il pagamento di tasse al bilancio.
In prospettiva del sopra, le autorità fiscali... abbia diritto ad eseguire controlli con una prospettiva a stabilendo il proprietario de facto di proprietà venduta ed il destinatario de facto del profitto economico, ed anche con una prospettiva a stabilendo [il proprietario] il mala fede siccome espresso in uso dello schema di tassa-evasione. Allo stesso tempo, le autorità fiscali stabiliscono il proprietario de facto con riguardo ad alle relazioni effettive fra le parti all'operazione, irrispettoso di se le persone furono dichiarate come proprietari della proprietà nei documenti presentati durante le ispezioni di tassa.
Le circostanze che indicano che OAO NK OMISSIS aveva infatti i diritti di proprietà, uso e disposizione del suo petrolio e prodotti di petrolio e, alla sua discrezione, eseguì in questo collegamento qualsiasi azioni, incluso la vendita trasferimento per lavorazione, ecc. per persona a carico di organizzazioni specialmente introdusse su OAO NK OMISSIS è confermato coi materiali della causa.
...
In prospettiva del sopra, la corte non accetta gli argomenti del convenuto dell'illegalità e la mancanza di base che riguarda i fatti della decisione per imporre soprattasse da OAO NK OMISSIS come il proprietario de facto del petrolio e prodotti di petrolio.
L'argomento del convenuto che OAO NK OMISSIS non aveva percepito qualsiasi profitto economico dalla richiesta di benefici con le entità menzionate nella decisione del Ministero contraddice i materiali della causa. La corte aveva stabilito che OAO NK OMISSIS ricevette profitto economico nella forma di trasferimenti unilaterali di soldi. OAO NK OMISSIS preparò il Fondo per Appoggio Finanziario dello Sviluppo di Produzione di OAO NK OMISSIS [a questa fine].
...
L'argomento di OAO NK OMISSIS che il Ministero sta imponendo tasse in riguardo di operazioni “all'interno dello stesso proprietario” è senza sostegno, fin dai calcoli di soprattasse (a parte la tassa di proprietà in riguardo di che [questo è inapplicabile]) anche prenda in considerazione che le spese hanno connesso con l'acquisizione del petrolio e prodotti di petrolio.
La corte non accetta gli argomenti del convenuto che le autorità fiscali mancò il potere imporre tasse da OAO NK OMISSIS in riguardo delle somme... percepito con le altre organizzazioni. Il potere delle autorità fiscali per portare procedimenti in corti per assicurare il pagamento di tasse al bilancio in cause di contribuenti di cattivo-fede è confermato con decisione n. 138-O della Corte Costituzionale della Federazione russa, 25 luglio 2001 datato. Allo stesso tempo il mala fede di contribuente OAO NK OMISSIS ed il fatto che gli incassi da operazioni che comportano petrolio e prodotti di petrolio appartenute a sé sono confermati coi materiali dell'archivio di causa.
Le circostanze del... l'acquisizione e vendita del petrolio e prodotti di petrolio, prese nella loro interezza come stabilito con la Ricorso Corte, indichi la presenza di mala fede nelle azioni di OAO NK OMISSIS che fu espresso in azioni intenzionali mirate ad evasione fiscale con l'uso di schemi illegali. Nella conformità con parte 2 di Articolo 110 del Codice Fiscaledel RF il reato fiscale è considerato intenzionale se la persona che l'ha commesso conoscesse il carattere illegale delle azioni (le inazioni), li augurò o accettò di proposito la possibilità delle conseguenze dannose di simile azioni (le inazioni).
Fin da OAO NK OMISSIS azioni intenzionalmente impegnate mirarono ad evasione fiscale, ed i suoi ufficiali erano consapevoli del carattere illegale di simile azioni, desiderarono o accettarono di proposito la possibilità di conseguenze dannose a causa di simile azioni, OAO NK OMISSIS deve essere contenuto responsabile sotto parte 3 di Articolo 122 del RF Tax Codice per il non-pagamento o pagamento incompleto di tasse dovuto alla diminuzione della base tassabile o il calcolo incorretto della tassa o le altre azioni illegali (le inazioni) commise intenzionalmente, nella forma di una multa equivalente a 40% delle tasse non retribuite.
...
Avendo riesaminato la causa e verificò la legalità ed i motivi della sentenza di prima istanza in pieno, avendo esaminato la prova ed avendo ascoltato gli argomenti delle parti, la Ricorso Corte è venuta alla conclusione che la decisione del Ministero datò 14 aprile 2004... è in ottemperanza col Codice Fiscalecosì come con leggi Federali e le altre leggi su tasse...
Le rivendicazioni per pagamento di tasse, interessi sovrapprezzi e multe rese nella decisione del Ministero di 14 aprile 2004... è incagliato, legale ed inveterato coi documenti primari dei materiali dell'ispezione presentati in giustificazione alla corte. ...”
64. La sentenza di ricorso rispose anche agli altri argomenti della società di richiedente. Come riguardi le violazioni allegato di procedura e la mancanza di tempo per la preparazione della difesa per prima l'istanza, la corte notò che aveva esaminato questa dichiarazione e che non c'era stata per prima nessuna violazione di procedura istanza e che in qualsiasi l'evento, la società richiedenteaveva avuto opportunità ampie di studiare la prova si appellate su col Ministero sia ai locali del Ministero ed in corte. Come riguardi l'argomento che la prova ha usato col Ministero era inammissibile, la corte notò che i materiali della causa erano stati raccolti nella piena ottemperanza coi requisiti della legislazione nazionale. La corte si confece anche con la corte di prima istanza che il tre-anno tempo-limite legale era stato inapplicabile nella causa della società richiedentepoiché la società stava agendo in mala fede.
65. La sentenza di prima istanza, siccome sostenuto su ricorso, entrò in vigore 29 giugno 2004.
66. La società richiedenteaveva due mesi dalla data della consegna della sentenza di ricorso per impugnarlo in procedimenti di cassazione di terza istanza(l'êàññàöèÿ).
(h) procedimenti di Cassazione
67. 7 luglio 2004 la società richiedenteintrodusse un ricorso di cassazione contro le sentenze di 26 maggio e di 29 giugno 2004 col Tribunale di commercio Federale del Circuito di Mosca (“la Circuito Corte”). La breve della società richiedentevenne a 77 pagine ed aveva 6 documenti in annetta. Gli argomenti nella breve erano estesamente simili a quelli sollevati con la società richiedentesu ricorso, vale a dire che la sentenza era illegale ed infondata, che le entità menzionarono nel rapporto avrebbe dovuto prendere parte nei procedimenti, che il giudice aveva avuto prova insufficiente per concludere che la società richiedentee le altre entità furono collegate, che la prova usò col giudice era illegale, che i procedimenti di processo non erano stati adversarial e che il principio dell'uguaglianza di braccio era stato violato. In oltre, la società addusse che aveva avuto tempo insufficiente per studiare la prova e non era stato capace di contestare la prova nella causa che il Ministero aveva fatto domanda illegalmente ad una corte di fronte alla società richiedenteaveva avuto un'opportunità di attenersi volontariamente con la decisione di 14 aprile 2004, che le entità menzionarono nel rapporto avuto infatti stato eleggibile per le esenzioni dalle imposte che gli articoli che esenzione dalle imposte governante era stata interpretata erroneamente, che le rivendicazioni del Ministero erano state tempo-sbarrate, che la società aveva avuto tempo insufficiente per la preparazione del ricorso, e che la causa sarebbe dovuta essere esaminata con una corte in Nefteyugansk.
68. Una copia della versione ragionata della sentenza di ricorso di 29 giugno 2004 fu allegata alla breve.
69. Sembra che su una data non specificata il Ministero impugnò anche le sentenze di 26 maggio e 29 giugno 2004.
70. 17 settembre 2004 che la Circuito Corte ha esaminato la cassazione piace e sostenne in sostanza le sentenze di 26 maggio e 29 giugno 2004.
71. In riguardo delle dichiarazioni della società richiedentedell'iniquità nei procedimenti di ricorso, la corte notò, che ambo le società di imputato avevano avuto opportunità ampie di giovarsi a di diritto loro per portare ricorsi all'interno del tempo-limite legale, siccome la decisione di ricorso non fu impiegata sino a 29 giugno 2004 che era più di trenta giorni dopo la data di consegna della sentenza di 26 maggio 2004. Inoltre, la corte osservò che la prova presentò col Ministero ed esaminò con le corti più basse era legale ed ammissibile, e che era stato completamente disponibile alle società di imputato di fronte al principio delle udienze di processo. La corte notò anche che in 14 maggio 2004 la Corte Urbana specificamente ordinò il Ministero per rivelare tutta la prova nella causa che questo ordine si era stato attenuto con col Ministero e che, nonostante il fatto che la prova era voluminosa, la società richiedenteaveva avuto tempo sufficiente per esaminare ed impugnarlo ripetutamente in tutto i procedimenti fra maggio e luglio 2004.
72. Come riguardi l'azione di reclamo della società richiedenteche il Ministero aveva portato procedimenti di fronte alla scadenza del tempo-limite per ottemperanza volontaria con la decisione di 14 aprile 2004, la corte notò che il Ministero e corti più basse avevano agito in ottemperanza con Articolo 213 del Codice di Procedura di Tribunale di commercio, come là le differenze irreconciliabili erano fra le parti e, in tutto i procedimenti, la società richiedenteaveva avuto finanziamenti insufficienti per soddisfare le rivendicazioni del Ministero.
73. In riguardo dell'argomento della società richiedenteche la causa sarebbe dovuta essere provata con una corte in Nefteyugansk, la corte notò, che la Corte Urbana aveva avuto giurisdizione sulla causa sotto Articolo 54 del Codice civile e decisione n. 6/8 della Sessione Assoluta della Corte Suprema e Tribunale di commercio Supremo di 1 luglio 1996.
74. Sui meriti della causa, la corte notò, che le corti più basse erano giunte a conclusioni ragionate che la società richiedenteera il proprietario effettivo di ogni beni commerciò con le società fittizie registrate in aree di basso-tassa che le operazioni di queste entità erano infatti quelli della società richiedenteche né la società richiedentené le entità fittizie erano eleggibili per le esenzioni dalle imposte e che la società richiedenteaveva percepito l'interezza dei profitti risultanti. La corte sostenne il più basso corteggia la conclusione di ' che, agendo in mala fede, la società richiedentein modo appropriato era andata a vuoto a dichiarare le sue operazioni per l'anno 2000 e pagare tasse corrispondenti, incluso IVA tassa di profitto, utenti autostradali che ' tassa, tassa di proprietà la tassa per il mantenimento della scorta di alloggio e mezzi socio-culturale e tassa sulla vendita di combustibile e lubrificanti.
75. La corte notò degli errori aritmetici nella sentenza di ricorso di 29 giugno 2004, mentre aumentando la sanzione penale con RUB 1,158,254.40 (verso EUR 32,613) e riducendo l'interesse di mora con RUB 22,939,931 (verso EUR 645,917) di conseguenza.
(i) revisione Costituzionale
76. Su una data non specificata la società richiedentepresentò un reclamo contro il nazionale corteggia le decisioni di ' nella sua causa con la Corte Costituzionale. Specificamente sollevò la problema del più basso corteggia il rifiuto di ' per fare domanda il tempo-limite legale esposto fuori in Articolo 113 del Tassa Codice.
77. Con decisione di 18 gennaio 2005 la Corte Costituzionale dichiarò l'azione di reclamo inammissibile per mancanza di giurisdizione. La corte notò che la società richiedentenon faceva infatti la richiesta la costituzionalità di Articolo 113 del Codice ma piuttosto insistè che questo approvvigioni era costituzionale e dovrebbe essere fatto domanda nella sua causa. Perciò, la società richiedentenon stava lamentandosi della violazione dei suoi diritti con la disposizione summenzionata e, di conseguenza, la corte non aveva nessuna competenza per esaminare le rivendicazioni della società di richiedente.
(j) revisione Direttiva
78. 7 luglio 2004 la società richiedenteimpugnò anche simultaneamente a portando il ricorso di cassazione, le sentenze di 26 maggio e 29 giugno 2004 con modo di revisione direttiva di fronte al Tribunale di commercio Supremo della Russia.
79. 31 dicembre 2004 la causa della società richiedentefu accettata per esame col Tribunale di commercio Supremo.
80. Con una decisione di 13 gennaio 2005 il Tribunale di commercio Supremo, mentre riunendosi come una panca di tre giudici, deciso di abbandonare giurisdizione in favore del Presidium del Tribunale di commercio Supremo. Rivolgendo uno degli argomenti della società di richiedente, la corte notò che le corti più basse avevano deciso che il tre-anno tempo-sbarra legale era inapplicabile nella causa in questione poiché la società richiedentestava agendo in mala fede. Notò inoltre che tale interpretazione degli articoli che governano i tempo-limiti non era in linea con la legislazione esistente e giurisprudenza e che perciò il problema dovrebbe essere risolto col Presidium del Tribunale di commercio Supremo.
81. 19 aprile 2005 il Presidium del Tribunale di commercio Supremo si riferì il problema summenzionato alla Corte Costituzionale ed aggiornò l'esame della revisione direttiva della società richiedentefaccia appello durante una direttiva con la Corte Costituzionale.
82. Con una decisione di 14 luglio 2005 la Corte Costituzionale decise che era competente esaminare la questione della compatibilità di Articolo 113 del Codice Fiscalecon la Costituzione, dopo avendo citato la richiesta di un individuo, un G. A. Polyakova, e la raccomandazione col Tribunale di commercio Supremo. Allo stesso tempo, specificamente notò, che non aveva nessuna competenza per decidere cause individuali e la sua direttiva tratterebbe solamente con le questioni di diritto in abstracto.
83. Sembra che i problemi legali sollevarono con G. A. Polyakova e la società richiedenteera diverso. G. A. Polyakova fu scontentato con la pratica di corte stabilita che richiese le autorità fiscali, piuttosto che le corti sostenere un contribuente responsabile per un reato fiscale all'interno del tempo-limite di tre-anni espose fuori in Articolo 113 del Codice. Sui fatti della sua causa individuale, la decisione delle autorità fiscali fu presa in tempo, mentre più tardi la definitivo decisione con le corti fu presa fuori del tempo-limite specificato. Come riguardi la società di richiedente, sollevò lo stesso punto che prima era stato dichiarato inammissibile con la Corte Costituzionale nella sua decisione datò 18 gennaio 2005, vale a dire il rifiuto delle corti nella sua causa per seguire la pratica stabilita e dichiarare le rivendicazioni delle autorità tempo-sbarrate, siccome loro riferirono all'anno 2000 e furono esposti fuori nella decisione per sostenere il richiedente responsabile per un reato fiscale 14 aprile 2004, quel è, fuori del tempo-limite di tre-anno posato in giù con Articolo 113 del Codice.
84. La Corte Costituzionale sostenne Articolo 113 del Codice Fiscalecome compatibile con la Costituzione come un risultato del suo esame, avendo deciso che le disposizioni legali sui tempo-limiti legali dovrebbero essere fatte domanda in tutte le cause senza eccezione. La corte fece un astratto faccia una revisione della disposizione in oggetto e menzionò il “principi della giustizia”, “l'uguaglianza legale” e “la proporzionalità” nel dare suo proprio “interpretazione costituzionale” di Articolo 113. La corte notò che l'articolo espose fuori in Articolo 113 del Codice era troppo severo e non riuscì a prendere in considerazione le varie circostanze attinenti e le azioni di contribuenti, incluso quelli mirati ad impedendo controllo di tassa e rimandando i procedimenti. Decise inoltre quel:
“... le disposizioni di Articolo 113 del Codice Fiscaledella Federazione russa nel loro senso costituzionale e legale e nel contesto legale e presente non escluda [la possibilità] che, dove il contribuente impedisce soprintendenza di tassa e la condotta di ispezioni di tassa, la corte può scusare le autorità fiscali l'insuccesso di ' per portare i procedimenti in tempo...”
“... Nel loro senso costituzionale e legale nel contesto della regolamentazione legale e presente... [queste disposizioni] mezzo che la gestione della tempo-sbarra legale in riguardo di una persona ha perseguito per fermate di reati fiscali sulla data della produzione del rapporto di esame fiscale nella quale i fatti sostenuti dei reati fiscali rivelarono durante l'ispezione è menzionato ed in che c'è riferimento agli articoli attinenti del Codice Fiscaleo - in cause dove non c'era nessun bisogno di produrre tale rapporto - dal momento su che la rispettiva decisione dell'autorità fiscale, mentre sostenendo un contribuente responsabile per un reato fiscale, fu preso. ...”
85. Tre fuori del diciannove giudici registrarono opinioni separate in questa causa.
86. Giudice V. G. Yaroslavtsev non fu d'accordo con la maggioranza, dopo avendo notato che la Corte Costituzionale agì ultra vires e violò apertamente il principio della legalità creando un'eccezione dall'articolo espose fuori in Articolo 113 dove ci non era stato prima nessuno.
87. Giudice G. A. Gadzhiev coincise con le conclusioni della maggioranza ma avrebbe preferito annullare, piuttosto che sostenere, Articolo 113 del Codice Fiscalecome incostituzionale e violando il principio dell'uguaglianza.
88. Giudice A. L. Kononov dissentì dal maggioranza decidere, dopo avendo considerato che la Corte Costituzionale chiaramente non aveva nessuna competenza per decidere la questione e che non c'era stato davvero nessun problema costituzionale per risolvere come, fra le altre cose non c'erano state difficoltà precedenti nella richiesta di Articolo 113 del Codice Fiscaleed il contenuto di questa disposizione era stato piuttosto chiaro. Lui criticò anche il “inesplicabile” modo dove la Corte Costituzionale aveva respinto la richiesta con la società richiedenteprima ed aveva deciso poi di esaminare di nuovo la questione. Giudice Kononov notò inoltre che la decisione della Corte Costituzionale era vaga, poco chiara e generalmente discutibile.
89. La causa fu ritornata poi al Presidium del Tribunale di commercio Supremo.
90. 4 ottobre 2005 il Presidium del Tribunale di commercio Supremo esaminò e respinse il ricorso della società di richiedente. In riguardo dell'argomento della società che le rivendicazioni del Ministero sono state tempo-sbarrate, la corte notò, che durante i procedimenti di tassa la società attivamente stava impedendo le ispezioni di tassa. In prospettiva di questo e determinato la Corte Costituzionale sta decidendo, la corte concluse che fin dal rapporto di esame fiscale del Ministero nella causa del richiedente era stato completato 29 dicembre 2003, quel è, all'interno del tempo-limite di tre-anno legale siccome interpretato nella decisione della Corte Costituzionale di 14 luglio 2005, la causa non fu tempo-sbarrata.
2. Misure esecutive relative all'Accertamento tributario del 2000
91. Le parti presero anche simultaneamente con la determinazione della causa di fronte alle corti in riguardo della responsabilità di tassa della società richiedenteper l'anno 2000, parte nei vari procedimenti di esecuzione.
(a) Sequestro della proprietà del richiedente
(i) la decisione di La Corte Urbana di 15 aprile 2004
92. 15 aprile 2004 la Corte Urbana accettò per la considerazione l'azione del Ministero in riguardo dell'anno 2000 ed attaccato certo dei beni della società di richiedente, escludendo beni prodotti con la società ed operazioni in contanti e relative, come una sicurezza per le rivendicazioni. La corte emise anche ordini di esecuzione della sentenza in questo riguardo (vedere paragrafo 27). Questa decisione fu sostenuta con la Ricorso Corte 2 luglio 2004.
(ii) Esecuzione di sequestro da parte degli ufficiali giudiziari
93. Con una decisione di 16 aprile 2004 gli ufficiali giudiziari avviarono procedimenti di esecuzione in collegamento col sequestro.
94. Nello stesso giorno loro eseguirono l'ordine di sequestro con informando la società richiedenteed il possessore del suo registro sociale, ZAO ‘Mega-Reestr ', della decisione di 15 aprile 2004.
95. Secondo il Governo, la società richiedenteimpedì l'esecuzione dei documenti emessa con la corte nascondendo il suo registro sociale dagli ufficiali giudiziari. In particolare, loro addussero che ' visita alcune ore prima degli ufficiali giudiziari, la società richiedenteaveva annullato i suoi contratti con ZAO ‘Mega-Reestr '. Il registro fu inviato poi con posto ordinario ad un'ubicazione in Russia così che, sulle prossime settimane, non poteva essere trovato fisicamente, ed i documenti di esecuzione non potevano essere eseguiti.
(iii) offerta della società del 22 aprile 2004
96. 22 aprile 2004 la società richiedenteintrodusse la sua prima corte richiede di avere il sequestro dell'interezza dei suoi beni sostituito col sequestro di quote che fanno parte a sé di OAO kompaniya di neftyanaya di Sibirskaya (“la società di Sibneft”, una società di petrolio russa e notevole che inutilmente aveva tentato di unire con la società richiedentenel 2003) tanto quanto che era presumibilmente valore tre volte il poi la responsabilità. La società richiedenteaddusse anche che l'ordine di sequestro colpì avversamente il suo funzionando corretto ed invitò le autorità ad optare per misure meno intrusive, mentre insistendo sulla mancanza di qualsiasi rischio di bene-spogliarsi.
97. Con una decisione di 23 aprile 2004 la Corte Urbana esaminò e respinse questa richiesta come infondato. La corte non trovò nessuna prova che le misure provvisorie hanno colpito qualsiasi delle attività di produzione della società.
98. In 17 maggio 2004 la società richiedentefece ricorso contro la decisione di 23 aprile 2004.
99. La conseguenza di atti in riguardo del ricorso della società richiedentedi 17 maggio 2004 è poco chiara.
100. Il Governo fornì alle informazioni di fondo e seguenti in collegamento l'offerta della società di quote in Sibneft. La società richiedenteaveva tentato di unire con Sibneft a maggio-settembre 2003. Come un risultato degli stadi iniziali della fusione, la società richiedenteacquisì 92% di Sibneft: 20% di queste quote furono comprati per soldi, mentre 57.5% furono scambiati per 17.2% delle quote di recente emesse della società richiedentee 14.5% fu barattato per 8.8% della società richiedentesta esistendo quote. A novembre 2003 fu annunciato pubblicamente che, alla richiesta dei proprietari di Sibneft precedenti, le parti avevano deciso di non andare avanti con la fusione. A febbraio 2004 i proprietari di Sibneft chiamarono in giudizio la società richiedentein questo collegamento, l'annullamento esigente dell'operazione da che cosa il richiedente aveva emesso 17.2% di quote. 14 febbraio 2004 loro ottennero un ordine di sequestro in riguardo del Sibneft fra le altre cose, divide rimanendo nella proprietà della società richiedentedurante i procedimenti. 1 marzo 2004 la Corte Urbana decise di annullare il problema di 17.2% quote con la società di richiedente. Il Governo presentò che era chiaro dal conto summenzionato che 22 aprile 2004, la data sulla quale la società richiedentefece l'offerta delle quote di Sibneft prima che i proprietari di Sibneft già hanno anticipato chiamare in giudizio di nuovo la società di richiedente, questa volta esigente indietro i 57.5% delle quote di Sibneft barattarono per gli annullarono 17.2% delle quote della società di richiedente. Allo stesso tempo, il fato dei problemi rimanenti delle quote di Sibneft ancora nella proprietà della società richiedenteera anche incerto.
(iv) la richiesta della società richiedente per un'ingiunzione contro il sequestro
101. 23 aprile 2004 la Corte Urbana esaminò anche la richiesta della società richiedenteper un ordine di ingiunzione contro il sequestro e lo respinse. La corte notò che il sequestro non interferì con le operazioni di giorno-a-giorno della società ed era una misura ragionevole mirata a garantendo le rivendicazioni del Ministero.
102. 2 luglio 2004 la Ricorso Corte respinse il ricorso della società e sostenne la sentenza.
103. Non sembra che la società richiedenteportò procedimenti di cassazione in questo riguardo.
(b) Esecuzione della decisione del Ministero delle Tasse del 14 aprile 2004
104. Nel frattempo, in 7 maggio 2004 che la società richiedenteha fatto domanda alla Corte Urbana con un'azione separata contro l'accertamento tributario di 14 aprile 2004, chiedendo la sua invalidazione (vedere paragrafo 34 e 35 sopra). La società richiese anche misure provvisorie in questo collegamento.
105. In seguito alla la richiesta della società richiedenteper misure provvisorie, in 19 maggio 2004 la Corte Urbana sospese l'esecuzione della decisione del Ministero delle Tasse di 14 aprile 2004, dopo avendo notato che il Ministero avesse potuto eseguire la decisione nella parte relativo a tasse ed interessi di mora uguagli senza aspettare la conseguenza della rivendicazione del Ministero (Articolo 46 del Codice di Procedura di Tribunale di commercio). Comunque, la corte decise che è probabile che questo sia dannoso alla società richiedentee sospenderebbe di conseguenza la decisione di 14 aprile 2004.
106. Il 27 maggio 2004 la società richiedentefece un annuncio pubblico che:
“... sé [era] sotto un'ingiunzione che lo proibisce dal vendere qualsiasi della sua proprietà, incluso le quote possedute con la società. Finché l'ingiunzione è tolta, la Società non è capace di vendere i suoi beni per ottenere finanziamenti liquidi. Di conseguenza, se gli sforzi del Ministero delle Tasse continuano, è molto probabile che noi digitiamo un stato di fallimento di fronte alla fine di 2004.”
107. Sembra che la decisione della Corte Urbana di 19 maggio 2004 di sospendere l'esecuzione fu piaciuta contro col Ministero. Avendo esaminato gli argomenti del Ministero all'udienza di 23 giugno 2004, la Ricorso Corte annullò la decisione di prima istanza di 19 maggio 2004 come illegale e respinto la richiesta della società richiedenteper misure provvisorie come infondato.
108. Non sembra che la società richiedentefece ricorso contro questa decisione di fronte alla Circuito Corte.
(c) Esecuzione delle sentenze riguardo all'Accertamento tributario del 2000
(i) sentenza di Prima istanza di 26 maggio 2004 e la decisione di ricorso di 29 giugno 2004
109. Siccome menzionato sopra (divide in paragrafi 46-66), con una sentenza di 26 maggio 2004 la Corte Urbana trovata in favore del Ministero delle Tasse, mentre sostenendo l'Accertamento tributario di 14 aprile 2004. L'Accertamento tributario fu sostenuto con la Ricorso Corte con riduzioni minori e divenne esecutivo 29 giugno 2004.
110. 30 giugno 2004 la Ricorso Corte emise il documento di esecuzione in questo riguardo. La società richiedenteera pagare RUB 47,958,133,380 (verso EUR 1,358,914,565) in tasse rimposte, RUB 32,190,430,314 (verso EUR 912,129,842) in sovrapprezzi di interesse e RUB 19,185,272,697 (verso EUR 543,623,045) in sanzioni penali.
(ii) procedimenti di Esecuzione in riguardo del documento di 30 giugno 2004
111. 30 giugno 2004 gli ufficiali giudiziari avviarono procedimenti di esecuzione basati sulla sentenza sopra e diedero la società richiedentecinque giorni per pagare. La società richiedentefu informata che sarebbe responsabile per pagare parcelle di esecuzione di 7%, importo totale RUB 6,953,375,547 (verso EUR 197,026,920), nell'evento di insuccesso per onorare volontariamente il debito. Sulla richiesta del Ministero, gli ufficiali giudiziari emisero sedici congelamento di ordini che i soldi ha contenuto con la società richiedentenei suoi conti bancari russi. Gli ordini non concernerono soldi aggiunto ai conti dopo 30 giugno 2004.
(iii) la richiesta di La società richiedentealla decisione di 30 giugno 2004
112. 7 luglio 2004 la società richiedenteimpugnò gli ufficiali giudiziari la decisione di ' di 30 giugno 2004.
113. Dibatté che la decisione di aprire procedimenti di esecuzione era stata illegale come sé era in violazione degli articoli di ufficiali giudiziari ' la competenza territoriale come l'esecuzione sarebbe dovuto succedere in Nefteyugansk e non a Mosca che il termine di cinque-giorno per ottemperanza volontaria con le decisioni di corte era stato troppo breve e che gli ordini soldi-gelato avevano fatto simile ottemperanza impossibile.
114. Il 30 luglio 2004 la Corte Urbana esaminò e respinse queste rivendicazioni come infondato. La corte decise che gli ufficiali giudiziari avevano agito legalmente e che gli ordini soldi-gelato non interferirono con la sua capacità o l'incapacità per onorare i suoi debiti, siccome la società richiedenteera stata gratis per disporre di qualsiasi non incassa nei conti congelati e qualsiasi soldi aggiunse a quelli conti dopo 30 giugno 2004.
115. Non sembra che la società portò procedimenti di ricorso contro questa sentenza.
(d) la Confisca di 24 società consociate e procedimenti relativi
116. Nel frattempo, 1 luglio 2004 che gli ufficiali giudiziari hanno deciso di prendere 24 società consociate che appartengono alla società di richiedente.
117. Il richiedente fece appello contro la decisione in corte.
118. Con una sentenza di prima istanza di 17 settembre 2004 il ricorso fu respinto come infondato. La sentenza fu prodotta 20 settembre 2004.
119. Il richiedente non fece appello contro la sentenza di fronte alla Ricorso Corte, sebbene portò gli ulteriori procedimenti di ricorso di fronte alla Circuito Corte.
120. 2 febbraio 2005 la sentenza fu sostenuta con la Circuito Corte.
(e) la proposta della società richiedente di 5 luglio 2004 e procedimenti relativi
121. Oltre ai tentativi sopra di sospendere l'esecuzione delle sentenze riguardo all'Accertamento tributario del 2000, la società di richiedente, con una lettera 2 luglio datò e introdusse 5 luglio 2004, suggerì agli ufficiali giudiziari per la seconda volta che rimborsa i suoi debiti con usando presumibilmente 34.5% della scorta di Sibneft valore più di 4 miliardo dollari di Stati Uniti (“USD”, o dell'EUR 3.3 miliardo), citando la sua struttura verticalmente integrata come una possibile ragione per cercare di trovare la soluzione intrusiva così come il bisogno di onorare i suoi debiti contrattuali.
122. Il Governo fornì alle informazioni di fondo e seguenti in collegamento la seconda offerta del richiedente delle quote di Sibneft (vedere paragrafo 121 sopra). I proprietari di Sibneft già avevano ottenuto una sentenza di corte nel loro favore con la Corte Urbana 1 marzo 2004 a questo punto, ordinando che la società richiedente restituire i 57.5% delle quote di Sibneft, barattò per gli annullarono 17.2% delle quote della società richiedentee 6 luglio 2004, quel è, nel giorno dopo la seconda offerta del richiedente loro avevano registrato, corte chiede prima esigendo il ritorno di 14.5% delle quote scambiato per 8.8% della società richiedente sta esistendo quote. In oltre, con una decisione di 6 luglio 2004 i proprietari di Sibneft avevano ottenuto un ordine di sequestro in riguardo del Sibneft divide in oggetto.
123. 14 luglio 2004 la società richiedente introdusse un'azione contro gli ufficiali giudiziari su conto del loro insuccesso allegato per rispondere all'offerta della società di 5 luglio 2004.
124. 17 agosto 2004 la Corte Urbana respinse questa azione, dopo avendo notato che l'insuccesso per rispondere era legale ed all'interno della sfera degli ufficiali giudiziari la discrezione di '. La corte stabilì che alcuni dei passi si impegnati con la società richiedente durante la fusione senza successo con la società di Sibneft erano stati contestati in un set diverso di procedimenti come illegale. In oltre, la proprietà della società richiedente delle quote di Sibneft era stata contestata con terze parti in due set diversi di procedimenti. Sulla base di queste sentenze, la corte concluse, che l'ufficiale giudiziario non aveva violato la legge con ignorando l'offerta della società.
125. Non sembra che la società richiedente fece ricorso contro la sentenza.
(f) avviso Predefinito di 5 luglio 2004
126. 5 luglio 2004 la società richiedente ricevette un avviso predefinito da prestatori di syndicated, un gruppo di banche internazionali che prima avevano prestato la società USD 1 miliardo (EUR 821,894,430). I prestatori considerarono che una contumacia era accaduta come un risultato del recente e bene-pubblicati eventi in riguardo della società richiedente ed il loro impatto effettivo o potenziale sugli affari della società richiedente ed i beni. L'avviso affermò che come un risultato dell'avviso predefinito i prestiti erano dovuti e pagabili su richiesta.
(g) il ricorso di cassazione dellaa società di 7 luglio 2004 e l'istanza per sospendere l'esecuzione
127. Come esponga fuori sopra (paragrafo 67), 7 luglio 2004 la società richiedente introdusse un ricorso di cassazione contro le sentenze di corte sull'Accertamento tributario del 2000 ed allo stesso tempo si mosse sospendere i procedimenti di esecuzione. Dibatté che i suoi beni erano estremamente preziosi, ma che aveva soldi insufficienti per immediatamente onorare i debiti e che il sequestro dei beni rese qualsiasi accordo volontario impossibile. La società richiedente dibatté anche che esecuzione delle sentenze di corte nella causa avrebbe danneggiato irreparabilmente i suoi affari, fin da un'inversione dell'esecuzione sarebbe impossibile.
128. Con una decisione di 16 luglio 2004 la Ricorso Corte fu d'accordo a considerare il ricorso di cassazione e, avendo esaminato l'istanza per sospendere l'esecuzione, lo respinse come non comprovato ed infondato, siccome le circostanze assegnarono a con la società richiedent eera irrilevante sotto il diritto nazionale. La corte notò che sarebbe stato possibile invertire l'esecuzione, poiché il querelante era la Tesoreria.
129. Questa decisione fu sostenuta con la Circuito Corte 4 agosto 2004.
(h) 7% parcella di esecuzione
130. Con una decisione di 9 luglio 2004 gli ufficiali giudiziari imposero una parcella di esecuzione di 7% in riguardo dell'inosservanza della società richiedente coi documenti di esecuzione di 30 giugno 2004 (vedere paragrafo 110 sopra). La società richiedenteera pagare RUB 6,848,291,175.45 (verso EUR 190,481,640)
131. 19 luglio 2004 la società richiedente impugnò questa decisione in corte.
132. Con una decisione di 3 agosto 2004 la Corte Urbana esaminò l'azione della società richiedente ed annullò la decisione di 9 luglio 2004 come sproporzionato ed ingiustificato. La corte decise che la parcella di esecuzione potrebbe essere imposta solamente se il convenuto avesse agito in mala fede e fondò che gli ufficiali giudiziari non erano riusciti ad esaminare questa questione. La corte notò anche che 7% erano il possibile tasso più alto e che gli ufficiali giudiziari che la decisione di ' è andata a vuoto a spiegare perché la parcella non potesse essere più bassa. Fra le altre cose, la corte si riferì a sezione 3 di Corte Costituzionale che Decide n. 13-P 30 luglio 2001.
133. Seguendo un ricorso col Ministero, 27 agosto 2004 la Ricorso Corte annullò la decisione di 3 agosto 2004 come erroneo e sostenuto che gli ufficiali giudiziari le azioni di ' erano state legali ed allineato. La corte notò che la società richiedente era andata a vuoto a dimostrare che aveva preso qualsiasi passi per soddisfare le responsabilità. Notò inoltre che i soldi nei conti della società richiedente fu congelato solamente nei certi importi specificati e che, sopra quegli importi, la società era gratis per funzionare come al solito. Come alla proposta della società la corte notò offrire le quote di Sibneft come pagamento, che questo non poteva essere accettato, perché i diritti di proprietà della società richiedente in riguardo di queste quote erano stati messi in dubbio con una terza parte in un set parallelo di procedimenti. In oltre, la corte notò che la società richiedente era andata a vuoto ad usare una via di ricorso prevista in Articolo 324 del Procedura Codice Commerciale.
134. La Circuito Corte sostenne la decisione di ricorso 6 dicembre 2004.
(i) debito Complessivo in riguardo di 2000
135. In generale, la società richiedente fu ordinata per pagare in riguardo di 2000, RUB 99,333,836,391 (verso EUR 2,814,667,452)
(j) la proposta di La società richiedente di 13 luglio 2004 e procedimenti relativi
136. 13 luglio 2004 la società richiedenteripetè di nuovo la sua offerta di 34.5% delle quote di Sibneft agli ufficiali giudiziari. Nel prossimo giorno l'offerta fu corretta per includere solamente 20% delle quote di Sibneft. Le corti nazionali alle tre istanze analizzarono questa offerta in dettaglio nelle loro decisioni di 6, 18 agosto e 25 ottobre 2004 (vedere divide in paragrafi 139-146 sotto).
(k) la Confisca di quote in OMISSIS
(i) Decisione di 14 luglio 2004
137. 14 luglio 2004 gli ufficiali giudiziari presero le quote di OAO Yuganskneftegas, uno degli assistenti di produzione principali della società di richiedente. La decisione si riferì all'incapacità della società richiedente per soddisfare le sue responsabilità. Il sequestro non colpì la capacità della società richiedente di maneggiare OMISSIS, ma piuttosto impedì alla società di vendendo o ingombrare quelle quote.
(l'ii) la richiesta di La società richiedentealla decisione di 14 luglio 2004
138. La società richiedente fece ricorso contro questa decisione in corte. Con riferimento a sezione 59 dell'Atto dei Procedimenti dell'Esecuzione, dibatté, che gli ufficiali giudiziari dovrebbero chiedere in primo luogo beni che non furono comportati nell'elaborazione di produzione, in secondo luogo quelli beni e gli altri valori che non furono riferiti all'elaborazione di produzione e, in terzo luogo, oggetti immobili, materia prima e gli altri beni principali relativo alla produzione vanno in bicicletta. In oltre, la società richiedente si riferì a Decidendo n. 4 del Tribunale di commercio Supremo ed Assoluto “Su certe questioni che sorgono fuori della confisca ed azioni di esecuzione in riguardo di quote sociali”, 3 marzo 1999 datato che suggerì in riguardo di quelle società che erano state privatizzate con lo Stato come parti di più grandi gruppi di partecipazione azionaria per il trasferimento di blocchi di controllare di quote che il ciclo di produzione della rispettiva unità di produzione dovrebbe essere preservato tanto quanto possibile. La società affermò inoltre che la direttiva sopra era applicabile alla causa in questione, che OAO Yuganskneftegas era un'unità di produzione notevole e che gli ufficiali giudiziari avevano prodotto nessuna prova che i beni e beni e gli altri valori non hanno comportato nell'elaborazione di produzione sia insufficiente. In oltre, reiterò la sua offerta delle quote in Sibneft.
(l'iii) procedimenti di Prima istanza
139. 6 agosto 2004 la Corte Urbana esaminò e accolse la richiesta della società richiedente di questa confisca.
140. All'Udienze il Ministero ed ufficiali giudiziari si riferiscano a sezioni 9 (5) e 51 (1-4) dell'Atto dei Procedimenti dell'Esecuzione e Decreto Statale n. 934 “Sulla confisca delle sicurezze” di 12 agosto 1998. Loro dibatterono che, sotto il diritto nazionale applicabile, la confisca prima dovrebbe essere resa in riguardo del movimento di cassa e poi, sotto sezione 46 (5) degli Esecuzione Procedimenti, sarebbe aperto agli ufficiali giudiziari per valutare e prendere i beni che dipendono dalla loro liquidità. Loro contraddissero gli argomenti della società richiedente con dicendo che i riferimenti secondi erano nulli in che loro riferirono all'altro stadio di procedimenti di esecuzione (la raccolta di debito e non la confisca come simile). Inoltre, loro dibatterono che Decidendo n. 4 del Plenum del Tribunale di commercio Supremo erano inapplicabili poiché, nella causa di Yuganskneftegas, lo Stato aveva trasferito solamente 38% delle quote e non un blocco di controllare. Con riguardo ad all'offerta della scorta di Sibneft, il Ministero ed ufficiali giudiziari dibatterono, che i diritti della società richiedente in riguardo di queste quote erano stati contestati in set separati di atti ed era perciò rischioso per accettarli come un pagamento. Infine, loro informarono la corte che la società richiedente aveva nascosto recentemente i registri di azionista dei suoi tre assistenti di maggiore, OAO Yuganskneftegas, OAO Samaraneftegas ed OAO Tomskneft che, nella loro prospettiva, dimostrò il rischio di possibile bene-spogliamento con la società di richiedente.
141. Avendo esaminato le parti le osservazioni di ', la corte sostenne gli argomenti della società di richiedente. Notò che i riferimenti della società richiedente al diritto nazionale applicabile avevano ragione. Con riguardo ad all'argomento di blocco di non-controllare, la corte notò, che al tempo di trasferimento delle quote, 25% di quote furono privilegiati, e non-votando. Per il rimanere 75% della scorta di votazione, i 38% trasferiti con lo Stato costituirono il blocco di controllare. Come riguardi l'offerta di quote in Sibneft, la corte notò che la quantità esatta delle quote contestate era poco chiara e che gli ufficiali giudiziari dovrebbero scoprire le cifre esatte e che loro dovrebbero considerare le quote incontestate come un possibile vuole dire di accordo parziale. La corte concluse che la decisione di 14 luglio 2004 era illegale e l'annullò.
(iv) procedimenti di Ricorso
142. 9 agosto 2004 il Ministero impugnò la decisione di 6 agosto 2004 su ricorso.
143. 18 agosto 2004 la Ricorso Corte annullò la decisione, mentre trovando che la corte di prima istanza aveva errato sia in legge e fatto. In particolare, la corte confermò che era su agli ufficiali giudiziari per scegliere le più liquidità e sbarazzarsi di loro con una prospettiva ad onorando il debito enorme della società di richiedente. Notò anche che Decidendo n. 4 del Tribunale di commercio Supremo ed Assoluto erano inapplicabili alla causa in problema, come la società richiedente negli anni che seguono la sua privatizzazione, aveva ristrutturato il suo portafoglio di azioni iniziale in OMISSIS nel 1999 in tale maniera come prendere quelle quote fuori della sfera dell'eccezione previde con Decidendo n. 4.
(v) procedimenti di Cassazione
144. Seguendo un ricorso con la società di richiedente, 25 ottobre 2004 la Circuito Corte sostenne la decisione di 18 agosto 2004.
145. I tentativi della società richiedente di portare procedimenti di revisione direttivi contro questa decisione si dimostrarono senza successi.
146. La rispettiva azione di reclamo fu respinta con una decisione del Tribunale di commercio Supremo datò 17 dicembre 2004.
(l) la Confisca di quote di OAO Tomskneft-VNK ed OAO Samaraneftegaz
147. 14 luglio 2004 gli ufficiali giudiziari presero anche le quote di OAO Tomskneft-VNK ed OAO Samaraneftegas, le due altre unità di produzione principali della società richiedenteoltre a prendendo le quote di OMISSIS.
148. L'azione di reclamo della società richiedente contro la confisca di OAO Tomskneft-VNK si dimostrò senza successo.
149. La Corte Urbana respinse la sua azione di reclamo come infondato 13 agosto 2004.
150. La società richiedente non contestò che sentenza di fronte alla Ricorso Corte.
151. 5 novembre 2004 la Circuito Corte respinse il ricorso di cassazione della società richiedente in riguardo della sentenza di 13 agosto 2004. La corte notò che la confisca fu intesa di proteggere le rivendicazioni del creditore e che non c'era indicazione che la confisca impedì il ciclo di produzione o altrimenti disturbò il normale funzionando della società.
152. La società si lamentò anche inutilmente della confisca delle sue quote in OAO Samaraneftegaz.
153. La Corte Urbana, mentre comportandosi come una corte di prima istanza, respinse il ricorso 2 settembre 2004.
154. La società richiedente andò a vuoto a fare appello la sentenza di fronte alla Ricorso Corte, benché sebbene intraprese procedimenti di cassazione.
155. 18 gennaio 2005 la Circuito Corte sostenne la sentenza.
(m) la richiesta della società richiedente al Ministero delle Finanze datata 16 luglio 2004
156. 16 luglio 2004 la società richiedente scrisse una lettera al Ministero di Finanza, mentre facendo domanda per tregua o pagamento in rate in riguardo delle somme dovuto. Sembra che questa lettera rimase senza risposta. Il Governo presentò che il Ministero di Finanza non aveva avuto qualsiasi autorità per rispondere alla richiesta, come il problema di tregua e pagamento in rata posi all'interno della competenza delle corti.
157. 12 agosto 2004 la Corte Urbana esaminò la richiesta della società richiedente per re-pagare l'assegnazione di Accertamento tributario del 2000 in rate e lo respinse come infondato. La corte notò, fra le altre cose che il debito di imposta era stato il risultato di evasione fiscale intenzionale con la società richiedente e che la condotta del debitore in corte e durante i procedimenti di esecuzione dimostrati che non intese di pagare volontariamente i debiti.
158. Non sembra che la società richiedenteportò qualsiasi procedimenti di ricorso in riguardo di questa sentenza.
(n) l'offerta della società richiedente del 9 agosto 2004
159. Il 9 agosto 2004 la società richiedente offrì il 20% gioco gli ufficiali giudiziari in Sibneft e quote in quindici altre società consociate come un accordo per i suoi debiti, richiedendo che gli ufficiali giudiziari rispondono entro un giorno.
160. Sembra che gli ufficiali giudiziari risposero all'offerta della società 9 settembre 2004. Non sembra che la società portò qualsiasi atti in riguardo di quel la risposta.
(o) la risposta del Ministero del 22 settembre 2004
161. Sembra che il22 settembre 2004 il Ministero rispose a quattro delle lettere della società richiedente dell'accordo del debito, mentre respinge le offerte.
162. Non sembra che la società portò qualsiasi atti separati in questo riguardo.
(p) l'annuncio della società richiedente a riguardo delle quote in Sibneft
163. L’ 8 ottobre 2004 la società richiedente annunciò che si sarebbe attenuto con la sentenza della Corte Urbana di 1 marzo 2004 che aveva annullato il problema di quote supplementari nella società richiedente usato per il fine di acquisire Sibneft. La società di richiedente, mentre agendo in ottemperanza con l'ordine della corte, istruì il cancelliere a restituire il suo 57.5% gioco in Sibneft ai suoi proprietari precedenti.
B. Procedimenti a riguardo della responsabilità fiscale della società richiedente per l'anno 2001
1. Accertamento tributario 2001
(un) Procedimenti di fronte al Ministero
164. 23 marzo 2004 il Ministero delle Tasse cominciò ispezione di tassa in riguardo delle attività della società richiedente nel 2001. L'ispezione terminò 30 giugno 2004 e 5 luglio 2004 che il Ministero ha notificato il rapporto risultante sulla società di richiedente.
165. Con una decisione di 2 settembre 2004 il Ministero emise un accertamento tributario per l'anno 2001 sulla base del rapporto summenzionato, (“l'Accertamento tributario del 2001”), trovando la società responsabile per essenzialmente avere usato la stessa disposizione di tassa come di anno precedente. L'Accertamento tributario 2001 si appellò su un similmente serie ampia di prova come l'Accertamento tributario 2000, incluso la prova documentaria e dichiarazioni particolareggiate di quelli coinvolte nella proprietà nominale e correndo delle società di commercio. Questa volta la società richiedentedoveva pagare RUB 50,759,436,900 (verso EUR 1,424,746,313) in arretrati di tassa, RUB 28,520,204,254 (verso EUR 800,522,195) in interesse di mora e RUB 40,607,549,520 in sanzioni penali (verso EUR 1,139,797,051). Poiché la società richiedente era stata trovata recentemente colpevole di un reato simile, la sanzione penale fu raddoppiata.
(b) la richiesta della società richiedente per un'ingiunzione di corte
166. 14 settembre 2004 la società richiedente depositò un ricorso contro la decisione di 2 settembre 2004 e richiese un'ingiunzione contro l'esecuzione immediata di questa decisione.
167. 5 ottobre 2004 la Corte Urbana rifiutò la richiesta per un'ingiunzione e 13 ottobre 2004 emise documenti di esecuzione in riguardo della decisione del Ministero di 2 settembre 2004. La corte si riferì ad Informazioni Lettera n. 83 del Tribunale di commercio Supremo di 13 agosto 2004 che raccomandato che richieste per misure provvisorie in simile situazioni siano accordate solamente se un richiedente potesse dimostrare della sicurezza per le rivendicazioni future di un creditore. La corte notò che, al giorno d'oggi la causa, la società richiedente chiaramente aveva soldi insufficienti per soddisfare le rivendicazioni del creditore, e non era riuscito a produrre qualsiasi la sicurezza, e respinse di conseguenza le rivendicazioni.
168. La sentenza di 5 ottobre 2004 fu sostenuta con la Ricorso Corte 3 dicembre 2004 e con la Circuito Corte 29 marzo 2005.
2. Misure esecutive relative all'Accertamento tributario del 2001
(a) Esecuzione di soprattasse e sovrapprezzi di interesse
169. Siccome l'Accertamento tributario del 2001 era simile all'Accertamento tributario del 2000, il Ministero decise di eseguirlo direttamente nella parte relativo a soprattasse e sovrapprezzi di interesse, senza portare la questione alle corti. La società richiedente doveva pagare gli importi dovuto in 4 settembre 2004.
170. 9 settembre 2004 gli ufficiali giudiziari avviarono procedimenti di esecuzione in collegamento con la decisione di 2 settembre 2004. La società era pagare RUB 50,759,436,900 (verso EUR 1,424,746,313) in arretrati di tassa e RUB 28,520,204,254 (verso EUR 800,522,195) in interesse di mora.
171. Sembra che l'Accertamento tributario del 2001, nella parte relativo a soprattasse e sovrapprezzi di interesse fu sostenuto con la Corte Urbana 11 ottobre 2004. La sentenza di 11 ottobre 2004 fu sostenuta su ricorso 16 febbraio 2005. La Circuito Corte sostenne le decisioni delle corti più basse 9 dicembre 2005.
172. La richiesta della società richiedente per un'ingiunzione pendente quelli procedimenti erano senza successi. La Corte Urbana lo respinse nella sua sentenza di 5 ottobre 2004. Il rifiuto fu sostenuto con la Ricorso Corte 3 dicembre 2004 e con la Circuito Corte 29 marzo 2005.
(b) Esecuzione di sanzioni penali
173. Il 3 settembre 2004 il Ministero fece domanda alla Corte Urbana per recuperare le sanzioni penali che sorgono dall'Accertamento tributario del 2001. .
174. Sembra che 11 ottobre 2004 l'azione fu esaminata ed accordò con la Corte Urbana. La sentenza nella causa fu prodotta 15 ottobre 2004.
175. Secondo la società di richiedente, il suo ricorso contro la sentenza di 11 ottobre 2004 fu respinto con la Ricorso Corte 18 novembre 2004. Sembra che la Circuito Corte sostenne queste due decisioni 15 novembre 2005.
176. Il 19 novembre 2004 gli ufficiali giudiziari avviarono procedimenti di esecuzione in riguardo dell'Accertamento tributario 2001 nella parte relativo a sanzioni penali. La società era pagare RUB 40,607,549,520 in sanzioni penali (verso EUR 1,139,797,051).
(c) 7% parcella di esecuzione a riguardo di soprattasse e sovrapprezzi di interesse
177. 20 settembre 2004 gli ufficiali giudiziari decisero di imporre una 7% parcella di esecuzione in riguardo dell'insuccesso della società richiedente per attenersi all'Accertamento tributario del 2001 nella parte relativo a tasse ed interessare sovrapprezzi. La società richiedente era pagare RUB 5,549,574,880.78 (verso EUR 155,693,193).
178. La decisione fu notificata sulla società richiedente1 ottobre 2004.
179. 29 ottobre 2004 la Corte Urbana esaminò e respinse la richiesta alla decisione di 20 settembre 2004 come infondato.
180. Sembra che la società intraprese procedimenti di ricorso.
181. 1 dicembre 2004 la società fece ricorso nella cassazione contro la sentenza di 29 ottobre 2004.
182. Il ricorso fu respinto con la Circuito Corte 3 marzo 2005.
(d) 7% parcella di esecuzione in riguardo di sanzioni penali
183. 9 dicembre 2004 l'ufficiale giudiziario decise di imporre una 7% parcella di esecuzione in riguardo l'insuccesso della società richiedenteper attenersi all'Accertamento tributario del 2001 nella parte relativo a sanzioni penali. La società era pagare una 7% parcella di esecuzione di RUB 7,102,488,295 o verso EUR 190,077,377.
184. 23 dicembre 2004 la società impugnò questa decisione in corte.
185. 3 febbraio 2005 la Corte Urbana respinse l'azione.
186. La società richiedente andò a vuoto a fare appello la sentenza di 3 febbraio 2005.
187. La Circuito Corte sostenne la sentenza di 3 febbraio 2005 16 giugno 2005.
(e) debito Complessivo in riguardo di 2001
188. In generale, la società richiedente fu ordinata per pagare in riguardo di 2001 RUB 132,539,253,849.78 (verso EUR 3,710,836,129).
C. Procedimenti a riguardo della responsabilità di tassa della società richiedente per l'anno 2002
1. Accertamento tributario 2002
189. 29 ottobre 2004 il Ministero produsse un rendiconto di certificazione in riguardo delle attività della società richiedente per l'anno 2002. Il rapporto fu ricevuto con la società 1 novembre 2004.
190. 16 novembre 2004 il Ministero prese una decisione di imporre le ulteriori responsabilità di tassa, questo riguardo di momento di entrata dell'anno 2002 (“l'Accertamento tributario del 2002”). La società richiedente era pagare RUB 90,286,552,485 (verso EUR 2,425,825,387) in tasse, RUB 31,485,110,355.58 (verso EUR 845,944,140) in interesse di mora e RUB 72,040,907,796 (verso EUR 1,935,600,133) in sanzioni penali.
191. La decisione stabilì l'uso dello stesso schema di tassa-evasione (in riguardo di tassa di profitto, Metta nel tino, tassa di proprietà sociale ed utenti autostradali ' tassa) come nelle decisioni riguardo agli anni 2000 e 2001. Menzionò che la società aveva eseguito le sue attività per OOO Ratmir, OOO Alta-Treid, OMISSIS-Mega di ZAO, OOO Yu-Mordoviya, OOO Ratibor, treyding di Petrolio di OOO, OOO Evoyl, OOO Fargoyl la maggior parte di che era usato anche con la società richiedentenegli anni precedenti. Le entità in oggetto, agendo che in violazione di Articolo 575 del Codice civile che proibisce concessioni e regali fra funzionando indipendentemente le entità commerciali, aveva trasferito unilateralmente l'interezza dei loro profitti ad un finanziamento posseduto e controllato con la società di richiedente. La decisione menzionò che i trasferimenti erano stati riflessi erroneamente nella contabilità finanziaria della società richiedente e che la società era andata a vuoto a spiegare l'origine di questi finanziamenti e non era riuscita a prendere queste somme in considerazione per fini di tassa. Di conseguenza, la società richiedente era andata a vuoto a pagare tasse in riguardo di questi importi.
192. La decisione si riferì a molti altri errori nelle dichiarazioni di tassa della società di richiedente. In particolare, la tassa in riguardo delle operazioni di sicurezze della società fu calcolata erroneamente, c'erano molti errori generali nella contabilità finanziaria della società, e c'erano degli errori nella richiesta della società per rimborso dell'IVA su operazioni di esportazione (e.g. su un'occasione la società non riuscita a presentare le vendite richieste contrae; menzionò anche uno contraente ma ricevette i soldi sulla base di un contratto diverso; su delle occasioni la società andò a vuoto a presentare documenti che provano la formalità doganale, somme erroneamente calcolate ed indicate e commise errori multipli in IVA esporti documenti). C'erano inoltre errori multipli in deduzioni di tassa in riguardo di IVA interna.
193. La decisione stabilì anche che la società richiedentea veva usato le entità fittizie per abbassare le sue tasse di gruppo che le entità e gli assistenti della società erano entrati in operazioni con prezzi ridotto che su delle occasioni la società aveva dichiarato il petrolio estratto come “l'idrocarburo liquido” per abbassare anche inoltre il prezzo applicabile, che non c'erano operazioni in contanti fra le entità ed assistenti e che il proprio vaglia cambiario della società ed offsetting reciproci erano usati invece e che l'intero esporre-su che non aveva fine economico altro che l'evasione fiscale, aveva dato luogo ad evasione fiscale massiccia con la società di richiedente. La decisione notò anche che uso di privilegi tributari nella Repubblica di Mordoviya e l'Evenk Distretto Autonomo con le entità fittizie era stato illegale, perché loro non erano riusciti a qualificare per le esenzioni ed anche perché loro erano state società fittizie. La decisione fu dettagliata in riguardo della composizione e tutte le attività delle entità fittizie: il Ministero analizzò l'interezza del loro mese di attività con mese.
194. La società richiedente aveva finché 17 novembre 2004 per soddisfare volontariamente i debiti.
2. Misure esecutive relative all'Accertamento tributario del 2002
(a) Esecuzione di soprattasse, interessi sovrapprezzi e sanzioni penali
195. Con una decisione del 2004 ufficiali giudiziari di 18 novembre proceduta finora ad esecuzione della decisione di 16 novembre 2004 in come sé riferita a soprattasse e sovrapprezzi di interesse.
196. La Corte Urbana si unì ai procedimenti coi quali la società richiedente tentò di contestare la decisione di 16 novembre 2004 e 23 dicembre 2004 esaminò e, nella più parte, respinse i ricorsi della società richiedente contro la decisione di 16 novembre 2004. La corte dichiarata le conclusioni del Ministero parzialmente infondato e ridotto la responsabilità di tassa della società con RUB 325,628,742 (verso EUR 8,752,543), i suoi pagamenti di interesse di mora con RUB 98,515,758 (verso EUR 2,647,995) e la sanzione penale con RUB 851,419,688 (verso EUR 22,885,227). La corte ordinò anche che il richiedente pagasse la sanzione penale in oggetto.
197. Questa decisione fu sostenuta con la Ricorso Corte su 5 marzo 2005 ed il Circuito di Corte il 30 giugno 2005.
198. 28 dicembre 2004 la società richiedente fece ricorso anche contro la decisione del Ministero in riguardo dell'anno 2002, in finora come sé aveva ordinato che i debiti di imposta e pagamenti di interesse di mora siano raccolti direttamente.
199. Sembra che 7 febbraio 2005 la Corte Urbana esaminò e respinse la rivendicazione come infondato. La sentenza fu sostenuta su ricorso 4 aprile 2005. La Circuito Corte sostenne le decisioni delle corti più basse 15 giugno 2005.
(b) 7% parcella di esecuzione in riguardo di soprattasse e sovrapprezzi di interesse
200. 9 dicembre 2004 gli ufficiali giudiziari decisero di imporre volontariamente una 7% parcella di esecuzione in riguardo dell'inosservanza della società richiedentecon l'Accertamento tributario del 2002 nella parte relativo a soprattasse ed interessi di sovrapprezzo.
201. 23 dicembre 2004 la società fece ricorso contro questa decisione in corte, mentre chiedendo inizialmente che la decisione era stata illegale e chiedendo a ridurre la parcella a 1%. La società ritirò poi la sua rivendicazione nella parte relativo alla riduzione della parcella.
202. 10 febbraio 2005 la sentenza di Corte Urbana respinse il ricorso.
203. Non sembra che la società portò qualsiasi procedimenti di fronte alla Ricorso Corte in riguardo della sentenza.
204. Il ricorso di cassazione della società richiedente fu esaminato e respinto dal Circuito Corte 16 giugno 2005.
(c) debito Complessivo a riguardo del 2002
205. In generale in riguardo dell'anno 2002 (escludendo la 7% parcella di esecuzione), la società richiedente fu ordinata per pagare RUB 192,537,006,448.58 (verso EUR 4,344,549,434).
(d) rapporto di informazioni Scritte comunicate da ZAO PricewaterhouseCoopers Revisione alla gestione della società richiedente a riguardo dell'anno 2002
206. Nelle loro osservazioni di 15 aprile 2005 il Governo presentò una copia di un rapporto comunicata alla gestione della società richiedente con la sua revisore dei conti ZAO PricewaterhouseCoopers Audit. La società richiedente non fece commenti sui contenuti del rapporto.
207. In contrasto a “ordinario” rendiconti di certificazione che furono resi pubblico che il rapporto di informazioni interno è stato prodotto esclusivamente per la gestione della società di richiedente.
208. Il rapporto specificamente notò che la società richiedente“Fondo per Appoggio Finanziario dello Sviluppo di Produzione di OAO Neftyanaya Kompaniya OMISSIS” era in violazione del diritto nazionale in che la legislazione attinente respinse trasferimenti unilaterali e regali fra le entità commerciali. Notò anche che la politica di contabilità della società richiedentein riguardo delle operazioni che coinvolgono vaglia bancario era stato incompatibile con la legislazione vigente e purché una prospettiva distorta delle attività della società.
209. In oltre, 15 giugno 2007 il revisore dei conti della società di richiedente, ZAO PricewaterhouseCoopers Revisione disconobbe le sue certificazioni di revisione in riguardo dei rendiconti gestionali della società richiedente per gli anni 1995-2004 su conto dei tentativi intenzionali della società richiedente di celare il suo schema di tassa-evasione, così come il suo insuccesso per rivelare tutti i documenti attinenti durante le rispettive ispezioni condusse coi revisori dei conti della società al tempo.
D. Procedimenti a riguardo della responsabilità fiscale della società richiedente per l'anno 2003
1. Accertamento tributario 2003
210. 28 ottobre 2004 il Ministero delle Tasse cominciò un'ispezione di tassa in riguardo dell'anno 2003 che diede luogo ad un rendiconto di certificazione che è stato datato 19 novembre 2004 e notificò sulla società richiedente neòòa stessa data.
211. Con una decisione di 6 dicembre 2004 il Ministero impose le responsabilità di tassa per l'anno 2003 sulla base del rapporto, (“l'Accertamento tributario del 2003”), consistendo che di, RUB 86,228,187,852 (verso EUR 2,327,114,103) in tasse, RUB 15,235,930,657.66 (verso EUR 411,185,136) in interesse di mora e RUB 68,939,326,976.40 (verso EUR 1,860,524,778) in sanzioni penali.
212. La decisione stabilì che la società era colpevole di avere evaso tasse (in particolare, Metta nel tino, tassa di profitto e tassa pubblicitaria) con usando la stessa disposizione come negli anni precedenti. La decisione menzionò le entità seguenti o registrate nella Repubblica di Mordoviya o l'Evenk Distretto Autonomo: OOO Yu-Mordoviya, OMISSIS-Mega di ZAO, OOO Alta-Treyd, OOO Ratmir, OOO Energotreyd, OOO Makro-Treyd, OOO Fargoyl, ed OOO Evoyl. Si addusse che le entità erano fittizie e che loro avevano fatto trasferimenti unilaterali alla società di richiedente, in violazione di Articolo 575 del Codice civile che la società richiedente era andata a vuoto a riflettere gli importi trasferiti come i suoi profitti a conto per loro e pagare tasse in questo collegamento e che la società aveva usato prezzi chini per evitare il pagamento di tasse. La decisione conteneva un'analisi particolareggiata delle entità fittizie le operazioni contraente-per-contraente .
213. La decisione menzionò anche che alcune delle spese della società richiedente furono dedotti ingiustificabilmente dal reddito imponibile della società che la società è andata a vuoto a conto per alcune delle sue operazioni con vaglia cambiario che c'erano degli errori nel calcolo dell'IVA dovuto con la società e che la società aveva evaso pagamento di reclamizzare tassa a Mosca.
214. La società richiedente aveva un giorno per attenersi con la decisione che è fino a 7 dicembre 2004.
2. Misura esecutiva relativa all'Accertamento tributario del 2003
(a) Esecuzione di soprattasse, interessi sovrapprezzi e sanzioni penali
215. 9 dicembre 2004 gli ufficiali giudiziari proceduti finora ad esecuzione della decisione di 6 dicembre 2004 in come sé riferirono a tasse ed interessano sovrapprezzi.
216. Sembra che la Corte Urbana si unì ai procedimenti coi quali la società richiedente tentò di contestare la decisione di 9 dicembre 2004 e 28 aprile 2005 esaminò la richiesta della società. In riguardo della richiesta della società ricalcolare automaticamente l'esportazione IVA su operazioni condusse con le entità fittizie nel corso di questi procedimenti, la corte notò la richiesta era non comprovata ed anche depositò fuori termini. In particolare, la società era andata a vuoto a presentare una rivendicazione corretta con calcoli mensili e prova che i beni in oggetto era stato esportato davvero. La corte rivolse anche l'argomento della società richiedente che Articolo 75 (3) del Codice Fiscalele autorità ostacolarono dall'imporre i sovrapprezzi di interesse. Notò che la disposizione in oggetto solamente fece domanda a cause in che il risuoli ragione per l'incapacità del contribuente per pagare debiti di imposta era la confisca dei suoi beni e finanziamenti di soldi. Sui fatti, la società richiedente era incapace per pagare perché aveva finanziamenti insufficienti e non perché i suoi beni si furono gelati. La corte concluse che l'argomento della società richiedenteera infondato. La corte ridusse anche l'importo di soprattasse per essere pagata per RUBre 86,221,835,476.37 (EUR 2,399,884,085) e l'importo di multe per RUB 68,918,264,491 (EUR 1,918,259,397). L'importo di sovrapprezzi di interesse fu ridotto di conseguenza. La cifra esatta dell'interesse maggiora il prezzo di essere pagata col richiedente è poco chiaro.
217. La sentenza fu sostenuta su ricorso 16 agosto 2005.
218. La società richiedente fece ricorso sulla cassazione.
219. 5 dicembre 2005 la Circuito Corte sostenne le decisioni delle corti più basse.
220. Gli ufficiali giudiziari avviarono procedimenti di esecuzione in riguardo del pagamento di multe 4 ottobre 2005.
(b) 7% parcella di esecuzione
221. Il 17 marzo 2006 gli ufficiali giudiziari decisero di imporre volontariamente una 7% parcella di esecuzione in riguardo dell'inosservanza della società richiedentecon l'Accertamento tributario del 2003. La società richiedenteera pagare RUB 7,102,488,296 (EUR 211,872,906) in riguardo del non retribuito tasse rimposero ed interessano sovrapprezzi e RUB 4,824,278,304 (EUR 143,912,080) in riguardo delle multe non retribuite.
(c) debito Complessivo a riguardo dell'anno 2003
222. In generale, in riguardo di 2003 (escludendo la 7% parcella di esecuzione e l'interesse maggiora il prezzo di, l'importo esatto di che è poco chiaro) la società richiedente fu ordinata per pagare RUB 155,140,099,967.37 (verso EUR 4,318,143,482).
E. Vendita forzata all'asta di OMISSIS
223. Il 20 luglio 2004 il Ministero della Giustizia annunciò la valutazione imminente e vendita di OMISSIS come una parte delle sue procedure di esecuzione in corso.
224. 22 luglio 2004 la società richiedentea nnunciò quel:
“... la gestione di società [è] facendo attualmente ogni sforzo di sollevare finanziamenti supplementari per rimborsare, al più presto possibile la responsabilità di tassa e finanziare operazioni correnti. Comunque, se quelli sforzi dovessero dimostrarsi senza successi e Yuganskneftegaz [sia] venduto, al giorno d'oggi le circostanze, la gestione della Società sarebbe obbligata per annunciare il fallimento della più grande società di petrolio di Russia.”
1. Rapporto di valutazione di 17 settembre 2004
225. 17 settembre 2004 la valutazione commissionata con gli ufficiali giudiziari ed il Ministero della Giustizia da Dresdner Kleinwort Wasserstein, il ramo di investimento di Banca di Dresdner AG (lavorando in Russia come ZAO Dresdner deposita denaro), per i fini dei procedimenti di esecuzione, valutò che 100% di quote in OAO Yuganskneftegas valevano fra USD 15.7 e 18.3 miliardo (fra EUR 15.2 e 17.7 miliardo), escludendo il pendente e le responsabilità di tassa probabili di questa entità.
226. Il rapporto valutò 100% del prezzo di OMISSIS come un'entità separata e, avendo dedotto i suoi obblighi corrispondenti, calcolò il costo delle sue quote, sulla base della quale sarebbe possibile calcolare il prezzo di una quota in OMISSIS.
227. Specificamente fu menzionato nel rapporto che la valutazione non era un'opinione riguardo al prezzo raggiungibile nell'evento della vendita di OMISSIS o qualsiasi genere di raccomandazione riguardo all'offerta iniziale della vendita all'asta nell'evento della vendita di Yuganskneftegaz del Ministero della Giustizia o qualsiasi l'altra istituzione Statale, o qualsiasi raccomandazione che concerne le particolari azioni per essere impegnatosi col Ministero della Giustizia con una prospettiva ad imponendo il giudizialmente deciso o valutò importo del debito di imposta della società di richiedente.
228. Fra i rischi di base che colpiscono il prezzo di OMISSIS, il rapporto menzionò, la tassa chiede, la validità di licenze di estrazione di petrolio, prezzi di petrolio futuri le quote di esportazione ecc. Il rapporto menzionò anche che il prezzo di OMISSIS come una parte della società richiedente potesse essere sostanzialmente diverso dal prezzo di OMISSIS come un'entità separata. Il rapporto menzionò anche le varie valutazioni di OMISSIS rese con terze parti, incluso istituzioni di investimento e banche e variando da USD 9 a 22 miliardo (fra EUR 7.4 a 18.1 miliardo). Menzionò anche che, a causa della taglia di OMISSIS, acquirenti non molto sarebbero finanziariamente capaci di acquisirlo.
229. La valutazione (fra USD 15.7 e 18.3 miliardo o EUR 15.2 e 17.7 miliardo) non prenda conto di rivendicazioni di tassa già pendenti e probabili contro OMISSIS. Se e quando depositò, queste rivendicazioni possono “sostanzialmente l'influenza la valutazione” dell'equità di OMISSIS. Le rivendicazioni già annunciarono (come su che data) era USD 951.3 milione.
230. Nell'eseguire la valutazione, il rapporto usò il seguente tre metodi: il metodo di flussi in contanti e scontati, un metodo basò sull'analisi di operazioni comparabili, ed un metodo basò sull'analisi di società pubblicamente-sostenute e comparabili.
231. Il rapporto anche specificamente notò quel:
“... la decisione riguardo all'offerta iniziale della vendita all'asta è un tattico e dovrebbe prevedere un equilibrio fra il desiderio di giungere al prezzo più alto sulla mano del una, ed il bisogno di attirare il numero di massimo di acquirenti potenziali sull'altro. È molto probabile che l'offerta iniziale sia diverso dalla valutazione del prezzo, a causa di questo.”
2. Servizio del rapporto di valutazione sulla società richiedente13 ottobre 2004
232. Una copia del rapporto di valutazione fu notificata sulla società richiedente13 ottobre 2004.
233. Non sembra che la società richiedentecontestò le valutazioni del rapporto riportano di fronte alle corti.
234. 21 ottobre 2004 gli ufficiali giudiziari confermarono al Ministero che loro avevano raccolto 79,584,690,127 RUB (verso EUR 2,183,447,331).
3. La replica della società richiedente del 4 novembre 2004
235. 4 novembre 2004 la società richiedente rispose al rapporto di valutazione. Non fu d'accordo con la decisione di valutare e vendere OMISSIS, ed avrebbe preferito vendere i suoi altri beni prima. La società richiedente informò gli ufficiali giudiziari che già aveva onorato una parte notevole del debito (riferendosi solamente apparentemente alla sua responsabilità di tassa per l'anno 2000) e che la somma rimanente era USD 2.5 miliardo (circa EUR 2 miliardo). La società chiese che sarebbe più ragionevole togliere la confisca e lasciarlo si sbarazzi dei suoi beni minori per onorare il debito rimanente.
236. Come riguarda OAO Yuganskneftegas, la società si riferì a valutazioni indipendenti con JP Morgan PLC, mentre valutando l'assistente a “nessuno meno che USD 14 miliardo (dell'EUR 11 miliardo)” e “fra USD 16.1 miliardo (EUR 12.6 miliardo) ed USD 22.1 miliardo (EUR 17.378 miliardo), incluso le responsabilità di tassa” rispettivamente.
237. La lettera menzionò che il Ministero aveva portato tassa chiede contro OAO l'importo totale di Yuganskneftegaz USD 2.903 miliardo.
4. La decisione degli ufficiali giudiziari del 18 novembre 2004
238. 18 novembre 2004 gli ufficiali giudiziari notarono che il debito della società richiedente al Ministero su che data era RUB 204,902,386,620 (verso EUR 5,506,781,584 o USD 7,147,250,717). Si essendo riferito a sezioni 4, 46 (6), 54 (2) e 88 dell'Atto dei Procedimenti dell'Esecuzione, gli ufficiali giudiziari decisero di vendere 76.79% delle quote in OAO Yuganskneftegas ad una vendita all'asta che avrebbe luogo 19 dicembre 2004. Il minimo prezzo di offerta pubblicato per 76.79% delle quote in OAO Yuganskneftegas era RUB 246,753,447,303.18 (verso USD 8.65 miliardo o EUR 6.63 miliardo).
239. La vendita fu affidata al Fondo russo di Proprietà Federale (“il Proprietà Fondo”), una Istituzione Statale e specializzata incaricata di organizzare le vendite di proprietà federale e la proprietà di quelli che avevano debiti verso lo Stato.
240. Sulla stessa data, il Proprietà Fondo emise una regolamentazione che espone fuori i parametri ed articoli che governerebbero la vendita all'asta, incluso il numero di quote per essere venduto (43 quote ordinarie che rappresentano 76.79% della capitale di OMISSIS), il prezzo iniziale (RUB 248.6 miliardo o dell'USD 8.85 miliardo), la data e posto della vendita all'asta (19 dicembre 2004), i requisiti di eleggibilità per dichiaranti (la vendita all'asta era aperta a tutti i dichiaranti di prospettiva, incluso individui esteri e persone giuridiche) che incluso un deposito in contanti di RUB 49.4 miliardo (USD 1.7 miliardo, o 20% del prezzo iniziale), essere pagato nessuno più tardi che il giorno prima della vendita all'asta.
5. Azione della corte contro la decisione del 18 novembre 2004
241. La decisione di 18 novembre 2004 fu impugnata in corte 26 novembre 2004.
242. Sembra che 3 dicembre 2004 la Corte Urbana respinse il ricorso contro la decisione di 18 novembre 2004.
243. In 21 gennaio e 3 maggio 2005 che sentenza fu sostenuta su ricorso e nella cassazione rispettivamente.
244. La società richiedente dibatté che il rapporto di valutazione era andato a vuoto a dare una valutazione di mercato del bene e che la decisione di 18 novembre 2004 andò a vuoto a menzionare un specifico prezzo per OMISSIS. In risposta, le corti notarono, che 43 ordinario e 13 quote privilegiate in OMISSIS erano state sequestrate con gli ufficiali giudiziari nella soddisfazione della responsabilità della società richiedente che le quote erano state valutate con ZAO Dresdner Banca e che la società richiedente era stata informata di tutti gli ufficiali giudiziari le azioni di ' nel corso dei procedimenti di esecuzione. Loro notarono anche che la confisca di quote in OMISSIS prima era stata dichiarata legale, che la società richiedente in modo appropriato era stata notificata di tutti i passi presi con gli ufficiali giudiziari nel corso dei procedimenti di esecuzione e potrebbe portare atti contro loro, che la valutazione di ZAO Dresdner Banca non era stata contestata col richiedente in conformità con la procedura speciale prevista per con la legislazione vigente, e che gli ufficiali giudiziari in modo appropriato avevano indicato l'importo del debito della società richiedente ed avevano richiesto il Fondo per vendere l'importo di quote necessario soddisfare il debito.
6. Annuncio della vendita di OMISSIS
245. Nel frattempo, il russo Gazette, un giornale Statale ed ufficiale pubblicò un annuncio della vendita di 76.79% di quote in OMISSIS ad un'asta pubblica organizzata col Proprietà Fondo 19 novembre 2004. Le due condizioni sole per partecipare nella vendita all'asta erano registrare una richiesta fra 19 novembre e 18 dicembre 2004 e fare un pagamento di deposito.
246. Sul 2004 OOO Gazpromneft di 10 dicembre, Citofono di ZAO ed OAO First si Avventurano, Società introdusse le richieste con l'Antimonopoly Service Federale e così si fu aspettata di offrire alla vendita all'asta.
247. I media riportarono che OAO Gazprom, una filiale principale di OOO Gazpromneft aveva cominciato a negoziare una disposizione di finanziamento con un consorzio di banche internazionali per finanziare la sua offerta alla vendita all'asta. Fu riportato anche che un numero di società non-russe, come ENI la Modanatura a zig-zag Texaco, Cina Società per azioni di Petrolio Nazionale ed E.ON, aveva espresso interesse nel partecipare nella vendita all'asta.
248. 17 dicembre 2004 gli ufficiali giudiziari notarono che il debito consolidato della società richiedente in questa data, riguardo ad essere aveva anche all'Accertamento tributario del 2001, era RUB 344,222,156,424.22 (EUR 9,210,844,560.93, o USD 12,365,545,256.86).
7. La richiesta della società richiedente per fallimento negli Stati Uniti d’ America e la sua richiesta sgravio ingiuntivo
(a) Introduzione di ricorso di fallimento e richiesta per lo sgravio ingiuntivo
249. 14 dicembre 2004 la società richiedente introdusse un ricorso volontario sotto Capitolo 11 del Fallimento Americano Programma nel Tribunale fallimentare Americano per il Distretto Meridionale di Texas, Divisione di Houston (“il Tribunale fallimentare Americano”).
250. Simultaneamente, la società richiedente introdusse una richiesta per sgravio ingiuntivo, facendo seguito a sezione 105 del Fallimento Americano Programmi in ordine, fra le altre cose eseguire la sospensione automatica esposta fuori in sezione 362 (un) del Fallimento Codice comandando le certe parti dal partecipare nella Vendita all'asta di Yuganskneftegaz. La richiesta specificamente fu diretta contro “... imputati la Federazione russa, OOO Gazpromneft, Citofono di ZAO OAO First Arrischiano Società, ABN Amro, BNP Paribas, Calyon, Banca di Deutsche, JP Morgan e Dresdner Kleinwort Wasserstein....”
(b) Sfera di sospensione automatica
251. Sotto legge Americana, una sospensione automatica andò in effetto immediato quando la società richiedente introdusse per fallimento. La sospensione automatica proteggè i beni della società impedendo ai creditori del raccogliere rivendicazioni che sono sorte prima del fallimento che registra o dal prendere “la proprietà” o “controlli” della proprietà della società richiedentecoperta sotto l'archiviazione.
(c) ordine provvisorio di protezione del 16 dicembre 2004
252. Il 16 dicembre 2004, avendo esaminato la richiesta della società di richiedente, il Tribunale fallimentare Americano emise un ordine che contiene provvisorio che sbarra le certe specifiche entità dal prendere qualsiasi azioni riguardo alle quote in OMISSIS, incluso partecipazione nella vendita all'asta. Fra le altre cose, Giudice Letitia Z. Clark affermò il seguente:
“... La corte è attenta del bisogno per riguardo alla determinazione giudiziale di un'altra giurisdizione. Questo è... dell'importanza eccezionale quando coinvolge che di agenzie di un altro stato supremo. Comunque, nella causa presente, il [società di richiedente] ha fatto un'esposizione che ha bisogno di un tempo supplementare e breve sostenere il suo azionista incontrando elencò per il 20 dicembre 2004 e può eleggere registrare per fallimento sotto legge russa per procedere con una rettifica più ordinata dei suoi beni e debiti in conformità con legge russa o continuare a chiedere l'arbitrato internazionale....”
253. Le entità menzionate nell'ordine erano (un) le tre società registrarono offrire alla Vendita all'asta, incluso OOO Gazpromneft Citofono di ZAO ed OAO First Arrischiano Società, (b) sei istituti di credito occidentali che avevano annunciato la loro intenzione di procurare l'offerta di OOO Gazpromneft alla vendita all'asta (ABN Amro, BNP Paribas, Calyon, Banca di Deutsche, JP Morgan e Dresdner Kleinwort Wasserstein) e (il c) quelle persone in concerto attivo o partecipazione con loro.
(d) Conseguenza dei procedimenti fallimentari negli Stati Uniti
254. 24 febbraio 2005 il Tribunale fallimentare Americano respinse il ricorso della società richiedente per fallimento con riferimento a sezione 1112 (b) di Fallimento Codice Americano che diede la discrezione di corte per archiviare una causa “nel più buon interesse dei creditori e l'appezzamento di terreno.”
255. La corte notò che la maggior parte dei beni della società richiedente erano petrolio e gassano all'interno della Russia, così che la capacità della corte di eseguire una re-organizzazione senza la cooperazione del governo russo era estremamente limitata, che la società richiedente chiese di sostituire legge Americana in posto del russi, diritto internazionale di and/or di Convenzione europeo che la società richiedente aveva cominciato procedimenti nell'altro fora, incluso la Corte europea di Diritti umani, e la corte non sentì che fu qualificato unicamente o più in grado che questi altri fora per considerare i problemi presentati. Infine, la corte notò che la maggioranza enorme degli affari e le attività finanziarie della società richiedente continuò ad accadere in Russia e che la società richiedente era uno dei più grandi produttori di prodotti di petrolio in Russia. La corte contenne che “la taglia puro e semplice di [la società di richiedente] ed il suo impatto sull'interezza dell'economia russa pesa pesantemente in favore di concedere decisione in un foro nel quale è assicurata partecipazione del governo russo.”
8. Vendita all'asta del 19 dicembre 2004
256. 19 dicembre 2004 il Proprietà Fondo vendè all'asta 76.79% delle quote in OMISSIS. Sembra che reporter di media erano in grado frequentare la vendita all'asta.
257. C'erano due partecipanti nella vendita all'asta, OOO Baykalfinansgrup ed OOO Gazpromneft. OOO Baykalfinansgrup, il dichiarante solo nella vendita all'asta fece due offerte, prima di USD 8.65 miliardo e poi di RUB 260,753,447,303.18 (USD 9.4 miliardo o EUR 7.05 miliardo). Sembra che mentre prendendo parte nella vendita all'asta OOO Gazpromneft fu ostacolato dall'offrire con l'ingiunzione di 16 dicembre 2004 (vedere paragrafo 253 sopra).
9. Le decisioni e i rapporti riguardo al risultato della vendita all'asta
258. Il 21 dicembre 2004 il Ministero della Giustizia emise un rapporto che accetta che il Proprietà Fondo in modo appropriato aveva eseguito i servizi dovuto sotto il contratto di 18 novembre 2004.
259. 21 dicembre 2004 il Proprietà Fondo riportò pubblicamente la vendita delle quote in OMISSIS.
260. 31 dicembre 2004 gli ufficiali giudiziari emisero una decisione che conferma i risultati della vendita all'asta. La decisione affermò che OOO Baykalfinansgrup aveva vinto la vendita all'asta per 43 quote in OMISSIS (76.79% della sua scorta) per RUB 260,753,447,303.18 (verso EUR 6,896,341,940 o USD 9,396,960,842). Col tempo che decisione fu emessa, i soldi già era stato trasferito agli ufficiali giudiziari.
10. Rilevamento di OOO Baykalfinansgrup di OAO Rosneft
261. Secondo rapporti di stampa di 31 dicembre 2004, OAO Rosneft, una società di petrolio Statale OOO Baykalfinansgrup acquisito e così prese controllo di OAO Yuganskneftegas.
262. Nei suoi rendiconti gestionali 2003-2005 consolidati, il 2005,OAO Rosneft di 15 maggio datato dichiarò,:
“... A dicembre fine 2004 [OAO Rosneft] acquisito un 100% interessano in [OOO Baykalfinansgrup] che alcuni giorni più primo aveva vinto una vendita all'asta per la vendita di un 76.79% interessi in [OMISSIS] di che rappresenta 100% delle quote comuni [OMISSIS]. ...”
11. Atti nel collegamento con la vendita all'asta
263. Sembra che in 26 maggio 2005 la società richiedente introdusse un'azione nella Corte Urbana contro il Proprietà Fondo, OOO Baykalfinansgrup, OAO Rosneft, OOO Gazpromneft, OAO Gazprom ed il Ministero della Giustizia, cercando di annullare il vendere all'asta di 43 quote in OAO Yuganskneftegas e l'atto di vendita. Chiese anche danni in eccesso di RUB 324 miliardo.
264. L'azione fu esaminata e respinse con la Corte Urbana 28 febbraio 2007. La corte decise che sia il Ministero della Giustizia e la Proprietà aveva agito all'interno dei loro poteri legali coi quali la procedura di vendita all'asta si era stata attenuta pienamente e che la dichiarazione della società richiedente dei partecipanti di vendita all'asta che agiscono in concerto era stata senza sostegno con qualsiasi la prova.
265. La sentenza fu sostenuta con la Ricorso Corte in 30 maggio e con la Circuito Corte 12 ottobre 2007.
266. 27 gennaio 2005 la società richiedente iniziò anche procedimenti paralleli contro OAO Rosneft, OOO Baykalfinansgrup Banca di Deutsche AG, Banca di Deutsche AG Londra, Banca di Deutsche S.A. di Lussemburgo, Deutsche Banca Società fiduciaria Americas e la Federazione russa di fronte al Tribunale fallimentare Americano per violazione della sospensione automatica.
267. La società richiedente ritirò volontariamente i procedimenti interi 28 marzo 2005, dopo che il suo ricorso di fallimento fu respinto col Tribunale fallimentare Americano.
F. Procedimenti fallimentari
268. Non sembra che qualsiasi misure di esecuzione presero posto in riguardo della società richiedente dopo l'avere venduto all'asta di OMISSIS sino a settembre 2005.
269. 8 settembre 2005 un consorzio di banche estere rappresentato con la banca francese Société Générale (“le banche”) introdusse una richiesta con la Corte Urbana per riconoscimento ed esecuzione di una sentenza di Corte Alta inglese che ordina la società richiedente per re-pagare il debito contrattuale di USD 482 milione (circa EUR 385 milione), essendo il risultato di che la contumacia della società richiedente sotto un USD 1 miliardo accordo di prestito, datò 24 settembre 2003.
270. 22 settembre 2005, ' richiede alle banche, gli ufficiali giudiziari allegarono di nuovo la proprietà della società di richiedente.
271. Ad ottobre 2005 la società richiedente impugnò questo ordine.
272. 30 novembre 2005 la Corte Urbana respinse il ricorso come infondato.
273. La sentenza di prima istanza fu sostenuta con la Ricorso Corte e con la Circuito Corte in 27 febbraio e 12 maggio 2006 rispettivamente.
274. 28 settembre 2005, la Corte Urbana accolse nel frattempo, riconoscimento ed esecuzione della sentenza di Corte Alta inglese.
275. 5 dicembre 2005 la Circuito Corte accordò il ricorso di cassazione della società richiedenteed annullò la sentenza di 28 settembre 2005. Rinviò la causa per un'udienza nuova.
276. 21 dicembre 2005, avendo riesaminato la causa, la Corte Urbana accolse le banche le rivendicazioni di '.
277. 25 gennaio 2006 la società richiedente fece ricorso contro la sentenza di 21 dicembre 2005.
278. 2 marzo 2006 la Circuito Corte respinse il ricorso.
279. Sembra che 13 dicembre 2005 le banche giunsero ad un accordo con la società di Rosneft per vendere al secondo il debito della società richiedente alle banche.
280. 6 marzo 2006 le banche depositarono un ricorso con la Corte Urbana per dichiarare la società richiedente in bancarotta.
281. Sul 2006 procedimenti fallimentari di 9 marzo fu iniziato contro la società richiedentesulle banche il ricorso di '. Sembra che il Ministero decise di ancora congiungere i procedimenti come uno dei creditori di fallimento in riguardo di debiti di imposta rimanenti delle 2000-2003 Tassa Valutazioni dovette con la società di richiedente.
282. 14 marzo 2006 le banche notificarono la Corte Urbana della decisione per vendere i debiti dovuti con la società richiedente a Rosneft.
283. 29 marzo 2006 la Corte Urbana sostituì Rosneft nel posto delle banche come un creditore di fallimento. Con la stessa decisione la corte impose un ordine di soprintendenza sulla società richiedente e nominò il Sig. Eduard Rebgun come il ricevitore provvisorio della società di richiedente. Proibì anche la gestione della società dal disporre di qualsiasi del suo proprietà eccedere 30 milione RUB nel valore.
284. 6 e 7 aprile 2006 la società richiedente fece ricorso contro la decisione di 29 marzo 2006 su tutti i tre punti.
285. 27 aprile 2006 la Ricorso Corte respinse i ricorsi.
286. 21 giugno 2006 la società richiedente fece ricorso contro il più basso corteggia le decisioni di ' alla Circuito Corte. La conseguenza di questi procedimenti è poco chiara.
287. 21 aprile 2006 il Ministero presentò una rivendicazione alla Corte Urbana, mentre cercando di essere incluso nel ruolo dei creditori della società richiedente per l'importo di 353,766,625,235.66 RUB (verso EUR 10,435,809,153), insieme a 2,118 pagine della documentazione. La rivendicazione fu basata sulla responsabilità di tassa rimposta della società per l'anno 2004.
288. A giugno 2006 la Corte Urbana fece un numero di direttive riguardo alla formazione del ruolo di creditori. In particolare, 1 e 7 giugno 2006 la Corte Urbana sostenne udienze sulla rivendicazione. 14 giugno 2006 la definitivo udienza della rivendicazione fu contenuta. La corte accolse le rivendicazioni nella sua interezza e respinse la richiesta per sospensione.
289. 21 giugno 2006 la Corte Urbana consegnò una piena versione della sentenza di 14 giugno 2006. Decise di includere il Ministero nel ruolo dei creditori della società richiedente per l'importo chiese e rifiutò di sospendere i procedimenti.
290. 3 e 6 luglio la società richiedente fece ricorso contro la sentenza di 14 giugno 2006 riguardo alle rivendicazioni concesse.
291. 4, 7 e 11 agosto 2006 la Ricorso Corte ascoltò gli argomenti della società di richiedente.
292. Sulla data seconda la Ricorso Corte respinse il ricorso della società di richiedente.
293. Sembra che 18 agosto 2006 la Ricorso Corte consegnò una piena versione della decisione di ricorso.
294. 25 luglio 2006 il Comitato di Creditori respinse il piano di riabilitazione offerto con la gestione e raccomandato la liquidazione della società di richiedente.
295. 31 luglio 2006 la società richiedente fece ricorso contro questa decisione.
296. 4 agosto 2006 la Corte Urbana esaminò la situazione della società di richiedente, dichiarò che la società era in bancarotta e respinse la sua gestione. La corte nominò il Sig. E. Rebgun come l'amministratore della società di richiedente. Rifiutò anche la richiesta della società per sospendere i procedimenti.
297. Sia parti fecero appello 15 agosto 2006
298. La sentenza fu sostenuta su ricorso ed entrò in vigore 26 settembre 2006.
299. Sembra che sul 2006 Sig. E. Rebgun di 22 agosto, mentre comportandosi come l'amministratore nei procedimenti fallimentari della società, revocò l'autorità di ogni consiglio nominata con la gestione precedente della società di richiedente, incluso il Sig. P. Gardner.
300. Sul 2006 Sig. E. Rebgun di 23 ottobre un consorzio di stimatori indipendenti condotto con ZAO Roseko nominò (“il consorzio”), selezionò per una nave appoggio aperta, inventariare e valutare i beni della società richiedente con una prospettiva a vendendoli all'asta.
301. Il consorzio eseguì la sua valutazione da ottobre 2006 a luglio 2007.
302. Da 27 marzo al 2007 Sig. E. Rebgun di 15 agosto sostenne 17 aste pubbliche alle quali tutti la beni di società richiedente furono venduti in linea con le valutazioni che erano state rese più primo col consorzio. Gli incassi globali corrisposero RUB su 860 miliardo (circa USD 33.3 miliardo). I beni venderono inclusi un 20% gioco in OAO Sibneft (venduto, insieme a 12 assistenti pienamente posseduti, blocchi di quote in 5 più entità e del cambio nota, per RUB 151.536 miliardo, o dell'EUR 4.387 miliardo), 9.44% di quote di OAO Rosneft (venduto, insieme a 12 cambio nota di OMISSIS, per RUB 197.840 miliardo, o dell'EUR 5.728 miliardo) e risultati delle società consociate della società.
303. Con una decisione di 12 novembre 2007, la piena versione di che fu prodotto 15 novembre, la Corte Urbana esaminò la situazione della società di richiedente, ascoltò il rapporto col Sig. E. Rebgun e decise di terminare i procedimenti di liquidazione. La società richiedente cessò esistere, mentre lasciando su RUB 227.1 miliardo (circa USD 9.2 miliardo) in responsabilità insoddisfatte.
304. 21 novembre 2007 un certificato fu emesso all'effetto che la società richiedenteera stata liquidata sulla base della decisione di corte.
305. Sembra che una società Gruppo di Glendale Limitò e Capitale di OMISSIS S.A.R.L. contestato la decisione di 12 novembre 2007 di fronte alla Ricorso Corte. Il ricorso di Gruppo di Glendale fu dichiarato inammissibile per l'insuccesso per presentarlo in tempo, mentre il ricorso di Capitale di OMISSIS S.A.R.L. è stato accettato per esame. L'udienza in questo riguardo fu elencata con la Ricorso Corte 19 novembre 2007.
306. La conseguenza di questi resti di procedimenti poco chiaro.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
A. Responsabilità fiscale
1. Disposizioni Generali
307. Sotto Articolo 57 della Costituzione della Russia, ognuno è responsabile per pagare tasse ed i doveri stabiliti con legge.
308. Articolo 44 del Codice Fiscaledi 31 luglio 1998 n. 146-FZ (come in vigore al tempo attinente) gli stati che un obbligo per pagare una tassa o un dovere sorge, altera o cessa in conformità con che Codice e gli altri atti legislativi su tasse e parcelle.
309. Articoli che 45 e 80 del Codice Fiscaleoffrono che, come un articolo generale, contribuenti devono approvare il loro obbligo per pagare una tassa su loro proprio iniziale, e definisce una dichiarazione di tassa come la dichiarazione scritto con contribuenti sui loro uffici imposte e spese, fonti di reddito, benefici di tassa e la somma calcolata della tassa, così come gli altri dati riferirono al calcolo e pagamento della tassa.
310. Sotto Articolo 45, nell'evento di non-pagamento o pagamento incompleto della tassa in tempo dovuto le autorità fiscali possono imporre direttamente la responsabilità di tassa dal conto bancario del contribuente.
311. Articolo 11 (2) del Codice Fiscaleun ramo di un'organizzazione definisce come un reparto geograficamente separato, con posti di lavoro stabili.
2. Tassi ispezioni
312. Sotto gli Articoli 82 e 87 del Tassa Codice, le autorità fiscali possono eseguire documentario ed ispezioni di tassa di su-luogo di contribuenti. Simile ispezioni possono coprire solamente i tre anni solari dell'attività del contribuente che precede direttamente l'anno di ispezione. In cause eccezionali alle autorità è permesso per eseguire ispezioni di tassa di su-luogo ripetute. Simile cause includono, fra le altre cose, ispezioni di su-luogo condotte con modo di soprintendenza delle attività dell'autorità fiscale che ha condotto la revisione iniziale (Articolo 87 (3) del Codice).
313. Articolo 101 (4) 2 degli stati di Codice di Tassa che l'autorità fiscale può usare come prova durante le sue ispezioni documentano più primi richiese con l'autorità da un contribuente, documenti presentarono od ottennero durante documentario ed ispezioni di tassa di su-luogo di che contribuente così come gli altri documenti nella proprietà dell'autorità.
314. Sotto Articolo 100 (5) del Codice Fiscaleun contribuente ha due mesi per registrare una replica particolareggiata al rapporto steso con le autorità fiscali sulla conseguenza dell'ispezione di tassa.
315. Sotto Articolo 81 del Tassa Codice, un contribuente non può essere multato in riguardo di qualsiasi gli errori se, prima di principio dell'ispezione di tassa di su-luogo per l'anno attinente, sé archivi corressero dichiarazione dei redditi e volontariamente soddisfano le responsabilità di tassa relative, incluso interesse di mora.
316. Con ordine n. BG-3-29/159 datò 2 aprile 2003 il Ministero delle Tasse deciso che il periodo per l'adempimento della richiesta per pagare tassa rivolta ad un contribuente non può eccedere dieci giorni di calendario dalla data della sua ricevuta col contribuente.
317. Il Governo si appellò sulle cause seguenti come esempi di termini tipici dati a contribuenti per pagamento volontario di tasse rimposte e sovrapprezzi:
(a) Causa n. A82-11/2003-A/6
318. 13 novembre 2000 il Ministero delle Tasse richiese che OAO Slavneft-YANOS rispondenti pagano tasse rimposte ed interessano sovrapprezzi che corrispondono RUBre su 53 milione entro un giorno. Le decisioni di corte nella causa furono impiegate 11 giugno 2003, il 2003 e 19 gennaio 2004 di 7 ottobre.
(b) Causa n. A33-16983/01-S3a-F02-1826/02-S1
319. In 31 maggio 2001 il Ministero delle Tasse ordinato l'Alloggio Municipale ed Infrastruttura di Utilità del Distretto di Kansk per pagare tasse rimposte nell'importo di RUB 814,581.54 entro un giorno. La prima sentenza di 9 aprile 2002 fu sostenuta con l'istanza di cassazione 16 luglio 2002.
(c) la Causa n. F04/1724-594/A27-2004
320. 23 gennaio 2003 il Ministero delle Tasse ordinato FGUP PO Progresso per pagare tasse rimposte nell'importo di RUB 72,827,208 entro un giorno. Le decisioni di corte furono impiegate 4 settembre, il 2003 e 5 aprile 2004 di 16 dicembre rispettivamente.
(d) Causa n. A26-8688/03-26
321. Su sette occasioni nel 2003 il Ministero delle Tasse ordinato OOO Krasnaya Rybka pagare tasse rimposte ed interessare sovrapprezzi nell'importo complessivo di RUB 760,043.19 entro un giorno. La sentenza di prima istanza nella causa, 13 febbraio 2004 datato, fu sostenuto con una decisione di cassazione di 16 giugno 2004.
(f) Causa n. F04-2648/2005(10969-A61-37)
322. 25 agosto 2004 il Ministero delle Tasse ordinato che OOO YamalGIS-Servis pagasse tasse rimposte nell'importo di RUB 268,083 nello stesso giorno. Le decisioni di corte che sostengono la richiesta furono impiegate in 9 dicembre 2004, 24 febbraio e 4 maggio 2005.
B. tasse Applicabili
1. Disposizioni Generali
323. Articolo 38 del Codice Fiscaleprevede che oggetti di tassazione possono essere operazioni che coinvolgono il vendere al dettaglio di beni, lavori e servizi, proprietà, profitto, reddito, valore di beni venduti al dettaglio, lavori e servizi o gli altri oggetti che hanno costato, parametri quantitativi o fisici sull'esistenza dei quali la legislazione di tassa basa l'obbligo per pagare tassa.
324. Articolo 39 del Codice definisce vendendo al dettaglio di beni, lavori e servizi come, inter alia, il trasferimento (incluso cambio di servizi, lavori e beni) in ritorno per il risarcimento di diritti di proprietà in riguardo di beni e risultati di lavori da una persona ad un altro, così come le prestazioni di servizi da una persona ad un altro in cambio per il risarcimento.
325. Articolo 41 del Codice definisce profitti come guadagni economici in forma valutaria o in natura.
2. Tassa valore-aggiunto
(a) Prima dell'entrata in vigore della Seconda Parte del Codice Fiscale del 1 gennaio 2001
326. Sezione 3 di Legge di RF n. 1992-1 6 dicembre 1991 “Su Tassa Valore - aggiunto” (come in vigore al tempo attinente) materie per Mettere nel tino, fra le altre cose il fatturato generato col vendere al dettaglio di beni, lavori e servizi sul territorio della Russia, i tassi di che serie fra il 10% ed il 20%. Sotto sezione 5 della Legge, beni esportati sono esenti da pagamento della tassa. L'esenzione diviene solamente effettiva se il contribuente in modo appropriato giustifica la rivendicazione. Finché questi documenti sono registrati, i resti di tassa pagabile sotto il tasso di non-esportazione.
327. Lettera n. B3-8-05/848, 04-03-08 del Tassa Servizio Statale di Russia ed il Ministero di Finanza, 21 dicembre 1995 datato determinato che contribuenti erano registrare i documenti seguenti per giustificare questa esenzione dalle imposte: un contratto concluse fra il contribuente di personalità legale registrato in Russia col suo partner estero, prova di pagamento in riguardo dei beni ed una dichiarazione doganale che sopporta il francobollo appropriato del corpo di dogane, confermando l'esportazione di beni dal territorio di dogane della Russia.
(b) Dopo l'entrata in vigore della Seconda Parte del Codice Fiscale del 1 gennaio 2001
328. In riguardo di IVA, l'aliquota d'imposta applicabile è 0% se i beni commerciati sono messi in un “esporti” regime di dogane e rimosse fisicamente dal territorio di dogane della Federazione russa (Articolo 164 (1) del Tassa Codice). In oltre, il contribuente può chiedere un risarcimento del “entrante” IVA già pagò in riguardo dei beni esportati.
329. Per il tasso del zero per divenire effettivo e per chiedere il risarcimento di IVA è necessario per giustificare la rivendicazione con registrando i documenti seguenti con le autorità fiscali (Articolo 165 del Tassa Codice): il contratto di esportazione concluse fra il contribuente e l'acquirente estero, una dichiarazione di banca che conferma ricevuta di finanziamenti dall'acquirente estero con una banca russa introdusse debitamente con le autorità fiscali, una dichiarazione doganale attinente che sopporta il francobollo dei corpi di dogane che confermano l'esportazione dei beni dal territorio di dogane della Russia e copie di trasporto attinente conti e documenti che inviano, sopportando i francobolli dei corpi di dogane, confermando l'esportazione di beni dal territorio di dogane della Russia.
330. 14 luglio 2003 la Corte Costituzionale emise decidendo n. 12-P in che essenzialmente sostenne la costituzionalità di Articolo 165 del Codice. La corte distinse fra documenti richiesti con norme di pubblico-legge, come la dichiarazione doganale del contribuente che sopporta i francobolli attinenti dai corpi di dogane e quali sono obbligatori in tutte le cause, e gli altri documenti come contratti, trasporti accredita ecc. In prospettiva delle pratiche diverse degli attori economici che fecero il tipo secondo di documenti mutuamente ricollocabile le autorità furono permesse costituzionalmente di costringere un contribuente a registrare questi documenti, ma senza un grado eccessivo del formalismo.
331. I documenti attinenti saranno registrati con l'autorità fiscale competente entro 180 giorni dalla data della formalità doganale dei beni in oggetto (Articolo 165 (9) del Tassa Codice). Finché questi documenti sono registrati, i resti di tassa pagabile sotto il tasso di non-esportazione. Un contribuente non è precluso dal registrare anche i documenti in oggetto dopo la scadenza del tempo-limite in oggetto (Articolo 176 del Tassa Codice).
332. Con una decisione di 28 aprile 2003 (la causa n. F09-1159/03-AK) nella causa di ZAO kompaniya di neftyanaya di Aktsionernaya c. il Ministero delle Tasse, il Tribunale di commercio Federale del Distretto di Ural, comportandosi come una corte di revisione di cassazione respinto le rivendicazioni della società per i risarcimenti di IVA con riferimento al suo insuccesso per soddisfare i requisiti di Articolo 165 del Codice. La società non poteva provare il fatto di pagamento effettivo per i beni presumibilmente esportati.
333. Con una decisione di 17 febbraio 2004 (la causa n. F09-187/04-AK) nella causa di OOO Firma Galaktika c. il Ministero delle Tasse, il Tribunale di commercio Federale del Distretto di Ural, comportandosi come una corte di revisione di cassazione respinto le rivendicazioni della società per i risarcimenti di IVA con riferimento al suo insuccesso per soddisfare i requisiti di Articolo 165 del Codice. La società andò a vuoto a presentare una dichiarazione di banca corretta che conferma ricevuta di finanziamenti dall'acquirente estero.
334. Con una decisione di 3 maggio 2005 (la causa n. A56-31805/04) nella causa di ZAO il trest di Stroitelnyy n. 28 c. il Ministero delle Tasse, il Tribunale di commercio Federale del nord Distretto Occidentale esaminò le decisioni di corti più basse da che cosa la società per prima era stata rifiutata i risarcimenti di IVA citano un esempio (con una sentenza di 11 ottobre 2004-la società andò a vuoto a presentare l'in modo appropriato dichiarazione doganale affrancata che conferma l'esportazione effettiva dei beni) e li era stati accordati successivamente su ricorso (con una decisione di 21 gennaio 2005-la corte di ricorso decise che il fatto dell'esportazione effettiva era stato stabilito con una definitivo decisione di corte in una controversia di corte relativa). La corte di cassazione annullò la decisione di ricorso, dopo avendo notato che i requisiti esposero fuori in Articolo 165 del Codice era severo ed inequivocabile e che la legge non accolse per qualsiasi sostituzione della dichiarazione doganale con altro vuole dire di prova.
335. Con una decisione di 9 marzo 2005 (la causa n. F09-563/05-AK) nella causa di OAO kombinat di gorno-obogatitelnyy di Kachkanarskiy Vanadiy c. il Ministero delle Tasse, il Tribunale di commercio Federale del Distretto di Ural annullò le decisioni di corti più basse da che cosa la società era stata accordata i risarcimenti di IVA. La corte di cassazione notò che i requisiti esposero fuori in Articolo 165 del Codice era severo e non ambiguo e che la legge costrinse il contribuente a provare solamente l'esportazione effettiva con vuole dire dell'in modo appropriato dichiarazione doganale affrancata che non era stata fatta con la società nella causa presente. Di conseguenza, la corte respinse le rivendicazioni della società.
336. Con una decisione di 27 settembre 2005 (la causa n. F09-4252/05-C2) nella causa di OAO Nauchno-proizvodstvennyy centr vysokotochnoy tekhniki Izhmash c. il Ministero delle Tasse, il Tribunale di commercio Federale del Distretto di Ural, comportandosi come una corte di revisione di cassazione respinto le rivendicazioni della società per i risarcimenti di IVA con riferimento al suo insuccesso per soddisfare i requisiti di Articolo 165 del Codice in una maniera opportuna che è entro sei mesi.
3. Tassa di finanziamento autostradale
337. Sezione 5 (2) di Legge di RF n. 1759-1 18 ottobre 1991 “Su finanziamenti autostradali nella Federazione russa” prevede per un 1% utenti autostradali che ' tassa dal fatturato della vendita al dettaglio di beni, lavori e servizi, pagabile con tutti gli utenti autostradali. Sezione 4 rende anche soggetto ad una 25% tassa il fatturato (escludendo IVA) di società che commerciano in combustibili e lubrificanti.
338. Questa tassa fu abolita da 1 gennaio 2003.
4. Tassi per il mantenimento della scorta di alloggio e mezzi socio-culturali
339. Sezione 21 (“Ch”) di Legge di RF n. 2118-1 27 dicembre 1991 “Sui fondamenta del sistema di tassa” impone una tassa di su a 1.5% per il mantenimento della scorta di alloggio e mezzi socio-economico.
340. Questa tassa fu abolita con l'entrata in vigore della Seconda Parte del Codice Fiscale1 gennaio 2001.
5. Tassa di proprietà sociale
(a) Prima dell'entrata in vigore della Seconda Parte del Codice Fiscale del 1 gennaio 2001
341. Sezione 2 (1-2) di Legge di RF n. 2030-1 13 dicembre 1991 “Su tassa di proprietà sociale” purché per una tassa di su a 2% in riguardo di organizzazioni la proprietà di '.
(b) Dopo l'entrata in vigore della Seconda Parte del Codice Fiscale del 1 gennaio 2001
342. Capitolo 30 del Codice Fiscaleprevede per una tassa di su a 2.2% in riguardo di organizzazioni la proprietà di '. Il tasso esatto è definito con le autorità regionali.
6. Tassa di profitto
(a) Prima dell'entrata in vigore della Seconda Parte del Codice Fiscaledel 1 gennaio 2001
343. Legge n. 2116-1 27 dicembre 1991 “Su tassa di profitto su imprese ed organizzazioni” (le sezioni 2 e 5) purché per una tassa di profitto, il tasso di che potrebbe variare dipendendo dal tipo dell'attività tassabile ed il tasso fissò con le autorità locali. Il tasso obbligatorio per essere trasferito al bilancio Federale era 11%.
(b) Dopo l'entrata in vigore della Seconda Parte del Codice Fiscaledel 1 gennaio 2001
344. Capitolo 25 del Codice Fiscaleprevede per una tassa di profitto di su a 24% (6.5% per essere trasferito al bilancio Federale ed il resto al bilancio regionale).
7. Tassa pubblicitaria
345. Sezione 21 (1) “z” di Legge di RF n. 2118-1 27 dicembre 1991 “Sui fondamenta del sistema di tassa” impose una tassa in riguardo del costo di servizi di annuncio pubblicitario.
346. Questa tassa fu abolita da 1 gennaio 2005.
C. Vantaggi fiscali
1. Disposizioni Generali
347. Articolo 56 del Codice Fiscale definisce un beneficio di tassa come una piena o parziale esenzione dal pagamento di tasse, accordato con la legislazione di tassa.
348. In lettera n. 04/06/08, 21 ottobre 1998 datato che il Ministero di Finanza ha notato, inter alia:
“... [che] esperimenti nel creando ed azionare zone economiche e gratis nella Federazione russa, stabilito facendo seguito a sia leggi federali (la zona economica e speciale nella regione di Kaliningrad) e decisioni delle autorità delle entità costituenti della Federazione (Kalmykiya, Tuva), [ha] il demonstrate[d] che la creazione di simile zone attraverso aree così enormi nell'assenza di un'analisi corretta di piombi di progetti di investimento agli abusi della tassa ed incentivi di dogane accordati e, di conseguenza, a perdite serie subite coi federali e bilanci locali, siccome riportato col Ministero di Finanza della Russia al Governo della Russia su occasioni multiple.”
2. Requisiti relativi alla registrazione di contribuenti
349. Sotto Articolo 83 (1) del Tassa Codice, contribuenti che sono persone giuridiche sono costretti a registrare con le autorità fiscali alla loro sede centrale (ubicazione dei loro corpi esecutivi), all'ubicazione dei loro rami ed all'ubicazione di qualsiasi beni immobili e posti dove veicoli che appartengono a loro sono registrati.
350. Articoli di registrazione speciali fecero domanda in riguardo di grandi contribuenti, incluso la società di richiedente.
351. Di Decreto n. АП-3-10/399 del Ministero delle Tasse, 15 dicembre 1999 datato, simile contribuenti sono costretti a registrare alla loro ubicazione principale, all'ubicazione dei loro rami ed all'ubicazione di beni immobili e posti dove veicoli che appartengono a loro sono registrati, e nei certi specifici uffici di tassa (livello di inter-distretto o come specificamente indicò col Ministero).
352. Annetta 3 al Decreto contiene la forma “Su assistente e società di persona a carico ed imprese di assistente”, essere riempito in col contribuente. Durante registrazione il contribuente è costretto ad indicare tutto il suo assistente e società di persona a carico.
353. In riguardo di territori di via-spiaggia nazionali, secondo commentatori questo requisito vuole dire che in pratica il corpo esecutivo del contribuente dovrebbe essere localizzato sempre fisicamente e funzionando sul territorio della via-spiaggia. Se il contribuente non riesce ad attenersi col requisito, le autorità fiscali potrebbero dichiarare la sua lacuna di registrazione col ricupero susseguente dell'interezza della tassa percepita trae profitto (vedere A.V. Bryzgalin, Tassa Pratica Encyclopaedia, Mosca, 2003-2006 Capitolo 3 “la Metodologia di ottimizzazione della tassa”).
3. Formazioni amministrativo-territoriali chiuse (la città di Sarov nella Nizhniy Novgorod Regione, la città di Trekhgornyy nella Regione di Chelyabinsk e la città di Lesnoy nella Regione di Sverdlovsk)
(a) disposizioni Legali
354. Sotto sezione 5 di Legge n. 3297-1 della Federazione russa “Su formazioni amministrativo-territoriali e chiuse”, privilegi tributari sono offerti a società se, inter alia, loro hanno almeno almeno 90% delle loro immobilizzazioni e condotta 70% delle loro attività sul territorio della rispettiva formazione (incluso un requisito che almeno 70% dei loro impiegati siano resi su di persone che risiedono permanentemente nello ZATO in oggetto, e che almeno 70% del loro conto salariale siano pagati ad impiegati che risiedono permanentemente in che territorio).
355. Lettera n. AÏ-6-01/505 del Ministero delle Tasse, 24 giugno 1999 datato, Direzioni Metodologiche e contenute ai corpi di tassa su problemi riguardo alla legalità dell'uso di benefici di soprattassa accordata con autorità locali nelle formazioni amministrativo-territoriali e chiuse. Affermò che le autorità fiscali dovrebbero verificare la presenza effettiva dei beni del contribuente sul territorio in oggetto con controllando le sue scritture contabili e rendiconti gestionali, e con confermando l'ubicazione fisica dell'organizzazione all'indirizzo indicato ed il fatto dell'adempimento genuino con gli impiegati del contribuente all'ubicazione introdusse del contribuente.
(b) Causa n. A42-6604/00-15-818/01 (Ministero delle Tassec. OOO Pribrezhnoe), a cui fa riferimento la società richiedente
356. La persona giuridica rispondente era OOO Pribrezhnoe, registrato nella città di formazione territoriale amministrativa e chiusa di Snezhnogorsk che ha un regime di tassa privilegiato. Il Ministero inutilmente tentò di contestare l'uso di privilegi tributari col convenuto, con dimostrando che l'entità non era stata davvero presente al posto della sua registrazione. La corte nazionale trovata per il convenuto. Loro stabilirono che l'entità aveva dei beni sul territorio di Snezhnogorsk, un numero di impiegati permanenti (incluso un avvocato e la signora di pulizia), ed un conto in contanti nella banca locale che provò che l'entità soddisfece il criterio previsto per in legge.
357. La definitivo decisione nella causa fu impiegata con la Corte di Cassazione 5 giugno 2002.
4. La Repubblica di Mordoviya
358. Sotto la Legge n. 9-FZ della Repubblica di Mordoviya di 9 marzo 1999 “Sulle condizioni di uso efficiente del socio-economico potenziale della Repubblica di Mordoviya”, privilegi tributari sono accordati a contribuenti di cui entità furono stabilite dopo l'entrata in vigore che legge e di chi attività soddisfano le certe condizioni, incluso ma non limitato al seguente:
(un) loro conducono esporti operazioni, gli incassi trimestrali da che conto per almeno 15%of i guadagni totali degli affari;
(b) loro prendono parte in commercio all'ingrosso in combustibile e lubrificanti e gli altri tipi di materie prime di idrocarburo, gli incassi trimestrali da che conto per almeno 70% degli affari ' guadagni totali.
359. Sezione 1 degli stati di Legge che “questa Legge stabilisce concessioni con l'obiettivo di creare le condizioni favorevoli per attirare capitale nel territorio della Repubblica di Mordoviya, mentre fortificando il socio-economico potenziale della Repubblica di Mordoviya, sviluppando le sicurezze introduce sul mercato, e creando lavori nuovi per disposizioni speciali per la tassazione di organizzazioni.”
5. La Repubblica di Kalmykiya
360. Legge n. 12-P-3 della Repubblica di Kalmykiya di 12 marzo 1999 “Su privilegi tributari per società che investono nella Repubblica di Kalmykiya” offre privilegi tributari a quelli che soddisfano il criterio seguente:
(un) il contribuente non è un utente di risorse minerali nel territorio della Repubblica;
(b) il contribuente è registrato col Ministero di Investimento Politica della Repubblica di Kalmykiya come un'impresa che investe nell'economia della Repubblica;
(il c) l'investimento dell'impresa nell'economia della Repubblica soddisfa il criterio stabilito col Ministero di Investimento Politica della Repubblica in conformità con questa legge.
361. Con una decisione di 16 aprile 2002 (la causa n. F08-1134/2002-402) nella causa di OOO Simpleks c. il Ministero delle Tasse, il Tribunale di commercio Federale del nord-caucasico District annullò le decisioni di corti più basse e li istruì ad investigare inoltre se il contribuente aveva approvato davvero le condizioni menzionate nella legge, aveva agito in buon fede in questo riguardo ed aveva reso davvero qualsiasi investimenti nell'economia locale.
362. Con una decisione 29 aprile 2002 datò (la causa n. F08-1368/2002-506A) nella causa di OOO Impuls c. il Ministero delle Tasse, il Tribunale di commercio Federale del nord-caucasico District annullò le decisioni di corti più basse e li istruì ad investigare inoltre se il contribuente aveva approvato davvero le condizioni menzionate nella legge, aveva agito in buon fede in questo riguardo e davvero aveva reso qualsiasi investimenti nell'economia locale.
363. Con una decisione di 20 maggio 2002 (la causa n. F08-1678/2002-614A) nella causa di OOO kompaniya di transportnaya di Sibirskaya (una delle entità fittizie che appartengono alla società di richiedente) c. il Ministero delle Tasse, il Tribunale di commercio Federale del nord-caucasico District decise siccome segue:
“[b]ased sul contenuto e volendo dire del [summenzionato] legge e Decisione n. 7 dell'Elista Città Amministrazione, [il fine della legislazione municipale] è attirare finanziamenti dai vari investitori per sviluppo dei regionali ed economie locali, determinato la mancanza di finanziamenti nel regionale e bilanci locali ed il bisogno per il loro riempimento per assicurare le attività della Repubblica di Kalmyk e la città di Elista...
La causa documenta show che RUB 27,196 venne dal querelante per sviluppo dei regionali ed economie locali, mentre RUB 6,918,617 non digitarono direttamente i regionali e bilanci locali. Così, gli investimenti resi con [OOO kompaniya di transkportnaya di Sibirskaya] importo a 0.4% dell'importo di tasse che sarebbero state altrimenti pagabili con sé. Loro non hanno effetto sullo sviluppo dell'economia [e] non copra le perdite budgetarie riferite all'accordare di incentivi a contribuenti; sul contrario, loro hanno conseguenze nella forma dell'arricchimento ingiusto alla spesa di finanziamenti budgetari. Così, determinato che l'importo degli investimenti rese col querelante è incommensurate all'importo di incentivi usato, l'attore abusò il suo diritto che è agì in mala fede.”
Di conseguenza, la corte annullò le decisioni delle corti più basse e li istruì ad investigare inoltre se il contribuente aveva approvato le condizioni summenzionate e se aveva agito in buon fede.
364. Con una decisione di 28 maggio 2002 (la causa n. F08-1793/2002) nella causa di ZAO Telekom Zapad Komplekt c. il Ministero delle Tasse, il Tribunale di commercio Federale del nord-caucasico District decise quel:
“[b]ased sul significato e contenuto del [summenzionato] legge e Decisione n. 7 dell'Elista Città Amministrazione, segue che [il fine della legislazione municipale] è attirare finanziamenti dai vari investitori per sviluppo dei regionali ed economie locali, determinato la mancanza di finanziamenti nel regionale e bilanci locali ed il bisogno per il loro riempimento per assicurare le attività della Repubblica di Kalmyk e la città di Elista...
... [la corte deve esaminare] la proporzione fra gli investimenti resi col [il contribuente] e l'importo di tassa che non ha digitato il bilancio [in ordine] chiarire il problema della buon fede del querelante ed il suo abuso dei suoi diritti.”
Di conseguenza, la corte annullò le decisioni delle corti più basse e li istruì ad investigare inoltre se il contribuente aveva approvato le condizioni summenzionate ed aveva agito in buon fede.
365. Con una decisione di 4 giugno 2002 (la causa n. F08-1864/2002-697A) nella causa di ZAO il korporaciya di Promyshlennaya Shar c. il Ministero delle Tasse, il Tribunale di commercio Federale del nord-caucasico District annullò le decisioni delle corti più basse e li istruì ad investigare inoltre se il contribuente aveva approvato davvero le condizioni menzionate nella legge, aveva agito in buon fede in questo riguardo ed aveva reso davvero qualsiasi investimenti nell'economia locale.
366. Con una decisione di 5 agosto 2002 (la causa n. F08-2762/2002-1009A) nella causa di OOO Promet c. il Ministero delle Tasse, il Tribunale di commercio Federale del nord-caucasico District annullò le decisioni delle corti più basse e li istruì ad investigare inoltre se il contribuente aveva approvato davvero le condizioni menzionate nella legge, aveva agito in buon fede in questo riguardo ed aveva reso davvero qualsiasi investimenti nell'economia locale.
367. Con una decisione di 13 agosto 2002 (la causa n. F08-2892/2002-1051A) nella causa di OOO TD Dion c. il Ministero delle Tasse, il Tribunale di commercio Federale del nord-caucasico District annullò le decisioni delle corti più basse e li istruì ad investigare inoltre se il contribuente aveva approvato davvero le condizioni menzionate nella legge, aveva agito in buon fede in questo riguardo ed aveva reso davvero qualsiasi investimenti nell'economia locale.
368. Con una decisione di 29 agosto 2002 (la causa n. F08-3158/2002-1140A) nella causa di ZAO Stanford c. il Ministero delle Tasse, il Tribunale di commercio Federale del nord-caucasico District annullò le decisioni delle corti più basse e li istruì ad investigare inoltre se il contribuente aveva approvato davvero le condizioni menzionate nella legge, aveva agito in buon fede in questo riguardo ed aveva reso davvero qualsiasi investimenti nell'economia locale.
369. Con una decisione di 20 febbraio 2003 (le cause N. F08-270/2003-91A e F08-1679/2002-622A) in una controversia fra il Ministero delle Tasse ed OOO “kompaniya di perestrakhovochnaya di Vostochnaya”, il Tribunale di commercio Federale del nord-caucasico Circuit fondò siccome segue:
“Gli investimenti resi col [il contribuente] importo a 0.14% dell'importo di tasse che sarebbero state altrimenti pagabili con sé. Loro non hanno effetto sullo sviluppo dell'economia... ma... il loro effetto è l'arricchimento ingiusto.... Perciò, [come] l'importo di investimenti con [il contribuente] non era commensurato all'importo dei benefici ricevuto, [il contribuente] abusò il suo diritto che è agì in mala fede”
370. Con una decisione di 20 febbraio 2003 (la causa n. F08-268/2003-98A) nella causa di OOO Bazis Sekyuritis c. il Ministero delle Tasse, il Tribunale di commercio Federale del nord-caucasico District annullò le decisioni delle corti più basse e li istruì ad investigare inoltre se il contribuente aveva approvato davvero le condizioni menzionate nella legge, aveva agito in buon fede in questo riguardo ed aveva reso davvero qualsiasi investimenti nell'economia locale.
371. Con una decisione di 8 aprile 2003 (la causa n. F08-1013/2003-383A) nella causa di OOO Gravite c. il Ministero delle Tasse, il Tribunale di commercio Federale del nord-caucasico District annullò le decisioni delle corti più basse e li istruì ad investigare inoltre se il contribuente aveva approvato davvero le condizioni menzionate nella legge, aveva agito in buon fede in questo riguardo ed aveva reso davvero qualsiasi investimenti nell'economia locale.
6. L'Evenk Distretto Autonomo
372. Sotto sezione 9 di Legge n. 108 dell'Evenk Distretto Autonomo “Sulle specifiche caratteristiche del sistema di tassa nell'Evenk Distretto Autonomo” di 24 settembre 1998, aliquote d'imposta sostanzialmente più basse fanno domanda a società locali con cui attività soddisfano le certe condizioni riguardo ad alla procedura di tassazione speciale esposta fuori in sezione 8 di quel la Legge.
D. L'uso e l’interpretazione dei termini di legislazione civile in controversie fiscali
373. Sotto Articolo 11 del Tassa Codice, le istituzioni, nozioni e termini della legislazione civile della Russia usato nel Codice Fiscal etiene i loro rispettivi significati, a meno che specificamente affermò.
E. Principi Generali che disciplinano lo status delle persone giuridiche
1. Presunzione dell'indipendenza
374. Sotto Articolo 2 di Codice civile di 30 novembre 1994 n. 51-FZ (come in vigore al tempo attinente), la condizione giuridica di parti coinvolse in operazioni di civile-legge, i motivi per la creazione di proprietà e gli altri diritti di proprietà e l'ordine di esercitare quelli diritti sono definiti con la legislazione civile che anche regola obblighi contrattuali ed altri.
375. La legislazione civile regola le relazioni fra persone prese parte in esercizi d'impresa o in quelle attività compiute con la loro partecipazione, sull'assunzione che esercizio d'impresa è un'attività indipendente compiè al proprio rischio di uno e mirò a deducendo sistematicamente un profitto dall'uso di proprietà, la vendita di merci, l'adempimento di lavoro o le prestazioni di servizi con quelle persone registrate in questa veste in conformità alla procedura giuridicamente-stabilita.
376. È proibito formalmente rendere qualsiasi proprietà unilaterale trasferisce (regali, concessioni o prestiti gratuiti) fra persone giuridiche commerciali ed indipendenti (gli Articoli 575 e 690 del Codice civile). Trasferimenti di proprietà unilaterali sono permessi con Articolo 251 (1) 11 del Codice Fiscalee non contò per i fini di tassa di profitto se loro sono resi fra le entità associate, dove uno di loro contiene più di 50% di quote nell'equità dell'altra entità.
2. Norme applicabili società sussidiarie e dipendenti
377. Articolo 105 del Codice civile prevede che una società consociata è una controllato con un'altra società, o per proprietà delle quote della società consociata con virtù di un contratto o con qualsiasi altro vuole dire.
378. La società di controllo è congiuntamente responsabile per debiti incorsi in con la società consociata come un risultato di ottemperanza con le istruzioni della società di controllo. La società di controllo può essere contenuta vicariously responsabile per un debito della società consociata nell'evento dell'insolvenza seconda.
379. Articolo 106 del Codice prevede che una società è persona a carico quando l'altra società possiede su 20% della prima società sta votando scorta. Una società che acquista su 20% delle quote di votazione nelle altre società è obbligata per fare questo pubblico di informazioni.
380. Articoli simili sono stabiliti in riguardo di società di limite di responsabilità (il обществa ответственностью di ограниченной di с) con sezione 6 di Legge n. 14-FZ su società di limite di responsabilità di 8 febbraio 1998.
F. Definizione un proprietario di proprietà
381. Articolo 209 del Codice civile definisce un proprietario come la persona che ha i diritti di proprietà, uso e disposizione della sua proprietà. In riguardo di questa proprietà, il proprietario è concesso, alla sua volontà, compiere qualsiasi azioni che non contraddicono la legge e gli altri atti legali, e non violando i diritti e proteggè giuridicamente interessa di altre persone.
G. la libertà Contrattuale ed i suoi limiti
1. Presunzione della buon fede e proibizione su abusi di diritti
382. Articoli che 9 e 10 del Codice civile offrono che le parti coinvolsero in operazioni di civile-legge è libero per agire contrattualmente all'interno dei limiti definì con legge.
383. Articolo 10 (1 e 2) degli stati di Codice specificamente che parti coinvolsero in operazioni di civile-legge è proibito dall'abusare i loro diritti. In simile cause, le corti possono negare tutela giuridica in riguardo del diritto che è stato abusando. Articolo 10 (3) stabilisce una presunzione confutabile della buon fede e la ragionevolezza di azioni sulle parti in operazioni di civile-legge.
2. Esempi della giurisprudenzadelle corti nazionali riguardo alla nozione di mala fede
384. Nella sua decisione n. 24-P 12 ottobre 1998 datato, la Corte Costituzionale della Russia si avvalse per la prima volta ed interpretò la nozione di “la fede di bad/good” valutare la conseguenza legale della condotta di contribuenti nella sua giurisprudenza. In questa causa questo era fatto per definire il momento al quale si può dire che un contribuente abbia assolto, suo o il suo obbligo costituzionale per pagare tasse.
385. Nella sua decisione n. 138-O 25 luglio 2001 datato, la Corte Costituzionale della Russia confermò di nuovo che là esisteva una presunzione confutabile che il contribuente stava agendo in buon fede e che una sentenza che un contribuente aveva agito in mala fede potrebbe avere conseguenze legali non favorevoli per il contribuente. La causa concerneva di nuovo la definizione di un momento alla quale si può dire che un contribuente abbia assolto, suo o il suo obbligo costituzionale per pagare tasse.
386. I tribunali di commercio nazionali fecero domanda questo approccio in un numero di cause riguardo all'eleggibilità di contribuenti a privilegi tributari nella Repubblica di Kalmykiya, come decisione n. F08-1134/2002-402 di 16 aprile 2002 del Tribunale di commercio Federale del nord Circuito caucasico, decisione n. F08-1864/2002-697A di 4 giugno 2002 del Tribunale di commercio Federale del nord Circuito caucasico, decisione n. F08-2762/2002-1009A di 5 agosto 2002 del Tribunale di commercio Federale del nord Circuito caucasico, decisione n. F08-2892/02-1015A di 12 agosto 2002 del Tribunale di commercio Federale del nord Circuito caucasico, decisione n. F08-3158/2002-1140A di 29 agosto 2002 del Tribunale di commercio Federale del nord Circuito caucasico, decisione n. F08-268/2003-98A di 20 febbraio 2003 del Tribunale di commercio Federale del nord Circuito caucasico, decisione n. F08-1013/2003-383A di 8 aprile 2003 del Tribunale di commercio Federale del nord Circuito caucasico.
387. Nella sua decisione n. 168-O 8 aprile 2004 che la Corte Costituzionale ha notato che sarebbe inammissibile per contribuenti di cattivo-fede per manipolare le istituzioni di civile-legge legali per creare ed azionare schemi per l'arricchimento illegale alla spesa del bilancio Statale. La causa riguardò l'uso di cambio nota nella sfera dei risarcimenti di IVA.
3. Norme che disciplinano operazioni fittizie
(a) legge Legale
388. Sotto Articolo 153 del Codice civile, operazioni sono definite come attività di naturale e legale persone creando, alterando e terminare i loro diritti civili ed obblighi.
389. Articolo 166 degli stati di Codice civile che un'operazione può essere dichiarata nulla per motivi stabilì con che Codice, o con vigore del suo essere riconosciuto come simile con la corte (un'operazione annullabile, оспоримая сделка), o nonostante simile riconoscimento (un'operazione vuota, ничтожная сделка).
390. Sotto Articolo 167 del Codice civile, operazioni vuote non comportano nessuno conseguenze legali, separatamente da quelli relativo al loro invalidamento e sono nulle dal momento che loro sono condotti.
391. Articolo 170 (2) stabilisce gli specifici articoli in riguardo di due tipi di operazioni vuote: ‘operazioni di ' immaginarie (“мнимая сделка”, effettuò solamente per la causa di forma, senza l'intenzione di creare le conseguenze legali e corrispondenti) e ‘operazioni di ' fittizie (“притворная сделка” che è effettuato per il fine di proteggere le altre operazioni). Questa disposizione condanna sia operazioni immaginarie e fittizie come vuoto.
392. Prevede anche che nell'evento di operazioni fittizie, gli articoli che governano l'operazione che era infatti proporsi con le parti può essere fatto domanda con una corte, riguardo ad essere aveva alla sostanza di questa operazione (il così definito “sostanza su forma” l'articolo).
393. Sotto Articolo 45 (2) 3 del Codice Fiscaleil potere ad operazioni di re-characterise con un contribuente con terze parti, la loro condizione giuridica e la natura dell'attività del contribuente in bugie di controversie di tassa con le corti (come opposto a corpi esecutivi). Sezione 7 di Legge n. 943-1 21 marzo 1991 “Su Tassa Autorità nella Federazione russa” i panciotti il potere per contestare simile operazioni e recuperare tutto ricevette in simile operazioni col bilancio Statale.
(b) fonti Accademiche
394. Commenti sul Codice civile (O.N. Sadikov, Commenti sul Codice civile la firma di Yuridicheskaya Infra-Mega di Kontrakt, Mosca 1998) gli stati, con riferimento a Bollettino n. 11 della Corte Suprema di RSFSR (pagina 2), che qualsiasi prova ammise con gli articoli su procedura civile può notificare anche come prova dell'invalidamento di operazioni fittizie.
H. Decisione generale sulla formazione di prezzo ed il meccanismo di rettifica di prezzo
395. Articolo 40 (1) del Codice Fiscale richiede che le parti commercino a prezzi di mercato. Stabilisce anche una presunzione confutabile che i prezzi concordarono a con le parti corrisponde introdurre sul mercato livelli e è usata per fini di tassazione.
I. meccanismo di rettifica del prezzo del Codice Fiscale
396. Sotto Articolo 40 (2) del Tassa Codice, le autorità fiscali sono conferite poteri per annullare la presunzione sopra con verificando e correggendo i prezzi per fini di tassazione. Una sentenza che i prezzi furono abbassati piombi alla conclusione di solito che il contribuente attenuò la base tassabile e così in modo appropriato non riuscì a pagare le sue tasse (vedere sotto Articolo 122 del Tassa Codice).
397. Può accadere solamente questo (1) quando le parti sono interdipendenti all'interno del significato di Articolo 20 del Tassa Codice; (2) nell'evento di operazioni di permuta, o; (3) operazioni internazionali; (4) quando i prezzi esposero con un contribuente durante lo stesso periodo breve per certi tipi identici di beni, lavoro o servizi fluttuano entro più di 20%.
398. Articolo 20 (1) del Codice Fiscale definisce parti interdipendenti come persone fisiche e (o) organizzazioni le cui relazioni reciproche possono influenzare i termini o risultati economici delle loro rispettive attività o le attività delle parti che loro rappresentano. In particolare, (un) un'organizzazione ha un diretto e (o) interesse indiretto in un'altra organizzazione, e la quota globale di simile interesse è più di 20%. Le quote rendicontate dall'interesse indiretto sostenuto da un'organizzazione in un altro, per una catena di organizzazioni separate è definito come il prodotto delle quote di interesse dirette che le organizzazioni in questa catena contengono nell'un l'altro; (b) una persona fisica è subordinata ad un'altra persona fisica ex officio; (c) nella causa di individui, loro sono consorti, parenti, adottanti o adottati, guardiani o custodie sotto il diritto di famiglia della Federazione russa.
399. Articolo 20 (2) del Codice Fiscale prevede che la corte può riconoscere persone come interdipendente su altri motivi, non purché per con Articolo 1 di che Articolo, se le relazioni fra queste persone hanno potuto influenzare i risultati di operazioni nella vendita di beni (il lavoro, servizi).
J. reati fiscali Applicabili e sanzioni penali relative
400. Articolo 122 §§ 1 e 3 del Codice Fiscalei mpone una sanzione penale di 40% della responsabilità di tassa non retribuita su non-pagamento intenzionale o pagamento incompleto della tassa dovuto, come un risultato di attenuare la base tassabile. Articoli 112 § che 2 e 114 § 4 del Codice Fiscale offrono per un 100% aumento in questa sanzione penale nell'evento di un reato ripetuto con lo stesso contribuente. Articolo che 114 § 3 del Codice offre anche per una possibilità di ridurre la multa con metà se c'erano scusanti sui fatti della causa.
401. Articolo che 114 § 7 del Codice gli rende obbligatorio recuperare le sanzioni penali in corte. Questo articolo non fa domanda a multe rimposte ed interessa sovrapprezzi.
402. Articolo 75 del Codice Fiscaleprevede per pagamento di un sovrapprezzo di interesse con contribuenti in cause di tardo pagamento delle tasse dovuto. Gli importi di sovrapprezzo di interesse ad uno tre-centesimo del tasso legale per ogni giorno del ritardo. Persone e le entità che non erano capaci di soddisfare le loro responsabilità di tassa in tempo dovuto perché il loro conto bancario fu sospeso con l'autorità fiscale o una corte è scusata da pagamento del sovrapprezzo di interesse per la durata della rispettiva sospensione (l'Articolo 75 § 3 del Tassa Codice).
K. Tempo limite fissato dalla legge
1. Situazione prima della decisione della Corte Costituzionale del 14 luglio 2005
(a) legge Legale
403. Nella conformità con Articolo 113 § 1 del Codice Fiscale(il Capitolo 15 Generale approvvigiona riguardo alla responsabilità per reati fiscali), una persona non poteva essere sostenuta responsabile per un reato fiscale sotto Articolo 122 del Codice se tre anni scadessero dall'il primo giorno dopo la fine del periodo di tassa durante la quale il reato fu commesso. La disposizione sopra fece domanda solamente al pagamento di multe. Articolo 115 dei set di Codice fuori un tempo-limite di sei mesi supplementare entro il quale le autorità devono raccogliere le multe. Comincia a correre dalla data dell'adozione del rendiconto di certificazione attinente.
404. Come riguardi le tasse rimposte ed interessa sovrapprezzi, Articolo 87 del Codice Fiscale(come in vigore come il tempo attinente) limitato la capacità delle autorità di eseguire ispezioni di tassa con affermando che “il the[y]... [] solamente sia eseguito in riguardo delle attività del contribuente attinente... durante i tre anni solari che immediatamente precedono l'anno dell'ispezione di tassa” (vedere anche decisione n. 3803/01 del Tribunale di commercio Supremo sotto).
(b) Direzioni pratiche da parte del Tribunale Supremo del commercio
405. In paragrafo 36 di Decisione del Plenum del Tribunale di commercio Supremo n. 5 28 febbraio 2001 datato “Su certi problemi che sorgono dalla richiesta della prima parte del Tassa Codice”, la corte indicò alle corti più basse che “si considera che un contribuente sia stato sostenuto responsabile, [all'interno del significato di Articolo 113 del Tassa Codice] sulla data su che il capo del [attinente] corpo di tassa o le sue prese aggiunte una decisione di sostenere questa persona responsabile di un reato fiscale in conformità con [gli articoli insorsero fuori] il Codice.”
406. Questa interpretazione fu usata successivamente col Presidium del Tribunale di commercio Supremo nella sua decisione n. 3803/01 (Averyanov c. il Ministero delle Tasse), preso nel 2002, dove un reato era stato commesso nel 1996, mentre il tempo-limite cominciò a correre 1 gennaio 1997 e scaduto 1 gennaio 2000. La decisione del Ministero fu emessa 25 gennaio 2000 e, di conseguenza, fu tempo-sbarrato finora in come le multe riguardò.
(c) Causa n. F09-3155/05-AK (OAO Bashselstroy c. Ministero delle Tasse)
407. 30 settembre 2003 il Tribunale di commercio Federale del Circuito di Ural fece una revisione ed annullò il più basso corteggia le decisioni di ' in una controversia di tassa che comporta il Ministero delle Tasse ed un portafoglio di azioni privato. Fra le altre cose, la Circuito Corte affermò, che il tempo-limite espose fuori in Articolo 113 del Codice cominciò a correre dalla data sulla quale i fatti attinenti vennero all'attenzione delle autorità competenti (come un risultato di un'ispezione di tassa o gli altri tipi di controllo di tassa).
(d) Cause a cui fa rifermento la società richiedente
408. In un numero di cause pre-data la decisione della Corte Costituzionale di 14 luglio 2005, le corti fecero domanda Articolo 113 in linea con un'interpretazione data con Decisione n. 5 del Plenum del Tribunale di commercio Supremo di 28 febbraio 2001 (vedere decisione n. F04/7-1527/A27-2002 di 4 gennaio 2003 del Tribunale di commercio Federale del Circuito di Siberia Occidentale, decisione n. F04/7-1527/A27-2002 di 8 gennaio 2003 del Tribunale di commercio Federale del Circuito Occidentale e Settentrionale, decisione n. F03-A59/03-2/745 di 23 aprile 2003 del Tribunale di commercio Federale del Circuito Estremo Oriente, decisione n. A48-1188/03-2 di 12 novembre 2003 del Tribunale di commercio Federale del Circuito Centrale, decisione n. A82-471/2004-8 di 8 ottobre 2004 del Tribunale di commercio Federale del Circuito di Volgo-Vyatskyy, decisione n. F03-A73/04-2/947 di 19 maggio 2004 del Tribunale di commercio Federale del Lontano Circuito Orientale, decisione n. A19-3142/04-40-F02-3338/04-C1 di 24 agosto 2004 del Tribunale di commercio Federale del Circuito di Siberia Orientale, decisione n. A19-9731/03-15-F02-4732/03-C1 di 9 gennaio 2004 del Tribunale di commercio Federale del Circuito di Siberia Orientale, decisione n. A33-15117/03-C3-F02-1877/04-C1 di 2 giugno 2004 del Tribunale di commercio Federale del Circuito di Siberia Orientale, decisione n. KA-A41/9494-04 di 20 ottobre 2004 del Tribunale di commercio Federale del Circuito di Mosca, decisione n. F09-4221/04AK di 13 ottobre 2004 del Tribunale di commercio Federale del Circuito di Ural, e decisione n. F09-3799/04AK di 4 settembre 2004 del Tribunale di commercio Federale del Circuito di Ural). Nessune di queste cause comportò una situazione da che cosa un contribuente aveva impedito un'ispezione di tassa o aveva cercato intenzionalmente di rimandare i procedimenti di tassa.
2. Situazione dopo la decisione della Corte Costituzionale del 14 luglio 2005
(a) Causa n. KA-A40/5876-06 (OAO Korus-holding c. Ministero delle Tasse)
409. Con una decisione di 28 luglio 2006 il Tribunale di commercio Federale del Circuito di Mosca, mentre comportandosi come un'istanza di revisione di cassazione, fece una revisione la richiesta dei tempo-limiti di Articolo 113 del Codice. Il rendiconto di certificazione preparato col Ministero in riguardo dell'anno solare 2001 fu datato 28 febbraio, mentre la decisione di sostenere il contribuente responsabile fu emessa 29 marzo 2005. La Circuito Corte decise che si potrebbe dire che le autorità stiano agendo in tempo, previde che loro rispettarono i requisiti di Articolo 87 del Codice che espone fuori un tempo-limite di tre-anno per condurre ispezioni di tassa ed Articolo 23 § 8 (1) del Codice che espone fuori un tempo-limite di quattro anni per il mantenimento di documenti di contabilità. La Circuito Corte anche specificamente notò le azioni di OAO Korus-sostenere che aveva chiesto di impedire e complicare l'ispezione di tassa.
(b) 2006 emendamenti all’ Articolo 113 del Codice Fiscale
410. Il testo dell’ Articolo 113 è stato corretto con Legge Federale n. 137-FZ 27 luglio 2006 che entrò in vigore 1 gennaio 2007. La disposizione ora contiene § 1.1. che gli stati:
“1.1. La gestione del tempo-limite per sostenere un contribuente fermate responsabili se [il contribuente] attivamente impedì un'ispezione di tassa di su-luogo, mentre creando così un ostacolo insormontabile per che ispezione e per la determinazione con le autorità fiscali dell'importo di tasse dovuto al sistema budgetario della Federazione russa.
La gestione del tempo-limite [in oggetto] è sospeso sulla data dell'adozione di un rapporto [esponendo fuori le circostanze nelle quali il contribuente negò l'accesso di autorità fiscali ai documenti attinenti]. In questa causa, la gestione del tempo-limite continua sulla data quando le circostanze summenzionate non esistono più ed una decisione sulla continuazione dell'ispezione di tassa di su-luogo è presa.”
(c) Causa n. F08-2786/2007-1290A (Ministero delle Tasse c. N. A. Borshcheva)
411. In 31 maggio 2007 il Tribunale di commercio Federale del nord Circuito caucasico, mentre comportandosi come un'istanza di revisione di cassazione, fece una revisione la richiesta dei tempo-limiti di Articolo 113 del Codice. Il rendiconto di certificazione preparato col Ministero in riguardo degli anni solari 2001-2004 fu datato 18 luglio 2006, mentre la decisione di sostenere il contribuente responsabile fu emessa 4 settembre 2006. Di nuovo, la Circuito Corte decise che le autorità stavano agendo in tempo, riguardo ad essere aveva alle azioni del contribuente per il fine di differendo ed impedire l'ispezione di tassa.
L. articoli Applicabili su llaprocedura di corte
1. Procedimenti di prima istanza
(a) giurisdizione Territoriale
412. Sotto Articolo 35 del Codice di Procedura di Tribunale di commercio di 24 luglio 2003 n. 95-FZ (come in vigore al tempo attinente), rivendicazioni dovrebbero essere portate ad una corte che ha giurisdizione sulla sede di affari ufficiale dell'imputato.
413. Articolo 54 del Codice civile definisce la sede di affari ufficiale di una società come il posto della registrazione della società, a meno che, nella conformità con la legge, gli articoli della società dell'associazione non specificano altrimenti.
414. Decisione n. 6/8 della Sessione Assoluta della Corte Suprema e Tribunale di commercio Supremo di 1 luglio 1996 specificano che la sede di affari ufficiale della società è l'ubicazione delle sue entità.
(b) misure Provvisorie
415. Sotto Articolo 91 del Codice di Procedura di Tribunale di commercio, una parte può fare domanda per misure di sicurezza proporzionate, incluso sequestro dei beni di un imputato, durante l'esame della causa con le corti.
(c) periodo di Grace
416. Articolo 213 del Codice di Procedura di Tribunale di commercio prevede che in controversie fiscali un abito di corte può essere registrato con le autorità quando le loro richieste non si sono state attenute volontariamente con, o quando il termine per ottemperanza volontaria è scaduto.
(d) Tempo limite per l’esame di cause che concernono pagamenti obbligatori e sanzioni penali
417. Articolo 215 del Codice di Procedura di Tribunale di commercio espone fuori un tempo-limite di due mesi durante il quale una corte di prima istanza è rendere definitivo l'esame sui meriti di qualsiasi causa che comporta pagamento obbligatorio e sanzioni penali relative.
(e) Tempo limite per la preparazione e l’ esame della causa per la prima istanza
418. Articolo 134 del Codice di Procedura di Tribunale di commercio stabilisce un tempo-limite di due mesi per la preparazione della causa per esame istanza per prima.
419. Facendo seguito ad Articolo 152 del Codice, la corte di prima istanza dovrebbe esaminare la causa e dovrebbe consegnare la sua sentenza entro un mese di una decisione per elencare la causa per un'udienza.
(f) Articoli sull’ aggiunta di provaealla causa dopo l'inizio dell'udienza
420. Articolo 65 (3) del Codice di Procedura di Tribunale di commercio lo costituisce obbligatorio una parte rivelare ogni prova si appellata su nelle loro rivendicazioni o eccezioni prima dell'inizio delle udienze in una causa.
421. In paragrafo 35 di Informazioni Lettera n. 82, datò 13 agosto 2004, il Tribunale di commercio Supremo diede la raccomandazione seguente in riguardo di se il giudice dovrebbe accettare e dovrebbe esaminare prova che prima era non svelata con le parti prima dell'inizio delle udienze in una causa:
“Qualsiasi la prova non svelato con le parti alla causa prima dell'udienza, ma presentò più tardi durante l'esame della prova, sarà esaminato col tribunale di commercio istanza nonostante le ragioni per le quali fu violata la procedura per rivelazione di prova per prima...”
(g) Diritto al deposito diun ricorso contro la sentenza di prima istanza
422. Sotto gli Articoli 257 e 259 del Codice di partecipanti di Procedura di Tribunale di commercio nei procedimenti hanno un mese dalla consegna della sentenza di prima istanza per depositare un ricorso.
2. Procedimenti di ricorso
423. Sotto Articolo 267 del Codice di Procedura di Tribunali di commercio, una corte di ricorso deve esaminare un ricorso depositato contro la sentenza di prima istanza entro un mese, mentre cominciando dalla data della sua archiviazione. Questo termine include qualsiasi il tempo necessario per preparazione di causa e per giungere alla decisione di ricorso. Con legge federale n. 205-FZ 19 luglio 2009 datato che il tempo-limite è stato aumentato a due mesi. Con legge federale n. 69-FZ 30 aprile 2010 datato la disposizione in oggetto è stato corretto. Il tempo-limite divenne estensibile su a sei mesi che dipendono dalla complessità della causa ed il numero di partecipanti. La disposizione lo fece anche chiaro che il tempo-limite cominciò a correre su scadenza del tempo-limite per depositare un ricorso.
424. Sotto Articolo 268 del Codice, una corte di ricorso colmamente riesamina la causa che usa la prova contenuta nella causa e qualsiasi di recente-presentò prova supplementare. Nell'esaminare istanze procedurali con le parti, incluso richiede di chiamare ed udienza testimoni supplementari o adduce ed esamina pezzi supplementari di prova, la corte di ricorso non è legata con rifiuti precedenti delle stesse istanze con la corte di prima istanza.
425. Sotto Articoli 180, 271 e 318 del Codice la sentenza di prima istanza diviene esecutiva sulla data dell'entrata in vigore della decisione di ricorso che lo conferma. L'esecuzione ha luogo sulla base su un documento emesso con la rispettiva corte.
3. Procedimenti di cassazione
426. Nella conformità con Articolo 286 del Codice, un giudice di prima istanza di cassazione, fra le altre cose fa una revisione, il più basso corteggia le decisioni di ' e verifica se le conclusioni delle corti più basse in riguardo di legge e fatto, corrispondono alle circostanze della causa.
427. Articolo 283 del Codice prevede per una possibilità di fare domanda per una sospensione di esecuzione del più basso corteggia le decisioni di '. Il richiedente deve mostrare che sarebbe impossibile per invertire gli effetti di un'esecuzione immediata del più basso corteggia le decisioni di ' se il ricorso di cassazione avesse successo.
M. La giurisprudenza dei tribunali nazionali
428. Nelle sue direttive n. 7-P 6 giugno 1995 datato, n. 14-P 13 giugno 1996 datato e n. 14-P 28 ottobre 1999 datato, la Corte Costituzionale formulò e reiterò il principio che il diritto costituzionale a protezione giudiziale non poteva essere rispettato a meno che corti esaminarono in sostanza le circostanze fattuale della causa, senza limitarsi soltanto alla richiesta formalistica delle norme legali. Si è riferito a questo principio in direttive susseguenti frequentemente.
1. Controversie di corte che coinvolgono la nuova caratterizzazione di disposizioni fittizie
(a) Causa n. A40-31714/97-2-312 (il Ministero delle Tasse c. OOO TF Ghigno Haus)
429. Nel 1996 la persona giuridica rispondente fu comportata in una serie di operazioni attorcigliate (contratti di affitto ed accordi di prestito) con due terze parti: di conseguenza, il convenuto affittò un edificio a Mosca centrale alle terze parti, ma era in grado evitare inclusione dei pagamenti di affitto nella base tassabile delle sue operazioni con chiedendo che loro erano pagamenti di interesse in riguardo dell'accordo di prestito. Il Ministero scoprì lo schema di evasione fiscale, nuova caratterizzazione le operazioni in oggetto come lacerato ed ordinato che il contribuente pagasse RUB 2 miliardo in tasse retroattive.
430. La causa fu esaminata in tre tondi di atti con le corti a tre livelli di giurisdizione. Avendo riguardo ad alla sostanza delle operazioni entrata in col convenuto, i termini di pagamento ed esecuzione dei contratti contestati e, alla condotta della società rispondente e le terze parti, le corti generalmente decisero, che la disposizione contrattuale era stata fittizia, il re-characterised la disposizione come lacerato e sostenuto la decisione del Ministero.
431. Nel primo tondo di procedimenti le corti adottarono le loro decisioni sulle date seguenti: 1 dicembre 1997, il 1998 e 30 marzo 1998 di 27 gennaio.
432. Nel secondo tondo di procedimenti le decisioni furono adottate con la prima istanza e corti di ricorso il 1998 e 21 luglio 1998 di 26 maggio. La decisione della corte di cassazione fu presa su una data non specificata.
433. Il terzo tondo di procedimenti comportò decisioni 17 novembre 1998, il 1999 e 2 marzo 1999 di 25 gennaio.
(b) Causa n. KA-A40/2183-98 (il Ministero delle Tasse c. AuRoKom GMBH)
434. La persona giuridica rispondente entrò in un accordo di prestito con una terza parte; le autorità fiscali lo considerarono un'imitazione, nuova caratterizzazione come un contratto di affitto e imponeva di nuovo la tassa dovuto in riguardo dei profitti reso. Le corti più basse non furono d'accordo ed annullarono la decisione dell'autorità fiscale. Con una decisione di 17 settembre 1998 la corte di cassazione annullò il più basso corteggia le decisioni di ' ed ordinò che la questione sia riesaminata, mentre diede dovuto riguardo ad a tutte le circostanze attinenti, incluso la sostanza dell'operazione. Le corti erano riconsiderare tutte le clausole attinenti nell'accordo in oggetto, la condotta delle parti ed il fatto di occupazione fisica dello spazio presumibilmente affittato.
(c) la Causa n. A40/36819/04-75-387 (il Ministero delle Tasse c. OAO AKB Rossiyskiy Kapital)
435. La persona giuridica rispondente è una banca che in 2001-2002 affari condotti con comprando e rivendendo poi metalli preziosi. La banca entrò in accordi di perpetrazione coi venditori dai quali comprò i metalli per non essere considerato come il proprietario dei beni commerciati per evitare il pagamento di piena IVA sulle sue operazioni di vendite in questo riguardo, ma soltanto come i venditori l'agente di '.
436. Le corti nazionali presero conto della sostanza delle operazioni della banca (termini di pagamento, circostanze effettive di consegna e gli altri dettagli che riguarda i fatti attinenti) e, avendo stabilito che in realtà la banca stava comprando ed aveva rivenduto i metalli preziosi, re-characterised l'attività della banca come vendite. Le corti si riferirono ad Articolo 209 del Codice civile (contenendo la definizione legale di un proprietario) e concluse che la banca comprò i metalli preziosi prima, mentre divenne così il “il proprietario” all'interno del significato della disposizione detta e da allora in poi rivendette i beni. Loro trovarono la banca responsabile per evasione fiscale sotto Articolo 122 del Tassa Codice, l'ordinò per pagare IVA rimposta nell'importo di RUB 1,091,123,539.42, interesse di mora di RUB 408,289.76 e sanzioni penali di RUB 436,391,918.65.
437. La sentenza di prima istanza fu adottata 3 novembre 2004 e sostenne su ricorso 11 gennaio 2005.
2. Schemi di evasione fiscale che coinvolgono accordi di affitto fittizi e le entità letter-box registrate nella città lungo la costa nazionale di Baykonur
(a) Causa n. A41 K1-13539/02 (il Ministero delle Tasse c. OAO Ufimskiy NPZ e Bort-Mega di ZAO)
438. OAO Ufimskiy NPZ, l'unità di produzione principale di una delle più grandi società di petrolio russe OAO Bashneft, localizzato fisicamente nella città di Ufa usato la tassa nazionale che territorio lungo la costa ha situato nella città di Baykonur, il territorio affittato con la Russia dalla Repubblica del Kazakhstan per i suoi progetti spazio-relativi. Il regime di tassa della città era simile a che nelle formazioni amministrativo-territoriali e chiuse (vedere sopra).
439. 1 febbraio 2001 i convenuti OAO Ufimskiy NPZ e Bort-Mega di ZAO, un'entità letter-box introdusse in Baykonur, entrò in un accordo di affitto da che cosa l'interezza di OAO Ufimskiy NPZ che installazioni di produzione sono stati affittati con Bort-Mega di ZAO in cambio per il risarcimento nominale. Poiché Bort-Mega di ZAO fu registrato in Baykonur, l'attività di OAO Ufimskiy NPZ godè tassi più bassi in riguardo dei doveri di imposta indiretta. Le autorità fiscali scoprirono “lo schema” e lo contestò in corte come imitazione e perciò privo di valore legale.
440. 8 ottobre 2002 la corte di prima istanza aveva riguardo ad alla sostanza dell'operazione e, avendo stabilito che, nonostante la disposizione contrattuale, OAO Ufimskiy NPZ aveva continuato ad azionare gli installazioni in oggetto, che l'entità letter-box non fu introdusse mai inoltre in modo appropriato ed autorizzato come l'operatore di petrolio che tratta e lubrifica installazioni di deposito in conformità con la legge attinente, e che l'entità letter-box non potesse azionare la facilità perché aveva affittato solamente uno parte del ciclo di produzione (quale, in termini tecnologici non poteva essere diviso nel due), che il risuoli scopo ed effetto della disposizione era evasione fiscale e che OAO Ufimskiy NPZ e Bort-Mega di ZAO avevano “intenzione malevola” evadere tasse, sostenne le autorità fiscali la rivendicazione di '.
441. La sentenza di prima istanza fu sostenuta su ricorso ed in cassazione il 2002 e 19 marzo 2003 di 17 dicembre rispettivamente.
(b) le Cause N. A41 K1-13244/02 (il Ministero delle Tasse c. OAO Novo-ufimskiy NPZ e Bort-Mega di ZAO), A41 K1-11474/02 (il Ministero delle Tasse c. OAO Novo-ufimskiy NPZ ed OOO Korus-Baykonur), A41 K1-137828/02 (il Ministero delle Tasse c. OAO Ufimskiy NPZ ed OOO Korus-Baykonur)
442. Queste cause essenzialmente sono seguiti alla causa precedente: OAO Novo-Ufimskiy NPZ è il secondo unità di produzione principale di OAO Bashneft e fu coinvolto in precisamente lo stesso schema di tassa-evasione, mentre usando le entità lungo la costa e fittizie Bort-Mega di ZAO ed OOO Korus-Baykonur. Le corti nazionali esaminarono tutte le tre cause a tre istanze e concesso le rivendicazioni del Ministero. Le decisioni nel primo set di procedimenti furono impiegate 9 ottobre, il 2002 e 13 marzo 2003 di 16 dicembre. Le decisioni nel secondo set di procedimenti furono impiegate 19 settembre 2002, il 2002 e 28 febbraio 2003 di 5 dicembre. Le decisioni nel terzo set di procedimenti furono impiegate 18 dicembre 2002, il 2003 e 26 maggio 2003 di 20 febbraio.
(c) la Causa n. A41 K1-9254/03 (il Ministero delle Tasse c. OOO il sistemy di Orbitalnye ed OAO MNPZ)
443. Questa causa concerne precisamente lo stesso schema di tassa-evasione come nelle cause precedenti, ma comporta OAO MNPZ, una facilità di petrolio-lavorazione notevole localizzò a Mosca e possedette col Governo di Mosca, come l'imputato.
444. Le decisioni nella causa furono impiegate 29 ottobre e 27 dicembre 2004.
(d) la Causa n. KA-A41/6270-03 (il Ministero delle Tasse c. OOO Ekologiya)
445. Questa causa concerne anche lo schema di tassa-evasione descritto nelle cause precedenti. Il Ministero valutò la società, apparentemente un'entità fittizia che appartiene ad un produttore di petrolio e fondò che dovette soprattasse, sovrapprezzi e sanzioni penali. L'entità prevalse istanza in 15 maggio 2003 per prima. 10 ottobre 2003 la corte di cassazione annullò la sentenza di prima istanza, siccome la corte più bassa era andata a vuoto a prendere in considerazione l'attinenza dell'attività dell'entità per l'economia della città di Baykonur che era uno del criterio la legge considerò attinente al problema della legalità di esenzioni dalle imposte.
3. Accordi di affitto fittizi e le entità di letter-boxregistrarono nella città lungo la costa e nazionale di Ozersk (formazione amministrativo-territoriale e chiusa, ZATO)
(un) la Causa n. A55-1942/04-24 (il Ministero delle Tasse c. OAO Novokuybyshevskiy NPZ ed OOO SK-STR)
446. La causa concerne lo stesso schema di tassa-evasione come nelle cause precedenti (comportando l'accordo che affitta fittizio), ma il territorio lungo la costa in questione è la città di Ozersk ed il contribuente è OAO Novokuybyshevskiy NPZ, una delle unità di petrolio-lavorazione di assistente della società di richiedente.
447. Lo schema operò da gennaio 1999 e fu perseguito nel 2004. La sentenza di prima istanza in favore del Ministero fu impiegata 13 agosto 2004. La corte fece domanda la stessa sostanza di ‘su forma ' si avvicina come nelle cause precedenti e, avendo valutato gli imputati ' conduce, il carattere delle loro relazioni e dichiarazioni con gli ufficiali delle entità concesso le rivendicazioni del Ministero ed OAO Novokuybyshevskiy NPZ anche ordinato per pagare RUB 120,688,860 in tasse rimposte.
(b) la Causa n. A55-5015/2004-33 (il Ministero delle Tasse c. OAO Novokuybyshevskiy NPZ ed OOO SK-STR)
448. Questo è un seguito alla causa precedente: nella sentenza di prima istanza la corte dichiarò gli imputati ' disposizione contrattuale essere fittizio ed illegale ed ordinò OAO Novokuybyshevskiy NPZ pagare RUB 252,963,364 in tasse rimposte.
449. La sentenza di prima istanza nella causa, 19 ottobre 2004 datato, fu sostenuto su ricorso 19 ottobre 2004.
(il c) la Causa n. A55-1941/2004-40 (il Ministero delle Tasse c. OAO Syzranskiy NPZ ed OOO SK-STR)
450. Questo è un seguito alle cause precedenti ed OAO Syzranskiy NPZ coinvolto, un'unità di produzione che appartiene alla società di richiedente. L'accordo di affitto fra l'entità di letter-boxe l'unità di produzione della società richiedente fu dichiarata fittizia ed annullato. OAO Syzranskiy NPZ fu ordinato per pagare RUB 30,309,119 in tasse rimposte.
451. La sentenza di prima istanza di 18 agosto 2004 fu sostenuta su ricorso 4 novembre 2004.
4. Disposizioni fittizie e evasione dell’ IVA
(a) Causa n. 367/96 (il Ministero delle Tasse c. russo-austriaco Giuntura Scorta Impresa “Sibservis”)
452. La persona giuridica rispondente è un'impresa privatamente-posseduta si specializzata nell'importando ed assemblare attrezzatura di elaboratore. Nel 1995 il convenuto travestì una porzione delle sue vendite come accordi di prestito coi suoi clienti per evitare pagamento di IVA. La sentenza di prima istanza e la decisione di ricorso nella causa furono impiegate 31 agosto e 11 ottobre 1995. 17 settembre 1996 il Presidium del Tribunale di commercio Supremo della Russia fece una revisione il più basso corteggia le decisioni di ' e li annullò, mentre ordinando le corti più basse per investigare le circostanze esatte della causa, incluso tutto relativo a “le vendite travestirono come prestiti” le disposizioni.
(b) Causa n. A57-11990/01-5 (il Ministero delle Tasse c. FGUP Nizhnevolzhskgeologiya)
453. La persona giuridica rispondente è un’impresa Statale specializzata nell'esplorazione geologica e l'identificazione di campi di petrolio. Nel 2000 entrò in una serie di operazioni di commercio di petrolio che non dà profitto e lente con una terza parte, OOO Roza-Mira Lavorazione. Poiché le operazioni precederono l'esportazione effettiva di petrolio, i due contribuenti mentre agendo in concerto, inteso di ottenere un risarcimento di IVA artificialmente aumentato. Avendo riguardo ad alla sostanza dell'operazione e le circostanze attinenti della causa, come i termini di pagamento effettivo ed esecuzione le corti decisero che le operazioni erano fittizie, li dichiararono privo di valore legale e rifiutarono la richiesta del convenuto per un risarcimento di IVA. In oltre, le corti recuperarono l'IVA non retribuita con sanzioni penali.
454. Le corti nazionali giunsero alle loro rispettive decisioni 22 novembre 2001, 29 aprile e 8 luglio 2002.
(c) la Causa n. 7543/02-16 (il Ministero delle Tasse c. OAO Saratovneftegaz)
455. La persona giuridica rispondente è l'unità di produzione principale di OAO NK Russneft, una grande società di petrolio privata russa che fu comportata in una controversia col Ministero sui risarcimenti di IVA in riguardo delle sue operazioni di esportazione. Le corti stabilirono che nel 2001 il convenuto entrò in una serie di operazioni con un numero di terze parti, mirato ad ingannando il Ministero e chiedendo un risarcimento di IVA artificialmente aumentato. Le corti presero conto dell'effetto economico e complessivo delle operazioni nella loro interezza, discrepanze numerose e contraddizioni fra le disposizioni contrattuali, il movimento effettivo di petrolio i documenti che certificano la formalità doganale dei beni in oggetto, ecc. e rifiutò di riconoscerli come valido per i fini di rimborso di IVA. Le corti conclusero che il Ministero stava agendo legalmente con rifiutando la richiesta della società rispondente per un risarcimento di esportazione IVA.
456. Le corti nazionali giunsero alle loro rispettive decisioni 30 giugno 2003, 31 maggio e 16 settembre 2004.
(d) la Causa n. A28-7017/02-301/21 (il Ministero delle Tasse c. OAO Kirovskiy Shinnyy Zavod)
457. Questo essenzialmente è un seguito alle cause precedenti. Le corti giunsero a conclusioni simili in riguardo della società rispondente e recuperarono RUB 5,000,000 in overpaid Metta nel tino in favore del Ministero.
458. Le decisioni nella causa durante il primo tondo di procedimenti furono impiegate 19 dicembre 2002, il 2003 e 27 giugno 2003 di 19 marzo.
459. Il secondo tondo di procedimenti diede luogo alla sentenza di prima istanza di 19 dicembre 2002, la decisione di ricorso di 19 marzo 2003 e la decisione di revisione direttiva di 23 dicembre 2003.
(e) la Causa n. A09-846/03-28 (il Ministero delle Tasse c. ZAO Melkruk, Antareks-unità di OOO OOO Starlayt-N)
460. La prima persona giuridica di convenuto è una grande produttrice di grani, cereali e prodotti trattati e relativi. Fu coinvolto in una controversia col Ministero sui risarcimenti di IVA in riguardo di operazioni di esportazione, da che cosa aveva commissionato il secondo convenuto per vendere all'estero la certa attrezzatura. L'attrezzatura fu comprata col terzo convenuto e fu rivenduta “ad una perdita economica” ad un'entità introdusse in un'ubicazione lungo la costa ed estera. Avendo riguardo ad alle varie circostanze, incluso la condotta delle entità coinvolta ed il fatto che nessun denaro sonante effettivo era stato pagato per l'attrezzatura in oggetto, il Ministero fece domanda corteggiare, mentre chiedendo a sé invalidare le operazioni in oggetto come finge. La corte di prima istanza respinse la rivendicazione ma il ricorso e revisione di cassazione corteggia successivamente revocato che sentenza, essenzialmente sostenendo l'approccio del Ministero.
461. Le corti nazionali impiegarono le loro rispettive decisioni 14 aprile 2003, il 2003 e 10 dicembre 2003 di 4 agosto.
(f) la Causa n. A09-1646/03-GK (il Ministero delle Tasse c. OAO Belkamneft, Baxter Trading Inc, OOO Tekhnotreyd)
462. La prima persona giuridica di convenuto fu comportata in una controversia col Ministero sui risarcimenti di IVA in riguardo di operazioni di esportazione, da che cosa era entrato in relazioni complesse con gli altri due convenuti per vendere all'estero i certi beni. Avendo riguardo ad alle varie circostanze, incluso la condotta delle entità coinvolta ed il fatto che nessun denaro sonante effettivo era stato pagato per i beni in oggetto, il Ministero fece domanda corteggiare, mentre chiedendo a sé di invalidare le operazioni in oggetto come imitazione e perciò privo di valore legale. Le corti alle tre istanze sostennero l'approccio del Ministero.
463. Le corti nazionali impiegarono le loro rispettive decisioni 28 dicembre 2002, il 2003 e 1 luglio 2003 di 10 aprile.
(il grammo) la Causa n. F09-1071/03-AK (il Ministero delle Tasse c. OOO il masterskaya di Khudozhestvennaya “Tvorchestvo”)
464. L'entità rispondente fu comportata in una controversia col Ministero sul rifiuto secondo risarcire l'IVA in riguardo delle operazioni di esportazione dell'entità. Il Ministero scoprì una disposizione da che cosa non c'erano state operazioni di denaro sonante fra le parti all'operazione di esportazione, il convenuto aveva “commerciò ad una perdita” e la produzione presumibilmente esportata non aveva avuto niente per fare con l'esercizio d'impresa solito del convenuto. Avendo riguardo ad alle varie circostanze, incluso la condotta delle entità coinvolta le corti alle tre istanze sostennero l'approccio del Ministero.
465. Le corti nazionali impiegarono le loro rispettive decisioni 29 ottobre 2002, il 2003 e 17 aprile 2003 di 6 febbraio.
5. Giurisprudenza delle corti nazionali riguardo all'invalidamento di operazioni fittizie
466. Con una decisione 15 maggio 1997 datò nella causa del Ministero delle Tasse contro Banca Mechel-banca Commerciale ed OAO Mechel (n. F09-162/97-AK), il Tribunale di commercio Federale del Circuito di Ural annullò le decisioni di corti più basse nelle quali loro avevano sostenuto la legalità di un “la tangente” contratto che era stato concluso fra la banca rispondente e la società rispondente. La Circuito Corte decise che le corti più basse erano andate a vuoto a studiare e portare conto di tutte le circostanze attinente alla causa in questione. In particolare, la corte notò la sentenza che il contratto specificamente era stato concluso per evitare il pagamento di tasse. Di conseguenza, revocò ed invalidò il contratto come illegale, contrari all'ordine legale e la moralità, ed ordinò che gli incassi (RUB 1.5 bn) derivò con le parti dal contratto sia sequestrato in favore dello Stato.
467. In una decisione di 9 dicembre 1997 in causa n. 5246/97, il Presidium del Tribunale di commercio Supremo della Russia invalidò un prestito garantito con un vaglia cambiario ed un relativo pagare-via accordo come immaginario e fittizio rispettivamente. La corte aveva riguardo ad ai termini di contratti conclusi fra le parti e la maniera della loro esecuzione, in particolare il fatto che il prestito non era usato mai col mutuatario; concluse che le operazioni in oggetto coperto la vendita di un vaglia cambiario e li invalidò come finga.
468. In una decisione di 6 ottobre 1998 in causa n. 6202/97 il Presidium del Tribunale di commercio Supremo della Russia invalidò due contratti per la vendita delle sicurezze ed un accordo di prestito relativo come finge, mentre avendo riguardo ad ai termini di contratti in oggetto, la maniera della loro esecuzione ed i prezzi contrattuali. La corte stabilì che i contratti di vendite infatti coperto l'accordo di prestito garantito col pegno delle sicurezze e rinviò la causa per re-processo.
N. Procedimenti di Esecuzione a riguardo di un debitore presumibilmente solvibile
1. Principi Generali
469. L'Atto dei Procedimenti dell'Esecuzione (la Legge n. 119-FZ) di 21 luglio 1997 (come in vigore al tempo attinente) stabilisce la procedura con la quale un creditore può eseguire un'assegnazione di corte contro un presumibilmente debitore di persona giuridica solvibile. Secondo Articolo 46 § 6 dell'Atto, esecuzione sarebbe imposta contro la proprietà del debitore “in simile importo e simile sfera siccome è costretto ad assicurare la soddisfazione di set di rivendicazioni fuori nel documento di esecuzione.”
470. Legislazione russa prevede per un set di procedure speciali in riguardo di debitori di persona giuridica presumibilmente insolventi (vedere sezione O sotto).
2. Termini per l’ottemperanza volontaria col documento di esecuzione
471. Sotto sezione 9 (3) dell'Atto dei Procedimenti dell'Esecuzione, su una richiesta col creditore l'ufficiale giudiziario avvia procedimenti di esecuzione, fissa il tempo-limite per esecuzione del documento di esecuzione - quale non può eccedere cinque giorni dalla data di istituzione di procedimenti di esecuzione - e notifica di conseguenza il debitore.
3. Vari modi di sospendere o ritardare procedimenti di esecuzione
472. Articolo 324 della Procedura Commerciale Programma espone fuori una procedura da che cosa una corte può alterare il metodo ed ordine di esecuzione di una definitivo decisione di corte. Fra l'altra cosa, prevede, siccome segue:
“1. Se ci sono circostanze che lo fanno difficile eseguire l'atto giudiziale, il tribunale di commercio che emise un documento può, su una richiesta col creditore, debitore o ufficiale giudiziario, tregua di concessione in riguardo dell'esecuzione o sistema per il pagamento in rate, o altrimenti cambia il metodo od ordine di esecuzione. ...”
473. Allo stesso tempo, Articoli 62, 64 (1) e (2) del Codice Fiscale specifichi che una tregua o possibilità di rimborsare in preoccupazioni di rate solamente le tasse, e non l'interesse maggiora il prezzo di e sanzioni penali, e può essere accordato solamente con una corte per un periodo da uno a sei mesi dal termine massimo originale per pagamento, può essere accordato solamente su specifici motivi enumerati nella legge e non può essere accordato se ci sono procedimenti di tassa pendenti contro il richiedente (Articolo 62 (1)).
474. L'Atto dei Procedimenti dell'Esecuzione prevede per tre possibilità, vale a dire: (un) posticipare azioni di esecuzione per un termine di su a 15 giorni (sezione 19); (b) sospendere i procedimenti di esecuzione (sezione 21); o (il c) posticipare l'esecuzione di esecuzione di un debito o sistemare per pagamento in rate (sezione 18).
475. Con riguardo ad a (un), l'ufficiale giudiziario prende la decisione nel “circostanze appropriate” o su una richiesta col debitore o di sua propria istanza.
476. Con riguardo ad a (b), la decisione può essere presa solamente in sette cause enumerate: se l'ufficiale giudiziario facesse domanda alla corte con una richiesta per interpretare l'atto giudiziale; su una richiesta da un debitore che è stato redatto per notificare nell'esercito; se il debitore è su una missione a lungo termine; se il debitore è ricoverato in ospedale ed essendo trattato; se le azioni dell'ufficiale giudiziario sono contestate in corte; se il debitore stesso o la sua proprietà è cercata; se il debitore o creditore sono in vacanza e non possono essere contattati.
477. Come riguardi (il c), il debitore, creditore o ufficiale giudiziario ha diritto a richiedere la corte per posticipare l'esecuzione di esecuzione di un debito o sistemare per pagamento in rate se c'è “circostanze che impediscono le azioni di esecuzione.”
4. La confisca dei beni del debitore
478. Se il debitore non si attiene all'interno del tempo-limite specificato, sotto sezione 9 (5) dell'Atto dei Procedimenti dell'Esecuzione l'ufficiale giudiziario, su una richiesta col creditore ha diritto a fare un inventario della proprietà del debitore e prenderlo.
479. Sotto sezione 9 (5) della Legge su Esecuzione Procedimenti l'ufficiale giudiziario è conferito poteri per sequestrare qualsiasi dei beni del debitore per garantire esecuzione. Nel prendere i beni del debitore gli ufficiali giudiziari seguire l'ordine di priorità di arresto e vendita esposto fuori in sezione 46 è obbligato (2) della Legge su Esecuzione che prevede:
“... esecuzione sotto documenti di esecuzione può, nella prima priorità, sia imposto sui finanziamenti valutari del debitore in rubli ed in valuta estera, e su altro valuables, incluso quelli tenuti in banche e gli altri istituti di credito.”
Allo stesso tempo, il Tribunale di commercio Supremo specificò nella sua Informazioni Lettera n. 6, datò 25 luglio 1996:
“... il congelamento di soldi... non può essere imposto sul conto del convenuto e su importi che digiterà questo conto nel futuro....”
Nella sua Decisione n. 11 9 dicembre 2002 che il Tribunale di commercio Supremo ed Assoluto ha deciso:
“... confisca di soldi posseduti col debitore non sarà imposto sul suo conto in istituti di credito ma su soldi che è sui conti, all'interno dei limiti delle rivendicazioni valutarie...”
480. Sezione 46 (5) dell'Atto dei Procedimenti dell'Esecuzione prevede che, se un debitore manca che finanziamenti di soldi sufficienti soddisfino le rivendicazioni del creditore, il debito può essere imposto dalle altre forme della proprietà del debitore, a meno che la legge federale afferma altrimenti. Il debitore ha diritto ad indicare il suo ordine preferito di priorità, ma il definitivo ordine è determinato con l'ufficiale giudiziario.
481. Sezione 51 dell'Atto dei Procedimenti dell'Esecuzione stabilisce un tempo-limite di uno-mese per la confisca della proprietà del debitore dalla data sulla quale è notificata la direttiva sull'istituzione di procedimenti di esecuzione. La confisca è proporsi, inter alia, garantire la sicurezza della proprietà del debitore e le rivendicazioni del creditore che saranno soggetto ad un trasferimento susseguente al creditore o ad una vendita susseguente. La confisca delle sicurezze è eseguita in conformità alla procedura definita col Governo della Federazione russa in Decreto n. 934 “Sulla confisca delle sicurezze”, 12 agosto 1998 datato.
482. Sezione 59 dell'Atto dei Procedimenti dell'Esecuzione stabilisce l'ordine di priorità nella confisca e la forzata vendita della proprietà di un debitore in tre tappa. In primo luogo, l'ufficiale giudiziario vende proprietà che non è comportata immediatamente nel ciclo di produzione del debitore (sicurezze, incassi sul deposito del debitore e gli altri conti, valuables della valuta macchine, attrezzatura di ufficio ecc.); in secondo luogo, prodotti finiti (i beni) e l'altro materiale non valuta immediatamente coinvolto in produzione e non giocare una parte immediata in sé; e, in terzo luogo, vero-appezzamento di terreno obietta, così come materiali crudi ed altri, macchina-attrezzi ed attrezzatura e le altre immobilizzazioni intenzionale per coinvolgimento immediato in produzione.
483. Nel Decidere n. 4 “Su certe questioni che sorgono fuori della confisca ed azioni di esecuzione in riguardo di quote sociali”, 3 marzo 1999 datato, il Plenum del Tribunale di commercio Supremo decise che in riguardo di società che erano state privatizzate con lo Stato come parti di più grandi gruppi di partecipazione azionaria per il trasferimento di blocchi di controllare di quote, il ciclo di produzione della rispettiva unità di produzione dovrebbe essere preservato tanto quanto possibile.
5. Parcella di esecuzione
484. Sezione 81 dell'Atto dei Procedimenti dell'Esecuzione penalizza volontariamente l'inosservanza di un debitore con un ordine di esecuzione della sentenza con una 7% parcella di esecuzione. Sotto Sezione 77 dell'Atto che la parcella è un pagamento prioritario che dovrebbe essere reso col debitore anche prima che sé comincia a rimborsare il debito principale.
485. Nel decidere n. 13-P 30 luglio 2001 la Corte Costituzionale della Russia descrisse la parcella di esecuzione come una sanzione penale ed amministrativa che ha un'espressione valutaria e fissa, esatta con coercizione formalizzata con la decisione di un ufficiale autorizzato ed impose in favore dello Stato. La Corte Costituzionale previde la disposizione sopra in giù come incostituzionale, in finora come sé non permetta il debitore di scusare la sua inosservanza col documento con riferimento a certo straordinario, obiettivamente circostanze inevitabili ed agli altri ostacoli imprevedibili ed insormontabili oltre il controllo del debitore.
486. Il Governo assegnò a su una dozzina di cause da attraverso la Russia che, loro dissero, confermò che che la 7% parcella di esecuzione fu imposta con ufficiali giudiziari come una questione di pratica standard nell'evento dell'insuccesso del debitore per pagare, di solito e senza eccezioni, anche se il debitore era un'entità Statale o davvero un corpo Statale. Ecco degli esempi: procedimenti di esecuzione datarono 19 gennaio 2001 n. 6-26/2001, in riguardo di RUB 304,078,000, dovette con un'entità di privato-legge Statale GUP Tatvodokanal; procedimenti di esecuzione datarono 18 novembre 2005 n. 3068/62/2/2006 in riguardo di RUB 108,083,008.64, dovette col Ministero di Istruzione della città di Kazan; procedimenti di esecuzione datarono 18 dicembre 2002 n. 2-12/2002 in riguardo di RUB 19,0311,000, dovette con OAO Tatavtodor; procedimenti di esecuzione datarono 25 febbraio 2004 n. 7-18/04 in riguardo di RUB 445,336,550.84, dovette con OAO Vertolety-MI; procedimenti di esecuzione datarono 13 novembre 2001 n. 5-17/2001 in riguardo di RUB 917,787,000, dovette con FKP Kazanskiy zavod tochnogo mashinostroeniya imeni M. io. Kalinina.
6. Forzata vendita dei beni arrestati
(a) Norme riguardo alla valutazione di proprietà congelate
487. Sezione 53 dell'Atto dei Procedimenti dell'Esecuzione costringe l'ufficiale giudiziario a valutare la proprietà arrestata sulla base di prezzi di mercato sulla data di esecuzione del documento di esecuzione. Se valutazione dovesse essere problematica per tecnico o qualsiasi le altre ragioni, l'ufficiale giudiziario è nominare un specialista per eseguire la valutazione.
488. Secondo un Decreto del Ministero della Giustizia 27 ottobre 1998 datò, l'ufficiale giudiziario è obbligato per nominare un specialista per condurre la valutazione se la proprietà sequestrata è quote o le altre sicurezze (ценные бумаги). Sotto lo stesso Decreto l'ufficiale giudiziario è informare il debitore e creditore della valutazione risultante.
(b) Decisioni generali riguardo alla vendita di proprietà congelate
489. Sezione 54 dell'Atto dei Procedimenti dell'Esecuzione costringe l'ufficiale giudiziario a vendere la proprietà arrestata nella soddisfazione del debito entro due mesi della data della confisca. La vendita è eseguita con un'istituzione specializzata sulla base di un contratto di perpetrazione con l'ufficiale giudiziario.
490. Secondo Governo Decreto n. 418 “Sul Fondo russo di Proprietà Federale” di 29 novembre 2001 e Decreto Statale n. 260 “Sulla Vendita di Sequestrò, Confiscò e l'Altra Proprietà...” di 19 aprile 2002, il Fondo è affidato col compito, inter alia, di vendere all'asta proprietà sequestrata nella soddisfazione dei debiti dovuta a Russia.
7. La distribuzione di somme imposte ed ordini di priorità in caso di rivendicatori multipli
491. Sezione 77 dell'Atto dei Procedimenti dell'Esecuzione prevede che, in riguardo delle somme imposto dal debitore, incluso gli incassi dalla forzata vendita della proprietà del debitore gli ufficiali giudiziari prima recuperano parcelle di esecuzione e tutti i pagamenti relativi ed il resto è usato nella soddisfazione dei creditori le rivendicazioni di '.
492. Se gli incassi dal forzato sale(s) è insufficiente per soddisfare tutti i creditori, l'ordine seguente di priorità fa domanda (sezione 78 dell'Atto dei Procedimenti dell'Esecuzione): rivendicazioni di illecito civile, lavoro e rivendicazioni lavorare-relative che rivendicazioni hanno reso in favore del Pensione Fondo ed il Social Security Fondo della Russia, rivendicazioni resero in favore dei bilanci di vari livelli territoriali ed infine tutte le altre rivendicazioni.
8. Ricorsi di corte contro le decisioni degli ufficiali giudiziari
493. Sotto sezione 90 dell'Atto dei Procedimenti dell'Esecuzione, tutte le azioni dell'ufficiale giudiziario nel corso di procedimenti di esecuzione possono essere impugnate entro dieci giorni dalla data di notificazione corretta dell'azione in oggetto.
494. Qualsiasi danno inflitto sul debitore come un risultato dell'omissione dell'ufficiale giudiziario è compensato in conformità con la legislazione applicabile.
O. Procedimenti di Esecuzione a riguardo di una persona giuridica di debitore insolvente
495. L'esecuzione di assegnazioni di corte e più generalmente debito chiede contro insolvente o presumibilmente persone giuridiche di debitore insolventi sono regolate con l'Insolvenza (il Fallimento) Atto di 26 ottobre 2002 (la Legge n. 127-FZ).
1. Definizione dello stato dell'insolvenza (fallimento)
496. Sezione 3 dell'Insolvenza (il Fallimento) Atto definisce lo stato di fallimento di una persona giuridica siccome segue:
“Una persona giuridica che non è capace di soddisfare le rivendicazioni di creditori in riguardo di obblighi patrimoniali è considerata e (o) adempiere i suoi obblighi in riguardo di pagamenti obbligatori se i rispettivi obblighi e (o) obbligo non si è attenuto con entro tre mesi della data sui quali dovrebbe essere accaduta ottemperanza.”
497. Nella conformità con sezione 4 dell'Atto, gli obblighi sono, come un articolo generale, definiti/riconosciuti dalla corte nella data di esame del ricorso di fallimento.
498. Procedimenti fallimentari in riguardo di una persona giuridica possono essere avviati solamente con una corte se l'importo complessivo di rivendicazioni di debito eccede RUB 100,000 (sezione 6 dell'Atto).
2. Introduzione di un ricorso di fallimento
499. Sotto sezione 7 dell'Atto il debitore, i creditori del debitore in riguardo di rivendicazioni patrimoniali e corpi Statali competente prendere parte in procedimenti fallimentari nei quali lo Stato è un creditore in riguardo di pagamenti obbligatori è concesso per portare un ricorso di fallimento.
500. Mentre il corpo esecutivo del debitore ha diritto a registrare per fallimento in circostanze dove è ovvio che il debitore non sarebbe capace di adempiere il suo obbligo in tempo dovuto (sezione 8 dell'Atto), ha un dovere legale di fare così se la forzata confisca della proprietà del debitore nella soddisfazione di una rivendicazione facesse l'attività economica del debitore estremamente difficile o impossibile (sezione 9 dell'Atto). In questo riguardo secondo, il ricorso dovrebbe essere portato entro un mese dalla data sulla quale accaddero le rispettive circostanze attinenti.
501. Insuccesso per attenersi agli articoli sopra mette in mostra l'offensore ad azione di responsabilità civile con virtù di sezione 10 dell'Atto e può fare anche in sostituzione dell'offensore responsabile per qualsiasi danno risultante.
3. Esame di un ricorso di fallimento
502. L'ammissibilità del ricorso di fallimento è esaminata con una panca di singolo giudice (sezione 48 dell'Atto). Avendo dichiarato il ricorso fondato (ammissibile), il giudice è imporre un ordine di soprintendenza in riguardo del debitore (vedere sotto).
503. I meriti del ricorso di fallimento dovrebbero essere esaminati con una corte entro sette mesi della data della sua archiviazione (sezione 51 dell'Atto).
504. Avendo esaminato i meriti del ricorso di fallimento, la corte prende una delle decisioni seguenti (sezione 52 dell'Atto): (un) dichiara il debitore in bancarotta e fa domanda la procedura di liquidazione in riguardo del debitore; (b) respinge la richiesta per dichiarare il debitore in bancarotta; (il c) introduce un “ordine di miglioramento finanziario” in riguardo del debitore; (d) fa domanda la procedura di gestione esterna; (e) cessa i procedimenti fallimentari; (f) respinge il ricorso di fallimento; (il grammo) approva il regolamento amichevole della causa.
4. Varie soluzioni disponibili ad una corte per chiarire una causa di fallimento
505. Il seguente cinque procedure possono essere applicabili in riguardo del debitore in una causa di fallimento (sezione 27 dell'Atto): (un) ordine di soprintendenza; (b) ordine di miglioramento finanziario; (il c) gestione esterna; (d) la liquidazione; (e) il regolamento amichevole.
506. Un ordine di soprintendenza è definito come la prima procedura fatta domanda al debitore (vedere sopra). Consiste di garantire la proprietà del debitore, mentre analizzando la sua condizione finanziaria, mentre componendo il ruolo di creditori ed eseguendo la prima riunione di creditori (sezione 2 dell'Atto). La decisione di imporre un ordine di soprintendenza è presa con un giudice in conformità con sezione 9 dell'Atto. Può essere fatto appello contro ad una corte più alta. Nella decisione, il giudice dovrebbe nominare anche un ricevitore provvisorio.
507. Un ordine di miglioramento finanziario è una procedura di fallimento intese di riattivare la solvibilità del debitore e consistendo in rimborso dei debiti in conformità con un orario di rimborso di debito (sezione 2 dell'Atto).
508. Gestione esterna è una procedura di fallimento intese di riattivare la solvibilità del debitore (sezione 2 dell'Atto).
509. La liquidazione è una procedura di fallimento fatta domanda in riguardo di un debitore che è stato dichiarato in bancarotta. Essenzialmente è la vendita della proprietà del debitore con un amministratore corte-nominato nella soddisfazione proporzionata dei creditori ' chiede (sezione 2 dell'Atto).
510. Regolamento amichevole è una procedura di fallimento applicabile a qualsiasi stadio di procedimenti fallimentari da che cosa i creditori ed il debitore giungono ad un accordo in riguardo della responsabilità del debitore (sezione 2 dell'Atto).
5. Ordine di soprintendenza e le sue conseguenze
511. Le conseguenze automatiche della decisione per adottare un ordine di soprintendenza in riguardo della persona giuridica di debitore (sezione 63 dell'Atto) è, in particolare, il seguente: tutti i debiti dovuto dopo la data della decisione è solamente recuperabile facendo seguito ad una procedura speciale; esecuzione di documenti di esecuzione già emise incluso qualsiasi rivendicazioni patrimoniali (con l'eccezione di quelli relativo a pagamento di salari ed illecito civile chiede) contro il debitore, si è arrestato, e la confisca in riguardo della proprietà del debitore è tolta.
512. La legge introduce anche delle restrizioni in riguardo di operazioni con le quote del debitore e le azioni del debitore stesso (sezione 64 dell'Atto). Comunque, l'organizzazione aziendale del debitore rimane in posto, soggetto a limitazioni che restringono la loro capacità di sbarazzarsi della proprietà del debitore sopra di un certo valore (più di 5% dei costi di libro della proprietà del debitore) o ad indebt il debitore inoltre con contraendo prestiti, avalli di emissione o le sicurezze, debiti traslativi a terze parti o trasferendo la proprietà del debitore per gestione esterna con una terza parte.
513. Un ricevitore provvisorio è nominato con una corte in conformità con sezioni 45 e 65 dell'Atto. A questo stadio di procedimenti, lui o lei ha, nessuna gestione funziona e è essenzialmente responsabile per garantire la proprietà del debitore, mentre guardando sulle attività della gestione del debitore, mentre analizzando la condizione finanziaria del debitore ed identificando i creditori del debitore. Il ricevitore provvisorio è responsabile ad una corte e è responsabile dell’organizzazione della prima riunione di creditori.
514. Per un periodo di trenta giorni dalla data di pubblicazione dell'avviso di ordine di soprintendenza, i creditori hanno diritto a registrare le loro rivendicazioni contro il debitore (sezione 71 dell'Atto). Le rivendicazioni possono essere incluse nel ruolo di creditori sulla base della decisione della corte.
515. Almeno dieci giorni prima della data di conclusione dell'ordine di soprintendenza, il ricevitore provvisorio deve organizzare la prima riunione di creditori (sezione 72 dell'Atto). Alla riunione, i creditori sono competenti, fra le altre cose, decidere uno: (un) introdurre un ordine di soprintendenza finanziario e depositare la richiesta attinente con la corte; (b) introdurre un ordine di gestione esterno e depositare la rispettiva richiesta con la corte; o (il c) richiedere la corte per dichiarare il debitore in bancarotta ed imporre un ordine di liquidazione (sezione 73 dell'Atto).
LA LEGGE
I. OTTEMPERANZA CON L’ARTICOLO 35 § 2 (B) DELLA CONVENZIONE
516. La Corte reitera che dichiarò questa richiesta ammissibile 29 gennaio 2009 (vedere OAO Neftyanaya Kompaniya OMISSIS c. la Russia (dec.), n. 14902/04, 29 gennaio 2009) e decise di sostenere un'udienza sui meriti della causa. Successivamente, ma prima dell'udienza, la Corte fu informata, che procedimenti di arbitrato, portati presumibilmente contro la Federazione russa coi proprietari precedenti della società richiedente erano pendenti e considerati che questi sviluppi sollevarono un problema dell'ottemperanza della società richiedente coi requisiti di Articolo 35 § 2 (b) della Convenzione. Invitò le parti a rivolgere questa questione nelle loro osservazioni all'udienza.
A. Le osservazioni delle parti
517. Il Governo presentò che a febbraio 2005 gli azionisti di maggioranza precedenti della società richiedente Imprese di Hulley Ltd, OMISSIS Ltd Universale e Veterano Petrolio Ltd che aveva posseduto congiuntamente su 60% di quote nella società richiedente procedimenti di arbitrato portati contro la Federazione russa per le violazioni allegato del Trattato dello Statuto dell'Energia nella Corte Permanente dell'Arbitrato in Il Hague. Il Governo indicò che la società richiedente aveva cessato esistere e che era ovvio che gli azionisti di maggioranza summenzionati erano stati dietro alla causa presente nella Corte e che loro sarebbero i fine-beneficiari di qualsiasi assegnazione eventuale in questi procedimenti. Il Governo menzionò anche un numero di procedimenti di arbitrato portato contro la Federazione russa con gruppi di azionisti di minoranza sotto trattati di investimento bilaterali. In generale, il Governo invitò la Corte a cessare la causa con riferimento ad Articolo 35 § 2 (b) della Convenzione.
518. La società richiedente negò qualsiasi la partecipazione in e qualsiasi la conoscenza di qualsiasi gli altri procedimenti internazionali che possono essere di attinenza. Allo stesso tempo, invitò la Corte a decidere che le parti nei procedimenti di fronte a questa Corte (la società di richiedente) ed in I procedimenti di arbitrato di Hague (gli azionisti di controllare della società di richiedente) non era gli stessi. Secondo la società di richiedente, la materia-questione nelle due cause era diversa. Affermò anche che i procedimenti di arbitrato nel Hague furono condotti prima ad tribunali di hoc, costituiti con le parti e non era comparabile alla Corte nella loro struttura, permanenza o autorità. In generale, la società richiedente dibattè che la sua richiesta si attenne con Articolo 35 § 2 (b) della Convenzione e che qualsiasi procedimenti paralleli non dovrebbero minare la sua causa di fronte alla Corte.
B. la valutazione di La Corte
519. La Corte esaminerà questo problema sotto Articolo 35 § 2 (b) della Convenzione che legge siccome segue:
“... 2. La Corte non darà con qualsiasi la richiesta presentò sotto Articolo 34 che...
(b) è sostanzialmente lo stesso come una questione che già è stata esaminata con la Corte o già è stata presentata ad un'altra procedura di indagine internazionale o accordo e non è stata contenuta informazioni nuove ed attinenti. ...”
520. All'inizio, la Corte reitererebbe, che Articolo 35 § 2 (b) della Convenzione si intende che eviti la situazione, dove molti corpi internazionali starebbero trattando simultaneamente con richieste che sono sostanzialmente gli stesse. Una situazione di questo tipo sarebbe incompatibile con lo spirito e la lettera della Convenzione che cerca di evitare una molteplicità di procedimenti internazionali relativo alle stesse cause (vedere, fra altri, Smirnova c. la Russia, (il dec.) N. 46133/99 e 48183/99, 3 ottobre 2002, e Calcerrada Fornieles e Cabeza Mato c. la Spagna, n. 17512/90, decisione di Commissione di 6 luglio 1992, Decisioni e Relazioni (DR) 73). Nel determinare se la sua giurisdizione è esclusa con virtù di questa disposizione di Convenzione la Corte dovrebbe decidere se la causa prima che è sostanzialmente lo stesso come una questione che già è stata presentata ad un set parallelo di procedimenti e, se quel è così, se i procedimenti simultanei possono essere visti come “un'altra procedura di indagine internazionale o accordo” all'interno del significato di Articolo 35 § 2 (b) della Convenzione.
521. La valutazione di somiglianza delle cause comporterebbe il paragone delle parti nei rispettivi procedimenti di solito, le disposizioni legali ed attinenti si appellarono su con loro, la sfera delle loro rivendicazioni ed i tipi della compensazione chiese (vedere Vesa Peltonen c. la Finlandia (il dec.), n. 19583/92, 20 febbraio 1995; Martin di Cereceda ed Altri c. la Spagna, n. 16358/90, decisione di Commissione di 12 ottobre 1992; Smirnova, citato sopra, e Decisione sulla competenza della Corte di dare un'opinione consultiva [GC], § 31, ECHR 2004-VI).
522. Come riguardi l'analisi del carattere di procedimenti paralleli, l'esame della Corte non sarebbe limitato ad una verifica formale ma sarebbe prolungato, dove appropriato, ad accertando se la natura del corpo direttivo, la procedura segue e l'effetto delle sue decisioni è simile che la giurisdizione della Corte è esclusa con Articolo 35 § 2 (b) (vedere Lukanov c. la Bulgaria (il dec.), 21915/93, decisione di Commissione di 12 gennaio 1995; Decisione sulla competenza della Corte di dare un'opinione consultiva [GC], citato sopra; Celniku c. la Grecia, n. 21449/04, §§ 39-41, 5 luglio 2007, e Peraldi c. la Francia (il dec.), n. 2096/05, 7 aprile 2009).
523. Rivolgendosi alla causa a mano, i costatazione di Corte che non c'è bisogno per sé per esaminare se i procedimenti nel Hague portarono con gli azionisti di maggioranza della società o i procedimenti portati sotto i trattati di investimento bilaterali portati coi vari gruppi degli azionisti di minoranza della società può essere visto come “un'altra procedura di indagine internazionale di accordo” come sé è chiaro che le cause non sono “sostanzialmente lo stesso” all'interno del significato di Articolo 35 § 2 (b) della Convenzione per le ragioni seguenti.
524. La Corte osserva che era Imprese di Hulley Ltd e Veterano Petrolio Ltd (sia registrato in Cipro) ed OMISSIS Ltd Universale (registrato nell'Isola di Uomo) che a febbraio 2005 procedimenti di arbitrato iniziati contro la Federazione russa di fronte alla Corte Permanente dell'Arbitrato nel Hague, assegnando, fra le altre cose agli stessi eventi e procedimenti come quelli si lamentò di con la società richiedent enella richiesta presente di fronte alla Corte ed adducendo violazioni numerose dei loro diritti come investitori sotto il Trattato dello Statuto dell'Energia. Alcuni degli azionisti di minoranza esteri della società iniziarono anche procedimenti simili sotto trattati di investimento bilaterali. Comunque, la Corte nota che nonostante le certe somiglianze nelle materia-questioni della causa presente e dei procedimenti di arbitrato, i rivendicatori in quelli procedimenti di arbitrato sono gli azionisti della società richiedente che si comportano come investitori, e non la società richiedente stessa che a che momento in tempo ancora era una persona giuridica indipendente.
525. La Corte nota inoltre che la causa presente è stata introdotta e è stata sostenuta con la società richiedente nel suo proprio nome. Benché le entità summenzionate potrebbero essere viste discutibilmente siccome è stato colpito con gli eventi che conducono alla liquidazione della società di richiedente, loro non hanno preso mai parte, direttamente o indirettamente nei procedimenti di Strasburgo. La Corte reitera che a novembre 2007 la società richiedente fu liquidata e che nonostante questo fatto nella sua decisione di ammissibilità di 29 gennaio 2009 accettò ciononostante la richiesta “perché i problemi sollevato dalla causa trascendevano la persona e gli interessi del richiedente [la società]” e “... colpendo la richiesta del ruolo sotto simile circostanze minerebbe la molta essenza del diritto delle richieste individuali con soggetti giuridici, come sé governi incoraggerebbero spogliare simile entità della possibilità di intraprendere una richiesta depositate ad un tempo quando loro goderono della personalità legale...” che show che la Corte ha in tutta enfasi messa sulla società richiedente nel suo proprio diritto.
526. In queste circostanze, la Corte trova, che le parti nei procedimenti di arbitrato summenzionati e nella causa presente è diverso e perciò le due questioni non sono “sostanzialmente lo stesso” all'interno del significato di Articolo 35 § 2 (b) della Convenzione. Segue che la Corte non è sbarrata, facendo seguito a questa disposizione, dall'esaminare i meriti di questa causa.
II. VIOLAZIONI ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 DELLA CONVENZIONE
527. La Corte nota che nella decisione di ammissibilità in questa causa ha stabilito che Articolo 6 fece domanda il suo capo penale ai 2000 procedimenti di Accertamento tributario sotto e ha dichiarato ammissibile i danni della società che:
(1) il Ministero aveva portato l'azione in questi procedimenti entro il periodo di tolleranza;
(2) il tempo per preparare per processo era stato troppo breve;
(3) i suoi avvocati non potevano ottenere dalle risposte di Ministero a tutte le questioni loro desiderarono chiedere nelle udienze di fronte alla corte di prima istanza e la prima istanza corteggia pronunciato la sua sentenza senza avere studiato tutta la prova;
(4) il tempo-limite legale per ricorso era stato compendiato ingiustificabilmente;
(5) e che la corte di ricorso aveva rimandato la consegna delle ragioni per la sua sentenza che impedisce con ciò alla società richiedente di depositare un ricorso di cassazione.
528. La Corte esaminerà questi danni sotto Articolo 6 della Convenzione che, nelle sue parti attinenti, prevede siccome segue:
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale indipendente ed imparziale stabilito dalla legge.”
...
3. Ognuno accusato di un reato penale ha i seguenti minimi diritti:
(b) avere tempo adeguato e mezzi per la preparazione della sua difesa;...”
A. Le osservazioni delle parti
1. Le osservazioni della società di richiedente
529. Come riguardi i primi procedimenti di istanza, allo stadio di ammissibilità di procedimenti di fronte a questa Corte la società richiedente dibattè che il materiale che sostiene che è posto sotto all'Accertamento tributario per 2000 era stato offerto a sé come un risultato della decisione della Corte Urbana di 14 maggio 2004 prima. Addusse che la rivelazione non accadde fino a 17 maggio 2004, quando il Ministero introdusse 24,000 pagine di documenti, e continuò tardi in 18 maggio 2004 con approssimativamente 45,000 ulteriori pagine ed un ulteriori 2,000 pagine in 20 maggio 2004, cioé. nella vigilia dell'udienza di prima istanza. La società accolse che i suoi rappresentanti erano stati dati davvero accesso a tutti questi materiali, sia prima delle udienze e durante il processo, ma presentò che la maniera e calcola per simile accesso era stato così insoddisfacente che era di nessun uso pratico. Dibattè anche che non era stato efficacemente capace di accedere i documenti registrati della corte durante le udienze di prima istanza eccetto durante le interruzioni di pranzo. In generale, la società insistè che avesse avuto tempo insufficiente per preparare la sua difesa e diffondersi con la prova di fronte alla corte e che non aveva avuto un'opportunità di prendere giurisdizione di e fare commenti su tutta la prova addusse od osservazioni registrarono, né esprimere le sue prospettive su ogni documento nell'archivio, contrari ad Articolo 6. Si riferì al Ruiz-Mateos c. Spagna e Krčmář c. cause di Repubblica ceche. Nelle loro osservazioni di posto-ammissibilità la società presentò che il Ministero aveva avuto tempo sufficiente per rivelare la prova, siccome i documenti attinenti erano stati nella proprietà del Ministero e che il Ministero li avesse potuti rivelare a qualsiasi punto da 8 dicembre 2003 (dei sei mesi prima dell'inizio dell'udienza). Notò inoltre che i documenti registrarono col Ministero erano stati in disturbo completo ed erano stati immagazzinati in diciannove gabbie di plastica (dieci di loro che contengono sei mila pagine ognuno e nove più contenendo delle quattro mila pagine ognuno) e semplicemente non poteva essere studiato in modo appropriato su tale periodo breve. I documenti furono tenuti in una stanza misurando tre a quattro metri di piazza e contenendo due sedie, una scrivania ed una finestra. Una richiesta per spazio supplementare era stata rifiutata. Le condizioni summenzionate furono riflesse in un documento datò 18 maggio 2004, disegnato su col consiglio della società di richiedente. Il rappresentante del Ministero aveva rifiutato di firmarlo e determinato che lui non fu d'accordo coi suoi contenuti. Più generalmente, la società richiedente criticò il Ministero per portare un'azione contro sé di fronte alla scadenza del periodo di tolleranza e dibatté che i primi procedimenti di istanza erano stati ingiusti perché i suoi avvocati non potessero ottenere dalle risposte di Ministero a tutte le questioni loro desiderarono chiedere nelle udienze e che era sotto l'impressione che la corte di prima istanza aveva pronunciato sentenza senza avere studiato tutta la prova.
530. Come riguardi i procedimenti di ricorso, la società richiedente insistette anche sulla violazione di Articolo 6. Presentò che le corti nazionali erano andate a vuoto a rivolgere la questione di se l'abbreviazione del termine aveva colpito il suo diritto effettivo ad un'udienza corretta e che, ugualmente, non si appellò su Articolo 267 del Codice di Procedura di Tribunali di commercio, assegnato a col Governo rispondente. Neanche, l'articolo in Articolo 267 che costringe un ricorso ad essere determinato entro un mese è rispettato in pratica con le corti russe; inosservanza con questo requisito, anche per un anno intero, non ha conseguenze per i procedimenti. C'era, secondo la società di richiedente, nessuna prova di qualsiasi la particolare urgenza nell'elencando o chiarire il ricorso: né il Ministero, né il co-appellante, OOO ‘OMISSIS ' Mosca, la spedizione chiesta quando i loro ricorsi furono depositati ed il co-appellante non oppose le richieste della società richiedente per aggiornare l'udienza di ricorso. In risposta alla critica del Governo che suggerisce che il ricorso della società era stata indirizzata erroneamente dall'omissione di parte del codice postale dalla busta, il richiedente affermò che nessuna prova era stata offerta di qualsiasi errore in questo riguardo e che, dopo tutto, il ricorso era stato ricevuto con la corte e le autorità fiscali. In qualsiasi l'evento, la corte non aveva fatto nessuna critica della società in relazione all'esercizio di questo ricorso. In generale, l'abbreviazione del periodo di ricorso era un'interferenza seria col diritto della società per preparare per le udienze di ricorso che non riuscirono a guarire ma piuttosto accentuarono l'iniquità dei procedimenti di prima istanza, e nessuna ragione effettiva è stata offerta come a perché questa accelerazione era legale, necessaria o coerente coi requisiti di un processo equanime.
531. La società richiedente presentò in riguardo dell'azione di reclamo del ritardo nella consegna della sentenza di ricorso che il ritardo ha voluto dire che la decisione immediatamente era stata eseguita contro la società, mentre rese qualsiasi l'ulteriore ricorso di cassazione vano. Solamente una richiesta per una sospensione di esecuzione durante un ricorso nella cassazione, accoppiò con un ricorso valido nella cassazione, sarebbe potuto essere effettivo contro l'esecuzione. Nella prospettiva della società, tale ricorso valido era severamente dipendente su registrare delle ragioni con la corte di ricorso. La decisione di ricorso era divenuta soggetto a forzata esecuzione immediata, la società era divenuta responsabile per un sovrapprezzo supplementare di 7% della responsabilità totale e l'opportunità di esercitare un ricorso effettivo contro queste misure era stato circonvenuto.
2. Le osservazioni del Governo
532. Come riguardi l'argomento che la società aveva tempo insufficiente per preparazione della difesa, il Governo si riferì nelle loro osservazioni di ammissibilità alla legislazione nazionale che stabilì un tempo-limite di due mesi per l'esame della causa istanza per prima (Articolo 134 del Codice di Procedura di Tribunali di commercio). La società richiedente aveva almeno 37 giorni per preparare la sua difesa dalla data dell'archiviazione dell'abito che, in prospettiva del tempo-limite sopra, non era stato irragionevole. La società richiedente prima divenne inoltre, consapevole degli argomenti del Ministero 29 dicembre 2003, quando il Ministero emise il rapporto che indica la grande responsabilità di tassa della società richiedente ed in 12 gennaio 2004 la società aveva registrato anche le sue eccezioni al rapporto sotto Articolo 100 (5) del Tassa Codice. Inoltre, gli argomenti principali contennero in queste eccezioni rimaste immutato in tutto i procedimenti. Non si poteva dire perciò che la società richiedente era non preparata per affermare la sua causa, poiché era bene consapevole degli argomenti del Ministero cinque mesi prima dell'inizio degli atti. In oltre, il Governo indicò che gli avvocati della società richiedente furono dati un'opportunità di studiare la prova sia in corte ed ai locali del Ministero in tutto maggio, giugno e luglio 2004. Secondo i documenti presentati col Governo, consigli per la società richiedente si giovò ad almeno di questa opportunità su due occasioni, in 18 e 19 maggio 2004 rispettivamente. Infine, il Governo dibatté che gli argomenti della società richiedente di tempo insufficiente per la preparazione della causa erano stati esaminati respinto attentamente ed infine con le corti nazionali come infondato. Nelle loro osservazioni di posto-ammissibilità il Governo presentò anche che i procedimenti di fronte a tribunali di commercio in Russia furono condotti senza ritardi seri generalmente (assegnando, per istanza alla mancanza di qualsiasi cause contro Russia su conto di lunghezza di procedimenti di fronte ai tribunali di commercio). Loro dibatterono inoltre che nelle sue osservazioni la società richiedente aveva asserito le generalità e non aveva menzionato mai qualsiasi gli specifici documenti ai quali loro non avevano avuto accesso corretto. La prova in oggetto era stato documenti che furono conosciuti bene alla società di richiedente, siccome il Ministero aveva richiesto questi documenti da sé durante l'ispezione di su-luogo (il Governo si appellò su Articolo 101 (2) 4 del Codice Fiscale in questo riguardo) e che i documenti erano stati particolareggiati in un registro datò 17 maggio 2004 n. 14-3-02/22-13-1 ed era stato copie di documentazione originale che riflette le relazioni fra la società richiedente e le sue entità fittizie. In oltre, il Governo dibatté che qualsiasi numero degli avvocati della società sarebbe potuto venire a studiare la prova e che la società richiedente apparentemente non aveva sentito nessun bisogno di fare così, poiché era stato rappresentato con otto avvocati nei procedimenti di prima istanza e solamente due a quattro di loro aveva studiato i documenti. In generale, il Governo suggerì che la controversia era più legale piuttosto ciò che riguarda i fatti, così che il punto cruciale delle eccezioni della società richiedente riguardava l'interpretazione del diritto nazionale piuttosto che controversia delle particolari circostanze dell'evasione fiscale. In oltre, il Governo dibatté che il ricorso ascolta costituito un esame di novo di de della causa e che con poi la società richiedente aveva avuto un perfettamente l'opportunità adeguata di fare una revisione il documento documentario. Chiedendo ad aggiornare soltanto i procedimenti il richiedente rimandare la consegna della sentenza proporsi.
533. Come riguardi i procedimenti di ricorso, nella prospettiva del Governo loro anche erano in ottemperanza con Articolo 6. La società richiedente aveva portato procedimenti di ricorso contro la sentenza di prima istanza di 26 maggio 2004: la possibilità di revisione su sia punti di fatto e diritto erano stati offerti espressamente per con legge russa (Articolo 268 del Codice di Procedura di Tribunali di commercio) e la società l'aveva usato. Sotto Articolo 267 del Codice di Procedura di Tribunali di commercio che costringe una corte di ricorso ad esaminare i ricorsi con le parti entro un mese della data sul quale loro furono registrati la Ricorso Corte doveva esaminare la causa entro un mese di 1 giugno 2004 che era la data su quale festeggia alla causa, OOO ‘OMISSIS ' Moskva, prima depositò una breve di ricorso, nonostante il fatto che la società richiedente depositò il suo ricorso 17 giugno 2004. Il ricorso ascolta che rappresentò una piena re-processo della causa all'interno del significato di Articolo 268 del Codice di Procedura di Tribunali di commercio cominciò 18 giugno e durò fino a 29 giugno 2004 otto giorni che sono che erano in linea con l'articolo sopra. In oltre, la società richiedente rimandò intenzionalmente l'esame della causa con inviando la breve di ricorso ad un indirizzo erroneo. Infine, il Governo sottolineò che la decisione di ricorso non era stata definitivo ed era stata fatta appello contro con la società richiedente sia in istanza di cassazione e con modo di revisione direttiva. Il Governo presentò che il fatto che la copia ragionata della decisione di Corte di Ricorso di 29 giugno 2004 era stata prodotta 9 luglio 2004 non colpisca l'equità dei procedimenti come in qualsiasi l'evento, era aperto alla società richiedente per depositare il suo ricorso di cassazione all'interno di un tempo-limite di due mesi dalla data di consegna della decisione di ricorso 29 giugno 2004, anche nell'assenza della copia ragionata della decisione. La società richiedente aveva depositato il suo ricorso di cassazione 6 luglio 2004 nell'assenza della copia ragionata della decisione di ricorso. Il ricorso di cassazione fu accettato per la considerazione e 17 settembre 2004 la sua piena versione fu esaminata e respinse con la Circuito Corte.
B. la valutazione della Corte
534. La Corte reitererebbe che mentre Articolo 6 della Convenzione garantisce il diritto ad un'udienza corretta, non è la funzione della Corte per trattare con errori di fatto o di legge commessa presumibilmente con una corte nazionale e la questione alle quali devono essere risposte è piuttosto se i procedimenti nell'insieme era equo (vedere, per esempio, Öcalan c. la Turchia [GC], n. 46221/99, §§ 148-49 ECHR 2005-IV; Gäfgen c. la Germania [GC], n. 22978/05, §§ 162-88 ECHR 2010 -...). La Corte esaminerà i danni della società richiedente a turno fare una conclusione complessiva in questo collegamento.
1. L'azione di reclamo circa l’introduzione dell'azione da parte del Ministero
535. Rivolgendosi all'azione di reclamo della società richiedente che nei procedimenti di fronte alla Mosca Città Corte l'azione in riguardo dell'Accertamento tributario 2000 e la richiesta per allegare i beni della società come una sicurezza per la rivendicazione fu portata col Ministero entro il periodo di tolleranza (vedere divide in paragrafi 25 e 26), la Corte osserva che questo argomento fu esaminato con la Circuito Corte che lo respinse come infondato e riconobbe l'azione del Ministero come legale in questo riguardo (vedere paragrafo 72). La Corte richiama il l'azione del Ministero fu depositata sotto l'articolo che lo fece non necessario aspettare sino alla fine del periodo di tolleranza se c'era prova che la controversia era insolubile e, riguardo ad essere aveva alle circostanze della causa, costatazione nessuna indicazione dell'arbitrarietà o l'iniquità all'interno del significato di Articolo 6 della Convenzione in questo collegamento.
2. L'azione di reclamo del tempo presumibilmente insufficiente per la preparazione della difesa per la prima l'istanza
536. La Corte nota che è base comune fra le parti che durante i procedimenti di prima istanza la società richiedente non aveva accesso ai documenti nell'archivio di corte, altro che il rapporto di 29 dicembre 2003, la decisione di 14 aprile 2004 e loro annette, sino a 17 maggio 2004 quando il Ministero invitò gli avvocati della società a studiare i documenti ai suoi locali (vedere divide in paragrafi 41-45). È anche incontrastato che le udienze nella causa cominciata in 21 maggio 2004 che è più tardi quattro giornate lavorative e la prova in questione corrispose ad almeno 43,000 pagine (vedere divide in paragrafi 44 e 46). È neanche in controversia che su alcune occasioni la società richiedente richiese di aggiornare le udienze che assegnano a, fra le altre cose il loro desiderio per studiare la prova nella causa, e che queste richieste furono girate in giù col giudice come infondato (vedere paragrafo 46).
537. La Corte nota inoltre che secondo la società richiedentequesto periodo era manifestamente breve, mentre il Governo dibattè con riferimento alla sequenza degli eventi nei procedimenti e la condotta della società richiedenteche non aveva nessun vero bisogno di studiare questi documenti poiché i documenti vennero dalla società stessa ed era familiarizzato con loro. Il Governo dibattè anche che il ricorso ascolta costituito un esame di novo di de della causa e che con poi la società richiedenteaveva avuto un perfettamente l'opportunità adeguata di diffondersi con la prova in questione.
538. La Corte reitera che il principio dell'uguaglianza di braccio è una caratteristica del concetto più ampio di un processo equanime che anche include il diritto essenziale che procedimenti penali dovrebbero essere accusatorio. Il diritto ad un processo accusatorio vuole dire, in una causa penale, che accusa e difesa, devono essere date l'opportunità di avere conoscenza di e fare commenti sulle osservazioni introdusse e la prova addusse con l'altra parte. I vari modi sono concepibili in che legge nazionale può incontrare questo requisito. Comunque, metodo purchessia è scelto, dovrebbe assicurare che l'altra parte sarà consapevole che osservazioni sono state registrate e troveranno una vera opportunità di fare commenti su loro (vedere Brandstetter c. Austria, 28 agosto 1991 §§ 66 e 67, Serie Un n. 211; Ruiz-Mateos c. la Spagna, 23 giugno 1993, § 67 la Serie Un n. 262; mutatis mutandis, Milatová ed Altri c. la Repubblica ceca, n. 61811/00, § 65 il 2005-V di ECHR e, un fortiori, Krčmář ed Altri c. la Repubblica ceca, n. 35376/97, §§ 41-45 3 marzo 2000). Inoltre, la Corte reitera che Articolo 6 § 3 (b) garantisce “tempo adeguato e mezzi per la preparazione della sua difesa” e perciò implica che l'attività di difesa effettiva sul conto dell'accusato può comprendere tutto che è “necessario” preparare il processo. L'accusato deve avere l'opportunità di organizzare la sua difesa in un modo appropriato e senza restrizione come alla possibilità di mettere tutti gli argomenti di difesa attinenti di fronte al giudice e così influenzare la conseguenza dei procedimenti (vedere c. l'Austria, n. 9300/81, § 53, il rapporto di Commissione di 12 luglio 1984 la Serie Un n. 96, e Moiseyev c. la Russia, n. 62936/00, § 220 9 ottobre 2008). Gli installazioni che dovrebbero essere goduti con ognuno accusati con un reato penale includono l'opportunità di informarsi, per i fini di preparare la sua difesa coi risultati di indagini eseguiti in tutto i procedimenti (vedere C.G.P. c. i Paesi Bassi (il dec.), n. 29835/96, 15 gennaio 1997, e Galstyan c. l'Armenia, n. 26986/03, § 84 15 novembre 2007).
539. Rivolgendosi alla causa a mano, la Corte osserva che le rivendicazioni del Ministero alla società richiedente in riguardo dell'anno 2000 furono basate sul rendiconto di certificazione di 29 dicembre 2003 che divenne disponibile alla società richiedente sulla stessa data e fu usato più tardi nella decisione di 14 aprile 2004, notificato sul richiedente 15 aprile 2004. È vero che questi due documenti erano molto particolareggiati, e contenne i sequestri per provare la posizione del Ministero, e che la società richiedente aveva su alcuna opportunità di occasioni di contestarli. Comunque, il fatto rimane che l'oggetto dell'esame del giudice durante le udienze di 21 a 26 maggio 2004 né era il rendiconto di certificazione di 29 dicembre 2003 e la decisione di 14 aprile 2004 come così, né le copie dei documenti presumibilmente già in proprietà della società di richiedente, ma piuttosto le rivendicazioni di corte del Ministero basarono sui due documenti summenzionati ed il corpo supplementare di prova registrati col Ministero e comprendendo almeno 43,000 pagine. È chiaro alla Corte che per fornire alla società richiedente un processo accusatorio e “tempo adeguato e mezzi per la preparazione di [suo] la difesa” la società richiedente sarebbe dovuta essere data un'opportunità adeguata di studiare l'interezza di questi documenti e, più generalmente, preparare per le udienze dei meriti della causa su termini ragionevoli.
540. Avendo riguardo ad alle parti gli argomenti di ' e le circostanze della causa, la Corte è della prospettiva che il giudice non è riuscito a giungere a questo obiettivo, come i quattro giorni meri durante i quali la società richiedente potrebbe avere accesso ai materiali di causa era insufficiente per la società richiedente per in modo appropriato preparare, nessuna questione il numero di avvocati nella sua difesa attacca o l'importo di altre risorse che la società richiedente sarebbe stata in grado commettere durante le sue preparazioni. Come riguardi il riferimento del Governo alla condotta della società richiedente durante i procedimenti ed il suo argomento che la società non aveva nessun vero bisogno di studiare che prova, i costatazione di Corte che era a portata di mano in carica sul giudice nella situazione assicurare che la società richiedente aveva un periodo sufficientemente lungo di tempo durante il quale potrebbe studiare tale archivio di causa voluminoso e potrebbe preparare per le udienze di processo ed era su alla società richiedente per usare questa volta come sé desiderò. Come riguardi l'argomento del Governo che il giudice stava facendo semplicemente suo meglio attenersi col tempo-limite di due mesi espose nrll’ Articolo 215 del Codice di Procedura di Tribunale di commercio per esame di cause di questa categoria, la Corte è della prospettiva che anche se senza dubbio è importante per condurre procedimenti alla buon velocità, questo non dovrebbe essere fatto alla spesa dei diritti procedurali di una delle parti, specialmente dato il relativamente la durata complessiva e breve dei procedimenti per una causa di simile magnitudine e la complessità.
541. In generale, la Corte è della prospettiva che la società richiedente non aveva tempo sufficiente per studiare l'archivio di causa prima che le prime udienze di istanza.
542. Le prese di Corte notano dell'argomento del Governo che qualsiasi i possibili difetti nell'equità dei procedimenti per prima citano un esempio è stato rimediato a su ricorso o nell'istanza di cassazione. Poiché questo argomento anche è riferito da vicino all'azione di reclamo della società richiedente del primo inizio del ricorso ascolta nella causa di Accertamento tributario del 2000, la Corte li esaminerà insieme sotto.
3. Le azioni di reclamo delle udienze di processo ed la qualità presumibilmente cattiva della prima sentenza di istanza
543. Come riguardi le dichiarazioni della società richiedente che i suoi avvocati non potessero ottenere risposte dal Ministero a tutte le questioni loro desiderarono chiedere nelle udienze di fronte alla corte e che il giudice bruscamente interrotto le note dell'avvocato della società di richiedente, la Corte trova che queste azioni di reclamo sono vaghe e non specifiche e non c'è niente negli argomenti della società per suggerire che le restrizioni di condotta imposero con la prima istanza o corte di ricorso sul consiglio della società durante le udienze erano arbitrario o colpirono avversamente l'equità dei procedimenti nell'insieme. La Corte trova anche non comprovata la dichiarazione della società richiedente che la Mosca Corte Urbana aveva dato la sua sentenza senza avere studiato la prova.
4. Le azioni di reclamo della prima parte dell’ inizio delle udienze di ricorso
544. La Corte osserva che sotto Articoli 257 e 259 del Codice di Procedura di Tribunale di commercio una parte ha trenta giorni per registrare il suo ricorso (vedere paragrafo 422 sopra). Nota inoltre che il pieno testo della sentenza di prima istanza di 26 maggio 2004 divenne disponibile alle parti in 28 maggio 2004 e che, nonostante le richieste della società richiedente per aggiornamento, il ricorso ascolta nella causa cominciata 18 e dura sino a 29 giugno 2004 (vedere divide in paragrafi 51, 57 e 58).
545La Corte costata che l'inizio dei procedimenti di ricorso 18 giugno 2004, quel è, ventun giorni dopo il pieno testo della sentenza di prima istanza in 28 maggio 2004 erano divenuti disponibili, limitato la capacità della società richiedente di avanzare i suoi argomenti e, più generalmente, preparare per le udienze di ricorso con accorciando il tempo-limite legale con nove giorni. Dato il numero dei partecipanti, della la complessità e della magnitudine della causa così come le restrizioni precedenti sulla capacità della società richiedente di studiare la causa istanza per prima, i costatazione di Corte che la società richiedente non aveva “tempo adeguato e mezzi per la preparazione di [suo] la difesa” all'interno del significato di Articolo 6 § 3 (b) su conto del tempo limitato per preparazione dell'udienza di ricorso. Trova anche che la corte di ricorso fallì di ammettere, affitti rimediare ai difetti commessi con la corte di prima istanza come riguardi l'accesso limitato della società richiedente all'archivio di causa da solo.
546. Nella Corte reitererebbe di nuovo finora come il Governo si appellato su Articolo 267 del Codice di Procedura di Tribunale di commercio per giustificare la prontezza in oggetto, che la meta legittima di condurre procedimenti alla buon velocità non sarebbe dovuta essere realizzata alla spesa dei diritti procedurali di una delle parti, specialmente dato la mancanza di qualsiasi indicazione di ritardi ingiustificati nei procedimenti che durarono alle prime due istanze per solamente 3 mesi e 15 giorni. In qualsiasi l'evento, la Corte non è persuasa con l'interpretazione del testo della disposizione in oggetto suggerì col Governo. Prenderebbe nota del fatto che recentemente le autorità nazionali loro l'hanno trovato necessario cambiare e spiegare la disposizione in oggetto con correggendolo (vedere divide in paragrafi 422 e 423). Nella sua versione di giorno presente il tempo-limite in oggetto scorsi due mesi piuttosto che uno, e comincia a correre solamente dopo la scadenza del tempo-limite per portare ricorsi, e non simultaneamente a sé, siccome suggerito col Governo nelle sue osservazioni. In oltre, la corte di ricorso ora ha la discrezione per aumentare il termine su a sei mesi, mentre dipendendo dal numero dei partecipanti e la complessità della causa.
547. Infine, in finora come il Governo rispondente dibattuto che l'esame susseguente della causa all'istanza di cassazione aveva rimediato a questi difetti, la Corte osserva che la cassazione ascolta succedette il 17 settembre 2004, quattro mesi dopo la rivelazione della prova ed approssimativamente tre mesi dopo il ricorso ascoltano quale succedette fra il 18 e 2il 9 giugno 2004. Nonostante il fatto che la società ha potuto avere abbastanza tempo per preparare per la cassazione Udienze, la corte di cassazione, come una corte di revisione già aveva restretto la competenza in relazione alla valutazione di prova resa con la prima istanza e corti di ricorso (vedere paragrafo 426) e, sui fatti, non riuscì a riconoscere qualsiasi difetti nelle sentenze delle corti più basse (vedere paragrafo 71).
548. In generale, i costatazione di Corte che il primo inizio del ricorso ascolta impedirono la capacità della società richiedente di preparare ed in modo appropriato presentare la sua causa su ricorso.
5. L'azione di reclamo del ritardo addotto nella produzione di una versione ragionata della sentenza di ricorso
549. In finora come la società richiedente anche si lamentò del ritardo allegato nell'offrire le ragioni per la sentenza della Ricorso Corte nei procedimenti in riguardo dell'Accertamento tributario del 2000, la Corte noterebbe che la società richiedente non si lamentò dei procedimenti nella cassazione come simile ma piuttosto chiese che, nella sua situazione, accesso effettivo alla corte di cassazione era impossibile senza una sospensione di esecuzione della decisione di ricorso di 29 giugno 2004. In questo riguardo, la Corte osserva, che l'esecuzione immediata della decisione di ricorso non impedì alla società di depositare il suo ricorso di cassazione e mentre Articolo 6 fornisce ad un richiedente il diritto di accesso per corteggiare, non garantisce, come così, il diritto ad una sospensione automatica di esecuzione di una decisione di corte non favorevole. La Corte sottolineerebbe che la società richiedente nella causa presente aveva accesso a corti di due livelli di giurisdizione di fronte a qualsiasi misure di esecuzione furono prese e che l'esecuzione della decisione di ricorso di 29 giugno 2004 non lo costituì impossibile la società richiedente esercitare il suo diritto per fare appello nella cassazione, o intraprendere gli ulteriori procedimenti con modo di revisione direttiva o di fronte alla Corte Costituzionale. La società richiedente depositò il suo ricorso di cassazione ed osservazioni supplementari sulla base della copia ragionata della decisione di ricorso di 29 giugno 2004 7 luglio 2004 (vedere paragrafo 67). Il ricorso fu accettato per la considerazione, e 17 settembre 2004 la sua piena versione fu esaminata e respinse con la Circuito Corte (vedere paragrafo 70). Non solo il ricorso di cassazione, ma anche la richiesta per sospendere l'esecuzione della decisione di ricorso di 29 giugno 2004 fu esaminata con le corti nazionali a due istanze e respinse infine come infondato (vedere divide in paragrafi 127-129).
550. In generale, la Corte conclude che non c'è nessuna indicazione dell'iniquità all'interno del significato di Articolo 6 su conto delle restrizioni allegato sull'accesso della società richiedente all'istanza di cassazione.
6. Conclusione
551. Avendo riguardo ad al sopra, i costatazione di Corte che il processo della società richiedente non si è attenuto coi requisiti procedurali di Articolo 6 della Convenzione per le ragioni seguenti: la società richiedente non aveva tempo sufficiente per studiare l'archivio di causa istanza per prima, ed il primo inizio delle udienze con la corte di ricorso restrinse ingiustificabilmente la capacità della società di presentare la sua causa su ricorso. I costatazione di Corte che l'effetto complessivo di queste difficoltà, preso nell'insieme così restretto i diritti della difesa che il principio di un processo equanime, come esponga fuori in Articolo 6, fu contravvenuto a. C'è stata perciò una violazione di Articolo 6 § 1 della Convenzione, preso in concomitanza con Articolo 6 § 3 (b).
III. VIOLAZIONI ADDOTTE DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1, PRESO DA SOLO ED IN CONCOMITANZA CON GLI ARTICOLI 1, 7, 13, 14 E 18 DELLA CONVENZIONE
552. Sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, preso da solo ed in concomitanza con Articoli 1, 7, 13, 14 e 18 della Convenzione che la società richiedente si è lamentata del presumibilmente illegale, l'imposizione arbitraria e sproporzionata ed esecuzione delle 2000-2003 Tassa Valutazioni. La società si lamentò inoltre che la vendita di OMISSIS era stata illegale, arbitraria e sproporzionata.
553. Questi danni incorrono essere esaminati principalmente sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, riguardo ad essere aveva, dove appropriato, alle altre disposizioni di Convenzione si appellate su con la società di richiedente.
Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 letture:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
554. La Corte reitera che nella conformità con la sua giurisprudenza continua e ben stabilita Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 comprende tre articoli distinti. Il primo articolo che è di una natura generale enuncia il principio di godimento tranquillo di proprietà; è esposto fuori nella prima frase del primo paragrafo. Il secondo articolo copre privazione di proprietà e materie sé alle certe condizioni; sembra nella seconda frase dello stesso paragrafo. Il terzo articolo riconosce che gli Stati sono concessi, fra le altre cose, controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale, con eseguendo simile leggi siccome loro ritengono necessari per il fine; è contenuto nel secondo paragrafo. Comunque, i tre articoli non sono “distinto” nel senso di essere distaccato. Il secondo e terzi articoli concernono con le particolari istanze di interferenza col diritto a godimento tranquillo di proprietà e dovrebbero essere costruiti perciò nella luce del principio generale enunciata nel primo articolo (vedere Sporrong e Lönnroth c. la Svezia, 23 settembre 1982, § 61 la Serie Un n. 52, e James ed Altri c. il Regno Unito, 21 febbraio 1986, § 37 la Serie Un n. 98).
555. La Corte nota che fra dicembre 2003 e gennaio 2005 le autorità nazionali sottoposero la società richiedente ad un numero di misure in collegamento col suo insuccesso allegato per pagare l'importo corretto di tassa per gli anni 2000-2003. In particolare, come un risultato dei procedimenti di Accertamento tributario la società richiedente fu trovata colpevole di frode di tassa ripetuta e fu ordinata per pagare almeno una somma complessiva di RUB 572 miliardo (circa EUR 16 miliardo) in tasse insolute, interesse di mora e sanzioni penali. Nei procedimenti di esecuzione, condusse simultaneamente, la società richiedentef u ordinata per pagare una 7% parcella di esecuzione supplementare sull'importo complessivo del debito: i suoi beni furono allegati e sequestrarono, mentre 76.79 percento di quote nella sua unità di produzione principale, OMISSIS, fu venduto in soddisfazione sulla responsabilità menzionata.
556. La Corte nota che le parti non contestarono che queste misure, se preso da solo o insieme, costituì un'interferenza coi diritti di proprietà della società richiedente come garantito dall’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. La Corte nota inoltre che la società si lamentò separatamente delle misure e che si lamentò anche delle intenzioni del Governo in collegamento con quelle misure. In questo riguardo secondo, la società richiedente dibatté, che, nel portare i procedimenti attinenti, le autorità avevano chiesto di distruggere la società ed espropriare i suoi beni. La Corte deve ora soddisfarsi che ogni istanza di simile interferenza soddisfece il requisito della legalità, intraprese un scopo legittimo ed era proporzionato allo scopo perseguito.
557. Avendo riguardo ad alle circostanze della causa e la natura delle azioni di reclamo della società di richiedente, la Corte trova, che le azioni di reclamo riguardo alle decisioni separate e misure nel contesto dei procedimenti contro la società richiedente incorrono essere esaminate sotto il terzo articolo di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, preso in concomitanza dove appropriato, con le altre disposizioni di Convenzione si appellate su con la società di richiedente. La Corte esaminerà le azioni di reclamo nell'ordine seguente:
(Un) le azioni di reclamo dei vari aspetti dei procedimenti di accertamento tributario per gli anni 2000-2003;
(B) le azioni di reclamo riguardo alle misure prese con le autorità nazionali per eseguire il debito che è il risultato dei procedimenti di accertamento tributario sulla società richiedente e la dichiarazione relativa del Governo della non-esaurimento che nella decisione sull'ammissibilità di 29 gennaio 2009 congiunse ai meriti;
(Il C) le dichiarazioni della società richiedente riguardo alle intenzioni del Governo in questi procedimenti, rese sotto Articolo 18 della Convenzione, preso in concomitanza con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
A. Le azioni di reclamo circa le revisioni fiscali del 2000-2003
558. La Corte reitera che non era in controversia fra le parti che la Tassa Valutazioni 2000-2003 rappresentarono un'interferenza coi diritti di proprietà della società di richiedente. Rimane essere determinato se queste decisioni soddisfecero il requisito della legalità, intraprese un scopo legittimo, era proporzionato allo scopo perseguito, come richiesto con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, e se loro non erano discriminatori all'interno del significato di Articolo 14 della Convenzione, preso in concomitanza con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
1. Ottemperanza con l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1
(a) Se le Valutazioni fiscali del 2000-2003 si sono attenute col requisito della legalità della Convenzione
559. La Corte reitera che il primo e la maggior parte di importante requisito di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 è che qualsiasi interferenza con un'autorità pubblica col godimento tranquillo di proprietà dovrebbe essere legale: il secondo paragrafo riconosce che gli Stati hanno diritto a controllare l'uso di proprietà con eseguendo “le leggi” (vedere Iatridis c. la Grecia [GC], n. 31107/96, § 58 ECHR 1999-II). Questo vuole dire che l'interferenza dovrebbe essere in ottemperanza col diritto nazionale e che la legge stessa è di qualità sufficiente per abilitare un richiedente per prevedere la conseguenza di suo o la sua condotta. Come riguardi l'ottemperanza col diritto nazionale, la Corte ha limitato il potere in questo riguardo poiché è una questione che primariamente giace all'interno della competenza delle corti nazionali (vedere Håkansson e Sturesson c. la Svezia, 21 febbraio 1990, § 47 la Serie Un n. 171-un, e, mutatis mutandis, Tre Traktörer Ab c. la Svezia, 7 luglio 1989, § 58 la Serie Un n. 159). Come riguardi la qualità della legge, il compito della Corte è verificare se le disposizioni applicabili di diritto nazionale erano sufficientemente accessibili, precise e prevedibili (vedere Hentrich c. la Francia, 22 settembre 1994, § 42 la Serie Un n. 296-un, e Lithgow ed Altri c. il Regno Unito, 8 luglio 1986, § 42 la Serie Un n. 110). In finora come la sfera di tassa riguarda, la posizione ben stabilita della Corte è che Stati possono essere riconosciuti del grado di riguardo supplementare e latitudine nell'esercizio delle loro funzioni fiscali sotto la prova di legalità (vedere Cittadino & Edificio Società Provinciale, Leeds Edificio Società Permanente e Yorkshire Building la Società c. il Regno Unito, 23 ottobre 1997, §§ 75-83 Relazioni 1997-VII) e che, in prospettiva della complessità del campo attinente di regolamentazione, le entità sociali, come opposto a contribuenti individuali, può essere costretto ad agire con cautela supplementare e diligenza con consultando specialisti competenti in questa sfera (vedere Špaček, s.r.o., c. la Repubblica ceca, n. 26449/95, § 59 9 novembre 1999).
560. La società richiedente dibatté in riguardo dell'Accertamento tributario 2000 che accusa per evasione fiscale era stata tempo-sbarrata. Dibatté anche inoltre, che le decisioni in oggetto era stato generalmente illegale in che loro non era stato basato su qualsiasi interpretazione ragionevole e prevedibile del diritto nazionale per che ragiona non c'era stata base in legge per imporre tasse, multe duplici o negare il rimborso di IVA in riguardo dell'esportazione di petrolio e prodotti di petrolio. La società richiedente si lamentò anche che mai era stata la prima entità per essere stata punita per lo schema di ottimizzazione di tassa, fin qui generalmente tollerata.
i. La dichiarazione che l'accusa per l'evasione fiscale addotta durante l'anno 2000 era decaduta
α. Le osservazioni della società richiedente
561. La società richiedente si lamentò che nei procedimenti di Accertamento tributario per l'anno 2000 le corti nazionali erano andate a vuoto ad applicare set tempo-decaduto e legale il tre anni fuori in Articolo 113 del Tassa Codice. Fin dalle rivendicazioni attinenti del Ministero era stato tempo-sbarrato con virtù di Articolo 113 del Tassa Codice, l'Accertamento tributario 2000 era stato illegale, imprevedibile e retroattivo nella luce della decisione della Corte Costituzionale di 14 luglio 2005. Notò anche che questa disposizione nazionale fece domanda tassare procedimenti di valutazioni in generale e non equo a multe e che il raddoppio delle multe per l'anno 2001 era stato anche illegale.
β. Le osservazioni del Governo
562. Il Governo non fu d'accordo. Loro sottolinearono che il problema riguardava solamente le multe per l'anno 2000, e non impose nuovamente tasse o sovrapprezzi. Loro dibatterono che la decisione della Corte Costituzionale di 14 luglio 2005 aveva confermato semplicemente la richiesta corretta di Articolo 113 del Codice Fiscaleper tutti i contribuenti, che spiegò il significato di questa norma, che questo significato era stato in linea con pratica internazionale e che non era stato puntato individualmente contro del richiedente. Il Governo affermò anche che la decisione aveva riguardata la specifica situazione di un'evasione fiscale di cattivo-fede dove un contribuente impedisce ed ostruisce ispezioni di tassa, ed anche si appellò su esempi da giurisdizioni estere, dove gli specifici articoli fanno domanda a contribuenti in simile situazioni. Loro citarono le certe cause russe dove le corti fecero domanda la Corte Costituzionale sta decidendo in una maniera simile a che nella causa della società richiedent eed anche si riferì alla sentenza della Corte nella causa di Cittadino & Edificio Società Provinciale, Leeds Edificio Società Permanente e Yorkshire Building la Società c. il Regno Unito. Loro notarono anche che il tempo-limite di tre anni non era stato particolarmente lungo e che negli altri tempo-limiti di paesi era anche più lungo.
γ. La valutazione della Corte
563. La Corte trova all'inizio che questo danno concerne solamente la conseguenza dei procedimenti di Accertamento tributario per l'anno 2000 nella parte riguardo all'imposizione di sanzioni penali, fin da Articolo 113 del Codice Fiscale in oggetto il quale previde per il tempo-limite, solamente fece domanda alla raccolta di multe (vedere paragrafo 403) e che nessuno problema di Convenzione simile sorge in riguardo della raccolta di soprattasse e pagamenti di interesse (vedere paragrafo 404). La Corte nota inoltre che Articolo 113 del Codice Fiscale prevedeva un tempo-limite di anno del tre per sostenere un contribuente responsabile e che questo periodo corse dal primo giorno dopo la fine del termine di tassa attinente. Secondo le direzioni di pratica della Corte Suprema 28 febbraio 2001 datò, il momento al quale un contribuente fu sostenuto responsabile all'interno del significato di Articolo 113 del Codice Fiscale era la data della decisione attinente dell'autorità fiscale (vedere paragrafo 405 e 406).
564. Sui fatti, tale decisione nel collegamento con le attività della società di anno 2000 fu adottata 14 aprile 2004 (vedere paragrafo 21) che chiaramente era fuori del tempo-limite di anno summenzionato del tre. In risposta all'argomento sollevata con la società richiedente durante gli atti, le corti più basse decisero, che gli articoli su una tempo-sbarra legale erano inapplicabili perché la società richiedente stava agendo in mala fede (vedere paragrafo 49). Da allora in poi l'istanza di revisione direttiva decise che tale interpretazione degli articoli sui tempo-limiti legali non era stata in linea con la legislazione esistente e giurisprudenza(vedere paragrafo 80) e si riferì il problema al Presidium del Tribunale di commercio Supremo che, a turno, se lo riferì alla Corte Costituzionale (vedere paragrafo 81).
565. Avendo rifiutato inizialmente di considerare l'azione di reclamo individuale della società richiedente che concerne lo stesso problema (vedere divide in paragrafi 76 e 77), la Corte Costituzionale accettò il riferimento dal Presidium del Tribunale di commercio Supremo e 14 luglio 2005 diede una decisione nella quale non fu d'accordo con le corti più basse (vedere divide in paragrafi 82-88), notando che gli articoli sul termine di prescrizione dovrebbero fare domanda in qualsiasi l'evento e che, insolitamente, se un contribuente impedisse le ispezioni con le autorità fiscali, e con ciò rimandò l'adozione della decisione attinente, la gestione del tempo-limite potrebbe essere sospesa con l'adozione di un rapporto di esame fiscale insorgendo fuori le circostanze del reato fiscale e riferendosi agli articoli attinenti del Tassa Codice. Da allora in poi la causa si fu riferita posteriore al Presidium del Tribunale di commercio Supremo che fece domanda questa interpretazione per concludere che la società richiedente attivamente stava impedendo le ispezioni di tassa (vedere divide in paragrafi 17 e 90). Fin dal rendiconto di certificazione in riguardo dell'anno 2000 era stato adottato ed era stato notificato 29 dicembre 2003, la corte decise che le rivendicazioni del Ministero per 2000 erano state portate in tempo. La Corte nota che la decisione della Corte Costituzionale di 14 luglio 2005 diede luogo ad un cambio nell'interpretazione degli articoli attinenti sui tempo-limiti legali dei procedimenti. Di conseguenza, un problema sorge come a se tale cambio era compatibile col requisito della legalità di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
566. Nel fabbricare la Corte la sua valutazione prenderà in considerazione la sua sentenza precedente che i 2000 procedimenti di Accertamento tributario erano penali in carattere (vedere OAO il kompaniya di Neftyanaya OMISSIS (il dec.), citato sopra, § 453) e terrà presente anche che il cambio in oggetto interessato la raccolta di multe per evasione intenzionale di tassa. In questo collegamento, reitererebbe di nuovo, che il terzo articolo di questa disposizione di Convenzione esplicitamente le riserve il diritto degli Stati Contraenti per passare “simile leggi siccome loro possono ritenere necessari garantire il pagamento di tasse” quale vuole dire che gli Stati sono riconosciuti un margine insolitamente ampio della valutazione in questa sfera (vedere Tre Traktörer Ab c. la Svezia, 7 luglio 1989, §§ 56-63 la Serie Un n. 159).
567. La Corte reitera il principio, contenne primariamente in Articolo 7 della Convenzione ma anche implicitamente nella nozione dell'articolo di legge ed il requisito della legalità di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, che solamente legge può definire un crimine e può prescrivere una sanzione penale. Mentre proibisce, in particolare, prolungando la sfera di reati esistenti ad atti che prima non erano reati penali, posa anche in giù il principio che il diritto penale non deve essere costruito estensivamente al danno di un accusato, per istanza con analogia. Segue che reati e le sanzioni penali attinenti chiaramente devono essere definite con legge. Questo requisito si soddisfa dove l'individuo può sapere dall'enunciazione della disposizione attinente e, se bisogno è, con assistenza legale ed appropriata, che atti ed omissioni lo faranno criminalmente responsabile (vedere Coëme ed Altri c. il Belgio, N. 32492/96, 32547/96, 32548/96 33209/96 e 33210/96, §§ 145-146 ECHR).
568. Inoltre, il termine “la legge” implica requisiti qualitativi, incluso quelli dell'accessibilità e prevedibilità (vedere, fra le altre autorità, Cantoni c. la Francia, 15 novembre 1996, § 29 Relazioni di Sentenze e 1996-V di Decisioni; ed E.K. c. la Turchia, n. 28496/95, § 51 7 febbraio 2002). Questi requisiti qualitativi devono essere soddisfatti come riguarda sia la definizione di un reato e la sanzione penale il reato in oggetto porta (vedere Achour c. la Francia [GC], n. 67335/01, § 41 ECHR 2006-IV). La Corte ha ammesso nella sua giurisprudenzache ha redatto comunque chiaramente una disposizione legale può essere in qualsiasi sistema di legge, incluso diritto penale c'è un elemento inevitabile di interpretazione giudiziale. Ci sarà sempre un bisogno per delucidazione di punti dubbiosi e per l'adattamento a cambiando circostanze. Di nuovo, mentre la certezza è estremamente desiderabile, può trarre il suo treno la rigidità eccessiva e la legge devono essere in grado tenere ritmo col cambiando circostanze. Molte leggi si sono adagiate inevitabilmente di conseguenza, in termini che, ad un più grande o minore misura, è vago e di chi interpretazione e la richiesta sono questioni di pratica (vedere, mutatis mutandis, domenica Time c. il Regno Unito (n. 1), 26 aprile 1979, § 49 la Serie Un n. 30 e Kokkinakis c. la Grecia, 25 maggio 1993, § 40 la Serie Un n. 260-un). Il ruolo dell'aggiudicazione assegnato legalmente nelle corti è precisamente dissipare simili dubbi interpretatici siccome rimane (vedere Cantoni, citato sopra, § 29).
569. Così, il requisito della legalità non si può leggere siccome bandendo la chiarificazione graduale degli articoli della responsabilità penale per interpretazione giudiziale da causa a causa, “purché che lo sviluppo risultante è coerente con l'essenza del reato e potrebbe essere previsto ragionevolmente” (vedere Kafkaris c. la Cipro [GC], n. 21906/04, § 141 ECHR 2008 -...).
570. La Corte prima limitazione definito come il diritto legale di un offensore per non essere perseguito o tentò dopo l'errore di un certo periodo di tempo poiché il reato fu commesso. Termini di prescrizione che sono una caratteristica comune degli ordinamenti giuridici nazionali degli Stati Contraenti notificano molti fini che includono assicurando certezza legale e la finalità ed ostacolando violazioni dei diritti di imputati che sarebbero danneggiati se corti fossero costrette a decidere sulla base di prova che sarebbe divenuta incompleta a causa del passaggio di tempo (vedere Stubbings ed Altri c. il Regno Unito, 22 ottobre 1996, § 51 Relazioni 1996-IV).
571. Rivolgendosi ai fatti della causa, la Corte noterebbe in primo luogo che l'articolo che, al giorno d'oggi la causa, subì cambi come un risultato della decisione di 14 luglio 2005, fu contenuto in Articolo 113 di Capitolo 15 “Generale approvvigiona riguardo alla responsabilità per reati fiscali” del Codice Fiscale(vedere paragrafo 403) e così formò una parte del diritto sostanziale nazionale. Anche se l'articolo non descrisse in se stesso gli elementi effettivi del reato e la sanzione penale applicabile, costituì ciononostante un qua sinusoidale non condizione con la quale le autorità dovevano attenersi per essere in grado perseguire i contribuenti attinenti in collegamento coi reati fiscali allegato. Di conseguenza, Articolo 113 del Codice Fiscale definì un crimine per i fini dell'analisi della Corte della legalità. Rimane essere determinato se nelle circostanze la decisione di 14 luglio 2005 potrebbe essere considerata una chiarificazione graduale degli articoli su responsabilità penale che “[era] coerente con l'essenza del reato e potrebbe essere previsto ragionevolmente” (vedere Kafkaris, citato sopra, § 141).
572. In questo collegamento la Corte può accettare che il cambio in oggetto non cambi la sostanza del reato. La Corte Costituzionale interpretò gli articoli esistenti su tempo-limiti in relazione a contribuenti che agirono abusivamente. Allo stesso tempo, la Corte non è persuasa, che il cambio in oggetto sarebbe potuto essere previsto ragionevolmente.
573. Osserva che la decisione di 14 luglio 2005 aveva cambiato gli articoli applicabile al tempo attinente creando un'eccezione da un articolo che non aveva avuto eccezioni precedenti (vedere divide in paragrafi 86 e 88). La decisione rappresentò un'inversione e partenza dalle direzioni di pratica ben stabilite del Tribunale di commercio Supremo (vedere, con contrasto, Achour, citato sopra, § 52) e la Corte non trova indicazione nelle cause presentate con le parti che suggeriscono una pratica divergente o qualsiasi la difficoltà precedente nel collegamento con la richiesta di Articolo 113 del Codice Fiscaleal livello nazionale (vedere divide in paragrafi 407-408). Benché la giurisprudenza precedente della Corte Costituzionale contenesse dei riferimenti generali ad unfavourable conseguenze legali che contribuenti che agiscono in mala fede potrebbero affrontare nelle certe situazioni, queste indicazioni come così, era insufficiente per offrire una guida chiara alla società richiedentenelle circostanze della causa presente.
574. In generale, nonostante il margine dello Stato della valutazione in questa sfera, i costatazione di Corte che c'è stata una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 su conto del cambio in interpretazione degli articoli sulla tempo-sbarra legale che è il risultato della decisione della Corte Costituzionale di 14 luglio 2005 e l'effetto di questa decisione sulla conseguenza dell'Accertamento tributario 2000 procedimenti.
575. Fin dalla condanna della società richiedente sotto Articolo 122 del Codice Fiscale nei 2000 procedimenti di Accertamento tributario la base posò per trovare la società richiedente responsabile per un reato ripetuto con un 100% aumento nell'importo delle sanzioni penali dovuto nei 2001 procedimenti di Accertamento tributario, la Corte anche i costatazione che l'Accertamento tributario del 2001 nella parte che ordina la società richiedente per pagare le multe duplici non era in conformità con la legge, come richiesto con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
ii. La dichiarazione che le Valutazioni fiscali del 2000-2003 non erano basate su un'interpretazione ragionevole e prevedibile del diritto nazionale
α. Le osservazioni della società richiedente
576. La società richiedente non fu d'accordo con le conclusioni che riguarda i fatti giunte alle corti nazionali in riguardo delle società di commercio. Nella sua osservazione sull'ammissibilità della causa, la società richiedente dibatté, che era stato l'imputato sbagliato nei procedimenti di accertamento tributario che non c'erano stati nessuno collegamenti di dipendenza fra le società di commercio e sé e che non c'erano motivi per fare la società di richiedente, una società finanziaria con, al tempo di materiale, solamente due impiegati con amministrative funzioni estremamente importanti ma su piccola scala, responsabile per le società di commercio ' tassa le responsabilità e creando un prima concetto virtualmente ignoto di “contribuente di cattivo-fede.” Nelle sue osservazioni sui meriti della causa, la società richiedente dibatté, che “l'OMISSIS Group”, incluso le società di commercio, aveva operato come un'unità e che le autorità erano state consapevoli di tutti i dettagli di questa unità sta funzionando, incluso le sue relazioni con le società di commercio, perché tutte le entità che formano il gruppo fecero dichiarazioni di tassa regolari. La società presentò anche che il Ministero fece controlli regolari del gruppo intero, mentre comportò il rilevamento del corso intero di ogni collegamento nella catena di operazioni dall'acquisto originale di petrolio con le società di commercio sino alla sua esportazione, e che gli ufficiali di OMISSIS contennero riunioni mensili con gli ufficiali del Ministero per discutere la società sta funzionando e dichiarazione dei redditi. In generale, la società richiedente considerò che la sua disposizione di tassa non era stata mai segreta.
577. La società richiedente presentò anche che legge russa non aveva contenuto nessuna disposizione legale che lascia spazio all'attribuzione delle responsabilità di tassa siccome era accaduto nella sua causa, che il rifiuto delle riduzioni di IVA era stato illegale, che l'uso di via-spiagge nazionali con la società richiedente era stato legale, che le teorie legali usarono con le autorità nella sua causa era stato senza precedente legale che il modo dove le autorità avevano valutato tasse aveva condotto a doppia imposizione, e che il pagamento di interesse e multe era stato nazionalmente illegale. Come riguardi l'attribuzione delle responsabilità di tassa, la società richiedente considerò che legge russa non contenne nessuno disposizioni che hanno permesso forare del velo aziendale per sostenere una società responsabile per le azioni di un altro, se la seconda era un assistente, una società affiliata o un'entità separata. La società chiese che le teorie legali usarono col Ministero nelle sue cause di accertamento tributario era stato senza precedenti e si riferì a via di ricorso legali che potrebbero essere usate col Ministero in questa situazione ma non potevano avere un lavoro. In particolare, la società richiedente dibatté che le autorità avrebbero dovuto fare domanda l'anti-trasferimento che fissa il prezzo di meccanismo di Articoli 20 e 40 del Codice Fiscale o che le corti avrebbero dovuto invalidare operazioni individuali con le società di commercio così come costituire o loro o gli assistenti della società di richiedente, responsabile la tassa presumibilmente mal retribuita. La società richiedente considerò che in qualsiasi evento, sotto il diritto nazionale applicabile le autorità non potevano contenerlo direttamente responsabile per le azioni delle società di commercio. Inoltre, la società si appellò su Articolo 251 (1) 11 del Codice Fiscale per giustificare i trasferimenti unilaterali di soldi dalle società di commercio al Fondo della società di richiedente. Dibatté che c'era stato nessuno simile nozione come “l'entità fittizia” in legge russa e che il “il mala fede” dottrina era stata troppo vaga un attrezzo legale per essere usato per perseguirlo. La società richiedente presentò anche alla Corte un'opinione datò 7 settembre 2003 col consiglio della società, la ditta legale “Pepelyev, Goltsblat i Partnery”, confermando la legalità della disposizione da che cosa “una società consociata fa un trasferimento dei suoi profitti alla filiale principale che a turno crea un Fondo [fuori da questi soldi] restituirli alle società consociate per uso... o pagare i dividendi” ed anche si appellò su causa nessun A42-6604/00-15-818/01 per dimostrare che la sua disposizione di tassa era stata legale a livello nazionale. Infine, la società richiedente considerò che i chiarimenti del Governo in questo collegamento ed in particolare il suo riferimento ad Articoli 168, 169 e 170 del Codice civile non potevano giustificare le autorità le azioni di ' nei procedimenti di accertamento tributario, poiché queste disposizioni non si erano state appellate su con le corti nazionali.
578. La società richiedente dibatté inoltre che il rifiuto di benefici di tassa alle società di commercio e l'insuccesso per rimborsare IVA in riguardo dell'esportazione di petrolio e prodotti di petrolio era stato illegale e non comprovato. Il richiedente dibattè che il Ministero aveva conosciuto tutte le società di commercio le operazioni di ' a causa della loro IVA mensile ritorna e richieste regolari per rimborsi di imposte, e che poiché tutto il petrolio commerciato era stato per esportazione ed aveva esentato da IVA il suo uso di disposizioni di tassa con le società di commercio non aveva realizzato qualsiasi risparmi in questo collegamento. Sia nella sua richiesta iniziale alla Corte e nelle ulteriori osservazioni sull'ammissibilità della causa, la società richiedente espresse l'insoddisfazione col nazionale corteggia il rifiuto di ' per ricalcolare l'importo dell'IVA dovuto nei procedimenti di Accertamento tributario attinenti, volontariamente come un risultato dell'insuccesso della società per registrare per i risarcimenti di IVA nel suo proprio nome. Nelle sue definitivo osservazioni alla Corte all'udienza 4 marzo 2010, la società addusse, che 31 agosto 2004 aveva registrato le forme di esenzione di IVA nel suo proprio nome per ognuno degli anni 2000 a 2003. In oltre, con riferimento ad Articolo 75 (3) del Tassa Codice, la società richiedente affermò, che non sarebbe dovuto essere ordinato per pagare affatto sovrapprezzi di interesse.
β. Le osservazioni del Governo
579. Nelle loro osservazioni di ammissibilità il Governo affermò che le ispezioni di tassa in riguardo della società richiedente erano state condotte in conformità col diritto nazionale e che la società stava agendo in mala fede in tutto i procedimenti, in violazione vistosa di legislazione di tassa ed era stata soltanto una mimica dell’ottemperanza con la legge. In riguardo delle conclusioni che riguarda i fatti delle corti nazionali, loro dibatterono, che la società richiedente aveva commesso evasione fiscale vistosa, come confermato con le sentenze delle corti nazionali. La prova per confermare le rivendicazioni del Ministero era abbondante ed era chiaro che la sistemazione intera col negoziando società fu organizzata solamente per il fine di evasione fiscale. Durante i procedimenti la società richiedente non era stata capace di spiegare le ragioni economiche per le operazioni in oggetto. Come un esempio della natura fittizia della disposizione, il Governo si riferì al fatto, stabilì con le corti nazionali nei procedimenti contro la società richiedente che su un'occasione una persona che maneggia una delle entità fittizie della società firmò simultaneamente tre contratti in tre ubicazioni diverse, vale a dire Samara, Nefteyugansk e la regione di Tomsk situato alle grandi distanze dall'un l'altro. In oltre, il Governo assegnò un “interno” opinione con la società di revisione PriceWaterhouseCoopers col quale specificamente menzionò i vari problemi la società richiedente“ottimizzazione della tassa” schema, incluso il Fondo usato dalla società per ricevere i soldi generato con le entità fittizie e menzionò con la Ricorso Corte nella sua decisione di 29 giugno 2004. Questo era in violazione della legislazione russa, siccome soldi potrebbe essere trasferito solamente dall'una entità commerciale indipendente ad un'altra entità commerciale ed indipendente in cambio o pagamento per servizi o beni (Articolo 575 del Codice civile). In oltre, la società fuorviò il pubblico nei suoi rapporti e rendiconti gestionali. Per esempio, in febbraio 2004 nel suo rapporto per nove mesi dell'anno 2003 sotto gli Stati Uniti Generalmente Accettò standard di Principi di Contabilità, il resoconto della società per la differenza fra l'aliquota d'imposta di profitto nominale ed il tasso effettivo col suo uso di società affiliate registrato in paradisi fiscali esteri. Questa dichiarazione non era vera poiché, come stabilito con le corti nazionali, la società richiedente usò entità fittizie localizzate in paradisi fiscali nazionali. L'uso molto esteso di vaglia cambiario fu menzionato anche col revisore dei conti come essendo non-conforme con la legislazione vigente. Il Governo presentò che la gestione della società aveva usato questa opportunità di presentare un ritratto distorto dell'adempimento della società e così attirare investitori.
580. Come riguardi la legalità dell'uso della società di paradisi fiscali nazionali, il Governo si riferì a dichiarazioni con un socio principale nella ditta legale “Pepelyaev, Goltsblat i Partnery” che considerato la società richiedente ed il suo azionista di maggioranza, Menatep Di gruppo. In un colloquio col periodico di Raschyot di 30 gennaio 2001, lui affermò, che, siccome passò tempo qualsiasi replicò estesamente schema di ottimizzazione fu conosciuto alle autorità fiscali e loro cominciarono a lottare contro sé. Sanzioni penali erano imposte con riguardo ad a schemi di qualità bassi, ma i migliori schemi di qualità rimasero cassaforte. L'uso di regioni di basso-tassa russe era una forma greggia: dove una società fu introdusse in, per esempio, Kalmykiya, mentre il direttore, ufficio e conto bancario erano a Mosca. In simile istanze la corte deciderebbe che l'ubicazione dell'organizzazione era Mosca e non Kalmykiya. Lo schema sarebbe rovinato e la società sia costretta per pagare a Mosca. Ci potrebbero essere comunque, schemi più sottili, dove tutto fu sistemato in tale modo che il direttore, ragioniere e del personale erano in Kalmykiya e c'era un conto in una banca di Kalmyk, [e] così l'organizzazione sembrerebbe avere una presenza effettiva là. Certamente, affari sarebbe condotto a Mosca ma per un'altra società, così che il profitto intero superò contratti appropriati a Kalmykiya. Schemi così sottili furono lasciati intatti perché non c'era formalmente nulla per scegliere su. Secondo il Governo, la società richiedente usò gli schemi descritti nella loro forma più greggia ed indubbiamente seppe che simile schemi erano illegali.
581. In riguardo della legalità delle autorità nazionali le azioni di ', il Governo presentò che la responsabilità di tassa della società era stata stabilita con le corti nazionali sulla base di, fra le altre cose, Articolo 122 del Codice Fiscale che penalizzò la dichiarazione attenuata di uffici imposte e tasse corrispondenti Legge di RF n. 2116-1 27 dicembre 1991 “Su tassa di profitto di imprese ed organizzazioni”, Legge di RF n. 1759-io di 18 ottobre 1991 “Su finanziamenti di strada nella Federazione russa”, Legge di RF n. 2118-io di 27 dicembre 1991 “Sulle basi del sistema di tassa”, Legge di RF n. 2030-io di 13 dicembre 1991 “Su tassa di proprietà di imprese”, Legge di RF n. 1992-io di 6 dicembre 1991 “Su tassa valutato-aggiunta” e Legge di RF n. 3297-io di 14 luglio 1992 “Su entità territoriali amministrative e chiuse” che era del tutto chiaro e prevedibile al tempo attinente.
582. Nelle loro osservazioni di posto-ammissibilità, il Governo presentò, che la disposizione di tassa della società, consistendo dell'uso sistematico di dozzine di entità di bombardamento che erano controllate con la società richiedente organizzato in zone di basso-tassa speciali all'interno della Russia, trasferisce di profitti dalle entità di bombardamento alla società richiedente e strati multipli di negoziare le attività fra le unità di produzione della società e l'ultimo cliente, chiaramente era stato illegale ed aveva avuto uno e solamente uno lo scopo-evitare pagamento di tasse. La società richiedente tentò di nascondere il suo coinvolgimento in questo schema cambiando il nome le entità di bombardamento su una base regolare ed operando per un sistema complesso di scambi di vaglia cambiari mirava a nascondere i trasferimenti di profitti dalle entità di bombardamento alla società. La sistemazione intera era stata maneggiata con la società di richiedente, benché su carta le entità di bombardamento erano state possedute ed erano state maneggiate con terze parti.
583. Il Governo descrisse anche istanze dove la società richiedente attivamente era resistita alle autorità con non riuscendo a presentare la tassa necessaria documenta richieste seguenti col Ministero, con tentando di nascondere il suo registro sociale equo prima della sua confisca con gli ufficiali giudiziari con facendo offerte multiple di pagamento con quote in OAO Sibneft (quale in realtà non aveva appartenuto alla società di richiedente), con giacendo del suo status finanziario e con respingendo la tassa del Ministero chiede in riguardo di anni 2001 a 2003 invece di cooperare.
584. Come riguardi la legalità della maniera nella quale le autorità avevano valutato la responsabilità della società richiedente per soprattasse, il Governo si appellò sulla sentenza della Corte Costituzionale n. 14-P 28 ottobre 1999 datato che aveva girato l’approccio sostanza-over-forma ‘', ed alla giurisprudenza estesa dei tribunali di commercio nell'interpretando e farlo domanda. In tutte di queste cause, precisamente lo stesso metodo come che usò con le autorità nella causa della società richiedente era usato cioè. le corti avevano guardato dietro a comparizioni ed avevano preso conto della sostanza delle operazioni in oggetto. Come riguardi la teoria di cattivo-fede, il Governo si appellò su due decisioni della Corte Costituzionale, N. 138-O e 168-O, il 2001 e 8 aprile 2004 di 25 luglio datato rispettivamente, e la giurisprudenza dei tribunali di commercio. Loro si appellarono anche su esperienza internazionale, mentre citando articoli che adottano la sostanza su approccio di forma nel Regno Unito, Francia, Germania, Italia e gli Stati Uniti.
585. Come riguardi i rimborsi di IVA, il Governo insistè che il diritto nazionale chiaramente adottasse un approccio da che cosa il proprietario dei beni in oggetto dovrebbe fare domanda per qualsiasi le riduzioni di IVA e si appellò su sentenza n. 12-P della Corte Costituzionale, del 14 luglio 2003 datato, e della giurisprudenza estesa dei tribunali di commercio per provare il loro punto. Loro si riferirono anche ad articoli nel Regno Unito e la Francia per mostrare che questi paesi essenzialmente usarono lo stesso approccio in riguardo dei risarcimenti di IVA. Più il Governo dibattè anche generalmente, che il rifiuto per accordare il rimborso di IVA era una conseguenza diretta della propria avventatezza della società nell'azionare il suo ottimizzazione della tassa progetta e che non era riuscito a rendere qualsiasi tenta di attenersi anche coi requisiti giuridici per i risarcimenti di IVA dopo che la frode di tassa era stata esposta. Il Governo presentò che la società richiedente non aveva reso mai qualsiasi le richieste per i risarcimenti di IVA nel suo proprio nome.
586. Il Governo affermò anche che tutte le cause citarono nelle loro osservazioni era stato disponibile nel database legale Konsultant-Plus. Le autorità non potevano essere accusate di avere tollerato l'ottimizzazione della tassa della società, siccome loro non potessero avere qualsiasi conoscenza precedente di sé su conto del suo complesso e bene-mascherò carattere. Loro dibatterono anche che la causa presente aveva una dimensione morale e sociale, nel senso che la società richiedente era stata uno dei più grandi contribuenti in Russia che molti programmi sociali amministrano con lo Stato era dipeso dai pagamenti di tassa della società che le risorse della società erano state trasferite a sé durante privatizzazione in cambio per il loro uso efficiente ed onesto, e che la sfera colossale dell'evasione fiscale aveva condotto ad una redistribuzione incorretta di ricchezza ed il rifiuto della loro responsabilità sociale con un piccolo numero degli azionisti di centro della società. Il Governo insistè anche che la Corte prenda in considerazione il margine ampio di valutazione che è menzionata nella Convenzione e riconobbe con la giurisprudenza di Convenzione in qualsiasi valutazione delle azioni di reclamo della società. Loro non furono d'accordo con l'argomento della società richiedente riguardo all'espropriazione, siccome il Governo vide gli eventi assegnati a con la società richiedente come un'esecuzione mera di diritti tributari. In oltre, loro attrassero l'attenzione della Corte al fatto che la società richiedente aveva presentato costantemente informazioni incomplete o false nei loro argomenti.
587. Loro si riferirono di nuovo infine, alle dichiarazioni su tecniche di ottimizzazione di tassa rese nel 2001 con un socio principale in una ditta legale che consiglia la società richiedente ed il suo azionista di controllare in che, nell'opinione del Governo, lui aveva concesso apertamente, che le tecniche della società erano state illegali e che tutto dipese su se o non le disposizioni determinate sarebbero scoperte con le autorità. Nella prospettiva del Governo, se questo consulente sapesse questo, poi i suoi clienti, gli azionisti di maggioranza della società non potevano riuscire ad essere consapevole dell'illegalità della disposizione e qualsiasi associò rischio.
γ. La valutazione della Corte
588. La Corte nota che in questa azione di reclamo la società richiedente impugnò solamente la legalità della Tassa Valutazioni 2000-2003 nella parte collegata al pagamento di tasse rimposte. L'esame sarà confinato perciò alla questione della legalità della responsabilità di soprattassa. La Corte nota inoltre che la società non sembrò a controversia che le leggi attinenti lo fecero chiaro che tasse erano dovute, a che tasso e quando. Piuttosto, la società chiese che nel 2000, 2001, 2002 e 2003 usò legale “tecniche di ottimizzazione di tassa” quali furono condannati solamente successivamente con le corti nazionali in 2004, 2005 e 2006. Si lamentò anche che qualsiasi esistendo base legale per trovare brevemente la società pelle responsabile dei requisiti di Convenzione in riguardo della qualità della legge e che in qualsiasi l'evento, la richiesta delle leggi attinenti contraddisse pratica stabilita. La Corte deve di conseguenza, determinare se le disposizioni di tassa attinenti erano nazionalmente legali al tempo quando le operazioni attinenti ebbero luogo e se la base legale per trovare la società richiedente responsabile era sufficientemente accessibile, precisa e prevedibile.
589. Rivolgendosi alla prima questione, la Corte noterebbe all'inizio che la società richiedente contestò le sentenze delle corti nazionali riguardo alla natura di relazioni fra la società richiedente e le sue entità di commercio. In prospettiva della sua conclusione che i procedimenti di accertamento tributario in riguardo dell'anno 2000 non si sono attenuti coi requisiti di Articolo 6 §§ 1 e 3 (b) della Convenzione, la Corte è costretta a decidere se le valutazioni che riguarda i fatti resero con le corti nazionali potrebbe essere usato per i fini della sua analisi legale sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. In questo riguardo, la Corte reitera, che secondo la sua giurisprudenza ben stabilita non è il suo compito da succedere. La Corte non vuole, in principio, intervenga, a meno che le decisioni giunsero alle corti nazionali sembri arbitrario o manifestamente irragionevole (vedere, mutatis mutandis, Ravnsborg c. la Svezia, 23 marzo 1994, § 33 la Serie Un n. 283-B; Bulut c. Austria, 22 febbraio 1996 § 29, Relazioni di Sentenze e Decisioni 1996-II e Tejedor García c. la Spagna, 16 dicembre 1997, § 31 Relazioni 1997-VIII) o se le decisioni di corte sono state emesse in “rifiuto flagrante della giustizia” (compari Stoichkov c. la Bulgaria, n. 9808/02, § 54 24 marzo 2005).
590. Avendo esaminato i materiali della causa e le parti le osservazioni di ' e nonostante le sue più prime conclusioni sotto Articolo 6 §§ 1 e 3 (b) della Convenzione in riguardo dell'Accertamento tributario del 2000 (vedere paragrafo 551), la Corte ha dubita poco che le conclusioni che riguarda i fatti delle corti nazionali nell'Accertamento tributario procedimenti 2000-2003 erano suono. I problemi che riguarda i fatti in tutti di questi procedimenti erano sostanzialmente simili e gli archivi di causa attinenti contennero dichiarazioni di testimone abbondanti e prova di documentario per sostenere i collegamenti fra la società richiedente e le sue società di commercio e provare la natura fittizia delle entità seconde (vedere divide in paragrafi 14-18, 48, 62-63 165, 191-193 212 e 213). La società richiedente stessa non diede qualsiasi interpretazione alternativa e plausibile di questo piuttosto prova non ambigua, siccome esaminato ed accettato con le corti nazionali.
591. Dalle sentenze delle corti nazionali e i chiarimenti delle parti i chiarimenti , la Corte nota che la società “tecniche di ottimizzazione di tassa” fece domanda con disdegni variazioni in tutto 2000-2003 consistiti di commutazione l'onere fiscale dalla società richiedente e la sua produzione ed unità di servizio lettera-inscatolare società in paradisi fiscali nazionali in Russia. Queste società, senza i beni, impiegati od operazioni di loro proprio, fu posseduto nominalmente e maneggiò con terze parti, benché in realtà loro furono esposti su ed amministrano con la società richiedente stessa. In essenza, gli assistenti petrolio-produttori della società richiedente vendevano il petrolio estratto alle società di letter-box ad una frazione del prezzo di mercato. Le società di lettera-scatola, agendo in cascata venderono poi all'estero uno il petrolio, questa volta a prezzo di mercato o alle raffinerie della società richiedente e successivamente lo re-comprò ad un prezzo ridotto e lo rivendeva al prezzo di mercato. Così, le società di letter-box accumularono la maggior parte dei profitti della società di richiedente. Poiché loro furono registrati in aree di basso-tassa nazionali, loro abilitarono la società richiedente per pagare tasse sostanzialmente più basse in riguardo di questi profitti. Le società di letter-box trasferirono unilateralmente successivamente, i profitti accumulati alla società richiedente come regali. La Corte osserva che riduzioni di tassa sostanziali erano solamente possibili tramite l'uso mescolato e la richiesta simultanea di almeno due tecniche diverse. La società richiedente usò il metodo di trasferimento fissare il prezzo di che consisteva di vendita i beni dalla sua divisione di produzione alle sue società di marketing a prezzi intenzionalmente abbassati e l'uso delle entità fittizie registrato nelle regioni nazionali con livelli di tassazione bassi e nominalmente possedette ed amministra con terza persona (vedere divide in paragrafi 14-18, 48 62-63 per una descrizione più particolareggiata).
592. Le corti nazionali fondarono che tale disposizione chiaramente era nazionalmente a valore nominale illegale, come sé la registrazione fraudolenta di negoziare le entità con la società richiedentenel nome di terza persona ed il suo insuccesso corrispondente dichiarare alle autorità fiscali la sua vera relazione a queste società coinvolse (vedere divide in paragrafi 311, 349-353 374-380). Questo essere così, la Corte non può accettare l'argomento della società richiedente che le entità di letter-box erano state concesse alle esenzioni dalle imposte in questioni. Per la stessa ragione, la Corte respinge l'argomento della società richiedente che tutti i membri costituenti del gruppo di OMISSIS avevano fatto dichiarazioni di tassa regolari ed avevano fatto domanda per rimborsi di imposte regolarmente e che le autorità erano così consapevoli del funzionare della disposizione. Le autorità fiscali hanno potuto avere accesso a pezzi sparsi di informazioni del funzionare di parti separate della disposizione, localizzato attraverso il paese ma, dato la scala e carattere fraudolento della disposizione, loro non potevano essere certamente consapevoli della disposizione nella sua interezza sul risuoli base sulle dichiarazioni di tassa e richieste per rimborsi di imposte resi con le società di commercio, la società richiedente ed i suoi assistenti.
593. La disposizione che evase i requisiti generali del Codice Fiscale fu tirata evidentemente che gli aspettati contribuenti per commerciare a prezzi di mercato (vedere divide in paragrafi 395-399), e con la sua natura le certe operazioni coinvolsero, come regali unilaterali fra le società di commercio e la società richiedente per i suoi assistenti che erano incompatibili con gli articoli che governano le relazioni fra persone giuridiche indipendenti (vedere paragrafo 376). In questo collegamento, i costatazione di Corte attinente l'avvertimento dato col revisore dei conti della società delle implicazioni dell'uso del finanziamento speciale della società durante l'anno 2002 (vedere divide in paragrafi 206-209) e non è persuaso col riferimento della società richiedentea causa n. A42-6604/00-15-818/01 (vedere divide in paragrafi 356-357), l'opinione competente del suo consiglio (vedere paragrafo 577) ed il suo affidamento su Articolo 251 (1) 11 del Codice Fiscale(vedere paragrafo 376).
594. Con contrasto alle Tassa Valutazioni in problema, l'entità rispondente in causa n. A42-6604/00-15-818/01 non fu addotto per essere stato parte di una più grande frode di tassa ed il Ministero non riuscita a provare che era stato fittizio. Le corti stabilirono che l'entità aveva dei beni, impiegati ed un conto bancario al posto della sua registrazione e respinse le rivendicazioni del Ministero. Come riguardi l'opinione competente ed il riferimento della società ad Articolo 251 (1) 11 del Tassa Codice, la Corte li trova irrilevanti siccome loro si riferiscono alle relazioni di società apertamente associate e non, siccome era la causa in questione, all'uso delle entità fittizie dolosamente registrato nel nome di certe terze parti. Così, la Corte non può confarsi con la dichiarazione della società richiedente che il suo particolare modo di “ottimizzazione fiscale” prima era stato esaminato con le corti nazionali ed era stato sostenuto come valido o che aveva usato legale “tecniche di ottimizzazione di tassa” quali furono condannati solamente successivamente con le corti nazionali. Le considerazioni sopra sono sufficienti per la Corte per concludere che le sentenze delle corti nazionali che le disposizioni di tassa di società richiedente erano illegali al tempo quando la società li aveva usati, né era arbitrario né manifestamente irragionevole.
595. La Corte ora si rivolgerà alla questione se la base legale per trovare la società richiedente responsabile era sufficientemente accessibile, precisa e prevedibile. In questo collegamento, la Corte nota, che in tutte le Tassa Valutazioni (vedere divide in paragrafi 14-18, 48, 62-63 165, 191-193 212 e 213) le corti nazionali essenzialmente ragionarono siccome segue. Le corti stabilirono che le società di commercio erano state fittizie ed erano state completamente controllate con la società richiedente e riclassificò di conseguenza le operazioni condotte con le entità fittizie come operazioni condotte in realtà con la società di richiedente.
596. Le corti prima decisero che le operazioni delle entità fittizie andarono a vuoto a soddisfare i requisiti di Articolo 39 del Codice Fiscale che definisce la nozione di un'operazione di vendite (vedere divide in paragrafi 48 e 324) così come Articolo 209 del Codice civile che descrive caratteristiche essenziali di un proprietario di beni (vedere paragrafo 48 e 381). In prospettiva del sopra ed appellandosi su Articolo 10 (3) del Codice civile che stabilì una presunzione confutabile della buon fede e la ragionevolezza di azioni delle parti in operazioni commerciali (vedere paragrafo 48 e 382-383), le corti cambiarono poi la caratterizzazione delle operazioni di vendite delle entità fittizie. Loro decisero che questi erano in realtà condotta con la società richiedente e che era stato in carica sul secondo per adempiere l'obbligo corrispondente per pagare le varie tasse su queste attività. Infine, le corti notarono che la predisposizione e la gestione della disposizione fittizia con la società richiedente diede luogo all'un attenuare della base tassabile delle sue operazioni e, come una conseguenza, il non-pagamento intenzionale di varie tasse che erano punibile come un reato fiscale sotto Articolo 122 del Codice Fiscale(vedere paragrafo 400).
597. Avendo riguardo ad al diritto nazionale applicabile, i costatazione di Corte che, contrari alle asserzioni della società di richiedente, è chiaro che sotto l'articoli che disposizioni contrattuali hanno reso con le parti in operazioni commerciali erano solamente poi finora validi in come le parti stava agendo in buon fede e che le autorità fiscali avevano i poteri larghi nel verificando il carattere delle parti ' conduce e contestare il caratterizzazione legale di simile disposizioni di fronte alle corti. Questo non solo fu reso chiaro con Articolo 10 (3) del Codice civile si appellato su con le corti nazionali nei procedimenti di Accertamento tributario, ma anche con le altre disposizioni legali attinenti ed applicabili che erano disponibili alla società richiedente e gli altri contribuenti al tempo. Così, Articolo 45 (2) 3 del Codice Fiscale esplicitamente purché le corti nazionali col potere per cambiare il caratterizzazione legale di operazioni ed anche il caratterizzazione legale dello status e l'attività del contribuente, mentre sezione 7 della Legge sulle Tassa Autorità della Federazione russa accordò il diritto per contestare simile operazioni alle autorità fiscali (vedere paragrafo 393). In oltre, la giurisprudenza assegnò a col Governo indicato che il potere a ricaratterizzare o annullare le attività di mala fede di società esistite ed era usato con le corti nazionali in contesti diversi e con conseguenze diverse per le parti riguardate fin da come presto come 1997 (vedere divide in paragrafi 382-393 e divide in paragrafi 428-468). Inoltre, in un numero delle sue direttive, incluso decisione di 25 luglio 2001 n. 138-0 specificamente si appellarono su con le corti nazionali nei procedimenti di Accertamento tributario contro la società richiedente(vedere divide in paragrafi 384-387), la Corte Costituzionale confermò il significato di questo principio, dopo avendo menzionato le varie possibili conseguenze della condotta di mala fede di un contribuente.
598. In finora come la società richiedente si lamentò che la dottrina di mala fede era stata troppo vaga, la Corte reitererebbe di nuovo che in qualsiasi sistema di legge, incluso diritto penale c'è un elemento inevitabile di interpretazione giudiziale e ci sarà sempre un bisogno per delucidazione di punti dubbiosi e per l'adattamento a cambiando circostanze. Per evitare la rigidità eccessiva molte leggi si sono adagiate inevitabilmente in termini che, ad un più grande o minore misura, è vago e di chi interpretazione e la richiesta sono questioni di pratica (vedere, fra le altre autorità, domenica Time, citato sopra, § 49 e Kokkinakis, citato sopra, § 40). Sui fatti, sarebbe impossibile per aspettarsi da una disposizione legale descrivere in dettaglio tutti i possibili modi nei quali un contribuente determinato potrebbe abusare un ordinamento giuridico e potrebbe defraudare le autorità fiscali. Allo stesso tempo, le norme legali ed applicabili lo fecero piuttosto chiaro che, se scoperto, un contribuente affrontò il rischio di rivalutazione di tassa della sua attività economica effettiva nella luce delle sentenze attinenti delle autorità competenti. E questo è precisamente ciò che accadde alla società richiedente nella causa a mano.
599. In generale, avendo riguardo ad al margine della valutazione goduto con lo Stato in questa sfera ed il fatto che la società richiedente era un grandi affari che sostiene quale al tempo attinente si sarebbe potuto essere aspettato di avere ricorso a revisori dei conti professionali e consulenti (vedere Špaček, s.r.o., citato sopra, § 59), i costatazione di Corte che là sono esistiti una base legale e sufficientemente chiara per trovare la società richiedente responsabile nella valutazione fiscale del 2000-2003.
600. Infine, la Corte osserva che la società richiedente fece un numero di argomenti supplementari sotto questo capo. In particolare, addusse anche che non c'era base in legge per negare il rimborso di IVA in riguardo dell'esportazione di petrolio e prodotti di petrolio che le corti nazionali erano andate a vuoto ad applicare 20 e 40 del Codice Fiscale che sarebbe dovuto essere dispensato da pagamento di sovrapprezzi di interesse sotto Articolo 75 Articoli (3) del Codice Fiscale e che in riguardo dell'anno 2000 la società era stata sottoposta a doppia imposizione in riguardo dei profitti delle entità fittizie.
601. La Corte nota che ambo la Sezione 5 di Legge n. 1992-1 6 dicembre 1991 “Su Tassa Valore - aggiunto” governando la sfera attinente fino a 1 gennaio 2001 così come Articolo 165 del Codice Fiscale applicabile al periodo susseguente previsto inequivocabilmente che un tasso del zero di tassa valore-aggiunta in riguardo di beni esportati ed il suo risarcimento poteva con nessuno mezzi sia fatto domanda automaticamente, e che la società fu costretta a chiedere le esenzioni dalle imposte o risarcimenti suo propri sotto chiami sotto la procedura esposta inizialmente fuori in Lettera n. B3-8-05/848, 04-03-08 del Tassa Servizio Statale di Russia ed il Ministero di Finanza e successivamente in Articolo 176 del Codice Fiscale provare le richieste per ottenere i risarcimenti contestati (vedere divide in paragrafi 326-336). In prospettiva del sopra, i costatazione di Corte che gli articoli attinenti costituirono la procedura IVA risarcisce sufficientemente chiaro ed accessibile per la società richiedentead in grado attenersi con sé.
602. Avendo esaminato i materiali di archivio di causa e le parti le osservazioni di ', incluso la dichiarazione della società resa all'udienza 4 marzo 2010 che aveva registrato le forme di esenzione di IVA per ognuno degli anni 2000 a 2003 31 agosto 2004, i costatazione di Corte che la società richiedenteè andata a vuoto a presentare qualsiasi la prova che aveva fatto un'archiviazione in modo appropriato provata in conformità con la procedura stabilita, e non semplicemente lo sollevò come uno degli argomenti nei procedimenti di Accertamento tributario, e che aveva contestato poi qualsiasi rifiuto con le autorità fiscali di fronte alle corti nazionali e competenti (vedere divide in paragrafi 49 e 171, 196 196 e 216). La Corte conclude che la società richiedente non ricevette qualsiasi trattamento avverso in questo riguardo.
603. Come riguardi l'argomento della società che gli Articoli 20 e 40 del Codice Fiscale sarebbero dovuti essere fatti domanda con le corti nazionali nella loro causa e che le rivendicazioni del Ministero erano incoerenti con le disposizioni sopra, la Corte nota che il Ministero e le corti nazionali non si appellarono mai su queste disposizioni e non c'è niente nel diritto nazionale applicabile per suggerire che loro erano stati sotto un obbligo legale per fare domanda queste disposizioni alla causa della società di richiedente. Così, non può essere detto che le autorità l'insuccesso di ' per appellarsi su queste disposizioni rese la Tassa Valutazioni 2000-2001 illegali.
604. Infine ed in finora come la società non stata d'accordo con l'interpretazione di Articolo 75 (3) del Codice Fiscale con le corti nazionali ed anche addusse essere stato sottoposto a doppia imposizione, la Corte reitererebbe di nuovo che non è il suo compito da succedere stabilisca i fatti ed interpretare il diritto nazionale. Sui fatti, la disposizione precedente fece domanda solamente a cause dove non era capace di pagare solamente il debito di imposta a causa della confisca dei suoi beni e finanziamenti di soldi il contribuente (vedere paragrafo 402). Le corti nazionali stabilirono che la società non era stata capace di pagare a causa della mancanza di finanziamenti e non a causa delle ingiunzioni e rifiutò di fare domanda Articolo 75 (3) del Codice Fiscale nella causa del richiedente (vedere paragrafo 216). La Corte non trova questa conclusione arbitraria o irragionevole. Similmente, la Corte non trova niente nelle osservazioni delle parti o la causa registri materiali per gettare dubbio sulle sentenze delle corti nazionali che specificamente stabilirono che il Ministero prese conto dei profitti delle entità fittizie nel calcolare le loro rivendicazioni così come evitare doppia imposizione (vedere paragrafo 49).
605. In generale, i costatazione di Corte che, in finora come l'argomento della società richiedente del presumibilmente irragionevole ed interpretazione imprevedibile del diritto nazionale nella Tassa Valutazioni 2000-2003 concernono, la Tassa Valutazioni 2000-2003 si attennero col requisito della legalità di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
(b) Se le valutazioni fiscali del 2000-2003 intrapresero uno scopo legittimo ed erano proporzionate
606. La Corte è soddisfatta che, soggetto alle sue sentenze in riguardo della legalità di multe per gli anni 2000 e 2001 reso più primo, ognuno della Tassa Valutazioni 2000-2003 intrapresero un scopo legittimo di garantire il pagamento di tasse e costituirono una misura proporzionata nell'adempimento di questo scopo. Le aliquote d'imposta come simile non era particolarmente alto e determinato la gravità delle azioni della società richiedente non c'è niente nell'archivio di causa per suggerire che i tassi delle multe o interessa pagamenti si possono vedere siccome avendo imposto un carico individuale e sproporzionato, come così, sulla società richiedente(vedere Dukmedjian c. la Francia, n. 60495/00, §§ 55-59 31 gennaio 2006).
(c) Conclusione riguardo all'ottemperanza con l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 riguardo alle valutazioni fiscali del 2000-2003
607. In generale, i costatazione di Corte che c'è stata una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 su conto delle 2000-2001 Tassa Valutazioni nella parte relativo all'imposizione ed il calcolo di sanzioni penali. Inoltre, i costatazione di Corte che non c'è stata nessuna violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 come riguardi il resto delle 2000-2003 Tassa Valutazioni.
2. Ottemperanza con Articolo 14, preso in concomitanza con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1
(a) le osservazioni della società richiedente
608. La società richiedente dibatté che le corti l'interpretazione di ' delle leggi attinenti era stata selettiva ed unica, fin da molte altre società russe come Sibneft e TNK Ltd Internazionale. aveva usato anche paradisi fiscali nazionali.
609. La società presentò anche che le autorità avevano tollerato ed uguaglia girato le tecniche di ottimizzazione di tassa usate con la società richiedente in che loro avevano accettato la dichiarazione dei redditi e i pagamenti su una base regolare della società richiedente e delle sue società di commercio, ed il tasso della società di pagamento di tassa era stato comparabile ad o anche più alto di quello dei suoi concorrenti. In questo collegamento, la società richiedente si appellò su dati statistici contenuti in un rapporto col Centro per Sviluppo, un rapporto del Ricerca Istituto Finanziario e rapporti della Conti Camera della Russia. La società anche sotto questa intestazione dibattuta che la struttura legislativa aveva permesso la società per usare simile tecniche e che l'interpretazione del diritto nazionale nella sua causa era stata unica, selettiva ed imprevedibile.
(b) le osservazioni del Governo
610. Il Governo rispose che le dichiarazioni che gli altri contribuenti hanno potuto usare schemi simili non poteva essere interpretato siccome giustificando l'insuccesso della società richiedente per rispettare la legge. Loro contesero inoltre che l'avvenimento di schemi di tassa illegali ad un certo stadio dello sviluppo storico di Russia non era a causa di insuccessi o inconvenienti nella legislazione, ma piuttosto a causa di “mala fede” azioni da parte di attori economici e controllo governativo ed indebolito su ottemperanza con la legislazione di tassa russa su conto di criterio obiettivo, come l'economica del 1998 crisi e le difficoltà del periodo di transizione.
611. Il Governo continuamente era attualmente, evasione fiscale di combating e fortificando il suo controllo in questa sfera. Loro si riferirono anche a dati statistici con AK&M e delle altre agenzie stampa in 2002 che avevano riportato che OAO LUKOIL ed OAO Surgutneftegas, due altri grandi russi lubrificano produttori, aveva affisso incassi di vendite di RUB 434.92 miliardo e RUB 163.652 miliardo e pagato RUB 21.190 miliardo e RUB rispettivamente 13.885 miliardo in tassa di profitto, mentre la società richiedente aveva affisso incassi di vendite di RUB 295.729 miliardo e pagò solamente RUB 3.193 miliardo in tassa di profitto. Il Governo presentò che almeno due maggiore di petrolio russi, OAO Surgutneftegaz ed OAO Rosneft non avevano preso parte mai in simile pratiche, mentre alcuni, in particolare OAO Lukoil avevano cessato usarli nel 2002.
(c) la valutazione della Corte
612. La Corte esaminerà questo danno sotto Articolo 14 della Convenzione, preso in concomitanza con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. Questa disposizione precedente legge:
Articolo 14 della Convenzione
“Il godimento dei diritti e delle libertà stabilite [nella] Convenzione sarà garantito senza discriminazione su alcuna base come il sesso,la razza, il colore, la lingua, la religione, l’opinione politica o altro, la cittadinanza od origine sociale, l'associazione con una minoranza nazionale, la proprietà,la nascita o altro status.”
613. Di fronte a considerato che le azioni di reclamo resero con la società di richiedente, la Corte reitererebbe che Articolo 14 non impedisce ogni differenza in trattamento nell'esercizio dei diritti e le libertà riconosciuto con la Convenzione (vedere, per esempio, Lithgow ed Altri, citato sopra, § 117). Salvaguarda persone (incluso soggetti giuridici) chi sono “mise in situazioni analoghe” contro le differenze discriminatorie di trattamento; e, per i fini di Articolo 14, una differenza di trattamento è discriminatoria se sé “non ha giustificazione obiettiva e ragionevole”, quel è, se non persegue un “scopo legittimo” o se non c'è un “relazione ragionevole della proporzionalità fra i mezzi assunti e lo scopo cercò di essere compreso” (vedere, fra molte autorità, Rasmussen c. Danimarca, 28 novembre 1984 §§ 35 e 38, Serie Un n. 87). Inoltre, gli Stati Contraenti godono un certo margine della valutazione nel valutare se ed a che misura differenzia in situazioni altrimenti simili giustifici un trattamento diverso in legge; la sfera di questo margine varierà secondo le circostanze, la materia-questione ed il suo sfondo (l'ibid., § 40).
614. La Corte reitererebbe che nulla nell'archivio di causa suggerisce che le disposizioni di tassa della società richiedente durante gli anni 2000-2003, preso nella loro interezza, incluso l'uso di commerciare dolosamente registrato le società, fu conosciuto alle autorità fiscali o le corti nazionali e che loro prima li avevano sostenuti come legale (vedere divide in paragrafi 592-594). Non si può dire così che le autorità tollerarono passivamente o attivamente li girarono.
615. Come riguardi la dichiarazione della società richiedente che gli altri contribuenti nazionali hanno usato o continuano ad usare precisamente gli stessi o disposizioni di tassa simili come la società richiedente e che la società richiedente era la solamente uno per essere stato scelta, i costatazione di Corte che la società richiedente è andata a vuoto a dimostrare che in qualsiasi le altre società erano una in modo pertinente posizione simile. La Corte nota che la società richiedente fu trovata avere assunto una disposizione di tassa della complessità considerevole, mentre coinvolgendo, fra le altre cose l'uso fraudolento di negoziare società introdusse in paradisi fiscali nazionali. Questo non era semplicemente l'uso di paradisi fiscali nazionali che, dipendendo dai dettagli esatti di una disposizione, è potuto essere legale o ha potuto avere delle altre conseguenze legali per le società che li usano presumibilmente. La Corte nota che la società richiedente ra andata a vuoto a presentare qualsiasi la specifica ed affidabile prova che concerne simile dettagli. Nota inoltre che non può essere chiamato su per speculare sui meriti delle disposizioni di tassa di terze parti sulla base di dati contenne in ricerca non-vincolante ed informazioni riportano e che perciò non può essere detto che la situazione di queste terze parti era in modo pertinente simile alla situazione della società richiedente in questo riguardo.
616. La Corte conclude che, in finora come l'azione di reclamo di trattamento discriminatorio riguarda, non c'è stata nessuna violazione di Articolo 14 della Convenzione, preso in concomitanza con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
B. Le azioni di reclamo dell'esecuzione del debito che è il risultato della Tassa Valutazioni 2000-2003
617. La Corte deve ora determinare se la maniera nella quale le autorità nazionali eseguirono il debito che è il risultato dei 2000-2003 procedimenti di Accertamento tributario sulla società richiedente si attenne coi requisiti di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
618. La Corte reitera che l'esecuzione del debito che è il risultato della Tassa Valutazioni 2000-2003 coinvolte la confisca dei beni della società, l'imposizione di una 7% parcella di esecuzione sull'importo complessivo del debito e la forzata vendita dell'unità di produzione principale della società richiedenteOMISSIS. Queste misure costituirono un'interferenza coi diritti della società richiedente sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 e rimane essere deciso se queste misure soddisfecero il requisito della legalità, intrapresero un scopo legittimo ed erano proporzionato allo scopo perseguito.
1. Le osservazioni della società richiedente
619. La società richiedente si lamentò che i procedimenti di esecuzione nella sua causa erano stati illegali, sproporzionati ed arbitrari. In particolare, dibatté che le autorità avrebbero dovuto permettere alla società di stabilire il debito e che era stato sbagliato per svendere la sua unità di produzione principale a vendita all'asta con simile velocità. La società si lamentò che le corti sarebbero dovute intervenire ed avrebbero dovuto correggere la valutazione di questa questione con gli ufficiali giudiziari. Le autorità prima avrebbero dovuto considerare ed avrebbero dovuto accettare le sue offerte di quote in OAO Sibneft, and/or permisero alla società di fare pagamenti posticipati su un periodo prolungato. Come riguardi simile pagamenti posticipati, la società presentò che il diritto nazionale e pratica diedero priorità a tale soluzione e che OAO Rosneft era in grado ottenere tale posticipo a riguardo dei debiti di imposta di OMISSIS che segue la vendita all'asta di 19 dicembre 2004. La società dibattè che avesse potuto rimborsare il debito, completamente o in parte, l'aveva non stato per il sequestro imposto con la corte. Criticò inoltre le autorità l'omissione di atto di ' durante i ventidui mesi che seguono il vendere all'asta di OMISSIS, così come l'imposizione di una parcella di esecuzione illegale e sproporzionata.
620. La società richiedente contese che la confisca era stata sproporzionata in che le autorità avevano ordinato la società richiedente per pagare e, allo stesso tempo, era gelato i beni della società che valevano notevolmente più che la società poi la responsabilità. Le autorità rifiutarono di usare l'equità della società nella società di Sibneft o altro realistico vuole dire di sistemazione il debito. Secondo la società di richiedente, le autorità nazionali avrebbero dovuto accettare quegli altre realistico vuole dire di accordo (lettera di 5 luglio 2004, lettera di 9 agosto 2004, lettera di 4 novembre 2004 lettera di 23 marzo 2006) perché loro furono costretti a fare così con precedente nella pratica dei tribunali di commercio. Il periodo di soltanto un paio di giorni accordato alla società richiedenteper pagamento era assurdamente breve.
621. La società richiedente era anche della prospettiva che la vendita di OMISSIS era stata illegale, sproporzionata ed aveva dato luogo allo svalutare lordo con vuole dire di un chiaramente vendita all'asta controllata con la partecipazione illegale di un dichiarante fittizio, OOO Baykalfinansgrup. Non fu d'accordo con la decisione di vendere OMISSIS, mentre dibattendo che sotto la legislazione nazionale OMISSIS sarebbe dovuto essere lo scorso articolo per essere venduto all'asta, e che la vendita all'asta era stata incapace di generare un ragionevolmente il buon prezzo a causa del numero limitato di candidati, la percezione molto estesa del bisogno per appoggio politico per acquisire l'articolo in oggetto e tempo insufficiente per preparazione. La società richiedente fu scontentata anche con la decisione di vendere solamente la votazione divide di OMISSIS, come opposto a tutte le quote. La società dibatté che anche se le autorità non misero ostacoli aperti nel percorso di acquirenti potenziali, c'erano stati ostacoli pratici, come il bisogno per gli acquirenti per attenersi con procedure sociali ed interne e richiedere rimozione di anti-competizione.
622. Più generalmente, la società richiedente vide la vendita all'asta come un'imitazione, perché OAO Gazprom, OAO Rosneft (sia società Statali con coinvolgimento considerevole di ufficiali Statali nella loro gestione giornaliera), gli organizzatori della vendita all'asta e gli ufficiali giudiziari stavano agendo in concerto. Si appellò anche su colloqui col poi Presidente della Russia e dibatté che le banche Statali avevano finanziato l'acquisizione e che lo Stato era andato a vuoto a fare domanda leggi di anti-monopolio in collegamento con la vendita all'asta. La società dibatté che le sue azioni nel tribunale fallimentare Stati Uniti non avevano avuto effetto sulla conseguenza della vendita all'asta di OMISSIS perché né OAO Rosneft né OOO Baykalfinansgrup avevano fatto domanda per partecipazione di fronte alla società introdusse per fallimento negli Stati Uniti
623. La società richiedente dibatté che le circostanze sopra mostrarono che i procedimenti contro sé, preso nell'insieme, era abusivo in che lo Stato chiaramente volle distruggere la società e prendere controllo dei suoi beni.
624. Come riguardi il suo insuccesso allegato per esaurire via di ricorso nazionali, la società richiedente considerò che l'esaurimento era stato non necessario in prospettiva della mancanza di prospettive del successo. Le corti nazionali respinsero costantemente i tentativi della società di contestare le azioni degli ufficiali giudiziari, tentativi così altri sarebbero stati futili. In qualsiasi l'evento, la società non aveva contestato il rapporto di valutazione in riguardo di OMISSIS, poiché non era così materialmente impreciso come essere impugnato realisticamente in causa. Inoltre, la società presentò che impugnò l'elaborazione intera con la quale la votazione divide in OMISSIS fu venduto ad una società statale, OAO Rosneft.
2. Le osservazioni del Governo
625. Il Governo presentò che i procedimenti di esecuzione in riguardo della società richiedente erano stati legali e proporzionati.
626. Dibattè che la società in modo appropriato era andata a vuoto ad esaurire via di ricorso nazionali in riguardo di questa parte della richiesta. In particolare, le sue azioni di reclamo della confisca di proprietà durante i procedimenti di esecuzione, l'insuccesso allegato degli ufficiali giudiziari per accordare l'accesso di società alla causa nei procedimenti di esecuzione, l'inazione allegato degli ufficiali giudiziari in riguardo delle quote del Sibneft l'ordine per pagare una 7% parcella di esecuzione e le circostanze di valutazione e vendita di OMISSIS sia inammissibile su conto di un insuccesso per esaurire via di ricorso nazionali.
627. Il Governo indicò che, nel corso dei procedimenti di esecuzione, non erano state restrizioni sul ciclo di produzione della società o la vendita di petrolio e petroli minerali e che la società richiedente era rimasta completamente operativa. In prospettiva del margine ampio dello Stato della valutazione nella sfera fiscale e la condotta abusiva della società di richiedente, illustrò coi suoi tentativi di impedire azione di esecuzione con nascondendo il registro degli azionisti delle sue tre più grandi società consociate, il Governo sia della prospettiva che l'equilibrio equo fra i privati ed interessi pubblici era stato previsto.
628. Il Governo presentò inoltre che la procedura per ricupero obbligatorio di arretrati di pagamenti di tassa obbligatori era usata in riguardo della società richiedente che simile pagamenti di tassa sono stati recuperati con modo di accusare i flussi di soldi della società su conti bancari che nella causa di finanziamenti insufficienti o non-esistenti, il ricupero di tassa fu portato fuori usando i beni del contribuente e che la procedura intera fu descritta in dettaglio nella legislazione nazionale ed era stata seguita con le autorità. Nelle circostanze, le misure rappresentarono il controllo dell'uso di proprietà ed erano nella piena ottemperanza con la Convenzione.
629. Come riguardi la confisca di proprietà, il Governo si riferì ai Gasus Dosier e le cause di AGOSI e considerato che, avendo riguardo ad a fattori attinenti, come l'importo enorme di arretrati la condotta di cattivo-fede della società richiedente ed il bisogno per un ricupero conveniente ed efficiente di tassa al bilancio Statale, la misura in oggetto era in ottemperanza coi requisiti di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. Il Governo presentò che sia la confisca ed ordini gelato erano pratica solita, sia nazionalmente ed internazionalmente, ed il loro uso era specialmente appropriato nella causa presente a causa degli importi senza precedenti dei debiti di imposta, dell'il impenitente e dell'atteggiamento provocatorio della società di richiedente, rivendicazioni che le autorità le azioni di ' erano un “racchetta di tassa malevola” e la storia della società di richiedente, vale a dire la sua gestione ed azionisti di centro che passano i beni sociali alle entità di bombardamento nuove e qualche volta in paradisi fiscali esteri. Queste misure erano soltanto precauzionali in carattere.
630. In riguardo dell'aprile l'ingiunzione, il Governo non fu d'accordo con la rivendicazione della società richiedente che avesse potuto rimborsare il debito ma per la confisca dei suoi beni. L'ingiunzione non coprì uffici imposte in contanti o in contanti e la società richiedente rimborsarono successivamente una porzione del suo debito che usa i soldi nel conto congelato. La società richiedente avrebbe potuto fare togliere l'ingiunzione l'avuto offerto cassa-sicurezza adeguata che non riuscì a fare, o liquidò alcuni dei suoi beni esteri non coperto con l'ingiunzione. Il Governo sostenne che invece di vendere i suoi beni esteri per soddisfare semplicemente i suoi debiti di imposta la società richiedente li strappò via che in se stesso provarono che l'azione di reclamo della società dell'ingiunzione era non comprovata. Come riguardi gli ordini gelato, il Governo presentò che loro erano stati emessi con gli ufficiali giudiziari facendo seguito corteggiare documenti datati 30 giugno 2004 che gelò i conti della società in banche russe come della data di problema dei rispettivi ordini gelato. La società ancora potrebbe sbarazzarsi di soldi aggiunto ai suoi conti congelati dopo 30 giugno 2004 e potrebbe usare all'estero i suoi conti non-sequestrati. I finanziamenti in questi conti erano stati lontano più basso che la società poi le responsabilità. Il Governo notò inoltre che come di 14 luglio 2004 la società richiedente ancora doveva pagare 96.5% di suo poi la responsabilità e che il pagamento volontario della società cominciò solamente 14 luglio 2004, apparentemente come una risposta alla confisca delle quote di OMISSIS. Il molto fatto che i pagamenti erano stati resi per i conti congelati dimostrati che le dichiarazioni della società degli effetti degli ordini gelato ed in contanti erano false.
631. Come riguardi le proposte per tregua e pagamento sparsi, la società richiedente fece tale richiesta 16 luglio 2004 con spedendo una lettera al Ministero di Finanza prima. Il Governo indicò che il Ministero di Finanza non era stato l'autorità corretta per accordare queste misure come solamente un tribunale di commercio poteva e che la legge espose fuori articoli chiari riguardo alle condizioni che sarebbero dovute essere soddisfatte così che la richiesta potrebbe essere accordata, cioé. la richiesta sarebbe dovuta essere fatta uno a sei mesi di fronte al termine massimo di pagamento originale e su specifici motivi solamente, come il rischio di fallimento. In oltre, la legge non lasciò spazio a tregua e pagamento sparsi se c'erano procedimenti di tassa pendenti contro il contribuente in questione. Il richiedente non solo non riuscito a provare la sua richiesta con riferimento al criterio espose fuori in legge, ma era anche chiaro che tale richiesta fu legata per fallire a causa dei procedimenti di tassa pendenti contro la società di richiedente.
632. Il Governo si appellò sul diritto nazionale applicabile e cause per dimostrare che chiedere ad un contribuente colpevole di pagare entro uno o due giorni era stata pratica standard e legale seguita in tutte le cause. Loro dissero che questo periodo era sufficiente, come contribuenti di solito imparati su rivendicazioni di tassa - con una specifica indicazione delle somme per essere pagato - nei rendiconti di certificazione del Ministero che di solito erano notificati in anticipo da molte settimane ad alcuni mesi. Così, al giorno d'oggi causa che la società richiedente sapeva delle rivendicazioni del Ministero dagli anni 2000-2003 109, 66 prima 19 e 18 giorni in anticipo. Più in simile cause il contribuente di solito conosceva generalmente, bene in anticipo le somme che erano state malretribuite (tipicamente durante evasione fiscale), così non può chiedere che era non preparato. In oltre, pratiche molto simili esisterono internazionalmente.
633. Come alla scelta di OMISSIS come il primo articolo per essere venduto all'asta nella soddisfazione delle responsabilità della società, il Governo indicò, che le offerte fatte dalla società richiedente erano state inaccettabili. Le prime tre offerte, rese 22 aprile, 2 luglio e 13-14 luglio 2004, varie porzioni del tutto coinvolte di quote di OAO Sibneft, possedute presumibilmente con la società di richiedente. Tutte le tre offerte furono respinte, non solo perché la proprietà della società di queste quote era stata contestata nei vari procedimenti non correlati con terza persona, ma anche perché le offerte erano state rese in violazione di ingiunzioni emessa con le corti nei procedimenti non correlati e summenzionati. Infatti, la vendita di quote che hanno appartenuto alla società richiedente(dei 20%) sarebbe stato insufficiente per coprire la società poi debito, anche in parte affittato da solo soddisfa le rivendicazioni imminenti del Ministero per gli anni 2001-2003. Era un gioco di minoranza di valore incerto e qualsiasi simile valore era in qualsiasi l'evento insufficiente soddisfare gli arretrati di tassa della società. Come riguardi la quarta offerta, datò 9 agosto 2004, coinvolse 20% di OAO Sibneft ed una confusione di quote in quindici società (alcuni di loro gli assistenti, alcuni di loro minoranza lega ad un palo e tutta della liquidità incerta). In qualsiasi l'evento, questa offerta era “troppo piccolo e troppo in ritardo” per il Governo, fin da preparazione per il vendere all'asta di OMISSIS era stato in corso. Il summenzionato “la lista della spesa” non offra di qualsiasi garantisce un “la buon opportunità di recuperare un prezzo sufficiente assolvere molto di [il richiedente] rapidamente le responsabilità di tassa in aumento” ed in oltre coinvolto un rischio alto di rivendicazioni di terzo-parte alla proprietà in oggetto in ogni causa.
634. Il Governo sostenne che la scelta di OMISSIS era legale sotto legge russa, mirò a garantendo il pagamento di tasse ed era stata effettuata nella piena ottemperanza con le disposizioni dell'Atto dei Procedimenti dell'Esecuzione Federale. Sotto sezione 54 (2) dell'Atto dei Procedimenti dell'Esecuzione, la vendita della proprietà della società richiedente fu resa con un'organizzazione specializzata facendo seguito ai termini di perpetrazione e la legislazione attinente. 18 novembre 2004 gli ufficiali giudiziari decisero di vendere 43 quote (76.8%) di OMISSIS a vendita all'asta. Il Governo notò che OMISSIS si era il debitore in pagamenti obbligatori all'importo totale di bilancio RUB 102.09 miliardo, così che gli arretrati sopra colpirono inevitabilmente il prezzo delle quote vendute all'asta, come definito con l'istituzione di valutazione ed i risultati della vendita all'asta. La data della vendita all'asta ed invito per partecipare nella vendita all'asta aperta fu pubblicata nei mass media in tempo dovuto. La vendita all'asta stessa era aperta, sia con riguardo ad ai suoi partecipanti ed alla forma di osservazioni di offerte di prezzo. Offerte furono ricevute fra 19 novembre e 18 dicembre 2004. 19 dicembre 2004 la vendita all'asta aperta ebbe luogo. Il vincitore della vendita all'asta fu riconosciuto come OOO Baykalfinancegrup che offrì RUB 260,753,447,303.18 per le quote in oggetto. La vendita all'asta stessa era pubblica. I rappresentanti di mass media offrirono copertura di media estesa. I risultati furono pubblicati nei mass media e trasmissione. Con riguardo ad alla proporzionalità della vendita, la somma di 260.5 miliardo rubli generata come un risultato della vendita non faceva, comunque, copra completamente gli arretrati di OAO OMISSIS. Il Governo sottolineò anche che il fallimento susseguente non fu causato con la vendita di OMISSIS, ma era stato iniziato con un consorzio di banche estere e che i rappresentanti della società richiedente avevano ammesso presumibilmente che la società era stata anche in buon condizione finanziaria nonostante la vendita di OAO Yuganksneftegaz. In somma, il Governo considerò, che non c'era stata nessuna violazione della Convenzione.
3. La valutazione della Corte
635. La società richiedente presentò un numero di danni di questi procedimenti. In particolare, la società richiedente si lamentò che l'esecuzione della responsabilità di tassa era stata orchestrata intenzionalmente con una prospettiva ad impedendo alla società richiedente del rimborsare i suoi debiti. In questo collegamento la società sostenne che la confisca dei suoi beni la causa pendente gli aveva impedito dal rimborsare il debito. Si scontentò inoltre che era stato ordinato per pagare una 7% parcella di esecuzione in riguardo dell'interezza del suo debito che il tempo per ottemperanza volontaria con la Tassa Valutazioni 2000-2003 erano state troppo brevi e che la vendita dell'unità di produzione principale della società OMISSIS era stato illegale, arbitrario e generalmente sproporzionato.
636. Prima di rivolgersi alla sostanza di queste azioni di reclamo, la Corte reitera, che nella sua decisione su ammissibilità congiunse ai meriti la questione dell'esaurimento di via di ricorso nazionali. La Corte ha bisogno di così, determinare se il richiedente approvò il requisito per esaurire via di ricorso nazionali in riguardo di questa parte della richiesta, come richiesto con Articolo 35 § 1 della Convenzione che, nelle sue parti attinenti, prevede:
“1. La Corte può trattare solamente con la questione dopo che tutte le via di ricorso nazionali sono state esaurite, secondo gli articoli generalmente riconosciuti di diritto internazionale...”
637. La Corte reitera che l'articolo dell'esaurimento di via di ricorso nazionali sotto Articolo 35 § 1 della Convenzione obbliga richiedenti ad usare le via di ricorso che sono disponibili e sufficiente nell'ordinamento giuridico nazionale per abilitarli ottenere compensazione per le violazioni addotte prima. L'esistenza delle via di ricorso deve essere sufficientemente sicura sia in teoria ed in pratica, fallendo a loro mancherà quale l'accessibilità richiesta e l'efficacia. Articolo che 35 § 1 richiede anche che azioni di reclamo intesero di essere portate successivamente di fronte alla Corte sarebbe dovuto essere reso al corpo nazionale ed appropriato, almeno in sostanza ed in ottemperanza coi requisiti formali e tempo-limiti posati in giù in diritto nazionale e, inoltre, che qualsiasi procedurale vuole dire che ostacolerebbe una violazione della Convenzione dovrebbe essere usata. Non c'è comunque, nessun obbligo per avere ricorso a via di ricorso che sono inadeguate o inefficaci (vedere, per esempio, Aksoy, 18 dicembre 1996, §§ 51-52 Relazioni 1996-VI; Akdivar ed Altri c. la Turchia, 16 settembre 1996, §§ 65-67 Relazioni 1996-IV; e, più recentemente, Cennet Ayhan e Mehmet Salih Ayhan c. la Turchia, n. 41964/98, § 64 27 giugno 2006).
638. La Corte ha enfatizzato che la richiesta dell'articolo dell'esaurimento di via di ricorso nazionali deve costituire assegno dovuto il fatto che è fatto domanda nel contesto di sistema per la protezione di diritti umani che gli Stati Contraenti sono stati d'accordo ad esporre su. Di conseguenza, ha riconosciuto che Articolo 35 § 1 deve essere fatto domanda con del grado della flessibilità e senza il formalismo eccessivo. Ha riconosciuto inoltre che l'articolo dell'esaurimento è né assoluto né capace di essere fatto domanda automaticamente; per i fini di fare una revisione se è stato osservato, è essenziale per avere riguardo ad alle circostanze della causa individuale. Questo vuole dire, in particolare, che la Corte non solo deve prendere conto realistico dell'esistenza di via di ricorso formali nell'ordinamento giuridico dello Stato Contraente riguardato ma anche del contesto generale nel quale loro operano, così come le particolari circostanze del richiedente. Deve esaminare poi se, in tutte le circostanze della causa, il richiedente faceva tutto quello che potrebbe essere aspettatosi ragionevolmente che di lui o lei esauriscano via di ricorso nazionali (vedere Akdivar ed Altri, citato sopra, § 69; Aksoy, citato sopra, §§ 53-54; e Tanrıkulu c. la Turchia [GC], n. 23763/94, § 82 ECHR 1999-IV).
639. La Corte reitera che allo stadio di ammissibilità dei procedimenti il Governo chiese che la società richiedente era andata a vuoto ad esaurire via di ricorso nazionali in riguardo del sequestro e la confisca dei suoi beni durante i procedimenti di esecuzione, l'insuccesso allegato con gli ufficiali giudiziari per accordare l'accesso di società alla causa nei procedimenti di esecuzione, gli ufficiali giudiziari ' addusse inazione in riguardo del Sibneft divide, gli ordini per pagare una 7% parcella di esecuzione e le circostanze della valutazione e vendita di OMISSIS.
640. Avendo esaminato l'archivio di causa e le parti le osservazioni di ', i costatazione di Corte che nella parte riguardo al sequestro e la confisca dei beni la società richiedentein modo appropriato esaurì le via di ricorso nazionali e disponibili con sollevando i suoi danni di fronte alle corti nazionali e competenti. L'ordine di sequestro di 15 aprile 2004 fu fatto una revisione e sostenne con la Ricorso Corte 2 luglio 2004 (vedere paragrafo 92) e fu esaminato anche e confermò con la Corte Urbana nella sua decisione di 23 aprile 2004 nel contesto dell'esame della richiesta della società di 22 aprile 2004 (vedere divide in paragrafi 96-97), e con la Corte Urbana ed il Ricorso Corteggia rispettivamente 23 aprile e 2 luglio 2004 nel contesto di esame della richiesta della società per un'ingiunzione contro il sequestro (vedere divide in paragrafi 101 e 102). L'ordine di confisca di 1 luglio 2004 fu fatto una revisione istanza 17 settembre 2004 per prima ed in cassazione 2 febbraio 2005 (vedere divide in paragrafi 116-120). La confisca di OMISSIS 14 luglio 2004 fu fatta una revisione con le corti a quattro istanze, 6, 9 agosto, 25 ottobre e 17 dicembre 2004 rispettivamente (vedere divide in paragrafi 137-146). Come riguardi gli ordini di confisca di 14 luglio 2004 riguardo ad OAO Tomskneft-VNK ed OAO Samaraneftegaz, la Corte Urbana li sostenne con le rispettive sentenze di 13 agosto e 2 settembre 2004, mentre la Circuito Corte confermò questa conclusione con le rispettive decisioni del 2004 e 18 gennaio 2005 di 5 novembre (vedere divide in paragrafi 147-155).
641. Per ammissione, la società richiedente non si lamentò dell'ordine di sequestro di 15 aprile 2004 con modo di cassazione ed omise la procedura di ricorso quando contestando la confisca dei suoi assistenti su 1 luglio 2004 e la confisca ordina di 14 luglio 2004 riguardo ad OAO Tomskneft-VNK ed OAO Samaraneftegaz. Comunque, la Corte noterebbe che determinato le circostanze della controversia fiscale della società di richiedente, la sua situazione complessiva al tempo attinente, il diritto nazionale applicabile e le corti le risposte di ' agli argomenti fissati in avanti con la società richiedente in quelli procedimenti, è chiaro che sia l'ordine di sequestro di 15 aprile 2004 e la confisca susseguente ordina di 1 e 14 luglio 2004 in modo appropriato è stato esaminato e è stato confermato con le corti nazionali ai vari livelli di giurisdizioni e non sembra che le azioni di reclamo della società richiedente in questo collegamento avuto qualsiasi prospettive supplementari del successo, aveva la società non omesso le istanze giudiziali e summenzionate.
642. Come riguardi le azioni di reclamo di una 7% parcella di esecuzione, la Corte osserva che la società richiedente fu ordinata per pagare questa parcella per gli anni 2000-2003. La richiesta della società a questa parcella fu esaminata e respinse solamente con le corti a tre istanze in riguardo dell'anno 2000 (vedere divide in paragrafi 130-134), mentre le sue azioni di reclamo del pagamento della parcella per l'anno 2001 furono esaminate solamente per prima istanza e nella cassazione (vedere divide in paragrafi 177-187). Neanche, è completamente chiaro se la società richiedente portò atti in riguardo dell'importo intero della parcella per l'anno 2002 (vedere divide in paragrafi 200-204) e se portò qualsiasi procedimenti contro tale ordine per l'anno 2003 (vedere paragrafo 221). La Corte di nuovo i costatazione che, determinato la somiglianza degli ordini per pagamento di parcelle di esecuzione per gli anni 2000-2003 ed in prospettiva di altre circostanze attinenti come il diritto nazionale applicabile e le corti le risposte di ' agli argomenti della società in riguardo della parcella per l'anno 2000, non c'è niente nelle osservazioni del Governo per suggerire che le azioni di reclamo della società richiedente in questo collegamento avrebbero avuto qualsiasi prospettive del successo avute la società richiedente fecero appello contro loro.
643. Come riguardi l'insuccesso allegato con gli ufficiali giudiziari per accordare l'accesso di società alla causa nei procedimenti di esecuzione e gli ufficiali giudiziari ' addusse inazione in riguardo del Sibneft divide, la Corte nota che i danni summenzionati sono completamente classificati con l'azione di reclamo riguardo al metodo di esecuzione del debito di imposta ed in particolare la scelta di OMISSIS come il primo bene per essere venduto nella soddisfazione delle rivendicazioni di tassa. In questo collegamento, la Corte noterebbe, che la società richiedente chiaramente esaurì le via di ricorso nazionali e disponibili come riguardi la confisca e le misure susseguenti che conducono alla vendita eventuale di OMISSIS (vedere divide in paragrafi 137-146), e è anche chiaro che il diritto nazionale attinente specificamente respinse le corti per riordinare o altrimenti posticipare il rimborso del debito (vedere divide in paragrafi 471-477) se c'era, come nella causa a mano, procedimenti di tassa pendenti contro il debitore. Così, la società richiedente non poteva essere aspettatasi di portare atti separati in questo collegamento. In generale, è chiaro alla Corte che la società richiedente usò tutte le via di ricorso che potrebbe essere aspettatosi ragionevolmente di usare in collegamento con questa parte della richiesta.
644. Così, i costatazione di Corte che la società richiedente si è attenuta col requisito per esaurire via di ricorso nazionali in riguardo di questa parte della richiesta e ha respinto di conseguenza l'eccezione preliminare del Governo.
645. Rivolgendosi alla sostanza delle azioni di reclamo della società di richiedente, la Corte nota che ad aprile 2004 le autorità nazionali iniziate procedimenti di esecuzione mirati a garantendo la loro tassa chiedono simultaneamente coi procedimenti di Accertamento tributario, e recuperando più tardi le somme assegnate con le corti come un risultato dell'esame di queste rivendicazioni. Loro allegarono i beni della società localizzati in Russia e più tardi in parte gelarono i conti bancari nazionali della società e prese le quote degli assistenti russi della società di richiedente. 20 luglio 2004 fu deciso di vendere all'asta via la produzione principale della società OMISSIS sussidiario, nella soddisfazione della responsabilità di tassa della società che al tempo corrispose RUBre 106.182 miliardo (dell'EUR 3.005 miliardo). Come un risultato dei procedimenti con riguardo ad alle Tassa Valutazioni 2001 e 2002, il debito della società alle autorità fiscali inoltre aumentate e col tempo la vendita all'asta di OMISSIS già ebbe luogo a dicembre 2004 la società dovette le autorità fiscali circa RUB 431.259 miliardo (dell'EUR 11.061 miliardo). Oltre ai pagamenti che sono il risultato della Tassa Valutazioni 2000-2003, la società fu costretta anche a pagare gli ufficiali giudiziari una 7% parcella di esecuzione sull'importo complessivo del debito.
646. La Corte nota che le autorità usarono una varietà di misure in collegamento con l'esecuzione del debito, come il sequestro ed ordini gelato che la confisca ordina, gli ordini per pagare parcelle di esecuzione e la procedura di vendita all'asta obbligatoria. Sebbene ognuno di queste misure potrebbe essere considerato un'istanza separata di interferenza coi diritti della società richiedente sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, la loro meta comune ed ultima era costringere la società a soddisfare le sue responsabilità di tassa. Di conseguenza, il modo appropriato di analizzare questa parte della richiesta deve esaminare i procedimenti di esecuzione nella loro interezza come un evento continuo. La Corte nota inoltre che l'esecuzione misura in oggetto incorra essere analizzato sotto il terzo articolo di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 che permette al membro Stati per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale con eseguendo “simile leggi come [loro] ritenga necessario garantire il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.” Segue che il compito della Corte è determinare se le autorità Statali si attennero col requisito di Convenzione della legalità e, in tal caso, se loro previdero un equilibrio equo fra l'interesse statale e legittimo nell'eseguire il debito di imposta in oggetto e la protezione dei diritti della società richiedente insorse avanti Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
647. Come riguardi la legalità delle misure in oggetto, la Corte non ha nessuna ragione di dubitare che in tutto i procedimenti le azioni di varie autorità avevano una base legale e che le disposizioni legali in oggetto era sufficientemente preciso e chiaro per soddisfare gli standard di Convenzione riguardo alla qualità di legge. Il sequestro, congelamento ed ordini di confisca furono fatti una revisione con le corti nazionali e fondarono essere stati legale. Similmente, la 7% parcella di esecuzione fu sostenuta con le corti nazionali e non si può dire che sia stata selettivo, determinato, la giurisprudenza nazionale citata col Governo. Come riguardi le decisioni che conducono alla forzata vendita di OMISSIS a vendita all'asta e la vendita all'asta si trattano, la Corte nota che loro anche furono fatti una revisione e sostennero con le corti nazionali come legale (vedere divide in paragrafi 263 e 265) e ci non è niente nell'archivio di causa o le parti le osservazioni di ' gettare dubbio su queste conclusioni. La questione sola che resti sono se le misure di esecuzione erano proporzionate allo scopo legittimo perseguito.
648. In questo collegamento la Corte reitererebbe che il suo compito è determinare se un equilibrio equo fu previsto fra le richieste dell'interesse generale del pubblico ed i requisiti della protezione dei diritti essenziali dell'individuo. Lo trova naturale che nella sfera di tassa gli Stati Contraenti dovrebbero godere un margine ampio della valutazione per implementare le loro politiche. Ciononostante, la Corte non può andare a vuoto ad esercitare il suo potere di revisione e deve determinare se l'equilibrio richiesto fu sostenuto in una maniera conforme col diritto della società richiedentea “il godimento tranquillo di [suo] le proprietà”, all'interno del significato della prima frase di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
649. All'inizio la Corte nota lo sfondo a questa causa e, in particolare, il fatto che la società richiedente era uno dei più grandi contribuenti in Russia e che era stato sospettato e successivamente era stato trovato colpevole di gestione un schema di evasione fiscale, commesso consecutivamente nel 2000-2003. Dalle parti le osservazioni di ' e la causa registrano sembra chiaro che la società richiedente non aveva finanziamenti in contanti nei suoi conti nazionali per immediatamente pagare i suoi debiti di imposta, ed in prospettiva della natura e scala del debito era improbabile che qualsiasi terza parte converrebbe assistere la società con un prestito o della forma della sicurezza. Essendo avuto riguardo alla scala dell'evasione fiscale, le somme coinvolsero per gli anni 2000-2003, il fatto sotto diritto nazionale che loro quasi subito erano pagabili dopo la produzione del rispettivo documento di esecuzione (vedere paragrafo 471), ed anche presa in conto le sentenze precedenti della Corte in riguardo delle multe per gli anni 2000 e 2001, era discutibile se al tempo quando le autorità decisero di sequestrare e vendere all'asta OMISSIS la società era ad ogni solvente all'interno del significato di sezione 3 dell'Insolvenza (il Fallimento) Atto che generalmente si aspettò che il debitore solvibile rimborsasse i suoi debito “entro tre mesi della data sui quali dovrebbe essere accaduta ottemperanza” (vedere paragrafo 496).
650. In prospettiva delle considerazioni sopra, i costatazione di Corte che la croce della causa della società richiedentenon ha posato nel sequestro dei suoi beni ed incassò come così, ma piuttosto ed essenzialmente nella velocità con la quale le autorità esigerono pagare la società, nella decisione che aveva scelto l'unità di produzione principale della società OMISSIS, come l'articolo per essere venduto all'asta obbligatoriamente nella prima istanza, e nella velocità con la quale era stata eseguita la vendita all'asta.
651. Dato l'importanza eminente delle misure presa con le autorità al futuro della società di richiedente, e nonostante il margine ampio del Governo della valutazione in questo campo, la Corte è della prospettiva che le autorità sono state obbligate per prendere conto accurato ed esplicito di tutti i fattori attinenti nell'elaborazione di esecuzione. Simile fattori erano includere, fra le altre cose, il carattere e l'importo del debito esistente così come dei pendenti e rivendicazioni probabili contro la società di richiedente, la natura degli affari della società ed il peso relativo della società nell'economia nazionale, la corrente della società e situazione economica e probabile e la valutazione della sua veste di scampare i procedimenti di esecuzione. Inoltre, gli economici ed implicazioni sociali di varie scelte di esecuzione sulla società e le varie categorie di fiduciari, l'atteggiamento della gestione della società e proprietari e la condotta effettiva della società richiedente durante i procedimenti di esecuzione, incluso i meriti delle offerte che la società richiedente ha potuto rendere in collegamento con l'esecuzione era in modo appropriato essere considerati.
652. La Corte nota che le autorità esaminarono e fecero sentenze in riguardo di alcuni di questi fattori (vedere, per istanza, le sentenze in riguardo delle offerte di quote in OAO Sibneft in paragrafo 124 o le sentenze in riguardo di richiesta per pagamento sparso in paragrafo 157), ma è chiaro che a nessun punto nei procedimenti di esecuzione loro fecero una valutazione esplicita in riguardo di tutti di loro. In particolare, né l'ordine di confisca di 14 luglio 2004 che insorse istanza l'elaborazione di vendere all'asta OMISSIS (vedere paragrafo 137), né qualsiasi delle decisioni susseguenti, incluso le decisioni giudiziali nel contesto delle azioni di reclamo della società contro le azioni degli ufficiali giudiziari (vedere divide in paragrafi 137-158), menzionò o discusse in qualsiasi il dettaglio i possibili metodi alternativi di esecuzione e le conseguenze che è probabile che loro abbiano sul futuro della società.
653. La Corte trova questo aspetto dei procedimenti di esecuzione della massima importanza quando prevedendo un equilibrio fra gli interessi riguardarono, determinato che le somme che già sono state dovute con la società a luglio 2004 lo fecero piuttosto ovvio che la scelta di OMISSIS come il primo articolo per essere venduto all'asta nella soddisfazione della responsabilità della società era capace di distribuzione un colpo fatale alla sua capacità di scampare la tassa chiede e continuare la sua esistenza.
654. La Corte accetta che gli ufficiali giudiziari furono legati per seguire la legislazione nazionale ed applicabile che limiterebbe la varietà di scelte nella procedura di esecuzione. Nondimeno, la Corte è della prospettiva che, nonostante queste costrizioni, gli ufficiali giudiziari ancora avevano una libertà decisiva di scelta, l'esercizio di che o potrebbe tenere galleggiante o infine la società conduca alla sua cessione. Benché la Corte, in principio non trovi la scelta di OMISSIS completamente irragionevole, specialmente in prospettiva dell'importo complessivo del debito tassa-relativo ed il pendente così come rivendicazioni probabili contro la società, è della prospettiva che selezionando definitivamente prima per vendita il bene che era la società solamente speranza di sopravvivenza, le autorità avrebbero dovuto dare la considerazione molto seria alle altre scelte, specialmente quelli che potrebbero attenuare il danno alla struttura della società di richiedente. Questo era particolarmente così poiché tutti la beni nazionali di società erano stati allegati con ordini della corte precedenti (vedere paragrafo 27), ed era prontamente disponibile, la società stessa non sembrò avere obiettato alla loro vendita (vedere paragrafo 159) e non c'era stato virtualmente nessun rischio della società che oppone queste azioni seriamente.
655. La Corte nota inoltre un altro fattore che seriamente colpito la situazione della società nei procedimenti di esecuzione. La società richiedente fu sottoposta ad una 7% parcella di esecuzione in collegamento con l'importo intero della sua responsabilità tassa-relativa sul quale costituì una somma gagliarda e supplementare di RUB 43 miliardo (EUR 1.16 miliardo), il pagamento di che non poteva essere sospeso o potrebbe essere riprogrammato (vedere divide in paragrafi 484-486). Questa era una parcella di appartamento-tasso che le autorità apparentemente rifiutarono di ridurre, e queste somme dovevano essere pagate anche prima che la società potrebbe cominciare rimborsare il corpo principale del debito (vedere paragrafo 484). La parcella era con la sua natura non correlato all'importo effettivo delle spese di esecuzione sopportato con gli ufficiali giudiziari. Mentre la Corte può accettare che ci non è niente sbagliato come una questione di principio col costringendo un debitore a pagare per le spese relativo all'esecuzione di un debito o minacciare un debitore con una sanzione per incitare suo o la sua ottemperanza volontaria con documenti di esecuzione, nelle circostanze della causa la somma risultante era completamente fuori di proporzione all'importo delle spese di esecuzione che possibilmente si sarebbero potute essere aspettate di essere sopportate o davvero avevano sopportato con gli ufficiali giudiziari. A causa della sua richiesta rigida, invece di incitare ottemperanza volontaria contribuì molto seriamente alla cessione della società di richiedente.
656. La Corte enfatizzerebbe di nuovo infine, che le autorità erano rigidamente inflessibili come al ritmo dei procedimenti di esecuzione, agendo, rifiutando molto rapidamente e continuamente di concedere alle richieste della società richiedente per tempo supplementare. Questa rigidità ha potuto dare luogo almeno per ammissione, a parte dai requisiti attinenti del diritto nazionale (vedere divide in paragrafi 471, 481 e 489). Ciononostante, i costatazione di Corte che nelle circostanze della causa simile mancanza della flessibilità aveva un effetto complessivo e negativo sulla condotta dei procedimenti di esecuzione contro la società di richiedente.
657. Sull'intero, determinato il ritmo dei procedimenti di esecuzione, l'obbligo per pagare la piena parcella di esecuzione e le autorità l'insuccesso di ' per prendere conto corretto delle conseguenze delle loro azioni, i costatazione di Corte che le autorità nazionali sono andate a vuoto a prevedere un equilibrio equo fra gli scopi legittimi chiesero e le misure assunsero.
658. La Corte conclude sommare su, che c'è stata una violazione dei diritti della società richiedentesotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 su conto dell'insuccesso dello Stato per prevedere un equilibrio equo fra gli scopi chiesto e le misure assunsero nei procedimenti di esecuzione contro la società di richiedente.
C. L'azione di reclamo circa le intenzioni del Governo nei procedimenti esecutivi e fiscali contro la società richiedente
659. La Corte nota che, oltre ai vari specifici danni della tassa e procedimenti di esecuzione già menzionarono sopra, la società richiedente dibatté anche che l'effetto complessivo di questi procedimenti mostrò che il Governo aveva portato ed aveva condotto i procedimenti con l'intenzione per distruggere la società e prendere controllo dei suoi beni.
660. La Corte esaminerà questa parte della richiesta sotto Articolo 18 della Convenzione, preso in concomitanza con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
Articolo 18 della Convenzione
“Le restrizioni permesse sotto [la] Convenzione a detti diritti e libertà non sarà applicata per qualsiasi fine diverso da quelli per cui loro sono state prescritte.”
1. Le osservazioni della società richiedente
661. La società richiedente dibatté che le circostanze dell'accertamento tributario e procedimenti di esecuzione così come il presumibilmente “politico” motivazione dietro all'accusa del Sig. M. Khodorkovskiy e gli altri proprietari ed ufficiali senior della società richiedente mostrò che i procedimenti contro sé, preso nell'insieme, era abusivo in che lo Stato chiaramente volle distruggere la società e prendere controllo dei suoi beni.
2. Le osservazioni del Governo
662. Il Governo non fu d'accordo, dopo avendo sostenuto che accertamento tributario e procedimenti di esecuzione susseguenti erano stati legali e regolari e che la cessione della società richiedente era il risultato diretto del suo eseguire durante il corso di molti anni una frode di tassa gigantesca.
3. La valutazione della Corte
663. La Corte reitera che Articolo 18 della Convenzione non ha un ruolo autonomo. Questa disposizione può essere fatta domanda solamente in concomitanza con la Convenzione approvvigiona proteggendo diritti effettivi. Segue anche dai termini di Articolo 18 che una violazione può sorgere solamente dove è soggetto a restrizioni permesse sotto la Convenzione il diritto o la libertà riguardate (vedere, per esempio, Gusinskiy c. la Russia, n. 70276/01, § 73 ECHR 2004-IV). La Corte nota inoltre che per sostenere un Stato membro responsabile sotto questa disposizione un richiedente dovrebbe essere in grado fornire la Corte con una prova incontrovertibile e diretta in appoggio di suo o le sue dichiarazioni.
664. La Corte osserverebbe che nella sua analisi precedente sotto Articolo 6 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 già ha rivolto i punti della società richiedente della natura del suo debito alle autorità, ed in particolare i meriti dei 2000-2003 procedimenti di Valutazioni di Tassa. Nonostante il fatto che trovò una violazione di Articolo 6 della Convenzione su conto della velocità col quale le corti avevano condotto i procedimenti nella causa di Accertamento tributario del 2000 ed una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 su conto dell'interferenza della Corte Costituzionale con la conseguenza della causa di Accertamento tributario del 2000 nella parte relativo a sanzioni penali, la Corte respinse le rivendicazioni della società richiedente che il debito della società era stato riconosciuto come un risultato di un'interpretazione imprevedibile, illegale ed arbitraria del diritto nazionale (vedere divide in paragrafi 605 e 616). La Corte riconobbe anche il diritto dello Stato per eseguire, come così, le sentenze di corte, ma giunse a conclusioni riguardo al maneggio dei procedimenti di esecuzione con le autorità nazionali che conducono alla sentenza di una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. In prospettiva di queste sentenze, la Corte procederà sull'assunzione che il debito della società nei procedimenti di esecuzione è stato il risultato di azioni legittime col Governo rispondente per contraddire l'evasione fiscale della società e l'onere della prova rimarrebbe di conseguenza sulla società richiedente per provare le sue dichiarazioni.
665. Essendo avuto riguardo all'archivio di causa e le parti le osservazioni di ', incluso i riferimenti della società richiedente al presumibilmente motivazione politica dietro all'accusa della società richiedente ed i suoi proprietari ed ufficiali, i costatazione di Corte che è vero che la causa attirò attenzione pubblica e massiccia e che commenti di generi diversi furono resi coi vari corpi ed individui in questo collegamento. Comunque, il fatto rimane che quelle dichiarazioni furono rese all'interno del loro rispettivo contesto e che come simile loro sono di piccolo valore probatorio per i fini di Articolo 18 della Convenzione. Separatamente dalle sentenze già rese più primo, la Corte non trova indicazione di qualsiasi gli ulteriori problemi o difetti nei procedimenti contro la società richiedente che l'abiliterebbe concludono che c'è stata una violazione di Articolo 18 della Convenzione su conto della rivendicazione della società richiedente che lo Stato aveva adoperato male quelli procedimenti con una prospettiva a distruggendo la società e prendendo controllo dei suoi beni.
666. Sommare su, i costatazione di Corte che non c'è stata nessuna violazione di Articolo 18 della Convenzione preso in concomitanza con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, su conto dell'allegato l'espropriazione della proprietà della società e la distruzione intenzionale ed allegato della società stessa travestì.
D. Violazioni addotte degli Articoli 7 e 13 della Convenzione
667. Essendo avuto riguardo alle particolari circostanze della causa presente ed al ragionamento che lo condusse a trovare una violazione di Articolo 6 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione, i costatazione di Corte che non c'è causa per un esame separato degli stessi fatti dal posto d'osservazione di Articolo 7 della Convenzione e per il prisma del “via di ricorso effettive” requisito di Articolo 13.
VC. APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
668. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
669. La società richiedente chiese un prezzo globale di più di 81 miliardo euro ed un pagamento di interesse quotidiano di EUR 29,577,848 in riguardo di danno patrimoniale, “nessuno meno che 100,000 euro” in riguardo di danno non-patrimoniale ed EUR 171,444.60 in riguardo di costi e spese.
670. Il Governo non fu d'accordo, dopo avendo contestato sia l'autorità del Sig. Gardner per fare dell'Articolo 41 rivendicazioni in favore della società richiedente così come fondatezza dei calcoli in oggetto.
671. La Corte considera che la questione della richiesta di Articolo 41 non è pronta per decisione. Di conseguenza, sarà riservato e la procedura susseguente fissò avendo riguardo ad a qualsiasi accordo che sarebbe giunto alla società richiedente ed il Governo rispondente (l'Articolo 75 § 1 degli Articoli di Corte).
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE
1. Costatata per sei voti ad uno che alla Corte non è impedito, facendo seguito ad Articolo 35 § 2 (b) della Convenzione, dall'esaminare i meriti della causa;
2. Sostiene per sei voti ad uno che c'è stata una violazione di Articolo 6 § 1 e 3 (b) della Convenzione come riguardi i 2000 procedimenti di Accertamento tributario su conto del tempo insufficiente disponibile alla società richiedente per preparazione della causa per prima l'istanza e su ricorso;
3. Sostiene con quattro voti a tre che c'è stata una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 su conto delle 2000-2001 Tassa Valutazioni nella parte relativo all'imposizione ed il calcolo di sanzioni penali;
4. Sostiene all’unanimità che non c'è stata nessuna violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 come riguardi il resto delle 2000-2003 Tassa Valutazioni;
5. Sostiene all’unanimità che non c'è stata nessuna violazione di Articolo 14 della Convenzione, preso in concomitanza con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1;
6. Respinge con la maggioranza l'eccezione preliminare del Governo come all'esaurimento delle via di ricorso nazionali in riguardo del sequestro e la confisca dei beni della società richiedente durante i procedimenti di esecuzione, l'insuccesso allegato con gli ufficiali giudiziari per accordare l'accesso di società alla causa nei procedimenti di esecuzione, gli ufficiali giudiziari ' addusse inazione in riguardo del Sibneft divide, gli ordini per pagare una 7% parcella di esecuzione e le circostanze della valutazione e vendita di OMISSIS; e
7. Sostiene per cinque voti a due che c'è stata una violazione dei diritti della società richiedentesotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 nei procedimenti di esecuzione contro la società richiedentein che le autorità nazionali andarono a vuoto a prevedere un equilibrio equo fra lo scopo legittimo di questi procedimenti e le misure assunse;
8. Sostiene all’unanimità che non c'è stata nessuna violazione di Articolo 18, preso in concomitanza con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1;
9. Sostiene all’unanimità che in prospettiva delle sue conclusioni precedenti sotto Articolo 6 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 la causa non richiede esame separato sotto Articoli 7 e 13 della Convenzione;
10. Sostiene all’unanimità che la questione della richiesta dell’ Articolo 41 non è pronta per decisione;
di conseguenza,
(a) riserva la detta questione in intero;
(b) invita le parti a presentare, entro tre mesi dalla data sulla quale la sentenza diviene definitivo in conformità con Articolo 44 § 2 della Convenzione le loro osservazioni scritto sulla questione e, in particolare, notificare la Corte di qualsiasi accordo al quale loro possono giungere;
(c) riserva l'ulteriore procedimento e delega al Presidente della Camera il potere di fissarlo all’occorrenza
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 20 settembre 2011, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Søren Nielsen Christos Rozakis
Cancelliere Presidente
In conformità con Articolo 45 § 2 della Convenzione e Decide 74 § 2 degli Articoli di Corte, le opinioni separate e seguenti sono annesse a questa sentenza:
(a) opinione in parte dissidente di Giudice Jebens;
(b) opinione in parte dissidente di Giudice Hajiyev e Giudice Bushev.
C.R.
S.N.


OPINIONE IN PARTE DISSIDENTE DEL GIUDICE JEBENS
Io non sono d'accordo rispettosamente con l'opinione espressa con la maggioranza che c'è stata una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 in questa causa in riguardo delle valutazioni fiscali del 2000-2001 con riguardo ad all'imposizione ed il calcolo di sanzioni penali.
Io trovo utile chiarificare i quesiti legali e dare un contorno degli sviluppi nella giurisprudenza nazionale prima di spiegare la mia opinione nella causa.
Il quesito legale di fronte alla Corte e gli sviluppi nella giurisprudenza nazionale riguardo all'imposizione di sanzioni penali per evasione fiscale
La società richiedente si lamenta che l'imposizione di sanzioni penali di tassa violò il suo diritto a protezione di proprietà che è garantita con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione. Si dovrebbe notare che la questione di fronte alla Corte in questo riguardo non è se c'era una base legale in diritto nazionale per sanzioni penali imponenti sulla società per atti di evasione fiscale, ma se l'imposizione di sanzioni penali fu preclusa. La società richiedente dibatte che accusa per l'evasione fiscale allegato era divenuta tempo-sbarrata, in che la decisione che stabilì la sua responsabilità di tassa insoluta per l'anno 2000 ed impose un requisito per pagare arretrati di tassa, interesse di mora e sanzioni penali fu adottata 14 aprile 2004, quel è, fuori del tempo-limite esposto fuori con la legislazione.
La disposizione attinente, vale a dire Articolo 113 del Codice Fiscale purché per un tempo-limite di tre - anni per sostenere un contribuente responsabile per reati fiscali. Sotto il nazionale corteggia pratica di ' che periodo ha funzionato dal primo giorno dopo scadenza del termine di tassa attinente e terminò quando il contribuente fu sostenuto responsabile. Comunque, la parte della loro interpretazione della disposizione in oggetto la quale si riferì alla fine del periodo era la materia di molte chiarificazioni susseguenti con le corti nazionali e superiori.
Nella sua decisione di 28 febbraio 2001 il Plenum del Tribunale di commercio Supremo indicò ai tribunali di commercio più bassi che “si considera che un contribuente sia stato sostenuto responsabile, (all'interno del significato di Articolo 113 del Codice fiscale) sulla data su che il capo del (attinente) corpo di tassa o le sue prese aggiunte una decisione di sostenere questa persona responsabile per un reato fiscale in conformità con (gli articoli insorsero fuori) il Codice” (vedere paragrafo 405 della sentenza). Questa interpretazione fu fatta domanda successivamente coi tribunali di commercio più bassi. Comunque, mentre garantì un equilibrio equo fra gli interessi delle autorità fiscali e quelli di contribuenti generalmente, sembrerebbe essere problematico in situazioni dove il contribuente impedì le ispezioni con le autorità fiscali e con ciò rimandò l'adozione della decisione attinente con riguardo ad al tempo-limite in Articolo 113.
Nella presente causa molto degli assistenti della società richiedente aveva rifiutato di attenersi a tutti, mentre altri erano andati a vuoto ad offrire i documenti su operazioni di petrolio che le autorità fiscali avevano richiesto durante l'ispezione di su-luogo (vedere paragrafo 17 della sentenza). Le corti più basse contennero che in simile situazioni gli articoli sulla tempo-sbarra legale erano inapplicabili, perché la società richiedente aveva agito in mala fede. Questa opinione non fu sostenuta con l'istanza di revisione direttiva fuori la quale aguzzò che accantonare i tempo-limiti sarebbe stato in contraddizione chiara della legislazione e la giurisprudenza attinente. Si riferì perciò il problema al Presidium del Tribunale di commercio Supremo che se lo riferì alla Corte Costituzionale (vedere paragrafo 564).
Nella sua decisione di 14 luglio 2005 la Corte Costituzionale chiarificò, in primo luogo, che gli articoli su limitazione di tempo per sanzioni penali imponenti dovrebbero fare domanda in qualsiasi l'evento, nonostante se il contribuente aveva agito in “il mala fede.” Seguì a notare che, insolitamente, se il contribuente aveva impedito le autorità fiscali le ispezioni di ' e con ciò aveva rimandato l'adozione della decisione attinente, la gestione del tempo-limite potrebbe essere sospesa con l'adozione di un rapporto di tassa-revisione, mentre insorgendo fuori le circostanze del reato fiscale e riferendosi agli articoli attinenti del Codice Fiscale(vedere paragrafo 565).
Se c'è stata una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1
La società richiedente si lamenta sull'imposizione ed il calcolo di sanzioni penali di tassa, ma loro non dicono che la decisione di imporre sanzioni penali di tassa mancate una base legale ed effettiva. Ci può essere senza dubbio che tale base esisteva nella legislazione russa (vedere Articoli 112 § 2 e 114 § 4 del Tassa Codice), e che la disposizione in oggetto era sufficientemente chiaro e prevedibile (vedere divide in paragrafi 400-402).
Inoltre, benché la chiarificazione prevedesse con la Corte Costituzionale implicò un cambio nell'interpretazione di Articolo 113, era coerente con l'essenza del reato e non ampliò la sfera di reati che potrebbero condurre ad accusa per evasione fiscale e l'imposizione di sanzioni penali. È importante che l'interpretazione di romanzo di Articolo 113 non accantonò gli articoli su limitazioni di tempo per l'imposizione di sanzioni penali a causa di evasione fiscale, né accorciò i tempo-limiti per l'imposizione di simile misure. Infatti, la Corte Costituzionale spiegò soltanto gli articoli esistenti su tempo-limiti per assicurare la loro richiesta equa a contribuenti che agirono impropriamente.
Come riguardi la prevedibilità della misura, la questione dovrebbe essere vista nella luce della situazione individuale del richiedente così come l'evoluzione della giurisprudenza della Corte Costituzionale in questa sfera. L'ispezione di tassa in riguardo della società richiedente per l'anno 2000 fu avviata a dicembre 2003, ed il rendiconto di certificazione fu adottato e notificò sulla società 29 dicembre 2003; nelle altre parole, sia quegli eventi accaddero all'interno del tempo-limite di tre-anno specificato in Articolo 113. Perciò, con che data, la società già si sarebbe potuta aspettare ragionevolmente che fosse probabile che affrontasse sanzioni penali sostanziali in collegamento con evasione fiscale.
Dovrebbe essere notato anche che gli atti in oggetto reati fiscali costituiti al tempo quando loro furono commessi e che le sanzioni penali richiesero col Ministero ed imposero infine con le corti non era più pesante che quegli applicabile a che tempo (compari Coëme ed Altri c. il Belgio, citato sopra, § 150). Infine, è di attinenza che la decisione di 14 aprile 2004 è stata basata sugli stessi fatti e la stessa richiesta del Codice Fiscale come il rendiconto di certificazione di 29 dicembre 2003. Rimane il fatto che la società richiedente sperò di evitare la responsabilità per evasione fiscale con attivamente impedendo le ispezioni di tassa e rimandando l'adozione della decisione attinente con le autorità fiscali (paragrafo 17). Comunque, che in se stesso è, nella mia prospettiva, insufficiente meritare protezione, determinato le circostanze della causa.
In oltre, il concetto della “buona fede” all'interno del campo di legislazione di tassa e pratica non era un completamente romanzo uno. La Corte Costituzionale usò il concetto di prima “la buon fede” quando valutando la condotta di contribuenti nelle loro relazioni con ufficiali di tassa come presto come 1998. Espanse successivamente su questa nozione, mentre spiegando nel 2001 che là esisteva una presunzione confutabile che il contribuente stava agendo in buon fede e che una sentenza che un contribuente aveva agito in mala fede potrebbe avere conseguenze legali non favorevoli per il contribuente. In prospettiva dell'evoluzione della giurisprudenza della Corte Costituzionale in questa sfera (vedere divide in paragrafi 384-387), la società richiedente poteva, nella mia opinione, prevedere che le sue azioni per rimandare l'ispezione di tassa potessero qualificare come condotta di cattiva - fede.
Riferendosi alle circostanze della causa siccome spiegato sopra, lo sviluppo dell’interpretazione delle corti nazionali e superiori delle disposizioni in oggetto ed il margine ampio dello Stato della valutazione in questa sfera, io concludo che l'Accertamento tributario per 2000-2001 e l'imposizione di sanzioni penali si attenute col requisito della legalità di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.


OPINIONE IN PARTE DISSIDENTE DEL GIUDICE BUSHEV, CONGIUNTA IN PARTE CON IL GIUDICE HAJIYEV
L'opinione presente contiene l'opinione dissidente unita di Giudice Hajiyev e di Giudice Bushev con riguardo ad alla sentenza di una violazione di Articolo 1 di Protocollo 1 alla Convenzione (le parti 1 e 2 sotto), e che di Giudice Bushev con riguardo ad al resto dei problemi (le parti 3 e 4 sotto).
Come alla violazione di Articolo 1 di Protocollo 1 alla Convenzione
Sfortunatamente, noi dobbiamo dissentire dai nostri colleghi ' (in seguito, la Corte) trovando che c'era a portata di mano una violazione di Articolo 1 di Protocollo 1 alla Convenzione nella causa, riguardando (1) la richiesta del termine di prescrizione di 3-anno, purché con articolo 113 del Codice Fiscale della Federazione russa, in riguardo dell'imposizione di sanzioni penali per gli anni 2000 e 2001, ed in riguardo di (2) i certi elementi dei procedimenti di esecuzione con riguardo a corteggiare sentenze sul debito che sorge dalla Tassa Valutazioni 2000-2003 (in seguito, la procedura di esecuzione).
Noi ora esamineremo ognuno delle sentenze summenzionate.
1. Con riguardo ad all’applicazione del termine di prescrizione dei 3-anni a riguardo dell'imposizione di sanzioni penali per gli anni 2000 e 2001.
1.1. La Corte ha, in essenza, convenuto in pieno con le conclusioni delle corti russe che OMISSIS (in seguito, OMISSIS) condusse operazioni illecite e numerose per il risuoli fine di evadere sistematicamente ed intenzionalmente il pagamento di tasse. In oltre, la Corte fondò che la legislazione di tassa corrispondente, in forma ed in contenuto, e le azioni delle autorità nell'intraprendere la valutazione di arretrati di tassa e sovrapprezzi, soddisfece pienamente gli standard alti della Convenzione. Così, il Governo russo aveva i motivi abbastanza ragionevoli per imporre tasse e sovrapprezzi dal richiedente. Ugualmente, la Corte non ha impugnato il Governo russo sta trovando che OMISSIS attivamente oppose ispezioni di tassa, mentre agendo così mala fides, per il fine di sfoderare i tempo-limiti per il loro adempimento.
1.2. Come all'imporre di sanzioni penali per l'evasione fiscale intenzionale, la Corte non trovò i tassi fatti domanda smodatamente alto o sproporzionale (vedere § 606 della sentenza). Comunque, le sentenze della Corte riguardo ad ognuno dei tre periodi di tassa differiscono, mentre dipendendo dalla possibilità di fare domanda il termine di prescrizione di 3-anno espose fuori in Articolo 113 del Tassa Codice, all'imposizione della responsabilità di tassa.
Così, riguardo alle sanzioni penali imposte ad aprile 2004 per le violazioni di tassa commesse di periodo 2002-2003 la Corte non ha trovato qualsiasi violazioni della Convenzione, poiché quelli periodi incorrono all'interno del termine di prescrizione di 3-anno.
Nella conformità con gli articoli della richiesta del termine di prescrizione di 3-anno identificati con la Corte, fondò che l'imposizione delle sanzioni penali in 2004 per le violazioni di tassa commesse nel 2000 contraddice i requisiti di Articolo 113 del Tassa Codice.
Con riguardo ad al terzo periodo, riguardo alle sanzioni penali per 2001 la Corte, mentre non dubitando i motivi per la loro imposizione, nondimeno impugnò il 80% tasso della sanzione penale. La Corte non fu convinta con l'argomento del Governo che, sotto Articolo 114 del Tassa Codice, la sanzione penale potrebbe essere aumentata da 40% a 80% nell'evento di una condanna di ripetizione. Effettivamente, seguendo la logica della Corte sul termine di prescrizione applicabile alle sanzioni penali per 2000, non c'era ripetizione nel 2001, a causa del fatto che 2001, non 2000 sono il primo anno per il quale il termine di prescrizione è inapplicabile. Nelle altre parole, le sanzioni penali per 2000 non potevano essere trattate come l'istanza iniziale dell'imposizione della responsabilità di tassa, e perciò, l'aumento nel tasso di sanzione penale da 40% a 80% nel 2001 era inammissibile, determinato che non c'era nessuna ripetizione del reato per la quale la responsabilità potrebbe essere imposta.
1.3. Nell'esaminare l'articolo sul termine di prescrizione esponga fuori in Articolo 113 del Tassa Codice, la Corte ha preso un approccio letterale che l'ha condotto a trovare che né la disposizione determinata, né qualsiasi le altre disposizioni di legislazione russa esposero fuori una base per sospendendo o correggere il termine di prescrizione. Nell'opinione della Corte, l'enunciazione di Articolo 113 del Codice Fiscale non lo rende possibile per prevedere qualsiasi eccezioni dall'articolo che sorge dalle certe circostanze. In particolare, la Corte non ha sostenuto l'argomento del Governo che mala fede da parte del contribuente, espresse attivamente opponendo le autorità nello stabilendo e classificare tutti gli elementi della relazione fiscale e legale che corrisponde, è tale eccezione.
La Corte considera così che l'articolo espose fuori in Articolo 113 del Codice Fiscalenon lo renda possibile per una persona ragionevole con un grado equo della certezza prevedere qualsiasi inapplicability del termine di prescrizione di 3-anno, anche dove tale persona attivamente stava impedendo le autorità fiscali. Da adesso, come riguardi le sanzioni penali per 2000, la Corte crede che il “la qualità” di Articolo 113 del Codice Fiscale non incontri in pieno il requisito della legalità per l'interferenza del Governo in proprietà privata.
1.4. Noi non siamo convinti con gli argomenti della Corte.
Effettivamente, il criterio di legalità è un requisito indispensabile nel valutare l'attività di un Governo nella luce di Articolo 1 di Protocollo 1 alla Convenzione. Per questo fine la nozione di legge ha un significato ampio e non solo include gli atti del rispettivo parlamento, ma anche delegò legislazione, decreti, pratica di corte ecc. La legge deve soddisfare i certi requisiti come alla sua forma e sostanza. Uno dei requisiti imposto su legge sotto la Convenzione è la sua certezza legale, mentre rendendolo possibile per persone private ed autorità pubbliche prevedere le conseguenze legali di particolare condotta. Nel frattempo, la giurisprudenza della Corte europea su Diritti umani (l'ECHR) segue l'assunzione che “quelle conseguenze non hanno bisogno di essere prevedibile con certezza assoluta: l'esperienza mostra questo per essere irraggiungibile” (vedere Rekvényi c. l'Ungheria [GC], n. 25390/94, § 34, ECHR 1999-III e Hertel c. Svizzera, 25 agosto 1998 § 35, Relazioni di Sentenze e Decisioni 1998-VI si riferiscono anche a § 598 della sentenza).
Noi crediamo che nella causa a mano l'enunciazione legale (suo “la qualità”), e le specifiche qualità dell'offensore erano ragionevoli abbastanza per sé prevedere la probabilità che la limitazione decide esposta fuori in Articolo 113 del Codice Fiscale sarebbe inapplicabile nell'evento del suo attivamente opporre (ostruendo) ispezioni di tassa. Ci permetta di chiarificare questo pensante.
1.5. “Qualità legale” di Articolo 113 del Tassa Codice.
Nessun ordinamento giuridico abilita la legislazione nazionale per essere descrittivo abbastanza per prevedere per ogni eventualità. Esponendo fuori un articolo di condotta in statuto e comprendendo al riguardo il senso implicito sono raggiunti con virtù di varie tecniche legali, incluso, nella particolare, giudiziale interpretazione, l'interpretazione di un articolo all'interno di un sistema di altri articoli, ecc. legislazione russa è stata codificata nelle tradizioni di un sistema di pandectic di legge che presume che comprensione del senso implicito di un articolo speciale e determinato può essere offerta con prendendo nell'esame un articolo più generale spesso. Un articolo generale è per difetto applicabile ad un articolo speciale, a meno che i set secondi fuori direttamente (evidentemente) un'eccezione (la rinuncia) al precedente. In tale sistema di codificazione i principi di interpretazione presumono che ogni articolo speciale contiene le disposizioni di un articolo più generale, benché il testo letterale dell'articolo generale e detto non sia incluso nel testo letterale di un articolo speciale per i fini di tecniche legali.
Nel sistema giuridico una comprensione del senso implicito di articoli speciali o generali dovrebbe esistere inoltre, per principi legali che hanno un ruolo universale ed esauriente. L'effetto di un principio legale è presunto riguardo ad ogni articolo del rispettivo ramo di legge; ogni solo articolo esposto fuori in legislazione sarà compreso e sarà fatto domanda all'interno dei confini semantici del principio legale ed a meno che il precedente contraddice il secondo.
1.6. Un principio legale così generale è il principio del non-abuso dei diritti di uno ed il principio conseguente di rifiuto per accordare protezione ad una persona che ha abusato suo o i suoi diritti. Questo principio è esposto direttamente fuori nelle disposizioni del ramo di legge che regola relazioni di proprietà e nella legislazione di tassa da vicino-relativa.
Così, sotto Articolo 17 (3) della Costituzione della Federazione russa che è direttamente applicabile a qualsiasi la relazione (Articolo 15(1)), l'esercizio di individuo e diritti civici e le libertà non deve violare i diritti e le libertà di altri. Come previsto con Articolo 10 del Codice civile russo (questo articolo entrò in effetto nel 1995) che regola relazioni di proprietà in generale “azioni con cittadini e persone giuridiche, compiuto col fine espresso di infliggere danno ad un'altra persona, e l'abuso di diritti civili nelle altre forme sarà inammissibile” (paragrafo 1), e dove una persona non riesce ad attenersi a questo requisito una corte avrà diritto a respingere la rivendicazione di questa persona per la protezione di che diritto (paragrafo 2).
1.7. Con riguardo alla Corte Costituzionale russa ha attratto attenzione alla necessità, nel delucidare gli articoli speciali di legislazione di tassa per tassare relazioni, di fare domanda il principio di rifiuto di protezione di diritti a persone che abusano quelli diritti. L'interpretazione presente fu data con la Corte Costituzionale sia prima del perpetrazione di violazioni di tassa di OMISSIS nel 2000 (sentenza di Corte Costituzionale n. 24-P 12 ottobre 1998) e nel corso del termine di prescrizione, quando il richiedente attivamente stava impedendo l'ispezione di tassa (sentenza di Corte Costituzionale n. 139-O 25 luglio 2001, ecc.). La Corte sull'altro problema ha dato credito anche alla possibilità dell'incertezza nella legge, incluso il diritto penale così come, in essenza, un bisogno di fare domanda i principi legali -nel valutare la qualità della legge su specifiche tasse (vedere § 598 nella sentenza).
1.8. Separatamente da quelli principi, la considerazione dovrebbe essere data ad un articolo speciale in legislazione russa che potrebbe essere usata nel comprendere il senso implicito di Articolo 113 del Tassa Codice. Così, la Corte crede che il tasso alto di sanzioni penali (40%) applicabile in cause di violazione di tassa intenzionale una somiglianza crea fra questa sanzione e misure imposero sotto il diritto penale. Perciò, la Corte dibatte, dove simile responsabilità di tassa è imposta, garanzie procedurali simile a quegli applicabile in cause della responsabilità penale dovrebbe essere accordato. Questa conclusione della Corte in riguardo della causa presente è estremamente discutibile (vedere divide in paragrafi 3.2-3.4 sotto). Il problema chiave giace altrove nondimeno. Se noi seguiamo la logica della Corte, l'offensore, nel valutare il rischio dell'applicabilità del termine di prescrizione alla sua causa deve anche, nella nostra prospettiva, avere (o, almeno, potrebbe avere ragionevolmente) considerato l'articolo speciale di diritto penale. Secondo Articolo 78 (3) del Penale del 1996 Codice, “scadenza di un termine di prescrizione si sospenderà se la persona che ha commesso il crimine impedisce l'indagine o processo di corte.”
Inoltre, gli articoli su sospensione o emendamento del termine di prescrizione come un risultato di certe circostanze eccezionali sono applicabili ed ultimamente simile per tutte le forme della responsabilità civile.
1.9. Così, legislazione russa contenne disposizioni con certezza legale e sufficiente per il fine di prevedere le conseguenze di mala fede in ispezioni di tassa avversario e l'applicabilità di un termine di prescrizione in questo riguardo a.
1.10. La Corte nella sua sentenza aguzza alle certe circostanze che prima facie diminuiscono il “la qualità” di legge e decresce la certezza legale di Articolo 113 del Tassa Codice. Fra simile circostanze la Corte assegna a (i) paragrafo 36 di sentenza n. 5 dell'Arbitrato Supremo (Commerciale) Corte Plenum di 28 febbraio 2001 ((§ 405), in seguito-la sentenza di Sacco di 2001), (l'ii) la decisione della Corte Costituzionale di 18 gennaio 2005 ((§ 75), in seguito-Decisione di CC di 2005), (l'iii) la sentenza della Corte Costituzionale di 14 luglio 2005 (in seguito-la Sentenza di CC di 2005) e, infine, (l'iv) emendamenti ad Articolo 113 del Codice Fiscale adottato in Legge Federale n. 137-FZ 27 luglio 2006 ((§ 410), in seguito-la Federale del 2006 Legge). Benché tutte di queste circostanze concernano ad Articolo 113 del Tassa Codice, la loro quantità non dovrebbe colpire la comprensione del “qualità legale” della disposizione a mano.
Infatti, la sentenza di Sacco di 2001 discordanze interne eliminate e pratica di corte contraddittoria riguardo al punto alla quale la responsabilità di tassa è imposta (o il punto di stendere un documento di una violazione, o il punto di adottare una decisione sull'imposizione della responsabilità di tassa). Il problema di mala fede nell'impedire ispezioni di tassa, e l'applicabilità del termine di prescrizione in questo riguardo a, non fu rivolto nella sentenza. Né fu toccato su nella Decisione di CC di 2005 che risposero affermativamente ad una richiesta con OMISSIS riguardo all'attinenza della richiesta del termine di prescrizione per se. La Corte Costituzionale giustificò il suo rifiuto per esaminare la rivendicazione di OMISSIS sulla base che era inammissibile, siccome il richiedente chiesto rivalutazione dei fatti come affermato con l'arbitrato (commerciale) la corte, una questione che non incorre all'interno dell'autorità della Corte Costituzionale (paragrafo 2 della Decisione di CC di 2005, divida in paragrafi 1.3 della Sentenza di CC di 2005).
La Sentenza di CC di 2005 inveterato la sentenza precedente della Corte Costituzionale sul rifiuto di protezione a contribuenti di cattivo-fede, attraendo attenzione al fatto che il principio universale e detto sarebbe fatto domanda anche per il fine di accertare il senso implicito di Articolo 113 del Tassa Codice. Inoltre, la Corte Costituzionale enfatizzò che è probabile che condotta come impedendo un'ispezione di tassa sia trattata come gli abusi di diritti di un contribuente e dovrebbe essere considerata una certa forma di condotta di cattivo-fede col contribuente. La Sentenza di CC della 2005 certezza legale indiscutibilmente aumentata in comprensione dell'articolo speciale di Articolo 113 del Codice Fiscalee così sollevò il grado di protezione per la proprietà interessa di persone private. Un effetto comparabile fu guadagnato per la promulgazione della Federale del 2006 Legge. La stessa interpretazione era ragionevolmente ciononostante, prevedibile sulla base delle disposizioni legislative e prima esistendo, ed il “qualità legale” al riguardo si attenne pienamente coi requisiti della Convenzione.
1.11. La capacità soggettiva del richiedente di comprendere il senso implicito della legge.
Nel decidere in qualsiasi causa determinata se c'è stata una violazione della Convenzione in riguardo del richiedente, l'ECHR considera che la specifica situazione di richiedente. Evidentemente, richiedenti ' capacità individuale di interagire con le autorità pubbliche, il grado della loro sicurezza così parlare, la loro capacità di avere status di vittima per i fini della Convenzione può differire sostanzialmente. Nonostante la sua causa-legge, la Corte nella causa a mano andò a vuoto ciononostante, ad esaminare e rifiutò di considerare capacità soggettiva di OMISSIS di prevedere le conseguenze di sua propria condotta nell'attivamente impedire ispezioni di tassa, e valutare l'esplicito e senso implicito di Articolo 113 del Tassa Codice. Simile approccio della Corte non è coerente, come sull'altro problema-valutazione di qualità di disposizioni dei diritti tributari speciali, cioè. di un elemento del reato di diritto tributario-la Corte ha preso nell'esame il fatto che il richiedente era una grande partecipazione azionaria, capace consultare con esperti per valutazioni di rischio (vedere § 599 della sentenza).
1.12. OMISSIS era una delle più grandi società commerciali in Russia. Correndo un affari (eseguendo le attività di per - profitto) ai propri rischi di uno beneplacito implica con una società commerciale, nella persona dei suoi corpi direttivi accettare le varie conseguenze che sono il risultato di condizioni dell'incertezza, incluso le imperfezioni di legislazione. È probabile che le conseguenze di simile incertezza siano positive o negative. Perciò, in relazioni che regola che comportano non-imprenditori, persone specialmente fisiche (le creature umane) che è in grado influenzare le conseguenze del loro rischio ad un minore grado che società commerciali, la certezza legale di legislazione dovrebbe essere sostanzialmente più alto che per imprenditori (società commerciali). Per i fini della Convenzione lo standard della certezza legale di un articolo legale sarebbe più basso per società commerciali parafrasare il principio summenzionato.
È innegabile che il richiedente possedette un estremamente alto potenziale valutare i suoi propri rischi legali; i suoi consulenti (i consulenti) era in grado prevedere ragionevolmente tutte le possibili conseguenze della richiesta di un articolo legale. Uno ha bisogno solamente noti che nei certi procedimenti il richiedente fu rappresentato con 8 a 10 avvocati professionali, la società eseguì le attività di grande potenza e giuridicamente significative sia in Russia ed all'estero, implementando soluzioni legali che erano di quando in quando non ortodosse nella sfera legale russa (e.g. uso di giurisdizione transnazionale, la creazione di rami multi divisione di società affiliate (incluso società fittizie) all'interno di un grande territorio russo, così come all'estero). Si dovrebbe menzionare che il richiedente era bene in anticipo consapevole della possibilità della responsabilità di tassa della scadenza del termine di prescrizione di 3-anno (un'ispezione di tassa a lungo termine precedeva firma il protocollo 29 dicembre 2003, stabilendo violazioni di tassa-legge); la decisione la responsabilità di tassa imponente fu emessa con un oltrepassando insignificante del termine di 3-anno (14 aprile 2004, cioè 3 mesi e mezzo); le autorità fiscali registrarono una rivendicazione per sanzioni penali di tassa 14 aprile 2004, cioè. all'interno del termine generale per autorità pubbliche per rispondere tassare violazioni, vale a dire 3 anni (il termine di prescrizione sotto Articolo 113 del Tassa Codice) più 6 mesi (il termine per portare un processo di fronte ad una corte, Articolo 115 del Tassa Codice).
1.13. Così, noi crediamo che né il “la qualità” della legislazione di tassa (il fattore obiettivo), né l'incertezza legale ed allegato riguardo ai diritti del richiedente (il fattore soggettivo) costituì una violazione di Articolo 1 di Protocollo 1 alla Convenzione in termini dell'esistenza dei motivi legali per un prolungamento insignificante del termine di prescrizione per le sanzioni penali in riguardo di 2000.
1.14. Effetto retrospettivo della Sentenza di CC di 2005.
Noi fummo convinti neanche con la valutazione della Corte del significato dell'effetto retrospettivo della Sentenza di CC di 2005 con riguardo all’ interpretazione di Articolo 113 del Tassa Codice. Siccome fu menzionato sopra, la Corte Costituzionale non corresse gli articoli sulla richiesta del termine di prescrizione, aumentò soltanto la certezza legale in comprensione dell'articolo speciale di Articolo 113 del Codice Fiscale che, a turno, era stato ragionevolmente prevedibile. Comunque, anche se noi presumiamo che la Corte Costituzionale introdusse un articolo nuovo sull'influenza del mala fede di un contribuente sulla gestione del termine di prescrizione, la richiesta retrospettiva di tale “nuovo” articolo era ammissibile nelle circostanze determinate.
La Convenzione riconosce un margine ampio della valutazione per governi nazionali in tassazione che regola e tasse che impongono e sanzioni penali. I riguardi di ECHR qualsiasi decisione col legislatore nazionale in questa sfera, a meno che tale decisione non ha evidentemente base ragionevole (vedere Gasus Dosier - l'und Fördertechnik GmbH c. i Paesi Bassi, 23 febbraio 1995, § 60 la Serie Un n. 306-B). La giurisprudenzadell'ECHR contiene molte istanze dove la Corte accettò emendamenti retrospettivi a legislazione e, corrispondentemente, l'imposizione di pagamenti supplementari su contribuenti (vedere Cittadino & Edificio Società Provinciale, Leeds Edificio Società Permanente e Yorkshire Building la Società c. il Regno Unito, 23 ottobre 1997 § 80, Relazioni di Sentenze e Decisioni 1997-VII Di Belmonte c. l'Italia, n. 72638/01, 16 marzo 2010).
Vale che nella causa presente la Corte Costituzionale non convenne qualsiasi obblighi supplementari riguardo agli articoli su accusando e pagare tasse, né impose un tasso diverso della responsabilità di tassa. Al momento di commettere il reato fiscale il richiedente era stato consapevole di tutte le condizioni principali per la responsabilità imponente. È improbabile che costituzione di un termine di prescrizione è tirata ostacolando o correggendo la condotta socialmente indesiderabile di individui privati. In considerazione degli importi enormi di tasse evase ed il periodo a lungo termine delle violazioni di tassa, non è proprio ragionevole per presumere che il richiedente non avrebbe cominciato ad evadendo tasse o impedire ispezioni di tassa se fosse stato consapevole che è probabile che il termine di prescrizione sarebbe stato 3 anni e tre mesi e mezzo piuttosto che 3 anni.
1.15. Infine, ci permetta di terminare con un riferimento alla sentenza di 17 maggio 2010 nella causa di Kononov c. Lettonia, consegnata con la Grande Camera nella quale la Corte espose fuori i certi standard come alla certezza legale e prevedibilità di un articolo legale. Noi ricorderemmo che il problema in oggetto in questa causa la certezza legale di un articolo che era stato effettivo di passato distante era e quale divenne la base legale per reclusione del richiedente per 6 anni nel 2000 per “crimini militari” impegnato, secondo le autorità lettoni, nel 1944. Al momento quando gli eventi sotto considerazione accaduta, legislazione penale lettone non contenne qualsiasi disposizioni esplicite che riguardano crimini militari; inoltre, stipulò termini di prescrizione generali e speciali per la responsabilità penale. Quelli termini di prescrizione erano scaduti brami di fronte all'inizio dei procedimenti penali contro Kononov. Nel 1993 le disposizioni su termini di prescrizione furono abolite con un atto legislativo lettone. Ciononostante, l'ECHR sostenne che membro delle Forze Armate Kononov che, diversamente da richiedente nella causa presente, non aveva nessuna vera opportunità di fare domanda consultare consulenti legali, mentre appellandosi su una combinazione di varie convenzioni internazionali e dogane legali (incluso certo quel non fu promulgato ufficialmente) avrebbe potuto prevedere che è probabile che la sua condotta sia qualificata come un crimine militare. In questo l'ECHR fu agitato neanche col fatto che il termine di prescrizione espose fuori in legislazione nazionale per qualsiasi dattilografa di crimine al tempo quando Kononov commise il reato allegato (1944) era scaduto molte decadi prima che Kononov fu portato a processo nel 2000 (vedere Kononov c. la Lettonia [GC], n. 36376/04, § 239 17 maggio 2010).
Il diritto alla libertà è uno dei diritti più protetti sotto la Convenzione; è alla cima nella gerarchia di valori di diritti umani, e perciò lo standard della certezza legale in riguardo di sé molto è più alto che in riguardo degli articoli che danno un titolo a governi nazionali per controllare la proprietà privata di organizzazioni di affari nella forma di imporre tasse e sanzioni penali.
1.16. L'ECHR ha deciso ripetutamente che il carico di interpretazione ed esecuzione di legislazione nazionale è primariamente con la competenza di autorità pubbliche e nazionali, e corti particolarmente statali (vedere Winterwerp c. i Paesi Bassi, 24 ottobre 1979, § 60 la Serie Un n. 33 ed Iglesias Gil ed A.U.I. c. la Spagna, n. 56673/00, § 61 il 2003-V di ECHR). Nella causa in questione l'interpretazione legale fu dato con la Corte Costituzionale; che interpretazione è basata su motivi ragionevoli, non è evidentemente non comprovato o ingiusto, e, in considerazione della sentenza nella causa di Kononov ed il resto della giurisprudenza, soddisfa i requisiti della Convenzione.
2. Con riguardo ai procedimenti di esecuzione.
2.1. Nel valutare le azioni del Governo per raccogliere arretrati di tassa da OMISSIS la Corte nessuno violazioni di legge nazionale trovate; comunque, la Corte sostenne che le misure prese con le autorità pubbliche contro la società offensiva erano sproporzionate (vedere § 647 della sentenza). Secondo la Corte, la procedura di esecuzione fu eseguita troppo rapidamente, il richiedente infatti non era stato offerto vera opportunità per qualsiasi modi alternativi di pagare i suoi debiti di imposta, la confisca di scorte in OMISSIS (OAO “YNG”) (il bene di affari primario del richiedente) con vendita all'asta non fu giustificato, ecc. (§ 650). Allo stesso tempo, la Corte non trovò ogni solo elemento dei procedimenti di esecuzione per essere sproporzionato, ma solamente nell'effetto cumulativo di simile elementi. Nell'opinione della Corte, lo Stato non prese in modo appropriato inoltre, nell'esame tutti i fattori riferiti ai procedimenti di esecuzione (§ 651), sebbene sé l'accounted alcuni di quelli (§ 652).
2.2. L'ampiezza del margine dello Stato della valutazione e fattori che determinano il suo bounderies.
Noi reitereremmo che la giurisprudenza dell'ECHR si appella sulla necessità di riconoscere che il margine ampio della valutazione goduto con governi nazionali nel decidere sulle misure esatte ha inteso di garantire osservanza di diritti umani. I confini di simile discrezione possono variare dipendendo dalla sfera e la natura di un certo diritto, così come le altre circostanze svilupparono sotto la pratica dell'ECHR (vedere Buckley c. il Regno Unito, 25 settembre 1996, § 74 Relazioni di Sentenze e Decisioni 1996-IV). Per i fini di imporre tasse e sanzioni penali il margine di un governo della valutazione è ritenuto per essere particolarmente ampio (vedere § 648 della sentenza).
L'ECHR dimostra anche più tolleranza verso le autorità pubbliche le azioni di ' in riguardo di persone private in cause dove (a) ad un richiedente accade di essere una società commerciale (vedere Špaček, s.r.o., c. la Repubblica ceca, n. 26449/95, § 59, 9 novembre 1999 Reggente Società c. l'Ucraina, n. 773/03, §§ 60, 61 e 67 3 aprile 2008). (b) la condotta di un richiedente contribuì al suo danno (vedere Beyeler c. l'Italia [GC], n. 33202/96, § 116 ECHR 2000-io) (il c) il richiedente ingiustamente si comportò - mala fides (vedere AGOSI c. il Regno Unito, 24 ottobre 1986, § 54 la Serie Un n. 108, Sarmin e Sarmina c. la Russia (il dec.), n. 58830/00, 22 novembre 2005 Al-Nashif c. la Bulgaria, n. 50963/99, § 89 20 giugno 2002); (d) non c'è consentimento fra gli Stati Contraenti, cioé. governi assumono misure diverse circostanze simili sotto (vedere T. c. il Regno Unito [GC], n. 24724/94, §§ 71-72 16 dicembre 1999), ecc. Inoltre, l'ECHR considera le specifiche circostanze economiche ed altre nelle quali fu eseguita l'azione governativa che è valutata (vedere James ed Altri c. il Regno Unito, 21 febbraio 1986, § 46 la Serie Un n. 98).
Tutti di questi fattori, sviluppò nella giurisprudenza dell'ECHR e denotando cumulativamente un bisogno di riconoscere un margine molto più ampio della valutazione per il Governo che nelle altre cause, è presente qui. Loro non sono stati presi in modo appropriato comunque, nell'esame con la Corte.
2.3. OMISSIS a che tempo era una delle più grandi società commerciali, non solo in Russia ma in tutto il mondo, e maneggiò influenza economica ed altra considerevole ed il potere. La società pianificò ed implementò schemi di tassa abusivi e di grande potenza per il risuoli fine di evadere sistematicamente ed intenzionalmente tasse. Di conseguenza, il bilancio Statale soffrì di un importo tremendo di danno, senza precedenti nell'area di violazioni di tassa. Nel frattempo i finanziamenti non retribuiti erano alla disposizione della società, dopo probabilmente avendo arricchito sostanzialmente sia la società ed i suoi azionisti. Le azioni del Governo che imposero arretrati di tassa e sanzioni penali furono tirate solamente (vedere § 646 della sentenza) il motivo politico ed allegato, e lo scopo di riassegnare beni o un'altra intenzione, non correlato alla riscossione delle imposte, e selectiveness (discriminazione) con lo Stato, siccome chiesto col richiedente, fu sostenuto per essere non comprovato (§§ 616, 666). La sfera e la rapidità delle misure Statali contro il richiedente furono determinate con la scala di violazioni di tassa intenzionali commessa con sé, e con la misura di danno inflitta sul bilancio Statale (interesse pubblico). La società rifiutò di dare credito alla natura illegale della sua attività; la società ignorò il consiglio del suo revisore dei conti ufficiale (ZAO PricewaterhouseCoopers Revisione) che informato la gestione della società bene in anticipo dell'ispezione di tassa dell'illegalità di certe operazioni che sono usate per evadere tasse (gli schemi dei vaglia cambiarii, disposizione regalità-libera di proprietà ecc.); la società attivamente stava impedendo il governo nel raccogliere tasse e sanzioni penali prima di e durante i procedimenti di esecuzione.
Noi noteremmo anche che gli eventi contestati accaddero durante la crisi finanziaria ed internazionale alla fine dei degli anni 1990/ primi anni 2000s, ed il ricupero susseguente dell'economia russa, cioé. quando le violazioni di OMISSIS erano specialmente dannose al bilancio Statale. Lo Stato esperimentò un periodo di un'economia di transizione che può essere attribuita a ristrutturando del sistema politico, montaggio e rettifica di legislazione inter alia, nella sfera di tassazione e riorganizzazione di corpi Statali.
2.4. Naturalmente, purchessia il margine ampio della valutazione accordò ad un Governo nazionale, anche in circostanze eccezionali tale margine non può essere illimitato. È ipoteticamente possibile immaginare le certe cause nelle quali le azioni del Governo sarebbero sproporzionate sempre. La questione è-chi è messo meglio valutare e stipulare la misura di simile valutazione? Un giudice di una corte internazionale ha meno chiaramente, l'opportunità che un'autorità nazionale che è nello spessa dell'azione per valutare al riguardo tutte le sfumature ed ombre, e stabilire se o azioni non certo con le autorità pubbliche nelle specifiche circostanze erano ragionevoli e proporzionate. Infine, noi dobbiamo ammettere che una decisione ritenne imprecisa oggi sarebbe rivalutato ad un più tardi lo stadio. Un inequivocabilmente valutazione corretta, specialmente in circostanze complicate appena è possibile. La natura multidimensionale dei vari elementi le condizioni di cittadino coinvolte, specifiche, e le altre circostanze che la richiesta che un governo nazionale sia accordato un margine della valutazione non spogli l'ECHR della sua capacità per valutare i confini di simile discrezione nella luce dei requisiti della Convenzione.
2.5. La presunzione che la buon fede Statale sta agendo in buon fede.
La giurisprudenza dell'ECHR non solo si appella su un margine della valutazione, accordato ad autorità pubbliche ma anche sulla presunzione di fides bona da parte di un Stato. Come con più altre presunzioni, la presunzione sopra è respingibile. Comunque, lo standard di prova per superare la presunzione di fides bona di un Governo Statale è prova alta, ed irrefutabile deve essere addotta (vedere Khodorkovskiy c. la Russia, n. 5829/04, § 255-256, 31 maggio 2011 non definitivo). Nella causa a mano la Corte, nonostante le rivendicazioni con OMISSIS non trovò nessuno motivi legali e ragionevoli per superare una presunzione della buon fede del Governo. Inoltre, siccome menzionato sopra (paragrafo 2.3.), la Corte non trovò qualsiasi il motivo politico ed allegato o qualsiasi intenzione di liquidare la società o riassegnare i suoi beni all'interesse delle terze parti, o azioni discriminatorie, come addotto col richiedente.
Il Governo può agire fides bona, mentre godendo un margine ampio della valutazione nel selezionare vario vuole dire per proteggere l'interesse pubblico; il rovescio deve essere anche comunque, vero. Il criterio principale nel valutare l'attività del Governo come ottemperanza di riguardi con la Convenzione, lungo il criterio della legalità in azioni per l'interesse pubblico, è la prova di proporzionalità. Chiaramente, determinato la varietà e la diversità di soluzioni legali e sistemi di cittadino, l'importante criterio comune per il concetto della proporzionalità non è proprio possibile. Nondimeno, l'ECHR ha sviluppato degli approcci comuni.
2.6. La proporzionalità delle azioni assunta con lo Stato per garantire interesse pubblico
È probabile che ad una via di ricorso selezionata sia data credito per essere sproporzionato in cause quando è evidentemente irragionevole (vedere Gasus Dosier - l'und Fordertechnik Gmbh (citò sopra) e le altre cause). Vale che la prova summenzionata dell'ECHR non include ogni forma dell'irragionevolezza, ma solamente esplicito, ovvio, indubbiamente le forme. Dubbi come alla ragionevolezza può sorgere su qualsiasi base, incluso l'esistenza di quelli dubbi loro. Noi crediamo che il più ampio il margine della valutazione accordò al Governo, il più evidente l'irragionevolezza dovrebbe essere.
2.7. La giurisprudenza dell'ECHR prende anche conto di altri fattori nel valutare la proporzionalità. Così, l'esistenza di un sistema effettivo ed accessibile per fare appello contro gli atti del Governo di fronte alle corti è della grande importanza (vedere Immobiliare Saffi c. l'Italia [GC], n. 22774/93, § 54 il 1999-V di ECHR). Inoltre, l'ECHR esamina la disponibilità ad un Stato di via di ricorso meno dannose; comunque, l'esistenza di misure alternative e la loro non-richiesta in una particolare causa non è una base sufficiente ed effettiva per sostenere l'interferenza nella sfera privata di un richiedente ingiustificato (vedere James ed Altri (citò sopra) § 51, Borzhonov c. la Russia, n. 18274/04, § 61 22 gennaio 2009).
2.8. La disposizione del risarcimento è un criterio significativo nello stabilire la proporzionalità di specifiche misure con un Governo. Il pagamento del risarcimento equo con un piombi Statali, come un articolo generale, ad una sentenza che il requisito della proporzionalità è stato soddisfatto. L'ECHR tende a fare domanda approcci diversi alla considerazione della proporzionalità nella causa di intromissione dello stato, mentre dipendendo su se o non la condotta del richiedente era legale e se o non i secondi si comportarono in buon fede.
Nell'evento di condotta legale col richiedente, il risarcimento deve, come un articolo generale, sia uguale al danno subito per la prova di proporzionalità per essere incontrato. Allo stesso tempo, il risarcimento può essere meno anche nell'evento di condotta legale col richiedente, che il danno subì con una persona privata (vedere Jahn ed Altri c. la Germania [GC], N. 46720/99, 72203/01 e 72552/01 § 94, ECHR 2005-VI Kozacıoğlu c. la Turchia [GC], n. 2334/03, § 64, 19 febbraio 2009 Broniowski c. la Polonia [GC], n. 31443/96, §§ 182, 186 il 2004-V di ECHR), o è probabile che il risarcimento non sia pagato a tutti (vedere I Conventi Santi c. Grecia, 9 dicembre 1994 la Serie Un n. 301-un). Nelle altre parole, nelle certe circostanze eccezionali lo Stato, mentre agendo nell'interesse pubblico, è giustificato nell'infliggere la più grande perdita che può sembrare necessario su una persona privata che si è comportata legalmente ed in buon fede.
Dove il richiedente si è comportato illegalmente ed in mala fede l'ECHR accettò una scala molto più alta di perdita, e è probabile che nessun risarcimento a tutti sia assegnato. In riguardo di violazioni di tassa la Corte riconosce e difende il diritto degli Stati Contraenti per infliggere sanzioni penali alte, specialmente se il richiedente si comportasse mala fides (vedere Bendenoun c. Francia, 24 febbraio 1994 §§ 33, 46 la Serie Un n. 284). Dove è penale in natura la condotta del richiedente, l'ECHR accetta il sequestro come una misura indispensabile ed effettiva contro carcerazione di un crimine, cioé. un'interferenza in proprietà privata interessa che non implica nessun pagamento del risarcimento a tutti (vedere Phillips c. il Regno Unito, n. 41087/98, ECHR 2001-VII e Denisova e Moiseyeva c. la Russia, n. 16903/03, § 58 1 aprile 2010).
Questo approccio è sostenuto parzialmente col concetto di difesa giustificabile, riconosciuto con più ordinamenti giuridici. Come un articolo generale, il danno subito con l'offensore può essere, lievemente più alto che il danno ostacolò. Comunque, nelle certe circostanze eccezionali, soggetto alle disposizioni di sia civile e diritto penale, l'inflizione di danno (danno) sull'offensore sarebbe sostenuto per essere legale, anche se così la sfera del danno inflisse significativamente eccede il danno effettivo che sarebbe stato subito era l'offensore per avere completato le sue azioni. Nell'evento di condotta illegale un offensore accetta il rischio della possibile inflizione di danno nelle altre parole, (il danno).
Sotto questa logica, noi crediamo, che l'inflizione di danno su un offensore di cattivo-fede, in riguardo dell'imporre di tasse dovuto e l'imposizione di sanzioni penali col governo nazionale, non costituisca una violazione della Convenzione in questo riguardo a. Nelle altre parole, l'offensore può soffrire di certe conseguenze negative, incluso, inter alia, quelli che è probabile che lui non avrebbe previsto al momento della condotta illegale ed altri che sono supplementari all'impatto lui intese di evitare o scappare (arretrati, tasso di interesse di mora, sanzioni penali e multe, e le altre conseguenze avverse che potrebbero essere previsti ragionevolmente sotto la legge applicabile). L'esistenza di danno addirittura estremamente significativo in tale causa non vuole dire in se stesso che la prova di proporzionalità non è stata soddisfatta.
2.9. Ci permetta di guardare di nuovo alle circostanze fattuale di questa causa, questa volta per il prisma della proporzionalità.
La Corte non scoprì qualsiasi violazione di legislazione nazionale nelle misure fatta domanda col Governo alla società all'interno dei procedimenti di esecuzione. Ciononostante, secondo la Corte, la maniera nella quale furono fatte domanda queste misure-così dire, “smodatamente duramente”-non soddisfi il requisito di Convenzione della proporzionalità. Noi crediamo che la Corte, nel trovare sproporzionalità deviò sostanzialmente dalla pratica sviluppata nella giurisprudenzadell'ECHR. Effettivamente, gli stati di sentenza che, in loro, le misure fatte domanda col Governo non erano evidentemente irragionevoli (vedere, per esempio, § 654 della sentenza). Inoltre, la maggioranza opprimente di decisioni resa coi corpi di esecuzione sia soggetto a soprintendenza di corte, sull'iniziativa del richiedente. In delle istanze quelle rivendicazioni furono risolte in favore del richiedente.
Come all'esistenza di misure alternative, siccome fu menzionato sopra, questo fattore non è decisivo. Secondo la causa-archivio, e la sentenza stessa, non è chiaro se qualsiasi le altre via di ricorso effettive esisterono e se la loro adozione avrebbe condotto alla meta di raccogliere tasse e sanzioni penali, nella soddisfazione dell'interesse pubblico. Così, dopo che la disposizione di OAO YNG approvvigiona i finanziamenti sollevati ancora erano insufficienti per stabilire la tassa e debito di sanzioni penali dovette al bilancio Statale. La nuova acquisizione (rimborso) prezzo fu valutato con un stimatore internazionale ed indipendente (Dresdner Kleinwort Wasserstein, il ramo di investimento di Banca di Dresdner AG), e sulla base della vendita all'asta stessa. Come notato con la Corte, prima che i procedimenti di esecuzione fossero iniziati, la società probabilmente era in un stato della pre -insolvenza (§ 649) che è provò, particolarmente, col fatto che la società informò il Tribunale fallimentare Stati Uniti della sua intenzione di registrare un ricorso volontario per fallimento brami di fronte alla vendita all'asta (§ 252). Sembra dalla causa-archivio che un certo importo dei beni era trasferito rapidamente all'estero. In simile circostanze non può essere deciso fuori che ulteriore and/or di temporeggiamento una decisione di prendere meno le liquidità avrebbe ridotto significativamente le opportunità del Governo di ottenere pagamento delle tasse e sanzioni penali. La possibile alternativa sola che fu offerta con la società stessa era sbarazzarsi di OAO Sibneft approvvigiona invece delle scorte in OAO YNG. Comunque, la proprietà di OAO le scorte di Sibneft erano soggetto alla causa, e loro furono riguardati di conseguenza come meno liquido.
Segue che la decisione di prendere il bene di affari primario del richiedente e la velocità dei procedimenti di esecuzione per raccogliere pagamenti di tassa non sembra chiaramente irragionevole. Le misure fatte domanda coi corpi di esecuzione erano ad una grande misura determinata con le azioni della società. La Corte riconosce il diritto di governi nazionali per adottare via di ricorso che accorderebbero sui certi diritti Statali i creditori rimanenti (vedere Gasus l'und di Dosier Fordertechnik GmbH (citò sopra)), cioé. il diritto per fare domanda misure eccezionali.
Ora ci permetta di rivolgersi in più dettaglio ad alcuni degli elementi della procedura di esecuzione. Siccome menzionato sopra, ognuno di simile elementi non sembra, nelle circostanze della causa, completamente irragionevole, e perciò indice che non si può dire che la procedura sia stata sproporzionata allo scopo legittimo, perseguì.
2.10. Specifici elementi delle misure di procedure/interim di esecuzione.
Misure provvisorie intese di assicurare esecuzione, incluso mettendo un pegno su beni possono essere adottate nel buon tempo, prima che la definitivo decisione entra in vigore (vedere Janosevic c. la Svezia, n. 34619/97, ECHR 2002-VII), purché che simile misure non provocheranno materiale conseguenze avverse a persone interessate all'inizio e non colpiranno sostanzialmente la loro difesa in causa imminente. Nella causa a mano, in considerazione dell'impedendo attivo del richiedente delle autorità fiscali l'uso di misura così provvisoria come sequestro ed ordini gelato non sembrano irragionevoli; la legalità delle azioni Statali e corrispondenti fu sostenuta con le corti nazionali. Chiaramente, è probabile che misure provvisorie provochino un certo disturbo in più cause, ed avrebbe anche conseguenze avverse per un richiedente. Comunque, l'applicabilità di simile misure, e le conseguenze corrispondenti del loro uso per OMISSIS erano ragionevolmente prevedibili. Le misure provvisorie fatte domanda ad OMISSIS non colpirono il suo esercizio d'impresa; né loro potrebbero colpire negativamente la capacità del richiedente per difendersi in corte.
2.11. Esecuzione dell’imposta del sette - percento.
Riguardo all’ esecuzione dell’imposta del sette - percento, la Corte che ha riconosciuto che raccolta di che parcella era una pratica comune in Russia (vedere § 647 della sentenza), nondimeno considerò che l'importo fosse sproporzionato, come sé le spese che possibilmente si sarebbero potute essere aspettate di essere sopportate con lo Stato per i procedimenti di esecuzione eccederono significativamente (§ 655). La Corte sta ragionando sulla natura compensativa di che parcella non è completamente in modo chiaro. Effettivamente, la Corte Costituzionale nella sua Sentenza № 13-P di 30 luglio 2001 (§ 485), chiaramente affermò che la parcella di esecuzione и un tipo di sanzione penale amministrativa e non и disegnata per il risarcimento di spese di esecuzione. La procedura per simile risarcimento и convenuta in un'altra disposizione legale, vale a dire sezione 82 dell'Atto dei Procedimenti dell'Esecuzione. La sanzione penale in oggetto è imposto con l'ufficiale giudiziario debba la sua proposta per esecuzione volontaria dell'assegnazione di corte non sia incontrato (§ 484). Insuccesso per imporre la sanzione penale o una riduzione nel suo importo nella causa a mano avrebbe corrisposto ad inadempienza con l'ufficiale giudiziario coi requisiti legali, ed alla discriminazione contro non-pagatori simili. La Corte basò la sua conclusione su questo problema su un'interpretazione incorretta della legge nazionale, essendo giunto alla sua conclusione sulla base di un malinteso della natura e funzione della parcella in oggetto (risarcimento, come opposto ad una sanzione penale).
2.12. Vendita all'asta delle quote di OAO YNG.
La vendita all'asta delle quote di OAO YNG, una dell'esecuzione di chiave misura, non era, come affermato completamente con la Corte (evidentemente) irragionevole (vedere § 654 della sentenza), e, perciò, nella nostra prospettiva, non può essere visto in se stesso come sproporzionato (vedere paragrafo 2.6. sopra). In oltre, gli eventi seguenti che ebbero luogo dopo che la vendita all'asta fu completata, meriti attenzione, poiché è probabile che loro offrano implicitamente prova del significato economico ed effettivo dei procedimenti di esecuzione per la società.
Più di un anno passò fra il completamento dei procedimenti di esecuzione e l'iniziazione dei procedimenti fallimentari; i procedimenti fallimentari furono iniziati con un consorzio (il sindacato) di banche occidentali e notevoli, chiedendo raccolta di debito sotto un accordo di credito assegnò con una sentenza di corte britannica; la gestione di OMISSIS annunciò ripetutamente che la vendita all'asta non aveva colpito negativamente l'autosufficienza commerciale della società. Vale anche che non era i beni di affari di OAO YNG in oggetto il quale fu disposto di nella vendita all'asta, ma un blocco di controllare di scorte. È probabile che tale cambi nell'azionista di controllare conducano infine evidentemente, ai certi cambi negli affari della rispettiva società. Ciononostante, gli obblighi commerciali della rispettiva società a terze parti, particolarmente gli obblighi di OAO YNG ad OMISSIS, è basato su contrattuale piuttosto che relazioni sociali (i creditori ' piuttosto che azionisti ' controlla). Così, un cambio in fiduciario (di chi opportunità di esercitare controlla su una rispettiva società è limitata con legge), o anche cambi numerosi in fiduciario, non conduca automaticamente ad un indebolimento di impegni di affari. Una sostituzione del fiduciario di controllare non è una base legale per emendamento o conclusione di contratti commerciali, a meno che il secondo prevede esplicitamente altrimenti. La causa-archivio non contiene qualsiasi prova affidabile che OAO YNG ha violato o non riuscì a compiere qualsiasi dei suoi obblighi contrattuali ad OMISSIS, ed i secondi non fecero rivendicazioni a quel l'effetto.
2.13. Come una conclusione, con conto dovuto per gli argomenti esposti fuori sopra e per altre circostanze (il richiedente illegale e condotta di cattivo-fede, la misura tremenda di danno causata con le violazioni, una mancanza di consentimento fra gli Stati Contraenti ecc.), noi crediamo che la Corte, si essendo riferiti che al concetto di un margine ampio della valutazione, godè con governi nazionali in controversie di tassa, infatti non riuscì a fare domanda questo concetto alla causa a mano, mentre trascurando così la propria giurisprudenza dell'ECHR.
In merito alla violazione di Articolo 6 della Convenzione
Io non posso sostenere i miei colleghi (in futuro, la Corte) nella loro sentenza di una violazione di Articolo 6 §§ 1 e 3 (b) della Convenzione per le ragioni seguenti.
3.1. Al giorno d'oggi dozzine di causa di udienze furono contenute nelle corti nazionali alle varie istanze e molte cento azioni procedurali fu preso. Delle lotte procedurali intransigenti e numerose condotte con successo diverso con le parti, la Corte ha identificato due conti dove, nella sua opinione, il Governo, in primo luogo nella forma della corte di prima istanza ed in secondo luogo nella forma della corte di appello, agì troppo velocemente. In sia le istanze il richiedente fu accordato presumibilmente tempo insufficiente per preparare per le udienze di corte che possibilmente avevano colpito la capacità dei consulenti legali di OMISSIS per contraddire efficacemente le autorità fiscali gli avvocati di '. Sia di quegli episodi concerna solamente la causa sul raccogliere di pagamenti di tassa per 2000. La Corte non trovò qualsiasi violazioni procedurali nelle catene di atti su raccolta di pagamenti di tassa per 2001, 2002 e 2003 o la causa riguardo ai procedimenti di esecuzioni.
3.2. Il mio primo contro-argomento assegna sia delle omissioni identificate con la Corte.
La pratica dell'ECHR nel valutare tassa contesta nella luce di Articolo 6 della Convenzione è estremamente contraddittorio, in che, sotto Articolo 6, controversie di tassa non vengono sotto o penali o diritto civile (vedere Ferrazzini c. l'Italia [GC], n. 44759/98, ECHR 2001-VII e Finkelberg c. la Lettonia (il dec.), n. 55091/00, 18 ottobre 2001). L'ECHR tende ad archiviare simile cause. Un'eccezione è costituita cause nelle quali la rigidità della responsabilità impose sui limiti di richiedente verso una sanzione penale. Allo stesso tempo, la rigidità della sanzione non è, il risuoli criterio che la richiesta invitante degli standard ha esposto fuori in Articolo 6. Una breve veduta d'insieme dell'attinente “per e contro” pratica è esposta fuori nella giuntura che dissente in parte opinione di Giudici Costa, Cabral Barreto e Mularoni, congiunta con giudice Caflisch nella causa di Jussila c. la Finlandia ([GC], n. 73053/01, ECHR 2006-XIII). Che il particolare precedente fu assegnato a con la Corte quando dichiarando ammissibile l'azione di reclamo del richiedente sotto Articolo 6 della Convenzione (decisione di ammissibilità, § 451).
3.3. In termini della richiesta di Articolo 6, la controversia fiscale presente differisce sostanzialmente nondimeno, dalla causa di Jussila, e dall'altro precedente che fu preso come una base per il secondo, vale a dire Ezeh e Connors c. il Regno Unito ([GC], N. 39665/98 e 40086/98, ECHR 2003-X). In sia di quelle cause le sentenze furono consegnate sulla base delle richieste da persone fisiche, non una società commerciale. In Finlandia ed il Regno Unito, (ed in molti altri paesi europei), diversamente da come in Russia, la responsabilità penale di persone giuridiche non è esclusa. Benché la protezione della Convenzione prolunghi ai diritti di persone giuridiche, uno del chiamato del quattro criterio è qualifica della violazione di tassa come un reato penale sotto legislazione nazionale. Che criterio non è decisivo per i fini della Convenzione; deve essere preso insieme comunque, nell'esame con l'altro criterio.
Sotto legislazione russa che la responsabilità ha imposto su persone giuridiche è amministrativa, ma non penale. Comunque, questo non esclude la possibilità di sanzioni penali simultaneamente imponenti su persone fisiche-incluso i direttori di una società che personalmente parteciparono nel prendere una decisione illegale in favore di una persona giuridica. È a persone fisiche che le garanzie riguardo a set di azione penale fuori in Articolo 6 è accordato (assistenza gratis di un interprete, accesso gratis a rappresentanza legale con un avvocato corte-nominato, ecc.).
3.4. Si dovrebbe notare che la sentenza nella causa di Jussila fu consegnata a novembre 2006, quel è, due anni dopo che gli eventi e circostanze valutarono nella causa presente. In questo riguardo, determinato le contraddizioni e discordanza nella giurisprudenza precedente dell'ECHR, le autorità pubbliche non avevano proprio un'opportunità di prendere in considerazione le disposizioni e standard sviluppate in questa. Dato il sopra in qualsiasi l'evento, io considero che lo standard di requisiti con riguardo ad ad Articolo 6 della Convenzione in questa causa sarebbe dovuto essere meno aspro.
Ora ci permetta di esaminare brevemente ognuno delle violazioni scoperte con la Corte in riguardo della causa riguardo a pagamenti per 2000.
Riguardo alla mancanza di tempo accordata al richiedente per familiarizzazione con l'archivio della causa prima dell'udienza di fronte alla corte di prima istanza (vedere §§ 536-541 della sentenza)
3.5. La Corte fondò che i quattro giorni meri accordarono al richiedente per familiarità con la causa registra nelle autorità fiscali ' (“il Ministero”) locali avrebbero potuto colpire avversamente la capacità di OMISSIS ' consiglio legale e numeroso per istruire efficientemente la processo del richiedente (§§ 540, 551). Si ricorderà che le autorità fiscali registrarono la rivendicazione con la corte 14 aprile 2004, e l'udienza di corte principale fu contenuta più che un mese più tardi -dal 21 al 26 maggio 2004 (§ 46). Inoltre alla decisione procedurale della corte di 15 aprile 2004 l'autorità fiscale fornì al richiedente un'opportunità di diffondersi con gli archivi di causa da 17 a 20 maggio 2004, quel è, quattro giorni. Nell'osservazione del Governo che non fu contestata col richiedente i documenti registrati contennero primariamente documenti di origine particolareggiati e finanziari ed altri che erano precedentemente nell'and/or della proprietà di OMISSIS col quale sarebbe dovuto essere familiarizzato.
Con riguardo ad alla mancanza di tempo accordata al richiedente per istruire la processo, la Corte investigò solamente uno degli elementi numerosi in simile preparazione-il tempo per familiarità con la causa registra nelle autorità fiscali i locali di '. Questo metodo di familiarità è con nessuno mezzi il solamente uno, e, al giorno d'oggi la causa, probabilmente era lontano dal metodo primario per acquisire conoscenza degli argomenti dell'oppositore procedurale e la prova attinente. Avendo trovato il termine di quattro-giorni insufficiente per familiarità con la causa registra nelle autorità fiscali che ' premette, la Corte prolungò questa sentenza agli stadi rimanenti di preparazione della causa del richiedente. La questione è perciò se il relativamente tempo breve (quattro giorni) per familiarità con l'archivio di causa nelle autorità fiscali i locali di ' avrebbero potuto colpire significativamente la consapevolezza del richiedente degli archivi di causa, e se il richiedente fu privato di altri strumenti disponibili per familiarità con gli archivi di causa e di un'opportunità di in modo appropriato preparare la difesa? A questa questione deve essere risposta nel negativo.
3.6. La giurisprudenza dell'ECHR è basata sulla presunzione che insuccesso per offrire documenti per familiarità non costituisce in se stesso una violazione di Articolo 6. Che che è richiesto è che il contenuto di un documento del quale il richiedente non sapeva ad un certo punto era materiale ed avrebbe potuto colpire perciò l'argomentazione legale del richiedente (vedere Krčmář ed Altri c. la Repubblica ceca, n. 35376/97, §§ 40-44 3 marzo 2000).
Per istanza, l'ECHR non trovò una violazione di Articolo 6 della Convenzione in una causa penale nella quale il testo di una frase trasmise alla corte di ricorso contenne digressioni significative e discrepanze dal testo della frase notificato sulla persona condannato. Tutte di queste differenze furono contenuti essere insignificante e non colpire - ad una misura incoerente con le garanzie di Articolo 6 - i richiedenti il diritto di ' per difendersi (vedere Karyagin, Matveyev e Korolev c. la Russia, N. 72839/01, 74124/01 e 15625/02 28 maggio 2009)
3.7. Io suggerirei che, nel preparare per l'udienza di fronte alla corte di prima istanza il richiedente era consapevole, o si sarebbe potuto diffondere nel buon tempo col contenuto dei documenti; il dati nuovo che il richiedente non era presumibilmente capace di scoprire dai documenti notificati non era materiale e non poteva colpire l'argomentazione legale del richiedente.
Così, la maggioranza opprimente dei documenti con la quale il richiedente intese di diffondersi inizialmente nacque da dal richiedente stesso; gli atti furono preceduti con un'ispezione di tassa a lungo termine; il richiedente non solo era capace di familiarizzare lui stesso coi documenti in oggetto nelle autorità fiscali che ' premette, ma anche alla corte, poiché documenti sono registrati simultaneamente con la corte come sequestri alla dichiarazione di rivendicazione; le autorità fiscali gli argomenti di ' con riguardo ad ai documenti numerosi sia esposto sistematicamente fuori nella dichiarazione di ispezione di tassa di 29 dicembre 2003 e nella decisione (la decisione) di 14 aprile 2004, e rimase immutato in tutto gli atti interi; la durata complessiva dei procedimenti nella causa prima che tutte le tre istanze eccederono cinque mesi (da 14 aprile a 17 settembre 2004); non è chiaro dai documenti procedurali susseguenti del richiedente come la sua dichiarazione di difesa era cambiata significativamente o avrebbe cambiato avuto il richiedente stato accordato più che quattro giorni per diffondersi con gli archivi nelle autorità fiscali ' premettono allo stadio iniziale dei procedimenti.
Come al principio degli atti di fronte alla corte di appello di fronte a scadenza del tempo-limite per depositare un ricorso (vedere § 544-548 della sentenza)
3.8. 1 giugno 2004 uno dei convenuti -OOO “OMISSIS-Moskva” (OMISSIS-Moskva)-depositò un ricorso contro la sentenza della corte di prima istanza con una corte d'appello, siccome faceva l'autorità fiscale 2 giugno 2004. Sotto una direttiva (la decisione) di 4 giugno 2004 l'udienza fu elencata per 18 giugno 2004 (vedere §§ 52-54 della sentenza). Nella vigilia dell'udienza, 17 giugno 2004, il secondo convenuto- OMISSIS-anche depositò il suo ricorso (§ 55). L'udienza di corte durò molti giorni, da 18 a 29 giugno 2004, ed il richiedente (il convenuto) fu rappresentato con 10 avvocati (§§ 57, 60).
Il ricorso di cassazione fu registrato col convenuto-OMISSIS-7 luglio 2004, cioè. meno che 10 giorni dopo la sentenza di corte di ricorso, e desidera ardentemente di fronte a scadenza del periodo legale di due mesi facendo domanda alla prossima istanza di corte. Gli argomenti del richiedente come esponga fuori nel ricorso di cassazione era gli stessi come quelli nelle sue osservazioni alla corte di appello (§ 67). I procedimenti di cassazione furono contenuti più che due mesi più tardi, 17 settembre 2004 (§ 70).
Le sentenze di corte e decisioni a tutte le istanze offrirono una risposta particolareggiata agli argomenti del richiedente.
Sotto la legislazione vigente al tempo di materiale, un ricorso doveva essere judged entro un mese di essere depositato con una corte, incluso il tempo preparare per i procedimenti e rendere una decisione richiesero (§ 423). La sentenza sul ricorso depositato con OMISSIS-Moskva 1 giugno 2004 fu resa 29 giugno 2004, quel è, un giorno prima di scadenza del termine legale di un mese (§ 62).
OMISSIS-Moskva che era la prima parte per presentare un ricorso notificò come una società di gestione per OMISSIS (§ 1). In quelle circostanze, sarebbe irragionevole per presumere che questi due convenuti non avevano coordinato mutuamente ed avevano aggiustato le altre posizioni o, al minimo, non era consapevole di loro, e che OMISSIS ' vesti procedurali erano meno che quelli della società che si comporta come il corpo esecutivo del richiedente, vale a dire OMISSIS-Moskva.
Inoltre, come notato sopra, la durata complessiva dei procedimenti nella causa a tutte le tre istanze eccedeva cinque mesi, la causa era soggetto a revisione a quarta istanza, e la durata complessiva era quasi quindici mesi. È difficile accettare che la durata complessiva dei procedimenti di fronte alle corti nazionali era irragionevolmente breve, e che c'era perciò una violazione di Articolo 6 § 1 della Convenzione in questo riguardo. Io suggerirei anche che, aveva la durata dei procedimenti prima che la corte di ricorso fosse prolungata, il richiedente avrebbe addotto, così parlare, la violazione opposta della Convenzione- vale a dire, che la durata era irragionevolmente lunga (paragone, per esempio la dichiarazione di una violazione della Convenzione con riguardo ad ad eccedendo - con due giorni - del tempo-limite per preparazione della sentenza della corte di ricorso (decisione, § 43 la sentenza § 527 (5), ed i giudici ' opinione unanime che questa dichiarazione è stata mal-fondata (§§ 549, 550)).
Siccome menzionato sopra, l'ECHR si appella sulla necessità di riconoscere la supremazia di corti nazionali nell'accertare i fatti e circostanze di una causa determinata e legislazione nazionale che interpreta. Gli argomenti del richiedente riguardo alla mancanza di tempo per preparazione della sua causa e l'inosservanza dei tempo-limiti per esaminare i procedimenti prima che la corte d'appello fu investigata con la Corte e fondò essere insufficiente e non comprovato (§§ 71, 72 ed altri).
In merito all'ammissibilità dell’applicazione dell’Articolo 35 della Convenzione
29 gennaio 2009 la Corte emise una decisione che dichiara la richiesta ammissibile. Allo stesso tempo, sotto Articolo 35 § 4 della Convenzione, la Corte deve respingere qualsiasi richiesta che considera inammissibile a causa di qualsiasi circostanze di deterrente a qualsiasi stadio dei procedimenti, cioé. anche dopo la decisione come all'ammissibilità della richiesta è stato emesso. Ci permetta di considerare alcune circostanze che non furono riflesse pienamente nella decisione come all'ammissibilità, ma era in parte valutata con la Corte.
La procura dell'avvocato del richiedente Piers Gardner
4.1. L'ECHR dà retta verifica della validità dell'autorità sostenuta col rappresentante del richiedente in ogni causa (vedere, inter alia, Posto c. i Paesi Bassi, n. 21727/08, 20 gennaio 2009), e l'assenza di un'autorità debitamente-emessa per agire è una base per trovare una causa inammissibile. Nella causa a mano questo requisito non fu soddisfatto sfortunatamente.
L'archivio di causa contiene un avviso con l'amministratore di insolvenza nominato nel corso della procedura di fallimento di OMISSIS-una persona privata concessa con legge per agire in favore della società-quale revoca l'autorità per agire inizialmente accordò al Sig. Gardner e conferendolo poteri per rappresentare il richiedente di fronte all'ECHR (vedere § 299 della sentenza). Era il Sig. Gardner che introdusse i documenti in favore del richiedente, sia prima di e la liquidazione seguente della società, e che, nonostante l'annullamento della sua autorità per agire, rappresentò il richiedente nelle udienze. L'avviso della revoca dell'autorità del Sig. Gardner fu notificato all'ECHR prima di conclusione (liquidazione) della società come una persona giuridica, ad un tempo quando decisioni esecutive potrebbero essere prese solamente con l'amministratore di insolvenza. In oltre, l'autorità per agire accordò al Sig. Gardner con modo di delegazione, omissioni legali numerose e contenute, colpendo la sua validità e rendendolo di conseguenza privo di valore legale, irrispettoso dell'avviso dell'amministratore di insolvenza di revoca e Professore Valeriy A. Musin, mio predecessore come ad giudice di hoc in questa causa, esattamente attrasse attenzione a loro dissentendo dalla maggioranza nella decisione di ammissibilità.
In merito all'ammissibilità della causa di fronte all'ECHR prima che tutte le vie di ricorso nazionali fossero state esaurite -l'Articolo 35 § 1 della Convenzione
4.2. Come fu menzionato sopra, in tutto i procedimenti di esecuzione misure provvisorie e numerose furono prese per il fine di obbligare il richiedente a pagare le tasse e sanzioni penali. Alcune di queste misure furono impugnati col richiedente nelle corti nazionali. In riguardo di molte altre misure il richiedente non riuscì comunque, ad usare le via di ricorso nazionali e disponibili prima, ma presentò direttamente la richiesta nel loro riguardo all'ECHR (come la confisca, certo delle decisioni dell'ufficiale giudiziario sull'imposizione della 7% sanzione penale, ecc.).
La Corte, irrispettoso di se una misura determinata fu valutata con una corte nazionale, considerato le misure provvisorie nella loro totalità e fondò che la loro richiesta unita era stata sproporzionata (vedere paragrafo 2.1. sopra). Come un articolo generale, l'ECHR può esaminare, qualsiasi violazione allegato e determinata della Convenzione solamente dopo che tutte le via di ricorso nazionali sono state esaurite. Nella causa a mano, la richiesta di che articolo su esaurimento avrebbe condotto ad un requisito a respingere le certe misure provvisorie dalla valutazione della Corte. L'assenza di certe misure provvisorie dagli esaminarono “totale” possibilmente avrebbe attenuato la Corte sta trovando come sporporzionalità della totalità delle misure provvisorie imposto sul richiedente nei procedimenti di esecuzione: il “la totalità” in questa causa sarebbe stato decresciuto significativamente. Comunque, la Corte riuscì a superare questa possibile trappola logica con affermando che, con riguardo ad alle misure considerate, era estremamente probabile che le corti nazionali avrebbero respinto le rivendicazioni del richiedente, e che fare domanda a loro sarebbe stato perciò spuntato. La Corte stabilì con ciò un'eccezione dall'articolo di esauribilità in riguardo delle misure provvisorie ed esaminate (vedere §§ 636–644 e § 6 delle disposizioni operative della sentenza).
Nonostante le loro somiglianze, simile cause contengono nel frattempo, specificità procedurali e che riguarda i fatti numerose che potrebbero dare luogo a decisioni diverse con le corti nazionali. Si noterà che il richiedente aveva successo nelle sue lotte procedurali con le autorità fiscali su misure simili frequentemente. Per esempio, la corte di prima istanza, sostenendo un'istanza con OMISSIS esecuzione sospesa della decisione dell'autorità fiscale su pagamento di 14 aprile 2004 (§ 105); la stessa corte invertì la decisione di un ufficiale giudiziario su imporre una 7% sanzione penale (§ 132) ed invertì la decisione dell'ufficiale giudiziario su prendere le quote (§ 41), ecc.; la società ottenne ripetutamente una riduzione negli importi imposti (la decisione, §§ 42, 53 66), ecc.
In linea con la logica della Corte, il seguente - chiaramente impreciso - è probabile che a conclusione sia giunta. Dove là esiste una giurisprudenza estesa con le corti nazionali su qualsiasi questione determinata qualsiasi richiedente può fare domanda direttamente all'ECHR, fin dalla conseguenza di suo o la sua causa di fronte alle corti nazionali è previsto con un alto, benché non 100%, grado della probabilità. Ancora una controversia può contenere le certe specifiche caratteristiche che riguarda i fatti e procedurali che possono condurre alla conclusione opposta [con le corti nazionali]. Esame e valutazione di simile specificità sono la priorità delle corti nazionali.
In prospettiva delle considerazioni sopra, io non posso concordare con la Corte sta trovando come all'esaurimento di via di ricorso nazionali.
È anche difficile frenarsi da una questione riguardo all'esauribilità delle misure preso proteggere gli interessi del richiedente. Dato il nazionale corteggia ' sentenze numerose come alle varie violazioni della legislazione di tassa che che era impedire ad OMISSIS, i suoi azionisti e le altre parti interessate del chiedere direttamente il risarcimento da quelle persone fisiche e persone giuridiche che intenzionalmente presero decisioni di adottare gli schemi di tassa abusivi, mentre dando luogo alle perdite con virtù della loro attività arrogante; da quelle persone che probabilmente si saranno arricchite come un risultato della loro attività illecita, coprì col velo aziendale di OMISSIS.
In merito all’ esame dell'ECHR di una causa che è sostanzialmente la stessa come questione soggetta ad una procedura di indagine internazionale o accordo
4.3. Sotto l'Articolo 35 § 2 della Convenzione la Corte non darà con qualsiasi richiesta che è sostanzialmente lo stessa come una questione che già è stata esaminata con l'ECHR o già è stata presentata ad un'altra procedura di indagine internazionale o accordo e non è stata contenuta informazioni nuove ed attinenti.
Nell'opinione della Corte, la questione accettò per sentenza con la Corte Permanente dell'Arbitrato in Il Hague, facendo seguito ad un'azione legale con gli azionisti di maggioranza di OMISSIS (OMISSIS Ltd Universale., ed altri) contro la Federazione russa sotto il Trattato dello Statuto dell'Energia, non era una sbarra all'ulteriore esame della causa con l'ECHR. La Corte considerò che, poiché le parti in ambo le cause non erano identiche le cause erano sostanzialmente diverse (vedere § 526 della sentenza). Tale approccio formale nella causa a mano non può essere accettato proprio. Nei suoi argomenti, la Corte si riferisce ad una serie di parametri sviluppata nella giurisprudenzadell'ECHR per distinguere cause diverse che dipendono dalla natura effettiva delle loro rispettive somiglianze e divergenze (le parti alla controversia, la sostanza ed i motivi legali della compensazione chiesti, ecc. - § 521). Ancora nel distinguere fra le cause sotto esame, la Corte fece domanda solamente il criterio delle parti ai rispettivi procedimenti. In questa causa, comunque che criterio è insufficiente per concludere da solo che le cause sono sostanzialmente distinte, irrispettose del fatto che le persone giuridiche che si comportano come richiedenti nei due set di procedimenti non sono formalmente identiche.
In primo luogo, una persona giuridica come un'istituzione legale che è come un prodotto di tecniche legali, una narrativa legale, ultimamente notifica rappresentare gli interessi di certi individui. L'uso di persone giuridiche distinte in quelli due set di procedimenti non si fa implica che le sentenze nelle rispettive cause colpiranno gli interessi di diverso (distinto) gli individui. Tenendo presente l'affiliazione vicina delle società nell'OMISSIS Group, sarebbe ragionevole per presumere che, persone individuali e più probabili, identiche hanno un gioco nelle conseguenze in ogni set di procedimenti.
La Corte andò a vuoto a spiegare perché scelse di non osservare l'articolo posato in giù nella causa di Martin di Cereceda ed Altri c. la Spagna (n. 16358/90, decisione di Commissione di 12 ottobre 1992)-l'identità formale delle parti in qualsiasi causa determinata è insignificante quando la rivendicazione, in essenza è presentata con gli stessi reclamanti o parti interessate.
In secondo luogo, io suggerirei che Articolo 35 § 2 (b) della Convenzione, nel riferirsi alla sostanza della questione primariamente concerne i meriti (la parte sostanziale) della controversia, cioé. quelli criterio che la Corte ha scelto di non considerare nella causa a mano. Era altrimenti sé, sarebbe troppo semplice per superare il set di restrizione fuori in Articolo 35 § 2 (b) della Convenzione con, per esempio, assegnando diritti ad una società affiliata, o presentando le richieste identiche nel nome di fiduciari diversi, ecc.
In sia espone di procedimenti la questione primaria per essere esaminato con le corti era lo stesso-valutazione degli schemi di tassa applicata da OMISSIS e della risposta dello Stato corrispondente.




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è martedì 22/06/2021.