Posizione dell'art 54 all'interno del T.U. (ndr: riportata per agevolare la lettura sistematica della norma).
Titolo IV

DISPOSIZIONI SULLA TUTELA GIURISDIZIONALE

 
Art. 54. Opposizioni alla stima (L)
Comma 1
(art. 54)

1. Decorsi trenta giorni dalla comunicazione prevista dall'articolo 27, comma 2, il proprietario espropriato, il promotore dell'espropriazione o il terzo che ne abbia interesse può impugnare innanzi all'autorità giudiziaria gli atti dei procedimenti di nomina dei periti e di determinazione dell'indennità, la stima fatta dai tecnici, la liquidazione delle spese di stima e comunque può chiedere la determinazione giudiziale dell'indennità. Le controversie di cui al presente comma sono disciplinate dall'articolo 29 del decreto legislativo 1° settembre 2011, n. 150  *(L) [1]

* ndr.

Comma così sostituito dall'articolo 34 comma 37 del D. Lgs. 1 settembre 2011 n.150.

Si riporta, per comodità dell'utente, il suddetto art 29

Art. 29

1. Le controversie aventi ad oggetto l'opposizione alla stima di cui all'articolo 54 del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 327, sono regolate dal rito sommario di cognizione, ove non diversamente disposto dal presente articolo.

2. E' competente la corte di appello nel cui distretto si trova il bene espropriato.

3. L'opposizione va proposta, a pena di inammissibilita', entro il termine di trenta giorni dalla notifica del decreto di esproprio o dalla notifica della stima peritale, se quest'ultima sia successiva al decreto di esproprio. Il termine e' di sessanta giorni se il ricorrente risiede all'estero.

4. Il ricorso e' notificato all'autorita' espropriante, al promotore dell'espropriazione e, se del caso, al beneficiario dell'espropriazione, se attore e' il proprietario del bene, ovvero all'autorita' espropriante e al proprietario del bene, se attore e' il promotore dell'espropriazione. Il ricorso e' notificato anche al concessionario dell'opera pubblica, se a questi sia stato affidato il pagamento dell'indennita'.

(Il Testo precedente era il seguente.
Decorsi trenta giorni dalla comunicazione prevista dall'articolo 27, comma 2, il proprietario espropriato, il promotore dell'espropriazione o il terzo che ne abbia interesse può impugnare innanzi alla corte d'appello, nel cui distretto si trova il bene espropriato, gli atti dei procedimenti di nomina dei periti e di determinazione dell'indennità, la stima fatta dai tecnici o dalla Commissione provinciale, la liquidazione delle spese di stima e comunque può chiedere la determinazione giudiziale dell'indennità).

   
Comma 2(art. 54)

( L'opposizione di cui al comma 1 va proposta, a pena di decadenza, entro il termine di trenta giorni, decorrente dalla notifica del decreto di esproprio o dalla notifica della stima peritale, se quest'ultima sia successiva al decreto di esproprio. (L)

Comma abrogato dall'articolo 34 comma 37 lettera b) del D. Lgs. 1 settembre 2011 n 150)

   
Comma 3 (art. 54) (L'opposizione alla stima è proposta con atto di citazione notificato all'autorità espropriante, al promotore dell'espropriazione e, se del caso, al beneficiario dell'espropriazione, se attore è il proprietario del bene, ovvero notificato all'autorità espropriante e al proprietario del bene, se attore è il promotore dell'espropriazione. (L)
Comma abrogato dall'articolo 34 comma 37 lettera b) del D. Lgs. 1 settembre 2011n 150)
   
Comma 4(art. 54) (L'atto di citazione va notificato anche al concessionario dell'opera pubblica, se a questi sia stato affidato il pagamento dell'indennità. (L)
Comma abrogato dall'articolo 34 comma 37 lettera b) del D. Lgs. 1 settembre 2011n 150)
   
Comma 5(art. 54) Trascorso il termine per la proposizione dell'opposizione alla stima, l'indennità è fissata definitivamente nella somma risultante dalla perizia. (L)
   
 

Nota. Per esaminare le norme con le quali, nel tempo, si è formato il testo dell'articolo:
[1]
Comma modificato dal D.Lgs. 27 dicembre 2002, n.302 art. 1 comma 1 lettera oo) n. 1 (Gazzetta Ufficiale N. 17 del 22 Gennaio 2003);

 
___________________________________________________________________________________

Avvertenza
Il T.U. SUGLI ESPROPRI qui pubblicato è già stato coordinato dall'Associazione
con  le norme che hanno interessato il DPR n. 327  dalla sua emanazione (2001)  fino ad oggi (la data di validità dei testi è sempre indicata nella home del Sito).

PERO' ATTENZIONE: i riferimenti cartacei sono importanti.
I testi acquisiti tramite internet, infatti, non sostituiscono le pubblicazioni cartacee, non rivestono carattere di ufficialità e possono essere manipolati da pirati informatici; l'Associazione, pertanto, ha anche  predisposto un'apposita pagina per facilitare il reperimento del supporto cartaceo delle norme, indicando per ogni norma gli estremi della Gazzetta Ufficiale in cui è stata pubblicata;
vi si può accedere
cliccando qui Vai all'elenco dei riferimenti cartacei

Informazione
Se preferite avere il DPR su un'unica pagina internet per eventuali stampe o diverse consultazioni, potete cliccare qui: Vai al dpr su una pagina; sappiate però che la pagina è molto pesante ed è indispensabile avere una connessione internet ad alta velocità.

-
 

Associazione Nazionale Per la Tutela degli Espropriati
- anptes -
Barra di navigazione nel
Sito 1- Per gli espropriati

Per tornare alla pagina precedente: usa il tasto indietro del tuo navigatore
Per andare alla home clicca qui: HOME
Per andare all'indice del T.U. clicca qui:DPR2001/327
Per andare ad altri articoli del T.U. ESPROPRI - DPR 2001/327 - clicca sul numero dell'articolo:

1

11

21

30

40

50

52.9

2

12

22

31

41

51

53

3

13

22.2

32

42

52

54

4

14

23

33

43

52.2

55

5

15

24

34

44

52.3

56

6

16

25

35

 45

52.4

57

7

17

26

36

46

52.5

57.2

8

18

27

37

47

52.6

58

9

19

28

38

48

52.7

59

10

20

29

39

49

52.8