Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF UKRAINE-TYUMEN v. UKRAINE

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41

NUMERO: 22603/02/2010
STATO: Ucraina
DATA: 20/05/2010
ORGANO: Sezione Quinta


TESTO ORIGINALE

Conclusion Pecuniary damage - award
FIFTH SECTION
CASE OF UKRAINE-TYUMEN v. UKRAINE
(Application no. 22603/02)
JUDGMENT
(Just satisfaction)
STRASBOURG
20 May 2010
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Ukraine-Tyumen v. Ukraine,
The European Court of Human Rights (Fifth Section), sitting as a Chamber composed of:
Peer Lorenzen, President,
Karel Jungwiert,
Rait Maruste,
Mark Villiger,
Isabelle Berro-Lefèvre,
Mirjana Lazarova Trajkovska, judges,
Mykhaylo Buromenskiy, ad hoc judge,
and Claudia Westerdiek, Section Registrar,
Having deliberated in private on 27 April 2010,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 22603/02) against Ukraine lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by the U.-T. Joint Stock Company (“the applicant company”) on 23 July 2001.
2. In a judgment delivered on 22 November 2007 (“the principal judgment”), the Court held that there had been a violation of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 (see Ukraine-Tyumen v. Ukraine, no. 22603/02, §§ 42 and 61 and points 2 and 3 of the operative provisions, 22 November 2007).
3. Under Article 41 of the Convention the applicant company submitted that it had suffered some pecuniary damage as a consequence of the violation of its rights under Article 6 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1, without specifying the amount, and sought the return of the building of which it had been deprived.
4. Since the question of the application of Article 41 of the Convention was not ready for decision as regards pecuniary damage, the Court reserved it and invited the Government and the applicant company to submit, within six months, their written observations on that issue and, in particular, to notify the Court of any agreement they might reach (§ 66 and point 4 of the operative provisions of the principle judgment).
5. The time-limit set for the parties to reach an agreement passed without the conclusion of such an agreement. The applicant company and the Government each filed observations on the application of Article 41 of the Convention.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
1. Events prior to the adoption of the principal judgment
6. On 31 October 2001 the State Property Fund of Ukraine informed the applicant company that it could no longer remain a shareholder of the applicant company because the transfer of the building from U. to the applicant company, as consideration for its shares, had been invalidated by the judgment of the Plenary Higher Arbitration Court of 15 February 2001 (see the principal judgment, § 15).
7. Subsequently, several other shareholders, including the U. State Enterprise, also informed the applicant company that they would no longer be shareholders.
8. On 2 November 2001 the general assembly of the applicant company decided to remove the State Property Fund, the U. State Enterprise and three other companies from its list of shareholders. It was also decided to cancel the shares of the former shareholders and to reduce the share capital from 900,0001 to 153,0002 Ukrainian hryvnias (UAH).
9. According to the applicant company, the substantial drop in its share capital and its inability to use the building had inhibited its activities, which it had had to discontinue from May 2004 onwards.
10. On 30 September 2006 experts hired by the applicant company estimated the market value of the building on that date at UAH 7,331,425.203.
2. Events after the adoption of the principal judgment
11. On 31 August 2008 two other experts hired by the applicant company to evaluate the market value of the building examined it from the outside, having been refused entry into the building. On 16 September 2008 they drew up an extensive report, finding that the building was worth UAH 12,711,0004 given its actual state, location, existing possibilities of deriving profit from using the building, and the market values of similar types of property. They also mentioned that the building had not been in use since 1998 at least and therefore needed complete renovation.
12. On 22 September 2008 the Kyiv City Bureau of Technical Inventory and Register of Ownership Rights over Immovable Property (the State real-estate register) produced, at the applicant company’s request, an expert report which estimated the market value of the building on 27 February 2001 at UAH 1,656,9995, pointing out that the building had not been repaired or renovated since 1998.
13. On 24 September 2008 the applicant company’s accounts were examined by an expert who noted, inter alia, that the book (inventory) value of the building on 1 January 2001 had been UAH 163,371.916, that from 1 May 1997 to 1 January 2001 the applicant company had spent UAH 137,451.227 on repair work to the building, and that its expenses for renting an office between 15 February and 1 April 2001 had come to UAH 1,621.558. The expert also calculated the inflation adjustment of the market value of the building, as mentioned in the valuation of 22 September 2008. Thus, the value of the building adjusted on 1 September 2008 amounted to UAH 3,431,452.539.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
14. The relevant provisions of the Economic Associations (Companies) Act of 19 September 1991 (as worded at the material time) read as follows:
Article 33
Payment for shares
“A shareholder shall pay the full price of the shares ... at the latest within one year from the date of the company’s registration.
Failing to make a payment in time ... a shareholder shall be liable to pay ten percent annual interest...
If no payment is made within three months [after the expiry of the time-limit] ... the company may sell the shares in accordance with the procedure established by [its] statute.”
THE LAW
15. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Pecuniary damage
1. Arguments of the parties
(a) The applicant company
16. The applicant company, relying on the principle of restitutio in integrum, asked for the return of the building of which it had been unlawfully deprived. If the restitution was not possible for any reason, the applicant company asked for compensation based on the property’s market value which, according to a valuation made on 31 August 2008 by an expert hired by the applicant, was worth EUR 1,775,878.81.
17. Without prejudice to its above claim, the applicant company stated that were the Court to take the date on which it had lost ownership of the building, namely, 15 February 2001, when assessing the pecuniary damage, the amount of compensation in that respect should be EUR 612,070.39. The applicant company arrived at that sum by adding the market value of the building on that date adjusted for inflation (EUR 584,890.39) to the cost of the repair and improvements to the property at the applicant company’s expense (EUR 26,841.07) and the amount it had paid for renting an office between 15 February and 1 April 2001 (EUR 328.98).
18. According to the applicant company, the figures were based on the valuations by the experts at its request (see paragraphs 10-13 above).
(b) The Government
19. The Government submitted that the consequence of the violation of applicant company’s rights under Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 was owing to the failure of one of its shareholders, the State Property Fund, to pay for its shares in the applicant company (valued at 71,542 United States dollars10) by transferring ownership title to the building in issue. In this connection, the Government argued that under the provisions of its articles of association and also in line with Article 33 of the Economic Associations Act of 19 September 1991 the applicant company was entitled to claim damages, including any actual loss and loss of profit, for a shareholder’s failure to fulfil its obligations. Since the applicant company had not availed itself of this possibility at the domestic level, it had not exhausted domestic remedies in respect of its claim for pecuniary damage and, therefore, no just satisfaction could be awarded in this respect.
20. The Government further contended that, given the above reasons, transfer of title to the building to the applicant company was not possible. They finally suggested that the finding of a violation in the applicant company’s case would constitute sufficient just satisfaction.
2. The Court’s assessment
(a) General principles
21. As the Court has held on a number of occasions, a judgment in which it finds a breach imposes on the respondent State a legal obligation to put an end to the breach and make reparation for its consequences in such a way as to restore as far as possible the situation existing before the breach (see Iatridis v. Greece (just satisfaction) [GC], no. 31107/96, § 32, ECHR 2000-XI, and Guiso-Gallisay v. Italy (just satisfaction) [GC], no. 58858/00, § 90, 22 December 2009). The Contracting States that are parties to a case are, in principle, free to choose the means by which they will comply with a judgment in which the Court has found a breach. This discretion as to the manner of execution of a judgment reflects the freedom of choice attached to the primary obligation of the Contracting States under the Convention to secure the rights and freedoms guaranteed (Article 1). If the nature of the violation allows for restitutio in integrum it is the duty of the State held liable to effect it, the Court having neither the power nor the practical possibility of doing so itself. If, however, national law does not allow – or allows only partial – reparation to be made for the consequences of the breach, Article 41 empowers the Court to afford the injured party such satisfaction as appears appropriate.
22. In order to determine just satisfaction, the Court has regard to the particular features of each case, which may call for an award less than the value of the actual damage sustained or the costs and expenses actually incurred, or even for no award at all. In this context, the Court reiterates that in cases involving the taking of property by the State, the distinction between “lawful” and “unlawful” deprivation of property is particularly relevant to the assessment of a pecuniary claim (see, mutatis mutandis, Scordino v. Italy (no. 1) [GC], no. 36813/97, §§ 255-256, ECHR 2006-V, and Guiso-Gallisay, cited above, §§ 91-95).
b. Application of these principles to the instant case
23. Turning to the circumstances of the present case, the Court notes that the applicant company’s claims for pecuniary damage stem from the deprivation of property which was found to be in breach of Article 1 of Protocol No. 1 (see the principal judgment, §§ 60-61). The domestic litigation suggested by the Government did not concern cases of deprivation of property and the Government did not demonstrate that it offered a reasonable prospect of obtaining reparation, albeit partial, for the consequences of the breach of the applicant company’s rights. Furthermore, the Court does not share the Government’s view that the harm to the applicant company could be adequately remedied merely by the Court’s finding of a violation of the Convention. Accordingly, the Court will determine just satisfaction in the present case.
24. In this context, the Court notes that the origin of the violation found under Article 1 of Protocol No. 1 was the absence of compensation for such interference with the applicant company’s property rights and not, as the applicant company puts it, the unlawful taking of its property (see the principal judgment, §§ 52, 60, and 61).
25. Although the instant case involves an issue of the domestic courts’ non-compliance with the requirement of legal certainty under Article 6 § 1 of the Convention, it differs from the vast majority of cases in which the Court found violations of the Convention in respect of the quashing of the final and binding decisions (see, for example, Agrotehservis v. Ukraine, no. 62608/00, 5 July 2005, and Timotiyevich v. Ukraine, no. 63158/00, 8 November 2005). In the present case the domestic judicial decision, the quashing of which the Court held to be contrary to the principle of legal certainty, did not directly provide for a transfer or recognition of the applicant company’s pecuniary rights. At the heart of the case was a dispute between central and local government over the title to a building and, as a consequence, the question of the lawfulness of its transfer to the applicant company’s statutory fund by a State enterprise.
26. In view of the foregoing, the Court does not find relevant to the present case the approach based on the total elimination of the consequences of the impugned interference, which it would normally apply in determining compensation for pecuniary damage in cases of res judicata (see, for example, Timotiyevich, cited above, § 45; Kondrashova v. Russia, no. 75473/01, § 36, 16 November 2006; and Sitkov v. Russia, no. 55531/00, §§ 49-52, 18 January 2007).
27. The Court considers that the interference with the applicant’s rights under Article 1 of Protocol No. 1 in the instant case is comparable to a “distinct expropriation”, adequate compensation for which has to correspond to the market value of the property at the time of the expropriation (see Scordino (no. 1), cited above, §§ 256-258). Such compensation will not cover any other loses, such as inflation or repair works.
28. Thus, regard being had to the valuation made by a specialised State agency (see paragraph 12 above) on 22 September 2008 submitted by the applicant company, the accuracy of which was not contested by the Government, the Court awards the applicant EUR 334,696 in compensation for pecuniary damage.
B. Costs and expenses
29. The applicant company claimed UAH 55,70011 for legal costs and UAH 227.7012 for correspondence expenses incurred in the proceedings before the Court after the delivery of the principal judgment. It also sought reimbursement for a total of UAH 60,02013 for the expert examinations carried out in the proceedings at its expense (see paragraphs 10-13 above), which sum included the cost of valuing the building by the State agency in September 2008 (UAH 20,00014).
30. The applicant company produced copies of receipts providing evidence of payments made to the State agency and for correspondence expenses. As to the legal costs, the applicant company submitted a report of the law firm which it has hired to represent it in the proceedings before the Court. According to the report, the firm’s three staff members, a senior lawyer, a lawyer and an assistant lawyer, had spent a total of 76 hours working on the case at an hourly rate ranging from UAH 1,50015 (senior lawyer) to UAH 30016 (assistant lawyer). Their work included the analysis of the case materials and the preparation of written observations requested by the Court regarding the just satisfaction aspect of the case.
31. According to the Court’s case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum. In the present case, regard being had to the documents in its possession and the above criteria, the Court considers it reasonable to award the applicant company EUR 4,800, which includes, apart from a lump sum for legal expenses, the cost of valuing the building by the State agency in September 2008 and correspondence expenses.
C. Default interest
32. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicant company, within three months of the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, EUR 334,696 (three hundred and thirty-four thousand six hundred and ninety-six euros) in respect of pecuniary damage and EUR 4,800 (four thousand eight hundred euros) for costs and expenses, plus any tax that may be chargeable to the applicant company on the above amounts, which shall be converted into the currency of the respondent State at the rate applicable on the date of settlement;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
2. Dismisses the remainder of the applicant’s claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 20 May 2010, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Claudia Westerdiek Peer Lorenzen
Registrar President
1. About 185,406 euros (EUR)

2. About EUR 31,519

3. About EUR 1,098,020

4. About EUR 1,815,430

5. About EUR 334,696

6. About EUR 31,909

7. About EUR 26,846

8. About EUR 317

9. About EUR 490,056

10. About EUR 61,310

11. About EUR 7,617

12. About EUR 31

13. About EUR 8,208

14. About EUR 2,735

15. About EUR 205

16. About EUR 41


TESTO TRADOTTO

Conclusione Danno patrimoniale - assegnazione
QUINTA SEZIONE
CAUSA UCRAINA-TYUMEN C. UCRAINA
(Richiesta n. 22603/02)
SENTENZA
(Soddisfazione equa)
STRASBOURG
20 maggio 2010
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Ucraina-Tyumen c. Ucraina,
La Corte europea dei Diritti umani (quinta Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Pari Lorenzen, Presidente Karel Jungwiert, Rait Maruste il Mark Villiger, Isabelle Berro-Lefèvre, Mirjana Lazarova Trajkovska giudici, Mykhaylo Buromenskiy ad giudice di hoc,
e da Claudia Westerdiek, Cancelliere di Sezione
Avendo deliberato in privato il 27 aprile 2010,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 22603/02) contro l'Ucraina deposita presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da parte della Società per azioni U.-T. (“la società richiedente”) il 23 luglio 2001.
2. In una sentenza consegnata il 22 novembre 2007 (“la sentenza principale”), la Corte sostenne che c'era stata una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere Ucraina-Tyumen c. Ucraina, n. 22603/02, §§ 42 e 61 e punti 2 e 3 delle disposizioni operative, 22 novembre 2007).
3. Sotto l’Articolo 41 della Convenzione la società richiedente ha presentato che aveva sofferto di danni patrimoniali come conseguenza della violazione dei suoi diritti sotto l’Articolo 6 della Convenzione e l’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, senza specificare l'importo e chiese la restituzione dell'edificio del quale era stata privata.
4. Poiché la questione dell’applicazione dell’ Articolo 41 della Convenzione non era pronta per decisione riguardo al danno patrimoniale, la Corte la riservò ed invitò il Governo e la società richiedente a presentare, entro sei mesi le loro osservazioni scritte su questa questione e, in particolare, a notificare alla Corte di qualsiasi accordo al quale sarebbero potuti arrivare (§ 66 e punto 4 delle disposizioni operative della sentenza principale).
5. Il tempo-limite stabilito per le parti per giungere ad un accordo è scaduto senza la conclusione di tale accordo. La società richiedente ed il Governo hanno registrato entrambi delle osservazioni sulla applicazione dell’ Articolo 41 della Convenzione.
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
1. Eventi prima dell'adozione della sentenza principale
6. Il 31 ottobre 2001 il Fondo di Proprietà Statale dell'Ucraina informò la società richiedente che non avrebbe potuto rimanere più azionista della società richiedente perché il trasferimento dell'edificio da U. alla società richiedente, come considerazione per le sue quote era stato invalidato dalla sentenza dell’Alto Tribunale arbitrale Assoluto del 15 febbraio 2001 (vedere la sentenza principale, § 15).
7. Anche molti altri azionisti, incluso l' Impresa Statale U. informarono successivamente la società richiedente che non sarebbero stati più azionisti.
8. Il 2 novembre 2001 la riunione generale della società richiedente decise di rimuovere il Fondo Statale di Proprietà, l' Impresa Statale U. e tre altre società dalla sua lista di azionisti. Fu deciso anche di annullare le quote dei precedenti azionisti e ridurre il capitale di quota da 900,0001 a 153,0002 hryvnia ucraini (UAH).
9. Secondo la società richiedente, la sostanziale perdita nel suo capitale di quota e la sua incapacità di usare l'edificio aveva impedito le sue attività che aveva dovuto cessare dal maggio 2004 in avanti.
10. Il 30 settembre 2006 degli esperti assoldati dalla società richiedente valutarono il valore di mercato dell'edificio in quella data a UAH 7,331,425.203.
2. Eventi dopo l'adozione della sentenza principale
11. Il 31 agosto 2008 due altri esperti assoldati dalla società richiedente per valutare il valore di mercato dell'edificio lo esaminarono dall’esterno, essendo stato rifiutata l’entrata nell'edificio. Il 16 settembre 2008 loro stesero un ampio rapporto, trovando che l'edificio valeva UAH 12,711,0004 dato il suo stato effettivo, l’ubicazione, la possibilità esistente di trarre profitto dall'uso dell'edificio ed il valore di mercato di tipi simili di proprietà. Loro menzionarono anche che l'edificio non era in uso almeno dal 1998 e perciò aveva bisogno di un rinnovamento completo.
12. Il 22 settembre 2008 l’Ufficio dell’ Inventario Tecnico e del Registro di Proprietà dei Diritti sul Patrimonio immobiliare della città di Kyiv (il registro delle proprietà immobiliari Statali) produsse, su richiesta della società richiedente, un rapporto competente che valutò il valore di mercato dell'edificio il 27 febbraio 2001 a UAH 1,656,9995, indicando che l'edificio non era stato ristrutturato o era stato rinnovato dal 1998.
13. Il 24 settembre 2008 i conti della società richiedente furono esaminati da un esperto che notò, inter alia che il valore contabile dell'edificio (d’inventario) il 1 gennaio 2001 era di UAH 163,371.916, che dal 1 maggio 1997 al 1 gennaio 2001 la società di richiedente aveva speso UAH 137,451.227 per lavori di ristrutturazione all'edificio, e che le sue spese per affittare un ufficio fra il 15 febbraio e il 1 aprile 2001 erano giunte a UAH 1,621.558. L'esperto calcolò anche la rettifica dell’ inflazione del valore di mercato dell'edificio, come menzionato nella valutazione del 22 settembre 2008. Così, il valore dell'edificio aggiustato al 1 settembre 2008 corrispondeva a UAH 3,431,452.539.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
14. Le disposizioni attinenti dell’Atto delle Associazioni Economiche (le Società) del 19 settembre 1991 (come messo in parole al tempo materiale) si legge come segue:
Articolo 33
Pagamento per quote
“Un azionista pagherà il pieno prezzo delle quote... all'ultimo entro un anno dalla data della registrazione della società.
Non riuscendo a fare un pagamento in tempo... un azionista sarà responsabile di pagare il dieci percento d’ interesse annuale...
Se nessun pagamento viene fatto entro tre mesi [dopo la scadenza del tempo-limite]... la società può vendere le quote in conformità con la procedura stabilita dal [suo] statuto.”
LA LEGGE
15. Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. danno Patrimoniale
1. Argomenti delle parti
(a) La società richiedente
16. La società di richiedente, appellandosi al principio di restitutio in integrum,ha chiesto la restituzione dell'edificio del quale era stata privata illegalmente. Se la restituzione non fosse stata possibile per qualsiasi ragione, la società richiedente chiese un risarcimento basato sul valore di mercato della proprietà che, secondo una valutazione fatta il 31 agosto 2008 da un esperto assoldato dalla richiedente, valeva EUR 1,775,878.81.
17. Senza pregiudizio alla sua rivendicazione sopra, la società richiedente affermò, che spettava alla Corte stabilire la data in cui aveva perso la proprietà dell'edificio, vale a dire il 15 febbraio 2001, quando valutando il danno patrimoniale, l'importo del risarcimento a questo riguardo avrebbe dovuto essere EUR 612,070.39. La società richiedente arrivò a questa somma aggiungendo il valore di mercato dell'edificio in quella data riveduto per l'inflazione (EUR 584,890.39) al costo delle ristrutturazioni e dei miglioramenti alla proprietà a spese della società richiedente (EUR 26,841.07) e l'importo che aveva pagato per affittare un ufficio fra il 15 febbraio e il 1 aprile 2001 (EUR 328.98).
18. Secondo la società richiedente, le cifre erano basate sulle valutazioni degli esperti su sua richiesta (vedere paragrafi 10-13 sopra).
(b) Il Governo
19. Il Governo presentò che la conseguenza della violazione dei diritti della società richiedente sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione e l’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 era dovuta all'insuccesso di uno dei suoi azionisti, il Fondo della Proprietà Statale nel pagare le sue quote nella società richiedente (valutate a 71,542 dollari 10 degli Stati Uniti) trasferendo il titolo di proprietà all'edificio in questione. In questo collegamento, il Governo dibatté, che sotto le disposizioni dei suoi articoli dell'associazione ed anche in linea con l’Articolo 33 dell’Atto delle Associazioni Economiche del 19 settembre 1991 alla società richiedente era concesso di chiedere danni incluso qualsiasi perdita effettiva e perdita di profitto, per l'insuccesso di un azionista nell’adempimento dei suoi obblighi. Poiché la società richiedente non si era giovata di questa possibilità a livello nazionale, non aveva esaurito le vie di ricorso nazionali a riguardo della sua rivendicazione per danno patrimoniale e, perciò, nessuna soddisfazione equa avrebbe potuto essere assegnata a questo riguardo.
20. Il Governo contese inoltre che, date le ragioni sopra, il trasferimento del titolo all'edificio alla società di richiedente non era possibile. Infine suggerì che la costatazione di una violazione nella causa della società richiedente avrebbe costituito una soddisfazione equa sufficiente.
2. La valutazione della Corte
(a) Principi generali
21. Come la Corte ha sostenuto in numerosi occasioni, una sentenza nella quale si trova una violazione impone sullo Stato rispondente un obbligo legale per porre fine alla violazione e costituire riparazione delle sue conseguenze in modo tale da ripristinare il più possibile la situazione esistente prima della violazione (vedere Iatridis c. la Grecia (soddisfazione equa) [GC], n. 31107/96, § 32 ECHR 2000-XI, e Guiso-Gallisay c. Italia (soddisfazione equa) [GC], n. 58858/00, § 90 del 22 dicembre 2009). Gli Stati Contraenti che sono parti ad una causa sono, in principio, liberi di scegliere i mezzi con cui loro si atterranno ad una sentenza nella quale la Corte ha trovato una violazione. Questa discrezione in merito al metodo di esecuzione di una sentenza riflette la libertà di scelta allegata all'obbligo primario degli Stati Contraenti sotto la Convenzione di garantire i diritti e le libertà garantiti (Articolo 1). Se la natura della violazione lascia spazio alla restitutio in integrum è dovere dello Stato ritenuto responsabile di effettuarla, non avendo la Corte né ha il potere né la possibilità pratica di fare così. Comunque, se la legge nazionale non permette- o permette solamente una riparazione parziale delle conseguenze della violazione, l’Articolo 41 conferisce poteri alla Corte di riconoscere alla vittima simile soddisfazione come sembra appropriato.
22. Per determinare la soddisfazione equa la Corte ha riguardo alle particolari caratteristiche di ogni causa che può richiedere un'assegnazione inferiore al valore del danno effettivo subito o ai costi e spese davvero sostenuti, o anche nessuna assegnazione affatto. In questo contesto, la Corte reitera, che in cause che comportano la presa di proprietà da parte dello Stato, la distinzione fra privazione di proprietà “legale” e “illegale” è particolarmente attinente alla valutazione di una rivendicazione patrimoniale (vedere, mutatis mutandis, Scordino c. l'Italia (n. 1) [GC], n. 36813/97, §§ 255-256, il 2006-V di ECHR, e Guiso-Gallisay citato sopra, §§ 91-95).
b. L’applicazione di questi principi alla presente causa
23. Rivolgendosi alle circostanze della presente causa, la Corte nota che le rivendicazioni della società richiedente per danno patrimoniale hanno origine dalla privazione di proprietà che fu trovata essere in violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere la sentenza principale, §§ 60-61). La giurisprudenza nazionale suggerita dal Governo non riguardava cause di privazione di proprietà ed il Governo non ha dimostrato che offriva una prospettiva ragionevole di ottenere riparazione, benché parziale, per le conseguenze della violazione dei diritti della società richiedente. Inoltre, la Corte non condivide la prospettiva del Governo per cui il danno alla società richiedente potrebbe essere rimediato adeguatamente dalla Corte soltanto con la costatazione di una violazione della Convenzione. Di conseguenza, la Corte determinerà la soddisfazione equa nella presente causa.
24. In questo contesto, la Corte nota, che l'origine della violazione trovata sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 era l'assenza del risarcimento per simile interferenza coi diritti di proprietà della società richiedente e non, come la società di richiedente sottolinea, la presa illegale della sua proprietà (vedere la sentenza principale, §§ 52, 60, e 61).
25. Benché la presente causa coinvolga la questione dell'inadempienza delle corti nazionali col requisito di certezza legale sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione, differisce dalla maggioranza enorme delle cause in cui la Corte trovò violazioni della Convenzione a riguardo dell'annullamento delle decisioni definitive e vincolanti (vedere, per esempio, Agrotehservis c. Ucraina, n. 62608/00, 5 luglio 2005, e Timotiyevich c. Ucraina, n. 63158/00, 8 novembre 2005). Nella presente causa la decisione giudiziale nazionale, l'annullamento di cui la Corte sostenne di essere contrario al principio della certezza legale, non prevedeva direttamente un trasferimento o un riconoscimento dei diritti patrimoniali della società richiedente. Al centro della causa c’era una controversia fra il governo centrale e locale sul titolo di proprietà su un edificio e, come conseguenza, la questione della legalità del suo trasferimento al finanziamento legale della società richiedente da parte di un'impresa Statale.
26. Nella prospettiva di ciò che precede, la Corte non trova attinente alla presente causa l'approccio basato sull'eliminazione totale delle conseguenze dell'interferenza contestata che si applicherebbero normalmente nel determinare il risarcimento per il danno patrimoniale in cause di res judicata (vedere, per esempio, Timotiyevich, citata sopra, § 45; Kondrashova c. Russia, n. 75473/01, § 36 del 16 novembre 2006; e Sitkov c. Russia, n. 55531/00, §§ 49-52 del 18 gennaio 2007).
27. La Corte considera che l'interferenza coi diritti della richiedente sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 nella presente causa è comparabile ad una “espropriazione distinta”, per cui il risarcimento adeguato deve corrispondere al valore di mercato della proprietà al tempo dell'espropriazione (vedere Scordino (n. 1), citata sopra, §§ 256-258). Simile risarcimento non coprirà qualsiasi altra perdita, come l’inflazione o i costo di ristrutturazione .
28. Così, avendo riguardo alla valutazione fatta da un'agenzia Statale specializzata (vedere paragrafo 12 sopra) il 22 settembre 2008 presentata dalla società richiedente, l'accuratezza di cui non è stata contestata dal Governo, la Corte assegna EUR 334,696 alla richiedente come risarcimento per il danno patrimoniale.
B. Costi e spese
29. La società richiedente chiese UAH 55,70011 per spese processuali ed UAH 227.7012 per spese di corrispondenza incorse nei procedimenti di fronte alla Corte dopo la consegna della sentenza principale. Chiese anche il rimborso per un totale di UAH 60,02013 per gli esami competenti eseguiti nei procedimenti a sue spese (vedere paragrafi 10-13 sopra) somma che includeva il costo di valutazione dell'edificio da parte dell'agenzia Statale nel settembre 2008 (UAH 20,00014).
30. La società richiedente produsse copie di ricevute che offrivano prove di pagamenti fatti all'agenzia Statale e delle spese di corrispondenza. Riguardo alle spese processuali, la società richiedente presentò un rapporto della ditta legale che ha assoldato per rappresentarla nei procedimenti di fronte alla Corte. Secondo il rapporto, i tre membri del personale della ditta, un avvocato senior, un avvocato ed un avvocato assistente, avevano speso un totale di 76 ore lavorando sulla causa ad un tasso orario che variava da UAH 1,50015 (avvocato senior) a UAH 30016 (avvocato assistente). Il loro lavoro includeva l'analisi dei materiali della causa e la preparazione delle osservazioni scritte richiesta dalla Corte riguardo all'aspetto della soddisfazione equo della causa.
31. Secondo la giurisprudenza della Corte, ad un richiedente viene concesso un rimborso di costi e spese solamente si viene mostrato che questi davvero e necessariamente sono stati incorsi e sono stati ragionevoli riguardo al quantum. Nella presente causa, avuto riguardo documenti in suo possesso ed ai criteri sopra, la Corte considera ragionevole assegnare separatamente EUR 4,800 che includono a parte un prezzo globale per le spese legali della società richiedente, il costo di valutazione dell'edificio da parte dell'agenzia Statale nel settembre 2008 e le spese di corrispondenza.
C. Interesse di mora
32. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare la società richiedente, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l'Articolo 44 § 2 della Convenzione EUR 334,696 (trecento e trenta-quattro mila seicento e novanta-sei euro) a riguardo del danno patrimoniale ed EUR 4,800 (quattro mila ottocento euro) per costi e spese, più qualsiasi tassa che può essere a carico della società richiedente sugli importi sopra che saranno convertiti nella valuta dello Stato rispondente al tasso applicabile in data dell’ accordo;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
2. Respinge il resto della rivendicazione del richiedente per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 20 maggio 2010, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’ordinamento di Corte.
Claudia Westerdiek Pari Lorenzen
Cancelliere Presidente
1. Approssimativamente 185,406 euro (EUR)

2. Circa EUR 31,519

3. Circa EUR 1,098,020

4. Circa EUR 1,815,430

5. Circa EUR 334,696

6. Circa EUR 31,909

7. Circa EUR 26,846

8. Circa EUR 317

9. Circa EUR 490,056

10. Circa EUR 61,310

11. Circa EUR 7,617

12. Circa EUR 31

13. Circa EUR 8,208

14. Circa EUR 2,735

15. Circa EUR 205

16. Circa EUR 41




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è sabato 14/11/2020.