Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF ANDREYEV v. RUSSIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI:

NUMERO: 32991/05/2010
STATO: Russia
DATA: 04/03/2010
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

FIRST SECTION
CASE OF ANDREYEV v. RUSSIA
(Application no. 32991/05)
JUDGMENT
STRASBOURG
4 March 2010
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Andreyev v. Russia,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Christos Rozakis, President,
Nina Vajić,
Anatoly Kovler,
Elisabeth Steiner,
Khanlar Hajiyev,
Dean Spielmann,
Sverre Erik Jebens, judges,
and Søren Nielsen, Section Registrar,
Having deliberated in private on 9 February 2010,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 32991/05) against the Russian Federation lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Russian national, Mr A. A. A. (“the applicant”), on 12 August 2005.
2. The applicant was represented by Mr S. M., a lawyer practising in Voronezh. The Russian Government (“the Government”) were represented by Mr G. Matyushkin, Representative of the Russian Federation at the European Court of Human Rights.
3. On 12 June 2008 the President of the First Section decided to give notice of the application to the Government. It was also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (Article 29 § 3).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
4. The applicant was born in 1964 and lives in Voronezh.
5. On 12 July 2002 the applicant rented out his flat to M.
6. On 26 September 2002 M. allegedly forgot to turn off water in the bathroom and thus damaged neighbouring flats of Sh. and A.
7. Subsequently M. compensated damages to Sh., but refused to pay A., considering the sums claimed excessive.
8. On 20 November 2002 A. brought proceedings against the applicant for damages. M. took part in the proceedings as a co-defendant.
9. On 12 November 2003 the Justice of the Peace of the 3rd Court Circuit ordered the applicant to pay A. 40,983 Russian roubles (RUB) in damages and to pay the authorities RUB 1,639.49 of legal costs.
10. The applicant lodged an appeal and on 28 April 2004 the Sovetskiy District Court of Voronezh quashed the judgment, found that there was no fault by the applicant in the damage caused to the A.'s flat and awarded A. RUB 15,261 from M.
11. On 27 August 2004 A. lodged an application for supervisory review of the appeal judgment.
12. On 14 February 2005 the Presidium of the Voronezh Regional Court quashed that appeal judgment and upheld the judgment of 12 November 2003. The Presidium reassessed the evidence and found that though on 25 September 2002 the applicant concluded an agreement under which he should have obtained the right of property to the flat, this right was duly registered only on 10 April 2003. Therefore before that date the applicant could not rent out his flat to anyone. Thus he remained the flat's sole de jure owner and should have been responsible for it.
13. On 7 Mach 2007 the applicant transferred to the bailiffs RUB 42,322.49 in accordance with the Presidium decision of 14 February 2005.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
14. The relevant domestic law governing the supervisory review procedure at the material time is summed up in the Court's judgment in the case of Kot v. Russia (no. 20887/03, § 17, 18 January 2007).
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION AND OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 ON ACCOUNT OF SUPERVISORY REVIEW
15. The applicant complained under Article 6 of the Convention and under Article 1 of Protocol No. 1 that the final appeal judgment of 28 April 2004 had been quashed via supervisory review. In so far as relevant, these Articles read as follows:
Article 6 § 1
“In the determination of his civil rights and obligations ..., everyone is entitled to a fair ... hearing ... by [a] ... tribunal...”
Article 1 of Protocol No. 1
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.[...]”
16. The Government contested that argument. They argued, inter alia, that the supervisory review had been compatible with the Convention as it was aimed to correct a fundamental defect. They referred to a definition of a fundamental defect given in the case of Luchkina as “a jurisdictional error, serious breaches of court procedure or abuses of power” (Luchkina v. Russia, no. 3548/04, § 21, 10 April 2008). In the Government's view, the appeal court ignored that at the date of the infliction of the damage the applicant was still a de jure owner of the flat.
A. Admissibility
17. The Court notes that the complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
18. The Court reiterates that for the sake of legal certainty implicitly required by Article 6, final judgments should generally be left intact. They may be disturbed only to correct fundamental errors. The mere possibility of there being two views on the subject is not a ground for re-examination (see Ryabykh v. Russia, no. 52854/99, §§ 51-52, ECHR 2003-IX).
19. The Court further reiterates that it has frequently found violations of the principle of legal certainty and of the right to a court in the supervisory-review proceedings governed by the Code of Civil Procedure in force since 2003 (see, amongst other authorities, Bodrov v. Russia, no. 17472/04, § 31, 12 February 2009).
20. In the present case the Presidium disagreed with the assessment made by the appeal court which is not, in itself, an exceptional circumstance warranting the quashing of a binding and enforceable judgment (see Kot, cited above, § 29). It was not claimed before the supervisory-review instance that the previous proceedings had been tarnished by a fundamental defect, such as, in particular, a jurisdictional error, serious breaches of court procedure or abuses of power (see, amongst other authorities, Luchkina, cited above, § 21). The court discerns no other fundamental defect to justify the quashing of the final judgment on supervisory review in the present case. Accordingly, there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention.
21. The Court further observes that as a result of supervisory review the applicant was deprived of his possessions (see paragraph 13 above). Accordingly, there has also been a violation of Article 1 of Protocol No. 1.
II. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
22. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has bee.n a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
23. The applicant claimed 52,000 Russian roubles (RUB) in respect of pecuniary damage (RUB 42,322.49 paid in accordance with the Presidium decision, plus relevant expenses and inflation losses). He also claimed 1,500 euros (EUR) in respect of non-pecuniary damage.
24. The Government noted that no satisfaction should be awarded since the applicant's rights were not violated and he had failed to substantiate his allegedly excessive and unreasonable claims.
25. The Court reiterates that in general the most appropriate form of redress in respect of violations found is to put applicants as far as possible in the position they would have been in if the Convention requirements had not been disregarded (see, amongst other authorities, Piersack v. Belgium (Article 50), 26 October 1984, § 12, Series A no. 85, and Dovguchits v. Russia, no. 2999/03, § 48, 7 June 2007).
26. The Court observes that in the present case the applicant was eventually forced to pay an amount of RUB 42,322.49 contrary to a final judgment in his favour which had relieved him of any payment obligation. There is therefore a causal link between the quashing of the final judgment and the pecuniary loss claimed by the applicant.
27. As to the claim for the inflation losses, on which the applicant submitted a detailed calculation, the Government made no comment in respect of the methods used by the applicant for that calculation. Nor have the Government provided the Court with any alternative one. Therefore the Court accepts the applicants' calculation in respect of the inflation losses.
28. The Court therefore awards the applicant the sum claimed (EUR 1,470), plus any tax that may be chargeable.
29. The Court furthermore finds that the applicant has suffered non-pecuniary damage as a result of the violation found which cannot be compensated by the mere finding of a violation. Having regard to the circumstances of the cases and making its assessment on an equitable basis, the Court awards the applicant the sum of EUR 1,500 in respect of non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable on that amount.
B. Costs and expenses
30. The applicants also claimed RUB 5,000 for the costs and expenses incurred.
31. The Government asserted that the applicant had failed to substantiate the claims.
32. According to the Court's case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and were reasonable as to quantum. In the present case, regard being had to the documents in its possession and the above criteria, the Court considers it reasonable to grant the applicant's claim in full and to award him the sum of EUR 142.
C. Default interest
33. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the application admissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 6 of the Convention and of Article 1 of Protocol No. 1 in respect of the quashing of the final appeal judgment in the applicant's favour via supervisory review;
3. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicant, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts, to be converted into Russian roubles at the rate applicable at the date of settlement:
(i) EUR 1,470 (one thousand four hundred and seventy euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of pecuniary damage;
(ii) EUR 1,500 (one thousand five hundred euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of non-pecuniary damage;
(iii) EUR 142 (one hundred and forty two euros), plus any tax that may be chargeable to the applicant, in respect of costs and expenses;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
4. Dismisses the remainder of the applicant's claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 4 March 2010, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Søren Nielsen Christos Rozakis
Registrar President


TESTO TRADOTTO

PRIMA SEZIONE
CAUSA ANDREYEV C. RUSSIA
(Richiesta n. 32991/05)
SENTENZA
STRASBOURG
4 marzo 2010
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nrll’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Andreyev c. Russia,
La Corte europea dei Diritti umani (Prima Sezione), riunendosi che come una Camera, composta da:
Christos Rozakis, Presidente, Nina Vajić, Anatoly Kovler, Elisabeth Steiner, Khanlar Hajiyev, Dean Spielmann, Sverre Erik Jebens, giudici,
e Søren Nielsen, Cancelliere di Sezione,
Avendo deliberato in privato il 9 febbraio 2010,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 32991/05) contro la Federazione russa depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino russo, Sig. A. A. A. (“il richiedente”), il 12 agosto 2005.
2. Il richiedente fu rappresentato dal Sig. S. M., un avvocato che pratica a Voronezh. Il Governo russo (“il Governo”) fu rappresentato dal Sig. G. Matyushkin, Rappresentante della Federazione russa alla Corte europea dei Diritti umani.
3. Il 12 giugno 2008 il Presidente della prima Sezione decise di dare avviso della richiesta al Governo. Fu deciso anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità (Articolo 29 § 3).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
4. Il richiedente nacque nel 1964 e vive a Voronezh.
5. Il 12 luglio 2002 il richiedente affittò il suo appartamento a M.
6. Il 26 settembre 2002 M. presumibilmente dimenticò di chiudere l’acqua nel bagno e così danneggiò gli appartamenti dei vicini di casa Sh. ed A.
7. Successivamente M. compensò i danni a Sh., ma si rifiutò di pagare A., considerando che le somme chieste erano eccessive.
8. Il 20 novembre 2002 A. introdusse dei procedimenti contro il richiedente per danni. M. prese parte nei procedimenti come co-imputato.
9. Il 12 novembre 2003 il Giudice di Pace del 3° Circuito di Corte ordinò che il richiedente pagasse ad A. 40,983 rubli russi (RUB) per danni e pagasse alle autorità RUB 1,639.49 per spese processuali.
10. Il richiedente depositò un ricorso e il 28 aprile 2004 la Corte distrettuale di Sovetskiy di Voronezh annullò la sentenza, trovò che non c'era colpa da parte del richiedente per il danno causato all' appartamento di A. ed assegnarono a A. RUB 15,261 da M.
11. Il 27 agosto 2004 A. depositò una richiesta per revisione direttiva della sentenza di ricorso.
12. Il 14 febbraio 2005 il Presidium della Corte Regionale di Voronezh ha annullato questa sentenza di ricorso e sostenne la sentenza del 12 novembre 2003. Il Presidium rivalutò le prove e trovò che sebbene il 25 settembre 2002 il richiedente concluse un accordo sotto il quale lui avrebbe dovuto ottenere il diritto di proprietà sull'appartamento, questo diritto fu registrato debitamente solamente il 10 aprile 2003. Prima di quella data il richiedente non poteva affittare il suo appartamento a nessuno. Così rimaneva il solo proprietario de jure e avrebbe dovuto essere responsabile di questo.
13. Il 7 Marzo 2007 il richiedente trasferì agli ufficiali giudiziari RUB 42,322.49 in conformità con la decisione del Presidium del 14 febbraio 2005.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
14. Il diritto nazionale attinente che disciplina la procedura di revisione direttiva al tempo attinente è riassunto nella sentenza della Corte nella causa Kot c. Russia (n. 20887/03, § 17 del 18 gennaio 2007).
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE E DELL’ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 A CAUSA DELLA REVISIONE DIRETTIVA
15. Il richiedente si lamentò sotto l’Articolo 6 della Convenzione e sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che la sentenza definitiva di ricorso del 28 aprile 2004 era stata annullata tramite revisione direttiva. Nelle parti attinenti, questi Articoli recitano come segue:
Articolo 6 § 1
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale ...”
Articolo 1 di Protocollo N.ro 1
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale. [...]”
16. Il Governo contestò questo 'argomento. Dibatté, inter alia, che la revisione direttiva era stata compatibile con la Convenzione siccome era tesa a correggere un difetto fondamentale. Fece riferimento ad una definizione di un difetto fondamentale reso nella causa Luchkina come “errore giurisdizionale, violazioni serie di procedura della corte o abusi di potere” (Luchkina c. Russia, n. 3548/04, § 21 del 10 aprile 2008). Nella prospettiva del Governo, la corte di ricorso ignorò, che in data dell'inflizione del danno il richiedente ancora era proprietario de jure dell'appartamento.
A. Ammissibilità
17. La Corte nota che l'azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
18. La Corte reitera che nell'interesse della certezza legale richiesta implicitamente dall’ Articolo 6, le sentenze definitive dovrebbero essere lasciate generalmente intatte. Loro possono essere toccate solamente per correggere errori fondamentali. La mera possibilità che ci siano due prospettive sul soggetto non è una base per un riesame (vedere Ryabykh c. Russia, n. 52854/99, §§ 51-52 ECHR 2003-IX).
19. La Corte reitera inoltre che ha trovato frequentemente violazioni del principio della certezza legale e del diritto ad una corte nei procedimenti di revisione direttiva disciplinati dal Codice di Procedura Civile in vigore dal 2003 (vedere, fra le altre autorità, Bodrov c. Russia, n. 17472/04, § 31 12 febbraio 2009).
20. Nella presente causa il Presidium non era d'accordo con la valutazione fatta dalla corte di ricorso il che non è, di per sé una circostanza eccezionale tale da garantire l'annullamento di una sentenza esecutiva e vincolante (vedere Kot, citata sopra, § 29). Non fu sostenuto di fronte all'istanza di revisione direttiva che i precedenti procedimenti erano stati offuscati da un difetto fondamentale, come, in particolare, un errore giurisdizionale, violazioni serie di procedura di corte o abusi di potere (vedere, fra le altre autorità, Luchkina, citata sopra, § 21). La corte non discerne nessun altro difetto fondamentale per giustificare l'annullamento della sentenza definitiva su revisione direttiva nella presente causa. C'è stata di conseguenza, una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione.
21. La Corte osserva inoltre che come risultato della revisione direttiva il richiedente fu privato delle sue proprietà (vedere paragrafo 13 sopra). C'è stata anche di conseguenza, una violazione dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
II. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
22. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
23. Il richiedente chiese 52,000 rubli russi (RUB) a riguardo del danno patrimoniale (RUB 42,322.49 pagati in conformità con la decisione del Presidium, più spese attinenti e perdite di inflazione). Lui chiese anche 1,500 euro (EUR) a riguardo del danno non-patrimoniale.
24. Il Governo notò che nessuna soddisfazione avrebbe dovuta essere assegnata poiché i diritti del richiedente non furono violati e lui non era riuscito a provare le sue rivendicazioni presumibilmente eccessive ed irragionevoli.
25. La Corte reitera che in generale la forma più appropriata di compensazione a riguardo di violazioni trovate è mettere il più possibile richiedenti nella posizione in cui sarebbero stati se i requisiti della Convenzione non fossero stati trascurati (vedere, fra le altre autorità, Piersack c. Belgio (Articolo 50), 26 ottobre 1984, § 12 Serie A n. 85, e Dovguchits c. Russia, n. 2999/03, § 48 del 7 giugno 2007).
26. La Corte osserva che nella presente causa il richiedente fu costretto infine a pagare un importo di RUB 42,322.49 contrariamente ad una sentenza definitiva a suo favore che l'aveva sollevato da qualsiasi obbligo di pagamento. C'è perciò un collegamento causale fra l'annullamento della sentenza definitiva e la perdita patrimoniale rivendicata dal richiedente.
27. Riguardo alla rivendicazione per le perdite di inflazione su cui il richiedente presentò un calcolo particolareggiato, il Governo non fece commenti a riguardo dei metodi usati dal richiedente per quel calcolo. Né ha il Governo offerto alla Corte qualsiasi alternativa. Perciò la Corte accetta il calcolo del richiedente a riguardo delle perdite di inflazione.
28. La Corte assegna perciò la somma chiesta al richiedente (EUR 1,470), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile.
29. La Corte inoltre costata che il richiedente ha sofferto di danno non-patrimoniale come risultato della violazione trovata che non può essere compensato con la mera costatazione di una violazione. Avendo riguardo alle circostanze delle cause e facendo la sua valutazione su una base equa, la Corte assegna al richiedente la somma di EUR 1,500 a riguardo del danno non-patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su quell'importo.
B. Costi e spese
30. I richiedenti chiese anche RUB 5,000 per i costi e le spese incorse.
31. Il Governo asserì che il richiedente non era riuscito a provare le rivendicazioni.
32. Secondo la giurisprudenza della Corte, ad un richiedente viene concesso il rimborso di costi e di spese solamente sé è stato mostrato che questi davvero e necessariamente sono incorsi e sono stati ragionevoli riguardo al quantum. Nella presente causa, avuto riguardo ai documenti in suo possesso ed ai criteri sopra, la Corte considera ragionevole ammettere il ricorso del richiedente in pieno e di assegnargli la somma di EUR 142.
C. Interesse di mora
33. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara la richiesta ammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 6 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 a riguardo dell'annullamento della sentenza definitiva di ricorso a favore del richiedente tramite revisione direttiva;
3. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare il richiedente, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione i seguenti importi, da convertire in rubli russi al tasso applicabile in data dell’ accordo:
(i) EUR 1,470 (mille quattrocento e settanta euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, a riguardo del danno patrimoniale;
(l'ii) EUR 1,500 (mille cinquecento euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, a riguardo del danno non-patrimoniale;
(iii) EUR 142 (cento e quaranta due euro), più qualsiasi tassa che può essere a carico del richiedente, a riguardo dei costi e spese;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’ interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
4. Respinge il resto della rivendicazione del richiedente per soddisfazione equa.
Fatto in inglesi, e notificato per iscritto il 4 marzo 2010, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Søren Nielsen Christos Rozakis
Cancelliere Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è sabato 11/07/2020.