Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF PETR KOROLEV v. RUSSIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, 35, 06, P1-1

NUMERO: 38112/04/2010
STATO: Russia
DATA: 21/10/2010
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

Conclusion No Violation of Art. 6-1 ; Remainder inadmissible
FIRST SECTION
CASE OF PETR KOROLEV v. RUSSIA
(Application no. 38112/04)
JUDGMENT
STRASBOURG
21 October 2010
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Petr Korolev v. Russia,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Christos Rozakis, President,
Nina Vajić,
Anatoly Kovler,
Elisabeth Steiner,
Khanlar Hajiyev,
Dean Spielmann,
Sverre Erik Jebens, judges,
and André Wampach, Deputy Section Registrar,
Having deliberated in private on 30 September 2010,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 38112/04) against the Russian Federation lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Russian national, Mr P. V. K. (“the applicant”), on 10 September 2004.
2. The applicant was represented by Ms Y. G., a lawyer practising in Vladivostok. The Russian Government (“the Government”) were represented by Mrs V. Milinchuk, former Representative of the Russian Federation at the European Court of Human Rights.
3. On 24 January 2008 the Court declared the application partly inadmissible and decided to communicate the complaints concerning length of the criminal proceedings against the applicant and non-enforcement of a foreign judgment in his favour to the Government.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
4. The applicant was born in 1951 and lived in Vladivostok.
A. Labour dispute
5. On 17 July 1995 the commanding officer of a military unit appointed the applicant as deputy master of the medium tanker (MT) Argun. On 25 July 1995 the command of the auxiliary fleet service of the Russian Pacific Fleet sent the applicant on a trade mission to Singapore. On 1 September 1995 the commander of the military unit appointed him as master of MT Argun. The applicant remained in this post until 10 April 1999.
6. Between 28 April 1994 and 5 April 1996 the tanker was leased out by the State Committee for Management of the Property of the Russian Federation (“the State Property Committee”) to a private company Inakva Co. The lease agreement stipulated that the tanker was to be staffed by the auxiliary fleet service of the Pacific Fleet which also paid the staff’s wages in the Russian national currency. Inakva Co was obligated to cover the part of the staff’s wages that was paid in foreign currency and the tanker maintenance costs.
7. On 5 April 1996 the State Property Committee signed a new lease agreement with an American company National Pacific Limited.
8. On an unspecified date the applicant and his crew brought proceedings in the High Court of South Africa for the unpaid wages earned by them in 1995, 1996 and 1999.
9. On 25 May 1999 the tanker was arrested in Cape Town, South Africa, pending adjudication of the dispute.
10. By judgment of 25 November 1999 (of 13 August 1999 according to the documents submitted by the Government), the High Court of South Africa declared the Russian Federation to be the lawful owner of the vessel.
11. On 12 March 2001 the Ministry of State Property of the Russian Federation, the successor of the State Property Committee, signed a new lease agreement with a private company Oil Compact, which was obligated to undertake all possible measures to release the tanker from arrest.
12. By final judgment of 12 September 2002 the High Court awarded the applicant 79,750.79 United States dollars against the vessel MT Argun and interest at the rate of 15.5% per annum on that amount. The MT Argun was ordered to pay the applicant’s costs and travel expenses. It was also decided that the vessel would be sold at an auction to cover the court awards.
13. On 16 May 2003 the Supreme Court of Appeal of South Africa heard the parties’ appeals and upheld the judgment of 12 September 2002.
14. On 21 November 2003 the Ministry of State Property and Ministry of Defence signed an agreement with a private agent OAO Sovfrakht seeking release of MT Argun from arrest and its transfer to the Russian Military Fleet. On the same day OAO Sovfrakht signed an agreement with a third party Avangard-2 Shipping Company S.A. which won the auction and bought the vessel.
15. On 16 January 2004 the MT Argun was handed over to the Russian Military Pacific Fleet.
16. According to the applicant, in June and July 2006 he received part of the judicial award in the amount of 7,156 USD in respect of the wages and 4,752 USD in respect of the accrued interest.
17. On 4 May 2006 the applicant brought proceedings against the State complaining of the actions (inaction) of the Federal Agency for Management of State Property in respect of his claims for unpaid wages and seeking to recover the said wages in the amount of 72.547 USD as well as legal expenses and non-pecuniary damage. On 5 May 2006 the Leninskiy District Court of Vladivostok declined jurisdiction in the case. This decision was upheld by the Primorye Regional Court on 28 June 2006.
18. Thereafter, the applicant brought the same claims before the Tverskoy District Court of Moscow. On 3 October 2006 the District Court declined jurisdiction in favour of a justice of peace. This decision was upheld by the Moscow City Court on 27 February 2007. It appears that the applicant did not bring his claims to any other court.
B. Criminal proceedings against the applicant
19. On 25 November 2002 the authorities initiated criminal proceedings in respect of the applicant in connection with his claims in the South African court.
20. On 17 March 2003 the applicant was charged with fraudulent acquirement of title to the property of the Russian Federation and other related crimes. On the same day his case was sent for preliminary investigation to the military prosecutor’s office of the Pacific Fleet, and the applicant was ordered not to leave town.
21. On 26 August 2003 the preliminary investigation was stayed pending the applicant’s convalescence. On 5 December 2003 the investigation was resumed.
22. Between 16 January 2004 and 17 June 2005 the applicant and his legal counsel studied the case file.
23. On 20 June 2005 the case was submitted for trial by the Leninskiy District Court of Vladivostok (“the District Court”) and was assigned to judge I.
24. On 6 July 2005 the applicant requested that the preparatory hearing be postponed due to his counsel’s illness.
25. On 17 November 2005 the District Court refused to examine the case and ordered the prosecution to redraft the bill of indictment tainted with a number of defects. The case was returned to the court on 29 November 2005.
26. On 12 January 2006 the hearing did not take place as the judge was involved in different proceedings.
27. The hearing of 13 January 2006 also did not take place due to the applicant’s illness. The proceedings were stayed pending his convalescence.
28. On 6 July 2006 the proceedings resumed, but the hearing did not take place as the applicant’s counsel did not appear.
29. On 12 July 2006 the applicant was granted leave to study the new bill of indictment until 21 July 2006.
30. On 24 July 2006 the court granted the applicant’s request to send the case back to the prosecutor for re-drafting of the bill of indictment. The case was returned to the court on 18 August 2006 and was assigned to judge P.
31. The hearings scheduled for September and October 2006 did not take place due to the applicant’s illness.
32. In November 2006 the court began hearing the case on the merits. The court adjourned the proceedings in November 2006, January and June 2007, each time for a week, due to the applicant’s or his counsel’s illness.
33. On 25 June 2007 the court adjourned the proceedings for ten days as the judge was away on a study trip.
34. The hearings of 24 December 2007 and 25 January 2008 did not take place following the applicant’s and his counsel’s failure to appear.
35. By judgment of 11 March 2008 the applicant was convicted of fraudulent acquirement of title to property by way of obtaining of the court award of allegedly unpaid wages, and received a suspended sentence of five years’ imprisonment.
36. On 2 June 2009 the applicant died.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
A. Code of Civil Procedure of the RSFSR of 1964 in force until 1 February 2003
37. Article 437 provided that the procedure for enforcement of foreign judgments was determined by the relevant international treaties. It further stated that a judgment of a foreign court could be submitted for enforcement within three years after its adoption.
B. Code of Civil Procedure of Russia in force as of 1 February 2003
38. Article 409 provides that judgments of foreign courts concerning civil matters are recognized and enforced in Russia pursuant to a pertinent international treaty. It further stipulates that such judgments can be submitted for enforcement within three years after their adoption.
39. Article 410 provides that a request for enforcement of a foreign judgment should be filed with a regional court or other court of equal standing at the place of the debtor’s residence or location.
40. Article 411 sets out the rules of procedure applying to the requests for enforcement of foreign judgments.
C. Decision of the Supreme Court of Russia of 7 June 2002 № 5-Г02-64
41. The court ruled that lack of a pertinent international treaty cannot be cited as grounds for refusal of a request for enforcement of a foreign judgment. It further stated that such a request can be granted in the event that the courts of the relevant foreign State recognize the judgments of the Russian courts on the basis of reciprocity. It ordered that the lower court verify whether such reciprocity existed in the case at hand and inquire into the existence of other international treaties concerning the two relevant States that might concern co-operation in the legal and judicial domain.
D. Convention on Legal Assistance in Civil, Family and Criminal Cases of the Commonwealth of Independent States of 1993
42. The Convention requires that that all members of the Commonwealth of Independent States, including Russia, Ukraine and Belarus grant the citizens of the other member States the national legal regime in all legal matters. Section III determines the reciprocal order of recognition and enforcement of the decisions taken by legal bodies in civil, family and criminal cases.
THE LAW
I. LOCUS STANDI
43. The Court takes note of the applicant’s death and of the wish of Ms K., his widow, to pursue the proceedings he initiated.
44. The Court reiterates that where an applicant dies during the examination of a case his or her heirs may in principle pursue the application on his or her behalf (see Ječius v. Lithuania, no. 34578/97, § 41, ECHR 2000-IX). Furthermore, in some cases concerning non-enforcement of court judgments and length of proceedings, the Court recognised the right of the relatives of the deceased applicant to pursue the application (see Shiryayeva v. Russia, no. 21417/04, §§ 8-9, 13 July 2006 concerning the non-enforcement; Horváthová v. Slovakia, no. 74456/01, § 26, 17 May 2005, in the context of the length of proceedings).
45. The Court notes that the rights at stake in the present case are very similar to those at the heart of the cases referred to above. Nothing suggests that the rights the applicant sought to protect through the Convention mechanism were eminently personal and non-transferable (see Malhous v. the Czech Republic [GC], no. 33071/96, § 1, 12 July 2001). The Government did not contend that Ms Koroleva had no standing to pursue the case. Therefore, the Court considers that the applicant’s widow has a legitimate interest in pursuing the application.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 AND ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 OF THE CONVENTION ON ACCOUNT OF NON-ENFORCEMENT
46. The applicant complained that the Russian authorities’ failure to fully pay him the award made by the judgment of 12 September 2002 violated the rights guaranteed to him by Article 6 § 1 and Article 1 of Protocol No. 1 of the Convention. The relevant provisions read as follows:
“In the determination of his civil rights and obligations ... everyone is entitled to a fair ... hearing ... by [a] ... tribunal ...”
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
Admissibility
47. The Government firstly submitted that the judgment of 12 September 2002 of the High Court of South Africa was not enforceable in Russia due to the lack of a pertinent agreement between Russia and South Africa. They further argued that in any event the applicant should have at least attempted to apply to a national court pursuant to Articles 410 and 411 of the Code of Civil Procedure, requesting enforcement of the judgment and, by failing to do so, he had not exhausted the available domestic remedies. They Government contended that the suggested remedy was effective and cited to this effect three decisions delivered by the Supreme Court of Russia, two of which upheld enforcement in Russia of the court judgments adopted previously in Ukraine and Belarus.
48. The applicant retorted that application to a national court with a request for enforcement of the judgment would have been ineffective in his case as there was no pertinent agreement between Russia and South Africa required by Article 409 of the Civil Code. He argued that for this reason the legal precedents cited by the Government were not applicable to his situation.
49. The Court is cognisant of the fact that according to its previous findings, a person who has obtained a judgment against the State may not be expected to bring separate enforcement proceedings due to the fact that the defendant State authority must be duly notified and is thus well placed to take all necessary initiatives to comply with it or to transmit it to another competent State authority responsible for compliance (see Akashev v. Russia, no. 30616/05, § 21, 12 June 2008). At the same time, the Court admitted in the past that a successful litigant may be required to undertake certain procedural steps in order to recover the judgment, provided that the required formalities do not gravely restrict or reduce his access to the enforcement proceedings (see Shvedov v. Russia, no. 69306/01, § 32, 20 October 2005).
50. Turning to the present situation, the Court observes that the link between a court of one State and the authorities of another State is not as immediate and evident as that between the judicial and enforcement authorities of the same State. It is clear that in the modern environment most States choose to install a special implementation procedure for the judgments adopted by other States, unless they have previously agreed to a different standard. Therefore the Court considers it reasonable to distinguish the applicant’s situation from the one where both adjudication of the dispute and implementation of the judgment occur in the same national legal system. It will now look at what remedies were available to the applicant.
51. The Court reiterates that the only remedies required by Article 35 of the Convention to be exhausted are those that relate to the breaches alleged and at the same time are available and sufficient. It is incumbent on the Government claiming non-exhaustion to satisfy the Court that the remedy was an effective one available in theory and in practice at the relevant time, which was capable of providing redress in respect of the applicant’s complaints and offered reasonable prospects of success. However, once this burden of proof has been satisfied it falls to the applicant to establish that the remedy advanced by the Government was in fact exhausted or was for some reason inadequate and ineffective in the particular circumstances of the case or that there existed special circumstances absolving him or her from the requirement (see Selmouni v. France [GC], no. 25803/94, §§ 75-76, ECHR 1999-V).
52. Following this approach, the Court recalls that indeed in arguing for the effectiveness of the suggested remedy, the Government drew on the precedents available in respect of the countries with which Russia does have an international treaty providing for mutual recognition and enforcement of each other’s judgments (see para. 41 above). It is satisfied that no such treaty exists between Russia and South Africa. At the same time, in view of the decision of the Supreme Court of Russia of 7 June 2002 cited above (paragraph 40), it is cognisant that the Russian legal system does not exclude enforcement of the judgments adopted by the courts of the State with which Russia has no pertinent agreement and authorizes the courts of general jurisdiction to consider other relevant factors when examining the case. Seeing that the cited decision was already in force at the time the applicant obtained a judgment of the South African court in his favour, the Court cannot accept the applicant’s argument that lack of a relevant agreement between two States automatically rendered the most obvious legal remedy in his case ineffective and his potential attempts to take advantage of it superfluous. It considers that, especially in view of the fact that the applicant had explored several other avenues of action to attain his goal, no objective circumstance existed that would have made it impossible for him to file a request with a national court for enforcement of the judgment.
53. Regard being had to the above, the Court concludes that the applicant had not exhausted the available domestic remedies. Therefore, this complaint should be rejected in accordance with Article 35 §§ 1 and 3 of the Convention.
III. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION ON ACCOUNT OF THE LENGTH OF CRIMINAL PROCEEDINGS
54. The applicant complained that the length of the criminal proceedings against him was incompatible with the “reasonable time” requirement as provided in Article 6 § 1 of the Convention. The relevant part of the invoked provision reads as follows:
“In the determination of ... any criminal charge against him, everyone is entitled to a ... hearing within a reasonable time by [a] ... tribunal ...”
A. Admissibility
55. The Court notes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
56. The Government submitted that the greater part of the length of the criminal proceedings had been attributable to the applicant. In particular, they refer to the lengthy time taken up by the applicant and his counsel to study his case file, as well as numerous incidents of his or his counsel’s illness and his requests for adjournment. They further argued that the case had been complex having concerned an accusation of fraud committed in a foreign State and involved multiple evidence in a foreign language. The case also required examination of approximately thirty-four volumes of documents, forty witnesses and three experts. Finally, they contended that the domestic court had not idled, scheduled regular hearings and swiftly examined all procedural matters.
57. The applicant disputed the number of examined witnesses and documents and blamed the prosecution for having added up to the volume of the case.
58. The Court observes that the criminal proceedings against the applicant commenced on 25 November 2002 and ended on 11 March 2008. Accordingly, it took the domestic authorities approximately five years and four months to examine the case at one level of jurisdiction.
59. The Court reiterates that the reasonableness of the length of proceedings must be assessed in the light of the circumstances of the case and with reference to the following criteria: the complexity of the case, the applicant’s conduct and the conduct of the competent authorities (see, among many other authorities, Pélissier and Sassi v. France [GC], no. 25444/94, § 67, ECHR 1999-II).
60. The Court accepts that the applicant’s criminal case bore a certain degree of complexity having concerned an allegation of fraud committed in a foreign State and involved a significant amount of evidence in a foreign language. However, it cannot accept that the complexity of the case, taken on its own, was such as to justify the overall length of the proceedings (see, among others, Antonov v. Russia (dec.), no. 38020/03, 3 November 2005).
61. As regards the applicant’s conduct, the Court takes cognisance of the Government’s submission that a large gap in the proceedings occurred when the applicant took time to study the case file and that numerous adjournments happened due to the applicant’s illness. The Court accepts that the applicant cannot be blamed for taking advantage of the procedural rights available to him and is satisfied that an illness constitutes an objective factor responsible for the delay. At the same time it is of the opinion that the State cannot bear the responsibility for this either.
62. Insofar as the behaviour of the authorities is concerned, the Court observes that the remittal of the case to the prosecution for correction of defects on two occasions led to a delay of approximately six weeks. The adjournment of two hearings due to the judge’s unavailability also did not hold back the proceedings significantly. The Court notes that the authorities demonstrated sufficient diligence in handling the applicant’s case. The hearings were scheduled regularly, and the adjournments were short.
63. Having regard to the relative complexity of the case, significant delays attributable to the applicant and the authorities’ expeditious treatment of the case, the Court is satisfied that the “reasonable time” requirement was not breached in the present case.
64. There has, accordingly, been no violation of Article 6 § 1 on this account.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the complaint concerning the length of the proceedings admissible and the remainder of the application inadmissible;
2. Holds that there has been no violation of Article 6 § 1 of the Convention.
Done in English, and notified in writing on 21 October 2010, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
André Wampach Christos Rozakis
Deputy Registrar President


TESTO TRADOTTO

Conclusione Nessuna Violazione dell’ Art. 6-1; il resto inammissibile
PRIMA SEZIONE
CAUSA PETR KOROLEV C. RUSSIA
(Richiesta n. 38112/04)
SENTENZA
STRASBOURG
21 ottobre 2010
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Petr Korolev c. Russia,
La Corte europea di Diritti umani (Prima la Sezione), riunendosi che come una Camera, composta da:
Christos Rozakis, Presidente, Nina Vajić, Anatoly Kovler, Elisabeth Steiner, Khanlar Hajiyev, Dean Spielmann, Sverre Erik Jebens, giudici,
e da André Wampach, Cancelliere Aggiunto di Sezione,
Avendo deliberato in privato il 30 settembre 2010,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 38112/04) contro la Federazione russa depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino russo, il Sig. P. V. K. (“il richiedente”), il 10 settembre 2004.
2. Il richiedente fu rappresentato dalla Sig.ra Y. G., un avvocato che pratica a Vladivostok. Il Governo russo (“il Governo”) fu rappresentato dalla Sig.ra V. Milinchuk, precedente Rappresentante della Federazione russa alla Corte europea dei Diritti umani.
3. Il 24 gennaio 2008 la Corte dichiarò la richiesta parzialmente inammissibile e decise di comunicare al Governo le azioni di reclamo a riguardo della lunghezza dei procedimenti penali contro il richiedente e la non-esecuzione di una sentenza estera a suo favore.
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
4. Il richiedente nacque nel 1951 e visse in Vladivostok.
A. La controversia sul lavoro
5. Il 17 luglio 1995 l'ufficiale in comando di un'unità militare nominò il richiedente come vice capitano della petroliera media (MT) Argun. Il 25 luglio 1995 il comando del servizio della flotta ausiliare della Flotta Pacifica russa spedì il richiedente in una missione commerciale a Singapore. Il 1 settembre 1995 il comandante dell'unità militare lo nominò come capitano della MT Argun. Il richiedente rimase in questo posizione sino al 10 aprile 1999.
6. Fra il28 aprile 1994 e il 5 aprile 1996 la petroliera fu affittata dal Comitato Statale per la Gestione della Proprietà della Federazione russa (“il Comitato della Proprietà Statale”) ad una società privata Inakva Co. L'accordo di contratto d'affitto prevedeva che la petroliera sarebbe stata fornita di personale tramite il servizio di flotta ausiliare della Flotta Pacifica che pagò anche i salari del personale nella valuta nazionale russa. Inakva Co era obbligata a coprire la parte dei salari del personale che erano stati pagati in valuta estera e le spese di manutenzione della petroliera.
7. Il 5 aprile 1996 il Comitato della Proprietà Statale firmò un nuovo accordo di contratto d'affitto con una società americano la National Pacific Limited .
8. In una data non specificata il richiedente ed il suo equipaggio introdussero procedimenti presso l’Alta Corte del Sudafrica per i salari non retribuiti guadagnati da loro nel 1995, 1996 e 1999.
9. Il 25 maggio 1999 la petroliera fu fermata a Città del Capo , Sudafrica , essendo pendente l’aggiudicazione della controversia.
10. Con una sentenza del 25 novembre 1999 (del 13 agosto 1999 secondo i documenti presentati dal Governo), l’Alta Corte del Sudafrica dichiarò la Federazione russa come proprietaria legale del vascello.
11. Il 12 marzo 2001 il Ministero della Proprietà Statale della Federazione russa, il successore del Comitato della Proprietà Statale firmò un nuovo accordo di contratto d'affitto con una società privata Oil Compact che era obbligata prendere tutte le possibili misure per far togliere il fermo sulla petroliera.
12. Con sentenza definitiva del 12 settembre 2002 l’Alta Corte assegnò 79,750.79 dollari degli Stati Uniti al richiedente contro il vascello MT Argun ed un interesse all'anno al tasso del 15.5% su quell'importo. Alla MT Argun fu ordinato di pagare gli oneri del richiedente e le spese di viaggio. Si decise anche che il vascello sarebbe stato venduto in una vendita all'asta per coprire le assegnazioni fatte dalla corte.
13. Il 16 maggio 2003 la Corte d'appello Suprema del Sudafrica ascoltò i ricorso delle parti e sostenne la sentenza del 12 settembre 2002.
14. 21 novembre 2003 il Ministero di Proprietà Statale e Ministero di Difesa firmò un accordo con un rappresentante privato OAO Sovfrakht che chiede liberazione di MT Argun da arresto ed il suo trasferimento alla Flotta Militare russa. Nello stesso giorno OAO Sovfrakht firmò un accordo con una terza parte Avangard-2 Shipping Società S.A. che vinse la vendita all'asta e comprò il vaso.
15. 16 gennaio 2004 il MT Argun fu dato su al russo Flotta Pacifica e Militare.
16. Lui ricevette parte dell'assegnazione giudiziale nell'importo di 7,156 USD in riguardo dei salarii e 4,752 USD in riguardo dell'interesse maturato in giugno e luglio 2006 secondo il richiedente.
17. In 4 maggio 2006 il richiedente portò procedimenti contro il lamentarsi Statale delle azioni (l'inazione) dell'AGENZIA Federale per Gestione di Proprietà Statale in riguardo delle sue rivendicazioni per salarii non retribuiti e cercando di recuperare i salarii detti nell'importo di 72.547 USD così come spese legali e danno non-patrimoniale. In 5 maggio 2006 la Corte distrettuale di Leninskiy di Vladivostok declinò giurisdizione nella causa. Questa decisione fu sostenuta col Primorye Corte Regionale 28 giugno 2006.
18. Da allora in poi, il richiedente portò le stesse rivendicazioni di fronte alla Corte distrettuale di Tverskoy di Mosca. 3 ottobre 2006 la Corte distrettuale declinò giurisdizione in favore di una giustizia della pace. Questa decisione fu sostenuta con la Mosca Città Corte 27 febbraio 2007. Sembra che il richiedente non portò le sue rivendicazioni a qualsiasi l'altra corte.
B. Procedimenti penali contro il richiedente
19. Il 25 novembre 2002 le autorità iniziarono procedimenti penali a riguardo del richiedente in collegamento con le sue rivendicazioni presso la corte sudafricana.
20. Il 17 marzo 2003 il richiedente fu accusato di acquisizione fraudolenta del titolo di proprietà della Federazione russa e di altri crimini ivi relativi. Lo stesso giorno la sua causa fu spedita per un’indagine preliminare all'ufficio dell'accusatore militare della Flotta Pacifica, ed al richiedente fu ordinato di non lasciare la città.
21. Il 26 agosto 2003 l'indagine preliminare fu sospesa durante la convalescenza del richiedente. Il 5 dicembre 2003 l'indagine fu ripresa.
22. Fra il16 gennaio 2004 e il 17 giugno 2005 il richiedente ed il suo consigliere legale studiarono l'archivio della causa.
23. Il 20 giugno 2005 la causa fu presentata per il processo presso la Corte distrettuale di Leninskiy di Vladivostok (“la Corte distrettuale”) e fu assegnata al giudice I.
24. Il 6 luglio 2005 il richiedente richiese che l'udienza preparatoria venisse posticipata a causa della malattia del suo consigliere.
25. Il 17 novembre 2005 la Corte distrettuale rifiutò di esaminare la causa ed ordinò all'accusa di redigere di nuovo l’imputazione di accusa contaminata da un certo numero di difetti. La causa fu ritornata alla corte il 29 novembre 2005.
26. Il 12 gennaio 2006 l'udienza non ebbe luogo siccome il giudice era impegnato con altri procedimenti.
27. Neanche l’udienza del 13 gennaio 2006 ebbe luogo a causa della malattia del richiedente. I procedimenti furono sospesi durante la sua convalescenza.
28. Il 6 luglio 2006 i procedimenti furono ripresi , ma l'udienza non ebbe luogo siccome il consigliere del richiedente non si presentò.
29. Il 12 luglio 2006 al richiedente fu accordato il permesso di studiare il nuovo l’imputazione dell’ accusa sino al 21 luglio 2006.
30. Il 24 luglio 2006 la corte accordò la richiesta del richiedente di spedire di nuovo la causa all'accusatore per redigere nuovamente l’imputazione di accusa. La causa fu ritornata alla corte il 18 agosto 2006 e fu assegnata al giudice P.
31. Le udienze programmate per il settembre e l’ ottobre 2006 non ebbero luogo a causa della malattia del richiedente.
32. Nel novembre 2006 la corte cominciò le udienze sui meriti della causa. La corte posticipò i procedimenti nel novembre 2006, gennaio e giugno 2007, ogni volta per una settimana, a causa della malattia del richiedente o del suo consigliere.
33. Il 25 giugno 2007 la corte posticipò i procedimenti di dieci giorni siccome il giudice andava via per un viaggio di studio.
34. Le udienze del 24 dicembre 2007 e del 25 gennaio 2008 non ebbero luogo in seguito alla contumacia del richiedente ed il suo consigliere.
35. Con una sentenza dell’ 11 marzo 2008 il richiedente fu dichiarato colpevole di acquisizione fraudolenta di titolo di proprietà in modo da ottenere dalla corte l'assegnazione dei salari presumibilmente non retribuiti, e ricevette una sentenza sospesa di cinque anni di reclusione.
36. Il 2 giugno 2009 il richiedente morì.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
A. Codice di Procedura Civile della RSFSR del 1964 in vigore sino al 1 febbraio 2003
37. L’Articolo 437 prevedeva che la procedura per l’ esecuzione delle sentenze estere fosse determinata dai trattati internazionali attinenti. Affermava inoltre che una sentenza di un giudice straniero avrebbe potuto essere presentata per l’esecuzione entro tre anni dopo la sua adozione.
B. Code di Procedura Civile della Russia in vigore come al 1 febbraio 2003
38. L’Articolo 409 prevede che le sentenze dei giudici stranieri concernenti le questioni civili sono riconosciute ed eseguite in Russia facendo seguito ad un trattato internazionale pertinente. Conviene inoltre che simili sentenze possono essere presentate per l’ esecuzione entro tre anni dopo la loro adozione.
39. L’Articolo 410 prevede che una richiesta per esecuzione di una sentenza estera dovrebbe essere registrata da una corte regionale o da altra corte con qualità uguale nel luogo di residenza o di alloggio del debitore.
40. L’Articolo 411 stabilisce le norme di procedura da applicare alle richieste per l’esecuzione di sentenze estere.
C. Decisione della Corte Suprema della Russia del7 giugno 2002 № 5-Ã02-64
41. La corte decise che la mancanza di un trattato internazionale pertinente non può essere citata come motivo per il rifiuto di una richiesta di esecuzione di una sentenza estera. Affermò inoltre che tale richiesta può essere accordata nel caso in cui le corti dello Stato estero attinente riconoscano le sentenze delle corti russe sulla base della reciprocità. Ordinò che la corte inferiore verificasse se simile reciprocità esisteva nella causa in oggetto e chiese circa l’esistenza di altri trattati internazionali riguardo agli attinenti due Stati che potrebbero riguardare la co-operazione nell’ambito legale e giudiziale.
D. Convenzione sull’ Assistenza Legale in Cause Civili, Famigliari e Penali della Repubblica degli Stati Indipendenti del 1993
42. La Convenzione richiede che tutti i membri della Repubblica degli Stati Indipendenti, incluso la Russia Ucraina e la Bielorussia garantiscano ai cittadini degli altri Stati membri il regime legale e nazionale in tutte le questioni legali. La Sezione III determina l'ordine reciproco di riconoscimento e di esecuzione delle decisioni prese dagli enti legali in cause civili, famigliari e penali.
LA LEGGE
I. LOCUS STANDI
43. La Corte prende nota della morte del richiedente e del desiderio della Sig.ra K., sua vedova, di proseguire i procedimenti da lui iniziati.
44. La Corte reitera che dove un richiedente muore durante l'esame di una causa il suo o i suoi eredi possono in principio proseguire la richiesta sul suo conto (vedere Ječius c. Lituania, n. 34578/97, § 41 ECHR 2000-IX). In cause riguardanti la non-esecuzione di sentenze di corte e la lunghezza dei procedimenti, la Corte riconobbe inoltre, il diritto dei parenti del richiedente deceduto ad perseguire la richiesta (vedere Shiryayeva c. Russia, n. 21417/04, §§ 8-9 del 13 luglio 2006 riguardo alla non-esecuzione; Horváthová c. Slovacchia, n. 74456/01, § 26, 17 maggio 2005 nel contesto della lunghezza dei procedimenti).
45. La Corte nota che i diritti in gioco nella presente causa sono molto simili a quelli al cuore delle cause a cui si è fatto riferimento sopra. Nulla suggerisce che i diritti che il richiedente cercava di proteggere tramite il meccanismo della Convenzione erano strettamente personali e non trasferibili (vedere Malhous c. Repubblica ceca [GC], n. 33071/96, § 1 12 luglio 2001). Il Governo non ha rimesso in causa che la Sig.ra K. non aveva qualità di proseguire la causa. Perciò, la Corte considera che la vedova del richiedente ha un interesse legittimo nel proseguire la richiesta.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 § 1 E DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 DELLA CONVENZIONE A CAUSA DELLA NON-ESECUZIONE
46. Il richiedente si lamentò che l'insuccesso delle autorità russe nel pagargli pienamente l'assegnazione fatta con la sentenza del 12 settembre 2002 ha violato i diritti garantitigli dall’ Articolo 6 § 1 e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 della Convenzione. Le disposizioni attinenti recitano come segue:
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale ...”
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
Ammissibilità
47. Il Governo presentò in primo luogo che la sentenza del 12 settembre 2002 dell’Alta Corte del Sudafrica non era esecutiva in Russia a causa della mancanza di un accordo pertinente fra Russia e Sud Africa. Dibatté inoltre che in qualsiasi caso il richiedente avrebbe dovuto tentare almeno di fare istanza presso una corte nazionale facendo seguito agli Articoli 410 e 411 del Codice di Procedura Civile, richiedendo esecuzione della sentenza e, riuscendo a fare così, lui non aveva esaurito le vie di ricorso nazionali disponibili. Il Governo contese che la via di ricorso suggerita era effettiva e citò a questo effetto tre decisioni consegnate dalla Corte Suprema della Russia due delle quali sostenevano l’esecuzione in Russia di sentenze di corte prima adottate in Ucraina ed in Bielorussia.
48. Il richiedente ribatté che la richiesta presso una corte nazionale con una richiesta per esecuzione della sentenza sarebbe stata inefficace nel suo caso siccome non vi era un accordo pertinente fra Russia e Sud Africa come richiesto dall’ Articolo 409 del Codice civile. Lui dibatté che per questa ragione i precedenti legali citati dal Governo non erano applicabili alla sua situazione.
49. La Corte è cosciente del fatto che secondo le sue precedenti sentenze, che non ci si possa aspettare che una persona che ha ottenuto una sentenza contro lo Stato introduca procedimenti di esecuzione separati a causa del fatto che l’ autorità statale convenuta deve essere debitamente avvisata e così deve essere ben collocata per prendere tutte le iniziative necessarie per attenersi a questo o trasmetterla ad un'altra autorità Statale competente responsabile per l’ottemperanza (vedere Akashev c. Russia, n. 30616/05, § 21 del 12 giugno 2008). Allo stesso tempo, la Corte ha ammesso nel passato che ad un contendente che ha avuto successo può venir richiesto di intraprendere certi passi procedurali per recuperare la sentenza, purché queste formalità richieste non restringano seriamente o riducano il suo accesso ai procedimenti di esecuzione (vedere Shvedov c. Russia, n. 69306/01, § 32 del 20 ottobre 2005).
50. Rivolgendosi alla presente situazione, la Corte osserva che il collegamento fra una corte di un Stato e le autorità di un altro Stato non è immediato ed evidente come quello fra le autorità giudiziali e di esecuzione dello stesso Stato. È chiaro che nell'ambiente moderno più Stati scelgono di installare una procedura di attuazione speciale per le sentenze adottate dagli altri Stati, a meno che loro prima non abbiano accettato un standard diverso. Perciò la Corte considera ragionevole distinguere la situazione del richiedente da quella in cui sia l'aggiudicazione della controversia che l’ attuazione della sentenza sono accadute nello stesso ordinamento giuridico nazionale. Ora controllerà quali vie di ricorso erano disponibili al richiedente.
51. La Corte reitera che le sole vie di ricorso che l’ Articolo 35 della Convenzione richiede di esaurire sono quelle che si riferiscono alle violazioni addotte ed allo stesso tempo sono disponibili e sufficienti. Spetta allo Stato che rivendica il non-esaurimento soddisfare la Corte che la via di ricorso era effettiva disponibile in teoria ed in pratica al tempo attinente e che era capace di offrire una compensazione a riguardo delle azioni di reclamo del richiedente e di offrire delle prospettive ragionevoli di successo. Comunque, una che volta questo onere della prova è stato soddisfatto, spetta al richiedente di stabilire che la via di ricorso avanzata dal Governo era stata difatti esaurita o era per qualche ragione inadeguata ed inefficace nelle particolari circostanze della causa o che esistevano delle circostanze speciali che lo assolvevano dal requisito (vedere Selmouni c. Francia [GC], n. 25803/94, §§ 75-76 il 1999-V di ECHR).
52. Seguendo questo approccio, la Corte richiama che davvero nel dibattere l'efficacia della via di ricorso suggerita, il Governo è ricorso a precedenti disponibili a riguardo dei paesi coi quale Russia ha un trattato internazionale che prevede riconoscimento reciproco e l’ esecuzione delle sentenze l’uno dell’altro (vedere paragrafo 41 sopra). È soddisfatta che nessun trattato simile esiste fra Russia e Sud Africa. Allo stesso tempo, nella prospettiva della decisione della Corte Suprema della Russia del 7 giugno 2002 citata sopra (paragrafo 40), è cosciente che l'ordinamento giuridico russo non esclude l’esecuzione delle sentenze adottate dalle corti dello Stato con cui la Russia non ha un accordo pertinente ed autorizza le corti della giurisdizione generale a considerare altri fattori attinenti esaminando la causa. Vedendo che la decisione citata era già in vigore al tempo in cui il richiedente ottenne una sentenza della corte sudafricana a suo favore, la Corte non può accettare l'argomento del richiedente per cui la mancanza di un accordo attinente fra i due Stati rese automaticamente la via di ricorso legale più ovvia nel suo caso inefficace e superflui i suoi tentativi potenziali di approfittare di questa. Considera che, specialmente nella prospettiva del fatto che il richiedente aveva tentato molte altre vie di azione per raggiungere la sua meta, nessuna circostanza obiettiva esisteva tale da rendergli impossibile introdurre una richiesta presso una corte nazionale per esecuzione della sentenza.
53. Avuto riguardo a quanto sopra, la Corte conclude che il richiedente non aveva esaurito le vie di ricorso nazionali disponibili. Perciò, questa azione di reclamo dovrebbe essere respinta in conformità con l’ Articolo 35 §§ 1 e 3 della Convenzione.
III. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE A CAUSA DELLA LUNGHEZZA DEI PROCEDIMENTI PENALI
54. Il richiedente si lamentò che la lunghezza dei procedimenti penali contro lui era incompatibile col il requisito del “termine ragionevole” come previsto nell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione. La parte attinente della disposizione invocata recita come segue:
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale...”
A. Ammissibilità
55. La Corte nota che questa azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
56. Il Governo presentò che la maggior parte della lunghezza dei procedimenti penali era attribuibile al richiedente. In particolare, fa riferimento al lungo tempo impiegato dal richiedente e dal suo consigliere per studiare il suo archivio di causa, così come a numerosi incidenti della sua malattia o del suo consigliere e alle sue richieste per aggiornamento. Dibatté inoltre che la causa era stata complessa avendo riguardato un'accusa di frode commessa in un Stato estero e coinvolgeva prove multiple in una lingua straniera. La causa richiese anche un esame di approssimativamente trenta-quattro volumi di documenti, quaranta testimoni e tre esperti. Infine, rivendicò che la corte nazionale non aveva oziato, aveva programmato udienze regolari ed esaminato rapidamente tutte le questioni procedurali.
57. Il richiedente contestò il numero di testimoni esaminati e dei documenti e biasimò l'accusa per essersi sommata al volume della causa.
58. La Corte osserva che i procedimenti penali contro il richiedente sono cominciati il 25 novembre 2002 e terminati l’ 11 marzo 2008. Di conseguenza, le autorità nazionali hanno impiegato approssimativamente cinque anni e quattro mesi per esaminare la causa ad un livello di giurisdizione.
59. La Corte reitera che la ragionevolezza della lunghezza dei procedimenti deve essere valutata alla luce delle circostanze della causa e con riferimento ai seguenti criteri: la complessità della causa, la condotta del richiedente e la condotta delle autorità competenti (vedere, fra molte altre autorità, Pélissier e Sassi c. Francia [GC], n. 25444/94, § 67 ECHR 1999-II).
60. La Corte accetta che la causa penale del richiedente presentava un certo grado di complessità che riguardava una dichiarazione di frode commessa in uno Stato estero e coinvolgeva una somma notevole di prove in una lingua straniera. Comunque, non può accettare che la complessità della causa, presa da sola fosse tale da giustificare la lunghezza complessiva dei procedimenti (vedere, fra altre, Antonov c. Russia (dec.), n. 38020/03, 3 novembre 2005).
61. Riguardo alla condotta del richiedente, la Corte prende giurisdizione dell'osservazione del Governo che si è verificato un grande gap nei procedimenti quando il richiedente prese del tempo per studiare l'archivio di causa e che numerosi aggiornamenti si succedettero a causa della malattia del richiedente. La Corte accetta che il richiedente non può essere biasimato per essersi avvantaggiato dei diritti procedurali disponibili a lui ed è soddisfatta che una malattia costituisce un fattore obiettivo responsabile per il ritardo. Allo stesso tempo è anche dell'opinione che lo Stato non può sopportare la responsabilità per questo.
62. Pertanto nella misura in cui è coinvolto il comportamento delle autorità, la Corte osserva che il rinvio della causa all'accusa per la correzione di difetti in due occasioni ha condotto ad un ritardo di approssimativamente sei settimane. Neanche l'aggiornamento di due udienze a causa all'indisponibilità del giudice ha rallentato significativamente i procedimenti. La Corte nota che le autorità dimostrarono diligenza sufficiente nell'occuparsi della causa del richiedente. Le udienze furono fissate regolarmente, e gli aggiornamenti erano brevi.
63. Avendo riguardo alla relativa complessità della causa, ai ritardi significativi attribuibili al richiedente e al trattamento veloce della causa da parte delle autorità, la Corte è soddisfatta che il requisito “del termine ragionevole” non fu violato nella presente causa.
64. Non c’è stata , di conseguenza, nessuna violazione dell’ Articolo 6 § 1 su questo conto.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara l'azione di reclamo riguardo alla lunghezza dei procedimenti ammissibile ed il resto della richiesta inammissibile;
2. Sostiene che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 21 ottobre 2010, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
André Wampach Christos Rozakis
Cancelliere Aggiunto Presidente


DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 01/07/2020.