Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF VENIAMIN v. ROMANIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI:

NUMERO: 19438/05/2010
STATO: Romania
DATA: 26/01/2010
ORGANO: Sezione Terza


TESTO ORIGINALE

THIRD SECTION
CASE OF VENIAMIN v. ROMANIA
(Application no. 19438/05)
JUDGMENT
STRASBOURG
26 January 2010
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Veniamin v. Romania,
The European Court of Human Rights (Third Section), sitting as a Chamber composed of:
Josep Casadevall, President,
Elisabet Fura,
Corneliu Bîrsan,
Alvina Gyulumyan,
Egbert Myjer,
Luis López Guerra,
Ann Power, judges,
and Santiago Quesada, Section Registrar,
Having deliberated in private on 5 January 2010,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 19438/05) against Romania lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by two Romanian nationals, Mr N. V. and Mr L. V. (“the applicants”), on 28 April 2005.
2. The applicants were represented by Mr A. V., a lawyer practising in Bucharest. The Romanian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr Răzvan-Horaţiu Radu.
3. On 1 September 2006, the President of the Third Section decided to give notice of the application to the Government. It was also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (Article 29 § 3).
4. The French Government, to whom a copy of the application was transmitted under Rule 44 § 1 (a) of the Rules of Court, did not exercise their right to intervene in the proceedings.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. Both applicants, who are brothers, were born in 1946: Mr N. V. lives in Boulogne and Mr L. V. in Paris.
6. On an unspecified date, the State seized possession of an apartment belonging to the mother of the applicants, on the 4th floor of no.43, Dacia Street, in Bucharest.
7. By a final decision of 19 June 1998, the Bucharest District Court allowed the action brought by the applicants against the State for recovery of possession (acţiune în revendicare). The applicants were granted possession of the apartment on 19 January 1999.
8. Within less than one month from the final decision favourable to the applicants, on 6 July 1998, the State sold the apartment to the tenants under Law no. 112/1996. Subsequently, on 11 February 1999 the Mayor of Bucharest issued a decision for the restitution of the apartment to the tenants who had bought it.
9. The applicants lodged an action against the tenants, seeking to have the contract of sale concluded by them with the State set aside and the restitution of ownership of the apartment. By a final decision of 2 November 2004, the High Court of Cassation and Justice dismissed the action on the ground that the buyers had concluded the contract in good faith.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
10. The relevant legal provisions and jurisprudence are described in the judgments Brumărescu v. Romania ([GC], no. 28342/95, §§ 31-33, ECHR 1999-VII); Străin and Others v. Romania (no. 57001/00, §§ 19-26, ECHR 2005-VII); Păduraru v. Romania (no. 63252/00, §§ 38-53, 1 December 2005); and Tudor v. Romania (no. 29035/05, §§ 15-20, 17 January 2008).
11. In particular, section 46 § 2 of Law no. 10/2001 provides that the sale or donation of immovable property unlawfully seized by the State shall be declared null and void, save where the transactions have been concluded in good faith.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1 OF THE CONVENTION
12. The applicants complained that the sale by the State of their apartment to the tenants, validated by the final decision of the High Court of Cassation and Justice of 2 November 2004, without any compensation entails a violation of Article 1 of Protocol No.1 of the Convention, which reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
13. The Court notes that the complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
14. The Government reiterated the arguments they had previously submitted in similar cases. Furthermore, they contended that the applicants had not followed the procedure provided by Law no. 10/2001.
15. The applicants disagreed with those arguments. They argued that they did not see any reason to follow the procedure provided by Law no. 10/2001, as long as they had obtained the restitution of their apartment by a final decision. Furthermore, they had lodged an action for the annulment of the sale contract against the former tenants, which had already been pending when Law no. 10/2001 entered into force. They added that until 2 November 2004, when they obtained a final decision dismissing their claim for annulment and restitution, they had still been the owners of the apartment. Besides, they noted that they could not follow the procedure provided by Law no. 10/2001 for obtaining compensation since such a procedure did not envisage the situation of former owners of immovable property restored by a final decision and then sold by the State to third parties after 22 December 1989.
16. The Court reiterates that, according to its case-law, the sale of another's possessions by the State amounts to a deprivation of possessions. Such deprivation, in combination with a total lack of compensation, is contrary to Article 1 of Protocol No. 1 (see Străin and Others, cited above, §§ 39, 43 and 59, and Porteanu, cited above, § 35).
17. Having examined all the material in its possession, the Court considers that the Government have not put forward any fact or argument capable of persuading it to reach a different conclusion in the present case. The sale by the State of the applicants' apartment prevents them from enjoying their right of property as acknowledged by a final decision. The Court considers that such a situation amounts to a de facto deprivation of possessions and notes that it has continued for more than 10 years without any compensation being paid.
18. The Court observes that to date the Government have not demonstrated that the system of compensation set up in July 2005 by Law no. 247/2005 would allow the beneficiaries of this system to recover damages reflecting the market value of the possessions of which they have been deprived, in accordance with a foreseeable procedure and timetable.
19. Having regard to its case-law on the subject, the Court considers that in the instant case the deprivation of the applicants' possessions, together with the total lack of compensation, imposed on the applicants a disproportionate and excessive burden in breach of their right to the peaceful enjoyment of their possessions as guaranteed by Article 1 of Protocol No. 1.
There has accordingly been a violation of Article 1 of Protocol No. 1.
II. OTHER ALLEGED VIOLATIONS OF THE CONVENTION
20. The applicants complained under Article 6 § 1 of the Convention about the outcome of the proceedings, the allegedly incorrect assessment of the facts and a lack of impartiality on the part of the domestic judges.
21. Having carefully considered the applicants' submissions in the light of all the material in its possession, the Court finds that, in so far as the matters complained of are within its competence, they do not disclose any appearance of a violation of the rights and freedoms set out in the Convention.
It follows that this complaint is manifestly ill-founded and must be rejected in accordance with Article 35 §§ 3 and 4 of the Convention.
22. Under the same Article of the Convention, Article 6 § 1, the applicants complained about the impossibility to obtain the execution of a final decision, that is, of the decision of 19 June 1998 of the Bucharest District Court.
23. Having regard to the fact that this issue has been analysed above under Article 1 of Protocol No. 1 of the Convention and to the finding relating to it, the Court considers that it is not necessary to examine the admissibility or the merits of this complaint under Article 6 § 1.
III. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
24. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
25. The applicants sought to recover possession of their apartment or, if that proved impossible, the sum of 213,472 Euros (EUR), on the basis of an expert report dated 27 November 2006. They further claimed EUR 50,000 for the loss of profit or other benefits deriving from their property as of 1998. In respect of non-pecuniary damage, they claimed EUR 30,000.
26. The Government considered, in line with their own expert report drawn up in March 2007, that the value of the property was EUR 36,818. The low value established by the expert appointed by the Government was justified by the precarious condition of the building in which the apartment is situated, which needed extensive restoration.
They also considered that the claim for loss of profit should be dismissed and that the claim in respect of non-pecuniary damage was excessive.
27. The Court reiterates that a judgment in which it finds a breach imposes on the respondent State a legal obligation under the Convention to put an end to the breach and make reparation for its consequences. If the internal law allows only partial reparation to be made, Article 41 of the Convention gives the Court the power to award compensation to the party injured by the act or omission that has led to the finding of a violation of the Convention. The Court enjoys a certain degree of discretion in the exercise of that power, as the adjective “just” and the phrase “if necessary” attest.
28. Among the matters which the Court takes into account when assessing compensation are pecuniary damage, that is, the loss actually suffered as a direct result of the alleged violation, and non-pecuniary damage, that is, the anxiety, inconvenience and uncertainty caused by the violation, and other non-pecuniary loss (see, among other authorities, Ernestina Zullo v. Italy, no. 64897/01, § 25, 10 November 2004).
29. The Court considers, in the circumstances of the case, that the return of the property in issue (the flat and the appurtenant land) would put the applicants as far as possible in a situation equivalent to the one in which they would have been if there had not been a breach of Article 1 of Protocol no. 1.
30. Failing such restitution by the respondent State, the Court holds that the respondent State is to pay jointly to the applicants, in respect of pecuniary damage, an amount corresponding to the current value of the property. Having regard to the information at its disposal concerning real estate prices on the local market and to the expert report submitted by the parties, the Court estimates the current market value of the property at EUR 120,000.
31. The Court considers that the serious interference with the applicants' right to the peaceful enjoyment of their possession could not be compensated in an adequate way by the simple finding of a violation of Article 1 of Protocol No. 1.
Making an assessment on an equitable basis, as required by Article 41 of the Convention, the Court awards jointly to the applicants EUR 4,000 in respect of non-pecuniary damage.
B. Costs and expenses
32. The applicants also claimed 3,600 Romanian lei (RON) (equivalent to EUR 1000) for the fees paid to their lawyer. They submitted an invoice in this respect.
33. The Government contested the claim for costs and expenses on the ground that the applicant had not submitted copies of the contracts for legal assistance, which would have allowed the Court to determine the connection between the legal assistance received and the invoice submitted.
34. According to the Court's case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum. In the present case, regard being had to the fact that the applicant submitted relevant documents for proving his expenses and the above criteria, the Court considers it reasonable to award the sum of EUR 1000 for costs and expenses incurred before the Court.
C. Default interest
35. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the complaint concerning Article 1 of Protocol No. 1 admissible and the complaint concerning Article 6 § 1 regarding the outcome of the proceedings and the lack of impartiality of the domestic judges inadmissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;
3. Holds that there is no need to examine the admissibility or the merits of the complaint raised under Article 6 § 1 regarding the non-execution of the final decision of 19 June 1998;
4. Holds
(a) that the respondent State is to return to the applicants flat no. 4, situated on the 4th floor of 43, Dacia Street, Bucharest, and the appurtenant land, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention;
(b) that, failing such restitution, the respondent State is to pay jointly to the applicants, within the same three months, the amount of EUR 120,000 (one hundred and twenty thousand Euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of pecuniary damage;
(c) that, in any event, the respondent State is to pay jointly to the applicants, within the same three months, the amount of EUR 4,000 (four thousand Euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of non-pecuniary damage;
(d) that, in any event, the respondent State is to pay jointly to the applicants, within the same three months, the amount of EUR 1,000 (one thousand Euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of costs and expenses;
(e) that the aforementioned amounts shall be converted into the national currency of the respondent State at the rate applicable at the date of settlement;
(f) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
5. Dismisses the remainder of the applicants' claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 26 January 2010, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Santiago Quesada Josep Casadevall
Registrar President


TESTO TRADOTTO

TERZA SEZIONE
CAUSA VENIAMIN C. ROMANIA
(Richiesta n. 19438/05)
SENTENZA
STRASBOURG
26 gennaio 2010
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Veniamin c. Romania,
La Corte europea dei Diritti umani (terza Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Josep Casadevall, Presidente, Elisabet Fura, Corneliu Bîrsan, Alvina Gyulumyan, Egbert Myjer, Luis López Guerra, l'Ann Power, giudici,
e Santiago Quesada, Cancelliere di Sezione,
Avendo deliberato in privato il 5 gennaio 2010,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 19438/05) contro la Romania depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da due cittadini rumeni, il Sig. N. V. ed il Sig. L. V. (“i richiedenti”), il 28 aprile 2005.
2. I richiedenti furono rappresentati dal Sig. A. V., un avvocato che pratica a Bucharest. Il Governo rumeno (“il Governo”) fu rappresentato dal suo Agente, il Sig. Răzvan-Horaţiu Radu.
3. Il 1 settembre 2006, il Presidente della terza Sezione decise di dare avviso della richiesta al Governo. Fu deciso anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità (Articolo 29 § 3).
4. Il Governo francese, a cui una copia della richiesta fu trasmessa sotto l’Articolo 44 § 1 (a) dell’ordinamento di Corte, non ha esercitato il suo diritto di intervenire nei procedimenti.
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
5. Entrambi i richiedenti che sono fratelli nacquero nel 1946: Il Sig. N. V. vive a Boulogne ed il Sig. L. V. a Parigi.
6. In una data non specificata, lo Stato prese proprietà di un appartamento appartenente alla madre dei richiedenti, al 4 piano del no.43 di via Dacia, a Bucharest.
7. Con una decisione definitiva del 19 giugno 1998, la Corte distrettuale di Bucharest accolse l'azione introdotta dia richiedenti contro lo Stato per ricupero di proprietà (acţiune în revendicare). Ai richiedenti fu accordata la proprietà dell'appartamento il 19 gennaio 1999.
8. In meno di un mese dalla decisione definitiva favorevole ai richiedenti del 6 luglio 1998, lo Stato vendette l'appartamento agli inquilini sotto la Legge, n. 112/1996. L’11 febbraio 1999 il Sindaco di Bucharest emise successivamente, una decisione per la restituzione dell'appartamento agli inquilini che l'avevano comprato.
9. I richiedenti depositarono un'azione contro gli inquilini, cercando di far accantonare il contratto di vendita concluso da parte loro con lo Stato e di ottenere la restituzione della proprietà dell'appartamento. Con una decisione definitiva del 2 novembre 2004, l’Alta Corte di Cassazione e di Giustizia respinse l'azione sulla base che gli acquirenti avevano concluso il contratto in buon fede.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
10. Le disposizioni legali attinenti e la giurisprudenza sono descritte nelle sentenze Brumărescu c. Romania ([GC], n. 28342/95, §§ 31-33 ECHR 1999-VII); Străin ed Altri c. Romania (n. 57001/00, §§ 19-26 ECHR 2005-VII); Păduraru c. Romania (n. 63252/00, §§ 38-53 1 dicembre 2005); e Tudor c. Romania (n. 29035/05, §§ 15-20 17 gennaio 2008).
11. In particolare, la sezione 46 § 2 di Legge n. 10/2001 prevede che la vendita o la donazione di patrimonio immobiliare sequestrato illegalmente dallo Stato sarà dichiarata priva di valore legale, salvo dove le operazioni sono state concluse in buon fede.
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1 DELLA CONVENZIONE
12. I richiedenti si lamentarono che la vendita dello Stato del loro appartamento agli inquilini, convalidata con la decisione definitiva dell’Alta Corte di Cassazione e di Giustizia del 2 novembre 2004 senza qualsiasi risarcimento comporta una violazione dell’ Articolo 1 di Protocollo No.1 della Convenzione che si legge come segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Ammissibilità
13. La Corte nota che l'azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
14. Il Governo reiterò gli argomenti che aveva prima presentato in cause simili. Inoltre, contese che i richiedenti non avevano seguito la procedura prevista dalla Legge n. 10/2001.
15. I richiedenti non furono d'accordo con quegli argomenti. Loro dibatterono di non aver visto nessuna ragione di seguire la procedura prevista dalla Legge n. 10/2001, dal momento che loro avevano ottenuto la restituzione del loro appartamento con una decisione definitiva. Inoltre, loro avevano depositato un'azione per l'annullamento del contratto di vendita contro i precedenti inquilini che erano già pendenti quando la Legge n. 10/2001 entrò in vigore. Loro aggiunsero che sino al 2 novembre 2004, quando loro ottennero una decisione definitiva che respingeva la loro rivendicazione per annullamento e restituzione, loro erano ancora i proprietari dell'appartamento. Inoltre, loro notarono che avrebbero potuto seguire la procedura prevista dalla Legge n. 10/2001 per ottenere il risarcimento poiché tale procedura non prevedeva la situazione di precedenti proprietari di un patrimonio immobiliare ripristinato con una decisione definitiva e poi venduto dallo Stato a terze parti dopo il 22 dicembre 1989.
16. La Corte reitera che, secondo la sua giurisprudenza , la vendita della proprietà altrui da pare dello Stato corrisponde ad una privazione di proprietà. Simile privazione, in combinazione con una mancanza totale del risarcimento è contraria all’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere Străin ed Altri, citata sopra, §§ 39, 43 e 59, e Porteanu citata sopra, § 35).
17. Avendo esaminato tutto il materiale in suo possesso, la Corte considera che il Governo non ha esposto qualsiasi fatto o argomento capace di persuaderla a giungere ad una conclusione diversa nella presente causa. La vendita dello Stato dell'appartamento dei richiedenti impedisce loro dal godere il loro diritto di proprietà come ammesso con una decisione definitivo. La Corte considera che tale situazione corrisponde ad una privazione de facto di proprietà e nota che continua da più di 10 anni senza che venga pagato qualsiasi risarcimento.
18. La Corte osserva che ad oggi il Governo non ha dimostrato che il sistema di risarcimento predisposto nel luglio 2005 della Legge n. 247/2005 permetterebbe ai beneficiari di questo sistema di recuperare i danni che riflettono il valore di mercato delle proprietà di cui sono stati privati, in conformità con una procedura prevedibile ed a scadenze precise.
19. Avendo riguardo ad alla sua giurisprudenza in materia, la Corte considera, che nella presente causa la privazione delle proprietà dei richiedenti, insieme con la mancanza totale del risarcimento ha imposto sui richiedenti un carico sproporzionato ed eccessivo in violazione del loro diritto al godimento tranquillo delle loro proprietà come garantito dall’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
C'è stata di conseguenza una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
II. ALTRE VIOLAZIONI ADDOTTE DELLA CONVENZIONE
20. I richiedenti si lamentarono sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione dei risultati dei procedimenti, presumibilmente per una valutazione incorretta dei fatti ed una mancanza d'imparzialità da parte dei giudici nazionali.
21. Avendo considerato attentamente le osservazioni dei richiedenti alla luce di tutto il materiale in suo possesso, la Corte costata che, nella misura in cui le questioni di cui ci si lamenta sono all'interno della sua competenza, non rivelano qualsiasi comparizione di una violazione dei diritti e delle libertà esposti nella Convenzione.
Ne segue che questa azione di reclamo è manifestamente mal-fondata e deve essere respinta in conformità con l’Articolo 35 §§ 3 e 4 della Convenzione.
22. Sotto lo stesso Articolo della Convenzione, Articolo 6 § 1, i richiedenti si lamentarono dell'impossibilità di ottenere l'esecuzione di una decisione definitivo cioè della decisione del 19 giugno 1998 della Corte distrettuale di Bucharest.
23. Avendo riguardo al fatto che questo problema è stato analizzato sopra sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 della Convenzione ed al giudizio relativo a questo, la Corte considera, che non è necessario esaminare l'ammissibilità o i meriti di questa azione di reclamo sotto l’ Articolo 6 § 1.
III. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
24. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
25. I richiedenti cercarono di recuperare la proprietà del loro appartamento o, se ciò si fosse dimostrato impossibile, la somma di 213,472 Euro (EUR), sulla base di un rapporto competente del 27 novembre 2006. Chiesero inoltre EUR 50,000 per la perdita di profitto o di altri benefici derivanti dalla loro proprietà dal 1998. A riguardo del danno non-patrimoniale, loro chiesero EUR 30,000.
26. Il Governo considerò, in linea col suo proprio rapporto competente steso nel marzo 2007, che il valore della proprietà era EUR 36,818. Il valore basso stabilito dall'esperto nominato dal Governo era giustificato dalla condizione precaria dell'edificio nel quale era situato l'appartamento che aveva bisogno di un’ampia ristrutturazione.
Considerò anche che la rivendicazione per la perdita di profitto avrebbe dovuto essere respinta e che la rivendicazione a riguardo del danno non-patrimoniale era eccessiva.
27. La Corte reitera che una sentenza nella quale trova una violazione impone sullo Stato rispondente un obbligo legale sotto la Convenzione di porre fine alla violazione e costituire riparazione delle sue conseguenze. Se la legge interna permette solamente una riparazione parziale, l’Articolo 41 della Convenzione dà alla Corte il potere di assegnare il risarcimento alla parte lesa dall'atto o dall’omissione che hanno condotto alla costatazione di una violazione della Convenzione. La Corte gode di un certo grado di discrezione nell'esercizio di questo potere, come l'aggettivo “equo” e la frase “se necessario” attestano.
28. Fra le questioni che la Corte prende in considerazione quando valuta il risarcimento davvero vi è il danno patrimoniale cioè la perdita subita come risultato diretto della violazione addotta, e il danno non-patrimoniale che è l'ansia, lo stress e l'incertezza causati dalla violazione, e ogni altra perdita non-patrimoniale (vedere, fra le altre autorità, Ernestina Zullo c. Italia, n. 64897/01, § 25 10 novembre 2004).
29. La Corte considera, nelle circostanze della causa che la restituzione della proprietà in oggetto (l'appartamento e la terra annessa) metterebbe il più possibile i richiedenti in una situazione equivalente a quella in cui loro sarebbero stati se non ci fosse stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo n. 1.
30. In mancanza di simile restituzione da parte dello Stato rispondente, la Corte sostiene che lo Stato rispondente debba pagare congiuntamente ai richiedenti, a riguardo del danno patrimoniale un importo che corrisponde al valore corrente della proprietà. Avendo riguardo alle informazioni a sua disposizione riguardo ai prezzi dei beni immobili sul mercato locale ed al rapporto competente presentato dalle parti, la Corte valuta il valore di mercato corrente della proprietà ad EUR 120,000.
31. La Corte considera che l'interferenza seria col diritto dei richiedenti al godimento tranquillo della loro proprietà non poteva essere compensata in un modo adeguato con la semplice costatazione di una violazione dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
Facendo una valutazione su una base equa, come richiesto dall’ Articolo 41 della Convenzione, la Corte assegna congiuntamente ai richiedenti EUR 4,000 a riguardo di danno non-patrimoniale.
B. Costi e spese
32. I richiedenti chiesero anche 3,600 lei rumeni (RON) (equivalenti ad EUR 1000) per le parcelle pagate al loro avvocato. Loro presentarono una fattura a questo riguardo.
33. Il Governo contestò la rivendicazione per costi e spese sulla base che il richiedente non aveva presentato copie dei contratti per assistenza legale che avrebbero permesso alla Corte di determinare il collegamento fra l'assistenza legale ricevuta e la fattura presentate.
34. Secondo la giurisprudenza della Corte, ad un richiedente viene concesso il rimborso dei costi e delle spese solamente nella misura in cui viene mostrato che questi davvero e necessariamente sono stati incorsi e sono stati ragionevoli riguardo al quantum. Nella presente causa, avuto riguardo al fatto che il richiedente presentò documenti attinenti per provare le sue spese ed ai criteri sopra indicati, la Corte considera ragionevole assegnare la somma di EUR 1000 per costi e spese incorsi di fronte alla Corte.
C. Interesse di mora
35. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora debba essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui si dovrebbero aggiungere tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara l'azione di reclamo riguardo all’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 ammissibile e l'azione di reclamo riguardo all’ Articolo 6 § 1 riguardo al risultato dei procedimenti e la mancanza d'imparzialità dei giudici nazionali inammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione;
3. Sostiene che non c'è nessun bisogno di esaminare l'ammissibilità o i meriti dell'azione di reclamo sollevati sotto l’ Articolo 6 § 1 a riguardo della non-esecuzione della decisione definitiva del 19 giugno 1998;
4. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve restituire l'appartamento n. 4 dei richiedenti, situato al 4 piano del 43, di via Dacia, Bucharest, e la terra annessa, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione;
(b) che, in mancanza di simile restituzione, lo Stato rispondente deve pagare congiuntamente ai richiedenti, entro gli stessi tre mesi l'importo di EUR 120,000 (cento e venti mila Euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, a riguardo del danno patrimoniale;
(c) che in qualsiasi caso, lo Stato rispondente deve pagare congiuntamente ai richiedenti, entro gli stessi tre mesi l'importo di EUR 4,000 (quattro mila Euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, a riguardo del danno non-patrimoniale;
(d) che in qualsiasi caso, lo Stato rispondente deve pagare congiuntamente ai richiedenti, entro gli stessi tre mesi l'importo di EUR 1,000 (mille Euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, a riguardo di costi e spese;
(e) che gli importi summenzionati saranno convertiti nella valuta nazionale dello Stato rispondente al tasso applicabile in data dell’ accordo;
(f) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
5. Respinge il resto della rivendicazione dei richiedenti per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 26 gennaio 2010, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’ordinamento di Corte.
Santiago Quesada Josep Casadevall
Cancelliere Presidente


DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è sabato 14/11/2020.