Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF ANDRIY RUDENKO v. UKRAINE

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, P1-1

NUMERO: 35041/05/2010
STATO:
DATA: 21/12/2010
ORGANO: Sezione Quinta


TESTO ORIGINALE

Conclusion Violation of P1-1
FIFTH SECTION
CASE OF ANDRIY RUDENKO v. UKRAINE
(Application no. 35041/05)
JUDGMENT
STRASBOURG
21 December 2010
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the
Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Andriy Rudenko v. Ukraine,
The European Court of Human Rights (Fifth Section), sitting as a Chamber composed of:
Peer Lorenzen, President,
Renate Jaeger,
Rait Maruste,
Isabelle Berro-Lefèvre,
Mirjana Lazarova Trajkovska,
Zdravka Kalaydjieva,
Ganna Yudkivska, judges,
and Claudia Westerdiek, Section Registrar,
Having deliberated in private on 30 November 2010,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 35041/05) against Ukraine lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Ukrainian national, Mr A. I. R. (“the applicant”), on 12 September 2005.
2. The applicant was represented by Ms O. C., a lawyer practising in Kyiv. The Ukrainian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr Y. Zaytsev, of the Ministry of Justice.
3. On 8 October 2009 the President of the Fifth Section decided to give notice of the application to the Government. It was also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (Article 29 § 1).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
4. The applicant was born in 1941 and lives in Kyiv.
A. The proceedings concerning the applicant’s title to part of a flat
5. On 30 July 2003 the applicant instituted proceedings in the Shevchenkivskyy District Court of Kyiv against his former wife and mother-in-law, Ms R. and Ms I., seeking division of their jointly owned property, a three-room flat. In particular, the applicant requested the court to rule that one room be separated from the flat and to grant him title to that room. He submitted that the defendants did not allow him to enter the flat and that he had been forced to reside elsewhere.
6. The defendants lodged a counterclaim, asking the court to grant them joint title to the applicant’s part of the flat and to fix the amount of compensation they would have to pay the applicant. They argued that, due to personal conflicts with the applicant, they could not all live together in one flat.
7. On 28 May 2004 the court ruled in favour of the defendants. It found, relying on an expert’s report, that it was not technically possible to separate a single room from the flat. Relying on Article 115 of the Civil Code of 1963, the court granted the defendants title to the entire flat and ordered them to pay the applicant 121,747.601 Ukrainian hryvnias (UAH) in compensation.
8. The applicant appealed, stating in particular that he had been deprived of his property against his will and in violation of the law, and that the defendants had failed to transfer the money to the deposit account of the court in order to prove their ability to pay the amount awarded to him in compensation.
9. On 14 September 2004 the Kyiv City Court of Appeal partially changed the judgment of the first-instance court. It ruled that the latter court had wrongly relied on Article 115 of the Civil Code of 1963, instead of Articles 364 and 365 of the Civil Code of 2003, which were applicable in the case. The Court of Appeal rejected the applicant’s appeal, holding, inter alia, that the defendants’ ability to pay the award had been confirmed by a bank statement, according to which the applicant’s former wife had a balance of 23,0002 United States dollars (USD) on her deposit account.
10. The applicant appealed in cassation, alleging that the lower courts had misinterpreted the law. According to him, the courts had failed to take into account the fact that he had not given his consent for compensation pursuant to Article 364 of the Civil Code of 2003 and that they had failed to ensure that the requirement laid down in paragraph 2 of Article 365 of the Civil Code of 2003 had been fulfilled by the defendants.
11. On 16 June 2005 a panel of three judges of the Supreme Court dismissed the applicant’s appeal, finding no grounds on which to transfer the case for consideration by the chamber of the Supreme Court.
12. The applicant did not institute enforcement proceedings in order to recover the sum awarded to him by the courts. According to the applicant, he did not receive the compensation awarded in the judgment of 28 May 2004 because the debtors refused to pay it as they did not have sufficient funds.
B. The proceedings concerning the applicant’s registration at the flat
13. By a judgment of 11 July 2006, the Shevchenkivskyy District Court ruled to discontinue the applicant’s registration at the flat. On 23 August 2006 an appeal by the applicant against that judgment was rejected as lodged out of time. The applicant did not appeal in cassation.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
A. Constitution of Ukraine of 28 June 1996
14. Relevant extracts from the Constitution read as follows:
Article 41
“Everyone has the right to own, use and dispose of his property ...
No one shall be unlawfully deprived of the right of property. The right of private property is inviolable.
The expropriation of objects of the right of private property may be applied only as an exception for reasons of public necessity, on the grounds and through the procedure established by law, and on the condition of advance and full compensation of their value. The expropriation with subsequent full compensation of their value is permitted only in the conditions of martial law or a state of emergency.
...”
B. Civil Code of 2003 (entered into force on 1 January 2004)
15. The relevant provisions of the Civil Code of 2003 read as follows:
Article 364. Separation of a part of a jointly owned property with determined shares [of each co-owner]
“1. An individual co-owner is entitled to the physical separation of a part of a jointly owned property with determined shares [of each co-owner].
2. If [such] a separation ... is not permitted by the law or is impossible (paragraph 2 of Article 183 of this Code), the individual co-owner ... is entitled to receive monetary or other pecuniary compensation for his part from the other co-owners.
Compensation may only be provided with his consent ...”
Article 365. Termination of title to a part of a jointly owned property upon a request from other co-owners
“1. The right to a part of a jointly owned property may cease to exist pursuant to a court decision [taken] further to a claim by other co-owners, if:
1) the part is minor and cannot be physically detached;
2) the object is indivisible;
3) joint possession and use of the property is impossible;
4) the cessation of the right will not cause substantial damage to the interests of the co-owner or members of his or her family.
2. The court shall take a decision terminating a person’s title to a part of a joint property on the condition that the claimant makes an advance payment of the cost of that part to the court’s deposit account.”
C. Judicial practice of the Supreme Court in cases concerning the application of paragraph 2 of Article 365 of the Civil Code of 2003
16. By decision of 23 May 2007, the Supreme Court quashed the judgment of the lower court in a dispute between private persons concerning division of their jointly owned flat and remitted the case for fresh consideration for the following reasons:
“...
The Court of Appeal terminating the right of [a party] to part of the flat did not comply with the condition set in paragraph 2 of Article 365 of the Civil Code which led to the incorrect determination [of the dispute].
[The opposing party] was not present at the hearing before the Appeal Court and that court did not check the conditions of payment of compensation...
Given the above breach of the law, the judgment of the Court of Appeal concerning the division of the flat shall be quashed ...”
17. The Supreme Court’s decision of 17 February 2010, by which it quashed the lower courts’ decisions in a dispute concerning division of the property jointly owned by private individuals, was inter alia based on the similar ground. In particular, the relevant parts of the Supreme Court’s decision read as follows:
“...
By the decision of the Court of Appeal, [a party’s] title to part of joint property was terminated, though in the case material there is no information concerning advance payment by [the opposing party] of the cost of that part into the court’s deposit account.
In such circumstances the challenged court decisions do not comply with the requirements of lawfulness and reasonableness ... and must be quashed with the referral of the case for new consideration...”
18. In that decision the Supreme Court also noted that:
“...
The legal nature of the provisions [of Articles 364 and 365] of the Civil Code of Ukraine differs; each of the provisions is a separate ground for lodging a claim; the first provides for the right of a owner, who withdraws [from joint ownership], to a part of a joint property, whereas the second provides for the possibility of terminating the right of a person to a part of a joint property upon a claim of other co-owners.
In this context, monetary or other type of pecuniary compensation under Article 364 of the Civil Code of Ukraine may be paid to a co-owner, who withdraws [from joint ownership], only with his consent. Whereas, under Article 365 of the Civil Code of Ukraine no consent to obtain compensation ... by a person whose right to a part of a joint property is being terminated is necessary (the claimant is only required to pay the cost of the part of property, the right to which is being terminated, to the court’s deposit account).
... [Articles 364 and 365 of the Civil Code] are mutually exclusive and cannot be applied at the same time ...”
THE LAW
I. SCOPE OF THE CASE
19. The Court notes that, after the communication of the application to the respondent Government, the applicant relying on Article 6 § 1 of the Convention alleged that the courts had not been impartial and that they had not respected the principle of equality of arms.
20. The applicant further raised complaints of an infringement of the right to vote and the right to free medical assistance of an adequate standard on account of his inability to be registered at the flat in which he used to live.
21. In the Court’s view, the new complaints are not an elaboration of the applicant’s original complaint under Article 1 of Protocol No. 1, on which the parties have commented. The Court considers, therefore, that it is not appropriate now to take the matter up separately (see, mutatis mutandis, Piryanik v. Ukraine, no. 75788/01, § 20, 19 April 2005). It will be dealt with in a separate application.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1
22. The applicant complained that he had been deprived of his property, part of a flat, in a manner which was not in accordance with the domestic law. He relied on Article 1 of Protocol No. 1, which reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
1. Alleged abuse of the right of petition
23. The Government submitted that the applicant had failed to submit itemised particulars of his claims for just satisfaction together with any supporting documents. Stating that the claims should not serve a basis for unjustified enrichment, the Government requested the Court to strike the application out of its list of cases on the ground that the applicant had abused the right of petition.
24. At the outset, the Court notes that a question of substantiation of a claim for just satisfaction normally falls to be examined under Article 41 of the Convention – not in the context of the substance of an application.
25. In any event, regard being had to the parties’ submissions and other material in the Court’s possession, it does not find that the right of petition was abused in the present case, within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention (see, for instance, Varbanov v. Bulgaria, no. 31365/96, § 36, ECHR 2000-X). The Government’s objection is wholly unsubstantiated and must be dismissed.
2. The applicant’s victim status
26. The Government submitted that applicant could not claim to be a victim of a violation of Article 1 of Protocol No. 1, as he had not been deprived of his property and the interference with his right had been based on the law. On that ground, they invited the Court to declare the application incompatible ratione personae with the provisions of the Convention.
27. The applicant disagreed.
28. The Court considers that, in so far as they concern the questions of existence and lawfulness of the interference, the Government’s submissions fall to be dealt with in the context of the merits of the case.
29. In so far as the Government’s objection can be understood as based on the fact that the opposing party was ordered by the courts to pay compensation to the applicant, the Court considers that the award of compensation did not deprive the applicant of victim status. Although this measure was undeniably favourable to the applicant, it was not directly related to his complaint regarding the lawfulness of the interference with his right to property. Moreover, the national authorities have not acknowledged, either expressly or in substance, the breach of Article 1 of Protocol No. 1 (Scordino v. Italy (no. 1) [GC], no. 36813/97, § 180, ECHR 2006-V). Accordingly, the Government’s objection as to the applicant’s victim status must be dismissed.
3. Conclusion as to the admissibility of the application
30. The Court notes that the application is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. Submissions of the parties
31. The applicant complained of unlawful deprivation of his property. He submitted that the domestic courts had not accurately established the facts and subject-matter of the case, that they had misapplied the substantive law, that they had not examined the possibility of separating his share of the flat, and that they had disregarded the fact that the defendants had failed to transfer the money to the deposit account of the first-instance court, as required by paragraph 2 of Article 365 of the Civil Code of 2003.
32. The Government stated that the case had not concerned a deprivation of the applicant’s property. Rather, it was a matter of the “transformation of the applicant’s possessions from one form [a share in] the flat [into] another form – [the] money.”
33. The Government submitted that, in any event, there had been no violation of Article 1 of Protocol No. 1, as the courts had accurately assessed the evidence, correctly applied the law, and balanced the interests of all the persons involved in the dispute. According to the Government, despite the fact that the amount of compensation had not been transferred by the defendants to the first-instance court’s bank account, the courts had decided that the defendants were able to pay the sum required to enforce the judgment. The Government further submitted that the amount of compensation for the applicant’s property was adequate and based on an expert’s report.
34. They also argued that, as the applicant had raised the matter before the domestic courts and had not complained of a violation of Article 6 of the Convention, he had confirmed that the dispute had been settled in accordance with the law.
2. The Court’s assessment
(a) Whether there was an interference with the right of property
35. Having regard to the principles established in its case-law (see, for instance, Jahn and Others v. Germany [GC], nos. 46720/99, 72203/01 and 72552/01, § 78, ECHR 2005- VI), the Court notes that there was an interference with the applicant’s right of property. According to the Government, it did not however constitute a “deprivation” of the applicant’s possessions.
36. The Court observes that pursuant to the decisions of the domestic courts in the context of a dispute between private parties the applicant lost his title to part of a flat. The fact that by the same decisions he was awarded compensation for that loss does not have a bearing on the question of the existence of a particular type of interference. Compensation terms are however material to the assessment of whether the contested measure respects the requisite fair balance under Article 1 of Protocol No. 1 (see, for instance, Ukraine-Tyumen v. Ukraine, no. 22603/02, § 57, 22 November 2007).
37. Accordingly, the Court finds that the interference in the applicant’s case amounted to a “deprivation” of possessions within the meaning of the second sentence of the first paragraph of Article 1 of Protocol No. 1. The Court must therefore examine whether the interference was justified under that provision.
(b) Whether the interference was justified
38. The Court reiterates that to be compatible with Article 1 of Protocol No. 1 any interference with the peaceful enjoyment of possessions should be lawful and not arbitrary (see Iatridis v. Greece [GC], no. 31107/96, § 58, ECHR 1999-II). In particular, the second sentence of the first paragraph authorises a deprivation of possessions only “subject to the conditions provided for by law” and the second paragraph recognises that the States have the right to control the use of property by enforcing “laws” (see Ukraine-Tyumen, cited above, § 49).
39. The Court notes that its jurisdiction to verify compliance with the domestic law is limited and that it is not its task to take the place of the domestic courts (see Sovtransavto Holding v. Ukraine, no. 48553/99, § 95, ECHR 2002-VII).
40. In the present case the Court is not entitled to call into question the decisions reached by the Ukrainian courts. Its role is instead to verify whether the consequences of their interpretation and application of the domestic law were compatible with the principles laid down in the Convention.
41. The Court observes that in the decision terminating the applicant’s title to a part of the flat the Court of Appeal relied on Articles 364 and 365 of the Civil Code of 2003 (see paragraph 9 above). However, as confirmed by the interpretation given by the Supreme Court, these provisions may not be applied together in the same circumstances as they concern different legal matters (see paragraph 18 above). In particular, the possibility of terminating one’s title to a part of a joint property without consent is envisaged in Article 365 of the Code, whereas Article 364 deals with the situation when a co-owner wishes to withdraw from joint ownership and is not against obtaining compensation for his part of a joint property.
42. Even assuming that, despite the above ambiguity in the decision of the Court of Appeal, Article 365 of the Code was the legal provision applicable in the applicant’s case and that the conditions set out in its first paragraph were met, the Court observes that under paragraph 2 of Article 365 the opposing party had to make an advance payment of the cost of the applicant’s part of the flat into the first-instance court’s deposit account. This was, and remains, a precondition for a court decision on termination of title to a part of a jointly owned property (see paragraph 15 above). In the applicant’s case, the opposing party failed to make such a payment. The applicant’s specific and pertinent submissions concerning the opposing party’s failure to make the requisite payment remained unaddressed by the domestic courts.
43. In this context, the Court notes that the impugned provision of the Civil Code of 2003 is sufficiently precise and does not give grounds for diverging interpretations. Furthermore, this provision reflects the constitutional guarantee of prior compensation for any deprivation of property, except in the conditions of martial law or a state of emergency (see paragraph 14 above). As it appears from the relevant domestic judicial practice, though subsequent to the events at issue, the requirement of advance payment is not a mere technical element in the procedure of taking of property established by law. It is the core condition on which a court decision depriving a person of property, without his or her consent, should be based (see paragraphs 16 and 17 above).
44. In the present case, the Court of Appeal merely stated that the opposing party had the money to pay for the applicant’s part of the flat. Having regard to the significance of the prior compensation requirement in the national legal system, the Court considers that the domestic courts’ decisions lacked a legal basis because the courts deviated from the written law in an arbitrary manner without giving reasons.
45. In the light of the foregoing, the Court concludes that the requirements of the second sentence of the first paragraph of Article 1 of Protocol No. 1 were not satisfied in relation to the contested deprivation of possessions suffered by the applicant.
46. Accordingly, there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1.
III. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
47. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
48. The applicant claimed USD 23,000 for the value of the property he had lost and 3,700 euros (EUR) for loss of income for the period during which he had not been able to use the property, calculated on the basis of an average monthly rate for renting a dwelling of a similar size in the same area.
49. The Government contended that the claims were unsubstantiated. They also argued that the applicant had failed to take all reasonable steps to obtain the compensation awarded to him by the courts.
50. The Court notes that the applicant’s claims for pecuniary damage stem from the unlawful deprivation of property found to be in breach of Article 1 of Protocol No. 1 (see paragraphs 45 and 47 above). In determining compensation for pecuniary damage in such cases the Court would normally adopt an approach based on the total elimination of the consequences of the impugned interference, taking account of the current value and potential of the lost property (see Scordino (no. 1), cited above, §§ 250-254).
51. However, the Court considers that a different approach has to be taken in this case, given its particular circumstances. The Court observes that the applicant’s claim in respect of the value of the part of the flat of which he had been deprived is fully covered by the amount of compensation awarded to him by the domestic courts (see paragraph 7 above). While it is true that as a result of the proceedings the applicant has a claim for compensation instead of a pre-deposited amount, which may entail some negative economic consequences for the applicant, he failed to specify damage on their account and it is not for the Court to speculate in that respect. Furthermore, the applicant did not do everything feasible in the circumstances to avoid such damage or at least to limit it to the minimum, in particular by instituting enforcement proceedings in respect of the claim. As regards the applicant’s claim for loss of income for the period during which he had not been able to use the property, the Court notes that he did not submit any documents in its support. On these grounds, the Court rejects the applicant’s claim for just satisfaction as unsubstantiated.
B. Costs and expenses
52. The applicant made no claim as to costs and expenses. Therefore, the Court makes no award under this head.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the application admissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1;
3. Dismisses the applicant’s claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 21 December 2010, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Claudia Westerdiek Peer Lorenzen
Registrar President
1. About 19,185 euros (EUR).

2. About EUR 18,776.

TESTO TRADOTTO

Conclusione Violazione di P1-1
QUINTA SEZIONE
CAUSA ANDRIY RUDENKO C. UCRAINA
(Richiesta n. 35041/05)
SENTENZA
STRASBOURG
21 dicembre 2010
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della
Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Andriy Rudenko c. Ucraina,
La Corte europea dei Diritti umani (quinta Sezione), riunendosi che come una Camera, composta da:
Pari Lorenzen, Presidente, Renate Jaeger, Rait Maruste, Isabelle Berro-Lefèvre, Mirjana Lazarova Trajkovska, Zdravka Kalaydjieva, Ganna Yudkivska, giudici,
e Claudia Westerdiek, Cancellieredi Sezione,
Avendo deliberato in privato il 30 novembre 2010,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 35041/05) contro l'Ucraina depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino ucraino, il Sig. A. I. R. (“il richiedente”), il 12 settembre 2005.
2. Il richiedente fu rappresentato dalla Sig.ra O. C., un avvocato che pratica a Kyiv. Il Governo ucraino (“il Governo”) fu rappresentato dal suo Agente, il Sig. Y. Zaytsev, del Ministero della Giustizia.
3. L’ 8 ottobre 2009 il Presidente della quinta Sezione decise di dare avviso della richiesta al Governo. Fu deciso anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità (Articolo 29 § 1).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
4. Il richiedente nacque nel 1941 e vive a Kyiv.
A. I procedimenti riguardo al titolo del richiedente a parte di un appartamento
5. Il 30 luglio 2003 il richiedente avviò procedimenti presso la Corte distrettuale di Shevchenkivskyy di Kyiv contro la sua precedente moglie e suocera, la Sig.ra R. e la Sig.ra I., chiedendo la divisione della loro proprietà congiuntamente posseduta, un appartamento di tre - stanze. In particolare, il richiedente richiese alla corte di decidere che una stanza venisse separata dall'appartamento ed accordargli il titolo di proprietà su quella stanza. Lui presentò che gli imputati non gli concedevano di entrare nell'appartamento e che era stato costretto a risiedere altrove.
6. Gli imputati depositarono un'eccezione riconvenzionale, chiedendo alla corte di accordare loro il titolo unito alla parte del richiedente dell'appartamento e fissare l'importo del risarcimento che avrebbero dovuto pagare al richiedente. Loro dibatterono che, a causa di conflitti personali col richiedente, loro non potevano affatto vivere insieme in un appartamento.
7. Il 28 maggio 2004 la corte decise a favore degli imputati. Trovò, appellandosi al rapporto di un esperto, che non era tecnicamente possibile disgiungere una sola stanza dall'appartamento. Appellandosi all’ Articolo 115 del Codice civile del 1963, la corte accordò agli imputati il titolo di proprietà sull' intero appartamento ed ordinò che loro pagassero al richiedente 121,747.601 hryvnia ucraini (UAH) come risarcimento.
8. Il richiedente fece appello, affermando in particolare che lui era stato privato della sua proprietà contro la sua volontà ed in violazione della legge, e che gli imputati non erano riusciti a trasferire i soldi sul conto di deposito della corte per provare la loro capacità di pagare l'importo assegnatogli come risarcimento.
9. Il 14 settembre 2004 Corte d'appello della Città di Kyiv in parte cambiò la sentenza della corte di prima - istanza. Decise che la seconda corte si era appellata erroneamente all’ Articolo 115 del Codice civile del 1963, invece che agli Articoli 364 e 365 del Codice civile del 2003 che erano applicabili nella causa. La Corte d'appello respinse il ricorso del richiedente, sostenendo, inter alia che la capacità degli imputati di pagare l'assegnazione gli era stata confermata con una dichiarazione della banca secondo cui la precedente moglie del richiedente aveva un saldo di 23,0002 dollari degli Stati Uniti (USD) sul suo conto di deposito.
10. Il richiedente fece appello in cassazione, adducendo che le corti inferiori avevano interpretato male la legge. Secondo lui, le corti erano andate a vuoto nel prendere in considerazione il fatto che lui non aveva dato il suo beneplacito al risarcimento facendo seguito all’ Articolo 364 del Codice civile del 2003 e che non erano riusciti a garantire che il requisito stabilito nel paragrafo 2 dell’ Articolo 365 del Codice civile di 2003 era stato adempiuto dagli imputati.
11. Il 16 giugno 2005 un pannello di tre giudici della Corte Suprema respinse il ricorso del richiedente, non trovando motivi su cui trasferire la causa per la considerazione da parte della camera della Corte Suprema.
12. Il richiedente non avviò procedimenti di esecuzione per recuperare la somma assegnargli dalle corti. Secondo il richiedente, lui non aveva ricevuto il risarcimento assegnato nella sentenza del 28 maggio 2004 perché i debitori si erano rifiutati di pagarlo siccome non avevano finanze sufficienti.
B. I procedimenti riguardo alla registrazione del richiedente sull'appartamento
13. Con una sentenza dell’ 11 luglio 2006, la Corte distrettuale di Shevchenkivskyy decise di cessare la registrazione del richiedente sull'appartamento. Il 23 agosto 2006 un ricorso da parte del richiedente contro questa sentenza fu respinto siccome depositato fuori termini. Il richiedente non fece appello in cassazione.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
A. Costituzione dell’ Ucraina del 28 giugno 1996
14. Gli estratti attinenti dalla Costituzione recitano come segue:
Articolo 41
“Ognuno ha diritto a possedere, utilizzare e disporre della sua proprietà...
Nessuno sarà privato illegalmente del diritto di proprietà. Il diritto di proprietà privata è inviolabile.
L'espropriazione di oggetti del diritto di proprietà privata può essere applicata solamente come eccezione per ragioni di necessità pubblica, per motivi e tramite la procedura stabiliti dalla legge, e sulla condizione del pieno ed anticipato risarcimento del loro valore. L'espropriazione tramite susseguente pieno risarcimento del loro valore è permessa solamente in condizioni di legge marziale o in un stato di emergenza.
...”
B. Codice civile del 2003 (entrato in vigore il 1 gennaio 2004)
15. Le disposizioni attinenti del Codice civile di 2003 recitano come segue:
Articolo 364. Separazione di una parte di una proprietà congiuntamente posseduta con quote decise [di ogni comproprietario]
“1. Ad un comproprietario individuale viene concessa la separazione fisica di una parte di una proprietà congiuntamente posseduta con quote decise [di ogni comproprietario].
2. Se [simile] separazione... non è permessa dalla legge o è impossibile (paragrafo 2 dell’ Articolo 183 di questo Codice), al comproprietario individuale... è concesso ricevere il risarcimento patrimoniale valutario o altro per la sua parte dagli altri comproprietari.
Il risarcimento può essere corrisposto solamente con il suo beneplacito...”
Articolo 365. Conclusione del titolo di proprietà su una parte di una proprietà congiuntamente posseduta su richiesta dagli altri comproprietari
“1. Il diritto di proprietà su una parte di una proprietà congiuntamente posseduta può cessare di esistere facendo seguito ad una decisione della corte [presa] in seguito ad una rivendicazione da parte degli altri comproprietari, se:
1) la parte è minorenne e non può essere fisicamente distaccata;
2) l'oggetto è indivisibile;
3) la proprietà unita e l’ uso della proprietà sono impossibili;
4) la cessazione del diritto non provocherà danno sostanziale agli interessi del comproprietario odei membri della sua famiglia.
2. La corte prenderà una decisione che termina il titolo di proprietà di una persona su una parte di una proprietà unita a condizione che il rivendicatore fa un pagamento anticipato del costo di quella parte sul conto di deposito della corte.”
C. pratica Giudiziale della Corte Suprema in cause riguardante l’applicazione del paragrafo 2 dell’ Articolo 365 del Codice civile di 2003
16. La Corte Suprema annullò la sentenza della corte inferiore in una controversia fra persone private riguardo alla divisione del loro appartamento congiuntamente posseduto con decisione del 23 maggio 2007, e rinviò la causa per nuova considerazione per le seguenti ragioni:
“...
La Corte d'appello che termina il diritto di [una parte] su parte dell'appartamento non si attiene con la condizione esposta nel paragrafo 2 dell’ Articolo 365 del Codice civile che ha condotto alla determinazione incorretta [della controversia].
[La parte avversaria] non era presente all'udienza di fronte alla Corte di Ricorso e questa corte non controllò le condizioni di pagamento del risarcimento...
Data la violazione sopra della legge, il giudizio della Corte d'appello riguardo alla divisione dell'appartamento sarà annullato...”
17. La decisione della Corte Suprema del 17 febbraio 2010 con la quale annullò le decisioni delle corti inferiori in una controversia riguardo alla divisione della proprietà posseduta congiuntamente da individui privati, era inter alia basata su base simile. In particolare, le parti attinenti della decisione della Corte Suprema recitano come segue:
“...
Tramite la decisione della Corte d'appello,il titolo di proprietà [ di una parte] della proprietà unita fu terminato, sebbene nel materiale della causa non vi sono informazioni riguardo il pagamento anticipato da parte [della parte avversaria] del costo di quella parte sul conto di deposito della corte.
In simili circostanze le decisioni di corte impugnate non si attengono coi requisiti della legalità e la ragionevolezza... e devono essere annullate con la raccomandazione della causa per nuova considerazione...”
18. In questa decisione la Corte Suprema notò anche che:
“...
La natura legale delle disposizioni [degli Articoli 364 e 365] del Codice civile dell'Ucraina differisce; ognuna delle disposizioni è una base separata per depositare una rivendicazione; la prima prevede il diritto di un proprietario che si ritira [dalla comproprietà], su una parte di una proprietà unita, mentre la seconda prevede la possibilità di terminare il diritto di una persona su una parte di una proprietà unita su rivendicazione di altri comproprietari.
In questo contesto, un risarcimento patrimoniale di tipo valutario o altro sotto l’Articolo 364 del Codice civile dell'Ucraina può essere pagato ad un comproprietario si che ritira [dalla comproprietà], solamente col suo beneplacito. Mentre, sotto l’Articolo 365 del Codice civile dell'Ucraina non è necessario nessun beneplacito per ottenere il risarcimento... da parte di una persona il cui diritto su una parte di una proprietà unita è terminato (il rivendicatore è costretto solamente a pagare il costo della parte di proprietà, il cui diritto è stato terminato, sul conto di deposito della corte).
... [Gli Articoli 364 e 365 del Codice civile] sono mutuamente esclusivi e non possono essere applicati allo stesso tempo...”
LA LEGGE
I. SCOPO DELLA CAUSA
19. La Corte nota che, dopo la comunicazione della richiesta al Governo rispondente, il richiedente che si appella all’ Articolo 6 § 1 della Convenzione addusse che le corti non erano state imparziali e che loro non avevano rispettato il principio dell'uguaglianza delle armi.
20. Il richiedente sollevò inoltre azioni di reclamo di una violazione del diritto a votare e del diritto di assistenza medica gratuita di uno standard adeguato a causa della sua incapacità di essere registrato nell'appartamento dove lui viveva.
21. Nella prospettiva della Corte, le nuove azioni di reclamo non sono un'elaborazione dell'azione di reclamo originale del richiedente sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 su cui hanno fatto commenti le parti. La Corte considera, perciò, che ora non è appropriato considerare separatamente la questione (vedere, mutatis mutandis, Piryanik c. Ucraina, n. 75788/01, § 20 19 aprile 2005). Saranno trattate in una richiesta separata.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1
22. Il richiedente si lamentò di essere stato privato della sua proprietà, parte di un appartamento, in un modo che non era in conformità col diritto nazionale. Lui si appellò all’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 che recita come segue:
““Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Ammissibilità
1. L'abuso addotto del diritto di ricorso
23. Il Governo presentò che il richiedente non era riuscito a presentare dettagli particolareggiati delle sue rivendicazioni per la soddisfazione equa insieme a qualsiasi documento di sostegno. Affermando che le rivendicazioni non dovrebbero servire come base per l'arricchimento ingiustificato, il Governo richiese alla Corte di cancellare la richiesta dal suo ruolo di cause sulla base che il richiedente aveva abusato del diritto di ricorso.
24. All'inizio, la Corte nota, che normalmente una questione di prova di una rivendicazione per soddisfazione equa deve essere esaminata sotto l’Articolo 41 della Convenzione -non nel contesto della sostanza di una richiesta.
25. In qualsiasi caso, avuto riguardo alle osservazioni delle parti e all'altro materiale in possesso della Corte, non trova che si abusò del diritto di ricorso nella presente causa, all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 (a) della Convenzione (vedere, per esempio, Varbanov c. Bulgaria, n. 31365/96, § 36 ECHR 2000-X). L'eccezione del Governo è completamente non comprovata e deve essere respinta.
2. Lo status di vittima del richiedente
26. Il Governo presentò che il richiedente non poteva rivendicare di essere vittima di una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, siccome lui non era stato privato della sua proprietà e l'interferenza col suo diritto era stato basato sulla legge. Su questa base, invitò la Corte a dichiarare la richiesta incompatibile ratione personae con le disposizioni della Convenzione.
27. Il richiedente non fu d'accordo.
28. La Corte considera che, nella misura in cui riguardano le questioni di esistenza e la legalità dell'interferenza, le osservazioni del Governo devono essere trattate nel contesto dei meriti della causa.
29. Nella misura in cui l'eccezione del Governo può essere interpretata come basata sul fatto che alla parte avversaria fu ordinato dalle corti di pagare il risarcimento al richiedente, la Corte considera che l'assegnazione del risarcimento non spogliò il richiedente dello status di vittima. Benché questa misura fosse innegabilmente favorevole al richiedente, non era riferita direttamente alla sua azione di reclamo riguardo alla legalità dell'interferenza col suo diritto a proprietà. Inoltre, le autorità nazionali non hanno ammesso, o espressamente o in sostanza, la violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (Scordino c. Italia (n. 1) [GC], n. 36813/97, § 180 ECHR 2006-V). Di conseguenza, l'eccezione del Governo in merito allo status di vittima del richiedente deve essere respinta.
3. Conclusione in merito all'ammissibilità della richiesta
30. La Corte nota che la richiesta non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
1. Osservazioni delle parti
31. Il richiedente si lamentò della privazione illegale della sua proprietà. Lui presentò che le corti nazionali non avevano accuratamente stabilito i fatti e il soggetto-questione della causa, che loro avevano usato malamente il diritto sostanziale, che loro non avevano esaminato la possibilità di disgiungere la sua quota dell'appartamento, e che loro avevano trascurato il fatto che gli imputati non erano riusciti a trasferire i soldi sul conto di deposito della corte di prima - istanza, come richiesto dal paragrafo 2 dell’ Articolo 365 del Codice civile di 2003.
32. Il Governo affermò che la causa non riguardava una privazione della proprietà del richiedente. Piuttosto, era una questione di “trasformazione delle proprietà del richiedente da una forma [una quota nell’]appartamento [ad] un'altra forma-[i] soldi.”
33. Il Governo presentò che in qualsiasi caso, non c'era stata nessuna violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, siccome le corti avevano valutato accuratamente le prove, applicato correttamente la legge, ed equilibrato gli interessi di tutte le persone coinvolte nella controversia. Secondo il Governo, nonostante il fatto che l'importo del risarcimento non fosse stato trasferito dagli imputati sul conto bancario della corte di prima - istanza, le corti avevano deciso che gli imputati erano in grado pagare la somma stabilita per eseguire la sentenza. Il Governo presentò inoltre che l'importo del risarcimento per la proprietà del richiedente era adeguato e basato sul rapporto di un esperto.
34. Dibatté anche che, siccome il richiedente aveva sollevato la questione di fronte alle corti nazionali e non si era lamentato di una violazione dellp Articolo 6 della Convenzione, lui aveva confermato che la controversia era stata stabilita in conformità con la legge.
2. La valutazione della Corte
(a) Se c'era un'interferenza col diritto di proprietà
35. Avendo riguardo ai principi stabiliti nella sua giurisprudenza (vedere, per esempio, Jahn ed Altri c. Germania [GC], N. 46720/99, 72203/01 e 72552/01, § 78 ECHR 2005 - VI), la Corte nota che c'era un'interferenza col diritto di proprietà del richiedente. Secondo il Governo, non costituì comunque, una “privazione” delle proprietà del richiedente.
36. La Corte osserva che facendo seguito alle decisioni delle corti nazionali nel contesto di una controversia fra parti private il richiedente perse il suo titolo su una parte di un appartamento. Il fatto che con le stesse decisioni gli fu assegnato il risarcimento per quella perdita non ha un peso sulla questione dell'esistenza di un particolare tipo di interferenza. I termini del risarcimento sono comunque attinenti alla valutazione se la misura contestata rispetta l'equilibrio equo richiesto sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere, per esempio, Ucraina-Tyumen c. Ucraina, n. 22603/02, § 57 22 novembre 2007).
37. Di conseguenza, la Corte costata a che l'interferenza nella causa del richiedente ha corrisposto ad una “privazione” di proprietà all'interno del significato della seconda frase del primo paragrafo dell’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. La Corte deve esaminare perciò se l'interferenza era giustificata sotto quella disposizione.
(b) Se l'interferenza era giustificata
38. La Corte reitera che per essere compatibile con l’Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 qualsiasi interferenza col godimento tranquillo della proprietà dovrebbe essere legale e non arbitraria (vedere Iatridis c. Grecia [GC], n. 31107/96, § 58 ECHR 1999-II). In particolare, la seconda frase del primo paragrafo autorizza solamente una privazione di proprietà “soggetta a condizioni previste dalla legge” ed il secondo paragrafo riconosce che gli Stati hanno diritto a controllare l'uso della proprietà facendo eseguire “leggi” (vedere Ucraina-Tyumen, citata sopra, § 49).
39. La Corte nota che la sua giurisdizione per verificare l’ottemperanza col diritto nazionale è limitata e che non è suo compito prendere il posto delle corti nazionali (vedere Sovtransavto Holding c. Ucraina, n. 48553/99, § 95 ECHR 2002-VII).
40. Nella presente causa alla Corte non è concesso mettere in questione le decisioni a cui sono giunte le corti ucraine. Il suo ruolo è invece di verificare se le conseguenze della loro interpretazione e l’applicazione del diritto nazionale erano compatibili coi principi esposti nella Convenzione.
41. La Corte osserva che nella decisione che termina il titolo di proprietà del richiedente su una parte dell'appartamento la Corte d'appello si appellata sugli Articoli 364 e 365 del Codice civile del 2003 (vedere paragrafo 9 sopra). Comunque, come confermato dall'interpretazione data dalla Corte Suprema, queste disposizioni non possono essere applicate insieme nelle stesse circostanze siccome loro riguardano questioni legali diverse (vedere paragrafo 18 sopra). In particolare, la possibilità di terminare il titolo di proprietà su una proprietà unita o su una parte di essa unita senza beneplacito è prevista nell’ Articolo 365 del Codice, mentre l’Articolo 364 tratta con la situazione in cui un comproprietario desidera ritirarsi dalla comproprietà e non è contro l’ottenimento del risarcimento per la sua parte di una proprietà unita.
42. Presumendo anche che, nonostante l'ambiguità sopra nella decisione della Corte d'appello, l’Articolo 365 del Codice era la disposizione legale applicabile nella causa del richiedente e che le condizioni esposte nel suo primo paragrafo fossero state rispettate, la Corte osserva che sotto il paragrafo 2 dell’ Articolo 365 la parte avversaria doveva fare un pagamento anticipato del costo della parte del richiedente dell'appartamento sul conto di deposito della corte di prima - istanza. Questo era, e resta, un requisito indispensabile per una decisione di corte sulla conclusione di un titolo su una parte di una proprietà congiuntamente posseduta (vedere paragrafo 15 sopra). Nel caso del richiedente, la parte avversaria non riuscì a fare tale pagamento. Le specifiche e pertinenti osservazioni del richiedente riguardo all'insuccesso della parte avversaria nel fare il pagamento richiesto non è stato peso in considerazione dalle corti nazionali.
43. In questo contesto, la Corte nota, che la disposizione contestata del Codice civile del 2003 è sufficientemente precisa e non dà motivi per interpretazioni divergenti. Inoltre, questa disposizione riflette la garanzia costituzionale del risarcimento anticipato per qualsiasi privazione di proprietà, eccetto in condizioni di legge marziale o di un stato di emergenza (vedere paragrafo 14 sopra). Come appare dalla pratica giudiziale nazionale attinente, sebbene susseguente agli eventi in questione, il requisito del pagamento anticipato non è un mero elemento tecnico nella procedura di privazione di proprietà stabilita dalla legge. È la condizione di centro su cui una decisione di corte che spoglia una persona della proprietà, senza il suo beneplacito, dovrebbe essere basata (vedere paragrafi 16 e 17 sopra).
44. Nella presente causa, la Corte d'appello affermò soltanto che la parte avversaria aveva i soldi per pagare per la parte del richiedente dell'appartamento. Avendo riguardo al significato del requisito del risarcimento anticipato nell'ordinamento giuridico nazionale, la Corte considera, che alle decisioni delle corti nazionali ' è mancata una base legale perché le corti deviarono dalla legge scritta in modo arbitrario senza dare ragioni.
45. Alla luce del precedente, la Corte conclude, che i requisiti della seconda frase del primo paragrafo dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 non sono stati soddisfatti in relazione alla privazione contestata di proprietà subita dal richiedente.
46. C'è stata di conseguenza, una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
III. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
47. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
48. Il richiedente chiese USD 23,000 per il valore della proprietà che aveva perso e 3,700 euro (EUR) per perdita di utili per il periodo durante cui lui non era stato in grado usare la proprietà, calcolata sulla base di un tasso mensile medio per affittare un'abitazione di grandezza simile nella stessa area.
49. Il Governo contese che le rivendicazioni non erano comprovate. Dibatté anche che il richiedente non era riuscito a prendere tutti i passi ragionevoli per ottenere il risarcimento assegnatogli a dalle corti.
50. La Corte nota che le rivendicazioni del richiedente danno patrimoniale hanno origine dalla privazione illegale di proprietà trovata essere in violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere paragrafi 45 e 47 sopra). Nel determinare il risarcimento per danno patrimoniale in simile cause la Corte normalmente adotterebbe un approccio basato sull'eliminazione totale delle conseguenze dell'interferenza contestata, prendendo conto del valore corrente e potenziale della proprietà perduta (vedere Scordino (n. 1), citata sopra, §§ 250-254).
51. Comunque, la Corte considera che un approccio diverso doveva essere preso in questa causa, date le sue particolari circostanze. La Corte osserva che la rivendicazione del richiedente a riguardo del valore della parte dell'appartamento di cui era stato privato è coperta pienamente dall'importo del risarcimento assegnatogli dalle corti nazionali (vedere paragrafo 7 sopra). Mentre è vero che come risultato dei procedimenti il richiedente ha una rivendicazione per il risarcimento invece di un importo pre-depositato che può comportare delle conseguenze economiche negative per il richiedente lui non riuscì a specificare il danno sul loro conto e non spetta alla Corte speculare a quel riguardo. Inoltre, il richiedente non ha fatto tutto il fattibile nelle circostanze per evitare simile danno o almeno per limitarlo al minimo, in particolare avviando procedimenti di esecuzione a riguardo della rivendicazione. Riguardo alla rivendicazione del richiedente per la perdita di utili per il periodo durante cui lui non era stato in grado usare la proprietà, la Corte nota che lui non presentò qualsiasi documento in suo appoggio. La Corte respinge la rivendicazione del richiedente per la soddisfazione equa come non comprovata per questi motivi.
B. Costi e spese
52. Il richiedente non fece rivendicazione in merito ai costi ed alle spese. Perciò, la Corte non fa assegnazione sotto questo capo.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara la richiesta ammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1;
3. Respinge la rivendicazione del richiedente per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificata per iscritto il 21 dicembre 2010, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Claudia Westerdiek Pari Lorenzen
Cancelliere Presidente
1. Approssimativamente 19,185 euro (EUR).

2. Circa EUR 18,776.


DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 03/08/2020.