Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF PARVANOV AND OTHERS v. BULGARIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI:

NUMERO: 74787/01/2010
STATO: Bulgaria
DATA: 07/01/2010
ORGANO: Sezione Quinta


TESTO ORIGINALE

FIFTH SECTION
CASE OF PARVANOV AND OTHERS v. BULGARIA
(Application no. 74787/01)
JUDGMENT
STRASBOURG
7 January 2010
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Parvanov and Others v. Bulgaria,
The European Court of Human Rights (Fifth Section), sitting as a Chamber composed of:
Peer Lorenzen, President,
Renate Jaeger,
Karel Jungwiert,
Rait Maruste,
Isabelle Berro-Lefèvre,
Mirjana Lazarova Trajkovska, judges,
Pavlina Panova, ad hoc judge,
and Claudia Westerdiek, Section Registrar,
Having deliberated in private on 1 December 2009,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 74787/01) against the Republic of Bulgaria lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by three Bulgarian nationals, Mr P. V. P., Mrs B. S.P. and Mrs D. K. K. (“the applicants”), on 18 June 2001.
2. The applicants were represented by Mrs N. S., a lawyer practising in Sofia. The Bulgarian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mrs M. Kotseva, of the Ministry of Justice.
3. On 5 January 2006 the Court declared the application partly inadmissible and decided to communicate to the Government the complaints concerning the failure of the authorities to provide to the applicants the apartments due as compensation for the expropriation of their property. It also decided to rule on the admissibility and merits of the remainder of the application at the same time (Article 29 § 3).
4. Judge Kalaydjieva, the judge elected in respect of Bulgaria, withdrew from sitting in the case. On 30 January 2009 the Government appointed in her stead Mrs Pavlina Panova as an ad hoc judge (Article 27 § 2 of the Convention and Rule 29 § 1 of the Rules of the Court).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. The applicants were born in 1963, 1940 and 1962 respectively and live in Sofia.
6. The applicants are heirs of Mr P. V. P., Mr V. P. P. and Mrs T. P. K. who owned a house in Sofia with a yard with a total surface area of 581.2 square metres.
A. Expropriation of the property
7. By a mayor’s order of 8 April 1987, based on section 98 of the Territorial and Urban Planning Act (“the TUPA”), the house and the yard were expropriated “for embassy needs”, but with a view to realising two separate public works’ projects: (a) the construction of a block of flats and shops (Project A); and (b) the construction of an embassy (Project B). The area designated for Project A (Plot A) was 328.2 square metres and the area designated for Project B (Plot B) was 253 square metres. The applicants’ ancestors’ house remained in Plot A. The value of the entire expropriated property was assessed at 25,118.06 old Bulgarian levs (BGL).
8. The mayor’s order of 8 April 1987 also provided that for the expropriation of the property “for embassy needs” each of the applicants’ antecedents would be compensated with an apartment, situated in a building to be constructed by the Bureau for Servicing the Diplomatic Corps (“the BSDC”).
9. By three supplementary orders of 15 April 1988, based on section 100 of the TUPA, the mayor determined the exact location, area and other details in respect of the future apartments offered as compensation. The three apartments had a total value of BGL 59,155.
10. A two-room apartment of 64 square metres was designated for Mr P. V. P., who had passed away on an unspecified date in 1987. By virtue of his will, the property was to be received by his grandson, the first applicant.
11. Mr V. P. P., whose heirs were the first and second applicants, his son and wife, was to receive a three-room apartment with an area of 94 square metres.
12. And lastly, Mrs T. P. K. was entitled to a three-room apartment of 98 square metres, which was to be received by her daughter, the third applicant.
13. The value of the expropriated property (BGL 25,118.06) was directly credited against the value of the apartments offered as compensation. As the latter sum was higher, on unspecified dates the applicants and their ancestors paid the difference, BGL 34,036.94, to the State.
14. By orders of 4 and 27 April 1988 Mr V. P. P. and the first applicant were provided with temporary housing in two flats owned by the BSDC. It appears that after Mr V. P. P.’s death the second applicant continued to use the apartment provided for him.
15. Construction of the block of flats in which the apartments offered as compensation were to be located was never commenced.
B. Restitution of the property
16. On 13 April 1992, following the entry into force of the 1992 Restitution Law (see paragraph 29 below), the applicants made a request to the mayor of Sofia for the restitution of the entire property, because neither of the public works projects had commenced and the expropriated house was still standing. No response was received and on an unspecified date in May or June 1992 the applicants appealed against the tacit refusal.
17. On an unspecified date, most likely in August 1992, the expropriated house was pulled down and the BSDC commenced the realisation of Project B (see paragraph 7 above), the construction of a Polish embassy complex.
18. Upon the applicants’ appeal against the mayor’s tacit refusal, on 7 October 1994 the Sofia City Court found partly in their favour. It noted that their property had been expropriated for two distinct public works projects – Project A, to be realised on Plot A, and Project B, to be realised on Plot B. In so far as the realisation of Project B had commenced on Plot B, this part of the property, namely 253 square metres of the site, could not be restored. However, as Project A had not commenced, the restitution of Plot A, amounting to 328.2 square metres, was possible.
19. The Sofia City Court further noted that under the original expropriation and compensation orders (see paragraphs 7-9 above) the applicants and their antecedents had been provided with apartments as compensation in respect of the property expropriated “for embassy needs” (Plot B) and that the value of Plot A had been credited against the value of the apartments. On this basis, the domestic court held that the restitution of Plot A would be effective upon reimbursement of its value. On the basis of the original expropriation and compensation orders of 1987-88, it calculated that amount to be BGL 22,697.81. Apparently, the value of Plot A was much higher than the value of Plot B (which remained BGL 2,420.27) as this was where the applicants’ ancestors’ house had been standing.
20. None of the parties appealed against this judgment and it entered into force. In order to effect the restitution, on 4 September 1995 the applicants paid the State BGL 22,697.81 which, owing to inflation and the depreciation of the Bulgarian currency, equalled approximately USD 330.
21. In 1996 the Sofia municipality petitioned the Sofia City Court to interpret its judgment of 7 October 1994 in respect of whether it still owed the applicants three apartments as compensation.
22. On 27 January 1997 the Sofia City Court refused to provide the interpretation sought, pointing out that its judgment was quite clear as regards the dispute examined, namely about the claimants’ right to restitution of the property.
C. Subsequent developments
23. By a letter of 2 December 1997 the BSDC informed the applicants that following the judgment of the Sofia City Court of 7 October 1994 the apartments offered as compensation for the expropriation of the property were no longer due.
24. On 16 July 1998 the mayor of Sofia revoked the three orders of 15 April 1988 (see paragraph 9 above). The applicants appealed against this decision.
25. By a judgment of 21 November 1999 the Sofia City Court dismissed the appeal. The applicants appealed again.
26. In a final judgment of 29 December 2000 the Supreme Administrative Court (“the SAC”) quashed the lower court’s judgment and the decision of the mayor of Sofia of 16 July 1998. However, it based its conclusions on the finding that it had not been necessary for the mayor to formally revoke the three orders of 15 April 1988; they had been automatically revoked by virtue of the judgment of 7 October 1994 (see paragraphs 18-20 above). In particular, the Supreme Administrative Court held:
“The revocation of the expropriation, even concerning only part of the [original] property, in respect of which the requirements of [the 1992 Restitution Law] were met, resulted, by virtue of the [judgment of the Sofia City Court of 7 October 1994], in the revocation of the orders under sections 98 and 100 [of the TUPA], as it is to be considered that no expropriation ever took place. That is why the [Sofia] mayor did not have to expressly revoke the orders under section 100 [of the TUPA].”
27. The SAC did not explain why it considered that the partial restitution of the applicants’ property by virtue of the judgment of 7 October 1994 had removed their entitlement to any compensation at all.
28. No apartments or other compensation have thereafter been provided to the applicants. Neither did the authorities ever reimburse the applicants for any of the payments they had made to the State in respect of (1) the difference in the value of the apartments offered as compensation and the expropriated property (BGL 34,036.94), which the applicants and their ancestors had paid to the State in the 1980s (see paragraph 13 above); or (2) the value of Plot A (BGL 22,697.81), which had been credited against the value of the apartments promised as compensation and which the applicants had paid to the State in order to effectuate the partial restitution (see paragraph 20 above).
29. On an unspecified date after June 2002 the first applicant was evicted from the flat provided for him as temporary housing (see paragraph 14 above).
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
A. Expropriation of private property for public use
30. The relevant law and practice regarding the expropriation of private property for public use has been summarised in the judgment of Kirilova and Others v. Bulgaria (nos. 42908/98, 44038/98, 44816/98 and 7319/02, §§ 72-79, 9 June 2005).
B. Restitution of private property expropriated for public use
31. In 1992 the Bulgarian Parliament adopted the Law on the Restitution of Property Expropriated under Building Planning Legislation (Закон за възстановяване на собствеността върху някои отчуждени имоти по ЗТСУ, ЗПИНМ, ЗБНМ, ЗДИ и ЗС, “the 1992 Restitution Law”) which provided for the restitution of expropriated property where specific conditions were met.
32. Section 5 § 1 of the 1992 Restitution Law provides that upon the revocation of an expropriation, any property received in compensation by the claimant shall pass to the municipality by virtue of the ruling or judgment ordering the revocation. Any amounts paid by an owner who had received restitution, to cover the difference between the value of an expropriated property and any property received as compensation, are to be reimbursed by the authorities within two months of the date of the ruling or judgment granting the restitution (section 6 § 2).
33. The domestic courts have examined numerous actions under the 1992 Restitution Law. In a case concerning formerly co-owned property, and where the restitution had been sought by only some of the co-owners, the courts ordered partial restitution, in accordance with the co-owners’ respective shares, and partial return of the compensation received (judgement no. 2357 of 10 February 1994 of the Supreme Court, case no. 2643/93).
34. The domestic courts also consider that in cases where the expropriated property has lost some of its value because, for instance, any buildings on it have been demolished, the former owners, if they decide to initiate restitution proceedings, still owe the State the entire compensation they have received (judgment no. 1471 of 21 November 1994 of the Supreme Court, case no. 4778/93; judgment no. 2013 of 7 December 1995 of the Supreme Court, case no. 1903/94).
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1
35. The applicants complained that they had not received the three flats offered as compensation for their ancestors’ expropriated property. They contended that as the State had received the full price of the apartments, it was still obliged to construct and deliver this property and that depriving them of their entitlement to receive the property amounted to a violation of Article 1 of Protocol No. 1.
36. The Court is of the view that the complaint, raised under Article 1 of Protocol No. 1 and Article 13, falls to be examined solely under Article 1 of Protocol No. 1, which reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
37. The Government did not comment on the admissibility and merits of the complaint.
A. Admissibility
38. The Court notes that the complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
39. The Court has held that “possessions” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 do not only include existing possessions or assets but also claims in respect of which an applicant has at least a legitimate expectation of obtaining effective enjoyment of a property right (see Prince Hans-Adam II of Liechtenstein v. Germany [GC], no. 42527/98, § 83, ECHR 2001-VIII).
40. In the present case, the Court notes that by virtue of the orders of 8 April 1987 and 15 April 1988 (see paragraphs 7-9 above) the authorities offered to the applicants and their antecedents three flats in compensation for their expropriated property. As in the case of Kirilova and Others v. Bulgaria, nos. 42908/98, 44038/98, 44816/98 and 7319/02, § 104, 9 June 2005, which has some similarities with the present case, the Court considers that those orders afforded the applicants vested rights in the flats offered. Those vested rights remained undisputed by the authorities at least until 1994, when the applicants obtained partial restitution of their property. Therefore, the applicants had a “possession” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1, recognised also by domestic law.
41. While, as in Kirilova and Others (see § 86 of that judgment), the Court is not competent ratione temporis to deal with the expropriation of the applicants’ property in 1987, it must examine in the present case whether, as alleged by the applicants, they were unlawfully deprived of their vested rights to receive three apartments.
42. The Court notes in this respect that in its judgment of 29 December 2000 (see paragraph 26 above) the Supreme Administrative Court found that the above-mentioned orders of 15 April 1988, which, as discussed above, afforded the applicants vested rights in the three apartments at issue, had to be considered to be automatically revoked by virtue of the judgment of the Sofia City Court of 7 October 1994 (see paragraphs 18-19 above). Although this finding of the Supreme Administrative Court was only made in proceedings directly concerning a narrower issue, that of the validity of the decision of the mayor of Sofia of 16 July 1998 (see paragraph 26 above), the Court is satisfied that the judgment’s legal effect was such as to preclude any subsequent attempts on the part of the applicants to seek the delivery of the apartments at issue or any compensation for their expropriated property. Indeed, the Court observes that following that judgment no compensation was provided to the applicants and the first applicant was evicted from the municipal apartment where he had been temporarily housed (see paragraphs 28-29 above).
43. The Court thus considers that the Supreme Administrative Court’s judgment of 29 December 2000 deprived the applicants of their vested right in the three apartments offered by the authorities as compensation for their expropriated property, and thus deprived them of their possessions, within the meaning of the second sentence of the first paragraph of Article 1 of Protocol No. 1.
44. The Court has held that in order to comply with the requirements of Article 1 of Protocol No. 1, any deprivation of property must, in the first place, meet the conditions provided for by law. The requirement of lawfulness, within the meaning of the Convention, means not only compliance with the relevant provisions of domestic law, but also compatibility with the rule of law. It thus implies that there should be protection from arbitrary action (see Zlínsat, spol. s r.o., v. Bulgaria, no. 57785/00, § 98, 15 June 2006).
45. The Court must examine, therefore, whether those requirements were satisfied in the present case.
46. It notes that the relevant law provided that upon the revocation of an expropriation, any property received as compensation by the former owner passed back to the municipality (see paragraph 32 above). However, the law did not set out rules in respect of cases of partial revocation of an expropriation.
47. In their decisions in the applicants’ case the domestic courts did nothing to dispel that uncertainty. In its judgment of 29 December 2000 the Supreme Administrative Court found that the return of Plot A, which had been only a part of the initial expropriated property, automatically removed the applicants’ entitlement to any compensation, including for Plot B, which remained in State hands. However, the Supreme Administrative Court failed to provide any reasoning at all as to why it reached this conclusion. It merely stated that the fact that the restitution had been partial was irrelevant (see paragraphs 26-27 above).
48. On the other hand, in its earlier judgment of 7 October 1994 the Sofia City Court apparently accepted that the flats at issue in the present case had been earmarked as compensation for the expropriation of Plot B, in respect of which restitution could not be made and which remained State-owned. Accordingly, the Sofia City Court granted the applicants’ restitution request only in part and held that they were to “return” a proportionate part of the compensation awarded (see paragraph 19 above).
49. There have been other cases where the domestic courts have accepted that the partial restitution of a property under the 1992 Restitution Law necessitated that the former owners return only part of the compensation received (see paragraph 33 above).
50. In view of these apparently contradictory holdings of the domestic courts and, moreover, having regard to the failure of the Supreme Administrative Court to explain why it departed from the apparent logic of the Sofia City Court’s earlier judgment, the applicants’ deprivation of their possessions cannot have been compatible with the rule of law and free of arbitrariness and cannot thus have met the requirement of lawfulness under Article 1 of Protocol No. 1.
51. In view thereof, the Court concludes that there has been a violation of that provision.
II. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
52. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
1. Pecuniary damage
53. In respect of pecuniary damage, the applicants claimed three apartments equivalent to the ones in which they had been afforded vested rights as compensation for their expropriated property, or, failing that, the value of three such apartments. They also claimed the rent which they would have received had they rented out the three apartments between 1992 and 2006. In support of those claims they submitted valuation reports prepared in July 2006 by an expert commissioned by them.
54. In particular, the first applicant claimed BGN 97,000, the equivalent of approximately EUR 50,000, in respect of the value of the two-room apartment of 64 square metres offered as compensation to him (see paragraph 10 above). He also claimed BGN 15,329, the equivalent of EUR 7,860, for lost rent.
55. The second applicant claimed BGN 142,000, the equivalent of approximately EUR 72,800, in respect of the value of the three-room apartment of 94 square metres offered as compensation to Mr V. Pa. P. (see paragraph 11 above). She also claimed BGN 22,780 (the equivalent of EUR 11,680) for lost rent.
56. In respect of the value of the third apartment, a three-room one with an area of 98 square metres, the third applicant, to whom that apartment had been offered as compensation (see paragraph 12 above), claimed BGN 146,000 (EUR 74,900). She also claimed BGN 46,194 (EUR 23,700) for lost rent.
57. The Government did not comment.
58. The Court found that in the present case the applicants were deprived of their vested rights in three flats, in violation of Article 1 of Protocol No. 1 (see paragraphs 50-51 above). Therefore, its starting point for determining pecuniary damages will be the market value of three such flats.
59. The Court notes, in addition, that the applicants got back and after 1995 benefitted from the use of Plot A, part of the expropriated property. While it is true that they had to pay the State its value in order to obtain its restitution and to preserve their vested right to the compensation due under the original expropriation order, the Court observes that as a result of inflation and the depreciation of the Bulgarian currency, they paid an amount which was vastly inferior to the real value of Plot A (see paragraphs 18-20 above). The applicants thus derived a significant benefit, which the Court must take into account when assessing the actual pecuniary consequences of the violation of their rights under Article 1 Protocol No. 1.
60. The Court will also take into account the fact that both the first and second applicants inherited from Mr V. P. P., who had been entitled to receive one of the flats, the three-room flat of 94 square metres (see paragraph 11 above). Therefore, the two of them were equally affected by the deprivation of the vested right to receive that property. Regardless of the fact that it was the second applicant who claimed all damages in respect of that apartment (see paragraph 55 above), possibly on the basis of an agreement between the two applicants, who are a mother and son, in the absence of any proof that a legally binding transfer of rights has occurred, the Court will award pecuniary damages in respect of that apartment to both of them in equal parts, seeing that they apparently inherited from Mr V.P. P. in equal shares.
61. Taking into consideration the valuation reports submitted by the applicants, the information available to it about real estate prices in Sofia and the circumstances referred to in the paragraphs above, the Court awards the following amounts under this head:
(a) to the first applicant: EUR 67,000;
(b) to the second applicant: EUR 28,000; and
(c) to the third applicant: EUR 59,000.
2. Non-pecuniary damage
62. The applicants claimed non-pecuniary damage, without indicating an exact sum. They submitted that they had suffered frustration and anxiety over a period of many years.
63. The Government did not comment.
64. The Court considers that the breach of Article 1 of Protocol No. 1 must have caused the applicants anguish and frustration. Ruling in equity, it awards each of them EUR 2,000.
B. Costs and expenses
65. The applicants claimed EUR 2,000 for forty hours of legal work by their representative, Mrs N. S., at an hourly rate of EUR 50, after the communication of the application. In support of this claim they presented a contract for legal representation and a time sheet. They claimed another BGN 940, the equivalent of EUR 482, for the cost of the valuation reports they submitted (see paragraph 53 above) and for the translation of their submissions before the Court, submitting the relevant receipts. They requested that any sum awarded under this head be paid directly into the bank account of Mrs S..
66. The Government did not comment.
67. According to the Court’s case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum.
68. In the present case, having regard to all relevant factors, the Court considers that the costs and expenses claimed have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum. Accordingly, the Court awards in full the amounts claimed. These are to be paid directly into the bank account of the applicants’ legal representative, Mrs S..
C. Default interest
69. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the application admissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;
3. Holds
(a) that the respondent State is to pay, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts to be converted into Bulgarian levs at the rate applicable at the date of settlement:
i. to the first applicant, Mr P. V. P., EUR 67,000 (sixty-seven thousand euros) in respect of pecuniary damage and EUR 2,000 (two thousand euros) in respect of non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable on these amounts;
ii. to the second applicant, Mrs B. S. P., EUR 28,000 (twenty-eight thousand euros) in respect of pecuniary damage and EUR 2,000 (two thousand euros) in respect of non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable on these amounts;
iii. to the third applicant, Mrs D. K. K., EUR 59,000 (fifty-nine thousand euros) in respect of pecuniary damage and EUR 2,000 (two thousand euros) in respect of non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable on these amounts;
iv. to the three applicants jointly, EUR 2,482 (two thousand four hundred and eighty-two euros), plus any tax that may be chargeable to the applicants, in respect of costs and expenses, to be paid directly into the bank account of their legal representative;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
4. Dismisses the remainder of the applicants’ claims for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 7 January 2010, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Claudia Westerdiek Peer Lorenzen
Registrar President


TESTO TRADOTTO

QUINTA SEZIONE
CAUSA PARVANOV ED ALTRI C. BULGARIA
(Richiesta n. 74787/01)
SENTENZA
STRASBOURG
7 gennaio 2010
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Parvanov ed Altri c. Bulgaria,
La Corte europea dei Diritti umani (quinta Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Pari Lorenzen, Presidente, Renate Jaeger Karel Jungwiert, Rait Maruste Isabelle Berro-Lefèvre, Mirjana Lazarova Trajkovska giudici, Pavlina Panova giudice ad hoc,
e Claudia Westerdiek, Cancelliere di Sezione
Avendo deliberato in privato il 1 dicembre 2009,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 74787/01) contro la Repubblica della Bulgaria depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da tre cittadini bulgari, il Sig. P. V. P., la Sig.ra B. S.P. ed la Sig.ra D. K. K. (“i richiedenti”), il 18 giugno 2001.
2. I richiedenti furono rappresentati dalla Sig.ra N. S., un avvocato che pratica a Sofia. Il Governo bulgaro (“il Governo”) fu rappresentato dal suo Agente, la Sig.ra M. Kotseva, del Ministero della Giustizia.
3. Il 5 gennaio 2006 la Corte dichiarò la richiesta parzialmente inammissibile e decise di comunicare al Governo le azioni di reclamo riguardo all'insuccesso delle autorità nel fornire ai richiedenti gli appartamenti dovuti come risarcimento per l'espropriazione della loro proprietà. Decise anche di decidere sull'ammissibilità e meriti del resto della richiesta allo stesso tempo (Articolo 29 § 3).
4. Il Giudice Kalaydjieva, il giudice elesse a riguardo della Bulgaria, si astenne dal riunirsi nella causa. Il 30 gennaio 2009 il Governo nominò nel suo posto la Sig.ra Pavlina Panova come giudice ad hoc (Articolo 27 § 2 della Convenzione e l’Articolo 29 § 1 dell’Ordinamento della Corte).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
5. I richiedenti nacquero rispettivamente nel 1963, 1940 e 1962 e vivono a Sofia.
6. I richiedenti sono eredi del Sig. P. V. P., del Sig. V. P. P. e della Sig.ra T. P. K. che possedevano un alloggio a Sofia con un cortile con un'area di superficie totale di 581.2 metri quadrati.
A. L'Espropriazione della proprietà
7. Con ordinanza di un sindaco dell’ 8 aprile 1987, basata sulla sezione 98 dell’Atto di Pianificazione Urbana e Territoriale (“il TUPA”), l'alloggio ed il cortile furono espropriati “per necessità di ambasciata”, ma con la prospettiva di realizzare due separati progetti di lavori pubblici: (a) la costruzione di un blocco di appartamenti e negozi (il Progetto A); e (b) la costruzione di un'ambasciata (il Progetto B). L'area designata per il Progetto A (l'Area A) era di 328.2 metri quadrati e l'area designata per il Progetto B (l'Area B) era di 253 metri quadrati. La casa dei predecessori dei richiedenti è rimasto nell’ Area A. Il valore dell'intero proprietà espropriata fu valutata a 25,118.06 vecchi lev bulgari (BGL).
8. L'ordinanza del sindaco dell’ 8 aprile 1987 prevedeva anche che per l'espropriazione della proprietà “per necessità di ambasciata” ciascuno dei predecessori dei richiedenti ' sarebbe stato compensato con un appartamento, situato in un edificio che avrebbe dovuto essere costruito dall’Ufficio dei Servizi dei Corpi Diplomatici (“il BSDC”).
9. Con tre ordinanze supplementari del 15 aprile 1988, basate sulla sezione 100 del TUPA, il sindaco determinò l'ubicazione esatta, l’area e gli altri dettagli a riguardo degli appartamenti futuri offerti come risarcimento. I tre appartamenti avevano un valore totale di BGL 59,155.
10. Un appartamento di due stanze di 64 metri quadrato fu designato per Sig. P. V. P. che era deceduto in una data non specificata nel 1987. In virtù della sua volontà, la proprietà sarebbe stata ricevuta da suo nipote, il primo richiedente.
11. Il Sig. V. P. P. i cui eredi erano il primo e il secondo richiedente, suo figlio e sua moglie, avrebbero dovuto ricevere un appartamento di tre stanze con un'area di 94 metri quadrati.
12. Ed infine,alla Sig.ra T. P. K. fu concesso un appartamento di tre stanze di 98 metri quadrati che sarebbero stati ricevuti da sua figlia il terzo richiedente.
13. Il valore della proprietà espropriata (BGL 25,118.06) fu accreditato direttamente contro il valore degli appartamenti offerto come risarcimento. Siccome la seconda somma era più alta, in date non specificate i richiedenti ed i loro predecessori pagarono la differenza, BGL 34,036.94, allo Stato.
14. Con ordinanze del 4 e del 27 aprile il 1988 il Sig. V. P. P. al primo richiedente fu fornito un alloggio provvisorio in due appartamenti posseduti dal BSDC. Sembra che dopo la morte del Sig. V. P. P. il secondo richiedente ha continuato ad usare l'appartamento fornitogli.
15. La costruzione del blocco di appartamenti nel quale gli appartamenti offerti come risarcimento sarebbe stati ubicati non fu mai cominciata.
B. Restituzione della proprietà
16. Il 13 aprile 1992, a seguito dell'entrata in vigore della Legge sulla Restituzione del 1992 (vedere paragrafo 29 sotto), i richiedenti fecero una richiesta al sindaco di Sofia per la restituzione dell’ intera proprietà, perché nessuno dei progetti dei lavori pubblici era stato incominciato e l'alloggio espropriato era ancora in essere. Nessuna risposta fu ricevuta e in una data non specificata nel maggio o nel giugno 1992 i richiedenti hanno fatto appello contro il tacito rifiuto.
17. In una data non specificata, più probabilmente nell’agosto 1992, l'alloggio espropriato fu demolito ed il BSDC cominciò la realizzazione del Progetto B (vedere paragrafo 7 sopra), la costruzione di un complesso dell’ ambasciata polacco.
18. Su ricorso dei richiedenti contro il tacito rifiuto del sindaco, 7 ottobre 1994 la Corte della Città di Sofia si è espressa in parte a loro favore. Notò che la loro proprietà era stata espropriata per due progetti di lavori pubblici distinti -il Progetto A, da realizzare sull’ Area Un, e il Progetto B, da realizzare sull’ Area B. Siccome la realizzazione del Progetto B era stata incominciata sull’ Area B, questa parte della proprietà, vale a dire 253 metri quadrati del luogo non poteva essere ripristinata. Comunque, siccome il Progetto A non era stato incominciato, la restituzione dell’ Area A, corrispondente a 328.2 metri quadrati, era possibile.
19. La Corte della Corte di Sofia Corte notò inoltre che sotto l'espropriazione originale e l’ordine di risarcimento (vedere paragrafi 7-9 sopra) ai richiedenti ed i loro predecessori erano stati forniti degli appartamenti come risarcimento a riguardo della proprietà espropriata “per necessità di ambasciata” (l'Area B) e che il valore dell’ Area A era stato accreditato contro il valore degli appartamenti. Su questa base, la corte nazionale sostenne, che la restituzione dell’ Area A sarebbe stata effettiva su rimborso del suo valore. Sulla base dell'espropriazione originale e dell’ordine di risarcimento di 1987-88, calcolò questo importo a BGL 22,697.81. Apparentemente, il valore dell’ Area A molto era più alto del valore dell’ Area B (che rimase BGL 2,420.27) siccome questa era il luogo dove l’alloggio dei predecessori dei richiedenti era ubicato.
20. Nessuna delle parti fece ricorso contro questa sentenza ed entrò in vigore. Per effettuare la restituzione, il 4 settembre 1995 i richiedenti pagarono al Governo BGL 22,697.81 che, a causa dell’inflazione e del deprezzamento della valuta bulgara, equivalevano a circa USD 330.
21. Nel 1996 il municipio di Sofia fece una petizione presso la Corte della Città di Sofia per interpretare la sua sentenza del 7 ottobre 1994 a riguardo del fatto se ancora doveva i tre appartamenti ai richiedenti come risarcimento.
22. Il 27 gennaio 1997 la Corte della Città di Sofia ha rifiutato di fornire l'interpretazione chiesta, indicando che la sua sentenza era piuttosto chiara riguardo alla controversia esaminata, vale a dire del diritto dei rivendicatori alla restituzione della proprietà.
C. Susseguenti sviluppi
23. Con una lettera del 2 dicembre 1997 il BSDC informò i richiedenti che in seguito alla sentenza della Corte della Città di Sofia del 7 ottobre 1994 gli appartamenti offerti come risarcimento per l'espropriazione della proprietà non erano più dovuti.
24. Il 16 luglio 1998 il sindaco di Sofia revocò i tre ordini del 15 aprile 1988 (vedere paragrafo 9 sopra). I richiedenti fecero appello contro questa decisione.
25. Con una sentenza del 21 novembre 1999 la Corte della Città di Sofia respinse il ricorso. I richiedenti fecero appello di nuovo.
26. In una sentenza definitiva del 29 dicembre 2000 la Corte amministrativa Suprema (“il SAC”) annullò la sentenza della corte inferiore e la decisione del sindaco di Sofia del 16 luglio 1998. Comunque, basò le sue conclusioni sulla sentenza che non era necessario per il sindaco revocare formalmente i tre ordini del 15 aprile 1988; loro erano stati revocati automaticamente in virtù della sentenza del 7 ottobre 1994 (vedere paragrafi 18-20 sopra). In particolare, la Corte amministrativa Suprema sostenne:
“La revoca dell'espropriazione, concernente anche solamente una parte della proprietà[originale], a riguardo della quale i requisiti della [Legge sulla Restituzione del 1992] furono rispettati, risultò, in virtù della [sentenza della Corte della Città di Sofia del 7 ottobre 1994], nella revoca degli ordini sotto le sezioni 98 e 100 [del TUPA], siccome occorrerà considerare che nessuna espropriazione ha mai avuto luogo. Ecco perché il sindaco [di Sofia] non doveva revocare espressamente gli ordini sotto la sezione 100 [del TUPA].”
27. Il Sacco non spiegò perché considerò che la restituzione parziale della proprietà dei richiedenti in virtù della sentenza del 7 ottobre 1994 aveva rimosso del tutto il loro diritto a qualsiasi risarcimento.
28. Nessun appartamento o altro risarcimento è stato offerto da allora in poi ai richiedenti. Né mai le autorità rimborsarono ai richiedenti qualsiasi pagamento che loro avevano fatto allo Stato a riguardo di (1) la differenza nel valore degli appartamenti offerti come risarcimento e la proprietà espropriata (BGL 34,036.94) che i richiedenti ed i loro predecessori avevano pagato allo Stato negli anni ottanta (vedere paragrafo 13 sopra); o (2) il valore dell’ Area A (BGL 22,697.81) che era stato accreditato contro il valore degli appartamenti promessi come risarcimento e che i richiedenti avevano pagato allo Stato per effettuare la restituzione parziale (vedere paragrafo 20 sopra).
29. In una data non specificata dopo il giugno 2002 il primo richiedente fu sfrattato dall'appartamento fornitogli come alloggio provvisorio (vedere paragrafo 14 sopra).
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
A. L'Espropriazione della proprietà privata per uso pubblico
30. La legge attinente e la pratica a riguardo dell'espropriazione di proprietà privata per uso pubblico è stato riassunto nella sentenza Kirilova ed Altri c. Bulgaria (N. 42908/98, 44038/98 44816/98 e 7319/02, §§ 72-79 9 giugno 2005).
B. Restituzione della proprietà privata espropriata per uso pubblico
31. Nel 1992 il Parlamento bulgaro adottò la Legge sulla Restituzione della Proprietà Espropriata sotto la Legislazione della Pianificazione Edile (Закон за възстановяване на собствеността върху някои отчуждени имоти по ЗТСУ, ЗПИНМ ЗБНМ, ЗДИ и ЗС “la Legge sulla Restituzione del 1992”) che prevedeva la restituzione della proprietà espropriata dove le specifiche condizioni venivano soddisfatte.
32. La Sezione che 5 § 1 della Legge sulla Restituzione del 1992 prevede che su revoca di un'espropriazione qualsiasi proprietà ricevuta come risarcimento dal rivendicatore passerà al municipio in virtù della direttiva o della sentenza ordinanti la revoca. Qualsiasi importo pagato da un proprietario che aveva ricevuto la restituzione, per coprire la differenza fra il valore di una proprietà espropriata e qualsiasi proprietà ricevuta come risarcimento, sarà rimborsato dalle autorità entro due mesi della data della direttiva o della sentenza che accordavano la restituzione (la sezione 6 § 2).
33. I tribunali nazionali hanno esaminato numerose azioni sotto la Legge sulla Restituzione del 1992. In una causa concernente la proprietà precedentemente co- posseduta, e dove la restituzione era stata chiesta solamente da alcuni dei comproprietari, i tribunali hanno ordinato la restituzione parziale, in conformità delle rispettive quote dei comproprietari, e la restituzione parziale del risarcimento ricevette (il giudizio n. 2357 10 febbraio 1994 della Corte Suprema, causa n. 2643/93).
34. I tribunali nazionali considerano anche che in casi in cui la proprietà espropriata ha perso un pò del suo valore perché, per esempio qualche edificio su questa è stato demolito, i precedenti proprietari, se decidono di iniziare procedimenti di restituzione, devono ancora allo Stato l’intero risarcimento che hanno ricevuto (la sentenza n. 1471 del 21 novembre 1994 della Corte Suprema, causa n. 4778/93; la sentenza n. 2013 del 7 dicembre 1995 della Corte Suprema, causa n. 1903/94).
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1
35. I richiedenti si lamentarono di non aver ricevuti ricevuto i tre appartamenti offerti come risarcimento per l’espropriazione della proprietà dei loro predecessori. Loro contesero che siccome lo Stato aveva ricevuto il pieno prezzo degli appartamenti, era ancora obbligato a costruire e a consegnare questa proprietà e che spogliandoli del loro diritto a ricevere la proprietà ha corrisposto ad una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
36. La Corte è della prospettiva che l'azione di reclamo, sollevata sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 e l’ Articolo 13, deve essere esaminata solamente sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che si legge come segue:
“Ogni naturale o legale persona è concessa al godimento tranquillo delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste per con legge e coi principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggia il diritto di un Stato per eseguire simile leggi come sé ritiene necessario controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o garantire il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
37. Il Governo non fece commenti sull'ammissibilità e meriti dell'azione di reclamo.
A. Ammissibilità
38. La Corte nota che l'azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
39. La Corte ha sostenuto che “la proprietà” all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 non solo include delle proprietà esistenti o dei beni ma anche delle rivendicazioni a riguardo delle quali un richiedente ha almeno un'aspettativa legittima di ottenere godimento effettivo di un diritto di proprietà (vedere Principe Hans-Adamo II del Liechtenstein c. Germania [GC], n. 42527/98, § 83 ECHR 2001-VIII).
40. Nella presente causa, la Corte nota che in virtù degli ordini dell’8 aprile 1987 e del 15 aprile 1988 (vedere paragrafi 7-9 sopra) le autorità proposero ai richiedenti ed ai loro predecessori tre appartamenti come risarcimento per la loro proprietà espropriata. Come nella causa Kirilova ed Altri c. Bulgaria, N. 42908/98, 44038/98 44816/98 e 7319/02, § 104 del 9 giugno 2005 che ha delle somiglianze con la presente causa la Corte considera che quegli ordini riconobbero i diritti acquisiti dei richiedenti negli appartamenti offerti. Quei diritti acquisiti rimasero almeno incontrastati da parte delle autorità fino al 1994, quando i richiedenti ottennero la restituzione parziale della loro proprietà. Perciò, i richiedenti avevano una “proprietà” all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, riconosciuta anche dal diritto nazionale.
41. Mentre, come in Kirilova ed Altri (vedere § 86 di questa sentenza), la Corte non è competente ratione temporis per trattare con l'espropriazione della proprietà dei richiedenti nel 1987, deve esaminare nella presente causa se, come addotto dai richiedenti, loro furono privati illegalmente dei loro diritti acquisiti di ricevere tre appartamenti.
42. La Corte nota a questo riguardo che nella sua sentenza del 29 dicembre 2000 (vedere paragrafo 26 sopra) la Corte amministrativa Suprema trovò che gli ordini summenzionati del 15 aprile 1988 che, come discusso sopra, riconoscevano i diritti acquisiti dei richiedenti nei tre appartamenti in questione, si dovevano considerare automaticamente revocati in virtù della sentenza della Corte della Città di Sofia del 7 ottobre 1994, (vedere paragrafi 18-19 sopra). Benché questa costatazione della Corte amministrativa Suprema fosse stata fatta solamente in procedimenti direttamente riguardanti un problema più limitato, quello della validità della decisione del sindaco di Sofia del 16 luglio 1998 (vedere paragrafo 26 sopra), la Corte si soddisfa che l'effetto legale della sentenza era quello di precludere qualsiasi susseguente tentativo da parte dei richiedenti di chiedere la consegna degli appartamenti in questione o qualsiasi risarcimento per la loro proprietà espropriata. Effettivamente, la Corte osserva che a seguito di quel giudizio nessun risarcimento è stato offerto ai richiedenti ed il primo richiedente fu sfrattato dall'appartamento municipale dove era stata temporaneamente alloggiato (vedere paragrafi 28-29 sopra).
43. La Corte considera così che la sentenza della Corte amministrativa Suprema del 29 dicembre 2000 ha privato i richiedenti del loro diritto acquisito nei tre appartamenti offerti dalle autorità come risarcimento per la loro proprietà espropriata, e così li spogliò delle loro proprietà, all'interno del significato della seconda frase del primo paragrafo dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
44. La Corte ha sostenuto che per attenersi ai requisiti dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 qualsiasi privazione di proprietà deve, al primo posto soddisfare le condizioni previste dalla legge. Il requisito della legalità, all'interno del significato della Convenzione non solo intende l’ ottemperanza con le disposizioni attinenti di diritto nazionale, ma anche la compatibilità con la preminenza del diritto. Implica così che ci dovrebbe essere protezione dall’ azione arbitraria (vedere Zlínsat, spol. s r.o., c. Bulgaria, n. 57785/00, § 98 15 giugno 2006).
45. La Corte deve esaminare, perciò, se quei requisiti furono soddisfatti nella presente causa.
46. Nota che la legge attinente prevede che alla revoca di un'espropriazione qualsiasi proprietà ricevuta come risarcimento dal proprietario precedente passa di nuovo al municipio (vedere paragrafo 32 sopra). Comunque, la legge non fissa norme a riguardo dei casi di revoca parziale di un'espropriazione.
47. Nelle loro decisioni nella causa dei richiedenti i tribunali nazionali non fecero niente per disperdere quell'incertezza. Nella sua sentenza del 29 dicembre 2000 la Corte amministrativa Suprema trovò che la restituzione dell’ Area A che era solamente una parte della proprietà iniziale espropriata , rimosse automaticamente il diritto dei richiedenti a qualsiasi il risarcimento, incluso per l’ Area B che rimase nelle mani dello Stato. Comunque, la Corte amministrativa Suprema andò a vuoto nel fornire qualsiasi ragionamento a tutti riguardo al perché giunse a questa conclusione. Affermò soltanto che il fatto che la restituzione era stata parziale era irrilevante (vedere paragrafi 26-27 sopra).
48. D'altra parte nella sua più prima sentenza del 7 ottobre 1994 la Corte della Città di Sofia apparentemente accettò che gli appartamenti in questione nella presente causa erano stati considerati come risarcimento per l'espropriazione dell’ Area B, a riguardo della quale non poteva essere fatta la restituzione e che rimase dello Stato. La Corte della Città di Sofia accolse di conseguenza, solamente in parte la richiesta di restituzione dei richiedenti e sostenne che era stato “restituito”loro una parte proporzionata del risarcimento assegnato (vedere paragrafo 19 sopra).
49. Ci sono state altri casi in cui i tribunali nazionali hanno accettato che la restituzione parziale di una proprietà sotto la Legge sulla Restituzione del 1992 rendeva necessario che i proprietari precedenti restituissero solamente parte del risarcimento ricevuto (vedere paragrafo 33 sopra).
50. Nella prospettiva di questa costatazione evidentemente contraddittoria dei tribunali nazionali e, inoltre, avendo riguardo all'insuccesso della Corte amministrativa Suprema di spiegare perché abbandonò la logica evidente della prima sentenza della Corte della Città di Sofia, la privazione di proprietà dei i richiedenti non ha potuta essere compatibile con la preminenza del diritto e libera di arbitrarietà e non ha potuto soddisfare così il requisito della legalità sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
51. Nella prospettiva di ciò, la Corte conclude che c'è stata una violazione di quella disposizione.
II. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
52. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
1. Danno patrimoniale
53. A riguardo del danno patrimoniale, i richiedenti chiesero tre appartamenti equivalenti a quelli in cui erano stati riconosciuti loro i diritti acquisiti come risarcimento per la loro proprietà espropriata, o, in mancanza di questo, il valore di tre simili appartamenti. Loro chiesero anche l'affitto che loro avrebbero ricevuto se avessero affittato i tre appartamenti fra il 1992 ed il 2006. In appoggio di quelle rivendicazioni loro presentarono rapporti di valutazione preparati nel luglio 2006 da un esperto commissionato da loro.
54. In particolare, il primo richiedente chiese BGN 97,000, l'equivalente di circa EUR 50,000, a riguardo del valore dell'appartamento di due stanza di 64 metri quadrati offertogli come risarcimento (vedere paragrafo 10 sopra). Lui chiese anche BGN 15,329, l'equivalente di EUR 7,860, per affitto perduto.
55. Il secondo richiedente chiese BGN 142,000, l'equivalente di circa EUR 72,800, a riguardo del valore dell'appartamento di tre stanze di 94 metri quadrati offerto come risarcimento alla Sig. V. P. P. (vedere paragrafo 11 sopra). Lei chiese anche BGN 22,780 (l'equivalente di EUR 11,680) per affitto perduto.
56. A riguardo del valore del terzo appartamento, di tre stanze con un'area di 98 metri quadrati, il terzo richiedente, a cui questo appartamento era stato offerto come risarcimento (vedere paragrafo 12 sopra), ha chiesto BGN 146,000 (EUR 74,900). Chiese anche BGN 46,194 (EUR 23,700) per affitto perduto.
57. Il Governo non fece commenti.
58. La Corte trovò che nella presente causa i richiedenti furono privati dei loro diritti acquisiti in tre appartamenti, in violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere paragrafi 50-51 sopra). Perciò, il suo punto di inizio per determinare i danni patrimoniali sarà il valore di mercato di tre simili appartamenti.
59. La Corte nota, in oltre, che i richiedenti riebbero e dopo il 1995 beneficiarono dall'uso dell’Area A, parte della proprietà espropriata. Mentre è vero che loro avevano dovuto pagare allo Stato il suo valore per ottenere la sua restituzione e preservare il loro diritto acquisito al risarcimento dovuto sotto l'ordine di espropriazione originale, la Corte osserva che come risultato dell'inflazione ed il deprezzamento della valuta bulgara, loro pagarono un importo che era vastamente inferiore al vero valore dell’ Area A (vedere paragrafi 18-20 sopra). I richiedenti trassero così un beneficio significativo che la Corte deve prendere in considerazione valutando le conseguenze patrimoniali effettive della violazione dei loro diritti sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
60. La Corte prenderà anche in considerazione il fatto che sia il primo che il secondo richiedente ereditarono dal Sig. V. P. P. a cui era stato concesso di ricevere uno degli appartamenti l'appartamento di tre stanze di 94 metri quadrati (vedere paragrafo 11 sopra). Loro due furono colpiti ugualmente perciò, dalla privazione del diritto acquisito a ricevere quella proprietà. Nonostante il fatto che è stato il secondo richiedente di questi a chiedere tutti i danni a riguardo di quell’ appartamento (vedere 55 sopra), probabilmente sulla base di un accordo fra i due richiedenti che sono madre e figlio in assenza di qualsiasi prova che un trasferimento di diritti giuridicamente vincolante si sia verificato, la Corte assegnerà danni patrimoniali a riguardo di quell’ appartamento ad entrambi in parti uguali, vedendo che loro apparentemente ereditarono da Sig. V. P. P. in quote uguali.
61. Prendendo in esame i rapporti di valutazione presentati dai richiedenti, le informazioni disponibili a sé dei prezzi dei beni immobili a Sofia e le circostanze a cui si fa riferimento nei paragrafi sopra, la Corte assegna i seguenti importi sotto questo capo:
(a) al primo richiedente: EUR 67,000;
(b) al secondo richiedente: EUR 28,000; e
(c) al terzo richiedente: EUR 59,000.
2. Danno non-patrimoniale
62. I richiedenti chiesero danno non-patrimoniale, senza indicare una somma esatta. Loro presentarono di aver sofferto di frustrazione ed ansia per un periodo di molti anni.
63. Il Governo non fece commenti.
64. La Corte considera che la violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 ha dovuto provocare ai richiedenti dell'angoscia di e della frustrazione. Decidendo in equità, assegna ad ognuno di loro EUR 2,000.
B. Costi e spese
65. I richiedenti chiesero EUR 2,000 per quaranta ore di lavoro legale da parte del loro rappresentante, la Sig.ra N. S., ad un tasso orario di EUR 50, dopo la comunicazione della richiesta. In appoggio a questa rivendicazione loro presentarono un contratto per rappresentanza legale ed un foglio orario . Loro chiesero anche BGN 940, l'equivalente di EUR 482 per il costo del rapporto di valutazione che presentarono (vedere paragrafo 53 sopra) e per la traduzione delle loro osservazioni di fronte alla Corte, presentando le ricevute attinenti. Loro richiesero che qualsiasi somma assegnata sotto questo capo venisse pagata direttamente sul conto bancario della Sig.ra S..
66. Il Governo non fece commenti.
67. Secondo la giurisprudenza della Corte, ad un richiedente viene concesso il rimborso di costi e spese solamente nella misura che viene mostrato che questi davvero e necessariamente sono stati sostenuti e sono stati ragionevoli riguardo al quantum.
68. Nella presente causa, avendo riguardo a tutti i fattori attinenti, la Corte considera, che i costi e le spese chieste davvero e necessariamente sono state sostenuto e sono state ragionevoli rispetto al quantum. Di conseguenza, la Corte assegna in pieno gli importi chiesti. Questi saranno pagati direttamente sul conto bancario del rappresentante dei richiedenti , la Sig.ra S..
C. Interesse di mora
69. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara la richiesta ammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione;
3. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione i seguenti importi da convertire in lev bulgari al tasso applicabile in data dell’ accordo:
i. al primo richiedente, Sig. P. V. P., EUR 67,000 (sessanta-sette mila euro) a riguardo del danno patrimoniale ed EUR 2,000 (due mila euro) a riguardo del danno non-patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su questi importi;
ii. al secondo richiedente, Sig.ra B. S. P., EUR 28,000 (ventotto mila euro) a riguardo del danno patrimoniale ed EUR 2,000 (due mila euro) a riguardo del danno non-patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su questi importi;
iii. al terzo richiedente, Sig.ra D. K. K.a, EUR 59,000 (cinquanta-nove mila euro) a riguardo del danno patrimoniale ed EUR 2,000 (due mila euro) a riguardo del danno non-patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su questi importi;
iv. ai tre richiedenti congiuntamente, EUR 2,482 (due mila quattrocento ed ottanta-due euro), più qualsiasi tassa che può essere a carico dei richiedenti, a riguardo dei costi e spese da pagare direttamente sul conto bancario del loro rappresentante legale;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
4. Respinge il resto della richiesta dei richiedenti per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 7 gennaio 2010, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Claudia Westerdiek Pari Lorenzen
Cancelliere Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 14/09/2020.