Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF BABUSHEVA AND OTHERS v. RUSSIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI:

NUMERO: 33944/05/2009
STATO:
DATA: 24/09/2009
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

FIRST SECTION
CASE OF BABUSHEVA AND OTHERS v. RUSSIA
(Application no. 33944/05)
JUDGMENT
STRASBOURG
24 September 2009
Request for referral to the Grand Chamber pending
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Babusheva and Others v. Russia,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Christos Rozakis, President,
Nina Vajić,
Anatoly Kovler,
Elisabeth Steiner,
Dean Spielmann,
Sverre Erik Jebens,
Giorgio Malinverni, judges,
and Søren Nielsen, Section Registrar,
Having deliberated in private on 3 September 2009,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 33944/05) against the Russian Federation lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by the seven Russian nationals listed below (“the applicants”), on 20 September 2005.
2. The applicants were represented by lawyers of the Stichting Russian Justice Initiative (“SRJI”), an NGO based in the Netherlands with a representative office in Russia. The Russian Government (“the Government”) were represented by Mr A. Savenkov, First Deputy Minister of Justice, and subsequently by Mr G. Matyushkin, Representative of the Russian Federation at the European Court of Human Rights.
3. On 31 March 2008 the Court decided to apply Rule 41 of the Rules of Court, grant priority treatment to the application and give notice of the application to the Government. Under the provisions of Article 29 § 3 of the Convention, it decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility.
4. The Government objected to the joint examination of the admissibility and merits of the application. Having considered the Government’s objection, the Court dismissed it.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. The applicants are:
1) Ms OMISSIS, born in 1966,
2) Mr OMISSIS, born in 1928,
3) Mr OMISSIS (also spelled as Lom-Ali) Babushev, born in 1986,
4) Ms OMISSIS, born in 1988,
5) Ms OMISSIS, born in 1993,
6) Mr OMISSIS, born in 1994 and
7) Ms OMISSIS, born in 2003.
The applicants live in the village of Makhkety, in the Vedeno district, Chechnya.
6. The first applicant is the wife of R. (also known as V.) B., who was born in 1960; the second applicant is his father; and the third to seventh applicants are his children.
7. The facts of the case, as submitted by the parties, may be summarised as follows.
A. Disappearance of R. B.
1. The applicants’ account
a. The abduction of the applicants’ relative
8. At the material time R. B. worked as a car mechanic. On 4 February 2003 the first, second and sixth applicants and R. B. were at their home at 27 Zarechnaya Street (in the submitted documents the address was also referred to as 37 Zarechnaya Street) in Makhkety, Chechnya. The third, fourth and fifth applicants were at school. The first applicant was pregnant with the seventh applicant. Two neighbours had come to visit and were also in the applicants’ house.
9. At around 11 a.m. a military UAZ car arrived at the house. A group of about ten to fifteen Russian military servicemen got out of the car; some of them remained in the street next to the house, whereas others went inside. The men spoke Russian without an accent and were of Slavic appearance. The person who was apparently in charge of the group introduced himself as Mr Y. B., the head of the department of the interior of Khattuni (also spelled as Khatuni) village (the Khattuni OVD). It appeared that he was on mission in Chechnya from the OMON (special police forces) unit of the Perm region, Russia. The servicemen asked R. B. to repair their car. He agreed and they moved the car into the applicants’ yard. R. B. changed into his work clothes and started the repair work.
10. Meanwhile, the servicemen contacted someone via their portable radio set. Approximately 10-15 minutes later an armoured personnel carrier (“APC”) carrying a group of about twenty masked servicemen arrived at the applicants’ house. The servicemen from the APC ran into the yard and put handcuffs on R. B. and a dark sack over his head. They ordered the first applicant to go into the house, threatening to kill her if she stayed in the yard. After that they put R. B. into the APC. The servicemen neither introduced themselves nor produced any documents. Almost all of them were wearing masks; three of them, who did not have masks, were of Slavic appearance. The first applicant asked them who their commander was and why they were taking her husband away. She did not receive any answer to her questions.
11. After that Mr Y. B. asked the servicemen from the APC whether his group was free to go. They received permission and the UAZ car and the servicemen left. Immediately after their departure, the servicemen from the APC started to search the applicants’ house. The search took about one and a half hours. During the search the servicemen seized a number of the applicants’ possessions, including a videocassette recorder, a TV set, R. B.’s clothing and tools, the first applicant’s jewellery, the family photographs, two car engines and car repair parts. The servicemen loaded the applicants’ belongings into the APC and drove away.
12. The abduction of R. B. was witnessed by a number of the applicants’ neighbours and relatives.
b. Subsequent events
13. The applicants immediately started their search for R. B.. On the same day, 4 February 2003, the first applicant and her relatives went to the local department of the Federal Security Service (the FSB) in the village of Khattuni, in the Vedeno district, Chechnya. At the checkpoint located at the entrance to the building they met the deputy head of the department of the FSB, who introduced himself as officer V. He confirmed that they had arrested R. B. in order to assist the servicemen of the Khattuni OVD, which at the time was staffed with policemen from the Perm region. Officer V. told the first applicant that the military commander of the Vedeno district (the district military commander) had issued an order for the arrest of R. B. as the local authorities had opened criminal proceedings against him. According to the officer, at some point R. B. was supposed to be transferred from the Khattuni OVD to the Vedeno temporary district department of the interior (the Vedeno VOVD). Officer V. had seen R. B. after the arrest and agreed to take a warm jacket from the first applicant and pass it on to him.
14. On 4 February 2003, at the checkpoint in Khattuni, the first applicant and her relatives saw the three servicemen who had participated in the arrest of R. B. and had not been wearing masks during the abduction.
15. On 5 February 2003 the first applicant and a relative spoke to the deputy district military commander officer Yr., who assured them that their office had not opened any criminal proceedings against R. B. and had not issued any orders for his arrest.
16. In the middle of February 2003 the first applicant went to the department of the FSB in Khattuni, together with the head of Makhkety village administration. There they met with the officer V. who showed them a written statement certifying that on 4 February 2003 at 6 p.m. hours the head of the local department of the FSB, Mr M.G., had handed R. B. over to the head of the Khattuni OVD, Mr Y.B.
17. In the beginning of March 2003, during their visit to the Khattuni OVD, the first applicant met with a serviceman who introduced himself as an operational-search officer V. K. The applicant recognized him as one of the servicemen who had participated in the abduction of R. B.. Officer V. K. told the first applicant that her husband had been transferred from the Khattuni OVD to “the Chechen special task group” (чеченская группа специального назначения) and that from there he had been transferred to a prison in Vedeno. The officer confirmed that he had seen R. B. in prison, and that he had asked him to say hello to his family. V. K. took a package from the first applicant to pass to her husband.
18. On the following day the first applicant again met with officer V.K. He told her that he had passed on the package to her husband and that R. B. had been beaten up, but that he was feeling better and recovering.
19. Some time later in March 2003 the first applicant spoke again to the head of the Khattuni OVD, Mr Y. B. He told her that R. B. had been transferred to the Vedeno ROVD. He suggested to the first applicant that she speak to the head of the Vedeno ROVD, officer V.P.
20. After that, in March 2003, the first applicant went to the Vedeno ROVD and spoke to officer V.P. He told her that R. B. had not been guilty of anything and promised that he would assist in expediting his release. However, it appears that this officer left Chechnya on or about 10 April 2003 without having helped the applicants.
21. On a number of occasions the first applicant complained in person to the Vedeno district prosecutor’s office (the district prosecutor’s office) requesting that they conduct a confrontation between her and the head of the Khattuni OVD, Mr Y.B. Her requests were ignored.
22. On an unspecified date the first applicant lodged a claim with the Vedeno District Court of Chechnya seeking to have her husband R. B. declared a missing person. On 27 February 2004 the district court granted her claim and declared him a missing person as of 4 February 2003.
23. In support of their statements, the applicants submitted: an account by the applicants’ neighbour Ms I.A. given on 13 March 2005; an account by the applicants’ relative Mr I.B. given on 15 March 2005; an account by the applicants’ neighbour Mr V.T. given on 16 March 2005; an account by the applicants’ relative Ms A.A. given on 16 March 2005 and an account by the applicants’ neighbour Mr S.A. given on 20 March 2005.
2. Information submitted by the Government
24. The Government did not challenge most of the facts as submitted by the applicants. According to their submission “...in connection with the abduction by unidentified persons of R.Kh. B. on 4 February 2003 in Makhkety in the Vedeno district, on 12 February 2003 the Vedeno district prosecutor’s office instituted a criminal investigation...”
B. The search for R. B. and the investigation
1. Information submitted by the applicants
25. Since 4 February 2003 the applicants have repeatedly applied in person and in writing to various public bodies. They have been supported in their efforts by the NGO SRJI. In their letters to the authorities the applicants referred to their relative’s detention and asked for assistance and details of the investigation. Mostly these enquiries have remained unanswered, or purely formal replies have been given in which the applicants’ requests have been forwarded to various prosecutors’ offices. The applicants submitted some of the letters to the authorities and the replies to the Court, which are summarised below.
26. On 12 February 2003 (in the submitted documents the date is also referred to as 6 February 2003) the district prosecutor’s office instituted an investigation into the disappearance of R. B. under Article 126 § 2 of the Criminal Code (aggravated kidnapping). The decision stated, inter alia, the following:
“... at about 12 noon on 4 February 2003, during a special operation, a resident of Makhkety in the Vedeno district R. Kh. B. was detained by unidentified military servicemen at his house in Makhkety and taken away in an APC to an unknown destination ...”
The case file was given number 24012 (in the submitted documents the case file is also referred to under no. 25137).
27. On 14 February 2003 the first applicant was granted victim status in criminal case no. 24012. The decision stated, inter alia, the following:
“...on 4 February 2003, during a special operation in Makhkety in the Vedeno district, unidentified military servicemen took away all property from the household at 37 Zarechnaya Street, and detained R. B. whom they took away to an unknown destination...”
28. On 14 July 2003 the first applicant wrote to the head of the department of the search for missing persons of the Vedeno ROVD, to the military prosecutor’s office of military unit no. 20116 and to the military prosecutor’s office of the United Group Alignment (“the military prosecutor’s officer of the UGA”). In her letters she described in detail the circumstances of her husband’s abduction and stated that he had been abducted by officers of the Khattuni OVD under the command of Mr Y.B. and by servicemen of Russian military forces who had arrived in an APC and taken him away in this vehicle. She pointed out that the servicemen had searched the house and had taken away family possessions; that some time later she had found out that her husband had been transferred from the local department of the FSB to the Khattuni OVD; that officer V. K. had seen R. B. in prison in Vedeno; and that, in spite of all this information, the investigative authorities had failed to establish the whereabouts of R. B..
29. On 17 July 2003 the military prosecutor’s officer of the UGA forwarded a letter from the applicants’ relative concerning the search for R. B. to the military prosecutor’s office of military unit no. 20116 for examination.
30. On 22 July 2003 the Chechnya prosecutor’s office forwarded the first applicant’s request for assistance in the search for R. B. to the district prosecutor’s office for inclusion in criminal case no. 25137.
31. On 22 July 2003 the military prosecutor’s officer of the UGA forwarded the first applicant’s request to the military prosecutor’s office of military unit no. 20116. The letter stated that the latter was to examine the first applicant’s version of the involvement of servicemen of the 45th airborne regiment of the Russian military forces in the abduction of her husband.
32. On 12 September 2003 the Chechnya prosecutor’s office forwarded the first applicant’s request for assistance in the search for R. B. to the district prosecutor’s office for examination.
33. On 17 January 2004 the military prosecutor’s officer of the UGA informed the first applicant that the examination of her complaint had not established any involvement of the Russian military forces in the abduction of R. B..
34. On 28 January 2004 the first applicant wrote to the military prosecutor’s officer of the UGA. She stated that her husband had been abducted by Russian military servicemen together with representatives of the Khattuni OVD and complained that the criminal investigation had failed to establish the whereabouts of R. B..
35. On 4 February 2004 the military prosecutor’s officer of the UGA informed the first applicant that her complaint had not disclosed any information demonstrating the involvement of the Russian military forces in the abduction of R. B..
36. On 18 February 2004 the military prosecutor’s office of the North-Caucasus military circuit forwarded the first applicant’s request concerning the search for her husband to the military prosecutor’s officer of the UGA.
37. On 20 February 2004 the Chechnya Ministry of the Interior forwarded the first applicant’s complaint about her husband’s abduction to the Vedeno ROVD for examination.
38. On 26 February 2004 the department of the Prosecutor General’s office in the Southern Federal Circuit informed the first applicant that her complaint had been forwarded to the Chechnya prosecutor’s office.
39. On 3 March 2004 the Chechnya prosecutor’s office forwarded the first applicant’s request for assistance in the search for her husband to the district prosecutor’s office.
40. On 27 March 2004 the military prosecutor’s officer of the UGA forwarded the first applicant’s request for assistance in the search for her husband to the military prosecutor’s office of military unit no. 20116 for examination.
41. On 20 April 2004 the Chief Military Prosecutor’s office forwarded the first applicant’s request for assistance in the search for her husband to the military prosecutor’s officer of the UGA for examination.
42. On 22 April 2004 the Perm regional department of the interior (the Perm UVD) informed the first applicant of the following:
“...Your complaint was examined by the chiefs of the Perm UVD. Our inquiry established that the arrest of your husband R. B. had been conducted at the initiative of the local [Chechen] law-enforcement bodies. Officers of the Vedeno VOVD had participated only in his detention; his further whereabouts were unknown to them...”
43. On 8 June 2004 the military prosecutor’s officer of the UGA informed the first applicant that the examination of her complaint had established that the Russian military servicemen had not been involved in the abduction of R. B..
44. On 25 June 2004 the Vedeno ROVD informed the first applicant that in order to establish the whereabouts of her abducted husband, they had opened operational-search file no. 141395 and the search was under way.
45. On 24 August 2004 the Chechnya prosecutor’s office forwarded the first applicant’s complaint about the search for her husband to the district prosecutor’s office. The letter stated that the investigation of criminal case no. 24012 had been taken over by the Chechnya prosecutor’s office.
46. On 13 January 2005 the first applicant wrote to the district prosecutor’s office about her husband’s abduction. She said that he had been arrested by Russian military servicemen together with the representatives of the Khattuni OVD and that for two years the criminal investigation had failed to establish his whereabouts. She also requested to be informed of the reasons for the suspension of the investigation in the criminal case and that the proceedings be resumed.
47. On 13 January 2005 the first applicant complained to the Prosecutor General. She requested that the authorities investigate the involvement of representatives of the Perm UVD in the abduction of R. B..
48. On 22 January 2005 the district prosecutor’s office informed the first applicant that on an unspecified date the investigation in criminal case no. 24012 had been suspended and that on 22 January 2005 it had been resumed.
49. On 9 February 2005 the Chechnya prosecutor’s office informed the first applicant that they had instructed the district prosecutor’s office to undertake a number of operational-search measures in the investigation of the abduction.
50. On 24 February 2005 the Chechnya Ministry of the Interior (the MVD) informed the first applicant that they had instructed the Vedeno ROVD to activate their operational-search measures to solve the abduction of R. B..
51. On 22 July 2005 the Chechnya prosecutor’s office forwarded the first applicant’s request for assistance in the search for her husband to the district prosecutor’s office.
52. On an unspecified date the first applicant again complained to the Prosecutor General. In her letter she said, in particular, that her husband R. B. had been abducted by representatives of the Khattuni OVD under the command of Mr Y.B. and representatives of Russian military forces; that they had taken her husband away in an APC; that they had searched the house and taken away family possessions; that officer V. K. had later seen her husband in prison in Vedeno; and that the criminal investigation initiated by the district prosecutor’s office had failed to establish her husband’s whereabouts.
53. On an unspecified date the district prosecutor’s office informed the first applicant that the investigation in criminal case no. 24012 had been suspended for failure to establish the identities of the perpetrators.
2. Information submitted by the Government
54. The Government submitted that the investigation into R. B.’s abduction by “unidentified persons” had commenced on 12 February 2003.
55. On 6 February 2003 the investigators requested information about the detention of R. B. from military unit no. 45 stationed in Khattuni. According to their reply of 22 February 2003, the Vedeno district military commander’s office had not detained R. B. and had no information about his whereabouts.
56. On 7 February 2003 the investigators requested information about the arrest of R. B. from the Chechnya FSB and the Khattuni OVD. They also requested to be informed whether the applicants’ relative was suspected of participation in illegal armed groups. According to the replies from the Khattuni OVD of 11 February 2003 and the Chechnya FSB of 14 February 2003, R. B. was on the wanted list, but their offices had not detained him.
57. On 14 February 2003 the investigators questioned the first applicant’s sister-in-law, Ms E.B. She stated that on 4 February 2003 the first applicant had come to her house and told her that at about 11 a.m. on that day the head of the Khattuni OVD and police officers had arrived at their house and asked R. B. to repair their car. Then a group of military servicemen had arrived at their house in an APC and taken R. B. away without providing any explanation; they had also searched the first applicant’s house. After that the witness and the first applicant had gone to the checkpoint in Khattuni and asked the duty officer for news of R. B.. They were told that he had been arrested on the order of the Vedeno military commander and that he would be transferred to Vedeno. The next day, 5 February 2003, the witness and the first applicant went to Vedeno and met the deputy military commander, who told them that R. B. had not been delivered to their office. The Vedeno VOVD also denied that R. B. was detained on their premises. On the same date, 5 February 2003, at the checkpoint in Khattuni, officer V., the deputy head of the local department of the FSB, informed the witness and the first applicant that he had a receipt confirming that R. B. had been taken by officers of the Vedeno VOVD.
58. On an unspecified date the investigators granted the first applicant victim status and questioned her. She stated that on 4 February 2003 she and her husband R. B. had been at home, at 27 Zarechnaya Street in Makhkety. At about 11 a.m. a group of six officers from the Khattuni OVD had arrived at their house in an UAZ vehicle. One of them had introduced himself as the head of the Khattuni OVD officer B. He and the driver of the vehicle went into the applicant’s house and spoke to R. B. about some repair work for the UAZ vehicle. Then R. suggested that the officers move the car into the yard and changed into his work clothes. When the driver moved the car into the yard and the applicant’s husband started inspecting it, an APC pulled up to the house. A group of about fifteen masked men, supposedly military servicemen, got out of it. They rushed into the yard and demanded that the OVD officers turn their faces to the UAZ. After that, without providing any explanation, they grabbed R. B., put handcuffs on him and placed him in the APC. Then the servicemen and the OVD officers left. According to the first applicant, she told her sister-in-law about the events and went with her to the checkpoint located at the entrance to the Khattuni military commander’s office. The officer on duty called officer V. over from the FSB who had informed the applicant that R. B. had been arrested on the order of the Vedeno military commander. The next day, 5 February 2003, the applicant and her sister-in-law went to Vedeno, where the deputy military commander and the head of the Vedeno VOVD informed her that they had not detained her husband and that they had not issued any orders to that effect.
59. On an unspecified date the investigators questioned the applicants’ neighbour, Ms A.A. who stated that on 4 February 2003, at about 11 a.m., she had gone to the house of the first applicant. When she was there, an UAZ car without registration numbers arrived at the house. Five or six men in camouflage uniform, of Slavic appearance, got out of the car. They introduced themselves as police officers and explained that they had brought the car for repairs. Some time later, from the window of her house, the witness had seen an APC which had arrived at the applicants’ house. About ten men in masks had got out of the APC, cordoned the street and went into the applicants’ house. They spent about an hour there; after that they took some sacks from the house outside and loaded them into the APC. After these men had left, the witness learnt from the first applicant that they had taken R. B. away.
60. On an unspecified date the investigators questioned the applicants’ relative, Mr M.B., who provided a statement similar to the one given by Ms A.A.
61. On an unspecified date the investigators questioned another witness, Mr A. Kh., who provided a statement similar to one given by Ms A.A. In addition, he stated that after the unidentified men had left the applicants’ house, he had gone there and spoken to the first applicant. The latter told him that the men had searched the house and taken away valuables. According to the witness, the first applicant and other local residents had applied to the Khattuni OVD on a number of occasions trying to obtain information about her husband’s whereabouts. The police officers had denied having any information about him.
62. According to the Government, on unspecified dates the investigators requested information, inter alia, about special operations conducted in the area between 1 and 5 February 2003 and officers who had served in the Vedeno district at the material time, from various State authorities, including a number of the district prosecutor’s officers in Chechnya, the district military commander’s offices and military unit no. 20116. The investigators also requested that the Chechnya FSB inform them whether they had detained R. B. and transferred him to the Vedeno district military commander’s office.
63. The investigation failed to establish the whereabouts of R. B., even though the investigating authorities sent requests for information to the competent State agencies and took other steps to have the crime resolved. At the same time the investigation found no evidence to support the involvement of the federal forces in the crime. The law-enforcement authorities of Chechnya had never arrested or detained R. B. on criminal or administrative charges and had not carried out a criminal investigation in his respect. No special operations had been carried out in Makhkety on 4 February 2003.
64. According to the Government, the investigation of the criminal case had been suspended and resumed on a number of occasions. However, it was still in progress and operational-search measures aimed at establishing the whereabouts of R. B. were being taken.
65. Despite specific requests by the Court the Government did not disclose any documents of criminal case no. 24012. The Government stated that the investigation was in progress and that disclosure of the documents would be in violation of Article 161 of the Code of Criminal Procedure, since the file contained personal data concerning the witnesses or other participants in the criminal proceedings.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
66. For a summary of the relevant domestic law see Akhmadova and Sadulayeva v. Russia (no. 40464/02, §§ 67-69, 10 May 2007).
THE LAW
I. THE GOVERNMENT’S OBJECTION AS TO ABUSE OF THE RIGHT OF PETITION
67. The Government submitted that the application had not been lodged in order to restore the allegedly violated rights of the applicants. According to them, the actual object and purpose of the application were incompatible with the tasks and activities of the European Court of Human Rights. They concluded that the application should be dismissed pursuant to Article 35 § 3 of the Convention.
68. The Court considers that the Government may be understood to be suggesting that there was an abuse of the right of petition on the part of the applicants. It observes in this connection that the complaints the applicants brought to its attention concerned genuine grievances. Nothing in the case file reveals any appearance of abuse of their right of individual petition. Accordingly, the Government’s objection must be dismissed.
II. THE GOVERNMENT’S OBJECTION REGARDING THE VALIDITY OF THE APPLICATION FORM
69. The Government suggested that the applicants had probably been unaware of the contents of the application form, which had been signed not by the applicants, but by the lawyers working for SRJI.
70. The Court considers that the Government may be understood to be suggesting that the lawyers are not acting under instructions of the applicants. The Court observes that the applicants gave the SRJI and its lawyers powers of attorney, thus duly authorising this NGO to represent their interests in the Strasbourg proceedings, and in particular to sign on their behalf the application form submitted to the Registry. There are no grounds to indicate that there has been anything inappropriate in the lodging of this application. Accordingly, the Government’s objection must be dismissed.
III. THE GOVERNMENT’S OBJECTION REGARDING NON-EXHAUSTION OF DOMESTIC REMEDIES
A. The parties’ submissions
71. The Government contended that the application should be declared inadmissible for non-exhaustion of domestic remedies. They submitted that the investigation into the disappearance of R. B. had not yet been completed. They further argued that it had been open to the applicants to lodge court complaints about any acts or omissions of the investigating or other law-enforcement authorities, but that the applicants had not availed themselves of that remedy. They also argued that it had been open to the applicants to pursue civil complaints but that they had failed to do so.
72. The applicants contested that objection. They stated that the criminal investigation had proved to be ineffective. With reference to the Court’s practice, they argued that they were not obliged to claim damages through civil proceedings in order to exhaust domestic remedies.
B. The Court’s assessment
73. The Court will examine the arguments of the parties in the light of the provisions of the Convention and its relevant practice (for a relevant summary, see Estamirov and Others v. Russia, no. 60272/00, §§ 73-74, 12 October 2006).
74. The Court notes that the Russian legal system provides, in principle, two avenues of recourse for the victims of illegal and criminal acts attributable to the State or its agents, namely civil and criminal remedies.
75. As regards a civil action to obtain redress for damage sustained through the alleged illegal acts or unlawful conduct of State agents, the Court has already found in a number of similar cases that this procedure alone cannot be regarded as an effective remedy in the context of claims brought under Article 2 of the Convention (see Khashiyev and Akayeva v. Russia, nos. 57942/00 and 57945/00, §§ 119-21, 24 February 2005, and Estamirov and Others, cited above, § 77). In the light of the above, the Court confirms that the applicants were not obliged to pursue civil remedies.
76. As regards criminal-law remedies, the Court observes that the applicants complained to the law-enforcement authorities immediately after the kidnapping of R. B. and that an investigation has been pending since 12 February 2003. The applicants and the Government dispute the effectiveness of the investigation of the kidnapping.
77. The Court considers that the Government’s objection raises issues concerning the effectiveness of the investigation which are closely linked to the merits of the applicants’ complaints. Thus, it decides to join this objection to the merits of the case and considers that the issue falls to be examined below.
IV. THE COURT’S ASSESSMENT OF THE EVIDENCE AND THE ESTABLISHMENT OF THE FACTS
A. The parties’ arguments
78. The applicants maintained that it was beyond reasonable doubt that the men who had taken R. B. away had been State agents. In support of their complaint they referred to the following facts. At the material time the village of Makhkety had been under the total control of federal troops. There were Russian military checkpoints on the roads leading to and from the settlement. Russian federal forces had conducted a special operation on 4 February 2003, as had been confirmed by the investigation (see paragraphs 26, 27 and 42). R. B. was wanted by the authorities (see paragraph 56 above). The armed men who had abducted R. B. had had Slavic features and had spoken Russian without an accent, which proved that they were not of Chechen origin. The men had arrived in a military APC in broad daylight, which indicated that they were able to pass through the roadblocks and were not afraid to be seen by the authorities. The men were wearing specific camouflage uniform, were armed and had portable radios. They acted in a manner similar to that of special forces carrying out identity checks. All the information disclosed to the applicants from the criminal investigation file supported their assertion as to the involvement of State agents in the abduction. Since R. B. had been missing for a very lengthy period, he could be presumed dead. That presumption was further supported by the circumstances in which he had been arrested, which should be recognised as life-threatening.
79. The Government submitted that unidentified armed men had kidnapped R. B.. They further contended that the investigation of the incident was pending, that there was no evidence that the men had been State agents and that there were therefore no grounds for holding the State liable for the alleged violations of the applicants’ rights. They further argued that there was no convincing evidence that the applicants’ relative was dead. The Government raised an objection to the applicants’ presentation of facts. The fact that the perpetrators of the abduction spoke unaccented Russian, were wearing camouflage uniforms and used military vehicles did not mean that these men could not have been members of illegal armed groups or criminals. They asserted that the crime could have been attributable to illegal armed groups and pointed out that groups of mercenaries had committed crimes in the Chechen Republic. They further emphasised that a considerable number of armaments and APCs had been stolen from Russian arsenals by insurgents in the 1990s and that members of illegal armed groups could have possessed military vehicles.
B. The Court’s evaluation of the facts
80. The Court observes that in its extensive jurisprudence it has developed a number of general principles relating to the establishment of facts in dispute, in particular when faced with allegations of disappearance under Article 2 of the Convention (for a summary of these, see Bazorkina v. Russia, no. 69481/01, §§ 103-09, 27 July 2006). The Court also notes that the conduct of the parties when evidence is being obtained has to be taken into account (see Ireland v. the United Kingdom, § 161, Series A no. 25).
81. The Court notes that despite its requests for a copy of the investigation file into the abduction of R. B., the Government produced none of the documents from the case file. The Government referred to Article 161 of the Code of Criminal Procedure. The Court observes that in previous cases it has already found this explanation insufficient to justify the withholding of key information requested by the Court (see Imakayeva v. Russia, no. 7615/02, § 123, ECHR 2006- ... (extracts)).
82. In view of this and bearing in mind the principles referred to above, the Court finds that it can draw inferences from the Government’s conduct in respect of the well-foundedness of the applicants’ allegations. The Court will thus proceed to examine crucial elements in the present case that should be taken into account when deciding whether the applicants’ relative can be presumed dead and whether his death can be attributed to the authorities.
83. The applicants alleged that the persons who had taken R. B. away on 4 February 2003 and then killed him had been State agents.
84. The Government suggested in their submissions that the abductors of R. B. may have been members of paramilitary groups. However, this allegation was not specific and the Government did not submit any material to support it. The Court takes note of the Government’s allegation that the military vehicles, firearms and camouflage uniforms had probably been stolen by insurgents from Russian arsenals in the 1990s. Nevertheless, it considers it very unlikely that several military vehicles, such as APCs and Ural vehicles, unlawfully possessed by members of illegal armed groups, could have moved freely through Russian military checkpoints without being noticed. The Court would stress in this regard that the evaluation of the evidence and the establishment of the facts is a matter for the Court, and it is incumbent on it to decide on the evidentiary value of the documents submitted to it (see Çelikbilek v. Turkey, no. 27693/95, § 71, 31 May 2005).
85. The Court notes that the applicants’ allegation is supported by the witness statements collected by the applicants and by the investigation. It finds that the fact that a large group of armed men in uniform in broad daylight, equipped with military vehicles, was able to move freely through military checkpoints and proceed to check identity documents and arrest the applicants’ relative at his home strongly supports the applicants’ allegation that these were State servicemen conducting a security operation. In their application to the authorities the applicants consistently maintained that R. B. had been detained by unknown servicemen and requested the investigation to look into that possibility (see paragraphs 28, 31, 34, 46, 47, 52, 57 and 58 above). The domestic investigation accepted factual assumptions as presented by the applicants (see paragraphs 26, 27 and 42 above) and took steps to check whether law-enforcement agencies were involved in the kidnapping (see paragraphs 31, 35 and 43 above), but it does not appear that any serious steps have been taken in that direction.
86. The Court observes that where the applicants make out a prima facie case and the Court is prevented from reaching factual conclusions owing to a lack of relevant documents, it is for the Government to argue conclusively why the documents in question cannot serve to corroborate the allegations made by the applicants, or to provide a satisfactory and convincing explanation of how the events in question occurred. The burden of proof is thus shifted to the Government and if they fail in their arguments, issues will arise under Article 2 and/or Article 3 (see Toğcu v. Turkey, no. 27601/95, § 95, 31 May 2005, and Akkum and Others v. Turkey, no. 21894/93, § 211, ECHR 2005-II).
87. Taking into account the above elements, the Court is satisfied that the applicants have made out a prima facie case that their relative was arrested by State servicemen. The Government’s statement that the investigators had not found any evidence to support the involvement of the special forces in the kidnapping is insufficient to discharge them from the above-mentioned burden of proof. Having examined the documents submitted by the applicants, and drawing inferences from the Government’s failure to submit the documents which were in their exclusive possession or to provide another plausible explanation for the events in question, the Court finds that R. B. was arrested on 4 February 2003 by State servicemen during an unacknowledged security operation.
88. There has been no reliable news of R. B. since the date of the kidnapping. His name has not been found in any official detention facility records. Finally, the Government have not submitted any explanation as to what happened to him after his arrest.
89. Having regard to the previous cases which have come before it concerning disappearances in Chechnya (see, among others, Bazorkina, cited above; Imakayeva, cited above; Luluyev and Others v. Russia, no. 69480/01, ECHR 2006-... (extracts); Baysayeva v. Russia, no. 74237/01, 5 April 2007; Akhmadova and Sadulayeva, cited above; and Alikhadzhiyeva v. Russia, no. 68007/01, 5 July 2007), the Court finds that in the context of the conflict in the Republic, when a person is detained by unidentified servicemen without any subsequent acknowledgment of the detention, this can be regarded as life-threatening. The absence of R. B. or of any news of him for several years supports this assumption.
90. Accordingly, the Court finds that the evidence available permits it to establish that R. B. must be presumed dead following his unacknowledged detention by State servicemen.
V. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 2 OF THE CONVENTION
91. The applicants complained under Article 2 of the Convention that their relative had been deprived of his life by Russian servicemen and that the domestic authorities had failed to carry out an effective investigation of the matter. Article 2 reads:
“1. Everyone’s right to life shall be protected by law. No one shall be deprived of his life intentionally save in the execution of a sentence of a court following his conviction of a crime for which this penalty is provided by law.
2. Deprivation of life shall not be regarded as inflicted in contravention of this article when it results from the use of force which is no more than absolutely necessary:
(a) in defence of any person from unlawful violence;
(b) in order to effect a lawful arrest or to prevent the escape of a person lawfully detained;
(c) in action lawfully taken for the purpose of quelling a riot or insurrection.”
A. The parties’ submissions
92. The Government contended that the domestic investigation had obtained no evidence to the effect that R. B. was dead or that any servicemen of the federal law-enforcement agencies had been involved in his kidnapping or alleged killing. The Government claimed that the investigation into the kidnapping of the applicants’ relative met the Convention requirement of effectiveness, as all measures available under national law were being taken to identify those responsible.
93. The applicants argued that R. B. had been detained by State servicemen and should be presumed dead in the absence of any reliable news of him for several years. The applicants also argued that the investigation had not met the effectiveness and adequacy requirements laid down by the Court’s case-law. The applicants pointed out that in spite of their numerous credible indications concerning the involvement of Russian servicemen in the abduction of their relative, the investigators had failed to take such basic investigative measures as questioning representatives of law-enforcement agencies or military structures or establishing the identity of the owners of the APC used during the abduction. The investigation into R. B.’s kidnapping had been opened eight days after the events and then it had been suspended and resumed a number of times – thus delaying the taking of the most basic steps – and the relatives had not been properly informed of the most important investigative measures. The fact that the investigation had been pending for such a long period of time without producing any known results was further proof of its ineffectiveness. They also invited the Court to draw conclusions from the Government’s unjustified failure to submit the documents from the case file to them or to the Court.
B. The Court’s assessment
1. Admissibility
94. The Court considers, in the light of the parties’ submissions, that the complaint raises serious issues of fact and law under the Convention, the determination of which requires an examination of the merits. Further, the Court has already found that the Government’s objection concerning the alleged non-exhaustion of domestic remedies should be joined to the merits of the complaint (see paragraph 77 above). The complaint under Article 2 of the Convention must therefore be declared admissible.
2. Merits
(a) The alleged violation of the right to life of R. B.
95. The Court has already found that the applicants’ relative must be presumed dead following unacknowledged detention by State servicemen. In the absence of any justification put forward by the Government, the Court finds that his death can be attributed to the State and that there has been a violation of Article 2 in respect of R. B..
(b) The alleged inadequacy of the investigation of the kidnapping
96. The Court has on many occasions stated that the obligation to protect the right to life under Article 2 of the Convention also requires by implication that there should be some form of effective official investigation when individuals have been killed as a result of the use of force. It has developed a number of guiding principles to be followed for an investigation to comply with the Convention’s requirements (for a summary of these principles see Bazorkina, cited above, §§ 117-19).
97. In the present case, the kidnapping of R. B. was investigated. The Court must assess whether that investigation met the requirements of Article 2 of the Convention.
98. The Court notes at the outset that none of the documents from the investigation was disclosed by the Government. It therefore has to assess the effectiveness of the investigation on the basis of the few documents submitted by the applicants and the information about its progress presented by the Government.
99. The Court observes that the authorities were immediately made aware of the kidnapping by the applicants’ submissions. The investigation in case no. 24012 was instituted on 12 February 2003, that is, eight days after R. B.’s abduction. Such a postponement was liable per se to affect the investigation of the kidnapping in life-threatening circumstances, where crucial action has to be taken in the first days after the event. In the course of the following days the first applicants, her relative and two of her neighbours were questioned. It appears that these were the only investigative steps taken by the prosecutor’s office. After that a number of essential investigative measures were not taken at all. For instance, the investigators failed to conduct a crime-scene examination at the applicants’ house; failed to identify and question the officers from the Khattuni OVD who had been present during the abduction; failed to question the Vedeno district military commander or any other chief officers of local law-enforcement authorities who could have issued an order for R. B.’s arrest; failed to establish the identity of the owner of the APC which had been used by the abductors or to question a number of residents of the village who might have witnessed the abduction. It is obvious that these investigative measures, if they were to produce any meaningful results, should have been taken immediately after the crime was reported to the authorities, and as soon as the investigation commenced. Such delays, for which there has been no explanation in the instant case, not only demonstrate the authorities’ failure to act of their own motion but also constitute a breach of the obligation to exercise exemplary diligence and promptness in dealing with such a serious crime (see Öneryıldız v. Turkey [GC], no. 48939/99, § 94, ECHR 2004-XII).
100. The Court also notes that even though the first applicant was granted victim status in the investigation concerning the abduction of her husband, she was only informed of the suspension and resumption of the proceedings, and not of any other significant developments. Accordingly, the investigators failed to ensure that the investigation received the required level of public scrutiny, or to safeguard the interests of the next of kin in the proceedings.
101. Finally, the Court notes that the investigation was suspended and resumed on numerous occasions and that there were lengthy periods of inactivity of the district prosecutor’s office when no proceedings were pending
102. The Government argued that the applicants could have sought judicial review of the decisions of the investigating authorities in the context of the exhaustion of domestic remedies. The Court observes that the applicants, having no access to the case file and not being properly informed of the progress of the investigation, could not have effectively challenged acts or omissions of investigating authorities before a court. Furthermore, the Court emphasises in this respect that while the adjourning or reopening of proceedings is not in itself a sign that the proceedings are ineffective, in the present case the decisions to adjourn were made without the necessary investigative steps being taken, which led to numerous periods of inactivity and thus unnecessary protraction. Moreover, owing to the time that had elapsed since the events complained of, certain investigative measures that ought to have been carried out much earlier could no longer usefully be conducted. Therefore, it is highly doubtful that the remedy relied on would have had any prospects of success. Accordingly, the Court finds that the remedy cited by the Government was ineffective in the circumstances and dismisses their preliminary objection as regards the applicants’ failure to exhaust domestic remedies within the context of the criminal investigation.
103. In the light of the foregoing, the Court holds that the authorities failed to carry out an effective criminal investigation into the circumstances surrounding the disappearance of R. B., in breach of Article 2 in its procedural aspect.
VI. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 3 OF THE CONVENTION
104. The applicants relied on Article 3 of the Convention, submitting that as a result of their relative’s disappearance and the State’s failure to investigate it properly, they had endured mental suffering in breach of Article 3 of the Convention. Article 3 reads:
“No one shall be subjected to torture or to inhuman or degrading treatment or punishment.”
A. The parties’ submissions
105. The Government disagreed with these allegations and argued that the investigation had not established that the applicants had been subjected to inhuman or degrading treatment prohibited by Article 3 of the Convention.
106. The applicants maintained their submissions.
B. The Court’s assessment
1. Admissibility
107. The Court notes that this complaint under Article 3 of the Convention is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
2. Merits
108. The Court has found on many occasions that in a situation of enforced disappearance close relatives of the victim may themselves be victims of treatment in violation of Article 3. The essence of such a violation does not mainly lie in the fact of the “disappearance” of the family member but rather concerns the authorities’ reactions and attitudes to the situation when it is brought to their attention (see Orhan v. Turkey, no. 25656/94, § 358, 18 June 2002, and Imakayeva, cited above, § 164).
109. In the present case, the Court observes that the disappeared R. B. was the applicants’ close relative. He was the husband of the first applicant; the son of the second applicant and the father of the third, fourth, fifth, sixth and seventh applicants. For more than five years the applicants have not had any news of their close relative. During this period the applicants have applied to various official bodies with enquiries about their close relative, both in writing and in person. Despite their attempts, the applicants have never received any plausible explanation or information as to what became of their family member following his kidnapping. The responses received by the applicants mostly denied that the State was responsible for his arrest or simply informed them that an investigation was ongoing. The Court’s findings under the procedural aspect of Article 2 are also of direct relevance here.
110. In view of the above, the Court finds that the applicants suffered distress and anguish as a result of the disappearance of their close relative and their inability to find out what happened to him. The manner in which their complaints have been dealt with by the authorities must be considered to constitute inhuman treatment contrary to Article 3. At the same time the Court notes that the seventh applicant was born in July 2003, more than five months after R. B.’s disappearance. Having regard to this, the Court does not find that this applicant has suffered such distress and anguish as a result of the disappearance of her father that it would amount to a violation of Article 3 of the Convention.
111. The Court therefore concludes that there has been a violation of Article 3 of the Convention in respect of the first six applicants. It further finds that there has been no violation of Article 3 of the Convention in respect of the seventh applicant.
VII. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 5 OF THE CONVENTION
112. The applicants further stated that R. B. had been detained in violation of the guarantees contained in Article 5 of the Convention, which reads, in so far as relevant:
“1. Everyone has the right to liberty and security of person. No one shall be deprived of his liberty save in the following cases and in accordance with a procedure prescribed by law:...
(c) the lawful arrest or detention of a person effected for the purpose of bringing him before the competent legal authority on reasonable suspicion of having committed an offence or when it is reasonably considered necessary to prevent his committing an offence or fleeing after having done so;
...
2. Everyone who is arrested shall be informed promptly, in a language which he understands, of the reasons for his arrest and of any charge against him.
3. Everyone arrested or detained in accordance with the provisions of paragraph 1 (c) of this Article shall be brought promptly before a judge or other officer authorised by law to exercise judicial power and shall be entitled to trial within a reasonable time or to release pending trial. Release may be conditioned by guarantees to appear for trial.
4. Everyone who is deprived of his liberty by arrest or detention shall be entitled to take proceedings by which the lawfulness of his detention shall be decided speedily by a court and his release ordered if the detention is not lawful.
5. Everyone who has been the victim of arrest or detention in contravention of the provisions of this Article shall have an enforceable right to compensation.”
A. The parties’ submissions
113. The Government asserted that no evidence had been obtained by the investigators to confirm that R. B. had been deprived of his liberty. He was not listed among the persons kept in detention centres and none of the regional law-enforcement agencies had information about his detention.
114. The applicants reiterated the complaint.
B. The Court’s assessment
1. Admissibility
115. The Court notes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that the complaint is not inadmissible on any other grounds and must therefore be declared admissible.
2. Merits
116. The Court has previously noted the fundamental importance of the guarantees contained in Article 5 to secure the right of individuals in a democracy to be free from arbitrary detention. It has also stated that unacknowledged detention is a complete negation of these guarantees and discloses a very grave violation of Article 5 (see Çiçek v. Turkey, no. 25704/94, § 164, 27 February 2001, and Luluyev, cited above, § 122).
117. The Court has found that R. B. was arrested by State servicemen on 4 February 2003 and has not been seen since. His detention was not acknowledged, was not logged in any custody records and there exists no official trace of his subsequent whereabouts or fate. In accordance with the Court’s practice, this fact in itself must be considered a most serious failing, since it enables those responsible for an act of deprivation of liberty to conceal their involvement in a crime, to cover their tracks and to escape accountability for the fate of a detainee. Furthermore, the absence of detention records, noting such matters as the date, time and location of detention and the name of the detainee as well as the reasons for the detention and the name of the person effecting it, must be seen as incompatible with the very purpose of Article 5 of the Convention (see Orhan, cited above, § 371).
118. The Court further considers that the authorities should have been more alert to the need for a thorough and prompt investigation of the applicants’ complaints that their relative had been detained and taken away in life-threatening circumstances. However, the Court’s findings above in relation to Article 2 and, in particular, the conduct of the investigation leave no doubt that the authorities failed to take prompt and effective measures to safeguard him against the risk of disappearance.
119. In view of the foregoing, the Court finds that R. B. was held in unacknowledged detention without any of the safeguards contained in Article 5. This constitutes a particularly grave violation of the right to liberty and security enshrined in Article 5 of the Convention.
VIII. ALLEGED VIOLATIONS OF ARTICLE 8 OF THE CONVENTION AND OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 TO THE CONVENTION
120. The applicants alleged that the disappearance of their relative had amounted to a violation of their right to respect for family life. They also complained that the search carried out at their house on 4 February 2003 had been illegal and constituted a violation of their right to respect for their home. It thus disclosed a violation of Article 8 of the Convention. They also referred to the unlawful seizure of their property during the search and relied on Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention. These Articles provide as follows:
Article 8
“1. Everyone has the right to respect for his private and family life, his home and his correspondence.
2. There shall be no interference by a public authority with the exercise of this right except such as is in accordance with the law and is necessary in a democratic society in the interests of national security, public safety or the economic well-being of the country, for the prevention of disorder or crime, for the protection of health or morals, or for the protection of the rights and freedoms of others. ”
Article 1 of Protocol No. 1 (protection of property)
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
121. The Government contended that State agents had not been involved in the alleged search of the applicants’ house and that the applicants had failed to exhaust domestic remedies in respect of their complaints under this head by failing to claim damages through domestic courts.
122. The applicants reiterated the complaint.
B. The Court’s assessment
1. Admissibility
123. The Court considers, in the light of the parties’ submissions, that the applicants’ complaints raise serious issues of fact and law under the Convention, the determination of which requires an examination of the merits. Further, the Court has already found that the Government’s objection concerning the alleged non-exhaustion of domestic remedies should be joined to the merits of the complaint (see paragraph 77 above). The complaints under Article 8 and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention must therefore be declared admissible.
2. Merits
(a) The right to respect for home and protection of property
124. As to the Government’s objection that the applicants failed to exhaust available domestic remedies, the Court points out that on several occasions the applicants reported the events of 4 February 2003 to the domestic authorities and mentioned, in particular, the unlawful search of their house and the seizure of their property and documents by the abductors (see paragraphs 27, 28, 52, 59 and 61 above). The official bodies denied that those who had intruded into the applicants’ home and abducted R. B. were State agents (see, by contrast, Chitayev and Chitayev v. Russia, no. 59334/00, §§ 64, 77 and 143, 18 January 2007). In the absence of any domestic findings of State responsibility for the allegedly unlawful search and the seizure of the applicants’ property, the Court is not persuaded that the court remedy referred to by the Government was accessible to the applicants and would have had any prospects of success (see Betayev and Betayeva v. Russia, no. 37315/03, § 112, 29 May 2008). The Government’s objection concerning non-exhaustion of domestic remedies must therefore be dismissed.
125. The Court further notes that the information concerning the search and the seizure of the property was communicated promptly to the domestic law-enforcement authorities; however, the latter failed to take any measures to examine it. Although the Government denied responsibility for the search and seizure of the property, the Court has already found that the persons who entered the applicants’ home and detained their relative belonged to the State military or security forces. Therefore, it finds that the search of the applicants’ house carried out on 4 February 2003 and the seizure of the applicants’ property was imputable to the respondent State.
126. The Court also notes that the servicemen did not show the applicants a search warrant. Neither did they indicate any reasons for their actions. Furthermore, it appears that no search warrant was drawn up at all, either before or after the events in question. In sum, the Court finds that the search in the present case was carried out without any, or any proper, authorisation or safeguards.
127. Accordingly, there was an interference with the applicants’ right to respect for their home and for the protection of their property. In the absence of any reference by the Government to the lawfulness and proportionality of these measures, the Court finds that there has been a violation of the applicants’ right to respect for home guaranteed by Article 8 of the Convention and their right to protection of property guaranteed by Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
(b) The right to respect for family life
128. The applicants’ complaint concerning their inability to enjoy family life with R. B. concerns the same facts as those examined above under Articles 2 and 3 of the Convention. Having regard to its above findings under these provisions, the Court considers that this complaint should be declared admissible. However, it finds that no separate issue arises under Article 8 of the Convention in this respect (see, mutatis mutandis, Ruianu v. Romania, no. 34647/97, § 66, 17 June 2003; Laino v. Italy [GC], no. 33158/96, § 25, ECHR 1999-I; and Canea Catholic Church v. Greece, 16 December 1997, § 50 Reports 1997-VIII).
IX. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 13 OF THE CONVENTION
129. The applicants complained that they had been deprived of effective remedies in respect of the aforementioned violations, contrary to Article 13 of the Convention, which provides:
“Everyone whose rights and freedoms as set forth in [the] Convention are violated shall have an effective remedy before a national authority notwithstanding that the violation has been committed by persons acting in an official capacity.”
A. The parties’ submissions
130. The Government contended that the applicants had had effective remedies at their disposal as required by Article 13 of the Convention and that the authorities had not prevented them from using them. The applicants had had an opportunity to challenge the acts or omissions of the investigating authorities in court and they could also claim damages through civil proceedings. In sum, the Government submitted that there had been no violation of Article 13.
131. The applicants reiterated the complaint.
B. The Court’s assessment
1. Admissibility
132. The Court notes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
2. Merits
133. The Court reiterates that in circumstances where, as here, a criminal investigation into the disappearance has been ineffective and the effectiveness of any other remedy that might have existed, including civil remedies suggested by the Government, has consequently been undermined, the State has failed in its obligation under Article 13 of the Convention (see Khashiyev and Akayeva, cited above, § 183).
134. Consequently, there has been a violation of Article 13 in conjunction with Article 2 of the Convention.
135. As to the applicants’ complaint under Article 13 in conjunction with Article 8 and Article 1 of Protocol No. 1, the Court considers that in a situation where the authorities denied involvement in the alleged intrusion into the applicants’ house and the taking of the family belongings and where the domestic investigation had failed to examine the matter, the applicants did not have any effective domestic remedies in respect of the alleged violations of their rights secured by Article 8 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1. Accordingly, there has been a violation on that account.
136. As regards the applicants’ reference to Articles 3 and 5 of the Convention, the Court considers that, in the circumstances, no separate issue arises in respect of Article 13, read in conjunction with Articles 3 and 5 of the Convention (see Kukayev v. Russia, no. 29361/02, § 119, 15 November 2007, and Aziyevy v. Russia, no. 77626/01, § 118, 20 March 2008).
137. As for the complaint under Article 13 in conjunction with Article 8 concerning the right to family life, the Court notes that in paragraph 128 above it has found that no separate issue arises under that provision. Therefore, it considers that no separate issue arises under Article 13 in this respect either.
X. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 14 OF THE CONVENTION
138. In their initial submission the applicants stated that they had been discriminated against on the grounds of their ethnic origin, contrary to the provisions of Article 14 of the Convention. Article 14 provides:
“The enjoyment of the rights and freedoms set forth in [the] Convention shall be secured without discrimination on any ground such as sex, race, colour, language, religion, political or other opinion, national or social origin, association with a national minority, property, birth or other status.”
139. In their observations on the admissibility and merits of the application the applicants stated that they no longer wished to maintain this complaint.
140. The Court, having regard to Article 37 of the Convention, notes that the applicants do not intend to pursue this part of the application, within the meaning of Article 37 § 1 (a). It finds no reasons of a general character affecting respect for human rights as defined in the Convention which require further examination of the present complaints by virtue of Article 37 § 1 of the Convention in fine (see, among other authorities, Chojak v. Poland, no. 32220/96, Commission decision of 23 April 1998, unpublished; Singh and Others v. the United Kingdom (dec.), no. 30024/96, 26 September 2000; and Stamatios Karagiannis v. Greece, no. 27806/02, § 28, 10 February 2005).
141. It follows that this part of the application must be struck out in accordance with Article 37 § 1 (a) of the Convention.
XI. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
142. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. The Government’s objection
143. The Government submitted that the document containing the applicants’ claims for just satisfaction had been signed by Mr R. L. and Mr D. I., while, in the Government’s opinion, the applicants had been represented by Ms D.I. S., Ms E. E., Ms A. M. and Mr A. N.. They insisted therefore that the applicants’ claims for just satisfaction were invalid.
144. The Court points out that the applicants issued powers of attorney in the name of the SRJI, an NGO that works with a number of lawyers. Since the SRJI lists Mr R. L. and Mr D. I. as its staff member and expert, the Court has no doubt that they were duly authorised to sign the claims for just satisfaction on behalf of the applicants. The Government’s objection must therefore be dismissed.
A. Pecuniary damage
145. The applicants claimed damages in respect of loss of earnings by their relative after his arrest and subsequent disappearance. The first applicant, as the wife of R. B., claimed 172,322 Russian roubles (RUB) under this head; the third and sixth applicants, as his sons, claimed RUB 4,288 and RUB 44, 946 respectively; and the fourth, fifth and seventh applicants, as his daughters, claimed RUB 11,829, RUB 38,711 and RUB 84,914 respectively. The applicants thus claimed a total of RUB 357,010 under this head (EUR 10,200).
146. They claimed that R. B. had been unemployed at the time of his arrest and that in such a case the calculation should be made on the basis of the subsistence level established by national law. Their calculations were also based on the actuarial tables for use in personal injury and fatal accident cases published by the United Kingdom Government Actuary’s Department in 2007 (“Ogden tables”).
147. The Government regarded these claims as unsubstantiated. They also referred to the existence of domestic statutory provisions for a pension for the loss of the family breadwinner.
148. The Court reiterates that there must be a clear causal connection between the damage claimed by the applicants and the violation of the Convention, and that this may, in an appropriate case, include compensation in respect of loss of earnings. The Court further finds that the loss of earnings also applies to the dependent children and that it is reasonable to assume that R. B. would eventually have had some earnings from which the applicants would have benefited (see, among other authorities, Imakayeva, cited above, § 213). Having regard to its above conclusions, it finds that there is a direct causal link between the violation of Article 2 in respect of the applicants’ relative and the loss by the applicants of the financial support which he could have provided. Having regard to the applicants’ submissions and the fact that R. B. was not employed at the time of his arrest, the Court awards EUR 8,000 to the first, third, fourth, fifth, sixth and seventh applicants jointly in respect of pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable on that amount.
B. Non-pecuniary damage
149. The applicants claimed EUR 70,000 jointly in respect of non pecuniary damage for the suffering they had endured as a result of the loss of their family member, the indifference shown by the authorities towards them and the failure to provide any information about the fate of their close relative.
150. The Government found the amounts claimed exaggerated.
151. The Court has found a violation of Articles 2, 5 and 13 of the Convention on account of the unacknowledged detention and disappearance of the applicants’ relative. The applicants themselves have been found to have been victims of a violation of Articles 3 and 8 of the Convention. The Court thus accepts that they have suffered non-pecuniary damage which cannot be compensated for solely by the findings of violations. It awards the applicants jointly EUR 35,000 plus any tax that may be chargeable thereon.
C. Costs and expenses
152. The applicants were represented by the SRJI. They submitted an itemised schedule of costs and expenses that included research and interviews in Ingushetia and Moscow, at a rate of EUR 50 per hour, and the drafting of legal documents submitted to the Court and the domestic authorities, at a rate of EUR 50 per hour for SRJI lawyers and EUR 150 per hour for SRJI senior staff and experts. The aggregate claim in respect of costs and expenses related to the applicants’ legal representation amounted to EUR 6,550.
153. The Government disputed the reasonableness and justification for the amounts claimed under this head. They questioned, in particular, whether it had been necessary for the applicants to use courier mail.
154. The Court has to establish first whether the costs and expenses indicated by the applicants’ representatives were actually incurred and, second, whether they were necessary (see McCann and Others v. the United Kingdom, 27 September 1995, § 220, Series A no. 324).
155. Having regard to the details of the information and legal representation contract submitted by the applicants, the Court is satisfied that these rates are reasonable and reflect the expenses actually incurred by the applicants’ representatives.
156. As to whether the costs and expenses incurred were necessary, the Court notes that this case was rather complex and required a certain amount of research and preparation. It notes at the same time that, due to the application of Article 29 § 3 in the present case, the applicants’ representatives submitted their observations on the admissibility and merits in one set of documents. The Court thus doubts that legal drafting was necessarily time-consuming to the extent claimed by the representatives.
157. Having regard to the details of the claims submitted by the applicants, the Court awards them EUR 5,500 together with any value-added tax that may be chargeable to the applicants, the net award to be paid into the representatives’ bank account in the Netherlands, as identified by the applicants.
D. Default interest
158. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Dismisses the Government’s objection as to the abuse of the right of petition and their objection regarding the validity of the application form;
2. Decides to strike the application out of its list of cases in accordance with Article 37 § 1 (a) of the Convention in so far as it concerns the applicants’ complaint under Article 14 of the Convention;
3. Decides to join to the merits the Government’s objection as to non-exhaustion of domestic remedies and rejects it;
4. Declares the complaints under Articles 2, 3, 5, 8, 13 and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention admissible;
5. Holds that there has been a substantive violation of Article 2 of the Convention in respect of R. B.;
6. Holds that there has been a violation of Article 2 of the Convention in respect of the failure to conduct an effective investigation into the circumstances in which R. B. disappeared;
7. Holds that there has been a violation of Article 3 of the Convention in respect of all the applicants, save the seventh one;
8. Holds that there has been a violation of Article 5 of the Convention in respect of R. B.;
9. Holds that there has been a violation of the applicants’ right to respect for home guaranteed by Article 8 of the Convention and their right to protection of property guaranteed by Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;
10. Holds that no separate issues arise under Article 8 of the Convention regarding the applicants’ right to respect for family life;
11. Holds that there has been a violation of Article 13 of the Convention in conjunction with Article 2 of the Convention;
12. Holds that there has been a violation of Article 13 of the Convention in conjunction with the violation of the applicants’ right to respect for home guaranteed by Article 8 of the Convention and the right to protection of property guaranteed by Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;
13. Holds that no separate issues arise under Article 13 of the Convention in respect of the alleged violations of Articles 3, 5 and 8 regarding the applicant’s right to respect for family life;
14. Holds
(a) that the respondent State is to pay, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts, to be converted into Russian roubles at the date of settlement, save in the case of the payment in respect of costs and expenses:
(i) EUR 8,000 (eight thousand euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of pecuniary damage to the first, third, fourth, fifth, sixth and seventh applicants jointly;
(ii) EUR 35,000 (thirty-five thousand euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of non-pecuniary damage to the applicants jointly;
(iii) EUR 5,500 (five thousand five hundred euros), plus any tax that may be chargeable to the applicants, in respect of costs and expenses, to be paid into the representatives’ bank account in the Netherlands;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
15. Dismisses the remainder of the applicants’ claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 24 September 2009, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Søren Nielsen Christos Rozakis
Registrar President


TESTO TRADOTTO

PRIMA SEZIONE
CAUSA BABUSHEVA ED ALTRI C. RUSSIA
(Richiesta n. 33944/05)
SENTENZA
STRASBOURG
24 settembre 2009
Richiesta per raccomandazione alla Grande Camera pendente
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Babusheva ed Altri c. Russia,
La Corte europea dei Diritti umani (Prima Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Christos Rozakis, Presidente, Nina Vajić,
Anatoly Kovler, Elisabeth Steiner, Dean Spielmann, Sverre Erik Jebens, Giorgio Malinverni, giudici,
e Søren Nielsen, Cancelliere di Sezione,
Avendo deliberato in privato il 3 settembre 2009,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 33944/05) contro la Federazione russa depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da sette cittadini russi elencati sotto (“i richiedenti”), il 20 settembre 2005.
2. I richiedenti furono rappresentati da avvocati dello Stichting Russian Justice Initiative (“SRJI”), una NGO con sede nei Paesi Bassi con un ufficio rappresentativo in Russia. Il Governo russo (“il Governo”) fu rappresentato dal Sig. A. Savenkov, Prima Ministro Aggiunto della Giustizia e successivamente dal Sig. G. Matyushkin, Rappresentante della Federazione russa alla Corte europea dei Diritti umani.
3. Il 31 marzo 2008 la Corte decise di applicare l’Articolo 41 degli Articoli di Corte, di concedere trattamento prioritario e di dare avviso della richiesta al Governo. Sotto le disposizioni dell’ Articolo 29 § 3 della Convenzione, decise di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità.
4. Il Governo obiettò all'esame unito dell'ammissibilità e dei meriti della richiesta. Avendo considerato l'eccezione del Governo, la Corte la respinse.
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
5. I richiedenti sono:
1) OMISSIS, nato nel 1966,
2) il OMISSIS, nato nel 1928,
3) OMISSIS, nato nel 1986,
4) OMISSIS, nato nel 1988,
5) OMISSIS, nato nel 1993,
6) OMISSIS, nato nel 1994 e
7) OMISSIS, nato nel 2003.
I richiedenti vivono nel villaggio di Makhkety, nel distretto di Vedeno Cecenia.
6. La prima richiedente è la moglie di R. (anche noto come V.) B. che nacque nel 1960; il secondo richiedente è suo padre; e dal terzo al settimo richiedente sono i suoi figli.
7. I fatti della causa, come presentati dalle parti, possono essere riassunti come segue.
A. La scomparsa di R. B.
1. Il racconto dei richiedenti
a. L'arresto del parente dei richiedenti
8. Al tempo attinente R. B. lavorava come meccanico. Il 4 febbraio 2003 la prima, il secondo e il sesto richiedente e R. B. erano a casa loro al 27 di via Zarechnaya (nei documenti presentati si fa riferimento all'indirizzo anche come al 37 Strada di Zarechnaya) a Makhkety, Cecenia. Il terzo, il quarto e il quinto richiedente erano a scuola. La prima richiedente era incinta del settimo richiedente. Due vicini di casa erano venuti a fare visita ed erano anche loro nell’alloggio dei richiedenti .
9. Alle 11 circa di mattina una macchina UAZ militare arrivò all'alloggio. Un gruppo di circa dieci, quindici membri delle Forze Armate militari russe uscì dalla macchina; alcuni di loro rimasero in strada vicino all'alloggio, mentre altri entrarono. Gli uomini parlavano russo senza accento ed erano di aspetto slavo. La persona che apparentemente era responsabile del gruppo si presentò come il Sig. Y. B., il capo del reparto dell'interno del villaggio di Khattuni (anche scritto come Khatuni) (Khattuni OVD). Sembrava fosse in missione in Cecenia dall'OMON (forza speciale di polizia) unità della regione di Permanente, Russia. I membri delle Forze Armate chiesero a R. B. di riparare la loro macchina. Lui concordò e spostarono la macchina nel cortile dei richiedenti. R. B. si mise i suoi vestiti da lavoro e cominciò il lavoro di riparazione.
10. Nel frattempo, i membri delle Forze Armate contattarono qualcuno tramite il loro apparecchio radio portatile. Circa 10-15 minuti più tardi arrivò un carro armato (“APC”) che trasportava un gruppo di circa venti membri delle Forze Armate mascherati all’alloggio dei richiedenti. I membri delle Forze Armate dall'APC entrarono nel cortile e misero le manette a R. B. ed un sacco scuro sul suo capo. Loro ordinarono alla prima richiedente di entrare nell'alloggio, minacciando di ucciderla se lei fosse rimasta nel cortile. Dopo che loro misero R. B. nell'APC. I membri delle Forze Armate né si presentarono né mostrarono nessun documento. Quasi tutti portavano maschere; tre di loro che non avevano maschere erano di aspetto slavo. La prima richiedente chiese chi fosse il loro comandante e perché stavano portando via suo marito. Lei non ricevette nessuna risposta alle sue domande.
11. Dopo questo il Sig. Y. B. chiese ai membri delle Forze Armate dall'APC se il suo gruppo era libero di andarsene. Loro ricevettero il permesso e la macchina UAZ ed i membri delle Forze Armate se ne andarono. Immediatamente dopo la loro partenza, i membri delle Forze Armate dall'APC cominciarono a perquisire l’alloggio dei richiedenti . La ricerca richiese approssimativamente un’ora e mezza. Durante la ricerca i membri delle Forze Armate presero un certo numero di proprietà dei richiedenti, incluso un videoregistratore, un apparecchio TV, vestititi e attrezzi di R. B., gioielli della prima richiedente, le foto di famiglia, due motori di macchina e parti di macchina per riparazioni. I membri delle Forze Armate caricarono gli oggetti personali dei i richiedenti nell'APC e se ne andarono.
12. L’arresto di R. B. fu testimoniato da un numero dei vicini di casa e dei parenti dei richiedenti .
b. Eventi susseguenti
13. I richiedenti immediatamente cominciarono la loro ricerca di R. B.. Lo stesso giorno, il 4 febbraio 2003, la prima richiedenteed i suoi parenti andarono al reparto locale del Servizio di Sicurezza Federale (il FSB) nel villaggio di Khattuni, nel distretto di Vedeno Cecenia. Al posto di controllo localizzato all'ingresso dell'edificio incontrarono il capo aggiunto del reparto del FSB che si presentò come ufficiale V. Confermò che loro avevano arrestato R. B. per dare assistenza ai membri delle Forze Armate dell’ OVD di Khattuni che a quel tempo aveva tra il suo personale dei poliziotti dalla regione Permanente. L’Ufficiale V. disse alla prima richiedente che il comandante militare del distretto di Vedeno (il distretto del comandante militare) aveva emesso un ordine di arresto di R. B. siccome le autorità locali aveva aperto dei procedimenti penali contro di lui. Secondo l’ufficiale ad un certo momento si pensò di trasferire R. B. dal OVD di Khattuni al dipartimento provvisorio dell’interno del distretto di Vedeno (il VOVD di Vedeno). L’Ufficiale V. aveva visto R. B. dopo l'arresto e fu d'accordo di prendere una giacca calda dalla prima richiedente e passarla a lui.
14. Al posto di controllo a Khattuni, la prima richiedente ed i suoi parenti videro i tre membri delle Forze Armate che avevano partecipato all’arresto di R. B. e che non portavano maschere durante l’arresto del 4 febbraio 2003.
15. Il 5 febbraio 2003 la prima richiedente ed un parente parlarono con il comandante aggiunto di distretto, l’ufficiale Yr. che assicurò loro che il loro ufficio non aveva aperto nessun procedimento penale contro R. B. e non aveva emesso nessun ordine per il suo arresto.
16. A metà febbraio 2003 la prima richiedente andò al reparto del FSB a Khattuni, insieme col capo dell’ amministrazione del villaggio di Makhkety. Là loro si incontrarono con l'ufficiale V. che mostrò loro una dichiarazione scritta che certificava che il 4 febbraio 2003 alle 6 di sera il capo del reparto locale del FSB, il Sig. M.G., aveva consegnato R. B. al capo dell’ OVD di Khattuni, il Sig. Y.B.
17. All'inizio del marzo 2003, durante la loro visita all’ OVD di Khattuni la prima richiedente si incontrò con un membro delle Forze Armate che si presentò come l’ ufficiale operativo di ricerca V. K. La richiedente lo riconobbe come uno dei membri delle Forze Armate che avevano partecipato all’arresto di R. B.. L’Ufficiale V. K. disse al primo richiedente che suo marito era stato trasferito dall’ OVD di Khattuni al “gruppo ceceno per compiti speciale” (чеченская группа специального назначения) e che da là era stato trasferito in una prigione a Vedeno. L'ufficiale confermò che lui aveva visto R. B. in prigione, e che gli aveva chiesto di salutare la sua famiglia. C. K. prese un pacco dalla prima richiedente da consegnare a suo marito.
18. Il giorno seguente la prima richiedente si rincontrò con l’ufficiale V.K. Lui le disse di aver consegnato il pacco a suo marito e che R. B. era stato picchiato, ma che stava bene e stava guarendo.
19. Alcuni giorni più tardi nel marzo 2003 la prima richiedente ha parlato di nuovo con il capo dell’ OVD di Khattuni, il Sig. Y. B. che le disse che R. B. era stato trasferito al ROVD di Vedeno. Lui suggerì alla prima richiedente di parlare con il capo del ROVD di Vedeno, l’ufficiale V.P.
20. Dopo ciò, nel marzo 2003, la prima richiedente andò al ROVD di Vedeno e parlò con l’ufficiale V.P. Lui le disse che R. B. non era colpevole di nulla e promise che avrebbe fatto in modo di velocizzare la sua liberazione. Comunque, sembra che questo ufficiale lasciò la Cecenia approssimativamente il 10 aprile 2003 senza avere aiutato i richiedenti.
21. In numerose occasioni la prima richiedente si lamentò di persona all'ufficio dell'accusatore del distretto di Vedeno (l'ufficio dell'accusatore del distretto) richiedendo di predisporre un confronto fra lei ed il capo del OVD di Khattuni, il Sig. Y.B. Le sue richieste furono ignorate.
22. In una data non specificata la prima richiedente depositò una rivendicazione presso la Corte distrettuale di Vedeno della Cecenia cercando di far dichiarare suo marito R. B. una persona dispersa. Il 27 febbraio 2004 la corte distrettuale accolse il suo ricorso e lo dichiarò una persona dispersa dal 4 febbraio 2003.
23. In appoggio alle loro dichiarazioni, i richiedenti presentarono,: un resoconto da parte del vicino di casa dei richiedenti la Sig.ra I.A. fatto il 13 marzo 2005; un resoconto da parte del parente dei richiedenti il Sig. I.B. fatto il 15 marzo 2005; un resoconto da parte del vicino di casa dei richiedenti il vicino il Sig. V.T. datato 16 marzo 2005; un resoconto da parte del parente dei richiedenti 'la Sig.ra A.A. fatto il 16 marzo 2005 ed un resoconto da parte del vicino di cassa dei richiedenti il Sig. S.A. datato 20 marzo 2005.
2. Informazioni presentate dal Governo
24. Il Governo non contestò la maggior parte dei fatti come presentati dai richiedenti. Secondo la sua osservazione “... in collegamento con l’arresto R.Kh. B. da parte di persone non identificate del 4 febbraio 2003 a Makhkety nel distretto di Vedeno, il 12 febbraio 2003 l'ufficio dell'accusatore del distretto di Vedeno avviò un'indagine penale...”
B. La ricerca di R. B. e l'indagine
1. Informazioni presentate dai richiedenti
25. Dal 4 febbraio 2003 i richiedenti si rivolsero ripetutamente di persona e per iscritto ai vari organi pubblici. Loro sono stati sostenuti nei loro sforzi dal NGO SRJI. Nelle loro lettere alle autorità i richiedenti si riferirono alla detenzione del loro parente e chiesero assistenza e dettagli dell'indagine. La maggior parte di queste domande sono rimaste senza risposta, o sono state date delle repliche puramente formali secondo cui le richieste dei richiedenti erano state spedite ai vari uffici degli accusatori . I richiedenti presentarono alcune delle lettere alle autorità e le repliche alla Corte che sono riassunte sotto.
26. Il 12 febbraio 2003 (nei documenti presentati si fa anche riferimento alla data come il 6 febbraio 2003) l'ufficio dell'accusatore di distretto avviò un'indagine sulla scomparsa di R. B. sotto l’Articolo 126 § 2 del Codice Penale (rapimento aggravato). La decisione affermava, inter alia, ciò che segue:
“...approssimativamente a 12 mezzogiorno del 4 febbraio 2003, durante un'operazione speciale un residente di Makhkety nel distretto di Vedeno R. Kh. B. fu arrrestato da dei membri delle Forze Armate militari non identificati presso il suo alloggio a Makhkety e portato via su un APC verso una destinazione ignota...”
Al file della causa fu dato il numero 24012 (nei documenti presentati si fa riferimento al file della causa anche come al n. 25137).
27. Il 14 febbraio 2003 alla prima richiedente fu accordato lo status di vittima nella causa penale n. 24012. La decisione affermava, inter alia, ciò che segue:
“... durante un'operazione speciale a Makhkety nel distretto di Vedeno, dei membri delle Forze Armate militari non identificati prelevarono tutte le proprietà dalla famiglia al 37 di via Zarechnaya il 4 febbraio 2003, e presero R. B. che portarono via verso una destinazione ignota...”
28. Il 14 luglio 2003 la prima richiedente scrisse al capo del reparto della ricerca delle persone disperse del ROVD di Vedeno, all'ufficio dell'accusatore militare dell’ unità militare n. 20116 ed all'ufficio dell'accusatore militare Alleanza del gruppo Unito (“l'ufficiale dell'accusatore militare dell'UGA”). Nelle sue lettere lei descrisse in dettaglio le circostanze dell’aresto di suo marito e dichiarò che lui era stato rapito dagli ufficiali dell’ OVD di Khattuni sotto il comando del Sig. Y.B. e da membri delle Forze Armate delle forze militari russe che erano arrivati in un APC e l'avevano portato via in questo veicolo. Lei indicò che i membri delle Forze Armate avevano perquisito l'alloggio ed avevano portato via delle proprietà di famiglia; che qualche tempo più tardi lei aveva scoperto che suo marito era stato trasferito dal reparto locale del FSB all’ OVD Khattuni; che ufficiale V. K. aveva visto R. B. in prigione a Vedeno; e che, nonostante tutte queste informazioni, le autorità investigative erano andate a vuoto nel stabilire dove si trovava R. B..
29. Il 17 luglio 2003 l'ufficiale dell'accusatore militare dell'UGA spedì una lettera da parte di un parente dei richiedenti riguardo alla ricerca di R. B. all'ufficio dell'accusatore militare dell’ unità militare n. 20116 per un esame.
30. Il 22 luglio 2003 l'ufficio dell'accusatore della Cecenia spedì la richiesta della prima richiedente per assistenza nella ricerca di R. B. all'ufficio dell'accusatore di distretto perché venisse inclusa nella causa penale n. 25137.
31. Il 22 luglio 2003 l'ufficiale dell'accusatore militare dell'UGA spedì la richiesta della prima richiedente all'ufficio dell'accusatore militare dell’ unità militare n. 20116. La lettera affermava che quest’ultima doveva esaminare la versione della prima richiedente del coinvolgimento dei membri delle Forze Armate del 45 reggimento aerotrasportato delle forze militari russe nell’arresto di suo marito.
32. Il 12 settembre 2003 l'ufficio dell'accusatore della Cecenia spedì la richiesta della prima richiedente per assistenza nella ricerca di R. B. all'ufficio dell'accusatore di distretto per un esame.
33. Il 17 gennaio 2004 l'ufficiale dell'accusatore militare dell'UGA informò la prima richiedente che l'esame della sua azione di reclamo non aveva stabilito alcun coinvolgimento delle forze militari russe nell’arresto di R. B..
34. Il 28 gennaio 2004 la prima richiedente scrisse all'ufficiale dell'accusatore militare dell'UGA. Lei affermava che suo marito era stato arrestato da dei membri delle Forze Armate militari russe insieme con dei rappresentanti dell’ OVD di Khattuni e si lamentò che l'indagine penale era andata a vuoto nel stabilire dove si trovasse di R. B..
35. Il 4 febbraio 2004 l'ufficiale dell'accusatore militare dell'UGA informò la prima richiedente che la sua azione di reclamo non aveva rivelato alcuna informazione tale da dimostrare il coinvolgimento delle forze militari russe nell’arresto di R. B..
36. Il 18 febbraio 2004 l'ufficio dell'accusatore militare del circuito militare del Nord Caucaso spedì la richiesta della prima richiedente a riguardo alla ricerca di suo marito all'ufficiale dell'accusatore militare dell'UGA.
37. Il 20 febbraio 2004 il Ministero dell'Interno della Cecenia spedì l'azione di reclamo della prima richiedente dell’arresto di suo marito al ROVD di Vedeno per un esame.
38. Il 26 febbraio 2004 il reparto dell'ufficio dell'Accusatore Generale nel Circuito Federale Meridionale informò la prima richiedente che la sua azione di reclamo era stata spedita all'ufficio dell'accusatore della Cecenia.
39. Il 3 marzo 2004 l'ufficio dell'accusatore della Cecenia spedì la richiesta della prima richiedente per assistenza nella ricerca di suo marito all'ufficio dell'accusatore di distretto.
40. Il 27 marzo 2004 l'ufficiale dell'accusatore militare dell'UGA spedì la richiesta della prima richiedente per assistenza nella ricerca di suo marito all'ufficio dell'accusatore militare dell’ unità militare n. 20116 per un esame.
41. Il 20 aprile 2004 l'ufficio dell'Accusatore Militare Principale spedì la richiesta della prima richiedente per assistenza nella ricerca di suo marito all'ufficiale dell'accusatore militare dell'UGA per un esame.
42. Il 22 aprile 2004 il reparto Permanente regionale dell'interno (il Permanente UVD) ha informato la prima richiedente di ciò che segue:
“... La Sua azione di reclamo è stata esaminata dai capi del Permanente UVD. La nostra indagine ha stabilito che l'arresto di Suo marito R. B. è stato condotto su iniziativa del locale ente [Ceceno] di esecuzione della . Gli Ufficiali del VOVD di Vedeno avevano solamente partecipato al suo arresto; inoltre era ignoto a loro dove si trovasse...”
43. L’ 8 giugno 2004 l'ufficiale dell'accusatore militare dell'UGA informò la prima richiedente che l'esame della sua azione di reclamo aveva stabilito che i membri delle Forze Armate militari russei non erano stati coinvolti nell’arresto di R. B..
44. Il 25 giugno 2004 il ROVD di Vedeno informò la prima richiedente che per stabilire dove si trovasse suo marito arrestato , loro avevano aperto u n file di operativo di ricerca n. 141395 e le ricerche erano in corso.
45. Il 24 agosto 2004 l'ufficio dell'accusatore della Cecenia spedì l'azione di reclamo della prima richiedente della ricerca di suo marito all'ufficio dell'accusatore di distretto. La lettera affermava che l'indagine della causa penale n. 24012 erano stati terminata dall'ufficio dell'accusatore della Cecenia.
46. Il 13 gennaio 2005 la prima richiedente scrisse all'ufficio dell'accusatore di distretto dell’arresto e di suo marito. Lei disse che era stato arrestato da dei membri delle Forze Armate militari russe insieme con dei rappresentanti dell’ OVD di Khattuni e che da due anni l'indagine penale andava a vuoto nel stabilire dove si trovasse. Lei richiese anche di essere informata delle ragioni della sospensione dell'indagine nella causa penale e che i procedimenti venissero ripresi.
47. Il 13 gennaio 2005 la prima richiedente si lamentò presso l’Accusatore Generale. Lei richiese che le autorità investigassero il coinvolgimento dei rappresentanti dell’ UVD Permanente nell’arresto di R. B..
48. Il 22 gennaio 2005 l'ufficio dell'accusatore di distretto informò la prima richiedente che in una data non specificata l'indagine nella causa penale n. 24012 era stata sospesa e che il 22 gennaio 2005 era stata ripresa.
49. Il 9 febbraio 2005 l'ufficio dell'accusatore della Cecenia informò la prima richiedente che loro avevano istruito l'ufficio dell'accusatore di distretto di intraprendere un numero di misure operative di ricerca nell'indagine dell'abduzione.
50. Il 24 febbraio 2005 il Ministero dell'Interno della Cecenia (il MVD) informò la prima richiedente che di aver istruito il ROVD di Vedeno di attivare le loro misure di ricerca operativa per risolvere l’arresto di R. B..
51. Il 22 luglio 2005 l'ufficio dell'accusatore della Cecenia spedì la richiesta della prima richiedente per assistenza nella ricerca di suo marito all'ufficio dell'accusatore di distretto.
52. In una data non specificata la prima richiedente si lamentò di nuovo presso l’Accusatore Generale. Nella sua lettera disse, in particolare, che suo marito R. B. era stato arrestato da rappresentanti del OVD di Khattuni sotto il comando del Sig. Y.B. e da rappresentanti delle forze militari russe; che loro avevano portato via suo marito in un APC; che loro avevano perquisito l'alloggio ed avevano portato via delle proprietà di famiglia; che ufficiale V. K. aveva visto più tardi suo marito in prigione a Vedeno; e che l'indagine penale iniziata dall’ l'ufficio dell'accusatore di distretto non era riuscita a stabilire dove fosse suo marito.
53. In una data non specificata l'ufficio dell'accusatore di distretto informò la prima richiedente che l'indagine nella causa penale n. 24012 era stata sospesa per insuccesso nel stabilire le identità dei perpetratori.
2. Informazioni presentate dal Governo
54. Il Governo presentò che l'indagine sull’arresto di R. B. da parte di “persone non identificate” era cominciata il 12 febbraio 2003.
55. Il 6 febbraio 2003 gli investigatori richiesero delle informazioni circa la detenzione di R. B. all’unità militare n. 45 con stanza a Khattuni. Secondo la loro replica del 22 febbraio 2003, l'ufficio del comandante militare del distretto di Vedeno non deteneva R. B. e non aveva informazioni circa dove fosse.
56. Il 7 febbraio 2003 gli investigatori richiesero delle informazioni dell'arresto di R. B. dal FSB della Cecenia e dall’ OVD di Khattuni. Loro richiesero anche di essere informati se il parente dei richiedenti era stato sospettato di partecipazione a gruppi armati illegali. Secondo le repliche dell’OVD di Khattuni dell’ 11 febbraio 2003 e del FSB della Cecenia del 14 febbraio 2003, R. B. era sulla lista dei ricercati, ma i loro uffici non l'avevano in detenzione.
57. Il 14 febbraio 2003 gli investigatori interrogarono la cognata del primo richiedente, la Sig.ra E.B. Lei affermò che il 4 febbraio 2003 la prima richiedente era venuta al suo alloggio e le aveva detto che alle 11 circa di mattina di quel giorno il capo dell’ OVD di Khattuni e degli agenti di polizia erano arrivati al loro alloggio ed avevano chiesto a R. B. di riparare la loro macchina. Poi un gruppo di membri delle Forze Armate militari era arrivato al loro alloggio in un APC ed aveva portato via R. B. senza fornire nessun chiarimento; loro avevano perquisito anche l'alloggio della prima richiedente. Dopo questo il testimone ed la prima richiedente erano andati al posto di controllo a Khattuni ed avevano chiesto notizie di R. B. all'ufficiale di turno. Fu detto loro che lui era stato arrestato su ordine del comandante militare di Vedeno e che lui sarebbe stato trasferito a Vedeno. Il giorno successivo , il 5 febbraio 2003, il testimone ed la prima richiedente andarono a Vedeno ed incontrarono il comandante militare aggiunto che disse loro che R. B. non era stato consegnato al loro ufficio. Il VOVD di Vedeno negò anche che R. B. era stati detenuto nei loro locali. La stessa data, il 5 febbraio 2003, al posto di controllo di Khattuni l’ufficiale V., il capo aggiunto del reparto locale del FSB informò il testimone ed la prima richiedente che lui aveva una ricevuta che confermava che R. B. era stato preso da ufficiali del VOVD di Vedeno.
58. In una data non specificata gli investigatori accordarono alla prima richiedente lo status di vittima e la interrogarono. Lei affermò che il 4 febbraio 2003 lei e suo marito R. B. erano a casa, al 27 di via Zarechnaya a Makhkety. Alle 11 circa di mattina un gruppo di sei ufficiali dell’OVD di Khattuni era arrivato al loro alloggio in un veicolo UAZ. Uno di loro si era presentato come capo dell’OVD di Khattuni l’ufficiale B. che Lui ed il conducente del veicolo sono andati nell'alloggio della richiedente e parlarono a R. B. di alcuni lavori di riparazione del veicolo UAZ. Poi R. suggerì che gli ufficiali portassero la macchina nel cortile e si mise i suoi vestiti da lavoro. Quando il conducente portò la macchina nel cortile ed il marito della richiedente cominciò ad ispezionarla, un APC puntò verso all'alloggio. Ne uscì un gruppo di approssimativamente quindici uomini mascherati, membri delle Forze Armate apparentemente militari. Loro si precipitarono nel cortile e richiesero che gli ufficiali dell’ OVD rivolgessero le loro facce all'UAZ. Dopo ciò, senza fornire nessun chiarimento, loro afferrarono R. B., gli misero le manette e lo misero nell'APC. Poi i membri delle Forze Armate e gli ufficiali del OVD se ne andarono. Secondo la prima richiedente, lei raccontò a sua cognata gli eventi ed andò con lei al posto di controllo con sede all'ingresso dell'ufficio del comandante militare di Khattuni. L'ufficiale di turno chiamato ufficiale V. del FSB ha informato il richiedente che R. B. era stato arrestato su ordine del comandante militare di Vedeno. Il giorno successivo, il 5 febbraio 2003, la richiedente e sua cognata andarono a Vedeno, dove il comandante militare aggiunto ed il capo del VOVD di Vedeno ha informato loro che loro non avevano in detenzione suo marito e che loro non avevano emesso nessun ordine a quell'effetto.
59. In una data non specificata gli investigatori interrogarono il vicino di casa dei richiedenti, la Sig.ra A.A. che affermò che alle 11 circa di mattina, lei era andata all'alloggio della prima richiedente il 4 febbraio 2003. Quando lei era là, una macchina UAZ senza numeri di registrazione arrivò all'alloggio. Cinque o sei uomini in uniforme mimetica, di aspetto slavo uscirono dalla macchina. Loro si presentarono come agenti di polizia e spiegarono che loro avevano portato la macchina per una riparazione. Alcuni istanti più tardi, dalla finestra del suo alloggio, il testimone aveva visto un APC che era arrivato all'alloggio dei richiedenti. Approssimativamente dieci uomini in maschere uscirono dall'APC, bloccarono la strada ed entrarono nell'alloggio dei richiedenti. Loro passarono un'ora là; dopo di che portarono fuori dei sacchi dall'alloggio e li caricarono nell'APC. Dopo che questi uomini se ne erano andati, il testimone apprese dalla prima richiedente che loro avevano portato via R. B..
60. In una data non specificata gli investigatori interrogarono il parente dei richiedenti, il Sig. M.B. che fornì una dichiarazione simile a quella data dalla Sig.ra A.A.
61. In una data non specificata gli investigatori interrogarono un altro testimone, il Sig. A. Kh. che fornì una dichiarazione simile a quella data Sig.ra A.A. Inoltre, affermò che dopo che gli uomini non identificati avevano lasciato l'alloggio dei richiedenti, lui era andato là ed aveva parlato alla prima richiedente. Quest’ultima gli disse che gli uomini avevano perquisito l'alloggio ed avevano portato via degli oggetti di valore . Secondo il testimone, la prima richiedente e gli altri residenti locali aveva fatto domanda all’ OVD di Khattuni in numerose occasioni tentando di ottenere informazioni circa dove si trovasse suo marito. Gli agenti di polizia avevano negato di avere qualsiasi informazione su di lui.
62. Secondo il Governo in date non specificate gli investigatori richiesero dalle varie autorità Statali informazioni, inter alia, sulle operazioni speciali condotte nell'area fra il 1 e il 5 febbraio 2003 e sugli ufficiali che avevano servito nel distretto di Vedeno al tempo attinente, incluso un certo numero di ufficiali dell'accusatore di distretto in Cecenia, gli uffici del comandante militare del distretto e l’ unità militare n. 20116. Gli investigatori richiesero anche che l’ FSB della Cecenia li informasse nel caso tenessero in detenzione R. B. e nel caso l’avessero trasferito all'ufficio del comandante militare del distretto di Vedeno.
63. L'indagine andò a vuoto nel stabilire dove si trovasse R. B., anche se le autorità inquirenti spedirono delle richieste per informazioni alle agenzie Statali competenti e presero altri passi per risolvere il crimine. Allo stesso tempo l'indagine non trovò nessuna prova a sostegno del coinvolgimento delle forze federali nel crimine. Le autorità dell’esecuzione della legge della Cecenia non avevano mai arrestato o detenuto R. B. per accuse penali o amministrative e non avevano eseguito un'indagine penale a suo riguardo. Nessuna operazione speciale era stata eseguita a Makhkety il 4 febbraio 2003.
64. Secondo il Governo, l'indagine della causa penale era stata sospesa, ed era stata ripresa in numerose occasioni. Comunque, era ancora in corso ed erano state prese delle misure di ricerca operativa tese a stabilire dove fosse R. B..
65. Nonostante le specifiche richieste della Corte il Governo non rivelò nessun documento della causa penale n. 24012. Il Governo affermò che l'indagine era in corso e che la rivelazione dei documenti sarebbe stata in violazione dell’ Articolo 161 del Codice di Procedura penale, poiché il file conteneva dati personali riguardo ai testimoni o agli altri partecipanti nei procedimenti penali.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
66. Per un riassunto del diritto nazionale attinente vedere Akhmadova e Sadulayeva c. Russia (n. 40464/02, §§ 67-69 del 10 maggio 2007).
LA LEGGE
I. L'ECCEZIONE DEL GOVERNO IN MERITO ALL’ABUSO DEL DIRITTO DI RICORSO
67. Il Governo presentò che la richiesta non era stata depositata per ripristinare i diritti presumibilmente violati dei richiedenti. Secondo lui, l'oggetto effettivo e il fine della richiesta era incompatibile coi compiti e le attività della Corte europea dei Diritti umani. Concluse che la richiesta avrebbe dovuto essere respinta facendo seguito all’ Articolo 35 § 3 della Convenzione.
68. La Corte considera che si può intendere che il Governo stia suggerendo che c'è stato un abuso del diritto di ricorso da parte dei richiedenti. Osserva in questo collegamento che le azioni di reclamo che i richiedenti hanno portato alla sua attenzione riguardavano danni reali. Nulla nel file della causa rivela qualsiasi comparizione di abuso del loro diritto di ricorso individuale. Di conseguenza, l'eccezione del Governo deve essere respinta.
II. L'ECCEZIONE DEL GOVERNO RIGUARDO ALLA VALIDITÀ DEL MODULO DI RICHIESTA
69. Il Governo suggerì che i richiedenti probabilmente non erano consapevoli dei contenuti del modulo di richiesta che non era stato firmato dai richiedenti ma dagli avvocati che lavorano per il SRJI.
70. La Corte considera che si può intendere che Governo stia suggerendo che gli avvocati non stiano agendo su istruzione dei richiedenti. La Corte osserva che i richiedenti diedero al SRJI e ai suoi avvocati le loro procure, così da autorizzare debitamente questo NGO a rappresentare i loro interessi nei procedimenti di Strasburgo, ed in particolare a firmare per conto loro il modulo di richiesta presentato alla Cancelleria. Non c’è alcun motivo che indichi che ci sia stato qualsiasi cosa di improprio nel deposito di questa richiesta. Di conseguenza, l'eccezione del Governo deve essere respinta.
III. L'ECCEZIONE DEL GOVERNO RIGUARDO AL NON-ESAURIMENTO DELLE VIE DI RICORSO NAZIONALI
A. Le osservazioni delle parti
71. Il Governo contese che la richiesta avrebbe dovuto essere dichiarata inammissibile per non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali. Presentò che l'indagine sulla scomparsa di R. B. non era stata ancora completata. Dibatté inoltre che era aperto ai richiedenti presentare reclami di corte per qualsiasi atto od omissioni degli inquirenti o delle altre autorità di esecuzione della legge, ma che i richiedenti non si erano giovati di quella via di ricorso. Dibatté anche che stato aperto ai richiedenti intraprendere azioni di reclamo civili ma che loro non erano riusciti a fare così.
72. I richiedenti contestarono quell'eccezione. Loro affermarono che l'indagine penale di era rivelata inefficace. Con riferimento alla pratica della Corte, loro dibatterono di non essere obbligati per chiedere dei danni attraverso dei procedimenti civili in modo da esaurire le vie di ricorso nazionali.
B. La valutazione della Corte
73. La Corte esaminerà gli argomenti delle parti alla luce delle disposizioni della Convenzione e la sua pratica attinente (per un riassunto attinente, vedere Estamirov ed Altri c. Russia, n. 60272/00, §§ 73-74 del 12 ottobre 2006).
74. La Corte nota che l'ordinamento giuridico russo prevede, in principio, due vie di ricorso per le vittime di atti illegali e penali attribuibili allo Stato o ai suoi agenti, vale a dire una via di ricorso civile e una penale.
75. Riguardo ad un'azione civile per ottenere compensazione per danno subito a causa degli atti illegali addotti o della condotta illegale degli agenti Statali, la Corte ha già trovato in numerose cause simili che questa procedura non può essere considerata una via di ricorso effettiva nel contesto di rivendicazioni introdotte sotto l’ Articolo 2 della Convenzione da solo (vedere Khashiyev ed Akayeva c. Russia, N. 57942/00 e 57945/00, §§ 119-21, 24 febbraio 2005, ed Estamirov ed Altri, citata sopra, § 77). Alla luce di quanto sopra, la Corte conferma, che i richiedenti non erano obbligati ad intraprendere la via di ricorso civile.
76. A riguardo delle vie di ricorso di legge penale, la Corte osserva che i richiedenti si lamentarono immediatamente presso le autorità di esecuzione della legge dopo l’arresto di R. B. e che un'indagine è pendente dal 12 febbraio 2003. I richiedenti d il Governo contestano l'efficacia dell'indagine sull’arresto .
77. La Corte considera che l'eccezione del Governo solleva dei problemi riguardo all'efficacia dell'indagine che è collegata da vicino ai meriti delle azioni di reclamo dei richiedenti. Così, decide di congiungere questa eccezione ai meriti della causa e considera che il problema deve essere esaminato sotto.
IV. LA VALUTAZIONE DELLA CORTE DELLE PROVE E LA RICOSTRUZIONE DEI FATTI
A. Gli argomenti delle parti
78. I richiedenti sostennero che oltre ogni ragionevole dubbio gli uomini che avevano portato via R. B. erano agenti Statali. In appoggio alla loro azione di reclamo loro si riferirono ai seguenti fatti. Al tempo attinente il villaggio di Makhkety era sotto il controllo totale delle truppe federali. C'erano posti di controllo militari russi sulle strade che conducevano e provenivano dall’insediamento. Le forze federali russe avevano condotto un'operazione speciale il 4 febbraio 2003, come era stato confermato dall'indagine (vedere paragrafi 26, 27 e 42). R. B. era voluto dalle autorità (vedere paragrafo 56 sopra). Gli uomini armati che avevano rapito R. B. avevano caratteristiche slave e parlavano russo senza accento che provasse che loro non fossero d'origine della Cecenia. Gli uomini erano arrivati in un APC militare alla luce del giorno il che indicava che loro erano in grado di passare attraverso i blocchi stradali e non avevano paura di essere visti dalle autorità. Gli uomini portavano la specifica uniforme mimetica, erano armati ed avevano radio portatili. Loro agirono in un modo simile a quello delle forze speciali che eseguivano controlli di identità. Tutte le informazioni rivelate ai richiedenti dall'archivio dell’ indagine penale sostenevano la loro asserzione in merito al coinvolgimento degli agenti Statali nell’arresto. Poiché R. B. mancava da un periodo molto lungo, si poteva presumendo che fosse morto. Questa presunzione fu sostenuta inoltre dalle circostanze in cui era stato arrestato che dovrebbero essere riconosciute come minacciose per la vita.
79. Il Governo presentò che degli uomini armati e non identificati avevano rapito R. B.. Sostenne inoltre che l'indagine dell'incidente era pendente, che non c'era prova che gli uomini erano agenti Statali e che non c'erano perciò motivi per ritenere lo Stato responsabile per le violazioni addotte dei diritti dei richiedenti. Dibatté inoltre che non c'era prova convincente che il parente dei richiedenti fosse morto. Il Governo sollevò un’obbiezione alla presentazione dei fatti dei richiedenti. Il fatto che i perpetratori dell’arresto parlavano russo senza accento, portavano uniformi mimetiche ed usavano veicoli militari non voleva dire che questi uomini non potessero essere membri di gruppi armati illegali o criminali. Asserì che il crimine avrebbe potuto essere attribuibile a gruppi armati illegali ed indicò che dei gruppi di mercenari avevano commesso dei crimini nella Repubblica della Cecenia. Enfatizzò inoltre che un numero considerevole di armamenti e di APCs era stato rubato dagli arsenali russi da insorti negli anni novanta e che membri die gruppi armati illegali avrebbero potuto possedere dei veicoli militari.
B. La valutazione della Corte dei fatti
80. La Corte osserva che nella sua ampia giurisprudenza ha sviluppato un numero di principi generali relativi alla determinazione dei fatti in controversia, in particolare quando si trova a confronto di dichiarazioni di scomparsa sotto l’ Articolo 2 della Convenzione (per un riassunto di questi, vedere Bazorkina c. Russia, n. 69481/01, §§ 103-09 del 27 luglio 2006). La Corte nota anche che doveva essere presa in considerazione la condotta delle parti nell’ottenimento delle prove (vedere Irlanda c. Regno Unito, § 161 Serie A n. 25).
81. La Corte nota che nonostante le sue richieste di una copia del file dell’ indagine sull’arresto di R. B., il Governo non ha prodotto nessuno dei documenti del file della causa. Il Governo si riferì all’Articolo 161 del Codice di Procedura penale. La Corte osserva che in cause precedenti ha già trovato questo chiarimento insufficiente per giustificare la trattenuta di informazioni chiave richieste dalla Corte (vedere Imakayeva c. Russia, n. 7615/02, § 123 ECHR 2006 -... (estratti)).
82. Nella prospettiva di questo e tenendo presente i principi a cui si fa riferimento sopra, la Corte costata che può dedurre inferenze dalla condotta del Governo a riguardo della fondatezza delle dichiarazioni dei richiedenti. La Corte procederà così ad esaminare gli elementi cruciali nella presente causa che dovrebbero essere presi in considerazione nel decidere se il parete dei richiedenti può essere presunto morto e se la sua morte può essere attribuita alle autorità.
83. I richiedenti addussero che le persone che avevano portato via R. B. il 4 febbraio 2003 e poi l'avevano ucciso erano agenti Statali.
84. Il Governo suggerì nelle sue osservazioni che i rapitori di R. B. avrebbero potuto essere membri di gruppi paramilitari. Comunque, questa dichiarazione non era specifica ed il Governo non presentò nessun materiale per sostenerla. La Corte prende nota della dichiarazione del Governo per cui dei veicoli militari, delle armi da fuoco e delle uniformi mimetiche erano state rubate probabilmente da insorti dagli arsenali russi negli anni novanta. Ciononostante, considera molto improbabile che molti veicoli militari, come gli APCs ed i veicoli Ural posseduti illegalmente da membri di gruppi armati illegali, avrebbero potuto muoversi liberamente attraverso i posti di controllo militari russi senza essere notati. La Corte sottolineerebbe a questo riguardo che la valutazione delle prove e la ricostruzione dei fatti è una questione che spetta alla Corte, e spetta sempre a lei decidere sul valore probatorio dei documenti presentati a sé (vedere Çelikbilek c. Turchia, n. 27693/95, § 71 del 31 maggio 2005).
85. La Corte nota che la dichiarazione dei richiedenti è sostenuta dalle dichiarazioni di testimoni raccolte dai richiedenti e dall'indagine. Trova che il fatto che un grande gruppo di uomini armati in uniforme alla piena luce del giorno , dotato di veicoli militari, era in grado muoversi liberamente attraverso i posti di controllo militari e procedere a controllare i documenti d’identità ed arrestare il parente dei richiedenti a sua casa sostiene fortemente la dichiarazione dei richiedenti che questi erano membri delle Forze Armate Statali che conducevano un'operazione di sicurezza. Nella loro richiesta alle autorità i richiedenti sostennero costantemente che R. B. era stato detenuto dai membri delle Forze Armate ignoti ed era stato richiesto che l'indagine considerasse questa possibilità (vedere paragrafi 28, 31 34, 46 47, 52 57 e 58 sopra). L'indagine nazionale accettò le assunzioni riguardanti i fatti come presentati dai richiedenti (vedere paragrafi 26, 27 e 42 sopra) e prese dei passi per controllare se le agenzie di esecuzione della legge erano coinvolte nel rapimento (vedere paragrafi 31, 35 e 43 sopra), ma non sembra che siano stati presi passi seri sono in quella direzione.
86. La Corte osserva che dove i richiedenti redigono una causa di prima facie ed alla Corte viene impedito di giungere a delle conclusioni riguardanti i fatti a causa di una mancanza di documenti attinenti, spetta la Governo dibattere conclusivamente perché i documenti in oggetto non potevano servire a corroborare le dichiarazioni fatte dai richiedenti, od offrire un chiarimento soddisfacente e convincente di come gli eventi in oggetto si verificarono. L'onere della prova viene spostato così al Governo e se fallisce nei suoi argomenti,dei problemi deriveranno sotto l’Articolo 2 e/o l’Articolo 3 (vedere Toğcu c. Turchia, n. 27601/95, § 95, 31 maggio 2005, ed Akkum ed Altri c. Turchia, n. 21894/93, § 211 ECHR 2005-II).
87. Prendendo in considerazione gli elementi sopra, la Corte si soddisfa che i richiedenti hanno redatto una causa di prima facie che il loro parente è stato arrestato dai membri delle Forze Armate Statali. La dichiarazione del Governo che gli investigatori non avevano trovato nessuna prova per sostenere il coinvolgimento delle forze speciali nel rapimento è insufficiente per assolverli dall'onere della prova summenzionato. Avendo esaminato i documenti presentati dai richiedenti, e deducendo inferenze dall'insuccesso del Governo nel presentare i documenti che erano in sua proprietà esclusiva o nel fornire un altro chiarimento plausibile per gli eventi in oggetto, la Corte trova che R. B. fu arrestato il 4 febbraio 2003 dai membri delle Forze Armate Statali durante un'operazione di sicurezza non riconosciuta.
88. Non ci sono state notizie affidabili di R. B. fin dalla data del rapimento. Il suo nome non è stato trovato in qualsiasi documento ufficiale di facilità di detenzione. Infine, il Governo non ha presentato qualsiasi chiarimento in merito a ciò che gli accadde dopo il suo arresto.
89. Avendo riguardo alle precedenti cause che le sono state presentate riguardanti delle scomparse in Cecenia (vedere, fra altre, Bazorkina, citata sopra; Imakayeva, citata sopra; Luluyev ed Altri c. Russia, n. 69480/01, ECHR 2006 -... (estratti); Baysayeva c. Russia, n. 74237/01, 5 aprile 2007; Akhmadova e Sadulayeva, citata sopra; ed Alikhadzhiyeva c. Russia, n. 68007/01, 5 luglio 2007), la Corte costata che nel contesto del conflitto nella Repubblica, quando una persona è detenuta da membri delle Forze Armate non identificati senza qualsiasi riconoscimento susseguente della sua detenzione, questo può essere riguardato come una minaccia alla vita . L'assenza di R. B. o di qualsiasi sua notizia da molti anni appoggia questa presunzione.
90. Di conseguenza, la Corte costata che le prove disponibili permettono di stabilire che R. B. deve essere ritenuto morto in seguito alla sua detenzione non riconosciuta dai membri delle Forze Armate Statali.
V. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 2 DELLA CONVENZIONE
91. I richiedenti si lamentarono sotto l’Articolo 2 della Convenzione che il loro parente era stato privato della sua vita da dei membri delle Forze Armate russe e che le autorità nazionali erano andate a vuoto nell’ eseguire un'indagine effettiva della questione. L’Articolo 2 recita:
"1. Il diritto di ogni persona alla vita è protetto dalla legge. La morte non può essere inflitta a nessuno intenzionalmente, salvo nel corso dell’ esecuzione di una sentenza capitale pronunziata da un tribunale nel caso in cui il reato sia punito da questa pena per legge.
2. La morte non è considerata come inflitta in violazione di questo articolo nei casi in cui risultasse da un ricorso alla forza resa assolutamente necessaria:
a) per garantire la difesa di ogni persona contro la violenza illegale;
b) per effettuare un arresto regolare o per impedire l'evasione di una persona regolarmente detenuta;
c) per reprimere, conformemente alla legge, una sommossa o un'insurrezione. "
A. Le osservazioni delle parti
92. Il Governo contese che l'indagine nazionale non aveva ottenuto prove all'effetto che R. B. era morto o che qualsiasi membro delle Forze Armate delle agenzie di esecuzione della legge federali era stato coinvolto nel suo rapimento o uccisione addotta. Il Governo rivendicò che l'indagine sul rapimento del parente dei richiedenti ha soddisfatto il requisito della Convenzione dell'efficacia, siccome erano state prese tutte le misure disponibili sotto la legge nazionale per identificare i responsabili.
93. I richiedenti dibatterono che R. B. era stato detenuto dai membri delle Forze Armate Statali e avrebbe dovuto essere considerato deceduto in mancanza di qualsiasi sua notizia affidabile da molti anni. I richiedenti dibatterono anche che l'indagine non aveva soddisfatto i requisiti dell'efficacia e dell’adeguatezza stabiliti dalla giurisprudenza della Corte. I richiedenti indicarono che nonostante le loro numerose indicazioni credibili riguardo al coinvolgimento dei membri delle Forze Armate russe nell’arresto del loro parente, gli investigatori non erano riusciti a prendere delle misure investigative e di base come l’interrogatorio di rappresentanti di agenzie di esecuzione della legge o le strutture militari o stabilire l'identità dei proprietari dell'APC usata durante l’arresto. L'indagine sul rapimento di R. B. era stata aperta otto giorni dopo gli eventi e poi era stata sospesa ed era stato ripresa in numerose occasioni così da ritardare dei passi di base -ed i parenti non erano stati informati in modo appropriato delle più importanti misure investigative. Il fatto che l'indagine era pendente da tale lungo periodo di tempo senza produrre qualsiasi risultato noto era un’ulteriore prova della sua inefficacia. Loro invitarono la Corte anche a dedurre delle conclusioni dall'insuccesso ingiustificato del Governo nel presentare i documenti dal file della causa a loro o alla Corte.
B. La valutazione della Corte
1. Ammissibilità
94. La Corte considera, alla luce delle osservazioni delle parti, che l'azione di reclamo solleva problemi seri di fatto e diritto sotto la Convenzione, la determinazione dei quali richiede un esame dei meriti. La Corte ha già trovato inoltre, che l'eccezione del Governo riguardo al non-esaurimento addotto delle vie di ricorso nazionali dovrebbe essere congiunta ai meriti dell'azione di reclamo (vedere paragrafo 77 sopra). L'azione di reclamo sotto l’Articolo 2 della Convenzione deve essere dichiarata perciò ammissibile.
2. Meriti
(a) La violazione addotta del diritto alla vita di R. B.
95. La Corte ha già trovato che il parente dei richiedenti deve essere ritenuto morto in seguito alla detenzione non riconosciuta da parte dei membri delle Forze Armate Statali. In assenza di qualsiasi giustificazione esposta dal Governo, la Corte costata che la sua morte può essere attribuita allo Stato e che c'è stata una violazione dell’ Articolo 2 a riguardo di R. B..
(b) L'inadeguatezza addotta dell'indagine sul rapimento
96. La Corte ha in molte occasioni affermato che l'obbligo di proteggere il diritto alla vita sotto l’Articolo 2 della Convenzione richiede anche per implicazione che ci dovrebbe essere una forma di indagine ufficiale ed effettiva quando degli individui sono stati uccisi come risultato dell'uso della forza. Ha sviluppato un numero di principi guida da seguire affinché un'indagine si attenga ai requisiti della Convenzione (per un riassunto di questi principi vedere Bazorkina, citata sopra, §§ 117-19).
97. Nella presente causa, il rapimento di R. B. fu investigato. La Corte deve valutare se questa indagine soddisfece i requisiti dell’Articolo 2 della Convenzione.
98. La Corte nota all'inizio che nessuno dei documenti dall'indagine è stato rivelato dal Governo. Deve perciò valutare l'efficacia dell'indagine sulla base dei pochi documenti presentati dai richiedenti e delle informazioni del suo progresso presentate dal Governo.
99. La Corte osserva che le autorità furono immediatamente rese consapevoli del rapimento dalle osservazioni dei richiedenti. L'indagine nella causa n. 24012 fu avviata il 12 febbraio 2003, cioè, otto giorni dopo l’arresto di R. B.. Tale posticipo è stato responsabile per se di influenzare l'indagine del rapimento in circostanze minacciose per la vita, dove un’azione cruciale doveva essere presa nei primi giorni dopo l'evento. Nel corso dei giorni seguenti la prima richiedente, un suo parente e due dei suoi vicini di casa furono interrogati. Sembra che questi fossero stati i soli i passi investigativi presi dall'ufficio dell'accusatore. Dopo questo un numero di misure investigative essenziali non fu preso affatto. Per esempio, gli investigatori non riuscirono a condurre un esame della scena del crimine presso l’alloggio dei richiedenti ; non riuscirono ad identificare ed interrogare gli ufficiali dell’ OVD di Khattuni che erano stati presenti durante l’arresto; non riuscirono ad interrogare i comandante militare del distretto di Vedeno o qualsiasi altro ufficiale principale delle autorità locali di esecuzione della legge che avrebbero potuto emettere un ordine per l'arresto di R. B.; non riuscirono a stabilire l'identità del proprietario dell'APC che era stato usato dai rapitori o ad interrogare un numero di residenti del villaggio che sarebbero stati testimoni dell’arresto. È ovvio che queste misure investigative, per produrre qualsiasi risultato significativo, avrebbero dovuto essere prese immediatamente dopo che il crimine fu riportato alle autorità, ed appena l'indagine era iniziata. Simili ritardi per cui non c'è stato chiarimento nella presente causa non solo dimostrano l’ omissione delle autorità di agire di loro propria istanza ma costituiscono anche una violazione dell'obbligo di esercitare diligenza esemplare e prontezza nel trattare con tale grave crimine (vedere Öneryýldýz c. Turchia [GC], n. 48939/99, § 94 ECHR 2004-XII).
100. La Corte nota anche che anche se alla prima richiedente fu accordato lo status di vittima nell'indagine riguardo all’arresto di suo marito, lei fu informata solamente della sospensione e della riapertura dei procedimenti, e non di qualsiasi altro sviluppo significativo. Di conseguenza, gli investigatori non riuscirono ad assicurare che l'indagine ricevesse il livello richiesto di scrutinio pubblico, o a salvaguardare gli interessi del parente prossimo nei procedimenti.
101. Infine, la Corte nota che l'indagine fu sospesa e riaperta in numerose occasioni e che c'erano stati dei lunghi periodi d'inattività dell'ufficio dell'accusatore di distretto quando nessun procedimento era pendente
102. Il Governo dibatté che i richiedenti avrebbero potuto chiedere il controllo giurisdizionale delle decisioni delle autorità inquirenti nel contesto dell'esaurimento delle vie di ricorso nazionali. La Corte osserva che i richiedenti, non avendo accesso al file della causa e non essendo informati in modo appropriato dei progressi dell'indagine non potevano impugnare efficacemente gli atti o le omissioni delle autorità inquirenti di fronte ad una corte. Inoltre, la Corte enfatizza a questo riguardo che mentre la chiusura o la riapertura dei procedimenti non sono di per sé un segnale che i procedimenti sono inefficaci, nella presente causa le decisioni di aggiornamento furono prese senza che i passi investigativi necessari fossero preso il che condusse a numerosi periodi d'inattività e così ad protrazione non necessaria. Inoltre, a causa del tempo trascorso dagli eventi di cui ci si lamenta, certe misure investigative che avrebbero dovute essere prese molto prima non avrebbero più essere condotte utilmente. Perciò, è estremamente dubbio che la via di ricorso a cui si fa riferimento avrebbe avuto qualsiasi prospettiva di successo. Di conseguenza, la Corte costata che le vie di ricorso citate dal Governo erano inefficaci nelle circostanze e respinge la loro eccezione preliminare riguardo all’insuccesso dei richiedenti nell’ esaurire le vie di ricorso nazionali all'interno del contesto dell'indagine penale.
103. Alla luce del precedente, la Corte sostiene, che le autorità andarono a vuoto nell’ eseguire un'indagine penale effettiva nelle circostanze che circondano la scomparsa di R. B., in violazione dell’Articolo 2 nel suo aspetto procedurale.
VI. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 3 DELLLA CONVENZIONE
104. I richiedenti si appellarono all’ Articolo 3 della Convenzione, presentando che come risultato della scomparsa del loro parente e dell'insuccesso dello Stato di investigarla in modo appropriato, loro avevano sopportato una sofferenza mentale in violazione dell’ Articolo 3 della Convenzione. L’Articolo 3 recita:
“Nessuno sarà sottoposto a tortura o a trattamenti o punizioni inumani o degradanti.”
A. Le osservazioni delle parti
105. Il Governo non fu d'accordo con queste dichiarazioni e dibatté che l'indagine non aveva stabilito che i richiedenti erano stati sottoposti a trattamenti inumani o degradanti proibiti dall’ Articolo 3 della Convenzione.
106. I richiedenti mantennero le loro osservazioni.
B. La valutazione della Corte
1. Ammissibilità
107. La Corte nota che questa azione di reclamo sotto l’Articolo 3 della Convenzione non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
2. Meriti
108. La Corte ha trovato in molte occasioni che in una situazione di scomparsa i parenti vicini della vittima possono loro stessi essere vittime di un trattamento in violazione dell’ Articolo 3. L'essenza di tale violazione non giace principalmente nel fatto della “scomparsa” del membro della famiglia ma piuttosto riguarda le reazioni e gli atteggiamenti delle autorità alla situazione quando è stata portata alla loro attenzione (vedere Orhan c. Turchia, n. 25656/94, § 358, 18 giugno 2002, ed Imakayeva citata sopra, § 164).
109. Nella presente causa, la Corte osserva che lo scomparso R. B. era parente stretto dei richiedenti. Lui era il marito della prima richiedente; il figlio del secondo richiedente ed il padre del terzo, quarto, quinto, sesto e settimo richiedente. Da più di cinque anni i richiedenti non hanno qualsiasi notizia del loro parente vicino. Durante questo periodo i richiedenti hanno fatto domanda presso i vari enti ufficiali tramite domande circa il loro parente prossimo, sia per iscritto che di persona. Nonostante i loro tentativi, i richiedenti non hanno mai ricevuto qualsiasi chiarimento plausibile o qualsiasi informazione riguardo a ciò che è accaduto al loro membro di famiglia in seguito al rapimento. Le risposte ricevute dai richiedenti soprattutto negavano che lo Stato fosse responsabile del suo arresto o semplicemente li informavano che un'indagine era in corso. Le sentenze della Corte sotto l'aspetto procedurale dell’Articolo 2 sono di attinenza diretta anche qui.
110. Nel prospettiva di quanto sopra, la Corte trova, che i richiedenti soffrirono di stress e di angoscia come risultato della scomparsa del loro parente prossimo e della loro incapacità di scoprire cosa gli era accaduto. Si deve considerare che la maniera in cui le loro azioni di reclamo sono state trattate dalle autorità costituiscono un trattamento inumano contrario all’ Articolo 3. Allo stesso tempo la Corte nota che il settimo richiedente nacque nel luglio 2003, più di cinque mesi dopo la scomparsa di R. B.. Avendo riguardo a questo, la Corte non trova, che questo richiedente abbia sofferto di simile angoscia e stress come risultato della scomparsa di suo padre che corrisponderebbe ad una violazione dell’ Articolo 3 della Convenzione.
111. La Corte conclude perciò che c'è stata una violazione dell’ Articolo 3 della Convenzione a riguardo dei primi sei richiedenti. Ulteriormente trova che non c'è stata nessuna violazione dell’Articolo 3 della Convenzione a riguardo del settimo richiedente.
VII. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 5 DELLA CONVENZIONE
112. I richiedenti affermarono inoltre che R. B. era stato detenuto in violazione delle garanzie contenute nell’ Articolo 5 della Convenzione che si legge così nella parte attinente :
“1. Ognuno ha il diritto alla libertà ed alla sicurezza della persona. Nessuno sarà privato della sua libertà salvo nei seguenti casi e in conformità con una procedura prescritta dalla legge:...
(c) l'arresto legale o la detenzione di una persona effettuati al fine di portarlo di fronte all'autorità legale competente su ragionevole sospetto di avere commesso un reato o quando è considerato ragionevolmente necessario per prevenire la perpetrazione di un reato o la fuga dopo avere agito così;
...
2. Tutti coloro che vengono arrestati saranno informati prontamente, in una lingua che comprendono, delle ragioni del loro arresto e di qualsiasi accusa contro loro.
3. Ognuno arrestato o detenuto in conformità con le disposizioni del paragrafo 1 (c) di questo Articolo sarà portato prontamente di fronte ad un giudice o ad un altro ufficiale autorizzato dalla legge ad esercitare il potere giudiziale e gli verrà concesso un processo all'interno di un termine ragionevole o al rilascio essendo pendente il processo. La liberazione può essere condizionata da garanzie di comparire al processo.
4. Ad ognuno che viene privato della sua libertà tramite arresto o detenzione verrà concesso di intraprendere procedimenti con cui la legalità della sua detenzione sarà decisa velocemente da una corte ed ordinata la sua liberazione se la detenzione non è legale.
5. Ognuno che è stato la vittima di arresto o di detenzione in violazione delle disposizioni di questo Articolo avrà un diritto esecutivo al risarcimento.”
A. Le osservazioni delle parti
113. Il Governo asserì che nessuna prova era stata ottenuta dagli investigatori per confermare che R. B. era stato privato della sua libertà. Lui non fu messo nella lista delle persone tenute nei centri di detenzione e nessuna delle agenzie regionali di esecuzione della legge aveva informazioni in merito alla sua detenzione.
114. I richiedenti reiterarono l'azione di reclamo.
B. La valutazione della Corte
1. Ammissibilità
115. La Corte nota che questa azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che l'azione di reclamo non è inammissibile per qualsiasi altro motivo e deve essere dichiarata perciò ammissibile.
2. Meriti
116. La Corte prima ha notato l'importanza fondamentale delle garanzie contenute nell’ Articolo 5 per garantire il diritto degli individui in una democrazia di essere liberi dalla detenzione arbitraria. Ha affermato anche che la detenzione non riconosciuta è una negazione completa di queste garanzie e rivela una violazione molto grave dell’ Articolo 5 (vedere Çiçek c. Turchia, n. 25704/94, § 164, 27 febbraio 2001, e Luluyev citata sopra, § 122).
117. La Corte ha trovato che R. B. fu arrestato dai membri delle Forze Armate Statali il 4 febbraio 2003 e non fu più visto da allora. La sua detenzione non fu riconosciuta, non fu registrato in nessun registro di custodia e non esiste traccia ufficiale di dove fosse e di quale fosse il suo destino. In conformità con la pratica della Corte, questo fatto deve essere considerato di per sé una debolezza più grave, poiché permette ai responsabili di un atto di privazione della libertà di celare il loro coinvolgimento in un crimine, coprire le loro tracce e scappare la responsabilità per il destino di un detenuto. Inoltre, l'assenza di documenti di detenzione, che annotano questioni come la data, il tempo e l’ ubicazione della detenzione ed il nome del detenuto così come le ragioni per la detenzione ed il nome della persona che l’ha effettua, deve essere visto come incompatibile con lo steso fine dell’ Articolo 5 della Convenzione (vedere Orhan, citata sopra, § 371).
118. La Corte considera inoltre che le autorità avrebbero dovuto essere più attente al bisogno di un'indagine completa e pronta delle azioni di reclamo dei richiedenti per cui il loro parente era stato detenuto ed era stato portato via in circostanze minacciose per la vita. Comunque, le sentenze della Corte sopra in relazione all’ Articolo 2 e, in particolare, la condotta dell’ indagine non lascia dubbio che le autorità andarono a vuoto nel prendere delle misure pronte ed effettive per salvaguardarlo contro il rischio di scomparsa.
119. Nella prospettiva di ciò che precede, la Corte trova, che R. B. fu tenuto in detenzione non riconosciuta senza nessuna delle salvaguardie contenute nell’ Articolo 5. Questo costituisce una violazione particolarmente grave del diritto alla libertà e alla sicurezza custoditi nell’ Articolo 5 della Convenzione.
VIII. VIOLAZIONI ADDOTTE DELL’ ARTICOLO 8 DELLA CONVENZIONE E DELL’ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 ALLA CONVENZIONE
120. I richiedenti addussero che la scomparsa di loro parente aveva corrisposto ad una violazione del loro diritto al rispetto della vita famigliare. Loro si lamentarono anche che la ricerca eseguita presso il loro alloggio il 4 febbraio 2003 era stata illegale ed aveva costituito una violazione del loro diritto al rispetto della loro casa. Rivelò così una violazione dell’ Articolo 8 della Convenzione. Loro si riferirono anche alla confisca illegale della loro proprietà durante la ricerca e si appellarono all’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione. Questi Articoli prevedono come segue:
Articolo 8
“1. Ognuno ha diritto al rispetto della sua vita privata e famigliare, della sua casa e della sua corrispondenza.
2. Non ci sarà interferenza da parte un'autorità pubblica con l'esercizio di questo diritto eccetto nel caso fosse in conformità con la legge e necessaria in una società democratica negli interessi della sicurezza nazionale, della sicurezza pubblica o del benessere economico del paese, per la prevenzione del disturbo o del crimine, per la protezione della salute o della morale, o per la protezione dei diritti e delle libertà altrui.”
Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 (protezione della proprietà)
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
121. Il Governo contese che gli agenti Statali non erano coinvolti nella ricerca addotta dell’alloggio dei richiedenti e che i richiedenti non erano riusciti ad esaurire le vie di ricorso nazionali a riguardo delle loro azioni di reclamo sotto questo capo non riuscendo a chiedere o danni presso le corti nazionali.
122. I richiedenti reiterarono l'azione di reclamo.
B. La valutazione della Corte
1. Ammissibilità
123. La Corte considera, alla luce delle osservazioni delle parti che le azioni di reclamo dei richiedenti sollevano problemi seri di fatto e diritto sotto la Convenzione, la determinazione dei quali richiede un esame dei meriti. La Corte ha già trovato inoltre, che l'eccezione del Governo riguardo al non-esaurimento addotto delle vie di ricorso nazionali dovrebbe essere congiunta ai meriti dell'azione di reclamo (vedere paragrafo 77 sopra). Le azioni di reclamo sotto l’Articolo 8 e l’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione devono essere dichiarate perciò ammissibili.
2. Meriti
(a) Il diritto al rispetto della casa e la protezione della proprietà
124. Riguardo all'eccezione del Governo per cui i richiedenti non sono riusciti ad esaurire le vie di ricorso nazionali disponibili, la Corte indica, che in molte occasioni i richiedenti riportarono gli eventi del 4 febbraio 2003 alle autorità nazionali e menzionarono, in particolare, la ricerca illegale del loro alloggio e la confisca della loro proprietà e dei documenti da parte dei rapitori (vedere paragrafi 27, 28, 52 59 e 61 sopra). Gli enti ufficiali negarono che coloro che si erano introdotti nella casa dei richiedenti e che avevano rapito R. B. fossero degli agenti Statali (vedere, per contrasto, Chitayev e Chitayev c. Russia, n. 59334/00, §§ 64, 77 e 143 del 18 gennaio 2007). In assenza di qualsiasi costatazione nazionale della responsabilità Statale per la ricerca presumibilmente illegale e la confisca della proprietà dei richiedenti, la Corte non si persuade che la via di ricorso di corte a cui ha fatto riferimento il Governo fosse accessibile ai richiedenti e che avrebbe avuto qualsiasi prospettiva di successo (vedere Betayev e Betayeva c. Russia, n. 37315/03, § 112 del 29 maggio 2008). L'eccezione del Governo riguardo al non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali deve essere perciò respinta.
125. La Corte nota inoltre che le informazioni riguardo alla ricerca e alla confisca della proprietà furono comunicate prontamente alle autorità nazionali di esecuzione della legge; comunque, queste ultime andarono a vuoto nel prendere qualsiasi misura per esaminarle. Benché il Governo negasse la responsabilità per la perquisizione ed il sequestro della proprietà, la Corte ha già trovato che le persone che entrarono nella casa dei richiedenti e arrestarono il loro parente appartenevano allo Stato militare o alle forze di sicurezza. Perciò, trova che la ricerca nell’alloggio dei richiedenti eseguita il 4 febbraio 2003 e la confisca della proprietà dei richiedenti fossero imputabili allo Stato rispondente.
126. La Corte nota anche che i membri delle Forze Armate non mostrarono ai richiedenti un permesso di perquisizione. Neanche indicarono qualsiasi ragione per le loro azioni. Inoltre, sembra che nessuna garanzia di ricerca fu emessa del tutto, o prima o dopo gli eventi in oggetto. Insomma, la Corte costata che la ricerca nella presente causa è stata portata avanti senza qualsiasi autorizzazione o salvaguardia adeguate.
127. C'era di conseguenza, un'interferenza col diritto al rispetto della loro casa dei richiedenti e della protezione della loro proprietà. In assenza di qualsiasi riferimento del Governo alla legalità e alla proporzionalità di queste misure, la Corte costata che c'è stata una violazione del diritto al rispetto della casa dei richiedenti garantito dall’ Articolo 8 della Convenzione e del loro diritto alla protezione della proprietà garantito dall’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
(b) Il diritto al rispetto della vita famigliare
128. L’ azione di reclamo dei richiedenti concernente la loro incapacità di godere della vita famigliare da parte di R. B. riguarda gli stessi fatti di quelli esaminati sopra sotto gli Articoli 2 e 3 della Convenzione. Avendo riguardo alle sue costatazioni sopra sotto queste disposizioni, la Corte considera, che questa azione di reclamo dovrebbe essere dichiarata ammissibile. Comunque, trova che nessun problema separato deriva sotto l’Articolo 8 della Convenzione a questo riguardo (vedere, mutatis mutandis, Ruianu c. Romania, n. 34647/97, § 66 del 17 giugno 2003; Laino c. Italia [GC], n. 33158/96, § 25 ECHR 1999-I; e Canea Chiesa cattolica c. Grecia, 16 dicembre 1997 § 50 Relazioni 1997-VIII).
IX. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 13 DELLA CONVENZIONE
129. I richiedenti si lamentarono di essere stati privati delle via di ricorso effettive a riguardo delle violazioni summenzionate, contrariamente all’ Articolo 13 della Convenzione che prevede:
“Chiunque i cui diritti e le libertà come riconosciuti [dalla] Convenzione sono violati avrà una via di ricorso effettiva di fronte ad un'autorità nazionale anche se la violazione fosse stata commessa da persone che agiscono in veste ufficiale.”
A. Le osservazioni delle parti
130. Il Governo contese che i richiedenti avevano avuto delle via di ricorso effettive a loro disposizione come richiesto dall’ Articolo 13 della Convenzione e che le autorità non avevano impedito loro di utilizzarle. I richiedenti avevano avuto un'opportunità di impugnare gli atti o le omissioni delle autorità inquirenti presso una corte e loro avrebbero potuto anche chiedere i danni tramite procedimenti civili. Insomma, il Governo presentò, che non c'era stata nessuna violazione dell’ Articolo 13.
131. I richiedenti reiterarono l'azione di reclamo.
B. La valutazione della Corte
1. Ammissibilità
132. La Corte nota che questa azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
2. Meriti
133. La Corte reitera che nelle circostanze in cui, come qui, un'indagine penale sulla scomparsa è stata inefficace e l'efficacia di qualsiasi altra via di ricorso esistente, incluso le vie di ricorso civili suggerite dal Governo, è stata minata di conseguenza, lo Stato è andato a vuoto nel suo obbligo sotto l’Articolo 13 della Convenzione (vedere Khashiyev ed Akayeva, citata sopra, § 183).
134. C'è stata di conseguenza, una violazione dell’ Articolo 13 in concomitanza con l’Articolo 2 della Convenzione.
135. Riguardo all’azione di reclamo dei richiedenti sotto l’Articolo 13 in concomitanza con l’Articolo 8 e l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, la Corte considera che in una situazione in cui le autorità hanno negato il coinvolgimento nell'intrusione addotta nell’alloggio dei richiedenti la presa degli oggetti personali della famiglia e in cui l'indagine nazionale era andata a vuoto nell’ esaminare la questione, i richiedenti non avevano qualsiasi via di ricorso nazionale ed effettiva a riguardo delle violazioni addotte dei loro diritti garantiti dall’ Articolo 8 della Convenzione e dall’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. C'è stata di conseguenza, una violazione su quel conto.
136. Riguardo al riferimento dei richiedenti agli Articoli 3 e 5 della Convenzione, la Corte considera che, nelle circostanze, nessun problema separato sorge a riguardo dell’ Articolo 13, letto in concomitanza con gli Articoli 3 e 5 della Convenzione (vedere Kukayev c. Russia, n. 29361/02, § 119, 15 novembre 2007, ed Aziyevy c. Russia, n. 77626/01, § 118 del 20 marzo 2008).
137. Riguardo all'azione di reclamo sotto l’Articolo 13 in concomitanza con l’Articolo 8 riguardo al diritto alla vita di famiglia, la Corte nota, che nel paragrafo 128 sopra ha trovato che nessun problema separato sorge sotto quella disposizione. Perciò, considera che nessun problema separato deriva sotto l’ Articolo 13 a questo riguardo.
X. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 14 DELLA CONVENZIONE
138. Nella loro osservazione iniziale i richiedenti affermarono che loro erano stati discriminati per motivi legati alla loro origine etnica, contrariamente alle disposizioni dell’ Articolo 14 della Convenzione. L’Articolo 14 prevede:
“Il godimento dei diritti e delle libertà stabilite [nella] Convenzione sarà garantito senza discriminazione su alcuna base come il sesso,la razza, il colore, la lingua, la religione, l’opinione politica o altro, la cittadinanza od origine sociale, l'associazione con una minoranza nazionale, la proprietà,la nascita o altro status.”
139. Nelle loro osservazioni sull'ammissibilità e i meriti della richiesta i richiedenti affermarono che loro non desideravano più mantenere questa azione di reclamo.
140. La Corte, avendo riguardo all’ Articolo 37 della Convenzione, nota che i richiedenti non intendono proseguire questa parte della richiesta, all'interno del significato dell’ Articolo 37 § 1 (a). Non trova nessuna ragione di carattere generale che tocca il rispetto dei diritti umani come definiti nella Convenzione che richiede un ulteriore esame delle azioni di reclamo presenti in virtù dell’ Articolo 37 § 1 della Convenzione in fine (vedere, fra le altre autorità, Chojak c. Polonia, n. 32220/96, decisione della Commissione del 23 aprile 1998 inedito; Singh ed Altri c. Regno Unito (dec.), n. 30024/96, 26 settembre 2000; e Stamatios Karagiannis c. Grecia, n. 27806/02, § 28 del 10 febbraio 2005).
141. Ne segue che questa parte della richiesta deve essere cancellata in conformità con l’Articolo 37 § 1 (a) della Convenzione.
XI. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
142. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”

A. L'eccezione del Governo
143. Il Governo presentò che il documento che contiene la richiesta dei richiedenti per la soddisfazione equa era stato firmato dal Sig. R. L. e dal Sig. D. I., mentre, secondo il Governo, i richiedenti erano stati rappresentati dalla Sig.ra D.I. S., dalla Sig.ra E. E., dalla Sig.ra A. M. e dal Sig. A. N.. Insistette perciò che la richiesta dei richiedenti per la soddisfazione equa fosse nulla.
144. La Corte indica che i richiedenti emisero procure a nome del SRJI, un NGO che lavora con un numero di avvocati. Siccome il SRJI ha nella sua lista il Sig. R. L. ed il Sig. D. I. come membri dello staff esperto, la Corte no ha dubbio che furono autorizzati debitamente per firmare le rivendicazioni per la soddisfazione equa a favore dei richiedenti. L'eccezione del Governo deve essere perciò respinta.
A. Danno patrimoniale
145. I richiedenti chiesero danni a riguardo della perdita di guadagni da parte del loro parente dopo il suo arresto e la sua susseguente scomparsa. La prima richiedente, come moglie di R. B. chiese 172,322 rubli russi (RUB) sotto questo capo; il terzo e il sesto richiedente, come suoi figli hanno chiesto rispettivamente RUB 4,288 e RUB 44, 946; ed il quarto, il quinto e il settimo richiedente, come sue figlie hanno chiesto rispettivamente RUB 11,829, RUB 38,711 e RUB 84,914. I richiedenti così hanno chiesto un totale di RUB 357,010 sotto questo capo (EUR 10,200).
146. Loro dissero che R. B. era disoccupato al tempo del suo arresto e che in tale caso il calcolo avrebbe dovuto essere fatto sulla base del livello di vita stabilita dalla legge nazionale. I loro calcoli erano basati anche sulle tavole attuariali per uso nel danno personale e in cause di infortunio mortale pubblicate dal Dipartimento Attuario Statale del Regno Unito nel 2007 (“Ogden tables”).
147. Il Governo considerava queste rivendicazioni come non comprovate. Si riferì anche all'esistenza di disposizioni legali nazionali per una pensione per la perdita del sostentatore della famiglia.
148. La Corte reitera che ci deve essere un collegamento causale e chiaro fra il danno chiesto dai richiedenti e la violazione della Convenzione, e che questo può, in caso appropriato, includere il risarcimento a riguardo della perdita di guadagni. La Corte costata ulteriormente che la perdita di guadagni si applica anche ai figli dipendenti e che è ragionevole presumere che R. B. avrebbe ottenuto infine dei guadagni dai cui avrebbero tratto profitto i richiedenti (vedere, fra le altre autorità, Imakayeva, citata sopra, § 213). Avendo riguardo alle sue conclusioni sopra, trova, che c'è un collegamento causale e diretto fra la violazione dell’ Articolo 2 a riguardo del parente dei richiedenti e la perdita da parte dei richiedenti dell'appoggio finanziario che lui avrebbe potuto offrire. Avendo riguardo alle osservazioni dei richiedenti ed al fatto che R. B. non aveva un lavoro al tempo del suo arresto, la Corte assegna EUR 8,000 al primo, al terzo, al quarto, al quinto, al sesto e settimo richiedente congiuntamente a riguardo del danno patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su quell'importo.
B. Danno non-patrimoniale
149. I richiedenti chiesero congiuntamente EUR 70,000 a riguardo del danno non- patrimoniale per la sofferenza che avevano sopportato come risultato della perdita del loro membro della famiglia, l'indifferenza mostrata dalle autorità verso loro e l'insuccesso nel fornire qualsiasi informazione in merito alla sorte del loro parente prossimo.
150. Il Governo trovò gli importi chiesti esagerati.
151. La Corte ha trovato una violazione degli Articoli 2, 5 e 13 della Convenzione a causa della detenzione non riconosciuta e della scomparsa del parente dei richiedenti . I richiedenti stessi sono stati trovati vittime di una violazione degli Articoli 3 e 8 della Convenzione. La Corte accetta così che loro hanno sofferto di un danno non-patrimoniale che non può essere compensato solamente dalle costatazioni di violazioni. Assegna congiuntamente EUR 35,000 ai richiedenti più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su questo.
C. Costi e spese
152. I richiedenti furono rappresentati dal SRJI. Loro presentarono una lista particolareggiata dei costi e delle spese che includevano ricerca e colloqui ad Ingushetia e Mosca, ad un tasso orario di EUR 50 e la redazione di documenti legali presentati alla Corte e alle autorità nazionali, ad un tasso di EUR 50 all’ ora per gli avvocati del SRJI ed EUR 150 all’ ora per il personale senior del SRJI e gli esperti. La rivendicazione globale a riguardo di costi e spese riferita alla rappresentanza legale dei richiedenti corrispondeva a EUR 6,550.
153. Il Governo contestò la ragionevolezza e la giustificazione degli importi chiesti sotto questo capo. Si chiedeva, in particolare, se erano stato necessario per i richiedenti usare un corriere per la corrispondenza.
154. La Corte deve prima stabilire se i costi e le spese indicati dai rappresentanti dei richiedenti davvero furono incorsi e, secondo, se loro erano stati davvero necessari (vedere McCann ed Altri c. Regno Unito, 27 settembre 1995, § 220 Serie A n. 324).
155. Avendo riguardo ai dettagli delle informazioni ed al contratto di rappresentanza legale presentati dai richiedenti, la Corte è soddisfatta, che questi tassi sono ragionevoli e davvero riflettono le spese incorse dai rappresentanti dei richiedenti.
156. Riguardo a se i costi e le spese incorsi erano necessari, la Corte nota che questa causa era piuttosto complessa e ha richiesto un certo importo di ricerca e di preparazione. Nota allo stesso tempo che, a causa dell’applicazione dell’Articolo 29 § 3 nella presente causa, i rappresentanti dei richiedenti hanno presentato le loro osservazioni sull'ammissibilità e meriti in uno set di documenti. La Corte dubita così che la redazione legale fosse necessariamente lunga nella misura rivendicata dai rappresentanti.
157. Avendo riguardo ai dettagli delle rivendicazioni presentati dai richiedenti, la Corte assegna loro EUR 5,500 insieme a qualsiasi tassa sul valore aggiunto che può essere a carico dei richiedenti, l'assegnazione deve essere pagata sul conto bancario dei rappresentanti nei Paesi Bassi, come identificato dai richiedenti.
D. Interesse di mora
158. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Respinge l'eccezione del Governo riguardo all'abuso del diritto di ricorso e la loro eccezione riguardo alla validità del modulo di richiesta;
2. Decide di cancellare la richiesta dal suo ruolo di cause in conformità con l’Articolo 37 § 1 (a) della Convenzione nella misura in cui concerne l'azione di reclamo dei richiedenti sotto l’Articolo 14 della Convenzione;
3. Stabilisce di congiungere ai meriti l'eccezione del Governo riguardo al non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali e la respinge;
4. Dichiara le azioni di reclamo sotto gli Articoli 2, 3, 5, 8, 13 e l’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione ammissibile;
5. Sostiene che c'è stata una violazione effettiva dell’ Articolo 2 della Convenzione a riguardo di R. B.;
6. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 2 della Convenzione a riguardo dell'insuccesso per condurre un'indagine effettiva nelle circostanze nelle quali scomparve R. B.;
7. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 3 della Convenzione a riguardo di tutti i richiedenti, salvo il settimo;
8. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 5 della Convenzione a riguardo di R. B.;
9. Sostiene che c'è stata una violazione del diritto dei richiedenti al rispetto della casa garantito dall’Articolo 8 della Convenzione ed il loro diritto alla protezione della proprietà garantito dall’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione;
10. Sostiene che nessun problema separato deriva sotto l’ Articolo 8 della Convenzione riguardo al diritto dei richiedenti al rispetto per la vita famigliare ;
11. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 13 della Convenzione in concomitanza con l’Articolo 2 della Convenzione;
12. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 13 della Convenzione in concomitanza con la violazione del diritto dei richiedenti al rispetto della casa garantito dall’ Articolo 8 della Convenzione e del diritto alla protezione della proprietà garantito dall’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione;
13. Sostiene che nessun problema separato deriva sotto l’Articolo 13 della Convenzione a riguardo delle violazioni addotte sotto gli Articoli 3, 5 e 8 riguardo al diritto del richiedente al rispetto della vita famigliare;
14. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione i seguenti importi, da convertire in rubli russi in data dell’ accordo salo nel caso del pagamento a riguardo dei costi e delle spese:
(i) EUR 8,000 (otto mila euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, a riguardo del danno patrimoniale alla prima. al terzo, quarto, quinto sesto e settimo richiedente congiuntamente;
(ii) EUR 35,000 (trenta-cinque mila euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, a riguardo del danno non-patrimoniale ai richiedenti congiuntamente;
(iii) EUR 5,500 (cinque mila cinquecento euro), più qualsiasi tassa che può essere a carico dei richiedenti, a riguardo dei costi e spese da pagare sul conto bancario dei rappresentanti nei Paesi Bassi;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
15. Respinge il resto della richiesta dei richiedenti per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 24 settembre 2009, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Søren Nielsen Christos Rozakis
Cancelliere Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è sabato 14/11/2020.