Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF MLADIN v. ROMANIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI:

NUMERO: 5381/04/2010
STATO: Romania
DATA: 09/02/2010
ORGANO: Sezione Terza


TESTO ORIGINALE

THIRD SECTION
CASE OF MLÄ‚DIN v. ROMANIA
(Application no. 5381/04)
JUDGMENT
STRASBOURG
9 February 2010
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Mlădin v. Romania,
The European Court of Human Rights (Third Section), sitting as a Chamber composed of:
Josep Casadevall, President,
Elisabet Fura,
Corneliu Bîrsan,
Boštjan M. Zupančič,
Alvina Gyulumyan,
Egbert Myjer,
Luis López Guerra, judges,
and Santiago Quesada, Section Registrar,
Having deliberated in private on 19 January 2010,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 5381/04) against Romania lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Romanian national, Mrs A. M. (“the applicant”), on 29 December 2003.
2. The Romanian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr Răzvan-Horaţiu Radu.
3. On 5 September 2007 the President of the Third Section decided to give notice of the application to the Government. It was also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (Article 29 § 3).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
4. The applicant was born in 1929 and lives in Bucharest.
5. The applicant inherited a 300 sq. m plot of land situated in Eforie Sud at 11 Vlad Ţepeş Street.
6. On 13 February 2001 the applicant brought civil proceedings to have removed an electrical transformer which occupied 25 sq. m of her land or to be allocated land in the neighbouring plot. She submitted that her intent was to build a house, but she had not obtained an authorisation to build on that land because of that transformer.
7. On 18 March 2002 the Constanţa District Court, considering that the applicant was prevented from enjoying the prerogatives conferred by her right of property, ordered the local administrative authorities to give her in compensation a plot of land with the same area and characteristics as her land. That judgment became final.
8. On 22 April 2003 the Constanţa District Court, at the applicant's request, ordered the local administrative authorities to pay a pecuniary penalty for each day's delay in enforcement of that judgment.
9. On 15 December 2003 the local council decided to compensate the applicant with land in another location than the plot adjacent to her land. The applicant sought annulment of that decision and on 19 May 2005 the Constanţa County Court allowed her action, considering that the land offered to the applicant was not equivalent to her land. Therefore it ordered the local administrative authorities to allocate the applicant another plot of 300 sq. m of land with the same characteristics as her land, as provided by the judgment of 18 March 2002. That judgment became final.
10. On 30 November 2005, at the applicant's request, the Constanţa District Court, by an interlocutory decision, declared that the judgment of 19 May 2005 could be enforced. On 22 December 2005 the bailiff ordered the local administrative authorities to issue a new decision allowing the applicant to take possession of 300 sq. m of land as provided by the judgment of 18 March 2002.
11. On 17 March 2006 the local council decided to draw up evaluation reports in respect of the applicant's land and of a plot of 676.67 sq. m in a different location. The applicant declined that offer, considering that the land proposed had not the same characteristics as her land.
12. On 10 April 2006 the applicant lodged a criminal complaint against the mayor alleging abuse of authority and non-compliance with court decisions. On 18 April 2007 she requested the prosecutor to inform her about the solution. On 21 February 2008 the Government informed the Court that the proceedings were still pending.
13. On 8 August 2006 the town council decided to draw up evaluation reports in respect of the applicant's land and of the same area of land in the neighbouring plot.
14. In 2008 the local administrative authorities informed the applicant that they would compensate her with land from the plot adjacent to her land.
15. By a decision of 31 July 2009 the town council ordered compensation with land from the neighbouring plot. The applicant agreed with that decision.
16. So far the applicant has not received an ownership title for the land allocated in compensation.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
17. The relevant domestic law is summarised in the judgments of Sabin Popescu v. Romania, no. 48102/99, §§ 42-46, 2 March 2004, and Drăculeţ v. Romania, no. 20294/02, § 29, 6 December 2007.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATIONS OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION AND OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 TO THE CONVENTION
18. The applicant complained that the non-enforcement of the judgment in her favour had infringed her rights guaranteed by Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, which, in so far as relevant, read as follows:
Article 6 § 1
“In the determination of his civil rights and obligations ... everyone is entitled to a fair ... hearing ... by [a] ... tribunal...”
Article 1 of Protocol No. 1
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
19. The Government contested that argument.
A. Admissibility
20. The Court notes that the application is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
21. The Government submitted that the authorities had made three attempts to enforce the judgment of 18 March 2002. The delay in enforcement had been due to objective reasons, namely the difficulty in identifying an equivalent land, as well as the fluctuant conduct of the applicant, who requested only in 2006 compensation with land in the neighbouring plot. They also argued that there had been no interference with the applicant's right to the peaceful enjoyment of her possessions, since the authorities had offered her different lands in compensation. Were the Court to hold that there had been interference based on delay in enforcement of the judgment of 18 March 2002, the Government submitted that the alleged interference had been justified and proportionate.
22. The applicant disagreed. In particular, she submitted that she had requested from local authorities compensation with land in the neighbouring plot even before introducing the civil proceedings in 2001.
23. The Court notes that the judgment of 18 March 2002 authorised the applicant to receive in compensation a plot of land with the same area and characteristics as her land. It thus conferred on the applicant a legitimate expectation of being able to take possession of the land referred to in that judgment and of subsequently obtaining title to the land, as provided by the internal legislation (see the relevant domestic law in Drăculeţ, cited above, § 29). After several attempts by the authorities to offer the applicant land in compensation, which were contested by the applicant, they decided on 31 July 2009 to allocate her land in the plot adjacent to her land. The applicant consented to that way of enforcement of the judgment of 18 March 2002. However, she has yet to take effective possession of that land and to receive a document of title. Having regard to the fact that the administrative proceedings are still pending, the Court considers that the above-mentioned judgment has not been enforced. In order for the applicant to fully enjoy the prerogatives conferred by the ownership of her land, she must have de facto possession and a document of title certifying her ownership (see Dimitriu and Dumitrache v. Romania, no. 35823/03, § 33, 20 January 2009, and Hîrgău and Arsinte v. Romania, no. 252/04, § 31, 20 January 2009).
24. The Court considers therefore that although the authorities have an obligation to enforce court judgments, in this case by compensating the applicant with a plot of land with the same area and characteristics as her land, the judgment of 18 March 2002 remains unenforced to date. That judgment is nevertheless still valid, no proceedings having been instituted under Romanian law to have it varied or annulled by the domestic courts. Apart from enforcement, it is only by means of such annulment or amendment by courts with an equivalent obligation that the continuing situation of non-enforcement may come to an end (see Sabin Popescu, cited above, § 54).
25. The Court does not accept the Government's argument that the applicant requested only in 2006 land in the neighbouring plot. The applicant sought from the beginning, in her action introduced in 2001, to recover her entire land or to be allocated land in the neighbouring plot (see paragraph 6 above). Thus, the applicant's claims were clearly specified in the judgment that the authorities had to enforce.
26. The Court has frequently found violations of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 in cases raising issues similar to the ones in the present case (see, among others, Sabin Popescu, cited above, and Dragne and Others v. Romania, no. 78047/01, 7 April 2005).
27. Having examined the material submitted to it, the Court notes that the Government have not put forward any fact or argument capable of persuading it to reach a different conclusion in the present case. There has accordingly been a violation of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1.
II. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
28. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
29. The applicant sought enforcement of the judgment of 18 March 2002, as decided by the administrative decision of 31 July 2009. She also claimed 100,000 euros (EUR) representing the loss of profit or any benefit from her possession between 1990 and 2008, the rent that she had paid where she had lived, as well as non-pecuniary damage that she had suffered.
30. In their observations of 31 July 2008 the Government considered restitutio in integrum as the most appropriate manner to make reparation but, if restitution was not possible, compensation might be awarded. They submitted that, in line with their own expert report, the value of that land amounted to EUR 34,740. Further, they considered that the finding of a violation would constitute in itself sufficient just satisfaction for any non-pecuniary damage which the applicant might have suffered.
31. The Court reiterates that, where it has found a breach of the Convention in a judgment, the respondent State is under a legal obligation to put an end to that breach and make reparation for its consequences in such a way as to restore as far as possible the situation existing before the breach (see Iatridis v. Greece (just satisfaction) [GC], no. 31107/96, § 32, ECHR 2000-XI).
32. The Court considers, in the circumstances of the case, that the enforcement of the judgment of 18 March 2002 would place the applicant as far as possible in a situation equivalent to the one in which she would have been if there had not been a breach of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1. In this connection, the Court observes that the applicant has agreed with the authorities' decision of 31 July 2009 to compensate her with land in the neighbouring plot. Therefore it holds that the respondent State is to enable the applicant to take effective possession of that land and to provide her with title in respect of that land.
33. As regards the amount of money alleged by the applicant for the loss of profit or any benefit from her possession, the Court notes that the applicant did not submit any supporting documents to substantiate her claim. In the absence of any evidence, the Court will not speculate as to the loss of profit or any benefit and, therefore, will not make an award under this head (see Dragne and Others v. Romania (just satisfaction), no. 78047/01, § 18, 16 November 2006).
34. The Court considers that the serious interference with the applicant's right of access to a court and with the peaceful enjoyment of her possession caused an important moral prejudice to the applicant. Making an assessment on an equitable basis, as required by Article 41 of the Convention, the Court awards her EUR 4,800 in respect of non-pecuniary damage.
B. Costs and expenses
35. The applicant submitted that the above-mentioned amount of
EUR 100,000 also included reimbursement of the costs and expenses she had incurred in the proceedings in the national courts, without quantifying them or submitting any supporting documents.
36. The Government considered that the applicant had not claimed a particular amount in this respect.
37. The Court reiterates that under Article 41 of the Convention it will reimburse only the costs and expenses that are shown to have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum (see Arvelakis v. Greece, no. 41354/98, § 34, 12 April 2001). Furthermore, Rule 60 § 2 of the Rules of Court provides that itemised particulars of any claim made under Article 41 of the Convention must be submitted, together with the relevant supporting documents or vouchers, failing which the Court may reject the claim in whole or in part.
38. In the instant case, the Court observes that the applicant has not substantiated her claim in any way, as she has neither quantified her costs nor submitted any supporting documents. Accordingly, the Court does not award any sum under this head (see Cumpǎnǎ and Mazǎre v. Romania [GC], no. 33348/96, §§ 133-134, ECHR 2004-XI).
C. Default interest
39. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the application admissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1;
3. Holds
(a) that the respondent State shall ensure, by appropriate means, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the enforcement of the judgment of 18 March 2002 of the Constanţa District Court, as proposed by the administrative decision of 31 July 2009, by enabling the applicant to take effective possession of that land and also by providing her with a document of title to her land;
(b) that the respondent State is to pay the applicant, within the same three months, EUR 4,800 (four thousand eight hundred euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of non-pecuniary damage, to be converted into the national currency of the respondent State at the rate applicable at the date of settlement;
(c) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amount at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
4. Dismisses the remainder of the applicant's claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 9 February 2010, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Santiago Quesada Josep Casadevall
Registrar President


TESTO TRADOTTO

TERZA SEZIONE
CAUSA MLÄ‚DIN C. ROMANIA
(Richiesta n. 5381/04)
SENTENZA
STRASBOURG
9 febbraio 2010
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Mlădin c. Romania,
La Corte europea dei Diritti umani (terza Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Josep Casadevall, Presidente, Elisabet Fura, Corneliu Bîrsan, Boštjan M. Zupančič, Alvina Gyulumyan, Egbert Myjer, Luis López Guerra, giudici,
e Santiago Quesada, Cancelliere di Sezione ,
Avendo deliberato in privato il 19 gennaio 2010,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 5381/04) contro la Romania depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino rumeno, la Sig.ra A. M. (“la richiedente”), il 29 dicembre 2003.
2. Il Governo rumeno (“il Governo”) fu rappresentato dal suo Agente, il Sig. Răzvan-Horaţiu Radu.
3. Il 5 settembre 2007 il Presidente della terza Sezione decise di dare avviso della richiesta al Governo. Fu deciso anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità (Articolo 29 § 3).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
4. La richiedente nacque nel 1929 e vive a Bucharest.
5. La richiedente ereditò un’ area di terra di 300. Metri quadrati situata a Eforie Sud all’ 11 di via Vlad Ţepeş.
6. Il 13 febbraio 2001 la richiedente introdusse procedimenti civili per far rimuovere un trasformatore elettrico che occupava 25 metri quadrati dal suo terreno o per farlo trasferire terra nell'area confinante. Lei presentò che la sua intenzione era costruire un alloggio, ma lei non aveva ottenuto un autorizzazione a costruire su questa terra a causa di quel trasformatore.
7. Il 18 marzo 2002 la Corte distrettuale di Constanţa, considerando che alla richiedente fu impedito di godere delle prerogative conferite dal suo diritto alla proprietà, ordinò alle autorità amministrative locali di darle in risarcimento un'area di terreno con la stessa area e le stesse caratteristiche della sua terra. Questa sentenza divenne definitiva.
8. Il 22 aprile 2003 la Corte distrettuale di Constanţa, su richiesta della richiedente ordinò alle autorità amministrative locali di pagare una multa per il ritardo giornaliero nell’ esecuzione di quella sentenza.
9. Il 15 dicembre 2003 la giunta comunale decise di compensare la richiedente con del terreno in un’altra ubicazione differente dall'area adiacente alla sua terra. La richiedente chiese l’annullamento di questa decisione e il 19 maggio 2005 l'Organo giudiziario locale di Constanţa accolse la sua azione, considerando che la terra proposta alla richiedente non era equivalente al suo terreno. Perciò ordinò alle autorità amministrative locali di assegnare un'altra area di terreno di 300 metri quadrati alla richiedente con le stesse caratteristiche della sua terra, come previsto dalla sentenza del 18 marzo 2002. Questa sentenza divenne definitiva.
10. Il 30 novembre 2005, la Corte distrettuale di Constanţa, con una decisione interlocutoria dichiarò su richiesta della richiedente, che la sentenza del 19 maggio 2005 avrebbe potuto essere eseguita. Il 22 dicembre 2005 l'ufficiale giudiziario ordinò alle autorità amministrative locali di emettere una nuova decisione che permettesse alla richiedente di prendere proprietà di 300 metri quadrati di terra come previsto dalla sentenza del 18 marzo 2002.
11. Il 17 marzo 2006 la giunta comunale decise di stendere un rapporto di valutazione a riguardo della terra della richiedente e di un'area di 676.67 metri quadrati in un'ubicazione diversa. La richiedente declinò questa offerta, considerando che la terra proposta non aveva le stesse caratteristiche della sua terra.
12. Il 10 aprile 2006 la richiedente presentò una querela penale contro il sindaco adducendo un abuso d’ autorità e di inadempienza con le decisioni di corte. Il 18 aprile 2007 lei richiese all'accusatore di informarla della soluzione. Il 21 febbraio 2008 il Governo informò la Corte che i procedimenti erano ancora pendenti.
13. L’ 8 agosto 2006 il consiglio della città decise di redigere un rapporto di valutazione a riguardo della terra del richiedente e della stessa area di terra nell'area confinante.
14. Nel 2008 le autorità amministrative locali informarono la richiedente che loro l'avrebbero compensata con della terra dall'area adiacente alla sua terra.
15. Con una decisione del 31 luglio 2009 il consiglio di città ordinò il risarcimento con la terra dall'area nelle vicinanze. La richiedente concordò con quella decisione.
16. Finora la richiedente non ha ricevuto un titolo di proprietà per la terra assegnata come risarcimento.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
17. Il diritto nazionale attinente è riassunto nelle sentenze Sabin Popescu c. Romania, n. 48102/99, §§ 42-46, 2 marzo 2004, e Drăculeţ c. Romania, n. 20294/02, § 29, 6 dicembre 2007.
LA LEGGE
I. VIOLAZIONI ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE E DELL’ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 ALLA CONVENZIONE
18. La richiedente si lamentò che la non-esecuzione della sentenza a suo favore aveva infranto i suoi diritti garantiti dall’Articolo 6 § 1 della Convenzione e dall’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione che, nelle parti attinenti, recitano come segue:
Articolo 6 § 1
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale ...”
Articolo 1 di Protocollo N.ro 1
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
19. Il Governo contestò questi argomenti.
A. Ammissibilità
20. La Corte nota che la richiesta non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
B. Meriti
21. Il Governo presentò che le autorità avevano fatto tre tentativi per eseguire la sentenza del 18 marzo 2002. Il ritardo nell’ esecuzione era stato dovuto a ragioni obiettive, vale a dire la difficoltà nell'identificare una terra equivalente così come le variazione continue fatte dalla richiedente che richiese solamente nel 2006 il risarcimento tramite terreno nell'area vicino. Dibatté anche che non c'era stata interferenza col diritto della richiedente al godimento tranquillo delle sue proprietà, poiché le autorità avevano offerto le diversi terreni come risarcimento. Nel caso la Corte sostenesse che c'era stata interferenza basata su un ritardo in esecuzione della sentenza del 18 marzo 2002, il Governo avrebbe presentato che l'interferenza addotta era stata giustificata ed era stata proporzionata.
22. La richiedente non fu d'accordo. In particolare, lei presentò che di aver richiesto il risarcimento delle autorità locale tramite terreno nell'area vicina anche prima di introdurre i procedimenti civili nel 2001.
23. La Corte nota che la sentenza del 18 marzo 2002 ha autorizzato la richiedente a ricevere come risarcimento un'area di terreno con la stessa area e le stesse caratteristiche del suo terreno. Conferì così alla richiedente un'aspettativa legittima di essere in grado prendere possesso della terra assegnatale in questa sentenza e di ottenere successivamente un titolo di proprietà sulla terra, come previsto dalla legislazione interna (vedere il diritto nazionale attinente in Drăculeţ, citata sopra, § 29). Dopo molti tentativi da parte delle autorità di offrire del terreno alla richiedente come risarcimento che furono contestati dalla richiedente loro decisero il 31 luglio 2009 di assegnarle una terra nell'area adiacente alla sua terra. La richiedente acconsentì al modo di esecuzione della sentenza del 18 marzo 2002. Comunque deve ricevere ancora la proprietà effettiva di questa terra e ricevere un titolo di legittimazione. Avendo riguardo al fatto che i procedimenti amministrativi sono ancora pendenti, la Corte considera che la sentenza summenzionata non è stata eseguita. In modo che la richiedente possa godere pienamente delle prerogative conferite dal possesso della sua terra, lei deve avere una proprietà de facto ed un titolo di legittimazione che certifichi la sua proprietà in (vedere Dimitriu e Dumitrache c. Romania, n. 35823/03, § 33, 20 gennaio 2009, e Hîrgău ed Arsinte c. Romania, n. 252/04, § 31 del 20 gennaio 2009).
24. La Corte considera perciò che benché le autorità abbiano l’ obbligo di eseguire le sentenze di corte, in questo causo compensando la richiedente con un'area di terreno con la stessa area e le stesse caratteristiche della sua terra la sentenza del 18 marzo 2002 rimane ad oggi non eseguita. Questa sentenza è ciononostante ancora valida, non essendo stato avviato nessun procedimento sotto la legge rumena per farla variare o annullare dai tribunali nazionali. A parte l’ esecuzione, è solo tramite simile annullamento o emendamento da parte dei tribunali con un obbligo equivalente che la situazione continua di non-esecuzione può finire (vedere Sabin Popescu, citata sopra, § 54).
25. La Corte non accetta l'argomento del Governo per cui la richiedente ha richiesto solamente nel 2006 il terreno nell'area vicina. La richiedente chiese dall'inizio, nella sua azione introdotta nel 2001 di recuperare la sua intera terra o che le venisse assegnata una terra nell'area vicina (vedere paragrafo 6 sopra). Le rivendicazioni della richiedente furono così chiaramente specificate, nella sentenza che le autorità dovevano eseguire.
26. La Corte ha trovato frequentemente violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e dell’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 in cause che sollevavano problemi simili a quelli nella presente causa (vedere, fra altre, Sabin Popescu, citata sopra, e Dragne ed Altri c. Romania, n. 78047/01, 7 aprile 2005).
27. Avendo esaminato il materiale presentato a sé, la Corte nota che il Governo non ha esposto nessun fatto o argomento capace di persuaderla a giungere ad una conclusione diversa nella presente causa. C'è stata di conseguenza una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
II. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
28. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
29. La richiedente chiese l’esecuzione della sentenza del 18 marzo 2002, come deciso dalla decisione amministrativa del 31 luglio 2009. Lei chiese anche 100,000 euro (EUR) rappresentanti la perdita di profitto o qualsiasi beneficio dalla sua proprietà fra il 1990 ed il 2008, l'affitto che lei aveva pagato dove aveva vissuto, così come danno non-patrimoniale del quale lei aveva sofferto.
30. Nelle sue osservazioni del 31 luglio 2008 il Governo ha considerato la restitutio in integrum come la maniera più appropriata per fare riparazione ma, se la restituzione non fosse stata possibile, è probabile che venga assegnato il risarcimento. Presentò che, in linea col suo proprio rapporto competente, il valore di quella terra corrispondeva ad EUR 34,740. Inoltre, loro considerarono che la sentenza di una violazione avrebbe costituito di per sé la soddisfazione equa sufficiente per qualsiasi
danno non-patrimoniale del quale è probabile che la richiedente abbia sofferto.
31. La Corte reitera che, dove ha trovato una violazione della Convenzione in una sentenza, lo Stato rispondente è sotto l’ obbligo legale di mettere una fine a questa violazione e di riparare le sue conseguenze in modo tale da ripristinare il più possibile la situazione esistente prima della violazione (vedere Iatridis c. la Grecia (soddisfazione equa) [GC], n. 31107/96, § 32 ECHR 2000-XI).
32. La Corte considera, nelle circostanze della causa, che l'esecuzione della sentenza del 18 marzo 2002 metterebbe il più possibile la richiedente in una situazione equivalente a quella nella quale lei sarebbe stata se non ci fosse stata una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e dell’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. In questo collegamento, la Corte osserva, che la richiedente ha concordato con la decisione delle autorità del 31 luglio 2009 di compensarla con una terra nell'area vicina. Perciò sostiene che lo Stato rispondente debba permettere alla richiedente di prendere possesso effettivo di quella terra e di offrirle un titolo a riguardo di quella terra.
33. Riguardo all'importo di denaro addotto dalla richiedente per la perdita di profitto o qualsiasi beneficio dalla sua proprietà, la Corte nota che la richiedente non presentò nessun documento a sostegno per provare la sua rivendicazione. In assenza di qualsiasi prova, la Corte non speculerà riguardo alla perdita di profitto o di qualsiasi beneficio e, perciò, non farà un'assegnazione sotto questo capo (vedere Dragne ed Altri c. Romania (soddisfazione equa), n. 78047/01, § 18 del 16 novembre 2006).
34. La Corte considera che la grave interferenza col diritto della richiedente di accesso ad una corte e col godimento tranquillo della sua proprietà ha causato un importante pregiudizio morale alla richiedente. Facendo una valutazione su una base equa, come richiesto dall’ Articolo 41 della Convenzione, la Corte assegna la somma di EUR 4,800 a riguardo del danno non-patrimoniale.
B. Costi e spese
35. La richiedente presentò che l'importo summenzionato di EUR 100,000 includeva anche il rimborso dei costi e spese che lei aveva sostenuto nei procedimenti presso i tribunali nazionali, senza quantificarli o presentare nessun documento a sostegno.
36. Il Governo considerò che la richiedente non aveva chiesto un particolare importo a questo riguardo.
37. La Corte reitera che sotto l’Articolo 41 della Convenzione rimborserà solamente i costi e le spese per cui viene dimostrato che sono stati davvero e necessariamente sostenuti e che sono ragionevoli riguardo al quantum (vedere Arvelakis c. Grecia, n. 41354/98, § 34 12 aprile 2001). Inoltre, l’Articolo 60 § 2 dell’Ordinamento di Corte prevede che dei dettagli particolareggiati di qualsiasi rivendicazione fatta sotto l’Articolo 41 della Convenzione devono essere presentati, insieme con gli attinenti documenti o ricevute di sostegno, in mancanza di cui la Corte può respingere la rivendicazione interamente o in parte.
38. Nella presente causa, la Corte osserva, che la richiedente non ha provato la sua rivendicazione in qualsiasi modo, siccome lei non ha né quantificato i suoi costi né presentato qualsiasi documento di a sostegno. Di conseguenza, la Corte non assegna qualsiasi somma sotto questo capo (vedere Cumpn ǎe Mazre c. Romania [GC], n. 33348/96, §§ 133-134 ECHR 2004-XI).
C. Interesse di mora
39. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara la richiesta ammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1;
3. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente garantirà, con appropriati mezzi, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione, l'esecuzione della sentenza del 18 marzo 2002 della Corte distrettuale di Constanţa, come proposto dalla decisione amministrativa del 31 luglio 2009, permettendo alla richiedente di prendere possesso effettivo di quella terra ed anche offrendole un titolo di legittimazione sulla sua terra;
(b) che lo Stato rispondente deve pagare la richiedente, entro gli stessi tre mesi EUR 4,800 (quattro mila ottocento euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, a riguardo del danno non-patrimoniale da convertire nella valuta nazionale dello Stato rispondente al tasso applicabile in data dell’ accordo;
(c) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’interesse semplice sarà pagabile sull'importo sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
4. Respinge il resto della rivendicazione della richiedente per soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 9 febbraio 2010, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Santiago Quesada Josep Casadevall
Cancelliere Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 14/09/2020.