ESPROPRIAZIONE: PRINCIPI E SENTENZE CEDU

Diritti

A.N.P.T.ES.  Associazione Nazionale Per la Tutela degli Espropriati  Sito 1

I NOSTRI 5 SITI A DIFESA DEGLI ESPROPRIATI:

QUESTO E' IL SITO 1 -  PER GLI ESPROPRIATI   

Per sapere come reagire all'espropriazione per pubblica utilità

GLI AUTORI DEI TESTI - I RESPONSABILI - LA STRUTTURA  Autori - Fini - Struttura

INDICE GENERALE: HOME   TELEFONI - FAX - INDIRIZZI:  CONTATTI  

OLTRE 200 REFERENTI TERRITORIALI  ITALIA: REGIONI E PROVINCE

SITO 1 - PER GLI ESPROPRIATI <  Sei qui

SITO 2 - PER SPECIALISTI - TESTI PRONTI

SITO 3 - LA NOSTRA BANCA DATI GRATUITA

SITO 4 - PER I REFERENTI TERRITORIALI

SITO 5 - PER GLI STUDENTI

.

  VUOI CHIAMARCI?
   06.91.65.04.018

Segreteria Centralizzata
 Lunedì/Venerdì ore 9 - 12  / 15 - 19  

TI SERVE UN CONSIGLIO?
E' Gratuito!

 Invia una mail e telefonaci. Clicca qui:

COLLOQUIO TELEFONICO GRATUITO

  HAI FRETTA?
Vedi cosa fare, come e quando.
Scarica il nostro Vademecum

Clicca qui:  VADEMECUM GRATUITO

.

Sei qui
     > Sito 1 - PER GLI ESPROPRIATI
     > Vai all'indice della sezione A.5 l'indennita' norme cedu 
  
  > VAI ALLA HOME 
 

 3 - Alcuni esempi di principi e di sentenze della Corte Europea

Ecco qui di seguito alcuni esempi di principi sanciti dalla Corte Europea

1.

INDENNITA’
L’indennità deve essere collegata al valore di mercato del bene anche quando la legge italiana dispone diversamente e ciò indipendentemente dal tipo di bene espropriato.

2.

PRESCRIZIONE
Lespropriato ha comunque diritto all'indennità o al risarcimento dei danni, nell'ipotesi di occupazione abusiva, appropriativa, ecc., anche se il giudice italiano ha dichiarato la prescrizione del relativo diritto perchè lespropriato lo ha fatto valere tardivamente.

3.

DANNO ALL’AZIENDA
Il danno illegittimo all’azienda (non solo agricola, ma anche, commerciale, industriale) deve essere risarcito
anche se la legge italiana non lo prevede.

Come è evidente, tali principi non trovano riscontro nelle leggi italiane vigenti in tema di espropriazione, ma l’espropriato deve chiedere che essi siano applicati dalle Amministrazioni e dai Giudici italiani.

Se ciò non avviene,
l’espropriato può ricorrere alla CEDU per ottenere il riconoscimento dei suoi diritti
e può comunque incassare l’indennità provvisoria, in acconto salvo conguaglio.
 

Ed ecco anche alcuni esempi di Sentenze.
(I testi integrali sono contenuti nel Sito 3 - La nostra banca Dati Gratuita)

1.

Primo esempio: ricorso n.36813/97
I Giudici Italiani avevano liquidato al ricorrente la somma di
Lire 148.041.540 (circa centoquarantottomilioni) la Corte Europea gli ha liquidato  Euro 580.000,00 (cinquecentoottantamila euro).

2.

Secondo esempio: ricorso n.43662/98
La Corte Europea liquida
Euro 3.300.000,00 per un'area estesa meno di 4.000 mq.

3.

Terzo esempio: ricorso n.18791/03 - *
La Corte Europea "demolisce" la prescrizione; a volte si può ricorrere anche se in  Italia è intervenuta la prescrizione. 
*
Sentenza ottenuta da Avvocati aderenti all'Associazione.

4.

Quarto esempio: ricorso n. 162/04 - *
La Corte Europea  ammette che ad essa si possa fare subito ricorso  (senza rivolgersi prima ai Giudici Italiani) quando si presume che i Giudici Italiani non garantiscono l'applicazione delle norme europee.
* Sentenza ottenuta da Avvocati aderenti all'Associazione.

Si noti inoltre che molti Giudici Italiani applicano già direttamente le norme CEDU (senza costringere gli espropriati a ricorrere alla Corte Europea).
Un esempio:

La Corte d'Appello di Firenze
liquida ad un espropriato la somma di oltre 2 milioni di euro applicando le norme CEDU;  l'Amministrazione aveva offerto all'espropriato soltanto 53 milioni di lire.*
*Sentenza ottenuta da Avvocati
aderenti all'Associazione.