Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF AMBRUOSI v. ITALY

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, P1-1

NUMERO: 31227/96/2000
STATO: Italia
DATA: 19/10/2000
ORGANO: Sezione Seconda


TESTO ORIGINALE

Conclusion Violation of P1-1 ; Non-pecuniary damage - finding of violation sufficient
SECOND SECTION
CASE OF AMBRUOSI v. ITALY
(Application no. 31227/96)
JUDGMENT
STRASBOURG
19 October 2000
FINAL
19/01/2001
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention.It is subject to editorial revision before its reproduction in final form.

In the case of Ambruosi v. Italy,
The European Court of Human Rights (Second Section), sitting as a Chamber composed of:
Mr C. L. Rozakis, President,
Mr A. B. Baka,
Mr B. Conforti,
Mr P. Lorenzen,
Mr M. Fischbach,
Mrs M. Tsatsa-Nikolovska,
Mr E. Levits, judges,
and Mr E. Fribergh, Section Registrar,
Having deliberated in private on 28 September 2000,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 31227/96) against Italy lodged with the European Commission of Human Rights (“the Commission”) under former Article 25 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by an Italian national, Ms V. A. (“the applicant”), on 4 April 1996.
2. The applicant was represented by Mr A. A., a lawyer practising in Bari (Italy). The Italian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr Umberto Leanza, and by their co-Agent, Mr Vitaliano Esposito.
3. The applicant alleged, in particular, that the termination through a Law Decree of a number of civil actions and the offsetting of the relevant legal costs had violated her right to the peaceful enjoyment of her possessions.
4. The application was transmitted to the Court on 1 November 1998, when Protocol No. 11 to the Convention came into force (Article 5 § 2 of Protocol No. 11).
5. The application was allocated to the Second Section of the Court (Rule 52 § 1 of the Rules of Court). Within that Section, the Chamber that would consider the case (Article 27 § 1 of the Convention) was constituted as provided in Rule 26 § 1 of the Rules of Court.
6. By a decision of 3 February 2000, the Court declared the application partly admissible.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
7. By judgments nos. 495 of 31 December 1993 and 240 of 10 June 1994 the Constitutional Court ruled that the State should reimburse part of the taxes unduly paid by certain categories of pensioners on their old-age pensions.
8. The implementation of these judgments through legislative measures having not taken place immediately, a number of pensioners falling within these categories instituted proceedings against the State before the Italian Magistrate’s courts seeking the reimbursement in question. The applicant acted as counsel for fifty-three such pensioners. In certain cases, she requested a direct discharge of her fees, costs and expenses.
9. By judgments Nos. 3295 of 22 November 1995, 3491 of 4 December 1995, 3501 of 4 December 1995, 3504 of 4 December 1995, 3505 of 4 December 1995, 3506 of 4 December 1995, 3510 of 4 December 1995, 681 of 5 February 1996 and 1898 of 27 March 1996, the Trani Magistrate found in the plaintiffs’ favour and discharged the applicant’s fees, costs and expenses directly to her. The total amount of the discharged fees in relation to these judgments was 12,900,000 ITL.
10. On 28 March 1996 the President of the Republic passed Law Decree No. 166 aiming at the enforcement of the judgments of the Constitutional Court, whereby it was decided that the State would reimburse the due amounts by way of distribution of State bonds to the relevant pensioners over a period of six years.
11. Paragraph 3 of Section 1 of this Law Decree extinguished all pending proceedings concerning the reimbursement in question and provided that the legal costs would be considered as offset between the parties. It further provided that the judicial decisions which, on the day of entry into force of the decree, had not yet become final would produce no legal effects.
12. The judgments listed in paragraph 9 above, having not become final, were thus deprived of all legal effects. The other proceedings which were still pending were extinguished and the legal costs offset ex lege.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
13. Under Section 91 of the code of civil procedure, the unsuccessful party in the proceedings bears all the legal costs, including the lawyer’s fees, costs and expenses incurred by the other party or parties.
14. Under Section 92, the judge can offset the legal costs between the parties when neither is entirely successful or when there are other equitable grounds therefor (“altri giusti motivi”).
15. Under Section 93 of the code of civil procedure, a lawyer whose client is of poor means can declare to have advanced the costs and expenses of the proceedings on behalf of his client and not to have been paid his fees (onorari), and can accordingly request that, if his client is successful and is thus entitled under Section 91 to be awarded legal costs, the court discharge the latter directly to the lawyer (distrazione delle spese) (see, for example, Cassazione Civile, judgment No. 670 of 30.03.62). Section 93 thus grants a special protection to the lawyer, who enters into a direct relationship with the opposite party and obtains an autonomous title. He can subsequently autonomously act against the losing party in order to recover his fees, costs and expenses. The lawyer’s right to claim his fees from his client, however, persists (see, for example, Cassazione Civile, judgments No. 5467 of 13.05.93 and No. 865 of 12.02.82).
16. Law Decree No. 166/1996 was never converted into a Law, but its effects were maintained by Section 1 § 6 of Law No. 608 of 20 November 1996.
17. The question of the compatibility of Paragraph 3 of Section 1 of Law Decree No. 166/1996 with Articles 1 § 1 (recognition of the importance of work), 4 and 35 (protection of the right to work), and 36 (right to payment for one’s work) of the Italian Constitution was raised before the Constitutional Court by the Brescia Magistrate on 1 April and 23 April 1996. By a decision (No. 165) of 29 April 1999, the Constitutional Court referred the matter back before the Brescia Magistrate, seeking that he examine it again in the light of the subsequent Law No. 448 of 23 December 1998 (which reiterated inter alia that the judicial decisions which, on the day of entry into force of the Law Decree, had not yet become final would produce no legal effects).
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1 TO THE CONVENTION
18. The applicant complains that she was deprived of her right to the payment of her fees, costs and expenses in connection with the proceedings terminated by Law Decree No. 166/96. She invokes Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, which provides:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
19. The applicant’s complaint raises issues which are different depending on whether or not, in the proceedings in which she was involved on the date of entry into force of the Law Decree, she had requested the direct discharge of her fees. The Court will examine the different situations separately.
A. LAWSUITS IN WHICH THE APPLICANT HAD REQUESTED THE DIRECT DISCHARGE OF HER FEES
1. WHETHER THERE WAS A POSSESSION
20. The Court recalls that future income constitutes a “possession” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 only if it has been earned or where an enforceable claim to it exists (see Eur. Comm. HR, no. 19819/92, dec. 5/7/94, D. R. 78, p. 88).
A) LAWSUITS WHICH HAD ENDED AT FIRST INSTANCE AND IN WHICH THE APPLICANT HAD OBTAINED RULINGS IN HER FAVOUR
21. In the lawsuits which ended by the judgments listed in paragraph 9 above, the magistrate had awarded fees and legal costs directly to the applicant, for a global sum of approximately 13,000,000 Italian lire. The applicant had “earned” this sum according to the existing regulations on lawyers’ fees, so that it constituted a “possession” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 (see, mutatis mutandis, Eur. Comm. H.R., No. 8410/78, dec. 13.12.79, D.R. 18, pp. 216, 219). The Government concede it a contrario in their observations (see paragraph 23 below).
B) LAWSUITS WHICH WERE STILL PENDING
22. The applicant argues that the State interfered with the enjoyment of her “possessions”, because she had been acting in the proceedings on behalf on her clients and had requested that in case of success legal costs be discharged directly to her; that the State would lose in the proceedings was undoubted, which is confirmed by the fact that the Government issued Law Decree no. 166/96: according to the applicable legislation and case-law, therefore, she would have an autonomous right to claim the payment of her fees from the State.
23. The Government argue that there was no “possession” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1, given that no judgment awarding legal costs had been issued yet. Accordingly, in their opinion the applicant cannot claim to be a victim of this provision.
24. The Court recalls that under the existing regulations on the lawyers’ fees, a lawyer’s client is liable for the fees for each act carried out by the lawyer on his behalf. At the time when Law Decree no. 166/96 was issued, the applicant had carried out a number of acts on behalf of her clients in the various sets of proceedings, and therefore had a claim for her fees in respect of her clients. She thus had a “possession” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 (see, mutatis mutandis, Eur. Comm. H. R., No. 8410/78, dec. 13.12.79, D.R. 18, pp. 216, 219).
2. THE APPLICABLE RULE
25. Under the Court’s case-law, Article 1 of Protocol No. 1, which guarantees in substance the right of property, comprises three distinct rules (see the James and Others v. the United Kingdom judgment of 21 February 1986, Series A no. 98, pp. 29-30, § 37). The first, which is expressed in the first sentence of the first paragraph and is of a general nature, lays down the principle of peaceful enjoyment of property. The second rule, in the second sentence of the same paragraph, covers deprivation of possessions and makes it subject to certain conditions. The third, contained in the second paragraph, recognises that the Contracting States are entitled, among other things, to control the use of property in accordance with the general interest. The second and third rules, which are concerned with particular instances of interference with the right to peaceful enjoyment of property, must be construed in the light of the general principle laid down in the first rule (Immobiliare Saffi v. Italy [GC], No. 22774/93, § 44, ECHR 1999-V).
26. In the present case, as regards the proceedings which had already ended at first instance, by application of paragraph 3 of Section 1 of Law Decree No. 166 of 1996 the judgments listed in paragraph 9 above which had not become final and enforceable yet, were deprived of their legal effects (see paragraphs 11 in fine and 12 above); as regards the proceedings which were still pending, the legal costs and fees were considered as offset between the parties (see paragraph 11 above). Nevertheless, the applicant’s right to claim her legal fees and costs from her clients persisted (see paragraph 15 above in fine): the applicant only lost her right under Section 93 of the Code of Civil Procedure to claim those sums directly from the State (see paragraph 15 above).
27. In the light of the foregoing, the Court takes the view that the deprivation of legal effects and the offsetting in question did not amount to a deprivation of property within the meaning of the second sentence of the first paragraph, but rather to an interference with the applicant’s right to the peaceful enjoyment of her possessions within the meaning of the first sentence of the first paragraph of Article 1.
3. WHETHER THE INTERFERENCE WAS JUSTIFIED
A) AIM OF THE INTERFERENCE
28. The Government have not indicated what aim they had pursued by enacting Paragraph 3 of Section 1 of the Law Decree in question. The Court however can gather from the elements of the case that the aim of the offsetting of legal costs was to protect the public purse from the relevant expenditure. The Court is satisfied that the interference at issue was “in the public interest” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1.
B) PROPORTIONALITY OF THE INTERFERENCE
29. The Government maintain that the loss of earnings which the applicant suffered is the consequence of her own free choice not to claim her fees from her clients.
30. The applicant argues that such a request, after agreeing with her clients that she would not seek any payment from them but would seek direct discharge of her fees, would have been contrary to her professional ethics. Furthermore, these clients were of poor means, and they would probably not be in the position of paying.
31. The Court recalls that an interference with an individual’s rights under Article 1 of Protocol No. 1 must strike a “fair balance” between the demands of the general interest and the requirements of the protection of the individual's fundamental rights (see Beyeler v. Italy [GC], No. 33202/96, § 107, ECHR 2000-). There must be a reasonable relationship of proportionality between the means employed and the aim pursued.
32. In the present case, the interference consisted in depriving the applicant of the possibility under Section 93 of the Code of Civil Procedure of seeking the payment of her legal costs and fees directly from the State rather than from her clients, who were of poor means and had passed an agreement with her that, in case of success, they would not have to bear any legal costs. The applicant had obtained a number of rulings in her favour which she could not enforce; further, she was not awarded legal costs in other pending proceedings, despite the fact that she had a legitimate expectation that the magistrate would discharge them directly to her.
33. As a result, the applicant would have seen herself forced to disregard the agreement she had passed with her clients and seek the payment of her fees from them. Furthermore, the recovery of the fees from individuals of poor means would risk being more difficult and lengthy than it would have been from the State.
34. The Court does not find the applicant’s choice not to seek the payment of her fees from her clients unreasonable or arbitrary. It considers therefore that paragraph 3 of Section 1 of Law Decree No. 166/1996 imposed an excessive burden on the applicant and accordingly upset, to her detriment, the balance that must be struck between the protection of the right to the peaceful enjoyment of one’s possessions and the requirements of the public interest.
Accordingly, there has been a breach of Article 1 of Protocol No.1 to the Convention.
B. LAWSUITS IN WHICH THE APPLICANT HAD NOT REQUESTED THE DIRECT DISCHARGE OF HER FEES
1. WHETHER THERE WAS A “POSSESSION” AND AN INTERFERENCE THEREWITH
35. In the Court’s view, to the extent that the applicant had earned certain fees on the ground of activities already carried out in relation to these proceedings, she had a “possession” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1. However, nothing prevented the applicant from claiming those fees from her clients irrespective of the termination of the proceedings. No direct relationship between the applicant and the State has either been sought through an application under Section 93, or established. The termination of the proceedings thus did not affect the applicant’s right to claim her fees relating to the activities carried out until then from her clients, so that Law Decree No. 166/96 did not “interfere” with the applicant’s possessions.
36. Accordingly, there has been no breach of Article 1 of Protocol No.1 to the Convention in this respect.
IV. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
37. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
38. The Court recalls that under Rule 60 of the Rules of the Court, any claim for just satisfaction must be itemised and submitted in writing together with the relevant supporting documents or vouchers, “failing which the Chamber may reject the claim in whole or in part”.
39. In the present case, on 8 February 2000, after the application had been declared partly admissible, the applicant was invited by the Registry to submit her claims for just satisfaction; the applicant, who in the application form had expressed her intention to seek an award for just satisfaction at a later stage in the proceedings, never submitted any such claims. Nor did she seek reimbursement of the legal costs for the proceedings before the Court.
40. In these circumstances, the Court considers that the finding of a violation constitutes in itself sufficient compensation for any non-pecuniary damage suffered by the applicants. That being so, the Court finds that it is not appropriate to make any award under Article 41 (see Apeh Üldözötteinek Szövetsége, Iványi Róth and Szerdahelyi v. Hungary, No. 32367/96, § 47, ECHR 2000-).
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
Done in English and notified in writing on 19 October 2000, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Erik Fribergh Christos Rozakis Registrar President
AMBRUOSI V. ITALY JUDGMENT

AMBRUOSI V. ITALY JUDGMENT

AMBRUOSI V. ITALY JUDGMENT

TESTO TRADOTTO

Conclusione Violazione di P1-1; danno Non-pecuniario - trovata violazione sufficiente
SECONDA SEZIONE
Causa AMBRUOSI c. l'Italia
(Richiesta no. 31227/96)
SENTENZA
STRASBOURG
19 ottobre 2000
DEFINITIVO
19/01/2001
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze stabilite all’Articolo 44 § 2 della Convenzione. E’ soggetta a revisione editoriale prima della sua riproduzione nella forma definitiva.


Nella causa Ambruosi c. l'Italia,
La Corte europea di Diritti dell'uomo (Seconda Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Mr C. L. Rozakis, Presidente
Mr A. B. Baka, Mr B. Conforti, Mr P. Lorenzen, Mr M. Fischbach, Mrs M. Tsatsa-Nikolovska, Mr E. Levits, giudici
e Mr E. Fribergh, Cancellieredi sezione
Avendo deliberato in privato il 28 settembre 2000,
Consegna la sentenza seguente che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa ha origine da una richiesta (no. 31227/96) contro l'Italia depositata alla Commissione europea dei Diritti dell'uomo (“la Commissione”) sotto il primo Articolo 25 della Convenzione per la Protezione di Diritti dell'uomo e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un italiano nazionale, la Sig.ra V. A. (“il richiedente”), il 4 aprile 1996.
2. Il richiedente é rappresentato da Mr A. A., un avvocato che pratica a Bari (l'Italia). Il Governo italiano (“il Governo”) é rappresentato dal loro Agente, Mr Umberto Leanza e dal loro co-agente, Mr Vitaliano Esposito.
3. Il richiedente addusse, in particolare, che la conclusione attraverso un Decreto Legge di un numero di azioni civili e le compensazioni delle spese processuali attinenti aveva infranto il suo diritto alla fruizione tranquilla della sua proprietà.
4. La richiesta fu trasmessa alla Corte 1 novembre 1998, quando il Protocollo N.ro 11 della Convenzione entrò in vigore (l'Articolo 5 § 2 del Protocollo N.ro 11).
5. La richiesta fu assegnata alla Seconda Sezione della Corte (l’articolo 52 § 1 dell’ordinamento). All'interno di quella Sezione, la Camera che avrebbe preso in considerazione la causa (l'Articolo 27 § 1 della Convenzione) fu costituita come previsto dall’articolo 26 § 1 dell’ordinamento.
6. Con una decisione del 3 febbraio 2000, la Corte dichiarò la richiesta parzialmente ammissibile.
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
7. Con le sentenze numero 495 del 31 dicembre 1993 e 240 del 10 giugno 1994 la Corte Costituzionale stabilì che lo Stato dovrebbe rimborsare parte delle tasse pagate impropriamente da certe categorie di pensionati sulle loro pensioni di vecchiaia.
8. Non avendo avuto luogo immediatamente l’implementazione di queste sentenze attraverso misure legislative, un numero di pensionati che rientrano all'interno di queste categorie istituì procedimenti contro lo Stato di fronte alle corti della Magistratura italiana cercando di ottenere il rimborso in oggetto. Il richiedente agì in qualità di avvocato per cinquanta-tre di tali pensionati. In alcune cause richiese un versamento diretto dei suoi onorari, costi e spese.
9. Con le sentenze Numero. 3295 del 22 novembre 1995 , 3491 del 4 dicembre1995 , 3501 del 4 dicembre 1995 , 3504 del 4 dicembre 1995, 3505 del 4 dicembre 1995, 3506 del 4 dicembre 1995 ,3510 del 4 dicembre 1995 , 681 del 5 febbraio 1996 e 1898 del 27 marzo 1996, il Magistrato di Trani trovò il favore dei ricorrenti pagò direttamente al richiedente gli onorari i costi e le spese. La somma totale degli onorari pagato in relazione a queste sentenze era 12,900,000 ITL.
10. Il 28 marzo 1996 il Presidente della Repubblica passò il Decreto Legge N.ro 166 il cui scopo era l’applicazione delle sentenze della Corte Costituzionale, con le quali si decise che lo Stato avrebbe rimborsato le somme ai pensionati attinenti dovute tramite la distribuzione di obbligazioni Statali in un periodo di sei anni.
11. Il paragrafo 3 della Sezione 1 di questo Decreto Legge conclusero tutti i procedimenti pendenti riguardo al rimborso in oggetto e fece in modo che le spese processuali sarebbero considerate come compensazione tra le parti. Inoltre prevedeva che le decisioni giudiziarie che, nel giorno dell’entrata in vigore del decreto, non erano ancora divenute definitive non avrebbero prodotto effetti legali.
12. Le sentenze elencate nel paragrafo 9 sopra, non essendo divenute definitive, furono private così di tutti gli effetti legali. Gli altri procedimenti che ancora erano pendenti furono estinti e le spese processuali pareggiate ex il lege.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
13. Sotto la Sezione 91 del codice di procedura civile, la parte che non ha successo nei procedimenti sopporta tutte le spese processuali, incluso gli onorari dell'avvocato costi e spese incorsi in per l’altra parte o altre parti.
14. Sotto la Sezioni 92, il giudice può controbilanciare le spese processuali tra le parti quando nessuno ha avuto successo o quando c'è qualche altro giusto motivo (“altri giusti motivi”).
15. Sotto la Sezione 93 del codice di procedura civile, un avvocato il cui cliente è carente di mezzi economici può dichiarare di avere anticipato i costi e le spese dei procedimenti in favore del suo cliente e di non essere stato pagato per i suoi onorari (l'onorario), e può richiedere di conseguenza che, se il suo cliente avrà successo acquisirà il diritto esposto alla Sezione 91 di essere rimborsato delle spese processuali, la Corte pagherà direttamente all'avvocato (distrazione delle spese) (vedere, per esempio, Cassazione Civile, sentenza N.ro 670 di 30.03.62). La Sezione 93 concede così una protezione speciale all'avvocato che entra in una relazione diretta con la parte opposta ed ottiene un titolo autonomo. Può agire di conseguenza autonomamente contro la parte perdente per recuperare i suoi onorari, costi e spese. Il diritto dell'avvocato di chiedere i suoi onorari dal suo cliente, comunque persiste (vedere, per esempio, Cassazione Civile, sentenze N.ro 5467 del 13.05.93 e N.ro 865 del 12.02.82).
16. Legge Sentenza N.ro 166/1996 non fu mai convertita in una Legge, ma i suoi effetti furono mantenuti dalla Sezione 1 § 6 della Legge N.ro 608 del 20 novembre 1996.
17. La questione della compatibilità del Paragrafo 3 della Sezione 1 del Decreto Legge N.ro 166/1996 con gli Articoli 1 § 1 (riconoscimento dell'importanza del lavoro), 4 e 35 (protezione del diritto al lavoro), e 36 (diritto al pagamento per il lavoro di qualcuno) della Costituzione italiana fu sollevata di fronte alla Corte Costituzionale dal Magistrato di Brescia il 1 aprile e il 23 aprile 1996. Con una decisione (N.ro 165) del 29 aprile 1999, la Corte Costituzionale assegnò di nuovo la questione di fronte al Magistrato di Brescia, e cercando che lui l'esaminasse di nuovo alla luce della successiva Legge N.ro 448 23 del dicembre 1998 (che reiterò inter alia che le decisioni giudiziarie che, nel giorno dell’entrata in vigore del Decreto Legge, non erano divenute ancora definitive non avrebbero prodotto effetti legali).
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DALL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 DELLA CONVENZIONE
18. Il richiedente si lagna che fu privato del suo diritto al pagamento dei suoi onorari, costi e spese in collegamento coi procedimenti terminati dal Decreto Legge N.ro 166/96. Invoca l’Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione che prevede:
“Ogni persona fisica o giuridica hanno diritto al tranquillo godimento delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e nelle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, i provvedimenti precedenti non possono in alcun modo danneggiare il diritto di un Stato per rafforzare tali leggi come ritiene necessario per controllare l'utilizzazione della proprietà in concordanza con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o altri contributi o sanzioni.”
19. La rimostranza del richiedente solleva problemi che sono differenti se ha richiesto o meno , nei procedimenti nei quali fu coinvolto nella data dell’entrata in vigore del Decreto Legge , il pagamento diretto dei suoi onorari. La Corte esaminerà separatamente le situazioni diverse.
A. DENUNCE NELLE QUALI IL RICHIEDENTE AVEVA RICHIESTO IL PAGAMENTO DIRETTO DEI SUOI ONORARI
1. SE VI ERA UNA PROPRIETA’
20. La Corte ritiene che il reddito futuro costituisce una “proprietà” all'interno del significato dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 solamente se è stato guadagnato o se esiste un credito esigibile (vedere Eur. Comm. HR, no. 19819/92, dec. 5/7/94, D. R. 78, p. 88).
A) PROCESSI CHE SONO FINITI ALLA PRIMA ISTANZA ED NEI QUALI IL RICHIEDENTE AVEVA OTTENUTO REGOLAMENTI A SUO FAVORE
21. Nei processi che finirono delle sentenze elencate nel paragrafo 9 sopra , il magistrato aveva dato direttamente onorari e spese processuali al richiedente, per una somma globale di approssimativamente 13,000,000 lire italiane. Il richiedente aveva “guadagnato” questa somma secondo le regolamentazioni esistenti sugli onorari degli avocati , così da costituire “la proprietà” all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere, mutatis mutandis, Eur. Comm. H.R., N.ro 8410/78, dec. 13.12.79, D.R. 18, pp. 216, 219). Il Governo lo concede a contrario nelle sueosservazioni (vedere paragrafo 23 sotto).
B) PROCESSICHE ERANO ANCORA PENDENTI
22. Il richiedente dibatte che lo Stato interferì con la fruizione della “sua proprietà”, perché stava agendo nei procedimenti su conto dei sui suoi clienti ed aveva richiesto nel caso di successo le spese legali fossero pagate direttamente a lui; che lo Stato avrebbe perso nei procedimenti era indubbio il che è confermato dal fatto che lo Stato emise il Decreto Legge emessa numero 166/96: secondo la normativa applicabile e la giurisprudenza, perciò lei avrebbe diritto a chiedere il pagamento dei suoi onorari allo Stato.
23. Il Governo dibatte che non vi era alcuna “proprietà” all'interno del significato dellì Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, dato che nessuna sentenza che concedeva spese processuali non era stata ancora pubblicata. Nella sua opinione il richiedente non può chiedere di conseguenza, di essere una vittima di questo provvedimento.
24. La corte nota che sotto le regolamentazioni esistenti sugli onorari degli avvocati , il cliente di un avvocato è responsabile per gli onorari per ogni atto eseguito dall'avvocato a suo conto. Nle momento in cui fu emanato il Decreto Legge numero. 166/96, il richiedente aveva eseguito un numero di atti in favore dei suoi clienti nei vari set di procedimenti, e perciò aveva una richiesta per i suoi onorari nei confronti dei suoi clienti. Aveva così un “una proprietà” all'interno del significato di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 (vedere, mutatis mutandis, Eur. Comm. H. R., N.ro 8410/78, dec. 13.12.79, D.R. 18, pp. 216, 219).
2. LA REGOLA APPLICABILE
25. Sotto la giurisprudenza della Corte, l’Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 che garantisce in sostanza il diritto di proprietà, comprende tre regole distinte (vedere la sentenza James ed Altri c. Regno Unito del 21 febbraio 1986, Serie A no. 98, pp. 29-30, § 37). La prima che è espresso nella prima frase del primo paragrafo e è di una natura generale, fonda il principio di fruizione pacata di proprietà. La seconda regola, nella seconda frase dello stesso paragrafo copre la privazione della proprietà e la rende soggetta a certe condizioni. La terza, contenuta nel secondo paragrafo riconosce che gli Stati Che contraenti sono liberi , fra le altre cose,di controllare l'utilizzazione della proprietà in concordanza con l'interesse generale. La seconda e terza regola concernenticoi particolari esempi di interferenza col diritto alla fruizione pacata di proprietà devono essere costruite ala luce del principio generale fondato nella prima regola (Immobiliare Saffi c. l'Italia [GC], N.ro 22774/93, § 44 il 1999-V di ECHR).
26. Nella presente causa, riguardo i procedimenti che erano già finiti alla prima istanza, per applicazione del paragrafo 3 della Sezione 1 del Decreto Legge N.ro 166 del 1996 le sentenze elencate nel paragrafo 9 sopra che non era ancora divenute definitive e applicabili, furono private dei loro effetti legali (vedere paragrafi 11 fine e 12 sopra); riguardo i procedimenti che ancora erano pendenti, le spese processuali ed onorari furono considerati come compensazione tra le parti (vedere paragrafo 11 sopra). Ciononostante, il diritto del richiedente di chiedere i suoi onorari legali e costi dai suoi clienti persisteva (vedere paragrafo 15 sopra di in fine): il richiedente perse solamente il suo diritto sotto la Sezione 93 del Codice di Procedura Civile per chiedere direttamente quelle somme allo Stato (vedere paragrafo 15 sopra).
27. Alla luce di ciò che precede, la Corte prende il punto di vista che la privazione di effetti legali e le compensazioni in oggetto non equivalgono ad una privazione di proprietà all'interno del significato della seconda frase del primo paragrafo, ma piuttosto ad un'interferenza col diritto del richiedente alla fruizione pacata delle sue proprietà nell significato della prima frase del primo paragrafo dell’ Articolo 1.
3. SE L'INTERFERENZA FU GIUSTIFICATA
A) SCOPO DELL'INTERFERENZA
28. Il Governo non ha indicato quale scopo aveva perseguito mettendo in vigore il Paragrafo 3 della Sezione 1 del Decreto Legge in oggetto. La Corte può raccogliere comunque dagli elementi della causa che lo scopo della compensazione delle spese processuali era proteggere la borsa pubblica dalla spesa attinente. La Corte è soddisfatta che l'interferenza in questione era “nell'interesse pubblico” all'interno del significato dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
B) LA PROPORZIONALITÀ DELL'INTERFERENZA
29. Il Governo sostiene che la perdita di guadagni della quale il richiedente ha sofferto è la conseguenza della sua propria libera scelta di non chiedere i suoi onorari ai suoi clienti.
30. Il richiedente dibatte che tale richiesta, dopo essersi accordato coi suoi clienti che non avrebbe cercato pagamento da loro ma avrebbe cercato il pagamento diretto dei suoi onorari, sarebbe stato contrario alla sua etica professionale. Inoltre, questi clienti erano di mezzi limitati, e loro non sarebbero probabilmente stati nella posizione di pagare.
31La Corte rileva che un'interferenza coi diritti di un individuo sotto l’Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 deve mantenere un “giusto equilibrio” tra i reclami dell'interesse generale ed i requisiti della protezione dei diritti essenziali dell'individuo (vedere Beyeler c. l'Italia [GC], N.ro 33202/96, § 107 ECHR 2000 -). Ci deve essere una relazione ragionevole della proporzionalità tra i mezzi assunti e lo scopo perseguito.
32. Nella presente causa, l'interferenza consistette nello spogliare il richiedente della possibilità sotto la Sezione 93 del Codice di Procedura Civile di cercare direttamente il pagamento delle sue spese processuali ed onorari dallo Stato piuttosto che dai suoi clienti che erano di mezzi limitati e avevano concordato con lui che, in caso di successo, loro non avrebbero dovuto sopportare nessuna spesa processuale. Il richiedente aveva ottenuto un numero di giudizi a suo favore che lei non poteva applicare; inoltre, non percepì spese processuali negli altri procedimenti pendenti, nonostante il fatto che avesse un’aspettativa legittima che il magistrato glieli avrebbe versati direttamente.
33. Di conseguenza, il richiedente si sarebbe visto forzato a trascurare l'accordo coi suoi clienti ed aveva cercato di ottenere il pagamento dei suoi onorari da loro. Inoltre, il recupero degli onorari da individui di mezzi limitati rischierebbe di essere più difficile e lungo di quanto sarebbe stato con lo Stato.
34. La Corte non trova la scelta del richiedente di non cercare il pagamento dei suoi onorari ai suoi clienti irragionevole o arbitraria. Considera perciò che il paragrafo 3 della Sezione 1 del Decreto di Legge N.ro 166/1996 ha imposto un carico eccessivo sul richiedente e ha sconvolto di conseguenza, al suo pregiudizio, l’equilibrio che deve essere mantenuto tra la protezione del diritto alla fruizione pacata delle proprietà dell’individuo ed i requisiti dell'interesse pubblico.
C'è stata di conseguenza, un'infrazione dell’ Articolo 1 di Protocollo No.1 alla Convenzione.
B. DENUNCE NELLE QUALI IL RICHIEDENTE NON AVEVA RICHIESTO IL PAGAMENTO DIRETTO DEI SUOI ONORARI
1. SE VI ERA UNA “PROPRIETA” ED UN’INGERENZA CON ESSA
35. Nella prospettiva della Corte, nella misura in cui il richiedente aveva già guadagnato certi onorari nell’ambito delle attività eseguite in relazione a questi procedimenti, aveva una “proprietà” all'interno del significato dell’Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. Comunque, nulla impediva al richiedente di chiedere quegli onorari ai suoi clienti irrispettoso della conclusione dei procedimenti. Nessuna relazione diretta tra il richiedente e lo Stato o non è stata cercata tramite una richiesta sotto la Sezione 93, o stabilita. La conclusione dei procedimenti non colpì così il diritto del richiedente di chiedere i suoi onorari relativi alle attività portate avanti fino ad allora ai suoi clienti, così che il Decreto Legge N.ro 166/96 non era un’ “ingerenza” nei confronti della proprietà del richiedente.
36. Non c'è stata di conseguenza, nessuna infrazione dell’ Articolo 1 di Protocollo No.1 della Convenzione a questo proposito.
IV. LA RICHIESTA DELL’ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
37. articolo 41 della convenzione prevede:
“Se Corte scopre che c'è stata una violazione della Convenzione o dei suoi Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Che contraente in questione permette di ripararla solamente in modo parziale, la Corte può, se necessario, concedere una soddisfazione equa alla vittima.”
38. La Corte rileva che sotto l?articolo 60 dell’ordinamento, ogni richiesta per una soddisfazione equa deve essere particolareggiata, e deve essere presentata per iscritto insieme con gli attinenti documenti di supporto o ricevute, “in mancanza di ciò la Camera può rifiutare la richiesta per intero o in parte.”
39. Nella presente causa, l’8 febbraio 2000, dopo che la richiesta era stata dichiarata parzialmente ammissibile, il richiedente fu invitato dalla Cancelleria a presentare le sue richieste di soddisfazione equa; il richiedente che nel modulo di richiesta aveva espresso la sua intenzione di cercare un premio per soddisfazione equa in un secondo stadio del procedimento, non presentò mai nessuna di tali richieste. Né cercò rimborso delle spese processuali per i procedimenti di fronte alla Corte.
40. In queste circostanze, la Corte considera, che il ritrovamento di una violazione costituisce in se stesso un indennizzo sufficiente per ogni danno non-pecuniario sofferto dal richiedente. Essedo così, la Corte ritiene che non sia appropriato concedere alcun premio sotto l’Articolo 41 (vedere Apeh Üldözötteinek Szövetsége, Iványi Róth e Szerdahelyi c. l'Ungheria, N.ro 32367/96, § 47 ECHR 2000 -).
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE UNANIMAMENTE
Stabilisce che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
Fatto in inglese e notificato per iscritto il 19 ottobre 2000, seguendo l’articolo 77 §§ 2 e 3 dell’ordinamento.
Erik Fribergh Christos Rozakis Archivista President
AMBRUOSI V. ITALIA SENTENZA

AMBRUOSI V. ITALIA SENTENZA

AMBRUOSI V. ITALIA SENTENZA



DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 07/10/2020.