Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF VASILCHUK v. UKRAINE

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI:

NUMERO: 31387/05/2009
STATO: Ucraina
DATA: 10/12/2009
ORGANO: Sezione Quinta


TESTO ORIGINALE

FIFTH SECTION
CASE OF VASILCHUK v. UKRAINE
(Application no. 31387/05)
JUDGMENT
STRASBOURG
10 December 2009
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Vasilchuk v. Ukraine,
The European Court of Human Rights (Fifth Section), sitting as a Chamber composed of:
Peer Lorenzen, President,
Renate Jaeger,
Karel Jungwiert,
Rait Maruste,
Mark Villiger,
Isabelle Berro-Lefèvre, judges,
Mykhaylo Buromenskiy, ad hoc judge,
and Claudia Westerdiek, Section Registrar,
Having deliberated in private on 17 November 2009,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 31387/05) against Ukraine lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Ukrainian national, Mr I. F. V. (“the applicant”), on 16 August 2005.
2. The Ukrainian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr Y. Zaytsev.
3. The applicant alleged, in particular, that his right to a fair and public hearing within a reasonable time had been infringed on account of the length of several sets of his civil proceedings and non-enforcement of judgments given in his favour.
4. On 16 January 2009 the President of the Fifth Section decided to give notice of the application to the Government. It was also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (Article 29 § 3).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. The applicant was born in 1940 and lives in Chornobayivka.
A. First set of proceedings against Oblsilkomungosp
6. On 16 August 1999 the applicant was dismissed from his job at the Dzherelo enterprise (Чорнобаївське сільське комунальне господарство «Джерело»), a subsidiary of the municipal entity Oblsilkomungosp (Херсонське обласне виробничо-кооперативне об’єднання сільського комунального господарства «Облсількомунгосп»).
7. In August 1999 the applicant challenged his dismissal and sought compensation before the Dniprovsky District Court of Kherson.
8. On 22 August 2001 the court allowed the applicant’s reinstatement claim and ordered Oblsilkomungosp to pay him 4,800 Ukrainian hryvnias (UAH).
9. On 3 September 2001 the State Bailiffs’ Service instituted enforcement proceedings.
10. On 6 November 2001 the Kherson Regional Court of Appeal upheld that judgment.
11. On 7 December 2001 the Dzherelo enterprise was formally reorganised into a private company, D.
12. On several occasions the enforcement proceedings were discontinued for various reasons and reopened following complaints by the applicant that these decisions were unfair. It is unclear from the parties’ submissions whether the debt under the judgment was paid.
13. In October 2005 the debtor entity was fined for failure to enforce the judgment of 22 August 2001. Additionally, the State Bailiffs’ Service requested the local prosecutor to institute criminal proceedings against the managers of Oblsilkomungosp, which request was subsequently rejected.
14. On 7 October 2005 a decision was taken to initiate liquidation of Oblsilkomungosp.
15. On 17 October 2005 the Bailiffs’ Service returned the enforcement writ to the applicant unenforced.
16. On 3 July 2006 the Kherson Regional Commercial Court instituted insolvency proceedings against Oblsilkomungosp and on 17 July 2006 declared the company insolvent.
17. On 4 March 2008 the Commercial Court further approved the liquidation balance sheet and declared Oblsilkomungosp liquidated, following which declaration on 19 March 2008 the company was deleted from the State Company Register.
B. Second set of proceedings against Oblsilkomungosp
18. On 5 April 2002 the applicant instituted proceedings in the Suvorovskiy District Court of Kherson against Oblsilkomungosp, seeking compensation on account of its prolonged failure to reinstate him.
19. On 4 February 2005 the court, finding that the judgment of 22 August 2001 in the part concerning reinstatement had still not been enforced, awarded the applicant UAH 8,081.70.
20. On 24 May 2005 the Kherson Regional Court of Appeal increased this sum to UAH 17,206.
21. On an unspecified date the State Bailiffs’ Service instituted enforcement proceedings. On 23 December 2005 the State Bailiffs’ Service terminated the enforcement proceedings as the debtor had been liquidated.
22. The judgment of 4 February 2005, as amended by the judgment of 24 May 2005, remains largely unenforced.
C. Third set of proceedings against Oblsilkomungosp
23. In September 2005 the applicant instituted proceedings in the Dniprovskiy District Court of Kherson against Oblsilkomungosp, seeking compensation for its failure to reinstate him after 5 February 2005.
24. On 14 June 2006 the court, finding that the judgment of 22 August 2001 in the part concerning reinstatement had still not been enforced, allowed his claim and awarded the applicant UAH 9,495.75. The court also found that the applicant had resigned on 14 June 2006 as a result of his employer’s liquidation and ordered the liquidation commission to prepare documents for the applicant’s pension.
25. On 2 November 2006 the Kherson Regional Court of Appeal quashed that judgment in the part concerning the applicant’s resignation and the liquidation commission’s obligation to prepare documents for the applicant’s pension and gave a new judgment dismissing these claims. The court further upheld the remainder of the judgment.
26. The judgment at issue remains unenforced.
D. Proceedings against the local department of justice and two local departments of the State Bailiffs’ Service
27. In October 2005 the applicant instituted proceedings in the Dniprovskiy District Court of Kherson against the local department of justice and two local departments of the State Bailiffs’ Service, seeking compensation for non-pecuniary damage incurred as a result of the lengthy non-enforcement of the judgment of 22 August 2001.
28. In a judgment of 23 December 2005 the court ordered the defendants jointly to pay the applicant the total amount of UAH 6,000.
29. On 8 June 2006 the Kherson Regional Court of Appeal quashed that judgment in the part concerning the obligation of the local department of justice to pay the applicant compensation and rendered a new one dismissing this claim and reducing thereby the amount awarded to UAH 4,000.
30. On an unspecified date the State Bailiffs’ Service instituted enforcement proceedings.
31. On 23 November 2006 it returned the writs of enforcement to the applicant owing to the debtors’ lack of funds.
32. On 14 December 2006 the Dniprovskiy District Court of Kherson amended its previous judgment, awarding the applicant an additional amount of UAH 40 in court fees.
33. The judgment of 23 December 2005 as amended, remains unenforced.
E. Other proceedings
34. In February 2002 the applicant instituted proceedings in the Dniprovsky District Court of Kherson against Y. and G., the manager and his deputy, of Oblsilkomungosp, seeking compensation for non-pecuniary damage incurred as a result of the lengthy non-enforcement of the judgment of 22 August 2001. In a final decision of 9 December 2003 the Supreme Court of Ukraine dismissed his claim. Later, the applicant requested the courts to review the impugned judgment under the extraordinary procedure, but in vain.
35. The applicant also requested a local prosecutor to institute criminal proceedings against the above-mentioned persons. However, on 7 October 2002 the prosecutor found no prima facie case for instituting the proceedings as requested. The applicant appealed against that decision but in a final decision of 20 April 2004 the Supreme Court of Ukraine dismissed his appeal. Subsequently, the applicant requested the courts to review the impugned decision under the extraordinary procedure, but to no avail.
36. The applicant further claimed compensation from the local prosecutor’s office for its failure to enforce the judgment of 22 August 2001. On 20 December 2002 the Suvorovskiy District Court of Kherson found against the applicant. On 27 March 2003 the Kherson Regional Court of Appeal upheld that judgment.
37. In November 2002 the applicant instituted proceedings in the Komsomolskiy District Court of Kherson against Oblsilkomungosp and the local State Administration, seeking to have the reorganisation of Dzherelo declared void. On 5 August 2004 the court dismissed his claim. On 10 November 2004 the Kherson Regional Court of Appeal upheld that judgment. Subsequently, the applicant requested the courts to review the impugned judgment under the extraordinary procedure, but to no avail.
38. In January 2003 the applicant instituted proceedings in the Suvorovskiy District Court of Kherson against Oblsilkomungosp, seeking the annulment of the reinstatement orders of 17 September 2001 and 24 April 2002. On 6 August 2003 the court dismissed his claim. On 3 December 2003 the Kherson Regional Court of Appeal upheld that judgment. Later, the applicant unsuccessfully requested the courts on several occasions to review the impugned judgment under the extraordinary procedure.
39. On an unspecified date the applicant instituted proceedings in the Suvorovskiy District Court of Kherson against the local department of justice, seeking compensation for non-pecuniary damage incurred as a result of the lengthy non-enforcement of the judgment of 22 August 2001. In a judgment of 15 May 2003 his claim was dismissed. The applicant did not appeal against that judgment.
40. On an unspecified date the applicant instituted proceedings in the Supreme Court of Ukraine against the State of Ukraine and its President. On 13 October 2006 the court dismissed his claim, stating that it should have been lodged with a relevant district court.
41. In December 2007 the applicant instituted proceedings in the Dniprovskiy District Court of Kherson against Oblsilkomungosp and other persons, seeking, inter alia, to have the judgment of 22 August 2001 reviewed under the extraordinary procedure. It appears that the proceedings are still pending before that court.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
42. The relevant domestic law is summarised in the judgment of Vasylyev v. Ukraine, (no. 10232/02, §§ 19-22, 13 July 2006).
THE LAW
I. COMPLAINTS ABOUT THE LENGTH OF PROCEEDINGS AND THE NON-ENFORCEMENT OF JUDGMENTS
A. Admissibility
43. The applicant complained that the length of the four sets of his proceedings described in paragraphs 6-33 above, including their enforcement stage, was incompatible with the guarantees set forth in Article 6 § 1 of the Convention. Additionally, he complained that the failure of the authorities to enforce the final judgments given at the close of these proceedings breached his rights under Article 1 of Protocol No. 1. Finally, he complained that he had no effective remedies in respect of his Convention complaints. The pertinent provisions read, in so far as relevant, as follows:
Article 6 § 1
“In the determination of his civil rights and obligations ... everyone is entitled to a fair and public hearing within a reasonable time by an independent and impartial tribunal established by law. ...”
Article 1 of Protocol No. 1
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest ....”
Article 13
“Everyone whose rights and freedoms as set forth in [the] Convention are violated shall have an effective remedy before a national authority notwithstanding that the violation has been committed by persons acting in an official capacity.”
44. The Government raised objections, contested by the applicant, regarding exhaustion of domestic remedies, similar to those which the Court has already dismissed in a number of other cases where, as in the present case, the defendants were public entities (see, for example, Vasylyev v. Ukraine, no. 10232/02, §§ 29-33, 13 July 2006, and Lizanets v. Ukraine, no. 6725/03, § 43, 31 May 2007). The Court considers that these objections must be rejected for the same reasons.
45. The Court further observes that the applicant’s enforcement proceedings cannot be dissociated from his court actions (see, as a recent authority, Sika v. Slovakia, no. 2132/02, §§ 23-26, 13 June 2006).
46. The Court considers that the applicant’s complaints raise issues of fact and law under the Convention and finds no ground to declare them inadmissible. The Court must therefore declare them admissible.
B. Merits
1. The alleged violation of Article 6 § 1 of the Convention
47. In their observations on the merits of the above complaint, the Government contended that there had been no violation of Article 6 § 1.
48. The applicant disagreed.
49. The Court reiterates that the applicant initiated the “determination” of his “civil rights” within the meaning of Article 6 § 1 of the Convention by instituting four sets of judicial proceedings in August 1999, April 2002, September and October 2005 respectively. Last judgments in these proceedings were taken on 6 November 2001, 24 May 2005, 2 November 2006 and 14 December 2006 respectively. Therefore, the length of proceedings in their judicial phase ranged from one year and two months to three years and one month for two levels of jurisdiction.
50. From the dates when the judgments in the applicant’s favour became binding for enforcement the State entities became liable to ensure the applicant’s reinstatement and pay him the judgments awards. However, none of the judgments at issue had been fully enforced, the periods of non-enforcement ranging from three to eight years.
51. The Court notes that the primary reason for the delay in the final determination of the applicant’s civil rights in the present case has been caused by the non-enforcement of final judgments given in his favour. The Court has frequently found violations of Article 6 § 1 of the Convention in cases raising issues similar to the one in the present case (see, for example, Sika, cited above, § 35; Vasylyev, cited above, § 36; and Kozachek v. Ukraine, no. 29508/04, § 33, 7 December 2006).
52. Having examined all the material submitted to it, the Court considers that the Government have not put forward any fact or argument capable of persuading it to reach a different conclusion in the present case.
53. Having regard to its case-law on the subject, the Court considers that in the instant case there has accordingly been a breach of Article 6 § 1.
2. Alleged violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention
54. The Court reiterates that its case-law has found that impossibility for an applicant to obtain enforcement of a judgment in his or her favour constitutes an interference with the right to the peaceful enjoyment of possessions, as set out in the first sentence of the first paragraph of Article 1 of Protocol No. 1 (see, among other authorities, Burdov v. Russia, no. 59498/00, § 40, ECHR 2002-III; Jasiūnienė v. Lithuania, no. 41510/98, § 45, 6 March 2003; and Voytenko v. Ukraine, no. 18966/02, §§ 53-55, 29 June 2004). The Court finds no ground to depart from its case-law in the present case.
55. There has, accordingly, been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 of the Convention.
3. Alleged violation of Article 13 of the Convention
56. The Court concludes that the applicant did not have an effective domestic remedy, as required by Article 13 of the Convention, whereby he could have obtained a ruling upholding his right to have his claims finally settled within a reasonable time, as set forth in Article 6 § 1 of the Convention (see, for example, Voytenko, cited above, §§ 46-48, 29 June 2004, and Vasylyev, cited above, § 41). Accordingly, there has been a breach of this provision.
II. OTHER ALLEGED VIOLATIONS OF THE CONVENTION
57. The applicant additionally complained that there had been other breaches of his rights under Article 6 § 1 of the Convention, infringement of his right to work, and invoked Articles 1, 2, 3, 5 § 1, 8, 14 and 17 of the Convention to the facts of the present case.
58. Having carefully examined these applicant’s submissions in the light of all the material in its possession and in so far as the matters complained of are within its competence, the Court finds that they do not disclose any appearance of a violation of the rights and freedoms set out in the Convention.
59. It follows that this part of the application must be declared inadmissible as manifestly ill-founded, pursuant to Article 35 §§ 1, 3 and 4 of the Convention.
III. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
60. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
61. The applicant claimed 4,032,000 euros (EUR) by way of compensation for pecuniary damage allegedly sustained by him on account of Oblsilkomungosp’s failure to reinstate him in his job. He also claims EUR 6,060,000 in respect of non-pecuniary damage.
62. The Government submitted that these claims were exorbitant and unsubstantiated.
63. The Court finds that the applicant sustained pecuniary damage equal to the amount of the outstanding debts under the four judgments at issue in the present case and rejects the remainder of the applicant’s claim for pecuniary damage. The Court also awards the applicant EUR 2,600 in respect of non-pecuniary damage.
B. Costs and expenses
64. The applicant did not lodge any claim under this head. The Court therefore makes no award.
C. Default interest
65. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the complaints under Article 6 § 1 of the Convention concerning length of four sets of proceedings including their enforcement stage, under Article 1 of Protocol no. 1 and Article 13 admissible and the remainder of the application inadmissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention;
3. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol no. 1 of the Convention;
4. Holds that there has been a violation of Article 13 of the Convention;
5. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicant, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention,
(i) the unsettled debts under the judgments of 22 August 2001, 4 February 2005 (as amended on 24 May 2005), 14 June 2006 (as amended on 2 November 2006), 23 December 2005 (as amended on 8 June 2006 and 14 December 2006) as well as
(ii) EUR 2,600 (two thousand six hundred euros) in respect of non-pecuniary damage plus any tax that may be chargeable on this amount,
to be converted into the national currency of the respondent State at the rate applicable at the date of settlement;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
6. Dismisses the remainder of the applicant’s claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 10 December 2009, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Claudia Westerdiek Peer Lorenzen
Registrar President

TESTO TRADOTTO

QUINTA SEZIONE
CAUSA VASILCHUK C. UCRAINA
(Richiesta n. 31387/05)
SENTENZA
STRASBOURG
10 dicembre 2009
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Vasilchuk c. Ucraina,
La Corte europea dei Diritti umani (quinta Sezione), riunendosi che come una Camera, composta da:
Pari Lorenzen, Presidente, Renate Jaeger Karel Jungwiert, Rait Maruste il Mark Villiger, Isabelle Berro-Lefèvre giudici, Mykhaylo Buromenskiy ad giudice di hoc,
e Claudia Westerdiek, Cancelliere di Sezione
Avendo deliberato in privato il 17 novembre 2009,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 31387/05) contro l'Ucraina depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino ucraino, Sig. I. F. V. (“il richiedente”), il 16 agosto 2005.
2. Il Governo ucraino (“il Governo”) fu rappresentato dal suo Agente, il Sig. Y. Zaytsev.
3. Il richiedente addusse, in particolare, che il suo diritto ad un’ udienza pubblica e corretta all'interno di un termine ragionevole era stato infranto a causa della lunghezza di molti set dei suoi procedimenti civili e non-esecuzione di sentenze rese a suo favore.
4. Il 16 gennaio 2009 il Presidente della quinta Sezione decise di dare avviso della richiesta al Governo. Fu deciso anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità (l'Articolo 29 § 3).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
5. Il richiedente nacque nel 1940 e vive a Chornobayivka.
A. Primo set di procedimenti contro Oblsilkomungosp
6. Il 16 agosto 1999 il richiedente fu licenziato dal suo lavoro presso l’impresa Dzherelo (Чорнобаївське сільське комунальне господарство «Джерело»), un assistente dell'entità municipale di Oblsilkomungosp (Херсонське обласне виробничо-кооперативне об'єднання сільського комунального господарства «Облсількомунгосп»).
7. Nell’ agosto 1999 il richiedente impugnò il suo licenziamento e chiese il risarcimento di fronte alla Corte distrettuale di Dniprovsky di Kherson.
8. Il 22 agosto 2001 la corte accolse la rivendicazione di reintegrazione del richiedente ed ordinò a Oblsilkomungosp di pagargli 4,800 hryvnia ucraini (UAH).
9. Il 3 settembre 2001 il Servizio degli Ufficiali giudiziari Statali avviò procedimenti di esecuzione.
10. Il 6 novembre 2001 la Corte d'appello Regionale di Kherson sostenne quella sentenza.
11. Il 7 dicembre 2001 l'impresa di Dzherelo fu riorganizzata formalmente in una società privata, D.
12. In molte occasioni i procedimenti di esecuzione furono cessati per varie ragioni e seguenti azioni di reclamo riaperte da parte del richiedente sulla base che queste decisioni erano ingiuste. È poco chiaro dalle osservazioni delle parti le se il debito sotto la sentenza è stato pagato.
13. Nell’ ottobre 2005 l'entità debitrice fu multata per insuccesso nell’esecuzione della sentenza del 22 agosto 2001. Inoltre, il Servizio degli Ufficiali giudiziari Statali richiese all'accusatore locale di avviare procedimenti penali contro i direttori di Oblsilkomungosp la qual richiesta fu respinta successivamente.
14. Il 7 ottobre 2005 fu presa la decisione di iniziare una liquidazione dell’ Oblsilkomungosp.
15. Il 17 ottobre 2005 il Sevizio degli Ufficiali giudiziari restituì il documento di esecuzione al richiedente non eseguito.
16. Il 3 luglio 2006 il Tribunale di commercio Regionale di Kherson avviò una procedura fallimentare contro Oblsilkomungosp e il 17 luglio 2006 dichiarò la società insolvente.
17. Il 4 marzo 2008 il Tribunale di commercio approvò inoltre il rendiconto patrimoniale di liquidazione e dichiarò Oblsilkomungosp liquidata, facendo seguire una dichiarazione con cui il 19 marzo 2008 la società fu cancellata dal Registro Statale delle Società.
B. Secondo set di procedimenti contro Oblsilkomungosp
18. Il 5 aprile 2002 il richiedente avviò dei procedimenti presso la Corte distrettuale di Suvorovskiy di Kherson contro Oblsilkomungosp, chiedendo il risarcimento a causa del suo prolungato insuccesso nel riabilitarlo.
19. Il 4 febbraio 2005 la corte, trovando che la sentenza del 22 agosto 2001 nella parte riguardante la reintegrazione non era ancora stata eseguita, assegnò UAH 8,081.70 al richiedente.
20. Il 24 maggio 2005 la Corte d'appello Regionale di Kherson aumentò questa somma ad UAH 17,206.
21. In una data non specificata il Servizio degli Ufficiali giudiziari avviò dei procedimenti di esecuzione. Il 23 dicembre 2005 l Servizio degli Ufficiali giudiziari Statali terminò i procedimenti di esecuzione siccome il debitore era stato liquidato.
22. La sentenza del 4 febbraio 2005, corretta dalla sentenza del 24 maggio 2005 rimane in gran parte non eseguita.
C. terzo set di procedimenti contro Oblsilkomungosp
23. Nel settembre 2005 il richiedente avviò procedimenti presso Corte distrettuale di Dniprovskiy di Kherson contro Oblsilkomungosp, chiedendo il risarcimento per il suo insuccesso nel riabilitarlo dopo il 5 febbraio 2005.
24. Il 14 giugno 2006 la corte, trovando che la sentenza del 22 agosto 2001 nella parte riguardante la reintegrazione non era ancora stata eseguita, accolse la sua rivendicazione ed assegnò UAH 9,495.75 al richiedente. La corte trovò anche che il richiedente si era dimesso il 14 giugno 2006 come risultato della liquidazione del suo datore di lavoro ed aveva ordinato alla commissione di liquidazione di preparare i documenti per la pensione del richiedente.
25. Il 2 novembre 2006 la Corte d'appello Regionale di Kherson ha annullato il giudizio nella parte riguardante la dimissione del richiedente e l'obbligo della commissione di liquidazione di preparare i documenti per la pensione del richiedente e rese una nuova sentenza che respingeva queste rivendicazioni. La corte sostenne inoltre il resto della sentenza.
26. La sentenza in questione rimane non eseguita.
D. Procedimenti contro il dipartimento locale di giustizia e due dipartimenti locali del Servizio degli Ufficiali giudiziari Statali
27. Nell’ ottobre 2005 il richiedente avviò procedimenti presso la Corte distrettuale di Dniprovskiy di Kherson contro il dipartimento locale di giustizia e due dipartimenti locali del Servizio degli Ufficiali giudiziari Statali, chiedendo che il risarcimento per danno non-patrimoniale, risultato della lungo non-esecuzione della sentenza del 22 agosto 2001.
28. In una sentenza del 23 dicembre 2005 il tribunale ordinò agli imputati di pagare congiuntamente al richiedente l'importo totale di UAH 6,000.
29. L’ 8 giugno 2006 la Corte d'appello Regionale di Kherson annullò questa sentenza nella parte riguardante l'obbligo del dipartimento locale di giustizia di pagare il risarcimento del richiedente e ne rese una nuova respingendo questa rivendicazione e riducendo con ciò l'importo assegnato ad UAH 4,000.
30. In una data non specificata il Servizio degli Ufficiali giudiziari Statali avviò procedimenti di esecuzione.
31. Il 23 novembre 2006 restituì i documenti di esecuzione al richiedente a causa della mancanza di finanziamenti dei debitori .
32. Il 14 dicembre 2006 la Corte distrettuale di Dniprovskiy di Kherson corresse la sua sentenza precedente, assegnando un importo supplementare di UAH 40 al richiedente per parcelle del tribunale.
33. La sentenza del 23 dicembre 2005 corretta, rimane non eseguita.
E. Altri procedimenti
34. Nel febbraio 2002 il richiedente avviò procedimenti pressola Corte distrettuale di Dniprovsky di Kherson contro Y. e G., il direttore ed il suo sostituto, di Oblsilkomungosp chiedendo il risarcimento per danno non-patrimoniale incorse come risultato della lungo non-esecuzione della sentenza del 22 agosto 2001. In una decisione definitiva del 9 dicembre 2003 la Corte Suprema dell'Ucraina respinse la sua rivendicazione. Più tardi, il richiedente richiese ai tribunali di fare una revisione della sentenza contestata sotto la procedura straordinaria, ma invano.
35. Il richiedente richiese anche ad un accusatore locale di avviare dei procedimenti penali contro le persone summenzionate. Il 7 ottobre 2002 l'accusatore non trovò comunque, alcuna causa prima facie per avviare i procedimenti come richiesto. Il richiedente fece appello contro questa decisione ma in una decisione definitiva del 20 aprile 2004 la Corte Suprema dell'Ucraina respinse il suo ricorso. Successivamente, il richiedente richiese alle corti di fare una revisione della decisione contestata sotto la procedura straordinaria, ma inutilmente.
36. Il richiedente chiese inoltre il risarcimento dall'ufficio dell'accusatore locale per il suo insuccesso nell’esecuzione della sentenza del 22 agosto 2001. Il 20 dicembre 2002 la Corte distrettuale di Suvorovskiy di Kherson si pronunciò contro il richiedente. Il 27 marzo 2003 la Corte d'appello Regionale di Kherson sostenne quel giudizio.
37. Nel novembre 2002 il richiedente avviò procedimenti presso la Corte distrettuale di Komsomolskiy di Kherson contro Oblsilkomungosp e l'Amministrazione Statale locale, cercando di far dichiarare nulla la riorganizzazione di Dzherelo. Il 5 agosto 2004 la corte respinse la sua rivendicazione. Il 10 novembre 2004 la Corte d'appello Regionale di Kherson sostenne quella sentenza. Successivamente, il richiedente richiese ai tribunali di fare una revisione della sentenza contestata sotto la procedura straordinaria, ma inutilmente.
38. Nel gennaio 2003 il richiedente avviò procedimenti presso la Corte distrettuale di Suvorovskiy di Kherson contro Oblsilkomungosp, chiedendo l'annullamento degli ordini di reintegrazione del 17 settembre 2001 e del 24 aprile 2002. Il 6 agosto 2003 la corte respinse la sua rivendicazione. Il 3 dicembre 2003 la Corte d'appello Regionale di Kherson sostenne quella sentenza. Più tardi il richiedente richiese inutilmente, ai tribunali in molte occasioni per fare una revisione della sentenza contestata sotto la procedura straordinaria.
39. In una data non specificata il richiedente avviò procedimenti presso la Corte distrettuale di Suvorovskiy di Kherson contro il reparto locale di giustizia, chiedendo il risarcimento per danno non-patrimoniale, incorse come risultato della lungo non-esecuzione della sentenza del 22 agosto 2001. In una sentenza di 15 maggio 2003 la sua rivendicazione fu respinta. Il richiedente non fece appello contro quella sentenza.
40. In una data non specificata il richiedente avviò procedimenti presso la Corte Suprema dell'Ucraina contro lo Stato dell’ Ucraina ed il suo Presidente. Il 13 ottobre 2006 la corte respinse la sua rivendicazione, affermando che avrebbe dovuta essere deposita presso un tribunale distrettuale attinente.
41. Nel dicembre 2007 il richiedente avviò procedimenti presso la Corte distrettuale di Dniprovskiy di Kherson contro Oblsilkomungosp e altre persone, chiedendo inter alia,di far revisionare la sentenza del 22 agosto 2001 sotto procedura straordinaria. Sembra che i procedimenti sono ancora pendenti di fronte a quel tribunale.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
42. Il diritto nazionale attinente è riassunto nella sentenza Vasylyev c. Ucraina, (n. 10232/02, §§ 19-22 del 13 luglio 2006).
LA LEGGE
I. AZIONI DI RECLAMO DELLA LUNGHEZZA DEI PROCEDIMENTI E LA NON-ESECUZIONE DELLE SENTENZE
A. Ammissibilità
43. Il richiedente si lamentò che la lunghezza dei quattro set dei suoi procedimenti descritti nei paragrafi 6-33 sopra, incluso il loro stadio di esecuzione, era incompatibile con le garanzie stabilite nell’Articolo 6 § 1 della Convenzione. Inoltre, si lamentò che l'insuccesso delle autorità nell’esecuzioni delle sentenze definitive rese alla chiusura di questi procedimenti ha violato i suoi diritti sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. Infine, si lamentò di no avere vie di ricorso effettive a riguardo delle sue azioni di reclamo della Convenzione. Le disposizioni pertinenti, nella loro parte attinente, recitano ciò che segue:
Articolo 6 § 1
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale imparziale stabilito dalla legge…”

Articolo 1 di Protocollo N.ro 1
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale ...”

Articolo 13
“Chiunque i cui diritti e le libertà come riconosciuti [dalla] Convenzione sono violati avrà una via di ricorso effettiva di fronte ad un'autorità nazionale anche se la violazione fosse stata commessa da persone che agiscono in veste ufficiale.”
44. Il Governo sollevò eccezioni, contestate dal richiedente, riguardo all'esaurimento delle vie di ricorso nazionali simile a quelle che la Corte ha già respinto in numerose altre cause dove, come nella causa presente, gli imputati erano delle entità pubbliche (vedere, per esempio, Vasylyev c. Ucraina, n. 10232/02, §§ 29-33, 13 luglio 2006, e Lizanets c. Ucraina, n. 6725/03, § 43 31 maggio 2007). La Corte considera che queste eccezioni devono essere respinte per le stesse ragioni.
45. La Corte osserva inoltre che i procedimenti di esecuzione del richiedente non possono essere dissociate dalle sue azioni di tribunale (vedere, come una recente autorità, Sika c. Slovacchia, n. 2132/02, §§ 23-26 del 13 giugno 2006).
46. La Corte considera che le azioni di reclamo del richiedente sollevano problemi di fatto e di diritto sotto la Convenzione e non costata nessuna base per dichiararle inammissibili. La Corte deve dichiararle perciò ammissibili.
B. Meriti
1. La violazione addotta dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione
47. Nelle loro osservazioni sui meriti dell'azione di reclamo sopra, il Governo contese, che non c'era stata nessuna violazione dell’ Articolo 6 § 1.
48. Il richiedente non era d'accordo.
49. La Corte reitera che il richiedente iniziò “la determinazione” dei suoi “diritti civili” all'interno del significato dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione avviando quattro set di procedimenti giudiziali rispettivamente nell’ agosto 1999, nell’aprile 2002, nel settembre e nell’ ottobre 2005. Gli ultimi giudizi in questi procedimenti furono resi rispettivamente il 6 novembre 2001, il 24 maggio 2005 il 2 novembre 2006 e il 14 dicembre 2006. Perciò, la lunghezza dei procedimenti nella loro fase giudiziale varia da un anno e due mesi a tre anni ed un mese per due livelli di giurisdizione.
50. Dalle date in cui le sentenze a favore del richiedente divennero vincolanti per l’esecuzione le entità Statali divennero responsabili per garantire la reintegrazione del richiedente e pagargli le assegnazioni delle sentenze. Comunque, nessuna delle sentenze in questione era stato eseguita pienamente,variando i periodi di non-esecuzione da tre ad otto anni.
51. La Corte nota che la ragione primaria per il ritardo nella determinazione definitiva dei diritti civili del richiedente nella presente causa è stata causata dalla non-esecuzione di sentenze definitive rese a suo favore. La Corte ha trovato frequentemente violazioni dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione in cause che sollevavano problemi simili a quelle nella presente causa (vedere, per esempio, Sika, citata sopra, § 35; Vasylyev, citata sopra, § 36; e Kozachek c. Ucraina, n. 29508/04, § 33 7 dicembre 2006).
52. Avendo esaminato tutto il materiale presentato di fronte a sé , la Corte considera che il Governo non ha esposto nessun fatto o argomento capace di persuaderla a giungere ad una conclusione diversa nella presente causa.
53. Avendo riguardo alla sua giurisprudenza in materia, la Corte considera, che nella presente causa vi è stata di conseguenza una violazione dell’Articolo 6 § 1.
2. Violazione addotta dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione
54. La Corte reitera che la sua giurisprudenza ha trovato che l'impossibilità per un richiedente di ottenere l’esecuzione di una sentenza a suo o il suo favore costituisce un'interferenza col diritto al godimento tranquillo della proprietà, come esposto nella prima frase del primo paragrafo dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere, fra le altre autorità, Burdov c. Russia, n. 59498/00, § 40 ECHR 2002-III; Jasiūnienė c. Lituania, n. 41510/98, § 45 6 marzo 2003; e Voytenko c. Ucraina, n. 18966/02, §§ 53-55 del 29 giugno 2004). La Corte non trova nessuno base per abbandonare la sua giurisprudenza nella presente causa.
55. Vi è stata, di conseguenza, una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 della Convenzione.
3. Violazione addotta dell’ Articolo 13 della Convenzione
56. La Corte conclude che il richiedente non aveva una via di ricorso nazionale effettiva, come richiesto dall’ Articolo 13 della Convenzione, con cui lui avrebbe potuto ottenere una direttiva che sosteneva il suo diritto a far stabilire infine le sue rivendicazioni all'interno di un termine ragionevole, come esposto nell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione (vedere, per esempio, Voytenko, citata sopra, §§ 46-48, 29 giugno 2004, e Vasylyev citata sopra, § 41). C'è stata di conseguenza, una violazione di questa disposizione.
II. ALTRE VIOLAZIONI ADDOTTE DELLA CONVENZIONE
57. Il richiedente si lamentò inoltre che c'erano state altre violazioni dei suoi diritti sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione, violazione del suo diritto al lavoro ed invocò gli Articoli 1, 2, 3, 5 § 1, 8, 14 e 17 della Convenzione ai fatti della causa presente.
58. Avendo esaminato attentamente le osservazioni del richiedente alla luce di tutto il materiale in suo possesso ed nella misura in cui le questioni di cui ci si lamenta sono all'interno della sua competenza, la Corte costata che loro non rivelano qualsiasi comparizione di una violazione dei diritti e delle libertà stabilite nella Convenzione.
59. Ne segue che questa parte della richiesta deve essere dichiarata manifestamente inammissibile come mal-fondata, facendo seguito all’ Articolo 35 §§ 1, 3 e 4 della Convenzione.
III. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
60. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
61. Il richiedente chiese 4,032,000 euro (EUR) come risarcimento per danno patrimoniale presumibilmente subito a causa dell'insuccesso di Oblsilkomungosp di riabilitarlo nel suo lavoro. Lui chiede anche EUR 6,060,000 a riguardo del danno non-patrimoniale.
62. Il Governo presentò che queste rivendicazioni erano esorbitanti e non comprovate.
63. La Corte costata che il richiedente subì un danno patrimoniale uguale all'importo delle pendenze debitorie sotto le quattro sentenze in questione nella presente causa e respinge il resto della rivendicazione del richiedente per danno patrimoniale. La Corte assegna anche EUR 2,600 al richiedente a riguardo del danno non-patrimoniale.
B. Costi e spese
64. Il richiedente non depositò nessuna richiesta sotto questo capo. La Corte non fa perciò alcuna assegnazione.
C. Interesse di mora
65. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara le azioni di reclamo sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione riguardo alla lunghezza dei quattro set di procedimenti incluso la loro esecuzione sotto l’Articolo 1 del Protocollo n. 1 e l’Articolo 13 ammissibili ed il resto della richiesta inammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione;
3. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo n. 1 della Convenzione;
4. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 13 della Convenzione;
5. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare al richiedente, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione
(i) i debiti stabiliti sotto le sentenze del 22 agosto 2001, 4 febbraio 2005 (corretta il 24 maggio 2005), 14 giugno 2006 (corretta il 2 novembre 2006), 23 dicembre 2005 (corretta l’8 giugno 2006 e il 14 dicembre 2006) così come
(ii) EUR 2,600 (due mila seicento euro) a riguardo del danno non-patrimoniale più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su questo importo,
da convertire nella valuta nazionale dello Stato rispondente al tasso applicabile in data dell’accordo;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
6. Respinge il resto della rivendicazione del richiedente per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 10 dicembre 2009, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Claudia Westerdiek Pari Lorenzen
Cancelliere Presidente



DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 14/09/2020.