Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF VOLNYKH v. RUSSIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI:

NUMERO: 10856/03/2009
STATO: Russia
DATA: 17/12/2009
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

FIRST SECTION
CASE OF VOLNYKH v. RUSSIA
(Application no. 10856/03)
JUDGMENT
STRASBOURG
17 December 2009
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Volnykh v. Russia,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Christos Rozakis, President,
Nina Vajić,
Anatoly Kovler,
Elisabeth Steiner,
Khanlar Hajiyev,
Giorgio Malinverni,
George Nicolaou, judges,
and Søren Nielsen, Section Registrar,
Having deliberated in private on 26 November 2009,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 10856/03) against the Russian Federation lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Russian national, Mr V. V. V. (“the applicant”), on 4 March 2003.
2. The Russian Government (“the Government”) were represented by Ms V. Milinchuk, former Representative of the Russian Federation at the European Court of Human Rights.
3. On 12 March 2007 the President of the First Section decided to give notice of the application to the Government. It was also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (Article 29 § 3).
THE FACTS
4. The applicant was born in 1950 and lives in Kropotkin, a town in the Krasnodar Region of Russia.
5. The applicant is a retired serviceman. In 1992 when the applicant was still serving, his military unit signed a contract with a building enterprise of the Kropotkin Town Authority for the construction of an apartment house for servicemen, the applicant included. In 1993 the military unit was disbanded, and the applicant retired.
6. Not having received the flat, the applicant sued the enterprise. On 24 November 1997 the Kropotkin Town Court ordered the Town Authority to provide the applicant with a three-room flat in the 199-apartment house no. 19, 20, 21 that was being constructed in Microdistrict no. 1 of Kropotkin. This judgment became binding on an unspecified date in 1997.
7. In 1997 the authority informed bailiffs that the construction had been delayed by a difficult socio-economic situation in the country. In 1999 the authority informed the bailiffs that the construction would be finished during the first three months of 2000.
8. Frustrated with the delay, the applicant asked the court to change the mode of enforcement to a lump-sum payment of 250,000 Russian roubles. The court refused that change because the applicant had failed to prove the impossibility of a literal enforcement. The court noted that the judgment had not specified a time frame for the provision of the flat, and that the construction was in progress. The court also noted that a lump-sum payment would have prejudiced other public expenditure.
THE LAW
ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 OF THE CONVENTION
9. The applicant complained that the non-provision of the flat breached his right to protection of property as provided in Article 1 of Protocol No. 1 of the Convention. Insofar as relevant, this Article reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
10. The Government argued that this complaint was manifestly ill-founded. Under domestic law in force at the material time, the applicant had had no preferential right to a flat, and if he wished to receive it he should have applied to the Enlistment Office of Kropotkin, something he had not done. It had been the applicant’s own choice to benefit from the contract scheme. The contract had been void because of formal defects. There had been no evidence that the applicant had put money down on the flat.
The judgment could not have been enforced because the apartment house had still not been completed, and because in the meantime the building enterprise had undergone liquidation proceedings. The judgment had not specified a time frame of its enforcement. The authorities had not been responsible for the building enterprise’s slow construction of the apartment house. As the judgment had been given against the Town Authority, there had been no legal possibility to urge the enterprise to comply with the judgment.
11. The applicant maintained his application. He pointed out that the judgment could have been enforced because in 1999 the Town Authority had suggested that the house would be built in 2000.
The Court notes that the application is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
12. The Court reiterates that an unreasonably long delay in the enforcement of a binding judgment may breach the Convention (see Burdov v. Russia, no. 59498/00, ECHR 2002-III). To decide if the delay was reasonable, the Court will look at how complex the enforcement proceedings were, how the applicant and the authorities behaved, and what the nature of the award was (see Raylyan v. Russia, no. 22000/03, § 31, 15 February 2007).
13. The Court recalls that its original finding of a violation in respect of non-enforcement of judgments in Russia concerned debts of pecuniary nature (see Burdov, cited above, § 34). This finding was later extended to include debts related to assets, e.g. flats (see, for example, Sladkov v. Russia, no. 13979/03, § 20, 18 December 2008).
14. It would hence appear logical at first sight to read the present case in the light of the aforementioned case-law. There exists, however, one crucial difference that sets the present case apart. The judgment of 24 November 1997 entitled the applicant not to a fungible good, e.g. money or a property of generic characteristics that the State may be expected to have in sufficient supply, but to an individual thing – a flat in a specific apartment house. Since the building enterprise had never completed the construction of the house, there apparently was no way for the bailiffs or the Town Authority to provide the applicant with the flat.
15. In view of these considerations, the Court concludes that there has been no violation of Article 1 of Protocol No. 1.
FOR THESE REASONS, THE COURT
1. Declares the application admissible unanimously;
2. Holds by six votes to one that there has been no violation of Article 1 of Protocol No. 1 of the Convention.
Done in English, and notified in writing on 17 December 2009, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Søren Nielsen Christos Rozakis
Registrar President
In accordance with Article 45 § 2 of the Convention and Rule 74 § 2 of the Rules of Court, the separate opinion of Judge Malinverni is annexed to this judgment.
C.L.R.
S.N.


DISSENTING OPINION OF JUDGE MALINVERNI
(Translation)
I am unable to join the conclusion reached by my colleagues that there has not been a violation of the Convention in this case.
Admittedly, as correctly stated in the judgment, “since the building enterprise had never completed the construction of the house, there was ... no way for the bailiffs or the Town Authority to provide the applicant with the flat” (see paragraph 14).
However, I would like to point out that the building enterprise that had undertaken to build an apartment block was a municipal enterprise and therefore a public one (“enterprise of the Kropotkin Town Authority” – see paragraph 5). That public enterprise had entered into a contractual undertaking with the applicant’s military unit. Failure to execute that contract had the effect of directly engaging the responsibility of the State, which could and should have taken measures to ensure that the contract was honoured.
Frustrated with the delay, the applicant finally asked the court to make him a lump-sum payment of 250,000 Russian roubles in lieu of the flat.
Surprisingly, the court, which on 24 November 1997 had given judgment ordering the Town Authority to provide the applicant with a flat, refused to pay him the amount sought because, among other reasons, “a lump-sum payment would have prejudiced other public expenditure” (see paragraph 8).
I find this reason entirely unacceptable. In my opinion, the delay by the public enterprise in honouring the contract and the refusal by the court, without giving valid reasons, to convert the municipality’s initial obligation into payment of a sum of money had the effect of engaging the responsibility of the public authorities.


TESTO TRADOTTO

PRIMA SEZIONE
CAUSA VOLNYKH C. RUSSIA
(Richiesta n. 10856/03)
SENTENZA
STRASBOURG
17 dicembre 2009
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Volnykh c. Russia,
La Corte europea dei Diritti umani (Prima Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Christos Rozakis, Presidente, Nina Vajić, Anatoly Kovler, Elisabeth Steiner, Khanlar Hajiyev, Giorgio Malinverni, Giorgio Nicolaou, giudici,
e Søren Nielsen, Cancelliere di Sezione,
Avendo deliberato in privato il 26 novembre 2009,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 10856/03) contro la Federazione russa depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino russo, il Sig. V. V. V. (“il richiedente”), il 4 marzo 2003.
2. Il Governo russo (“il Governo”) fu rappresentato dalla Sig.ra V. Milinchuk, Rappresentante precedente della Federazione russa presso la Corte europea dei Diritti umani.
3. Il 12 marzo 2007 il Presidente della prima Sezione decise di dare avviso della richiesta al Governo. Fu deciso anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità (Articolo 29 § 3).
I FATTI
4. Il richiedente nacque nel 1950 e vive aKropotkin, una città nella Regione di Krasnodar della Russia.
5. Il richiedente è un membro delle Forze Armate pensionato. Nel 1992 quando il richiedente era ancora in servizio, la sua unità militare firmò un contratto con un'impresa edile dell’Autorità della Città di Kropotkin per la costruzione di un edificio di appartamenti per i membri delle Forze Armate, il richiedente incluso. Nel 1993 l'unità militare fu sciolta, ed il richiedente andò in pensione.
6. Non avendo ricevuto l'appartamento, il richiedente citò in giudizio l'impresa. Il 24 novembre 1997 la Corte della Città di Kropotkin ordinò all’ l'Autorità della Città di fornire al richiedente un appartamento di tre stanze nello stabile 199-appartamento n. 19, 20 21 che erano in costruzione al N. 1 di Microdistrict a Kropotkin. Questa sentenza divenne vincolante in una data non specificata nel 1997.
7. Nel 1997 l'autorità informò gli ufficiali giudiziari che la costruzione era stata differita per una situazione socio-economica difficile nel paese. Nel 1999 l'autorità informò gli ufficiali giudiziari che la costruzione sarebbe stata finita durante i primi tre mesi del 2000.
8. Frustrato dal ritardo, il richiedente chiese al tribunale di cambiare il metodo di esecuzione in un pagamento di un prezzo globale di 250,000 rubli russi. La corte rifiutò questo cambio perché il richiedente non era riuscito a provare l'impossibilità di un'esecuzione letterale. La corte notò che la sentenza non aveva specificato una cornice di tempo per la disposizione dell'appartamento, e che la costruzione era in opera. La corte notò anche che un pagamento di un prezzo globale avrebbe pregiudicato un’altra spesa pubblica.
LA LEGGE
VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 DELLA CONVENZIONE
9. Il richiedente si lamentò che la non-disposizione dell'appartamento aveva violato il suo diritto alla protezione della proprietà come previsto dall’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 della Convenzione. Pertanto nella parte attinente, questo Articolo recita ciò che segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Ammissibilità
10. Il Governo dibatté che questa azione di reclamo era manifestamente mal-fondata. Sotto il diritto nazionale in vigore al tempo attinente, il richiedente non aveva avuto un diritto privilegiato ad un appartamento, e se lui avesse desiderato riceverlo avrebbe dovuto richiederlo all' Ufficio Arruolamento di Kropotkin, ciò che non fece. Era stata proprio la scelta del richiedente di trarre profitto dallo schema del contratto. Il contratto era stato nullo a causa di difetti formali. Non c'era stata prova che il richiedente aveva investito dei soldi sull'appartamento.
La sentenza non poteva essere eseguita perché lo stabile degli appartamenti non era ancora stato completato, e perché nel frattempo l'impresa edile aveva subito procedimenti di liquidazione. La sentenza non aveva specificato una cornice di tempo per la sua esecuzione. Le autorità non erano state responsabili per la costruzione lenta dell'impresa edile dell’edifico degli appartamenti. Siccome la sentenza era stata resa contro l'Autorità della Città, non c'era stata nessuna possibilità legale di esortare l'impresa ad attenersi alla sentenza.
11. Il richiedente sostenne la sua richiesta. Lui indicò che la sentenza avrebbe potuto essere eseguita perché nel 1999 l'Autorità della Città aveva suggerito che l'alloggio sarebbe stato costruito nel 2000.
La Corte nota che la richiesta non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
12. La Corte reitera che un ritardo lungo irragionevolmente nell'esecuzione di una sentenza vincolante può violare la Convenzione (vedere Burdov c. Russia, n. 59498/00, ECHR 2002-III). Nel decidere se il ritardo è stato ragionevole, la Corte guarderà a quanto complessi erano i procedimenti di esecuzione, a come il richiedente e le autorità si sono comportati, e a ciò qual’ era la natura dell'assegnazione (vedere Raylyan c. Russia, n. 22000/03, § 31 del 15 febbraio 2007).
13. La Corte richiama che la sua sentenza originale di una violazione a riguardo della non-esecuzione delle sentenze in Russia riguardava i debiti di natura patrimoniale (vedere Burdov, citata sopra, § 34). Questa sentenza è stata ampliata più tardi per includere i debiti riferiti ai beni, e.g. appartamenti (vedere, per esempio, Sladkov c. Russia, n. 13979/03, § 20 del 18 dicembre 2008).
14. Sembrerebbe quindi logico a prima vista leggere la presente causa alla luce della giurisprudenza summenzionata. Comunque, esiste una differenza cruciale che differenzia la presente causa. La sentenza del 24 novembre 1997 non diede un titolo di proprietà al richiedente su di un bene fungibile , e.g. soldi o una proprietà con caratteristiche generiche che lo Stato può aspettarsi di avere in fornitura sufficiente, ma ad una cosa individuale -un appartamento in un specifico immobile di appartamenti. Poiché l'impresa edile non aveva mai completato la costruzione dell'alloggio, non c'era apparentemente modo per gli ufficiali giudiziari o l'Autorità della Città di fornire al richiedente l'appartamento.
15. Nella prospettiva di queste considerazioni, la Corte conclude, che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE
1. Dichiara all’unanimità la richiesta ammissibile;
2. Sostiene per sei voti ad una che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 della Convenzione.
Fatto in inglesi, e notificato per iscritto il 17 dicembre 2009, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Søren Nielsen Christos Rozakis
Cancelliere Presidente
In conformità con l’Articolo 45 § 2 della Convenzione e l’Articolo 74 § 2 dell’Ordinamento di Corte, l'opinione separata del Giudice Malinverni è annessa a questa sentenza.
C.L.R.
S.N.


OPINIONE DISSIDENTE DEL GIUDICE MALINVERNI
(Traduzione)
Io non sono capace sottoscrivere la conclusione a cui sono giunti i miei colleghi per cui non c'è stata una violazione della Convenzione in questa causa.
Per ammissione, come affermato correttamente nella sentenza, “poiché l'impresa edile non aveva mai completato la costruzione dell'edificio, non c'era... nessun modo per gli ufficiali giudiziari o l'Autorità della Città di fornire al richiedente l'appartamento” (vedere paragrafo 14).
Gradirei comunque, indicare che l'impresa edile che si era impegnata a costruire un blocco di appartamenti era un'impresa municipale e perciò un’impresa pubblica (“impresa dell’Autorità della Città di Kropotkin”-vedere paragrafo 5). Questa impresa pubblica era entrata in un'impresa contrattuale con l'unità militare del richiedente. L’insuccesso nell’esecuzione di quel contratto aveva l'effetto di impegnare direttamente la responsabilità dello Stato che poteva ed avrebbe dovuto prendere misure per assicurare che il contratto venisse onorato.
Frustrato dal ritardo, il richiedente infine chiese al tribunale di concedergli un pagamento di una somma globale di 250,000 rubli russi al posto dell'appartamento.
Sorprendentemente, il tribunale che il 24 novembre 1997 aveva reso la sentenza che ordinava all'Autorità della Città di fornire al richiedente un appartamento, rifiutò di pagargli l'importo chiesto perché, fra le altre ragioni, “un pagamento di una somma globale avrebbe pregiudicato un’ altra spesa pubblica” (vedere paragrafo 8).
Io trovo questa ragione completamente inaccettabile. Secondo me, il ritardo da parte dell'impresa pubblica nell'onorare il contratto ed il rifiuto della corte, senza dare ragioni valide di convertire l'obbligo iniziale del municipio nel pagamento di una somma di soldi aveva avuto l'effetto di impegnare la responsabilità delle autorità pubbliche.




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 14/09/2020.