A.N.P.T.ES.  Associazione Nazionale Per la Tutela degli Espropriati

Per stampare questa pagina: Dal tuo navigatore > File > Stampa
Per salvare questa pagina: Dal tuo navigatore > File > Salva con nome
Per chiudere questa pagina e tornare indietro  clicca qui [chiudi questa finestra]

CODICE ETICO COMPORTAMENTALE
PER GLI AVVOCATI ISCRITTI  ALL’ALBO DEGLI AVVOCATI REFERENTI TERRITORIALI DELL'ASSOCIAZIONE

LE TRE  LINEE GUIDA DELL'ASSOCIAZIONE

1

Consentire agli Espropriati di tutelare i propri diritti,
- quando è possibile, gratuitamente, mediante i suoi Siti internet
- o comunque, a costi accettabili e conosciuti in anticipo, mediante i suoi Consulenti Fiduciari

2

Ricercare e mettere a disposizione degli Espropriati Avvocati e Tecnici che vogliono operare conoscendo il Diritto dell'Espropriazione e le norme CEDU e che rispettino il Codice Etico e Comportamentale dell'Associazione.

3
 

Promuovere e diffondere lo studio e la conoscenza del Diritto dell'Espropriazione e delle norme CEDU presso gli Espropriati, i Professionisti, le Università e gli Operatori, contribuendo a formare professionisti competenti e costantemente aggiornati che più incisivamente possano tutelare i diritti dei cittadini.

 

In attuazione di queste tre linee guida ed al fine di

1) Dedicare un’attenzione particolare alle norme CEDU, che  prevedono criteri di valutazione diversi da quelli fissati dalle leggi Italiane e tutelano anche altri diritti ed interessi, diversi dal diritto di proprietà, che non sono tutelati dalla legge italiana.

2) Attivarsi affinché gli espropriati conoscano i diritti che sono loro attribuiti dalla CEDU; tali diritti, in genere, non sono conosciuti dagli espropriati e, spesso, neanche dai professionisti che li assistono.

3) Operare affinché le norme CEDU siano applicate immediatamente dalle Amministrazioni e dai Giudici Italiani, senza costringere gli espropriati a far ricorso alla Corte Europea;  

4) Informare gli espropriati che è sempre necessario L'INTERVENTO DI UN GIURISTA anche quando l'espropriato intende raggiungere un accordo con l'Amministrazione e non intende fare ricorso al contenzioso.

5)
Ricercare e mettere in contatto con gli espropriati Professionisti che operino tenendosi aggiornati in tema di Diritto dell'Espropriazione e di norme CEDU

l'Associazione ha adottato il seguente Codice Etico Comportamentale cui dovranno attenersi gli Avvocati che con essa collaborano.
 

APPLICABILITA' DI QUESTO CODICE ETICO COMPORTAMENTALE

Questo Codice si applica esclusivamente ai rapporti che l'Avvocato avrà con gli espropriati che gli saranno affidati dall’Associazione (o ad altri espropriati ai quali egli avrà reso nota la sua qualifica di Avvocato Referente Territoriale, ingenerando in essi l'aspettativa dell'intervento dell’Associazione).
Rimangono quindi esclusi tutti gli espropriati che sono già o saranno clienti personali dell'Avvocato,  per i quali l'Avvocato rimane libero di chiedere o no l'intervento dell'Associazione.
 

Premesso

- che l’anptes è un’associazione che nasce ed opera ai sensi  degli articoli 2, 9, 18 e 118 della Costituzione della Repubblica Italiana e degli articoli 36 e seguenti del Codice Civile,  proponendosi la tutela di diritti ed interessi, alla stregua delle associazioni dei consumatori;
- che essa opera, specialisticamente, solo in materia di espropriazione per pubblica utilità;
-che l’Associazione, in adempimento ai suoi obblighi statutari, individua in tutta Italia legali che intendono approfondire il diritto dell’espropriazione e concorrere alla tutela degli espropriati
- che detti legali sono individuati fra soggetti che abbiano una buona conoscenza della materia o che intendano acquisirla;
- che a tal fine l’Associazione ha istituito i seguenti Albi dei Cultori del Diritto dell'Espropriazione
   Albo A - Avvocati Referenti Territoriali non ancora pronti ad operare

   Albo B - Avvocati Referenti Territoriali pronti ad operare
   Albo C - Avvocati Fiduciari Specialisti

cui possono iscriversi gli Avvocati che intendono operare applicando il Codice Etico e Comportamentale qui di seguito illustrato
- che le modalità di svolgimento delle attività e le norme comportamentali sono qui elencate nei punti che seguono
 

tutto ciò premesso,

gli Avvocati Referenti Territoriali dell'Associazione  si atterranno alle seguenti regole.

ILLUSTRAZIONE SINTETICA DEL CODICE CODICE ETICO COMPORTAMENTALE PER GLI AVVOCATI 

A) Scopi dell'Associazione
Con l’istituzione dell'
Albo degli Avvocati Referenti Territoriali l
'Associazione si propone di attivare una rete territoriale di Avvocati che:
-  tutelino in modo qualificato gli espropriati che richiedono assistenza,
-  collaborino fra di loro per una migliore soluzione dei casi; l'Associazione, infatti, esige che le pratiche degli espropriati, data anche la complessità della materia, siano trattate da almeno due avvocati;
-  intendano approfondire le conoscenze ed il confronto culturale in tema di Diritto dell'Espropriazione con particolare riferimento alle norme CEDU
B) Scopi dell'Avvocato
Con l’iscrizione al suddetto Albo l'Avvocato intende:
- partecipare al confronto culturale in tema di Diritto dell'Espropriazione con particolare riferimento alle norme CEDU
-  porsi come presidio sul territorio per la tutela degli espropriati

C) Obblighi dell’Associazione
L'Associazione non assume obbligazioni nei confronti dell’Avvocato e non vi è certezza che nella zona in cui egli opera siano oggi presenti espropriati aderenti all’Associazione né che essi, se presenti, chiedano a lui assistenza.
D) Obblighi dell’Avvocato
L’Avvocato assume esclusivamente l’obbligo di riferire all’Associazione i casi di esproprio di cui si occupa al fine di trattarli come previsto nel
presente Codice Etico e Comportamentale
tale obbligo è limitato agli espropriati che gli saranno affidati dall’Associazione o ad altri espropriati ai quali egli avrà reso nota la  sua qualifica di Referente Territoriale, ingenerando in essi l'aspettativa dell'intervento dell’Associazione.
La richiesta dell’intervento  dell'Associazione per altri espropriati diversi da quelli prima indicati, sarà solo facoltativa.  
E) Compensi
Nessun compenso dovranno corrispondersi vicendevolmente l’Avvocato Referente Territoriale e l’Associazione;
i compensi agli Avvocati sono corrisposti dagli espropriati e nulla dovranno l’Associazione agli Avvocati né gli Avvocati all’Associazione.
L'Associazione rimane estranea al rapporto fra gli Avvocati e gli Espropriati;  essa, infatti, si sostiene esclusivamente con le quote associative e con i contributi volontari;  con l’attribuzione della qualifica di Avvocato Referente Territoriale, pertanto, essa intende solo garantire un'eccellente assistenza agli espropriati e non trarre benefici economici.

F) L'Associazione ha attivato e tiene aggiornati i seguenti tre Albi:
 - Albo A - Avvocati Referenti Territoriali non ancora pronti ad operare
Sono iscritti a questo Albo gli  Avvocati che, pur avendo interesse per il Diritto dell’Espropriazione,
non hanno ancora padronanza della materia e intendono ulteriormente approfondirla.
questi Avvocati:

- possono ricevere incarichi di domiciliatario da parte di altri colleghi che collaborano con l'Associazione fermo restando  il loro diritto di rifiutare incarichi non graditi;

- saranno loro stessi a comunicare all’Associazione, utilizzando il sito per i Referenti,  quando hanno completato l'approfondimento della materia e si ritengono pronti ad operare.

 - Albo B - Avvocati Referenti Territoriali pronti ad operare
Sono iscritti a questo Albo gli Avvocati che hanno  una buona competenza in materia di Diritto dell’Espropriazione;
questi Avvocati:
- possono ricevere incarichi relativi ad espropriati aderenti all’Associazione
- possono  pubblicizzare la loro qualifica

- si coordinano sempre per trattare i casi che vengono loro affidati (o che acquisiscono a seguito della pubblicizzazione della loro qualifica) con un avvocato Fiduciario Specialista; l’Associazione, infatti, esige che uno stesso caso sia esaminato da almeno due avvocati, di cui almeno uno iscritto all'Albo dei Fiduciari Specialisti, i cui recapiti devono  essere comunicati all'espropriato affinché possa liberamente contattarlo.
-  possono ricevere incarichi di domiciliatario da parte di altri colleghi che collaborano con l'Associazione fermo restando  il loro diritto di rifiutare incarichi non graditi.

 -
Albo C - Avvocati Fiduciari Specialisti
Sono iscritti a questo Albo gli Avvocati
- che vantano una profonda conoscenza del Diritto dell’Espropriazione e, preferibilmente, anche delle norme CEDU 
- o che hanno riportato significativi risultati innanzi ai Giudici Italiani o Europei
- o che hanno scritto e pubblicato in tema di espropriazione per pubblica utilità o urbanistica o lavori pubblici
- che si aggiornano metodicamente,
- che hanno attitudine alla trasmissione del loro sapere,
- che dimostrano una particolare efficienza nell'espletamento delle pratiche 
- che sono sempre facilmente reperibili.

ESPOSIZIONE  COMPLETA DEL CODICE CODICE ETICO COMPORTAMENTALE PER GLI AVVOCATI

PUNTO 1 NORME GENERALI
L’Avvocato  presterà attività di assistenza e consulenza agli Espropriati che a lui si rivolgeranno in quanto Referente Territoriale dell’Associazione, impegnandosi a:
a) Prendere con sollecitudine contatto con gli Espropriati.
b) Non richiedere compensi per la formulazione del primo orientamento di massima orale all’espropriato, in quanto in tale sede egli non dovrà in alcun modo  porre in essere attività professionale, ma dovrà limitarsi ad illustrare le norme vigenti in tema di espropriazione, anche utilizzando le informazioni contenute nel Sito per gli espropriati curato dall’Associazione.
c) Applicare tariffe concordate con l’Associazione e ad essa regolarmente comunicate, nel rispetto comunque delle norme giuridiche e deontologiche vigenti in tema di tariffe professionali e fermo restando il suo pieno diritto di rifiutare incarichi.
d) Operare con la massima correttezza, rispettando standard di qualità e modelli comportamentali improntati alla serietà professionale più assoluta e, ovviamente, al pieno rispetto del codice deontologico.
e) Informare tempestivamente l’Associazione sui contatti con gli espropriati e sullo svolgimento delle pratiche, fermo restando che solo a lui ed all’espropriato spetteranno le decisioni finali; ciò al fine di assicurare all’Avvocato
 la piena autonomia che gli garantisce la legge e consentire nel contempo all’Associazione di  adempiere al suo dovere, morale e statutario, di seguire le vicende degli espropriati

PUNTO 2

ATTIVITA'
L’Associazione coordina l’assistenza agli espropriati ispirandosi agli strumenti operativi utilizzati dalle associazioni sindacali e dalle associazioni dei consumatori, ma esige che le pratiche degli espropriati, data anche la complessità della materia, siano trattate da almeno due avvocati, di cui almeno uno iscritto nel sopra descritto Albo C -  Avvocati Fiduciari Specialisti.
Questa possibilità che lo stesso caso venga esaminato contemporaneamente da più Giuristi in reciproca collaborazione, costituisce il nucleo essenziale dell’assistenza agli espropriati ed accresce l’affidabilità dell’Associazione e, di conseguenza, dei suoi Avvocati Referenti Territoriali.
Il rapporto fra l’Avvocato Referente Territoriale e l’Associazione si svolgerà, pertanto, nel modo seguente:
a) L'Associazione comunicherà all’Avvocato Referente Territoriale gli estremi dell’Espropriato che ad essa ha richiesto assistenza e che l’Avvocato Referente Territoriale dovrà assistere.
Viceversa, se un espropriato chiede assistenza direttamente all’Avvocato Referente Territoriale, è questi che comunica all’Associazione gli estremi dell’Espropriato che gli ha chiesto assistenza e che egli si accinge ad assistere.
b) L'Associazione designerà un Avvocato Specialista, che collaborerà con l’Avvocato Referente Territoriale nella trattazione del caso comunicandone i recapiti all’Avvocato Referente Territoriale.
L' Avvocato Referente Territoriale
comunicherà all'espropriato i recapiti dell' Avvocato Specialista.
c) L’Avvocato Referente Territoriale concorderà una linea operativa con l’Avvocato Specialista, che potrà anche fornirgli idee, pareri, informazioni e documentazione, con particolare riguardo alle norme CEDU.
d) Resta comunque stabilito che tutte le scelte competono esclusivamente all’Avvocato Referente Territoriale, che assume l’incarico dall’espropriato e con il quale l’espropriato instaura il rapporto di mandato professionale.
L’Avvocato Referente Territoriale rimane pertanto libero di adottare la sua linea operativa; egli dovrà però prendere conoscenza e valutare quanto suggerito dall'Avvocato Specialista e discuterne con lo stesso.  
e) Per questa attività svolta da più Avvocati, l’Espropriato corrisponderà l’onorario esclusivamente nelle mani dell’Avvocato Referente Territoriale.
f)  Detto onorario, che dovrà essere conforme alle norme giuridiche e deontologiche vigenti in tema di tariffe professionali, sarà poi destinato nel modo seguente: una parte sarà trattenuta dall'Avvocato Referente Territoriale ed un'altra parte sarà devoluta all'Avvocato Fiduciario Specialista, secondo gli accordi che essi liberamente raggiungeranno quando assumono l'incarico o, in mancanza, in base alle norme deontologiche e consuetudinarie in materia.
g) L'onorario sarà riscosso per intero dall’Avvocato Referente Territoriale, che provvederà poi a corrispondere il compenso pattuito all’Avvocato Specialista, per l’attività professionale da questi resa; l’ Avvocato Specialista gli emetterà regolare fattura.
Il compenso sarà corrisposto all’Avvocato Specialista  quando l’Avvocato Referente Territoriale  lo riceverà dall’espropriato.
h) L'Avvocato Referente Territoriale inserirà il nominativo dell’espropriato nel sistema di comunicazione denominato Sito per i Referenti e terrà  costantemente informati, anche tramite internet, l’Avvocato Specialista e l’Associazione sullo svolgimento del rapporto di consulenza con l’Espropriato e sull'eventuale contenzioso.
i) L'Associazione rimane estranea al rapporto  fra l’Avvocato Referente Territoriale e l’Espropriato e rimane estranea anche al rapporto fra l’Avvocato Referente Territoriale e l’Avvocato Specialista;   essa, infatti, si sostiene esclusivamente con quote associative e contributi volontari e con  l’attribuzione della qualifica di Avvocato Referente Territoriale essa intende solo dare maggior forza all’assistenza degli espropriati e non trarre benefici economici.
l) Nei casi in cui l’intervento dell’Associazione sia richiesto all’Avvocato Referente Territoriale da un’Amministrazione che intende aprire un tavolo di concertazione, l’Avvocato Referente Territoriale ne darà notizia all’Associazione e si opererà stabilendo di volta in volta le regole cui attenersi.
m) L'Avvocato Referente Territoriale potrà anche essere chiamato a svolgere l'incarico di domiciliatario, ferma restando la sua facoltà di non accettare questo incarico.
n) Premesso che l’Associazione attribuisce la qualifica agli Avvocati Referenti Territoriali non in base alla presenza di espropriati nella zona in cui essi operano, ma in base al loro interesse per la materia dell’espropriazione e per le norme CEDU, è possibile che in alcune aree territoriali non operi nessun Avvocato Referente Territoriale, mentre in altre aree ne operino più di uno; se nella stessa area operano più Avvocati Referenti Territoriali, essi manterranno rapporti corretti e cordiali e, quando necessario, di reciproca collaborazione.
 
PUNTO 3 INDIVIDUAZIONE DEI RUOLI
L’ Avvocato, quando inoltra la sua domanda di iscrizione, precisa a quale dei seguenti Albi dei Cultori del Diritto dell'Espropriazione intenderebbe iscriversi:
   Albo A - Avvocati Referenti Territoriali non ancora pronti ad operare
   Albo B - Avvocati Referenti Territoriali pronti ad operare
   Albo C - Avvocati Fiduciari Specialisti

l’Associazione esamina le richieste ed assegna i ruoli, che potranno, nel tempo, essere soggetti a variazioni su richiesta dell'Avvocato; gli Avvocati Fiduciari Specialisti divengono anche, di diritto, membri del Comitato Scientifico.
PUNTO 4   DURATA DELL’ISCRIZIONE ALL’ALBO
a)
L'iscrizione all'Albo ha durata fino al 31 dicembre di ogni anno e viene rinnovata di anno in anno dall’Associazione; il rinnovo viene portato a conoscenza degli Avvocati con l’indicazione nella Home – Bacheca del Sito per i Referenti della nuova data di scadenza o con invio di mail.
L’Avvocato  può rinunciare alla qualifica di Referente Territoriale ed alla sua iscrizione all’Albo in qualsiasi momento,  senza alcun obbligo di motivazione; parimenti l’Associazione può revocare la qualifica in qualsiasi momento, senza alcun obbligo di motivazione.
Le eventuali comunicazioni di rinuncia o di revoca della qualifica con conseguente cancellazione dall'Albo saranno comunicate tramite il sistema di comunicazione contenuto nel Sito per i Referenti o tramite mail.
b) In caso di mancato rinnovo dell’attribuzione della qualifica o di rinuncia alla stessa da parte dell’Avvocato, nulla dovranno l’Avvocato e l’Associazione l’uno all’altro a nessun titolo.
c) L'Avvocato Referente Territoriale comunicherà agli Espropriati ed agli Enti con cui è venuto in contatto, l’avvenuta perdita della sua qualifica di Avvocato Referente Territoriale; la stessa comunicazione potrà esser data dall’Associazione agli Espropriati ed agli Enti. 
d) In caso di mancato rinnovo dell’attribuzione della qualifica o di rinuncia alla stessa da parte dell’Avvocato, la sorte di eventuali pratiche già avviate sarà liberamente decisa  d’intesa fra  l’Avvocato Referente Territoriale,  l’Avvocato Specialista e l’espropriato; resta fermo,
ovviamente, per l’Avvocato Referente Territoriale,  l’obbligo del regolamento economico per l’attività già prestata fino a quel momento dall’Avvocato Specialista per le pratiche in corso di lavorazione.
PUNTO 5 IMMAGINE DELL’AVVOCATO  -  PUBBLICITA’
a)
Gli Avvocati già operativi, se lo riterranno opportuno a fini di immagine, potranno citare la loro qualifica di iscritti all’Albo dei Referenti Territoriali sulla carta intestata, nella targa di studio, sui biglietti da visita, sul suo sito internet ed altrove, spenderla nei rapporti che intratterranno, nonché  pubblicizzarla ai sensi e nel rispetto delle nuove norme in tema di pubblicità.
b)
Come precisato in premessa, si ribadisce che non vi è certezza che nella zona in cui opera l’Avvocato Referente Territoriale siano presenti espropriati aderenti all’Associazione né che essi, se presenti, saranno assistiti dall’Avvocato Referente Territoriale;
l’Avvocato Referente Territoriale potrà comunque spendere la sua qualifica anche se non sono presenti espropriati che da lui vengono assistiti, anche perché la presenza di un Avvocato Referente Territoriale attivo in zona può  favorire le adesioni degli espropriati all’Associazione
c) Se l’Avvocato deciderà di spendere la sua qualifica, dovrà poi informare l’Associazione su tutti i casi sottoposti dagli espropriati che a lui si sono rivolti.
PUNTO 6 ESPROPRIATI
a)
Gli Espropriati ai  quali l’Avvocato Referente Territoriale presterà la sua assistenza come stabilito nel presente Codice Etico Comportamentale sono:
1 - gli espropriati che gli verranno affidati dall’Associazione 
2 - gli espropriati che a lui si rivolgeranno a seguito dei contatti che egli avrà avuto nella sua qualità  di Avvocato Referente Territoriale
3 - comunque, tutti gli espropriati ai quali egli avrà reso nota la  sua qualifica di Avvocato Referente Territoriale, ingenerando in essi  l'aspettativa dell'intervento dell’Associazione.
La richiesta di intervento dell'Associazione per altri espropriati diversi da quelli sopra indicati, sarà solo facoltativa.
b) Verrà considerato atto non lecito e deontologicamente scorretto comunicare ad un espropriato la propria qualifica di Avvocato Referente senza poi informare l’Associazione dell’eventuale affidamento di un incarico.
PUNTO 7 COMPENSI ED EVENTUALI CONTRIBUTI
a) Compensi
Nessun compenso dovranno corrispondersi vicendevolmente l’Avvocato Referente Territoriale e l’Associazione.
L'Associazione , infatti, con l’attribuzione della qualifica di Referente Territoriale intende solo garantire un'eccellente assistenza agli espropriati anche alla luce delle norme CEDU e non trarre benefici economici.
L'Avvocato Referente Territoriale opera  nel suo interesse condividendo gli scopi dell’Associazione ed i suoi compensi saranno corrisposti esclusivamente dagli espropriati che egli assisterà; nessun compenso dovrà essergli  corrisposto  dall’Associazione o dai soggetti che per essa hanno operato.
Nessun compenso, infine, dovrà corrispondere l’Avvocato Referente Territoriale all’Associazione per l’accesso al sito protetto da password  (Sito per i Referenti), cui gli gli Avvocati possono accedere liberamente per comunicare con l’ Associazione secondo le prescrizioni del Dlgs. 196/2003 (legge sulla privacy).
b) Contributi volontari
L’Associazione si sostiene esclusivamente con contributi privati, liberi e volontari, versati da soggetti che hanno a cuore la conoscenza delle norme CEDU e del Diritto dell’Espropriazione (espropriati, avvocati, tecnici, ecc..). 
Nessun contributo, ovviamente, essa riceve dagli Enti Pubblici.
Esclusivamente
con questi mezzi essa persegue lo scopo di promuovere la conoscenza del Diritto dell’Espropriazione e delle norme CEDU e mantiene attivi i suoi Siti ad accesso gratuito,  di cui anche gli Avvocati possono usufruire gratuitamente.
Gli Avvocati che apprezzano gli scopi dell’Associazione  ne potranno sostenere  l’attività con un contributo liberamente determinato; si precisa che il  contributo è di ammontare libero ed è volontario, che nessuna prestazione dell'Associazione è legata al suo versamento e che nessuna conseguenza deriva dalla decisione dell’Avvocato di non versare un contributo; l’Avvocato  però, per ragioni contabili, quando presenta la sua domanda di iscrizione, deve
comunicare se intende versare un contributo ed il suo ammontare e, se lo ha promesso, deve poi effettivamente versarlo
.
c) Sostenitori  
Gli avvocati che liberamente versano il contributo di cui alla precedente lettera b) per un importo superiore a 100 euro annui, acquisiscono la qualifica di Sostenitori.
PUNTO 8 SITI DELL’ASSOCIAZIONE, INTERNET, PRIVACY
L’Associazione, alla data odierna, cura i seguenti siti internet
a) Sito per gli Espropriati,
ad accesso libero: è il sito dedicato a tutti coloro che vogliono conoscere e mantenersi aggiornati sui diritti degli espropriati; si consiglia di esaminarlo frequentemente per essere informati su ciò che l’Associazione comunica agli espropriati; tutti i soggetti che non hanno ancora una buona preparazione in tema di espropriazione potranno altresì utilizzarlo per gettare le basi della loro conoscenza della materia; esso contiene, infatti, i principi giuridici vigenti in tema di espropriazione esposti con taglio “giornalistico”
, a tutti  facilmente comprensibile.
b) Sito per gli Specialisti, ad accesso con password: è il sito di documentazione giuridica dedicato ai soggetti che vogliono approfondire la materia, con particolare riferimento alle norme CEDU;
il suo contenuto è descritto sul sito stesso e vi si accede previo versamento di un corrispettivo;

i Referenti Territoriali che
utilizzano i testi per assistere gli espropriati che si sono rivolti all'Associazione potranno richiedere gratuitamente i testi di loro interesse.
c) Sito con la Banca Dati gratuita
ad accesso libero: è un sito che contiene tutte  le sentenze della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo in tema di proprietà in Italia  tradotte in italiano a cura dell'Associazione
d) Sito per i Referenti ad accesso con password:  è un sistema di comunicazione progettato e protetto come prescritto dal Dlgs. 196/2003 sulla privacy, cui accedono con password i Referenti Territoriali per comunicare su argomenti che riguardano l’attività dell’Associazione e l’assistenza agli espropriati; i Referenti Territoriali possono accedervi liberamente e gratuitamente.
e) Sito per gli Studenti ad accesso libero: è un sito dedicato agli studenti che vogliono testare la loro preparazione in materia.
f) Internet  L'Associazione privilegia fortemente l’utilizzo delle nuove tecnologie di comunicazione; i Referenti Territoriali,
pertanto, dovranno essere nelle condizioni di operare tramite internet e di consultare regolarmente la loro casella di posta.
g) Privacy
i Referenti Territoriali che vengono in possesso di dati personali degli espropriati hanno l'obbligo, peraltro imposto anche per legge, di trattarli ai sensi delle norme in vigore in materia di privacy.
PUNTO 9 EVENTUALI MODIFICHE AL PRESENTE CODICE ETICO
Il presente Codice Etico e Comportamentale viene reso pubblico sul Sito dell’Associazione, dove verranno anche tempestivamente inserite eventuali successive modifiche ed integrazioni.
La data dell'ultima modifica sostanziale apportata è la seguente: 31.12.2008
L'Avvocato si collegherà periodicamente alla suddetta pagina internet (specie prima di assumere incarichi dagli espropriati) per verificare se le eventuali modifiche sono per lui accettabili e, se non lo sono, rifiuterà gli incarichi e provvederà a comunicare all'Associazione la sua rinuncia alla qualifica di Avvocato Referente Territoriale come illustrato nel precedente punto 4.
PUNTO 10 sito DELL'AVVOCATO Referente Territoriale
Se l'Avvocato ha un suo sito internet, inserirà sul suo sito il seguente link
 

Avvocato Referente Territoriale dell'ANPTES 
Associazione Nazionale Per la Tutela degli Espropriati
clicca qui per visitarne il sito o chiedere assistenza: www.anptes.org

 

Comunicazione per gli Avvocati già Convenzionati con l'Associazione
Il preesistente strumento della convenzione fra Avvocati ed Associazione è stato ora sostituito con il nuovo strumento dell'iscrizione all'Albo dei Referenti Territoriali; le obbligazioni presenti nella convenzione a suo tempo da Lei stipulata, sono state quindi trasfuse nel presente Codice Etico e Comportamentale.
Tutti gli Avvocati che avevano sottoscritto convenzioni con l'Associazione sono stati automaticamente iscritti all'Albo dei Referenti Territoriali senza bisogno di porre in essere ulteriori adempimenti e le convenzioni a suo tempo da essi sottoscritte, ove siano ancora in vigore, sono di conseguenza disdettate.

PER TORNARE ALL'INIZIO DI QUESTA PAGINA CLICCA QUI: TORNA SU

Per stampare questa pagina: Dal tuo navigatore > File > Stampa
Per salvare questa pagina: Dal tuo navigatore > File > Salva con nome
Per chiudere questa pagina e tornare indietro  clicca qui [chiudi questa finestra]

-