Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF SAVULA v. UKRAINE

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI:

NUMERO: 12868/05/2009
STATO: Ucraina
DATA: 10/12/2009
ORGANO: Sezione Quinta


TESTO ORIGINALE

FIFTH SECTION
CASE OF SAVULA v. UKRAINE
(Application no. 12868/05)
JUDGMENT
STRASBOURG
10 December 2009
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the
Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Savula v. Ukraine,
The European Court of Human Rights (Fifth Section), sitting as a Chamber composed of:
Peer Lorenzen, President,
Renate Jaeger,
Karel Jungwiert,
Rait Maruste,
Isabelle Berro-Lefèvre,
Zdravka Kalaydjieva, judges,
Mykhaylo Buromenskiy, ad hoc judge,
and Claudia Westerdiek, Section Registrar,
Having deliberated in private on 17 November 2009,
Delivers the following judgment, which was adopted on the last-mentioned date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 12868/05) against Ukraine lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Ukrainian national, Mr Yuriy Mykhaylovych Savula (“the applicant”), on 29 March 2005.
2. The Ukrainian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr Yuriy Zaytsev, of the Ministry of Justice.
3. On 14 January 2009 the President of the Fifth Section decided to give notice of the application to the Government. It was also decided to rule on the admissibility and merits of the application at the same time (Article 29 § 3).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
4. The applicant was born in 1930 and lives in Lviv. He is a retired judge.
5. On 22 February 2000 the Frankivskyy District Court of Lviv awarded the applicant 4,107.93 Ukrainian hryvnias (UAH)1 in compensation for his lifelong benefit arrears, to be paid by the Ministry of Justice. The judgment became final on 4 March 2000.
6. On 24 December 2004 the State Bailiffs’ Service returned the writ of execution to the applicant, informing him that the judgment could not be enforced owing to the debtor’s lack of funds. It remains unenforced.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
7. The relevant domestic law is summarised in the judgment of Romashov v. Ukraine, no. 67534/01, §§ 16-19, 27 July 2004 and Zubko and Others v. Ukraine, nos. 3955/04, 5622/04, 8538/04 and 11418/04, §§ 33-40, ECHR 2006-VI (extracts).
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLES 6 § 1 AND 13 OF THE CONVENTION AND OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1 TO THE CONVENTION
8. The applicant complained about the non-enforcement of the judgment given in his favour and the lack of an effective remedy in that respect. He relied on Articles 6 § 1 and 13 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1, which provide, in so far as relevant, as follows:
Article 6 § 1
“In the determination of his civil rights and obligations ... everyone is entitled to a ... hearing within a reasonable time by [a] ... tribunal ...”
Article 13
“Everyone whose rights and freedoms as set forth in [the] Convention are violated shall have an effective remedy before a national authority notwithstanding that the violation has been committed by persons acting in an official capacity.”
Article 1 of Protocol No. 1
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
9. The Court notes that the applicant’s complaints are not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that they are not inadmissible on any other grounds. They must therefore be declared admissible.
B. Merits
10. The Government maintained that there was no breach of any of the provisions of the Convention as the State authorities had taken all necessary measures to enforce the judgment in question.
11. The applicant disagreed.
12. The Court has frequently found violations of Articles 6 § 1 and 13 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention in cases raising similar issues to those in the present case (see Romashov v. Ukraine, cited above, § 46; Voytenko v. Ukraine, no. 18966/02, §§ 43, 48 and 55, 29 June 2004; and Petrova and Chornobryvets v. Ukraine, nos. 6360/04 and 16820/04, § 21, 15 May 2008).
13. Having examined all the material submitted to it, the Court considers that the Government have not put forward any fact or argument capable of persuading it to reach a different conclusion in the present case.
14. There has, accordingly, been a violation of Articles 6 § 1 and 13 of the Convention and a violation of Article 1 of Protocol No. 1.
II. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
15. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
16. The applicant claimed the unpaid judgment debt and 9,000 euros in respect of non-pecuniary damage.
17. The Government had no objections to the enforcement of the judgment at issue. They contested the applicant’s claims in respect of non-pecuniary damage.
18. The Court notes that it is undisputed that the State still has an outstanding obligation to enforce the judgment given in the applicant’s favour. It further takes the view that the applicant must have sustained non-pecuniary damage as a result of the violation found. Making its assessment on an equitable basis, as required by Article 41 of the Convention, the Court awards the applicant EUR 2,000 under this head.
B. Costs and expenses
19. The applicant claimed EUR 16 for the costs and expenses incurred before the Court. He provided the relevant supporting documents.
20. The Court considers it reasonable to award the applicant the sum claimed.
C. Default interest
21. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the application admissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 6 § 1 the Convention;
3. Holds that there has been a violation of Article 13 the Convention;
4. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;
5. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicant, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the outstanding judgment debt due to him, EUR 2,000 (two thousand euros) in respect of non-pecuniary damage, and EUR 16 (sixteen euros) in respect of costs and expenses, to be converted into the national currency of the respondent State at the rate applicable at the date of settlement, plus any tax that may be chargeable to the applicant;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amount at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
6. Dismisses the remainder of the applicant’s claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 10 December 2009, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Claudia Westerdiek Peer Lorenzen Registrar Preident
1 Approximately 737 euros (EUR).


TESTO TRADOTTO

QUINTA SEZIONE
CAUSA SAVULA C. UCRAINA
(Richiesta n. 12868/05)
SENTENZA
STRASBOURG
10 dicembre 2009
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della
Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Savula c. Ucraina,
La Corte europea dei Diritti umani (quinta Sezione), riunendosi che come una Camera, composta da:
Pari Lorenzen, Presidente, Renate Jaeger Karel Jungwiert, Rait Maruste Isabelle Berro-Lefèvre, Zdravka Kalaydjieva giudici, Mykhaylo Buromenskiy ad giudice di hoc,
e Claudia Westerdiek, Cancelliere di Sezione
Avendo deliberato in privato il 17 novembre 2009,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quest’ultima data menzionata:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 12868/05) contro l'Ucraina depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino ucraino, il Sig. Y. M. S. (“il richiedente”), il 29 marzo 2005.
2. Il Governo ucraino (“il Governo”) fu rappresentato dal suo Agente, il Sig. Yuriy Zaytsev, del Ministero della Giustizia.
3. Il 14 gennaio 2009 il Presidente della quinta Sezione decise di dare avviso della richiesta al Governo. Fu deciso anche di decidere sull'ammissibilità e i meriti della richiesta allo stesso tempo (Articolo 29 § 3).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
4. Il richiedente nacque nel 1930 e vive a Lviv. Lui è un giudice pensionato.
5. Il 22 febbraio 2000 la Corte distrettuale di Frankivskyy di Lviv assegnò 4,107.93 hryvnia ucraini al richiedente (UAH)1 per risarcimento per i suoi benefici arretrati di tutta la vita, da pagare dal Ministero della Giustizia. La sentenza divenne definitiva il 4 marzo 2000.
6. Il 24 dicembre 2004 il Servizio degli Ufficiali giudiziari Statali restituì l'ordine di esecuzione della sentenza al richiedente, informandolo che la sentenza a causa della mancanza del debitore di finanziamenti non poteva essere eseguita. Rimane non eseguita.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
7. Il diritto nazionale attinente è riassunto nella sentenza Romashov c. Ucraina, n. 67534/01, §§ 16-19, 27 luglio 2004 e Zubko ed Altri c. l'Ucraina, N. 3955/04, 5622/04 8538/04 e 11418/04, §§ 33-40 ECHR 2006-VI (estratti).
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DEGLI ARTICOLI 6 § 1 E 13 DELLA CONVENZIONE E DELL’ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1 ALLA CONVENZIONE
8. Il richiedente si lamentò della non-esecuzione della sentenza resa a suo favore e la mancanza di una via di ricorso effettiva a quel riguardo. Lui si appellò agli Articoli 6 § 1 e 13 della Convenzione e all’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che prevedono nella loro parte attinente, ciò che segue:
Articolo 6 § 1
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale…”
Articolo 13
“Chiunque i cui diritti e le libertà come riconosciuti [dalla] Convenzione sono violati avrà una via di ricorso effettiva di fronte ad un'autorità nazionale anche se la violazione fosse stata commessa da persone che agiscono in veste ufficiale.”
Articolo 1 di Protocollo N.ro 1
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Ammissibilità
9. La Corte nota che le azioni di reclamo del richiedente non sono manifestamente mal-fondate all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non sono inammissibili per qualsiasi altro motivo. Devono essere dichiarate perciò ammissibili.
B. Meriti
10. Il Governo sostenne che non c'era violazione di nessuna delle disposizioni della Convenzione siccome le autorità Statali avevano preso tutte le misure necessarie per eseguire la sentenza in oggetto.
11. Il richiedente non era d'accordo.
12. La Corte ha trovato frequentemente violazioni degli Articoli 6 § 1 e 13 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione in cause che sollevavano problemi simili a quelli nella presente causa (vedere Romashov c. Ucraina, citata sopra, § 46; Voytenko c. Ucraina, n. 18966/02, §§ 43, 48 e 55 del 29 giugno 2004; e Petrova e Chornobryvets c. Ucraina, N. 6360/04 e 16820/04, § 21 del 15 maggio 2008).
13. Avendo esaminato tutto il materiale presentato a lei, la Corte considera che il Governo non ha esposto qualsiasi fatto o argomento capace di persuaderla a giungere ad una conclusione diversa nella presente causa.
14. Là, di conseguenza, vi è stata una violazione degli Articoli 6 § 1 e 13 della Convenzione ed una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
II. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
15. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
16. Il richiedente chiese il debito di sentenza non retribuito e 9,000 euro a riguardo del danno non-patrimoniale.
17. Il Governo non aveva eccezioni all'esecuzione della sentenza in questione. Contestò le rivendicazioni del richiedente a riguardo del danno non-patrimoniale.
18. La Corte nota che è incontrastato che lo Stato ha ancora un obbligo insoluto di esecuzione della sentenza resa a favore del richiedente. Prende inoltre la prospettiva che il richiedente ha dovuto subire un danno non-patrimoniale come risultato della violazione trovata. Facendo la sua valutazione su una base equa, come richiesto dall’Articolo 41 della Convenzione, la Corte assegna EUR 2,000 al richiedente sotto questo capo.
B. Costi e spese
19. Il richiedente chiese EUR 16 per i costi e le spese incorse di fronte alla Corte. Lui offrì documenti attinenti a sostegno.
20. La Corte considera ragionevole assegnare al richiedente la somma chiesta.
C. Interesse di mora
21. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara la richiesta ammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione;
3. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 13 della Convenzione;
4. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione;
5. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare al richiedente, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione il debito di sentenza insoluto nei suoi confronti, EUR 2,000 (due mila euro) a riguardo del danno non-patrimoniale, ed EUR 16 (sedici euro) a riguardo di costi e spese, da convertire nella valuta nazionale dello Stato rispondente al tasso applicabile in data dell’ accordo, più qualsiasi tassa che può essere a carico del richiedente;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’interesse semplice sarà pagabile sull'importo sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
6. Respinge il resto della rivendicazione del richiedente per la soddisfazione equa.
Fatto in inglesi, e notificato per iscritto il 10 dicembre 2009, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Claudia Westerdiek Pari Lorenzen
Cancelliera Preidente
1 approssimativamente 737 euro (EUR).




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 14/09/2020.