Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF POPOV v. BULGARIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI:

NUMERO: 69855/01/2010
STATO: Bulgaria
DATA: 07/01/2010
ORGANO: Sezione Quinta


TESTO ORIGINALE

FIFTH SECTION
CASE OF LYUBOMIR POPOV v. BULGARIA
(Application no. 69855/01)
JUDGMENT
STRASBOURG
7 January 2010
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Lyubomir Popov v. Bulgaria,
The European Court of Human Rights (Fifth Section), sitting as a Chamber composed of:
Peer Lorenzen, President,
Karel Jungwiert,
Rait Maruste,
Mark Villiger,
Isabelle Berro-Lefèvre,
Mirjana Lazarova Trajkovska, judges,
Pavlina Panova, ad hoc judge,
and Claudia Westerdiek, Section Registrar,
Having deliberated in private on 1 December 2009,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 69855/01) against the Republic of Bulgaria lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Bulgarian national, Mr L. M. P. (“the applicant”), on 3 May 2000.
2. The applicant was represented by Mrs N. S., a lawyer practising in Sofia. The Bulgarian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mrs M. Kotseva, of the Ministry of Justice.
3. The applicant alleged that the authorities had failed to comply with final judgments and decisions given in the framework of restitution proceedings and had failed to duly recognise and restore his property rights to the properties in respect of which he had sought restitution.
4. On 24 October 2005 the Court decided to give notice of the application to the Government. It was also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (Article 29 § 3).
5. Judge Kalaydjieva, the judge elected in respect of Bulgaria, withdrew from sitting in the case. On 30 January 2009 the Government appointed in her stead Mrs Pavlina Panova as an ad hoc judge (Article 27 § 2 of the Convention and Rule 29 § 1 of the Rules of Court).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
6. The applicant was born in 1933 and lives in Plovdiv.
7. In 1991 the Bulgarian Parliament adopted the Agricultural Land Act (“the ALA”, see for more detail paragraphs 83-95 below) which provided for the restitution of collectivised agricultural land.
1. Restitution of land previously owned by the applicant
(a) Request for restitution of property
8. On 4 March 1992 the applicant requested from the Pazardzhik agricultural land commission (“the land commission” or “the commission”) restitution of nine plots of agricultural land which he had previously owned in the area around the village of Govedare, totalling 44,029 square metres (request no. 12004/04.03.1992).
(b) First decision of the land commission
9. By a decision of 18 December 1992 (no. 423/18.12.1992) the commission recognised and restored “in actual boundaries” the property rights of the applicant in respect of seven of the plots, in particular those under nos. 1-5, 7 and 8 in his request of 4 March 1992, which totalled 41,299 square metres. The applicant was informed of the decision by a letter of 22 April 1993. The decision was subject to appeal within fourteen days of receipt. As no appeal was lodged against it the decision entered into force.
(c) Second decision of the land commission and the appeal against it
10. Despite the aforesaid decision, the land commission issued a second decision dealing with the same subject matter, which the applicant received by a letter of 28 December 1993. The decision’s number was identical with that of the first decision issued by the land commission (see paragraph 9 above).
11. By this decision, however, the commission recognised and restored the property rights of the applicant in respect of only five of the plots he had requested, namely those under nos. 1-5 in his request of 4 March 1992. The commission refused to recognise the property rights of the applicant in respect of plots nos. 7 and 8, with respective areas of 6,600 and 4,000 square metres. The grounds for the refusal were the following:
“[These properties were] claimed [by means of] a certified declaration despite the existence of a [conflicting] property deed of 1954.”
12. The applicant appealed against this decision.
13. By amendment of 1995 to the Agricultural Land Act (section 14 §§ 6 and 7) agricultural land commissions were provided with the power to amend, in certain circumstances, their decisions which had entered into force (see paragraph 85 below).
14. By a decision of 12 September 1995 the Pazardzhik District Court declared null and void the land commission’s second decision communicated to the applicant by letter of 28 December 1993 (see paragraph 10 above). The domestic court found, inter alia, that:
“the [land commission] violated the law by adopting decision no. 423/18.12.1992 in its version [communicated by] letter no. 668/28.12.1993, [as it] did not have the power to do so. The possibility for the [commission] to amend [its] decisions which have entered into force ... [was introduced] with the [latest] amendment to the [ALA]. ... [The] first administrative act [communicated by letter of 22 April 1993 had] entered into force and had [already] determined the ownership of the properties of ... the applicant, which were [recognised and] restored in their entirety.”
15. No appeal was lodged against the decision, so it entered into force on 20 September 1995.
(d) Third decision of the land commission and the appeal against it
16. Despite the aforesaid decision of the District Court, the land commission adopted another decision dealing with the same subject matter.
17. By a decision of 7 December 1995 (no. 4815/07.12.1995) it readopted the text of its second decision, which had been declared null and void. It expanded its reasoning for refusing to recognise the applicant’s property rights in respect of plots nos. 7 and 8 as follows:
“In connection with the possibility under section 14 §§ 6 and 7 of the [ALA] and the decision of the District Court [of 12 September 1995], the [commission] confirms its refusal: [These properties were] claimed [by means of] a certified declaration despite the existence of a [conflicting] property deed of 1954.”
18. On an unspecified date the applicant appealed against this decision.
19. In a final judgment of 26 May 1997 the Pazardzhik District Court declared it null and void. The domestic court found that the commission had failed to justify the grounds for amending its previous decision regarding the same properties, as there had existed no new facts or documents
20. On 3 September 1997 the applicant deposited a copy of the aforementioned judgment with the land commission and insisted that it comply with its first decision of 18 December 1992, which was still in force.
(e) Fourth decision of the land commission and the appeal against it
21. Before the appeal against the commission’s third decision was heard, the latter issued another decision dealing with the same subject matter.
22. By a decision of 20 March 1997 (no. 5-A111/20.03.1997) it apparently reiterated its refusal to recognise the applicant’s property rights in respect of plots nos. 7 and 8. The applicant appealed against this decision.
23. On an unspecified date in the beginning of 1998, the Pazardzhik District Court heard the applicant’s appeal and declared null and void the decision of 20 March 1997. No appeal was lodged against this judgment so it entered into force on an unspecified date.
24. On 8 May 1998 the applicant deposited a copy of the aforementioned judgment with the land commission. He demanded compliance with it and recognition of his property rights in accordance with the first decision of 18 December 1992.
(f) Fifth and sixth decisions of the land commission and the appeal against them
25. Before the appeal against the fourth decision of the land commission was heard, the latter issued another decision dealing with the same subject matter.
26. By a decision of 16 October 1997 (no. 8A055/16.10.1997) it readopted the text of its third decision of 7 December 1995, which had been declared null and void by the Pazardzhik District Court on 26 May 1997 (see paragraphs 17 and 19 above). It expanded its reasoning for refusing to recognise the applicant’s property rights in respect of plots nos. 7 and 8 by stating, in addition to the previously used reasoning, the following:
“[This decision] rescinds decision no. 4815/07.12.1995 ... in compliance with order no. RD-09-1200 of 28.08.1997 of the Minister of [Agriculture] for a complete revision of the land redistribution plan for the Govedare area.
In compliance with [the decision of 26 May 1997] of the Pazardzhik District Court.”
27. The applicant appealed against this decision on 21 November 1997.
28. Instead of forwarding the appeal to the District Court the land commission issued another decision dealing with the same subject matter.
29. By decision of 1 June 1998 (no. 2B175/01.06.1998) it readopted the text of its above-mentioned fifth decision (see paragraph 26 above). It only expanded its reasoning for refusing to recognise the applicant’s property rights in respect of plots nos. 7 and 8 by stating, in addition to the previously used reasoning, the following:
“[This decision] rescinds [the] decision [of 16 October 1997] of the [land commission] in connection with appeal no. 4266/1997 lodged on the basis of § 31 of the [ALA]. The [commission] confirms the basis for its refusal. No new facts or documents have been presented.”
30. The applicant appealed against this decision on 16 September 1998.
31. By a letter of 10 September 1998 the applicant complained to the land commission about the numerous decisions it was issuing in respect of the same properties, of its continual disregard for the judgments in his favour and the constant need for him to appeal against each of the decisions.
32. By a judgment of 8 June 1999 the Pazardzhik District Court declared null and void the fifth and sixth decisions of the land commission, dated 16 October 1997 and 1 June 1998 (see paragraphs 26 and 29 above). The court found that by adopting these two decisions the commission was, in substance, amending its first decision of 18 December 1992 which had entered into force and which it did not have the power to amend.
33. No appeal was lodged against the judgment, so it entered into force on 1 July 1999.
(g) Seventh decision of the land commission
34. Despite the aforementioned judgments of the Pazardzhik District Court the land commission issued a seventh decision dealing partly with the same subject matter.
35. By a decision of 16 September 1999 (no. 7B148/16.09.1999) it recognised and restored the applicant’s property rights in respect of plots nos. 6 and 9 in his request of 4 March 1992. It also recognised his property rights in respect of plots nos. 7 and 8, but refused to restore them because of the following:
“The judgment [of 8 June 1999 of the Pazardzhik District Court], which recognised the [applicant’s] property rights, entered into force after the land redistribution plan had been published in the Official Journal.
[This decision] rescinds decision no. 3911 of 20.11.1992.
[Subject to] compensation under section 10b § 1 of the [ALA].”
36. It is unclear whether the applicant appealed against this decision.
(h) Latest developments
37. By a decision of 23 February 2005 the Pazardzhik Agriculture and Forestry Department (the former land commission) allotted to the applicant another plot in compensation for plot no. 7 and also awarded him compensation bonds. He appears to be satisfied with the compensation received.
38. At the time of the parties’ latest communications of 2006 he had not received any compensation for plot no. 8.
2. Restitution of land previously owned by the applicant’s father and by both of his parents
(a) First request for restitution of property
39. On 4 March 1992 (request no. 12007/04.03.1992) the applicant requested from the land commission the restitution of six plots of agricultural land which had previously been owned by his father in the area around the village of Govedare, totalling 63,101 square metres. The parties have not specified who the heirs of the applicant’s father were; it transpires from the documents that the applicant has three siblings.
(b) First decision of the land commission
40. By decision of 18 December 1992 (no. 423/18.12.1992) the commission recognised and restored the property rights of the heirs of the applicant’s father in respect of four of the plots, in particular, those under nos. 1, 2, 5 and 6, in his request of 4 March 1992, which totalled 34,401 square metres. The commission refused to recognise the property rights of the heirs of the applicant’s father in respect of plots nos. 3 and 4, which totalled 28,700 square metres. The grounds for the refusal were:
“[Refusal to] recognise the property deeds [presented by] the inheritor – [the documents] are without notary certification for the transfer of the land.”
41. On an unspecified date the applicant appealed against this decision.
42. In a final judgment of 29 December 1993 the Pazardzhik District Court quashed the land commission’s decision in so far as it concerned plots nos. 3 and 4. It recognised the property rights of the heirs of the applicant’s father over those two plots and held that those properties were to be restored through a land redistribution plan. The District Court found, in particular, that the applicant’s father had acquired the said properties by adverse possession, so it was immaterial whether the property deeds had been certified by a notary or not.
(c) Second decision of the land commission
43. Before the Pazardzhik District Court had heard the applicant’s appeal against the first decision of the land commission, the latter adopted a second decision dealing with the same subject matter.
44. By decision of 17 November 1993 (no. 809/17.11.1993) it rescinded its first decision, but then recognised and restored the property rights of the heirs of the applicant’s father only in respect of plots nos. 1 and 2 in his request of 4 March 1992, which totalled 20,801 square metres. It refused to recognise the property rights of the heirs of the applicant’s father in respect of plots nos. 3-6. The grounds for the refusal were the following:
“[This decision] rescinds decision no. 423 of 18.12.1992 due to the discovery of a technical error. Properties nos. [3 and 4] – [Refusal to] recognise the property deeds [presented by] the inheritor – [the documents] are without a notary certification for the transfer of the land. Properties nos. [5 and 6] – [These properties were] claimed [by means of] a certified declaration despite the existence of [conflicting] property deeds.”
45. The applicant was informed of the decision by letter of 20 December 1993. He apparently appealed against it on an unspecified date. It is unclear whether the appeal was examined by the courts.
(d) Third decision of the land commission
46. By a decision of 20 April 1994 (no. 98/17/20.04.1994) the land commission rescinded its second decision (see paragraph 44 above) and recognised and restored the property rights of the heirs of the applicant’s father in respect of plots nos. 1 and 2 in his request of 4 March 1992. The commission recognised their property rights in respect of plots nos. 3 and 4, totalling 28,700 square metres, refused to restore those properties “in actual boundaries” and held that they were to be restored through a land redistribution plan. Furthermore, it refused again to recognise the property rights of the heirs of the applicant’s father in respect of plots nos. 5 and 6.
47. The grounds for the commission’s decision were the following:
“1. Recognises in compliance with the judgment [of 29 December 1993 of the Pazardzhik District Court].
2. [This decision] rescinds decision [of the PALC] no. 809 of 17.11.1993.”
48. The applicant appealed against this decision on an unspecified date. It is unclear whether the appeal was examined by the courts.
49. Apparently, at a later stage the applicant obtained a satisfactory outcome in respect of plots nos. 5 and 6 and does not raise complaints in respect of them.
50. Plots nos. 3 and 4 were partially restored to him in 2000 (see paragraphs 74-76 below).
(e) Second request for restitution of property
51. On an unspecified date in 1997 the applicant initiated an action for a declaratory judgment against the land commission, pursuant to section 11 § 2 of the ALA. He petitioned the courts to recognise that, as an heir of his parents, he had the right to have his property rights restored in respect of another four properties.
52. By a declaratory judgment of 2 April 1997 the Pazardzhik District Court found partly in favour of the applicant and recognised that the heirs of his parents had the right to have their property rights restored in respect of three of the claimed properties, namely, three plots of land of 6,600, 8,000 and 9,000 square metres respectively.
53. No appeal was lodged against this judgment so it entered into force on 5 May 1997.
54. On 17 June 1997 the applicant deposited a copy of the aforementioned judgment with the land commission and demanded compliance with it.
(f) Fourth decision of the land commission
55. In response to the aforementioned judgment, the land commission issued another decision.
56. By a decision of 24 July 1997 (no. 7A069/24.07.1997) it rescinded its decision of 20 April 1994 (see paragraph 46 above), readopted the text of said decision and, despite the favourable judgment (see paragraph 52 above), refused to recognise and restore the property rights of the heirs of the applicant’s parents in respect of the two new plots of agricultural land of 6,600 and 8,000 square metres, now numbered 7 and 8 respectively. The grounds for the refusal were the following:
“[This decision] rescinds decision [of the commission] no. 98/17 of 20 April 1994 on the basis of judgment [of 2 April 1997 of the Pazardzhik District Court] under section 11 § 2 of the [ALA] in respect of the properties under nos. 7 and 8 in the request. The property was restored to [those claimants with] documents dated most [recently] – declarations for entry into the [collective farm] of [the village of] Govedare in 1956 – [presented] by the successors”
57. On an unspecified date the applicant appealed against this decision.
58. In a judgment of 22 June 1999 the Pazardzhik District Court quashed the land commission’s fourth decision of 24 July 1997 in respect of the refusal to recognise and restore the property rights of the heirs of the applicant’s parents in respect of plots nos. 7 and 8. It found that the property rights of the heirs of the applicant’s parents in respect of these two properties had already been recognised by virtue of the judgment of 2 April 1997 of the Pazardzhik District Court (see paragraph 52 above) and that the properties at issue were to be restored through a land redistribution plan.
59. No appeal was lodged against this judgment, so it entered into force on 30 July 1999.
60. On 5 August 1999 the applicant deposited a copy of the aforementioned judgment with the land commission. Apparently taking into account that the revised land redistribution plan of Govedare had already been published (see paragraph 73 below), the applicant requested compensation for these two properties (nos. 7 and 8) in the form of comparable State or municipal land.
61. It is not clear whether the applicant obtained restitution of the plot of 9,000 square metres, also mentioned in the judgment of the Pazardzhik District Court of 2 April 1997. He does not raise complaints in respect of this property.
(g) Third request for restitution of property
62. On an unspecified date in 1998 the applicant initiated another action for a declaratory judgment under section 11 § 2 of the ALA. He petitioned to the courts to recognise that, as an heir of his father, he had the right to have the property rights restored in respect of one more property, a plot of 6,000 square metres.
63. In a declaratory judgment of 19 December 1998 the Pazardzhik District Court recognised that the heirs of the applicant’s father had the right to have their property rights restored.
64. No appeal was lodged against the judgment so it entered into force on 20 January 1999.
65. On 28 January 1999 the applicant deposited a copy of the aforementioned judgment with the land commission.
(h) Fifth decision of the land commission
66. In an attempt to comply with the judgments of the Pazardzhik District Court of 2 April 1997 and 19 December 1998 (see paragraphs 52 and 64 above), the land commission adopted another decision dealing with the three properties in question (those under nos. 7 and 8, plus the plot of 6,000 square metres in the judgment of 19 December 1998, thereinafter referred to under no. 9).
67. By a decision of 16 September 1999 (no. 7B148) the commission recognised the property rights of the heirs of the applicant’s parents in respect of the aforementioned properties, but refused to restore them “in actual boundaries”.
68. The commission based its refusal to restore plots nos. 7 and 8 on the judgment of 22 June 1999 of the Pazardzhik District Court (see paragraph 58 above). It reasoned as follows:
“The judgment [of 22 June 1999 of the Pazardzhik District Court] which recognised the property rights [in question] entered into force after the land redistribution plan had been published in the Official Journal.”
69. In respect of its refusal to restore plot no. 9, the commission used similar reasoning. It indicated as follows:
“The judgment [of 19 December 1998 of the Pazardzhik District Court] under section 11 § 2 [of the ALA] which recognised the property rights [in question] entered into force after the land redistribution plan had been published in the Official Journal.”
70. The applicant was informed of the decision on 28 October 1999. It is unclear whether he appealed against it.
71. In respect of plots nos. 7 and 8, the heirs of the applicant’s parents received municipally-owned land on 23 February 2005. The applicant appears to be satisfied with the location and the size of this land.
72. In respect of the plot numbered under no. 9, on 6 June 2003 the land commission assigned to the heirs of the applicant’s father compensation in the form of compensation bonds with a face value of 3,680 Bulgarian levs (BGN). The applicant does not specify whether he appealed against this decision.
(i) The revised land redistribution plan and the applicant’s appeal against it
73. The first land redistribution plan for Govedare was published on an unspecified date. It is unclear what properties were allocated to the applicant under it. For undisclosed reasons, on 28 August 1997 the Minister of Agriculture ordered the complete revision of the plan.
74. The revised land redistribution plan for Govedare was published in the Official Journal on 13 April 1999.
75. On 26 April 1999 the applicant appealed against the revised land redistribution plan. He complained of the size of the property that the heirs of his father had been allocated under the said plan for plots nos. 3 and 4 in his request no. 12007 of 4 March 1992 (see paragraph 39 above). He submitted a proposal for the amendment of the plan, according to which the heirs of his father were to receive a plot measuring 18,426 square metres.
76. In a judgment of 17 January 2000 the Pazardzhik Regional Court found in favour of the applicant and amended the revised land redistribution plan in accordance with the aforementioned proposal. The applicant took possession of the new plot thus allotted to his father’s heirs on 28 September 2000. At the time of the parties’ latest communications of 2006, he had not yet received any compensation for the remaining land to be restored, totalling 10,274 square metres.
77. The applicant did not appeal against the judgment of the Pazardzhik Regional Court, although he was entitled to.
3. Restitution of land previously owned by the applicant’s mother
78. On an unspecified date the applicant requested from the land commission the restitution of several plots of agricultural land previously owned by his mother in the area around the village of Hadzhievo.
79. By a decision of 22 December 1993 (no. 86/8/22.12.1992) the commission refused to recognise the property rights of his mother’s heirs in respect of seven plots of agricultural land.
80. On an appeal by the applicant, in a final judgment of 12 June 1995 the Pazardzhik District Court quashed the aforementioned decision of the land commission and, instead, restored the property rights of the heirs of the applicant’s mother in respect of the seven plots, totalling 35,300 square metres.
81. On 9 November 1995 the applicant deposited a copy of the aforementioned judgment with the land commission and demanded compliance with it.
82. On 30 March 2000 the land commission adopted a decision (no. 1В171/30.03.2000) whereby it allocated to the heirs of the applicant’s mother other land in compensation for the aforementioned property. The applicant, who appears to be satisfied with the size and quality of this land, took possession of it on 23 February 2005.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
A. Restitution of agricultural land
1. General approach
83. The Agricultural Land Act of 1991 (“the ALA”, Закон за собствеността и ползването на земеделските земи) provides, inter alia, that persons, or their heirs, whose land has been collectivised, may request restoration of their ownership rights under certain conditions (section 10 of the ALA). On the basis of certain statutory criteria, such as whether or not the plot of land once owned by the claimant or his or her ancestors had remained unaffected by urban construction, restitution may be “in actual boundaries” or through a redistribution plan.
84. Two possible ways of obtaining restitution are provided for: (a) administrative proceedings, initiated within a period of seventeen months following the entry into force of ALA, through a request to the local agricultural land commission (section 11 § 1) whose decision is subject to appeal before the courts (section 14 § 3), or, (b) after the expiry of that time-limit, through a civil claim to the competent court, directed against the respective land commission (section 11 § 2 of the ALA).
2. Restitution under section 11 § 1 of the ALA
85. When seized with a request for restitution under section 11 § 1 of the ALA, it was the land commission’s task to establish whether the relevant statutory conditions were met and if so, to issue a decision restoring ownership. It could not revoke its decisions. Favourable decisions were not subject to appeal and were final. Following an amendment to the ALA of 1995, land commissions could modify their decisions within certain time limits in case where (1) they contained factual mistakes, or (2) with certain limitations, new facts or documents had been discovered (section 14 §§ 6 and 7). Some courts have stated that the decisions of the land commissions have characteristics similar to those of certifications in ex parte notary proceedings (opred. 10333-2002-VAS; opred. 1020-2003-VAS). It has also been stated that land commissions’ decisions are administrative decisions (1832-93-III).
86. A claimant whose request for restitution has been refused by the competent land commission may appeal to the respective District Court (section 14 § 3 of the ALA). The District Court has jurisdiction to examine the matter on the merits and determine whether or not the claimant has the right to restitution under the ALA. If it finds that the relevant statutory criteria for restitution are met, the court shall set aside the land commission’s refusal and order restitution (section 14 §§ 1-3 of the ALA). The District Court’s judgment is amenable to review (cassation).
87. Land commissions, which existed until 2002, were state bodies whose members were appointed by the Minister of Agriculture (section 33 of the ALA). In 2002 they were replaced by Agriculture and Forestry Departments, after 2008 named Agricultural Departments, whose members are appointed by the Minister of Agriculture and Food.
88. By section 14 of the Regulations for the Implementation of the Agricultural Land Act, a restitution request concerning the property of a deceased person lodged by one of the heirs benefits all of them.
3. Restitution through general civil action under section 11 § 2 of the ALA
89. Persons claiming restitution of agricultural land who have missed the seventeen-month time-limit under section 11 § 1, may bring an action for a declaratory judgment against the local land commission. In these proceedings the courts determine whether or not the claimant has the right to restitution. Where the courts decide in favour of the claimant, the land commission must comply and issue the necessary restitution decision, restoring the claimant’s rights “in actual boundaries” or through a land redistribution plan.
90. In the absence of an express provision, the legal theory accepts that, similarly to the procedure under section 11 § 1 of the ALA, an action brought by one of the heirs of a deceased person benefits all of them.
4. Restitution through land redistribution plans and compensation in lieu of restitution
91. By section 10b of the ALA, former owners whose property cannot be restored “in actual boundaries” are to receive land by means of a land redistribution plan, on the basis of which the respective land commission adopts a decision to restore the property (section 17 of the ALA).
92. Where the land in a certain area is not sufficient to satisfy fully all former owners, the land to be provided to each of them is reduced. For the difference, they are to be compensated with municipal land or with compensation bonds, which can be used in privatisation tenders or for the purchase of State-owned land (sections 15 §§ 2 and 3 and 35 of the ALA).
93. In preparing a land redistribution plan, the land commission takes into consideration former owners’ claims which have been presented to it prior to the publication in the Official Journal of a notification that a draft plan has been prepared. It cannot take into account claims presented to it later; in that case, former owners are to receive compensation through municipal land or bonds (section 11 § 4 of the ALA).
94. Appeals against land redistribution plans were, at the relevant time, to be addressed to the respective Regional Court. They had to be accompanied by a proposal for a specific amendment to the plan (section 25 § 6 of the Regulations for the Implementation of the Agricultural Land Act). The judgments of the regional courts were subject to cassation.
95. Pursuant to section 17 § 8 of the ALA, the Minister of Agriculture is authorised to order the revision of a land redistribution plan where it has been established that the original one contained an obvious factual error.
B. The State Responsibility for Damage Act 1988 and relevant practice of the domestic courts
96. Section 1 of the State Responsibility for Damage Act of 1988 (“the SRDA”) provides that the State is liable for damage suffered by private persons as a result of unlawful acts or omissions by State bodies or civil servants, committed in the course of or in connection with the performance of their duties. Section 4 of the Act provides that compensation is due for all damage which is the direct and proximate result of the unlawful act or omission.
97. In some cases the domestic courts have allowed claims under section 1 of the SRDA on the basis of the authorities’ unlawful acts or omissions in restitution proceedings. In a judgment of 14 February 2008 the Supreme Court of Cassation awarded damages to the claimant, finding that the respective land commission had unnecessary delayed taking a decision on his request for restitution and had eventually unlawfully refused restitution (judgment no. 112 of 14 February 2008, case no. 1319/2007). In another judgment of 21 June 2002, the Nova Zagora District Court allowed a claim against the respective land commission, finding that the claimant had suffered damages as a result of the commission’s refusal to recognise and restore his rights to a certain property, and of its renewed failure to recognise and restore his rights after the initial refusal had been declared null and void by the courts (judgment no. 224 of 21 June 2002, case no. 74/2002).
98. However, in a judgment of 23 November 2004 the Veliko Tarnovo Regional Court dismissed a claim for damages against the respective land commission. It found that the rescission of a decision of the commission, which had entered into force and whereby the commission had recognised the claimant’s rights over certain properties, was null and void. Nevertheless, it concluded that the claimant had not suffered damages as the initial decision had not sufficed to make her the owner of the property at issue (judgment 240 of 23 November 2004, case no. 773/240).
99. In a judgment of 11 January 2005 the Smolyan Regional Court allowed a claim against the relevant municipality, finding that the claimants had suffered damage as a result of the municipality’s failure to duly correct their property’s borders in the cadastral maps (judgment no. 452 of 11 January 2005, case no. 407/2004).
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATIONS OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1 AND ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION
100. The applicant complained under Article 1 of Protocol No. 1 that he could not for long periods of time have his property rights restored or obtain compensation in lieu of restitution, and under Article 6 § 1 of the Convention that the domestic authorities had failed to comply with final court decisions in his favour.
101. Article 1 of Protocol No. 1 reads:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
Article 6 § 1 of the Convention, in so far as relevant, reads:
“In the determination of his civil rights and obligations ... everyone is entitled to a fair ... hearing ... by [a] ... tribunal ...”
A. Admissibility
102. The Government urged the Court to dismiss the application as inadmissible for failure to exhaust domestic remedies (Article 35 § 1 of the Convention). They pointed out that the applicant had not sought damages under the State Responsibility for Damage Act. Relying on the relevant judgments of the Nova Zagora District Court and the Smolyan Regional Court (see paragraphs 97 and 99 above), they argued that an action for damages under that Act could have effectively remedied the applicant’s grievances.
103. The applicant contested this argument.
104. The Court recalls that under Article 35 § 1 of the Convention the only remedies required to be exhausted are those that are effective and capable of redressing the alleged violation (see Sejdovic v. Italy [GC], no. 56581/00, § 45, ECHR 2006-II). In the present case, as regards the complaints under Article 1 of Protocol No. 1 that the authorities failed for long periods of time to restore the applicant’s rights over the properties he claimed or to provide him with compensation, the Court notes that an action under the SRDA might, in principle, provide redress, as exemplified by the practice of the domestic courts referred to above (see paragraphs 97 and 99) and concerning similar situations. However, the Court is not convinced that these judgments, one of which was given by a district court and another by a regional court, are indicative of a constant practice. Furthermore, in a case which was in practice identical with that of the applicant, as regards the land previously owned by him, the claimant’s action was dismissed (see paragraph 98 above).
105. Moreover, the Court is of the view that the applicant, who could not have known when his property rights would be restored, or, respectively, he would receive compensation, cannot have been expected to periodically bring actions for damages in order to obtain redress for the delays (see, for comparison, Kirilova and Others, cited above, § 116). Had he been required to do so, this might have erected a permanent barrier to bringing matters before the Court (see, mutatis mutandis, Guzzardi v. Italy, 6 November 1980, § 80, Series A no. 39). In the specific circumstances of the case, therefore, an action under the SRDA did not represent an effective remedy, capable of redressing the alleged violation, which the applicant should have exhausted.
106. As regards the applicant’s complaints under Article 6 § 1 of the Convention, the Court observes that an action under the SRDA could not have remedied the applicant’s grievances as it could not directly compel the authorities to take the necessary actions to comply with final court judgments (see, mutatis mutandis, Iatridis v. Greece [GC], no. 31107/96, § 47, ECHR 1999-II, and Kirilova and Others v. Bulgaria, nos. 42908/98, 44038/98, 44816/98 and 7319/02, § 116, 9 June 2005).
107. Accordingly, the Court dismisses the Government’s preliminary objection based on non-exhaustion of domestic remedies.
108. Furthermore, the Court notes that the application is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention and not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. Alleged violations of Article 1 of Protocol No. 1
109. The applicant complained that he had not been able, for long periods of time, to have his property rights restored or to obtain compensation.
110. The Government considered that the Pazardzhik land commission had acted lawfully, in good faith and in due time, in view of the complexity of the restitution process.
(a) General principles
111. The Court reiterates that Article 1 of Protocol No. 1 comprises three distinct rules: the first rule, set out in the first sentence of the first paragraph, is of a general nature and enunciates the principle of the peaceful enjoyment of property; the second rule, contained in the second sentence of the first paragraph, covers deprivation of possessions and subjects it to certain conditions; the third rule, stated in the second paragraph, recognises that the Contracting States are entitled, amongst other things, to control the use of property in accordance with the general interest The Court observes that in its established case-law it has examined the non-enforcement of a decision recognising title to property under the first sentence of the first paragraph of Article 1 of Protocol No. 1 (see Ramadhi and Others v. Albania, no. 38222/02, §§ 75-79, 13 November 2007, with further references).
(b) Application of those principles to the present case
112. The Court will examine separately the different restitution procedures the applicant was involved in.
(i) Plot no. 9, formerly owned by the applicant’s father
113. The Court observes that in its judgment of 19 December 1998 the Pazardzhik District Court found that the heirs of the applicant’s father had the right to have their property rights restored in respect of that plot, measuring 6,000 square metres (see paragraphs 62-63 above). This was not necessarily an entitlement to restitution “in actual boundaries” or to compensation with municipally-owned land since the relevant domestic legislation provided that former owners could also be compensated with bonds (see paragraph 93 above). Later on the heirs of the applicant’s father received compensation bonds for the plot (see paragraph 72 above).
114. The case does not concern existing possessions; nevertheless, the Court finds that following the above-mentioned judgment of 19 December 1998 the applicant, as an heir of his father, had a legitimate expectation to receive property or other compensation in respect of the plot in question.
115. In these circumstances the Court finds that the applicant’s legitimate expectation in respect of plot no. 9 was realised with the receipt of bonds. It follows that there was no interference with the applicant’s rights and, accordingly, no violation of Article 1 of Protocol No. 1.
(ii) The land previously owned by the applicant
116. The Court notes that the applicant never obtained plots nos. 7 and 8 despite the Pazardzhik land commission’s decision of 18 December 1992 (see paragraph 9 above) recognising and restoring his rights “in actual boundaries”.
117. The Court notes further that the land commission’s decision at issue was given in ex parte proceedings and could be challenged either directly or indirectly, without any limitation in time, if another person claiming to have property rights over the same land brought an action under section 11 § 2 of the ALA (see paragraphs 89-90 above) or a rei vindicatio action. Having regard to the above and to the fact that the applicant’s claim to plots nos. 7 and 8 had not been the subject matter of judicial examination, the Court cannot reach the conclusion that the decision of 18 December 1992 ever acquired the stability which would give rise to a legitimate expectation on the part of the applicant to receive those plots in “actual boundaries”. Therefore, the Court is of the view that the legitimate expectation which arose for the applicant pursuant to the decision of 18 December 1992 could be realised either through obtaining the restitution of plots nos. 7 and 8, or through compensation in lieu thereof, as provided for in domestic law.
118. As in 2005 the applicant did obtain compensation for plot no. 7 (see paragraph 37 above) and, furthermore, does not allege that he will not receive the compensation provided for in domestic law for plot no. 8, the Court is of the view that the issue it is called upon to examine here is about the delay in providing compensation to the applicant and thus realising the legitimate expectation that arose for him pursuant to the decision of 18 December 1992.
119. The Court considers that the delay on the part of the authorities in providing compensation to the applicant amounted to interference with his right to property, within the meaning of the first sentence of the first paragraph of Article 1 of Protocol No. 1 (see paragraph 111 above). Furthermore, the Court accepts that this interference was lawful, as there were no special time-limits for providing compensation under the relevant legislation, and might have pursued a legitimate aim in the public interest, namely to protect the rights of others, as the authorities needed to accommodate the claims of numerous former owners in the rather complex restitution process.
120. Turning to the question of proportionality, the Court has to examine whether the delay in awarding the compensation due meant that the applicant had to bear a special and excessive burden (see Ramadhi and Others v. Albania, cited above, § 78).
121. The Court notes that the applicant’s legitimate expectation to receive plots no. 7 and 8 or compensation thereof arose not later than in May 1993 (see paragraph 9 above). The compensation for plot no. 7 was received in 2005, that is twelve years later (see paragraph 37 above). As of 2006, the applicant had not received compensation for plot no. 8 (see paragraph 38 above). The delay was therefore thirteen years.
122. The Court notes that for these considerable periods of time – twelve and thirteen years respectively – the applicant was left in a state of uncertainty as to the realisation of his property rights and was prevented from enjoying his possessions. The Court acknowledges that the relevant events happened in a period of social and economic transition in Bulgaria and that the authorities needed to take into account the claims of numerous interested parties (see Kehaya and Others v. Bulgaria, nos. 47797/99 and 68698/01, § 65, 12 January 2006, and, mutatis mutandis, Velikovi and Others v. Bulgaria, nos. 43278/98, 45437/99, 48014/99, 48380/99, 51362/99, 53367/99, 60036/00, 73465/01 and 194/02, § 172, 15 March 2007). However, in the absence of any specific justifications for the delays in providing compensation to the applicant, apart from the general complexity of the restitution process referred to by the Government (see paragraph 110 above), the Court cannot but accept that the delays were unreasonable and placed an excessive burden on the applicant (see Ramadhi and Others v. Albania, cited above, § 83).
123. The Court notes, in addition, that the applicant was for a long period of time left in uncertainty as to whether he would receive plots nos. 7 and 8 in their “actual boundaries” or compensation, due to the contradictory decisions of the national authorities (see paragraphs 9-36 above).
124. Accordingly, the Court concludes that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 in the case.
(iii) The remaining plots
125. The Court notes that in its judgment of 29 December 1993 (see paragraph 42 above) the Pazardzhik District Court recognised the rights of the heirs of the applicant’s father to receive land through a land redistribution plan for plots nos. 3 and 4, as referred to in the applicant’s request no. 12007 of 4 March 1992 (see paragraph 39 above), totalling 28,700 square metres. The Court notes further that the heirs of the applicant’s father only received 18,426 square metres of land through the revised land redistribution plan for Govedare (see paragraphs 75-76 above).
126. The applicant, as one of his father’s heirs, remained entitled to receive compensation for the land that could not be restored through the land redistribution plan (see paragraph 93 above). He does not allege that he will not receive that compensation. Moreover, the Court has not been informed of any developments in the case after 2006. Therefore, similarly to its approach above (see paragraph 117), the Court is of the view that the issue it is called upon to examine here is about the delay in providing compensation to the applicant up to 2006.
127. The right of the heirs of the applicant’s father to the compensation in question was recognised in a judgment of 29 December 1993 (see paragraph 42 above). As of 2006, the applicant had still not received any compensation for 10,274 square metres of the land (see paragraph 76 above). The delay was therefore thirteen years.
128. Similarly, in respect of the remaining plots, namely plots nos. 7 and 8 which had formerly been owned by the applicant’s parents (see paragraphs 52-60 and 71 above, not to be confused with the plots owned by the applicant carrying the same numbers, see paragraphs 116-124 above), and the seven plots previously owned by the applicant’s mother (see paragraphs 78-82 above), the sole question to be examined by the Court is whether the delay in providing compensation to the applicant, as an heir of his parents, amounted to a violation of Article 1 of Protocol No. 1.
129. In respect of plots nos. 7 and 8 mentioned in the preceding paragraph, the heirs of the applicant’s parents had their restitution rights recognised in a court judgment of 2 April 1997 (see paragraph 52 above). The compensation for these plots was provided in 2005 (see paragraph 71 above), that is, eight years later. Providing compensation for the seven plots previously owned by the applicant’s mother was delayed by ten years as the rights of her heirs were recognised in a court judgment of 12 June 1995 and the compensation was provided in 2005 (see paragraphs 80 and 83 above).
130. The Court refers to its findings above that the delays in providing compensation in the present case amounted to interference with the applicant’s right to peaceful enjoyment of his possessions, and that this interference was lawful and pursued a legitimate aim in the public interest, but failed to strike a fair balance (see paragraphs 119-122 above). The Court does not see a reason to reach a different conclusion in respect of the eleven plots at issue here.
131. Accordingly, it concludes that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 in that the authorities unjustifiably delayed providing compensation to the applicant for the eleven plots at issue.
2. Alleged violations of Article 6 § 1 of the Convention
132. Under Article 6 § 1, the applicant complained that the authorities failed to comply with final court judgments in his favour. In particular, be complained:
(a) in respect of the land previously owned by him – that the Pazardzhik land commission had failed to comply with several judgments of the Pazarzhik District Court in his favour;
(b) in respect of plots nos. 3 and 4, previously owned by his father – that in its judgment of 17 January 2000 (see paragraph 76 above) the Pazardzhik Regional Court had failed to take into account the earlier judgment of the Pazardzhik District Court of 29 December 1993 (see paragraph 42 above)
(c) in respect of plot no. 9, previously owned by his father – that in adopting its decision of 16 September 1999 (see paragraph 67 above) and refusing to restore to the heirs of the his father that plot, the land commission had failed to comply with the final judgment of the Pazardzhik District Court of 11 December 1998 (see paragraph 63 above); and
(d) in respect of the remaining plots – that, in enforcing the final court judgments in his favour, the authorities had delayed providing him with compensation.
133. The Government argued that Article 6 § 1 was inapplicable in the case because the proceedings before the Pazardzhik agricultural land commission had been of an administrative and not a judicial character.
134. The Court does not deem it necessary to examine the Government’s objection based on the alleged non-applicability of Article 6 § 1, because, in view of its analysis and conclusions under Article 1 of Protocol No. 1 above (see paragraphs 117-137), it considers that no separate issues arise in the case under Article 6 § 1.
III. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
135. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
1. Pecuniary damage
136. The applicant claimed the following amounts in respect of pecuniary damage:
(a) 6,811 Bulgarian levs (BGN), the equivalent of approximately 3,500 euros (EUR), in respect of the difference between the values of plot no. 7 of his own former land and the land received as compensation, plus BGN 1,473.55, the equivalent of EUR 755, for lost rent for this property from 1992 to 2005,
(b) BGN 4,128, the equivalent of EUR 2,120, for the value of plot no. 8 of the land formerly owned by the applicant, plus BGN 1,015.73, the equivalent of EUR 520, for lost rent for this property from 1992 to 2006;
(c) BGN 10,603, the equivalent of EUR 5,440, which represented the value of the 10,274 square metres of land due to the heirs of the applicant’s father in respect of plots nos. 3 and 4 in the applicant’s request no. 12007 of 4 March 1992; BGN 973.65, the equivalent of EUR 500, for lost rent for this land from 1993 to 2000; and BGN 1698.36, the equivalent of EUR 870, for lost rent from 1993 to 2000 for the 18,426 square metres, which were restored to the heirs of the applicant’s father by virtue of the Pazardzhik Regional Court’s judgment of 17 January 2000 (see paragraph 76 above);
(d) BGN 2,253.82, the equivalent of EUR 1,155, for lost rent for plots nos. 7 and 8, formerly owned by the applicant’s parents, from 1997 to 2005; and
(e) BGN 4,058.58, the equivalent of EUR 2,080, for lost rent for the plots formerly owned by the applicant’s mother, for the period from 1995 to 2005.
In support of these claims the applicant presented valuation reports prepared by certified experts.
137. The Government considered that the damages claimed were not the direct and proximate result of the alleged violations.
138. The Court recalls that the violations it found under Article 1 of Protocol No. 1 only concerned the delay on the part of the authorities to provide compensation to the applicant (see paragraphs 124 and 131 above). Therefore, the Court will only grant compensation for that delay. It cannot however accept the basis for calculating that compensation proposed by the applicant, that is, the rent that would have been received had the properties at issue been rented out. It notes, in particular, that the violation found by it did not concern any defined right of the applicant to receive land, but the delay in providing compensation, which could also take the form of bonds.
139. The Court will also take into account the fact that some of the plots had been owned by the applicant’s parents and that the applicant is not his parents’ sole heir (see paragraph 39 above). He was not therefore the only person entitled to receive the delayed compensation for those plots.
140. In view of the considerations above, the Court awards the applicant EUR 2,000 under this head.
2. Non-pecuniary damage
141. Leaving the determination of the exact amount to the Court, the applicant also claimed non-pecuniary damage, arguing that he had suffered anguish and frustration during a considerable period of time.
142. The Government did not comment.
143. The Court finds that the applicant must have suffered anguish and frustration as a result of the violations found. Judging on the basis of equity, it awards him EUR 1,000 under this head.
B. Costs and expenses
144. The applicant claimed BGN 4,895, the equivalent of EUR 2,500, for 50 hours of work by his lawyer, Mrs N. S., after the communication of the case to the Government, at an hourly rate of EUR 50. He presented a time sheet in support of this claim. The applicant claimed another BGN 1,074, the equivalent of EUR 550, for the cost of the valuation reports he submitted and the translation of his observation and claims for just satisfaction. He also claimed BGN 1,200, the equivalent of EUR 615, for expenses incurred in the domestic restitution proceedings. In support of these claims he presented the relevant receipts.
145. The Government considered the claim for legal fees to be excessive and urged the Court to dismiss as unrelated to the alleged violations the claim for costs in the domestic proceedings.
146. According to the Court’s case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum. In the case at hand, the Court notes that it has found violations of the Convention only in respect of some of the applicant’s complaints. In view of its findings above, the Court awards EUR 2,000 for all costs and expenses.
C. Default interest
147. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the application admissible;
2. Holds that there has been no violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention on account of the compensation for plot no. 9 previously owned by the applicant’s father;
3. Holds that, in respect of plots nos. 7 and 8 previously owned by the applicant, there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention because of the lengthy uncertainty as to whether the applicant would receive the actual plots or compensation and the delay in providing compensation;
4. Holds that, in respect of the remaining eleven plots previously owned by the applicant’s parents, there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention because of the delay in providing compensation;
5. Holds that no separate issues arise under Article 6 § 1 of the Convention;
6. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicant, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts, to be converted into Bulgarian levs at the rate applicable at the date of settlement:
(i) EUR 3,000 (three thousand euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of pecuniary and non-pecuniary damage;
(ii) EUR 2,000 (two thousand euros), plus any tax that may be chargeable to the applicant, in respect of costs and expenses;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
7. Dismisses the remainder of the applicant’s claims for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 7 January 2010, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Claudia Westerdiek Peer Lorenzen
Registrar President


TESTO TRADOTTO

QUINTA SEZIONE
CAUSA LYUBOMIR POPOV C. BULGARIA
(Richiesta n. 69855/01)
SENTENZA
STRASBOURG
7 gennaio 2010
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Lyubomir Popov c. Bulgaria,
La Corte europea dei Diritti umani (quinta Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Pari Lorenzen, Presidente Karel Jungwiert, Rait Maruste il Mark Villiger, Isabelle Berro-Lefèvre, Mirjana Lazarova Trajkovska giudici, Pavlina Panova giudice ad hoc,
e Claudia Westerdiek, Cancelliere di sezione
Avendo deliberato in privato il 1 dicembre 2009,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 69855/01) contro la Repubblica della Bulgaria depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino bulgaro, il Sig. L. M. P. (“il richiedente”), il 3 maggio 2000.
2. Il richiedente fu rappresentato dalla Sig.ra N. S., un avvocato che pratica a Sofia. Il Governo bulgaro (“il Governo”) fu rappresentato dal suo Agente, la Sig.ra M. Kotseva, del Ministero della Giustizia.
3. Il richiedente addusse che le autorità erano andate a vuoto nell’attenersi con le sentenze e le decisioni definitive rese nello schema di procedimenti di restituzione e non sono riuscite a riconoscere debitamente e a ripristinare i suoi diritti di proprietà sulle proprietà a riguardo delle quale lui aveva chiesto la restituzione.
4. Il 24 ottobre 2005 la Corte decise di dare avviso della richiesta al Governo. Fu deciso anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità (Articolo 29 § 3).
5. Il giudice Kalaydjieva, giudice eletto a riguardo della Bulgaria, si astenne dal riunirsi nella causa. Il 30 gennaio 2009 il Governo nominò al suo posto la Sig.ra Pavlina Panova come giudice ad hoc (Articolo 27 § 2 della Convenzione e Articolo 29 § 1 degli Articoli di Corte).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
6. Il richiedente nacque nel 1933 e vive a Plovdiv.
7. Nel 1991 il Parlamento bulgaro adottò l’Atto delle Terreni Agricole (“l'ALA”, vedere per più in dettaglio i paragrafi 83-95 sotto) che prevedeva la restituzione dei terreni agricoli e collettivizzati.
1. Restituzione dei terreni prima posseduti dal richiedente
(a) Richiesta per la restituzione della proprietà
8. Il 4 marzo 1992 il richiedente richiese dalla commissione dei terreni agricoli di Pazardzhik (“la commissione dei terreni” o “la commissione”) la restituzione di nove aree di terreno agricolo che lui prima aveva posseduto nell'area presso il villaggio di Govedare, per un importo totale di 44,029 metri quadrati (richiesta n. 12004/04.03.1992).
(b) Prima decisione della commissione dei terreni
9. Con una decisione del 18 dicembre 1992 (n. 423/18.12.1992) la commissione riconobbe e ripristinò “nei confini effettivi” i diritti di proprietà del richiedente a riguardo di sette delle aree, in particolare quelle sotto i N. 1-5, 7 e 8 nella sua richiesta del 4 marzo 1992 che ammontavano a 41,299 metri quadrati. Il richiedente fu informato della decisione con una lettera del 22 aprile 1993. La decisione era soggetta a ricorso entro quattordici giorni dalla ricevimento. Siccome nessun ricorso fu depositato contro questa la decisione entrò in vigore.
(c) Seconda decisione della commissione dei terreni ed il ricorso contro questa
10. Nonostante la suddetta decisione, la commissione dei terreni emise una seconda decisione che trattava lo stesso argomento che il richiedente ricevette tramite una lettera del 28 dicembre 1993. Il numero della decisione era identico a quella della prima decisione emessa dalla commissione dei terreni(vedere paragrafo 9 sopra).
11. Con questa decisione, comunque la commissione riconobbe e ripristinò i diritti di proprietà del richiedente a riguardo solamente di cinque delle aree che lui aveva richiesto, vale a dire quelle sotto i N. 1-5 nella sua richiesta del 4 marzo 1992. La commissione rifiutò di riconoscere i diritti di proprietà del richiedente a riguardo delle aree N. 7 e 8, con le rispettive aree di 6,600 e 4,000 metri quadrati. I motivi del rifiuto erano i seguenti:
“[Queste proprietà erano] rivendicate [per mezzo di] una dichiarazione certificata nonostante l'esistenza di una atto di proprietà [conflittuale] del 1954.”
12. Il richiedente fece appello contro questa decisione.
13. Con emendamento del 1995 all’Atto dei Terreni Agricoli (la sezione 14 §§ 6 e 7) le commissioni dei terreni agricoli furono fornite del potere di correggere, in certe circostanze le loro decisioni che erano entrate in vigore (vedere paragrafo 85 sotto).
14. Con una decisione del 12 settembre 1995 la Corte distrettuale di Pazardzhik dichiarò priva di valore legale la seconda decisione della commissione dei terreni comunicata al richiedente tramite lettera del 28 dicembre 1993 (vedere paragrafo 10 sopra). La corte nazionale trovò, inter alia che:
“la [commissione dei terreni] violò la legge adottando la decisione n. 423/18.12.1992 nella sua versione [comunicata tramite] la lettera n. 668/28.12.1993, [siccome] non aveva il potere per fare così. La possibilità per [la commissione] di correggere [le sue] decisioni che sono entrate in vigore... [fu introdotta] dall’ [ultimo] emendamento all’ [ALA]. ... [Il] primo atto amministrativo [comunicato tramite lettera del 22 aprile 1993] entrò in vigore ed aveva [già] deciso il possesso delle proprietà del... richiedente che erano state [riconosciute e] ripristinate nella loro interezza.”
15. Nessun ricorso fu depositato contro la decisione, così entrò in vigore il 20 settembre 1995.
(d) terza decisione della commissione dei terreni ed il ricorso contro questa
16. Nonostante la suddetta decisione della Corte distrettuale, la commissione dei terreni adottò un'altra decisione che trattava lo stesso argomento.
17. Con una decisione del 7 dicembre 1995 (n. 4815/07.12.1995) adottò di nuovo il testo della sua seconda decisione che era stata dichiarata priva di valore legale. Ampliò il suo ragionamento per rifiutare di riconoscere i diritti di proprietà del richiedente a riguardo delle aree N. 7 e 8 come segue:
“Nel collegamento con la possibilità sotto la sezione 14 §§ 6 e 7 dell’ [ALA] e la decisione della Corte distrettuale [del 12 settembre 1995], la [commissione] conferma il suo rifiuto: [Queste proprietà erano] rivendicate [per mezzo di] una dichiarazione certificata nonostante l'esistenza di un atto di proprietà[conflittuale] del 1954.”
18. In una data non specificata il richiedente fece appello contro questa decisione.
19. In una sentenza definitiva del 26 maggio 1997 la Corte distrettuale di Pazardzhik la dichiarò privo di valore legale. La corte nazionale trovò che la commissione non era riuscita a giustificare i motivi per correggere la sua precedente decisione riguardo alle stesse proprietà, siccome non c’era nessun fatto nuovo o non esisteva nessun documento.
20. Il 3 settembre 1997 il richiedente depositò una copia della sentenza summenzionata presso la commissione dei terreni ed insistette perché si attenesse alla sua prima decisione del 18 dicembre 1992 che era ancora in vigore.
(e) quarta decisione della commissione dei terreni ed il ricorso contro questa
21. Prima che il ricorso contro la terza decisione della commissione fosse ascoltato, quest’ultima emise un'altra decisione che trattava lo stesso argomento.
22. Con una decisione del 20 marzo 1997 (n. 5-A111/20.03.1997) apparentemente reiterò il suo rifiuto di riconoscere i diritti di proprietà del richiedente a riguardo delle aree N. 7 e 8. Il richiedente fece appello contro questa decisione.
23. In una data non specificata la Corte distrettuale di Pazardzhik ascoltò all'inizio del 1998, il ricorso del richiedente e dichiarò priva di valore legale la decisione del 20 marzo 1997. Nessun ricorso fu depositato contro questa sentenza così entrò in vigore in una data non specificata.
24. L’ 8 maggio 1998 il richiedente depositò una copia della sentenza summenzionata presso la commissione del terreno. Esigeva ottemperanza con questa e il riconoscimento dei suoi diritti di proprietà in conformità con la prima decisione del 18 dicembre 1992.
(f) quinta e sesta decisione della commissione dei terreni ed il ricorso contro queste
25. Prima che il ricorso contro la quarta decisione della commissione dei terreni fosse ascoltato, quest’ultima emise un'altra decisione che trattava lo stesso argomento.
26. Con una decisione del 16 ottobre 1997 (n. 8A055/16.10.1997) adottò nuovamente il testo della sua terza decisione del 7 dicembre 1995 che era stato dichiarato privo di valore legale dalla Corte distrettuale di Pazardzhik il 26 maggio 1997 (vedere paragrafi 17 e 19 sopra). Ampliò il suo ragionamento per rifiutare di riconoscere i diritti di proprietà del richiedente a riguardo delle aree N. 7 e 8 affermando, oltre al ragionamento prima usato ciò che segue:
“[Questa decisione] rescinde la decisione n. 4815/07.12.1995... in ottemperanza con l’ordine n. RD-09-1200 del 28.08.1997 del Ministro dell’ [Agricoltura] per una revisione completa del piano di redistribuzione dei terreni per l'area di Govedare.
In ottemperanza con [la decisione del 26 maggio 1997] della Corte distrettuale di Pazardzhik.”
27. Il richiedente fece appello contro questa decisione del 21 novembre 1997.
28. Invece di spedire il ricorso alla Corte distrettuale la commissione dei terreni rese un'altra decisione che trattava lo stesso argomento.
29. Con decisione del 1 giugno 1998 (n. 2B175/01.06.1998) adottò di nuovo il testo della sua quinta decisione summenzionata (vedere paragrafo 26 sopra). Ampliò solamente il suo ragionamento per il rifiuto di riconoscere i diritti di proprietà del richiedente a riguardo delle aree N. 7 e 8 affermando, oltre al ragionamento prima usato ciò che segue:
“[Questa decisione] rescinde [la] decisione [del 16 ottobre 1997] della [commissione del terreno] in collegamento con il ricorso n. 4266/1997 depositato sulla base dell’[ALA] § 31. La [commissione] conferma la base per il suo rifiuto. Nessun fatto nuovo o documento è stato presentato.”
30. Il richiedente fece appello contro questa decisione il 16 settembre 1998.
31. Con una lettera del 10 settembre 1998 il richiedente si lamentò presso al commissione del terreno delle numerose decisioni che stava emettendo a riguardo delle stesse proprietà, della sua noncuranza continua per le sentenze a suo favore e del bisogno continuo per lui per fare appello contro ognuna delle decisioni.
32. Con una sentenza dell’ 8 giugno 1999 la Corte distrettuale di Pazardzhik dichiarò priva di valore legale le quinta e la sesta decisione della commissione del terreno, datate 16 ottobre 1997 e 1 giugno 1998 (vedere paragrafi 26 e 29 sopra). La corte trovò che adottando queste due decisioni la commissione stava, in sostanza correggendo la sua prima decisione del 18 dicembre 1992 che era entrata in vigore e che non aveva il potere di correggere.
33. Nessun ricorso fu depositato contro la sentenza, così entrò in vigore il 1 luglio 1999.
(g) settima decisione della commissione dri terreni
34. Nonostante le sentenze summenzionate della Corte distrettuale di Pazardzhik la commissione dei terreni emise una settima decisione che trattava in parte lo stesso argomento.
35. Con una decisione del 16 settembre 1999 (n. 7B148/16.09.1999) riconobbe e ripristinò i diritti di proprietà del richiedente a riguardo delle aree N. 6 e 9 nella sua richiesta del 4 marzo 1992. Riconobbe anche i suoi diritti di proprietà a riguardo delle aree N. 7 e 8, ma si rifiutò di ripristinarli a causa di ciò che segue:
“La sentenza [dell’ 8 giugno 1999 della Corte distrettuale di Pazardzhik] che riconobbe al [richiedente] i diritti di proprietà, entrò in vigore dopo che il piano di redistribuzione dei terreni stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale.
[Questa decisione] rescinde la decisione n. 3911 di 20.11.1992.
[Soggetta a] risarcimento sotto la sezione 10b § 1 dell’ [ALA].”
36. È poco chiaro se il richiedente fece appello contro questa decisione.
(h) Gli ultimi sviluppi
37. Con una decisione del 23 febbraio 2005 il Dipartimento dell'Agricoltura e della Selvicoltura di Pazardzhik (la precedente commissione dei terreni) assegnò al richiedente un'altra area come risarcimento per l’area n. 7 e gli assegnò anche delle obbligazioni di risarcimento. Lui sembrava essere soddisfatto del risarcimento ricevuto.
38. Al tempo delle ultime comunicazioni delle parti del 2006 lui non aveva ricevuto nessun risarcimento per l’area n. 8.
2. Restituzione dei terreni prima posseduti dal padre del richiedente e da entrambi i suoi genitori
(a) Prima richiesta per restituzione della proprietà
39. Il 4 marzo 1992 (la richiesta n. 12007/04.03.1992) il richiedente richiese dalla commissione dei terreni la restituzione di sei aree di terreno agricolo che prima erano in possesso di suo padre nell'area presso il villaggio di Govedare, importo totale 63,101 metri quadrati. Le parti non hanno specificato che erano gli eredi del padre del richiedente; traspare dai documenti che il richiedente ha tre fratelli.
(b) Prima decisione della commissione dei terreni
40. Con decisione del 18 dicembre 1992 (n. 423/18.12.1992) la commissione riconobbe e ripristinò i diritti di proprietà degli eredi del padre del richiedente a riguardo di quattro delle aree, in particolare, quelle sotto i N. 1, 2, 5 e 6 nella sua richiesta del 4 marzo 1992 per un totale di 34,401 metri quadrati. La commissione si rifiutò di riconoscere i diritti di proprietà degli eredi del padre del richiedente a riguardo delle aree N. 3 e 4 pari a 28,700 metri quadrati. I motivi per il rifiuto erano:
“[Il rifiuto di] riconoscere gli atti di proprietà [presentati dagli ]eredi-[i documenti] sono senza la certificazione del notaio del trasferimento della terreni.”
41. In una data non specificata il richiedente fece appello contro questa decisione.
42. In una sentenza definitiva del 29 dicembre 1993 la Corte distrettuale di Pazardzhik annullò la decisione della commissione dei terreni nella misura in cui riguardava le aree N. 3 e 4. Riconobbe i diritti di proprietà degli eredi del padre del richiedente su quelle due aree e sostenne che quelle proprietà sarebbero state ripristinate tramite un piano di redistribuzione dei terreni. La Corte distrettuale trovò, in particolare, che il padre del richiedente aveva acquisito le dette proprietà tramite usucapione, così era irrilevante se gli atti di proprietà erano stati certificati da un notaio o meno.
(c) Seconda decisione della commissione dei terreni
43. Prima che la Corte distrettuale di Pazardzhik avesse ascoltato il ricorso del richiedente contro la prima decisione della commissione dei terreni, quest’ultima adottò una seconda decisione che trattava lo stesso argomento.
44. Con decisione del 17 novembre 1993 (n. 809/17.11.1993) rescisse la sua prima decisione, ma poi riconobbe e ripristinò i diritti di proprietà degli eredi del padre del richiedente solamente a riguardo delle aree N. 1 e 2 nella sua richiesta del 4 marzo 1992 per un totale di 20,801 metri quadrati. Rifiutò di riconoscere i diritti di proprietà degli eredi del padre del richiedente a riguardo delle aree N. 3-6. I motivi per il rifiuto erano i seguenti:
“[Questa decisione] rescinde la decisione n. 423 del 18.12.1992 a causa della scoperta di un errore tecnico. Le proprietà N. [3 e 4]-[ Rifiuto a] riconoscere gli atti di proprietà [presentato dall’] erede-[i documenti] sono senza una certificazione del notaio per il trasferimento dei terreni. Le proprietà N. [5 e 6]-[Queste proprietà erano] rivendicate [per mezzo di] una dichiarazione munita di certificato nonostante l'esistenza di atti di proprietà[in conflitto].”
45. Il richiedente fu informato della decisione tramite lettera del 20 dicembre 1993. Lui apparentemente fece appello contro questa in una data non specificata. È poco chiaro se il ricorso fu esaminato dalle corti.
(d) terza decisione della commissione dei terreni
46. Con una decisione del 20 aprile 1994 (n. 98/17/20.04.1994) la commissione dei terreni rescisse la sua seconda decisione (vedere paragrafo 44 sopra) e riconobbe e ripristinò i diritti di proprietà degli eredi del padre del richiedente a riguardo delle aree N. 1 e 2 nella sua richiesta del 4 marzo 1992. La commissione riconobbe i loro diritti di proprietà a riguardo delle aree N. 3 e 4, importo totale 28,700 metri quadrati, si rifiutò di ripristinare quelle proprietà “nei confini effettivi” e sostenne che loro sarebbero stati ripristinati tramite un piano di ridistribuzione dei terreni. Si rifiutò di nuovo inoltre, di riconoscere i diritti di proprietà degli eredi del padre del richiedente a riguardo delle aree N. 5 e 6.
47. I motivi per la decisione del commissione erano i seguenti:
“1. Riconosce in ottemperanza con la sentenza [del 29 dicembre 1993 della Corte distrettuale di Pazardzhik].
2. [Questa decisione] rescinde la decisione [della PALC] n. 809 di 17.11.1993.”
48. Il richiedente fece appello contro questa decisione in una data non specificata. È poco chiaro se il ricorso fu esaminato dalle corti.
49. Apparentemente, ad uno stadio più avanti il richiedente ottenne una conseguenza soddisfacente a riguardo delle aree N. 5 e 6 e non solleva azioni di reclamo a riguardo di queste.
50. Le Aree N. 3 e 4 gli furono parzialmente ripristinate nel 2000 (vedere paragrafi 74-76 sotto).
(e) Seconda richiesta per restituzione di proprietà
51. In una data non specificata nel 1997 il richiedente iniziò un'azione per un sentenza dichiarativa contro la commissione dei terreni, facendo seguito alla sezione 11 § 2 dell'ALA. Lui fece petizione presso le corti per riconoscere che, come erede dei suoi genitori, lui aveva diritto a far ripristinare i suoi diritti di proprietà a riguardo di altre quattro proprietà.
52. Con una sentenza dichiarativa del 2 aprile 1997 la Corte distrettuale di Pazardzhik si trovò in parte a favore del richiedente e riconobbe che gli eredi dei suoi genitori avevano diritto a far ripristinare i loro diritti di proprietà a riguardo di tre delle proprietà rivendicate, vale a dire tre aree di terreno di rispettivamente 6,600, 8,000 e 9,000 metri quadrati.
53. Nessun ricorso fu depositato contro questa sentenza così entrò in vigore il 5 maggio 1997.
54. Il 17 giugno 1997 il richiedente depositò una copia della sentenza summenzionata presso la commissione dei terreni e richiese che venisse osservata.
(f) quarta decisione della commissione dei terreni
55. In risposta alla sentenza summenzionata, la commissione dei terreni emise un'altra decisione.
56. Con una decisione del 24 luglio 1997 (n. 7A069/24.07.1997) rescisse la sua decisione del 20 aprile 1994 (vedere paragrafo 46 sopra), adotto di nuovo il testo della detta decisione e, nonostante la sentenza favorevole (vedere paragrafo 52 sopra), si rifiutò di riconoscere e ripristinare i diritti di proprietà degli eredi dei genitori del richiedente a riguardo delle due nuove aree di terreno agricolo di 6,600 e 8,000 metri quadrati, ora numerate rispettivamente 7 e 8. I motivi per il rifiuto erano i seguenti:
“[Questa decisione] rescinde la decisione [della commissione] n. 98/17 del 20 aprile 1994 sulla base della sentenza [del 2 aprile 1997 della Corte distrettuale di Pazardzhik] sotto la sezione 11 § 2 del [ALA] a riguardo delle proprietà sotto i N. 7 e 8 nella richiesta. La proprietà fu ripristinata [a colo che la rivendicavano con] documenti datati la maggior parte [di recente]-dichiarazioni per l’ingresso nella [fattoria collettiva] del[villaggio di] Govedare nel 1956-[presentate] dai successori”
57. In una data non specificata il richiedente fece appello contro questa decisione.
58. In una sentenza del 22 giugno 1999 la Corte distrettuale di Pazardzhik annullò la quarta decisione della commissione dei terreni del 24 luglio 1997 a riguardo del rifiuto di riconoscere e ripristinare i diritti di proprietà degli eredi dei genitori del richiedente a riguardo delle aree N. 7 e 8. Trovò che i diritti di proprietà degli eredi dei genitori del richiedente a riguardo di queste due proprietà erano già stati riconosciuti in virtù della sentenza del 2 aprile 1997 della Corte distrettuale di Pazardzhik (vedere paragrafo 52 sopra) e che le proprietà in questione sarebbero state ripristinate tramite un piano di ridistribuzione dei terreni.
59. Nessun ricorso fu depositato contro questa sentenza, così entrò in vigore il 30 luglio 1999.
60. Il 5 agosto 1999 il richiedente depositò una copia della summenzionata sentenza presso la commissione dei terreni. Apparentemente prendendo in considerazione che il piano di redistribuzione dei terreni riveduto di Govedare era già stato pubblicato (vedere paragrafo 73 sotto), il richiedente richiese il risarcimento per queste due proprietà (N. 7 e 8) nella forma di terreni comparabili dello Stato o del municipio.
61. Non è chiaro se il richiedente ottenne la restituzione dell'area di 9,000 metri quadrati, anche menzionata nella sentenza della Corte distrettuale di Pazardzhik del 2 aprile 1997. Lui non solleva azioni di reclamo a riguardo di questa proprietà.
(g) terza richiesta per restituzione di proprietà
62. In una data non specificata nel 1998 il richiedente iniziò un'altra azione per una sentenza dichiarativa sotto la sezione 11 § 2 dell'ALA. Lui fece petizione presso le corti per riconoscere che, come erede di padre suo, aveva diritto a farsi ripristinare i diritti di proprietà a riguardo di un’altra proprietà, un'area di 6,000 metri quadrati.
63. In una sentenza dichiarativa del 19 dicembre 1998 la Corte distrettuale di Pazardzhik riconobbe che gli eredi del padre del richiedente avevano diritto a farsi ripristinare i loro diritti di proprietà.
64. Nessun ricorso fu depositato contro la sentenza così entrò in vigore il 20 gennaio 1999.
65. Il 28 gennaio 1999 il richiedente depositò una copia della sentenza summenzionata presso la commissione dei terreni.
(h) quinta decisione della commissione dei terreni
66. In un tentativo di attenersi con le sentenze della Corte distrettuale di Pazardzhik del 2 aprile 1997 e del 19 dicembre 1998 (vedere paragrafi 52 e 64 sopra), la commissione dei terreni adottò un'altra decisione che trattava con le tre proprietà in oggetto (quelle sotto i N. 7 e 8, più l'area di 6,000 metri quadrati nella sentenza del 19 dicembre 1998, da qui in poi assegnata sotto il n. 9).
67. Con una decisione del 16 settembre 1999 (n. 7B148) la commissione riconobbe i diritti di proprietà degli eredi dei genitori del richiedente a riguardo delle proprietà summenzionate, ma rifiutò di ripristinarli “nei confini effettivi.”
68. La commissione basò il suo rifiuto di ripristinare le aree N. 7 e 8 sulla sentenza del 22 giugno 1999 della Corte distrettuale di Pazardzhik (vedere paragrafo 58 sopra). Ragionò siccome segue:
“La sentenza [del 22 giugno 1999 della Corte distrettuale di Pazardzhik] che riconobbe i diritti di proprietà [in oggetto] entrò in vigore dopo che il piano di redistribuzione dei terreni era stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.”
69. A riguardo del suo rifiuto di ripristinare l’area n. 9, la commissione usò un ragionamento simile. Indicò come segue:
“La sentenza [del 19 dicembre 1998 della Corte distrettuale di Pazardzhik] sotto la sezione 11 § 2 [dell'ALA] che riconobbe i diritti di proprietà [in oggetto] entrò in vigore dopo che il piano di ridistribuzione dei terreni era stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.”
70. Il richiedente fu informato della decisione il 28 ottobre 1999. È poco chiaro se lui fece appello contro questa.
71. A riguardo delle aree N. 7 e 8, gli eredi dei genitori del richiedente ricevettero terreni di proprietà del municipio il 23 febbraio 2005. Il richiedente sembra essere soddisfatto con l'ubicazione e la misura di questi terreni.
72. A riguardo dell'area numerata sotto il n. 9, il 6 giugno 2003 la commissione dei terreni assegnò agli eredi del padre del richiedente un risarcimento nella forma di obbligazioni di risarcimento con un valore nominale di 3,680 lev bulgari (BGN). Il richiedente non specifica se lui fece appello contro questa decisione.
(i) Il piano di redistribuzione dei terreni riveduto ed il ricorso del richiedente contro questo
73. Il primo piano di redistribuzione dei terreni per Govedare fu pubblicato in una data non specificata. È poco chiaro quali proprietà furono assegnate al richiedente sotto questo. Il 28 agosto 1997 il Ministro dell'Agricoltura ordinò la revisione completa del piano per ragioni non rese note.
74. Il piano di ridistribuzione dei terreni riveduto per Govedare fu pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 13 aprile 1999.
75. Il 26 aprile 1999 il richiedente fece appello contro il piano di ridistribuzione dei terreni riveduto. Lui si lamentò della misura della proprietà assegnata agli eredi di suo padre sotto il detto piano per le aree N. 3 e 4 nella sua richiesta n. 12007 del 4 marzo 1992 (vedere paragrafo 39 sopra). Lui presentò una proposta per l'emendamento del piano secondo la quale gli eredi di suo padre avrebbero dovuto ricevere un'area che misurava 18,426 metri quadrati.
76. In una sentenza del 17 gennaio 2000 la Corte Regionale Pazardzhik si trovò a favore del richiedente e corresse il piano di redistribuzione dei terreni riveduto in conformità con la proposta summenzionata. Il richiedente assunse così la proprietà della nuova area assegnata agli eredi di suo padre il 28 settembre 2000. Al tempo delle ultime comunicazioni delle del 2006, lui non aveva ancora ricevuto qualsiasi risarcimento per i rimanenti terreni da ripristinare , importo totale 10,274 metri quadrati.
77. Il richiedente non fece appello contro la sentenza della Corte Regionale di Pazardzhik, benché gli fosse concesso.
3. Restituzione di terrenoprima posseduta con la madre del richiedente
78. Su una data non specificata il richiedente prima richiese dal commissione di terrenoche la restituzione di molte aree di terrenoagricola ha posseduto con sua madre nell'area circa il villaggio di Hadzhievo.
79. Con una decisione di 22 dicembre 1993 (n. 86/8/22.12.1992) la commissionerifiutò di riconoscere i diritti di proprietà degli eredi di sua madre a riguardo di sette aree di terrenoagricola.
80. In una definitivo sentenza di 12 giugno 1995 la Corte distrettuale di Pazardzhik annullò la decisione summenzionata del commissione di terrenosu un ricorso col richiedente, e, invece, ripristinò i diritti di proprietà degli eredi della madre del richiedente a riguardo delle sette aree, importo totale 35,300 metri quadrati.
81. 9 novembre 1995 il richiedente depositò una copia della sentenza summenzionata col commissione di terrenoed ottemperanza richiesta con sé.
82. 30 marzo 2000 la commissionedi terrenoadottò una decisione (n. 1Â171/30.03.2000) da che cosa assegnò agli eredi della madre del richiedente l'altra terrenoin risarcimento per la proprietà summenzionata. Il richiedente che sembra essere soddisfatto con la taglia e qualità di questa terrenoprese proprietà di sé 23 febbraio 2005.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
A. Restituzione dei terreni agricoli
1. Approccio Generale
83. L’Atto sui Terreni Agricoli del 1991 (“l'ALA”, Закон за собствеността и ползването на земеделските земи) prevede, inter alia che le persone, o i loro eredi la cui terra è stata collettivizzata, può richiedere la restituzione dei loro diritti di proprietà sotto certe condizioni (sezione 10 dell'ALA). Sulla base di certi criteri legali, sia che l'area del terreno una volta posseduto dal rivendicatore o dai suoi antenati sia rimasta non soggetta agli influssi della costruzione urbana o meno , la restituzione può essere “nei confini effettivi” o tramite un piano di redistribuzione.
84. Due possibili modi di ottenere la restituzione sono offerti: (a) procedimenti amministrativi, iniziati entro un periodo di diciassette mesi seguenti l'entrata in vigore dell’ALA per una richiesta alla locale commissione dei terreni agricoli ( sezione 11 § 1) la cui decisione è soggetta a ricorso di fronte alle corti (la sezione 14 § 3), o, (b) dopo la scadenza di questo tempo-limite, una rivendicazione civile alla corte competente diretta contro la rispettiva commissione dei terreni(sezione 11 § 2 dell'ALA).
2. Restituzione sotto la sezione 11 § 1 dell'ALA
85. Quando investita di una richiesta per la restituzione sotto sezione la 11 § 1 dell'ALA, era compito della commissione dei terreni stabilire se le condizioni legali ed attinenti erano state soddisfatte ed in tal caso, emettere una decisione che ripristinava la proprietà. Non poteva revocare le sue decisioni. Decisioni favorevoli non erano soggette a ricorso ed erano definitive. A seguito di un emendamento all'ALA del 1995, le commissioni dei terreni avrebbero potuto cambiare le loro decisioni all'interno di certi termini di scadenza nei casi in cui (1) contenevano errori riguardanti i fatti, o (2) con certe limitazioni, fatti nuovi o documenti che erano stati scoperti, (sezione 14 §§ 6 e 7). Delle corti hanno affermato che le decisioni delle commissioni dei terreni hanno caratteristiche simili a quelle delle certificazioni in procedimenti di notaio ex parte (opred. 10333-2002-VAS; opred. 1020-2003-VAS). È stato affermato anche che le decisioni della commissioni dei terreni sono decisioni amministrative (1832-93-III).
86. Un rivendicatore la cui richiesta per restituzione è stata rifiutata dalla competente commissione dei terreni può fare appello alla rispettiva Corte distrettuale (la sezione 14 § 3 dell'ALA). La Corte distrettuale ha giurisdizione per esaminare la questione sui meriti e determinare se o meno il rivendicatore ha il diritto alla restituzione sotto l'ALA. Se trova che i criteri legali attinenti per la restituzione sono rispettati , la corte accantonerà il rifiuto della commissione dei terreni e ordinerà la restituzione (la sezione 14 §§ 1-3 dell'ALA). La sentenza della Corte distrettuale è soggetta revisione (cassazione).
87. Le commissioni dei terreni esistenti fino al 2002 erano corpi statali i cui membri sono stati nominati dal Ministro dell'Agricoltura (sezione 33 dell'ALA). Nel 2002 furono sostituite dai Dipartimenti dell'Agricoltura e delle Foreste, dopo il 2008 chiamati Dipartimenti Agricoli i cui membri sono nominati dal Ministro dell'Agricoltura e del Cibo.
88. Con la sezione 14 delle Regolamentazioni per l'Attuazione dell’ Atto sui Terreni Agricoli, una richiesta di restituzione riguardo alla proprietà di una persona deceduta depositata da uno degli eredi è a beneficio di tutti di loro.
3. Restituzione tramite azione civile generale sotto la sezione 11 § 2 dell'ALA
89. Le persone che chiedono la restituzione di terreni agricoli che hanno superato il tempo-limite di diciassette mesi sotto la sezione 11 § 1, può introdurre un'azione per una sentenza dichiarativa contro la commissione locale dei terreni. In questi procedimenti le corti determinano se o meno il rivendicatore ha diritto alla restituzione. Dove le corti decidono a favore del rivendicatore, la commissione dei terreni deve attenersi ed emette la decisione di restituzione necessaria, ripristinando i diritti del rivendicatore “nei confini effettivi” o tramite un piano di redistribuzione dei terreni.
90. In assenza di una disposizione espressa, la teoria legale accetta, che, similmente alla procedura sotto la sezione 11 § 1 dell'ALA, un'azione introdotta da uno degli eredi di una persona deceduta è di beneficio per tutti di loro.
4. Restituzione tramite piani di ridistribuzione dei terreni e risarcimento al posto della restituzione
91. Con la sezione 10b dell'ALA, i precedenti proprietari la cui proprietà non può essere ripristinata “nei confini effettivi” devono riceverei terreni tramite un piano di ridistribuzione di terreni, sulla base del quale la rispettiva commissione dei terreni adotta una decisione di ripristinare la proprietà (sezione 17 dell'ALA).
92. Dove la terra in una certa area non è sufficiente per soddisfare pienamente tutti i precedenti proprietari, la terra di cui è prevista la restituzione per ciascuno di loro viene ridotta. Per la differenza, loro saranno compensati con terre municipali o con obbligazioni di risarcimento che possono essere usate in denaro di privatizzazione o per l'acquisto di terreni Statali (sezioni 15 §§ 2 e 3 e 35 dell'ALA).
93. Nel preparare un piano di redistribuzione dei terreni, la commissione dei terreni prende in esame le richieste dei precedenti proprietari che sono state presentate a sé prima della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale di una notifica che una bozza del progetto è stata preparata. Non può prendere in conto rivendicazioni presentate più tardi; in questo caso, i precedenti proprietari devono ricevere il risarcimento tramite terreni municipali od obbligazioni (sezione 11 § 4 dell'ALA).
94. I ricorsi contro i piani di ridistribuzione di terreno dovevano, al tempo attinente, essere rivolti alla rispettiva Corte Regionale. Loro dovevano essere accompagnati da una proposta per uno specifico emendamento al piano (sezione 25 § 6 delle Regolamentazioni per l'Attuazione dell’Atto sui Terreni Agricoli). Le sentenze delle corti regionali erano soggette a cassazione.
95. Facendo seguito alla sezione 17 § 8 dell'ALA, il Ministro dell'Agricoltura è autorizzato ad ordinare la revisione di un piano di redistribuzione di terreni dove è stato stabilito che gli originali contenessero un ovvio errore riguardante i fatti.
B. L’Atto per Responsabilità Statale per Danni del 1988 e pratica attinente delle corti nazionali
96. La Sezione 1 dell’Atto per la Responsabilità Statale per Danni del 1988 (“ SRDA”) prevede che lo Stato è responsabile per un danno subito da persone private come risultato di atti illegali od omissioni da parte dei entità Statali o di funzionari pubblici, impegnati nel corso o in collegamento con l'adempimento dei loro doveri. La Sezione 4 dell'Atto prevede che il risarcimento è dovuto per ogni danno che è il diretto ed immediato risultato dell'atto illegale o dell’ omissione.
97. In alcuni casi le corti nazionali hanno concesso rivendicazioni sotto la sezione 1 del SRDA sulla base degli atti illegali od omissioni delle autorità in procedimenti di restituzione. In una sentenza del 14 febbraio 2008 la Corte Suprema di Cassazione assegnò danni al rivendicatore, trovando che la rispettiva commissione dei terreni aveva ritardato senza necessità nel prendere una decisione sulla sua richiesta per la restituzione ed illegalmente aveva infine rifiutato la restituzione (la sentenza n. 112 del 14 febbraio 2008, causa n. 1319/2007). In un'altra sentenza del 21 giugno 2002, la Nova Corte distrettuale di Zagora accolse una rivendicazione contro la rispettiva commissione dei terreni, trovando che il rivendicatore aveva sofferto di danni come risultato del rifiuto della commissione di riconoscere e ripristinare i suoi diritti su una certa proprietà, e del suo insuccesso rinnovato nel riconoscere e ripristinare i suoi diritti dopo che il rifiuto iniziale era stato dichiarato privo di valore legale dalle corti (sentenza n. 224 del 21 giugno 2002, causa n. 74/2002).
98. Comunque, in una sentenza del 23 novembre 2004 la Corte Regionale di Veliko Tarnovo respinse una rivendicazione per danni contro la rispettiva commissione dei terreni. Trovò che la rescissione di una decisione della commissione che era entrata in vigore e con cui la commissione aveva riconosciuto i diritti del rivendicatore su certe proprietà, era priva di valore legale. Ciononostante, concluse che il rivendicatore non aveva sofferto di danni siccome la decisione iniziale non era stata sufficiente a renderlo proprietario della proprietà in questione (sentenza 240 del 23 novembre 2004, causa n. 773/240).
99. In una sentenza dell’ 11 gennaio 2005 la Corte Regionale di Smolyan accolse una rivendicazione contro il municipio attinente, trovando che i rivendicatori avevano sofferto di danno come risultato dell'insuccesso del municipio nel correggere debitamente i confini della loro proprietà nelle mappe catastali ( sentenza n. 452 dell’11 gennaio 2005, causa n. 407/2004).
LA LEGGE
I. VIOLAZIONI ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1 E DELL’ ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE
100. Il richiedente si lamentò sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che lui non ha potuto per periodi lunghi di tempo farsi ripristinare i suoi diritti di proprietà od ottenere il risarcimento al posto della restituzione, e sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione che le autorità nazionali erano andate a vuoto nell’ attenersi con le decisioni definitive di corte a suo favore.
101. L’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 recita:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
L’Articolo 6 § 1 della Convenzione, nella parte attinente, recita:
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale ...”
A. Ammissibilità
102. Il Governo esortò la Corte a respingere la richiesta come inammissibile per insuccesso nell’esaurire le vie di ricorso nazionali (Articolo 35 § 1 della Convenzione). Indicò che il richiedente non aveva chiesto danni sotto l’Atto per la Responsabilità Statale per Danno. Appellandosi alle sentenze attinenti della Nova Corte distrettuale di Zagora e della Corte Regionale di Smolyan (vedere paragrafi 97 e 99 sopra), dibatté che un'azione per danni sotto questo Atto avrebbe potuto rimediare efficacemente ai danni del richiedente.
103. Il richiedente contestò questo argomento.
104. La Corte richiama che sotto l’Articolo 35 § 1 della Convenzione le sole via di ricorso che si è costretti ad essere esaurire sono quelle che sono effettive e capaci di compensare la violazione addotta (vedere Sejdovic c. Italia [GC], n. 56581/00, § 45 ECHR 2006-II). Nella presente causa, riguardo alle azioni di reclamo sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 le autorità andarono a vuoto per periodi lunghi di tempo nel ripristinare i diritti del richiedente sulle proprietà rivendicate o nell’offrirgli un risarcimento la Corte nota, che un'azione sotto il SRDA poteva, in principio, offrire compensazione, come esemplificato dalla pratica delle corti nazionali a cui si fa riferimento sopra (vedere paragrafi 97 e 99) e riguardante situazioni simili. Comunque, la Corte non è convinta che queste sentenze una resa da una corte distrettuale e l’altra da una corte regionale, siano indicative di una pratica continua. Inoltre, in una causa che era in pratica identica a quella del richiedente, riguardo al terreno prima posseduto da lui, l'azione del rivendicatore fu respinta (vedere paragrafo 98 sopra).
105. Inoltre, la Corte è della prospettiva che non ci si poteva aspettare che il richiedente, che non poteva sapere quando i suoi diritti di proprietà sarebbero stato ripristinati, o, rispettivamente, lui avrebbe ricevuto il risarcimento, introducesse periodicamente azioni per danni per ottenere compensazione per i ritardi (vedere, per confronto, Kirilova ed Altri, citata sopra, § 116). Se fosse stato costretto a fare così, è probabile che ciò avrebbe eretto una barriera permanente alle introduzione delle questioni di fronte alla Corte (vedere, mutatis mutandis, Guzzardi c. Italia, 6 novembre 1980, § 80 Serie A n. 39). Nelle specifiche circostanze della causa, perciò un'azione sotto il SRDA non rappresentava una via di ricorso effettiva, capace di compensare la violazione addotto che il richiedente avrebbe dovuto esaurire.
106. Riguardo alle azioni di reclamo del richiedente sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione, la Corte osserva che un'azione sotto il SRDA non avrebeb potuto rimediare ai danni del richiedente siccome non poteva obbligare direttamente le autorità ad intentare le cause necessarie per attenersi con le sentenze definitivo di corte (vedere, mutatis mutandis, Iatridis c. Grecia [GC], n. 31107/96, § 47, ECHR 1999-II, e Kirilova ed Altri c. Bulgaria, N. 42908/98, 44038/98 44816/98 e 7319/02, § 116 9 giugno 2005).
107. Di conseguenza, la Corte respinge l'eccezione preliminare del Governo basata sul non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali.
108. Inoltre, la Corte nota che la richiesta non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione e non inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
1. Violazioni addotta dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1
109. Il richiedente si lamentò di non essere stato in grado, per lunghi periodi di tempo, di farsi ripristinare i suoi diritti di proprietà od ottenere il risarcimento.
110. Il Governo considerò che la commissione dei terreni di Pazardzhik aveva agito legalmente, in buon fede ed in tempo dovuto, nella prospettiva della complessità del processo di restituzione.
(a) Principi Generali
111. La Corte reitera che l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 comprende tre norme distinte: la prima norma, esposta nella prima frase del primo paragrafo è di natura generale ed enuncia il principio del godimento tranquillo di proprietà; la seconda norma, contenuta nella seconda frase del primo paragrafo copre la privazione di proprietà e la sottopone a certe condizioni; la terza norma, determinata nel secondo paragrafo, riconosce che agli Stati Contraenti viene concesso, fra le altre cose, di controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale. La Corte osserva, che nella sua giurisprudenza stabilita ha esaminato la non-esecuzione di una decisione che riconosceva il titolo di proprietà sotto la prima frase del primo paragrafo dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere Ramadhi ed Altri c. Albania, n. 38222/02, §§ 75-79, 13 novembre 2007 con gli ulteriori riferimenti).
(b) L’applicazione di questi principi alla presente causa
112. La Corte esaminerà separatamente le diverse procedure di restituzione nelle quali il richiedente è stato coinvolto.
(i) Area n. 9, precedentemente posseduta dal padre del richiedente
113. La Corte osserva che nella sua sentenza del 19 dicembre 1998 la Corte distrettuale di Pazardzhik trovò che gli eredi del padre del richiedente avevano diritto a farsi ripristinare i loro diritti di proprietà a riguardo di quest’ area, misurante 6,000 metri quadrati (vedere paragrafi 62-63 sopra). Questo non era necessariamente un diritto alla restituzione “nei confini effettivi” o al risarcimento tramite terreni di proprietà municipale poiché la legislazione nazionale attinente prevedeva che i precedenti proprietari avrebbero potuto essere compensati anche tramite obbligazioni (vedere paragrafo 93 sopra). Più tardi gli eredi del padre del richiedente ricevettero della obbligazioni di risarcimento per l'area (vedere paragrafo 72 sopra).
114. La causa non riguarda proprietà esistenti; ciononostante, la Corte costata che a seguito della summenzionata sentenza del 19 dicembre 1998 il richiedente, come erede di suo padre aveva un'aspettativa legittima di ricevere una proprietà o altro risarcimento a riguardo dell'area in oggetto.
115. In queste circostanze i la Corte costata che l'aspettativa legittima del richiedente a riguardo dell’ area n. di 9 fu realizzata tramite il ricevimento di obbligazioni. Ne segue che non c'era interferenza coi diritti del richiedente e, di conseguenza, nessuna violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
(ii) Il terreno precedentemente posseduto dal richiedente
116. La Corte nota che il richiedente non ottenne mai le aree N. 7 e 8 nonostante la decisione della commissione dei terreni di Pazardzhik del 18 dicembre 1992 (vedere paragrafo 9 sopra) cyhe riconosceva e ripristinava i suoi diritti “nei confini effettivi.”
117. La Corte nota inoltre che la decisione della commissione dei terreni in questione fu resa in procedimenti ex parte e avrebbe potuto essere impugnata o direttamente o indirettamente senza qualsiasi limitazione di tempo, se un'altra persona che rivendicava di avere dei diritti di proprietà sulla stessa terra avesse introdotto un'azione sotto la sezione 11 § 2 dell'ALA (vedere paragrafi 89-90 sopra) o un'azione rei vindicatio. Avendo riguardo ad quanto sopra ed al fatto che la rivendicazione del richiedente sulle aree N. 7 e 8 non erano stati l'argomento dell’ esame giudiziale, la Corte non può giungere alla conclusione che la decisione del 18 dicembre 1992 abbia mai acquisito la stabilità tale da generare un'aspettativa legittima da parte del richiedente per ricevere quelle aree in “confini effettivi.” Perciò, la Corte è della prospettiva che l'aspettativa legittima che nacque per il richiedente facendo seguito alla decisione del 18 dicembre 1992 potrebbe essere realizzata o ottenendo la restituzione delle aree N. 7 e 8, o tramite il risarcimento in luogo a riguardo, come previsto dal diritto nazionale.
118. Siccome nel 2005 il richiedente ottenne il risarcimento per l’area n. 7 (vedere paragrafo 37 sopra) e, inoltre, non adduce che lui non riceverà il risarcimento previsto in diritto nazionale per l’area n. 8, la Corte è della prospettiva che il problema che deve essere esaminato è quello del ritardo nell'offrire il risarcimento al richiedente e così nel realizzare l'aspettativa legittima che è sorta per lui facendo seguito alla decisione del 18 dicembre 1992.
119. La Corte considera che il ritardo da parte delle autorità nell'offrire il risarcimento al richiedente corrispose ad un’interferenza col suo diritto alla proprietà, all'interno del significato della prima frase del primo paragrafo dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere paragrafo 111 sopra). Inoltre, la Corte accetta che questa interferenza fosse legale, siccome non vi era nessun tempo-limite speciale per offrire il risarcimento sotto la legislazione attinente, ed avrebbe intrapreso un scopo legittimo nell'interesse pubblico, vale a dire proteggere i diritti altrui siccome le autorità avevano avuto bisogno di sistemare le rivendicazioni di numerosi precedenti proprietari nel processo piuttosto complesso di restituzione.
120. Rivolgendosi alla questione della proporzionalità, la Corte deve esaminare se il ritardo nell'assegnare la quota di risarcimento dovuta ha significato che il richiedente dovette sopportare un carico speciale ed eccessivo (vedere Ramadhi ed Altri c. Albania, citata sopra, § 78).
121. La Corte nota che l'aspettativa legittima del richiedente di ricevere a riguardo delle aree n. 7 e 8 o il risarcimento è nata non più tardi del maggio 1993 (vedere paragrafo 9 sopra). Il risarcimento per l’area n. 7 fu ricevuto nel 2005, cioè dodici anni più tardi (vedere paragrafo 37 sopra). Al 2006, il richiedente non aveva ricevuto il risarcimento per l’area n. 8 (vedere paragrafo 38 sopra). Il ritardo era perciò di tredici anni.
122. La Corte nota che per questi periodi considerevoli di tempo- rispettivamente dodici e tredici anni - il richiedente fu lasciato in un stato d'incertezza riguardo alla realizzazione dei suoi diritti di proprietà e gli fu impedito di godere delle sue proprietà. La Corte ammette che gli eventi attinenti accaddero in un periodo di transizione sociale ed economica in Bulgaria e che le autorità avevano bisogno di prendere in considerazione le rivendicazioni di numerose parti interessate (vedere Kehaya ed Altri c. Bulgaria, N. 47797/99 e 68698/01, § 65, 12 gennaio 2006 e, mutatis mutandis, Velikovi ed Altri c. Bulgaria, N. 43278/98, 45437/99, 48014/99 48380/99, 51362/99 53367/99, 60036/00 73465/01 e 194/02, § 172 del 15 marzo 2007). Comunque, in assenza di qualsiasi giustificazione specifica per i ritardi nel provvedere al risarcimento al richiedente, a parte la complessità generale del processo di restituzione a cui fa riferimento il Governo (vedere paragrafo 110 sopra), la Corte non può che accettare che i ritardi sono stati irragionevoli e hanno imposto un carico eccessivo sul richiedente (vedere Ramadhi ed Altri c. Albania, citata sopra, § 83).
123. La Corte nota, inoltre, che il richiedente è stato per un lungo periodo di tempo nell’ incertezza in merito a se lui avrebbe ricevuto le aree N. 7 e 8 nei loro “confini effettivi” o il risarcimento, a causa delle decisioni contraddittorie delle autorità nazionali (vedere paragrafi 9-36 sopra).
124. Di conseguenza, la Corte conclude che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 nella causa.
(l'iii) Le rimanenti aree
125. La Corte nota che nella sua sentenza del 29 dicembre 1993 (vedere paragrafo 42 sopra) la Corte distrettuale di Pazardzhik riconobbe i diritti degli eredi del padre del richiedente di ricevere i terreni tramite un piano di redistribuzione dei terreni per le aree N. 3 e 4, come si fa riferimento nella richiesta del richiedente n. 12007 del 4 marzo 1992 (vedere paragrafo 39 sopra), importo totale 28,700 metri quadrati. La Corte nota inoltre che gli eredi del padre del richiedente ricevettero solamente 18,426 metri quadrati di terreno tramite il piano di redistribuzione dei terreni riveduto per Govedare (vedere paragrafi 75-76 sopra).
126. Al richiedente, come uno degli eredi di suo padre fu concesso di ricevere il risarcimento per il terreno che non poteva essere ripristinato tramite il piano di redistribuzione dei terreni(veda paragrafo 93 sopra). Lui non adduce che lui non riceverà quel il risarcimento. Inoltre, la Corte non è stata informata di qualsiasi sviluppo nella causa dopo il 2006. Perciò, similmente al suo approccio sopra (vedere paragrafo 117), la Corte è della prospettiva che il problema che è chiamato in causa per esame è quello del ritardo nell'offrire il risarcimento al richiedente fino al 2006.
127. Il diritto degli eredi del padre del richiedente al risarcimento in oggetto fu riconosciuto in una sentenza del 29 dicembre 1993 (vedere paragrafo 42 sopra). Al 2006, il richiedente non aveva ancora ricevuto, un qualsiasi il risarcimento per i 10,274 metri quadrati del terreno(vedere paragrafo 76 sopra). Il ritardo era perciò di tredici anni.
128. Similmente, a riguardo delle rimanenti aree, vale a dire le aree N. 7 e 8 che erano state possedute precedentemente dai genitori del richiedente (vedere paragrafi 52-60 e 71 sopra) da non confondere con le aree possedute dal richiedente che portano gli stessi numeri (vedere paragrafi 116-124 sopra), e prima le sette aree possedute dalla madre del richiedente (vedere paragrafi 78-82 sopra), la sola questione da esaminare da parte della Corte è se il ritardo nell'offrire il risarcimento al richiedente, come un erede dei suoi genitori ha corrisposto ad una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
129. A riguardo delle aree N. 7 e 8 menzionate nel precedente paragrafo, gli eredi dei genitori del richiedente si fecero riconoscere i loro diritti di restituzione in una sentenza di corte del 2 aprile 1997 (vedere paragrafo 52 sopra). Il risarcimento per queste aree fu offerto nel 2005 (vedere paragrafo 71 sopra), cioè, otto anni più tardi. Il risarcimento previsto per le sette aree possedute prima dalla madre del richiedente fu posticipato di dieci anni siccome i diritti dei suoi eredi furono riconosciuti in una sentenza di corte del 12 giugno 1995 ed il risarcimento fu offerto nel 2005 (vedere paragrafi 80 e 83 sopra).
130. La Corte si riferisce alle sue sentenze sopra per cui i ritardi nell'offrire il risarcimento nella presente causa hanno corrisposto ad interferenza col diritto del richiedente al godimento tranquillo delle sue proprietà, e che questa interferenza era legale e perseguiva uno scopo legittimo nell'interesse pubblico, ma non riuscì a prevedere un equilibrio equo (vedere paragrafi 119-122 sopra). La Corte non vede alcuna ragione di giungere ad una conclusione diversa a riguardo delle undici aree in questione qui.
131. Di conseguenza, conclude che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 in quanto le autorità posticipasrono ingiustificabilmente il risarcimento al richiedente per le undici aree in questione.
2. Violazioni addotta dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione
132. Sotto l'Articolo 6 § 1, il richiedente si lamentò che le autorità andarono a vuoto nell’ attenersi con le sentenze definitive di corte a suo favore. In particolare, si è lamentato:
(a) a riguardo del terreno prima posseduto da lui-che la commissione dei terreni di Pazardzhik non era riuscita ad attenersi con molte sentenze della Corte distrettuale di Pazarzhik a suo favore;
(b) a riguardo delle aree N. 3 e 4, prima possedute da suo padre-che nella sua sentenza del 17 gennaio 2000 (vedere paragrafo 76 sopra) la Corte Regionale di Pazardzhik era andata a vuoto nel prendere in considerazione la precedente sentenza della Corte distrettuale di Pazardzhik del 29 dicembre 1993 (vedere paragrafo 42 sopra)
(c) a riguardo dell’ area n. 9, prima posseduta da suo padre-che adottando la sua decisione del 16 settembre 1999 (vedere paragrafo 67 sopra) e rifiutando di ripristinare agli eredi di suo padre quell'area, la commissione dei terreni non era riuscita ad attenersi con la sentenza definitiva della Corte distrettuale di Pazardzhik dell’ 11 dicembre 1998 (vedere paragrafo 63 sopra); e
(d) a riguardo delle rimanenti aree -che, nell'eseguire le sentenze definitive di corte a suo favore, le autorità avevano rimandato di offrirgli il risarcimento.
133. Il Governo dibatté che l’Articolo 6 § 1 era inapplicabile nella causa perché i procedimenti di fronte alla commissione dei terreni agricoli di Pazardzhik erano stati di carattere amministrativo e non giudiziale.
134. La Corte non ritiene necessario esaminare l'eccezione del Governo basata sulla non-applicabilità addotta dell’ Articolo 6 § 1, perché, nella prospettiva della sua analisi e conclusioni sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 sopra (vedere paragrafi 117-137), considera che nessun problema separato si pone nella causa sotto l’Articolo 6 § 1.
III. L’APLLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
135. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
1. Danno patrimoniale
136. Il richiedente chiese i seguenti importi a riguardo del danno patrimoniale:
(a) 6,811 lev bulgari (BGN), l'equivalente di approssimativamente 3,500 euro (EUR), a riguardo della differenza fra il valore dell’ area n. 7 della terra precedentemente posseduta dal richiedente e la terra ricevuta come risarcimento, più BGN 1,473.55, l'equivalente di EUR 755 per affitto perduto per questa proprietà dal 1992 al 2005,
(b) BGN 4,128, l'equivalente di EUR 2,120 per il valore area n. 8 della terra precedentemente posseduta dal richiedente, più BGN 1,015.73, l'equivalente di EUR 520 per affitto perduto per questa proprietà dal 1992 al 2006;
(c) BGN 10,603, l'equivalente di EUR 5,440 che rappresentavano il valore dei 10,274 metri quadrati di terreno dovuti agli eredi del padre del richiedente a riguardo delle aree N. 3 e 4 nella richiesta del richiedente n. 12007 del 4 marzo 1992; BGN 973.65, l'equivalente di EUR 500 per affitto perduto per questo terreno dal 1993 al 2000; e BGN 1698.36, l'equivalente di EUR 870 per affitto perduto dal 1993 al 2000 per i 18,426 metri quadrati che furono ripristinati agli eredi del padre del richiedente in virtù della sentenza della Corte Regionale Pazardzhik del 17 gennaio 2000 (vedere paragrafo 76 sopra);
(d) BGN 2,253.82, l'equivalente di EUR 1,155 per affitto perduto per le aree N. 7 e 8, precedentemente possedute dai genitori del richiedente dal 1997 al 2005; e
(e) BGN 4,058.58, l'equivalente di EUR 2,080, per affitto perduto per le aree precedentemente possedute dalla madre del richiedente, per il periodo dal 1995 al 2005.
In appoggio a queste rivendicazioni il richiedente presentò rapporti di valutazione preparati da esperti muniti di certificato.
137. Il Governo considerò che i danni chiesti non erano il diretto ed immediato risultato delle violazioni addotte.
138. La Corte richiama che le violazioni trovate sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 riguardavano solamente il ritardo da parte delle autorità nell’ offrire il risarcimento al richiedente (vedere paragrafi 124 e 131 sopra). Perciò, la Corte accorderà solamente il risarcimento per quel ritardo. Non può accettare comunque la base di calcolo di quel risarcimento proposto dal richiedente che è l'affitto che sarebbe stato ricevuto avuto se le proprietà in questione fossero state date in affitto. Nota, in particolare, che la violazione trovata di per sé non riguarda qualsiasi diritto definito del richiedente di ricevere terreni, ma il ritardo nell'offrire il risarcimento che potrebbe anche prendere la forma di obbligazioni.
139. La Corte prenderà anche in considerazione il fatto che alcune delle aree erano possedute dai genitori del richiedente e che il richiedente non è il solo erede dei suoi genitori (vedere paragrafo 39 sopra). Lui non era perciò la sola persona abilitata a ricevere il risarcimento ritardato per quelle aree.
140. Nella prospettiva delle considerazioni sopra, la Corte assegna EUR 2,000 il richiedente sotto questo capo.
2. Danno non-patrimoniale
141. Lasciando la determinazione dell' esatto importo alla Corte, il richiedente richiese anche il danno non-patrimoniale, dibattendo che lui aveva sofferto di angoscia e di frustrazione per un considerevole periodo di tempo.
142. Il Governo non fece commenti.
143. La Corte costata che il richiedente ha dovuto soffrire d'angoscia e di frustrazione come risultato delle violazioni trovate. Giudicando su base equa, gli assegna EUR 1,000 sotto questo capo.
B. Costi e spese
144. Il richiedente chiese BGN 4,895, l'equivalente di EUR 2,500, per 50 ore di lavoro del suo avvocato la Sig.ra N. S., dopo la comunicazione della causa al Governo, ad un tasso orario di EUR 50. Lui presentò un foglio orario in appoggio a questa rivendicazione. Il richiedente chiese altri BGN 1,074, l'equivalente di EUR 550 per il costo del rapporto di valutazione lui presentò e la traduzione delle sue osservazioni e rivendicazioni per soddisfazione equa. Lui chiese anche BGN 1,200, l'equivalente di EUR 615, per spese impegnate nei procedimenti di restituzione nazionali. In appoggio di queste rivendicazioni lui presentò le ricevute attinenti.
145. Il Governo considerò la rivendicazione per le parcelle legali eccessiva ed esortò la Corte a respingere come non correlata alle violazioni addotte la rivendicazione per costi nei procedimenti nazionali.
146. Secondo la giurisprudenza della Corte, ad un richiedente viene concesso il rimborso di costi e spese solamente se viene mostrato che questi davvero e necessariamente sono stati impegnati e sono stati ragionevoli riguardo al quantum. Nella presente causa , la Corte nota, che ha trovato violazioni della Convenzione solamente a riguardo di alcune delle azioni di reclamo del richiedente. Nella prospettiva delle sue costatzioni sopra, la Corte assegna EUR 2,000 per tutti i costi e spese.
C. Interesse di mora
147. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora debba essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara la richiesta ammissibile;
2. Sostiene che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione per quanto riguarda il risarcimento per l’area n. 9 prima posseduta dal padre del richiedente;
3. Sostiene che, a riguardo delle aree N. 7 e 8 prima possedute dal richiedente, c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione a causa della lunga incertezza riguardo a se il richiedente avrebbe ricevuto le aree effettive o il risarcimento ed il ritardo nell'offrire il risarcimento;
4. Sostiene che, a riguardo delle rimanenti undici aree prima possedute ai genitori del richiedente, c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione a causa del ritardo nell'offrire il risarcimento;
5. Sostiene che nessun problema separato deriva sotto l’ Articolo 6 § 1 della Convenzione;
6. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare al richiedente, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione i seguenti importi, da convertire in lev bulgari al tasso applicabile in data dell’ accordo:
(i) EUR 3,000 (tre mila euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, a riguardo del danno patrimoniale e non-patrimoniale;
(ii) EUR 2,000 (due mila euro), più qualsiasi tassa che può essere a carico del richiedente, a riguardo di costi e spese;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
7. Respinge il resto delle rivendicazioni del richiedente per la soddisfazione equa.
Fatto in inglesi, e notificato per iscritto il 7 gennaio 2010, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Claudia Westerdiek Pari Lorenzen
Cancelliere Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 07/10/2020.