Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF BUSINESS SUPPORT CENTRE v. BULGARIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI:

NUMERO: 6689/03/2010
STATO: Bulgaria
DATA: 18/03/2010
ORGANO: Sezione Quinta


TESTO ORIGINALE

Conclusion Violation of P1-1
FIFTH SECTION
CASE OF BUSINESS SUPPORT CENTRE v. BULGARIA
(Application no. 6689/03)
JUDGMENT
STRASBOURG
18 March 2010
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Business Support Centre v. Bulgaria,
The European Court of Human Rights (Fifth Section), sitting as a Chamber composed of:
Peer Lorenzen, President,
Renate Jaeger,
Karel Jungwiert,
Mark Villiger,
Isabelle Berro-Lefèvre,
Mirjana Lazarova Trajkovska,
Zdravka Kalaydjieva, judges,
and Claudia Westerdiek, Section Registrar,
Having deliberated in private on 23 February 2010,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 6689/03) against the Republic of Bulgaria lodged on 13 February 2003 with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by the “Business centre for assisting small and medium-sized enterprises – Ruse” (“the Business Support Centre”), a Bulgarian non-profit organisation registered in 1996 and based in the town of Ruse.
2. The applicant organisation was represented by Mr K. D., a lawyer practising in Ruse. The Bulgarian Government (“the Government”) were represented by their Agents, Ms M. Dimova and Ms S. Atanasova, of the Ministry of Justice.
3. The applicant organisation alleged, in particular, that in spite of its full compliance with its statutory VAT reporting obligations, the domestic authorities had deprived it of the right to deduct an input VAT of 11,400 Bulgarian levs (BGN: 5,828 euros (EUR)) it had paid on a supply solely because the supplier had failed to comply with its own VAT reporting and payment obligations.
4. On 27 November 2007 the Court declared the application partly inadmissible and decided to communicate the above complaint to the Government under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention. It also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (Article 29 § 3).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
A. Background
5. On 14 December 1998 the Business Support Centre entered into an agreement with the Austrian Ministry of Foreign Affairs to set up a business incubator for small and medium-sized enterprises in the town of Ruse. In the course of implementing the project, the applicant organisation undertook to renovate a property of the Ruse municipal council against being granted the right to use it for the needs of the business incubator for a period of ten years. The renovation was completed on 9 February 2000 and cost BGN 192,761 (EUR 98,558) all of which was paid by the applicant organisation.
B. The taxable transaction
6. On 20 July 1999, apparently in the course of renovating the municipal property, the Business Support Centre received a supply from a sole trader (“the supplier”). It is unclear whether the transaction was for a supply of goods or services. As both entities were registered under the Value Added Tax Act of 1999 (“the VAT Act”) the transaction constituted a taxable supply under the said Act.
7. The total cost of the received supply was BGN 68,400 (EUR 34,972), of which BGN 57,000 (EUR 29,144) was the value of the goods or services and BGN 11,400 (EUR 5,828) was value-added tax (“VAT”). The supplier issued invoice no. 126/20.07.1999 to the applicant organisation, which the latter paid in full, including the VAT. The applicant organisation recorded the supply in its accounting records for the month of July 1999 and filed its VAT return for that period on 16 August 1999. The supplier, on the other hand, failed to record the transaction in its accounting records, to file a VAT return and to settle its obligations with the State budget.
C. The tax audit
8. On 11 April 2000 the tax authorities initiated an audit of the applicant organisation, covering, in respect of VAT, the period from 1 July 1999 to 29 February 2000. In the course of the inspection a cross-check of the supplier was conducted in order to ascertain whether it had properly reported and recorded the supply in its accounting records. As a result, its failure to comply with its VAT reporting and payment obligations was discovered (see paragraph 7 above).
9. On 31 August 2000 the Central Tax Office of the Ruse Territorial Tax Directorate issued the applicant organisation with a tax assessment. In respect of VAT it found that the Business Support Centre had mistakenly deducted five payments it had made to suppliers for input VAT amounting to BGN 25,944.80 (EUR 13,265) and had failed to charge output VAT, in the amount of BGN 38,552.30 (EUR 19,711), on a taxable service it had provided.
10. In particular, in respect of the transaction under invoice no. 126/20.07.1999 the tax authorities refused the applicant organisation the right to deduct the input VAT it had paid, amounting to BGN 11,400 (EUR 5,828), because the supplier had failed to record the transaction in its accounting records, to file a VAT return and to settle his obligations towards the State budget. Thus, they considered that no VAT had been “charged” on the supply in question and that the applicant organisation could not therefore deduct the input VAT.
11. Based on the above conclusions, the tax authorities adjusted the applicant organisation's input and output VAT for the relevant reporting period. In respect of the supply under invoice no. 126/20.07.1999, this had the effect that the applicant organisation had to pay a second time the input VAT of BGN 11,400 (EUR 5,828). In addition, it was ordered to pay interest of BGN 1,396.83 (EUR 714) on that amount.
D. The appeal proceedings
12. On 4 October 2000 the applicant organisation appealed against the tax assessment. In a decision of 6 November 2000 the Ruse Territorial Tax Directorate confirmed in full the findings in the tax assessment in respect of the input VAT of BGN 11,400 (EUR 5,828). The applicant organisation appealed to the courts.
13. On 28 May 2001 the Varna Regional Court found against the applicant organisation, which appealed further. In a final judgment of 13 August 2002 the Supreme Administrative Court upheld the lower court's findings and those of the tax authorities in respect of the input VAT of BGN 11,400 (EUR 5,828). In reaching their decisions, the courts likewise concluded that in so far as the supplier had failed to file VAT returns and to settle his obligations towards the State budget, the applicant organisation had no right to deduct the said input VAT.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
A. VAT Act of 1999
14. The relevant provisions of the VAT Act have been summarised in the case of Bulves AD v. Bulgaria (no. 3991/03, §§ 20-28, 22 January 2009).
B. The possibility of administrative proceedings being reopened as a result of a judgment of the European Court of Human Rights
15. Article 239 (6) of the Code of Administrative Procedure of 2006, provides that an interested party may request the reopening of administrative proceedings in cases where a “judgment of the European Court of Human Rights has found a violation of the Convention”. The Supreme Administrative Court has already had occasion to use it to reopen proceedings subsequent to Court judgments for violations of Articles 6, 8 and 13 of the Convention (решение № 2476 от 5.03.2008 г. на ВАС по адм. д. № 12127/2007 г., 5-членен с-в, and определение № 4293 от 10.04.2008 г. на ВАС по адм. д. № 9178/2007 г., III о.).
III. COMMUNITY LAW
16. The relevance of the acquis communautaire and the findings of the Court of Justice of the European Communities in joined cases C 354/03, C-355/03 and C-484/03, Optigen Ltd (C-354/03), Fulcrum Electronics Ltd (C-355/03) and Bond House Systems Ltd (C 484/03) v Commissioners of Customs & Excise and in joined Cases C 439/04 and C-440/04, Axel Kittel v Belgian State (C-439/04) and Belgian State v Recolta Recycling SPRL (C-440/04) (ECR 2006, page I 06161) have also been summarised in the case of Bulves AD (§§ 29 32, cited above).
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1 TO THE CONVENTION
17. The applicant organisation complained under Article 1 of Protocol No. 1 that, in spite of its full compliance with its own VAT reporting obligations, the domestic authorities had deprived it of the right to deduct the input VAT of BGN 11,400 (EUR 5,828) solely because its supplier had failed to comply with its VAT reporting and payment obligations. The applicant organisation considered that it had a “legitimate expectation”, within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1, to the right to deduct the input VAT, which had arisen once it had fully complied with its own VAT reporting and payment obligations and once the prerequisites for making use of such a VAT deduction had been met.
Article 1 of Protocol No. 1 reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
18. The Government considered the complaint to be of a fourth-instance nature and stated that Bulgarian tax legislation had been harmonised over the last few years with European standards.
A. Admissibility
19. The Court notes that the applicant organisation's complaint under Article 6 of the Convention in respect of the alleged unfairness of the appeal proceedings was declared inadmissible by the Court on 27 November 2007 (see paragraph 4 above). Accordingly, the Government's reliance on the fourth-instance doctrine has no bearing on the complaint currently before the Court, which does not concern the assessment of evidence before the domestic courts or the result of the proceedings, but rather whether the actions of the authorities amounted to interference contrary to Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
20. Accordingly, the Court notes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
21. The Court notes at the outset that in the leading case of Bulves AD (cited above) it found a violation of the applicant company's right to peaceful enjoyment of its possession and concluded as follows:
“71. Considering the timely and full discharge by the applicant company of its VAT reporting obligations, its inability to secure compliance by its supplier with its VAT reporting obligations and the fact that there was no fraud in relation to the VAT system of which the applicant company had knowledge or the means to obtain such knowledge, the Court finds that the latter should not have been required to bear the full consequences of its supplier's failure to discharge its VAT reporting obligations in timely fashion, by being refused the right to deduct the input VAT and, as a result, being ordered to pay the VAT a second time, plus interest. The Court considers that this amounted to an excessive individual burden on the applicant company which upset the fair balance that must be maintained between the demands of the general interest of the community and the requirements of the protection of the right of property.”
22. In view of the similarity of the facts and the complaint, the Court relies entirely on its analysis and conclusions in the judgment in the case of Bulves AD (§§ 33-71, cited above) which it finds to be just as pertinent.
23. The Court notes that the only discernible difference between the two cases is the uncertainty as to whether the supplier did eventually settle his obligations towards the State budget stemming from the payment by the applicant organisation of the input VAT of BGN 11,400 (EUR 5,828) (unlike in Bulves AD, §§ 11, 13 and 67, cited above). It observes, however, that that depended entirely on the actions of the tax authorities who, once they had discovered the supplier's failure to fully and timely discharge its VAT reporting and payment obligations, could have initiated a tax audit and instituted proceedings against it in order to collect any such late payments together with interest. Accordingly, this does not have a direct bearing on the Court's assessment in respect of the applicant organisation.
24. In addition, there are no assertions that there was fraud in relation to the VAT system of which the applicant organisation had knowledge or the means to obtain such knowledge.
25. In conclusion, the Government have not put forward any fact or argument capable of persuading the Court to reach a conclusion in the present case different from that in the leading case of Bulves AD (cited above).
26. There has accordingly been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 in respect of the input VAT of BGN 11,400 (EUR 5,828).
II. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
27. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
28. The applicant organisation claimed 285,541.70 Bulgarian levs (BGN : 145,997 euros (EUR)) in respect of pecuniary damage. The amount claimed comprised (a) BGN 52,535.37 (EUR 26,861) representing the value of the adjustments of the input and output VAT ordered by the tax authorities (see paragraphs 9 and 11 above); (b) BGN 2,221.07 (EUR 1,135) representing the interest charged by the tax authorities; (c) BGN 56,523.51 (EUR 28,900) representing the statutory interest on the claimed amounts from 1 January 2001 to 30 June 2008; (d) BGN 151,744.27 (EUR 77,586) representing the present-day market value of an office in the centre of Ruse that the applicant organisation was planning to purchase at the time of the events but was allegedly unable to as a result of the tax assessment; and (e) BGN 22,517.48 (EUR 11,513) representing the rental payments incurred over the period.
29. The Government challenged the amounts claimed and considered that if a violation was found by the Court then the most appropriate redress would be for the applicant organisation to request a reopening of the administrative proceedings under Article 239 (6) of the Code of Administrative Procedure (see paragraph 15 above).
30. The Court considers it necessary to point out that a judgment in which it finds a violation of the Convention or its Protocols imposes on the respondent State a legal obligation not just to pay those concerned the sums awarded by way of just satisfaction, but also to choose, subject to supervision by the Committee of Ministers, the general and/or, if appropriate, individual measures to be adopted in its domestic legal order to put an end to the violation found by the Court and make all feasible reparation for its consequences in such a way as to restore as far as possible the situation existing before the breach. In the case of a violation of Article 6 of the Convention, the applicant should as far as possible be put in the position he would have been in had the requirements of this provision not been disregarded (see Lungoci v. Romania, no. 62710/00, § 55, 26 January 2006; Yanakiev v. Bulgaria, no. 40476/98, § 89, 10 August 2006; and Kostadin Mihaylov v. Bulgaria, no. 17868/07, § 59, 27 March 2008). The Court has therefore held on certain occasions that the most appropriate form of redress in cases where it finds a breach of Article 6 § 1 of the Convention would, as a rule, be to reopen the proceedings in due course and re-examine the case in keeping with all the requirements of a fair trial (see Lungoci, § 56; Yanakiev, § 90; and Kostadin Mihaylov, § 60, all cited above).
31. In the present case, while the Court considers the possibility of reopening the proceedings at the domestic level an appropriate and a preferred form of redress in cases where it also finds a breach of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, it considers that in the special circumstances of the present case that would not be possible. In particular, given the already excessive length of the domestic proceedings and the practice of the domestic courts to apply and interpret strictly the legislation in question, the Court finds that a reopening of the proceedings and a re-examination the case would not be a sufficient and adequate redress for the particular violation found in the present case.
32. Accordingly, in view of the violation found in respect of the input VAT of BGN 11,400 (EUR 5,828: see paragraph 26 above), the Court considers that, as regards pecuniary damage the most suitable form of reparation would be to award the value of the said VAT, plus the interest that was charged on the aforesaid amount of BGN 1,396.83 (EUR 714 : see paragraph 11 above) (see S.A. Dangeville v. France, no. 36677/97, § 70, ECHR 2002-III, and Bulves AD, § 82, cited above).
Thus, the Court awards the sum of EUR 6,542 for pecuniary damage.
B. Costs and expenses
33. The applicant organisation claimed BGN 1,283.14 (EUR 656) in respect of costs and expenses incurred in the proceedings before the domestic courts. The amount claimed comprised the court fee for appealing against the tax assessment (BGN 50 (EUR 26)), travel expenses for lodging the said appeal (BGN 28 (EUR 14)) and the lawyer's fees before the domestic courts (BGN 1,200 (EUR 613)). In support of its claim, the applicant organisation furnished receipts for payment of the court fee and the travel expenses, and a legal-fees agreement with its lawyer.
34. The Government did not directly comment on the applicant organisation's claim for costs and expenses.
35. According to the Court's case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum. In the present case, regard being had to the information in its possession and the above criteria, the Court considers it reasonable to award in full the sums incurred for costs and expenses, which total EUR 656.
C. Default interest
36. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares admissible the complaint under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention regarding the input VAT of BGN 11,400 (EUR 5,828);
2. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;
3. Holds
(a) that the respondent State is to pay to the applicant organisation, within three months from the date on which the judgment becomes final according to Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts, to be converted into Bulgarian levs at the rate applicable on the date of settlement:
(i) in respect of pecuniary damage – EUR 6,542 (six thousand five hundred and forty-two euros);
(ii) in respect of costs and expenses – EUR 656 (six hundred and fifty-six euros);
(iii) any tax that may be chargeable to the applicant organisation on the above amounts;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
4. Dismisses the remainder of the applicant's organisation's claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 18 March 2010, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Claudia Westerdiek Peer Lorenzen
Registrar President

TESTO TRADOTTO

Conclusione Violazione di P1-1
QUINTA SEZIONE
CAUSA BUSINESS SUPPORT CENTRE C. BULGARIA
(Richiesta n. 6689/03)
SENTENZA
STRASBOURG
18 marzo 2010
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Business Support Centre c. Bulgaria,
La Corte europea dei Diritti umani (quinta Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Pari Lorenzen, Presidente Renate Jaeger, Karel Jungwiert il Mark Villiger, Isabelle Berro-Lefèvre, Mirjana Lazarova Trajkovska, Zdravka Kalaydjieva, giudici,
e Claudia Westerdiek, Cancelliere di Sezione,
Avendo deliberato in privato il 23 febbraio 2010,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 6689/03) contro la Repubblica della Bulgaria depositata il 13 febbraio 2003 presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) dal Business centre for assisting small and medium-sized enterprises – Ruse” (“the Business Support Centre”), un'organizzazione senza scopo di lucro bulgara registrata nel 1996 e con sede nella città di Ruse.
2. L'organizzazione richiedente fu rappresentata dal Sig. K. D., un avvocato che pratica a Ruse. Il Governo bulgaro (“il Governo”) fu rappresentato dai suoi Agenti, la Sig.ra M. Dimova e laSig.ra S. Atanasova, del Ministero di Giustizia.
3. L'organizzazione richiedente addusse, in particolare, che nonostante la sua piena ottemperanza con i suoi obblighi legali di dichiarazione dell’ IVA, le autorità nazionali l'avevano spogliata del diritto di dedurre un contributo IVA di 11,400 lev bulgari (BGN: 5,828 euro (EUR)) che aveva pagato su una fornitura solamente perché il fornitore era andato a vuoto nell’ attenersi con le sue proprie dichiarazioni di IVA ed obblighi di pagamento.
4. Il 27 novembre 2007 la Corte dichiarò la richiesta parzialmente inammissibile e decise di comunicare l'azione di reclamo sopra al Governo sotto l’Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione. Decise anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità (Articolo 29 § 3).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
A. Background.
5. Il 14 dicembre 1998 il Business Support Centre fece un accordo col Ministero austriaco degli Affari Esteri per preparare un incubatore aziendale per piccole e medie imprese nella città di Ruse. Nel corso di implementazione del progetto, l'organizzazione richiedente si impegnò a rinnovare una proprietà del consiglio municipale di Ruse affinché le venisse accordato il diritto all’uso per le necessità dell’incubatore aziendale per un periodo di dieci anni. Il rinnovamento fu completato il 9 febbraio 2000 e costò BGN 192,761 (EUR 98,558) che furono pagati tutti dall'organizzazione richiedente.
B. L'operazione tassabile
6. Il 20 luglio 1999, il Business Support Centre ricevette apparentemente nel corso del rinnovamento della proprietà municipale, una fornitura da un solo commerciante (“il fornitore”). È poco chiaro se l'operazione era per una fornitura di beni o servizi. Siccome ambo le entità erano registrate sotto l’Atto sulla Tassa sul Valore Aggiunto del 1999 (“l'Atto dell’ IVA”) l'operazione costituiva una fornitura tassabile sotto il detto Atto.
7. Il costo totale della fornitura ricevuta era BGN 68,400 (EUR 34,972) di cui BGN 57,000 (EUR 29,144) era il valore dei beni o servizi e BGN 11,400 (EUR 5,828) era la tassa sul valore-aggiunto (“IVA”). Il fornitore emise la fattura n. 126/20.07.1999 all'organizzazione richiedente che quest’ultima pagò completamente, incluso l'IVA. L'organizzazione richiedente registrò la fornitura nelle sue scritture contabili per il mese di luglio 1999 e registrò la sua dichiarazione dell’ IVA per quel periodo il 16 agosto 1999. Il fornitore, dall’altra parte non riuscì a registrare l'operazione nelle sue scritture contabili, registrare la sua dichiarazione di IVA e regolare i suoi obblighi col bilancio Statale.
C. L'esame fiscale
8. L’11 aprile 2000 le autorità fiscali iniziarono una revisione dell'organizzazione richiedente, che copriva, a riguardo dell’ IVA il periodo dal 1 luglio 1999 al 29 febbraio 2000. Nel corso dell'ispezione fu condotto un controllo incrociato del fornitore per accertare se aveva riportato in modo appropriato ed aveva registrato la fornitura nelle sue scritture contabili. Di conseguenza, la sua inosservanza con i suoi obblighi di dichiarazione della IVA e con gli obblighi di pagamento furono scoperti (vedere paragrafo 7 sopra).
9. Il 31 agosto 2000 l’Ufficio Fiscale Centrale della Direzione Territoriale Fiscale di Ruse emise per l’organizzazione richiedente un accertamento tributario. A riguardo dell’ IVA trovò che il Business Support Centre aveva dedotto erroneamente cinque pagamenti che aveva fatto a fornitori per un contributo IVA corrispondente a BGN 25,944.80 (EUR 13,265) e non era riuscito a caricare il risultato dell’ IVA, nell'importo di BGN 38,552.30 (EUR 19,711), su un servizio tassabile che aveva fornito.
10. In particolare, a riguardo dell'operazione sotto la fattura n. 126/20.07.1999 le autorità fiscali rifiutarono all'organizzazione richiedente il diritto per detrarre il contributo IVA che aveva pagato, corrispondente a BGN 11,400 (EUR 5,828), perché il fornitore era andato a vuoto nel registrare l'operazione nelle sue scritture contabili, nel registrare un ritorno di IVA e saldare i suoi obblighi verso il bilancio Statale. Così, considerarono che nessuna IVA era stata “addebitata” sulla fornitura in oggetto e che l'organizzazione richiedente non poteva detrarre perciò il contributo IVA.
11. Basandosi sulle conclusioni sopra, le autorità fiscali corressero l'input ed output dell'organizzazione richiedente IVA per l'attinente periodo contabile. A riguardo della fornitura sotto la fattura n. 126/20.07.1999, questo ebbe l'effetto che l'organizzazione richiedente dovette pagare una seconda volta il contributo IVA di BGN 11,400 (EUR 5,828). Inoltre, fu ordinata di pagare l’ interesse di BGN 1,396.83 (EUR 714) su quell'importo.
D. I procedimenti di ricorso
12. Il 4 ottobre 2000 l'organizzazione richiedente fece ricorso contro l'accertamento tributario. In una decisione del 6 novembre 2000 la Direzione Fiscale Territoriale di Ruse confermò in pieno le costatazioni nell'accertamento tributario a riguardo del contributo IVA di BGN 11,400 (EUR 5,828). L'organizzazione richiedente fece ricorso ai corti.
13. Il 28 maggio 2001 la Corte Regionale di Varna si pronunciò contro l'organizzazione richiedente che fece ulteriore ricorso. In una sentenza definitiva del 13 agosto 2002 la Corte amministrativa Suprema sostenne le sentenze della corte inferiore e quelle delle autorità fiscali a riguardo del contributo IVA di BGN 11,400 (EUR 5,828). Nel giungere alle loro decisioni, le corti conclusero similmente, che nella misura in cui il fornitore non era riuscito a registrare il ritorno d’IVA e a saldare i suoi obblighi verso il bilancio Statale, l'organizzazione richiedente non aveva nessun diritto di detrarre il contributo detto IVA.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
A. Atto del 1999 sull’IVA
14. Le disposizioni attinenti dell’ Atto del 1999 sull’IVA sono state riassunte nella causa Bulves Ad c. Bulgaria (n. 3991/03, §§ 20-28 22 gennaio 2009).
B. La possibilità di procedimenti amministrativi che vengono riaperti come risultato di una sentenza della Corte europea dei Diritti umani
15. L’ Articolo 239 (6) del Codice di Procedura Amministrativa del 2006, prevede che una parte interessata può richiedere la riapertura di procedimenti amministrativi in cause dove una “sentenza della Corte europea dei Diritti umani ha trovato una violazione della Convenzione.” La Corte amministrativa Suprema ha già avuto occasione di utilizzare la riapertura di procedimenti a seguito di sentenze della Corte per violazioni degli Articoli 6, 8 e 13 della Convenzione (решение № 2476 от 5.03.2008 г. на ВАС по адм. д. № 12127/2007 г., 5-членен с-в, and определение № 4293 от 10.04.2008 г. на ВАС по адм. д. № 9178/2007 г., III о.).

III. LEGGE COMUNITARIA

16. L'attinenza dell’ acquis communautaire e le sentenze della Corte di giustizia delle Comunità europee in cause congiunte C 354/03, C-355/03 e C 354/03, C-355/03 and C-484/03, Optigen Ltd (C-354/03), Fulcrum Electronics Ltd (C-355/03) and Bond House Systems Ltd (C 484/03) v Commissioners of Customs & Excise e in Cause congiunte C 439/04 and C-440/04, Axel Kittel v Belgian State (C-439/04) and Belgian State v Recolta Recycling SPRL (C-440/04) (ECR 2006, page I 06161) have also been summarised in the case of Bulves AD (§§ 29 32, citata sopra).
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1 ALLA CONVENZIONE
17. L'organizzazione richiedente si lamentò sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che, nonostante la sua piena ottemperanza con i suoi obblighi fiscali della sua propria IVA, le autorità nazionali l'avevano spogliata del diritto di detrarre il contributo IVA di BGN 11,400 (EUR 5,828) solamente perché il suo fornitore era andato a vuoto nell’ attenersi con i suoi obblighi fiscali dell’ IVA e di pagamento. L'organizzazione richiedente considerò che aveva un’ “aspettativa legittima”, all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, al diritto di detrarre il contributo IVA che le era derivato una attenutasi pienamente alla registrazione della sua propria IVA ed agli obblighi di pagamento ed una volta che i requisiti indispensabili per avvalersi di tale deduzione di IVA erano stati soddisfatti.
L’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 recita come segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
18. Il Governo considerò che l'azione di reclamo fosse di natura di quarta-istanza e dichiarò che la legislazione fiscale bulgara era stata armonizzata durante gli scorsi anni con gli standard europei.
A. Ammissibilità
19. La Corte nota che l'azione di reclamo dell'organizzazione richiedente sotto l’Articolo 6 della Convenzione a riguardo dell'iniquità addotta dei procedimenti di ricorso fu dichiarata inammissibile dalla Corte il 27 novembre 2007 (vedere paragrafo 4 sopra). Di conseguenza, l'affidamento del Governo sulla dottrina di quarta-istanza non ha conseguenze attualmente sull'azione di reclamo di fronte alla Corte che non concerne la valutazione delle prove di fronte alle corti nazionali o il risultato dei procedimenti ma piuttosto se le azioni delle autorità corrisposero ad un’ interferenza contraria all’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
20. Di conseguenza, la Corte nota che questa azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve perciò essere dichiarata ammissibile.
B. Meriti
21. La Corte nota all'inizio che nella causa principale Bulves Ad (citatasopra) trovò una violazione del diritto della società richiedente al godimento tranquillo della sua proprietà e concluse come segue:
“71. In considerazione dell'opportuno e del pieno pagamento da parte della di richiedente dei suoi obblighi di dichiarazione dell’ IVA, la sua incapacità di garantire l’ottemperanza da parte del suo fornitore con i suoi obblighi di dichiarazione dell’ IVA ed il fatto che non c'era frode in relazione al sistema dell’ IVA del quale la società richiedente aveva conoscenza o i mezzi di ottenere simile conoscenza, la Corte costata che quest’ultima non avrebbe dovuto essere costretta a sopportare le piene conseguenze dell'insuccesso del suo fornitore di assolvere la sua dichiarazione d’ IVA in modo opportuno vedendosi rifiutare il diritto di detrarre il contributo IVA e, di conseguenza, vedendosi ordinare di pagare l'IVA una seconda volta, più l'interesse. La Corte considera che questo corrispose ad un carico individuale ed eccessivo sulla società richiedente che sconvolse l'equilibrio equo che deve essere mantenuto fra le richieste dell'interesse generale della comunità ed i requisiti della protezione del diritto di proprietà.”
22. Nella prospettiva della somiglianza dei fatti e dell'azione di reclamo, la Corte si appella completamente alla sua analisi e alle sue conclusioni nel giudizio nella causa Bulves Ad (§§ 33-71, citata sopra) che trova essere proprio pertinente.
23. La Corte nota che la sola differenza discernibile fra le due cause è l'incertezza in merito a se il fornitore infine saldò i suoi obblighi verso il bilancio Statale che scaturiscono dal pagamento da parte dell'organizzazione richiedente del contributo IVA di BGN 11,400 (EUR 5,828) (diversamente da Bulves Ad, §§ 11, 13 e 67 citata sopra). Comunque, osserva che ciò dipese completamente dalle azioni delle autorità fiscali che, una volta aver scoperto l'insuccesso del fornitore nel dichiarare l’IVA e nell’attenersi con i suoi obblighi di pagamento in modo opportuno e puntuale , avrebbero potuto iniziare un esame fiscale ed avrebbero potuto avviare procedimenti contro questo per raccogliere qualsiasi pagamento ritardato insieme con l’interesse. Di conseguenza, questo non ha una conseguenza diretta sulla valutazione della Corte a riguardo dell'organizzazione richiedente.
24. Inoltre, non ci sono prove che c'era stata una frode in relazione al sistema dell’ IVA di cui l'organizzazione richiedente aveva conoscenza o dei mezzi per ottenere simile conoscenza.
25. In conclusione, il Governo non ha esposto, qualsiasi fatto o argomento capace di persuadere la Corte a giungere ad una conclusione diversa nella presente causa da quella nella causa principale Bulves Ad (citata sopra).
26. C'è stata di conseguenza una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 a riguardo del contributo IVA di BGN 11,400 (EUR 5,828).
II. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
27. Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
28. L'organizzazione richiedente chiese 285,541.70 lev bulgari (BGN: 145,997 euro (EUR)) a riguardo del danno patrimoniale. L'importo chiesto comprendeva (a) BGN 52,535.37 (EUR 26,861) rappresentante il valore delle rettifiche dell'input ed output dell’IVA ordinate dalle autorità fiscali (vedere paragrafi 9 e 11 sopra); (b) BGN 2,221.07 (EUR 1,135) rappresentante l'interesse addebitato dalle autorità fiscali; (c) BGN 56,523.51 (EUR 28,900) rappresentante l'interesse legale sugli importi chiesti dal1 gennaio 2001 al 30 giugno 2008; (d) BGN 151,744.27 (EUR 77,586) rappresentanti il valore di mercato attuale di un ufficio nel centro di Ruse che l'organizzazione richiedente stava progettando di acquistare al tempo degli eventi ma che era stata presumibilmente incapace di attuare come risultato dell'accertamento tributario; e (e) BGN 22,517.48 (EUR 11,513) rappresentante i pagamenti di affitto incorsi in quel periodo.
29. Il Governo impugnò gli importi chiesti e considerò che se una violazione fosse stata trovata poi con la Corte la compensazione più appropriata per l'organizzazione richiedente sarebbe stata richiedere una riapertura dei procedimenti amministrativi sotto l’Articolo 239 (6) del Codice di Procedura Amministrativa (vedere paragrafo 15 sopra).
30. La Corte considera necessario indicare che una sentenza nella quale trova una violazione della Convenzione o dei suoi Protocolli impone sullo Stato rispondente un obbligo legale di non solo di pagare quelli riguardanti le somme assegnate come soddisfazione equa, ma anche di scegliere, soggetto a soprintendenza da parte del Comitato di Ministri delle misure individuali e o generali appropriate, da adottare nel suo ordine legale nazionale per porre fine alla violazione trovata dalla Corte e provvedere ad ogni riparazione fattibile per riparare le sue conseguenze in modo da ripristinare il più possibile la situazione esistente prima della violazione. Nel caso di una violazione dell’ Articolo 6 della Convenzione, il richiedente deve il più possibile, essere messo nella posizione in cui sarebbe stato se i requisiti di questa disposizione non fossero stati trascurati (vedere Lungoci c. Romania, n. 62710/00, § 55 del 26 gennaio 2006; Yanakiev c. Bulgaria, n. 40476/98, § 89 del 10 agosto 2006; e Kostadin Mihaylov c. Bulgaria, n. 17868/07, § 59 del 27 marzo 2008). La Corte ha sostenuto perciò in certe occasioni che la forma più appropriata di compensazione in cause in cui trova una violazione dell’Articolo 6 § 1 della Convenzione, come regola, sarebbe riaprire i procedimenti in dovuto corso e riesaminare la causa attenendosi con tutti i requisiti di un processo equo (vedere Lungoci, § 56; Yanakiev, § 90; e Kostadin Mihaylov, § 60 tutti citate sopra).
31. Nella presente causa, mentre la Corte considera la possibilità di riaprire i procedimenti a livello nazionale una forma appropriata e preferita di compensazione in cause in cui trova anche una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione, considera che nelle circostanze speciali della presente causa non sarebbe possibile. In particolare, data la lunghezza già eccessiva dei procedimenti nazionali e la pratica delle corti nazionali di applicare ed interpretare severamente la legislazione in oggetto, la Corte costata che una riapertura dei procedimenti ed un riesame della causa non sarebbe una compensazione sufficiente ed adeguata per la particolare violazione trovata nella presente causa.
32. Di conseguenza, nella prospettiva della violazione trovata a riguardo del contributo IVA di BGN 11,400 (EUR 5,828: vedere paragrafo 26 sopra), la Corte considera che, riguardo al danno patrimoniale la forma più appropriata di riparazione sarebbe assegnare il valore della detta IVA, più l'interesse che è stato addebitato sul suddetto importo di BGN 1,396.83 (EUR 714: vedere paragrafo 11 sopra) (vedere S.A. Dangeville c. Francia, n. 36677/97, § 70, ECHR 2002-III, e Bulves Ad, § 82, citata sopra).
Così, la Corte assegna la somma di EUR 6,542 per danno patrimoniale.
B. Costi e spese
33. L'organizzazione richiedente chiese BGN 1,283.14 (EUR 656) a riguardo di costi e spese incorsi nei procedimenti di fronte alle corti nazionali. L'importo chiesto comprende la parcella di corte per fare appello contro l'accertamento tributario (BGN 50 (EUR 26)), spese di viaggio per depositare il detto ricorso (BGN 28 (EUR 14)) e le parcelle dell'avvocato di fronte alle corti nazionali (BGN 1,200 (EUR 613)). In appoggio alla sua rivendicazione, l'organizzazione richiedente ha fornito ricevute per il pagamento della parcella di corte e le spese di viaggio, ed un accordo di parcelle legali col suo avvocato.
34. Il Governo non fece commenti direttamente sulla rivendicazione dell'organizzazione richiedente per costi e spese.
35. Secondo la giurisprudenza della Corte, ad un richiedente viene concesso il rimborso dei costi e delle spese solo se viene mostrato che questi davvero e necessariamente sono stati incorsi e sono stati ragionevoli in merito al quantum. Nella presente causa, avuto riguardo alle informazioni in suo possesso ed ai criteri sopra, la Corte considera ragionevole assegnare in pieno le somme incorse per costi e spese per un totale di EUR 656.
C. Interesse di mora
36. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara ammissibile l'azione di reclamo sotto l’Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione riguardo al contributo IVA di BGN 11,400 (EUR 5,828);
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione;
3. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare all'organizzazione richiedente, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva secondo l’Articolo 44 § 2 della Convenzione i seguenti importi, da convertire in lev bulgari al tasso applicabile in data dell’ accordo:
(i) a riguardo del danno patrimoniale -EUR 6,542 (sei mila cinquecento e quaranta-due euro);
(ii) a riguardo di costi e spese -EUR 656 (seicento e cinquanta-sei euro);
(iii) qualsiasi tassa che può essere a carico dell'organizzazione richiedente sugli importi sopra;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
4. Respinge il resto della rivendicazione dell'organizzazione richiedente per soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 18 marzo 2010, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Claudia Westerdiek Pari Lorenzen
Cancelliere Presidente



DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 14/09/2020.