Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF KIN-STIB AND MAJKIC v. SERBIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, 35, P1-1

NUMERO: 12312/05/2010
STATO:
DATA: 20/04/2010
ORGANO: Sezione Seconda


TESTO ORIGINALE

Conclusion Preliminary objections dismissed (ratione personae, non-exhaustion of domestic remedies) ; Remainder inadmissible ; Violation of P1-1 ; Pecuniary damage - claim dismissed ; Non-pecuniary damage - award
SECOND SECTION
CASE OF KIN-STIB AND MAJKIĆ v. SERBIA
(Application no. 12312/05)
JUDGMENT
STRASBOURG
20 April 2010
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Kin-Stib and Majkić v. Serbia,
The European Court of Human Rights (Second Section), sitting as a Chamber composed of:
Françoise Tulkens, President,
Ireneu Cabral Barreto,
Vladimiro Zagrebelsky,
Danutė Jočienė,
Dragoljub Popović,
András Sajó,
Nona Tsotsoria, judges,
and Sally Dollé, Section Registrar,
Having deliberated in private on 30 March 2010,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 12312/05) against the State Union of Serbia and Montenegro lodged with the Court, under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”), by K.-S., a limited liability company based in the Democratic Republic of Congo (hereinafter “the first applicant”), and, at that time, a national of the State Union of Serbia and Montenegro, Mr M. M. (hereinafter “the second applicant”), on 6 April 2005.
2. Both applicants were represented by Mr C. L., a lawyer practising in Vienna, Austria. The Government of the State Union of Serbia and Montenegro and, subsequently, the Government of Serbia (“the Government”) were represented by their Agent, Mr S. Carić.
3. The applicants alleged that they had suffered violations of Articles 6 § 1 and 13 of the Convention, as well as a breach of Article 1 of Protocol No. 1, stemming from the partial non-enforcement of an arbitration award rendered in their favour.
4. On 4 May 2006 the Court decided to give notice of the application to the Government. Applying Article 29 § 3 of the Convention, it decided to rule on the admissibility and merits of the application at the same time.
5. As of 3 June 2006, following the Montenegrin declaration of independence, Serbia remained the sole respondent in the proceedings before the Court.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
6. The facts of the case, as submitted by the parties, may be summarised as follows.
A. Relevant background to the applicants' case
7. On 12 October 1989 the first applicant concluded a joint venture agreement with the “Hotel Intercontinental Belgrade”, concerning the setting-up and joint operation of a casino on its premises.
8. At that time, the said hotel was owned by “Generalexport” (hereinafter “Genex”), a major “socially-owned company” (see paragraph 70 below) with an annual turnover in excess of seven billion US Dollars (“USD”).
9. Article 12 of the joint venture agreement provided that the first applicant was entitled to collect 80% of any earnings made as part of the joint operation of the casino in question, whilst Genex had the right to collect the remaining 20% thereof. Article 19 of the agreement, however, stated that Genex would, in any event, be entitled as guaranteed minimum earnings to a payment of no less than USD 500.000 annually by the first applicant.
10. The casino opened in October 1990. By 1993, however, it closed due to various financial difficulties, and a number of disputes between the parties followed.
B. The arbitration proceedings
11. In 1995 the first applicant brought proceedings against Genex before the Foreign Trade Arbitration Court of the Yugoslav Chamber of Commerce (hereinafter the “Arbitration Court”), seeking repossession of the casino as well as compensation for breach of contract.
12. On 10 April 1996 the Arbitration Court, having resolved issues regarding the first applicant's status, ruled partly in its favour. Specifically, Genex was ordered to: (a) pay compensation in the amount of USD 1,999, 992, plus 6 % interest, on account of the first applicant's inability to operate the casino in question between 1 April 1995 and 31 March 1996; (b) allow the first applicant to retake possession thereof; and (c) effectively manage its operation for five years after reopening it. The sum of USD 1,999,992, i.e. USD 166,666 monthly, was arrived at by multiplying Genex's minimum annual earnings on the basis of the agreed ratio (see paragraph 9 above).
C. The enforcement proceedings
13. On 7 June 1996 the Commercial Court in Belgrade ordered the enforcement of the arbitration award of 10 April 1996, in its entirety.
14. Following several suspensions and adjournments, on 15 October 1997 the National Bank of Yugoslavia informed the Commercial Court that USD 1,672,437.06 had been transferred to the first applicant's bank account.
15. On 4 May 1998 the Commercial Court ordered the payment of the remaining USD 618,542.23, together with the interest accrued.
16. By 6 May 1998 the debtors, Generalexport and International CG as two successor companies of the original Genex company, appear to have fully complied with this order.
17. On 22 March 2004 the first applicant requested repossession of the casino and sought to be allowed to effectively manage it for a period of five years after reopening it.
18. Following three oral hearings, on 28 May 2004 the Commercial Court accepted this request and ordered the debtors to comply therewith.
19. On 30 November 2004 the Constitutional Court of the Republic of Serbia dismissed the applicants' motion to order the full and effective enforcement of the arbitration award, stating that it did not have the competence, ratione materiae, to consider complaints alleging individual human rights violations.
20. On 3 December 2004 the Commercial Court fined the debtors for their failure to comply with the repossession order and mandated repossession within an additional period of thirty days. Initially, the fine imposed was 45,000 Dinars (“RSD”) per debtor (approximately USD 770), but on 7 December 2004 this amount was reduced to RSD 20,000 each (approximately USD 340).
21. In 2005 the applicants filed a complaint with the Court of Serbia and Montenegro.
22. Between 25 May 2005 and 24 October 2006 the Commercial Court fined the debtors for their failure to comply with the repossession order on eight separate occasions. The fines imposed totalled RSD 320,000 (approximately USD 4,770).
23. On 24 October 2006 the Commercial Court terminated the enforcement by means of imposing fines, noting that the maximum statutory amount had been reached in accordance with the Enforcement Procedure Act.
24. On 4 December 2006 this decision was confirmed.
25. On 30 July 2007 the Commercial Court rejected the first applicant's subsequent request for it to impose additional fines on the debtors.
26. On 29 November 2007 this decision was confirmed.
27. On 10 March 2008 the Commercial Court noted that on 9 August 2007 the Privatisation Agency had ordered the restructuring of the debtors and stayed the enforcement proceedings until the conclusion of this process.
D. The annulment proceedings
28. In 1996 Genex instituted civil proceedings before the Commercial Court in Belgrade, seeking annulment of the arbitration award. Once again, it raised issues regarding the first applicant's status.
29. On 23 June 1997 the Commercial Court rejected this claim, as did the High Commercial Court on 25 May 1997 and, ultimately, the Supreme Court of Serbia on 24 December 1997, at third and final instance.
E. The attempts to reopen the annulment case
30. On 5 February 2002 Generalexport and International CG filed a request for the reopening of the annulment proceedings.
31. Following two remittals, on 4 October 2006 the Commercial Court rejected this request. In so doing, inter alia, it noted that the issues raised by the plaintiffs had already been considered, in one form or another, within the impugned annulment suit.
32. On 21 November 2007 the High Commercial Court confirmed this decision on appeal.
F. The first set of compensation proceedings
33. Following prior remittals, on 27 June 2001 the Commercial Court ruled partly in favour of the first applicant. Generalexport and International CG were thus ordered to pay a total of USD 4,333,333.16, plus interest, on account of the first applicant's inability to operate the casino between 1 April 1996 and 31 May 1998.
34. On 6 September 2001 the High Commercial Court upheld this judgment, and it thereby became enforceable.
35. On 30 January 2002 the Supreme Court reduced the amount awarded to USD 1,083,332, plus interest. It estimated the lost earnings only on the basis of the respondent's minimum annual profit, as stipulated in the joint venture agreement (see paragraph 9 above).
36. In the meantime, on 24 September 2001, the first applicant sought enforcement of the judgment rendered on 27 June 2001, by means of a bank account transfer.
37. On the same day the Commercial Court issued an enforcement order.
38. On 14 February 2002 the Commercial Court terminated the enforcement proceedings. In so doing, it noted that, notwithstanding the fact that the Supreme Court had subsequently reduced the compensation awarded to USD 1,083,332, plus interest, approximately USD 700,000 in excess of this amount had already been transferred to the first applicant's bank account.
G. The second set of compensation proceedings
39. Following prior remittals, on 3 March 2005, and as rectified on 8 September 2005, the Commercial Court ruled partly in favour of the first applicant. It thus ordered Generalexport and International CG to pay a total of USD 1,426,666.60, plus interest, on account of the first applicant's inability to operate the casino between 1 June 1998 and 1 April 2001. This time, the Commercial Court also estimated the lost earnings on the basis of Genex's minimum annual profit only, as stipulated in the joint venture agreement.
40. On 21 February 2006 the High Commercial Court upheld this judgment, and it thereby became enforceable.
41. On 27 June 2007 the Supreme Court rejected the appeals on points of law (revizije) filed by the parties.
42. In the meantime, on 24 March 2006, the first applicant sought enforcement of the judgment rendered on 3 March 2005 by means of a bank account transfer.
43. On 27 March 2006 the Commercial Court issued an enforcement order.
44. The enforcement proceedings would appear to be still pending.
H. The criminal proceedings
45. In January 2002 the Second Public Prosecutor's Office in Belgrade charged the second applicant with forgery. In particular, it was alleged that he had made fraudulent statements regarding the first applicant's status under Congolese law, and had forged several powers of attorney in order to get involved in the above proceedings.
46. On 17 January 2002 the second applicant was placed in pre-trial detention but by 22 February 2002 he was released.
47. On 9 July 2004 the Second Municipal Court in Belgrade terminated the criminal proceedings against the second applicant. It stated that the first applicant was indeed a registered entity under Congolese law, that the impugned powers of attorney were authentic, and that there was no evidence whatsoever indicating that the second applicant had committed a crime.
48. Additional criminal proceedings, concerning related “fraud and forgery issues”, were terminated on similar grounds by the District Court in Belgrade on 7 November 2003.
I. Other relevant facts
49. On an unspecified date the Hotel Intercontinental was renamed the Hotel Continental.
50. On 8 November 1994 the second applicant bought from G.J., at that time the first applicant's sole owner, “a part of the first applicant” consisting of all of its rights and pecuniary interests derived from the joint venture agreement of 12 October 1989. The second applicant thus became “the owner of this part of the company”, as well as the first applicant's “Director and President” in all matters related to Generalexport.
51. On 6 April 2002 the High Court in Kinshasa confirmed that, as of 19 May 1996, the second applicant held 25% of the first applicant's shares and was its Deputy General Manager.
52. The first applicant's Articles of Association, as certified in December 2002, reaffirmed the above and noted that the second applicant was indeed the first applicant's sole representative in respect of all matters concerning the joint venture in question.
53. On 21 December 2005 the Ministry of Finance issued a statement informing the public that an exclusive gambling licence had been granted to a company called Grand Casino. The licence had been issued for a period of ten years in respect of a casino to be located in Belgrade.
54. On 27 August 2007 the first applicant informed the Privatisation Agency about its outstanding claim in respect of Generalexport and International CG.
55. On 24 March 2008 the first applicant sent another warning letter to the Privatisation Agency.
56. On 29 April 2008, however, International CG, following a public competition organised by the Privatisation Agency, sold some of its real estate to NBGP Properties. One of the buildings sold was the Hotel Continental. Article 8.1.2 of the sales contract provided, inter alia, that the buyer shall not, within a period of seven years, be entitled to mortgage or otherwise burden the hotel, unless it obtains prior written authorisation to this effect from the Privatisation Agency.
57. Despite the restructuring and sale of some of their assets, Generalexport and International CG are themselves still socially-owned companies.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
A. Enforcement Procedure Act 2000 (Zakon o izvršnom postupku; published in the Official Gazette of the Federal Republic of Yugoslavia - OG FRY - nos. 28/00, 73/00 and 71/01)
58. Article 4 § 1 provides that enforcement proceedings are urgent.
59. Articles 16 and 17 § 1 explicitly recognise arbitration awards as valid legal bases for the formal institution of enforcement proceedings.
60. Article 23 states that enforcement proceedings shall also be carried out at the request of a claimant not specifically named as the creditor in the final court decision, providing the former can prove, by means of an “official or another legally certified document”, that the entitlement in question has subsequently been transferred to it from the original creditor. This provision shall, mutatis mutandis, also be applied in respect of a debtor who has not been specifically named as such in the final court decision at issue.
61. Articles 202-207 regulate enforcement in situations where a debtor's compliance is required: in particular, where a debtor has been ordered to perform a certain action, desist therefrom or accede thereto. The system provides for the successive imposition of fines up to a certain maximum which, if the debtor happens to be a natural person and the fines cannot be enforced, may ultimately be converted into a number of prison days.
B. Enforcement Procedure Act 2004 (Zakon o izvršnom postupku; published in the Official Gazette of the Republic of Serbia - OG RS - no. 125/04)
62. The substance of Article 37 of this Act corresponds, in the relevant part, to that of Article 23 of the Enforcement Proceedings Act 2000 referred to above.
63. The Enforcement Procedure Act 2004 entered into force on 23 February 2005, thereby repealing the Enforcement Procedure Act 2000. In accordance with Article 304, however, all enforcement proceedings instituted prior to 23 February 2005 are to be concluded pursuant to the 2000 legislation.
C. Civil Procedure Act (Zakon o parničnom postupku; published in the Official Gazette of the Socialist Federal Republic of Yugoslavia - OG SFRY - nos. 4/77, 36/77, 6/80, 36/80, 43/82, 72/82, 69/82, 58/84, 74/87, 57/89, 20/90, 27/90, 35/91 and OG FRY nos. 27/92, 31/93, 24/94, 12/98, 15/98 and 3/02)
64. Pursuant to Article 483 § 1, an arbitration award has the force of a final judgment in respect of the parties to the proceedings, unless the arbitration agreement itself provides for an appeal to a higher instance.
65. Articles 484, 485 and 486 set out the deadlines and the specific grounds for the annulment of an arbitration award, which can only be sought through the institution of a separate civil suit before a “regular” court of law.
D. Arbitration Act (Zakon o arbitraži; published in the OG RS no. 46/06)
66. Article 64 § 1 provides that a domestic arbitration award shall have the force of a final domestic judgment and shall be enforceable.
67. This Act entered into force in June 2006 and thereby repealed the above-cited provisions of the Civil Procedure Act.
E. Privatisation Act (Zakon o privatizaciji, published in OG RS nos. 38/01, 18/03, 45/05 and 123/07)
68. Articles 19-20e set out the details as regards the restructuring of companies about to be privatised. This restructuring, however, is optional and a company may be sold without having been restructured if the Privatisation Agency so decides.
69. Article 20ž provides, inter alia, that all enforcement proceedings instituted in respect of companies undergoing restructuring shall be stayed until the conclusion of this process.
F. The status of socially-owned companies (pravni položaj društvenih preduzeća)
70. The relevant provisions of this legislation are set out in the R. Kačapor and Others v. Serbia judgment (nos. 2269/06, 3041/06, 3042/06, 3043/06, 3045/06 and 3046/06, §§ 68-76, 15 January 2008).
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1
71. The applicants complained under Article 1 of Protocol No. 1 about the partial non-enforcement of the arbitration award rendered on 10 April 1996.
Article 1 of Protocol No. 1 reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his [or her] possessions. No one shall be deprived of his [or her] possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
1. As regards the second applicant
72. The Government maintained that the second applicant's complaints were not compatible ratione personae with the provisions of the Convention or Protocol No. 1 thereto. In particular, the arbitration award conferred no entitlement on the second applicant personally, he was not formally a party to any of the proceedings and, lastly, he held less than 50% of the first applicant's shares.
73. The second applicant maintained that he was a victim within the meaning of Article 34 of the Convention.
74. The Court notes that notwithstanding the fact that the second applicant owns only 25% of the first applicant (see paragraph 51 above) and that the arbitration award has indeed been rendered in favour of the first applicant only, on 8 November 1994 the former bought from G.J., at that time the first applicant's sole owner, a stake in the first applicant consisting of all of its rights and pecuniary interests derived from the joint venture agreement of 12 October 1989 (see paragraph 50 above). It follows that, when it comes to issues related to this agreement, including the partial non-enforcement of the arbitration award adopted in this connection, the applicants are so closely identified with each other that it would be artificial to distinguish between them (see, mutatis mutandis, Pine Valley Developments Ltd and Others v. Ireland, 29 November 1991, § 42, Series A no. 222; Eugenia Michaelidou Developments Ltd and Michael Tymvios v. Turkey, no. 16163/90, § 21, 31 July 2003). The Court therefore, whilst recalling the general principles outlined in the Agrotexim judgment (see Agrotexim and Others v. Greece, 24 October 1995, § 66, Series A no. 330-A), considers that, in the specific circumstances of the present case and particularly given the confounding of its contractual and corporate aspects, the second applicant's complaints are compatible ratione personae with the provisions of Protocol No. 1. The Government's objection hence must be rejected.
2. As regards the first applicant
(a) Compatibility ratione personae
75. The Government noted that the first applicant had been “fully compensated” for the partial non-enforcement of the arbitration award. It was therefore no longer a “victim”, within the meaning of Article 34 of the Convention.
76. The first applicant stated that it had never received any compensation from or acknowledgment by the State in respect of the violation suffered, whilst the compensation awarded against the debtors was inadequate.
77. The Court recalls that a decision or a measure favourable to the applicant is not in principle sufficient to deprive that individual of the status of victim unless the national authorities have acknowledged, either expressly or in substance, and then afforded redress for the breach of the Convention or Protocol complained of (see, for example, Dalban v. Romania [GC], no. 28114/95, § 44, ECHR 1999-VI).
78. As regards the present case and quite apart from the compensation issue, it is noted that the Government have never acknowledged the violation alleged by the first applicant. The Court therefore finds that the latter has retained its victim status and dismisses the Government's objection in this respect.
(b) Exhaustion of domestic remedies
79. The Government further argued that the first applicant had failed to exhaust effective domestic remedies within the meaning of Article 35 § 1 of the Convention. However, the Court has rejected similar arguments in many previous cases (see, for example, V.A.M. v. Serbia, no. 39177/05, §§ 86, 87 and 119, 13 March 2007, as well as Cvetković v. Serbia, no. 17271/04, § 42, 10 June 2008) and finds no particular circumstances in the present case which would require a departure from this jurisprudence.
3. Conclusion
80. The Court notes that the applicants' complaints are not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that they are not inadmissible on any other ground. They must therefore be declared admissible.
B. Merits
81. The Government maintained that there had been no violation of Article 1 of Protocol No. 1 as the Serbian authorities did everything in their power to fully enforce the arbitration award.
82. The applicants reaffirmed their complaint and emphasised that the present case should be seen in the context of political pressure being brought to bear on the domestic judiciary, as well as the general absence of the rule of law in Serbia.
83. The Court notes that a “claim” can constitute a “possession”, within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1, if it is sufficiently established to be enforceable (see Burdov v. Russia, no. 59498/00, § 40, ECHR 2002-III). It further recalls that it is the State's responsibility to make use of all available legal means at its disposal in order to enforce a binding arbitration award providing it contains a sufficiently established claim amounting to a possession (see, mutatis mutandis, Stran Greek Refineries and Stratis Andreadis v. Greece, 9 December 1994, §§ 61 and 62, Series A no. 301-B). Finally, the State must make sure that the execution of such an award is carried out without undue delay and that the overall system is effective both in law and in practice (see Marčić and Others v. Serbia, no. 17556/05, § 56, 30 October 2007).
84. Turning to the present case, it is firstly noted that the claim established in the arbitration award undisputedly amounts to a possession within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1. Secondly, on 7 June 1996 the Commercial Court ordered the enforcement of this award in its entirety. Thirdly, by 6 May 1998 the debtors had paid the compensation awarded. Fourthly, in an attempt to secure enforcement of the remainder of the award, by 24 October 2006 the Commercial Court had imposed the maximum amount of fines legally possible. Fifthly, it would appear that there were no attempts to fully enforce the award thereafter, the apparent reason for this being that, since the debtors themselves were corporate entities, there were simply no other legal means available whereby their compliance could be secured (see paragraph 61 above). Sixthly, on 10 March 2008 the enforcement proceedings were stayed until the conclusion of the debtors' restructuring. Lastly, Serbia ratified Protocol No. 1 on 3 March 2004, meaning that the impugned enforcement proceedings have been within the Court's competence ratione temporis for a period of more than five years and ten months.
85. In view of the above, the Serbian authorities have thus clearly not taken the necessary measures to fully enforce the arbitration award in question and have not provided any convincing reasons for that failure. Accordingly, there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION AS REGARDS THE PARTIAL NON-ENFORCEMENT
86. Having regard to its finding above in respect of Article 1 of Protocol No. 1, the Court does not find it necessary to examine separately the same issue under Article 6 § 1 of the Convention (see, for example, Ilić v. Serbia, no. 30132/04, § 95, 9 October 2007; Bijelić v. Montenegro and Serbia, no. 11890/05, § 88, 28 April 2009).
III. OTHER ALLEGED VIOLATIONS
87. The applicants also complained, under Article 6 § 1 of the Convention, about the failure of the domestic courts in charge of the annulment suit, as well as the applicants' request to have this suit reopened, to respect the res iudicata effects of the arbitration award in question.
88. The Court notes that the annulment proceedings ended on 24 December 1997, when the plaintiffs' claim was rejected by the Supreme Court at third instance. Since Serbia ratified the Convention on 3 March 2004, any complaints in this respect are incompatible ratione temporis with the Convention, within the meaning of Article 35 § 3, and must be rejected in accordance with Article 35 § 4.
89. As regards the request for the reopening of the annulment suit, the Court recalls that Article 6 does not apply to proceedings which concern attempts to reopen a case already resolved by means of a final court judgment (see, mutatis mutandis, Surmont and De Meurechy and Others v. Belgium, nos. 13601/88 and 13602/88, Commission decision of 6 July 1989, Decisions and Reports (DR) 62, pp. 284-291). It follows that this part of the application is incompatible ratione materiae with the provisions of the Convention, within the meaning of Article 35 § 3, and must likewise be rejected in accordance with Article 35 § 4.
90. Lastly, under Article 13 of the Convention, the applicants essentially rephrased their complaints about the respondent State's failure to fully enforce the arbitration award in question. Since the Court has already considered this complaint under Article 1 of Protocol No. 1 and, having regard to its findings under this latter provision, it does not find it necessary to examine separately the same issue under Article 13 of the Convention (see, mutatis mutandis, Ilić v. Serbia, cited above, § 106; Kirilova and Others v. Bulgaria, nos. 42908/98, 44038/98, 44816/98 and 7319/02, §§ 125-127, 9 June 2005).
IV. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
91. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
92. The first applicant requested the immediate and full execution of the arbitration award of 10 April 1996. Alternatively, as regards lost earnings, it claimed USD 166,666.64 monthly as of 1 April 1996 until the present day. The first applicant also argued that the compensation subsequently awarded against Generalexport and International CG in this respect was inadequate as the domestic courts did not apply the Arbitration Court's method of calculating the loss suffered (see paragraph 12 above). Finally, the first applicant claimed an additional USD 566,724.80 for the reduction of the value of its equipment invested in the casino and USD 100,000 for non-pecuniary damage.
93. The second applicant claimed pecuniary damage in the amount of USD 120,000, that being the interest which he had allegedly paid on the money borrowed to secure his family's sustenance and maintain the first applicant's liquidity. The second applicant further claimed USD 200,000 for his mental anguish.
94. The Government reaffirmed that the first applicant had been awarded compensation for the partial non-enforcement of the arbitration award, i.e. the five years of lost earnings, which is why its claim in this respect should be rejected. As regards the remainder of the applicants' claims, the Government described them as unsubstantiated or excessive.
95. The Court accepts that the applicants have suffered some non-pecuniary damage which would not be sufficiently compensated by the finding of the violation alone. Making its assessment on an equitable basis and having regard to the circumstances of the case, as well as its prior holding that the applicants are so closely identified with each other that it would be artificial to distinguish between them (see paragraph 74 above), the Court awards them jointly EUR 8.000 under this head.
96. Concerning the lost earnings sought by the first applicant, it is noted that: (a) the unenforced part of the arbitration award provides that the first applicant be allowed to retake possession of the casino in question and to effectively manage its operation for a period of five years; (b) the enforcement thereof would either no longer be possible or would disproportionally interfere with the rights of third parties (see paragraphs 53, 56 and 61 above); (c) the final judgments in the subsequent compensation suits had indeed awarded the first applicant some damages for the lost earnings between 1 April 1996 and 1 April 2001 (see paragraphs 33-44 above); (d) this Court is not best placed to assesses the amount of these damages; (e) in any event, the domestic courts' reasoning does not disclose any arbitrariness and these courts were not formally bound by the earlier method of calculating the loss employed by the Arbitration Court; and (f) Generalexport and International CG are socially-owned companies (see paragraph 57 above), meaning that the State is responsible for honouring their debts established by means of a final court judgment (see R. Kačapor and Others v. Serbia, cited above; see also Crnišanin and Others v. Serbia, nos. 35835/05, 43548/05, 43569/05 and 36986/06, 13 January 2009).
97. Having regard to these circumstances and given the violation found in the present case, as well as its holding in paragraph 74 above, the Court considers that the Government must, from their own funds, pay the applicants, jointly, the sums awarded in the final, compensation-related, judgments at issue (see paragraphs 35 and 39 above), less any and all payments received by them on those bases in the meantime (see, mutatis mutandis, R. Kačapor and Others v. Serbia, §§ 123-126, and Crnišanin and Others v. Serbia, §§ 137-139, both cited above).
98. As regards the remainder of the applicants' pecuniary damage claims, however, the Court notes that the arbitration award had not ordered payment of any damages concerning the alleged loss of value of the first applicant's equipment invested in the casino or, for that matter, of any compensation for the interest paid on the money borrowed by the second applicant. Furthermore, unlike the matter of the lost earnings and according to the information contained in the case file, the applicants themselves had never brought a separate civil action in either regard. Their remaining pecuniary damage claims must therefore be rejected.
B. Costs and expenses
99. The first applicant also claimed a total of USD 396,479.60 for the costs and expenses incurred domestically, as well as those incurred in connection with its Strasbourg application.
100. The Government contested these claims.
101. According to the Court's case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and were also reasonable as to their quantum. In the present case, regard being had to the documents in its possession and the above criteria, the Court considers it reasonable to award the first applicant the sum of EUR 30,000, covering costs under all heads.
C. Default interest
102. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the complaints under Article 1 of Protocol No. 1 concerning the partial non-enforcement of the arbitration award admissible, whilst finding that there is no need to examine separately complaints made to the same effect under Articles 6 § 1 and 13 of the Convention;
2. Declares the remainder of the application inadmissible;
3. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 as regards the partial non-enforcement of the arbitration award;
4. Holds
(a) that the respondent State shall, from its own funds and within three months as of the date on which this judgment becomes final, in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, pay the applicants jointly the sums awarded in the final, compensation-related, domestic judgments rendered after the adoption of the arbitration award, on 30 January 2002, 3 March 2005 and 8 September 2005, less any and all associated payments received by the latter in the meantime;
(b) that the respondent State is also, within the same period, to pay:
(i) the applicants jointly EUR 8,000 (eight thousand euros), plus any tax that may be chargeable, for the non-pecuniary damage suffered;
(ii) the first applicant only EUR 30,000 (thirty thousand euros), plus any tax that may be chargeable to it, for costs and expenses;
(c) that the sums specified under (b) above shall be converted into the national currency of the respondent State at the rate applicable at the date of settlement;
(d) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the amounts specified under (b) above at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
5. Dismisses the remainder of the applicants' claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 20 April 2010, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Sally Dollé Françoise Tulkens
Registrar President


TESTO TRADOTTO

Conclusione Eccezioni preliminari respinte (ratione personae, non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali); Resto inammissibile; Violazione di P1-1; danno Patrimoniale - rivendicazione respinta; danno Non-patrimoniale - assegnazione
SECONDA SEZIONE
CAUSA KIN-STIB E MAJKIĆ C. SERBIA
(Richiesta n. 12312/05)
SENTENZA
STRASBOURG
20 aprile 2010
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nrll’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Kin-Stib e Majkić c. Serbia,
La Corte europea dei Diritti umani (Seconda Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Françoise Tulkens, Presidente, Ireneu Cabral Barreto, Vladimiro Zagrebelsky, Danutė Jočienė, Dragoljub Popović, András Sajó, Nona Tsotsoria, giudici,
e da Sally Dollé, Cancelliere di Sezione,
Avendo deliberato in privato il 30 marzo 2010,
Consegna la seguente sentenza sulla che adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 12312/05) contro l'Unione Statale della Serbia e del Montenegro depositata presso la Corte, sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”), da K.-S., una società a responsabilità limitata con sede nella Repubblica Democristiana del Congo (in seguito “il primo richiedente”), e, a quel tempo, da un cittadino dell'Unione Statale della Serbia e del Montenegro il Sig. M. M. (in seguito “il secondo richiedente”), l 6 aprile 2005.
2. Entrambi i richiedenti furono rappresentati dal Sig. C. L., un avvocato che pratica a Vienna, Austria. Il Governo dell'Unione Statale della Serbia e del Montenegro e, successivamente, il Governo della Serbia (“il Governo”) fu rappresentato dal suo Agente, il Sig. S. Carić.
3. I richiedenti addussero che loro avevano sofferto di violazioni degli Articoli 6 § 1 e 13 della Convenzione, così come una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, a causa della non-esecuzione parziale di un'assegnazione di arbitrato, resa a loro favore.
4. Il 4 maggio 2006 la Corte decise di dare avviso della richiesta al Governo. Applicando l’articolo29 § 3 della Convenzione, decise di decidere sull'ammissibilità e sui meriti della richiesta allo stesso tempo.
5. Il 3 giugno 2006, in seguito alla dichiarazione di indipendenza del Montenegro , la Serbia rimase la sola convenuta nei procedimenti di fronte alla Corte.
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
6. I fatti della causa, come presentati dalle parti, possono essere riassunti come segue.
A. Background attinente alla causa dei richiedenti
7. Il 12 ottobre 1989 il primo richiedente concluse un accordo di joint venture con “l'Albergo Belgrade Intercontinental”, riguardo alla creazione e alla gestione di un casinò nei suoi locali.
8. A quel tempo, il detto albergo era posseduto dalla “Generalexport” (in seguito “Genex”), una principale società “socialmente-posseduta” (vedere paragrafo 70 sotto) con un fatturato annuale in positivo di sette miliardi di Dollari degli Stati Uniti (“USD”).
9. L’Articolo 12 dell'accordo di joint venture prevedeva che al primo richiedente fosse concesso di percepire l’ 80% di qualsiasi guadagno fatto come parte della joint venture del casinò in oggetto, mentre la Genex aveva diritto a percepire il rimanente a riguardo del 20%. Comunque, l’Articolo 19 dell'accordo affermò che la Genex poteva in qualsiasi caso, beneficiare come guadagno minimo garantito un pagamento di non meno di USD 500.000 annuali da parte del primo richiedente.
10. Il casinò aprì nell’ ottobre 1990. Entro il 1993, comunque chiuse a causa delle varie difficoltà finanziarie, e ne seguì un numero di controversie fra le parti.
B. I procedimenti di arbitrato
11. Nel 1995 il primo richiedente introdusse procedimenti contro la Genex di fronte al Tribunale arbitrale del Commercio estero della Camera iugoslava del Commercio (in seguito “il Tribunale arbitrale”), chiedendo l’ acquisizione del casinò così come il risarcimento per violazione di contratto.
12. Il 10 aprile 1996 il Tribunale arbitrale, avendo chiarito i problemi riguardo allo status del primo richiedente, decise in parte a suo favore. Specificamente, alla Genex fu ordinato: (a) pagare il risarcimento nell'importo di USD 1,999, 992 più il 6% interesse, a causa dell'incapacità del primo richiedente di far funzionare il casinò in oggetto fra il1 aprile 1995 e il 31 marzo 1996; (b) permettere al primo richiedente di riprendere la proprietà di questo; e (c) gestire efficacemente la sua operazione per cinque anni dopo la riapertura. Si arrivò alla somma di USD 1,999,992, cioè USD 166,666 mensili, moltiplicando i guadagni minimi annuali della Genex sulla base della percentuale convenuta (vedere paragrafo 9 sopra).
C. I procedimenti di esecuzione
13. Il 7 giugno 1996 il Tribunale di commercio a Belgrado ordinò l'esecuzione dell'assegnazione dell’ arbitrato del 10 aprile 1996, nella sua interezza.
14. In seguito a molte sospensioni ed aggiornamenti, il 15 ottobre 1997 la Banca Nazionale dell'Iugoslavia informò il Tribunale del commercio che USD 1,672,437.06 erano stati trasferiti sul conto bancario del primo richiedente.
15. Il 4 maggio 1998 il Tribunale del commercio ordinò il pagamento degli USD 618,542.23 rimanenti, insieme con l'interesse accumulato.
16. Entro il 6 maggio 1998 le debitrici, Generalexport e Internazional CG come due società succedute alla società Genex originale, sembrano essersi attenute pienamente a questo ordine.
17. Il 22 marzo 2004 il primo richiedente richiese il riacquisto del casinò e cercò di ottenere il consenso di gestirlo efficacemente per un periodo di cinque anni dopo la riapertura.
18. In seguito a tre udienze orali, il 28 maggio 2004 il Tribunale del commercio accettò questa richiesta ed ordinò alle società debitrici di attenersi a questa.
19. Il 30 novembre 2004 la Corte Costituzionale della Repubblica della Serbia respinse l'istanza dei richiedenti per ordinare la piena ed effettiva esecuzione dell'assegnazione di arbitrato, affermando che non aveva la competenza, ratione materiae, di considerare le azioni di reclamo che adducevano violazioni di diritti umani individuali.
20. Il 3 dicembre 2004 il Tribunale del commercio multò le debitrici per la loro inosservanza dell'ordine di riacquisto e riacquisto affidato entro un periodo supplementare di trenta giorni. Inizialmente, la multa imposta era 45,000 Dinar (“RSD”) per ciascuna debitrice (circa USD 770), ma il 7 dicembre 2004 questo importo fu ridotto a RSD 20,000 ciascuno (circa USD 340).
21. Nel 2005 i richiedenti introdussero un'azione di reclamo presso la Corte della Serbia e del Montenegro.
22. Fra il 25 maggio 2005 ed il 24 ottobre 2006 il Tribunale di commercio multò le debitrici per la loro inosservanza dell'ordine di riacquisto in otto occasioni separate. Le multe imposte avevano un totale di RSD 320,000 (circa USD 4,770).
23. Il 24 ottobre 2006 il Tribunale del commercio terminò l'esecuzione tramite l’imposizione di multe, notando che era stato giunto il massimo dell’ importo legale in conformità con l'Atto della Procedura d'Esecuzione.
24. Il 4 dicembre 2006 questa decisione fu confermata.
25. Il 30 luglio 2007 il Tribunale del commercio respinse la susseguente richiesta del primo richiedente di imporre multe supplementari ai debitori.
26. Il 29 novembre 2007 questa decisione fu confermata.
27. Il 10 marzo 2008 il Tribunale del commercio notò che il 9 agosto 2007 l’ AGENZIA di Privatizzazione aveva ordinato la ristrutturazione dei debitori ed aveva sospeso i procedimenti di esecuzione sino alla conclusione di questo processo.
D. I procedimenti di annullamento
28. Nel 1996 la Genex avviò procedimenti civili di fronte al Tribunale del commercio a Belgrado, chiedendo l’annullamento dell'assegnazione di arbitrato. Ancora una volta, sollevò problemi riguardo allo status del primo richiedente.
29. Il 23 giugno 1997 il Tribunale del commercio respinse questa rivendicazione, come face l’Alto Tribunale del commercio il 25 maggio 1997 e, ultimamente, la Corte Suprema della Serbia il 24 dicembre 1997, nella terza e definitiva istanza.
E. I tentativi di riaprire la causa di annullamento
30. Il5 febbraio 2002 la Generalexport e International CG introdussero una richiesta per la riapertura dei procedimenti di annullamento.
31. In seguito a due rinvii, il 4 ottobre 2006 il Tribunale di commercio respinse questa richiesta. Nel fare così, inter alia, notò che i problemi sollevati dai querelanti erano già stati considerati, in una forma o in un’altra, all'interno della causa di annullamento contestata.
32. Il 21 novembre 2007 l’ Alto Tribunale del commercio confermò questa decisione su ricorso.
F. Il primo set di procedimenti di risarcimento
33. In seguito a precedenti invii, il 27 giugno 2001 il Tribunale del commercio ha deciso in parte a favore del primo richiedente. Alla Generalexport e all’International CG fu così ordinato di pagare un totale di USD 4,333,333.16, più interesse, a causa dell'incapacità del primo richiedente di far funzionare il casinò fra il1 aprile 1996 e il 31 maggio 1998 .
34. Il 6 settembre 2001 l’ Alto Tribunale del commercio sostenne questa sentenza, e divenne con ciò esecutiva.
35. Il 30 gennaio 2002 la Corte Suprema ridusse l'importo assegnato a USD 1,083,332, più interesse. Valutò solamente i guadagni perduti sulla base del guadagno minimo annuale del convenuto, come convenuto nell'accordo di joint venture (vedere paragrafo 9 sopra).
36. Il 24 settembre 2001, il primo richiedente chiese nel frattempo, l’esecuzione della sentenza resa il 27 giugno 2001, tramite un trasferimento di conto bancario.
37. Lo stesso giorno il Tribunale del commercio emise un ordine di esecuzione.
38. Il 14 febbraio 2002 il Tribunale del commercio terminò i procedimenti di esecuzione. Nel fare così, notò, che, nonostante il fatto che la Corte Suprema avesse ridotto successivamente il risarcimento assegnato a USD 1,083,332, più interesse, circa USD 700,000 in eccesso di questo importo erano già stati trasferiti sul conto bancario del primo richiedente.
G. Il secondo set di procedimenti di risarcimento
39. In seguito a precedenti rinvii, il 3 marzo 2005, e come rettificato l’8 settembre 2005, il Tribunale del commercio decise in parte a favore del primo richiedente. Ordinò così che la Generalexport e l’International CG pagassero un totale di USD 1,426,666.60, più interesse, a causa dell'incapacità del primo richiedente di gestire il casinò fra il 1 giugno 1998 e il 1 aprile 2001. Questa volta, il Tribunale del commercio valutò anche i guadagni perduti solo sulla base del profitto minimo annuale della Genex, come convenuto nell'accordo di joint venture.
40. Il 21 febbraio 2006 l’Alto Tribunale del commercio sostenne questa sentenza, e divenne con ciò esecutiva.
41. Il 27 giugno 2007 la Corte Suprema respinse i ricorsi sulle questioni di diritto (revizije) introdotti dalle parti.
42. Il 24 marzo 2006 il primo richiedente chiese nel frattempo, l’esecuzione della sentenza resa il 3 marzo 2005 tramite un trasferimento di conto bancario.
43. Il 27 marzo 2006 il Tribunale del commercio emise un ordine di esecuzione.
44. I procedimenti di esecuzione sembrerebbero ancora pendenti.
H. I procedimenti penali
45. Nel gennaio 2002 l'Ufficio del Secondo Accusatore Pubblico a Belgrado accusò il secondo richiedente di falsificazione. In particolare, addusse che lui aveva fatto dichiarazioni fraudolente riguardo allo status del primo richiedente sotto la legge congolese, ed aveva contraffatto molte procure per essere coinvolto nei procedimenti sopra.
46. Il 17 gennaio 2002 il secondo richiedente fu messo in detenzione in attesa di processo ma entro il 22 febbraio 2002 è stato rilasciato.
47. Il 9 luglio 2004 la Seconda Corte Municipale a Belgrado terminò i procedimenti penali contro il secondo richiedente. Affermò che il primo richiedente era davvero un'entità registrata sotto la legge congolese, che le procure contestate erano autentiche, e che non c'era nessuna prova qualsiasi che indicasse che il secondo richiedente aveva commesso un reato.
48. Dei procedimenti penali supplementari, riguardando le relative questioni di “frode e falsificazione”, furono terminati per motivi simili dalla Corte distrettuale a Belgrado il 7 novembre 2003.
I. Altri fatti attinenti
49. In una data non specificata fu cambiato il nome dell'Albergo Intercontinental in Albergo Continental.
50. L’ 8 novembre 1994 il secondo richiedente comprò da G.J., a quel tempo il solo proprietario del primo richiedente, “una parte del primo richiedente” consistente in tutti i suoi diritti ed interessi patrimoniali derivati dall'accordo di joint venture del 12 ottobre 1989. Il secondo richiedente divenne così “il proprietario di questa parte della società”, così come il primo richiedente “Direttore e Presidente” in tutte le questioni riferite alla Generalexport.
51. Il 6 aprile 2002 l’ Alta Corte a Kinshasa confermò che, dal 19 maggio 1996, il secondo richiedente deteneva il 25% delle quote del primo richiedente ed era il suo Direttore Generale Aggiunto.
52. Le Norme dell’ Associazione del primo richiedente, come certificato nel dicembre 2002, riaffermavano quanto detto sopra e specificavano che il secondo richiedente era davvero il solo rappresentante del primo richiedente a riguardo di tutte le questioni riguardo alla joint venture in oggetto.
53. Il 21 dicembre 2005 il Ministero delle Finanze ha emesso una dichiarazione che informava il pubblico che una licenza di gioco d'azzardo esclusiva era stata accordata ad una società chiamata Grand Casinò. La licenza era stata emessa per un periodo di dieci anni a riguardo di un casinò da ubicare a Belgrado.
54. Il 27 agosto 2007 il primo richiedente informò l’ AGENZIA di Privatizzazione del suo credito arretrato a riguardo della Generalexport e dell’International CG.
55. Il 24 marzo 2008 il primo richiedente spedì un'altra lettera di avvertimento all’ AGENZIA di Privatizzazione.
56. Il 29 aprile 2008, l’International CG, in seguito ad una gara pubblica organizzata dall’ AGENZIA di Privatizzazione vendette comunque, alcuni dei sui beni immobili alla NBGP Properties. Uno degli edifici venduto era l'Albergo Continental. L’Articolo 8.1.2 dei contratti di vendite prevedeva, inter alia che l'acquirente non potesse, entro un periodo di sette anni avere il diritto di ipotecare o gravare altrimenti l'albergo, a meno che non ottenesse un’antecedente autorizzazione scritta a questo effetto dall’ AGENZIA di Privatizzazione.
57. Nonostante la ristrutturazione e la vendita di alcuni dei loro beni, la Generalexport e l’International CG sono ancora, società socialmente-possedute.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
A. Atto della Procedura di Esecuzione del 2000 (Zakon o izvršnom postupku; pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Federale della Iugoslavia - OG Fry - N. 28/00, 73/00 e 71/01)
58. L’Articolo 4 § 1 prevede che i procedimenti di esecuzione sono urgenti.
59. Gli Articoli 16 e 17 § 1 riconoscono esplicitamente delle assegnazioni di arbitrato come basi legali valide per l'istituzione formale di procedimenti di esecuzione.
60. L’ Articolo 23 enuncia che i procedimenti di esecuzione saranno eseguiti su richiesta di un rivendicatore anche non specificamente denominati creditore nella decisione definitiva di corte, prevedendo che il primo può provare, tramite un “un documento ufficiale o in altro modo certificato legalmente ”, che il diritto in oggetto è stato trasferito successivamente a questo dal creditore originale. Questa disposizione può, mutatis mutandis, anche essere applicata a riguardo di un debitore che non è stato chiamato specificamente come tale nella decisione definitiva di corte in questione.
61. Gli Articoli 202-207 regolano l’esecuzione in situazioni in cui l'ottemperanza di un debitore è richiesta: in particolare, dove ad un debitore è stato ordinato di compiere una certa azione, di desistere da questa o d procedere con questa. Il sistema prevede l'imposizione successiva di multe fino ad un certo massimo che, se accade che debitore sia una persona fisica e le multe non possono essere eseguite, possono essere convertite ultimamente in un certo numero di giorni di prigione.
B. Atto di Procedura d’Esecuzione del 2004 (Zakon o izvršnom postupku; pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica della Serbia - OG RS - n. 125/04)
62. La sostanza dell’ Articolo 37 di questo Atto corrisponde, nella parte attinente, a quella dell’Articolo 23 dell’Atto della Procedura di Esecuzione del 2000 a cui si è fatto riferimento sopra.
63. L'Atto di Procedura d’Esecuzione del 2004 è entrato in vigore il 23 febbraio 2005, abrogando con ciò l'Atto di Procedura d’ Esecuzione del 2000. In conformità con l’Articolo 304, comunque tutti i procedimenti di esecuzione avviati prima del 23 febbraio 2005 saranno conclusi facendo seguito alla legislazione del 2000.
C. Atto di Procedura Civile (Zakon o parničnom postupku; pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Federale e Socialista della Iugoslavia - OG SFRY - N. 4/77, 36/77, 6/80, 36/80, 43/82, 72/82, 69/82, 58/84, 74/87, 57/89, 20/90, 27/90, 35/91 ed OG Fry N. 27/92, 31/93 24/94, 12/98 15/98 e 3/02)
64. Facendo seguito all’ Articolo 483 § 1, un'assegnazione di arbitrato ha il vigore di una sentenza definitiva a riguardo delle parti ai procedimenti, a meno che l'accordo di arbitrato stesso preveda un ricorso ad un'istanza più alta.
65. Gli Articoli 484, 485 e 486 stabiliscono il termine massimo e gli specifici motivi per l'annullamento di un'assegnazione di arbitrato che può essere chiesta solamente tramite l'istituzione di un causa civile separata di fronte ad una corte di legge “regolare”.
D. Atto dell’Arbitrato Atto (Zakon o arbitraži;pubblicato sull'OG RS n. 46/06)
66. L’ Articolo che 64 § 1 prevede che un'assegnazione di arbitrato nazionale avrà il vigore di una sentenza definitiva nazionale e sarà esecutiva.
67. Questo Atto entrò in vigore nel giugno 2006 e con ciò abrogò le disposizioni sopra-citate dell’Atto di Procedura Civile.
E. Atto di Privatizzazione (Zakon o privatizaciji, pubblicato sull’ OG RS N. 38/01, 18/03 45/05 e 123/07)
68. Gli Articoli 19-20e stabiliscono i dettagli o alla ristrutturazione di società da privatizzare. Comunque, questa ristrutturazione è opzionale ed una società può essere venduta senza essere stata ristrutturata se l’ AGENZIA di Privatizzazione decide così.
69. L’ Articolo 20ž prevede, inter alia che tutti i procedimenti di esecuzione avviati a riguardo di società che subiscono una ristrutturazione saranno sospesi sino alla conclusione di questo processo.
F. Lo status delle società socialmente-possedute (pravni položaj društvenih preduzeća)
70. Le disposizioni attinenti di questa legislazione sono esposte nella sentenza R. Kačapor ed Altri c. Serbia (N. 2269/06, 3041/06 3042/06, 3043/06 3045/06 e 3046/06, §§ 68-76 del 15 gennaio 2008).
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1
71. I richiedenti si lamentarono sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 della non-esecuzione parziale dell'assegnazione di arbitrato resa il 10 aprile 1996.
L’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 recita come segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Ammissibilità
1. Riguardo al secondo richiedente
72. Il Governo sostenne che le azioni di reclamo del secondo richiedente non erano compatibili ratione personae con le disposizioni della Convenzione o del Protocollo N.ro 1 inoltre. In particolare, l'assegnazione di arbitrato non conferiva personalmente un diritto sul secondo richiedente, lui non era formalmente una parte a qualsiasi dei procedimenti e, lui deteneva infine meno del 50% delle quote del primo richiedente.
73. Il secondo richiedente sostenne di essere vittima all'interno del significato dell’ Articolo 34 della Convenzione.
74. La Corte nota che nonostante il fatto che il secondo richiedente possedesse solamente il 25% del primo richiedente (vedere paragrafo 51 sopra) e che l'assegnazione di arbitrato è stata resa davvero solamente a favore del primo richiedente, l’8 novembre 1994 il primo comprò da G.J., a quel tempo il solo proprietario del primo richiedente, un pacchetto azionario nel primo richiedente che consisteva di tutti i suoi diritti ed interessi patrimoniali derivati dall'accordo di joint venture del 12 ottobre 1989 (vedere paragrafo 50 sopra). Ne segue che, quando si parla di problemi riferiti a questo accordo, incluso la non-esecuzione parziale dell'assegnazione di arbitrato adottata in questo collegamento, i richiedenti sono identificati così da vicino l'uno con l'altro che sarebbe artificiale distinguere fra loro (vedere, mutatis mutandis, Pine Valley Developments Ltd ed Altri c. Irlanda, 29 novembre 1991, § 42 Serie A n. 222; Eugenia Michaelidou Developments Ltd e Michael Tymvios c. Turchia, n. 16163/90, § 21 del 31 luglio 2003). La Corte perciò, richiamando i principi generali delineati nella sentenza Agrotexim (vedere Agrotexim ed Altri c. Grecia, 24 ottobre 1995, § 66 Serie A n. 330-A), considera che, nelle specifiche circostanze della presente causa e particolarmente data la confusione tra i suoi aspetti contrattuali e sociali, le azioni di reclamo del secondo richiedente sono compatibili ratione personae con le disposizioni del Protocollo N.ro 1. L'eccezione del Governo deve essere quindi respinta.
2. Riguardo al primo richiedente
(a) Compatibilità ratione personae
75. Il Governo notò che il primo richiedente era stato “compensato pienamente” per la non-esecuzione parziale dell'assegnazione di arbitrato. Non era perciò più una “vittima”, all'interno del significato dell’ Articolo 34 della Convenzione.
76. Il primo richiedente affermò di non avere mai ricevuto qualsiasi risarcimento o riconoscimento dallo a in riguardo della violazione subita, mentre il risarcimento assegnato contro i debitori era inadeguato.
77. La Corte richiama che una decisione o una misura favorevole al richiedente non è in principio sufficiente a privare quell’ individuo dello status di vittima a meno che le autorità nazionali abbiano ammesso, o espressamente o in sostanza, e poi riconosciuto una compensazione per la violazione della Convenzione o del Protocollo di cui ci si lamenta (vedere, per esempio, Dalban c. Romania [GC], n. 28114/95, § 44 ECHR 1999-VI).
78. Riguardo alla presente causa e piuttosto a parte dalla questione del risarcimento, si nota che il Governo non ha mai riconosciuto la violazione addotta dal primo richiedente. La Corte perciò costata che quest’ultimo ha mantenuto il suo status di vittima e ha respinto l'eccezione del Governo a questo riguardo.
(b) l'Esaurimento delle vie di ricorso nazionali
79. Il Governo dibatté inoltre che il primo richiedente non era riuscito ad esaurire le vie di ricorso nazionali effettive all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 1 della Convenzione. Comunque, la Corte ha respinto argomenti simili in molte cause precedenti (vedere, per esempio, V.A.M. c. Serbia, n. 39177/05, §§ 86 87 e 119, 13 marzo 2007 così come Cvetković c. Serbia, n. 17271/04, § 42 10 giugno 2008) e non costata nessuna particolare circostanza nella presente causa tale da richiedere di allontanarsi da questa giurisprudenza.
3. Conclusione
80. La Corte nota che le azioni di reclamo dei richiedenti non sono manifestamente mal-fondate all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non sono inammissibili su qualsiasi altra base. Loro devono essere dichiarate perciò ammissibili.
B. Meriti
81. Il Governo sostenne che non c'era stata nessuna violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 siccome le autorità serbe hanno fatto tutto ciò che era nel loro potere per eseguire pienamente l'assegnazione di arbitrato.
82. I richiedenti riaffermarono la loro azione di reclamo ed enfatizzarono che la presente causa avrebbe dovuto essere vista nel contesto della pressione politica che è stata fatta pesare sull'ordinamento giudiziario nazionale, così come l'assenza generale della preminenza del diritto in Serbia.
83. La Corte nota che una “rivendicazione” può costituire una “proprietà”, all'interno del significato di Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, se è sufficientemente stabilito da essere esecutiva (vedere Burdov c. Russia, n. 59498/00, § 40 ECHR 2002-III). Inoltre richiama che spetta allo Stato per avvalersi di tutti i mezzi legali disponibile legali a sua disposizione per eseguire un'assegnazione di arbitrato vincolante ammesso che contenga una rivendicazione sufficientemente stabilita corrispondente ad una proprietà (vedere, mutatis mutandis, Stran Raffinerie greche e Stratis Andreadis c. Grecia, 9 dicembre 1994 §§ 61 e 62, Serie A n. 301-B). Infine, lo Stato deve garantire che l'esecuzione di tale assegnazione venga eseguita senza ritardo indebito e che il sistema complessivo sia effettivo sia in legge che in pratica (vedere Marčić ed Altri c. Serbia, n. 17556/05, § 56 del 30 ottobre 2007).
84. Rivolgendosi alla presente causa, si nota in primo luogo che la rivendicazione stabilita in modo incontestato nell'assegnazione di arbitrato equivaleva ad una proprietà all'interno del significato dell’Articolo 1 dek Protocollo N.ro 1.Il 7 giugno 1996 il Tribunale del commercio ordinò in secondo luogo, l'esecuzione di questa assegnazione nella sua interezza. In terzo luogo, entro il 6 maggio 1998 le debitrici avevano pagato il risarcimento assegnato. In quarto luogo, nel tentativo di garantire l’esecuzione del resto dell'assegnazione il 24 ottobre 2006 il Tribunale del commercio aveva imposto l'importo massimo delle multe giuridicamente possibile. In quinto luogo, sembrerebbe non esserci stato nessun tentativo di eseguire pienamente l'assegnazione da allora in poi, la ragione evidente per questo sarebbe che, poiché le debitrici stesse erano entità sociali, semplicemente non c'erano altri mezzi legali disponibili con cui garantire la loro ottemperanza (vedere paragrafo 61 sopra). In sesto luogo, il 10 marzo 2008 i procedimenti d’ esecuzione sono stati sospesi sino alla conclusione della ristrutturazione delle debitrici. Infine, la Serbia ratificò il Protocollo N.ro 1 il 3 marzo 2004, ciò significa che i procedimenti di esecuzione contestati sono all'interno della competenza ratione temporis della Corte per un periodo di più di cinque anni e dieci mesi.
85. Nella prospettiva di quanto sopra, chiaramente le autorità serbe non hanno così preso le misure necessarie per eseguire pienamente l'assegnazione di arbitrato in oggetto e non hanno fornito nessuna ragione convincente per quell'insuccesso. C'è stata di conseguenza, una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE RIGUARDO ALLA NON-ESECUZIONE PARZIALE
86. Avendo riguardo alla sua costatazione sopra a riguardo dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, la Corte non trova necessario esaminare separatamente lo stesso problema sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione (vedere, per esempio, Ilić c. Serbia, n. 30132/04, § 95 del 9 ottobre 2007; Bijelić c. Montenegro e Serbia, n. 11890/05, § 88 28 aprile 2009).
III. ALTRE VIOLAZIONI ADDOTTE
87. I richiedenti si lamentarono anche, sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione, dell'insuccesso delle corti nazionali incaricate dell’ annullamento della causa così come la richiesta dei richiedenti per fare riaprire questa causa, per rispettare gli effetti della res iudicata dell'arbitrato in oggetto .
88. La Corte nota che i procedimenti di annullamento terminarono il 24 dicembre 1997, quando la rivendicazione dei querelanti fu respinta dalla Corte Suprema in terza istanza. Poiché la Serbia ratificò il 3 marzo 2004 la Convenzione qualsiasi azione di reclamo a questo riguardo è incompatibili ratione temporis con la Convenzione, all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3, e deve essere respinta in conformità con l’Articolo 35 § 4.
89. Riguardo alla richiesta per la riapertura della causa di annullamento, la Corte richiama che l’Articolo 6 non si applica a procedimenti che riguardano i tentativi di riapertura di una causa già risolta da una sentenza definitiva di corte (vedere, mutatis mutandis, Surmont e De Meurechy ed Altri c. Belgio, N. 13601/88 e 13602/88, decisione della Commissione del 6 luglio 1989, Decisioni e Relazioni (DR) 62, pp. 284-291). Ne segue che questa parte della richiesta è incompatibile ratione materiae con le disposizioni della Convenzione, all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3, e deve essere respinta similmente in conformità con l’ Articolo 35 § 4.
90. Sotto l’ Articolo 13 della Convenzione, i richiedenti essenzialmente riformularono infine, le loro azioni di reclamo dell'insuccesso dello Stato rispondente nell’ eseguire pienamente l'assegnazione di arbitrato in oggetto. Poiché la Corte ha già considerato questa azione di reclamo sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 e, avendo riguardo alle sue costatazioni sotto questa seconda disposizione, non trova necessario esaminare separatamente lo stesso problema sotto l’Articolo 13 della Convenzione (vedere, mutatis mutandis, Ilić c. Serbia, citata sopra, § 106; Kirilova ed Altri c. Bulgaria, N. 42908/98, 44038/98 44816/98 e 7319/02, §§ 125-127 del 9 giugno 2005).
IV. L’APPLICAZIONE DELL’ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
91. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
92. Il primo richiedente richiese l'immediata e la piena esecuzione dell'assegnazione di arbitrato del 10 aprile 1996. Alternativamente, riguardo ai guadagni persi, chiese USD 166,666.64 mensili dal 1 aprile 1996 sino al presente giorno. Il primo richiedente dibatté anche che successivamente il risarcimento assegnato contro la Generalexport e l’Interantional CG a questo riguardo era inadeguato siccome le corti nazionali non hanno applicato il metodo del Tribunale arbitrale per calcolare la perdita subita (vedere paragrafo 12 sopra). Infine, il primo richiedente chiese USD 566,724.80 supplementari per la riduzione del valore della sua attrezzatura investita nel casinò ed USD 100,000 per danno non-patrimoniale.
93. Il secondo richiedente chiese il danno patrimoniale nell'importo di USD 120,000, essendo l'interesse che lui aveva presumibilmente pagato sui soldi presi in prestito per garantire il sostentamento della sua famiglia e mantenere la liquidità del primo richiedente. Il secondo richiedente chiese inoltre USD 200,000 per la sua angoscia mentale.
94. Il Governo riaffermò che al primo richiedente era stato assegnato il risarcimento per la non-esecuzione parziale dell'assegnazione di arbitrato, cioè i cinque anni di guadagni perduti, ecco perché la sua rivendicazione a questo riguardo dovrebbe essere respinta. Riguardo al resto delle rivendicazioni dei richiedenti, il Governo le ha descritte come non comprovate o eccessive.
95. La Corte accetta che i richiedenti hanno sofferto di un danno non-patrimoniale che non sarebbe compensato sufficientemente dalla sola costatazione della violazione. Facendo la sua valutazione su una base equa ed avendo riguardo ad alle circostanze della causa, così come alla sua antecedente osservazione per cui i richiedenti sono identificati così da vicino l'uno con l'altro che sarebbe artificiale distinguere fra loro (vedere paragrafo 74 sopra), la Corte assegna loro congiuntamente EUR 8.000 sotto questo capo.
96. Riguardo ai guadagni perduti chiesti dal primo richiedente, si nota che: (a) la parte dell'assegnazione di arbitrato non eseguita prevede che al primo richiedente venga permesso di riprendere il possesso del casinò in oggetto e di gestire effettivamente la sua operazione per un periodo di cinque anni; (b) l'esecuzione di questa no sarebbe più possibile oppure interferirebbe in modo no appropriato coi diritti di terze parti (vedere paragrafi 53, 56 e 61 sopra); (c) le sentenze definitive nelle susseguenti cause di risarcimento avevano assegnato davvero dei danni al primo richiedente per i guadagni perduti fra il1 aprile 1996 e il 1 aprile 2001 (vedere paragrafi 33-44 sopra); (d) questa Corte non è messa nel modo migliore per valutare l'importo di questi danni; (e) in qualsiasi caso, il ragionamento delle corti nazionali non rivela qualsiasi arbitrarietà e queste corti non erano legate formalmente dal precedente metodo di calcolo della perdita assunto dal Tribunale arbitrale; e (f) la Generalexport e l’International CG sono società socialmente-possedute (vedere paragrafo 57 sopra), ciò significa che lo Stato è responsabile per onorare i loro debiti stabiliti tramite una sentenza definitiva di corte (vedere R. Kačapor ed Altri c. Serbia, citata sopra; vedere anche Crnišanin ed Altri c. Serbia, N. 35835/05, 43548/05, 43569/05 e 36986/06 del 13 gennaio 2009).
97. Avendo riguardo a queste circostanze e data la violazione trovata nella presente causa, così come la sua partecipazione azionaria nel paragrafo 74 sopra, la Corte considera che il Governo deve, con i suoi propri finanziamenti, pagare i richiedenti, congiuntamente quelle somme assegnate nelle sentenze definitive, riferite al risarcimento, in questione (vedere paragrafi 35 e 39 sopra), meno qualsiasi e ogni pagamento ricevuto nel frattempo da loro su quelle basi (vedere, mutatis mutandis, R. Kačapor ed Altri c. Serbia, §§ 123-126, e Crnišanin ed Altri c. Serbia, §§ 137-139 sia citata sopra).
98. Riguardo al resto delle rivendicazioni di danno patrimoniale dei richiedenti, comunque la Corte nota che l'assegnazione di arbitrato non aveva ordinato il pagamento di qualsiasi danno riguardo al deprezzamento addotto delle attrezzature del primo richiedente investite nel casinò o, per questa questione, di qualsiasi risarcimento per l'interesse pagato sui soldi presi in prestito dal secondo richiedente. Inoltre, diversamente dalla questione dei guadagni perduti e secondo le informazioni contenute nell'archivio della causa, i richiedenti stessi non avevano mai introdotto un'azione civile separata a questo riguardo. Le loro rimanenti rivendicazioni di danno patrimoniale devono essere perciò respinte.
B. Costi e spese
99. Il primo richiedente chiese anche un totale di USD 396,479.60 per i costi e le spese incorsi a livello nazionale , così come quelli incorsero in collegamento con la sua richiesta di Strasburgo.
100. Il Governo contestò queste rivendicazioni.
101. Secondo la giurisprudenza della Corte, ad un richiedente viene concesso il rimborso dei costi e delle spese solamente se viene mostrato che questi davvero e necessariamente sono stati incorsi e sono stati anche ragionevoli in merito al loro quantum. Nella presente causa, avuto riguardo ai documenti in suo possesso ed ai criteri sopra, la Corte considera ragionevole assegnare la somma di EUR 30,000 aò primo richiedente, a copertura dei costi sotto tutti i capi.
C. Interesse di mora
102. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara le azioni di reclamo sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 riguardo alla non-esecuzione parziale dell'assegnazione di arbitrato ammissibili, trovando che non c'è nessun bisogno di esaminare separatamente le azioni di reclamo fatte allo stesso effetto sotto gli Articoli 6 § 1 e 13 della Convenzione;
2. Dichiara il resto della richiesta inammissibile;
3. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 riguardo alla non-esecuzione parziale dell'assegnazione di arbitrato;
4. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente, con i suoi propri finanziamenti ed entro tre mesi dalla data in cui questa sentenza diviene definitiva, in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione, pagarà congiuntamente i richiedenti le somme assegnate nelle sentenze nazionali definitive, relative al risarcimento, rese dopo l'adozione dell'assegnazione di arbitrato, il 30 gennaio 2002, il 3 marzo 2005 e l’8 il 2005 settembre meno ogni e tutto associato pagamento ricevuto nel frattempo da quest’ultimi;
(b) che lo Stato rispondente deve anche, entro lo stesso periodo, pagare:
(i) ai richiedenti congiuntamente EUR 8,000 (otto mila euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, per il danno non-patrimoniale subito;
(ii) al primo richiedente solamente EUR 30,000 (trenta mila euro), più qualsiasi tassa che può essere a suo carico, per costi e spese;
(c) che le somme specificate sotto (b) sopra saranno convertite nella valuta nazionale dello Stato rispondente al tasso applicabile in data dell’ accordo;
(d) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’interesse semplice sarà pagabile sugli importi specificati sotto (b) sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
5. Respinge il resto della rivendicazione dei richiedenti per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 20 aprile 2010, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento Corte.
Sally Dollé Françoise Tulkens
Cancelliere Presidente


DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 01/07/2020.