Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF TARNAWCZYK v. POLAND

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, 35, P1-1

NUMERO: 27480/02/2010
STATO: Polonia
DATA: 07/12/2010
ORGANO: Sezione Quarta


TESTO ORIGINALE

Conclusion Preliminary objection joined to merits and dismissed (non-exhaustion of domestic remedies) ; Violation of P1-1 ; Pecuniary and non-pecuniary damage - award
FOURTH SECTION
CASE OF TARNAWCZYK v. POLAND
(Application no. 27480/02)
JUDGMENT
STRASBOURG
7 December 2010
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Tarnawczyk v. Poland,
The European Court of Human Rights (Fourth Section), sitting as a Chamber composed of:
Nicolas Bratza, President,
Lech Garlicki,
Ljiljana Mijović,
Päivi Hirvelä,
Ledi Bianku,
Nebojša Vučinić,
Vincent Anthony de Gaetano, judges,
and Lawrence Early, Section Registrar,
Having deliberated in private on 16 November 2010,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 27480/02) against the Republic of Poland lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Polish national, Ms M. T. (“the applicant”), on 4 July 2002.
2. The applicant, who had been granted legal aid, was represented by Mr M. B., a lawyer practising in Rzeszow. The Polish Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr M. Wołąsiewicz of the Ministry of Foreign Affairs.
3. The applicant alleged that her right to the peaceful enjoyment of her property had been breached since the land which she owned had been designated for expropriation at some undetermined future date and her efforts to obtain compensation for the restrictions resulting from it had failed.
4. The applicant and the Government each filed further written observations (Rule 9 § 1).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. The applicant was born in 1930 and lives in Sanok. She owns a plot of land with a house where she lives with her son and his family. The application relates to plot no. 1681 (at present 1444/3).
1. Facts prior to 10 October 1994
6. In the 1970s a general land development plan for the municipality of Sanok was adopted. The applicant's property, which was at that time owned by her relatives, was designated for public purposes.
7. On 28 May 1977, acting under the Act of 1958 on Rules and Procedures of Expropriation of Real Estate (ustawa o zasadach i trybie wywłaszczania nieruchomości), the Governor of Krosno (Wojewoda Krośnieński) decided to enter a notice about the institution of expropriation proceedings in respect of the property in the land and mortgage register kept by the local Public Notary Office.
8. An official expropriation decision was never issued. However, experts appointed by the Governor subsequently conducted numerous visits to estimate the property's value with the purpose of assessing the compensation payable for the future expropriation.
9. The applicant submitted that she had been informed several times by the Town Office that in view of the expropriation an earlier purchase of her property by the municipality was possible and that she and her family would be entitled to obtain new apartments and compensation.
10. The applicant carried out minor necessary repairs, but as the house had been built in 1934, it required general renovation. She submitted that in the late 1970s she had been told by a local official that she would not receive permission for a general renovation of the house because of the expropriation notice in the land register. The Government contest this submission.
11. In February and November 1979 the Public Roads Maintenance District Authority (Rejon Eksploatacji Dróg Publicznych), a State-owned enterprise, carried out some demolition works on the property concerned. The applicant was neither requested to give her assent to them nor informed of them beforehand. The works involved cutting down trees and shrubs in her garden and extensive excavations. As a result of these works the applicant's garden was destroyed, her garage collapsed, apparently in March 1981, and water accumulating in ditches penetrated into the cellar. The works were suddenly interrupted without reason. The applicant was paid compensation for plants and fruit which had been destroyed.
12. Upon the applicant's protests she had been repeatedly reassured by the authorities that the land would soon be expropriated and she would receive appropriate compensation. At the same time, extensive construction works had continued on the neighbouring properties, which had already been expropriated.
13. In March 1981 the applicant informed the Town Office that as a result of the works water had been gathering on the land and endangering the stability of the house. In May 1981 the Town Office informed the applicant that her land would be bought out after the relevant estimates had been drawn up. On an unspecified later date in the 1980s the applicant obtained compensation for the fact that following the works she could not use her land as a garden for several years.
14. During the 1980s and 1990s the applicant repeatedly applied to the Town Office demanding that her land be restored to its previous condition or that it be purchased and new accommodation granted to her, but to no avail.
15. On 4 February 1987 she complained to the Krosno Governor. She pointed out that her plot of land had been designated for expropriation, but that no construction works in connection with the viaduct had started and that she had not been served with any expropriation decision. She reiterated that the property had sustained serious damage and the authorities had refused her requests for it to be redressed until the actual expropriation had been carried out.
16. By a decision of 15 June 1989 the Sanok District Court declared that the applicant had acquired ownership of plot no. 1681 by acquisitive prescription as of 1 January 1977. On 12 March 1990 a land and mortgage entry for that plot was established in the applicant's name. A notice about the expropriation proceedings was put in the relevant part of the entry.
17. In 1992 the applicant divided plot no. 1681 into two smaller plots (nos. 1681/1 and 1681/2). Subsequently, on 25 November 1992 the applicant sold plot no. 1681/1 (at present no. 1444/1) to a third party.
2. Facts after 10 October 1994
18. On 16 February 1995 the applicant requested the Sanok Town Office to take the relevant steps in order to have the expropriation warning concerning plot no. 1681/2 deleted from the land register, submitting that the warning had become groundless. On 16 February 1995 the Town Office lodged the necessary application with the land registry, indicating that the expropriation plans had been abandoned on an unspecified date. On 23 February 1995 the District Court complied with the request.
19. On an unspecified later date the plot was divided into two smaller plots and as a result, a third plot, no. 1681/3, was created. On 15 March 1995 the applicant sold it.
20. On 25 August 1998 the applicant asked the Krosno Governor to clarify the situation of her property and for compensation in connection with the expropriation. The matter was transferred to the Sanok Mayor. On 9 October 1998 the Town Office informed her that the new local development plan was being drafted. The plan would determine in detail the outline of communication routes in the city and as a result also the advisability of buying out her real estate. The Office reminded her that until expropriation it was the owner who was obliged to maintain his house appropriately. Bearing in mind, however, the restrictions on general renovations the Office would consider the possibility of providing the applicant with another flat as a settlement with her.
21. On 7 January 1999 the applicant again applied to the Sanok Town Office for compensation. She mentioned on that occasion that she had obtained compensation, in an unspecified amount, for several years when she could not use the land as a result of damage caused by works carried out in 1979.
22. By a letter of 26 February 1999 the applicant was informed by the local authorities that they did not envisage using her plot of land for public purposes.
3. Compensation proceedings
23. On 10 May 1999 the applicant instituted civil proceedings against the State Treasury represented by the Sanok District Office (UrzÄ…d Rejonowy) in respect of non-compensated pecuniary damage she had sustained as a result of expropriation proceedings having been instituted in respect of plot no. 1681/2. On 7 June 1999 the applicant was exempted from court fees and a legal-aid lawyer was later appointed to represent her.
24. On 29 September 1999 the Mayor of Sanok District (Starosta Powiatowy) replied to a summons sent by the court to the Chief of the District Office (UrzÄ…d Rejonowy) and explained that as a result of the reform of the local administration the appointment of heads of district offices had ceased as of 31 December 1998. Until that date the heads of district offices had been competent to represent the State Treasury in matters concerning the management of its properties.
25. On 29 September 1999 a hearing was held. The defendant failed to attend it. In connection with the Mayor of Sanok District's letter the applicant was requested to determine the legal entity against which she directed her statement of claim.
26. In reply, on 19 November 1999 the applicant's lawyer indicated the Podkarpackie Governor as representing the defendant State Treasury. He also specified the applicant's claim, indicating that she demanded compensation for the physical damage to her house resulting from the planned expropriation which had been caused by the fact that she had had to abstain from carrying out major renovation works and by the changes in the land configuration caused by the works carried out in 1979.
27. On 17 January 2000 the Podkarpackie Governor replied to the statement of claim, arguing that he could not act as a defendant in the proceedings. According to Article 11 of the Land Management Act of 21 August 1997, it was the Head of District (starosta powiatowy) who should represent the State Treasury in matters relating to expropriations, given that expropriations belonged to the so-called “commissioned tasks” of the Government administration (zadanie z zakresu administracji rządowej). Until 31 December 1998 the State Treasury had been represented in such cases by heads of district offices. From the statement of claim it could be assumed that the expropriation had to be effected upon the Sanok community's motion. The plaintiff had, however, failed to submit any documents to confirm the statements included in her action. It should therefore be rejected in respect of the Podkarpackie Governor.
28. At a hearing held on 27 January 2000 the applicant's lawyer maintained his opinion that the action should be pursued against the Podkarpackie Governor as he was the successor of the Rzeszów Governor who had issued the first decision in the applicant's case in 1977.
On 18 June 2001 an expert opinion was submitted, assessing the physical damage to the applicant's house and garage at 22,976 Polish zlotys (PLN) and the value of construction materials which the applicant had bought for the purposes of general renovation but had not used at PLN 5,859. On an unspecified later date the applicant limited her claim to the damage suffered as a result of the 1979 construction works, the deterioration of the buildings and the waste of building materials.
29. On 28 November 2001 the Krosno Regional Court awarded the applicant compensation amounting to 28,835 PLN. That amount covered both the physical damage to the house and the cost of the building materials referred to above. The court found that there had been an obvious causal link between the expropriation proceedings instituted in the past in respect of the applicant's property on the one hand, and, on the other, the works carried out in 1979 by a State-owned enterprise and the ensuing damage to the applicant's house. It also noted that because of the pending expropriation proceedings she could not use the building materials she had purchased for the general renovation. It therefore found the compensation claim against the Podkarpacki Governor, acting as the legal successor of the former Krosno Governor, justified.
30. The Governor appealed, arguing that he did not have standing in the proceedings, given that following the two major administrative reforms, in 1990 and 1998, it was the Mayor of Sanok District who was competent to represent the State Treasury in such matters.
31. By a judgment of 21 February 2002 the Rzeszów Court of Appeal allowed the appeal under the applicable legislation and dismissed the applicant's claims. The court first noted that under the applicable land-planning legislation the mere fact that the applicant's property had been designated for future expropriation and that certain restrictions on the use of property had resulted from it did not entitle her to any compensation as the applicable laws clearly excluded such entitlements. Nonetheless, the applicant had in the past received compensation, in an unspecified amount, for certain damage caused to her property after the expropriation proceedings had been instituted. As to the claim concerning the value of the building materials, the court was of the view that it had not been shown that any official decision or information preventing her from renovating the house had been given or communicated to the applicant.
32. As for the physical damage to the house and garage, the court stated that the applicant had not established the responsibility of the defendant State Treasury for it. According to the court, it was essential to establish which administrative entity was originally to benefit from the property's expropriation and which public authority had ordered the works carried out on the applicant's plot. It fell to the applicant to establish the legal and factual elements of the case decisive for the determination whether it was the State Treasury or the local municipality which should have been sued in the case. As the applicant had failed to show any legal basis for the responsibility of the State Treasury, the claim should be dismissed.
33. The applicant did not lodge a cassation appeal as her legal-aid lawyer refused to prepare and lodge it with the Supreme Court.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
A. Changes in land planning legislation
34. On 31 January 1961 Parliament (Sejm) enacted the Local Planning Act 1961 (ustawa o planowaniu przestrzennym). It was subsequently replaced by the Local Planning Act of 12 July 1984 (ustawa o planowaniu przestrzennym).
35. On 7 July 1994 a new Local Planning Act (ustawa o zagospodarowaniu przestrzennym) was enacted. It entered into force on 1 January 1995.
36. On 21 December 2001 Parliament passed a law amending the Local Planning Act 1994.
37. On 27 March 2003 a new Local Planning Act (ustawa o planowaniu i zagospodarowaniu przestrzennym) was enacted which repealed the 1994 Act.
B. Relevant provisions of the land expropriation legislation
38. From 1958 until 1984 the criteria and procedure applicable with regard to expropriation of individual properties were set out in the Act On Rules and Procedures For Expropriation of Real Estate 1958 (ustawa o zasadach i trybie wywłaszczania nieruchomości).
39. From 29 April 1985 to 1 January 1998 the rules governing the administration of land held by the State Treasury and municipalities were laid down in the Land Administration and Expropriation Act of 29 April 1985 (ustawa o gospodarce gruntami i wywłaszczaniu nieruchomości - the “1985 Land Administration Act”).
40. Article 50 of this Act provided that properties could be expropriated only for the benefit of the State or a municipality.
41. Pursuant to Article 53 (1) of the Act, a decision on expropriation had to include in particular:
“(1) an indication of the property to be expropriated, ...
(3) an indication of the party upon whose initiative the property is being expropriated,
(4) an assessment of the amount of compensation,
(5) identification of the persons (name, surname and address) entitled to compensation,
(6) detailed factual and legal grounds,
(7) instructions on appeal procedures.”
42. Under Article 55 of the Act, expropriation was to be carried out against payment of compensation. The payment was to be made within fourteen days from the date on which a decision to expropriate had become final.
43. On 1 January 1998 the 1985 Land Administration Act was repealed and the Land Administration Act of 21 August 1997 (Ustawa o gospodarce nieruchomościami – “the 1997 Land Administration Act”) was adopted, containing similar provisions on expropriation and compensation.
C. Compensation entitlements of owners to be expropriated in the future
44. Neither under the 1961 nor under 1984 Local Planning Acts (see paragraph 34 above) were owners of properties to be expropriated in the future entitled to any form of compensation for damage resulting from restrictions on the use of their property and the reduction in its value originating in expropriations to be carried out at a future undetermined point in time.
45. Section 36 of the Local Planning Act enacted in 1994 created for local authorities a number of obligations towards owners whose properties were to be expropriated at an undetermined future date under land development plans adopted by competent municipal authorities. The municipalities were obliged either to buy plots designated for future expropriation under local land development plans, or to replace those plots by other plots within six months from the date on which a relevant request was submitted by the owner, or to award compensation for damage caused by the fact that the plot was designated for future expropriation.
46. However, this obligation and the corresponding claims of the owners applied only to plans adopted after the Act had entered into force, that is to say, to plans adopted by local municipalities after 1 January 1995.
47. Pursuant to the 1994 Act, plans adopted before the date of its entry into force were to expire on 31 December 1999.
48. In 1999 an amendment to the 1994 Act was adopted under which the validity of such plans was extended for a further two years, namely until 31 December 2001.
On 21 December 2001 Parliament passed a law amending the Local Planning Act 1994 which extended until the end of 2002 the validity of the land development plans adopted before 1 January 1995.
49. Under section 87 of the 2003 Act (see paragraph 37 above), all local plans adopted before 1 January 1995 remained valid, but not beyond 31 December 2003.
50. Compensation entitlements for owners, provided for by the 1994 Act (see paragraph 45 above), were in essence maintained by the 2003 Act. Pursuant to section 36 of that Act, when, following adoption of a new local land development plan, the use of property in the manner provided for by a previous plan has become impossible or has been restricted, it is open to the owner to claim compensation from the municipality, or to request the municipality to buy the plot. Any litigation which may arise in this respect between municipalities and owners can be pursued before the civil courts.
D. Management of publicly owned property
51. Before 1990 ownership of publicly-owned property was essentially assigned to the State Treasury.
52. The Local Government (Introductory Provisions) Act of 10 May 1990 (Przepisy wprowadzające ustawę o samorządzie terytorialnym i ustawę o pracownikach samorządowych – “the 1990 Act”), which came into force on 27 May 1990, and other related statutes enacted at that time, re-established local government and municipalities and transferred to them powers that had previously been exercised solely by the local State administration. Pursuant to section 5(1), ownership of land which had previously been held by the State Treasury and which had been within the administrative territory of municipalities at the relevant time was transferred to the municipality.
53. Section 36 § 3 (3) of the Act provides, as far as relevant:
“The State Treasury takes over:
3) obligations and receivables of local bodies of state administration (...) resulting from final and binding court rulings and administrative decisions delivered before 27 May 1990 (...).”
E. Resolution and judgments of the Supreme Administrative Court and the Supreme Court concerning the legal capacity to be sued in cases concerning civil liability of the State
54. In 1970 the Supreme Court held that in cases where it was obvious from a statement of claim which organisational entity should represent the State Treasury in the proceedings, the court should not reject it even if a plaintiff had wrongly indicated the entity; it was obliged to serve the statement of claim on the appropriate entity (decision of 17 December 1970, I PZ 78/70.)
55. Section 36 § 3 (3) of the 1990 Act, introducing the first stage of the reform of local administration (see paragraph 52 above) raised doubts as to which legal entity was liable for damages in connection with an unlawful administrative decision issued by the State before the administrative reform. The problem was subject to divergent judicial interpretation.
56. On 7 January 1998 the Supreme Court delivered a judgment (II CKN 550/97) in which it concluded that the municipality should be sued for compensation for damage caused by an administrative decision delivered before 27 May 1990.
57. On 1 August 2008 the Supreme Court held that when a plaintiff erred in the statement of claim by indicating the wrong organisational entity of the State Treasury, that shortcoming should be regarded as relating to the representation of the defendant and rectified accordingly; the court was obliged to ensure of its own motion that the appropriate organisational entity was summoned to act in the proceedings (II CK, 90/02).
58. On 16 November 2004 a panel of three judges of the Supreme Court, adopted a resolution (no. III CZP 64/04), finding that the municipality – and not the State Treasury – had the legal capacity to be sued for damages in connection with an administrative decision issued before 27 May 1990, provided that the decision had been annulled or declared unlawful after that date.
59. In a resolution of 7 December 2006 (no. III CZP 99/06), adopted by a panel of seven judges, the Supreme Court concluded that the State Treasury had the capacity to be sued for damages arising from an administrative decision delivered before 27 May 1990, even if the decision had been annulled or declared null and void after that date. The resolution was adopted following the referral of a legal question to the Supreme Court by another court of appeal which had a similar case before it.
60. The Supreme Court maintained this position in several subsequent judgments.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1 TO THE CONVENTION
61. The applicant alleged that her right to the peaceful enjoyment of her possessions had been breached. She referred to Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, which reads:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
1. Incompatibility ratione temporis with the provisions of the Convention
62. The Government submitted that the alleged violation of the applicant's rights had originated in the 1977 decision to institute expropriation proceedings concerning her property. The works referred to in her application had been carried out in 1979. The application was therefore incompatible ratione temporis with the provisions of the Convention because the alleged violation had taken place before 10 October 1994, the date on which Poland ratified Protocol No. 1 to the Convention.
63. The applicant disagreed. She argued that in the context of a continuing violation of her right to the peaceful enjoyment of her possessions the events that had taken place before the date of ratification should be taken into account as a relevant background for the assessment of the facts of the case. In her case the 1977 decision announcing the future expropriation had been the root cause of all the subsequent developments. Moreover, in her case most of the facts which should be regarded as giving rise to further breaches of her right guaranteed by Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention had occurred after 10 October 1994.
64. The Court observes that its jurisdiction ratione temporis covers only the period after the date of ratification of the Convention or its Protocols by the respondent State. From the ratification date onwards, all the State's alleged acts and omissions must conform to the Convention or its Protocols and subsequent facts fall within the Court's jurisdiction even where they are merely extensions of an already existing situation (see, for example, Almeida Garrett, Mascarenhas Falcão and Others v. Portugal, nos. 29813/96 and 30229/96, § 43, ECHR 2000-I). Accordingly, the Court is competent to examine the facts of the present case for their compatibility with the Convention only in so far as they occurred after 10 October 1994, the date of ratification of Protocol No. 1 by Poland. It may, however, have regard to the facts prior to ratification inasmuch as they could be considered to have created a situation extending beyond that date or may be relevant for the understanding of facts occurring after that date (see Hutten-Czapska v. Poland [GC], no. 35014/97, §§ 147-153, ECHR 2006-...).
65. The Court further observes that the applicant's complaint is not directed against a single measure or decision taken before, or even after, 10 October 1994. It rather refers to various events, occurring both before and after that date, which originated in the decision given in 1977. In this connection, the Court notes that it has already examined the scope of its temporal jurisdiction in the context of cases against Poland, concerning various restrictions on the effective enjoyment of rights of owners whose properties were to be expropriated at an undetermined future date. It found that it had jurisdiction to examine these cases in so far as they related to circumstances which originated in measures envisaging future expropriations, given before 10 October 1994, which subsequently had an impact on the applicants' ownership after that date (see Rosiński v. Poland, no. 17373/02, § 42-43, 17 July 2007, and Skrzyński v. Poland, no. 38672/02, § 45, 6 September 2007). The Court finds no grounds on which to reach a different conclusion in the present case.
66. The Government's plea of inadmissibility on the ground of lack of jurisdiction ratione temporis must accordingly be rejected.
2. Incompatibility ratione materiae with the provisions of the Convention
67. The Government referred to the decision given on 28 May 1977 and emphasised that it had not entailed expropriation of the applicant's property. The mere fact that proceedings had been instituted with a view to a future expropriation could not be interpreted as giving rise to the right to actually be expropriated. Neither the Convention nor its protocols guaranteed such a right. To sum up, the applicant had had no legitimate expectation either under Polish law or under the Convention that her property would indeed be expropriated. Her application was incompatible ratione materiae with the provisions of the Convention.
68. The applicant disagreed. She submitted that the thrust of her application had not been about a right to be expropriated, but about the set of various coercive measures taken as a result of the decision given in 1977. These measures, seen as a whole, had seriously restricted her effective enjoyment of her property rights.
69. The Court must have regard to the fact that the Convention is intended to guarantee rights that are practical and effective. It must go beneath appearances and look into the reality of the situation, which requires an overall examination of the various interests in issue (see, for example, Lithgow and Others v. the United Kingdom, judgment of 8 July 1986, Series A no. 102, pp. 50-51, §§ 120-121) and the impact of the State's actions or its failure to act on the applicant's situation. It further reiterates that it is not excluded that a refusal to expropriate might entail such restrictions on the effective enjoyment of one's possessions as to make them fall within the ambit of Article 1 of Protocol No. 1. It has, for example, found a violation of Article 1 of Protocol No. 1 in a case where the applicants remained the lawful owners of the properties concerned, but the refusal to expropriate them in return for compensation was considered in the circumstances to have imposed a serious burden on them (Bugajny and Others v. Poland, no. 22531/05, §§ 57-61, 6 November 2007).
70. The Court further observes that the essence of the applicant's complaint relates to a set of restrictions affecting the exercise of her ownership, with particular emphasis on issues concerning compensation claims arising in connection with the planned expropriation, rather than to a mere refusal to expropriate the property.
71. It therefore rejects the Government's objection.
3. Exhaustion of domestic remedies
72. The Government further argued that the applicant should have lodged a civil action with a civil court, claiming damages against either the State Treasury or the municipality for the interference with her right to the peaceful enjoyment of her possessions.
73. The applicant submitted that her various efforts to alleviate the negative impact which the planned expropriation had had on her property over the years had failed. The administrative authorities had given contradictory and hesitant answers to her requests to clarify her situation and provide compensation. Ultimately, her compensation claim had also been unsuccessful.
74. The Court considers that this objection is closely linked to the substance of the applicant's complaint and that its examination should therefore be joined to the merits.
4. Conclusion as to the admissibility
75. The Court notes that the application is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. The parties' submissions
76. The Government first submitted that it was extremely difficult to establish the circumstances of the case with respect to the part of the application which concerned facts which had occurred almost thirty years before. The documents had not been preserved in the official files and were incomplete. It was not possible to ascertain the legal basis on which the work on the applicant's land had been carried out in 1979. It could not even be ruled out that the work had not been linked to the decision to expropriate the applicant's property.
77. They further argued that the 1977 decision had not amounted to actual expropriation. No measures had ever been applied by the authorities in respect of the building materials lost by the applicant. On no occasion had the applicant officially applied for a permit to carry out general renovation works and the authorities had never prevented her from doing so. The notice in the land register about the pending expropriation had not amounted to a prohibition in this respect. The applicant had been free to spend what was necessary to maintain her property in good technical condition. The final judgment of the Rzeszów Court of Appeal of 21 February 2002 had found no causal link between the expropriation warning in the land register and any alleged damage to the house.
78. In any event, the applicant had obtained a judicial confirmation of her status as owner of the plot only on 15 June 1989. Before that date she could not reasonably claim to have been affected by any measures related to that land.
79. The Government concluded that there had been no interference with the applicant's right to the peaceful enjoyment of her property.
80. They further submitted that in the absence of any interference it was only out of prudence that they had made further observations.
81. As to the damage to the applicant's property and to the house occasioned by the works carried out in 1979, this could not be held against the authorities. The damage had been caused by the actions of the enterprise carrying out the works.
82. The warning of the pending expropriation made in the land register had been aimed at protecting the interests of third parties. The applicant had not suffered any disadvantage as a result thereof. In any event, the applicant had been able to sell two parts of the plot concerned. Moreover, the notice had only been in force for four and a half months after the entry into force of Protocol No. 1 in respect of Poland. The applicant had requested the notice to be deleted only on 16 February 1995 although nothing had prevented her from doing so at an earlier date. After 23 February 1995 when the notice was deleted the applicant had not suffered any disadvantage caused by the previously planned expropriation.
83. The applicant argued that the decision to expropriate had been taken without any procedural guarantees to safeguard her interests in the relevant proceedings. Works conducted on her land in 1979 and subsequently abandoned had caused serious damage to the property. The warning notice in the land register had deterred potential buyers. The house had been built in 1934 and was in need of extensive renovation. Given that her property would eventually be expropriated, the applicant was disinclined to spend money on improving it. The fact that estimates of the value of the property had been drawn up was another reason why she had been disinclined to undertake a major renovation, as its costs would not have been taken into account by the authorities when assessing the amount of compensation due.
84. She further submitted that her status as the owner of the property had been confirmed by the decision given in 1989 declaring that she had acquired ownership by way of acquisitive prescription as of 1 January 1977. There had therefore been no grounds for not regarding her as the rightful owner.
85. The applicant argued that until 23 February 1995 the authorities had never given any decision stating that the expropriation plans adopted in 1997 had been abandoned. The matter of compensation for the inconvenience and damage which she had suffered had never been properly addressed by the authorities.
86. The applicant complained that as a result of shortcomings in the legal framework she had been deprived of compensation for damage suffered. The appellate court had dismissed her claim, overturning the first-instance judgment which had granted her claims in full, and relying on reasoning which was inconsistent. That court had admitted that physical damage to the house and property constituted a legitimate basis for a compensation claim. However, it shifted the responsibility to a public body different from the one which the applicant had sued. This approach was inconsistent with the principle iura novit curia and incompatible with the case-law of the Supreme Court regarding the courts' obligations to identify the public authorities liable for claims against the State Treasury. It was for the court to establish which public entity had inherited the obligations of the former State Treasury. The applicant had thereby been tricked by the State and had obtained no legal protection for her compensation claims.
2. General principles
87. The Court reiterates that Article 1 of Protocol No. 1 contains three distinct rules. They have been described thus (in James and Others v. the United Kingdom, judgment of 21 February 1986, Series A no. 98, pp. 29-30, § 37; see also, among many other authorities, Belvedere Alberghiera S.r.l. v. Italy, no. 31524/96, § 51, ECHR 2000-VI):
“The first rule, set out in the first sentence of the first paragraph, is of a general nature and enunciates the principle of the peaceful enjoyment of property; the second rule, contained in the second sentence of the first paragraph, covers deprivation of possessions and subjects it to certain conditions; the third rule, stated in the second paragraph, recognises that the Contracting States are entitled, amongst other things, to control the use of property in accordance with the general interest ... The three rules are not, however, 'distinct' in the sense of being unconnected. The second and third rules are concerned with particular instances of interference with the right to peaceful enjoyment of property and should therefore be construed in the light of the general principle enunciated in the first rule.”
3. The Court's assessment
88. The Court first notes that the application concerned a widespread problem originating in legislation regulating owners' rights in cases of future expropriation to be carried out at some undetermined point in time. This aspect of the application related to the impact which the future and uncertain expropriation had on the peaceful enjoyment of her ownership. The Court must first determine the duration of the restrictions complained of.
89. The Court observes that in this case the situation lasted from at least 1989, when the applicant's ownership of the land was confirmed by a declaratory judicial decision that she had acquired ownership by way of acquisitive prescription. However, having regard to the Court's temporal jurisdiction (see paragraphs 62-66 above), it finds that the applicant was affected by the measures complained of only from 10 October 1994 when Poland ratified Protocol No. 1 to the Convention. It further notes that on 23 February 1995 the expropriation warning was deleted from the land register as the expropriation plans arising out of the land development plan adopted on an unspecified date in the 1970s (see paragraph 6 above) had been abandoned. The Town Office acknowledged, by lodging its application with the land registry to have the warning deleted, that the expropriation plan had indeed been cancelled (see paragraph 18 above). Furthermore, the Court notes that the applicant has not argued that after that date her property was affected by the threat of future expropriation. The Court therefore accepts that the measures complained of ceased to have an impact on the effective exercise of the applicant's ownership on 23 February 1995.
90. The Court is further of the view that the measures complained of cannot be regarded as “control” of the use of property. Accordingly, the interference falls to be examined under the first sentence of Article 1 of Protocol No. 1 (see, e.g., Skibińscy v. Poland, no. 52589/99, 14 November 2006; Skrzyński v. Poland, no. 38672/02, 6 September 2007; Buczkiewicz v. Poland, no. 10446/03, 26 February 2008; and Pietrzak v. Poland, no. 38185/02, 8 January 2008).
91. As to its compliance with the requirements of that provision, it is not in dispute between the parties that the interference complained of was “provided for by law” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
92. Under that provision, any interference with a right of property can only be justified if it serves a legitimate public (or general) interest. The Court reiterates that, because of their direct knowledge of their society and its needs, the national authorities are in principle better placed than the international judge to decide what is “in the public interest”. Under the system of protection established by the Convention, it is thus for the national authorities to make the initial assessment as to the existence of a problem of public concern warranting measures interfering with the peaceful enjoyment of possessions (see Terazzi S.r.l. v. Italy, no. 27265/95, § 85, 17 October 2002, and Elia S.r.l. v. Italy, no. 37710/97, § 77, ECHR 2001-IX).
93. In the present case the Court accepts that the measures complained of pursued the legitimate aim of securing land in connection with the implementation of a local road network. This corresponds to the general interest of the community (see, mutatis mutandis, Cooperativa La Laurentina v. Italy, no. 23529/94, § 94, 2 August 2001; Bahia Nova S.A. (dec.), no. 50924/99, 12 December 2000; and Chapman v. the United Kingdom, no. 27238/95, § 82, ECHR 2001-I).
94. The Court must next examine whether the interference with the applicant's right to the peaceful enjoyment of her possessions struck the requisite fair balance between the demands of the general interest of the public and the requirements of the protection of the individual's fundamental rights, or whether it imposed a disproportionate and excessive burden on the applicant (see, among many other authorities, Jahn and Others v. Germany [GC], nos. 46720/99, 72203/01 and 72552/01, § 93, ECHR 2005-VI). In the area of land development and town planning, the Contracting States should enjoy a wide margin of appreciation in order to implement their policies (see Terazzi S.r.l., and Elia S.r.l., cited above). Nevertheless, in the exercise of its power of review, the Court must determine whether the requisite balance was maintained in a manner consonant with the applicant's right to property (see, mutatis mutandis, Sporrong and Lönnroth v. Sweden, 23 September 1982, § 69, Series A no. 52).
95. In that connection, the Court first observes that in 1977 the municipality instituted proceedings concerning the property in question which was designated for future expropriation with a view to the construction of a ring road and a viaduct. However, there was no timeframe for the plan's implementation. As a result, the applicant was threatened with expropriation at an undetermined point in time.
96. The Court further observes that no entitlement to compensation for owners who were to be expropriated in the future was provided under the planning legislation, which was in force until 31 December 1994 (see paragraph 44 above).
97. Likewise, neither before 1 January 1995 nor after that date was the applicant entitled to obtain from the expropriating public authority a plot of land to replace the one designated for expropriation. Nor did she have an enforceable claim against the municipality to oblige it to acquire her property before the planned expropriation. The possibility of providing the applicant with a flat by way of a settlement, referred to in the letter which the applicant received on 9 October 1998, never materialised and, in any event, was unenforceable in court.
98. The Court is aware that the provisions of the 1994 Act introduced certain compensatory provisions which had not previously existed (see paragraph 45 above). However, the Court cannot overlook the fact that, although the legislature introduced compensatory provisions into the law, at the same time it excluded their application in respect of any plans adopted before 1 January 1995. In any event, it has not been argued or shown that the applicant could benefit from these specific entitlements.
99. The Court is well aware that the problems arising from the enactment of a comprehensive legal framework in the area of urban planning constitute part of the process of transition from a socialist legal order and its property regime to one compatible with the rule of law and the market economy – a process which, by the very nature of things, is fraught with difficulties. However, these difficulties and the enormity of the tasks facing legislators having to deal with all the complex issues involved in such a transition do not exempt the Contracting States from the obligations stemming from the Convention or its Protocols (see Schirmer v. Poland, no. 68880/01, 21 September 2004, § 38).
100. The Court has repeatedly held that although the legal situation, under the successive land planning laws, of so-called “frozen” plots of land to be expropriated in the future, taken as a whole, left intact the applicants' right to continue to use and dispose of their possessions, it nevertheless in practice, and in the absence of any entitlement to compensation, significantly reduced the effective exercise of that right and amounted to interferences with the right to the peaceful enjoyment of one's possessions, in particular because of the absence of adequate compensation mechanisms (see, e.g., Skibińscy v. Poland, cited above; Skrzyński v. Poland, cited above; Buczkiewicz v. Poland, cited above; Rosiński v. Poland, cited above, and Pietrzak v. Poland, cited above).
101. The Court is therefore of the view, taking into account the circumstances concerning this limb of the applicant's complaint, seen as a whole, that this state of affairs disclosed a lack of sufficient diligence in weighing her interests against the planning needs of the municipality. That conclusion is of itself sufficient to find a breach of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
102. That being said, the Court considers that it is appropriate also to address the applicant's complaint concerning the failure of her efforts to obtain compensation for certain other categories of damage. In this connection, the Court observes that in 1979 construction works were carried out by a State-owned enterprise on her property for the purposes of the future construction of a ring-road and viaduct, on the assumption that the property would be expropriated. The works were subsequently abandoned. It was not contested, either before the domestic authorities or before the Court, that there was a causal link between the decision to expropriate the applicant and the works subsequently carried out on her land. Moreover, it has never been in dispute that the works changed the configuration of her land in a durable manner, leading to what the applicant perceived as a significant technical deterioration of the house and garage adjacent to it. The applicant tried to minimise the damage by bringing, in 1999, a claim in tort against the State Treasury in respect of relevant pecuniary damage.
103. In this context, the Court reiterates that the genuine, effective exercise of the right protected by Article 1 of Protocol No. 1 does not depend merely on the State's duty not to interfere, but may give rise to positive obligations (see Öneryıldız v. Turkey [GC], no. 48939/99, § 134, ECHR 2004-XII; Broniowski v. Poland [GC], no. 31443/96, § 143, ECHR 2004-V; and Blumberga v. Latvia, no. 70930/01, § 65, 14 October 2008). Such positive obligations may entail the taking of measures necessary to protect the right to property. This means, in particular, that States are under an obligation to provide a judicial mechanism for settling effectively property disputes and to ensure compliance of those mechanisms with the procedural and material safeguards enshrined in the Convention. This principle applies with all the more force when it is the State itself which is in dispute with an individual. Accordingly, serious deficiencies in the handling of such disputes may raise an issue under Article 1 of Protocol No. 1. Where an issue in the general interest is at stake it is incumbent on the public authorities to act in good time, in an appropriate manner and with the utmost consistency. It should also be stressed that uncertainty – be it legislative, administrative or arising from practices applied by the authorities – is an important factor to be taken into account in assessing the State's conduct (see Broniowski, cited above, § 151).
104. The Court observes that the first-instance court allowed the applicant's claim in full, having regard to the opinion of the expert who had estimated the damage caused by the works to the property. However, ultimately the appellate court quashed that judgment and dismissed it. The Court is of the view that the finding of fact made by the first-instance court indicates that the applicant could claim that she had suffered damage as a result of the works. In addition, the Court notes that the existence of that damage was not contested by the Court of Appeal in its judgment.
Nonetheless, the applicant's claim for damages ultimately failed because, in the view of that court, the applicant had erred by identifying the wrong defendant.
105. The Court notes that the facts which had given rise to the applicant's claim, namely the deep excavations carried out on the applicant's land by the State-owned enterprise, occurred in 1979. It notes the Government's submission that it was extremely difficult for them to establish the circumstances of the case with respect to this part of the application since it concerned facts which had occurred almost thirty years before (see paragraph 76 above). Having regard to the difficulties which the Government encountered trying to establish the facts of the case for the purposes of the proceedings before the Court, the Court is of the view that the applicant could not reasonably be expected to establish who had authorised the State-owned enterprise to start the works on her land, and when. Such an obligation can be said, after thirty years and, in addition, after the dissolution or privatisation of State-owned companies, to be nearly impossible for the applicant to comply with.
106. The Court further observes that the appellate court shifted to the applicant the legal burden of determining who – the State Treasury or the local municipality – should have been sued in the case. In this context, the Court notes that major administrative reforms were implemented in Poland during the 1990s. As a result, in cases concerning civil liability of public authorities the courts have been required to determine the authority responsible for taking over the competencies of authorities which had ceased to exist. The interpretation of the provisions of the relevant laws introducing the administrative reforms has constantly changed, which has led to contradictory judicial rulings by different domestic courts on the same legal question (see paragraphs 56-60 above). As a result, the case-law at the domestic level, including Supreme Court judgments and resolutions, has often been contradictory. The divergences which arose in the case-law were acknowledged by the Supreme Court in its resolution adopted by a bench of three judges (see paragraph 58 above). Hence, the question of liability for damages in connection with acts of public authorities carried out in the past was by no means clear at the time the applicant's claim was examined and the divergences in the case-law continued thereafter for several years.
107. Divergences in case-law are an inherent consequence of any judicial system which is based on a network of trial and appeal courts with authority over the area of their territorial jurisdiction, and the role of a supreme court is precisely to resolve conflicts between decisions of the courts below (see Zielinski and Pradal and Gonzalez and Others v. France [GC], nos. 24846/94 and 34165/96 to 34173/96, § 59, ECHR 1999-VII). In the instant case, however, even the Supreme Court did not have uniform case-law on the legal questions in issue until as late as 2006.
108. The Court does not deny the complexity of the problems with which the courts were faced as a result of the fundamental changes in the competencies of all the various authorities at the local and State administrative levels. It considers, however, that shifting the duty of identifying the competent authority to be sued to the applicant and depriving her of compensation on this basis was a disproportionate requirement and failed to strike a fair balance between the public interest and the applicant's rights.
109. In the Court's view, when it is likely that a public entity is liable for damages, the State's positive obligation to facilitate identification of the correct defendant is all the more important (Sierpiński v. Poland, no. 38016/07, §§ 72-80, 3 November 2009, and Plechanow v. Poland, no. 22279/04, §§ 103-110, 7 July 2009). This approach has also been taken by the Polish Supreme Court in some of its decisions (see paragraphs 54 and 57 above).
The Court attaches importance to the fact that the applicant's efforts to secure compensation seem to have been thwarted by the cumulative effects of the passage of time, the successive administrative reforms, the inconsistency of the case-law regarding the taking over of the civil liability of the State Treasury and the lack of legal certainty and coherence in this respect. As a result, not only did she not have a right to compensation for restrictions flowing from the proceedings instituted with a view to the future expropriation, which was, in the Court's view and in the light of its established case-law, sufficient by itself for finding a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention (see paragraph 44 above), but also her efforts to obtain compensation in tort for the long-term effects of the undisputed physical damage caused to her property by a State-owned enterprise in the context of the planned expropriation were frustrated.
110. Having regard to the circumstances of the case seen as a whole, the Court is of the view that the fair balance between the demands of the public interest and the need to protect the applicant's rights was upset (see, Skibińscy, cited above, § 97; Skrzyński, cited above, § 91; Rosiński, cited above, § 88 and Plechanow, cited above, §§ 108-111). Consequently, the applicant was required to bear an excessive individual burden (see Skibińscy, cited above, § 97).
111. There has accordingly been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention and the Government's objection based on non-exhaustion of domestic remedies (see paragraphs 72–74 above) must accordingly be rejected.
II. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
112. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Pecuniary damage
113. The applicant sought compensation in the amount of PLN 28,835. She stated that this amount represented the value of her compensation claim dismissed by the Rzeszów Court of Appeal. She referred to the estimate made by an expert for the purposes of quantifying the value of her claim in the civil proceedings and submitted to the Court. This amount was broken down as follows:
(i) PLN 20,003 in respect of the decrease in value of the building caused by lack of general renovation;
(ii) PLN 2,972 in respect of reimbursement of the cost of repairing the garage situated on the property;
(iii) PLN 5,895 in respect of reimbursement of the cost of building materials purchased by the applicant with a view to a general renovation.
114. She further claimed PLN 50,000 as compensation for damage caused by the deterioration of the house, devastation of the garden, changes in the configuration of the plot caused by the works and by serious changes to the flow of water on it, causing damp and penetration of water into the cellar.
115. The Court observes that the first-instance court found that there was a causal link between the original decision to expropriate and the damage listed under (i) and (ii) above. It further notes that the appellate court did not challenge that conclusion. Furthermore, the Court has had regard to the estimate drawn up by the expert for the purposes of the civil proceedings and notes that the applicant's claims are based on the expert's conclusions. The Court accordingly is satisfied that EUR 5,870 should be awarded to the applicant as compensation for pecuniary damage.
116. The Court is not persuaded that it has been shown that such a link existed between the expropriation decision and the item listed under (iii). It has not been proved that the applicant ever requested permission to carry out works for the purpose of which these building materials had been purchased and that this permission was subsequently refused. It therefore dismisses this part of the applicant's claim.
117. In so far as the applicant refers to other heads of pecuniary damage, amounting to PLN 50,000, the Court notes that they have not been quantified precisely. The Court is therefore of the view that it has not been shown that the applicant suffered pecuniary damage over and above the part which has been already examined. It therefore dismisses the remainder of the applicant's claim.
B. Non-pecuniary damage
118. The applicant claimed PLN 20,000 in respect of non-pecuniary damage which she had sustained as a result of the distress and uncertainty occasioned by the restrictions imposed on her rights in connection with the future expropriation and for the fact that no reasonable efforts had been made by the competent authorities to clarify and ameliorate her legal and factual position as an owner threatened with expropriation in the future.
119. The Government submitted that the applicant's claim was exorbitant and should be rejected. They asked the Court to rule that a finding of a violation constituted in itself sufficient just satisfaction. Alternatively, the Government invited the Court to award a considerably lower amount than had been claimed.
120. The Court considers that the applicant has sustained some non-pecuniary damage on account of the violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention which would not be sufficiently compensated by that finding (see Skrzyński, cited above; Rosiński, cited above; and Pietrzak v. Poland, no. 38185/02, § 122, 8 January 2008). Having regard to the circumstances of the case, to the duration of the period in respect of which it found a violation of the applicant's rights (see paragraph 89 above) and ruling on an equitable basis, the Court awards the applicant EUR 1,000.
C. Costs and expenses
121. The applicant did not make a claim for costs and expenses.
D. Default interest
122. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Joins to the merits the Government's preliminary objection concerning exhaustion of domestic remedies and declares the application admissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No.1 to the Convention, and dismisses in consequence the Government's above-mentioned objection;
3. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicant, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts, to be converted into Polish zlotys at the rate applicable at the date of settlement:
(i) EUR 5,870 (five thousand eight hundred and seventy euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of pecuniary damage;
(ii) EUR 1,000 (one thousand euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of non-pecuniary damage;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
4. Dismisses the remainder of the applicant's claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 7 December 2010, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Lawrence Early Nicolas Bratza
Registrar President


TESTO TRADOTTO

Conclusione Eccezione preliminare congiunta ai meriti e respinta (non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali); Violazione di P1-1; danno Patrimoniale e non-patrimoniale - assegnazione
QUARTA SEZIONE
CAUSA TARNAWCZYK C. POLONIA
(Richiesta n. 27480/02)
SENTENZA
STRASBOURG
7 dicembre 2010
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Tarnawczyk c. Polonia,
La Corte europea dei Diritti umani (quarta Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Nicolas Bratza, Presidente, Lech Garlicki Ljiljana Mijović, Päivi Hirvelä Ledi Bianku, Nebojša Vučinić Vincenzo Anthony il de Gaetano, giudici,
e Lorenzo Early, Cancelliere di Sezione,
Avendo deliberato in privato il 16 novembre 2010,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 27480/02) contro la Repubblica della Polonia depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino polacco, la Sig.ra M. T. (“la richiedente”), il 4 luglio 2002.
2. La richiedente a cui era stato accordato il patrocinio gratuito fu rappresentata dal Sig. M. B., un avvocato che pratica a Rzeszow. Il Governo polacco (“il Governo”) fu rappresentato dal suo Agente, il Sig. M. Wołąsiewicz del Ministero degli Affari Esteri.
3. La richiedente addusse che il suo diritto al godimento tranquillo della sua proprietà era stato violato in quanto il terreno che possedeva era stato designato per l'espropriazione in una data futura indeterminata ed i suoi sforzi di ottenere il risarcimento per le restrizioni che ne risultavano erano falliti.
4. La richiedente ed il Governo entrambi presentarono inoltre osservazioni scritte (Articolo 9 § 1).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
5. La richiedente nacque nel 1930 e vive a Sanok. Lei possiede un'area di terreno con un alloggio dove lei vive con suo figlio e sua famiglia. La richiesta si riferisce all’area n. 1681 (attualmente 1444/3).
1. Fatti prima del 10 ottobre 1994
6. Negli anni settanta fu adottato un piano di sviluppo del terreno generale per il municipio di Sanok. La proprietà della richiedente che a quel tempo possedeva coi suoi parenti, fu designato per scopi di pubblica utilità.
7. Il 28 maggio 1977, agendo sotto l'Atto del 1958 sulle Norme e Procedure dell'Espropriazione dei Beni immobili (ustawa o zasadach i trybie wywłaszczania nieruchomości), the Governor of Krosno (Wojewoda Krośnieński) decise di introdurre una nota circa l’istituzione di procedimenti di espropriazione a riguardo della proprietà nel terreno ed il registro delle ipoteche tenuto dall’ Ufficio Pubblico locale.
8. Una decisione di espropriazione ufficiale non fu mai emessa. Comunque, degli esperti nominati successivamente dal Governatore fecero numerose visite per valutare il valore della proprietà al fine di valutare il risarcimento pagabile per la futura espropriazione.
9. La richiedente presentò che lei era stata informata molte volte dall'Ufficio della Città che nella prospettiva dell'espropriazione era possibile un acquisto precedente della sua proprietà da parte del municipio e che a lei ed alla sua famiglia sarebbe stato concesso ottenere nuovi appartamenti ed il risarcimento.
10. La richiedente eseguì le riparazioni minori necessarie, ma siccome l'alloggio era stato costruito nel 1934, avrebbe richiesto un rinnovo generale. Lei presentò che nei tardi anni 70 le era stato detto da un ufficiale locale che lei non avrebbe ricevuto alcun permesso per un rinnovo generale dell'alloggio a causa della nota di espropriazione nel registro fondiario. Il Governo contesta questa osservazione.
11. Nel febbraio e nel novembre 1979 l’Autorità Pubblica Ditrettuale per il Mantenimento delle Strade (Rejon Eksploatacji Dróg Publicznych), un'impresa Statale, eseguì dei lavori di demolizione sulla proprietà riguardata. Alla richiedente non fu né richiesto di dare il suo assenso né fu informata di questo in anticipo. I lavori comprendevano il taglio di alberi ed arbusti nel suo giardino ed estesi scavi. Come risultato di questi lavori il giardino della richiedente fu distrutto, il suo garage crollò, apparentemente nel marzo 1981, e l’ acqua che si è accumulata in fosse è penetrata nella cantina. I lavori furono interrotti improvvisamente senza ragione. Alla richiedente fu pagato il risarcimento per le piante e la frutta che erano state distrutte.
12. In seguito alle proteste della richiedente fu riassicurata ripetutamente dalle autorità che il terreno sarebbe stato presto espropriato e che lei avrebbe ricevuto il risarcimento appropriato. Allo stesso tempo, ampi lavori di costruzione erano continuati sulle proprietà vicine che erano già state espropriate.
13. Nel marzo 1981 la richiedente informò l'Ufficio della Città che come risultato dei lavori dell'acqua si stava depositando sul terreno mettendo in pericolo la stabilità dell'alloggio. Nel maggio 1981 l'Ufficio della Città informò la richiedente che il suo terreno sarebbe stato comprato dopo la redazione delle stime attinenti. In una data non specificata più tardi negli anni ottanta la richiedente ottenne il risarcimento per il fatto che in seguito ai lavori non poteva più usare il sua terreno come giardino da molti anni.
14. Durante gli anni ottanta la richiedente fece ripetutamente domanda all'Ufficio della Città richiedendo che il suo terreno venisse ripristinato alla sua condizione precedente o che venisse acquistato e che le venisse accordato un nuovo alloggio, ma inutilmente.
15. Il 4 febbraio 1987 lei si lamentò presso il Governatore di Krosno. Lei indicò che la sua area di terreno era stata designata per l'espropriazione, ma che nessun lavoro di costruzione in collegamento col viadotto era cominciato e che non le era mai stata notificata nessuna decisione di espropriazione. Lei reiterò che la proprietà aveva subito un grave danno e le autorità avrebbero rifiutato le sue richieste di compensazione per questo finché l'espropriazione effettiva non fosse stata eseguita.
16. Con una decisione del 15 giugno 1989 la Corte distrettuale di Sanok dichiarò che la richiedente aveva acquisito la proprietà dell’ area n. 1681 tramite prescrizione acquisitiva dal 1 gennaio 1977. Il 12 marzo 1990 una registrazione d’ ipoteca sul terreno per quell’ area fu stabilita a nome della richiedente. Un avviso dei procedimenti di espropriazione fu fissato nella parte attinente della registrazione.
17. Nel 1992 la richiedente divise l’area n. 1681 in due più piccole aree (N. 1681/1 e 1681/2). Il 25 novembre 1992 la richiedente vendette successivamente l’area n. 1681/1 (attualmente n. 1444/1) ad una terza parte.
2. Fatti dopo il 10 ottobre 1994
18. Il 16 febbraio 1995 la richiedente richiese all’ Ufficio della Città Sanok di intraprendere i passi attinenti per fare cancellare l’avviso d'espropriazione riguardo all’ area n. 1681/2 dal registro di terreno, presentando che l’avviso era divenuto infondato. Il 16 febbraio 1995 l'Ufficio della Città depositò la richiesta necessaria presso la cancelleria fondiaria, indicando che i piani di espropriazione erano stati abbandonati in una data non specificata. Il 23 febbraio 1995 la Corte distrettuale si attenne alla richiesta.
19. In una data un non specificata più tardi l'area fu divisa in due aree più piccole e di conseguenza, una terza area, n. 1681/3, fu creata. Il 15 marzo 1995 la richiedente la vendette.
20. Il 25 agosto 1998 la richiedente chiese al Governatore di Krosno di chiarire la situazione della sua proprietà ed il risarcimento in collegamento con l'espropriazione. La questione fu trasferita al Sindaco di Sanok. Il 9 ottobre 1998 l'Ufficio della Città l'informò che il nuovo piano di sviluppo locale era stato redatto. Il piano avrebbe determinato in dettaglio il contorno dei percorsi delle vie di comunicazione nella città e di conseguenza anche l'opportunità di comprare i suoi beni immobili. L'Ufficio le ricordò a che sino all'espropriazione era la proprietaria obbligata a mantenere propriamente il suo alloggio. Comunque, tenendo presente le restrizioni sui rinnovi generali l'Ufficio avrebbe considerato la possibilità di offrire alla richiedente un altro appartamento come accordo con lei.
21. Il 7 gennaio 1999 la richiedente fece istanza di nuovo all’ Ufficio della Città di Sanok per il risarcimento. Lei menzionò in quell’ occasione di aver ottenuto il risarcimento, in un importo non specificato, per molti anni quando lei non poteva usare il terreno come risultato dei danni causati dai lavori eseguiti nel 1979.
22. Con una lettera del 26 febbraio 1999 la richiedente fu informata dalle autorità locali che non intendevano usare la sua area di terreno per scopi di pubblica utilità.
3. Procedimenti di risarcimento
23. Il 10 maggio 1999 la richiedente avviò procedimenti civili contro la Tesoreria Statale rappresentata dall’ Ufficio di Distretto di Sanok (Urząd Rejonowy) a riguardo di danno patrimoniale non-compensato che aveva subito come risultato dei procedimenti di espropriazione che erano stati avviato a riguardo dell’ area n. 1681/2. Il 7 giugno 1999 la richiedente è stata esentata dalle parcelle di corte ed un avvocato per il gratuito patrocinio fu nominato più tardi per rappresentarla.
24. Il 29 settembre 1999 il Sindaco del Distretto di Sanok (Starosta Powiatowy) rispose ad una citazione spedita dalla corte al Capo dell'Ufficio del Distretto (Urząd Rejonowy) e spiegò che come risultato della riforma dell'amministrazione locale l’incarico dei capi degli uffici di distretto era cessato dal 31 dicembre 1998. Sino a quella data i capi degli uffici di distretto erano stati competenti per rappresentare la Tesoreria Statale in questioni riguardo alla gestione delle sue proprietà.
25. Il 29 settembre 1999 un'udienza fu sostenuta. L'imputato non riuscì a frequentarla. Nel collegamento con la lettera del Sindaco del Distretto di Sanok alla richiedente fu richiesto di determinare la persona giuridica contro cui lei rivolgeva la sua dichiarazione di rivendicazione.
26. Il 19 novembre 1999 l'avvocato della richiedente indicò in replica il Governatore di Podkarpackie, come rappresentante l'imputato della Tesoreria Statale. Lui specificò anche la rivendicazione della richiedente, indicando che lei esigeva il risarcimento per il danno materiale al suo alloggio essendo il risultato dell'espropriazione progettata che era stato causato dal fatto che lei aveva dovuto astenersi all’esecuzione di notevoli lavori di rinnovo e dai cambi nella configurazione del terreno causati dai lavori eseguiti nel 1979.
27. Il 17 gennaio 2000 il Governatore di Podkarpackie rispose alla dichiarazione di rivendicazione, dibattendo che lui non poteva comportarsi come un imputato nei procedimenti. Secondo l’Articolo 11 dell'Atto della Gestione Fondiaria del 21 agosto 1997, era il Capo del Distretto (starosta powiatowy) colui che avrebbe dovuto rappresentare la Tesoreria Statale in questioni relative alle espropriazioni, dato che le espropriazioni appartenevano ai così definiti “compiti autorizzati” dell'amministrazione Statale (zadanie z zakresu administracji rządowej). Fino al 31 dicembre 1998 la Tesoreria Statale era stata rappresentata in simili cause dai capi degli uffici di distretto. Dalla dichiarazione di rivendicazione si sarebbe potuto presumere che l'espropriazione avrebbe dovuto essere effettuata sull'istanza della comunità di Sanok. Comunque, la querelante era andata a vuoto nel presentare qualsiasi documento per confermare le dichiarazioni incluse nella sua azione. Dovrebbe essere perciò respinta a riguardo del Governatore di Podkarpackie.
28. In un'udienza sostenuta il 27 gennaio 2000 l'avvocato della richiedente mantenne la sua opinione che l'azione avrebbe dovuto essere intrapresa contro il Governatore di Podkarpackie siccome lui era il successore del Governatore di Rzeszów che aveva emesso la prima decisione nella causa della richiedente nel 1977.
Il 18 giugno 2001 un'opinione competente fu presentata, valutando il danno materiale all'alloggio e del garage della richiedente a 22,976 zlotys polacchi (PLN) ed il valore dei materiali di costruzione che la richiedente aveva comprato ai fini di rinnovo generale ma che non aveva usato a PLN 5,859. In una data non specificata più tardi la richiedente limitò la sua rivendicazione al danno subito come risultato della costruzione dei lavori del 1979, al deterioramento degli edifici ed allo spreco di materiali edili .
29. Il 28 novembre 2001 la che Corte Regionale di Krosno ha assegnato il risarcimento del richiedente corrispondente a 28,835 PLN. Questo importo copriva sia il danno materiale all'alloggio che il costo dei materiali edili a cui si è fatto riferimento sopra. La corte trovò che c'era stato un collegamento causale ed ovvio fra i procedimenti di espropriazione avviati in passato a riguardo della proprietà del richiedente da una parte , e, dall'altro, tra i lavori eseguiti nel 1979 da un'impresa Statale ed il conseguente danno all'alloggio del richiedente. Notò anche che a causa dei procedimenti di espropriazione pendenti non poteva usare i materiali edili che lei aveva acquistato per il rinnovo generale. Trovò perciò la rivendicazione di risarcimento contro il Governatore di Podkarpacki, che agiva come successore legale del precedente Governatore di Krosno, giustificata.
30. Il Governatore fece ricorso, dibattendo di non avere qualità nei procedimenti, dato che in seguito alle due maggiori riforme amministrative il, nel 1990 e nel 1998 era il Sindaco del Distretto di Sanok che era competente per rappresentare la Tesoreria Statale in simili questioni.
31. Con una sentenza del 21 febbraio 2002 la Corte d'appello di Rzeszów accolse il ricorso sotto la legislazione applicabile e respinse le rivendicazioni della richiedente. La corte prima notò che sotto la legislazione della pianificazione fondiaria applicabile il mero fatto che la proprietà della richiedente fosse stata designata per la futura espropriazione e che certe restrizioni sull'uso della proprietà fossero state il risultato di questo non le dava diritto a nessun risarcimento siccome le leggi applicabili chiaramente escludevano simili diritti. Nondimeno, la richiedente aveva in passato ricevuto un risarcimento, in un importo non specificato per il danno certo causato alla sua proprietà dopo che i procedimenti di espropriazione erano stati avviati. I merito alla rivendicazione riguardo al valore dei materiali edili, la corte era della prospettiva che non era stato mostrato che qualsiasi decisione ufficiale od informazione che le impedivano di rinnovare l'alloggio erano state rese o erano state comunicate alla richiedente.
32. In merito al danno materiale all'alloggio e al garage, la corte affermò che la richiedente non aveva stabilito la responsabilità dell'imputato Tesoreria dello Stato per questo. Secondo la corte, era essenziale stabilire l'entità amministrativa che originalmente doveva trarre profitto dall'espropriazione della proprietà e quale autorità pubblica aveva ordinato i lavori eseguiti sull'area della richiedente. Spettava alla richiedente stabilire gli elementi legali e riguardanti i fatti della causa decisivi per la determinazione se era la Tesoreria Statale o il municipio locale che avrebbe dovuto essere chiamato in giudizio nella causa. Siccome la richiedente non era riuscita a mostrare qualsiasi base legale per la responsabilità della Tesoreria Statale, la rivendicazione avrebbe dovuta essere respinta.
33. La richiedente non depositò un ricorso di cassazione siccome il suo avvocato di assistenza legale rifiutò di prepararlo e di depositarlo presso la Corte Suprema.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
A. Cambi nella legislazione sulla pianificazione del territorio
34. Nel 31 gennaio 1961 il Parlamento (Sejm) decretò l’Atto sulla Pianificazione Locale del 1961 (ustawa o planowaniu przestrzennym). Fu sostituito successivamente dall’Atto sulla Pianificazione Locale del 12 luglio 1984 (ustawa o planowaniu przestrzennym).
35. Il 7 luglio 1994 un nuovo Atto di Pianificazione Locale (ustawa o zagospodarowaniu przestrzennym) fu decretato. Entrò in vigore il 1 gennaio 1995.
36. Il 21 dicembre 2001 il Parlamento passò una legge che emendava l’ Atto di Pianificazione Locale del 1994.
37. Il 27 marzo 2003 un nuovo Atto di Pianificazione Locale (ustawa o planowaniu i zagospodarowaniu przestrzennym) fu decretato che abrogava l'Atto del 1994.
B. Disposizioni attinenti della legislazione di espropriazione del terreno
38. Dal 1958 fino al 1984 i criteri e la procedura applicabili riguardo all'espropriazione di proprietà individuali sono stati esposti nell'Atto Sulle Norme e Procedure Per l'Espropriazione di Beni immobili del 1958 (ustawa o zasadach i trybie wywłaszczania nieruchomości).
39. Dal 29 aprile 1985 al 1 gennaio 1998 le norme che disciplinavano l'amministrazione del terreno detenuti dalla Tesoreria Statale e dai municipi furono stabilite nell’Atto sull’ Amministrazione e l’Espropriazione del Terreno del 29 aprile 1985 (ustawa o gospodarce gruntami i wywłaszczaniu nieruchomości - - l’”Atto dell'Amministrazione della Terreno del 1985”).
40. L’Articolo 50 di questo Atto prevedeva che le proprietà avrebbero potuto essere espropriate solamente a beneficio dello Stato o di un municipio.
41. Facendo seguito all’ Articolo 53 (1) dell'Atto, una decisione sull’ espropriazione doveva includere in particolare:
“(1) un'indicazione della proprietà da espropriare,...
(3) un'indicazione della parte su la cui iniziativa la proprietà viene espropriata,
(4) una valutazione dell'importo del risarcimento,
(5) l'identificazione delle persone (nome, cognome ed indirizzo) ammesse al risarcimento,
(6) i motivi legali e riguardanti i fatti particolareggiati,
(7) istruzioni sulle procedure di ricorso.”
42. Sotto l’Articolo 55 dell'Atto, l'espropriazione verrebbe eseguita contro pagamento del risarcimento. Il pagamento verrebbe fatto entro quattordici giorni dalla data in cui una decisione di espropriazione è divenuta definitiva.
43. Il 1 gennaio 1998 l'Atto dell'Amministrazione del Terreno del 1985 fu abrogato e l'Atto dell'Amministrazione del Terreno del 21 agosto 1997 (Ustawa o gospodarce nieruchomościami – “l'Atto dell'Amministrazione del Terreno del 1997”) fu adottato, contenente disposizioni simili sull'espropriazione ed il risarcimento.
C. Diritti di Risarcimento dei proprietari che dovranno essere espropriati in futuro
44. Né sotto l’atto Pianificazione Locale del 1961 né sotto quello del 1984 (vedere paragrafo 34 sopra) ai proprietari di proprietà da espropriare in futuro veniva concessa una qualsiasi forma di risarcimento per danno originato da restrizioni sull'uso della loro proprietà e per la riduzione al suo valore originata da espropriazioni da eseguire in un momento indeterminato nel futuro.
45. La Sezione 36 dell’ Atto di Pianificazione Locale decretato nel 1994 creava per le autorità locali un numero di obblighi verso i proprietari le cui proprietà sarebbero state espropriate in una data futura ed indeterminata sotto i piani di sviluppo del terreno adottati dalle autorità municipali competenti. I municipi erano obbligati o a comprare le aree designate per la futura espropriazione sotto il progetto per lo sviluppo locale del territorio, o a sostituire quelle aree con altre aree entro sei mesi dalla data in cui una richiesta attinente veniva presentata dal proprietario, o ad assegnare il risarcimento per danno causato dal fatto che l'area veniva designata per la futura espropriazione.
46. Questo obbligo e le rivendicazioni corrispondenti dei proprietari si applicavano solamente comunque, a piani adottati dopo che l'Atto era entrato in vigore cioè a piani adottati dai municipi locali dopo il 1 gennaio 1995.
47. Facendo seguito all'Atto del 1994, i piani adottati prima della data della sua entrata in vigore dovevano scadere il 31 dicembre 1999.
48. Nel 1999 un emendamento all'Atto del 1994 fu adottato sotto il quale la validità di simili piani veniva prolungata per ulteriori due anni, vale a dire sino al 31 dicembre 2001.
Il 21 dicembre 2001 il Parlamento passò una legge che emendava l’Atto di Pianificazione Locale del 1994 che estendeva sino alla fine del 2002 la validità dei piani di sviluppo del territorio adottati prima del 1 gennaio 1995.
49. Sotto la sezione 87 dell'Atto del 2003 (vedere paragrafo 37 sopra), tutti i piani locali adottati prima del 1 gennaio 1995 rimaneva valido, ma non oltre il 31 dicembre 2003.
50. I diritti al risarcimento per proprietari, previsti dall'Atto del 1994 (vedere paragrafo 45 sopra), venivano essenzialmente mantenuti dall'Atto del 2003. Facendo seguito alla sezione 36 di questo Atto, quando, in seguito all’adozione di un nuovo piano di sviluppo locale, l'uso della proprietà nel modo previsto da un precedente piano è divenuto impossibile od è stato ristretto, è aperto al proprietario chiedere il risarcimento dal municipio, o richiedere al municipio per comprare l'area. Qualsiasi contenzioso che può sorgere a questo riguardo fra i municipi ed i proprietari può essere perseguita di fronte alle corti civili.
D. Gestione della proprietà posseduta pubblicamente
51. Prima del 1990 il possesso della proprietà pubblicamente-posseduta veniva assegnato essenzialmente alla Tesoreria Statale.
52. L’Atto del Governo locale (Disposizioni Introduttive) del 10 maggio 1990 (Przepisy wprowadzające ustawę o samorządzie terytorialnym i ustawę o pracownikach samorządowych – “l'Atto del 1990”) che entrò in vigore il 27 maggio 1990 e gli altri statuti relativi decretati a quel tempo, ristabiliva il governo locale e i municipi e trasferiva a loro i poteri che prima erano stati esercitati solamente dall'amministrazione Statale locale. Facendo seguito alla sezione 5(1), la proprietà di terreno che prima era stata detenuta dalla Tesoreria Statale e che era all'interno del territorio amministrativo dei municipi al tempo attinente fu trasferita al municipio.
53. La Sezione 36 § 3 (3) dell'Atto prevede, nella parte attinente:
“La Tesoreria Statale si fa carico degli :
3) obblighi e degli attivi degli enti locali dell’ amministrazione statale (...) che sono il risultato di decisioni amministrative e direttive definitive di corte vincolanti e consegnate prima del 27 maggio 1990 (...).”
E. Decisione e sentenze della Corte amministrativa Suprema e della Corte Suprema riguardo alla qualità giuridica per essere chiamato in giudizio in cause concernenti la responsabilità civile dello Stato
54. Nel 1970 la Corte Suprema sostenne che in cause in cui era ovvio da una dichiarazione di rivendicazione che l'entità organizzativa avrebbe dovuto rappresentare la Tesoreria Statale nei procedimenti, la corte non avrebbe dovuto respingerla anche se un querelante avesse indicato erroneamente l'entità; era obbligato a notificare la dichiarazione di rivendicazione sull'entità appropriata (decisione del 17 dicembre 1970, I PZ 78/70.)
55. La Sezione 36 § 3 (3) dell'Atto del 1990, introducendo la prima tappa della riforma di amministrazione locale (vedere paragrafo 52 sopra) sollevò dubbi in merito a quale persona giuridica era responsabile per i danni in collegamento con una decisione amministrativa illegale emessa dallo Stato prima della riforma amministrativa. Il problema era soggetto ad interpretazione giudiziale divergente.
56. Il 7 gennaio 1998 la Corte Suprema consegnò una sentenza (II CKN 550/97) in cui concluse che il municipio avrebbe dovuto essere chiamato in giudizio per il risarcimento per il danno causato da una decisione amministrativa consegnata prima del 27 maggio 1990.
57. Il 1 agosto 2008 la Corte Suprema sostenne che quando un querelante ha sbagliato nella dichiarazione di rivendicazione indicando l'entità organizzativa sbagliata della Tesoreria Statale questo difetto avrebbe dovuto essere riguardato come relativo alla rappresentanza dell'imputato e avrebbe dovuto essere rettificato di conseguenza; la corte era obbligata ad assicurare di sua propria iniziativa che l'entità organizzativa appropriata venisse chiamata in causa per agire nei procedimenti (II CK, 90/02).
58. Il 16 novembre 2004 un pannello di tre giudici della Corte Suprema, adottò una decisione (n. III CZP 64/04), trovando che il municipio-e non la Tesoreria Statale- aveva la qualità giuridica per essere chiamato in giudizio per danni in collegamento con una decisione amministrativa emessa prima del 27 maggio 1990, purché questa decisione fosse stata annullata o fosse stata dichiarata illegale dopo quellla data.
59. In una decisione del 7 dicembre 2006 (n. III CZP 99/06), adottata da un pannello di sette giudici, la Corte Suprema concluse che la Tesoreria Statale aveva la veste per essere chiamata in giudizio per danni originati da una decisione amministrativa consegnata prima del 27 maggio 1990, anche se la decisione era stata annullata o era stata dichiarata priva di valore legale dopo quella data. La decisione fu adottata in seguito alla raccomandazione di un quesito legale alla Corte Suprema da parte di un'altra corte d'appello che aveva una causa simile di fronte a sé.
60. La Corte Suprema mantenne questa posizione in molte sentenze susseguenti.
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1 ALLA CONVENZIONE
61. La richiedente addusse che il suo diritto al godimento tranquillo delle sue proprietà era stato violato. Lei si riferì all’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione che recita:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Ammissibilità
1. Incompatibilità Ratione Temporis con le disposizioni della Convenzione
62. Il Governo presentò che la violazione addotta dei diritti della richiedente era nata dalla decisione del 1977 di avviare procedimenti di espropriazione concernenti la sua proprietà. I lavori a cui fa riferimento nella sua richiesta erano stati eseguiti nel 1979. La richiesta era perciò incompatibile ratione temporis con le disposizioni della Convenzione perché la violazione addotta aveva avuto luogo prima del 10 ottobre 1994, la data in cui la Polonia ratificò il Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
63. La richiedente non era d'accordo. Lei dibatté che nel contesto di una violazione continua del suo diritto al godimento tranquillo delle sue proprietà gli eventi che avevano avuto luogo prima della data di ratifica avrebbero dovuto essere presi in considerazione come background attinente per la valutazione dei fatti della causa. Nella sua causa la decisione del 1977 che annunciava la futura espropriazione era stata la causa originaria di tutti i susseguenti sviluppi. Inoltre, nella sua causa la maggior parte dei fatti che avrebbero dovuto essere considerati come generanti le ulteriori violazioni del suo diritto garantito dall’ Articolo 1 della Protocollo N.ro 1 alla Convenzione erano accaduti dopo il 10 ottobre 1994.
64. La Corte osserva che la sua giurisdizione ratione temporis copre solamente il periodo dopo la data di ratifica della Convenzione o dei suoi Protocolli da parte dello Stato rispondente. Dalla data di ratifica in avanti, tutti gli atti addotti dello Stato e le sue omissioni devono adattarsi alla Convenzione o ai suoi Protocolli e i fatti susseguenti rientrano anche all'interno della giurisdizione della Corte nel caso in cui sono soltanto proroghe di una situazione già esistente (vedere, per esempio, Almeida Garrett, Mascarenhas Falcão ed Altri c. Portogallo, N. 29813/96 e 30229/96, § 43 ECHR 2000-I). Di conseguenza, la Corte è competente per esaminare i fatti della presente causa per la loro compatibilità con la Convenzione solo nella misura in cui accaddero dopo il 10 ottobre 1994, la data della ratifica del Protocollo N.ro 1 da parte della Polonia. Comunque, può avere riguardo ai fatti prima della ratifica poiché si potrebbe considerare che loro abbiano creato una situazione che si prolunga oltre quella data o possono essere attinenti per la comprensione dei fatti accaduti dopo quella data (vedere Hutten-Czapska c. Polonia [GC], n. 35014/97, §§ 147-153 ECHR 2006 -...).
65. La Corte osserva inoltre che l'azione di reclamo della richiedente non è diretta contro una sola misura o decisione presa prima, o anche dopo, il 10 ottobre 1994. Piuttosto si riferisce ai vari eventi, accaduti sia prima che dopo quella data originati dalla decisione data nel 1977. In questo collegamento, la Corte nota, che ha già esaminato la sfera della sua giurisdizione temporale nel contesto di cause contro la Polonia, concernente varie restrizioni sul godimento effettivo dei diritti di proprietari le cui proprietà avrebbero dovuto essere espropriate in una indeterminata data futura. Trovò che aveva giurisdizione per esaminare queste cause nella misura in cui si riferivano a circostanze originate da misure che prevedevano espropriazioni future, rese prima del 10 ottobre 1994 che avevano avuto successivamente un impatto sulla proprietà dei richiedenti dopo quella data (vedere Rosiński c. Polonia, n. 17373/02, § 42-43, 17 luglio 2007, e Skrzyński c. Polonia, n. 38672/02, § 45 del 6 settembre 2007). La Corte non trova motivi per giungere ad una conclusione diversa nella presente causa.
66. La dichiarazione del Governo dell'inammissibilità sulla base di mancanza di giurisdizione ratione temporis deve essere respinta di conseguenza.
2.Iincompatibilità ratione mMateriae con le disposizioni della Convenzione
67. Il Governo si riferì alla decisione data il 28 maggio 1977 ed enfatizzò che non aveva comportato l’espropriazione della proprietà della richiedente. Il mero fatto che dei procedimenti erano stati avviati nella prospettiva di un'espropriazione futura non poteva essere interpretato come generante il diritto di venire davvero espropriato. Né la Convenzione né i suoi protocolli, garantivano tale diritto. Per riassumere la richiedente non aveva avuto un’ aspettativa legittima né sotto la legge polacca né sotto la Convenzione che la sua proprietà sarebbe stata davvero espropriata. La sua richiesta era incompatibile ratione materiae con le disposizioni della Convenzione.
68. La richiedente non era d'accordo. Lei presentò che la spinta della sua richiesta non era stata di un diritto per essere espropriato, ma del set di varie misure coercitive preso come un risultato della decisione dato nel 1977. Queste misure, viste nell'insieme avevano restretto il suo godimento effettivo dei suoi diritti di proprietà seriamente.
69. La Corte deve avere riguardo ad al fatto che si intende che la Convenzione garantisca diritti che sono pratici ed effettivi. Deve andare sotto di comparizioni e deve guardare nella realtà della situazione che richiede un esame complessivo dei vari interessi in problema (veda, per esempio, Lithgow ed Altri c. il Regno Unito, sentenza di 8 luglio 1986 la Serie Un n. 102, pp. 50-51, §§ 120-121) e l'impatto delle azioni dello Stato o la sua omissione di atto sulla situazione del richiedente. Reitera inoltre che non è escluso che è probabile che un rifiuto per espropriare comporti simile restrizioni sul godimento effettivo delle proprietà di uno come farli incorrere all'interno dell'ambito di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. Ha, per esempio, trovò una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 in una causa dove i richiedenti rimasero i proprietari legali delle proprietà riguardati, ma il rifiuto per espropriarli in ritorno per il risarcimento fu considerato nelle circostanze per avere imposto un carico serio su loro (Bugajny ed Altri c. la Polonia, n. 22531/05, §§ 57-61 6 novembre 2007).
70. La Corte osserva inoltre che l'essenza dell'azione di reclamo del richiedente riferisce ad un set di restrizioni che colpiscono l'esercizio della sua proprietà, con la particolare enfasi su problemi riguardo a rivendicazioni di risarcimento che sorgono in collegamento con l'espropriazione progettata, piuttosto che ad un rifiuto mero per espropriare la proprietà.
71. Respinge perciò l'eccezione del Governo.
3. L'esaurimento delle vie di ricorso nazionali
72. Il Governo dibatté inoltre che la richiedente avrebbe dovuto depositare un'azione civile presso una corte civile, chiedendo danni contro la Tesoreria Statale o il municipio, per l'interferenza col suo diritto al godimento tranquillo delle sue proprietà.
73. La richiedente presentò che i suoi vari sforzi di alleviare l'impatto negativo che l'espropriazione progettata aveva avuto sulla sua proprietà durante il corso degli anni erano andati a vuoto. Le autorità amministrative avevano dato risposte contraddittorie ed esitanti alle sue richieste di chiarifica della sua situazione e di offerta del risarcimento. La sua rivendicazione di risarcimento era stata anche ultimamente, senza successo.
74. La Corte considera che questa eccezione è collegata da vicino alla sostanza dell'azione di reclamo della richiedente e che il suo esame dovrebbe essere congiunto perciò ai meriti.
4. Conclusione in merito all'ammissibilità
75. La Corte nota che la richiesta non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
1. Le osservazioni delle parti
76. Il Governo prima presentò che era estremamente difficile stabilire le circostanze della causa riguardo alla parte della richiesta che riguardava fatti accaduti quasi trenta anni prima. I documenti non erano stati preservati negli archivi ufficiali ed erano incompleti. Non era possibile accertare la base legale sulla cui il lavoro sul terreno della richiedente era stato eseguito nel 1979. Non si poteva neanche stabilire il lavoro non era collegato alla decisione di espropriare la proprietà della richiedente.
77. Dibatté inoltre che la decisione del 1977 non aveva corrisposto all'espropriazione effettiva. Nessuna misura era mai stata applicata dalle autorità a riguardo dei materiali edili persi dalla richiedente. In nessuna occasione avuta ufficialmente la richiedente ha fatto richiesto un permesso per eseguire i lavori di rinnovo generale e le autorità non le avevano mai impedito di farlo. L'avviso nel registro fondiario dell'espropriazione pendente non aveva corrisposto ad una proibizione a questo riguardo. La richiedente era stata libera di spendere ciò che era necessario per mantenere la sua proprietà in buona condizione tecnica. La sentenza definitiva della Corte d'appello di Rzeszów del 21 febbraio 2002 non aveva trovato collegamento causale fra l’avvertimento di espropriazione nel registro fondiario e qualsiasi danno addotto all'alloggio.
78. In qualsiasi caso, la richiedente aveva ottenuto una conferma giudiziale del suo status come proprietaria dell'area solamente il 15 giugno 1989. Prima di quella data lei non poteva dire ragionevolmente di essere stata colpita da una qualsiasi misura in riferimento a quel terreno.
79. Il Governo concluse che non c'era stata interferenza col diritto della richiedente al godimento tranquillo della sua proprietà.
80. Presentò inoltre che in mancanza di qualsiasi interferenza non era prudente che facessero ulteriori osservazioni.
81. In merito al danno alla proprietà della richiedente ed all'alloggio causato dai lavori eseguiti nel 1979, questo non poteva essere sostenuto contro le autorità. Il danno era stato causato dalle azioni dell'impresa che eseguì i lavori.
82. L'avvertimento dell'espropriazione pendente fatto nel registro fondiario che aveva avuto lo scopo di proteggere gli interessi di terze parti . La richiedente non aveva subito qualsiasi svantaggio di conseguenza al riguardo. In qualsiasi caso, la richiedente era stata in grado di vendere due parti dell'area riguardata. L'avviso era stato inoltre, in vigore solamente per quattro mesi e mezzo dopo l'entrata in vigore del Protocollo N.ro 1 a riguardo della Polonia. La richiedente aveva richiesto che venisse cancellato l'avviso solamente il 16 febbraio 1995 benché nulla le avesse impedito di fare così in una data precedente. Dopo il 23 febbraio 1995 quando l'avviso fu cancellato la richiedente non aveva subito nessun svantaggio causato dall'espropriazione progettata in precedenza.
83. La richiedente dibatté che la decisione di espropriare era stata presa senza qualsiasi garanzia procedurale per salvaguardare i suoi interessi nei procedimenti attinenti. I lavori condotti sul suo terreno nel 1979 e successivamente abbandonati avevano provocato danni seri alla proprietà. L'avviso di avvertimento nel registro fondiario aveva impedito potenziali acquirenti. L'alloggio era stato costruito nel 1934 e necessitava un rinnovo esteso. Dato che la sua proprietà sarebbe Stata espropriata infine, la richiedente era demotivata a spendere soldi per migliorarla. Il fatto che delle valutazioni del valore della proprietà erano state fatte era un'altra ragione perché lei era fosse demotivata nell’intraprendere un rinnovo notevole, siccome i suoi costi non sarebbero stati presi in considerazione dalle autorità nel valutare l'importo della quota di risarcimento.
84. Lei presentò inoltre che il suo status come proprietaria della proprietà era stato confermato dalla decisione data nel 1989 dichiarando che lei aveva acquisito la proprietà tramite prescrizione acquisitiva dal 1 gennaio 1977. Non c'erano stati perciò motivi in quanto a se lei fosse la proprietaria legittima.
85. La richiedente dibatté che sino al 23 febbraio 1995 le autorità non avevano mai reso nessuna decisione che affermava che i piani di espropriazione adottati nel 1997 erano stati abbandonati. La questione del risarcimento per il disturbo ed il danno di cui lei aveva sofferto non era mai stata presa in considerazione in modo appropriato dalle autorità.
86. La richiedente si lamentò che come risultato dei difetti nella struttura legale lei era stata privata del risarcimento per il danno subito. La corte di appello aveva respinto la sua rivendicazione, rovesciando la sentenza di prima - istanza che aveva accolto i suoi ricorsi in pieno, ed appellandosi ad una ragionamento che era incoerente. Questa corte aveva ammesso che il danno materiale all'alloggio ed alla proprietà costituiva una base legittima per una rivendicazione di risarcimento. Comunque, spostò la responsabilità ad un organo pubblico diverso da quello che aveva chiamato in giudizio la richiedente. Questo approccio era incoerente con il principio iura novit curia ed incompatibile con la giurisprudenza della Corte Suprema riguardo agli obblighi delle corti per identificare le autorità pubbliche responsabili delle rivendicazioni contro la Tesoreria Statale. Spettava alla corte stabilire l'entità pubblica che aveva ereditato quegli obblighi dalla precedente Tesoreria Statale. La richiedente era stata imbrogliata da ciò dallo Stato e non aveva ottenuto tutela giuridica per le sue rivendicazioni di risarcimento.
2. Principi Generali
87. La Corte reitera che l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 contiene tre articoli distinti. Sono stati descritti così (in James ed Altri c. Regno Unito, sentenza del 21 febbraio 1986 Serie A n. 98, pp. 29-30, § 37; vedere anche, fra molte altre autorità, Belvedere Alberghiera S.r.l. c. l'Italia, n. 31524/96, § 51 ECHR 2000-VI):
“Il primo articolo, esposto nella prima frase del primo paragrafo è di natura generale ed enuncia il principio del godimento tranquillo di proprietà; il secondo articolo, contenuto nella seconda frase del primo paragrafo copre la privazione di proprietà e la sottopone a certe condizioni; il terzo articolo, determinato nel secondo paragrafo, riconosce che agli Stati Contraenti viene concesso, fra le altre cose, il controllo dell'uso della proprietà in conformità con l'interesse generale... Comunque, i tre articoli non sono 'distinti' nel senso di essere distaccati. Il secondo ed il terzo articolo riguardano particolari esempi di interferenza col diritto al godimento tranquillo della proprietà e dovrebbero essere costruiti perciò alla luce del principio generale enunciato nel primo articolo.”
3. La valutazione della Corte
88. La Corte prima nota che la richiesta riguardava un problema molto ampio che nasceva dalla legislazione che disciplinava i diritti dei proprietari in casi di futura espropriazione da eseguire in un certo momento indeterminato nel tempo. Questo aspetto della richiesta faceva riferimento all'impatto che la futura espropriazione incerta aveva sul godimento tranquillo della sua proprietà. La Corte prima deve determinare la durata delle restrizioni di cui ci si lamenta.
89. La Corte osserva che in questa causa la situazione durava almeno dal 1989, quando la proprietà della richiedente del terreno fu confermata con una decisione giudiziale e dichiaratoria che lei aveva acquisito la proprietà tramite prescrizione acquisitiva. Comunque, avendo riguardo alla giurisdizione temporale della Corte (vedere paragrafi 62-66 sopra), trova che la richiedente fu colpita dalle misure di cui ci lamentava solamente dal 10 ottobre 1994 quando la Polonia ratificò il Protocollo N.ro 1 alla Convenzione. Nota inoltre che il 23 febbraio 1995 l’avvertimento di espropriazione fu cancellato dal registro fondiario siccome il progetto di espropriazione originato dal piano di sviluppo di terreno adottato in una data non specificata negli anni settanta (vedere paragrafo 6 sopra) era stato abbandonato. L'Ufficio della Città ammise, depositando la sua richiesta presso la cancelleria fondiaria per far cancellare l'avvertimento, che il piano di espropriazione era stato annullato davvero (vedere paragrafo 18 sopra). Inoltre, la Corte nota che la richiedente non ha dibattuto che dopo questa data che la sua proprietà è stata colpita dalla minaccia della futura espropriazione. La Corte accetta perciò che le misure di cui ci si lamentava cessarono di avere un impatto sull'esercizio effettivo della proprietà del richiedente il 23 febbraio 1995.
90. La Corte è inoltre della prospettiva che le misure di cui ci si è lamentati non possono essere considerate come “controlli” dell'uso di proprietà. Di conseguenza, l'interferenza deve essere esaminata sotto la prima frase dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere, e.g., Skibińscy c. Polonia, n. 52589/99, 14 novembre 2006; Skrzyński c. Polonia, n. 38672/02, 6 settembre 2007; Buczkiewicz c. Polonia, n. 10446/03, 26 febbraio 2008; e Pietrzak c. Polonia, n. 38185/02, 8 gennaio 2008).
91. In merito alla sua ottemperanza coi requisiti di questa disposizione, non è in controversia fra le parti che l'interferenza di cui ci si lamentava era “prevista per legge” all'interno del significato dell’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
92. Sotto questa disposizione qualsiasi interferenza con un diritto di proprietà può essere giustificata solamente se serva un interesse pubblico (o generale) legittimo. La Corte reitera che, a causa della loro conoscenza diretta della loro società e delle sue necessità, le autorità nazionali sono in principio meglio messe del giudice internazionale per decidere ciò che è “nell'interesse pubblico.” Sotto il sistema di protezione stabilito dalla Convenzione, spetta così alle autorità nazionali fare la valutazione iniziale in merito all'esistenza di un problema di preoccupazione pubblica che richiede delle misure che interferiscono col godimento tranquillo della proprietà (vedere Terazzi S.r.l. c. Italia, n. 27265/95, § 85, 17 ottobre 2002, ed Elia S.r.l. c. Italia, n. 37710/97, § 77 ECHR 2001-IX).
93. Nella presente causa la Corte accetta che le misure di cui ci si lamentava perseguivano lo scopo legittimo di garantire il terreno in collegamento con l'attuazione di una rete stradale locale. Questo corrispondeva all'interesse generale della comunità (vedere, mutatis mutandis, Cooperativa La Laurentina c. Italia, n. 23529/94, § 94 2 agosto 2001; Nova di Bahia S.A. (dec.), n. 50924/99, 12 dicembre 2000; e Chapman c. Regno Unito, n. 27238/95, § 82 ECHR 2001-I).
94. La Corte deve esaminare in seguito se l'interferenza col diritto della richiedente al godimento tranquillo delle sue proprietà ha previsto l'equilibrio equo richiesto fra le richieste dell'interesse generale del pubblico ed i requisiti della protezione dei diritti essenziali dell'individuo, o se ha imposto un carico sproporzionato ed eccessivo sulla richiedente (vedere, fra molte altre autorità, Jahn ed Altri c. Germania [GC], N. 46720/99, 72203/01 e 72552/01, § 93 ECHR 2005-VI). Nell'area di sviluppo dello sviluppo del territorio e della pianificazione delle città, gli Stati Contraenti dovrebbero godere di un margine ampio di valutazione per implementare le loro politiche (vedere Terazzi S.r.l., ed Elia S.r.l., citate sopra). Nell'esercizio del suo potere di revisione, la Corte deve determinare ciononostante, se l'equilibrio richiesto fu sostenuto in una maniera conforme col diritto della richiedente alla proprietà (vedere, mutatis mutandis, Sporrong e Lönnroth c. Svezia, 23 settembre 1982, § 69 Serie A n. 52).
95. In questo collegamento, la Corte prima osserva che nel 1977 il municipio avviò procedimenti riguardo alla proprietà in oggetto che fu designata per la futura espropriazione nella prospettiva della costruzione di un anello stradale e di un viadotto. Non c'era comunque una tempistica per l'attuazione del piano. Di conseguenza, la richiedente fu minacciata di espropriazione in un certo momento indeterminato nel tempo.
96. La Corte osserva inoltre che non veniva offerto nessun diritto al risarcimento per i proprietari che sarebbero stati espropriati in futuro sotto la legislazione di pianificazione che era in vigore sino al 31 dicembre 1994 (vedere paragrafo 44 sopra).
97. Similmente, né prima del 1 gennaio 1995 né dopo questa data alla richiedente era permesso di ottenere dall'autorità pubblica espropriante un'area di terreno per sostituire quella designata per l'espropriazione. Né lei aveva una rivendicazione esecutiva contro il municipio per obbligarlo ad acquisire la sua proprietà prima dell'espropriazione progettata. La possibilità di fornire alla richiedente un appartamento tramite accordo, a cui si fa riferimento nella lettera che la richiedente ricevette il 9 ottobre 1998 non si materializzò mai ed in qualsiasi caso, era inapplicabile in tribunale.
98. La Corte è consapevole che le disposizioni dell'Atto del 1994 introdussero certe disposizioni compensative che prima non esistevano (vedere paragrafo 45 sopra). Comunque, la Corte non può trascurare il fatto che, benché la legislatura introducesse disposizioni compensative nella legge, allo stesso tempo escludeva la loro applicazione a riguardo di qualsiasi piano adottato prima del 1 gennaio 1995. In qualsiasi caso, non è stato dibattuto o dimostrato che la richiedente potesse trarre profitto da questi specifici diritti.
99. La Corte è ben consapevole che i problemi che sorgono dalla promulgazione di una struttura legale comprensiva nell'area della pianificazione urbana costituiscono parte del processo di transizione da un ordine legale socialista ed il suo regime di proprietà ad uno compatibile con la preminenza del diritto e l'economia di mercato – un processo che, per la stessa natura delle cose, è carico di difficoltà. Comunque, queste difficoltà e l'enormità dei compiti che affrontano i legislatori che devono trattare con tutti i problemi complessi coinvolti in tale transizione non esentano gli Stati Contraenti dagli obblighi che scaturiscono dalla Convenzione o dai suoi Protocolli (vedere Schirmer c. Polonia, n. 68880/01, 21 settembre 2004 § 38).
100. La Corte ha sostenuto ripetutamente che benché la situazione legale, sotto le successive leggi sulla pianificazione del territorio delle così definite aree di terreno “congelate” da espropriare nel futuro, presa nell'insieme lasci intatto il diritto dei richiedenti a continuare ad usare e a disporre delle loro proprietà, ciononostante in pratica, e n assenza di qualsiasi diritto al risarcimento, riduceva significativamente l'esercizio effettivo di questo diritto e corrispondeva ad interferenze col diritto al godimento tranquillo delle proprietà, in particolare a causa dell'assenza di meccanismi di risarcimento adeguati (vedere, e.g., Skibińscy c. Polonia, citato sopra; Skrzyński c. Polonia, citata sopra; Buczkiewicz c. Polonia, citata sopra; Rosiński c. Polonia, citata sopra, e Pietrzak c. Polonia, citata sopra).
101. La Corte è perciò della prospettiva, prendendo in considerazione le circostanze riguardo a questo margine di azione di reclamo del richiedente, viste nell'insieme che questo stato degli affari rivelò una mancanza di diligenza sufficiente nel pesare i suoi interessi contro le necessità di pianificazione del municipio. Questa conclusione è di per sé sufficiente a trovare una violazione dell’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
102. Detto questo, la Corte considera che è anche appropriato rivolgersi all'azione di reclamo del richiedente riguardo all'insuccesso dei suoi sforzi per ottenere il risarcimento per certe altre categorie di danno. In questo collegamento, la Corte osserva, che nel 1979 i lavori di costruzione furono eseguiti da un'impresa Statale sulla sua proprietà ai fini della futura costruzione di un anello stradale e di un viadotto, sulla premessa che la proprietà sarebbe stata espropriata. I lavori furono abbandonati successivamente. Non fu contestato, né di fronte alle autorità nazionali né di fronte alla Corte che c'era un collegamento causale fra la decisione di espropriare la richiedente ed i lavori eseguiti successivamente sul sua terreno. Non è stato mai inoltre, in controversia che i lavori avevano cambiato la configurazione del sua terreno in modo permanente, conducendo a ciò che la richiedente percepì come un deterioramento tecnico e significativo dell'alloggio e del garage adiacente a questo. La richiedente tentò di minimizzare il danno introducendo, nel 1999 una rivendicazione per illecito civile contro la Tesoreria Statale a riguardo del danno patrimoniale attinente.
103. In questo contesto, la Corte reitera, che il genuino, esercizio effettivo del diritto protetto dall’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 non dipende soltanto dal dovere dello Stato di non interferire, ma può generare obblighi positivi (vedere Öneryıldız c. Turchia [GC], n. 48939/99, § 134 ECHR 2004-XII; Broniowski c. Polonia [GC], n. 31443/96, § 143 ECHR 2004-V ; e Blumberga c. Lettonia, n. 70930/01, § 65 del 14 ottobre 2008). Tali obblighi positivi possono comportare la presa di misure necessarie a proteggere il diritto alla proprietà. Questo vuole dire, in particolare, che gli Stati sono sotto un obbligo di fornire un meccanismo giudiziale per stabilire in modo efficace la proprietà contesta e garantire l’ ottemperanza di quei meccanismi con le salvaguardie procedurali e materiali custodite nella Convenzione. Questo principio si applica con maggior forza quando è lo Stato stesso che è in controversia con un individuo. Di conseguenza, le deficienze serie nella gestione di simili controversie possono sollevare un problema sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. Dove è in pericolo un problema nell'interesse generale spetta alle autorità pubbliche agire nel dovuto tempo, in una maniera appropriata e con la massima consistenza. Dovrebbe essere sottolineato anche che l'incertezza-sia questa legislativa, amministrativa o generata da pratiche applicate dalle autorità - è un importante fattore da prendere in considerazione nel valutare la condotta dello Stato (vedere Broniowski, citata sopra, § 151).
104. La Corte osserva che la corte di prima - istanza accolse la rivendicazione della richiedente in pieno, avendo riguardo all'opinione dell'esperto che aveva valutato il danno causato dai lavori alla proprietà. La corte di appello annullò ultimamente comunque, questa sentenza e la respinse. La Corte è della prospettiva che il giudizio dei fatti reso dalla corte di prima - istanza indica che la richiedente poteva rivendicare di avere sofferto di un danno come risultato dei lavori. Inoltre, la Corte nota che l'esistenza di questo danno non fu contestata dalla Corte d'appello nella sua sentenza.
Nondimeno, la rivendicazione della richiedente per danni infine è fallita perché, nella prospettiva di quella corte, la richiedente aveva identificato l'imputato sbagliato.
105. La Corte nota che i fatti che avevano generato la rivendicazione della richiedente, vale a dire le escavazioni profonde eseguite sul terreno della richiedente dall'impresa Statale, accaddero nel 1979. Nota l'osservazione del Governo per cui era estremamente difficile per loro stabilire le circostanze della causa riguardo a questa parte della richiesta poiché riguardavano fatti che erano successi pressoché trenta anni prima (vedere paragrafo 76 sopra). Avendo riguardo alle difficoltà che il Governo incontrò tentando di stabilire i fatti della causa ai fini dei procedimenti di fronte alla Corte, la Corte è della prospettiva che la richiedente non si sarebbe potuta aspettare ragionevolmente di stabilire chi aveva autorizzato l'impresa Statale ad avviare i lavori sul suo terreno, e quando. Si può considerare quasi impossibile per la richiedente attenersi tale obbligo, dopo trenta anni e, inoltre, dopo la risoluzione o la privatizzazione delle società Statali.
106. La Corte osserva inoltre che la corte di appello spostò alla richiedente il carico legale di determinare chi-la Tesoreria Statale o il municipio locale-avrebbe dovuto essere chiamato in giudizio nella causa. In questo contesto, la Corte nota, che grandi riforme amministrative furono implementate in Polonia durante gli anni novanta. Di conseguenza, alla Corte è stato richiesto di determinare l'autorità responsabile di prendere le competenze delle autorità che avevano cessato di esistere in cause riguardanti la responsabilità civile di autorità pubbliche. L'interpretazione delle disposizioni delle leggi attinenti che introducono le riforme amministrative è cambiata continuamente il che ha condotto a diverse direttive giudiziali contraddittorie da parte delle corti nazionali sullo stesso quesito legale (vedere paragrafi 56-60 sopra). Di conseguenza, la giurisprudenza a livello nazionale, incluse le sentenze e decisioni della Corte Suprema sono state spesso contraddittorie. Alle divergenze che sorsero nella giurisprudenza furono riconosciute dalla Corte Suprema nella sua decisione adottata da una panca di tre giudici (vedere paragrafo 58 sopra). Quindi, la questione della responsabilità per danni in collegamento con atti di autorità pubbliche eseguiti in passato non era per nulla chiara al tempo in cui la rivendicazione della richiedente fu esaminata e le divergenze nella giurisprudenza continuarono da allora in poi per molti anni.
107. Le divergenze nella giurisprudenza sono una conseguenza inerente a qualsiasi sistema giudiziale che è basato su una rete di processi e di corti di ricorso da parre di autorità sull'area della loro giurisdizione territoriale, ed il ruolo di una corte suprema deve chiarire precisamente i conflitti fra le decisioni delle corti inferiori (vedere Zielinski e Pradal e Gonzalez ed Altri c. Francia [GC], N. 24846/94 e 34165/96 a 34173/96, § 59 ECHR 1999-VII). Nel presente caso comunque anche la Corte Suprema non aveva una giurisprudenza uniforme sui quesiti legali in questione sino al tardi 2006 .
108. La Corte non nega la complessità dei problemi a cui le corti furono messe di fronte come risultato dei cambi fondamentali nelle competenze di tutte le varie autorità locali a livello statale ed amministrativo. Comunque, considera che spostare il dovere di identificare l'autorità competente da citare in giudizio alla richiedente e spogliarla del risarcimento su questa base era un requisito sproporzionato e non riuscì a prevedere un equilibrio equo fra l'interesse pubblico ed i diritti della richiedente.
109. Nella prospettiva della Corte, quando è probabile che un'entità pubblica sia responsabile per i danni, l'obbligo positivo dello Stato di facilitare l’ identificazione dell'imputato corretto è tra tutti il più importante (Sierpiński c. Polonia, n. 38016/07, §§ 72-80, 3 novembre 2009, e Plechanow c. Polonia, n. 22279/04, §§ 103-110 del 7 luglio 2009). Questo approccio è stato preso anche dalla Corte Suprema polacca in alcune delle sue decisioni (vedere paragrafi 54 e 57 sopra).
La Corte dà dell'importanza al fatto che gli sforzi della richiedente per ottenere il risarcimento sembrano essere stati contrastati dagli effetti cumulativi del passaggio del tempo, dalle successive riforme amministrative , dalla discordanza della giurisprudenza riguardo alla fine della responsabilità civile della Tesoreria Statale e dalla mancanza di certezza legale e di coesione a questo riguardo. Di conseguenza, non solo lei non aveva un diritto al risarcimento per le restrizioni che sorgevano dai procedimenti avviati nella prospettiva della futura espropriazione il che era nella prospettiva della Corte e alla luce della sua giurisprudenza stabilita, sufficiente da solo per trovare una violazione dell’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione (vedere paragrafo 44 sopra), ma furono frustrati anche i suoi sforzi di ottenere il risarcimento per illecito civile per gli effetti a lungo termine del danno materiale incontrastato causato alla sua proprietà da un'impresa Statale nel contesto dell'espropriazione progettata.
110. Avendo riguardo alle circostanze della causa viste nell'insieme, la Corte è della prospettiva che l'equilibrio equo fra le richieste dell'interesse pubblico ed il bisogno di proteggere i diritti della richiedente è stato sconvolto (vedere, Skibińscy, citata sopra, § 97; Skrzyński, citata sopra, § 91; Rosiński, citata sopra, § 88 e Plechanow, citata sopra, §§ 108-111). Di conseguenza, la richiedente è stata costretto a sopportare un carico individuale eccessivo (vedere Skibińscy, citato sopra, § 97).
111. C'è stata di conseguenza una violazione dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione e l'eccezione del Governo basata sul non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali (vedere paragrafi 72–74 sopra) deve essere respinta di conseguenza.
II. L’ APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
112. L’ Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno Patrimoniale
113. La richiedente chiese il risarcimento nell'importo di PLN 28,835. Lei affermò che questo importo rappresentava il valore della sua rivendicazione di risarcimento respinta dalla Corte d'appello di Rzeszów. Lei si riferì alla stima costituita da un esperto al fine di quantificare il valore della sua rivendicazione nei procedimenti civili presentati alla Corte. Questo importo fu ripartito come segue:
(i) PLN 20,003 a riguardo del calo di valore dell'edificio causato dalla mancanza di rinnovo generale;
(ii) PLN 2,972 riguardo al rimborso del costo di riparazione del garage situato sulla proprietà;
(iii) PLN 5,895 a riguardo del rimborso del costo dei materiali edili acquistati dalla richiedente nella prospettiva di un rinnovo generale.
114. Lei chiese inoltre PLN 50,000 come risarcimento per danno causato dal deterioramento dell'alloggio, dalla devastazione del giardino, dai cambi nella configurazione dell'area causati dai lavori e dai cambi seri al flusso d’ acqua su questo, provocando umidità e penetrazione di acqua nella cantina.
115. La Corte osserva che la corte di prima - istanza trovò che c'era un collegamento causale fra la decisione originale di espropriare ed il danno elencato sotto (i) e (ii) sopra. Nota inoltre che la corte di appello non impugnò quella conclusione. Inoltre, la Corte ha avuto riguardo alla stima stesa dall'esperto al fine dei procedimenti civili e nota che le rivendicazioni della richiedente sono basate sulle conclusioni dell'esperto. La Corte si soddisfa di conseguenza che EUR 5,870 dovrebbero essere assegnati alla richiedente come risarcimento per danno patrimoniale.
116. La Corte non si persuade che è stato mostrato che tale collegamento esisteva fra la decisione di espropriazione e l'articolo elencato sotto (iii). Non è stato provato che la richiedente avesse mai richiesto il permesso di eseguire lavori al cui fine erano stati acquistati questi materiali edili e che questo permesso fosse stato rifiutato successivamente. Respinge perciò questa parte della rivendicazione della richiedente.
117. Nella misura in cui la richiedente si riferisce agli altri capi di danno patrimoniale, corrispondenti a PLN 50,000, la Corte nota che loro non sono stati quantificati precisamente. La Corte è perciò della prospettiva che non è stato mostrato che la richiedente abbia sofferto di un danno patrimoniale sopra e sotto la parte che è già stata esaminata. Respinge perciò il resto della rivendicazione della richiedente.
B. Danno non-patrimoniale
118. La richiedente chiese PLN 20,000 a riguardo del danno non-patrimoniale che lei aveva subito come risultato dell'angoscia e dell'incertezza causate dalle restrizioni imposte sui suoi diritti in collegamento con l'espropriazione futura e per il fatto che nessuno sforzo ragionevole era stato fatto dall'autorità competente per chiarire e migliorare la posizione legale e riguardante i fatti come proprietaria minacciata da espropriazione nel futuro.
119. Il Governo presentò che la rivendicazione della richiedente era esorbitante e avrebbe dovuto essere respinta. Chiese alla Corte di decidere che una costatazione di una violazione costituiva in sè una soddisfazione equa sufficiente. Alternativamente, il Governo invitò la Corte ad assegnare un importo notevolmente inferiore a quello che era stato chiesto.
120. La Corte considera che la richiedente ha subito un danno non-patrimoniale a causa della violazione dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione che non può essere sufficientemente compensato dalla costatazione di violazione (vedere Skrzyński, citata sopra; Rosiński, citata sopra; e Pietrzak c. Polonia, n. 38185/02, § 122 dell’8 gennaio 2008). Avendo riguardo alle circostanze della causa, alla durata del periodo a riguardo di cui trovò una violazione dei diritti della richiedente (vedere paragrafo 89 sopra) e decidendo su una base equa, la Corte assegna EUR 1,000 alla richiedente.
C. Costi e spese
121. La richiedente non fece una rivendicazione per costi e spese.
D. Interesse di mora
122. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Congiunge ai meriti l'eccezione preliminare del Governo riguardante l’ esaurimento delle vie di ricorso nazionali e dichiara la richiesta ammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo No.1 alla Convenzione, e respinge di conseguenza l'eccezione summenzionata del Governo;
3. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare la richiedente, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione i seguenti importi, da convertire in zloty polacchi al tasso applicabile in data dell’ accordo:
(i) EUR 5,870 (cinque mila ottocento e settanta euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, a riguardo del danno patrimoniale;
(ii) EUR 1,000 (mille euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, a riguardo del danno non-patrimoniale;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
4. Respinge il resto della rivendicazione della richiedente per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 7 dicembre 2010, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Lorenzo Early Nicolas Bratza
Cancelliere Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 03/08/2020.