Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF BOYAJYAN v. ARMENIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 35, 06, P1-1

NUMERO: 38003/04/2011
STATO: Armenia
DATA: 22/03/2011
ORGANO: Sezione Terza


TESTO ORIGINALE

Conclusion No violation of Art. 6 ; Remainder inadmissible
THIRD SECTION
CASE OF BOYAJYAN v. ARMENIA
(Application no. 38003/04)
JUDGMENT
STRASBOURG
22 March 2011
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Boyajyan v. Armenia,
The European Court of Human Rights (Third Section), sitting as a Chamber composed of:
Josep Casadevall, President,
Alvina Gyulumyan,
Egbert Myjer,
Ineta Ziemele,
Luis López Guerra,
Mihai Poalelungi,
Kristina Pardalos, judges,
and Santiago Quesada, Section Registrar,
Having deliberated in private on 15 February 2011,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 38003/04) against the Republic of Armenia lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by an Armenian national, Ms R. B. (“the applicant”), on 8 October 2004.
2. The Armenian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr G. Kostanyan, Representative of the Republic of Armenia at the European Court of Human Rights.
3. On 19 September 2006 the President of the Third Section decided to give notice of the application to the Government. It was also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (Article 29 § 1).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
4. The applicant was born in 1935 and lives in Yerevan.
5. Starting from 1971 the applicant made various deposits in Soviet roubles with the Armenian branch of the USSR Savings Bank. These included:
(a) sums of money deposited on three deposit accounts (ժամկետային ավանդ) opened in 1973-1974 amounting to a total of 19,795.30 roubles as of 1 January 1993, sums of money deposited on three 40% offset accounts (40% փոխհատուցման հաշիվ) opened in 1991 amounting to a total of 8,264 roubles as of 1 January 1993, and sums of money deposited on three on-demand accounts (ցպահանջ հաշիվ) opened in 1971, 1977 and 1988, the latter in the name of the applicant's grand-daughter, amounting to a total of 29,384.81 roubles as of 1 September 1993;
(b) 23 State internal premium bonds of 1982 (1982 Õ©. ÕºÕ¥Õ¿Õ¡Õ¯Õ¡Õ¶ Õ¶Õ¥Ö€Ö„Õ«Õ¶ Õ·Õ¡Õ°Õ¸Õ² ÖƒÕ¸Õ­Õ¡Õ¼Õ¸Ö‚Õ©ÕµÕ¡Õ¶ ÕºÕ¡Ö€Õ¿Õ¡Õ¿Õ¸Õ´Õ½Õ¥Ö€), each worth 50 roubles;
(c) four special-purpose State interest-free bonds of 1990 (1990 Õ©. ÕºÕ¥Õ¿Õ¡Õ¯Õ¡Õ¶ Õ¶ÕºÕ¡Õ¿Õ¡Õ¯Õ¡ÕµÕ«Õ¶ Õ¡Õ¶Õ¿Õ¸Õ¯Õ¸Õ½ ÖƒÕ¸Õ­Õ¡Õ¼Õ¸Ö‚Õ©ÕµÕ¡Õ¶ ÕºÕ¡Ö€Õ¿Õ¡Õ¿Õ¸Õ´Õ½Õ¥Ö€): one worth 2,500 roubles entitling the applicant to receive a video recorder, one worth 1,000 roubles entitling her to receive a television set, and two others each worth 200 roubles entitling her to receive two sewing machines;
(d) 11 certificates of the USSR Savings Bank obtained in 1990 (ԽՍՀՄ խնայբանկի սերտիֆիկատ), each worth 1,000 roubles.
6. On 5 July 1993 the Government decided to restructure the Armenian branch of the USSR Savings Bank into the State Specialised Savings Bank of Armenia (hereafter, the Savings Bank). Later that month the Soviet rouble was withdrawn from circulation.
7. On 22 November 1993 the Armenian currency, the dram, was introduced, at a rate of 200 roubles to 1 dram.
8. On 26 April 2002 the Convention and Protocol No. 1 entered into force in respect of Armenia.
9. On 21 June 2004 the applicant applied to the Savings Bank seeking to recover her deposits.
10. By a letter of 21 July 2004 the Savings Bank informed the applicant that:
“...the question of compensation for deposits made with the Savings Bank in former USSR roubles prior to 1 January 1993 is currently at the centre of attention of the National Assembly and the Government of Armenia. The Decision no. 835 of the Government of Armenia of 8 September 2001, which states that '... the Republic of Armenia assumes responsibility for the future possible indexation of deposits made by citizens with the Savings Bank CJSC in former USSR roubles prior to the currency conversion of 1993', serves as proof of this.
As to your inquiry concerning the former USSR State internal premium bonds of 1982 and the certificates, we would inform you that all operations in their respect were stopped by the decision of the Supreme Soviet of Armenia of 10 June 1993, until a final decision is adopted concerning their repayment by the CIS member States. However, no decision or directive was adopted thereafter.
As to the redemption of the former USSR special-purpose interest-free bonds given to the Armenian population in 1990, which were planned to be converted into household and domestic goods starting from 1993, this was found not to be feasible by Decree no. 377 of the Government of Armenia of 29 June 1992.
For purposes of compensation the Government of Armenia, in its Decree no. 345 of 5 July 1993, decided to index the nominal value of the above [special-purpose interest-free] bonds by 300% and to open a deposit account or to make payments by 1 August 1993, which you failed to do within the said period.
As you see, in the above circumstances the Savings Bank has no obligation to make payments in respect of the deposits and securities.
The Savings Bank will be able to serve citizens only after a decision is taken by the Government of Armenia concerning the choice of possible compensation alternatives for the deposits and the above securities and their payment.”
11. On 4 August 2004 the applicant lodged a claim with the Kentron and Nork-Marash District Court of Yerevan against the Government, seeking to recover her deposits and securities made with the Savings Bank. She requested, in particular, that her savings be returned to her in the currency in which the deposits were made.
12. On 6 August 2004 the Kentron and Nork-Marash District Court of Yerevan refused to admit the applicant's claim on the ground that:
“... the dispute is not subject to court examination, since the National Assembly and the Government of Armenia have not yet adopted relevant laws and decrees concerning the procedure for returning to citizens their deposits made with the Savings Bank of Armenia.”
13. On 13 August 2004 the applicant lodged an appeal on points of law, arguing that the reasons for the refusal to admit her claim were groundless and seeking to reverse the decision of the District Court.
14. On 27 August 2004 the Court of Cassation decided to dismiss the applicant's appeal. In doing so, the Court of Cassation referred to the grounds for the refusal to admit the applicant's claim and found the District Court's decision to be well-founded.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
A. Domestic provisions related to the question of recovery of savings
1. Government Decree no. 377 of 29 June 1992 on the Repurchase of the State Special-Purpose Interest-Free Bonds Sold to the Population in 1990
15. Pursuant to this Decree the Government decided that, since the redemption of these bonds was not feasible due to the lack of goods, the repurchased bonds would be converted into deposit accounts.
2. Decision of the Supreme Soviet of Armenia of 10 June 1993 on the State Specialised Savings Bank of Armenia
16. Under Paragraph 1 the Government was allowed to restructure the Armenian branch of the USSR Savings Bank into the State Specialised Savings Bank of Armenia.
17. Under Paragraph 2 the Republic of Armenia guaranteed the preservation and the repayment of deposits and other values made with the Savings Bank of Armenia.
18. Under Paragraph 3 the Government was asked to come up with proposals on indexation of savings and other values made with the Armenian branch of the USSR Savings Bank within one month.
19. According to Paragraph 4, all transactions in respect of 1982 State internal premium bonds and USSR Savings Bank certificates were to be stopped until a final decision was taken on them by the member states of the Commonwealth of Independent States.
3. Government Decree no. 345 of 5 July 1993 on the Restructuring of the Armenian Republican Branch of the USSR Savings Bank into the State Specialised Savings Bank of Armenia
20. Under Paragraph 1 the Armenian branch of the former USSR Savings Bank was restructured into the State Specialised Savings Bank of Armenia. The Savings Bank of Armenia was the legal successor of the Armenian branch of the former USSR Savings Bank.
21. Under Paragraph 2 the Government guaranteed the preservation and the repayment of the deposits and other values made with the Savings Bank of Armenia.
22. Under Paragraph 4 the following types of savings were indexed: (a) the amounts left in the Savings Bank's deposit accounts as of 1 January 1993 by 100%; (b) the amounts left in the Savings Bank's special deposit accounts as of 1 January 1993 by 100%; (c) the nominal value of the 1990 special-purpose State interest-free bonds by 300%; and (d) treasury bonds owned by the population by 200%.
4. Government Decree no. 835 of 8 September 2001 on Privatisation of the Savings Bank of Armenia Closed Joint-Stock Company
23. Pursuant to this Decree the Savings Bank of Armenia was sold to two private companies. The Ministry of Finance and Economy was instructed to conclude a privatisation agreement with the buyers, which was to contain guarantees on behalf of the Republic of Armenia. In particular, the Republic of Armenia was to assume responsibility for the future possible indexation of deposits made by citizens with the Savings Bank CJSC in former USSR roubles prior to the currency conversion of 1993.
5. The 2006 State Budget Act (in force from 1 January 2006)
24. Section 10 approved the 2006 annual programme for compensation of monetary deposits made with the Armenian branch of the USSR Savings Bank before 10 June 1993, which featured as an Annex to this Act.
25. Section 13 prescribed that the compensation activities of monetary deposits made with the Armenian branch of the USSR Savings Bank before 10 June 1993 shall be organised by the Armenian Government. The compensation of the said deposits was to be implemented on the basis of a State mid-term expenditure programme approved by the Armenian Government, within the limits of the budgetary allocations envisaged for that purpose as a separate budget line in each year's State budget. The Armenian Government, based on the above-mentioned 2006 annual programme, was to develop the procedure for such compensation and to specify the lists of individuals enjoying a priority right to receive such compensation.
6. Government Decree no. 352-N of 16 March 2006 Approving the Procedure for Compensation of Monetary Deposits Made with the Armenian Republican Branch of the USSR Savings Bank Before 10 June 1993
26. Pursuant to Paragraph 1, those depositors, who are members of families which have been receiving family allowance continuously from 1 July 2005 until 1 April 2006, are entitled to receive compensation for their deposits.
27. Pursuant to Paragraphs 5 and 6, persons mentioned in Paragraph 1 were to submit an application in order to receive compensation. The deadline for submitting applications could not be later than 12 April and was to expire on 12 May 2006.
28. Pursuant to Paragraph 27, the depositors' right to claim compensation from the Republic of Armenia arises in such budgetary year (a) in respect of which an expenditure programme for payment of compensation prescribed by this procedure is envisaged by the State Budget Act; and (b) the depositor in question is included in the payment schedule for the year in question.
B. Domestic provisions related to the question of access to court
The Code of Civil Procedure
29. According to Article 91 §§ 1 (1) and 4, the judge refuses to admit a claim if, inter alia, the dispute is not subject to court examination. The decision refusing to admit a claim can be contested through cassation proceedings within three days from the date of its receipt.
30. According to Article 228 (1), as in force at the material time, a judicial act could be reviewed on the ground of newly discovered circumstances which have vital importance for the case and which the parties were not and could not be aware of.
31. According to Article 239, as in force at the material time, the decision of the Court of Cassation entered into force from the moment of its delivery and was not subject to appeal.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 OF THE CONVENTION
32. The applicant complained that she had been denied access to court in violation of the guarantees of Article 6 of the Convention, which, in so far as relevant, reads as follows:
“In the determination of his civil rights and obligations ... everyone is entitled to a fair ... hearing ... by [a] ... tribunal ...”
A. Admissibility
1. Exhaustion of domestic remedies
33. The Government submitted that the applicant had failed to exhaust the domestic remedies. In 2004 she was indeed denied access to court because there were no relevant legal acts at the material time which would regulate the contested issues. However, on 16 March 2006 the Government adopted Decree no. 352 which prescribed the procedure for compensation for deposits and entered into legal force on 6 April 2006. Thus, it was open to the applicant, following the entry into force of this Decree, to request the courts to reopen her case on the ground of newly discovered circumstances pursuant to Article 228 (1) of the Code of Civil Procedure.
34. The applicant submitted that the decision of the Court of Cassation of 27 August 2004 was final and not subject to review.
35. The Court reiterates that the rule of exhaustion of domestic remedies referred to in Article 35 § 1 of the Convention obliges those seeking to bring a case against the State before an international judicial body to use first the remedies provided by the national legal system, thus dispensing States from answering before an international body for their acts before they have had an opportunity to put matters right through their own legal systems. In order to comply with the rule, normal recourse should be had by an applicant to remedies which are available and sufficient to afford redress in respect of the breaches alleged (see Assenov and Others v. Bulgaria, 28 October 1998, § 85, Reports of Judgments and Decisions 1998-VIII).
36. Furthermore, under Article 35 the existence of remedies which are available and sufficient must be sufficiently certain not only in theory but also in practice, failing which they will lack the requisite accessibility and effectiveness (see, among other authorities, De Jong, Baljet and Van den Brink v. the Netherlands, 22 May 1984, § 39, Series A no. 77, and Vernillo v. France, 20 February 1991, § 27, Series A no. 198). It is incumbent on the Government claiming non-exhaustion to satisfy the Court that the remedy was an effective one, available in theory and in practice at the relevant time, that is to say, that it was accessible, was one which was capable of providing redress in respect of the applicant's complaints and offered reasonable prospects of success (see Akdivar and Others v. Turkey, 16 September 1996, § 68, Reports of Judgments and Decisions 1996-IV).
37. Turning to the circumstances of the present case, the Court notes that the applicant's claim was not admitted by the Kentron and Nork-Marash District Court of Yerevan on 6 August 2004 on the ground that it was not subject to court examination, pursuant to Article 91 of the Code of Civil Procedure, because of the lack of relevant procedures. According to the above Article 91, a decision refusing to admit a claim could be contested before the Court of Cassation. The applicant availed herself of that possibility by lodging an appeal with that court, which was dismissed on 27 August 2004. This decision was final and not subject to appeal. Thus, the applicant had recourse to all the ordinary remedies available to her under the Armenian procedural law at the relevant time.
38. As regards the Government's claim that the applicant should have tried to reopen her case following the adoption of Government Decree no. 352-N which introduced compensation procedures, the Court, first of all, points out its extensive case-law to the effect that an application for retrial or similar extraordinary remedies cannot, as a general rule, be taken into account for the purposes of applying Article 35 § 1 of the Convention (see, for example, R. v. Denmark, no. 10326/83, Commission decision of 6 September 1983, Decisions and Reports 35, p. 218; Prystavska v. Ukraine (dec.), no. 21287/02, 17 December 2002; and Denisov v. Russia (dec.), no. 33408/03, 6 May 2004). Nor were there, in the Court's opinion, any special circumstances in the present case requiring the applicant to avail herself of that extraordinary remedy. In particular, Article 228 (1) of the Code of Civil Procedure prescribed the possibility of reopening a case on the ground of newly discovered circumstances. This notion implied circumstances which existed at the material time but were unknown to the parties. The Court notes that the applicant's case was examined in August 2004, while the above Government Decree was adopted only on 16 March 2006. Thus, the Decree in question could not be considered as a “newly discovered circumstance” within the meaning of the above Article 228 (1) and any attempt to reopen the case on the ground suggested by the Government would have been futile. It follows that the Government's objection as to non-exhaustion must be dismissed.
2. Conclusion
39. The Court concludes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. The parties' submissions
40. The Government submitted that the denial of access to court to the applicant was compatible with the requirements of Article 6. In particular, the applicant applied to the courts on 4 August 2004, that is at the time when the Government was already in the process of examining the possibilities of recovering the deposits made with the Savings Bank and, in particular, developing the above Government Decree no. 352-N. Furthermore, an ad hoc committee was set up at the National Assembly by its decision of 10 September 2003 which was also entrusted with the examination of that issue. As a result, the law on the 2006 State budget was enacted, which entered into force on 1 January 2006, and Government Decree no. 352-N was adopted on 6 April 2006, which prescribed the procedure and conditions for providing compensation to the depositors. This entire process was public and individuals were able to be informed about the joint measures taken by the Government and the National Assembly. Thus, the examination of a claim by a single person by the courts, in circumstances where a common solution was still in the process of being developed, would have had a negative impact on the entire process. In particular, all the individuals who had deposits with the Savings Bank, whose number exceeded 400,000, would have started lodging similar claims with the courts. The courts were therefore refusing to admit such claims for examination on the merits until the relevant legal basis for the recovery of deposits was created in April 2006.
41. The applicant claimed that she had been denied access to court in violation of the guarantees of Article 6. The courts failed to conduct any proceedings, to hold a hearing and to examine her case on the merits, despite the fact that her claim for recovery of her deposits and for payment of damages was of a civil nature and was subject to examination by the courts.
2. The Court's assessment
42. The Court reiterates that the right to a court, of which the right of access constitutes one aspect, is not absolute but may be subject to limitations in the form of regulation by the State. In this respect the State enjoys a certain margin of appreciation. Nevertheless, the limitations applied must not restrict the access left to the individual in such a way or to such an extent that the very essence of the right is impaired. Furthermore, a limitation will not be compatible with Article 6 § 1 if it does not pursue a legitimate aim and if there is not a reasonable relationship of proportionality between the means employed and the aim sought to be achieved (see, among other authorities, Tolstoy Miloslavsky v. the United Kingdom, 13 July 1995, § 59, Series A no. 316-B; Khalfaoui v. France, no. 34791/97, § 35, ECHR 1999-IX, and Papon v. France, no. 54210/00, § 90, ECHR 2002-VII).
43. In the present case, the applicant's claim for recovery of her deposits made with the Savings Bank was not examined by the domestic courts on the ground that no laws and decrees had yet been enacted by the National Assembly and the Government of Armenia. The Court shares the Government's position as regards the pursuit of a legitimate aim by this limitation. It notes that the applicant's claim arose as a consequence of the collapse of the Soviet rouble and the total withdrawal of that currency from circulation without solving the issue of individual savings in Soviet roubles. Armenia was faced with an immense task of building its own monetary system and addressing the problems caused by the collapse of the previous monetary system. Indeed, the examination of a claim of a single individual, regardless of its outcome, could have had a negative impact on the process of recovery of deposits as a whole, a problem that required a comprehensive rather than an individual solution in view of the high number of persons affected. The Court therefore considers that the refusal to examine the applicant's claim on the above-mentioned grounds pursued a legitimate aim, namely ensuring a smooth and effective implementation of the recovery process.
44. As regards the proportionality of this limitation, the Court observes that this was only a temporary measure. The domestic courts refused to examine the applicant's claim until the relevant procedures for recovery of deposits were adopted by the State. The Court notes in this respect that the question of recovery of savings has been at the centre of attention of the authorities for a number of years and gradual steps have been taken to solve the issue, including the adoption in 2006 of a procedure providing a possibility for the most vulnerable categories of depositors to claim compensation for devaluation of their savings (see paragraphs 26-28 above). In view of the above, the Court considers that the limitation on the applicant's access to court was not disproportionate.
45. There has accordingly been no violation of Article 6 of the Convention.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 TO THE CONVENTION
46. The applicant complained that she was unable to recover her savings, including deposits and securities, made with the Savings Bank and invoked Article 1 of Protocol No. 1, which reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
Admissibility
1. The parties' submissions
(a) The Government
47. The Government submitted that the applicant had failed to exhaust the domestic remedies as required by Article 35 of the Convention. First of all, her claim lodged with the domestic courts was directed against the Government but not the Savings Bank of Armenia. However, it was the latter and not the former which was the legal successor of the Armenian branch of the USSR Savings Bank and bore all the ensuing obligations. Secondly, the applicant contested the decision of the Kentron and Nork-Marash District Court only on the ground of a procedural but not a substantive violation of the law, thereby failing to raise in substance any of her complaints under Article 1 of Protocol No. 1. Finally, the claim lodged by the applicant with the District Court was different in substance from the complaints which she raised before the Court.
48. The Government further submitted that it was the Savings Bank and not the State which bore the responsibility to return the deposits. In 1996 the State Specialised Savings Bank of Armenia was restructured into the Savings Bank of Armenia Joint-Stock Company which, in its turn, was privatised in 2001. Thus, from 2001 the Savings Bank was a private company and the State bore no responsibility for its relations with private individuals, including its obligation to return the deposits. The State had only assumed the responsibility for the future possible indexation of the deposits and acted as a guarantor of their repayment. For that purpose on 5 July 1993 the Government adopted Decree no. 345, whereby it indexed various types of savings deposited with the Savings Bank. The Government further introduced a monetary reform in November 1993, converting the former USSR roubles into Armenian drams at a rate of 200/1 and thereby secured the repayment of the deposits. Thus, any depositor, including the applicant, is entitled to receive his deposits at any point at the above-mentioned rate. Furthermore, bearing in mind that the depositors might suffer big losses as a result of the indexation, the Government, by adopting on 16 March 2006 decree no. 352-N, started to provide compensation to the depositors in certain order of priority.
49. The Government lastly claimed that the solution given to the problem, as described above, was not much different from the experience of other former USSR republics.
(b) The applicant
50. The applicant submitted that she had exhausted all the domestic remedies. First of all, the Government in its Decree no. 345 of 5 July 1993 had guaranteed the preservation and the restoration of deposits and other values made with the Savings Bank of Armenia. Furthermore, in its Decree no. 835 of 8 September 2001 the Government had assumed the obligation to index the deposits made with the Savings Bank. As regards the 1982 State internal premium bonds and the Savings Bank certificates, all transactions in their respect had been suspended by the decision of the Supreme Soviet of 10 June 1993. As regards the 1990 special-purpose State interest-free bonds, their redemption was found not to be feasible by Government Decree no. 377 of 29 June 1992 and their value was indexed by 300% by Government Decree no. 345 of 5 July 1993. In view of the above, the Savings Bank had no obligations in respect of the deposits and securities and it was the Government which bore such obligations and was the relevant respondent. Moreover, the Savings Bank's powers and capacity to return the deposits and securities was restricted by the above Government decrees.
51. Secondly, there was no need to raise in her appeal to the Court of Cassation any arguments concerning a substantive violation of the law since her claim had not been examined on the merits.
52. Finally, her claims lodged with the domestic courts fully reflected the substance of her complaints raised before the Court.
2. The Court's assessment
53. The Court does not find it necessary to examine the entirety of the arguments advanced by the parties since this complaint is in any event inadmissible for the following reasons.
(a) As regards the applicant's deposits
54. The Court observes that the sums of money actually deposited by the applicant with the Savings Bank, whatever their real current value, undoubtedly constitute “possessions” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 (see Gayduk and Others v. Ukraine (dec.), nos. 45526/99, 46099/99, 47088/99, 47176/99, 47177/99, 48018/99, 48043/99, 48071/99, 48580/99, 48624/99, 49426/99, 50354/99, 51934/99, 51938/99, 53423/99, 53424/99, 54120/00, 54124/00, 54136/00, 55542/00 and 56019/00, ECHR 2002-VI (extracts)). It notes, however, that the main purpose of her application is to seek recovery of these sums with their purchasing power maintained. The same follows from her claim lodged with the domestic courts, in which she sought to have her deposits returned in Soviet roubles, a currency which no longer existed, thereby attempting to recover the original value of her savings.
55. In this respect, the Court notes that the applicant's savings lost their purchasing power due to the drastic depreciation of the Soviet rouble and inflation. It reiterates, however, that Article 1 of Protocol No. 1 does not impose any general obligation on States to maintain the purchasing power of sums deposited with financial institutions through the systematic indexation of savings (see Appolonov v. Russia (dec.), no. 67578/01, 29 August 2002, and Gayduk and Others, cited above). As to the Government's responsibility assumed under Decree no. 835 of 8 September 2001, this concerned the future possible indexation of deposits and depended on the introduction of the relevant compensation procedures and the availability of budgetary allocations for that purpose. It therefore did not entitle the applicant to any specific amount of money at the material time and the proceedings instituted by her did not concern any “existing possessions” that belonged to her. In view of the above, Article 1 of Protocol No. 1 is not applicable in the instant case.
56. This part of the application is accordingly incompatible ratione materiae with the provisions of the Convention within the meaning of Article 35 § 3 and must be rejected in accordance with Article 35 § 4.
(b) As regards the applicant's securities
57. The Court reiterates at the outset that securities having an economic value can be regarded as “possessions” (see Jasinskij and Others v. Lithuania, no. 38985/97, Commission decision of 9 September 1998). The applicant, at the time when she acquired the State internal premium bonds of 1982 and the USSR Savings Bank certificates, became entitled to repayment by the Soviet Government of the principal in respect of the bonds, provided there was no positive outcome of the lottery in the meantime, and of the principal and the accrued interest in respect of the certificates. As regards the special-purpose State interest-free bonds of 1990 these, in addition to having a certain monetary denomination, entitled the applicant to receive various household and domestic goods without any additional payments. The Court considers that such bonds and certificates can indeed be considered as assets giving rise to a right of ownership (ibid.).
58. The Court points out, however, that Protocol No. 1 entered into force in respect of Armenia only on 26 April 2002 and, in accordance with the generally recognised rules of international law, its provisions do not bind Armenia in relation to any act or fact which took place or any situation which ceased to exist before that date (see, among other authorities, Blečić v. Croatia [GC], no. 59532/00, § 70, ECHR 2006-...).
59. As regards the State internal premium bonds of 1982 and the USSR Savings Bank certificates, the Court notes that the Supreme Soviet of Armenia, in its decision of 10 June 1993, while guaranteeing the preservation and repayment of the citizens' deposits and other values made with the Savings Bank, nevertheless decided to stop all operations in respect of these securities (see paragraph 19 above). As regards the special-purpose State interest-free bonds of 1990, the Court notes that their conversion into household and domestic goods was found not to be feasible by Government Decree no. 377 of 29 June 1992 (see paragraph 15 above). The interference with the applicant's possessions therefore took place on those dates, that is long before the entry into force of Protocol No. 1 in respect of Armenia.
60. This part of the application is accordingly incompatible ratione temporis with the provisions of the Convention within the meaning of Article 35 § 3 and must be rejected in accordance with Article 35 § 4.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the complaint concerning the denial of access to court admissible and the remainder of the application inadmissible;
2. Holds that there has been no violation of Article 6 § 1 of the Convention.
Done in English, and notified in writing on 22 March 2011, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Santiago Quesada Josep Casadevall Registrar President
In accordance with Article 45 § 2 of the Convention and Rule 74 § 2 of the Rules of Court, the separate opinion of Judge Ziemele is annexed to this judgment.
J.C.M.
S.Q.

CONCURRING OPINION OF JUDGE ZIEMELE
I fully share the view of the Chamber in this case. I would like to add to the reasoning an aspect which, in my view, is of fundamental importance even though the respondent State did not fully develop it.
The case has arisen in the context of the demise of the Soviet Union, a highly centralized State-run economy at the time. The Republic of Armenia is one of the successor States. The applicant had made deposits in Soviet roubles with the Armenian branch of the USSR Savings Bank on several occasions in the 1970s and 80s. After the demise of the Soviet Union and the creation of the State of Armenia, the applicant, like many other former Soviet citizens in different corners of the former USSR, wanted to recover those deposits. The Soviet rouble was withdrawn from circulation in 1993 by unilateral decision of the Russian Federation. This led Armenia to introduce its own currency and build its own monetary system. Thus, in the early years of independence, to the fears about the possible unavailability of the currency was added the reality that that currency was no longer legal tender.
This is one of the many typical problems that arise when State succession takes place. The Court has had to deal with problems linked to State succession before, albeit in the somewhat different contexts of the disappearance of the former Socialist Federal Republic of Yugoslavia (“SFRY”) and German Democratic Republic. In these cases, the Court left a considerable margin to successor States to deal with the problems inherent in situations of State succession. In the Kovacic v. Slovenia case, which concerned the break-up of the SFRY, its banking system and the redistribution of liability for old foreign-currency savings among the successor States of the SFRY, the Grand Chamber agreed with the Parliamentary Assembly of the Council of Europe that “the matter of compensation for so many thousands of individuals must be solved by agreement between successor States” (Kovacic and Others v. Slovenia, nos. 44574/98, 45133/98 and 48316/99, [GC], judgment of 3 October 2008, § 256).
Experts in the area of State succession have observed, concerning the former USSR, that “A Treaty of Economic and Monetary Union was ... signed by eight republics (without Ukraine) [of the former USSR] on 18 October 1991 and negotiations continued up until the Treaty of Minsk in December creating the Commonwealth of Independent States (CIS), with a view to setting up a monetary union” (G. Burdeau, “Money and State Succession in Eastern Europe”, in B. Stern (ed.), Dissolution, Continuation and Succession in Eastern Europe, Kluwer Law International, 1998, p. 48). The initial political will was not, however, accompanied by appropriate economic conditions and thus neither the 1991 agreement nor subsequent agreements with some of the successor States to the former Soviet Union, including Armenia, were put into practice. It was further observed that “the Russian monetary reform of July 1993, which led to the nullification of a large number of the roubles in circulation without the agreement of the other successor States concerned (see paragraphs 6 – 7) [..] was criticized” at the time in the Russian Federation. “On the other hand, no open criticism seems to have been made by the other republics from an international law perspective” (ibid., p. 53).
Be that as it may, it is clear that the new States were faced with immense difficulties in separating from such a centralised economy as the Soviet one. There was no proportionate division of Soviet funds among successor States. This is probably a more dramatic issue in the former Soviet context since the deposits and monetary reserves and so on were essentially centralised. In such circumstances, and despite the best intentions of the Armenian State, it would be very difficult for the Court to rule through the doors of the Convention that Armenia is responsible for the deposits in Soviet roubles or that a particular compensation ought to have been provided instead. That does not mean however that the States concerned have done everything possible under international law to settle pending issues.

TESTO TRADOTTO

Conclusione Nessuna violazione dell’ Art. 6; resto inammissibile
TERZA SEZIONE
CAUSA BOYAJYAN C. ARMENIA
(Richiesta n. 38003/04)
SENTENZA
STRASBOURG
22 marzo 2011
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Boyajyan c. Armenia,
La Corte europea dei Diritti umani (terza Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Josep Casadevall, Presidente, Alvina Gyulumyan, Egbert Myjer, Ineta Ziemele, Luis López Guerra, Mihai Poalelungi, Kristina Pardalos, giudici,
e Santiago Quesada, Cancelliere di Sezione,
Avendo deliberato in privato il 15 febbraio 2011,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 38003/04) contro la Repubblica dell'Armenia depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino Armeno, il Sig.ra R. B. (“il richiedente”), l’8 ottobre 2004.
2. Il Governo Armeno (“il Governo”) fu rappresentato dal suo Agente, il Sig. G. Kostanyan, Rappresentante della Repubblica dell'Armenia alla Corte europea dei Diritti umani.
3. Il 19 settembre 2006 il Presidente della terza Sezione decise di dare avviso della richiesta al Governo. Fu deciso anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità (Articolo 29 § 1).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
4. Il richiedente nacque nel 1935 e vive a Yerevan.
5. Cominciando dal 1971 il richiedente fece vari depositi in rubli sovietici presso la filiale Armena della Banca di Risparmio dell’URSS. Questi includevano:
(a) somme di soldi depositate su tre conti di deposito (ժամկետային ավանդ) aperti nel 1973-1974 corrispondenti ad un totale di 19,795.30 rubli al 1 gennaio 1993, somme di soldi depositate su tre conti al 40% offshore (40% փոխհատուցման հաշիվ) aperti nel 1991 corrispondenti ad un totale di 8,264 rubli al 1 gennaio 1993, e somme di soldi depositate su tre conti su-richiesta (ցպահանջ հաշիվ) aperti nel 1971, 1977 e 1988, quest’ultimo a nome della figlia maggiore del richiedente corrispondenti ad un totale di 29,384.81 rubli al 1 settembre 1993;
(b) 23 bond interni Statali del 1982 (1982 Õ©. ÕºÕ¥Õ¿Õ¡Õ¯Õ¡Õ¶ Õ¶Õ¥Ö€Ö„Õ«Õ¶ Õ·Õ¡Õ°Õ¸Õ² ÖƒÕ¸Õ­Õ¡Õ¼Õ¸Ö‚Õ©ÕµÕ¡Õ¶ ÕºÕ¡Ö€Õ¿Õ¡Õ¿Õ¸Õ´Õ½Õ¥Ö€), ciascuno del valore di 50 rubli;
(c) quattro bond statali con fine speciale senza interesse del 1990 (1990.Õ© ÕºÕ¥Õ¿Õ¡Õ¯Õ¡Õ¶ Õ¶ÕºÕ¡Õ¿Õ¡Õ¯Õ¡ÕµÕ«Õ¶ Õ¡Õ¶Õ¿Õ¸Õ¯Õ¸Õ½ ÖƒÕ¸Õ­Õ¡Õ¼Õ¸Ö‚Õ©ÕµÕ¡Õ¶ ÕºÕ¡Ö€Õ¿Õ¡Õ¿Õ¸Õ´Õ½Õ¥Ö€): un valore 2,500 rubli che danno titolo al richiedente di ricevere un videoregistratore , un valore 1,000 rubli che la danno titolo a ricevere un televisore, e due altri ciascuno del valore di 200 rubli che danno titolo a ricevere due macchine da cucire;
(d) 11 certificati della Banca di Risparmio dell’URSS ottenuti nel 1990 (ԽՍՀՄ խնայբանկի սերտիֆիկատ), ciascuno del valore di 1,000 rubli.
6. Il 5 luglio 1993 il Governo decise di ristrutturare la filiale Armena della Banca di Risparmio dell'URSS nella Banca di Risparmio Statale Specializzata dell'Armenia (in futuro, la Banca di Risparmio ). Qualche mese più tardi il rublo sovietico è stato ritirato dalla circolazione.
7. Il 22 novembre 1993 fu introdotta la dracma, la valuta Armena, ad un tasso di 200 rubli a 1 dracma.
8. Il 26 aprile 2002 la Convenzione e Protocollo N.ro 1 entrò in vigore a riguardo dell'Armenia.
9. Il 21 giugno 2004 il richiedente fece domanda per cercare di recuperare i suoi depositi.
10. Con una lettera del 21 luglio 2004 la Banca di Risparmio informò il richiedente che:
“... la questione del risarcimento per i depositi fatti presso la Banca di Risparmio in rubli dell’ex URSS prima del 1 gennaio 1993 è attualmente al centro dell’ attenzione della Riunione Nazionale e del Governo dell'Armenia. La Decisione n. 835 del Governo dell’ Armenia del 8 settembre 2001 che enuncia che '... la Repubblica dell'Armenia si prende la responsabilità per la possibile futura indicizzazione dei depositi fatti da cittadini presso la Banca di Risparmio CJSC in rubli dell’ex URSS prima della conversione della moneta del 1993', serviva come prova di questo.
In merito alla Sua indagine riguardo ai bond interni statali dell’ex URSS del 1982 e ai certificati, noi La informiamo che tutte le operazioni a loro riguardo furono fermate dalla decisione del soviet Supremo dell’ Armenia del 10 giugno 1993, affinché una decisione definitiva concernente il loro rimborso da parte degli Stati membro del CIS venisse adottata. Comunque, nessuna decisione o direttiva furono adottate da allora in poi.
In merito al rimborso dei bond Statali interni a speciale-fine senza interesse dell’ex URSS dati alla popolazione Armena nel 1990 che furono progettati per essere convertiti in beni nazionali per famiglia a cominciare dal 1993 questo fu trovato non essere fattibile dal Decreto n. 377 del Governo dell’ Armenia del 29 giugno 1992.
Ai fini del risarcimento il Governo dell'Armenia, nel suo Decreto n. 345 del 5 luglio 1993, decise di fissare il valore nominale dei bond sopra [a scopo speciale senza interessi] entro il 300% ed aprire un conto di deposito o fare i pagamenti entro il 1 agosto 1993 il che Lei non riuscì a fare entro il detto periodo.
Come Lei vede, nelle circostanze sopra la Banca di Risparmio non ha nessun obbligo di fare dei pagamenti a riguardo dei depositi e delle security.
La Banca di Risparmio sarà in grado di servire solamente i cittadini dopo che una decisione viene presa dal Governo dell'Armenia riguardo alla scelta di possibili alternative di risarcimento per i depositi e le security sopra ed il loro pagamento.”
11. Il 4 agosto 2004 il richiedente depositò una rivendicazione presso la Corte distrettuale di Kentron e di Nork-Marash di Yerevan contro il Governo, cercando di recuperare i suoi depositi e le security, fatti presso la Banca di Risparmio. Richiese, in particolare, che i suoi risparmi gli fossero restituiti nella valuta in cui furono fatti i depositi.
12. Il 6 agosto 2004 la Corte distrettuale di Kentron e di Nork-Marash di Yerevan rifiutò di ammettere la rivendicazione del richiedente sulla base che:
“... la controversia non è soggetta ad esame di corte, poiché la Riunione Nazionale ed il Governo dell'Armenia non hanno ancora adottato leggi attinenti e decreti riguardo alla procedura per restituire ai cittadini i loro depositi fatti presso la Banca di Risparmio dell'Armenia.”
13. Il 13 agosto 2004 il richiedente depositò un ricorso su questioni di diritto, dibattendo che le ragioni per il rifiuto di ammettere la sua rivendicazione erano infondate e cercando di invertire la decisione della Corte distrettuale.
14. Il 27 agosto 2004 la Corte di Cassazione decise di respingere il ricorso del richiedente. Nel fare così, la Corte di Cassazione si riferì ai motivi per il rifiuto di ammettere la rivendicazione del richiedente e trovò che la decisione della Corte distrettuale era fondata.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
A. Disposizioni Nazionali riferite alla questione di recupero dei risparmi
1. Decreto statale n. 377 del 29 giugno 1992 sul Riacquisto dei bond Statali interni a fine Speciale senza interessi venduti alla Popolazione nel 1990
15. Facendo seguito a questo Decreto il Governo decise che, poiché il rimborso di queste obbligazioni non era fattibile a causa della mancanza di beni, le obbligazioni riacquistate sarebbero state convertite in conti di deposito.
2. Decisione del soviet Supremo dell’ Armenia del 10 giugno 1993 sulla Banca Statale di Risparmio Specializzata dell'Armenia
16. Sotto il paragrafo 1 al Governo era permesso di ristrutturare la filiale Armena della Banca di Risparmio dell'URSS nella Banca Statale di Risparmio Specializzata dell'Armenia.
17. Sotto il paragrafo 2 la Repubblica dell'Armenia garantiva la conservazione ed il rimborso dei depositi e degli altri valori fatti presso la Banca di Risparmio dell'Armenia.
18. Sotto il paragrafo 3 il Governo chiese di dare proposte sull’ indicizzazione dei risparmi e degli altri valori fatti presso la Banca di Risparmio Armena dell'URSS entro un mese.
19. Secondo il Paragrafo 4, tutte le operazioni a riguardo dei bond statali premium interni del 1982 ed i certificati della Banca di Risparmio dell’ URSS si sarebbero fermate finché una decisione definitiva non fosse stata presa su questi dagli stati membro della Repubblica degli Stati Indipendenti.
3. Decreto statale n. 345 del 5 luglio 1993 sulla Ristrutturazione della Filale Repubblicana Armena della Banca di Risparmio dell'URSS nella Banca di Risparmio Statale Specializzata dell'Armenia
20. Sotto il paragrafo 1 la filiale Armena della Banca di Risparmio dell'ex URSS è stata ristrutturata nella Banca di Risparmio Statale Specializzata dell'Armenia. La Banca di Risparmio dell'Armenia era il successore legale della filiale Armena della Banca di Risparmio dell'ex URSS.
21. Sotto il paragrafo 2 il Governo garantiva la conservazione ed il rimborso dei depositi e degli altri valori fatti presso la Banca di Risparmio dell'Armenia.
22. Sotto il paragrafo 4 i seguenti tipi di risparmio sono stati indicizzati: (a) gli importi lasciati nei conti di deposito della Banca di Risparmio al 1 gennaio 1993 entro il 100%; (b) gli importi lasciati nei conti di deposito speciali della Banca di Risparmio al 1 gennaio 1993 entro il 100%; (c) il valore nominale dei bond statali a fine speciale senza interessi del 1990 entro il 300%; e (d) buoni del tesoro posseduti dalla popolazione entro il 200%.
4. Decreto statale n. 835 dell’8 settembre 2001 sulla Privatizzazione della Società ad azioni chiuse della Banca di Risparmio dell'Armenia
23. Facendo seguito a questo Decreto la Banca di Risparmio dell'Armenia fu venduta a due società private. Il Ministero delle Finanze e dell’ Economia fu istruito per concludere un accordo di privatizzazione con gli acquirenti che doveva contenere garanzie a favore della Repubblica dell'Armenia. In particolare, la Repubblica dell'Armenia doveva prendersi la responsabilità per la possibile futura indicizzazione dei depositi fatti da cittadini presso la Banca di Risparmio CJSC in rubli dell’ex URSS prima della conversione della moneta del 1993.
5. L'Atto del Bilancio dello Stato del 2006 (in vigore dal 1 gennaio 2006)
24. La Sezione 10 approvava il programma annuale del 2006 per il risarcimento dei depositi valutari fatti presso la filiale Armena della Banca di Risparmio dell'URSS prima del 10 giugno 1993 , configurandosi come Annesso a questo Atto.
25. La Sezione 13 prescriveva che le attività di risarcimento dei depositi valutari fatti presso la filiale Armena della Banca di Risparmio dell'URSS prima del 10 giugno 1993 saranno organizzate dal Governo Armeno. Il risarcimento dei detti depositi sarebbe stato implementato sulla base di un programma di spesa Statale a medio - termine approvato dal Governo Armeno, all'interno dei limiti delle allocazioni budgetarie previste per questo fine come una linea di bilancio separata nel bilancio di Stato di ogni anno. Il Governo Armeno, basato sul summenzionato programma annuale del 2006, doveva sviluppare la procedura per simile risarcimento e specificare i ruoli degli individui che godevano di un diritto prioritario per ricevere simile risarcimento.
6. Decreto statale n. 352-N del 16 marzo 2006 che Approva la Procedura per il Risarcimento dei Depositi Valutari fatti presso la filiale Repubblicana Armena della Banca di Risparmio dell'URSS prima del 10 giugno 1993
26. Facendo seguito al paragrafo 1 ai depositanti che sono membri di famiglie che continuamente ricevono assegni familiari dal 1 luglio 2005 sino al 1 aprile 2006 è concesso ricevere il risarcimento per i loro depositi.
27. Facendo seguito ai Paragrafi 5 e 6, le persone menzionate nel Paragrafo 1 dovevano presentare una richiesta per ricevere il risarcimento. Il termine massimo per presentare le richieste non poteva essere più tardi del 12 aprile e doveva scadere il 12 maggio 2006.
28. Facendo seguito al paragrafo 27, il diritto dei depositanti di chiedere il risarcimento dalla Repubblica dell'Armenia sorge in detto anno budgetario (a) a riguardo del quale un programma della spesa per il pagamento del risarcimento prescritto da questa procedura è previsto dall’Atto sul Bilancio Statale; e (b) il depositante in oggetto è incluso nello scadenziario di pagamento per l'anno in oggetto.
B. Disposizioni Nazionali riferite alla questione di accesso ad un tribunale
Il Codice di Procedura Civile
29. Secondo l’Articolo 91 §§ 1 (1) e 4, il giudice rifiuta di ammettere una rivendicazione se, inter alia, la controversia non è soggetta ad esame di corte. La decisione che rifiuta di ammettere una rivendicazione può essere contestata tramite procedimenti di cassazione entro tre giorni dalla data della sua ricevuta.
30. Secondo l’Articolo 228 (1), come in vigore al tempo attinente, un atto giudiziale potrebbe essere riesaminato sulla base di circostanze scoperte di recente che hanno un’importanza vitale per la causa e di cui le parti non erano e non potevano essere consapevoli.
31. Secondo l’Articolo 239, come in vigore al tempo attinente, la decisione della Corte di Cassazione entrava in vigore dal momento della sua consegna e non era soggetta a ricorso.
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 DELLA CONVENZIONE
32. Il richiedente si lamentò che gli era stato negato l’ accesso ad un tribunale in violazione delle garanzie dell’ Articolo 6 della Convenzione che, nella parte attinente, recita come segue:
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale ...”
A. Ammissibilità
1. L'esaurimento delle vie di ricorso nazionali
33. Il Governo presentò che il richiedente non era riuscito ad esaurire le vie di ricorso nazionali. Nel 2004 le fu negato davvero l’accesso ad un tribunale perché non c'erano atti legali attinenti al tempo attinente che avrebbero regolato le questioni contestate. Il 16 marzo 2006 il Governo adottò comunque, il Decreto n. 352 che prescriveva la procedura per il risarcimento per depositi ed entrò in vigore legale il 6 aprile 2006. Così, era aperto al richiedente, in seguito all'entrata in vigore di questo Decreto, richiedere alle corti di riaprire la sua causa sulla base di circostanze di recente scoperte facendo seguito all’ Articolo 228 (1) del Codice di Procedura Civile.
34. Il richiedente presentò che la decisione della Corte di Cassazione del 27 agosto 2004 era definitiva e non soggetta a revisione.
35. La Corte reitera che la norma dell'esaurimento delle vie di ricorso nazionali a cui si fa riferimento nell’ Articolo 35 § 1 della Convenzione obbliga coloro che cercano di portare una causa contro lo Stato di fronte ad un corpo giudiziale internazionale ad usare prima le vie di ricorso previste dall'ordinamento giuridico nazionale, dispensando così Stati dall'essere responsabili di fronte ad un corpo internazionale per i loro atti prima che loro abbiano avuto un'opportunità di sistemare le questioni tramite i loro propri ordinamenti giuridici. Per attenersi con la norma, il richiedente dovrebbe poter ricorrere a vie di ricorso che sono disponibili e sufficienti per riconoscere una compensazione a riguardo delle violazioni addotte (vedere Assenov ed Altri c. Bulgaria, 28 ottobre 1998, § 85 Relazioni delle Sentenze e Decisioni 1998-VIII).
36. Sotto l’Articolo 35 l'esistenza di una via di ricorso che sia disponibile e sufficiente non solo deve essere inoltre, sufficientemente sicura in teoria ma anche in pratica, in mancanza di ciò le mancherà l'accessibilità richiesta e l'efficacia (vedere, fra le altre autorità, De Jong, Baljet and Van den Brink c. Paesi Bassi, 22 maggio 1984, § 39 Serie A n. 77, e Vernillo c. Francia, 20 febbraio 1991, § 27 Serie A n. 198). Spetta al Governo che rivendica il non-esaurimento soddisfare la Corte che la via di ricorso era effettiva e disponibile in teoria ed in pratica al tempo attinente cioè che era accessibile, era in grado di offrire una compensazione a riguardo delle azioni di reclamo del richiedente e delle prospettive ragionevoli di successo (vedere Akdivar ed Altri c. Turchia, 16 settembre 1996, § 68 Relazioni delle Sentenze e Decisioni 1996-IV).
37. Rivolgendosi alle circostanze della presente causa, la Corte nota che la rivendicazione del richiedente non fu ammessa dalla Corte distrettuale di Kentron e di Nork-Marash di Yerevan il 6 agosto 2004 sulla base che non era soggetta ad esame di corte, facendo seguito all’ Articolo 91 del Codice di Procedura Civile, a causa della mancanza di procedure attinenti. Secondo l'Articolo 91 sopra, una decisione che rifiuta di ammettere una rivendicazione potrebbe essere contestata di fronte alla Corte di Cassazione. Il richiedente si giovò di questa possibilità depositando un ricorso presso questa corte che fu respinta il 27 agosto 2004. Questa decisione era definitiva e non soggetta a ricorso. Così, il richiedente aveva ricorso a tutte le vie di ricorso ordinarie disponibili sotto il diritto procedurale Armeno al tempo attinente.
38. Riguardo alla rivendicazione del Governo per cui il richiedente avrebbe dovuto tentare di riaprire la sua causa in seguito all'adozione del Decreto Statale n. 352-N che introdusse le procedure di risarcimento, la Corte, prima di tutto indica la sua ampia giurisprudenza all'effetto che una richiesta per nuovo processo o via di ricorso straordinaria e simili non può, come norma generale essere presa in considerazione ai fini di applicare l’Articolo 35 § 1 della Convenzione (vedere, per esempio, R. c. Danimarca, n. 10326/83, decisione della Commissione del 6 settembre 1983, Decisioni e Relazioni 35, p. 218; Prystavska c. Ucraina (dec.), n. 21287/02, 17 dicembre 2002; e Denisov c. Russia (dec.), n. 33408/03, 6 maggio 2004). Né c’era , nell'opinione della Corte nessuna circostanza speciale nella presente causa che costringe il richiedente a giovarsi di quella via di ricorso straordinaria. In particolare, l’Articolo 228 (1) del Codice di Procedura Civile prescriveva la possibilità di riaprire una causa sulla base di circostanze di recente scoperte. Questa nozione implicò circostanze che esistevano al tempo attinente ma erano ignote alle parti. La Corte nota che la causa del richiedente fu esaminata nell’ agosto 2004, mentre il Decreto Statale sopra fu adottato solamente il 16 marzo 2006. Così, il Decreto in oggetto non poteva essere considerato come una “circostanza di recente scoperta” all'interno del significato dell'Articolo 228 sopra (1) e qualsiasi tentativo di riaprire la causa sulla base suggerita dal Governo sarebbe stato futile. Ne segue che l'eccezione del Governo in merito al non-esaurimento deve essere respinta.
2. Conclusione
39. La Corte conclude che questa azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
B. Meriti
1. Le osservazioni delle parti
40. Il Governo presentò che il rifiuto di accesso ad un tribunale al richiedente era compatibile coi requisiti dell’ Articolo 6. In particolare, il richiedente fece domanda alle corti il 4 agosto 2004, cioè al tempo in cui il Governo già era nel processo di esaminare le possibilità di recuperare i depositi fatti presso la Banca di Risparmio e, in particolare, di sviluppare il Decreto Statale sopra n. 352-N. Inoltre, un comitato ad hoc fu stabilito alla Riunione Nazionale con la sua decisione del 10 settembre 2003 a cui fu affidato anche l'esame di quel problema. Di conseguenza, la legge sul bilancio di Stato del 2006 fu decretata, che entrò in vigore il 1 gennaio 2006 e il Decreto Statale n. 352-N fu adottato il 6 aprile 2006 che prescriveva la procedura e le condizioni per fornire il risarcimento ai depositanti. Questo intero processo era pubblico e gli individui erano in grado di essere informati delle misure unite prese dal Governo e dalla Riunione Nazionale. Così, l'esame di una rivendicazione di una sola persona da parte delle le corti, in circostanze in cui una soluzione comune era ancora nel processo di sviluppo, avrebbe avuto un impatto negativo sull’ intero processo. In particolare, tutti gli individui che avevano depositi presso la Banca di Risparmio il cui numero eccedeva i 400,000, avrebbero cominciato a depositare rivendicazioni simili presso le corti. Le corti stavano rifiutando perciò di ammettere simile rivendicazioni per esame sui meriti fino a che la base legale attinente per il ricupero dei depositi non fosse stata creata nell’ aprile 2006.
41. Il richiedente affermò che gli era stato negato l’accesso ad un tribunale in violazione delle garanzie dell’ Articolo 6. Le corti andarono a vuoto nel condurre qualsiasi procedimento, sostenere un'udienza ed esaminare la sua causa sui meriti nonostante il fatto che la sua rivendicazione per il recupero dei suoi depositi e per il pagamento dei danni era di natura civile ed era soggetta ad esame da parte delle corti.
2. La valutazione della Corte
42. La Corte reitera che il diritto ad una corte di cui il diritto di accesso costituisce un aspetto, non è assoluto ma può essere soggetto a limitazioni nella forma di regolamentazione da parte dello Stato. A questo riguardo lo Stato gode di un certo margine di valutazione. Ciononostante, le limitazioni applicate non devono restringere l'accesso lasciato all'individuo in modo tale o in tal misura che la stessa essenza del diritto ne venga danneggiata. Inoltre, una limitazione non sarà compatibile con l’Articolo 6 § 1 se non intraprende uno scopo legittimo e se non c'è una relazione ragionevole di proporzionalità fra i mezzi assunti e lo scopo che si cerca di realizzare (vedere, fra le altre autorità, Tolstoy Miloslavsky c. Regno Unito, 13 luglio 1995, § 59 Serie A n. 316-B; Khalfaoui c. Francia, n. 34791/97, § 35, ECHR 1999-IX, e Papon c. Francia, n. 54210/00, § 90 ECHR 2002-VII).
43. Nella presente causa, la rivendicazione del richiedente per il recupero dei suoi depositi fatti presso la Banca di Risparmio non fu esaminata dalle corti nazionali sulla base che nessuna legge e decreto erano stati decretati ancora dalla Riunione Nazionale e dal Governo dell'Armenia. La Corte condivide la posizione del Governo riguardo alla ricerca di un scopo legittimo da parte di questa limitazione. Nota che la rivendicazione del richiedente sorse come conseguenza del crollo del rublo sovietico ed il ritiro totale di questa valuta dalla circolazione senza risolvere il problema dei risparmi individuali in rubli sovietici. L’Armenia fu messa di fronte da un compito immenso di costruire il suo proprio sistema valutario e rivolgersi ai problemi causati dal crollo del precedente sistema valutario. Effettivamente, l'esame di una rivendicazione di un solo individuo, nonostante la sua conseguenza avrebbe potuto avere un impatto negativo sul processo di ricupero dei depositi nell'insieme, un problema che ha richiesto una soluzione comprensiva piuttosto individuale nella prospettiva dell’alto numero di persone colpite. La Corte considera perciò che il rifiuto di esaminare la rivendicazione del richiedente sui motivi summenzionati intraprese uno scopo legittimo, vale a dire garantire un'attuazione senza intoppi ed effettiva del processo di ricupero.
44. Riguardo alla proporzionalità di questa limitazione, la Corte osserva che questa era solamente una misura provvisoria. Le corti nazionali si sono rifiutate di esaminare la rivendicazione del richiedente finché le procedure attinenti per il recupero dei depositi non fossero state adottate dallo Stato. La Corte nota a questo riguardo che la questione del recupero dei risparmi è stata al centro dell’attenzione delle autorità per un numero di anni e dei passi graduali sono stati presi per risolvere il problema, inclusa l'adozione nel 2006 di una procedura che offriva una possibilità per le categorie più vulnerabili di depositanti di chiedere il risarcimento per la svalutazione dei loro risparmi (vedere paragrafi 26-28 sopra). Nella prospettiva di quanto sopra, la Corte considera, che la limitazione sull'accesso del richiedente ad un tribunale non era sproporzionata.
45. Non c'è stata di conseguenza nessuna violazione dell’ Articolo 6 della Convenzione.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 ALLA CONVENZIONE
46. Il richiedente si lamentò di non essere stato in grado di recuperare i suoi risparmi, inclusi depositi e le security fatti presso la Banca di Risparmio ed invocò l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che recita come segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
Ammissibilità
1. Le osservazioni delle parti
(a) Il Governo
47. Il Governo presentò che il richiedente non era riuscito ad esaurire le vie di ricorso nazionali come richiesto dall’ Articolo 35 della Convenzione. Prima di tutto, la sua rivendicazione depositata presso le corti nazionali fu diretta contro il Governo ma non contro la Banca di Risparmio dell'Armenia. Comunque, era quest’ultima e non il primo che era il successore legale della filiale Armena della Banca di Risparmio dell'URSS e si prese carico di tutti i conseguenti obblighi che. Il richiedente contestò in secondo luogo, solamente la decisione della Corte distrettuale di Kentron e di Nork-Marash sulla base di una una violazione procedurale ma non effettiva della legge, non riuscendo con ciò a sollevare in sostanza qualsiasi delle sue azioni di reclamo sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. Infine, la rivendicazione depositata dal richiedente presso la Corte distrettuale era diversa in sostanza dalle azioni di reclamo che sollevò di fronte alla Corte.
48. Il Governo presentò inoltre che era la Banca di Risparmio e non lo Stato che aveva preso la responsabilità dio restituire i depositi. Nel 1996 la Banca Statale di Risparmio Specializzata dell'Armenia fu ristrutturata nella Società ad azioni chiuse della Banca di Risparmio dell’ Armenia che, a sua svolta, fu privatizzata nel 2001. Così, la Banca di Risparmio era una società privata ed il Governo non aveva nessuna responsabilità per le sue relazioni da parte individui privati dal 2001, incluso il suo obbligo di restituire i depositi. Lo Stato si era preso la responsabilità solamente per la possibile futura indicizzazione dei depositi e si era comportato come garante del loro rimborso. A questo fine il 5 luglio 1993 il Governo adottò il Decreto n. 345, con cui schedò i vari tipi di risparmi depositati presso la Risparmi Banca. Il Governo introdusse inoltre una riforma monetaria nel novembre 1993, convertendo i rubli dell’ex URSS in dracme Armene ad un tasso di 200/1 e con ciò garantì il rimborso dei depositi. Così a qualsiasi depositante, incluso al richiedente è concesso ricevere i suoi depositi in qualsiasi punto al tasso summenzionato. Inoltre, tenendo presente che è probabile che i depositanti soffrano di grandi perdite come risultato dell'indicizzazione, il Governo, adottando il decreto n. 352-N il 16 marzo2006 , incominciò ad offrire il risarcimento ai depositanti in un certo ordine di priorità.
49. Il Governo rivendicò infine che la soluzione data al problema, come descritto sopra, non era molto diversa dall'esperienza di altre repubbliche dell’ex URSS.
(b) Il richiedente
50. Il richiedente presentò di aver esaurito tutte le vie di ricorso nazionali. Prima di tutto, il Governo nel suo Decreto n. 345 del 5 luglio 1993 avevano garantito la conservazione e la restituzione dei depositi e degli altri valori fatti presso la Banca di Risparmio dell'Armenia. Inoltre, nel suo Decreto n. 835 dell’8 settembre 2001 il Governo aveva assunto questo obbligo di indicizzare i depositi fatti presso la Banca di Risparmio. Riguardo ai bond statali del 1982 ed i certificati della Banca di Risparmio, tutte le operazioni a loro riguardo erano state sospese con la decisione del soviet Supremo del 10 giugno 1993. Riguardo ai bond statali interni senza interesse a dine speciale del 1990, il loro rimborso fu trovato non essere fattibile con Decreto n. 377 del Governo del 29 giugno 1992 ed il loro valore fu indicizzato entro il 300% dal Decreto del Governo n. 345 del 5 luglio 1993. Nella prospettiva di quanto sopra, la Banca di Risparmio non aveva obblighi a riguardo dei depositi e delle security e era il Governo che aveva simile obbligo ed era il convenuto rispondente. Inoltre, i poteri della Banca di Risparmio e capacità di restituire i depositi e le security furono ristretti dai decreti Statali sopra.
51. Non c'era in secondo luogo, nessun bisogno di sollevare nel suo ricorso alla Corte di Cassazione qualsiasi argomento riguardo ad una violazione effettiva della legge poiché la sua rivendicazione non era stata esaminata sui meriti.
52. Le sue rivendicazioni depositate presso le corti nazionali riflettevano pienamente infine, la sostanza delle sue azioni di reclamo sollevate di fronte alla Corte.
2. La valutazione della Corte
53. La Corte non trova necessario esaminare l'interezza degli argomenti avanzati dalle parti poiché questa azione di reclamo è in qualsiasi caso inammissibile per le seguenti ragioni.
(a) Riguardo ai depositi del richiedente
54. La Corte osserva che davvero le somme di soldi depositate dal richiedente presso la Banca di Risparmio, qualunque sia il loro vero valore corrente, indubbiamente costituiscono “la proprietà” all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere Gayduk ed Altri c. Ucraina (dec.), N. 45526/99, 46099/99 47088/99, 47176/99 47177/99, 48018/99 48043/99, 48071/99 48580/99, 48624/99 49426/99, 50354/99 51934/99, 51938/99 53423/99, 53424/99 54120/00, 54124/00 54136/00, 55542/00 e 56019/00 ECHR 2002-VI (estratti)). Comunque, nota che il fine principale della sua richiesta è chiedere il recupero di queste somme col loro attuale potere d'acquisto. Lo stesso segue dalla sua rivendicazione depositata presso le corti nazionali in cui cercò di farsi restituire i suoi depositi in rubli sovietici, una valuta che non esisteva più mentre tentava con ciò di recuperare il valore originale dei suoi risparmi.
55. A questo riguardo, la Corte nota, che i risparmi del richiedente persero il loro potere d'acquisto a causa del drastico deprezzamento del rublo sovietico e dell'inflazione. Comunque, reitera che l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 non impone qualsiasi obbligo generale sugli Stati di mantenere il potere d'acquisto delle somme depositata presso istituti di credito per l'indicizzazione sistematica dei risparmi (vedere Appolonov c. Russia (dec.), n. 67578/01, 29 agosto 2002, e Gayduk ed Altri, citata sopra). In merito alla presunta responsabilità del Governo sotto il Decreto n. 835 dell’8 settembre 2001, questo riguardava la possibile futura indicizzazione di depositi e dipendeva dall'introduzione dalle attinenti procedure di risarcimento e la disponibilità delle allocazioni budgetarie a quel fine. Non diede perciò titolo al richiedente a qualsiasi specifico importo di soldi al tempo attinente ed i procedimenti avviati da lui non riguardano qualsiasi “proprietà esistente” che gli era appartenuta. Nella prospettiva di quanto sopra, l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 non è applicabile nella causa presente.
56. Questa parte della richiesta è di conseguenza incompatibile ratione materiae con le disposizioni della Convenzione all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 e deve essere respinta in conformità con l’Articolo 35 § 4.
(b) Riguardo alle security del richiedente
57. La Corte reitera all'inizio che le security che hanno un valore economico possono essere considerate “proprietà” (vedere Jasinskij ed Altri c. Lituania, n. 38985/97, decisione della Commissione del 9 settembre 1998). Al richiedente, al tempo in cui acquisì i bond interni statali del 1982 e i certificati della Banca di Risparmio dell’ URSS, fu concesso il rimborso da parte del Governo sovietico del principale a riguardo delle obbligazioni, ammesso che nel frattempo non ci fosse stata nessun risultato positivo della lotteria, e del principale e dell'interesse maturato a riguardo dei certificati. Riguardo ai bond statali a fine speciale senza interesse del 1990 questi, oltre ad avere una certa denominazione valutaria diedero titolo al richiedente di ricevere vari beni famigliari e beni nazionali senza nessun pagamento supplementari. La Corte considera che simili obbligazioni e certificati possono essere considerati davvero come dei beni generanti un diritto di proprietà (ibid.).
58. Comunque, la Corte indica che il Protocollo N.ro 1 entrò in vigore a riguardo dell'Armenia solamente il 26 aprile 2002 e, in conformità con gli articoli generalmente riconosciuti del diritto internazionale, le sue disposizioni non vincolano l’Armenia in relazione a qualsiasi atto o fatto che ebbe luogo o qualsiasi situazione che cessò di esistere prima di questa data (vedere, fra le altre autorità, Bleèiæ c. Croatia [GC], n. 59532/00, § 70 ECHR 2006 -...).
59. Riguardo ai bond interni statali del 1982 e i certificati della Banca di Risparmio dell’URSS, la Corte nota che il soviet Supremo dell'Armenia, nella sua decisione del 10 giugno 1993 garantendo la conservazione ed il rimborso dei depositi dei cittadini e degli altri valori fatti presso la Banca di Risparmio , ciononostante decise di fermare tutte le operazioni a riguardo di queste security (vedere paragrafo 19 sopra). Riguardo ai bond statali a fine speciale senza interessi 1990, la Corte nota che la loro conversione in beni nazionali e famigliari fu trovata non essere fattibile col Decreto Governativo n. 377 del 29 giugno 1992 (vedere paragrafo 15 sopra). L'interferenza con le proprietà del richiedente ebbe perciò luogo in quelle date cioè ben prima dell'entrata in vigore del Protocollo N.ro 1 a riguardo dell'Armenia.
60. Questa parte della richiesta è di conseguenza incompatibile ratione temporis con le disposizioni della Convenzione all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 e deve essere respinta in conformità con l’Articolo 35 § 4.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara l'azione di reclamo riguardo al rifiuto di accesso ad un tribunale ammissibile ed il resto della richiesta inammissibile;
2. Sostiene che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 22 marzo 2011, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Santiago Quesada Josep Casadevall Cancelliere President
In conformità con l’Articolo 45 § 2 della Convenzione e l’Articolo 74 § 2 dell’Ordinamento di Corte, l'opinione separata del Giudice Ziemele è annessa a questa sentenza.
J.C.M.
S.Q.

OPINIONE CONCORDANTE DEL GIUDICE ZIEMELE
Io condivido pienamente la prospettiva della Camera in questa causa. Gradirei aggiungere al ragionamento un aspetto che, nella mia prospettiva, è d'importanza fondamentale anche se lo Stato rispondente non lo ha sviluppato pienamente.
La causa è sorta nel contesto della cessione dell'Unione sovietica, una gestione dell’economia di Stato estremamente centralizzata al tempo. La Repubblica dell'Armenia è uno degli Stati successori. Il richiedente aveva fatto depositi in rubli sovietici presso la filiale Armena della Banca di Risparmio dell'URSS in molte occasioni negli anni settanta. Dopo la cessione dell'Unione sovietica e la creazione dello Stato dell'Armenia, il richiedente, come molti altra ex cittadini sovietici in angoli diversi dell'ex URSS, volle recuperare quei depositi. Il rublo sovietico fu ritirato dalla circolazione nel 1993 con decisione unilaterale della Federazione russa. Questo condusse l’Armenia ad introdurre la sua propria valuta e costruire il suo proprio sistema valutario. Così, nei primi anni dell'indipendenza, alle paure di una possibili indisponibilità la realtà si aggiunse quella che la valuta non fosse più denaro.
Questo è uno dei molti problemi tipici che sorgono quando ha luogo successione Statale. La Corte ha già dovuto trattare problemi collegati alla successione statale prima , benché nei contesti piuttosto diversi della scomparsa dell’ex Repubblica Federale Socialista dell'Iugoslavia (“SFRY”) e della Repubblica Democratica tedesca. La Corte lasciò un margine considerevole agli Stati successori nel trattare i problemi inerenti alle situazioni di successione Statale in queste cause. Nella causa Kovacic c. Slovenia che riguardava lo scioglimento della SFRY, del suo sistema tecnico bancario e della redistribuzione della responsabilità per i vecchi risparmi in valuta estera fra gli Stati successori della SFRY la Grande Camera si confece con la Riunione Parlamentare del Consiglio dell'Europa per cui “la questione del risarcimento per così tante migliaia individui deve essere risolta tramite accordo fra gli Stati successori” (Kovacic ed Altri c. Slovenia, N. 44574/98, 45133/98 e 48316/99 [GC], sentenza del 3 ottobre 2008, § 256).
Esperti nell'area della successione Statale hanno osservato, riguardo all'ex URSS che “Un Trattato di Unione Economica e Valutaria fu... firmato da otto repubbliche (senza Ucraina) [dell'ex URSS] il 18 ottobre 1991 e delle negoziazioni continuarono fino al Trattato di Minsk nel dicembre che creava la Repubblica degli Stati Indipendenti (CIS), nella prospettiva a di preparare un'unione valutaria” (G. Burdeau, “Soldi e Stato Successione in Europa Orientale”, in B. Stern (ed.), Dissolution, Continuation and Succession in Eastern Europe, Kluwer Law International, 1998, p. 48). L’ iniziale volontà politica non era, comunque, accompagnata da condizioni economiche appropriate e così né l'accordo del 1991 né i susseguenti accordi con nessuno degli Stati successori dell'ex Unione sovietica, inclusa l'Armenia fu fissato in pratica. Fu osservato inoltre che “la riforma monetaria russa del luglio 1993 che condusse all'annullamento di un gran numero dei rubli in circolazione senza l'accordo degli altri Stati successori riguardati (vedere paragrafi 6-7) [..] fu criticata” al tempo nella Federazione russa. “D'altra parte nessuna critica aperta sembra essere stata fatta dalle altre repubbliche nella prospettiva del diritto internazionale” (ibid., p. 53).
Sia che come sia, è chiaro che i nuovi Stati furono messi di fronte ad immense difficoltà nel separarsi da tale economia centralizzata come quella sovietica. Non c'era nessuna divisione proporzionata di finanziamenti sovietici fra gli Stati successori. Questo probabilmente è un problema più drammatico nel precedente contesto sovietico poiché i depositi e le riserve valutarie e così via erano essenzialmente centralizzati. In simile circostanze, e nonostante le migliori intenzioni dello Stato Armeno, sarebbe molto difficile per la Corte decidere attraverso le porte della Convenzione che l’Armenia è responsabile per i depositi in rubli sovietici o che un particolare risarcimento avrebbe dovuto essere invece offerto. Ciò non vuol dire comunque che gli Stati riguardati hanno fatto tutto il possibile sotto il diritto internazionale per risolvere i problemi pendenti.


DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è sabato 14/11/2020.