Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF SHCHOKIN v. UKRAINE

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, P1-1

NUMERO: 23759/03/2010
STATO:
DATA: 14/10/2010
ORGANO: Sezione Quinta


TESTO ORIGINALE

Conclusion Violation of P1-1 ; Remainder inadmissible ; Non-pecuniary damage - award
FIFTH SECTION
CASE OF SHCHOKIN v. UKRAINE
(Applications nos. 23759/03 and 37943/06)
JUDGMENT
STRASBOURG
14 October 2010
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Shchokin v. Ukraine,
The European Court of Human Rights (Fifth Section), sitting as a Chamber composed of:
Peer Lorenzen, President,
Karel Jungwiert,
Rait Maruste,
Mark Villiger,
Isabelle Berro-Lefèvre,
Mirjana Lazarova Trajkovska,
Ganna Yudkivska, judges,
and Claudia Westerdiek, Section Registrar,
Having deliberated in private on 21 September 2010,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in two applications (nos. 23759/03 and 37943/06) against Ukraine lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Ukrainian national, Mr Y. S. (“the applicant”), on 17 June 2003 and 6 September 2006 respectively.
2. The applicant was represented by Mr A. S., a lawyer practising in Kyiv. The Ukrainian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr Y. Zaytsev.
3. The applicant alleged, in particular, that his property rights had been violated by unlawful increases in his income tax liability by the authorities.
4. On 15 January 2009 the President of the Fifth Section decided to give notice of the applications to the Government. It was also decided to examine the merits of the applications at the same time as their admissibility (Article 29 § 1).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. The applicant was born in 1971 and lives in Kharkiv.
A. Taxation of the applicant’s income earned in 2001
6. In March 2002 the applicant submitted to the Oktyabrskyy District Tax Inspectorate of Kharkiv (the “Tax Inspectorate”) his 2001 income tax declaration. The declaration specified the amount of income tax paid by the applicant in 2001 and distinguished, in particular, two types of income: (a) income earned at the applicant’s principal place of business and (b) income earned outside his principal place of business.
7. In respect of the first type of income, the tax had been calculated under the progressive tax-rate rule, as required by Article 7 § 1 of Cabinet of Ministers Decree no. 13-92 “On citizens’ income tax” of 26 December 1992 (the “Income Tax Decree”).
8. In respect of the second type of income, the tax had been calculated at the fixed 20% rate, as required by Article 7 § 3 of the Income Tax Decree.
9. On 9 April 2002, on the basis of the applicant’s declaration, the Tax Inspectorate reassessed the amount of income tax due from the applicant and requested him to pay the outstanding balance in the amount of 1,774.61 Ukrainian hryvnias (UAH). The amount payable had been increased as a result of applying the progressive tax rate in respect of the income earned by the applicant outside his principal place of business. The recalculation had been effected in accordance with Instruction no. 12 “On citizens’ income tax” issued by the Principal Tax Inspectorate on 21 April 1993 (“the Instruction”).
10. On 27 May 2002 the applicant instituted proceedings in the Oktyabrskyy District Court of Kharkiv (the “District Court”) against the Tax Inspectorate, seeking to have the decision of 9 April 2002 invalidated. He claimed, in particular, that the amount of tax payable in respect of his income earned outside his principal place of business should have been determined by reference to the special tax rate laid down in Article 7 § 3 of the Income Tax Decree (having legal force as the law of Parliament) whereas the Tax Inspectorate had recalculated and increased that amount relying on the Instruction. However, the Instruction was a by-law which, according to Article 67 of the Constitution, could not change the applicable tax rates.
11. On 4 July 2002 the District Court considered the applicant’s claim. It found that the Income Tax Decree envisaged a special tax rate for income earned outside the principal place of business. Despite the Instruction, the Income Tax Decree did not provide for any recalculation of that type of income on the basis of the progressive tax rate. It noted that according to Article 67 of the Constitution the citizens were obliged to pay taxes only in accordance with the procedure established by the laws and not by the by-laws. In conclusion the District Court allowed the applicant’s claim and quashed the decision of 9 April 2002. The Tax Inspectorate appealed.
12. On 18 December 2002 the Kharkiv Regional Court of Appeal (the “Court of Appeal”) quashed the judgment of 4 July 2002, stating that the Instruction had been validly issued and purported to expand on the relevant provisions of the Income Tax Decree. Accordingly, the Tax Inspectorate had acted lawfully when applying the Instruction.
13. On 16 April 2003 the Supreme Court upheld the Court of Appeal’s judgment, stating that there had been no irregularities in the application of the law in the case.
B. Taxation of the applicant’s income earned in 2002
14. In March 2003 the applicant submitted his 2002 income tax declaration to the Tax Inspectorate. The amount of tax regarding the income the applicant earned outside his principal place of business was calculated on the basis of the fixed tax rate laid down in Article 7 § 3 of the Income Tax Decree.
15. On 22 April 2003, on the basis of the applicant’s declaration, the Tax Inspectorate reassessed the amount of income tax due from the applicant and requested him to pay the outstanding balance in the amount of UAH 3,378.05. The amount payable had been increased as a result of the application of the progressive tax rate in respect of the income earned by the applicant outside his principal place of business. The recalculation had been effected in accordance with the Instruction.
16. On 23 July 2003 the applicant instituted proceedings in the District Court against the Tax Inspectorate, seeking to have the decision of 22 April 2003 invalidated. He claimed in particular that the increase in his income tax liability had not been lawful because the Income Tax Decree (having legal force as the law of Parliament) did not envisage the progressive tax rate for the income earned by the applicant outside his principal place of business. In addition, the Instruction, referred to by the tax authorities, was a by-law which, according to Article 67 of the Constitution, could not change the applicable tax rates.
17. On 20 April 2005 the District Court rejected the applicant’s claim, stating that the amount of tax determined by the Tax Inspectorate had been based on the Instruction and also on Presidential Decree no. 519/94 of 13 September 1994 “On increasing the amount of tax-free monthly income and rates of progressive taxation of citizens’ income” (“the Presidential Decree”).
18. On 18 May 2005 the applicant appealed against that judgment to the Court of Appeal, alleging that Article 7.3 of the Income Tax Decree should have been applied to the income earned outside the principal place of business.
19. On 30 June 2005 the Court of Appeal upheld the judgment of 20 April 2005 after finding that the recalculation of the applicant’s income tax had been based specifically on the Presidential Decree.
20. On 25 July 2005 the applicant appealed in cassation, repeating the arguments he had advanced before the Court of Appeal.
21. On 19 April 2006, following the applicant’s appeal in cassation, the Higher Administrative Court upheld the judgment of 20 April 2005, noting in particular that the Income Tax Decree provided only one scale of progressive taxation, which therefore had to be applied to all the income of the applicant, and concluded that the recalculation of the tax had been carried out in accordance with the law. The special tax rate provided in Article 7 § 3 of the Income Tax Decree was not mentioned.
C. Taxation of the applicant’s income earned in 2003
22. In March 2004 the applicant submitted his 2003 income tax declaration to the Tax Inspectorate. The amount of tax regarding the income of the applicant earned outside his principal place of business was calculated on the basis of the fixed tax rate laid down in Article 7 § 3 of the Income Tax Decree.
23. On 26 April 2004, on the basis of the applicant’s declaration, the Tax Inspectorate reassessed the amount of income tax due from the applicant and requested him to pay the outstanding balance in the amount of UAH 642.20. The amount payable had been increased as a result of the application of the progressive tax rate in respect of the income earned by the applicant outside his principal place of business. The recalculation had been effected in accordance with the Instruction.
24. On 10 August 2004 the applicant instituted proceedings in the District Court against the Tax Inspectorate, seeking to have the decision of 22 April 2003 invalidated. He claimed, in particular, that the increase in his income tax liability had not been lawful, because the Income Tax Decree (having legal force as the law of Parliament) did not envisage the progressive tax rate for the income earned by the applicant outside his principal place of business. At the same time the Instruction, referred to by the tax authorities, was a by-law which, according to Article 67 of the Constitution, could not change the applicable tax rates.
25. On 21 July 2005 the District Court rejected the applicant’s claim, stating that the amount of tax determined by the Tax Inspectorate had been based on the Instruction and also on the Presidential Decree.
26. On 17 August 2005 the applicant appealed against that judgment to the Court of Appeal, alleging that Article 7.3 of the Income Tax Decree should have been applied to the income earned outside the principal place of business.
27. On 25 October 2005 the Court of Appeal upheld the judgment of 21 July 2005 after finding that the recalculation of the applicant’s income tax had been based, in particular, on the Presidential Decree and the Income Tax Decree. No reasons were offered for the disregard of the special tax rate fixed in Article 7 § 3 of the Income Tax Decree.
28. On 9 March 2006, following an appeal in cassation by the applicant, the Higher Administrative Court upheld the judgment of 21 July 2005, noting that the recalculation of the tax had been carried out in accordance with the law.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
A. Constitution of 20 April 1978 (in force until 28 June 1996)
29. According to Article 114-5 of the Constitution the President of Ukraine was empowered to issue decrees in the field of economic reforms if the relevant matters were not covered by the laws of Parliament.
B. Constitution of 28 June 1996
30. Article 67 of the Constitution provides that everyone is obliged to pay taxes and duties in accordance with the procedure and at the rates established by the laws of Parliament.
C. The Laws nos. 2796-XII and 2813-XII of 18 and 21 November 1992 empowering of the Cabinet of Ministers to issue Decrees
31. According to these Laws, during the period between 24 November 1992 and 21 May 1993, the Cabinet of Ministers had legislative powers in certain fields, including the field of taxation. For this purpose, the Cabinet of Ministers was empowered to issue Decrees which had the legal force as the law of Parliament.
D. The Law “On the procedure for payment of taxpayers’ liabilities to budgets and state funds” of 21 December 2000
32. Section 4.4.1 of the Law provides that if the norm of the law or another normative legal act issued on the basis of the law, or if the norms of different laws or normative legal acts offer ambiguous or multiple interpretations of the rights and obligations of taxpayers and supervising authorities, the decision taken shall be in favour of the taxpayer.
E. Cabinet of Ministers Decree no. 13-92 “On citizens’ income tax” of 26 December 1992 (as worded at the material time)
33. Article 7 § 1 of the Decree laid down a table of progressive taxation rates in respect of income earned at the taxpayer’s principal place of business. The table referred to the concept of an official minimum salary as a basis for the determination of the progressive tax rate applicable in the individual case.
34. Article 7 § 2 of the Decree provided that the copyright awards, repeatedly paid to the successors, were taxed at the double rates fixed in Article 7 § 1 of the Decree which, however, could not exceed 70 percents.
35. Article 7 § 3 of the Decree established a fixed 20% tax rate in respect of income earned by the taxpayer outside his or her principal place of business.
36. Article 23 of the Decree provided that the Principal Tax Inspectorate would issue an instruction on the application of the Decree.
F. Presidential Decree no. 519/94 “On increasing the amount of tax-free monthly income and rates of progressive taxation of citizens’ income” of 13 September 1994 (in force at the material time)
37. The Decree introduced a new table of progressive taxation rates in respect of taxpayers’ income. The table referred to the concept of tax-free monthly income as a basis for the determination of the progressive tax rate applicable in the individual case. The Decree specified that the rates of progressive taxation, established in it, had to be applied as of 1 October 1994 in respect of the salaries and the other income of the citizens.
G. Principal Tax Inspectorate Instruction No. 12 “On citizens’ income tax” of 21 April 1993 (as worded at the material time)
38. Paragraph 7.1 of the Instruction laid down a table of progressive taxation rates in respect of income earned by a taxpayer at his or her principal place of business.
39. Paragraph 7.3 provided that the local tax inspectorates were to recalculate income earned outside the principal place of business, according to the table of progressive taxation rates set out in paragraph 7.1 of the Instruction.
H. Information letter of the State Tax Administration of 20 November 2002
40. By this letter the State Tax Administration provided official interpretation of certain issues concerning tax legislation. It specified, among other things, that the copyright awards repeatedly paid to the successors were to be taxed in accordance with Article 7 § 2 of the Income Tax Decree.
THE LAW
I. JOINDER OF THE APPLICATIONS
41. Pursuant to Rule 42 § 1 of the Rules of Court, the Court decides to join the applications, given their common factual and legal background.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1
42. The applicant complained of a violation of his property rights, alleging that when the tax authorities recalculated and increased the amount of his income tax, they had not acted in accordance with the law. He relied on Article 1 of Protocol No. 1, which reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
43. The Government did not submit any comments as to the admissibility of the complaint.
44. The Court notes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. The parties’ submissions
45. The applicant insisted that the tax authorities had unlawfully increased his income tax liability. He argued that the authorities had disregarded Article 7 § 3 of the Income Tax Decree establishing a special 20% tax rate in respect of the income earned outside the principal place of business. Moreover, when so doing, the authorities relied on the Instruction which, by virtue of Article 67 of the Constitution of 28 June 1996, could not change the applicable rates of tax and the procedures for their payment.
46. The applicant further contended that the increased tax liability imposed an excessive financial burden on him and could not be considered proportionate for the purposes of Article 1 of Protocol No. 1.
47. The Government admitted that those measures constituted an interference with the applicant’s property rights. They maintained however that the interference was lawful. In particular, the Instruction had been validly adopted and was foreseeable in its application. In their opinion the Instruction could be viewed as “law” for the purpose of the Convention. Moreover, the application of progressive taxation to all types of the applicant’s income was supported by the Presidential Decree and the Income Tax Decree.
48. The Government further submitted that those measures were compatible with the proportionality requirement provided by Article 1 of Protocol No. 1 and did not impose an excessive burden on the applicant.
2. The Court’s assessment
49. It is not in dispute between the parties that the increase of the applicant’s tax liability by the authorities constituted an interference with his property rights within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1. The Court is accordingly called upon to determine whether this interference was justified in accordance with the requirements of that provision.
50. The first and most important requirement of Article 1 of Protocol No. 1 is that any interference by a public authority with the peaceful enjoyment of possessions should be lawful: the second sentence of the first paragraph authorises a deprivation of possessions only “subject to the conditions provided for by law” and the second paragraph recognises that the States have the right to control the use of property by enforcing “laws”. Moreover, the rule of law, one of the fundamental principles of a democratic society, is inherent in all the Articles of the Convention. It follows that the issue of whether a fair balance has been struck between the demands of the general interest of the community and the requirements of the protection of the individual’s fundamental rights becomes relevant only once it has been established that the interference in question satisfied the requirement of lawfulness and was not arbitrary (see Iatridis v. Greece [GC], no. 31107/96, § 58, ECHR 1999-II).
51. When speaking of “law”, Article 1 of Protocol No. 1 alludes to the same concept to be found elsewhere in the Convention (see Špaček s.r.o. v. the Czech Republic, no. 26449/95, § 54, 9 November 1999). This concept requires firstly that the measures should have a basis in domestic law. It also refers to the quality of the law in question, requiring that it be accessible to the persons concerned, precise and foreseeable in its application (see Beyeler v. Italy [GC], no. 33202/96, § 109, ECHR 2000-I).
52. The Court admits that it is primarily for the national authorities to interpret and apply domestic law. However, the Court is required to verify whether the way in which the domestic law is interpreted and applied produces consequences that are consistent with the principles of the Convention, as interpreted in the light of the Court’s case-law (see Scordino v. Italy (no. 1) [GC], no. 36813/97, §§ 190 and 191, ECHR 2006-V).
53. Turning to the present case, the Court notes that the Income Tax Decree, which had the legal force of the law of Parliament, explicitly established a 20% fixed tax rate for income earned outside a principal place of business. Nevertheless, the tax authorities and the courts ignored that rule and applied a progressive tax rate with respect to that type of income, thereby increasing the applicant’s overall income tax liability. They relied on the Instruction of the Principal Tax Inspectorate as authority to do so. Subsequently, they also relied on the Income Tax Decree and the Presidential Decree.
54. As long as the domestic courts relied on the Income Tax Decree to justify the increase in the applicant’s income tax liability, the Court fails to comprehend the reasons on which the existence of Article 7 § 3 of that legal act was disregarded. The domestic courts were silent on this issue despite the fact that the applicant raised it in each set of the domestic proceedings. Reference by the courts to the Instruction is not helpful since, by virtue of Article 23 of the Income Tax Decree, the Instruction could deal only with issues of the application of the Income Tax Decree and could not establish any rules conflicting with that legal act.
55. The Court further notes that the domestic courts also relied on the Presidential Decree which introduced a new table of progressive taxation and was stated to cover any income earned by a citizen. However, none of the paragraphs of Article 7 of the Income Tax Decree had been set aside. The question remained therefore how those legal acts correlated with each other. In this regard the Court notes that the Income Tax Decree had a legal force of the law of Parliament and provided special rules for the taxation of specific types of citizens’ income. It is remarkable that, in contrast to the rates fixed in the Presidential Decree, the tax authorities continued to apply, for example, the special rule of Article 7 § 2 of the Income Tax Decree (see paragraph 40 above). In these circumstances it is unclear why the Presidential Decree had to be understood as prevailing over Article 7 § 3 of the Income Tax Decree.
56. Even assuming that the interpretation by the domestic authorities was plausible, the Court is not satisfied with the overall state of domestic law, existing at the relevant time, on the matter in question. It notes that the relevant legal acts had been manifestly inconsistent with each other. As a result, the domestic authorities applied, on their own discretion, the opposite approaches as to the correlation of those legal acts. In the Court’s opinion the lack of the required clarity and precision of the domestic law, offering divergent interpretations on such an important fiscal issue, upset the requirement of the “quality of law” under the Convention and did not provide adequate protection against arbitrary interference by the public authorities with the applicant’s property rights.
57. In this regard the Court cannot overlook the requirement of section 4.4.1 of the Law “On the procedure for payment of taxpayers’ liabilities to budgets and state purpose funds” of 21 December 2000 which provided that if domestic legislation offered ambiguous or multiple interpretations of the rights and obligations of the taxpayers the domestic authorities were obliged to take the approach which was more favourable to the taxpayer. However, in the present case the authorities opted for the less favourable interpretation of the domestic law which resulted in the increase in the applicant’s income tax liability.
58. The foregoing considerations are sufficient to enable the Court to conclude that the interference with the applicant’s property rights was not lawful for the purpose of Article 1 of Protocol No. 1. It holds for this reason that there has been a violation of that provision.
III. OTHER ALLEGED VIOLATIONS OF THE CONVENTION
59. The applicant complained under Article 6 of the Convention that the proceedings in his case had been unfair.
60. Having considered the applicant’s submissions in the light of all the material in its possession, the Court finds that, in so far as the matters complained of are within its competence (see Ferrazzini v. Italy [GC], no. 44759/98, §§ 29-31, ECHR 2001-VII), they do not disclose any appearance of a violation of the rights and freedoms set out in the Convention.
61. It follows that this part of the application must be declared inadmissible pursuant to Article 35 §§ 3 and 4 of the Convention.
IV. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
62. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
63. The applicant claimed 20,000 euros (EUR) in respect of non-pecuniary damage.
64. The Government considered that this claim was unsubstantiated.
65. The Court considers that the applicant suffered non-pecuniary damage which cannot be compensated by the mere finding of a violation of his Convention right. Making its assessment on an equitable basis, the Court awards the applicant the sum of EUR 1,200 in respect of non-pecuniary damage.
B. Costs and expenses
66. The applicant also claimed UAH 80,000 or EUR 8,000 for the costs and expenses incurred before the Court.
67. The Government contested those amounts.
68. According to the Court’s case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum. In the present case, regard being had to the information in its possession, the Court awards EUR 1,500 in respect of costs and expenses.
C. Default interest
69. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Decides to join the applications;
2. Declares the complaint under Article 1 of Protocol No. 1 admissible and the remainder of the applications inadmissible;
3. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1;
4. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicant, within three months of the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, EUR 1,200 (one thousand two hundred euros) in respect of non-pecuniary damage and EUR 1,500 (one thousand and five hundred euros) in respect of costs and expenses, plus any tax that may be chargeable to the applicant, to be converted into the national currency of the respondent State at the rate applicable on the date of settlement;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amount at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
5. Dismisses the remainder of the applicant’s claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 14 October 2010, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Claudia Westerdiek Peer Lorenzen
Registrar President


TESTO TRADOTTO

Conclusione Violazione di P1-1; il Resto inammissibile; danno Non-patrimoniale - assegnazione
QUINTA SEZIONE
CAUSA SHCHOKIN C. UCRAINA
(Richieste N. 23759/03 e 37943/06)
SENTENZA
STRASBOURG
14 ottobre 2010
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Shchokin c. Ucraina,
La Corte europea dei Diritti umani (quinta Sezione), riunendosi che come una Camera, composta da:
Pari Lorenzen, Presidente Karel Jungwiert, Rait Maruste il Mark Villiger, Isabelle Berro-Lefèvre, Mirjana Lazarova Trajkovska, Ganna Yudkivska, giudici,
e Claudia Westerdiek, Cancelliere di Sezione,
Avendo deliberato in privato il 21 settembre 2010,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da due richieste (N. 23759/03 e 37943/06) contro l'Ucraina depositate presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino ucraino, il Sig. Y. S. (“il richiedente”), rispettivamente il 17 giugno 2003 e il 6 settembre 2006.
2. Il richiedente fu rappresentato dal Sig. A. S., un avvocato che pratica a Kyiv. Il Governo ucraino (“il Governo”) fu rappresentato dal suo Agente, il Sig. Y. Zaytsev.
3. Il richiedente addusse, in particolare, che i suoi diritti di proprietà erano stati violati per aumenti illegali sulle sue imposte sul reddito da parte delle autorità.
4. Il 15 gennaio 2009 il Presidente della quinta Sezione decise di dare avviso delle richieste al Governo. Fu deciso anche di esaminare i meriti delle richieste allo stesso tempo come la loro ammissibilità (l'Articolo 29 § 1).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
5. Il richiedente nacque nel 1971 e vive a Kharkiv.
A. Tassazione del reddito del richiedente guadagnato nel 2001
6. Nel marzo 2002 il richiedente presentò all'Ispettorato del Dipartimento fiscale di Oktyabrskyy di Kharkiv (l’ “Ispettorato fiscale”) la sua dichiarazione di imposta sul reddito del 2001. La dichiarazione specificava l'importo di imposta sul reddito pagato dal richiedente nel 2001 e distinguevano, in particolare due tipi di reddito: (a) reddito guadagnato presso la sede commerciale principale del richiedente e (b) reddito guadagnato fuori dalla sua sede commerciale principale.
7. A riguardo del primo tipo di reddito, la tassa era stata calcolata sotto la norma del tasso progressivo, come richiesto dall’ Articolo 7 § 1 del Gabinetto dei Ministri Decreto n. 13-92 “Sull'imposta sul reddito dei cittadini '” del 26 dicembre 1992 ( “Decreto sull’Imposta sul reddito”).
8. A riguardo del secondo tipo di reddito, la tassa era stata calcolata al 20% tasso fisso, come richiesto dall’ Articolo che 7 § 3 del Decreto sull’ Imposta sul reddito.
9. Il 9 aprile 2002, sulla base della dichiarazione del richiedente, l’Ispettorato fiscale impose di nuovo l'importo di imposta sul reddito dovuto dal richiedente e gli richiese di pagare il saldo pendente nell'importo di 1,774.61 hryvnia ucraini (UAH). L'importo pagabile era stato aumentato come risultato dell’applicazione dell'aliquota d'imposta progressiva a riguardo del reddito guadagnato dal richiedente fuori dalla sua sede commerciale principale. Il ricalcolo era stato effettuato in conformità con l’Istruzione n. 12 “Sull'imposta sul reddito dei cittadini '” emessa dall’Ispettorato Fiscale Principale del 21 aprile 1993 (“l'Istruzione”).
10. Il 27 maggio 2002 il richiedente avviò procedimenti presso la Corte distrettuale di Oktyabrskyy di Kharkiv ( “la Corte distrettuale”) contro la l’Ispettorato fiscale, cercando di far invalidare la decisione del 9 aprile 2002. Lui disse, in particolare, che l'importo fiscale pagabile a riguardo del suo reddito guadagnato fuori della sua sede commerciale principale avrebbe dovuto essere determinato con riferimento all'aliquota d'imposta speciale stabilita dall’ Articolo 7 § 3 dal Decreto sull’Imposta sul reddito (avente valore legale come legge di Parlamento) mentre l’Ispettorato fiscale aveva ricalcolato ed aumentato quell’ importo appellandosi all'Istruzione. Comunque, l'Istruzione era una norma di legge che, secondo l’Articolo 67 della Costituzione, non poteva cambiare le aliquote d'imposta applicabili.
11. Il 4 luglio 2002 la Corte distrettuale considerò la rivendicazione del richiedente. Trovò che Il Decreto sull’Imposta sul reddito prevedeva un'aliquota d'imposta speciale per il reddito guadagnato fuori dalla sede commerciale principale. Nonostante l'Istruzione, il Decreti dell’Imposta sul reddito non prevedeva, qualsiasi ricalcolo sul quel tipo di reddito sulla base dell'aliquota d'imposta progressiva. Notò che secondo l’Articolo 67 della Costituzione i cittadini erano obbligati a pagare tasse solamente in conformità con la procedura stabilita dalle leggi e non dalle norme di legge. In conclusione la Corte distrettuale accolse la rivendicazione del richiedente ed annullò la decisione del 9 aprile 2002. L’Ispettorato fiscale fece ricorso.
12. Il 18 dicembre 2002 il Kharkiv Corte d'appello Regionale ( “la Corte d'appello”) annullò la sentenza del 4 luglio 2002, affermando che l'Istruzione era stata emessa validamente ed era stata stabilita per approfondire le disposizioni attinenti del Decreto sull’ Imposta sul reddito. Di conseguenza, ‘Ispettorato Fiscale aveva agito legalmente applicando l'Istruzione.
13. Il 16 aprile 2003 la Corte Suprema sostenne la sentenza della Corte d'appello, affermando che non c'erano state irregolarità nell’applicazione della legge nella causa.
B. Tassazione del reddito del richiedente guadagnato nel 2002
14. Nel marzo 2003 il richiedente presentò la sua dichiarazione di imposta sul reddito del 2002 alla all’Ispettorato Fiscale. L'importo della tassa riguardo al reddito che il richiedente aveva guadagnato fuori dalla sua sede commerciale principale fu calcolato sulla base dell'aliquota d'imposta fissa stabilita nell’ Articolo 7 § 3 del Decreto sull’Imposta sul reddito.
15. Il 22 aprile 2003, sulla base della dichiarazione del richiedente, l’Ispettorato fiscale impose di nuovo l'importo di imposta sul reddito dovuto dal richiedente e gli richiese di pagare il saldo pendente nell'importo di UAH 3,378.05. L'importo pagabile era stato aumentato come risultato dell’applicazione dell'aliquota d'imposta progressiva a riguardo del reddito guadagnato dal richiedente fuori dalla sua sede commerciale principale. Il ricalcolo era stato effettuato in conformità con l'Istruzione.
16. Il 23 luglio 2003 il richiedente avviò procedimenti presso la Corte distrettuale contro l’Ispettorato Fiscale, cercando che far invalidare la decisione del 22 aprile 2003. Lui disse in particolare che l'aumento della sua imposta sul reddito non era stato legale perché il Decreto sull’Imposta sul reddito (avente valore legale come legge del Parlamento) non prevedeva l'aliquota d'imposta progressiva per il reddito guadagnato dal richiedente fuori dalla sua sede commerciale principale. Inoltre, l'Istruzione, a cui facevano riferimento le autorità fiscali era una norma di legge che, secondo l’Articolo 67 della Costituzione, non poteva cambiare le aliquote d'imposta applicabili.
17. Il 20 aprile 2005 la Corte distrettuale respinse la rivendicazione del richiedente, affermando che l'importo fiscale determinato dall’Ispettorato fiscale era stato basato sull'Istruzione ed anche sul Decreto Presidenziale n. 519/94 del 13 settembre 1994 “Sull’ aumento dell'importo del reddito mensile esente da imposte e sui tassi progressivi della tassazione del reddito dei cittadini '” (“il Decreto Presidenziale”).
18. Il 18 maggio 2005 il richiedente fece appello contro questa sentenza presso la Corte d'appello, adducendo che l’Articolo 7.3 del Decreto sull’ Imposta sul reddito avrebbe dovuto essere applicato al reddito guadagnato fuori dalla sede commerciale principale.
19. Il 30 giugno 2005 la Corte d'appello sostenne la sentenza di 20 aprile 2005 dopo avere trovato che il ricalcolo dell'imposta sul reddito del richiedente era stato basato specificamente sul Decreto Presidenziale.
20. Il 25 luglio 2005 il richiedente fece appello in cassazione, ripetendo gli argomenti che aveva avanzato di fronte alla Corte d'appello.
21. Il 19 aprile 2006, in seguito al ricorso del richiedente in cassazione, la Corte amministrativa più Alta sostenne la sentenza del 20 aprile 2005, notando in particolare che il Decreto sull’Imposta sul reddito offriva solo una scala di tassazione progressiva che doveva perciò essere applicata ad ogni reddito del richiedente e concluse che il ricalcolo della tassa era stato eseguito in conformità con la legge. L'aliquota d'imposta speciale prevista nell’ Articolo 7 § 3 del Decreto sull’Imposta sul reddito non è stata menzionata.
C. Tassazione del reddito del richiedente guadagnato nel 2003
22. Nel marzo 2004 il richiedente presentò la sua dichiarazione di imposta sul reddito del 2003 all’Ispettorato fiscale. L'importo della tassa riguardo al reddito del richiedente guadagnato fuori dalla sua sede commerciale principale fu calcolato sulla base dell'aliquota d'imposta fissa stabilita nell’Articolo che 7 § 3 del Decreto sull’Imposta sul reddito.
23. Il 26 aprile 2004, sulla base della dichiarazione del richiedente, l’Ispettorato fiscale impose nuovamente l'importo di imposta sul reddito dovuto dal richiedente e gli richiese di pagare il saldo pendente nell'importo di UAH 642.20. L'importo pagabile era stato aumentato come risultato dell’applicazione dell'aliquota d'imposta progressiva a riguardo del reddito guadagnato dal richiedente fuori dalla sua sede commerciale principale. Il ricalcolo era stato effettuato in conformità con l'Istruzione.
24. Il 10 agosto 2004 il richiedente avviò procedimenti presso la Corte distrettuale contro l’Ispettorato Fiscale , cercando che di far invalidare la decisione del 22 aprile 2003. Lui disse, in particolare, che l'aumento della sua imposta sul reddito non era stato legale, perché il Decreto sull’Imposta sul reddito (avente valore legale come legge di Parlamento) non prevedeva l'aliquota d'imposta progressiva per il reddito guadagnato dal richiedente fuori dalla sua sede commerciale principale. Allo stesso tempo l'Istruzione, a cui fanno riferimento le autorità fiscali era una norma di legge che, secondo l’Articolo 67 della Costituzione, non poteva cambiare le aliquote d'imposta applicabili.
25. Il 21 luglio 2005 la Corte distrettuale respinse la rivendicazione del richiedente, affermando che l'importo di tassa determinato dall’Ispettorato fiscale era stato basato sull'Istruzione ed anche sul Decreto Presidenziale.
26. Il 17 agosto 2005 il richiedente fece appello contro questa sentenza presso la Corte d'appello, adducendo che l’Articolo 7.3 del Decreto sull’Imposta sul reddito avrebbe dovuto essere applicato al reddito guadagnato fuori dalla sede commerciale principale.
27. Il 25 ottobre 2005 la Corte d'appello sostenne la sentenza del 21 luglio 2005 dopo avere trovato che il ricalcolo dell'imposta sul reddito del richiedente era stato basato, in particolare, sul Decreto Presidenziale e il Decreto sull'Imposta sul reddito. Nessuna ragione fu offerta per la noncuranza dell'aliquota d'imposta speciale stabilita nell’ Articolo 7 § 3 del Decreto sull’Imposta sul reddito.
28. Il 9 marzo 2006, in seguito ad un ricorso in cassazione col richiedente, la Corte amministrativa più Alta sostenne la sentenza del 21 luglio 2005, notando che il ricalcolo della tassa era stato eseguito in conformità con la legge.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
A. Costituzione del 20 aprile 1978 (in vigore sino al 28 giugno 1996)
29. Secondo l’Articolo 114-5 della Costituzione al Presidente dell'Ucraina venivano conferiti poteri per emettere decreti nel campo delle riforme economiche se le questioni attinenti non fossero state coperte dalle leggi del Parlamento.
B. Costituzione del 28 giugno 1996
30. L’Articolo 67 della Costituzione prevede che ognuno è obbligato a pagare tasse ed imposte in conformità con la procedura ed ai tassi stabiliti dalle leggi del Parlamento.
C. Le Leggi N. 2796-XII e 2813-XII del 18 e del 21 novembre 1992 conferenti potere al Gabinetto dei Ministri per emettere Decreti
31. Secondo queste Leggi, durante il periodo fra il24 novembre 1992 e il 21 maggio 1993 il Gabinetto dei Ministri aveva potere legislativo in certi campi, incluso il campo fiscale. A questo fine, al Gabinetto dei Ministri furono conferiti poteri per emettere Decreti che avevano valore legale come legge del Parlamento.
D. La Legge “Sulla procedura per il pagamento delle tasse dei contribuenti a favore dei bilanci e dei finanziamenti statali” del 21 dicembre 2000
32. La Sezione 4.4.1 della Legge prevede che se la norma di legge o un altro atto legale e normativo emesso sulla base della legge, o se le norme di leggi diverse o atti legali e normativi offrono interpretazioni ambigue o multiple dei diritti e degli obblighi dei contribuenti e delle autorità sovraintendenti , la decisione presa sarà a favore del contribuente.
E. Decreto del Gabinetto dei Ministri n. 13-92 “Sull’imposta sul reddito dei cittadini '” del 26 dicembre 1992 (come messo espresso al tempo attinente)
33. L’ Articolo che 7 § 1 del Decreto stabilito una tabella di tassi fiscali progressivi a riguardo del reddito guadagnato presso la sede commerciale principale del contribuente. La tabella faceva riferimento al concetto di un salario minimo ufficiale come base per la determinazione dell'aliquota d'imposta progressiva applicabile al caso individuale.
34. L’ Articolo 7 § 2 del Decreto prevedeva che le assegnazioni copyright , pagate ripetutamente ai successori venissero tassate ai tassi doppi esposti nell’ Articolo 7 § 1 del Decreto che, comunque, non potevano eccedere il 70 percento.
35. L’ Articolo 7 § 3 del Decreto stabilì un’ aliquota d'imposta fissa del 20% a riguardo del reddito guadagnato dal contribuente fuori dalla sua sede commerciale principale.
36. L’Articolo 23 del Decreto prevedeva che l’Ispettorato Fiscale Principale emettesse un'istruzione su richiesta del Decreto.
F. Decreto Presidenziale n. 519/94 “Sull’ aumento dell'importo del reddito mensile ed esente da imposte e tassi fiscali progressivi del reddito dei cittadini '” del 13 settembre 1994 (in vigore al tempo attinente)
37. Il Decreto introdusse una nuova tabella di tassazione fiscale progressiva a riguardo del reddito dei contribuenti . La tavola faceva riferimento al concetto di reddito mensile esente da imposte come base per la determinazione dell'aliquota d'imposta progressiva applicabile nel caso individuale. Il Decreto specificava che i tassi di tassazione progressiva, stabiliti in questo, dovevano essere applicati a partire dal 1 ottobre 1994 a riguardo dei salari e altri redditi dei cittadini.
G. Istruzione dell’Ispettorato Fiscale Principale N.ro 12 “Sull'imposta sul reddito dei cittadini” del 21 aprile 1993 (come espressa al tempo attinente)
38. Il paragrafo 7.1 dell'Istruzione stabilisce una tabella di tassi fiscali progressivi a riguardo del reddito guadagnato da un contribuente presso la sua sede commerciale principale.
39. Il paragrafo 7.3 prevede che gli ispettorati fiscali locali dovevano ricalcolare il reddito guadagnato fuori dalla sede commerciale principale, secondo la tabella di tassi fiscali progressivi esposti nel paragrafo 7.1 dell'Istruzione.
H. Lettera di Informazioni dell'Amministrazione fiscale Statale del 20 novembre 2002
40. Con questa lettera l'Amministrazione fiscale Statale offrì un’interpretazione ufficiale di certi problemi riguardo alla legislazione fiscale. Specificò, fra le altre cose che le assegnazioni di copyright ripetutamente pagate ai successori avrebbero dovuto tassate in conformità con l’Articolo che 7 § 2 del Decreto sull’ Imposta sul reddito.
LA LEGGE
I. UNIONE DELLE RICHIESTE
41. Facendo seguito all’articolo 42 § 1 dell’Ordinamento di Corte, la Corte decide di congiungere le richieste, dato il loro background legislativo e dei fatti comune .
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1
42. Il richiedente si lamentò di una violazione dei suoi diritti di proprietà, adducendo che quando le autorità fiscali ricalcolarono ed aumentarono l'importo della sua imposta sul reddito, loro non avevano agito in conformità con la legge. Lui si appellò all’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che recita come segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Ammissibilità
43. Il Governo non presentò alcun commento in merito all'ammissibilità dell'azione di reclamo.
44. La Corte nota che questa azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
1. Le osservazioni delle parti
45. Il richiedente insisteva che le autorità fiscali avessero aumentato illegalmente la sua responsabilità fiscale sul reddito. Lui dibatté che le autorità avevano trascurato l’Articolo 7 § 3 del Decreto sull’Imposta sul reddito stabilendo una aliquota d'imposta speciale del 20% a riguardo del reddito guadagnato fuori dalla sede commerciale principale. Inoltre, facendo così, le autorità si appellarono all'Istruzione che, in virtù dell’ Articolo 67 della Costituzione del 28 giugno 1996, non poteva cambiare i tassi fiscali applicabili e le procedure per il loro pagamento.
46. Il richiedente contese inoltre che la responsabilità fiscale aumentata impose un carico finanziario eccessivo su di lui e non poteva essere considerata proporzionata ai fini dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
47. Il Governo ammise che quelle misure costituivano un'interferenza coi diritti di proprietà del richiedente. Sostenne comunque che l'interferenza era legale. In particolare, l'Istruzione era stata adottata validamente ed era stata prevedibile nella sua applicazione. Secondo lui l'Istruzione avrebbe potuto essere vista come “legge” al fine della Convenzione. Inoltre, l’applicazione di tassi progressivi a tutti i tipi del reddito del richiedente fu sostenuta dal Decreto Presidenziale e dal Decreto sull’Imposta sul reddito.
48. Il Governo presentò inoltre che quelle misure erano compatibili col requisito di proporzionalità previsto dall’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 e non imponeva un carico eccessivo sul richiedente.
2. La valutazione della Corte
49. Non è in controversia fra le parti che l'aumento della responsabilità fiscale del richiedente da parte delle autorità costituì un'interferenza coi suoi diritti di proprietà all'interno del significato dell’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. La Corte è chiamata di conseguenza a determinare se questa interferenza era giustificata in conformità coi requisiti di quella disposizione.
50. Il primo e il più importante requisito dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 è che qualsiasi interferenza da parte di un'autorità pubblica col godimento tranquillo della proprietà dovrebbe essere legale: la seconda frase del primo paragrafo autorizza una privazione di proprietà solamente “soggetta a condizioni previste dalla legge” ed il secondo paragrafo riconosce che gli Stati hanno diritto a controllare l'uso delle proprietà mettendo in vigore “leggi.” Inoltre, la preminenza del diritto, uno dei principi fondamentali di una società democratica è inerente a tutti gli Articoli della Convenzione. Ne segue che la questione se un equilibrio equo è stato previsto fra le richieste dell'interesse generale della comunità ed i requisiti della protezione dei diritti essenziali dell'individuo diviene attinente solamente una volta che è stato stabilito che l'interferenza in oggetto ha soddisfatto il requisito della legalità e non era arbitraria (vedere Iatridis c. la Grecia [GC], n. 31107/96, § 58 ECHR 1999-II).
51. Parlando di “legge”, l’Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 allude allo stesso concetto che può essere trovato altrove nella Convenzione (vedere Špaček s.r.o. c. Repubblica ceca, n. 26449/95, § 54 9 novembre 1999). Questo concetto richiede in primo luogo che le misure debbano avere una base in diritto nazionale. Si riferisce anche alla qualità della legge in oggetto, richiedendo che sia accessibile alle persone riguardate, precisa e prevedibile nella sua applicazione (vedere Beyeler c. Italia [GC], n. 33202/96, § 109 ECHR 2000-I).
52. La Corte ammette che spetta primariamente alle autorità nazionali interpretare ed applicare il diritto nazionale. Comunque, la Corte è costretta a verificare se il modo in cui il diritto nazionale viene interpretato ed applicato produce conseguenze che sono coerenti coi principi della Convenzione, come interpretati alla luce della giurisprudenza della Corte (vedere Scordino c. Italia (n. 1) [GC], n. 36813/97, §§ 190 e 191, ECHR 2006-V).
53. Rivolgendosi alla presente causa, la Corte nota che il Decreto sull’Imposta sul reddito che aveva valore legale di legge del Parlamento stabiliva esplicitamente una aliquota d'imposta fissa del 20% per il reddito guadagnato fuori da una sede commerciale principale. Ciononostante, le autorità fiscali e le corti ignorarono questa norma ed applicarono un'aliquota d'imposta progressiva riguardo a quel tipo di reddito, aumentando con ciò il tasso della responsabilità fiscale sul reddito del richiedente. Si appellò all'Istruzione dell’Ispettorato Fiscale Principale come autorità per agire così. Si appellò anche successivamente, sul Decreto Fiscale sul reddito e sul Decreto Presidenziale.
54. Dal momento che le corti nazionali si appellarono sul Decreto sull’Imposta sul reddito per giustificare l'aumento della responsabilità fiscale sul reddito del richiedente, la Corte non riesce a comprendere le ragioni per cui l'esistenza dell’ Articolo 7 § 3 di quell’ atto legale fu trascurata. Le corti nazionali hanno taciuto su questo problema nonostante il fatto che il richiedente lo avesse sollevato in ogni set dei procedimenti nazionali. Il riferimento da parte delle corti all'Istruzione non è utile poiché, in virtù dell’ Articolo 23 del Decreto sull’Imposta sul reddito, l'Istruzione avrebbe potuto trattare solamente problemi di applicazione dell'Imposta sul reddito e non poteva stabilire qualsiasi norma che contrastasse con quell’ atto legale.
55. La Corte nota inoltre che le corti nazionali si appellarono anche al Decreto Presidenziale che introdusse una nuova tabella di tassazione progressiva e fu stabilita per coprire qualsiasi reddito guadagnato da un cittadino. Comunque, nessuno dei paragrafi dell’ Articolo 7 del Decreto sull’Imposta sul reddito era stato accantonato. Rimaneva perciò la questione in merito a se quegli atti legali fossero correlati l'uno con l'altro. A questo riguardo la Corte nota che il Decreto sull’ Imposta sul reddito aveva valore legale della legge del Parlamento e prevedeva articoli speciali per la tassazione di specifici tipi reddito dei cittadini. È straordinario che, in contrasto ai tassi fissati nel Decreto Presidenziale, le autorità fiscali continuarono ad applicare , per esempio l'articolo speciale dell’Articolo 7 § 2 del Decreto sull’Imposta sul reddito (vedere paragrafo 40 sopra). In queste circostanze è poco chiaro perché il Decreto Presidenziale doveva essere interpretato come prevalente sull’ Articolo 7 § 3 del Decreto sull’Imposta sul reddito.
56. Presumendo anche che l'interpretazione da parte delle autorità nazionali fosse plausibile, la Corte non è soddisfatta con lo stato complessivo del diritto nazionale, esistente al tempo attinente, sulla questione in oggetto. Nota che gli attinenti atti legali erano stati manifestamente incoerenti l'uno con l'altro. Di conseguenza, le autorità nazionali applicarono, a loro propria discrezione, approcci opposti in merito alla correlazione di quegli atti legali. Secondo la Corte la mancanza della chiarezza e della precisione richieste del diritto nazionale, offrendo interpretazioni divergenti su tale importante problema fiscale, sconvolge il requisito di “qualità della legge” sotto la Convenzione e non fornisce la protezione adeguata contro l’interferenza arbitraria da parte delle autorità pubbliche con i diritti di proprietà del richiedente.
57. A questo riguardo la Corte non può trascurare il requisito della sezione 4.4.1 della Legge “Sulla procedura per il pagamento delle le responsabilità fiscali dei contribuenti ai bilanci e ai fondi statali” del 21 dicembre 2000 che prevedeva che se legislazione nazionale offriva interpretazioni ambigue o multiple dei diritti e degli obblighi dei contribuenti le autorità nazionali erano obbligate a prendere l'approccio che era più favorevole al contribuente. Comunque, nella presente causa le autorità hanno optato per l'interpretazione meno favorevole del diritto nazionale che diede luogo all'aumento della responsabilità fiscale sul reddito del richiedente.
58. Le considerazioni precedenti sono sufficienti ad abilitare la Corte a concludere che l'interferenza coi diritti di proprietà del richiedente non era legale ai fini dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. Sostiene per questa ragione che c'è stata una violazione di quella disposizione.
III. ALTRE VIOLAZIONI ADDOTTE DELLA CONVENZIONE
59. Il richiedente si lamentò sotto l’Articolo 6 della Convenzione che i procedimenti nella sua causa erano stati ingiusti.
60. Avendo considerato le osservazioni del richiedente alla luce di tutto il materiale in suo possesso, la Corte costata che, nella misura in cui le questioni di cui si lamenta sono all'interno della sua competenza (vedere Ferrazzini c. Italia [GC], n. 44759/98, §§ 29-31 ECHR 2001-VII), non rivelano qualsiasi comparizione di violazione dei diritti e delle libertà esposti nella Convenzione.
61. Ne segue che questa parte della richiesta deve essere dichiarata inammissibile facendo seguito all’ Articolo 35 §§ 3 e 4 della Convenzione.
IV. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
62. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
63. Il richiedente chiese 20,000 euro (EUR) a riguardo del danno non-patrimoniale.
64. Il Governo considerò che questa rivendicazione non era comprovata.
65. La Corte considera che il richiedente soffrì di un danno non-patrimoniale che non può essere compensato con la mera costatazione di una violazione del suo diritto di Convenzione. Facendo la sua valutazione su una base equa, la Corte assegna al richiedente la somma di EUR 1,200 a riguardo del danno non-patrimoniale.
B. Costi e spese
66. Il richiedente chiese anche UAH 80,000 o EUR 8,000 per i costi e le spese incorsi di fronte alla Corte.
67. Il Governo contestò quegli importi.
68. Secondo la giurisprudenza della Corte, ad un richiedente viene concesso il rimborso dei costi e delle spese solamente se viene mostrato che questi davvero e necessariamente sono stati incorsi e sono stati ragionevoli in merito al quantum. Nella presente causa, avuto riguardo alle informazioni in suo possesso, la Corte assegna EUR 1,500 a riguardo di costi e spese.
C. Interesse di mora
69. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Decide di congiungere le richieste;
2. Dichiara l'azione di reclamo sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 ammissibile ed il resto delle richieste inammissibile;
3. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1;
4. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare il richiedente, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione EUR 1,200 (mille duecento euro) a riguardo del danno non-patrimoniale ed EUR 1,500 (mille e cinquecento euro) a riguardo dei costi e delle spese, più qualsiasi tassa che può essere a carico del richiedente, da convertire nella valuta nazionale dello Stato rispondente al tasso applicabile in data dell’ accordo;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’interesse semplice sarà pagabile sull'importo sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
5. Respinge il resto della rivendicazione del richiedente per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 14 ottobre 2010, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Claudia Westerdiek Pari Lorenzen
Cancelliere Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 01/07/2020.