Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF TSAREVA v. RUSSIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, 35, 06, P1-1

NUMERO: 43327/02/2010
STATO: Russia
DATA: 01/04/2010
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

Conclusion Violation of Art. 6-1 ; Remainder inadmissible ; Pecuniary damage - claim dismissed ; Non-pecuniary damage - award
FIRST SECTION
CASE OF TSAREVA v. RUSSIA
(Application no. 43327/02)
JUDGMENT
STRASBOURG
1 April 2010
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of he Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Tsareva v. Russia,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Christos Rozakis, President,
Nina Vajić,
Anatoly Kovler,
Elisabeth Steiner,
Khanlar Hajiyev,
Giorgio Malinverni,
George Nicolaou, judges,
and André Wampach, Deputy Section Registrar,
Having deliberated in private on 11 March 2010,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 43327/02) against the Russian Federation lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Russian national, Mrs M. N. T. (“the applicant”), on 4 December 2002.
2. The Russian Government (“the Government”) were represented by Mr P. Laptev and subsequently by Ms V. Milinchuk, both former representatives of the Russian Federation at the European Court of Human Rights.
3. On 11 May 2006 the President of the First Section decided to give notice of the application to the Government. It was also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (Article 29 § 3).
THE FACTS
THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
A. Initial award and its quashing
4. The applicant was born in 1964 and lives in Magadan, the Magadan Region.
5. The applicant sued the Magadan Regional Hospital and the Magadan Town Children Hospital for medical negligence in respect of her minor son.
6. On 28 November 2001 the Magadan Town Court of the Magadan Region awarded the applicant 150,000 Russian roubles (RUB) of non-pecuniary damages and RUB 8 for the court fee against the Magadan Regional Hospital and dismissed the claims against the Magadan Town Children Hospital as unfounded.
7. On 22 January 2002 the Magadan Regional Court upheld the judgment on appeal. The award remained unenforced.
8. On 13 June 2002, upon the Magadan Regional Hospital's request, the Presidium of the Magadan Regional Court quashed by way of supervisory review the judgment of 28 November 2001, as upheld on 22 January 2002, in the part related to the award made in favour of the applicant, because the lower courts incorrectly assessed the facts of the case. The court remitted the case in that part for a fresh examination in the first instance and upheld the remainder of the lower courts' findings.
B. Applicant's request for annulment of the judgment in part and subsequent proceedings
9. On 13 January 2002 the applicant lodged a request for annulment of the judgment of 28 November 2001 in the part concerning the Magadan Town Children Hospital's liability on account of discovery of the new circumstances, i.e. evidence of the Town Hospital's liability.
10. On 17 December 2003 the Magadan Town Court allowed her request, annulled the judgment of 28 November 2001 as amended by the ruling of 13 June 2002 in the part concerning the rejection of the applicant's claims against the Magadan Town Children Hospital and reopened the case.
11. On the same date the Town Court partially granted the applicant's claims against both defendants and awarded her RUB 80,000 to be paid by the Magadan Regional Hospital and RUB 80,000 to be paid by the Magadan Town Children Hospital in non-pecuniary damages.
12. On 3 February 2004 the Magadan Regional Court upheld the judgment on appeal and it acquired legal force.
13. On 24 May 2004 the Magadan Regional Hospital and on 26 October and 2 November 2004 December 2004 the Magadan Town Children Hospital each paid the non-pecuniary damages to the applicant in the amounts specified by the domestic court.
14. The judgment debt in the amount of RUB 8 awarded for the court fee on 28 November 2001, has not been enforced. According to the Government, since 2006 the authorities have made numerous attempts to contact the applicant and pay the awarded sum, but the applicant has not provided her banking details.
THE LAW
I. THE GOVERNMENT'S OBJECTION AS TO ABUSE OF PETITION
15. The Government submitted that the applicant had not informed the Court of the execution of the judgment in December 2004. Such failure amounted to an abuse of the right of application within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention which, insofar as relevant, reads as follows:
“The Court shall declare inadmissible any individual application submitted under Article 34 which it considers incompatible with the provisions of the Convention or the Protocols thereto, manifestly ill-founded, or an abuse of the right of application”.
16. The Court reiterates that, except in extraordinary cases, an application may only be rejected as abusive if it was knowingly based on untrue facts (see Akdivar and Others v. Turkey, 16 September 1996, Reports of Judgments and Decisions 1996-IV, §§ 53-54; I.S. v. Bulgaria (dec.), no. 32438/96, 6 April 2000; Varbanov v. Bulgaria, no. 31365/96, § 36, ECHR 2000-X). The Court further reiterates that applicants should keep it informed of all circumstances relevant to the application.
17. The Court notes that the applicant has indeed failed to inform it without undue delay of developments in her case. However, in the circumstances of the present case, it does not consider this failure, although regrettable, to amount to an abuse of the right of petition (see Plekhova v Russia, no. 42752/04, § 19, 31 January 2008). The Court therefore rejects the Government's objection.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 OF THE CONVENTION ON ACCOUNT OF THE QUASHING OF THE JUDGMENT OF 28 NOVEMBER 2001
18. The applicant complained that the quashing of the final judgment in her favour violated her right to a court as provided in Article 6 of the Convention. Article 6 in its relevant part reads as follows:
Article 6
“In the determination of his civil rights and obligations ... everyone is entitled to a fair ... hearing ... by [a] ... tribunal ...”
19. The Government argued that the supervisory review had been justified because the lower courts incorrectly assessed the evidence before them. Annulment of the binding judgment had been legitimate in a democratic society and had been exercised so as to strike a fair balance between the interests of the applicant and the need to ensure the effectiveness of the system of justice. In any event, the applicant's claims had been granted in the subsequent proceedings and she had received a bigger sum than awarded by the judgment of 28 November 2001.
20. The applicant maintained her claims.
A. Admissibility
21. The Court notes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
22. The Court reiterates its constant case-law to the effect that the quashing by way of supervisory review of a judicial decision which has become final and binding may render the litigant's right to a court illusory and infringe the principle of legal certainty (see, among many other authorities, Brumărescu v. Romania [GC], no. 28342/95, § 62, ECHR 1999-VII; Ryabykh v. Russia, no. 52854/99, §§ 56-58, 24 July 2003). Departures from that principle are justified only when made necessary by circumstances of a substantial and compelling character (see, mutatis mutandis, Ryabykh, cited above, § 52).
23. Turning to the present case, the Court observes that the judgment of 28 November 2001 in the part awarding the applicant damages was set aside by way of a supervisory review solely on the ground that the lower court had incorrectly assessed the circumstances of the case. The Court reiterates its constant approach that in the absence of a fundamental defect in the previous proceedings a party's disagreement with the assessment made by the first instance court is not a circumstance of a substantial and compelling character warranting the quashing of a binding and enforceable judgment and re-opening of the proceedings on the applicant's claim (see Dovguchits v. Russia, no. 2999/03, § 30, 7 June 2007; and Kot v. Russia, no. 20887/03, § 29, 18 January 2007). The Government did not put forward any arguments which would enable the Court to reach a different conclusion in the present two cases.
24. The Court further notes that as a result of the proceedings following the quashing, the applicant's claim was partially granted on 17 December 2003 by the Magadan Town Court. The Court considers, however, that this fact did not by itself efface the effects of legal uncertainty the applicant had to endure after the judgment of 28 November 2001 had been quashed (see Zasurtsev v. Russia, no. 67051/01, § 51, 27 April 2006).
25. There has been, accordingly, a violation of Article 6 § 1 of the Convention on account of the partial quashing of the judgment of 28 November 2001, as upheld on appeal on 22 January 2002.
III. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 OF THE CONVENTION AND ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 ON ACCOUNT OF DELAYED ENFORCEMENT OF THE JUDGMENT OF 17 DECEMBER 2003
26. The applicant complained under Article 6 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention about the prolonged failure to execute the judgment of 17 December 2003 in her favour. Article 6, in its relevant part, is cited above. Article 1 of Protocol No. 1, in so far as relevant, provides as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law...”
27. The Government submitted that the delay of execution did not exceed nine months and was reasonable. The applicant maintained her claim.
28. The Court observes that the judgment of 17 December 2003 was executed within 8 months and 22 days from the date of its entry into force. Such a delay does not appear excessive and is compatible with the Convention requirements (see Presnyakov v. Russia (dec.), no. 41145/02, 10 November 2005, Portnova v. Russia, no. 34428/04, § 15, 29 April 2008, and Fedorov and Others (dec.), no. 33382/04, 17 January 2008).
29. It follows that this part of the application is manifestly ill-founded and must be rejected in accordance with Article 35 §§ 3 and 4 of the Convention.
IV. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 OF THE CONVENTION AND ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 ON ACCOUNT OF NON-ENFORCEMENT OF THE JUDGMENT OF 28 NOVEMBER 2001
30. The applicant further complained under Articles 6 of the Convention and Article 1 of Protocol No.1, both cited above, about non-enforcement of the judgment of 28 November 2001.
A. Admissibility
31. The Court notes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
32. The Court notes that in the present case the judgment of 28 November 2001 awarding the applicant with the enforceable claim was quashed in part on supervisory review and upheld by the supervisory instance as to the remainder. Thus, as regards the part of the award in the amount of RUB 150,000 which was annulled on 13 June 2002, the final binding judgment in respect of that sum had ceased to exist on the latter date. The remainder of the award in the amount of RUB 8.40 had been upheld by the supervisory instance and had not been modified in the subsequent proceedings. Therefore, the judgment of 28 November 2001 in that part has remained binding till present. Accordingly, the Court will examine separately the applicant's complaints in respect of the two parts of the judgment debt.
1. The part of the award quashed on 13 June 2002
33. As regards the award of RUB 150,000, it has remained unenforced for 4 months and 20 days until 13 June 2002, the date of its annulment.
34. The Court observes that the principles that a final judicial decision must not be called into question and should be enforced represent two aspects of the same general concept, namely the “right to a court” (see Ryabykh, cited above, §§ 55-57; Burdov v. Russia, no. 59498/00, § 34, ECHR 2002-III). In the present case the non-enforcement was due, to a large extent, to the fact that the judgment to be enforced was quashed in course of the supervisory review proceedings. Having regard to this consideration, as well as to the finding above concerning violation of the applicant's rights under Article 6 §1 on account of the quashing of the judgment in her favour, the Court does not consider it necessary, in the circumstances, to examine the applicant's complaint concerning the non-enforcement of that judgment separately (see, mutatis mutandis, Sobelin and Others v. Russia, nos. 30672/03 et seq., §§ 67-68, 3 May 2007).
2. The remainder of the award
35. As regards the amount of RUB 8.40 (approximately 0.3 euros (EUR), it appears that the judgment debt in this part has not been enforced to date.
36. The Court reiterates that, to decide if the delay was reasonable, it will look at how complex the enforcement proceedings were, how the applicant and the authorities behaved, and what the nature of the award was (see Raylyan v. Russia, no. 22000/03, § 31, 15 February 2007). While it is undisputed that the delay of execution was rather long, the Court has particular regard to the relative modesty of the unpaid sum. As regards the conduct of the applicant and the authorities, the Court notes the Government's argument that since 2006 the applicant refused to provide her banking details to the respondent authority. According to the Court's established case-law, it is not unreasonable that the authorities request the applicant to produce additional documents, such as bank details, to allow or speed up the execution of a judgment (see, mutatis mutandis, Akashev v. Russia, no. 30616/05, § 22, 12 June 2008).
37. In these particular circumstances, and having particular regard to the amount of the award at stake, the Court does not consider it necessary to examine the applicant's complaint concerning the non-enforcement of this part of the award separately.
V. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
38. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
39. The applicant claimed 5,000 euros (EUR) of pecuniary damage caused by the delayed enforcement of the judgments in her favour and EUR 300,000 in respect of non-pecuniary damage. The Government contested the claims as manifestly unreasonable and excessive.
40. As regards the claims for pecuniary damage, the Court considers that there is no causal link between the amount claimed and the violation found and therefore rejects her claims under this head. At the same time, the Court considers that the applicant suffered distress and frustration because of the supervisory review of the judgment. Making its assessment on an equitable basis, it awards the applicant EUR 3,000 in respect of non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable, and dismisses the remainder of her claims for just satisfaction.
B. Costs and expenses
41. The applicant did not claim costs or expenses and there is accordingly no call to make an award under this head.
C. Default interest
42. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the complaint under Article 6 of the Convention concerning the non-enforcement and the quashing of the judgment of 28 November 2001 on supervisory review admissible and the remainder of the application inadmissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 6 of the Convention on account of the quashing of the judgment in the applicant's favour by way of the supervisory review;
3. Holds that there is no need to examine the complaint under Article 6 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 about non-enforcement of the judgment of 28 November 2001;
4. Decides
(a) that the respondent State is to pay the applicant, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, EUR 3,000 (three thousand euros) in respect of non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable to the applicant, to be converted into Russian roubles at the rate applicable at the date of settlement;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
5. Dismisses the remainder of the applicant's claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 1 April 2010, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
André Wampach Christos Rozakis
Deputy Registrar President


TESTO TRADOTTO

Conclusione Violazione dell’ Art. 6-1; resto inammissibile; danno Patrimoniale - rivendicazione respinta; danno Non-patrimoniale - assegnazione
PRIMA SEZIONE
CAUSA TSAREVA C. RUSSIA
(Richiesta n. 43327/02)
SENTENZA
STRASBOURG
1 aprile 2010
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Tsareva c. Russia,
La Corte europea dei Diritti umani (Prima Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Christos Rozakis, Presidente, Nina Vajić, Anatoly Kovler, Elisabeth Steiner, Khanlar Hajiyev, Giorgio Malinverni, Giorgio Nicolaou, giudici,
e da André Wampach, Cancelliere di Sezione Aggiunto,
Avendo deliberato in privato l’ 11 marzo 2010,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 43327/02) contro la Federazione russa depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da una cittadina russa, la Sig.ra M. N. T. (“la richiedente”), il 4 dicembre 2002.
2. Il Governo russo (“il Governo”) fu rappresentato dal Sig. P. Laptev e successivamente dalla Sig.ra V. Milinchuk, entrambi rappresentanti precedenti della Federazione russa alla Corte europea dei Diritti umani.
3. L’ 11 maggio 2006 il Presidente della prima Sezione decise di dare avviso della richiesta al Governo. Fu deciso anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità (Articolo 29 § 3).
I FATTI
LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
A. Assegnazione iniziale ed il suo annullamento
4. La richiedente nacque nel 1964 e vive a Magadan, Regione di Magadan.
5. La richiedente citò l’Ospedale della Regione di Magadan e l’Ospedale pediatrico della Città di Magadan per negligenza medica a riguardo di suo figlio minore.
6. Il 28 novembre 2001 la Corte della Città di Magadan della Regione di Magadan assegnò 150,000 rubli russi alla richiedente (RUB) per danni non-patrimoniali e RUB 8 per la parcella di corte contro l’ Ospedale della Regione di Magadan e respinse le rivendicazioni contro l’Ospedale pediatrico della Città di Magadan come infondate.
7. Il 22 gennaio 2002 la Corte Regionale di Magadan sostenne la sentenza su ricorso. L'assegnazione rimase ineseguita.
8. Il 13 giugno 2002, su richiesta dell’ Ospedale della Regione di Magadan, il Presidium della Corte Regionale di Magadan annullò tramite revisione direttiva la sentenza del 28 novembre 2001, come sostenuto il 22 gennaio 2002, nella parte riferita all'assegnazione resa a favore della richiedente perché le corti inferiori avevano valutato erroneamente i fatti della causa. La corte rinviò la causa in questa parte per un nuovo esame nella prima istanza e sostenne il resto delle sentenze delle corti inferiori.
B. La richiesta della richiedente per l’annullamento in parte della sentenza e procedimenti susseguenti
9. Il 13 gennaio 2002 la richiedente depositò una richiesta per annullamento della sentenza del 28 novembre 2001 nella parte riguardo alla responsabilità dell’Ospedale pediatrico della Città di Magadan a causa della scoperta di nuove circostanze, cioè prove della responsabilità dell'Ospedale della Città.
10. Il 17 dicembre 2003 la Corte della Città di Magadan accolse la sua richiesta, annullò la sentenza del 28 novembre 2001 come corretta dalla direttiva del 13 giugno 2002 nella parte riguardo al rifiuto delle rivendicazioni della richiedente contro l’Ospedale pediatrico della Città di Magadan e riaprì la causa.
11. Nella stessa data la Corte della Città ammise in parte i ricorsi della richiedente contro gli imputati e le assegnò RUB 80,000 che dovevano essere pagati dall’Ospedale della Regione di Magadan e RUB 80,000 che dovevano essere pagati dall’Ospedale Pediatrico della Città di Magadan per danni non-patrimoniali.
12. Il 3 febbraio 2004 la Corte Regionale di Magadan sostenne la sentenza su ricorso ed acquisì forza legale.
13. Il 24 maggio 2004 l’ Ospedale Regionale di Magadan ed il 26 ottobre ed il 2 novembre 2004 dicembre 2004 l’Ospedale pediatrico della Città di Magadan entrambi pagarono i danni non-patrimoniali alla richiedente negli importi specificati dalla corte nazionale.
14. Il debito della sentenza nell'importo di RUB 8 assegnati per la parcella di corte il 28 novembre 2001, non è stato eseguito. Secondo il Governo dal 2006 le autorità hanno fatto numerosi tentativi di contattare la richiedente e pagare la somma assegnata, ma la richiedente non ha offerto i suoi dettagli bancari.
LA LEGGE
I. L'ECCEZIONE DEL GOVERNO RIGUARDO ALL’ABUSO DI RICORSO
15. Il Governo presentò che la richiedente non aveva informato la Corte dell'esecuzione della sentenza al dicembre 2004. Simile insuccesso corrispose ad un abuso del diritto di richiesta all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione che, nella parte attinente, si legge come segue:
“La Corte dichiarerà inammissibile qualsiasi richiesta individuale presentata sotto l’Articolo 34 che considera incompatibile con le disposizioni della Convenzione o dei Protocolli, come manifestamente mal-fondata, o come un abuso del diritto della richiesta.”
16. La Corte reitera che, eccetto in cause straordinarie, una richiesta può essere respinta solamente come abusiva nel caso fosse basata di proposito su fatti falsi (vedere Akdivar ed Altri c. Turchia, 16 settembre 1996, Relazioni delle Sentenze e Decisioni 1996-IV §§ 53-54; I.S. c. Bulgaria (dec.), n. 32438/96, 6 aprile 2000; Varbanov c. Bulgaria, n. 31365/96, § 36 ECHR 2000-X). La Corte reitera inoltre che i richiedenti dovrebbero tenerla informata di tutte le circostanze attinente alla richiesta.
17. La Corte nota che la richiedente non è riuscita davvero ad informarla senza ritardo indebito in merito agli sviluppi nella sua causa. Nelle circostanze della presente causa, non considera comunque che, questo insuccesso, benché deplorevole, corrisponda ad un abuso del diritto di ricorso (vedere Plekhova v Russia, n. 42752/04, § 19 31 gennaio 2008). La Corte respinge perciò l'eccezione del Governo.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 DELLA CONVENZIONE A CAUSA DELL'ANNULLARE DELLA SENTENZA DEL 28 NOVEMBRE 2001
18. La richiedente si lamentò che l’annullamento della sentenza definitiva a suo favore ha violato il suo diritto ad una corte come previsto nell’ Articolo 6 della Convenzione. L’Articolo 6 nella sua parte attinente si legge come segue:
Articolo 6
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale ...”
19. Il Governo dibatté che la revisione direttiva era stata giustificata perché le corti inferiori avevano valutato erroneamente le prove di fronte a loro. L’Annullamento della sentenza vincolante era stato legittimo in una società democratica ed era stato esercitato così da prevedere un equilibrio equo fra gli interessi della richiedente ed il bisogno di assicurare l'efficacia del sistema della giustizia. In qualsiasi caso, i ricorsi della richiedente erano stati ammessi nei procedimenti susseguenti e lei aveva ricevuto una somma più grande di quella assegnata dalla sentenza del 28 novembre 2001.
20. La richiedente sostenne le sue rivendicazioni.
A. Ammissibilità
21. La Corte nota che questa azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
22. La Corte reitera la sua giurisprudenza continua all'effetto che l'annullamento tramite revisione direttiva di una decisione giudiziale che è divenuta definitiva e vincolante può rendere il diritto del contendente ad una corte illusorio e può infrangere il principio di certezza legale (vedere, fra molte altre autorità, Brumărescu c. Romania [GC], n. 28342/95, § 62 ECHR 1999-VII; Ryabykh c. Russia, n. 52854/99, §§ 56-58 24 luglio 2003). Partenze da questo principio sono giustificate solamente quando rese necessarie da circostanze di carattere sostanziale ed irresistibile (vedere, mutatis mutandis, Ryabykh citata sopra, § 52).
23. Rivolgendosi alla presente causa, la Corte osserva che la sentenza del 28 novembre 2001 nella parte che assegna i danni della richiedente fu accantonata tramite una revisione direttiva solamente sulla base che la corte inferiore aveva valutato erroneamente le circostanze della causa. La Corte reitera il suo approccio continuo che in assenza di un difetto fondamentale nei procedimenti precedenti il disaccordo di una parte con la valutazione resa dal primo giudice di prima istanza non è una circostanza di carattere sostanziale ed irresistibile da garantire l’annullamento di una sentenza esecutiva definitiva e vincolante e la riapertura dei procedimenti sulla rivendicazione del richiedente (vedere Dovguchits c. Russia, n. 2999/03, § 30 del 7 giugno 2007; e Kot c. Russia, n. 20887/03, § 29 del 18 gennaio 2007). Il Governo non ha esposto qualsiasi argomento tale da permettere alla Corte di giungere ad una conclusione diversa nelle due cause presenti.
24. La Corte nota inoltre che come risultato dei procedimenti in seguito all’annullamento, il ricorso della richiedente fu ammesso parzialmente il 17 dicembre 2003 dalla Corte della Città di Magadan. Comunque, la Corte considera che questo fatto non cancellò da solo gli effetti dell'incertezza legale la richiedente ha dovuto sopportare dopo che la sentenza del 28 novembre 2001 era stata annullata (vedere Zasurtsev c. Russia, n. 67051/01, § 51 del 27 aprile 2006).
25. C'è stata, di conseguenza, una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione a causa dell’annullamento parziale della sentenza del 28 novembre 2001, come sostenuto su ricorso il 22 gennaio 2002.
III. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 DELLA CONVENZIONE E DELL’ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 A CAUSA DELLA ESECUZIONE RITARDATA DELLA SENTENZA DEL 17 DICEMBRE 2003
26. La richiedente si lamentò sotto l’Articolo 6 della Convenzione e l’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione dell'insuccesso prolungato nell’esecuzione della sentenza del 17 dicembre 2003 a suo favore. L’Articolo 6, nella sua parte attinente è citato sopra. L’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, nella parte attinente, prevede come segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale...”
27. Il Governo presentò che il ritardo dell’ esecuzione non ha ecceduto i nove mesi ed era ragionevole. La richiedente mantenne la sua rivendicazione.
28. La Corte osserva che la sentenza del 17 dicembre 2003 fu eseguita entro 8 mesi e 22 giorni dalla data della sua entrata in vigore. Tale ritardo non sembra eccessivo ed è compatibile coi requisiti della Convenzione (vedere Presnyakov c. Russia (dec.), n. 41145/02, 10 novembre 2005 Portnova c. Russia, n. 34428/04, § 15, 29 aprile 2008, e Fedorov ed Altri (dec.), n. 33382/04, 17 gennaio 2008).
29. Ne segue che questa parte della richiesta è manifestamente mal-fondata e deve essere respinta in conformità con l’Articolo 35 §§ 3 e 4 della Convenzione.
IV. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 DELLA CONVENZIONE E DELL’ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 A CAUSA DELLA NON-ESECUZIONE DELLA SENTENZA DEL 28 NOVEMBRE 2001
30. La richiedente si lamentò inoltre sotto l’ Articoli 6 della Convenzione e l’Articolo 1 drl Protocollo No.1, entrambi citati sopra, della non-esecuzione della sentenza del 28 novembre 2001.
A. Ammissibilità
31. La Corte nota che questa azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
32. La Corte nota che nella presente causa la sentenza del 28 novembre 2001 che assegnava alla richiedente la rivendicazione esecutiva fu annullata in parte su revisione direttiva e sostenuta con l'istanza direttiva riguardo al resto. Così, riguardo alla parte dell'assegnazione nell'importo di RUB 150,000 che fu annullata il 13 giugno 2002, la sentenza definitiva vincolante a riguardo di questa somma aveva cessato di esistere in quest’ultima data. Il resto dell'assegnazione nell'importo di RUB 8.40 era stata sostenuta con l'istanza direttiva e non era stata cambiata nei procedimenti susseguenti. Perciò, la sentenza del 28 novembre 2001 in questa parte è rimasta vincolante fino ad oggi. La Corte esaminerà separatamente di conseguenza, le azioni di reclamo della richiedente a riguardo delle due parti del debito di sentenza.
1. La parte dell'assegnazione annullata il 13 giugno 2002
33. Riguardo all'assegnazione di RUB 150,000, è rimasta ineseguita per 4 mesi e 20 giorni sino al 13 giugno 2002, la data del suo annullamento.
34. La Corte osserva che i principi per cui una decisione giudiziale definitivo non dovrebbe essere richiamata in questione e dovrebbe essere eseguita rappresentano due aspetti dello stesso concetto generale, vale a dire il “diritto ad una corte” (vedere Ryabykh, citata sopra, §§ 55-57; Burdov c. Russia, n. 59498/00, § 34 ECHR 2002-III). Nella presente causa la non-esecuzione era dovuta, in grande misura, al fatto che la sentenza da eseguire fu annullata in corso dei procedimenti di revisione direttivi. Avendo riguardo a questa considerazione, così come alla sentenza sopra riguardo alla violazione dei diritti della richiedente sotto l’Articolo 6 §1 a causa dell’annullamento della sentenza a suo favore, la Corte non considera necessario, nelle circostanze, esaminare separatamente l'azione di reclamo della richiedente riguardo alla non-esecuzione di questa sentenza (vedere, mutatis mutandis, Sobelin ed Altri c. Russia, N. 30672/03 et seq., §§ 67-68, 3 maggio 2007).
2. Il resto dell'assegnazione
35. Riguardo all'importo di RUB 8.40 (approssimativamente 0.3 euro (EUR), sembra che il debito di sentenza in questa parte non è stato eseguito ad oggi.
36. La Corte reitera che, per decidere se il ritardo è stato ragionevole, prenderà in considerazione quanto complessi erano stati i procedimenti di esecuzione, come la richiedente e le autorità si sono comportate, e quale era la natura dell'assegnazione (vedere Raylyan c. Russia, n. 22000/03, § 31 del 15 febbraio 2007). Mentre è incontrastato che il ritardo dell’ esecuzione era piuttosto lungo, la Corte ha particolare riguardo alla modestia relativa della somma non retribuita. Riguardo alla condotta della richiedente e delle autorità, la Corte nota l'argomento del Governo che fin dal 2006 la richiedente si rifiutava di fornire i suoi dettagli bancari all'autorità rispondente. Secondo la giurisprudenza consolidata della Corte, non è irragionevole che le autorità richiedano alla richiedente di produrre documenti supplementari, come i dettagli della banca per concedere o accelerare l'esecuzione di una sentenza (vedere, mutatis mutandis, Akashev c. Russia, n. 30616/05, § 22 del 12 giugno 2008).
37. In queste particolari circostanze, ed avendo particolare riguardo all'importo dell'assegnazione in gioco, la Corte non considera necessario esaminare separatamente l'azione di reclamo della richiedente riguardo alla non-esecuzione di questa parte dell'assegnazione.
V. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
38. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
39. La richiedente chiese 5,000 euro (EUR) come danno patrimoniale causato dall'esecuzione ritardata delle sentenze a suo favore e EUR 300,000 in riguardo del danno non-patrimoniale. Il Governo contestò manifestamente le rivendicazioni come irragionevoli ed eccessivi.
40. Riguardo alle rivendicazioni per danno patrimoniale, la Corte considera che non c'è collegamento causale fra l'importo chiesto e la violazione trovata e perciò respinge le sue rivendicazioni sotto questo capo. Allo stesso tempo, la Corte considera, che la richiedente soffrì di angoscia e di frustrazione a causa della revisione direttiva della sentenza. Facendo la sua valutazione su una base equa, assegna EUR 3,000 alla richiedente a riguardo del danno non-patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, e respinge il resto delle sue rivendicazioni per soddisfazione equa.
B. Costi e spese
41. La richiedente non chiese costi o spese e non c'è di conseguenza nessuna necessità i fare un'assegnazione sotto questo capo.
C. Interesse di mora
42. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara l'azione di reclamo sotto l’Articolo 6 della Convenzione riguardo alla non-esecuzione e all’annullamento della sentenza del 28 novembre 2001 su revisione direttiva ammissibile ed il resto della richiesta inammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 6 della Convenzione a causa dell’annullamento della sentenza a favore della richiedente tramite revisione direttiva;
3. Sostiene che non c'è nessun bisogno di esaminare l'azione di reclamo sotto l’Articolo 6 della Convenzione e l’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 di non-esecuzione della sentenza del 28 novembre 2001;
4. Decide
(a) che lo Stato rispondente deve pagare alla richiedente, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione EUR 3,000 (tre mila euro) a riguardo del danno non-patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere a carico della richiedente, da convertire in rubli russi al tasso applicabile in data dell’ accordo;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo il’interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
5. Respinge il resto della rivendicazione della richiedente per la soddisfazione equa.
Fatto in inglesi, e notificato per iscritto il 1 aprile 2010, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
André Wampach Christos Rozakis
Cancelliere Aggiunto Presidente


DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 14/09/2020.