Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF SIZINTSEVA v. RUSSIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI:

NUMERO: 38585/04/2010
STATO: Russia
DATA: 08/04/2010
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

FIRST SECTION
CASE OF SIZINTSEVA AND OTHERS v. RUSSIA
(Applications nos. 38585/04, 2795/05, 18590/05, 24012/07 and 55283/07)
JUDGMENT
STRASBOURG
8 April 2010
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Sizintseva and Others v. Russia,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Christos Rozakis, President,
Nina Vajić,
Anatoly Kovler,
Elisabeth Steiner,
Khanlar Hajiyev,
Giorgio Malinverni,
George Nicolaou, judges,
and Søren Nielsen, Section Registrar,
Having deliberated in private on 18 March 2010,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in five applications (nos. 38585/04, 2795/05, 18590/05, 24012/07 and 55283/07) against the Russian Federation lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by five Russian nationals. The applicants' names and the dates of their applications to the Court appear in the appended table.
2. The Russian Government (“the Government”) were initially represented by Ms V. Milinchuk, former Representative of the Russian Federation at the European Court of Human Rights, and subsequently by their Representative, Mr G. Matyushkin.
3. On various dates the President of the First Section decided to give notice of the applications to the Government. It was also decided to examine the merits of the applications at the same time as their admissibility (Article 29 § 3).
4. The Government objected to the joint examination of the admissibility and merits of the application no. 38585/04, but the Court rejected this objection.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. The applicants live in the Sakha (Yakutiya) Republic. Their names and dates of birth are indicated in the appended table.
6. In 1990, since cars were not available in free trade, the applicants chose to obtain State special-purpose promissory notes which would entitle them to Russian-made cars. Mrs V. P.a should have received a car in 1992 and the other applicants in 1993-1995. The applicants paid the car's full value but never received the cars.
7. In 1998 Mrs V. P. and in 2002 Mrs G. and I. P. received partial compensation of a car's monetary value in accordance with the State Programme for the redemption of the State internal debt (see paragraphs 20-22 below).
8. All applicants brought court actions against the authorities, seeking to recover the full monetary value of the State promissory notes for purchasing of Russian-made cars.
9. On the dates listed in the Appendix the domestic courts found, in respect of each applicant, with reference to the State Commodity Bonds Act of 1995 as amended on 2 June 2000 (see paragraph 19 below) that the State could not be absolved from an obligation to compensate them the full value of the cars. In particular, in the case of Mrs S. the Supreme Court of the Republic of Sakha (Yakutiya) held as follows:
“In accordance with the State Commodity Bonds Act of 1 June 1995 the State commodity bonds, including the special-purpose settlement orders, were to be recognised as the State internal debt. [...]
The State has not complied with its obligation to provide [the applicant] with a car as specified in a special-purpose settlement order.
Article 55 of the Constitution [...] stipulates that in the Russian Federation no laws shall be adopted cancelling or derogating human rights and freedoms.
Therefore, the Federal law of 2 June 2000 amending the [State Commodity Bonds Act of 1995] cannot be regarded as well-founded and lawful insofar as it provides for the payment of the compensation in the amount equalling to a part of the car's value specified in the special-purpose settlement order.
These [amendments] do not comply with the constitutional principles [cited above]”
The court accordingly refused to take account of the amendments of 2 June 2000 and chose to apply the price scale for the cars to be purchased under the settlement orders as in force on the date of delivery of the judgment. Similarly, in the case of Mr T. the Mirninskiy Town Court held on 16 October 2001 that the amendments introduced by the Federal Law of 2 June 2000 “constituted an interference with the citizen's rights to receive a car” and “contradicted to Article 55 of the Constitution”. When determining the claim by Mrs G., the first instance court reached a similar conclusion and ruled that the amendments in question were adopted “in violation of [...] the Constitution, the Civil Code and the State Commodity Bonds Act of 1995”. In the case of Irina P. the Neryungri Town Court hold that the ex parte change of the conditions of redemption by the Government was to the detriment of the applicant's interests and therefore was unlawful.
10. The domestic courts accordingly awarded the applicants compensation in the amounts specified below payable by the State authorities, these sums representing the full monetary value of the cars on the date of the delivery of the judgments. In cases of Mrs G., V. P. and I. P. the domestic courts deducted from the full value of the car the amount of the compensation these applicants had received in 1998-2002. On the dates specified in the Appendix the judgments became final.
11. The awards remained unenforced.
12. On the dates cited in the appended table the Presidium of the Supreme Court of the Sakha (Yakutiya) Republic, upon an application from the Ministry of Finance and by way of supervisory-review proceedings, quashed the final judgments in the applicants' favour, re-examined the cases, reduced the amount of the compensation to be paid in case of Mrs V. P. to 28,009 Russian roubles (RUB) and dismissed in full the actions of the remaining applicants. In each case the Presidium found that the lower courts had misapplied the applicable domestic law. In particular, in every case except for the case of V. P., the Presidium found that the lower courts had neglected to take into account the provisions of the amended State Commodity Bonds' Act and the Government's Resolution no. 1006. In the case of Mrs S. the Presidium formulated the conclusion as regards the quashing as follows:
“The [appeal instance] had not taken into account the provisions of [the amendments introduced by the Federal Law of 2 June 2000], in force at the material time. A decision by the [appeal instance] based on incorrect application of the material law shall be quashed”
13. Similar conclusion was reached by the supervisory instance in the other cases.
14. Mrs G. submitted that she had not been timeously notified of the session of the Presidium of the Supreme Court of the Republic of Sakha (Yakutiya) and therefore could not attend it.
15. According to the Government, RUB 28,009 awarded to Mrs Valentina Plotnikova by the supervisory instance judgment of 26 November 2006 (see Appendix below), has not been paid to her to date.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
A. The Constitution and the Civil Code of the Russian Federation
16. According to Article 15 § 1 of the Constitution of the Russian Federation, the Constitution has the supreme juridical force, direct action and shall be used on the whole territory of the Russian Federation. Laws and other legal acts adopted in the Russian Federation shall not contradict the Constitution.
17. In accordance with Article 125 § 4 of the Constitution, the Constitutional Court of the Russian Federation reviews constitutionality of the law applied or due to be applied in a specific case in accordance with procedures established by federal law, upon requests of the courts.
18. By the Ruling no. 19-П of 17 June 1998 the Constitutional Court of the Russian Federation held that it had exclusive competence to decide whether federal or regional laws violated the Constitution of the Russian Federation. Ordinary courts were not entitled to rule on the constitutionality of federal laws. In case of doubt as to whether a law complied with the Constitution, they should direct an inquiry to the Constitutional Court.
B. The State Commodity Bonds Act
19. On 2 June 2000, section 3 of the State Commodity Bonds Act (federal law no. 86-FZ of 1 June 1995) providing that the special-purpose settlement orders were to be recognised as the State internal debt was amended to read, in the relevant parts, as follows:
“To set, in the [State Programme for the redemption of the State internal debt of the Russian Federation], the following sequence and terms of redemption of State commodity bonds, depending on the type of the bond:
- [...] in respect of bearers of special-purpose settlement orders that gave the right to purchase passenger cars in 1991 and 1992 – payment of monetary compensation equal to the value of the car described in the order, as determined in co-ordination with car manufacturers at the moment of redemption. [...]
- in respect of bearers of special-purpose settlement orders that gave the right to purchase passenger cars in 1993-1995 – payment of monetary compensation equal to a part of the value of the car described in the order, as determined on account of the percentage of the part of the full value of car paid by the owner by 1 January 1992 (in accordance with the price scales in force until 1 January 1992), as well as the price of the cars determined in co-ordination with car manufacturers at the moment of redemption”
20. For the summary of the other relevant domestic law provisions see Grishchenko v. Russia, (dec.), no.75907/01, 8 July 2004.
THE LAW
I. JOINDER OF THE APPLICATIONS
21. Given that the five applications at hand concern similar facts and complaints and raise identical issues under the Convention, the Court decides to consider them in a single judgment.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 OF THE CONVENTION AND ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 ON ACCOUNT OF SUPERVISORY REVIEW
22. The applicants complained, notably, under Article 6 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 about the supervisory review of the judgments. Mrs G. complained under these provisions that she was not notified of the supervisory review hearing and could not be present at the examination of her case. These Articles, insofar as relevant, provide as follows:
Article 6 § 1
“In the determination of his civil rights and obligations ..., everyone is entitled to a fair ... hearing ... by [a] ... tribunal...”
Article 1 of Protocol No. 1
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law...”
A. The parties' submissions
23. As regards the case of Mrs S., the Government argued that she had not raised a legal certainty issue in her application to the Court, but only challenged the fairness of the domestic proceedings. Thus, even having a right to investigate proprio motu whether the facts at consideration disclosed other violations of the Convention than those stated in the application, the Court had raised the legal certainty issue outside the six months time-limit established by Article 35 § 1 of the Convention.
24. The Government further submitted, in respect of all cases, that the supervisory review had not breached the principle of legal certainty: it had been preceded by an ordinary appeal, only one supervisory-review instance had been engaged, the request for the quashing had been lodged within six months, it had been initiated by a party to the proceedings and it had been meant to correct a misapplication of material law.
25. They further argued that the supervisory review had aimed at remedying a fundamental defect of the proceedings before the lower courts. They stressed that the lower courts were not competent to rule on compliance of the provisions of the Federal Law of 2 June 2000 with the Constitution of the Russian Federation. Instead, they should have introduced a request for review of the constitutionality of the Federal Law in question with the Constitutional Court and suspend the proceedings pending delivery of the relevant ruling. However, they failed to make such request, and no suspension of the proceedings took place. Therefore, the examination of the applicants' cases before the lower courts was tarnished by a fundamental defect, namely abuse of power by the courts and jurisdictional error. In these circumstances, quashing was the only available way to rectify the fundamental defect and to restore legal certainty in the present cases.
26. They further argued that the applicants' rights under Article 1 of Protocol No. 1 had not been prejudiced: Mrs G., V. P. and I. P. had received compensation for the cars before the litigation, while the other applicants had failed to apply for redemption of the promissory notes.
27. The applicants maintained their claims.
B. The Court's assessment
1. Admissibility
28. As regards the Court's competence to examine Mrs S.'s case and as concerns compliance with the six months rule, the Court reiterates that it has jurisdiction to review in the light of the entirety of the Convention's requirements the circumstances complained of by an applicant and, notably, is free to attribute to the facts of the case, as found to be established on the evidence before it, a characterisation in law different from that given by the applicant or, if need be, to view the facts in a different manner (see Foti and Others v. Italy, 10 December 1982, Series A no. 56, § 44, and Smirnova and Smirnova v. Russia (dec.), nos. 46133/99 and 48183/99, 3 October 2002). The Court further notes that the application form was submitted by Mrs S. on 7 October 2004, that is within six months from the date of the quashing of the judgment in her favour. The application set out the relevant facts concerning the supervisory review proceedings and made a general claim in relation to Article 6 of the Convention. The Court therefore finds that it may examine whether the proceedings in question disclose a violation of Article 6 of the Convention (see, mutatis mutandis, C.J.M.E., J.C.D. AND W.A.C.S. v. the Netherlands, nos. 5100/71 et al, Commission decision of 29 May 1973, and O'Reilly v. Ireland, no. 21624/93, Commission decision of 31 August 1994) and dismisses the objection.
29. The Court further notes that the applications are not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention and are not inadmissible on any other grounds. They must therefore be declared admissible.
2. Merits
(a) Article 6 of the Convention
i. Supervisory review procedure: legal certainty
30. The Court reiterates that the quashing by way of supervisory review of a judicial decision which has become final and binding may render the litigant's right to a court illusory and infringe the principle of legal certainty (see, among many other authorities, Brumărescu v. Romania [GC], no. 28342/95, § 62, ECHR 1999-VII; Ryabykh v. Russia, no. 52854/99, §§ 56-58, 24 July 2003). Departures from that principle are justified only when made necessary by circumstances of a substantial and compelling character (see Kot v. Russia, no. 20887/03, § 24, 18 January 2007, and Protsenko v. Russia, no. 13151/04, §§ 25-34, 31 July 2008).
31. At the outset the Court notes that in the Government's view the annulment of the judgments on supervisory review was required by the need to rectify a fundamental defect in the initial domestic proceedings. The Court reiterates its constant approach that a jurisdictional error, a serious breach of court procedure or abuses of power may, in principle, be regarded as a fundamental defect and therefore justify the quashing (see Luchkina v. Russia, no. 3548/04, § 21, 10 April 2008). However, nothing in the respective rulings of the Presidium of the Supreme Court of the Sakha (Yakutiya) Republic in the cases at hand enables the Court to conclude that the initial judgments were indeed quashed because these courts had ruled on the constitutionality of the federal law in excess of their jurisdiction. In none of the judgments was the alleged jurisdictional error or abuse of competence or any other procedural defect cited as a ground for the annulment of the lower courts' findings. On the contrary, it clearly follows from the wording of the supervisory-instance rulings that the sole ground for the quashing was the misinterpretation and incorrect application of the provisions of the said Federal Law by the courts. Furthermore, the respondent authority did not claim before the supervisory-review that the previous proceedings had been tarnished by a fundamental defect, such as, in particular, a jurisdictional error, serious breaches of court procedure or abuses of power (see Luchkina, cited above). Such argument was only advanced in the Government's observations. In the absence of any reference to the ground for quashing cited by the Government in the texts of the supervisory-instance rulings, the Court is unable to conclude that the quashing was caused, and even less justified by the substantive jurisdictional error by the lower courts referred to by the Government. It therefore rejects the Government's argument.
32. The Court further reiterates its constant approach that in the absence of a fundamental defect in the previous proceedings a party's disagreement with the assessment made by the first-instance and appeal courts is not a circumstance of a substantial and compelling character warranting the quashing of a binding and enforceable judgment and re-opening of the proceedings on the applicant's claim (see Dovguchits v. Russia, no. 2999/03, § 30, 7 June 2007; and Kot, cited above, § 29). The Government did not put forward any arguments which would enable the Court to reach a different conclusion in the present five cases. There has been, accordingly, a violation of Article 6 § 1 of the Convention.
ii. Supervisory review procedure: procedural issues
33. With regard to the complaint about the procedural defects of the hearing before the Presidium of the Supreme Court of the Republic of Sakha (Yakutiya) raised by Mrs G., the Court finds that, having concluded that there had been an infringement of the applicant's “right to a court” by the very use of the supervisory review procedure, it is not necessary to consider whether the procedural guarantees of Article 6 of the Convention were available in those proceedings (cf. Volkova v. Russia, no. 48758/99, § 39, 5 April 2005).
(b) Article 1 of Protocol No. 1
34. The Court reiterates that the existence of a debt confirmed by a binding and enforceable judgment constitutes the beneficiary's “possession” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 (see, among other authorities, Androsov v. Russia, no. 63973/00, § 69, 6 October 2005).
35. The Court has found in many cases that the quashing of enforceable judgments frustrated the applicants' reliance on the binding judicial decision and deprived them of an opportunity to receive the money they had legitimately expected to receive (see, among others, Ivanova v. Russia, no. 11697/05, § 23, 24 April 2008, Dmitriyeva v. Russia, no. 27101/04, § 32, 3 April 2008). In these circumstances, even assuming that the interference was lawful and pursued a legitimate aim, the Court considers that the quashing of the enforceable judgments in the applicants' favour by way of supervisory review placed an excessive burden on them and was incompatible with Article 1 of the Protocol No. 1. There has therefore been a violation of that Article in the present five cases.
III. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 OF THE CONVENTION AND ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 ON ACCOUNT OF NON-ENFORCEMENT
36. The applicants complained about the non-enforcement of the judgments in their favour. They relied on Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1, both cited above.
37. The Government alleged that the applicants had not exhausted the domestic remedies available to them under domestic law. They notably referred to Chapter 25 of the Code of Civil Procedure allowing to complain about the authorities' negligence and to Chapter 59 of the Civil Code opening a way to claim non-pecuniary damage. In the Government's view the latter provision had proven its effectiveness in practice, as shown by several examples of domestic case-law. The Government further argued, in respect of several applicants, that they had failed to submit the enforcement documents to the relevant authorities and in good time, and therefore delayed execution of the awards. In some cases they claimed that the judgments in the applicants' favour had not been enforced because of the supervisory-review proceedings which had eventually resulted in the quashing of the respective awards. As regards the application by Mrs S., they argued that the enforcement of the judgment in her favour did not exceed ten months and was compatible with the Convention.
38. The applicants maintained their claims. They argued that they had not significantly protracted the execution of the judgments and that substantial delays in enforcement had been attributable to the authorities.
A. Case no. 38585/04 by Mrs S.
39. The Court observes that the principles insisting that a final judicial decision must not be called into question and should be enforced represent two aspects of the same general concept, namely the right to a court (see Boris Vasilyev v. Russia, no. 30671/03, §§ 41-42, 15 February 2007; and Sobelin and Others v. Russia, no. 30672/03 et seq., §§ 67-68, 3 May 2007). The Court further observes that the judgment in the applicant's favour was quashed shortly after having become binding and enforceable. In these circumstances, it considers that Mrs S.'s non-enforcement complaint is closely linked to the supervisory review issue and should be declared admissible as well. However, having regard to its findings above concerning violation of the applicant's rights on account of the quashing of the judgments in their favour, the Court does not consider it necessary, in the circumstances of the case, to examine her complaint concerning the non-enforcement of the respective judgment separately (see Sobelin and Others, cited above).
B. The remaining cases (nos. 2795/05, 18590/05, 24012/07 and 55283/07)
1. Admissibility
40. As regards exhaustion, the Court has recently assessed the effectiveness of the remedies referred to by the Government and found that the suggested remedies were ineffective (see, among others, Burdov v. Russia (no. 2), no. 33509/04, §§ 103 and 106-116, 15 January 2009, and Moroko v. Russia, no. 20937/07, §§ 25-30, 12 June 2008). The Government's objection must therefore be dismissed.
41. The Court further notes that the applicants' non-enforcement complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention and is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
2. Merits
42. The Court reiterates that an unreasonably long delay in the enforcement of a binding judgment may breach the Convention (see Burdov v. Russia, no. 59498/00, ECHR 2002-III). The Court further reiterates that the quashing of a judgment in a manner which has been found to have been incompatible with the principle of legal certainty and the applicant's “right to a court” cannot be accepted as justification for the failure to enforce that judgment (see Sukhobokov v. Russia, no. 75470/01, § 26, 13 April 2006). In the present cases the judgments in the applicants' favour were enforceable until at least the respective dates of quashing and it was incumbent on the State to abide by their terms (see Velskaya v. Russia, no. 21769/03, § 18, 5 October 2006). However, in each case the State avoided paying the judgment debt for more than one year.
43. As regards the objection concerning the applicants' failure to submit the enforcement papers in good time, the Court reiterates that where a judgment is against the State, the State must take the initiative to enforce it (see Akashev v. Russia, no. 30616/05, §§ 21–23, 12 June 2008). The complexity of the domestic enforcement procedure cannot relieve the State of its obligation to enforce a binding judicial decision within a reasonable time (see Burdov (no. 2), cited above, § 70).
44. There has, accordingly, been a violation of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 in the four cases at hand.
IV. OTHER ALLEGED VIOLATIONS OF THE CONVENTION
45. Mrs G. (application no. 18590/05) complained under Article 6 § 1 of the Convention of the length of the court proceedings in her case.
46. The Court has examined this complaint as submitted by the applicant. Having regard to all the material in its possession, it finds that the complaint does not disclose any appearance of a violation of the rights and freedoms set out in the Convention or its Protocols. It follows that this part of the application by Mrs G. must be rejected as being manifestly ill-founded, pursuant to Article 35 §§ 3 and 4 of the Convention.
V. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
47. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
1. Pecuniary damage
(a) The parties' submissions
48. Mrs S. claimed 127,825 Russian roubles (RUB) of the judgment debt and RUB 79,080.64 of the interest arising out of the delayed enforcement of the judgment in her favour, calculated on the basis of the refinancing rate of the Central Bank of Russia for the period from the domestic judgment's entry into force until the date of the Court's judgment.
49. Mr T.v claimed RUB 115,000 of a full monetary value of a car as determined by the judgment in his favour, as well as the interest. He had not provided a detailed calculation of the interest. However, he submitted that the market value of a car had increased and amounted to RUB 350,000 on the date of submission of his claim.
50. Mrs G. claimed that RUB 109,609 of the initial judgment debt, as well as RUB 88,739.45 representing the interest calculated at the rate valid on 8 May 2009, the date of submission of her claims, should be awarded to her in respect of pecuniary damage.
51. Mrs V. P.a claimed 10,000 euros (EUR) in respect of pecuniary damage, without further substantiation.
52. Finally, Mrs I. P. claimed RUB 110,940.96 equalling to the amount of the initial judgment debt.
53. The Government submitted that no just satisfaction award should be made to the applicants, since there had been no violation of their rights. In any event, their claims were excessive and unreasonable. In particular, they argued that Mrs S., G. and I. P. could not claim the interest for the periods following the quashing of the respective judgments in their favour. They pointed out that Mr T. had neither specified the method of calculation of the interest nor furnished any documents in respect of his claim. The Government further contested the submissions by Mrs V. P. as unfounded and stressed that she had failed to specify the method of the calculation or to itemise her claims under this head.
(b) The Court's assessment
54. The Court recalls that the most appropriate form of redress in respect of the violations found would be to put the applicants as far as possible in the position they would have been if the Convention requirements had not been disregarded (see Piersack v. Belgium (Article 50), 26 October 1984, Series A no. 85, p. 16, § 12, and, mutatis mutandis, Gençel v. Turkey, no. 53431/99, § 27, 23 October 2003). The Court considers that this principle should apply in the present cases.
55. As regards the application by Mrs V. P., the Court notes that the initial domestic award had remained unenforced until the date of its quashing and then was reduced as a result of the supervisory-review proceedings. Moreover, it appears that the new judgment debt had not been paid to the applicant either. In these circumstances, the Court awards the applicant the equivalent in euros of the full amount granted by the initial judgment of 24 April 2002 in her favour.
56. As regards the remaining four cases, the Court notes that the applicants were prevented from receiving the amounts they had legitimately expected to receive under the binding and enforceable judgments delivered by domestic courts in their favour. Accordingly the Court considers appropriate to award the applicants the equivalent in euros of the sums that they would have received if the judgments in their favour had not been quashed (see Bolyukh v. Russia, no. 19134/05, § 39, 31 July 2007).
57. The Court further recalls its constant approach that the adequacy of the compensation would be diminished if it were to be paid without reference to various circumstances liable to reduce its value (see, mutatis mutandis, Gizzatova v. Russia, no. 5124/03, § 28, 13 January 2005). The Court accepts the applicants' claims relating to the loss of value of the domestic awards since the delivery of the judgments in their favour and finds it appropriate to award additional sums in this respect, where they were requested (see Kondrashov and Others v. Russia, nos. 2068/03 et al., § 42, 8 January 2009). Taking into account that in none of the cases the Government had submitted any alternative method of calculation of the applicants' pecuniary losses, the Court will determine the compensation on the basis of the method suggested by the applicants. However, as regards the applicants' claims in respect of their future pecuniary loss, the Court recalls that after the final judgments were quashed they ceased to exist under domestic law; it cannot restore the power of these judgments. Therefore, the Court only grants the applicants' claims in respect of the interest in so far as they are made in respect of the periods preceding the quashing.
58. Making its estimate on the basis of information at its disposal, the Court accordingly awards the following amounts, plus any tax that may be chargeable:
EUR 3,804 to N. S.;
EUR 3,398 to S. T.;
EUR 3,007 to R. G.;
EUR 3,328 to V. P.;
EUR 3,354 to I. P..
These amounts include the initial award and the compensation for loss of value of the domestic court awards for the periods preceding the quashing. The Court dismisses the remainder of the applicants' claims under this head.
2. Non-pecuniary damage
59. Mrs S. claimed RUB 100,000, Mr T. EUR 5,000, Mrs G. EUR 10,000, Mrs V. P. EUR 25,000 and Mrs I. P. RUB 150,000 in respect of non-pecuniary damage.
60. The Government challenged the claims as unsubstantiated and excessive. In case of I. P. they suggested that, should the Court make any award under this head, the latter should not exceed EUR 2,000 (see Senchenko and Others and 35 other “Yakut pensioners” cases v. Russia, nos. 32865/06 et seq., § 15, 28 May 2009)
61. Having regard to the nature of the breach in this case, making its assessment on an equitable basis, the Court awards to each applicant the sum of EUR 3,000 in respect of non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable on that amount.
B. Costs and expenses
1. Case of Mrs S.
62. The applicant claimed reimbursement of the lawyer's fee in the amount of RUB 5,500 plus seven per cent of the eventual Court award. She submitted copies of the contract with the lawyer and a receipt confirming payment of RUB 3,000. She further claimed RUB 339,35 of postal expenses and submitted that she had paid RUB 300 to a local audit agency for the calculation of the pecuniary loss in her case.
63. The Government contested the claims as excessive and unfounded.
64. According to the Court's case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and were reasonable as to quantum. The Court accordingly rejects the claim related to the Court's eventual award. At the same time, regard being had to the information in its possession and the above criteria, the Court allows the remainder of her claim and considers it reasonable to award Mrs S. the sum of EUR 99 (ninety-nine euros) for the proceedings before the Court, plus any tax that may be chargeable on that amount.
2. Four remaining cases
65. The applicants in the remaining four cases did not claim costs or expenses and there is accordingly no call to make an award under this head.
C. Default interest
66. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Decides to join the applications;
2. Declares the complaint under Article 6 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 concerning the non-enforcement and quashing of the judgments in the applicants' favour on supervisory review admissible and the remainder of the applications inadmissible;
3. Holds that there has been a violation of Article 6 of the Convention and of Article 1 of Protocol No. 1 in all cases on account of the quashing of the judgments in the applicants' favour by way of supervisory review;
4. Holds, in respect of the applications by Mr T., Mrs G., Mrs V. P. and Mrs I. P., that there has been a violation of Article 6 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention on account of non-enforcement of the judgments in their favour;
5. Holds that there is no need to examine the non-enforcement complaint by Mrs S. under Article 6 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 on account of non-enforcement of the judgment of 4 August 2003;
6. Holds
(a) in respect of all applications, that the respondent State is to pay the applicants, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following sums, plus any tax that may be chargeable to the applicants, to be converted into Russian roubles at the rate applicable at the date of the settlement:
(i) in respect of pecuniary damage:
EUR 3,804 (three thousand eight hundred and four euros) to N. S.;
EUR 3,398 (three thousand three hundred and ninety eight euros) to S. T.;
EUR 3,007 (three thousand and seven euros) to R. G.a;
EUR 3,328 (three thousand three hundred and twenty-eight euros) to V. P.a;
EUR 3,354 (three thousand three hundred and fifty four euros) to I. Plotnikova;
(ii) EUR 3,000 (three thousand euros) to each applicant in respect of non-pecuniary damage;
(iii) EUR 99 (ninety-nine euros) to N. S. in respect of costs and expenses;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
7. Dismisses the remainder of the applicants' claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 8 April 2010, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Søren Nielsen Christos Rozakis Registrar President


APPENDIX
APPLICATION NUMBER, DATE OF LODGING APPLICANT'S NAME AND YEAR OF BIRTH JUDGMENT IN THE APPLICANT'S FAVOUR (DATE, COURT) FINAL ON AWARD (RUB) QUASHING ON SUPERVISORY REVIEW (DATE)
38585/04,
07/10/2004 OMISSIS
(1949) 4 August 2003, the Supreme Court of the Sakha (Yakutiya) Republic The same date 127,825 27 May 2004
2795/05
05/04/2005 OMISSIS (1974) 14 March 2002, the Mirnyy District Court 10 June 2002, as amended on appeal by the Supreme Court of the Sakha (Yakutia) Republic 115,000 14 October 2004
18590/05
19/04/2005 OMISSIS (1945) 11 February 2003, the Mirninyy District Court 24 March 2003 109,609 11 November 2004
24012/07
08/05/2007 OMISSIS (1937) 17 June 2002, the Supreme Court of the Sakha (Yakutiya) Republic The same date 91,520 23 November 2006 (award reduced to RUB 28,009)
55283/07
30/05/2007 OMISSIS (1952) 6 June 2003, the Nerungri Town Court 13 August 2003 110,940 21 December 2006


TESTO TRADOTTO

PRIMA SEZIONE
CAUSA SIZINTSEVA ED ALTRI C. RUSSIA
(Richieste N. 38585/04, 2795/05, 18590/05 24012/07 e 55283/07)
SENTENZA
STRASBOURG
8 aprile 2010
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Sizintseva ed Altri c. Russia,
La Corte europea dei Diritti umani (Prima la Sezione), riunendosi che come una Camera, composta da:
Christos Rozakis, Presidente, Nina Vajić, Anatoly Kovler, Elisabeth Steiner, Khanlar Hajiyev, Giorgio Malinverni, Giorgio Nicolaou, giudici,
e da Søren Nielsen, Cancelliere di Sezione,
Avendo deliberato in privato il 18 marzo 2010,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da cinque richieste (N. 38585/04, 2795/05, 18590/05 24012/07 e 55283/07) contro la Federazione russa depositate presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da cinque cittadini russi. I nomi dei richiedenti e le date delle loro richieste alla Corte compaiono nella tabella allegata.
2. Il Governo russo (“il Governo”) fu rappresentato inizialmente dalla Sig.ra V. Milinchuk, Rappresentante precedente della Federazione russa alla Corte europea dei Diritti umani e successivamente dal suo Rappresentante, il Sig. G. Matyushkin.
3. In varie date il Presidente della prima Sezione decise di dare avviso delle richieste al Governo. Fu deciso anche di esaminare i meriti delle richieste allo stesso tempo della loro ammissibilità (Articolo 29 § 3).
4. Il Governo obiettò all'esame unito dell'ammissibilità e dei meriti della richiesta n. 38585/04, ma la Corte respinse questa eccezione.
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
5. I richiedenti vivono nella Repubblica di Sakha (Yakutiya). I loro nomi e le date di nascita sono indicate nella tabella allegata.
6. Nel 1990, poiché le macchine non erano disponibili per il libero scambio, i richiedenti scelsero di ottenere dei vaglia cambiari a fine speciale dello Stato che avrebbero dato loro un titolo ad ottenere macchine fabbricate in Russia. La Sig.ra V. P. avrebbe dovuto ricevere una macchina nel 1992 e gli altri richiedenti nel 1993-1995. I richiedenti pagarono il pieno valore della macchina ma non ricevettero mai le macchine.
7. Nel 1998 la Sig.ra V. P. e nel 2002 la Sig.ra G.a e I. P. ricevettero il risarcimento parziale del valore valutario di una macchina in conformità col Programma Statale per il rimborso del debito interno Statale (vedere paragrafi 20-22 sotto).
8. Tutti i richiedenti introdussero azioni di corte contro le autorità, cercando di recuperare il pieno valore valutario del vaglia cambiario Statale per acquistare delle macchine di fabbricazione Russa.
9. Nelle date elencate nell'Appendice le corti nazionali trovarono, a riguardo di ogni richiedente con riferimento all'Atto delle Obbligazioni della Merce Statale del 1995 emendato il 2 giugno 2000 (vedere paragrafo 19 sotto) che lo Stato non poteva essere assolto dall’ obbligo di compensare loro il pieno valore delle macchine. In particolare, nella causa della Sig.ra S. la Corte Suprema della Repubblica di Sakha (Yakutiya) sostenne come segue:
“In conformità con l'Atto delle Obbligazioni della Merce Statale del 1 giugno 1995 la merce Statale, incluso l'accordo degli ordini a fine speciale, sarebbero state riconosciuto come il debito interno Statale. [...]
Lo Stato non si è attenuto col suo obbligo di fornire [al richiedente] una macchina come specificato in un ordine di accordo di fine speciale.
L’Articolo 55 della Costituzione [...] conviene che nella Federazione russa nessuna legge sarà adottata per cancellare o derogare ai diritti umani e alle libertà.
Perciò, la legge Federale del 2 giugno 2000 che corregge [l’Atto delle Obbligazioni della Merce Statale del 1995] non può essere considerata pertanto come fondata e legale nella misura in cui prevede il pagamento del risarcimento dell'importo equivalente ad una parte del valore della macchina specificata nell'ordine di accordo di fine speciale.
Questi [emendamenti] non si attengono ai principi costituzionali [citati sopra]”
La corte rifiutò di conseguenza di prendere conto degli emendamenti del 2 giugno 2000 e scelse di applicare la scala dei prezzo per le macchine da acquistare sotto gli ordini di accordo come in vigore nella data di consegna della sentenza. Nella causa del Sig. T. la Corte della Città di Mirninskiy sostenne similmente, il 16 ottobre 2001 che gli emendamenti introdotti dalla Legge Federale del 2 giugno 2000 “costituivano un'interferenza coi diritti del cittadino di ricevere una macchina” e “contraddicevano l’Articolo 55 della Costituzione.” Nel determinare la rivendicazione della Sig.ra G., il primo giudice di prima istanza giunse ad una conclusione simile e decise che gli emendamenti in oggetto furono adottati “in violazione della [...]Costituzione, del Codice civile e dell'Atto delle Obbligazioni della Merce Statale del 1995.” Nella causa I. P. la Corte della Città di Neryungri sostenne che il cambio ex parte delle condizioni di rimborso del Governo era a danno degli interessi della richiedente e perciò era illegale.
10. Le corti nazionali assegnarono di conseguenza il risarcimento ai richiedenti negli importi specificati sotto pagabili dalle autorità Statali, queste somme rappresentanti il pieno valore valutario delle macchine in data della consegna delle sentenze. In cause della Sig.ra G., V. P. ed I. P. le corti nazionali dedussero dal pieno valore della macchina l'importo del risarcimento che questi richiedenti avevano ricevuto nel 1998-2002. nelle date specificate nell'Appendice queste sentenze sono divenute definitive.
11. Le assegnazioni rimasero non eseguite.
12. Nelle date citate nella tabella allegata il Presidium della Corte Suprema della Repubblica di Sakha (Yakutiya), su una richiesta del Ministero delle Finanze e tramite procedimenti di revisione direttiva, annullò le sentenze definitive a favore dei richiedenti, riesaminò le cause, ridotte dell'importo del risarcimento da pagare nella causa della Sig.ra V. P. a 28,009 rubli russi (RUB) e respinse in pieno le azioni dei rimanenti richiedenti. In ogni causa il Presidium ha trovato che le corti inferiori avevano usato malamente il diritto nazionale applicabile. In particolare, in ogni causa a parte la causa di V. P., il Presidium ha trovato, che le corti inferiori avevano trascurato di prendere in considerazione le disposizioni dell'Atto delle Merce Obbligazioni Statali emendato e la Decisione del Governo n. 1006. Nella causa del Sig.ra S. il Presidium formulò la conclusione riguardo all'annullare come segue:
“ [L’istanza di ricorso] non aveva preso in considerazione le disposizioni [degli emendamenti introdotti dalla Legge Federale del 2 giugno 2000], in vigore al tempo attinente. Una decisione [dall’istanza d’appello] basata sulla richiesta incorretta della legge attinente sarà annullata”
13. L’istanza direttiva giunse ad una conclusione simile nelle altre cause.
14. La Sig.ra G. presentò che non le non era stata notificata in tempo la sessione del Presidium della Corte Suprema della Repubblica di Sakha (Yakutiya) e perciò non aveva potuto essere presente.
15. Secondo il Governo, RUB 28,009 assegnati alla Sig.ra V. P. dalla sentenza di istanza direttiva del 26 novembre 2006 (vedere Appendice sotto), non sono stati pagati a lei ad oggi.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
A. La Costituzione del Codice civile della Federazione russa
16. Secondo l’Articolo 15 § 1 della Costituzione della Federazione russa, la Costituzione ha forza giuridica e suprema, azione diretta e sarà usata sul territorio intero della Federazione russa. Leggi ed altri atti legali adottati nella Federazione russa non contraddiranno la Costituzione.
17. In conformità con l’Articolo 125 § 4 della Costituzione, la Corte Costituzionale della Federazione russa fa una revisione della costituzionalità della legge applicata o che deve essere applicata in una specifica causa in conformità con procedure stabilite dalla legge federale, su richiesta delle corti.
18. Con la Direttiva n. 19-Ï del 17 giugno 1998 la Corte Costituzionale della Federazione russa sostenne che aveva la competenza esclusiva per decidere se le leggi federali o regionali violavano la Costituzione della Federazione russa. Non era concesso alle Corti ordinarie decidere sulla costituzionalità delle leggi federali. In caso di dubbio in merito a se una legge si atteneva con la Costituzione, avrebbero dovuto condurre un'indagine presso la Corte Costituzionale.
B. L'Atto delle Obbligazioni della Merce Statale
19. Il 2 giugno 2000, la sezione 3 dell’Atto delle obbligazioni della Merce Statale (legge federale n. 86-FZ del 1 giugno 1995) che prevedeva che gli ordini di accordo a fine speciale sarebbero stati riconosciuti come debito interno Statale fu emendato e , nelle parti attinenti, si legge come segue:
“Esporre, nel [Programma Statale per il rimborso del debito interno Statale della Federazione russa], la seguente sequenza e termini di rimborso delle obbligazioni di merce Statale, a seconda dal tipo dell'obbligazione:
- [...] a riguardo di portatori di ordini di accordo a fine speciale che hanno dato il diritto di acquistare macchine passeggeri nel 1991 e 1992-il pagamento del risarcimento valutario uguale al valore della macchina descritta nell'ordine, come determinato in cooperazione con i fabbricanti automobilistici al momento del rimborso. [...]
- a riguardo di portatori di ordini di accordo a fine speciale che hanno dato il diritto di acquistare macchine passeggeri nel 1993-1995-il pagamento del risarcimento valutario uguale ad una parte del valore della macchina descritta nell'ordine, come determinato sul conteggio della percentuale della parte del pieno valore della macchina pagato dal proprietario il 1 gennaio 1992 (in conformità con la scala dei prezzi in vigore fino al 1 gennaio 1992), così come il prezzo delle macchine determinato in cooperazione con i fabbricanti automobilistici al momento di rimborso”
20. Per il riassunto delle altre disposizioni di diritto nazionale attinenti vedere Grishchenko c. Russia, (dec.), no.75907/01, 8 luglio 2004.
LA LEGGE
I. CONGIUNZIONE DELLE RICHIESTE
21. Dato che le presenti cinque richieste riguardano fatti simili e le azioni di reclamo sollevano problemi identici sotto la Convenzione, la Corte decide di considerarle in una sola sentenza.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 DELLA CONVENZIONE E DELL ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 A CAUSA DELLA REVISIONE DIRETTIVA
22. I richiedenti si lamentarono in particolare sotto l’ Articolo 6 della Convenzione e l’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 della revisione direttiva delle sentenze. La Sig.ra G. si lamentò sotto queste disposizioni di non esserle stata notificata l’udienza della revisione direttiva e di non aver potuto presenziare all'esame della sua causa. Questi Articoli, nelle parti attinenti, prevedono come segue:
Articolo 6 § 1
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale ...”
Articolo 1 di Protocollo N.ro 1
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale...”
A. Le osservazioni delle parti
23. Riguardo alla causa della Sig.ra S.a, il Governo dibatté che lei non aveva sollevato la questione della certezza legale nella sua richiesta alla Corte, ma solamente impugnato l'equità dei procedimenti nazionali. Così, avendo diritto anche ad investigare proprio motu se i fatti in considerazione rivelarono altre violazioni della Convenzione diversi da quelle affermate nella richiesta, la Corte aveva sollevato la questione della certezza legale fuori dal tempo-limite dei sei mesi stabilito dall’ Articolo 35 § 1 della Convenzione.
24. Il Governo presentò inoltre, a riguardo di tutte le cause, che la revisione direttiva non aveva violato il principio della certezza legale: era stata preceduta da un ricorso ordinario, solamente un’istanza di revisione direttivo era stata impegnata, la richiesta per l'annullamento era stata depositata entro i sei mesi, era stata iniziata con una parte ai procedimenti ed era tesa a correggere un’errata applicazione della legge in questione.
25. Dibatté inoltre che la revisione direttiva aveva mirato a rimediare un difetto fondamentale dei procedimenti di fronte alle corti inferiori. Sottolineò che le corti inferiori non erano competenti per decidere sull’ ottemperanza delle disposizioni della Legge Federale del 2 giugno 2000 con la Costituzione della Federazione russa. Invece, loro avrebbero dovuto introdurre una richiesta per revisione della costituzionalità della Legge Federale in oggetto presso la Corte Costituzionale ed avrebbero dovuto sospendere i procedimenti essendo pendente il risultato della direttiva attinente. Comunque, loro non riuscirono a fare simile richiesta, e nessuna sospensione dei procedimenti ebbe luogo. Perciò, l'esame delle cause dei richiedenti di fronte alle corti inferiori furono inficiate da un difetto fondamentale, vale a dire l'abuso di potere da parte delle corti e l’ errore giurisdizionale. In queste circostanze, l’annullamento era il solo modo disponibile per rettificare il difetto fondamentale e ripristinare la certezza legale nelle presenti cause.
26. Dibatté inoltre che i diritti dei richiedenti sotto l’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 non erano stati pregiudicati: La Sig.ra G., V. P. ed I. P. aveva ricevuto il risarcimento per le macchine prima della causa, mentre gli altri richiedenti non erano riusciti ad applicare il rimborso del vaglia cambiario.
27. I richiedenti mantennero le loro rivendicazioni.
B. La valutazione della Corte
1. Ammissibilità
28. Riguardo alla competenza della Corte per esaminare la causa della Sig.ra S. e siccome riguarda l’ ottemperanza con l'articolo dei sei mesi, la Corte reitera, che ha giurisdizione per fare una rassegna alla luce dell'interezza dei requisiti della Convenzione delle circostanze di cui un richiedente si lamenta e, in particolare, è libera di attribuire ai fatti della causa, come trovati stabiliti sulle prove di fronte a sé, un caratterizzazione nella legge diversa da quella data dal richiedente o, all’occorrenza, vedere i fatti in una maniera diversa (vedere Foti ed Altri c. Italia, 10 dicembre 1982 Serie A n. 56, § 44, e Smirnova e Smirnova c. Russia (dec.), N. 46133/99 e 48183/99, 3 ottobre 2002). La Corte nota inoltre che il modulo di richiesta fu presentato dalla Sig.ra S. il 7 ottobre 2004, cioè entro sei mesi dalla data dell'annullamento della sentenza a suo favore. L’applicazione stabiliva i fatti attinenti riguardo ai procedimenti di revisione direttivi e fece una rivendicazione generale in relazione all’Articolo 6 della Convenzione. La Corte perciò costata che può esaminare se i procedimenti in oggetto rivelano una violazione dell’ Articolo 6 della Convenzione (vedere, mutatis mutandis, C.J.M.E., J.C.D. E W.A.C.S. c. Paesi Bassi, N. 5100/71 et al, decisione della Commissione del 29 maggio 1973 ed O'Reilly c. Irlanda, n. 21624/93, decisione della Commissione del 31 agosto 1994) e respinge l'eccezione.
29. La Corte nota inoltre che le richieste non sono manifestamente mal-fondate all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione e non sono inammissibili per qualsiasi altro motivo. Loro devono essere dichiaratei perciò ammissibili.
2. Meriti
(a) Articolo 6 della Convenzione
i. Procedura di revisione direttiva: certezza legale
30. La Corte reitera che l'annullamento tramite revisione direttiva di una decisione giudiziale che è divenuta definitiva e vincolante può rendere il diritto del contendente ad una corte illusorio e può infrangere il principio della certezza legale (vedere, fra molte altre autorità, Brumărescu c. Romania [GC], n. 28342/95, § 62 ECHR 1999-VII; Ryabykh c. Russia, n. 52854/99, §§ 56-58 del 24 luglio 2003). Partire da questo principio è giustificato solamente quando reso necessario dalle circostanze di carattere sostanziale ed irresistibile (vedere Kot c. Russia, n. 20887/03, § 24, 18 gennaio 2007, e Protsenko c. Russia, n. 13151/04, §§ 25-34 del 31 luglio 2008).
31. All'inizio la Corte nota che nella prospettiva del Governo l'annullamento delle sentenze su revisione direttiva fu richiesto dal bisogno di rettificare un difetto fondamentale nei procedimenti nazionali iniziali. La Corte reitera il suo approccio continuo che un errore giurisdizionale, una violazione seria di procedura di corte o gli abusi di potere possono, in principio, essere considerati un difetto fondamentale e perciò giustificare l'annullamento (vedere Luchkina c. Russia, n. 3548/04, § 21 del 10 aprile 2008). Comunque, nulla nelle rispettive direttive del Presidium della Corte Suprema della Repubblica di Sakha (Yakutiya) nelle cause in oggetto abilita la Corte a concludere che le sentenze iniziali furono annullate davvero perché queste corti avevano deciso sulla costituzionalità della legge federale fuori dalla loro giurisdizione. In nessuna delle sentenze l'errore giurisdizionale addotto o l'abuso della competenza o qualsiasi altro difetto procedurale è stato citato come base per l'annullamento delle sentenze delle corti inferiori. Al contrario, chiaramente segue dall'enunciazione delle direttive di istanza direttiva che la sola base per l'annullamento era il malinteso e l’applicazione incorretta delle disposizioni della detta Legge Federale da parte delle corti. Inoltre, l'autorità rispondente non rivendicò prima della revisione direttiva che i procedimenti precedenti erano stati inficiati da un difetto fondamentale, come, in particolare, un errore giurisdizionale, delle violazioni serie di procedura di corte o degli abusi di potere (vedere Luchkina, citata sopra). Simile argomento fu avanzato solamente nelle osservazioni del Governo. In assenza di qualsiasi riferimento alla base per l’annullamento citata dal Governo nei testi delle direttive dell’istanza direttiva, la Corte è incapace di concludere che l'annullamento fu causato, ed tanto meno giustificato dall'errore giurisdizionale effettivo da parte delle corti inferiori a cui fa riferimento il Governo. Respinge perciò l'argomento del Governo.
32. La Corte reitera inoltre il suo approccio continuo che in assenza di un difetto fondamentale nei procedimenti precedenti il disaccordo di una parte con la valutazione resa in prima - istanza e dalle corti di ricorso non è una circostanza di carattere sostanziale ed irresistibile che garantisce l’annullamento di una sentenza esecutiva vincolante e la riapertura dei procedimenti sulla rivendicazione del richiedente (vedere Dovguchits c. Russia, n. 2999/03, § 30 del 7 giugno 2007; e Kot, citata sopra, § 29). Il Governo non ha esposto qualsiasi argomento tale da permettere alla Corte di giungere ad una conclusione diversa nelle cinque presenti cause. C'è stata, di conseguenza, una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione.
ii. Procedura di revisione direttiva: problemi procedurali
33. Riguardo all'azione di reclamo dei difetti procedurali dell'udienza di fronte al Presidium della Corte Suprema della Repubblica di Sakha (Yakutiya) sollevata dalla Sig.ra G., la Corte costata che, avendo concluso che c'era stata una violazione del“diritto ad una corte” della richiedente per lo stesso uso della procedura di revisione direttiva, non è necessario considerare se le garanzie procedurali dell’Articolo 6 della Convenzione erano disponibili in quei procedimenti (cf. Volkova c. Russia, n. 48758/99, § 39 del 5 aprile 2005).
(b) Articolo 1 del Protocollo N.ro 1
34. La Corte reitera che l'esistenza di un debito confermata da una sentenza esecutiva vincolante costituisce una “proprietà” del beneficiario all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere, fra le altre autorità, Androsov c. Russia, n. 63973/00, § 69 del 6 ottobre 2005).
35. La Corte ha trovato in molte cause che gli annullamenti delle sentenze esecutive hanno tradito la fiducia dei richiedenti nella decisione giudiziale vincolante e li ha spogliati di un'opportunità di ricevere i soldi che loro legittimamente si erano aspettati di ricevere (vedere, fra altre, Ivanova c. Russia, n. 11697/05, § 23, 24 aprile 2008 Dmitriyeva c. Russia, n. 27101/04, § 32 del 3 aprile 2008). In queste circostanze, presumendo anche che l'interferenza fosse legale ed inseguisse uno scopo legittimo, la Corte considera che gli annullamenti delle sentenze esecutive a favore dei richiedenti tramite revisione direttiva imposero un carico eccessivo su di loro ed erano incompatibili con l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. C'è stata perciò una violazione di questo Articolo nelle cinque presenti cause.
III. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 DELLA CONVENZIONE E DELL’ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 A CAUSA DELLA NON-ESECUZIONE
36. I richiedenti si lamentarono della non-esecuzione delle sentenze a loro favore. Loro si appellarono all’ Articolo 6 § 1 della Convenzione ed all’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, entrambi citati sopra.
37. Il Governo addusse che i richiedenti non avevano esaurito le vie di ricorso nazionali disponibili a loro sotto il diritto nazionale. Fece riferimento al Capitolo 25 del Codice di Procedura Civile che permetteva in particolare di lamentarsi della negligenza delle autorità ed al Capitolo 59 del Codice civile che apre una via per chiedere il danno non-patrimoniale. Nella prospettiva del Governo questa ultima disposizione aveva provato la sua efficacia in pratica, come mostrato con molti esempi di giurisprudenza nazionale. Il Governo dibatté inoltre, a riguardo di molti richiedenti che loro non erano riusciti a presentare i documenti di esecuzione alle autorità attinenti e nel dovuto tempo, e da questo l’esecuzione ritardata delle assegnazioni. In alcune cause sostenne che le sentenze a favore dei richiedenti non erano state eseguite a causa di procedimenti di revisione direttiva che avevano dato luogo infine all’annullamento delle rispettive assegnazioni. Riguardo alla richiesta della Sig.ra S., dibatté che l'esecuzione della sentenza a suo favore non eccedeva i dieci mesi ed era compatibile con la Convenzione.
38. I richiedenti mantennero le loro rivendicazioni. Loro dibatterono di non aver protratto significativamente l'esecuzione delle sentenze e che i ritardi sostanziali dell’ esecuzione erano stati attribuibili alle autorità.
A. Causa n. 38585/04 della Sig.ra S.
39. La Corte osserva che i principi che insistono che una decisione giudiziale definitiva non devono essere chiamati in causa e che dovrebbe essere eseguita rappresentano due aspetti dello stesso concetto generale, vale a dire il diritto ad una corte (vedere Boris Vasilyev c. Russia, n. 30671/03, §§ 41-42 del 15 febbraio 2007; e Sobelin ed Altri c. Russia, n. 30672/03 et seq., §§ 67-68, 3 maggio 2007). La Corte osserva inoltre che la sentenza a favore della richiedente fu annullata subito dopo essere divenuta vincolante ed esecutiva. In queste circostanze, considera, che l'azione di reclamo di non-esecuzione della Sig.ra S. è collegata da vicino al problema della revisione direttiva e dovrebbe essere dichiarata altrettanto ammissibile. Comunque, avendo riguardo alle sue costatazioni sopra riguardo alla violazione dei diritti dei richiedenti a causa dell'annullamento delle sentenze a loro favore, la Corte non considera necessario, nelle circostanze della causa, esaminare separatamente la sua azione di reclamo riguardo alla non-esecuzione della rispettiva sentenza (vedere Sobelin ed Altri, citata sopra).
B. Le cause rimanenti (N. 2795/05, 18590/05 24012/07 e 55283/07)
1. Ammissibilità
40. Riguardo all’ esaurimento, la Corte ha valutato recentemente l'efficacia della via di ricorso a cui fa riferimento il Governo e ha trovato che le vie di ricorso suggerite erano inefficaci (vedere, fra altre, Burdov c. Russia (n. 2), n. 33509/04, §§ 103 e 106-116, 15 gennaio 2009, e Moroko c. Russia, n. 20937/07, §§ 25-30 12 giugno 2008). L'eccezione del Governo deve essere perciò respinta.
41. La Corte nota inoltre che l'azione di reclamo di non-esecuzione dei richiedenti non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione e non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
2. Meriti
42. La Corte reitera che un ritardo irragionevolmente lungo nell'esecuzione di una sentenza vincolante può violare la Convenzione (veda Burdov c. Russia, n. 59498/00, ECHR 2002-III). La Corte reitera inoltre che l'annullamento di una sentenza in una maniera che è stata trovata essere stata incompatibile col principio della certezza legale e col “diritto ad una corte” del richiedente non può essere accettato come giustificazione per l'insuccesso nell’esecuzione di questa sentenza (vedere Sukhobokov c. Russia, n. 75470/01, § 26 del 13 aprile 2006). Nelle presenti cause le sentenze a favore dei richiedenti erano esecutive sino ad almeno le rispettive date di annullamento e spettava allo Stato attenersi ai loro termini (vedere Velskaya c. Russia, n. 21769/03, § 18 del 5 ottobre 2006). In ogni caso lo Stato evitò comunque, di pagare il debito di sentenza per più di un anno.
43. Riguardo all'eccezione riguardo all'insuccesso dei richiedenti nel presentare le carte di esecuzione nel dovuto tempo, la Corte reitera che dove una sentenza è contro lo Stato, lo Stato deve prendere l'iniziativa per eseguirla (vedere Akashev c. Russia, n. 30616/05, §§ 21–23 del 12 giugno 2008). La complessità della procedura di esecuzione nazionale non può sollevare lo Stato dal suo obbligo di eseguire una decisione giudiziale vincolante all'interno di un termine ragionevole (vedere Burdov (n. 2), citato sopra, § 70).
44. C’è stata, di conseguenza, una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 nelle quattro cause in oggetto.
IV. ALTRE VIOLAZIONI ADDOTTE DELLA CONVENZIONE
45. La Sig.ra G. (richiesta n. 18590/05) si lamentò sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione della lunghezza degli atti nella sua causa.
46. La Corte ha esaminato questa azione di reclamo come presentata dalla richiedente. Avendo riguardo a tutto il materiale in suo possesso, trova, che l'azione di reclamo non rivela qualsiasi comparizione di una violazione dei diritti e delle libertà esposte nella Convenzione o nei suoi Protocolli. Ne segue che questa parte della richiesta della Sig.ra G. deve essere respinta come manifestamente mal-fondata, facendo seguito all’ Articolo 35 §§ 3 e 4 della Convenzione.
V. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
47. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”

A. Damage
1. Danno patrimoniale
(a) Le osservazioni delle parti
48. Il Sig.ra S. chiese 127,825 rubli russi (RUB) del debito di sentenza e RUB 79,080.64 dell'interesse che sorge dall'esecuzione ritardata della sentenza a suo favore, calcolato sulla base del tasso di rifinanziamento della Banca Centrale della Russia per il periodo dall'entrata in vigore della sentenza nazionale sino alla data della sentenza della Corte.
49. Il Sig. T. chiese RUB 115,000 del pieno valore valutario di una macchina come determinato dalla sentenza a suo favore, così come l'interesse. Lui non aveva fornito un calcolo particolareggiato dell'interesse. Comunque, lui presentò che il valore di mercato di una macchina era aumentato e corrispondeva a RUB 350,000 in data della presentazione della sua rivendicazione.
50. La Sig.ra G. chiese RUB 109,609 del debito di sentenza iniziale, così come RUB 88,739.45 rappresentanti l'interesse calcolato al tasso valido l’ 8 maggio 2009, data della presentazione delle sue rivendicazioni dovrebbero essere assegnatile a riguardo del danno patrimoniale.
51. La Sig.ra V. P. chiese 10,000 euro (EUR) a riguardo del danno patrimoniale, senza ulteriore prove.
52. Infine, la Sig.ra I. P. chiese RUB 110,940.96 equivalenti all'importo del debito di sentenza iniziale.
53. Il Governo presentò che nessuna assegnazione di soddisfazione equa dovrebbe essere fatta ai richiedenti, poiché non c'era stata nessuna violazione dei loro diritti. In qualsiasi caso, le loro rivendicazioni erano eccessive ed irragionevoli. In particolare, dibatté che la Sig.ra S., G. ed I. P. non potevano chiedere l'interesse per i periodi seguenti all'annullare delle rispettive sentenze a loro favore. Indicò che il Sig. T. non aveva specificato il metodo di calcolo dell'interesse né presentato qualsiasi documenti a riguardo della sua rivendicazione. Il Governo contestò inoltre le osservazioni della Sig.ra V. P. come infondate e ha sottolineato che lei non era riuscita a specificare il metodo di calcolo o particolareggiare le sue rivendicazioni sotto questo capo.
(b) la valutazione di La Corte
54. La Corte richiama che la forma più appropriata di compensazione a riguardo delle violazioni trovate sarebbero mettere il più possibile i richiedenti nella posizione in cui sarebbero stati se i requisiti della Convenzione non fossero stati trascurati (vedere Piersack c. Belgio (Articolo 50), 26 ottobre 1984, Serie A n. 85, p. 16, § 12 e, mutatis mutandis, Gençel c. Turchia, n. 53431/99, § 27 del 23 ottobre 2003). La Corte considera che questo principio dovrebbe applicarsi alle presenti cause.
55. Riguardo alla richiesta del Sig.ra V. P., la Corte nota che l'assegnazione nazionale iniziale era rimasta non eseguita sino alla data del suo annullamento e poi si era ridotto come risultato dei procedimenti della revisione direttivo. Inoltre, sembra che il nuovo debito della sentenza non era stato pagato alla richiedente. In queste circostanze, la Corte assegna alla richiedente l'equivalente in euro del pieno importo accordato dalla sentenza iniziale del 24 aprile 2002 a suo favore.
56. Riguardo alle rimanenti quattro cause, la Corte nota che ai richiedenti fu impedito di ricevere gli importi che loro legittimamente si erano aspettati di ricevere sotto le sentenze esecutive vincolanti consegnate dalle corti nazionali a loro favore. Di conseguenza la Corte considera appropriato assegnare ai richiedenti l'equivalente in euro delle somme che loro avrebbero ricevuto se le sentenze a loro favore non fossero state annullate (vedere Bolyukh c. Russia, n. 19134/05, § 39 del 31 luglio 2007).
57. La Corte richiama inoltre il suo approccio continuo per cui l'adeguatezza del risarcimento sarebbe sminuita se fosse pagato senza riferimento alle varie circostanze responsabili di ridurne il suo valore (vedere, mutatis mutandis, Gizzatova c. Russia, n. 5124/03, § 28 del 13 gennaio 2005). La Corte accetta le rivendicazioni dei richiedenti relative al deprezzamento delle assegnazioni nazionali fin dalla consegna delle sentenze a loro favore e costata appropriato assegnare delle somme supplementari a questo riguardo, dove furono richieste (vedere Kondrashov ed Altri c. Russia, N. 2068/03 et al., § 42, 8 gennaio 2009). Prendendo in considerazione che in nessuna delle cause il Governo aveva presentato qualsiasi metodo alternativo di calcolo delle perdite patrimoniali dei richiedenti, la Corte determinerà il risarcimento sulla base del metodo suggerito dai richiedenti. Comunque, riguardo alle rivendicazioni dei richiedenti a riguardo della loro futura perdita patrimoniale, la Corte richiama che dopo che le sentenze definitive furono annullate loro cessarono di esistere sotto il diritto nazionale; non può ripristinare il potere di queste sentenze. La Corte ammette perciò, solamente i ricorsi dei richiedenti a riguardo dell'interesse nella misura in cui sono stati fatti a riguardo dei periodi che precedono l'annullamento.
58. Facendo la sua stima sulla base delle informazioni a sua disposizione, la Corte assegna di conseguenza i seguenti importi, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile:
EUR 3,804 a N. S.;
EUR 3,398 a S. T.;
EUR 3,007 a R. G.;
EUR 3,328 a V. P.;
EUR 3,354 a me. P..
Questi importi includono l'assegnazione iniziale ed il risarcimento per il deprezzamento delle assegnazioni delle corti nazionali per i periodi che precedono l'annullamento. La Corte respinge il resto delle rivendicazioni dei richiedenti sotto questo capo.
2. Danno non-patrimoniale
59. La Sig.ra S. chiese RUB 100,000, il Sig. T. EUR 5,000, la Sig.ra G. EUR 10,000, la Sig.ra V. P. EUR 25,000 e la Sig.ra I. P. Rub 150,000 a riguardo del danno non-patrimoniale.
60. Il Governo impugnò le rivendicazioni come non comprovate ed eccessive. Nel caso di I. P.a suggerì che, se la Corte dovesse fare qualsiasi assegnazione sotto questo capo, quest’ultima non dovrebbe eccedere EUR 2,000 (vedere la causa Senchenko ed Altri e altri 35 “ pensionati di Yakut” c. Russia, N. 32865/06 et seq., § 15, 28 maggio 2009)
61. Avendo riguardo alla natura della violazione in questa causa, facendo la sua valutazione su una base equa, la Corte assegna ad ogni richiedente la somma di EUR 3,000 a riguardo del danno non-patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su quell'importo.
B. Costi e spese
1. Causa del Sig.ra S.
62. La richiedente chiese il rimborso della parcella dell'avvocato nell'importo di RUB 5,500 più il sette per cento dell' eventuale assegnazione della Corte. Lei presentò copie del contratto con l'avvocato ed una ricevuta che conferma il pagamento di RUB 3,000. Lei chiese inoltre RUB 339,35 delle spese postali e presentò che lei aveva pagato RUB 300 ad un'agenzia di revisione locale per il calcolo della perdita patrimoniale nella sua causa.
63. Il Governo contestò le rivendicazioni come eccessive ed infondate.
64. Secondo la giurisprudenza della Corte, ad un richiedente viene concesso il rimborso dei costi e delle spese solamente nella misura in cui si dimostri che questi davvero e necessariamente sono stati incorsi e sono stati ragionevoli riguardo al quantum. La Corte respinge di conseguenza la rivendicazione riferita all' eventuale assegnazione della Corte. Allo stesso tempo, avuto riguardo alle informazioni in suo possesso ed ai criteri sopra, la Corte concede il resto della sua rivendicazione e considera ragionevole assegnare la somma di EUR 99 alla Sig.ra S. (novanta-nove euro) per i procedimenti di fronte alla Corte, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su quell'importo.
2. Quattro cause rimanenti
65. I richiedenti nelle rimanenti quattro cause non chiesero costi o spese e non c'è di conseguenza nessuna necessità di fare un'assegnazione sotto questo capo.
C. Interesse di mora
66. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Decide di congiungere le richieste;
2. Dichiara l'azione di reclamo sotto l’Articolo 6 della Convenzione e l’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 a riguardo della non-esecuzione e dell’annullamento delle sentenze a favore dei richiedenti su revisione direttiva ammissibile ed il resto delle richieste inammissibile;
3. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 6 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 in tutte le cause a causa dell’annullamento delle sentenze a favore dei richiedenti tramite revisione direttiva;
4. Sostiene, a riguardo delle richieste del Sig. T., il Sig.ra G., al Sig.ra V. P. e Sig.ra io. P. che c'è stata una violazione dell’ Articolo 6 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione a causa della non-esecuzione delle sentenze a loro favore;
5. Sostiene che non c'è nessun bisogno di esaminare l'azione di reclamo di non-esecuzione della Sig.ra S. sotto l’Articolo 6 della Convenzione e l’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 a causa della non-esecuzione della sentenza del 4 agosto 2003;
6. Sostiene
(a) a riguardo di tutte le richieste che lo Stato rispondente deve pagare i richiedenti, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione le seguenti somme, più qualsiasi tassa che può essere a carico dei richiedenti, da convertire in rubli russi al tasso applicabile in data dell'accordo:
(i) a riguardo del danno patrimoniale:
EUR 3,804 (tre mila ottocento e quattro euro) a N. S.;
EUR 3,398 (tre mila trecento e novanta otto euro) a S. T.;
EUR 3,007 (tre mila e sette euro) a R. G.;
EUR 3,328 (tre mila trecento e ventotto euro) a V. P.;
EUR 3,354 (tre mila trecento e cinquanta quattro euro) a I. P.;
(l'ii) EUR 3,000 (tre mila euro) ad ogni richiedente a riguardo del danno non-patrimoniale;
(l'iii) EUR 99 (novanta-nove euro) a N. S. a riguardo di costi e spese;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’ interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
7. Respinge il resto della rivendicazione dei richiedenti per la soddisfazione equa.
Fatto in inglesi, e notificato per iscritto l’8 aprile 2010, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Søren Nielsen Christos Rozakis Cancelliere Presidente


APPENDICE
NUMERO DELLA RICHIESTA, DATA DI DEPOSITo NOME DELRICHIEDENTE ED ANNO DI NASCITA SENTENZA A FAVORE DEL RICHIEDENTE (DATA, CORTE) DEFINITIVA IL ASSEGNAZIONE (RUB) ANNULLAMENTO TRAMITE REVISIONE DIRETTIVA (DATA)
38585/04,07/10/2004 OMISSIS(1949) 4 agosto 2003, la Corte Suprema della Repubblica di Sakha (Yakutiya) La stessa data 127,825 27 maggio 2004
2795/05
05/04/2005 OMISSIS(1974) 14 marzo 2002, Corte distrettuale di Mirnyy 10 giugno 2002, corretta su ricorso della Corte Suprema della Repubblica di Sakha (Yakutia) 115,000 14 ottobre 2004
18590/0519/04/2005 OMISSIS (1945) 11 febbraio 2003, Corte distrettuale di Mirninyy 24 marzo 2003 109,609 11 novembre 2004
24012/07
08/05/2007 OMISSIS (1937) 17 giugno 2002, Corte Suprema della Repubblica di Sakha (Yakutiya) La stessa data 91,520 23 novembre 2006 (assegnazione ridusse Strofinare 28,009)
55283/07
30/05/2007 OMISSIS (1952) 6 giugno 2003, Corte della Città di Nerungri 13 agosto 2003 110,940 21 dicembre 2006




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 07/10/2020.