Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF BELLIZZI v. MALTA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 1 (elevata)
ARTICOLI: 35, 06

NUMERO: 46575/09/2011
STATO: Malta
DATA: 21/06/2011
ORGANO: Sezione Terza


TESTO ORIGINALE

Conclusion Preliminary objection dismissed (non-exhaustion of domestic remedies) ; No violation of Art. 6-1 ; Remainder inadmissible

THIRD SECTION
CASE OF BELLIZZI v. MALTA
(Application no. 46575/09)
JUDGMENT
STRASBOURG
21 June 2011
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Bellizzi v. Malta,
The European Court of Human Rights (Third Section), sitting as a Chamber composed of:
Josep Casadevall, President,
Corneliu Bîrsan,
Alvina Gyulumyan,
Ján Šikuta,
Luis López Guerra,
Nona Tsotsoria, judges,
David Scicluna, ad hoc judge,
and Santiago Quesada, Section Registrar,
Having deliberated in private on 24 May 2011,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 46575/09) against Malta lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by three Maltese nationals, OMISSIS (“the applicants”), on 15 August 2009.
2. The applicants were represented by Dr T. A., a lawyer practising in Valetta. The Maltese Government (“the Government”) were represented by their Agent, Dr Silvio Camilleri, Attorney General.
3. The applicants particularly alleged that there had been a violation of Article 6 of the Convention in view of the lack of impartiality of the Constitutional Court and an interference with their property rights contrary to Article 1 of Protocol No.1 to the Convention and Article 14 of the Convention.
4. On 1 February 2010 the Court decided to give notice of the application to the Government. It was also decided to rule on the admissibility and merits of the application at the same time (Article 29 § 1).
5. Mr Vincent De Gaetano, the judge elected in respect of Malta, was unable to sit in the case (Rule 28). Accordingly the President of the Chamber decided to appoint Judge David Scicluna to sit as an ad hoc judge (Rule 29 § 1(b)).
THE FACT
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
6. The applicants were born in 1960, 1988 and 1991 respectively and live in Kirkop, Malta. The second and third applicants lodged their application in their capacity as heirs of their late mother, OMISSIS.
A. The background of the case
7. The first applicant is a full-time boatman who earns a living from his boat, which he has moored at berth 15 of the Wied iz-Zurrieq Pier for over twenty years.
8. The first applicant's family had made use of the berth for many years on the basis of an encroachment permit issued to the first applicant's uncle (MB) on 10 June 1970. Such usage had been tolerated by the State in the absence of legislation regulating such matters. In a judgment of 21 March 1970 liquidating the movable assets bequeathed by the first applicant's grandparents, it was held that the said berth should be left for the common use of the first applicant's father and uncle. In the event that there would not be sufficient space to moor both of their boats, mooring would be done on a first-come first-served basis. This practice was respected by the first applicant and his cousin, X (a part-time boatman since 1975), as successors to their late parents, following the first applicant's taking up full-time boatmanship in 1981.
9. Notwithstanding the above arrangement, the permit continued to be issued in the name of the first applicant's uncle MB. The latter passed away in 1983. In 1986 when the Commissioner of Lands (“COL”) became aware of this, he revoked the encroachment permit and did not issue a new one in anyone else's name.
10. In 1992 X (MB's son) wrote to the COL, informing him that his father had died in 1983 and requesting that the encroachment permit be issued in his name. The COL replied that the permit had been revoked with effect from 1986.
11. Between 1991 (when the Malta Maritime Authority (“MMA”) took over the powers of the COL) and 1995, neither the applicant nor his cousin attempted to regularise their position and made no requests to be allocated the berth.
12. On 21 June 1995 X was invited to apply for a temporary mooring permit and was told that there would be no objection to its issuance. On 26 June 1995 he applied to the MMA for a temporary mooring permit. One day later, on 27 June 1995, he was granted a temporary mooring permit for his sole use.
13. On 18 July 1995 the first applicant also applied for a permit. His application was rejected on the basis that a permit in respect of that berth had already been issued and that it would not be possible to issue two permits for the same berth.
14. His cousin having refused to share the berth with him, the first applicant and his wife lodged civil proceedings. While these proceedings were pending the first applicant's wife died. Consequently, the second and third applicants intervened in the proceedings in their capacity as children and heirs of the deceased claimant.
15. According to the Government, in the meantime the first applicant made alternative arrangements and continued operating his boat in Wied iz-Zurrieq as he was and is still licensed to do to date by the Authority for Transport (successor to the MMA).
B. Ordinary proceedings
16. On 30 April 1999 the Civil Court found against the applicants, holding that it was the MMA which issued permits and that the latter was not bound by previous inheritance rights in respect of alleged permits for public land. Although various individuals had shared berths, it was a matter of policy not to issue more than one permit and once the MMA had acted within the parameters of the law it was not for the court to interfere with its decisions.
17. The applicants appealed.
18. On 5 June 2001 the Court of Appeal rejected their claims, holding that all previous permits and arrangements (which were moreover only customary and valid for as long as tolerated by the authorities) had terminated once the MMA was established. To determine their rights, individuals had been required to make an application within a specified time-limit, as X had done, but the applicant had failed to do so.
C. Proceedings before the Civil Court in its constitutional jurisdiction
19. On 28 October 2002 the applicants instituted constitutional redress proceedings claiming violations of Article 1 of Protocol No.1 to the Convention, and Articles 6, 13 and 14 of the Convention. They emphasised that the court's decisions had been based on a misconceived idea that there was a time-limit within which the first applicant had had to apply but had failed to do so. However, this alleged time-limit had had no legal basis.
20. On 6 May 2008 the Civil Court (First Hall) in its constitutional jurisdiction held that the rights of use in respect of a berth undoubtedly constituted a possession and a civil right according to domestic case-law. It noted that the cousins had the same rights, derived in the same manner, and that nowhere was it established in the law that previous owners of such rights of use should be deprived of them. Moreover, to date, X had been the only person to have been granted such a permit in the area and there was no policy disallowing the issue of multiple permits for the same berth.
21. In the Civil Court's view, it was even more worrying that the ordinary court decisions had been based on the fact that the applicant had applied outside the time-limit. In reality, no law had stipulated such a time-limit. In fact, there had not even been a call for such applications and the authority had to be reprimanded for its erroneous oral testimony, especially in cases with such serious implications for the individuals concerned as the present case. Indeed, the decision taken by one person in favour of X, without in any way considering the applicants' rights as the MMA was duty bound to do, had been totally arbitrary. It followed that the applicants' property rights had been breached and that there had been a violation of Article 1 of Protocol No.1 to the Convention.
22. For the same reasons the court found a violation of Article 6 of the Convention. It further found a violation of Article 14 in conjunction with Article 1 of Protocol No.1 to the Convention, in that although no one else in the area had applied for or had been granted a permit and although the cousins had the same rights, the MMA had privileged X to the first applicant's disadvantage. In consequence of these findings it was not necessary to consider the complaint under Article 13. It ordered the revocation of X's permit and the issuance of a permit in the name of both users.
D. Proceedings before the Constitutional Court
23. On 27 February 2009, on appeal, the Constitutional Court reversed the first-instance judgment.
24. It considered that a situation where a State tolerated a series of events or customs did not create a right. Thus, the first applicant had neither a right to the berth nor any legitimate expectation and, therefore, no possession, and the relevant Article was not applicable. The same applied in respect of Article 13. However, on the basis of the 1970 judgment the applicant could have requested the enforcement of his cousin's obligation towards him, but this had nothing to do with the MMA.
25. As to Article 6, the Constitutional Court held that the first-instance court had not been competent to review the merits of the case. Moreover, the applicant could have brought proceedings claiming that there had been false testimony and in consequence requested a retrial. As to the proceedings taken as a whole, it did not appear that they had been unfair. However, Article 6 had not been applicable to the case in issue in any event. Moreover, it considered that since the Court of Appeal had rejected his claim, holding that the applicant had lost his locus standi when he failed to apply for the said permit, and since this judgment had become res judicata, the applicant could no longer complain of an unfair trial.
26. It followed that since neither Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention nor Article 6 applied, Article 14 could not be called into question.
27. The applicant alleged that the Legal Secretary of the Office of the Chief Justice (the latter having presided over the proceedings in question) had drafted the relevant judgment and was one of the team of lawyers representing the MMA.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
A. Encroachment permits
28. Use of moorings at Wied iz-Zurrieq had been regulated by “encroachment permits” until 1991. The permits were issued by the Commissioner of Lands as administrator of the Government's immoveable property. The encroachment permits were of their very nature precarious in that they granted no rights to the foreshore and could be withdrawn at the discretion of the Government.
B. The Malta Maritime Authority
29. Act XXVII of 1991 established the Malta Maritime Authority, which has the power, inter alia, to prohibit, control or regulate the use by any person of a port or port facility. This authority is governed by Chapter 352 of the Laws of Malta, namely the Malta Maritime Authority Act.
C. Judicial assistants
30. Judicial assistants are employed either part-time or full-time. They are appointed by the President of Malta after selection by a panel consisting of judges and one member appointed by the Public Service Commission. Prior to commencing his or her duties, a judicial assistant has to take an oath of office before the Court of Appeal that he/she will act faithfully, honestly and to the best of his/her ability in the performance of his/her duties as a judicial assistant. Judicial assistants are assigned to a particular court (or, where more than one judge or magistrate sits in a court, to a particular judge or magistrate) by the Chief Justice. Once a judicial assistant is so assigned he/she acts under the direction and control of the court or of the particular judge or magistrate. In addition to any power lawfully assigned to him/her by such court, a judicial assistant has the power to order the attendance of any person for the purpose of giving evidence or to make an affidavit or a declaration, or to produce documents, at such place and time as he/she may specify in the order.
31. According to section 97A (3) and (4) of the Code of Organisation and Civil Procedure (the “COCP”), Chapter 12 of the Laws of Malta, the duties of judicial assistants include:
“ (3) (a) to assist in the judicial process and at the request of the court to participate in the proceedings pending before a court, including any research or other work required therefor, and for the purpose of carrying out such duties and exercise such powers as they may be required or authorised to perform by such court;
(b) to administer oaths;
(c) to take the testimony of any person who is produced as a witness in any proceedings;
(d) to take any affidavit on any matter, including a matter connected with any proceedings taken or intended to be taken before any court or any court or tribunal of civil jurisdiction established by law;
(e) to receive documents produced with any testimony, affidavit or declaration, including in particular a testimony, affidavit or declaration as is referred to in this Code;
(f) to hold such sittings as may be directed by the court, to meet with the advocates and legal procurators of the parties for the purpose of planning the management of the lawsuit, and to issue deadlines for the submission of evidence, pleadings or other judicial acts by the parties.
(4) In the performance of their functions judicial assistants shall be assigned to a court and shall act under the direction and control of the court before which the case is pending and shall, in addition to any power lawfully assigned to them by such court, have the power to order the attendance of any person for the purpose of giving evidence or to make an affidavit or a declaration, or to produce documents, at such place and time as they may specify in the order.”
32. Section 97C of the COCP provides as follows:
“Without prejudice to the provisions of sub-article (2) of article 97B, where in proceedings before a judicial assistant a question arises relating to or connected with the same proceedings, that question shall in the first place be decided by the judicial assistant who shall without delay and in any case not later than three days from the date of the said decision, inform the court of the decision, and the decision of the judicial assistant shall be binding unless the court shall by decree, decide otherwise.
33. Section 97B of the COCP deals with (i) the oath to be taken by judicial assistants; and (ii) grounds of challenge, stating that the provisions of Sub-Title II of Title II of Book Third (regarding the challenge of judges and magistrates) shall apply to judicial assistants, except that the decision on any such matter shall be taken by the court before which the case is pending. In this respect, sections 734 and 735 of Book Third of the COCP, in so far as relevant, read as follows:
Section 734
“ (1) A judge may be challenged or abstain from sitting in a cause – (...)
(d) (i) if he had given advice, pleaded or written on the cause or on any other matter connected therewith or dependent thereon; (...)”
Section 735
“ (1) Any judge being aware of the existence in his respect of any of the grounds of challenge mentioned in the last preceding article, shall make a declaration to that effect previously to the trial of the cause, either verbally in open court, in which case a record of such declaration shall be entered in the proceedings of the cause, or in writing, in which case it shall be lodged in the registry before the day appointed for the trial of the cause, notice thereof being given to the parties.”
34. One of the advocates holding the post of judicial assistant performs the functions of the Legal Secretary to the Chief Justice.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 OF THE CONVENTION
35. The applicants complained that the Constitutional Court had not been impartial, because the Legal Secretary of the Office of the Chief Justice had been one of the team of lawyers representing the MMA. They relied upon Article 6 of the Convention, which reads as follows:
“In the determination of his civil rights and obligations ... everyone is entitled to a fair ... hearing ... by [a] ... tribunal ...”
A. Admissibility
1. The Government's objection of non-exhaustion of domestic remedies
(a) The parties' submissions
36. The Government submitted that the applicants had failed to institute a new set of constitutional proceedings on the basis of Article 6 complaining of the alleged lack of fairness of proceedings before the Constitutional Court, as the conduct of those proceedings was a separate issue from that originally raised. Arguing that such a remedy would be effective, the Government made reference to domestic case-law, namely Lawrence Cuschieri v the Honourable Prime Minister (6 April 1995), Perit Joseph Mallia v the Honourable Prime Minister (15 March 1996), and The Honourable Judge Dr. Anton Depasquale v the Attorney General (19 September 2001), where the constitutional jurisdictions had taken cognisance of complaints against the Constitutional Court in relation to the fairness of proceedings under Article 6 of the Convention. In the first of these cases, the Constitutional Court held that it could not a priori exclude review of questionable behaviour/actions by the constitutional jurisdictions. In the Perit Joseph Mallia case, both the first-instance court exercising its constitutional jurisdiction and the Constitutional Court on appeal had upheld the applicant's claims and had found a violation of Article 6. The Government further argued that the length of such proceedings could not impinge on their effectiveness.
37. The applicants highlighted that the original violation complained of had occurred in 1995 and that in that same year they had instituted an ordinary civil action which had been determined in 2001. Following that determination, they had instituted constitutional redress proceedings which had ended in 2009. In their view, being required to embark on a fresh set of constitutional proceedings to contest the impartiality of the Constitutional Court would reduce to nothing the concept of an effective remedy as understood by the Court.
(b) The Court's assessment
38. In accordance with Article 35 § 1 of the Convention, the Court may only deal with an issue after all domestic remedies have been exhausted. The purpose of this rule is to afford the Contracting States the opportunity of preventing or putting right the violations alleged against them before those allegations are submitted to the Court (see, among other authorities, Selmouni v. France [GC], no. 25803/94, § 74, ECHR 1999-V). Thus, the complaint submitted to the Court must first have been made to the appropriate national courts, at least in substance, in accordance with the formal requirements of domestic law and within the prescribed time-limits (see Zarb Adami v. Malta (dec.), no. 17209/02, 24 May 2005). However, the rule of exhaustion of domestic remedies requires an applicant to have normal recourse to remedies within the national legal system which are available and sufficient to afford redress in respect of the breaches alleged. The existence of the remedies in question must be sufficiently certain not only in theory but in practice, failing which they will lack the requisite accessibility and effectiveness. There is no obligation to have recourse to remedies which are inadequate or ineffective (see Micallef v. Malta [GC], no. 17056/06, § 55, ECHR 2009-...). The speed of the procedure of the remedial action may also be relevant to whether it is practically effective for the purposes of Article 35 § 1 (see, mutatis mutandis, McFarlane v. Ireland [GC], no. 31333/06, § 123, ECHR 2010-...).
39. The Court observes that in Ferré Gisbert v. Spain (no. 39590/05, § 39, 13 October 2009), it held that the sole remedy available against a Constitutional Court judgment is an individual petition before the Court under Article 34 of the Convention. In this case the Spanish legal system did not allow, either in practice or in law, the institution of a new set of constitutional proceedings against the proceedings and a final judgment of the Constitutional Court. Such a limitation is common amongst member States adopting constitutional court remedies for alleged human rights breaches (for example, Cyprus, Czech Republic, Germany and Poland). However, in the Maltese legal system the applicants could have − both in law and in practice − lodged a fresh set of constitutional proceedings complaining of the first set of constitutional proceedings. As established by the Government, such cases would not a priori be declared inadmissible.
40. In such a circumstance the Court is called on to examine whether the constitutional remedy against a Constitutional Court judgment could be considered accessible and effective, in the present case.
41. The Court considers that, as evidenced by a plurality of cases brought before the Maltese Constitutional Court, there is no reason to doubt that Constitutional Court proceedings are accessible and that they are a remedy capable of providing redress for human rights violations by means of binding judgments.
42. However, what is of concern to the Court is the length of another set of constitutional proceedings at a stage where an applicant's initial complaint would have been conclusively decided after several years of litigation before various levels of the domestic courts, including the constitutional jurisdictions. The Court notes that lodging a constitutional application involves a referral to the First Hall of the Civil Court and the possibility of an appeal to the Constitutional Court. The Court has already held that this is a cumbersome procedure, especially since practice shows that appeals to the Constitutional Court are lodged as a matter of course (see Sabeur Ben Ali v. Malta, no. 35892/97, § 40, 29 June 2000 and Kadem v. Malta, no. 55263/00, § 53, 9 January 2003, where the Court held that the relevant proceedings are invariably longer than what would qualify as “speedy” for Article 5 § 4 purposes). The length of these proceedings is furthermore aggravated by the fact that they may be adjourned sine die pending any proceedings concerning the substantive complaints before this Court. In consequence, the Court considers that, even though the domestic legal system allows for such a new complaint to be lodged, the length of the proceedings detracts from their effectiveness. It notes that in the present case the applicants had been involved in proceedings at different levels for ten years, seven of which have been before the constitutional jurisdictions.
43. Moreover, the Court observes that while the constitutional jurisdictions (the Civil Court and the Constitutional Court in case of an appeal) assessing complaints relating to Constitutional Court proceedings would be differently constituted, the former would most likely have to rule on the conduct of the Chief Justice (the President of the Constitutional Court) and other hierarchically superior judges. Such a scenario may raise issues in respect of the impartiality and independence.
44. It follows that, even though in the Maltese legal system domestic law provides for a remedy against a final judgment of the Constitutional Court, in view of the specific situation of the Constitutional Court in the domestic legal order (see Ferré Gisbert, cited above, § 39) the Court considers that in circumstances such as those of the present case it is not a remedy which is required to be exhausted.
45. The Government's objection that domestic remedies have not been exhausted is therefore rejected.
2. Conclusion
46. The application of Article 6 to the constitutional proceedings in the present case has not been disputed by the parties.
47. The Court notes that the complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. The parties' submissions
48. The applicants submitted that the Constitutional Court had not been impartial since the Legal Secretary (judicial assistant) (Dr M.) of the Office of the Chief Justice had been one of the team of lawyers representing the MMA. Indeed, in the case file there was no record of the fact that she had ceased to represent the MMA or that she had taken over a post that precluded her from continuing such a mandate. Moreover, on a general level part-time judicial assistants are not precluded from private legal practice. This had created a structural conflict, which contrasted with the principle that justice must not only be done but be seen to be done. In the circumstances of the present case, the applicants claimed that they had had legitimate doubts as to the objective impartiality of the court. They further submitted that the public had not been made aware of which judicial assistant had been assigned to any particular court or judge and therefore they could not have raised a 'challenge' in this respect. Lastly, they argued that the Government's submissions on the merits of this complaint had been entirely based on the Chief Justice's version of events. In consequence, there was no certainty that either of the two other judges on the bench had not consulted the said person in respect of the case. They argued that their doubts as to whether Dr M. had had anything to do with their case could not be dispelled, in view of the structural conflict which existed in practice, and the fact that Dr M. had failed to file a note in relation to her incompatibility.
49. The Government submitted that, as confirmed by a letter signed by the Chief Justice which was sent to the Court, Dr M. had indeed acted as defence counsel for the MMA in the first stages of the proceedings but withdrew in early 2003. During this time she had assisted the first legal counsel by replying to the application at first-instance and by appearing before the Civil Court. On 27 July 2004 she had been appointed as a judicial assistant, but according to the Chief Justice she had not at any stage been involved in the Constitutional Court proceedings complained of.
50. It was further noted that Dr M. had in fact been the judicial assistant assigned to the Office of the Chief Justice. The functions of a judicial assistant were provided for by law (see paragraph 31 above) and in the performance of their duties, judicial assistants were bound by the same rules of challenge and abstention applicable to judges and magistrates (Chap 12, article 97 B sub article 2). The Chief Justice had been of the opinion that an individual would not be required to make a note in a case-file to the effect that she or he had become a judicial assistant, as judicial assistants were automatically precluded from being involved in a case when his or her signature appeared as counsel for the parties in the judicial acts, or he or she was in fact a party to the proceedings. In practice, not all cases were referred to judicial assistants, as in the majority of cases the judge rapporteur proceeded to draw up an opinion which might eventually become the court's judgment without any assistance. This is what had happened in the present case which had not been referred to a judicial assistant. Indeed, no judicial assistant had been involved in assisting either the judge rapporteur or any of the other two judges. In consequence, the allegation that Dr M. could have influenced the Constitutional Court's judgment was manifestly unfounded.
2. The Court's assessment
(a) The general principles
51. According to the Court's constant case-law, the existence of impartiality for the purposes of Article 6 § 1 must be determined according to a subjective test, where regard must be had to the personal conviction and behaviour of a particular judge, that is, whether the judge held any personal prejudice or bias in a given case; and also according to an objective test, that is to say by ascertaining whether the tribunal itself and, among other aspects, its composition, offered sufficient guarantees to exclude any legitimate doubt in respect of its impartiality (see, inter alia, Fey v. Austria, 24 February 1993, §§ 27, 28 and 30, Series A no. 255-A , and Wettstein v. Switzerland, no. 33958/96, § 42, ECHR 2000-XII). It should be reiterated that the principles established in the Court's case-law apply to jurors as they do to professional judges and lay judges (see Holm v. Sweden, 25 November 1993, § 30, Series A no. 279-A, and Pullar v. the United Kingdom, 10 June 1996, § 29, Reports of Judgments and Decisions 1996-III), and to other officials exercising judicial functions, such as assessors (see Henryk Urban and Ryszard Urban v. Poland, no. 23614/08, 30 November 2010). Similarly, court officials dealing with a case, such as “referendaries” are not excluded (see, by implication, Jenny v. Switzerland, Commission Decision no. 27043/95, 16 January 1996, and Huuhtanen v. Finland (dec.), no. 44946/05, 13 October 2009).
52. As to the subjective test, the personal impartiality of a judge must be presumed until there is proof to the contrary (see Wettstein, cited above, § 43). As regards the type of proof required, the Court has, for example, sought to ascertain whether a judge has displayed hostility or ill-will for personal reasons (see De Cubber v. Belgium, § 25, 26 October 1984, Series A no. 86).
53. As to the objective test, it must be determined whether, quite apart from the judge's conduct, there are ascertainable facts which may raise doubts as to his impartiality. This implies that, in deciding whether in a given case there is a legitimate reason to fear that a particular judge lacks impartiality, the standpoint of the person concerned is important but not decisive. What is decisive is whether this fear can be held to be objectively justified (see Wettstein, cited above, § 44; and Ferrantelli and Santangelo v. Italy, § 58, 7 August 1996, Reports 1996-III).
54. In itself, the objective test is functional in nature: for instance, the exercise of different functions within the judicial process by the same person (see Piersack v. Belgium, 1 October 1982, Series A no. 53, pp. 14-15), or hierarchical or other links with another actor in the proceedings (see cases regarding the dual role of a judge, for example, Wettstein, cited above, § 47, and Mežnarić v. Croatia, no. 71615/01, 15 July 2005, representing the applicant's opponents and subsequently judging in a single set of proceedings and overlapping proceedings respectively), give rise to objectively justified misgivings as to the impartiality of the tribunal, which thus fail to meet the Convention standard under the objective test (see Kyprianou v. Cyprus [GC], no. 73797/01, § 121, ECHR 2005-XIII). It must therefore be decided in each individual case whether the connection in question is of such a nature and degree as to indicate a lack of impartiality on the part of the tribunal (see Pullar, cited above, § 38). The time-frame is relevant when assessing the significance of a judge's previous relationship to an opposing party (see Walston v. Norway (dec.), no. 37372/97, 11 December 2001).
55. In this respect even appearances may be of a certain importance, or, in other words, “justice must not only be done, it must also be seen to be done”. What is at stake is the confidence which the courts in a democratic society must inspire in the public (see Micallef v. Malta [GC], no. 17056/06, § 98, ECHR 2009-...).
56. The existence of national procedures for ensuring impartiality, namely rules regulating the withdrawal of judges, is a relevant factor. Such rules manifest the national legislature's concern to remove all reasonable doubts as to the impartiality of the judge or court concerned and constitute an attempt to ensure impartiality by eliminating the causes of such concerns. In addition to ensuring the absence of actual bias, they are directed at removing any appearance of partiality and so serve to promote the confidence which the courts in a democratic society must inspire in the public (see Mežnarić, cited above, § 27). The Court will take such rules into account when making its own assessment as to whether the tribunal was impartial and, in particular, whether the applicant's fears can be held to be objectively justified (see, Micallef, cited above, § 70).
(b) Application to the present case
57. The Court recalls at the outset that in proceedings originating in an individual application it has to confine itself, as far as possible, to an examination of the concrete case before it (see Minelli v. Switzerland, 25 March 1983, § 35, Series A no. 62). Accordingly, in the present case the applicants have not emphasised that the basis of the complaint is the fact that judicial assistants may be recruited on a part-time basis, and no details in relation to this aspect have been given in the parties' submissions. Moreover, the Court recalls that legislation and practice on the part-time judiciary in general may be framed so as to be compatible with Article 6 (see Wettstein, cited above, § 41). Therefore, what is at stake in the present case is solely the impartiality of the Constitutional Court in the applicants' case as a result of Dr M.'s position.
58. The Court considers that while court officials are not impervious to the requirement of impartiality, the applicability of this condition is dependent on the specificities of the role of the court official in question within the domestic legal and judicial system.
59. The Court observes that in the Maltese system, the Legal Secretary of the Chief Justice is an appointed judicial assistant. In consequence it is the judicial assistants' role that needs to be examined. The Court notes that functions of judicial assistants include, inter alia, assistance in the judicial process and, at the request of the court, participation in the proceedings, taking witness testimony and affidavits on matters connected with proceedings, receiving documents produced with any testimony, and holding sittings as may be directed by the court, together with issuing deadlines for the submission of evidence, pleadings or other judicial acts by the parties. As stated in the Government's submissions, judicial assistants may also draw up opinions in respect of the cases put to the court. In this light, the Court considers that the tasks entrusted to a judicial assistant in the Maltese system may be of important significance to the judicial process, and consequently, an individual performing the abovementioned tasks must be impartial for the proceedings to be Article 6 compliant.
60. The Court notes that in the present case, as admitted by the Government, Dr M. actively represented the applicants' opponents at an earlier stage of the proceedings (see paragraph 49 above). It is true that her previous involvement was temporary as she represented the applicants' opponents for only a few months from October 2002 until an unspecified date in 2003 when she withdrew. This was almost six years before the decision of the Constitutional Court of 27 February 2009. However, the proceedings dealt with the same subject matter, inter alia, the compliance of the MMA's actions with the Constitution and the Convention, and the consequent effects on the applicants' rights (see, conversely, Puolitaival and Pirttiaho v. Finland, no. 54857/00, § 51, 23 November 2004). What remains to be ascertained is the actual participation of Dr M. in the constitutional proceedings.
61. The Court firstly notes that quite apart from her general role as judicial assistant to the Chief Justice the applicants have not provided any evidence which suggests that Dr M. had been entrusted with the case. Indeed, it transpires from the relevant Maltese law that a judicial assistant may be involved in any named case only at the court's request. It may therefore be the case that a judicial assistant has no involvement in a particular suit as was in fact declared by the Chief Justice in relation to the present case. The applicants expressed no doubt as to the veracity of that statement, at least in so far as it related to the lack of Dr. M's assistance to the Chief Justice. The Court further observes that the applicants' statement that they were not aware that Dr M. was the Chief Justice's judicial assistant, confirms that, in the impugned proceedings, Dr M. had not taken any witness testimony or affidavits, nor received documents produced with any testimony, or held sittings or issued deadlines for the submission of evidence, pleadings or other judicial acts by the parties. In this light, as the Court does not find it established that Dr M. participated as a judicial assistant in the impugned proceedings, it follows that there are no ascertainable facts capable of raising legitimate doubts as to the impartiality of the Constitutional Court in the present case.
62. In these circumstances, the Court finds that there has not been a violation of Article 6 § 1 of the Convention as regards the requirement of an impartial tribunal.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 TO THE CONVENTION
63. The applicants further complained that the right to the peaceful enjoyment of their possession (the use of the berth), from which the first applicant had made a living for his family, had been breached. They relied on Article 1 of Protocol No.1 to the Convention, which reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
64. The Government contested that argument.
Admissibility
1. The parties' observations
65. The Government submitted that Article 1 of Protocol. No. 1 to the Convention was not applicable to the present case. They submitted that berths were not capable of being the subject of private rights since they were essentially part of the public domain. Any permits in their respect merely allowed holders to moor their boats on sufferance and had been precarious in nature. They submitted that the first applicant had never had an encroachment permit issued in his name or in that of his father and the right he was claiming was solely based upon a private settlement of inheritance claims to which the Government, as owner or administrator of the mooring, had not been a party. As stated by the Constitutional Court, where the holders of title to Government land had reached arrangements with third parties about such land, these arrangements did not create rights in relation to the Government. The first applicant's arrangement with his cousin had been one such arrangement. Moreover, the applicant's father could not have left by inheritance a right which he himself had not had, given that the permits issued had not been in his name. Furthermore, the last permit issued had expired in 1991 and had not been renewed and the applicant's situation from 1995 onwards had been that of a person making use of a public mooring without a permit. The Government submitted that mooring at a particular place had not been an indispensable element of the applicants' business, comparable to a licence, and it could not be considered as “one of the principal conditions for the carrying on of the applicants' business” (Tre Traktörer AB v. Sweden, 7 July 1989, § 53, Series A no. 159). In consequence, notwithstanding the autonomous meaning of the concept of possessions for the purposes of the Convention, the Government submitted that the applicants had not had a possession in the present case.
66. The Government noted that the second and third applicants had only become parties to the proceedings following their mother's death and had definitely not had title to the berth in question. However, even assuming that the applicants had had a possession the Government considered that the enjoyment of that possession could not be considered “peaceful” within the meaning of Article 1 of Protocol No.1 to the Convention, since the alleged possession had been abusive and had not been authorised by any permit, being grounded only in a private family agreement. In consequence, there had not been an interference with the applicants' peaceful enjoyment of that possession.
67. The applicants submitted that, as held by the Civil Court in its constitutional jurisdiction, they had had a possession, at least in the form of a legitimate expectation, within the meaning of Article 1 of Protocol. No.1 to the Convention.
2. The Court's assessment
68. The Court reiterates that the concept of “possessions” referred to in the first part of Article 1 of Protocol No. 1 has an autonomous meaning which is not limited to the ownership of physical goods and is independent from the formal classification in domestic law: certain other rights and interests constituting assets can also be regarded as “property rights”, and thus as “possessions” for the purposes of this provision. In each case the issue that needs to be examined is whether the circumstances of the case, considered as a whole, conferred on the applicant title to a substantive interest protected by Article 1 of Protocol No. 1 (see Iatridis v. Greece [GC], no. 31107/96, § 54, ECHR 1999-II; and Brosset-Triboulet and Others v. France [GC], no. 34078/02, § 65, 29 March 2010).
69. “Possessions” can be “existing possessions” or assets, including, in certain well-defined situations, claims. For a claim to be capable of being considered an “asset” falling within the scope of Article 1 of Protocol No. 1, the claimant must establish that it has a sufficient basis in national law, for example where there is settled case-law of the domestic courts confirming it. Where that has been done, the concept of “legitimate expectation” can come into play (see Maurice v. France [GC], no. 11810/03, § 63, ECHR 2005-IX; and Kopecký v. Slovakia [GC], no. 44912/98, §§ 35 and 48-52, ECHR 2004-IX).
70. Generally speaking, the imprescriptibility and inalienability of public land have not prevented the Court from concluding that “possessions” within the meaning of this provision were at stake (see Öneryıldız v. Turkey [GC], no. 48939/99, ECHR 2004-XII; N.A. and Others v. Turkey, no. 37451/97, ECHR 2005-X; Tuncay v. Turkey, no. 1250/02, 12 December 2006; Köktepe v. Turkey, no. 785/03, 2 July 2008; Turgut and Others v. Turkey, no. 1411/03, 8 July 2008; and Şatır v. Turkey, no. 36192/03, 10 March 2009). However, in those cases, except for the case of Öneryıldız, the applicants' property titles were not disputable under domestic law because the applicants could legitimately consider themselves to be “legally secure” in respect of the validity of those titles before they had been annulled in favour of the Treasury (see Turgut and Others, cited above, § 89; and Şatir, cited above, § 32).
71. In the instant case, it was not disputed before the Court that the mooring was part of maritime public property. What is in dispute is the legal consequences of the encroachment permit of 1970 vis-á-vis the applicants.
72. The Court firstly observes that the Civil Court in its constitutional jurisdiction held that rights of use in respect of a berth undoubtedly constitute a possession and a civil right according to domestic case-law (see paragraph 20 above). However, the other domestic courts ruled out any recognition of a right or a legitimate expectation to keep using the berth by obtaining a permit. In consequence, neither the law itself nor the final decisions in the national proceedings, or any other jurisprudence, confirmed the applicants' claim. However, the fact that the domestic laws of a State do not recognise a particular interest as a “right” or even a “property right” does not necessarily prevent the interest in question, in some circumstances, from being regarded as a “possession” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 (see Brosset-Triboulet, cited above, § 71).
73. In the present case, the Court also observes that the encroachment permit issued in 1970 had never been in the first applicant's name or in that of his father, as it had always been issued in his uncle's name. Moreover, the permit was revoked in 1986 and no other permit was issued until ten years later. Indeed it has not been contested that this type of permit was at all times precarious and could be withdrawn at the discretion of the Government. Thus, the applicant made use of the public property in question for approximately twenty years on the sufferance of the authorities and that of his family, who for a period of time were also without a valid permit. In consequence, unlike the majority of the Turkish cases mentioned above, at no point did the applicants have a valid title in respect of the use of the mooring. Moreover, even though the procedure to apply for permits appears to be unclear in law, the Court also gives weight to the fact that the applicant did not take any action to regularise his position once the COL's powers were abolished in favour of the MMA in 1991. The Court considers that had the first applicant believed he had a legitimate expectation to obtain a permit on the basis of the permit bequeathed to him or on the basis of the unhindered use he had made of the mooring for a number of years, he could have at least been expected to take action to have the alleged proprietary interest recognised and enforced by the MMA as the newly competent authority.
74. In conclusion, bearing in mind the first applicant's passivity, the Court considers that the fact that the first applicant used the mooring for a considerable amount of time, from 1975 to 1995, without having any sort of title to it, does not suffice to hold that the applicants were vested with a proprietary interest in the peaceful enjoyment of the mooring that was sufficiently established and weighty to amount to a “possession” within the meaning of the rule expressed in the first sentence of Article 1 of Protocol No. 1.
75. In the light of the above, the fact that the first applicant's grandparents disposed of the alleged possession in their will which was subsequently confirmed by a court judgment has no bearing on whether the applicants had a possession.
76. It follows that Article 1 of Protocol No.1 is not applicable to the present case, and therefore the complaint is incompatible ratione materiae with the provisions of the Convention and the Protocols thereto within the meaning of Article 35 § 3 and must be rejected in accordance with Article 35 § 4.
III. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 14 IN CONJUNCTION WITH ARTICLE 1 OF PROTOCOL No.1 TO THE CONVENTION
77. The applicants further complained that, both before and after the permit was issued, the first applicant had been discriminated against. They relied on Article 14 of the Convention, which reads as follows:
“The enjoyment of the rights and freedoms set forth in [the] Convention shall be secured without discrimination on any ground such as sex, race, colour, language, religion, political or other opinion, national or social origin, association with a national minority, property, birth or other status.”
78. The applicants submitted that the use of the mooring had not been precarious at all, and that had the MMA not favoured X by granting him a permit arbitrarily, the applicants would have continued to make use of it. The applicants referred to criminal proceedings which had been instituted against MMA officials regarding widespread corruption in issuing permits.
79. The Government argued that as the applicants had had no possessions within the meaning of Article 1 of Protocol No.1, Article 14 could not be applicable. However, even if it were so, the Government had played no part in the agreement between the cousins, and the State was not obliged to recognise irregular arrangements between private parties. Thus, the authorities' actions had been legitimate, because the applicant had not been in the same position as his cousin, no previous permit having ever been issued in his name. Therefore, it could not be said that the applicants had suffered discrimination at the hands of the authorities.
80. The Court reiterates that Article 14 complements the other substantive provisions of the Convention and its Protocols. It has no independent existence as it has effect solely in relation to “the enjoyment of the rights and freedoms” safeguarded by those other provisions. Although the application of Article 14 does not presuppose a breach of those provisions – and to this extent it is autonomous – there can be no room for its application unless the facts at issue fall within the ambit of one or more of the latter (see, among many other authorities, Van Raalte v. the Netherlands, 21 February 1997, § 33, Reports 1997-I, p. 184; and Petrovic v. Austria, 27 March 1998, § 22, Reports 1998-II, p. 585).
81. Having regard to the above principles and to the conclusion that Article 1 of Protocol No. 1 is not applicable, the Court considers that Article 14 cannot apply in the instant case (see Gratzinger and Gratzingerova v. the Czech Republic (dec.), no. 39794/98, § 76, ECHR 2002-VII; and Beshiri and Others v. Albania, no. 7352/03, § 91, 22 August 2006).
82. It follows that the complaint under Article 1 of Protocol No. 1 taken together with Article 14 is incompatible ratione materiae with the provisions of the Convention and the Protocols thereto within the meaning of Article 35 § 3 and must be rejected in accordance with Article 35 § 4.
IV. OTHER COMPLAINTS
83. The applicants also complained under Article 6 that the MMA had not exercised its quasi-judicial powers appropriately, in that it had acted arbitrarily and had not allowed the first applicant to make representations in the proceedings granting the permit. Moreover, the first applicant had been denied an effective remedy in accordance with Article 13 in respect of the MMA's actions, as there had been no panel or board to which the first applicant might have complained in order to establish the material facts and which could have provided redress.
84. The Court considers that the non-judicial administrative procedure by which a third party asked the authorities to grant a permit, and to which the first applicant was not a party, did not concern any dispute over a civil right possessed by the first applicant himself. It further notes that the MMA is not a tribunal for the purposes of the Convention. In consequence Article 6 did not apply to the purely administrative procedure conducted at that stage and therefore the complaint is incompatible ratione materiae with the provisions of the Convention within the meaning of Article 35 § 3 and must be rejected in accordance with Article 35 § 4.
85. In so far as the MMA's decisions may have subsequently given rise to a dispute over the existence of a “civil right” of the first applicant, the Court reiterates that the role of Article 6 § 1 in relation to Article 13 is that of a lex specialis, the requirements of Article 13 being absorbed by those of Article 6 § 1 (see Vasilescu v. Romania, 22 May 1998, § 43, Reports of Judgments and Decisions 1998-III). Article 6 provides for the “right to a court”, of which the right of access is one aspect. The Court notes that the first applicant was able to institute ordinary civil proceedings contesting the MMA's actions, which, if successful, would have remedied the situation. Moreover, the applicants also had the opportunity, of which they availed themselves, to institute constitutional redress proceedings. Indeed the Civil Court found in their favour, but the Constitutional Court reversed the judgment on appeal. In these circumstances, the Court is of the view that the applicants had full access to multiple courts.
86. It follows that this complaint must be dismissed as manifestly ill-founded, pursuant to Article 35 §§ 3 and 4 of the Convention.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the complaint concerning Article 6 § 1 in respect of the impartiality of the Constitutional Court admissible and the remainder of the application inadmissible;
2. Holds that there has been no violation of Article 6 § 1 of the Convention.
Done in English, and notified in writing on 21 June 2011, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Santiago Quesada Josep Casadevall Registrar President


TESTO TRADOTTO

Conclusione Eccezione preliminare respinta (non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali); Nessuna violazione dell’Art. 6-1; resto inammissibile

TERZA SEZIONE
CAUSA BELLIZZI C. MALTA
(Richiesta n. 46575/09)
SENTENZA
STRASBOURG
21 giugno 2011
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Bellizzi c. Malta,
La Corte europea di Diritti umani (terza Sezione), riunendosi che come una Camera, composta da:
Josep Casadevall, Presidente, Corneliu Bîrsan Alvina Gyulumyan, Ján Šikuta Luis López Guerra, Nona Tsotsoria giudici, David Scicluna ad giudice di hoc,
e Santiago Quesada, Sezione Cancelliere
Avendo deliberato in privato il 24 maggio 2011,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 46575/09) contro Malta depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da tre cittadini maltesi, OMISSIS (“i richiedenti”), il 15 agosto 2009.
2. I richiedenti furono rappresentati dal Dr T. A., un avvocato che pratica a Valetta. Il Governo maltese (“il Governo”) fu rappresentato dal suo Agente, il Dr Silvio Camilleri, Procuratore Generale.
3. I richiedenti hanno in particolare addotto che c'era stata una violazione dell’ Articolo 6 della Convenzione nella prospettiva di mancanza d’imparzialità della Corte Costituzionale ed un'interferenza coi loro diritti di proprietà contrariamente all’ Articolo 1 del Protocollo No.1 alla Convenzione e all’Articolo 14 della Convenzione.
4. Il 1 febbraio 2010 la Corte decise di dare avviso della richiesta al Governo. Fu deciso anche di decidere sull'ammissibilità e meriti della richiesta allo stesso tempo (Articolo 29 § 1).
5. Il Sig. Vincenzo De Gaetano, il giudice eletto a riguardo di Malta, non era in grado di riunirsi nella causa (Articolo 28). Di conseguenza il Presidente della Camera decise di nominare Giudice David Scicluna per riunirsi come giudice ad hoc (Articolo 29 § 1(b)).
FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
6. I richiedenti nacquero rispettivamente nel 1960, 1988 e 1991 e vivono a Kirkop, Malta. Il secondo e il terzo richiedente depositarono la loro richiesta nella loro veste come eredi della loro defunta madre, OMISSIS.
A. Background della causa
7. Il primo richiedente è un barcaiolo a tempo pieno che si guadagna la vita dalla sua barca che ha ormeggiato all’ ormeggio 15 della Banchina Wied iz-Zurrieq da più di venti anni.
8. La famiglia del primo richiedente aveva fatto uso della ormeggio per molti anni sulla base di una licenza di uso emessa allo zio del primo richiedente (MB) il 10 giugno 1970. Simile uso era stato tollerato dallo Stato in assenza di legislazione che regolava le questioni. In una sentenza del 21 marzo 1970 che liquidava i beni mobili trasmessa dai nonni del primo richiedente, fu sostenuto, che la detta ormeggio avrebbe dovuto essere lasciata per l'uso comune del padre del primo richiedente e dello zio. Nel caso in cui non ci fosse stato spazio sufficiente per ormeggiare entrambe le loro barche, l’ormeggio sarebbe stato fatto sulla base di prima - notifica e prima - venuta. Questa pratica fu rispettata dal primo richiedente e da suo cugino, X (un barcaiolo ad orario ridotto fin dal 1975), come successori ai loro defunti genitori, in seguito la presa del primo richiedente dell’attività di barcaiolo a tempo pieno nel 1981.
9. Nonostante la disposizione sopra, la licenza continuava ad essere emessa a nome della zio MB del primo richiedente. Quest’ultimo morì nel 1983. Nel 1986 quando il Commissario delle Terre (“COL”) divenne consapevole di questo, lui revocò la licenza di uso e non ne emise una nuova a nomee di chiunque altro.
10. Nel 1992 X (il figlio di MB) scrisse al COL, informandolo che suo padre era morto nel 1983 e richiedendo che la licenza di uso venisse emessa a suo nome. Il COL rispose che la licenza era revocata con effetto dal 1986.
11. Fra il 1991 (quando l’Autorità Marittima di Malta (“MMA”) prese i poteri del COL) e il 1995, né il richiedente né suo cugino, tentarono di rendere regolare la loro posizione e non fecero nessuna richiesta per farsi assegnare la ormeggio.
12. Il 21 giugno 1995 X fu invitato a fare istanza per una licenza di ormeggio provvisoria e gli fu detto che non ci sarebbe stata eccezione alla sua emissione. Il 26 giugno 1995 lui fece istanza al MMA per una licenza di ormeggio provvisoria. Il 27 giugno 1995, gli fu accordato uno giorno più tardi, una licenza di ormeggio provvisoria per suo risuoli uso.
13. Il 18 luglio 1995 il primo richiedente fece istanza anche per una licenza. La sua richiesta fu respinta sulla base che una licenza in riguardo di che ormeggio già era stata emessa e che non sarebbe possibile emettere due licenze per la stessa ormeggio.
14. Suo cugino che ha rifiutato di dividere la ormeggio con lui, il primo richiedente e sua moglie depositarono procedimenti civili. Mentre questi procedimenti erano durante la moglie del primo richiedente morta. Di conseguenza, il secondo e terzi richiedenti intervennero nei procedimenti nella loro veste come figli ed eredi del rivendicatore deceduto.
15. Secondo il Governo, il primo richiedente fece nel frattempo disposizioni alternative e continuò azionare la sua barca in iz-Zurrieq di Wied siccome lui era ed ancora è autorizzato per fare datare con l'Autorità per Trasporto (successore al MMA).
B. procedimenti Ordinari
16. 30 aprile 1999 la Corte Civile trovata contro i richiedenti, mentre sostenendo che era il MMA che emise licenze e che il secondo non fu legato con diritti di eredità precedenti in riguardo di licenze allegato per terra pubblica. Benché i vari individui avessero diviso ormeggi, era una questione di politica per non emettere più di una licenza ed una volta il MMA aveva agito all'interno dei parametri della legge che non era per la corte per interferire con decisioni sue.
17. I richiedenti fecero appello.
18. 5 giugno 2001 la Corte d'appello respinse le loro rivendicazioni, mentre sostenendo che tutte le licenze precedenti e disposizioni (quale era inoltre solamente consueto e valido per come lungo come tollerato con le autorità) aveva terminato una volta il MMA fu stabilito. Determinare i loro diritti, individui erano stati costretti a fare una richiesta all'interno di un tempo-limite specificato, siccome aveva fatto X, ma il richiedente non era riuscito a fare così.
C. Procedimenti di fronte alla Corte Civile nella sua giurisdizione costituzionale
19. Il 28 ottobre 2002 i richiedenti avviarono procedimenti di compensazione costituzionali rivendicando violazioni di Articolo 1 del Protocollo No.1 alla Convenzione, e degli Articoli 6, 13 e 14 della Convenzione. Loro enfatizzarono che le decisioni della corte erano state basate su un'idea giudicata male che c'era un tempo-limite entro il quale il primo richiedente aveva dovuto fare domanda ma non era riuscito a fare così. Comunque, questo addotto tempo-limite non aveva avuto base legale.
20. Il 6 maggio 2008 la Corte Civile (Prima la Sala) nella sua giurisdizione costituzionale sostenuta che i diritti di uso in riguardo di una ormeggio costituirono indubbiamente una proprietà ed un diritto civile secondo causa-legge nazionale. Notò che i cugini avevano gli stessi diritti, derivati nella stessa maniera e che in nessun luogo era stabilì nella legge che proprietari precedenti di simile diritti di uso dovrebbero essere privati di loro. Inoltre, X era stato la persona sola per essere stato accordato tale licenza nell'area da datare e non c'era nessuna politica che respinge il problema di licenze multiple per la stessa ormeggio.
21. Nella prospettiva della Corte Civile, stava preoccupando anche più, che le decisioni di corte ordinarie erano state basate sul fatto che il richiedente aveva fatto domanda fuori del tempo-limite. In realtà, nessuna legge aveva stipulato tale tempo-limite. Infatti, non c'era stata anche una chiamata per simile richieste e l'autorità doveva essere rampognato per la sua testimonianza orale ed erronea, specialmente in cause con implicazioni così serie per gli individui riguardati come la causa presente. Effettivamente, la decisione presa con una persona in favore di X senza in qualsiasi modo in considerazione dei diritti dei richiedenti come il MMA era il dovere limitò fare, era stato totalmente arbitrario. Seguì che i diritti di proprietà dei richiedenti erano stati violati e che c'era stata una violazione di Articolo 1 di Protocollo No.1 alla Convenzione.
22. Per le stesse ragioni la corte trovò una violazione di Articolo 6 della Convenzione. Trovò inoltre una violazione di Articolo 14 in concomitanza con Articolo 1 di Protocollo No.1 alla Convenzione, in che benché nessun altro nell'area aveva fatto domanda per o era stato accordato una licenza e benché i cugini avessero gli stessi diritti, il MMA aveva privilegiato X allo svantaggio del primo richiedente. In conseguenza di queste sentenze non era necessario per considerare l'azione di reclamo sotto Articolo 13. Ordinò la revoca della licenza di X's e l'emissione di una licenza nel nome di ambo gli utenti.
D. Procedimenti di fronte alla Corte Costituzionale
23. Su ricorso, la Corte Costituzionale invertì la sentenza di primo-istanza 27 febbraio 2009.
24. Considerò che una situazione dove un Stato tollerò una serie di eventi o dogane non creò un diritto. Il primo richiedente né aveva così, un diritto alla ormeggio né qualsiasi l'aspettativa legittima e, perciò, nessuna proprietà, e l'Articolo attinente non era applicabile. Gli stessi fecero domanda in riguardo di Articolo 13. Sulla base della sentenza del 1970 il richiedente avrebbe potuto richiedere comunque, l'esecuzione dell'obbligo di suo cugino verso lui, ma questo non aveva niente per fare col MMA.
25. Come ad Articolo 6, la Corte Costituzionale sostenne, che la corte di primo-istanza non era stata competente per fare una rassegna i meriti della causa. Inoltre, il richiedente avrebbe potuto portare procedimenti che chiedono che c'era stata testimonianza falsa ed in conseguenza un nuovo processo richiese. Come ai procedimenti presi nell'insieme, non sembrò, che loro erano stati ingiusti. Comunque, Articolo 6 non era stato applicabile alla causa in problema in qualsiasi l'evento. Inoltre, considerò che poiché la Corte d'appello aveva respinto la sua rivendicazione, mentre sostenendo che il richiedente aveva perso il suo standi della località quando lui non riuscì a fare domanda per la licenza detta, e poiché questa sentenza era divenuta res judicata, il richiedente non potrebbe lamentarsi più di un processo ingiusto.
26. Seguì che fin da nessuno Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione né Articolo 6 fece domanda, Articolo 14 non poteva essere chiamato in questione.
27. Il richiedente addusse che il Segretario Legale dell'Ufficio del Presidente della Corta Suprema (il secondo che ha presieduto sui procedimenti in oggetto) aveva redatto la sentenza attinente ed era stato una della squadra di avvocati che rappresentano il MMA.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
A. Licenze di uso
28. Uso di ormeggi all'iz-Zurrieq di Wied era stato regolato con “l'abuso permette” fino a 1991. Le licenze furono emesse col Commissario di Terre come amministratore della proprietà di immoveable del Governo. Le licenze di abuso erano della loro molta natura precario in che loro non accordarono diritti alla spiaggia e potrebbero essere ritirati alla discrezione del Governo.
B. L’ Autorità Marittima di Malta
29. L’ Atto XXVII di 1991 stabilito il Malta Autorità Marittima che ha il potere inter alia, proibire controllare o regolre l'uso da parte di qualsiasi persona di un porto o delle strutture del porto. Questa autorità è governata dal Capitolo 352 delle Leggi di Malta, vale a dire l’Atto dell’ Autorità Marittima di Malta.
C. Assistenti giudiziali
30. Gli Assistenti giudiziali hanno un lavoro ad orario ridotto o a tempo pieno. Loro sono nominati col Presidente del Malta dopo selezione con un pannello che consiste di giudici ed un membro nominato con la Servizio Commissione Pubblica. Prima di cominciando suo o i suoi doveri, un assistente giudiziale deve giurare di fronte alla Corte d'appello che agiranno fedelmente, onestamente ed al meglio delle sue capacità nell'adempimento dei suoi doveri come un assistente giudiziale. Assistenti giudiziali sono assegnati ad una particolare corte (o, dove più di un giudice o magistrato si riunisce in una corte, ad un particolare giudice o magistrato) col Presidente della Corta Suprema. Una volta che un assistente giudiziale viene così assegnato agisce sotto la direzione e controllo della corte o del particolare giudice o magistrato. Oltre a qualsiasi potere assegnatogli legalmente da simile corte, un assistente giudiziale ha il potere di ordinare la presenza di qualsiasi persona per il fine di dare prova o fare un affidavit o una dichiarazione, o produrre documenti, a simile posto e calcola come può specificare nell'ordine.
31. Secondo sezione 97A (3) e (4) del Codice di Organizzazione e Procedura Civile (il “COCP”), Capitolo 12 delle Leggi del Malta, i doveri di assistenti giudiziali includono:
“(3) (un) assistere nell'elaborazione giudiziale ed alla richiesta della corte per partecipare nei procedimenti pendente di fronte ad una corte incluso qualsiasi ricerca o l'altro lavoro richiesero therefor, e per il fine di eseguire simile doveri ed esercita simile poteri siccome loro possono essere richiesti o autorizzato compiere con simile corte;
(b) amministrare giuramenti;
(il c) prendere la testimonianza di qualsiasi persona che è prodotta come un testimone in qualsiasi i procedimenti;
(d) prendere qualsiasi l'affidavit su qualsiasi la questione, incluso una questione connessa con qualsiasi procedimenti presi o intese di essere preso prima qualsiasi la corte o qualsiasi corte o tribunale di giurisdizione civile stabilito con legge;
(e) ricevere documenti prodotti con qualsiasi testimonianza, affidavit o dichiarazione incluso in particolare una testimonianza, affidavit o dichiarazione siccome è assegnato ad in questo Codice;
(f) sostenere simile sedute siccome può essere diretto con la corte, incontrarsi coi difensori e procuratori legali delle parti per il fine di progettare la gestione del processo ed emettere termine massimo per l'osservazione di prova, note o gli altri atti giudiziali con le parti.
(4) nell'adempimento delle loro funzioni assistenti giudiziali saranno assegnati ad una corte ed agiranno la direzione e controllo della corte di fronte ai quali la causa è pendente e può sotto oltre a qualsiasi motorizza assegnò legalmente a loro con simile corte, abbia il potere per ordinare la presenza di qualsiasi persona per il fine di dare prova o fare un affidavit o una dichiarazione, o produrre documenti, a simile posto e calcola siccome loro possono specificare nell'ordine.”
32. Sezione 97C del COCP prevede siccome segue:
“Senza pregiudizio alle disposizioni di supplire-articolo (2) di articolo 97B, dove in procedimenti di fronte ad un assistente giudiziale una questione sorge relativo ad o collegato con gli stessi procedimenti che interrogano nel primo posto sia deciso con l'assistente giudiziale che può senza ritardo ed in qualsiasi la causa non più tardi che tre giorni dalla data della decisione detta, informi la corte della decisione, e la decisione dell'assistente giudiziale legherà a meno che la corte può con decreto, decida altrimenti.
33. Sezione 97B del COCP dà con (i) il giuramento per essere preso con assistenti giudiziali; e (l'ii) i motivi di richiesta, affermando che le disposizioni di Supplire-titolo II di Titolo II di Libro terzo (riguardo alla richiesta di giudici e magistrati) farà domanda ad assistenti giudiziali, a meno che la decisione su qualsiasi simile questione sarà presa con la corte di fronte alla quale la causa è pendente. In questo riguardo, sezioni 734 e 735 di Libro terzo del COCP, in finora come attinente, legga siccome segue:
Sezione 734
“(1) un giudice può essere impugnato o può essere astenutosi dal riunirsi in una causa-(...)
(d) (i) se lui avesse dato consiglio, il pleaded o scritto sulla causa o su qualsiasi l'altra questione connesse therewith o thereon dipendente; (...)”
Sezione 735
“(1) qualsiasi giudice che è consapevole dell'esistenza nel suo riguardo di qualsiasi dei motivi di richiesta menzionati nello scorso articolo precedente, farà una dichiarazione a che prima effettua al processo della causa, uno verbalmente in corte aperta in che la causa un documento di simile dichiarazione sarà entrato nei procedimenti della causa, o per iscritto in che la causa sarà depositato nella cancelleria di fronte al giorno nominato per il processo della causa, osservi essendo dato al riguardo alle parti.”
34. Una della partecipazione azionaria di difensori il posto di assistente giudiziale compie le funzioni del Segretario Legale al Presidente della Corta Suprema.
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 DELLA CONVENZIONE
35. I richiedenti si lamentarono che la Corte Costituzionale non era stata imparziale, perché il Segretario Legale dell'Ufficio del Presidente della Corta Suprema era stato una della squadra di avvocati che rappresentano il MMA. Loro si appellarono su Articolo 6 della Convenzione che legge siccome segue:
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale ….”
A. Ammissibilità
1. L'eccezione del Governo del non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali
(a) le osservazioni delle parti
36. Il Governo presentò che i richiedenti non erano riusciti ad avviare un set nuovo di procedimenti costituzionali sulla base di Articolo 6 che si lamenta della mancanza allegato dell'equità di procedimenti di fronte alla Corte Costituzionale, come la condotta di quelli procedimenti un problema separato era da che originalmente sollevò. Dibattendo che tale via di ricorso sarebbe effettiva, il Governo fece riferimento a causa-legge nazionale, vale a dire Lorenzo Cuschieri v il Honourable Primavera Ministro (6 aprile 1995), Perit Giuseppe Mallia v il Honourable Primavera Ministro (15 marzo 1996), ed Il Honourable Giudice Dott. Anton Depasquale v l'Avvocato General (19 settembre 2001), dove le giurisdizioni costituzionali avevano portato giurisdizione di azioni di reclamo contro la Corte Costituzionale in relazione all'equità di procedimenti sotto Articolo 6 della Convenzione. Nella prima di queste cause, la Corte Costituzionale sostenne, che non poteva un priori esclude revisione di behaviour/actions discutibile con le giurisdizioni costituzionali. Nel Perit Giuseppe la causa di Mallia, sia la corte di primo-istanza che esercita la sua giurisdizione costituzionale e la Corte Costituzionale su ricorso aveva sostenuto le rivendicazioni del richiedente ed aveva trovato una violazione di Articolo 6. Il Governo dibatté inoltre che la lunghezza di simile procedimenti non potesse urtare contro sulla loro efficacia.
37. I richiedenti accentuarono che la violazione originale si lamentò di era accaduto nel 1995 e che in che stesso anno loro avevano avviato un'azione civile ed ordinaria che era stata determinata nel 2001. Seguendo che la determinazione, loro avevano avviato procedimenti di compensazione costituzionali che avevano terminato nel 2009. Nella loro prospettiva, essendo costretti ad imbarcare su un set nuovo di procedimenti costituzionali a contestare l'imparzialità della Corte Costituzionale ridurrebbe a nulla il concetto di una via di ricorso effettiva siccome capito con la Corte.
(b) la valutazione della Corte
38. In conformità con Articolo 35 § 1 della Convenzione, la Corte può trattare solamente con un problema dopo che tutte le via di ricorso nazionali sono state esaurite. Il fine di questo articolo è riconoscere gli Stati Contraenti l'opportunità di ostacolando o mettere diritto le violazioni addotta contro loro prima che quelle dichiarazioni sono presentate alla Corte (veda, fra le altre autorità, Selmouni c. la Francia [GC], n. 25803/94, § 74 il 1999-V di ECHR). L'azione di reclamo presentata alla Corte prima è dovuta essere resa così, alle corti nazionali ed appropriate, almeno in sostanza nella conformità coi requisiti formali di diritto nazionale ed all'interno dei tempo-limiti prescritti (veda Zarb Adami c. il Malta (il dec.), n. 17209/02, 24 maggio 2005). Comunque, l'articolo dell'esaurimento di via di ricorso nazionali costringe un richiedente ad avere ricorso normale a via di ricorso all'interno dell'ordinamento giuridico nazionale che è disponibile e sufficiente per riconoscere compensazione in riguardo delle violazioni addusse. L'esistenza delle via di ricorso in oggetto non solo deve essere sufficientemente sicuro in teoria ma in pratica, fallendo a loro mancherà quale l'accessibilità richiesta e l'efficacia. Non c'è nessun obbligo per avere ricorso a via di ricorso che sono inadeguate o inefficaci (veda Micallef c. il Malta [GC], n. 17056/06, § 55 ECHR 2009 -...). La velocità della procedura dell'azione riparatore può essere anche attinente a se è praticamente effettivo per i fini di Articolo 35 § 1 (veda, mutatis mutandis, McFarlane c. l'Irlanda [GC], n. 31333/06, § 123 ECHR 2010 -...).
39. La Corte osserva che in Ferré Gisbert c. la Spagna (n. 39590/05, § 39 13 ottobre 2009), contenne che il risuoli via di ricorso disponibile contro una sentenza di Corte Costituzionale è un ricorso individuale di fronte alla Corte sotto Articolo 34 della Convenzione. In questa causa l'ordinamento giuridico spagnolo non concedè, o in pratica o in legge, l'istituzione di un set nuovo di procedimenti costituzionali contro i procedimenti ed una definitivo sentenza della Corte Costituzionale. Tale limitazione è comune fra membro Stati che adottano via di ricorso di corte costituzionali per violazioni di diritti umani allegato (per esempio, Cipro, Repubblica ceca, Germania e la Polonia). Nell'ordinamento giuridico maltese i richiedenti potrebbero avere comunque, −sia in legge ed in pratica un set nuovo di procedimenti costituzionali che si lamentano del primo set di procedimenti costituzionali depositò. Come stabilito col Governo, simile cause non possono un priori sia dichiarato inammissibile.
40. In tale circostanza la Corte è chiamata su per esaminare se la via di ricorso costituzionale contro una sentenza di Corte Costituzionale potrebbe essere considerata accessibile ed effettivo, al giorno d'oggi la causa.
41. La Corte considera che, siccome attestato con una molteplicità di cause portata di fronte alla Corte Costituzionale maltese, non c'è nessuna ragione di dubitare che atti Costituzionali sono accessibili e che loro sono una via di ricorso capace di offrire compensazione per violazioni di diritti umani con vuole dire di sentenze vincolanti.
42. Comunque ciò che è di preoccupazione alla Corte è la lunghezza di un altro set di procedimenti costituzionali ad un stadio dove l'azione di reclamo iniziale di un richiedente sarebbe stata decisa conclusivamente dopo molti anni della causa di fronte ai vari livelli delle corti nazionali, incluso le giurisdizioni costituzionali. La Corte nota che depositando una richiesta costituzionale comporta una raccomandazione alla prima Sala della Corte Civile e la possibilità di un ricorso alla Corte Costituzionale. La Corte già ha sostenuto che questa è una procedura ingombrante, specialmente fin da show di pratica che piacciono alla Corte Costituzionale è depositato naturalmente (veda Sabeur Ali Dentro c. il Malta, n. 35892/97, § 40, 29 giugno 2000 e Kadem c. il Malta, n. 55263/00, § 53, 9 gennaio 2003 dove la Corte sostenne che i procedimenti attinenti invariabilmente sono più lungo che che come che qualificherebbe “veloce” per Articolo 5 § 4 fini). La lunghezza di questi procedimenti è aggravata inoltre col fatto che loro possono essere aggiornati dado sinusoidale pendente qualsiasi procedimenti riguardo alle azioni di reclamo effettive di fronte a questa Corte. In conseguenza, la Corte considera, che, anche se l'ordinamento giuridico nazionale lascia spazio a tale azione di reclamo nuova per essere depositato, la lunghezza dei procedimenti detrae dalla loro efficacia. Nota che nella causa presente i richiedenti erano stati comportati in procedimenti a livelli diversi per dieci anni sette di che sono stati di fronte alle giurisdizioni costituzionali.
43. Inoltre, la Corte osserva che mentre le giurisdizioni costituzionali (la Corte Civile e la Corte Costituzionale in causa di un ricorso) valutando azioni di reclamo relativo ad atti Costituzionali sarebbero costituiti differentemente, i precedenti possono più probabili debba decidere sulla condotta del Presidente della Corta Suprema (il Presidente della Corte Costituzionale) ed altro gerarchicamente giudici superiori. Tale scenario può sollevare problemi in riguardo dell'imparzialità e l'indipendenza.
44. Segue che, anche se nel diritto nazionale di ordinamento giuridico maltese prevede per una via di ricorso contro una definitivo sentenza della Corte Costituzionale, in prospettiva della specifica situazione della Corte Costituzionale nell'ordine legale e nazionale (veda Ferré Gisbert, citato sopra, § 39) la Corte considera che in circostanze come quelli della causa presente non è una via di ricorso che è costretta ad essere esaurita.
45. L'eccezione del Governo che via di ricorso nazionali non sono state esaurite è respinta perciò.
2. Conclusione
46. La richiesta di Articolo 6 ai procedimenti costituzionali nella causa presente non è stata contestata con le parti.
47. La Corte nota che l'azione di reclamo non è mal-fondata manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
B. Meriti
1. Le osservazioni delle parti
48. I richiedenti presentarono che la Corte Costituzionale non era stata imparziale fin dal Segretario Legale (assistente giudiziale) (il Dr M.) dell'Ufficio del Presidente della Corta Suprema una della squadra di avvocati che rappresentano il MMA era stata. Nell'archivio di causa non era effettivamente, nessun documento del fatto che lei aveva cessato rappresentare il MMA o che lei aveva preso un posto che l'ha preclusa dal continuare tale mandato. Su un livello generale assistenti giudiziali ed ad orario ridotto non sono preclusi inoltre, da pratica legale e privata. Questo aveva creato un conflitto strutturale che contrappose col principio che la giustizia non solo deve essere fatta ma deve essere vista per essere fatta. Nelle circostanze della causa presente, i richiedenti affermarono, che loro avevano avuto dubbi legittimi come all'imparzialità obiettiva della corte. Loro presentarono inoltre che il pubblico non era stato reso consapevole di che era stato assegnato assistente giudiziale a qualsiasi la particolare corte o giudice e perciò loro non potevano sollevare un 'la richiesta' in questo riguardo. Infine, loro dibatterono che le osservazioni del Governo sui meriti di questa azione di reclamo erano state basate completamente sulla versione del Presidente della Corta Suprema di eventi. In conseguenza, non era certezza che entrambi i due altri giudici sulla panca non aveva consultato la persona detta in riguardo della causa. Loro dibatterono che i loro dubbi come a se il Dr M. aveva avuto qualsiasi cosa per fare con la loro causa non poteva essere disperso, in prospettiva del conflitto strutturale che esistè in pratica, ed il fatto che il Dr M. era andato a vuoto a registrare un noti in relazione alla sua incompatibilità.
49. Il Governo presentò che, come confermato con una lettera firmata col Presidente della Corta Suprema che fu spedito alla Corte, il Dr M. si era comportato come davvero consiglio di difesa per il MMA nelle prime tappa dei procedimenti ma aveva ritirato in primo 2003. Durante questa volta lei aveva assistito il primo consiglio legale con rispondendo alla richiesta a primo-istanza e con sembrando di fronte alla Corte Civile. 27 luglio 2004 lei era stata nominata come un assistente giudiziale, ma secondo il Presidente della Corta Suprema lei non aveva a qualsiasi stadio stato coinvolto negli atti Costituzionali si lamentò di.
50. Si notò inoltre che il Dr M. aveva infatti stato l'assistente giudiziale assegnato all'Ufficio del Presidente della Corta Suprema. Le funzioni di un assistente giudiziale furono offerte per con legge (veda paragrafo 31 sopra) e nell'adempimento dei loro doveri, assistenti giudiziali furono legati con gli stessi articoli di richiesta e l'astensione applicabile a giudici e magistrati (Screpoli 12, articolo 97 B articolo 2 sub). Il Presidente della Corta Suprema era stato dell'opinione che un individuo non sarebbe costretto a rendere un nota in una causa-archivio all'effetto che lei o lui erano divenute un assistente giudiziale, siccome assistenti giudiziali furono preclusi automaticamente dall'essere coinvolti in una causa quando suo o la sua firma sembrò consiglio per le parti negli atti giudiziali, o lui o lei erano infatti una parte ai procedimenti. In pratica, tutte le cause non si furono riferite ad assistenti giudiziali, come nella maggioranza di cause il relatore di giudice procedè stendere un'opinione che diverrebbe infine la sentenza della corte senza qualsiasi l'assistenza. Questo è che che era accaduto nella causa presente che non si era stata riferita ad un assistente giudiziale. Nessun assistente giudiziale o era stato comportato effettivamente, nell'assistere il relatore di giudice o qualsiasi degli altri due giudici. In conseguenza, la dichiarazione che il Dr M. avesse potuto influenzare la sentenza della Corte Costituzionale era manifestamente infondato.
2. La valutazione della Corte
(a) I principi generali
51. Secondo la causa-legge continua della Corte, l'esistenza dell'imparzialità per i fini di Articolo 6 § 1 deve essere determinato secondo una prova soggettiva, dove riguardo a deve essere avuto alla condanna personale e comportamento di un particolare giudice che è se il giudice sostenne qualsiasi pregiudizio personale o influenza in una causa determinata; ed anche secondo una prova obiettiva che è dire con accertando se il tribunale stesso e, fra gli altri aspetti, la sua composizione, garanzie sufficienti ed offerte per escludere qualsiasi dubbio legittimo in riguardo della sua imparzialità (veda, inter l'alia, Fey c. Austria, 24 febbraio 1993 §§ 27, 28 e 30 la Serie Un n. 255-un, e Wettstein c. la Svizzera, n. 33958/96, § 42 ECHR 2000-XII). Dovrebbe essere reiterato che i principi stabilirono nella causa-legge della Corte fa domanda a giurati siccome loro fanno a giudici professionali e giudici di disposizione (veda Holm c. la Svezia, 25 novembre 1993, § 30 la Serie Un n. 279-un, e Pullar c. il Regno Unito, 10 giugno 1996, § 29 Relazioni di Sentenze e Decisioni 1996-III), ed agli altri ufficiali che esercitano funzioni giudiziali, come funzionari del fisco (veda Henryk Urban e Ryszard Urban c. la Polonia, n. 23614/08, 30 novembre 2010). Similmente, ufficiali di corte che trattano con una causa, come “il referendaries” non è escluso (veda, con implicazione, Jenny c. la Svizzera, Commissione Decisione n. 27043/95, 16 gennaio 1996, e Huuhtanen c. la Finlandia (il dec.), n. 44946/05, 13 ottobre 2009).
52. Come alla prova soggettiva, l'imparzialità personale di un giudice deve essere presunta sino a là è impermeabile al contrario (veda Wettstein, citato sopra, § 43). Come riguardi il tipo di prova richiese, la Corte ha, per esempio, cercò di accertare se un giudice ha visualizzato l'ostilità o ha mal-voluto per ragioni personali (veda De Cubber c. il Belgio, § 25, 26 ottobre 1984 la Serie Un n. 86).
53. Come alla prova obiettiva, deve essere determinato, se, ci sono piuttosto separatamente dalla condotta del giudice, fatti accertabili che possono sollevare dubbi come alla sua imparzialità. Questo implica che, nel decidere se in una causa determinata è una ragione legittima di temere che ad un particolare giudice manca l'imparzialità, il posto d'osservazione della persona riguardato è importante ma non decisivo. Ciò che è decisivo è se questa paura può essere contenuta per essere giustificata obiettivamente (veda Wettstein, citato sopra, § 44; e Ferrantelli e Santangelo c. l'Italia, § 58, 7 agosto 1996 Relazioni 1996-III).
54. In se stesso, la prova obiettiva è funzionale in natura: per istanza, l'esercizio di funzioni diverse all'interno dell'elaborazione giudiziale con la stessa persona (veda Piersack c. Belgio, 1 ottobre 1982 la Serie Un n. 53, pp. 14-15), o collegamenti gerarchici o altri con un altro attore nei procedimenti (veda cause riguardo al ruolo duplice di un giudice, per esempio Wettstein, citato sopra, § 47, e Mežnarić c. Croatia, n. 71615/01, 15 luglio 2005 che rappresentano gli oppositori del richiedente e successivamente giudicando in un solo set di procedimenti e ricoprendo rispettivamente procedimenti), aumento determinato ad apprensioni obiettivamente allineato come all'imparzialità del tribunale che così va a vuoto a soddisfare lo standard di Convenzione sotto la prova obiettiva (veda Kyprianou c. la Cipro [GC], n. 73797/01, § 121 ECHR 2005-XIII). Deve essere deciso perciò in ogni causa individuale se il collegamento in oggetto è di tale natura e grado come indicare una mancanza dell'imparzialità da parte del tribunale (veda Pullar, citato sopra, § 38). La tempo-cornice è attinente quando valutando il significato della relazione precedente di un giudice ad una parte avversario (veda Walston c. la Norvegia (il dec.), n. 37372/97, 11 dicembre 2001).
55. In questo riguardo comparizioni pari possono essere di una certa importanza, o, nelle altre parole, “la giustizia non solo deve essere fatta, deve essere visto anche per essere fatto.” Ciò che è in pericolo è la fiducia che le corti in una società democratica devono inspirare nel pubblico (veda Micallef c. il Malta [GC], n. 17056/06, § 98 ECHR 2009 -...).
56. L'esistenza di procedure nazionali per assicurare l'imparzialità, vale a dire articoli che regolano il ritiro di giudici, è un fattore attinente. Simile articoli manifestano la preoccupazione della legislatura nazionale per rimuovere tutti i dubbi ragionevoli come all'imparzialità del giudice o corte riguardò e costituisce un tentativo di assicurare l'imparzialità con eliminando le cause di simile preoccupazioni. Oltre ad assicurando l'assenza della parzialità effettiva, loro sono diretti a rimuovendo qualsiasi comparizione della parzialità e così notifica promuovere la fiducia che le corti in una società democratica devono inspirare nel pubblico (veda Mežnarić, citato sopra, § 27). La Corte prenderà simile articoli in considerazione quando facendo la sua propria valutazione come a se il tribunale era imparziale e, in particolare, se le paure del richiedente possono essere contenute per essere giustificate obiettivamente (veda, Micallef, citato sopra, § 70).
(b) la Richiesta alla causa presente
57. La Corte richiama all'inizio che in procedimenti che nascono da in una richiesta individuale sé deve confinarsi, il più lontano possibile ad un esame della causa concreta di fronte a sé (veda Minelli c. la Svizzera, 25 marzo 1983, § 35 la Serie Un n. 62). Di conseguenza, al giorno d'oggi causa che i richiedenti non hanno enfatizzato che la base dell'azione di reclamo è il fatto che assistenti giudiziali possono essere arruolati su una base ad orario ridotto, e nessuno dettagli in relazione a questo aspetto sono stati dati nelle osservazioni delle parti. Inoltre, i richiami di Corte che la legislazione e pratica sull'ordinamento giudiziario ad orario ridotto in generale può essere incorniciato così come essere compatibile con Articolo 6 (veda Wettstein, citato sopra, § 41). Perciò che che è in pericolo nella causa presente è solamente l'imparzialità della Corte Costituzionale nella causa dei richiedenti come un risultato del Dr M.' posizione di s.
58. La Corte considera che mentre ufficiali di corte non sono impervi al requisito dell'imparzialità, l'applicabilità di questa condizione è dipendente sulle specificità del ruolo della corte ufficiale in oggetto all'interno del sistema legale e giudiziale nazionale.
59. La Corte osserva che nel sistema maltese, il Segretario Legale del Presidente della Corta Suprema è un assistente giudiziale e nominato. In conseguenza è il ruolo degli assistenti giudiziali che ha bisogno di essere esaminato. La Corte nota che funzioni di assistenti giudiziali includono, inter alia, assistenza nell'elaborazione giudiziale e, alla richiesta della corte, partecipazione nei procedimenti, prendendo che testimonianza di testimone ed affidavit su questioni, connesse con procedimenti, documenti riceventi produssero con qualsiasi la testimonianza, e sostenendo sedute siccome può essere diretto con la corte, insieme con termine massimo di emissione per l'osservazione di prova, note o gli altri atti giudiziali con le parti. Come affermato nelle osservazioni del Governo, assistenti giudiziali possono stendere anche opinioni in riguardo delle cause fissato alla corte. In questa luce, la Corte considera, che i compiti affidarono ad un assistente giudiziale nel sistema maltese può essere di importante significato all'elaborazione giudiziale, e di conseguenza, un compiendo individuale i compiti di abovementioned devono essere imparziali per i procedimenti per essere Articolo 6 conforme.
60. La Corte nota che nella causa presente, siccome ammesso col Governo, il Dr M. attivamente rappresentò gli oppositori dei richiedenti ad un più primo stadio dei procedimenti (veda paragrafo 49 sopra). È vero che il suo coinvolgimento precedente era provvisorio siccome lei rappresentò gli oppositori dei richiedenti per solamente alcuni mesi da ottobre 2002 sino ad una data non specificata nel 2003 quando lei ritirò. Questo era pressoché sei anni di fronte alla decisione della Corte Costituzionale di 27 febbraio 2009. Comunque, i procedimenti trattarono con lo stesso argomento, inter alia, l'ottemperanza delle azioni del MMA con la Costituzione e la Convenzione e gli effetti conseguenti sui diritti dei richiedenti (veda, al contrario., Puolitaival e Pirttiaho c. la Finlandia, n. 54857/00, § 51 23 novembre 2004). Che resti per essere accertato sono la partecipazione effettiva del Dr M. nei procedimenti costituzionali.
61. La Corte nota in primo luogo che piuttosto separatamente dal suo ruolo generale come assistente giudiziale al Presidente della Corta Suprema i richiedenti non hanno previsto qualsiasi prova che suggerisce che il Dr M. era stato affidato con la causa. Effettivamente, traspira dalla legge maltese ed attinente che un assistente giudiziale può essere comportato in qualsiasi chiamò solamente causa alla richiesta della corte. Può essere perciò la causa che un assistente giudiziale non ha coinvolgimento in un particolare abito siccome era infatti dichiarò col Presidente della Corta Suprema in relazione alla causa presente. I richiedenti senza dubbio espressero come alla veracità di che dichiarazione, almeno in finora come sé riferì alla mancanza di Dott. assistenza di M's al Presidente della Corta Suprema. La Corte osserva inoltre che la dichiarazione dei richiedenti che loro non erano consapevoli che il Dr M. era l'assistente giudiziale del Presidente della Corta Suprema, conferma che, nei procedimenti contestati, il Dr M. non aveva preso, qualsiasi testimonianza di testimone o affidavit, né ricevette documenti prodotti con qualsiasi la testimonianza, o sostenne sedute o termine massimo emessi per l'osservazione di prova, note o gli altri atti giudiziali con le parti. In questa luce, siccome non trova la Corte stabilì che il Dr M. partecipò come un assistente giudiziale nei procedimenti contestati, segue che non ci sono fatti accertabili capaci di sollevare dubbi legittimi come all'imparzialità della Corte Costituzionale nella causa presente.
62. In queste circostanze, i costatazione di Corte che non c'è stata una violazione di Articolo 6 § 1 della Convenzione come riguardi il requisito di un tribunale imparziale.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 ALLA CONVENZIONE
63. I richiedenti si lamentarono inoltre che il diritto al godimento tranquillo della loro proprietà (l'uso della ormeggio) da che il primo richiedente si era guadagnato la vita per la sua famiglia, era stato violato. Loro si appellarono all’ Articolo 1 del Protocollo No.1 alla Convenzione che recita come segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
64. Il Governo contestò quell'argomento.
Ammissibilità
1. Le osservazioni delle parti
65. Il Governo presentò che l’Articolo 1 del Protocollo. N.ro 1 alla Convenzione non era applicabile alla presente causa. Presentò che gli ormeggi non erano capaci di essere la materia di diritti privati poiché loro essenzialmente erano parte del dominio pubblico. Qualsiasi licenza a loro riguardo permetteva ai possessori soltanto di ormeggiare le loro barche su tolleranza ed erano precarie per natura. Presentò che il primo richiedente non aveva mai avuto una licenza di uso emessa a suo nome o a quello di suo padre ed il diritto di cui parlava era basato solamente su un accordo privato di rivendicazioni di eredità al quale il Governo, come proprietario o amministratore dell'ormeggio non era stato una parte. Come affermato dalla Corte Costituzionale, dove i possessori di titoli su terreni Statale erano giunti a disposizioni con terze parti di simile terreni, queste disposizioni non creavano diritti in relazione al Governo. La disposizione del primo richiedente con suo cugino era stata simile disposizione. Inoltre, il padre del richiedente non poteva lasciare in eredità un diritto che lui non aveva avuto, dato che le licenze emesse non erano state a suo nome. Inoltre, la scorsa licenza emessa era scaduta nel 1991 e non era stata rinnovata e la situazione del richiedente dal 1995 in avanti era stata quella di una persona che si avvale di un ormeggio pubblico senza una licenza. Il Governo presentò che ormeggiare in un particolare posto non era stato un elemento indispensabile degli affari dei richiedenti, comparabile ad una licenza, e non poteva essere considerato come “una delle condizioni principali per la continuazione degli affari dei richiedenti” (Tre Traktörer Ab c. Svezia, 7 luglio 1989, § 53 Serie A n. 159). Di conseguenza, nonostante il significato autonomo del concetto di proprietà ai fini della Convenzione il Governo presentò che i richiedenti non avevano avuto una proprietà nella presente causa.
66. Il Governo notò che il secondo e il terzo richiedente erano divenuti solamente parti ai procedimenti in seguito alla morte della loro madre e non avevano avuto definitivamente titolo sull’ormeggio in oggetto. Comunque, presumendo anche che i richiedenti avessero avuto una proprietà il Governo considerato che il godimento di quella proprietà non poteva essere considerato “tranquillo” all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo No.1 alla Convenzione, poiché la proprietà addotta era stata abusiva e non era stata autorizzata con qualsiasi licenza, essendoci stato solamente un accordo di famiglia privato. Di conseguenza, non c’era stata un'interferenza col godimento tranquillo dei richiedenti di quella proprietà.
67. I richiedenti presentarono che, come sostenuto dalla Corte Civile nella sua giurisdizione costituzionale, loro avevano avuto una proprietà, almeno nella forma di un'aspettativa legittima, all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo. No.1 alla Convenzione.
2. La valutazione della Corte
68. La Corte reitera che il concetto di “ proprietà” a cui si fa riferimento nella prima parte dell’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 ha un significato autonomo che non è limitato alla proprietà di beni fisici ed è indipendente dalla classificazione formale in diritto nazionale: certi altri diritti ed interessi che costituiscono beni possono essere riguardati anche come “diritti di proprietà”, e così come “proprietà” ai fini di questa disposizione. In ogni caso il problema che bisogna esaminare è se le circostanze della causa, considerate nell'insieme, conferirono sul titolo del richiedente ad un interesse effettivo protetto dall’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere Iatridis c. Grecia [GC], n. 31107/96, § 54 ECHR 1999-II; e Brosset-Triboulet ed Altri c. Francia [GC], n. 34078/02, § 65 del 29 marzo 2010).
69. “La proprietà” può essere “proprietà esistente” o i beni, incluso, in certe situazioni ben definite, rivendicazioni. Perché una rivendicazione sia capace di essere considerata un “bene” incorrendo all'interno della sfera dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, il rivendicatore deve stabilire che ha una base sufficiente in legge nazionale, per esempio dove è stabilito dalla giurisprudenza delle corti nazionali che lo confermano. Dove ciò è stato fatto, il concetto di “aspettativa legittima” può entrare in gioco (vedere Maurizio c. Francia [GC], n. 11810/03, § 63 ECHR 2005-IX; e Kopecký c. Slovacchia [GC], n. 44912/98, §§ 35 e 48-52, ECHR 2004-IX).
70. Generalmente parlando, l’imprescrittibilità e l'inalienabilità del terreno pubblico non hanno impedito alla Corte di concludere che “la proprietà” all'interno del significato di questa disposizione era in gioco (vedere Öneryıldız c. Turchia [GC], n. 48939/99, ECHR 2004-XII; N.A. ed Altri c. Turchia, n. 37451/97, ECHR 2005-X; Tuncay c. Turchia, n. 1250/02, 12 dicembre 2006; Köktepe c. Turchia, n. 785/03, 2 luglio 2008; Turgut ed Altri c. Turchia, n. 1411/03, 8 luglio 2008; e Şatır c. Turchia, n. 36192/03, 10 marzo 2009). In queste cause, a parte la causa Öneryıldız i titoli di proprietà dei richiedenti non erano comunque, disputabili sotto il diritto nazionale perché i richiedenti legittimamente potevano considerarli come “giuridicamente garantiti” a riguardo della validità di quei titoli prima che loro erano stati annullati a favore della Tesoreria (vedere Turgut ed Altri, citata sopra, § 89; e Şatir, citata sopra, § 32).
71. Nella causa presente, non fu contestato di fronte alla Corte che l'ormeggio era parte della proprietà pubblica marittima. Ciò che è in controversia sono le conseguenze legali dell'uso permettono del 1970 vis-á-vis i richiedenti.
72. La Corte osserva in primo luogo che la Corte Civile nella sua giurisdizione costituzionale ha sostenuto che diritti di uso a riguardo di un ormeggio costituiscono indubbiamente una proprietà ed un diritto civile secondo la giurisprudenza nazionale (vedere paragrafo 20 sopra). Comunque, le altre corti nazionali decisero qualsiasi riconoscimento di un diritto o di un'aspettativa legittima per continuare ad usare l’ ormeggio ottenendo una licenza. In conseguenza, né la legge di per sé né le decisioni definitive nei procedimenti nazionali, o qualsiasi altra giurisprudenza, hanno confermato la rivendicazione dei richiedenti. Comunque, il fatto che i diritti nazionali di uno Stato non riconoscono un particolare interesse come un “diritto” o anche un “diritto di proprietà” non ostacola necessariamente l'interesse in oggetto, in alcune circostanze, dall'essere riguardato come una “proprietà” all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere Brosset-Triboulet, citata sopra, § 71).
73. Nella presente causa, la Corte osserva anche che la licenza di uso emessa nel 1970 non era mai stata a nome del primo richiedente o a quello di suo padre, siccome sé era stato sempre emesso a nome di suo zio. Inoltre, la licenza fu revocata nel 1986 e nessuna altra licenza fu emessa sino a dieci anni più tardi. Effettivamente non è mai stato contestato che questo tipo di licenza era sempre precario e che avrebbe potuto essere ritirato a discrezione del Governo. Così, il richiedente fece uso della proprietà pubblica in oggetto approssimativamente per venti anni su tolleranza delle autorità e della sua famiglia che per un periodo di tempo era anche senza una licenza valida. Di conseguenza, diversamente dalla maggioranza delle cause turche menzionate sopra a nessun punto i richiedenti hanno avuto un titolo valido a riguardo dell'uso dell'ormeggio. Inoltre, anche se la procedura per fare istanza per licenze sembra essere poco chiara in legge, la Corte dà anche peso al fatto che il richiedente non prese qualsiasi azione per rendere regolare la sua posizione una volta che i poteri del COL furono aboliti a favore del MMA nel 1991. La Corte considera che se il il primo richiedente avesse creduto di avere un'aspettativa legittima per ottenere una licenza sulla base della licenza trasmessa a lui o sulla base dell'uso di non ostacolato di cui lui aveva fatto dell'ormeggio per un numero di anni, ci si sarebbe dovuti aspettare da lui che avrebbe almeno intentato una causa per farsi riconoscere l'interesse di proprietà riservato addotto e avrebbe potuto essere eseguito dal MMA come autorità recente competente.
74. In conclusione, tenendo presente la passività del primo richiedente, la Corte considera che il fatto che il primo richiedente usò l'ormeggio per un importo considerevole di tempo, dal 1975 al 1995 senza avere qualsiasi genere di titolo, non basta a sostenere che ai richiedenti era stato assegnato legalmente un interesse di proprietà riservato nel godimento tranquillo dell'ormeggio che era sufficientemente stabilito e pesante da corrispondere ad una “proprietà” all'interno del significato dell'articolo espresso nella prima frase dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
75. Alla luce di quanto sopra, il fatto che i nonni del primo richiedente disposero della proprietà addotta nella loro volontà che fu confermata successivamente da una sentenza di corte non ha valore sul fatto se se i richiedenti avevano una proprietà.
76. Ne segue che l’Articolo 1 del Protocollo No.1 non è applicabile alla presente causa, e perciò l'azione di reclamo è incompatibile ratione materiae con le disposizioni della Convenzione ed dei Protocolli all'interno del significato di Articolo 35 § 3 e deve essere respinta in conformità con l’Articolo 35 § 4.
III. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 14 IN CONCOMITANZA CON L’ ARTICOLO 1 DI PROTOCOLLO NO.1 ALLA CONVENZIONE
77. I richiedenti si lamentarono inoltre che, sia prima che dopo che la licenza fu emessa, il primo richiedente era stato discriminato. Loro si appellarono all’ Articolo 14 della Convenzione che si legge come segue:
“Il godimento dei diritti e delle libertà stabilite [nella] Convenzione sarà garantito senza discriminazione su alcuna base come il sesso,la razza, il colore, la lingua, la religione, l’opinione politica o altro, la cittadinanza od origine sociale, l'associazione con una minoranza nazionale, la proprietà,la nascita o altro status.”
78. I richiedenti presentarono che l'uso dell'ormeggio non era precario per tutti, e che se MMA non avesse favorito X accordandogli arbitrariamente una licenza, i richiedenti avrebbero continuato ad avvalersi di questa. I richiedenti si riferirono a procedimenti penali che erano stati avviati contro gli ufficiali di MMA che riguardavano la corruzione molto estesa nell’missione di licenze.
79. Il Governo dibatté che siccome i richiedenti non avevano avuto proprietà all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo No.1, l’Articolo 14 non poteva essere applicabile. Comunque, anche se fosse stato così, il Governo non aveva giocato parte nell'accordo fra i cugini, e lo Stato non era obbligato a riconoscere le disposizioni irregolari fra parti private. Così, le azioni delle autorità erano legittime, perché il richiedente non era stato nella stessa posizione di suo cugino, nessuna licenza precedente era mai stata emessa a suo nome. Perciò, non si poteva dire che i richiedenti avessero sofferto di discriminazione per causa delle autorità.
80. La Corte reitera che l’ Articolo 14 completa le altre disposizioni effettive della Convenzione e dei suoi Protocolli. Non ha esistenza indipendente e come tale ha solamente effetto in relazione al “godimento dei diritti e delle libertà” salvaguardate da quelle altre disposizioni. Benché l’applicazione dell’ Articolo 14 non presupponga una violazione di quelle disposizioni -ed in questa misura è autonoma -non ci può essere stanza per la sua applicazione a meno che i fatti in questione rientrino all'interno dell'ambito di uno o più del secondo (vedere, fra molte altre autorità, Van Raalte c. Paesi Bassi, 21 febbraio 1997, § 33 Relazioni 1997-I, p. 184; e Petrovic c. Austria, 27 marzo 1998, § 22, Relazioni 1998-II, p. 585).
81. Avendo riguardo ai principi sopra ed alla conclusione che l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 non è applicabile, la Corte considera che l’Articolo 14 non si può fare applicare nella presente causa (vedere Gratzinger e Gratzingerova c. Repubblica ceca (dec.), n. 39794/98, § 76 ECHR 2002-VII; e Beshiri ed Altri c. Albania, n. 7352/03, § 91 22 agosto 2006).
82. Ne segue che l'azione di reclamo sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 presa insieme con l’Articolo 14 è incompatibile ratione materiae con le disposizioni della Convenzione e dei Protocolli all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 e deve essere respinto in conformità con l’Articolo 35 § 4.
IV. ALTRE AZIONI DI RECLAMO
83. I richiedenti si lamentarono anche sotto Articolo 6 che il MMA non aveva esercitato propriamente i suoi poteri quasi - giudiziali, in quanto aveva agito arbitrariamente e non aveva permesso il primo richiedente per fare rappresentanze nei procedimenti che accordano la licenza. Inoltre, il primo richiedente era stato negato una via di ricorso effettiva in conformità con Articolo 13 in riguardo delle azioni del MMA, come là nessun pannello era stato o aveva abbordato a che è probabile che il primo richiedente si sarebbe lamentato per stabilire i fatti di materiale e quale avrebbe potuto offrire compensazione.
84. La Corte considera che la procedura amministrativa e non-giudiziale con la quale una terza parte chiese alle autorità di accordare una licenza, ed a che il primo richiedente non era una parte, non riguardi qualsiasi contesta su un diritto civile possedette col primo richiedente stesso. Nota inoltre che il MMA non è un tribunale per i fini della Convenzione. In conseguenza Articolo 6 non fece domanda al puramente procedura amministrativa condusse a che stadio e perciò l'azione di reclamo è ratione materiae incompatibile con le disposizioni della Convenzione all'interno del significato di Articolo 35 § 3 e deve essere respinta in conformità con Articolo 35 § 4.
85. Nella misura in cui le decisione del MMA hanno potuto generare successivamente una controversia l'esistenza di un “il diritto civile” del primo richiedente, la Corte reitera, che il ruolo di Articolo 6 § 1 in relazione ad Articolo 13 è che di un specialis della legge, i requisiti di Articolo 13 che è assorbito con quelli di Articolo 6 § 1 (vedere Vasilescu c. la Romania, 22 maggio 1998, § 43 Relazioni di Sentenze e Decisioni 1998-III). Articolo 6 prevede per il “diritto ad una corte” di che il diritto di accesso è un aspetto. La Corte nota che il primo richiedente era in grado avviare procedimenti civili ed ordinari che contestano le azioni del MMA che, se riuscito, avrebbe rimediato alla situazione. I richiedenti avevano anche inoltre, l'opportunità della quale loro si giovarono a, avviare procedimenti di compensazione costituzionali. Effettivamente la Corte Civile trovata nel loro favore, ma la Corte Costituzionale invertì la sentenza su ricorso. In queste circostanze, la Corte è della prospettiva che i richiedenti avevano il pieno accesso a corti multiple.
86. Ne segue che questa azione di reclamo deve essere respinta manifestamente come mal-fondata, facendo seguito ad Articolo 35 §§ 3 e 4 della Convenzione.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara l'azione di reclamo riguardo all’ Articolo 6 § 1 a riguardo dell'imparzialità della Corte Costituzionale ammissibile ed il resto della richiesta inammissibile;
2. Sostiene che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 21 giugno 2011, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Santiago Quesada Josep Casadevall Cancelliere Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 14/09/2020.