Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF SCHEMBRI AND OTHERS v. MALTA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41

NUMERO: 42583/06/2010
STATO: Malta
DATA: 28/09/2010
ORGANO: Sezione Quarta


TESTO ORIGINALE

Conclusion Pecuniary damage - award ; Non-pecuniary damage - award
FOURTH SECTION
CASE OF SCHEMBRI AND OTHERS v. MALTA
(Application no. 42583/06)
JUDGMENT
(Just satisfaction)
STRASBOURG
28 September 2010
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Schembri and Others v. Malta,
The European Court of Human Rights (Fourth Section), sitting as a Chamber composed of:
Nicolas Bratza, President,
Lech Garlicki,
Giovanni Bonello,
Ljiljana Mijović,
David Thór Björgvinsson,
Ledi Bianku,
Mihai Poalelungi, judges,
and Fatoş Aracı, Deputy Section Registrar,
Having deliberated in private on 7 September 2010,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 42583/06) against Malta lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by OMISSIS (“the applicants”), all Maltese nationals, on 4 October 2006.
2. In a judgment delivered on 10 November 2009 (“the principal judgment”), the Court found a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention. It held that by awarding compensation for the taking of property reflecting values applicable decades before and deferring the payment of such for at least twenty years, that is, until the date of the relevant decision, which did not take into account this delay, the national authorities rendered that compensation inadequate and, consequently, upset the balance between the protection of the right to property and the requirements of the general interest (Schembri and Others v. Malta, no. 42583/06, § 45, 10 November 2009).
3. Under Article 41 of the Convention the applicants sought just satisfaction amounting to 2,200,000 euros (EUR), namely, the value of the property in 2008 according to an architect's valuation whereby the property was estimated to be worth EUR 1,100 per square metre, in respect of pecuniary damage and EUR 50,000 in respect of non-pecuniary damage, plus costs and expenses.
4. Since the question of the application of Article 41 of the Convention was not ready for decision, the Court reserved it and invited the Government and the applicants to submit, within three months from the date on which the judgment became final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, their written observations on that issue and, in particular, to notify the Court of any agreement they might reach (ibid., § 57 and point 3 (a) and (b) of the operative provisions).
5. The applicant and the Government each filed observations.
THE LAW
6. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Pecuniary Damage
1. The parties' submissions
7. The applicants claimed compensation based on the current value of the land, namely, EUR 2,641,320 as established by an architect's valuation (based on the advertisements of a private real estate agency) dated 5 January 2010. They submitted that bearing in mind the lapse of time between the dispossession and the judgment of the Court, and the fact that during this time the Government have been using the property without legal title (since the de jure transfer has not yet taken place) compensation should be calculated on the basis of the current value of the property in line with the approach of the Court in other cases (see Serghides and Christoforou v. Cyprus (just satisfaction), no. 44730/98, § 27, 12 June 2003; Papamichalopoulos and Others v. Greece (Article 50), 31 October 1995, §§ 37 and 39, Series A no. 330-B; and Former King of Greece and Others v. Greece [GC] (just satisfaction), no. 25701/94, § 76, 28 November 2002). They contended that in order to ensure adequate compensation, the date of the valuation of the property had to be as close as possible to the date of payment of compensation (Guillemin v. France (Article 50), 2 September 1998, §§ 23-24, Reports of Judgments and Decisions 1998-VI).
8. The damage had to be assessed on the basis of the estimates provided by the expert valuations (EUR 1,320 per square metre) and the information furnished by the architects, bearing in mind the size of the land and its location. The land, which borders a major arterial road, had a total area of approximately 2001 square metres and was subdivided into two main plots. It forms part of the Schemed development of the village of Ghaxaq and has now been divided into fourteen separate plots. The applicants submitted commercial valuations showing the price of similarly situated land in a nearby village, which varied from EUR 1,281 to EUR 1,812 per square metre.
9. They further submitted that as a result of the authorities' taking of the land and the delay in payment, they had been compelled to take out bank loans subject to the payment of interest in order to acquire other property to build their residences.
10. The Government submitted that the value which had to be considered as the basis for the calculation was the value of the land at the time of its taking as established by the Land Arbitration Board (“LAB”), namely EUR 17,185. Unlike in the cases of Papamichalopoulos and Others v. Greece (24 June 1993, Series A no. 260-B), Belvedere Alberghiera S.r.l. v. Italy (no. 31524/96, ECHR 2000-VI) and Carbonara and Ventura v. Italy, no. 24638/94, ECHR 2000-VI) the Government's de facto taking of the property had not been unlawful. The measure of taking over the land while determination of the value was still pending was expressly provided for by law. In consequence, the only value to be taken into consideration was that of 1974 when the land at issue was agricultural land. The area only started to develop into an urban one subsequently, by means of the Government's construction of a housing estate. Moreover, any other evaluations submitted by the applicants have never been put to any form of judicial determination and did not make reference to the date of the taking of the property. Moreover, they were speculative and based on prices which land with the most beneficial building permits could fetch in a “seller's market” situation.
11. The Government further submitted information following the Court's finding that it was unable to establish responsibility for the lack of payment after 1995 (principal judgment § 56). They contended that in 1995 the LAB had fixed the publication of the deed of transfer for 22 January 1996. However, this had had to be postponed due to the applicants' appeal, which was eventually declared null and void as there was no right of appeal in such cases. In its judgment the Court of Appeal fixed the date for the publication of the deed of transfer for 22 September 1997. The applicants, however, failed to turn up on the specified date and on 18 May 1998 they filed constitutional proceedings, pending which the deed was never concluded. The Government submitted that the conclusion of the deed would not have entailed a renunciation of the applicants' rights before the constitutional jurisdictions, and in consequence the Government could not be held responsible for the failure to conclude the deed from 1995 onwards.
12. In order to conclude the matter and establish legal title the Government were willing to pay the sum of EUR 58,457. They submitted that this sum reflected the value of the land, progressively adjusted for inflation on a year by year basis from 1974 to 2009, plus interest at the statutory rate of five per cent per annum on the value as adjusted year by year during the said period.
2. The Court's assessment
13. In reply to the parties' observations, the Court finds it opportune to refer to its case-law on matters of expropriation. It reiterates that in the case of Papamichalopoulos and Others it found a violation on account of a de facto illegal expropriation which had lasted for more than twenty-five years. The Court accordingly ordered the Greek State to pay the applicants, for damage and loss of enjoyment since the authorities had taken possession of the land, an amount corresponding to the current value of the land, increased by the appreciation brought about by the existence of buildings which had been erected since the land had been occupied. This case-law was consolidated and followed in cases concerning unlawful dispossession, particularly the judgments Belvedere Alberghiera S.r.l. v. Italy ((just satisfaction), no. 31524/96, 30 October 2003) and Carbonara and Ventura v. Italy ((just satisfaction), no. 24638/94, 11 December 2003) until a new method of calculation of damage was explored by the Grand Chamber in Guiso-Gallisay v. Italy ((just satisfaction) [GC], no. 58858/00, 22 December 2009). In the latter case the Grand Chamber considered that compensation for unlawful expropriation was due according to the market value of the land at the date when the applicants lost their right of ownership. Once the amount obtained at domestic level was deducted, and the difference with the market value of the land when the applicants lost ownership was obtained, that amount was to be converted to the current value to offset the effects of inflation. Moreover, simple statutory interest (applied to the capital progressively adjusted) was to be paid on this amount so as to offset, at least in part, the long period for which the applicants had been deprived of the land. It further had to assess the loss of opportunities sustained by the applicants following the expropriation by having regard to the damage occasioned by the unavailability of the land during the period from the beginning of the lawful occupation until the date of loss of ownership. Thus, the Grand Chamber adopted, for unlawful expropriations, the same method of calculation used in lawful expropriations (see Scordino v. Italy ((no. 1) ([GC], no. 36813/97, §§ 250-254, ECHR 2006-V) but added to the non-pecuniary assessment the amount of damage arising from loss of opportunities.
14. The Court notes that, as held in its principal judgment, the dispossession of the applicants' land in the present case was not unlawful (see Schembri and Others v. Malta, no. 42583/06, § 31, 10 November 2009). Thus, in the present case it is the lack of adequate compensation and not the inherent unlawfulness of the taking of the land that was at the origin of the violation found under Article 1 of Protocol No. 1. Accordingly, the compensation need not necessarily reflect the full value of the property (see Former King of Greece and Others v. Greece [GC] (just satisfaction), no. 25701/94, § 78, 28 November 2002, and Yagtzilar and Others v. Greece (just satisfaction), no. 41727/98, § 25, 15 January 2004).
15. In such cases, in determining the amount of adequate compensation, the Court must base itself on the criteria laid down in its judgments regarding Article 1 of Protocol No. 1 and according to which, without payment of an amount reasonably related to its value, a deprivation of property would normally constitute a disproportionate interference which could not be considered justifiable under Article 1 of Protocol No. 1 (see James and Others v. the United Kingdom judgment of 21 February 1986, Series A no. 98, § 54) and a total lack of compensation could be considered justifiable only in exceptional circumstances. The provision did not, however, guarantee a right to full compensation in all circumstances since legitimate objectives of “public interest” may call for less than reimbursement of the full market value (see The Holy Monasteries v. Greece, 9 December 1994, § 71, Series A no. 301-A; and Jahn and Others v. Germany [GC], nos. 46720/99, 72203/01 and 72552/01, § 94, ECHR 2005-VI).
16. However, in the principal judgment the Court held that the taking in the present case did not pursue any pressing public interest objective capable of justifying reimbursement of less than the market value (§ 40). It further held that the compensation as established by Maltese law, amounting to a sum equal to the price of the land at the time when the declaration had been served, namely 1974, plus interest at 5 % was not sufficient to offset the failure to pay compensation to that date (§ 42).
17. In this light and bearing in mind recent case-law which has, in the ambit of non-pecuniary damage, diminished the distinction between lawful and unlawful expropriations, the Court considers that notwithstanding the hybrid nature of the taking, the non-pecuniary damage in the circumstances of the present case falls to be assessed according to the constant jurisprudence for lawful expropriations. However, since according to the Maltese legal context, the applicants have to date not lost ownership of the property, the Court considers it appropriate to base itself on the value of the land when the applicants first lost “possession”. Thus, in the present case, the starting point of the calculation is the market value of the land at the time of the taking in 1974 (as established by the LAB). Moreover, observing that the Government have not substantiated their argument that the applicants would not have prejudiced any future claims had they accepted the compensation awarded in 1995, the Court considers that this further delay must also be taken into account.
18. Accordingly, the sum to be awarded to the applicants should be calculated on the basis of the value of the land at the time of the taking, to be converted to the current value to offset the effects of inflation, plus simple statutory interest applied to the capital progressively adjusted. As in the present case the applicants have not yet received any payment at the national level, no such deductions are necessary. While the Court accepts the average statutory rate to be 5 % over the relevant period, it does not accept the Government's calculation of interest.
19. Having regard to those factors, and ruling on an equitable basis, the Court considers it reasonable to award the applicants, jointly, EUR 93,000 plus any tax that may be chargeable on that amount.
B. Non-pecuniary damage
20. The applicants claimed EUR 6,000 each in respect of non-pecuniary damage.
21. The Government submitted that the applicants would already be appropriately compensated by the payment of the revised amount, and in any case any award in respect of non-pecuniary damage should not exceed the amount of EUR 1,000.
22. The Court considers that the applicants must have experienced frustration and stress having regard to the nature of the breach. It therefore awards the applicants EUR 2,500, each, in respect of non-pecuniary damage.
C. Costs and expenses
23. The applicants claimed a total of EUR 6,095 for costs and expenses incurred before the domestic courts and this Court, covering legal fees of two solicitors (EUR 4,295) and an outstanding bill of EUR 1,800. The applicants also attached a taxed bill of costs before the domestic courts amounting to EUR 3,640, although they have not made any specific claim in that connection.
24. The Government submitted that the applicants still had an outstanding debt of EUR 3,275.14 in respect of costs they were ordered to pay in the domestic proceedings but which they had not paid; they thus considered that this sum should be deducted from the costs claimed.
25. According to the Court's case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum. In the present case the Court notes that it has found a violation only in respect of Article 1 of Protocol No. 1 and has rejected the complaint under Article 6. Regard being had to the information in its possession and the above criteria, notably, the fact that the applicant did not submit any evidence substantiating the outstanding lawyer's bill and the absence of details as to the number of hours worked and the rate charged per hour, and noting that the domestic court expenses, which have not been explicitly claimed by the applicants, remain due to the Government, the Court considers it reasonable to award the sum of EUR 6,000 covering costs under all heads.
D. Default interest
26. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicants within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention,
(i) EUR 93,000 (ninety-three thousand euros), jointly, in respect of pecuniary damage;
(ii) EUR 2,500 (two thousand five hundred euros), each, plus any tax that may be chargeable, in respect of non-pecuniary damage;
(iii) EUR 6,000 (six thousand euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of costs and expenses;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
2. Dismisses the remainder of the applicants' claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 28 September 2010, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Fatoş Aracı Nicolas Bratza
Deputy Registrar President


TESTO TRADOTTO

Conclusione Danno patrimoniale - assegnazione; danno Non -patrimoniale - assegnazione
QUARTA SEZIONE
CAUSA SCHEMBRI ED ALTRI C. MALTA
(Richiesta n. 42583/06)
SENTENZA
(Soddisfazione equa)
STRASBOURG
28 settembre 2010
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Schembri ed Altri c. Malta,
La Corte europea dei Diritti umani (quarta Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Nicolas Bratza, Presidente, Lech Garlicki il Giovanni Bonello, Ljiljana Mijović, David Thór Björgvinsson, Ledi Bianku, Mihai Poalelungi, giudici,
e Fatoş Aracı, Cancelliere di Sezione Aggiunto,
Avendo deliberato in privato il 7 settembre 2010,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 42583/06) contro Malta depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da OMISSIS (“i richiedenti”), tutti i cittadini maltesi, 4 ottobre 2006.
2. In una sentenza consegnata il 10 novembre 2009 (“la sentenza principale”), la Corte trovò una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione. Sostenne che assegnando il risarcimento per la presa di proprietà che rifletteva i valori applicabili decadi prima e posticipando il pagamento di questi per almeno venti anni cioè sino alla data della decisione attinente che non prese in considerazione questo ritardo le autorità nazionali resero questo risarcimento inadeguato e, di conseguenza, hanno sconvolto l'equilibrio fra la protezione del diritto alla proprietà ed i requisiti dell'interesse generale (Schembri ed Altri c. Malta, n. 42583/06, § 45 10 novembre 2009).
3. Sotto l’Articolo 41 della Convenzione i richiedenti chiesero soddisfazione equa corrispondente a 2,200,000 euro (EUR), vale a dire, il valore della proprietà nel 2008 secondo la valutazione di un architetto da cui la proprietà fu valutata valere EUR 1,100 al metro quadrato, a riguardo del danno patrimoniale ed EUR 50,000 a riguardo del danno non-patrimoniale più costi e spese.
4. Poiché la questione dell’applicazione dell’ Articolo 41 della Convenzione non era pronta per una decisione, la Corte la riservò ed invitò il Governo ed i richiedenti a presentare, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza divenne definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione le loro osservazioni scritte su questo problema e, in particolare, notificare alla Corte qualsiasi accordo era probabile sarebbero giunti (ibid., § 57 e punto 3 (a) e (b) delle disposizioni operative).
5. Il richiedente ed il Governo entrambi registrarono osservazioni.
LA LEGGE
6. Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno Patrimoniale
1. Le osservazioni delle parti
7. I richiedenti chiesero risarcimento basato sul valore corrente della terra, vale a dire EUR 2,641,320 come stabilito dalla valutazione di un architetto (basata sugli annunci pubblicitari di un'agenzia privata di beni immobili) datata 5 gennaio 2010. Loro presentarono che tenendo presente il tempo trascorso fra l'espropriazione e la sentenza della Corte, ed il fatto che durante questo tempo il Governo utilizzava la proprietà senza titolo legale (poiché il trasferimento de jure non ha avuto ancora luogo) il risarcimento dovrebbe essere calcolato sulla base del valore corrente della proprietà in linea con l'approccio della Corte nelle altre cause (vedere Serghides e Christoforou c. Cipro (soddisfazione equa), n. 44730/98, § 27 del 12 giugno 2003; Papamichalopoulos ed Altri c. la Grecia (Articolo 50), 31 ottobre 1995, §§ 37 e 39, Serie A n. 330-B; e Re Precedente di Grecia ed Altri c. Grecia [GC] (soddisfazione equa), n. 25701/94, § 76 28 novembre 2002). Loro contesero che per assicurare il risarcimento adeguato la data della valutazione della proprietà doveva essere il più vicino possibile alla data di pagamento del risarcimento (Guillemin c. Francia (Articolo 50), 2 settembre 1998, §§ 23-24 Relazioni di Sentenze e Decisioni 1998-VI).
8. Il danno doveva essere valutato sulla base delle stime previste dalle valutazioni competenti (EUR 1,320 al metro quadrato) e le informazioni fornite dagli architetti, tenendo presente la taglia del terreno e la sua ubicazione. La terra che confina con una arteria stradale principale aveva un'area totale di approssimativamente 2001 metri quadrati ed era suddivisa in due aree principali. Forma parte dello schema di sviluppo del villaggio di Ghaxaq ed ora è stata divisa in quattordici aree separate. I richiedenti presentarono valutazioni commerciali che mostrano il prezzo di terre similmente situate in un villaggio vicino che variano da EUR 1,281 ad EUR 1,812 al metro quadrato.
9. Loro presentarono inoltre che come un risultato della presa delle autorità della terra ed il ritardo nel pagamento, loro erano stati obbligati per prendere prestiti bancari soggetti al pagamento di interesse per acquisire l'altra proprietà per costruire le loro residenze.
10. Il Governo presentò che il valore che doveva essere considerato come base per il calcolo era il valore della terra al tempo della sua presa come stabilito dal Consiglio dell'Arbitrato della Terra (“il LAB”), vale a dire EUR 17,185. Diversamente dalle cause Papamichalopoulos ed Altri c. Grecia (24 giugno 1993, Serie A n. 260-B), Belvedere Alberghiera S.r.l. c. Italia (n. 31524/96, ECHR 2000-VI) e Carbonara e Ventura c. Italia, n. 24638/94, ECHR 2000-VI) la presa de facto del Governo della proprietà non era stata illegale. La misura di prendere la terra mentre la determinazione del valore era ancora pendente era previsto espressamente dalla legge. Di conseguenza, il solo valore da essere preso in esame era, quello del 1974 quando la terra in questione era terra agricola. L'area incominciò a svilupparsi in un urbana solamente successivamente, per mezzo della costruzione del Governo di un immobile sull’ appezzamento di terreno. Inoltre qualsiasi altra valutazione presentata dai richiedenti non è mai stata portata a nessuna forma di determinazione giudiziale e non hanno fatto riferimento alla data della presa della proprietà. Inoltre, erano speculative e basate su prezzi che coincidevano con i permessi di costruzione più vantaggiosi che si sarebbero potuti recuperare in una situazione “di mercato di vendita” .
11. Il Governo presentò inoltre informazioni in seguito alla costatazione della Corte che non era capace di stabilire la responsabilità per la mancanza di pagamento dopo il 1995 (sentenza principale § 56). Sostenne che nel 1995 il LAB aveva fissato la pubblicazione dell'atto di trasferimento al 22 gennaio 1996. Questo aveva dovuto comunque, essere posticipato a causa del ricorso dei richiedenti che fu dichiarato infine privo di valore legale siccome non vi era diritto di appello in simili cause. Nella sua sentenza la Corte d'appello fissò la data per la pubblicazione dell'atto di trasferimento al 22 settembre 1997. Comunque, i richiedenti non riuscirono a presentarsi in quella specifica data ed il 18 maggio 1998 introdussero procedimenti costituzionali, premesso che non fu mai concluso l'atto. Il Governo presentò che la conclusione dell'atto non avrebbe comportato una rinuncia dei diritti dei richiedenti di fronte alle giurisdizioni costituzionali, e di conseguenza il Governo non poteva essere ritenuto responsabile per l'insuccesso della conclusione dell'atto dal 1995 in avanti.
12. Per concludere la questione e stabilire il titolo legale il Governo era disposto a pagare la somma di EUR 58,457. Presentò che questa somma rifletteva il valore della terra, aggiustato progressivamente per l'inflazione su base annuale dal 1974 al 2009 più interesse al tasso legale del cinque per cento all'anno sul valore come aggiustato anno per anno durante il detto periodo.
2. La valutazione della Corte
13. In replica alle osservazioni delle parti, la Corte trova opportuno riferirsi alla sua giurisprudenza sulle questioni dell'espropriazione. Reitera che nella causa Papamichalopoulos ed Altri trovò una violazione a causa di un'espropriazione illegale e de facto che durava da più di venticinque anni. La Corte ordinò di conseguenza allo Stato greco di pagare i richiedenti, per danno e perdita di godimento poiché le autorità avevano preso la proprietà della terra, un importo che corrispondeva al valore corrente della terra aumentato dalla valutazione provocata dall'esistenza di edifici che erano stati eretti poiché la terra era stata occupata. Questa giurisprudenza fu consolidata e seguita in cause che concernevano espropriazione illegale, in particolare le sentenze Belvedere Alberghiera S.r.l. c. Italia ((soddisfazione equa), n. 31524/96, 30 ottobre 2003) e Carbonara e Ventura c. Italia ((soddisfazione equa), n. 24638/94, 11 dicembre 2003) finché non fu esplorato un nuovo metodo di calcolo del danno dalla Grande Camera in Guiso-Gallisay c. Italia ((soddisfazione equa) [GC], n. 58858/00, 22 dicembre 2009). In quest’ultima causa la Grande Camera considerò che il risarcimento per l'espropriazione illegale era dovuto secondo il valore di mercato della terra in data in cui i richiedenti persero il loro diritto di proprietà. Una volta dedotto l'importo ottenuto a livello nazionale, e ottenuta la differenza col valore di mercato della terra quando i richiedenti persero proprietà, questo importo sarebbe stato convertito nel valore corrente per compensare gli effetti dell'inflazione. Inoltre, l’interesse semplice legale (applicato al capitale aggiustato progressivamente) sarebbe stato pagato su questo importo così da compensare, almeno in parte il lungo periodo per il quale i richiedenti erano stati privati della terra. Doveva valutare inoltre la perdita delle opportunità subita dai richiedenti a seguito dell'espropriazione avendo riguardo al danno causato dall'indisponibilità della terra durante il periodo dall'inizio dell'occupazione legale sino alla data di perdita di proprietà. Così, la Grande Camera adottò, per le espropriazioni illegali, lo stesso metodo di calcolo usato nelle espropriazioni legali (vedere Scordino c. l'Italia ((n. 1) ([GC], n. 36813/97, §§ 250-254 il 2006-V di ECHR) ma aggiunse alla valutazione non-patrimoniale l'importo del danno che sorgeva dalla perdita delle opportunità.
14. La Corte nota che, come sostenuto nella sua sentenza principale, l'espropriazione della terra dei richiedenti nella presente causa non era illegale (vedere Schembri ed Altri c. Malta, n. 42583/06, § 31 10 novembre 2009). Così, nella presente causa è la mancanza del risarcimento adeguato e non l'illegalità inerente della presa della terra che era all'origine della violazione trovata sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. Il bisogno di risarcimento non necessariamente riflette di conseguenza, il pieno valore della proprietà (vedere Re Precedente di Grecia ed Altri c. Grecia [GC] (soddisfazione equa), n. 25701/94, § 78, 28 novembre 2002, e Yagtzilar ed Altri c. Grecia (soddisfazione equa), n. 41727/98, § 25 del 15 gennaio 2004).
15. In simili casi, nel determinare l'importo del risarcimento adeguato la Corte deve basarsi sul criterio stabilito nelle sue sentenze riguardo all’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 e secondo cui, senza pagamento di un importo ragionevolmente riferito al suo valore, una privazione di proprietà normalmente costituirebbe un'interferenza sproporzionata che non può essere considerata giustificabile sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere sentenza James ed Altri c. Regno Unito del 21 febbraio 1986, Serie A n. 98, § 54) ed una mancanza totale del risarcimento potrebbe essere considerata giustificabile solamente in circostanze eccezionali. Comunque, la disposizione non garantisce un diritto al pieno risarcimento in tutte le circostanze poiché degli obiettivi legittimi di “interesse pubblico” possono richiedere un rimborso inferiore al pieno valore di mercato (vedere I Santi Monasteri c. Grecia, 9 dicembre 1994, § 71 Serie A n. 301-un; e Jahn ed Altri c. la Germania [GC], N. 46720/99, 72203/01 e 72552/01, § 94 ECHR 2005-VI).
16. Nella sentenza principale la Corte sostenne comunque, che la presa nella presente causa non perseguiva alcun pressante obiettivo di interesse pubblico capace di giustificare il rimborso inferiore del valore di mercato (§ 40). Sostenne inoltre che il risarcimento come stabilito dalla legge maltese, corrispondendo ad una somma uguale al prezzo della terra al tempo in cui la dichiarazione era stata notificata, vale a dire 1974, più interesse alle 5% non era sufficiente per compensare l'insuccesso nel pagamento del risarcimento in quella data (§ 42).
17. In questa luce e tenendo presente la recente giurisprudenza che ha, nell'ambito del danno non-patrimoniale diminuito la distinzione fra le espropriazioni legali ed illegali, la Corte considera che nonostante la natura ibrida della presa, il danno non-patrimoniale nelle circostanze della presente causa deve essere valutato secondo la giurisprudenza continua per le espropriazioni legali. Comunque, poiché secondo il contesto legale maltese, i richiedenti devono datare la perdita della proprietà, la Corte considera appropriato basarsi sul valore della terra quando i richiedenti persero per la prima volta “la proprietà.” Così, nella presente causa, il punto iniziale del calcolo è il valore di mercato della terra al tempo della presa nel 1974 (come stabilito dal LAB). Inoltre, osservando che il Governo non ha provato il suo argomento per cui i richiedenti non avrebbero pregiudicato alcuna rivendicazione futura se avessero accettato il risarcimento assegnato nel 1995, la Corte considera che anche questo ulteriore ritardo deve essere preso in considerazione.
18. Di conseguenza, la somma da assegnare ai richiedenti dovrebbe essere calcolata sulla base del valore della terra al tempo della presa, da convertire nel valore corrente per compensare gli effetti dell'inflazione più l’interesse legale semplice applicato al capitale aggiustato progressivamente. Siccome nella presente causa i richiedenti non hanno ricevuto ancora qualsiasi pagamento a livello nazionale, nessuna deduzione di questo tipo è necessaria. Mentre la Corte accetta che il tasso legale medio sia al 5% sul periodo attinente, non accetta il calcolo dell’ interesse del Governo.
19. Avendo riguardo a quei fattori, e decidendo su una base equa, la Corte considera ragionevole assegnare ai richiedenti, congiuntamente EUR 93,000 più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su quell'importo.
B. Danno non -patrimoniale
20. I richiedenti chiesero EUR 6,000 ognuno a riguardo del danno non-patrimoniale.
21. Il Governo presentò che i richiedenti sarebbero già stati compensati propriamente dal pagamento dell'importo riveduto, ed in qualsiasi caso qualsiasi assegnazione a riguardo del danno non-patrimoniale non avrebbe dovuto eccedere l'importo di EUR 1,000.
22. La Corte considera che i richiedenti hanno dovuto sperimentare frustrazione e stress avuto riguardo alla natura della violazione. Assegna ai richiedenti perciò EUR 2,500, ciascuno, a riguardo del danno non-patrimoniale.
C. Costi e spese
23. I richiedenti chiesero un totale di EUR 6,095 per costi e spese incorsi di fronte alle corti nazionali e questa Corte, coprenti le parcelle legali di due procuratori legali (EUR 4,295) ed un conto non pagato di EUR 1,800. I richiedenti allegarono anche una nota spese che furono richiesti di pagare di fronte alle corti nazionali corrispondente ad EUR 3,640, benché loro non hanno fatto la specifica rivendicazione in quel collegamento.
24. Il Governo presentò che i richiedenti ancora avevano una pendenza debitoria di EUR 3,275.14 in riguardo di costi loro furono ordinati per pagare nei procedimenti nazionali ma che loro non avevano pagato; loro considerarono così che questa somma dovrebbe essere dedotta dai costi chiesti.
25. Secondo la giurisprudenza della Corte, ad un richiedente viene concesso il rimborso dei costi e delle spese solamente se si dimostra che questi davvero e necessariamente sono stati incorsi e sono stati ragionevoli riguardo al quantum. Nella causa che la Corte nota che ha trovato solamente una violazione a riguardo dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 e ha respinto l'azione di reclamo sotto l’Articolo 6. Avuto riguardo alle informazioni in suo possesso ed ai criteri sopra, in particolare al fatto che il richiedente non ha mai presentato qualsiasi prova che giustificasse il conto dell'avvocato insoluto e l'assenza di dettagli in merito al numero di ore lavorate ed il tasso chiesto per ora, e notando che le spese di corte nazionali non sono state chieste esplicitamente dai richiedenti rimangono dovute al Governo, la Corte considera ragionevole assegnare la somma di 6,000 EUR per copertura dei costi di sotto tutti i capi.
D. Interesse di mora
26. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europeo a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare i richiedenti entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione,
(i) EUR 93,000 (novanta-tre mila euro), congiuntamente, a riguardo del danno patrimoniale;
(ii) EUR 2,500 (due mila cinquecento euro), ciascuno, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, a riguardo del danno non-patrimoniale;
(iii) EUR 6,000 (sei mila euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, a riguardo del costi e spese;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
2. Respinge il resto della rivendicazione dei richiedenti per soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 28 settembre 2010, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Fatoş Aracı Nicolas Bratza
Cancelliere Aggiunto Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 01/07/2020.