Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF STRELTSOV AND OTHER "NOVOCHERKASSK MILITARY PENSIONERS" v. RUSSIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, 34, 06, 37, P1-1

NUMERO: 8549/06/2010
STATO: Russia
DATA: 29/07/2010
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

Conclusion Violations of Art. 6-1 ; Violations of P1-1 ; Remainder inadmissible ; Non-pecuniary damage - award ; Pecuniary damage - award
FIRST SECTION
CASE OF STRELTSOV AND OTHER “NOVOCHERKASSK MILITARY PENSIONERS” v. RUSSIA
(Applications nos. 8549/06, 17763/06, 18352/06, 18354/06, 18835/06, 18848/06, 18851/06, 18856/06, 18916/06, 18952/06, 19350/06, 19352/06, 19353/06, 20423/06, 20904/06, 20906/06, 20907/06, 21081/06, 21123/06, 21124/06, 21179/06, 21189/06, 24041/06, 24048/06, 24055/06, 24058/06, 24816/06, 25029/06, 25043/06, 25044/06, 25442/06, 25717/06, 25721/06, 25827/06, 25831/06, 25920/06, 25922/06, 25923/06, 26440/06, 26654/06, 26706/06, 26709/06, 26766/06, 26972/06, 26981/06, 26983/06, 27709/06, 27710/06, 27714/06, 27716/06, 27718/06, 27833/06, 27840/06, 28105/06, 28231/06, 28886/06, 28888/06, 30481/06, 30494/06, 31422/06, 31424/06, 31436/06, 31410/06, 31411/06, 31414/06, 31427/06, 31429/06, 31433/06, 31419/06, 31309/06, 31324/06, 31439/06, 32419/06, 32421/06, 34443/06, 40256/06, 41560/06, 42694/06, 42695/06, 42696/06, 42697/06, 42701/06, 5648/07, 6167/07, 6902/07, 7869/07, 39423/07)
JUDGMENT
STRASBOURG
29 July 2010
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Streltsov and other “Novocherkassk military pensioners” v. Russia,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Christos Rozakis, President,
Anatoly Kovler,
Elisabeth Steiner,
Dean Spielmann,
Sverre Erik Jebens,
Giorgio Malinverni,
George Nicolaou, judges,
and Søren Nielsen, Section Registrar,
Having deliberated in private on 6 July 2010,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in eighty-seven applications (nos. 8549/06, 17763/06, 18352/06, 18354/06, 18835/06, 18848/06, 18851/06, 18856/06, 18916/06, 18952/06, 19350/06, 19352/06, 19353/06, 20423/06, 20904/06, 20906/06, 20907/06, 21081/06, 21123/06, 21124/06, 21179/06, 21189/06, 24041/06, 24048/06, 24055/06, 24058/06, 24816/06, 25029/06, 25043/06, 25044/06, 25442/06, 25717/06, 25721/06, 25827/06, 25831/06, 25920/06, 25922/06, 25923/06, 26440/06, 26654/06, 26706/06, 26709/06, 26766/06, 26972/06, 26981/06, 26983/06, 27709/06, 27710/06, 27714/06, 27716/06, 27718/06, 27833/06, 27840/06, 28105/06, 28231/06, 28886/06, 28888/06, 30481/06, 30494/06, 31422/06, 31424/06, 31436/06, 31410/06, 31411/06, 31414/06, 31427/06, 31429/06, 31433/06, 31419/06, 31309/06, 31324/06, 31439/06, 32419/06, 32421/06, 34443/06, 40256/06, 41560/06, 42694/06, 42695/06, 42696/06, 42697/06, 42701/06, 5648/07, 6167/07, 6902/07, 7869/07, 39423/07) against the Russian Federation lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by eighty-seven Russian nationals, (“the applicants”), on various dates listed below.
2. All applicants except for Mr D. were represented by Mr P.V. S., a lawyer practising in Novocherkassk. Mr D. was not represented in the proceedings before the Court. The Russian Government (“the Government”) were represented by Ms V. Milinchuk and subsequently by Mr G. Matyushkin, both the Representatives of the Russian Federation at the European Court of Human Rights.
3. On various dates the President of the First Section decided to give notice of the application to the Government. It was also decided to examine the merits of the applications at the same time as their admissibility (Article 29 § 1).
4. By letter of 15 June 2009 Mrs T. N. M. (born on 23 January 1948), Mr N.N. Melnikov’s widow, informed the Court that on 15 December 2006 Mr N.N. M., the applicant in case no. 31419/06, had passed away, and she wished to maintain her late husband’s case before the Court.
5. In letter dated 17 December 2009 Mr V. N. Z. (born on 3 May 1979), Mr N.P. Z.’s son, informed the Court that Mr N.P. Z. (application no. 28888/06) had died on 15 November 2009. The son expressed a wish to pursue the application in his stead.
6. For the sake of convenience, the Court will, however, continue to refer to Mr N.P. Z. and Mr N.N. M. as “the applicants”.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
7. The eighty-seven applicants were born on the dates listed in Annex I and live in Novocherkassk, the Rostov Region.
8. The facts of the case, as submitted by the applicants, may be summarised as follows.
A. Initial domestic awards and subsequent enforcement proceedings
9. The applicants, retired military officers, sued the military commissariats of Novocherkassk and the Rostov Region for recalculation of their pensions. One group of the applicants sought adjustment of the pension to the minimum wage and claimed arrears for 1995-1998 in line with the increase in the latter. Another group of the applicants claimed recalculation of their pensions on account of the increase of the monetary compensation paid in respect of the food allowance. Several applicants raised both types of claims before the domestic courts.
10. On the dates listed in Annex I the domestic courts found in the applicants’ favour. As regards the case no. 25442/06 by Mr P., the judgment of 22 September 2004 was issued by the Justice of the Peace of the 6th Circuit of Novocherkassk. The judgment of 30 August 2004 in favour of Mr P., as well as all the judgments in favour of the remaining eighty-six applicants, were issued by the Novocherkassk Town Court of the Rostov Region.
11. The court ordered in respect of the first type of the claims that the pensions be adjusted to the minimum wage and that the arrears be paid to the applicants. As concerns the second type of the claims, the court held that the pensions should be increased in line with the increase of the daily food allowance and awarded the applicants the respective lump sums in arrears. The awards were made against the Military Commissariat of the Rostov Region, while the respective claims against the commissariat of Novocherkassk had been dismissed.
12. The representatives of the Military Commissariat of the Rostov Region were present at the court room on 30 August and 15 September 2004.
13. In several cases the respondent authority introduced the grounds of appeal with the Town Court. However, on various dates in 2004 the respondent authority revoked their applications. For example, in case of Mr T. (no. 18952/06) the grounds for appeal were revoked on 10 November 2004. As a result, none of the judgments was appealed against. They entered into force ten days later.
14. The applicants took various steps to obtain execution of the judgment. In particular, the Government submitted that in September-October 2004 Mr S., Mr S. and 31 other applicants sent the writs of execution to the respondent authority. It follows from the incoming correspondence log of the Rostov Regional Military Commissariat that the latter received the writs.
15. In 2005 the military prosecutor’s office started an inquiry into lawfulness of proceedings concerning military pension arrears throughout the Rostov Region and detected several instances of fraud. In particular, they found out that the respondent commissariat on several occasions had made payments against forged writs of execution issued in the similar but unrelated proceedings. On various dates the enforcement proceedings in the cases at hand were suspended pending the region wide inquiry, because the prosecutor’s office had to establish authenticity of the writs of execution issued in the applicants’ cases. It appears that the investigation did not reveal any evidence of fraud in the present cases.
16. According to the Government, in September 2005 judge A. who had issued the judgments in question was dismissed by the decision of the Judicial Qualification Board of the Rostov Region. At some point several high officials of the Military Commissariat of the Rostov Region had been charged with and convicted of embezzlement.
17. As regards the group of nineteen applicants named in Part A of Annex I, the domestic awards in their favour were fully executed by the respondent authorities on the dates specified in the table. As concerns the remaining applicants whose names are listed in Part B of Annex I, at least one judgment in their favour has remained unenforced.
B. Supervisory review proceedings
18. On various dates in 2005-2007 the respondent commissariat applied for the supervisory review of the judgments.
19. According to the Government’s observations, thirty-three requests for review were lodged outside the one-year time-limit from the date of the judgment’s entry into force. In such cases, the respondent authority also applied for extension of the time-limit for application for supervisory review arguing that it had not received copies of the respective first instance judgments in time and had only been informed of the judgments in October 2005, when the prosecutor’s inquiry had been opened. On various dates the Novocherkassk Town Court allowed these applications. In particular, in case of Mr T. (no. 18952/06) the Novocherkassk Town Court on 20 December 2006 accepted the authority’s argument that they had been unaware of the judgment, having found, in particular, as follows:
“There is no evidence in the case materials to the effect that a copy of the judgment of 30 August 2004 ... had been sent to the Military Commissariat of the Rostov Region. It follows from the above that the [respondent commissariat] had a real opportunity to avail itself of its right to apply for supervisory review within one year.”
20. The Town Court made similar findings in respect of thirty-two remaining cases.
21. Enforcement of the unexecuted domestic judgments had been suspended pending the supervisory review.
22. On various dates in 2005-2007 the Rostov Regional Court allowed the applications for supervisory review of the judgments lodged by the military commissariat of the Rostov Region and remitted the matter for examination on the merits to the Presidium of the Rostov Regional Court.
23. On the dates specified in Annex I the Presidium of the Rostov Regional Court quashed the judgments in the applicants’ favour and remitted the cases for a fresh consideration. In each case the Presidium concluded that the first-instance court had erroneously applied the substantive law. They also found that the Novocherkassk Town Court had lacked territorial jurisdiction to examine the cases. The arrears were awarded against the Military Commissariat of the Rostov Region and thus the cases should have been examined by a court in the Oktiabrskiy District of Rostov-on-Don where the respondent commissariat was located.
C. Subsequent developments
24. The cases were considered afresh by the Oktyabrskiy District Court of Rostov-on-Don.
25. According to the Government, Mr K. (application no. 18352/06) modified the scope of his claim in the new round of the proceedings concerning the adjustment of his pension to the increase of the minimum wage. On 6 August 2007 The Oktyabrskiy District Court granted his action in full and ordered that he be paid 32,811.52 Russsian roubles (RUB). The judgment was executed. The parties did not submit copies of the respective statement of claims and judicial decision.
26. As regards the remaining applicants, the court either discontinued the proceedings or dismissed the applicants’ claims. The particulars of the respective proceedings are summarised in Annex I below.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
A. Supervisory review and military pensions
27. Under Article 376 of the Code of the Civil Procedure of the Russian Federation of 14 November 2002 (in force from 1 February 2003), judicial decisions that have become legally binding, with the exception of judicial decisions by the Presidium of the Supreme Court of the Russian Federation, may be appealed against to a court exercising supervisory review, by parties to the case and by other persons whose rights or legal interests have been adversely affected by the judicial decisions concerned (§ 1). Judicial decisions may be appealed against to a court exercising supervisory review within one year after they became legally binding (§ 2). By its ruling of 5 February 2007, the Constitutional Court interpreted Article 376 § 1 as allowing the above-mentioned persons to apply for supervisory review only after having exhausted all available ordinary appeals
28. For the summary of other applicable provisions of the domestic law, see Murtazin v. Russia, no. 26338/06, §§ 14-18, 27 March 2008.
B. Jurisdiction
29. Article 28 of the Code of Civil Procedure provides that a civil claim is to be filed with the court with territorial jurisdiction over the defendant’s place of residence. A claim against the organisation is to be filed with the court having territorial jurisdiction over the organisation’s residence. According to Article 31 § 1 of the Code, where a claim is filed against several defendants having different places of residence, a claim is to be lodged with a court having territorial jurisdiction over one of the defendants, upon the claimant’s choice.
C. Succession
30. Succession is regulated by Part 3 of the Civil Code. The succession includes the deceased’s property or pecuniary rights or claims but does not include rights or obligations intrinsically linked to the deceased’s person, such as alimony or a right to compensation for health damage (Article 1112). An heir should claim and accept succession, as well as obtain a succession certificate from a public notary (Articles 1152, 1162). The right to receive the amounts of salary and payments qualifying as such, pension and other amounts of money provided to the deceased person as means of subsistence which had been payable but had not been received in his lifetime shall belong to the members of the deceased’s family who had been residing together with him and also his disabled dependants, irrespective of their having resided with the deceased or not (Article 1183 § 1). In accordance with section 63 of the Federal Law on Pension Welfare of Military Service Personnel (1993), as in force at the material time, the amount of pension due to a pensioner but not received in his lifetime shall belong to the members of the deceased’s family if they were in charge of his or her funeral, and shall not be included in the succession.
THE LAW
I. JOINDER OF THE APPLICATIONS
31. Given that the eighty-seven applications at hand concern similar facts and complaints and raise identical issues under the Convention, the Court decides to consider them in a single judgment.
II. LOCUS STANDI AS REGARDS APPLICATIONS Nos. 28888/06 AND 31419/06
32. The Court notes firstly the fact of the death of Mr N.P. Z., one of the applicants, and the wish of Mr V.N. Z., his son, to pursue the proceedings he initiated. Likewise, it is noted that Mrs T.N. M. expressed her wish to maintain the case of her late husband, Mr N.N. M., applicant in case no. 31419/06.
A. The parties’ submissions
33. With reference to the case of Belskiy v. Russia ((dec.), no. 23593/03, 26 November 2009) the Government submitted that neither Mr V.N. Z. nor Mrs T.N. M.. had standing to pursue the cases of their late relatives. The award in the applicants’ favour was made in respect of the pension arrears. The pension rights were not transferable. Under the domestic law, the succession included the deceased’s property or pecuniary rights or claims but did not include rights or obligations intrinsically linked to the deceased’s person. The late applicants’ relatives had not inherited the claim in respect of the judgment debt. Furthermore, the judgments had been annulled and thus no judgment debt existed at the moment of the applicants’ death. Therefore, the applications should be struck out of the Court’s list of cases pursuant to Article 37 § 1 (c) of the Convention.
34. Mrs T.N. M. and Mr V.N. Z. maintained their submissions arguing that they were entitled to claim unpaid pension arrears due to their late relatives in accordance with section 63 of the Federal Law on Pension Welfare of Military Service Personnel. Indeed, the pension arrears were awarded to the applicants and thus were payable, but the applicants had not received the respective sums in their lifetime. Mrs T.N. M. and Mr V.N. Z. were in charge of the applicants’ funeral. Thus, they had title to receive the unpaid pension. The fact that the judgments had been quashed did not have any impact on the standing issue. Accordingly, they had a legitimate interest to maintain the applications in their respective late relatives’ stead.
B. The Court’s assessment
35. Article 37 § 1 of the Convention reads in the relevant part as follows:
“1. The Court may at any stage of the proceedings decide to strike an application out of its list of cases where the circumstances lead to the conclusion that ...
(c) for any other reason established by the Court, it is no longer justified to continue the examination of the application.
However, the Court shall continue the examination of the application if respect for human rights as defined in the Convention and the Protocols thereto so requires...”
1. General principles
36. The Court reiterates that in a number of cases in which an applicant has died in the course of the proceedings before the Court it has taken into account the statements of the applicant’s heirs or of close family members expressing the wish to pursue the proceedings, or the existence of a legitimate interest claimed by a person wishing to pursue the application (see Léger v. France (striking out) [GC], no. 19324/02, § 43, ECHR 2009-..., with further references). The Court interprets the concept of “victim” autonomously and irrespective of domestic concepts such as those concerning an interest or capacity to act (see Micallef v. Malta [GC], no. 17056/06, § 48, ECHR 2009-...; and Sanles Sanles v. Spain (dec.), no. 48335/99, ECHR 2000-XI). In this connection the Court has to consider whether or not the persons wishing to pursue the proceedings were the applicant’s close relatives. Moreover, as a second criterion, the Court has to examine whether the rights concerned were transferable (see, mutatis mutandis, Vääri v. Estonia (dec.), no. 8702/04, 8 July 2008, and Stankevich v. Ukraine (dec.), no. 48814/07, 26 May 2009). It is for the heir who wishes to pursue the proceedings before the Court to substantiate his or her standing to do so (see, for example, Belskiy (dec.), cited above).
2. Application to the present cases
a. Close kinship condition
37. Turning to the two cases at hand, the Court observes first that, unlike in the Belskiy case (cited above), Mr. V.N. Z, and M.s T.N. M. submitted documents confirming that they were the applicants’ close relatives. Furthermore, in accordance with the relevant provisions of the domestic law (see paragraph 30 above), they demonstrated that they had been in charge of the late applicants’ funeral and could have claimed pension due to a pensioner but not received in his lifetime. In these circumstances, the Court considers that the condition of close kinship is met.
b. Transferability of the rights at stake
38. As regards transferability of the rights, the Court observes that the applicants had raised complaints under Article 6 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 about non-enforcement and subsequent quashing of the judgments in their favour. In the case of Sobelin and Others v. Russia (nos. 30672/03 et seq., §§ 43-45, 3 May 2007) concerning non-enforcement and subsequent quashing of the court judgments in the applicants’ favour, the Court recognised the right of the relatives of the deceased applicant to pursue the application. The rights at stake in the present two cases are very similar to those at the heart of the Sobelin and others case. However, unlike in the aforementioned precedent, in the two cases at hand the Government objected to transferability of the rights at stake. The Court accordingly considers it necessary to examine this issue in more detail.
39. Insofar as the complaints under Article 1 of Protocol No. 1 are concerned, the Court on several occasions continued the examination of cases involving pecuniary claims that were transferable to the deceased applicant’s heirs (see, for example, Nerva and Others v. the United Kingdom, no. 42295/98, § 33, ECHR 2002-VIII). The Court has previously noted that the question whether such claims were transferable to the persons seeking to pursue an application was an important criterion, but could not be the only one (see, mutatis mutandis, OAO Neftyanaya Kompaniya YUKOS v. Russia (dec.), no. 14902/04, § 441, 29 January 2009). In fact, cases before the Court generally also have a moral dimension and persons close to an applicant may have a legitimate interest in seeing that justice is done even after the applicant’s death (ibid). There is nothing in the cases at hand to justify a departure from this approach. The Court accordingly finds that Mr V.N. Z. and Mrs T.N. M. have standing to pursue the complaint under Article 1 of Protocol No. 1 in place of their late relatives.
40. However, as regards Article 6, the Court does not exclude that the situation might in principle be different. In fact, the Court has previously accepted that the late applicants’ close relatives could maintain applications with complaints concerning various aspects of Article 6 of the Convention (see Malhous v. the Czech Republic [GC], no. 33071/96, § 1, 12 July 2001, with further references; Andreyeva v. Russia (dec.), no. 76737/01, 16 October 2003; Shiryayeva v. Russia, no. 21417/04, § 8, 13 July 2006, concerning the non-enforcement of the domestic judgment; see also Horváthová v. Slovakia, no. 74456/01, § 26, 17 May 2005, in the context of the length of proceedings). However, the Court attaches particular weight to the specific aspect of the “right to a court” at stake in the present two cases, namely the alleged impairment of the principle of legal certainty as a result of the annulment of the domestic judgments in the applicants’ favour by way of the supervisory review proceedings. The quashing in the instant cases had occurred before the applicants had passed away. The crux of the grievance under Article 6 was, in fact, frustration of the applicants’ reliance on the binding judicial decision. The Court reiterates that quashing of a final judgment is an instantaneous act and does not create a continuing situation (see, mutatis mutandis, Sardin v. Russia (dec.), no. 69582/01, ECHR 2004-II). In these circumstances, the Court may admittedly have difficulties in finding that the applicant’s relatives were affected by the quashing and accepts that the legal certainty complaint under Article 6 in the context of the supervisory-review proceedings, if raised separately, might not be automatically considered transferable (compare, mutatis mutandis, Stankevich, cited above; Gorodnichev v. Russia (dec.), no. 32275/03, 15 November 2007; Biç and Others, cited above, § 22; and Georgia Makri and Others v. Greece (dec.), no. 5977/03, 24 March 2005).
41. On the other hand, the Court notes that in the present case the supervisory-review complaint is closely related to the non-enforcement grievance under Article 6. It recalls that the principles insisting that a final judicial decision must not be called into question and should be enforced represent two aspects of the same general concept, namely the “right to a court” (see, for instance, Sobelin and Others, cited above, § 67). The Court has been prepared to recognise the standing of a relative as regards the non-enforcement complaints (see, among others, Shiryayeva, cited above). Furthermore, the supervisory-review complaints under Article 6 and Article 1 of Protocol No. 1 are closely interrelated, and it has already accepted the relatives’ standing as regards the complaint under the latter provision of the Convention. In view of the above, the Court does not consider it necessary to draw a distinction between two aspects of the supervisory-review complaint for the purposes of determination of the standing issue. It finds that Mr V.N. Z. and Mrs T.N. M. have standing to pursue their late relatives’ complaints under Article 6.
c. Conclusion
42. In view of the above, and having particular regard to the close interrelation of the complaints in the present case, the Court considers that Mr V.N. Z. and Mrs T.N. M. have a legitimate interest in pursuing the complaints in place of their late relatives in cases nos. 28888/06 and 31419/06, respectively.
III. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 OF THE CONVENTION AND ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 ON ACCOUNT OF SUPERVISORY REVIEW
43. The applicants complained under Article 6 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 that the quashing of the binding judgments in their favour was unjustified, as well as about various defects of the supervisory-review proceedings. Insofar as relevant, these Articles read as follows:
Article 6 § 1
“In the determination of his civil rights and obligations ..., everyone is entitled to a fair ... hearing ... by [a] ... tribunal...”
Article 1 of Protocol No. 1
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. The parties’ submissions
1. The Government
44. The Government argued that the quashing had been in accordance with the domestic law of civil procedure. The supervisory review had been justified, because it aimed at remedying a fundamental error in interpretation of the material law by the lower courts. In particular, the Novocherkassk Town Court had wrongly applied the index-linking coefficient for the applicants’ pensions and incorrectly determined the amount of the food allowance. Unlike in the case of Maltseva v. Russia (no. 76676/01, §§ 35-36, 19 June 2008), where the domestic judgment had been quashed because the lower court incorrectly determined the pension coefficient to be applied, in the present cases the first instance courts manifestly failed to apply the amount of the food allowance specified in the domestic law and thus abused their power. Furthermore, the Novocherkassk Town Court had not had territorial jurisdiction over the applicants’ claims. Therefore, the previous proceedings had been tarnished by a fundamental defect (see Luchkina v. Russia, no. 3548/04, § 21, 10 April 2008). In Trukhanov (no. 30481/06) they argued that judge A. who had issued the first instance judgments had been dismissed, and so were several officials from the respondent commissariat. Therefore, the authorities had taken all necessary measures to eliminate potential negative consequences “of the malicious actions of the above judge”. They further pointed out that the judge had delivered more than two hundred similar judgments, including those in the applicants’ favour, during only two days, 30 August and 15 September 2004. Such important amount of cases examined within a manifestly short period of time, taken alone, was capable of raising doubts as to the fairness of the proceedings at the first instance.
45. Regarding the complaint under Article 1 of Protocol No. 1, they acknowledged that there had been an interference with the applicants’ right to property as a result of the quashing, but it was justified, since it was in accordance with law and in the general interest. The initial domestic judgments were delivered in violation of the domestic laws of procedure. A failure to annul such judgments would have undermined the trust to the domestic judicial system and caused social tensions between the individuals whose similar claims were rejected and those whose claims were unlawfully granted.
2. The applicants
46. The applicants maintained their complaint. They argued that the first instance court’s judgments were lawful and did not contain a fundamental error. The Novocherkassk Town Court did not violate the jurisdiction rules. Some applicants pointed out that the respondent authority had failed to lodge ordinary appeals against the disputed judgments, and proceeded directly with an application for the extraordinary remedy, such as supervisory review, in violation of the applicants’ right to a court.
B. The Court’s assessment
1. Admissibility
47. As regards the objection raised in the Trukhanov case, and insofar as the Government may be understood as arguing that the applicant in the above case has lost his victim status, the Court notes that they had not submitted any documents related to the grounds of the judge’s dismissal. In any event, there is nothing in the case materials to enable a conclusion that the dismissal constituted either acknowledgment or redress of the alleged violation. The objection must accordingly be dismissed.
48. The Court further notes that the complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
2. Merits
a. Article 6 of the Convention
i. Supervisory review: legal certainty
49. The Court reiterates that the quashing by way of supervisory review of a judicial decision which has become final and binding may render the litigant’s right to a court illusory and infringe the principle of legal certainty (see, among many other authorities, Brumărescu v. Romania [GC], no. 28342/95, § 62, ECHR 1999-VII; Ryabykh v. Russia, no. 52854/99, §§ 56-58, 24 July 2003). In certain circumstances legal certainty can be disturbed in order to correct a “fundamental defect” or a “miscarriage of justice”. Departures from that principle are justified only when made necessary by circumstances of a substantial and compelling character (see Kot v. Russia, no. 20887/03, § 24, 18 January 2007, and Protsenko v. Russia, no. 13151/04, §§ 25-34, 31 July 2008; and Tishkevich v. Russia, no. 2202/05, §§ 25-26, 4 December 2008). In such cases, the Court has to assess, in particular, whether a fair balance was struck between the interests of the applicants and the need to ensure the proper administration of justice, which includes the importance of observing the principle of legal certainty (see, mutatis mutandis, Kurinnyy v. Russia, no. 36495/02, §§ 13, 27-28, 12 June 2008).
50. As regards the Government’s argument about an allegedly incorrect application of the substantive law, the Court reiterates its constant approach that in the absence of a fundamental defect in the previous proceedings a party’s disagreement with the assessment made by the lower courts is not a circumstance of a substantial and compelling character warranting the quashing of a binding and enforceable judgment and re-opening of the proceedings on the applicant’s claim (see Dovguchits v. Russia, no. 2999/03, § 30, 7 June 2007; and Kot, cited above, § 29). As concerns the Government’s submission about initial unfairness of the proceedings based on the fact that the absolute majority of the domestic judgments were issued within only two days, nothing suggests that this consideration constituted a ground for the quashing. Such argument was only advanced in the Government’s observations. In the absence of any reference to the ground for quashing cited by the Government in the texts of the supervisory-instance rulings, the Court rejects the Government’s argument.
51. On the other hand, the Court notes the Government’s submission as regards the violation of the jurisdictional rules in the domestic proceedings. As they correctly pointed out, a jurisdictional error or a serious breach of court may, in principle, be regarded as a fundamental defect and therefore justify the quashing (see, among others, Luchkina, cited above).
52. First, the Court notes the Presidium reasoning that the claims directed against the Military Commissariat of the Rostov Region should have been introduced before a district court in Rostov. At the same time, the Court observes that the initial claims in all cases were, in fact, made against two distinct authorities with different legal addresses, namely the Town and Regional Military Commissariats, and the action against the Town Commissariat had been subsequently rejected as unfounded. It appears that according to Article 31 of the Code of the Civil Procedure, such claim could have been lodged with a court having territorial jurisdiction over one of the defendants, upon the claimant’s choice, inter alia, with the Novocherkassk Town Court. The Court reiterates its constant approach to the effect that it is primarily for the domestic courts to interpret and apply the domestic law, including the law of procedure. Nevertheless, the Court observes that the Presidium, when quashing the judgments, did not cite any reason as to why the provisions of Article 31 of the CCP did not apply to the applicants’ cases.
53. Second, the Court observes that the purported defects in the present group of similar cases could have been cured in the appeal proceedings. A situation where the final judgments in the applicants’ favour was called into question could have been avoided, had the military commissariat lodged an ordinary appeal within the statutory ten-day time-limit (see Borshchevskiy v. Russia, no. 14853/03, § 48, 21 September 2006, and Nelyubin v. Russia, no. 14502/04, § 27, 2 November 2006). The Government did not point to any exceptional circumstances that would have prevented the military commissariat from making use of an ordinary appeal in good time (see, in identical context, Zvezdin v. Russia, no. 25448/06, §§ 30-32, 14 June 2007, and Murtazin, cited above, §§ 27-29). Furthermore, it appears that in several cases the regional commissariat had timeously appealed against the judgments, but then revoked the grounds of appeal. Moreover, the Court notes that the military commissariat had failed to apply for an extension of the time-limit for lodging of the ordinary appeal against the judgments, but chose to make use of the extraordinary remedy, such as the supervisory review.
54. Third, the Court does not lose sight of the fact that the applications for the supervisory review of more than thirty domestic judgments had been introduced by the respondent authority outside the one-year time-limit set out in the domestic law (see paragraph 19 above). No justification for that had been advanced by the Government. It is true that the domestic courts granted the extension of the respective time-limit on the ground that the respondent commissariat had not been timeously informed of the proceedings against it. Being sensitive to the subsidiary nature of its role, the Court nevertheless is not bound by the findings of domestic courts and may depart from them where this is rendered unavoidable by the circumstances of a particular case (see, for instance, Novikov v. Russia, no. 35989/02, § 38, June 2009, and Khamidov v. Russia, no. 72118/01, § 135 et seq., ECHR 2007-XIII (extracts)). The Court notes, in particular, the Government’s observation that in September-October 2004 thirty-three applicants had submitted the writs of execution directly to the respondent authority, and the latter had received them. It also notes, and it is uncontested between the parties, that the authority attempted to appeal against several first instance judgments, but then revoked the respective applications without referring to a specific reason. In these circumstances, the Court is not convinced that the respondent authority was genuinely unaware of the proceedings before the first instance court (see, by contrast, Podrugina and Yedinov v. Russia (dec.), no. 39654/07, 17 February 2009).
55. In view of the above, the Court is not satisfied that a fair balance between the interests of the applicants and the need to ensure the proper administration of justice was ensured. The Court agrees that, as a matter of principle, the rules of jurisdiction should be respected. However, in the specific circumstances of the present eighty-seven cases the Court does not detect a specific reason which would justify the departure from the principle of legal certainty (see, mutatis mutandis, Sutyazhnik v. Russia, no. 8269/02, § 39, 23 July 2009), in particular, given that the respondent authority did not make use of the ordinary remedy in due time.
56. The Court finds that, by granting the military commissariat’s request to set aside the final domestic judgments in the applicants’ favour listed in Parts A and B of Annex I, the Presidium of the Rostov Regional Court infringed the principle of legal certainty and the applicants’ “right to a court” under Article 6 § 1 of the Convention. There has accordingly been a violation of that Article in the eighty-seven cases at hand.
ii. Supervisory review: procedural issues
57. With regard to the complaint about the procedural defects of the hearing before the Presidium of the Rostov Regional Court, the Court finds that, having concluded that there had been an infringement of the applicants’ “right to a court” by the very use of the supervisory review procedure, it is not necessary to consider whether the procedural guarantees of Article 6 of the Convention were available in those proceedings (see, for example, Volkova v. Russia, no. 48758/99, § 39, 5 April 2005).
b. Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention
58. The Court reiterates that the existence of a debt confirmed by a binding and enforceable judgment constitutes the beneficiary’s “possession” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 (see, among other authorities, Androsov v. Russia, no. 63973/00, § 69, 6 October 2005).
i. Nineteen applicants named in Part A of Annex I
59. As regards the group of nineteen applicants listed in Part A of Annex I, it is not contested between the parties that all judgments in their favour had been executed in full. There is nothing in the file to suggest that the applicants were obliged to repay the respective judgment debts pursuant to the quashing. In these circumstances the Court does not consider it necessary to rule on the question where there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 in respect of nineteen applicants named in Part A of Annex I on account of the quashing (see, mutatis mutandis, Zasurtsev v. Russia, no. 67051/01, §§ 53-55, 27 April 2006).
ii. Sixty-eight applicants named in Part B of Annex I
60. Regarding the application by Mr K. (application no. 18352/06) the Court notes the Government’s submission that the applicant had modified the scope of his claims in the new proceedings. The Court observes that the core issue before it is the quashing of the final and binding judgment, an instantaneous act. Thus, the eventual outcome of the post-quashing proceedings is not directly relevant for the Court’s analysis of the quashing complaint (see Ivanova v. Ukraine, no. 74104/01, §§ 35-38, 13 September 2005), unless, as a result of the subsequent proceedings, the applicant obtained more than he had had before the supervisory review (see Boris Vasilyev v. Russia, no. 30671/03, § 37, 15 February 2007). This was clearly not the case. Accordingly, the outcome of the subsequent proceedings will not have impact on the Court’s findings regarding Mr Karatayev.’s complaint under Article 1 of Protocol No. 1.
61. The Court further observes that the quashing of the enforceable judgments frustrated the applicants’ reliance on the binding judicial decision and deprived them of an opportunity to receive the money they had legitimately expected to receive (see, among others, Ivanova v. Russia, no. 11697/05, § 23, 24 April 2008, Dmitriyeva v. Russia, no. 27101/04, § 32, 3 April 2008). In each of the sixty-eight cases at hand, at least one domestic judgment had remained unexecuted before the quashing.
62. In these circumstances, even assuming that the interference was lawful and pursued a legitimate aim, the Court considers that the quashing of the enforceable judgments in the applicants’ favour by way of supervisory review placed an excessive burden on them and was incompatible with Article 1 of the Protocol No. 1. There has therefore been a violation of that Article in the present sixty-eight cases cited in Part B of Annex I.
IV. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 OF THE CONVENTION AND ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 ON ACCOUNT OF NON-ENFORCEMENT
63. Relying on Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1, both cited above, the applicants complained about non-enforcement or delayed enforcement of the judgments in their favour.
64. In some cases the Government alleged that the applicants had not exhausted the domestic remedies available to them under domestic law. They notably referred to Chapter 25 of the Code of Civil Procedure allowing to complain about the authorities’ negligence and to Chapter 59 of the Civil Code opening a way to claim non-pecuniary damage. In the Government’s view the latter provision had proven its effectiveness in practice, as shown by several examples of domestic case-law.
65. They further submitted that the delays in execution of the judgments in the applicants’ favour exceeded two years and in principle could be said to be incompatible with the provisions of Article 6 of the Convention. However, several delays were attributable to the applicants, since some of them had submitted the enforcement papers to the wrong institutions. The enforcement procedure in respect of the domestic judgments had been reasonably suspended pending the prosecutor’s inquiry. Some of the judgments had not been executed because of the supervisory-review proceedings. Contrary to the applicants’ submissions, at no point did the authorities refuse to cooperate with them. Thus, the complaints were manifestly ill-founded.
66. The applicants maintained their claims. They pointed out that the judgments should have been executed immediately and that they had not been at fault as regards the delayed execution of the court awards.
A. Admissibility
67. As regards exhaustion, the Court has already found that the suggested remedies were ineffective (see, among others, Burdov v. Russia (no. 2), no. 33509/04, §§ 103 and 106-116, 15 January 2009, and Moroko v. Russia, no. 20937/07, §§ 25-30, 12 June 2008).
68. The Court further notes that the applicants’ non-enforcement complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention and is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
69. The Court reiterates that an unreasonably long delay in the enforcement of a binding judgment may breach the Convention (see Burdov v. Russia, no. 59498/00, ECHR 2002-III). In each case the State avoided paying the judgment debt pursuant to at least one domestic judgment in the applicants’ favour for more than one year, which is prima facie incompatible with the Convention requirements (see, among others, Kozodoyev and Others v. Russia, nos. 2701/04 et seq., § 11, 15 January 2009).
70. As regards the judgments which had remained unexecuted by the dates of the annulment, the Court reiterates that the quashing of a judgment in a manner which has been found to have been incompatible with the principle of legal certainty and the applicant’s “right to a court” cannot be accepted as justification for the failure to enforce that judgment (see Sukhobokov v. Russia, no. 75470/01, § 26, 13 April 2006). In the present cases the judgments in the applicants’ favour were enforceable until at least the respective dates of quashing and it was incumbent on the State to abide by their terms (see Velskaya v. Russia, no. 21769/03, § 18, 5 October 2006).
71. As regards the objection concerning some of the applicants’ failure to submit the enforcement papers in good time or to a due agency, the Court reiterates that where a judgment is against the State, the State must take the initiative to enforce it (see Akashev v. Russia, no. 30616/05, §§ 21–23, 12 June 2008). The complexity of the domestic enforcement procedure cannot relieve the State of its obligation to enforce a binding judicial decision within a reasonable time (see Burdov (no. 2), cited above, § 70).
72. There has, accordingly, been a violation of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 in the present eighty-seven cases.
V. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 13 OF THE CONVENTION
73. The applicants complained under Article 13 of the Convention about the lack of an effective remedy against the non-enforcement and quashing of the initial domestic judgments in their favour.
74. As regards the alleged lack of an effective domestic remedy against the continued non-enforcement of the judgment in the applicants’ favour, the Court considers that, having regard to the above findings (see paragraph 34 above), it is not necessary to examine whether there has been a violation of Article 13 in the present eighty-seven cases. Thus, the Court rejects this complaint under Article 35 § 4 of the Convention (see, in the similar context, Murtazin, cited above, §§ 43-45).
75. The applicants may be understood to complain under Article 13 about the lack of an effective domestic remedy against the quashing by way of supervisory review of a judgment in their favour. The Court notes that Article 13 of the Convention does not, as such, guarantee the right to appellate remedies in respect of a decision taken by way of supervisory review, and the mere fact that the judgment of the highest judicial body is not subject to further judicial review does not infringe in itself the said provision (see, in identical context, Murtazin, cited above, § 46).
76. It follows that this part of the complaint is incompatible ratione materiae with the provisions of the Convention within the meaning of Article 35 § 3 and must be rejected in accordance with Article 35 § 4 thereof.
VI. OTHER ALLEGED VIOLATIONS OF THE CONVENTION
77. All applicants complained under Articles 6 and 13 of the Convention about the extension of the time-limit for lodging a supervisory-review request and about the overall length of the court proceedings in their cases.
78. The Court reiterates that the reasonableness of the length of the proceedings is to be assessed in the light of the particular circumstances of the case, regard being had to the criteria laid down in the Court’s case-law, in particular the complexity of the case, the conduct of the applicant and that of the authorities before which the case was brought (cf. Pélissier and Sassi v. France [GC], no. 25444/94, ECHR 1999-II, § 67).
79. Turning to the present cases, the Court notes that the applicants complain, in essence, about the overall duration of the proceedings in their cases, including the periods when their respective cases had been pending before the supervisory review instance. The Court recalls, however, that it is appropriate to take into account only the periods when the case was actually pending before the courts, that is the periods when there was no effective judgment in the applicant’s case (see, mutatis mutandis, Rokhlina v. Russia, no. 54071/00, § 82, 7 April 2005). Having thus deducted the periods between the dates of the initial judgments and the reopening of the respective cases by way of the supervisory review proceedings from the overall duration of the civil proceedings, the Court observes that in no case at hand the length of the domestic proceedings was excessive or unreasonable. It follows that this part of the applications must be rejected in accordance with Article 35 §§ 3 and 4 of the Convention.
80. Lastly, having regard to all the material in its possession, the Court finds that other complaints raised by the applicants did not disclose any appearance of a violation of the rights and freedoms set out in the Convention or its Protocols. It follows that this part of the applications must be rejected in accordance with Article 35 §§ 3 and 4 of the Convention.
VII. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
81. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
1. Pecuniary damage
a. The parties’ submissions
82. In respect of pecuniary damage, Mr T.(case no. 30481/06), Mrs V.o (case no. 27833/06) and Mr P. (case no. 25442/06) claimed the respective judgment debts. The remaining applicants’ claims may be summarised as follows. If they obtained execution of the judgments, they claimed interest for the period of non-enforcement. If the judgments in their favour had not been executed, they claimed various amounts representing the respective domestic awards plus the interest for the period between the judgments’ entry into force and 30 September 2009. In all cases they calculated the interest on the basis of the consumer price index in the Rostov Region in the reference period. All applicants submitted detailed calculation in support of their claims. Some of them provided certificates by the Rostov Regional Department of the Federal Statistics Service specifying the consumer price index in the Rostov Region in the reference period.
83. The Government contested the applicants’ method of calculation of the inflationary loss for the following reasons. Firstly, the judgments in the applicants’ favour had been quashed in 2005-2007, and the applicants could not claim damages for any period posterior to the respective dates of quashing. Secondly, with reference to the information provided by the Federal Statistics Service, i.e. a table of consumer price index in the Russian Federation for 1991-2008, they argued that all the applicants except for Mr D. referred to incorrect consumer price indexes. Finally, the judgments debts as well as the inflation losses were not subject to reimbursement, since the respective domestic judgments awarding the applicants with respective sums had been issued with serious jurisdictional errors and the first instance court in all the cases at hand abused its power while examining the applicants’ claims. Furthermore, some of the judgments had been executed before quashing.
b. The Court’s assessment
84. The Court recalls that the most appropriate form of redress in respect of the violations found would be to put the applicants as far as possible in the position they would have been if the Convention requirements had not been disregarded (see Piersack v. Belgium (Article 50), 26 October 1984, Series A no. 85, p. 16, § 12, and, mutatis mutandis, Gençel v. Turkey, no. 53431/99, § 27, 23 October 2003). The Court observes that in several cases at hand the judgments in the applicant’s favour had been executed before quashing, while in other cases the domestic awards had remained unenforced. Finally, in the case of Mr K. the amount of the initial judgment debt had been reduced in the proceedings posterior to the quashing. The Court will take these circumstances into account when deciding on damages in each individual case, in accordance with the following methods.
i. As regards the judgment debt
85. Where a domestic judgment in an applicant’s favour was executed, the Court does not make any award in respect of the initial judgment debt. (The applicants’ claims in respect of interest will be examined below).
86. Where a domestic judgment remained unenforced, the Court notes that the applicants were prevented from receiving the amounts they had legitimately expected to receive under at least one binding and enforceable judgment delivered by domestic courts in their favour. Accordingly, the Court considers appropriate to award the applicants the equivalent in euros of the sums that they would have received if the judgments in their favour had not been quashed (see Bolyukh v. Russia, no. 19134/05, § 39, 31 July 2007). The Court accordingly awards the applicants the equivalent in euros of the unenforced judgment debts.
87. As regards the case of Mr K. (no. 18352/06), the Court observes that the applicant was successful in the new round of the court proceedings after the quashing, and the new award in his favour had been timeously enforced. In these circumstances, the Court considers that the Government should pay the applicant the equivalent in euros of the difference between the amounts awarded by the judgment of the Novocherkassk Town Court of 15 September 2004 (no. 2-1879/04) and those awarded to him by the judgment of 6 August 2007 by the Oktyabrskiy District Court.
ii. As regards interest
88. Regarding the cases of Mr T. (no. 30481/06), Mrs V. (no. 27833/06) and Mr P. (no. 25442/06) the Court notes that these applicants did not claim interest. Accordingly, the Court does not consider it necessary to grant any amount in this respect of its own motion.
89. As regards eighty-four remaining cases, the Court recalls its constant approach that the adequacy of the compensation would be diminished if it were to be paid without reference to various circumstances liable to reduce its value (see, mutatis mutandis, Gizzatova v. Russia, no. 5124/03, § 28, 13 January 2005). The Court accordingly accepts the applicants’ claims relating to the loss of value of the domestic awards since the delivery of the judgments in their favour and finds it appropriate to award additional sums in this respect, where they were requested (see Kondrashov and Others v. Russia, nos. 2068/03 et al., § 42, 8 January 2009).
90. Turning to the method of calculation of damage in eighty four cases at hand, the Court notes the Government’s submission as regards the applicants’ use of the incorrect consumer price index. However, it appears that the Government’s argument was based on the comparison of the applicants’ calculations with an average consumer prices’ index established by the respective statistics authority in respect of the entirety of the Russian Federation. However, the submissions by all applicants were based on a similar index in respect of their specific region, namely that of Rostov. Having studied the certificates by the Rostov Regional Department of Statistics, the Court observes that the indexes for the periods specified in the applicants’ claims for just satisfaction were, in fact, correct. It further notes that, while pointing out to allegedly wrongful use of the indexes, the Government did not challenge the method of calculation of the inflation loss chosen by the applicants, nor did they advance any reason for which a national and not regional index of consumer prices was to be used for calculation of the interest. The Court therefore accepts the applicants’ method of calculation.
91. As regards the period in respect of which the claims for interest have been made, the Court accepts that after the final judgments were quashed they ceased to exist under domestic law; it cannot restore the power of these judgments (see Tarnopolskaya and Others v. Russia, nos. 11093/07 et seq. § 51, 7 July 2009). The Court allows the Government’s argument that no interest for the periods posterior to the annulment of the judgments should be granted to the applicants. Therefore, where a domestic judgment in an applicant’s favour had not been enforced before quashing, the Court only allows the claims as regards the interest in so far as they are made in respect of the periods preceding the respective date of quashing. Where a domestic judgment had been executed before annulment, the Court awards the interest for the period preceding the date of full enforcement.
iii. Conclusion
92. In view of the above and making its estimate on the basis of the information at its disposal, the Court awards the applicants the amounts listed the “Final Court’s Award” section of Annex II to the present judgment, plus any tax that may be chargeable. Where a domestic judgment in an applicant’s favour had not been enforced before the quashing, the Court’s award includes the equivalent in euros of the initial domestic award and the compensation for loss of value of the awards for the periods preceding the quashing. Where a judgment in an applicant’s favour was fully executed before the quashing, the Court’s award represents the equivalent in euros of the interest for the period from the domestic judgment’s entry into force until the date of its full execution. Where more than one judgment was issued in an applicant’s favour, the amount of the Court’s award represents a sum of the respective awards calculated in accordance with the method specified above, in respect of each of the quashed domestic judgments.
93. The Court dismisses the remainder of the applicants’ claims in respect of pecuniary damage.
2. Non-pecuniary damage
94. The applicants claimed sums ranging from 5,000 to 10,000 euros (EUR) in respect of non-pecuniary damage.
95. The Government challenged the claims as excessive and ill-founded. The applicants did not furnish any documents evidencing the alleged non-pecuniary damage. The judgments were quashed because of the fundamental defect in the proceedings. Nothing should be awarded to the applicants, since there was no violation of their rights.
96. Having regard to the nature of the breach in this case, making its assessment on an equitable basis, the Court awards to each applicant the sum of EUR 2,000 in respect of non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable on that amount.
3. Cases no. 28888/06 and 31419/06
97. The Court decides that the respective awards in case no. 28888/06 should be paid to Mr. V.N. Z. and in case no. 31419/06 to Mrs T.N. M. in the place of the deceased applicants.
B. Costs and expenses
98. The applicants did not claim costs and expenses, and there is accordingly no need to make an award under this head.
C. Default interest
99. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Decides to join the applications;
2. Holds, in respect of application no. 28888/06, that Mr. V.N. Z. has standing to continue the proceedings in Mr N.P. Z.’s stead;
3. Holds, in respect of application no. 31419/06, that Mrs T.N. M.a has standing to continue the proceedings in Mr N.N. M.’s stead;
4. Declares, in respect of all applications, the complaints under Article 6 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 concerning non-enforcement and subsequent quashing of the initial judgments in the applicants’ favour listed in Annex I admissible and the remainder of the applications inadmissible;
5. Holds, in respect of all applications, that there has been a violation of Article 6 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 in respect of the delayed execution of the judgments in the applicants’ favour listed in Annex I ;
6. Holds, in respect of all applications, that there has been a violation of Article 6 of the Convention on account of the quashing by way of the supervisory-review proceedings of the judgments in the applicants’ favour listed in Annex I ;
7. Holds, in respect of nineteen applications listed in Part A of Annex I, that there is no need to examine whether there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 on account of the quashing by way of the supervisory-review proceedings of the judgments in the applicants’ favour;
8. Holds, in respect of sixty-eight applications listed in Part B of Annex I, that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 on account of the quashing by way of the supervisory-review proceedings of the judgments in the applicants’ favour, as listed in the relevant part of Annex I;
9. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicants, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts, plus any tax that may be chargeable:
(i) to each applicant, EUR 2,000 (two thousand euros) in respect of non-pecuniary damage;
(ii) to each applicant, the amounts in euros cited in the “Final Court’s award” part of Annex II to the present judgment, in respect of pecuniary damage;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
10. Dismisses the remainder of the applicants’ claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 29 July 2010, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Søren Nielsen Christos Rozakis
Registrar President


ANNEX I
A. APPLICANTS IN WHOSE FAVOUR THE JUDGMENTS HAD BEEN FULLY ENFORCED BY THE RESPONDENT AUTHORITY
Appl. number, date of lodging Name of the applicant,
year of birth Judgment by the Novocherkassk Town Court Sum awarded
(RUB), nature of the payment
(adjustment to the increase of minimum wage or food allowance) Enforcement status Quashing
(date),
Presidium judgment received by the applicant (date, if relevant) Subsequent developments
(proceedings before the Oktyabrskiy District Court of Rostov-On –Don, the Rostov Region)
1. 18835/06
14/04/06 OMISSIS 30 August 2004
(case no.2-1489/04) 140,086.40
(minimum wage) Fully enforced on 05/02/2007 14 June 2007 (No. 44-г-266) No information available
30 August 2004
(case no. 2-1616/04) 385,642.97
(food allowance) Fully enforced on 05/02/2007 14 June 2007 (No. 44-г-255) 13 July 2007; proceedings discontinued on account of the applicant’s refusal to maintain the claims; sums paid pursuant to the judgments cannot be claimed back from the applicant
2. 19350/06
14/04/06 OMISSIS 30 August 2004 291,161.11
(minimum wage) Fully enforced on 5 February 2007 14 June 2007 13 July 2007; claims rejected
3. 19352/06
14/04/06 OMISSIS 30 August 2004 60,898.23
(food allowance) Fully enforced on 5 February 2007 24 November 2005 26 December 2005 (as upheld on 17 April 2006): claims dismissed
4. 20904/06
28/04/06 OMISSIS 30 August 2004 75,560.41
(food allowance) Fully enforced on 5 February 2007 14 June 2007 No information available
5. 21123/06
14/04/06 OMISSIS 30 August 2004 224,034.62
(minimum wage) Fully enforced on 5 February 2007 14 June 2007 13 July 2007; proceedings discontinued
6. 25029/06
25/05/06 OMISSIS 30 August 2004
(case no. 2-1641/04) 227,835.56
(minimum wage) Fully enforced on 5 February 2007 12 July 2007 7 August 2007; proceedings discontinued
7. 25043/06
10/05/06 OMISSIS 15 September 2004
(case no. 2-1880/04) 126,751.11
(minimum wage) Fully enforced on 5 February 2007 21 June 2007 20 July 2007; proceedings discontinued
Appl. number, date of lodging Name of the applicant,
year of birth Judgment by the Novocherkassk Town Court Sum awarded
(RUB), nature of the payment
(adjustment to the increase of minimum wage or food allowance) Enforcement status Quashing
(date),
Presidium judgment received by the applicant (date, if relevant) Subsequent developments
(proceedings before the Oktyabrskiy District Court of Rostov-On –Don, the Rostov Region)
8. 26440/06
05/06/06 OMISSIS 15 September 2004
(no.2-1645/04) (minimum wage) Fully enforced on
15 May 2007 12 July 2007 6 August 2007, proceedings discontinued
9. 26654/06
20/04/06 OMISSIS 30 August 2004 149,761.83
(minimum wage) Fully enforced on
19 December 2006 14 June 2007 25 July 2007, proceedings discontinued
10. 26706/06
17/05/06 OMISSIS 30 August 2004 394,935.57
(minimum wage) Fully enforced on 5 February 2007 27 July 2007 20 September 2007; proceedings discontinued
11. 27840/06
29/05/06 OMISSIS 30 August 2004
(case no.2-1683/04) 143,461.97
(food allowance) Fully enforced on 5 February 2007 14 June 2007 24 July 2007; claims rejected
30 August 2004
(case no. 2-1646/04) 252,967.44
(minimum wage) Fully enforced on 5 February 2007 19 July 2007 28 September 2007; claims rejected
12. 28231/06
21/06/06 OMISSIS 30 August 2004
(case no. 2-1624/04) 372,661.86
(minimum wage) Fully enforced on 5 February 2007 19 July 2007 20 September 2007; claims rejected
13. 31309/06
19/06/06 OMISSIS 30 August 2004
(no. 2-1619/04) 208,840
(minimum wage) Fully enforced on 5 February 2007 12 July 2007 6 August 2007; proceedings discontinued
14. 31324/06
09/06/06 OMISSIS 30 August 2004
(no. 2-1696/04) 323,386.81
(minimum wage) Fully enforced on 5 February 2007 27 July 2007 20 September 2007; proceedings discontinued
15. 40256/06
01/09/06 OMISSIS 30 August 2004
(case no. 2-1532/04) 94,516.12
(food allowance) Fully enforced on 5 February 2007 14 June 2007 13 July 2007; claims dismissed
16. 41560/06
11/07/06 OMISSIS 30 August 2004
(case no. 2-1652/04) 191,073.01
(minimum wage) Fully enforced on 5 February 2007 27 July 2007 2 October 2007; proceedings discontinued
17. 5648/07
11/01/07 OMISSIS 30 August 2004 86,917.46
(food allowance) Fully enforced on 15 May 2007 12 July 2007 7 August 2007; claims dismissed
18. 6902/07
15/01/07 OMISSIS 30 August 2004 267,317.04
(minimum wage) Fully enforced on 5 February 2007 27 July 2007 20 September 2007; proceedings discontinued
19. 39423/07
09/03/07 OMISSIS 30 August 2004 232,277.03
(minimum wage) Fully enforced on 15 May 2007 27 July 2007 27 September 2007; proceedings discontinued
Appl. number, date of lodging Name of the applicant,
year of birth Judgment by the Novocherkassk Town Court Sum awarded
(RUB), nature of the payment
(adjustment to the increase of minimum wage or food allowance) Enforcement status Quashing
(date),
Presidium judgment received by the applicant (date, if relevant) Subsequent developments
(proceedings before the Oktyabrskiy District Court of Rostov-On –Don, the Rostov Region)
B. OTHER APPLICANTS
20. 8549/06
10/02/06 OMISSIS 15 September 2004 255,752.81
(minimum wage) Not enforced 17 November 2005 26 December 2005; proceedings discontinued
21. 17763/06
05/04/06 OMISSIS 2 March 2005 345,314.00
(minimum wage) Not enforced 6 April 2006 11 May 2006; claims rejected
22. 18352/06
05/04/06 OMISSIS 15 September 2004 (no. 2-1879/04) 529,155.15
(minimum wage) Not enforced 21 July 2007
(no. 44-г-286) 6 August 2007; claim granted; applicant awarded RUB 32,811.52
15 September 2004
(no. 2-1886/04) 132,816.21
(food allowance) Not enforced 21 July 2007
(no. 44-г-285) 20 July 2007; claims rejected
23. 18354/06
05/04/06 OMISSIS 15 September 2004 187,556.95 Not enforced 15 December 2005 1 February 2006; claims rejected
24. 18848/06
14/04/06 OMISSIS 30 August 2004
(case no. 2-1643/04) 304,777.40 (minimum wage) Not enforced 22 December 2005 20 March 2006; proceedings discontinued
25. 18851/06
14/04/06 OMISSIS 30 August 2004
(case no.2-1497/04) 114,769.58
(food allowance) Not enforced 24 November 2005 22 December 2005;
claims rejected
30 August 2004
(case no. 2-1697/04) 238,885.34
(minimum wage) Not enforced 22 December 2005 21 February 2006 (as upheld on 22 May 2006) claims rejected
26. 18856/06
14/04/06 OMISSIS 30 August 2004
(case no.2-1535/04) 143,461.97
(food allowance) Fully enforced on 8 February 2007 5 July 2007 10 September 2007; claims rejected
30 August 2004
(case no. 2-1612/04) 366,079.13
(minimum wage) Not enforced 14 June 2007 24 July 2007;
claims rejected
27. 18916/06
20/04/06 OMISSIS 15 September 2004 265,522.88
(minimum wage) Not enforced 29 December 2005 20 March 2006; claims rejected
28. 18952/06
20/04/06 OMISSIS 30 August 2004
(case no. 2-1638/04) 220,209.99
(minimum wage) Fully enforced on 5 February 2007 26 July 2007 11 September 2007; proceedings discontinued
30 August 2004
(case no. 2-1502/04) 99,946.13
(food allowance) Not enforced 20 October 2005; copy issued on
21 November 2005 19 December 2005 (upheld on 10 April 2006); claims rejected
Appl. number, date of lodging Name of the applicant,
year of birth Judgment by the Novocherkassk Town Court Sum awarded
(RUB), nature of the payment
(adjustment to the increase of minimum wage or food allowance) Enforcement status Quashing
(date),
Presidium judgment received by the applicant (date, if relevant) Subsequent developments
(proceedings before the Oktyabrskiy District Court of Rostov-On –Don, the Rostov Region)
29. 19353/06
14/04/06 OMISSIS 15 September 2004 372,514.57
(minimum wage) Not enforced 22 December 2005 27 February 2006; claims dismissed
30. 20423/06
28/04/06 OMISSIS 30 August 2004
(no.2-1521/04) 143,461.97
(food allowance) Fully enforced on 5 February 2007 26 July 2007 27 September 2007; proceedings discontinued
30 August 2004
(no.2-1620/04) 277,408.74
(minimum wage) Not enforced 10 November 2005 16 January 2006; proceedings discontinued
31. 20906/06
28/04/06 OMISSIS 30 August 2004 363,746.48
(minimum wage) Not enforced 22 December 2005 6 March 2006; claims dismissed
32. 20907/06
28/04/06 OMISSIS 15 September 2004 376,706.00
(minimum wage) Not enforced 29 December 2005 13 March 2006; proceedings discontinued
33. 21081/06
28/04/06 OMISSIS 15 September 2004 139.544,21
(minimum wage) Not enforced 29 December 2005 20 March 2006; claims dismissed
34. 21124/06
20/04/06 OMISSIS 15 September 2004 260,710.37
(minimum wage) Not enforced 29 December 2005 14 March 2006; claims dismissed
35. 21179/06
20/04/06 OMISSIS 30 August 2004
(case no. 2-1692/04) 153,889.06
(minimum wage) Fully enforced on 5 February 2007 12 July 2007 7 August 2007; proceedings discontinued
30 August 2004
(case no. 2-1498/04) 94,516.12
(food allowance) Not enforced 24 November 2005 18 January 2006 (as upheld on 13 March 2006); claims dismissed
36. 21189/06
28/04/06 OMISSIS 15 September 2004 407,167.49
(minimum wage) Not enforced 29 December 2005 20 March 2006; claims dismissed
37. 24041/06
15/05/06 OMISSIS 15 September 2004 230,990.83
(minimum wage) Not enforced 29 December 2005 17 March 2006; proceedings discontinued
38. 24048/06
15/05/06 OMISSIS 15 September 2004 178,888.60
(minimum wage) Not enforced 29 December 2005 13 March 2006; proceedings discontinued
Appl. number, date of lodging Name of the applicant,
year of birth Judgment by the Novocherkassk Town Court Sum awarded
(RUB), nature of the payment
(adjustment to the increase of minimum wage or food allowance) Enforcement status Quashing
(date),
Presidium judgment received by the applicant (date, if relevant) Subsequent developments
(proceedings before the Oktyabrskiy District Court of Rostov-On –Don, the Rostov Region)
39. 24055/06
15/05/06 OMISSIS 30 August 2004
(case no. 2-1651/04) 303,913.11
(minimum wage) Not enforced 22 December 2005 20 February 2006; claims dismissed
30 August 2004
(case no. 2-1515/04) 124,896.30
(food allowance) Not enforced 17 November 2005 9 December 2005 (as upheld on 20 March 2006 by the Rostov Regional Court); claims dismissed
40. 24058/06
15/05/06 OMISSIS 15 September 2004 226,063.78 (minimum wage) Not enforced 12 January 2006 21 February 2006 (as upheld on 10 April 2006 by the Rostov Regional Court); claims dismissed
41. 24816/06
10/05/06 OMISSIS 15 September 2004 93,697.67
(minimum wage) Not enforced 12 January 2006 15 February 2006; proceedings discontinued
42. 25044/06
10/05/06 OMISSIS 15 September 2004 259,706.54 Not enforced 22 December 2005 20 March 2007; proceedings discontinued
43. 25442/06
25/05/06 OMISSIS 30 August 2004 85,758.81 (minimum wage) Not enforced 24 November 2005; copy issued on 12 December 2005 20 March 2006; proceedings discontinued
22 September 2004 28,132.11
(food allowance) Not enforced 15 December 2005 18 January 2006 (as upheld on 13 March 2006) proceedings discontinued
44. 25717/06
23/05/06 OMISSIS 15 September 2004 100,357.58
(food allowance) Not enforced 24 November 2005 30 January 2006; claims rejected
45. 25721/06
01/01/06 OMISSIS 30 August 2004
(case no. 2-1623/04) 240,998.13 (minimum wage) Not enforced 15 December 2005;
copy issued on 20 January 2006 14 March 2006; proceedings discontinued
46. 25827/06
22/05/06 OMISSIS 15 September 2004 171,549.49
(minimum wage) Not enforced 29 December 2005 23 March 2006; proceedings discontinued
Appl. number, date of lodging Name of the applicant,
year of birth Judgment by the Novocherkassk Town Court Sum awarded
(RUB), nature of the payment
(adjustment to the increase of minimum wage or food allowance) Enforcement status Quashing
(date),
Presidium judgment received by the applicant (date, if relevant) Subsequent developments
(proceedings before the Oktyabrskiy District Court of Rostov-On –Don, the Rostov Region)
47. 25831/06
23/05/06 OMISSIS 30 August 2004
(case no. 2-1629/04) 104,845.36 (minimum wage) Fully enforced on
5 February 2007 12 July 2007 7 August 2007, proceedings discontinued
30 August 2004
(case no. 2-1527/04) 102,955.06
(food allowance) Not enforced 17 November 2005;
copy issued on 2 December 2005 26 December 2005, claims dismissed
48. 25920/06
22/05/06 OMISSIS 15 September 2004 239,062.87
(minimum wage Not enforced 29 December 2005 23 March 2006; proceedings discontinued
49. 25922/06
22/05/06 OMISSIS 15 September 2004 290,969.01
(minimum wage) Not enforced 22 December 2005 8 February 2006; claims rejected
50. 25923/06
23/05/06 OMISSIS 15 September 2004 183,251.38
(minimum wage) Not enforced 29 December 2005 13 March 2006; proceedings discontinued
51. 26709/06
01/06/06 OMISSIS 30 August 2004
(no. 2-1490/04) 135,023.03
(minimum wage) Not enforced 17 November 2005 22 December 2005; claims rejected
30 August 2004
(no. 2-1650/04) 217,311.70
(food allowance) Not enforced 15 December 2005 1 February 2006; claims rejected
52. 26766/06
01/06/06 OMISSIS 30 August 2004
(no. 2-1625-04) 174,009.17
(minimum wage) Fully enforced on 12 February 2007 27 July 2007 No information available
30 August 2004,
(no. 2-1543-04) 104,642.85
(food allowance) Not enforced 1 December 2005
(copy issued on 14 December 2005) 18 January 2006, claims rejected
53. 26972/06
18/05/06 OMISSIS 15 September 2004 285,970.34
(minimum wage) Not enforced 29 December 2005 13 March 2006, proceedings discontinued
54. 26981/06
22/05/06 OMISSIS 15 September 2004 283,281.14
(minimum wage) Not enforced 12 January 2006 17 February 2006; claims rejected
55. 26983/06
22/05/06 OMISSIS 15 September 2004 373,971.60
(minimum wage) Not enforced 22 December 2005 6 March 2006; claims rejected
56. 27716/06
01/06/06 OMISSIS 15 September 2004 335,684.57
(minimum wage) Not enforced 12 January 2006 22 February 2006; claims rejected
Appl. number, date of lodging Name of the applicant,
year of birth Judgment by the Novocherkassk Town Court Sum awarded
(RUB), nature of the payment
(adjustment to the increase of minimum wage or food allowance) Enforcement status Quashing
(date),
Presidium judgment received by the applicant (date, if relevant) Subsequent developments
(proceedings before the Oktyabrskiy District Court of Rostov-On –Don, the Rostov Region)
57. 27709/06 OMISSIS 30 August 2004
(case no. 1639/04) 141,516.72
(minimum wage) Not enforced 22 December 2005; copy issued
on 15 February 2006 20 March 2006; claims rejected
58. 27710/06
01/06/06 OMISSIS 30 August 2004
(case no. 2-1528/04) 143,461.97
(food allowance) Not enforced 10 November 2005;
copy issued on 2 December 2005 9 December 2005; claims dismissed
30 August 2004
(case no.2-1633/04) 377,308.28
(minimum wage) Fully enforced on 5 February 2007 27 July 2007 20 September 2007; claims dismissed
59. 27714/06
05/06/06 OMISSIS 30 August 2004
(case no. 2-1493/04) 95,970.45
(food allowance) Fully enforced on 5 February 2007 26 July 2007 27 September 2007; proceedings discontinued
30 August 2004
(case no.2-1642/04) 169,116.78
(minimum wage) Not enforced 2 March 2006 10 April 2006; proceedings discontinued
60. 27718/06
01/06/06 OMISSIS 15 September 2004 378,987.97
(minimum wage) Not enforced 22 December 2005 17 February 2006;
claims rejected
61. 27833/06
29/05/2006 OMISSIS 15 September 2004 113,066.10
(minimum wage) Not enforced 12 January 2006 21 February 2006; claims rejected
62. 28105/06
29/05/06 OMISSIS 30 August 2004
(case no. 2-1547/04) 90,261.66
(food allowance) Not enforced 17 November 2005
(copy issued on 2 December 2005) 20 September 2007; proceedings discontinued
30 August 2004
(case no. 2-1627/04) 78,606.12
(minimum wage) Fully enforced on 5 February 2007 27 July 2007 20 September 2007; proceedings discontinued
63. 28886/06
14/06/06 OMISSIS 15 September 2004
(case no: unspecified) 277,683.14
(minimum wage) Not enforced 29 December 2005
(copy issued on 20 February 2006) 11 April 2006; claims dismissed
64. 28888/06
15/06/06 OMISSIS 30 August 2004 104,642.85
(food allowance) Not enforced 12 July 2007 7 August 2007; claims dismissed
15 September 2004 205,598.63
(minimum wage) Not enforced 29 December 2005 6 March 2006; claims dismissed
Appl. number, date of lodging Name of the applicant,
year of birth Judgment by the Novocherkassk Town Court Sum awarded
(RUB), nature of the payment
(adjustment to the increase of minimum wage or food allowance) Enforcement status Quashing
(date),
Presidium judgment received by the applicant (date, if relevant) Subsequent developments
(proceedings before the Oktyabrskiy District Court of Rostov-On –Don, the Rostov Region)
65. 30481/06
26/06/06 OMISSIS 15 September 2004 144,621.44
(minimum wage) Not enforced 29 December 2005 9 March 2006; ; claims dismissed
66. 30494/06
26/06/06 OMISSIS 15 September 2004 79,707.52
(minimum wage) Not enforced 29 December 2005 20 March 2006;
proceedings discontinued
67. 31410/06
07/07/06 OMISSIS 15 September 2004 230,981.67
(minimum wage) Not enforced 29 December 2005
(copy issued on 20 February 2006) 14 March 2006; claims dismissed
68. 31411/06
07/07/06 OMISSIS 15 September 2004 377,284.43
(minimum wage) Not enforced 12 January 2006 2 February 2006; claims dismissed
69. 31414/06
07/07/06 OMISSIS 15 September 2004 148,833.55
(minimum wage) Not enforced 15 December 2005
(copy issued on 17 January 2006) 2 February 2006; claims dismissed
70. 31419/06
07/07/06 OMISSIS 15 September 2004 96,675.24
(minimum wage) Not enforced 29 December 2005
(copy issued on 20 February 2006) 22 March 2006; proceedings discontinued
71. 31422/06
07/07/06 OMISSIS 15 September 2004 373,971.60
(minimum wage) Not enforced 22 December 2006
(copy issued on 15 February 2006) 20 March 2006; proceedings discontinued
72. 31424/06
07/07/06 OMISSIS 30 August 2004
(no. 2-1657/04) 258,689.89
(minimum wage) Not enforced 9 February 2006 20 March 2006, proceedings discontinued
73. 31427/06
07/07/06 OMISSIS 15 September 2004 203,458.01
(minimum wage) Not enforced 29 December 2005
(copy issued on 15 February 2006) No information available
74. 31429/06
07/07/06 OMISSIS 15 September 2004 187,687.18
(minimum wage) Not enforced 22 December 2005
(copy issued on 3 February 2006) 21 February 2006; claims dismissed
Appl. number, date of lodging Name of the applicant,
year of birth Judgment by the Novocherkassk Town Court Sum awarded
(RUB), nature of the payment
(adjustment to the increase of minimum wage or food allowance) Enforcement status Quashing
(date),
Presidium judgment received by the applicant (date, if relevant) Subsequent developments
(proceedings before the Oktyabrskiy District Court of Rostov-On –Don, the Rostov Region)
75. 31433/06
19/06/06 OMISSIS 15 September 2004 159,139.82
(minimum wage) Not enforced 22 December 2005 No information available
76. 31436/06
19/06/06 OMISSIS 15 September 2004 247,241.97
(minimum wage) Not enforced 22 December 2005 20 February 2006; claims dismissed
77. 31439/06
19/06/06 OMISSIS 15 September 2004 249,748.85
(minimum wage) Not enforced 29 December 2005 11 April 2006; claims dismissed
78. 32419/06
07/07/06 OMISSIS 15 September 2004 148,239.30
(minimum wage) Not enforced 12 January 2006 17 February 2006; claims dismissed
79. 32421/06
07/07/06 OMISSIS 15 September 2004 251,411.62
(minimum wage) Not enforced 29 December 2005
(copy issued and sent to the applicant on 17 January 2006) 14 March 2006; claims dismissed
80. 34443/06 OMISSIS 15 September 2004 137,481.28
(minimum wage) Not enforced 22 December 2005
(copy issued and sent to the applicant on 15 February 2006) No information available
81. 42694/06
07/07/06 OMISSIS 15 September 2004 321,082.25
(minimum wage) Not enforced 22 December 2005
(copy issued and sent to the applicant on 18 January 2006) 13 February 2006, claims dismissed
82. 42695/06
07/07/06 OMISSIS 15 September 2004 217,102.53
(minimum wage) Not enforced 29 December 2005
(copy issued and sent to the applicant on 20 February 2006) 20 March 2006, proceedings discontinued
83. 42696/06
07/07/06 OMISSIS 15 September 2004 174,286.96
(minimum wage) Not enforced 15 December 2005
(copy issued and sent to the applicant on 20 January 2006) 28 February 2006; claims dismissed
Appl. number, date of lodging Name of the applicant,
year of birth Judgment by the Novocherkassk Town Court Sum awarded
(RUB), nature of the payment
(adjustment to the increase of minimum wage or food allowance) Enforcement status Quashing
(date),
Presidium judgment received by the applicant (date, if relevant) Subsequent developments
(proceedings before the Oktyabrskiy District Court of Rostov-On –Don, the Rostov Region)
84. 42697/06
07/07/06 OMISSIS 15 September 2004 226,660.06
(minimum wage) Not enforced 29 December 2005
(copy issued and sent to the applicant on 15 February 2006) No information available
85. 42701/06
07/07/06 OMISSIS 15 September 2004 179,103.54
(minimum wage) Not enforced 29 December 2005
(copy issued and sent to the applicant on 15 February 2006) 20 March 2006, claims dismissed
86. 6167/07
11/01/07 OMISSIS 15 September 2004 113,906.33
(food allowance) Not enforced 12 July 2007 7 August 2007; claims dismissed
87. 7869/07
15/01/07 OMISSIS 30 August 2004 369,460.50
(minimum wage) Not enforced 9 August 2007 2 October 2007; proceedings discontinued


ANNEX II
The Court’s awards in respect of pecuniary damage
Application number Name of the applicant Final Court’s award (EUR)
in respect of pecuniary damage
1. 8549/06 OMISSIS 6,990
2. 17763/06 OMISSIS 10,185
3. 18352/06 OMISSIS 20,479
4. 18354/06 OMISSIS 5,166
5. 18835/06 OMISSIS 4,280
6. 18848/06 OMISSIS 8,465
7. 18851/06 OMISSIS 9,772
8. 18856/06 OMISSIS 8,454
9. 18916/06 OMISSIS 7,314
10. 18952/06 OMISSIS 4,506
11. 19350/06 OMISSIS 975
12. 19352/06 OMISSIS 495
13. 19353/06 OMISSIS 10,090
14. 20423/06 OMISSIS 8,814
15. 20904/06 OMISSIS 615
16. 20906/06 OMISSIS 10,104
17. 20907/06 OMISSIS 10,376
18. 21081/06 OMISSIS 3,843
19. 21123/06 OMISSIS 1,824
20. 21124/06 OMISSIS 7,181
21. 21179/06 OMISSIS 3,858
22. 21189/06 OMISSIS 11,215
23. 24041/06 OMISSIS 6,362
24. 24048/06 OMISSIS 4,927
25. 24055/06 OMISSIS 11,910
26. 24058/06 OMISSIS 6,440
27. 24816/06 OMISSIS 2,669
28. 25029/06 OMISSIS 1,855
29. 25043/06 OMISSIS 999
30. 25044/06 OMISSIS 7,153
31. 25442/06 OMISSIS 3,272
32. 25717/06 OMISSIS 2,743
33. 25721/06 OMISSIS 6,643
34. 25827/06 OMISSIS 4,725
35. 25831/06 OMISSIS 3,690
36. 25920/06 OMISSIS 6,585
37. 25922/06 OMISSIS 7,953
38. 25923/06 OMISSIS 5,047
39. 26440/06 OMISSIS 1,910
40. 26654/06 OMISSIS 1,125
41. 26706/06 OMISSIS 3,215
42. 26709/06 OMISSIS 9,757
43. 26766/06 OMISSIS 4,322
44. 26972/06 OMISSIS 7,877
45. 26981/06 OMISSIS 8,070
46. 26983/06 OMISSIS 10,031
47. 27716/06 OMISSIS 9,563
48. 27709/06 OMISSIS 3,930
49. 27710/06 OMISSIS 7,056
50. 27714/06 OMISSIS 5,751
51. 27718/06 OMISSIS 1,043
52. 27833/06 OMISSIS 3,239
53. 27840/06 OMISSIS 3,227
54. 28105/06 OMISSIS 3,128
55. 28231/06 OMISSIS 3,034
56. 28886/06 OMISSIS 7,649
57. 28888/06 OMISSIS (born on 3 May 1979), pursuing the application in stead of late OMISSIS 9,097
58. 30481/06 OMISSIS 4,148
59. 30494/06 OMISSIS 2,195
60. 31309/06 OMISSIS 1,700
61. 31324/06 OMISSIS 2,633
62. 31410/06 OMISSIS 6,362
63. 31411/06 OMISSIS 10,748
64. 31414/06 OMISSIS 4,099
65. 31419/06 OMISSIS (born on 23 January 1948), pursuing the application in stead of late OMISSIS 2,663
66. 31422/06 OMISSIS 8,147
67. 31424/06 OMISSIS 7,593
68. 31427/06 OMISSIS 5,604
69. 31429/06 OMISSIS 5,170
70. 31433/06 OMISSIS 4,384
71. 31436/06 OMISSIS 6,810
72. 31439/06 OMISSIS 6,879
73. 32419/06 OMISSIS 4,223
74. 32421/06 OMISSIS 6,925
75. 34443/06 OMISSIS 3,787
76. 40256/06 OMISSIS 769
77. 41560/06 OMISSIS 1,555
78. 42694/06 OMISSIS 8,844
79. 42695/06 OMISSIS 5,980
80. 42696/06 OMISSIS 4,800
81. 42697/06 OMISSIS 6,243
82. 42701/06 OMISSIS 4,933
83. 5648/07 OMISSIS 762
84. 6167/07 OMISSIS 3,707
85. 6902/07 OMISSIS 2,176
86. 7869/07 OMISSIS 3,008
87. 39423/07 OMISSIS 1,891


TESTO TRADOTTO

Conclusione Violazione dell’ Art. 6-1; violazione di P1-1; Resto inammissibile; danno Non-patrimoniale - assegnazione; danno Patrimoniale - assegnazione
PRIMA SEZIONE
CAUSA STRELTSOV ED ALTRI “PENSIONATI MILITARI DI NOVOCHERKASSK” C. RUSSIA
(Richieste N. 8549/06, 17763/06 18352/06, 18354/06 18835/06, 18848/06 18851/06, 18856/06 18916/06, 18952/06 19350/06, 19352/06 19353/06, 20423/06 20904/06, 20906/06 20907/06, 21081/06 21123/06, 21124/06 21179/06, 21189/06 24041/06, 24048/06 24055/06, 24058/06 24816/06, 25029/06 25043/06, 25044/06 25442/06, 25717/06 25721/06, 25827/06 25831/06, 25920/06 25922/06, 25923/06 26440/06, 26654/06 26706/06, 26709/06 26766/06, 26972/06 26981/06, 26983/06 27709/06, 27710/06 27714/06, 27716/06 27718/06, 27833/06 27840/06, 28105/06 28231/06, 28886/06 28888/06, 30481/06 30494/06, 31422/06 31424/06, 31436/06 31410/06, 31411/06 31414/06, 31427/06 31429/06, 31433/06 31419/06, 31309/06 31324/06, 31439/06 32419/06, 32421/06 34443/06, 40256/06 41560/06, 42694/06 42695/06, 42696/06 42697/06, 42701/06 5648/07, 6167/07 6902/07, 7869/07 39423/07)
SENTENZA
STRASBOURG
29 luglio 2010
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Streltsov ed altri “Novocherkassk pensionati militari” c. Russia,
La Corte europea dei Diritti umani (Prima Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Christos Rozakis, Presidente, Anatoly Kovler, Elisabeth Steiner, Dean Spielmann, Sverre Erik Jebens, Giorgio Malinverni, Giorgio Nicolaou, giudici,
e Søren Nielsen, Cancelliere di Sezione,
Avendo deliberato in privato il 6 luglio 2010,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da ottanta-sette richieste (N. 8549/06, 17763/06 18352/06, 18354/06 18835/06, 18848/06 18851/06, 18856/06 18916/06, 18952/06 19350/06, 19352/06 19353/06, 20423/06 20904/06, 20906/06 20907/06, 21081/06 21123/06, 21124/06 21179/06, 21189/06 24041/06, 24048/06 24055/06, 24058/06 24816/06, 25029/06 25043/06, 25044/06 25442/06, 25717/06 25721/06, 25827/06 25831/06, 25920/06 25922/06, 25923/06 26440/06, 26654/06 26706/06, 26709/06 26766/06, 26972/06 26981/06, 26983/06 27709/06, 27710/06 27714/06, 27716/06 27718/06, 27833/06 27840/06, 28105/06 28231/06, 28886/06 28888/06, 30481/06 30494/06, 31422/06 31424/06, 31436/06 31410/06, 31411/06 31414/06, 31427/06 31429/06, 31433/06 31419/06, 31309/06 31324/06, 31439/06 32419/06, 32421/06 34443/06, 40256/06 41560/06, 42694/06 42695/06, 42696/06 42697/06, 42701/06 5648/07, 6167/07 6902/07, 7869/07 39423/07) contro la Federazione russa depositate presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da ottanta-sette cittadini russi, (“i richiedenti”), in varie date elencate sotto.
2. Tutti i richiedenti a parte il Sig. D. furono rappresentati dal Sig. P.V. S., un avvocato che pratica a Novocherkassk. Il Sig. D. non fu rappresentato nei procedimenti di fronte alla Corte. Il Governo russo (“il Governo”) fu rappresentato dalla Sig.ra V. Milinchuk e successivamente dal Sig. G. Matyushkin, entrambi Rappresentanti della Federazione russa alla Corte europea dei Diritti umani.
3. In varie date il Presidente della prima Sezione decise di dare avviso della richiesta al Governo. Fu deciso anche di esaminare i meriti delle richieste allo stesso tempo della loro ammissibilità (Articolo 29 § 1).
4. Con una lettera del 15 giugno 2009 la Sig.ra T. N. M. (nata il 23 gennaio 1948), la vedova del Sig. N.N., informarono la Corte che il 15 dicembre 2006 il Sig. N.N ., il richiedente nella causa n. 31419/06, era deceduto, e lei desiderava mantenere la causa del suo defunto marito di fronte alla Corte.
5. In una lettera datata 17 dicembre 2009 il Sig. V. N. Z. (nato il 3 maggio 1979), il figlio del Sig. N.P. Z., ha informato la Corte che il Sig. N.P. Z. (richiesta n. 28888/06) era morto il 15 novembre 2009. Il figlio espresse il desiderio di proseguire la richiesta al suo posto.
6. Per convenienza, la Corte, comunque, continuerà a riferirsi al Sig. N.P. Z. ed al Sig. N.N. M. come “i richiedenti.”
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
7. Gli ottanta-sette richiedenti nacquero nelle date elencate negli Annessi I e vivono a Novocherkassk, Regione di Rostov.
8. I fatti della causa, come presentati dai richiedenti, possono essere riassunti come segue.
A. Assegnazioni nazionali iniziali e susseguenti procedimenti di esecuzione
9. I richiedenti, ufficiali militari pensionati citarono in giudizio il commissariatoo militare di Novocherkassk e la Regione di Rostov per il ricalcolo delle loro pensioni. Un gruppo di richiedenti chiese la rettifica della pensione al salario minimo e chiese gli arretrati per il 1995-1998 in linea con l'aumento di quest’ultimo. Un altro di gruppo di richiedenti chiese il ricalcolo delle loro pensioni a causa dell'aumento del risarcimento valutario pagato a riguardo dell'assegno alimentare. Molti richiedenti sollevarono entrambi i tipi di rivendicazioni di fronte alle corti nazionali.
10. Nelle date elencate nell’Annesso I le corti nazionali si sono espresse a favore dei richiedenti. Riguardo alla causa n. 25442/06 del Sig. P., la sentenza del 22 settembre 2004 fu emessa dal Giudice di Pace del 6 Circuito di Novocherkassk. La sentenza del 30 agosto 2004 a favore del Sig. P., così come tutte le sentenze a favore dei rimanenti ottanta-sei richiedenti, furono emessa dalla Corte della Città di Novocherkassk della Regione di Rostov.
11. La Corte ordinò a riguardo del primo tipo di rivendicazione che le pensioni venissero adattate al salario minimo e che gli arretrati venissero pagati ai richiedenti. Riguardo al secondo tipo di rivendicazioni, la corte sostenne che le pensioni avrebbero dovuto essere aumentate in linea con l'aumento dell'assegno alimentare quotidiano e avrebbero dovuto essere assegnate ai richiedenti come arretrati le rispettive somme globali. Le assegnazioni furono fatte contro il Commissariato Militare della Regione di Rostov, mentre le rispettive rivendicazioni contro il commissariato di Novocherkassk erano state respinte.
12. I rappresentanti del Commissariato Militare della Regione di Rostov erano presenti nella sala delle udienze del 30 agosto e del 15 settembre 2004.
13. In molti casi l'autorità rispondente introdusse i motivi di ricorso presso la Corte della Città. In varie date nel 2004 l'autorità rispondente respinse comunque, le loro richieste. Per esempio, nella causa del Sig. T. (n. 18952/06) il motivo di appello fu respinto il 10 novembre 2004. Di conseguenza,non fu fatto ricorso contro nessuna delle sentenze. Loro entrarono in vigore dieci giorni più tardi.
14. I richiedenti intrapresero vari passi per ottenere l’esecuzione della sentenza. In particolare, il Governo presentò che nel settembre-ottobre 2004 Sig. S., i Sig. S. e 31 altri richiedenti spedirono gli ordini di esecuzione della sentenza all'autorità rispondente. Segue dalla corrispondenza entrante del Commissariato Militare della Regione di Rostov che quest’ultimo ricevette i documenti.
15. Nel 2005 l'ufficio dell'accusatore militare avviò un'indagine sulla legalità dei procedimenti che riguardavano gli arretrati delle pensioni militari in tutta la Regione di Rostov e scoprì molti casi di frode. In particolare, trovò che il commissariato rispondente in molte occasioni aveva fatto pagamenti contro gli ordini di esecuzione della sentenza emessi in procedimenti simili ma non correlati. In varie date i procedimenti di esecuzione nelle presenti cause furono sospesi essendo pendente la vasta indagine della regione, perché l'ufficio dell'accusatore doveva stabilire l'autenticità degli ordini di esecuzione delle sentenze emesse nelle cause dei richiedenti. Sembra che l'indagine non rivelò nessuna prova di frode nelle presenti cause.
16. Secondo il Governo, nel settembre 2005 il giudice A. che aveva emesso le sentenze in oggetto è stato respinto tramite decisione del Consiglio di Qualificazione Giudiziale della Regione di Rostov. Ad un certo punto molti alti ufficiali del Commissariato Militare della Regione di Rostov erano stati accusati e condannati di appropriazione indebita.
17. Riguardo al gruppo di diciannove richiedenti citati nella Parte A dell’Annesso I , le assegnazioni nazionali a loro favore furono eseguite pienamente dalle autorità rispondenti nelle date specificate nella tabella. Per quanto riguarda i rimanenti richiedenti i cui nomi sono elencati nella Parte B dell’Annesso I, almeno una sentenza a loro favore è rimasta non eseguita.
B. Procedimenti di revisione direttiva
18. In varie date nel 2005-2007 i commissariati rispondenti fecero istanza di revisione direttiva delle sentenze.
19. Secondo le osservazioni del Governo, trenta-tre richieste per revisione furono depositate fuori tempo-limite di un anno dalla data dell'entrata in vigore della sentenza. In simile cause, l'autorità rispondente fece istanza anche di una proroga del tempo-limite per la richiesta per revisione direttiva dibattendo che non aveva ricevuto copie dei rispettivi giudizi di istanza in tempo ed era stato informato delle sentenze solamente nell’ottobre 2005, quando l'indagine dell'accusatore era stata aperta. In varie date la Corte della Città di Novocherkassk accolse queste richieste. In particolare, nella causa del Sig. T.(n. 18952/06) la Corte della Città di Novocherkassk il 20 dicembre 2006 accettò l'argomento dell'autorità di non aver saputo della sentenza, dopo aver trovato, in particolare, come segue:
“Non c'è prova nei materiali della causa all'effetto che una copia della sentenza del 30 agosto 2004... era stata spedita al Commissariato Militare della Regione di Rostov. Segue da quanto sopra che il [commissariato rispondente] aveva una vera opportunità di giovarsi del suo diritto per fare istanza di revisione direttiva entro un anno.”
20. La Corte della Città rese sentenze simili a riguardo delle trenta-due cause rimanenti.
21. L’ Esecuzione delle sentenze nazionali non eseguite erano state sospese essendo pendente la revisione direttiva.
22. In varie date nel 2005-2007 la Corte Regionale di Rostov accolse le richieste per revisione direttiva delle sentenze depositate dal commissariato militare della Regione di Rostov e rinviò la questione per esame sui meriti al Presidium della Corte Regionale di Rostov.
23. In date specificate nell’Annesso I il Presidium della Corte Regionale di Rostov annullò le sentenze a favore dei richiedenti e rinviò le cause per una nuova considerazione. In ogni causa il Presidium concluse che la corte di prima - istanza aveva applicato erroneamente il diritto sostanziale. Trovò anche che alla Corte della Città di Novocherkassk mancava giurisdizione territoriale per esaminare le cause. Gli arretrati furono assegnati contro il Commissariato Militare della Regione di Rostov e così le cause avrebbero dovuto essere esaminate da una corte nel Distretto di Oktiabrskiy di Rostov-su-Don dove il commissariato rispondente era ubicato.
C. Susseguenti sviluppi
24. Le cause furono considerate da capo dalla Corte distrettuale di Oktyabrskiy di Rostov-su-Don.
25. Secondo il Governo, il Sig. K. (richiesta n. 18352/06) cambiò lo scopo della sua rivendicazione nella nuova serie di procedimenti riguardo alla rettifica della sua pensione all'aumento del salario minimo. Il 6 agosto 2007 La Corte distrettuale di Oktyabrskiy accolse la sua azione in pieno ed ordinò che le venissero pagati 32,811.52 rubli Russi (RUB). La sentenza fu eseguita. Le parti non presentarono copie della rispettiva dichiarazione di rivendicazioni e della decisione giudiziale.
26. Riguardo ai rimanenti richiedenti, la corte o cessò i procedimenti o respinse le rivendicazioni dei richiedenti. I dettagli dei rispettivi procedimenti sono riassunti nell’Annesso I sotto.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
A. Revisione direttiva e pensioni militari
27. Sotto l’Articolo 376 del Codice di Procedura Civile della Federazione russa del 14 novembre 2002 (in vigore dal 1 febbraio 2003), si può fare ricorso contro le decisioni giudiziali che sono divenute giuridicamente vincolanti, ad eccezione delle decisioni giudiziali da parte del Presidium della Corte Suprema della Federazione russa presso una corte che esercita la revisione direttiva, da parte delle parti alla causa e da altre persone i cui diritti o interessi legali sono stati danneggiati dalle decisioni giudiziali riguardate (§ 1). Si può fare ricorso contro le decisioni giudiziali possono presso una corte che esercita la revisione direttiva entro un anno dopo che sono diventate giuridicamente vincolanti(§ 2). Con la sua direttiva del 5 febbraio 2007, la Corte Costituzionale interpretò l’Articolo 376 § 1 come se permettesse alle persone summenzionate di fare istanza per revisione direttiva solamente dopo avere esaurito i ricorsi ordinari e del tutto disponibili
28. Per il riassunto delle altre disposizioni applicabili del diritto nazionale, vedere Murtazin c. la Russia, n. 26338/06, §§ 14-18, 27 marzo 2008.
B. Giurisdizione
29. L’Articolo 28 del Codice di Procedura Civile prevede che una rivendicazione civile sarà registrata presso la corte con giurisdizione territoriale sulla residenza dell'imputato. Una rivendicazione contro l'organizzazione sarà registrata presso la corte che ha giurisdizione territoriale sulla residenza dell'organizzazione. Secondo l’Articolo 31 § 1 del Codice, dove una rivendicazione viene registrata contro molti imputati che hanno residenze diverse, una rivendicazione sarà depositata presso una corte che ha giurisdizione territoriale su uno degli imputati, a scelta del rivendicatore.
C. Successione
30. La successione è regolata dalla Parte 3 del Codice civile. La successione include la proprietà del defunto o i diritti patrimoniali o le rivendicazioni ma non include i diritti o gli obblighi collegati intrinsecamente alla persona del defunto, come il mantenimento del consorte o un diritto al risarcimento per danno di salute (Articolo 1112). Un erede dovrebbe chiedere e dovrebbe accettare la successione, così come ottenere un certificato di successione da un notaio pubblico (Articoli 1152, 1162). Il diritto di ricevere gli importi di salario e i pagamenti che si qualificano così, pensione e altri importi di soldi forniti alla persona deceduta come mezzi di sussistenza che erano stati esigibili ma non erano stati ricevuti durante la sua vita apparterrà ai membri della famiglia del defunto che risiedevano insieme a lui ed anche dei disabili a suo carico, a prescindere che abbiano risieduto col defunto o meno (Articolo 1183 § 1). In conformità con la sezione 63 della Legge Federale sul Welfare Pensionistico del Personale del Servizio Militare (1993), come in vigore al tempo attinente, l'importo della pensione dovuto ad un pensionato ma non ricevuto durante la sua vita apparterrà ai membri della famiglia del defunto se loro fossero stati responsabili del suo funerale, e non sarà incluso nella successione.
LA LEGGE
I. UNIONE DELLE RICHIESTE
31. Dato che le presenti ottanta-sette richieste riguardano fatti ed azioni di reclamo simili e sollevano problemi identici sotto la Convenzione, la Corte decide di considerarle in una sola sentenza.
II. LOCUS STANDI RIGUARDO ALLE RICHIESTE NUMERO 28888/06 E 31419/06
32. La Corte nota in primo luogo il fatto della morte del Sig. N.P. Z., uno dei richiedenti ed il desiderio del Sig. V.N. Z., suo figlio di proseguire i procedimenti da lui iniziati. Similmente, si nota che la Sig.ra T.N. M. ha espresso la sua volontà mantenere la causa del suo defunto marito, il Sig. N.N. M., richiedente nella causa n. 31419/06.
A. Le osservazioni delle parti
33. Con riferimento alla causa Belskiy c. Russia ((dec.), n. 23593/03, 26 novembre 2009) il Governo presentò che né il Sig. V.N. Z. né la Sig.ra T.N. M. avevano qualità di proseguire le cause dei loro defunti parenti. L'assegnazione a favore dei richiedenti fu fatta a riguardo degli arretrati di pensione. I diritti della pensione non erano trasferibili. Sotto il diritto nazionale, la successione includeva la proprietà del defunto o i diritti patrimoniali o le rivendicazioni ma non includeva i diritti o gli obblighi collegati intrinsecamente alla persona del defunto. I i parenti dei richiedenti defunti non avevano ereditato la rivendicazione a riguardo del debito di sentenza. Inoltre, le sentenze erano state annullate e così nessun debito di sentenza esisteva al momento della morte dei richiedenti. Perciò, le richieste dovrebbero essere cancellate dal ruolo della Corte delle cause facendo seguito all’ Articolo 37 § 1 (c) della Convenzione.
34. La Sig.ra T.N. M. ed il Sig. V.N. Z. mantennero le loro osservazioni dibattendo che a loro era concesso di chiedere gli arretrati di pensione non retribuiti dovuti ai loro defunti parenti in conformità con la sezione 63 della Legge Federale sul Welfare Pensionistico del Personale del Servizio Militare. Effettivamente, gli arretrati di pensione furono assegnati ai richiedenti e così erano esigibili, ma i richiedenti non avevano ricevuto le rispettive somme nella loro vita. La Sig.ra T.N. M. ed il Sig. V.N. Z. erano entrambi responsabile del funerale dei richiedenti. Così, loro avevano titolo a ricevere la pensione non retribuita. Il fatto che le sentenze erano state annullate non aveva qualsiasi impatto sulla presente questione. Di conseguenza, avevano un interesse legittimo di mantenere le richieste a posto dei loro rispettivi parenti defunti.
B. Valutazione della Corte
35. L’ Articolo 37 § 1 della Convenzione recita nella parte attinente come segue:
“1. La Corte può a qualsiasi stadio dei procedimenti decidere di cancellare una richiesta dal suo ruolo di cause dove le circostanze conducono alla conclusione che...
(c) per qualsiasi altra ragione stabilita dalla Corte, non è più giustificato continuare l'esame della richiesta.
Comunque, la Corte continuerà l'esame della richiesta se è richiesto un riguardo per i diritti umani come definito nella Convenzione e nei Protocolli...”
1. Principi Generali
36. La Corte reitera che in un numero di cause in cui un richiedente è morto nel corso dei procedimenti di fronte alla Corte ha preso in considerazione le dichiarazioni degli eredi del richiedente o dei membri della famiglia prossimi che esprimevano il desiderio di proseguire i procedimenti, o l'esistenza di un interesse legittimo rivendicato da una persona che desidera proseguire la richiesta (vedere Léger c. Francia (colpendo) [GC], n. 19324/02, § 43 ECHR 2009 -..., con gli ulteriori riferimenti). La Corte interpreta il concetto di “vittima” autonomamente ed a dispetto dei concetti nazionali come quelli riguardo ad un interesse o qualità di agire (vedere Micallef c. Malta [GC], n. 17056/06, § 48 ECHR 2009 -...; e Sanles Sanles c. Spagna (dec.), n. 48335/99, ECHR 2000-XI). In questo collegamento la Corte deve considerare se le persone che desiderano proseguire i procedimenti erano o meno i parenti prossimi del richiedente. Come secondo criterio, la Corte deve inoltre, esaminare se i diritti riguardati erano trasferibili (vedere, mutatis mutandis, Vääri c. Estonia (dec.), n. 8702/04, 8 luglio 2008, e Stankevich c. Ucraina (dec.), n. 48814/07, 26 maggio 2009). Spetta all'erede che desidera proseguire i procedimenti di fronte alla Corte provare la sua qualità per agire così (vedere, per esempio, Belskiy (dec.), citata sopra).
2. Applicazione alle cause presenti
a. Condizione di parentela prossima
37. Rivolgendosi alle due presenti cause, la Corte prima osserva che, diversamente dalla causa Belskiy (citata sopra), il Sig. V.N. Z. e la Sig.ra T.N. M. hanno presentato documenti che confermavano che loro erano i parenti prossimi dei richiedenti. Inoltre, in conformità con le disposizioni attinenti del diritto nazionale (vedere paragrafo 30 sopra), loro dimostrarono di essere stati responsabile del funerale dei richiedenti defunti ed avrebbero potuto chiedere la pensione dovuta ad un pensionato ma non ricevuta nella sua vita. In queste circostanze, la Corte considera, che la condizione di parentela prossima è soddisfatta.
b. La trasferibilità dei diritti in gioco
38. Riguardo alla trasferibilità dei diritti, la Corte osserva, che i richiedenti avevano sollevato azioni di reclamo sotto l’Articolo 6 della Convenzione e l’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 di non-esecuzione ed susseguente annullamento delle sentenze a loro favore. Nella causa Sobelin ed Altri c. la Russia (N. 30672/03 et seq., §§ 43-45, 3 maggio 2007) riguardo alla non-esecuzione e al susseguente annullamento delle sentenze di corte a favore dei richiedenti, la Corte ha riconosciuto il diritto dei parenti del richiedente deceduto di proseguire la richiesta. I diritti in gioco nelle due presenti cause sono molto simili a quelli al cuore della causa Sobelin ed altri. Comunque, diversamente dalle due presenti cause il Governo obiettò alla trasferibilità dei diritti in gioco nel precedente summenzionato. La Corte considera di conseguenza necessario esaminare questo problema più in dettaglio.
39. Nella misura in cui sono riguardate le azioni di reclamo sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, la Corte in molte occasioni ha continuato l'esame di cause che coinvolgevano rivendicazioni patrimoniali che erano trasferibili agli eredi del richiedente deceduto (vedere, per esempio, Nerva ed Altri c. Regno Unito, n. 42295/98, § 33 ECHR 2002-VIII). La Corte prima ha notato che la questione se simili rivendicazioni erano trasferibili alle persone che cercavano di proseguire una richiesta era un importante criterio, ma non poteva essere il solo (vedere, mutatis mutandis, OAO Neftyanaya Kompaniya YUKOS c. Russia (dec.), n. 14902/04, § 441 del 29 gennaio 2009). Infatti,le cause di fronte alla Corte hanno generalmente anche una dimensione morale e le persone vicine ad un richiedente possono avere un interesse legittimo nel vedere che venga fatta giustizia dopo la morte del richiedente (ibid). Non vi è niente nelle presenti cause tale da giustificare una deroga a questo approccio. La Corte di conseguenza costata che il Sig. V.N. Z. e la Sig.ra T.N. M, hanno qualità per proseguire l'azione di reclamo sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 al posto dei loro parenti defunti.
40. Comunque, riguardo all’ Articolo 6, la Corte non esclude che la situazione poteva in principio essere diversa. Infatti, la Corte prima ha accettato che i parenti prossimi dei richiedenti defunti potrebbero mantenere le richieste con azioni di reclamo che concernono i vari aspetti dell’ Articolo 6 della Convenzione (vedere Malhous c. Repubblica ceca [GC], n. 33071/96, § 1, 12 luglio 2001 con gli ulteriori riferimenti; Andreyeva c. Russia (dec.), n. 76737/01, 16 ottobre 2003; Shiryayeva c. Russia, n. 21417/04, § 8, 13 luglio 2006 riguardo alla non-esecuzione della sentenza nazionale; vedere anche Horváthová c. Slovacchia, n. 74456/01, § 26, 17 maggio 2005 nel contesto della lunghezza di procedimenti). Comunque, la Corte lega particolare peso allo specifico aspetto del “diritto ad una corte” in gioco nelle due presenti cause, vale a dire il danneggiamento addotto del principio della certezza legale come risultato dell'annullamento delle sentenze nazionali a favore dei richiedenti tramite dei procedimenti di revisione direttiva. L’annullamento nelle presenti cause era accaduto prima che i richiedenti fossero deceduti. Il punto cruciale del danno sotto l’Articolo 6 era, infatti, la frustrazione della fiducia dei richiedenti sulla decisione giudiziale vincolante. La Corte reitera che l’annullamento di una sentenza definitiva è un atto istantaneo e non crea una situazione che continua (vedere, mutatis mutandis, Sardin c. Russia (dec.), n. 69582/01, ECHR 2004-II). In queste circostanze, la Corte per ammissione può avere delle difficoltà nel trovare che i parenti del richiedente furono danneggiati dall'annullamento e accetta che l'azione di reclamo della certezza legale sotto l’Articolo 6 nel contesto dei procedimenti di revisione direttiva, se è sollevata separatamente, non sarebbe considerata automaticamente trasferibile (confronta, mutatis mutandis, Stankevich citata sopra; Gorodnichev c. Russia (dec.), n. 32275/03, 15 novembre 2007; Biç ed Altri, citata sopra, § 22; e Makri di Georgia ed Altri c. Grecia (dec.), n. 5977/03, 24 marzo 2005).
41. D'altra parte la Corte nota che nella presente causa l'azione di reclamo di revisione direttiva ha riferimento stretto con danno della non-esecuzione sotto l’Articolo 6. Ricorda che i principi che sottolineano che una decisione giudiziale definitiva non dovrebbe essere chiamata in causa e dovrebbe essere eseguita rappresentano due aspetti dello stesso concetto generale, vale a dire il “diritto ad una corte” (vedere, per esempio, Sobelin ed Altri, citata sopra, § 67). La Corte è preparata a riconoscere la posizione di un parente riguardo alle azioni di reclamo di non-esecuzione (vedere, fra altre, Shiryayeva, citata sopra). Inoltre, le azioni di reclamo di revisione direttiva sotto l’Articolo 6 e l’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 è collegato da vicino, e ha già accettato la qualità dei parenti riguardo all'azione di reclamo sotto quest’ultima disposizione della Convenzione. Nella prospettiva di quanto sopra, la Corte non considera necessario disegnare una distinzione fra i due aspetti dell'azione di reclamo di revisione direttiva al fini della determinazione del problema della qualità. Trova che il Sig. V.N. Z. e la Sig.ra T.N. M. hanno qualità per proseguire le azioni di reclamo al posto dei loro parenti defunti sotto l’Articolo 6.
c. Conclusione
42. Nella prospettiva di quanto sopra, ed avendo particolare riguardo all'interrelazione stretta delle azioni di reclamo nella presente causa, la Corte considera, che il Sig. V.N. Z. e la Sig.ra T.N. M. hanno un interesse legittimo nel proseguire le azioni di reclamo al posto dei loro defunti parenti nelle cause N. 28888/06 e 31419/06, rispettivamente.
III. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 DELLA CONVENZIONE E DELL’ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 A CAUSA DI REVISIONE DIRETTIVA
43. I richiedenti si lamentarono sotto l’Articolo 6 della Convenzione e l’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che l’annullamento delle sentenze vincolanti a loro favore era ingiustificato, così come dei vari difetti dei procedimenti di revisione direttiva. Pertanto nella parte attinente, questi Articoli recitano come segue:
Articolo 6 § 1
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale ...”
Articolo 1 del Protocollo N.ro 1
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Le osservazioni delle parti
1. Il Governo
44. Il Governo dibatté che gli annullamenti erano stati in conformità col diritto nazionale di procedura civile. La revisione direttiva era stata giustificata, perché tesa a rimediare ad un errore fondamentale nell’ interpretazione della legge attinente con da parte delle corti inferiori. In particolare, la Corte della Città di Novocherkassk aveva applicato erroneamente il coefficiente collegato all’ indice per l’assegnazione di una pensione dei richiedenti ed ha determinato erroneamente l'importo dell'assegno alimentare. Diversamente dalla causa Maltseva c. Russia (n. 76676/01, §§ 35-36 del 19 giugno 2008), dove la sentenza nazionale era stata annullata perché la corte inferiore aveva determinato erroneamente il coefficiente della pensione per essere fatta da applicare, nelle presenti cause i primi giudici di prima istanza andarono manifestamente a vuoto nell’applicare l'importo dell'assegno alimentare specificato nel diritto nazionale e così abusarono del loro potere. Inoltre, la Corte della Città di Novocherkassk non aveva giurisdizione territoriale sulle rivendicazioni dei richiedenti . Perciò, i precedenti procedimenti erano stati inficiati da un difetto fondamentale (vedere Luchkina c. Russia, n. 3548/04, § 21 del 10 aprile 2008). In Trukhanov (n. 30481/06) dibatté che il giudice A. che aveva emesso le prime sentenze di istanza era stato dimesso, e così lo erano stati molti ufficiali dal commissariato rispondente. Perciò, le autorità avevano preso tutte le misure necessarie per eliminare le potenziali conseguenze negative “delle azioni malevoli del giudice sopra.” Indicò inoltre che il giudice aveva consegnato più di duecento sentenze simili, incluso quelle a favore dei richiedenti il, entro solamente due giorni, il 30 agosto e il 15 settembre 2004. Un importo così importante di cause esaminate entro un periodo manifestamente breve di tempo, preso da solo sollevava dubbi in merito all'equità dei procedimenti in prima istanza.
45. Riguardo all'azione di reclamo sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, ammise che c'era stata un'interferenza col diritto alla proprietà dei richiedenti come risultato dell’annullamento ma era giustificato, poiché era in conformità con la legge e nell'interesse generale. Le sentenze nazionali iniziali furono consegnate in violazione dei diritti nazionali di procedura. Un insuccesso nell’annullamento di simili sentenze avrebbe minato la fiducia nel sistema giudiziale nazionale e avrebbe causato tensioni sociali fra gli individui le cui rivendicazioni simili furono respinte e quelli le cui rivendicazioni furono accolte illegalmente.
2. I richiedenti
46. I richiedenti mantennero la loro azione di reclamo. Loro dibatterono che le sentenze del primo giudice di prima istanza erano legali e non contenevano un errore fondamentale. La Corte della Città di Novocherkassk non violò le norme della giurisdizione. Dei richiedenti indicarono che l'autorità rispondente era andata a vuoto nel depositare ricorsi ordinari contro le sentenze contestate, e procedette direttamente con una richiesta per via di ricorso straordinaria, come la revisione direttiva in violazione del diritto dei richiedenti ad una corte.
B. La valutazione della Corte
1. Ammissibilità
47. Riguardo all'eccezione sollevata nella causa Trukhanov, e nella misura in cui il Governo può essere capito nel dibattere che il richiedente nella causa sopra ha perso il suo status di vittima, la Corte nota che non aveva presentato nessun documento riferito ai motivi del licenziamento del giudice. In qualsiasi caso, non c'è niente nei materiali della causa che permetta una conclusione che il proscioglimento costituiva un riconoscimento o una compensazione della violazione addotta. L'eccezione deve essere respinta di conseguenza.
48. La Corte nota inoltre che l'azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
2. Meriti
a. Articolo 6 della Convenzione
i. Revisione direttiva: certezza legale
49. La Corte reitera che l'annullamento tramite revisione direttiva di una decisione giudiziale che è divenuta definitiva e vincolante può rendere il diritto del contendente ad una corte illusorio e può infrangere il principio della certezza legale (vedere, fra molte altre autorità, Brumărescu c. Romania [GC], n. 28342/95, § 62 ECHR 1999-VII; Ryabykh c. Russia, n. 52854/99, §§ 56-58 24 luglio 2003). Nelle certe circostanze la certezza legale può essere disturbata per correggere un “difetto fondamentale” o un “errore giudiziario.” Deroghe a questo principio sono giustificate solamente quando rese necessarie da circostanze di carattere sostanziale ed irresistibile (vedere Kot c. Russia, n. 20887/03, § 24, 18 gennaio 2007, e Protsenko c. Russia, n. 13151/04, §§ 25-34 del 31 luglio 2008; e Tishkevich c. Russia, n. 2202/05, §§ 25-26 del 4 dicembre 2008). In simili cause, la Corte deve valutare, in particolare, se un equilibrio equo è stato previsto fra gli interessi dei richiedenti ed il bisogno di assicurare l'amministrazione corretta della giustizia che include l'importanza di osservare il principio della certezza legale (vedere, mutatis mutandis, Kurinnyy c. Russia, n. 36495/02, §§ 13, 27-28 del 12 giugno 2008).
50. Riguardo all'argomento del Governo di un’applicazione presumibilmente incorretta del diritto sostanziale, la Corte reitera il suo approccio continuo che in assenza di un difetto fondamentale nei precedenti procedimenti il disaccordo di una parte con la valutazione fatte dalle corti inferiori non è una circostanza di un carattere sostanziale ed irresistibile che garantisce l’annullamento di una sentenza esecutiva e vincolante e la riapertura dei procedimenti sulla rivendicazione del richiedente (vedere Dovguchits c. Russia, n. 2999/03, § 30 del 7 giugno 2007; e Kot, citata sopra, § 29). Riguardo all'osservazione del Governo dell'iniquità iniziale dei procedimenti basata sul fatto che la maggioranza assoluta delle sentenze nazionali fu emessa entro solamente due giorni, nulla suggerisce che questa considerazione costituisse una base per l'annullamento. Simile argomento fu avanzato solamente nelle osservazioni del Governo. In assenza di qualsiasi riferimento alla base per l’annullamento citato dal Governo nei testi delle direttive dell’istanza direttiva, la Corte respinge l'argomento del Governo.
51. D'altra parte la Corte nota l'osservazione del Governo riguardo alla violazione delle norme giurisdizionali nei procedimenti nazionali. Come ha indicato correttamente, un errore giurisdizionale o una violazione seria della corte può, in principio, essere considerato un difetto fondamentale e perciò giustifica l'annullamento (vedere, fra altre, Luchkina, citata sopra).
52. Prima, la Corte nota il ragionamento del Presidium per cui le rivendicazioni dirette contro il Commissariato Militare della Regione di Rostov avrebbero dovuto essere introdotte di fronte ad una corte distrettuale a Rostov. Allo stesso tempo, la Corte osserva, che le rivendicazioni iniziali in tutte le cause, infatti, furono fatte contro due autorità distinte con indirizzi legali diversi, vale a dire il i Commissariati Militari della Città e Regionale e l'azione contro il Commissariato della Città era stato successivamente respinto come infondato. Sembra che secondo l’Articolo 31 del Codice di Procedura Civile, simile rivendicazione avrebbe potuto essere depositata presso una corte avente giurisdizione territoriale su uno degli imputati, a scelta del rivendicatore, inter alia, presso la Corte della Città di Novocherkassk. La Corte reitera il suo approccio continuo all'effetto che spetta primariamente alle corti nazionali interpretare ed applicare il diritto nazionale, incluso la legge di procedura. Ciononostante, la Corte osserva che il Presidium, nell’annullare le sentenze, non cita qualsiasi ragione in merito perché le disposizioni dell’ Articolo 31 del CCP non si applicassero alle cause dei richiedenti.
53. In secondo luogo, la Corte osserva che i difetti stabiliti nel presente gruppo di cause simili avrebbero potuto essere sanati nei procedimenti di ricorso. Una situazione in cui le sentenze definitive a favore dei richiedenti sono chiamate in questione avrebbe potuto essere evitata, se il commissariato militare avesse depositato un ricorso ordinario all'interno del tempo-limite legale dei dieci - giorni (vedere Borshchevskiy c. Russia, n. 14853/03, § 48, 21 settembre 2006, e Nelyubin c. Russia, n. 14502/04, § 27 del 2 novembre 2006). Il Governo non sottolineò nessuna circostanza eccezionale che avrebbe impedito al commissariato militare di avvalersi di un ricorso ordinario nel dovuto tempo (vedere, in contesto identico, Zvezdin c. Russia, n. 25448/06, §§ 30-32, 14 giugno 2007, e Murtazin citata sopra, §§ 27-29). Inoltre, sembra che in molte cause i commissariati regionali avevano fatto ricorso in tempo contro le sentenze, ma poi avessero revocato le basi del ricorso. Inoltre, la Corte nota che i commissariati militari erano andati a vuoto a fare istanza di una proroga del tempo-limite per depositare il ricorso ordinario contro le sentenze, ma scelsero di avvalersi della via di ricorso straordinaria, come la revisione direttiva.
54. In terzo luogo, la Corte non perde di vista del fatto che le richieste per la revisione direttiva di più di trenta sentenze nazionali erano state introdotte dall'autorità rispondente fuori tempo-limite di un - anno stabilito dal diritto nazionale (vedere paragrafo 19 sopra). Nessuna giustificazione per questo era stata avanzata dal Governo. È vero che le corti nazionali accordarono la proroga del rispettivo tempo-limite sulla base che i commissariati rispondenti non erano stati informati in tempo dei procedimenti contro loro. Essendo sensibile alla natura sussidiaria del suo ruolo, la Corte non è ciononostante vincolata dalle sentenze delle corti nazionali e può scostarsi da queste quando questo è reso inevitabile dalle circostanze di una particolare causa (vedere, per esempio, Novikov c. Russia, n. 35989/02, § 38, giugno 2009, e Khamidov c. Russia, n. 72118/01, § 135 et seq., ECHR 2007-XIII (gli estratti)). La Corte nota, in particolare, l'osservazione del Governo per cui nel settembre-ottobre 2004 trenta-tre richiedenti avevano presentato direttamente gli ordini di esecuzione della sentenza all'autorità rispondente, e che quest’ultima li aveva ricevuti. Nota anche, ed è incontestato fra le parti che l'autorità ha tentato di fare ricorso contro molte sentenze di prima istanza, ma poi ha revocato le rispettive richieste senza riferirsi ad una specifica ragione. In queste circostanze, la Corte non è convinta, che l'autorità rispondente non sapeva sinceramente dei procedimenti di fronte al primo giudice di prima istanza (vedere, per contrasto, Podrugina e Yedinov c. Russia (dec.), n. 39654/07, 17 febbraio 2009).
55. Nella prospettiva di quanto sopra, la Corte non è soddisfatta, che un equilibrio equo fra gli interessi dei richiedenti ed il bisogno di assicurare l'amministrazione corretta della giustizia fu assicurato. La Corte concorda che, come questione di principio, le norme della giurisdizione dovrebbero essere rispettate. Nelle specifiche circostanze delle presenti ottanta-sette cause la Corte non scopre comunque, una specifica ragione che giustificherebbe la deroga del principio della certezza legale (vedere, mutatis mutandis, Sutyazhnik c. Russia, n. 8269/02, § 39 23 luglio 2009), in particolare, dato che l'autorità rispondente non si avvalse della via di ricorso ordinaria in tempo dovuto.
56. La Corte costata che, accogliendo la richiesta del commissariato militare per accantonare le sentenze nazionali definitive a favore dei richiedenti elencanti nella Parte A e B dell’Annesso I, il Presidium della Corte Regionale di Rostov infranse il principio della certezza legale ed il diritto dei richiedenti “ad una corte” sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione. C'è stata di conseguenza una violazione di questo Articolo nelle presenti ottanta-sette.
ii. Revisione direttiva: problemi procedurali
57. Riguardo all'azione di reclamo dei difetti procedurali dell'udienza di fronte al Presidium della Corte Regionale di Rostov, la Corte costata che, avendo concluso che c'era stata una violazione del diritto dei richiedenti “ad una corte” tramite lo stesso uso della procedura di revisione direttiva, non è necessario considerare se le garanzie procedurali dell’ Articolo 6 della Convenzione fossero disponibili in quei procedimenti (vedere, per esempio, Volkova c. Russia, n. 48758/99, § 39 del 5 aprile 2005).
b. Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione
58. La Corte reitera che l'esistenza di un debito confermato da una sentenza esecutiva e vincolante costituisce “la proprietà” del beneficiario all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere, fra le altre autorità, Androsov c. Russia, n. 63973/00, § 69 del 6 ottobre 2005).
i. Diciannove richiedenti nominati nella Parte A dell’Annesso I
59. Riguardo al gruppo di diciannove richiedenti elencati nella Parte A dell’Annesso I, non è contestato fra le parti che tutte le sentenze a loro favore erano state eseguite in pieno. Non c'è niente nell'archivio che suggerisca che i richiedenti furono obbligati a rimborsare i rispettivi debiti di sentenza facendo seguito all'annullamento. In queste circostanze la Corte non considera necessario decidere sulla questione dove c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 a riguardo di diciannove richiedenti citati nella Parte A dell’Annesso I a causa dell'annullamento (vedere, mutatis mutandis, Zasurtsev c. Russia, n. 67051/01, §§ 53-55 del 27 aprile 2006).
ii. Sessantotto richiedenti nominati nella Parte B dell’Annesso I
60. Riguardo alla richiesta del Sig. K. (richiesta n. 18352/06) la Corte nota l'osservazione del Governo per cui il richiedente aveva cambiato lo scopo delle sue rivendicazioni nei nuovi procedimenti. La Corte osserva che il problema cruciale davanti a sé è l'annullamento della sentenza definitiva e vincolante, un atto istantaneo. L’ eventuale risultato dei procedimenti dopo l’annullamento non è direttamente così attinente per l'analisi da parte della Corte dell'azione di reclamo in merito all’annullamento (vedere Ivanova c. Ucraina, n. 74104/01, §§ 35-38 del 13 settembre 2005), a meno che, come risultato dei susseguenti procedimenti, il richiedente non ottenga più di ciò che aveva avuto prima della revisione direttiva (vedere Boris Vasilyev c. Russia, n. 30671/03, § 37 del 15 febbraio 2007). Questa non era chiaramente il caso. Di conseguenza, il risultato dei susseguenti procedimenti non avrà impatto sulle sentenze della Corte che riguardano l'azione di reclamo del Sig. K. sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
61. La Corte osserva inoltre che gli annullamenti delle sentenze esecutive frustrarono la fiducia dei richiedenti nella decisione giudiziale vincolante e li hanno spogliati di un'opportunità di ricevere i soldi che si erano legittimamente aspettati di ricevere (vedere, fra altre, Ivanova c. Russia, n. 11697/05, § 23, 24 aprile 2008 Dmitriyeva c. Russia, n. 27101/04, § 32 del 3 aprile 2008). In ognuno delle sessantotto presente cause, almeno una sentenza nazionale era rimasta non eseguita prima dell'annullamento.
62. In queste circostanze, presumendo anche che l'interferenza fosse stata legale ed avesse perseguito un scopo legittimo, la Corte considera che gli annullamenti delle sentenze esecutive a favore dei richiedenti tramite revisione direttiva hanno posto un carico eccessivo su di loro ed erano incompatibili con l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. C'è stata perciò una violazione di questo Articolo nelle sessantotto presenti cause citate nella Parte B dell’Annesso I.
IV. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 DELLA CONVENZIONE E DELL’ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 A CAUSA DELLA NON-ESECUZIONE
63. Appellandosi all’ Articolo 6 § 1 della Convenzione ed all’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, entrambi citati sopra, i richiedenti si lamentarono della non-esecuzione o dell’esecuzione ritardata delle sentenze a loro favore.
64. In alcune delle cause il Governo addusse che i richiedenti non avevano esaurito le via di ricorso nazionali disponibili a loro sotto il diritto nazionale. Si riferì al Capitolo 25 del Codice di Procedura Civile che permetteva in particolare di lamentarsi della negligenza delle autorità ed al Capitolo 59 del Codice civile che metteva a disposizione un modo per chiedere il danno non-patrimoniale. Nella prospettiva del Governo questa ultima disposizione aveva provato la sua efficacia in pratica, come dimostrato da molti esempi di giurisprudenza nazionale.
65. Presentò inoltre che i ritardi nell’ esecuzione delle sentenze a favore dei richiedenti eccedeva due anni ed in principio si sarebbe potuto sire dire che fosse incompatibile con le disposizioni dell’Articolo 6 della Convenzione. Comunque, molti ritardi erano attribuibili ai richiedenti, fin da in quanto alcune delle loro carte di esecuzione erano state presentate alle istituzioni sbagliate. La procedura di esecuzione a riguardo delle sentenze nazionali era stata ragionevolmente sospesa durante l'indagine dell'accusatore. Alcune delle sentenze non erano state eseguite a causa dei procedimenti di revisione direttiva. Contrariamente alle osservazioni dei richiedenti, a nessun punto le autorità si rifiutarono di cooperare con loro. Le azioni di reclamo erano così manifestamente mal-fondate.
66. I richiedenti mantennero le loro rivendicazioni. Loro indicarono che le sentenze sarebbero avrebbero dovuto essere eseguite immediatamente e che loro non avevano colpa in merito all'esecuzione ritardata delle assegnazioni di corte.
A. Ammissibilità
67. In merito all’esaurimento esaurimento, la Corte già ha trovato che le vie di ricorso suggerite erano inefficaci (vedere, fra altre, Burdov c. Russia (n. 2), n. 33509/04, §§ 103 e 106-116, 15 gennaio 2009, e Moroko c. Russia, n. 20937/07, §§ 25-30 del 12 giugno 2008).
68. La Corte nota inoltre che l’azione di reclamo dei richiedenti riguardo la non-esecuzione non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione e non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
69. La Corte reitera che un ritardo irragionevolmente lungo nell'esecuzione di una sentenza vincolante può violare la Convenzione (vedere Burdov c. Russia, n. 59498/00, ECHR 2002-III). In ogni causa lo Stato ha evitato di pagare il debito della sentenza facendo seguito ad almeno una sentenza nazionale a favore dei richiedenti per più di un anno che è incompatibile prima facie coi requisiti della Convenzione (vedere, fra altre, Kozodoyev ed Altri c. Russia, N. 2701/04 et seq., § 11, 15 gennaio 2009).
70. Riguardo alle sentenze che erano rimaste non eseguite entro le date dell'annullamento, la Corte reitera che l'annullamento di una sentenza in un modo che è stato trovato essere incompatibile col principio della certezza legale ed il “diritto ad una corte” del richiedente non può essere accettato come giustificazione per l'insuccesso nell’esecuzione di quella sentenza (vedere Sukhobokov c. Russia, n. 75470/01, § 26 del 13 aprile 2006). Nelle presenti cause le sentenze a favore dei richiedenti erano esecutive sino ad almeno le rispettive date di annullamento e spettava allo Stato attenersi ai loro termini (vedere Velskaya c. Russia, n. 21769/03, § 18 5 del ottobre 2006).
71. Riguardo all'eccezione che riguarda all’insuccesso di alcuni dei richiedenti nel presentare le carte di esecuzione nel dovuto tempo o ad una debita agenzia, la Corte reitera, che dove una sentenza, è contro lo Stato lo Stato deve prendere l'iniziativa per farla eseguire (vedere Akashev c. Russia, n. 30616/05, §§ 21–23 del 12 giugno 2008). La complessità della procedura di esecuzione nazionale non può sollevare lo Stato dal suo obbligo di esecuzione di una decisione giudiziale vincolante all'interno di un termine ragionevole (vedere Burdov (n. 2), citata sopra, § 70).
72. C’è stata di conseguenza una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 nelle ottantasette presenti cause.
V. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 13 DELLA CONVENZIONE
73. I richiedenti si lamentarono sotto l’Articolo 13 della Convenzione della mancanza di una via di ricorso effettiva contro la non-esecuzione e l’ annullamento delle iniziali sentenze nazionali a loro favore.
74. Riguarda alla mancanza addotta di una via di ricorso nazionale effettiva contro la non-esecuzione continuata della sentenza a favore dei richiedenti , la Corte considera che, avendo riguardo alle costatazioni sopra (vedere paragrafo 34 sopra), non è necessario esaminare se c'è stata una violazione dell’ Articolo 13 nelle presenti ottantasette cause. Così, la Corte respinge questa azione di reclamo sotto l’Articolo 35 § 4 della Convenzione (vedere, nel contesto simile, Murtazin, citata sopra, §§ 43-45).
75. Si può comprendere i richiedenti quando si lamentano sotto l’ Articolo 13 della mancanza di una via di ricorso nazionale effettiva contro l'annullamento tramite revisione direttiva di una sentenza a loro favore. La Corte nota che l’Articolo 13 della Convenzione non garantisce , come tale, il diritto a una via di ricorso d’ appello a riguardo di una decisione presa tramite revisione direttiva, ed il mero fatto che la sentenza del corpo giudiziale più alto non sia soggetta ad ulteriore controllo giurisdizionale non infrange di per sé la detta disposizione (vedere, in contesto identico, Murtazin, citata sopra, § 46).
76. Ne segue che questa parte dell'azione di reclamo è incompatibile ratione materiae con le disposizioni della Convenzione all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 e deve essere respinta al riguardo in conformità con l’Articolo 35 § 4.
VI. ALTRE VIOLAZIONI ADDOTTE DELLA CONVENZIONE
77. Tutti i richiedenti si lamentarono sotto gli Articoli 6 e 13 della Convenzione della proroga del tempo-limite per il deposito di una richiesta di revisione direttiva e della lunghezza complessiva degli atti nelle loro cause.
78. La Corte reitera che la ragionevolezza della lunghezza dei procedimenti sarà valutata alla luce delle particolari circostanze della causa, avuto riguardo ai criteri stabiliti dalla giurisprudenza della Corte, in particolare la complessità della causa, la condotta del richiedente e quella delle autorità di fronte alle quali fu portata la causa (cf. Pélissier e Sassi c. Francia [GC], n. 25444/94, ECHR 1999-II § 67).
79. Rivolgendosi alle presenti cause, la Corte nota che i richiedenti si lamentano, in essenza, della durata complessiva dei procedimenti nelle loro cause incluso i periodi in cui le loro rispettive cause erano pendenti di fronte all'istanza di revisione direttiva. Comunque, la Corte richiama che è appropriato prendere in considerazione solamente i periodi in cui la causa era davvero pendente di fronte alle corti che sono i periodi in cui non c'era sentenza effettiva nella causa del richiedente (vedere, mutatis mutandis, Rokhlina c. Russia, n. 54071/00, § 82 7 aprile 2005). Avendo dedotto così i periodi fra le date delle sentenze iniziali e la riapertura delle rispettive cause trramite dei procedimenti di revisione direttivi dalla durata complessiva dei procedimenti civili, la Corte osserva che in nessuna presente causa la lunghezza dei procedimenti nazionali era eccessiva o irragionevole. Ne segue che questa parte delle richieste deve essere respinta in conformità con l’Articolo 35 §§ 3 e 4 della Convenzione.
80. Infine, avendo riguardo a tutto il materiale in suo possesso, la Corte trova, che le altre azioni di reclamo sollevate dai richiedenti non rivelano nessuna comparizione di una violazione dei diritti e delle libertà esposte nella Convenzione o nei suoi Protocolli. Ne segue che questa parte delle richieste deve essere respinta in conformità con l’Articolo 35 §§ 3 e 4 della Convenzione.
VII. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
81. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
1. Danno patrimoniale
a. Le osservazioni delle parti
82. A riguardo del danno patrimoniale, il Sig. T. (causa n. 30481/06), il Sig.ra V. (causa n. 27833/06) ed il Sig. P. (causa n. 25442/06) chiesero i rispettivi debiti di sentenza. Le rivendicazioni dei rimanenti richiedenti possono essere riassunte come segue. Se loro avessero ottenuto l’esecuzione delle sentenze, avrebbero chiesto l’ interesse per il periodo di non-esecuzione. Se le sentenze a loro favore non fossero state eseguite, avrebbero chiesto i vari importi che rappresentavano le rispettive assegnazioni nazionali più l'interesse per il periodo fra l’entrata in vigore delle sentenze e il 30 settembre 2009. In tutte le cause loro calcolarono l'interesse sulla base dell'indice dei prezzi al consumo nella Regione di Rostov del periodo di riferimento. Tutti i richiedenti presentarono il calcolo particolareggiato in appoggio delle loro rivendicazioni. Alcuni di loro fornirono certificati Dipartimento Regionale di Statistica del Servizio Federale di Rostov specificando l'indice dei prezzi al consumo nella Regione di Rostov del periodo di riferimento.
83. Il Governo contestò il metodo di calcolo dei richiedenti della perdita inflazionistica per le seguenti ragioni. In primo luogo, le sentenze a favore dei richiedenti erano state annullate nel 2005-2007, ed i richiedenti non potevano chiedere danni per qualsiasi periodo posteriore alle rispettive date di annullamento. In secondo luogo, con riferimento alle informazioni fornite dal Servizio Federale di Statistica, cioè una tavola degli indici dei prezzi al consumo nella Federazione russa per il 1991-2008, dibatté che tutti i richiedenti a parte il Sig. D. si riferirono ad indici dei prezzi al consumo incorretti. Infine, i debiti delle sentenze così come le perdite di inflazione non erano soggetti a rimborso, poiché le rispettive sentenze nazionali che assegnavano ai richiedenti le rispettive somme erano state emesse con seri errori giurisdizionali ed il primo giudice di prima istanza in tutte le presenti cause abusò del suo potere esaminando le rivendicazioni dei richiedenti. Inoltre, alcune delle sentenze erano state eseguite prima dell’annullamento.
b. La valutazione della Corte
84. La Corte richiama che la forma più appropriata di compensazione a riguardo delle violazioni fonda sarebbe mettere il più possibile i richiedenti nella posizione in cui sarebbero stati se i requisiti della Convenzione non fossero stati trascurati (vedere Piersack c. Belgio (Articolo 50), 26 ottobre 1984, Serie A n. 85, p. 16, § 12 e, mutatis mutandis, Gençel c. Turchia, n. 53431/99, § 27 del 23 ottobre 2003). La Corte osserva che in molte delle presenti cause le sentenze a favore del richiedente erano state eseguite prima dell’annullameno, mentre in altre cause le assegnazioni nazionali erano rimaste non eseguite. Nella causa del Sig. K. l'importo del debito della sentenza iniziale infine era stato ridotto,nei procedimenti posteriori all’annullamento. La Corte prenderà in considerazione queste circostanze decidendo sui danni in ogni causa individuale, in conformità coi seguenti metodi.
i. Riguardo al debito di sentenza
85. Dove una sentenza nazionale a favore di un richiedente è stata eseguita, la Corte non concede nessuna assegnazione a riguardo del debito di sentenza iniziale. (Le richiestedei richiedenti a riguardo dell’ interesse saranno esaminate sotto).
86. Dove una sentenza nazionale è rimasta non eseguita, la Corte nota che ai richiedenti fu impedito di ricevere gli importi che loro legittimamente si erano aspettati di ricevere sotto almeno una sentenza vincolante ed esecutiva consegnata dalle corti nazionali a loro favore. Di conseguenza, la Corte considera appropriato assegnare ai richiedenti l'equivalente in euro delle somme che loro avrebbero ricevuto se le sentenze a loro favore non fossero state annullate (vedere Bolyukh c. Russia, n. 19134/05, § 39 31 luglio 2007). La Corte assegna di conseguenza ai richiedenti l'equivalente in euro dei debiti delle sentenze non eseguite.
87. Riguardo alla causa del Sig. Karatayev .n. 18352/06), la Corte osserva che il richiedente ha avuto successo nel nuovo round di atti dopo l’annullamento, e la nuova assegnazione a suo favore era stata eseguita in tempo dovuto . In queste circostanze, la Corte considera, che il Governo dovrebbe pagare al richiedente l'equivalente in euro della differenza fra l’importo assegnato dal a sentenza della Corte della Città di Novocherkassk del 15 settembre 2004 (n. 2-1879/04) e quello assegnatogli dalla sentenza del 6 agosto 2007 dalla Corte distrettuale di Oktyabrskiy.
ii. Riguardo all’ interesse
88. Riguardo alle cause del Sig. T. (n. 30481/06), il Sig.ra V. (n. 27833/06) ed il Sig. P. (n. 25442/06) la Corte nota che questi richiedenti non chiesero alcun interesse. Di conseguenza, la Corte non considera necessario accordare qualsiasi importo a questo riguardo di sua propria iniziativa.
89. Per quanto riguarda le rimanenti ottantaquattro cause, la Corte richiama il suo approccio continuo per cui l'adeguatezza del risarcimento sarebbe diminuita se venisse pagato senza riferimento alle varie circostanze responsabili di ridurre il suo valore (vedere, mutatis mutandis, Gizzatova c. Russia, n. 5124/03, § 28 del 13 gennaio 2005). La Corte accetta di conseguenza la richiesta dei richiedenti relativa al deprezzamento delle assegnazioni nazionali dalla consegna delle sentenze a loro favore e costata appropriato assegnare somme supplementari a questo riguardo, dove richiesto (vedere Kondrashov ed Altri c. Russia, N. 2068/03 et al., § 42, 8 gennaio 2009).
90. Rivolgendosi al metodo del calcolo di danno nelle presento ottantaquattro, la Corte nota l'osservazione del Governo riguardo all’uso incorretto da parte dei richiedenti dell'indice dei prezzi al consumo. Comunque, sembra che l'argomento del Governo era basato sul paragone dei calcoli dei richiedenti con un indice del prezzo medio al consumo stabilito dalla rispettiva autorità di statistica a riguardo dell'interezza della Federazione russa. Comunque, le osservazioni da parte di tutti i richiedenti erano basate su un indice simile a riguardo della loro specifica regione, vale a dire quella di Rostov. Avendo studiato i certificati da parte del Dipartimento Regionale di Statistiche di Rostov, la Corte osserva che gli indici per i periodi specificati nelle richieste dei richiedenti per la soddisfazione equa erano, difatti, corretti. Nota inoltre che, indicando un uso presumibilmente sbagliato degli indici, il Governo non impugnò il metodo del calcolo della perdita di inflazione scelto dai richiedenti, né avanzò una qualsiasi ragione per la quale un indice nazionale e non regionale dei prezzi al consumo avrebbe dovuto essere usato per il calcolo dell'interesse. La Corte accetta perciò metodo di calcolo dei richiedenti.
91. Riguardo al periodo a riguardo del quale sono state fatte le rivendicazioni per interesse, la Corte accetta che dopo che le sentenze definitive furono annullate cessarono di esistere sotto il diritto nazionale; non si può ripristinare il potere di queste sentenze (vedere Tarnopolskaya ed Altri c. Russia, N. 11093/07 et seq. § 51, 7 luglio 2009). La Corte accoglie l'argomento del Governo per cui nessun interesse per il periodo posteriore all'annullamento delle sentenze dovrebbe essere accordato ai richiedenti. Perciò, dove una sentenza nazionale a favore di un richiedente non era stata eseguita prima dell’annullamento, la Corte concede le rivendicazioni riguardo all'interesse solo nella misura in cui sono rese a riguardo dei periodi che precedono la rispettiva data di annullamento. Dove una sentenza nazionale era stata eseguita prima dell’ annullamento, la Corte assegna l'interesse per il periodo che precede la data di piena esecuzione.
iii. Conclusione
92. Nella prospettiva di quanto sopra e facendo la sua stima sulla base delle informazioni a sua disposizione, la Corte assegna ai richiedenti gli importi elencati nella sezione “Assegnazione Definitiva della Corte” dell’Annesso II alla sentenza presente, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile. Dove una sentenza nazionale s favore di un richiedente non era stata eseguita prima dell'annullamento, l'assegnazione della Corte include l'equivalente in euro dell'assegnazione nazionale iniziale ed il risarcimento per il deprezzamento delle assegnazioni per i periodi che precedono l'annullamento. Dove una sentenza a favore di un richiedente fu eseguita pienamente prima dell'annullamento , l'assegnazione della Corte rappresenta l'equivalente in euro dell'interesse per il periodo dall'entrata in vigore della sentenza nazionale sino alla data della sua piena esecuzione. Dove più di una sentenza fu emessa a favore di un richiedente, l'importo dell'assegnazione della Corte rappresenta una somma delle rispettive assegnazioni calcolata in conformità col metodo specificato sopra, a riguardo di ognuno delle sentenze nazionali annullate.
93. La Corte respinge il resto delle richieste dei richiedenti a riguardo del danno patrimoniale.
2. Danno non-patrimoniale
94. I richiedenti chiesero somme che variavano da 5,000 a 10,000 euro (EUR) a riguardo del danno non-patrimoniale.
95. Il Governo impugnò le rivendicazioni come eccessive e mal-fondate. I richiedenti non fornirono qualsiasi documento che attestasse il danno non-patrimoniale addotto. Le sentenze furono annullate a causa del difetto fondamentale nei procedimenti. Nulla dovrebbe essere assegnato ai richiedenti, poiché non c'era stata nessuna violazione dei loro diritti.
96. Avendo riguardo alla natura della violazione in questa causa, facendo la sua valutazione su una base equa, la Corte assegna ad ogni richiedente la somma di EUR 2,000 a riguardo del danno non-patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su quell'importo.
3. Cause n. 28888/06 e 31419/06
97. La Corte decide che le rispettive assegnazioni nella causa n. 28888/06 dovrebbero essere pagate al Sig. V.N. Z. e nella causa n. 31419/06 alla Sig.ra T.N. M. al posto dei richiedenti deceduti.
B. Costi e spese
98. I richiedenti non chiesero costi e spese, e non c'è di conseguenza nessun bisogno di fare un'assegnazione sotto questo capo.
C. Interesse di mora
99. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Decide di congiungere le richieste;
2. Sostiene, a riguardo della richiesta n. 28888/06, che il Sig. V.N. Z. ha qualità per continuare i procedimenti al posto del Sig. N.P. Z.;
3. Sostiene, a riguardo della richiesta n. 31419/06, che la Sig.ra T.N. M. ha qualità per continuare i procedimenti al posto del Sig. N.N. M.;
4. Dichiara, a riguardo di tutte le richieste, le azioni di reclamo sotto l’Articolo 6 della Convenzione e l’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 riguardo alla non-esecuzione ed al susseguente annullamento delle sentenze iniziali a favore dei richiedenti elencati nell’ Annesso I ammissibili ed il resto delle richieste inammissibile;
5. Sostiene, a riguardo di tutte le richieste che c'è stata una violazione dell’ Articolo 6 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 a riguardo dell'esecuzione ritardata delle sentenze a favore dei richiedenti elencati nell’Annesso I ;
6. Sostiene, a riguardo di tutte le richieste che c'è stata una violazione dell’ Articolo 6 della Convenzione a causa dell'annullamento tramite dei procedimenti di revisione direttiva delle sentenze a favore dei richiedenti elencati nell’Annesso I;
7. Sostiene, a riguardo delle diciannove richieste elencate nella Parte A dell’Annesso I, che non c'è nessun bisogno di esaminare se c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 a causa dell'annullamento tramite dei procedimenti di revisione direttiva delle sentenze a favore dei richiedenti;
8. Sostiene, a riguardo delle sessantotto richieste elencate nella Parte B dell’Annesso I, che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 a causa dell'annullamento tramite dei procedimenti di revisione direttiva delle sentenze a favore dei richiedenti, come elencati nella parte attinente dell’Annesso I;
9. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare i richiedenti, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione i seguenti importi, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile:
(i) ad ogni richiedente, EUR 2,000 (due mila euro) a riguardo del danno non-patrimoniale;
(ii) ad ogni richiedente, gli importi in euro citati nella parte “assegnazione Definitiva della Corte” dell’Annesso II alla presente sentenza, a riguardo del danno patrimoniale;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’ interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
10. Respinge il resto della richiesta dei richiedenti per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 29 luglio 2010, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Søren Nielsen Christos Rozakis
Cancelliere Presidente


ANNESSO I
A. RICHIEDENTI A FAVORE DEI QUALI LE SENTENZE ERANO STATE ESEGUITE PIENAMENTE DALL'AUTORITÀ RISPONDENTE
Numero richiesta, data di deposito Nome del richiedente,
anno di nascita Sentenza della Corte della Città di Novocherkassk Somma assegnata(RUB), natura del pagamento(rettifica all'aumento del salario minimo o assegno alimentare) Status dell’esecuzione Annullamento(data),Sentenza del Presidium ricevuta dal richiedente (data, se attinente) Sviluppi susseguenti
(procedimenti di fronte alla Corte distrettuale di Oktyabrskiy di Rostov-su-Don, Regione di Rostov)
1. 18835/0614/04/06 OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa no.2-1489/04) 140,086.40
(salario minimo) Eseguito pienamente 05/02/2007 14 giugno 2007 (N.ro 44-г-266) Nessuna informazione disponibile
OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa n. 2-1616/04) 385,642.97
(assegno di cibo) Eseguito pienamente 05/02/2007 14 giugno 2007 (N.ro 44-г-255) 13 luglio 2007; procedimenti cessati a causa del rifiuto del richiedente di mantenere le rivendicazioni; le somme pagate facendo seguito alle sentenze non possono essere chieste a posteriori dal richiedente
2. 19350/0614/04/06 OMISSIS 30 agosto 2004 291,161.11
(salario minimo) Eseguito pienamente 5 febbraio 2007 14 giugno 2007 13 luglio 2007; rivendicazioni respinte
3. 19352/0614/04/06 OMISSIS 30 agosto 2004 60,898.23
(assegno di cibo) Eseguito pienamente 5 febbraio 2007 24 novembre 2005 26 dicembre 2005 (come sostenuto il 17 aprile 2006): rivendicazioni respinte
4. 20904/0628/04/06 OMISSIS 30 agosto 2004 75,560.41
(assegno di cibo) Eseguito pienamente 5 febbraio 2007 14 giugno 2007 Nessuna informazione disponibile
5. 21123/0614/04/06 OMISSIS 30 agosto 2004 224,034.62
(salario minimo) Eseguito pienamente 5 febbraio 2007 14 giugno 2007 13 luglio 2007; procedimenti cessati
6. 25029/0625/05/06 OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa n. 2-1641/04) 227,835.56
(salario minimo) Eseguito pienamente 5 febbraio 2007 12 luglio 2007 7 agosto 2007; procedimenti cessati
7. 25043/0610/05/06 OMISSIS 15 settembre 2004
(la causa n. 2-1880/04) 126,751.11
(salario minimo) Eseguito pienamente 5 febbraio 2007 21 giugno 2007 20 luglio 2007; procedimenti cessati
Numero richiesta, data di deposito Nome del richiedente,
anno di nascita Sentenza della Corte della Città di Novocherkassk Somma assegnata(RUB), natura del pagamento(rettifica all'aumento del salario minimo o assegno alimentare) Status di esecuzione Annullamento(data),Sentenza del Presidium ricevuta dal richiedente (data, se attinente) Sviluppi susseguenti
(procedimenti di fronte alla Corte distrettuale di Oktyabrskiy di Rostov-su-Don, la Regione di Rostov)
8. 26440/0605/06/06 OMISSIS 15 settembre 2004
(no.2-1645/04) (salario minimo) Eseguito pienamente su
15 maggio 2007 12 luglio 2007 6 agosto 2007, procedimenti cessati
9. 26654/0620/04/06 OMISSIS 30 agosto 2004 149,761.83
(salario minimo) Eseguito pienamente su
19 dicembre 2006 14 giugno 2007 25 luglio 2007, procedimenti cessati
10. 26706/06
17/05/06 OMISSIS 30 agosto 2004 394,935.57
(salario minimo) Eseguito pienamente 5 febbraio 2007 27 luglio 2007 20 settembre 2007; procedimenti cessati
11. 27840/0629/05/06 OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa no.2-1683/04) 143,461.97
(assegno di cibo) Eseguito pienamente 5 febbraio 2007 14 giugno 2007 24 luglio 2007; rivendicazioni respinte
OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa n. 2-1646/04) 252,967.44
(salario minimo) Eseguito pienamente 5 febbraio 2007 19 luglio 2007 28 settembre 2007; rivendicazioni respinte
12. 28231/0621/06/06 OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa n. 2-1624/04) 372,661.86(salario minimo) Eseguito pienamente 5 febbraio 2007 19 luglio 2007 20 settembre 2007; rivendicazioni respinte
13. 31309/0619/06/06 OMISSIS 30 agosto 2004
(n. 2-1619/04) 208,840
(salario minimo) Eseguito pienamente 5 febbraio 2007 12 luglio 2007 6 agosto 2007; procedimenti cessati
14. 31324/0609/06/06 OMISSIS 30 agosto 2004
(n. 2-1696/04) 323,386.81
(salario minimo) Eseguito pienamente 5 febbraio 2007 27 luglio 2007 20 settembre 2007; procedimenti cessati
15. 40256/0601/09/06 OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa n. 2-1532/04) 94,516.12
(assegno di cibo) Eseguito pienamente 5 febbraio 2007 14 giugno 2007 13 luglio 2007; rivendicazioni respinte
16. 41560/0611/07/06 OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa n. 2-1652/04) 191,073.01
(salario minimo) Eseguito pienamente 5 febbraio 2007 27 luglio 2007 2 ottobre 2007; procedimenti cessati
17. 5648/0711/01/07 OMISSIS 30 agosto 2004 86,917.46
(assegno di cibo) Eseguito pienamente in 15 maggio 2007 12 luglio 2007 7 agosto 2007; rivendicazioni respinte
18. 6902/0715/01/07 OMISSIS 30 agosto 2004 267,317.04
(salario minimo) Eseguito pienamente 5 febbraio 2007 27 luglio 2007 20 settembre 2007; procedimenti cessati
19. 39423/07
09/03/07 OMISSIS 30 agosto 2004 232,277.03
(salario minimo) Eseguito pienamente in 15 maggio 2007 27 luglio 2007 27 settembre 2007; procedimenti cessati
Numero richiesta, data di deposito Nome del richiedente,
anno di nascita Sentenza della Corte della Città di Novocherkassk Somma assegnata(RUB), natura del pagamento(rettifica all'aumento del salario minimo o assegno alimentare) Status di esecuzione Annullamento(data),Sentenza del Presidium ricevuta dal richiedente (data, se attinente) Sviluppi susseguenti
(procedimenti di fronte alla Corte distrettuale di Oktyabrskiy di Rostov-su-Don, la Regione di Rostov)
B. GLI ALTRI RICHIEDENTI
20. 8549/0610/02/06 OMISSIS 15 settembre 2004 255,752.81
(salario minimo) Non eseguito 17 novembre 2005 26 dicembre 2005; procedimenti cessati
21. 17763/0605/04/06 OMISSIS 2 marzo 2005 345,314.00
(salario minimo) Non eseguito 6 aprile 2006 11 maggio 2006; rivendicazioni respinte
22. 18352/0605/04/06 OMISSIS 15 settembre 2004 (n. 2-1879/04) 529,155.15(salario minimo) Non eseguito 21 luglio 2007
(n. 44-г-286) 6 agosto 2007; rivendicazione accordò; richiedente assegnato Strofina 32,811.52
OMISSIS 15 settembre 2004
(n. 2-1886/04) 132,816.21(assegno di cibo) Non eseguito 21 luglio 2007
(n. 44-г-285) 20 luglio 2007; rivendicazioni respinte
23. 18354/0605/04/06 OMISSIS 15 settembre 2004 187,556.95 Non eseguito 15 dicembre 2005 1 febbraio 2006; rivendicazioni respinte
24. 18848/0614/04/06 OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa n. 2-1643/04) 304,777.40 (salario minimo) Non eseguito 22 dicembre 2005 20 marzo 2006; procedimenti cessati
25. 18851/0614/04/06 OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa no.2-1497/04) 114,769.58
(assegno di cibo) Non eseguito 24 novembre 2005 22 dicembre 2005;
rivendicazioni respinte
OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa n. 2-1697/04) 238,885.34
(salario minimo) Non eseguito 22 dicembre 2005 21 febbraio 2006 (siccome sostenuto in 22 maggio 2006) rivendicazioni respinte
26. 18856/0614/04/06 OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa no.2-1535/04) 143,461.97
(assegno di cibo) Eseguito pienamente 8 febbraio 2007 5 luglio 2007 10 settembre 2007; rivendicazioni respinte
OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa n. 2-1612/04) 366,079.13
(salario minimo) Non eseguito 14 giugno 2007 24 luglio 2007;
rivendicazioni respinte
27. 18916/0620/04/06 OMISSIS 15 settembre 2004 265,522.88
(salario minimo) Non eseguito 29 dicembre 2005 20 marzo 2006; rivendicazioni respinte
28. 18952/0620/04/06 OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa n. 2-1638/04) 220,209.99
(salario minimo) Eseguito pienamente 5 febbraio 2007 26 luglio 2007 11 settembre 2007; procedimenti cessati
30 agosto 2004
(la causa n. 2-1502/04) 99,946.13(assegno di cibo) Non eseguito 20 ottobre 2005; copia emise su
21 novembre 2005 19 dicembre 2005 (sostenuta il 10 aprile 2006); rivendicazioni respinte
Numero richiesta, data di deposito Nome del richiedente,
anno di nascita Sentenza della Corte della Città di Novocherkassk Somma assegnata(RUB), natura del pagamento(rettifica all'aumento del salario minimo o assegno alimentare) Status di esecuzione Annullamento(data),Sentenza del Presidium ricevuta dal richiedente (data, se attinente) Sviluppi susseguenti
(procedimenti di fronte alla Corte distrettuale di Oktyabrskiy di Rostov-su-Don, la Regione di Rostov)
29. 19353/0614/04/06 OMISSIS 15 settembre 2004 372,514.57
(salario minimo) Non eseguito 22 dicembre 2005 27 febbraio 2006; rivendicazioni respinte
30. 20423/0628/04/06 OMISSIS 30 agosto 2004
(no.2-1521/04) 143,461.97
(assegno di cibo) Eseguito pienamente 5 febbraio 2007 26 luglio 2007 27 settembre 2007; procedimenti cessati
OMISSIS 30 agosto 2004
(no.2-1620/04) 277,408.74(salario minimo) Non eseguito 10 novembre 2005 16 gennaio 2006; procedimenti cessati
31. 20906/0628/04/06 OMISSIS 30 agosto 2004 363,746.48
(salario minimo) Non eseguito 22 dicembre 2005 6 marzo 2006; rivendicazioni respinte
32. 20907/0628/04/06 OMISSIS 15 settembre 2004 376,706.00
(salario minimo) Non eseguito 29 dicembre 2005 13 marzo 2006; procedimenti cessati
33. 21081/06
28/04/06 OMISSIS 15 settembre 2004 139.544,21(salario minimo) Non eseguito 29 dicembre 2005 20 marzo 2006; rivendicazioni respinte
34. 21124/0620/04/06 OMISSIS 15 settembre 2004 260,710.37
(salario minimo) Non eseguito 29 dicembre 2005 14 marzo 2006; rivendicazioni respinte
35. 21179/0620/04/06 OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa n. 2-1692/04) 153,889.06
(salario minimo) Eseguito pienamente 5 febbraio 2007 12 luglio 2007 7 agosto 2007; procedimenti cessati
OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa n. 2-1498/04) 94,516.12
(assegno di cibo) Non eseguito 24 novembre 2005 18 gennaio 2006 (come sostenuta il 13 marzo 2006); rivendicazioni respinte
36. 21189/0628/04/06 OMISSIS 15 settembre 2004 407,167.49
(salario minimo) Non eseguito 29 dicembre 2005 20 marzo 2006; rivendicazioni respinte
37. 24041/0615/05/06 OMISSIS 15 settembre 2004 230,990.83
(salario minimo) Non eseguito 29 dicembre 2005 17 marzo 2006; procedimenti cessati
38. 24048/0615/05/06 OMISSIS 15 settembre 2004 178,888.60
(salario minimo) Non eseguito 29 dicembre 2005 13 marzo 2006; procedimenti cessati
Numero richiesta, data di deposito Nome del richiedente,
anno di nascita Sentenza della Corte della Città di Novocherkassk Somma assegnata(RUB), natura del pagamento(rettifica all'aumento del salario minimo o assegno alimentare) Status di esecuzione Annullamento(data),Sentenza del Presidium ricevuta dal richiedente (data, se attinente) Sviluppi susseguenti
(procedimenti di fronte alla Corte distrettuale di Oktyabrskiy di Rostov-su-Don, la Regione di Rostov)
39. 24055/0615/05/06 OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa n. 2-1651/04) 303,913.11
(salario minimo) Non eseguito 22 dicembre 2005 20 febbraio 2006; rivendicazioni respinte
OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa n. 2-1515/04) 124,896.30
(assegno di cibo) Non eseguito 17 novembre 2005 9 dicembre 2005 (come sostenuta il 20 marzo 2006 col Rostov Corte Regionale); rivendicazioni respinte
40. 24058/0615/05/06 OMISSIS 15 settembre 2004 226,063.78 (salario minimo) Non eseguito 12 gennaio 2006 21 febbraio 2006 (come sostenuta il 10 aprile 2006 col Rostov Corte Regionale); rivendicazioni respinte
41. 24816/0610/05/06 OMISSIS 15 settembre 2004 93,697.67
(salario minimo) Non eseguito 12 gennaio 2006 15 febbraio 2006; procedimenti cessati
42. 25044/0610/05/06 OMISSIS 15 settembre 2004 259,706.54 Non eseguito 22 dicembre 2005 20 marzo 2007; procedimenti cessati
43. 25442/06
25/05/06 OMISSIS 30 agosto 2004 85,758.81 (salario minimo) Non eseguito 24 novembre 2005; copia emise 12 dicembre 2005 20 marzo 2006; procedimenti cessati
OMISSIS 22 settembre 2004 28,132.11
(assegno di cibo) Non eseguito 15 dicembre 2005 18 gennaio 2006 (come sostenuta il 13 marzo 2006) procedimenti cessati
44. 25717/0623/05/06 OMISSIS 15 settembre 2004 100,357.58
(assegno di cibo) Non eseguito 24 novembre 2005 30 gennaio 2006; rivendicazioni respinte
45. 25721/0601/01/06 OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa n. 2-1623/04) 240,998.13 (salario minimo) Non eseguito 15 dicembre 2005;
copia emise 20 gennaio 2006 14 marzo 2006; procedimenti cessati
46. 25827/0622/05/06 OMISSIS 15 settembre 2004 171,549.49
(salario minimo) Non eseguito 29 dicembre 2005 23 marzo 2006; procedimenti cessati
Numero richiesta, data di deposito Nome del richiedente,
anno di nascita Sentenza della Corte della Città di Novocherkassk Somma assegnata(RUB), natura del pagamento(rettifica all'aumento del salario minimo o assegno alimentare) Status di esecuzione Annullamento(data),Sentenza del Presidium ricevuta dal richiedente (data, se attinente) Sviluppi susseguenti
(procedimenti di fronte alla Corte distrettuale di Oktyabrskiy di Rostov-su-Don, la Regione di Rostov)
47. 25831/0623/05/06 OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa n. 2-1629/04) 104,845.36 (salario minimo) Eseguito pienamente su
5 febbraio 2007 12 luglio 2007 7 agosto 2007, procedimenti cessati
OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa n. 2-1527/04) 102,955.06
(assegno di cibo) Non eseguito 17 novembre 2005;copia emise 2 dicembre 2005 26 dicembre 2005, rivendicazioni respinte
48. 25920/0622/05/06 OMISSIS 15 settembre 2004 239,062.87
(salario minimo Non eseguito 29 dicembre 2005 23 marzo 2006; procedimenti cessati
49. 25922/0622/05/06 OMISSIS 15 settembre 2004 290,969.01
(salario minimo) Non eseguito 22 dicembre 2005 8 febbraio 2006; rivendicazioni respinte
50. 25923/0623/05/06 OMISSIS 15 settembre 2004 183,251.38
(salario minimo) Non eseguito 29 dicembre 2005 13 marzo 2006; procedimenti cessati
51. 26709/0601/06/06 OMISSIS 30 agosto 2004
(n. 2-1490/04) 135,023.03(salario minimo) Non eseguito 17 novembre 2005 22 dicembre 2005; rivendicazioni respinte
OMISSIS 30 agosto 2004
(n. 2-1650/04) 217,311.70(assegno di cibo) Non eseguito 15 dicembre 2005 1 febbraio 2006; rivendicazioni respinte
52. 26766/0601/06/06 OMISSIS 30 agosto 2004
(n. 2-1625-04) 174,009.17
(salario minimo) Eseguito pienamente 12 febbraio 2007 27 luglio 2007 Nessuna informazione disponibile
OMISSIS 30 agosto 2004,
(n. 2-1543-04) 104,642.85(assegno di cibo) Non eseguito 1 dicembre 2005
(copia emise 14 dicembre 2005) 18 gennaio 2006, rivendicazioni respinte
53. 26972/0618/05/06 OMISSIS 15 settembre 2004 285,970.34
(salario minimo) Non eseguito 29 dicembre 2005 13 marzo 2006, procedimenti cessati
54. 26981/0622/05/06 OMISSIS 15 settembre 2004 283,281.14
(salario minimo) Non eseguito 12 gennaio 2006 17 febbraio 2006; rivendicazioni respinte
55. 26983/0622/05/06 OMISSIS 15 settembre 2004 373,971.60
(salario minimo) Non eseguito 22 dicembre 2005 6 marzo 2006; rivendicazioni respinte
56. 27716/0601/06/06 OMISSIS 15 settembre 2004 335,684.57
(salario minimo) Non eseguito 12 gennaio 2006 22 febbraio 2006; rivendicazioni respinte
Numero richiesta, data di deposito Nome del richiedente,
anno di nascita Sentenza della Corte della Città di Novocherkassk Somma assegnata(RUB), natura del pagamento(rettifica all'aumento del salario minimo o assegno alimentare) Status di esecuzione Annullamento(data),Sentenza del Presidium ricevuta dal richiedente (data, se attinente) Sviluppi susseguenti
(procedimenti di fronte alla Corte distrettuale di Oktyabrskiy di Rostov-su-Don, la Regione di Rostov)
57. 27709/06 OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa n. 1639/04) 141,516.72(salario minimo) Non eseguito 22 dicembre 2005; copia emise
15 febbraio 2006 20 marzo 2006; rivendicazioni respinte
58. 27710/0601/06/06 OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa n. 2-1528/04) 143,461.97(assegno di cibo) Non eseguito 10 novembre 2005;
copia emise 2 dicembre 2005 9 dicembre 2005; rivendicazioni respinte
OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa no.2-1633/04) 377,308.28
(salario minimo) Eseguito pienamente 5 febbraio 2007 27 luglio 2007 20 settembre 2007; rivendicazioni respinte
59. 27714/0605/06/06 OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa n. 2-1493/04) 95,970.45(assegno di cibo) Eseguito pienamente 5 febbraio 2007 26 luglio 2007 27 settembre 2007; procedimenti cessati
OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa no.2-1642/04) 169,116.78
(salario minimo) Non eseguito 2 marzo 2006 10 aprile 2006; procedimenti cessati
60. 27718/0601/06/06 OMISSIS 15 settembre 2004 378,987.97
(salario minimo) Non eseguito 22 dicembre 2005 17 febbraio 2006;
rivendicazioni respinte
61. 27833/0629/05/2006 OMISSIS 15 settembre 2004 113,066.10
(salario minimo) Non eseguito 12 gennaio 2006 21 febbraio 2006; rivendicazioni respinte
62. 28105/0629/05/06 OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa n. 2-1547/04) 90,261.66
(assegno di cibo) Non eseguito 17 novembre 2005(copia emise 2 dicembre 2005) 20 settembre 2007; procedimenti cessati
OMISSIS 30 agosto 2004
(la causa n. 2-1627/04) 78,606.12(salario minimo) Eseguito pienamente 5 febbraio 2007 27 luglio 2007 20 settembre 2007; procedimenti cessati
63. 28886/0614/06/06 OMISSIS 15 settembre 2004
(la causa no: non specificato) 277,683.14
(salario minimo) Non eseguito 29 dicembre 2005
(copia emise 20 febbraio 2006) 11 aprile 2006; rivendicazioni respinte
64. 28888/06
15/06/06 OMISSIS 30 agosto 2004 104,642.85
(assegno di cibo) Non eseguito 12 luglio 2007 7 agosto 2007; rivendicazioni respinte
15 settembre 2004 205,598.63
(salario minimo) Non eseguito 29 dicembre 2005 6 marzo 2006; rivendicazioni respinte
Numero richiesta, data di deposito Nome del richiedente,
anno di nascita Sentenza della Corte della Città di Novocherkassk Somma assegnata(RUB), natura del pagamento(rettifica all'aumento del salario minimo o assegno alimentare) Status di esecuzione Annullamento(data),Sentenza del Presidium ricevuta dal richiedente (data, se attinente) Sviluppi susseguenti
(procedimenti di fronte alla Corte distrettuale di Oktyabrskiy di Rostov-su-Don, la Regione di Rostov)
65. 30481/0626/06/06 OMISSIS 15 settembre 2004 144,621.44
(salario minimo) Non eseguito 29 dicembre 2005 9 marzo 2006;; rivendicazioni respinte
66. 30494/0626/06/06 OMISSIS 15 settembre 2004 79,707.52
(salario minimo) Non eseguito 29 dicembre 2005 20 marzo 2006;
procedimenti cessati
67. 31410/0607/07/06 OMISSIS 15 settembre 2004 230,981.67
(salario minimo) Non eseguito 29 dicembre 2005
(copia emise 20 febbraio 2006) 14 marzo 2006; rivendicazioni respinte
68. 31411/0607/07/06 OMISSIS 15 settembre 2004 377,284.43
(salario minimo) Non eseguito 12 gennaio 2006 2 febbraio 2006; rivendicazioni respinte
69. 31414/0607/07/06 OMISSIS 15 settembre 2004 148,833.55
(salario minimo) Non eseguito 15 dicembre 2005
(copia emise 17 gennaio 2006) 2 febbraio 2006; rivendicazioni respinte
70. 31419/0607/07/06 OMISSIS 15 settembre 2004 96,675.24
(salario minimo) Non eseguito 29 dicembre 2005
(copia emise 20 febbraio 2006) 22 marzo 2006; procedimenti cessati
71. 31422/0607/07/06 OMISSIS 15 settembre 2004 373,971.60
(salario minimo) Non eseguito 22 dicembre 2006
(copia emise 15 febbraio 2006) 20 marzo 2006; procedimenti cessati
72. 31424/0607/07/06 OMISSIS 30 agosto 2004
(n. 2-1657/04) 258,689.89
(salario minimo) Non eseguito 9 febbraio 2006 20 marzo 2006, procedimenti cessati
73. 31427/0607/07/06 OMISSIS 15 settembre 2004 203,458.01
(salario minimo) Non eseguito 29 dicembre 2005(copia emise 15 febbraio 2006) Nessuna informazione disponibile
74. 31429/0607/07/06 OMISSIS 15 settembre 2004 187,687.18
(salario minimo) Non eseguito 22 dicembre 2005(copia emise 3 febbraio 2006) 21 febbraio 2006; rivendicazioni respinte
Numero richiesta, data di deposito Nome del richiedente,
anno di nascita Sentenza della Corte della Città di Novocherkassk Somma assegnata(RUB), natura del pagamento(rettifica all'aumento del salario minimo o assegno alimentare) Status di esecuzione Annullamento(data),Sentenza del Presidium ricevuta dal richiedente (data, se attinente) Sviluppi susseguenti
(procedimenti di fronte alla Corte distrettuale di Oktyabrskiy di Rostov-su-Don, la Regione di Rostov)
75. 31433/0619/06/06 OMISSIS 15 settembre 2004 159,139.82
(salario minimo) Non eseguito 22 dicembre 2005 Nessuna informazione disponibile
76. 31436/0619/06/06 OMISSIS 15 settembre 2004 247,241.97
(salario minimo) Non eseguito 22 dicembre 2005 20 febbraio 2006; rivendicazioni respinte
77. 31439/0619/06/06 OMISSIS 15 settembre 2004 249,748.85
(salario minimo) Non eseguito 29 dicembre 2005 11 aprile 2006; rivendicazioni respinte
78. 32419/0607/07/06 OMISSIS 15 settembre 2004 148,239.30
(salario minimo) Non eseguito 12 gennaio 2006 17 febbraio 2006; rivendicazioni respinte
79. 32421/0607/07/06 OMISSIS 15 settembre 2004 251,411.62
(salario minimo) Non eseguito 29 dicembre 2005
(copia emise e spedì al richiedente 17 gennaio 2006) 14 marzo 2006; rivendicazioni respinte
80. 34443/06 OMISSIS 15 settembre 2004 137,481.28
(salario minimo) Non eseguito 22 dicembre 2005
(copia emise e spedì al richiedente 15 febbraio 2006) Nessuna informazione disponibile
81. 42694/0607/07/06 OMISSIS 15 settembre 2004 321,082.25
(salario minimo) Non eseguito 22 dicembre 2005
(copia emise e spedì al richiedente 18 gennaio 2006) 13 febbraio 2006, rivendicazioni respinte
82. 42695/0607/07/06 OMISSIS 15 settembre 2004 217,102.53
(salario minimo) Non eseguito 29 dicembre 2005
(copia emise e spedì al richiedente 20 febbraio 2006) 20 marzo 2006, procedimenti cessati
83. 42696/0607/07/06 OMISSIS 15 settembre 2004 174,286.96
(salario minimo) Non eseguito 15 dicembre 2005
(copia emise e spedì al richiedente 20 gennaio 2006) 28 febbraio 2006; rivendicazioni respinte
Numero richiesta, data di deposito Nome del richiedente,
anno di nascita Sentenza della Corte della Città di Novocherkassk Somma assegnata(RUB), natura del pagamento(rettifica all'aumento del salario minimo o assegno alimentare) Status di esecuzione Annullamento(data),Sentenza del Presidium ricevuta dal richiedente (data, se attinente) Sviluppi susseguenti
(procedimenti di fronte alla Corte distrettuale di Oktyabrskiy di Rostov-su-Don, la Regione di Rostov)
84. 42697/0607/07/06 OMISSIS 15 settembre 2004 226,660.06
(salario minimo) Non eseguito 29 dicembre 2005
(copia emise e spedì al richiedente 15 febbraio 2006) Nessuna informazioni disponibile
85. 42701/0607/07/06 OMISSIS 15 settembre 2004 179,103.54
(salario minimo) Non eseguito 29 dicembre 2005
(copia emise e spedì al richiedente 15 febbraio 2006) 20 marzo 2006, rivendicazioni respinte
86. 6167/0711/01/07 OMISSIS 15 settembre 2004 113,906.33
(assegno di cibo) Non eseguito 12 luglio 2007 7 agosto 2007; rivendicazioni respinte
87. 7869/0715/01/07 OMISSIS 30 agosto 2004 369,460.50
(salario minimo) Non eseguito 9 agosto 2007 2 ottobre 2007; procedimenti cessati
ANNETTA II
Assegnazioni della Corte a riguardo del danno patrimoniale
Numero di richiesta Nome del richiedente Assegnazione definitiva della Corte (EUR)
a riguardo del danno patrimoniale
1. 8549/06 OMISSIS 6,990
2. 17763/06 OMISSIS 10,185
3. 18352/06 OMISSIS 20,479
4. 18354/06 OMISSIS 5,166
5. 18835/06 OMISSIS 4,280
6. 18848/06 OMISSIS 8,465
7. 18851/06 OMISSIS 9,772
8. 18856/06 OMISSIS 8,454
9. 18916/06 OMISSIS 7,314
10. 18952/06 OMISSIS 4,506
11. 19350/06 OMISSIS 975
12. 19352/06 OMISSIS 495
13. 19353/06 OMISSIS 10,090
14. 20423/06 OMISSIS 8,814
15. 20904/06 OMISSIS 615
16. 20906/06 OMISSIS 10,104
17. 20907/06 OMISSIS 10,376
18. 21081/06 OMISSIS 3,843
19. 21123/06 OMISSIS 1,824
20. 21124/06 OMISSIS 7,181
21. 21179/06 OMISSIS 3,858
22. 21189/06 OMISSIS 11,215
23. 24041/06 OMISSIS 6,362
24. 24048/06 OMISSIS 4,927
25. 24055/06 OMISSIS 11,910
26. 24058/06 OMISSIS 6,440
27. 24816/06 OMISSIS 2,669
28. 25029/06 OMISSIS 1,855
29. 25043/06 OMISSIS 999
30. 25044/06 OMISSIS 7,153
31. 25442/06 OMISSIS 3,272
32. 25717/06 OMISSIS 2,743
33. 25721/06 OMISSIS 6,643
34. 25827/06 OMISSIS 4,725
35. 25831/06 OMISSIS 3,690
36. 25920/06 OMISSIS 6,585
37. 25922/06 OMISSIS 7,953
38. 25923/06 OMISSIS 5,047
39. 26440/06 OMISSIS 1,910
40. 26654/06 OMISSIS 1,125
41. 26706/06 OMISSIS 3,215
42. 26709/06 OMISSIS 9,757
43. 26766/06 OMISSIS 4,322
44. 26972/06 OMISSIS 7,877
45. 26981/06 OMISSIS 8,070
46. 26983/06 OMISSIS 10,031
47. 27716/06 OMISSIS 9,563
48. 27709/06 OMISSIS 3,930
49. 27710/06 OMISSIS 7,056
50. 27714/06 OMISSIS 5,751
51. 27718/06 OMISSIS 1,043
52. 27833/06 OMISSIS 3,239
53. 27840/06 OMISSIS 3,227
54. 28105/06 OMISSIS 3,128
55. 28231/06 OMISSIS 3,034
56. 28886/06 OMISSIS 7,649
57. 28888/06 OMISSIS (nato IL 3 maggio 1979), che ha proseguito la richiesta al posto di OMISSIS 9,097
58. 30481/06 OMISSIS 4,148
59. 30494/06 OMISSIS 2,195
60. 31309/06 OMISSIS 1,700
61. 31324/06 OMISSIS 2,633
62. 31410/06 OMISSIS 6,362
63. 31411/06 OMISSIS 10,748
64. 31414/06 OMISSIS 4,099
65. 31419/06 OMISSIS (nato 23 gennaio 1948), che ha proseguito la richiesta al posto di OMISSIS 2,663
66. 31422/06 OMISSIS 8,147
67. 31424/06 OMISSIS 7,593
68. 31427/06 OMISSIS 5,604
69. 31429/06 OMISSIS 5,170
70. 31433/06 OMISSIS 4,384
71. 31436/06 OMISSIS 6,810
72. 31439/06 OMISSIS 6,879
73. 32419/06 OMISSIS 4,223
74. 32421/06 OMISSIS 6,925
75. 34443/06 OMISSIS 3,787
76. 40256/06 OMISSIS 769
77. 41560/06 OMISSIS 1,555
78. 42694/06 OMISSIS 8,844
79. 42695/06 OMISSIS 5,980
80. 42696/06 OMISSIS 4,800
81. 42697/06 OMISSIS 6,243
82. 42701/06 OMISSIS 4,933
83. 5648/07 OMISSIS 762
84. 6167/07 OMISSIS 3,707
85. 6902/07 OMISSIS 2,176
86. 7869/07 OMISSIS 3,008
87. 39423/07 OMISSIS 1,891




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 05/04/2021.