Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF ELTARI v. ALBANIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, 13, 35, 06, 46, P1-1

NUMERO: 16530/06/2011
STATO: Albania
DATA: 08/03/2011
ORGANO: Sezione Quarta


TESTO ORIGINALE

Conclusion Preliminary objection joined to merits and dismissed (Non-exhaustion of domestic remedies) ; Violation of Art. 6-1 ; Violation of Art. 13+ 6 ; Violation of P1-1 ; Remainder inadmissible ; Just satisfaction reserved
FOURTH SECTION
CASE OF ELTARI v. ALBANIA
(Application no. 16530/06)
JUDGMENT
(merits)
STRASBOURG
8 March 2011
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Eltari v. Albania,
The European Court of Human Rights (Fourth Section), sitting as a Chamber composed of:
Nicolas Bratza, President,
Lech Garlicki,
Ljiljana Mijović,
Päivi Hirvelä,
Ledi Bianku,
Zdravka Kalaydjieva,
Nebojša Vučinić, judges,
and Lawrence Early, Section Registrar,
Having deliberated in private on 15 February 2011,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 16530/06) against the Republic of Albania lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by an Albanian national, Mr Z. E., née S., (“the applicant”), on 25 April 2006.
2. The applicant, who had been granted legal aid, was initially represented by Mr F. B., who was replaced by Mr A. T. and subsequently by Mr S. P., all lawyers practising in Tirana. The Albanian Government (“the Government”) were represented by their then Agent, Ms S. Meneri.
3. The applicant alleged that there had been a breach of Article 6 § 1 of the Convention as regards the unfairness of the domestic proceedings and the non-enforcement of a final court decision. She also relied on Article 13 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention as regards the lack of an effective remedy concerning the amount of her compensation.
4. On 21 November 2006 the President of the Section to which the case was allocated decided to give notice of the application to the Government. Under the provisions of Article 29 § 3 of the Convention, it was decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility.
5. The applicant and the Government each filed further written observations (Rule 59 § 1).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
A. Proceedings concerning the restitution of property
6. The applicant was born in 1956 and lives in Tirana.
7. On 28 December 1994 the Vlora Commission on Property Restitution and Compensation (“the Commission”) recognised the applicant's and other heirs' inherited title to a number of plots of land, amongst which a plot of land measuring 10,500 sq. m. As the restitution of that plot of land was impossible since it was occupied, the Commission decided that the applicant and the other heirs would be compensated in one of the ways provided for by law.
8. On 11 September 1997, relying on the right of first refusal, the applicant concluded a sale contract with the Vlora regional office of the National Privatisation Agency for the purchase of a pharmacy and its corresponding plot of 79.5 sq. m, which was allegedly part of the plot of land measuring 10,500 sq. m.
9. The chemist of the pharmacy lodged a complaint with the Vlora prosecutor office alleging that the sale contract was unlawful.
10. On 12 February 1998 the Vlora prosecutor initiated civil proceedings with the Vlora District Court (“the District Court”) seeking the nullity of the sale contract and the nullity of the Commission decision. The chemist intervened as a third party.
11. On 15 December 1999 the District Court declared null and void, in part, the Commission's decision in so far as it had restored to the applicant the plot of 79.5 sq. m which corresponded to the site of the pharmacy. Relying on an expert's report, it found that the plot of 79.5 sq. m had been expropriated in 1920, as a result of which the Property Act was inapplicable ratione temporis. Thus, the applicant could not claim a property right over that plot of land pursuant to the Property Act in so far as it had not been expropriated by the communist regime. Furthermore, the court decided to annul the contract for the purchase of the pharmacy since any such contract was based on the premise that only the owner of the site had the right of first refusal over the buildings constructed on it. However, the operative part of the judgment stated that the applicant would be compensated only in respect of 79 sq. m, the remainder of the property rights over 10,500 sq. m having been declared null and void.
12. On 21 March 2000 the Court of Appeal upheld the District Court's decision. It found that the prosecutor had locus standi to lodge a civil action in accordance with the Prosecutor's Office Organisation and Operation Act. It also held that the civil action was not time-barred as it had been lodged pursuant to the Property Act. It further dismissed the applicant's complaint about the assessment of evidence and the credibility of the expert's report.
13. On 20 March 2001 the Supreme Court dismissed the applicant's appeal since it did not contain any lawful ground of appeal in accordance with Article 472 of the Code of Civil Procedure.
14. On 21 May 2001 the applicant filed a supervisory review request (rekurs në interes të ligjit) with the Supreme Court Joint Benches.
15. On 28 January 2003 the Supreme Court Joint Benches dismissed the applicant's supervisory review request in the light of impending review proceedings that she had instituted (see “The review proceedings” below).
16. On an unspecified date the applicant filed a constitutional appeal.
17. On 4 November 2005 the Constitutional Court, sitting in plenary session, dismissed the applicant's appeal finding that there had been no breach of the right to fair hearing. It found that the prosecutor's civil action had been supported by the intervention of the chemist who had full interests in the case and did not disclose any breach of the applicant's right to a fair trial. It further held that there was no other compelling evidence that the fairness of the proceedings had been tainted.
B. The review proceedings
18. On an unspecified date the applicant requested revision of the decision of 15 December 1999.
19. On 6 February 2002 the District Court dismissed the revision request.
20. On 13 May 2003, following the applicant's appeal, the Court of Appeal upheld the decision of 15 December 1999.
21. It would appear that the applicant's appeal to the Supreme Court was dismissed on an unspecified date.
C. Proceedings concerning the interpretation of the decision of
15 December 1999
22. On 12 January 2005 the applicant lodged a request with the District Court for the interpretation of its decision of 15 December 1999, arguing that there existed a discrepancy between the reasoning and the operative part of the decision.
23. On 18 February 2005 the District Court entertained her request and rectified the operative part of the decision of 15 December 1999. It confirmed that the applicant's property rights could not be recognised in respect of 79 sq. m and that the applicant should be compensated as regards the plot of land measuring 10,500 sq. m in one of the ways provided for by law.
24. The decision became final and binding on 7 March 2005, no appeal having been filed against it.
25. To date, the authorities have still not complied with the District Court decision of 15 December 1999, as rectified and interpreted by the decision of 18 February 2005.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
A. The Constitution
26. The relevant provisions of the Albanian Constitution read:
Article 42 § 2
“In the protection of his constitutional and legal rights, freedoms and interests, or in the case of a criminal charge brought against him, everyone has the right to a fair and public hearing, within a reasonable time, by an independent and impartial court established by law.”
Article 142 § 3
“State bodies shall comply with judicial decisions.”
Article 131
“The Constitutional Court shall decide: ... (f) Final complaints by individuals alleging a violation of their constitutional rights to a fair hearing, after all legal remedies for the protection of those rights have been exhausted.”
B. The Property Act
27. The relevant domestic law as regards property restitution and compensation in Albania has been described in the judgments of Gjonbocari and Others v. Albania, no. 10508/02, §§ 36-43, 23 October 2007, Driza v. Albania, no. 33771/02, §§ 36-43, 13 November 2007, Ramadhi and Others v. Albania, no. 38222/02, §§ 23-30, 13 November 2007.
28. New and substantial legislative measures have been enacted amending the principal 2004 Property Act since the adoption of those judgments. The principal amendments are as follows:
1. The 2005 Property Act (Law no. 9388 of 4 May 2005)
29. Section 3 extended until 31 December 2007 the time-limit for the completion of the examination of applications for the recognition, restitution and compensation of immovable properties, with the exception of payment of the amount of compensation, the time-limit for which was fixed for 2015.
2. The 2006 Property Act (Law no. 9583 of 17 July 2006)
30. Section 13 established the Agency for the Restitution and Compensation of Properties (“the central Agency”) which replaced the State Committee on the Restitution and Compensation of Properties (“the State Committee”). The central Agency, which was headed by a Director, had its seat in Tirana and was made up of twelve regional Agency offices.
31. According to section 14, the regional Agency office was responsible for the initial examination of applications for the recognition of property rights, in response to which it decided on the restitution of property and/or compensation in lieu thereof. Section 15 set the time-limit for the submission of applications for the recognition of property rights for
1 October 2007.
32. Section 16 stipulated that an appeal against a decision of the regional Agency office could be lodged with the central Agency. The decision of the central Agency could be appealed against to the Tirana District Court within thirty days of its notification.
33. Section 21 extended until 31 June 2008 the time-limit for the completion of the examination of applications for the recognition, restitution and compensation of immovable properties, with the exception of payment of compensation.
34. Section 22 provided for the establishment of the In-kind Compensation Fund (IkCF) alongside the Financial Compensation Fund (“FCF”). Within sixty days from the Act's entry into force, the Government had to approve the list of properties to be allocated to the IkCF.
3. The 2007 Property Act (Law no. 9684 of 6 February 2007)
35. Section 1 provided that the central Agency was responsible for examining claims for in-kind and financial compensation. The central Agency was also responsible for examining appeals against the decisions of regional Agency offices.
36. Section 2 reiterated that the regional Agency offices continued to be responsible for the initial examination of applications for the recognition of property rights. The claimant or the State Advocate's Office had the right to appeal against that decision within thirty days to the central Agency, which was the highest administrative body. Such an administrative decision was amenable to judicial review in accordance with the provisions of the Code of Civil Procedure.
4. The 2008 Property Act (Law no. 9898 of 10 April 2008)
37. Section 1 extended until 31 December 2008 the time-limit for the submission of applications for the recognition of property rights and the restitution of properties by the regional Agency offices. It also provided for the possibility for a claimant to be given a new time-limit by way of a court decision.
38. According to section 2, the completion of the examination of applications for the recognition of property rights and restitution of properties would be finalised on 30 June 2009, with the exception of the payment of the amount of compensation, the deadline for which was fixed for 2015.
39. Section 3 extended until 31 December 2008 the deadline for the allocation of properties to the IkCF.
5. The 2009 Property Act (Law no. 10095 of 12 March 2009)
40. Section 2 provided that in addition to the budgetary appropriations, the allocations obtained by virtue of this law and other donors, the FCF would also be made up of proceeds obtained through auctions of State properties' which had not been the subject of a Commission decision.
6. The 2009 Property Act (Law no. 10207 of 23 December 2009)
41. Section 6 abolished the regional Agency offices. It stated that the archives of those offices would be transferred to the central Agency. According to section 1, the central Agency would complete the examination of applications for recognition of property rights and restitution of properties lodged with the former regional Agency offices. The central Agency continued to examine appeals lodged with it against former regional Agency offices' decisions.
42. According to section 5, the claimant or the State Advocate's Office had the right to appeal against the central Agency's decision within thirty days of its notification to the Tirana District Court.
43. Section 7 set the deadline for the completion of the examination of applications for the recognition and restitution of properties for 31 December 2011.
7. The 2010 Property Act (Law no. 10308 of 22 July 2010)
44. The 2010 Property Act chiefly introduced the possibility of requesting a revision of decisions of former Commissions / regional Agency offices.
45. Section 4 extended until 31 December 2011 the deadline for the allocation of properties to the IkCF.
C. Council of Ministers' Decisions
1. Council of Ministers' Decisions (“CMDs”) on awards from the Financial Compensation Fund (CMD no. 13 of 17 November 2005; CMD no. 758 of 16 November 2006; CMD no. 566 of 5 September 2007; CMD no. 1343 of 4 June 2008 and, CMD no. 487 of 6 May 2009)
46. Pursuant to Article 23 of the 2004 Property Act which established the Financial Compensation Fund, the Government adopted the above-mentioned decisions, between 2005 and 2009, in respect of the award of financial compensation to former owners.
47. In 2005 financial compensation was awarded in respect of compensation claims arising out of the Tirana Commission's decisions. In 2006 financial compensation was awarded in respect of compensation claims arising out of the decisions of the Tirana and Kavaja Commissions. In 2007 the group of beneficiaries was expanded to include former owners who were in possession of a Commission decision issued with respect to cities for which a property valuation map had been approved and issued. In 2008 and 2009 all former owners, who were entitled to compensation, following a Commission / regional Agency's decision, were eligible to apply for financial compensation.
48. According to the CMDs adopted between 2005 and 2008, a claimant was required to lodge a standard application for financial compensation with the central Agency in Tirana, furnishing, inter alia, the Commission / regional Agency's decision that recognised his right to compensation. Only those former owners who had not previously received compensation were entitled to financial compensation from 2005 to 2008. The 2009 CMD provided that a former owner was entitled to financial compensation on the condition that he had not benefited from: a) previous compensation; b) partial restoration/restitution of the property; c) the right to first refusal; d) the implementation of the Act on the Distribution of Land (Law no. 7501 of 19 July 1991).
49. Applications would be examined in chronological order on the basis of the Commission's / regional Agency's decision date and number. The amount of financial compensation, which was to be calculated on the basis of property valuation maps, was limited to a maximum of 200 sq. m.
50. The lodging of an application entailed the payment of a processing fee. Former owners who had been unsuccessful in their application for financial compensation in a preceding year could re-submit their application in the following year(s) once they had paid the processing fee.
51. None of those decisions provided for the award of compensation to holders claims arising out of a final, enforceable court decision.
2. CMDs on property valuation maps (CMD no. 555 of 29 September 2007; CMD no. 653 of 29 August 2007 and CMD no. 139 of 13 February 2008; and CMD no. 1620 of 26 November 2008)
52. By virtue of the above-mentioned decisions, two of which were adopted in 2007 and two in 2008, the Government approved and issued property valuation maps as listed above. The maps included the reference price per square metre throughout the country.
53. The first decision fixed the price of land for the regions of Berat, Gjirokastër, Vlorë and Dibër; the second decision fixed the price of land for the regions of Lezhë, Dibër, Korçë and Kukës; the third decision fixed the price of land for the regions of Fier, Elbasan, Tirana, Vlorë, Durrës and Shkodër. The fourth decision contained an updated price list for certain cities.
3. CMDs on in-kind compensation of former owners (CMD no. 567 of 5 September 2007)
54. The 2006 Property Act provided for the establishment of an In-kind Compensation Fund (“IkCF”). The Government would adopt the procedures for the allocation of properties covered by the IkCF.
55. By decision of 5 September 2007 the Government laid down the criteria and the procedures for the determination of State properties covered by the IkCF (CMD no. 567 of 5 September 2007). Section 1 lists the types of properties, for example: a) public immovable property which is located in tourist areas; b) properties of the Ministry of Defence which are not used by the armed forces and have been approved by the President of the Republic; c) available agricultural land belonging to the Ministry of Agriculture; d) forests, pastures and meadows; and e) property of State institutions which falls outside their intended activity.
56. The Agency and its regional offices are responsible for checking the legal status of each property as submitted by the respective State institution. The Agency submits the final list of immovable properties for inclusion in the IkCF to the Minister of Justice. The Government are to approve the list and publish it in the Official Journal.
57. To date, it would appear that no such list has yet been approved.
D. Code of Civil Procedure
58. Articles 324-333 govern the adjudication of administrative disputes, following exhaustion of all administrative remedies. Article 324 provides that a party may bring an action before a court with a view to revoking or amending an administrative decision. Under Article 325 a party must argue that the decision is unlawful and that his or her own interests and rights have been violated directly or indirectly, individually or collectively.
59. With regard to the appeal procedure before the Supreme Court, the Code of Civil Procedure, in so far as relevant, reads as follows:
Article 472
“Decisions of the Court of Appeal and the District Court may be appealed against to the Supreme Court on the following grounds: (a) the law has not been complied with or has been applied erroneously; (b) there have been serious breaches of procedural rules (pursuant to Article 467 of the Code); (c) there have been procedural violations that have affected the adoption of the decision. ...”
Article 480
“An appeal [to the Supreme Court] shall be declared inadmissible if it contains grounds other than those provided for under the law. The inadmissibility of appeals shall be decided upon in deliberations in camera.”
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION
60. The applicant complained that the judicial review proceedings concerning the nullity of the sale contract of 11 September 1997 had been unfair. She also alleged that the authorities had failed to enforce the District Court's judgment of 15 December 1999, as rectified and interpreted on
18 February 2005.
Article 6 § 1 of the Convention, in so far as relevant, reads:
“In the determination of his civil rights and obligations ... everyone is entitled to a fair ... hearing ... by [a] ... tribunal ...”
A. The unfairness of the proceedings concerning the nullity of the sale contract
61. The Government contended that the domestic proceedings had been fair. In their view, the applicant's arguments were adequately addressed by the domestic courts. She was given the possibility of being heard before the courts, which had, in turn, summoned witnesses and ordered experts' reports. The Government contended that the applicant's complaint concerned the outcome of the proceedings.
62. In so far as the applicant complains about the assessment of evidence and the interpretation of the domestic law, the Court reiterates that it is not within its province to substitute its own assessment of the facts for that of the domestic courts and, as a general rule, it is for these courts to assess the evidence before them and interpret the domestic law. The Court's task is to ascertain whether the proceedings in their entirety, including the way in which evidence was taken, were fair (see Jakupi v. Albania (dec.), no. 11186/03, 1 December 2009).
63. The Court considers that, in the present case, the applicant was duly represented before the domestic courts. She was afforded the possibility of submitting her arguments and defending her views. The domestic courts, after ordering experts' reports and assessing all the evidence, gave reasoned decision and dismissed her claim. The Court is unable to discern any arbitrariness in the domestic courts' decisions.
64. For the above reasons, the Court considers that this complaint under Article 6 § 1 of the Convention is manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 and therefore inadmissible in accordance with Article 35 § 4 of the Convention.
B. Non-enforcement of the decision of 15 December 1999 as interpreted by the decision of 18 February 2005
1. Admissibility
65. Without relying on any particular remedy, the Government contended that the applicant had not availed herself of all available remedies for the alleged non-enforcement of the decision of 15 December 1999.
66. The applicant stated that she had exhausted all domestic remedies.
67. The Court reiterates that the rule of exhaustion of domestic remedies referred to in Article 35 § 1 of the Convention obliges applicants to use the remedies that are normally available and sufficient in the domestic legal system to enable them to obtain redress for the breaches alleged. The existence of the remedies must be sufficiently certain, in practice as well as in theory, failing which they will lack the requisite accessibility and effectiveness; it falls to the respondent State to establish that these various conditions are satisfied (see, most recently, Demopoulos and Others v. Turkey [GC] (dec.), nos. 46113/99, 3843/02, 13751/02, 13466/03, 10200/04, 14163/04, 19993/04 and 21819/04, §§ 69-70, ECHR 2010-...).
68. In the present case, the Court notes that the Government did not explicitly rely on a specific remedy to be exhausted by the applicant. However, the Court considers that the question of the existence of effective remedies as regards the non-enforcement of the decision of 15 December 1999, as rectified and interpreted by the decision of 18 February 2005, and in particular the effectiveness of the remedies offered by the Property Act, notably those introduced after the adoption of this Court's judgment in the case of Driza, should be joined to the merits and examined in conjunction with the applicant's Article 13 complaint (see paragraphs 78-86 below).
69. The Court considers that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further finds that it is not inadmissible on any other founds. It must therefore be declared admissible.
2. Merits
(a) The parties' submissions
70. The Government pointed out that the operative part of the decision of 15 December 1999 had revoked the applicant's property rights over the plot of land measuring 10,500 sq. m. Consequently, the applicant had no interest in the enforcement of the above judgment. It was not until
18 February 2005 that the District Court interpreted the 1999 decision and recognised the applicant's right to compensation in respect of the said plot. For this reason, the Government claimed that the non-enforcement period, which started to run from 18 February 2005, had not been excessive.
71. The applicant maintained that, to date, the decision of 15 December 1999 which recognised her right to compensation has not been enforced.
(b) The Court's assessment
72. The general principles under Article 6 § 1 of the Convention concerning the non-enforcement of final court judgments are set out in Gjyli v. Albania, no. 32907/07, §§ 43-44, 29 September 2009; and Beshiri and Others v. Albania, no. 7352/03, §§ 60-61, 22 August 2006.
73. The Court notes that there was an initial confusion over the enforcement of the decision of 15 December 1999, which arose from the discrepancy between the reasoning of the District Court and the operative part of the said decision. The situation was remedied by virtue of the decision of 18 February 2005, which ordered compensation to be paid to the applicant in respect of the plot of land measuring 10,500 sq. m.
74. The Court further observes that the decision of 18 February 2005 became final and binding and, to date, the authorities have failed to take any measures to enforce that decision in the applicant's favour. Moreover, it recalls that it has already found a violation of Article 6 § 1 of the Convention on account of the non-enforcement of a final court decision awarding compensation in lieu of restitution in the cases of Beshiri and Others, cited above, §§ 62–66; Driza, cited above, §§ 87–94; and Vrioni and Others v. Albania and Italy, nos. 35720/04 and 42832/06, §§ 54-61,
29 September 2009. It sees no reason to depart from those findings in the present case.
75. The Court therefore concludes that there has been a violation of the applicant's right of access to a court under Article 6 § 1 of the Convention.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 13 IN CONJUNCTION WITH ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION
76. The applicant complained under Article 13 of the Convention that there was no effective remedy to enforce a final court decision awarding compensation in lieu of the restitution of property.
Article 13 of the Convention reads as follows:
“Everyone whose rights and freedoms as set forth in [the] Convention are violated shall have an effective remedy before a national authority notwithstanding that the violation has been committed by persons acting in an official capacity.”
A. Admissibility
77. The Court considers that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further finds that it is not inadmissible on any other founds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
78. The Court recalls that in its judgment in the case of Driza it found the following:
“118. The Court notes that the Property Act 1993 (which was repealed by the Property Act 2004, which in turn was amended by the Property Act 2006) provided for various forms of compensation when the original property could not be returned to the former owner (...). The Property Act 1993 left the determination of the appropriate form of compensation to the Council of Ministers, which was to define the detailed rules and methods applicable to the provision of compensation. According to the findings of the Supreme Court in its judgment of 7 December 2000, the bodies competent to deal with compensation issues had yet to be set up (...). Notwithstanding the entry into force of the Property Act 2004 the situation did not change. It was not until 28 April 2005 that Parliament passed an Act determining the methodology for the valuation of property for compensation purposes. Section 5 of that Act left the task of implementing this methodology to the State Committee on Property Restitution and Compensation, which should have issued the appropriate site plans to allow the properties to be valued. However, to date those plans have not been adopted.
119. Consequently, the Court considers that, by not setting up the appropriate bodies to deal with the compensation issues or adopting site plans for the valuation of the properties, the Government failed to establish an adequate procedure in relation to the compensation claims. Moreover, it is unlikely that the Government will put in place such a system imminently or within a span of time sufficiently short to enable the settlement of the dispute related to the determination of the applicant's rights.”
79. In the instant case, the Court observes that, since the date of adoption of the judgment in Driza, the Government have enacted new legal provisions as regards the award of financial compensation, the adoption of property valuation maps and the establishment of the IkCF (see “The relevant domestic law” section above). The Court must therefore determine whether the measures adopted constitute an effective remedy within the meaning of Article 13 of the Convention.
80. The Court reiterates that Article 13 of the Convention gives direct expression to the States' obligation, enshrined in Article 1 of the Convention, to protect human rights first and foremost within their own legal system. It therefore requires that the States provide a domestic remedy to deal with the substance of an “arguable complaint” under the Convention and to grant appropriate relief (Burdov v. Russia (no. 2), no. 33509/04, § 96, ECHR 2009-...; and, Yuriy Nikolayevich Ivanov v. Ukraine, no. 40450/04, § 63, ECHR 2009-... (extracts)).
81. The scope of the Contracting States' obligations under Article 13 of the Convention varies depending on the nature of the applicant's complaint; the “effectiveness” of a “remedy” within the meaning of this provision does not depend on the certainty of a favourable outcome for the applicant. At the same time, the remedy required by Article 13 must be “effective” in practice as well as in law in the sense either of preventing the alleged violation or its continuation, or of providing adequate redress for any violation that has already occurred (see Burdov (no. 2), cited above, § 97; and, Yuriy Nikolayevich Ivanov, cited above, § 64).
82. In the instant case the Court observes at the outset that the Government decisions on the award of financial compensation explicitly stipulate that a claimant could vindicate his right to compensation on the basis of a Commission decision. The provisions on financial compensation do not apply to claimants, like the applicant in the instant case, who have an enforceable compensation claim by virtue of a final court decision.
83. Having regard to the information in its possession, the Court further notes that, in practice, the Agency has awarded compensation only to claimants who are in possession of a Commission decision. There have been no awards to a claimant possessing a final, enforceable court decision.
84. Moreover, the Court is unable to identify any other measures which have been adopted with a view to securing the enforcement of a final court decision awarding compensation to an applicant in lieu of the restitution of property. The Government have not submitted any evidence to the contrary.
85. In the light of the foregoing, the Court considers that the applicant did not have an effective remedy enabling her to secure the enforcement of her right to compensation recognised by virtue of a final court judgment.
86. Accordingly, there has been a violation of Article 13 in conjunction with Article 6 § 1 of the Convention. Consequently, the Court dismisses the Government's objection that the applicant failed to exhaust effective domestic remedies.
III. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO 1 TO THE CONVENTION
87. The applicant alleged that the failure to pay her compensation as interpreted by the decision of 18 February 2005 entailed a breach of Article 1 of Protocol No. 1, which provides:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
88. The Court considers that the complaint under this head is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It moreover finds that no other grounds for declaring this part of the application inadmissible have been established and therefore declares it admissible.
B. Merits
89. The Government submitted that the applicant's right to compensation was recognised only by virtue of the decision of 18 February 2005. The Government relied on an official document which outlined the process of property restitution and compensation. According to the document, the process of restitution and compensation could not occur overnight. The delays associated therewith were related to the transitional process which the country was going through. Any delays were not due to negligence or unwillingness on the part of the respondent State, but to the complex nature of the reforms undertaken in the property field.
90. The applicant maintained that she had an asset in the form of compensation awarded by a final court decision. However, during all these years she had been unable to enjoy possession thereof.
91. The Court reiterates that a “claim” can constitute a “possession” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 if it is sufficiently established to be enforceable (see Stran Greek Refineries and Stratis Andreadis v. Greece, judgment of 9 December 1994, Series A no. 301-B, p. 84, § 59).
92. The Court observes that the District Court's decision of 15 December 1999 as interpreted by the decision of 18 February 2005 provided the applicant with an enforceable claim to compensation in lieu of the restitution of property.
93. The Court recalls its case-law that the impossibility for an applicant to obtain the execution of a final court judgment in his or her favour constitutes an interference with the right to the peaceful enjoyment of possessions, as set out in the first sentence of the first paragraph of Article 1 of Protocol No. 1 (see, among other authorities, Burdov v. Russia, no. 59498/00, § 40, ECHR 2002-III).
94. The Court notes that it has already found a violation of Article 6 § 1 of the Convention because of the authorities' failure to enforce a final court decision awarding compensation (see paragraphs 72-75 above).
95. The Court further notes that it has already found a violation of an applicant's property rights on account of the authorities' failure to provide compensation arising out of a final court decision in the cases of Beshiri and Others, cited above, §§ 95-103; Driza, cited above, §§ 101-109; and Vrioni and Others v. Albania and Italy, nos. 35720/04 and 42832/06, §§ 71-77, 29 September 2009. The Court sees no reason to reach a different conclusion in the circumstances of the instant case.
96. There has accordingly been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
IV. APPLICATION OF ARTICLES 46 AND 41 OF THE CONVENTION
A. Article 46 of the Convention
97. The Court notes that in the instant case it has identified shortcomings in the Albanian regulatory framework as regards the lack of machinery to secure the enforcement of a final court decision awarding compensation in lieu of the restitution of property. Such shortcomings should be addressed as a matter of urgency having regard to the number of persons in the applicant's situation and to the scope for further applications to the Court raising the same issues (see Driza, cited above, § 122).
98. Whereas the respondent State remains free to choose the means by which it will discharge its legal obligations under Article 46 of the Convention, provided that such means are compatible with the conclusions set out in the Court's judgment (see Burdov v. Russia (no. 2), cited above, § 136), the Court considers that general measures at national level are undoubtedly called for in the execution of the present judgment.
99. The Court observes that the problems at the root of the violations of Article 6, Article 13 in conjunction with Article 6 and Article 1 of Protocol No. 1 found in this case are complex and structural. They require the adoption and implementation of measures of a legislative and administrative character, involving various authorities. The Court considers that the respondent State should take adequate legislative, administrative and financial measures in order to provide for awards of compensation, without undue delay, ordered by a final court decision in lieu of the restitution of property. The respondent State should, for example, designate a competent enforcement body, provide sufficient human and material resources, establish clear and simplified rules of procedure for the collection of claims, lay down realistic and binding time-limits for their processing and enforcement, allocate the necessary budgetary funds, and remove all obstacles with a view to securing the expedient award of financial or in-kind compensation, having regard to the principles established in the Court's case-law.
100. The Court recalls that it is of crucial importance that a court decision against the State, having acquired the force of res judicata, should be enforced without undue delay. The applicant should not be required to bear the burden for the execution of res judicata judgments given in his favour against the State (see, mutatis mutandis, Metaxas v. Greece, no. 8415/02, § 49, 27 May 2004). The State's failure to enforce res judicata judgments undermines public confidence in the judiciary and respect for the rule of law, which is one of the fundamental principles of a democratic society and an inherent element in all the Articles of the Convention (see, mutatis mutandis, Stere and Others v. Romania, no. 25632/02, § 53, 23 February 2006).
B. Article 41 of the Convention
101. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
102. The applicant did not specify a total claim in respect of pecuniary damage. She claimed that she owned one twentieth of the property and sought compensation in respect of 525 sq. m. She submitted that the average price of the land was between 550 and 700 euros per sq. m, whereas the price of the plot of land belonging to the pharmacy was between 2,500 and 3,000 euros. She further sought 100,000 euros in respect of the value of pharmacy's building. She did not submit any claim in respect of non-pecuniary damage.
103. The Government rejected the applicant's claims.
104. The Court considers that the question of the application of Article 41 is not ready for decision. The question must accordingly be reserved and the further procedure fixed with due regard to the possibility of agreement being reached between the Albanian Government and the applicant.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Joins to the merits the Government's preliminary objection regarding the applicant's failure to exhaust domestic remedies in respect of the decision of 15 December 1999 as interpreted by the decision of
18 February 2005;
2. Declares the complaint concerning the unfairness of the proceedings under Article 6 § 1 inadmissible and the remainder of the application admissible;
3. Holds that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention as regards the non-enforcement of the decision of 15 December 1999 as interpreted by the decision of 18 February 2005;
4. Holds that there has been a violation of Article 13 in conjunction with Article 6 § 1 of the Convention and dismisses in consequence the Government's above-mentioned preliminary objection;
5. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;
6. Holds that the question of the application of Article 41 is not ready for decision;
accordingly,
(a) reserves the said question in whole;
(b) invites the Government and the applicant to submit, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, their written observations on the matter and, in particular, to notify the Court of any agreement that they may reach;
(c) reserves the further procedure and delegates to the President of the Chamber the power to fix the same if need be.
Done in English, and notified in writing on 8 March 2011, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Lawrence Early Nicolas Bratza
Registrar President


TESTO TRADOTTO

Conclusione Eccezione preliminare congiunta ai meriti e respinta (Non - esaurimento delle vie di ricorso nazionali); Violazione dell’ Art. 6-1; violazione dell’ Art. 13+ 6; violazione di P1-1; Resto inammissibile; soddisfazione Equa riservata
QUARTA SEZIONE
CAUSA ELTARI C. ALBANIA
(Richiesta n. 16530/06)
SENTENZA
(i meriti)
STRASBOURG
8 marzo 2011
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Eltari c. Albania,
La Corte europea dei Diritti umani (quarta Sezione), riunendosi che come una Camera, composta da:
Nicolas Bratza, Presidente, Lech Garlicki, Ljiljana Mijović, Päivi Hirvelä, Ledi Bianku, Zdravka Kalaydjieva, Nebojša Vučinić, giudici,
e Lorenzo Early, Sezione Cancelliere,
Avendo deliberato in privato il 15 febbraio 2011,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 16530/06) contro la Repubblica dell'Albania depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino albanese, il Sig. Z. E., nato S., (“il richiedente”), il 25 aprile 2006.
2. Il richiedente a cui era stato accordato il gratuito patrocinio fu rappresentato inizialmente dal Sig. F. B. che fu sostituito dal Sig. A. T. e successivamente dal Sig. S. P., tutti gli avvocati che praticano a Tirana. Il Governo albanese (“il Governo”) fu rappresentato dal suo allora Agente, la Sig.ra S. Meneri.
3. Il richiedente addusse che c'era stata una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione riguardo all'iniquità dei procedimenti nazionali e la non-esecuzione di una decisione definitiva di corte. Si appellò anche all’ Articolo 13 della Convenzione ed all’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione riguardo alla mancanza di una via di ricorso effettiva riguardo all'importo del suo risarcimento.
4. Il 21 novembre 2006 il Presidente della Sezione al quale la causa fu assegnata decise di dare avviso della richiesta al Governo. Sotto le disposizioni dell’ Articolo 29 § 3 della Convenzione, fu deciso di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità.
5. Il richiedente ed il Governo entrambi registrarono inoltre osservazioni scritte (Articolo 59 § 1).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
A. Procedimenti riguardo alla restituzione della proprietà
6. Il richiedente nacque nel 1956 e vive a Tirana.
7. Il 28 dicembre 1994 la Commissione di Vlora sulla Restituzione della Proprietà ed il Risarcimento (“la Commissione”) riconobbe il titolo ereditato del richiedente e da altri eredi su un numero di aree di terreno fra cui un'area di terreno che misurava 10,500 metri quadrati. Siccome la restituzione di questa area di terreno era impossibile poiché era occupato, la Commissione decise che il richiedente e gli altri eredi sarebbero stati ricompensati con uno dei modi previsti dalla legge.
8. L’ 11 settembre 1997, appellandosi al diritto di primo rifiuto, il richiedente concluse un contratto di vendita con l’ ufficio regionale Vlora dell’ AGENZIA Nazionale di Privatizzazione per l'acquisto di una farmacia e della sua corrispondente area di 79.5 metri quadrati che era presumibilmente parte dell'area di terreno che misurava 10,500 metri quadrati.
9. Il farmacista della farmacia presentò un reclamo presso l'ufficio del procuratore di Vlora adducendo che il contratto di vendita era illegale.
10. Il 12 febbraio 1998 il procuratore di Vlora iniziò procedimenti civili presso la Corte distrettuale di Vlora (“la Corte distrettuale”) chiedendo la nullità del contratto di vendita e la nullità della decisione della Commissione. Il farmacista intervenne come terza parte.
11. Il 15 dicembre 1999 la Corte distrettuale dichiarò priva di valore legale, in parte, la decisione della Commissione nella misura in cui aveva ripristinato al richiedente l'area di 79.5 metri quadrati che corrispondeva al luogo della farmacia. Appellandosi al rapporto di un esperto, trovò che l'area di 79.5 metri quadrati era stata espropriata nel 1920, come risultato del quale l’ Atto di Proprietà era ratione temporis inapplicabile. Così, il richiedente non poteva chiedere un diritto di proprietà su quell’ area di terreno facendo seguito all’ Atto di Proprietà nella misura in cui non era stato espropriato dal regime comunista. Inoltre, la corte decise di annullare il contratto per l'acquisto della farmacia poiché qualsiasi simile contratto era basato sulla premessa che solamente il proprietario del luogo aveva il diritto del primo rifiuto sugli edifici costruì su questo. Comunque, la parte operativa della sentenza affermò che il richiedente sarebbe stato ricompensato solamente a riguardo di 79 metri quadrati, essendo stato dichiarato il resto dei diritti di proprietà più di 10,500 metri quadrati privo di valore legale.
12. Il 21 marzo 2000 la Corte d'appello sostenne la decisione della Corte distrettuale. Trovò che il procuratore aveva locus standi per depositare un'azione civile in conformità con l' Atto sull’Organizzazione e le Operazioni dell’ Ufficio del Procuratore. Sostenne anche che l'azione civile non era prescritta siccome era stata depositata facendo seguito all’ Atto sulla Proprietà. Respinse inoltre l'azione di reclamo del richiedente in merito alla valutazione delle prove ed alla credibilità del rapporto dell'esperto.
13. Il 20 marzo 2001 la Corte Suprema respinse il ricorso del richiedente poiché non conteneva nessuna base legale di ricorso in conformità con l’Articolo 472 del Codice di Procedura Civile.
14. Il 21 maggio 2001 il richiedente introdusse una richiesta di revisione direttiva (rekurs në interes të ligjit) presso le Magistrature Unite della Corte Suprema.
15. Il 28 gennaio 2003 le Magistrature Unite della Corte Suprema respinse la revisione direttiva del richiedente rivendicando alla luce dei procedimenti di revisione imminenti che lei aveva avviato (vedere “I procedimenti di revisione” sotto).
16. In una data non specificata il richiedente introdusse un ricorso costituzionale.
17. Il 4 novembre 2005 la Corte Costituzionale, riunendosi in sessione assoluta, respinse il ricorso del richiedente trovando che non c'era stata nessuna violazione del diritto ad un’ udienza corretta. Trovò che l'azione civile del procuratore era stata sostenuta dall'intervento del farmacista che aveva i pieni interessi nella causa e non rivelò nessuna violazione del diritto del richiedente ad un processo equanime. Sostenne inoltre che non c'era altra prova irresistibile che l'equità dei procedimenti era stata contaminata.
B. I procedimenti di revisione
18. In una data non specificata il richiedente richiese la revisione della decisione del 15 dicembre 1999.
19. Il 6 febbraio 2002 la Corte distrettuale respinse la richiesta di revisione.
20. Il 13 maggio 2003, in seguito al ricorso del richiedente, la Corte d'appello sostenne la decisione del 15 dicembre 1999.
21. Sembrerebbe che il ricorso del richiedente alla Corte Suprema fu respinto in una data non specificata.
C . Procedimenti riguardo all'interpretazione della decisione del 15 dicembre 1999
22. Il 12 gennaio 2005 il richiedente depositò una richiesta presso la Corte distrettuale per l'interpretazione della sua decisione del 15 dicembre 1999, dibattendo che esisteva una discrepanza fra il ragionamento e la parte operativa della decisione.
23. Il 18 febbraio 2005 la Corte distrettuale accolse la sua richiesta e rettificò la parte operativa della decisione del 15 dicembre 1999. Confermò che i diritti di proprietà del richiedente non potevano essere riconosciuti a riguardo dei 79 metri quadrati e che il richiedente avrebbe dovuto essere ricompensato riguardo all'area di terreno che misurava 10,500 metri quadrati in uno dei modi previsti dalla legge.
24. La decisione divenne definitiva e vincolante il 7 marzo 2005, nessun ricorso essendo stato registrato contro questa.
25. Ad oggi , le autorità ancora non si sono attenute con la decisione della Corte distrettuale del 15 dicembre 1999, come rettificata ed interpretata dalla decisione del 18 febbraio 2005.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
A. La Costituzione
26. Le disposizioni attinenti della Costituzione albanese recitano:
Articolo 42 § 2
“Nella protezione dei suoi diritti costituzionali e legali, delle libertà e degli interessi, o nel caso di un'accusa criminale portata contro lui, ognuno ha il diritto ad una giusta udienza pubblica, all'interno di un termine ragionevole presso una corte indipendente ed imparziale stabilita dalla legge.”
Articolo 142 § 3
“Gli enti statali approveranno le decisioni giudiziali.”
Articolo 131
“La Corte Costituzionale deciderà: ... (f) Azioni definitive di reclamo da parte di individui che adducano una violazione dei loro diritti costituzionali ad un'udienza giusta, dopo che tutte le via di ricorso legali per la protezione di quei diritti sono state esaurite.”
B. L’ Atto di Proprietà
27. Il diritto nazionale attinente riguardo alla restituzione della proprietà ed al risarcimento in Albania è stato descritto nelle sentenze Gjonbocari ed Altri c. Albania, n. 10508/02, §§ 36-43, 23 ottobre 2007, Driza c. Albania, n. 33771/02, §§ 36-43, 13 novembre 2007, Ramadhi ed Altri c. Albania, n. 38222/02, §§ 23-30, 13 novembre 2007).
28. Sono state decretate delle Nuove e sostanziali misure legislative che hanno corretto l’ Atto di Proprietà principale del 2004 dall'adozione di quelle sentenze. Gli emendamenti principali sono i seguenti:
1. L’ Atto di Proprietà del 2005 (Legge n. 9388 del 4 maggio 2005)
29. La Sezione 3 ha esteso fino al 31 dicembre 2007 il tempo-limite per il completamento dell'esame delle richieste per il riconoscimento, la restituzione ed il risarcimento di patrimoni immobiliari, ad eccezione del pagamento dell'importo del risarcimento per cui il tempo-limite fu fissato al 2015.
2. L Atto di’ Proprietà del 2006 (Legge n. 9583 del 17 luglio 2006)
30. La Sezione 13 ha stabilito l'AGENZIA per la Restituzione ed il Risarcimento della Proprietà (“l'AGENZIA centrale”) che sostituì il Comitato Statale sulla Restituzione ed il Risarcimento della Proprietà (“il Comitato Statale”). L'AGENZIA centrale che era capeggiata da un Direttore aveva la sua sede a Tirana ed era composta di dodici uffici di AGENZIA regionali.
31. Secondo la sezione 14, l'ufficio dell’ AGENZIA regionale era responsabile per l'esame iniziale delle richieste per il riconoscimento di diritti di proprietà, in risposta a cui decideva a riguardo della restituzione della proprietà e/o del risarcimento in lieu di questa. La Sezione 15 stabiliva il tempo-limite per l'osservazione delle richieste per il riconoscimento dei diritti di proprietà al
1 ottobre 2007.
32. La Sezione 16 convenne che un ricorso contro una decisione dell'ufficio dell’ AGENZIA regionale avrebbe potuto essere depositato presso l'AGENZIA centrale. Si sarebbe potuto fare ricorso contro una decisione dell’AGENZIA centrale presso la Corte distrettuale di Tirana entro trenta giorni della sua notifica.
33. La Sezione 21 estese fino al 31 giugno 2008 il tempo-limite per il completamento dell'esame delle richieste per il riconoscimento, la restituzione ed il risarcimento di patrimoni immobiliari, ad eccezione del pagamento del risarcimento.
34. La Sezione 22 prevedeva la costituzione del Fondo del Risarcimento dell'In-kind (IkCF) di fianco al Fondo di Risarcimento Finanziario (“FCF”). Entro sessanta giorni dall'entrata in vigore dell'Atto, il Governo doveva approvare la lista delle proprietà da assegnare all'IkCF.
3. L’ Atto di Proprietà del 2007 (Legge n. 9684del 6 febbraio 2007)
35. La Sezione 1 prevedeva che l'AGENZIA centrale era responsabile di esaminare le rivendicazioni in-kind ed il risarcimento finanziario. L'AGENZIA centrale era anche responsabile di esaminare i ricorsi contro le decisioni degli uffici dell’ AGENZIA regionali.
36. La Sezione 2 reiterò che gli uffici dell’ AGENZIA regionale continuavano ad essere responsabili dell'esame iniziale delle richieste per il riconoscimento di diritti di proprietà. Il rivendicatore o l'Ufficio del Difensore Statale avevano diritto di fare appello contro questa decisione entro trenta giorni all'AGENZIA centrale che era il corpo amministrativo più alto. Tale decisione amministrativa era assoggettabile a controllo giurisdizionale in conformità con le disposizioni del Codice di Procedura Civile.
4. L’ Atto di Proprietà del 2008 (Legge n. 9898 del 10 aprile 2008)
37. La Sezione 1 estese fino al 31 dicembre 2008 il tempo-limite per l'osservazione delle richieste per il riconoscimento di diritti di proprietà e la restituzione di proprietà da parte degli uffici dell’AGENZIA regionali. Prevedeva anche la possibilità per un rivendicatore di avere a disposizione un nuovo tempo-limite tramite una decisione di corte.
38. Secondo la sezione 2, il completamento dell'esame delle richieste per il riconoscimento dei diritti di proprietà e la restituzione di proprietà sarebbe stato reso definitivo il 30 giugno 2009, ad eccezione del pagamento dell'importo del risarcimento il cui tempo limite fu fissato al 2015.
39. La Sezione 3 estese sino al 31 dicembre 2008 il termine massimo per l'assegnazione della proprietà all'IkCF.
5. L’ Atto di Proprietà del 2009 (Legge n. 10095 del 12 marzo 2009)
40. La Sezione 2 prevedeva che oltre alle appropriazioni budgetarie, le assegnazioni ottenute in virtù di questa legge e di altri donatori, l’ FCF sarebbe stato fatto anche di incassi ottenuti tramite le vendite all'asta di proprietà Statali che non erano stati l’oggetto di una decisione della Commissione.
6. L’ Atto Proprietà del 2009 (Legge n. 10207 del 23 dicembre 2009)
41. La Sezione 6 abolì gli uffici dell’ AGENZIA regionali. Affermò che l'archivio di quegli uffici sarebbe stato trasferito all'AGENZIA centrale. Secondo la sezione 1, l'AGENZIA centrale avrebbe completato l'esame delle richieste per il riconoscimento dei diritti di proprietà e la restituzione della proprietà depositate presso i precedenti uffici dell’ AGENZIA regionali . L'AGENZIA centrale continuò ad esaminare i ricorsi depositati presso di lei contro le decisioni dei precedenti uffici dell’ AGENZIA regionali.
42. Secondo la sezione 5, il rivendicatore o l'Ufficio del Difensore Statale avevano il diritto di fare appello contro la decisione dell'AGENZIA centrale entro trenta giorni dalla sua notifica presso la Corte distrettuale di Tirana.
43. La Sezione 7 stabiliva il termine massimo per il completamento dell'esame delle richieste per il riconoscimento e la restituzione della proprietà al 31 dicembre 2011.
7. L’ Atto di Proprietà del 2010 (Legge n. 10308 del 22 luglio 2010)
44. L’ Atto di Proprietà del 2010 introdusse principalmente la possibilità di richiedere una revisione delle decisioni delle precedenti Commissioni / uffici dell’ AGENZIA regionali.
45. La Sezione 4 estese sino al 31 dicembre 2011 il termine massimo per l’assegnazione della proprietà all'IkCF.
C. Consiglio delle Decisioni dei Ministri
1. Consiglio delle Decisioni dei Ministri (“CMDs”) su concessioni dal Fondo di Risarcimento Finanziario (CMD n. 13 17 novembre 2005; CMD n. 758 16 novembre 2006; CMD n. 566 5 settembre 2007; CMD n. 1343 4 giugno 2008 e, CMD n. 487 di 6 maggio 2009)
46. Facendo seguito all’ Articolo 23 dell’Atto di Proprietà del 2004 che stabiliva il Fondo di Risarcimento Finanziario, il Governo adottò le decisioni summenzionate, fra il 2005 ed il 2009, a riguardo dell'assegnazione del risarcimento finanziario ai precedenti proprietari.
47. Nel 2005 il risarcimento finanziario fu assegnato a riguardo di rivendicazioni di risarcimento originate dalle decisioni della Commissione di Tirana. Nel 2006 il risarcimento finanziario fu assegnato a riguardo di rivendicazioni di risarcimento originate dalle decisioni delle Commissioni di Tirana e di Kavaja. Nel 2007 il gruppo di beneficiari fu ampliato per includere i precedenti proprietari che erano in possesso di una decisione della Commissione emessa a riguardo di città per le quali una mappa di valutazione della proprietà era stata approvata ed era stata emessa. Nel 2008 e 2009 tutti i precedenti proprietari a cui fu concesso il risarcimento in seguito ad una decisione della Commissione / dell’ AGENZIA regionale, erano eleggibile per richiedere il risarcimento finanziario.
48. Secondo le CMDs adottate fra il 2005 ed il 2008, un rivendicatore era obbligato a depositare una richiesta standard per il risarcimento finanziario presso l'AGENZIA centrale a Tirana, fornendo, inter alia, la decisione della Commissione / dell’ AGENZIA regionale che ha riconosciuto il suo diritto al risarcimento. Solamente a quei precedenti proprietari che prima non avevano ricevuto il risarcimento fu concesso il risarcimento finanziario dal 2005 al 2008. La CMD del 2009 prevedeva che un ad un precedente proprietario venisse concesso il risarcimento finanziario a condizione che lui non aveva tratto profitto: a) un risarcimento precedente; b) da una ricostituzione/restituzione parziale della proprietà; c) al diritto al primo rifiuto; d) dal'attuazione dell'Atto sulla Distribuzione del Terreno (Legge n. 7501 del 19 luglio 1991).
49. Le richieste sarebbero state esaminate in ordine cronologico sulla base della data e del numero della decisione della Commissione / dell’ AGENZIA regionale. L'importo del risarcimento finanziario che sarebbe stato calcolato sulla base delle mappe di valutazione delle proprietà, fu limitato ad un massimo di 200 metri quadrati.
50. L'introduzione di una richiesta comportava il pagamento di una parcella di procedura. I precedenti proprietari che erano rimasti senza successo nella loro richiesta per il risarcimento finanziario nell’ anno precedente avrebbero potuto ripresentare la loro richiesta nel corso dei (seguenti) anni una volta che avevano pagato la parcella di procedura.
51. Nessuna di quelle decisioni prevedeva l'assegnazione del risarcimento a rivendicazioni di possessori originate da una decisione definitiva ed esecutiva di corte.
2. CMDs sulle mappe di valutazione della proprietà (CMD n. 555 del 29 settembre 2007; CMD n. 653 del 29 agosto 2007 e CMD n. 139 del 13 febbraio 2008; e CMD n. 1620 del 26 novembre 2008)
52. In virtù delle decisioni summenzionate due di cui furono adottate nel 2007 e due nel 2008 il Governo approvò ed emise delle mappe di valutazione della proprietà come elencato sopra. Le mappe includevano il prezzo di riferimento per il metro quadrato in tutto il paese.
53. La prima decisione fissò il prezzo del terreno per le regioni di Berat, Gjirokastër, Vlorë e Dibër; la seconda decisione fissò il prezzo del terreno per le regioni di Lezhë, Dibër, Korçë e Kukës; la terza decisione fissò il prezzo del terreno per le regioni di Fier, Elbasan, Tirana, Vlorë, Durrës e Shkodër. La quarta decisione conteneva un listino prezzi aggiornato per certe città.
3. CMDs sul risarcimento in-kind dei precedenti proprietari (CMD n. 567del 5 settembre 2007)
54. L’ Atto Proprietà del 2006 prevedeva la costituzione di un Fondo del Risarcimento dell'In-kind (“IkCF”). Il Governo avrebbe adottato le procedure per l’assegnazione di proprietà coperta dall'IkCF.
55. Con la decisione del 5 settembre 2007 il Governo posò stabilì i criteri e le procedure per la determinazione delle proprietà Statali coperte dall'IkCF (CMD n. 567 del 5 settembre 2007). La Sezione 1 fa una lista dei tipi di proprietà, per esempio: a) patrimonio immobiliare pubblico che è localizzato in aree turistiche; b) proprietà del Ministero della Difesa che non è usata dalle forze armate ed è stata approvata dal Presidente della Repubblica; c) terreno agricolo e disponibile appartenente al Ministero dell'Agricoltura; d) foreste, pascoli e prati; ed e) proprietà di istituzioni Statali che escono dalla loro attività intenzionale.
56. L'AGENZIA ed i suoi uffici regionali sono responsabili per il controllo della condizione giuridica di ogni proprietà come presentata dalla rispettiva istituzione Statale. L'AGENZIA presenta la lista definitiva dei patrimoni immobiliari per includerli nell'IkCF al Ministro della Giustizia. Il Governo deve approvare la lista e pubblicarla sulla Gazzetta Ufficiale.
57. Sembrerebbe ad oggi, che nessuna simile lista sia stata ancora approvata.
D. Codice di Procedura Civile
58. Gli Articoli 324-333 disciplinano l'aggiudicazione di controversie amministrative, in seguito all’esaurimento di tutte le vie di ricorso amministrative. L’Articolo 324 prevede che una parte può introdurre un'azione di fronte ad una corte nella prospettiva di revocare o correggere una decisione amministrativa. Sotto l’Articolo 325 una parte deve dibattere che la decisione è illegale e che i suoi propri interessi e i suoi diritti sono stati violati direttamente o indirettamente, individualmente o collettivamente.
59. Riguardo alla procedura di ricorso di fronte alla Corte Suprema, il Codice di Procedura Civile, nella parte attinente, recita come segue:
Articolo 472
“Si può fare ricorso contro le decisioni della Corte d'appello e della Corte distrettuale possono presso la Corte Suprema per i seguenti motivi: (a) non ci si è attenuti con la legge o è stata applicata erroneamente; (b) ci sono state violazioni serie delle norme procedurali (facendo seguito all’ Articolo 467 del Codice); (c) ci sono state violazioni procedurali che hanno colpito l'adozione della decisione. ...”
Articolo 480
“Un ricorso [presso la Corte Suprema] sarà dichiarato inammissibile se contiene dei motivi differenti da quelli previsti sotto la legge. L'inammissibilità dei ricorsi sarà decisa su delle deliberazioni in camera.”
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE
60. Il richiedente si lamentò che i procedimenti di controllo giurisdizionale riguardo alla nullità del contratto di vendita e3ll’ 11 settembre 1997 erano stati ingiusti. Addusse anche che le autorità erano andate a vuoto nell’ eseguire la sentenza della Corte distrettuale del 15 dicembre 1999, come rettificata ed interpretata il 18 febbraio 2005.
L’Articolo 6 § 1 della Convenzione, nella parte attinente, recita:
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale ...”

A. L'iniquità dei procedimenti riguardo alla nullità del contratto di vendita
61. Il Governo contese che i procedimenti nazionali erano stati equi. Nella sua prospettiva, le corti nazionali si rivolsero adeguatamente agli argomenti del richiedente. Gli fu data la possibilità di essere ascoltato di fronte alle corti che avevano a turno, chiamato in causa dei testimoni ed ordinato dei rapporti di esperti. Il Governo contese che l'azione di reclamo del richiedente riguardava il risultato dei procedimenti.
62. Nella misura in cui il richiedente si lamenta della valutazione delle prove e dell'interpretazione del diritto nazionale, la Corte reitera che non rientra all'interno della sua competenza sostituire la sua propria valutazione dei fatti con quella delle corti nazionali e, come norma generale, spetta a queste corti valutare le prove di fronte a loro ed interpretare il diritto nazionale. Il compito della Corte è accertare se i procedimenti nella loro interezza, incluso il modo in cui furono prese le prove erano equi (vedere Jakupi c. l'Albania (dec.), n. 11186/03, 1 dicembre 2009).
63. La Corte considera che, nella presente causa, il richiedente fu debitamente rappresentato di fronte alle corti nazionali. Le fu riconosciuta la possibilità di presentare i suoi argomenti e difendere le sue prospettive. Le corti nazionali, dopo aver ordinato i rapporti di esperti ed avere valutato tutta le prove diedero una decisione ragionata e respinsero la sua rivendicazione. La Corte è incapace di discernere qualsiasi arbitrarietà nelle decisioni delle corti nazionali.
64. Per le ragioni sopra, la Corte considera, che questa azione di reclamo sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 e perciò inammissibile in conformità con l’Articolo 35 § 4 della Convenzione.
B. Non - esecuzione della decisione del 15 dicembre 1999 come interpretata dalla decisione del 18 febbraio 2005
1. Ammissibilità
65. Senza appellarsi a qualsiasi particolare via di ricorso, il Governo sostenne che il richiedente non si era giovato di tutte le vie di ricorso disponibili per la non-esecuzione addotta della decisione del 15 dicembre 1999.
66. Il richiedente affermò che aveva esaurito tutte le vie di ricorso nazionali.
67. La Corte reitera che la norma dell'esaurimento delle vie di ricorso nazionali a cui si fa riferimento nell’ Articolo 35 § 1 della Convenzione obbliga i richiedenti ad usare le via di ricorso che sono normalmente disponibili e sufficienti nell'ordinamento giuridico nazionale per permettere loro di ottenere compensazione per le violazioni addotte. L'esistenza delle vie di ricorso deve essere sufficientemente sicura, in pratica così come in teoria, in mancanza di cui mancherà loro l'accessibilità richiesta e l'efficacia richieste; spetta allo Stato rispondente stabilire che queste varie condizioni sono soddisfatte (vedere, più recentemente, Demopoulos ed Altri c. Turchia [GC] (il dec.), N. 46113/99, 3843/02 13751/02, 13466/03 10200/04, 14163/04 19993/04 e 21819/04, §§ 69-70 ECHR 2010 -...).
68. Nella presente causa, la Corte nota che il Governo non si appellò esplicitamente ad una specifica via di ricorso che il richiedente avrebbe dovuto esaurire. Comunque, la Corte considera che la questione dell'esistenza di vie di ricorso effettive riguardo alla non-esecuzione della decisione del 15 dicembre 1999, come rettificata ed interpretata dalla decisione del 18 febbraio 2005, ed in particolare l'efficacia delle via di ricorso offerta dall’ Atto di Proprietà, in particolare quelle introdotte dopo l'adozione della sentenza di questa Corte nella causa Driza, dovrebbero essere congiunta ai meriti e dovrebbero essere esaminata in concomitanza con l' azione di reclamo del richiedente dell’Articolo 13 (vedere paragrafi 78-86 sotto).
69. La Corte considera che questa azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Ulteriormente trova che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
2. Meriti
(a) Le osservazioni delle parti
70. Il Governo indicò che la parte operativa della decisione del 15 dicembre 1999 aveva revocato i diritti di proprietà del richiedente sull'area di terreno che misurava 10,500 metri quadrati. Di conseguenza, il richiedente non aveva interesse nell'esecuzione della sentenza sopra. Non è stato sino al
18 febbraio 2005 che la Corte distrettuale ha interpretato la decisione del 1999 e riconosciuto il diritto del richiedente al risarcimento a riguardo della detta area. Per questa ragione, il Governo affermò, che il periodo di non-esecuzione che incominciò a decorrere dal 18 febbraio 2005 non era stato eccessivo.
71. Il richiedente sostenne che, ad oggi, la decisione del 15 dicembre 1999 che riconobbe il suo diritto al risarcimento non è stata eseguita.
(b) La valutazione della Corte
72. I principi generali sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione riguardo alla non-esecuzione di sentenze definitive di corte sono esposti in Gjyli c. Albania, n. 32907/07, §§ 43-44 del 29 settembre 2009; e Beshiri ed Altri c. Albania, n. 7352/03, §§ 60-61, 22 agosto 2006.
73. La Corte nota che c'era una confusione iniziale sull'esecuzione della decisione del 15 dicembre 1999 che sorse dalla discrepanza fra il ragionamento della Corte distrettuale e la parte operativa della detta decisione. La situazione fu rimediata in virtù della decisione del 18 febbraio 2005 che ordinò il pagamento del risarcimento al richiedente in riguardo dell'area di terreno che misurava 10,500 metri quadrati.
74. La Corte osserva inoltre che la decisione del 18 febbraio 2005 divenne definitiva e vincolante e, ad oggi, le autorità sono andate a vuoto nel prendere qualsiasi misura per eseguire questa decisione a favore del richiedente. Inoltre, ricorda che già ha trovato una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione a causa della non-esecuzione di una decisione definitiva di corte che assegnava il risarcimento al posto della restituzione nelle cause Beshiri ed Altri, citata sopra, §§ 62–66; Driza, citata sopra, §§ 87–94; e Vrioni ed Altri c. Albania e Italia, N. 35720/04 e 42832/06, §§ 54-61,
29 settembre 2009. Non vede nessuna ragione di abbandonare quelle sentenze nella presente causa.
75. La Corte conclude perciò che c'è stata una violazione del diritto del richiedente di accesso ad una corte sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione.
II. VIOLAZIONE ADDOTA DELL’ ARTICOLO 13 IN CONCOMITANZA CON L’ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE
76. Il richiedente si lamentò sotto l’Articolo 13 della Convenzione che non c'era nessuna via di ricorso effettiva per far eseguire una decisione definitiva di corte che assegnava il risarcimento al posto della restituzione di proprietà.
L’Articolo 13 della Convenzione recita come segue:
“Chiunque i cui diritti e le libertà come riconosciuti [dalla] Convenzione sono violati avrà una via di ricorso effettiva di fronte ad un'autorità nazionale anche se la violazione fosse stata commessa da persone che agiscono in veste ufficiale.”
A. Ammissibilità
77. La Corte considera che questa azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Ulteriormente trova che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
78. La Corte richiama che nella sua sentenza nella causa Driza trovò ciò che segue:
“118. La Corte nota che l’ Atto di Proprietà 1993 (che fu abrogato dall’Atto di Proprietà del 2004 che a sua volta fu corretto dall’Atto di Proprietà del 2006) prevedeva varie forme di risarcimento quando la proprietà originale non poteva essere restituita al precedente proprietario (...). L’Atto di Proprietà del 1993 lasciava la determinazione della forma appropriata di risarcimento al Consiglio di Ministri che doveva definire le norme particolareggiate e i metodi applicabili alla disposizione del risarcimento. Secondo le sentenze della Corte Suprema nella sua sentenza del 7 dicembre 2000, i corpi competenti per trattare con le questioni di risarcimento dovevano ancora essere predisposti (...). Nonostante l'entrata in vigore dell’Atto di Proprietà del 2004 la situazione non è cambiata. Fino al 28 aprile 2005 il Parlamento non approvò una Legge che determinava la metodologia per la valutazione della proprietà ai fini del risarcimento. La Sezione 5 di questo Atto lasciò il compito di implementare questa metodologia al Comitato Statale sulla Restituzione ed il Risarcimento della Proprietà che avrebbe dovuto emettere i piani appropriati dei siti per permettere alle proprietà di essere valutate. Comunque, ad oggi quei piani non sono stati adottati.
119. Di conseguenza, la Corte considera che, non preparando i corpi appropriati a trattare col risarcimento emette o adottando piani di siti per la valutazione delle proprietà, il Governo andò a vuoto nello stabilire una procedura adeguata in relazione alle rivendicazioni di risarcimento. Inoltre, è improbabile che il Governo fisserà in modo imminente in posto tale sistema o all'interno di un arco di tempo sufficientemente breve da permettere l'accordo della controversia riferita alla determinazione dei diritti del richiedente.”
79. Nella presente causa, la Corte osserva, che, fin dalla data dell'adozione della sentenza in Driza, il Governo ha decretato delle nuove disposizioni legali riguardo all'assegnazione del risarcimento finanziario, l'adozione di mappe di valutazione della proprietà e la costituzione dell'IkCF (vedere “Il diritto nazionale attinente” sezione sopra). La Corte deve determinare perciò se le misure adottate costituiscono una via di ricorso effettiva all'interno del significato dell’ Articolo 13 della Convenzione.
80. La Corte reitera che l’Articolo 13 della Convenzione dà espressione diretta all'obbligo degli Stati, custodito nell’ Articolo 1 della Convenzione,di proteggere in primo luogo e soprattutto i diritti umani all'interno del loro proprio ordinamento giuridico. Richiede perciò che gli Stati offrano una via di ricorso nazionale per trattare con la sostanza di un “azione di reclamo difendibile” sotto la Convenzione ed accordare il sollievo appropriato (Burdov c. Russia (n. 2), n. 33509/04, § 96 ECHR 2009 -...; e, Yuriy Nikolayevich Ivanov c. Ucraina, n. 40450/04, § 63 ECHR 2009 -... (estratti)).
81. La sfera degli obblighi degli Stati Contraenti sotto l’Articolo 13 della Convenzione varia a seconda della natura dell'azione di reclamo del richiedente; “l'efficacia” di una “via di ricorso” all'interno del significato di questa disposizione non dipende dalla certezza di un risultato favorevole per il richiedente. Allo stesso tempo, la via di ricorso richiesta dall’ Articolo 13 deve essere, “effettiva” in pratica così come in legge nel senso sia di prevenire la violazione addotta o la sua continuazione, o di offrire compensazione adeguata per qualsiasi violazione che è già accaduta (vedere Burdov (n. 2), citata sopra, § 97; e, Yuriy Nikolayevich Ivanov, citata sopra, § 64).
82. Nella presente causa la Corte osserva all'inizio che le decisioni Statali sull'assegnazione del risarcimento finanziario convengono esplicitamente che un rivendicatore può rivendicare il suo diritto al risarcimento sulla base di una decisione della Commissione. Le disposizioni sul risarcimento finanziario non si applicano a rivendicatori, come il richiedente nella presente causa che hanno una rivendicazione di risarcimento esecutiva in virtù di una decisione definitiva di corte.
83. Avendo riguardo alle informazioni in suo possesso, la Corte nota inoltre, che, in pratica, l'AGENZIA ha assegnato il risarcimento solamente a rivendicatori che sono in possesso di una decisione della Commissione. Non ci sono state assegnazioni ad un rivendicatore che possiede una decisione definitiva ed esecutiva di corte.
84. Inoltre, la Corte è incapace di identificare qualsiasi altra misura che è stata adottata nella prospettiva di garantire l'esecuzione di una decisione definitiva di corte che assegna il risarcimento ad un richiedente al posto della restituzione della proprietà. Il Governo non ha presentato qualsiasi prova del contrario.
85. Alla luce del precedente, la Corte considera, che il richiedente non aveva una via di ricorso effettiva che gli permetteva di garantire l'esecuzione del suo diritto al risarcimento riconosciuto in virtù di una sentenza definitiva di corte.
86. C'è stata di conseguenza, una violazione dell’ Articolo 13 in concomitanza con l’Articolo 6 § 1 della Convenzione. Di conseguenza, la Corte respinge l'eccezione del Governo per cui il richiedente non è riuscito ad esaurire le vie di ricorso nazionali effettive.
III. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO NESSUNO 1 ALLA CONVENZIONE
87. Il richiedente addusse che l'insuccesso nel pagare il suo risarcimento come interpretato dalla decisione del 18 febbraio 2005 comportò una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che prevede:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Ammissibilità
88. La Corte considera che l'azione di reclamo sotto questo capo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Trova inoltre che nessun altro motivo per dichiarare questa parte della richiesta inammissibile è stato stabilito e perciò è stata dichiarata ammissibile.
B. Meriti
89. Il Governo presentò che il diritto del richiedente al risarcimento fu riconosciuto solamente in virtù della decisione del 18 febbraio 2005. Il Governo si appellò a un documento ufficiale che delineò il processo di restituzione di proprietà ed il risarcimento. Secondo il documento, il processo di restituzione ed il risarcimento non potevano accadere durante la notte. I ritardi associati qui furono riferiti al processo di transizione che stava passando il paese. Qualsiasi ritardo non era a causa della negligenza o della svogliatezza da parte dello Stato rispondente, ma della natura complessa delle riforme impegnate nel campo della proprietà.
90. Il richiedente sostenne che di avere un bene nella forma del risarcimento assegnato da una decisione definitiva di corte. Durante tutti questi anni non era stato in grado comunque, di godere a riguardo della proprietà.
91. La Corte reitera che una “rivendicazione” può costituire una “proprietà” all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 se è stabilita sufficientemente da essere esecutiva (vedere Stran Raffinerie greche e Stratis Andreadis c. Grecia, sentenza di 9 dicembre 1994 Serie A n. 301-B, p. 84, § 59).
92. La Corte osserva che la decisione della Corte distrettuale del 15 dicembre 1999 come interpretata dalla decisione del 18 febbraio 2005 fornisce al richiedente una rivendicazione esecutiva al risarcimento al posto della restituzione della proprietà.
93. La Corte richiama la sua giurisprudenza che l'impossibilità per un richiedente di ottenere l'esecuzione di una sentenza definitiva di corte a suo favore costituisce un'interferenza col diritto al godimento tranquillo della proprietà, come esposto nella prima frase del primo paragrafo dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 (vedere, fra le altre autorità, Burdov c. Russia, n. 59498/00, § 40 ECHR 2002-III).
94. La Corte nota che già ha trovato una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione a causa dell'insuccesso delle autorità nell’ eseguire una decisione definitiva di corte che assegnava il risarcimento (vedere paragrafi 72-75 sopra).
95. La Corte nota inoltre che ha già trovato una violazione dei diritti di proprietà di un richiedente a causa dell'insuccesso delle autorità per offrire risarcimento originato da una decisione definitiva di corte nelle cause Beshiri ed Altri, citata sopra, §§ 95-103; Driza, citata sopra, §§ 101-109; e Vrioni ed Altri c. Albania e l'Italia, N. 35720/04 e 42832/06, §§ 71-77, 29 settembre 2009. La Corte non vede nessuna ragione di giungere ad una conclusione diversa nelle circostanze della presente causa.
96. C'è stata di conseguenza una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
IV. L’APPLICAZIONE DEGLI ARTICOLI 46 E 41 DELLA CONVENZIONE
A. Articolo 46 della Convenzione
97. La Corte nota che nella presente causa ha identificato difetti nella struttura regolatrice albanese riguardo alla mancanza di sistema per garantire l'esecuzione di una decisione definitiva di corte che assegnava il risarcimento in lieu della restituzione della proprietà. Ci si dovrebbe rivolgere a simili difetti come ad una questione di urgenza avendo riguardo al numero di persone nella situazione del richiedente ed al volume delle ulteriori richieste alla Corte che sollevano gli stessi problemi (vedere Driza, citata sopra, § 122).
98. Mentre lo Stato rispondente resta libero di scegliere i mezzi con cui assolverà i suoi obblighi legali sotto l’Articolo 46 della Convenzione, ammesso che simili mezzi siano compatibili con le conclusioni stabilite nella sentenza della Corte (vedere Burdov c. la Russia (n. 2), citata sopra, § 136), la Corte considera che delle misure generali a livello nazionale sono indubbiamente richieste nell'esecuzione della presente sentenza.
99. La Corte osserva che i problemi alla radice delle violazioni dell’ Articolo 6, dell’Articolo 13 in concomitanza con l’Articolo 6 e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 trovate in questa causa sono complessi e strutturali. Loro richiedono l'adozione e l’ attuazione di misure di carattere legislativo ed amministrativo, che coinvolgono le varie autorità. La Corte considera che lo Stato rispondente dovrebbe prendere delle misure legislative, amministrative e finanziarie adeguate per prevedere assegnazioni del risarcimento, senza ritardo indebito ordinate da una decisione definitiva di corte al posto della restituzione della proprietà. Lo Stato rispondente deve, per esempio, designare un corpo di esecuzione competente, offrire sufficiente risorse umane e materiale, stabilire in modo chiaro e semplice norme di procedura per la raccolta di rivendicazioni, stabilire tempo-limiti realistici e vincolanti per la loro lavorazione ed esecuzione, assegnare i finanziamenti budgetari necessari, e rimuovere tutti gli ostacoli nella prospettiva di garantire l'assegnazione conveniente finanziaria o il risarcimento in-kind, avendo riguardo ai principi stabiliti nella giurisprudenza della Corte.
100. La Corte richiama che è d'importanza cruciale che una decisione di corte contro lo Stato, che ha acquisito la forza di res judicata, dovrebbe essere eseguita senza ritardo indebito. Il richiedente non dovrebbe essere costretto a sopportare il carico dell'esecuzione di sentenze res judicata rese a suo favore contro lo Stato (vedere, mutatis mutandis, Metaxas c. Grecia, n. 8415/02, § 49 27 maggio 2004). L'insuccesso dello Stato nell’ eseguire sentenze res judicata mina la fiducia pubblica nell'ordinamento giudiziario e il rispetta per la preminenza del diritto che è uno dei principi fondamentali di una società democratica ed un elemento inerente a tutti gli Articoli della Convenzione (vedere, mutatis mutandis, Governi ed Altri c. Romania, n. 25632/02, § 53 del 23 febbraio 2006).
B. Articolo 41 della Convenzione
101. L’ Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
102. Il richiedente non specificò una rivendicazione totale a riguardo del danno patrimoniale. Affermò di possedere un ventesimo della proprietà e chiese il risarcimento a riguardo dei 525 metri quadrati. Presentò che il prezzo medio del terreno era fra 550 e 700 euro metro quadrato, mentre il prezzo dell'area di terreno appartenente alla farmacia era fra 2,500 e 3,000 euro . Chiese inoltre 100,000 euro a riguardo del valore dell’edificio della farmacia. Non presentò qualsiasi rivendicazione a riguardo del danno non-patrimoniale.
103. Il Governo respinse le rivendicazioni del richiedente.
104. La Corte considera che la questione dell’applicazione dell’ Articolo 41 non è pronta per decisione. La di conseguenza questione deve essere riservata e l'ulteriore procedura fissata con dovuto riguardo alla possibilità di un accordo al quale potrebbero giungere il Governo albanese ed il richiedente.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Congiunge ai meriti l'eccezione preliminare del Governo riguardante l'insuccesso del richiedente per esaurire le vie di ricorso nazionali a riguardo della decisione del 15 dicembre 1999 come interpretata dalla decisione del 18 febbraio 2005;
2. Dichiara l'azione di reclamo riguardo all'iniquità dei procedimenti sotto l’Articolo 6 § 1 inammissibile ed il resto della richiesta ammissibile;
3. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione riguardo alla non-esecuzione della decisione del 15 dicembre 1999 come interpretata dalla decisione del 18 febbraio 2005;
4. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 13 in concomitanza con l’Articolo 6 § 1 della Convenzione e respinge di conseguenza la summenzionata eccezione preliminare del Governo;
5. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione;
6. Sostiene che la questione dell’applicazione dell’ Articolo 41 non è pronta per decisione;
di conseguenza,
(a) riserva la detta questione per intero;
(b) invita il Governo ed il richiedente a presentare, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione le loro osservazioni scritte sulla questione e, in particolare, a notificare alla Corte qualsiasi accordo al quale loro possono giungere;
(c) riserve l'ulteriore procedimento e delega al Presidente della Camera il potere di fissarla all’occorrenza
Fatto in inglese, e notificato per iscritto l’ 8 marzo 2011, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Lorenzo Early Nicolas Bratza
Cancelliere Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è sabato 14/11/2020.