ANPTES - COME OPERIAMO A TUTELA DEGLI ESPROPRIATI

Diritti

A.N.P.T.ES.  Associazione Nazionale Per la Tutela degli Espropriati  Sito 1

I NOSTRI 5 SITI A DIFESA DEGLI ESPROPRIATI:

QUESTO E' IL SITO 1 -  PER GLI ESPROPRIATI   

Per sapere come reagire all'espropriazione per pubblica utilità

GLI AUTORI DEI TESTI - I RESPONSABILI - LA STRUTTURA  Autori - Fini - Struttura

INDICE GENERALE: HOME   TELEFONI - FAX - INDIRIZZI:  CONTATTI  

OLTRE 200 REFERENTI TERRITORIALI  ITALIA: REGIONI E PROVINCE

SITO 1 - PER GLI ESPROPRIATI <  Sei qui

SITO 2 - PER SPECIALISTI - TESTI PRONTI

SITO 3 - LA NOSTRA BANCA DATI GRATUITA

SITO 4 - PER I REFERENTI TERRITORIALI

SITO 5 - PER GLI STUDENTI

.

  VUOI CHIAMARCI?
   06.91.65.04.018

Segreteria Centralizzata
 Lunedì/Venerdì ore 9 - 12  / 15 - 19  

TI SERVE UN CONSIGLIO?
E' Gratuito!

 Invia una mail e telefonaci. Clicca qui:

COLLOQUIO TELEFONICO GRATUITO

  HAI FRETTA?
Vedi cosa fare, come e quando.
Scarica il nostro Vademecum

Clicca qui:  VADEMECUM GRATUITO

.

Sei qui
     > Sito 1 - PER GLI ESPROPRIATI
     > Vai all'indice della sezione C.2 fini - persone - strumenti - struttura 
  
  > VAI ALLA HOME 
 

3 - IL MODO DI OPERARE

A . PER EVITARE IL CONTENZIOSO

L’Associazione consiglia, per quanto possibile, di evitare il contenzioso giudiziale, operando per far ottenere all’espropriato quanto gli spetta senza ricorrere al contenzioso.
Questo scopo, spesso, può essere raggiunto inoltrando all'Amministrazione il
DAP, illustrato qui B.3 IL DAP: TUTELARSI E/O OPPORSI  in cui vengono illustrati i diritti dell'espropriato alla luce di norme e sentenze Italiane ed Europee e vengono evidenziati i rischi che l'Amministrazione  corre con il contenzioso dinnanzi alla Corte Europea.


Ma, se è necessario e l’espropriato lo richiede, l’Associazione gli mette a disposizione gli strumenti  per agire in ogni sede, compresa la Corte Europea.

 

Se l’ Espropriato ha già un consulente che lo assiste, l'Associazione offre ai consulenti che già assistono l'espropriato l'opportunità di utilizzare, gratuitamente, tutte le informazioni presenti su questo Sito.
 

Se l’espropriato non ha ancora un consulente che lo assiste, l'Associazione, su espressa richiesta dell'espropriato, può segnalargli uno dei suoi Referenti Territoriali.

E’ opportuno ricordare che i Referenti Territoriali sono liberi professionisti e, di conseguenza, non sono obbligati ad accettare tutte le richieste di assistenza che pervengono.

Per sapere se uno degli Avvocati o dei Tecnici aderenti all'Associazione è disposto ad assisterlo, l’espropriato potrà telefonare per farne richiesta al numero che trova sul Sito ed avrà, anche in caso negativo, una risposta entro 48 ore.

B. PER CURARE LA QUALITA’ DELL’ASSISTENZA

L'Associazione, nelle sue esperienze, ha incontrato pochi giuristi o tecnici che conoscono a fondo il diritto dell’espropriazione e le norme CEDU.
E ciò, anche se esercitano ottimamente la loro attività in altri rami del diritto, diversi dall'espropriazione.
Essa, pertanto, per coordinare l’assistenza agli espropriati, ha adottato il seguente modello operativo:

-

Ricerca su tutto il territorio nazionale Consulenti che devono essere regolarmente iscritti agli Albi Professionali e dichiarare il loro livello di conoscenza del Diritto dell'Espropriazione e delle norme CEDU. (Sono denominati Referenti Territoriali,  Avvocati e Tecnici)

-

Assegna compiti informativi e di coordinamento a quelli che hanno riportato significativi successi in materia di espropriazione o che vantano un'approfondita conoscenza della materia.

-

Mette a disposizione dei Consulenti tutto il patrimonio di conoscenze di cui essa dispone e li impegna a coordinarsi con il patrimonio di conoscenze di cui dispongono l’Associazione ed altri Consulenti.

C. PER GESTIRE I COSTI DELL’ASSISTENZA

L’Associazione

-

Offre agli espropriati l'opportunità di avere un contatto con un giurista in modo assolutamente gratuito; in questo modo l’espropriato potrà valutare, senza alcun costo, se e come può far valere i suoi diritti.

-

Impegna tutti i Consulenti ad applicare regole di comportamento e tariffe concordate con l’espropriato e controllate dall’Associazione; l’espropriato, quindi, ha l'Associazione sempre al suo fianco anche per gestire i costi dell'assistenza.