Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF PATRIKOVA v. BULGARIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, 06, P1-1

NUMERO: 71835/01/2010
STATO: Bulgaria
DATA: 04/03/2010
ORGANO: Sezione Quinta


TESTO ORIGINALE

Conclusion Violation of Art. 6 ; Violation of P1-1 ; Pecuniary damage and non-pecuniary damage - award
FIFTH SECTION
CASE OF PATRIKOVA v. BULGARIA
(Application no. 71835/01)
JUDGMENT
STRASBOURG
4 March 2010
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Patrikova v. Bulgaria,
The European Court of Human Rights (Fifth Section), sitting as a Chamber composed of:
Peer Lorenzen, President,
Renate Jaeger,
Karel Jungwiert,
Rait Maruste,
Mark Villiger,
Mirjana Lazarova Trajkovska,
Zdravka Kalaydjieva, judges,
and Claudia Westerdiek, Section Registrar,
Having deliberated in private on 9 February 2010,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 71835/01) against the Republic of Bulgaria lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Bulgarian national, Mrs G. T. P., (“the applicant”), on 8 March 2001.
2. The applicant was represented by Mr Y. G., a lawyer practising in Sofia. The Bulgarian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mrs M. Dimova, of the Ministry of Justice.
3. On 9 July 2007 the President of the Fifth Section decided to communicate the complaints concerning the applicant's property rights and the length of the domestic proceedings for damages to the Government. It was also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (Article 29 § 3).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
4. The applicant was born in 1967 and lives in Isperih. At the relevant time she was a sole trader, registered under the name ET GATZI-92 G. P.. Under Bulgarian law her business did not have a distinct legal personality. She traded in alcoholic beverages and tobacco, which are considered as excise duty products under Bulgarian tax law.
1. The seizure of the applicant's merchandise and ensuing administrative proceedings
5. The applicant possessed a licence, issued in 1994, for wholesale trading in excise duty products.
6. On 6 June 2000 the Razgrad tax authority inspected one of the two storehouses where the applicant held her merchandise, seized all tobacco and alcoholic products found therein and by decision of 27 June 2000 fined the applicant. The decision was based on the tax authority's opinion that the relevant law required a separate license for storage of excise duty products whereas the applicant only had a trading license.
7. The authorities seized a significant quantity of tobacco products, 11,864 bottles of wine and 86,638 bottles of other alcoholic beverages with higher alcohol content (98,502 bottles in total). They were moved to a storage building used by the Razgrad tax authority. At the time of seizure, the total value of the merchandise was the equivalent of approximately 150,000 euros (EUR). The fine imposed on the applicant was in the amount of 221,139 Bulgarian levs (BGN), the equivalent of approximately EUR 115,000.
8. It appears that, during the seizure, part of the merchandise was damaged or destroyed due to improper handling.
9. The applicant lodged an appeal. On 20 July 2000 the Isperich District Court decided in her favour and quashed the Razgrad tax authority's decision. The court found that the relevant law did not require a storage license separate from the trading license. In the ensuing cassation proceedings, on 11 December 2000 the Razgrad Regional Court reversed the decision and upheld the seizure and fine.
10. In January 2001 the applicant filed a request for reopening on the basis of newly obtained information that storage licenses had never been issued in the practice of the relevant authorities. On 5 October 2001 the District Court agreed to reopen the proceedings and quashed the Razgrad tax authority's decision of 27 June 2000, stating, inter alia, that there was no support in the relevant law for the view that a separate storage license was required. On 18 January 2002 the Regional Court upheld the District Court's judgment.
2. The criminal proceedings against the applicant and the attachment of the same merchandise as evidence in those proceedings
11. On 7 June 2000 criminal proceedings were instituted against the applicant on suspicion of tax evasion, selling excise tax goods without the requisite tax labels and illicit trading in excise goods.
12. On 11 September 2000, the Isperih District Prosecutor's Office ordered the attachment as evidence of the merchandise that had already been seized by the Razgrad tax authority.
13. The applicant's ensuing appeals were dismissed on 16 October 2000 by the Razgrad Regional Prosecutor's Office and on 17 January 2001 by the Isperih District Court.
14. In January 2001 a prosecutor from the Razgrad Regional Prosecutor's Office, having inspected the file, noted that there was no evidence of a criminal offence, that the charges against the applicant were unclear and incoherent and that the investigation had not been conducted properly. Ensuing instructions were given to the Isperih District Prosecutor.
15. On 23 August 2001 the criminal proceedings were terminated by the Isperih District Prosecutor for lack of evidence. The decision stated that the attached merchandise remained at the disposal of the Razgrad tax authority.
16. On the same day, 23 August 2001, the same prosecutor in Isperih instituted a fresh inquiry on the suspicion that the applicant might have used counterfeit excise tax labels on the seized bottles of alcohol.
17. On 27 February 2002 a police investigating officer from Isperih visited the tax authority's storage building and inspected the alcoholic beverages seized from the applicant on 6 June 2000. He drew up minutes noting the presence of 52,118 bottles. The minutes further stated that, after the inspection, the bottles had been seized. The exact legal meaning of this statement is unclear, having regard to the fact that it did not concern attachment and that the bottles were not in fact seized but remained in the Razdrad Tax Authority's storage building.
18. On 22 April 2002, an expert appointed by the police filed her report stating that the labels found on a sample of more than 6,000 bottles (out of 52,118) had been forged.
19. On 13 March 2003 the Isperih District Prosecutor dropped the criminal charges against the applicant as there was no evidence that she had known that they were forged.
20. The prosecutor ordered that the proceedings should continue against an “unknown perpetrator” and that the seized bottles should be placed under the control of the local tax authority which was competent to decide on a possible confiscation of the bottles carrying counterfeit excise tax labels.
21. On 19 March 2003 the applicant appealed, arguing that there was no valid legal ground to withhold the bottles since the charges against her had been dropped. The appeal was not examined until December 2005. On 15 December 2005 the District Court quashed the prosecutor's order on grounds unrelated to the applicant's appeal. It noted that only a sample of the merchandise had been analysed for counterfeit labels and that, therefore, all bottles had to be attached in relation to the pending criminal proceedings for forgery by an unknown perpetrator.
22. The applicant has not been informed of any new developments since December 2005.
3. The applicant's attempts to have the merchandise sold before it became non-marketable
23. On 18 August 2000, shortly after the seizure, the applicant wrote to the Razgrad tax authority stating that the seized merchandise was perishable and should be sold to avoid loss of value. She requested permission to sell it and offered a bank guarantee for its value. The Razgrad tax authority did not grant the request.
24. On 7 August 2001 the Razgrad tax authority wrote to the District Prosecutor's Office in Isperich seeking their approval to sell the merchandise at an auction, having regard to the fact that it was perishable. The request was not followed up.
25. On 15 October 2001 the applicant wrote to the Razgrad tax authority insisting that the alcoholic beverages must be sold immediately since the validity of the excise tax labels on them expired on 31 October 2001 and also because new regulations on alcohol content would make it impossible to sell the bottles after 1 January 2002. The applicant did not receive a reply.
26. Between 2001 and 2005, the applicant also addressed to the Razgrad tax authority several unsuccessful requests for the appointment of experts to assess the damage caused during the seizure in June 2000 and any damage caused by inadequate storage conditions.
4. The return to the applicant of the seized tobacco products and the controversy concerning the alcoholic beverages that remained in State hands
27. On 4 February 2002 the applicant wrote to the Razgrad tax authority seeking the restitution of the seized merchandise on the basis that the seizure of 6 June 2000 had been declared unlawful and the decision of 27 June 2000 had been repealed by final judgment of 18 January 2002. The tax authority agreed and on 2 March 2002 the applicant received back all tobacco products. She refused, however, to collect the bottles of wine and other alcoholic beverages as in her view a prior assessment of their condition was needed.
28. By letters of May, September and December 2002 the tax authority reiterated its invitation to the applicant to remove the remaining merchandise, indicating the dates on which this could be done, and warned her that the authority would not be responsible for any damage if she failed to collect the bottles. The applicant was also warned that in such case the bottles might be treated as abandoned and confiscated. The applicant replied, stating that the merchandise had lost its value and that experts should examine it to determine the damage it had sustained. She did not appear on the dates indicated by the tax authority. In her letter of 2 October 2002, addressed to the local tax authority, she explained that she had brought an action for damages against the authority and the relevant prosecutors and that there was “no reason [for her] to collect the merchandise which had become unfit for use”. In her letter of 14 December 2002 the applicant added that the tax authority should order an expert examination of the bottles.
29. The contacts on this issue continued. According to the applicant, in meetings with the tax authority's representatives she expressed willingness to hire an expert and organise the assessment of the merchandise. At a meeting held on 6 April 2004, the parties had allegedly been close to an agreement.
30. On 12 April 2004 the director of the Razgrad tax authority issued an order under section 106(5) of the Tax Proceedings Code, declaring the merchandise abandoned property acquired by the State. The text of the decision referred to all alcoholic beverages (98,502 bottles) as described in the seizure order of 6 June 2000 (see paragraphs 6 and 7 above) and mentioned that the merchandise was held in a storage house under the responsibility of the tax authority. The applicant appealed, stating that the goods had not been abandoned.
31. By judgment of 11 May 2006 the Varna Regional Court, noting that 52,118 bottles had been seized as evidence in criminal proceedings (see paragraph 17 above) and that the provisions on acquisition of abandoned property by the tax authorities were inapplicable in such situations, quashed the acquisition order in so far as it concerned those bottles. The Regional Court found that with regard to this part of the merchandise the question whether or not the applicant had undertaken the necessary steps to recover it from the tax authorities was irrelevant, since the tax authorities did not have the power to release goods seized as evidence in criminal proceedings.
32. As regards the remainder of the alcoholic beverages (46,384 bottles), the Regional Court upheld the order of 12 April 2004. It found, inter alia, that pursuant to an amendment to the Tax Procedure Code (see paragraph 58 below), the tax authorities automatically acquired as abandoned merchandise held by them in the event of its owner not having sought to recover it within nine months of 13 May 2003, the date of the amendment's entry into force. Noting that the applicant had not made requests to recover the bottles between 13 May 2003 and 13 February 2004 and considering that the events outside this nine-month period were irrelevant, the courts found that the tax authorities had lawfully acquired the merchandise. The court rejected the applicant's argument that all relevant events, before or after the statutory nine-month period, should be taken into consideration.
33. On 30 March 2007 the Supreme Administrative Court upheld the Regional Court's judgment.
5. The applicant's claim for damages against the State
34. On 17 May 2002 the applicant brought a claim for damages against the Razgrad tax authority, the police and the prosecuting authorities in respect of the unlawful seizure of her merchandise and the authorities' failure to allow the marketing of the alcoholic beverages before the expiry of their period of validity. She claimed the full value of the alcoholic beverages, stating that they had become improper for use, as well as compensation for loss of opportunity and moral damage.
35. Between June and November 2002, four adjournments were caused by failure to appear of one or more representatives of the defendant State organs.
36. At the hearing on 20 November 2002 the applicant requested the recusal of the presiding judge as he had participated in the administrative proceedings concerning the June 2000 seizure order against the applicant. The judge accepted the request and withdrew.
37. The next hearing was held on 4 December 2002. The applicant made requests for the collection of evidence.
38. A hearing was held on 12 March 2003.
39. The next hearing, listed for 14 May 2003, could not proceed as one of the defendant State organs had not been summoned.
40. On 11 June 2003 the court admitted documents in evidence, requested information about the pending criminal investigations and appointed an expert to report on the damage caused to the bottles still held by the tax authority and on the applicant's loss of profit resulting from the seizure of her merchandise.
41. In November 2003 the applicant submitted to the Varna Court of Appeal a complaint under Article 217a of the Code of Civil Procedure. In December 2003 the Varna Court of Appeal rejected the complaint.
42. Thereafter, the Regional Court held hearings on 24 September, 27 October and 26 November 2004 and on 25 March, 29 April, 20 May, 27 May, 30 September, 28 October and 25 November 2005.
43. It appears that most hearings were adjourned as the parties sought the production of additional documents and exchanged objections in respect of the admissibility of pieces of evidence.
44. At the hearing on 27 January 2006, the expert appointed to report on the damage to the merchandise and the applicant's loss of profit declared that she had become a member of the Bar and could no longer act as an expert. The court appointed three experts to present a report on the same subject.
45. At some of the hearings that followed, on 14 April, 31 May, 27 July, 10 November and 8 December 2006, the three newly appointed experts complained that the defendant State bodies had not given them access to the relevant documents. The court issued disclosure orders.
46. Hearings were held on 26 January, 9 March and 29 June 2007 and the examination of the case was again adjourned. The hearing held on 29 June 2007 was adjourned as one of the three experts had not been present.
47. On an unspecified date between June and September 2007 the experts appointed by the court submitted their report. The report only concerned analysis of financial documents concerning the activities of the applicant as a merchant and assessment of the loss of profit occasioned by the seizure of her merchandise. The experts did not provide information about missing and damaged bottles, stating that they would submit an additional report later.
48. On 26 October 2007 the court examined and refused the defendants' requests for the judge's recusal and for suspension of the proceedings. The court also dealt with the defendants' objections against the accuracy of the experts' report and adjourned the matter for further deliberation.
49. The hearings listed for 5 December 2007 and 20 February 2008 did not proceed as the experts had not submitted their additional report.
50. The hearing listed for 26 March 2008 was adjourned on unspecified grounds.
51. The next hearing was scheduled for 20 October 2008 but was adjourned as the applicant's lawyer had fallen ill. The court noted that two of the experts appointed to present a joint opinion refused to work together and invited the applicant to propose another expert.
52. In January 2009 the newly appointed experts presented a report, which was discussed at the hearing held on 25 February 2009. The experts gave contradictory answers to some of the parties' questions. Also, the defendants insisted on additional research by the experts. The court did not admit the report in evidence, instructed the experts to submit a new report clarifying their findings and adjourned the hearing until 15 April 2009.
53. On 15 April 2009 the hearing was adjourned as one of the experts had had an accident and was unable to attend.
54. On an unspecified date one of the experts was replaced.
55. On 18 June 2009 the experts submitted their report.
56. At the hearing held on 24 June 2009 the court noted that the report had been signed by one of the experts only and had not been submitted sufficiently in advance of the hearing. It adjourned the examination of the case and scheduled the next hearing for 16 September 2009.
6. Other events
57. As a result of the seizure of her merchandise the applicant became insolvent. She eventually discontinued her commercial activities. In 2006 her business was declared insolvent.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
58. Pursuant to an amendment of 13 May 2003 to the Tax Procedure Code 1999, as in force at the relevant time, commodities that have not been collected by their owner for more than nine months following their seizure by the tax authorities should be deemed abandoned and become State property (Article 106(5) and additional provision 1(16), in force between 13 May 2003 and 31 December 2005). Pursuant to paragraph 50 of the final and transitory provisions to the May 2003 amendment, in cases of seizures predating the amendment, the nine-month period started to run from the date of the amendment's entry into force.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION
59. The applicant complained that the length of the proceedings for damages, which she instituted in 2002, had been incompatible with the “reasonable time” requirement, laid down in Article 6 § 1 of the Convention. This provision, in so far as relevant, reads as follows:
“In the determination of his civil rights and obligations ..., everyone is entitled to a ... hearing within a reasonable time by [a] ... tribunal...”
A. Admissibility
60. The Government submitted that the applicant had not exhausted all domestic remedies as she had not filed a “complaint about delays” under Article 217a of the Code of Civil Procedure, as in force at the relevant time.
61. The applicant replied that she had done so in November 2003 but the complaint had been dismissed. She considered that, in any event, the remedy referred to by the Government was not effective as it could not lead to a finding that her right to a trial within a reasonable time had been violated and could not secure compensation.
62. The Court, noting that the applicant made use of the remedy referred to by the Government (see paragraph 41 above), dismisses their objection regarding the exhaustion of domestic remedies.
63. The Court further notes that the complaint under Article 6 § 1 is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention and is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
64. The period to be taken into consideration began on 17 May 2002 and on 16 September 2009 had not yet ended, with the proceedings still pending at first instance before the Razgrad Regional Court. On that date it had already lasted seven years and four months for one level of jurisdiction.
65. The Court reiterates that the reasonableness of the length of proceedings must be assessed in the light of the circumstances of the case and with reference to the following criteria: the complexity of the case, the conduct of the applicant and the relevant authorities and what was at stake for the applicant in the dispute (see, among many other authorities, Frydlender v. France [GC], no. 30979/96, § 43, ECHR 2000-VII).
66. The Court has frequently found violations of Article 6 § 1 of the Convention in cases raising issues similar to the one in the present case (see Frydlender, cited above and Petko Ivanov v. Bulgaria, no. 19207/04, 26 March 2009).
67. Having examined all the material submitted to it, and having regard to its case-law on the subject, the Court considers that in the instant case the length of the proceedings was excessive and failed to meet the “reasonable time” requirement. The Court notes, in particular, that most adjournments had been caused by reasons imputable to the authorities – failure to summon some of the parties, failure of the defendant State organs to provide access to relevant documents and to submit all their evidence at the beginning of the proceedings and delays in the work of the court-appointed experts (see paragraphs 35, 36, 39, 44-49 and 54-56 above). The Court also notes that the delay imputable to the applicant did not exceed two or three months (see paragraphs 34 and 48 above).
68. There has accordingly been a breach of Article 6 § 1.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 TO THE CONVENTION
69. The applicant complained that as a result of a series of unlawful actions by the tax and prosecuting authorities she had been deprived of her property and suffered pecuniary losses in violation of Article 1 of Protocol No. 1, which reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
70. The Government contested that argument.
A. Admissibility
71. The Government drew attention to the fact that the civil proceedings for damages instituted by the applicant were still pending. They also noted that the applicant was free at any time to renew her request to the prosecuting authorities for the release of the alcoholic beverages attached as evidence in the criminal proceedings against an unknown perpetrator and appeal before a court in case of refusal. The Government also stressed that the applicant had not collected the alcoholic beverages when invited to do so after January 2002 and had not sought their restitution. On the basis of the above the Government invited the Court to reject the complaint for failure to exhaust all domestic remedies.
72. The applicant replied that she had made normal use of the available remedies. The claim for damages, however, was not an effective remedy since the domestic courts were bound by the finding of the Supreme Administrative Court of 30 March 2007 that in 2004 the alcoholic beverages had lawfully been declared abandoned property to be acquired by the State. That finding had been arbitrary and deprived the applicant of any hope of obtaining redress. The applicant also stated that she could not expect a favourable outcome from a fresh request to the prosecuting authorities for the release of the alcoholic beverages attached as evidence in the criminal proceedings. That was so because there had been no new developments to serve as a basis for such a request.
73. The Court observes that the civil proceedings, which concern compensation for the consequences of the seizure of the applicant's merchandise in June 2000, were instituted by her in May 2002 and that as of September 2009, more than seven years and four months later, were still pending before the first level of jurisdiction. Furthermore, it is unclear whether the Razgrad Regional Court eventually succeeded in securing the central piece of evidence necessary in these proceedings – an expert assessment of the disputed bottles and the damage they had suffered (see paragraphs 34 and 44-56 above). As a consequence of their excessive length and the Regional Court's failure to collect the evidence decisive for their outcome, the proceedings in question have proved ineffective. The Court cannot accept, therefore, that the applicant is bound to await their conclusion indefinitely (see, mutatis mutandis, Mikheyev v. Russia, no. 77617/01, §§ 86, 120 and 121, 26 January 2006). It follows that the Government's objection in this respect must be rejected.
74. The Court also finds that the Government have not demonstrated convincingly that repeated requests to the prosecuting authorities for reconsideration of seizure and attachment orders were effective remedies which had to be exhausted in the circumstances of the present case, having regard, in particular, to the fact that the applicant made use of the available judicial remedy and the attachment at issue was ordered by a court (see paragraph 21 above).
75. As regards the Government's argument that the applicant had not collected the alcoholic beverages after the judgment of January 2002 declaring their seizure unlawful, the Court considers that it does not concern the exhaustion of a remedy but goes to the merits of the applicant's complaint that her merchandise was unlawfully retained. Accordingly, it will examine it below.
76. It follows that the complaint under Article 1 of Protocol No. 1 cannot be rejected for failure to exhaust domestic remedies in accordance with Article 35 § 1 of the Convention.
77. The Court further notes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention and is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. The parties' submissions
78. The applicant considered that there had been a series of unlawful State acts violating her property rights: the unlawful seizure of the alcoholic beverages in 2000, the unlawful damage caused to the bottles and the “disappearance” of some of them when they were in State hands, the retention of the remaining bottles after 2002 and the decision of 2004, upheld by the courts in 2007, to acquire them as abandoned. In the applicant's view, the above unlawful State acts and the obstruction she had encountered when trying to defend her rights could only be explained by efforts to cover up the “disappearance” of a significant quantity of merchandise during the period 2000-2002, when it had been kept by the local tax office.
79. The Government considered that the applicant had not taken all necessary steps to recover the bottles after 2002. They referred, in particular, to the findings of the domestic courts that the applicant had not requested the return of the bottles within the relevant nine-month period (see paragraph 32 above).
2. The Court's assessment
80. The Court considers that three complaints are discernible in respect of the impugned events and will examine them below. The first concerns the seizure in June 2000 of tobacco products and alcoholic beverages and the ensuing pecuniary loss, allegedly caused by missing and damaged bottles and the authorities' refusal to allow that the merchandise be sold while it was still marketable and fit for consumption. The second concerns the alleged retention of the seized alcoholic beverages between January 2002 and April 2004, when they were declared abandoned. The third concerns the tax authorities' decision of April 2004, upheld by the courts by final judgment of March 2007, to declare them abandoned and acquire them on that ground.
(a) The seizure of June 2000 and the ensuing damage and pecuniary loss
81. The Court notes that in June 2000 the seizure of the applicant's merchandise was ordered as a sanction for her allegedly having breached relevant regulations (see paragraph 6 above). The applicant's complaint that this seizure, the manner in which the seized merchandise was handled and the resulting damage were unlawful and violated Article 1 of Protocol No. 1 therefore falls to be examined under the second paragraph of this provision, as it concerns measures of control of the use of property (see AGOSI v. the United Kingdom, 24 October 1986, § 51, Series A no. 108, and, as a recent example, Grifhorst v. France, no. 28336/02, §§ 84-86, 26 February 2009).
82. The first and most important requirement of Article 1 of Protocol No. 1 is that any interference by a public authority with the peaceful enjoyment of possessions should be lawful (see Iatridis v. Greece [GC], no. 31107/96, § 58, ECHR 1999-II). The requirement of lawfulness, within the meaning of the Convention, demands compliance with the relevant provisions of domestic law and compatibility with the rule of law, which includes freedom from arbitrariness (see Hentrich v. France, judgment of 22 September 1994, Series A no. 296-A, § 42 and Kushoglu v. Bulgaria, no. 48191/99, §§ 49-62, 10 May 2007).
83. In the present case it has been established by final decision of the domestic courts that the seizure of the applicant's merchandise in June 2000 was unlawful under domestic law (see paragraph 10 above). It is furthermore significant that the seizure was ordered in flagrant disregard of the relevant legal requirements – the order was issued on grounds that the applicant did not possess a storage license, while in reality such licenses were not provided for by law and had never been issued in the practice of the relevant authorities (ibid).
84. The Court also observes that by January 2002, when the seizure was declared unlawful and the return of the remaining alcoholic beverages to the applicant became in principle possible, part of the merchandise had become unfit for consumption or non-marketable. The applicant's efforts to convince the tax administration to sell it while it was still marketable had remained without response (see paragraphs 23-25 above).
85. Furthermore, when the police inspected the applicant's merchandise held in the tax authority's storage house on 27 February 2002, they noted the presence of 52,118 bottles only, while a significantly larger quantity, 98,502 bottles, had been seized from the applicant in June 2000 (see paragraphs 7 and 17 above). It is true that in its decision of 21 April 2004 declaring the beverages abandoned property to be acquired by the State, the Razgrad tax authority referred to all 98,502 bottles, allegedly still kept in the storage house. However, the description of the beverages in that decision was not based on a fresh inspection but merely reproduced the list drawn up in June 2000 (see paragraph 30 above).
86. The Court is also struck by the fact that in the civil proceedings for damages, instituted by the applicant in May 2002 and still pending, State institutions, apparently including the Razgrad tax authority, denied the court appointed experts access to relevant documents. Also, it appears that despite the applicant's repeated requests, an assessment of the remaining merchandise and the value of the missing and damaged bottles was never undertaken (see paragraphs 26, 45 and 47 above).
87. In these circumstances, noting that the Government have not disputed the applicant's claim that a very significant number of the seized bottles disappeared between June 2000 and February 2002, the Court finds it established that the authorities were responsible for an unlawful loss of and damage to the applicant's property held by them.
88. The Court further notes that the Government have not provided convincing evidence disproving the applicant's allegation that she had been the victim of an arbitrary abuse of power by the Razgrad tax authority.
89. Having regard to the above the Court finds that the measures enforced against the applicant were unlawful and arbitrary. It follows that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 in respect of the June 2000 seizure and the ensuing pecuniary losses.
(b) The alleged unlawful retention of the alcoholic beverages after January 2002
90. The parties are in disagreement on the question of whether the authorities or the applicant were responsible for the fact that the alcoholic beverages were not returned to the applicant after January 2002.
91. In so far as the Government alleged that the applicant had not collected the merchandise when invited to do so by the Razgrad tax authority, the Court observes that despite the applicant's repeated requests, the tax authority did not undertake a prior assessment of the merchandise. The applicant's refusal to collect the remaining bottles without prior inspection was understandable, having regard to the fact that since their seizure a significant quantity had become unfit for consumption or non-marketable or had disappeared (see paragraphs 23-25, 28 and 34 above).
92. It is true that some of the applicant's statements at the relevant time may be interpreted as meaning that she was reluctant to collect the bottles (see paragraph 28 above). It is also true that in May 2002 she brought a civil action claiming compensation for the full value of the merchandise, apparently based on her position that the remaining goods had lost their value (see paragraph 34 above). In the Court's view, however, having regard to the Razgrad authority's refusal to proceed with an official inspection of the merchandise, these facts cannot lead to the conclusion that the applicant, not the tax authority, was responsible for the retention of the alcoholic beverages.
93. In any event, it is doubtful whether the tax authority was free to return the alcoholic beverages to the applicant after 27 February 2002, when the police ordered their seizure as evidence in criminal proceedings concerning forgery of excise tax labels (see paragraph 17 above). While the seizure order of 27 February 2002 only concerned 52,118 bottles (out of the 98,502 bottles seized in June 2000), it appears that this was the whole quantity found on 27 February 2002 in the tax authority's storage house, the remaining bottles having gone missing. It may appear, therefore, that the negotiations between the applicant and the tax authority on the return of the alcoholic beverages after February 2002 were without relevance, the merchandise having been retained on other grounds (see paragraphs 27-29, 31 and 34 above).
94. The lawfulness and justification of the retention ordered in the context of the criminal proceedings must therefore be examined by the Court.
95. Temporary seizure of evidence in the context of pending criminal proceedings is in principal a measure that is justified under the second paragraph of Article 1 of Protocol No. 1 (see Raimondo v. Italy, 22 February 1994, § 27, Series A no. 281-A).
96. In the present case, the Court sees no reasons to doubt that the seizure of February 2002 was genuinely necessary, noting, in particular, that the applicant never disputed the police expert's finding that all bottles from a sample of over 6,000 carried forged excise tax labels (see paragraph 17 above).
97. The Court observes, however, that the exact legal nature under domestic law of the initial seizure of 27 February 2002 is unclear. It was only in 2005 when the seizure was upheld by a court (see paragraphs 17 and 21 above).
98. Furthermore, the alcoholic beverages were retained despite the fact that the investigation, which after March 2003 continued against an unknown perpetrator, never made any progress (see paragraphs 19-22 above). It is difficult to accept that the authorities were entitled to retain the applicant's merchandise indefinitely in the context of dormant criminal proceedings. The Government have not submitted information about any new developments since December 2005. While the tax authorities apparently had legal grounds to confiscate the bottles which carried forged labels (see paragraph 20 above), this was never done and they remained the property of the applicant. It appears that an examination of the remaining bottles in order to establish whether they carried forged labels was not undertaken.
99. In these circumstances, assessing the evidence adduced by the parties and the relevant context (see paragraphs 8, 10, 17, 23-29 and 89 above), the Court considers that the retention of the alcoholic beverages after January 2002 cannot be characterised as a lawful and justified measure. Therefore, it violated Article 1 of Protocol No. 1.
(c) The decision to acquire part of the merchandise as abandoned
100. The Court observes that the Bulgarian courts upheld the tax authority's decision of 12 April 2004 only insofar as it concerned 46,384 bottles (out of the 98,502 bottles seized in June 2000) (see paragraphs 30-33 above). As noted above, however, it is unclear whether the 46,384 bottles in question actually existed in April 2004 or had gone missing before that (see paragraphs 7, 8 and 17 above). It is thus unclear whether the applicant was deprived of this part of the merchandise by virtue of the decision of 12 April 2004 or as a result of the loss and damage in respect of which the Court already found a violation of Article 1 of Protocol no. 1 of the Convention (see paragraphs 87-89 above).
101. Assuming that the decision to acquire part of the applicant's alcoholic beverages as abandoned concerned bottles which actually existed, the Court must examine the applicant's complaint that the resulting deprivation of property was arbitrary and thus contrary to Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
102. In the Court's view, the domestic provisions according to which the tax authorities acquired as abandoned merchandise held by them in the event of its owner not having sought to recover it for a period of nine months (see paragraphs 32 and 58 above) cannot be seen as problematic under Article 1 Protocol No. 1. Its automatic application to the events in the applicant's case, however, without regard to the particular context – the tax authorities' unlawful acts against the applicant and the proceedings for damages which opposed them – cannot but be described as arbitrary. The relevant context made it clear beyond doubt that the merchandise in question was the object of pending disputes and not abandoned. By refusing to take into account this context and applying a formalistic approach, the Bulgarian courts delivered arbitrary judgments upholding an unlawful deprivation of property contrary to Article 1 of Protocol No. 1.
IV. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
103. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
1. Pecuniary damage
(a) The parties' submissions
104. In respect of the alcoholic beverages, the applicant claimed their value, which was BGN 125,151, according to her accountancy books and the assessment of experts and, in addition, BGN 128,883 for interest on the above amount for the period from 6 June 2000 (the date of the seizure) to 31 January 2008 (the date on which the applicant submitted her just satisfaction claims).
105. The applicant also claimed BGN 26,480 in respect of interest on the value of the tobacco products (assessed at BGN 104,581) which were seized on 6 June 2000 and returned on 2 March 2002, calculated for the period between those two dates.
106. The applicant further claimed BGN 29,916 in respect of lost profits concerning the tobacco products and the alcoholic beverages taken together.
107. The above amounts taken together are the equivalent of approximately EUR 159,200.
108. In support of her claim the applicant submitted a report drawn up by Mr I.B., one of the court experts who had been appointed in the civil proceedings for damages before the Razgrad Regional Court. Mr I.B.'s report was drawn up at the applicant's request. In calculating the value of the merchandise, he relied on the applicant's accounting books. He calculated the alleged loss of profit on the basis of the applicant's profit in 1999, her last full year of normal commercial activity, applying the assumption that the situation on the relevant market remained unchanged.
109. The applicant also submitted a copy of the experts' report to the Razgrad Regional Court of September 2007 (see paragraph 47 above) and copies of the minutes of several hearings before that court, held in 2007, 2008 and 2009, from which it transpires that the figures indicated in Mr I.B.'s report submitted for the purposes of the Strasbourg proceedings correspond to the figures proposed in the domestic proceedings by the other experts appointed by the Razgrad Regional Court.
110. The Government did not comment.
(b) The Court's assessment
111. The Court notes at the outset that the Government did not comment on the applicant's calculations, which were based on the opinion of experts appointed in the domestic judicial proceedings. In these circumstances, the Court sees no reason to question the accuracy of the figures presented by the applicant in respect of the merchandise's value.
112. Having regard to its findings under Article 1 Protocol No. 1 (see paragraphs 89, 99 and 102 above), the Court considers that the applicant has suffered pecuniary loss as a direct consequence of the unlawful seizure of her merchandise in June 2000 and the damage and losses which ensued, the unjustified retention of the alcoholic beverages after January 2002 and their confiscation as abandoned.
113. It notes, however, that the domestic proceedings for damages brought by the applicant are still pending. While it is true that those proceedings have been excessively lengthy, in violation of Article 6 § 1 of the Convention, it remains the fact that they may result in damages being awarded to the applicant in respect of some of her claims. Therefore, the Court will award just satisfaction under Article 41 of the Convention only in respect of damage that cannot be repaired in the pending domestic proceedings.
114. It notes in particular that the retention of the alcoholic beverages after January 2002 by the tax and investigation authorities, as well as the acquisition of part of them in April 2004 “as abandoned”, are considered lawful acts under domestic law (see paragraphs 21 and 33 above). It follows that the applicant stands no chance of obtaining reparation for the consequences of the above acts, which the Court found to be in breach of Article 1 of Protocol No. 1.
115. As regards the remaining claims of the applicant, which concern losses resulting from the seizure of her merchandise in June 2000, declared unlawful by the domestic courts, the Court considers that the relevant domestic law allows in principle for reparation to be made and, accordingly, will not award just satisfaction under Article 41. In particular, as the applicant herself maintained, the alcoholic beverages had lost most of their value before January 2002, as a direct result of the unlawful seizure in June 2000 and the authorities' refusal to sell the perishable goods soon after that (see paragraphs 7, 10, 17, 23-25 and 28 above). The Court cannot speculate on the outcome of the pending civil proceedings for damages instituted by the applicant, which may result in an award being made to her in respect of at least part of this alleged damage, seeing that according to the latest information provided to the Court she has remained the lawful owner of 52,118 of the bottles seized from her (see paragraph 31 above).
116. In addition, the Court observes that the applicant has not disputed the police experts' findings that more than 6,000 bottles of those seized in June 2000 carried forged excise tax labels. The Court will take this fact into consideration. It cannot, however, draw inferences from this fact in relation to the remaining bottles (approximately 92,000) which were never analysed for possible counterfeit labels (see paragraphs 7 and 18-22 above).
117. On the basis of the above considerations the Court considers it appropriate to proceed on the basis that the unjustified retention of the alcoholic beverages after January 2002 and the arbitrary decision to acquire part of them in April 2004 “as abandoned” resulted in the applicant losing 35% of the value of the alcoholic beverages – EUR 22,360 (approximately equivalent to 35% of BGN 125,151).
118. In addition, the applicant is entitled to compensation for loss of opportunity, based on the above amount, for the period after January 2002. Having regard to the material at its disposal, the Court awards EUR 10,000 under this head.
119. In so far as the applicant formulated additional claims for interest and loss of profit, the Court notes that she has failed to substantiate the relationship between them, both being in substance claims for compensation for loss of opportunity. Furthermore, the amounts claimed for loss of profit were calculated globally on the basis of extrapolation of the applicant's 1999 commercial results and the Court finds them speculative (see paragraph 108 above).
120. The applicant should be paid, therefore, EUR 32,360 in respect of pecuniary damage.
2. Non-pecuniary damage
121. The applicant claimed EUR 20,000 in respect of the distress she had suffered as a result of the unlawful acts of the authorities and the excessively lengthy proceedings.
122. The Government did not comment.
123. Deciding on an equitable basis, the Court awards the applicant EUR 7,000 under this head.
B. Costs and expenses
124. The applicant also claimed EUR 161,330 for 2,309 hours of legal work in the domestic proceedings, including in all criminal proceedings in which the applicant was involved, at the hourly rate of EUR 70. The applicant requested that this sum should be paid directly into the bank account of her legal representative in the domestic proceedings, Mr O. M.. In support of this claim the applicant submitted a written agreement between her and her legal representative.
125. The applicant also claimed EUR 4,200 for 60 hours of legal work on the proceedings before the Court at the hourly rate of EUR 70. She requested that this sum should be paid directly into the bank account of her legal representative before the Court. In support of this claim the applicant submitted a written agreement between her and her legal representative and a time sheet.
126. The Government did not comment.
127. According to the Court's case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and were reasonable as to quantum.
128. With regard to the claim concerning the domestic proceedings, the Court notes that it has found violations of the Convention in relation to the applicant's merchandise and the excessive length of the civil proceedings for damages. Therefore, it cannot be considered that the expenses made in relation to the criminal charges against the applicant were directly relevant to the violations found in the present case. Furthermore, the applicant has not submitted a time-sheet and the manner in which the 2,309 hours of legal work were calculated is unclear. In these circumstances, regard being had to the information in its possession, the Court considers it reasonable to award the sum of EUR 8,000 for costs in the domestic proceedings.
129. The Court also awards in full (EUR 4,200) the claim for costs in the proceedings before it.
130. The total award in respect of costs and expenses is, therefore, EUR 12,200. Since Mr Y. G. is the applicant's sole legal representative before the Court, this sum should be paid directly into his bank account.
C. Default interest
131. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the application admissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 6 of the Convention;
3. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 in respect of the seizure of the applicant's merchandise in June 2000 and the ensuing damage;
4. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 in respect of the unjustified retention of the alcoholic beverages after January 2002;
5. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 in respect of the authorities' decision of April 2004 to declare part of the alcoholic beverages abandoned and confiscate them on that ground.
6. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicant, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts, to be converted into Bulgarian levs at the rate applicable at the date of settlement:
(i) EUR 39,360 (thirty nine thousand three hundred and sixty euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of damage;
(ii) EUR 12,200 (twelve thousand two hundred euros), plus any tax that may be chargeable to the applicant, in respect of costs and expenses, payable directly into the bank account of the applicant's legal representative;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
7. Dismisses the remainder of the applicant's claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 4 March 2010, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Claudia Westerdiek Peer Lorenzen
Registrar President


TESTO TRADOTTO

Conclusione Violazione dell’ Art. 6; violazione di P1-1; danno Patrimoniale e danno non-patrimoniale - assegnazione
QUINTA SEZIONE
CAUSA PATRIKOVA C. BULGARIA
(Richiesta n. 71835/01)
SENTENZA
STRASBOURG
4 marzo 2010
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Patrikova c. Bulgaria,
La Corte europea dei Diritti umani (quinta Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Pari Lorenzen, Presidente, Renate Jaeger Karel Jungwiert, Rait Maruste il Mark Villiger, Mirjana Lazarova Trajkovska, Zdravka Kalaydjieva, giudici,
e Claudia Westerdiek, Cancelliere di Sezione,
Avendo deliberato in privato il 9 febbraio 2010,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 71835/01) contro la Repubblica della Bulgaria depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da una cittadina bulgara, la Sig.ra G. T. ., (“la richiedente”), l’ 8 marzo 2001.
2. La richiedente fu rappresentata dal Sig. Y. G., un avvocato che pratica a Sofia. Il Governo bulgaro (“il Governo”) fu rappresentato dal suo Agente, la Sig.ra M. Dimova, del Ministero della Giustizia.
3. Il 9 luglio 2007 il Presidente della quinta Sezione decise di comunicare al Governo le azioni di reclamo riguardo ai diritti di proprietà della richiedente e la lunghezza dei procedimenti nazionali per danni. Fu deciso anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità (Articolo 29 § 3).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
4. La richiedente nacque nel 1967 e vive a Isperih. Al tempo attinente lei era una commerciante indipendente, registrata sotto il nome ET GATZI-92 G. P.. Sotto legge bulgara la sua società non aveva una personalità legale distinta. Lei commerciava bibite alcoliche e tabacco che sono considerati come prodotti soggetti ad imposta doganale sotto il diritto tributario bulgaro.
1. La confisca della merce della richiedente e i conseguenti procedimenti amministrativi
5. La richiedente possedeva una licenza, emessa nel 1994, per il commercio all'ingrosso di prodotti soggetti ad imposta doganale.
6. Il 6 giugno 2000 l'autorità fiscale di Razgrad ispezionò uno dei due magazzini dove la richiedente teneva la sua merce, sequestrò tutto il tabacco e i prodotti alcolici trovati in questo e con decisione del 27 giugno 2000 multò la richiedente. La decisione fu basata sull'opinione dell'autorità fiscale per cui la legge attinente richiedeva una licenza separata per il deposito di prodotti di soggetti ad imposta doganale mentre la richiedente aveva solamente una licenza di commercio.
7. Le autorità presero una quantità significativa di prodotti di tabacco, 11,864 bottiglie di vino e 86,638 bottiglie di altre bibite alcoliche con contenuto di alcol maggiore (98,502 bottiglie in totale). Furono trasferiti ad uno stabile di deposito usato dall'autorità fiscale di Razgrad. Al tempo della confisca, il valore totale della merce era l'equivalente di approssimativamente 150,000 euro (EUR). La multa imposta alla richiedente era dell'importo di 221,139 lev bulgari (BGN), l'equivalente di circa EUR 115,000.
8. Sembra che, durante la confisca, parte della merce fu danneggiata, o distrutta a causa di un’impropria gestione .
9. La richiedente depositò un ricorso. Il 20 luglio 2000 la Corte distrettuale di Isperich decise a suo favore ed annullò la decisione dell'autorità fiscale di Razgrad. La corte trovò che la legge attinente non richiedeva una licenza di deposito separata dalla licenza di commercio. Nei procedimenti di cassazione che seguirono, l’11 dicembre 2000 la Corte Regionale di Razgrad rovesciò la decisione e sostenne la confisca e la multa.
10. Nel gennaio 2001 la richiedente registrò un’istanza di riapertura sulla base di informazioni di recente ottenute che le licenze di deposito non erano state mai emesse in pratica dalle autorità attinenti. Il 5 ottobre 2001 la Corte distrettuale fu d'accordo nel riaprire i procedimenti ed annullò la decisione dell'autorità fiscale di Razgrad del 27 giugno 2000, affermando, inter alia che non c'era appoggio nella legge attinente per la prospettiva che una licenza di deposito separata fosse stata richiesta. Il 18 gennaio 2002 la Corte Regionale sostenne la sentenza della Corte distrettuale.
2. I procedimenti penali contro la richiedente ed il sequestro della stessa merce come prova in quei procedimenti
11. Il 7 giugno 2000 dei procedimenti penali furono avviati contro la richiedente per sospetto di evasione fiscale, per la vendita di beni soggetti ad imposta indiretta senza le richieste etichette di imposta ed esercizio abusivo dell'attività commerciale di beni di imposta indiretta.
12. L’11 settembre 2000, l'Ufficio dell’Accusatore del Distretto di Isperih ordinò il sequestro conservativo come prova della merce che già era stata sequestrata dall'autorità fiscale di Razgrad.
13. I seguenti ricorsi della richiedente furono respinti il 16 ottobre 2000 dall’ Ufficio dell’Accusatore Regionale di Razgrad e il 17 gennaio 2001 dalla Corte distrettuale di Isperih.
14. Nel gennaio 2001 un accusatore dell'Ufficio dell’ Accusatore Regionale di Razgrad, avendo ispezionato l'archivio notò che non c'era nessuna prova di un reato penale, che le accuse contro la richiedente erano poco chiare ed incoerenti e che l'indagine non era stata condotta in modo appropriato. Conseguenti istruzioni furono date all’ Accusatore del Distretto Isperih.
15. Il 23 agosto 2001 i procedimenti penali furono terminati dall’ Accusatore del Distretto di Isperih per mancanza di prove. La decisione enunciava che la merce attaccata rimasse a disposizione dell'autorità fiscale di Razgrad.
16. Lo stesso giorno, il 23 agosto 2001, lo stesso accusatore di Isperih avviò una nuova indagine sul sospetto che era probabile che la richiedente avesse usato delle etichette di imposta indiretta falsificate sulle bottiglie sequestrate di alcolici.
17. Il 27 febbraio 2002 un ufficiale inquirente della polizia di Isperih visitò la costruzione del deposito dell'autorità fiscale ed ispezionò le bibite alcoliche sequestrate dalla richiedente il 6 giugno 2000. Lui stese verbali in cui notava la presenza di 52,118 bottiglie. I verbali affermavani inoltre che, dopo l'ispezione, le bottiglie erano state sequestrate. Il significato legale ed esatto di questa dichiarazione è poco chiaro, avendo riguardo al fatto che non riguardava il sequestro e che le bottiglie non furono difatti sequestrate ma rimasero nell'edificio di deposito dell’ Autorità Fiscale di Razdrad.
18. Il 22 aprile 2002, un esperto nominato dalla polizia registrò il suo rapporto che affermava che le etichette trovate su un campione di più di 6,000 bottiglie (sulle 52,118) era stato contraffatto.
19. Il 13 marzo 2003 l' Accusatore del Distretto di Isperih lasciò cadere le accuse penali contro la richiedente siccome non c’era nessuna prova che lei fosse a conoscenza del fatto che fossero contraffatte.
20. L'accusatore ordinò che i procedimenti dovessero continuare contro un “perpetratore ignoto” e che le bottiglie sequestrate avrebbero dovuto essere messe sotto il controllo dell'autorità fiscale locale che era competente per decidere su un possibile sequestro delle bottiglie che portavano etichette di tassa di imposta indiretta falsificate.
21. Il 19 marzo 2003 la richiedente fece appello, dibattendo che non c'era nessuna base legale valida per trattenere le bottiglie poiché avevano lasciato cadere le accuse contro lei. Il ricorso non fu esaminato sino al dicembre 2005. Il 15 dicembre 2005 la Corte distrettuale annullò l'ordine dell'accusatore per motivi non correlati al ricorso della richiedente. Notò che solamente un esemplare della merce era stato analizzato per etichette falsificate e che, tutte le bottiglie dovevano perciò, essere attaccate in relazione ai procedimenti penali pendenti per falsificazione da parte di un perpetratore ignoto.
22. La richiedente non è stata informata di qualsiasi nuovo sviluppo da dicembre 2005.
3. I tentativi della richiedente di vendere la merce prima che diventasse non-commerciabile
23. Il 18 agosto 2000, la richiedente scrisse brevemente dopo la confisca, all'autorità fiscale di Razgrad affermando che la merce sequestrata era deteriorabile e avrebbe dovuto essere venduta per evitare il deprezzamento. Lei richiese permesso di venderla ed offrì una garanzia bancaria per il suo valore. L'autorità fiscale di Razgrad non accolse la richiesta.
24. Il 7 agosto 2001 l'autorità fiscale di Razgrad scrisse all'Ufficio dell'Accusatore del Distretto a Isperich cercando la sua approvazione per vendere la merce ad una vendita all'asta, avendo riguardo al fatto che era deteriorabile. La richiesta non ebbe seguito.
25. Il 15 ottobre 2001 la richiedente scrisse all'autorità fiscale di Razgrad insistendo sul fatto che le bibite alcoliche avrebbero dovuto essere immediatamente vendute poiché la validità delle etichette fiscali di imposta indiretta su di queste era scaduta il 31 ottobre 2001 ed anche perché nuove regolamentazioni sul contenuto alcolico avrebbero reso impossibile vendere le bottiglie dopo il 1 gennaio 2002. La richiedente non ricevette risposta.
26. Fra il 2001 ed il 2005, la richiedente rivolse senza successo anche all'autorità fiscale di Razgrad molte richieste per un appuntamento con esperti per valutare il danno causato durante la confisca nel giugno 2000 e qualsiasi danno causato da condizioni di deposito inadeguate.
4. La restituzione alla richiedente dei prodotti di tabacco sequestrati e la controversia riguardo alle bibite alcoliche che sono rimaste nelle mani dello Stato
27. Il 4 febbraio 2002 la richiedente scrisse all'autorità fiscale di Razgrad chiedendo la restituzione della merce sequestrata sulla base che la confisca del 6 giugno 2000 era stata dichiarata illegale e la decisione del 27 giugno 2000 era stata abrogata con sentenza definitiva del 18 gennaio 2002. L'autorità fiscale concordò e il 2 marzo 2002 la richiedente ricevette di nuovo tutti i prodotti di tabacco. Comunque, lei rifiutò ricevere le bottiglie di vino e delle altre bibite alcoliche siccome secondo lei c’era bisogno di una valutazione preliminare della loro condizione.
28. Con lettere del maggio, settembre e dicembre 2002 l'autorità fiscale reiterò il suo invito alla richiedente di rimuovere la merce rimanente, indicando le date in cui avrebbe potuto essere fatto questo e l'avvertì che l'autorità non sarebbe stata responsabile per qualsiasi danno nel caso non fosse stata in grado di ritirare le bottiglie. La richiedente fu anche avvertita del fatto che in simile caso le bottiglie sarebbero trattate come abbandonate e confiscate. La richiedente rispose, affermando che la merce aveva perso il suo valore e che degli esperti avrebbero dovuto esaminarla per determinare il danno che aveva subito. Lei non si presentò nelle date indicate dall'autorità fiscale. Nella sua lettera del 2 ottobre 2002, rivolgendosi all'autorità fiscale locale, lei spiegò che aveva introdotto un'azione per danni contro l'autorità e gli accusatori attinenti e che non c'era “nessuna ragione [per lei] di ritirare la merce che era divenuta inadatta all’uso.” Nella sua lettera del 14 dicembre 2002 la richiedente aggiunse che l'autorità fiscale avrebbe dovuto ordinare un esame competente delle bottiglie.
29. I contatti su questa questione continuarono. In riunioni coi rappresentanti dell'autorità fiscale lei espresse la buona volontà di assumere un esperto ed organizzare la valutazione della merce secondo la richiedente. In una riunione tenutasi il 6 aprile 2004, le parti erano state presumibilmente vicine ad un accordo.
30. Il 12 aprile 2004 il direttore dell'autorità fiscale di Razgrad emise un ordine sotto la sezione 106(5) del Codice dei Procedimenti Fiscali, dichiarando la merce proprietà abbandonata acquisita dallo Stato. Il testo della decisione si riferiva a tutte le bibite alcoliche (98,502 bottiglie) come descritto nell'ordine di confisca del 6 giugno 2000 (vedere paragrafi 6 e 7 sopra) e menzionava che la merce era stoccata in un locale di deposito sotto la responsabilità dell'autorità fiscale. La richiedente fece appello, affermando che i beni non erano stati abbandonati.
31. Con la sentenza dell’ 11 maggio 2006 la Corte Regionale di Varna, notando che le 52,118 bottiglie erano state sequestrate come prova nei procedimenti penali (vedere paragrafo 17 sopra) e che le disposizioni sull'acquisizione della proprietà abbandonata da parte delle autorità fiscali erano inapplicabili in simili situazioni, annullò l'ordine di acquisizione nella misura in cui riguardava quelle bottiglie. La Corte Regionale trovò che con riguardo a questa parte della merce la questione se o meno la richiedente aveva intrapreso i passi necessari per recuperarla dalle autorità fiscali era irrilevante, poiché le autorità fiscali non avevano il potere di rilasciare i beni sequestrati come prova in procedimenti penali.
32. Riguardo al resto delle bibite alcoliche (46,384 bottiglie), la Corte Regionale sostenne l'ordine del 12 aprile 2004. Trovò, inter alia che facendo seguito ad un emendamento al Codice di Procedura Fiscale (vedere paragrafo 58 sotto), le autorità fiscali acquisivano automaticamente come merce abbandonata trattenuta da loro nel caso in cui il suo proprietario non ha cercato di recuperarla entro nove mesi del 13 maggio 2003, la data dell'entrata in vigore dell'emendamento. Notando che la richiedente non aveva fatto richiesta di recuperare le bottiglie fra il 13 maggio 2003 e il 13 febbraio 2004 e considerando che gli eventi fuori da questo periodo di nove mesi erano irrilevanti, le corti trovarono che le autorità fiscali avevano acquisito legalmente la merce. La corte respinse l'argomento della richiedente per cui tutti gli eventi attinenti, prima o dopo il periodo legale di nove mesi, avrebbe dovuto essere preso in esame.
33. Il 30 marzo 2007 la Corte amministrativa Suprema sostenne la sentenza della Corte Regionale.
5. La rivendicazione della richiedente per danni contro lo Stato
34. Il 17 maggio 2002 la richiedente introdusse una rivendicazione per danni contro l'autorità fiscale di Razgrad, la polizia e le autorità perseguenti a riguardo della confisca illegale della sua merce e l'insuccesso delle autorità nel concedere il commercio delle bibite alcoliche prima della scadenza del loro periodo di validità. Lei chiese il pieno valore delle bibite alcoliche, affermando che erano divenute improprie all’ uso, così come il risarcimento per la perdita di opportunità e danno morale.
35. Fra il giugno e il novembre 2002, quattro aggiornamenti furono causati dalla’assenza di uno o più rappresentanti degli organi dello Stato imputato.
36. All'udienza del 20 novembre 2002 la richiedente richiese la ricusazione del giudice che presiedeva siccome aveva partecipato ai procedimenti amministrativi riguardo all’ ordine di confisca del giugno 2000 contro la richiedente. Il giudice accettò la richiesta e si ritirò.
37. La successiva udienza fu sostenuta il 4 dicembre 2002. La richiedente fece delle richieste per la raccolta di prove.
38. Un'udienza fu sostenuta il 12 marzo 2003.
39. Non si poté procedere all’udienza successiva, programmata per il 14 maggio 2003 siccome uno degli organi dello Stato imputato non era stato chiamato in causa.
40. L’ 11 giugno 2003 la corte ammise tra i documenti come prova, informazioni richieste circa delle indagini penali pendenti e nominò un perito per fare un rapporto sul danno causato alle bottiglie ancora trattenute dall'autorità fiscale e sulla perdita di profitto della richiedente come risultato della confisca della sua merce.
41. Nel novembre 2003 la richiedente presentò alla Corte d'appello di Varna un'azione di reclamo sotto l’Articolo 217a del Codice di Procedura Civile. Nel dicembre 2003 la Corte d'appello di Varna respinse l'azione di reclamo.
42. Da allora in poi, la Corte Regionale tenne delle udienze il 24 settembre, il 27 ottobre e il 26 novembre 2004 e il 25 marzo, il 29 aprile, il 20 maggio, il 27 maggio, il 30 settembre, il 28 ottobre e il 25 novembre 2005.
43. Sembra che la maggior parte di udienze furono posticipate siccome le parti richiesero la produzione di documenti supplementari ed eccezioni scambiate a riguardo dell'ammissibilità di pezzi di prova.
44. All'udienza del 27 gennaio 2006, l'esperto nominato per fare rapporto sul danno alla merce e la perdita di profitto della richiedente dichiarò, che era divenuta un membro del tribunale e non avrebbe più potuto agire in qualità di esperto esperto. La corte nominò tre periti per presentare un rapporto sullo stesso soggetto.
45. In alcune delle udienze che seguirono, i tre esperti di recente nominati si lamentarono il 14 aprile, il 31 maggio, il 27 luglio, il 10 novembre e l’8 dicembre 2006, che gli enti dello Stato imputato non avevano dato loro accesso ai documenti attinenti. La corte emise ordini di rivelazione.
46. Delle udienze furono tenute il 26 gennaio, il 9 marzo e il 29 giugno 2007 e l'esame della causa fu di nuovo aggiornato. L'udienza tenuta il 29 giugno 2007 fu aggiornata siccome uno dei tre esperti non era presente.
47. In una data non specificata fra il giugno e il settembre 2007 gli esperti nominati dalla corte presentarono il loro rapporto. Il rapporto riguardava solo l’analisi di documenti finanziari riguardo alle attività della richiedente come commerciante e la valutazione della perdita di profitto causata dalla confisca della sua merce. Gli esperti non fornirono informazioni di perdite e di bottiglie danneggiate, affermando che avrebbero presentato più tardi un rapporto supplementare.
48. Il 26 ottobre 2007 la corte esaminò e rifiutò le richieste degli imputati per la ricusazione del giudice e per la sospensione dei procedimenti. La corte trattò anche con le eccezioni degli imputati contro l'accuratezza del rapporto degli esperti ed aggiornò la questione per ulteriore deliberazione.
49. Le udienze programmate per il 5 dicembre 2007 e il 20 febbraio 2008 non procedettero siccome gli esperti non aveva presentato il loro rapporto supplementare.
50. L'udienza programmata per il 26 marzo 2008 fu aggiornata per motivi non specificati.
51. L’udienza successiva fu programmata per il 20 ottobre 2008 ma fu aggiornata siccome l'avvocato della richiedente si era ammalato. La corte notò che due degli esperti nominati per presentare un'opinione congiunta si rifiutarono di lavorare insieme ed invitarono la richiedente a proporre un altro competente.
52. Nel gennaio 2009 gli esperti di recente nominati presentarono un rapporto che fu discusso all'udienza sostenuta il 25 febbraio 2009. Gli esperti diedero risposte contraddittorie ad alcune delle domande delle parti. Inoltre, gli imputati insistettero sulla ricerca supplementare da parte degli esperti. La corte non ammise il rapporto nella prova, diede istruzioni agli esperti per presentare un nuovo rapporto che chiarificasse i loro giudizi ed aggiornò l'udienza al 15 aprile 2009.
53. Il 15 aprile 2009 l'udienza fu aggiornata siccome uno degli esperti aveva avuto un incidente e non era in grado di comparire.
54. In una data non specificata uno degli esperti fu sostituito.
55. Il 18 giugno 2009 gli esperti presentarono il loro rapporto.
56. All'udienza sostenuta il 24 giugno 2009 la corte notata che il rapporto era stato firmato solamente da uno degli esperti e non era stato presentato sufficientemente in anticipo all'udienza. Aggiornò l'esame della causa e programmò l’ udienza successiva al 16 settembre 2009.
6. Altri eventi
57. Come risultato della confisca della sua merce la richiedente divenne insolvente. Lei cessò infine le sue attività commerciali. Nel 2006 la sua società fu dichiarata insolvente.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
58. Facendo seguito ad un emendamento del 13 maggio 2003 al Codice di Procedura Fiscale del 1999, come in vigore al tempo attinente, le merci che non sono ritirate dal loro proprietario per più dei nove mesi seguenti la loro confisca da parte delle autorità fiscali dovrebbero essere considerate abbandonate e dovrebbero diventare proprietà Statale (Articolo 106(5) e disposizione 1(16 supplementare), in vigore fra il 13 maggio 2003 e il 31 dicembre 2005). Facendo seguito al paragrafo 50 delle disposizioni definitive e transitorie all’ emendamento del maggio 2003, in casi di confische con data prima dell'emendamento il periodo dei nove mesi incomincia a decorrere dalla data dell'entrata in vigore dell'emendamento.
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE
59. La richiedente si lamentò che la lunghezza dei procedimenti per danni che lei avviò nel 2002, era stata incompatibile col requisito del “termine ragionevole”, stabilito nell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione. Questa disposizione, nella parte attinente, si legge come segue:
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunal...”
A. Ammissibilità
60. Il Governo presentò che la richiedente non aveva esaurito tutte le vie di ricorso nazionali siccome lei non aveva introdotto un “azione di reclamo per ritardi” sotto l’Articolo 217a del Codice di Procedura Civile, come in vigore al tempo attinente.
61. La richiedente rispose che lei aveva fatto così nel novembre 2003 ma l'azione di reclamo era stata respinta. Lei considerò che in qualsiasi caso, la via di ricorso a cui fa riferimento il Governo non era effettiva siccome non poteva condurre ad una costatazione che il suo diritto ad un processo all'interno di un termine ragionevole era stato violato e non poteva garantire il risarcimento.
62. La Corte, notando che la richiedente si avvalse della via di ricorso a cui ha fatto riferimento il Governo (vedere paragrafo 41 sopra), respinge la sua eccezione riguardo all'esaurimento delle vie di ricorso nazionali.
63. La Corte nota inoltre che l'azione di reclamo sotto l’Articolo 6 § 1 non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione e non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
B. Meriti
64. Il periodo da prendere in esame cominciò il 17 maggio 2002 e il 16 settembre 2009 non era ancora terminato, coi procedimenti ancora pendenti in prima istanza di fronte alla Corte Regionale di Razgrad. In questa data durava già da sette anni e quattro mesi per un livello di giurisdizione.
65. La Corte reitera che la ragionevolezza della lunghezza dei procedimenti deve essere valutata alla luce delle circostanze della causa e con riferimento ai seguenti criteri: la complessità della causa, la condotta del richiedente e delle autorità attinenti e cosa era in gioco per la richiedente nella controversia (vedere, fra molte altre autorità, Frydlender c. Francia [GC], n. 30979/96, § 43 ECHR 2000-VII).
66. La Corte ha trovato frequentemente violazioni dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione in cause che sollevavano questioni simili a quella nella presente causa (vedere Frydlender, citata sopra e Petko Ivanov c. Bulgaria, n. 19207/04, 26 marzo 2009).
67. Avendo esaminato tutto il materiale presentatole , ed avendo riguardo alla sua giurisprudenza in materia, la Corte considera, che nella presente causa la lunghezza dei procedimenti era eccessiva e non riuscì a soddisfare il requisito del “termine ragionevole”. La Corte nota, in particolare, che la maggior parte di aggiornamenti erano stati causati da ragioni imputabili alle autorità-insuccesso nel chiamare in causa alcune delle parti, insuccesso degli organi dello Stato imputato nel fornire accesso a documenti attinenti e nel presentare tutta le loro prove all'inizio dei procedimenti e ritardi nel lavoro degli esperti nominati dalla corte (vedere paragrafi 35, 36, 39 44-49 e 54-56 sopra). La Corte nota anche che il ritardo imputabile al richiedente non eccede i due o tre mesi (vedere paragrafi 34 e 48 sopra).
68. C'è stata di conseguenza una violazione di Articolo 6 § 1.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 ALLA CONVENZIONE
69. La richiedente si lamentò che come risultato di una serie di azioni illegali da parte delle autorità fiscali perseguenti lei era stata privata della sua proprietà ed aveva sofferto di perdite patrimoniali in violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che recita come segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
70. Il Governo contestò questo argomento.
A. Ammissibilità
71. Il Governo attrasse L’attenzione SUL fatto che i procedimenti civili per danni avviati dalla richiedente erano ancora pendenti. Notò anche che la richiedente era libera in qualsiasi tempo di rinnovare la sua richiesta alle autorità perseguenti per il rilascio delle bibite alcoliche allegate come prova nei procedimenti penali contro un perpetratore ignoto e di fare appello di fronte ad una corte in caso di rifiuto. Il Governo sottolineò anche che la richiedente non aveva ritirato le bibite alcoliche quando fu invitata a farlo dopo il gennaio 2002 e non aveva chiesto la loro restituzione. Sulla base di quanto sopra il Governo invitò la Corte a respingere l'azione di reclamo per insuccesso nell’ esaurire tutte le vie di ricorso nazionali.
72. La richiedente rispose che lei si era avvalsa della normale via di ricorso disponibile. Comunque, la rivendicazione per danni non era una via di ricorso effettiva poiché le corti nazionali erano vincolate dalla sentenza della Corte amministrativa Suprema del 30 marzo 2007 e che nel 2004 le bibite alcoliche erano state dichiarate legalmente proprietà abbandonata che doveva essere acquisita dallo Stato. Questa costatazione era stata arbitraria e aveva privato la richiedente di qualsiasi speranza di ottenere compensazione. La richiedente affermò anche che lei non poteva aspettarsi un risultato favorevole da una nuova richiesta alle autorità perseguenti per lo svincolo delle bibite alcoliche allegate come prove nei procedimenti penali. Ciò era così perché non c'era stato nessun nuovo sviluppo da notificare come base per tale richiesta.
73. La Corte osserva che i procedimenti civili che riguardavano il risarcimento per le conseguenze della confisca della merce della richiedente al giugno 2000, furono avviati da lei nel maggio 2002 e che al settembre 2009, più di sette anni e quattro mesi più tardi, erano ancora pendenti di fronte al primo livello di giurisdizione. Inoltre, è poco chiaro se la Corte Regionale Razgrad ebbe infine successo nell’assicurare la prova centrale necessaria in questi procedimenti-una valutazione competente delle bottiglie contestate ed il danno che avevano subito (vedere paragrafi 34 e 44-56 sopra). Come conseguenza della loro eccessiva lunghezza e l'insuccesso della Corte Regionale nel raccogliere la prova decisiva per il loro risultato, i procedimenti in oggetto si sono dimostrati inefficaci. La Corte non può accettare, perciò, che la richiedente è obbligata ad attendere indefinitamente la loro conclusione (vedere, mutatis mutandis, Mikheyev c. Russia, n. 77617/01, §§ 86, 120 e 121 del 26 gennaio 2006). Ne segue che l'eccezione del Governo a questo riguardo deve essere respinta.
74. La Corte costata anche che il Governo non ha dimostrato convincentemente che le ripetute richieste alle autorità perseguenti per la revisione della confisca e gli ordini di sequestro erano vie di ricorso effettive che dovevano essere esaurite nelle circostanze della presente causa, avendo riguardo a, in particolare, al fatto che la richiedente si avvalse della misura giuridica disponibile ed il sequestro in questione fu ordinato da una corte (vedere paragrafo 21 sopra).
75. Riguardo all'argomento del Governo per cui la richiedente non aveva ritirato le bibite alcoliche dopo la sentenza del gennaio 2002 che dichiarava illegale la loro confisca, la Corte considera che non riguarda l'esaurimento di una via di ricorso ma va ai meriti dell'azione di reclamo della richiedente che la sua merce è stata trattenuta illegalmente. Di conseguenza, l'esaminerà sotto.
76. Ne segue che l'azione di reclamo sotto l’Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 non può essere respinta per insuccesso nell’ esaurire vie di ricorso nazionali in conformità con l’Articolo 35 § 1 della Convenzione.
77. La Corte nota inoltre che questa azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione e non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
B. Meriti
1. Le osservazioni delle parti
78. La richiedente considerò che c'era stata una serie di atti illegali dello Stato che violarono i suoi diritti di proprietà: la confisca illegale delle bibite alcoliche nel 2000, il danno illegale causato alle bottiglie ed “la scomparsa” di alcune di queste quando erano nelle mani dello Stato, la ritenuta delle bottiglie rimanenti dopo il 2002 e la decisione del 2004 sostenuta dalle corti nel 2007, di considerarle come abbandonate. Nella prospettiva della richiedente, gli atti illegali dello Stato sopra, e l'ostruzione che lei aveva incontrato nel tentare di difendere i suoi diritti avrebbero potuto essere spiegati solamente con dei tentativi di coprire “la scomparsa” di una quantità significativa di merce durante il periodo 2000-2002, quando era stata tenuta dall'ufficio fiscale locale.
79. Il Governo considerò che la richiedente non aveva preso tutti i passi necessari per recuperare le bottiglie dopo il 2002. Fece riferimento , in particolare, ai giudizi delle corti nazionali per cui la richiedente non aveva richiesto la restituzione delle bottiglie entro l’attinente periodo dei nove mesi (vedere paragrafo 32 sopra).
2. La valutazione della Corte
80. La Corte considera che tre azioni di reclamo sono discernibili a riguardo degli eventi contestati e li esaminerà sotto. La prima riguarda la confisca nel giugno 2000 di prodotti di tabacco e bibite alcoliche e la conseguente perdita patrimoniale, causata presumibilmente dalla perdita e dal danneggiamento delle bottiglie ed il rifiuto delle autorità di concedere che la merce venisse venduta mentre ancora era commerciabile e adatta al consumo. La seconda riguarda la ritenuta addotta delle bibite alcoliche sequestrate fra il gennaio 2002 e l’aprile 2004, quando furono dichiarate abbandonate. La terza riguarda la decisione delle autorità fiscali dell’ aprile 2004, sostenuta dalle corti con sentenza definitiva del marzo 2007 di dichiararle abbandonate e di acquisirle su quella base.
(a) La confisca del giugno 2000 ed il danno conseguente e perdita patrimoniale
81. La Corte nota che nel giugno 2000 la confisca della merce della richiedente fu ordinata come sanzione per aver violato presumibilmente le regolamentazioni attinenti (vedere paragrafo 6 sopra). L'azione di reclamo della richiedente per cui questa confisca, il modo in cui ci si occupò della merce sequestrata ed il danno risultante era illegale e violava l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 deve perciò essere esaminata sotto il secondo paragrafo di questa disposizione, siccome riguarda misure di controllo dell'uso di proprietà (vedere AGOSI c. Regno Unito, 24 ottobre 1986, § 51 Serie A n. 108, e, per un esempio recente, Grifhorst c. Francia, n. 28336/02, §§ 84-86 del 26 febbraio 2009).
82. Il primo e il più importante requisito dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 è che qualsiasi interferenza da parte di un'autorità pubblica col godimento tranquillo di proprietà dovrebbe essere legale (vedere Iatridis c. Grecia [GC], n. 31107/96, § 58 ECHR 1999-II). Il requisito della legalità, all'interno del significato della Convenzione , richiede l’ottemperanza con le disposizioni attinenti del diritto nazionale e la compatibilità con la preminenza del dirittoche include la libertà dall'arbitrarietà (vedere Hentrich c. Francia, sentenza di 22 settembre 1994 Serie A n. 296-A, § 42 e Kushoglu c. Bulgaria, n. 48191/99, §§ 49-62 del 10 maggio 2007).
83. Nella presente causa è stato stabilito tramite decisione definitiva delle corti nazionali che la confisca della merce della richiedente al giugno 2000 era illegale sotto il diritto nazionale (vedere paragrafo 10 sopra). È inoltre significativo che la confisca fu ordinata nella noncuranza flagrante dei requisiti giuridici attinenti - l'ordine fu emesso per il motivo che la richiedente non possedeva una licenza di deposito, mentre in realtà simile licenze non erano previste per legge e non erano state mai emesse nella pratica delle autorità attinenti (ibid).
84. La Corte osserva anche che nel gennaio 2002, quando la confisca fu dichiarata illegale la restituzione delle bibite alcoliche rimanenti alla richiedente divenne in principio possibile, parte della merce era divenuta inadatta al consumo o non-commerciabile. Gli sforzi della richiedente di convincere l'amministrazione fiscale a venderla mentre era ancora commerciabile erano rimasti senza risposta (vedere paragrafi 23-25 sopra).
85. Inoltre, quando la polizia ispezionò la merce della richiedente stoccata nel locale di deposito dell'autorità fiscale il 27 febbraio 2002, notò solamente la presenza di 52,118 bottiglie, mentre una quantità significativamente più grande, 98,502 bottiglie era stata sequestrata dalla richiedente nel giugno 2000 (vedere paragrafi 7 e 17 sopra). È vero che nella sua decisione del 21 aprile 2004 che dichiarava le bibite proprietà abbandonata da acquisire da parte dello Stato, l'autorità fiscale di Razgrad si riferì a tutte le 98,502 bottiglie, presumibilmente ancora stoccate nel locale di deposito. Comunque, la descrizione delle bibite in quella decisione non era basata su una nuova ispezione ma soltanto riproduceva la lista redatta nel giugno 2000 (vedere paragrafo 30 sopra).
86. La Corte è colpita anche dal fatto che nei procedimenti civili per danni, avviati dalla richiedente nel maggio 2002 ed ancora pendenti, delle istituzioni Statali, apparentemente inclusa l'autorità fiscale di Razgrad negarono agli esperti nominati dalla corte l’accesso a documenti attinenti corte. Inoltre, sembra che nonostante le ripetute richieste della richiedente, una valutazione della merce rimanente ed il valore delle bottiglie mancanti e danneggiate non fu mai avviata (veda paragrafi 26, 45 e 47 sopra).
87. In queste circostanze, notando che il Governo non ha contestato la rivendicazione della richiedente per cui un numero molto significativo di bottiglie sequestrate è sparito fra il giugno 2000 e il febbraio 2002, la Corte trova stabilito che le autorità fossero responsabili per una perdita illegale e danneggiamento delle proprietà della richiedente trattenute da queste .
88. La Corte nota inoltre che il Governo non ha offerto alcuna prova convincente tale da confutare la dichiarazione della richiedente che lei era stata la vittima di un abuso di potere arbitrario da parte dell'autorità fiscale di Razgrad.
89. Avendo riguardo a quanto sopra la Corte trova che le misure eseguite contro la richiedente erano illegali ed arbitrarie. Ne segue che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 a riguardo della confisca del giugno 2000 e delle conseguenti perdite patrimoniali.
(b) L’addotta trattenuta illegale delle bibite alcoliche dopo il gennaio 2002
90. Le parti sono in disaccordo sulla questione se le autorità o la richiedente siano responsabili per il fatto che le bibite alcoliche non furono restituite alla richiedente dopo il gennaio 2002.
91. Nella misura in cui il Governo addusse che la richiedente non aveva ritirato la merce quando fu invitata a farlo dall'autorità fiscale di Razgrad, la Corte osserva, che nonostante le richieste ripetute del richiedente, l'autorità fiscale non intraprese una precedente valutazione della merce. Il rifiuto della richiedente di prelevare le rimanenti bottiglie senza una precedente ispezione era comprensibile, avendo riguardo al fatto che dalla loro confisca una quantità significativa era divenuta inadatta al consumo o non-commerciabile o era scomparso (vedere paragrafi 23-25, 28 e 34 sopra).
92. È vero che alcune delle dichiarazioni della richiedente al tempo attinente possono essere interpretate come se lei fosse riluttante nel prelevare le bottiglie (vedere paragrafo 28 sopra). È anche vero che nel maggio 2002 lei introdusse un'azione civile chiedendo il risarcimento per il pieno valore della merce, evidentemente basata sulla sua posizione che i rimanenti beni avevano perso il loro valore (vedere paragrafo 34 sopra). Nella prospettiva della Corte, comunque avendo riguardo a procedere con un'ispezione ufficiale della merce, questi fatti non possono condurre alla conclusione che la richiedente, non l'autorità fiscale fosse responsabile per il trattenimento delle bibite alcoliche al rifiuto dell'autorità di Razgrad.
93. In qualsiasi caso, è incerto se l'autorità fiscale fosse libera di restituire le bibite alcoliche alla richiedente dopo il 27 febbraio 2002, quando la polizia ordinò la loro confisca come prova in procedimenti penali riguardo alla falsificazione delle etichette fiscali di imposta indiretta (vedere paragrafo 17 sopra). Mentre l'ordine di confisca del 27 febbraio 2002 riguardava solamente 52,118 bottiglie (delle 98,502 bottiglie sequestrate nel giugno 2000), sembra che questa era la quantità intera trovata il 27 febbraio 2002 nel locale di deposito dell'autorità fiscale, le rimanenti bottiglie essendo andate perse. Può sembrare, perciò, che le negoziazioni fra la richiedente e l'autorità fiscale sulla restituzione delle bibite alcoliche dopo il febbraio 2002 fossero senza attinenza, essendo stata la merce trattenuta per altri motivi (vedere paragrafi 27-29, 31 e 34 sopra).
94. La legalità e la giustificazione della trattenuta ordinata nel contesto dei procedimenti penali devono essere esaminate perciò dalla Corte.
95. La confisca provvisoria delle prova nel contesto di procedimenti penali pendenti è in principio una misura che è giustificata sotto il secondo paragrafo dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere Raimondo c. Italia, 22 febbraio 1994, § 27 Serie A n. 281-A).
96. Nella presente causa, la Corte non vede nessuna ragioni di dubitare che la confisca del febbraio 2002 era sinceramente necessaria, mentre nota, in particolare, che la richiedente non contestò mai l'esperto della polizia che trovò che tutte le bottiglie da un campione di più di 6,000 portavano etichette fiscali di imposta indiretta contraffatte (vedere paragrafo 17 sopra).
97. Comunque, la Corte osserva che la natura legale richiesta sotto il diritto nazionale della confisca iniziale del 27 febbraio 2002 è poco chiara. Lo fu solamente nel 2005 quando la confisca fu sostenuta da una corte (vedere paragrafi 17 e 21 sopra).
98. Inoltre, le bibite alcoliche furono trattenute nonostante il fatto che l'indagine dopo il marzo 2003 continuasse contro un perpetratore ignoto, non fece mai alcun progresso (vedere paragrafi 19-22 sopra). È difficile accettare che alle autorità fosse permesso di trattenere indefinitamente la merce della richiedente nel contesto di procedimenti penali inattivi. Il Governo non ha presentato informazioni di qualsiasi nuovo sviluppo dal dicembre 2005. Mentre le autorità fiscali apparentemente avevano i motivi legali per confiscare le bottiglie che portavano delle etichette contraffatte (vedere paragrafo 20 sopra), questo non era mai stato fatto e loro rimasero di proprietà della richiedente. Sembra che non fu impegnato un esame delle bottiglie rimanenti per stabilire se portavano delle etichette contraffatte.
99. In queste circostanze, valutando la prova addotta dalle parti ed il contesto attinente (vedere paragrafi 8, 10, 17 23-29 e 89 sopra), la Corte considera che il trattenimento delle bibite alcoliche dopo il gennaio 2002 non può essere caratterizzato come una misura legale giustificata. Perciò, violò l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
(c) La decisione di acquisire parte della merce come abbandonata
100. La Corte osserva che le corti bulgare sostennero pertanto la decisione dell'autorità fiscale di 12 aprile 2004 solamente nella misura in cui riguardava 46,384 bottiglie (delle 98,502 bottiglie sequestrate nel giugno 2000) (vedere paragrafi 30-33 sopra). Come notato sopra, comunque, è poco chiaro se le 46,384 bottiglie in oggetto davvero esistevano nell’ aprile 2004 o era andate perdute prima (vedere paragrafi 7, 8 e 17 sopra). È così poco chiaro se la richiedente fu privata di questa parte della merce in virtù della decisione del 12 aprile 2004 o come risultato della perdita e del danneggiamento a riguardo del quale la Corte trovò già una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo n. 1 della Convenzione (vedere paragrafi 87-89 sopra).
101. Presumendo che la decisione di acquisire parte delle bibite alcoliche della richiedente come bottiglie abbandonate riguardasse quelle che davvero esistevano, la Corte deve esaminare l'azione di reclamo della richiedente per cui la privazione risultante di proprietà era arbitraria e così contraria all’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
102. Nella prospettiva della Corte, le disposizioni nazionali secondo cui le autorità fiscali acquisiscono come merce abbandonata trattenuta da queste nel caso in cui il suo proprietario no abbia cercato di recuperarla nel corso di un periodo di nove mesi (vedere paragrafi 32 e 58 sopra) non possono essere viste come problematiche sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. La sua applicazione automatica agli eventi nella causa della richiedente, comunque senza riguardo al particolare contesto-gli atti illegali delle autorità fiscali contro la richiedente ed i procedimenti per danni che li opponevano -può essere descritta solo come arbitraria. Il contesto attinente rese senza possibilità di dubbio chiaro che la merce in oggetto era oggetto di controversie pendenti e non abbandonata. Rifiutando di prendere in considerazione questo contesto e applicando un approccio formalistico, le corti bulgare resero delle sentenze arbitrarie sostenendo una privazione di proprietà illegale contraria all’Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
IV. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
103. Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
1. Danno patrimoniale
(a) Le osservazioni delle parti
104. A riguardo delle bibite alcoliche, la richiedente chiese il loro valore che era BGN 125,151 secondo i suoi libri di contabilità e la valutazione degli esperti e, inoltre, BGN 128,883 per interesse sull'importo sopra per il periodo dal 6 giugno 2000 (la data della confisca) al 31 gennaio 2008 (la data in cui la richiedente presentò la sua richiesta di soddisfazione equa).
105. La richiedente chiese anche BGN 26,480 a riguardo dell’ interesse sul valore dei prodotti di tabacco (valutati a BGN 104,581) che furono sequestrati il 6 giugno 2000 e restituiti il 2 marzo 2002, calcolato per il periodo fra quelle due date.
106. La richiedente chiese inoltre BGN 29,916 a riguardo dei profitti perduti riguardo ai prodotti di tabacco e delle bibite alcoliche prese insieme.
107. Gli importi sopra presi insieme sono gli equivalenti di circa EUR 159,200.
108. In appoggio alla sua rivendicazione la richiedente presentò un rapporto steso dal Sig. I.B., uno dei periti di corte che erano stati nominati nei procedimenti civili per danni di fronte alla Corte Regionale di Razgrad. Il rapporto del Sig. I.B. fu redatto su alla richiesta della richiedente. Nel calcolare il valore della merce, lui si appellò ai libri di contabilità della richiedente. Lui calcolò la perdita addotta di profitto sulla base del profitto della richiedente nel 1999, il suo ultimo anno pieno di normale attività commerciale, applicando la presunzione che la situazione sul mercato attinente fosse rimasta immutata.
109. La richiedente presentò anche una copia del rapporto degli esperti della Corte Regionale di Razgrad del settembre 2007 (vedere paragrafo 47 sopra) e copie dei verbali di molte udienze di fronte a questa corte, sostenute nel 2007 2008 e 2009 da cui traspare che le cifre indicate nel rapporto del Sig. I.B. presentato ai fini dei procedimenti di Strasburgo corrispondono alle cifre proposte nei procedimenti nazionali dagli altri esperti nominati dalla Corte Regionale di Razgrad.
110. Il Governo non fece commenti.
(b) La valutazione della Corte
111. La Corte nota all'inizio che il Governo non ha fatto commenti sui calcoli della richiedente che furono basati sull'opinione di esperti nominati nei procedimenti giudiziali nazionali. In queste circostanze, la Corte non vede nessuna ragione di mettere in dubbio l'accuratezza delle cifre presentate dalla richiedente a riguardo del valore della merce.
112. Avendo riguardo alle sue costatazioni sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere paragrafi 89, 99 e 102 sopra), la Corte considera che la richiedente ha sofferto di una perdita patrimoniale come conseguenza diretta della confisca illegale della sua merce nel giugno 2000 del danno e delle perdite che conseguirono, della trattenuta ingiustificata delle bibite alcoliche dopo il gennaio 2002 e del loro sequestro come abbandonate.
113. Comunque, nota che i procedimenti nazionali per danni introdotti dalla richiedente sono ancora pendenti. Mentre è vero che quei procedimenti sono stati smodatamente lunghi, in violazione dell’Articolo 6 § 1 della Convenzione, rimane il fatto che loro possono dare luogo all’assegnazione di danni alla richiedente a riguardo di alcune delle sue rivendicazioni. La Corte assegnerà solamente perciò, la soddisfazione equa sotto l’Articolo 41 della Convenzione a riguardo del danno che non può essere riparato nei procedimenti nazionali pendenti.
114. Nota in particolare che la trattenuta delle bibite alcoliche dopo il gennaio 2002 da parte dell’ autorità fiscale di indagine, così come l'acquisizione di parte di loro nell’ aprile 2004 “come abbandonate”, sono considerati atti legali sotto il diritto nazionale (vedere paragrafi 21 e 33 sopra). Ne segue che la richiedente non ha nessuna opportunità di ottenere riparazione per le conseguenze degli atti sopra che la Corte ha trovato essere in violazione dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
115. Riguardo alle rimanenti rivendicazioni della richiedente che riguardano le perdite risultanti dalla confisca della sua merce nel giugno 2000, dichiarata illegale dalle corti nazionali, la Corte considera, che il diritto nazionale attinente lascia spazio in principio affinché venga fatta riparazione e, di conseguenza, non assegnerà soddisfazione equa sotto l’Articolo 41. In particolare, come la richiedente stessa ha sostenuto, le bibite alcoliche avevano perso la maggior parte del loro valore prima del gennaio 2002, come risultato diretto della confisca illegale nel giugno 2000 ed il rifiuto delle autorità di vendere al più presto i beni deteriorabili (vedere paragrafi 7, 10, 17 23-25 e 28 sopra). La Corte non può speculare sul risultato dei procedimenti civili pendenti per danni avviati dalla richiedente che può dare luogo ad un’ assegnazione a riguardo di almeno la parte di questo danno addotto, vedendo che secondo le ultime informazioni fornite alla Corte è rimasta la proprietaria legale di 52,118 delle bottiglie sequestrato da lei (vedere paragrafo 31 sopra).
116. Inoltre, la Corte osserva che la richiedente non ha contestato le costatazioni degli esperti della polizia che più di 6,000 bottiglie di quelle che hanno sequestrato nel giugno 2000 portavano delle etichette fiscali di imposta indiretta contraffatte. La Corte prenderà in esame. questo fatto Comunque, non può dedurre inferenze da questo fatto in relazione alle bottiglie rimanenti (approssimativamente 92,000) che non furono mai analizzate per possibili etichette falsificate (vedere paragrafi 7 e 18-22 sopra).
117. Sulla base delle considerazioni sopra la Corte considera appropriato procedere sulla base che il trattenimento ingiustificato delle bibite alcoliche dopo il gennaio 2002 e la decisione arbitraria di acquisire parte di loro nell’ aprile 2004 “come abbandonate” diede luogo alla perdita della richiedente del 35% del valore delle bibite alcoliche -EUR 22,360 (approssimativamente equivalente al 35% di BGN 125,151).
118. Inoltre, alla richiedente viene concesso il risarcimento per la perdita d'opportunità, basato sull'importo sopra, per il periodo dopo il gennaio 2002. Avendo riguardo al materiale a sua disposizione, la Corte assegna EUR 10,000 sotto questo capo.
119. Nella misura in cui la richiedente ha formulato rivendicazioni supplementari per interesse e perdita di profitto, la Corte nota che lei non è riuscita a provare la relazione fra loro, essendo entrambe in sostanza rivendicazioni per il risarcimento per perdita d’opportunità. Gli importi chiesti per perdita di profitto furono inoltre calcolati globalmente, sulla base di estrapolazione dei risultati commerciali del 1999 della richiedente e la Corte li trova speculativi (vedere paragrafo 108 sopra).
120. Alla richiedente dovrebbero essere pagati, perciò, EUR 32,360 a riguardo del danno patrimoniale.
2. Danno non-patrimoniale
121. La richiedente chiese EUR 20,000 a riguardo dell'angoscia che aveva subito come risultato degli atti illegali delle autorità e i procedimenti smodatamente lunghi.
122. Il Governo non fece commenti.
123. Decidendo su una base equa, la Corte assegna EUR 7,000 alla richiedente sotto questo capo.
B. Costi e spese
124. La richiedente chiese anche EUR 161,330 per 2,309 ore di lavoro legale nei procedimenti nazionali, incluso tutti i procedimenti penali nei quali fu coinvolta la richiedente, al tasso orario di EUR 70. La richiedente chiese che questa somma venisse pagata direttamente sul conto bancario del suo rappresentante legale nei procedimenti nazionali, il Sig. O. M.. In appoggio a questa rivendicazione la richiedente presentò un accordo scritto fra lei ed il suo rappresentante legale.
125. La richiedente chiese anche EUR 4,200 per 60 ore di lavoro legale sui procedimenti di fronte alla Corte al tasso orario di EUR 70. Lei richiese che questa somma venisse pagata direttamente sul conto bancario del suo rappresentante legale di fronte alla Corte. In appoggio a questa rivendicazione la richiedente presentò un accordo scritto fra lei ed il suo rappresentante legale ed un foglio orario.
126. Il Governo non fece commenti.
127. Secondo la giurisprudenza della Corte, ad un richiedente è concesso il rimborso di costi e spese solamente se viene mostrato che questi davvero e necessariamente sono stati incorsi e sono stati ragionevoli riguardo al quantum.
128. Con riguardo alla rivendicazione riguardo ai procedimenti nazionali, la Corte nota, che ha trovato violazioni della Convenzione in relazione alla merce della richiedente e la lunghezza eccessiva dei procedimenti civili per danni. Perciò, non può essere considerato che le spese fatte in relazione alle accuse criminali contro la richiedente fossero direttamente attinenti alle violazioni trovate nella causa presente. Inoltre, la richiedente non ha presentato un foglio orario e il modo in cui furono calcolate le 2,309 ore di lavoro legale è poco chiaro. In queste circostanze, avuto riguardo alle informazioni in suo possesso, la Corte considera ragionevole assegnare la somma di EUR 8,000 per costi nei procedimenti nazionali.
129. La Corte assegna anche in pieno (EUR 4,200) la rivendicazione per costi nei procedimenti di fronte a sé.
130. L'assegnazione totale a riguardo dei costi e spese è, perciò, EUR 12,200. Poiché il Sig. Y. Grozev è il solo rappresentante legale della richiedente di fronte alla Corte, questa somma dovrebbe essere pagata direttamente sul suo conto bancario.
C. Interesse di mora
131. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara la richiesta ammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione di Articolo 6 della Convenzione;
3. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 a riguardo della confisca della merce della richiedente nel giugno 2000 ed il danno conseguente;
4. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 a riguardo del trattenimento ingiustificato delle bibite alcoliche dopo il gennaio 2002;
5. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 a riguardo della decisione delle autorità dell’ aprile 2004 di dichiarare parte delle bibite alcoliche abbandonata e della confisca su quella base.
6. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare alla richiedente, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione i seguenti importi, da convertire in lev bulgari al tasso applicabile in data dell’ accordo:
(i) EUR 39,360 (trenta nove mila trecento e sessanta euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, a riguardo del danno;
(ii) EUR 12,200 (dodici mila duecento euro), più qualsiasi tassa che può essere a carico della richiedente, a riguardo dei costi e delle spese pagabili direttamente sul conto bancario del rappresentante legale della richiedente;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
7. Respinge il resto della rivendicazione del richiedente per soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 4 marzo 2010, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Claudia Westerdiek Pari Lorenzen
Cancelliere Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 07/10/2020.