Posizione dell'art 52quinquies all'interno del T.U. (ndr: riportata per agevolare la lettura sistematica della norma
Titolo III
Capo II

DISPOSIZIONI PARTICOLARI
DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INFRASTRUTTURE LINEARI ED ENERGETICHE

   
Art. 52
quinquies

Disposizioni particolari per le infrastrutture lineari energetiche facenti parte delle reti   energetiche nazionali [1]

Comma 1
(art. 52
quinquies)
Alle infrastrutture lineari energetiche facenti parte della rete nazionale di trasmissione dell'energia elettrica, individuate nel piano di sviluppo della rete elettrica di cui all'articolo 3, comma 2, del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, ed all'articolo 1-ter, comma 2, del decreto-legge 29 agosto 2003, n. 239, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 ottobre 2003, n. 290, si applicano le disposizioni di cui all'articolo 1-sexies del citato decreto-legge 29 agosto 2003, n. 239, come modificate dall'articolo 1, comma 26, della legge 23 agosto 2004, n. 239, nonché le disposizioni di cui al comma 6 e all'articolo 52-quater, comma 6.
   
Comma 2
(art. 52
quinquies)
Per le infrastrutture lineari energetiche, individuate dall'Autorità competente come appartenenti alla rete nazionale dei gasdotti di cui all'articolo 9 del decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, e per gli oleodotti facenti parte delle reti nazionali di trasporto, l'autorizzazione alla costruzione ed all'esercizio delle stesse, rilasciata dalla stessa amministrazione, comprende la dichiarazione di pubblica utilità dell'opera, la valutazione di impatto ambientale, ove prevista dalla normativa vigente, ovvero la valutazione di incidenza naturalistico-ambientale di cui al decreto d.P.R. 8 settembre 1997, n. 357, l'apposizione del vincolo preordinato all'esproprio dei beni in essa compresi e la variazione degli strumenti urbanistici. L'autorizzazione inoltre sostituisce, anche ai fini urbanistici ed edilizi, ogni altra autorizzazione, concessione, approvazione, parere, atto di assenso e nulla osta comunque denominati, previsti dalle norme vigenti, costituendo titolo a costruire e ad esercire tutte le opere e tutte le attività previste nel progetto approvato, fatti salvi gli adempimenti previsti dalle norme di sicurezza vigenti. Per il rilascio dell'autorizzazione, ai fini della verifica della conformità urbanistica dell'opera, è fatto obbligo di richiedere il parere motivato degli enti locali nel cui territorio ricadano le opere da realizzare. Il rilascio del parere non può incidere sul rispetto del termine entro il quale è prevista la conclusione del procedimento. Al procedimento partecipano i soggetti preposti ad esprimersi in relazione a eventuali interferenze con altre infrastrutture esistenti. Il procedimento si conclude, in ogni caso, entro il termine di nove mesi dalla data di presentazione della richiesta, o di sei mesi dalla stessa data ove non sia prescritta la procedura di valutazione di impatto ambientale. Il provvedimento finale comprende anche l'approvazione del progetto definitivo e determina l'inizio del procedimento di esproprio di cui al Capo IV del titolo II.
   
Comma 3
(art. 52
quinquies)
Qualora l'avvio dei lavori rivesta carattere di urgenza, oltre ai casi previsti dagli articoli 22, comma 2, e 22-bis, comma 2, il decreto di esproprio o di occupazione anticipata può altresì essere emanato ed eseguito, in base alla determinazione urgente delle indennità di espropriazione, senza particolari indagini o formalità, con le modalità di cui all'articolo 52-nonies, per le infrastrutture lineari energetiche, dichiarate di pubblica utilità. Gli stessi decreti sono emanati nel termine di sessanta giorni dalla data di ricevimento dell'istanza del beneficiario dell'espropriazione.
   
Comma 4
(art. 52
quinquies)
L'autorizzazione di cui al comma 2 indica le prescrizioni e gli obblighi di informativa posti a carico del soggetto proponente per garantire il coordinamento e la salvaguardia del sistema energetico nazionale e la tutela ambientale e dei beni culturali, nonché il termine entro il quale l'infrastruttura lineare energetica è realizzata.
   
Comma 5
(art. 52
quinquies)
Per le infrastrutture lineari energetiche di cui al comma 2, l'atto conclusivo del procedimento di cui al comma 2 è adottato d'intesa con le Regioni interessate.
   
Comma 6
(art. 52
quinquies)
In caso di mancata definizione dell'intesa con la Regione o le Regioni interessate nel termine prescritto per il rilascio dell'autorizzazione, nel rispetto dei principi di sussidiarietà e leale collaborazione, si provvede, entro i successivi sei mesi, a mezzo di un collegio tecnico costituito d'intesa tra il Ministro delle attività produttive e la Regione interessata, ad una nuova valutazione dell'opera e dell'eventuale proposta alternativa formulata dalla Regione dissenziente. Ove permanga il dissenso, l'opera è autorizzata nei successivi novanta giorni, con decreto del Presidente della Repubblica, previa deliberazione del Consiglio dei Ministri, integrato con il Presidente della Regione interessata, su proposta del Ministro delle attività produttive, di concerto con il Ministro competente, sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano
   
Comma 7
(art. 52
quinquies)
Alle infrastrutture lineari energetiche di cui al comma 2 si applicano le disposizioni dell'articolo 52-quater, commi 2, 4 e 6.
   
 

Nota. Per esaminare le norme con le quali, nel tempo, si è formato il testo dell'articolo:
[1] 
Articolo inserito dal D.Lgs. 27 dicembre 2004, n. 330 art. 1, comma 1 lett. c (rif art 52  quinquies) (Gazzetta Ufficiale N. 25 del 01 Febbraio 2005)

 
___________________________________________________________________________________

Avvertenza
Il T.U. SUGLI ESPROPRI qui pubblicato è già stato coordinato dall'Associazione
con  le norme che hanno interessato il DPR n. 327  dalla sua emanazione (2001)  fino ad oggi (la data di validità dei testi è sempre indicata nella home del Sito).

PERO' ATTENZIONE: i riferimenti cartacei sono importanti.
I testi acquisiti tramite internet, infatti, non sostituiscono le pubblicazioni cartacee, non rivestono carattere di ufficialità e possono essere manipolati da pirati informatici; l'Associazione, pertanto, ha anche  predisposto un'apposita pagina per facilitare il reperimento del supporto cartaceo delle norme, indicando per ogni norma gli estremi della Gazzetta Ufficiale in cui è stata pubblicata;
vi si può accedere
cliccando qui Vai all'elenco dei riferimenti cartacei

Informazione
Se preferite avere il DPR su un'unica pagina internet per eventuali stampe o diverse consultazioni, potete cliccare qui: Vai al dpr su una pagina; sappiate però che la pagina è molto pesante ed è indispensabile avere una connessione internet ad alta velocità.

-
 

Associazione Nazionale Per la Tutela degli Espropriati
- anptes -
Barra di navigazione nel
Sito 1- Per gli espropriati

Per tornare alla pagina precedente: usa il tasto indietro del tuo navigatore
Per andare alla home clicca qui: HOME
Per andare all'indice del T.U. clicca qui:DPR2001/327
Per andare ad altri articoli del T.U. ESPROPRI - DPR 2001/327 - clicca sul numero dell'articolo:

1

11

21

30

40

50

52.9

2

12

22

31

41

51

53

3

13

22.2

32

42

52

54

4

14

23

33

43

52.2

55

5

15

24

34

44

52.3

56

6

16

25

35

 45

52.4

57

7

17

26

36

46

52.5

57.2

8

18

27

37

47

52.6

58

9

19

28

38

48

52.7

59

10

20

29

39

49

52.8