Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF MARGUSHIN v. RUSSIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI:

NUMERO: 11989/03/2010
STATO: Russia
DATA: 01/04/2010
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

Conclusion Violation of Art. 6-1 ; Violation of P1-1
FIRST SECTION
CASE OF MARGUSHIN v. RUSSIA
(Application no. 11989/03)
JUDGMENT
STRASBOURG
1 April 2010
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Margushin v. Russia,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Christos Rozakis, President,
Anatoly Kovler,
Elisabeth Steiner,
Dean Spielmann,
Sverre Erik Jebens,
Giorgio Malinverni,
George Nicolaou, judges,
and André Wampach, Deputy Section Registrar,
Having deliberated in private on 11 March 2010,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 11989/03) against the Russian Federation lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Russian national, Mr V. V. M. (“the applicant”), on 28 April 2001.
2. The Russian Government (“the Government”) were represented by Mr P. Laptev, former Representative of the Russian Federation at the European Court of Human Rights.
3. The applicant alleged, in particular, that the judgment in his favour had not been enforced.
4. On 13 March 2006 the President of the First Section decided to give notice of the application to the Government. It was also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (Article 29 § 3).
THE FACTS
THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. The applicant was born in 1930 and lives in Taganrog.
A. Proceedings concerning withdrawal of the applicant's deposit
6. On 27 April 1998 the applicant made a deposit in the amount of 7,218.00 United States dollars (USD) with a private bank, Bank Rossiyskiy Kredit ( “the Bank”).
7. On 7 September 1998 the Bank repaid USD 1,200 to the applicant.
8. On 16 September 1998 the applicant tried unsuccessfully to recover the outstanding amount.
9. On an unspecified date the applicant brought an action against the Bank seeking the withdrawal of the deposit, payment of the interest and compensation for non-pecuniary damage.
10. On 21 September 1998 the Taganrog Town Court of the Rostov-on-Don Region granted the applicant's claims in part and ordered the Bank to pay the applicant USD 6,085.20. The court dismissed the claim for compensation for non-pecuniary damage.
11. On 30 September 1999 the Presidium of the Rostov Regional Court quashed the judgment of 21 September 1998 by way of supervisory review and remitted the matter to the Town Court for fresh consideration. It appears that on 14 March 2000 the Town Court dismissed the applicant's claims without consideration on the merits.
B. Transfer of the applicant's deposit to Sberbank
12. On 5 December 1998 the applicant accepted the Bank's offer to have the outstanding amount converted into Russian roubles (RUB) at the rate of RUB 9.33 to USD 1 and to have it transferred to his account with another bank. On 5 March 1999 the amount was transferred to his account in the Sberbank.
13. On 1 April 1999 the Sberbank paid the applicant RUB 54,148.54.
C. Friendly settlement agreement
14. On 19 October 1999 the management of the Bank was taken over by the Agency on Restructuring of Depositary Institutions (the “ARKO”), set up by the State in accordance with applicable legislation aimed at mitigating the consequences of the financial crisis of 1998.
15. On 15 May 2000 the association of the Bank's creditors adopted the terms and conditions of a friendly settlement agreement between the Bank's creditors, the Bank and the ARKO. The agreement substantially limited the Bank's liability before its creditors. The Bank had to repay its creditors only the amounts of the deposits. No interest or late payment fees were to be paid. On 15 August 2000 the Moscow Commercial Court approved the friendly settlement agreement.
D. Proceedings against the Bank for compensation for damage
16. On an unspecified date the applicant brought an action against the Bank seeking compensation for his pecuniary losses arising from the Bank's failure to repay the deposit promptly. He also sought payment of interest, late payment fee and non-pecuniary damage.
17. On 5 October 1999 the Taganrog Town Court of the Rostov Region dismissed the applicant's claims. The said judgment was quashed on appeal by the Rostov Regional Court on 7 June 2000.
18. On 13 September 2000 the Town Court dismissed the applicant's claims. On 6 December the Regional Court quashed the judgment of 13 September 2000 on appeal and remitted the matter for reconsideration.
19. On 28 March 2001 the Town Court considered the applicant's claims for the third time. The Bank's representative was present and made submissions to the court asking it to dismiss the claims in full as manifestly ill-founded. She asserted, inter alia, that the applicant had agreed for his monies to be transferred to another bank and accordingly had forfeited his right to claim the interest. No reference to the friendly settlement agreement was made. The Town Court granted the applicant's claims in part and awarded him RUB 23,535.04 (USD 819.19). The applicant appealed. On 22 August 2001 the Rostov Regional Court upheld the judgment on appeal.
E. Proceedings concerning the enforcement of the judgment of 28 March 2001 as upheld on 22 August 2001
20. On 24 October 2001 bailiffs instituted enforcement proceedings.
21. On an unspecified date the Bank requested the Taganrog Town Court to discontinue the enforcement proceedings in respect of the judgment of 28 March 2001 as upheld on 22 August 2001. The Bank indicated that according to the friendly settlement agreement of 15 May 2000 the Bank only had to repay to its creditors the sums deposited with the Bank and that no interest or fees had to be paid.
22. The applicant contested the Bank's arguments. He asserted that he had not been included in the list of the Bank's creditors, and that he had not been invited to participate in the friendly settlement negotiations. Nor had he signed the friendly settlement agreement.
23. On 24 December 2001 the Taganrog Town Court granted the Bank's request and discontinued the enforcement proceedings in respect of the judgment of 28 March 2001 as upheld on 22 August 2001.
24. On 18 December 2002 the Rostov Regional Court upheld the judgment on appeal. The relevant part of the judgment read as follows:
“Due to the fact that the Association of the Bank's creditors had acted on behalf of all creditors, the [town] court correctly concluded that the friendly settlement was binding on the applicant, although he had not taken part in the creditors' meetings. According to the submitted record, although the applicant had not been included in the list of the Bank's creditors, the court decision by which the friendly settlement had been approved had become final, and thus the [town] court correctly discontinued the enforcement proceedings because the friendly settlement had been approved. The complaints that the court judgment [of 28 March 2001] had to be enforced cannot be taken into account because after the friendly settlement had been adopted, the obligation to enforce the judgment was changed into new obligations according to the provisions of the friendly settlement. As follows from the ARKO's letter, when Mr M. presents a copy of the court judgment [of 28 March 2001], the necessary changes will be made to the list of the claims of the Bank's creditors and the debt will be repaid according to the established procedure.”
25. On an unspecified date the applicant requested the Bank to pay him the judgment debt. On 12 May 2003 the chief accountant of the Bank informed the applicant that the Bank was under no obligation to repay him the requested amount, given that the applicant had recovered the original deposit through the Sberbank.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 OF THE CONVENTION AND ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1 ON ACCOUNT OF NON-ENFORCEMENT OF THE JUDGMENT OF 28 MARCH 2001 AS UPHELD ON 21 AUGUST 2001
26. The applicant complained that the judgment of 28 March 2001, as upheld on appeal on 22 August 2001, had not been enforced and the enforcement proceedings were discontinued in contravention of Article 6 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1, the relevant parts of which read as follows:
Article 6 § 1
“In the determination of his civil rights and obligations ..., everyone is entitled to a fair ... hearing within a reasonable time ... by [a] ... tribunal...”
Article 1 of Protocol No. 1
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law...”
27. The Government considered that the applicant's complaints were incompatible ratione personae. In this respect they noted that the onus of the applicant's grievances concerned the Bank's refusal to enforce the judgment in the applicant's favour. However, the State bore no responsibility for acts and omissions of a commercial bank. They further asserted that the applicant's complaint was, in any event, manifestly ill-founded. They conceded that pursuant to the judgment of 28 March 2001 the applicant was entitled to receive the interest and late payment fees from the Bank. However, the Bank was relieved from the obligation to repay the interest in respect of its creditors' deposits pursuant to the friendly settlement agreement entered into, inter alia, by the Bank and the creditors. The said friendly settlement agreement, as a matter of law, was binding on all creditors of the Bank, including the applicant.
28. The applicant maintained his complaint.
A. Admissibility
29. As to the Government's objection that the applicant's complaint is incompatible ratione personae with the Convention provisions, it being directed against a commercial bank which refused to honour the judgment debt, the Court cannot subscribe to such a narrow interpretation of the applicant's allegations. It notes that the applicant's grievances concern non-enforcement of the judgment in his favour, which covered not only the Bank's refusal to repay the judgment debt but also the discontinuation of the enforcement proceedings by domestic courts.
While it is true and not disputed by the applicant that the debtor under the said judgment was indeed a private legal entity, this fact alone is insufficient to absolve the State from responsibility with regard to the enforcement of the said judgment. The Court therefore considers that it has jurisdiction to examine whether the domestic authorities have complied with their positive obligation to enforce the judgment given against a private entity in the applicant's favour. It accordingly dismisses the Government's preliminary objection (see Fuklev v. Ukraine, no. 71186/01, §§ 67-68, 7 June 2005).
30. The Court notes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. Article 6 § 1 of the Convention
31. The Court reiterates that the right to a fair hearing before a tribunal as guaranteed by Article 6 § 1 of the Convention must be interpreted in the light of the Preamble to the Convention, which declares, among other things, the rule of law to be part of the common heritage of the Contracting States. One of the fundamental aspects of the rule of law is the principle of legal certainty, which requires, inter alia, that where the courts have finally determined an issue, their ruling should not be called into question (see Brumărescu v. Romania [GC], no. 28342/95, § 61, ECHR 1999-VII). A departure from that principle is justified only when made necessary by circumstances of a substantial and compelling character, such as correction of fundamental defects or miscarriage of justice (see, among numerous authorities, Ryabykh v. Russia, no. 52854/99, § 52, ECHR 2003-IX).
32. While it may be accepted that Contracting States may, in exceptional circumstances and, by availing themselves of their margin of appreciation, intervene in proceedings for the enforcement of a judicial decision, the consequence of such an intervention should not be that execution is prevented, invalidated or unduly delayed or, still less, that the substance of the decision is undermined (see Immobiliare Saffi v. Italy [GC], no. 22774/93, § 74, ECHR 1999-V).
33. Turning to the circumstances of the present case, the Court observes that on 28 March 2001 the applicant obtained a judgment by which the Bank, a private legal entity, was to pay him interest and fees in respect of his deposit at the Bank. The judgment became final and enforceable on 22 August 2001. On 24 October 2001 the bailiff opened enforcement proceedings. However, on 24 December 2001 the court discontinued the enforcement of the judgment in the applicant's favour noting, with the reference to the entering into force on 15 August 2000 of the friendly settlement agreement between the Bank and its creditors, that the Bank was relieved of its obligation to pay the interest and other fees on the deposits of all creditors, including the applicant.
34. In this respect the Court notes that the validation of the friendly settlement agreement preceded by approximately a year the adoption of the judgment in the applicant's favour. Accordingly, had the Bank considered the agreement relevant in respect of the applicant's claims, it could have raised this issue before the domestic courts considering the dispute between the applicant and the Bank. The Bank did not do so. It remained silent as to the consequences the friendly settlement agreement could have had for the applicant's claims when the case was considered at the first level of jurisdiction. Nor did it raise that issue on appeal.
35. The Court further notes that the Government did not point to any exceptional circumstances that would have prevented the Bank from raising the issue of the friendly settlement agreement either at first or appeal instance. In such circumstances, the Bank's application for discontinuation of the enforcement proceedings was nothing but an attempt on the Bank's part to re-argue the case on the points which it had had the opportunity, but had failed, to raise in the civil proceedings. Accordingly, the Court cannot but view the proceedings concerning discontinuation of the enforcement of the judgment in the applicant's favour as “an appeal in disguise” which could not justify the departure from the principle of legal certainty.
36. Having regard to the above, the Court finds that by discontinuing the enforcement proceedings in respect of the final judgment in the applicant's favour the domestic authorities infringed the principle of legal certainty.
37. There has therefore been a violation of Article 6 § 1 of the Convention on account of discontinuation of the enforcement of the judgment of 28 March 2001 as upheld on 22 August 2001.
2. Article 1 of Protocol No. 1
38. The Court reiterates that by virtue of Article 1 of the Convention, each Contracting State “shall secure to everyone within [its] jurisdiction the rights and freedoms defined in ... [the] Convention”. The obligation to secure the effective exercise of the rights defined in that instrument may result in positive obligations for the State (see, among most recent authorities, Wilkowicz v. Poland, no. 74168/01, § 27, 4 November 2008). As regards the right guaranteed by Article 1 of Protocol No. 1, those positive obligations may entail certain measures necessary to protect the right to property even in cases involving litigation between private individuals or companies (see Fuklev, cited above, § 91).
39. In this connection, the Court observes that the applicant obtained a final judgment in his favour against the Bank, a private legal entity. He duly applied to the bailiff's service for its enforcement. Accordingly, the State was under an obligation to ensure, through the adequate functioning of the bailiff's service, that the applicant received the judgment debt. Instead, the domestic courts discontinued the enforcement of the judgment. As a result, the applicant has been unable to receive the payment of the debt owed to him for many years.
40. Having regard to the above and to its findings under Article 6 § 1 of the Convention that the domestic courts have discontinued the enforcement of the judgment in the applicant's favour in contravention of the principle of legal certainty, the Court considers that such failure on the part of the State to provide the mechanism for the enforcement of the judgment in the applicant's favour was incompatible with its positive obligation in so far as the protection of the applicant's property rights were concerned. Accordingly, there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1.
II. OTHER ALLEGED VIOLATIONS OF THE CONVENTION
41. Lastly, the applicant complained under Article 6 of the Convention and under Article 1 of Protocol No. 1 that the judgment of 21 September 1998 remained unenforced for a long time, that the civil proceedings were long, that by the judgment of 28 March 2001 his claims had not been granted in full, and that he was tricked into signing the agreement with the Bank in 1998 according to which his deposit was transferred into the Sberbank.
42. However, having regard to all the material in its possession, the Court finds that the events complained of do not disclose any appearance of a violation of the rights and freedoms set out in the Convention or its Protocols. It follows that this part of the application must be rejected as being manifestly ill-founded pursuant to Articles 35 § 3 and 4 of the Convention.
III. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
43. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
44. The applicant claimed USD 4,593.54 in respect of pecuniary damage. He noted that that amount covered the losses he had incurred after his deposit had been transferred to the Sberbank due to an unrealistic exchange rate applied, interest on the deposit and a late payment fee. He further claimed RUB 100,000 in respect of non-pecuniary damage.
45. The Government considered that the applicant's claims for just satisfaction should be rejected in full. In their opinion, it remained open to the applicant to ask the bank to repay the pecuniary damage sought. As regards the applicant's claim in respect of non-pecuniary damage, they opined that he incurred no damage through the fault of the State. In any event, they considered the applicant's claims excessive and unreasonable.
46. The Court reiterates that in the instant case it found a violation of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1, in that the enforcement of the judicial decision in the applicant's favour was discontinued. The Court notes that the most appropriate form of redress in respect of a violation of Article 6 is to ensure that the applicant as far as possible is put in the position he would have been had the requirements of Article 6 not been disregarded (see Piersack v. Belgium (Article 50), judgment of 26 October 1984, Series A no. 85, p. 16, § 12). The Court finds that in the present case this principle applies as well, having regard to the violations found (compare Poznakhirina v. Russia, no. 25964/02, § 33, 24 February 2005, and Sukhobokov v. Russia, no. 75470/01, §34, 13 April 2006). The applicant was prevented from receiving money he had legitimately expected to receive under the judgment of 28 March 2001 as upheld on 22 August 2001. The Court, accordingly, considers that the Government shall secure, by appropriate means, the enforcement of the said judgment (see, among other authorities, Lesnova v. Russia, no. 37645/04, § 25, 24 January 2008).
47. The Court further considers that the applicant must have suffered distress and frustration resulting from the State authorities' failure to enforce the judgment in his favour. Making its assessment on an equitable basis, the Court awards the applicant EUR 645 in respect of non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable on the above amount.
B. Costs and expenses
48. The applicant did not submit a claim for costs and expenses. Accordingly, the Court considers that there is no call to award him any sum of that account.
C. Default interest
49. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT
1. Declares by a majority the complaint concerning non-enforcement of the judgment of 28 March 2001 as upheld on 22 August 2001 admissible and the remainder of the application inadmissible;
2. Holds by six votes to one that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 on account of discontinuation of the enforcement of the judgment of 28 March 2001 as upheld on 22 August 2001;
3. Holds by six votes to one
(a) that the respondent State, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, shall secure, by appropriate means, the enforcement of the judgment of 28 March 2001 as upheld on 22 August 2001;
(b) that the respondent State is to pay the applicant, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts to be converted into Russian roubles at the rate applicable at the date of settlement:
(i) EUR 645 (six hundred and forty-five euros) in respect of non-pecuniary damage;
(ii) any tax that may be chargeable on the above amount;
(c) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
4. Dismisses unanimously the remainder of the applicant's claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 1 April 2010, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
André Wampach Christos Rozakis
Deputy Registrar President
In accordance with Article 45 § 2 of the Convention and Rule 74 § 2 of the Rules of Court, the dissenting opinion of Judge Kovler is annexed to this judgment.
C.L.R.
A.M.W.


DISSENTING OPINION OF JUDGE KOVLER
I cannot share the conclusion of the majority that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 on account of the discontinuation of the enforcement of the judgment in favour of the applicant against a private bank.
The first reason for my disagreement is that, generally speaking, a State, according to the Court's case-law, is not responsible for savings deposited in private banks (see X v. Germany (dec.), no. 8724/79, Commission decision of 6 March 1980, Decisions and Reports 20; Rudzińska v. Poland (dec.), no. 45223/99, ECHR 1999-VI; Gayduk and Others v. Ukraine (dec.), nos. 45526/99 et al., ECHR 2002-VI; and Appolonov v. Russia (dec.), no. 67598/01, 29 August 2002).
The second reason is that the Court's case-law is rather clear: the State's responsibility for enforcement of a judgment against a private company extends no further than the involvement of State bodies in the enforcement procedures. Once the enforcement procedures have been closed by a court in accordance with the national legislation, the responsibility of the State ends (see, among other authorities, Shestakov v. Russia (dec.), no. 48757/99, 18 June 2002).
The Court has repeatedly stated that where a judgment is given against the State, the latter must take the initiative in enforcing it fully and in due time (see, among other authorities, Akashev v. Russia, no. 30616/05, §§ 21-23, 12 June 2008, and Burdov v. Russia, no. 59498/00, §§ 32-42, ECHR 2002-III). When the debtor is a private individual or company, the position is different, since the State is not, as a general rule, directly liable for debts of private individuals or companies and its obligations under the Convention are limited to providing the necessary assistance to the creditor in the enforcement of the relevant court awards, for example through a bailiffs' service or insolvency proceedings (see Kesyan v. Russia, no. 36496/02, 19 October 2006, and Fociac v. Romania, no. 2577/02, §§ 69-70, 3 February 2005). The Court has also found that the principle that judgments must be executed cannot be interpreted as compelling the State to take the place of a private defendant in the event of the latter's insolvency (see Reynbakh v. Russia, no. 23405/03 § 18, 29 September 2005, and Bobrova v. Russia, no. 24654/03, § 16, 17 November 2005).
Finally, in the particular circumstances of the present case the applicant accepted the bank's offer to have the outstanding amount in United States dollars converted into Russian roubles and the amount was transferred to his account in another bank (see paragraph 12 of the judgment). Having considered the applicant's claim for the third time, on 28 March 2001 the Town Court took into account the Bank's representative's statement that the applicant had agreed for his monies to be transferred to another bank and accordingly had forfeited his rights to claim the interest, but granted the applicant's claim in part (see paragraph 19 of the judgment). It seems that the main problem is the value of the award, but on many occasions the Court has stated that a national judge is better placed than an international judge to decide on such matters.
Thus, I am not convinced that the application for discontinuation of the enforcement of the judgment in the applicant's favour was “an appeal in disguise” as the Court stated (see paragraph 35).

TESTO TRADOTTO

Conclusione Violazione dell’ Art. 6-1; violazione di P1-1
PRIMA SEZIONE
CAUSA MARGUSHIN C. RUSSIA
(Richiesta n. 11989/03)
SENTENZA
STRASBOURG
1 aprile 2010
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Margushin c. Russia,
La Corte europea dei Diritti umani (Prima Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Christos Rozakis, Presidente, Anatoly Kovler, Elisabeth Steiner, Dean Spielmann, Sverre Erik Jebens, Giorgio Malinverni, Giorgio Nicolaou, giudici,
e da André Wampach, Cancelliere Aggiunto di Sezione,
Avendo deliberato in privato l’11 marzo 2010,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 11989/03) contro la Federazione russa depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino russo, Sig. V. V. M. (“il richiedente”), il 28 aprile 2001.
2. Il Governo russo (“il Governo”) fu rappresentato dal Sig. P. Laptev, Rappresentante precedente della Federazione russa alla Corte europea dei Diritti umani.
3. Il richiedente addusse, in particolare, che la sentenza a suo favore non era stata eseguita.
4. Il 13 marzo 2006 il Presidente della prima Sezione decise di dare avviso della richiesta al Governo. Fu deciso anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità (Articolo 29 § 3).
I FATTI
LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
5. Il richiedente nacque nel 1930 e vive a Taganrog.
A. Procedimenti a riguardo del ritiro del deposito del richiedente
6. Il 27 aprile 1998 il richiedente fece un deposito nell'importo di 7,218.00 dollari degli Stati Uniti (USD) presso una banca privata, Bank Rossiyskiy Kredit (“la Banca”).
7. Il 7 settembre 1998 la Banca rimborsò USD 1,200 al richiedente.
8. Il 16 settembre 1998 il richiedente inutilmente tentò di recuperare l'importo in essere.
9. In una data non specificata il richiedente introdusse un'azione contro la Banca chiedendo il ritiro del deposito, il pagamento dell'interesse ed il risarcimento per danno non-patrimoniale.
10. Il 21 settembre 1998 la Corte della Città di Taganrog della Regione di Rostov-su-Don ammise i ricorsi del richiedente in parte ed ordinò alla Banca di pagare al richiedente USD 6,085.20. La corte respinse la rivendicazione per il risarcimento per danno non-patrimoniale.
11. Il 30 settembre 1999 il Presidium della Corte Regionale di Rostov annullò la sentenza del 21 settembre 1998 tramite revisione direttiva e rinviò la questione alla Corte della Città per nuova considerazione. Sembra che il 14 marzo 2000 la Corte della Città respinse le rivendicazioni del richiedente senza una considerazione sui meriti.
B. Trasferimento del deposito del richiedente alla Sberbank
12. Il 5 dicembre 1998 il richiedente accettò l'offerta della Banca di convertire l'importo in essere in rubli russi (RUB) al tasso di RUB 9.33 per USD 1 e di trasferirlo sul suo conto presso un'altra banca. Il 5 marzo 1999 l'importo fu trasferito sul suo conto presso la Sberbank.
13. Il 1 aprile 1999 la Sberbank pagò al richiedente RUB 54,148.54.
C. Accordo di regolamento amichevole
14. Il 19 ottobre 1999 la gestione della Banca fu presa dall'AGENZIA per la Ristrutturazione delle Istituzioni Depositaria (l’ “ARKO”), predisposta dallo Stato in conformità con la legislazione applicabile tesa ad attenuare le conseguenze della crisi finanziaria del 1998.
15. Il 15 maggio 2000 l'associazione dei creditori della Banca adottò le clausole e le condizioni di un accordo di regolamento amichevole fra i creditori della Banca, la Banca e l'ARKO. L'accordo limitava sostanzialmente la responsabilità della Banca di fronte ai suoi creditori. La Banca doveva rimborsare ai suoi creditori solamente gli importi dei depositi. Nessun interesse o penali per ritardi del pagamento sarebbero stati pagati. Il 15 agosto 2000 il Tribunale del commercio di Mosca approvò l'accordo di regolamento amichevole.
D. Procedimenti contro la Banca per il risarcimento per danno
16. In una data non specificata il richiedente introdusse un'azione contro la Banca chiedendo il risarcimento per le sue perdite patrimoniali che sorgono dall'insuccesso della Banca per rimborsare prontamente il deposito. Lui chiese anche pagamento dell’ interesse, la penale per il pagamento in ritardo e il danno non-patrimoniale.
17. Il 5 ottobre 1999 la Corte della Città di Taganrog della Regione di Rostov respinse le rivendicazioni del richiedente. La detta sentenza fu annullata su ricorso presso la Corte Regionale di Rostov il 7 giugno 2000.
18. Il 13 settembre 2000 la Corte della Città respinse le rivendicazioni del richiedente. Il 6 dicembre la Corte Regionale annullò la sentenza del 13 settembre 2000 su ricorso e rinviò la questione per una revisione.
19. Il 28 marzo 2001 la Corte della Città considerò le rivendicazioni del richiedente per la terza volta. Il rappresentante della Banca era presente e fece delle osservazioni alla corte chiedendo di respingere le rivendicazioni in pieno come manifestamente mal-fondate. Lei asserì, inter alia che il richiedente aveva concordato affinché i suoi soldi venissero trasferiti presso un'altra banca ed aveva rinunciato di conseguenza il suo diritto a chiedere l'interesse. Non fu fatto nessun riferimento all'accordo di regolamento amichevole. La Corte della Città ammise i ricorsi del richiedente in parte e gli assegnò RUB 23,535.04 (USD 819.19). Il richiedente fece appello. Il 22 agosto 2001 la Corte Regionale di Rostov sostenne la sentenza su ricorso.
E. Procedimenti a riguardo dell'esecuzione della sentenza del 28 marzo 2001 come sostenuta il 22 agosto 2001
20. Il 24 ottobre 2001 gli ufficiali giudiziari avviarono dei procedimenti di esecuzione.
21. In una data non specificata la Banca richiese alla Corte della Città di Taganrog di cessare i procedimenti di esecuzione a riguardo della sentenza del 28 marzo 2001 come sostenuta il 22 agosto 2001. La Banca indicò che secondo l'accordo di regolamento amichevole del 15 maggio 2000 la Banca doveva solamente rimborsare ai suoi creditori le somme depositate presso la Banca e che nessun interesse o penale dovevano essere pagati.
22. Il richiedente contestò gli argomenti della Banca. Asserì che di non essere stato incluso nella lista dei creditori della Banca, e che non era stato invitato a partecipare alle negoziazioni del regolamento amichevole. Né lui aveva firmato l'accordo del regolamento amichevole.
23. Il 24 dicembre 2001 la Corte della Città di Taganrog accolse la richiesta della Banca e cessò i procedimenti di esecuzione a riguardo della sentenza del 28 marzo 2001 come sostenuta il 22 agosto 2001.
24. Il 18 dicembre 2002 la Corte Regionale di Rostov sostenne la sentenza su ricorso. La parte attinente della sentenza recita come segue:
“A causa del fatto che l'Associazione dei creditori della Banca aveva agito a favore di tutti i creditori, la Corte [della città] concluse correttamente che il regolamento amichevole era vincolante per il richiedente, benché lui non avesse preso parte alle riunioni dei creditori. Secondo il documento presentato, benché il richiedente non fosse stato incluso nella lista dei creditori della Banca, la decisione della corte con la quale era stato approvato il regolamento amichevole era divenuta definitiva, e così la Corte [della città] cessò correttamente i procedimenti di esecuzione perché il regolamento amichevole era stato approvato. Le azioni di reclamo per cui la sentenza della corte [del 28 marzo 2001] doveva essere eseguita non possono essere presi in considerazione perché dopo che il regolamento amichevole era stato adottato, l'obbligo di esecuzione della sentenza fu cambiato in nuovi obblighi secondo le disposizioni del regolamento amichevole. Come segue dalla lettera dell'ARKO, quando il Sig. M. presenterà una copia della sentenza della corte [del 28 marzo 2001],saranno fatti i cambi necessari saranno alla lista delle rivendicazioni dei creditori della Banca ed il debito sarà rimborsato secondo la procedura stabilita.”
25. In una data non specificata il richiedente richiese alla Banca di pagargli il debito di sentenza. Il 12 maggio 2003 il capo contabile della Banca informò il richiedente che la Banca non aveva nessun obbligo di rimborsargli l'importo richiesto, dato che il richiedente aveva recuperato il deposito originale dalla Sberbank.
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 DELLA CONVENZIONE E DELL’ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1 A CAUSA DELLA NON-ESECUZIONE DELLA SENTENZA DEL 28 MARZO 2001 COME SOSTENUTA IL 21 AUGUSTO 2001
26. Il richiedente si lamentò che la sentenza del 28 marzo 2001, come sostenuta su ricorso il 22 agosto 2001, non era stata eseguita ed i procedimenti di esecuzione furono cessati in violazione dell’Articolo 6 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, le parti attinenti di questi recitano come segue:
Articolo 6 § 1
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale ...”
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale…”
27. Il Governo considerò che le azioni di reclamo del richiedente erano incompatibili ratione personae. A questo riguardo notò che l'onere dei danni del richiedente riguardava il rifiuto della Banca di eseguire la sentenza q favore del richiedente. Comunque, il Governo no aveva nessuna responsabilità per gli atti e le omissioni di una banca commerciale. Asserì inoltre che l'azione di reclamo del richiedente era in qualsiasi caso, manifestamente mal-fondata. Ammisero che facendo seguito alla sentenza del 28 marzo 2001 al richiedente fu concesso di ricevere l'interesse e le penali per il ritardo nel pagamento dalla Banca. Comunque, la Banca fu sollevata dall'obbligo di rimborsare l'interesse a riguardo dei depositi dei suoi creditori facendo seguito all'accordo di regolamento amichevole sottoscritto tra ininter alia, la Banca ed i creditori. Il detto accordo di regolamento amichevole, come una questione di legge, vincolava tutti i creditori della Banca, incluso il richiedente.
28. Il richiedente mantenne la sua azione di reclamo.
A. Ammissibilità
29. Riguardo all'eccezione del Governo che l'azione di reclamo del richiedente è incompatibile ratione personae con le norme della Convenzione, essendo diretto contro una banca commerciale che si rifiutava di onorare il debito di sentenza, la Corte non può sottoscrivere tale interpretazione stretta delle dichiarazioni del richiedente. Nota che i danni del richiedente riguardano la non-esecuzione della sentenza a suo favore che non solo coprì il rifiuto della Banca di rimborsare il debito di sentenza ma anche l'interruzione dei procedimenti di esecuzione da parte delle corti nazionali.
Mentre è vero e non contestato dal richiedente che il debitore sotto la detta sentenza era davvero una persona giuridica privata, questo fatto è insufficiente per assolvere lo Stato dalla responsabilità con riguardo solo all'esecuzione della detta sentenza. La Corte considera perciò che ha giurisdizione per esaminare se le autorità nazionali si sono attenute col loro obbligo positivo di esecuzione della sentenza resa contro un'entità privata a favore del richiedente. Respinge di conseguenza l'eccezione preliminare del Governo (vedere Fuklev c. Ucraina, n. 71186/01, §§ 67-68 del 7 giugno 2005).
30. La Corte nota che questa azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
B. Meriti
1. L’Articolo 6 § 1 della Convenzione
31. La Corte reitera che il diritto ad un'udienza corretta di fronte ad un tribunale come garantito dall’ Articolo 6 § 1 della Convenzione deve essere interpretato alla luce del Preambolo alla Convenzione che dichiara fra le altre cose, la preminenza del diritto come parte dell'eredità comune degli Stati Contraenti. Uno degli aspetti fondamentali della preminenza del diritto è il principio della certezza legale che richiede inter alia che dove le corti infine hanno deciso una questione, la loro direttiva non dovrebbe essere richiamata in questione (vedere Brumărescu c. Romania [GC], n. 28342/95, § 61 ECHR 1999-VII). Uno scostamento da questo principio è giustificato solamente quando reso necessario da circostanze di carattere sostanziale ed irresistibile, come la correzione di difetti fondamentali o un errore giudiziario (vedere, fra le numerose autorità, Ryabykh c. Russia, n. 52854/99, § 52 ECHR 2003-IX).
32. Mentre può essere accettato che gli Stati Contraenti possono, in circostanze eccezionali e, giovandosi del loro margine di valutazione, intervengano in procedimenti per l'esecuzione di una decisione giudiziale, il risultato di tale intervento non dovrebbe essere che l’ esecuzione venga ostacolata, venga invalidata o impropriamente venga differita o, ancora meno, che la sostanza della decisione venga minata (vedere Immobiliare Saffi c. Italia [GC], n. 22774/93, § 74 ECHR 1999-V).
33. Rivolgendosi alle circostanze della presente causa, la Corte osserva che il 28 marzo 2001 il richiedente ha ottenuto una sentenza con la quale la Banca, una persona giuridica privata doveva pagargli gli interessi e le penali a riguardo del suo deposito presso la Banca. La sentenza divenne definitiva ed esecutiva il 22 agosto 2001. Il 24 ottobre 2001 l'ufficiale giudiziario aprì procedimenti di esecuzione. Il 24 dicembre 2001 la corte cessò comunque, l'esecuzione della sentenza a favore notare del richiedente notando , in riferimento all’entrata in vigore del 15 agosto 2000 dell'accordo di regolamento amichevole fra la Banca ed i suoi creditori, che la Banca è stata sollevata dal suo obbligo di pagare l'interesse e le altre penali sui depositi di tutti i creditori, incluso il richiedente.
34. A questo riguardo la Corte nota che la convalidazione dell'accordo di regolamento amichevole precedette di circa un anno l'adozione della sentenza a favore del richiedente. Di conseguenza, se la Banca avesse considerato l'accordo attinente a riguardo delle rivendicazioni del richiedente, avrebbe potuto sollevare questo problema di fronte alle corti nazionali in considerazione della controversia fra il richiedente e la Banca. La Banca non fece così. Rimase silenziosa in merito alle conseguenze che l'accordo di regolamento amichevole avrebbe potuto avere per le rivendicazioni del richiedente quando la causa fu considerata al primo livello di giurisdizione. Né sollevò questo problema su ricorso.
35. La Corte nota inoltre che il Governo non sottolineò alcuna circostanza eccezionale che avrebbe impedito alla Banca di sollevare il problema dell'accordo di regolamento amichevole in prima istanza o su ricorso. In simili circostanze, la richiesta della Banca di interrompere i procedimenti di esecuzione era solamente un tentativo da parte della Banca di dibattere nuovamente la causa sui punti che aveva avuto l'opportunità ,ma aveva fallito, di sollevare nei procedimenti civili. Di conseguenza, la Corte non on può che vedere i procedimenti riguardo all’ interruzione dell'esecuzione della sentenza a favore del richiedente come “un ricorso mascherato” che non poteva giustificare la partenza dal principio della certezza legale.
36. Avendo riguardo a ciò che precede, la Corte costata che cessando i procedimenti di esecuzione a riguardo della sentenza definitiva a favore del richiedente le autorità nazionali hanno infranto il principio della certezza legale.
37. C'è stata perciò una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione a causa dell’ interruzione dell'esecuzione della sentenza del 28 marzo 2001 come sostenuta il 22 agosto 2001.
2. L’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1
38. La Corte reitera che in virtù dell’ Articolo 1 della Convenzione, ogni Stato Contraente “garantirà ad ognuno entro [la sua] giurisdizione i diritti e le libertà definite... [nella] Convenzione.” L'obbligo di garantire l'esercizio effettivo dei diritti definiti in questo strumento può dare luogo ad obblighi positivi per lo Stato (vedere, fra le più recenti autorità, Wilkowicz c. Polonia, n. 74168/01, § 27 del 4 novembre 2008). Riguardo al diritto garantito dall’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, quegli obblighi positivi possono richiedere certe misure necessarie a proteggere anche il diritto alla proprietà in cause che coinvolgono la causa fra individui privati o società (vedere Fuklev, citata sopra, § 91).
39. In questo collegamento, la Corte osserva, che il richiedente ottenne una sentenza definitiva a suo favore contro la Banca, una persona giuridica privata. Lui fece domanda debitamente presso il servizio dell'ufficiale giudiziario per la sua esecuzione. Di conseguenza, lo Stato era sotto l’ obbligo di assicurare, per l'adeguato funzionando del servizio dell'ufficiale giudiziario, che il richiedente ricevesse il debito di sentenza. Invece, le corti nazionali cessarono l'esecuzione della sentenza. Di conseguenza, il richiedente non è stato capace di ricevere il pagamento del debito dovuto a lui per molti anni.
40. Avendo riguardo a ciò che precede ed alle sue costatazioni sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione per cui le corti nazionali hanno cessato l'esecuzione della sentenza a favore del richiedente in violazione del principio della certezza legale, la Corte considera che simile insuccesso da parte dello Stato di offrire il meccanismo per l'esecuzione della sentenza a favore del richiedente era incompatibile col suo obbligo positivo nella misura in cui era coinvolta la protezione dei diritti di proprietà del richiedente. C'è stata di conseguenza, una violazione dell’ Articolo 1del Protocollo N.ro 1.
II. ALTRE VIOLAZIONI ADDOTTE DELLA CONVENZIONE
41. Il richiedente si lamentò infine, sotto l’Articolo 6 della Convenzione e sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che la sentenza del 21 settembre 1998 rimasta non eseguita per molto tempo, che i procedimenti civili erano lunghi, che con la sentenza del 28 marzo 2001 i suoi ricorsi non erano stati ammessi in pieno, e che lui fu imbrogliato firmando l'accordo con la Banca nel 1998 secondo cui il suo deposito veniva trasferito presso la Sberbank.
42. Comunque, avendo riguardo a tutto il materiale in suo possesso, la Corte trova, che gli eventi di cui ci si lamenta non rivelano nessuna comparizione di violazione dei diritti e delle libertà esposti nella Convenzione o nei suoi Protocolli. Ne segue che questa parte della richiesta deve essere respinta come manifestamente mal-fondata facendo seguito agli Articoli 35 § 3 e 4 della Convenzione.
III. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
43. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
44. Il richiedente chiese USD 4,593.54 a riguardo del danno patrimoniale. Lui notò che questo importo copriva le perdite in cui era incorso dopo che il suo deposito era stato trasferito presso la Sberbank a causa di un cambio irreale applicato, degli interessi sul deposito e di una penale per tardo pagamento. Lui chiese inoltre RUB 100,000 a riguardo del danno non-patrimoniale.
45. Il Governo considerò che le rivendicazioni del richiedente per la soddisfazione equa avrebbero dovuto essere respinte in pieno. Secondo lui, rimaneva aperto al richiedente chiedere alla banca di rimborsare il danno patrimoniale chiesto. Riguardo alla rivendicazione del richiedente a riguardo del danno non-patrimoniale, considerò che lui non incorse in un danno per la colpa dello Stato. In qualsiasi caso, considerò le rivendicazioni del richiedente eccessive ed irragionevoli.
46. La Corte reitera che nella presente causa trovò una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, in quanto l'esecuzione della decisione giudiziale a favore del richiedente fu cessata. La Corte nota che la forma più appropriata di compensazione a riguardo di una violazione dell’ Articolo 6 è assicurare che il richiedente venga posto il più possibile nella posizione in cui si troverebbe se i requisiti dell’ Articolo 6 non fossero stati ignorati (vedere Piersack c. Belgio (Articolo 50), sentenza del 26 ottobre 1984, Serie A n. 85, p. 16, § 12). La Corte costata che nella presente causa questo principio si applica allo stesso modo, avendo riguardo alle violazioni trovate (confronta Poznakhirina c. Russia, n. 25964/02, § 33, 24 febbraio 2005, e Sukhobokov c. Russia, n. 75470/01, §34 del 13 aprile 2006). Al richiedente fu impedito di ricevere i soldi che lui legittimamente si era aspettato di ricevere sotto la sentenza del 28 marzo 2001 come sostenuta il 22 agosto 2001. La Corte, di conseguenza considera che il Governo garantirà, con appropriati mezzi, l'esecuzione della detta sentenza (vedere, fra le altre autorità, Lesnova c. Russia, n. 37645/04, § 25 del 24 gennaio 2008).
47. La Corte considera inoltre che il richiedente ha dovuto soffrire dell'angoscia e della frustrazione che sono il risultato dell'insuccesso delle autorità Statali nell’ eseguire la sentenza a suo favore. Facendo la sua valutazione su una base equa, la Corte assegna EUR 645 al richiedente a riguardo del danno non-patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile sull'importo sopra.
B. Costi e spese
48. Il richiedente non presentò una rivendicazione per costi e spese. Di conseguenza, la Corte considera che non c'è nessuna necessità di assegnargli qualsiasi somma a questo riguardo.
C. Interesse di mora
49. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE
1. Dichiara con una maggioranza l'azione di reclamo riguardo alla non-esecuzione della sentenza del 28 marzo 2001 come sostenuta il 22 agosto 2001 ammissibile ed il resto della richiesta inammissibile;
2. Sostiene per sei voti ad uno che c'è stata una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 a causa dell’ interruzione dell'esecuzione della sentenza del 28 marzo 2001 come sostenuta il 22 agosto 2001;
3. Sostiene per sei voti ad uno
(a) che lo Stato rispondente, entro tre mesi dalla data i cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione garantirà, con appropriati mezzi, l'esecuzione della sentenza del 28 marzo 2001 come sostenuta il 22 agosto 2001;
(b) che lo Stato rispondente deve pagare al richiedente, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione i seguenti importi da convertire in rubli russi al tasso applicabile in data dell’ accordo:
(i) EUR 645 (seicento e quaranta-cinque euro) a riguardo del danno non-patrimoniale;
(ii) qualsiasi tassa che può essere addebitabile sull'importo sopra;
(c) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
4. Respinge all’unanimità il resto della rivendicazione del richiedente per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 1 aprile 2010, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
André Wampach Christos Rozakis
Cancelliere Aggiunto Presidente
In conformità con l’Articolo 45 § 2 della Convenzione e l’Articolo 74 § 2 degli Articoli di Corte, l'opinione dissidente del Giudice Kovler è annessa a questa sentenza.
C.L.R.
A.M.W.


OPINIONE DISSIDENTE DEL GIUDICE KOVLER
Io non posso condividere la conclusione della maggioranza che c'è stata una violazione dell’Articolo 6 § 1 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 a causa dell'interruzione dell'esecuzione della sentenza a favore del richiedente contro una banca privata.
La prima ragione per il mio disaccordo è che, parlando in generale, un Stato, secondo la giurisprudenza della Corte non è responsabile per i risparmi depositati in banche private (vedere X c. Germania (dec.), n. 8724/79, decisione della Commissione del 6 marzo 1980, Decisioni e Relazioni 20; Rudzińska c. Polonia (dec.), n. 45223/99, ECHR 1999-VI; Gayduk ed Altri c. Ucraina (dec.), N. 45526/99 et al., ECHR 2002-VI; ed Appolonov c. Russia (dec.), n. 67598/01, 29 agosto 2002).
La seconda ragione è che la giurisprudenza della Corte è piuttosto chiara: la responsabilità dello Stato per l’ esecuzione di una sentenza contro una società privata non si estende oltre il coinvolgimento delle entità Statali nelle procedure di esecuzione. Una volta che le procedure di esecuzione sono state chiuse da una corte in conformità con la legislazione nazionale, la responsabilità dello Stato finisce (vedere, fra le altre autorità, Shestakov c. Russia (dec.), n. 48757/99, 18 giugno 2002).
La Corte ha affermato ripetutamente che dove una sentenza viene resa contro lo Stato, quest’ultimo deve prendere l'iniziativa per eseguirla pienamente ed in tempo dovuto (vedere, fra le altre autorità, Akashev c. Russia, n. 30616/05, §§ 21-23, 12 giugno 2008, e Burdov c. Russia, n. 59498/00, §§ 32-42 ECHR 2002-III). Quando il debitore è un individuo privato o una società, la posizione è diversa, poiché lo Stato non è, come norma generale, direttamente responsabile per i debiti degli individui privati o delle società ed i suoi obblighi sotto la Convenzione sono limitati ad offrire l'assistenza necessaria al creditore nell'esecuzione delle assegnazioni di corte attinenti, per esempio per il servizio di un ufficiale giudiziario o una procedura fallimentare (vedere Kesyan c. Russia, n. 36496/02, 19 ottobre 2006, e Fociac c. Romania, n. 2577/02, §§ 69-70 del 3 febbraio 2005). La Corte ha trovato anche che il principio che le sentenze devono essere eseguite non può essere interpretato come se obbligasse lo Stato a succedere in caso di insolvenza di quest’ultima (vedere Reynbakh c. Russia, n. 23405/03 § 18, 29 settembre 2005, e Bobrova c. Russia, n. 24654/03, § 16 del 17 novembre 2005).
Nelle particolari circostanze della presente causa il richiedente ha accettato l'offerta della banca di convertire in rubli russi l'importo in essere in dollari di Stati Uniti e infine l'importo fu trasferito, sul suo conto presso un'altra banca (vedere paragrafo 12 della sentenza). Avendo considerato la rivendicazione del richiedente per la terza volta, il 28 marzo 2001 la Corte di Città ha preso in conto la dichiarazione del rappresentante della Banca che il richiedente aveva concordato affinché il suo denaro venisse trasferito presso un'altra banca ed aveva rinunciato di conseguenza ai suoi diritti di chiedere l'interesse, ma ammise il ricorso del richiedente in parte (vedere paragrafo 19 della sentenza). Sembra che il problema principale è il valore dell'assegnazione, ma in molte occasioni la Corte ha affermato che un giudice nazionale è collocato meglio di un giudice internazionale per decidere su simili questioni.
Così, io non sono convinto che la richiesta per interruzione dell'esecuzione della sentenza a favore del richiedente era “un ricorso mascherato” come la Corte ha affermato (vedere paragrafo 35).



DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 07/10/2020.