Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF URSAN v. ROMANIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI:

NUMERO: 35852/04/2010
STATO: Romania
DATA: 06/04/2010
ORGANO: Sezione Terza


TESTO ORIGINALE

Conclusion Violation of Art. 6-1 ; Violation of P1-1
THIRD SECTION
CASE OF URSAN v. ROMANIA
(Application no. 35852/04)
JUDGMENT
STRASBOURG
6 April 2010
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.

In the case of Ursan v. Romania,
The European Court of Human Rights (Third Section), sitting as a Chamber composed of:
Josep Casadevall, President,
Elisabet Fura,
Corneliu Bîrsan,
Alvina Gyulumyan,
Egbert Myjer,
Ineta Ziemele,
Ann Power, judges,
and Santiago Quesada, Section Registrar,
Having deliberated in private on 16 March 2010,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 35852/04) against Romania lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Romanian national, Ms Dorina Ursan (“the applicant”), on 28 September 2004.
2. The Romanian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr Răzvan-Horaţiu Radu.
3. On 17 October 2007 the President of the Third Section decided to give notice of the application to the Government. It was also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (Article 29 § 3).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
4. The applicant was born in 1953 and lives in IaÅŸi.
5. On 1 October 2002 the applicant was appointed to the post of director of the Economics Department of the Romanian Waters Agency (“the Agency”), a public institution under the authority of the Ministry of Agriculture, Forestry, Water and the Environment (“the Ministry”).
A. The Agency's decision of 21 July 2003 to dismiss the applicant
6. In July 2003 the audit office of the Ministry investigated the Agency's activity and discovered some irregularities. As a result, on 21 July 2003 the Agency dismissed the applicant for alleged mismanagement.
7. On 5 August 2003 the Ministry certified mismanagement on the applicant's part and on 12 August 2003 it lodged a criminal complaint against her. It appears from the file that the proceedings are still pending.
8. On 26 November 2003 the Bucharest County Court set aside the decision of 21 July 2003 and ordered the applicant's reinstatement and payment of the salary due until her effective reinstatement. The court found that no preliminary investigations had been carried out prior to that decision.
That judgment was quashed on grounds of incompatibility ratione loci, but on 15 April 2005 the IaÅŸi County Court set aside that decision and ordered the applicant's reinstatement and payment of the difference between the salary earned before and after the decision, until the applicant's effective reinstatement. That ruling was upheld by a final decision of 4 October 2005 by the IaÅŸi Court of Appeal.
B. The Agency's decision of 2 February 2004 to suspend the applicant
9. On 12 January 2004 the agency reinstated the applicant in her previous position, but on 2 February 2004 it suspended her from office. That decision was based on the existence of a criminal complaint against the applicant, and stated that during the applicant's suspension, which would remain in place until the end of the criminal proceedings, she would be offered another post corresponding to her qualifications. On 3 February 2004 she was appointed as economic adviser in a local branch of the Agency.
10. On 30 June 2004 the IaÅŸi County Court set aside the decision of 2 February 2004 and ordered the Agency to reinstate the applicant in her previous position as director of the Economics Department and to pay her the difference between the salary earned before and after that decision. The court considered that decision to be unlawful, inter alia, because the criminal complaint against the applicant had not been lodged by the Agency, which was the applicant's employer, but by the Ministry, which had no professional relationship with the applicant.
11. On 27 July 2004 the Agency therefore declared void its decision of 2 February 2004, reinstated the applicant in her previous post and paid her the outstanding salary.
12. However, on 2 December 2004 the IaÅŸi Court of Appeal, by a final decision, allowed an appeal on points of law by the Agency and dismissed the applicant's complaint against the decision of 2 February 2004.
C. The Agency's decision of 16 August 2004 to suspend the applicant
13. According to the Agency, on 6 August 2004 it lodged a criminal complaint against the applicant.
14. On 16 August 2004 the Agency again suspended her from her post, on the basis of that criminal complaint.
15. On 29 October 2004 the IaÅŸi County Court set aside that decision and ordered the Agency to reinstate the applicant in her previous post and to pay her, from 16 August 2004 until her effective reinstatement, compensation for pecuniary damage in the form of an increased and updated salary, together with all the other benefits to which she would have been entitled. The court held that the Agency had not proved that it had lodged a criminal complaint against the applicant.
16. On 20 January 2005 the IaÅŸi Court of Appeal, by a final decision, dismissed an appeal on points of law by the Agency. However, in its reasoning the court found that the decision of 16 August 2004 had been unlawful because the courts had eventually confirmed the previous decision of 2 February 2004 suspending the applicant (see paragraph 12 above).
D. Attempts by the applicant to secure enforcement of the judgment of 29 October 2004
17. On 31 January 2005 the applicant requested the Agency to enforce the judgment of 29 October 2004 (see paragraph 15 above). Following a refusal by the Agency, the applicant lodged a criminal complaint on 27 February 2005 against its Director-General. Eventually, on 5 February 2007, the Bucharest District Court acquitted the Director-General on the ground that his conduct had not amounted to a criminal offence, but ordered him to pay a criminal fine. The court also noted that the Agency's decision of 2 February 2004 had been declared void by its subsequent decision of 27 July 2004 reinstating the applicant (see paragraph 11 above). That judgment became final.
18. On 2 February 2005 the applicant requested assistance from the re-named Ministry of the Environment and Water, under whose authority the Agency continued to function, with a view to her reinstatement. On 13 May 2005 the Ministry replied that the judgment of 29 October 2004 was enforceable.
19. Between 8 February 2005 and 4 July 2007 the applicant made successive requests to a bailiff to attach the Agency's bank assets in order to recover the salary due to her, increased and updated in line with inflation. Several account statements issued between June 2005 and December 2007 certified payment by the Agency of the amounts claimed by the applicant.
In particular, on 31 March 2005 she requested the bailiff to oblige the Agency to reinstate her. In her request of 4 July 2007, the applicant acknowledged that she had recovered salary for the period between 16 August 2004 and 31 March 2007, but that the Agency had still not reinstated her.
20. On 30 August 2006 the Ministry of the Environment and Water informed the applicant that it had requested the Agency to enforce the judgment in her favour.
21. According to the Agency, the applicant had not asked to be reinstated, preferring to claim the corresponding salary. The applicant contested this assertion.
E. Action by the applicant against the Agency seeking reassessment of her salary and payment of social security contributions
22. On 1 October 2007 the applicant brought civil proceedings against the Agency seeking reassessment of her salary on the basis of increases and updates for the period 2003-2007, alleging that she was still receiving a salary at the 2003 level. She also claimed payment of social security contributions on her behalf.
23. On 12 September 2008 the IaÅŸi County Court refused her request. Having regard to the date on which it was lodged, the court found that her claim relating to the period from 21 July 2003 to 1 October 2004 was time-barred. As to the rest of the period, it considered that the decision of 2 February 2004 which had suspended her from office was still in effect and therefore the applicant was not entitled to a salary corresponding to the post of director. Since it had dismissed her main claim for payment of salary, the court also dismissed her secondary request for payment of social security contributions.
24. On 20 January 2009 the IaÅŸi Court of Appeal, by a final decision, dismissed an appeal on points of law by the applicant and upheld the decision of the first-instance court, but varied its reasoning. Thus, it found that the decision of 2 February 2004 had been actually rendered void by the subsequent decision of 27 July 2004 to reinstate the applicant (see paragraph 11 above). The court further noted that the decision of 27 July 2004 had been issued in accordance with the judgment of 30 June 2004, but had not been annulled by the Agency following the final decision of 2 December 2004 (see paragraph 12 above). Therefore, the professional relationship between the applicant and the Agency had not been suspended.
The court further noted that, under the judgments of 15 April 2005 (see paragraph 8 above) and 29 October 2004 (see paragraph 15 above), the Agency had an obligation to reinstate the applicant in her previous post and to pay her, until her effective reinstatement, compensation for pecuniary damage in the form of an increased and updated salary. It also found that following the attachment of the Agency's accounts she had received the amounts due from the Agency.
While her claim for the period from 21 July 2003 to 1 October 2004 was time-barred, the applicant was not entitled to a salary after that date either, since she had not been reinstated, but only to damages corresponding to an increased and updated salary. The court held that the above-mentioned judgments had already been enforced by means of attachment of the Agency's accounts. However, the amount of damages paid could be challenged by an objection to execution under Article 399 of the Code of Civil Procedure, not by an action for reassessment of salary such as that brought by the applicant. Finally, since the Agency could not be ordered to pay a salary to the applicant, it could not be ordered to pay social security contributions on her behalf either.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATIONS OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION AND ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 TO THE CONVENTION
25. The applicant complained that the non-enforcement of the judgment in her favour had infringed her rights guaranteed by Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, which, in so far as relevant, read as follows:
Article 6 § 1
“In the determination of his civil rights and obligations ... everyone is entitled to a fair ... hearing ... by [a] ... tribunal...”
Article 1 of Protocol No. 1
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
26. The Government contested that argument.
A. Admissibility
27. The Court notes that these complaints are not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that they are not inadmissible on any other grounds. They must therefore be declared admissible.
B. Merits
28. In their observations of 28 March 2008 the Government argued that the non-enforcement of the judgment of 29 October 2004 of the IaÅŸi County Court, as far as the applicant's reinstatement was concerned, had been due to the objective circumstance that the final decision of 2 December 2004 of the same court had validated the Agency's decision of 2 February 2004 to suspend her from office (see paragraph 12 above).
As far as payment of the salary arrears was concerned, the Government submitted that the domestic courts had endorsed the attachment by the bailiff of the Agency's assets; the judgment of 29 October 2004 had therefore been enforced in that respect.
29. The applicant contested those arguments, arguing that her right to be reinstated had been recognised by a final court decision and that the Agency had refused to perform that obligation. She further submitted that she had recovered salary only at the 2003 level, without benefitting from increases and updates in line with inflation as provided for by the judgment of 29 October 2004. Moreover, the Agency had not paid the social security contributions due on her behalf.
30. The Court reiterates that execution of a final judgment given by any court must be regarded as an integral part of the “trial” for the purposes of Article 6 of the Convention. (see Hornsby v. Greece, 19 March 1997, § 40, Reports of Judgments and Decisions 1997-II, and Immobiliare Saffi v. Italy [GC], no. 22774/93, § 63, ECHR 1999-V). When the authorities are obliged to act in order to enforce a judgment and they fail to do so, their inactivity can engage the State's responsibility on the ground of Article 6 § 1 of the Convention (see Scollo v. Italy, 28 September 1995, § 44, Series A
no. 315-C).
31. The Court notes in the present case that by a judgment of 29 October 2004 the Iaşi County Court ordered a public institution to reinstate the applicant in her previous post and to pay her compensation for pecuniary damage until her effective reinstatement. That judgment gave rise to a “possession” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1.
32. The Court further observes that the applicant has not been reinstated in her previous post, although the domestic authorities have not found, in a definitive manner, that it is impossible to reinstate her (see Ştefanescu v. Romania, no. 9555/03, § 25, 11 October 2007). Moreover, by a final decision of 20 January 2009 the Iaşi Court of Appeal confirmed the Agency's obligation to reinstate the applicant (see paragraph 24 above). That judgment also invalidates the Government's plea of objective conditions preventing enforcement of that obligation in the form of a decision by the Agency to suspend her from office which was still in force. The Court also finds that the Agency has not made any attempt to reinstate the applicant.
33. As to the obligation to pay compensation for pecuniary damage until the applicant's effective reinstatement, the Court notes that the Agency paid the amounts claimed by the applicant, at least for the period between February 2005 and July 2007 (paragraph 19 above), and that the IaÅŸi County Court also stated in its final decision of 20 January 2009 that the judgments in the applicant's favour had already been enforced by means of the attachment of the Agency's accounts (see paragraph 24 above). The Court sees no reasons to depart from those findings. However, since the obligation to pay persists until the applicant's effective reinstatement, the Court cannot consider that it has been fully enforced.
34. The Court further notes that, invoking the same judgment of 29 October 2004, the applicant claimed a higher amount of damages, as well as payment by the Agency of social security benefits on her behalf. On this point, the Court considers that the domestic courts have already examined and decided on that matter (see paragraph 24 above). Accordingly, in the present case the Court cannot substitute its view for that of the domestic courts with regard to the amount of damages and payment of social security contributions.
35. The Court has frequently found violations of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 in cases raising issues similar to the ones in the present case (see, among others, Miclici v. Romania, no. 23657/03, 20 December 2007, and Vasile Niţescu v. Romania, no. 20763/03, 21 April 2009).
36. Having examined the material submitted to it, the Court notes that the Government have not put forward any fact or argument capable of persuading it to reach a different conclusion in the present case. There has accordingly been a violation of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1.
II. OTHER ALLEGED VIOLATIONS OF THE CONVENTION
37. The applicant complained under Article 6 § 1 that the proceedings terminated by the final decision of 20 January 2009 had been unfair, that the domestic courts had been neither independent nor impartial, and that they had failed to assess the facts correctly and had misinterpreted the domestic law. She further complained that the courts had not awarded her the difference in salary claimed and had not ordered the Agency to pay social security contributions on her behalf.
38. Having carefully considered the applicant's submissions in the light of all the material in its possession, the Court finds that, in so far as the matters complained of are within its competence, they do not disclose any appearance of a violation of the rights and freedoms set out in the Convention.
39. It follows that this part of the application must be declared inadmissible as being manifestly ill-founded, pursuant to Article 35 §§ 3 and 4 of the Convention.
III. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
40. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
41. The applicant claimed 26,189 euros (EUR) in respect of pecuniary damage, representing the difference between the amount of EUR 60,000 allegedly due and the amount of EUR 33,811 that she had already recovered. The amount claimed included the increases in salary and the social security contributions. In a subsequent letter, she brought that amount up to date. The applicant further claimed EUR 182,500 as a pecuniary penalty for the delay in enforcement. In respect of non-pecuniary damage she claimed EUR 150,000.
42. The Government submitted that the Agency had paid the amounts due under the judgment of 29 October 2004. Furthermore, they considered that the finding of a violation would constitute in itself sufficient just satisfaction for any non-pecuniary damage which the applicant might have suffered.
43. The Court reiterates that, where it has found a breach of the Convention in a judgment, the respondent State is under a legal obligation to put an end to that breach and make reparation for its consequences in such a way as to restore as far as possible the situation existing before the breach (see Iatridis v. Greece (just satisfaction) [GC], no. 31107/96, § 32, ECHR 2000-XI). If national law does not allow – or allows only partial – reparation to be made, Article 41 empowers the Court to afford the injured party such satisfaction as appears to it to be appropriate. The Court enjoys
a certain discretion in the exercise of that power, as the adjective “just” and the phrase “if necessary” attest. In particular, if one or more heads of damage cannot be calculated precisely or if the distinction between pecuniary and non-pecuniary damage proves difficult, the Court may decide to make a global assessment (see Comingersoll S.A. v. Portugal [GC], no. 35382/97, § 29, ECHR 2000-IV).
44. The Court observes that in the present case it has found a violation of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 in that the applicant was not reinstated in her previous post and was also not paid full compensation in respect of pecuniary damage until her effective reinstatement.
45. Therefore, the Court considers that, in so far as the judgment of 29 October 2004 remains in force, the State's outstanding obligation to enforce it cannot be disputed. Accordingly, the applicant is still entitled to enforcement of that judgment. The Court reiterates that the most appropriate form of redress in respect of a violation of Article 6 is to ensure that the applicant as far as possible is put in the position he would have been in had the requirements of Article 6 not been disregarded (see Piersack v. Belgium (Article 50), 26 October 1984, § 12, Series A no. 85). The Court finds that this principle also applies in the present case, having regard to the violations found. It therefore considers that the Government must secure, by appropriate means, the enforcement of the judgment of 29 October 2004, namely the reinstatement of the applicant in her previous post and payment of compensation for pecuniary damage until her effective reinstatement.
46. The Court further points out that its judgments are essentially declaratory in nature. In general, it is primarily for the State concerned to choose the means to be used in its domestic legal order in order to discharge its legal obligation under Article 46 of the Convention (see Shofman v. Russia, no. 74826/01, § 53, 24 November 2005, with further references). By finding a violation of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 in the present case, the Court has established the Government's obligation to take appropriate measures to remedy the applicant's individual situation, that is, to ensure compliance with the applicant's enforceable claim under the judgment of 29 October 2004 (compare with Fadeyeva v. Russia, no. 55723/00, § 142, ECHR 2005-...). Whether this involves reinstating the applicant in her previous job or in an equivalent job or, if this is not possible, granting her reasonable compensation for non-enforcement, or a combination of these and other measures, is a decision that falls to the respondent State (see Tarverdiyev v. Azerbaijan, no. 33343/03, § 66, 26 July 2007). The Court, however, emphasises that any measures adopted must be compatible with the conclusions set out in the Court's judgment (see Assanidze v. Georgia [GC], no. 71503/01, § 202, ECHR 2004-II, with further references).
47. As regards the amount of money claimed by the applicant in respect of the difference in salary and of social security contributions, the Court reiterates its findings in paragraph 34 above and will not make an award under this head.
48. As regards the amount claimed by the applicant as the equivalent of a periodic pecuniary penalty, the Court reiterates that under Romanian law a coercive fine is an indirect means of securing enforcement (see Gavrileanu v. Romania, no. 18037/02, § 66, 22 February 2007). In the present case, as the applicant has not made use of the judicial mechanism of the coercive fine, the Court will not speculate as to its amount and therefore will not make an award under this head.
49. The Court further considers that the serious interference with the applicant's right of access to a court and to the peaceful enjoyment of her possessions cannot be adequately compensated for by the simple finding of a violation of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1.
50. Making an assessment on an equitable basis, as required by Article 41 of the Convention, the Court awards the applicant EUR 4,800 in respect of non-pecuniary damage.
B. Costs and expenses
51. The applicant also claimed EUR 10,253 for costs and expenses, covering lawyers' fees, translations, postal costs, transport, accommodation and the production of an expert report. She submitted invoices and copy of a legal assistance contract.
52. The Government contested these claims. In particular, they considered that the legal assistance contract had not included information proving a causal link with the present application. However, they agreed with the amount relating to fees for correspondence with the Court.
53. According to the Court's case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum. In the present case, regard being had to the information in its possession and the above criteria, the Court considers it reasonable to award the sum of EUR 350 covering costs under all heads.
C. Default interest
54. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the complaints concerning Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 in respect of the enforcement of a final decision admissible and the remainder of the application inadmissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1;
3. Holds
(a) that the respondent State shall ensure, by appropriate means, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the enforcement of the judgment of 29 October 2004 of the Iaşi County Court;
(b) that the respondent State is to pay the applicant, within the same three months, the following amounts, to be converted into the national currency of the respondent State at the rate applicable at the date of settlement:
(i) EUR 4,800 (four thousand eight hundred euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of non-pecuniary damage;
(ii) EUR 350 (three hundred and fifty euros), plus any tax that may be chargeable to the applicant, in respect of costs and expenses;
(c) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
4. Dismisses the remainder of the applicant's claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 6 April 2010, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Santiago Quesada Josep Casadevall
Registrar President


TESTO TRADOTTO

Conclusione Violazione dell’ Art. 6-1; violazione di P1-1
TERZA SEZIONE
CAUSA URSAN C. ROMANIA
(Richiesta n. 35852/04)
SENTENZA
STRASBOURG
6 aprile 2010
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.

Nella causa Ursan c. Romania,
La Corte europea dei Diritti umani (terza Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Josep Casadevall, Presidente, Elisabet Fura, Corneliu Bîrsan, Alvina Gyulumyan, Egbert Myjer, Ineta Ziemele, l'Ann Power, giudici,
e Santiago Quesada, Cancelliere di Sezione,
Avendo deliberato in privato il 16 marzo 2010,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 35852/04) contro la Romania depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da una cittadina rumena, la Sig.ra D. U. (“la richiedente”), il 28 settembre 2004.
2. Il Governo rumeno (“il Governo”) fu rappresentato dal suo Agente, il Sig. Răzvan-Horaţiu Radu.
3. Il 17 ottobre 2007 il Presidente della terza Sezione decise di dare avviso della richiesta al Governo. Fu deciso anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità (Articolo 29 § 3).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
4. La richiedente nacque nel 1953 e vive a IaÅŸi.
5. Il 1 ottobre 2002 la richiedente fu nominata per la posizione di direttore del Settore dell’ Economia dell'AGENZIA delle Acque rumena (“l'AGENZIA”), un'istituzione pubblica sotto l'autorità del Ministero dell'Agricoltura, Selvicoltura, Acqua e Ambiente (“il Ministero”).
A. La decisione dell'AGENZIA del 21 luglio 2003 di licenziare la richiedente
6. Nel luglio 2003 l'ufficio di revisione del Ministero investigò l'attività dell'AGENZIA e scoprì delle irregolarità. Il 21 luglio 2003 l'AGENZIA di conseguenza licenziò la richiedente per presunta cattiva amministrazione.
7. Il 5 agosto 2003 il Ministero certificò la cattiva amministrazione da parte della richiedente e il 12 agosto 2003 presentò una denuncia penale contro lei. Sembra dall'archivio che i procedimenti sono ancora pendenti.
8. Il 26 novembre 2003 l'Organo giudiziario locale di Bucarest accantonò la decisione del 21 luglio 2003 ed ordinò la reintegrazione della richiedente e il pagamento del salario dovuto sino alla sua reintegrazione effettiva. La corte trovò che nessuna indagine preliminare era stata condotta prima di quella decisione.
Questa sentenza fu annullata per i motivi di incompatibilità ratione loci, ma il 15 aprile 2005 l'Organo giudiziario locale di Iaşi accantonò questa decisione ed ordinò la reintegrazione della richiedente e il pagamento della differenza fra il salario guadagnato prima e dopo la decisione, sino alla reintegrazione effettiva della richiedente. Questa decisione fu sostenuta da una decisione definitiva del 4 ottobre 2005 da parte della Corte d'appello di Iaşi.
B. La decisione dell'AGENZIA del 2 febbraio 2004 di sospendere la richiedente
9. Il 12 gennaio 2004 l'agenzia riabilitò la richiedente nella sua precedente posizione, ma il 2 febbraio 2004 la sospese dall’incarico. Questa decisione fu basata sull'esistenza di un'azione di reclamo penale contro la richiedente, e stabilì che durante la sospensione della richiedente che sarebbe rimasta in posto sino alla fine dei procedimenti penali le sarebbe stato offerto un altro posto corrispondente alle sue qualifiche. Il 3 febbraio 2004 lei fu nominata come consulente economico in una filiale locale dell'AGENZIA.
10. Il 30 giugno 2004 l'Organo giudiziario locale di Iaşi accantonò la decisione del 2 febbraio 2004 ed ordinò all'AGENZIA di riabilitare la richiedente nella sua precedente posizione come direttore del Settore dell’ Economia e di pagarle la differenza fra il salario guadagnato prima e dopo quella decisione. La corte considerò questa decisione come illegale, inter alia, perché la denuncia penale contro la richiedente non era stata presentata dall'AGENZIA che era il datore di lavoro della richiedente ma dal Ministero che non aveva relazione professionale con la richiedente.
11. Il 27 luglio 2004 l'AGENZIA dichiarò perciò nulla la sua decisione del 2 febbraio 2004, riabilitò la richiedente nel suo precedente posto e le pagò il salario insoluto.
12. Il 2 dicembre 2004 la Corte d'appello di IaÅŸi, con una decisione definitiva accolse comunque, un ricorso su questioni di diritto da parte dell'AGENZIA e respinse l'azione di reclamo della richiedente contro la decisione del 2 febbraio 2004.
C. La decisione dell'AGENZIA del 16 agosto 2004 di sospendere la richiedente
13. Secondo l'AGENZIA, il 6 agosto 2004 presentò una denuncia penale contro la richiedente.
14. Il 16 agosto 2004 l'AGENZIA la sospese di nuovo dal suo posto, sulla base di quella denuncia penale.
15. Il 29 ottobre 2004 l'Organo giudiziario locale di Iaşi accantonò questa decisione ed ordinò all'AGENZIA di riabilitare la richiedente nel suo precedente posto e di pagarle, dal 16 agosto 2004 sino alla sua reintegrazione effettiva, il risarcimento per danno patrimoniale nella forma di un salario aumentato ed aggiornato, insieme a tutti gli altri benefit che le sarebbero stati concessi. La corte sostenne che l'AGENZIA non aveva provato di aver sporto denuncia penale contro la richiedente.
16. Il 20 gennaio 2005 la Corte d'appello di Iaşi, con una decisione definitivo respinse un ricorso su questioni di diritto da parte dell'AGENZIA. Comunque, nel suo ragionamento la corte trovò che la decisione del 16 agosto 2004 era stata illegale perché le corti avevano confermato infine la precedente decisione del 2 febbraio 2004 di sospensione della richiedente (vedere paragrafo 12 sopra).
D. Tentativi della richiedente per ottenere l’ esecuzione della sentenza del 29 ottobre 2004
17. Il 31 gennaio 2005 la richiedente richiese all'AGENZIA di eseguire la sentenza del 29 ottobre 2004 (vedere paragrafo 15 sopra). In seguito ad un rifiuto dal parte dell'AGENZIA, la richiedente presentò una denuncia penale il 27 febbraio 2005 contro il suo Direttore - generale. Il 5 febbraio 2007, la Corte distrettuale di Bucarest assolse infine, il Direttore - generale sulla base che la sua condotta non aveva corrisposto ad un reato penale, ma ordinò che lui pagasse una multa penale. La corte notò anche che la decisione dell'AGENZIA del 2 febbraio 2004 era stata dichiarata nulla dalla sua susseguente decisione del 27 luglio 2004 che riabilitava la richiedente (vedere paragrafo 11 sopra). Questa sentenza divenne definitiva.
18. Il 2 febbraio 2005 la richiedente richiese assistenza al rinominato Ministero dell'Ambiente e dell’Acqua sottola cui autorità l'AGENZIA ha continuato a funzionare, nella prospettiva della sua reintegrazione. Il 13 maggio 2005 il Ministero rispose che la sentenza del 29 ottobre 2004 era esecutiva.
19. Fra l’8 febbraio 2005 e il 4 luglio 2007 la richiedente fece successive richieste ad un ufficiale giudiziario per far fondo agli attivi dell'AGENZIA per recuperare il salario dovuto a lei, aumentato ed aggiornato in linea con l’ inflazione. Molti estratti conti emessi fra il giugno 2005 e il dicembre 2007 certificavano il pagamento da parte dell'AGENZIA degli importi chiesti dalla richiedente.
In particolare, il 31 marzo 2005 lei richiese all'ufficiale giudiziario di obbligare l'AGENZIA a riabilitarla. Nella sua richiesta del 4 luglio 2007, la richiedente ammise, che lei aveva recuperato il salario per il periodo fra il 16 agosto 2004 e il 31 marzo 2007, ma che l'AGENZIA non l'aveva ancora riabilitata.
20. Il 30 agosto 2006 il Ministero dell'Ambiente e dell’ Acqua informò la richiedente che aveva richiesto all'AGENZIA di eseguire la sentenza a suo favore.
21. Secondo l'AGENZIA, la richiedente non aveva chiesto di essere riabilitata, preferendo chiedere il salario corrispondente. La richiedente contestò questa asserzione.
E. Azione da parte della richiedente contro l'AGENZIA chiedendo rivalutazione del suo salario e il pagamento di contributi di previdenza sociale
22. Il 1 ottobre 2007 la richiedente introdusse procedimenti civili contro l'AGENZIA chiedendo la rivalutazione del suo salario sulla base degli aumenti e degli aggiornamenti per il periodo 2003-2007, adducendo che stava ancora ricevendo un salario a livello del 2003. Chiese anche il pagamento di contributi di previdenza sociale sul suo conto.
23. Il 12 settembre 2008 l'Organo giudiziario locale di Iaşi rifiutò la sua richiesta. Avendo riguardo alla data in cui fu depositata, la corte trovò, che la sua rivendicazione relativa al periodo dal21 luglio 2003 al 1 ottobre 2004 era caduta in prescrizione. Riguardo al resto del periodo, considerò, che la decisione del 2 febbraio 2004 che l'aveva sospesa dall’incarico era ancora in effetto e perciò alla richiedente non era concesso un salario corrispondente al posto di direttore. Poiché aveva respinto la sua rivendicazione principale per il pagamento di salario, la corte respinse anche la sua richiesta secondaria per il pagamento di contributi di previdenza sociale.
24. Il 20 gennaio 2009 la Corte d'appello di Iaşi, con una decisione definitiva respinse un ricorso su questioni di diritto da parte della richiedente e sostenne la decisione della corte di prima - istanza, ma variò il suo ragionamento. La Corte inoltre trovò che la decisione del 2 febbraio 2004 davvero era stata resa nulla dalla susseguente decisione del 27 luglio 2004 per riabilitare la richiedente
(vedere paragrafo 11 sopra). La corte notò inoltre che la decisione del 27 luglio 2004 era stata emessa in conformità con la sentenza del 30 giugno 2004, ma non era stata annullata dall'AGENZIA in seguito alla decisione definitiva del 2 dicembre 2004 (vedere paragrafo 12 sopra). Perciò, la relazione professionale fra la richiedente e l'AGENZIA non era stata sospesa.
La corte notò inoltre che, sotto le sentenze del 15 aprile 2005 (vedere paragrafo 8 sopra) e il 29 ottobre 2004 (vedere paragrafo 15 sopra), l'AGENZIA aveva l’ obbligo di riabilitare la richiedente nel suo precedente posto e di pagarle, sino alla sua reintegrazione effettiva il risarcimento per danno patrimoniale nella forma di un salario aumentato ed aggiornato. Trovò anche che in seguito al sequestro dei conti dell'AGENZIA lei aveva ricevuto gli importi dovuti dall'AGENZIA.
Mentre la sua rivendicazione per il periodo dal21 luglio 2003 al 1 ottobre 2004 era caduta in prescrizione, alla richiedente non era concesso un salario dopo quella data, poiché non era stata riabilitata, ma solamente dei danni corrispondenti ad un salario aumentato ed aggiornato. La corte sostenne che le sentenze summenzionate erano già state eseguite tramite sequestro dei conti dell'AGENZIA. Comunque, l'importo dei danni pagato avrebbe potuto essere impugnato con un'eccezione all’ esecuzione sotto l’Articolo 399 del Codice di Procedura Civile, non con un'azione per rivalutazione del salario come quella introdotta dalla richiedente. Infine, poiché non si poteva ordinare all’ AGENZIA di pagare un salario alla richiedente, non si poteva ordinarle di pagare dei contributi di previdenza sociale sul suo conto.
LA LEGGE
I. VIOLAZIONI ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE E DELL’ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 ALLA CONVENZIONE
25. La richiedente si lamentò che la non-esecuzione della sentenza a suo favore aveva infranto i suoi diritti garantiti dall’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e dall’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione che, nella parte attinente, si legge come segue:
Articolo 6 § 1
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale ...”
Articolo 1 di Protocollo N.ro 1
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
26. Il Governo contestò quell'argomento.
A. Ammissibilità
27. La Corte nota che queste azioni di reclamo non sono manifestamente mal-fondate all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non sono inammissibili per qualsiasi altro motivo. Loro devono essere dichiarate perciò ammissibili.
B. Meriti
28. Nelle loro osservazioni del 28 marzo 2008 il Governo dibatté che la non-esecuzione della sentenza del 29 ottobre 2004 dell'Organo giudiziario locale di Iaşi, nella misura in cui riguardava la reintegrazione del richiedente, era dovuta alla circostanza obiettiva che la decisione definitiva del 2 dicembre 2004 della stessa corte aveva convalidato la decisione dell'AGENZIA del 2 febbraio 2004 di sospenderla dall’incarico (vedere paragrafo 12 sopra).
Nella misura in cui era coinvolto il pagamento degli arretrati del salario, il Governo presentò che le corti nazionali avevano girato il sequestro da parte dell'ufficiale giudiziario dei beni dell'AGENZIA; la sentenza del 29 ottobre 2004 era stata eseguita perciò a quel riguardo.
29. La richiedente contestò quegli argomenti, dibattendo che il suo diritto di essere riabilitato era stato riconosciuto da una decisione definitiva della corte e che l'AGENZIA aveva rifiutato di compiere quell'obbligo. Lei presentò inoltre di aver recuperato solamente il salario a livello del 2003, senza beneficiare di aumenti e di attualizzazioni in linea con l’ inflazione come previsto dalla sentenza del 29 ottobre 2004. Inoltre, l'AGENZIA non aveva pagato i contributi di previdenza sociale dovuti sul suo conto.
30. La Corte reitera che l’esecuzione di una sentenza definitiva data da qualsiasi corte deve essere considerata una parte integrante del “processo” ai fini dell’ Articolo 6 della Convenzione. (vedere Hornsby c. Grecia, 19 marzo 1997 § 40, Relazioni delle Sentenze e Decisioni 1997-II ed Immobiliare Saffi c. l'Italia [GC], n. 22774/93, § 63 ECHR 1999-V). Quando le autorità sono obbligate ad agire per eseguire una sentenza e loro non riescono a fare così, la loro inattività può impegnare la responsabilità dello Stato sulla base dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione (vedere Scollo c. l'Italia, 28 settembre 1995, § 44 la Serie A n. 315-C).
31. La Corte nota nella presente causa che con una sentenza del 29 ottobre 2004 l'Organo giudiziario locale di Iaşi ordinò ad un'istituzione pubblica di riabilitare la richiedente nella sua precedente posizione e di pagare il suo risarcimento per danno patrimoniale sino alla sua reintegrazione effettiva. Questa sentenza diede origine ad una “proprietà” all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
32. La Corte osserva inoltre che la richiedente non è stata riabilitata nella sua precedente posizione, benché le autorità nazionali non hanno trovato, in modo definitivo, che è impossibile riabilitarla (vedere Ştefanescu c. Romania, n. 9555/03, § 25 dell’ 11 ottobre 2007). Con una decisione definitiva del 20 gennaio 2009 la Corte d'appello di Iaşi confermò inoltre, l'obbligo dell'AGENZIA di riabilitare la richiedente (vedere paragrafo 24 sopra). Questa sentenza invalida anche la dichiarazione del Governo di condizioni obiettive che ostacolavano esecuzione di questo obbligo nella forma di una decisione dell'AGENZIA per sospenderla dall’incarico che era ancora in vigore. La Corte costata anche che l'AGENZIA non ha fatto nessun tentativo per riabilitare la richiedente.
33. Riguardo all'obbligo di pagare il risarcimento per danno patrimoniale sino alla reintegrazione effettiva della richiedente, la Corte nota che l'AGENZIA pagò gli importi chiesti dalla richiedente, almeno per il periodo fra il febbraio 2005 e il luglio 2007 (paragrafo 19 sopra), e che l'Organo giudiziario locale di Iaşi affermò anche nella sua decisione definitiva del 20 gennaio 2009 che le sentenze a favore della richiedente giŕ erano state eseguite con vuole dire del sequestro dei conti dell'AGENZIA (veda paragrafo 24 sopra). La Corte non vede nessuna ragioni per abbandonare quelle costatazioni. Comunque, poiché l'obbligo di pagare persiste sino alla reintegrazione effettiva della richiedente, la Corte non può considerare che sia stato eseguito pienamente.
34. La Corte nota inoltre che, invocando la stessa sentenza del 29 ottobre 2004, la richiedente chiese un importo più alto per danni, così come il pagamento dell'AGENZIA di benefici di previdenza sociale sul suo conto. Su questo punto, la Corte considera, che le corti nazionali hanno già esaminato e hanno deciso su questa questione (vedere paragrafo 24 sopra). Di conseguenza, nella presente causa la Corte non può sostituire la sua prospettiva a quella delle corti nazionali con riguardo ad all'importo di danni e pagamento di contributi di previdenza sociale.
35. La Corte ha trovato frequentemente violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 in cause che sollevavano problemi simili a quelli nella presente causa (vedere, fra altri, Miclici c. Romania, n. 23657/03, 20 dicembre 2007, e Vasile Niţescu c. Romania, n. 20763/03, 21 aprile 2009).
36. Avendo esaminato il materiale presentatole, la Corte nota che il Governo non ha esposto avanti nessun fatto o argomento capace di persuaderla a giungere ad una conclusione diversa nella causa presente. C'è stata di conseguenza una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e dell’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
II. ALTRE VIOLAZIONI ADDOTTE DELLA CONVENZIONE
37. La richiedente si lamentò sotto l’Articolo 6 § 1 che i procedimenti terminati con la decisione definitiva del 20 gennaio 2009 era stato ingiusta, che le corti nazionali non erano state né indipendenti né imparziali, e che loro non erano riusciti a valutare correttamente i fatti ed avevano interpretato male il diritto nazionale. Lei si lamentò inoltre che le corti non le avevano assegnato la differenza del salario chiesto e non avevano ordinato all'AGENZIA di pagare i contributi di previdenza sociale sul suo conto.
38. Avendo considerato attentamente le osservazioni della richiedente alla luce di tutto il materiale in suo possesso, la Corte costata che, nella misura in cui le questioni di cui ci si lamenta sono all'interno della sua competenza, loro non rivelano qualsiasi comparizione di una violazione dei diritti e delle libertà esposte nella Convenzione.
39. Ne segue che questa parte della richiesta deve essere dichiarata inammissibile come manifestamente mal-fondata, facendo seguito all’ Articolo 35 §§ 3 e 4 della Convenzione.
III. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
40. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
41. La richiedente chiese 26,189 euro (EUR) a riguardo del danno patrimoniale, rappresentanti presumibilmente la differenza fra l'importo di EUR 60,000 dovuto e l'importo di EUR 33,811 che lei aveva già recuperato. L'importo chiesto includeva gli aumenti del salario ed i contributi di previdenza sociale. In una lettera susseguente, lei aggiorno questo importo. La richiedente chiese inoltre EUR 182,500 come penale per il ritardo nell’ esecuzione. A riguardo del danno non-patrimoniale lei chiese EUR 150,000.
42. Il Governo presentò che l'AGENZIA aveva pagato gli importi dovuti sotto la sentenza del 29 ottobre 2004. Inoltre, considerò che la sentenza di una violazione avrebbe costituito di per sé la soddisfazione equa sufficiente per qualsiasi danno non-patrimoniale di cui è probabile che la richiedente abbia sofferto.
43. La Corte reitera che, dove ha trovato una violazione della Convenzione in una sentenza, lo Stato rispondente è sotto un obbligo legale di mettere fine a questa violazione e fare una riparazione delle sue conseguenze in modo tale da ripristinare il più possibile la situazione esistente prima della violazione (vedere Iatridis c. Grecia (soddisfazione equa) [GC], n. 31107/96, § 32 ECHR 2000-XI). Se la legge nazionale non concede - o concede solamente che venga fatta una riparazione parziale - , l’ Articolo 41 conferisce poteri alla Corte per riconoscere alla vittima simile soddisfazione come le sembra più appropriato. La Corte gode di una certa discrezione nell'esercizio di questo potere, come l'aggettivo “equo” e la frase “se necessario” attestano. In particolare, se uno o più capi del danno non possono essere calcolati precisamente o se la distinzione fra danno patrimoniale e non-patrimoniale si dimostra difficile, la Corte può decidere di fare una valutazione globale (vedere Comingersoll S.A. c. Portogallo [GC], n. 35382/97, § 29 ECHR 2000-IV).
44. La Corte osserva che nella presente causa ha trovato una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 in quanto la richiedente non fu riabilitato nella sua precedente posizione e non le fu neanche pagato il pieno risarcimento a riguardo del danno patrimoniale sino alla sua reintegrazione effettiva.
45. Perciò, la Corte considera che, nella misura in cui la sentenza del29 ottobre 2004 rimane in vigore, l'obbligo insoluto dello Stato di eseguirla non può essere contestato. Alla richiedente è ancora concesso di conseguenza, l’ esecuzione di quella sentenza. La Corte reitera che la forma più appropriata di compensazione a riguardo di una violazione dell’ Articolo 6 è di assicurare che la richiedente venga posta il più possibile nella posizione in cui si troverebbe se i requisiti dell’ Articolo 6 non fossero stati trascurati (vedere Piersack c. Belgio (Articolo 50), 26 ottobre 1984, § 12 Serie A n. 85). La Corte costata che questo principio si applica anche nella presente causa, avendo riguardo alle violazioni trovate. Considera perciò che il Governo deve garantire, con appropriati mezzi, l'esecuzione della sentenza del 29 ottobre 2004, vale a dire la reintegrazione della richiedente nella sua precedente posizione e il pagamento del risarcimento per danno patrimoniale sino alla sua reintegrazione effettiva.
46. La Corte sottolinea ulteriormente che le sue sentenze sono essenzialmente dichiaratorie per natura. In generale, spetta primariamente allo Stato riguardato scegliere i mezzi da utilizzare nel suo ordine legale nazionale per assolvere il suo obbligo legale sotto l’Articolo 46 della Convenzione (vedere Shofman c. Russia, n. 74826/01, § 53, 24 novembre 2005 con gli ulteriori riferimenti). Trovando una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 nella presente causa, la Corte ha stabilito l'obbligo del Governo di prendere le misure appropriate per rimediare alla situazione individuale della richiedente cioè per assicurare l’ ottemperanza con la rivendicazione esecutiva della richiedente sotto la sentenza del 29 ottobre 2004 (confronta Fadeyeva c. Russia, n. 55723/00, § 142 ECHR 2005 -...). Se questo implica la riabilitazione della richiedente nel suo precedente lavoro o in un lavoro equivalente o, se questo non è possibile, accordando il suo risarcimento ragionevole per la non-esecuzione, o una combinazione di questi e di altre misure, è una decisione che spetta allo Stato rispondente (vedere Tarverdiyev c. Azerbaijan, n. 33343/03, § 66 26 luglio 2007). Comunque, la Corte enfatizza che qualsiasi misura adottata deve essere compatibile col set di conclusioni nella sentenza della Corte (vedere Assanidze c. Georgia [GC], n. 71503/01, § 202, ECHR 2004-II con gli ulteriori riferimenti).
47. Riguardo all'importo di soldi chiesto dalla richiedente a riguardo della differenza di salario e dei contributi di previdenza sociale, la Corte reitera le sue sentenze nel paragrafo 34 sopra e non farà un'assegnazione sotto questo capo.
48. Riguardo all'importo chiesto dalla richiedente come l'equivalente di una penale periodica, la Corte reitera che sotto la legge rumena una multa coercitiva è un mezzo indiretto di garantire l’esecuzione (vedere Gavrileanu c. Romania, n. 18037/02, § 66 22 febbraio 2007). Nella presente causa, siccome la richiedente non si è avvalsa del meccanismo giudiziale della multa coercitiva, la Corte non speculerà in merito al suo importo e perciò non farà un'assegnazione sotto questo capo.
49. La Corte considera inoltre che la grave interferenza col diritto della richiedente di accesso ad una corte ed al godimento tranquillo delle sue proprietà non può essere compensato adeguatamente con la semplice costatazione di una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
50. Facendo una valutazione su una base equa, come richiesto dall’ Articolo 41 della Convenzione, la Corte assegna EUR 4,800 alla richiedente a riguardo dek danno non-patrimoniale.
B. Costi e spese
51. La richiedente chiese anche EUR 10,253 per costi e spese, le parcelle degli avvocati che coprono le traduzioni, i costi postali, di trasporto, di alloggio e la produzione di un rapporto competente. Lei presentò fatture e una copia di un contratto di assistenza legale.
52. Il Governo contestò queste rivendicazioni. In particolare, considerò che il contratto di assistenza legale non includeva le informazioni che provavano un collegamento causale con la presente richiesta. Comunque, concordò con l'importo relativo alle parcelle per corrispondenza con la Corte.
53. Secondo la giurisprudenza della Corte,ad un richiedente viene concesso il rimborso dei costi e delle spese solamente se viene mostrato che questi davvero e necessariamente sono stati incorsi e sono stati ragionevoli riguardo al quantum. Nella presente causa, avuto riguardo alle informazioni in suo possesso ed a criteri sopra, la Corte considera ragionevole assegnare la somma di EUR 350 per costi di copertura sotto tutti i capi.
C. Interesse di mora
54. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora debba essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui si dovrebbero aggiungere tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara le azioni di reclamo riguardo all’ Articolo 6 § 1 della Convenzione ed all’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 a riguardo dell'esecuzione di una decisione definitiva ammissibili ed il resto della richiesta inammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1;
3. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente assicurerà, con mezzi appropriati, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione, l'esecuzione della sentenza del 29 ottobre 2004 dell'Organo giudiziario locale di Iaşi;
(b) che lo Stato rispondente deve pagare la richiedente, entro gli stessi tre mesi i seguenti importi, da convertire nella valuta nazionale dello Stato rispondente al tasso applicabile in data dell’accordo:
(i) EUR 4,800 (quattro mila ottocento euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, a riguardo del danno non-patrimoniale;
(ii) EUR 350 (trecento e cinquanta euro), più qualsiasi tassa che può essere a carico della richiedente, a riguardo di costi e spese;
(c) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
4. Respinge il resto della rivendicazione della richiedente per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 6 aprile 2010, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Santiago Quesada Josep Casadevall
Cancelliere Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 07/10/2020.