Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF DENISOVA AND MOISEYEVA v. RUSSIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, P1-1

NUMERO: 16903/03/2010
STATO: Russia
DATA: 01/04/2010
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

Conclusion Remainder inadmissible ; Violation of P1-1 ; Just satisfaction reserved
FIRST SECTION
CASE OF DENISOVA AND MOISEYEVA v. RUSSIA
(Application no. 16903/03)
JUDGMENT
STRASBOURG
1 April 2010
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Denisova and Moiseyeva v. Russia,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Christos Rozakis, President,
Nina Vajić,
Anatoly Kovler,
Khanlar Hajiyev,
Dean Spielmann,
Giorgio Malinverni,
George Nicolaou, judges,
and André Wampach, Deputy Section Registrar,
Having deliberated in private on 11 March 2010,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 16903/03) against the Russian Federation lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by two Russian nationals, Ms N. M. D. and Ms N. V. M. (“the applicants”), on 8 July 2002.
2. The applicants were represented by Ms K. K., a lawyer with International Protection Centre in Moscow. The Russian Government (“the Government”) were represented by Mr P. Laptev, former Representative of the Russian Federation at the European Court of Human Rights.
3. The applicants alleged, in particular, a violation of their right to peaceful enjoyment of possessions.
4. On 9 September 2005 the Court decided to communicate the complaint concerning the alleged violation of the applicants' property rights to the Government. It was also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (Article 29 § 3).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. The applicants were born in 1949 and 1978 respectively and live in Moscow. They are wife and daughter of Mr V. M., who was also an applicant before the Court (see M. v. Russia, no. 62936/00, 9 October 2008).
A. Criminal proceedings against Mr M.
6. On 3 July 1998 the Investigations Department of the Federal Security Service of the Russian Federation (the FSB) opened criminal proceedings against Mr M.. At 11.30 p.m. a search was conducted at the applicants' flat. Foreign currency, the keys and registration papers for a VAZ car, and the second applicant's personal computer were seized. Simultaneously a search was carried out at Mr M.'s office. In total, the investigators seized 5,747 US dollars.
7. On 10 July 1998 the investigator seized from the first applicant the keys to garage no. 178.
8. On 13 July 1998 Mr M. was formally charged with high treason, an offence under Article 275 of the Criminal Code.
9. On 22 July 1998 the investigator ordered a charge to be placed on the VAZ car with a view to “securing possible forfeiture of the defendant's property in accordance with Article 175 of the RSFSR Code of Criminal Procedure”.
10. On 1 September 1998 the investigator informed the director of the SBS-Agro bank of the freezing of Mr M.'s foreign currency and Russian rouble accounts.
11. On 16 September and 12 November 1998 the investigator issued charging orders in respect of the garage and the computer. On 16 November 1998 the computer was physically removed from the applicants' flat and placed in the material evidence room of the Federal Security Service.
12. On 29 March 1999 the second applicant asked the investigator to return the computer, which was her personal property. On 12 April 1999 the investigator replied that the computer had been seized with a view to securing possible forfeiture of Mr M.'s property and that certain files edited by Mr M. had been discovered on the hard disc. The second applicant was informed that, if necessary, her text files would be copied and handed over to her.
13. On 8 June 1999 the investigator ordered attachment of the seized 5,747 US dollars as a material exhibit. On 15 June 1999 the Finance and Planning Department of the “USSR State Security Committee”1 issued a receipt for the money.
14. On 14 August 2001 the Moscow City Court convicted Mr M. of high treason committed between 1992 and 1998, sentenced him to four years and six months' imprisonment and issued a confiscation order in respect of his property. The parts of the judgments relevant to the determination of the property matters read as follows:
“Mr M.'s pre-trial deposition that he had received remuneration for information transmitted to a representative of a foreign state has been confirmed by the search records, noting the discovery of US dollars both in his office and at his place of residence. The witness B. confirmed that the search had uncovered 4,647 US dollars sorted into non-standard envelopes.
Both Mr M. and his wife Ms D. who was interviewed as an additional witness at trial, had been present during the search but raised no objections. Accordingly, the court considers that the decision attaching the 1,100 US dollars seized in Mr M.'s office, the 4,647 US dollars, and seven envelopes as material exhibits was justified...
Having regard to the public dangerousness of the committed crime, the court orders confiscation of Mr M.'s property. The court decides on the destiny of the material exhibits in accordance with Article 86 of the RSFSR Code of Criminal Procedure...
A confiscation order is issued in respect of the property that has been seized: [the VAZ car, foreign currency and Russian rouble bank accounts, garage no. 178, and the computer], as well as the cash funds of 5,747 US dollars which have been criminally acquired.”
15. On 3 January 2002 the first applicant asked the Supreme Court to order the return of her spousal property and to remove the garage from the list because it was rented rather than owned. She did not receive a response to her request.
16. On 9 January 2002 the Supreme Court upheld the conviction.
B. Enforcement of the confiscation order
17. On 4 March 2002 the Moscow City Court sent an excerpt from the judgment of 14 August 2001 to the FSB's Finance and Economic Department for enforcement of the confiscation order in respect of the cash funds. The covering letter read as follows:
“Confiscation order to be executed in respect of Mr M.'s cash funds in the amount of [unreadable] US dollars as having been criminally acquired and stored at the Department [according to] receipt no. 1013 of 15 June 1999.”
18. On 18 March 2002 the Moscow City Court issued five writs of execution for enforcement of the confiscation order in respect of Mr M.'s property at his place of residence, the VAZ car, the garage, the bank accounts and the computer.
19. On 27 March 2002 the cash funds in the amount of 5,747 US dollars were received by the Vneshtorgbank from the FSB's Finance and Economic Department and credited to the State.
20. On 25 May 2002 a bailiff discontinued enforcement in respect of Mr M.'s property located in his flat because no chargeable items had been found.
21. By a decision of 20 June 2002, a bailiff ordered the removal and sale of the computer and declared enforcement completed. On 31 July 2002 the computer was evaluated at 2,500 Russian roubles (RUB) and subsequently sold for RUB 1,609.05.
22. On 17 September 2002 a bailiff discontinued enforcement in respect of Mr M.'s foreign currency and Russian rouble bank accounts. He determined that no accounts in his name were listed in the bank's database.
23. On 27 November 2003 a bailiff determined that the garage was in fact a collapsible metal structure located on a rented plot, in respect of which the rent agreement had expired. Accordingly, he held that its removal or sale were impossible.
24. Following the amendments of the Criminal Code (see paragraph 34 below), Mr M. asked the Moscow City Court to relieve him from the auxiliary penal sanction in the form of the confiscation order. On 14 February 2005 the Moscow City Court found that the enforcement of the confiscation order had been discontinued or terminated in respect of everything but the VAZ car. Since the auxiliary penal sanction of confiscation had been removed from the Criminal Code, the City Court decided to return the car to Mr M.. On 6 July 2005 the Supreme Court of the Russian Federation upheld that judgment on appeal.
C. Civil proceedings for return of family property
25. On 13 May 2002 the first applicant sued the court bailiffs and the Federal Security Service before the Khoroshevskiy District Court of Moscow, seeking to have the charging orders lifted and to have her right to one half of the marital property, excluding the bank deposits, recognised. She submitted that she had been married to Mr M. since 1978 and that the Civil and Family Codes provided for equality of spouses' portions of the marital property. Relying on Mr M.'s pay statements, she argued that from 1992 to 1998 he had earned more than five thousand dollars and thus the amount of 5,747 US dollars could not be considered to have been unlawfully acquired. She indicated that the garage had been rented in 1988, and that the computer had been the second applicant's property.
26. On 11 October 2002, 14 and 27 February 2003 the court heard the parties. As the first applicant withheld consent to the substitution of the Federal Property Fund for the FSB and to Mr M. as co-defendant, Mr M. joined the proceedings as a third party.
27. On 27 February 2003 the Khoroshevskiy District Court delivered a judgment. The entire reasoning read as follows:
“Having assessed the collected evidence, the court dismisses [the first applicant's] claim because the judgment of the Moscow City Court established that the contested property had been criminally acquired, which makes it impossible to recognise the plaintiff's right to one half of the seized property, and also [because] the FSB is not a proper defendant in this case. Neither [the first applicant] nor Mr M. have been deprived of an opportunity to appeal against the conviction in the part concerning the contested property.”
28. On 18 June 2003 the Moscow City Court upheld the judgment on appeal, noting that the claimed property had been found to have been criminally acquired by the Moscow City Court's judgment of 14 August 2001.
29. On 20 November 2003 the applicants sued the Federal Property Fund of the Russian Federation, seeking the lifting of the charging orders and recognition of the first applicant's right to one half of the spousal property and the second applicant's ownership of the computer.
30. On 9 August 2005 the Khoroshevskiy District Court of Moscow dismissed their claim, finding as follows:
“It follows from the judgment of 14 August 2001 that the cash funds in the amount of 5,747 US dollars had been criminally acquired... On 19 March 2002 they were deposited with the Vneshtorgbank bank with a view to confiscation and credit to the State... Accordingly, the court cannot agree with Ms D.'s claim to one half of the spousal part of the said cash funds. No other judicial documents relating to the origin of the contested cash funds have been produced before the court, whereas, pursuant to Article 61 § 2 of the Code of Civil Procedure, the facts established by a final judicial decision in an earlier case bind the court.
As to Ms M.a's claims for recognition of her ownership of the computer and peripherals, it cannot likewise be satisfied because they have not been corroborated during the examination of the merits of the case. At present the said property has been confiscated and sold, which is confirmed by the bailiffs' information about the enforcement of the confiscation order in that respect.”
31. On 13 October 2005 the Moscow City Court upheld, in a summary fashion, the City Court's judgment.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
A. Spousal and donated property
32. Property acquired by spouses in marriage is presumed to be jointly owned (Article 256 § 1 of the Civil Code, Article 34 § 1 of the Family Code). A child owns property which he or she has received as a gift (Article 60 § 1 of the Family Code). Giving does not require a written agreement, handover of the gift being sufficient (Article 574 § 1 of the Civil Code).
B. Criminal law and procedure
33. The Criminal Code provides that “penalty shall be imposed on a person found guilty of commission of a crime” (Article 44). Confiscation of property is a form of penal sanction which is auxiliary to the main sanction and defined as “compulsory withdrawal, in whole or in part, without compensation, of the property owned by the convicted person” (Article 52). On 8 December 2003, Article 52 was removed from the Criminal Code.
34. As worded at the time of Mr M.'s conviction, Article 275 of the Criminal Code provided that high treason carried a punishment of up to twenty years' imprisonment that may or may not be accompanied by a confiscation order in respect of the convict's property. On 8 December 2003 the reference to the possibility of issuing a confiscation order was deleted.
35. The RSFSR Code of Criminal Procedure, as worded at the time of Mr M.'s conviction, provided as follows:
Article 86. Measures taken in respect of the exhibits in criminal proceedings
“The judgment... must decide on the destiny of the exhibits, and:
(1) instruments of crime which belong to the accused shall be confiscated and passed on to a competent agency or destroyed;
...
(4) criminally acquired money and other assets shall be confiscated to the profit of the State; other items shall be returned to their lawful owners, or, if the owners cannot be established, shall become the State's property. In case of a dispute over the ownership of such items, the dispute shall be resolved in civil proceedings...”
Article 175. Charging of property
“With a view to securing a civil claim or a possible confiscation order, the investigator must charge the property of the suspect, defendant... or of the other persons who keep criminally acquired property... If necessary, the charged property may be impounded...”
C. Rules of civil procedure
36. Article 442 § 2 of the Code of Civil Procedure provides:
“A dispute over the ownership of the charged property initiated by persons who were not parties to the case shall be examined as a civil claim.
A claim for having the charging order lifted shall be made against the debtor and creditor. If the property has been charged or seized in connection with a confiscation order, the person whose property is to be confiscated, and the competent State authority shall be co-defendants...”
37. Resolution no. 7 of the Plenary Supreme Court of the USSR “On the case-law concerning confiscation of property” (of 29 September 1953, as amended on 29 August 1980) provided:
“4. ...The court should bear in mind that in case of confiscation of the convict's property in its entirety, the confiscation order should only apply to his or her personal property and to his or her part of the jointly owned property, it may not extend to the part of other persons who own that property jointly with the convict. Rights and lawful interests of the convict's family members living with him, must be respected...
9. The courts should bear in mind that even if the criminal judgment contained a list of specific property items liable to confiscation, third parties still may claim their title to that property in civil proceedings... The courts must consider such claims and the criminal judgment does not bind the civil court in its determination of the dispute over the contested property.
However, if the criminal judgment established that the listed property items had been criminally acquired or paid for with criminally acquired assets, but registered in other persons' names with a view to concealing them from confiscation... then the claim for lifting of the charging order shall be dismissed.”
38. Resolution no. 4 of the Plenary Supreme Court of the USSR “On legal requirements for examination of claims for lifting of charging orders” (of 31 March 1978, as amended on 30 November 1990) provided:
“9. When considering a spouse's claim for lifting the charging order in respect of his or her part in the joint marital property, the court must bear in mind that... the property acquired in marriage is jointly owned by the spouses and in case of division their parts are presumed equal...
The court must determine the actual size of the spouse's portion of the marital property and the specific items allocated to him or her, having regard to the entirety of the jointly acquired property, including the property that is not – by operation of law or otherwise – liable to confiscation. Each spouse's portion shall include both the property liable to confiscation and that not liable to confiscation...”
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1
39. The applicants complained under Article 1 of Protocol No. 1 that their property rights had been violated as regards the domestic courts' refusal to lift the charging order in respect of the spousal portion of the first applicant and of the computer owned by the second applicant. Article 1 of Protocol No. 1 provides as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
40. The parties did not comment on the admissibility of the complaint.
41. The Court notes that the this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. Submissions by the parties
(a) The applicants
42. The applicants submitted that the finding of the criminal origin in the judgment of 14 August 2001 had related solely to the cash funds rather than to all the other property objects mentioned in the text. This was evident from the use of the plural form in the text (“cash funds... which have been criminally acquired”); otherwise, the sentence should have been in the singular (“property... which has been criminally acquired”) (see paragraph 14 above). Furthermore, the writs of execution issued by the Moscow City Court had not mentioned that the property items – as opposed to the cash funds – had been criminally acquired. Finally, the applicants pointed out that the garage had been rented in 1988, that is before the beginning of Mr M.'s alleged criminal activities, and that his accounts at the Sbs-Agro bank had only been used to withdraw the salary paid by the Ministry of Foreign Affairs.
43. The applicants pointed out that the Khoroshevskiy District Court had not given them an effective opportunity to vindicate their property rights because it had merely referred back to the criminal judgment, without carrying out an independent assessment of the facts. The District Court had failed to indicate which authority – the Federal Security Service or the Federal Property Fund – had been the proper defendant.
44. The applicants disputed the legal basis for the domestic courts' decisions and emphasised that Resolution no. 7 of the Plenary Supreme Court of the USSR required the courts to confine the scope of confiscation measures to the convict's personal property and to take into account the lawful interests of the convict's family members. However, the Russian courts had refused to exempt the first applicant's spousal portion and the second applicant's personal property from confiscation.
(b) The Government
45. The Government claimed that, according to the operative part of judgment of 14 August 2001, all of Mr M.'s property, including the cash funds, car, garage, and computer had been criminally acquired. In support of their claim they referred to the last paragraph of the judgment cited in paragraph 14 above. The Government maintained that the value of the cash funds and computer as the items which had actually been confiscated had not exceeded the amount of 14,000 US dollars, which Mr M. had received in remuneration for his spying activities.
46. The Government submitted that there had been no violation of the applicants' property rights. The confiscation order had been issued in strict compliance with the domestic law provisions. In case of mercenary crimes there existed the presumption of the criminal origin of the defendant's property and a confiscation order could be issued without examination of further evidence of its criminal origin. As the property had been criminally acquired, the Khoroshevskiy District Court had correctly refused the first applicant's claim for recognition of her spousal portion.
2. The Court's assessment
(a) Whether the applicants had a legitimate claim to property
47. The Court reiterates that the concept of “possessions” in the first part of Article 1 of Protocol No. 1 has an autonomous meaning which is not limited to ownership of physical goods and is independent from the formal classification in domestic law: the concept of “possessions” is not limited to “existing possessions” but may also cover assets, including claims, in respect of which the applicant can argue that he has at least a reasonable and “legitimate expectation” of obtaining effective enjoyment of a property right or a proprietary interest (see Öneryıldız v. Turkey [GC], no. 48939/99, § 124, ECHR 2004-XII, and Prince Hans-Adam II of Liechtenstein v. Germany [GC], no. 42527/98, § 83, ECHR 2001-VIII). Where the proprietary interest is in the nature of a claim it may be regarded as an “asset” only where it has a sufficient basis in national law, for example where there is settled case-law of the domestic courts confirming it (see Kopecký v. Slovakia [GC], no. 44912/98, §§ 52, ECHR 2004-IX; Draon v. France [GC], no. 1513/03, § 68, 6 October 2005; Anheuser-Busch Inc. v. Portugal [GC], no. 73049/01, § 65, 11 January 2007).
48. On the facts, it is noted that in the course of criminal proceedings against Mr M. a large number of household items, including cash currency, keys and registration papers of a passenger car, keys to the garage and a computer, were seized by the investigation and subsequently confiscated pursuant to the confiscation order issued by the Moscow City Court on 14 August 2001 (see paragraph 14 above). Enforcement of the order proved to be impossible in respect of the garage (see paragraph 23 above) or was discontinued, owing to legislative changes, in respect of the car (see paragraph 24 above). The confiscation measure was eventually carried out in respect to the cash funds and the computer which had been sold by the bailiffs.
49. As regards the cash funds, it transpires from the Moscow City Court's judgment that the amount of 1,100 US dollars was seized in Mr M.'s office and the remaining amount of 4,467 US dollars in the M.s family's home. The computer had been removed from the second applicant's room and the parties did not dispute that she had been its primary user.
50. The first applicant argued that she had been entitled to the spousal portion of the confiscated money and the second applicant asserted her ownership of the computer. The crux of the applicants' complaint was that the domestic courts had not provided them with an effective opportunity to claim their ownership to that property. Accordingly, in determining the existence of an interference with the right guaranteed by Article 1 of Protocol No. 1, the Court is called upon to verify in the light of the above-cited case-law whether the applicants had at least a reasonable and legitimate expectation to regain possession of the confiscated property.
51. The Court observes, firstly, that the Russian Civil and Family Codes stipulated joint ownership of property acquired by spouses in marriage. In the absence of evidence of any other arrangement between the first applicant and her husband in relation to the marital property, this default legal regulation was applicable in their case. Furthermore, by virtue of the relevant provisions of the Family and Civil Codes, children were legitimate owners of the objects which they had received from their parents as gifts. The change of ownership occurred at the moment of handing over the gift and there was no requirement of a written form (see paragraph 32 above). Thus, the first applicant could legitimately assert her entitlement to a portion of the family property equal to that of her husband and the second applicant to the computer which had been given to her by her parents.
52. The domestic case-law, as codified in the binding resolutions of the Supreme Court, indicated that confiscation orders could not “extend to the part of other persons who own [the] property jointly with the convict” and required the courts of general jurisdiction to respect the “rights and lawful interests of the convict's family members living with him”. Only if it was found in subsequent civil proceedings – irrespective of the findings made in the criminal proceedings – that the property was criminally acquired but registered in other persons' names with a view to concealing it from confiscation, the claim was to be rejected (see paragraph 37 above). In the instant case the intention to mislead the courts as to the actual ownership of the property for the purpose of avoiding its confiscation was not established in any proceedings.
53. A further resolution by the Supreme Court required the civil courts to have regard to the entirety of the marital property and, taking account of the presumption of equality of spouses' portion, determine the actual size of each spouse's portion which was to include both items liable to confiscation and those not liable to confiscation (see paragraph 38 above). It therefore appears that the first applicant could legitimately rely on those provisions to claim an equal share of the marital property.
54. In the light of the above considerations, the Court finds that the first applicant's claim to the spousal portion and the second applicant's claim to the computer had a basis in the statutory law, such as provisions of the Russian Civil and Family Codes, and the case-law codified by the Supreme Court. They could reasonably and legitimately argue that the confiscation order of 14 August 2001 amounted to an interference with their right to peaceful enjoyment of possessions and the Court is called upon to determine whether their claim was examined by the domestic courts in compliance with the requirements of Article 1 of Protocol No. 1.
(b) Whether the applicants' claim was examined in accordance with the requirements of Article 1 of Protocol No. 1
55. Article 1 of Protocol No. 1 comprises three distinct rules: the first rule, set out in the first sentence of the first paragraph, is of a general nature and enunciates the principle of the peaceful enjoyment of property; the second rule, contained in the second sentence of the first paragraph, covers deprivation of possessions and subjects it to certain conditions; the third rule, stated in the second paragraph, recognises that the Contracting States are entitled, inter alia, to control the use of property in accordance with the general interest (see, as a recent authority, Broniowski v. Poland [GC], no. 31443/96, § 134, ECHR 2004-V). The parties did not take a clear stance on the question of the rule of Article 1 of Protocol No. 1 under which the case should be examined. The Court considers that there is no need to resolve this issue because the principles governing the question of justification are substantially the same, involving as they do the legitimacy of the aim of any interference, as well as its proportionality and the preservation of a fair balance.
56. The Court emphasises that the first and most important requirement of Article 1 of Protocol No. 1 is that any interference by a public authority with the peaceful enjoyment of possessions should be “lawful”: the second paragraph recognises that the States have the right to control the use of property by enforcing “laws”. Moreover, the rule of law, one of the fundamental principles of a democratic society, is inherent in all the Articles of the Convention. The issue of whether a fair balance has been struck between the demands of the general interest of the community and the requirements of the protection of the individual's fundamental rights only becomes relevant once it has been established that the interference in question satisfied the requirement of lawfulness and was not arbitrary (see, among other authorities, Baklanov v. Russia, no. 68443/01, § 39, 9 June 2005, and Frizen v. Russia, no. 58254/00, § 33, 24 March 2005).
57. The Court notes that the specific legal provisions for the confiscation measure were not mentioned in the Moscow City Court's judgment of 14 January 2001 or in any other domestic decisions. This omission requires it to conjecture as to the legal basis for the interference. However, even though the decision itself did not refer explicitly to the provisions that formed its basis, it may be understood that the confiscation order was imposed as an auxiliary penal sanction on the basis of Articles 52 and 275 of the Criminal Code, read in conjunction with Article 86 § 4 of the RSFSR Code of Criminal Procedure (see paragraphs 33, 34 and 35 above). The interference at issue may therefore be regarded as “lawful”.
58. The Court considers that the confiscation measures in criminal proceedings pursue a general interest of the community because the forfeiture of money or assets obtained through illegal activities or paid for with the proceeds from crime is a necessary and effective means of combating criminal activities (see Raimondo v. Italy, judgment of 22 February 1994, Series A no. 281-A, p. 17, § 30). Such confiscation measures are in keeping with the goals of the Council of Europe Convention on Laundering, Search, Seizure and Confiscation of the Proceeds from Crime, which requires State Parties to introduce confiscation of instrumentalities and proceeds from crime in respect of serious offences (Article 3 § 3). Thus, the making of a confiscation order in respect of criminally acquired property operates in the general interest as a deterrent to those considering engaging in criminal activities and also guarantees that crime does not pay (compare Phillips v. the United Kingdom, no. 41087/98, § 52, ECHR 2001-VII, and Dassa Foundation and Others v. Liechtenstein (dec.), no. 696/05, 10 July 2007).
59. The Court further reiterates that, although the second paragraph of Article 1 of Protocol No. 1 contains no explicit procedural requirements, it has been its constant requirement that the domestic proceedings afford the aggrieved individual a reasonable opportunity of putting his or her case to the responsible authorities for the purpose of effectively challenging the measures interfering with the rights guaranteed by this provision. In ascertaining whether this condition has been satisfied, a comprehensive view must be taken of the applicable procedures (see Jokela v. Finland, no. 28856/95, § 45, ECHR 2002-IV, and AGOSI v. the United Kingdom, judgment of 24 October 1986, Series A no. 108, § 55).
60. In the instant case the seizure and subsequent confiscation were ordered and carried out in the framework of criminal proceedings against Mr M.. The applicants were not party to those proceedings and had no standing to lodge requests or make any submissions in them. When issuing the confiscation order, the sentencing court did not examine whether any property objects affected by the seizure order could have belonged to the first and/or second applicant. The first applicant made representation to the appeal court for removal of her spousal portion and the garage from the confiscation order but she did not receive any reply or an opportunity to take part in the appeal proceedings (see paragraph 15 above). The Khoroshevskiy District Court's judgment of 27 February 2003 indicated that the first applicant had had an opportunity to appeal against the criminal judgment in the part concerning the contested property, but it did not refer to any legal provisions which would have allowed a person who had no standing in criminal proceedings to lodge such an appeal. The Government, for their part, did not indicate any provisions of the Russian law that would have enabled the spouse or daughter of the convicted person to make submissions to the trial or appeal court.
61. In a situation where the ownership of property subject to a confiscation order was contested by persons who were not parties to the criminal proceedings, Article 442 of the Code of Civil Procedure allowed such persons to vindicate their property rights in civil proceedings. The applicants availed themselves of that remedy by introducing two civil claims, firstly against the bailiffs' service and the Federal Security Service, the latter having been the prosecuting authority in Mr M.'s case, and subsequently against the Federal Property Fund. In examining their claims, the courts should have directed their attention to the possibility that the confiscated property items could have belonged to family members rather than to Mr M. himself and should have examined whether the applicants could have been their owners. However, the civil courts refused to take cognisance of the merits of the vindication claims or make any independent findings of fact, and they merely referred back to the judgment in Mr M.'s criminal case. Thus, on 27 February 2003 the Khoroshevskiy District Court dismissed the first applicant's claim on the ground that the Moscow City Court had already established that “the contested property had been criminally acquired” (see paragraph 27 above). On 9 August 2005 the same District Court dismissed her renewed claim, by holding that the “facts established by a final judicial decision in an earlier case bind the court”, and rejected the second applicant's claim because the computer had already been “confiscated and sold” (see paragraph 30 above).
62. The Khoroshevskiy District and the Moscow City Courts' persistent failure to take cognisance of the merits of the applicants' claim for vindication of their property was at variance with the requirements of the Russian law. In a series of binding rulings the Plenary Supreme Court consistently reminded the courts of general jurisdiction that a confiscation order may only apply to the convict's portion of the jointly owned property and may not affect the property rights of cohabiting family members, unless it has been established that the property was criminally acquired and registered in family members' names with a view to avoiding confiscation. To achieve the proper balance of interests, the courts examining claims for release of the spousal portion from confiscation were required to determine the portion of each spouse by reference to the family property in its entirety, so that each spouse's portion comprises both confiscated and non-confiscated property items (see paragraphs 37 and 38 above). The first applicant supported her claim to one half of the spousal property with evidence capable of showing the legitimate origin of at least a part of the family property, such as Mr M.'s pay statements from the Ministry of Foreign Affairs and the rental agreement in respect of the car garage. Although the domestic courts did not declare that evidence inadmissible, it was not mentioned in their judgments, which moreover did not contain any analysis of the composition of the family property. It follows that the domestic courts did not carry out a global assessment of the family property and the balancing exercise of the rights of family members, which were both required under the applicable domestic law provisions.
63. After Mr M. had regained possession of the car following a legislative amendment of Russian criminal law and after the bailiffs had determined that confiscation of bank assets, personal property and the garage was not physically possible, the first applicant reintroduced her claim for the spousal portion of the contested cash funds and the second applicant sought to vindicate her right to the computer. However, the second civil claim was likewise dealt with in a summary fashion. The domestic courts did not give heed to the evidence and submissions by the applicants or make a global assessment of the family property with a view to determining the spousal portions. As to the second applicant's claim to the computer, it was likewise dismissed without any explanation why her submission that the computer had been given to her by her parents as a gift appeared implausible. The Khoroshevskiy District and Moscow City Courts did not mention or refer in their judgments to any provisions of the Civil or Family Code.
64. In the light of the foregoing considerations, the Court finds that the applicants “bore an individual and excessive burden” which could have been rendered legitimate only if they had had the opportunity to challenge effectively the confiscation measure imposed in the criminal proceedings to which they were not parties; however, that opportunity was denied them in the subsequent civil proceedings and therefore the “fair balance which should be struck between the protection of the right of property and the requirements of the general interest” was upset (compare Hentrich v. France, judgment of 22 September 1994, Series A no. 296-A, § 49).
65. Accordingly, there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1.
II. OTHER ALLEGED VIOLATIONS OF THE CONVENTION
66. The first applicant further complained under Article 8 of the Convention about the night search of their flat on 3 July 1998. The applicants also complained under Article 6 § 1 of the Convention that the proceedings that lasted from 3 July 1998 to 18 June 2003 had exceeded a “reasonable time”.
67. The Court reiterates that it has already dismissed the complaint about the search at Mr M.'s flat on 3 July 1998 for non-exhaustion of domestic remedies (see M. v. Russia (dec.), no. 62936/00, 9 December 2004). It finds no reason to depart from that conclusion in the present case.
68. The Court further observes that there was no continuous set of proceedings that lasted from 3 July 1998 to 18 June 2003. The applicants were not parties to the criminal proceedings against Mr M. and the first applicant introduced her first civil claim only on 13 May 2002. That claim was finally dismissed on 18 June 2003, that is one year and one month later. That period was short and there was no appearance of a violation of the “reasonable time” requirement.
69. It follows that this part of the application is manifestly ill-founded and must be rejected in accordance with Article 35 §§ 3 and 4 of the Convention.
III. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
70. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
71. The first applicant claimed the following amounts in respect of pecuniary damage:
•6,657.50 euros (EUR) for the loss of rental income from the car garage and the land tax she was liable to pay on it;
•EUR 2,712.60 for one half of the depreciation cost of the VAZ car and the transport tax she was liable to pay on it; and
•EUR 3,537.80 for one half of the cash funds plus interest at the statutory lending rate.
72. The second applicant claimed EUR 800, representing the approximate value of a computer similar to hers.
73. The applicants further claimed EUR 30,000 and EUR 20,000 respectively in respect of non-pecuniary damage. Finally, they claimed jointly EUR 374.60 for legal fees in the domestic proceedings, EUR 122.20 for court fees and EUR 3,000 for their representation before the Court.
74. The Government pointed out that the obligation to pay taxes, such as land and transport tax, was a corollary of the right of ownership. Neither Mr M.'s nor the first applicant's right of ownership to the car garage and the car itself had ever been disputed and they had been therefore liable to tax imposition. The claim for rental income was speculative and the depreciation cost of the car was not supported with any documents. The second applicant's claim for the computer value was excessive, in view of the small amount which the sale of the computer fetched. Finally, the Government considered that the claim in respect of non-pecuniary damage was unreasonable as to quantum and that the applicants had not submitted appropriate documents in support of their claims for costs and expenses.
75. The Court considers that the question of the application of Article 41 is not ready for decision. Accordingly, it shall be reserved and the subsequent procedure fixed having regard to any agreement which might be reached between the Government and the applicants (Rule 75 § 1 of the Rules of Court).
FOR THESE REASONS, THE COURT
1. Declares unanimously the complaint concerning an alleged violation of the applicants' property rights admissible and the remainder of the application inadmissible;
2. Holds, by six votes to one, that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1;
3. Holds, by six votes to one, that the question of the application of Article 41 is not ready for decision and accordingly:
(a) reserves the said question;
(b) invites the Government and the applicants to submit, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, their written observations on the matter and, in particular, to notify the Court of any agreement that they may reach;
(c) reserves the further procedure and delegates to the President of the Chamber the power to fix the same if need be.
Done in English, and notified in writing on 1 April 2010, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
André Wampach Christos Rozakis
Deputy Registrar President
In accordance with Article 45 § 2 of the Convention and Rule 74 § 2 of the Rules of Court, the dissenting opinion of Ms N. Vajić is annexed to this judgment.
C.L.R.
A.M.W.


DISSENTING OPINION OF JUDGE VAJIĆ
I am unable to find that there has been a violation of the applicants' property rights under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention in the present case.
According to national law a criminal court in Russia has the power to confiscate criminally acquired property; the finding as to its criminal origin is of a factual nature. In the present case that question was examined in the criminal proceedings, which determined the matter (see paragraphs 14-16 of the judgment) and simply precluded any further claims. In this regard, Resolution no. 7 of the Plenary Supreme Court of the USSR states as follows: “However, if the criminal judgment established that the listed property items had been criminally acquired or paid for with criminally acquired assets, but registered in other persons' names with a view to concealing them from confiscation ... then the claim for lifting of the charging order shall be dismissed” (see paragraph 37 of the judgment). (emphasis added)
As in most countries, Russian civil law basically denies any legal protection to criminally acquired property.
It follows that in the given circumstances the applicants could not and had not become the owners of the property in question and thus could not claim their share of the property, as their claim had no basis in domestic law (contrary to the assertion in paragraph 52 of the judgment). This was also stated by the national courts (see paragraphs 27-28 and 30 of the judgment). Therefore, in view of the Court's case-law, the applicants – contrary to the majority's view (see paragraphs 51-54 of the judgment) – did not have a sufficiently established claim to qualify as an asset protected by Article 1 of Protocol No. 1.
For the above-mentioned reasons it is my opinion that the applicants did not have a right or a legitimate expectation that was protected by the Convention and I do not agree with the majority that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1.
1. According to the heading of the document. The State Security Committee (“KGB”) is the predecessor of the Federal Security Service.


TESTO TRADOTTO

Conclusione Resto inammissibile; Violazione di P1-1; soddisfazione Equa riservata
PRIMA SEZIONE
CAUSA DENISOVA E MOISEYEVA C. RUSSIA
(Richiesta n. 16903/03)
SENTENZA
STRASBOURG
1 aprile 2010
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Denisova e Moiseyeva c. Russia,
La Corte europea dei Diritti umani (Prima Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Christos Rozakis, Presidente, Nina Vajić, Anatoly Kovler, Khanlar Hajiyev, Dean Spielmann, Giorgio Malinverni, Giorgio Nicolaou, giudici,
ed André Wampach, Cancelliere Aggiunto di Sezione ,
Avendo deliberato in privato l’11 marzo 2010,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 16903/03) contro la Federazione russa depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da due cittadini russi, Sig.ra N. M. D. e Sig.ra N. V. M. (“le richiedenti”), l’8 luglio 2002.
2. Le richiedenti furono rappresentati dalla Sig.ra K. K., un avvocato presso il Centro Internazionale di Protezione a Mosca. Il Governo russo (“il Governo”) fu rappresentato dal Sig. P. Laptev, Rappresentante precedente della Federazione russa alla Corte europea dei Diritti umani.
3. Le richiedenti addussero, in particolare, una violazione del loro diritto al godimento tranquillo di proprietà.
4. Il 9 settembre 2005 la Corte decise di comunicare l'azione di reclamo riguardo alla violazione addotta dei diritti di proprietà delle richiedenti al Governo. Fu deciso anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità (Articolo 29 § 3).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
5. Le richiedenti nacquero rispettivamente nel 1949 e 1978 e vivono a Mosca. Loro sono moglie e figlia del Sig. V. M. che era anche un richiedente di fronte alla Corte (vedere M. c. Russia, n. 62936/00, 9 ottobre 2008).
A. Procedimenti penali contro il Sig. M.
6. Il 3 luglio 1998 il Dipartimento delle Indagini del Servizio di Sicurezza Federale della Federazione russa (il FSB) aprì procedimenti penali contro il Sig. M.. Alle 11.30 di sera una perquisizione fu condotta nell'appartamento delle richiedenti. Valuta estera, chiavi e fogli di registrazione per una macchina VAZ, ed il computer personale del secondo richiedente furono sequestrati. Simultaneamente una perquisizione fu eseguita presso l'ufficio del Sig. M.. In totale, gli investigatori presero 5,747 dollari degli Stati Uniti.
7. Il 10 luglio 1998 l'investigatore sequestrò dal primo richiedente le chiavi del garage n. 178.
8. Il 13 luglio 1998 il Sig. M. fu accusato formalmente di alto tradimento, un reato sotto l’Articolo 275 del Codice Penale.
9. Il 22 luglio 1998 l'investigatore ordinò che venisse fatta emesso un ordine di addebito sulla macchina di VAZ nella prospettiva di “garantire una possibile confisca della proprietà dell'imputato in conformità con l’Articolo 175 del Code di Procedura penale RSFSR.”
10. Il 1 settembre 1998 l'investigatore informò il direttore della banca SBS-Agro del congelamento della valuta estera del Sig. M. e dei conti in rubli russi.
11. Il 16 settembre e il 12 novembre 1998 l'investigatore ha emesso un ordine di addebito a riguardo del garage e del computer. Il 16 novembre 1998 il computer fu rimosso fisicamente dall'appartamento delle richiedenti e messo nella stanza delle prove importanti del Servizio di Sicurezza Federale.
12. Il 29 marzo 1999 la seconda richiedente chiese all'investigatore di restituire il computer che era il suo bene mobile. Il 12 aprile 1999 l'investigatore rispose che il computer era stato sequestrato nella prospettiva di assicurare la possibile confisca della proprietà del Sig. M. e che i certi file inseriti dal Sig. M. erano stati scoperti sull’hard disk. La seconda richiedente fu informata che, se necessario, i suoi file di testo sarebbero stati copiati e le sarebbero stati dati.
13. L’ 8 giugno 1999 l'investigatore ordinò la confisca dei 5,747 dollari degli Stati Uniti sequestrati come reperto materiale. Il 15 giugno 1999 il Dipartimento delle Finanze e della Pianificazione del “del Comitato Governativo di Sicurezza dell’ URSS”1 emise una ricevuta per i soldi.
14. Il 14 agosto 2001 la Corte della Città di Mosca ha dichiarato colpevole il Sig. M. di alto tradimento commise fra il 1992 ed il 1998, lo condannò a quattro anni ed alla reclusione di sei mesi ed emise un ordine di sequestro a riguardo della sua proprietà. Le parti delle sentenze attinenti alla determinazione della questione della proprietà recita come segue:
“La deposizione del pre-processo del Sig. M. per cui aveva ricevuto una rimunerazione per le informazioni trasmesse ad un rappresentante di uno stato estero è stata confermata dai documenti delle perquisizioni, in particolare la scoperta di dollari degli Stati Uniti sia nel suo ufficio che nella sua residenza. Il testimone B. ha confermato che la perquisizione aveva portato alla scoperta di 4,647 dollari degli Stati Uniti riordinati in buste non standard.
Sia il Sig. M. che sua moglie la Sig.ra D. che fu interrogata come testimone supplementare al processo, erano presente durante la perquisizione ma non avevano sollevato delle obbiezioni . Di conseguenza, la corte considera che la decisione di allegare i 1,100 dollari degli Stati Uniti sequestrati nell'ufficio del Sig. M., i 4,647 dollari degli Stati Uniti, e sette buste come reperti materiale era giustificata...
Avendo riguardo alla pericolosità pubblica del crimine commesso, la corte ordina il sequestro della proprietà del Sig. M.. La corte decide sul destino dei reperti materiai in conformità con l’Articolo 86 del Codice di procedura Penale RSFSR...
Un ordine di sequestro viene emesso a riguardo della proprietà che è stata sequestrata: [la macchina VAZ, la valuta estera e i conti in rubli russi, il garage n. 178, ed il computer], così come i fondi in contanti di 5,747 dollari degli Stati Uniti che sono stati acquisiti criminalmente.”
15. Il 3 gennaio 2002 la prima richiedente chiese alla Corte Suprema di ordinare la restituzione della sua proprietà sponsale e rimuovere il garage dalla lista perché era in affitto invece che posseduto. Lei non ricevette una risposta alla sua richiesta.
16. Il 9 gennaio 2002 la Corte Suprema sostenne la condanna.
B. Esecuzione dell'ordine di sequestro
17. Il 4 marzo 2002 la Corte della Città di Mosca spedì un estratto dalla sentenza del 14 agosto 2001 al Dipartimento della Finanza ed Economico del FSB per l’esecuzione dell'ordine di sequestro a riguardo dei finanziamenti in contanti. La lettera di presentazione recita come segue:
“Ordine di sequestro da eseguire a riguardo dei fondi in denaro dei Sig. M. nell'importo di [illeggibile] dollari degli Stati Uniti siccome sono stati acquisiti criminalmente e sono stati immagazzinato nel Dipartimento [secondo] la ricevuta n. 1013 del 15 giugno 1999.”
18. Il 18 marzo 2002 la Corte della Città di Mosca emise cinque ordini di esecuzione della sentenza per esecuzione dell'ordine di sequestro a riguardo della proprietà del Sig. M. presso la sua residenza, la macchina VAZ, il garage, i conti bancari ed il computer.
19. Il 27 marzo 2002 i fondi in contanti nell'importo di 5,747 dollari degli Stati Uniti furono ricevuti dalla banca Vneshtorgbank dal Dipartimento delle Finanze ed Economico del FSB ed accreditati allo Stato.
20. Il 25 maggio 2002 un ufficiale giudiziario cessò l’esecuzione a riguardo della proprietà del Sig. M. localizzata nel suo appartamento perché nessun articoli passibile di addebito era stato trovato.
21. Con una decisione del 20 giugno 2002, un ufficiale giudiziario ordinò la rimozione e la vendita del computer e dichiarò l’esecuzione completata. Il 31 luglio 2002 il computer fu valutato a 2,500 rubli russi (RUB) e successivamente venduto per RUB 1,609.05.
22. Il 17 settembre 2002 un ufficiale giudiziario cessò l’esecuzione a riguardo della valuta estera del Sig. M. e i conti bancari in rubli russi. Lui determinò che nessun conto a suo nome era elencato nel database della banca.
23. Il 27 novembre 2003 un ufficiale giudiziario determinò che il garage era infatti una struttura di metallo pieghevole localizzata su un'area in affitto, a riguardo della quale era scaduto l'accordo di affitto. Di conseguenza, sostenne che la sua rimozione o vendita erano impossibili.
24. In seguito agli emendamenti del Codice Penale (vedere paragrafo 34 sotto), il Sig. M. chiese alla Corte della Città di Mosca di sollevarlo dalla sanzione penale ausiliare nella forma dell'ordine di sequestro. Il 14 febbraio 2005 la Corte della Città di Mosca ha trovato che l'esecuzione dell'ordine di sequestro era stata cessata o era stata terminata a riguardo di tutto ad eccezione della macchina VAZ. Poiché la sanzione penale ausiliare del sequestro era stata rimossa dal Codice Penale, la Corte della Città decise di restituire la macchina al Sig. M.. Il 6 luglio 2005 la Corte Suprema della Federazione russa sostenne questa sentenza su ricorso.
C. Procedimenti civili per la restituzione della proprietà della famiglia
25. Il 13 maggio 2002 la prima richiedente citò in giudizio gli ufficiali giudiziari della corte ed il Servizio di Sicurezza Federale di fronte alla Corte distrettuale di Khoroshevskiy di Mosca, cercando di far togliere gli ordini di addebito e far riconoscere il suo diritto sulla metà della proprietà maritale all’esclusione dei depositi bancari . Lei presentò di essere sposata col Sig. M. dal 1978 e che i Codici Civile e della Famiglia prevedevano l'uguaglianza delle porzioni dei consorti della proprietà maritali. Appellandosi alle dichiarazioni dei redditi del Sig. M., lei dibatté che dal 1992 al 1998 lui guadagnava più di cinque mila dollari e così non si poteva considerare che l'importo di 5,747 dollari degli Stati Uniti fosse stato acquisito illegalmente. Lei indicò che il garage era stato affittato nel 1988, e che il computer era di proprietà della seconda richiedente.
26. L’ 11 ottobre 2002, il 14 e il 27 febbraio 2003 la corte ascoltò le parti. Siccome la prima richiedente acconsentì alla sostituzione del Fondo Federale delle Proprietà con il FSB ed al Sig. M. come co-imputato, il Sig. M. si unì ai procedimenti come terza parte.
27. Il 27 febbraio 2003 la Corte distrettuale di Khoroshevskiy consegnò una sentenza. L’intero ragionamento recita come segue:
“Avendo valutato le prove raccolte, la corte respinge la rivendicazione [della prima richiedente] perché la sentenza della Corte della Città di Mosca ha stabilito che la proprietà contestata era stata acquisita criminalmente ciò che rende impossibile riconoscere il diritto della querelante alla metà della proprietà sequestrata ed anche [perché] il FSB non è un giusto imputato in questa causa. Né [la prima richiedente] né il Sig. M. sono stati privati di un'opportunità di fare appello contro la condanna nella parte riguardante la proprietà contestata.”
28. Il 18 giugno 2003 la Corte della Città di Mosca sostenne la sentenza su ricorso, notando che la proprietà rivendicata era stata considerata come acquisita criminalmente dal giudizio della Corte della Città di Mosca del 14 agosto 2001.
29. Il 20 novembre 2003 le richiedenti citarono in giudizio il Fondo Federale delle Proprietà della Federazione russa, chiedendo la rimozione dell’ordine di addebito e il riconoscimento del diritto della prima richiedente alla metà della proprietà sponsale e della proprietà della seconda richiedente del computer.
30. Il 9 agosto 2005 la Corte distrettuale di Khoroshevskiy di Mosca respinse la loro rivendicazione, trovando ciò che segue:
“In seguito della sentenza del 14 agosto 2001 che i finanziamenti in contanti nell'importo di 5,747 dollari Stati Uniti erano stati acquisiti criminalmente... 19 marzo 2002 loro furono depositati con la banca di Vneshtorgbank con una prospettiva al sequestro ed accreditano allo Stato... Di conseguenza, la corte non può confarsi con la rivendicazione del Sig.ra Denisova ad uno la metà della parte di spousal dei finanziamenti in contanti e detti. Nessuno altri documenti giudiziali relativo all'origine dei finanziamenti in contanti e contestati sono stati prodotti di fronte alla corte, mentre, facendo seguito ad Articolo 61 § 2 del Codice di Procedura Civile, i fatti stabiliti con una definitivo decisione giudiziale in un più primo legame di causa la corte.
Come alle rivendicazioni dei Sig.ra M.a per riconoscimento della sua proprietà del computer ed unità periferiche, non può essere soddisfatto similmente, perché loro non sono stati corroborati durante l'esame dei meriti della causa. Attualmente la proprietà detta è stata confiscata e è stata venduta in che è confermato con le informazioni degli ufficiali giudiziari dell'esecuzione dell'ordine di sequestro che riguardo.”
31. 13 ottobre 2005 la Mosca che Corte Urbana ha sostenuto, in una maniera riassuntiva la sentenza della Corte Urbana.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
A. Proprietà sponsale e proprietà donata
32. Proprietà acquisita con consorti in matrimonio è presunta per essere posseduta congiuntamente (l'Articolo 256 § 1 del Codice civile, Articolo 34 § 1 della Famiglia Programmano). Un figlio possiede proprietà che lui o lei hanno ricevuto come un regalo (l'Articolo 60 § 1 della Famiglia Programmano). Dando non richiede un accordo scritto, handover del regalo che è sufficiente (l'Articolo 574 § 1 del Codice civile).
Diritto penale di B. e procedura
33. Il Codice Penale prevede che “sanzione penale sarà imposta su una persona trovata colpevole di perpetrazione di un crimine” (Articolo 44). La confisca dei beni è una forma di sanzione penale che è ausiliare alla sanzione principale e definito come “la separazione obbligatoria, in intero o in parte, senza il risarcimento della proprietà posseduta con la persona condannato” (Articolo 52). 8 dicembre 2003, Articolo 52 fu rimosso dal Codice Penale.
34. Siccome messo in parole al tempo della condanna del Sig. M., Articolo 275 del Codice Penale previde che alto tradimento portò una punizione di su al reclusione di venti anni che può o non può essere accompagnata con un ordine di sequestro in riguardo della proprietà del carcerato. 8 dicembre 2003 il riferimento alla possibilità di emettere un ordine di sequestro fu cancellato.
35. Il RSFSR Code di Diritto processuale penale, siccome messo in parole al tempo della condanna del Sig. M., purché siccome segue:
Articolo 86. Misure prese in riguardo delle esposizioni in procedimenti penali
“La sentenza... deve decidere sul destino delle esposizioni, e:
(1) strumenti di crimine che appartiene all'accusato saranno confiscati e saranno passati su ad un'agenzia competente o sarà distrutto;
...
(4) soldi criminalmente acquisiti e gli altri beni saranno confiscati al profitto dello Stato; gli altri articoli saranno ritornati ai loro proprietari legali, o, se i proprietari non possono essere stabiliti, diverrà la proprietà dello Stato. In causa di una controversia sulla proprietà di simile articoli, la controversia sarà risolta in procedimenti civili...”
Articolo 175. Accusando di proprietà
“Con una prospettiva a garantendo una rivendicazione civile o un possibile ordine di sequestro, l'investigatore deve accusare la proprietà della persona sospetta, imputato... o delle altre persone che tengono proprietà criminalmente acquisita... Se necessario, la proprietà accusata può essere confiscata...”
C. Rules di procedura civile
36. Articolo che 442 § 2 del Codice di Procedura Civile offre:
“Una controversia sulla proprietà della proprietà accusata iniziata con persone che non erano parti alla causa sarà esaminata come una rivendicazione civile.
Una rivendicazione per avere l'ordine di accusa tolto sarà resa contro il debitore e creditore. Se la proprietà è stata accusata o è stata sequestrata in collegamento con un ordine di sequestro, la persona la cui proprietà sarà confiscata e l'autorità Statale e competente sarà co-imputate...”
37. Decisione n. 7 della Corte Suprema ed Assoluta dell'URSS “Sulla causa-legge riguardo alla confisca dei beni” (di 29 settembre 1953, corretto 29 agosto 1980) purché:
“4. ... La corte dovrebbe tenere presente che in causa del sequestro della proprietà del carcerato nella sua interezza, l'ordine di sequestro dovrebbe fare domanda solamente a suo o il suo beni mobili ed a suo o la sua parte della proprietà congiuntamente posseduta, non può prolungare alla parte di altre persone che possiedono che proprietà congiuntamente col carcerato. Diritti ed interessi legali dei membri di famiglia del carcerato che vivono con lui, deve essere rispettato...
9. Le corti dovrebbero tenere presente che anche se la sentenza penale contenne un ruolo di specifici articoli di proprietà responsabile al sequestro, terze parti ancora possono chiedere il loro titolo a che proprietà in procedimenti civili... Le corti devono considerare simile rivendicazioni e la sentenza penale non lega sulla corte civile nella sua determinazione della controversia la proprietà contestata.
Comunque, se la sentenza penale stabilisse che gli articoli di proprietà elencati erano stati acquisiti criminalmente o pagato per con beni criminalmente acquisiti, ma registrato nei nomi di altre persone con una prospettiva a celandoli dal sequestro... poi la rivendicazione per togliere dell'ordine di accusa sarà respinta.”
38. Decisione n. 4 della Corte Suprema ed Assoluta dell'URSS “Su requisiti giuridici per esame di rivendicazioni per togliere di ordini di accusa” (di 31 marzo 1978, corretto 30 novembre 1990) purché:
“9. Quando in considerazione della rivendicazione di un consorte per togliere l'ordine di accusa in riguardo di suo o la sua parte nella proprietà maritale ed unita, la corte deve tenere presente che... la proprietà acquisita in matrimonio è posseduta congiuntamente coi consorti ed in causa di divisione le loro parti sono presunte uguali...
La corte deve determinare la taglia effettiva della porzione del consorte della proprietà maritale e gli specifici articoli assegnata a lui o lei, mentre avendo riguardo ad all'interezza del congiuntamente proprietà acquisita, incluso la proprietà che non è-con operazione di legge o altrimenti-responsabile al sequestro. La porzione di ogni consorte includerà sia la proprietà responsabile al sequestro e che non responsabile al sequestro...”
LA LEGGE
IO. VIOLAZIONE ALLEGATO DI ARTICOLO 1 DI PROTOCOLLO N. 1
39. Le richiedenti si lamentarono Articolo 1 di Protocollo sotto N.ro 1 che i loro diritti di proprietà erano stati violati come riguardi il rifiuto delle corti nazionali per togliere l'ordine di accusa in riguardo della porzione di spousal del primo richiedente e del computer posseduto col secondo richiedente. Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 prevede siccome segue:
“Ogni naturale o legale persona è concessa al godimento tranquillo delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste per con legge e coi principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggia il diritto di un Stato per eseguire simile leggi come sé ritiene necessario controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o garantire il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
Ammissibilità di A.
40. Le parti non fecero commenti sull'ammissibilità dell'azione di reclamo.
41. La Corte nota che il questa azione di reclamo non è mal-fondata manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
B. Merits
1. Osservazioni con le parti
(un) Le richiedenti
42. Le richiedenti presentarono che la sentenza dell'origine penale nella sentenza di 14 agosto 2001 aveva riferito solamente ai finanziamenti in contanti piuttosto che a tutti gli altri oggetti di proprietà menzionati nel testo. Questo era evidente dall'uso della forma plurale nel testo (“finanziamenti in contanti... quali sono stati acquisiti criminalmente”); altrimenti, la frase sarebbe dovuta essere nel singolare (“la proprietà... quale è stato acquisito criminalmente”) (veda paragrafo 14 sopra). Inoltre, gli ordini di esecuzione della sentenza emessi con la Mosca che Corte Urbana non aveva menzionato che gli articoli di proprietà-come opposto ai finanziamenti in contanti-era stato acquisito criminalmente. Infine, le richiedenti indicarono che il garage era stato affittato nel 1988, quel è di fronte all'inizio delle attività penali allegato dei Sig. M., e che i suoi conti alla banca di Sbs-Agro erano usati solamente per ritirare il salario pagato col Ministero di Affari Esteri.
43. Le richiedenti indicarono che la Corte distrettuale di Khoroshevskiy non li aveva dati un'opportunità effettiva di rivendicare i loro diritti di proprietà perché si era riferito soltanto indietro alla sentenza penale, senza eseguire una valutazione indipendente dei fatti. La Corte distrettuale era andata a vuoto ad indicare quale autorità-il Servizio di Sicurezza Federale o il Proprietà Fondo Federale-era stato l'imputato corretto.
44. Le richiedenti contestarono la base legale per le decisioni delle corti nazionali ed enfatizzarono che Decisione n. 7 della Corte Suprema ed Assoluta dell'URSS costrinsero le corti a confinare la sfera di misure di sequestro al beni mobili del carcerato e prendere in considerazione gli interessi legali dei membri di famiglia del carcerato. Comunque, le corti russe avevano rifiutato di esentare lo spousal del primo richiedente divida ed il beni mobili del secondo richiedente dal sequestro.
(b) Il Governo
45. Il Governo chiese che, secondo la parte operativa di sentenza di 14 agosto 2001, tutta della proprietà del Sig. M., incluso i finanziamenti in contanti che macchina, garage, e computer erano state acquisite criminalmente. In appoggio della loro rivendicazione loro si riferirono allo scorso paragrafo della sentenza citato in paragrafo 14 sopra. Il Governo sostenne che il valore dei finanziamenti in contanti e computer come gli articoli che davvero erano stati confiscati non aveva ecceduto l'importo di 14,000 dollari Stati Uniti che il Sig. M. aveva ricevuto in rimunerazione per le sue attività che spiano.
46. Il Governo presentò che non c'era stata nessuna violazione dei diritti di proprietà dele richiedenti. L'ordine di sequestro era stato emesso in ottemperanza severa con le disposizioni di diritto nazionale. In causa di crimini mercenari là esistita la presunzione dell'origine penale della proprietà dell'imputato ed un ordine di sequestro potrebbe essere emessa senza esame di altre prove della sua origine penale. Siccome era stata acquisita criminalmente la proprietà, la Corte distrettuale di Khoroshevskiy aveva rifiutato correttamente la rivendicazione del primo richiedente per riconoscimento della sua porzione di spousal.
2. La valutazione della Corte
(un) Se le richiedenti avevano una rivendicazione legittima a proprietà
47. La Corte reitera che il concetto di “le proprietà” nella prima parte di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 ha un significato autonomo che non è limitato a proprietà di beni fisici e è indipendente dalla classificazione formale in diritto nazionale: il concetto di “le proprietà” non è limitato a “proprietà esistenti” ma può coprire anche beni, incluso rivendicazioni in riguardo del quale può dibattere il richiedente che lui ha almeno un ragionevole e “l'aspettativa legittima” di ottenere godimento effettivo di un diritto di proprietà o un interesse di proprietà riservato (veda Öneryıldız c. la Turchia [GC], n. 48939/99, § 124 ECHR 2004-XII, e Principe Hans-Adamo II del Liechtenstein c. la Germania [GC], n. 42527/98, § 83 ECHR 2001-VIII). Dove è nella natura di una rivendicazione l'interesse di proprietà riservato può essere riguardato come un “il bene” solamente dove ha una base sufficiente in legge nazionale, per esempio dove là è stabilito causa-legge delle corti nazionali che lo confermano (veda Kopecký c. la Slovacchia [GC], n. 44912/98, §§ 52 ECHR 2004-IX; Draon c. la Francia [GC], n. 1513/03, § 68 6 ottobre 2005; Anheuser-Busch Inc. c. il Portogallo [GC], n. 73049/01, § 65 11 gennaio 2007).
48. Sui fatti, è notato, che nel corso di procedimenti penali contro il Sig. M. un gran numero di articoli di famiglia, incluso valuta in contanti le chiavi e registrazione tappezza di una macchina di passeggero, chiavi al garage ed un computer fu sequestrato con l'indagine e successivamente confiscò facendo seguito all'ordine di sequestro emesso con la Mosca Città Corte 14 agosto 2001 (veda paragrafo 14 sopra). Esecuzione dell'ordine provò essere impossibile in riguardo del garage (veda paragrafo 23 sopra) o fu cessato, mentre dovendo a cambi legislativi, in riguardo della macchina (veda paragrafo 24 sopra). La misura di sequestro fu eseguita infine in riguardo ai finanziamenti in contanti ed il computer che erano stati venduti con gli ufficiali giudiziari.
49. Come riguardi i finanziamenti in contanti, traspira dalla Mosca la sentenza di Corte Urbana che l'importo di 1,100 dollari Stati Uniti è stato sequestrato nell'ufficio del Sig. M. e l'importo rimanente di 4,467 dollari Stati Uniti nella casa della famiglia di M.s. Il computer era stato rimosso dalla stanza del secondo richiedente e le parti non contestarono che lei era stata la sua utente primaria.
50. Il primo richiedente dibattè che lei era stata concessa alla porzione di spousal dei soldi confiscati ed il secondo richiedente asserì la sua proprietà del computer. La croce dell'azione di reclamo dele richiedenti era che le corti nazionali non li avevano offerti con un'opportunità effettiva di chiedere la loro proprietà a quel la proprietà. Di conseguenza, nel determinare l'esistenza di un'interferenza col diritto garantì con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, la Corte è chiamata su per verificare nella luce della causa-legge sopra-citata se le richiedenti avevano almeno un'aspettativa ragionevole e legittima per riguadagnare proprietà della proprietà confiscata.
51. La Corte osserva, in primo luogo, che il russo Civil e Famiglia Codici stipularono la comproprietà di proprietà acquisita con consorti in matrimonio. Nella mancanza di prove di qualsiasi l'altra disposizione fra il primo richiedente e suo marito in relazione alla proprietà maritale, questa regolamentazione legale e predefinita era applicabile nella loro causa. Con virtù delle disposizioni attinenti della Famiglia e Codici civili, figli erano inoltre, proprietari legittimi degli oggetti che loro avevano ricevuto dai loro genitori come regali. I cambi di proprietà accaddero al momento di dare sul regalo e non c'era nessun requisito di una forma scritto (veda paragrafo 32 sopra). Il primo richiedente legittimamente potrebbe asserire così, il suo diritto ad una porzione della proprietà di famiglia uguale a che di suo marito ed il secondo richiedente al computer che era stato dato a lei coi suoi genitori.
52. La causa-legge nazionale, siccome codificato nelle decisioni vincolanti della Corte Suprema, indicò che ordini di sequestro non potevano “prolunghi alla parte di altre persone che possiedono [il] la proprietà congiuntamente col carcerato” e richiesto le corti di giurisdizione generale per rispettare il “diritti ed interessi legali dei membri di famiglia del carcerato che vivono con lui.” Solamente se fosse trovato in procedimenti civili e susseguenti-irrispettoso delle sentenze rese nei procedimenti penali-che la proprietà fu acquisita criminalmente ma registrato nei nomi di altre persone con una prospettiva a celandolo dal sequestro, la rivendicazione sarebbe respinta, (veda paragrafo 37 sopra). Nella causa presente l'intenzione di fuorviare le corti come alla proprietà effettiva della proprietà per il fine di evitare il suo sequestro non fu stabilita in qualsiasi i procedimenti.
53. Un'ulteriore decisione della Corte Suprema costrinse le corti civili ad avere riguardo ad all'interezza della proprietà maritale e, prendendo conto della presunzione dell'uguaglianza della porzione di consorti, determini la taglia effettiva della porzione di ogni consorte che era includere ambo gli articoli responsabile al sequestro e quelli non responsabile al sequestro (veda paragrafo 38 sopra). Sembra perciò che il primo richiedente legittimamente potesse appellarsi su quelle disposizioni per chiedere una quota uguale della proprietà maritale.
54. Nella luce delle considerazioni sopra, i costatazione di Corte che la rivendicazione del primo richiedente alla porzione di spousal e la rivendicazione del secondo richiedente al computer aveva una base nella legge legale, come disposizioni del russo Civil e Famiglia Programma, e la causa-legge codificò con la Corte Suprema. Loro potevano ragionevolmente e legittimamente dibatta che l'ordine di sequestro di 14 agosto 2001 corrispose ad un'interferenza col loro diritto a godimento tranquillo di proprietà e la Corte è chiamato su per determinare se la loro rivendicazione fu esaminata con le corti nazionali in ottemperanza coi requisiti di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
(b) Se la rivendicazione dele richiedenti fu esaminata in conformità coi requisiti di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1
55. Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 comprende tre articoli distinti: il primo articolo, esposto fuori nella prima frase del primo paragrafo è di una natura generale ed enuncia il principio del godimento tranquillo di proprietà; il secondo articolo, contenuto nella seconda frase del primo paragrafo copre privazione di proprietà e materie sé alle certe condizioni; il terzo articolo, determinato nel secondo paragrafo, riconosce che gli Stati Contraenti sono concessi, inter l'alia, controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale (veda, come una recente autorità, Broniowski c. la Polonia [GC], n. 31443/96, § 134 il 2004-V di ECHR). Le parti non presero una posizione chiara sulla questione dell'articolo di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 sotto il quale dovrebbe essere esaminata la causa. La Corte considera che non c'è nessun bisogno di chiarire questo problema perché i principi che governano la questione della giustificazione sono sostanzialmente gli stessi, mentre coinvolge siccome loro fanno la legittimità dello scopo di qualsiasi l'interferenza, così come la sua proporzionalità e la conservazione di un equilibrio equo.
56. La Corte enfatizza che il primo e la maggior parte di importante requisito di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 è che qualsiasi interferenza con un'autorità pubblica col godimento tranquillo di proprietà dovrebbe essere “legale”: il secondo paragrafo riconosce che gli Stati hanno diritto a controllare l'uso di proprietà con eseguendo “le leggi.” Inoltre, l'articolo di legge, uno dei principi fondamentali di una società democratica è inerente in tutti gli Articoli della Convenzione. Il problema di se un equilibrio equo è stato previsto solamente fra le richieste dell'interesse generale della comunità ed i requisiti della protezione dei diritti essenziali dell'individuo diviene una volta attinente è stato stabilito che l'interferenza in oggetto soddisfatto il requisito della legalità e non era arbitrario (veda, fra le altre autorità, Baklanov c. la Russia, n. 68443/01, § 39, 9 giugno 2005, e Frizen c. la Russia, n. 58254/00, § 33 24 marzo 2005).
57. La Corte nota che le specifiche disposizioni legali per la misura di sequestro non furono menzionate alla Mosca la sentenza di Corte Urbana di 14 gennaio 2001 o in qualsiasi le altre decisioni nazionali. Questa omissione lo costringe a congetturare come alla base legale per l'interferenza. Comunque, anche se la decisione stessa non si riferì esplicitamente alle disposizioni che hanno formato la sua base, può essere capito che l'ordine di sequestro fu imposto come una sanzione penale ed ausiliare sulla base di Articoli 52 e 275 del Codice Penale, legga in concomitanza con Articolo 86 § 4 del RSFSR Code di Diritto processuale penale (veda divide in paragrafi 33, 34 e 35 sopra). L'interferenza in questione può essere riguardato perciò come “legale.”
58. La Corte considera che il sequestro misura in procedimenti penali intraprende un interesse generale della comunità perché la confisca di soldi o i beni ottenne per le attività illegali o pagato per con gli incassi da crimine è un necessario ed effettivo vuole dire di combating le attività penali (veda Raimondo c. Italia, sentenza di 22 febbraio 1994 la Serie Un n. 281-un, p. 17, § 30). Simile misure di sequestro sono nel continuare con le mete del Consiglio di Convenzione di Europa a Lavare, Ricerca, la Confisca ed il Sequestro degli Incassi da Crimine che costringe Parti Statali ad introdurre sequestro di instrumentalities ed incassi da crimine in riguardo di reati seri (l'Articolo 3 § 3). Così, la creazione di un ordine di sequestro in riguardo di proprietà criminalmente acquisita opera nell'interesse generale come un deterrente a quelli che considerano prendere parte in attività penali ed anche garantisce che crimine non paga (compari Phillips c. il Regno Unito, n. 41087/98, § 52, ECHR 2001-VII, e Fondamento di Dassa ed Altri c. il Liechtenstein (il dec.), n. 696/05, 10 luglio 2007).
59. La Corte reitera inoltre che, benché il secondo paragrafo di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 non contiene requisiti procedurali ed espliciti, è stata il suo requisito continuo che i procedimenti nazionali riconoscono l'individuo addolorato un'opportunità ragionevole di fissare suo o la sua causa alle autorità responsabili per il fine di impugnare efficacemente le misure che interferiscono coi diritti garantito con questa disposizione. Nell'accertare se questa condizione è stata soddisfatta, una prospettiva comprensiva deve essere presa delle procedure applicabili (veda Jokela c. la Finlandia, n. 28856/95, § 45, ECHR 2002-IV, ed AGOSI c. il Regno Unito, sentenza di 24 ottobre 1986 la Serie Un n. 108, § 55).
60. Nella causa presente la confisca ed il sequestro susseguente fu ordinato ed eseguì nella struttura di procedimenti penali contro il Sig. M.. Le richiedenti non erano parte a quelli procedimenti e non avevano sostenendo depositare richieste o rendere qualsiasi osservazioni in loro. Quando emettendo l'ordine di sequestro, la corte di giorno della sentenza non esaminò se qualsiasi oggetti di proprietà colpiti con l'ordine di confisca avrebbero potuto appartenere al primo and/or secondo richiedente. Il primo richiedente costituì rappresentanza alla corte di ricorso l'allontanamento della sua porzione di spousal ed il garage dall'ordine di sequestro ma lei non ricevette qualsiasi risponde o un'opportunità di prendere parte nei procedimenti di ricorso (veda paragrafo 15 sopra). La sentenza della Corte distrettuale di Khoroshevskiy di 27 febbraio 2003 indicò che il primo richiedente aveva avuto un'opportunità di fare appello contro la sentenza penale nella parte riguardo alla proprietà contestata, ma non assegnò a qualsiasi disposizioni legali che avrebbero permesso una persona che non aveva stando in piedi in procedimenti penali per depositare tale ricorso. Il Governo, per la loro parte non indicò qualsiasi approvvigiona della legge russa che avrebbe abilitato il consorte o figlia della persona condannato per fare osservazioni al processo o corte di ricorso.
61. In una situazione dove la proprietà di proprietà soggetto ad un ordine di sequestro fu contestata con persone che non erano parti ai procedimenti penali, Articolo 442 del Codice di Procedura Civile permise simile persone di rivendicare i loro diritti di proprietà in procedimenti civili. Le richiedenti si giovarono a di che via di ricorso con introducendo due rivendicazioni civili, in primo luogo contro il servizio degli ufficiali giudiziari ed il Servizio di Sicurezza Federale, il secondo che è stato l'autorità che persegue nella causa del Sig. M., e successivamente contro il Proprietà Fondo Federale. Nell'esaminare le loro rivendicazioni, le corti avrebbero dovuto dirigere la loro attenzione alla possibilità che gli articoli di proprietà confiscati avrebbero potuto appartenere a membri di famiglia piuttosto che al Sig. M. stesso ed avrebbero dovuto esaminare se le richiedenti sarebbero potuti essere i loro proprietari. Comunque, le corti civili rifiutarono di prendere giurisdizione dei meriti delle rivendicazioni di rivendicazione o rendere qualsiasi sentenze indipendenti di fatto, e loro si riferirono soltanto indietro alla sentenza nella causa penale del Sig. M.. 27 febbraio 2003 la Corte distrettuale di Khoroshevskiy respinse così, la rivendicazione del primo richiedente sulla base che la Mosca che Corte Urbana già aveva stabilito che “la proprietà contestata era stata acquisita criminalmente” (veda paragrafo 27 sopra). 9 agosto 2005 la stessa Corte distrettuale respinse la sua rivendicazione rinnovata, con sostenendo che il “fatti stabiliti con una definitivo decisione giudiziale in un più primo legame di causa la corte”, e respinto la rivendicazione del secondo richiedente perché il computer già era stato “confiscò e vendè” (veda paragrafo 30 sopra).
62. Il Distretto di Khoroshevskiy e la Mosca che l'insuccesso di persistente di Corti Urbane per prendere giurisdizione dei meriti della rivendicazione dele richiedenti per rivendicazione della loro proprietà era a variazione coi requisiti della legge russa. In una serie di legare direttive la Corte Suprema ed Assoluta le corti di giurisdizione generale che un ordine di sequestro può fare domanda solamente alla porzione del carcerato della proprietà congiuntamente posseduta e non può colpire i diritti di proprietà di coabitare membri di famiglia ricordarono a costantemente, a meno che è stato stabilito che la proprietà fu acquisita criminalmente e registrato nei nomi di membri di famiglia con una prospettiva ad evitando il sequestro. Realizzare l'equilibrio corretto di interessi, le corti rivendicazioni esaminatore per liberazione della porzione di spousal dal sequestro furono costrette a determinare la porzione di ogni consorte con riferimento alla proprietà di famiglia nella sua interezza, così che la porzione di ogni consorte comprende sia confiscò e non-confiscò articoli di proprietà (veda divide in paragrafi 37 e 38 sopra). Il primo richiedente sostenne la sua rivendicazione ad uno la metà della proprietà di spousal con prova capace di mostrare l'origine legittima di almeno una parte della proprietà di famiglia, come il Sig. M. paghi dichiarazioni dal Ministero di Affari Esteri e l'accordo di noleggio in riguardo del garage di macchina. Benché le corti nazionali non dichiararono che prova inammissibile, non fu menzionato nelle loro sentenze che inoltre non contennero qualsiasi l'analisi della composizione della proprietà di famiglia. Segue che le corti nazionali non eseguirono una valutazione globale della proprietà di famiglia ed il bilanciamento eserciti dei diritti di membri di famiglia che erano sia richiese sotto le disposizioni di diritto nazionale applicabili.
63. Dopo che il Sig. M. aveva riguadagnato proprietà della macchina che segue un emendamento legislativo di diritto penale russo e dopo che gli ufficiali giudiziari avevano determinato che il sequestro di attivi, beni mobili ed il garage non era fisicamente possibile, il primo reintroduced del richiedente la sua rivendicazione per lo spousal divide dei finanziamenti in contanti e contestati ed il secondo richiedente cercò di rivendicare il suo diritto al computer. Comunque, il secondo che rivendicazione civile è stata data similmente con in una maniera riassuntiva. Le corti nazionali non diedero attenzione alla prova ed osservazioni cole richiedenti o fecero una valutazione globale della proprietà di famiglia con una prospettiva a determinando le porzioni di spousal. Come alla rivendicazione del secondo richiedente al computer, fu respinto similmente, senza qualsiasi il chiarimento perché la sua osservazione che il computer era stato dato a lei coi suoi genitori come un regalo sembrò non plausibile. Il Distretto di Khoroshevskiy e Mosca Corti Urbane non menzionarono o assegnarono nelle loro sentenze a qualsiasi approvvigiona del Civile o Famiglia Codice.
64. Nella luce delle considerazioni precedenti, la Corte trova, che le richiedenti “il foro un carico individuale ed eccessivo” quale sarebbe potuto essere reso legittima solamente se loro avessero fatto imporre l'opportunità di impugnare efficacemente la misura di sequestro nei procedimenti penali ai quali loro non erano parti; comunque, che l'opportunità li fu negati nei procedimenti civili e susseguenti e perciò il “equilibrio equo che dovrebbe essere previsto fra la protezione del diritto di proprietà ed i requisiti dell'interesse generale” sia sconvolto (compari Hentrich c. Francia, sentenza di 22 settembre 1994 la Serie Un n. 296-un, § 49).
65. C'è stata di conseguenza, una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
II. ALTRE VIOLAZIONI ALLEGATO DI LA CONVENZIONE
66. Il primo richiedente si lamentò inoltre sotto Articolo 8 della Convenzione della ricerca serale del loro appartamento 3 luglio 1998. Le richiedenti si lamentarono anche sotto Articolo 6 § 1 della Convenzione che i procedimenti che sono durati dal 1998 a 18 giugno 2003 di 3 luglio avevano ecceduto un “il termine ragionevole.”
67. La Corte reitera che già ha respinto l'azione di reclamo della ricerca all'appartamento del Sig. M. 3 luglio 1998 per la non-esaurimento di via di ricorso nazionali (veda M. c. la Russia (il dec.), n. 62936/00, 9 dicembre 2004). Non trova nessuna ragione di abbandonare da che conclusione nella causa presente.
68. La Corte osserva inoltre che non c'era nessun set continuo di procedimenti che sono durati dal 1998 a 18 giugno 2003 di 3 luglio. Le richiedenti non erano parti ai procedimenti penali contro il Sig. M. ed il primo richiedente prima l'introdusse solamente rivendicazione civile in 13 maggio 2002. Che rivendicazione infine fu respinta 18 giugno 2003, quel è un anno ed uno mese più tardi. Che periodo era breve e non c'era nessuna comparizione di una violazione del “il termine ragionevole” il requisito.
69. Segue che questa parte della richiesta è mal-fondata manifestamente e deve essere respinta in conformità con Articolo 35 §§ 3 e 4 della Convenzione.
III. La richiesta Di Articolo 41 Di La Convenzione
70. Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se i costatazione di Corte che c'è stata una violazione della Convenzione o i Protocolli inoltre, e se la legge interna della Parte Contraente ed Alta riguardasse permette a riparazione solamente parziale di essere resa, la Corte può, se necessario, riconosca la soddisfazione equa alla vittima.”
71. Il primo richiedente chiese gli importi seguenti in riguardo di danno patrimoniale:
•6,657.50 euros (EUR) per la perdita di reddito di noleggio dal garage di macchina e la terra tassa lei era responsabile per pagare su sé;
•EUR 2,712.60 per uno la metà del deprezzamento costato della macchina di VAZ ed il trasporto tassa lei era responsabile per pagare su sé; e
•EUR 3,537.80 per uno la metà dei finanziamenti in contanti più interesse al tasso di prestito legale.
72. Il secondo richiedente chiese EUR 800, mentre rappresentando il valore approssimato di un computer simile al suo.
73. Le richiedenti chiesero inoltre rispettivamente EUR 30,000 ed EUR 20,000 in riguardo di danno non-patrimoniale. Loro dissero congiuntamente infine, EUR 374.60 per parcelle legali nei procedimenti nazionali, EUR 122.20 per parcelle di corte ed EUR 3,000 per la loro rappresentanza di fronte alla Corte.
74. Il Governo indicò che l'obbligo per pagare tasse, come terra e trasporta tassa, era un corollario del diritto di proprietà. Nessuno il diritto di proprietà del Sig. M. né il primo richiedente al garage di macchina e la macchina stessa mai era stata contestata e loro erano stati perciò responsabili per tassare l'imposizione. La rivendicazione per reddito di noleggio era speculativa ed il deprezzamento costò della macchina non fu sostenuto con qualsiasi i documenti. La rivendicazione del secondo richiedente per il valore di elaboratore era eccessiva, in prospettiva della piccola quantità che recuperò la vendita del computer. Infine, il Governo considerò che la rivendicazione in riguardo di danno non-patrimoniale era irragionevole come a quantum e che le richiedenti non avevano presentato documenti appropriati in appoggio delle loro rivendicazioni per costi e spese.
75. La Corte considera che la questione della richiesta di Articolo 41 non è pronta per decisione. Di conseguenza, sarà riservato e la procedura susseguente fissò avendo riguardo ad a qualsiasi accordo che sarebbe giunto al Governo ed le richiedenti (l'Articolo 75 § 1 degli Articoli di Corte).
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE
1. Dichiara unanimamente l'azione di reclamo riguardo ad una violazione allegato dei diritti di proprietà dele richiedenti ammissibile ed il resto della richiesta inammissibile;
2. Sostiene, con sei voti ad uno, che c'è stata una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1;
3. Sostiene, con sei voti ad uno, che la questione della richiesta di Articolo 41 non è pronta per decisione e di conseguenza:
(un) le riserve la questione detta;
(b) invita il Governo ed le richiedenti a presentare, entro tre mesi dalla data sulla quale la sentenza diviene definitivo in conformità con Articolo 44 § 2 della Convenzione le loro osservazioni scritto sulla questione e, in particolare, notificare la Corte di qualsiasi accordo al quale loro possono giungere;
(il c) le riserve l'ulteriore procedura e delegati al Presidente della Camera il potere per fissare lo stesso se bisogno è.
Fatto in inglesi, e notificò per iscritto 1 aprile 2010, facendo seguito Decidere 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
André Wampach Christos Rozakis
Cancelliere Aggiunto President
Nella conformitŕ con Articolo 45 § 2 della Convenzione e Decide 74 § 2 degli Articoli di Corte, l'opinione che dissente del Sig.ra N. Vajić č annessa a questa sentenza.
C.L.R.
A.M.W.


OPINIONE CHE DISSENTE DI GIUDICE VAJIĆ
Io sono incapace a costatazione che c'è stata una violazione dei diritti di proprietà dele richiedenti sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione nella causa presente.
Secondo legge nazionale un tribunale penale in Russia ha il potere per confiscare proprietà criminalmente acquisita; la sentenza come alla sua origine penale è di una natura che riguarda i fatti. Al giorno d'oggi causa che questione è stata esaminata nei procedimenti penali che determinarono la questione (veda divide in paragrafi 14-16 della sentenza) e semplicemente precluse qualsiasi le ulteriori rivendicazioni. In questo riguardo a, Decisione n. 7 della Corte Suprema ed Assoluta dell'URSS affermano siccome segue: “Comunque, se la sentenza penale stabilisse che gli articoli di proprietà elencati erano stati acquisiti criminalmente o pagato per con beni criminalmente acquisiti, ma registrato nei nomi di altre persone con una prospettiva a celandoli dal sequestro... poi la rivendicazione per togliere dell'ordine di accusa sarà respinta” (veda paragrafo 37 della sentenza). (enfasi aggiunse)
Come in più paesi, diritto civile russo nega fondamentalmente, qualsiasi tutela giuridica a proprietà criminalmente acquisita.
Segue che nelle circostanze determinate le richiedenti non potevano e non erano divenuti i proprietari della proprietà in oggetto e così non poteva chiedere la loro quota della proprietà, siccome la loro rivendicazione non aveva base in diritto nazionale (contrario all'asserzione in paragrafo 52 della sentenza). Questo fu affermato anche con le corti nazionali (veda divide in paragrafi 27-28 e 30 della sentenza). Perciò, in prospettiva della causa-legge della Corte, le richiedenti-contrario alla prospettiva della maggioranza (veda divide in paragrafi 51-54 della sentenza)-non abbia una rivendicazione sufficientemente stabilita per qualificare come un bene proteggè con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
Per le ragioni summenzionate è la mia opinione che le richiedenti non avevano un diritto o un'aspettativa legittima che sono state proteggute con la Convenzione ed io non convengo con la maggioranza che c'è stata una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
1. Secondo l'intestazione del documento. Il Comitato di Sicurezza Statale (“KGB”) è il predecessore del Servizio di Sicurezza Federale.




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 01/07/2020.