Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF KHAMZAYEV AND OTHERS v. RUSSIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, 02, 35, 08, P1-1

NUMERO: 1503/02/2011
STATO: Russia
DATA: 03/05/2011
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

Articles 2 ; 2-1 ; 8 ; 8-1 ; 8-2 ; 35 ; 35-1 ; 41 ; P1-1 ; P1-1-1
FIRST SECTION
CASE OF KHAMZAYEV AND OTHERS v. RUSSIA
(Application no. 1503/02)
JUDGMENT
STRASBOURG
3 May 2011
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Khamzayev and Others v. Russia,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Nina Vajić, President,
Anatoly Kovler,
Christos Rozakis,
Peer Lorenzen,
Elisabeth Steiner,
Khanlar Hajiyev,
George Nicolaou, judges,
and André Wampach, Deputy Section Registrar,
Having deliberated in private on 5 April 2011,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 1503/02) against the Russian Federation lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Russian national, OMISSIS (“the first applicant”), on 21 November 2001. On 21 August 2003 and 2 March 2004 respectively OMISSIS (“the second applicant”) and OMISSIS (“the third applicant”), both Russian nationals, joined in the case. In June 2004 the first applicant died, and the second applicant, his daughter, expressed the wish to pursue the application on his behalf.
2. The applicants were represented by the second applicant, who is a lawyer practising in Moscow. The Russian Government (“the Government”) were initially represented by Mr P. Laptev, former Representative of the Russian Federation at the European Court of Human Rights and subsequently by their Representative, Mr G. Matyushkin.
3. The applicants alleged, in particular, that the life of the third applicant had been put at risk and that their property, including housing, had been severely damaged, as a result of a federal aerial attack. They relied on Articles 2 and 8 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1.
4. On 29 August 2004 the President of the First Section decided to grant priority to the application under Rule 41 of the Rules of Court.
5. By a decision of 25 March 2010, the Court declared the application partly admissible.
6. The applicants and the Government each filed further written observations (Rule 59 § 1) on the merits.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
7. The applicants were born in 1937, 1964 and 1971 respectively. The last two applicants live respectively in Moscow and in the village of Pliyevo, Ingushetia.
A. The facts
8. At the material time the first two applicants and OMISSIS, who is not a party to the proceedings before the Court, owned property at 24a Dostoevsky Street in the town of Urus-Martan, the Chechen Republic. The third applicant was the first applicant’s relative and had been living in the house with her family with the latter’s permission since October 1997.
9. The first two applicants submitted a certificate dated 29 January 1982 confirming that they and OMISSIS inherited in equal shares the real estate situated at 24a Dostoyevskiy Street from their deceased relative. The certificate also indicated that the property comprised a brick house with a usable surface area of 90 square metres, a summer kitchen, an awning and other outhouses situated on a plot of land measuring about 180 square metres. The certificate was signed and stamped by a notary public.
10. In early October 1999 the Russian Government commenced a counter-terrorism operation in the Chechen Republic.
1. Attack of 19 October 1999
11. On 19 October 1999 the federal military air forces attacked the town of Urus-Martan. The bombing killed six people and wounded sixteen as well as destroying thirteen houses, including the one at 24a Dostoevsky Street, and damaging twenty-seven. According to the third applicant, her belongings were destroyed with the house.
12. In the applicants’ submission, after the attack an unexploded bomb was found at 15 Dostoevsky Street.
13. It appears that on 10 November 1999 a video record of the site of the incident was made by local residents.
14. On 24 January 2000 the Urus-Martan Administration (aдминистрация г. Урус-Мартан) drew up an evaluation report (дефектный акт) describing in detail the damage inflicted on the house at 24a Dostoevsky Street as a result of the attack.
15. On an unspecified date in November 2000 the Urus-Martan Administration issued the first applicant with a certificate confirming that the house at 24a Dostoevsky Street belonging to him had been partly destroyed as a result of the bomb strike on 19 October 1999.
16. On 25 February 2002 the Urus-Martan Administration issued the second applicant with a certificate confirming that the house at 24a Dostoevsky Street had been partly destroyed as a result of warfare in the Chechen Republic and that it was presently unfit for human habitation.
2. Official investigation
17. After the attack the applicants sought the opening of an investigation into the events of 19 October 1999. It was mostly the first applicant who, in his own name and on behalf of the other applicants, applied, both in person and in writing, to various public bodies.
(a) Replies from military and administrative authorities
18. Between January 2000 and November 2001 the first applicant received a number of similar letters from the General Headquarters of the Russian Air Force (Главный штаб Военно-воздушных сил), the acting commander-in-chief of the Air Force (временно исполняющий обязанности Главнокомандующего Военно-воздушными силами) and the General Headquarters of the Armed Forces of Russia (Генеральный штаб Вооруженных Сил РФ), stating that the Air Force had never flown in the vicinity of Urus-Martan or launched any bomb strikes in October 1999 or later. The letters added that air strikes were only aimed at targets which had been pre-selected and identified as military and were situated at a distance of at least two to three kilometres from inhabited areas, and that the accuracy of military aircraft precluded any possibility of accidental hits on civilian buildings. As regards the first applicant’s complaint about an unexploded bomb found by the residents, he was invited to apply to “a competent body of the Ministry of the Interior” in the vicinity of his home.
19. During the same period the first applicant also received responses from the Ministry of the Interior, the commander of the Missile Troops and Artillery (начальник ракетных войск и артиллерии) and the commander of the Troops of the North Caucasus Military Circuit (командующий войсками Северо-Кавказского военного округа), who denied any involvement by their personnel in the alleged attack of 19 October 1999 on Urus-Martan.
20. On 15 February 2001 an acting head of the Headquarters of military unit no. 40911 informed the first applicant that the aircraft of the Fourth Army of the Air Force and Counter Missile Defence (Четвертая Армия Военно-воздушных сил и противоракетной обороны) had not attacked Urus-Martan or launched an air strike on the house at 24a Dostoevsky Street, since they had not possessed any information regarding any military objects in the said area which would warrant such a strike. The letter also stated that the information allegedly received by the first applicant from the military prosecutor’s office, to the effect that on 19 October 1999 two SU-25 military aeroplanes had launched an air strike on Urus-Martan, was inaccurate.
21. On 18 December 2001 the Office of the Plenipotentiary Representative of the Russian President in the Southern Federal Circuit (Аппарат Полномочного представителя Президента РФ в Южном федеральном округе) informed the first applicant that there had been no warfare on the territory of Urus-Martan in October 1999, that illegal armed formations had no military aircraft or bombs and missiles in their arsenal and that in October 1999 no incursion by foreign military aircraft into the airspace of the Russian Federation had been detected.
22. In a letter of 14 November 2002 the commander-in-chief of the Air Forces also informed the first applicant that, according to a register of combat air missions (журнал учетa боевых вылетов) and a tactical map (карта ведения боевых действий), on 19 October 1999 aircraft of the Russian Air Forces had not carried out any bomb strikes at a distance of one kilometre from the south-eastern outskirts of Urus-Martan.
(b) Criminal proceedings
23. It appears that on 7 April 2000 the military prosecutor of military unit no. 20102 decided to dispense with criminal proceedings in connection with the events of 19 October 1999, stating that there was no evidence of involvement by federal military personnel in the imputed offence, and that the alleged casualties and damage could have been inflicted by fighters of illegal armed groups.
24. On 21 July 2000 the prosecutor’s office of the Chechen Republic (прокуратура Чеченской Республики – “the republican prosecutor’s office”) instituted criminal proceedings in connection with the aerial attack of 19 October 1999 on Urus-Martan and the killing of residents and destruction of property, under Articles 105 § 2 (a) and (e) (killing of two or more persons committed in a socially dangerous manner) and 167 § 2 (aggravated deliberate destruction of one’s property) of the Russian Criminal Code. The case file was given the number 24031 and sent to the prosecutor’s office of the Urus-Martan District (прокуратура Урус-Мартановского района – “the district prosecutor’s office”).
25. Between 21 July 2000 and 7 March 2001 the criminal proceedings were suspended and resumed on three occasions (see paragraphs 54-56 below).
26. On 28 March 2001 the first applicant was acknowledged as a victim and a civil claimant in criminal case no. 24031.
27. On 29 April 2001 the district prosecutor’s office referred the file in case no. 24031 to the military prosecutor of military unit no. 20102 (военная прокуратура – войсковая часть 20102) for further investigation (see paragraph 58 below). The latter sent the case file to the republican prosecutor’s office on 11 May 2001 (see paragraph 59 below).
28. On 6 June 2001 the investigation was resumed and then stayed on 6 July 2001 (see paragraphs 60-61 below).
29. By a decision of 18 March 2002 the military prosecutor’s office of the North Caucasus Military Circuit (военная прокуратура Северо-Кавказского военного округа – “the circuit military prosecutor’s office”) refused the first applicant’s request to have criminal proceedings instituted against senior officers from the General Headquarters of the Russian Armed Forces and the General Headquarters of the Russian Air Forces who had allegedly provided him with false information concerning the attack of 19 October 1999. The decision referred to the statements of a number of officers who had claimed that the first applicant’s allegations relating to the bombing of Urus-Martan had been thoroughly investigated on several occasions and had proved to be unsubstantiated. In particular, one of the officers stated that he had personally examined the register of combat air missions (журнал учет боевых вылетов) and tactical map (карта ведения боевых действий) for the relevant period and ascertained that there had been no air strikes on the town of Urus-Martan on 19 October 1999. However, at 1.30 p.m. on that date high-explosive 250 kg aerial bombs had been launched on a group of fighters located one kilometre from the south-eastern outskirts of Urus-Martan. The decision concluded that it had since been established that the officers had provided the first applicant with full and true information and that there were no constituent elements of a crime as regards their actions.
30. On the same date the circuit military prosecutor’s office quashed the decision taken by the military prosecutor’s office of military unit no. 20102 on 7 April 2000. The circuit military prosecutor’s office stated, in particular, that the decision of 7 April 2000 had been based on explanations by the Head of the Headquarters of the Group “West”, Colonel K., and an extract from the register of combat air missions, indicating coordinates which had been attacked by a pair of SU-25 planes on 19 October 1999 and which had been situated twenty-seven kilometres from Urus-Martan. The decision of 18 March 2002 went on to say that an inquiry carried out in connection with the first applicant’s complaint against senior high-ranking officers from the General Headquarters of the Russian Armed Forces and the Main Headquarters of the Russian Air Forces had established that no air strikes on the town of Urus-Martan had been planned or carried out on 19 October 1999, and that the closest area attacked by a pair of federal planes on that date had been located one kilometre from Urus-Martan, in an area where members of illegal armed formations had been stationed. The decision concluded that in view of discrepancies in the information obtained, the inquiry could not be said to have been complete, and that therefore the decision of 7 April 2000 should be set aside.
31. On 25 August 2002 the district prosecutor’s office resumed the proceedings in case no. 24031. Thereafter in the period between 25 September 2002 and 18 April 2003 the investigation was stayed and resumed eight times (see paragraphs 64-71 below). During that period, on 17 October 2002 and 21 January 2003 respectively, the district prosecutor’s office granted victim status to the second and third applicants and declared them civil claimants in criminal case no. 24031.
32. In a letter of 3 September 2003 the district prosecutor’s office informed the first applicant that a number of investigative actions in criminal case no. 24031 had been taken, and in particular the scene of the incident had been inspected, fragments of bombs had been seized, new expert examinations had been ordered, and the military commander of the Chechen Republic (военный комендант Чеченской Республики) had been requested to take steps aimed at disposing of unexploded air bombs found in the residential district of Urus-Martan. The letter further stated that on 15 March 2003 the criminal proceedings in case no. 24031 had been stayed, and on 19 March 2003 the case file had been transmitted to the republican prosecutor’s office. At present the investigation was being carried out by the military prosecutor’s office of the United Group Alignment.
33. On 17 November 2003 the investigation into the attack of 19 October 2003 had been terminated with reference to the absence of constituent elements of a crime in the actions of high-ranking military officers (see paragraphs 74-82 below). According to the applicants, it was only the first applicant who had been informed of this decision, and none of the applicants had been furnished with a copy.
34. It appears that the first applicant then unsuccessfully applied to prosecutors at various levels in an attempt to obtain a copy of the decision of 17 November 2003.
35. In a letter of 15 March 2004 the military prosecutor’s office of the United Group Alignment informed the first applicant that the criminal proceedings in connection with the bomb strike of 19 October 1999 had been discontinued on 17 November 2003 and that a letter informing him of that decision had been sent to him on the same date.
36. On 26 March 2004 the military prosecutor’s office of the United Group Alignment informed the first applicant that the decision to discontinue the criminal proceedings in connection with the attack of 19 October 1999 had been lawful and well-founded, as it had been established during the investigation that the federal aircraft had bombed fortified command points, bases and ammunition depots of the illegal armed groups rather than any residential areas of Urus-Martan. The letter also stated that the first applicant was entitled to make a claim for compensation for his destroyed property.
37. On 10 May 2004 the first applicant complained to the Supreme Court of the Chechen Republic about the refusal of the military prosecutor’s office of the United Group Alignment to furnish him with a copy of the decision of 17 November 2003, which prevented him from appealing against that decision in court. It is unclear whether this complaint was examined.
38. On 7 June 2004 the Main Military Prosecutor’s Office (Главная военная прокуратура) transmitted the first applicant’s complaints about the prosecutors to the military prosecutor of the United Group Alignment for examination.
39. In a letter of 12 July 2004 the military prosecutor’s office of the United Group Alignment stated that the file of the criminal case opened in connection with the attack by federal aircraft on Urus-Martan on 19 October 1999 had been classified as secret, and therefore the first applicant’s request to provide him with the case-file materials could not be granted. It also transpired from the letter that the criminal proceedings had been discontinued, that the first applicant was entitled to institute civil proceedings, and that the case file could be submitted to a court upon the latter’s order.
40. In two letters of 31 July 2004 the military prosecutor’s office of the United Group Alignment informed the first applicant, in reply to his complaints of 26 April and 26 May 2004, that criminal proceedings instituted in connection with the aerial attack on Urus-Martan on 19 October 1999 had been discontinued on 17 November 2003 in the absence of the constituent elements of a crime in the attack, and that the criminal case file was classified as secret.
41. On 2 August 2004 the military prosecutor’s office of the United Group Alignment replied to the first applicant’s complaint of 26 May 2004, stating that the preliminary investigation in case no. 34/00/0008-03 had established that in October 1999 the town of Urus-Martan had been occupied by Islamic extremists, amounting to over 1,500 persons, who had based their headquarters in the town, had fortified it and had not been prepared to surrender, and that in such circumstances the federal command had taken a decision to carry out pinpoint bomb strikes against the bases of illegal fighters in Urus-Martan.
42. In a letter of 10 August 2004 the military prosecutor’s office of the United Group Alignment confirmed, in reply to the first applicant’s complaint of 20 April 2004, that the criminal proceedings concerning the attack of 19 October 1999 on Urus-Martan had been terminated. The letter also stated that the case-file materials had been classified as secret.
3. Proceedings for compensation
43. On an unspecified date in 2000 the first applicant issued civil proceedings against the Government of Russia, the Ministry of Finance and the Ministry of Defence and a number of prosecutors in the Basmanny District Court of Moscow (“the District Court”). He sought damages in connection with the allegedly improper handling of his complaints by prosecutors as well as pecuniary and non-pecuniary damage for his destroyed property.
44. On 14 November 2000 the Urus-Martan Administration replied to a query of the District Court, having confirmed that as a result of the air strike on 19 October 1999 six residents of Urus-Martan had been killed and several wounded, and that it held evaluation reports in respect of the destroyed and damaged houses.
45. In a letter of 19 January 2001 the Urus-Martan Administration again stated in reply to another query from the District Court, that an air strike of 19 October 1999 had resulted in six residents being killed and several wounded, as well as damage to dozens of houses, including the one at 24a Dostoevsky Street. This latter house was unfit for human habitation, and its poor state of repair had been reflected in an evaluation report previously submitted to the District Court.
46. On 24 May 2001 the district prosecutor’s office furnished the District Court with a report on the results of the investigation in criminal case no. 24031. The document stated that on 19 October 1999 an unidentified aircraft had launched a strike on Urus-Martan, with the result that six residents had died, sixteen were wounded, thirteen private houses were destroyed, including that of the first applicant, and twenty-seven houses were damaged. In this connection, on 27 July 2000 the republican prosecutor’s office had instituted criminal proceedings in case no. 24031 and the first applicant had been declared a victim and civil claimant in this case. The events of 19 October 1999 had been confirmed by forty-eight witnesses listed in the report and other witnesses, reports of the inspection of the crime scene and forensic examination as well as other evidence, such as fragments of exploded bombs seized from the first applicant’s house and a video record of the site of the incident, dated 10 November 1999. Finally, the report stated that, as the illegal armed groups had no aircraft, on three occasions the criminal case had been sent for further investigation to the military prosecutor’s office, which, however, had returned it on various grounds, thus protracting the investigation and making it difficult to identify the pilots involved in the attack of 19 October 1999.
47. On 11 May 2001 the District Court delivered its judgment, holding that the public bodies had properly examined the first applicant’s complaints and given him timely responses, and therefore had not infringed his rights, including the right to receive information. As to the first applicant’s claims regarding compensation for the destroyed property, the court held that they could not be granted, as “the federal armed forces had conducted a military operation in the Chechen Republic by virtue of presidential and governmental decrees that had not been found unlawful”. The court further stated that the destruction of the first applicant’s house could not be imputed to the defendants, since the military actions had been carried out not only by the federal troops but by the illegal armed groups as well, and that no causal link had been established between the defendants’ actions and the damage sustained by the claimant. The first applicant’s claims for compensation in respect of non-pecuniary damage could not be granted either, as he had not submitted any evidence that the defendants’ actions had caused him any physical, mental or emotional suffering, and had not indicated the amount of the compensation sought. In view of the above, the court concluded that there were no grounds to grant the first applicant’s claims.
48. On 4 October 2001 the Moscow City Court upheld the first-instance judgment on appeal, relying largely on the District Court’s reasoning.
B. Documents submitted by the Government
49. In December 2006, following communication to them of the present application, the Government produced a copy of the investigation file in case no. 34/00/0008-03 (initially no. 24031) opened in respect of the attack of 19 October 1999 on Urus-Martan. The materials produced ran to approximately 1,200 pages and seemed to represent a copy of the major part of, if not entire, case file. These documents, in so far as relevant, can be summarised as follows.
(a) Documents relating to the conduct of the investigation and informing the applicants of its progress
50. By a decision of 21 July 2000 the republican prosecutor’s office instituted criminal proceedings in connection with the first applicant’s complaint concerning a bomb strike on a residential quarter of Urus-Martan on 19 October 1999, resulting in six persons being killed, sixteen wounded, with thirteen houses being destroyed and twenty-seven damaged. The proceedings were brought under Articles 105 § 2 (aggravated murder) and 167 § 2 of the Russian Criminal Code, and the case was transferred to the district prosecutor’s office for investigation. A letter of the same date informed the first applicant of the decision to institute criminal proceedings but did not indicate the date of that decision.
51. In a letter of 31 August 2000 the republican prosecutor’s office drew the attention of the district prosecutor’s office to “unprecedented procrastination” of the investigation in case no. 24031. The letter stated, in particular, that for a period of one month the investigator in charge had not performed any investigative action and had not questioned victims or witnesses. It instructed the district prosecutor’s office to revive the investigation and to establish the circumstances of the case. In particular, it was necessary to interview all the victims of the bomb strike in question, to grant them victim status and declare them civil claimants; to question the relatives of those deceased and grant them victim status; to inspect the scene of the incident using photographic and video devices, and to establish and interview eyewitnesses of the events in question.
52. On an unspecified date in October 2000 the investigator in charge sought the competent prosecutor’s authorisation for an extension of the term of the preliminary investigation. The relevant decision listed the findings made by the investigation up to that time. It referred, in particular, to statements of a number of residents of the quarter that had come under attack on 19 October 1999 who, being eyewitnesses to the incident, insisted that the military planes had been flying at a low altitude and that the pilots could therefore have clearly seen that they were targeting a residential quarter. The decision further referred to the residents’ statements to the effect that no illegal fighters had ever lived in their quarter and that property occupied by the rebel fighters had been located on the outskirts of Urus-Martan and by that time had already been hit by federal bombers, and that therefore there had been no reason to bomb a residential quarter inhabited by civilians. The decision went on to note that during the inspection of the scene of the incident large metal fragments of aerial bombs had been found and that, in addition, unexploded bombs were still lying in the courtyards of a number of properties. The decision stated that the evidence obtained proved the involvement of the federal air forces in the attack of 19 October 1999, this finding being confirmed by eyewitness statements, photographs and video records, evaluation reports attesting to the inflicted damage and a report on the inspection of the scene of the incident.
53. In a letter of October 2000 (the exact date is illegible) the military prosecutor’s office of military unit no. 20102 returned the case file to the republican prosecutor’s office stating that a number of formal requirements had not been complied with. The latter referred the case file to the district prosecutor’s office on 30 October 2000 ordering it to remedy the defects.
54. A decision of 21 January 2001 by the district prosecutor’s office ordered the suspension of the criminal proceedings. It stated that all possible investigative measures had been performed but it had not been possible to establish who was responsible.
55. In a decision of 7 February 2001 a supervising prosecutor set aside the decision of 21 January 2001 as unfounded and premature. It ordered that the investigation be resumed, that eyewitnesses to the attack be questioned, that the results of medical forensic examinations and ballistic tests be included in the case file and that the first applicant be granted victim status in connection with pecuniary losses that he had incurred as a result of the attack.
56. In a decision of 7 March 2001 the district prosecutor’s office ordered a suspension of the criminal proceedings in case no. 24031, stating that all investigative measures indicated in the supervising prosecutor’s decision of 7 February 2001 had been carried out, but it had not been possible to establish who was responsible.
57. In a letter of 14 April 2001 the district prosecutor’s office replied to the first applicant that his request for certified copies of decisions instituting criminal proceedings in case no. 24031 and extending the term of the preliminary investigation “had no basis in law” and therefore could not be granted. The letter also indicated that the term of the preliminary investigation into the said criminal case had been extended until 21 January 2001 and that on 10 October 2000 it had been sent to a military prosecutor’s office, which had returned it on 26 October 2000 because of procedural defects. The letter went on to say that ballistic tests had been ordered in the case on 16 November 2000; however, those tests had not yet been carried out. It then noted that on 21 January 2001 the investigation had been suspended, then resumed on 7 February 2001 and again stayed on 7 March 2001. The letter also assured the first applicant that his requests in the present case would be recorded in the case file and taken into consideration during further investigation.
58. In a decision of 29 April 2001 the district prosecutor’s office ordered that the case file be transferred to the military prosecutor’s office of military unit no. 20102 for further investigation. The decision stated that it had been established that the destruction of houses and other property and the deaths and injuries of residents of Urus-Martan on 19 October 1999 had been due to an aerial strike by aircraft of the federal armed forces. This fact had been confirmed by witnesses and victims and by the inspection of the site of the incident, where fragments of aerial bombs and missiles had been found. The involvement of federal military personnel in that attack was obvious, since the illegal armed formations had no aircraft, and the case file therefore had to be transferred to the military prosecutor for further investigation, in order to identify the military unit and military personnel which had committed the offence in question.
59. In a letter of 11 May 2001 the military prosecutor’s office of military unit no. 20102 transmitted the case file to the republican prosecutor’s office. The letter stated that the district prosecutor’s office’s conclusion that on 19 October 1999 Urus-Martan had come under a bomb strike was based on contradictory witness statements and had no objective confirmation. The letter pointed out, in particular, that whilst some of the witnesses had stated that they had seen planes that had allegedly carried out the strike, some other witnesses had indicated that they had not been able to see planes as on the day in question it had been cloudy and misty. Moreover, according to the letter, there were also discrepancies in witness statements concerning the overall number of planes that had allegedly participated in the attack and their colour. The letter went on to note that the origin of the ammunition fragments seized from two of the properties, that had allegedly come under the attack on 19 October 1999 (see paragraph 88 below), had not been established and it had not been ascertained how it had been possible that those fragments could still be found a year after the attack. At the end, the letter stated that at the same time the command of the United Groups Alignment and the Russian Ministry of Defence had reported that on 19 October 1999 the federal aircraft had not carried out any strikes on Urus-Martan.
60. By a decision of 6 June 2001 the district prosecutor’s office resumed the investigation.
61. A decision of 6 July 2001 ordered that criminal proceedings be suspended owing to the failure to establish the alleged perpetrators and that the case file be transferred to the military prosecutor’s office. The decision was similar to that of 29 April 2001. It stated, in particular, that the involvement of the federal aircraft in the attack had been established by eyewitness statements and the results of ballistics tests, which had confirmed that fragments found at the scene of the incident had been those of artillery shells and aerial bombs. It also stated that an unexploded aerial bomb had remained on the ground near the house at 15 Dostoyevskiy Street since the attack of 19 October 1999.
62. In a letter of 15 May 2002 the republican prosecutor’s office returned case no. 24031 to the district prosecutor’s office for further investigation. The letter stated that upon the study of the case-file materials it had been established that the investigation had been vitiated by flagrant violations of procedural law with the result that the military prosecutor’s office had refused to take over the case. The letter then listed in detail the procedural breaches that had occurred during the inspection of the scene of the incident and the seizure and examination of ammunition fragments found there and stated that as a result of those breaches the seized splinters could not be admitted in evidence. The letter further noted that to date those who had suffered pecuniary damage had not been declared civil claimants and that contradictions in eyewitness statements had not yet been resolved. The letter also stated that although the case had repeatedly been returned to the district prosecutor’s office because of all those shortcomings, they had not been remedied.
63. By a decision of 25 August 2002 the district prosecutor’s office resumed the criminal proceedings.
64. A decision of 25 September 2002 ordered that the investigation be stayed. The decision stated briefly that all possible investigative measures had been taken but that it had not been possible to establish the alleged perpetrators.
65. By a decision of 1 October 2002 the district prosecutor’s office resumed the investigation. The decision stated that, as requested by the first applicant, it was necessary to question as witnesses a number of high-ranking military officers who had participated in the counter-terrorism operation in the Chechen Republic.
66. A decision of 1 November 2002 ordered the suspension of the criminal proceedings. It stated that after the reopening of the investigation on 1 October 2002, the investigating authorities had sent a request to interview a number of high-ranking officers, carried out an expert examination of the first applicant’s orchard lost during the attack in question and granted victim status to the second applicant. Therefore, according to the decision, all possible investigative actions had been taken.
67. A decision of 10 January 2003 set aside the decision of 1 November 2002 as unfounded, stating that the instructions of the republican prosecutor’s office to remedy the procedural breaches had not been complied with. In particular, there had been breaches of procedural law in the seizure of ammunition fragments, which were therefore inadmissible evidence. Moreover, a number of persons who had suffered losses as a result of the incident had not been declared civil claimants in the case. Also, the contradictions in eyewitnesses’ descriptions of the attack had not been resolved. The decision thus ordered that the proceedings be resumed.
68. A decision of 10 February 2003 ordered the suspension of the criminal proceedings. It listed investigative measures taken in January 2003, including the seizure of splinters, ordering their expert examination, granted the status of civil claimant to the victims and concluded that all the investigative actions that had been possible in the absence of those responsible had been carried out.
69. A decision of 15 February 2003 ordered that the investigation be resumed, stating that a number of investigative actions should be carried out in the case. In a letter of February 2003 (the exact date is unclear), the first applicant was informed of the recent developments in the case.
70. By a decision of 15 March 2003 the criminal proceedings in case no. 24031 were adjourned owing to the failure to establish the alleged perpetrators.
71. By a decision of 18 April 2003 a prosecutor of the military prosecutor’s office of the United Group Alignment ordered that the investigation be resumed. It can be ascertained that at this stage the case was assigned the number 34/00/0008-03.
72. On the same date the military prosecutor’s office of the United Group Alignment informed the district prosecutor’s office of this decision and invited it to notify those declared victims of the reopening of the case. In another letter of the same date the military prosecutor’s office of the United Group Alignment apprised the first applicant of its decision to resume the investigation.
73. In a decision of 18 April 2003 the investigator in charge sought the authorisation of a competent prosecutor to extend the term of the preliminary investigation until 18 August 2003. The decision stated that a large number of investigative actions had to be taken. In particular, it was necessary to question high-ranking officers in command of the counter-terrorism operation in the Chechen Republic; to identify and interview an officer in charge of the operation in Urus-Martan on 19 October 1999, an officer in command of the pilots who had carried out bomb strikes on Urus-Martan on the date in question and the pilots themselves; to examine and, if necessary, seize relevant military documents, including a register of combat air missions and tactical maps; to examine the materials of enquiries carried out by the military authorities in connection with the first applicant’s complaints about the attack; to conduct expert examinations; and to perform other necessary investigative actions.
(b) Decision of 17 November 2003
74. A decision of 17 November 2003 terminated the criminal proceedings in case no. 34/00/0008-03. It stated, in particular, that pursuant to Presidential Decree no. 1255c of 23 September 1999, the Russian authorities had launched a counter-terrorism operation in the Northern Caucasus for the disarmament and liquidation of illegal armed groups and restoration of constitutional order.
75. The decision went on to say that the operation had been carried out by the federal armed forces and that in late September 1999 the Group “West” had been formed under the command of General Major Sh. In the same period the United Air Forces Group had been created under the command of General Lieutenant G. In early October 1999 the federal forces had commenced the counter-terrorism operation in the Chechen Republic.
76. According to the decision, the authorities, via the mass-media and leaflets, had ordered the illegal fighters to stop their criminal activity and lay down arms. The authorities had warned the local population of the possible use of aircraft and artillery in case of organised resistance by the illegal armed groups to the federal forces. In response, the rebel fighters had offered fierce armed resistance and had organised fortified defence in local settlements, prohibiting the residents from leaving their houses and using them as human shields.
77. The decision further stated that in the middle of October the town of Urus-Martan had been occupied by Islamic extremists – Wahhabis – amounting to over 1,500 persons, who had based their headquarters in the town and had significantly fortified it. In particular, they had located their command points in the central part of the town, in school no. 7 and the building of the town administration and had kept captives and local residents detained for refusal to collaborate with them in the basements of those buildings. The illegal fighters had also had a number of radio relays and television re-transmitters in the town which they had actively used for detecting movements of the federal forces. On the outskirts the rebel fighters had located their bases and a centre for subversive training.
78. The decision referred, in particular, to witness interviews of Mr Af. and Mr Chay., intelligence officers, who had carried out reconnaissance in Urus-Martan in the relevant period. They both stated that the town had been occupied by the Wahhabis, who had significantly fortified it and prepared for long-term defence. According to them, the depth of defence extended to three to four quarters from the outskirts towards the town centre; the fighters had dug trenches and dugouts, filled pits with oil to be able to explode them on the approach of the federal forces, and organised numerous firing posts in residential buildings. Mr Af. also stated that the majority of the local residents had left the town, and that an insignificant number of residents remaining in Urus-Martan had been forcibly kept by the extremists who had used them as human shields. The decision also referred to statements of Mr Kh., a resident of Urus-Martan, who pointed out, in particular, that at the material time more than half of the civilian residents had left the town because of persecutions by illegal fighters, who had detained, robbed, killed and used as human shields those residents who had shown resistance to them.
79. The decision also stated that in October 1999 the illegal armed groups had led active military actions against the federal forces, using surface-to-air missile systems and large-calibre firearms against the federal aircraft. In particular, the extremists had attacked the federal aircraft from the roofs of high-rise buildings in Urus-Martan with the result that a number of planes and helicopters had been shot down and the pilots either killed or captured. Such incidents had taken place on 1, 2 and 4 October 1999. Also, according to intelligence data, a new group of approximately 300 fighters had arrived at Urus-Martan for reinforcement around 18 October 1999.
80. In those circumstances, on 18 October 1999 General Major Sh. had issued order no. 04, which in paragraph 2 prescribed that aircraft resources be assigned for tactical support to the Western Alignment and that illegal fighters’ bases, ammunition depots and other important targets outside the reach of the federal artillery fire be destroyed by pinpoint aerial strikes.
81. On 19 October 1999, pursuant to that order, two military SU-24M planes, each laden with eighteen high-explosive fragmentation aerial bombs of calibre 250-270 kg, had carried out strikes on concentrations of illegal fighters one kilometre to the east of Urus-Martan at 1.30 p.m. and 1.31 p.m. At the same time they had carried out strikes on the extremists’ bases in Urus-Martan, including those situated in school no. 7 and the building of the town administration. The planes had also bombed rectangle no. 75443 on the eastern outskirts of Urus-Martan where residential buildings prepared for long-term defence were situated. The residential quarter comprising Dostoyevskiy, Mayakovskiy and Pervomayskaya Streets had fallen within rectangular no. 75443.
82. The decision further quoted the conclusions of the operative and tactical experts’ examination (see paragraph 114 below) to the effect that the decision had been well-founded and timely and that the relevant military authorities had taken measures to minimise casualties among civilian residents of Urus-Martan. It then concluded that there had been no elements of criminal offences punishable under Articles 105 § 2 and 167 § 2 of the Russian Criminal Code in the actions of General Major Sh. and General Lieutenant G. and that therefore the criminal proceedings against them should be discontinued.
(c) Documents relating to investigative measures
83. In a request of 29 July 2000 the district prosecutor’s office instructed the Urus-Martan VOVD to establish and interview the victims of the attack of 19 October 1999, relatives of those deceased; to grant them victim status and the status of civil claimant in the case; to inspect carefully the scene of the incident; to take photographs and to make a video record of the site, and, if possible, to seize exhibits, including fragments of bombs, to carry out ballistics tests and to perform other necessary investigative actions.
84. In a letter of the same date the district prosecutor’s office requested the military prosecutor’s office of military unit no. 20102 to send them material of an inquiry into the first applicant’s complaint concerning the attack of 19 October 1999.
85. In letters of 24 August 2000 the district prosecutor’s office reminded the Urus-Martan VOVD and the military prosecutor’s office of military unit no. 20102 of its requests of 29 July 2000, stating that to date they had not been complied with.
86. In a letter of 24 August 2000 the first applicant requested that victim status be granted to a number of persons, including himself and the third applicant, in connection with the destruction of the property at 24a Dostoyevskiy Street, as a result of the federal aerial attack of 19 October 1999.
87. Reports of 3 and 5 October 2000 on the inspection of the scene of the incident described in detail the state of the houses that had come under the aerial attack of 19 October 1999. In particular, the report of 3 October 2000 attested to the damage inflicted on “the property belonging to [the first applicant]” and mentioned a bomb crater on the plot of land on which the property was situated. The same report also indicated that during the inspection metal shrapnel resembling fragments of an artillery shell had been found and seized. Photographs taken during the inspection of the scene of the incident were enclosed with the reports. They represented a number of damaged properties, including that of the first applicant, and shrapnel found on the plot of land of the first applicant’s property.
88. By two similar decisions of 5 October 2000 the investigator in charge ordered the seizure of metal fragments resembling pieces of an aerial bomb or artillery shell from the first applicant’s property and from that of another resident of the quarter that had come under the attack of 19 October 1999.
89. A decision of 16 November 2000 ordered an expert’s examination of metal fragments found at the scene of the incident with a view to establishing their origin. It does not appear that any expert’s examination was carried out pursuant to that decision, as on 6 June 2001 the investigator in charge ordered another expert’s examination of the fragments. An expert’s report of 25 June 2001 confirmed that the fragments in question were pieces of artillery shells, aerial bombs and ammunition, the origin of which had not been possible to establish.
90. Reports of 9 February 2001 attested to the seizure and examination of a videotape, with a record of the results of the attack of 19 October 1999.
91. In a letter of 18 February 2001 the investigator in charge requested a competent prosecutor in Moscow, where the first applicant lived at that time, to interview the first applicant in connection with the events of 19 October 1999 and to declare him a victim and civil claimant. On 16 March 2001 the investigator re-sent his request to the same prosecutor, stating that there was no indication that the previous request had been complied with.
92. By a decision of 28 March 2001 the first applicant was declared a victim in criminal case no. 24031. He was apprised of this decision on the same date.
93. By a decision of 1 October 2002 the investigator in charge ordered an expert’s examination of the applicant’s orchard, which, according to him, had been lost as a result of the bombing of 19 October 1999, with a view to establishing the degree of damage incurred.
94. By a decision of 17 October 2002 the district prosecutor’s office declared the second applicant a victim and a civil claimant in the case. In a request of the same date the district prosecutor’s office instructed a competent prosecutor at the second applicant’s current place of residence in Moscow to interview her in connection with the incident of 19 October 1999. The second applicant was apprised of this request in a letter of the same date.
95. In another request of the same date the district prosecutor’s office instructed the military prosecutor’s office of the Moscow Garrison to interview as witnesses a number of high-ranking military officers about the circumstances of the attack of 19 October 1999. In a letter of the same date the district prosecutor’s office informed the applicants of that decision as well as of the decision to carry an expert’s examination of the orchard.
96. In a letter of 23 December 2002 the republican prosecutor’s office informed the district prosecutor’s office of the second applicant’s complaint, lodged on behalf of the third applicant, about the failure of the district prosecutor’s office to grant victim status to the third applicant despite the first applicant’s request to that end submitted previously. The letter thus invited the district prosecutor’s office to resume the investigation in case no. 24031 and to take the requested decision.
97. Decisions of 21 and 22 January 2003 granted victim status and the status of civil claimant, respectively, to the third applicant, who was notified thereof on the same dates.
98. A decision of 17 January 2003 ordered the seizure of pieces of shrapnel from the first applicant’s property in Urus-Martan. Two reports of the same date described the seized splinters.
99. A decision of 19 January 2003 ordered that the splinters seized on 17 January 2003 be included in the case file as evidence. A report of the same date described the results of the examination of those splinters by the investigator in charge.
100. A decision of 25 January 2003 ordered an expert’s examination of the pieces of shrapnel seized on 17 January 2003 with a view to establishing their origin.
101. In a letter of 17 February 2003 the district prosecutor’s office requested the Urus-Martan Administration to establish a competent commission to assess damage inflicted on the individual houses during the attack of 19 October 1999 and to draw up evaluation reports.
102. In another letter of the same date the district prosecutor’s office informed the military commander’s office of the Urus-Martan District (военный комендант Урус-Мартановского района) that after the bomb strike of 19 October 1999 two unexploded bombs remained lying on the plots of land of two private properties and invited the military commander’s office to take measures to dispose of those bombs. A similar letter was sent to the military commander’s office of the Chechen Republic on 26 February 2003.
103. According to a report of 23 April 2003, on the date in question the register of the combat air missions of the federal forces in the Chechen Republic for the period between 8 and 27 October 1999 and the tactical map for the period between 13 and 26 October 1999 were examined by the investigating authorities. The report then described in detail the entries made in those documents as regards the air combat missions on 19 October 1999. It also indicated that, according to those documents, Urus-Martan had not been attacked by the federal aircraft on the date in question, and that the only targets hit that day had been located at distances of one and twenty-two kilometres from the town.
104. A report of 30 April 2003 gave the results of the examination of the register of military actions of the aircraft of the United Group Alignment (журнал боевых действий авиации ОГВ) for the period from 29 September 1999 to 20 January 2000. According to the report, on 19 October 1999 two entries had been made in the register; they concerned two attacks by federal military helicopters against illegal fighters who had been located about forty kilometres from Urus-Martan. There was no other information regarding the events of 19 October 1999 in the register.
105. As can be ascertained from a report of 5 May 2003, which is barely legible, on that date the investigating authorities examined the register of military actions of the United Group Alignment comprising the period between 25 September and 29 November 1999. It appears that in the register there were no entries to the effect that any aerial strikes had been carried out on Urus-Martan on 19 October 1999.
106. In letters of 31 May and 5 June 2003 the investigator in charge requested the relevant military units to provide information on the identity of the pilots who had carried out strikes at a distance of one kilometre from Urus-Martan on 19 October 1999.
107. In letters of 3 June 2003 the investigator in charge requested various competent authorities to provide information as to whether the residents of Urus-Martan listed in that letter had been involved in the activities of illegal armed groups. The list of names included those killed during the attack of 19 October 1999 as well as those who had been granted victim status in connection with that incident. On 29 October 2003 the Russian Federal Security Service replied that four persons included in the list had participated in the activities of the illegal armed groups.
108. In two letters of 10 June 2003 the acting commander of military unit no. 22290 – an air-force unit that had participated in military operations in the vicinity of Urus-Martan in the relevant period – stated in reply to the military prosecutor of the United Group Alignment that it was not possible to submit their unit’s tasking schedule (плановая таблица) for 19 October 1999 as it had been destroyed in November 2000, given that pursuant to a relevant order of the Russian Ministry of Defence its storage time had been one year. The letters went on to say that in the relevant period no register of orders received and given had been maintained, no register of combat air missions had been maintained, no register of military actions had been maintained and no tactical map had been maintained. The letters also stated that the means of objective control – testorograms and photographs – for 19 October 1999 had been unavailable as they had been destroyed a year after that date, as prescribed in a relevant order of the Russian Ministry of Defence, and no tape-recordings were available as they had only been kept for three months. Lastly, the letters indicated that the register of the commander’s military orders and the map for the commander’s orders for military actions had been sent to Rostov-on-Don in December 2000.
109. An expert’s report of 20 June 2003 stated that the metal fragments seized on 17 January 2003 (see paragraph 98 above) were pieces of industrially manufactured metal objects that had been destroyed by explosion of a contact charge and that some of them might be fragments of ammunition.
110. A report of 2 July 2003 on the examination of a video-recording of the process of excavation and destruction of unexploded aerial bombs that had remained after the attack of 19 October 1999 stated that it had been established that they had been highly explosive bombs of calibre 250-270 kg.
111. In a letter of 3 July 2003 the commander of military unit no. 11731, which at the relevant time was participating in military actions in the vicinity of Urus-Martan, stated that all the documents relating to operations in October 1999, and, namely, a register of orders given and received, a register of combat air missions, a register of military actions, combat orders, pilots’ reports on their missions and a tactical map, had been destroyed on 13 December 2001 as they had lost their practical value and had had no historical or scientific value.
112. An expert’s report of 9 July 2003 assessed the damage inflicted on the orchard on the first applicant’s real estate. The report stated that of 131 fruit trees only 40 trees had remained undamaged and then described in detail the ruined orchard. The report further indicated that the pecuniary losses incurred as a result of the devastation amounted to 856,400 Russian roubles (RUB, approximately 21,000 euros (EUR)).
113. By a decision of 20 October 2003 the investigator in charge ordered an operative and tactical experts’ examination with a view to establishing whether there had been any shortcomings in the organisation and execution of a bomb strike in the vicinity of Urus-Martan on 19 October 1999 on the part of the commander of the Group “West”, General Major Sh., and the commander of the United Air Forces Group, General Lieutenant G.
114. A report of 16 November 2003 gave the results of the operative and tactical experts’ examination. The experts stated that General-Major Sh.’s decision to carry out bomb strikes on 19 October 1999 on fortified points and bases of illegal armed groups and on their radio and electronic facilities had been well-founded and timely, as at that time the town of Urus-Martan had been occupied by illegal fighters, amounting to over 1,500 persons, who had fortified it and had not been prepared to surrender and who had been reinforced with a new group of around 300 illegal fighters a day before the attack. According to the experts, any other methods of action by federal forces, such as a ground attack, storming or forcing out, would have led to unjustified losses among them. The experts also stated that, when organising the bomb strike in question the command of the Group “West” had taken certain measures with a view to minimising civilian casualties. In particular, according to the report, the military authorities had opted for pinpoint strikes, which had resulted in only six people being killed and seventeen wounded, four of the latter belonging to illegal armed groups. On the other hand, considerable losses had been caused to the illegal fighters who, as a result, had subsequently, on 7 and 8 December 1999, surrendered the town without fighting with the result that there had been no casualties among the federal armed forces. The report thus concluded that the actions of General Major Sh. and General Lieutenant G. had complied with all relevant instructions and regulations, including the Infantry Field Manual, that the decision to carry out a strike on 19 October 1999 had been reasonable and that the federal aircraft had been used in Urus-Martan on 19 October 1999 pursuant to competent officers’ decisions and taking into account the existing situation and intelligence data.
(d) Witness interviews
115. The case file contains written explanations given on 18 March 2000 by Mr K. – the Head of the Headquarters of the Group “West” – to the prosecutor of military unit no. 20102. According to them, during the period of 19-20 October 1999 the Group “West” had been entrusted with a mission to force out illegal armed groups from the town of Urus-Martan. In Mr K.’s submission, in order to avoid casualties among civilian residents of Urus-Martan, the federal command had repeatedly applied to them with a request for the Wahhabis to discontinue their resistance and leave the town and had warned the residents that otherwise the Wahhabis would be destroyed by artillery fire and aerial attacks. Therefore, according to Mr K., the civilians residing in Urus-Martan had been warned; however, given that the illegal fighters had not surrendered, pinpoint bomb strikes had been aimed at their bases. In Mr K.’s submission, bomb strikes had been carried out by the military aircraft on the basis of information obtained by the latter’s intelligence service. Mr K. also noted that in December 1999 the federal forces had blocked Urus-Martan for further “sweeping-up” operations. During a witness interview of 18 April 2003 Mr K. stated that he could not give any explanations regarding the events of 19 October 1999, as he did not remember anything. He also stated as regards his written explanations of 18 March 2000 that the signatures on that document were his, but that he did not remember that he himself had stated what was written there. He added that at present he was unable to comment on those explanations, given that more than three years had elapsed since the date when they had been given.
116. In their explanations of 4-6 July 2000 a number of eyewitnesses – residents of the quarter that came under the attack – described the attack of 19 October 1999, stating that on the date in question, approximately between 12.30 and 1.30 p.m., two Russian military planes had arrived and that one of them had carried out strikes outside the territory of Urus-Martan, whereas the other had bombed the residential quarter in which the eyewitnesses lived. Two of them also stated that the residents of Urus-Martan had not been warned about any bomb strikes.
117. During witness interviews in the period from 7 September to 5 October 2000 sixty-three residents of the quarter that had come under the attack of 19 October 1999 described the events in question.
118. In explanations of 12 March 2001, Mr Z. – a senior officer of military unit no. 45881 – stated that, according to that unit’s tactical map, the town of Urus-Martan had not come under aerial attack in the period between 18 and 27 October 1999, and that on 19 October 1999 at 1.30 p.m. high-explosive 250 kg aerial bombs had been launched against a group of fighters located one kilometre from the south-eastern outskirts of Urus-Martan. As regards the information in the register of combat air missions (see paragraph 133 below), Mr Z. stated that the coordinates mentioned there had been situated from twenty-six to twenty-seven kilometres from Urus-Martan. During a witness interview of 12 November 2002 Mr Z. confirmed that he had been seconded to the Chechen Republic at the material time but stated that from 11 October to 28 November 1999 he had been on leave outside the territory of the Chechen Republic, and therefore he had never participated in the planning and organisation of the aerial attack of 19 October 1999. He added that he could not be a witness in the case concerning that incident, as he had been serving in a military unit other than that which had participated in that attack.
119. According to a relevant transcript of a witness interview, the first applicant was questioned on 27 March 2001.
120. In a witness interview of 21 January 2003 Mr M., at the material time a First Deputy Head of the General Headquarters of the Russian Armed Forces, stated that, as far as he knew, during the counter-terrorism operation in the Chechen Republic no bomb or missile strikes, or any other aerial attacks had been planned or carried out on inhabited settlements. According to Mr M., such strikes had been carried out only on pre-selected targets relating to the activities of illegal armed groups.
121. In his witness interview of 25 January 2003 Mr Mikh., at the relevant time the Deputy Commander-in-Chief of the Russian Air Forces, stated that he had not given any orders to carry out a bomb strike on the town of Urus-Martan on 19 October 1999, and that he was unaware of any bombing of Urus-Martan by federal aircraft.
122. During a witness interview of the same date Mr Ch., a Deputy Head of the Chief Headquarters and the Head of the Operative Administration of the Air Forces, made similar statements.
123. In a witness interview of 15 April 2003 the second applicant described the possessions that she had lost during the attack of 19 October 1999.
124. In a witness interview of 24 April 2003 Mr A., a high-ranking military officer who at the material time had been seconded to the Chechen Republic, stated that he knew nothing of a bomb strike on Urus-Martan on 19 October 1999 and was therefore unable to provide any relevant information in that respect. He was also unable to give any explanation as regards his reply of 15 February 2001 to the first applicant’s complaint concerning the attack of 19 October 1999 (see paragraph 20 above).
125. In a witness interview of the same date Mr B., a high-ranking officer who at the relevant time had been seconded to the Chechen Republic, stated that he knew nothing about the attack of 19 October 1999 on Urus-Martan as in that period he had been in charge of operations in another area of the Chechen Republic. He was unable to provide any information other than that indicated in his reply to the first applicant dated 23 November 2000 to the effect that the federal air forces had never bombed Urus-Martan.
126. During questioning on 25 April 2003 Mr G., at the material time the Commander of the United Air Forces Group in the Chechen Republic (see paragraph 75 above), stated that he did not remember the events of October 1999, as much time had elapsed since them, and that all the actions of the federal air forces for that period had been recorded in the register of combat air missions and tactical map.
127. During questioning on 29 April 2003 Mr P., a high-ranking military officer seconded to the Chechen Republic at the material time, made similar statements.
128. On 9 and 10 June 2003 the investigating authorities questioned a number of officers of the federal air forces who had taken part in military operations in the vicinity of Urus-Martan at the relevant time. Two pilots, Par. and Mak., who in the relevant period had been seconded to the Chechen Republic and served in military unit no. 22290, stated that in October 1999 they had received an order from their commander, Colonel Mar., to carry out strikes in pre-selected rectangles on targets representing illegal armed groups on the northern and north-western outskirts of Urus-Martan. According to the pilots, when carrying out the strikes they had used missiles rather than aerial bombs given that the targets had been located very close to the town. The pilots stated that they had not used aerial bombs during their combat mission and had not carried out any strikes on residential quarters of Urus-Martan. They also insisted that any technical errors during the strikes, deviation from pre-selected targets and accidental striking had not been possible.
129. In his witness interview of 16 June 2003 Mr Iv., who in the relevant period had been seconded to the Chechen Republic as an officer of the Russian Ministry for Emergency Situations, stated that he had participated in deactivation of unexploded bombs that had remained, inter alia, in Mayakovskiy Street in Urus-Martan after the attack of 19 October 1999. He confirmed that on 2 and 3 April 2003 two unexploded aerial bombs had been excavated and then taken away and destroyed.
130. During questioning on 2 and 3 July 2003 four pilots, Pog., Ab., D. and Sh., who at the material time had been seconded to the Chechen Republic and served in military unit 11731, stated that they had performed a flight in a group of four planes on 19 October 1999 to the southern mountainous area of the Chechen Republic. According to Mr Pog., the planes had been laden with aerial bombs of calibre 250 or 500 kg. The pilots also stated that the results of the bombing had been recorded by means of objective control devices – video recorders and photographic cameras – and after the flight had been given to a commanding officer. The pilots insisted that they had been instructed to launch bombs in an area situated at a distance of no less than three kilometres from any inhabited settlement and that they had never carried out any strikes on Urus-Martan. They also stated that they had never heard of any such incidents, as in that case an internal investigation should have been carried out and those responsible should have been punished.
131. The case file also contains witness statements of Mr S., a pilot of a federal plane that had been shot down by rebel fighters on 4 October 1999 with the result that the other pilot of that plane had died and Mr S. had been captured by fighters. Mr S. stated that on the date in question they had been given orders to search for another federal plane that had been shot down by extremists the previous day, and then described the incident of 4 October 1999.
(e) Other documents
132. The case file contains an evaluation report (дефектный акт) drawn up by the Urus-Martan Administration on 21 January 2000 in respect of the first applicant’s property. It listed in detail the damage inflicted thereon.
133. An extract from the register of combat air missions signed by Mr K. (see paragraph 115 above) indicated that on 19 October 1999, between 3 and 3.10 p.m., a pair of SU-25 planes had carried out a bomb strike in a rectangle with coordinates [X] and [Y], that a truck with illegal fighters had been destroyed in a rectangle with coordinates [X1] and [Y1], and that a car with illegal fighters had also been destroyed.
134. A telegram of 17 November 2000 sent by a commanding officer of military unit 41001 stated that in October 1999 the targets selected for aerial strikes included illegal fighters’ bases, their fortified points, their ammunition depots, and the like, that during the relevant period the residential quarter in which the applicants lived had not been selected as a target, that on 19 October 1999 no pilots had been given an order to carry out a bomb strike on that quarter, and that no such strike had taken place on the date in question.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
A. Domestic law
1. Code of Criminal Procedure
135. Until 1 July 2002 criminal-law matters were governed by the 1960 Code of Criminal Procedure of the RSFSR. On 1 July 2002 the old Code was replaced by the Russian Code of Criminal Procedure (“the CCP”).
136. Article 125 of the CCP provides that the decision of an investigator or prosecutor to dispense with or terminate criminal proceedings, and other decisions and acts or omissions which are liable to infringe the constitutional rights and freedoms of the parties to criminal proceedings or to impede citizens’ access to justice, may be appealed against to a district court, which is empowered to examine the lawfulness and grounds of the impugned decisions.
2. Civil Code
137. Article 1069 provides that a State agency or a State official will be liable towards a citizen for damage caused by their unlawful actions or failure to act. Compensation for such damage will be awarded at the expense of the federal or regional treasury.
3. Suppression of Terrorism Act
138. The Federal Law on Suppression of Terrorism of 25 July 1998 (Федеральный закон от 25 июля 1998 г. № 130-ФЗ «О борьбе с терроризмом» – “the Suppression of Terrorism Act”), as in force at the relevant time, provided as follows:
Section 3. Basic Concepts
“For the purposes of the present Federal Law the following basic concepts shall be applied:
... ‘suppression of terrorism’ shall refer to activities aimed at the prevention, detection, suppression and minimisation of consequences of terrorist activities;
‘counter-terrorism operation’ shall refer to special activities aimed at the prevention of terrorist acts, ensuring the security of individuals, neutralising terrorists and minimising the consequences of terrorist acts;
‘zone of a counter-terrorism operation’ shall refer to an individual terrain or water surface, means of transport, building, structure or premises with adjacent territory where a counter-terrorism operation is conducted; ... ”
Section 21. Exemption from liability for damage
“On the basis of the legislation and within the limits established by it, damage may be caused to the life, health and property of terrorists, as well as to other legally protected interests, in the course of a counter-terrorism operation. However, servicemen, experts and other persons engaged in the suppression of terrorism shall be exempted from liability for such damage, in accordance with the legislation of the Russian Federation.”
4. Presidential and governmental decrees
139. In Decree no. 510 of 30 April 1997 the Russian Government established that residents of the Chechen Republic who had lost their housing and/or other possessions during the hostilities in the Republic and who, no later than 12 December 1994, had left permanently for another region, were entitled to compensation.
140. Governmental Decree no. 404 of 4 July 2003 established the right of all permanent residents of the Chechen Republic who had lost their housing and any possessions therein after 12 December 1994 to receive compensation in the amount of RUB 300,000 for the housing and RUB 50,000 for the other possessions.
B. Practice of the Russian courts
141. On 14 December 2000 the Basmanny District Court of Moscow delivered a judgment in civil proceedings brought by a Mr Dunayev, who claimed that the block of flats in which he had lived had collapsed during heavy shelling of Grozny by the federal armed forces in January 1995 and sought compensation for pecuniary and non-pecuniary damage in that connection. While acknowledging the fact that Mr Dunayev’s property, including his apartment in the block of flats, had been destroyed as a result of an attack in 1995, the court noted, inter alia, that under Articles 1069-1071 and 1100 of the Russian Civil Code, the State was liable for damage caused only by unlawful actions on the part of its agents. It further held that the military operation in the Chechen Republic had been launched by virtue of relevant presidential and governmental decrees, which had been found to be constitutional by the Russian Constitutional Court and were still in force. Accordingly, the court concluded that the actions of the federal armed forces in the Chechen Republic had been lawful and dismissed Mr Dunayev’s claim for compensation (see Dunayev v. Russia, no. 70142/01, § 8, 24 May 2007).
142. On 4 July 2001 the Basmanny District Court of Moscow dismissed a claim against the Ministry of Finance brought by a Mr Umarov, who stated that his house and other property had been destroyed during massive air strikes and artillery shelling of Grozny by the federal armed forces in October and November 1999 and sought compensation for pecuniary and non-pecuniary damage in that connection. The court acknowledged the fact that Mr Umarov’s private house and other belongings had been destroyed as a result of the hostilities in 1999 to 2000. It held, however, that under Article 1069 of the Russian Civil Code, the State was liable for damage caused only by unlawful actions on the part of its agents. It noted that the military operation in the Chechen Republic had been launched by virtue of relevant presidential and governmental decrees, which had been found to be constitutional by the Russian Constitutional Court, except for two provisions of the relevant governmental decree. In that connection the court noted that the two provisions had never been applied to Mr Umarov, and therefore no unlawful actions on the part of State bodies had ever taken place to warrant compensation for damage inflicted on his property. On 12 April 2002 the Moscow City Court upheld that judgment on appeal (see Umarov v. Russia (dec.), no. 30788/02, 18 May 2006).
143. By a default judgment of 3 December 2001 the Leninskiy District Court of Stavropol dismissed a claim brought by a Ms Trapeznikova against a number of federal ministries in so far as she alleged that the block of flats in which she had lived had been destroyed by a missile during an attack by the federal armed forces on Grozny in January 2000 and sought compensation for the destroyed flat and belongings that had been in it. She also sought compensation for non-pecuniary damage. The court noted, inter alia, that under Article 1069 of the Russian Civil Code, the State was liable for damage caused only by unlawful actions on the part of its agents. It further found that the actions of the Russian federal troops in the Chechen Republic had been lawful, as the military operation in the Chechen Republic had been launched under relevant presidential and governmental decrees, which had been found to be constitutional by the Russian Constitutional Court. The court concluded that there were no grounds to grant Ms Trapeznikova’s claim for pecuniary damage and that her claim for compensation for non-pecuniary damage could not be granted either, in the absence of any fault or unlawful actions on the part of the defendants. The judgment was upheld on appeal by the Stavropol Regional Court on 30 January 2002 (see Trapeznikova v. Russia, no. 21539/02, § 30, 11 December 2008).
THE LAW
I. THE GOVERNMENT’S PRELIMINARY OBJECTIONS
144. The Court reiterates that in its decision as to the admissibility of the present application of 25 March 2010 it decided to join to the merits the Government’s objections concerning the applicants’ compliance with the requirements set out in Article 35 § 1 of the Convention in respect of their complaints under Articles 2 and 8 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention. The Court will accordingly deal with these issues now.
A. Exhaustion of domestic remedies
1. The Government
145. The Government argued that the applicants had failed to exhaust the available domestic remedies. In particular, they had not challenged in court the actions or omissions of the investigating authorities during the investigation, or appealed in court against any of the procedural decisions taken in case no. 34/00/0008-03, including the decision of 17 November 2003 by which the criminal proceedings in connection with the attack of 19 October 1999 had been discontinued, under Article 125 of the Russian Code of Criminal Procedure. The Government insisted that the remedy invoked by them was effective. In this respect they relied on the Court’s case-law stating that although a court itself had no competence to institute criminal proceedings, its power to annul a refusal to institute criminal proceedings and indicate the defects to be addressed appeared to be a substantial safeguard against the arbitrary exercise of powers by the investigating authority (see Trubnikov v. Russia (dec.), no. 49790/99, 14 October 2003) and that, therefore, in the ordinary course of events such an appeal might be regarded as a possible remedy where the prosecution had decided not to investigate the claims (see Knyazev v. Russia, no. 25948/05, § 86, 8 November 2007). In support of their argument, the Government enclosed a number of court decisions by which domestic courts, acting in accordance with Article 125 of the Russian Code of Criminal Procedure, had set aside decisions by investigating authorities to dispense with or discontinue criminal proceedings in connection with various incidents involving military personnel.
146. Furthermore, in the Government’s submission, the second and third applicants had not brought civil proceedings to obtain compensation for the property allegedly lost by them during the bombing. The Government stated that the first applicant had issued the civil proceedings for compensation only in his own name and that the other two applicants had not submitted their claims in the context of those proceedings. The Government insisted that the remedy invoked by them would be effective in the applicants’ situation. In particular, in their view, the second and third applicants could seek compensation for pecuniary damage under relevant provisions of the Russian Civil Code, and compensation for non-pecuniary damage under other relevant provisions of the same Code. They also argued that, when examining a civil claim for compensation for damage sustained as a result of a criminal offence, a domestic court was entirely independent of decisions taken by investigating authorities and courts in the context of criminal proceedings in connection with that offence. To corroborate their arguments, the Government referred to a first-instance judgment and appeal decision awarding damages to the first applicant in Khashiyev and Akayeva v. Russia (nos. 57942/00 and 57945/00, 24 February 2005) in connection with the death of his relatives in the Chechen Republic and to a first-instance judgment and appeal decision awarding compensation for non-pecuniary damage and burial expenses to a certain V. for the death of V.’s son during a military operation.
147. Lastly, the Government contended that the applicants were also entitled to extra-judicial compensation in accordance with Governmental Decree no. 510 of 30 April 1997 and Governmental Decree no. 404 of 4 July 2003. However, to date the applicants had not availed themselves of that remedy.
2. The applicants
148. The applicants disputed the Government’s arguments concerning their alleged failure to exhaust domestic remedies. They argued that the remedies advanced by the Government had been illusory, inadequate and ineffective. In particular, in so far as the Government stated that they had not appealed against the decision of 17 November 2003 by which the criminal proceedings in connection with the attack of 19 October 1999 had been discontinued, the applicants stated that it was only the first applicant who, in reply to his numerous requests and complaints, had received at least some information concerning the investigation in criminal case no. 24031. Moreover, as the case file had been classified as secret, even the first applicant was unable to receive any documents from it; he had never been furnished with a copy of the decision of 17 November 2003 and his right to appeal had never been explained to him. The applicants insisted that neither the second nor third applicant, although they had the status of victim, had ever been informed of the course of the investigation, and therefore they had been unable to appeal against any procedural decisions taken during the investigation.
149. The second and third applicants further argued that they had been absolved of the requirement to lodge a civil claim for compensation, as suggested by the Government, given that the domestic courts had rejected a similar claim lodged by the first applicant and with no meaningful findings emanating from the criminal investigation into the attack.
3. The Court’s assessment
150. The Court reiterates that the rule of exhaustion of domestic remedies under Article 35 § 1 of the Convention obliges applicants to use first the remedies which are available and sufficient in the domestic legal system to enable them to obtain redress for the breaches alleged. The existence of the remedies must be sufficiently certain both in theory and in practice, failing which they will lack the requisite accessibility and effectiveness. Article 35 § 1 also requires that complaints intended to be brought subsequently before the Court should have been made to the appropriate domestic body, at least in substance and in compliance with the formal requirements and time-limits laid down in domestic law and, further, that any procedural means that might prevent a breach of the Convention should have been used. However, there is no obligation to have recourse to remedies which are inadequate or ineffective (see Aksoy v. Turkey, 18 December 1996, §§ 51-52, Reports of Judgments and Decisions 1996-VI; Akdivar and Others v. Turkey, 16 September 1996, §§ 65-67, Reports 1996-IV; and, more recently, Cennet Ayhan and Mehmet Salih Ayhan v. Turkey, no. 41964/98, § 64, 27 June 2006).
151. The Court has emphasised that the application of the rule of exhaustion of domestic remedies must make due allowance for the fact that it is being applied in the context of machinery for the protection of human rights that the Contracting States have agreed to set up. Accordingly, it has recognised that Article 35 § 1 must be applied with some degree of flexibility and without excessive formalism. It has further recognised that the rule of exhaustion is neither absolute nor capable of being applied automatically; for the purposes of reviewing whether it has been observed, it is essential to have regard to the circumstances of the individual case. This means, in particular, that the Court must take realistic account not only of the existence of formal remedies in the legal system of the Contracting State concerned but also of the general context in which they operate, as well as the personal circumstances of the applicant. It must then examine whether, in all the circumstances of the case, the applicant did everything that could reasonably be expected of him or her to exhaust domestic remedies (see Akdivar and Others, cited above, § 69; Aksoy, cited above, §§ 53-54; and Tanrıkulu v. Turkey [GC], no. 23763/94, § 82, ECHR 1999-IV).
152. In the present case, as regards the applicants’ alleged failure to appeal to a court against procedural decisions taken in the context of the criminal proceedings concerning the events of 19 October 1999, under Article 125 of the Russian Code of Criminal Procedure, the Court observes that the legal instrument referred to by the Government became operational on 1 July 2002 and that the applicants were clearly unable to have recourse to this remedy prior to that date. As regards the period thereafter, the Court considers that this limb of the Government’s preliminary objection raises issues which are closely linked to the question of the effectiveness of the investigation, and it would therefore be appropriate to address the matter in the examination of the substance of the relevant complaint under Article 2 of the Convention.
153. As regards the Government’s argument that the second and third applicants had not sought compensation in civil proceedings for the possessions allegedly lost by them in the attack of 19 October 1999, the Court reiterates that, when an individual formulates an arguable claim in respect of killing, torture or destruction of property involving the responsibility of the State, the notion of an “effective remedy”, in the sense of Article 13 of the Convention, entails, in addition to the payment of compensation where appropriate, a thorough and effective investigation capable of leading to the identification and punishment of those responsible and including effective access by the complainant to the investigative procedure (see Kaya v. Turkey, 19 February 1998, § 107, Reports 1998-I; Aksoy, cited above, § 98; Menteş and Others v. Turkey, 28 November 1997, § 89, Reports 1997-VIII; and Çaçan v. Turkey (dec.), no. 33646/96, 28 March 2000).
154. In the light of these principles, the Court considers that the only potentially effective domestic remedy in the circumstances would be an adequate criminal investigation. If a civil claim were to be regarded as a legal action to be exhausted in respect of the complaints of a violation of Article 8 and Article 1 of Protocol No. 1 as a result of State agents’ actions, the State’s obligation to pursue those guilty of such serious breaches might be superseded thereby (see Çaçan (dec.), cited above).
155. Moreover, it appears that, in any event, the second and third applicants’ civil claim for compensation for the damage inflicted on their possessions would hardly have had any prospects of success. Indeed, Article 1069 of the Russian Civil Code invoked by the Government establishes the rules on compensation for damage inflicted by representatives of the State and provides that State agents are liable only for damage caused by their unlawful actions or failure to act. In the circumstances of the present case, where the investigation into the attack of 19 October 1999 ended with a decision of 17 November 2003 stating that the federal officers’ actions had been justified, the second and third applicants’ civil claim for damages would clearly be bound to fail. In this connection, the Court also refers to the practice of the Russian courts, which have consistently refused to award any compensation for damage caused by the federal forces during the conflict in the Chechen Republic, stating that the latter’s actions had been lawful as the counter-terrorism operation in the region had been launched under relevant presidential and governmental decrees, which had not been found to be unconstitutional (see paragraphs 141-143 above). The Court finds even more relevant in the circumstances of the present case the fact that on 11 May and 4 October 2001, respectively, the domestic courts at two levels of jurisdiction rejected as unsubstantiated the first applicant’s claim for compensation for his house that had been destroyed in the attack of 19 October 1999, despite evidence proving the involvement of the federal forces adduced by the first applicant (see paragraphs 43-48 above). In such circumstances, the Court sees no reason to conclude that the outcome of civil proceedings concerning a claim that could have been brought by the second and third applicants, and would have been similar to that brought by the first applicant, would have been favourable to them.
156. With this in mind, the Court rejects the Government’s argument that it was open to the second and third applicants to file a civil claim for compensation in respect of their damaged housing and property, as the right in question was illusory and devoid of substance. In sum, the Court finds the alleged remedy inadequate and ineffective, given that it was clearly incapable of leading to the identification and punishment of those responsible, or even to any financial award in the circumstances of the present case. It therefore rejects this part of the Government’s preliminary objection.
157. Lastly, as regards the Government’s argument that the applicants could have received extra-judicial compensation for their lost property, the Court notes firstly that Governmental Decree no. 510 of 30 April 1997, referred to by the Government, concerns the payment of compensation in respect of property that had been destroyed before 12 December 1994, and is therefore clearly irrelevant in the present case. As regards Governmental Decree no. 404 of 4 July 2003, which afforded a right to compensation to permanent residents of the Chechen Republic, it is clear from the relevant legal instrument that the compensation in question is paid without regard to the particular circumstances in which the property was lost, that is to say, irrespective of whether State agents were responsible for the destruction. Moreover, the value of the lost property is not taken into account either, since the overall amount paid for lost housing and other possessions cannot exceed RUB 350,000 Russian roubles (approximately EUR 9,000). In such circumstances, the Court is not persuaded that the compensation referred to by the Government can be regarded as an effective remedy for the violation alleged.
158. To sum up, the Court decides to address the Government’s preliminary objection, in so far as it refers to criminal-law remedies, during its examination of the substance of the applicants’ complaints under Article 2 of the Convention. It further dismisses the Government’s objection in so far as it concerns the applicants’ alleged failure to have recourse to civil-law remedies and extra-judicial compensation.
B. Compliance with the six-month rule
159. The Government also argued that if the Court considered the proceedings for compensation brought by the first applicant as the remedy that had been exhausted by all three applicants, then the second and third applicants had failed to comply with the six-month requirement, given that the final decision in those proceedings had been taken on 4 October 2001, whilst the second and third applicants had lodged their applications on 21 August 2003 and 2 March 2004 respectively.
160. The second and third applicant argued they had not failed to comply with the six-month requirement when lodging their complaints. They insisted that the decision of the Moscow City Court of 4 October 2001, by which the first applicant’s claim for compensation for the destroyed property had been rejected at last instance, could not be regarded as the final decision in so far as their applications were concerned.
161. The Court observes that, as acknowledged by the Government, the second and third applicants were not parties to the proceedings for compensation brought by the first applicant, and therefore they cannot be regarded as having failed to comply with the six-month time-limit by not having lodged their applications within six months from the date of the final court decision taken in those proceedings.
162. The Court further observes that the criminal proceedings instituted in connection with the incident of 19 October 1999, in which the second and third applicants were granted the victim status, ended up with a decision of 17 November 2003 to discontinue those proceedings. None of the applicants appealed against this decision to a court. The Court has noted in paragraph 152 above that the question of the availability of effective remedies in this respect is closely linked to the question of the effectiveness of the investigation, and it would therefore be appropriate to address the matter in the examination of the substance of the relevant complaint under Article 2 of the Convention. However, assuming that no such remedies were available in the circumstances of the present case, the Court finds that the second and third applicants did not fail to comply with the time-limit established in Article 35 § 1 of the Convention, given that, as indicated above, the second applicant lodged her application on 21 August 2003, that is before the decision in question was taken, and the third applicant lodged her application on 2 March 2004, that is less than six months after it was taken.
163. Accordingly, the Government’s preliminary objection should be dismissed.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 2 OF THE CONVENTION
164. The third applicant complained that as a result of the federal aerial attack on Urus-Martan on 19 October 1999 her life had been put at risk, and that there had been no effective investigation into this incident, in breach of Article 2 of the Convention, which reads as follows:
“1. Everyone’s right to life shall be protected by law. No one shall be deprived of his life intentionally save in the execution of a sentence of a court following his conviction of a crime for which this penalty is provided by law.
2. Deprivation of life shall not be regarded as inflicted in contravention of this article when it results from the use of force which is no more than absolutely necessary:
(a) in defence of any person from unlawful violence;
(b) in order to effect a lawful arrest or to prevent the escape of a person lawfully detained;
(c) in action lawfully taken for the purpose of quelling a riot or insurrection.”
A. Alleged failure to protect the right to life
1. Submissions by the parties
(a) The third applicant
165. The third applicant insisted that the attack in question had not been planned or controlled by the authorities so as to minimise the risk of civilian casualties. She pointed, in particular, to the replies from the various military authorities, who for several years following the attack had denied even that the attack had taken place. It was not until 2004 that the authorities had mentioned for the first time illegal armed groups that had allegedly been targeted in the attack of 19 October 1999. The third applicant argued that the Government had not submitted any evidence that illegal armed groups had actually been present in Urus-Martan at the relevant time and that they had posed a threat to civilian residents of Urus-Martan, which had rendered necessary the bomb strike, as alleged by the Government.
166. Moreover, in the third applicant’s submission, the civilians had not been informed beforehand of the attack of 19 October 1999, or of possible ways to ensure their evacuation, etc. The attack had taken place on a cloudy day, with the result that the pilots who had carried out the strike had most probably been unable to see their targets clearly and to ensure target accuracy. Also, the fact that the military authorities had used highly explosive bombs for their attack indicated, in the third applicant’s view, that the authorities had not taken appropriate care to ensure that any risk to the lives of civilians, including the third applicant, was minimised.
(b) The Government
167. The Government acknowledged that the federal air strike on Urus-Martan on 19 October 1999 had resulted in human casualties and in the destruction of or damage to a number of houses. They insisted, however, that there had been no violation of Article 2 of the Convention in the present case.
168. In particular, they pointed out, with reference to findings of the domestic investigation, that from the beginning of the counter-terrorism operation in September 1999 to early December 1999 the town of Urus-Martan had been occupied by illegal fighters, amounting to over 1,500 persons, who had based their headquarters on civilian premises in the town, had fortified them and had not been prepared to surrender. They had been showing active resistance and had been leading large-scale military actions using heavy weaponry, including surface-to-air missile systems. Such circumstances, in the Government’s submission, had rendered necessary the pinpoint air strikes against the bases of illegal fighters in Urus-Martan which had been carried out on 19 October 1999.
169. The Government submitted that, when planning the operation in question, the military authorities – commanding officers of the Group “West”, those of the united air forces group and those of relevant headquarters – had taken into account the actual situation and intelligence data. Control of the attack had been exercised on the basis of reports on the execution of orders, analysis of data by objective control equipment and intelligence information. The Government insisted that the attack had been planned and controlled so as to minimise any risk to the lives of civilians in Urus-Martan, including the third applicant. In particular, the strikes had been aimed exclusively at places of concentration of illegal armed groups, all the targets having been clearly identified and located. Moreover, the strikes had been carried out by single planes, their total number not exceeding two at a time. According to the Government, there was no precise information concerning meteorological conditions on the day of the attack, but “the evidence suggested the absence of any factors that would have prevented the use of the aircraft with a due degree of care”.
170. The Government further asserted that the federal military authorities had informed the local population, via the local mass-media and leaflets, of a possible use of the aircraft and artillery in case of organised armed resistance on the part of illegal armed groups. According to the Government, in view of that warning the majority of the civilian population had left Urus-Martan before 19 October 1999.
171. The Government thus insisted that in the circumstances the use of force by the federal forces was no more than absolutely necessary in order to eliminate danger to the local population emanating from the illegal armed groups and that it was impossible to eliminate that danger by any other means. In their submission, of all available methods, the military authorities had opted for pinpoint air strikes, which had enabled the federal forces to minimise the risk of civilian casualties while causing considerable losses to illegal fighters who, as a result, had subsequently, on 7 and 8 December 1999, surrendered the town without resistance, with the result that there had been no casualties among the federal armed forces. In the Government’s view, the present case could be distinguished from the cases of Isayeva, Yusupova and Bazayeva v. Russia (nos. 57947/00, 57948/00 and 57949/00, 24 February 2005) and Isayeva v. Russia, (no. 57950/00, 24 February 2005), since in the present case the military targets in Urus-Martan, their danger to the residents and the necessity of their destruction were obvious, and the consequences of the attack in question were less serious than those in the above-cited cases.
2. The Court’s assessment
172. The Court reiterates that Article 2, which safeguards the right to life and sets out the circumstances where deprivation of life may be justified, ranks as one of the most fundamental provisions in the Convention, from which in peacetime no derogation is permitted under Article 15. The situations where deprivation of life may be justified are exhaustive and must be narrowly interpreted. The use of force which may result in the deprivation of life must be no more than “absolutely necessary” for the achievement of one of the purposes set out in Article 2 § 2 (a), (b) and (c). This term indicates that a stricter and more compelling test of necessity must be employed than that normally applicable when determining whether State action is “necessary in a democratic society” under paragraphs 2 of Articles 8 to 11 of the Convention. Consequently, the force used must be strictly proportionate to the achievement of the permitted aims. In the light of the importance of the protection afforded by Article 2, the Court must subject deprivations of life to the most careful scrutiny, particularly where deliberate lethal force is used, taking into consideration not only the actions of State agents who actually administer the force but also all the surrounding circumstances including such matters as the planning and control of the actions under examination (see McCann and Others v. the United Kingdom, 27 September 1995, §§ 146-50, Series A no. 324; Andronicou and Constantinou v. Cyprus, 9 October 1997, § 171, Reports 1997-VI; and Oğur v. Turkey [GC], no. 21594/93, § 78, ECHR 1999-III).
173. In addition to setting out the circumstances where deprivation of life may be justified, Article 2 implies a primary duty on the State to secure the right to life by putting in place an appropriate legal and administrative framework defining the limited circumstances in which law-enforcement officials may use force and firearms, in the light of the relevant international standards (see Makaratzis v. Greece [GC], no. 50385/99, §§ 57-59, ECHR 2004-XI, and Nachova and Others v. Bulgaria [GC], nos. 43577/98 and 43579/98, § 96, ECHR 2005-VII). Furthermore, the national law regulating policing operations must secure a system of adequate and effective safeguards against arbitrariness and abuse of force and even against avoidable accident (see Makaratzis, cited above, § 58). In particular, law-enforcement agents must be trained to assess whether or not there is an absolute necessity to use firearms, not only on the basis of the letter of the relevant regulations, but also with due regard to the pre-eminence of respect for human life as a fundamental value (see Nachova and Others, cited above, § 97).
174. The same applies to an attack where the victim survives but which, because of the lethal force used, amounts to attempted murder (see Makaratzis, cited above, §§ 49-55, Isayeva and Others v. Russia, nos. 57947/00, 57948/00 and 57949/00, § 171, 24 February 2005, and Isayeva v. Russia, no. 57950/00, § 175, 24 February 2005).
175. In the present case, the Court observes at the outset that the Government acknowledged that the aerial attack of 19 October 1999 had been carried out by federal forces and that it had resulted in human casualties and destruction of property. This brings the third applicant’s relevant complaint within the ambit of Article 2 (see paragraph 174 above). It is therefore for the State to account for the use of lethal force in the present case, and, in particular, to demonstrate that that force was used in pursuit of one of the aims set out in paragraph 2 of Article 2 of the Convention and that it was absolutely necessary and therefore strictly proportionate to the achievement of one of those aims.
176. In this connection, the Court notes first of all that its ability to assess the circumstances surrounding the attack in question, including the planning and control of this operation, the actions of the federal servicemen who actually administered the force, and the legal or regulatory framework in place, is rather limited. Although the Government gave certain explanations in that connection, the Court is still unable to see the full and clear picture of that incident. Whilst describing in general a complex situation in Urus-Martan and referring to the need to break the resistance of illegal fighters who had entrenched themselves in the town, the Government, however, did not provide any details concerning the planning and control of the strike of 19 October 1999 and remained silent as regards the actions of the federal servicemen who participated in that attack. They also failed to submit documents concerning that attack, such as copies of plans of the operation, orders, reports on its results, or the like. In this latter respect, the Court finds it open to criticism that a number of such documents or other important sources of information, such as photographs and tape-recordings, that appear to have been directly relevant to that attack, were destroyed a year, or even three months, after the attack in question with reference to a relevant order of the Russian Ministry of Defence (see paragraphs 108 and 111 above). In the Court’s view, such time-limits for storage of information concerning planning, control, performance and results of large-scale military actions, in particular aerial bomb attacks, which may entail multiple deaths or injuries, massive destruction or damage to property, or other drastic consequences, are too tight to be accepted as adequate.
177. The Court further notes that the Government justified the attack of 19 October 1999 by the need to eliminate a danger to the local population emanating from illegal fighters who were occupying Urus-Martan at that time. They stated, in particular, that pinpoint aerial strikes on Urus-Martan in the relevant period had been necessary to enable the federal forces to regain control over the town and to suppress the criminal activity of illegal armed groups, who had offered active and organised resistance to the federal forces, had fortified the town and had been prepared for long-term defence. The Government also argued that it was not possible to fulfil that purpose in any other way than by involving federal aircraft. In their submission, all other methods, such as, for example, an attack or storming by land troops, would have led to considerable losses among federal servicemen.
178. The Court is aware of the difficult situation in the Chechen Republic at the material time, which called for exceptional measures on the part of the State to suppress the illegal armed insurgency (see Khatsiyeva and Others, cited above, § 134, or Akhmadov and Others v. Russia, no. 21586/02, § 97, 14 November 2008). Those measures could presumably comprise the deployment of armed forces equipped with combat weapons, including military aircraft (see Isayeva and Others, cited above, § 178, or Isayeva, cited above, § 180), and could entail, as a regrettable but unavoidable consequence, human casualties. Bearing in mind the difficulties involved in policing modern societies, the unpredictability of human conduct and the operational choices which must be made in terms of priorities and resources, the obligation to protect the right to life must be interpreted in a way which does not impose an impossible or disproportionate burden on the authorities (see, mutatis mutandis, Makaratzis, cited above, § 69, and Mahmut Kaya v. Turkey, no. 22535/93, § 86, ECHR 2000-III).
179. Having regard to the Government’s submissions on the situation in Urus-Martan in the relevant period, the Court considers that their argument to the effect that the use of land troops would have involved unjustified casualties is not without foundation. In particular, the Court takes into account the Government’s arguments, corroborated by witness statements of a number of federal servicemen, that the town had been occupied by a considerable number of well-equipped extremists, armed with a range of large-yield weaponry, who were in fact conducting large-scale military actions against the federal forces, including attacks on federal aircraft causing casualties among the federal forces, and had turned the town into a fortress, having dug trenches and dugouts, having filled pits with oil to be able to explode them on the approach of the federal forces, and having extended the depth of defence to three or four quarters from the outskirts towards the town centre (see paragraphs 77-79, 114 and 131 above).
180. Against this background and in the light of the principles stated in paragraph 178 above, the Court may be prepared to accept that the Russian authorities had no choice other than to carry out aerial strikes in order to be able to take over Urus-Martan, and that their actions were in pursuit of the aim set out in paragraph 2 (a) of Article 2 of the Convention, as alleged by the Government. It is, however, not convinced, having regard to the materials at its disposal, that the necessary degree of care was exercised in preparing the operation of 19 October 1999 in such a way as to avoid or minimise, to the greatest extent possible, the risk of a loss of life, both for the persons at whom the measures were directed and for civilians (see McCann, cited above, § 194).
181. In the above connection, the Court notes first of all that for several years the military authorities insistently denied the very fact that the attack had taken place, or the existence of any plans, tasks or orders to carry out such a strike on the residential quarter in question (see paragraphs 18-20 and 22 above), and this cannot but cast doubt on the Government’s argument that pinpoint aerial strikes on Urus-Martan had been duly organised.
182. Furthermore, when referring to the need to break the rebel fighters’ resistance and claiming that the residential quarter that had been hit on 19 October 1999 had comprised residential buildings prepared for long-term defence, the Government did not explain in any detail, whether, before making a decision to carry out an aerial strike, the competent authorities had thoroughly verified that information, and whether they knew exactly which particular residential buildings had been prepared for defence, and whether any fighters had been located there. The Government remained silent as to whether the military authorities had had any information to the effect that the house in which the third applicant had lived and which had come under the attack had been listed among such buildings, and whether any specific order had been given to bomb that house.
183. It is also clear from the Government’s submissions and the documents produced that the authorities were aware of the presence of some civilians in Urus-Martan at the relevant time (see paragraphs 76 and 78 above), even if their number was insignificant. It fell therefore to the authorities to verify, to the extent possible, whether any civilians were present in buildings presumably selected as targets for an aerial strike, particularly when it came to attacking residential quarters. It does not appear, however, that any such precautions were taken before striking the residential quarter in which the third applicant lived.
184. Moreover, it does not appear that the authorities took, or considered taking, any meaningful steps to inform the civilian inhabitants of Urus-Martan of the attack of 19 October 1999 beforehand and to secure their evacuation. The Court is not persuaded by the Government’s argument that the authorities had informed the local population via leaflets and local mass-media of possible aerial strikes and artillery shelling in case of an organised armed resistance on the part of the illegal armed groups located in Urus-Martan. It notes, in particular, that Mr K., a high-ranking officer, who gave explanations to that effect, later refused to confirm them alleging that he could no longer recall the events in question (see paragraph 115 above). In any event, in a situation where the authorities knew that the residents who had remained in the town were, in fact, prevented from leaving by the illegal fighters who intended to use them as human shields (see paragraph 76 and 78 above), the measures referred to by the Government could hardly be regarded as adequate. It is true that the evacuation of inhabitants in a situation where they were held hostage by fighters might have been particularly difficult, but the Government did not demonstrate that the authorities had taken any steps at all in that direction, that they had attempted to organise a safe exit for civilians, to negotiate their evacuation with the fighters, or the like.
185. In the light of the foregoing, the Court is struck by the Russian authorities’ choice of weapon in the present case. It is clear that during the attack of 19 October 1999 high-explosive fragmentation bombs of calibre 250-270 kg were used (see paragraph 81 above), this being an indiscriminate weapon. The Court has already held that using this kind of weapon in a populated area is impossible to reconcile with the degree of caution expected from a law-enforcement body in a democratic society. No martial law or state of emergency had ever been declared in the Chechen Republic, and no derogation had been made under Article 15 of the Convention. The attack in question therefore has to be examined against a normal legal background. Even when faced with a situation where the population of the town was held hostage by a large group of well-equipped and well-trained fighters, the authorities’ primary aim should have been to protect lives from unlawful violence. The use of indiscriminate weapons stands in flagrant contrast to this aim and cannot be considered compatible with the requisite standard of care that should be exercised in operations involving the use of lethal force by State agents (see Isayeva, cited above, § 191).
186. In this connection, the Court finds some indication in witness statements of federal pilots who participated in aerial operations in the vicinity of Urus-Martan in October 1999 that the use of missiles, as opposed to the use of high-explosive aerial bombs, might have been more appropriate in the circumstances (see paragraphs 128 and 130 above). The Court cannot speculate as to whether the damage caused could have been diminished if the federal aircraft had used missiles during the attack of 19 October 1999. However, it regrets the absence of any explanation on the part of the Government in this connection.
187. The Court further notes discrepancies between the fact of striking Urus-Martan with aerial bombs and the fact that, according to the above-mentioned statements of federal pilots, they had apparently been instructed to launch such bombs at a distance of no less than three kilometres from any inhabited settlement (see paragraph 130 above), and that apparently the targets situated closer than three kilometres were to be hit with missiles (see paragraph 128 above). Nor does it overlook the fact that, as is apparent from the military documents, the only target that had been indicated as pre-selected in the attack of 19 October 1999 was located at a distance of one kilometre from Urus-Martan (see paragraphs 29, 30 and 81 above), whereas the residential quarter that came under attack on that date had not been mentioned in any of those documents at all.
188. Irrespective of whether those discrepancies between the actual conduct of the federal pilots and the official instructions or orders apparently given to them should be regarded as defects in the legal framework governing operations such as those in the present case, or as defects in the planning and control of the attack under examination or should be attributed to the federal pilots who actually administered the force, the foregoing considerations in paragraphs 176-186 above are sufficient to enable the Court to conclude that the authorities failed to exercise appropriate care in the organisation and control of the operation of 19 October 1999. It therefore does not consider it necessary to examine separately the question whether an appropriate legal framework was in place and whether the actions of the pilots who participated in the attack were compatible with the requirements of Article 2 of the Convention.
189. In sum, the Court considers that the bombing with indiscriminate weapons of the residential quarter of Urus-Martan inhabited by civilians was manifestly disproportionate to the achievement of the purpose under Article 2 § 2 (a) indicated by the Government. It therefore finds that the respondent State failed in its obligation to protect the third applicant’s right to life.
190. There has accordingly been a violation of Article 2 of the Convention on that account.
B. Alleged ineffectiveness of the investigation
1. Submissions by the parties
191. The third applicant also asserted that the investigation carried out by the authorities had been inadequate and that she had not been duly informed of its course. She therefore argued that there had been a violation of Article 2 on that account.
192. According to the Government, the investigating authorities had taken all possible measures to establish the circumstances of the incident of 19 October 1999, despite the fact that at the initial stages of the investigation the active military actions had still been underway, and therefore the lives of the investigating officers had been in danger. They further alleged that the second and third applicants had not shown any intention of taking part in the investigation and that it was only the first applicant who had actively participated in those proceedings. In the Government’s submission, the first applicant had been duly notified of the termination of the criminal proceedings and had been furnished with a copy of the relevant decision so that he could challenge it before the competent authorities. Overall, the Government argued that the investigation in the present case had met the Convention requirements of effectiveness.
2. The Court’s assessment
193. The Court reiterates that the obligation to protect the right to life under Article 2 of the Convention, read in conjunction with the State’s general duty under Article 1 of the Convention to “secure to everyone within [its] jurisdiction the rights and freedoms defined in [the] Convention”, requires by implication that there should be some form of effective official investigation when individuals have been killed as a result of the use of force, in particular by agents of the State. The investigation must be effective in the sense that it is capable of leading to a determination of whether the force used in such cases was or was not justified in the circumstances (see Kaya, cited above, § 87) and to the identification and punishment of those responsible (see Oğur, cited above, § 88).
194. In particular, the authorities must take the reasonable steps available to them to secure the evidence concerning the incident, including, inter alia, eyewitness testimony, forensic evidence and, where appropriate, an autopsy which provides a complete and accurate record of injury and an objective analysis of clinical findings, including the cause of death (see, concerning autopsies, for example, Salman v. Turkey [GC], no. 21986/93, § 106, ECHR 2000-VII; concerning witnesses, for example, Tanrıkulu, cited above, § 109; and concerning forensic evidence, for example, Gül v. Turkey, no. 22676/93, § 89). Any deficiency in the investigation which undermines its ability to establish the cause of death or the person responsible may risk falling foul of this standard.
195. Furthermore, there must be an implicit requirement of promptness and reasonable expedition (see Yaşa, cited above, §§ 102-04, and Mahmut Kaya, cited above, §§ 106-07). It must be accepted that there may be obstacles or difficulties which prevent progress in an investigation in a particular situation. However, a prompt response by the authorities in investigating the use of lethal force may generally be regarded as essential in maintaining public confidence in the maintenance of the rule of law and in preventing any appearance of collusion in or tolerance of unlawful acts.
196. For the same reasons, there must be a sufficient element of public scrutiny of the investigation or its results to secure accountability in practice as well as in theory. The degree of public scrutiny required may well vary from case to case. In all cases, however, the victim’s next-of-kin must be involved in the procedure to the extent necessary to safeguard his or her legitimate interests (see Shanaghan v. the United Kingdom, no. 37715/97, §§ 91-92, 4 May 2001).
197. In the present case, some degree of investigation was carried out into the attack of 19 October 1999. The Court must assess whether that investigation met the requirements of Article 2 of the Convention.
198. It notes that the criminal proceedings in connection with that incident were not brought until 21 July 2000, that is more than nine months after the events in question. The Court considers that the results of a large-scale attack involving federal aircraft should normally become known to the authorities immediately after such an attack. It falls to the State to ensure that State agents who participated in the attack duly report on it, and that the competent authorities, including those in charge of it, ascertain its results without delay. The Court does not overlook the Government’s argument that at the relevant time active warfare was ongoing and that on the date of the incident in question Urus-Martan had been occupied by illegal fighters. However, it notes that, as can be ascertained from the documents produced, the town had been overtaken by the federal forces no later than on 7 and 8 December 1999 (see paragraph 114 above), and therefore the authorities could and should have become aware of the results of the attack of 19 October 1999 at that time. The Government did not advance any explanation as to why the authorities remained passive, and left without investigation an incident that resulted in multiple deaths and the destruction of property, from the time when they had regained control over the town of Urus-Martan until 21 July 2000. Such a considerable delay between the incident and the beginning of the investigation into it cannot but significantly undermine the effectiveness of the investigation. Indeed, it is clear from the materials produced that a number of important items of evidence which might have been directly relevant to the attack in question, such as registers of orders given and received, registers of combat air missions, registers of military actions, tactical maps, tasking schedules, combat orders, reports on executed combat missions, photographs and tape-recordings, were destroyed a year, or even three months, after the attack (see paragraphs 108 and 111 above).
199. Furthermore, once started, the investigation was plagued with inexplicable delays and shortcomings in respect of the most trivial steps. In particular, within a period of one month after the investigation was commenced, the investigating authorities had taken no investigative measures at all (see paragraph 51 above). Furthermore, the scene of the incident was not inspected until 3 and 5 October 2000 (see paragraph 87 above). Also, an expert examination of splinters seized from the scene of the incident on 5 October 2000 was not carried out until 25 June 2001 (see paragraph 89 above). The Court also finds it striking that it was not until 2 and 3 April 2003, that is almost three years after the beginning of the investigation, that the authorities finally took measures to dispose of unexploded bombs that remained lying in the courtyards of individual houses after the attack (see paragraph 129 above), although they were aware of the presence of those bombs for all that time (see paragraphs 52, 61 and 102 above). It appears that the relevant requests by the first applicant were ignored by the authorities (see paragraph 18 above).
200. The Court further considers that the investigation can only be described as inadequate since, as can be ascertained from the materials in the Court’s possession, it failed to establish the identity of the pilots who participated in the attack of 19 October 1999.
201. The ineffectiveness of the investigation, the incompetence and manifest failure of the investigators and other law-enforcement bodies to take practical measures aimed at resolving the incident were acknowledged by superior prosecutors on several occasions (see paragraphs 51, 62 and 67 above). The Court specifically notes the obvious unwillingness of the military authorities to assume responsibility for the strike in question and to investigate that incident properly. Indeed, for several years the military authorities denied that the attack had taken place at all (see paragraphs 18-20 and 22 above), and a military prosecutor’s office refused to institute criminal proceedings in respect of the attack of 19 October 1999, even though no meaningful inquiry into that incident appears to have been carried out before the decision to dispense with criminal proceedings was taken (see paragraph 30 above). Moreover, after such proceedings had been brought by the civilian authorities, on several occasions the military authorities refused to take over the investigation, returning the case file to the civilian authorities under various pretexts (see paragraphs 46 and 59 above).
202. The Court further notes delays in granting victim status to the applicants, which could have afforded them minimum procedural safeguards. Indeed, although the criminal proceedings in the present case were instituted on 21 July 2000, the first applicant was not declared a victim until 28 March 2001 (see paragraph 92 above), the second applicant was not declared a victim until 17 October 2002 (see paragraph 94 above), and the third applicant was granted victim status only on 21 January 2003 (see paragraph 97 above). The Court is sceptical about the Government’s argument that the second and third applicants had never shown any interest in the investigation, as it is clear from the documents in its possession that the first applicant, acting on their behalf, applied on numerous occasions to various authorities describing the incident in question and seeking to have it investigated and victim status granted to those concerned, including himself and the third applicant (see paragraphs 17 and 86 above). It is furthermore clear that the second applicant also applied, in her own name and on the third applicant’s behalf, for information concerning the investigation, and, in particular, complained about the investigating authorities’ failure to grant victim status to the third applicant (see paragraph 96 above). In any event, the Court reiterates that the authorities must act of their own motion, once the matter has come to their attention, and that they cannot leave it to the initiative of the next-of-kin either to lodge a formal complaint or to take responsibility for the conduct of any investigative procedures (see, for example, Hugh Jordan v. the United Kingdom, no. 24746/94, § 105, ECHR 2001-III (extracts)). It fell therefore to the authorities to take the necessary investigative steps in the present case, and in particular to grant victim status to those concerned without undue delay.
203. The Court further observes that the applicants were, in any event, unable at any stage to gain access to the case file, given that it was classified (see paragraphs 39, 40 and 42 above). Moreover, it does not appear that any of the applicants were ever furnished with a copy of the decision of 17 November 2003 by which the criminal proceedings regarding the attack of 19 October 1999 were discontinued. The Court thus considers that the applicants were, in fact, excluded from the criminal proceedings and were unable to have their legitimate interests upheld.
204. Against this background, and having regard to the Government’s argument concerning the applicants’ alleged failure to appeal to a court, under Article 125 of the Russian Code of Criminal Procedure, against actions or omissions or procedural decisions of the investigating authorities in the context of the investigation into the attack of 19 October 1999, the Court notes that the Government failed to indicate which particular actions, omissions or procedural decisions, except for that of 17 November 2003, the applicants should have challenged.
205. In so far as the Government referred to the applicants’ alleged failure to challenge in a court the decision of 17 November 2003, the Court reiterates that, in principle, an appeal against a decision to discontinue criminal proceedings may offer a substantial safeguard against the arbitrary exercise of power by the investigating authority, given a court’s power to annul such a decision and indicate the defects to be addressed (see, mutatis mutandis, Trubnikov v. Russia (dec.), no. 49790/99, 14 October 2003). Therefore, as rightly pointed out by the Government, in the ordinary course of events such an appeal might be regarded as a possible remedy where the prosecution has decided not to investigate the claims. The Court, however, has strong doubts that this remedy would have been effective in the present case. The materials in its possession reveal that the authorities only notified the first applicant of the decision of 17 November 2003, but did not furnish him with a copy. Moreover, he made it clear that he needed a copy of the decision of 17 November 2003 to be able to appeal against it before a court, but his request to that effect was explicitly refused by the authorities (see paragraphs 37 and 39 above).
206. In the Court’s view, in such circumstances the applicants could hardly have been expected to apply to a court. Indeed, it is highly questionable whether, in the absence of a copy of the decision of 17 November 2003, the applicants would have been able to detect possible defects in the investigation and bring them to the attention of a domestic court, or to present, in a comprehensive appeal, any other arguments that they might have considered relevant. In other words, in the circumstances of the present case, the applicants would have had no realistic opportunity effectively to challenge the decision of 17 November 2003 before a court. Accordingly, the Court considers that it has not been established with sufficient certainty that the remedy advanced by the Government had a reasonable prospect of success (see, in a similar context, Chitayev and Chitayev v. Russia, no. 59334/00, §§ 140-41, 18 January 2007). The Court therefore dismisses the Government’s preliminary objection regarding the exhaustion of domestic remedies in so far as it relates to this part of the application.
207. In the light of the foregoing, the Court further concludes that the authorities failed to carry out a thorough and effective investigation into the circumstances of the attack of 19 October 1999 in which the third applicant’s life was put at risk. There has therefore been a violation of Article 2 of the Convention on that account.
III. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 8 OF THE CONVENTION AND ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 TO THE CONVENTION
208. The applicants complained under Article 1 of Protocol No. 1 that their property had been destroyed in the federal attack on Urus-Martan on 19 October 1999. The third applicant also complained that her right to respect for her home secured by Article 8 of the Convention had been infringed as a result of that attack. The respective Convention provisions state as follows:
Article 8
“1. Everyone has the right to respect for ... his home ...
2. There shall be no interference by a public authority with the exercise of this right except such as is in accordance with the law and is necessary in a democratic society in the interests of national security, public safety or the economic well-being of the country, for the prevention of disorder or crime, for the protection of health or morals, or for the protection of the rights and freedoms of others.”
Article 1 of Protocol No. 1
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Submissions by the parties
209. In so far as the Government seem to have contested the applicants’ title to the property which, according to them, they had lost as a result of the strike of 19 October 1999, the applicants pointed out that the title of the first two applicants to the destroyed house had never been called into question by any of the authorities at the domestic level. The second applicant also argued that household belongings, such as furniture, household appliances and other objects, had been lost during the attack. The third applicant alleged that her personal possessions had been destroyed in the house. They, however, had not submitted any information or documents concerning household or any other belongings allegedly destroyed in the house.
210. The applicants further maintained that the third applicant’s right to respect for her home under Article 8 of the Convention and their right to peaceful enjoyment of possessions under Article 1 of Protocol No. 1 had been violated, as the means employed by the authorities had been disproportionate to the aims sought to be achieved. They also referred to the domestic courts’ decisions by which the first applicant’s claim for compensation had been rejected and argued that the right to compensation for the destroyed property established, according to the Government, in a number of legal instruments, was illusory and not enforceable in practice.
211. The Government seem to have argued, with reference to the case of Elsanova v. Russia ((dec.), no. 57952/00, 15 November 2005), that the applicants’ claims concerning the loss of their property had not been substantiated, as they had failed to submit relevant documents confirming their title to the property which they claimed had been damaged or destroyed during the strike of 19 October 1999. The Government argued, in particular, that the certificate of 29 January 1982 could not be regarded as a document confirming the first two applicants’ title to the real estate at 24a Dostoyevskiy Street, as, in their submission, it had not been properly certified, and namely a signature and a stamp of the person who had certified it were missing. They also contended that this document did not attest to the first two applicants’ title, but merely entitled them to apply for State registration of the real estate mentioned therein in their names, and that the registration process could be suspended if any third persons filed claims in respect of the property in question.
212. The Government further contended that the alleged interference with the applicants’ rights had been lawful, given that the counter-terrorism measures within the territory of the Chechen Republic had been taken on the basis of the Suppression of Terrorism Act (see paragraph 138 above) and “relevant legal instruments of State bodies”. The Government insisted that the interference in question had been in the public interest as it was necessary to suppress the criminal activity of the illegal armed groups. They added that they had complied with their obligations under Article 1 of Protocol No. 1 by enacting a number of legal instruments enabling the applicants to obtain compensation for their lost property. The Government thus concluded that there had been no violation of Article 8 of the Convention or Article 1 of Protocol No. 1 in the present case.
B. The Court’s assessment
213. The Court observes at the outset that the Government contested the first two applicants’ title to the real estate at 24a Dostoyevskiy Street and to the other property allegedly destroyed during the aerial attack, stating that the applicants’ property rights had not been corroborated by any reliable documents. In so far as the real estate is concerned, the Court notes that the first two applicants submitted a certificate confirming that they had inherited the said estate from a deceased relative (see paragraph 9 above). The Court rejects the Government’s argument to the effect that the document in question was not duly signed and stamped, as it is clear that, contrary to the Government’s allegation, it does bear a signature and stamp. Moreover, in the absence of any evidence that the first two applicants’ title to the inherited estate had been challenged by any third persons, the Court finds that the aforementioned document can be regarded as proving that the first two applicants held title in respect of the property in question. In this connection the Court also takes note of the first two applicants’ argument that their title had never been called into question by any authorities at the domestic level, and finds it established that they were the rightful co-owners of that property.
214. The Court further notes that the second and third applicants alleged that, as a result of the attack of 19 October 1999, they had lost certain possessions that had been inside the house. The second and third applicants, however, did not submit any documents in support of their allegations, nor did they specifically describe the possessions allegedly lost by each of them. Whilst not excluding the existence of certain possessions in the house before the attack and being mindful of the practical difficulties for the second and third applicants to obtain documents relating to those possessions, the Court is however unable to establish the rightful owner of those possessions in a situation where it was the first two applicants who owned the property without residing in it, and the third applicant who actually lived there. In the absence of any detailed explanations on the part of the applicants in this connection, the Court therefore finds that their claims in this part have not been substantiated.
215. The Court further observes that the Government acknowledged that damaged was inflicted on a number of houses in Urus-Martan, including the one situated at 24a Dostoyevskiy Street as a result of the federal aerial attack of 19 October 1999. The Court has established above that the first two applicants had property rights in respect of this house. It also remains undisputed that the third applicant lived in that property at the time of the attack. It is therefore clear that there has been interference with the first two applicants’ rights secured by Article 1 of Protocol No. 1 and the third applicant’s rights established in Article 8 of the Convention. The Court has now to satisfy itself that this interference met the requirement of lawfulness, pursued a legitimate aim and was proportionate to the aim pursued.
216. As regards the lawfulness of the interference in question, the Government referred to the Suppression of Terrorism Act and unnamed “relevant regulations of State bodies” as a legal basis for the alleged interference.
217. The Court reiterates, as it has already noted in other cases concerning the conflict in the Chechen Republic, that the Suppression of Terrorism Act and, in particular, section 21, which releases State agents participating in a counter-terrorism operation from any liability for damage caused to, inter alia, “other legally protected interests”, while vesting wide powers in State agents within the zone of the counter-terrorism operation, does not define with sufficient clarity the scope of those powers and the manner of their exercise so as to afford an individual adequate protection against arbitrariness (see Khamidov v. Russia, no. 72118/01, § 143, ECHR 2007-XII (extracts). The Government’s reference to this Act cannot replace specific authorisation of interference with an individual’s rights under Article 8 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1, duly delimiting the object and scope of that interference and drawn up in accordance with the relevant legal provisions. The provisions of the above-mentioned Act are not to be construed so as to create an exemption for any kind of limitations of personal rights for an indefinite period of time and without setting clear boundaries for the security forces’ actions (see, mutatis mutandis, Imakayeva v. Russia, no. 7615/02, § 188, ECHR 2006-XIII (extracts)).
218. Similarly, in the present case the Court considers that the legal instrument in question, formulated in vague and general terms, cannot serve as a sufficient legal basis for such a drastic interference as the destruction of an individual’s housing and property. For the same reasons, the Court is also unable to regard General Major Sh.’s order no. 04 (see paragraph 80 above) as a sufficient legal basis for the interference with the relevant applicants’ rights secured by Article 8 and Article 1 of Protocol No. 1. While directing the federal forces to destroy military targets, such as illegal fighters’ bases, ammunition depots, etc, this order does not appear to have specifically authorised the federal servicemen to inflict damage on the first two applicants’ property and the third applicant’s home, and, in any event, it clearly contained no guarantees against an arbitrary use of force that might result in damage to, or destruction of, an individual’s private property and home.
219. The Court thus concludes, in view of the above considerations and in the absence of an individualised decision or order which clearly indicated the grounds and conditions for inflicting damage on the first two applicants’ property and the third applicant’s home, and which could have been appealed against in a court, that the interference with the first two applicants’ rights under Article 1 of Protocol No. 1 and the third applicant’s rights under Article 8 of the Convention was not “lawful”, within the meaning of the Convention. In view of this finding the Court does not consider it necessary to examine whether the interference in question pursued a legitimate aim and was proportionate to that aim.
220. It thus finds that there has been a violation of Article 8 of the Convention on account of the infliction of damage on the third applicant’s home and a violation of Article 1 of Protocol No. 1 on account of the infliction of damage on the property of which the first two applicants were co-owners in the federal aerial attack of 19 October 1999.
IV. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
221. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
1. Pecuniary damage
222. The second applicant, on behalf of the first applicant and in her own name, sought pecuniary damage for their destroyed property and possessions therein. In particular, she claimed 3,404,025 Russian roubles (RUB, approximately 83,700 euros (EUR)) in compensation for the destroyed house. She referred to a certificate issued by the Urus-Martan Administration confirming that the real estate measured 184.5 square metres (see paragraph 9 above) and to Decree no. 86 dated 1 March 2010 of the Russian Ministry for Regional Development which established a maximum purchase price for one square metre of general surface area of housing in various regions of Russia. The said decree indicated that the price for one square metre of housing in the Chechen Republic was equal to RUB 18,450 (approximately EUR 450). The second applicant also claimed RUB 1,000,000 (approximately EUR 25,000) for the household belongings allegedly destroyed in the house. The third applicant did not submit any claims under this head.
223. The Government disputed the second applicant’s claims as speculative and unsubstantiated. They argued that there was no evidence that the first two applicants had title to the property, and that the second applicant had failed to corroborate her claims concerning the allegedly lost property, including its quantity and value, with any documentary or other evidence.
224. The Court reiterates that there must be a clear causal connection between the pecuniary damage claimed by an applicant and the violation of the Convention (see, among other authorities, Çakıcı v. Turkey [GC], no. 23657/94, § 127, ECHR 1999-IV). In this connection, the Court notes first of all its above finding that the applicants had not substantiated their claims concerning the lost household belongings (see paragraph 214 above). Accordingly, it makes no award in this respect.
225. The Court further notes that it has found a violation of Article 1 of Protocol No. 1 on account of the damage inflicted on the property, which the first and second applicants owned along with the third co-owner, during the bomb strike of 19 October 1999 by the federal forces. The Court has no doubt that there is a direct link between that violation and the pecuniary losses alleged by the second applicant in respect of the property. It further notes that the second applicant submitted a document attesting to the total surface area of the property and indicating that it had been partly destroyed and was unfit for human habitation (see paragraph 16 above). The second applicant based her calculations of the amount claimed on information concerning the price of a square metre of housing as indicated in the relevant decree of the Russian Ministry for Regional Development (see paragraph 222 above). The Court observes, however, that, as can be ascertained from that decree, it refers to the maximum price per square meter of housing in the Chechen Republic and makes no adjustments taking into account such circumstances as the type of housing, the area in which that housing is situated, etc. Moreover, the decree indicates a price for purchase rather than reconstruction of housing. Therefore, in the Court’s opinion, it cannot be regarded as a reliable basis for calculating the actual value of the property in question to enable the Court to make an assessment of the amount to be awarded in this respect. The Court also does not overlook the fact that the first two applicants were two out of three co-owners of the property, the third co-owner not being a party to the proceedings before the Court. Therefore the second applicant, acting as the first applicant’s heir and in her own name, can claim only two thirds of the amount that may be awarded for the damaged property in the present case. In such circumstances, the Court considers it reasonable to award EUR 14,000 to the second applicant in respect of the pecuniary damage suffered by her and the first applicant because of the damage inflicted on the property at 24a Dostoyevskiy Street.
2. Non-pecuniary damage
226. The applicants also claimed compensation for non-pecuniary damage, leaving the determination of its amount to the Court’s discretion.
227. The Government submitted that the amount of the award under this head should be determined on an equitable basis with due regard to the Court’s case-law in such matters.
228. The Court observes that it has found a violation of Article 2 of the Convention on account of a federal aerial attack which put the third applicant’s life at risk, and of the Russian authorities’ failure to carry out an effective investigation into that incident. It also found a violation of the third applicant’s right to respect for her home under Article 8 of the Convention as a result of that attack and a violation of the first and second applicants’ property rights as a result of infliction of damage on their property. The applicants must have suffered anguish and distress as a result of all these circumstances, which cannot be compensated for by a mere finding of a violation. Having regard to these considerations, the Court awards, on an equitable basis, EUR 12,000 to the second applicant in respect of the non-pecuniary damage suffered by her and the first applicant and EUR 20,000 to the third applicant in respect of non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable on these amounts.
B. Costs and expenses
229. The applicants having submitted no claim under this head, the Court sees no reason to make any award in this respect.
C. Default interest
230. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Dismisses the Government’s preliminary objections;
2. Holds that there has been a violation of Article 2 of the Convention as regards the failure by the respondent State to protect the third applicant’s right to life;
3. Holds that there has been a violation of Article 2 of the Convention on account of the authorities’ failure to carry out an adequate and effective investigation into the circumstances of the incident putting the third applicant’s life at risk;
4. Holds that there has been a violation of Article 8 of the Convention in respect of the third applicant;
5. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, in so far as the first and second applicants’ property rights are concerned;
6. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicants, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts, to be converted into Russian roubles at the rate applicable at the date of settlement:
(i) EUR 14,000 (fourteen thousand euros) to the second applicant in respect of pecuniary damage;
(ii) EUR 12,000 (twelve thousand euros) to the second applicant and EUR 20,000 (twenty thousand euros) to the third applicant in respect of non-pecuniary damage;
(iii) any tax that may be chargeable to the applicants on the above amounts;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
7. Dismisses unanimously the remainder of the applicants’ claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 3 May 2011, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
André Wampach Nina Vajić
Deputy Registrar President


TESTO TRADOTTO

Articoli 2; 2-1; 8; 8-1; 8-2; 35; 35-1; 41; P1-1; P1-1-1
PRIMA SEZIONE
CAUSA KHAMZAYEV ED ALTRI C. RUSSIA
(Richiesta n. 1503/02)
SENTENZA
STRASBOURG
3 maggio 2011
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Khamzayev ed Altri c. Russia,
La Corte europea di Diritti umani (Prima la Sezione), riunendosi che come una Camera, composta da:
Nina Vajić, Presidente Anatoly Kovler, Christos Rozakis il Pari Lorenzen, Elisabeth Steiner, Khanlar Hajiyev, Giorgio Nicolaou, giudici,
ed André Wampach, Cancelliere Aggiunto di Sezione,
Avendo deliberato in privato il 5 aprile 2011,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 1503/02) contro la Federazione russa depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino russo, OMISSIS (“il primo richiedente”), il 21 novembre 2001. Il 21 agosto 2003 e il 2 marzo 2004 rispettivamente OMISSIS (“il secondo richiedente”) e OMISSIS (“il terzo richiedente”), sia cittadini russi, si sono congiunti nella causa. Nel giugno 2004 il primo richiedente morì, ed il secondo richiedente, sua figlia espresse il desiderio di intraprendere la richiesta a suo conto.
2. I richiedenti furono rappresentati dal secondo richiedente che è un avvocato che pratica a Mosca. Il Governo russo (“il Governo”) fu rappresentato inizialmente dal Sig. P. Laptev, Rappresentante precedente della Federazione russa alla Corte europea dei Diritti umani e successivamente dal suo Rappresentante, il Sig. G. Matyushkin.
3. I richiedenti addussero, in particolare, che la vita del terzo richiedente era stata messa a rischio e che la loro proprietà, incluso l’alloggio era stata danneggiata severamente, come risultato di un attacco aereo federale. Loro si appellarono agli Articoli 2 e 8 della Convenzione ed all’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
4. Il 29 agosto 2004 il Presidente della prima Sezione decise di accordare priorità alla richiesta sotto l’Articolo 41 dell’Ordinamento di Corte.
5. Con una decisione del 25 marzo 2010, la Corte dichiarò la richiesta parzialmente ammissibile.
6. I richiedenti ed il Governo entrambi introdussero inoltre osservazioni scritte (Articolo 59 § 1) sui meriti.
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
7. I richiedenti nacquero rispettivamente nel 1937, 1964 e 1971. Gli ultimi due richiedenti vivono rispettivamente a Mosca e nel villaggio di Pliyevo, Ingushetia.
A. I fatti
8. Al tempo attinente i primi due richiedenti e OMISSIS che non sono una parte ai procedimenti di fronte alla Corte possedevano la proprietà al 24a di via Dostoevsky nella città di Urus-Martan, Repubblica di Cecenia. Il terzo richiedente era il parente del primo richiedente e stava vivendo nell'alloggio con la sua famiglia col permesso di quest’ultimo dal ottobre 1997.
9. I primi due richiedenti presentarono un certificato datato 29 gennaio 1982 che confermava che loro e OMISSIS ereditarono in quote uguali il bene immobile situato al 24a di via Dostoyevskiy dal loro parente deceduto. Il certificato indicava anche che la proprietà comprendeva un alloggio di mattoni con un'area di superficie calpestabile di 90 metri quadrati, una cucina estiva, un tendone e altre capannoni situati su un'area di terreno che misura approssimativamente 180 metri quadrati. Il certificato fu firmato e bollato da un pubblico notaio.
10. All’inizio di ottobre 1999 il Governo russo cominciò un'operazione di anti-terrorismo nella Repubblica di Cecenia.
1. Attacco del 19 ottobre 1999
11. Il 19 ottobre 1999 le forze aeree militari federali attaccarono la città di Urus-Martan. Il bombardamento uccise sei persone e ferito sedici così come distrutto tredici alloggi, incluso quello al 24a di via Dostoevsky e danneggiato ventisette. Secondo il terzo richiedente, i suoi effetti personali furono distrutti con l'alloggio.
12. Nelle osservazioni dei richiedenti, dopo questo attacco una bomba inesplosa è stata trovata al 15 di via Via di Dostoevsky.
13. Sembra che il 10 novembre 1999 un video del luogo dell'incidente fu fatto dai residenti locali.
14. Il 24 gennaio 2000 l'Amministrazione di Urus-Martan (l'aäìèíèñòðàöèÿ г. Урус-Мартан) stese un rapporto di valutazione (дефектный акт) descrivendo in dettaglio il danno inflitto all'alloggio al 24a Via Dostoevsky come risultato dell'attacco.
15. in una data non specificata nel novembre 2000 l'Amministrazione di Urus-Martan emise al primo richiedente un certificato che confermava che l'alloggio al 24a Dostoevsky di Via che gli apparteneva era stato distrutto in parte come risultato dell’esplosione di una bomba il 19 ottobre 1999.
16. Il 25 febbraio 2002 l'Amministrazione di Urus-Martan emise al secondo richiedente un certificato che confermava che l'alloggio al 24a di Via Dostoevsky era stata distrutto in parte come risultato della guerra nella Repubblica di Cecenia e che era al momento inadatto all'abitazione umana.
2. Indagine ufficiale
17. Dopo questo l'attacco i richiedenti chiesero l'apertura di un'indagine sugli eventi del 19 ottobre 1999. Era soprattutto il primo richiedente che, a suo proprio nome ed a favore degli altri richiedenti, fece richiesta, sia in persona che per iscritto, ai vari organi pubblici.
(a) Risposta delle autorità militari ed amministrative
18. Fra il gennaio 2000 e il novembre 2001 il primo richiedente ricevette un numero di lettere simili dal Quartier Generale dell'Aeronautica militare russa (штаб di Главный il сил di Военно-воздушных), dal comandante supremo in carica dell'Aeronautica militare (обязанности di исполняющий di временно Главнокомандующего il силами di Военно-воздушными) e dal Quartier Generale elle Forze armate della Russia (штаб di Генеральный Вооруженных Сил РФ), affermando che l'Aeronautica militare non aveva mai volato nei pressi di Urus-Martan e non aveva sganciato nessuna bomba nell’ ottobre 1999 o più tardi. Le lettere aggiunsero che gli attacchi aerei furono sferrati solamente su obiettivi che erano stati pre-selezionati ed erano stati identificati come militari ed erano situati ad una distanza di almeno due o tre chilometri dalle aree abitate, e che la precisione degli aerei militari precludeva qualsiasi possibilità di colpi fortuiti su edifici civili. Riguardo all'azione di reclamo del primo richiedente in merito ad una bomba inesplosa trovata dai residenti, fu invitato a fare istanza presso “un corpo competente del Ministero dell'Interno” nei pressi della sua dimora.
19. Durante lo stesso periodo il primo richiedente ricevette anche risposte dal Ministero dell'Interno, dal comandante delle Truppe Missilistiche ed Artiglieria (войск di ракетных di начальник и артиллерии) e dal comandante delle Truppe del Circuito Militare del nord Caucaso (командующий войсками округа di военного di Северо-Кавказского) che negò qualsiasi coinvolgimento da parte del loro personale nell'attacco addotto del 19 ottobre 1999 su Urus-Martan.
20. Il 15 febbraio 2001 un capo in carica della Sede centrale dell0 unità militare n. 40911 informato il primo richiedente che l'aereo del quarto Esercito dell'Aeronautica militare e Difesa contro Missilistica (Четвертая Армия Военно-воздушных il сил обороны di противоракетной di и) non aveva attaccato Urus-Martan o aveva avviato aereo sull'alloggio al 24a Via Dostoevsky, poiché loro non avevano posseduto nessuna informazione che riguardava qualsiasi oggetto militari nella detta area a testimonianza di tale attacco. La lettera affermava anche che le informazioni ricevute presumibilmente dal primo richiedente dall'ufficio dell'accusatore militare, all'effetto che il 19 ottobre 1999 due aeroplani militari SU-25 avevano avviato un attacco aereo su Urus-Martan, erano imprecise.
21. Il 18 dicembre 2001 l'Ufficio del Rappresentante Plenipotenziario del Presidente russo nel Circuito Federale Meridionale (Аппарат l'представителя di Полномочного Президента РФ в округе di федеральном di Южном) ha informato il primo richiedente che non c'era stata guerra sul territorio di Urus-Martan nell’ ottobre 1999, che formazioni armate illegali non avevano nessun aereo militare o bombe e missili nel loro arsenale e che nell’ ottobre 1999 nessuna incursione con aerei militari esteri nello spazio aereo della Federazione russa era stata scoperta.
22. In una lettera del 14 novembre 2002 il comandante supremo delle Forze Aeree informò anche il primo richiedente che, secondo un registro di missioni aeree di combattimento (журнал учетa боевых вылетов) ed una mappa tattica (карта ведения боевых действий), il19 ottobre 1999 gli aerei delle Forze Aeree russe non aveva lanciato nessuna bomba ad una distanza inferiore ad un chilometro dalla periferia sud-orientale di Urus-Martan.
(b) procedimenti Penali
23. Sembra che il 7 aprile 2000 l'accusatore militare dell’ unità militare n. 20102 decise di dispensarsi dai procedimenti penali in collegamento con gli eventi del 19 ottobre 1999, affermando che non c'era nessuna prova di coinvolgimento da parte del personale militare federale nel reato imputato, e che le vittime addotte e i danni avrebbero potuto essere inflitti da combattenti di gruppi armati illegali.
24. Il 21 luglio 2000 l'ufficio dell'accusatore della Repubblica di Cecenia (l'ïðîêóðàòóðà Чеченской Республики-“l'ufficio dell'accusatore repubblicano”) avviò procedimenti penali in collegamento con l'attacco aereo del 19 ottobre 1999 su Urus-Martan e l'uccisione di residenti e la distruzione di proprietà, sotto gli Articoli 105 § 2 (a) e (e) (uccisione di due o più persone commesso in una maniera socialmente pericolosa) e 167 § 2 (distruzione intenzionale aggravata della proprietà di uno) del Codice Penale russo. All'archivio di causa fu dato il numero 24031 e spediti all'ufficio dell'accusatore del Distretto di Urus-Martan (l'ïðîêóðàòóðà il района di Урус-Мартановского-“l'ufficio dell'accusatore di distretto”).
25. Fra il 21 luglio 2000 e il 7 marzo 2001 i procedimenti penali furono sospesi e riaperti in tre occasioni (vedere paragrafi 54-56 sotto).
26. Il 28 marzo 2001 il primo richiedente fu riconosciuto come vittima ed rivendicatore civile in causa penale n. 24031.
27. Il 29 aprile 2001 l'ufficio dell'accusatore di distretto assegnò l'archivio di causa n. 24031 all'accusatore militare di unità militare n. 20102 (военная прокуратура-l'âîéñêîâàÿ часть 20102) per ulteriore indagine (vedere paragrafo 58 sotto). Quest’ultimo spedirono l'archivio di causa all'ufficio dell'accusatore repubblicano l’ 11 maggio 2001 (vedere paragrafo 59 sotto).
28. Il 6 giugno 2001 l'indagine fu ripresa e poi sospesa il 6 luglio 2001 (vedere paragrafi 60-61 sotto).
29. Con una decisione del 18 marzo 2002 l'ufficio dell'accusatore militare del Circuito Militare del nord Caucaso (военная прокуратура округа di военного di Северо-Кавказского-“il circuito l'ufficio di accusatore militare”) rifiutò la richiesta del primo richiedente per avere procedimenti penali avviato contro ufficiali senior dalla Generale Sede centrale delle Forze armate russe e la Generale Sede centrale degli Aria Vigori russi che l'avevano offerto presumibilmente con informazioni false riguardo all'attacco del 19 ottobre 1999. La decisione si riferì alle dichiarazioni di un numero di ufficiali che avevano chiesto che le dichiarazioni del primo richiedente relativo al bombardamento di Urus-Martan erano state investigate completamente su molte occasioni ed erano state avute provò essere non comprovato. In particolare, uno degli ufficiali affermò che lui aveva esaminato personalmente il registro di missioni aeree di combattimento (журнал учет боевых вылетов) e mappa tattica (карта ведения боевых действий) per il periodo attinente ed accertò che non c'era stata nessun attacco aereo sulla città di Urus-Martan il 19 ottobre 1999. Comunque, all’ 1.30 di notte in quella data 250 kg di bombe aeree erano state lanciate su un gruppo di combattenti localizzato ad un chilometro dalla periferia sud-orientale di Urus-Martan. La decisione concluse che era stato stabilito da allora che gli ufficiali avevano fornito al primo richiedente le piene e vere informazioni e che non c'era nessun elemento che costituiva un crimine riguardo alle loro azioni.
30. Nella stessa data l'ufficio dell’ accusatore del circuito militare annullò la decisione presa dall'ufficio dell'accusatore militare di unità militare n. 20102 7 aprile 2000. Il circuito che l'ufficio di accusatore militare ha affermato, in particolare, che la decisione del 7 aprile 2000 era stata basata su chiarimenti da parte del Capo della Sede centrale del Gruppo “Ovest”, Colonnello K., ed un estratto dal registro di missioni aeree di combattimento, indicando coordinate che erano state attaccate con un paio degli aerei di SU-25 19 ottobre 1999 e che era situato ventisette chilometri da Urus-Martan. La decisione del 18 marzo 2002 continuava a dire che un'indagine eseguita in collegamento con l'azione di reclamo del primo richiedente contro ufficiali di alto-rango senior del Quartier Generale delle Forze armate russe e il Quartier Generale delle Forze Aeree russe aveva stabilito che nessun attacco aereo sulla città di Urus-Martan era stato progettato o era stato eseguito il 19 ottobre 1999, e che l'area più vicina attaccata da un paio di aerei federali in quella data era localizzato ad un chilometro da Urus-Martan, in un'area dove i membri delle formazioni armate illegali erano collocati. La decisione concluse che non si poteva dire che l'indagine era stata completa, in prospettiva di discrepanze nelle informazioni ottenute, e che perciò la decisione di 7 aprile 2000 dovrebbe essere accantonata.
31. Il 25 agosto 2002 l'ufficio dell'accusatore di distretto riprese i procedimenti in causa n. 24031. Nel periodo fra il25 settembre 2002 e il 18 aprile 2003 l'indagine fu sospesa da allora in poi e riprese otto volte (vedere paragrafi 64-71 sotto). Durante quel periodo, il17 ottobre 2002 e il 21 gennaio 2003 l'ufficio dell'accusatore di distretto accordò rispettivamente, status di vittima al secondo e al terzo richiedentw e li dichiarò rivendicatori civili nella causa penale n. 24031.
32. In una lettera di 3 settembre 2003 l'ufficio dell'accusatore di distretto informò il primo richiedente che un numero di azioni investigative in causa penale n. 24031 erano stati presi, ed in particolare la scena dell'incidente era stata ispezionata, frammenta di bombe era stato sequestrato, esami competenti e nuovi erano stati ordinati, ed il comandante militare della Repubblica di Cecenia (военный комендант Чеченской Республики) era stato richiesto di prendere passi mirati a sbarazzandosi di bombe aereoinesplose trovati nel distretto residenziale di Urus-Martan. La lettera affermò inoltre che il 15 marzo 2003 i procedimenti penali nella causa n. 24031 erano stati sospesi, e il 19 marzo 2003 che l'archivio di causa era stato trasmesso all'ufficio dell'accusatore repubblicano. L'indagine era eseguita attualmente dall'ufficio dell'accusatore militare dell'Allineamento del gruppo Unito.
33. Il 17 novembre 2003 l'indagine nell'attacco di 19 ottobre 2003 era stata terminata con riferimento all'assenza di elementi costituenti di un crimine nelle azioni di alto-classificare ufficiali militari (vedere divide in paragrafi 74-82 sotto). Secondo i richiedenti, era solamente il primo richiedente che era stato informato di questa decisione, e nessuno dei richiedenti era stato fornito di una copia.
34. Sembra che il primo richiedente poi inutilmente fece domanda ad accusatori ai vari livelli in un tentativo di ottenere una copia della decisione del 17 novembre 2003.
35. In una lettera del 15 marzo 2004 l'ufficio dell'accusatore militare dell'Allineamento Di gruppo ed Unito informò il primo richiedente che i procedimenti penali in collegamento con l’ attacco di bombe del 19 ottobre 1999 erano stati cessati il 17 novembre 2003 e che una lettera che l'informava di questa decisione era stata spedita a lui nella stessa data.
36. Il 26 marzo 2004 l'ufficio dell'accusatore militare dell'Allineamento Di gruppo ed Unito informò il primo richiedente che la decisione di cessare i procedimenti penali in collegamento con l'attacco del 19 ottobre 1999 era stata legale e fondata, come sé era stato stabilito durante l'indagine che l'aereo federale aveva bombardato punti di comando fortificati, basi e depositi di munizioni dei gruppi armati ed illegali piuttosto che qualsiasi zone residenziali di Urus-Martan. La lettera affermò anche che il primo richiedente fu concesso per costituire una rivendicazione il risarcimento per la sua proprietà distrutta.
37. Il 10 maggio 2004 il primo richiedente si lamentò alla Corte Suprema della Repubblica di Cecenia del rifiuto dell'ufficio dell'accusatore militare dell'Allineamento Di gruppo ed Unito per fornirlo con una copia della decisione di 17 novembre 2003 che gli impedì dal fare appello contro che decisione in corte. È poco chiaro se questa azione di reclamo fu esaminata.
38. 7 giugno 2004 l'Ufficio dell'Accusatore Militare Principale (прокуратура di военная di Главная) trasmise le azioni di reclamo del primo richiedente degli accusatori all'accusatore militare dell'Allineamento Di gruppo ed Unito per esame.
39. In una lettera del 12 luglio 2004 l'ufficio dell'accusatore militare dell'Allineamento Di gruppo ed Unito affermò che l'archivio della causa penale aprì in collegamento con l'attacco aereo federale del 19 ottobre 1999 Urus-Martan era stato classificato come segreto, e perciò la richiesta del primo richiedente per fornirgli i materiali dell’ archivio di causa non poteva essere accordata. Traspirò anche dalla lettera che i procedimenti penali erano stati cessati, che il primo richiedente fu concesso per avviare procedimenti civili, e che l'archivio di causa potrebbe essere presentato ad una corte sull'ordine secondo.
40. In due lettere del 31 luglio 2004 l'ufficio dell'accusatore militare dell'Allineamento Di gruppo ed Unito informò il primo richiedente, in replica alle sue azioni di reclamo del 26 aprile e del 26 maggio 2004 che procedimenti penali avviarono in collegamento con l'attacco aereo su Urus-Martan del 19 ottobre 1999 erano stati cessati il 17 novembre 2003 in assenza degli elementi costituenti di un crimine nell'attacco, e che l'archivio di causa penale fu classificato come segreto.
41. Il 2 agosto 2004 l'ufficio dell'accusatore militare dell'Allineamento Di gruppo ed Unito rispose all'azione di reclamo del primo richiedente di 26 maggio 2004, affermando che l'indagine preliminare in causa n. 34/00/0008-03 avevano stabilito che nell’ ottobre 1999 la città di Urus-Martan era stata occupata da estremisti islamici, corrispondenti a più di 1,500 persone che avevano basato la loro sede centrale nella città l'avevano fortificato e non era prono alla resa, e che in simile circostanze il comando federale aveva preso una decisione di eseguire bomba di punta di spillo prevede contro le basi di combattenti illegali in Urus-Martan.
42. In una lettera del 10 agosto 2004 l'ufficio dell'accusatore militare dell'Allineamento Di gruppo ed Unito confermò, in replica all'azione di reclamo del primo richiedente del 20 aprile 2004, che i procedimenti penali riguardo all'attacco del 19 ottobre 1999 su Urus-Martan erano stati terminati. La lettera affermò anche che i materiali di causa-archivio erano stati classificati come segreti.
3. Procedimenti per il risarcimento
43. In una data non specificata nel 2000 il primo richiedente emise procedimenti civili contro il Governo della Russia, il Ministero di Finanza ed il Ministero di Difesa ed un numero di accusatori nella Corte distrettuale di Basmanny di Mosca (“la Corte distrettuale”). Lui chiese danni in collegamento presumibilmente con la gestione impropria delle sue azioni di reclamo da accusatori così come danno patrimoniale e non-patrimoniale per la sua proprietà distrutta.
44. Il 14 novembre 2000 l'Amministrazione di Urus-Martan rispose ad una consultazione della Corte distrettuale, dopo aver confermato che come risultato dell’attacco aereo del19 ottobre 1999 sei residenti di Urus-Martan erano stati uccisi e molti ferito, e che conteneva un rapporto di valutazione a riguardo degli alloggi distrutti e danneggiati.
45. In una lettera del 19 gennaio 2001 l'Amministrazione di Urus-Martan affermò di nuovo in replica ad un'altra consultazione dalla Corte distrettuale che un attaccoaereodi 19 ottobre 1999 aveva dato luogo a sei residenti che sono uccisi e molto ferito, così come danno a dozzine di alloggi, incluso quell'a 24a Via di Dostoevsky. Questo alloggio secondo era disadatto per l'abitazione umana, ed il suo stato povero di ripari prima era stato riflesso in un rapporto di valutazione presentato alla Corte distrettuale.
46. Il 24 maggio 2001 l'ufficio dell'accusatore di distretto fornì la Corte distrettuale con un rapporto sui risultati dell'indagine in causa penale n. 24031. Il documento affermò che il 19 ottobre 1999 un aereo non identificato aveva avviato un attacco su Urus-Martan, col risultato che sei residenti erano morti che sedici sono stati feriti, tredici alloggi privati furono distrutti, incluso che del primo richiedente, e ventisette alloggi furono danneggiati. Il 27 luglio 2000 l'ufficio dell'accusatore repubblicano aveva avviato procedimenti penali in causa in questo collegamento, n. 24031 ed il primo richiedente erano stati dichiarati una vittima e rivendicatore civile in questa causa. Gli eventi di 19 ottobre 1999 erano stati confermati con quarantotto testimoni elencati nel rapporto e gli altri testimoni, rapporti dell'ispezione della scena delittuosa ed esame forense così come l'altra prova, come frammenti di bombe esplose sequestrati dall'alloggio del primo richiedente ed un documento di video del luogo dell'incidente, datato 10 novembre 1999. Infine, il rapporto affermò che, come i gruppi armati ed illegali nessun aereo aveva, su tre occasioni la causa penale era stata spedita per ulteriore indagine all'ufficio dell'accusatore militare che, comunque, l'aveva restituito su vari motivi, mentre protraendo così l'indagine e facendolo difficile identificare i piloti coinvolsero nell'attacco di 19 ottobre 1999.
47. L’ 11 maggio 2001 la Corte distrettuale consegnò la sua sentenza, mentre sostenendo che gli organi pubblici in modo appropriato avevano esaminato le azioni di reclamo del primo richiedente e l'avevano dato risposte opportune, e perciò non aveva infranto i suoi diritti, incluso il diritto per ricevere informazioni. Come alle rivendicazioni del primo richiedente riguardo al risarcimento per la proprietà distrutta, la corte contenne, che loro non potevano essere accordati, come “le forze armate federali avevano condotto un'operazione militare nella Repubblica di Cecenia con virtù di decreti presidenziali e governativi che non erano stati trovati illegali.” La corte affermò inoltre che la distruzione dell'alloggio del primo richiedente non poteva essere imputata agli imputati, poiché le azioni militari non solo erano state eseguite con le truppe federali ma coi gruppi armati ed illegali come bene, e che nessun collegamento causale era stato stabilito fra gli imputati le azioni di ' ed il danno subirono col rivendicatore. Le rivendicazioni del primo richiedente per il risarcimento in riguardo di danno non-patrimoniale non potevano essere accordate uno, siccome lui non aveva presentato qualsiasi prova che le azioni degli imputati avevano provocato una qualsiasi sofferenza fisica, mentale o emotiva, e non aveva indicato l'importo del risarcimento chiesto. In prospettiva del sopra, la corte concluse, che non c'erano nessuno motivi per ammettere i ricorsi del primo richiedente.
48. Il 4 ottobre 2001 la Mosca Corte Urbana sostenne la sentenza di prima - istanza su ricorso, mentre appellandosi grandemente sulla Corte distrettuale sta ragionando.
B. Documenti presentati dal Governo
49. Nel dicembre 2006, in seguito alla comunicazione a loro della presente richiesta, il Governo produsse una copia dell'archivio di indagine in causa n. 34/00/0008-03 (inizialmente n. 24031) aprì in riguardo dell'attacco del 19 ottobre 1999 su Urus-Martan. I materiali prodotti ammontavano ad approssimativamente 1,200 pagine e sembrarono rappresentare una copia della parte notevole di, se non intero, archivio di causa. Questi documenti, in finora come attinente, può essere riassunto come segue.
(q) Documenti relativi alla condotta dell'indagine ed informazioni ai richiedenti dei sui progressi
50. Con una decisione del 21 luglio 2000 l'ufficio dell'accusatore repubblicano avviò procedimenti penali in collegamento con l'azione di reclamo del primo richiedente riguardo ad un attacco di bombe su un quartiere residenziale di Urus-Martan il 19 ottobre 1999, dando luogo a sei persone che furono uccise sedici ferite, con tredici alloggi distrutti e ventisette danneggiati. I procedimenti furono portati sotto Articoli 105 § 2 (aggravò assassinio) e 167 § 2 del Codice Penale russo, e la causa fu trasferita all'ufficio dell'accusatore di distretto per indagine. Una lettera della stessa data informò il primo richiedente della decisione per avviare procedimenti penali ma non indicò la data di quel la decisione.
51. In una lettera del 31 agosto 2000 l'ufficio dell'accusatore repubblicano attrasse l'attenzione dell'ufficio dell'accusatore di distretto a “il temporeggiamento senza precedenti” dell'indagine in causa n. 24031. La lettera affermò, in particolare, che da un periodo di un mese l'investigatore in accusa non compiva qualsiasi azione investigativa e non aveva interrogato vittime o testimoni. Istruì l'ufficio dell'accusatore di distretto a rianimare l'indagine e stabilire le circostanze della causa. In particolare, era necessario per intervistare tutte le vittime dello attacco di bomba in oggetto, accordarli status di vittima e dichiararli rivendicatori civili; interrogare i parenti di quelli deceduti e li accorda status di vittima; ispezionare la scena dell'incidente che usa fotografico ed apparecchiature di video, e stabilire e colloquio è testimone oculare degli eventi in oggetto.
52. In una data non specificata ad ottobre 2000 l'investigatore in accusa chiese l'autorizzazione dell'accusatore competente per una proroga del termine dell'indagine preliminare. La decisione attinente elencò le sentenze rese con l'indagine su a quel il tempo. Assegnò, in particolare, a dichiarazioni di un numero di residenti del quartiere che era venuto ad attacco 19 ottobre 1999 chi sotto, essendo è testimone oculare all'incidente, insistette che gli aerei militari stessero volando ad un'altitudine bassa e che i piloti avessero potuto vedere perciò chiaramente che loro stavano designando come bersaglio un quartiere residenziale. La decisione si riferì inoltre ai residenti le dichiarazioni di ' all'effetto che nessuno combattente illegale mai aveva vissuto nel loro quartiere e che proprietà occupò coi combattenti di ribelle era stato localizzato alla periferia di Urus-Martan e con che tempo già era stato colpito con attentatori federali, e che c'era stata perciò nessuna ragione di bombardare un quartiere residenziale abitata con civili. La decisione seguì a notare che durante l'ispezione della scena dell'incidente che il grande metallo frammenta di bombe aeree era stato trovato e che, in oltre, bombe inesplose ancora stavano giacendo nei cortili di un numero di proprietà. La decisione affermò che la prova ottenuta provò il coinvolgimento delle forze aeree federali nell'attacco del 19 ottobre 1999, questo essere di sentenza inveterato con dichiarazioni di testimone oculare, fotografie e video registra, valutazione riporta attestando al danno inflitto ed un rapporto sull'ispezione della scena dell'incidente.
53. In una lettera dell’ ottobre 2000 (la data esatta è illeggibile) l'ufficio dell'accusatore militare di unità militare n. 20102 restituirono l'archivio di causa all'ufficio dell'accusatore repubblicano che afferma che un numero di requisiti formali non era stato attenuto. I secondi riferirono l'archivio di causa all'ufficio dell'accusatore di distretto il 30 ottobre 2000 ordinadogli di rimediare ai difetti.
54. Una decisione del 21 gennaio 2001 con l'ufficio dell'accusatore di distretto ordinò la sospensione dei procedimenti penali. Affermò che investigative misure del tutto possibili erano state compiute ma non era stato possibile stabilire chi era responsabile.
55. In una decisione del 7 febbraio 2001 un accusatore che supervisiona accantonò la decisione del 21 gennaio 2001 come infondato e prematuro. Ordinò che l'indagine venisse ripresa, che è testimone oculare all'attacco sia interrogato, che i risultati di esami forensi e medici e prove balistiche siano inclusi nell'archivio di causa e che al primo richiedente venisse accordato lo status di vittima in collegamento con le perdite patrimoniali che lui era incorso come risultato dell'attacco.
56. In una decisione del 7 marzo 2001 l'ufficio dell'accusatore di distretto ordinò una sospensione dei procedimenti penali in causa n. 24031, affermando che tutte le misure investigative indicarono nella decisione dell'accusatore che supervisiona di 7 febbraio 2001 era stato eseguito, ma non era stato possibile stabilire chi era responsabile.
57. In una lettera del 14 aprile 2001 l'ufficio dell'accusatore di distretto rispose al primo richiedente che la sua richiesta per copie autenticate di decisioni che avviano procedimenti penali in causa n. 24031 e prolungando il termine dell'indagine preliminare “non aveva base in legge” e perciò non poteva essere accordato. La lettera indicò anche che il termine dell'indagine preliminare nella causa penale e detta era stato prolungato sino al 21 gennaio 2001 e che il 10 ottobre 2000 era stato spedito all'ufficio di un accusatore militare che l'aveva restituito 26 ottobre 2000 a causa di difetti procedurali. La lettera proseguiva a dire che prove balistiche erano state ordinate nella causa il 16 novembre 2000; quelle prove non erano state eseguite ancora comunque. Notò poi che 21 gennaio 2001 l'indagine era stata sospesa, poi era stata ricapitolata 7 febbraio 2001 e di nuovo era stata sospesa il 7 marzo 2001. La lettera assicurò anche il primo richiedente che le sue richieste nella causa presente sarebbero registrate nell'archivio di causa e sarebbero prese nell'esame durante l'ulteriore indagine.
58. In una decisione di 29 aprile 2001 l'ufficio dell'accusatore di distretto ordinò che l'archivio di causa sia trasferito all'ufficio dell'accusatore militare di unità militare n. 20102 per ulteriore indagine. La decisione affermò che era stato stabilito che la distruzione di alloggi e l'altra proprietà e le morti e danni di residenti di Urus-Martan del 19 ottobre 1999 era dovuta ad un attacco aereo con aerei delle forze armate federali. Questo fatto era stato confermato con testimoni e vittime e con l'ispezione del luogo dell'incidente, dove frammenta di bombe aeree e missili era stato trovato. Il coinvolgimento di personale militare e federale in che attacco era ovvio, poiché le formazioni armate ed illegali non avevano aereo, e la causa registra perciò doveva per essere trasferito all'accusatore militare per ulteriore indagine per identificare l'unità militare e personale militare in oggetto i quali avevano commesso il reato.
59. In una lettera di 11 maggio 2001 l'ufficio dell'accusatore militare di unità militare n. 20102 trasmisero l'archivio di causa all'ufficio dell'accusatore repubblicano. La lettera affermò che la conclusione dell'ufficio dell'accusatore di distretto che sul 1999 Urus-Martan de, 19 ottobre era venuta sotto ad un attacco di bombe fu basata su dichiarazioni di testimone contraddittorie e non aveva conferma obiettiva. La lettera indicò, in particolare, che mentre alcuni dei testimoni avevano affermato che loro avevano visto aerei che avevano eseguito presumibilmente lo attacco, degli altri testimoni avevano indicato che loro non erano stati in grado vedere aerei come nel giorno in oggetto sé era stato nuvoloso e nebbioso. Secondo la lettera, erano anche inoltre, discrepanze in dichiarazioni di testimone riguardo al numero complessivo di aerei che avevano partecipato presumibilmente nell'attacco ed il loro colore. La lettera seguì a notare che l'origine dei frammenti di munizioni sequestrò da due delle proprietà che erano venute presumibilmente sotto l'attacco del 19 ottobre 1999 (vedere paragrafo 88 sotto), non era stato stabilito e non era stato accertato come era stato possibile che quelli frammenti ancora potrebbero essere trovati un anno dopo l'attacco. Alla fine, la lettera affermò, che allo stesso tempo il comando del Gruppi Allineamento Unito ed il Ministero russo di Difesa aveva riportato che il 19 ottobre 1999 l'aereo federale non aveva portato avanti qualsiasi attacco su Urus-Martan.
60. Con una decisione del 6 giugno 2001 l'ufficio dell'accusatore di distretto riprese l'indagine.
61. Una decisione del 6 luglio 2001 ordinò che procedimenti penali dovuti all'insuccesso di stabilire i perpetratori addotti venissero sospesi e che l'archivio di causa venisse trasferito all'ufficio dell'accusatore militare. La decisione era simile a che di 29 aprile 2001. Affermò, in particolare, che il coinvolgimento dell'aereo federale nell'attacco era stato stabilito con dichiarazioni di testimone oculare ed i risultati di prove di balistica che avevano confermato che frammenti trovati alla scena dell'incidente era stato quelli di bombardamenti di artiglieria e bombe di antenna. Affermò anche che una bomba aerea ed inesplosa era rimasta sulla base vicino l'alloggio a 15 Via di Dostoyevskiy fin dall'attacco del 19 ottobre 1999.
62. In una lettera di 15 maggio 2002 l'ufficio dell'accusatore repubblicano restituì causa n. 24031 all'ufficio del di distretto per ulteriore indagine. La lettera affermò che sullo studio dei materiali di causa-archivio era stato stabilito che l'indagine era stata viziata con violazioni flagranti di diritto procedurale col risultato che l'ufficio dell'accusatore militare aveva rifiutato di prendere la causa. La lettera elencò poi in dettaglio le violazioni procedurali che erano accadute durante l'ispezione della scena dell'incidente e la confisca ed esame di frammenti di munizioni trovate là e determinato che come un risultato di quelle violazioni le schegge sequestrate non potevano essere ammesse nella prova. La lettera notò inoltre che datare quelli che avevano sofferto di danno patrimoniale non era stato dichiarato rivendicatori civili e che contraddizioni in dichiarazioni di testimone oculare non erano state risolte ancora. La lettera affermò anche che benché la causa fosse stata ritornata ripetutamente all'ufficio dell'accusatore di distretto a causa di tutti quelli difetti, loro non era stato rimediato a.
63. Con una decisione del 25 agosto 2002 l'ufficio dell'accusatore di distretto riprese i procedimenti penali.
64. Una decisione del 25 settembre 2002 ordinò che l'indagine sia sospesa. La decisione affermò brevemente che investigative misure del tutto possibili erano state prese ma che non era stato possibile stabilire i perpetratore allegato.
65. Con una decisione del 1 ottobre 2002 l'ufficio dell'accusatore di distretto riprese l'indagine. La decisione affermò che, siccome richiesto col primo richiedente, era necessario a questione come testimoni un numero di alto-classificare ufficiali militari che avevano partecipato nell'operazione di cassa-terrorismo nella Repubblica di Cecenia.
66. Una decisione del 1 novembre 2002 ordinò la sospensione dei procedimenti penali. Affermò che dopo la riapertura dell'indagine 1 ottobre 2002, le autorità inquirenti avevano spedito una richiesta per intervistare un numero di ufficiali di alto rango, eseguì un esame competente del frutteto del primo richiedente perso durante l'attacco in oggetto e status di vittima concesso al secondo richiedente. Investigative cause del tutto possibili erano state intentate perciò, secondo la decisione.
67. Una decisione di 10 gennaio 2003 accantonò la decisione del 1 novembre 2002 come infondato, affermando che le istruzioni dell'ufficio dell'accusatore repubblicano per rimediare alle violazioni procedurali non si erano state attenute con. In particolare, c'erano state violazioni di diritto procedurale nella confisca di frammenti di munizioni che erano perciò prova inammissibile. Inoltre, un numero di persone che avevano sofferto di perdite come un risultato dell'incidente non era stato dichiarato rivendicatori civili nella causa. Anche, le contraddizioni in è testimone oculare le descrizioni di ' dell'attacco non erano state risolte. La decisione ordinò così che i procedimenti siano ripresi.
68. Una decisione del 10 febbraio 2003 ordinò la sospensione dei procedimenti penali. Elencò misure investigative prese in gennaio 2003, incluso la confisca di schegge ordinando il loro esame competente, concesso lo status di rivendicatore civile alle vittime e concluse che tutte le azioni investigative delle quali erano state possibili nell'assenza quelli responsabile era stato eseguito.
69. Una decisione del 15 febbraio 2003 ordinò che l'indagine sia ripresa, mentre affermò che un numero di azioni investigative dovesse essere eseguito nella causa. In una lettera del febbraio 2003 (la data esatta è poco chiara), il primo richiedente fu informato dei recenti sviluppi nella causa.
70. Con una decisione del 15 marzo 2003 i procedimenti penali in causa n. 24031 furono aggiornati a causa dell'insuccesso nello stabilire i perpetratori addotti.
71. Con una decisione del 18 aprile 2003 un accusatore dell'ufficio dell'accusatore militare dell'Allineamento Di gruppo ed Unito ordinò che l'indagine sia ripresa. Si può accertare che a questo stadio la causa fu assegnata il numero 34/00/0008-03.
72. Nella stessa data l'ufficio dell'accusatore militare dell'Allineamento del gruppo Unito informò l'ufficio dell'accusatore di distretto di questa decisione e l'invitò a notificare quelle vittime dichiarate della riapertura della causa. In un'altra lettera della stessa data l'ufficio dell'accusatore militare dell'Allineamento del gruppo Unito informò il primo richiedente della sua decisione di riprendere l'indagine.
73. In una decisione di 18 aprile 2003 l'investigatore in accusa cercò l'autorizzazione di un accusatore competente di prolungare il termine dell'indagine preliminare sino a 18 agosto 2003. La decisione affermò che un gran numero di azioni investigative dovevano essere prese. In particolare, era necessario per interrogare ufficiali di alto rango in comando dell'operazione di cassa-terrorismo nella Repubblica di Cecenia; identificare ed intervistare un ufficiale in accusa dell'operazione a Urus-Martan del 19 ottobre 1999, un ufficiale in comando dei piloti che avevano portato avanti attacchi con bombe su Urus-Martan sulla data in oggetto ed i piloti stessi; esaminare e, se necessario, prenda documenti militari ed attinenti, incluso un registro di missioni aeree di combattimento e mappe tattiche; esaminare i materiali delle indagini eseguite dalle autorità militari in collegamento con le azioni di reclamo del primo richiedente dell'attacco; condurre esami competenti; e compiere le altre azioni investigative necessarie.
(b) Decisione del 17 novembre 2003
74. Una decisione di 17 novembre 2003 terminò i procedimenti penali in causa n. 34/00/0008-03. Affermò, in particolare, che facendo seguito a Decreto Presidenziale n. 1255c 23 settembre 1999, le autorità russe avevano avviato un'operazione di cassa-terrorismo nel Caucaso Settentrionale per il disarmo e la liquidazione di gruppi armati ed illegali e restituzione di ordine costituzionale.
75. La decisione seguì a dire che l'operazione era stata eseguita con le forze armate federali e che in fine 1999 Settembrina il Gruppo “l'Ovest” era stato formato sotto il comando di Generale Maggiore Sh. Di stesso periodo il Gruppo delle forze Aeree Unite era stato creato sotto il comando di Generale Tenente G. Ad ottobre inizio 1999 le forze federali aveva cominciato l'operazione di cassa-terrorismo nella Repubblica di Cecenia.
76. Secondo la decisione, le autorità, via i massa-media e foglioline, aveva ordinato i combattenti illegali fermare la loro attività penale e posare in giù braccio. Le autorità avevano avvertito la popolazione locale del possibile uso di aereo ed artiglieria in causa di resistenza organizzata coi gruppi armati ed illegali alle forze federali. In risposta, i combattenti di ribelle avevano offerto resistenza armata e fiera ed aveva organizzato difesa fortificata in accordi locali, mentre proibendo i residenti da lasciando i loro alloggi ed usarli come scudi umani.
77. La decisione affermò inoltre che nel medio di ottobre la città di Urus-Martan era stata occupata con estremisti islamici- Wahhabis -corrispondenti a più di 1,500 persone che avevano basato la loro sede centrale nella città e l'avevano fortificato significativamente. In particolare, loro avevano localizzato il loro comando aguzza nella parte centrale della città, in scuola n. 7 e l'edificio dell'amministrazione di città ed aveva tenuto prigionieri e residenti locali detenuti nelle cantine di quegli edifici per rifiuto a collaborare con loro. I combattenti illegali avevano avuto anche un numero di ricambi di radio e re-trasmittenti di televisione nella città che loro attivamente avevano usato per movimenti rivelatori delle forze federali. Alla periferia i combattenti di ribelle avevano localizzato le loro basi ed un centro per addestramento sovversivo.
78. La decisione assegnò, in particolare, testimoniare a colloqui del Sig. Af. ed il Sig. Chay., ufficiali di intelligenza che avevano eseguito ricognizione in Urus-Martan di periodo attinente. Loro sia determinato che la città era stata occupata da Wahhabis che l'aveva fortificata significativamente e preparata per difesa a lungo termine. Secondo loro, la profondità di difesa si estese a tre a quattro quartieri dalla periferia verso il centro di città; i combattenti avevano scavato trincee e canoe, buche ripiene con petrolio per essere in grado esploderli sull'approccio delle forzefederali, e posti di fuoco numerosi ed organizzati in edifici residenziali. Il Sig. Af. anche affermò che la maggioranza dei residenti locali aveva lasciato la città, e che un numero insignificante di residenti che rimangono in Urus-Martan forzatamente era stato tenuto con gli estremisti che li avevano usati come scudi umani. La decisione si riferì anche a dichiarazioni del Sig. Kh., un residente di Urus-Martan fuori che aguzzò in particolare, che al tempo di materiale più della metà dei residenti civili aveva lasciato la città a causa di persecuzioni con combattenti illegali che avevano detenuto rubati, aveva ucciso ed aveva usato come umano scherma quelli residenti che avevano mostrato resistenza a loro.
79. La decisione affermò anche che ad ottobre 1999 i gruppi armati ed illegali avevano condotto azioni militari ed attive contro le forze federali, mentre usò missili terra-aria e armi da fuoco di grande calibro contro l'aereo federale. In particolare, gli estremisti avevano attaccato l'aereo federale dai tetti di edifici di alto-aumento in Urus-Martan col risultato in giù il quale un numero di aerei ed elicotteri era stato sparato ed i piloti o uccisero o catturarono. Simile incidenti avevano avuto luogo 1, 2 e 4 ottobre 1999. Secondo dati di intelligenza, un gruppo nuovo di approssimativamente 300 combattenti era arrivato anche, ad Urus-Martan per rinforzamento circa 18 ottobre 1999.
80. In quelle circostanze, sul 1999 Generale di 18 ottobre Maggiore Sh. aveva emesso ordine n. 04 che in paragrafo 2 prescrissero che risorse di aereo siano assegnate per appoggio tattico all'Allineamento Occidentale e che combattenti illegali che ' basa, depositi di munizioni e gli altri importanti obiettivi fuori della portata del fuoco di artiglieria federale siano distrutti con punta di spillo scioperi aerei.
81. 19 ottobre 1999, facendo seguito a quell'ordine, due SU-24M militare plana, ciascuno carico con diciotto frammentazione alto-esplosiva bombe aeree di calibro 250-270 kg, aveva eseguito scioperi sulle concentrazioni di combattenti illegali un chilometro all'est di Urus-Martan a 1.30 di sera e 1.31 di sera Allo stesso tempo loro avevano eseguito scioperi sugli estremisti che ' basa in Urus-Martan, incluso quelli situati in scuola n. 7 e l'edificio dell'amministrazione di città. Gli aerei avevano bombardato anche rettangolo n. 75443 sulla periferia orientale di Urus-Martan dove edifici residenziali prepararono per difesa a lungo termine fu situato. Il quartiere residenziale che comprende Dostoyevskiy, Mayakovskiy e Via di Pervomayskaya rientrava nel rettangolo n. 75443.
82. La decisione citò inoltre le conclusioni degli operativi ed esperti tattici l'esame di ' (vedere paragrafo 114 sotto) all'effetto che la decisione era stata fondata ed opportuna e che le autorità militari ed attinenti avevano preso misure per minimizzare vittime fra residenti civili di Urus-Martan. Concluse poi che non c'erano stati nessuno elementi di punibile di reati penale sotto Articoli 105 § 2 e 167 § 2 del Codice Penale russo nelle azioni di Generale Maggiore Sh. e Generale Tenente G. e che perciò i procedimenti penali contro loro dovrebbero essere cessati.
(c) Documenti relativi a misure investigative
83. In una richiesta del 29 luglio 2000 l'ufficio dell'accusatore di distretto istruì la VOVD di Urus-Martan di stabilire ed interrogare le vittime dell'attacco del 19 ottobre 1999, parenti di quelli decederono; accordarli status di vittima e lo status di rivendicatore civile nella causa; ispezionare attentamente la scena dell'incidente; fare fotografie e fare un video registrano del luogo, e, se possibile, prendere esposizioni, incluso frammenti di bombe per eseguire la balistica esaminare e compiere le altre azioni investigative necessarie.
84. In una lettera della stessa data l'ufficio dell'accusatore di distretto richiese l'ufficio dell'accusatore militare di unità militare n. 20102 per spedirloro materiale di un'indagine nell'azione di reclamo del primo richiedente riguardo all'attacco di 19 ottobre 1999.
85. In lettere di 24 agosto 2000 l'ufficio dell'accusatore di distretto ricordò all'Urus-Martan VOVD e l'ufficio dell'accusatore militare di unità militare n. 20102 delle sue richieste di 29 luglio 2000, affermando che datare loro non si erano stati attenuti con.
86. In una lettera del 24 agosto 2000 il primo richiedente richiese che status di vittima sia accordato ad un numero di persone, incluso lui ed il terzo richiedente nel collegamento con la distruzione della proprietà a 24a Via di Dostoyevskiy, come un risultato dell'attacco aereo e federale di 19 ottobre 1999.
87. Relazioni del 3 e 5 ottobre 2000 sull'ispezione della scena dell'incidente descritta in dettaglio lo stato degli alloggi che erano venuti all'attacco aereo di 19 ottobre 1999 sotto. In particolare, il rapporto di 3 ottobre 2000 attestò al danno inflitto su “la proprietà che appartiene a [il primo richiedente]” e menzionò un cratere di bomba sull'area di terra sulla quale la proprietà fu situata. Lo stesso rapporto indicò anche che durante la granata di metallo di ispezione che assomiglia a frammenti di un bombardamento di artiglieria era stato trovato ed era stato sequestrato. Fotografie prese durante l'ispezione della scena dell'incidente furono incluse coi rapporti. Loro rappresentarono un numero di proprietà danneggiate, incluso che del primo richiedente, e granata trovata sull'area di terra della proprietà del primo richiedente.
88. Con due decisioni simili del 5 ottobre 2000 l'investigatore in accusa ordinò la confisca di frammenti di metallo che assomigliano a pezzi di una bomba aerea o bombardamento di artiglieria dalla proprietà del primo richiedente e da altro residente del quartiere che era stato sotto l'attacco del 19 ottobre 1999.
89. Una decisione del 16 novembre 2000 ordinò l'esame di un esperto di frammenti di metallo trovato alla scena dell'incidente con una prospettiva a stabilendo la loro origine. Non sembra che qualsiasi esame di esperti fu intrapreso facendo seguito a quella decisione, siccome il 6 giugno 2001 l'investigatore in accusa ordinò l'esame di un altro esperto dei frammenti. Il rapporto di un esperto del 25 giugno 2001 confermò che i frammenti in oggetto erano pezzi di bombardamenti di artiglieria, bombe aeree e munizioni, l'origine di cui non era stata possibile stabilire.
90. Relazioni del 9 febbraio 2001 attestarono alla confisca ed esame di un videonastro, con un documento dei risultati dell'attacco di 19 ottobre 1999.
91. In una lettera del 18 febbraio 2001 l'investigatore in accusa richiese un accusatore competente a Mosca, dove il primo richiedente visse a che tempo, intervistare il primo richiedente in collegamento con gli eventi del 19 ottobre 1999 e dichiararlo una vittima e rivendicatore civile. Il 16 marzo 2001 l'investigatore rispedì la sua richiesta allo stesso accusatore, mentre affermando che non c'era nessuna indicazione con la quale la richiesta precedente si era stata attenuta.
92. Con una decisione del 28 marzo 2001 il primo richiedente fu dichiarato una vittima in causa penale n. 24031. Lui fu informato di questa decisione sulla stessa data.
93. Con una decisione di 1 ottobre 2002 l'investigatore in accusa ordinò l'esame di un esperto del frutteto del richiedente che, secondo lui, era stato perso come un risultato del bombardamento del 19 ottobre 1999, con una prospettiva a stabilendo il grado di danno incorso in.
94. Con una decisione del 17 ottobre 2002 l'ufficio dell'accusatore di distretto dichiarò il secondo richiedente una vittima ed un rivendicatore civile nella causa. In una richiesta della stessa data l'ufficio dell'accusatore di distretto istruì un accusatore competente alla residenza corrente del secondo richiedente a Mosca intervistarla in collegamento con l'incidente del 19 ottobre 1999. Il secondo richiedente fu informato di questa richiesta in una lettera della stessa data.
95. In un'altra richiesta della stessa data l'ufficio dell'accusatore di distretto istruì l'ufficio dell'accusatore militare della Guarnigione di Mosca ad intervistare come testimoni un numero ufficiali militari d’alto rango delle circostanze dell'attacco del 19 ottobre 1999. In una lettera della stessa data l'ufficio dell'accusatore di distretto informò i richiedenti di che decisione così come della decisione per portare l'esame di un esperto del frutteto.
96. In una lettera del 23 dicembre 2002 l'ufficio dell'accusatore repubblicano informò l'ufficio dell'accusatore di distretto dell'azione di reclamo del secondo richiedente, depositato in favore del terzo richiedente dell'insuccesso dell'ufficio dell'accusatore di distretto per accordare status di vittima al terzo richiedente nonostante la richiesta del primo richiedente a che fine prima presentò. La lettera invitò così l'ufficio dell'accusatore di distretto a riprendere l'indagine in causa n. 24031 e prendere la decisione richiesta.
97. Decisioni del 21 e del 22 gennaio 2003 concessero lo status di vittima e lo status di rivendicatore civile, rispettivamente al terzo richiedente che fu notificato a riguardo nelle stesse date.
98. Una decisione del 17 gennaio 2003 ordinò la confisca di pezzi di granata dalla proprietà del primo richiedente in Urus-Martan. Due rapporti della stessa data descrissero le schegge sequestrate.
99. Una decisione del 19 gennaio 2003 ordinò che le schegge sequestrarono 17 gennaio 2003 sia incluso nell'archivio di causa come prova. Un rapporto della stessa data descrisse i risultati dell'esame di quelle schegge con l'investigatore in accusa.
100. Una decisione del 25 gennaio 2003 ordinò l'esame di un esperto dei pezzi di granata sequestrato 17 gennaio 2003 con una prospettiva a stabilendo la loro origine.
101. In una lettera dek 17 febbraio 2003 l'ufficio dell'accusatore di distretto richiese l'Amministrazione di Urus-Martan per stabilire un perpetrazione competente di valutare danno inflitto sugli alloggi individuali durante l'attacco del 19 ottobre 1999 e stendere rapporti di valutazione.
102. In un'altra lettera della stessa data l'ufficio dell'accusatore di distretto informò l'ufficio del comandante militare del Distretto di Urus-Martan (военный комендант il района di Урус-Мартановского) che dopo che lo attacco di bomba del 1999 due bombe inesplose di 19 ottobre rimase giacendo sulle aree di terra di due proprietà private ed invitò l'ufficio del comandante militare a prendere misure per sbarazzarsi di quelle bombe. Una lettera simile fu spedita all'ufficio del comandante militare della Repubblica di Cecenia 26 febbraio 2003.
103. Secondo un rapporto di 23 aprile 2003, sulla data in oggetto il registro delle missioni aeree di combattimento delle forze federali nella Repubblica di Cecenia per il periodo fra il 8 e il 27 ottobre 1999 e la mappa tattica per il periodo fra il 13 e il 26 ottobre 1999 fu esaminato dalle autorità inquirenti. Il rapporto descrisse poi in dettaglio le entrate rese in quelli documenti come riguardi le arie combattono missioni 19 ottobre 1999. Indicò anche che, secondo quelli documenti, Urus-Martan non era stato attaccato con l'aereo federale sulla data in oggetto, e che il colpo di obiettivi solo che giorno era stato localizzato a distanze di uno e ventidue chilometri dalla città.
104. Un rapporto di 30 aprile 2003 diede i risultati dell'esame del registro di azioni militari dell'aereo dell'Allineamento Di gruppo ed Unito (журнал боевых действий авиации ОГВ) per il periodo dal 1999 a 20 gennaio 2000 di 29 settembre. Secondo il rapporto, sul 1999 due entrate di 19 ottobre era stato reso nel registro; loro concernerono due attacchi con elicotteri militari e federali contro combattenti illegali che erano stati localizzati approssimativamente quaranta chilometri da Urus-Martan. Non c'erano altre informazioni riguardo agli eventi del 19 ottobre 1999 nel registro.
105. Come si può essere accertato da un rapporto di 5 maggio 2003 che è appena leggibile su che data le autorità inquirenti esaminarono il registro di azioni militari dell'Allineamento Di gruppo ed Unito che comprende il periodo fra 25 settembre e 29 novembre 1999. Sembra che nel registro non erano entrate all'effetto che qualsiasi scioperi aerei erano stati portati avanti su Urus-Martan 19 ottobre 1999.
106. In lettere del 31 maggio e del 5 giugno 2003 l'investigatore in accusa richiese le unità militari ed attinenti per offrire informazioni sull'identità dei piloti che avevano eseguito scioperi ad una distanza di un chilometro da Urus-Martan del 19 ottobre 1999.
107. In lettere del 3 giugno 2003 l'investigatore in accusa richiese alle varie autorità competenti per offrire informazioni come a se i residenti di Urus-Martan elencarono in che lettera era stata comportata nelle attività di gruppi armati ed illegali. Il ruolo di nomi incluse quegli uccisi durante l'attacco di 19 ottobre 1999 così come quelli con che erano stati accordati status di vittima in collegamento quel l'incidente. 29 ottobre 2003 il Servizio di Sicurezza Federale russo rispose che quattro persone inclusero nel ruolo aveva partecipato nelle attività dei gruppi armati ed illegali.
108. In due lettere di 10 giugno 2003 il comandante di recitazione di unità militare n. 22290-un'unità di aria-vigore che aveva partecipato in operazioni militari nel vicinato di Urus-Martan di periodo attinente - determinato in replica all'accusatore militare dell'Allineamento del gruppo Unito che non era possibile presentare gli elenchi dei compiti della loro unità (плановая таблица) dal 19 ottobre 1999 siccome erano stati distrutti nel novembre 2000, determinato che facendo seguito ad un ordine attinente del Ministero russo di Difesa il suo tempo di deposito era stato un anno. Le lettere seguirono a dire che di periodo attinente nessun registro di ordini ricevette e dato era stato sostenuto, nessun registro di missioni aeree di combattimento era stato sostenuto, nessun registro di azioni militari era stato sostenuto e nessuna mappa tattica era stata sostenuta. Le lettere affermarono anche che i mezzi di controllo obiettivo-orografie e fotografie -dal 19 ottobre 1999 era non disponibile siccome loro erano stati distrutti un anno dopo che data, come prescritto in un ordine attinente del Ministero russo di Difesa, e nessuno registrare era disponibili siccome loro erano tenuti solamente da tre mesi. Infine, le lettere indicarono che il registro degli ordini militari del comandante e la mappa per gli ordini del comandante per azioni militari era stato spedito a Rostov-sul-Don nel dicembre 2000.
109. Il rapporto di un esperto di 20 giugno 2003 determinato che i frammenti di metallo sequestrati il 17 gennaio 2003 (vedere paragrafo 98 sopra) erano pezzi di oggetti di metallo industrialmente fabbricati che erano stati distrutti con esplosione di un'accusa di contatto e che è probabile che alcuni di loro siano frammenta di munizioni.
110. Un rapporto di 2 luglio 2003 sull'esame di registrazioni video del processo di escavazione e la distruzione di bombe aeree inesplose che erano rimaste dopo l'attacco di 19 ottobre 1999 determinato che era stato stabilito che loro erano state bombe estremamente esplosive di calibro 250-270 kg.
111. In una lettera di 3 luglio 2003 il comandante di unità militare n. 11731 che al tempo attinente stavano partecipando in azioni militari nel vicinato di Urus-Martan, determinato che tutti i documenti relativo ad operazioni ad ottobre 1999, e, vale a dire, un registro di ordini dato e ricevette, un registro di missioni aeree di combattimento, un registro di azioni militari combatte ordini, pilota i rapporti di ' sulle loro missioni ed una mappa tattica, era stato distrutto 13 dicembre 2001 siccome loro avevano perso il loro valore pratico e non avevano avuto valore storico o scientifico.
112. Il rapporto di un esperto del 9 luglio 2003 valutò il danno inflitto sul frutteto sul beni immobili del primo richiedente. Il rapporto affermò che di 131 alberi di frutta solamente 40 alberi erano rimasti indenni e poi avevano descritto in dettaglio il frutteto rovinato. Il rapporto indicò inoltre che le perdite patrimoniali incorsero in come un risultato della devastazione corrispose a 856,400 rubli russi (RUB, approssimativamente 21,000 euro (EUR)).
113. Con una decisione di 20 ottobre 2003 l'investigatore in accusa ordinò un esperti operativi e tattici l'esame di ' con una prospettiva a stabilendo se c'era stato qualsiasi difetti nell'organizzazione ed esecuzione di un attacco di bombe nei pressi di Urus-Martan il 19 ottobre 1999 da parte del comandante del Gruppo “l'Ovest”, Generale Maggiore Sh., ed il comandante del Gruppo delle forze Aeree Unite, Generale Tenente G.
114. Un rapporto del 16 novembre 2003 diede i risultati degli esami operativi e tattici degli esperti. Gli esperti affermarono che la decisione del Generale- maggiore Sh. di eseguire l’attacco con bombe del 19 ottobre 1999 su punti fortificati e basi di gruppi armati e illegali e sulla loro radio ed installazioni elettroniche erano stati fondati ed opportuni, come a che tempo che la città di Urus-Martan era stata occupata con combattenti illegali, mentre corrispondendo a più di 1,500 persone che l'avevano fortificato e non erano state preparato a resa e che era stato eseguito con un gruppo nuovo di circa 300 combattenti illegali un giorno di fronte all'attacco. Secondo gli esperti qualsiasi gli altri metodi di azione con vigori federali, come un attacco base tempestando o costringendo fuori, avrebbe condotto a perdite ingiustificate fra loro. Gli esperti affermarono anche che, nell’organizzare lo attacco di bombe in oggetto il comando del Gruppo “Ovest” aveva adottato certe misure nella prospettiva di minimizzare le vittime civili. In particolare, secondo il rapporto, le autorità militari avevano optato per scioperi di punta di spillo che avevano dato luogo a solamente sei persone che sono uccise e diciassette ferito, quattro della cosa seconda a gruppi armati ed illegali. D'altra parte perdite considerevoli erano state causate ai combattenti illegali che, di conseguenza, avevano successivamente, il 7 e l’ 8 dicembre 1999, ceduto la città senza lottare col risultato che non c'erano state vittime fra le forze armate federali. Il rapporto concluse così che le azioni del Generale Maggiore Sh. e del Generale che Tenente G. si erano attenuto con tutte le istruzioni attinenti e regolamentazioni, incluso il Manuale del Campo della Fanteria che la decisione di eseguire un attacco19 ottobre 1999 era stata ragionevole e che l'aereo federale era stato usato a Urus-Martan il 19 ottobre 1999 facendo seguito alle decisioni di ufficiali competenti e prendendo in considerazione la situazione esistente e i dati di intelligence.
(d) colloqui dei Testimoni
115. L'archivio di causa contiene chiarimenti scritti dati il 18 marzo 2000 dal Sig. K.-il Capo della Sede centrale del Gruppo “Ovest” all’'accusatore dell’ unità militare n. 20102. Secondo loro, durante il periodo di 19-20 ottobre 1999 il Gruppo “l'Ovest” era stato affidato con una missione per costringere fuori gruppi armati ed illegali dalla città di Urus-Martan. Nelle osservazioni del Sig. K. per evitare vittime fra residenti civili di Urus-Martan, il comando federale aveva fatto domanda ripetutamente a loro con una richiesta per Wahhabis di cessare la loro resistenza e lasciare la città ed aveva avvertito i residenti che altrimenti i Wahhabis sarebbero stati distrutti con fuoco di artiglieria ed attacchi aerei. Secondo il Sig. K., i civili che risiedono in Urus-Martan erano stati avvertiti perciò,; comunque, determinato che i combattenti illegali non si erano arresi, scioperi di bomba di punta di spillo erano stati tirati le loro basi. Nel Sig. K. ' osservazione di s, scioperi di bomba erano stati eseguiti con l'aereo militare sulla base di informazioni ottenuta col servizio di intelligenza secondo. Il Sig. K. notò anche che nel dicembre 1999 le forze federali avevano reso impraticabile inoltre Urus-Martan per “vasto-su” le operazioni. Durante un colloquio di testimone del 2003 Sig. K. di 18 aprile affermato che lui non potesse dare qualsiasi chiarimenti riguardo agli eventi del 19 ottobre 1999, siccome lui non ricordò qualsiasi cosa. Lui affermò anche riguardo ai suoi chiarimenti scritti del 18 marzo 2000 che la firma su quel documento era la sua, ma che lui non ricordava di aver affermato che questo fu scritto là. Lui aggiunse che attualmente lui non era capace di fare commenti su quei chiarimenti, dato che più di tre anni erano passati fin dalla data quando loro era stato dato.
116. Nei loro chiarimenti del 4-6 luglio 2000 un numero di è testimone oculare-residenti del quartiere che è venuto all'attacco sotto-descrisse l'attacco di 19 ottobre 1999, mentre affermando che sulla data in oggetto, approssimativamente fra il 12.30 ed il 1.30 di sera, due aerei militari russi erano arrivati e che uno di loro aveva eseguito scioperi fuori del territorio di Urus-Martan, mentre gli altri avevano bombardato il quartiere residenziale in che l'è testimone oculare abitato. Due di loro affermarono anche che i residenti di Urus-Martan non erano stati avvertiti di nessun attacco di bombe.
117. Durante colloqui di testimone nel periodo da 7 settembre al 2000 sessanta-tre residenti di 5 ottobre del quartiere che era venuto all'attacco del 19 ottobre 1999 sotto gli eventi descrissero in oggetto.
118. In chiarimenti del 12 marzo 2001, il Sig. Z.- un ufficiale senior di unità militare n. 45881-dato che, secondo questa mappa tattica di unità, la città di Urus-Martan non era entrata sotto attacco aereo nel periodo fra il 18 e il 27 ottobre 1999, e che il 19 ottobre 1999 all’ 1.30 di sera 250 kg bombe aeree altamente esplosive erano state sganciate contro un gruppo di combattenti localizzato un chilometro dalla periferia sud-orientale di Urus-Martan. Come riguardo alle informazioni nel registro di missioni aereodi combattimento (vedere paragrafo 133 sotto), il Sig. Z. affermò che le coordinate menzionarono là era stato situato da ventisei a ventisetti chilometri da Urus-Martan. Durante un colloquio di testimone del 2002 Sig. Z. di 12 novembre confermato che lui era stato appoggiato alla Repubblica di Cecenia al tempo di materiale ma affermò che da 11 ottobre a 28 novembre 1999 lui era stato in licenza fuori del territorio della Repubblica di Cecenia, e perciò lui non aveva partecipato mai nella pianificazione ed organizzazione dell'attacco aereo di 19 ottobre 1999. Lui aggiunse che lui non potesse essere un testimone nella causa che riguarda che incidente, siccome lui stava notificando in un'unità militare altro che che quale aveva partecipato in quel l'attacco.
119. Secondo una trascrizione attinente di un colloquio di testimone, il primo richiedente fu interrogato 27 marzo 2001.
120. In un colloquio di testimone del 2003 Sig. M. di 21 gennaio, al tempo di materiale un primo Sostituto Capo della Generale Sede centrale delle Forze armate russe, determinato che, come lontano siccome lui seppe, durante l'operazione di cassa-terrorismo nella Repubblica di Cecenia nessuna bomba o scioperi missili, o qualsiasi gli altri attacchi aerei erano stati progettati o erano stati eseguiti su accordi abitati. Secondo il Sig. M., simile scioperi erano stati eseguiti solamente su obiettivi pre-selezionati relativo alle attività di gruppi armati ed illegali.
121. Nel suo colloquio di testimone del 2003 il Sig. Mikh di 25 gennaio., al tempo attinente il Comandante supremo Aggiunto degli Aria Vigori russi, determinato che lui non aveva dato qualsiasi ordini per eseguire un attacco di bombe sulla città di Urus-Martan 19 ottobre 1999, e che lui non sapeva di qualsiasi bombardamento di Urus-Martan con aerei federali.
122. Durante un colloquio di testimone della stessa data il Sig. Ch., un Capo Aggiunto della Sede centrale Principale ed il Capo dell'Amministrazione Operativa dell'Aria Costringe, dichiarazioni simili e rese.
123. In un colloquio di testimone di 15 aprile 2003 il secondo richiedente descrisse le proprietà che lei aveva perso durante l'attacco di 19 ottobre 1999.
124. In un colloquio di testimone del 2003 Sig. A. di 24 aprile, un ufficiale militare di alto rango che al tempo attinente era stato appoggiato alla Repubblica di Cecenia, affermò che lui non sapeva niente di un attacco di bombe su Urus-Martan del 19 ottobre 1999 ed era perciò incapace per prevedere qualsiasi informazioni attinenti in quel il riguardo. Lui era anche incapace per dare qualsiasi chiarimento come riguardi la sua replica di 15 febbraio 2001 all'azione di reclamo del primo richiedente riguardo all'attacco di 19 ottobre 1999 (vedere paragrafo 20 sopra).
125. In un colloquio di testimone della stessa data il Sig. B., un ufficiale di alto rangoche al tempo attinente era stato appoggiato alla Repubblica di Cecenia affermò che lui non conobbe niente l'attacco di 19 ottobre 1999 su Urus-Martan come in che periodo che lui era stato responsabile di operazioni in un'altra area della Repubblica di Cecenia. Lui era incapace per prevedere qualsiasi le informazioni altro che quel indicò nella sua replica al primo richiedente datata 23 novembre 2000 all'effetto che le forze aeree federali non avevano mai bombardato Urus-Martan.
126. Durante interrogando sul 2003 Sig. G. di 25 aprile, al tempo di materiale il Comandante del Gruppo delle forze Aeree Unite nella Repubblica di Cecenia (vedere paragrafo 75 sopra), affermò che lui non ricordò gli eventi di ottobre 1999, siccome molto tempo era passato fin da loro, e che tutte le azioni delle forze aeree federali per quel periodo era stato registrato nel registro di missioni aeree di combattimento e mappa tattica.
127. Durante l’interrogatorio del 29 aprile 2003 del Sig. P. un ufficiale militare di alto rango appoggiato alla Repubblica di Cecenia al tempo attinente, fece dichiarazioni simili.
128. Il 9 e il 10 giugno 2003 le autorità inquirenti misero in dubbio un numero di ufficiali delle forze aeree federali che avevano preso parte in operazioni militari nelle vicinanze di Urus-Martan al tempo attinente. Due piloti, Par. e Mak. che nel periodo attinente era appoggiati alla Repubblica di Cecenia servivano nell’ unità militare n. 22290, affermarono che nell’ ottobre 1999 loro avevano ricevuto un ordine dal loro comandante, Colonnello Danneggia., eseguire scioperi in rettangoli pre-selezionati su obiettivi che rappresentano gruppi armati ed illegali sul settentrionale e periferia nord-occidentale di Urus-Martan. Secondo i piloti, quando eseguendo gli scioperi loro avevano usato missili piuttosto che bombe aeree date che gli obiettivi erano stati localizzati molto vicini alla città. I piloti affermarono che loro non avevano usato bombe aeree durante la loro missione di combattimento e non avevano portato fuori qualsiasi prevede su quartieri residenziali di Urus-Martan. Loro insisterono anche che qualsiasi errori tecnici durante gli scioperi, la deviazione da obiettivo pre-selezionato e prevedere fortuito non era stata possibile.
129. Nel suo colloquio di testimone del 2003 Sig. Iv di 16 giugno. che di periodo attinente era stato appoggiato alla Repubblica di Cecenia come un ufficiale del Ministero russo per Situazioni Emergenza, affermò che lui aveva partecipato alla disattivazione di bombe inesplose che erano rimaste, inter alia, in Via di Mayakovskiy in Urus-Martan dopo l'attacco di 19 ottobre 1999. Lui confermò che su 2 ed il 2003 due bombe aeree inesplose di 3 aprile era stato scavato e poi era stato portato via ed era stato distrutto.
130. Durante interrogando su 2 ed il 2003 quattro piloti di 3 luglio, Pog., Ab., D. e Sh. che al tempo di materiale era stato appoggiato alla Repubblica di Cecenia ed era stato notificato in unità 11731 militare, affermò che loro avevano compiuto un volo in un gruppo di quattro aerei il19 ottobre 1999 all'area montuosa e meridionale della Repubblica di Cecenia. Secondo il Sig. Pog., gli aerei erano stati caricati con bombe aeree di calibro 250 o 500 kg. I piloti affermarono anche che i risultati del bombardamento erano stati registrati tramite apparecchiature di controllo obiettive – video registratori e macchine fotografiche - e dopo che il volo era stato dato ad un ufficiale in comando. I piloti insisterono che loro erano stati istruiti per avviare bombe in un'area situò ad una distanza di nessuno meno che tre chilometri da qualsiasi accordo abitato e che loro non avevano portato mai fuori qualsiasi prevede su Urus-Martan. Loro affermarono anche che loro non avevano ascoltato mai di qualsiasi simile incidenti, come in che causa un'indagine interna sarebbe dovuta essere eseguita e quelli responsabile sarebbe dovuto essere punito.
131. L'archivio di causa contiene anche dichiarazioni di testimone del Sig. S., un pilota di un aereo federale che era stato sparato in giù con combattenti ribelle 4 ottobre 1999 col risultato che l'altro pilota di che aereo era morto ed il Sig. S. era stato catturato con combattenti. Il Sig. S. affermò che sulla data in oggetto loro ordini erano stati dati per cercare un altro aereo federale che era stato sparato in giù con estremisti il giorno precedente, e poi descrisse l'incidente di 4 ottobre 1999.
(e) Altri documenti
132. L'archivio di causa contiene un rapporto di valutazione (дефектный акт) disegnato su con l'Amministrazione di Urus-Martan del 21 gennaio 2000 in riguardo della proprietà del primo richiedente. Elencò in dettaglio il danno inflisse thereon.
133. Un estratto dal registro di missioni aereodi combattimento firmato col Sig. K. (vedere paragrafo 115 sopra) indicò che fra il 3 ed il 3.10 di sera, un paio degli aerei di SU-25 aveva eseguito un attacco di bomba del 19 ottobre 1999 in un rettangolo con coordinate, [X] e [Y], che un autocarro con combattenti illegali era stato distrutto in un rettangolo con coordinate [X1] e [Y1], e che una macchina con combattenti illegali era stata distrutta anche.
134. Un telegramma del 17 novembre 2000 spedito con un ufficiale imponente di unità 41001 militare enunciava che nell’ ottobre 1999 gli obiettivi selezionati per attacchi aerei includevano basi di combattenti illegali, i loro punti fortificati, i loro depositi di munizioni e simili, che durante il periodo attinente il quartiere residenziale nel quale vivevano i richiedenti non era stato selezionato come obiettivo e che il 19 ottobre 1999 a nessun pilota era stato dato un ordine di continuare un attacco di bombe sul quel quartiere, e che nessun simile attacco aveva avuto luogo nella data in oggetto.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
A. Diritto nazionale
1. Codice di Diritto processuale penale
135. Fino al 1 luglio 2002 le questioni di legge penale erano disciplinate dal Codice del 1960 di Diritto processuale penale del RSFSR. 1 luglio 2002 il vecchio Codice fu sostituito col Codice russo di Diritto processuale penale (“il CCP”).
136. L’ Articolo 125 del CCP prevede che la decisione di un investigatore o accusatore di dispensare con o procedimenti penali e limitati, e le altre decisioni ed atti od omissioni che sono responsabili infrangere i diritti costituzionali e le libertà delle parti a procedimenti penali o impedire cittadini l'accesso di ' alla giustizia, può essere fatto appello contro ad una corte distrettuale che è conferita poteri per esaminare la legalità ed i motivi delle decisioni contestate.
2. Codice civile
137. L’ Articolo 1069 prevede che un'agenzia Statale o una volontà ufficiale e Statale sono responsabili verso un cittadino per danno causato dalle loro azioni illegali od omissione di atto. Il risarcimento per simile danno sarà assegnato alla spesa del federale o tesoreria regionale.
3. Atto di lotta al Terrorismo
138. La Legge Federale sulla lotta al Terrorismo de, 25 luglio 1998 (от di закон di Федеральный 25 июля 1998 г. № 130-ФЗ «il борьбе di О с терроризмом»-“la Soppressione di Atto di Terrorismo”), come in vigore al tempo attinente, prevede come segue:
Sezione 3. Concetti di base
“Ai fini della presente Legge Federale i seguenti concetti di base saranno applicati:
... La soppressione di ‘del terrorismo che ' si riferirà ad attività mirate alla prevenzione, la scoperta, soppressione e minimizzazione delle conseguenze delle attività terroriste;
Operazione di cassa-terrorismo di ‘che ' si riferirà ad attività speciali mirate alla prevenzione di atti terroristici, mentre assicurando la sicurezza di individui, terroristi di neutralising e minimising le conseguenze di atti terroristici;
‘suddivide in zone di un'operazione di cassa-terrorismo che ' si riferirà ad un terreno individuale o superficie di acqua, vuole dire di trasporto, mentre costruendo, struttura o locali con territorio adiacente dove un'operazione di cassa-terrorismo è condotta;... ”
Sezione 21. Esenzione dalla responsabilità per danni
“Sulla base della legislazione ed all'interno dei limiti stabiliti con sé, danno può essere causato alla vita, salute e proprietà di terroristi, così come agli altri interessi giuridicamente protetti, nel corso di un'operazione di lotta alterrorismo. Comunque, membri delle Forze Armate, esperti e le altre persone prese parte nella soppressione del terrorismo saranno esentate dalla responsabilità per simile danno, nella conformità con la legislazione della Federazione russa.”
4. Decreti presidenziali e governativi
139. In Decreto n. 510 30 aprile 1997 che il Governo russo ha stabilito che residenti della Repubblica di Cecenia che aveva perso il loro and/or dell'alloggio le altre proprietà durante le ostilità nella Repubblica e che, nessuno più tardi che 12 dicembre 1994, aveva lasciato permanentemente per un'altra regione, fu concesso al risarcimento.
140. Decreto governativo n. 404 4 luglio 2003 stabilito il diritto di tutti i residenti permanenti della Repubblica di Cecenia che aveva perso il loro alloggio e qualsiasi proprietà in questo dopo il 12 dicembre 1994 per ricevere il risarcimento nell'importo di RUB 300,000 per l'alloggio e RUB 50,000 per le altre proprietà.
B. Pratica delle corti russe
141. 14 dicembre 2000 la Corte distrettuale di Basmanny di Mosca consegnò una sentenza in procedimenti civili introdotti dal Sig. Dunayev che chiese che il blocco di appartamenti nel quale lui aveva vissuto era crollato durante un pesante bombardamento di Grozny da parte delle forze armate federali nel gennaio 1995 ed aveva chiesto il risarcimento per danno patrimoniale e non-patrimoniale in quel il collegamento. Mentre diede credito al fatto che la proprietà del Sig. Dunayev, incluso il suo appartamento nel blocco di appartamenti era stata distrutta come un risultato di un attacco nel 1995, la corte notò, inter l'alia che sotto Articoli 1069-1071 e 1100 del Codice civile russo, lo Stato era responsabile per danno causato solamente con azioni illegali da parte dei suoi agenti. Contenne inoltre che l'operazione militare nella Repubblica di Cecenia era stata avviata con virtù di decreti presidenziali e governativi attinenti che erano stati trovati essere costituzionale con la Corte Costituzionale russa ed erano stati stati ancora in vigore. Di conseguenza, la corte concluse che le azioni delle forze armate federali nella Repubblica di Cecenia erano state legali ed avevano respinto la rivendicazione del Sig. Dunayev per il risarcimento (vedere Dunayev c. Russia, n. 70142/01, § 8 del 24 maggio 2007).
142. Il 4 luglio 2001 la Corte distrettuale di Basmanny di Mosca respinse una rivendicazione contro il Ministero di Finanza introdotto da un Sig. Umarov che affermò che il suo alloggio e altre proprietà erano state distrutte durante attacchi aerei massicci e spari di artiglieria su Grozny da parte delle forze armate federali nell’ ottobre e nel novembre 1999 ed erano state chieste il risarcimento per danno patrimoniale e non-patrimoniale in quel il collegamento. La corte diede credito al fatto che l'alloggio privato del Sig. Umarov e gli altri effetti personali erano stati distrutti come un risultato delle ostilità nel 1999 a 2000. Comunque, contenne che sotto Articolo 1069 del Codice civile russo, lo Stato era responsabile per danno causato solamente con azioni illegali da parte dei suoi agenti. Notò che l'operazione militare nella Repubblica di Cecenia era stata avviata con virtù di decreti presidenziali e governativi attinenti che erano stati trovati essere costituzionale con la Corte Costituzionale russa a parte due disposizioni del decreto governativo ed attinente. In che collegamento che la corte ha notato che le due disposizioni non erano state fatte domanda mai al Sig. Umarov, e perciò nessuno azioni illegali da parte di corpi Statali mai avevano avuto luogo per garantire il risarcimento per danno inflisse sulla sua proprietà. 12 aprile 2002 la Mosca che Corte Urbana ha sostenuto che sentenza su ricorso (vedere Umarov c. la Russia (il dec.), n. 30788/02, 18 maggio 2006).
143. Con una sentenza contumaciale del 3 dicembre 2001 la Corte distrettuale di Leninskiy di Stavropol respinse una rivendicazione tratta finora con un Sig.ra Trapeznikova contro un numero di ministeri federali siccome lei addusse che il blocco di appartamenti nel quale lei aveva vissuto era stato distrutto con un missile durante un attacco con le forze armate federali su Grozny a gennaio 2000 e chiese il risarcimento per l'appartamento distrutto e effetti personali che erano in questo. Lei chiese anche il risarcimento per danno non-patrimoniale. La corte notò, inter alia che sotto l’Articolo 1069 del Codice civile russo, lo Stato era responsabile per danno causato solamente con azioni illegali da parte dei suoi agenti. Trovò inoltre che le azioni delle truppe federali russe nella Repubblica di Cecenia erano state legali, come l'operazione militare nella Repubblica di Cecenia decreti presidenziali e governativi attinenti che erano stati trovati essere costituzionale con la Corte Costituzionale russa erano stati avviati sotto. La corte concluse che non c'erano nessuno motivi per ammettere il ricorso del Sig.ra Trapeznikova per danno patrimoniale e che la sua rivendicazione per il risarcimento per danno non-patrimoniale non poteva essere accordata uno, nell'assenza di qualsiasi colpa o azioni illegali da parte degli imputati. La sentenza fu sostenuta su ricorso con lo Stavropol Corte Regionale 30 gennaio 2002 (vedere Trapeznikova c. la Russia, n. 21539/02, § 30 11 dicembre 2008).
LA LEGGE
I. LE ECCEZIONI PRELIMINARI DEL GOVERNO
144. La Corte reitera che nella sua decisione come all'ammissibilità della richiesta presente di 25 marzo 2010 che ha deciso di congiungere ai meriti le eccezioni del Governo riguardo ai richiedenti l'ottemperanza di ' coi requisiti esposta fuori in Articolo 35 § 1 della Convenzione in riguardo delle loro azioni di reclamo sotto Articoli 2 e 8 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione. La Corte tratterà di conseguenza ora con questi problemi.
A. L'Esaurimento delle vie di ricorso nazionali
1. Il Governo
145. Il Governo dibatté che i richiedenti non erano riusciti ad esaurire le vie di ricorso nazionali e disponibili. In particolare, loro non avevano impugnato nelle corte le azioni o le omissioni delle autorità inquirenti durante l'indagine, o fatto appello in corte contro qualsiasi delle decisioni procedurali prese nella causa n. 34/00/0008-03, incluso la decisione del 17 novembre 2003 con cui erano stati cessati i procedimenti penali nel collegamento con l'attacco di 19 ottobre 1999, sotto Articolo 125 del Codice russo di Diritto processuale penale. Il Governo insistette che la via di ricorso invocata da loro era effettivo. In questo riguardo loro si appellarono sulla causa-legge della Corte che afferma che benché una corte stessa non avesse nessuna competenza per avviare procedimenti penali, il suo potere per annullare un rifiuto per avviare procedimenti penali ed indicare i difetti per essere rivolto sembrò essere una salvaguardia sostanziale contro l'esercizio arbitrario dei poteri con l'autorità inquirente (vedere Trubnikov c. Russia (dec.), n. 49790/99, 14 ottobre 2003) e che, nel corso ordinario di eventi tale ricorso sarebbe considerato perciò, una possibile via di ricorso dove l'accusa aveva deciso di non investigare le rivendicazioni (vedere Knyazev c. la Russia, n. 25948/05, § 86 8 novembre 2007). In appoggio del loro argomento, il Governo incluse un numero di decisioni di corte con che corti nazionali, mentre agendo in conformità con Articolo 125 del Codice russo di Diritto processuale penale, aveva accantonato decisioni con investigando autorità per dispensare con o cessare procedimenti penali in collegamento coi vari incidenti che comportano personale militare.
146. Nell'osservazione del Governo, il secondo e terzi richiedenti non avevano portato inoltre, procedimenti civili per ottenere il risarcimento per la proprietà perse presumibilmente con loro durante il bombardamento. Il Governo affermò che il primo richiedente aveva emesso solamente i procedimenti civili per il risarcimento nel suo proprio nome e che gli altri due richiedenti non avevano presentato le loro rivendicazioni nel contesto di quelli procedimenti. Il Governo insistette che la via di ricorso invocò con loro sarebbe effettivo nella situazione dei richiedenti. In particolare, nella loro prospettiva, il secondo e terzi richiedenti potrebbero chiedere sotto il risarcimento per danno patrimoniale disposizioni attinenti del Codice civile russo, ed il risarcimento per danno non-patrimoniale sotto le altre disposizioni attinenti dello stesso Codice. Loro dibatterono anche che, quando esaminando una rivendicazione civile per il risarcimento per danno subì come un risultato di un reato penale, una corte nazionale era completamente indipendente da decisioni prese investigando autorità e corti nel contesto di procedimenti penali in collegamento con quel il reato. Corroborare i loro argomenti, il Governo si riferì ad una sentenza di prima - istanza e decisione di ricorso che assegna danni al primo richiedente in Khashiyev ed Akayeva c. Russia (N. 57942/00 e 57945/00, 24 febbraio 2005) nel collegamento con la morte dei suoi parenti nella Repubblica di Cecenia ed ad una sentenza di prima - istanza e decisione di ricorso che assegna il risarcimento per danno non-patrimoniale e spese di sepoltura ad un certo V. per la morte del figlio V. durante un'operazione militare.
147. Infine, il Governo contese che i richiedenti furono concessi anche al risarcimento extragiudiziale in conformità con Decreto Governativo n. 510 30 aprile 1997 e Decreto Governativo n. 404 4 luglio 2003. Comunque, uscire coi richiedenti non si era giovato a di quel la via di ricorso.
2. I richiedenti
148. I richiedenti contestarono gli argomenti del Governo che concernono il loro insuccesso allegato per esaurire via di ricorso nazionali. Loro dibatterono che le via di ricorso avanzarono col Governo era stato illusorio, inadeguato ed inefficace. In particolare, in finora come il Governo affermato che loro non avevano fatto appello contro la decisione del 17 novembre 2003 con che erano stati cessati i procedimenti penali nel collegamento con l'attacco del 19 ottobre 1999, i richiedenti affermarono che era solamente il primo richiedente che, in replica alle sue richieste numerose ed azioni di reclamo, aveva ricevuto almeno delle informazioni riguardo all'indagine nella causa penale n. 24031. Inoltre, siccome l'archivio di causa era stato classificato come segreto, anche il primo richiedente era incapace per ricevere qualsiasi documenti da sé; lui non era stato mai fornito di una copia della decisione del 17 novembre 2003 ed il suo diritto per fare appello non era stato spiegato mai a lui. I richiedenti insisterono che né il secondo né terzo richiedente, benché loro avessero lo status di vittima, mai era stato informato del corso dell'indagine, e perciò loro non erano stati capaci di fare appello contro qualsiasi decisioni procedurali prese durante l'indagine.
149. Il secondo e il terzo richiedente dibatterono inoltre che loro erano stati assolti dal requisito di depositare una rivendicazione civile per il risarcimento, come suggerito col Governo, dato che le corti nazionali avevano respinto una rivendicazione simile depositata dal primo richiedente e senza sentenze significative che emanano dall'indagine penale nell'attacco.
3. La valutazione della Corte
150. La Corte reitera che l'articolo dell'esaurimento di via di ricorso nazionali sotto Articolo 35 § 1 della Convenzione obbliga richiedenti ad usare le via di ricorso che sono disponibili e sufficiente nell'ordinamento giuridico nazionale per abilitarli ottenere compensazione per le violazioni addotte prima. L'esistenza delle via di ricorso deve essere sufficientemente sicura sia in teoria ed in pratica, fallendo a loro mancherà quale l'accessibilità richiesta e l'efficacia. Articolo che 35 § 1 richiede anche che azioni di reclamo intesero di essere portate successivamente di fronte alla Corte sarebbe dovuto essere reso al corpo nazionale ed appropriato, almeno in sostanza ed in ottemperanza coi requisiti formali e tempo-limiti posati in giù in diritto nazionale e, inoltre, che qualsiasi procedurale vuole dire che ostacolerebbe una violazione della Convenzione dovrebbe essere usata. Non c'è comunque, nessun obbligo per avere ricorso a via di ricorso che sono inadeguate o inefficaci (vedere Aksoy c. la Turchia, 18 dicembre 1996, §§ 51-52 Relazioni di Sentenze e Decisioni 1996-VI; Akdivar ed Altri c. la Turchia, 16 settembre 1996, §§ 65-67 Relazioni 1996-IV; e, più recentemente, Cennet Ayhan e Mehmet Salih Ayhan c. la Turchia, n. 41964/98, § 64 27 giugno 2006).
151. La Corte ha enfatizzato che l’applicazione dell'articolo dell'esaurimento delle vie di ricorso nazionali deve costituire assegno dovuto il fatto che è fatto domanda nel contesto di sistema per la protezione di diritti umani che gli Stati Contraenti sono stati d'accordo ad esporre su. Di conseguenza, ha riconosciuto che Articolo 35 § 1 deve essere fatto domanda con del grado della flessibilità e senza il formalismo eccessivo. Ha riconosciuto inoltre che l'articolo dell'esaurimento è né assoluto né capace di essere fatto domanda automaticamente; per i fini di fare una rassegna se è stato osservato, è essenziale per avere riguardo ad alle circostanze della causa individuale. Questo vuole dire, in particolare, che la Corte non solo deve prendere conto realistico dell'esistenza di via di ricorso formali nell'ordinamento giuridico dello Stato Contraente riguardato ma anche del contesto generale nel quale loro operano, così come le circostanze personali del richiedente. Deve esaminare poi se, in tutte le circostanze della causa, il richiedente faceva tutto quello che potrebbe essere aspettatosi ragionevolmente che di lui o lei esauriscano via di ricorso nazionali (vedere Akdivar ed Altri, citato sopra, § 69; Aksoy, citato sopra, §§ 53-54; e Tanrıkulu c. la Turchia [GC], n. 23763/94, § 82 ECHR 1999-IV).
152. Nella presente causa, come riguardi all’addotto insuccesso dei richiedenti 'nel fare appello presso una corte contro le decisioni procedurali prese nel contesto dei procedimenti penali riguardo agli eventi di 19 ottobre 1999, sotto Articolo 125 del Codice russo di Diritto processuale penale che la Corte osserva che lo strumento legale assegnò a col Governo divenne operativo 1 luglio 2002 e che i richiedenti chiaramente non erano capaci di avere ricorso a questa via di ricorso prima di quel la data. Come riguardi il periodo da allora in poi, la Corte considera che questo margine dell'eccezione preliminare del Governo solleva problemi che sono collegati da vicino alla questione dell'efficacia dell'indagine, e sarebbe perciò appropriato per rivolgere la questione nell'esame della sostanza dell'azione di reclamo attinente sotto Articolo 2 della Convenzione.
153. Riguardo all'argomento del Governo che il secondo e il terzo richiedente non avevano chiesto il risarcimento in procedimenti civili per le proprietà perse presumibilmente con loro nell'attacco di 19 ottobre 1999, la Corte reitera che, quando un individuo formula una rivendicazione difendibile in riguardo di uccidere, tortura o la distruzione di proprietà che comporta la responsabilità dello Stato la nozione di un “via di ricorso effettiva”, nel senso di Articolo 13 della Convenzione, comporta, oltre al pagamento del risarcimento dove appropriato, un'indagine completa ed effettiva capace di condurre all'identificazione e punizione di quelli responsabile ed incluso accesso effettivo col reclamante alla procedura investigativa (vedere Kaya c. la Turchia, 19 febbraio 1998, § 107 le Relazioni 1998-io; Aksoy, citato sopra, § 98; Menteş ed Altri c. la Turchia, 28 novembre 1997, § 89 Relazioni 1997-VIII; e Çaçan c. la Turchia (il dec.), n. 33646/96, 28 marzo 2000).
154. Alla luce di questi principi, la Corte considera, che la sola via di ricorso nazionale e potenzialmente effettiva nelle circostanze sarebbe un'indagine penale ed adeguata. Se una rivendicazione civile fosse considerata un'azione legale per essere esaurita in riguardo delle azioni di reclamo di una violazione dell’ Articolo 8 e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 come un risultato delle azioni degli agenti Statali, l'obbligo dello Stato per perseguire i colpevoli di violazioni così serie sarebbe sostituito con ciò (vedere Çaçan (dec.), citata sopra).
155. Inoltre, sembra che in qualsiasi caso, la rivendicazione civile del secondo e terzo richiedente per il risarcimento per il danno inflitto sulle loro proprietà non avrebbe avuto proprio qualsiasi prospettive del successo. Effettivamente, Articolo 1069 del Codice civile russo invocato col Governo stabilisce gli articoli su risarcimento per danno inflitto con rappresentanti dello Stato e prevede che agenti Statali sono solamente responsabili per danno causato con le loro azioni illegali od omissione di atto. Nelle circostanze della causa presente, dove l'indagine nell'attacco di 19 ottobre 1999 terminato con una decisione del 17 novembre 2003 che afferma che gli ufficiali federali che le azioni di ' erano state giustificate, il secondo e terzi richiedenti ' rivendicazione civile per danni chiaramente sarebbe legata per fallire. In questo collegamento, la Corte si riferisce anche alla pratica delle corti russe che hanno rifiutato costantemente di assegnare qualsiasi il risarcimento per danno causò cole forze federali durante il conflitto nella Repubblica di Cecenia mentre affermò che le azioni seconde erano state legali come l'operazione di cassa-terrorismo nella regione era stato avviato decreti presidenziali e governativi attinenti che non erano stati trovati essere incostituzionale sotto (vedere paragrafi 141-143 sopra). La Corte trova anche più attinente nelle circostanze della causa presente il fatto che l’11 maggio e il 4 ottobre 2001, rispettivamente, le corti nazionali a due livelli di giurisdizione ha respinto come non comprovata la rivendicazione del primo richiedente per il risarcimento per il suo alloggio che era stato distrutto nell'attacco del 19 ottobre 1999, nonostante prove che provavano il coinvolgimento delle forze federali addotto dal primo richiedente (vedere paragrafi 43-48 sopra). In simile circostanze, la Corte non vede nessuna ragione di concludere che la conseguenza di procedimenti civili riguardo ad una rivendicazione che sarebbe potuta essere portata col secondo e terzi richiedenti, e sarebbe stato simile a quel portò col primo richiedente, sarebbe stato favorevole a loro.
156. Con questo in mente, la Corte respinge l'argomento del Governo che era aperto al secondo e terzi richiedenti per registrare una rivendicazione civile per il risarcimento in riguardo del loro alloggio danneggiato e proprietà, come il diritto in oggetto era illusorio e privo di sostanza. In somma, la Corte trova la via di ricorso addotta inadeguata ed inefficace, dato che chiaramente era incapace di interlinea addizionale all'identificazione e punizione di quelli responsabile, o pari a qualsiasi assegnazione finanziaria nelle circostanze della causa presente. Respinge perciò questa parte dell'eccezione preliminare del Governo.
157. Infine, riguardo all'argomento del Governo che i richiedenti avessero potuto ricevere il risarcimento extragiudiziale per la loro proprietà perduta, la Corte nota in primo luogo che Decreto Governativo n. 510 30 aprile 1997, assegnati a col Governo concernono il pagamento del risarcimento in riguardo di proprietà che era stata distrutta prima 12 dicembre 1994, e è perciò chiaramente irrilevante nella causa presente. Come riguardi Decreto Governativo n. 404 4 luglio 2003 che riconobbe un diritto al risarcimento a residenti permanenti della Repubblica di Cecenia è chiaro dallo strumento legale ed attinente che il risarcimento in oggetto è pagato senza riguardo ad alle particolari circostanze nelle quali fu persa la proprietà, che è dire, irrispettoso di se agenti Statali erano responsabili per la distruzione. Il valore della proprietà perduta non è preso o inoltre, in considerazione, poiché l'importo complessivo pagò per alloggio perduto e le altre proprietà non può eccedere RUB 350,000 rubli russi (verso EUR 9,000). In simile circostanze, la Corte non è persuasa, che il risarcimento assegnò a col Governo può essere considerato una via di ricorso effettiva per la violazione addotta.
158. Riassumendo, la Corte decide di rivolgere l'eccezione preliminare del Governo, in finora come sé si riferisce a via di ricorso di penale-legge, durante il suo esame della sostanza delle azioni di reclamo dei richiedenti sotto l’Articolo 2 della Convenzione. Respinge inoltre l'eccezione del Governo nella misura che riguarda l’ addotto insuccesso dei richiedenti nel ricorrere a rimedi di diritto civile ed al il risarcimento extragiudiziale.
B. Ottemperanza con la norma dei sei mesi
159. Il Governo dibatté anche che se la Corte considerasse i procedimenti per risarcimento portato col primo richiedente come la via di ricorso che era stata esaurita con tutti i tre richiedenti, poi il secondo e terzi richiedenti non erano riusciti ad attenersi col requisito dei sei mesi, dato che la decisione definitiva in quei procedimenti era stata impiegata il 4 ottobre 2001, mentre il secondo e il terzo richiedente avevano depositato rispettivamente le loro richieste il 21 agosto 2003 e il 2 marzo 2004.
160. Il secondo e terzo richiedente dibatterono loro non erano riusciti ad attenersi col requisito dei sei mesi presentando i loro reclami. Loro insisterono che la decisione della Mosca Città Corte di 4 ottobre 2001 con che la rivendicazione del primo richiedente per il risarcimento per la proprietà distrutta finalmente era stata respinta istanza, non poteva essere considerato finora la definitivo decisione in come le loro richieste riguardò.
161. La Corte osserva che, come ammesso dal Governo, il secondo e terzi richiedenti non erano parti ai procedimenti per risarcimento portato col primo richiedente, e perciò loro non si possono riguardare siccome non essendo riuscito ad attenersi col tempo-limite di sei mesi non avendo depositato le loro richieste entro sei mesi dalla data della definitivo decisione di corte preso in quelli procedimenti.
162. La Corte osserva inoltre che i procedimenti penali avviarono in collegamento con l'incidente di 19 ottobre 1999 in che il secondo e terzi richiedenti furono accordati lo status di vittima, finito con una decisione di 17 novembre 2003 di di cessare quelli procedimenti. Nessuno dei richiedenti piacque contro questa decisione ad una corte. La Corte ha notato in paragrafo 152 sopra che la questione della disponibilità di via di ricorso effettive in questo riguardo è collegata da vicino alla questione dell'efficacia dell'indagine, e sarebbe perciò appropriato per rivolgere la questione nell'esame della sostanza dell'azione di reclamo attinente sotto Articolo 2 della Convenzione. Comunque, presumendo che nessuno simile via di ricorso erano disponibili nelle circostanze della causa presente, i costatazione di Corte che il secondo e terzi richiedenti non riuscirono ad attenersi col tempo-limite stabilito nell’Articolo 35 § 1 della Convenzione, dato che, siccome indicato sopra, il secondo richiedente depositò la sua richiesta 21 agosto 2003, cioè prima che la decisione in oggetto fu presa, ed il terzo richiedente depositò la sua richiesta il 2 marzo 2004, cioè meno di sei mesi dopo che fu presa.
163. Di conseguenza, l'eccezione preliminare del Governo dovrebbe essere respinta.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 2 DELLA CONVENZIONE
164. Il terzo richiedente si lamentò che come un risultato dell'attacco aereo e federale su Urus-Martan del 19 ottobre 1999 che la sua vita era stata messa a rischio, e che non c'era stata indagine effettiva in questo incidente, in violazione dell’ Articolo 2 della Convenzione che si legge come segue:
"1. Il diritto di ogni persona alla vita è protetto dalla legge. La morte non può essere inflitta a nessuno intenzionalmente, salvo nel corso dell’ esecuzione di una sentenza capitale pronunziata da un tribunale nel caso in cui il reato sia punito da questa pena per legge.
2. La morte non è considerata come inflitta in violazione di questo articolo nei casi in cui risultasse da un ricorso alla forza resa assolutamente necessaria:
a) per garantire la difesa di ogni persona contro la violenza illegale;
b) per effettuare un arresto regolare o per impedire l'evasione di una persona regolarmente detenuta;
c) per reprimere, conformemente alla legge, una sommossa o un'insurrezione. "
A. Addotto insuccesso nel proteggere il diritto alla vita
1. Osservazioni delle parti
(a) Il terzo richiedente
165. Il terzo richiedente insistette che l'attacco in oggetto non era stato progettato o controllato dalle autorità così da minimizzare il rischio di vittime civili. Lei aguzzò, in particolare, alle repliche dalle varie autorità militari che per molti anni che seguono l'attacco avevano negato anche che l'attacco aveva avuto luogo. Non era sino a 2004 che le autorità avevano menzionato gruppi armati ed illegali che erano stati designati come bersaglio presumibilmente nell'attacco di 19 ottobre 1999 per la prima volta. Il terzo richiedente dibatté che il Governo non aveva presentato qualsiasi la prova che gruppi armati ed illegali erano stati davvero presenti in Urus-Martan al tempo attinente e che loro avevano posato una minaccia a residenti civili di Urus-Martan che aveva reso necessario l’ attacco di bombe come addotto dal Governo.
166. Nell'osservazione del terzo richiedente, i civili non erano stati informati in anticipo inoltre, dell'attacco di 19 ottobre 1999, o di possibili modi di assicurare la loro evacuazione, ecc. L'attacco aveva avuto luogo in un giorno nuvoloso, col risultato che i piloti che avevano eseguito lo attacco più probabilmente non erano stati capaci di chiaramente vedere i loro obiettivi ed assicurare l'accuratezza di obiettivo. Anche, il fatto che le autorità militari avevano usato bombe estremamente esplosive per il loro attacco indicato, nella prospettiva del terzo richiedente che le autorità non avevano preso appropriate desideri assicurare che qualsiasi rischio alle vite di civili, incluso il terzo richiedente fu minimizzato.
(b) Il Governo
167. Il Governo ammise che le arie federali prevedono su Urus-Martan del 19 ottobre 1999 aveva dato luogo a vittime umane e nella distruzione di o danneggia ad un numero di alloggi. Comunque, loro insisterono che non ci fosse stata nessuna violazione di Articolo 2 della Convenzione nella causa presente.
168. In particolare, loro indicarono, con riferimento a sentenze dell'indagine nazionale che dall'inizio dell'operazione di lotta al terrorismo dal settembre 1999 all’ inizio di dicembre 1999 che la città di Urus-Martan era stata occupata da combattenti illegali, mentre corrispondendo a più di 1,500 persone che avevano basato la loro sede centrale su locali di civile nella città li aveva fortificati e non era stato preparato a resa. Loro stavano mostrando resistenza attiva e stavano conducendo azioni militari e di grande potenza che usano armamento pesante, incluso sistemi missili terra aria. Simili circostanze, nell'osservazione del Governo avevano reso necessarie l'aria di punta di spillo prevede contro le basi di combattenti illegali in Urus-Martan che era stato eseguito il 19 ottobre 1999.
169. Il Governo presentò che, quando progettando l'operazione in oggetto, le autorità militari-ufficiali in comando del Gruppo “Ovest”, quelli del gruppo delle forze aeree unite e quelli di sede centrale attinente - aveva preso in considerazione la situazione effettiva e dati di intelligenza. Controlli dell'attacco era stato esercitato sulla base di rapporti sull'esecuzione di ordini, l'analisi di dati con attrezzatura di controllo di obiettivo ed informazioni di intelligenza. Il Governo insistette che l'attacco fosse stato progettato e controllato così come minimizzare qualsiasi rischio alle vite di civili in Urus-Martan, incluso il terzo richiedente. In particolare, gli scioperi erano stati tirati esclusivamente posti della concentrazione di gruppi armati ed illegali, tutti gli obiettivi chiaramente erano stati identificati e stati stati localizzati. Inoltre, gli scioperi erano stati eseguiti nei soli aerei, il loro numero totale che non eccede due ad un tempo. Secondo il Governo, non erano nessuno informazioni precise che concernono le condizioni meteorologiche nel giorno dell'attacco, ma “la prova suggerì l'assenza di qualsiasi fattori che avrebbero ostacolato l'uso dell'aereo con un grado dovuto di cura.”
170. Il Governo asserì inoltre che le autorità militari e federali avevano informato la popolazione locale, la via i massa-media locali e foglioline, di un possibile uso dell'aereo ed artiglieria in causa di resistenza armata ed organizzata da parte di gruppi armati ed illegali. Secondo il Governo, in prospettiva di che avvertendo la maggioranza della popolazione civile aveva lasciato Urus-Martan di fronte a 19 ottobre 1999.
171. Il Governo insistette così che nelle circostanze l'uso della forza da parte delle forze federali non fosse più che assolutamente necessario per eliminare pericolo alla popolazione locale che emana dai gruppi armati ed illegali e che era impossibile per eliminare che pericolo con qualsiasi altro vuole dire. Nella loro osservazione, di tutti i metodi disponibili le autorità militari avevano optato per attacchi aerei di precisione che avevano abilitato alle forze federali di minimizzare il rischio di vittime civili mentre provocò perdite considerevoli a combattenti illegali che, di conseguenza, successivamente, il 7 e l’8 dicembre 1999, cedettero la città senza resistenza, col risultato che non c'erano state vittime fra le forze armate federali. Nella prospettiva del Governo, la presente causa potrebbe essere distinta dalle cause di Isayeva, Yusupova e Bazayeva c. Russia (N. 57947/00, 57948/00 e 57949/00 24 febbraio 2005) ed Isayeva c. Russia, (n. 57950/00, 24 febbraio 2005), poiché nella presente causa gli obiettivi militari in Urus-Martan, il loro pericolo ai residenti e la necessità della loro distruzione sia ovvio, e le conseguenze dell'attacco in oggetto era meno serio di quelli nelle cause sopra-citate.
2. La valutazione della Corte
172. La Corte reitera che Articolo 2 che salvaguarda il diritto alla vita e set fuori le circostanze dove la privazione della vita può essere giustificata, classifica come una delle disposizioni più fondamentali nella Convenzione da che in tempo di pace che nessuna derogazione è permessa sotto Articolo 15. Le situazioni dove la privazione della vita può essere giustificata è esauriente e deve essere interpretata attentamente. L'uso della forza che può dare luogo a privazione della vita deve essere più che “assolutamente necessario” per il conseguimento di uno fini stabiliti nell’ Articolo 2 § 2 (a), (b) e (c). Questo termine indica che una prova più severa e più irresistibile della necessità deve avere un lavoro che sia normalmente applicabile nel determinare se un’azione Statale è “necessaria in una società democratica” sotto il paragrafo 2 degli Articoli dall’ 8 all’ 11 della Convenzione. Di conseguenza, l’uso della forza usato deve essere severamente proporzionato al conseguimento degli scopi permessi. Nella luce dell'importanza della protezione riconosciuta con Articolo 2, la Corte deve sottoporre privazioni della vita allo scrutinio più accurato, particolarmente dove vigore letale ed intenzionale è usato, non solo prendendo in esame le azioni di agenti Statali che davvero amministrano la forza ma anche tutte le circostanze circostanti incluso simili questioni come la pianificazione e il controllo delle azioni sotto esame (vedere McCann ed Altri c. il Regno Unito, 27 settembre 1995, §§ 146-50 Serie A n. 324; Andronicou e Constantinou c. Cipro, 9 ottobre 1997, § 171 Relazioni 1997-VI; ed Oğur c. la Turchia [GC], n. 21594/93, § 78 ECHR 1999-III).
173. Oltre ad esporre le circostanze dove la privazione della vita può essere giustificata, l’Articolo 2 implica un dovere primario sullo Stato di garantire il diritto alla vita fissando in posto una struttura legale ed amministrativa appropriata che definisce le circostanze limitate nelle quali ufficiali di esecuzione di legge possono usare la forza e le armi da fuoco, alla luce degli standard internazionali ed attinenti (vedere Makaratzis c. Grecia [GC], n. 50385/99, §§ 57-59 ECHR 2004-XI, e Nachova ed Altri c. Bulgaria [GC], N. 43577/98 e 43579/98, § 96 ECHR 2005-VII). Inoltre, la legge nazionale operazioni di polizia che regola devono garantire un sistema delle salvaguardie adeguate ed effettive contro l'arbitrarietà e l'abuso di vigore ed anche contro incidente evitabile (vedere Makaratzis, citata sopra, § 58). In particolare, agenti di legge-esecuzione devono essere addestrati per valutare se o c'è non una necessità assoluta di usare arma da fuoco, non solo sulla base della lettera delle regolamentazioni attinenti ma anche con dovuto riguardo ad alla pre-eminenza di riguardo per la vita umana come un valore fondamentale (vedere Nachova ed Altri, citata sopra, § 97).
174. Lo stesso si applica ad un attacco dove la vittima sopravvive ma che, a causa della forza letale usata, equivale a tentato omicidio (vedere Makaratzis, citata sopra, §§ 49-55, Isayeva ed Altri c. Russia, N. 57947/00, 57948/00 e 57949/00, § 171, 24 febbraio 2005, ed Isayeva c. Russia, n. 57950/00, § 175 24 febbraio 2005).
175. Nella presente causa, la Corte osserva all'inizio al quale il Governo ha dato credito che l'attacco aereo di 19 ottobre 1999 era stato eseguito con vigori federali e che aveva dato luogo a vittime umane e la distruzione di proprietà. Questo porta l'azione di reclamo attinente del terzo richiedente all'interno dell'ambito di Articolo 2 (vedere paragrafo 174 sopra). Spetta perciò allo Stato a conto per l'uso della forza letale nella presente causa, e, in particolare, dimostrare che questa forza fu usata alla ricerca di uno degli scopi esposti nel paragrafo 2 dell’ Articolo 2 della Convenzione e che era assolutamente necessaria e perciò severamente proporzionata al conseguimento di uno di quegli scopi.
176. In questo collegamento, la Corte prima nota di tutti che la sua capacità di valutare le circostanze che circondano l'attacco in oggetto, incluso la pianificazione e controllo di questa operazione le azioni dei membri delle Forze Armate federali che davvero amministrarono il vigore, ed il legale o struttura regolatore in posto, è limitato piuttosto. Benché il Governo desse i certi chiarimenti in che il collegamento, la Corte ancora non è capace di vedere il pieno e ritratto chiaro di quel l'incidente. Descrivendo in generale una situazione complessa in Urus-Martan e riferendosi al bisogno di rompere la resistenza di combattenti illegali che si erano trincerati nella città, il Governo, comunque non previde qualsiasi dettagli riguardo alla pianificazione e controllo dello attacco di 19 ottobre 1999 e rimase silenzioso come riguardi le azioni dei membri delle Forze Armate federali in che parteciparono quel l'attacco. Loro non riuscirono anche a presentare documenti che riguardano che attacco, come copie di piani dell'operazione ordini, rapporti sui suoi risultati o il piaccia. In questo riguardo secondo, la Corte lo trova aperto alla critica che un numero di simile documenti o le altre importanti fonti di informazioni, come fotografie e registrare che sembrano essere stati direttamente attinente a che attacco, fu distrutto un anno, o anche tre mesi, dopo l'attacco in oggetto con riferimento ad un ordine attinente del Ministero russo di Difesa (vedere divide in paragrafi 108 e 111 sopra). Nella prospettiva della Corte, simile tempo-limite per il deposito di informazioni riguardo alla pianificazione, controllo, adempimento e risultati di azioni militari di grande potenza, in particolari attacchi aerei di bombe che possono comportare morti multiple o danni la distruzione massiccia o danni a proprietà, o altre conseguenze drastiche, è troppo stretto per essere accettato come adeguato.
177. La Corte nota inoltre che il Governo giustificò l'attacco del 19 ottobre 1999 col bisogno di eliminare un pericolo alla popolazione locale che emana da combattenti illegali a che stavano occupando Urus-Martan quel il tempo. Loro affermarono, in particolare, che punta di spillo scioperi aerei su Urus-Martan di periodo attinente erano stati necessari per abilitare le forzefederali riguadagnare controlli sulla città e sopprimere l'attività penale di gruppi armati ed illegali che avevano proposto resistenza attiva ed organizzata ale forzefederali aveva fortificato la città ed era stato preparato per difesa a lungo termine. Il Governo dibattè anche che non era possibile adempiere che fine in qualsiasi l'altro modo che con comportando aereo federale. Nella loro osservazione, tutti gli altri metodi, come, per esempio, un attacco o tempestando con truppe di terra, avrebbe condotto a perdite considerevoli fra membri delle Forze Armate federali.
178. La Corte è consapevole della situazione difficile nella Repubblica di Cecenia al tempo di attinente che mandò a chiamare misure eccezionali da parte dello Stato per sopprimere l'insurrezione armata illegale (vedere Khatsiyeva ed Altri, citata sopra, § 134, o Akhmadov ed Altri c. Russia, n. 21586/02, § 97 del 14 novembre 2008). Quelle misure potrebbero comprendere presumibilmente lo spiegamento di forze armate dotato di arma di combattimento, incluso aereo militare (vedere Isayeva ed Altri, citato sopra, § 178, o Isayeva, citato sopra, § 180), e potrebbe comportare, come una conseguenza deplorevole ma inevitabile, vittime umane. Tenendo presente le difficoltà coinvolte nella politica delle società moderne, dell'imprevedibilità di condotta umana e delle scelte operative che devono essere rese in termini di priorità e risorse l'obbligo per proteggere il diritto alla vita deve essere interpretato in un modo che non impone un carico impossibile o sproporzionato sulle autorità (vedere, mutatis mutandis, Makaratzis citato sopra, § 69, e Mahmut Kaya c. la Turchia, n. 22535/93, § 86 ECHR 2000-III).
179. Avendo riguardo ad alle osservazioni del Governo sulla situazione in Urus-Martan di periodo attinente, la Corte considera, che il loro argomento all'effetto che l'uso di truppe di terra avrebbe comportato vittime ingiustificate non è senza fondamento. In particolare, la Corte prende in considerazione gli argomenti del Governo, corroborati con dichiarazioni di testimone di un numero di membri delle Forze Armate federali che la città era stata occupata con un numero considerevole di estremisti ben equipaggiati armati con una serie di armamento di grande-prodotto che era infatti conducendo azioni militari e di grande potenza contro le forzefederali, incluso attacchi su aereo federale che provoca vittime fra le forzefederali ed aveva trasformato la città in una fortezza, dopo avendo scavato trincee e canoe, dopo aver riempito buche con petrolio per essere in grado di farle esplodere all’arrivo delle forze federali e essendosi estesa la profondità della difesa a tre o quattro quartieri dalla periferia verso il centro città (vedere paragrafi 77-79, 114 e 131 sopra).
180. Contro questo sfondo e nella luce dei principi affermata nel paragrafo 178 sopra, la Corte può essere preparata per accettare che le autorità russe non avevano nessuna alternativa se non che eseguire attacchi aerei per essere in grado di prendere Urus-Martan, e che le loro azioni erano alla ricerca dello scopo esposta nel paragrafo 2 (a) dell’ Articolo 2 della Convenzione, come addotto dal Governo. Comunque, non è, avendo riguardo ai materiali a sua disposizione che il grado necessario di cura è stato esercitato nel preparare l'operazione del 19 ottobre 1999 in modo tale da evitare o minimizzare, nella più grande misura possibile, il rischio di una perdita della vita, sia per le persone a cui le misure furono dirette che per civili (vedere McCann, citata sopra, § 194).
181. Nel collegamento sopra, la Corte prima nota di tutti che per molti anni le autorità militari negarono insistentemente il molto fatto che l'attacco aveva avuto luogo, o l'esistenza di qualsiasi piani, compiti od ordini per portare fuori tale attacco sul quartiere residenziale in oggetto (vedere divide in paragrafi 18-20 e 22 sopra), e questo non può ma gettò dubbio sull'argomento del Governo che gli attacchi aerei di precisione su Urus-Martan erano stati organizzati debitamente.
182. Inoltre, quando riferendosi al bisogno di rompere la resistenza dei combattenti ribelli e rivendicando che il quartiere residenziale che era stato colpito il19 ottobre 1999 comprendeva edifici residenziali preparati per la difesa a lungo termine, il Governo non spiegò in dettaglio, se, prima di prendere una decisione di eseguire un attacco aereo, le autorità competenti avevano verificato completamente, queste informazioni, e se loro seppero precisamente quale i particolari edifici residenziali erano stati preparati per difesa, e se qualsiasi combattenti erano stati localizzati là. Il Governo rimase silenzioso in merito a se le autorità militari avevano avuto qualsiasi informazioni all'effetto che l'alloggio nel quale aveva vissuto il terzo richiedente e quale era venuto sotto l'attacco era stato elencato fra simile edifici, e se qualsiasi lo specifico ordine era stato dato per bombardare quel l'alloggio.
183. È anche chiaro dalle osservazioni del Governo ed i documenti prodotti che le autorità erano consapevoli della presenza di alcuni civili in Urus-Martan al tempo attinente (vedere paragrafi 76 e 78 sopra), anche se il loro numero era insignificante. Incorse perciò alle autorità per verificare, alla misura possibile, se qualsiasi civili erano presumibilmente presenti in edifici selezionò come obiettivi per un attacco aereo, particolarmente quando venne ad attaccando quartieri residenziali. Comunque, non sembra che qualsiasi simile precauzioni furono prese prima di prevedere il quartiere residenziale nel quale visse il terzo richiedente.
184. Inoltre, non sembra che le autorità presero, o considerarono di prendere qualsiasi passo significativi per informare in anticipo gli abitanti civili di Urus-Martan dell'attacco del 19 ottobre 1999 e garantire la loro evacuazione. La Corte non è persuasa dell'argomento del Governo che le autorità avevano informato la popolazione locale tramite la distribuzione di volantini e i massa-media locali dei possibili attacchi aerei e dell’ artiglieria in caso di una resistenza armata ed organizzata da parte dei gruppi armati ed illegali localizzati a Urus-Martan. Nota, in particolare, che il Sig. K., un ufficiale di alto rango che diede chiarimenti a questo effetto, più tardi rifiutò di confermarli adducendo che lui non poteva più ricordare gli eventi in oggetto (vedere paragrafo 115 sopra). In qualsiasi caso, in una situazione dove le autorità seppero che i residenti che erano rimasti nella città, infatti, fu ostacolato dal lasciare coi combattenti illegali che intesero di usarli come scudi umani (vedere paragrafo 76 e 78 sopra), le misure assegnate a col Governo non potrebbero essere riguardate proprio come adeguate. È vero che l'evacuazione di abitanti in una situazione dove loro furono contenuti ostaggio con combattenti sarebbe stato particolarmente difficile, ma il Governo non dimostrò che le autorità avevano preso del tutto dei passi in questa direzione che loro avevano tentato di organizzare una fuga sicura per civili, negoziare la loro evacuazione coi combattenti o qualcosa di simile.
185. Alla luce del precedente, la Corte è prevista con le autorità russe la scelta di ' di arma nella causa presente. È chiaro che durante l'attacco dell'il 1999 frammentazione alto-esplosiva di 19 ottobre bombarda di calibro 250-270 kg furono usati (vedere paragrafo 81 sopra), questo che è un'arma indiscriminata. La Corte già ha sostenuto che usare qualche genere di arma in un'area popolata è impossibile per riconciliare col grado della cautela si aspettò da un corpo di legge-esecuzione in una società democratica. Nessuna legge marziale o stato di emergenza mai era stato dichiarato nella Repubblica di Cecenia, e nessuna derogazione era stata resa sotto Articolo 15 della Convenzione. L'attacco in oggetto doveva perciò essere esaminato contro un sfondo legale e normale. Anche quando affrontò con una situazione dove la popolazione della città fu contenuta ostaggio con un grande gruppo di ben equipaggiato e bene-addestrò combattenti, le autorità ' scopo primario sarebbe dovuto essere proteggere le vite dalla violenza illegale. L'uso di banchi di arma indiscriminati in contrasto flagrante a questo scopo e non può essere considerato compatibile con lo standard richiesto di cura che dovrebbe essere esercitata in operazioni che comportano l'uso di vigore letale con agenti Statali (vedere Isayeva, citato sopra, § 191).
186. In questo collegamento, la Corte trova dell'indicazione in dichiarazioni di testimone di piloti federali che parteciparono in operazioni aeree nel vicinato di Urus-Martan ad ottobre 1999 che l'uso di missili, come opposto all'uso di bombe di antenna alto-esplosive, sarebbe stato più appropriato nelle circostanze (vedere divide in paragrafi 128 e 130 sopra). La Corte non può speculare come a se il danno causato si sarebbe potuto diminuire se l'aereo federale avesse usato missili durante l'attacco di 19 ottobre 1999. Comunque, pente l'assenza di qualsiasi chiarimento da parte del Governo in questo collegamento.
187. La Corte nota inoltre discrepanze fra il fatto del bombardamento impressionante di Urus-Martan con bombe aeree ed il fatto che, secondo le dichiarazioni summenzionate dei piloti federali, loro apparentemente erano stati istruiti a lanciare simili bombe ad una distanza di non meno di tre chilometri da qualsiasi centro abitato (vedere paragrafo 130 sopra), e che apparentemente gli obiettivi situati più vicino ai tre chilometri sarebbero stati colpiti da missili (vedere paragrafo 128 sopra). Né trascura il fatto che, siccome è evidente dai documenti militari, l'obiettivo solo che era stato indicato siccome pre-selezionato nell'attacco del 19 ottobre 1999 era localizzato ad una distanza di un chilometro da Urus-Martan (vedere paragrafi 29, 30 e 81 sopra), mentre il quartiere residenziale su cui è avvenuto l’ attacco in questa data non era stato menzionato in nessuno di quei documenti.
188. Irrispettoso del fatto se quelle discrepanze fra la condotta effettiva dei piloti federali e le istruzioni ufficiali od ordini evidentemente dato a loro dovrebbe essere considerato difetti nella struttura legale operazioni governante come quelle nella causa presente, o come difetti nella pianificazione e controllo dell'attacco sotto esame o dovrebbe essere attribuito ai piloti federali che davvero amministrarono il vigore, le considerazioni precedenti in paragrafi 176-186 sopra è sufficiente per abilitare la Corte per concludere che le autorità andarono a vuoto ad esercitare cura appropriata nell'organizzazione e controllo dell'operazione del 19 ottobre 1999. Non considera perciò necessario esaminare separatamente la questione se una struttura legale ed appropriata era a posto e se le azioni dei piloti che parteciparono all'attacco erano compatibili coi requisiti di Articolo 2 della Convenzione.
189. Insomma, la Corte considera, che il bombardamento con armi indiscriminate del quartiere residenziale di Urus-Martan abitato da civili era manifestamente sproporzionato al conseguimento del fine sotto l’Articolo 2 § 2 (un) indicato dal Governo. Trova perciò che lo Stato rispondente fallì nel suo obbligo di proteggere il diritto del terzo richiedente alla vita.
190. C'è stata di conseguenza una violazione di Articolo 2 della Convenzione su quel conto.
B. Inefficacia addotta dell'indagine
1. Osservazioni delle parti
191. Il terzo richiedente asserì anche che l'indagine eseguì dalle autorità era stata inadeguata e che lei non era stata informata debitamente del suo corso. Lei dibatté perciò che c'era stata una violazione di Articolo 2 su quel il conto.
192. Secondo il Governo, le autorità inquirenti avevano preso tutte le possibili misure per stabilire le circostanze dell'incidente di 19 ottobre 1999, nonostante il fatto che agli stadi iniziali dell'indagine le azioni militari ed attive ancora erano state in preparazione, e perciò le vite degli ufficiali inquirenti erano state in pericolo. Loro addussero inoltre che il secondo e il terzo richiedente non avevano mostrato qualsiasi intenzione di prendere parte all'indagine e che era solamente il primo richiedente che attivamente aveva partecipato a quei procedimenti. Nell'osservazione del Governo, al primo richiedente era stata notificata debitamente la conclusione dei procedimenti penali ed era stato fornito di una copia della decisione attinente così che lui avrebbe potuta impugnarla di fronte alle autorità competenti. In generale, il Governo dibatté che l'indagine nella causa presente aveva soddisfatto i requisiti di Convenzione dell'efficacia.
2. La valutazione della Corte
193. La Corte reitera che l'obbligo di proteggere il diritto alla vita sotto l’Articolo 2 della Convenzione, letto in concomitanza col dovere generale dello Stato sotto l’Articolo 1 della Convenzione di “garantire ad ognuno entro [la sua] giurisdizione i diritti e le libertà definiti [nella] Convenzione”, richiede con implicazione che ci dovrebbe essere della forma di indagine ufficiale ed effettiva quando individui sono stati uccisi come un risultato dell'uso di vigore, in particolare con agenti dello Stato. L'indagine deve essere effettiva nel senso che è capace di interlinea addizionale ad una determinazione di se il vigore usò in simile cause era o non fu giustificato nelle circostanze (vedere Kaya, citato sopra, § 87) ed all'identificazione e punizione di quelli responsabile (vedere Oğur, citato sopra, § 88).
194. In particolare, le autorità devono portare i passi ragionevoli disponibili a loro garantire la prova riguardo all'incidente, incluso, inter alia, testimonianza di testimone oculare prova forense e, dove appropriato, un'autopsia che offrisse un documento completo ed accurato dei danno ed un'analisi obiettiva delle sentenze cliniche, incluso la causa di morte (vedere, riguardo ad autopsie, per esempio Salman c. Turchia [GC], n. 21986/93, § 106 ECHR 2000-VII; riguardo a testimoni, per esempio Tanrıkulu, citato sopra, § 109; e concernendo prova forense, per esempio Gül c. la Turchia, n. 22676/93, § 89). Qualsiasi deficienza nell'indagine che mina la sua capacità di stabilire la causa di morte o la persona responsabile può rischiare urto cadente di questo standard.
195. Ci deve essere inoltre, un requisito implicito di prontezza e di velocità ragionevole (vedere Yaşa, citata sopra, §§ 102-04, e Mahmut Kaya, citata sopra, §§ 106-07). Si deve accettare che ci possono essere ostacoli o difficoltà che ostacolano il progresso in un'indagine in una particolare situazione. Una risposta pronta con le autorità nell'investigare l'uso di vigore letale generalmente può essere riguardata comunque, come essenziale nel mantenere la fiducia pubblica nel mantenimento dell'articolo di legge e nell'ostacolare qualsiasi comparizione di collusione in o la tolleranza di atti illegali.
196. Per le stesse ragioni, deve essere un elemento sufficiente di scrutinio pubblico dell'indagine o i suoi risultati per garantire la responsabilità in pratica così come in teoria. Il grado di scrutinio pubblico richiesto può variare da causa a causa. In tutte le cause, comunque i prossimi della vittima devono essere coinvolti nella procedura nella misura necessaria a salvaguardare i suoi interessi legittimi (vedere Shanaghan c. Regno Unito, n. 37715/97, §§ 91-92 del 4 maggio 2001).
197. Nella presente causa, un certo grado di indagine fu eseguito nell'attacco del 19 ottobre 1999. La Corte deve valutare se questa indagine soddisfece i requisiti dell’ Articolo 2 della Convenzione.
198. Nota che i procedimenti penali in collegamento con questo incidente non furono introdotti fino al 21 luglio 2000, cioè più di nove mesi dopo gli eventi in oggetto. La Corte considera che i risultati di un attacco di grande potenza che comporta aereo federale normalmente dovrebbero essere conosciuti immediatamente alle autorità dopo tale attacco. Incorre allo Stato assicurare che gli agenti Statali che parteciparono all'attacco hanno fatto debitamente rapporto su questo, e che le autorità competenti, incluso quegli in accusa di sé accertano i suoi risultati senza ritardo. La Corte non trascura l'argomento del Governo che al tempo attinente una guerra attiva era in corso e che nella data dell'incidente in oggetto Urus-Martan era stato occupato da combattenti illegali. Comunque, nota che, come può essere accertato dai documenti prodotti, la città era stata raggiunta dalle forze federali non più tardi del 7 e 8 dicembre 1999 (vedere paragrafo 114 sopra), e perciò le autorità potevano e sarebbero dovute divenire consapevoli dei risultati dell'attacco del 19 ottobre 1999 a quel tempo. Il Governo non avanzò qualsiasi il chiarimento come a perché le autorità rimasero passive, e lasciò senza indagine un incidente che ha dato luogo a morti multiple e distruzione di proprietà, dal tempo quando loro avevano riguadagnato il controllo sulla città di Urus-Martan sino al 21 luglio 2000. Tale ritardo considerevole fra l'incidente e l'inizio dell'indagine in sé non può che minare significativamente l'efficacia dell'indagine. Effettivamente, è chiaro dai materiali prodotti che un numero di importanti articoli di prova in oggetto i quali sarebbe stata direttamente attinente all'attacco, come registri di ordini dati e ricevette, registri di missioni aeree, di combattimenti, registri di azioni militari, mappe tattiche elenchi dei compiti ordini di combattimento, rapporti su missioni di combattimento eseguite, fotografie e registrazioni furono distrutti un anno, o anche tre mesi, dopo l'attacco (vedere divide in paragrafi 108 e 111 sopra).
199. Inoltre, una volta cominciò, l'indagine fu afflitta con ritardi inesplicabili e difetti in riguardo dei passi più banali. In particolare, entro un periodo di un mese dopo che l'indagine fu cominciata, le autorità inquirenti non avevano preso misure investigative a tutti (vedere paragrafo 51 sopra). Inoltre, la scena dell'incidente non fu ispezionata sino a 3 e 5 ottobre 2000 (vedere paragrafo 87 sopra). Neanche, un esame competente di schegge sequestrato dalla scena dell'incidente 5 ottobre 2000 fu eseguito sino a 25 giugno 2001 (vedere paragrafo 89 sopra). La Corte lo trova anche prevedendo che non era sino a 2 e 3 aprile 2003, cioè pressoché tre anni dopo l'inizio dell'indagine, che le autorità infine presero misure per sbarazzarsi di bombe inesplose che sono rimaste giacendo nei cortili di alloggi individuali dopo l'attacco (vedere paragrafo 129 sopra), benché loro fossero consapevoli della presenza di quelle bombe per tutti che il tempo (vedere divide in paragrafi 52, 61 e 102 sopra). Sembra che le richieste attinenti col primo richiedente furono ignorate dalle autorità (vedere paragrafo 18 sopra).
200. La Corte considera inoltre che l'indagine può essere descritta solamente come inadeguata poiché, come può essere accertato dai materiali nella proprietà della Corte, non riuscì a stabilire l'identità dei piloti che parteciparono nell'attacco di 19 ottobre 1999.
201. All'inefficacia dell'indagine, l'incompetenza ed insuccesso di manifestazione degli investigatori e gli altri corpi di diritto esecutivo per prendere misure pratiche mirate a chiarire l'incidente fu data credito con accusatori superiori in molte occasioni (vedere paragrafi 51, 62 e 67 sopra). La Corte specificamente nota la svogliatezza ovvia delle autorità militari per prendersi la responsabilità per lo attacco in oggetto ed investigare questo incidente in modo appropriato. Per molti anni le autorità militari negarono effettivamente, che l'attacco aveva avuto luogo a tutti (vedere paragrafi 18-20 e 22 sopra), e l'ufficio di un accusatore militare rifiutò di avviare procedimenti penali in riguardo dell'attacco di 19 ottobre 1999, anche se nessuna indagine significativa in che incidente sembra essere stato eseguito di fronte alla decisione per dispensare con procedimenti penali fu preso (vedere paragrafo 30 sopra). Inoltre, dopo che simile procedimenti erano stati portati con le autorità civili, su molte occasioni le autorità militari rifiutarono di prendere l'indagine, mentre restituendo l'archivio di causa alle autorità civili sotto vari pretesti (vedere paragrafi 46 e 59 sopra).
202. La Corte nota inoltre ritardi nell'accordare status di vittima ai richiedenti che li avrebbero potuti riconoscere le minime salvaguardie procedurali. Effettivamente, benché i procedimenti penali nella causa presente fossero avviati il 21 luglio 2000, il primo richiedente non fu dichiarato una vittima sino a 28 marzo 2001 (vedere paragrafo 92 sopra), il secondo richiedente non fu dichiarato una vittima sino al 17 ottobre 2002 (vedere paragrafo 94 sopra), ed al terzo richiedente fu accordato lo status di vittima solamente il 21 gennaio 2003 (vedere paragrafo 97 sopra). La Corte è scettica dell'argomento del Governo che il secondo e terzi richiedenti non avevano mostrato mai qualsiasi interessa nell'indagine, come sé è chiaro dai documenti nella sua proprietà che il primo richiedente, mentre agendo sul loro conto, fece domanda su occasioni numerose alle varie autorità descrivendo l'incidente in oggetto e chiedendo a sé ha investigato e status di vittima accordò a quelli riguardati, incluso lui ed il terzo richiedente (vedere divide in paragrafi 17 e 86 sopra). È inoltre chiaro che il secondo richiedente fece domanda anche, nel suo proprio nome e sul conto del terzo richiedente, per informazioni riguardo all'indagine e, in particolare, si lamentò delle autorità inquirenti l'insuccesso di ' per accordare status di vittima al terzo richiedente (vedere paragrafo 96 sopra). In qualsiasi l'evento, la Corte reitera che le autorità devono agire di loro propria istanza, una volta la questione è venuta alla loro attenzione, e che loro non possono lasciarlo all'iniziativa dei prossimi per o presentare un reclamo formale o prendere la responsabilità per la condotta, di qualsiasi procedura investigative (vedere, per esempio, Hugh Jordan c. Regno Unito, n. 24746/94, § 105 ECHR 2001-III (estratti)). Spettava perciò alle autorità prendere i passi investigativi e necessari nella causa presente, ed in particolare accordare status di vittima a quelli riguardò senza ritardo indebito.
203. La Corte osserva inoltre che i richiedenti erano in qualsiasi l'evento, incapace a qualsiasi stadio per guadagnare accesso all'archivio di causa, determinato che fu classificato (vedere paragrafi 39, 40 e 42 sopra). Inoltre, non sembra che qualsiasi dei richiedenti mai era fornito di una copia della decisione di 17 novembre 2003 con la quale i procedimenti penali riguardo all'attacco di 19 ottobre 1999 furono cessati. La Corte considera così che i richiedenti, infatti, fu escluso dai procedimenti penali e non era capace di avere i loro interessi legittimi sostenuto.
204. Contro questo sfondo, ed avendo riguardo ad all'argomento del Governo riguardo ai richiedenti ' addusse insuccesso per fare appello ad una corte, sotto Articolo 125 del Codice russo di Diritto processuale penale contro azioni od omissioni o decisioni procedurali delle autorità inquirenti nel contesto dell'indagine nell'attacco di 19 ottobre 1999, la Corte nota, che il Governo andò a vuoto ad indicare quale le particolari azioni, omissioni o decisioni procedurali, a parte che di 17 novembre 2003, i richiedenti avrebbero dovuto impugnare.
205. In finora come il Governo si riferito ai richiedenti ' addusse insuccesso per impugnare in una corte la decisione di 17 novembre 2003, la Corte reitera che, in principio, un ricorso contro una decisione per cessare procedimenti penali può offrire una salvaguardia sostanziale contro l'esercizio arbitrario del potere con l'autorità inquirente, determinato il potere di una corte per annullare tale decisione ed indicare i difetti per essere rivolto (vedere, mutatis mutandis, Trubnikov c. la Russia (il dec.), n. 49790/99, 14 ottobre 2003). Perciò, come indicò esattamente col Governo, nel corso ordinario di eventi tale ricorso sarebbe considerato una possibile via di ricorso dove l'accusa ha deciso di non investigare le rivendicazioni. Comunque, la Corte ha forte dubita che questo rimedia a sarebbe stato effettivo nella causa presente. I materiali in suo possesso rivelano che le autorità notificarono al primo richiedente la decisione solamente il 17 novembre 2003, ma non gli fornirono una copia. Inoltre, lui fece chiaro di aver bisogno di una copia della decisione del 17 novembre 2003 per essere in grado fare appello contro sé di fronte ad una corte, ma la sua richiesta a che effetto fu rifiutato esplicitamente con le autorità (vedere paragrafi 37 e 39 sopra).
206. In simili circostanze non ci si sarebbe potuto aspettare proprio che i richiedenti facessero istanza ad una corte nella prospettiva della Corte. Effettivamente, è estremamente discutibile se, nell'assenza di una copia della decisione di 17 novembre 2003, i richiedenti sarebbero stati in grado scoprire i possibili difetti nell'indagine e portarli all'attenzione di una corte nazionale, o presentare, in un ricorso comprensivo qualsiasi gli altri argomenti che è probabile che loro avrebbero considerato attinente. Nelle altre parole, nelle circostanze della causa presente i richiedenti non avrebbero avuto efficacemente opportunità realistica di impugnare la decisione di 17 novembre 2003 di fronte ad una corte. Di conseguenza, la Corte considera che non è stato stabilito con certezza sufficiente che la via di ricorso avanzata dal Governo aveva una prospettiva ragionevole del successo (vedere, in un contesto simile, Chitayev e Chitayev c. Russia, n. 59334/00, §§ 140-41 del 18 gennaio 2007). La Corte respinge perciò l'eccezione preliminare del Governo nella misura in cui l'esaurimento delle vie di ricorso nazionali si riferisce a questa parte della richiesta.
207. Alla luce del precedente, la Corte conclude inoltre, che le autorità andarono a vuoto nell’eseguire un'indagine completa ed effettiva nelle circostanze dell'attacco di 19 ottobre 1999 nel quale la vita del terzo richiedente fu fissata a rischio. C'è stata perciò una violazione di Articolo 2 della Convenzione su quel conto.
III. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 8 DELLA CONVENZIONE E DELL’ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 ALLA CONVENZIONE
208. I richiedenti si lamentarono sotto l’Articolo 1 del Protocollo sotto N.ro 1 che la loro proprietà era stata distrutta nell'attacco federale del19 ottobre 1999 di Urus-Martan. Il terzo richiedente si lamentò anche che il suo diritto al rispetto della sua dimora garantito dall’ Articolo 8 della Convenzione era stato infranto come risultato di quell'attacco. I rispettivi articoli della Convenzione enunciano ciò che segue:
Articolo 8
"1. Ogni persona ha diritto al rispetto di suo corrispondenza.
2. Non può esserci ingerenza di un'autorità pubblica nell'esercizio di questo diritto se non per quanto questa ingerenza sia prevista dalla legge e costituisca una misura che, in una società democratica, sia necessaria alla sicurezza nazionale, alla sicurezza pubblica, al benessere economico del paese, alla difesa dell'ordine ed alla prevenzione delle violazioni penali, alla protezione della salute o della morale, o alla protezione dei diritti e libertà altrui. "
Articolo 1 del Protocollo N.ro 1
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Osservazioni delle parti
209. Nella misura in cui il Governo sembra avere contestato il titolo alla proprietà dei richiedenti che, secondo loro, avevano perso come risultato dell’ attacco del 19 ottobre 1999, i richiedenti indicarono che il titolo dei primi due richiedenti sull'alloggio distrutto non era stato messo mai in questione da nessuna autorità a livello nazionale. Il secondo richiedente dibatté anche che gli effetti personali della famiglia, come mobilia, elettrodomestici e altri oggetti erano stati persi durante l'attacco. Il terzo richiedente addusse che le sue proprietà personali erano state distrutte nell'alloggio. Comunque, loro non avevano presentato nessuna informazione o documento riguardo a qualsiasi effetto personale o elettrodomestico della famiglia presumibilmente distrutti nell'alloggio.
210. I richiedenti sostennero inoltre che il diritto del terzo richiedente al rispettare per la sua casa sotto l’Articolo 8 della Convenzione ed il loro diritto al godimento tranquillo della proprietà sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 erano stati violati, siccome i mezzi utilizzati dalle autorità erano stati sproporzionato agli scopi che si cercava di realizzare. Fecero riferimento anche alle decisioni dei tribunali nazionali con le quali la rivendicazione del primo richiedente per il risarcimento era stata respinta ed era stato dibattuto che il diritto al risarcimento per la proprietà distrutta stabilita, secondo il Governo, in un numero di strumenti legali era illusorio e non esecutivo in pratica.
211. Il Governo sembra avere dibattuto, con riferimento alla causa Elsanova c. Russia ((dec.), n. 57952/00, 15 novembre 2005), che le richieste dei richiedenti riguardo alla perdita della loro proprietà non erano state provate , siccome non erano riusciti a presentare documenti attinenti che confermavano il loro titolo alla proprietà che loro sosteneva essere stata danneggiata o distrutta durante lo attacco del 19 ottobre 1999. Il Governo dibatté, in particolare, che il certificato del 29 gennaio 1982 non poteva essere considerato un documento che confermava i titoli sui beni immobili al 24° di Via Dostoyevskiy dei primi due richiedenti, siccome, nella loro osservazione, non era stato certificato in modo appropriato, e vale a dire la firma ed il timbro della persona che l'aveva certificato erano dispersi. Sostenne anche che questo documento non attestava il titolo dei primi due richiedenti, ma soltanto diede loro un titolo a per fare istanza di registrazione Statale del bene immobile menzionato in questo a loro nome, e che il processo di registrazione avrebbe potuto essere sospeso se qualsiasi terza persona avesse introdotto delle rivendicazioni a riguardo della proprietà in oggetto.
212. Il Governo contese inoltre che l'interferenza addotta con i diritti dei richiedenti era legale, dato che la misura della lotta al terrorismo all'interno del territorio della Repubblica di Cecenia era stata presa sulla base dell’Atto di Soppressione del Terrorismo (vedere paragrafo 138 sopra) e gli “strumenti legali attinenti dei corpi Statali.” Il Governo insisteva che l'interferenza in oggetto era stata nell'interesse pubblico siccome era necessaria per sopprimere l'attività criminale dei gruppi armati illegali. Aggiunse di essersi attenuto ai suoi obblighi sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 decretando un numero di strumenti legali che permisero ai richiedenti di ottenere il risarcimento per la loro proprietà perduta. Il Governo concluse così che non c'era stata nessuna violazione dell’ Articolo 8 della Convenzione o dell’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 nella presente causa.
B. La valutazione della Corte
213. La Corte osserva all'inizio che il Governo contestò il titolo dei primi due richiedenti sui beni immobili primi al 24a di Via di Dostoyevskiy ed sull'altra proprietà distrutta presumibilmente durante l'attacco aereo, affermando che i diritti proprietà dei richiedenti non erano stati corroborati da nessun documento affidabile. Nella misura in cui sono riguardati i beni immobili, la Corte nota che i primi due richiedenti presentarono un certificato che confermava che loro avevano ereditato il detto appezzamento di terreno da un parente deceduto (vedere paragrafo 9 sopra). La Corte respinge l'argomento del Governo all'effetto che il documento in oggetto non fu firmato e debitamente affrancato, siccome è chiaro che, contrariamente alla dichiarazione del Governo, porta una firma e un francobollo. Inoltre, in assenza di qualsiasi prova che il titolo sull'appezzamento di terreno ereditato dei primi due richiedenti era stato impugnato da qualsiasi terza persona, la Corte costata che il documento summenzionato può essere riguardato come provante che i primi due richiedenti mantenevano il titolo a riguardo della proprietà in oggetto. In questo collegamento la Corte prende anche nota dell’argomento dei primi due richiedenti per cui il loro titolo non era mai stato chiamato in questione da qualsiasi autorità a livello nazionale, e costata che ha stabilito che loro erano i comproprietari giusti di quella proprietà.
214. La Corte nota inoltre che il secondo e il terzi richiedente addussero che, come risultato dell'attacco del 19 ottobre 1999, loro avevano perso certe proprietà che erano nell'alloggio. Comunque, il secondo e il terzo richiedente non presentarono nessun documento in appoggio delle loro dichiarazioni, né loro specificamente descrissero le proprietà perse presumibilmente da ognuno di loro. Non escludendo l'esistenza di certe proprietà nell'alloggio prima dell'attacco ed essendo consapevoli delle difficoltà pratiche per il secondo e il terzo richiedente di ottenere documenti relativi a quelle proprietà, la Corte non è capace di stabilire il proprietario giusto di quelle proprietà in una situazione comunque dove i primi due richiedenti possedevano la proprietà senza risiedere in questa, ed il terzo richiedente che davvero viveva là. In assenza di qualsiasi chiarimento particolareggiato da parte dei richiedenti in questo collegamento, la Corte perciò costata che le loro rivendicazioni in questa parte non sono state provate.
215. La Corte osserva inoltre che il Governo ammise che il danno fu inflitto su un numero di alloggi in Urus-Martan, incluso quello situato al 24a Via di Dostoyevskiy come risultato dell'attacco aereo federale del 19 ottobre 1999. La Corte ha stabilito sopra che i primi due richiedenti avevano diritti di proprietà a riguardo di questo alloggio. Rimane anche incontrastato che il terzo richiedente viveva in quella proprietà al tempo dell'attacco. È perciò chiaro che c'è stata interferenza coi diritti dei primi due richiedenti garantiti dall’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 ed i diritti del terzo richiedente stabiliti nell’Articolo 8 della Convenzione. La Corte deve ora soddisfarsi che questa interferenza abbia soddisfatto il requisito della legalità, intrapreso uno scopo legittimo ed era proporzionato allo scopo perseguito.
216. Riguardo alla legalità dell'interferenza in oggetto, il Governo si riferì all’Atto di Soppressione del Terrorismo e chiamato “regolamentazioni attinenti dei corpi Statali” come base legale per l'interferenza addotta.
217. La Corte reitera, come già ha notato in altre cause riguardo al conflitto nella Repubblica di Cecenia che l’Atto di Soppressione del Terrorismo e, in particolare, la sezione 21 che libera gli agenti Statali che partecipano in un'operazione di lotta al terrorismo da qualsiasi responsabilità per danni causati inter alia, “ad altri interessi giuridicamente protetti”,pur investendo di ampi poteri ampi gli agenti Statali all'interno della zona dell'operazione di lotta al terrorismo, non definisce così con chiarezza sufficiente la sfera di quei poteri e il metodo del loro esercizio in modo da riconoscere una protezione adeguata ed individuale contro l'arbitrarietà (vedere Khamidov c. Russia, n. 72118/01, § 143 ECHR 2007-XII (estratti). Il riferimento del Governo a questo Atto non può sostituire la specifico autorizzazione di interferenza coi diritti di un individuo sotto l’Articolo 8 della Convenzione e l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, delimitando debitamente l'oggetto e lo scopo di questa interferenza e disegnato in conformità con le disposizioni legali attinenti. Le disposizioni dell'Atto summenzionato non saranno costruite così in modo da creare un'esenzione per qualsiasi genere di limitazione dei diritti personali per un periodo indefinito di tempo e senza predisporre confini chiari per le azioni delle forze di sicurezza (vedere, mutatis mutandis, Imakayeva c. Russia, n. 7615/02, § 188 ECHR 2006-XIII (gli estratti)).
218. Similmente, nella presente causa che la Corte considera che lo strumento legale in oggetto, formulato in termini vaghi e generali, non può servire da base legale sufficiente per un’ interferenza drastica come la distruzione dell'alloggio di un individuo e delle sue proprietà. Per le stesse ragioni, la Corte è anche incapace di considerare l’ordine del Generale Maggiore Sh. n. 04 (vedere paragrafo 80 sopra) come base legale sufficiente per l'interferenza coi diritti attinenti dei richiedenti garantiti dall’Articolo 8 e dall’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. Inviando le forze federali per distruggere gli obiettivi militari, come le basi dei combattenti illegali, depositi di munizioni, ecc questo ordine non sembra specificamente avere autorizzato i membri delle Forze Armate federali ad infliggere danni sulle proprietà dei primi due richiedenti e la casa del terzo richiedente, ed in qualsiasi caso, chiaramente non conteneva garanzie contro un uso arbitrario della forza che avrebbe dato luogo a danni, o alla distruzione delle proprietà private e della casa di un individuo.
219. La Corte conclude così, nella prospettiva delle considerazioni sopra e in assenza di una decisione individualizzata od ordine che chiaramente indicavano i motivi e le condizioni per infliggere danni sulle proprietà dei primi due richiedenti e sulla casa del terzo richiedente, e che si sarebbe potuto fare ricorso in una corte che l'interferenza con i diritti dei primi due richiedenti sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 ed i diritti del terzo richiedente sotto l’Articolo 8 della Convenzione non erano “legale”, all'interno del significato della Convenzione. Nella prospettiva di questa sentenza la Corte non considera necessario esaminare se l'interferenza in oggetto intraprese uno scopo legittimo ed era proporzionata a quello scopo.
220. Trova così che c'è stata una violazione dell’ Articolo 8 della Convenzione a causa dell'inflizione di danni alla casa del terzo richiedente ed una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 a causa dell'inflizione di danni sulle proprietà di cui i primi due richiedenti erano comproprietari nell'attacco aereo e federale del 19 ottobre 1999.
IV. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
221. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
1. Danno patrimoniale
222. Il secondo richiedente, a favore del primo richiedente e a suo proprio nome, chiede il danno patrimoniale per la loro proprietà distrutta e le proprietà in questa. In particolare, chiede 3,404,025 rubli russi (RUB, approssimativamente 83,700 euro (EUR)) per risarcimento per l'alloggio distrutto. Si riferì ad un certificato emesso dall'Amministrazione di Urus-Martan che confermava che il beni immobili misuravano 184.5 metri quadrati (vedere paragrafo 9 sopra) e Decreto n. 86 del 1 marzo 2010 del Ministero russo per lo Sviluppo Regionale che stabiliva un prezzo di acquisto massimo per un metro quadrato di area di superficie generale di alloggio nelle varie regioni della Russia. Il detto decreto indicò che il prezzo per un metro quadrato di alloggio nella Repubblica di Cecenia era uguale per Strofinare 18,450 (verso EUR 450). Il secondo richiedente anche chiesto Strofina 1,000,000 (verso EUR 25,000) per gli effetti personali della famiglia distrutti presumibilmente nell'alloggio. Il terzo richiedente non presentò nessuna richiesta sotto questo capo.
223. Il Governo contestò le rivendicazioni del secondo richiedente come speculativo e non comprovato. Loro dibatterono che non c'era prova che i primi due richiedenti avevano titolo alla proprietà, e che il secondo richiedente non era riuscito a corroborare le sue rivendicazioni riguardo al presumibilmente proprietà perduta, incluso la sua quantità e valuta con qualsiasi documentario o l'altra prova.
224. La Corte reitera che ci deve essere un collegamento causale e chiaro fra il danno patrimoniale chiesto con un richiedente e la violazione della Convenzione (vedere, fra le altre autorità, Çakıcı c. Turchia [GC], n. 23657/94, § 127 ECHR 1999-IV). In questo collegamento, la Corte prima nota dal suo giudizio sopra che i richiedenti non avevano provato le loro rivendicazioni riguardo agli effetti personali della famiglia perduti (vedere paragrafo 214 sopra). Di conseguenza, non fa assegnazione a questo riguardo.
225. La Corte nota inoltre che ha trovato una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 su conto del danno inflitto sulla proprietà che i primo e secondo richiedenti possedettero insieme al terzo comproprietario, durante lo attacco di bomba di 19 ottobre 1999 cole forze federali. La Corte senza dubbio ha che c'è un collegamento diretto fra che violazione e le perdite patrimoniali addussero col secondo richiedente in riguardo della proprietà. Nota inoltre che il secondo richiedente presentò un documento che attestava l'area di superficie totale della proprietà e che indicava che era stato distrutto in parte ed era inadatto per l'abitazione umana (vedere paragrafo 16 sopra). Il secondo richiedente basò i suoi calcoli dell'importo chiesti sulle informazioni riguardo al prezzo di un metro quadrato di alloggio come indicato nel decreto attinente del Ministero russo per lo Sviluppo Regionale (vedere paragrafo 222 sopra). Comunque, la Corte osserva che, come può essere accertato da questo decreto, si riferisce al prezzo di massimo per metro quadrati di alloggio nella Repubblica di Cecenia e non fa nessuno rettifiche che prendono in considerazione simile circostanze come il tipo di alloggio, l'area in che che alloggio è situato, ecc. Inoltre, il decreto indica un prezzo per acquisto piuttosto che ricostruzione di alloggio. Nell'opinione della Corte, non può essere considerato perciò, una base affidabile per calcolare il valore effettivo della proprietà in oggetto abilitare la Corte per fare una valutazione dell'importo per essere assegnato a questo riguardo. La Corte trascura neanche il fatto che i primi due richiedenti erano due fuori di tre comproprietari della proprietà, il terzo comproprietario che non è una parte ai procedimenti di fronte alla Corte. Perciò il secondo richiedente, comportandosi come l'erede del primo richiedente e a suo proprio nome, può chiedere solamente due terzi dell'importo che può essere assegnato per la proprietà danneggiata nella causa presente. In simili circostanze, la Corte considera ragionevole assegnare EUR 14,000 al secondo richiedente a riguardo del danno patrimoniale subito da lui e dal primo richiedente a causa del danno inflitto sulla proprietà al 24a di Via di Dostoyevskiy.
2. Danno non-patrimoniale
226. I richiedenti chiesero anche il risarcimento per danno non-patrimoniale, lasciando la determinazione del suo importo a discrezione della Corte.
227. Il Governo presentò che l'importo dell'assegnazione sotto questo capo dovrebbe essere determinato su una base equa con dovuto riguardo alla giurisprudenza della Corte in questioni simili.
228. La Corte osserva che ha trovato una violazione dell’ Articolo 2 della Convenzione a causa di un attacco aereo federale che mise la vita del terzo richiedente a rischio, e dell’insuccesso delle autorità russe nel portare avanti un'indagine effettiva su quell'incidente. Trovò anche una violazione del diritto del terzo richiedente al rispetto della sua dimora sotto l’Articolo 8 della Convenzione come risultato di questo attacco ed una violazione dei diritti di proprietà del primo e del secondo richiedente come risultato dell'inflizione di danni sulla loro proprietà. I richiedenti hanno dovuto soffrire di angoscia e stress come un risultato di tutte queste circostanze che non possono essere compensate con la mera costatazione di una violazione. Avendo riguardo a queste considerazioni, la Corte assegna, su una base equa, EUR 12,000 al secondo richiedente a riguardo del danno non-patrimoniale subito da lui e dal primo richiedente e al terzo richiedente EUR 20,000 a riguardo del danno non-patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su questi importi.
B. Costi e spese
229. I richiedenti che non hanno presentato rivendicazione sotto questo capo, la Corte non vede nessuna ragione di fare qualsiasi assegnazione a questo riguardo.
C. Interesse di mora
230. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Respinge le eccezioni preliminari del Governo;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 2 della Convenzione riguardo all'insuccesso da parte dello Stato rispondente di proteggere il diritto alla vita del terzo richiedente;
3. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 2 della Convenzione a causa dell’insuccesso delle autorità di eseguire un'indagine adeguata ed effettiva nelle circostanze dell'incidente che ha messo a rischio la vita del terzo richiedente;
4. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 8 della Convenzione a riguardo del terzo richiedente;
5. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione, nella misura che i diritti di proprietà del primo e del secondo richiedenti sono riguardati;
6. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare i richiedenti, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione i seguenti importi, da convertire in rubli russi al tasso applicabile nella data dell’ accordo:
(i) EUR 14,000 (quattordici mila euro) al secondo richiedente a riguardo del danno patrimoniale;
(ii) EUR 12,000 (dodici mila euro) al secondo richiedente ed EUR 20,000 (venti mila euro) al terzo richiedente a riguardo del danno non-patrimoniale;
(iii) qualsiasi tassa che può essere a carico dei richiedenti sugli importi sopra;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
7. Respinge all’unanimità il resto della richiesta dei richiedenti per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 3 maggio 2011, facendo seguito all’articolo 77 §§ 2 e 3 dell’ordinamento di Corte.
André Wampach Nina Vajić
Cancelliere Aggiunto Presidentessa




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 25/01/2021.