Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF VRAHIMI v. TURKEY

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI:

NUMERO: 16078/90/2009
STATO: Turchia
DATA: 22/09/2009
ORGANO: Sezione Quarta


TESTO ORIGINALE

FOURTH SECTION
CASE OF VRAHIMI v. TURKEY
(Application no. 16078/90)
JUDGMENT
(merits)
STRASBOURG
22 September 2009
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Vrahimi v. Turkey,
The European Court of Human Rights (Fourth Section), sitting as a Chamber composed of:
Nicolas Bratza, President,
Giovanni Bonello,
David Thór Björgvinsson,
Ján Šikuta,
Päivi Hirvelä,
Ledi Bianku,
Işıl Karakaş, judges,
and Fatoş Aracı, Deputy Section Registrar,
Having deliberated in private on 1 September 2009,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 16078/90) against the Republic of Turkey lodged with the European Commission of Human Rights (“the Commission”) under former Article 25 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Cypriot national, Mrs E. V. (“the applicant”), on 12 January 1990.
2. The applicant was represented by Mr L. C. and Mr C. C., two lawyers practising in Nicosia. The Turkish Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr Z.M. Necatigil.
3. The applicant alleged, in particular, that the Turkish occupation of the northern part of Cyprus had deprived her of her properties and that she had been subjected to treatment contrary to the Convention during a demonstration.
4. The application was transmitted to the Court on 1 November 1998, when Protocol No. 11 to the Convention came into force (Article 5 § 2 of Protocol No. 11).
5. By a decision of 26 September 2002 the Court declared the application partly admissible.
6. The applicant and the Government each filed observations on the merits (Rule 59 § 1). In addition, third-party comments were received from the Government of Cyprus, which had exercised its right to intervene (Article 36 § 1 of the Convention and Rule 44 § 1 (b)).
THE FACTS
7. The applicant was born in 1939 and lives in Nicosia.
I. HOME AND PROPERTY ISSUES
8. The applicant claimed that her former husband, Mr I. V., had been the director and shareholder of a company called Vrahimis Estate Ltd. The company owned two large plots of land located in the village of Klepini, in the District of Kyrenia (plots nos. 6 and 7, sheet/plan XIII/33.W.I, registration nos. 583 and 586; area: 3,011 and 4,348 square metres respectively; share: whole). On 24 March 1973 the company decided to transfer these two adjoining plots by way of gift to Mr I. V.. The company secretary was authorised to take all necessary steps on behalf of the company to effect the transfer. On 11 June 1973 the relevant declaration of transfer was submitted to the Kyrenia District Lands Office. However, the process of transfer and registration was not completed owing to the Turkish military intervention. Meanwhile, in view of the proposed gift of the land, the applicant and her former husband proceeded to build a two-storey house (with a surface area of approximately 200 sq. m.) on it. As at the relevant time Mr I. V. had no income, the applicant bore the costs of building and furnishing the property. In April 1974, when the house was completed, she moved into it with her family. They intended to live there initially for long periods and then permanently.
9. The applicant further claimed that in 1974 she owned the following land:
(a) Nicosia, Yerollakkos, plot no. 97, sheet/plan: XXI/43.W.I, registration no. G80; description: field; area: 5,342 sq. m; share: ½;
(b) Nicosia, Yerollakkos, plot no. 189, sheet/plan: XXI/43.W.I, registration no. G170; description: field; use: development; area: 5,575 sq. m; share: ½;
(c) Famagusta, Akanthou, plot no. 327, sheet/plan: XIV/2 E1, registration no. 23218; description: field near the sea with water perforation; area: 4,683 sq. m, share: ½.
10. In support of her claim to ownership, the applicant submitted copies of the relevant certificates of title of Turkish-occupied immovable properties issued by the Republic of Cyprus.
11. The plots of land described in paragraph 9 (a) and (b) above were registered in the applicant's name until 15 January 1998, when she transferred them by way of gift to her son, Mr L. I. V.. The plot described in paragraph 9 (c) above was registered in the applicant's name until 28 March 2000, when she transferred it by way of gift to her other son, Mr R. I. V. (declaration of transfer no. D477). The applicant stated that she intended to divide the plots described in paragraph 9 (a) and (b) above into approximately 16 building sites.
12. The applicant alleged that since the 1974 Turkish intervention she had been deprived of her property rights, as her properties were located in the area that was under the occupation and control of the Turkish military authorities. She had made an attempt to return to her home and property on 19 July 1989, but was not allowed to do so by the Turkish military authorities. They had prevented her from having access to and from using her house and property.
13. In 1994 the applicant divorced her husband. In 1996 she made an application to the local tribunal in which she claimed, inter alia, her rights as beneficial owner of the house and the plots of land described under paragraph 8 above. Her claim was based on the fact that she had borne all the expenses for the construction of the house and all the other financial obligations undertaken to secure the grant of the plots of land to her husband.
II. DEMONSTRATION OF 19 JULY 1989
14. On 19 July 1989, the applicant joined an anti-Turkish demonstration in the Ayios Kassianos area in Nicosia in which the applicants in the Chrysostomos and Papachrysostomou v. Turkey and Loizidou v. Turkey cases (see below) also took part.
A. The applicant's version of events
15. According to an affidavit sworn by the applicant before the Nicosia District Court on 1 August 2000, the demonstration of 19 July 1989 was peaceful and was held on the fifteenth anniversary of the Turkish intervention in Cyprus, in support of the missing persons and to protest against human-rights violations.
16. The applicant was a member of the co-ordinating Committee of the Pancyprian Women's Movement, Epistrophi and one of the organisers of the demonstration. The demonstrators, mainly women, entered the grounds of the Ayios Kassianos school in Nicosia; one of them climbed a water tank and hung two flags from it, one Cypriot, the other Greek. UNFICYP officers instructed the demonstrators to leave. A little later Turkish soldiers and Turkish policemen carrying shields and electric batons arrived. Their commander shouted in Greek that the demonstrators should leave. They replied that the land belonged to them and that they would not leave; some of them sat on the ground.
17. While the dialogue between the demonstrators and the Turkish forces was continuing, the peacekeepers created a cordon around the women who were sitting near the water tank. When this cordon opened the applicant suddenly felt a powerful blow in the face delivered by a Turkish army officer with whom she had been talking earlier. She was violently seized by the hair, thrown to the ground and beaten by a number of Turkish soldiers. She received, inter alia, a powerful punch in the abdomen and a boot kick to the inner left leg.
18. She and other Greek-Cypriots who had taken part in the demonstration were subsequently put in a room with only a small opening that was used as an entrance. She was then taken by bus with other detainees to the so-called “Pavlides Garage”. The crowd outside the garage was swearing, shouting abuse and threats and throwing stones, some of which came through the roof. She was not given any medical attention despite her serious injuries. She complained about her ill-treatment to two members of the UN forces present at the garage. She also asked them to investigate the fate of other women detainees. A Turkish officer denied the facts and shouted at her. Being a lawyer and a spokesperson, the applicant was made to suffer particularly harsh and humiliating treatment at the garage, where she was interrogated. The interrogator, who spoke Greek, tried to imply that somebody had incited the applicant and the other women to demonstrate. The applicant refused to sign a paper written in Turkish, a language which she could not understand. She offered to write her statement in Greek on a blank sheet of paper, but none was given to her.
19. At one point in the early hours of the morning she made a request to be allowed to sit on the stands in the garage. The officers ordered her to sit on the floor in front of one of them between the iron bars that supported the basketball net and to stretch her legs over a small wall. She refused and was violently dragged to a car and transported to Seray Police Station. Her left wrist was twisted painfully. During the journey she was beaten and sneered at. She was then put in a very small, filthy cell; owing to the intense heat the air was suffocating. Turkish policemen in civilian clothes continually entered the cell and beat her with an electric baton, harassed her and laughed at her. As a result, she had terrible pain in the abdomen and was unable to eat. The next morning she received an assurance from a Greek-speaking police sergeant that no more ill-treatment would be tolerated. In spite of this, she was visited by three individuals in civilian clothes who warned her not to complain to the court about ill-treatment and to comply with whatever the judge ordered.
20. On 20 July 1989 the applicant was taken to court where she attempted to complain about the ill-treatment; however, the judge did not respond to her complaints. She asked for the services of a lawyer registered with the Cyprus Bar Association, but was told that she could only use the services of a Turkish lawyer. The translation provided was very short and in summary form. The court remanded her in custody for three days and ordered her transfer to hospital. She was taken to hospital and medicines were prescribed, but not given to her. Then she was taken back to the police station where she was detained in the same cell and subjected to interrogation of a political nature. After the interrogation she was taken to the central prison. She was given a questionnaire, which she filled in; it was written in English and contained 6 or 7 questions of a political nature and/or concerning the movement she had joined.
21. On 21 July 1989 she was taken back to court. She had no legal representation or proper interpretation. Being a lawyer, she asked to be allowed to represent herself and the other women with her but her request was refused. She was therefore unable to raise two preliminary objections concerning the unlawfulness of her arrest and the invalidity of the trial court. The charges were translated orally to the accused, who pleaded “not guilty”. No written documents stating the charges were given to the accused. The applicant tried to object to the admission of some of the evidence adduced in court, but was not allowed to do so. The translation was partial and incomplete. At no stage were the accused informed of their rights. They were not asked to give sworn testimony or whether they wanted to call witnesses. Only after the prosecution witnesses had been examined did the trial judge ask the accused whether they wanted to say anything.
22. The applicant was subsequently taken back to prison. She was interviewed by a television crew and talked about the unlawfulness of her arrest, the ill-treatment she had endured and the absence of borders in Cyprus.
23. On 22 July 1989, late at night, she was again taken to court. An angry crowd, which had gathered outside the courtroom, was booing and insulting the accused. The crowd was very menacing but security measures had been taken. The translator announced that the accused had been convicted on both counts. One young woman shouted “This is not a court, this is a circus”. Immediately afterwards, the judge rose from her seat and retired. When she returned to the bench the applicant informed her that the young woman was a minor and should have been tried by a juvenile court. The judge made no reply. The applicant was sentenced to three days' imprisonment and to a fine of 50 Cyprus pounds (CYP – approximately 85 euros (EUR)) – with five additional days in prison in default of payment within 24 hours.
24. She was taken back to prison. After an incident between one of the other women detainees (Mrs M. P. – see application no. 16081/90) and some Turkish photographers, the applicant was put in an isolation cell. She remained there until she was released later that day. She was examined by a UN doctor and a Turkish doctor, who took notes and disagreed on the extent of her bruises. The next day she visited the Casualty Department of Nicosia General Hospital, where she was examined by another doctor. The marks from the blows the applicant had received took more than one month to fade. Some photographs showing these marks were produced to the Court.
25. In support of her claim of ill-treatment, the applicant produced three medical certificates. The first was issued on 25 July 1989 by Dr C. A., a doctor practising in the Casualty Department of Nicosia General Hospital. It reads as follows:
“Bruises over medial aspect (L) Thigh, lateral aspect (L) Humerus, posterior aspect (R) Humerus, (L) Scapula region, lateral aspect (R) Thigh. Abrasions both lower legs.
X-Rays: (L) Ribs Chest: N.B.D.”
26. The second certificate, issued by the same doctor on 10 July 2000, states:
“It is certified that the above person was examined by me in the Casualty Department of the Nicosia General Hospital on 25 July 1989 at 4:10 p.m.
During the examination the following were observed:
Bruises over medial aspect L Thigh, Lateral aspect L Humerus, posterior aspect R Humerus, Scapula region, lateral aspect R Thigh.
Abrasions in both lower legs.
X-Rays of L Ribs and Chest showed no bone damage.”
27. The third certificate was issued on 12 November 2002 by Dr Th. C., a cardiologist specialised in internal medicine. It reads as follows:
“I first examined Mrs E. V. in June 1998. At the time, Mrs V. was complaining of chest-pain and super ventricular tachycardia.
From the medical history of the patient, it transpires that since 1989 she has been suffering from 1) Phobia (Claustrophobia), 2) Headaches and 3) Chest-pain with recurrent episodes of SVT (Super ventricular Tachycardia) and ventricular Extrasystoles. The symptoms first appeared in 1989.
The investigation of the headaches showed normal Brain Computer Tomogram.
For the period of nine years before she first visited me, the patient had visited a number of doctors about the phobia and episodes of arrhythmia. The patient described the episodes as events of palpitations and feeling of running of her heart with chest-pain during her sleep and while and after dreaming.
On the basis of the history of the patient and of the examination I have conducted, I have diagnosed the patient as suffering from psychological trauma which was directly connected to the events of 1989 when she was seized and imprisoned by Turkish forces. The patient has been influenced in her psyche and subconscious by the traumatic experiences as a result of her seizure, imprisonment and ill-treatment at the hands of the Turkish forces. She is now under medical therapy for the above-mentioned diagnoses and she also undergoes complementary psychological therapy.
Despite her therapy, the patient is still suffering from:
1) Nightmares and sleep disturbances;
2) Episodes of arrhythmia during the night, during and after sleep;
These symptoms have a direct adverse effect on her personal, social and professional life.”
B. The Government's version of events
28. The Government alleged that the applicant had participated in a violent demonstration with the aim of inflaming anti-Turkish sentiment. The demonstrators, supported by the Greek-Cypriot administration, were demanding that the “Green Line” in Nicosia should be dismantled. Some carried Greek flags, clubs, knives and wire-cutters. They were acting in a provocative manner and shouting abuse. The demonstrators were warned in Greek and English that unless they dispersed they would be arrested in accordance with the laws of the “Turkish Republic of Northern Cyprus” (the “TRNC”). The applicant was arrested by the Turkish-Cypriot police after crossing the UN buffer zone and entering the area under Turkish-Cypriot control. The Turkish-Cypriot police intervened in the face of the manifest inability of the Greek-Cypriot authorities and the UN Force in Cyprus to contain the incursion and its possible consequences.
29. No force was used against demonstrators who did not intrude into the “TRNC” border area and, in the case of demonstrators who were arrested for violating the border, no more force was used than was reasonably necessary in the circumstances in order to arrest and detain the persons concerned. No one was ill-treated. It was possible that some of the demonstrators had hurt themselves in the confusion or in attempting to scale barbed wire or other fencing. Had the Turkish police, or anyone else, assaulted or beaten any of the demonstrators, the UN Secretary General would no doubt have referred to this in his report to the Security Council.
30. The applicant was charged, tried, found guilty and sentenced to a short term of imprisonment. She pleaded not guilty, but did not give evidence and declined to use the available judicial remedies. She was asked if she required assistance from a lawyer registered in the “TRNC”, but refused and did not ask for legal representation. Interpretation services were provided at the trial by qualified interpreters. All the proceedings were translated into Greek.
C. The UN Secretary General's report
31. In his report of 7 December 1989 on the UN operations in Cyprus, the UN Secretary General stated, inter alia:
“A serious situation, however, arose in July as a result of a demonstration by Greek Cypriots in Nicosia. The details are as follows:
(a) In the evening of 19 July, some 1,000 Greek Cypriot demonstrators, mostly women, forced their way into the UN buffer zone in the Ayios Kassianos area of Nicosia. The demonstrators broke through a wire barrier maintained by UNFICYP and destroyed an UNFICYP observation post. They then broke through the line formed by UNFICYP soldiers and entered a former school complex where UNFICYP reinforcements regrouped to prevent them from proceeding further. A short while later, Turkish-Cypriot police and security forces elements forced their way into the area and apprehended 111 persons, 101 of them women;
(b) The Ayios Kassianos school complex is situated in the UN buffer zone. However, the Turkish forces claim it to be on their side of the cease-fire line. Under working arrangements with UNFICYP, the Turkish-Cypriot security forces have patrolled the school grounds for several years within specific restrictions. This patrolling ceased altogether as part of the unmanning agreement implemented last May;
(c) In the afternoon of 21 July, some 300 Greek Cypriots gathered at the main entrance to the UN protected area in Nicosia, in which the UN headquarters is located, to protest the continuing detention by the Turkish-Cypriot authorities of those apprehended at Ayios Kassianos. The demonstrators, whose number fluctuated between 200 and 2,000, blocked all UN traffic through this entrance until 30 July, when the Turkish-Cypriot authorities released the last two detainees;
(d) The events described above created considerable tension in the island and intensive efforts were made, both at the UN headquarters and at Nicosia, to contain and resolve the situation. On 21 July, I expressed my concern at the events that have taken place and stressed that it was vital that all parties keep in mind the purpose of the UN buffer zone as well as their responsibility to ensure that that area was not violated. I also urged the Turkish-Cypriot authorities to release without delay all those who had been detained. On 24 July, the President of the Security Council announced that he had conveyed to the representatives of all the parties, on behalf of the members of the Council, the Council's deep concern at the tense situation created by the incidents of 19 July. He also stressed the need strictly to respect the UN buffer zone and appealed for the immediate release of all persons still detained. He asked all concerned to show maximum restraint and to take urgent steps that would bring about a relaxation of tension and contribute to the creation of an atmosphere favourable to the negotiations.”
D. Photographs of the demonstration
32. The applicant produced 21 photographs taken at different times during the demonstration on 19 July 1989. Photographs 1 to 7 were intended to show that, notwithstanding the deployment of the Turkish-Cypriot police, the demonstration was peaceful. In photographs 8 to 10, members of the Turkish-Cypriot police are seen breaking up the UNFICYP cordon. The final set of photographs show members of the Turkish-Cypriot police using force to arrest some of the women demonstrators.
E. Documents pertaining to the applicant's trial
33. The English translation of the judgment given on 22 July 1989 by the “TRNC” Nicosia District Court indicates that the applicant, together with 24 other women, was charged with two offences: entering “TRNC” territory without permission (contrary to sections 2, 8 and 9 of Law no. 5/72 – see paragraph 40 below) and entering “TRNC” territory other than through an approved port (contrary to subsections 12(1) and (5) of the Aliens and Immigration Law – see paragraph 41 below).
34. The judgment was given in the presence of the accused and of an interpreter. The trial judge noted the following:
(i) the accused did not accept the charges against them and stated that they did not wish to use the services of a lawyer registered in the “TRNC”;
(ii) the public prosecutor called seven witnesses, whose statements were translated into Greek for the accused's benefit;
(iii) the witnesses (mainly police officers on duty at the time of the demonstration) declared that the accused had illegally entered the “TRNC” buffer zone, shouted abuse at the Turkish-Cypriot forces and resisted arrest by pulling and pushing; knives and other cutting objects had been found in the bags of some of the demonstrators who had been arrested;
(iv) the accused had been told that they could cross-examine witnesses in turn and, if they so wished, choose one of their number to cross-examine the witnesses on behalf of all the accused; the applicant was chosen to cross-examine the prosecution witnesses on behalf of all the accused. She put to two of the witnesses questions concerning the area in which the events took place and the objects allegedly found in the arrested persons' bags;
(v) the applicant made the following statement: “I do not accept the charges. I was in the territory of the Republic of Cyprus. My arrest was illegal. I was subjected to ill-treatment in a bad manner. If there were no spectators here, I could show my wounds. ... it is indecent. Send away the spectators and let us show you our wounds”;
(vi) the accused did not call any defence witnesses;
(vii) relying on statements by the prosecution witnesses, the “TRNC” District Court came to the conclusion that the accused had crossed the borders of the “TRNC” at an unapproved entry point and without permission and had resisted by various means the UN and Turkish forces which had tried to stop them; the statements made by some of the accused had not undermined the statements of the prosecution witnesses;
(viii) the prosecution had proved its case beyond reasonable doubt, so that the accused were guilty on both counts;
(ix) in deciding on the sentence, the “TRNC” District Court had taken into account the seriousness of the offence, and the fact that the accused had shown no remorse and continued to deny the validity of the “TRNC”.
III. RELEVANT DOMESTIC LAW
A. The Cypriot Criminal Code
35. Section 70 of the Cypriot Criminal Code reads as follows:
“Where five or more persons assemble with intent to commit an offence, or, being assembled with intent to carry out some common purpose, conduct themselves in such a manner as to cause persons in the neighbourhood to fear that the persons so assembled will commit a breach of the peace, or will by such assembly needlessly and without any reasonable occasion provoke other persons to commit a breach of the peace they are an unlawful assembly.
It is immaterial that the original assembly was lawful if, being assembled, they conduct themselves with a common purpose in such a manner as aforesaid.
When an unlawful assembly has begun to execute the purpose, whether of a public or of a private nature, for which it assembled by a breach of the peace and to the terror of the public, the assembly is called a riot, and the persons assembled are said to be riotously assembled.”
36. According to section 71 of the Criminal Code, any person who takes part in an unlawful assembly is guilty of a misdemeanour and liable to imprisonment for one year.
37. Section 80 of the Criminal Code provides:
“Any person who carries in public without lawful occasion any offensive arm or weapon in such a manner as to cause terror to any person is guilty of a misdemeanour, and is liable to imprisonment for two years, and his arms or weapons shall be forfeited.”
38. According to section 82 of the Criminal Code, it is an offence to carry a knife outside the home.
B. Police officers' powers of arrest
39. The relevant part of Chapter 155, section 14 of the Criminal Procedure Law states:
“(1) Any officer may, without warrant, arrest any person -
...
(b) who commits in his presence any offence punishable with imprisonment;
(c) who obstructs a police officer, while in the execution of his duty...”
C. Offence of illegal entry into “TRNC” territory
40. Section 9 of Law No. 5/72 states:
“... Any person who enters a prohibited military area without authorization, or by stealth, or fraudulently, shall be tried by a military court in accordance with the Military Offences Act; those found guilty shall be punished.”
41. Subsections 12 (1) and (5) of the Aliens and Immigration Law read as follows:
“1. No person shall enter or leave the Colony except through an approved port.
...
5. Any person who contravenes or fails to observe any of the provisions of subsections (1), (2), (3) or (4) of this section shall be guilty of an offence and shall be liable to imprisonment for a term not exceeding six months or to a fine not exceeding one hundred pounds or to both such imprisonment and fine.”
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1 TO THE CONVENTION
42. The applicant complained that since 1974, Turkey had prevented her from exercising her right to the peaceful enjoyment of her possessions.
She invoked Article 1 of Protocol No. 1, which reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
43. The Government disputed this claim.
A. The Government's preliminary objections
44. The Government raised preliminary objections of inadmissibility for non-exhaustion of domestic remedies and lack of victim status. The Court observes that these objections are identical to those raised in the case of Alexandrou v. Turkey (no. 16162/90, §§ 11-22, 20 January 2009), and should be dismissed for the same reasons.
B. The merits
1. Arguments of the parties
(a) The Government
45. The Government submitted that they had no knowledge about the applicant's alleged possessions. Moreover the property described in paragraph 8 above was registered in the name of a limited company whose legal personality was separate from that of its shareholders. Therefore, the applicant could not, as an individual, claim a “possession” in respect of that property. Her allegation that the declaration made at the District Land Office in Kyrenia on 11 June 1973 was not registered until 20 July 1974 was “highly doubtful”. The inability to register the property for a period as long as 13 months gave the impression that there had been some impediment.
46. In the Government's view, the aim of the demonstration of 19 July 1989 had been to make political propaganda. The applicant had not genuinely intended to go to her alleged property, which she knew was inaccessible in view of the existing political situation. In any event, even assuming that a question could arise under Article 1 of Protocol No. 1, the extensive control of use of property by the authorities of northern Cyprus had been justified in the general interest.
47. The Government challenged the Court's findings in the Loizidou v. Turkey judgment ((merits), 18 December 1996, Reports of Judgments and Decisions 1996-VI).
(b) The applicant
48. The applicant argued that she had submitted sufficient proof of ownership. She adopted the observations submitted by the Government of Cyprus (see below).
(c) The third-party intervener
49. According to the Government of Cyprus, the burden of proof was on the respondent Government to prove that the applicant did not own the relevant land. In the absence of evidence showing that in July 1974 another individual owned the properties claimed in the present application, the Government should be estopped from denying the applicant's title.
2. The Court's assessment
50. The Court first observes that the applicant has never been the registered owner of the properties described in paragraph 8 above. The property belonged to a limited company, of which the applicant's husband was a shareholder. The company subsequently started procedures to transfer this property by way of gift to the applicant's husband. It follows that the applicant herself was neither a shareholder of the company owning the land nor the person who was to benefit from the gift. Therefore, the properties were not her “possessions” (see, mutatis mutandis, Gavriel v. Turkey, no. 41355/98, § 24, 20 January 2009). It is true that the applicant alleges that she bore the costs of building and furnishing the house that was built on the land. However, no evidence supporting this assertion has been submitted to the Court. In any event, the simple fact of having contributed to the construction works on somebody else's land cannot, in itself, give rise to a legitimate expectation to become the owner of the building and the land on which it stands. It follows that, as far as the property described in paragraph 8 above is concerned, there was no interference with the applicant's rights under Article 1 of Protocol No. 1.
51. The Court further notes that the documents submitted by the applicant (see paragraph 10 above) provide prima facie evidence that she had title to the land described in paragraph 9 above. As the respondent Government have failed to produce convincing evidence to rebut this, the Court considers that this land was a “possession” of the applicant within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1.
52. In its decision on the admissibility of the application, the Court made the following preliminary remark:
“The Court considers that in view of the transfer by the applicant in 1998 and in 2000 of the three plots of land she claims to own to her sons, the applicant can only be considered to have victim status in relation to the complaints under Article 1 of Protocol No. 1 from 1990, when this application was lodged, until the date the respective properties were transferred. From then onwards, the applicant can no longer be considered as having victim status under the Convention in relation to these complaints.”
53. However, it is to be noted that according to the Court's well-established case-law, its jurisdiction ratione temporis is determined by the date of deposit of Turkey's declaration recognising the right of individual petition under former Article 25 of the Convention, which was 22 January 1987 (see Cankoçak v. Turkey, nos. 25182/94 and 26956/95, §§ 25-26, 20 February 2001). Therefore, with regard to the three plots described in paragraph 9 above, the Court should take into account the interference with the applicant's property rights which has occurred from that date until the transfer of the property rights to the applicant's sons (respectively, on 15 January 1998 and 28 March 2000 – see paragraph 11 above).
54. The Court observes that in the case of Loizidou ((merits), cited above, §§ 63-64), it reasoned as follows:
“63. ... as a consequence of the fact that the applicant has been refused access to the land since 1974, she has effectively lost all control over, as well as all possibilities to use and enjoy, her property. The continuous denial of access must therefore be regarded as an interference with her rights under Article 1 of Protocol No. 1. Such an interference cannot, in the exceptional circumstances of the present case to which the applicant and the Cypriot Government have referred, be regarded as either a deprivation of property or a control of use within the meaning of the first and second paragraphs of Article 1 of Protocol No. 1. However, it clearly falls within the meaning of the first sentence of that provision as an interference with the peaceful enjoyment of possessions. In this respect the Court observes that hindrance can amount to a violation of the Convention just like a legal impediment.
64. Apart from a passing reference to the doctrine of necessity as a justification for the acts of the 'TRNC' and to the fact that property rights were the subject of intercommunal talks, the Turkish Government have not sought to make submissions justifying the above interference with the applicant's property rights which is imputable to Turkey.
It has not, however, been explained how the need to rehouse displaced Turkish Cypriot refugees in the years following the Turkish intervention in the island in 1974 could justify the complete negation of the applicant's property rights in the form of a total and continuous denial of access and a purported expropriation without compensation.
Nor can the fact that property rights were the subject of intercommunal talks involving both communities in Cyprus provide a justification for this situation under the Convention. In such circumstances, the Court concludes that there has been and continues to be a breach of Article 1 of Protocol No. 1.”
55. In the case of Cyprus v. Turkey ([GC], no. 25781/94, ECHR 2001-IV) the Court confirmed the above conclusions (§§ 187 and 189):
“187. The Court is persuaded that both its reasoning and its conclusion in the Loizidou judgment (merits) apply with equal force to displaced Greek Cypriots who, like Mrs Loizidou, are unable to have access to their property in northern Cyprus by reason of the restrictions placed by the 'TRNC' authorities on their physical access to that property. The continuing and total denial of access to their property is a clear interference with the right of the displaced Greek Cypriots to the peaceful enjoyment of possessions within the meaning of the first sentence of Article 1 of Protocol No. 1.
...
189. .. there has been a continuing violation of Article 1 of Protocol No. 1 by virtue of the fact that Greek-Cypriot owners of property in northern Cyprus are being denied access to and control, use and enjoyment of their property as well as any compensation for the interference with their property rights.”
56. The Court sees no reason in the instant case to depart from the conclusions which it reached in the Loizidou and Cyprus v. Turkey cases (op. cit.; see also Demades v. Turkey (merits), no. 16219/90, § 46, 31 July 2003).
57. Accordingly, it concludes that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention by virtue of the fact that the applicant was denied access to and the control, use and enjoyment of her properties described in paragraph 9 above as well as any compensation for the interference with her property rights.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 8 OF THE CONVENTION
58. The applicants submitted that in 1974 her home had been in northern Cyprus. As she had been unable to return there, she was the victim of a violation of Article 8 of the Convention.
This provision reads as follows:
“1. Everyone has the right to respect for his private and family life, his home and his correspondence.
2. There shall be no interference by a public authority with the exercise of this right except such as is in accordance with the law and is necessary in a democratic society in the interests of national security, public safety or the economic well-being of the country, for the prevention of disorder or crime, for the protection of health or morals, or for the protection of the rights and freedoms of others.”
59. The Government disputed this claim.
60. The Court recalls its finding that the applicant did not have a “possession” over the land on which the house where she was allegedly living at the time of the Turkish invasion had been constructed (see paragraphs 8 and 50 above). Under these circumstances, the Court is not convinced that a separate issue may arise under Article 8 of the Convention. It therefore considers that it is not necessary to examine whether there has been a continuing violation of this provision.
III. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 14 OF THE CONVENTION, READ IN CONJUNCTION WITH ARTICLE 8 OF THE CONVENTION AND ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1
61. The applicant complained of a violation under Article 14 of the Convention on account of discriminatory treatment against her in the enjoyment of her rights under Article 8 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1. She alleged that this discrimination had been based on her national origin.
Article 14 of the Convention reads as follows:
“The enjoyment of the rights and freedoms set forth in [the] Convention shall be secured without discrimination on any ground such as sex, race, colour, language, religion, political or other opinion, national or social origin, association with a national minority, property, birth or other status.”
62. The Court recalls that in the Alexandrou case (cited above, §§ 38-39) it found that it was not necessary to carry out a separate examination of the complaint under Article 14 of the Convention. The Court does not see any reason to depart from that approach in the present case (see also, mutatis mutandis, Eugenia Michaelidou Ltd and Michael Tymvios v. Turkey, no. 16163/90, §§ 37-38, 31 July 2003).
IV. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 3 OF THE CONVENTION
63. The applicant complained about the treatment administered to her during both the demonstration of 19 July 1989 and the proceedings against her in the “TRNC”.
She invoked Article 3 of the Convention, which reads as follows:
“No one shall be subjected to torture or to inhuman or degrading treatment or punishment.”
64. The Government disputed her claim.
A. Arguments of the parties
1. The Government
65. Relying on their version of the events (see paragraphs 28-30 above), the Government submitted that this part of the application should be determined on the basis of the Commission's findings in the case of Chrysostomos and Papachrysostomou v. Turkey (applications nos. 15299/89 and 15300/89, Commission's report of 8 June 1993, Decisions and Reports (DR) 86, p. 4), as the factual and legal bases of the present application were the same as in that pilot case. They argued that the third-party intervener should be considered estopped from challenging the Commission's findings.
2. The applicant
66. The applicant essentially adopted the observations submitted by the Government of Cyprus (see below).
3. The third-party intervener
67. The Government of Cyprus submitted that the findings of the Commission in the case of Chrysostomos and Papachrysostomou (cited above) were not applicable to the present case. Whether the treatment suffered by the applicant violated Article 3 had to be examined and determined in light of the facts of the case and on the basis of the evidence provided.
68. The treatment endured by the applicant during her arrest and subsequent imprisonment and trial had been of a very severe nature, including inter alia physical violence and punishment, exposure to violent and abusive crowds, inhuman and degrading conditions of detention (including solitary confinement and sleep deprivation) and humiliating and frightening treatment in court. Whether such treatment was viewed cumulatively or separately, it had caused severe physical and psychological suffering amounting to inhuman and degrading treatment within the meaning of Article 3 of the Convention.
B. The Court's assessment
69. The general principles concerning the prohibition of torture and of inhuman or degrading treatment are set out in Protopapa v. Turkey, no. 16084/90, §§ 39-45, 24 February 2009.
70. As to the application of these principles to the present case, the Court observes that it is undisputed that the applicant was arrested during a demonstration which gave rise to an extremely tense situation. It will be recalled that in the case of Chrysostomos and Papachrysostomou, the Commission found that a number of demonstrators had resisted arrest, that the police forces had broken their resistance and that in that context there was a high risk that the demonstrators would be treated roughly, and even suffer injuries, in the course of the arrest operation (see the Commission's report, cited above, §§ 113-15). The Court does not see any reason to depart from these findings and will take due account of the state of heightened tension at the time of the applicant's arrest.
71. It further observes that the applicant submitted that in the course of her arrest she was seized by the hair, thrown to the ground and beaten by a number of Turkish soldiers. In particular, she received a powerful punch in the abdomen and a boot kick to the inner left leg (see paragraph 17 above). Moreover, she was allegedly beaten with an electric baton while detained in the “TRNC”, and this provoked severe pain in her abdomen (see paragraph 19 above). However, the Court has at its disposal little evidence to corroborate the applicant's version of events. The medical certificates issued by Dr C. A. (see paragraphs 25-26 above) only refer to bruises and abrasions and specify that X-ray examinations had shown no bone damage. The third medical certificate was issued on 12 November 2002 (see paragraph 27 above), which is more than thirteen years after the date of the alleged ill-treatment. Dr C. stated that he had first examined the applicant in June 1998, almost ten years after her arrest. The Court considers that a medical examination so long after the event could not determine whether the conditions alleged by the applicant had resulted from the events of 19 July 1989.
72. Under these circumstances, it has not been established that the applicant's injuries were deliberately caused by the Turkish or Turkish-Cypriot police. In any event, it cannot be ruled out that the applicant's condition is consistent with a minor physical confrontation between her and the police officers. There is nothing to show that the police used excessive force when, as they allege, they were confronted in the course of their duties with resistance to arrest by the demonstrators, including the applicant (see, mutatis mutandis, Protopapa, cited above, §§ 47-48).
73. The applicant's remaining allegations, concerning the conditions of her detention at the “Pavlides garage” and in prison, are unsubstantiated. Nor has it been proved that the applicant's injuries required immediate medical assistance. The Court considers, moreover, that the degree of intimidation which the applicant might have felt while being deprived of her liberty did not attain the minimum level of severity required to come within the scope of Article 3 (see Protopapa, cited above, § 49).
74. Under these circumstances, the Court cannot consider it established beyond reasonable doubt that the applicant was subjected to treatment contrary to Article 3 or that the authorities had recourse to physical force which had not been rendered strictly necessary by the applicant's own behaviour (see, mutatis mutandis, Foka v. Turkey, no. 28940/95, § 62, 24 June 2008).
75. It follows that there has been no violation of Article 3 of the Convention.
V. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 5 OF THE CONVENTION
76. The applicant alleged that her deprivation of liberty had been contrary to Article 5 of the Convention which, in so far as relevant, reads as follows:
“1. Everyone has the right to liberty and security of person. No one shall be deprived of his liberty save in the following cases and in accordance with a procedure prescribed by law:
(a) the lawful detention of a person after conviction by a competent court;
...
(c) the lawful arrest or detention of a person effected for the purpose of bringing him before the competent legal authority on reasonable suspicion of having committed an offence or when it is reasonably considered necessary to prevent his committing an offence or fleeing after having done so;
...
2. Everyone who is arrested shall be informed promptly, in a language which he understands, of the reasons for his arrest and of any charge against him.
...”
77. The Government disputed this claim.
A. Arguments of the parties
1. The Government
78. The Government submitted that given its violent character, the demonstration constituted an unlawful assembly. They referred, on this point, to sections 70, 71, 80 and 82 of the Cypriot Criminal Code, which was applicable in the “TRNC” (see paragraphs 35-38 above) and noted that under Chapter 155 of the Criminal Procedure Law (see paragraph 39 above), the police had power to arrest persons involved in violent demonstrations.
2. The applicant
79. The applicant essentially adopted the observations submitted by the Government of Cyprus (see below).
3. The third-party intervener
80. The Government of Cyprus observed that during the applicant's initial arrest, subsequent detention and prison sentence following the court conviction, the applicant was denied her liberty in circumstances which did not follow a procedure prescribed by law and which were not lawful under Article 5 § 1 (a) and (c) of the Convention. Moreover, the authorities' failure to inform the applicant of all the reasons for her arrest constituted a violation of Article 5 § 2.
B. The Court's assessment
81. It is not disputed that the applicant, who was arrested and remanded in custody by the “TRNC” Nicosia District Court, was deprived of her liberty within the meaning of Article 5 § 1 of the Convention.
82. As to the question of compliance with the requirements of Article 5 § 1, the Court reiterates that this provision requires in the first place that the detention be “lawful”, which includes the condition of compliance with a procedure prescribed by law. The Convention here essentially refers back to national law and states the obligation to conform to the substantive and procedural rules thereof, but it requires in addition that any deprivation of liberty should be consistent with the purpose of Article 5, namely to protect individuals from arbitrariness (see Benham v. the United Kingdom, 10 June 1996, §§ 40 and 42, Reports 1996-III).
83. The Court further notes that in the case of Foka v. Turkey (cited above, §§ 82-84) it held that the “TRNC” was exercising de facto authority over northern Cyprus and that the responsibility of Turkey for the acts of the “TRNC” was inconsistent with the applicant's view that the measures adopted by it should always be regarded as lacking a “lawful” basis in terms of the Convention. The Court therefore concluded that when, as in the Foka case, an act of the “TRNC” authorities was in compliance with laws in force within the territory of northern Cyprus, it should in principle be regarded as having a legal basis in domestic law for the purposes of the Convention. It does not see any reason to depart, in the instant case, from that finding, which is not in any way inconsistent with the view adopted by the international community regarding the establishment of the “TRNC” or the fact that the Government of the Republic of Cyprus remains the sole legitimate government of Cyprus (see Cyprus v. Turkey [GC], no. 25781/94, §§ 14, 61 and 90, ECHR 2001–IV).
84. In the present case, it is not disputed that the applicant took part in a demonstration which the authorities of the “TRNC” regarded as potentially being an “unlawful assembly” within the meaning of section 70 of the Cyprus Criminal Code (see paragraph 35 above). Taking part in an unlawful assembly is an offence under section 71 of the Cypriot Criminal Code and is punishable by up to one year's imprisonment (see paragraph 36 above). It is also an offence under the “TRNC” laws to enter “TRNC” territory without permission and/or other than through an approved port (see paragraphs 40-41 above). The Court further notes that according to Chapter 155, section 14 of the Criminal Procedure Law, a police officer may, without warrant, arrest any person who commits in his presence any offence punishable with imprisonment or who obstructs a police officer while in the execution of his duty (see paragraph 39 above – see also Protopapa, cited above, § 61, and Chrysostomos and Papachrysostomou, Commission's report, cited above, § 147).
85. As the police officers who effected the arrest had grounds for believing that the applicant was committing offences punishable by imprisonment, the Court is of the opinion that she was deprived of her liberty in accordance with a procedure prescribed by law “for the purpose of bringing [her] before the competent legal authority on reasonable suspicion of having committed an offence”, within the meaning of Article 5 § 1 (c) of the Convention (see Protopapa, cited above, § 62).
86. Moreover, there is no evidence that the deprivation of liberty served any other illegitimate aim or was arbitrary. Indeed, on 20 July 1989, the day after her arrest, the applicant was brought before the “TRNC” Nicosia District Court and remanded for trial in relation to the offence of illegal entry into “TRNC” territory (see paragraph 20 above).
87. After 22 July 1989, the date on which the “TRNC” Nicosia District Court delivered its judgment (see paragraph 23 above), the applicant's deprivation of liberty should be regarded as the “lawful detention of a person after conviction by a competent court”, within the meaning of Article 5 § 1 (a) of the Convention.
88. Finally, it is to be observed that the applicant was interrogated on the day of her arrest by an official who spoke Greek (see paragraph 18 above). In the Court's view, it should have been apparent to the applicant that she was being questioned about trespassing in the UN buffer zone and her allegedly illegal entry into the territory of the “TRNC” (see, mutatis mutandis, Murray and Others v. the United Kingdom, Series A no. 300-A, § 77, 28 October 1994). Moreover, on 21 July 1989, during the court hearing, an interpreter translated the charges to the accused (see paragraph 21 above). The Court therefore finds that the reasons for the applicant's arrest were sufficiently brought to her attention during her interview and during the court's hearing of 21 July 1989 (see, mutatis mutandis, Protopapa, cited above, § 65).
89. Accordingly, there has been no violation of Article 5 §§ 1 and 2 of the Convention.
VI. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 OF THE CONVENTION
90. The applicant complained of a lack of fairness at her trial by the “TRNC” Nicosia District Court.
She invoked Article 6 of the Convention, which, in so far as relevant, reads as follows:
“1. In the determination ... of any criminal charge against him, everyone is entitled to a fair and public hearing ... by an independent and impartial tribunal established by law. ...
2. Everyone charged with a criminal offence shall be presumed innocent until proved guilty according to law.
3. Everyone charged with a criminal offence has the following minimum rights:
(a) to be informed promptly, in a language which he understands and in detail, of the nature and cause of the accusation against him;
(b) to have adequate time and facilities for the preparation of his defence;
(c) to defend himself in person or through legal assistance of his own choosing or, if he has not sufficient means to pay for legal assistance, to be given it free when the interests of justice so require;
(d) to examine or have examined witnesses against him and to obtain the attendance and examination of witnesses on his behalf under the same conditions as witnesses against him;
(e) to have the free assistance of an interpreter if he cannot understand or speak the language used in court.”
91. The Government disputed this claim.
A. Arguments of the parties
1. The Government
92. The Government stated that:
(i) the applicant had been tried by an impartial and independent court;
(ii) all the cases before the court, including the applicant's, had been divided into groups so as to ensure a speedy trial and help the accused in their defence;
(iii) the applicant had not asked for more time to prepare her defence, and had declined legal representation;
(iv) the court had advised the applicant and helped her to understand her rights and the procedure;
(v) everything at the trial had been interpreted during the proceedings by qualified translators and interpreters in order to ensure that the defence was not prejudiced and the accused were fully informed of the charges against them; the trial judge replaced a translator when the latter started to have a conversation with the accused;
(vi) the judge, an English educated lawyer, was only involved in the judicial proceedings and not in the decision to prosecute or in the acts relating to the applicant's arrest;
(vii) in passing sentence the court had taken all the circumstances of the case into consideration; in particular, being fair and understanding the mental state of the accused, the judge had not punished them for contempt of court when they behaved in a disrespectful manner and one of them said that the trial was a “circus”.
93. The Government challenged the third-party intervener's arguments as being of a political nature. They considered that the allegations of a lack of fairness, independence and impartiality of the judiciary in the “TRNC” were without any foundation whatsoever. On the contrary, previous cases decided by the “TRNC” courts showed that they respected human rights and the Convention principles.
2. The applicant
94. The applicant essentially adopted the observations submitted by the Government of Cyprus (see below).
3. The third-party intervener
95. The Government of Cyprus submitted that the instant application was an exceptional case in which the applicant had been denied each and all of the basic fair-trial guarantees provided for in Article 6 of the Convention. The violations of her rights included inter alia a failure to inform the applicant promptly, in a language that she understood, of the nature and cause of the accusation against her, to provide her with adequate time and facilities to find a lawyer of her own choosing and to prepare her defence, to allow the cross-examination of witnesses and to provide the applicant with proper interpretation and a transcript of the trial. Lastly, there was proof beyond reasonable doubt that the “court” which tried the applicant was neither impartial nor fair.
B. The Court's assessment
96. The relevant general principles enshrined in Article 6 of the Convention are exposed in Protopapa, cited above, §§ 77-82.
97. As to the application of these principles to the present case, the Court observes that the applicant was remanded for trial before the “TRNC” Nicosia District Court. An interpreter was present at the hearings on 20 and 21 July 1989. Even if the Court has no information on which to assess the quality of the interpretation provided, it observes that it is apparent from the applicant's own version of the events and from the statement she made at the court hearing (see paragraph 34 (v) above) that she understood the charges against her and the statements made by the witnesses at the trial. In any event, it does not appear that she challenged the quality of the interpretation before the trial judge, requested the replacement of the interpreter or asked for clarification concerning the nature and cause of the accusation.
98. The Court furthermore notes that the accused were offered the opportunity of using the services of a member of the local Bar Association, of calling defence witnesses and of cross-examining the prosecution witnesses in turn, appointing, if they so wished, one of their number to act on behalf of the others. However, apart from putting the occasional question to two prosecution witnesses through the applicant, they chose not to avail themselves of any of these rights.
99. The Court considers that the applicant, who was herself a lawyer, was undoubtedly capable of realising the consequences of her decision to make little use of the procedural rights which were offered to her. Furthermore, it does not appear that the dispute raised any questions of public interest preventing the aforementioned procedural guarantees from being waived (see, mutatis mutandis, Hermi v. Italy [GC], no. 18114/02, § 79, 10 October 2006, and Kwiatkowska v. Italy (dec.), no. 52868/99, 30 November 2000).
100. The Court also emphasises that the accused did not request an adjournment of the trial or a translation of the written documents pertaining to the procedure in order to acquaint themselves with the case-file and to prepare their defence. There is nothing to suggest that such requests would have been rejected. The same applies to the possibility, which was not taken up by the accused, of lodging an appeal or an appeal on points of law against the “TRNC” Nicosia District Court's judgment.
101. Finally, the Court cannot accept, as such, the allegation that the “TRNC” courts as a whole were not impartial and/or independent or that the applicant's trial and conviction were influenced by political aims (see, mutatis mutandis, Cyprus v. Turkey, cited above, §§ 231-240).
102. In the light of the above, and taking account in particular of the conduct of the accused, the Court considers that the criminal proceedings against the applicant, considered as a whole, were not unfair or otherwise contrary to the provisions of the Convention.
103. It follows that there has been no violation of Article 6 of the Convention.
VII. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 7 OF THE CONVENTION
104. The applicant submitted that she had been convicted in respect of acts which did not constitute a criminal offence.
She invoked Article 7 of the Convention, which reads as follows:
“1. No one shall be held guilty of any criminal offence on account of any act or omission which did not constitute a criminal offence under national or international law at the time when it was committed. Nor shall a heavier penalty be imposed than the one that was applicable at the time the criminal offence was committed.
2. This Article shall not prejudice the trial and punishment of any person for any act or omission which, at the time when it was committed, was criminal according to the general principles of law recognised by civilised nations.”
105. The Government disputed this claim. They alleged that the applicant had been charged with violating the borders of the “TRNC” and her conviction was based on the evidence of eye-witnesses. She should have known that by violating the UN buffer zone and the cease-fire line she would provoke a response by the UN or Turkish-Cypriot forces.
106. The Government of Cyprus submitted that the applicant had been wrongly tried for acts which did not amount to offences under national or international law, and which in any event failed to meet the standards of foreseeability and accessibility required by the Convention (see G. v. France, 27 September 1995, Series A no. 325-B), in violation of Article 7 of the Convention.
107. The relevant general principles enshrined in Article 7 of the Convention are set out in Protopapa, cited above, §§ 93-95.
108. As to the application of these principles to the present case, the Court notes that the applicant was convicted for having entered the territory of the “TRNC” without permission and other than through an approved port. These offences are defined in Law no. 5/72 and subsections 12(1) and (5) of the Aliens and Immigration Law (see paragraphs 40-41 above).
109. It is not disputed that these texts were in force when the offences were committed and were accessible to the applicant. The Court furthermore finds that they described with sufficient clarity the acts which would have made her criminally liable, thus satisfying the requirement of foreseeability. There is nothing to suggest that they were interpreted extensively or by way of analogy; the penalty imposed (three days' imprisonment and a fine of CYP 50 – see paragraph 23 above) was within the maximum provided for by the law in force at the time the offence was committed.
110. It follows that there has been no violation of Article 7 of the Convention.
VIII. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 11 OF THE CONVENTION
111. The applicant complained of a violation of her right to freedom of peaceful assembly.
She invoked Article 11 of the Convention, which reads as follows:
“1. Everyone has the right to freedom of peaceful assembly and to freedom of association with others, including the right to form and to join trade unions for the protection of his interests.
2. No restrictions shall be placed on the exercise of these rights other than such as are prescribed by law and are necessary in a democratic society in the interests of national security or public safety, for the prevention of disorder or crime, for the protection of health or morals or for the protection of the rights and freedoms of others. This Article shall not prevent the imposition of lawful restrictions on the exercise of these rights by members of the armed forces, of the police or of the administration of the State.”
112. The Government disputed this claim, observing that given its violent character, the demonstration was clearly outside the scope of Article 11 of the Convention. They considered that the “TRNC” police had intervened in the interests of national security and/or public safety and for the prevention of disorder and crime.
113. The Government of Cyprus submitted that the applicant's right to demonstrate under Article 11 of the Convention had been interfered with in an aggravated and serious manner. The acts of the respondent Government were a deliberate and provocative attempt to disrupt a lawful demonstration in an area which was subject to UN patrols and not even within the claimed jurisdiction of the “TRNC”. The interference with the applicant's rights was not prescribed by law and was an excessive and disproportionate response to a peaceful and lawful demonstration. The respondent Government had not identified any legitimate aim that they were seeking to serve by assaulting the applicant.
114. The Court notes that the applicant and other women clashed with Turkish-Cypriot police while demonstrating in or in the vicinity of the Ayios Kassianos school in Nicosia. The demonstration was dispersed and some of the demonstrators, including the applicant, were arrested. Under these circumstances, the Court considers that there has been an interference with the applicant's right of assembly (see Protopapa, cited above, § 104).
115. This interference had a legal basis, namely sections 70 and 71 of the Cypriot Criminal Code (see paragraphs 35-36 above) and section 14 of the Criminal Procedure Law (see paragraph 39 above), and was thus “prescribed by law” within the meaning of Article 11 § 2 of the Convention. In this respect, the Court recalls its finding that when, as in the Foka case, an act of the “TRNC” authorities was in compliance with laws in force within the territory of northern Cyprus, it should in principle be regarded as having a legal basis in domestic law for the purposes of the Convention (see paragraph 83 above). There remain the questions whether the interference pursued a legitimate aim and was necessary in a democratic society.
116. The Government submitted that the interference pursued legitimate aims, including the protection of national security and/or public safety and the prevention of disorder and crime.
117. The Court notes that in the case of Chrysostomos and Papachrysostomou, the Commission found that the demonstration on 19 July 1989 was violent, that it had broken through the UN defence lines and constituted a serious threat to peace and public order on the demarcation line in Cyprus (see Commission's report, cited above, §§ 109-10). The Court sees no reason to depart from these findings, which were based on the UN Secretary General's report, on a video film and on photographs submitted by the respondent Government before the Commission. It emphasises that in his report, the UN Secretary General stated that the demonstrators had “forced their way into the UN buffer zone in the Ayios Kassianos area of Nicosia”, that they had broken “through a wire barrier maintained by UNFICYP and destroyed an UNFICYP observation post” before breaking “through the line formed by UNFICYP soldiers” and entering “a former school complex” (see paragraph 31 above).
118. The Court refers, firstly, to the fundamental principles underlying its judgments relating to Article 11 (see Djavit An v. Turkey, no. 20652/92, §§ 56-57, ECHR 2003-III; Piermont v. France, 27 April 1995, §§ 76-77, Series A no. 314; and Plattform “Ärzte für das Leben” v. Austria, 21 June 1988, § 32, Series A no. 139). It is clear from this case-law that the authorities have a duty to take appropriate measures with regard to demonstrations in order to ensure their peaceful conduct and the safety of all citizens (see Oya Ataman v. Turkey, no. 74552/01, § 35, 5 December 2006). However, they cannot guarantee this absolutely and they have a wide discretion in the choice of the means to be used (see Plattform “Ärzte für das Leben”, cited above, § 34).
119. While an unlawful situation does not, in itself, justify an infringement of freedom of assembly (see Cisse v. France, no. 51346/99, § 50, ECHR 2002-III (extracts)), interferences with the right guaranteed by Article 11 of the Convention are in principle justified for the prevention of disorder or crime and for the protection of the rights and freedoms of others where, as in the instant case, demonstrators engage in acts of violence (see, a contrario, Bukta and Others v. Hungary, no. 25691/04, § 37, 17 July 2007, and Oya Ataman, cited above, §§ 41-42).
120. The Court further observes that, as stated in the UN Secretary General's report of 7 December 1989 (see paragraph 31 above), the demonstrators had forced their way into the UN buffer zone. According to the “TRNC” authorities, they also entered into “TRNC” territory, thus committing offences punishable under the “TRNC” laws (see paragraphs 40-41 and 84 above). In this respect, the Court notes that it does not have at its disposal any element capable of casting doubt upon the statements given by some witnesses at trial according to which the area where the accused had entered was “TRNC” territory (see paragraph 34 (iii) above). In the Court's view, the intervention of the Turkish and/or Turkish-Cypriot forces was not due to the political nature of the demonstration but was provoked by its violent character and by the violation of the “TRNC” borders by some of the demonstrators (see Protopapa, cited above, § 110).
121. In these conditions and having regard to the wide margin of appreciation left to the States in this sphere (see Plattform “Ärzte für das Leben”, cited above, § 34), the Court holds that the interference with the applicant's right to freedom of assembly was not, in the light of all the circumstances of the case, disproportionate for the purposes of Article 11 § 2.
122. Consequently, there has been no violation of Article 11 of the Convention.
IX. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 13 OF THE CONVENTION
123. The applicant alleged that she had not had at her disposal a domestic effective remedy to redress the violations of her fundamental rights.
She invoked Article 13 of the Convention, which reads as follows:
“Everyone whose rights and freedoms as set forth in [the] Convention are violated shall have an effective remedy before a national authority notwithstanding that the violation has been committed by persons acting in an official capacity.”
124. The Government disputed this claim. In their observations of 10 January 2003, they noted that the applicant, who had failed to use the domestic remedies available within the legal system of the “TRNC”, could not complain of a violation of Article 13 of the Convention.
125. The Government of Cyprus submitted that, contrary to Article 13 of the Convention, no effective remedies had at any time been available to the applicant in respect of any of her complaints. Alternatively, the institutions established by the “TRNC” were incapable of constituting effective domestic remedies within the national legal system of Turkey.
126. Article 13 of the Convention guarantees the availability at the national level of a remedy to enforce the substance of the Convention rights and freedoms in whatever form they may happen to be secured in the domestic legal order. The effect of Article 13 is thus to require the provision of a domestic remedy to deal with the substance of an “arguable complaint” under the Convention and to grant appropriate relief (see, among many other authorities, Kudła v. Poland [GC], no. 30210/96, § 157, ECHR 2000-XI).
127. The scope of the Contracting States' obligations under Article 13 varies depending on the nature of the applicant's complaint; however, the remedy required by Article 13 must be “effective” in practice as well as in law (see, for example, İlhan v. Turkey [GC], no. 22277/93, § 97, ECHR 2000-VII). The term “effective” is also considered to mean that the remedy must be adequate and accessible (see Vidas v. Croatia, no. 40383/04, § 34, 3 July 2008, and Paulino Tomás v. Portugal (dec.), no. 58698/00, ECHR 2003-VIII).
128. It is also to be recalled that in its judgment in the case of Cyprus v. Turkey (cited above, §§ 14, 16, 90 and 102) the Court held that for the purposes of Article 35 § 1, with which Article 13 has a close affinity (see Kudla, cited above, § 152), remedies available in the “TRNC” may be regarded as “domestic remedies” of the respondent State and that the question of their effectiveness is to be considered in the specific circumstances where it arises.
129. In the present case, it does not appear that the applicant attempted to make use of the remedies which might have been available to her in the “TRNC” with regard to the circumstances of her arrest, her subsequent detention and her trial (see Protopapa, cited above, § 121, mutatis mutandis, Chrysostomos and Papachrysostomou, Commission's report cited above, § 174). In particular, she refused the services of a lawyer practising in the “TRNC”, made little or no use of the procedural safeguards provided by the “TRNC” Nicosia District Court, did not lodge an appeal against her conviction and did not file with the local authorities a formal complaint about the ill-treatment she allegedly suffered at the hands of the Turkish-Cypriot police. The applicant's statement that she was ready to show her injuries at trial had the court excluded the public from the hearing room (see paragraph 34 (v) above) cannot be considered tantamount to such a formal complaint (see Protopapa, cited above, § 121). In the Court's view, there is no evidence that, had the applicant made use of all or part of them, these domestic remedies would have been ineffective.
130. Under these circumstances, no breach of Article 13 of the Convention can be found.
X. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 14 OF THE CONVENTION READ IN CONJUNCTION WITH ARTICLES 5, 6 AND 7
131. The applicant alleged that she had been discriminated against on the grounds of her ethnic origin and religious beliefs in the enjoyment of the rights guaranteed by Articles 5, 6 and 7 of the Convention.
She invoked Article 14 of the Convention, which reads as follows:
“The enjoyment of the rights and freedoms set forth in [the] Convention shall be secured without discrimination on any ground such as sex, race, colour, language, religion, political or other opinion, national or social origin, association with a national minority, property, birth or other status.”
132. The Government disputed this claim.
133. The Court's case-law establishes that discrimination means treating differently, without an objective and reasonable justification, persons in relevantly similar situations (see Willis v. the United Kingdom, no. 36042/97, § 48, ECHR 2002-IV). However, not every difference in treatment will amount to a violation of Article 14. It must be established that other persons in an analogous or relevantly similar situation enjoy preferential treatment and that this distinction is discriminatory (see Unal Tekeli v. Turkey, no. 29865/96, § 49, 16 November 2004).
134. In the present case the applicant failed to prove that she had been treated differently from other persons – namely, from Cypriots of Turkish origin – who were in a comparable situation. The Court also refers to its conclusion that the applicant's fundamental rights under Articles 3, 5, 6, 7, 11 and 13 of the Convention have not been infringed (see Protopapa, cited above, § 127, and, mutatis mutandis, Manitaras v. Turkey (dec.), no. 54591/00, 3 June 2008).
135. It follows that there has been no violation of Article 14 of the Convention read in conjunction with Articles 5, 6 and 7 of the Convention.
XI. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
136. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party. ”
A. Pecuniary and non-pecuniary damage
1. The parties' submissions
(a) The applicant
137. In her just satisfaction claims of December 2002, the applicant requested CYP 202,620 (approximately EUR 346,196) for pecuniary damage. She relied on an expert's report (provided by the Department of Lands and Surveys of the Republic of Cyprus) assessing the value of her losses which included the loss of annual rent collected or expected to be collected from renting out her properties, plus interest from the date on which such rents were due until the date of payment. The rents claimed were for the period dating back to January 1987, when the respondent Government accepted the right of individual petition, until 2000. The applicant did not claim compensation for any purported expropriation since she was still the legal owner of the properties. The valuation report contained a description of Klepini, Yerolakkos and Akanthou, where the properties claimed by the applicant were located.
138. The starting point of the valuation report was the annual rental value of the applicant's share in the properties in 1974 calculated on the basis of a percentage (5%) of their market value. The expert gave the following estimates:
(a) properties described in paragraph 8 above: for the field with the house (registration no. 583): 1974 market value: CYP 18,280 (approximately EUR 31,233); 1974 annual rent: CYP 914 (approximately EUR 1,561); for the field under registration no. 586: 1974 market value: CYP 10,870 (approximately EUR 18,572); 1974 annual rent: CYP 544 (approximately EUR 929);
(b) land described in paragraph 9 (a) above: 1974 annual rent: CYP 8.01 (approximately EUR 13);
(c) land described in paragraph 9 (b) above: 1974 annual rent: CYP 8.36 (approximately EUR 14);
(d) land described in paragraph 9 (c) above: 1974 market value: CYP 4,215 (approximately EUR 7,201); 1974 annual rent: CYP 211 (approximately EUR 360).
139. These sums were subsequently adjusted upwards according to an average annual rental increase varying from 7% to 12%. Compound interest for delayed payment was applied at a rate of 8% per annum.
140. In a letter of 28 January 2008 the applicant observed that a long period had passed since her first claims for just satisfaction and that the claim for pecuniary loss needed to be updated according to data concerning the increase in market value of the land in Cyprus. The average increase in this respect was 10% to 15% per annum.
141. In her just satisfaction claims of December 2002, the applicant also claimed CYP 80,000 (approximately 136,688 EUR) in respect of non-pecuniary damage for the violations of her rights under Articles 8 of the Convention and 1 of Protocol No. 1. She further claimed CYP 60,000 (approximately EUR 102,516) with respect for the moral damage suffered for the other violations.
(b) The Government
142. In reply to the applicant's just satisfaction claims of December 2002, the Government submitted that the issue of reciprocal compensation for Greek-Cypriot property left in the north of the island and Turkish-Cypriot property left in the south was very complex and should be settled through negotiations between the two sides under the auspices of the UN, rather than by adjudication by the European Court of Human Rights, acting as a first-instance tribunal and relying on the reports produced by the applicant side only. They referred, on this point, to the UN plan entitled “Basis for agreement on a comprehensive settlement of the Cyprus problem”, in its revised version of 10 December 2002.
143. Challenging the conclusions reached by the Court in the Loizidou judgment ((just satisfaction), 28 July 1998, Reports 1998-IV), the Government considered that in cases such as the present one, no award should be made by the Court under Article 41 of the Convention. They underlined that the applicant's inability to have access to her properties depended on the political situation in Cyprus and, in particular, on the existence of the UN recognized cease-fire lines. If Greek-Cypriots were allowed to go to the north and claim their properties, chaos would explode on the island; furthermore, any award made by the Court would undermine the negotiations between the two parties.
144. Moreover, Turkey had no access to the lands office records of the “TRNC”, which were outside its jurisdiction and control. It was therefore not in a position to have sufficient knowledge about the possession and/or ownership of the alleged properties in 1974 or to know their market values and reasonable rents at the relevant time. The estimations put forward by the applicant were speculative and hypothetical, as they were not based on real data and did not take into consideration the volatility of the property market and its susceptibility to the domestic situation in Cyprus. During the last 28 years, the landscape in Cyprus had considerably changed and so had the status of the applicant's alleged properties.
145. It was also to be noted that in the present application the estimations were not provided by an independent expert, but by the Department of Lands and Surveys of the Republic of Cyprus, that is to say by a branch of an interested party which had intervened in the proceedings before the Court. In any event, Turkey could not be held liable in international law for the acts of the “TRNC” expropriating the applicant's properties, as it could not legislate to make reparation for these acts. The Government invited the Court to examine whether, as stated in Article 41 of the Convention, “the internal law of the High Contracting Party concerned” allowed “reparation to be made”.
146. Finally, the Government did not comment on the applicant's submissions under the head of non-pecuniary damage.
3. The Court's assessment
147. The Court first notes that the Government's submission that doubts might rise as to the applicant's title of ownership over the land described in paragraph 9 above (see paragraph 144 above) is, in substance, an objection of incompatibility ratione materiae with the provisions of Article 1 of Protocol No. 1. Such an objection should have been raised before the application was declared admissible or, at the latest, in the context of the parties' observations on the merits. In any event, the Court cannot but confirm its finding that the plots at issue constituted the applicant's “possessions”, within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 (see paragraph 51 above).
148. The Court also notes that it has concluded that the properties described in paragraph 8 above were not a “possession” of the applicant (see paragraph 50 above) and that it has found that there has been no violation of Articles 3, 5, 6, 7, 11, 13 and 14 (read in conjunction with Articles 5, 6 and 7) of the Convention. Therefore, no award should be made on that account.
149. In the circumstances of the case, the Court considers that the question of the application of Article 41 in respect of the remaining aspects of pecuniary and non-pecuniary damage is not ready for decision. It observes, in particular, that the parties have failed to provide reliable and objective data pertaining to the prices of land and real estate in Cyprus at the date of the Turkish intervention. This failure renders it difficult for the Court to assess whether the estimate furnished by the applicant of the 1974 market value of her land is reasonable. The question must accordingly be reserved and the subsequent procedure fixed with due regard to any agreement which might be reached between the respondent Government and the applicant (Rule 75 § 1 of the Rules of Court).
B. Costs and expenses
150. In her just satisfaction claims of December 2002, relying on a debit note from her representative, the applicant sought CYP 7,200 (approximately EUR 12,302) for the costs and expenses incurred before the Court.
151. The Government did not comment on this point.
152. In the circumstances of the case, the Court considers that the question of the application of Article 41 in respect of costs and expenses is not ready for decision. The question must accordingly be reserved and the subsequent procedure fixed with due regard to any agreement which might be reached between the respondent Government and the applicant.
FOR THESE REASONS, THE COURT
1. Dismisses by six votes to one the Government's preliminary objections;
2. Holds six votes to one that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention with regard to the land described in paragraph 9 above;
3. Holds unanimously that there has been no violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention with regard to the properties described in paragraph 8 above;
4. Holds unanimously that it is not necessary to examine whether there has been a violation of Article 8 of the Convention;
5. Holds unanimously that it is not necessary to examine whether there has been a violation of Article 14 of the Convention read in conjunction with Article 8 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1;
6. Holds unanimously that there has been no violation of Article 3 of the Convention;
7. Holds unanimously that there has been no violation of Article 5 of the Convention;
8. Holds unanimously that there has been no violation of Article 6 of the Convention;
9. Holds unanimously that there has been no violation of Article 7 of the Convention;
10. Holds unanimously that there has been no violation of Article 11 of the Convention;
11. Holds unanimously that there has been no violation of Article 13 of the Convention;
12. Holds unanimously that there has been no violation of Article 14 of the Convention read in conjunction with Articles 5, 6 and 7 of the Convention;
13. Holds unanimously that the question of the application of Article 41 is not ready for decision;
accordingly,
(a) reserves the said question in whole;
(b) invites the Government and the applicant to submit, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, their written observations on the matter and, in particular, to notify the Court of any agreement that they may reach;
(c) reserves the further procedure and delegates to the President of the Chamber the power to fix the same if need be.
Done in English, and notified in writing on 22 September 2009, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Fatoş Aracı Nicolas Bratza
Deputy Registrar President
In accordance with Article 45 § 2 of the Convention and Rule 74 § 2 of the Rules of Court, the separate opinions of Judge Bratza and Karakaş are annexed to this judgment.
N.B.
F.A.

CONCURRING OPINION OF JUDGE BRATZA
In the case of Protopapa v. Turkey (no. 16084/90, 24 February 2009), I voted with the other members of the Chamber in relation to all of the Convention complaints of the applicant save that under Article 13 which, for the reasons explained in my Partly Dissenting Opinion, I found had been violated.
The applicant's complaint under Article 13 in the present case is substantially the same as that of the applicant in the Protopapa case. While I continue to entertain the doubts which I expressed in that case as to whether there were any remedies which could be regarded as practical or effective and which offered the applicant any realistic prospects of success, in deference to the majority opinion in the Protopapa judgment, which has now become final, I have joined the other members of the Chamber in finding no violation of Article 13.




PARTLY DISSENTING OPINION OF JUDGE KARAKAÅž
Unlike the majority, I consider that the objection of non-exhaustion of domestic remedies raised by the Government should not have been rejected. Consequently, I cannot agree with the finding of a violation of Article 1 of Protocol No. 1 of the Convention, for the same reasons as mentioned in my dissenting opinion in the case of Alexandrou v. Turkey (no. 16162/90, 20 January 2009).
I voted with the majority concerning the finding of no violation of Articles 3, 5, 6, 7, 11, 13 and 14 read in conjunction with Articles 5, 6 and 7 of the Convention.


TESTO TRADOTTO

QUARTA SEZIONE
CAUSA VRAHIMI C. TURCHIA
(Richiesta n. 16078/90)
SENTENZA
(meriti)
STRASBOURG
22 settembre 2009
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Vrahimi c. Turchia,
La Corte europea dei Diritti umani (quarta Sezione), riunendosi che come una Camera, composta di:
Nicolas Bratza, Presidente, Giovanni Bonello, David Thór Björgvinsson, Ján Šikuta, Päivi Hirvelä, Ledi Bianku, Işıl Karakaş, giudici,
e Fatoş Aracı, Cancelliere Aggiunto di Sezione,
Avendo deliberato in privato il 1 settembre 2009,
Consegna la seguente sentenza sulla quale fu adottata quel la data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 16078/90) contro la Repubblica della Turchia depositata presso la Commissione europea dei Diritti umani (“la Commissione”) sotto il precedente Articolo 25 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino cipriota, la Sig.ra E. V. (“la richiedente”), il 12 gennaio 1990.
2. La richiedente fu rappresentata dal Sig. L. C. e dal Sig. C. C., due avvocati che praticano a Nicosia. Il Governo turco (“il Governo”) fu rappresentato dal suo Agente, il Sig. Z.M. Necatigil.
3. La richiedente addusse, in particolare, che l'occupazione turca della parte settentrionale di Cipro l'aveva spogliata delle sue proprietà e che lei era stata sottoposta a trattamento contrario alla Convenzione durante una dimostrazione.
4. La richiesta fu trasmessa alla Corte il 1 novembre 1998, quando il Protocollo N.ro 11 alla Convenzione entrò in vigore (Articolo 5 § 2 del Protocollo N.ro 11).
5. Con una decisione del 26 settembre 2002 la Corte dichiarò la richiesta parzialmente ammissibile.
6. La richiedente ed il Governo entrambi registrarono osservazioni sui meriti (Articolo 59 § 1). Inoltre, commenti di terze-parti furono ricevuti dal Governo di Cipro che aveva esercitato il suo diritto ad intervenire (Articolo 36 § 1 della Convenzione e Articolo 44 § 1 (b)).
I FATTI
7. La richiedente nacque nel 1939 e vive a Nicosia.
I. QUESTIONE DELLA CASA E DELLA PROPRIETÀ
8. La richiedente rivendicò che il suo precedente marito, il Sig. I. V. era stato il direttore ed azionista di una società chiamata Vrahimis Estate Ltd. La società possedeva due grandi aree di terreno localizzate nel villaggio di Klepini, nel Distretto di Kyrenia (le aree N. 6 e 7, foglio/mappale XIII/33.W.I, registrazione N. 583 e 586; area rispettivamente: 3,011 e 4,348 metri quadrati; quota: intera). Il 24 marzo 1973 la società decise di trasferire queste due aree adiacenti tramite donazione al Sig. I. V.. Il segretario della società fu autorizzato a prendere tutti i passi necessari a favore della società per effettuare il trasferimento. L’11 giugno 1973 la dichiarazione attinente di trasferimento fu presentata all’Ufficio Fondiario Distrettuale di Kyrenia . Comunque, il processo di trasferimento e di registrazione a causa dell'intervento militare turco non fu completato. Nella prospettiva della donazione proposta della terra, la richiedente ed il suo precedente marito procedettero nel frattempo, a costruire l'alloggio di due - piani (con un'area di superficie di approssimativamente 200 metri quadrati) su questo. Siccome al tempo attinente il Sig. I. V. non aveva reddito, la richiedente sostenne i costi di costruzione e di arredamento della proprietà. Nell’ aprile 1974, quando l'alloggio fu completato, lei vi si trasferì con la sua famiglia. Intendevano inizialmente vivere là per periodi lunghi e poi permanentemente.
9. La richiedente affermò inoltre che nel 1974 lei possedeva i seguenti terreni:
(a) Nicosia, Yerollakkos area n. 97, foglio/mappale: XXI/43.W.I, registrazione n. G80; descrizione: campo; area: 5,342 metri quadrati; quota: ½;
(b) Nicosia, Yerollakkos area n. 189, foglio/mappale: XXI/43.W.I, registrazione n. G170; descrizione: campo; uso: sviluppo; area: 5,575 metri quadrati; quota: ½;
(c) Famagusta, Akanthou area n. 327, foglio/mappale: XIV/2 E1, registrazione n. 23218; descrizione: campo vicino il mare con perforazione di acqua; l'area: 4,683 sq. metro, quota: ½.
10. In appoggio alla sua rivendicazione sulla proprietà, la richiedente presentò delle copie dei certificati attinenti di titoli di patrimoni immobiliari occupati dai Tirchi emesse dalla Repubblica della Cipro.
11. Le aree di terreno descritte nel paragrafo 9 (a) e (b) sopra furono registrate a nome della richiedente fino al 15 gennaio 1998, quando lei li trasferì tramite donazione a suo figlio, il Sig. L. I. V.. L'area descritta nel paragrafo 9 (c) sopra fu registrata a nome della richiedente fino al 28 marzo 2000, quando lei lo trasferì tramite donazione al suo altro figlio, il Sig. R. I.V. (dichiarazione di trasferimento n. D477). La richiedente affermò che intendeva dividere le aree descritte nel paragrafo 9 (a) e (b) sopra in approssimativamente 16 siti edificabili.
12. La richiedente addusse che dall’ intervento turco del 1974 lei era stata privata dei suoi diritti di proprietà, siccome le sue proprietà erano localizzate nell'area che era sotto l'occupazione ed il controllo delle autorità militari turche. Lei aveva fatto un tentativo di ritornare alla sua casa e alle sue proprietà il 19 luglio 1989, ma non le fu concesso per fare così dalle autorità militari turche. Loro le avevano impedito di accedere e di utilizzare il suo alloggio e la sua proprietà.
13. Nel 1994 la richiedente accordò il divorzio a suo marito. Nel 1996 lei fece una richiesta al tribunale locale nel quale rivendicò, inter alia, i suoi diritti come proprietaria che davano beneficio dell’alloggio e delle aree di terreno descritte sotto il paragrafo 8 sopra. La sua rivendicazione era basata sul fatto che lei aveva sopportato tutte le spese per la costruzione dell'alloggio e tutti gli altri obblighi finanziari impegnati per garantire la concessione delle aree di terreno a suo marito.
II. LA MANIFESTAZIONE DEL 19 LUGLIO 1989
14. La richiedente si unì ad una manifestazione anti-turchi nell' area di Ayios di Kassianos il 19 luglio 1989, a Nicosia in cui anche i richiedenti nelle cause Chrysostomos e Papachrysostomou c. Turchia e Loizidou c Turchia (vedere sotto) hanno preso parte.

A. La versione della richiedente degli eventi

15. Secondo un affidavit giurato dalla richiedente di fronte alla Corte distrettuale di Nicosia il 1 agosto 2000, la dimostrazione del 19 luglio 1989 era tranquilla e si era tenuta il sul quindicesimo anniversario dell'intervento turco a Cipro, in appoggio delle persone disperse e per protestare contro le violazioni dei diritti umani.
16. La richiedente era un membro del Comitato coordinato del Movimento delle Donne di Pancyprian, Epistrophi ed una delle organizzatrici della dimostrazione. I dimostratori, principalmente donne entrarono nel terreno della scuola Ayios Kassianos a Nicosia; uno di loro scalò un serbatoio di acqua ed appese due bandiere, una cipriota, l’ altra greca. Gli ufficiali dell’ UNFICYP intimarono ai dimostratori di andarsene. Poco più tardi arrivarono i soldati turchi e i poliziotti turchi che portavano degli scudi e dei bastoni elettrici. Il loro comandante gridò in greco che i dimostratori avrebbero dovuto andarsene. Loro risposero che la terra apparteneva a loro e che loro non se ne sarebbero andati; alcuni di loro si sedettero sul terreno.
17. Mentre il dialogo fra i dimostratori e le forze turche continuava, i tutori della pace crearono un cordone intorno alle donne che si erano riunite vicino il serbatoio dell’ acqua. Quando questo cordone si aprì la richiedente sentì improvvisamente un colpo potente sulla faccia inflitto da un ufficiale dell’esercito turco con cui stava parlando precedentemente. Lei fu strattonata violentemente per i capelli, fu gettata a terra e fu colpita da un certo numero di soldati turchi. Lei ricevette, inter alia, un pugno potente nell'addome ed un calcio con uno stivale alla gamba sinistra interna.
18. Lei ed altri Greco - ciprioti che aveva preso parte alla manifestazione furono successivamente messi in una stanza con solamente una piccola apertura che è stata usata come ingresso. Lei fu portata poi in autobus con altri detenuti al così definito “Pavlides Garage.” La folla fuori dal garage stava gridando ingiurie, gridando insulti e minacce e gettando pietre alcune delle quali bucarono il tetto. Non le fu data nessuna cura medica nonostante le sue ferite gravi. Lei si lamentò del suo mal-trattamento con due membri delle forze dell’ ONU presenti nel garage. Lei chiese anche a loro di investigare sulla sorte delle altre detenuti. Un ufficiale turco negò i fatti e le gridò contro. Essendo un avvocato ed un portavoce, alla richiedente fu fatto subire un trattamento particolarmente aspro ed umiliante al garage, dove lei fu interrogata. L'interrogatore che parlava greco tentò di insinuare che qualcuno aveva incitato la richiedente e le altre donne a dimostrare. La richiedente rifiutò di firmare una carta scritta in turco, una lingua che lei non poteva capire. Lei offrì di scrivere la sua dichiarazione in greco su un foglio bianco di carta, ma non le fu dato .
19. Ad un certo punto nelle prime ore della mattina lei fece una richiesta affinché le venisse concesso di sedersi sui banchi nel garage. Gli ufficiali le ordinarono di sedersi sul pavimento di fronte ad uno di loro fra le sbarre di ferro che sostenevano la rete di pallacanestro e di distendere le sue gambe su un piccolo muro. Lei si rifiutò e fu trascinata violentemente in una macchina e trasportata alla Stazione di Polizia di Seray. Il suo polso sinistro fu torto dolorosamente. Durante il viaggio lei fu colpita e derisa. Fu messa poi in una cella molto piccola, sporca; a causa del calore intenso l'aria la soffocava. Dei poliziotti turchi in abiti civili entrarono nella cella continuamente e la colpirono con un bastone elettrico, la molestarono e risero di lei. Di conseguenza, lei aveva un dolore terribile all'addome ed era incapace di mangiare. La mattina successiva ricevette un'assicurazione da un sergente di polizia parlante Greco che nessun ulteriore maltrattamento sarebbe stato tollerato. Nonostante questo, lei fu visitata da tre individui in vestiti civili che l'avvertirono di non lamentarsi presso la corte di maltrattamenti e di attenersi a tutto ciò che il giudice le avrebbe ordinato .
20. Il 20 luglio 1989 la richiedente fu portata in tribunale dove lei tentò di lamentarsi del mal-trattamento; comunque, il giudice non rispose alle sue azioni di reclamo. Lei richiese i servizi di un avvocato registrato presso l’ Associazione Professionale di Cipro, ma le fu detto che lei avrebbe potuto usare solamente i servizi di un avvocato turco. La traduzione prevista era molto breve ed in forma riassuntiva. La corte la rimandò indietro in custodia per tre giorni ed ordinò il suo trasferimento per un ricovero in ospedale. Lei fu trattenuta in ospedale e le furono prescritte delle medicine furono, ma non le furono date. Poi fu riportata alla stazione di polizia dove lei fu detenuta nella stessa cella e sottoposta ad interrogatorio di natura politica. Dopo l’interrogatorio lei fu portata presso la prigione centrale. Le fu consegnato un questionario che compilò; era scritto in inglese e conteneva 6 o 7 domande di and/or natura politica riguardo al movimento e/o in quale si era unita.
21. Il 21 luglio 1989 fu riportata in tribunale. Lei non aveva nessuna rappresentanza legale o traduzione corretta. Essendo un avvocato, chiese che le venisse concesso di rappresentare se stessa e le altre donne con lei ma la sua richiesta fu rifiutata. Non fu perciò capace di sollevare le due eccezioni preliminari riguardo all'illegalità del suo arresto e all'invalidamento del giudice. Le accuse furono tradotte oralmente agli accusati che si dichiararono “innocenti.” Nessun documenti scritto che affermava le accuse fu dato agli accusati. La richiedente ha tentato di obiettare all'ammissione di alcune delle prove portate in tribunale corte, ma non le fu concesso di agire così. La traduzione era parziale ed incompleta. A nessun stadio gli accusati furono informati dei loro diritti sia. Non fu richiesto loro di rendere una testimonianza giurata o se desideravano chiamare dei testimoni. Solamente dopo che i testimoni dell’ accusa erano stati esaminati il giudice del processo chiese agli accusati se loro volevano dire qualcosa.
22. La richiedente fu riportata successivamente in prigione. Fu intervistata da un team televisivo e parlò dell'illegalità del suo arresto, dei mal-trattamenti che aveva sopportato e dell'assenza di confini a Cipro.
23. Il 22 luglio 1989, lei fu portata di nuovo nella tarda notte, in tribunale. Una folla adirata che si era raggruppata fuori dalla sala d'udienza gridava booh e insultava gli accusati. La folla era molto minacciosa ma erano state prese delle misure di sicurezza. Il traduttore annunciò che gli accusati erano stati dichiarati colpevoli su entrambi i conti. Un giovane gridò “Questa non è una corte, questo è un circo.” Immediatamente dopo, il giudice si ritirò dal suo posto e se ne andò. Quando ritornò alla panca la richiedente la informò che la giovane donna era un minore e avrebbe dovuto essere ascoltato da un tribunale per i minorenni. Il giudice non replicò. La richiedente fu condannata alla reclusione di tre giorni ed ad una multa di 50 sterline di Cipro (CYP -approssimativamente 85 euro (EUR))-con cinque giorni supplementari di prigione in mancanza di pagamento entro 24 ore.
24. Lei fu riportata in prigione. Dopo un incidente fra una delle altre detenute donne (la Sig.ra M. P.- vedere la richiesta n. 16081/90) ed alcuni fotografi turchi, la richiedente fu posta in una cella di isolamento. Lei rimase là finché fu rilasciata più tardi lo stesso giorno. Lei fu esaminata da un dottore dell’ ONU e da un dottore turco che presero nota e non erano d'accordo sull’entità delle sue contusioni. Il giorno successivo lei visitò il Pronto Soccorso dell’ Ospedale Generale di Nicosia, dove lei fu esaminata da un altro dottore. I segni dei colpi che la richiedente aveva ricevuto impiegarono più di un mese per sbiadire. Delle fotografie che mostrano questi segni furono prodotte alla Corte.
25. In appoggio della sua rivendicazione di mal-trattamenti, la richiedente produsse tre certificati medici. Il primo fu emesso il 25 luglio 1989 dal Dr C. A., un dottore che praticava al Pronto Soccorso dell’ Ospedale Generale di Nicosia. Recita come segue:
“Ferite sull’ aspetto mediale (S) Coscia, aspetto laterale (S) Omero, aspetto posteriore (D) Omero, (S) regione della Scapola, aspetto laterale (D) Coscia. Abrasioni su ambo le parti inferiore della gamba.
Raggi X: (S) Costole Torace: N.B.D.”
26. Il secondo certificato, emesso dallo stesso dottore il 10 luglio 2000, certifica:
“Si certifica che la persona sopra fu esaminata da me nel Pronto Soccorso dell’Ospedale Generale di Nicosia il 25 luglio 1989 alle 4:10 di sera
Durante l'esame fu osservato ciò che segue:
Contusioni sull’ aspetto mediale Coscia di S, aspetto Laterale Omero di S, aspetto posteriore Omero di D, regione della Scapola aspetto laterale Coscia di D.
Abrasioni in ambo le parti inferiore della gamba.
Raggi X delle Costole di S e Torace non mostrarono danno osseo.”
27. Il terzo certificato fu emesso il 12 novembre 2002 dal Dr Th. C., un cardiologo si specializzato in medicina interna. Recita come segue:
“Io esaminai la Sig.ra E. V. prima nel giugno 1998. A quel tempo, la Sig.ra V. stava lamentandosi di dolore sl torace- e tachicardia ventricolare superiore.
Dalla storia medica della paziente, traspare, che dal 1989 lei patisce 1) di Fobia (la Claustrofobia), 2) Mal di testa e 3) dolore al Torace con episodi ricorrenti di SVT (Tachicardia Ventricolare Superiore) e Extrasistole Ventricolare. I sintomi comparirono per la prima volta nel 1989.
L'indagine sui mal di testa tramite Tomografia computerizzata diede valori nella norma.
Per un periodo di nove anni prima che lei mi fece visita per la prima volta, la paziente aveva visitato un numero di dottori per la fobia e gli episodi di aritmia. La paziente descrisse gli episodi come eventi di palpitazioni e percezione di dolore al torace durante il suo sonno e durante e dopo avere sognato.
Sulla base della storia della paziente e dell'esame che ho condotto, ho diagnosticato che la paziente stia soffrendo di trauma psicologico connesso direttamente con gli eventi del 1989 quando fu arrestata ed imprigionata dalle forze turche. La paziente è stata influenzata nella sua psiche e nel suo subconscio dalle esperienze traumatiche come risultato del suo arresto, della sua reclusione e dei mal-trattamenti da parte delle forze turche. Lei ora è sotto terapia medica per le diagnosi summenzionate e d è sottoposta anche a terapia psicologica complementare.
Nonostante la sua terapia, la paziente ancora soffre di:
1) incubi e disturbi di sonno;
2) episodi di aritmia durante la notte, durante e dopo il sonno;
Questi sintomi hanno un effetto avverso e diretto sulla sua vita personale, sociale e professionale.”
B. La versione del Governo degli eventi
28. Il Governo addusse che la richiedente aveva partecipato ad una manifestazione violenta allo scopo di infiammare il sentimento anti-turco. I dimostranti, sostenuti dall'amministrazione greco - cipriota richiedevano che la “Linea Verde” a Nicosia avrebbe dovuta essere smantellata. Alcuni portarono delle bandiere greche, dei bastoni, dei coltelli e delle pinze tagliafili. Agivano in modo provocatorio e gridando ingiurie. I dimostranti furono avvertiti in greco e in inglese che a meno che loro non si fossero dispersi sarebbero stati arrestati in conformità con le leggi della “Repubblica turca della Cipro Settentrionale” (la “TRNC”). La richiedente fu arrestata dalla polizia turco-cipriota dopo aver attraversato la zona cuscinetto dell’ ONU ed essere entrata nell'area sotto il controllo turco-cipriota. La polizia turco-cipriota è intervenuta di fronte all'incapacità manifesta delle autorità greco - cipriote e della Forza dell’ ONU a Cipro di contenere l'incursione e le sue possibili conseguenze.
29. Nessun forza fu usata contro dimostranti che non oltrepassarono l’area di confine della “TRNC” e, nel caso di dimostranti che furono arrestati per violazione di confine, non fu usata più della forza ragionevolmente necessaria nelle circostanze per arrestare e detenere le persone riguardate. Nessuno fu seviziato. Era possibile che alcuni dei dimostranti si fossero fatti male nella confusione o nel tentare di scalare il filo spinato o un'altra barriera. Se la polizia turca, o chiunque altro, avessero assaltato o colpito uno qualsiasi dei dimostranti, il Segretario Generale dell'ONU senza dubbio avrebbe fatto riferimento a questo nel suo rapporto al Consiglio di Sicurezza.
30. La richiedente fu accusata, processata, trovata colpevole e condannata ad una reclusione di breve scadenza. Lei si dichiarò innocente, ma non diede prova e decise di non usare le misure giuridiche disponibili. Le venne detto che se desiderasse l’ assistenza di un avvocato registrato nella “TRNC”, ma la rifiutò e non richiese alcuna rappresentanza legale. Dei servizi di traduzione furono offerti al processo da interpreti qualificati. Tutti i procedimenti furono tradotti in greco.
C. L'ONU il rapporto di Segretario Generale
31. Nel suo rapporto del 7 dicembre 1989 sulle operazioni dell’ ONU a Cipro, Il Segretario Generale dell’ONU ha affermato, inter alia, che :

“Una situazione seria, comunque sorse nel luglio come risultato di una manifestazione da parte di Greco - Ciprioti a Nicosia. I dettagli sono i seguenti:
(a) la sera del 19 luglio, circa 1,000 manifestanti ciprioti greci, soprattutto donne forzarono il loro cammino verso la zona cuscinetto dell’ ONU nell’area di 'Ayios Kassianos a Nicosia. I dimostratori penetrarono in una barriera di filo sostenuta dall’ UNFICYP e distrussero una postazione di osservazione dell’UNFICYP. Loro penetrarono poi nella linea formata dai soldati dell’ UNFICYP ed entrarono in un precedente complesso scolastico dove i rinforzi dell’UNFICYP si raggrupparono per impedire loro di procedere oltre. Poco più tardi, la polizia turco-cipriota e la gli elementi della sicurezza fermarono il loro cammino nell'area e presero 111 persone, di cui 101 donne;
(b) Il complesso scolastico di Ayios Kassianos è situato nella zona cuscinetto dell’ ONU. Comunque, le forze turche sostengono sia sul loro lato della linea di tregua. Sotto le disposizioni operative dell’ UNFICYP, le forze di sicurezza turco-cipriote pattugliano il terreno della scuola da molti anni all'interno di specifiche restrizioni. Questo pattugliamento è cessato come parte dell'accordo di disarmo implementato il maggio scorso;
(c) Nel pomeriggio del 21 luglio, circa 300 Greco - Ciprioti si raggrupparono all'ingresso principale dell’area protetta dall'ONU a Nicosia dove è localizzata la sede centrale dell’ ONU, per protestare contro la detenzione continua da parte delle autorità turco-cipriote di coloro presi ad Ayios Kassianos. I manifestanti il cui numero fluttuava fra i 200 ed 2,000, rese impraticabile ogni passaggio dell’ ONU per questo ingresso sino al 30 luglio, quando le autorità turco-cipriote rilasciarono gli ultimi due detenuti;
(d) Gli eventi descritti sopra crearono tensione considerevole nell'isola e furono fatti degli sforzi intensi, sia presso la sede centrale dell’ ONU che a Nicosia, per contenere e chiarire la situazione. Il 21 luglio, espressi la mia preoccupazione circa gli eventi che sono successi e ho sottolineato che era vitale che tutte le parti ricordassero il fine della zona cuscinetto dell’ ONU così come la loro responsabilità per assicurare che quest’ area non venisse violata. Io esortai anche le autorità turco-cipriote a rilasciare senza ritardo tutti coloro che erano stati detenuti. Il 24 luglio il Presidente del Consiglio di Sicurezza annunciò, di aver portato ai rappresentanti di tutte le parti, a nome dei membri del Consiglio la preoccupazione profonda per la tensione creata dagli incidenti del 19 luglio. Lui sottolineò anche severamente il bisogno di rispettare la zona cuscinetto dell’ ONU ed ancora fece appello per la liberazione immediata di tutte le persone detenute. Lui chiese a tutti i riguardati di mostrare la massimo limitazione e prendere passi urgenti per provocare un rilasciamento della tensione e contribuire alla creazione di un'atmosfera favorevole alle negoziazioni.”
D. Fotografie della manifestazione
32. La richiedente produsse 21 fotografie fatte in tempi diversi durante la dimostrazione del 19 luglio 1989. Le fotografie dall’1 alla 7 volevano dimostrare che, nonostante lo spiegamento della polizia turco-cipriota, la dimostrazione era tranquilla. Nelle fotografie dall’ 8 al 10 si vedono dei membri della polizia turco-cipriota rompere il cordone dell’ UNFICYP. L’ultima serie di foto mostra dei membri della polizia turco-cipriota che usa la forza per arrestare alcuni dei dimostratori donne.

E. Documenti concernenti il processo della richiedente

33. La traduzione inglese della sentenza resa il 22 luglio 1989 dalla Corte distrettuale di Nicosia della “TRNC” indica che la richiedente, insieme con altre 24 donne furono accusate di due reati: ingresso nel territorio della “TRNC” senza permesso (contrario alle sezioni 2, 8 e 9 della Legge n. 5/72-vedere paragrafo 40 sotto) ed ingresso nel territorio della “TRNC” tramite un porto non approvato (contrario alle sottosezioni 12(1) e (5) della Legge sugli Stranieri e l’ Immigrazione - vedere paragrafo 41 sotto).
34. La sentenza fu resa in presenza degli accusati e di un interprete. Il giudice del processo notò ciò che segue:
(i) gli accusati non accettarono le accuse contro loro e dissero che non desideravano usare i servizi di un avvocato registrato nella “TRNC”;
(ii) l'accusatore pubblico chiamò sette testimoni le cui dichiarazioni furono tradotte in greco a beneficio degli accusati;
(iii) i testimoni (principalmente agenti di polizia in servizio al tempo della dimostrazione) dichiararono che gli accusati erano entrati illegalmente nella zona cuscinetto della “TRNC” , avevano gridato ingiurie alle forze turco-cipriote e opposto resistenza all’arresto tirando e spingendo; dei coltelli e altri oggetti taglienti sono stati trovati nelle borse di alcuni dei dimostratori che erano stati arrestati;
(iv) agli accusati è stato detto di poter interrogare testimoni a loro volta e, se lo avessero desiderato, scegliere uno di loro per interrogare i testimoni a favore di tutti gli accusati; la richiedente fu scelta per interrogare i testimoni di accusa a favore di tutti gli accusato. Lei pose a due dei testimoni delle domande riguardo all'area dove gli eventi ebbero luogo e degli oggetti trovati presumibilmente nelle borse delle persone arrestate;
(v) la richiedente fece la seguente dichiarazione: “Io non accetto le accuse. Io ero nel territorio della Repubblica di Cipro. Il mio arresto era illegale. Io fui sottoposta a mal-trattamento in un modo cattivo. Se non ci fossero spettatori qui, io potrei mostrare le mie ferite. ... è indecente. Spedisca via gli spettatori e ci permetta di mostrarle le nostre ferite”;
(vi) gli accusati non chiamarono nessun testimone in difesa;
(vii) appellandosi alle dichiarazioni da parte dei testimoni di accusa, la Corte distrettuale della “TRNC” venne alla conclusione che gli accusati avevano attraversato i confini della “TRNC” in un punto di entrata no approvato e senza permesso ed avevano resistito con vari mezzi alle forze dell'ONU e turche che avevano tentato di fermarli; le dichiarazioni rese da alcuni degli accusati non avevano minato le dichiarazioni dei testimoni di accusa;
(viii) l'accusa aveva provato la sua causa oltre ogni ragionevole dubbio, così che gli accusati erano colpevoli per entrambi i motivi;
(ix) nel decidere sulla sentenza, la Corte distrettuale “TRNC” aveva preso in considerazione la gravità del reato, ed il fatto che gli accusati non avevano mostrato alcun rimorso ed avevano continuato a negare la validità della “TRNC.”
III. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
A. Il Codice Penale cipriota
35. La Sezione 70 del Codice Penale cipriota si legge come segue:
“Dove cinque o più persone si assemblano con l’ intenzione di commettere un reato, o, essendosi assemblate con l’intenzione di eseguire un fine comune, si comportano i modo tale da provocare il timore nelle persone del vicinato che le persone così assemblate commetteranno una violazione della pace, o che provocheranno superfluamente con simile riunione e senza nessuna occasione ragionevole altre persone a commettere una violazione della pace loro si trovano in una riunione illegale.
È irrilevante che la riunione originale fosse legale se, essendosi assemblate, loro si comportano con un fine comune in tale maniera come detto precedentemente.
Quando una riunione illegale incomincia ad eseguire il fine, sia di natura pubblica che privata per il quale si è assemblata con una violazione della pace ed il terrore del pubblico, la riunione viene chiamata insurrezione, e si dice che le persone assemblate siano assemblate in modo rivoltoso”
36. Secondo la sezione 71 del Codice Penale qualsiasi persona che prende parte a una riunione illegale è colpevole di un reato e passibile di reclusione per un anno.
37. La Sezione 80 del Codice Penale prevede:
“Qualsiasi persona che porta in pubblico senza occasione legittima qualsiasi arma offensiva o pistola in modo tale da come provocare terrore a qualsiasi persona è colpevole di un reato, e è passibile di reclusione per due anni, e le sue armi o pistola saranno confiscate.”
38. Secondo la sezione 82 del Codice Penale, è un reato portare un coltello fuori da casa.

B. I poteri d’arresto degli agenti di polizia

39. La parte attinente del Capitolo 155, sezione 14 della Legge di Procedura Penale dichiara:
“(1) qualsiasi ufficiale può, senza garanzia, arrestare qualsiasi la persona -
...
(b) chi commette in sua presenza qualsiasi reato punibile con la reclusione;
(c) chi ostruisce un agente di polizia, durante l'esecuzione del suo dovere...”

C. Reato di entrata illegale nel territorio della “TRNC”

40. La Sezione 9 della Legge N.ro 5/72 dichiara:
“... Qualsiasi persona che entra in un'area militare proibita senza permesso, sia furtivamente, o disonestamente, sarà processato da un tribunale militare in conformità con l’Atto dei Reati Militari; quelli trovati colpevoli e saranno puniti.”
41. Le Sottosezioni 12 (1) e (5) della Legge sugli Stranieri e l’Immigrazione si legge come segue:
“1. Nessuna persona entrerà o lascerà la Colonia se non attraverso un porto approvato.
...
5. Qualsiasi persona che contravviene o non riesce ad osservare qualsiasi delle disposizioni delle sottosezioni (1), (2), (3) o (4) di questa sezione sarà colpevole di un reato e sarà passibile di reclusione per un termine che non eccede i sei mesi o di una multa che non eccede cento sterline o sia a simile reclusione e multa.”
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1 ALLA CONVENZIONE
42. . La richiedente si lamentò che dall’ agosto 1974, la Turchia le aveva impedito di esercitare il suo diritto al godimento tranquillo delle sua proprietà.
Invocò l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che si legge come segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
43. Il Governo contestò questa rivendicazione.
A. le eccezioni preliminari di Il Governo
44. Il Governo sollevò obiezioni preliminari d'inammissibilità per non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali e mancanza di status di vittima. La Corte osserva che queste obiezioni sono identiche a quelle sollevate nella causa Alexandrou c. Turchia (n. 16162/90, §§ 11-22 20 gennaio 2009), e dovrebbero essere respinte per le stesse ragioni.

B. I meriti
1. Argomenti delle parti
(a) Il Governo
45. Il Governo presentò di non aver conoscenza delle proprietà addotte dalla richiedente. Inoltre la proprietà descritta nel paragrafo 8 sopra fu registrata a nome di una società a responsabilità limitata la cui personalità legale era separata da quella dei suoi azionisti. Perciò, la richiedente non poteva, come individuo, rivendicare una “proprietà” a riguardo di quella proprietà. La sua rivendicazione per cui la dichiarazione fatta dall'Ufficio Fondiario Distrettuale di Kyrenia l’11 giugno 1973 non fu registrata fino al 20 luglio 1974 era “estremamente dubbiosa.” L'incapacità di registrare la proprietà per un periodo così lungo come 13 mesi ha dato l'impressione che c'erano stati degli impedimenti.
46. Nella prospettiva del Governo, lo scopo della manifestazione del 19 luglio 1989 era stato quello di fare propaganda politica. La richiedente non intendeva sinceramente recarsi alla sua proprietà addotta che lei sapeva essere inaccessibile nella prospettiva della situazione politica esistente. In qualsiasi caso, presumendo anche che una questione potesse derivare sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, l’ampio controllo dell’ uso di proprietà da parte delle autorità di Cipro settentrionale era stato giustificato nell'interesse generale.
47. Il Governo impugnò le conclusioni della Corte nella sentenza Loizidou c. Turchia ((meriti), 18 dicembre 1996, Relazioni di Sentenze e Decisioni 1996-VI).
(b) La richiedente
48. La richiedente dibatté di aver presentato prove sufficienti di proprietà. Lei adottò le osservazioni presentate dal Governo di Cipro (vedere sotto).
(c) La terza parte intervenuta
49. Secondo il Governo di Cipro, l'onere della prova spettava al Governo rispondente per provare che la richiedente non possedeva il terreno attinente. In mancanza di prove che mostrassero che nel luglio 1974 un altro individuo possedeva le proprietà rivendicate nella presente richiesta, si dovrebbe precludere al Governo di negare il titolo della richiedente.
2. La valutazione della Corte
50. La Corte prima osserva che la richiedente non è stata mai la proprietaria registrata delle proprietà descritte nel paragrafo 8 sopra. La proprietà apparteneva ad una società a responsabilità limitata della quale il marito della richiedente era un azionista. La società avviò successivamente procedure per trasferire questa proprietà tramite donazione al marito della richiedente. Ne segue che la richiedente stessa non era né un azionista della società che possedeva la terra né la persona che ne avrebbe tratto profitto dalla donazione. Perciò, le proprietà non erano la sua “proprietà” (vedere, mutatis mutandis, Gavriel c. Turchia, n. 41355/98, § 24 del 20 gennaio 2009). È vero che la richiedente adduce di aver sopportato i costi di costruzione e di arredo dell’alloggio che è stato costruito sul terreno. Comunque, nessuna prova a sostegno di questa asserzione è stata presentata alla Corte. In qualsiasi caso, il fatto semplice di avere contribuito ai lavori di costruzione sulla terra di qualcun altro non può, di per sé, sollevare un'aspettativa legittima di divenire il proprietario dell'edificio e del terreno su cui è stato eretto. Ne segue che, nella misura in cui si prende in considerazione la proprietà descritta nel paragrafo 8 sopra, non c'era interferenza coi diritti della richiedente sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
51. La Corte nota inoltre che i documenti presentati dalla richiedente (vedere paragrafo 10 sopra) offrono prova di prima facie che lei aveva un titolo sulla terra descritta nel paragrafo 9 sopra. Siccome il Governo rispondente è andato a vuoto nel fornire prove convincenti per confutare questo, la Corte considera che questa terra era una “proprietà” della richiedente all'interno del significato dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
52. Nella sua decisione sull'ammissibilità della richiesta, la Corte fece il seguente commento preliminare:
“La Corte considera che nella prospettiva del trasferimento ai suoi figli da parte della richiedente nel 1998 e nel 2000 delle tre aree di terreno che dice di possedere, si può solamente considerare che la richiedente abbia lo status di vittima in relazione alle azioni di reclamo sotto l’Articolo 1 del Protocollo, N.ro 1 dal 1990, quando questa richiesta fu depositata, sino alla data in cui le rispettive proprietà furono trasferite. Da allora in avanti, la richiedente non può essere considerata più come avente lo status di vittima sotto la Convenzione in relazione a queste azioni di reclamo.”
53. Comunque, si noterà che secondo la giurisprudenza consolidata della Corte, la sua giurisdizione ratione temporis è determinato dalla data di deposito del riconoscimento della dichiarazione della Turchia del diritto di ricorso individuale sotto il precedente Articolo 25 della Convenzione che era il 22 gennaio 1987 (vedere Cankoçak c. Turchia, N. 25182/94 e 26956/95, §§ 25-26 del 20 febbraio 2001). Perciò, con riguardo alle tre aree descritte nel paragrafo 9 sopra, la Corte dovrebbe prendere in considerazione l'interferenza coi diritti di proprietà della richiedente che si è verificata da quella data sino al trasferimento dei diritti di proprietà ai figli della richiedente (rispettivamente, il15 gennaio 1998 e il 28 marzo 2000 -vedere paragrafo 11 sopra).
54. . La Corte osserva inoltre che nella causa Loizidou ((meriti), citata sopra, §§ 63-64), ragionò come segue:
“63. ... come conseguenza del fatto che alla richiedente è stato rifiutato l’accesso al terreno dal 1974, lei ha perso effettivamente ogni controllo sulla sua proprietà, così come tutte le possibilità di usarla e goderne. Il rifiuto continuo di accesso deve essere considerato perciò un'interferenza coi suoi diritti sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. Tale interferenza non può, nelle circostanze eccezionali della presente causa a cui la richiedente ed il Governo cipriota hanno fatto riferimento , essere considerata o una privazione di proprietà o un controllo dell’ uso all'interno del significato dei primo e del secondo paragrafo di Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. Chiaramente rientra comunque, all'interno del significato della prima frase di questo provvedimento come un'interferenza col godimento tranquillo della proprietà. A questo riguardo la Corte osserva che l’ostacolo può corrispondere ad una violazione della Convenzione proprio come un impedimento legale.
64. A parte un riferimento passeggero alla dottrina della necessità come giustificazione per gli atti del 'TRNC' ed al fatto che diritti di proprietà erano la materia di discorsi intercomunali, il Governo turco non ha cercato di fare osservazioni che giustificavano l'interferenza sopra coi diritti di proprietà della richiedente che sono imputabili alla Turchia.
Comunque, non è stato spiegato come il bisogno di ridare una sistemazione ai rifugiati ed espatriati ciprioti turchi negli anni seguenti l'intervento turco nell'isola nel 1974 potrebbe giustificare la negazione completa dei diritti di proprietà del richiedente nella forma di un rifiuto totale e continuo di accesso ed un'espropriazione stabilita senza risarcimento.
Neanche il fatto che i diritti di proprietà erano la materia dei discorsi di intercomunali che coinvolgono ambo le comunità a Cipro non può offrire una giustificazione per questa situazione sotto la Convenzione. In simili circostanze, la Corte conclude, che c'è stato e continua ad esserci una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.”
55. Nella causa di Cipro c. Turchia ([GC], n. 25781/94, ECHR 2001-IV) la Corte confermò le conclusioni sopra (§§ 187 e 189):
“187. La Corte è persuasa che sia il suo ragionamento sia la sua conclusione nella sentenza Loizidou ( meriti) si applica con la stessa forza a Ciprioti greci espatriati che, come la Sig.ra L., non è in grado di avere accesso alla loro proprietà nella Cipro del nord in ragione delle restrizioni attuate dalle autorità 'TRNC' sul loro accesso fisico a quella proprietà. Il rifiuto totale e continuo di accesso alla loro proprietà è un'interferenza chiara col diritto degli espatriati Ciprioti greci al godimento tranquillo della proprietà all'interno del significato della prima frase dl’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
...
189. .. c'è stata una violazione continua dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 in virtù del fatto che ai proprietari greco- ciprioti di proprietà nella Cipro settentrionale viene negato l’ accesso ed il controllo, l’ uso e il godimento della loro proprietà così come qualsiasi risarcimento per l'interferenza coi loro diritti di proprietà.”
56. La Corte non vede ragione nella causa presente di scostarsi dalle conclusioni alle quali è giunta nelle cause Loizidou e Cipro c. Turchia (op. cit.; vedere anche Demades c. Turchia (meriti), n. 16219/90, § 46 del 31 luglio 2003).
57. Di conseguenza, conclude che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione in virtù del fatto che alla richiedente fu negato l’accesso ed il controllo, l’uso ed il godimento delle sue proprietà descritte nel paragrafo 9 sopra così come un qualsiasi risarcimento per l'interferenza coi suoi diritti di proprietà.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 8 DELLA CONVENZIONE
58. La richiedente presentò che nel 1974 la sua casa era nella Cipro settentrionale. Siccome lei era stata incapace di ritornarvi, lei era vittima di una violazione dell’ Articolo 8 della Convenzione.
Questa disposizione si legge come segue:
“1. Ognuno ha diritto al rispetto della sua vita privata e famigliare, della sua casa e della sua corrispondenza.
2. Non ci sarà interferenza da parte un'autorità pubblica con l'esercizio di questo diritto eccetto nel caso fosse in conformità con la legge e necessaria in una società democratica negli interessi della sicurezza nazionale, della sicurezza pubblica o del benessere economico del paese, per la prevenzione del disturbo o del crimine, per la protezione della salute o della morale, o per la protezione dei diritti e delle libertà altrui.”
59. Il Governo contestò questa rivendicazione.
60. La Corte richiama la sua costatazione che la richiedente non aveva una “proprietà” sulla terra su cui l'alloggio dove lei viveva presumibilmente al tempo dell'invasione turca era stato costruito (vedere paragrafi 8 e 50 sopra). Sotto queste circostanze, la Corte non si convince che un problema separato può derivare sotto l’Articolo 8 della Convenzione. Considera perciò che non è necessario esaminare se c'è stata una violazione continua di questa disposizione.
III. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 14 DELLA CONVENZIONE, LETTO IN CONCOMITANZA CON L’ARTICOLO 8 DELLA CONVENZIONE E L’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1
61 La richiedente si lamentò si lamentò di una violazione sotto l’Articolo 14 della Convenzione a causa di trattamento discriminatorio contro di lui nel godimento dei suoi diritti sotto l’Articolo 8 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. Lui addusse che questa discriminazione era fondata sulla sua origine nazionale.
L’Articolo 14 della Convenzione legge come segue:
“Il godimento dei diritti e delle libertà stabilite [nella] Convenzione sarà garantito senza discriminazione su alcuna base come il sesso,la razza, il colore, la lingua, la religione, l’opinione politica o altro, la cittadinanza od origine sociale, l'associazione con una minoranza nazionale, la proprietà,la nascita o altro status.”
62. La Corte richiama che nella causa Alexandrou (citata sopra, §§ 38-39) ha trovato che non era necessario eseguire un esame separato dell'azione di reclamo sotto l’Articolo 14 della Convenzione. La Corte non vede qualsiasi ragione di abbandonare questo approccio nella presente causa (vedere anche, mutatis mutandis, Eugenia Michaelidou Ltd e Michael Tymvios c. Turchia, n. 16163/90, §§ 37-38 31 luglio 2003).

IV. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 3 DELLA CONVENZIONE

63. La richiedente si lamentò del trattamento riservatole durante sia la manifestazione del 19 luglio 1989 che i procedimenti contro di lui nella “TRNC.”
Lui invocò l’Articolo 3 della Convenzione che legge come segue:
“Nessuno sarà sottoposto a torture o a trattamenti o punizioni inumani o degradanti.”
64. Il Governo contestò la sua rivendicazione.
A. Argomenti delle parti
1. Il Governo
65. Appellandosi alla loro versione degli eventi (vedere paragrafi 28-30 sopra), il Governo presentò che questa parte della richiesta avrebbe dovuto essere determinata sulla base dei giudizi della Commissione nella causa Chrysostomos e Papachrysostomou c. Turchia (richieste N. 15299/89 e 15300/89, rapporto della Commissione dell’ 8 giugno 1993, Decisioni e Relazioni (DR) 86, p. 4), siccome le basi legali e riguardanti i fatti della presente richiesta erano gli stessi di quelli nella causa pilota. Dibatté che si dovrebbe considerare la terza parte intervenuta preclusa dall'impugnare le costatazioni della Commissione.

2. La richiedente

66. La richiedente essenzialmente adottò le osservazioni presentate dal Governo di Cipro (vedere sotto).

3. La terza parte intervenuta

67. Il Governo di Cipro presentò che le costatazioni della Commissione nella causa Chrysostomos e Papachrysostomou (citata sopra) non fossero applicabili alla presente causa . Se il trattamento subito dal richiedente violava l’ Articolo 3 doveva essere esaminato e determinato alla luce dei fatti della causa e sulla base delle prove fornite.
68. Il trattamento sopportato dalla richiedente durante il suo arresto e la susseguente reclusione e processo erano stati di natura molto grave, incluso inter alia violenza e punizione fisica, esposizione a folle violente ed insultanti le condizioni inumane e degradanti della detenzione (incluso segregazione in isolamento e privazione di sonno) e trattamenti umilianti ed intimidatori in tribunale. Sia che simile trattamento fosse visto cumulativamente o separatamente, aveva provocato sofferenza fisica e psicologica grave corrispondente a trattamento inumano e degradante all'interno del significato dell’Articolo 3 della Convenzione.

B. La valutazione della Corte

69. I principi generali riguardo alla proibizione della tortura e dei trattamenti inumani o degradanti sono esposti in Protopapa c. Turchia, n. 16084/90, §§ 39-45, 24 febbraio 2009.
70. Riguardo all’applicazione di questi principi alla presente causa, la Corte osserva, che è incontrastato che il richiedente aveva avuto un confronto fisico con le forze turche o turco-cipriote durante una manifestazione che generò una situazione estremamente tesa. Si ricorderà che nella causa Chrysostomos e Papachrysostomou, la Commissione ha trovato, che un numero di manifestanti aveva fatto resistenza all’ arresto, che le forze di polizia avevano rotto la loro resistenza e che in questo contesto c'era un rischio alto che i manifestanti venissero trattati rudemente, ed anche soffrissero di ferite, nel corso dell'operazione di arresto (vedere il rapporto della Commissione, citato sopra, §§ 113-115). La Corte non vede qualsiasi ragione di abbandonare queste costatazioni e prenderà conto dovuto dello stato di tensione elevato al tempo dell'arresto della richiedente.
71. Osserva inoltre che la richiedente presentò che nel corso del suo arresto lei fu strattonata per i capelli, fu gettata a terra e fu colpita da un numero di soldati turchi. In particolare, lei ricevette un pugno potente nell'addome ed un calcio con lo stivale nella gamba sinistra interna (vedere paragrafo 17 sopra). Lei fu colpita presumibilmente inoltre, con un bastone elettrico mentre era detenuta nella “TRNC”, e questo provocò un dolore acuto nel suo addome (vedere paragrafo 19 sopra). Comunque, la Corte ha a sua disposizione poche prove per corroborare la versione della richiedente degli eventi. I certificati medici emessi dal Dr C. A. (vedere paragrafi 25-26 sopra) si riferiscono solamente a contusioni ed abrasioni e specificano che gli esami ai Raggi X non avevano mostrato alcun danno osseo. Il terzo certificato medico fu emesso il 12 novembre 2002 (vedere paragrafo 27 sopra) cioè più di tredici anni dopo la data del mal-trattamento addotto. Il Dr C. affermò di aver esaminato per la prima volta la richiedente nel giugno 1998, pressoché dieci anni dopo il suo arresto. La Corte considera che un esame medico così lungo dopo quell’evento non avrebbe potuto determinare se le condizioni addotte dalla richiedente erano state il risultato degli eventi del 19 luglio 1989.
72. Sotto queste circostanze, non si ha stabilito che i danni della richiedente furono causati intenzionalmente dalla polizia turca o turco-cipriota. In qualsiasi caso, non può essere deciso che la condizione della richiedente sia coerente con un confronto fisico minore fra lei e gli agenti di polizia. Non c'è niente che mostri che la polizia usò forza eccessiva quando, come adduce, fu messa di fronte nel corso dei suoi doveri alla resistenza all’ arresto da parte dei dimostranti, incluso la richiedente (vedere, mutatis mutandis, Protopapa citata sopra, §§ 47-48).
73. Le rimanenti dichiarazioni della richiedente, riguardo alle condizioni della sua detenzione al “Pavlides garage” ed alla prigione fuori Nicosia, non sono comprovate. Né è stato provato che i danni della richiedente hanno richiesto assistenza medica immediata. La Corte considera, inoltre, che il grado di intimidazione che è probabile che la richiedente abbia sentito essendo privata della sua libertà non raggiunse il minimo livello di gravità richiesto per rientrare all'interno della sfera dell’ Articolo 3 (vedere Protopapa, citata sopra, § 49).
74. Sotto queste circostanze, la Corte non può considerare stabilito oltre ogni ragionevole dubbio che la richiedente fosse stata sottoposta a trattamento contrario all’ Articolo 3 o che le autorità fossero ricorse a violenza fisica che non era stata resa seriamente necessaria dallo stesso comportamento della richiedente (vedere, mutatis mutandis, Foka c. Turchia, n. 28940/95, § 62 24 giugno 2008).
75. Ne segue che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 3 della Convenzione.

V. ADDOTTA VIOLAZIONE DELL’ ARTICOLO 5 DELLA CONVENZIONE
76. La richiedente addusse che la sua privazione della libertà era stata contraria all’ Articolo 5 della Convenzione che, nella parte attinente, recita come segue:
“1. Ognuno ha il diritto alla libertà e alla sicurezza personale. Nessuno sarà privato della sua libertà salvo nei seguenti casi e in conformità con una procedura prescritta dalla legge:
(a) la detenzione legale di una persona dopo la condanna da parte di un tribunale competente;
...
(c) l'arresto legale o la detenzione di una persona effettuata al fine di portarlo di fronte all'autorità legale competente su ragionevole sospetto di avere commesso un reato o quando è considerato ragionevolmente necessario ostacolare la perpetrazione di un reato o la fuga dopo avere agito così;
...
2. Tutti coloro che vengono arrestati saranno prontamente informati, in una lingua che comprendono, delle ragioni del loro arresto e di qualsiasi accusa contro loro.
...”
77. Il Governo contestò questa rivendicazione.
A Argomenti delle parti
1. Il Governo
78. Il Governo presentò che dato il suo carattere violento, la dimostrazione costituivano una riunione illegale. Fece riferimento, su questo punto, alle sezioni 70 71, 80 e 82 del Codice Penale cipriota che era applicabile nella “TRNC” (vedere paragrafi 35-38 sopra) e notò che sotto il Capitolo 155 della Legge di Procedura penale (vedere paragrafo 39 sopra), la polizia aveva il potere di arrestare persone coinvolte nelle dimostrazioni violente.

2. La richiedente

79. La richiedente essenzialmente adottò le osservazioni presentate dal Governo di Cipro (vedere sotto).
3. La terza parte intervenuta
80. Il Governo di Cipro osservò che durante l'arresto iniziale del richiedente, e in seguito durante la detenzione e la pena detentiva in seguito alla condanna del tribunale, alla richiedente fu negata la sua libertà in circostanze che non seguirono una procedura prevista dalla legge e che non era legale sotto l’Articolo 5 § 1 (a) e (c) della Convenzione. Inoltre, l'insuccesso delle autorità nell’ informare il richiedente di tutte le ragioni del suo arresto costituì una violazione dell’ Articolo 5 § 2.

B. La valutazione della Corte

81. Non è contestato che la richiedente che fu arrestato e rimandata in dietro in custodia dalla Corte distrettuale di Nicosia della “TRNC”, fu privata della sua libertà all'interno del significato dell’ Articolo 5 § 1 della Convenzione.
82. Riguardo alla questione di ottemperanza coi requisiti dell’ Articolo 5 § 1, la Corte reitera che questa disposizione richiede al primo posto che la detenzione sia “legale” che include la condizione di ottemperanza con una procedura prescritta dalla legge. La Convenzione qui si riferisce essenzialmente di nuovo alla legge nazionale ed enuncia l'obbligo di conformarsi a riguardo alle norme effettive e procedurali, ma richiede inoltre che qualsiasi privazione della libertà debba essere coerente col fine dell’ Articolo 5, vale a dire proteggere gli individui dall'arbitrarietà (vedere Benham c. Regno Unito, 10 giugno 1996 §§ 40 e 42, Relazioni 1996-III).
83. La Corte nota inoltre che nella causa Foka c. Turchia (citata sopra, §§ 82-84) sostenne che la “TRNC” stava esercitando un’autorità de facto su Cipro settentrionale e che la responsabilità della Turchia per gli atti della “TRNC” era incoerente con la prospettiva del richiedente per la quale le misure adottate con lui avrebbero dovuto essere riguardate sempre come mancanti di una base “legale” ai termini della Convenzione. La Corte concluse perciò che quando, come nella causa Foka, un atto delle autorità della “TRNC” era in ottemperanza con leggi in vigore all'interno del territorio della Cipro settentrionale, si devono in principio essere considerate come aventi una base legale in diritto nazionale ai fini della Convenzione. Non vede qualsiasi ragione di scostarsi, nella presente causa da questa costatazione che non è in qualsiasi il modo incoerente con la prospettiva adottata dalla comunità internazionale riguardo alla costituzione della “TRNC” o al fatto che il Governo della Repubblica di Cipro resti il solo governo legittimo di Cipro (vedere Cipro c. Turchia, citata sopra, §§ 14, 61 e 90).
84. Nella presente causa, non si contesta che il richiedente prese parte ad una dimostrazione che le autorità della “TRNC” consideravano potenzialmente una “riunione illegale” all'interno del significato della sezione 70 del Criminale Codice di Cipro (vedere paragrafo 35 sopra). Prendere parte ad una riunione illegale è un reato sotto la sezione 71 del Codice Penale cipriota ed è punibile con la reclusione fino ad un anno (vedere paragrafo 30 sopra). È anche un reato sotto le leggi della “TRNC” entrare nel territorio della “TRNC” senza il permesso e/o altro tramite un porto approvato (vedere paragrafi 34-35 sopra). La Corte nota inoltre che secondo il Capitolo 155, sezione 14 della Legge di Procedura Penale, un agente di polizia può, senza garanzia, arrestare qualsiasi persona che commette in sua presenza qualsiasi reato punibile con la reclusione o che ostacola un agente di polizia durante l'esecuzione del suo dovere (vedere paragrafo 33 sopra-vedere anche Protopapa, citata sopra, § 61, e Chrysostomos e Papachrysostomou, rapporto della Commissione citata sopra, § 147).
85. Siccome gli agenti di polizia che effettuarono l'arresto avevano motivo per credere che il richiedente stava commettendo reati punibili con la reclusione, la Corte è dell'opinione che lui è stato privato della sua libertà in conformità con una procedura prescritta dalla legge “al fine di portarlo di fronte all'autorità legale competente contro un ragionevole sospetto di avere commesso un reato”, all'interno del significato dell’ Articolo 5 § 1 (c) della Convenzione (vedere Protopapa, citata sopra, § 62).
86. Non c'è inoltre, nessuna prova che la privazione della libertà avesse servito qualsiasi altro scopo illegittimo o fosse arbitraria. Il 20 luglio 1989, il giorno dopo il suo arresto la richiedente fu portata effettivamente, di fronte alla Corte distrettuale di Nicosia della “TRNC” e rimandata indietro per processo in relazione al reato di entrata illegale nel territorio della “TRNC” (vedere paragrafo 20 sopra).
87. Dopo il 22 luglio 1989, la data in cui la Corte distrettuale di Nicosia della“TRNC” consegnò la sua sentenza (vedere paragrafo 21 sopra), la privazione della libertà del richiedente dovrebbe essere riguardata come “una detenzione legale di una persona dopo la condanna da parte di un tribunale competente”, all'interno del significato dell’ Articolo 5 § 1 (a) della Convenzione.
88. Infine, si osserverà che la richiedente è stata interrogata il giorno dopo il suo arresto da un ufficiale che parlava greco (vedere paragrafo 18 sopra). Nella prospettiva della Corte, avrebbe dovuto essere evidente alla richiedente di essere interrogata circa l’aver oltrepassato i limiti leciti nella zona cuscinetto dell’ ONU e circa la sua entrata presumibilmente illegale nel territorio della “TRNC” (vedere, mutatis mutandis, Murray ed Altri c. Regno Unito, Serie A n. 300-un, § 77, 28 ottobre 1994). Lo stesso giorno, durante l'udienza di corte un interprete spiegò inoltre, le accuse agli accusati (vedere paragrafo 21 sopra). La Corte perciò costata che le ragioni per il suo arresto sono state sufficientemente portate alla sua attenzione durante il suo colloquio e durante l’udienza del tribunale del 20 luglio 1989 (vedere, mutatis mutandis, Protopapa citata sopra, § 65).
89. Non c'è stata di conseguenza, nessuna violazione dell’ Articolo 5 §§ 1 e 2 della Convenzione.
VI. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ARTICOLO 6 DELLA CONVENZIONE
90. La richiedente si lamentò di una mancanza di equità al suo processo da parte della Corte distrettuale della “TRNC” di Nicosia.
Lei invocò l’Articolo 6 della Convenzione che, nella parte attinente, recita come segue:
“1. Nella determinazione... di qualsiasi accusa criminale contro lui, ad ognuno viene concesso un’udienza giusta e pubblica... da parte di un tribunale indipendente ed imparziale stabilito dalla legge. ...
2. Ognuno accusato di un reato penale sarà presunto innocente sino a quando verrà dimostrato colpevole secondo la legge.
3. Ognuno accusato di un reato penale ha i seguenti minimi diritti:
(a) essere informato prontamente, in una lingua che lui capisce ed in dettaglio, della natura e della causa dell'accusa contro lui;
(b) avere tempo adeguato e i mezzi per la preparazione della sua difesa;
(c) difendersi in persona o tramite assistenza legale di sua propria scelta o, se lui non ha sufficiente mezzi per pagare l’assistenza legale, di riceverne una gratuita quando gli interessi della giustizia richiedono così;
(d) esaminare o far esaminare testimoni contro lui ed ottenere la presenza e l’ esame di testimoni a suo favore sotto le stesse condizioni dei testimoni contro di lui;
(e) avere l'assistenza gratis di un interprete se lui non può capire o non può parlare la lingua usata in tribunale.”
91. Il Governo contestò questa rivendicazione.
Argomenti di A. delle parti
1. Il Governo
92. Il Governo affermò che:
(i) la richiedente era stata processata da un tribunale imparziale ed indipendente;
(ii) tutte gli accusati di fronte alla corte, inclusa la richiedente erano stati divisi in gruppi così da assicurare un rapido processo ed aiutare gli accusato nella loro difesa;
(iii) la richiedente non aveva chiesto più tempo per preparare la sua difesa, ed aveva declinato la rappresentanza legale;
(iv) la corte aveva informato la richiedente e l'avrebbe aiutata a capire i suoi diritti e la procedura
(v) tutto al processo era stato tradotto durante i procedimenti da traduttori qualificati ed interpreti per assicurare che la difesa non venisse pregiudicata e gli accusati venissero informati pienamente delle accuse contro di loro; il giudice del processo sostituì un traduttore quando quest’ultimo incominciò una conversazione con gli accusati;
(vi) il giudice, un avvocato colto inglese fu coinvolto solamente nei procedimenti giudiziali e non nella decisione di perseguire o negli atti relativi all'arresto della richiedente;
(vii) nell’emettere la sentenza il tribunale aveva preso in esame tutte le circostanze della causa; in particolare, essendo equo e capendo lo stato mentale degli accusati, il giudice non li aveva castigati per vilipendio alla corte quando loro si comportarono in modo scortese ed uno di loro disse che il processo era un “circo.”
93. Il Governo impugnò gli argomenti della terza parte intervenuta come essendo di una natura politica. Considerò che le dichiarazioni di una mancanza d'equità, d'indipendenza e d'imparzialità dell'ordinamento giudiziario nella “TRNC” era senza qualsiasi fondamento preciso. Al contrario, cause precedenti decise dai tribunali della “TRNC” mostrarono che loro rispettavano i diritti umani ed i principi della Convenzione.

2. La richiedente
94. La richiedente essenzialmente adottò le osservazioni presentate dal Governo di Cipro (vedere sotto).
3. La terza parte intervenuta
95. Il Governo di Cipro presentò che la presente richiesta era una causa eccezionale nella quale al richiedente era stato negato ciascuna e tutte le garanzie di processo equo di base previste dall’Articolo 6 della Convenzione. Le violazioni dei suoi diritti includevano inter alia un insuccesso nell’ informare prontamente il richiedente, in una lingua che lui capiva, della natura e del motivo dell'accusa contro lui per offrirgli un tempo adeguato e i mezzi per trovare un avvocato di sua propria scelta e preparare la sua difesa, concedere l'interrogatorio di testimoni e fornire alla richiedente un’interpretazione corretta ed una trascrizione del processo. C'era infine, prova oltre ogni ragionevole dubbio che “il tribunale” che ha processato il richiedente non era né imparziale né equo.

B. La valutazione della Corte

96 I principi generali attinenti custoditi nell’ Articolo 6 della Convenzione sono esposti in Protopapa, citata sopra, §§ 77-82.
97. Riguardo all’applicazione di questi principi alla presente causa, la Corte osserva, che il richiedente fu rimandato indietro per processo di fronte alla Corte distrettuale di Nicosia della “TRNC”. Un interprete era presente alle udienze del 20 e del 21 luglio 1989. Anche se la Corte non ha nessuna informazione su cui valutare la qualità dell'interpretazione, osserva che è evidente dalla propria versione della richiedente degli eventi e dalla dichiarazione che rese all'udienza della corte (vedere paragrafo 34 (v) sopra) che lei capì le accuse contro lei e le dichiarazioni fatte dai testimoni al processo. In qualsiasi caso, non sembra che lei impugnò la qualità dell'interpretazione di fronte al giudice del processo, che richiese la sostituzione dell'interprete o che chiese il chiarimento riguardo alla natura ed alla causa dell'accusa.
98. La Corte nota inoltre che agli accusati fu offerta l'opportunità di usare i servizi di un membro dell'Associazione Professionale locale, di chiamare in difesa dei testimoni e di interrogare i testimoni dell’ accusa a turno, nominando, se loro lo avessero desiderato, uno di loro per agire a favore degli altri. Comunque, a parte porre una domanda occasionale a due testimoni dell’accusa tramite la richiedente , scelsero di non giovarsi di nessuno di questi diritti.
99. La Corte considera che la richiedente era indubbiamente capace di realizzare le conseguenze della sua decisione di non avvalersi dei diritti procedurali che le furono proposti. Inoltre, non sembra che la controversia sollevava qualsiasi questione di interesse pubblico che impediva di rinunciare alle garanzie procedurali summenzionate (vedere, mutatis mutandis, Hermi c. Italia [GC], n. 18114/02, § 79, 10 ottobre 2006, e Kwiatkowska c. Italia (dec.), n. 52868/99, 30 novembre 2000).
100. La Corte enfatizza anche che l'accusata non richiese un aggiornamento del processo o una traduzione dei documenti scritti concernenti la procedura per informarsi dell’archivio della causa e preparare la loro difesa. Non c'è niente che suggerisce che simili richieste sarebbero state respinte. Lo stesso si applica alla possibilità che non fu colta dall'accusato di introdurre un ricorso o un ricorso su questioni di diritto contro la sentenza della Corte distrettuale di Nicosia della “TRNC”.
101. Infine, la Corte non può accettare, in questo modo, la dichiarazione che i tribunali della “TRNC” nell'insieme non erano né imparziali né indipendenti o che il processo del richiedente e la condanna furono influenzati da scopi politici (vedere, mutatis mutandis, Cipro c. Turchia, citata sopra, §§ 231-240).
102. Alla luce di quanto sopra, e prendendo conto in particolare della condotta dell'accusato, la Corte considera che i procedimenti penali contro il richiedente, considerato nell'insieme, non era ingiusto o altrimenti contrario alle disposizioni della Convenzione.
103. Ne segue che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 6 della Convenzione.

VII. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 7 DELLA CONVENZIONE

104. La richiedente presentò di essere stata dichiarata colpevole a riguardo di atti che non costituivano un reato penale.
Invocò l’Articolo 7 della Convenzione che si legge come segue:
“1. Nessuno sarà ritenuto colpevole di qualsiasi reato penale a causa di qualsiasi atto od omissione che non costituivano un reato penale sotto il diritto nazionale o internazionale al tempo in cui fu commesso. Né può una sanzione penale più pesante essere imposta al posto di quella che era applicabile al tempo in cui il reato penale fu commesso.
2. Questo Articolo non può pregiudicare il processo e la punizione di qualsiasi persona per un qualsiasi atto od omissione che, al tempo in cui sono stati commessi, era penale secondo i principi generali della legge riconosciuti dalle nazioni civilizzate.”
105. Il Governo contestò questa rivendicazione. Addusse che la richiedente era stata accusata di aver violato i confini della “TRNC” e la sua condanna fu basata sulla prova di testimoni oculari. Lei avrebbe dovuto sapere che violando la zona cuscinetto dell’ ONU e la linea di tregua avrebbe provocato una risposta da parte dell'ONU o delle forze turco-cipriote.
106. Il Governo di Cipro presentò che la richiedente era stata processata erroneamente per atti che non corrispondevano a reati sotto diritto nazionale o internazionale, e che in qualsiasi caso andò a vuoto nel soddisfare gli standard di prevedibilità e l'accessibilità richieste dalla Convenzione (vedere G. c. Francia, 27 settembre 1995 Serie A n. 325-B), in violazione dell’ Articolo 7 della Convenzione.
107. I principi generali attinenti custoditi nell’ Articolo 7 della Convenzione sono esposti in Protopapa, citata sopra, §§ 93-95.
108 Riguardo all’applicazione di questi principi alla presente causa, la Corte nota, che la richiedente fu dichiarata colpevole di essere entrata nel territorio della “TRNC” senza permesso ed altro tramite un porto approvato. Questi reati sono definiti nella Legge n. 5/72 e nelle sottosezioni 12(1) e (5) della Legge dell’ Immigrazione e degli Stranieri (vedere paragrafi 40-41 sopra).
109. Non si contesta che questi testi erano in vigore quando i reati furono commessi ed erano accessibili alla richiedente. La Corte inoltre costata che hanno descritto con chiarezza sufficiente gli atti che l'avrebbero reso criminalmente responsabile, soddisfacendo così il requisito di prevedibilità. Non c'è niente che suggerisca che furono interpretati estensivamente o per mezzo di analogia; la sanzione penale imposta (la reclusione dei tre giorni ed una multa di CYP 50-vedere paragrafo 23 sopra) era all'interno del massimo previsto dal diritto vigente al tempo in cui il reato era stato commesso.
110. Ne segue che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 7 della Convenzione.
VIII. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 11 DELLA CONVENZIONE
111. La richiedente si lamentò di una violazione del suo diritto alla libertà di riunione pacifica.
Lui invocò l’Articolo 11 della Convenzione che si legge come segue:
“1. Ognuno ha il diritto alla libertà di riunione pacifica ed alla libertà dell'associazione con altri, incluso il diritto di formare e congiungere sindacati per la protezione dei suoi interessi.
2. Nessuna restrizione sarà messa sull'esercizio di questi diritti se non prescritta dalla legge e se necessaria in una società democratica negli interessi della sicurezza nazionale o sicurezza pubblica, per la prevenzione del disturbo o del crimine, per la protezione della salute o della morale o per la protezione dei diritti e delle libertà altrui. Questo Articolo non ostacolerà l'imposizione di restrizioni legali sull'esercizio di questi diritti da parte di membri delle forze armate, della polizia o dell'amministrazione dello Stato.”
112. Il Governo contestò questa rivendicazione, osservando che dato il suo carattere violento, la dimostrazione chiaramente era fuori dalla sfera dell’ Articolo 11 della Convenzione. Loro considerarono che la polizia della “TRNC” era intervenuta negli interessi della sicurezza nazionale e/o della sicurezza pubblica e per la prevenzione del disturbo e del crimine.
113. Il Governo di Cipro presentò che il diritto del richiedente per dimostrare sotto l’Articolo 11 della Convenzione era stato interferito in un modo grave e serio. Gli atti del Governo rispondente erano un tentativo deliberato e provocativo di disperdere una dimostrazione legale in un'area che era soggetta a perlustrazioni dell’ ONU e neanche all'interno della rivendicata giurisdizione della “TRNC.” L'interferenza coi diritti della richiedente non era prevista dalla legge ed era una risposta eccessiva e sproporzionata ad una dimostrazione tranquilla e legale. Il Governo rispondente non aveva identificato nessuno scopo legittimo che aveva cercato di servire assaltando la richiedente.
114. La Corte nota che la richiedente e le altre donne si scontrarono con la polizia turco-cipriota mentre dimostravano dentro o nelle vicinanze della chiesa di Ayios Georgios a Nicosia. La dimostrazione fu dispersa ed alcuni dei dimostratori, inclusa la richiedente furono arrestati. Sotto queste circostanze, la Corte considera che c'è stata un'interferenza col diritto della richiedente di riunione (vedere Protopapa, citata sopra, § 104).
115. Questa interferenza aveva una base legale, vale a dire le sezioni 70 e 71 del Codice Penale cipriota (vedere paragrafi 36-36 sopra) e sezione 14 della Legge di Procedura Penale (veda paragrafo 39 sopra), ed era così “prevista dalla legge” all'interno del significato dell’Articolo 11 § 2 della Convenzione. A questo riguardo, la Corte richiama la sua costatazione che quando, come nella causa di Foka, un atto delle autorità della “TRNC” era in ottemperanza con leggi in vigore all'interno del territorio della Cipro settentrionale, deve in principio essere riguardato come avente una base legale in diritto nazionale ai fini della Convenzione (vedere paragrafo 83 sopra). Rimangono le questioni se l'interferenza perseguiva uno scopo legittimo ed era necessaria in una società democratica.
116. Il Governo presentò che l'interferenza inseguiva scopi legittimi, incluso la protezione della sicurezza nazionale e/o della sicurezza pubblica e la prevenzione del disturbo e del crimine.
117. . La Corte nota che nella causa Chrysostomos e Papachrysostomou, la Commissione ha trovato che la dimostrazione del 19 luglio 1989 era violenta, che era penetrata attraverso le linee difensive dell’ONU fiancheggia e costituiva una minaccia seria alla pace e all’ ordine pubblico sulla linea di demarcazione a Cipro (vedere il rapporto della Commissione, citato sopra, §§ 109-10). La Corte non vede nessuna ragione di discostarsi da queste costatazioni che furono basate sul rapporto del Segretario Generale dell’ONU su un filmato video e su fotografie presentate dal Governo rispondente di fronte alla Commissione. Enfatizza che nel suo rapporto, il Segretario Generala dell'ONU ha affermato che i dimostratori avevano “forzato il loro passaggio nella zona cuscinetto dell’ ONU nell'area di Ayios Kassianos di Nicosia”, che loro avevano rotto “una barriera di filo sostenuta dall’ UNFICYP e distrutto un posto di osservazione dell’ UNFICYP” prima di rompere “la linea formata dai soldati dell’UNFICYP” ed entrare in “una precedente complesso scolastico” (vedere paragrafo 31 sopra).
118. La Corte fa riferimento, in primo luogo, ai principi fondamentali che sono posto sotto le sue sentenze relative all’ Articolo 11 (vedere Djavit Un c. Turchia, n. 20652/92, §§ 56-57 ECHR 2003-III; Piermont c. Francia, 27 aprile 1995, §§ 76-77 Serie A n. 314; e Plattform “Ärzte für das Leben” c. Austria, 21 giugno 1988, § 32 Serie A n. 139). È chiaro da questa giurisprudenza che le autorità hanno un dovere di prendere misure appropriate a riguardo di dimostrazioni per assicurare la loro condotta tranquilla e la sicurezza di tutti i cittadini (vedere Oya Ataman c. Turchia, n. 74552/01, § 35 5 dicembre 2006). Loro comunque non possono garantire completamente questo e hanno una ampia discrezione nella scelta dei mezzi da utilizzare (veda Plattform “Ärzte für das Leben”, citato sopra, § 34).
119. Mentre una situazione illegale non è di per sé , una giustificazione di una violazione del diritto di riunione (vedere Cisse c. la Francia, n. 51346/99, § 50 ECHR 2002-III (gli estratti)), interferenze col diritto garantito dall’Articolo 11 della Convenzione sono in principio giustificate per la prevenzione del disturbo o del crimine e per la protezione dei diritti e delle libertà altrui dove, come nella presente causa, i dimostratori prendono parte ad atti di violenza (vedere, a contrario, Bukta ed Altri c. Ungheria, n. 25691/04, § 37, 17 luglio 2007, ed Oya Ataman citata sopra, §§ 41-42).
120. La Corte osserva inoltre che, come affermato nel rapporto del Segretario Generale dell’ONU del 7 dicembre 1989 (vedere paragrafo 31sopra), i dimostratori avevano forzato il loro passaggio nella zona cuscinetto dell’ ONU. Secondo le autorità della “TRNC”, loro entrarono anche nel territorio della “TRNC”, commettendo così punibile dei reati sotto le leggi della “TRNC” (vedere paragrafi 40-41 e 84 sopra). A questo riguardo, la Corte nota, che non ha a sua disposizione qualsiasi l'elemento capace di gettare dubbio sulle dichiarazioni date dai testimoni al processo secondo cui l'area dove l'accusato era entrato era il territorio della “TRNC” (vedere paragrafo 34 (iii) sopra). Nella prospettiva della Corte, l'intervento delle forze turche e/o turco-ciprioti non erano a causa della natura politica della dimostrazione ma fu provocato dal suo carattere violento e dalla violazione dei confini della “TRNC” da parte di alcuni dei dimostratori (vedere Protopapa, citata sopra, § 110).
121 In queste condizioni ed avendo riguardo al margine ampio di valutazione lasciato agli Stati in questa sfera (vedere Plattform “Ärzte für das Leben” citata sopra, § 34), la Corte sostiene che l'interferenza col diritto del richiedente al diritto di riunione non era, alla luce di tutte le circostanze della causa, sproporzionato ai fini dell’ Articolo 11 § 2.
122. Non c'è stata di conseguenza, nessuna violazione dell’ Articolo 11 della Convenzione

IX. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 13 DELLA CONVENZIONE

123. La richiedente addusse di non aver avuto a sua disposizione una via di ricorso nazionale effettiva per compensare le violazioni dei suoi diritti essenziali.
Lui invocò l’Articolo 13 della Convenzione che si legge come segue:
“Chiunque i cui diritti e le libertà come riconosciuti [dalla] Convenzione sono violati avrà una via di ricorso effettiva di fronte ad un'autorità nazionale anche se la violazione fosse stata commessa da persone che agiscono in veste ufficiale.”
124. Il Governo contestò questa rivendicazione. Nelle sue osservazioni del 10 gennaio 2003, notò, che il richiedente che non era riuscito ad usare le vie di ricorso nazionali disponibili all'interno dell'ordinamento giuridico della “TRNC”, non poteva lamentarsi di una violazione dell’ Articolo 13 della Convenzione.
125. Il Governo di Cipro presentò che, contrariamente all’ Articolo 13 della Convenzione, nessuna via di ricorso effettiva erano disponibile al richiedente in nessun momento a riguardo di una qualsiasi delle sue azioni di reclamo. Alternativamente, le istituzioni stabilite dalla “TRNC” non erano state in grado di costituire delle vie di ricorso nazionali effettive all'interno dell'ordinamento giuridico nazionale della Turchia.
126. L’Articolo 13 della Convenzione garantisce la disponibilità a livello nazionale di una via di ricorso per rendere esecutiva la sostanza dei diritti della Convenzione e delle libertà in qualsiasi forma possa accadere di essere garantiti nell'ordine legale e nazionale. L'effetto dell’ Articolo 13 deve costringere così la disposizione di una via di ricorso nazionale a trattare con la sostanza di un “azione di reclamo difendibile” sotto la Convenzione ed accordare il sollievo appropriato (vedere, fra molte altre autorità, Kudła c. Polonia [GC], n. 30210/96, § 157 ECHR 2000-XI).
127. La sfera degli obblighi degli Stati Contraenti sotto l’Articolo 13 varia a seconda della natura dell'azione di reclamo del richiedente; comunque, la via di ricorso richiesta dall’ Articolo 13 deve essere “effettiva” in pratica così come in diritto (vedere, per esempio, İlhan c. Turchia [GC], n. 22277/93, § 97 ECHR 2000-VII). Il termine “effettiva” si considera anche che voglia dire, che la via di ricorso deve essere adeguata ed accessibile (vedere Vidas c. Croatia, n. 40383/04, § 34, 3 luglio 2008, e Paulino Tomás c. Portogallo (dec.), n. 58698/00, ECHR 2003-VIII).
128. Bisogna anche ricordare che nella sua sentenza nella causa Cipro c. Turchia (citata sopra, §§ 14, 16 90 e 102) la Corte sostenne che ai fini dell’ Articolo 35 § 1 col quale l’ Articolo 13 ha un'affinità vicina (vedere Kudla, citata sopra, § 152), la via di ricorso disponibile nella “TRNC” può essere considerata come “via di ricorso nazionale” dello Stato rispondente e che la questione della loro efficacia sarà considerata nelle specifiche circostanze in cui sorge.
129. Nella presente causa, non sembra che la richiedente tentò di avvalersi delle vie di ricorso che le sarebbero state disponibili nella “TRNC” riguardo alle circostanze del suo arresto, alla sua susseguente detenzione ed al suo processo (vedere Protopapa, citata sopra, § 121, mutatis mutandis, Chrysostomos e Papachrysostomou sopra ,il rapporto di Commissione citato soprea, § 174). In particolare, lei rifiutò i servizi di un avvocato che praticava nella “TRNC”, fece poco o nessun uso delle salvaguardie procedurali previste dalla Corte distrettuale di Nicosia della“TRNC”, non depositò un ricorso contro la sua condanna e non introdusse presso le autorità locali un'azione di reclamo formale del mal-trattamento che lei ha presumibilmente subito a causa della polizia turco-cipriota. La dichiarazione della richiedente per cui era pronta a mostrare i suoi danni al processo se la corte avesse escluso il pubblico dalla stanza dell’ udienza (vedere paragrafo 34 (v) sopra) non può essere considerata uguale a un’ azione di reclamo formale (vedere Protopapa, citata sopra, § 121). Nella prospettiva della Corte, non vi è prova che, se la richiedente si fosse avvalsa di tutti o in parte di queste, queste vie di ricorso nazionali sarebbero state inefficaci.
130. Sotto queste circostanze, nessuna violazione dell’ Articolo 13 della Convenzione può essere trovata.
X. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 14 DELLA CONVENZIONE LETTO IN CONCOMITANZA CON GLI ARTICOLI 5, 6 E 7
131. La richiedente addusse di essere stata discriminata a causa della sua origine etnica e delle credenze religiose nel godimento dei diritti garantiti dagli Articoli 5, 6 e 7 della Convenzione.
Lui invocò l’Articolo 14 della Convenzione che si legge come segue:
“Il godimento dei diritti e delle libertà stabilite [nella] Convenzione sarà garantito senza discriminazione su alcuna base come il sesso,la razza, il colore, la lingua, la religione, l’opinione politica o altro, la cittadinanza od origine sociale, l'associazione con una minoranza nazionale, la proprietà,la nascita o altro status.”
132. Il Governo contestò questa rivendicazione.
133. La giurisprudenza della Corte stabilisce che discriminazione significa differente trattamento, senza una giustificazione obiettiva e ragionevole di persone in situazioni relativamente simili (vedere Willis c. Regno Unito, n. 36042/97, § 48 ECHR 2002-IV). Ogni differenza nel trattamento non corrisponderà comunque, ad una violazione dell’ Articolo 14. Deve essere stabilito che altre persone in una situazione analoga o relativamente simile godono di un trattamento preferenziale e che questa distinzione è discriminatoria (vedere Unal Tekeli c. Turchia, n. 29865/96, § 49 16 novembre 2004).
134. Al giorno d'oggi causa che la richiedente non è riuscito a provare che lei era stata trattata Nella presente causa il richiedente non è riuscito a provare di essere stato trattato differentemente da altre persone-vale a dire, dai Ciprioti di origine turca-che erano in una situazione comparabile. La Corte si riferisce anche alla sua conclusione che i diritti essenziali del richiedente sotto gli Articoli 3, 5, 6, 7 11 e 13 della Convenzione non sono stati infranti (vedere Protopapa, citata sopra, § 127, e, mutatis mutandis, Manitaras c. Turchia (dec.), n. 54591/00, 3 giugno 2008).
135. Ne segue che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 14 della Convenzione letto in concomitanza con gli Articoli 5, 6 e 7 della Convenzione.

XI. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
136. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno patrimoniale e non-patrimoniale
1. Le osservazioni delle parti
(a) La richiedente
137. Nelle sue rivendicazioni di soddisfazione equa del dicembre 2002, la richiedente richiese CYP 202,620 (circa EUR 346,196) per danno patrimoniale. Lei si appellò al rapporto di un esperto (fornito dl Dipartimento Fondiario e delle Indagini della Repubblica di Cipro) valutando il valore delle sue perdite che includeva la perdita di affitto annuale percepito o che ci si aspettava di percepire dall'affitto delle sue proprietà, più interesse nella data in cui simili affitti erano dovuti sino alla data di pagamento. Gli affitti chiesti erano per il periodo risalente al gennaio 1987, quando il Governo rispondente accettò il diritto di ricorso individuale, sino al 2000. La richiedente non chiese il risarcimento per qualsiasi espropriazione stabilita poiché lei era ancora la proprietaria legittima delle proprietà. Il rapporto di valutazione conteneva una descrizione di Klepini, Yerolakkos ed Akanthou, dove le proprietà rivendicate dalla richiedente erano ubicate.
138. Il punto iniziale del rapporto di valutazione era il valore di affitto annuale della quota della richiedente delle proprietà nel 1974 calcolati sulla base di una percentuale (5%) del loro valore di mercato. L'esperto diede le seguenti stime:
(a) proprietà descritte nel paragrafo 8 sopra: per il campo con l'alloggio (registrazione n. 583): 1974 valore di mercato: CYP 18,280 (circa EUR 31,233); 1974 affitto annuale: CYP 914 (circa EUR 1,561); per il campo sotto la registrazione n. 586: 1974 valore di mercato: CYP 10,870 (circa EUR 18,572); 1974 affitto annuale: CYP 544 (circa EUR 929);
(b) terra descritta nel paragrafo 9 (a) sopra: 1974 affitto annuale: CYP 8.01 (circa EUR 13);
(il c) terra descritta nel paragrafo 9 (b) sopra: 1974 affitto annuale: CYP 8.36 (circa EUR 14);
(d) terra descritta nel paragrafo 9 (c) sopra: 1974 valore di mercato: CYP 4,215 (circa EUR 7,201); 1974 affitto annuale: CYP 211 (circa EUR 360).
139. Queste somme furono aggiustate successivamente verso l'alto secondo un aumento dell’affitto annuale medio che variava dal 7% al 12%. Un interesse composto per pagamento ritardato fu applicato al tasso dell’8% all'anno.
140. In una lettera del 28 gennaio 2008 la richiedente osservò che un periodo lungo era passato dalle sue prime rivendicazioni per soddisfazione equa e che la rivendicazione per la perdita patrimoniale doveva essere aggiornata secondo dati riguardo all'aumento del valore di mercato della terra a Cipro. L'aumento medio a questo riguardo era dal 10% al 15% all'anno.
141. Nelle sue rivendicazioni di soddisfazione equa del dicembre 2002, la richiedente chiese anche CYP 80,000 (approssimativamente 136,688 EUR) a riguardo del danno non-patrimoniale per le violazioni dei suoi diritti sotto gli Articoli 8 della Convenzione e 1 del Protocollo N.ro 1. Lei chiese inoltre CYP 60,000 (circa EUR 102,516) riguardo al danno morale subito per le altre violazioni.
(b) Il Governo
142. In replica alla richiesta soddisfazione equa della richiedente del dicembre 2002, il Governo presentò che il problema del risarcimento reciproco per le proprietà greco - cipriote lasciate nel nord dell'isola e le proprietà turco-cipriota lasciate nel sud era molto complesso e avrebbe dovuto essere stabilito tramite negoziazioni fra le due parti sotto gli auspici dell'ONU, piuttosto che tramite aggiudicazione della Corte europea dei Diritti umani, comportandosi come un tribunale di prima - istanza ed appellandosi a dei rapporti prodotti solamente da parte della richiedente. Fece riferimento, su questo punto, al piano dell’ ONU intitolato “Base per accordo su un accordo comprensivo del problema di Cipro”, nella sua versione riveduta del 10 dicembre 2002.
143. Impugnando le conclusioni a cui è giunta la Corte nella sentenza Loizidou ((soddisfazione equa), 28 luglio 1998, Relazioni 1998-IV), il Governo considerò che in cause come la presente, nessuna assegnazione dovrebbe essere fatta dalla Corte sotto l’Articolo 41 della Convenzione. Sottolineò che l'incapacità della richiedente di avere accesso alle sue proprietà è dipeso dalla situazione politica a Cipro e, in particolare, dall'esistenza delle linee di tregua riconosciute dall’ONU. Se ai Greco - ciprioti fosse stato permesso di andare al nord e rivendicare le loro proprietà, sarebbe esploso il caos sull'isola; inoltre qualsiasi assegnazione fatta dalla Corte minerebbe le negoziazioni fra le due parti.
144. Inoltre, la Turchia non aveva accesso ai documenti dell’ ufficio fondiario della “TRNC” che era fuori dalla sua giurisdizione e dal suo controllo. Non era perciò nella posizione di avere una conoscenza sufficiente delle proprietà e/o del possesso delle proprietà addotte nel 1974 ossia dei loro valori di mercato ed affitti ragionevoli al tempo attinente. I preventivi esposti dalla richiedente erano speculativi ed ipotetici, siccome loro non erano basati su veri dati e non prendevano in esame la volatilità del mercato della proprietà e la sua suscettibilità alla situazione nazionale a Cipro. Durante gli ultimi 28 anni, il panorama a Cipro era cambiato notevolmente, e così lo status delle proprietà addotte della richiedente.
145. Si potrebbe anche notare che nella presente richiesta i preventivi non furono forniti da un esperto indipendente, ma dal Settore Fondiario e delle Ricerche della Repubblica di Cipro cioè da con un ramo di una parte interessata che era intervenuta nei procedimenti di fronte alla Corte. In qualsiasi caso, la Turchia non poteva essere ritenuta responsabile in diritto internazionale per gli atti d’espropriazione delle proprietà del richiedente della “TRNC”, siccome non poteva legiferare suq questi atti per prevedere una riparazione. Il Governo invitò la Corte ad esaminare se, come affermato nell’ Articolo 41 della Convenzione, “la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata” permetteva “che venisse fatta una riparazione.”
146. Infine, il Governo non fece commenti sulle osservazioni della richiedente sotto il capo di danno non-patrimoniale.
3. La valutazione della Corte
147. La Corte prima nota che l'osservazione del Governo per cui è probabile che sorgano dei dubbi in merito al titolo di proprietà della richiedente sulla terra descritta nel paragrafo 9 sopra (vedere paragrafo 144 sopra) è, in sostanza, un'eccezione di incompatibilità ratione materiae con le disposizioni dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. Tale eccezione avrebbe dovuta essere sollevata prima che la richiesta venisse dichiarata ammissibile o, al limite, nel contesto delle osservazioni delle parti sui meriti. In qualsiasi caso, la Corte non può che conferma la sua costatazione che le aree in questione costituivano “le proprietà” della richiedente, all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere paragrafo 51 sopra).
148. La Corte nota anche che ha concluso che le proprietà descritte nel paragrafo 8 sopra non erano una “proprietà” della richiedente (vedere paragrafo 50 sopra) e che ha trovato che non c'è stata nessuna violazione degli Articoli 3, 5, 6 7, 11 13 e 14 (letto in concomitanza con gli Articoli 5, 6 e 7) della Convenzione. Perciò, nessuna assegnazione dovrebbe essere fatta su quel conto.
149. Nelle circostanze della causa, la Corte considera, che la questione dell’applicazione dell’Articolo 41 a riguardo dei rimanenti aspetti di danno patrimoniale e non-patrimoniale non è pronta per una decisione. Osserva, in particolare, che le parti non sono riuscite ad offrire dati affidabili ed obiettivi concernenti i prezzi del terreno e dei beni immobili a Cipro in data dell'intervento turco. Questo insuccesso rende difficile per la Corte valutare se la stima fornita dalla richiedente del valore di mercato del 1974 della sua terra è ragionevole. La questione deve essere di conseguenza riservata e la susseguente procedura fissata con dovuto riguardo ad un qualsiasi accordo a cui potrebbero gungere il Governo rispondente e la richiedente (Articolo 75 § 1 degli Articoli di Corte).
B. Costi e spese
150. Nelle sue rivendicazioni di soddisfazione equa del dicembre 2002, appellandosi ad una nota di addebito dal suo rappresentante, la richiedente chiese CYP 7,200 (circa EUR 12,302) per i costi e le spese incorsi di fronte alla Corte.
151. Il Governo non fece commenti su questo punto.
152. Nelle circostanze della causa, la Corte considera, che la questione dell’applicazione dell’Articolo 41 a riguardo dei costi e delle spese non è pronta per decisione. La questione deve essere di conseguenza riservata e la susseguente procedura fissata con dovuto riguardo ad un qualsiasi accordo a cui potrebbero giungere il Governo rispondente e la richiedente.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE
1. Respinge per sei voti ad uno le eccezioni preliminari del Governo;
2. Sostiene sei voti ad uno che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione riguardo alla terra descritta nel paragrafo 9 sopra;
3. Sostiene all’unanimità che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione riguardo alle proprietà descritte nel paragrafo 8 sopra;
4. Sostiene all’unanimità che non è necessario esaminare se c'è stata una violazione dell’ Articolo 8 della Convenzione;
5. Sostiene all’unanimità che non è necessario esaminare se c'è stata una violazione dell’ Articolo 14 della Convenzione letto in concomitanza con l’Articolo 8 della Convenzione e l’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1;
6. Sostiene all’unanimità che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 3 della Convenzione;
7. Sostiene all’unanimità che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 5 della Convenzione;
8. Sostiene all’unanimità che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 6 della Convenzione;
9. Sostiene all’unanimità che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 7 della Convenzione;
10. Sostiene all’unanimità che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 11 della Convenzione;
11. Sostiene all’unanimità che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 13 della Convenzione;
12. Sostiene all’unanimità che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 14 della Convenzione letto in concomitanza con gli Articoli 5, 6 e 7 della Convenzione;
13. Sostiene all’unanimità che la questione dell’applicazione dell’ Articolo 41 non è pronta per una decisione;
di conseguenza,
(a) riserva l detta a questione per intero;
(b) invita il Governo e la richiedente a presentare, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione le loro osservazioni scritte sulla questione e, in particolare, a notificare alla Corte qualsiasi accordo al quale potrebbero giungere;
(c) riserva l'ulteriore procedura e delega al Presidente della Camera il potere per fissarla all’occorrenza.
Fatto in inglesi, e notificato per iscritto il 22 settembre 2009, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Fatoş Aracı Nicolas Bratza
Cancelliere Aggiunto Presidente
In conformità con l’Articolo 45 § 2 della Convenzione e l’Articolo 74 § 2 dell’Ordinamento di Corte, le opinioni separate del Giudice Bratza e Karakaş sono annesse a questa sentenza.
N.B.
F.A.

OPINIONE CONCORDANTE DEL GIUDICE BRATZA
Nella causa Protopapa c. Turchia (n. 16084/90, 24 febbraio 2009), io votai con gli altri membri della Camera in relazione a tutte le azioni di reclamo della Convenzione di richiedente ad accezione di quella sotto l’Articolo 13 che, per le ragioni spiegate nella mia Opinione In parte Dissentente trovai era stato violato.
L'azione di reclamo della richiedente sotto l’Articolo 13 nella presente causa è sostanzialmente la stessa di quella del richiedente nella causa Protopapa. Mentre continuo a nutrire dei dubbi che ho espresso in quel caso espressi riguardo a se c'era una qualsiasi via di ricorso che avrebbe potuto essere considerata come pratica o effettivo e che offriva alla richiedente una qualsiasi prospettiva realistica di successo, a riguardo all'opinione di maggioranza nella sentenza Protopapa che ora è divenuta definitiva io mi sono unito agli altri membri della Camera nel non trovare nessuna violazione dell’ Articolo 13.


OPINIONE IN PARTE DISSENTENDO DI GIUDICE KARAKAÅž
Diversamente dalla maggioranza, considero, che l'eccezione del non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali sollevata dal Governo non avrebbe dovuto essere respinta. Di conseguenza, non posso concordare con la costatazione di una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 della Convenzione, per le stesse ragioni di quelle menzionate nella mia opinione dissidente nella causa Alexandrou c. Turchia (n. 16162/90, 20 gennaio 2009).
Votai con la maggioranza riguardo alla costatazione di nessuna violazione degli Articoli 3, 5, 6 7, 11 13 e 14 letti in concomitanza con gli Articoli 5, 6 e 7 della Convenzione.





DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è martedì 22/06/2021.