Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF GRIBANENKOV v. RUSSIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI:

NUMERO: 16583/04/2010
STATO:
DATA: 18/02/2010
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

FIRST SECTION
CASE OF GRIBANENKOV v. RUSSIA
(Application no. 16583/04)
JUDGMENT
STRASBOURG
18 February 2010
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Gribanenkov v. Russia,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Christos Rozakis, President,
Nina Vajić,
Anatoly Kovler,
Elisabeth Steiner,
Khanlar Hajiyev,
Dean Spielmann,
Sverre Erik Jebens, judges,
and Søren Nielsen, Section Registrar,
Having deliberated in private on 28 January 2010,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 16583/04) against the Russian Federation lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Russian national, Mr S. V. G. (“the applicant”), on 5 April 2004.
2. The Russian Government (“the Government”) were represented by Mr P. Laptev and Ms V. Milinchuk, former Representatives of the Russian Federation at the European Court of Human Rights.
3. On 28 November 2005 the President of the First Section decided to give notice of the application to the Government. It was also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (Article 29 § 3).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
4. The applicant, Mr S. V. G., is a Russian national who was born in 1949 and lives in the Leningrad Region. The facts of the case, as submitted by the applicant, may be summarised as follows.
5. In 1986 and 1987 the applicant took part in the clean-up operation at the Chernobyl nuclear disaster site. He was subsequently granted disability status and became entitled to various social benefits. The present case concerns disputes over these benefits.
A. First set of proceedings
6. On 3 December 2000 the applicant brought a civil action against the authorities seeking an increase in the monthly disability allowance he was entitled to receive.
7. On 17 April 2001 the Moskovskiy District Court of St. Petersburg ruled that it lacked jurisdiction to consider the claim and remitted the case to the Sosnoviy Bor Town Court. After receiving the applicant’s case file on 6 June 2001, the President of the Sosnoviy Bor Town Court applied, without success, for supervisory review of the decision of 17 April 2001. Eventually the case was remitted to the Sosnoviy Bor Town Court for consideration on the merits.
8. On 7 August 2002 the Sosnoviy Bor Town Court informed the applicant that his case could not be heard before 17 October 2002 because there were a large number of cases pending and the judge was on leave.
9. On 17 October 2002 the hearing was adjourned until 19 December 2002.
10. On 23 December 2002 the Sosnoviy Bor Town Court granted the applicant’s claim in part.
11. On 29 January 2003 the Leningradskiy Regional Court quashed the judgment on appeal and remitted the matter for fresh consideration.
12. The hearing of the case was then adjourned on 1 and 10 April, 24 September and 16 and 28 October 2003.
13. On 28 November 2003 the Sosnoviy Bor Town Court awarded the applicant 624,653.85 Russian roubles (RUB) in arrears and increased the monthly disability allowance to RUB 28,205.27 as from December 2003. On 14 January 2004 that judgment was upheld by the Leningradskiy Regional Court.
14. In August 2005 the judgment was enforced in full.
15. On 31 January 2006 the Sosnoviy Bor Town Court adjusted the sums awarded under the judgment of 28 November 2003, which had been paid belatedly, to allow for inflation and awarded the applicant RUB 83,185. The decision became final on 16 March 2006 and was enforced on 4 December 2007.
B. Second set of proceedings
16. On 3 March 2004 the applicant brought a new action against the authorities seeking an increase in the monthly disability allowance he was entitled to receive.
17. On 6 December 2004 the Sosnovoborskiy Town Court awarded the applicant RUB 63,445 in arrears for the period from 1 July 2000 to 1 January 2004 and RUB 225,721.98 in arrears for the period from 1 January to 30 November 2004, and increased the monthly disability allowance from RUB 28,205.27 to RUB 30,000 as from December 2004. The parties did not appeal against the judgment and it became final on 17 December 2004.
18. The judgment was enforced in full on 20 April 2007.
19. On 29 March 2006 the Sosnoviy Bor Town Court adjusted the sums awarded under the judgment of 6 December 2004, which had been paid belatedly, to allow for inflation and awarded the applicant RUB 36,688.91. The decision was enforced on 4 December 2007.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION AND OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 ON ACCOUNT OF NON-ENFORCEMENT
20. The applicant complained under Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 about non-enforcement of the judgment of 28 November 2003 as upheld by the judgment of 14 January 2004, and of the judgment of 6 December 2004.
21. Insofar as relevant, these Articles read as follows:
Article 6 § 1
“In the determination of his civil rights and obligations ..., everyone is entitled to a fair ... hearing ... by [a] ... tribunal...”
Article 1 of Protocol No. 1
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law. [...]”
22. The Government, in their memorandum of 20 February 2006, admitted that the judgment of 28 November 2003, as upheld on appeal on 14 January 2004, and the judgment of 6 December 2004 were not fully enforced within a reasonable time, which violated the applicant’s right to peaceful enjoyment of possessions. At the same time, in a letter of 10 July 2007, they argued that the applicant’s rights were not violated as the decisions in his favour had eventually been fully enforced.
A. Admissibility
23. The Court observes that by the court decisions of 31 January 2006 and 29 March 2006 the applicant was awarded inflation-adjusted compensation for the belated enforcement of the judgments. However, this cannot be considered as adequate redress as the enforcement of these decisions also took an unreasonably long time, namely 20 and 19 months (see paragraphs 16 and 20 above). Only payment made without undue delay, together with acknowledgement of the violations by the authorities, might under certain circumstances have deprived the applicant of his victim status. Accordingly, the applicant may still claim to be a “victim” (see Lesnova v. Russia, no. 37645/04, § 13, 24 January 2008, and Burdov v. Russia (no. 2), no. 33509/04, § 52, ECHR 2009-...).
24. The Court notes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
25. The Court reiterates that an unreasonably long delay in the enforcement of a binding judgment may breach the Convention (see Burdov v. Russia, no. 59498/00, ECHR 2002-III). To decide if the delay was reasonable, the Court will look at how complex the enforcement proceedings were, how the applicant and the authorities behaved, and what the nature of the award was (see Raylyan v. Russia, no. 22000/03, § 31, 15 February 2007).
26. In the present case, the judgment of 28 November 2003 as upheld on 14 January 2004 was fully enforced in August 2005, approximately 19 months after it had become final.
27. The judgment of 6 December 2004 was enforced in full on 20 April 2007, which is some 28 months after the judgment had become final.
28. The judgments were not difficult to enforce as they required only a bank transfer. The applicant did not obstruct the enforcement.
29. The Court concludes that the enforcement of the judgments of 28 November 2003, as upheld on 14 January 2004, and of 6 December 2004 took too long and that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION ON ACCOUNT OF EXCESSIVE LENGTH OF PROCEEDINGS
30. The applicant complained that the length of both sets of proceedings, which ended with the judgments of 28 November 2003, as upheld on 14 January 2004, and of 6 December 2004 respectively, had been incompatible with the “reasonable time” requirement laid down in Article 6 § 1 of the Convention, which reads as follows:
“In the determination of his civil rights and obligations ..., everyone is entitled to a ... hearing within a reasonable time by [a] ... tribunal...”
31. The Court reiterates that the periods of pure non-enforcement should not be taken into account in respect of the complaint concerning the length of proceedings if the Court has already considered these periods when assessing the complaint about the non-enforcement (see Malama v. Greece, no. 43622/98, § 34 ECHR 2001-II; Androsov v. Russia, no. 63973/00, § 76, 6 October 2005; and Veretennikov v. Russia, no. 8363/03, § 31, 12 March 2009).
32. Therefore the period to be taken into consideration in respect of the first set of proceedings began on 3 December 2000 and ended on 14 January 2004 (see paragraphs 7-14 above). It thus lasted 3 years and 10 months, for two levels of jurisdiction.
33. In respect of the second set of proceedings the period lasted from 3 March 2004 until 6 December 2004 (see paragraphs 17-19 above), which is approximately nine months, for one level of jurisdiction.
A. Admissibility
34. As to the first set of proceedings, the Court notes that the complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
35. As to the second set of proceedings, the length of proceedings of some nine months does not raise an issue under the Convention and the relevant complaint is therefore manifestly ill-founded and must be rejected in accordance with Article 35 §§ 3 and 4 as inadmissible (see, for example, Ivanova v. Russia (dec.), no. 74705/01, 1 April 2004).
B. Merits
36. The Government did not comment on the issue.
37. The applicant maintained his complaint.
38. The Court reiterates that the reasonableness of the length of proceedings must be assessed in the light of the circumstances of the case and with reference to the following criteria: the complexity of the case, the conduct of the applicant and the relevant authorities and what was at stake for the applicant in the dispute (see, among many other authorities, Frydlender v. France [GC], no. 30979/96, § 43, ECHR 2000-VII).
39. The Court observes that, compared to the length of proceedings in certain cases brought before the Court, the period of three years and ten months is not very long (see, for instance, Ivanova, cited above). On the other hand, the Court cannot accept long periods of total inactivity of the domestic courts (see Bunkate v. the Netherlands, 26 May 1993, § 23, Series A no. 248-B, and Mikhaylovich v. Russia, no. 30019/05, § 26, 12 February 2009).
40. The Court observes that the case in question was not complex and it appears that the length of the proceedings was largely due to the authorities’ failure to pursue them with the requisite speed.
41. In particular, there were two substantial periods of inactivity of the courts. The first period lasted one year and six months, from 17 April 2001 to 17 October 2002, when the court of first instance repeatedly contested its jurisdiction instead of considering the case on the merits (see Gheorghe v. Romania, no. 19215/04, § 58, ECHR 2007-III). The second period of inactivity on the part of the authorities lasted nine months and 29 days, from 29 January 2003 to 28 November 2003, when the appellate court quashed the first-instance judgment and remitted the case for fresh examination on the merits.
42. The Court further notes that the applicant does not appear to have contributed to the length of the proceedings and that the benefits at stake were the applicant’s main, if not his sole, source of income.
43. In the light of these factors the Court finds that the length of the proceedings failed to meet the “reasonable time” requirement. There has accordingly been a violation of Article 6 § 1 of the Convention.
III. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 13 OF THE CONVENTION
44. The applicant further complained that he had no effective remedies for his complaint concerning the excessive length of the proceedings. He relied on Article 13 of the Convention, which reads as follows:
“Everyone whose rights and freedoms as set forth in [the] Convention are violated shall have an effective remedy before a national authority notwithstanding that the violation has been committed by persons acting in an official capacity.”
45. The Government did not comment on this issue.
A. Admissibility
46. The Court refers to its findings in paragraphs 34-35 above as to the admissibility of the complaint concerning length of proceedings and notes that this complaint is linked to it and must therefore likewise be declared admissible in respect of the first set of proceedings (paragraphs 7-14) and inadmissible in respect of the second set of proceedings (paragraphs 17-18).
B. Merits
47. The Court reiterates that Article 13 guarantees an effective remedy before a national authority for an alleged breach of the requirement under Article 6 § 1 to hear a case within a reasonable time (see Kudła v. Poland [GC], no. 30210/96, § 156, ECHR 2000-XI).
48. The Court further observes that according to its case-law there is no effective remedy under Russian law capable of affording redress for the unreasonable length of civil proceedings (see, among many other authorities, Kormacheva v. Russia, no. 53084/99, §§ 61-62, 29 January 2004; Kuzin v. Russia, no. 22118/02, §§ 42-46, 9 June 2005; Bakiyevets v. Russia, no. 22892/03, § 53, 15 June 2006; Markova v. Russia, no. 13119/03, § 31, 8 January 2009; and Zaytsev and Others v. Russia, no. 42046/06, § 48, 25 June 2009).
49. In the present case the Government did not indicate any remedy that could have expedited the determination of the applicant’s case or provided him with adequate redress for the delays that had already occurred.
50. Accordingly, the Court considers that in the present case there has been a violation of Article 13 of the Convention in that the applicant had no domestic remedy whereby he could enforce his right to a “hearing within a reasonable time” as guaranteed by Article 6 § 1 of the Convention.
IV. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
51. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
52. The applicant submitted that had the judgment of 6 December 2004 been taken earlier, before 29 May 2004 when a relevant legal provision was changed, he would have been awarded monthly payments of 32,633.5 Russian roubles (RUB) instead of RUB 28,205.27. He took into account the average life expectancy, calculated his future losses and claimed RUB 514,382.84 in respect of pecuniary damage caused by the excessive length of the proceedings.
53. He also claimed 35,000 euros (EUR) in respect of non-pecuniary damage caused by lengthy proceedings and non-enforcement.
54. The Government submitted that no satisfaction should be awarded since the applicant had failed to substantiate his allegedly excessive and unreasonable claims. They also submitted that if the Court found a violation of the Convention or the Protocols thereto, that finding would be adequate just satisfaction.
55. The Court observes, in respect of the pecuniary damage, that the claim concerns the second set of proceedings, which ended with the judgment of 6 December 2004. The Court declared that complaint inadmissible (see paragraph 35 above). The applicant has not claimed pecuniary damage in respect of the part of the application in which violations have been found. Therefore no pecuniary award is made.
56. As to non-pecuniary damage, the Court considers that the applicant must have suffered distress and frustration resulting from the authorities’ failure to duly enforce the judgments in his favour. However, the amount claimed appears excessive. Making its assessment on an equitable basis, the Court awards the applicant EUR 3,100 in respect of non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable.
B. Costs and expenses
57. The applicant made no claims under this head. Accordingly, the Court will make no award.
C. Default interest
58. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the complaints concerning non-enforcement, the length of the first set of proceedings and the lack of a relevant effective remedy against such length of proceedings admissible and the remainder of the application inadmissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 6 of the Convention and of Article 1 of Protocol No. 1 in respect of non-enforcement of the judgments of 28 November 2003 as upheld on 14 January 2004, and of 6 December 2004;
3. Holds that there has been violation of Article 6 § 1 of the Convention on account of the length of the proceedings which ended with the judgment of 28 November 2003 as upheld on 14 January 2004;
4. Holds that there has been a violation of Article 13 of the Convention on account of lack of an effective remedy against the excessive length of civil proceedings;
5. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicant, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, EUR 3,100 (three thousand one hundred euros), plus any tax that may be chargeable to the applicant, in respect of non-pecuniary damage, to be converted into Russian roubles at the rate applicable at the date of settlement;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amount at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
6. Dismisses the remainder of the applicant’s claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 18 February 2010, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Søren Nielsen Christos Rozakis
Registrar President


TESTO TRADOTTO

PRIMA SEZIONE
CAUSA GRIBANENKOV C. RUSSIA
(Richiesta n. 16583/04)
SENTENZA
STRASBOURG
18 febbraio 2010
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Gribanenkov c. Russia,
La Corte europea dei Diritti umani (Prima Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Christos Rozakis, Presidente, Nina Vajić, Anatoly Kovler, Elisabeth Steiner, Khanlar Hajiyev, Dean Spielmann, Sverre Erik Jebens, giudici,
e Søren Nielsen, Cancelliere di Sezione,
Avendo deliberato in privato il 28 gennaio 2010,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 16583/04) contro la Federazione russa depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino russo, Sig. S. V. G. (“il richiedente”), il 5 aprile 2004.
2. Il Governo russo (“il Governo”) fu rappresentato dal Sig. P. Laptev ed dalla Sig.ra V. Milinchuk, Rappresentanti precedenti della Federazione russa alla Corte europea dei Diritti umani.
3. Il 28 novembre 2005 il Presidente della prima Sezione decise di dare avviso della richiesta al Governo. Fu deciso anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità (Articolo 29 § 3).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
4. Il richiedente, Sig. S. V. G. è un cittadino russo che nacque nel 1949 e vive nella Regione di Leningrad. I fatti della causa, come presentati dal richiedente, possono essere riassunti come segue.
5. Nel 1986 e nel 1987 il richiedente prese parte all'operazione di pulizia presso il sito di Chernobyl, luogo del disastro nucleare. Gli fu accordato successivamente uno status di invalidità e gli furono concessi vari benefici sociali. La presente causa riguarda le controversie su questi benefici.
A. Primo set di procedimenti
6. Il 3 dicembre 2000 il richiedente ha introdotto un'azione civile contro le autorità chiedono un aumento dell'assegno di invalidità mensile che gli era stato concesso di ricevere.
7. Il 17 aprile 2001 la Corte distrettuale di Moskovskiy di San Pietroburgo decise che mancava di giurisdizione per prendere in considerazione la rivendicazione e rinviò la causa alla Corte della Città di Sosnoviy Bor. Dopo avere ricevuto l'archivio della causa del richiedente il 6 giugno 2001, il Presidente della Corte della Città di Sosnoviy Bor ha richiesto, senza successo, una revisione direttiva della decisione del 17 aprile 2001. Infine la causa fu rinviata allla Corte della Città di Sosnoviy Bor per la considerazione sui meriti.
8. Il 7 agosto 2002 la Corte della Città di Sosnoviy Bor informò il richiedente che la sua causa non poteva essere ascoltata prima del 17 ottobre 2002 perché c'era un gran numero di cause pendenti ed il giudice era in licenza.
9. Il 17 ottobre 2002 l'udienza fu aggiornata sino al 19 dicembre 2002.
10. Il 23 dicembre 2002 la Corte della Città di Sosnoviy Bor ammise in parte il ricorso del richiedente.
11. Il 29 gennaio 2003 la Corte Regionale di Leningradskiy annullò la sentenza su ricorso e rinviò la questione per una nuova considerazione.
12. L'udienza della causa fu aggiornata poi il 1 e il 10 aprile, il 24 settembre e il 16 e il 28 ottobre 2003.
13. Il 28 novembre 2003 la Corte della Città di Sosnoviy Bor assegnò al richiedente 624,653.85 rubli russi (RUB) per arretrati ed aumentò l'assegno di invalidità mensile a RUB 28,205.27 a partire dal dicembre 2003. Il 14 gennaio 2004 questa sentenza fu sostenuta dalla Corte Regionale di Leningradskiy.
14. Nell’ agosto 2005 la sentenza fu eseguita in pieno.
15. Il 31 gennaio 2006 la Corte della Città di Sosnoviy Bor attualizzò le somme assegnate sotto la sentenza del 28 novembre 2003 che erano state pagate tardamente per tener conto dell'inflazione ed assegnò al richiedente RUB 83,185. La decisione divenne definitiva il 16 marzo 2006 e fu eseguita il 4 dicembre 2007.
B. Secondo set di procedimenti
16. Il 3 marzo 2004 il richiedente ha introdotto una nuova azione contro le autorità chiedono un aumento dell'assegno di invalidità mensile che gli fu concesso di ricevere.
17. Il 6 dicembre 2004 la Corte della Città di Sosnovoborskiy assegnò al richiedente arretrati per RUB 63,445 per il periodo dal 1 luglio 2000 al 1 gennaio 2004 e arretrati per RUB 225,721.98 per il periodo dal 1 gennaio al 30 novembre 2004, ed aumentò l'assegno di invalidità mensile da RUB 28,205.27 a RUB 30,000 a partire dal dicembre 2004. Le parti non fecero appello contro la sentenza e divenne definitiva il 17 dicembre 2004.
18. La sentenza fu eseguita in pieno il 20 aprile 2007.
19. Il 29 marzo 2006 la Corte della Città di Sosnoviy Bor attualizzò le somme assegnate sotto la sentenza del 6 dicembre 2004 che erano state pagato tardamente per prendere in considerazione l'inflazione ed assegnò al richiedente RUB 36,688.91. La decisione fu eseguita il 4 dicembre 2007.
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE E DELL’ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 A CAUSA DELLA NON-ESECUZIONE
20. Il richiedente si lamentò sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione e l’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 della non-esecuzione della sentenza del 28 novembre 2003 come sostenuto dalla sentenza del 14 gennaio 2004, e della sentenza del 6 dicembre 2004.
21. Pertanto nelle parti attinenti, questi Articoli recitano come segue:
Articolo 6 § 1
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale ...”
Articolo 1 di Protocollo N.ro 1
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.[...]”
22. Il Governo, nel suo memorandum del 20 febbraio 2006 ammise che la sentenza del 28 novembre 2003, come sostenuta su ricorso il 14 gennaio 2004, e la sentenza del 6 dicembre 2004 non furono eseguite pienamente all'interno di un termine ragionevole violando il diritto del richiedente al godimento tranquillo della proprietà. Allo stesso tempo, in una lettera del 10 luglio 2007 dibatté che i diritti del richiedente non furono violati siccome le decisioni a suo favore infine erano stato eseguite pienamente.
A. Ammissibilità
23. La Corte osserva che con le decisioni di corte del 31 gennaio 2006 e del 29 marzo 2006 al richiedente fu assegnato il risarcimento attualizzato per inflazione per tarda esecuzione delle sentenze. Anche questo comunque non può essere considerato come compensazione adeguata siccome l'esecuzione di queste decisioni impiegò un tempo irragionevolmente lungo, vale a dire 20 e 19 mesi (vedere paragrafi 16 e 20 sopra). Solamente il pagamento fatto senza ritardo indebito, insieme con il riconoscimento delle violazioni da parte delle autorità avrebbe potuto sotto certe circostanze spogliare il richiedente del suo status di vittima. Il richiedente può ancora di conseguenza, sostenere di essere una “vittima” (vedere Lesnova c. Russia, n. 37645/04, § 13, 24 gennaio 2008, e Burdov c. Russia (n. 2), n. 33509/04, § 52 ECHR 2009 -...).
24. La Corte nota che questa azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
25. La Corte reitera che un ritardo irragionevolmente lungo nell'esecuzione di una sentenza vincolante può violare la Convenzione (vedere Burdov c. Russia, n. 59498/00, ECHR 2002-III). Per decidere se il ritardo è stato ragionevole, la Corte guarderà a quanto complessi erano i procedimenti di esecuzione, come il richiedente e le autorità si sono comportati, e quale era la natura dell'assegnazione in gioco (vedere Raylyan c. Russia, n. 22000/03, § 31 del 15 febbraio 2007).
26. Nella presente causa, la sentenza del 28 novembre 2003 come sostenuto il 14 gennaio 2004 fu eseguito pienamente nell’ agosto 2005, approssimativamente 19 mesi dopo che era divenuta definitiva.
27. La sentenza del 6 dicembre 2004 fu eseguita in pieno il 20 aprile 2007 cioè 28 mesi dopo che la sentenza era divenuta definitiva.
28. Le sentenze non erano difficili da eseguire siccome richiedeano solamente un trasferimento bancario. Il richiedente non ostruì l'esecuzione.
29. La Corte conclude che l'esecuzione delle sentenze del 28 novembre 2003, come sostenute il 14 gennaio 2004, e il 6 dicembre 2004 impiegarono troppo tempo e che c'è stata una violazione dell’Articolo 6 § 1 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE A CAUSA DELLA LUNGHEZZA ECCESSIVA DEI PROCEDIMENTI
30. Il richiedente si lamentò che la lunghezza di entrambi i set di procedimenti che terminarono con le sentenze rispettivamente del 28 novembre 2003 come sostenuta il 14 gennaio 2004, e del 6 dicembre 2004, era incompatibile col “termine ragionevole” requisito stabilito dall’ Articolo 6 § 1 della Convenzione che recita come segue:
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale ...”
31. La Corte reitera che i periodi di pura non-esecuzione non dovrebbero essere presi in considerazione q riguardo dell'azione di reclamo riguardo alla lunghezza dei procedimenti se la Corte ha già considerato questi periodi nel valutare l'azione di reclamo della non-esecuzione (vedere Malama c. Grecia, n. 43622/98, § 34 ECHR 2001-II; Androsov c. Russia, n. 63973/00, § 76 del 6 ottobre 2005; e Veretennikov c. Russia, n. 8363/03, § 31 del 12 marzo 2009).
32. Perciò il periodo da prendere in esame a riguardo del primo set di procedimenti cominciò il 3 dicembre 2000 e terminò il 14 gennaio 2004 (vedere paragrafi 7-14 sopra). Durò così 3 anni e 10 mesi, per due livelli di giurisdizione.
33. A riguardo del secondo set di procedimenti il periodo durò dal 3 marzo 2004 sino al 6 dicembre 2004 (vedere paragrafi 17-19 sopra) cioè approssimativamente nove mesi per un livello di giurisdizione.
A. Ammissibilità
34. Riguardo al primo set di procedimenti, la Corte nota, che l'azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
35. Riguardo al secondo set di procedimenti, la lunghezza dei procedimenti di circa nove mesi non solleva un problema sotto la Convenzione e l'azione di reclamo attinente è manifestamente mal-fondata perciò e deve essere respinta in conformità con l’Articolo 35 §§ 3 e 4 come inammissibile (vedere, per esempio, Ivanova c. Russia (dec.), n. 74705/01, 1 aprile 2004).
B. Meriti
36. Il Governo non fece commenti sulla questione.
37. Il richiedente sostenne la sua azione di reclamo.
38. La Corte reitera che la ragionevolezza della lunghezza dei procedimenti deve essere valutata alla luce delle circostanze della causa e con riferimento ai seguenti criteri: la complessità della causa, la condotta del richiedente e delle autorità attinenti e cosa era in gioco per il richiedente nella controversia (vedere, fra molte altre autorità, Frydlender c. Francia [GC], n. 30979/96, § 43 ECHR 2000-VII).
39. La Corte osserva che, confrontato alla lunghezza dei procedimenti in certe cause portate di fronte alla Corte, il periodo di tre anni e dieci mesi non è molto lungo (vedere, per esempio, Ivanova, citata sopra). D'altra parte la Corte non può accettare periodi lunghi di inattività totale delle corti nazionali (vedere Bunkate c. Paesi Bassi, 26 maggio 1993, § 23 Serie A n. 248-B, e Mikhaylovich c. Russia, n. 30019/05, § 26 del 12 febbraio 2009).
40. La Corte osserva che la causa in oggetto non era complessa e sembra che la lunghezza dei procedimenti era dovuta in gran parte all'insuccesso delle autorità nell’ intraprenderli con la velocità richiesta.
41. In particolare, ci sono stati due periodi sostanziali di inattività delle corti. Il primo periodo durò un anno e sei mesi, dal17 aprile 2001 al 17 ottobre 2002, quando il giudice di prima istanza contestò ripetutamente la sua giurisdizione invece di considerare la causa sui meriti (vedere Gheorghe c. Romania, n. 19215/04, § 58 ECHR 2007-III). Il secondo periodo d'inattività da parte delle autorità durò nove mesi e 29 giorni, dal29 gennaio 2003 al 28 novembre 2003, quando la corte di appello annullò la sentenza di prima - istanza e rinviò la causa per nuovo esame sui meriti.
42. La Corte nota inoltre che il richiedente non sembra avere contribuito alla lunghezza dei procedimenti e che i benefici in gioco erano la principale , se non sola, fonte di reddito del richiedente.
43. Alla luce di questi fattori la Corte costata che la lunghezza dei procedimenti è andata a vuoto nel rispettare il requisito del “termine ragionevole”. C'è stata di conseguenza una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione.
III. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 13 DELLA CONVENZIONE
44. Il richiedente si lamentò inoltre di non aver avuto vie di ricorso effettive per la sua azione di reclamo riguardo alla lunghezza eccessiva dei procedimenti. Lui si appellò all’ Articolo 13 della Convenzione che si legge come segue:
“Chiunque i cui diritti e le libertà come riconosciuti [dalla] Convenzione sono violati avrà una via di ricorso effettiva di fronte ad un'autorità nazionale anche se la violazione fosse stata commessa da persone che agiscono in veste ufficiale.”
45. Il Governo non fece commenti su questa questione.
A. Ammissibilità
46. La Corte si riferisce alle sue costatazioni nei paragrafi 34-35 sopra riguardo all'ammissibilità dell'azione di reclamo riguardo alla lunghezza di procedimenti e nota che questa azione di reclamo è collegata a questi e deve essere dichiarata perciò similmente ammissibile a riguardo del primo set di procedimenti (paragrafi 7-14) ed inammissibile a riguardo del secondo set di procedimenti (paragrafi 17-18).
B. Meriti
47. La Corte reitera che l’Articolo 13 garantisce una via di ricorso effettiva di fronte ad un'autorità nazionale per una violazione addotta del requisito sotto l’Articolo 6 § 1 di far ascoltare una causa all'interno di un termine ragionevole (vedere Kudła c. Polonia [GC], n. 30210/96, § 156 ECHR 2000-XI).
48. La Corte osserva inoltre che non c'è via di ricorso effettiva sotto la legge russa capace di riconoscere compensazione per la lunghezza irragionevole di procedimenti civili secondo la giurisprudenza (vedere, fra molte altre autorità, Kormacheva c. Russia, n. 53084/99, §§ 61-62 del 29 gennaio 2004; Kuzin c. Russia, n. 22118/02, §§ 42-46 del 9 giugno 2005; Bakiyevets c. Russia, n. 22892/03, § 53 del 15 giugno 2006; Markova c. Russia, n. 13119/03, § 31 del 8 gennaio 2009; e Zaytsev ed Altri c. Russia, n. 42046/06, § 48 del 25 giugno 2009).
49. Nella presente causa il Governo non ha o indicato qualsiasi via di ricorso che avrebbe potuto accelerare la determinazione della causa del richiedente o che avrebbe potuto offrirgli una compensazione adeguata per i ritardi che si erano già verificati.
50. Di conseguenza, la Corte considera che nella presente causa c’è stata una violazione dell’Articolo 13 della Convenzione per il fatto che il richiedente non aveva alcuna via di ricorso nazionale con cui avrebbe potuto esercitare il suo diritto ad ottenere un’“udienza all'interno di un termine ragionevole” come garantito dall’ Articolo 6 § 1 della Convenzione.
IV. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
51. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
52. Il richiedente presentò che se la sentenza del 6 dicembre 2004 fosse stata presa primo, prima del 29 maggio 2004 quando una disposizione legale attinente fu cambiata, gli sarebbero stati assegnati dei pagamenti mensili di 32,633.5 rubli russi (RUB) invece di RUB 28,205.27. Lui prese in considerazione la presunta durata della vita media, calcolò le sue perdite future e chiese RUB 514,382.84 a riguardo del danno patrimoniale causato dalla lunghezza eccessiva dei procedimenti.
53. Chiese anche 35,000 euro (EUR) a riguardo del danno non-patrimoniale causato da lunghi procedimenti e non-esecuzione prolungata.
54. Il Governo presentò che nessuna soddisfazione dovrebbe essere assegnata poiché il richiedente non era riuscito a provare le sue rivendicazioni presumibilmente eccessive ed irragionevoli. Presentò anche che se la Corte trovasse una violazione della Convenzione o dei Protocolli, questa costatazione sarebbe la soddisfazione equa adeguata.
55. La Corte osserva, a riguardo del danno patrimoniale, che la rivendicazione riguarda il secondo set di procedimenti che terminarono con la sentenza del 6 dicembre 2004. La Corte dichiarò questa azione di reclamo inammissibile (vedere paragrafo 35 sopra). Il richiedente non ha chiesto alcun danno patrimoniale a riguardo della parte della richiesta nella quale sono state trovate delle violazioni. Perciò non viene fatta nessuna assegnazione patrimoniale.
56. Riguardo al danno non-patrimoniale, la Corte considera, che il richiedente ha dovuto soffrire di angoscia e di frustrazione come risultato dell'insuccesso delle autorità nell’ eseguire debitamente le sentenze a suo favore. Comunque, l'importo chiesto sembra eccessivo. Facendo la sua valutazione su una base equa, la Corte assegna EUR 3,100 al richiedente a riguardo del danno non-patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile.
B. Costi e spese
57. Il richiedente non fece rivendicazioni sotto questo capo. Di conseguenza, la Corte non farà assegnazione.
C. Interesse di mora
58. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara le azioni di reclamo riguardo alla non-esecuzione, alla lunghezza del primo set di procedimenti e alla mancanza di una via di ricorso effettiva attinente contro simile lunghezza dei procedimenti ammissibili ed il resto della richiesta inammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 6 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 a riguardo della non-esecuzione delle sentenze del 28 novembre 2003 come sostenute il 14 gennaio 2004, e il 6 dicembre 2004;
3. Sostiene che c'è stata violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione a causa della lunghezza dei procedimenti che terminarono con la sentenza del 28 novembre 2003 come sostenuta il 14 gennaio 2004;
4. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 13 della Convenzione a causa della mancanza di una via di ricorso effettiva contro la lunghezza eccessiva dei procedimenti civili;
5. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare al richiedente, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione EUR 3,100 (tre mila cento euro), più qualsiasi tassa che può essere a carico del richiedente, a riguardo del danno non-patrimoniale da convertire in rubli russi al tasso applicabile in data dell’ accordo;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’interesse semplice sarà pagabile sull'importo sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
6. Respinge il resto della rivendicazione del richiedente per soddisfazione equa.
Fatto in inglesi, e notificato per iscritto il 18 febbraio 2010, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Søren Nielsen Christos Rozakis
Cancelliere Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è sabato 14/11/2020.